Varese

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Varese (disambiguation) .
Varese
komen
Varese - manto nan bra Varese - Drapo
Varese - View
Panorama nan Varese soti nan Campo dei Fiori la
Kote
Leta Itali Itali
rejyon an Lombardy-Rejyon-Stemma.svg Lombard
pwovens Varese
Administrasyon
Majistra Davide Galimberti ( PD ) soti nan 20-6-2016
Teritwa
Kowòdone 45 ° 49'N 8 ° 50'E / 45,816667 ° N 8,833333 ° E 45,816667; 8.833333 (Varese) Kowòdone : 45 ° 49'N 8 ° 50'E / 45.816667 ° N 8.833333 ° E 45.816667; 8.833333 ( Varese )
Altitid 382 m slm
Sifas 54,84 km²
Dlo andedan 3.5 km² (6.38%)
Moun ki rete 79 768 [2] (03.31-2021)
Dansite 1 454,56 abitan / km²
Fraksyon Gade paragraf la
Minisipalite vwazen yo Arcisate , Azzate , Biandronno , Bodio Lomnago , Brinzio , Buguggiate , Cantello , Casciago , Castello Cabiaglio , Cazzago Brabbia , Galliate Lombardo , Gavirate , Gazzada Schianno , Induno Olona , Lozza , Luvinate , Malnate
Lòt enfòmasyon
Kòd postal 21100
Prefiks 0332
Lag jè UTC + 1
ISTAT kòd 012133
Kòd Cadastre L682
Plak LI ALE
Cl. sismik zòn 4 (trè ba sismisite) [3]
Non moun ki rete Varese, Bosini [1]
Patwon San Vittore il Moro
Jou Konje 8 me
Kartografi
Mappa di localizzazione: Italia
Varese
Varese
Varese - Kat jeyografik
Zòn minisipal la nan pwovens li yo
Sit entènèt enstitisyonèl

Varese ( AFI : / vaˈreze / o / vaˈrese / [4] [5] , koute [ ? · Info ] ; nan dyalèk Varese Vares [6] , AFI : [vaˈreːz] [ sitasyon nesesè ] ) se yon vil Italyen nan 79 768 moun [2] , kapital nan pwovens la omonim nan Lombard .

Apèl la karakteristik nan Vil Jaden sòti nan pak yo anpil ak jaden ki yo sitiye nan minisipalite a, lajman ekipman nan Villas bati la ant dizwityèm syèk la ak nan konmansman an nan ventyèm syèk la , premye pa fanmi nòb ak pi resamman pa endistriyalis ak reprezantan ki nan anwo klas la presegondè, sitou nan Milan . Varese se yon pati nan rejyon agrikòl la n ° 4 - Hills nan Varese , nan Campo dei Fiori pak rejyonal la , ak nan Rezo a nan lavil estratejik (RECS) .

Moun ki rete nan vil la yo rele Varesini , pandan y ap moun ki rete nan aryèr yo rele Varesotti . Menm jan an tou, se yon gwo pati nan teritwa a nan pwovens lan pi lwen pase limit vil yo rele Varesotto .

Jewografi fizik

( FR )

«Ensemble magnifique; au coucher du soleil, nous apercevions sept lacs. Croyez-moi, mon ami, on peut courir la France et l'Allemagne sans avoir de ces sensations-là. "

( IT )

«Manyifik vizyon! Lè solèy kouche, sèt lak te kapab wè. Kwè m 'ou ka vwayaje tout lòt peyi sou Lafrans ak Almay, men ou pa janm yo pral kapab fè eksperyans sansasyon sa yo. "

( Stendhal , lavil Wòm, Naples ak Florence [7] )

Orografi

Vil la nan Varese sitiye nan yon pozisyon karakteristik, nan pye a nan Sacro Monte di Varese la (nan Varese Pre-alp la ), ki se yon pati nan Campo dei Fiori a ak se lakay yo nan yon obsèvatwa astwonomik , osi byen ke pre a -Alp sant jeofizik . Vilaj la ki okipe pati nan mitan mòn lan pran non Santa Maria del Monte akòz tanp lan medyeval, ki ka rive jwenn atravè avni a nan chapèl yo nan Sacro Monte la . Lak la an menm non yo ki nap li nan nivo a nan kèk ti bouk make kwen ki pi ba nan lavil la.

Varese bay manti sou sèt ti mòn: Colle di San Pedrino (distri Bosto ) (402 m), Colle di Giubiano (407 m), Colle Campigli (453 m), Colle di Sant'Albino (devan Bosto) akote viale Europa) (406 m), Colle di Biumo Superiore (439 m), Colle di Montalbano ( Villa Mirabello ) (411 m) ak Colle dei Miogni (492 m). Teritwa a nan minisipalite a Se poutèt sa ant 238 ak 1.150 m sl .. anjeneral altimetrik la se konsa nan 912 mèt. Se kay minisipal la ki chita nan 382 m slm

Klasifikasyon sismik : zòn 4 (sismisite ki ba anpil), Mdonans PCM n. 3274 nan 20/03/2003

Idrografi

Se teritwa a nan Varese benyen pa vwa navigab anpil, epi ki afekte nan Lake a nan Varese . Nan fraksyon nan Rasa nan Varese , larivyè Lefrat la Olona gen twa nan sous li yo, ankò nan fraksyon sa a Olona a resevwa dlo yo nan Legnone, Des ak Sesnivi sous dlo yo (oswa Valle del Forno). Pli lwen en, nan lokalite Bregazzana, kouran Braschè, Pissabò, Boscaccia ak Grassi ap koule tou nan Olona. Nan nò-bò solèy leve a, Varese nap branch nan sezon prentan lès nan Olona a ap koule tankou dlo nan Valganna ; sou fwontyè ki genyen ant Varese ak Induno Olona , Pedana della Madonna torrent ap koule nan gwo larivyè Lefrat la. Anba Santa Maria del Monte ap koule sa ki ka konsidere kòm kou dlo Varese , kouran Vellone . Apre li te mouye distri a nan Velate, li kwaze lavil la kouvri, ak Lè sa a, ap koule nan Olona a nan Belforte .

Nan nò a nan seksyon riral la nan Rasa , se kouran an Buragona fèt, manje pa aflu Valgallina a, yon afliyan nan Lake Brinzio . Nan nò a ekstrèm nan zòn nan Varese, sou krèt la nan Campo dei Fiori a, Intrino a ak Riazzo a leve, ki benyen vil la nan Brinzio. Soti nan zòn nan montay nan Varese gen kèk sous dlo ki koule nan Lake Varese , an patikilye Val Luna a ak Rio di Casciago la.

Roggia Nuova a koule nan sid Varese ak koule nan lak la tou pre Capolago . Se kouran an Selvagna ki fèt nan Bizzozero ak koule nan Olona a tou pre Castiglione Olona . Nan lokalite a nan Torre San Quirico, prèske sou fwontyè a ak Gazzada Schianno , Arno oswa Arnetta kouran an , youn nan kou dlo prensipal yo nan Lower Varese a ak Altomilanese a, ki fèt .

Lake a nan Varese.jpg
Lake Varese nan solèy kouche ak masif la nan Monte Campo dei Fiori nan background nan.

Klima

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Estasyon Meteyo nan Milan Malpensa ak jeofizik Sant Prealpino .

Se sezon fredi a Varese diman afekte pa enfliyans la atténuation nan Lake majò ak lòt lak minè nan pwovens lan. Tanperati minimòm yo nan fen otòn ak sezon fredi souvan gout, kwake kèk degre, anba zewo. Li se jisteman tanperati yo lannwit ki ba ki kreye yon klima diferan nan zòn nan sid vil sa a. Kòm nan lòt Lombard pre-alpine vil yo, bwouya se yon fenomèn Rahman. Done tèmik nan men, Varese se an mwayèn pi fre pase lòt kapital Lombard nan Prealps yo , espesyalman nan sezon fredi a. Si jiska ane 1980 yo lapli a nan Varese te nan mitan pi wo a nan peyi Itali, ak yon mwayèn de plis pase 1500 mm chak ane, nan deseni ki sot pase yo kantite lajan an mwayèn chak ane nan lapli konsiderableman redwi. Menm jan an tou, nan sezon fredi, nèj te tonbe san patipri detanzantan nan vil la nan dènye ane yo. Klima klasifikasyon : zòn E, 2652 GG

MILAN MALPENSA Mwa Sezon Ane
Janvye Fevriye Mas Avril Mag Anba a Jul Deja Mete Oktòb Nov. Desanm Env Pri East Ot
T. max. mwayenC ) 6.1 8.6 13.1 17.0 21.3 25.5 28.6 27.6 24.0 18.2 11.2 6.9 7.2 17.1 27.2 17.8 17.3
T. min. mwayenC ) −4.4 -2.5 0.4 4.3 9.0 12.6 15.3 14.8 11.5 6.4 0.7 −3.6 −3.5 4.6 14.2 6.2 5.4
Presipitasyon ( mm ) 67.5 77.1 99.7 106.3 132.0 93.3 66.8 97.5 73.2 107.4 106.3 54.6 199.2 338.0 257.6 286.9 1 081.7
Jou lapli 6 6 8 9 10 9 6 8 6 7 8 6 18 27 23 21 89
Mwayèn imidite relatif (%) 78 76 69 73 74 74 74 73 74 77 80 80 78 72 73.7 77 75.2
Van ( direksyon - m / s ) Non
3.3
Non
3.3
Non
3.4
Non
3.5
Non
3.3
Non
3.2
Non
3.1
Non
3.0
Non
3.1
Non
3.1
Non
3.4
Non
3.3
3.3 3.4 3.1 3.2 3.3

Orijin non an

Dokiman ki pi ansyen ki pote non Varese se yon parchemin ki gen dat 8 jen 922 konsève nan Achiv Eta Milan .

Toponim Varese a sanble sòti nan Celtic Vara (dlo), ki konekte ak pwoksimite lak omonim lan. Ak non an ta vini nan plas la, pa tèlman akòz prezans nan kouran Vellone a, men soti nan yon fwa ke yo te etaj la fon, kote vilaj la leve, marekaj akòz dlo yo ap koule tankou dlo soti nan ti mòn yo ki antoure. Yon fwa akwifè a te an reyalite kèk mèt anba tè a, ak nan tan lapli ki pèsistan kav yo te plen ak dlo ak nan kare yo, tou akòz tè a ajil, flak dlo yo stagnation pou yon tan long.

Dérivation a soti nan non yo Women nòb Varia , Varius , osi byen ke soti nan pretè Publio Quintilio Varo a tou ipotèz. Ni se orijin ki soti nan Vallexitum oswa Vallesium eskli nan ki Varisium akòz mitasyon an nan komen nan l nan r nan tan lontan nan lang lan nan zòn nan (gen tras nan li soti nan 12yèm syèk la) ak sa a pou yo te plas la nan la bouch fon yo. Pwoksimite a nan Woods yo anpil tou sijere virens yo tèm, ekivalan jisteman nan vèt.

Istwa

Ansyen

Premye tras nan yon antant rezidansyèl yo te jwenn nan zòn nan dat tounen nan tan pre-istorik , an reyalite jwenn yo anpil ekspoze nan mize a nan Villa Mirabello ak rezilta yo nan pil - rete nan zòn lakòt yo sou ti zile a Vijini montre ke zòn nan te deja rete nan 3000 BC [8] .

Sou sa a zile nan kòt la nan Biandronno nan 1863 Abbot Stoppani a ak de akeyològ Swis yo te jwenn kèk pil-rete rete. Rechèch ki vin apre yo te mennen nan dekouvèt la sou lak la nan yon lòt dis koloni gaye ant minisipalite yo kounye a nan Bardello, Cazzago Brabbia ak Bodio Lomnago, ki date ant pi ba Neyolitik la ak laj la Iron byen bonè. [9]

Sepandan, pa gen okenn enfòmasyon egzak sou vilaj la jiskaske devlopman nan kilti Golasecca a , pwolonje nan tout zòn Lombard-Piedmont, epi ki gen evolisyon ta kontinye byen pi lwen pase fondasyon an nan Anpi Women an . [ sitasyon nesesè ] Wout kominikasyon enpòtan ki itilize sitou pa machann ak sòlda ki konekte Milan ak Swis prezan-jou nan Valganna , Ponte Tresa ak Canton nan Ticino , ta byento aksantué enpòtans ki genyen nan Varese kòm yon kote nan transpò piblik. [10]

Soti nan Varisium , non Women an nan Varese, te pase wout la Mediolanum-Bilitio , ki konekte Mediolanum ( Milan ) ak Luganum ( Lugano ). [11]

Mwayennaj

Lwa yo nan Varese ak distri a nan 1347 ( Statuta burgi et castellantiae de Varisio ), ki te pibliye pa Francesco Berlan nan 1864.

Prezans nan bilding tankou Torre degli Ariani tou pre Sacro Monte a oswa legliz la nan San Cassiano ak Ippolito tou pre Velate temwaye vitalite sosyo-ekonomik la nan zòn nan Varese deja nan peryòd la fen Women an. Envestigasyon akeyolojik ki te fèt nan vire a nan 20yèm ak 21yèm syèk yo nan kripte nan Tanp lan nan Sacro Monte a konfime prezans nan yon règleman byen bonè byen bonè kretyen nan zòn sa a [12] .

Nan Mwayennaj Mwayenaj yo Varese te patisipe nan evènman istorik Seprio a ak nan batay ant Como ak Milan, relasyon yo ki dat tounen nan 1045 ak eleksyon an nan Guido da Velate soti nan Varese kòm Achevèk ak nan alyans la ki ta ka detèmine defèt la nan Federico Barbarossa nan 1176. Avèk sezon otòn la nan Castelseprio nan 1287 ak ogmantasyon nan Visconti a, lyen ki genyen ant Varese ak Milan te vin menm pi pre ak plis ki dire lontan. Envesti nan onzyèm syèk la pa konstriksyon an nan ganizon anpil defans - toujou an pati ki deja egziste jodi a - gen entansyon kontwole aksè nan fon an Po soti nan nò a, pandan katòzyèm syèk la Varese akeri lwa yo an premye ki ta kontwole lavi nan vil la, ki baze sou yon konsiderab ak otonomi privilejye nan gouvènman an ki te dire, ak eksepsyon ki ra, jouk dezyèm mwatye nan dizwityèm syèk la. Apre revòlt yo ki te eklate ak lanmò nan Gian Galeazzo Visconti , nan 1407 lidè Facino kann lan , konte nan Biandrate pwoklame tèt li mèt nan Varese, uzurp privilèj sa yo ki ta dwe retounen nan bouk la twa ane pita pa Giovanni Maria Visconti . Peryòd sa a Sforza asire Varese yon sèten devlopman ekonomik, ak ranfòse nan mache lokal la, chwazi kòm sit la nan yon jis enpòtan pou vant la nan chwal soti nan tout alp la. Avèk envazyon an ki vin apre nan mèsenè Swis, nan konmansman an nan dominasyon an Panyòl ak epidemi nan epidemi anpil, vil la glise nan yon epòk nan bès, ki soti nan ki li ta refè sèlman ak tranzisyon an nan syèk la nouvo.

Laj modèn

Giovanni Ambrogio Figino (1548-1608), Portrait nan San Carlo Borromeo Dyosèz Mize nan Milan
Francesco III d'Este (1698-1780)

Avenman Carlo Borromeo kòm Achevèk Milan make yon peryòd enpòtan nan renouvèlman politik ak kiltirèl pou Varese. An reyalite, vizit li nan 1567 kontribye nan modifye enstitisyon eklezyastik li yo, bay nouvo vigè nan abei a nan Santa Maria del Monte , ki byento te wè ouvèti a nan youn nan antrepriz ki pi enpòtan atistik nan Lombard . Faktori a, ki te enplike nan konstriksyon yon wout sakre pou rive nan Tanp lan, te kòmanse lè Papa Giovanni Battista Aguggiari te rive ogmante sòm de 1 milyon lire Imperial, ki enplike tou kèk fanmi nòb Milanese. Précédemment aksè a sèlman nan Tanp lan swiv chemen an apik ki toujou jodi a konekte distri a Velate Sacro Monte a ak Campo dei Fiori, pase nan yon kote, Monte San Francesco nan Pertica , ki pou syèk te loje yon gwo kay won nan Women wè an premye ak Lè sa a, youn nan pi ansyen kominote fransiskan yo. Li te pwobableman Borromeo ki dekrete n bès nan definitif nan plas la ak chanjman nan radikal nan kou an favè yon kominote fi relijyeu lye nan fanmi yo ki pi enpòtan nòb nan tan sa a [13] . Konstriksyon travay la, ki te kòmanse an 1604 e ki te fini nan fòm prezan li an 1698, te wè patisipasyon atis pi popilè tankou Morazzone ak Cerano sou premye direksyon achitèk Giuseppe Bernascone . Antrepriz la, ki te transfòme Varese nan yon ranpa natif natal nan Katolik kont menas Pwotestan an , te pote soti nan kriz epidemi nan kòmansman disetyèm syèk la, ki pi grav nan yo - anrejistre nan 1628 - ki te koze grangou grav ak lanmò anpil nan epidemi an. Nan dezyèm mwatye nan syèk la sitiyasyon politik la estabilize, epi, nan dizwityèm syèk la, fwontyè yo ak Swis yo te etabli tou (Kongrè a nan Varese, 1752), ki antisipe refòm nan administrasyon minisipal la jis senk ane pita lè, tout fraksyon yo yo te aboli, gouvènman minisipal la te reskonsab nan yon fòm oligarchik jeneral konvoke nan tout rich la ki gen plis pase 3000 lire nan byen, ki moun ki eli depite pèmanan l 'yo ak yon junta rejans, osi byen ke divès kalite majistra espesifik tankou Chanselye a , majistra-a ak Janitor a , tout sibi otorite sipwèm nan podestà a nan randevou wa yo. Nan 1765 Maria Teresa akòde Varese kòm yon feyè pèsonèl Francesco III d'Este , Duke nan Modena ak Seyè nan Varese. Se te yon peryòd patikilyèman kontan ak gremesi, tou nan yon pwen de vi kiltirèl. Nouvo kouvan yo te konstwi, kèk nan yo tankou mayifik tankou sa yo ki nan Kapucins yo ak Carmelites yo Discalced, nan mè yo nan Sant'Antonino; nouvo fratènite konstitye oratwa yo e ke "peryòd an lò" nan jou ferye yo Varese gen ase matirite, ki devlope pi wo a tout nan diznevyèm syèk la ak jiska Premye Gè Mondyal la. Lè Anperè Jozèf II moute sou fòtèy la, Varese te vin rezidans yon entandan e li te deziyen kapital youn nan sis pwovens kote Lombardy te divize an 1786: ak elevasyon vilaj la nan kapital pwovens lan menm non yo. , teritwa a enkli tou distri Gallarate . Nan 1797 vil la te vin kapital la nan depatman an efemèr nan vèrbano , sèlman yo dwe enkli nan depatman an nan Olona ak nan 1801 redwi a Vis-prefekti nan depatman an Lario ak Como kòm kapital li yo . Gouvènman Napoleon an te dekrete premye ekspansyon teritwa minisipal la, li te deside an 1809 aneksyon Bobbiate ak Capolago , ak nan 1812 sa yo ki nan Lissago , Masnago ak Induno .

Laj kontanporen

Calogero Marrone (1889-1945)

Aprè pouvwa Napoleon an te diminye ak ansyen rejim lan te retabli apre boulvèsman franse yo, nan 1816 vilaj redwi a te monte nan ran vil la - ak prerogativ politik ak administratif li yo, ki gen ladan eleksyon premye konsèy minisipal la - pa anperè Francesco I d Otrich , ki kanmenm konfime ki fè pati pwovens Como , nouvo non ansyen depatman Lario.

Anvan ekspilsyon definitif nan Ostralyen yo ak batay la viktorye nan Magenta sou, 4 jen 1859, Varese eksperyans moman sa a nan tout bèl pouvwa sou 26 me, 1859, nan ki Garibaldi ak Garibaldini yo pi fò pase twoup yo nan Jeneral Karl von Urban . Inite Nasyonal la konstitye pou vil la tranplen pou devlopman ekonomik ak sosyal li yo ki, ki te dire jouk Premye Gè Mondyal la , ta afekte papye a, bwonzaj, soulye, endistri mekanik ak Aewonotik. Tankou kwasans toupatou mennen non sèlman nan konsiderab byennèt nan mitan popilasyon an, men tou, nan yon devlopman iben lòd, ki te touche Varese tit la nan vil jaden . Konstriksyon an nan omwen yon santèn gwo Villas ak pak, nan ki yo te ajoute otèl abondan nan style Art Nouveau - ki fèt nan mitan lòt moun pa achitèk la milanè Giuseppe Sommaruga - aksantué enterè nan touris nan Varese nan kòmansman ventyèm syèk la .

Avèk avenman pati fachis la nan gouvènman an nan peyi Itali, nan 1927 Mussolini elve Varese nan kapital la nan nouvo kò a pwovens, konsa koupe lyen an ak vil la nan Como. Yon ti tan apre zòn minisipal la te elaji ak agrégation minisipalite vwazen yo nan Bizzozero , Bobbiate , Capolago , Induno Olona , Lissago , Masnago , Sant'Ambrogio Olona , Santa Maria del Monte ak Velate [14]

Varese ak teritwa li yo te sijè a nan aksyon patizan enpòtan ak siyifikatif, an patikilye pandan ane sa yo nan Repiblik Italyen Sosyal la , lè lavil la ak teritwa li yo tonbe nan men twoup yo Nati-Fachis rne. Aksyon echwe, men enpòtan patizan nan "Royal Italyen Lame-Gwoup 5 jou yo" nan Bersaglieri kolonèl Carlo Croce la, te make kòmansman yon represyon rapid ak brital kont anti-fachis, dezèt ak jwif [15] . Lèt la, ap koule tankou dlo nan sant prensipal yo nan peyi Itali, te dirije pou Swis - lè yo pa te kaptire nan teritwa Italyen oswa viktim rejè enjustifye - pafwa benefisye de èd nan men popilasyon lokal yo. Yon wòl desizif pou delivre yo te jwe nan Varese Calogero Marrone , ki an tèt biwo rejis la nan minisipalite a, jodi a dwa nan mitan nasyon yo ki, mete lavi yo nan risk, falsifye plizyè douzèn dokiman, konsa pèmèt yon wout chape pi fasil pou anpil nan yo [ 16] .

Nan fen Dezyèm Gè Mondyal la, vil la ak teritwa li yo, ki soti nan ki Induno Olona te detache an 1950 , piti piti elaji, kondwi pa devlopman ekonomik ak sosyal ki, akòz enpòtan ak kontwovèsyal transfòmasyon iben deja nan trant yo - tankou kreyasyon an nan santral pyadza Monte Grappa a sou yon pwojè pa Vittorio Ballio Morpurgo - detèmine yon gwo kwasans endistriyèl akonpaye pa yon ogmantasyon demografik paralèl.

Senbòl

Rad la nan bra nan Varese
Banyè la nan Varese

Blazon nan rad la nan bra nan Varese:

Koupe: nan premye a nan wouj nan poto an ajan, nan dezyèm an ajan plen. Zam la tache ak yon FOIL lò, mete so ak yon kouwòn Marquis. Cimiero: San Vittore , sen patwon nan vil la, k ap monte soti nan kouwòn lan, pote sou bò dwat la yon poto drapo an ajan chaje ak yon kwa wouj, leve sou bò gòch la, ak sou bò gòch palmis la nan mati, tout natirèl.

Rad la nan vil la nan Varese dat tounen nan alantou 1347. Sou kouvèti a an bwa nan kopi an doub nan Lwa yo Burgi et Castellatiae de Varisio , konsève nan achiv la minisipal, se egzanp lan pi ansyen nan yon rad sivik nan bra montre: "Samnite plak pwotèj an ajan. Ak de kwen wouj, dwa ak bò gòch sou tèt la; tout otou fèmen pa yon bann nwa". Efiji nan San Vittore pa gen okenn kouwòn. Li se pwobableman nan syèk la 16th - kòm istoryen an Varese Luigi Borri kwè nan travay li Documenti Varesini nan 1891 - ki te plak pwotèj li a simonte pa kouwòn lan Marquis ak efigi a nan St Victor, sen patwon nan lavil la.

Rad la te rekonèt pa yon dekrè nan tèt la nan gouvènman an nan 17 jen 1941 ak banyè la te akòde ak dekrè wa a nan 28 avril 1941. [17]

Onè

Meday lò pou baz byenfonde nan lekòl, kilti ak atizay - riban pou inifòm òdinè Meday lò pou baz byenfonde nan lekòl, kilti ak atizay
- 2 jen 1965 [18]

Moniman ak kote nan enterè yo

Bazilik San Vittore nan Varese
Enteryè nan Bazilik la nan San Vittore
Monte a Sacro soti nan vout la nan Sant'Ambrogio

Achitekti relijye yo

Moniman yo nan Varese konpoze de yon rich eritaj istorik ak atistik, nan yo menm ki pi ansyen yo ap konsève nan vilaj la ansyen.

  • Ki gen enpòtans patikilye se an reyalite Bazilik la nan San Vittore , bati ant syèk yo sèzyèm ak disetyèm sou yon estrikti katòzyèm syèk la: te presbiteri a bati nan 1542 ak kò a nan legliz la te fèt pa Pellegrino Pellegrini nan 1580. Sou bò a gen se tou gwo kay won an klòch relatif , ki fèt nan Giuseppe Bernascone ak ranpli nan dizwityèm syèk la , ki ak plis pase 77 mèt li yo nan wotè se bilding ki pi wo a nan vil la nan Varese.
  • Bòkote Bazilik la kanpe ansyen batistè a nan San Giovanni Battista , bati ant 12yèm ak 13yèm syèk yo. Anndan gen prèv ki montre bilding egzagonal ki te deja egziste depi nan syèk VIII-IX la. Nan sant la, pi wo a font la batèm soti nan syèk la 7th-8th, se font la monolitik octagonal skulte pa yon mèt soti nan Campione ki te aktif ant 13yèm ak 14yèm syèk yo. Sou lotèl la gen yon Madonna entronize ak sen pa yon mèt soti nan Vercelli soti nan syèk la 16th.
  • Pami lòt legliz yo gaye nan vil la yo sonje ke nan San Martino, yon pati nan yon ansyen monastè benediktin ak frèsk pa Francesco Maria Bianchi (1689-1757) ak Pietro Magatti (1687-1765);
  • legliz la nan Sant'Antonio alla Motta , bati nan 1606-1614 nan transfòmasyon nan yon oratwa pre-egziste ki fèt nan Giuseppe Bernascone (1565-1627), ak entèvansyon entèn pa pentr yo Giuseppe Baroffio ak (nan yon limit pi piti) Giovanni Battista Ronchelli .
  • Dèyè pyadza santral Monte Grappa a kanpe legliz la nan San Giuseppe, bati kòm yon oratwa pandan 1504. Se enteryè a rich ak frèsk presye disetyèm syèk la pa Giovan Battista Del Sole , Melchiorre Gherardini ak Giovanni Battista Ronchelli, otè de frèsk yo sou miray la. nan koral la. Twal la nan miray santral la, ki date tounen nan pwemye mwatye nan disetyèm syèk la, olye de sa atribiye a Giulio Cesare Procaccini .
  • Pa lwen sant istorik la, nan lokalite a nan Biumo Inferiore , kanpe Tanp lan Marian nan "Madonnina a nan Prato" , dosye yo an premye nan ki dat tounen nan 1574, nan okazyon an nan yon vizit pastoral nan vilaj la nan San Carlo Borromeo . Anndan bilding lan gen yon bonjan frèsko an reta gotik, petèt yon pati nan yon chapèl votif, ki dekri Vyèj la tronize ak Timoun, ak anpil frèsk pa Antonio Busca date tounen nan 1667. Te fasad la nan legliz la olye egzekite ant 1678 ak 1686 nan Viggiù grè.
  • Sono da ricordare inoltre la chiesa di San Giorgio in località Biumo Superiore per alcuni affreschi del XIV-XV secolo e una "Adorazione con Bambino" di Pietro Magatti ;
  • la chiesa di Santo Stefano a Bizzozero , pregevole esempio di romanico lombardo del X-XI secolo, epoca cui risale anche
  • l' oratorio della Schirannetta a Casbeno e
  • la chiesa di San Cassiano in località Avigno , quest'ultima caratterizzata da un affresco trecentesco su una parete esterna.
  • Degna di nota è infine la chiesa di Sant'Imerio - un tempo dedicata a San Michele Arcangelo - nel quartiere di Bosto , edificio risalente all'XI secolo con affreschi quattrocenteschi e un sarcofago in pietra scolpito dei secoli XI-XII.

Il Sacro Monte

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sacro Monte di Varese .

Di particolare interesse storico-artistico è il Sacro Monte di Varese o "Fabbrica del Rosario", importante complesso concepito nel tardo Cinquecento da Giovanni Battista Aguggiari come sistemazione del preesistente percorso pedonale per il santuario di Santa Maria del Monte. Si tratta di una via sacra di circa due chilometri fiancheggiata da 14 cappelle votive che ripercorrono i misteri del Rosario. Realizzate a partire dal 1604 da Giuseppe Bernascone , dal 2003 il complesso è stato inserito con gli altri nove sacri monti di Piemonte e Lombardia nella lista UNESCO del patrimonio dell'umanità . Le cappelle, come i Misteri del Rosario, sono divise in gruppi di cinque, separati tra loro da archi trionfali e da fontane per il ristoro dei pellegrini. Le cappelle sono quattordici, una in meno dei Misteri del Rosario, poiché il santuario – meta del percorso – assume la funzione di quindicesima ed ultima cappella, grazie alla costruzione avvenuta in quegli anni, di un nuovo altare in marmo dedicato alla Incoronazione della Vergine , che racchiude una trecentesca statua lignea, icona oggetto di speciale venerazione [19] . Il percorso devozionale si conclude ad oltre 800 metri di altezza nell'abitato di Santa Maria del Monte. Qui spicca il santuario, sorto su una chiesetta di remote origini e realizzato dal 1472 su disegno di Bartolomeo Gadio . Il prezioso interno dell'edificio conserva affreschi di Giovan Mauro della Rovere e Antonio Busca . La chiesa, meta del pellegrinaggio, risale al Medioevo e conserva, sotto il presbiterio, una cripta romanica databile intorno all'XI secolo. L'interno è d'impianto barocco, e le navate sono opera di Giovanni Battista della Rovere , del comasco Giovanni Paolo Ghianda , nonché dei fratelli Giovanni Battista e Giovanni Francesco Lampugnani, questi ultimi autori di alcuni affreschi alla XII cappella e nella chiesa dell'Immacolata Concezione, posta a inizio della via Sacra. Oltre al campanile del santuario, ideato da Giuseppe Bernascone nel 1599, rilevante è la fontana del Mosè, costruita per rendere esecutiva una deliberazione assunta dall'Amministrazione del Santuario nel 1803. Posta al termine del percorso devozionale, la fontana - ideata dall'architetto Francesco Maria Argenti di Viggiù e dallo scultore ravennate Gaetano Monti - è formata da un prospetto neoclassico impostato su un alto basamento a bugne regolari. Terminata nel 1834 non fu mai completata mancando due statue in posizione seduta ai lati del piedistallo e quattro sulla balaustra in corrispondenza delle colonne. Il monumento ha alla base una vasca che riceve acqua sorgiva da una testa leonina. Dal 2010 si svolge la rassegna "Tra Sacro e Sacro Monte", festival teatrale voluto dalla fondazione Paolo VI per il Sacro Monte di Varese

Sacro Monte.tif
Il territorio di Varese dalla via Sacra

Architetture civili

Villa Andrea Ponti
Il parco di villa Toeplitz
La dacia nel parco di Villa Baragiola
Palazzo e giardini estensi
Panorama dal Sacro Monte

La città di Varese è ricca di ville e castelli, spesso edificati dalla famiglia Borromeo o in stile liberty . Si tratta di ville storiche, per la maggior parte sedi di musei o di enti istituzionali provinciali, di grande fascino, tanto per le costruzioni che per i magnifici giardini che le circondano. Oltre ad alcuni edifici sparsi nel centro storico della città, come Palazzo Pretorio o villa Cagna, un complesso residenziale che ospita anche il civico Liceo Musicale di Varese, figurano alcuni importanti edifici già destinati nel passato a lussuosi alberghi e importanti strutture ricettive.

Tra questi emerge Villa Recalcati in località Casbeno edificata nella prima metà del XVIII secolo, poi ampliata nel corso del 1756-75, fu concepita come albergo di lusso, ora è sede della Provincia di Varese e della Prefettura. A ridosso del centro della città si incontra invece Villa Mylius , ceduta al comune di Varese nel 2007. Già di proprietà dei Padri Gesuiti di Varese, nel 1773 la villa e il parco furono ceduti al notabile Francesco Torelli, che la trasformò da modesto edificio in una vera e propria villa, poi venduta nel 1905 all'industriale Giorgio Mylius. Con la sua morte la proprietà venne frazionata tra vari eredi, che nel 1946 si accordarono per cederla al varesino Achille Cattaneo, e da lui donata all'amministrazione. [20]

In località Sant'Ambrogio sorge Villa Toeplitz , considerata una delle più belle ville con parco pubblico della città. Il complesso prende nome da Giuseppe Toeplitz (1866-1938), banchiere di origini polacche che l'acquistò nel 1914. Già modesta residenza di campagna della famiglia tedesca Hannesen, venne ampliata dal Toeplitz quando nel secondo dopoguerra la moglie Edvige Mrozowska e il figlio Ludovico la vendettero ai fratelli Mocchetti di Legnano. Il complesso con l'elegante parco all'italiana passò al Comune di Varese nel 1972.

Sono da ricordare inoltre le Ville Ponti , edificate tra il 1850 e il 1870 su progetto dell'architetto milanese Giuseppe Balzaretto (1801-1874), furono ristrutturate nel 1976 e convertite in un importante centro congressuale. L'edificio principale, immerso in un pregevole parco pubblico, è decorato internamente da Giuseppe Bertini (1825-1898), mentre la villa neoclassica detta "Fabio Ponti" - l'edificio più antico dell'intero complesso - è ricordata per essere stata il quartier generale di Garibaldi nel 1859. Sempre in località Biumo Superiore , a lato dell'ingresso delle Ville Ponti sorge Villa Menafoglio Litta Panza . Costruita a partire da metà Settecento per iniziativa del marchese Paolo Antonio Menafoglio , è uno degli esempi meglio conservati di casa di villeggiatura di tutto il territorio varesino, sia dal punto di vista dell'architettura sia da quello dell'importanza territoriale. La villa con il giardino all'italiana fu in parte trasformata nel periodo napoleonico (salone neoclassico) insieme al parco a cui furono aggiunte delle parti sistemate all'inglese. Annoverata dal 1996 come bene tutelato dal FAI , attualmente l'edificio ospita la collezione d'arte contemporanea della famiglia Panza.

In località Giubiano è invece da ricordare Villa Augusta , edificata nella seconda metà dell'Ottocento. Già di proprietà Testoni, passò all' Ospedale di Circolo di Varese e poi, il 30 settembre 1952, fu ceduta all'ordine delle suore Ausiliatrici del Purgatorio di Roma. Acquistata dall'amministrazione comunale il 12 dicembre 1968, la villa ospita un'azienda municipalizzata, mentre il parco è aperto al pubblico dal 5 aprile 1970.

Nel rione di Masnago è presente invece Villa Baragiola , da menzionare soprattutto per il parco all'inglese. Sul lato nord, all'ombra del monte Campo dei Fiori, nel 1895 l'avvocato Andrea Baragiola inaugurò uno dei primi ippodromi italiani, che si estendeva sino all'area oggi occupata dallo stadio "Franco Ossola" e al suo ampio parcheggio. La villa, d'impianto Ottocentesco, fu ristrutturata nei primi anni trenta e ancora nel decennio successivo, quando fu destinata a seminario di ordine religioso. Passata al Comune di Varese nel 2001, oggi ospita una parte dei suoi uffici, mentre il parco è aperto al pubblico.

Palazzo estense e villa Mirabello

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Palazzo Estense e Villa Mirabello (Varese) .

Architetture militari

Sul promontorio che domina il quartiere di Belforte sorge un antico maniero in rovina, oggi conosciuto come castello di Belforte . Il toponimo, contrazione di "Bellum-Fortis", sarebbe di derivazione romana e confermerebbe l'esistenza di una postazione militare precedente al periodo medievale. La documentazione registra la presenza di una fortificazione esistente già nel 1164, con funzione di baluardo e vedetta delle vie lungo l'Olona. Agli inizi del XV secolo la proprietà passò nelle mani della famiglia Biumi, che trasformò l'edificio in una lussuosa residenza di notevole pregio architettonico. Abbandonato nel corso dei secoli, oggi è un complesso diroccato in attesa di restauri.

In località Masnago sorge il Castello Mantegazza . La massiccia torre quadrata del XII secolo testimonia lo scopo difensivo del complesso architettonico, sviluppato nel corso del Quattrocento e completato con un'ala Sei-Settecentesca che ha dato all'antica fortezza l'attuale aspetto di una dimora signorile. Dal XV secolo residenza dei Castiglioni, famiglia originaria del vicino borgo medievale di Castiglione Olona , la scomparsa del casato a inizio Novecento con la morte del marchese Paolo Castiglioni Stampa segnò il passaggio del castello ad Angelo Mantegazza di Varese, quindi alla famiglia Panza negli anni sessanta e infine al Comune nel 1981 che lo ha destinato a sede del Museo d'arte Moderna e Contemporanea. All'interno dell'edificio sono conservati rari esempi di affreschi profani in Lombardia, espressione dello stile gotico internazionale. Di notevole interesse, per la straordinaria ricchezza di specie vegetali, il parco del castello, un vero e proprio giardino botanico con oltre un centinaio di alberi a arbusti, tra i quali spiccano maestosi esemplari di leccio e corbezzolo.

In località Velate - un borgo fortificato esistente fin dall'epoca tardoromana ("castrum de Vellate") - si trova una delle più belle testimonianze medievali presenti sul territorio. Si tratta di una torre risalente all'XI secolo che, inserita nell'antica struttura difensiva del Limes prealpino , era destinata a presidio militare della sottostante via per Angera e il lago Maggiore. La struttura, in pietra viva, con pianta quadrangolare, raggiunge i 33.50 metri d'altezza, con cinque piani fuori terra serviti da un articolato corpo scale posto sul lato orientale. Il poderoso fortilizio, del quale rimangono solo due lati e uno soltanto è integralmente conservato, fu gravemente danneggiato alla fine del XII secolo dai milanesi vittoriosi sulle milizie imperiali e sugli alleati del Barbarossa, tra i quali figuravano i nobili di Velate. Attualmente la torre, che costituisce un punto fermo nel paesaggio collinare dei dintorni di Varese, è proprietà del Fondo per l'Ambiente Italiano.

Aree naturali

L'area naturale del "Pian delle noci" all'interno del "Parco Campo dei Fiori"

Oltre ai numerosi parchi pubblici della città, spesso pertinenze di ville storiche, è da segnalare in località Schiranna il Parco Luigi Zanzi, istituito negli anni sessanta attraverso un parziale riempimento della costa del lago di Varese. Si tratta di un ampio giardino botanico che sorge sulle sponde varesine del lago, ricche di numerose essenze arboree e da un'avifauna che trova in parte riparo nei canneti lungo le rive. Lido balneare in estate, il parco offre anche possibilità di tranquille passeggiate ed escursioni in bicicletta sulla pista ciclabile.

A ridosso della città di Varese sorge invece il Parco regionale Campo dei Fiori , area naturalistica di oltre cinquemila ettari costituita dai massicci monte Campo dei Fiori e monte Martica, separati da quella valle Rasa che è punto di congiunzione tra Valcuvia e valle dell'Olona. Un tempo la vetta del Campo dei Fiori era caratterizzata da estese superfici prative, motivo per il quale fu meta storica del turismo varesino e milanese. Oggi sono le spettacolari fioriture - che hanno dato il nome all'area - a costituire una delle sue principali attrattive. Si tratta di un luogo molto diversificato che mostra aspetti di estremo interesse, legati sia all'ambiente naturale, sia a testimonianze storiche e culturali, riferite a un passato denso di avvenimenti e tradizioni. Si trovano piccoli borghi contadini, complessi monumentali di rara bellezza, sistemi di grotte articolati e una curata rete di sentieri: alcuni percorribili, oltre che a piedi, anche a cavallo e in bicicletta. All'interno del Parco sono istituite sei riserve naturali che racchiudono gli ambienti più importanti e caratteristici.

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti nel Comune di Varese [21]

Etnie e minoranze straniere

Al 1º gennaio 2018 gli stranieri residenti nel comune di Varese erano 10 096, ossia il 12,5% della popolazione. [22] .

Qualità della vita

Anno Qualità della Vita ( Sole 24 Ore ) Rapporto Ecosistema Urbano ( Legambiente )
2010 53ª posizione (+4) [23] 50ª posizione (-18)
2011 34ª posizione (+19) [24] 31ª posizione (+19)
2012 66ª posizione (-32) [25] 38ª posizione (-7) [26]
2013 46ª posizione (+20) [27] 26ª posizione (+12) [28]
2014 56ª posizione (-10) [29] 66ª posizione (-40) [30]
2015 46ª posizione (+10) [31] 49ª posizione (+17) [32]
2016 52ª posizione (-6) [33] 77ª posizione (-28) [34]
2017 57ª posizione (-5) [35] 72ª posizione (+5) [36]

Cultura

Francobollo, emesso nel 2006, dedicato al liceo classico E. Cairoli di Varese

Scuole

  • Scuola europea di Varese , una delle sole 14 scuole europee esistenti nell' Unione europea e l'unica in Italia
  • Liceo scientifico Galileo Ferraris
  • Liceo classico Ernesto Cairoli
  • Istituto statale di istruzione superiore Isaac Newton
  • Liceo scientifico-classico Sacro Monte
  • Liceo delle scienze umane Alessandro Manzoni
  • Liceo artistico Angelo Frattini
  • Liceo linguistico Alessandro Manzoni
  • Istituto superiore Daverio-Casula
  • Istituto superiore L.Einaudi
  • Istituto Salesiano AT Maroni
  • Liceo scientifico sportivo-delle scienze umane Maria Ausiliatrice

Università

Musei

Museo Baroffio al Sacro Monte di Varese.jpg
Il museo Baroffio al Sacro Monte con panorama sul territorio di Varese
Affreschi tardo-gotici all'interno del castello Mantegazza-Panza
Bartolomeo Schedoni (1578-1615) Madonna con Bambino , Museo Baroffio
  • Il Museo di villa Panza , ospitato all'interno dell'edificio oggi di proprietà del Fondo Ambiente Italiano - edificato nel XVIII secolo dal marchese Paolo Antonio Menafoglio e ampliato in epoca neoclassica dall'architetto di origini ticinesi Luigi Canonica - è celebre per le rinomate collezioni di arte contemporanea raccolte dagli anni cinquanta da Giuseppe Panza di Biumo. Sono conservati inoltre arredi dei secoli XVI-XIX e un'importante raccolta di arte africana e precolombiana. Di notevole rilevanza è anche il parco della villa, ridisegnato nei primi decenni dell'Ottocento rispettando i canoni del giardino formale settecentesco.
  • L' Osservatorio astronomico GV Schiaparelli fu fondato nel 1956 da Salvatore Furia e dedicato all'astronomo italiano Giovanni Virginio Schiaparelli . Si tratta di un complesso che sorge sul monte Campo dei Fiori ad oltre 1200 m di altezza, immerso in un importante giardino botanico di circa sessanta ettari, destinato a ricreare un habitat prealpino, incrementandone la biodiversità. L'osservatorio ospita un piccolo museo con fotografie e oggetti astronomici.
  • Il Museo tattile è stato inaugurato nell'aprile 2011 nelle sale di villa Baragiola a Masnago. Affiancando quelli già esistenti di Madrid e Ancona, il Museo Tattile di Varese ha l'obiettivo di promuovere una conoscenza che sia punto di riferimento per vedenti e non vedenti attraverso un'articolata serie di percorsi di apprendimento multisensoriale.
  • Il refettorio dell'ex-convento di Sant'Antonino, conosciuto come sala Veratti - dall'omonima famiglia che acquistò il complesso dopo la soppressione del monastero nel 1789 da parte dell'imperatore Giuseppe II - è attualmente uno spazio pubblico destinato a conferenze, mostre e temporanee esposizioni d'arte. Alla sala, di pianta rettangolare, si accede per quella che anticamente era la parete di fondo (inizialmente senza aperture), mentre l'antica porta che si affacciava sul chiostro di Sant'Antonino è stata murata. Il raffinato apparato decorativo, risalente al XVI secolo, è stato completato a partire dal 1736 con interventi di Pietro Antonio Magatti e dai fratelli Baroffio.

Media

Stampa

Radio

Televisione

Teatro

La tradizione teatrale di Varese affonda le sue origini nell'anno 1776 , allorché il duca Francesco II d'Este (desideroso di introdurre in città rappresentazioni di opera lirica , sia per soddisfare il suo personale interesse, che allo scopo di attirare un maggior afflusso di villeggianti benestanti e nobili forestieri, coi quali poter eventualmente stringere accordi e alleanze) commissionò la costruzione del primo Teatro della Ducal Signoria , che adattò allo scopo un edificio precedentemente adibito a convento dell' ordine di San Gerolamo (ubicato sull'attuale Piazza Repubblica). Ne risultò una sala di piccole dimensioni, che venne inaugurata il 10 novembre del suddetto anno, con la messa in scena dell'opera L'Isola d'Alcina di Giuseppe Gazzaniga e Giovanni Bertati . A seguito di ulteriori interventi all'interno del palazzo, nel 1779 il teatro (ulteriormente ampliato) assunse la denominazione di Ducale .

Tale teatro si rivelò presto insufficiente per far fronte alla crescente popolarità del genere lirico in città, sicché nel 1790 esso venne chiuso: l'edificio venne poi adibito a caserma militare, destinazione d'uso che conservò fino al XX secolo , allorché cadde in quasi totale abbandono. Sempre nel 1790 l'ingegnere Ottavio Torelli costituì una società per la raccolta di fondi da destinarsi alla costruzione di un nuovo teatro. La costituzione venne ratificata con atto notarile del 14 febbraio 1791 e di lì a poco, in data 23 marzo, a seguito dell'acquisto di un terreno in centro città (tra le attuali Piazza Giovine Italia e Via Gioacchino Rossini), vennero avviati i lavori di edificazione. Già il 15 settembre dello stesso anno il Teatro Sociale poté essere inaugurato.

La sala disponeva di palcoscenico, platea, tre ordini di palchi e un loggione : il cartellone, inizialmente incentrato su opera buffa e balletto , nel XIX secolo virò decisamente verso il dramma lirico. L'attività proseguì fino agli anni trenta : la scarsa manutenzione ne indusse dapprima la chiusura, decretata nel 1937 , e infine la totale demolizione nel 1953 .

Nel periodo antecedente la prima guerra mondiale vennero costruiti altri due teatri: il Kursaal (annesso al Palace Hotel del Colle Campigli, distrutto dai bombardamenti nel 1944 ) e il Cinema Teatro Politeama (chiuso nel 2008 ).

Vari teatri vennero infine istituiti dagli anni quaranta in poi: i principali furono il Cinema Teatro Impero (edificato nel 1940 e successivamente trasformato in cinema multisala nei primi anni del III millennio ), il Cinema Teatro Nuovo (aperto nel 1959 ) [37] e il Cinema Teatro Vela (costruito nel 1966 e chiuso nel III millennio ). Nel 2002 , in un moderno edificio ubicato sul sito dell'ex mercato coperto di Piazza Repubblica, è stato inaugurato il Teatro di Varese Mario Apollonio , che da allora costituisce la principale istituzione di settore della città di Varese [38] [39] .

Cinema

A Varese si svolge annualmente, dal 2003, il festival internazionale di cortometraggi Cortisonici .

Nel corso del 2013, la città di Varese ha ospitato le riprese del lungometraggio Scherzi: il film di Alessandro Damiani e Paolo Franchini, il cui set è stato allestito anche in Piazza Monte Grappa. [40]

Tra luglio e settembre 2013 sono state girate nel centro della città varie scene del film Il pretore (tratto dal romanzo di Piero Chiara " Il pretore di Cuvio ") prodotto dalle case Lime Film e Chichinscì e diretto da Giulio Base . [41] In generale, le riprese dell'intero film sono state perlopiù realizzate nel Varesotto . A stretto giro il centro città ha ospitato anche alcune riprese de Il capitale umano di Paolo Virzì .

Ancora nel 2018 il Grand Hotel Campo dei Fiori (sulla montagna omonima ) ha accolto gran parte delle riprese del remake di Suspiria diretto da Luca Guadagnino .

Delitto a Porta Romana , un film del 1980 di Bruno Corbucci , ambientato a Milano ha filmato una scena di hockey al PalAlbani di Varese.

Musica

Gruppi musicali

Etichette discografiche

Cucina

Tipico di Varese è l' amor polenta (o dolce di Varese), torta della tradizione culinaria Lombarda a base di farina di mais [42] [43] .

Geografia antropica

La città di Varese si è sviluppata in modo del tutto anomalo rispetto ad altre città lombarde: dall'antico borgo medievale che gravitava sulla basilica di San Vittore, erano sorti infatti cinque nuclei che, pur mantenendo una certa indipendenza, erano comunque legati a livello economico, sociale e religioso con il borgo primitivo. A questi piccoli centri, chiamati anche "castellanze" - Biumo Superiore , Biumo Inferiore , Giubiano, Bosto e Casbeno - andarono ad aggiungersi nel 1927, a seguito dell'elevazione di Varese a capoluogo di provincia, alcuni comuni circostanti - Santa Maria del Monte , Velate , S. Ambrogio Olona, Masnago , Lissago , Bobbiate , Capolago , Cartabbia , Bregazzana e Bizzozero . La loro aggregazione contribuì al successivo sviluppo urbanistico di quelle aree agricole che, di fatto, separavano Varese ed i nuclei a lei uniti. Quell'antico spazio di vigne e arativi venne poi gradualmente trasformato, accogliendo - a partire dall'Ottocento per raggiungere il suo apice negli anni trenta del XX secolo - le ville della ricca borghesia industriale, che avrebbero contribuito a ricucire il "diffuso" tessuto urbano.

Piazza del podestà.jpg
Piazza del Podestà d'inverno

Suddivisioni storiche

Il centro storico

Piazza del Podestà nel centro storico

Il centro storico di Varese si sviluppa attorno al "broletto", cortile dal fondo acciottolato appartenente all'attiguo Palazzo Biumi, nobile dimora seicentesca di una delle famiglie più in vista del borgo. Su due lati della corte, precedenti la costruzione dell'edificio, sono tuttora visibili alcuni affreschi di illustri personaggi locali. Il broletto, oggi area di passaggio, era in origine un mercato di granaglie, anche se l'etimologia "piccolo brolo" (verziere, piccolo orto o giardino) richiama precedenti attività diverse da quelle di natura agro-alimentare. Fino al 1882 il cuore della vita civile e amministrativa di Varese era il palazzo Pretorio in piazza Podestà, uno spazio pubblico che, ampliato nel 1599 con la demolizione di alcuni preesistenti edifici, ospitava anche le locali carceri. Dal 1850 il cuore civile del vecchio borgo fu collegato attraverso l'"arco Mera" al centro religioso, dominato dalla basilica di S. Vittore e dall'imponente torre campanaria del Bernascone, dietro la quale sorge una delle più antiche testimonianze monumentali della città, il battistero di San Giovanni Battista .

Via Vittorio Veneto

Almeno fino a metà del XIX secolo il centro storico ospitava diversi edifici religiosi. Piazza Carducci, con un impianto immutato nel corso del tempo, accoglieva infatti la chiesa di Sant'Antonino appartenente al convento omonimo voluto da San Carlo, oltre ad una piccola cappella inserita in un collegio di Gesuiti che vi sorgeva nel Settecento. Ancora oggi è presente invece la casa dei nobili Comolli, dal 1817 sede di un « Casino », luogo di ritrovo di patrioti e maggiorenti del borgo, più volte chiuso sotto dominazione austriaca. La vicina piazza intitolata a Cesare Beccaria accoglie invece un complesso già parte del duecentesco convento degli Umiliati, innalzato sul lato settentrionale di via Vetera. Aperta nel 1830-'32 la piazza ospitava anche un "Casotto" dove il boia teneva il palco e gli attrezzi per le esecuzioni. L'ipotesi iniziale di erigere un monumento a Sant'Arialdo , già canonico varesino e maggiore protagonista della cosiddetta Guerra dei preti che coinvolse il Milanese nell'XI secolo, cadde dopo il vivace dibattito locale sull'abolizione della pena di morte nel 1865, che spostò la decisione di dedicare il nuovo spazio pubblico al giurista milanese.

Piazza Monte Grappa con il campanile di Giuseppe Bernascone sullo sfondo

Nella prima metà del Novecento parte del centro storico di Varese fu demolito per fare spazio a edifici in stile razionalista . Fu così che la vecchia piazza Porcari, fino agli anni trenta importante crocicchio cittadino e collegamento con piazza della Motta - citata già nel XII secolo come sede del mercato settimanale e della fiera - lasciò spazio ai nuovi volumi progettati da Vittorio Ballio Morpurgo e Mario Loreti . La creazione dell'attuale Piazza Monte Grappa , progettata per essere il salotto moderno di Varese, accolse così imponenti strutture architettoniche, testimonianza di quella monumentalità e di una certa retorica del tempo. Tuttavia non mancano alcuni spunti interessanti come la Torre Littoria che, con il suo slancio verso l'alto, accresce il senso spaziale all'interno della piazza, puntando a interrompere la monotonia dei ritmi orizzontali con un accentuato senso di verticalismo.

Tra gli edifici in stile razionalista sono da annoverare anche il Palazzo delle Poste dell'architetto Angiolo Mazzoni . Edificato nel 1933, è un compromesso stilistico tra l'accentuato monumentalismo della facciata, determinato dalle gigantesche semicolonne sulle quali svettano sculture in bronzo, e la maggiore modernità delle parti restanti non in vista che evidenziano un linguaggio, al contrario, più sobrio ed antiretorico. Della stessa impostazione sono anche il Palazzo di Giustizia, progettato nel 1928 dall'architetto Morpurgo, le sedi di partito quali la Casa del Fascio (arch. Loreti) [44] , la Casa del Balilla e la Casa del Mutilato, oggi edificio di proprietà comunale con una sala adibita a concerti e manifestazioni culturali.

Via Morosini in un'immagine dei primi anni Trenta

Le castellanze

Biumo Superiore

È considerato il colle nobile della città, già di proprietà dell'arcivescovo di Milano Ariberto da Intimiano , che nel 1036 donò l'intera proprietà alla basilica di S. Vittore di Varese a suffragio della propria anima. La cima del colle è dominata dalla chiesa di S. Giorgio, un edificio risalente al XII secolo, mentre i sottostanti vicoli conducono a numerosi edifici privati, tra i quali spiccano le ville Mozzoni (o "Casa delle Quaranta Colonne"), e Veratti, detta di S. Francesco. Le sue origini risalgono infatti al XIII secolo, allorché il luogo fu scelto da frati francescani per stabilirvi uno dei loro primi monasteri di Lombardia. Particolarmente rilevanti sono inoltre la ville Villa Menafoglio Litta Panza , di proprietà del Fondo Ambiente Italiano , e il complesso delle ville Ponti (comprendente la "Villa Napoleonica", "Villa Andrea Ponti" e le Sellerie ).

Biumo Inferiore
Chiesa dei SS. Pietro e Paolo

Il rione si affaccia sul centro storico con la chiesa di S. Martino, già pertinenza del monastero delle Benedettine, poi demolito con il risanamento del santuario nel XVI secolo. Risalendo verso la chiesa della Madonnina in Prato attraverso via Dandolo, primo passeggio pubblico alberato donato alla città nel 1816 dal conte Vincenzo Dandolo , si giunge nel centro della castellanza. Dell'impianto originario è conservata una vasta zona risalente al Settecento che attualmente accoglie in una sua parte il civico liceo musicale di Varese. A poca distanza sorge palazzo Orrigoni-Litta Modignani (oggi oratorio parrocchiale) edificato durante la seconda metà del Seicento. A suo fianco è presente la novecentesca chiesa dei SS. Pietro e Paolo , a ridosso della quale si apre un'area verde, testimonianza di un ottocentesco giardino privato.

Giubiano

Il rione di Giubiano sorge a meno di un chilometro dal centro cittadino. Si caratterizza per la presenza del complesso ospedaliero inserito in un importante parco, nel XVIII secolo un vasto fondo con villa appartenente ad una delle famiglie più in vista del borgo. L'intera proprietà, già all'epoca legata al vecchio "Ospedale dei Poveri", fu ceduta nel 1885 al celebre tenore Francesco Tamagno , che nell'edificio avviò ampi lavori di ristrutturazione, accompagnati dal rifacimento totale del giardino. Alla sua morte, nel 1905, la figlia Margherita trasferì il complesso nelle mani della Congregazione di Carità, che poi adibì la villa a direzione dell'Ospedale. A ridosso di questo vasto complesso si sviluppa il nucleo della castellanza, modificato da successive trasformazioni urbanistiche, ma rintracciabile attorno all'attuale parrocchia di S. Ambrogio, eretta a inizio Novecento in sostituzione di una precedente antica chiesa del XIII secolo.

Bosto

Sorge su un colle prospiciente da un lato sul centro storico della città, e dall'altro sul bacino del lago. Nel nucleo è presente l'antica chiesa romanica di Sant'Imerio (XI secolo) e almeno due importanti dimore padronali: la "villa S. Pedrino", edificata a partire da fine Seicento per opera della nobile famiglia milanese De Cristoforis, e "villa Visconti-Poggi-Esengrini", nota anche come "villa Montalbano" dal nome del colle sul quale sorge, compreso tra la chiesa di S. Antonio abate alla Motta e piazza Buzzi.

Casbeno

È la castellanza che funge da collegamento tra il centro storico e le zone che digradano verso il lago. Di questo rinomato quartiere è da ricordare l'antico oratorio quattrocentesco della "Schirannetta" e due imponenti edifici, l'ex "Grand Hotel Excelsior" - già villa Recalcati-Morosini e ora sede degli uffici provinciali e della Prefettura - e, al confine con il rione di Masnago, l'imponente complesso alberghiero del " Palace Grand Hotel ". Commissionato all'architetto Giuseppe Sommaruga (1867-1917), questo lussuoso albergo d'impronta liberty edificato nei primi anni del Novecento sul colle Campigli, era raggiunto dall'attuale via Silvestro Sanvito da una funicolare distrutta dai bombardamenti alleati del 30 aprile 1944, in realtà diretti sui prospicienti edifici dell'Aeronautica Macchi.

Suddivisioni amministrative

Il territorio comunale di Varese era suddiviso in sei circoscrizioni [45] , organismi di partecipazione e consultazione che svolgevano una funzione di tramite tra l'amministrazione municipale ei cittadini, ognuna delle quali era dotata di un proprio consiglio. [46] . A seguito dell'abolizione di tale organismo, decretata dalla legge n. 42 del 26 marzo 2010 , la suddivisione cittadina è stata riarticolata in 9 aggregazioni rionali [47] identificate da un numero progressivo e qui elencate evidenziando gli ex comuni autonomi e mettendo in corsivo le antiche castellanze con proprie parrocchie:

Economia

Importante centro industriale lombardo, nel suo hinterland sono ubicate alcune importati aziende a livello nazionale e mondiale.

Varese è rinomata anche per la lavorazione artigianale del vimini finalizzata alla produzione di ceste e canestri. [48]

Infrastrutture e trasporti

Strade

Il comune è attraversato dall'autostrada dei laghi A8 (la prima autostrada a pagamento del mondo), di cui è uno degli estremi assieme a Milano , e da un sistema di tangenziali noto come sistema tangenziale di Varese .

La città è inoltre servita dalle strade statali 233 Varesina , 341 Gallaratese , 342 Briantea , 344 di Porto Ceresio e 394 del Verbano Orientale , nonché dalle provinciali 1, 17, 36 e 62.

Ferrovie e tranvie

Cartolina commemorativa del 1901 per l'inaugurazione della trazione elettrica sulla linea Milano-Varese

Nella città sono presenti tre stazioni ferroviarie : la stazione di Varese , lungo la ferrovia Milano-Varese-Porto Ceresio , la stazione di Varese Nord e la stazione di Varese Casbeno , entrambe poste lungo la ferrovia Saronno-Varese-Laveno . Fino al 1966 era in funzione anche la linea Como-Varese sempre delle Ferrovienord che collegava direttamente con Como Lago .

La città fungeva inoltre da capolinea per un'estesa rete tranviaria tranviaria urbana ed extraurbana attiva nella prima metà del novecento, che comprendeva le seguenti linee:

Mobilità urbana

Il trasporto pubblico è operato dalla società Autolinee Varesine per conto del Consorzio Trasporti Pubblici dell'Insubria [50] [51] , che gestisce la rete urbana dei trasporti di Varese .

I collegamenti interurbani sono inoltre gestiti anche dalle società GLC Giuliani & Laudi, Autolinee Castano, Autoservizi Morandi e Ferrovie Nord Milano Autoservizi.

Impianti a fune

A Varese è attiva la funicolare Vellone-Sacro Monte , un tempo accompagnata dagli altri due impianti analoghi Vellone-Campo dei Fiori e del Kursaal .

Amministrazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Varese .

Al termine della seconda guerra mondiale , tra il 1945 e il 1951 l'amministrazione comunale varesina fu retta da due giunte di sinistra, cui fece seguito una lunga egemonia della Democrazia Cristiana (capace di esprimere sei sindaci consecutivi, fino al 1978 in giunte monocolore, poi fino al 1990 con l'appoggio di PSI , PSDI e PRI ). Tale fase politica si interruppe nel 1992 , in concomitanza con lo scandalo di Tangentopoli , che indusse la conclusione precoce dei mandati del socialista Luciano Bronzi (appoggiato da DC , PRI , PLI , FdV e PdP ) e di Angelo Monti (ultimo sindaco democristiano della città, sostenuto anche da PDS e PSI ).

Dopo il mandato commissariale di Umberto Calandrella, tra il 1993 e il 1997 l'amministrazione di Raimondo Fassa diede inizio a 23 anni consecutivi di gestione politica a guida leghista , inizialmente in alleanza coi Repubblicani e con l'appoggio esterno del PDS , poi dal 1994 con una coalizione allargata a vari esponenti apartitici soprannominati uomini di buona volontà . Nei successivi 19 anni, le amministrazioni di Aldo Fumagalli e Attilio Fontana (intervallate dall'ulteriore commissariamento affidato a Sergio Porena tra il 2005 e il 2006 ), furono invece sostenute dalle coalizioni di centrodestra cui la Lega Nord si era federata a livello nazionale, eventualmente con l'aggiunta di qualche lista civica.

Tale fase si è conclusa nel 2016 con l'elezione dell'esponente PD Davide Galimberti , sostenuto da una coalizione di quattro liste civiche.

Gemellaggi

Altre informazioni amministrative

Il comune fa parte della comunità di lavoro Regio Insubrica, ente di cooperazione transfrontaliera che federa alcune province di Lombardia e Piemonte e il Canton Ticino svizzero [53] .

Sport

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Sport a Varese

Pallacanestro

Ignis Varese 1973

Lo sport che ha più dato alla città di Varese è stato sicuramente la pallacanestro, con le due rappresentanti cittadine Pallacanestro Varese e ABC Robur Varese . La prima, dalla sua fondazione nel 1945, è stata tra le squadre più titolate nella storia non solo italiana ma europea: 10 scudetti italiani, 5 Coppe dei Campioni, 2 Coppe delle Coppe e 3 Coppe Intercontinentali. Durante il periodo di sponsorizzazione Ignis è riuscita a centrare consecutivamente dieci volte l'accesso alla finale europea, allora denominata Coppa dei Campioni, vincendone cinque, con una squadra che nel 2016 è stata inserita nella Hall of Fame della pallacanestro italiana. Al contempo la stessa formazione durante gli anni '70 ha conseguito sei scudetti. Negli anni '90, dopo la retrocessione in A2 del 1992, riesce a bissare i successi del passato con il così detto "Scudetto della stella" del 1998/99, decimo della storia della compagine varesina.

Pallacanestro Varese 2008

Alla storia della Pallacanestro Varese sono legati i nomi di grandi giocatori della pallacanestro italiana e mondiale, ricordati anche nella Hall of Fame della squadra, fondata nel 2005 , per la quale i tifosi scelsero tredici giocatori ed un allenatore in base al periodo storico. Tra questi si ricordano: Tonino Zorzi , Tony Gennari , Paolo Vittori , Aza Nikolić , Aldo Ossola , Bob Morse , Dino Meneghin , Manuel Raga , Charlie Yelverton , Corny Thompson , Meo Sacchetti , Cecco Vescovi , Gianmarco Pozzecco , Andrea Meneghin , Joe Isaac e Augusto Ossola

Ciclismo

La città e la provincia di Varese hanno una solida tradizione ciclistica. Vi hanno infatti avuto sede le edizioni 1951 e 2008 dei campionati del mondo di ciclismo su strada ; nel 1971 il velodromo Luigi Ganna ha inoltre ospitato i campionati mondiali di ciclismo su pista [54] [55] . Varese era stata anche prescelta come sede dell'edizione 1939 dei mondiali su strada, che vennero tuttavia cancellati alla luce delle crescenti tensioni internazionali, destinate a risolversi nella seconda guerra mondiale .

Varese ha ospitato per due volte un arrivo di tappa del Giro d'Italia :

La città ospita inoltre regolarmente l'arrivo, la partenza o quantomeno un transito della Tre Valli Varesine ed è stata talora compresa nel tracciato del Giro di Lombardia .

Hockey in-line e su ghiaccio

Si sono svolti in città dal 29 giugno all'11 luglio 2009 i campionati mondiali di hockey in line , [56] che hanno visto ben 41 squadre partecipanti al torneo. Tutte le gare si sono svolte presso il " Palalbani ", sede storica dei Mastini Hockey Varese . Riguardo l'hockey su ghiaccio, la rappresentativa di disciplina è quella dell' Hockey Club Varese , unica squadra italiana a vincere un torneo continentale.

Calcio

Finale dei play-off Varese- Sampdoria 9 giugno 2012

In ambito calcistico, la città è stata rappresentata dal Varese : fondata il 22 marzo 1910 con la denominazione Varese Football Club , ha vissuto nel corso di oltre un secolo di storia varie trasformazioni, cessazioni e ricostituzioni societarie.

Dal punto di vista sportivo, il Varese vantava quale maggior successo sette partecipazioni alla Serie A a girone unico, con miglior piazzamento assoluto il settimo posto nella stagione 1967-1968. Oltre ciò aveva vinto tre campionati di Serie B , una Coppa Italia Serie C , una Coppa Italia Dilettanti ed aveva giocato una finale di Coppa Italia .

Dopo il fallimento e la radiazione sopraggiunti al termine della stagione 2018-2019 , nessun soggetto si è formalmente fatto carico di proseguire la tradizione sportiva cittadina. Si è tuttavia registrata la fondazione di un nuovo club, del tutto distinto dai previgenti (seppur con alcuni richiami ideali), il Città di Varese, che dopo aver disputato e vinto il girone A di Terza Categoria 2019-2020, nella stagione 2020-2021 ha ottenuto, mediante acquisizione di un titolo sportivo terzo, il diritto di partecipare alla Serie D .

Canottaggio

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionati europei di canottaggio 2012 .

Nel 2012 sul lago di Varese si è svolta la sesta edizione dei Campionati europei di canottaggio [57] . La squadra cittadina è la Canottieri Varese .

Altre rappresentative cittadine

Ippodromo "Le Bettole"

Impianti sportivi

Nel quartiere di Masnago sorgono lo Stadio Franco Ossola e il Palasport Lino Oldrini , rispettivamente le principali arene scoperta e coperta della città. Lo stadio ospita le gare interne del Varese e dispone di un velodromo , mentre il palazzetto è sede delle gare interne della Pallacanestro Varese .

Nel quartiere delle Bettole sorgono l' ippodromo cittadino e lo stadio del ghiaccio PalAlbani , con annessa piscina.

Nel centro della città, al limitare meridionale dei Giardini Estensi , sorge la piscina comunale Fausto Fabiano , principale impianto natatorio varesino. Poco distante, ai confini con il rione di Casbeno , è ubicata la palestra XXV Aprile .

Curiosità

Lancio del Varese il 6 agosto 1899

Note

  1. ^ a b Famiglia Bosina - famigliabosina.it
  2. ^ a b Bilancio demografico anno 2021 (dati provvisori) - Varese , su istat.it , ISTAT . URL consultato il 26 luglio 2021 .
  3. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  4. ^ Luciano Canepari , Varese , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  5. ^ Bruno Migliorini et al. , Scheda sul lemma "Varese" , in Dizionario d'ortografia e di pronunzia , Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7 .
  6. ^ Dante Olivieri , Dizionario di toponomastica lombarda , Lampi di stampa, 2001.
  7. ^ ( FR ) Stendhal , Rome, Naples et Florence , All'interno di Ouvre Complète de Stendhal , traduzione libera, Parigi, Michel Lèvi frères, 1854, p.420. URL consultato il 10 dicembre 2010 .
  8. ^ De Marinis, R. Massa S., Pizzo M., Alle origini di Varese e del suo territorio , L'Erma di Bretschneider, 2009
  9. ^ Barbara Grassi, Claudia Mangani, Storie sommerse. Ricerche alla palafitta di Bodio centrale a 150 anni dalla scoperta , soprintendenza per i beni archeologici della Lombardia, 2014. URL consultato il 26/02/21 .
  10. ^ Varese , su ilvaresotto.it . URL consultato il 26/02/21 .
  11. ^ A. Palestra, Strade romane nella Lombardia Ambrosiana , Milano, Nuove edizioni Duomo, 1984.
  12. ^ La Cripta romanica di Santa Maria del Monte. Guida. Sotto il santuario, segni e storie di fede , Varese, Nomos Edizioni, 2015.
  13. ^ A.Ganugi,"Monte San Francesco sopra Velate",Edizioni Youcanprint 2013, già Macchione Editore 2009
  14. ^ Regio Decreto 24 novembre 1927, n. 2247
  15. ^ F. Giannantoni, "Fascismo, guerra e società nella Repubblica Sociale italiana. Varese 1943-1945", Milano 1984
  16. ^ F. Giannantoni, I, Paolucci, "Un eroe dimenticato", Varese 2002
  17. ^ Varese , su dati.acs.beniculturali.it , Archivio centrale dello Stato, Ufficio araldico, Fascicoli comunali, busta 007, fascicolo 722. URL consultato il 6 maggio 2021 .
  18. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  19. ^ . Una leggenda – analoga a quella del Sacro Monte di Crea vuole che l'autore della statua sia San Luca e che essa sia stata portata nella primitiva cappella da Sant'Ambrogio.
  20. ^ Chiara Barolo, Lorenza Castelli, Ilaria Merico e Pietro Cardani, Parco di villa Torelli Mylius "Achille Cattaneo" ( PDF ), su comune.varese.it , 2016. URL consultato il 31 luglio 2019 .
  21. ^ Archivio di Stato di Milano - Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  22. ^ [1]
  23. ^ Qualità della vita 2010: Pagella finale - Il Sole 24 ORE , su ilsole24ore.com . URL consultato il 5 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º dicembre 2017) .
  24. ^ Qualità della vita 2011: - Il Sole 24 ORE , su ilsole24ore.com . URL consultato il 5 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 29 luglio 2013) .
  25. ^ Qualità della vita 2012: - Il Sole 24 Ore , su ilsole24ore.com . URL consultato il 3 dicembre 2013 (archiviato dall' url originale il 20 maggio 2013) .
  26. ^ Qualità della vita 2012: - Legambiente
  27. ^ Qualità della vita 2013: - Il Sole 24 Ore , su ilsole24ore.com . URL consultato il 3 dicembre 2013 (archiviato dall' url originale il 6 ottobre 2014) .
  28. ^ Qualità della vita 2013: Legambiente
  29. ^ Qualità della vita 2014: - Il Sole 24 Ore , su ilsole24ore.com . URL consultato il 2 novembre 2015 (archiviato dall' url originale il 14 settembre 2015) .
  30. ^ Qualità della vita 2014: Legambiente
  31. ^ Qualità della vita 2015: - Il Sole 24 Ore , su ilsole24ore.com . URL consultato il 22 dicembre 2015 (archiviato dall' url originale il 31 gennaio 2017) .
  32. ^ Qualità della vita 2014: Legambiente
  33. ^ La qualità della vita in Italia, la Classifica Vivibilità 2016 | Il Sole 24 Ore , in Il Sole 24 ORE . URL consultato il 17 settembre 2018 (archiviato dall' url originale il 17 settembre 2018) .
  34. ^ Ecosistema Urbano 2016, il rapporto di Legambiente sulla qualità della vita nelle città italiane | Legambiente . URL consultato il 17 settembre 2018 .
  35. ^ La qualità della vita in Italia, la Classifica Vivibilità 2017 | Il Sole 24 Ore , in Il Sole 24 ORE . URL consultato il 17 settembre 2018 (archiviato dall' url originale il 13 dicembre 2018) .
  36. ^ Ecosistema Urbano 2017, Legambiente presenta i dati sulle performance ambientali dei comuni capoluogo | Legambiente . URL consultato il 17 settembre 2018 .
  37. ^ CinemaTeatro Nuovo di Varese [ collegamento interrotto ] - cultura.regione.lombardia.it
  38. ^ Sito del teatro Apollonio
  39. ^ Il teatro di Varese [ collegamento interrotto ] - cultura.regione.lombardia.it
  40. ^ Incidente con delitto Ma è solo un film - Cronaca - Varese La Provincia di Varese - Notizie di Varese e provincia
  41. ^ Varese, si torna a parlare del film “Il Pretore”. Con Sarah Maestri guest star – Varese Report
  42. ^ Ricetta dell'Amor polenta sul sito Giallo Zafferano
  43. ^ Amorpolenta o dolce di Varese sul sito Gente del fud
  44. ^ Casa del fascio a Varese - arch. Mario Loreti , in Architettura , 1935 - XIII aprile fascicolo IV (archiviato dall'originale ) .
  45. ^ VareseNews: mappa circoscrizioni Varese
  46. ^ Comune di Varese - Circoscrizioni Archiviato il 26 settembre 2011 in Internet Archive .
  47. ^ Comune di Varese: aggregazioni rionali Archiviato il 26 settembre 2011 in Internet Archive .
  48. ^ Atlante cartografico dell'artigianato , vol. 1, Roma, ACI, 1985, p. 14.
  49. ^ Maurizio Miozzi, Le tramvie del varesotto , Pietro Macchione, Varese, 2014. ISBN 978-88-6570-169-0
  50. ^ Trasporti, fallite la Restelli e il gruppo Sila , in VareseNews , Varese web srl, 15 ottobre 2010. URL consultato l'8 dicembre 2010 .
  51. ^ Roberto Rotondo, Fallimento Sila, i bus sono salvi ma restano i contenziosi , in VareseNews , Varese web srl, 19 ottobre 2010. URL consultato l'8 dicembre 2010 .
  52. ^ città gemellate con Alba Iulia , su apulum.ro . URL consultato il 29 aprile 2011 (archiviato dall' url originale il 15 maggio 2011) .
  53. ^ Soci - regioinsubrica.org
  54. ^ Come ti trasformo una città , in Varesenews.it , 6 settembre 2008. URL consultato il 13 gennaio 2016 .
  55. ^ Campionati mondiali di ciclismo 1971, Varese, Pista, 25/31 agosto, Mendrisio, Strada, 2/5 settembre / Organizzazione UCI, SRB ; Offsetdruck: Berichthaus Zürich - posters.nb.admin.ch
  56. ^ Copia archiviata , su vareseinline2009.org . URL consultato il 26 luglio 2009 (archiviato dall' url originale il 7 febbraio 2009) .
  57. ^ World Rowing • Events | 2012 European Rowing Championships Archiviato il 10 ottobre 2012 in Internet Archive .
  58. ^ UHC Wild Boars VARESE | Unihockey Floorball | Amichevole - Stabio – Wild Boars Varese
  59. ^ Varese ha il suo asteroide - VareseNews , su VareseNews . URL consultato il 29 febbraio 2016 .

Bibliografia

  • Santino Langé, Flaviano Vitali, Ville della provincia di Varese: Lombardia 2 , Milano, Rusconi, 1984.
  • Gian Franco Ferrario, Varese, trionfo del Liberty. Viaggio nell'arte del primo Novecento nella provincia di Varese , Varese, Macchione Editore, 2003.
  • Paolo Zanzi, Varese provincia Liberty. Itinerari tra natura, arte e impresa / Itineraries in Nature, Art & Enterprise , Provincia di Varese, Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Varese, Varese, Nicolini Editore, 2003.
Approfondimenti

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 155418799 · LCCN ( EN ) n79038502 · GND ( DE ) 4119370-2 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79038502