Zimbabwe

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Zimbabwe (disambiguation) .
Zimbabwe
Zimbabwe - Drapo Zimbabwe - manto
( detay ) ( detay )
( EN ) Inite, Libète, Travay
( IT ) Inite, Libète, Travay
Zimbabwe - Kote
Done administratif
Non konplè Repiblik Zimbabwe
Non ofisyèl ( EN ) Repiblik Zimbabwe
( SN ) Nyika yeZimbabwe
( ND ) Ilizwe leZimbabwe
( NY ) Dziko la Zimbabwe
( BWG ) Dziko Zimbabwe
( TWX ) Hango yeZimbabwe
( HIO ) Zimbabwe Nù
( NMQ ) Inyika yeZimbabwe
( MXC ) Nyika yeZimbabwe
( TS ) Tiko ra Zimbabwe
( NSO ) Naha ya Zimbabwe
( TOI ) Cisi ca Zimbabwe
( VE ) Shango Za Zimbabwe
( XH ) Ilizwe leZimbabwe
Lang ofisyèl yo Angle , Shona , Ndebele Nò ak 13 lòt lang lokal yo
Kapital Manto zam Harare.svg Harare (2.123.132 abitan / 2012)
Politik
Fòm gouvènman an repiblik prezidansyèl
Prezidan Emmerson Mnangagwa ( ZANU-PF )
Endepandans 11 Novanm 1965 (pwoklame),
18 avril 1980 (rekonèt pa Nasyonzini an) pa Wayòm Ini a
Sifas
Total 390.757 km² ( 59º )
% nan dlo 1%
Popilasyon
Total 12,571,454 abitan. (2012) ( 71º )
Dansite 32 abitan / km²
To kwasans 4.357% (2012) [1]
Non moun ki rete yo Zimbabweans
Jewografi
Kontinan Lafrik
Fwontyè Zanbi , Mozanbik , Lafrik di sid , Botswana
Lag jè UTC + 2
Ekonomi
Lajan Dola RTGS e kòm lajan ofisyèl dola ameriken , euro , rand sudafriken , pula Botswana , liv britanik , roupi endyen , dola Ostralyen , renminbi Chinwa ak yen [2]
GDP (nominal) 9 802 [3] milyon dola (2012) ( 134º )
GDP per capita (nominal) 756 $ (2012) ( 163º )
GDP ( PPP ) 7 $ 167 milyon dola (2012) ( 152º )
GDP per capita ( PPP ) 787 $ (2013) ( 185º )
ISU (2011) 0.376 (ba) ( 173º )
Fètilite 3.2 (2011) [4]
Divès
ISO 3166 kòd ZW , ZWE, 716
TLD .zw
Prefiks tel. +263
Otom. ZW
Im nasyonal Kalibusiswe Ilizwe leZimbabwe
Jou ferye nasyonal la 18 avril
Zimbabwe - Kat
Istorik evolisyon
Eta anvan an Drapo Rhodesia (1964–1968) .svg Sid Rhodesia

Kowòdone : 19 ° S 30 ° E / 19 ° S 30 ° E -19; 30

Zimbabwe (pwononse [zimˈbabwe] ), ofisyèlman Repiblik Zimbabwe , se yon eta nan sid Lafrik , ki sitiye ant larivyè Lefrat la Zambezi ak larivyè Lefrat la Limpopo ; li fèmen ak lizyè bò nò pa Zanbi , sou bò solèy leve pa Mozanbik , nan sid pa Lafrik di sid ak nan lwès pa Botswana . Jiska 1979 li te li te ye tankou Sid Rhodesia oswa tou senpleman Rhodesia .

Popilasyon li se 12,576,742 moun ( 2003 ), e li gen yon zòn 390,757 kilomèt kare; kapital la se Harare , li te ye jouk 1980 kòm Salisbury. Peyi a rekonèt 16 lang ofisyèl , majorite absoli nan yo ki fè pati gwoup Bantou ( Shona ak Ndebele pami pi gwo yo) anplis angle ak kèk dyalèk ki fè pati fanmi Khoisan . [5]

Peyi a regilyèman frape pa sechrès devastatè ak inondasyon. [6]

Istwa

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Istwa Rhodesia ak Istwa Zimbabwe .

Ansyen istwa ak afimasyon nan Shona la

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Greater Zimbabwe .

Teritwa a te rete depi tan lontan. Deja alantou katriyèm syèk la règleman an nan popilasyon Bantou te kòmanse, an patikilye nan gwoup la Karanga, ki soti nan prezan-jou Shona a , majorite gwoup etnik nan peyi a, desann. Kraze yo nan Great Zimbabwe (dekouvri nan 1871 ) temwaye nan prezans nan zòn nan, depi 12yèm syèk la , nan yon sivilizasyon trè devlope, ki trè ti kras li te ye. Nan kenzyèm syèk la gwo Anpi Monomotapa (ki te fonde an 1440 ) te etabli nan rejyon an, ak konsiderab relasyon komèsyal ak ekonomik te kòmanse tou de ak pèp Arab la (ak ki moun Monomotapa sètènman te fè kòmès nan esklav ) ak Ewopeyen yo , espesyalman Pòtigè .

Kolonizasyon nan Ndebele la

Nan 1837 teritwa Shona a te konkeri pa Ndebele (oswa Matabele), ki moun ki te kondwi pi lwen pase bank yo nan larivyè Lefrat la Limpopo pa ekspansyonis la nan Zulus yo ki te dirije pa Shaka . Matabele a, ki te dirije pa souveren Mzilikazi a , soumèt Shona a, ki moun ki, sibi gwo taks, yo te nan prizon nan nò peyi a [7] . Popilasyon Shona te revòlte nan 1896 ak 1897 [8] , ak sa yo rele lagè Matabele yo. Rebelyon an te rele "chimurenga", yon non ki soti nan lè sa a deziyen tout kalite revòlt Shona.

Domèn nan Cecil Rhodes

Cecil Rhodes

Malgre yon apwòch premye nan teritwa a nan Pòtigè a ant syèk yo kenzyèm ak sèzyèm, travay la reyèl nan kolonizasyon blan te Britanik ak anpil pita. An patikilye, travay kolonizasyon an te pote soti nan fen diznevyèm syèk la pa Sir Cecil Rhodes , yon eksploratè angle ak biznisman, ki te gen kòm yon rèv yon Anpi Britanik soti nan Cairo Cape Town [9] . Rhodes nan 1888 te siyen yon akò ak wa Matabele Lobenguela a , asire eksplwatasyon resous mineral nan teritwa a, konfime yon ane pita pa Crown angle a. Rhodes te bay non li nan rejyon yo ki te vin rekonèt kòm Sid Rhodesia (kounye a Zimbabwe) ak Northern Rhodesia (kounye a Zanbi ). De peyi sa yo te vin tounen yon domèn dirèk nan Rhodes ak konpayi l 'yo, Britanik Lafrik di sid Konpayi an, ki te sèvi kòm yon kò administratif. Rhodes te mouri nan 1902 ak jesyon dirèk BSAC nan teritwa a te dire jouk 1923.

Transfòmasyon an nan yon koloni Britanik yo

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Sid Rhodesia .
Drapo Britanik Sid Rhodesia

Nan mwa Oktòb 1923 Sid Rhodesia , apre referandòm nan ane anvan an, te vin tounen yon koloni nan Wayòm Ini a , sijè a kontwòl nan Crown angle a. Organizationganizasyon nouvo koloni an te baze sou prensip pwòp tèt ou-jesyon nan politik entèn yo, pandan ke politik etranjè yo te mete anba kontwòl patri a. Rhodesians yo goumen ansanm ak Wayòm Ini a nan Dezyèm Gè Mondyal la . Nan 1953 , malgre opozisyon an nan yon gwo pati nan popilasyon an Bantu [10] , de Rhodesias yo te enkòpore ak Nyassaland , Malawi -jou, nan Federasyon an nan Rhodesia ak Nyassaland . Nan Federasyon an wòl dominan an te jwe imedyatman pa Zimbabwe aktyèl la, vrè kè sendika ki fèk fèt nan koloni yo. Pouse tout tan pi fò nan mouvman nasyonalis Afriken yo, tou de blan ak nwa, kontribye nan sezon otòn la nan Federasyon an, fonn nan 1963, ak deklarasyon an konsekan endepandans nan Malawi ak Zanbi .

Endepandans

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Rhodesia .
Drapo defakto nan Rhodesia

Premye Minis Sid Rhodesia a, Ian Douglas Smith , sekretè prensipal pati blan an, Front Rhodesian , an vire pwoklame (11 novanm 1965 ) endepandans koloni an nan men Grann Bretay [11] . Deklarasyon an (udi, "Deklarasyon inilateral sou endepandans") pa te rekonèt entènasyonalman. Peyi a te pran non ofisyèl Repiblik Rhodesia [12] . 12 novanm, Konsèy Sekirite Nasyonzini an te rankontre e li te pibliye Rezolisyon 216, ki te mande pou tout manm Nasyonzini yo pa rekonèt Repiblik Rhodesia, kont ki yo te aplike, pou la pwemye fwa nan istwa Nasyonzini . sanksyon.

Domèn blan an

Sosyalman ak ekonomikman, estrikti nouvo eta a te baze sou yon kontwòl jeneral sou blan sou lavi eta a, yon dominasyon garanti pa yon rejim ki sanble anpil ak sa nan apated Sid Afriken an. Prensip ki kache nan òganizasyon sa a te kwayans ke, dapre pati Smith la, blan ki gen desandan Anglo-Saxon te gen dwa pou yo dirije eta a pou kont yo te plede jwenn, kèlkeswa si yo te majorite oswa minorite yo. Dapre panse politik Smith la, nwa yo ta dwe piti piti entegre nan estrikti sosyo-ekonomik nan Rhodesia, pou yo pa fache wòch poto li yo [13] . Pami nwa yo, Smith idantifye ndebele a kòm gwoup ki pi enkline nan dyalòg, pandan y ap shona nan tradisyonèlman rete lènmi fè l 'yo [13] .

Apwòch sa a te opoze pa sèlman pa kominote entènasyonal la (ak eksepsyon de Lafrik di sid ak Pòtigal , ki rekonèt Rhodesia), men tou, pa pati prensipal yo nwa nan peyi a, an patikilye sa yo ki gen orijin Shona. Se konsa, li te ke, nan fen ane swasant yo, yon reyèl lagè sivil te kòmanse ant blan ak nwa, espesyalman nan gwoup la etnik Shona. Revòlt yo te dirije pa pati etnik ZANU yo, ki gen orijin Shona, plis vyolan, ak ZAPU , ki gen orijin Ndebele ak plis dispoze dyalòg, ki te dirije respektivman pa Robert Mugabe ak Jozye Nkomo. Nwa Shona te ouvètman sipòte pa Sovyetik la ak Pak la Warsaw. Anpil aktivis nwa ak blan peri nan eklatman yo, men ak diminisyon nan kèk sipò entènasyonal li yo ak ranfòse nan geriya yo, Smith te fòse yo bay nan.

Nan konmansman an nan domèn nan shona

Drapo Zimbabwe Rhodesia (1979-80)

Nan lane 1979 , gras ak travay Grann Bretay la , yo te jwenn yon akò ant pati yo: ansyen koloni an te rele Zimbabwe Rhodesia , e avèk non sa a li ta dwe jere yon pwosesis tranzisyon pou li pase nan yon endepandans definitif; prezidan antite politik tanporè sa a te evèk anglikan Abel Muzorewa, ekspozan modere rebèl yo. Sepandan, eksperyans la te dire yon kèk mwa, ranplase pa yon retou tanporè pa gouvènman Britanik la nan koloni a reborn nan Sid Rhodesia, ki jere tranzisyon an nan endepandans yo. Nan lane 1980 Zimbabwe te pran non prezan li e yo te rekonèt endepandans li entènasyonalman. Premye eleksyon peyi a, fwa sa a pa sifraj inivèsèl, eli Robert Mugabe, lidè ZANU, kòm Chèf Gouvènman an; premye chèf deta a te Kanaran Bannann , yon pati nan menm pati a. Gwo siksè te anrejistre tou pou Nkomo ak ZAPU, pandan ke Muzorewa te jwenn yon rezilta anba a atant yo.

Premye faz nan epòk la Mugabe

Drapo Zimbabwe

Okòmansman blan yo te rive kenbe kèk depite, men yo te ranvèse piti piti nan pouvwa politik la. Mugabe, ak konsansis entènasyonal, jere yo limite inisyativ li pi plis ak plis, jiskaske Smith tèt li te oblije pran retrèt li nan lavi prive epi finalman depòte tèt li nan Lafrik di sid. Mugabe te òganize yon gouvènman enspirasyon vagman Maksis-Leninis , men li pa t 'renonse konsesyon toudenkou nan liberalis . Pandan tout ane 1980 yo, atansyon Mugabe a tounen vin jwenn rivalite etnisite nwa, an patikilye Ndebele la. [14] . Yon konfli terib pete ant ZANU ak ZAPU an 1983 , ki te touye dè milye. An 1988 , lapè te retounen ak yon akò ant de pati yo, ki ini nan ZANU-PF la . An reyalite, Mugabe konsa te jwenn retrè Nkomo ak eksklizyon tout Ndebele nan pòs gouvènman an, pou yo konsolide dominasyon gwoup etnik li a, epi, nan klan pèsonèl li a, tèlman li gaye tou nan mitan blan yo. deviz sa a: "Mugabe liberatè a? Mande moun Ndebele" [15] . An 1987, apre manda sètan Canaan Bannann lan, Robert Mugabe pwoklame tèt li prezidan ak pouvwa egzekitif, elimine biwo Premye Minis la. Rekonfime nan 1990 ak 1996 , Mugabe ak pati l 'santralize pouvwa yo nan eta a nan tèt yo, an konsideran atitid de pli zan pli demagojik ak represif nan direksyon pou nenpòt ki fòm opozisyon an.

An 1992, yon etid Bank Mondyal endike ke plis pase 500 sant sante yo te bati depi 1980. Pousantaj timoun ki pran vaksen an ogmante de 25% nan lane 1980 a 67% nan lane 1988 ak esperans lavi leve soti nan 55 a 59 ane. Enskripsyon leve 232 pousan nan yon ane apre yo fin fè edikasyon primè gratis, ak enskripsyon lekòl segondè ogmante 33 pousan nan de zan. [16]

Plizyè lwa yo te pase nan ane 1980 yo nan yon tantativ pou diminye diferans salè yo. Sepandan, lakun yo te rete konsiderab. An 1988, lalwa te bay fanm yo, omwen nan teyori, menm dwa ak gason. Précédemment, yo te kapab sèlman pran yon kèk inisyativ pèsonèl san konsantman papa yo oswa mari yo. [16]

Dezyèm faz nan epòk la Mugabe

Ant dezyèm mwatye nan nineties yo ak jounen jodi a, rejim Mugabe la te frape patikilyèman kont blan yo epi, pi jeneralman, kont opozan yo ki te rasanble nan Mouvman pou Chanjman Demokratik (MDC), ki te dirije pa Morgan Tsvangirai . Fwa sa a, blan yo te frape soti nan yon pwen de vi ekonomik nan règleman nan fòse èkspropriyasyon gwo Estates. [17] Anpil epizòd vyolans. Pifò nan blan yo te konsa tanporèman emigre. Mugabe te tout bon anpeche peyi a nan echafodaj ekonomik li yo, trenen li nan total sosyal ak ekonomik wine, jan tout paramèt ekonomik montre, kòmanse ak yon enflasyon pè ak yon mank de alimenter debaz [18] . Gouvènman Mugabe la te sijè a nan akizasyon inonbrabl nan vyolasyon grav dwa moun . Sitiyasyon an konplike tou pa gaye ekstrèm nan SIDA , ki te mennen nan yon gout dramatik nan esperans lavi. Anplis, pwopagasyon SIDA nan kadejak se yon zam biyolojik ki te eksplwate pa Mugabe kont gwoup etnik rival li yo, jan sa pwouve nan rapò a bay Nasyonzini asosyasyon fanm nan Zimbabwe. [19]

An 2008 Mugabe te konfime ankò nan tèt peyi a, nan yon wonn elektoral ki te make pa revòlt ak vyolans jeneralize. Nan mwa septanm 2008, apre senk mwa negosyasyon, yo te rive jwenn akò sa a: Mugabe rete prezidan peyi a, pandan ke Morgan Tsvangirai, lidè pati MDC opozisyon an, vin nouvo premye minis lan. Premye a responsab pou dirije fòs lame yo, pandan ke dezyèm lan se pou polis la. Mugabe tou dirije yon kabinè, ak fonksyon konsiltatif, ki fèt ak 31 reprezantan, 15 soti nan pati l 'yo, Zanu-PF a, ak 16 soti nan opozisyon an, MDC la. 42-zan Arthur Mutambara, yon ekspozan nan zèl la divize nan MDC a, ki moun ki pi pre Zanu-PF Mugabe a, vin depite Premye Minis.

Nan dènye ane yo nan prezidans li, Mugabe te ouvètman sipòte pa Lachin , ki ap chèche pou matyè premyè pou devlopman nan Zimbabwe. Nan eleksyon 2013 yo Mugabe te re-eli prezidan ak 61,09% nan vòt yo, bat Tsvangirai; opozisyon an denonse fwod ak iregilarite.

Depi Lendi 15 jen 2015 , Zimbabwe te retire nan sikilasyon lajan nasyonal li yo, dola Zimbabwe a , pa kounye a twò devalorize apre plis pase yon dekad enflasyon ki grav anpil, ki pa te enprime depi 2009 (ane a nan ki biye valè ki pi wo a te rive nan yon denominasyon). de 100,000 milya dola). Li ranplase pa dola ameriken ak rand afrik di sid : echanj pousantaj lajan an tabli nan 250,000 milya dola Zimbabwe pou chak dola ameriken nan ka biye enprime anvan 2009 , pandan y ap pou biye enprime nan ane sa echanj pousantaj lajan an se 175 milyon milya dola. nan dola Zimbabwe yo ka resevwa senk dola ameriken an echanj. Bank Rezèv Zimbabwe a akimile 20 milyon dola ameriken pou tranzaksyon echanj etranje yo. [20]

Koudeta a ak prezidans lan nan Mnangagwa

Sou 15 Novanm 2017, yon koudeta ki pa gen san retire Mugabe, ki gen 93 zan, sou pouvwa a, [21] ki sou 21 Novanm sa a fòse yo demisyone. [22] Militè enstale Emmerson Mnangagwa , ansyen Vis Prezidan nan peyi a ki te retire nan Mugabe kèk mwa avan, nan plas li.

Mnangwagwa pita eli Prezidan nan eleksyon jeneral 2018 la ak 50,67% nan vòt yo, bat Nelson Chamisa. Eleksyon yo make pa manifestasyon ak akizasyon sou fwod ak iregilarite.

Robert Mugabe mouri sou 6 septanm 2019 apre kansè nan pwostat, ki te trete depi lontan nan Singapore.

Jewografi

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Jewografi nan Zimbabwe .
Bridal Veil Falls, lès Highlands

Zimbabwe ki dwe nan rejyon an nan Lafrik di sid epi li se ant rivyè yo Limpopo ak Zambezi . Li pa gen okenn aksè nan lanmè a, men lapli se byen souvan ak dlo andedan abondan; ak yon bon disponiblite nan dlo ak yon klima favorab pou règleman, li ka di ke peyi a gen plis akeyan karakteristik jewografik pase sa yo ki nan anpil lòt teritwa Afriken yo. Mèsi a pwoteksyon espesyal ki rezève pou anviwònman presye ak varye natirèl ak bèt, Zimbabwe te toujou youn nan peyi ki pi vizite nan Lafrik .

Mòfoloji

Teritwa a se pito inifòm ak konsiste de yon pati nan plato a ant larivyè Lefrat Limpopo (Sid) ak larivyè Lefrat la Zambezi (Nò). Pi wo tèt yo, ki chita nan nò ak nò-lès sou Mavuradona ak Inyangani fèt, pant desann nan direksyon pou Mozanbik san yo pa janm depase 2500-2600 mèt nan altitid. Teritwa a divize an twa Gwoup Mizik ki baze sou altitid: ba Veld (0-700 mèt), mwayen Veld (700-1200 mèt), segondè Veld (pi wo altitid). Teritwa a nan Zimbabwe se yon pati nan plak kontinantal la nan Lafrik di sid ak prezante akeyozoyik mas cristalline imedyatman kouvri pa sediman; akòz evènman tektonik ki afekte pòsyon plak la ki koresponn ak teritwa Zimbabwe a, yon aktivite vòlkanik devlope ki klòch lakòz fòmasyon depo dyaman, anpil anpil nan tout peyi a.

Idrografi

Rivyè prensipal la nan peyi a se Zambezi a , ki aji kòm yon fwontyè ak eta a vwazen nan Zanbi ; li manje basen idwoelektrik Kariba a epi li bay Victoria Falls lavi . Aflu prensipal li yo se Gwayi a ak Sanyati la. Nan sid la, Limpopo a , ki soti nan Upper Veld la, make fwontyè a ak rejyon an Sid Afriken nan Transvaal .

Klima

Klima a se twopikal: li Se poutèt sa gen de sezon, yon sèl sèk soti nan avril rive oktòb (sid sezon fredi), lòt lapli a ant Novanm ak Mas (sid ete). Tanperati a varye selon ranje altitid la, kidonk gen varyasyon tanperati ki ba anpil nan Veld anwo ak nan mitan, pandan ke gen yon aksantuasyon nan diferans ki genyen ant tanperati sezon fredi ak ete nan Veld ki pi ba a; se lapli anyèl la ki te fèt sou yon mwayèn de 700 mm.

Popilasyon

Tandans nan popilasyon an nan Zimbabwe soti nan 1950 2020
Popilasyon Zimbabwe [23]
Ane Dè milyon de abitan yo
1950 2.7
2000 12.2
2016 16.15

Etnisite

Gwoup etnik dominan an se nwa Bantou Shona (67,1%); ki te swiv pa Bantou ndebele a (13%), chewa a (4.9%) ak blan yo, sitou nan Anglo-Saxon desandan (3.5% an 2004, men nan byen file n bès akòz emigrasyon ki te koze pa represyon gouvènman an). 11.5% ki rete a divize ant metis , milat , Azyatik ak lòt moun.

Selon resansman 2012 la, 99.7% nan popilasyon an se desandan Afriken yo. [24]

Li estime ke Zimbabweans aletranje kantite lajan a plizyè milyon moun ak gen tou yon gouvènman Rhodesian nan ekzil. An patikilye, akòz entolerab kondisyon ekonomik ak politik entèn yo, yon lòt 3.4 milyon moun te kouri kite peyi a depi nan mitan 2007 la .

Post fwontyè ant Zimbabwe ak Lafrik di sid. Souvan imigran ki soti nan Zimbabwe eseye vwayaje nan Lafrik di sid nan rechèch nan pi bon kondisyon ekonomik yo. Gwo foul moun yo te kreye pwoblèm ant de peyi yo.

Ewopeyen yo

An 1891 , anvan Britanik yo te etabli koloni Sid Rhodesia , li te estime ke anviwon 1,500 Ewopeyen yo te abite la. Kominote Ewopeyen sa a rapidman grandi a 75,000 an 1945 a double a 150,000 dis ane pita, an 1955 . Pandan deseni sa a, 100,000 natif natal yo te fòse yo abandone peyi agrikòl ki te transfere bay mèt Britanik yo. [25]

Gwo echèl emigrasyon Britanik nan Rhodesia pa t 'kòmanse anvan Dezyèm Gè Mondyal la, ak kominote Britanik la konte alantou 270,000 nan fen ane 1960 yo . [26] Deplwaman veteran yo imedyatman apre fen Dezyèm Gè Mondyal la ak lòt pèsonèl sèvis ki soti nan End Britanik (kounye a tou pre endepandans nan men Wayòm Ini a), osi byen ke rive lòt Ewopeyen yo, kontribye anpil nan imigrasyon Britanik lan. soti nan Kenya , Kongo a Bèlj , Zanbi , Aljeri ak koloni an Pòtigè nan Mozanbik . Pou yon tan Rhodesia te vin ak fonksyone kòm yon kalite paradi pou tout loksidan ki te fè bak akòz dekolonizasyon soti nan Lafrik ak Azi. [27]

Sepandan, loksidan pa janm te fè plis pase 7.3% [28] nan popilasyon peyi a. Selon yon atik nan zafè mondyal , pa 1975 kominote blan an te rive nan pik (nimerik) li yo nan 296,000 rezidan yo. Apre rekonstitisyon an nan koloni an kòm Zimbabwe nan lane 1980 , Ewopeyen yo - ki jouk lè sa a, malgre yo te yon minorite, te dirije peyi a - yo te jwenn tèt yo yon minorite etnik - pami lòt bagay trè mal tolere - nan yon peyi akablan akablan. . Gen kèk sitwayen Euro-Afriken nan Zimbabwe yo te kòmanse emigre nan kòmansman ane 1980 yo te pè pou lavi yo ak ensèten sou lavni an, byenke yon nimewo siyifikatif kontinye rete la. Ajitasyon politik la ak konfiskasyon ilegal nan anpil fèm posede pa sitwayen Britanik ki te koze yon egzòd nouvo ak plis masiv nan 1999 (ane a nan ki te gen toujou 120,000 oksidantal nan peyi a), tèlman bagay ke resansman an 2002 rapòte sèlman 46,743 Ewopeyen rete nan Zimbabwe (nan ki, pami lòt bagay, plis pase 10,000 granmoun aje ak mwens pase 9,000 ki poko gen 15 ane) [29] ak sa yo ki an 2012 menm konte jis 28,732 [30] [31] (oswa sou 0.22% nan popilasyon an, epi, nimerik, yon dizyèm nan kominote a estime an 1975). [32]

Majorite emigrasyon Ewopeyen an te ale nan Wayòm Ini a (tèlman ke ant 200,000 ak 500,000 sitwayen Britanik yo ki gen orijin Rhodesian oswa Zimbabwe), Lafrik di sid, Botswana, Zanbi, Kanada, Ostrali ak New Zeland.

Lang

Peyi a rekonèt sèz lang ofisyèl , majorite absoli nan yo ki fè pati gwoup Bantou ( Shona ak Ndebele pami pi gwo yo), anplis angle ak kèk dyalèk ki fè pati fanmi Khoisan . Lang ki pi komen yo se sa yo ki nan de prensipal gwoup etnik yo: lang shona ak lang Ndebele , 76% ak 18% moun Zimbabwe pale respektivman [33] .

Relijyon

62% nan popilasyon an swiv relijyon kretyen an [34] , Pwotestan oswa chismatik : Metodis , Advantis ak Anglikan ; Katolik yo fè apeprè 10% nan kretyen yo, pandan ke rès popilasyon an animis . Souvan, sepandan, Krisyanis ak kilt endijèn yo fusionné.

Sistèm leta

Divizyon administratif

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Pwovens Zimbabwe ak Distri Zimbabwe .
Sibdivizyon an pwovens

Soti nan yon pwen de vi administratif, peyi a divize an uit pwovens plis de vil ki gen estati pwovens ( Harare ak Bulawayo ). Nan vire, pwovens yo divize an 59 distri yo ak 1.200 minisipalite ki fèt ak diferan ti bouk.

Done popilasyon yo nan tablo sa a refere a resansman 18 Out 2002.

N. pwovens Sifas (km²) Moun ki rete abite / km²
1 Bulawayo 479 676.787 1.413
2 Harare 872 1.903.510 2,183
3 Manicaland 36.459 1.566.889 43
4 Mashonaland Santral 28,437 998.265 35
5 Mashonaland East 32,230 1.125.355 35
6 Mashonaland West 57,441 1.222.583 21
7 Masvingo 56,566 1.318.705 23
8 Matabeleland Nò 75,025 701.359 9
9 Matabeleland Sid 54.172 654.879 12
10 Midlands 49.166 1,466,331 30
Total 390.757 11,634,663 30

Sous: Biwo Estatistik Santral Zimbabwe

Vil prensipal yo

Harare, kapital la nan Zimbabwe

Vil Harare ak Bulawayo yo pi enpòtan nan eta a epi jwi estati pwovens yo. Harare se kapital la , sant administratif ak politikman pi enpòtan an, gen tout pouvwa a Inivèsite Zimbabwe e li se tou yon gwo mwaye komèsyal yo. Bulawayo se olye vil ki pi enpòtan nan yon pwen de vi ekonomik, li sitiye nan pati sid peyi a ak gras a pwoksimite li nan Lafrik di sid li se yon sant tren enpòtan ak lakay yo nan yon bon kantite endistri yo. Lòt sant enpòtan yo se Mutare , Gweru , Masvingo , Hwange ak Chitungwiza . Pami sa yo se patikilyèman enpòtan Mutare, yon ekonomik, komèsyal ak pi wo a tout sant touris, gras a pak nasyonal yo nan vwazinaj la.

Hwange, solèy kouche

Enstitisyon

Zimbabwe te pran endepandans li nan men Grann Bretay nan dat 18 avril 1980, pandan ke li gen yon konstitisyon an fòs depi 21 desanm 1979, ki toujou konstitye dokiman fondamantal la malgre divès chanjman li te sibi yo.

Il sistema legale si basa su un insieme di elementi del sistema inglese con la Common Law e altri del sistema romano.

Lo Zimbabwe ha un governo di stampo dittatoriale ed è una repubblica semipresidenziale . Il Parlamento è divenuto bicamerale nel 2005 : alla Camera dei Rappresentanti, di 120 membri di cui 12 di nomina presidenziale, si è affiancato il Senato, che dovrà essere nominato su base etnica e tribale. Il suffragio è universale per coloro che abbiano compiuto i 18 anni di età.

Istruzione

Il Saint-Georges College di Harare

Nel 2005 il tasso di alfabetizzazione dello Zimbabwe si attestava al 90%, il più alto dell'intera Africa dopo quello delle Seychelles ; un ottimo risultato se si considera che questa percentuale era pari al 39% nel 1962 . Dopo il raggiungimento dell'indipendenza, il governo ha dato grande impulso alla pubblica istruzione; i circa 95.000 insegnanti costituiscono buona parte dei dipendenti dello Stato. La scuola primaria è obbligatoria e gratuita, ma meno della metà dei bambini che la frequentano accede alla scuola secondaria, che è facoltativa ea pagamento. A causa della crisi attuale i tassi di abbandono scolastico hanno subito un'impennata e l' analfabetismo è in forte aumento. Un tempo si avevano scuole private di prestigio, ma il loro livello si è ora decisamente abbassato con la fuga dei bianchi e la diffusione della cultura e della letteratura nel paese si è depressa in modo repentino [35] . Le principali università sono:

  • University of Zimbabwe, la più importante e grande, situata ad Harare
  • National University of Science and Technology, Zimbabwe (NUST), la seconda università di stato
  • Africa University, situata a Mutare
  • Midlands State University
  • Bindura University of Science Education
  • Solusi University, la più importante università privata del paese

Sanità

La situazione sanitaria è drammatica e si riflette nella mortalità infantile , che colpisce 81 nati su 1.000, e nella speranza di vita di 43 anni, una tra le più basse di tutto il mondo. Secondo dati UNICEF lo Zimbabwe ha avuto la più alta crescita della mortalità infantile nel mondo, avendo fatto registrare un aumento del 50% rispetto ai primi anni Novanta [36] . Intorno al 2003 si attestava al 61‰, adesso è all'81‰. Così la speranza di vita: era di 60 anni all'inizio del XXI secolo, con il tempo è scesa a 45 e adesso è a 43 anni.

Questo spaventoso calo è dovuto alla diffusione dell' AIDS , che negli ultimi tempi si è fatta massiccia: un terzo della popolazione ne è colpita, il quarto più alto tasso di diffusione del mondo. Questa malattia ha provocato più di un milione di orfani. [37] .

Nel 1999 è stato redatto il documento intitolato National HIV/AIDS Policy , nel quale vengono analizzate le problematiche relative alla diffusione del virus e vengono additate delle soluzioni che si inseriscono in una strategia globale a livello nazionale.

Anche la malaria è sempre più presente e il rischio di epidemie è alto, visto il peggioramento delle condizioni igieniche e sanitarie: Harare soffre per la mancanza di acqua e le fognature della città sono in uno stato disastroso [38] . Questi due fattori favoriscono l' inquinamento idrico , la nascita di patologie epidemiche (nel 1994 fu registrata anche un'epidemia di peste ) e il rischio di colera . Per ragioni economiche il governo ha eliminato le vaccinazioni , peggiorando ulteriormente la situazione.

Situazione dell'infanzia e degli orfani

In base al documento Inter-Censual Demographic Survey redatto nel 1997 su una popolazione totale di 11,8 milioni i ragazzi di età compresa tra i 5 ei 17 anni sarebbero il 37,25% (circa 4,4 milioni). Di essi, circa 600.000 sarebbero orfani , mentre il numero totale degli orfani, considerando anche i soggetti adulti, salirebbe a 1 milione. Ad Harare , sempre in base ai dati del rapporto, ci sarebbero almeno 538.701 ragazzi, 12,2% del totale, anche se questa stima sembra sia inferiore alla realtà a causa dei fenomeni migratori degli ultimi anni. La percentuale di ragazzi frequentanti la scuola ad Harare sarebbe intorno all'85%, mentre coloro che non frequentano le strutture educative lo farebbero per i seguenti motivi:

  • impossibilità a pagare le tasse: 12,5%;
  • respinti: 4,2%;
  • non interessati: 1,9%.

Le misure adottate dal governo dello Zimbabwe a favore degli orfani sono state emanate nel 1995 e approvate dal gabinetto solo nel 1999. Queste misure prevedono:

  • tutti i ragazzi, compresi gli orfani, hanno diritto a usufruire delle strutture educative;
  • il diritto alla proprietà degli orfani deve essere salvaguardato e protetto;
  • la cura e il supporto dato agli orfani deve essere in linea con la Convenzione sui diritti del Fanciullo e con l' African Charter on the Rights and Welfare of the Child .

La crisi dovuta all'aumento del numero degli orfani è stata evidenziata a partire dal mese di luglio del 1992, quando il Department of Social Welfare del Governo dello Zimbabwe ha indetto una conferenza nazionale sul tema, con il supporto dell' UNICEF . Venne in tale occasione riconosciuto che un numero limitato di ONG e di Community Based Organisation stavano lavorando sulla problematica per tentare di limitarne gli effetti negativi, e che l'intervento realizzato a livello di comunità, basato sul lavoro di campo, poteva essere l'unico a dare risultati apprezzabili in termini di diminuzione del disagio sociale. La strategia consistente nell'offrire agli orfani una casa e un nucleo familiare, un ambiente stabile nel quale poter vivere e potersi sentire accolti era la sola che potesse contribuire a limitare i danni apparentemente inestimabili causati dalla condizione di orfani nei bambini e nei ragazzi coinvolti.

Nel 1995 il Governo dello Zimbabwe ha sviluppato la National Policy on the Care and Protection of Orphans , approvata definitivamente nel 1999. Questo piano nazionale riaffermava la validità della strategia a livello locale e la necessità di evitare l'istituzionalizzazione degli orfani, tenendola come ultima alternativa possibile.

A metà degli anni '90 il Department of Social Welfare ha iniziato una sperimentazione su tre modelli di Community-based Orphan Care : uno in ambito rurale, uno in ambito urbano e uno in aziende agricole ( commercial farms ). Nel corso dell'anno 2000, 30 comunità stanno sperimentando a vari livelli questi modelli elaborati dal Governo.

Comunicazioni

Gli unici giornali che vengono pubblicati regolarmente sono quelli governativi, che Robert Mugabe gestisce personalmente per organizzare campagne mediatiche a suo sostegno oa discapito dei suoi avversari. Un esempio è dato dalla vicenda che nel settembre 2007 ha coinvolto l'arcivescovo di Bulawayo Pius Ncube, uno dei più fieri oppositori del governo; travolto da uno scandalo, è stato costretto alle dimissioni. I quotidiani avversi al governo, come il Daily News , sono stati costretti alla chiusura dopo l'esplosione di ordigni nei loro uffici [39] ; inoltre non è stata loro rinnovata la licenza di stampa [40] . La BBC e la CNN hanno ricevuto il divieto di filmare o effettuare servizi nel paese [41] . Il governo dello Zimbabwe si avvale dell'emittente televisiva di stato, la Zimbabwe Broadcasting Corporation [42] .

Politica

Politica interna

L'attuale fase politica dello Zimbabwe è contrassegnata dal caos e dalla violenza. Il dominio di Mugabe e della sua cerchia permane, ma l'opposizione è diventata sempre più forte, riunita nel Movimento per il Cambiamento Democratico (MDC), il cui leader è Morgan Tsvangirai e che è appoggiata anche dai bianchi. Tsvangirai è stato arrestato nell'ottobre 2000 e nel giugno 2003 , e insieme a tanti altri colleghi antigovernativi è soggetto a una vera e propria persecuzione. L'11 marzo 2007 durante un incontro di preghiera del MDC è intervenuta la polizia : Gift Tandare, un importante attivista del partito, è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco [43] ; il giorno dopo è morto anche Itai Manyeruke [44] , partecipante all'incontro, per complicazioni seguite a un pestaggio delle forze dell'ordine. Il 25 ottobre dello stesso anno è deceduto Nhamo Musekiwa, guardia del corpo di Tsvangirai, anche lui per le conseguenze delle aggressioni ricevute l'11 marzo. Dopo la sua incursione la polizia ha arrestato circa cinquanta importanti dissidenti, tra i quali il leader del MDC. Tutti sono stati picchiati e torturati, e infine rilasciati dopo alcuni giorni. Anche nel 2008 gli scontri sono continuati e hanno visto il culmine nelle elezioni presidenziali.

Tra le varie iniziative varate del governo, da segnalare la lotta alle perversioni sessuali, probabilmente intentata con l'obiettivo di fornire al governo una moralità da tempo perduta. L' economia è in profonda recessione e il paese è in una crisi economica, sociale, politica e umanitaria senza precedenti.

L'economia, prima una delle più forti dell' Africa , è adesso al collasso. Gli aiuti umanitari internazionali fanno fatica a giungere, dal momento che il regime tende a dipingere gli stranieri come sabotatori ed è per questo restio a permettere che i cittadini zimbabwesi li vedano presenti sul territorio per aiutare. [45]

Politica estera

Dopo la riforma agraria del 2000 , che ha portato all'espropriazione violenta e senza indennizzi di molte tenute dei bianchi, i rapporti con la Gran Bretagna ei paesi europei sono degenerati. Anche i paesi limitrofi hanno via via preso le distanze dallo Zimbabwe. Soprattutto lo Zambia ei paesi afroportoghesi hanno condannato senza mezzi termini le politiche dello Zimbabwe, e ormai l'unico paese che mantiene buoni rapporti diplomatici con Mugabe è il Sudafrica . Non a caso la comunità internazionale ha affidato al presidente sudafricano Thabo Mbeki il compito di mediare con lo stesso Mugabe per convincerlo a dimettersi, o comunque a cambiare linea politica. Mugabe, visto l'isolamento, si è rivolto soprattutto alla Cina , che è diventata così il principale investitore del paese.

Dimostrazione contro il presidente Robert Mugabe, tenutasi presso l'ambasciata dello Zimbabwe a Londra

Da segnalare l'intervento militare in altri paesi (come ad esempio in Congo-Kinshasa ). A Mugabe e al suo braccio destro Perence Shiri è vietato l'accesso nell' Unione europea e negli Stati Uniti . Dal 2005 i rapporti con il Botswana e con il Sudafrica si sono fatti tesi a causa della crisi dei rifugiati: in fuga dall'intollerabile situazione interna, milioni di zimbabwesi tentano di emigrare, e quei due paesi sono ovviamente le mete più scelte. La meta preferita è senz'altro il Botswana, con il quale le relazioni si sono notevolmente deteriorate proprio a causa dell'immigrazione di cittadini provenienti dallo Zimbabwe. Per evitare l'arrivo di un numero tanto grande di persone è stato messo in piedi un lungo muro elettrificato. A detta di Mugabe è stata così creata la versione africana del muro di sicurezza di Israele e una serie di tante piccole strisce di Gaza [46] . Lo Zimbabwe fa parte dell' ONU e dell' Unione Africana . Nel dicembre 2003 è uscito dal Commonwealth , dopo che il paese ne era stato sospeso a causa delle sue politiche.

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Iperinflazione nello Zimbabwe .

Un tempo florido, il paese sta attraversando oggi una spaventosa crisi che, oltre a essere umanitaria e politica, è anche economica. L' economia nazionale è infatti in recessione, mentre quella di tutti gli altri paesi africani, anche quelli più poveri, è in crescita positiva. Il PIL zimbabwese è il solo PIL africano ad avere crescita negativa. L'economia dello Zimbabwe è basata sulla produzione agricola, sulle attività estrattive e sulla produzione di manufatti. Le infrastrutture sono scarsamente sviluppate anche se il sistema stradale è di buon livello e consente spostamenti rapidi [ senza fonte ] . Oltre il 50% della popolazione vive su terre pubbliche, il 17% del territorio è distribuito fra le aziende agricole ( commercial farms ), mentre il 3% è costituito dalle aree destinate alla re-distribuzione. L' inflazione del Dollaro dello Zimbabwe è stata una delle più alte mai registrate nel mondo e la sua crescita sembra senza fine: è stata ufficialmente del 7.892% [47] nel settembre 2007, ma secondo stime non ufficiali del mese precedente è probabile un valore reale del 13.000%, una vera e propria iperinflazione . Altre stime l'attestavano intorno al 15.000% [48] . La Reserve Bank of Zimbabwe ha dichiarato nel febbraio 2008 un tasso ufficiale del 26.470% nel novembre 2007 [49] . Lo stesso dato è salito al 66.000% a dicembre 2007 [50] , al 100.000% nel gennaio 2008 [51] , al 165.000% nel maggio 2008 [52] e al 355.000% all'inizio del luglio dello stesso anno [53] .

Qualsiasi prodotto ha costi altissimi: medici e infermieri non si recano al lavoro perché i trasporti sono troppo dispendiosi, manca il denaro per mettere benzina nelle ambulanze (la benzina è peraltro carente), le quali per questo non possono circolare; anche il servizio telefonico non funziona. L'inflazione ha costretto all'introduzione di biglietti da 250.000, 500.000 e 750.000 dollari. Al mercato nero la banconota da 750.000 dollari vale meno di mezzo dollaro statunitense , circa 35 centesimi di euro . La Banca Centrale ha introdotto le nuove banconote dal 1º gennaio 2008 . Nel giugno 2008 l'inflazione è balzata dal 2,2 milioni percentuali di maggio a 11,027 milioni per cento [54] . Nel luglio 2008 ha poi raggiunto i 231 milioni per cento [55] . L'ultima rilevazione ufficiale parla, a novembre 2008, di un dato inaudito: 8,97×10 22 %. Nel gennaio 2009 la Banca centrale ha introdotto una banconota da 100 trilioni di dollari, che al cambio reale varranno 33 dollari USA, ma ad aprile la moneta smette di avere valore legale e al suo posto ne sono utilizzate altre. La disoccupazione è dell'80%, e la stessa percentuale della popolazione vive sotto la soglia di povertà [56] . La disastrosa riforma agraria del 2000, il denaro speso per l'intervento militare nella guerra civile nella Repubblica Democratica del Congo e la sospensione degli aiuti internazionali a causa delle politiche di Mugabe hanno provocato il tracollo economico attuale [57] . Il debito pubblico e quello internazionale sono abbastanza gravosi, ma nell'ottobre 2007 buona parte del debito con il Fondo Monetario Internazionale è stato pagato, anche di fronte alla minaccia di espellere lo Zimbabwe dall'organizzazione.

Dollaro dello Zimbabwe, banconota da due dollari

Settore primario

Nel 2000 , dopo il fallimento di una trattativa triangolare con il governo inglese ei proprietari terrieri bianchi, il governo di Mugabe ha espropriato senza indennizzi buona parte degli agricoltori bianchi dello Zimbabwe, che complessivamente possedevano e fruttificavano il 70% delle terre coltivabili del paese. Queste sono state regalate ad amici del presidente ea più o meno presunti ex-combattenti, generalmente inesperti di agricoltura, mentre gli ex proprietari bianchi (in particolare 4.000 tra i membri della Zimbabwe Commercial Farmers Union) sono fuggiti o sono stati espulsi: come risultato, la produzione agricola nel 2003 è crollata a circa un terzo di quella del 1999 e degli anni precedenti. Il settore agricolo versa oggi nel caos più completo. Il paese, un tempo grande esportatore, dipende ora esclusivamente dalle importazioni. Molte regioni stanno attraversando una gravissima carestia. [45] All' agricoltura , ormai niente più che di sussistenza, si affiancava un tempo anche il taglio di legni pregiati [58] . La percentuale di terra coltivata è ormai alquanto bassa (7,5%). Le colture più diffuse sono: mais , frumento , canna da zucchero , sorgo , frutta, tabacco, caffè, arachidi , cotone e tè. Prati e pascoli occupavano circa il 43% del territorio e venivano utilizzati per l' allevamento , che era in discreta crescita e copriva il fabbisogno interno permettendo talvolta esportazioni. Il patrimonio zootecnico è perlopiù costituito da bovini , caprini e volatili.

Settore secondario

Il sottosuolo è ricco di oro , nichel , argento , antimonio , platino , cobalto , tungsteno , amianto e cromo , ma petrolio e gas naturale mancano. I giacimenti minerari sono diffusissimi in tutto il paese e fin dall'inizio dell'epoca coloniale costituirono la base dello sviluppo. Metà delle industrie si occupano della trasformazione dei prodotti agricoli. Le principali città industriali sono la capitale Harare , nella quale vi è un cementificio, Bulawayo e Mutare . Bulawayo è il più grande centro economico del paese e presso Mutare, nella località di Faruke, è presente una raffineria di petrolio.

Settore terziario e rapporti economici con l'estero

Il settore terziario, un tempo all'avanguardia, è oggi scadente. Anche il turismo, un tempo fonte primaria dello Stato, è crollato. Esso si concentra sulle rovine di Grande Zimbabwe , sulle cascate Vittoria , sul lago Kariba e sui numerosi parchi nazionali. Per quanto riguarda il commercio estero, i principali partner sono Sudafrica e Cina , verso le quali vanno le maggiori esportazioni e dalle quali provengono le maggiori importazioni. Il Sudafrica è in testa per entrambe. La Cina è ormai il primo tra i paesi investitori nello Zimbabwe: oltre 35 società cinesi sono presenti nel paese. I rapporti economici tra i due stati si stanno intensificando in campo educativo, agricolo e finanziario [59] .

Ambiente

Il 14,5% (2005) del territorio è totalmente o parzialmente protetto. La vegetazione è per lo più costituita da rade foreste decidue ( tree Veld ) e nella parte con meno precipitazioni da savana nella quale prevalgono le acacie ei baobab . Lungo lo Zambesi si ha la foresta a galleria. La fauna è costituita soprattutto da elefanti , leoni , ippopotami e antilopi .

Cascate Vittoria

La protezione dell'ambiente fu una caratteristica peculiare del governo rhodesiano sin dagli anni venti . Nel corso del tempo furono istituite nove riserve e un parco nazionale ( Hwange National Park , di 1.456.000 ettari, inaugurato nel 1949). In seguito anche le riserve furono trasformate in parchi nazionali. Nel 1975 fu approvata una nuova legge che istituì nuove tipologie di aree protette come le riserve botaniche, i santuari e le aree safari [60] . In seguito agli sconvolgimenti socio-politici iniziati con gli anni ottanta, l'attività di cura e protezione dell'ambiente è passata in secondo piano. Le stesse strutture ricettive hanno subito una depressione, date le difficoltà di gestione ambientale [61] . La gestione delle aree protette è affidata per legge al Ministero delle risorse naturali e del turismo. I dieci parchi nazionali del paese sono:

  • Chimanimani National Park
  • Chizarira National Park
  • Gonarezhou National Park
  • Hwange National Park
  • Kazuma Pan National Park
  • Mana Pools National Park
  • Matobo National Park
  • Matusadona National Park
  • Nyanga National Park
  • Zambesi National Parks noto anche come Victoria Falls National Park
  • Lake Kariba

Arte

Abitato da una notevole varietà di genti, lo Zimbabwe ospita al suo interno una diversità di culture ampia, da quella animista e tradizionale dei piccoli villaggi bantu, a quella di stampo anglosassone tipica della componente bianca e, in generale, dei centri urbani: Salisbury fu una delle città più moderne e organizzate del continente africano; nonostante mantenga la fisionomia anglosassone, la Harare odierna è tuttavia in una situazione di regresso desolante [62] .

Il Centro di Harare nel 1995

Le arti tradizionali del paese includono ceramiche, ceste, tessuti, gioielli e lavori di intaglio. La scultura Shona oltre a caratteristiche culturali tipiche presenta anche nette influenze di gusto europeo; un tema ricorrente nell'arte dello Zimbabwe è la trasformazione dell'uomo in bestia. Negli anni quaranta il filantropo Jairos Jiri cominciò a insegnare ai disabili varie pratiche artistiche incentrando le loro produzioni sullo smercio in molti punti di vendita del paese. Ciò contribuì a migliorare la situazione economica di molte famiglie disagiate, introducendole alle attività commerciali: il sistema divenne così molto popolare e ancor oggi i centri di Jairos Jiri rimangono una parte importante della produzione artistica dello Zimbabwe. Orientativamente, queste produzioni non sono molto dissimili da quelle delle arti tradizionali (ceramiche, ceste, utensileria).

Specialmente tra i membri della minoranza bianca è sempre stato di moda il teatro, e in molti centri urbani operano numerose compagnie teatrali. Molti artisti zimbabweani hanno un seguito internazionale notevole, in special modo scultori e musicisti. I principali scultori sono Tapfuma Gudsa e Henry Muyradzi, che hanno influenzato molto lo stile degli artisti neri statunitensi. Musicisti di rilievo sono Thomas Mapfumo e Oliver Mutukudzi.

Musica

Tipico strumento della tradizione musicale dello Zimbabwe è la M'bira .

Tradizioni

Le tradizioni, cui contribuiscono le varie etnie del paese ognuna con le proprie istanze, sono basate su una grande spiritualità data da un substrato di tipo animistico su cui poi attecchì il cristianesimo . Ciò si esprime non solo nelle feste, ma anche nelle attività giornaliere con l'attenzione particolare data alla meditazione, alla preghiera e alla riflessione.

Sport

Circa lo sport , i più seguiti sono il cricket e il calcio , ma anche il rugby e la pallovale è popolare, specie tra i bianchi. La nazionale di calcio dello Zimbabwe , controllata dallaFederazione calcistica dello Zimbabwe , non è mai riuscita a qualificarsi ai Mondiali , ma è riuscita a qualificarsi alla Coppa d'Africa nel 2004 ; qualificatasi anche nel 2006 , ha battuto il forte Ghana . Tuttavia, vista la mancata qualificazione all'edizione del 2008 , il ct Charles Muhlauri è stato sostituito con Josè Claudinei Georgini, noto come Valinhos, allenatore brasiliano [63] . Il più celebre giocatore zimbabwese è stato certamente Bruce Grobbelaar .

Il paese può vantare anche ottimi tennisti (soprattutto nel doppio), come i fratelli Cara (vincitrice di dieci Slam tra doppio e doppio misto ed ex doppista numero 1 al mondo), Wayne (vincitore di quattro Slam tra doppio e doppio misto tra cui due con Cara) e Byron Black (vincitore del Roland Garros 1994 ed ex numero 1 al mondo). Nell' automobilismo , invece, sta emergendo il nome di Conrad Rautenbach, figlio di Billy Rautenbach (uomo d'affari vicino al presidente Mugabe), che partecipa al Campionato Mondiale Rally 2008 con una Citroën C4 WRC . Si ricordano anche i piloti del motomondiale Jim Redman e Gary Hocking , rispettivamente 6 e 2 volte campioni del mondo.

Nel rugby a 15 lo Zimbabwe ha partecipato a due edizioni della Coppa del Mondo di rugby , nel 1987 e nel 1991 , senza però riuscire a superare la fase a gironi e disputa regolarmente l' Africa Cup che ha conquistato nel 2012 . Data la mancanza di un campionato professionistico la maggior parte dei giocatori migra verso paesi che possono dar loro questa possibilità, in particolare si segnalano giocatori come Bobby Skinstad , Tendai Mtawarira , che hanno vinto la Coppa del Mondo con ilSudafrica , e David Pocock . I fratelli Tsimba Richard e Kennedy sono stati inseriti nel World Rugby Hall of Fame .

Giochi olimpici

La prima medaglia d'oro olimpica per lo Zimbabwe fu conquistata nell' hockey su prato , competizione a squadre femminile, ai Giochi olimpici di Mosca 1980 . Nelle Olimpiadi lo Zimbabwe ha vinto in tutto otto medaglie, tutte al femminile: una è stata conseguita ai boicottati giochi estivi di Mosca del 1980 in hockey su prato , tre alle Olimpiadi di Atene del 2004 e quattro alle Olimpiadi di Pechino nel nuoto per opera di Kirsty Coventry . In questa disciplina sono stati ottenuti risultati buoni anche ai Giochi del Commonwealth ea quelli africani.

Note

  1. ^ ( EN ) Population growth rate , su CIA World Factbook . URL consultato il 28 febbraio 2013 .
  2. ^ Il Dollaro dello Zimbabwe non è più in uso dopo che è stato ufficialmente sospeso dal governo a causa dell' iperinflazione in Zimbabwe. Sono ora usati il Dollaro statunitense (USD), l' Euro (EUR), il Rand sudafricano (ZAR), la Pula del Botswana (BWP), la Sterlina britannica (GBP), la Rupia indiana (INR), il Dollaro australiano (AUD), il Renminbi cinese (CYN) e lo Yen (JPY). Il dollaro statunitense è stato adottato come moneta ufficiale per tutte le operazioni delle amministrazioni pubbliche. ( EN ) Greenwich 2000, Currency in Zimbabwe , su wwp.greenwichmeantime.com . URL consultato il 14 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 19 luglio 2011) . ( EN ) Economy in Zimbabwe , su CIA World Factbook . URL consultato il 14 ottobre 2013 .
  3. ^ Dati dal Fondo Monetario Internazionale, ottobre 2013
  4. ^ Tasso di fertilità nel 2011 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 .
  5. ^ ( EN ) The World Factbook - Zimbabwe .
  6. ^ https://www.iagua.es/noticias/ep/contraste-extremo-zimbabue-inundaciones-este-sequia-capital
  7. ^ So Who Was Shaka Zulu- Really? Africa Stage
  8. ^ Palamarek, Ernie. Hatari . Page 132.
  9. ^ Hensman, Howard. Cecil Rhodes: A Study of a Career . Page 106–107.
  10. ^ Parsons (1993). Page 292.
  11. ^ Judd, Denis. Empire: The British Imperial Experience from 1765 to the Present' . Page 372.
  12. ^ Parsons (1993). Pages 318–320.
  13. ^ a b "The great betrayal. The memoirs of Ian Douglas Smith, 1997"
  14. ^ Zimbabwe's Robert Mugabe. The scheming survivor. By David Plotz (2000)
  15. ^ Weiss R., Zimbabwe and the New Elite. New York, British Academic Press, 1994
  16. ^ a b http://www.iosrjournals.org/iosr-jhss/papers/Vol18-issue2/H01826368.pdf?id=8622 .
  17. ^ Molti analisti osservano che, sebbene le vaste proprietà terriere dei bianchi fossero state il risultato di decenni di colonialismo e sfruttamento, esse comunque contribuivano con la loro produzione e con i loro posti di lavoro alla stabilità economica e al benessere nazionale.
  18. ^ Calendari atlante De Agostini, anni 2000-2008 Novara
  19. ^ Rapporto all'ONU delle Associazioni Femminili dello Zimbabwe: "Un genocidio silenzioso" (2008)
  20. ^ Lo Zimbabwe abbandona la sua moneta - Il Post , 14 giugno 2015
  21. ^ http://www.ilpost.it/2017/11/15/zimbabwe-colpo-stato/
  22. ^ Robert Mugabe si è dimesso , su Ansa . URL consultato il 21 ottobre 2017 .
  23. ^ "World Population Prospects: The 2017 Revision" , ESA.UN.org (dati ottenibili via website), Dipartimento per gli affari economici e sociali del Segretariato delle Nazioni Unite , Population Division
  24. ^ Zimbabwe Population Census 2012 Archiviato il 18 febbraio 2015 in Internet Archive ., zimstat.co.zw; accessed 4 May 2016.
  25. ^ Selby, Angus (2006) "White farmers in Zimbabwe 1890-2005". PhD Thesis, University of Oxford: p. 60 Archiviato il 15 giugno 2007 in Internet Archive .
  26. ^ Selby thesis: p62, fig 1.6 Archiviato il 15 giugno 2007 in Internet Archive .
  27. ^ Selby thesis: p58 Archiviato il 15 giugno 2007 in Internet Archive .
  28. ^ Wills, AJ (1967). "Three Territories". An Introduction to the History of Central Africa (2ª ed.). Durban: Oxford University Press. p. AppendiCE IV. ISBN 0-620-06410-2 . Consultato il 10 settembre 2012.
  29. ^ Irish Examiner report: 2002 census returns
  30. ^ Zimbabwe Population Census 2012 ( PDF ), su Zimbabwe National Statistics Agency (ZIMSTAT) , ottobre 2013. URL consultato il 16 febbraio 2015 (archiviato dall' url originale il 1º settembre 2014) .
  31. ^ Zimbabwe: Treatment of white Zimbabweans who are not farmers and available state protection , su refworld.org , UNHCR, 22 luglio 2010. URL consultato il 29 giugno 2013 .
    «According to an article in World Affairs, a bi-monthly international affairs journal published in Washington, DC (World Affairs nd), there were 296,000 resident white Zimbabweans in 1975, 120,000 in 1999, and 30,000 in 2010 (World Affairs 1 May 2010).» .
  32. ^ Quarterly Digest Of Statistics, Zimbabwe Printing and Stationery Office, 1999.
  33. ^ Zimbabwe Archiviato il 25 marzo 2009 in Internet Archive . GAP Adventures
  34. ^ MSN Encarta , su encarta.msn.com . URL consultato il 13 novembre 2007 (archiviato dall' url originale il 31 ottobre 2009) .
  35. ^ Lessing D., Zimbabwe, il Paese dei libri negati, 2007
  36. ^ UNICEF - Zimbabwe - Profilo del paese Archiviato il 2 febbraio 2008 in Internet Archive .
  37. ^ Guardian article, The wasteland — inside Mugabe's crumbling state, March 17, 2007 The Guardian
  38. ^ SVILUPPO-ZIMBABWE: Disperata la capitale per la mancanza d'acqua , su ipsnotizie.it . URL consultato il 27 dicembre 2007 (archiviato dall' url originale il 28 febbraio 2008) .
  39. ^ Zimbabwe newspaper bombed BBC News , 28 gennaio 2001
  40. ^ Zimbabwe: Newspaper Silenced , February 7, 2004. New York Times .
  41. ^ Why did Zimbabwe ban the BBC? , April 1, 2005. BBC News .
  42. ^ ZIMBABWE Press, Media, TV, Radio, Newspapers Press Reference , 2006
  43. ^ Harare, 19:50 | L'espresso Archiviato l'8 marzo 2008 in Internet Archive .
  44. ^ SW Radio Africa News Story - News story Archiviato il 28 febbraio 2008 in Internet Archive .
  45. ^ a b Banconote da 10 milioni, Zimbabwe al collasso , su corriere.it . URL consultato il 20 gennaio 2008 .
  46. ^ Zimbabwe « L'Archivio
  47. ^ [1] Reuters.
  48. ^ [2] , BBC News Website.
  49. ^ Zimbabwe inflation hits record 66,212.3pc - ABC News (Australian Broadcasting Corporation)
  50. ^ La rete della pace, reportage dal mondo - PeaceReporter , su peacereporter.net . URL consultato il 23 febbraio 2008 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2008) .
  51. ^ http://www.ansa.it/site/notizie/awnplus/mondo/news/2008-02-20_120192560.html
  52. ^ allAfrica.com: Zimbabwe: Inflation Surges to 165 000 Percent
  53. ^ The Zimbabwe Situation
  54. ^ http://www.statistiche-oggi.it/archives/0007787.html [ collegamento interrotto ]
  55. ^ Nuovediscussioni: Zimbabwe, a luglio inflazione arriva a 231 milioni per cento Archiviato l'8 luglio 2011 in Internet Archive .
  56. ^ How to stay alive when it all runs out , The Economist , 12 luglio 2007. URL consultato il 18 luglio 2007 .
  57. ^ Organised Violence and Torture in Zimbabwe in 1999 Archiviato il 25 maggio 2007 in Internet Archive ., 1999. Zimbabwe Human Rights NGO Forum .
  58. ^ Country Profile – Zimbabwe , su infoexport.gc.ca , Foreign Affairs and International Trade Canada. URL consultato il =2007-12-02 (archiviato dall' url originale il 26 febbraio 2008) .
    «Since the country is well endowed with natural resources such as minerals, arable land and wildlife, many opportunities lie in resource-based activities such as mining, agriculture and tourism, and their downstream industrial activities.» .
  59. ^ Cooperazione Italiana allo Sviluppo Archiviato il 26 febbraio 2008 in Internet Archive .
  60. ^ Beinart W., McGregor J., Social History and African Environments, Oxford, James Currey, 2003
  61. ^ Compagnon D., Constantin F., Administrer l'environnement en Afrique: gestion communautaire, conservation et développement durable, 2000
  62. ^ Zimbabwe: la capitale regredisce alla vita rurale, IRIN, humanitarian news and analysis, 2007
  63. ^ calcionews.info - Le migliori risorse e informazioni sul tema: calcionews. Questa pagina è in vendita! Archiviato il 26 febbraio 2008 in Internet Archive .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 128940544 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2285 6828 · LCCN ( EN ) n80089993 · GND ( DE ) 4049850-5 · BNF ( FR ) cb11933830b (data) · NDL ( EN , JA ) 00569590 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80089993
Africa Orientale Portale Africa Orientale : accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Africa Orientale