Virtus Pallacanestro Bolòy

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou seksyon fanm yo, gade Virtus Pallacanestro Bolòy (fanm) .
Virtus Pallacanestro Bolòy
Basketball Basketball pictogram.svg
Rèy chanpyon Italyen Rèy chanpyon Italyen
Virtus Bolòy Logo.png
"Nwa Vu"
Mak distenktif
Ras inifòm
Virtusbologna2021a body kit.png
Kò baskètbòl kit.png
Virtusbologna2021a.png twous bout pantalon
Kit shorts.svg
Kay
Virtusbologna2021h kò kit.png
Kò baskètbòl kit.png
Virtusbologna2021h.png bout pantalon twous
Kit shorts.svg
Transfè
Koulè sosyal 600px Nwa lèt V sou blan background ak HEX-FFDB01 star.svg Nwa ak blan
Kantik Vini non, antre epi ale
Move panse
Done konpayi an
Vil Bolòy
Peyi Itali Itali
Konfederasyon FIBA Ewòp
Federasyon FIP
Chanpyona Yon lig
Fondasyon 1927
Yap divòse 2003
Refondasyon 2004
Sponsò teknik Macron
Pwopriyetè Itali Massimo Zanetti [1]
Prezidan Itali Giuseppe Sermasi
Antrenè Itali Sergio Scariolo
Plant Virtus Arena
(8 970 plas)
Sit wèb www.virtus.it
Palmarès
10 badj Scudetto Scudetto Scudetto Scudetto Scudetto Scudetto Cup Italyen Cup Italyen Cup Italyen Cup Italyen Cup Italyen Cup Italyen Cup Italyen Cup Italyen Super Cup Euroleague Euroleague
Scudetti 16
Tas Itali 8
Italyen Super Cup 1
Eurolegies 2
Cup Ewopeyen an 1 Cup gayan Cup '
1 EuroChallenge
1 Lig chanpyon baskètbòl
Baskètbòl aktyèl event.svg Sezon aktyèl la

Virtus Pallacanestro Bolòy , kounye a patwone pa Segafredo , se yon klib baskètbòl Italyen ki te fonde an 1927 [2] , seksyon an sèlman pwofesyonèl nan Virtus Sosyete Edikasyon Fizik la [3] .

Li baze nan Bolòy , nan Via dell'Arcoveggio kote lakou lekòl la te bati, epi li jwe jwèt lakay nan Virtus Segafredo Arena nan Hall 30 nan san Patipri a Bolòy .

Li se youn nan klib yo ki gen plis siksè nan peyi Itali, ventan sèz tit lig, uit tas Italyen, yon sèl Italyen Super Cup ak senk tit entènasyonal nan palmarès li yo.

Virtus tou te gen yonekip fanm jwe nan seri A depi 2019. [3]

Tradisyon

"Tradisyon an Virtus se tankou nenpòt ki lòt tradisyon: li te pran tan, peye pou nan bagay ki pa byen mèb. Sa a se istwa a nan ki konkèt, ak nan lòt moun nan ekip la ki te premye mwen baskètbòl renmen. Epi li pral dènye a tou, paske Virtus se yon lafwa. "

( Dan Peterson , prezantasyon nan "Virtus - senkant ane nan baskètbòl" pa Tullio Lauro )

Depi ane yo nan dezyèm peryòd la apre-lagè Virtus Bolòy te fè yon kontribisyon fondamantal nan kwasans lan nan baskètbòl Italyen, gras a UN nan kontinyèl nan devlopman nan sistèm nan fòtman enpresyone pa administratè yo divès kalite ki te swiv youn ak lòt sou tan (soti nan Porelli Cazzola) toujou atantif nan amelyorasyon nan baskètbòl la jèn yo ak "segondè a", men pa gen wòl mwens enpòtan nan antrenè yo. Nan fason sa a talan imans te fèt nan pepinyè a Juventus ak pèsonalite pi popilè tankou prof. Grandi, antrenè nan Virtus ak nan ekip nasyonal la , ak Giordano Consolini, unaniment rekonèt kòm antrenè a pi byen nan peyi Itali pou sektè a jèn.

Virtus te toujou gen yon gwo bagay sa yo ak piblik la te ogmante sou ane yo, ranmase anpil fanatik nan tout peyi Itali gras a "drapo" li yo, ki soti nan Villalta Bonamico , ki soti nan Brunamonti Danilović , ki soti nan Emanuel Ginóbili Marko Jarić , ak nan pwòp tèt ou- sou anplasman an pa tout jwè yo nan yon tantativ pou onore youn nan jerseys yo nan Ewòp ki pi popilè.

Tenyen yo nan palè virtussini yo te youn nan pi anpil nan peyi Itali, e byen lwen depase kare ki pi rich ak pi abitan tankou Milan ak lavil Wòm .

Atachman a nan ekip la, nan lòt men an, pa janm febli, malgre difikilte yo grav ak bezwen nan rekòmanse, nan 2003, apre yon kriz antrepriz grav, ki soti nan yon fizyon ak Progresso Castel majò a, Lè sa a, militan nan Legadue , ranpli a espò sal nan anpil okazyon gras tou a anpil tikè gratis akòde pi wo a tout timoun lekòl, yon inisyativ ankouraje pa patwon Claudio Sabatini a yo nan lòd yo fè menm pi piti yo pasyone sou espò sa a.

Koulè Bianconeri yo se poutèt sa unaniment rekonèt kòm synonyme ak yon tradisyon espòtif genyen, ki nan 90s yo rive nan pik li yo lè soti nan 19 final te jwe ant seri A, tas Ewopeyen yo ak tas Italyen, li te genyen 14.

Pa bliye sektè jèn l 'yo, ki te toujou youn nan pi bon an nan peyi Itali, ki ansanm ak sa yo ki nan Olimpia Milano konstitye de sektè yo jèn ki pi bay nan peyi Itali, ak 41 chanpyona jèn nan de.

Istwa

Kòmansman yo

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: SEF Virtus Bolòy .
Ansyen legliz Santa Lucia [4]

Li se 17 janvye, 1871 , se sa ki, nan mitan 19yèm syèk la , lè Emilio Baumann , pwofesè elemantè ak pwofesè jimnastik, pou nèf ane nan Emilia, te fonde Jimnastik Seksyon Sosyal la nan Bolòy , nan bi pou yo ankouraje "atizay yo jimnastik "nan vil la. Se lwa a nan konpayi an soumèt bay aksyonè yo ak apwouve nan yon reyinyon espesyalman konvoke nan lokal yo nan lekòl la aswè San Domenico, nan via Drapperie, sant istorik nan Bolòy. Premye chèz istorik sant espò a se te yon vrè "tanp", e non sèlman nan yon sans metafò: sou inisyativ Baumann tèt li, minisipalite a te asiyen legliz Santa Lucia , yon legliz dekonsakre nan 1866 pandan twazyèm lagè endepandans lan. , nan aktivite jimnastik nan konpayi an ki fèk fòme. "Jimnast, jumper, rayisab nan weightlifting, nan lit la greko-Women, nan kloti, ki resevwa fòmasyon tenaciously, nan yon atmosfè chaleureux ak imitasyon an sante; se konsa ke lekòl la bon pa t 'fail bay rezilta espere" yon sèl li nan yon ekri nan epòk sou aktivite yo nan "Santa Lucia la" [5] .

Okòmansman konpayi an kontra ak jimnastik ak kloti , men sou tan klib la espò (premye chanje non Bolòy Jimnastik Sosyete a , epi, depi 1922 , Virtus Sosyete Edikasyon Fizik ) yo ap vin "manman an" nan boloyz espò, vini nan gen ladan pratikman tout espò prensipal yo disiplin ki gen ladan, nan kou, baskètbòl [6] . An 1927 De Luigi, Simoni, Padovani, Grigioni ak Chiaffarelli se senk ti gason yo, ki soti nan atletik , ki fòme seksyon baskètbòl la e ki konstitye premye kwintèt Vs nwa a [6] .

Ane 1930 yo

Virtus 1945-46: Marinelli, Dondi, Calza, Foschi, Bersani, Vannini; Girotti, Rapini, Cherubini [7]

Premye chanpyona ofisyèl Virtus 'dat tounen nan 1934 , ane a nan kote yo te genyen tounwa a divizyon premye, jwenn pwomosyon nan vòl nan tèt apre yon wonn difisil-jwe wonn play-off kont Milanese Inyon an Sport ak lavil Wòm Jimnastik . Sepandan, li merite yo dwe sonje sa, bay fwa yo nan ki li te rive, yo ka konsidere kòm yon reyèl "evènman" espòtif: nan mwa janvye 1931 , trè misterye, yon reprezantan Estonyen , Kalev nan Tallinn , te jwe nan Bolòy kont yon seleksyon boloyz (pa sèlman Virtus, Se poutèt sa). Match la te fini ak yon 86 a 12 gloriye pou mèt yo nan Lès la, malgre efò yo nan yon jwè tenis karèm baskètbòl: Pier Giovanni Canepele , pou yon tan long pi bon jwè tenis Italyen an [5] .

Aprè pwomosyon Virtus te rete nèt nan tèt baskètbòl nasyonal la, men sèlman reyalize yon seri long plasman onorab: nan nèf chanpyona yo te jwe soti nan 1935 pou epidemi Dezyèm Gè Mondyal la , Vu nwa a te ranmase 6 dezyèm plas, 2 twazyèm plas ak yon sizyèm plas, toujou rete dèyè ekip tankou Jimnastik Roma , Borletti Milano oswa Reyer venesi . Gwo chabwak yo nan ki toujou pyonye "boul nan sèk la" yo se jwè ki gen non soti nan lòt fwa, tankou Venzo Vannini , premye kòmandan, Napoleone Valv , Athos Paganelli , Galeazzo Dondi , Giancarlo Marinelli , Giuseppe Palmieri , espesyalis nan so a wo, ak anpil lòt moun. Konsènan sa premye Virtus te ekri Adalberto Bortolotti nan " Giganti del Basket ": "lejand nan Vu nwa a kòmanse soti isit la: yo tout soti nan Bolòy, tout bon soti nan distri a Castiglione. Gianfranco Bersani , ki moun ki gen yon boutik ki tou pre, wè yo pase pa epi antre nan jimnastik la. Li swiv yo, tonbe nan renmen ak espò sa a boujònman, li menm ki te fèt ak yon malformasyon bra ak pa janm fè okenn aktivite. Li mande: Èske w ap mennen m 'nan jwe ?, aprann, espesyalize, yo pral vin yon sèl nan bèl pouvwa ki pi klere byen bèl Virtussine, chanpyon miltip nan peyi Itali ak ekip nasyonal la. Se te yon baskètbòl endijèn, imen ak otantik. Anvan kòmansman an, nou te rankontre nan midfield, epi, tou pre youn ak lòt, rèl lagè a te lanse. Lucia ponktué pa pwisan vwa anba kavo ansyen yo te di: E par la mi bela bala / un occ 'am bala / un occ' am bala / am bala un occ '/ un occ', un occ 'un occ' " [5] .

1940s ak 1950s: premye chanpyona yo

Virtus nan Sala Borsa a; tire Gigi Rapini. [8]

Nan fen Gè Mondyal la, yon douch frèt ap tann amater boloyz: "Santa Lucia la", ki fèt pou kou pou aspiran mason, pa disponib ankò. Apre yon interlude tou kout nan jwèt deyò, sou yon tribinal nan Via del Ravone, boloyz baskètbòl deplase nan yon lòt "katedral", menm si dedye a biznis: Sala Borsa a nan plas Nettuno . Stockbrokers, se reyajiste nan aswè a pou alimèt baskètbòl. Sa a pidevan etranj, ak galri li yo ak pi popilè mozayik dyaman ki gen fòm li yo, te vin karakteristik nan yon sezon baskètbòl nouvo, se pa sèlman nan Bolòy. Jounalis Leo Turrini te eksplike li byen: "Nan baskètbòl Sala Borsa a chanje non li, li te vin baskètbòl. Yon baskètbòl ki pale etranje e ki yon ti jan mal. Mo" pivot "la te fèt: an reyalite, nan Santa Lucia nou kwè ke Marinelli te senpleman yon atak sant " [5] . Avèk yon konparezon bèl, jounalis la Tullio Lauro konpare mozayik yo nan Sala Borsa a, trademark la nan Vu nwa a , nan pi popilè partez la janbe lòt nan jaden an Boston , lakay yo nan yon ekip lejand nan baskètbòl mond, Boston Celtics yo .

Sa a nan Sala Borsa a te yon sezon ekstraòdinè nan siksè pou Virtus: yon nouvo jenerasyon nan jwè yo, nan mitan tout Achille Canna , Gigi Rapini ak Nino Calebotta , ak kòmandan Marinelli aji kòm yon trait d'union ak gwoup la pre-lagè , te pote kat tit lig konsekitif, soti nan 1946 1949 , ak de plis an 1955 ak 1956 . Nan ane 1950 yo rivalite a long ak Olimpia Milano ak premye alimèt yo trè cho kont Gira ak Moto Morini te kòmanse .

1960 ak 1970

Jim McMillian, Duke Nwa a [9]

Se nan fen ane 1950 yo make pa de ane tricolor '55 -'56 a, men tou pa transfè a nan jaden an ap jwe soti nan Sala Borsa a nan Palè espò nan plas Azzarita, inogire pa majistra a Giuseppe Dozza nan 1957 . Nouvo, ultra-modèn bilding lan, pita surnome Madison paske, tankou Madison Square Garden nan New York, li te sitiye nan kè a nan lavil la, okòmansman pa t 'pote chans koulè yo Bianconeri: Virtus te ale nan yon deseni nan satisfaksyon pòv yo, malgre prezans talan tankou "Dado" Lombardi , Gambini, Pellanera ak Zuccheri. Elit la nan baskètbòl Italyen te deplase pou tout tan nan Lombard , kote, ansanm ak Olympia abityèl la, zetwal la k ap monte nan Ignis Varese te émergentes [6] , ak Virtus menm jwenn tèt li, nan fen ane 1960 yo, goumen pou pa fè bak.

Pwen an vire te vini nan 1968 , lè avoka a Gian Luigi Porelli te nonmen pa Lè sa a, prezidan nan klib la espò, Elkan, nan tèt seksyon an baskètbòl. Altènativman surnome " Torquemada " oswa " Robespierre " pou metòd rapid e souvan diktatoryal l 'yo, oswa, pi senpleman, " avoka a ", Porelli te youn nan figi ki pi enpòtan nan istwa a nan Virtus Pallacanestro, ki te gen souvan popilè men prèske toujou genyen , definitivman ferried nan direksyon pou pwofesyonalis.

Villalta, Ćosić ak McMillian selebre nevyèm trikolò a [10]

Le pli vit ke li te rive, nan sèlman 38 ane fin vye granmoun, avoka a te fè yon bale pwòp nan manadjè yo fin vye granmoun ak bay moute pi bon jwè a nan tan an, Dado Lombardi , pwovoke yon revòlt popilè ki menm te fini nan tribinal la [11] . Touswit aprè, an 1970 , Virtus Pallacanestro te kraze kite klib espòtif la e li te vin yon konpayi aksyon jwenti . Mèsi a chwa sa a, tou trè kritike, Porelli definitivman retabli finans li yo ak nan 1973 louvri yon nouvo sezon nan triyonfe, ak milyonè a pè ak Sinudyne ak pi wo a tout ak anbochaj la nan antrenè a jèn Dan Peterson , vini soti nan ban an nan Nasyonal la. nan Chili , sètènman pa yon pouvwa nan baskètbòl mond lan. Mèsi a Duo a Porelli-Peterson, fòtin Bianconeri a leve sevè, yo pote premye tas Italyen an nan vitrin lan nan 1973/74 ak chanpyona nan setyèm de ane pita anba siy la nan jwè tankou Terry Driscoll , Charly Caglieris , Gianni Bertolotti , Marco Bonamico , Gigi Serafini , Massimo Antonelli ak Massimo Sacco . Tit lig yo nimewo 8 ak 9 te rive nan peryòd de ane a 79-80, fwa sa a ak Dan Peterson kòm yon opozan sou ban Billy Milano, bat nan final la an 1979 [6] . Sou ban Juventus la te chita ansyen elèv Chattanooga a , Terry Driscoll, epi sou teren an jwè tankou Generali , Villalta , Caglieris , "Nwa Duke a" Jim McMillian , ak "Bishop la", oswa chanpyon Yougoslav la Kreso Ćosić .

1980: zetwal la

«- Èske sipòte Virtus nan Bolòy nan mòd?
- Èske aplodi pou larenn lan nan Angletè alamòd? "

( Gian Luigi Porelli , entèvyouve pa Gianfranco Civolani )
Virtus nan doub nasyonal 1983-84 la: Daniele, Villalta, Binelli, Rolle, van Breda Kolff; Bonamico, Brunamonti, Valenti, Lanza, Fantin.

Retounen nan tèt la nan peyi Itali, Vu nwa a te eseye monte nan Ewòp, ki disparèt pa yon moustach, ak 1981 Ewopeyen Cup final la pèdi pa yon pwen sèl nan Estrasbou kont Maccabi Tel Aviv . Adye a nan Driscoll, ki moun ki kite ban an apre de chanpyona nan de zan, ak desepsyon an anmè kou fièl nan defèt la nan Cup la, mete sèn nan pou yon lòt re-fondasyon.

Bertolotti , ki moun ki kite wòl nan kòmandan nan Villalta, Ćosić ak Caglieris, ak majisyen an nan ban an Aza Nikolić , Roberto Brunamonti , Augusto Binelli , Marco Bonamico, retounen soti nan Milan, rive, osi byen ke yon seri de etranje inoubliyab, ak eksepsyon a petèt nan ki Jan van Breda Kolff ki moun ki pral protagonist a nan chanpyona zetwal la, ki moun ki rive nan lane 1984 ak Alberto Bucci ak yon jenn Ettore Messina sou ban an.

Porelli Avoka Avèk Sugar Richardson [11]

Dizyèm trikolò a, ansanm ak twa tas Italyen ak yon ganyan gode Cup, konstitye twofe prensipal la nan deseni kap vini an, ki sepandan te fini ak pasaj la anba De gwo fò tou won yo nan Micheal Ray Richardson , yon jwè ki gen talan imans, ki deja tout zetwal nan la USA, ki te rive nan peyi Itali toujou nan mitan parabòl konpetitif li a, protagonist nan seri final la nan Cup Winners 'Cup la an 1989 ki te fini ak viktwa a nan final la nan Florence kont Real Madrid.

1990s: laj an lò

Se konsa, te kòmanse deseni ki pi bèl pouvwa nan istwa li, menm jan Alfredo Cazzola leve chèz la (an 1992) ak Ettore Messina, ki gen plis siksè antrenè Italyen an tout tan, chita sou ban an e li te genyen yon lòt chanpyona. Virtus Bolòy, ki te dirije pa Brunamonti, pa yon jèn Predrag Danilović ak ki dirije pa Alberto Bucci , repete tèt li pa mete sou twa tit lig youn apre lòt, ki soti nan 1993 a 1995. Jis nan 1993 ak 1995 ekip la pran pati nan louvri pi popilè Mc Donald la , nan ki li satisfè franchiz yo nan NBA la . Gwo jwè Italyen yo etabli tèt yo nan Virtus: Alessandro Abbio , Augusto Binelli , Flavio Carera , Claudio Coldebella , Riccardo Morandotti , Paolo Moretti .

Retounen nan Danilović

Danilović ak chemiz Virtus an 1995

Twa ane pita, ak retou a nan Messina, retounen Danilović a soti nan eksperyans la NBA anrejistre kòm byen ke rive nan Radoslav Nesterovič , Antoine Rigaudeau , Hugo Sconochini ak Alessandro Frosini ki sipòte veteran yo nan atak la sou Itali ak Ewòp. Premye feat a akonpli nan final la chanpyona desizif kont rival yo p'ap janm fini an nan Fortitudo : sou ven segonn soti nan fen a, ak Fortitudo pi wo a 4, Danilović nòt yon piki twa-pwen ak nan menm tan an soufri yon move pa Dominique Wilkins ; Sèb la frape jete adisyonèl la gratis epi trase nòt la, pavaj wout la pou tan siplemantè a ki te fini ak triyonf la Juventus. Yon ti tan anvan, nan Palau Sant Jordi a nan Barcelona, ​​Virtus (ki te dirije pa yon gwo Zoran Savić ) te genyen Euroleague premye yo, simonte moun Lagrès yo nan AEK Atèn nan final la (58-44), apre yo fin bat Partizan nan semi-final yo Belgrad. .

2000s: tout bèl pouvwa, gwo twou san fon ak rne

Grand slam la

Derby la
Yon Virtus-Gira soti nan ane 1950 yo

De fwa nan yon ane, oswa menm plis nan sezon yo chans, vil la nan gwo fò tou won demontre tout renmen li yo pou espò a nan baskètbòl, ki te touche li tinon a nan lavil baskètbòl . Li se Derby a , ou pito match la ant de ekip prensipal yo Bolòy. Li se yon evènman inik, inegal nan baskètbòl Italyen, ak kapab monopolize atansyon a nan yon vil antye tankou kèk lòt evènman espòtif nan peyi Itali, apa de alimèt foutbòl ameriken. Pou rezon sa a, ak pou kapasite li nan ini ak divize ansanm, li te repete konpare ak Palio di Syèn la [12] : tankou nan Syèn, an reyalite, lavil la sispann ak Derby a vin, nan espas travay la, nan lari yo. , nan ba yo ak anba galri yo, sijè sa a sèlman nan diskisyon.

Premye defi yo dife Derby tounen nan ane 1950. Nan tan sa a ap goumen pou sipremasi a nan tèren an nan Town Hall Stock Exchange la te nan adisyon a Virtus, ki menm lè sa a te idantifye ak boujwa Bolòy la ak yon ti kras 'snob, ekip tankou Gira , ki fèt nan mitan elèv yo nan Inivèsite a, oswa Mazzini-Moto Morini la [13] .

Soti nan ane 1980 yo, sepandan, Derby a te toujou Virtus- Fortitudo , oswa, si ou prefere, Fortitudo-Virtus . Pami 106 derbi yo te jwe byen lwen tèlman ant de ekip sa yo (balans lan se 60 a 45 pou Vu nwa a ), ak nan mitan anekdot yo posib, omwen de epizòd yo dwe vin chonje: premye a se edisyon chanpyona 1988-89, Derby premye janm: Virtus Knorr - Fortitudo Arimo 70-102, 32 pwen diferans pou Fortitudo, jiska moman sa a diferans maksimòm pou yon Derby. Pou okazyon an, Nino Pellacani , yon jwè-fanatik, anpil renmen pa blan ak ble lyon yo ' Den, anvayi lavil la ak mayo l' yo ak mo yo "gwo frèt la" ("-32", an reyalite) [14 ] .

Pou Bianconeri yo, nan lòt men an, Derby par ekselans lan se sa yo ki an 1998, senkyèm ak desizif chanpyona final la: ak 20 segonn soti nan fen a, Fortitudo se 4 pwen devan yo ak sanble ap vole nan direksyon pou chanpyona premye li yo. Predrag Danilović , apre yon pas nan Abbio, tire soti nan twa pwen epi li se tou faute pa Dominique Wilkins . Panyen ak jete gratis. Kat pwen, pwen siplemantè ak triyonf Virtus. Euphoric ak rampant vid nwa, enkredilite ak kè sere kase [15] .

Virtuspedia - Chronology nan Derby la

Nouvo milenè a wè siksè nan prezidans Juventus Marco Madrigali, ak ki moun klib la pral rive nan tout bèl pouvwa ki pi wo a ak tonbe iremedyableman nan gwo twou san fon an nan radyasyon.

Jesyon an deside konsantre sou fòs fre ak angaje talan jenn tankou Emanuel Ginóbili (kounye a NBA tout-zetwal , 4 bag ak San Antonio , 3 nan yo ki nan 5 ane), Marko Jarić (2002 chanpyon mond ak ekip la Sèb nasyonal) ak Matjaž Smodiš (chanpyon Ewopeyen an 2005-2006 ak 2007-2008 ak CSKA Moskou ) osi byen ke pivot Rashard Griffith . Sasha Predrag Danilović , wa Imperial Nwa Vu nan ane 1990 yo, kite ekip la ak baskètbòl nan kòmansman sezon 2000/01 la, anonse retrèt li nan aktivite konpetitif.

Absans yon lidè santralize emosyonèlman tankou Sèb la epi pita diskalifikasyon pou dopan nan yon lòt gwo senatè tankou Hugo Sconochini fòse chak eleman sèl yo pran responsablite, men an menm tan an louvri espas pou etranje frelikè ak talan, gratis yo montre konpetans yo ak jwenn eksperyans nan yon wo nivo.

Li se ak lokal sa yo ki chanpyona a ak chemen an genyen nan kwirase a nan Ettore Messina kòmanse, ki apre yon kòmanse difisil nan sezon an vire sezon an nan Derby Nwèl la, yon 99-62 ki etoudi Fortitudo Bolòy ak lanse ekip la nan la reveye pou yon tras enpresyonan nan 33 konsekitif rezilta itil, prezante tèt li ak kat biznis sa a nan uit final la nan Cup la Italyen, kote li pran lakay premye twofe sezon an kont Scavolini .

Depi lè sa a li se yon steamroller: Fortitudo ap eseye entèwonp vwayaj la tou de nan direksyon pou Euroleague final la ak nan seri ki sot pase a nan faz eliminatwa yo, men li dwe rann tèt bay yon gwoup irepetab ki kapab bat tout dosye ak konplètman vin youn nan ekip yo pi fò Ewopeyen an nan tout tan. Apre doub "Scudetto-Euroleague la" nan 1998, Grand slam la rive nan 2001. Nan jis kat ane li vin yon konpayi ke pa gen okenn lòt konpayi Italyen janm reyisi nan [16] [17] [18] .

Pèt afilyasyon ak rne

Malgre ke Virtus se defann chanpyon Ewopeyen an, nan kòmansman sezon 2001-2002 la Prezidan Madrigali planifye plis ranfòse li ak milyonè a (senk ane salè nan 7 milyon dola) nan Sloveni Sani Bečirovič men nan kou a nan ane a, malgre konkèt la nan Coppa Italia la te genyen nan final la sou Montepaschi Syèn , solidite aparan antrepriz la febli pa rezilta negatif ki mine, nan je yo nan Prezidan Madrigali, pozisyon yo nan antrenè a Ettore Messina ak nan vis prezidan an ak manadjè jeneral Roberto Brunamonti . Dezagreman sa yo te lakòz revokasyon an sansasyonalis nan antrenè a, ki te pran plas sou 11 Mas 2002 kèk èdtan apre yon defèt lou nan Pesaro, nan ki ekip la te menm manyen -41. Te desizyon an fòsman opoze pa piblik la virtussian, ki gen lapè envazyon nan jaden an, ki retade nan kòmansman match la chanpyona kont Telit triyèst, pwovoke Madrigali retabli antrenè a. Men, balans lan, epi, kidonk, pèfòmans ekip la make irézistiblman make. Virtus rive nan final la Euroleague , ki se ki te fèt nan Bolòy, men se san atann bat pa moun Lagrès yo nan Panathinaikos , nan yon match ki te dirije pa ekip la boloyz. Rezilta chanpyona a egalman anmè pou ekip HCL la ki nan seri semifinal la bat 3-1 pa Benetton Treviso antrenè pa Mike D'Antoni , ki moun ki te genyen nan Casalecchio nan jwèt 4.

Nan fen sezon an prezidan an Madrigali definitivman ranvwaye Brunamonti (dirije nan Virtus Roma ) ak Messina (Treviso) ak konfye konsèy teknik la nan manadjè jeneral Gianfranco Lombardi la ak antrenè a Bogdan Tanjević , ki moun ki eseye yon re-fondasyon fasil ak radikal nan ekip la. Pwen nan vire pa aksepte pa piblik la e gen yon efondreman nan abonnements; menm sponsò a Ferrero , ki moun ki te siyen siksè yo ki sot pase ak mak la Kinder, ak ki moun ki te gen yon relasyon solid ak antrenè Messina, vire do l 'sou klib la. Sezon 2002-2003 la se sètènman pi anmè ak toumante nan istwa a tout antye de virtuozite: apre yon seri de rezilta trè negatif, ki gen ladan yon -35 nan Fabriano , epi san limyè menm nan Euroleague a, chanjman nan antrenè soti nan Tanjević Valerio Bianchini dènye efondreman an. Ak klib la, la pou premye fwa nan istwa, pa antre nan faz eliminatwa chanpyona yo. Men, enplikasyon yo pi move yo se finansye: jwè a Sani Bečirovič, fòse inaktivite pa pwoblèm jenou, louvri yon diskisyon ak klib la (sa yo rele "Becirovic prim lan"), pote plent sou mank nan peman nan emoluments pa Virtus. Pandan ete a, paralèl ak ka a Becirovic, lòt demann pou "prim" rive, nan jou yo lè konpayi an nan Madrigali, spa a CTO , tou creaks. Tout tonbe sou Out 4, 2003, jou a sou ki Konsèy Federal la nan Federasyon an Basketball Italyen dekrè radyasyon an nan Virtus ak esklizyon li yo soti nan tout chanpyona nasyonal pou sezon an 2003/2004: pozisyon nan Sani Bečirovič rete san rezoud.

Sani Bečirovič, isit la nan Panathinaikos Jersey

Fayit antrepriz la nan Virtus se evite pa entèvansyon an nan antreprenè a Claudio Sabatini (ansyen òganizatè nan Futurshow la ), ki moun ki rezoud tout dèt yo nan konpayi an, jwenn liberasyon an nan kreditè ak pran plis pase konpayi an soti nan Madrigali kèk jou anvan odyans lan devan fayit Jij la. Sabatini, ki pral revele aktivis konsiderab depi nan kòmansman an, tou achte konpayi an Progresso (ki soti nan Castel Maggiore , yon vil nan aryè Bolòy la), militan nan chanpyona nan Legadue (divizyon ki pi ba nan seri A) ak patwone li ak mak la "FuturVirtus ", Konsa garanti kontinwite nan non bèl pouvwa Virtus malgre esklizyon nan chanpyona yo. Nan menm peryòd la yon lòt konpayi te fèt, Virtus 1934, ki anrejistre nan chanpyona B1, ki de ane pita demenaje ale rete nan Foligno. FuturVirtus nan 2003/2004 pa rive nan objektif pwomosyon an, bat 3-0 nan seri final faz eliminatwa yo pa Aurora Jesi . Sepandan, pandan ete 2004 la li te jwenn re-afilyasyon ak FIP la ak dwa pou yo sèvi ak non Virtus Pallacanestro, jere, moralman enpòtan, pa dispèse dè milye de fanatik ki te ranpli PalaMalaguti la anvan aksidan an Madrigali. [19]

Nella stagione 2004-2005, Sabatini affida la guida tecnica a Giordano Consolini , storico vice allenatore di Ettore Messina e per questo amato e stimato dal pubblico virtussino. La Virtus, sponsorizzata "Caffè Maxim", conclude la stagione regolare in seconda posizione, dietro all' Upea Capo d'Orlando e si vede costretta ad affrontare i playoff. Trascinata da alcuni giocatori di livello superiore come Mario Boni e Samuele Podestà ed in netta crescita atletica, come Corey Brewer e Bennett Davison , la Virtus ottiene la promozione battendo per 3-0 in finale la Premiata Montegranaro il 3 giugno 2005, rientrando così nel massimo campionato dopo due stagioni.

Il ritorno in Serie A e la finale scudetto

Nel gennaio 2006 la Virtus Bologna Pallacanestro acquista lo sponsor Caffè Maxim, e giunge all'accordo con la ditta di occhiali VidiVici, per la sponsorizzazione fino a fine stagione.

Nel campionato del ritorno alla massima serie la nuova squadra, guidata dal coach macedone Zare Markovski , pur disputando una bella stagione decisamente al di sopra delle aspettative, non partecipa alle Final Four di Coppa Italia ed ai Playoff a causa di spareggi sfavorevoli all'ultima giornata sia del girone d'andata sia del girone di ritorno.

Si registra inoltre un'eccezionale affluenza ed un forte attaccamento del pubblico virtussino ai colori bianconeri, di gran lunga il più numeroso di tutto il panorama cestistico italiano con oltre 7.500 presenze ad ogni partita, ma anche un notevole ringiovanimento della platea sugli spalti del Palamalaguti grazie ad iniziative promosse dalla società rivolte ai ragazzi.

Nel 2006 l'investimento sul settore giovanile per il futuro ha portato inoltre all'acquisizione della gestione del centro sportivo Cierrebi a Bologna dedicato alle attività del minibasket. Le partite delle giovanili saranno con ingresso a pagamento e gli introiti saranno devoluti ad un'associazione benefica di Bologna.

Sempre nello stesso anno, il club, sotto la guida di Claudio Sabatini, ha lanciato un proprio canale, il Virtus Channel , che ha già cominciato a trasmettere eventi in diretta nonché partite del passato; è l'unico canale sportivo monotematico dedicato ad una squadra di pallacanestro in Italia, visibile senza abbonamento sul digitale terrestre, frutto della collaborazione con l'emittente locale È TV , già canale ufficiale della Virtus Bologna.

Il ritorno su livelli di eccellenza è confermato dalla conquista della finale di Coppa Italia al PalaMalaguti, dove la Virtus guidata dal playmaker di esperienza e talento Travis Best , si presenta da seconda della classe in virtù del secondo posto che occupava nella Regular Season, eliminando autoritariamente la Whirpool Varese ai quarti e l' Armani Jeans Milano in semifinale. Il trofeo se lo aggiudica la Benetton Treviso che, al termine di una gara equilibratissima, sconfigge 67-65 i padroni di casa, grazie ad una maggiore precisione ai liberi negli ultimi secondi.

La partecipazione alla Fiba EuroCup, la prima competizione europea a cui la Virtus prende parte dopo l' Uleb Cup del 2003 / 2004 quando partecipò sponsorizzata WWF Italia , è terminata con l'accesso alle FinalFour di Girona e la conquista della terza piazza, sconfitta a sorpresa dagli ucraini dell'Azovmash Mariupol in semifinale ma vittoriosa contro l' Estudiantes nello spareggio per il 3-4º posto.

Dopo aver chiuso la regular season al terzo posto, nei play-off affronta una delle sorprese del campionato, l' Angelico Biella . Dopo aver perso il fattore campo nella prima gara va in vantaggio 2-1, per poi chiudere la serie 3-2. In semifinale, contro l'Olimpia Milano, si presenta una "classica" del basket italiano. La Virtus vince subito in trasferta, ma perde gara 2 in casa. Quindi diventa tutto semplice per la squadra di Markovski, che espugna per la seconda volta consecutiva Milano e poi chiude la serie in casa. La finale, però, è a senso unico a causa della netta superiorità della Montepaschi Siena che concretizza in questa serie lo strapotere dimostrato nella regular season. Finisce 3-0 e solo in gara 3 la Virtus appare in grado di giocare alla pari con i senesi, ma ancora una volta saranno i toscani a spuntarla guidati da Kaukėnas , McIntyre ed Eze .

Nella successiva estate la squadra che aveva conquistato il secondo posto viene completamente rivoluzionata. Rimangono Brett Blizzard, Guilherme Giovannoni , il capitano Fabio Di Bella , Andrea Michelori (il quale, però, verrà a lungo messo fuori rosa per problemi contrattuali, ed esordirà in campionato solo il 27 gennaio) e il centro Andrea Crosariol , al secondo anno di prestito dalla Benetton Treviso . A questi si aggiunge l'esperto Roberto Chiacig , l'ex azzurro Luca Garri e gli americani Delonte Holland , Alan Anderson , Will Conroy e Dewarick Spencer , quest'ultimo MVP nel campionato Francese appena concluso. Cambia anche l'allenatore: passato a Milano l'autore della rinascita della Virtus, Zare Markovski , ecco arrivare Stefano Pillastrini , allenatore noto per la sua capacità di far crescere i ragazzi giovani, ma anche per la sua crescita professionale avvenuta in gran parte sulle panchine delle giovanili della Fortitudo Bologna. Dopo un buon avvio di stagione, la squadra inanella una serie di prestazioni deludenti sia in campionato che in Eurolega che creano altro malcontento nella tifoseria.

Il 21 gennaio, in seguito ad una sconfitta casalinga al supplementare contro Avellino, viene esonerato Stefano Pillastrini . Al suo posto viene ingaggiato Renato Pasquali , già in Virtus dal 1989 al 1993 come assistente di Ettore Messina. In Coppa Italia, le cui Final Eight si disputano a Bologna, la squadra si compatta e riesce a raggiungere la finale, ma perde sul filo di lana contro la rivelazione Avellino.

Dopo aver raggiunto la salvezza solo nelle ultime giornate della stagione 2007-2008 la Virtus, grazie anche allo sforzo economico di Sabatini, costruisce una squadra ambiziosa, portando sotto le Due Torri giocatori come Sharrod Ford , Earl Boykins , Keith Langford e Jamie Arnold . Arrivano anche Dušan Vukčević (di ritorno dopo una stagione a Milano ), e Alex Righetti , giocatore di grande esperienza nel basket italiano. Viene inoltre ingaggiato Petteri Koponen , promettente play finlandese. Nel roster virtussino vengono riconfermati i soli Giovannoni, Blizzard e Chiacig.

Dopo un avvio di stagione lanciato con tre vittorie in altrettante partite, la squadra perde consecutivamente le seguenti due partite. Sabatini decide allora di esonerare Renato Pasquali e di chiamare in panchina il miglior tecnico 2007-2008, Matteo Boniciolli [20] . La V nera comunicherà poi l'ingaggio al posto di Jamie Arnold di Reyshawn Antonio Terry , proveniente da Soresina , ex-Nba che in legadue stava viaggiando con medie interessanti [21] . Il 22 febbraio arriva alla finale di Coppa Italia persa 69-70 contro il Montepaschi Siena. A fine aprile la società organizza la Final Four di EuroChallenge , la Virtus dopo aver vinto la semifinale contro i ciprioti del Proteas Limassol vince la finale sui francesi dello Cholet Basket per 77-75, riportando così in Italia un trofeo europeo dopo sette anni. Keith Langford viene nominato Mvp della finale [22] . Ma la squadra sprofonda in campionato perdendo le ultime cinque partite precipitando dal secondo al quinto posto. I playoff vengono quindi giocati col fattore campo sfavorevole e la Virtus si arrende 3-2 alla Benetton Treviso. Dopo questa sconfitta Sabatini mette in vendita la società, esonera l'allenatore Boniciolli, rompe col gm Luchi e soprattutto mette sul mercato la bandiera bianconera, il capitano Giovannoni.

Durante l'estate lasciano la Virtus Bologna anche gli altri giocatori facenti parte dell'organico 2008-2009 con le sole eccezioni di Brett Blizzard, Petteri Koponen, Dušan Vukčević e Alex Righetti. Sabatini richiama il gm della promozione Faraoni e decide di affidare la guida della squadra a Lino Lardo . Nel corso dell'estate arrivano a Bologna Michele Maggioli , Diego Fajardo , Vikt'or Sanik'idze , LeRoy Hurd , David Moss e Andre Collins . Il 4 settembre 2009 la squadra è colpita da un grave lutto per la scomparsa di Gian Luigi Porelli storico presidente del club. Nel corso della preparazione in vista della Supercoppa Italiana , Andre Collins si infortuna e la società è costretta a tornare sul mercato ingaggiando il play Scoonie Penn . Il 4 ottobre 2009 la Virtus Bologna scende in campo contro la Montepaschi Siena campione d'Italia in carica. I toscani vinceranno l'incontro 87-65. Dopo undici partite i bianconeri sono a quota 12 punti con sei vittorie e cinque sconfitte. Il 17 dicembre 2009 la squadra è colpita da un nuovo lutto, questa volta per la prematura scomparsa del giocatore Paolo Barlera . In seguito al rientro di Andre Collins la società saluta Scoonie Penn che torna ai greci dell' Olympiacos . La Stagione prosegue tra alti e bassi, ma la squadra perde per infortunio Petteri Koponen, proprio nel momento clou della stagione. I bianconeri chiudono il campionato al quinto posto e ai playoff arrivano sino a gara-5 contro Pallacanestro Cantù , perdendo però la serie per 3-2.

Durante l'estate lasciano Bologna Michele Maggioli , David Moss , Diego Fajardo , LeRoy Hurd , Alex Righetti , Andre Collins , Kristjan Kangur e Aaron Jackson . Lascia inoltre il capitano Dušan Vukčević . Vengono confermati Petteri Koponen , promosso capitano, Vikt'or Sanik'idze e Riccardo Moraschini . A formare il roster per la nuova stagione arrivano a Bologna Valerio Amoroso , Giuseppe Poeta , Marcelus Kemp , Jared Homan , Kennedy Winston , Niccolò Martinoni e Deividas Gailius . La nuova stagione inizia con una sconfitta per 82-64 nella finale di Supercoppa Italiana sul parquet della Montepaschi Siena. In campionato, dopo un buon avvio gli infortuni di Sanikidze e Winston frenano la squadra. Sul mercato dopo il prestito di Marcelus Kemp ai turchi del Beşiktaş Istanbul e di Riccardo Moraschini all' Angelico Biella , alla Virtus arriva KC Rivers . Il punto più basso della stagione è a Torino, nelle Final Eight di Coppa Italia dove la squadra viene sconfitta 73-82 dalla Sutor Montegranaro. I bianconeri conquistano comunque l'accesso ai playoff anche se in ottava posizione (che vale la sfida contro i campioni d'Italia di Siena). Dopo le prime due partite la Virtus è sotto 2-0 (gara1 persa malamente, gara2 combattuta) ma si riscatta in gara3 sconfiggendo per 74-68 la corazzata del Montepaschi Siena. In gara4 comunque arriva la sconfitta per 62-81 con conseguente eliminazione.

Anni 2010: la prima retrocessione ed il ritorno in Europa

Dopo il divorzio consensuale con Lino Lardo , vengono confermati Gailius, Koponen, Homan, Sanikidze, Martinoni e Poeta. Nel mese di giugno vengono annunciati gli arrivi di Alessandro Finelli come capo-allenatore (fatto che porta alle dimissioni del presidente Bertocchi), del playmaker Terrel McIntyre e il rinnovo col gm Faraoni. Arrivano poi anche Angelo Gigli e Chris Douglas-Roberts . L'inizio della stagione vede le vittorie nei match casalinghi con Roma e Cremona alternate dalle sconfitto ad Avellino e Milano. Il clima in squadra non è comunque dei migliori e arrivano le dimissioni di Marco Sodini da vice-allenatore. In seguito, dopo un acceso diverbio con coach Finelli, viene rescisso il contratto con Homan. Dopo la sconfitta di Teramo e un successivo striscione di malcontento dei tifosi, Sabatini annuncia che la società è in vendita. Dopo la vittoria casalinga con Varese vengono ingaggiati Luca Vitali e Kris Lang .

Giunta quinta alla fine della regular season, dopo essersi tolta la soddisfazione di aver battuto anche a Siena la Mens Sana, divenendo l'unica ad averla battuta in entrambe le occasioni in ogni torneo dell'anno in corso, la squadra si è però dovuta arrendere (0-3) al Banco di Sardegna Sassari, sconfitta, sia in gara 2 che gara 3, da un tiro scoccato a pochi centesimi di secondo dalla sirena finale. In estate, il presidente Sabatini annuncia che le quote societarie saranno cedute ad una fondazione di imprenditori per fare in modo che la società non possa più fallire. Il 6 luglio viene annunciato che il 99,9% delle quote è stato ceduto alla fondazione mentre la parte restante rimane di proprietà della famiglia Porelli.

Nella stagione 2012-2013 la Virtus riparte riconfermando l'asse play-pivot della stagione precedente,cioè Giuseppe Poeta , nominato nuovo capitano, e Angelo Gigli . Deve rinunciare però sia al suo ex capitano Petteri Koponen , andato al Khimki BC , sia a Vikt'or Sanik'idze che ha firmato per la Mens Sana Basket . Per sostituirli, e per sostituire anche Chris Douglas-Roberts che ha affermato di voler firmare un contratto NBA , la Virtus punta su Steven Smith , proveniente dal Panathinaikos Basketball Club , Kenny Hasbrouck e Ricky Minard , che aveva chiuso la stagione precedente alla Junior Casale Monferrato . Dalla panchina daranno il loro apporto: Richard Mason Rocca , ingaggiato in estate dall' Olimpia Milano , e alcuni giovani già sotto contratto con la squadra bianconera: Viktor Gaddefors , Riccardo Moraschini , Jakub Parzeński e il classe '94 Matteo Imbrò .
La Virtus parte bene, vincendo le prime tre partite contro Vanoli Cremona , Sutor Basket Montegranaro e la corazzata Olimpia Milano ma, senza Steven Smith, perde la quarta in casa contro Pallacanestro Varese .
La Virtus termina il girone d'andata all'undicesimo posto, con sei vittorie e nove sconfitte, e per questo motivo non si qualifica per le Final Eight di Milano.

Dopo l'ennesima sconfitta, contro Pallacanestro Biella , ultima in classifica, viene esonerato Alessandro Finelli : al suo posto viene chiamato Luca Bechi . Dopo alcune settimane la Virtus trova il sostituto di Minard, Jacob Pullen , proveniente dall' Hapoel Jerusalem BC . L'esordio dell'ex Biella dà subito una scossa alla squadra, che torna alla vittoria contro Reggio Emilia dopo dieci sconfitte nelle ultime dodici; grande protagonista proprio Jacob Pullen con 22 punti.

Il 6 maggio 2013 Renato Villalta diviene il nuovo presidente della Virtus Pallacanestro Bologna, subentrando al dimissionario Marchesini, mentre Piergiorgio Bottai diventa amministratore delegato al posto di Claudio Sabatini . Dal 13 giugno 2013 Bruno Arrigoni in precedenza direttore sportivo della Pallacanestro Cantù subentra a Massimo Faraoni. [23]

Come allenatore viene confermato Luca Bechi. Il primo acquisto è Dwight Hardy , guardia del 1986 in Italia dal 2011–12, dove a Pistoia in Legadue risultò miglior marcatore della stagione regolare e MVP del campionato. È poi la volta di Shawn King , Brock Motum e Matt Walsh . Arriva a completare il roster il pivot giamaicano Jerome Jordan , una breve esperienza in NBA nei Knicks. A fianco dei nuovi acquisti troviamo Aristide Landi , che Villalta ha convinto a rimanere, dopo il riscatto completo dalla Mens Sana, Matteo Imbrò , promosso capitano, Viktor Gaddefors e Simone Fontecchio .

La Virtus conclude al 13º posto, a pari punti con Cremona, precedendola solo in virtù del miglior quoziente punti, si guadagna una posizione rispetto all'annata precedente, ma chiaramente il bilancio non può essere positivo. Si era partiti per centrale l'ingresso nella Final Eight di Coppa Italia e nei playoff ed entrambi gli obiettivi non sono stati centrati. [24] [25] [26]

Nella stagione 2014-2015 la Virtus si presenta ai nastri di partenza con un roster completamente rivoluzionato, ma sempre guidato da Giorgio Valli . Rispetto alla passata stagione non ci sono più Gaddefors, [27] Motum, [28] Jordan, [29] Warren, [30] Matt Walsh , [31] King, [32] Pecháček, [33] Hardy, [34] Ebi [35] Gli unici confermati dalla passata stagione sono Matteo Imbrò e Simone Fontecchio , i quali vengono affiancati da importanti acquisti come Allan Ray , Jeremy Hazell e Okaro White . La Virtus chiuderà ottava in stagione regolare e verrà successivamente eliminata da Milano per 3-0.

La prima retrocessione sul campo

Nella stagione 2015-2016 la Virtus viene sponsorizzata Obiettivo Lavoro, e tra i suoi principali giocatori spicca Dexter Pittman , pivot americano che in carriera ha vinto anche un titolo NBA con i Miami Heat . La stagione è però caratterizzata dal grave infortunio al capitano, nonché miglior giocatore, Allan Ray. La società va immediatamente sul mercato, acquistando prima Courtney Fells e poi Kenny Hasbrouck , i quali non riescono però a sostituire adeguatamente il capitano infortunato. Al termine della regular season la squadra si classifica 16ª e ultima, destinata quindi alla retrocessione nella serie inferiore. È la prima retrocessione sul campo nella storia della Virtus.

L'immediata promozione

Nell'estate 2016, il presidente Alberto Bucci comunica le ovvie dimissioni di Valli e l'acquisto dell'allenatore livornese Alessandro Ramagli , come nuovo head coach della Virtus. Bucci e Ramagli, assieme al general manager Julio Trovato, costruiscono una squadra di buon livello per la categoria, capitanata da Andrea Michelori , supportato da importanti veterani come Guido Rosselli e Klaudio Ndoja ; come americani vengono scelti la guardia tiratrice Michael Umeh e il lungo versatile Kenny Lawson .

Nel corso della stagione si verifica anche un avvicendamento nella proprietà; l'imprenditore trevigiano Massimo Zanetti , proprietario di Segafredo , che è anche sponsor della squadra, diviene socio di maggioranza in società. Inoltre vengono fatti importanti acquisti in vista dei playoff, quali il lungo Davide Bruttini e la guardia Stefano Gentile .

Dopo essere stata a lungo prima in classifica nel girone Est, la Virtus chiude seconda la regular season dietro Treviso e il 19 giugno 2017 vince i play-off della serie A2, battendo in finale la Pallacanestro Trieste per 3-0, facendo così ritorno nella massima serie. Durante i playoff le Vu Nere cambiano anche campo di gioco, tornando dopo oltre vent'anni allo storico PalaDozza .

Ritorno in Serie A1

Nel primo anno dopo la retrocessione, la società ha confermato il coach acquistando Pietro Aradori e Alessandro Gentile . La squadra ha giocato la stagione in alti e bassi dovuti alla inesperienza sia del coach sia dei giocatori. Nonostante ciò si qualifica per le Final Eight di Coppa Italia ma viene eliminata al primo turno. Alla fine del campionato non riesce a qualificarsi ai playoff di campionato.

La vittoria della Basketball Champions League

La nuova stagione inizia con cessioni e arrivi sia a livello dei giocatori sia dei dirigenti. Infatti è stato nominato amministratore delegato l'esperto Alessandro Dalla Salda. Inoltre chiuso il rapporto con coach Alessandro Ramagli e sostituito da Pino Sacripanti dalla Società Sportiva Felice Scandone , ciò attribuisce esperienza alla panchina. Per quanto riguarda il roster, la società ha subito importanti perdite come Alessandro Gentile , Stefano Gentile e Klaudio Ndoja . Queste perdite sono state cancellate grazie ad acquisti di giocatori di spessore come Tony Taylor e Kevin Punter . Lo sforzo della società ha contribuito a costruire una buona squadra che ha poi mostrato il suo potenziale nella prima partecipazione, dopo 10 anni, alla Basketball Champions League , torneo che infatti viene vinto il 5 maggio 2019 ad Anversa contro la Iberostar Tenerife , in una partita decisa dalle grandi giocate di Kevin Punter e dal canestro che ha chiuso la partita da parte di Mario Chalmers.

Anni 2020

Durante la stagione 2019/2020 la Virtus in campionato mantiene la prima posizione dall'inizio della stagione fino alla prematura fine del campionato a causa della pandemia di COVID-19 . In Eurocup durante la stagione, anch'essa interrotta, arriva alle Top 16.

All'inizio della stagione 2020/2021 la Virtus arriva alla finale della Supercoppa italiana ma perdendo contro l'Olimpia Milano. Nella stagione regolare, nella quale finirà terza, ha ottimi risultati fuori casa (solo 2 sconfitte contro Brindisi e Milano) ma non altrettanto in casa (50% di vittorie). Nei playoff, la Virtus domina con un record di 10-0 a scapito prima di Treviso, poi di Brindisi ed in finale contro Milano, riportando lo scudetto a Bologna dopo esattamente 20 anni dall'ultimo. Miloš Teodosić viene nominato MVP della serie finale [36]

In Coppa Italia viene eliminata agli ottavi di finale da Venezia.

Cronistoria

Cronistoria della Virtus Pallacanestro Bologna



Ottavi di finale diCoppa dei Campioni .
Ottavi di finale di Coppa Italia .
Quarti di finale di Coppa Italia .
Quarti di finale di Coppa Italia .

Ottavi di finale di Coppa Italia .
Quarti di finale di Coppa Italia .
Quarti di finale di Coppa Italia .
VINCITORE COPPA ITALIA PALLACANESTRO.png Vince la Coppa Italia (1º titolo) .
Quarti di finale di Coppa delle Coppe .
Semifinali di Coppa Korać .
Primo turno diCoppa dei Campioni .
Finale di Coppa delle Coppe .
Semifinali di Coppa delle Coppe .
Semifinali diCoppa dei Campioni .

Finale diCoppa dei Campioni .
Semifinali di Coppa delle Coppe .
VINCITORE COPPA ITALIA PALLACANESTRO.png Vince la Coppa Italia (2º titolo) .
Quarti di finale di Coppa Italia .
Semifinali diCoppa dei Campioni .
Quarti di finale di Coppa Italia .
Quarti di finale di Coppa Italia .
Ottavi di finale di Coppa Italia .
Quarti di finale di Coppa Korać .
VINCITORE COPPA ITALIA PALLACANESTRO.png Vince la Coppa Italia (3º titolo) .
VINCITORE COPPA ITALIA PALLACANESTRO.png Vince la Coppa Italia (4º titolo) .
Coppacoppe.png Vince la Coppa delle Coppe (1º titolo) .

Quarti di finale di Coppa Italia .
Quarti di finale di Coppa delle Coppe .
Semifinali di Coppa Italia .
Quarti di finale di Coppa dei Campioni .
Finale di Coppa Italia .
Quarti di finale di Coppa dei Campioni .
2ª al McDonald's Open .
3ª in Coppa Italia .
Quarti di finale di Coppa dei Campioni .
Quarti di finale di Coppa Italia .
Quarti di finale di Coppa dei Campioni .
2ª al McDonald's Open .
Supercoppa di pallacanestro.svg Vince la Supercoppa italiana (1º titolo) .
3ª in Coppa Italia .
Ottavi di finale di Coppa dei Campioni .
VINCITORE COPPA ITALIA PALLACANESTRO.png Vince la Coppa Italia (5º titolo) .
Ottavi di finale di Coppa dei Campioni .
Finale di Supercoppa italiana .
Semifinali di Coppa Italia .
Icona Euroleague.png Vince l' Eurolega (1º titolo) .
Finale di Supercoppa italiana .
VINCITORE COPPA ITALIA PALLACANESTRO.png Vince la Coppa Italia (7º titolo) .
Finale di Eurolega .
Finale di Supercoppa italiana .
Finale di Coppa Italia .
Finale di Coppa Saporta .

Finale di Supercoppa italiana .
VINCITORE COPPA ITALIA PALLACANESTRO.png Vince la Coppa Italia (7º titolo) .
Icona Euroleague.png Vince l' Eurolega (2º titolo) .
Semifinali di Supercoppa italiana
VINCITORE COPPA ITALIA PALLACANESTRO.png Vince la Coppa Italia (8º titolo) .
Finale di Eurolega .
  • 2002-2003 · 14ª in Serie A , Nuvola actions cancel.png non si iscrive alla stagione successiva per decisione della Federazione Italiana Pallacanestro che ne decreta la radiazione e la conseguente esclusione.
Finale di Supercoppa italiana .
Top 16 di Eurolega .
Regular season di ULEB Cup .
  • 2004-2005 · 2ª in Legadue , vince i play-off promozione, Green Arrow Up.svg promossa in serie A .
Semifinali di Coppa Italia di Legadue .
Finale di Coppa Italia .
3ª in FIBA EuroCup .
Finale di Coppa Italia .
Regular season di Eurolega .
Finale di Coppa Italia .
Coppa del Campionato di Pallacanestro.png Vince l' EuroChallenge (1º titolo) .
Finale di Supercoppa italiana .
Finale di Coppa Italia .

Finale di Supercoppa italiana .
Quarti di finale di Coppa Italia .
Quarti di finale di Coppa Italia .
Vince la Coppa Italia LNP (1º titolo) .
Quarti di finale di Coppa Italia .
Semifinali di Coppa Italia .
Vince laChampions League (1º titolo) .
Finale di Coppa Intercontinentale .
Quarti di finale di Coppa Italia .
Top 16 di Eurocup . [38]

Finale di Supercoppa italiana .
Quarti di finale di Coppa Italia .
Semifinali di Eurocup .

Partecipazione ai campionati

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Divisione Nazionale 3 1935 1936-1937 78
Serie A 38 1937-1938 2020-2021
Elette 10 1955-1956 1964-1965
Serie A1 27 1974-1975 2000-2001
Prima Divisione 1 1934 4
Legadue 2 2003-2004 2004-2005
Serie A2 1 2016-2017

Partecipazione alle coppe nazionali

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Coppa Italia 37 1968 2021 48
Coppa Italia di Legadue 1 2005
Coppa Italia LNP 1 2017
Supercoppa Italiana 9 1995 2020

Partecipazione alle coppe europee

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Euroleague Basketball 161976-1977 2007-2008 32
Coppa delle Coppe 7 1974-1975 1999-2000
Coppa Korać 2 1975-1976 1987-1988
Eurocup 3 2003-2004 2020-2021
EuroChallenge 2 2006-2007 2008-2009
Basketball Champions League 12018-2019

Colori e simboli

Villalta , coach Hill e Richardson con la canotta della Knorr Bologna per la stagione 1988-1989

I colori della Virtus sono, fin dalla fondazione, il bianco e il nero , e per le divise da gioco tali colori sono rimasti invariati fino ad oggi, in tutte le competizioni e con qualunque sponsor. Quasi sempre la maglia casalinga è bianca con risvolti e inserti neri, mentre quella da trasferta nera con risvolti e inserti bianchi.

Fanno eccezione le divise degli anni '60, giallo-verdi nel periodo del primo abbinamento Knorr , e rosso-azzurre in occasione dell'abbinamento Candy , da cui manca anche la classica Vu nera. Dal 1970 i colori sono tornati definitivamente al bianco-nero.

Tra le ultime piccole concessioni ai colori dello sponsor vi è stata quella per il marchio Kinder (sponsor ufficiale dal 1996 al 2002, scritto in rosso con la "K" nera): solitamente la divisa aveva inserti di colore rosso, sui fianchi o sui risvolti. Per la Final Four di Supercoppa italiana del 2000 a Siena, la Virtus ha indossato una divisa rossa con sfumature nere. [39]

Il 2 aprile 2006 la Virtus sponsorizzata Vidivici gioca infine con una divisa interamente rosa, in onore dei 110 anni della Gazzetta dello Sport : [39] l'esperimento piace alla società, tanto che viene ventilata l'idea di renderla la terza divisa ufficiale, [40] poi mai attuata.

La "Vu nera"

Il simbolo è sempre stato la lettera V , nera su sfondo bianco (o bianca su sfondo nero nella tenuta da trasferta).

Prima che la Virtus Pallacanestro Spa si rendesse autonoma dalla polisportiva SEF Virtus , il simbolo conteneva anche quattro effe disposte a croce, iniziali di Forte , Franco , Fermo e Fiero , le quattro virtù del vero sportivo.

Con l'esordio, nel 1934, in 1ª Divisione, la Virtus presenta sulle maglie un simbolo costituito da una V sovrastante una B. [41]

Negli anni quaranta il simbolo presente sulle divise era solitamente una semplice V dagli spigoli molto acuminati; a partire dalla stagione 1953/54 la Virtus Minganti presenta sulle maglie una V dall'aspetto vero e proprio di un carattere tipografico con grazie (occasionalmente utilizzato però anche in precedenza, ad esempio nella stagione 1939-40), mantenuto poi per tutti gli anni sessanta e settanta. Il passaggio tra i due tipi di simbolo non è netto, in quanto nella stagione 1958/59, ad esempio, sulla divisa si ripresenta la V più semplice.

Dopo il 1984 è stata aggiunta la stella d'oro , simbolo del decimo scudetto: prima essa era apposta separatamente sul petto; con la stagione 1988/89 la Vu nera sovrastata dalla stella è stata racchiusa in un cerchio, ottenendo un logo dalle linee più arrotondate. I due bracci della V non sempre sono stati simmetrici: a metà anni novanta la V era più simile al carattere tipografico , con il braccio sinistro spesso e quello destro sottile.

Logo-Virtus.png
Cronologia degli sponsor ufficiali

Impianti di gioco

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: PalaDozza e Unipol Arena .
Il Madison di Piazza Azzarita [42]

Dalla sua fondazione, la Virtus ha avuto diversi impianti di gioco. Ognuno di essi è stato più di un semplice campo, piuttosto una vera e propria "casa" delle Vu nere , segnando, nel periodo in cui è stato utilizzato, una diversa epoca della lunga storia della società:

Tifoseria

Storia

Storicamente, per molti anni i tifosi della Virtus si contraddistinsero per l'appartenenza alle sfere borghesi e più abbienti della città: perciò il tifo bianconero era considerato non solo elitario, ma anche esigente in termini di risultati sportivi.

Tale contesto aveva delle ragioni pratiche ed economiche: assistere agli incontri della Virtus era estremamente costoso e, in molti casi, era comunque difficile trovare posti liberi, dato che i tifosi rinnovavano i loro abbonamenti per diversi anni di seguito. La Virtus, d'altro canto, sotto la presidenza Porelli fondò i propri successi anche sull'ingente apporto economico assicurato ogni stagione dai fedeli abbonati.

Nel 1979 naquero i Forever Boys, primo gruppo ultras del tifo bianconero.

Gemellaggi e rivalità

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Derby di Bologna .

La rivalità più sentita dai tifosi bianconeri è quella con l'altra squadra cittadina, la Fortitudo Bologna , con la quale disputa il derby di Bologna . La rivalità ha avuto il suo apice negli anni novanta quando le due squadre, guidate da Predrag Danilović e Carlton Myers , lottavano ai vertici in Italia e in Europa.

Altre rivalità parecchio sentite dal pubblico virtussino sono quelle con la Victoria Libertas Pesaro e l' Olimpia Milano , l'unica squadra ad aver vinto più scudetti della Virtus, ma anche con Cantù , Benetton Treviso , Varese e Reggiana . Alla fine degli anni 2000 è nata una rivalità anche con la Mens Sana Siena . Mentre negli ultimi anni una rivalità piuttosto sentita è tornata ad essere quella con Pistoia , in uno scontro definibile come "Derby dell'Appennino" e con Brindisi a seguito del gemellaggio dei pugliesi con i rivali di Pesaro . Notevole anche la quella con la Juvecaserta , a causa dello storico gemellaggio tra la tifoseria casertana e quella bolognese della Fortitudo Bologna .

Roster 2021-2022

Aggiornato al 10 agosto 2021.

Virtus Pallacanestro Bologna 2021-2022
Giocatori Staff tecnico
N. Naz. Ruolo Nome Anno Alt. Peso
0 Italia C Tessitori, Amedeo Amedeo Tessitori 1994 207 cm 107 kg
3 Italia G Belinelli, Marco Marco Belinelli 1986 196 cm 100 kg
6 Italia P Pajola, Alessandro Alessandro Pajola 1999 194 cm 95 kg
7 Bosnia ed Erzegovina Italia AG Alibegović, Amar Amar Alibegović 1995 206 cm 109 kg
8 Stati Uniti AG Hervey, Kevin Kevin Hervey 1996 207 cm 104 kg
9 Nigeria Stati Uniti C Udoh, Ekpe Ekpe Udoh 1987 208 cm 111 kg
11 Italia P Ruzzier, Michele Michele Ruzzier 1993 183 cm 80 kg
14 Francia C Jaiteh, Mouhammadou Mouhammadou Jaiteh 1994 211 cm 113 kg
17 Italia G Ceron, Marco Marco Ceron 1992 195 cm 100 kg
34 Stati Uniti AP Weems, Kyle Kyle Weems 1989 198 cm 100 kg
44 Serbia P Teodosić, Miloš Miloš Teodosić 1987 196 cm 90 kg
55 Italia AP Abass, Awudu Awudu Abass 1993 198 cm 98 kg
Italia Stati Uniti P Mannion, Niccolò Niccolò Mannion 2001 188 cm 86 kg
Allenatore
Assistente/i

Legenda
  • Injured Infortunato

Roster

Staff tecnico

Record e statistiche

Di squadra

Logo-Virtus.png
Statistiche generali

Campionato italiano

  • Stagioni in Serie A : 78
  • Partite disputate: 2483
  • Partite vinte: 1623
  • Partite perse: 860
  • Partite pareggiate: 2
  • Percentuale di vittorie: 65,36%

[2]

Coppe italiane

  • Partite disputate: 180
  • Partite vinte: 123
  • Partite perse: 57
  • Percentuale di vittorie: 68,33%

[3]

Coppe europee

  • Partite disputate: 483
  • Partite vinte: 309
  • Partite perse: 174
  • Percentuale di vittorie: 63,48%

[4]

Logo-Virtus.png
Record [43]

Positivi

  • Striscia vincente più lunga: 21 partite (2000/01)
  • Massimo punteggio realizzato: 122 (Buckler Bologna-Viola Reggio Calabria dell'11/02/1996)
  • Minimo punteggio subito: 11 (Virtus Bologna-Reyer Venezia del 14/11/1948) [44]
  • Massimo scarto attivo: +55 (Virtus Bologna-Zoppas Gorizia del 03/12/1961)

Negativi

  • Striscia perdente più lunga: 12 partite (1971/72)
  • Minimo punteggio realizzato: 16 (Virtus Bologna-Reyer Venezia del 14/11/1948)
  • Massimo punteggio subito: 123 (Hitachi Venezia-Dietor Bologna del 20/03/1988)
  • Massimo scarto passivo: -45 (Tropicali Pesaro-Norda Bologna del 14/03/1971)

Pubblico

  • Record di presenze: 9.291 spettatori (Segafredo Bologna-Kontatto Bologna del 6/01/2017 - Serie A2)
  • Record di incasso: 381.468 € (Segafredo Bologna-Pompea Bologna del 25/12/2019) [44]

Statistiche aggiornate alla stagione 2020/2021 [45] .

Giocatori

Brunamonti, il più grande secondo i tifosi [46]
Logo-Virtus.png
Top statistici dalla stagione 1975/76 [47]

Dati aggiornati alla stagione 2020/2021 [45]

Allenatori

Logo-Virtus.png
Gli allenatori della Virtus (vinte-perse)

Dati aggiornati alla stagione 2020/2021 [45] .

Presidenti

Logo-Virtus.png
I presidenti della Virtus [49]
  • 1940: Italia Carlo Fischer
  • 1946-47: Italia Mario Negroni
  • 1948-1950: Italia Giuseppe Miliani
  • 1951-1952: Italia Elio Vancini
  • 1952-1957: Italia Agostino Mezzetti
  • 1957-1959: Italia Raffaello Zambonelli
  • 1959: Italia Ettore Casella
  • 1959-1960: Italia Giorgio Neri (commissario straordinario)
  • 1960-1961: Italia Giuseppe Gazzoni Frascara (commissario straordinario)
  • 1961: Italia Giorgio Neri (commissario straordinario)
  • 1961-66: Italia Galeazzo Dondi Dall'Orologio
  • 1966-68: Italia Raffaello Zambonelli
  • 1968-71: Italia Gian Luigi Porelli
  • 1971-76: Italia Fiero Gandolfi
  • 1976-78: Italia Raffaele Lenzi
  • 1979-1983: Italia Achille Canna
  • 1983-1984: Italia Gino Galletti
  • 1984-1989: Italia Gian Luigi Porelli
  • 1989-1990: Italia Paolo Francia
  • 1990: Italia Paolo Gualandi
  • 1990-1991: Italia Paolo Francia
  • 1991-2000: Italia Alfredo Cazzola
  • 1996: Italia Alberto Bucci
  • 2000-2003: Italia Marco Madrigali
  • 2003-2004: Italia Claudio Sabatini
  • 2004-2011: Italia Romano Bertocchi
  • 2011-2013: Italia Alberto Marchesini
  • 2013-2015 : Italia Renato Villalta
  • 2015-2016 : Italia Francesco Bertolini
  • 2016-2019 : Italia Alberto Bucci
  • 2019-presente : Italia Giuseppe Sermasi

Palmarès

Competizioni nazionali

1945-46 , 1946-47 , 1947-48 , 1948-49 , 1954-55 , 1955-56 , 1975-76 , 1978-79 , 1979-80 , 1983-84 Star*.svg
1992-93 , 1993-94 , 1994-95 , 1997-98 , 2000-01 , 2020-21
1973-74 , 1983-84 , 1988-89 , 1989-90 , 1996-97 , 1998-99 , 2000-01 , 2001-02
1995
2016-17
2017
1934

Competizioni europee

1997-98 , 2000-01
1989-90
2008-09
2018-19

Settore giovanile

Under 19 (Juniores) : 1972, 1982, 1986, 1988, 2010, 2012, 2013
Under 18 : 2017
Under 17 (Cadetti) : 1984, 1985, 1990, 1991, 1999, 2008, 2012, 2014
Under 15 (Allievi) : 1966, 1989, 1993, 1995
Propaganda : 1981
Under 14 : 2015

Finali disputate

Campionato Italiano

Coppa Italia

Supercoppa Italiana

Coppa dei Campioni (Eurolega)

Coppa delle Coppe

Coppa Intercontinentale

Partecipazioni al McDonald's Open

1993, 1995

Numeri ritirati

Renato Villalta, la bandiera [50]

Sono tre i numeri ad essere stati ritirati nella storia delle Vu Nere. Il primo in ordine cronologico è stato il numero 4 di Roberto Brunamonti , nel 1997. In seguito, è stato il turno di Renato Villalta , il cui numero 10 è stato ritirato nel 2005. Infine, il 2 marzo 2014, è stato ritirato anche il numero 5 di Predrag Danilović .

Cestisti

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Cestisti della Virtus Bologna

Note

  1. ^ Socio di maggioranza.
  2. ^ 1927/28 :: Virtuspedia , su www.virtuspedia.it . URL consultato il 21 novembre 2019 .
  3. ^ a b Basket , su sefvirtus.it . URL consultato il 13 giugno 2021 .
  4. ^ Virtuspedia , su virtuspedia.altervista.org . URL consultato il 22-1-2013 .
  5. ^ a b c d Lauro, 1984 .
  6. ^ a b c d Il mito delle Vu nere [ collegamento interrotto ] , in www.virtus.it . URL consultato il 3 febbraio 2009 .
  7. ^ Virtuspedia , su virtuspedia.altervista.org , a cura di Roberto Cornacchia. URL consultato il 3 febbraio 2009 .
  8. ^ Virtuspedia , su virtuspedia.altervista.org , a cura di Roberto Cornacchia. URL consultato il 3 febbraio 2009 .
  9. ^ Virtuspedia , su virtuspedia.altervista.org , a cura di Roberto Cornacchia. URL consultato il 3 febbraio 2009 .
  10. ^ Virtuspedia , su virtuspedia.altervista.org , a cura di Roberto Cornacchia. URL consultato il 3 febbraio 2009 .
  11. ^ a b Virtuspedia , su virtuspedia.altervista.org , a cura di Roberto Cornacchia. URL consultato il 3 febbraio 2009 .
  12. ^ Schiavina, 1999 .
  13. ^ Cronologia di Bologna dal 1900: 1955 , su bibliotecasalaborsa.it , biblioteca.salaborsa.it. URL consultato il 12 febbraio 2009 .
  14. ^ Werther Pedrazzi, Black Nino, grande atleta e creativo dello sfottò , su archiviostorico.corriere.it , CorriereDellaSera.it, 4 gennaio 2008. URL consultato il 12 febbraio 2009 .
  15. ^ Walter Fuochi, Fortitudo quasi scudetto Danilovic implacabile , su ricerca.repubblica.it , La Repubblica.it, 12 giugno 2001. URL consultato il 12 febbraio 2009 .
  16. ^ Flavio Vanetti, Virtus grande slam, lo scudetto dopo l'Europa , in Corriere della Sera.it , 20 giugno 2001. URL consultato il 31 marzo 2009 .
  17. ^ Flavio Vanetti, Virtus grande slam, lo scudetto dopo l'Europa , in Corriere della Sera.it , 20 giugno 2001. URL consultato il 31 marzo 2009 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2016) .
  18. ^ Dan Peterson, Da un grande slam a un altro Consegno lo scettro a Messina , in Gazzetta.it , 21 giugno 2001. URL consultato il 31 marzo 2009 .
  19. ^ Rinasce la cara vecchia Virtus Sabatini continua la lotta per l'A1 , in Repubblica.it , 9 luglio 2004. URL consultato il 31 marzo 2009 .
  20. ^ Boniciolli nuovo coach della Virtus [ collegamento interrotto ] , in CorrieredelloSport.it , 10 novembre 2008.
  21. ^ Antonio Terry sbarca a Bologna [ collegamento interrotto ] , in CorrieredelloSport.it , 29 gennaio 2009.
  22. ^ Pietro Scibetta, Eurochallenge alla Virtus , in gazzetta.it , 26 aprile 2009. URL consultato il 29 aprile 2009 .
  23. ^ Virtus Bologna, Renato Villalta accetta l'incarico di Presidente
  24. ^ [1]
  25. ^ http://bologna.repubblica.it/sport/2014/09/23/news/virtus-96459046/
  26. ^ http://www.bolognabasket.it/bologna/template.aspx?content=articolo.ascx&ID=27371
  27. ^ Viktor Gaddefors firma con gli Stings , su stings.it . URL consultato il 23 agosto 2014 (archiviato dall' url originale il 30 marzo 2017) .
  28. ^ ( EN ) 36ers signs Brock Motum , su adelaide36ers.com . URL consultato il 3 novembre 2014 (archiviato dall' url originale il 26 agosto 2016) .
  29. ^ ( EN ) Brooklyn Nets Sign Jerome Jordan , su nba.com . URL consultato l'11 settembre 2014 .
  30. ^ Willie Warren, il futuro è ai Chongqing Fly Dragon , su sportando.com . URL consultato il 18 settembre 2014 (archiviato dall' url originale il 30 marzo 2017) .
  31. ^ Edirne, colpo Matt Walsh , su sportando.com . URL consultato il 13 agosto 2014 (archiviato dall' url originale il 16 agosto 2014) .
  32. ^ Le Havre, ufficiale la firma di Shawn King , su sportando.com . URL consultato il 22 luglio 2014 (archiviato dall' url originale il 30 marzo 2017) .
  33. ^ Triennale per Adam Pecháček , su pallacanestroreggiana.it . URL consultato il 7 agosto 2014 (archiviato dall' url originale il 30 marzo 2017) .
  34. ^ Trabzonspor, ufficiali le firme di Hardy, Simmons e Velickovic , su sportando.com . URL consultato il 21 giugno 2014 (archiviato dall' url originale il 2 luglio 2014) .
  35. ^ Ndudi Ebi e Sam Hoskin firmano in Egitto con l'Al Zamalek , su sportando.com . URL consultato il 20 ottobre 2014 (archiviato dall' url originale il 23 ottobre 2014) .
  36. ^ Teodosic è l'MVP UnipolSai della Finale Playoff , su web.legabasket.it . URL consultato il 13 giugno 2021 .
  37. ^ Posizione in classifica al momento della sospensione definitiva del campionato a causa della pandemia di COVID-19
  38. ^ Torneo interrotto il 27 aprile 2020, con la Virtus Bologna qualificata ai quarti di finale, a causa dell'emergenza dovuta alla pandemia di COVID-19 del 2020
  39. ^ a b Signori, la Vu en rose
  40. ^ La Virtus e l'omaggio alla rosea
  41. ^ Virtus Bologna STAGIONE 1933/34
  42. ^ bolognabasket.it . URL consultato il 6-2-2009 (archiviato dall' url originale il 12 dicembre 2007) .
  43. ^ Virtuspedia , su virtuspedia.altervista.org . URL consultato il 6 febbraio 2009 .
  44. ^ a b record del campionato italiano
  45. ^ a b c Virtuspedia: classifiche , su virtuspedia.it . URL consultato il 23-9-2017 .
  46. ^ Virtuspedia , su virtuspedia.altervista.org . URL consultato il 5-2-2009 .
  47. ^ Dati Legabasket , su legabasket.it .
  48. ^ Sondaggio di Superbasket , 2005
  49. ^ Virtuspedia: Dirigenti , su virtuspedia.altervista.org . URL consultato il 5-2-2009 .
  50. ^ Virtuspedia , su virtuspedia.altervista.org . URL consultato il 5-2-2009 .

Bibliografia

  • Michele Baccarini, La Virtus siamo noi , Libri di Sport, 2003.
  • Marco Tarozzi (a cura di), I canestri della Sala Borsa - storia e gloria del basket bolognese nel dopoguerra , Minerva, dicembre 2004, ISBN 88-7381-098-5 .
  • Gianfranco Civolani (a cura di), Virtus, Il cammino verso la Stella , Bologna, Renografica, 1984.
  • Gianfranco Civolani, Alberto Bortolotti, I cavalieri della V nera: i 125 anni della SEF Virtus attraverso i suoi campioni , Bologna, Nuova Tempi Stretti, 1996.
  • Gianfranco Civolani, EuroVirtus , Bologna, Fuorithema, 1998, ISBN 978-88-8062-058-7 .
  • Tullio Lauro, Virtus - cinquant'anni di basket , Forte Editore, 1984.
  • Werther Pedrazzi, 3 volte Virtus , Bologna, Libri di Sport, 1995.
  • Enrico Schiavina, Derby! Virtus-Fortitudo, Fortitudo-Virtus - storia di una rivalità senza fine , Bologna, Libri di Sport, 1999, ISBN 978-88-87676-03-7 .
  • Renato Villalta, Il Basket – uno sport che può insegnare , Bologna, Zanichelli, 1990, ISBN 978-88-08-00278-5 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Pallacanestro Portale Pallacanestro : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pallacanestro