Vyolon

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Menm non - "Violonis" refere isit la. Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Violonis (menm non) .
Vyolon
Lady Blunt top.jpg
Lady Blunt , violon an ki te konstwi pa Antonio Stradivari nan 1721
Enfòmasyon jeneral
Orijin Itali
Envansyon XVI syèk
Klasifikasyon 321322-71
Kordofòn konpoze, ak fisèl paralèl ak bwat son an, vout
Fanmi Bra viola
Sèvi ak
Mizik barok
Gallant ak mizik klasik
Mizik Ewopeyen an nan diznevyèm syèk la
Mizik kontanporen
Mizik Folk
Ekstansyon
Vyolon - ekstansyon enstriman an
Jeneyaloji
Antecedents Desandan
barok violon Vyolon elektrik
Mwen tande
Chaconne soti nan pati nan dezyèm pou solo violon, nan D minè, nan pa Johann Sebastian Bach , BWV 1004 ( dosye info )

Violon an se yon enstriman mizik nan fisèl fanmi an , te ekipe ak kat strings branche nan senkyèm entèval . Vyolonis se nenpòt moun ki jwe violon; bòs atizan an ki bati oswa reparasyon li se lutye a .

Li se enstriman an pi piti ak teksti nan sharpest nan mitan manm yo nan fanmi l ' . Fisèl ki pi ba (ak Se poutèt sa nòt la pi ba ka jwenn) se G 3, G a imedyatman anba santral C a nan pyano a (C 4); strings yo lòt yo, yo nan lòd nan frekans, D 4, A 4 ak E 5. Moso yo pou violon lè l sèvi avèk kle violon an (triplet Clef). Lè patikilyèman-wo moute kan nòt ak pasaj yo dwe te jwe, se yon Replik itilize ke konseye pou avanse pou pi nòt yo ki afekte nan pi wo oktav la . Jouk dizwityèm syèk la, sepandan, tou depann de teksti an nan chante sa a, espesifik oswa fragman mizik, te itilize yon gwo kantite kle segondè: bas Clef yon oktav pi wo [1] , kontralto, medzo Soprano , ak franse Clef [2] .

Violonis a ki pi popilè nan tout tan tout tan te yon Italyen, Niccolò Paganini , ki fèt nan Genoa nan 1782 epi li mouri nan Nice nan 1840. Anpil nan mizisyen yo ki pi popilè epi apresye violon nan mond lan yo tou Italyen: nan mitan sa yo, Antonio Stradivari , Giovanni Paolo Maggini , Giovanni Battista Guadagnini epi tou dinasti yo istorik nan Amati nan , Guarneri nan ak Testores nan .

Kòm te fè

Pati pyès sa yo nan violon an

Kèk opinyon sou yon violon

Violon an esansyèlman konsiste de ti bwat la son ak kou a, eleman nan pati a anwo nan ka a; tout pati yo fèt an bwa.

Soundbox nan enstriman an, nan longè tradisyonèl nan 35.6 cm (ant 34.9 ak mwen 36.2 cm ), koub ak fòm konplèks vagman okoumansman de yon uit, se konstitye pa yon soundboard (yo rele tou Harmony avyon), nan Spruce ak yon baz, jeneralman nan erab sikomò , ansanm ak bann an bwa d 'erab koube. Tou de tablo a ak anba a ka fòme nan yon tablo sèl, men trè souvan yo konpoze de de tablo kòt a kòt, apre grenn bwa a. Gwoup Mizik yo cho modle ak yon fè. Retounen ak soundboard yo konvèks ak epesè yo varye, degrade soti nan sant la nan de avyon yo nan direksyon pou kwen ekstèn lan; koub yo elabore yo jwenn ak yon travay rafine nan eskilti (gouging ak rabotaj) nan men yo. Yon milimèt kèk nan kwen an nan soundboard a (ki depas soti nan zo kòt yo) yon Groove jis plis pase yon milimèt lajè se fè mete pòtre nan fè fas a deyò nan soundboard a, ansanm perimèt la tout antye, nan ki yon rim rele fil se eleman; li te fè leve nan twa kouch diferan kalite bwa (jeneralman Ebony - Cherry ). Filet la, nan adisyon a gen yon fonksyon dekoratif (nòmal kabinè- fè travay ki mare grenn bwa a ansanm) ede estabilize nenpòt ki fant "espesyalman nan bor yo anwo ak pi ba pati nan enstriman an, kote bwa a parèt nan tèt la ". [3]

Sèlman de ouvèti ki nan dosye a yo jwenn nan tèt la, de ouvèti rele f ak e paske yo gen fòm nan lèt sa a nan alfabè a nan ekri lèt kouran alamen.

Longitudinal seksyon nan ka a. Tablo ki ap fè fas desann (jan yo wè soti nan fs yo) ak anba a yo. Nan pati gòch la (anwo a) ou ka wè nanm lan, nan pati dwat la (anba a) chèn lan kole sou tab la.

Intern, kole pou apeprè kat setyèm nan longè a manm nan soundboard a, gen chèn lan, yon teren bwa Spruce, ki te travay ak ki gen fòm konsa ke li suiv parfe deviation nan entèn nan tèt la. Li ede distribye presyon an ki te pwodwi pa strings yo tansyon ak favorize pwopagasyon vibrasyon yo ki te pwodwi pa strings yo ansanm avyon an antye Harmony.

Soundboard ak tounen lakay ou yo ki konekte youn ak lòt, menm jan tou pa zo kòt yo, tou pa yon teren silendrik nan pichpen a sou 6 mm an dyamèt, ki rele nwayo a, yo mete andedan kazye a son. Se nwayo a kwense (pa kole) ant tablo a ak do a nan yon pozisyon egzak, tou pre "pye dwat la" nan pon an; li sèvi transmèt vibrasyon nan pati anba a nan enstriman an, epi tou, entèvni pa distribye presyon an egzèse pa fisèl yo sou anba a. Pwezante ki kòrèk la nan nwayo a se esansyèl nan jwenn pi bon kalite son ak balans nan dwa nan ton ak entansite ant 4 strings yo.

Kou a, te fè nan erab, se grefon sou tèt la nan soundbox a, mete fen nan ti bwat la pikèt kwòk avè (oswa pegbox), dekore sou pati a anwo pa yon friz Sur, ki rele Curly. Sou fas a anwo nan manch lan se kole nan klavye , Ebony nan , ki te sou strings yo yo bourade ak dwèt yo.

Detay ak pon ak atachman nan strings yo nan tailpiece la. Remake byen Asimetri a nan deviation pon an, pi ba sou bò a nan fisèl la 1st

Fini yo anwo nan strings yo yo blese alantou pikèt kwòk avè a oswa pikèt, mete nan anklets. Yo sèvi yo detire ak modifye tansyon an ak Se poutèt sa yo itilize yo melodi enstriman an. Fisèl yo pase sou yon sipò nan kòmansman kou a, yo rele nwa a; yo glise pi wo a fenjèrbord a ak rès sou pon an, yon mobil plak vètikal, nan erab bwa, ki transmèt Vibration an nan strings yo nan avyon an Harmony; finalman yo fiks nan Apenndis la, konekte, pa vle di nan yon kab, nan bouton an. Pon an gen de fonksyon: li transmèt vibrasyon yo son nan bwat la son, kote yo anplifye ak reflete, finalman vini soti nan FS yo, epi li kenbe strings yo nan yon pozisyon vout, konsa pèmèt banza a manyen yon sèl fisèl nan yon tan.

Vyolon nan fòm modèn li yo se, nan esans trè ansyen ak atizanal li yo (li pa gen okenn pati metal, apa de strings yo), yon "machin presizyon" nan yon eta de balans delika: fòm yo, eleman yo divès kalite e menm detay yo konstriksyon pi piti, nan adisyon a swen an gwo nan asanble, sòti nan yon aje ki te rete prèske chanje pou plis pase 500 ane. Deviation a nan tèt la ak anba, fòm la nan chèn lan ak fs yo ak epesè a nan Woods yo itilize yo se desizif pou bon jan kalite a ak pèsonalite nan son an nan enstriman an. Li posib tou, an pati, entèvni a posteriori sou paramèt sa yo; deplase eleman yo k ap deplase, tankou nwayo a ak pon, menm pa sèlman yon sèl milimèt, lakòz chanjman evidan: li se sa yo rele "akor" nan enstriman an, fèt yo jwenn karakteristik yo son chache pa violonis la oswa yo optimize pèfòmans lan nan enstriman an.

Ka ak Lerison yo tout yo kouvri ak yon vèni , ki baze sou lwil oliv oswa alkòl , moun rich nan rezin legim ak pigman divès kalite. Luthiers te toujou angaje nan etid la nan resèt fin vye granmoun pou vèni ak nan devlopman nan nouvo, depi vèni fòtman enfliyanse aspè a ayestetik nan enstriman an ak tou kondisyon pèfòmans nan son.

Pati pyès sa yo nan bandeau la

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Sèr .

Banza yo, pi souvan tou senpleman rele banza, se te fè leve nan yon baton trè elastik an bwa, modelize ak dife-koube, nan bout yo nan yo ki (yo rele zòtèy ak talon pye) li se branche, nan yon operasyon teknikman defini "krak" oswa " crinatura ", yon pake nan kren ke chwal gason, [4] ki te fèt chik pa yon mekanis vis rele krapo. Baton nan ka gen yon seksyon sikilè pou tout longè li yo (plis souvan nan ark yo nan gwo valè), oswa yon oktogon seksyon pou plis pase mwatye nan vout la, lè sa a bizote nan pwent an jouk li rive nan seksyon an sikilè. Cheve yo, fwote sou strings yo, fè yo vibre ak pwodwi son. Pou jwenn friksyon ki nesesè pou fè strings yo vibre, violonis la pase kolofan la (souvan yo rele "goudwon") sou cheve a, ki konpoze sitou nan résine melèz ak lòt sibstans ki detèmine posibilite pou krin nan "rete kole" sou fisèl la ak mete l nan Vibration.

Materyèl adopte

Soundboard la, chèn lan, nwayo a ak lòt ti ranfòsman andedan ka a bati ak Spruce ( Picea abies (L.) H. Karst.), Yon bwa limyè, men trè rezistan ak elastik, apwopriye pou transmèt vibrasyon yo, ki pou sa se bi chwazi ak yon grenn dwat ak regilye ( pichpen nan sonorite nan Val di Fiemme ak tou nan forè a Paneveggio nan Trentino yo pi popilè, ak sa yo ki an Valcanale ak Tarvisiano , nan pwovens lan nan Udine, itilize pa syèk pou konstriksyon an nan zouti) . Retounen, kote, kou - souvan tou pon an - yo te fè nan erab Balkan bwa (Acer psedoplatanus L.), yon difisil ak plis "soud" bwa, ki gen travay se a reflete, olye ke transmèt, son an;. pafwa Woods mwens nòb yo tou yo itilize, tankou pye sikren , Beech oswa Willow . Pati pyès sa yo nan ankadreman an - tankou pikèt, nwa, Apenndis, Apenndis, bouton ak manton rès - yo te fè nan bwa zakasya pou fè kabinè, espesyalman Ebony , ROSEWOOD oswa bwi ; nwa ak tailpiece yo pafwa te fè nan zo; klavye a se prèske toujou Ebony; se tailpiece a pafwa te fè nan metal, plastik oswa kabòn. Gen kèk enstriman mizik ansyen yo te fini ak kòn elefan oswa rich marketri, men menm jodi a kèk pati ka fini ak zo oswa mother- nan- pèl enkrustasyon. Séchage nan Woods yo se fondamantal pou bon jan kalite a son ak estabilite nan enstriman an ak Woods yo ki pi sezonman yo trè tap chache apre yo te site.

Detay nan yon vout barok nan bwa koulèv
Konsèy nan banza modèn, premye a nan bwa fè, lòt moun yo nan pernambuco

Strings yo te yon fwa te fè lè l sèvi avèk zantray bèt, espesyalman mouton , lave, trete li woule yo fòme yon moso fil: sa a ki kalite strings, ak kèk adaptasyon teknolojik, yo te itilize jouk mitan- ventyèm syèk la [5] . Strings sa yo toujou souvan itilize nan " filoloji pèfòmans", nan ki itilize nan enstriman mizik ak teknik ap jwe tipik nan tan an nan konpozisyon konstitye youn nan eleman ki k ap gide nan entèpretasyon mizik. Sepandan, strings sa yo gen yon tandans pwononse nan pèdi yo akor kòm yon rezilta nan kondisyon ekstèn (tanperati a ak imidite) ak chofaj la ki te pwodwi pa men jwè a, ap deteryore ak kraze pi fasil pase strings modèn.

A modèn, Re ak G fisèl yo ekipe ak yon nwayo nan fib sentetik ( nilon , rayon , oswa menm kabòn ), oswa zantray, ki te antoure pa yon likidasyon swa , ak toujou kouvri deyò ak yon bann metal mens (asye, aliminyòm, ajan e menm lò) bay yon mas pi gwo nan tout la, konsa tankou pèmèt nòt ki pi ba yo dwe pwodwi pandan y ap kenbe fisèl la san patipri mens. Se fisèl la E (pi wo a, rele cantino a) prèske toujou te fè leve nan yon sèl mens asye Harmony fil. Fisèl yo ak nwayo sentetik yo pi souvan itilize jodi a, depi yo pèmèt yo jwenn yon son entans ak briyan ak pi gwo durability ak estabilite nan akor la. Nan lòt men an, yo degrade pi rapid pase sa yo ki gen yon nwayo zantray. Son fisèl nwayo zantray yo pi pwisan, pi cho ak douser, men pri vant lan pi wo. Chwa a jeneralman fèt sou baz karakteristik enstriman an, itilizasyon li te fè, repètwa yo dwe fè ak preferans endividyèl enstrimantal la.

Bwa yo itilize pou baton an banza se jeneralman ki gen orijin twopikal (sitou bwa a souvan rele pernambuco oswa verzino , Caesalpinia echinata Lam.), Men jodi a fib kabòn ap vin pi plis ak plis popilè kòm yon materyèl nan bon pèfòmans ak pri ki ba pou mwayen an ranje kalite. Nan tan lontan lòt kalite bwa yo te itilize tou, tankou bwa fè (brezilyen pau-ferro , Caesalpinia ferrea C. Mart.) Oswa bwa koulèv ( Brosimum guianense (Aubl.) Huber ex Ducke; sinonim: Piratinera guianensis Aubl.; Nan Franse: "amourette"), tipik nan ark yo nan peryòd la barok. [6]

Dimansyon

Yon violon 1/16 akote yon 4/4

Yon violon tradisyonèlman gwosè rele yon antye oswa 4/4, epi li se gen entansyon pou enstrumantalist ki te reyalize fizik granmoun yo; longè jeneral li se jeneralman 59 cm, pandan y ap estanda pou longè bwat son an se 35.6 cm; dimansyon sa a se yon règleman nan eksperyans yo nan bòs mason yo nan klasik violon fè peryòd la , kote li ka varye soti nan 34 cm (sa yo rele "7/8 violon an") a 38 cm [7] . Antonio Stradivari nan Violton gen yon soundbox plis pase 36.2 cm nan longè nan "eksperimantal" peryòd la (1691-1698), pandan ke yo rezoud ant 35 ak 35,8 nan matirite [8] .

Timoun ki jwe Vyolon yo itilize pi piti enstriman, ki, pandan y ap gen divès pati yo pwopòsyonèlman pi piti, yo fonksyonèl ki idantik ak Vyolon ki menm gwosè ak nòmal yo. Sa yo enstriman mizik yo te fè nan koupe nan twa trimès (ki koresponn a yon longè nan pwatrin nan 32 a 34 cm), mwatye (30 a 32 cm), ak sou sa jiska sèzyèm lan.

Okazyonèlman, yon ti granmoun ka sèvi ak yon Vyolon 7/8 olye de yon gwosè plen; enstriman sa yo, pafwa yo rele "violon fanm", gen yon bwat son 34-35 cm long.

Akoustik

Epesè a nan bwa a ak pwopriyete fizik li yo anpil afekte son an ki te pwodwi pa vyolon an. Entansite a ak tenbr lajman depann sou wout la konpòte li yo bwat son soti nan yon pwen de vi acoustic, dapre modèl yo detèmine pa Alman fizisyen nan Ernst Chladni . Nœuds yo sa yo rele (ki koresponn ak pwen yo kote ki pa gen mouvman), dwe idantifye se pa grenn nan sab yo gaye toupatou sou plak yo pandan ke yo vibre nan frekans sèten, koresponn ak sa yo rele "Chladni modèl la". [9] Pwosedi sa a pou tcheke ak verifye vibrasyon yo epi li se sonorite itilize pa luthiers tcheke travay la anvan ou ranpli tout pèp la nan enstriman an. Konesans nan frekans nan Vibration nan soundboard la ak do a nan yon Vyolon ka, nan lòt men an, ka jwenn teyorikman [10] sou baz karakteristik sa yo nan bwa a, epesè a ak distribisyon li yo nan soundboard la ak nan do a .

Pwodwi pou Telefòn

Manton an rès

Yon modèl manton Guarneri

Plase pi wo a oswa sou bò gòch la nan tailpiece a, ak ancrage pa vle di nan yon bracket metal nan pati anba a nan violon an sou kwen dèyè li yo, rès la manton se yon moso ki gen fòm nan bwa (oswa plastik ), ki te sou violonist la ka repoze l '. manton pandan ke li jwe. Ka Rès la manton dwe fèt nan Ebony , ROSEWOOD , bwi oubyen an plastik.

Envansyon nan rès la manton se akòz Violonis nan Louis Spohr , ki moun ki gaye l 'nan Violinschule li (1832). Malgre sa, se pa tout gwo violonis nan diznevyèm syèk la ki te itilize li.

Dosye a

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: èspalye (mizik) .
Retounen pou Vyolon

Dosye a se yon akseswar detachable fèt an bwa, aliminyòm , fib kabòn oswa plastik. Anjeneral reglabl nan wotè, li se aplike nan bor yo nan pati anba a nan enstriman an pa vle di nan plastik mou oswa kawotchou-kouvwi pye yo. Objektif la nan rès la tounen se yo ki pèmèt yon pwèstans pi konfòtab pou violonis la, bay sipò sou zepòl la ak anpeche enstriman an soti nan glise. Li se yon envansyon relativman resan, epi, byenke itilize li se byen komen nan mitan violonis modèn ak vyolis, li pa inivèsèl adopte. Gen kèk mizisyen, an reyalite, prefere resort nan zepòl eponj eponj, kousinen, twal ki plwaye, elatriye, oswa, pafwa, yo pa entèpose anyen ant zepòl la ak enstriman an.

Bèbè a

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Sordina .
Yon "bèbè lannwit", ki itilize pou etidye san deranje lòt moun

Son violon an ka chanje pa vle di nan bèbè a , yon ti blòk ki ka fèt an kawotchou, bwa oswa metal, epi ki atache ak pon an, anjeneral ant de strings nan D ak A. nan pon an. tèt li, ki lakòz emisyon an nan yon son dous ak pi delika, ak mwens Harmony pi wo a chak nòt ki te jwe. Li se souvan itilize pratike nan yon volim ki pi ba epi tou nan pèfòmans kote yon son plis muet obligatwa.

Jwe violon an

Ki jan yo kenbe banza la

Banza nan se ki te fèt ak bò dwat nan fen a ki kote talon pye a oswa krapo se ak se te fè yo glise pik strings yo, apeprè mwatye chemen ant pon an ak nan fen fenjèrbord a, vibre fisèl la chwazi yo.

Se goud la nan nòt yo kontwole pa men gòch, pa ajiste longè a nan pati nan vibre nan fisèl la pa peze dwèt yo sou fretboard la.

Fisèl Vyolon kapab tou jwe pa rache yo ak men gòch la oswa dwa.

Dwèt ak pozisyon

Akòz Karakteristik son li yo, violon a pa gen frèt ki délimitation pwen an nan sipò nan dwèt yo [11] , menm jan se ka a sou enstriman fisèl lòt (frèt fiks nan gita an , mobil nan Viola da Gamba nan ). Pèfòmè a dwe jwenn pozisyon egzak la nan dwèt yo sou strings yo ki baze sèlman sou konpetans pwòp li yo (sa yo rele "memwa nan misk"), otreman son an ki kapab lakòz yo pral soti nan melodi oswa totalman mal. Vyolonis pratike li toujou, an pati nan tren dwèt yo otomatikman rive nan pozisyon ki kòrèk la, an pati amelyore kapasite nan korije pi vit posib nenpòt diferans ki genyen ant nòt la vle ak yon sèl la emèt.

Dwèt yo konvansyonèlman konte soti nan "premye" (endèks) nan "katriyèm" (ti dwèt). Dwèt pous la pa janm manyen okenn fisèl: li itilize sèlman kòm yon sipò pou manch lan pou debat presyon lòt kat dwèt yo. Figi 1 a 4 pafwa parèt sou pati Vyolon, espesyalman nan edisyon didaktik, pou endike ki dwèt yo ta dwe itilize kòm men an ka deplase nan diferan pozisyon nan kou an.

Pozisyon nan debaz yo nan bò gòch se kòm fèmen ke posib nan nwa a epi yo rele pozisyon a an premye. Nan yon pozisyon nan premye, ka zòn nan vibre nan fisèl la dwe pi kout nan yon maksimòm de yon tyè nan longè li yo, konsa ogmante wotè nan fisèl la pa yon senkyèm [12] . Pou jwe nòt ki pi wo, glise men gòch ou sou kou a Vyolon nan direksyon soundboard la (nan direksyon pou figi pèfòmè a) ak peze dwèt ou sou fingerboard la nan pozisyon nan nouvo. Se limit la nan nòt yo segondè ki Vyolon ka rive lajman detèmine pa konpetans nan jwè la. Yon bon violonis ka byen fasil jwe plis pase de oktav sou yon sèl fisèl, epi rive nan yon seri kat oktav ak tout enstriman an.

Vyolonis souvan chanje pozisyon sou strings ki pi ba yo, menm si nan premye je sa ta sanble inutiles, pa yo rive jwenn son patikilyèman egi, ki ta ka fèt pi fasil nan premye a oswa dezyèm fisèl, men pou rezon piman sonor: an reyalite, sa a pèmèt limite "chanjman fisèl yo" (sètadi pasaj la soti nan yon fisèl nan yon lòt) nan yon fraz mizik nan yon fason pou fè timbre a pi inifòm, oswa pou jwenn yon son patikilye, depi chak fisèl enstriman an gen yon son diferan koulè. Li se yon chwa entèpretasyon ki te vin nan itilize kòmanse nan dezyèm mwatye nan syèk la 18th [13] . Pafwa konpozitè yo tèt yo preskri fisèl la yo dwe itilize pou yon pasaj sèten nan violonis la. Nan kèk lòt ka, se chwa pou yo pozisyon fòse pa li enposib nan fè sèten patikilyèman difisil kòd oswa pasaj nan lòt fason.

Hollow kòd

Yon tenbr patikilye se youn nan ki soti nan son an nan sa yo rele fisèl la kre , sa vle di fisèl la san yo pa nenpòt dwèt nan men gòch yo te prezan an. Fisèl la kre bay son an nan nòt la korespondan (G, D, A, E), ak yon siyifikasyon patikilye, dekoulan soti nan absans la nan aksyon an tranpaj nan yon dwèt ak pou soti nan lefèt ke aksyon an nan Vibrator a se pa posib [ 14] . Apa de G 2 (ki pa ka jwenn nan nenpòt ki lòt jan), strings kre yo jeneralman itilize pwodwi yon efè patikilye, oswa pou konvenyans nan pase.

Yon efè olye sengilye ki se jwenn pa vle di nan fisèl la kre se bariolage nan . Pou reyalize sa, violonis la jwe nòt la menm jan ak youn nan strings yo kre (nesesèman D a, A oswa E) sou fisèl la imedyatman ki pi ba, Lè sa a, deplase banza a ak yon mouvman balanse rapid, variantes sa ki lakòz Vibration nan fisèl la kre ak pase yon sèl la ki rapòte presyon an nan dwèt la nan men gòch la. Son an jwenn gen menm ton an, men timbre a nan fisèl la kre konpare ak yon sèl la kote dwèt la sitiye diferan. Bariolage a te yon aparèy an patikilye itilize pa Franz Jozèf Haydn ki te itilize li, pou egzanp, nan l ' fisèl Quartet Opera 50 n ° 6, ak nan Symphony nan n ° 45 rele "nan orevwa yo" .

Double kòd

Itilizasyon polifonik violon an konsiste nan jwe de fisèl vwazen an menm tan; li rele "fisèl doub" epi tou "double" nan mizik popilè, nan ki li lajman itilize. Pou pote soti nan teknik sa a, gwo kowòdinasyon nan mouvman ak gwo presizyon nan pozisyon nan men gòch ak maniman relatif yo mande yo: aksyon an nan plis pase yon dwèt nan men gòch la mande pou pi gwo efò ak gwo presizyon pou fè pou evite pwodwi yon jayi. Li posib tou pou jwe sou twa oswa tout kat strings pa jwe kòd la kòm yon arpèj, depi, akòz deviation nan pon an, li pa posib yo jwe son yo nan kòd la an menm tan an.

Egzanp yo an premye yo itilize a nan teknik la fisèl miltip nan violon an ka jwenn nan extravagante nan Capriccio (1627) pa Carlo Farina ak nan kèk sonat nan opera VIII pa Biagio Marini (1629). Double strings te gen enpòtans patikilye nan travay la nan divès kalite konpozitè Alman yo ak Ostralyen nan ane 1600 yo an reta ( Johann Schop , Johann Heinrich Schmelzer , Johann Jakòb Walther , Heinrich Biber , Nikola Bruhns ak Johann Pòl von WESTHOFF ), epi yo karakteristik nan enpòtan nan kèk nan la pilye nan solo literati pou violon an, ki soti nan sonat opera la V pa Arcangelo Corelli sonat a ak Partitions pou solo violon pa Johann Sebastian Bach , ki soti nan Capricci a pa Niccolò Paganini sonat yo pou solo violon pa Eugène Ysaÿe , Sergej Sergeevič Prokof'ev , Ernest Bloch , ak tout lòt konpozitè yo ki dedye solo ap travay violon an pandan ventyèm syèk la .

Pizzicato

Icône loup mgx2.svg Sijè sa a menm nan detay: Pizzicato § gita .

Pizzicato rive lè violonis la pa sèvi ak banza a, men "zongle" fisèl la ak pwent an nan yon dwèt nan men dwat la (anjeneral endèks la oswa dwèt presegondè) nan yon direksyon paralèl ak pon an, tankou banza a, men apeprè nan la mitan longè fisèl la, sa vle di pi wo pase klavye a. Pizzicato enplike nan jwenn yon son trè diferan de sa ki pwodwi ak banza a, kout ak rapid. Sou nòt la, se retounen nan yo sèvi ak nan banza yo endike ak banza la mo.

Genyen tou yon kalite pizzicato fèt ak dwèt yo gratis nan men gòch la, ki endike nan nòt la ak yon kwa pi wo a nòt yo konsène. Lè w chanje pwen kote fisèl la rache epi konsidere pozisyon patikilye nan men gòch an relasyon ak fisèl la, son an ki kapab lakòz trè diferan: pi fèb ak mwens sonan. Li posib tou konbine pizzicato a ak men gòch la ak men dwat la oswa fè pizzicato a pandan y ap jwe ak banza a, ki bay efè patikilye.

Yon kalite patikilye nan pidzikato se pidzikato nan bartow, ki se fèt pa rale fisèl la fòtman egal, pwodwi yon son plis desizif ak enèjik.

Vibrato

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Vibrator .

Nan mòd jwe mizik klasik jodi a, vibrato se yon pati entegral nan son an epi li jwe kontinyèlman, ak sèl eksepsyon pasaj patikilyèman rapid yo. Li konsiste de yon rapid men genyen ochilasyon nan anplasman an nan son an, variantes anba a ak pi wo a frekans nan egzak la nòt la. Sa a se reyalize pa balanse pwent an nan dwèt la peze sou fisèl la retounen ak lide (nan yon direksyon ki nan klavye a).

Li souvan te panse ke vibrato ka yon jan kanmenm kache yon anplasman kòrèk nan nòt la, depi si son an varye yon ti kras zòrèy imen an pa ta dwe trape nenpòt ereur. Anfèt, gen kèk rechèch eksperimantal montre opoze a [15] . Zòrèy imen an rekonèt frekans mwayèn nan yon nòt (ak varyasyon li yo) fèt ak vibrato ak menm presizyon ak ki li rekonèt sa yo ki an yon nòt fiks. Li pa sèten ke rezilta yo jwenn nan kondisyon eksperimantal yo toujou konplètman konpatib ak sa ki rezilta nan pèfòmans ap viv: efè vibrato a, lè tempo yo vit, ka sepandan maske kèk defo nan entonasyon nòt endividyèl yo.

Pa gen okenn kalite sèl vibrato: li se premye nan tout trè pèsonèl, depi li se yon pati nan pèsonalite nan son an nan chak sèn; tou, vibrato a dwe adapte ak kalite mizik ou ap jwe. Nan abitid pèfòmans jodi a, se yon Vibrator abondan ak enèjik obligatwa pou amoure mizik , se yon Vibrator kontinyèl men genyen pi pito pou klasik mizik. Gen kèk estil mizikal ki mande pou yon itilizasyon limite nan vibrato: jiska dènyèman li te kwè ke li ta dwe anseye kòm yon bagay ki nesesè epi pran pou yo akòde sof si nòt la ekspreseman egzije opoze a; ak avenman nan etid la nan pratik la istorik nan mizik nan tan lontan an, li te reyalize ke vibrato a jiska tout diznevyèm syèk la te yon efè, yon anbelisman reyèl ke konvansyon an nan tan ki endike yo fè nan ka espesifik ak pa aveugles sou yon moso mizik antye [16] .

Se Vibrator la tou konsidere kòm yon anprent nan pèfòmè yo gwo, jisteman paske nan fizik singularité a / matériels nan chak sèn ki fè son an trè pèsonèl.

Harmonik

Harmony ka kreye pa manyen fisèl la ak yon dwèt, men san yo pa peze l 'sou fretboard la. Rezilta a se yon son pi file, depi prezans nan dwèt la blòk nòt la rasin nan fisèl la; pou rezon sa a kòd la dwe manyen egzakteman nan korespondans ak youn nan ne yo, ak yon divizyon egzak nan kòd la tèt li. Per esempio, precisamente a metà, o un terzo: quando il dito sfiora il nodo in uno di questi punti la corda vibra in modo diverso, in questi due esempi, rispettivamente, nelle due metà uguali e nelle due suddivisioni di un terzo e due terzi in cui si divide, risultando in un suono più alto di un' ottava nel primo caso e di una dodicesima (ottava più quinta) nell'altro caso.

Gli armonici sono segnati nella partitura con un piccolo cerchietto sopra la nota, che determina il tono dell'armonico stesso. Esistono due tipi di armonici, quelli naturali e quelli artificiali .

Gli armonici naturali sono del tipo descritto nel primo paragrafo, si ottengono semplicemente toccando la corda con un dito in un punto nodale. Questa tecnica è relativamente facile, quindi adatta sia ai principianti, sia agli studenti di livello intermedio.

Gli armonici artificiali, invece, sono molto più difficili da ottenere, normalmente sono alla portata soltanto dei violinisti che hanno già raggiunto un buon livello di padronanza con lo strumento e con questa tecnica in particolare. Questo metodo di realizzazione dell'armonico prevede che un dito prema normalmente la corda in un certo punto, per esempio la corda del Re per ottenere un "Mi", con un altro dito che sfiori la corda una quarta più in alto, in questo caso sulla posizione della nota "La". Quando il violinista preme la corda in un punto e la tocca leggermente con il quarto dito nella maniera descritta, viene sfiorato il nodo che si trova ad un quarto della lunghezza della parte della corda che vibra, provocando la vibrazione della corda in quattro parti, producendo un suono di due ottave più in alto della nota che viene suonata (nel caso descritto un "Mi"). La distanza tra le due dita deve essere assolutamente precisa, altrimenti l'armonico non suona. Inoltre, anche la pressione dell'archetto, oltre a quella delle due dita deve essere esattamente calibrata, pena la perdita del suono. Questo è il motivo della maggiore difficoltà della realizzazione degli armonici artificiali rispetto a quelli naturali.

La notazione musicale degli armonici artificiali utilizza di norma due note sulla stessa astina: la nota più bassa utilizza una nota normale che indica dove la corda viene tenuta premuta con il primo dito, mentre la nota più alta utilizza una nota a forma di rombo, che indica la posizione dove la corda viene leggermente toccata con il quarto dito.

Brani assai elaborati con l'utilizzo degli armonici artificiali si trovano nelle composizioni di tipo virtuosistico per violino, specialmente del XIX secolo e dell'inizio del XX , come ad esempio nelle danze rumene di Béla Bartók o nella Csárdás di Vittorio Monti .

Gli armonici

Tecnica dell'archetto

Anche se la diteggiatura ed il vibrato hanno un'influenza sulle caratteristiche timbriche, il suono del violino dipende essenzialmente da come viene utilizzato l'archetto. Ci sono molteplici elementi che, abilmente combinati, producono un suono più o meno forte in termini di intensità acustica o ne modificano il timbro : la velocità di movimento, la pressione sulla corda, la distanza dal ponticello.

Un'alterazione innaturale della distanza dal ponticello viene utilizzata per particolari effetti sonori. Suonando vicino al ponticello si ottiene un suono più intenso del solito, chiamato sforzato (sullo spartito: sfz ); suonando invece spostandosi con l'archetto verso la parte opposta, in direzione del manico, fino al limite o sopra la tastiera ( sul tasto ) si produce un suono più etereo e delicato, con un'enfasi sulla fondamentale.

Vi sono diverse specie e combinazioni di arcate, che si riuniscono sotto il termine di generico colpi d'arco . Possono essere distinte in:

  • suoni tenuti, senza interruzione, detto détaché ;
  • suoni staccati , cioè separati l'uno dall'altro, mantenendo l'arco a contatto con la corda;
  • suoni spiccati, con l'arco sollevato dalla corda tra un suono e l'altro;
  • suoni legati, cioè più note suonate nella stessa arcata;
  • suoni portati, cioè note suonate nella stessa arcata, ma separate, divise rispetto al legato.

Nel primo gruppo, abbiamo il colpo d'arco sciolto , nel caso che vi sia un'arcata per ogni nota, e il legato , quando in un'arcata vengono eseguite due o più note.
Nel secondo gruppo, abbiamo il martellato (detto anche grande staccato ), in cui le note sono eseguite con forza, una per arcata, e il picchettato , quando un'arcata comprende più note. Quando però i suoni eseguiti nella stessa arcata sono solo leggermente separati, abbiamo il portato .
Nel terzo gruppo abbiamo dei colpi d'arco caratterizzati dal fatto che la sollecitazione data alla bacchetta per eseguire ciascun suono ne provoca una reazione elastica di sollevamento dalla corda. Questo crea un tipo di staccato con un effetto acustico molto diverso dal precedente. Nel caso di una nota per arcata, quando la velocità crea il sollevamento spontaneo dell'arco, si ha il saltellato ; quando la velocità è minore, e quindi il violinista deve fare un'azione volontaria per facilitare il sollevamento dell'arco, abbiamo lo spiccato ; infine, quando il movimento è ancora più lento ed è quasi impossibile sfruttare l'elasticità naturale della bacchetta per sollevare l'arco, abbiamo il martellato volante . Passando alle arcate comprendenti più note, con l'arco che si solleva brevemente tra una nota e l'altra, abbiamo il picchettato volante . Infine, quando l'arco non è sollevato tra una nota e l'altra, ma gettato dall'alto prima di eseguire due o più suoni, il colpo d'arco è detto gettato o balzato . [17]

Vi sono anche tecniche non convenzionali nell'utilizzo dell'arco. Ad esempio, le corde possono essere percosse con il legno della bacchetta ( col legno ). Ciò produce un suono percussivo, che può avere grande effetto quando è realizzato dall'intera sezione orchestrale degli archi, dal momento che l'intensità sonora prodotta da ciascuno strumento con questa tecnica è molto debole. Una seconda tecnica percussiva, più moderna, è chiamata "chop": in questo caso le corde vengono colpite con la porzione dei crini vicina al tallone dell'archetto, che risulta più tesa e maggiormente dall'esecutore. Questa tecnica è utilizzata da alcuni musicisti jazz, tra cui il Turtle Island String Quartet .

Accordatura

Il violino viene accordato ruotando i piroli (chiamati anche bischeri ) nel cavigliere. Dal momento che le corde sono avvolte intorno ad essi, il loro movimento aumenta o diminuisce la tensione. La corda del La viene accordata per prima, generalmente a 440 Hz (il diapason d'orchestra è, invece, per lo più a 442 Hz), utilizzando un corista o un diapason ; alternativamente si possono usare il tasto corrispondente sul pianoforte , oppure accordatori digitali. Le altre corde vengono accordate in rapporto alla prima, ad intervalli di quinta ascendente.

Cordiera con quattro tiracantini incorporati

È possibile installare sulla cordiera del violino delle viti di precisione, che permettono una regolazione molto più sottile della tensione della corda. Questo accessorio è utilizzabile solo con le corde di metallo, e d'altra parte queste sono le più disagevoli da accordare attraverso i piroli, in quanto anche attraverso un movimento molto contenuto la loro tensione cambia in maniera molto più accentuata che con le corde di altri materiali. La facilità di utilizzo ne fa un elemento indispensabile nella fase di studio dei principianti; tuttavia, la loro presenza ha il difetto di appesantire la cordiera con effetti negativi sul suono. Pertanto, da parte dei professionisti, questo ausilio viene utilizzato solo per il cantino (da cui il nome di tiracantino o tendicantino ), in quanto normalmente solo questa corda è interamente in metallo.

Spesso delle piccole modifiche all'accordatura vengono fatte tirando una corda con un dito, per allentarla leggermente ed assestarla.

L'accordatura abituale (Sol-Re-La-Mi) può occasionalmente essere modificata per determinate esigenze musicali, sia nella musica classica (dove questa tecnica è nota come scordatura ), sia in alcuni stili folk. Un esempio famoso di scordatura nella musica classica è la Danza Macabra di Saint-Saëns , in cui la corda del Mi del violino solista è accordata in Mi♭, al fine di conferire un'inquietante dissonanza alla composizione. Un altro esempio è dato dal terzo movimento di Contrasti , di Béla Bartók , in cui la corda del Mi viene accordata in Mi♭ e quella del Sol in Sol♯.

Nel jazz e nella musica folk sono spesso impiegati violini con cinque o più corde [ senza fonte ] .

Storia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del violino e Violino barocco .

Le fonti più antiche riguardanti il violino ci permettono di far risalire la sua nascita all'inizio del XVI secolo.

Anche I primi esemplari (i cosiddetti protoviolini ) erano probabilmente soltanto un'evoluzione di strumenti ad arco preesistenti. Erano costruiti in "famiglie" comprendenti 3 taglie diverse di strumenti, approssimativamente corrispondenti alle tessiture di soprano, contralto o tenore e basso.

Nella prima parte del XVI secolo, il soprano ed il contralto di viola da braccio avevano solamente tre corde, mentre per il basso si trovavano strumenti sia a tre che a quattro corde, secondo i trattati dell'epoca, arrivandosi talvolta fino a cinque, secondo alcune fonti iconografiche.

La gran parte delle ipotesi tradizionali pone l'apparizione dei primi violini veri e propri, dotati della stessa forma e medesima accordatura usata ancora ai nostri giorni, nel nord Italia, a Cremona , con Andrea Amati , a Brescia con Gasparo da Salò , Zanetto e Pellegrino Micheli, a Venezia [18] con la famiglia Linarol; tuttavia ricerche più recenti evidenziano fondati dubbi su quasi tutte le attribuzioni degli strumenti ad arco italiani del XVI secolo. [19] Perciò, non rimane agli studiosi che basarsi sui soli documenti, la cui interpretazione è resa più difficile da problemi terminologici. Tuttavia, da questi dati si vede chiaramente che la nuova famiglia di strumenti ad arco apparve quasi allo stesso tempo in varie parti d' Europa : oltre che nell'Italia del Nord, in Francia ( Parigi e Lione ), in Germania (dove Martin Agricola segnala nel 1545 la presenza di gruppi di violinisti polacchi [20] ), nei Paesi Bassi (specialmente Bruxelles ed Anversa ) [21] , a Praga . Si può quindi supporre che il violino sia nato come strumento di musicisti ambulanti, durante i primi decenni del XVI secolo, da una fusione di strumenti diversi, quali le vielle e le ribeche a tre corde [22] . Tra questi musicisti possiamo collocare sia i violinisti polacchi citati da Agricola, sia i gruppi di polistrumentisti e danzatori di origine ebraica, che dalla Lombardia si diffusero fino ai Paesi Bassi ed all' Inghilterra [23] , il cui influsso fu probabilmente ancor più determinante per lo sviluppo della famiglia delle viole da braccio.

Il violino nel XVI secolo era utilizzato principalmente nella musica di danza, tuttavia in Italia molto presto assunse ruoli più nobili, nelle corti o nelle chiese: nel 1530 a Brescia abbiamo la citazione di un violino usato durante una messa e, circa dieci anni dopo, anche a Venezia troviamo violini in varie "Scuole" e durante le messe e le processioni [24] .

Molti strumenti della famiglia del violino, conservati in musei o collezioni private, sono attribuiti a liutai della seconda metà del XVI secolo, quali i bresciani Zanetto Micheli da Montichiari, il figlio Peregrino, Gasparo da Salò , il veneziano Ventura Linarol, il cremonese Andrea Amati , il padovano Dorigo Spilmann, o Gasparo Tieffenbrucker, che lavorò a Bologna e Lione. Gran parte di queste attribuzioni sono oggi considerate non attendibili, o riferite a strumenti pesantemente trasformati da modifiche che li hanno alterati profondamente [25] .

A partire dall'inizio del XVII secolo, sotto la spinta dello sviluppo di una nascente letteratura idiomatica per il violino, la costruzione dello strumento vede un notevole sviluppo. Due città, in particolare, assumono la preminenza: Brescia e Cremona . La prima era nota per la costruzione di strumenti ad arco già dall'inizio del XVI secolo; la fama per i violini si deve in particolare a due costruttori: Gasparo da Salò (1540–1609) e Giovanni Paolo Maggini (battezzato nel 1580 e morto probabilmente nel 1630–31). A Cremona, lavora Andrea Amati (prima del 1511-1577), capostipite di una famiglia di liutai che marcò profondamente la costruzione degli strumenti ad arco, in particolare attraverso i suoi figli Antonio e Girolamo , che firmavano insieme i loro strumenti, ed il figlio di quest'ultimo, Nicola , considerato il culmine della liuteria seicentesca italiana.

A partire dalla metà del XVII secolo , l'arte della liuteria si irradia in tutta Europa. Si formano importanti "scuole", con caratteristiche omogenee al loro interno, quali alcune particolarità nella forma o nella tecnologia costruttiva, oppure un particolare colore della vernice.
Cremona rimane il centro più importante dell'arte liutaria: vi lavorano il figlio di Girolamo Amati, Nicola , vero capostipite dellaliuteria classica cremonese , ed i suoi discepoli Antonio Stradivari , Andrea Guarneri , Giovanni Battista Ruggeri e Francesco Rogeri . Ancora, tra i maggiori liutai cremonesi, si deve ricordare Giuseppe Guarneri , detto anche ”del Gesù”, e gli allievi di Stradivari, i figli Omobono e Francesco e Carlo Bergonzi .

Sempre in Italia, vera culla della liuteria, abbiamo: a Venezia , Santo Serafino , Domenico Montagnana , Matteo Gofriller , Francesco Gobetti e Pietro Guarneri ; a Milano , Giovanni Grancino , altro discepolo di Amati, i Testore , Pietro Landolfi , i Mantegazza ; a Bologna, i Tononi ei Guidanti; a Firenze , i Gabrielli ; a Napoli , Alessandro Gagliano (uscito dalla scuola di Stradivari) ed i suoi discendenti; a Roma , David Tecchler e Michele Plattner ; a Torino, Giovanni Battista Guadagnini ed i suoi discendenti.

Si sviluppò anche una scuola tirolese , piuttosto indipendente dall'influenza cremonese, con Jacob Stainer e la famiglia Klotz , il cui capostipite, Mathias I , aveva appreso la professione dallo Stainer e dal solito Nicola Amati.

Nel XIX secolo vennero ancora costruiti eccellenti violini: p. es. da Giovanni Francesco Pressenda e Joseph Rocca a Torino e Genova, Jean-Baptiste Vuillaume , di Mirecourt , a Parigi ; ma raramente paragonabili ai capolavori dei secoli precedenti. Anche oggi, i solisti cercano preferibilmente di esibirsi con strumenti del XVII e XVIII secolo.

Il XX secolo ha pure visto una ricca fioritura di liuterie in tutto il mondo, con nomi ormai affermati quali: Bisiach (Milano), Garimberti (Milano), Fiorini (Monaco), Poggi (Bologna), Gaggini (Nizza), Sacconi (New York), Carl Becker (Chicago), Peresson (Philadelphia), Bauer (Angers); ed altri, ancora attivi e in via di affermazione: Zygmuntowicz (Brooklyn), Curtin & Alf (Ann Arbor), Regazzi (Bologna), Luiz Bellini (Jackson Heights, New York), Robin (Angers), Roger Graham Hargrave (Meyenburg).

La forma esterna del violino non è cambiata dal XVII secolo ad oggi, ma, almeno fino alla fine del XIX, si sono modificate alcune caratteristiche costruttive secondarie, in funzione della musica che vi veniva eseguita. Gli strumenti costruiti prima del 1800 sono stati quasi tutti modificati secondo le nuove esigenze, quindi oggi tutti i migliori strumenti antichi sono molto lontani dallo stato originale. Vi è tuttavia un movimento di interpretazione della musica del passato secondo la prassi esecutiva dell'epoca, che utilizza strumenti costruiti tra il XVI ed il XVIII secolo rimessi nella ipotetica condizione d'origine, o eventualmente copie di strumenti dell'epoca; il violino che presenta tali caratteristiche è comunemente detto violino barocco .

Letteratura violinistica

Dalle origini al 1700

All'inizio della sua storia, durante la seconda metà del XVI secolo , il violino era utilizzato non come strumento indipendente, ma come componente della famiglia delle viole da braccio [26] , nella quale ricopriva il posto della voce di soprano, analogamente a quanto accadeva con altri tipi di strumenti: flauti dolci , viole da gamba , bombarde , tromboni , cornetti , cromorni . Perciò, le prime composizioni destinate al violino appartengono a quell'ampio repertorio strumentale polifonico del '500 che veniva eseguito indistintamente da un qualsiasi tipo di famiglia di strumenti: fantasie, suites di danze, trascrizioni di brani vocali.

Una delle primissime forme che si stacca dalla pratica polifonica e delinea il violino in funzione solistica è la pratica dell'improvvisazione ( diminuzione ) su madrigali o altri brani vocali, che fiorisce soprattutto nel finire del secolo XVI e nell'inizio del XVII , ad opera dei primi virtuosi di tutti i vari tipi di strumenti: cornettisti, flautisti diritti e traversi, violinisti, violisti da gamba, tastieristi, liutisti, arpisti [27] .

Le prime opere solistiche espressamente dedicate al violino vedono la luce nei primi anni del '600 in Italia e sono prodotte da una nutrita schiera di compositori che mettono la pratica strumentale al servizio delle istanze espressive di Claudio Monteverdi e degli altri compositori di musica vocale della cosiddetta "seconda prattica". Tra i più importanti, ricordiamo Dario Castello , Giovanni Paolo Cima , Biagio Marini , Salomone Rossi , Giovanni Battista Fontana , Marco Uccellini . Le forme più usate sono la canzone e la sonata ; l'organico che immediatamente predomina è quello formato da due violini (dove uno dei violini può essere sostituito da uno strumento di un'altra famiglia, in particolare dal cornetto) e dalla parte del basso continuo , eseguito da uno o più strumenti polifonici ( organo , clavicembalo , arpa , liuto ), al quale si può talvolta trovare aggiunta una parte di "basso obbligato", eseguibile con uno strumento ad arco ( violoncello , viola da gamba ) o anche a fiato ( fagotto , trombone ). La scrittura si caratterizza immediatamente per uno spiccato interesse alla sperimentazione tecnica.

Nella seconda metà del secolo XVII, se in Italia si va gradualmente verso uno strumentalismo più "classico", in una ricerca di maturità e plasticità, che trova la sua massima espressione in Arcangelo Corelli , nei paesi di lingua tedesca si afferma una scuola violinistica ancora molto interessata all'aspetto della sperimentazione tecnico-espressiva; a questa corrente appartengono anche Johann Jakob Walther , Johann Heinrich Schmelzer ed il suo allievo Heinrich Ignaz Franz Biber . In questi compositori, l'interesse per il linguaggio solistico polifonico del violino (le cosiddette "doppie corde", ovvero accordi formati da 2 a 4 suoni, eseguiti appoggiando l'arco contemporaneamente su due corde e muovendolo poi nel corso dell'arcata fino a toccare anche le altre note) diventa ossessivo ed elabora la tecnica che sarà poi utilizzata nelle opere per violino solo da Johann Sebastian Bach ai giorni nostri.

Dal 1700 al 1800

La scrittura corelliana diviene un modello di riferimento nelle forme più tipiche della letteratura violinistica: la sonata a tre , la sonata "a solo", ossia violino e violoncello o cembalo ( basso continuo ), e il concerto grosso . A sua volta, ognuna di queste forme presenta due diverse tipologie: da chiesa e da camera. La sua influenza attraversa tutta la musica strumentale di gusto italiano della prima metà del XVIII secolo, in particolare nell'ambito sonatistico. Tra i più importanti compositori di sonate in stile italiano, ricordiamo Antonio Vivaldi , Francesco Geminiani , Francesco Veracini , Francesco Antonio Bonporti , Giuseppe Tartini , Tomaso Albinoni . Oltre che nella musica di stile italiano, la sonata corelliana introduce di fatto in Francia una scrittura strumentale più sviluppata dal punto di vista tecnico, armonico e drammatico; essa è fonte d'ispirazione, pur mescolata agli stilemi caratteristici del gusto francese, per le opere di Élisabeth Jacquet de La Guerre e, più tardi, di François Couperin e Jean-Marie Leclair . Ancora, in Inghilterra, le sonate di ambiente romano della seconda metà del '600 sono studiate, imitate e diffuse dai compositori più importanti che operano nel paese: Henry Purcell , alla fine del '600, Georg Friedrich Händel nel '700.

Successivamente, la sonata si sviluppa in due direzioni: da un lato, a partire dalle 6 Sonate per violino e clavicembalo di Johann Sebastian Bach , verso una letteratura con strumento a tastiera concertato, in cui il violino ricopre un ruolo secondario (ricordiamo innanzitutto la splendida serie delle sonate e variazioni per pianoforte e violino di Wolfgang Amadeus Mozart ), tipologia formale che sfocerà nella sonata romantica per pianoforte e violino; dall'altro lato, verso l'allargamento ad organici nuovi: trii , quartetti , quintetti , di soli archi o con pianoforte (più raramente con flauto o oboe ). In particolare, la nuova forma del quartetto d'archi assume una grande importanza nell'elaborazione del nuovo linguaggio strumentale della II metà del XVIII secolo, in particolare attraverso opere marcate da grandi differenze di scrittura "nazionale": tra i molti che vi si cimentarono, ricordiamo Johann Christian Bach (tedesco, ma attivo prima a Milano e poi a Londra ), Luigi Boccherini e Giuseppe Cambini in Italia , François-Joseph Gossec e Rodolphe Kreutzer in Francia , Carl Stamitz in Germania , Franz Joseph Haydn e Wolfgang Amadeus Mozart in Austria.

Il concerto corelliano pone le radici da cui si sviluppa la forma del concerto solista, che a partire dai primi esperimenti di Giuseppe Torelli si sviluppa nelle opere di Antonio Vivaldi , Johann Sebastian Bach , Pietro Antonio Locatelli , Jean-Marie Leclair e Giuseppe Tartini in una forma di enorme successo.

Nella seconda metà del secolo, il violino concertante, da principale (ossia primo violino dell'orchestra che si stacca episodicamente, eseguendo i suoi assoli) diventa un elemento indipendente che si contrappone alla massa orchestrale. Da questo momento, "il concerto per violino ha costituito sino ai nostri giorni la palestra più completa per l'estrinsecazione delle capacità tecniche ed emotive dell'esecutore". [28] I concerti appartenenti a questo periodo di transizione sono oggi poco eseguiti, con l'eccezione delle opere di Wolfgang Amadeus Mozart , Franz Joseph Haydn e Giovanni Battista Viotti .

Dal 1800 a oggi

Il nuovo secolo, fortemente marcato da una nuova sensibilità artistica, il Romanticismo , non crea nuove forme ma elabora e sviluppa quelle che si erano affacciate nella seconda metà del secolo precedente: il concerto , la sonata ( pianoforte e violino, trio con pianoforte e violoncello , quartetto e quintetto di soli archi, o con pianoforte). Insieme al pianoforte, il violino è lo strumento che meglio si adatta alle richieste espressive dei compositori di questo periodo: oltre alle possibilità liriche, già ampiamente sfruttate nei secoli passati, una legione di violinisti virtuosi sperimenta una nuova tecnica esecutiva irta di difficoltà e funambolismi che viene largamente utilizzata dai maggiori compositori dell'epoca in funzione eroica e drammatica. Tra questi virtuosi, che lasciarono un repertorio (soprattutto di concerti) ancora oggi apprezzato, ricordiamo Niccolò Paganini , Henri Vieuxtemps , Henryk Wieniawski .

Sull'onda della scrittura violinistica fortemente drammatizzata di Ludwig van Beethoven , che per il violino scrisse opere mirabili, quali il concerto op. 61 , le sonate con pianoforte, i trii con piano e violoncello ed i quartetti, tutti i maggiori compositori dell'Ottocento dedicano al violino un ampio repertorio.

Tra le sonate con piano, ricordiamo soprattutto quelle di Franz Schubert , Robert Schumann , Johannes Brahms , César Franck , Edvard Grieg , Gabriel Fauré , Claude Debussy , Sergej Sergeevič Prokof'ev , Maurice Ravel , Béla Bartók .

Nella forma del quartetto d'archi , oltre ai già citati Schumann, Schubert, Brahms, abbiamo opere importanti di Luigi Cherubini , Felix Mendelssohn e della sorella Fanny , Antonín Dvořák , Alexander Borodin , e venendo più vicino a noi, oltre a Ravel, Prokof'ev e Bartók, Giacomo Puccini , Nino Rota , Arnold Schönberg , Dmitri Shostakovich , Gian Francesco Malipiero , György Ligeti , Robert Crumb .

Nel concerto, e più in generale nell'organico composto da violino solista con orchestra, trovano una felice espressione in particolare Mendelssohn, Franz Schubert , Robert Schumann , Dvořák, Brahms, Édouard Lalo , Max Bruch , Ottorino Respighi , Pëtr Il'ič Čajkovskij , Camille Saint-Saëns , Jan Sibelius , Béla Bartók, Igor' Fëdorovič Stravinskij , Alfredo Casella , Alban Berg , Dmitri Shostakovich, Arvo Pärt .

Nel corso del XX secolo avanzato, i compositori di musica classica, pur continuando, come abbiamo già visto, la tradizione ottocentesca, ricominciano parallelamente ad esplorare con grande libertà le forme della musica con violino, con una generale tendenza alla forma piccola ed all'organico contenuto, forse per reazione al gigantismo che aveva caratterizzato la musica del secolo precedente, ulteriormente amplificato dall'estetica gonfia di retorica, ispirata dai nazionalismi del primo '900. In questo senso, si riscontra un ritorno anche alla scrittura per violino solo, in qualche misura sempre ispirata all'opera di Johann Sebastian Bach ed ai Capricci di Nicolò Paganini . Ricordiamo in particolare le opere di Eugène Ysaÿe , e ancora di Bartók, Sergej Sergeevič Prokof'ev , Ernest Bloch , Bruno Maderna , Luciano Berio , Pierre Boulez , John Cage , Steve Reich (con nastro magnetico), Giacinto Scelsi .

Il violino nella musica folk

Il violino nasce come strumento destinato all'esecuzione della musica da ballo. Le prime bande di proto-violini sono gruppi di menestrelli che operavano verso la fine del XV secolo nelle regioni intorno alle Alpi [29] , gruppi di musicisti polacchi operanti in Germania all'inizio del XVI secolo [30] , o ancora gruppi, spesso di carattere familiare, di musicisti ebrei sefarditi, che svilupparono l'uso di questo strumento prima in Lombardia, poi in altre città del Nord Italia, quindi nell'Europa del Nord: tutte queste tradizioni hanno in comune l'uso di violini di diverse dimensioni nei complessi da ballo [31] . I violini erano chiamati secondo le denominazioni tedesche ( geige , rebec , rybeben , vedel , fiedel , fydel ...) [32] e, ancora oggi, nei paesi di lingua tedesca e inglese i rispettivi termini geige e fiddle indicano il violino e gli strumenti ad esso affini usati nella musica popolare.

Musicisti non identificati di Old-time music , USA, 1905 circa

Il violino folk oggi è, di fatto, lo stesso strumento che è utilizzato nella musica classica, differenziandosi solo per caratteristiche che non incidono sulla struttura dello strumento. Ad esempio, per l'esecuzione di alcuni generi, come il bluegrass e l'old-time music, nei quali è utilizzata in maniera sistematica la tecnica delle doppie corde (consistente nell'eseguire una melodia su una corda, accompagnandosi con una o due altre corde suonate "libere", in maniera simile alla cornamusa o alla ghironda ), viene utilizzato un ponticello con una curvatura meno accentuata.

Anche le tecniche di esecuzione sono molto varie: vengono indifferentemente usate una posizione del tutto affine a quella classica, con lo strumento sostenuto dal mento, oppure altre impostazioni più antiche [33] , come l'appoggiare lo strumento immediatamente al di sotto della clavicola, o al petto, o sopra la cintola.

Il violino è diffuso nella musica folk di tutta Europa, dell' America del Nord e di alcune aree dell' America del Sud e dell' Asia .

Note

  1. ^ Concerti per violino e orchestra di Vivaldi e Telemann; ad esempio, Georg Philipp Telemann, Concerto in sol minore , 3° movimento (Allegro), 1ª ed. Wolfenbüttel, Möseler Verlag, 1963.
  2. ^ La prima, ad esempio, è usata nelle opere di Johann Jakob Walther (Scherzi musicali, Hortulus Chelicus ), le altre tre in Biagio Marini, Sonate, symphonie (...) opera ottava , Venezia, Magni, 1626.
    Oltre che in gran parte delle sonate francesi della prima parte del XVIII secolo, la chiave di violino francese è spesso adoperata da Johann Sebastian Bach , tra l'altro anche nella famosa Ciaccona dalla Partita n. 2 in re minore, BWV 1004 .
  3. ^ Sacconi , p. 109 .
  4. ^ "quelli di cavalla sono deboli, grassi, giallastri e indeboliti dalla orina", Malusi , p. 74 . Brazoli (p. 38) riferisce anche di tentativi di commercializzare crine di cavalla, imbiancato con soda o potassa caustica , "ma – conclude – è di poca durata"
  5. ^ Mimmo Peruffo & Daniela Gaidano, La corderia storica abruzzese , su aquilacorde.com , 2010. URL consultato il 27 gennaio 2011 (archiviato dall' url originale il 25 settembre 2010) .
  6. ^ I nomi scientifici citati, se non diversamente indicato, sono quelli attualmente "accettati" ( accepted names ); v., p. es.: [1] , aggiornato al 18 marzo 2015.
  7. ^ Marc Vanscheeuwijck, Alcuni problemi a proposito degli strumenti ad arco nell'opera di Claudio Monteverdi , in Il ballo dell'imperatore , Rovereto (TN), Accademia Roveretana di Musica Antica, ottobre 1989, pp. 66-67.
  8. ^ William Henry, Arthur Frederic & Alfred Ebsworth Hill, Antoine Stradivarius: sa vie et son oeuvre (1644-1737) , Parigi, Silvestre & Maucotel, 1907, pp. 300 segg..
  9. ^ UNSW Music Acoustics
  10. ^ Vincenzo De Angelis, Teoria e pratica per la valutazione delle frequenze di risonanza dei piani armonici dei violini , su Arte Liutaria , Carlo Vettori, giugno 2009. URL consultato il 27 gennaio 2011 (archiviato dall' url originale il 28 gennaio 2011) .
  11. ^ L'uso della tastatura non è solo un supporto utile alla precisione dell'intonazione, ma anche produce un suono molto più preciso e determinato; fin dalle sue origini, non abbiamo notizia di alcun esemplare di violino tastato.
  12. ^ Sugli intervalli e la loro produzione si veda la voce Intonazione naturale
  13. ^ Giuseppe Cambini , Nouvelle Methode Theorique et Pratique pour le Violon , Parigi, 1795 ca, pp. 20-22
  14. ^ Un effetto simile al vibrato può essere ottenuto eseguendo la nota che si trova esattamente un'ottava più in alto della corda vuota: in questo modo si ottiene la risposta per simpatia della corda vuota.
  15. ^ ( EN ) Hanna Järveläinen, Perception-based control of vibrato parameters in string instrument synthesis ( PDF ), su lib.tkk.fi , Aalto University - School of Science and Technology, settembre 2002, 8. URL consultato il 27 gennaio 2011 .
  16. ^ Si veda ad esempio Louis Spohr , Gran metodo per violino , Novara, Artaria, 1839-40 (I ed. in lingua tedesca 1832), p. 194 e segg., Dell'Esecuzione del Concerto
  17. ^ Michelangelo Abbado , Colpi d'arco , in Enciclopedia della musica Rizzoli Ricordi , Milano, Rizzoli, 1972.
  18. ^ Stefano Pio, Viol and lute makers of Venice 1490-1630 - Liuteria veneziana 1490-1630 , Ed. Venice research, 2012, ISBN 978-88-907252-0-3
  19. ^ ( NL ) Karel Moens, Oud-Weense strijkinstrumentenbouw , Parte I, ecc.3-11, Celesta, I, 2, 1987; ( EN ) Karel Moens, Problems of autenticity of XVI century stringed instruments Archiviato il 20 giugno 2008 in Internet Archive . , Pages 41-49, CIMCIM Newsletter No. XIV, 1989
  20. ^ ( DE ) Martin Agricola, Musica Instrumentalis Deudsch , V ediz.,Wittemberg, 1545
  21. ^ ( FR ) Karel Moens, Le violon dans l'iconographie musicale des anciens Pays-bas du XVI siècle , in Strumenti, musica e ricerca , Atti del Convegno internazionale, Cremona 28-29 ottobre 1994, a cura di Elena Ferrari Barassi, Marco Fracassi e Gianpaolo Gregori, Cremona, Ente Triennale Internazionale degli Strumenti ad Arco, 2000, p. 119-145
  22. ^ Karel Moens, La "nascita" del violino nei Paesi Bassi del sud: alla ricerca di un luogo dove collocare l'inizio della storia del violino , p. 101, in Monteverdi imperatore della musica (1567-1643) , a cura di Marco Tiella, Accademia Roveretana di Musica Antica, Istituto per la ricerca organologica ed il restauro, 1993
  23. ^ ( EN ) Peter Holman, Four and Twenty Fiddlers: the Violin at the English Court. 1540-1690 , pp. 18-31, Oxford, 1993
  24. ^ Rodolfo Baroncini, Origini del violino e prassi strumentale in Padania: «sonadori di violini» bresciani attivi a Venezia in ambito devozionale (1540 - 1600) , p. 161, in "Liuteria e musica strumentale a Brescia tra Cinque e Seicento", vol. I, Salò 1990 / Brescia 1992.
  25. ^ ( EN ) Karel Moens, Authenticity and surviving instruments , in Violin , New Grove Dictionary of Music and Musicians, Stanley Sadie, 2001
  26. ^ Lodovico Zacconi, Prattica di Musica... , Venezia, 1592, p. 217-218.
  27. ^ ( EN , DE ) Richard Erig, Introduction , in Italian diminutions , con la collaborazione di Veronika Gutmann, Zurigo, Amadeus, 1979, pp. 48-58.
  28. ^ Michelangelo Abbado, Violino , in Enciclopedia della musica Rizzoli Ricordi , Rizzoli, Milano, 1972
  29. ^ Keith Polk, Vedel and Geige-fiddle and viol , in JASM n. 42, 1989, p. 512-541
  30. ^ Vengono menzionati da M. Agricola, in un capitolo aggiunto nel 1545 al suo Musica Instrumentalis Deudsch , Wittemberg, I ed. 1529. Ancora su questo argomento si veda Karel Moens, Der Frühe Geigenbau in Süddeutschland, Studia Organologica , in Festschrift JH van der Meer , a cura di F. Hellewig, Tutzing, 1987, p. 349-388
  31. ^ Peter Holman, Four and Twenty Fiddlers. The Violin at the English Court 1540-1690 , Oxford, 1993, p. 18-31
  32. ^ Karel Moens, La nascita del violino nei Paesi Bassi del Sud , in Claudio Monteverdi imperatore della musica , a cura di Marco Tiella, Accademia Roveretana di Musica Antica, 1993, p.87-88
  33. ^ Dmitry Badiarov, Holding the Violin – a historical approach , in Historical Violin Newsletter, Brussels , 14 luglio 2003, Vol.1, N°1.

Bibliografia

  • Dizionario Enciclopedico Universale della Musica e dei Musicisti , diretto da Alberto Basso, Il Lessico , vol. IV, Torino, UTET, 1984, pp. 721-733
  • The New Grove Dictionary of Musical Instruments , diretto da Stanley Sadie, London, MacMillan, 1984, vol. 3, p. 765 ss., ISBN 0-333-37878-4
  • Giampiero Tintori, Gli strumenti musicali , tomo II, Torino, UTET, 1971, pp. 702-707
  • Sebastian Virdung, Musica getutscht und ausgezogen , Basel, 1511; facsimile: Kassel, Bärenreiter, 1970, ISBN 3-7618-0004-5 [v. fol. Bij]; trad. franc. annotata, in: Christian Meyer, Sebastian Virdung - Musica getutscht. Les instruments et la pratique musicale en Allemagne au début du XVIe siècle , Paris, CNRS, 1980, ISBN 2-222-02695-4 [pp. 28 e 83]; trad. inglese, in: Beth Bullard, Musica getuscht: a treatise on musical instruments (1511) by Sebastian Virdung , Cambridge, Cambridge University Press, 1993, ISBN 978-0-521-03277-3 , p. 103
  • Michael Praetorius, Syntagma musicum - Tomus secundus De Organographia , Wolfenbüttel, Elias Holwein, 1611; facsimile: Kassel, Bärenreiter, 1985, ISBN 3-7618-0183-1 [tav. XXI]
  • Marin Mersenne, Seconde Partie de l'Harmonie Universelle , Paris, Pierre Ballard, 1637, Liure Troisiesme - Des instrumens a chordes [sic]
  • Encyclopédie ou dictionnaire raisonné des sciences, des arts et des métiers , Paris, 1767 - Lutherie: 34 planches; rist. anastat. dell'ed. Livorno, 1774: Sala Bolognese, Forni, 1981 [Pl. XI e XII]
  • Alberto Conforti, Il violino. Storia e tecnica, arte e mercato di uno strumento capolavoro , Milano, Idealibri, 1987. ISBN 88-7082-089-0 [con presentazione di Salvatore Accardo]
  • Walter Kolneder, The Amadeus Book of the Violin: Construction, History, and Music , Portland, OR, Amadeus Press, 1998. ISBN 1-57467-038-7
  • Yehudi Menuhin, William Primrose, Il violino e la viola. Tecnica e interpretazione; storia e repertorio , Padova, Muzzio, 1983
  • Enzo Porta, Il violino nella storia: maestri, tecniche, scuole , Torino, EDT, 2000. ISBN 978-88-7063-400-6 [storia della didattica violinistica]
  • David D. Boyden, The History of Violin Playing from Its Origins to 1761: and Its Relationship to the Violin and Violin Music , Oxford, Clarendon Press, 1990. ISBN 0-19-816183-2
  • Patricia Strange, Allen Strange, The Contemporary Violin: ExtENDed Performance Techniques , Berkeley, University of California Press, 2001. ISBN 0-520-22409-4
  • Sam Bardfeld, Latin Violin : How to Play Salsa, Charanga and Latin Jazz Violin , Brooklyn, NY, Gerard and Sarzin, 2001. ISBN 0-9628467-7-5
  • Jane Dorner, The Strad: An A to Z of Instrument Care for players of the violin family , 2ª ed., London, Orpheus Publications, 1997. ISBN 0-9518823-2-5 [interessante libriccino sulla manutenzione degli strumenti della famiglia del violino, basato su consigli di esperti, tra i quali Charles Beare]
  • Gianfranco Dindo, Guida alla liuteria. Storia e tecnica degli strumenti ad arco , Padova, Muzzio, 1991. ISBN 88-7021-553-9 [con prefazione di Uto Ughi]
  • Lauro Malusi, L'arco degli strumenti musicali , Padova, Zanibon, 1981. ISBN 978-88-86642-21-7
  • Auguste Tolbecque, L'art du luthier , Niort, chez l'auteur, 1903. Ristampa: Marseille, Laffitte Reprints, 1984. ISBN 2-7348-0129-9
  • Chris Johnson, Roy Courtnall, The Art of Violin Making , London, Robert Hale, 1999 [con prefazione di Yehudi Menuhin]
  • Roger Millant, Max Millant, Manuel pratique de lutherie , Spa, Les amis de la Musique, 2000
  • François Denis, Traité de lutherie , Nice, ALADFI, 2006
  • Adolf Heinrich König, HK Herzog, Alte Meistergeigen in 8 Bänden. Beschreibungen. Expertisen , Frankfurt am Main, Bochinsky [ Band I : Die Venezianer Schule; Band II : Die Schulen von Florenz, Mailand und Genua; Band III / IV : Antonius Stradivarius und die Cremonese Schule; Band V / VI : Die Schulen von Neapel, Rom, Livorno, Verona, Ferrara, Brescia und Mantua; Band VII : Die Geigenbauer der Guadagnini-Familie. Die Schule von Turin; Band VIII : Französiche Schule und deutsche Meister ]. ISBN 3-923639-85-6 ISBN 3-923639-97-X ISBN 3-923639-86-4 ISBN 3-923639-07-4 ISBN 3-920112-66-0 ISBN 3-923639-06-6
  • Walter Senn, Karl Roy, Jakob Stainer 1617-1683 , Frankfurt am Main, Bochinsky. ISBN 3-923639-69-4
  • Hermann Neugebauer, Gerhard Windischbauer, 3D-Fotos alter Meistergeigen , Frankfurt am Main, Bochinsky. ISBN 3-923639-31-7 [con prefazione di Marco Tiella]
  • Settimane Musicali di Stresa, Mostra di Antonio Stradivari. Palazzo Borromeo - Isola Bella, 26 agosto - 10 settembre 1963 [catalogo della mostra]
  • Comune di Cremona, I violini del palazzo comunale , Cremona, Banca del Monte di Milano, 1982 [con schede tecniche di Andrea Mosconi]
  • Charles Beare, Capolavori di Antonio Stradivari , Milano, Mondadori, 1987
  • Simone F. Sacconi, I "segreti" di Stradivari , 2ª ed., Cremona, Libreria del Convegno, 1979.
  • Eric L. Brooks, Jean-André Degrotte, Stradivari, the Violin and the Golden Number - Stradivari, le Violon et le Nombre d'Or , Spa, Les Amis de la Musique, 2005
  • Umberto Azzolina, Liuteria italiana inedita. Unpublished instruments of known Italian violin makers , Cremona, Turris, 1991
  • Pietro Righini, Nuove concezioni sulle corde vibranti. Vivisezione del suono di un violino Stradivari , Padova, G. Zanibon, 1991 [analisi acustiche eseguite sul "Cremonese"]
  • René Vannes, Dictionnaire universel des luthiers , 3ª ed., Bruxelles, Les Amis de la Musique, 1979
  • Willibald Leo von Lütgendorff, Die Geigen- und Lautenmacher vom Mittelalter bis zur Gegenwart , Tutzing, Schneider, 1990
  • John Huber, Der Geigenmarkt - The Violin Market. The Violinist Guide to Instrument Purchase , Frankfurt aM, Bochinsky, 1995, ISBN 3-923639-04-X , ISBN 978-3-923639-04-5
  • Giuseppe Branzoli, Manuale storico del violinista: corredato da un sunto cronologico storico dei fabbricatori di strumenti d'arco, de' più famosi esecutori, dei migliori compositori di musica instrumentale e da 66 illustrazioni intercalate nel testo , Firenze, G. Venturini, 1894 (accessibile gratuitamente on-line su Openlibrary.org )
  • Dominic Gill (ed.), The Book of the Violin , New York, Phaidon, 1984. ISBN 0-7148-2286-8
  • Stefano Pio, Liuteria Veneziana 1490 - 1630 , Ed. Venice research, 2012, ISBN 978-88-907252-0-3
  • Stefano Pio, Liuteria Veneziana 1640 - 1760 , Ed. Venice research, 2004, ISBN 978-88-907252-2-7
  • Stefano Pio, Liuteri & Sonadori 1760 - 1870 , Ed. Venice research, 2002, ISBN 978-88-907252-1-0
  • Luigi Sisto, I liutai tedeschi a Napoli tra Cinque e Seicento. Storia di una migrazione in senso contrario , presentazione di Renato Meucci , Roma, Istituto Italiano per la Storia della Musica, 2010, ISBN 978-88-95349-08-4

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità Thesaurus BNCF 17664 · LCCN ( EN ) sh85143544 · GND ( DE ) 4019791-8 · BNF ( FR ) cb11969158v (data) · BNE ( ES ) XX529859 (data) · NDL ( EN , JA ) 00560471
Musica Portale Musica : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica