Èifèl Tower

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si w ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade èifèl Tower (disambiguation) .
Tour èifèl
Tour èifèl Wikimedia Commons.jpg
Kote
Leta Lafrans Lafrans
rejyon an Île-de-France
Kote Paris
adrès Ri 7th arrondissement nan Pari
Kowòdone 48 ° 51'29.87 "N 2 ° 17'40.12" E / 48.858296 ° N 2.294479 ° E 48.858296; 2.294479 Kowòdone : 48 ° 51'29.87 "N 2 ° 17'40.12" E / 48.858296 ° N 2.294479 ° E 48.858296; 2.294479
Enfòmasyon jeneral
Kondisyon nan itilize
Konstriksyon 1887-1889
Inogirasyon 31 Mas 1889
Style pwòp tèt ou-sipò gwo fò won fè fòje
Sèvi ak touris, obsèvasyon ak telekominikasyon gwo kay won
Wotè 312,28 m
Antèn / spire: 324,82 m
Etaj anwo a: 276,13 m
Plan yo 3
Asansè 8
Reyalizasyon
Achitèk Stephen Sauvestre
Enjenyè Émile Nouguier ak Maurice Koechlin
Kontraktè Gustave èifèl
Pwopriyetè Gouvènman franse , vil Pari ak Pari
Kliyan Gustave èifèl

Tower nan èifèl (an franse Tour èifèl , pwononse: [tuʁ ɛfɛl] ) se yon gwo kay won metal fini nan 1889 nan okazyon an nan Ekspozisyon an Inivèsèl ak Lè sa a te vin moniman an ki pi popilè nan Pari , li te ye nan tout mond lan kòm yon senbòl nan lavil la tèt li .. ak Lafrans .

Èifèl Tower

Istwa

Konsepsyon an: Koechlin, Nouguier, Sauvestre

Gwo devlopman endistriyèl la ki, nan gwo pousantaj, te afekte Lafrans nan diznevyèm syèk la , pèmèt konstriksyon bilding ki pi wo toujou. Sa a te posib gras a antre nan pwodiksyon nouvo materyèl bilding, tankou fè jete ak asye yo itilize pou pwodwi travès ak lòt eleman estriktirèl ki sanble, ki gen fòs segondè yo, revolusyone fason bilding lan. Nan ane sa yo, ki make pa pwogrè endistriyèl, lide a nan yon gwo kay won soaring ki defye gravite te deja nan lè a: jis panse a angle Richard Trevithick la , ki moun ki te deja fèt yon mil pye wotè detache kolòn fè jete an 1833, lè sa a pa janm fè.

Lè, nan fen 1884, gouvènman an franse te anonse ke li te vle salye Egzibisyon Inivèsèl la nan 1889 nan Pari - dizyèm lan nan sa yo revize dedye a tout bèl pouvwa yo nan pwodiksyon endistriyèl - ak yon travay nan dimansyon kolosal, Maurice Koechlin ak Émile Nouguier antouzyasm rantre nan konpayi an. Koechlin ak Nouguier se te de enjenyè ki te anplwaye pa Compagnie des Établissements Eiffel, yon konpayi pwospere ki te dirije pa Gustave Eiffel , youn nan pi akredite "achitèk fè" nan peryòd la, ak lide yo te genyen an te anbisye: se te yon enpoze "metal poto, ki te fòme pa kat travès retikulèr te kòmanse nan pati anba a ki rantre nan tèt la, lye ansanm pa travès ranje nan entèval regilye ». [1] Iron te evidamman materyèl la sèlman apwopriye pou yon konstriksyon nan grandè sa a.

Eiffel, pandan y ap pèmèt Koechlin ak Nouguier kontinye etid yo, okòmansman rezève sèlman yon atansyon distrè nan pwojè inisyal la; an yon moman dezyèm li te santi jeni li yo ak, Se poutèt sa, li pwofite tèt li nan kolaborasyon nan Stephen Sauvestre , enjenyè chèf nan depatman an achitekti nan konpayi l 'yo. Kontribisyon teknik Sauvestre a te fondamantal pa sèlman nan yon pwen de vi teknik - li, an reyalite, kontribye nan korije divès kalite erè debaz nan pwojè a Koechlin ak Nouguier - men tou soti nan yon pwen de vi ayestetik, menm jan li te modifye fòm nan gwo kay won an. fè li plis kaptivan.nan je opinyon piblik la, ak adisyon a nan liy mwens angilè ak plis ankò grasyeuz, tou adousi ak refize pote bijou divès kalite.

Yon "travay kolosal" oswa "yon chèf metal etranj"?

Eiffel tèt li kontribye nan pwojè a ak reglaj divès kalite ak amelyorasyon, li te kòmanse piblikman louwe lwanj li yo, nan pwen nan achte nan mwa septanm 1884 patant la pou "konfigirasyon nan nouvo ki pèmèt konstriksyon an nan sipò metal ak pilon ki kapab depase 300 mèt segondè ”, Devlope pa anplwaye li yo. Malgre sa, pwojè a Tower te rankontre ak rezistans fò, ak anpil te panse ke konstriksyon an nan tankou yon moniman enpak pou jaden flè nan parizyen iben pa t 'kapab dwe reskonsab nan yon mason pon senp (èifèl, nan moman an, te an reyalite notoryete pou konstriksyon an nan vyadik tren). Pi agresif la nan kritik yo te Jules Bourdais , mason nan pi popilè konplèks la bilding Trocadéro , ki moun ki imajine bati yon gwo kay won kolosal nan plas Tower nan èifèl "surmonté pa yon sous elektrisite pou ekleraj la nan Paris", konsa nan limyè "fasil Bois de Boulogne ak tout teritwa Neuilly ak Levallois jiska Seine ". Pwojè sa a, sepandan, pa janm te mete an plas, kòm li te twò chè ak make pa difikilte jeni enfranchisabl (li pa janm ka kenbe tèt ak kòlè a nan van yo, ni te baz la kapab sipòte tankou yon pwa). [2] Malgre sa, pwojè Bourdais la te kontinye jwi gwo popilarite nan sèn achitekti parizyèn lan, ki te kontinye opoze ak pwojè Eiffel la epi, an menm tan, pou l fè presyon sou gouvènman an pou l deside apwouve konstriksyon far moniman an. Patikilyèman piman bouk te kritik nan Pòl Planat , direktè magazin achitekti La Construction modèn , ki moun ki make Tower a ak jijman sansasyonalis nan demerit, defini li "yon echafodaj te fè nan ba ak fè angilè, dépourvu nan nenpòt ki sans atistik", nan yon kolosal aspè, "ki te bay santi a lèd nan enkonplè". [3]

Pwojè inisyal la pa Koechlin ak Nouguier, ak dimansyon yo nan gwo kay won an kolosal konpare ak lòt moniman pi popilè yo, tankou katedral Notre Dame a , Estati Libète a ak kolòn Vendôme la.

Sepandan, feròsite akizasyon sa yo pa t ase pou souke opinyon Édouard Lockroy , minis komès ak prezidan komisyon ki jis la. Li te entansyon Lockroy yo chwazi yon moniman destine yo vin "inik nan mond lan [...] youn nan kiryozite yo ki pi enteresan nan kapital la", epi, pou rezon sa a, li pa te entimide pa gen tout pouvwa a yo kont èifèl ak envite tout konpetitè prezante pwojè yo pa 18 Me 1886. Pami pwojè yo pwopoze te gen youn ki enplike konstriksyon an nan yon awozwa jigantèsk, konsa tankou efektivman fè fas ak sechrès oswa lòt ijans ki sanble ki ta ka frape Pari; yon lòt achitèk, nan lòt men an, menm vin ansent yon gilotin moniman yo dwe bati nan papòt la nan Ekspozisyon an, konsa tankou sonje viktim yo nan Laterè a . [4] Malgre absidite nan pwojè sa yo, kanpay la fwotman kont Tower a atire nouvo disip, tout konsiderableman nan akò nan denonse enposib la swadizan nan bati yon estrikti ki sanble. Opozan sa yo, an reyalite, yo te akize èifèl pou yo pa t kapab desine yon gwo fò won ki kapab sifizameman kont aksyon van an, e yo te ensèten ke li te kapab jwenn mendèv ki vle travay nan wotè sa yo.

Eiffel, sepandan, te konnen ke li te gen yon konesans gaya nan matematik ak fizik ki ta pèmèt l 'nan konsepsyon yon bilding ki ka kenbe tèt ak fòs van yo, ak travayè kabinè avoka l' yo te deja abitye travay sispann nan wotè vèrtijineuz. Sa a, sepandan, pa t 'ase yo apeze piblik la Parisiens, ki moun ki menm te pè ipotèz la absid ke èifèl Tower a ka vin mayetize ak atire tout objè yo FERROUS nan kapital la. Pou brase opinyon piblik la, yo te menm pibliye yon ti liv ki te rele Kesyon Jwif la , kote yo te leve anti-semitism ki te genyen nan kè anpil moun franse epi yo te deklare ke èifèl "pa t 'anyen men yon jwif Alman": pou sa rezon, Se poutèt sa, li te absoliman nesesè yo anpeche konstriksyon an wont nan "une vwayaj juive". Si èifèl pa t 'nan pi piti a grate pa kòmantè yo anvan yo, gras a eksperyans pwòp jeni l' yo, li sètènman pa t 'kapab inyore sa a ekri debòde ak meprize ak ksenofob, epi, Se poutèt sa, deside pibliye kòmantè sa a nan kolòn yo nan jounal Le Temps : "Mwen pa ni jwif ni Alman. Mwen te fèt nan Dijon , an Frans, ak paran fransè ak katolik ». [5]

Se poutèt sa li te sanble enposib ke Edouard Lockroy, notwar yon "nonm nan gou", te kapab apwouve bilding lan nan "kolosal travay èifèl la" oswa "lèg echafodaj terib l 'yo," yo sèvi ak mo meprizan Planat la. Lockroy, sepandan, te chwazi Tour en fer de trois cent mètres , konsidere lòt pwojè yo irealizab oswa, nan ka gilotin jeyan an, definitivman soti nan plas li. Della Torre, Lockroy estime "karaktè patikilye a" ak lefèt ke yo te "yon chèf metal orijinal": nan opinyon li, Anplis, li te konstriksyon ki pi apwopriye pou reyafime grandè an Frans, nwaj pa defèt Napoleon III nan la lagè Franco-Prussian ak revòlt la san nan Komin Pari a , epi, tout bon, reyafime siperyorite li sou lòt peyi rival li yo, tankou Etazini yo . An reyalite, anpil enjenyè Ameriken te deja eseye bati bilding ak wotè vèrtijineuz, men yo pa t 'kapab prepare zouti yo aplike tankou yon pwojè. Eiffel, dapre jijman Lockroy a, te olye de sa jere yo rekonsilye eksperyans li nan jaden an nan syans konstriksyon ak yon gou trè rafine ayestetik. Anplis de sa, Tower a ta vin yon sit touris enpòtan e li ta atire foul moun nan vizitè anvi monte yon bilding 300 mèt segondè nan Ekspozisyon an. [6]

Ant alizyon malfezans ak tapaj gentlewomen

Apre andòsman Lockroy Eiffel, yon peryòd ensèten ak toumant pase. Pou bati gwo kay won an, an reyalite, li te pran yon bon 5 milyon fran, ak gouvènman franse a - okòmansman an favè totalman finansman entèvansyon an - Lè sa a, te deklare tèt li vle kontribye ak sèlman 1.5 milyon fran, rlege enjenyè a nan chay la nan jwenn lòt envestisè ki enterese nan kontribiye nan kòz la. Pou ranmase lajan ki nesesè yo, èifèl te oblije pran desizyon pou kenbe gwo fò won an an plas pou ven ane, konsa pou kouvri depans sa yo divès kalite ak tikè ak restoran konsesyon yo. Yon fwa yo te siyen akò a, sepandan, pa gen okenn envestisè vini pi devan, nan pwen ke èifèl te seryezman pè pou yo pa janm wè konstriksyon an nan gwo kay won an te kòmanse, anpil mwens wè li fini. [7]

Pwojè final Stephen Sauvestre la

Ni kesyon an boulvèse sou kote a nan gwo kay won an te mwens pwoblèm: «Èske li fè sans nan bati l 'nan fon an nan fon Seine? Èske li pa pi bon yo chwazi yon pozisyon ki wo, yon wotè ki, aji kòm yon pedestal, ta fè li menm plis espektakilè? Ap monte sou Champ de Mas gwo kay yo, pa ta gwo kay won an gwo eklips yo? Èske li se yon bon lide yo mete yon moniman pèmanan sou yon zòn ki pral siman dwe itilize pou ekspozisyon nan lavni? ». Eiffel, sepandan, te fèm entansyon sou bati gwo kay won an sou Champ de Mas la , konsa tankou yo ofri aksè moniman nan Ekspozisyon Inivèsèl la: sa a, sepandan, te pwovoke kòlè a nan militè a, byen lwen soti nan kontan pa lefèt ke tankou yon bilding enpak ta dwe rete sou tè a parad pa sèlman pou dire a nan Egzibisyon an, men pou ven ane long. Eiffel, Se poutèt sa, yo te fòse yo deplase gwo kay won an tou pre larivyè Lefrat la, epi, anplis, nan konsepsyon menm plis sofistike ak, Se poutèt sa, fondasyon chè: "sa yo fondasyon yo pi chè pou mwen pase sa yo ki te fèt pou Champ de Mas la, ”Eiffel ta pita regrèt. [8]

Pandan se tan, Tower a kontinye sibi faz altène nan apresyasyon ak ostilite louvri sou pati nan Parisiens yo. Pwisan politisyen an Pierre Tirard , pou egzanp, te fòtman opoze a konstriksyon nan tankou yon "bilding anti-atistik, nan kontras stark ak jeni nan franse a [...], plis adapte nan Amerik (kote gou a se pa sa ankò trè devlope) pase nan Ewòp, anpil mwens Lafrans ”. Repibliken Georges Clemenceau , nan lòt men an, ezite plis, ak admèt ke Tower nan èifèl te "yon kreyasyon ekstraòdinè, petèt lèd ak absid, men ki kapab atire foul moun nan vizitè etranje [...] Nou ta dwe bay yon milyon edmi. fran Eiffel sèlman pou tout Anglè yo ka monte twasan mèt pi wo pase nivo Sena a ». [8] Te gen kèk, tankou Konte a nan Poix, ki moun ki menm te santi menase pa Prospect nan k ap viv nan lonbraj la nan gwo kay won an (ki pa t 'kapab sèlman efondre ruinously, men tou, atire zèklè danjere), ak Se poutèt sa depoze yon plent: "Noblewoman la [Countess a nan Poix, ed] diskite ke konstriksyon an nan èifèl Tower a pa sèlman poze yon menas a lakay li, men pou ane yo pral bloke zòn ki pi mayifik nan Champ de Mas la, se sèlman youn nan li anjeneral ale nan pou fè egzèsis fizik li chak jou, "rapòte New York Times . [9] Pa te gen okenn mank de admirateur fervent, tankou Monsieur Rastignac de L'Illustration , ki moun ki - akize Tirard ak Clemenceau pou yo te ekstrèmman obtuse - kouray defann Tower a, destine yo dwe inivèsèl apresye pa franse yo, moun ki te "fache pou evènman sansasyonalis ak vèrtijineuz, inatandi ak kolosal, amizan ak imajinè ». Opinyon antouzyastik Rastignac la, sepandan, pa t 'ase chanje lide l' bay Pòl Planat, ki pi konbatan a nan opozan Tower a, ki moun ki menm te ale twò lwen pou òganize yon dine sou 18 Desanm 1886, kote anpil elèv nan École des Beaux yo te Atizay: objektif la nan evènman sa a monn lan, nan kou, te denigre Tower a, ant yon vè chanpay ak yon lòt. Eiffel te patikilyèman kontan lè li te aprann ke menm Charles Garnier , achitèk la anpil admire nan Opera a Paris , te eseye men l 'nan chanson sovaj ki vize a diskredite "ki antonwa plante sou manman bourik grès li." Ki sa ki enkyete l 'plis, sepandan, te denonsyasyon an nan Countess la nan Poix, men tou, Prospect nan wè tout efò yo te fè nan prepare panno yo 1700 nan fondasyon Tower a ak 3629 desen ki nesesè yo fabrike segman yo metal 18,000 pou gwo kay won an ale nan lafimen sipòte treyise nan estrikti a. [10]

Konstriksyon an

Kòmansman yo

Pierre Petit, Fondasyon Tower Eiffel (1887), foto, Mize d'Orsay, Paris

Kòm 1887 tise sou orizon an, èifèl te yon nonm konplètman dekouraje. Sou 22 desanm 1886 li te ekri yon lèt bay Édouard Lockroy pou enfòme l ke "reta nan fèmen kontra a ap kreye yon sitiyasyon ki grav anpil". Li menm te ale twò lwen pou ekri yon dokiman pou l te adrese bay gouvènman an kote li te byen di, youn apre lòt, divès kalite obstak ki te opoze konstriksyon gwo fò won an:

«Antretan, tan vole ak mwen ta dwe te deja kòmanse travay la mwa de sa [...]. Si sitiyasyon malere sa a toujou, mwen pral fòse yo abandone tout espwa nan siksè [...]. Sepandan, mwen pare pou kòmanse imedyatman [...] men, si mwen pa kòmanse travay yo nan pwemye mwatye janvye, mwen pa yo pral kapab fini yo nan tan. Si nou pa rive jwenn yon akò nan 31 desanm [...] Mwen pral fòse, ak gwo doulè, renonse angajman mwen yo ak retire pwopozisyon mwen an. Avèk regrè imans, mwen pral oblije abandone konstriksyon an nan sa ki pou anpil moun ta dwe atraksyon prensipal la nan egzibisyon an "

( Gustave Eiffel [11] )

Lèt sa a, sepandan, pa janm te voye, menm jan èifèl deside peye frè legal yo akòz plent la nan Countess de Poix a soti nan pòch pwòp li yo e menm te deklare tèt li vle konpanse pati a blese nan evènman an nan yon efondreman pasyèl oswa total nan estrikti a, fè pou sèvi ak sa a tou kontribisyon an nan avoka ki kalifye. Nan yon ti tan, Se poutèt sa, dispit la te lage ak sou 7 janvye 1887 èifèl finalman siyen kontra a ak minisipalite a nan Paris ak gouvènman an franse. [11] Twa semèn pita, 28 janvye, konstriksyon Tower a te kòmanse. Premye a tout, fondasyon yo te bati, te fè posib gras a kèk perçage ak ki li te konstate ke "tè a nan Champ de Mas la te konpoze de yon kouch epè nan ajil ki kapab sipòte yon pwa ki varye ant 20 ak 25 kg pou chak cm 2 , kouvri ak yon kouch sab ak gravye nan epesè divès kalite, ideyal pou sipòte fondasyon yo ».

"Pwotestasyon atis yo"

Caricature pibliye sou 14 fevriye, 1887 nan jounal Le Temps ki dekri Gustave Eiffel manyen tèt la nan gwo kay won l 'yo ak men dwat li

Se pa tout moun, sepandan, te tèlman satisfè. Ilistrasyon an chak semèn, lè Tower a te kòmanse jwenn pwòp fizyomi, loraj sou pwojè èifèl la, konsidere li "yon fa, yon klou, yon chandèl ... ki gen konstriksyon pa ta dwe janm te pèmèt, men ki pou politisyen yo ki vin ansent lide a li reprezante "senbòl la nan sivilizasyon endistriyèl" ». Evènman yo te pran yon vire menm mwens bèl lè karant-sèt nan atis yo ki pi prestijye ak entelektyèl nan tan an, detounen pa ki kolosal nan fè fòje ki te ap grandi chak jou, deside mobilize nan dènye minit yo bloke konstriksyon li yo. Se konsa, li te ke sou 14 fevriye yon lèt debòde ak kòlè te siyen, pibliye nan jounal Les Temps ak adrese a ofisyèl la nan minisipalite a nan Paris Adolphe Alphand , nan ki li te mande yo imedyatman sispann konstriksyon an ki "ridikil ak vètikal gwo kay won neglijans Pari tankou chemine a jigantèsk nan nenpòt faktori, kraze tout bagay ak mas barbar ak dezas li yo ». [12] Nan lèt la, ki te siyen pa pent pent Ernest Meissionier ak William-Adolphe Bouguereau , achitèk Garnier, ekriven Guy de Maupassant ak Alexandre Dumas fils ak plizyè douzèn lòt non egalman enpòtan, nou li:

"Nou ekriven, pent, sculpteur ak achitèk, nan non bon gou ak menas sa a nan istwa franse, vini nan eksprime endiyasyon gwo twou san fon nou an paske nan kè a nan kapital nou an sa a initil ak kolosal Tower èifèl yo ta dwe bati, ki lespri a ironik nan nanm popilè a, enspire pa yon bon sans komen ak yon prensip jistis, te deja batize Tower Babèl la . Èske vil la nan Paris vrèman asosye tèt li ak reveries yo biznis egzalte nan yon konstriksyon mekanik - oswa yon mason - pa dezonore ak degradan pou tout tan? [...] Tower nan èifèl, ki pa menm Amerik la, ak nanm komèsyal li yo, gen odas a imajine, se san dout malonèt la nan Paris. Tout moun santi li, tout moun di li, tout moun pwofondman tris pa li, epi nou yo, men se eko a fèb nan yon opinyon piblik ki pwofondman ak rezon pè. Lè etranje vizite Egzibisyon nou an yo pral kouray pwoteste kont: "Se konsa, sa a se laterè ke franse yo te kreye ban nou yon lide sou anpil gou mayifye yo?". [...] Ak pou ven ane kap vini yo nou pral wè lonbraj la efreyan nan kolòn nan metal rayisab boulon kanpe tankou yon inkblot sou lavil la, toujou vibran ak entèlijans la nan syèk sot pase yo "

Konstriksyon an nan gwo kay won an, sepandan, te deja kòmanse, ak Se poutèt sa inisyativ pwotestasyon sa a echwe pou pou reyalize objektif li yo. [13] Anba a se repons Lockroy:

"[Mwen mande] si [diatrib sa yo] pa ka pran kòm yon èkskuz pa kèk nasyon pou yo pa patisipe nan selebrasyon nou yo. [Ou te ekri yon chèf] merite pou yo ekspoze nan egzibisyon an. Tankou yon pwoz nòb ak rafine pa ka men enterese foul moun yo e petèt menm etone yo "

( Édouard Lockroy [13] )

Repons Eiffel la te pito:

«Mwen konvenki ke gwo kay won an gen pwòp bote intrinsèques li yo. Premye prensip nan estetik achitekti se ke liy esansyèl nan bilding lan kowenside parfe ak itilite li yo. Ki sa ki te obstak prensipal la mwen te simonte nan konsepsyon gwo kay won an? Rezistans nan van. Mwen reyèlman panse ke koub yo nan kat poto li yo, kòm kreye pa kalkil nou yo ak k ap monte soti nan yon baz kolosal piti piti etwat nan direksyon pou tèt la, yo pral pwodwi yon sansasyon bèl bagay nan fòs ak bote [...] pi wo bilding janm bati nan memwa k ap viv [...]; yon konstriksyon kolosal gen yon cham intrinsèques [...]. Li sanble m 'ki Tower nan èifèl se merite pou yo respekte, si sèlman paske li pral montre ke nou se pa sèlman yon moun nan moun komik, men nou menm tou nou se yon peyi nan enjenyè ak bòs mason, oblije atravè mond lan yo bati pon, vyadik , estasyon tren ak pi gwo moniman nan endistri modèn [...]. Yo kòmanse di ke gwo fò won mwen an pa franse. Li nan gwo ak maladwa ase yo anfòm Britanik yo ak Ameriken yo, men li la pa style nou yo, yo ensiste. Nou abitye ak biblo atistik [...]. Men, poukisa nou pa ka pwouve ke mond lan ke nou kapab reyalize pwojè yo jeni pi rafine? [...] Paris se sou yo gen pi gwo kay won an nan mond lan, apre tout [...]. Vreman vre, gwo kay won an pral atraksyon ki pi espektakilè nan egzibisyon an antye "

( Gustave Eiffel [13] )

Tower nan èifèl pran fòm

An 1887 èifèl te anboche fotograf Edouard Durandelle pou dokimante konstriksyon kontinyèl gwo kay won an. Sepandan, li pa t 'yon sèl la sèlman ki te enterese nan sit la konstriksyon grouyant, ki te imedyatman sijè a nan vaksen anpil. [14] Trè enteresan se seri yo pwopoze anba a, ki fidèlman temwaye monte nan Tower a:

Fondasyon yo te konplete trè vit. Pou itilize mo Jozèf Hariss yo , nan fen a "chak poto repoze sou yon baz masiv nan wòch ak konkrè ranje oblik sou tè a, se konsa ke kolòn yo koube, ki te gen pote pwa a nan gwo kay won an, te kapab fè egzèsis vyolans yo nan ang dwat ak mas la. Anndan chak twou te vide yon kabann nan konkrè rapid-anviwònman ak yon epesè nan sou sis mèt ki ta sèvi kòm yon baz tanporè pou masonry la. Sou konkrè a, èifèl te gen gwo blòk nan kalkè karyè nan Souppes-sur-Loing , nan sant Lafrans, mete [...]. Nan sant la nan chak mas, de gwo boulon ancrage prèske uit mèt nan longè ak ak yon dyamèt sou dis santimèt yo te eleman, ki te yon strand silendrik fè, ekipe ak yon bride, fiks; kolòn nan te garanti nan janb lan, konsa ranje tèt li byen fèm nan mas wòch la ». Fondasyon yo, ki te konplete nan fen mwa jen 1887, yo te tou ekipe ak sèz krik idwolik, gras a ki "chak poto ka deplase ak leve soti vivan ase pa mete yon bon rapò sere asye", yo nan lòd yo byen nivo platfòm nan premye., Ki te gen yo dwe parfe plat. [14]

Tout kont Tower nan èifèl
Eiftower21.JPG

Tower nan èifèl ka konsidere ka ki pi popilè ak egzanplè nan yon moniman ki, jodi a inivèsèl apresye, nan moman sa a nan konstriksyon li yo te sijè a nan konfli kontinuèl ak vilifikasyon. Anba la a se kritik yo divès kalite ki afekte estrikti a: si yo te deja mansyone nan kò a nan tèks la, se kòd la idantifikasyon nan paragraf relatif la tou rapòte.

  • "Li se yon echafodaj te fè nan ba ak fè angilè, dépourvu nan nenpòt ki sans atistik", Pòl Planat ( § 1.1.2 );
  • "[Li se] yon fa, yon klou, yon gwo lanp sèt branch [...] ki gen konstriksyon pa ta dwe janm dwe pèmèt, men ki pou politisyen yo ki vin ansent lide a reprezante" senbòl la nan sivilizasyon endistriyèl "", L'illustration ( § 1.2.2 );
  • "[Se pou nou sispann konstriksyon sa a] ridikil ak vètikal gwo kay won ki don Pari tankou chemine a jigantèsk nan nenpòt ki faktori, kraze tout bagay ak mas barbar ak dezas li yo", pwotestasyon nan atis yo ( § 1.2.2 );
  • «Pòs lanp vrèman trajik sa a», Léon Bloy ;
  • «Mast an fè nan rijid rijid. / Fini, konfonn, defòme / [...] San yo pa ni bote ni style », François Coppée ( § 1.2.3 );
  • "Sa a wo, piramid dégagé nan eskalye fè, yon skelèt gòch ak jigantèsk," Guy de Maupassant ;
  • "Sa a piramid lanky ak rèd nan eskalye fè, sa a gwo zo eskèlèt jigantèsk ak ungainly, ki gen baz sanble ap fè yo sipòte yon moniman kolosal nan siklop ak Lè sa a fini ak pwofil la gaya ak ridikil nan yon chemine faktori," Guy de Maupassant;
  • "Sa a poto lasi terib, sa a nèt enfundibuliform," Joris-Karl Huysmans .

Sou 1 Jiyè konstriksyon an nan kat pilon yo menmen retikulèr te kòmanse, karakterize pa yon enklinasyon entèn nan senkant-kat degre akòz ki yo te sanble ineluktableman destine efondre: spesifik sa a eksite kiryozite a nan Eugène-Melchior de Vogüé , ki moun ki detounen chak jou l 'yo. mache temwen «megalitik kat pye elefan sa a imans [ki] repoze sou tè a; eleman yo sipòte pwojè egal soti nan baz yo wòch, travès fonse cantilever ki konplètman fache tout lide nou sou estabilite nan yon bilding ». [14] Segman metal yo divès kalite, prepare pa "travayè yo tè" nan moulen yo asye Dupont ak Fould nan Pompey, yo te kalkile, komanse fouye ak koupe ak gwo presizyon, e si menm youn nan moso yo te rive sou sit pa t 'respekte estanda la , Eiffel ta imedyatman voye li tounen nan faktori a. [15] Epitou gras a efikasite sa a, poto yo nan Tower a, okòmansman bati nan fòm cantilevered ak Lè sa a, sipòte pa tanporè echafodaj an bwa, kontinye ineluktableman monte jiska yon wotè de trant mèt nan mwa Oktòb 1887. Travay yo te pote soti. sèlman pa yon plent plis soti nan yon lòt sitwayen rankin, e te gen menm yon pwofesè franse nan matematik ki "prevwa ke si estrikti a janm rive nan yon wotè 227 mèt, li ta inexorableman tonbe." Lòt konfli yon lòt fwa ankò konsène kalite yo ayestetik nan gwo kay won an, epi, Anplis, tou swadizan kapasite li nan deranje klima a nan Paris, génération yon chalè etranj ak tanpèt ki pèsistan. Kòmantè sa a se pa James Gordon Bennet jinyò: «Moun ki te gen opòtinite pou yo obsève gwo kay won an byen remake ke gwo lapli souvan tonbe nan vwazinaj la ak nwaj tanpèt fòme nan syèl la ki, prive de yon pati nan elektrisite yo nan paske nan zèklè yo, yo ale pi lwen epi yo fonn nan gwo lapli nan lòt zòn nan vil la ». [16] Powèt François Coppée te menm rive pibliye vèsè sa yo:

"Mwen te vizite gwo èifèl Tower, / ma an fè nan rijid rigging. / Enkonplè, konfonn, defòme, / mons la wè fèmen se efreyan. / Giant, san yo pa bote oswa style / Li se yon estati an metal, / Senbòl nan fòs initil / Ak yon triyonf nan britalite. / [...] Isit la se panse a mayifik / Objektif reyèl la, pwofondè a: / sa a piramid estipid / Ou pral moute pou yon ti lajan "

Eiffel, come da consuetudine, ignorò le critiche e ben prestò arrivo a poggiare la prima piattaforma della torre, che era già diventata più alta della cattedrale di Notre-Dame (69 metri), del Pantheon (83 metri) e della cupola degli Invalides, la quale con i suoi 104 metri era stata sino ad allora l'edificio più alto della città. Per celebrare il traguardo nel marzo 1888 Eiffel allestì sulla prima piattaforma un banchetto e vi invitò ottanta giornalisti, tutti impazienti di guardare il panorama parigino da una simile altezza: in quest'occasione, bicchiere di champagne alla mano, l'ingegnere brindò alla propria torre e dichiarò: «Gli inizi sono stati difficili e mi sono state mosse critiche aspre quanto premature. Sono rimasto saldo nella tempesta, soprattutto grazie al costante sostegno di monsieur Lockroy [...] e, grazie al continuo progresso della mia opera, ho fatto il possibile per guadagnare, se non l'opinione degli artisti, almeno quella degli ingegneri e degli scienziati. Desidero dimostrare che, per quanto io sia ben poca cosa, la Francia continua ad avere un posto insigne nell'arte delle costruzioni in ferro». [17]

L'ascesa della Torre continua

Due operai ritratti mentre si inerpicano tra le travi della Torre in costruzione

La costruzione della Torre era ormai divenuta una corsa contro il tempo. Ogni pilastro contava sei squadre di rivettatori e ogni squadra era composta di quattro elementi: uno alla fucina per portare i rivetti al calore bianco; due per battere, uno per ribattere. Sulle rotaie del futuro ascensore scorreva una gru del peso di 12 tonnellate in grado di sollevare elementi prefabbricati anche da 3.000 chili. [18]

Nel luglio 1888 venne completata la seconda piattaforma, a 117 metri di altezza: per celebrare l'avvenimento, e anche la ricorrenza della presa della Bastiglia (che cadeva il 14 luglio) Eiffel decise di far esplodere da tale livello diversi fuochi d'artificio, così da rendere omaggio alla capitale con un variopinto spettacolo pirotecnico. Gli operai, nel frattempo, lavoravano nove ore al giorno, e dovettero resistere sia alle vertigini che al freddo glaciale dell'inverno 1888-1889. Convinti di essere pagati meno del dovuto, essi in questo periodo misero in essere molti scioperi, esigendo un aumento del 4% della paga base oraria. Per evitare ritardi la loro richiesta venne soddisfatta (anche se tale aumento venne dilazionato su un periodo di quattro mesi), e alle varie squadre vennero persino concessi indumenti di pelle di montone, una mensa, tute impermeabili e vino caldo. [19]

Ciò malgrado le agitazioni continuarono ed Eiffel temeva che, se avesse continuato ad assecondare le loro richieste, avrebbe aperto la strada ad ulteriori scioperi: per questo motivo decise di mostrar loro che il suo obiettivo «non era tanto d'ordine finanziario quanto dettato dal desiderio di veder coronato il successo dell'opera: promisi un premio di 100 franchi a tutti gli operai che avessero continuato a lavorare finché fosse stata issata la bandiera in cima alla torre», e dichiarò che «tutti coloro che non si fossero presentati a mezzogiorno del giorno seguente sarebbero stati licenziati e sostituiti da altri lavoratori». Gli operai che non si presentarono all'appello il giorno successivo furono solo due, e vennero prontamente sostituiti da due uomini che - come constatato da Eiffel - «salirono subito fino all'altezza dei 200 metri e in mezza giornata furono in grado di eseguire gli stessi compiti degli altri. Era stato quindi dimostrato che, con l'equipaggiamento adatto, un buon operaio può lavorare a qualsiasi altezza senza problemi».

Quanti si lamentavano di lavorare ad altezze troppo elevate vennero incaricati di installare gli archi decorativi merlettati al primo livello, anche se «i loro compagni li prendevano in giro, chiamandoli gli indispensables , e ben presto ci rinunciarono». [20] Eiffel, d'altronde, studiò la modalità di lavoro in modo che gli operai difficilmente potessero cadere nel vuoto, soprattutto nelle fasi più avanzate dei lavori. Sotto alle postazioni di lavoro fece installare delle reti che resero il cantiere il più sicuro fino ad allora, considerando quelli di edifici particolarmente alti. Il suo sforzo produsse degli ottimi risultati: il cantiere, nella sua globalità, conobbe una sola morte, quella di un operaio italiano malauguratamente caduto dai ponteggi (non durante il suo turno lavorativo). [21]

Anche grazie a queste iniziative la costruzione della Torre proseguiva con rapidità e concitazione. A testimoniarcelo è ancora questa volta Eugène-Melchior de Vogüé, il quale visitava quotidianamente il cantiere, registrandone in questo modo i progressi:

«Dopo la seconda piattaforma, la slanciata colonna si innalzava rapidamente nello spazio. Certo, non era possibile vedere con precisione il lavoro di costruzione vero e proprio. Spesso le nebbie autunnali nascondevano le aree sopraelevate in cui erano all'opera i lavoratori; eppure, nella luce crepuscolare dei pomeriggi invernali, si potevano intravedere i fuochi rossastri delle fucine brillare nel cielo e sentire i martelli che percuotevano le travi in ferro. Era questo che impressionava: gli operai sulla torre non si vedevano quasi mai; essa sembrava salire e svilupparsi da sola, grazie all'incantesimo di un mago. Le grandi opere dell'antichità, le piramidi per esempio, nella nostra mente sono associate a una folla brulicante di uomini al lavoro, che abbassavano leve e armeggiavano con funi mastodontiche; la nostra piramide moderna veniva innalzata in virtù del potere dei calcoli, grazie ai quali la manodopera veniva ridotta: oggi la forza indispensabile alla costruzione si basa sul pensiero»

( Eugène-Melchior de Vogüé [19] )

Nel frattempo, la Torre aveva registrato un importante primato, quello di edificio più alto del globo: prima di allora questo record era detenuto dal monumento di Washington, un obelisco di 169 metri eretto nel 1884 nella capitale americana, dopo quasi quarant'anni di lavori. Eiffel non esitò a ribadire la superiorità dei Francesi sugli «americani, [che] malgrado il loro spirito imprenditoriale e l'entusiasmo nazionale pungolato» mai riuscirono ad erigere una struttura ancora più alta del monumento di Washington. Gli Americani, feriti nell'orgoglio, subito attaccarono la Torre Eiffel ritenendola «una struttura senza la minima utilità» e la paragonarono, in senso negativo, «alla stele di Washington, a Washington DC, che in ogni caso è più artistica della Torre Eiffel [...]. Se la vertiginosa altezza [della torre Eiffel] non la farà sembrare troppo acuminata e se la cima è stata progettata con un certo gusto, potrebbe non essere spaventoso come è stato previsto». Ciò, in realtà, non era vero, siccome più la Torre diveniva alta, più guadagnava in slanciatezza ed eleganza. [22]

Un ultimo problema era ancora senza soluzione: era quello degli ascensori. Eiffel, infatti, sapeva che i visitatori della Torre sarebbero dovuti giungere sulla sommità della struttura in modo ragionevolmente rapido e in assoluta sicurezza: egli, tuttavia, rifiutò di adottare ascensori in verticale e li volle obliqui, con raggio di curvatura di 48 metri su una distanza di 15 metri. La loro costruzione, affidata alla ditta Otis, fu in effetti molto problematica, anche se fortunatamente non compromise sensibilmente la costruzione della Torre, che riuscì comunque ad essere portata a termine la domenica 31 marzo 1889. [23]

L'inaugurazione

«Gloire à Mr. Eiffel et à ses collaborateurs!»

Erano passati ben cinque anni da quando Eiffel iniziò a interessarsi della monumentale Tour en fer de trois cent mètres e, pur tra infinite critiche e difficoltà, era ormai riuscito a portare a termine la sua costruzione appena in tempo per l'Esposizione Universale. Il 1º aprile 1889 la Tour fu aperta a un gruppo di giornalisti, politici e curiosi: fra di loro vi erano Édouard Lockroy, Pierre Tirard e vari inviati di diverse riviste, come Le Figaro e l' Herald . Insieme a questo gruppo - anche se alcuni, intimoriti dalle vertigini, si fermarono alle piattaforme inferiori - Eiffel giunse sulla sommità della Torre. Come riporta Jill Jonnes, dalla Torre «i parigini ammirarono estasiati l'inconsueto panorama della loro amata città. La Senna era come un nastro d'argento increspato che si srotolava in un paesaggio in miniatura. La gran parte di loro non aveva mai visto Parigi da una simile altezza. Era uno spettacolo entusiasmante, che destava tuttavia una certa inquietudine». [24] Ancora più vivide sono le parole del giornalista di Le Figaro , il quale contemplando la città dalla Torre si rese conto della piccolezza materiale dell'uomo:

«Il mont Valérin, Montmatre, le alture di Sannois, sembrano macchioline grigie; il bosco di Saint-Germain si dilegua nella foschia azzurrina, la Senna diventa un inoffensivo ruscelletto, attraversato da chiatte lillipuziane, e Parigi sembra un piccolo palcoscenico con strade dritte, tetti quadrati e linde facciate. I puntini neri rappresentano la folla. Ovunque tutto sembra privo di vita, tranne la massa verdeggiante del Bois; in questa immensità non vi è un movimento percepibile; nessun rumore che possa far pensare alla vita della gente "là sotto". Si direbbe che, in pieno giorno, un improvviso torpore abbia reso la città inerte e silenziosa»

( Le Figaro [24] )

A questo punto Eiffel issò il tricolore francese - 4,5 metri per 1,5, con le iniziali RF ( République Française ) ricamate in oro - e, dopo aver intonato La Marseillaise , fece tuonare ventuno colpi di cannone dalla seconda piattaforma. [25]

L'apertura al pubblico

Georges Garen , Embrasement de la Tour Eiffel pendant l'Exposition universelle de 1889 (1889)

La Torre venne ufficialmente aperta al pubblico alle ore 11:50 del 15 maggio 1889, nove giorni dopo l'inizio dell'Esposizione: erano passati esattamente due anni, quattro mesi e sette giorni da quando vennero inizialmente posate le fondamenta. Era naturalmente presente anche un registro degli ospiti, e il primo ad apporvi la propria firma fu lo stesso Eiffel, che scrisse: «Mezzogiorno meno dieci, 15 maggio 1889. La torre è aperta al pubblico. Finalmente!». Seguì prontamente Sauvestre, che lasciò un commento inebriante: « Midi moins neuf, ouf !» (si tratta di un gioco di parole basato sull'assonanza tra neuf e ouf e che letteralmente significa «Mezzogiorno meno nove, per un pelo!»). [26] Erano presenti anche folle di giornalisti, che scrissero:

«Abbiamo composto questo numero in condizioni particolari: all'interno di una cabina che a mala pena ci ripara, tra carpentieri, operai del gas, fabbri e imbianchini, in preda al capogiro per quest'aria frizzante, per la polvere e per il rumore a cui non siamo abituati, e stanchi dopo aver salito 730 scalini (36 piani, se preferite) perché gli ascensori della torre non funzionano ancora»

La torre, in effetti, presentava diverse imperfezioni, come il mancato funzionamento degli ascensori, anche se ciò non preoccupò minimamente i visitatori dell'Esposizione, disposti anche a salire a piedi pur di ammirare Parigi dall'alto. Anche quando le condizioni meteorologiche erano sfavorevoli circa undicimila-dodicimila persone visitavano la struttura, che divenne sin da subito oggetto indiscusso di ammirazione. Anche i vituperatori più incalliti riconobbero pienamente i loro torti, con la sola eccezione di Guy de Maupassant, il quale scrisse: «Ho lasciato Parigi e anche la Francia perché la torre Eiffel aveva finito per annoiarmi troppo. Non solamente la si vedeva dappertutto, ma la si trovava dappertutto, fatta di tutti i materiali conosciuti, esposta in tutte le vetrine, incubo inevitabile e straziante». [27] L'aneddotica del tempo riporta persino che il Maupassant, pur di non vedere la Torre, si ritrovò costretto a pranzare e cenare sui suoi ristoranti, ovvero gli unici luoghi dai quali, ovviamente, la struttura non era visibile.

I detrattori della Torre, tuttavia, si erano ormai ridotti a un'esigua minoranza, tanto che la Torre iniziò a godere a Parigi di una grande popolarità: la pâtisserie, la brasserie fiamminga, il bar anglo-americano ei vari ristoranti erano costantemente affollati di intellettuali e personaggi illustri, come Sarah Bernhardt , una delle più acclamate interpreti teatrali del tempo, o Auguste Bartholdi che, in visita alla Torre, scrisse sul registro degli ospiti: «Omaggio a Eiffel, in ricordo della Statua della Libertà, di cui egli costruì l'ossatura in ferro». La Torre fu particolarmente apprezzata anche dall'americano Thomas Edison , il quale - oltre a regalare ad Eiffel un fonografo - gli lasciò la seguente dedica: «A Monsieur Eiffel l'Ingegnere, il coraggioso costruttore di questo esemplare originale e gigantesco d'ingegneria moderna, da parte di un uomo che nutre il massimo rispetto e ammirazione per tutti gli ingegneri, compreso il Grande Ingegnere, le Bon Dieu, Thomas Edison». [28] Particolarmente emblematico fu anche il giudizio di Edmond de Goncourt , l'astro letterario del momento, il quale cenò in cima alla Torre la sera di martedì 2 luglio in compagnia di Émile Zola e di altri scrittori e disse che «la torre Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti». Si trattava, in effetti, della struttura più alta del mondo, primato che sarebbe stato superato solo nel 1930 dal Chrysler Building di Manhattan . [29]

L'infatuazione per la Torre, tuttavia, fu tutt'altro che passeggera, a tal punto che si decise all'unanimità di non abbatterla, andando quindi oltre i venti anni inizialmente pattuiti. A salvarla dalla distruzione vi fu anche l'installazione di una stazione radiofonica permanente sulla sua sommità, attuata nel 1906, la quale raggiungeva una notevole facilità di trasmissione radio. Si trattò, in effetti, di una decisione assai lungimirante: la Torre, infatti, giocò un ruolo chiave nei primi collegamenti telefonici transoceanici e nelle comunicazioni militari della prima guerra mondiale , e nel 1921 si meritò il primato di trasmettere la prima trasmissione radiofonica pubblica d'Europa. [21]

Descrizione

Pano Paris.jpg
Vista dalla seconda piattaforma della Torre Eiffel sulla città

Posizione

Vista a volo d'uccello della Torre e dello Champ de Mars

La torre Eiffel si trova nella parte occidentale VII arrondissement, nel pieno centro di Parigi, all'estremità nord-occidentale dello Champ de Mars . La struttura è eretta su un piano a 33,50 metri sul livello del mare, non lontano dalle rive della Senna, dove sono dislocati pontili destinati all'ormeggio di imbarcazioni da diporto. Tutt'intorno alla torre si ergono edifici di grande interesse storico e architettonico, come l'École Militaire, il Pont d'Iéna, il Palais de Chaillot e la sede dell' UNESCO .

La Torre si trova in uno dei punti nevralgici della viabilità parigina, essendo a poca distanza da strade rotabili di primaria importanza come avenue Gustave Eiffel, avenue de la Bourdonnais, avenue de Suffren e infine la trafficata Quai Branly (che sfocia nel Pont d'Iéna, sulla Senna). Queste quattro direttrici, intersecandosi, descrivono un rettangolo all'interno del quale si inseriscono la Torre, circondata da un fitto boschetto e da alcuni laghetti: le strade di questo parco sono completamente chiuse al traffico motorizzato e sono aperte al solo transito pedonale.

La zona è servita da numerose stazioni della metropolitana di Parigi , prime tra tutte Bir-Hakeim (sulla linea 6), Trocadéro (linee 6, 9) ed École Militaire (linea 8). Nella zona, inoltre, corre la linea ferroviaria suburbana RER C, la quale presta servizio alla stazione di Champ de Mars, ubicata a poca distanza dalla struttura. Oltre ai vari mezzi su rotaia, la torre Eiffel è servita anche da numerosissime linee di autobus.

Primo piano

Foto della prima piattaforma

Il primo piano, ubicato a 57,63 metri dal livello del suolo ed esteso per 4250 metri quadrati, è in grado di accogliere tremila visitatori alla volta. Presso questa piattaforma si trova il ristorante minimalista 58 Tour Eiffel e il cinema a otto schermi Cineiffel che, oltre a narrare la storia della struttura, può essere anche impiegato come spazio espositivo per finalità didattiche. Il belvedere su Parigi è corredato di adeguati pannelli informativi, così da consentire ai visitatori di localizzare più agevolmente le varie attrazioni della città. Questa piattaforma, oltre a sfruttare una facciata in vetro a doppia curvatura, presenta anche un pavimento in cristallo trasparente, con il quale i visitatori sperimentano la sensazione di camminare sul vuoto. Qui, un tempo, erano inoltre ubicati la brasserie fiamminga e il bar anglo-americano, attività che hanno cessato di operare nel 1937.

Lungo il fregio che corre al di sotto di questa piattaforma, lungo i quattro lati della struttura, Eiffel fece incidere i nomi dei 72 cittadini illustri , tra scienziati, matematici e ingegneri, i cui studi hanno consentito la costruzione della Torre stessa.

Secondo piano

Foto della seconda piattaforma

Il secondo piano, ubicato a 115 metri dal livello del suolo ed esteso per 1650 metri quadrati, è in grado di accogliere milleseicento visitatori alla volta. I visitatori possono arrivare alla seconda piattaforma in modo selettivo, scegliendo tra gli ascensori, più rapidi e costosi, o le scale, per un totale di 704 gradini. Per arrivare al terzo livello, invece, bisogna obbligatoriamente utilizzare gli ascensori. [30]

Anche questo livello, come il primo, presenta ampie zone panoramiche che consentono ai visitatori di godere del panorama di Parigi. Peculiarità di questa piattaforma è il ristorante Jules Verne, molto ricercato e formale, che propone piatti contemporanei improntati alla gastronomia francese: gode persino di un ascensore dedicato ed è quotato nella guida Michelin. Oltre al consueto snack bar, il secondo livello presenta anche un percorso corredato da un buon apparato cartografico, iconografico e testuale. [31]

Terzo piano

Il terzo piano, ubicato a 276 metri dal suolo, è raggiungibile solo attraverso l'ascensore, per il semplice motivo che le scale sono vietate ai visitatori.

Resistenza al carico gravitazionale, al sovraccarico di esercizio ed al vento

La sagoma della torre Eiffel non è stata determinata da ragioni estetiche, o magari dall'estro artistico di Eiffel e dei suoi dipendenti, bensì da considerazioni di fisica e di matematica, legate all'esigenza di contrastare adeguatamente la forza del vento che esercita, sull'intera struttura, una spinta orizzontale, e che potrebbe potenzialmente comprometterne l'equilibrio. La curvatura degli spigoli della Torre è dovuta proprio a questi calcoli, e il suo profilo sinuoso e dinamico converte le sollecitazioni di flessione e taglio in sollecitazioni di compressione alla base, scaricando così a terra non solo il proprio peso, bensì anche la spinta del vento. Altra escogitazione di Eiffel per ridurre le sollecitazioni del vento fu l'adozione di una struttura reticolare: la Torre è formata da una robusta travatura metallica a maglie triangolari, la quale riduce l'area esposta al vento che, dunque, non ha a disposizione molto spazio per esercitare la sua pressione. Si tratta, dunque, di un'intuizione vincente per ottenere la massima resistenza possibile al vento. [32]

La Torre vista da sotto

Lo stesso Eiffel affrontò il problema del controventamento della Torre il 30 settembre 1885 in una conferenza alla Società degli Ingegneri Civili:

«[Si tratta di] eliminare dalle superfici verticali le grandi sbarre dei tralicci destinate a resistere all'azione del vento. Ecco perché il pilone è disposto in modo che lo sforzo di taglio dovuto al vento passi all'interno dei montanti degli spigoli [...] Le tangenti ai montanti in punti situati alla medesima altezza finiscono sempre per incontrarsi nel punto di passaggio della risultante delle azioni che il vento esercita sulla parte di pilone sovrastante i punti considerati [...] Prima di riunirsi in vetta a un'altezza così elevata, i montanti sembrano scaturire dalla terra e, in qualche maniera, fondersi sotto l'azione stessa del vento»

( Gustave Eiffel [32] )

Due studiosi statunitensi, Patrick Weidman e Iosif Pinelis, hanno persino ricavato un'equazione in grado di descrivere fedelmente il profilo della torre Eiffel. Lo studio, intitolato Model Equations for the Eiffel Tower Profile: Historical Perspective and a New Equation [33] e pubblicato sulla rivista francese Comptes Rendus Mécanique , giunge comunque a formulare un'equazione integrale non lineare abbastanza complessa. Eiffel non poté certo usufruire di questi calcoli così avanzati, ma concepì la sagoma della Torre basandosi sulla progressiva diminuzione dei momenti flettenti con l'altezza: la forma così ottenuta, in questo modo, trasforma gli sforzi di taglio in sforzi di compressione, ideali per una struttura reticolare, e minimizza le oscillazioni. [34] Per quanto concerne l'angolazione dei quattro pilastri alla base, infine, rimandiamo alle osservazioni di Cari W. Condit riportate nello scritto Il controventamento dei fabbricati :

«Eiffel aveva posto a base del calcolo due ipotesi di sollecitazione prodotta dal vento; una costituita da un carico uniforme dalla cima alla base di 300 chilogrammi per metro quadrato, l'altra da un carico variabile linearmente fra 400 chilogrammi per metro quadrato alla cima e 200 chilogrammi per metro quadrato al suolo. Il carico equivalente nell'ipotesi di vento uniforme (cioè il vettore che rappresenta la risultante delle forze agenti per effetto del vento) risultava applicato circa a metà altezza della costruzione, con un momento flettente massimo alla base della torre di 50 923 218 chilogrammetri e uno sforzo di taglio massimo di 66 960 chilogrammi. Nella ipotesi di vento variabile con linearità il momento flettente raggiungeva il valore di 59 745 250 chilogrammetri e lo sforzo di taglio i 73 050 chilogrammi. Se i supporti della torre fossero stati perpendicolari al terreno, il momento flettente al suolo sarebbe stato di 225 milioni di chilogrammetri. Eiffel ridusse in modo drastico questa enorme forza di rovesciamento, trasferendola al vincolo tramite i quattro tralicci portanti fortemente incurvati che compongono la struttura di base»

( Cari W. Condit, Il controventamento dei fabbricati )

La Torre in cifre

Veduta della torre di notte, con il faro alla sommità

I dati qui riportati sono tratti integralmente dal libro The Eiffel tower [35] .

Panoramica
  • Disegni: 700 viste d'insieme e 3600 disegni dettagliati per i manufatti prefabbricati
  • Composizione: 18.038 elementi metallici e 2.500.000 rivetti
  • Peso totale: 10.000 tonnellate
  • Peso della carpenteria in metallo: 7.300 tonnellate
  • Costo totale: 7.800.000 franchi-oro
  • Numero di visitatori: oltre 200 milioni dal 1889.
  • Nuovo impianto d'illuminazione: 352 proiettori
  • Potenza: 320 kW
  • Dispendio annuo di elettricità: 680.000 kWh
  • Durata delle lampadine: 6000 ore
  • Numero di gradini: 1665 a partire dal suolo
  • Verniciatura: i 200.000 metri quadri di superficie della torre vengono riverniciati ogni sette anni, per un totale di 60 tonnellate di vernice applicate in un intervento di durata 16 mesi per un costo totale di 3 milioni di euro
  • Passo tra i pilastri alla base: 124,90 metri
  • Distanza tra i pilastri: 72,25 metri
  • Larghezza dei pilastri: 26,08 metri
Primo piano
  • Altezza della piattaforma: 57,63 metri
  • Facciata esterna: 70,69 metri
  • Superficie della piattaforma: 4200 metri quadrati
  • Portata massima della piattaforma: 3000 persone
Secondo piano
  • Altezza della piattaforma: 115,88 metri
  • Facciata esterna: 40,96 metri
  • Superficie della piattaforma: 1650 metri quadrati
  • Portata massima della piattaforma: 1600 persone
Terzo piano
  • Altezza complessiva nel 1889 (dal suolo alla bandiera): 312,27 metri
  • Altezza complessiva odierna: 324 metri
  • Altezza sopra il livello del mare: 352,20 metri
  • Altezza della piattaforma: 276,13 metri
  • Facciata esterna: 18,65 metri
  • Superficie della piattaforma: 350 metri quadrati
  • Portata massima della piattaforma: 400 persone
Spostamento della vetta
  • Sotto l'azione del calore: fino a 18 centimetri
  • Sotto l'azione del vento: fino a 7 centimetri

Accoglienza

Georges Seurat , La Tour Eiffel (1889); olio su tela, 24×15,2 cm, Fine Arts Museum , San Francisco

Sterminata è stata l'eco riscossa dalla torre Eiffel nel corso dei decenni. Dal punto di vista architettonico, la Torre ha rappresentato il trionfo del funzionalismo , in ragione a quanto abbiamo già detto nel paragrafo Resistenza al carico morto, al carico vivo e al vento . Sulla scia della torre Eiffel vennero realizzate la torre di Blackpool , struttura fortemente debitrice alla costruzione parigina, e il progetto della Watkin's Tower, ardita struttura in metallo da erigersi sul sito dell'attuale stadio di Wembley, a Londra, ma mai portata a compimento. Della torre Eiffel, inoltre, si contano varie repliche, come quella del parco divertimenti Window of the World di Shenzen , in Cina , quella di Paris (in Texas ) e quella celebre in scala 1:2 del Paris Las Vegas .

La torre Eiffel si impose rapidamente anche come un imprescindibile riferimento iconografico per decine di artisti: si trattava infatti di un monumento che, per usare le parole della critica d'arte Emanuela Pulvirenti, «non era caratteristico come la Torre di Pisa, non era leggendario come la Torre di Babele, ma emanava il fascino del progresso e la bellezza dell'essenzialità». Tra i primi a subire il fascino della Torre vi fu certamente Georges Seurat , padre del pointillisme , il quale realizzò un dipinto che prende l'esatto nome di La Tour Eiffel . Troviamo la struttura, in ogni caso, anche nei dipinti di Robert Delaunay , che la raffigura attraverso i canoni propri del cubismo orfico , scomponendola su più piani in composizioni dal dinamismo elettrizzante e giocoso; il Delaunay riprese il soggetto della Torre anche nella tarda maturità, rispettandone la forma e le proporzioni ma utilizzando prospettive estremamente scorciate o riprese dall'alto. Marc Chagall la descrisse con un linguaggio onirico e fiabesco, tipico della sua produzione, mentre Raoul Dufy preferì esaltarne il ruolo fondamentale all'interno dello scenario urbano parigino. Ancora più peculiare è il calligramma di Guillaume Apollinaire , caratterizzato da un'estrosa disposizione tipografica delle parole, disposte in modo da formare proprio il profilo della Torre. [36]

La valenza iconografica della Torre Eiffel fu valorizzata anche da vari fotografi e, soprattutto, cinematografi. I fratelli Lumiere vi realizzarono un cortometraggio denominato Panorama pendant l'ascension de la tour Eiffel [Panorama durante l'ascesa della torre Eiffel], e Georges Méliès non esitò a includerla nella propria pellicola sull'Esposizione Universale del 1900, tenutasi sempre a Parigi. Molto spesso la Torre Eiffel viene inclusa nei film per suggerire la collocazione geografica degli eventi narrati, ambientati totalmente o in parte a Parigi : è questo il caso di Parigi che dorme - Albert, uno dei protagonisti, è proprio il guardiano della Torre - ma anche dei film Casablanca , Il ponte sul fiume Kwai , I 400 colpi e L'incredibile avventura di Mr. Holland .

La Torre Eiffel, struttura alla quale sono stati dedicati numerosi omaggi filatelici, è stata inoltre interessata da una massiccia campagna di marketing. La sua immagine viene riprodotta in miriadi di portachiavi, souvenir, spille, cartoline, e nel 2013 è stato stimato che il suo brand sia equiparabile a una cifra dell'ordine di quattrocento miliardi di euro. [37] Sono state molte, d'altronde, le aziende che si sono servite della torre Eiffel per pubblicizzare i propri prodotti: basti pensare alla Citroën , che nel 1923 iscrisse il proprio nome sul traliccio della torre Eiffel, impiegando 250 000 lampadine e seicento chilometri di filo elettrico, [38] o agli spot di Air France , Yves Saint Laurent , Jean Paul Gaultier , e Campari .

Visitatori della Torre Eiffel dal 1889 al 2017 [39]
Anno Visitatori Anno Visitatori Anno Visitatori Anno Visitatori Anno Visitatori Anno Visitatori Anno Visitatori
1889 1 968 287 1910 203 803 1931 822 550 1952 1 250 094 1973 2 914 814 1994 5 419 462 2015 6 917 000
1890 393 414 1911 204 168 1932 339 242 1953 1 204 371 1974 3 018 455 1995 5 212 677 2016 5 841 026
1891 335 829 1912 258 950 1933 363 720 1954 1 301 152 1975 3 045 573 1996 5 530 279 2017 6 207 303
1892 277 276 1913 261 337 1934 322 969 1955 1 435 192 1976 3 050 606 1997 5 719 773
1893 265 894 1914 152 725 1935 288 643 1956 1 476 400 1977 3 298 844 1998 6 051 603
1894 210 836 1915 chiusa per
cause
belliche
1936 264 145 1957 1 632 647 1978 3 430 886 1999 6 368 534
1895 218 974 1916 1937 809 978 1958 1 591 005 1979 3 429 571 2000 6 315 324
1896 226 654 1917 1938 258 306 1959 1 668 558 1980 3 594 190 2001 6 103 987
1897 199 827 1918 1939 252 495 1960 1 735 230 1981 3 393 208 2002 6 157 042
1898 183 391 1919 311 714 1940 chiusa per
cause
belliche
1961 1 763 448 1982 3 399 683 2003 5 864 969
1899 149 580 1920 417 869 1941 1962 1 735 796 1983 3 701 558 2004 6 230 050
1900 1 024 887 1921 426 635 1942 1963 2 013 594 1984 4 183 857 2005 6 428 441
1901 131 724 1922 422 172 1943 1964 2 143 173 1985 4 368 573 2006 6 719 200
1902 121 144 1923 551 444 1944 1965 2 295 193 1986 4 386 291 2007 6 959 186
1903 122 979 1924 585 730 1945 1966 2 405 554 1987 4 293 187 2008 6 929 463
1904 156 918 1925 631 758 1946 603 349 1967 2 416 502 1988 4 668 468 2009 6 603 792
1905 169 770 1926 657 004 1947 1 009 161 1968 2 070 417 1989 5 580 363 2010 6 709 634
1906 182 399 1927 555 087 1948 958 386 1969 2 561 157 1990 5 698 613 2011 7 086 273
1907 190 026 1928 634 819 1949 1 143 046 1970 2 757 768 1991 5 442 346 2012 6 270 000
1908 189 338 1929 577 624 1950 1 026 631 1971 2 899 070 1992 5 747 357 2013 6 740 000
1909 181 574 1930 580 075 1951 1 129 637 1972 3 003 659 1993 5 537 155 2014 7 097 302

Note

  1. ^ Harvie , p. 78 .
  2. ^ Jules Bourdais, Faro monumentale , su musee-orsay.fr , Parigi, Museo d'Orsay, 2006. URL consultato il 5 febbraio 2017 .
  3. ^ Jonnes , p. 22 .
  4. ^ Jonnes , p. 24 .
  5. ^ Jonnes , p. 25 .
  6. ^ Jonnes , p. 27 .
  7. ^ Jonnes , p. 28 .
  8. ^ a b Jonnes , p. 29 .
  9. ^ Jonnes , p. 30 .
  10. ^ Jonnes , p. 31 .
  11. ^ a b Jonnes , p. 32 .
  12. ^ Jonnes , p. 34 .
  13. ^ a b c Jonnes , p. 35 .
  14. ^ a b c Jonnes , p. 37 .
  15. ^ Lemoine , p. 37 .
  16. ^ Jonnes , p. 51 .
  17. ^ Jonnes , p. 53 .
  18. ^ Bianchi .
  19. ^ a b Jonnes , p. 57 .
  20. ^ Jonnes , p. 58 .
  21. ^ a b Lemoine , p. 38 .
  22. ^ Jonnes , p. 60 .
  23. ^ Jonnes , p. 96 .
  24. ^ a b Jonnes , p. 97 .
  25. ^ Jonnes , p. 98 .
  26. ^ Jonnes , p. 122 .
  27. ^ Jonnes , p. 173 .
  28. ^ Jonnes , p. 247 .
  29. ^ 126 anni fa l'inaugurazione della Torre Eiffel , su focus.it , Focus. URL consultato il 3 febbraio 2017 .
  30. ^ ( EN ) Going up , su toureiffel.paris . URL consultato il 3 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 31 marzo 2017) .
  31. ^ ( EN ) The floors : what you must see at the Eiffel Tower , su eiffel-tower.com . URL consultato il 3 febbraio 2017 .
  32. ^ a b Lemoine , p. 36 .
  33. ^ ( EN ) Model Equations for the Eiffel Tower Profile: Historical Perspective and a New Equation ( PDF ), su imechanica.org . URL consultato il 14 febbraio 2019 .
  34. ^ Cari W. Condit, Il controventamento dei fabbricati ( PDF ). URL consultato il 3 febbraio 2017 .
  35. ^ Lemoine , p. 39 .
  36. ^ Emanuela Pulvirenti, Vi racconto la Torre Eiffel , su didatticarte.it . URL consultato il 15 dicembre 2016 .
  37. ^ Paola Pierotti, Tour Eiffel, l'esempio del marketing dei monumenti diventerà ancora più redditizio , su ppan.it , 3 aprile 2013.
  38. ^ STORIA CITROËN , su citroen.it , Citroën. URL consultato il 3 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 14 gennaio 2017) .
  39. ^ ( EN ) The Eiffel Tower at a glance , su eiffel-tower.com . URL consultato il 15 febbraio 2017 (archiviato dall' url originale il 22 gennaio 2013) .

Bibliografia

  • Jill Jonnes, Storia della Tour Eiffel , in Saggi. Storia e scienze sociali , Donzelli Editore, 2011, ISBN 88-6036-560-0 .
  • ( EN , IT , FR , DE ) Bertrand Lemoine, The Eiffel Tower , Taschen, 2016, ISBN 978-3-8365-2703-3 .
  • ( EN ) David I. Harvie, Eiffel: The Genius Who Reinvented Himself , Stroud, Gloucestershire, Sutton, 2006, ISBN 0-7509-3309-7 .
  • Giulio Carlo Argan, L'architettura in ferro , in L'arte moderna: 1770-1970 , Sansoni, 2002 [1970] , ISBN 88-383-1892-1 , OCLC 801290239 .
  • Bianchi Paolo, La Tour Eiffel , in Bell'Europa , n. 37, Editoriale Giorgio Mondadori, maggio 1996.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Costruzione più alta del mondo Successore
Monumento a Washington 1889 - 1930 Chrysler Building
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 236835198 · LCCN ( EN ) sh85136247 · GND ( DE ) 4102872-7 · BNF ( FR ) cb11941003z (data) · BNE ( ES ) XX4850635 (data) · NDL ( EN , JA ) 01193444 · WorldCat Identities ( EN ) viaf-236835198