Trani

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Trani (disambiguation) .
Trani
komen
Trani - Manto zam Trani - Drapo
Trani - View
Panorama nan Trani ak katedral la soti nan Fortino di s la. Antonio nan kominote Villa a
Kote
Leta Itali Itali
rejyon an Coat of Arms of Apulia.svg Puglia
pwovens Pwovens Barletta-Andria-Trani-Stemma.svg Barletta-Andria-Trani
Administrasyon
Majistra Amedeo Bottaro ( PD ) soti nan 19-6-2015 (2nd manda soti nan 23-9-2020)
Teritwa
Kowòdone 41 ° 16'N 16 ° 25'E / 41.266667 ° N 16.416667 ° E 41.266667; 16.416667 (Trani) Kowòdone : 41 ° 16'N 16 ° 25'E / 41.266667 ° N 16.416667 ° E 41.266667; 16.416667 ( Trani )
Altitid 7 m asl
Sifas 103,41 km²
Moun ki rete 55 147 [1] (01-31-2021)
Dansite 533,28 abitan / km²
Fraksyon Mwen pral konprann
Minisipalite vwazen yo Andria , Barletta , Bisceglie , Corato ( BA )
Lòt enfòmasyon
Kòd postal 76125
Prefiks 0883
Lag jè UTC + 1
Istat Kòd 110009
Kòd Cadastre L328
Plak BT
Cl. sismik zòn 3 (sismisite ki ba) [2]
Cl. klimatik zòn C, 1 190 GG [3]
Non moun ki rete tranesi
Patwon krisifiks nan Colonna
St Nicholas Pilgrim la
Jou Konje 3 me
2 jen, dimanch apre 26 jiyè
Kartografi
Mappa di localizzazione: Italia
Trani
Trani
Trani - Map
Pozisyon nan minisipalite a nan Trani nan pwovens Barletta-Andria-Trani
Sit entènèt enstitisyonèl

Trani ( koute [ ? · Info ] , Trane nan dyalèk Tranese [4] ) se yon vil Italyen ki gen 55 147 moun [1] , kapital, ansanm ak Barletta ak Andria , nan pwovens Barletta-Andria-Trani , nan Puglia .

Vil la se pi popilè pou katedral la roman ak chato la swab , pou fè ekstraksyon a ak pwosesis soti nan Eglon li yo nan yon kalite patikilye nan wòch, wòch sedimantè , Pietra di Trani a , ak pou pwodiksyon an nan diven an renome Moscato .

Yon destinasyon pou touris enpòtan, vil la se te yon siyifikatif pò komèsyal jouk sèzyèm syèk la ; yo panse ke premye kòd maritim nan mond lwès la, Ordinamenta et consuetudo maris , te pibliye nan 1063 .

Syèj nan tribinal la , li te nan tan lontan an kapital la nan pwovens lan nan Terra di Bari ak imedyatman chèz la nan tribinal la Apulia nan apèl la .

Orijin non an

Analiz la etimolojik nan toponim Trani a se yon konsekans nan relasyon li yo nan depandans sou non an "Turenum / Tyrenum" deziyen plas la kote lavil la jodi a te bati. Non sa a ka deja ateste nan laj klasik la pa dedwi li nan "Turnantini nan" etnik rapòte pa Pliny (NHIII.105) ak prezan nan fòm nan "Turenum" nan tablo Peutingerian la . Non aktyèl la "Trani" se lajman li te ye nan kilti italik nan katòzyèm syèk la. (Boccaccio, Desanm, II.4.28.30). Pwoblèm toponimik la te fè fas ak plizyè fwa pa entelektyèl, ki soti nan G. Alessio ak F. Ribezzo jiska analiz ki sot pase yo sou toponimi Apulian kowòdone pa GB Pellegrini.

Se poutèt sa, konsidere ipotèz la ki non an "Trani" sòti nan "Turenum / Tyrenum", li ta ka jwenn nan sa a yon fòman - baz lajman ateste nan lang pre- klasik nan zòn nan tirrenyen ak Adriyatik nan laj la Iron, konsekan nan yon enfiltrasyon nan elenik ak iliri kouch lengwistik oswa substra. Aprè ipotèz entèpretasyon sa a, toponim "Turenum" la ta dwe plase nan yon faz jistis wo, reyaksyonè nan lang Mediterane yo. [5]

Li se tou vo sonje ipotèz yo lòt ki te swiv youn ak lòt sou tan: tradisyon an istoriografik ansyen gen li ke non an nan Trani lye nan ewo a nan mitoloji grèk Diomede , ki gen pitit gason Tirreno ta te fonde lavil la; Yon lòt ipotèz deklare ke Trani ka fòm lan redwi nan Trajan (yo ka non an yo te bay lavil la nan onè nan ' pwòp tèt ou-ki gen tit Anperè ) e ankò yon lòt wè kòm yon derivasyon soti nan tèm medyeval trana (oswa trol) ki endike yon inlet apwopriye pou lapèch [6] .

Istwa

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Istwa nan Puglia .

Orijin nan vil la

Kèk jwenn akeyolojik (tras nan koloni Laj Bwonz nan Capo Colonna) ateste orijin pre-istorik li yo, men tras ki pi konkrè pa rive anvan konkèt Women an.

Vreman vre, syèk pita, Trani pral endike pa non an nan Turenum nan Tablo Peutingeriana a , kopi medyeval la nan yon kat wout fin vye granmoun soti nan lavil Wòm ansyen. Anba Women yo, nan moman Anperè Marcus Aurelius li te yon Town Hall, jan sa ka wè nan yon enskripsyon ansyen nan lakou a nan Palazzo Beltrani:

Imp Caesa
Ri Divi Anto
Nini Filio Divi
Hadriani Nepoti
Divi Traiani Pati.
Pron. M. Aurel.
Antonino Augusto
Pontif. Maks
Trib. Pot. XV. Kont. II
Publ. DD [7]

Li fasil pou li dènye fraz enskripsyon an: Publico Decurionum Decreto. Se poutèt sa, Turenum , jodi a Trani, se te yon minisipalite kòm li te gen Collegio de ' Decurioni la .

Kòm prèv prezans Women an nan zòn Tranese a gen yon mozole ki fè pati fanmi Bebii, prezimableman bati nan twazyèm syèk la epi demoli nan dezyèm mwatye diznevyèm syèk la , travay ke nan yon kouran dlo ki koule nan inlet la. nan pò a, ki gen rete yo te pita itilize kòm fondasyon pou pasaj tren an nan via Torrente Antico, ak kraze yo nan yon Villa dènyèman yo te jwenn ansanm detire a nan kòt nan direksyon pou Bisceglie, ateste AD syèk la 1st [8]

Tras yo nan prezans nan lavil la vin pi konsistan kòmanse nan nevyèm syèk la AD

Mwayennaj yo

" Trani se te youn nan pò ki pi enpòtan nan Puglia, ki te toujou yon krwaze semen nan pèp ak kilti nan Mediterane a ak yon pòtay nan Lès la, yon temwen ak legliz li yo, gwo kay ak istwa, ki gen laj mwayen, toujou plen nan cham ak mistè. "

Pò Trani nan 18tyèm syèk la pa Jacob Philipp Hackert
Li pase lòd li maris

Apre sezon otòn la nan Anpi Lwès Women an, peryòd la Bizanten te kòmanse nan Puglia, karakterize pa yon pran yon poz nan dominasyon Lombard ak menas kontinyèl soti nan lanmè a pa Saracens yo . Sepandan, Mwayennaj yo te laj an lò nan vil la.

Anba dominasyon Lombard la, chèf evèk la te transfere isit la, jiska Lè sa a, ki sitye nan Canosa , detwi pa Saracens yo nan 813 , ak vil la te chèz la nan yon gastaldato . Apre sezon otòn la nan Emira a nan Bari , Bizanten yo reprann kontwòl nan lavil la, ki pa kounye a soti nan yon vicus senp te vin tounen yon vil ki gen gwo ranpa. Pandan peryòd ki fè pati Anpi Bizanten vil la te jwi yon sèten degre prestij ak otonomi kòm yon pwen reyinyon ant East ak West. Nan 1010 ak 1018 Trani pral rantre nan soulèvman yo ki te dirije pa Melo di Bari kont Bizanten yo, ki moun ki pral siprime revòlt la ak reprann kontwòl nan lavil la jouk rive nan norman yo .

Nan 1042 Trani te chwazi kòm chèz la nan youn nan douz disip yo nan ki te Konte a nan Puglia divize: asiyen nan Konte Pietro , li te konkeri sèlman plizyè ane pita. Nan peryòd sa a lavil la te jwi yon sèten degre nan otonomi, akòz kontwòl la kounye a fòmèl pa gouvènè yo Bizanten ak lit yo pouvwa ant branch yo diferan nan fanmi an Altavilla . Trani definitivman tonbe anba règ Norman nan 1073, apre 50 jou nan syèj, nan men Roberto il Guiscardo

Li te nan peryòd sa a, ki koresponn ak kwazad nan premye, jisteman nan 1099, ki travay te kòmanse nan vil la pou konstriksyon an nan katedral la nan onè nan patwon Saint Nicholas la Pilgrim la, yon jèn grèk sou wout li nan lavil Wòm ki te mouri nan Trani, apre plizyè jou maladi ak kèk mirak, ak kanonize imedyatman apre pa repitasyon popilè. Menm lè sa a, pò a te gen anpil enpòtans, ki pral pita ap kòmanse ak retounen pwen nan divès kalite kwazad .

Primati komèsyal la ak Federico II

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: amentdineman ak konsyudis maris .

Anba dominasyon Norman vil Trani te jwi, ansanm ak lòt kominote Apulian yo, yon pi gwo otonomi ki gen rapò ak santralis nan gouvènman Bizanten an. Moun yo nan Trani Joined rebelyon yo souvan kont souveren yo nan Altavilla , men yo te bat tou de pa Roger II nan 1134, epi, definitivman, pa siksesè l 'yo, Guglielmo il Malo , ki moun ki nan 1156 grav pini lavil la ansanm ak lòt rebèl yo Apulian, ki gen ladan Bari ki te prèske detwi nèt.

Sepandan, komès la nan ble ak lwil oliv devlope nan vil la, destine pou pò nan tout Adriyatik la, espesyalman nan direksyon pou kòt la Dalmatian ak Venice. Pò a, ki gen inlet natirèl te fè li yon pwen aterisaj estratejik pou pwoteksyon an nan bato, te vin youn nan pwen yo anbakman prensipal pou kwazad kite pou Tè Sent la. Kòm prèv pwosperite ekonomik la reyalize pa lavil la, gen konstriksyon nan katedral la Majestic ak Ordinamenta Maris la , ofisyèlman pibliye nan 1063, ki reprezante premye egzanp lan nan yon kòd maritim nan Mediterane a. Vil la te tou chèz la nan yon "lopital" nan tanpliye a chvalye, ak yon etap aterisaj vwazin ak yon legliz manyifik.

Apex pwosperite a te rive anba dominasyon swab la: Frederick II akòde anpil privilèj komèsyal ak administratif nan vil la ak ankouraje konstriksyon nan gwo ranpa nouvo, chato la , nan 1233, ak miray ranpa yo nouvo, ki pwoteje tout inlet la nan pò a ak ankouraje ekspansyon nan vil nan vil la, ki jouk lè sa a te sèlman yon ti kras grandi pi lwen pase ansyen mi yo Lombard. Te miray la Swab konplètman demoli nan mitan 19yèm syèk la; kèk plan rete, ak pi wo a tout desen an pa Pacichelli ak litografi nan Porta Bisceglie pa Gennaro Moselli Anperè a swab tou akòde libète pou adore jwif yo, ki te fòme yon kominote gremesi nan Trani.

Manfredi , pitit gason Federico, kontinye travay papa l ', akòde pèmisyon yo louvri entwodui ak depo nan prensipal vil yo maritim, ki gen ladan repiblik yo maritim nan Amalfi [9] , Genoa , Venice ak Ragusa : de dènye yo tou rete nan lavil la konsil yo . Pami kominote yo ki peple Trani nan peryòd sa a, merite pou yo mansyone yo se machann yo nan Ravello , ki moun ki rete nan yon lari fèmen nan mi yo ansyen, ki rele nan onè yo "ruga Ravellensium"; anpil bankye Florentin tou louvri branch yo nan vil la.

Temwayaj sou enpòtans Trani te rive jwenn nan peryòd istorik sa a ak predileksyon souvren yo pou vil la se maryaj Manfredi ak Elena Ducas ( 1242 - Lucera , 1271 ) pitit fi despòt Epiris Michele II , nan 2 jen 1259, imite pa siksesè li Charles I nan Anjou , ki moun ki, ankò nan Trani, marye Margherita nan Provenza nan 1266.

Litografi nan Porta Bisceglie pa pent la ak graveur Gennaro Moselli 1855

Kominote jwif la

Sinagòg Scolanova a

Prezans nan yon règleman remakab jwif kontribye anpil nan pwosperite nan Trani: kominote a anime komès ak syans ak pou yon tan long reprezante règleman an pi gwo nan sid peyi Itali. Kominote jwif Tranese yo te grandi sitou gras a ekspilsyon ko-relijyonis yo soti nan lòt eta yo, tankou Castile nan 1144 ak Lafrans nan 1182. Destriksyon nan Bari pa Guglielmo il Malo te favorize transfè a nan jwif yo Bari nan Trani, ki te sou yo vin episant lan nan aktivite komèsyal nan Puglia.

Jwif yo rete nan Giudecca, yon distri ki sitiye nan pati lès nan vilaj la ansyen ak konekte ak pò a: se lari a ki desann nan pò a toujou rele via Cambio, nan memwa nan biwo yo echanj nan kominote jwif la, osi byen tankou nan Amalfi ak ravellesi. Nan Giudecca te gen 4 sinagòg, nan yo ki 'Grande' sinagòg la - pita legliz la nan S. Anna ak jodi a Mize a - ak sinagòg la Scolanova yo te konsève . Se yon pòtrè enpòtan nan sitiyasyon jwif yo nan vil la ofri pa Beniamino di Tudela , ki moun ki, kanpe nan Trani (yon vil ki nan je vizitè a parèt "Gran ak bèl") pandan vwayaj li a, sondaj kominote jwif la nan 200 fanmi, dedye nan biznis tou de komèsyal ak atizanal, tankou DYEING ak pwodiksyon vaz.

Kominote jwif la te pwoteje pa tou de Norman ak wa swab: ak rive nan Angevins yo, sitiyasyon an vin pi mal, ak nouvo enpozisyon taks ak pi wo a tout pa favorize konvèsyon nan Krisyanis. Destriksyon kilti jwif yo ak tradisyon yo te rive nan pik li pandan rèy Charles III Durazzo , ki te transfòme 4 sinagòg Giudecca yo nan legliz kretyen.

Malgre ke kominote a te nan kèk fason konsève, jan sa pwouve pa lwa yo minisipal akòde pa wa Ladislao nan 1413, ki te bay pou prezans nan de neophytes nan Gran Konsèy vil la, sèlman ak rive nan Alfonso nan Aragon tolerans nan ansyen relijye ak kominote a te rkonstitusyon gras a jwif yo kouri kite Espay. Kominote jwif la te siviv nan vil la jouk 1541, lè Charles V dekrete ekspilsyon definitif jwif yo soti nan rèy li. Nan memwa prezans jwif enpòtan nan Trani, yon nouvo kominote jwif te etabli an 2004 [10] [11] .

Peryòd Angevin yo, aragonè ak venezyèn

Epitaf nan defi Barletta nan peyi Trani. nan foto a volontè yo nan komemorasyon abityèl la.

Avèk rive nan Angevins yo ak nan fen kwazad yo , lavil la ki gen eksperyans yon peryòd premye nan kriz, ki kèk souveren nan Peyi Wa ki nan Naples coped ak pa akòde sèten privilèj, tankou etablisman an nan plizyè fwa komès ak reparasyon. pò. Jisteman nan katòzyèm syèk la, vil la pèdi estati a nan pouvwa eta a pou kèk ane e li te akòde nan fief mèsenè kòmandan Alberico da Barbiano a soti nan 1383, reprann privilèj istorik la ke yo te sibi sèlman souveren an nan 1409 (lavil la te yon ti tan re-feyod nan 1466 lidè Albanyen an Giorgio Castriota, li te ye tankou Scanderbeg , ki moun ki te mouri de ane pita, anvan yo te kapab pran sou domèn nan). Nan kenzyèm syèk la nan lit ant Lafrans ak Aragon li remèt pasifikman Ferrante d'Aragona . Vann pa Ferrandino nan Venice (20 janvye, 1496) kòm yon angajman twoup yo ak lajan. Nan peryòd sa a li te ekipe ak yon asenal, te rekonstitye pò a ak wè komès reviv. Prospero Colonna atake Trani e li pran l nan 1508 [ Sitasyon nesesè ]. Sepandan, li te imedyatman pran pa twoup yo Venetian ak franse, avèk èd nan moun yo komen ak nan mitan ostilite a vivan nan aristokrasi a Tranese. Apre batay la nan Agnadello nan 1509 li retounen nan Aragonese la. Soti nan mitan kenzyèm nan nan mitan sèzyèm syèk la Trani te gen komèsyal bèl, li te fwekante pa machann Venetian ki te achte ble ak salitre ak vann tout bagay soti nan bijou goudwon ​​an bwa. Anpil Tranesi te fè kòmès, bato ame, yo te medyatè ak enteryè a, epi yo te gen tandans jwenn tretman egal ak Venetyen privilejye yo. [12]

Pou rezon sa a li te chwazi kòm teritwa a pou batay la nan pi popilè "defi a nan Barletta" kòm li te konsidere kòm yon jaden net.

Pandan syèk ki vin apre a te gen n bès nan ineksorabl nan aktivite komèsyal maritim: nan adisyon a pèt la sou enpòtans ki genyen nan wout komès nan Mediterane a akòz dekouvèt la nan Amerik yo, lavil la te kapab remèd pwogresif la limon moute nan pò a, lye akimilasyon nan debri ki te pote pa dlo toransyèl nan inlet natirèl la ak aktivite a nan pwosesis saltpeter , ki te pran plas nan pati sid la nan inlet la. Retounen nan Aragon ak Charles V la agrave kriz la tou gras a ekspilsyon an definitif nan kominote jwif la, ki te toujou yon pwisan fulkrum ekonomik nan sosyete Tranese. Yon nouvo envazyon Venetian pandan lagè Italyen yo nan 1526 ak yon epidemi epidemi terib kontribye nan n bès definitif nan lavil la, ak yon rediksyon dramatik nan kantite moun ki rete.

Gouvènman an Viceregal te eseye remèd kriz la pa mete kanpe Sacra Regia Adienza a nan 1586, ki transfòme Trani nan tout respè nan kapital la nan pwovens lan nan Terra di Bari, yon wòl ke li pral jwe pou prèske 200 ane: Pretè a te nan reyalite tou de reprezantan nan Peyi Wa a ak ekzekitè nan sistèm jidisyè a. Prezans nan administrasyon jidisyè a pral pèmèt lavil la yo jwe yon wòl prestijye nan jaden legal la jouk tan modèn. Etablisman an nan Odyans an reyalite te fèt nan kandida nouvo pou devlopman ekonomik ak sosyal nan vil la ki soti nan yon sant maritim ak komèsyal tou te vin prensipal la, sant administratif ak kiltirèl nan peyi a nan Bari . Depi lè sa a, lavil la te vin rezidans nan anpil non ilistrè, avoka , ofisyèl ak majistra , ki moun ki rete la tou pote fanmi yo avèk yo ki anrichi vil la ak trezò atizay, bibliyotèk koute chè ak palè rich. Trani konsa ki gen eksperyans yon peryòd de gwo flè kiltirèl gras a fonksyon politik li yo, dekouvri yon pati nan bèl sot pase li yo espesyalman nan dizwityèm syèk la, pandan dominasyon an nan Bourbons yo .

Evènman yo nan 1799

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Neapolitan Repiblik (1799) .

Aprè pwoklamasyon Repiblik Napolitèn nan , kèk sitwayen enspire pa ideyal liberal nouvo repiblik la te eseye pran kontwòl vil la: Majistra a ak eli yo te deklare pèdi epi nan dat 3 fevriye pyebwa a te plante devan legliz San an. Francesco nan libète, nan plas yo rele pyadza Libertà jodi a nan memwa nan evènman sa yo. Kèk sitwayen, sepandan, te opoze, koupe pyebwa a kèk jou apre epi pwoklame lwayote yo bay wa a: reyaksyonè yo te okipe pwen estratejik yo nan vil la ak pò a, pwosedi pou arete sitwayen repibliken yo ak tann retou Bourbons yo, ede pa flòt la.

Nan entre-temps la, lame franse a, ki te sipòte Repiblik la napolitèn, te rive nan Puglia repwann lavil yo ki te revòlte kont Repiblik la, ki gen ladan Andria, San Severo, Trani. Reyaksyonè yo soti nan Trani, barikad nan miray ranpa yo masiv Frederick nan lavil la, rejte demann lan pou rann tèt pa jeneral la franse Broussier te fè uit fwa, ak nan repons ant 25 ak 29 mas yo masakre tout 35 prizonye repibliken politik fèmen nan Castle la ak plizyè sitwayen konsidere kòm sipòtè yo. Sou 30 Mas twoup franse yo te sènen vil la, kapitile apre jis yon sèl jou syèj ak kanonad. Bloke tout wout chape posib menm avèk yon blokaj naval, franse yo ak repibliken yo ki te dirije pa Carafa, atake lavil la nan 1 avril, sakaje lavil la ki te lajman boule ak detwi. Anpil moun ki te masakre, ki gen ladan anpil manm nan fanmi yo nan Lernia, Bianchi, Feo, Bassi, Palumbo ak Moscatelli [13] : li estime ke omwen 800 sitwayen te mouri jou sa a, pandan y ap lafimen ki soti nan dife yo te vizib nan tout ti bouk ki tou pre. . Bato franse yo pa t ezite tire kanon yo sou bato lapèch sitwayen ki te sove yo epi pran ak tire plizyè sitwayen ki te chape anba blokaj naval la epi ki te ateri nan debakman ki te pi an sekirite. Reprezal franse a, detèmine sitou ak kwayans inègza ke Tranesi yo te advèrsèr nan nouvo lide revolisyon an, te san pitye. Inonbrabl te asasina sitwayen onèt, sispèk oswa ou pa, moun ki fin vye granmoun, prèt, nòb ak plebeyen, piyaj, dife ki te detwi dokiman vil la, papye notarya, liv presye ak mèb sakre. [14] Nan denmen, franse yo te pran kontwòl vil la, avèk Jeneral Broussier ki te pibliye yon pwoklamasyon pou padon pou sitwayen ensibòdone yo. Twoup franse yo te retire kò yo nan vil la kèk semèn apre, sa ki te pèmèt restorasyon règ Bourbon 16 me.

Soti nan 19yèm syèk la jodi a

Reprezantasyon nan vil la nan 1703

Trani te gen estati kapital la jouk epòk Napoleon an, sa te pran nan men li pa Gioacchino Murat an favè Bari ( 1808 ): vil la konsa pèdi wòl li kòm kapital ki te kenbe pou plis pase de syèk. Premye franse a ak Bourbon yo apre restorasyon an toujou kenbe Tribinal Apèl nan vil la. Avèk pwoklamasyon Peyi Wa ki nan peyi Itali nan 1861, Trani kenbe primasi jidisyè a, jouk 1923 , lè Tribinal la te definitivman transfere nan Bari.

Pandan Dezyèm Gè Mondyal la vil la soufri plizyè bonbadman, ki pi grav nan ki detwi yon bilding sou pò a touye 21 moun sou 27 avril 1943, sitwayen yo vin chonje kòm "Pak Lendi". Kèk mwa apre, Alman yo te anvayi vil la. Nan denmen maten, 14 septanm 1943, yon avyon Alman pran soti nan Barletta, bonbade lavil la ankò. Biwo lapòs la te frape e pwobableman pa erè bilding notè Filippo Salvati nan via S. Gervasio te prèske detwi. [15] Anvan yo te fè bak nò, sòlda Nazi yo te awondi 50 sitwayen nan vanjans apre yo te tiye senk sòlda pandan yon aksyon geriya. Mèsi a entèvansyon podestà Giuseppe Pappolla, sekretè politik Antonio Bassi ak Achevèk Monseyè Francesco Petronelli, Tranesi yo te sepandan lage pa lyetnan kolonèl nan ganizon Alman an, Friedrich Kurtz, ki te refize bay lòd pou yo te tire.

Trani se jodi a yon manm komen nan òganizasyon entènasyonal la Cittaslow , ki te fonde nan peyi Itali an favè yon ralentissement nan dinamik yo frenetik modèn ak pou yon pi bon kalite lavi.

Jewografi fizik

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Jewografi nan Puglia .

Teritwa

"Ki kote Adriyatik la deja pwomèt Ionian a ak pèdi vèt asid li yo anba balans yo nan yon ble cho ak dans, vil sa a ke pesonn pa selebre, Trani, ogmante yon katedral kòm yon wo akropoli ak yon gwo kay won ki mezire distans li soti nan syèl la . "

( Cesare Brandi , kantik Trani )

Vil la sitiye sou kòt la Adriyatik 42 km nan nò Bari, nan yon altitid de 7 mèt anwo nivo lanmè a .. Yon ti inlet natirèl, ki te pwodwi nan tan lontan pa bouch la nan yon rivyè ki kounye a te disparèt, koresponn ak pò vil la. Teritwa a se sitou plat, byenke li tonbe nan ekstrèm pati nò a Lower Murgia nan Bari, karakterize pa yon seri de teras, ki gen altitid maksimòm rive nan maten an Sant'Elia (apeprè 200 mèt anwo nivo lanmè), ki pant desann nan direksyon pou kòt la. Se teritwa a tout antye janbe lòt pa lam , nan mitan ki pi enpòtan an se Lama Paterno, ki make fwontyè a ak minisipalite a nan Bisceglie.

Karakteristik yo jewolojik nan teritwa a te pèmèt devlopman nan aktivite a Carrier nan wòch la nan Trani , yon wòch kalkè presye, youn nan motè ki pi enpòtan nan ekonomi vil la pou ane sa yo. Sepandan, aktivite min nan deseni ki sot pase yo te lakòz chanjman irevèrsibl nan teritwa a, tou de nan yon nivo anviwònman ak jaden flè, ak pwoblèm nan toujou rezoud nan zòn abandone, anviwònman ak faktè risk sante ki difisil a refè [16] .

Kòt sid la karakterize pa prezans nan ti falèz , yon fòmasyon jewolojik tipik nan detire nan kòt ant Trani ak Bisceglie : eksplwatasyon antropojèn, ewozyon pa mouvman vag epi finalman travay yo konsolidasyon nan kòt la te konsiderableman redwi ekstansyon an nan falèz yo, kounye a prezan sèlman nan detire nan kòt ant Lido Matinelle ak Torre Olivieri, sou fwontyè a ak minisipalite a nan Bisceglie.

Pati nan nò nan teritwa a, jewografik adjasan a fon an nan larivyè Lefrat la Ofanto , se distenge pa prezans nan yon marekaj bò lanmè, nan zòn nan Boccadoro-Ariscianne, karakterize pa prezans nan anpil sous dlo sal, ki konstitye yon natirèl enpòtan abita pou espès divès kalite bèt ak plant.

Vejetasyon nan espontane nan zòn nan Tranese konsiste de pye pen (nan domestik la , maritim ak varyete Aleppo ), pye bwa karoubye , pye bwa frèz , pye bwa mastik , pye bwadchenn , Junipers ak Heather . Rekòt ki pi komen yo se sa yo nan oliv , nwa ak rezen diven, espesyalman Moscato di Trani .

Klima

Trani nan solèy kouche

Selon klasifikasyon klima Köppen Trani ki dwe nan bann Csa a , sa vle di klima tanpere nan latitid mitan yo avèk ete trè cho (tanperati mwayèn absoli nan mwa ki pi cho a pa pi ba pase 22 ° C) ak sezon ete sèk la. Espesyalman, klima a nan Trani se tipikman Mediterane . Lè yon vil kotyè, imidite relatif la rete trè wo pandan tout ane a, ak yon valè mwayèn 70%. Briz lanmè a vle di ke tanperati ete yo pa jeneralman monte pi wo pase 32 ° C. Se sèlman nan ka gwo van libeccio, akòz efè a favonik, li ka rive epi pafwa depase 40 ° C. (Dosye +45.4 ° C pou Bari Palese) [18] . Tanperati ivè yo tou byen ba. Sepandan, li pa estraòdinè pou lè frèt nò-lès la pete, ki ka pafwa mennen nan presipitasyon, menm avèk yon lanèj lanati. Lapli yo konsantre sitou nan otòn ak sezon fredi, prèske absan nan sezon lete an ak sitou tanpèt.

Trani Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC ) 11,4 12,4 14,9 18,5 23,3 27,7 30,7 31,7 26,8 21,4 16,5 12,9 12,2 18,9 30,0 21,6 20,7
T. min. mediaC ) 4,1 4,3 6,0 8,4 12,3 16,2 19,8 20,0 16,2 12,3 8,5 5,6 4,7 8,9 18,7 12,3 11,1
Precipitazioni ( mm ) 52 58 46 43 39 30 22 26 49 61 62 60 170 128 78 172 548
Umidità relativa media (%) 76,6 75,1 73,5 71,1 68,7 64,2 60,2 61,3 68,3 74,4 76,5 77,0 76,2 71,1 61,9 73,1 70,6

Simboli

Stemma comunale
Gonfalone comunale

«Fortis Ferox Fertilis»

( Motto inciso sullo stemma )

Creato nel 1098 lo stemma della città raffigura un drago munito di grandi ali, nell'atto di schiacciare sotto i suoi artigli una testa taurina, e con una torre poggiata sul dorso:

Di azzurro, al drago di verde con le ali aperte, con le zampe d'oro, con la coda attorcigliata, desinente in dardo e volta all'insù, sostenente la torre di argento, murata di nero, merlata alla ghibellina di quattro, il drago poggiante la zampa sinistra sulla collina di verde, fondata in punta, e afferrante con la zampa destra, posta in fascia, la testa e il collo di toro, posti in tre quarti, d'argento.

Corona: Corona di città con cinque torri (concesso con DPCM del 13 luglio 1914)

Il gonfalone è un drappo di bianco bordato d'azzurro.

Lo stemma concesso nel 1914 non corrispondeva al simbolo storico, ma ad una ricostruzione fatta attraverso i documenti all'epoca noti: per fare un confronto con lo stemma odierno il drago (con tutta la collina su cui poggia) si trova in cima alla torre e non viceversa. Lo sfondo era inoltre grigio e non azzurro e la testa era bovina e non di toro. Dopo accurate e approfondite ricerche storiche, anche attraverso il confronto con gli stemmi scolpiti su diversi edifici cittadini, è stato ricostruito lo stemma originale e fatta domanda di sostituzione al Ministero. L'8 settembre del 2000 il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ha firmato il decreto di sostituzione dello stemma e del gonfalone [19] .

Onorificenze

Medaglia d'argento al merito civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al merito civile
«Durante l'ultimo conflitto mondiale, a seguito di un bombardamento aereo che aveva provocato numerose vittime e danni, la popolazione interveniva prontamente in soccorso dei superstiti e si adoperava poi, con impavido spirito di sacrificio e pochi mezzi a disposizione, nella instancabile opera di sgombero delle macerie e di ricostruzione. Splendido esempio di umana solidarietà ed alto spirito di abnegazione [20]
— Trani 27 aprile 1943

Monumenti e luoghi d'interesse

Grazie alla sua millenaria storia, la città di Trani può fregiarsi del titolo di città d'arte e vantare un ampio patrimonio artistico e architettonico: oltre alla celeberrima cattedrale sul mare e al Castello svevo, la città è ricca di chiese e monasteri, oltre che di pregevoli palazzi storici.

Architetture religiose

La città di Trani vanta un gran numero di chiese , per la maggior parte in stile romanico , in primis la cattedrale , che rappresenta lo splendore e lo sfarzo che aveva nel Medioevo . In tutto tra sconsacrate, demolite ed ancora esistenti se ne sono contante più di cento. Inoltre la città vantava la presenza di ben quattro sinagoghe di cui due sono andate perdute e le altre due ancora esistenti sono state riconvertite in chiese.

Cattedrale di San Nicola Pellegrino

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cattedrale di Trani .
Facciata della Cattedrale

La cattedrale di Trani, la cui basilica superiore è intitolata a Santa Maria Assunta, è senza dubbio la costruzione più prestigiosa della città pugliese. Classico esempio di architettura romanica pugliese , la cattedrale venne costruita immediatamente dopo la santificazione di san Nicola Pellegrino, durante la dominazione normanna . Per secoli la cripta dedicata a san Nicola Pellegrino (parte della preesistente chiesa di Santa Maria, precedente chiesa principale) ha custodito insigni reliquie, ad esempio il corpo della martire orientale Santa Febronia , di cui è possibile ancora oggi ammirare un pregevole reliquiario del XVIII secolo ed un dipinto ovale che la raffigurano, presso il museo diocesano .

La costruzione è stata realizzata usando il materiale di tufo calcareo tipico della zona: si tratta della pietra di Trani estratta dalle cave della città, caratterizzata da un colore roseo chiarissimo, quasi bianco.

Il piazzale situato dinanzi all'edificio romanico si presta ad eventi artistici di vario genere, grazie alla stupenda cornice offerta dalla maestosità della cattedrale e dal mare. La piazza ha ospitato numerosi concerti di artisti internazionali e non, tra cui George Benson , Massimo Ranieri , Claudio Baglioni e Ludovico Einaudi . Oltre a diverse rappresentazioni teatrali, recentemente nel piazzale hanno avuto luogo anche alcuni spettacoli di opera.

Monastero di Colonna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Monastero di Santa Maria di Colonna .
Santa Maria di Colonna Trani

La chiesa di Santa Maria di Colonna, situata sulla penisoletta di Capo Colonna, è a poco più di un miglio dal centro della città, un tempo fuori dall'abitato urbano, ma adesso compresa al centro di una florida zona turistico-residenziale. Fu fondata, insieme all'attiguo monastero benedettino, tra la fine del sec XI e l'inizio del XII, dal nobile tranese Goffredo Siniscalco. La facciata principale si avvale di elementi decorativi tipici dell'architettura romanica: il rosone, un arco lavorato e sostenuto da agili colonnine, un architrave di finissima fattura (proveniente da un monumento pagano) e una serie di archetti pensili della cuspide. Nella Chiesa si conserva il Crocifisso ligneo del XV secolo, oltraggiato dai corsari saraceni e un prezioso altare donato dal Gran Duca di Toscana, in cambio delle reliquie di Santo Stefano, che qui si veneravano fino al 1684. Attualmente il monastero è utilizzato per iniziative culturali, concerti di musica Jazz e Classica all'interno dello splendido chiostro o nel cortile esterno. Notevole è la veduta panoramica di cui si può fruire, salendo al piano superiore, dal quale è possibile osservare la costa antistante il lungomare, sino alla villa comunale con la cattedrale sullo sfondo.

Altre chiese cristiane

Chiese altomedievali (IV - X secolo)
Chiese romaniche (XI - XII secolo)
Chiese del periodo angioino (XIII-XV secolo)
XVI secolo
XVIII secolo
XIX secolo
XX secolo
XXI secolo
  • Chiesa di San Magno vescovo e martire

Sinagoghe

Architetture militari

Castello svevo

Il castello svevo

Il castello svevo di Trani è un castello edificato nel 1233 sotto il regno di Federico II . Nel castello soggiornò spesso il figlio di Federico, Manfredi , che il 2 giugno del 1259 vi sposò la seconda moglie, Elena Ducas.

Fortino

Il fortino visto dalla cattedrale

All'estremità sinistra della villa comunale si accede all'antico fortilizio destinato alla protezione dell'estrema punta orientale del porto: il fortino è un'opera di fortificazione posta a protezione dell'ingresso del porto, sul molo di Sant'Antonio, che prende il nome da un edificio religioso del XII secolo, lachiesa di Sant'Antonio Abate , inglobata definitivamente nel 1541 all'interno della costruzione difensiva preesistente a seguito della fortificazione voluta dal Viceré Pietro de Toledo per esigenze difensive della rada del porto. La chiesa e il fortino sono stati oggetto di restauro negli anni '80

Dalla sommità del fortino è possibile ammirare tutta l'insenatura su cui si affaccia il borgo antico, distinguendo chiaramente la Cattedrale e le caratteristiche absidi della chiesa di Ognissanti. Questo punto panoramico è considerato dai suoi abitanti uno dei posti più belli e suggestivi della città.

Torre Barbinelli

Torre fortificata dell XI sec. situata in p.zza Cesare Battisti . Con scopi di avvistamento faceva parte del primo castello regio bizantino - normanno .

Porta Antica

Delle 4 porte di accesso dell'antica cinta muraria Longobarda una sola si conserva ancora oggi inglobata nei fabbricati, è porta antica detta anche aurea .

Architetture civili

Casa de Agnete

Venne edificata nel 1283 da Nicola Lombardo figlio di Giovanni De Agnete, presenta una facciata medievale quasi integra ricca di dettagli architettonici decorativi. Al piano terra presenta, come altri edifici della stessa via, le tracce di un antico portico. Al primo livello un'elegante finestra, in origine bifora ma oggi mancante della colonna centrale, dal profilo interno lobato, è sormontata da una cornice a estroflessione esterna dalla forma triangolare poggiante su due colonnine, e due finestrine monofore ad arco acuto lateralmente alla grande finestra. Al livello superiore vi è una più grande finestra centrale ad arco acuto ai lati della quale vi sono le mensole poggia tenda.

Torre dell'Orologio

La torre medievale è l'edificio più alto del centro storico dopo il campanile della Cattedrale. Venne fatta edificare dal Sindaco Spirito de Piczioni, nel 1473, attigua alla chiesa di San Donato. All'interno della torre, di proprietà del Comune, venne collocato un orologio meccanico, uno dei primi nel Regno di Napoli . La base della torre reca lo stemma originario della città. La torre è stata restaurata nel 1931, mentre l'orologio è stato ripristinato dopo anni di incuria solo nel 1994. Oggi la torre non è accessibile al pubblico.

Palazzo Caccetta

Palazzo Caccetta

Il Palazzo venne fatto edificare dal mercante tranese Simone Caccetta nel 1456. È da ritenersi una delle opere più interessanti dell'architettura del Rinascimento a Trani, data la commistione di generi che caratterizza la facciata, unico elemento che ha conservato le caratteristiche originarie dell'epoca di costruzione del palazzo. La facciata principale è stata realizzata principalmente in stile tardogotico, ma oltre al portale ad arco gotico a raggiera sono presenti elementi architettonici di stili diversi, come ad esempio la bellissima trifora in corrispondenza del portone principale d'ingresso.

Nel 1484, re Ferrante d'Aragona confiscò il palazzo a Simone Caccetta, a causa di un tentativo di rivolta contro l'autorità regia, vendendolo per 1000 ducati all'Università di Trani. Di proprietà del comune, ha ospitato i governatori veneti fino al 1509, diventò convento dei monaci Teresiniani nel 1642 e Seminario nel settecento. Attualmente è una delle sedi staccate del Palazzo di Giustizia.

La tradizione vuole che da questo palazzo la notte del 13 febbraio 1503 partì la notizia per tutt'Italia della vittoria dei 13 cavalieri italiani capeggiati da Ettore Fieramosca sui francesi nella Disfida di Barletta .

Palazzo Antonacci Telesio

Vista porto di Palazzo Telesio (dopo ristrutturazione 2009)

Dopo l'incendio delle case degli Antonacci nel 1799, il palazzo fu edificato in quel sito nei primi anni dell'Ottocento dalla famiglia Antonacci (lo stemma di famiglia posto nell'androne che indica la data del 1761 fu prelevato dall'androne dell'attiguo palazzetto a via San Giorgio 15, pure di proprietà degli Antonacci, e posto nell'androne di Palazzo Telesio-Antonacci nel 1960 dal Duca Vincenzo Telesio e, perciò, non si riferisce alla data di costruzione del palazzo) e passò poi per successione alla famiglia Telesio, insignita del titolo di duca di Toritto, che tuttora lo abita. Con la facciata principale rivolta verso il porto sulla odierna Piazza Quercia, ha subito un ampliamento sul lato est, dopo la demolizione delle mura federiciane, nel 1845 ad opera dell'architetto Luigi Castellucci di Bitonto, il quale pure adeguò la facciata su piazza Quercia allo stile neoclassico. Il palazzo ospita all'interno il Museo delle Carrozze : una raccolta di 33 carrozze ottocentesche, appartenenti per lo più alla famiglia Telesio, oltre a finimenti e divise da cocchiere. L'importanza di questa raccolta sta nell'illustrare l'abilità artigianale dell'epoca e nel far rivivere la storia di un'intera classe sociale e di tutti coloro che per essa operavano.

Altri palazzi nobiliari della città

  • Palazzo Beltrani
  • Palazzo Bianchi
  • Palazzo Bonismiro
  • Palazzo Broquier già Lepore Campitelli
  • Palazzo De Angelis
  • Palazzo De Angelis-Ventricelli
  • Palazzo Candido
  • Palazzo Carcano
  • Palazzo Covelli già Forges Davanzati
  • Palazzo Fabiano già Filangeri
  • Palazzo Filisio
  • Palazzo Gadaleta
  • Palazzo Gattola-Mondelli
  • Palazzo Lambert già Palagano
  • Palazzo Morola
  • Palazzo Moselli-Maggiolla
  • Palazzo Palumbo-Quercia
  • Palazzo Petta già Lopez
  • Palazzo Rogadeo oggi Palazzo Arcivescovile
  • Palazzo Sarlo
  • Palazzo Sifola
  • Palazzo Sorìa
  • Palazzo Torres
  • Palazzo Valenzano
  • Palazzo Vischi

Parchi e giardini

Villa comunale

Villa comunale e fortino

È il giardino pubblico più grande della città. Si estende su un terrazzamento a picco sul mare, cinto dai bastioni delle antiche fortificazioni della città. La posizione della villa offre, sul lato sud, una splendida vista panoramica del lungomare fino al Monastero di Santa Maria di Colonna , mentre dal lato nord si accede al Fortino, da cui si può godere della vista dell'intera insenatura del porto e della Cattedrale . La villa venne inaugurata nel 1824 e successivamente ampliata grazie alla bonifica dei terreni immediatamente a sud, sulla costa, nella zona denominata per l'appunto Canneto a causa dell'insalubrità dei luoghi.

L'area è piantumata a palme , lecci , querce e pini , ed è abbellita da aiuole, fontanelle e giochi per bambini. Nella parte sud è presente un acquario contenente 18 vasche valorizzate con pietra di Trani che ospitano circa 500 pesci di innumerevoli specie provenienti da quasi tutti i laghi e fiumi del mondo e piante acquatiche ornamentali. Il viale centrale corre quasi interamente parallelo alla linea della costa ed è lungo 350 metri; sul viale, collocato di fronte all'ingresso principale, si trova il Monumento ai Caduti, scolpito nel 1923 dal tranese Antonio Bassi . Percorrendo il viale si incontra uno chalet del XIX secolo , sede di mostre e iniziative culturali a cura di artisti locali, e la cassa armonica, realizzata nel 1888 e recentemente restaurata e resa nuovamente funzionale [23] ; nei viali di destra sono raccolte sei colonne miliari dell'antica via Traiana , provenienti dal tratto Ruvo - Canosa .

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [24]

Etnie e minoranze straniere

Gli stranieri residenti a Trani al 31 dicembre 2019 erano 2 076, pari al 3,7% della popolazione. Le comunità nazionali più numerose erano [25] :

Religione

Trani è la principale sede arcivescovile, con le città di Barletta e Bisceglie , fa parte dell' omonima arcidiocesi suffraganea dell' arcidiocesi di Bari-Bitonto e appartenente alla regione ecclesiastica Puglia . La diocesi è stata costituita nel VI secolo e nel 2004 contava 274.060 battezzati su 286.560 abitanti: attualmente è retta dall' arcivescovo Leonardo D'Ascenzo . L'arcidiocesi, oltre alle tre città titolari, annovera anche i centri di Corato , Margherita di Savoia , San Ferdinando di Puglia e Trinitapoli .

La città di Trani venera il suo santo patrono San Nicola Pellegrino , un giovane predicatore greco morto a Trani nel 1094 , e il crocifisso di Colonna, un antico crocifisso che rubato dal monastero di santa Maria di Colonna nel 1480 durante un'incursione saracena, venne mutilato del naso e miracolosamente prese a sanguinare.

In città vi sono diverse confraternite , se ne contano quindici (di cui tre arciconfraternite ). Ognuna di queste festeggia un proprio santo, da cui prendono l'obbligo religioso, i riti e gli oneri dei festeggiamenti, come le processioni per le vie cittadine. Anticamente nascevano come organizzazioni di arti e mestieri e in seguito per assicurare ai confratelli il rito funerario e la tumulazione presso le cripte delle chiese dove erano stabilite le confraternite. La più antica è quella di San Vito martire , la cui presenza è già attestata nel 1466. [ senza fonte ]

Si registra dal 2004 il ritorno della comunità ebraica, attiva fin dal Medioevo, che attualmente esercita presso la Sinagoga Scolanova ; è presente inoltre una comunità ortodossa rumena che esercita presso l'antica chiesa cristiana di San Martino , consegnata al nuovo culto nel 2008.

Molto presenti a Trani sono anche i testimoni di Geova . Risale invece al 1975 la nascita di una testimonianza di fede evangelica ad opera di alcuni missionari olandesi, consolidatasi nel tempo, ed ora guidata da pastori locali. [ senza fonte ]

Tradizioni e folclore

Processione dei Misteri, la statua del Cristo alla colonna o Flagellatur
Processione della Croce di Colonna

Settimana santa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Miracolo eucaristico di Trani .
Processione Eucaristico-Penitenziale-Riparatoria (21 aprile 1984, Sabato Santo) in ricordo del Miracolo eucaristico di Trani .

Un periodo particolare e suggestivo della tradizione tranese è la settimana santa , pertanto citiamo gli Altari della Reposizione (erroneamente chiamati Sepolcri per l'immediata successione degli eventi) del Giovedì santo, ossia la solenne esposizione dell'Ostia consacrata, pratica liturgica comune alla Cattolicità . A Trani le varie parrocchie cittadine assieme alla Basilica Cattedrale e alle sole rettorie sedi di associazioni religiose, coadiuvate dalle rispettive confraternite , si impegnano ogni anno preparando degli Altari della Reposizione suggestivi che portano i cittadini tranesi a riversarsi nelle vie dalla sera del Giovedì santo sino alla mattina del Venerdì santo ea recarsi di chiesa in chiesa. La tradizione vuole che bisogna visitarne almeno sette.

Una delle tradizioni più suggestive che la città vanti è la processione dell' Addolorata organizzata dall'Arciconfraternita dell'Addolorata che si svolge nelle primissime ore del mattino (dalle ore tre) del Venerdì santo . La processione percorre quasi tutte le vie della città, visitando dieci dei quattordici Sepolcri delle chiese cittadine seguita da una numerosa folla di devoti e non. L'uscita della Madonna di notte , come chiamano semplicemente i Tranesi, è fissata alle tre del mattino dalla chiesa di Santa Teresa , che è la stessa dove si venera la statua che viene portata in processione.

Un'altra processione della settimana santa è la Processione dei Misteri che si svolge alle ore 20.30 del Venerdì santo, una processione di ben quattordici immagini sacre che parte dalla Cattedrale e si snoda per le vie più antiche di Trani alla quale partecipano tutte le confraternite cittadine ed è organizzata dalla Arciconfraternita del SS. Sacramento (o dei Bianchi). Questa processione è nata per ricordare un miracolo eucaristico avvenuto in città nell' XI secolo , infatti il gonfalone nero che apre il corteo presenta la scritta SPQR che indica la presenza dell' Impero romano d'Oriente durante questo miracolo. Fino al 1986 la processione veniva chiusa da quattro sacerdoti che, a piedi scalzi, portavano a spalla un'urna in argento contenente il Santissimo Sacramento; questo avveniva, tradizionalmente, in segno di riparazione al miracolo. Attualmente, invece, viene portata una reliquia di un pezzo della Sacra Croce. Questa processione ha spesso cambiato giorno infatti dal Giovedì santo si è passati al Venerdì, in seguito al Sabato (per l'aliturgicità del giorno) per poi ritornare al Venerdì santo, con un passo lento (fino al 2006 la processione si è avviata alle ore 17.00).

Festa patronale della Croce di Colonna

Il 3 maggio si festeggia il SS. Crocifisso di Colonna che ha origini antichissime in cui storia e leggenda si confondono. Si narra difatti che il 3 maggio del 1480 fu rubato dalla chiesa di Santa Maria di Colonna dai pirati un Crocifisso ligneo cui fu mutilato il naso del Cristo che prese a sanguinare e venne gettato in mare; così da quel lontano anno l'evento è ricordato ancora. La festa del SS. Crocifisso dà vita ad una processione di barche che partendo dalla penisola di Colonna con il Crocifisso a bordo di uno dei pescherecci della locale marineria, si porta sino al porto dove è impartita la benedizione solenne alle acque tra fuochi pirotecnici e suono di campane, dopo di che la Sacra Immagine viene sbarcata sulla terraferma ed è effettuata la solenne processione con suon di banda musicale. La processione che tradizionalmente percorre tutto il porto, percorre le principali vie di Trani sino ad arrivare in una delle parrocchie della città ove il SS. Crocifisso di Colonna rimane alla venerazione dei fedeli per circa cinque giorni. La festa si conclude con la via Lucis, partendo dalla parrocchia ove il SS. Crocifisso è rimasto esposto, sino al Santuario di Colonna; fino agli anni '50 i festeggiamenti in onore del SS.Crocifisso seguivano un cerimoniale diverso da quello attuale: dopo esser arrivato in porto, il SS. Crocifisso lo percorreva per intero senza effettuare alcuna "sosta" in una delle parrocchie cittadine e tornando direttamente al Santuario di Colonna.

Festa patronale di San Nicola il Pellegrino

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Nicola Pellegrino .
Processione del Santo Patrono Nicola Pellegrino . Particolare dell'uscita della processione dalla Cattedrale di Trani .

La festa patronale in onore di San Nicola il Pellegrino è organizzata dal Comitato Feste Patronali ed è molto sentita dalla devozione tranese. Le celebrazioni si svolgono nell'arco di tre giorni, tra il sabato e il lunedì della prima settimana di agosto. La festa per il Santo attira un grande numero di visitatori dalle zone limitrofe oltre ai turisti, anche stranieri.

Oltre alle solenni processioni e alle iniziative culturali e religiose, vengono organizzate gare e spettacoli pirotecnici, giri bandistici per le vie della città e concerti. Il momento principale della festa è la prima domenica di agosto, quando vengono portate in processione per le vie della città il busto d' argento e le reliquie del Santo, con la partecipazione delle massime autorità ecclesiastiche (Capitolo Cattedrale e clero tutto), civili e militari e tutte le arciconfraternite e confraternite della città.

Cultura

Istruzione

Biblioteche

Scuole

Università

È presente a Trani l'Istituto Superiore di Scienze Religiose "San Nicola Pellegrino".

Dal 2012 è presente una sede distaccata dell'università privata LUM Jean Monnet : la sede di Trani, nata da un accordo con la Provincia di Barletta-Andria-Trani e con i Comuni aderenti al Patto Territoriale Nord Barese Ofantino, è adibita a sede di tutoraggio per gli studenti iscritti, oltre ad ospitare diversi convegni.

Sono presenti, inoltre, sul territorio cittadino due università telematiche: la Unicusano e la Guglielmo Marconi .

Musei

  • Museo diocesano la cui sede è il Palazzo Lodisposto, che comprende numerosi reperti recuperati dalla cattedrale e dalle varie chiese cittadine. Nasce nel 1975 per volontà dell'Arcivescovo Giuseppe Carata, al fine di dare una più adeguata sistemazione al materiale lapideo e scultorio proveniente da demolizioni operate nella Cattedrale ed in altre chiese della città di Trani. Nel corso degli anni il suo patrimonio si è notevolmente arricchito di opere e reperti di grande valore artistico e storico.
  • Museo ebraico situato presso la chiesa di sant'Anna (ex sinagoga), raccoglie opere e testimonianze della storie ebraica cittadina, è l'unico museo ebraico del sud Italia.
  • Pinacoteca Ivo Scaringi la cui sede è nel palazzo Beltrani, raccoglie una collezione di opere del pittore tranese Ivo Scaringi, donata dalla famiglia.
  • Museo delle carrozze , sede presso il palazzo Antonacci in piazza Quercia, sono ospitate circa 40 carrozze appartenute ai duchi Telesio e divise di cocchieri e finimenti per i cavalli.

Media

Radio

Le uniche emittenti radiofoniche presenti in città sono:

  • Radio Bombo [26]
  • Radio Canale 93 Stereo

Televisione

La città non ha ospitato per circa vent'anni alcuna emittente televisiva infatti l'unica TV locale presente, Tele Radio Nord Barese (Trnb), aveva cessato le trasmissioni all'inizio degli anni '90 [27] .

Con il passaggio al digitale terrestre è nata la nuova emittente TeleTrani, prodotta da Telebari , che ospita il nuovo canale sulla sua piattaforma; a TeleTrani è stato assegnato il canale numero 188. La programmazione del nuovo canale è iniziata l'11 febbraio 2013.

Eventi

I ''Dialoghi di Trani'', un festival culturale e letterario nato nel 2002 e organizzato dall'associazione La Maria del Porto con il patrocinio del comune di Trani, della provincia Barletta-Andria-Trani e della Regione Puglia. I ''Dialoghi'' ospitano principalmente dibattiti e tavole rotonde nella cornice del Castello svevo e coinvolgono scrittori, autori, giornalisti e artisti di fama nazionale ed internazionale. La programmazione del festival si articola in diverse giornate ed è caratterizzata da una tematica diversa ogni anno, intorno alla quale i diversi ospiti sono chiamati ad interessanti confronti e dibattiti. [28]

Geografia antropica

Urbanistica

Urbanistica di Trani

Il tessuto urbano della città è facilmente distinguibile in tre zone (vedasi foto). Il primissimo nucleo racchiude la zona del porto e comprende la giudecca o quartiere ebraico, che con porta vassalla e porta aurea racchiudono la prima murazione della città. Successivamente le mura furono ampliate, esse correvano lungo le attuali vie Alvarez e Bovio fino alla Piazza della Repubblica dove sorgeva l'antica porta di Bisceglie , per poi proseguire verso il mare, scendendo l'attuale corso Cavour con deviazione sull'attuale via E. Comneno fino alla villa comunale. Queste mura sono rimaste in piedi fino agli inizi dell'Ottocento, poi furono abbattute per l'esigenza espansionistica della città; nacque così il borgo ottocentesco formato da due strade principali che si intersecano presso piazza della Repubblica, via Cavour e corso Vittorio Emanuele. A ridosso di queste due direttrici si espandono le altre vie dritte e intersecate tra di loro e tutte parallele. È possibile notare la distinzione tra il borgo medioevale formato da vie strette e tortuose e la zona ottoncentesca più lineare [29] . Malgrado i tentativi di rendere organica l'espansione della città, con un progetto di urbanizzazione lungo le direttrici del borgo ottocentesco, lo sviluppo urbanistico nel Novecento è proseguito dapprima sfruttando la direttrice di corso Vittorio Emanuele verso Bisceglie, lungo cui la città ha avuto la maggiore espansione, arrivando a collegare la zona intorno alla penisola di Colonna, fino agli anni '50 isolata e caratterizzata da pregevoli villette. Nell'ultima metà del XX secolo, si è avuta una notevole espansione anche verso Andria e Corato, con la nascita di quartieri periferici di grandi dimensioni (Pozzo Piano, Sant'Angelo, Stadio-Alberolongo). Non si è verificata invece un'espansione verso Barletta, a causa della nascita della zona industriale all'inizio del XX secolo, che si è in seguito sviluppata lungo la costa verso Barletta con l'insediamento di numerose attività di lavorazione del marmo e della pietra di Trani. Disattese le direttive dei PRG del 1929 e del 1977, la città si è dotata di un Piano Urbanistico Generale (PUG) nel 2009. L'ultimo decennio ha visto anche la progressiva urbanizzazione della frazione di Capirro, con la nascita di una zona residenziale, caratterizzata dalla presenza di villette monofamiliari: il nuovo agglomerato si è espanso a tal punto da essere collegato a nord-ovest con il resto della città, in particolar modo con i quartieri Stadio-Alberolongo e Pozzo Piano.

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia della Puglia .

Pesca e agricoltura

La vocazione marinara della città è testimoniata dalla sua flotta peschereccia, che conta oltre 50 imbarcazioni e rende la pesca un elemento di primo piano nell'economia cittadina. L'agricoltura è imperniata principalmente sull'olivicoltura e la produzione vinicola: il moscato di Trani , che prende il nome dalla città ma è prodotto da uve coltivate anche nei comuni vicini, è un vino dolce naturale che gode della denominazione d'origine controllata. La versione liquorosa , pure DOC, è indicata per accompagnare i dessert.

Industria lapidea e manifatturiera

L'economia della città è legata da sempre all'estrazione della tipica pietra locale detta pietra di Trani . Gravitano intorno a questo settore un gran numero di attività dedite all'estrazione e lavorazione e all'esportazione di questo prodotto, sono presenti infatti sul territorio un gran numero di cave e segherie. Oltre all'estrazione anche il settore dell'edilizia è molto importante per l'economia della città. Inoltre sono da segnalare la presenza di molte imprese dedite alla lavorazione di calzature da donna (per lo più tomaifici) e dei capi di abbigliamento (maglifici). Tra le attività più tradizionali e rinomate vi sono quelle artigianali , che si distinguono per la lavorazione di vimini e giunchi , finalizzati alla realizzazione di oggetti d'arredo. [30]

Terziario

Il settore terziario cittadino, un tempo legato soprattutto alla presenza del tribunale, è oggi rivolto principalmente al turismo. Alle numerose strutture alberghiere, per lo più a conduzione familiare, si accompagnano numerosi locali e discoteche che rendono il centro cittadino uno dei poli di attrazione per la Puglia centro-settentrionale. [ senza fonte ]

Infrastrutture e trasporti

Strade

La città è attraversata dalla strada statale 16 Adriatica e servita in tangenziale dalla variante nota come strada statale 16 bis, che assicura i collegamenti veloci verso nord in direzione di Foggia e verso sud in direzione di Bari . I collegamenti a lunga percorrenza sulla direttrice nord-sud sono invece assicurati dall' autostrada A14 Bologna-Taranto , che a breve distanza della città presenta il casello di Trani.

Una rete di strade provinciali connette inoltre la città con i centri vicini: in particolare, Andria è raggiungibile mediante la strada provinciale 130 e Corato mediante la strada provinciale 238.

Ferrovie

La stazione ferroviaria di Trani sorge lungo la ferrovia Adriatica Lecce - Bologna , dotata di 2 binari di corretto tracciato più un'ulteriore binario.

Mobilità urbana

La gestione del trasporto urbano pubblico della città è gestita da Amet spa con tre linee di autobus.

La città ha la sede legale della STP Bari -Società Trasporti Provinciale- società, nata a Trani, che gestisce il trasporto pubblico extraurbano di persone nelle province di Bari e Barletta-Andria-Trani , con città anche della Provincia di Foggia .

Pista ciclabile

Una delle 4 postazioni di bike sharing

Sul lungomare è presente un tratto di percorso ciclabile, ovvero la pista ciclabile: fa parte del più ampio progetto della costruenda Ciclovia Adriatica che una volta completata collegherà tutte le località costiere dell'Adriatico, con benefici sulla mobilità sostenibile locale, sul turismo balneare e sul cicloturismo di lunga percorrenza che a queste latitudini è praticabile tutto l'anno. La pista ciclabile è blu ea doppio senso di marcia, lunga circa 2 km.

Nell'agosto 2009 è stata inaugurata una nuova pista ciclabile [31] , completata solamente nel 2012, che costituisce un circuito nelle campagne della zona di Capirro, collegandosi con la parte sud della città lungo via Martiri di Palermo. La pista è a senso unico e di colore verde.

Nel giugno 2011 sono state installate 4 stazioni di bike sharing nei pressi della villa comunale, del castello, sulla penisola di colonna e alla stazione. Il servizio è stato temporaneamente sospeso a causa dei ripetuti atti di vandalismo, che hanno compromesso l'integrità delle biciclette [32] .

Amministrazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Trani .

Gemellaggi

Sport

La formazione della Polisportiva Trani che conquistò la serie B

Ha sede nel comune l' Associazione Sportiva Dilettantistica Vigor Trani Calcio . Fondata nel 1928 come Unione Sportiva Tranese, ha cambiato numerose denominazioni nella sua storia. Milita nel campionato di Eccellenza pugliese e raggiunse il suo culmine con il campionato nazionale di serie B a metà degli anni sessanta.

In passato aveva sede a Trani l' Associazione Calcio Femminile Trani 80 che ha vinto tre Scudetti e una coppa Italia.

Altre società sportive sono la Fortitudo Basket Trani , la Juve Trani basket, la squadra di pallavolo femminile Aquila Azzurra Trani e di pallavolo maschile Asd Geda Volley Trani . [33] Si disputava nel comune la Trani Cup , un torneo professionistico di tennis giocato sulla terra battuta, che ha fatto parte dell' ATP Challenger Tour .

Impianti sportivi

Stadio comunale con capienza di 8 401 posti a sedere.

Tensostatico Ferrante è un impianto utilizzato per ospitare partite di pallavolo e basket. [34]

Note

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione al 31 gennaio 2021 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  4. ^ Teresa Cappello e Carlo Tagliavini , Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani , Bologna, Pàtron, 1981, p. 582, SBN IT\ICCU\UMC\0979712 .
  5. ^ Le considerazioni sul toponimo "Turenum" sono tratte e rielaborate dalla "Nota sull'origine del toponimo Trani" del dott. Michele Balice in "La città come organismo - Lettura di Trani alle diverse scale" di G. Strappa, M. Ieva, MA Dimatteo - Saggi e Monografie del Politecnico di Bari - Adda Editore
  6. ^ ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica , Torino, UTET, 1990, p. 782, ISBN 88-02-07228-0 .
  7. ^ Istorica Descrizione del Regno di Napoli diviso in dodici province , su books.google.it .
  8. ^ Una villa romana alla "seconda spiaggia", da Tranilive (5/11/2008) , su tranilive.it . URL consultato il 25 settembre 2010 .
  9. ^ Armando Lodolini, Le repubbliche del mare , edizioni Biblioteca di storia patria, a cura dell'Ente per la diffusione e l'educazione storica, Roma 1967 (pagina 146)
  10. ^ Trani |
  11. ^ Gli ebrei a Trani|Sinagoga Trani , su sinagogatrani.sistemab.it . URL consultato il 31 dicembre 2013 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2014) .
  12. ^ TRANI in "Enciclopedia Italiana"
  13. ^ Lambert', G. Amorese, Un secolo in veletta e cilindro .
  14. ^ R. Piracci. Il Tranesiere ( PDF ), su ilgiornaleditrani.it .
  15. ^ La storia di Pina, scampata alle bombe tedesche. Racconto familiare dei fatti del '43. , in traniviva.it . URL consultato il 4 novembre 2016 .
  16. ^ A.Paglionico, D.Sollitto: Analisi delle aree estrattive dismesse nel territorio di Trani , Convegno Le risorse lapidee dall'antichità ad oggi in area mediterranea, Canosa di Puglia, 25-27/09/2006 ( PDF ), su lapideiculturali.unifi.it . URL consultato il 3 gennaio 2013 (archiviato dall' url originale il 2 aprile 2015) .
  17. ^ Pagina con le classificazioni climatiche dei vari comuni italiani , su confedilizia.it . URL consultato il 25 marzo 2007 (archiviato dall' url originale il 27 gennaio 2010) .
  18. ^ Record meteo estremi , su meteo-net.it . URL consultato il 25 settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 26 dicembre 2008) .
  19. ^ Lo stemma e il gonfalone, scheda del Portale Istituzionale del Comune , su comune.trani.bt.it . URL consultato il 21 dicembre 2012 (archiviato dall' url originale il 6 marzo 2016) .
  20. ^ Motivo del conferimento della medaglia d'argento al merito civile sul sito del Comune , su comune.trani.bt.it . URL consultato il 19 marzo 2009 (archiviato dall' url originale il 5 marzo 2016) .
  21. ^ «Apparizione», l'effige ha un secolo. Via agli eventi , su ilgiornaleditrani.it . URL consultato il 25 marzo 2020 (archiviato dall' url originale il 25 marzo 2020) .
  22. ^ Can. Giovanni Masciullo, Maria SS. dell'Apparizione oppure detta "del Medico" , su mariadinazareth.it . URL consultato il 27 marzo 2020 ( archiviato il 25 marzo 2020) . Ospitato su tranireligiosa.it .
  23. ^ Restaurata la cassa armonica nella villa di Trani, Traniweb (28/05/2008) [ collegamento interrotto ] , su traniweb.it .
  24. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  25. ^ Dati ISTAT 31-12-2012
  26. ^ Radiobombo, Il Giornale di Trani, Radiobombo,05/04/2012 , su radiobombo.com .
  27. ^ È nata ufficialmente TeleTrani. Ecco la prima storica registrazione, Tranilive (28/08/2012) , su tranilive.it .
  28. ^ I Dialoghi di Trani , su www.idialoghiditrani.com . URL consultato il 1º agosto 2020 .
  29. ^ Indagine sullo sviluppo urbanistico di Trani dall'XI al XVIII secolo - Benedetto Ronchi .
  30. ^ Atlante cartografico dell'artigianato , vol. 3, Roma, ACI, 1985, p. 11.
  31. ^ Trani, inaugurata la pista ciclabile in via sant'Annibale , Traniweb, 1/08/2009 , su traniweb.it . URL consultato il 3 gennaio 2013 (archiviato dall' url originale il 22 febbraio 2010) .
  32. ^ Le bici del bike-sharing accatastate in un cortile comunale , Traniviva, 3/12/2012 [ collegamento interrotto ] , su traniviva.it .
  33. ^ Asd geda volley Trani .
  34. ^ Tensostatico comunale di Trani .

Bibliografia

  • Benedetto Ronchi, Invito a Trani , Schena Editore , 1988.
  • Raffaello Piracci, La storia di Trani , Landriscina Editrice, 2011.
  • Giuseppe Strappa, Matteo Ieva, Maria Antonietta Dimatteo, La città come organismo. Lettura di Trani alle diverse scale , Mario Adda Editore, 2003.
  • Stefania Mola, Trani guida turistico culturale , Mario Adda Editore , 1994.
  • Lino Patruno, Stefania Mola, Raffaele Nigro, Trani , Mario Adda Editore, 2008.
  • Francesca Onesti, Il Borgo ottocentesco di Trani , 1989.
  • Cosimo Damiano Fonseca, Trani , in Giosuè Musca (a cura di), Itinerari e centri urbani nel Mezzogiorno normanno-svevo, Atti delle decime giornate normanno-sveve , 1993, p. 365–384.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 154757425 · GND ( DE ) 4119684-3 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79063232