Thailand

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - "Siam" refere isit la. Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Siam (disambiguation) .
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - "Thailand" refere isit la. Si ou ap chèche pou minisipalite brezilyen an, gade Tailândia .
Thailand
Thailand - Drapo Thailand - manto
( detay ) ( detay )
( TH ) ชาติ ศาสนา พระ มหา กษัตริย์
(Chat, Satsana, Phra Mahakasat)
( IT ) Nasyon, relijyon ak wa
Thailand - Lokalizasyon
Done administratif
Non konplè Wayòm Thailand
Non ofisyèl Ratcha Anachak Thai
Lang ofisyèl yo Thai
Kapital Bangkok ( 8 305 218 / 2010)
Politik
Fòm gouvènman an Monachi palmantè
Souveren Rama X
premye Minis Prayut Chan-o-cha
Antre nan Nasyonzini an 1946
Sifas
Total 513 120 km² ( 51º )
% nan dlo 0.4%
Popilasyon
Total 69 938 626 abitan. (17-04-2021 [1] ) ( 20º )
Dansite 137 abitan / km²
To kwasans 0.25% (2020)
Non moun ki rete yo Thais
Jewografi
Kontinan Pwovens Lazi
Fwontyè Laos , Kanbòdj , Malezi , Burma
Lag jè UTC + 7
Ekonomi
Lajan Baht Thai
GDP (nominal) $ 1 340 000 milyon (estimasyon pou 2021 [2] ) ( 22nd )
GDP per capita (nominal) 19 169 $ (estimasyon pou 2021 [2] ) ( 69th )
GDP ( PPP ) $ 536 841 milyon (estimasyon pou 2021 [2] ) ( 25th )
GDP per capita ( PPP ) 7 674 $ (estimasyon pou 2021 [2] ) ( 80th )
ISU (2019 [3] ) 0.777 (segondè) ( 79º )
Fètilite 1.5 (2019) [4]
Divès
ISO 3166 kòd TH , THA, 764
TLD .th ,. ไทย
Prefiks tel. +66
Otom. T.
Im nasyonal Sivil: Phleng Chat

Royal: Sansoen Phra Barami
Jou ferye nasyonal la 28 jiyè (anivèsè nesans wa a) [5]
Thailand - Kat
Istorik evolisyon
Eta anvan an Drapo Thailand (1782) .svg Wayòm Rattanakosin

Kowòdone : 14 ° N 101 ° E / 14 ° N 101 ° E 14; 101

Thailand oswa Thailand ( AFI : / taiˈlandja / [6] [7] [8] ; an Thai : ประเทศไทย ? , Transliterate : Prathet Thai pwononsyasyon [ ? Info ] ), ofisyèlman Peyi Wa ki nan Thailand (nan Thai : ราช อาณาจักร ไทย ? , Transliterated : Ratcha Anachak Thai pwononsyasyon [ ? Info ] ), se yon eta nan Sidès Lazi , fontyè Laos ak Kanbòdj sou bò solèy leve, Gòlf la nan Thailand ak Malezi nan sid la, lanmè a Andaman ak Burma nan lwès la ak Laos ak Burma nan nò a. [9] Moun ki rete yo, nan mwa avril 2021, se anviwon 70 milyon. [1]

Li se ke yo rele tou Siam (pron. / ˈSiam / [10] ; nan Thai : สยาม ? ; / Saˈja: m / pwononsyasyon [ ? Info ] ), ki te non ofisyèl la nan nasyon an jouk 24 jen 1939 ak soti nan 1945 jouk 11 me 1949 , dat la nan sipozisyon an definitif nan non aktyèl la. [11]

Ant katreventèn yo ak katrevendis yo , Thailand te kòmanse yon pwosesis siyifikatif nan endistriyalizasyon ki te mennen l 'yo dwe youn nan pouvwa yo mwayen-revni nan mitan peyi yo fontyè Pasifik la , vin tounen youn nan peyi ki pi pwisan nan sid ès Azi a [12] ; sektè kle yo nan ekonomi an Thai yo se touris, fabrikasyon ak ekspòtasyon [13] [14] .

Etimoloji nan non an

Mo "Thailand" se tradiksyon tèm lokal Prathet Thai , peyi Thais la, kote mo Thai la vle di "gratis" oswa "endepandan" nan lang Thai la [15] .

Istwa

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Istwa Thailand .

Ansyen

Jwenn akeyolojik nan nò peyi a sanble yo konfime prezans nan gwoup Homo erectus 500,000 / 600,000 ane de sa. Nan yon sit akeyolojik nan pwovens Krabi , tras ki soti nan 27,000 / 38,000 ane de sa yo te jwenn ki temwaye nan prezans nan Homo sapiens . Pami prèv ki konfime tranzisyon ki sòti nan yon ekonomi lachas ak rasanbleman nan yon yon sèl agrikòl yo se moun ki detere nan sit la nan Khok Phanom Di, nan lès Thailand, rete ant 2000 ak 1500 BC.avans teknolojik pou SMELTING nan kwiv ak fèblan , ak imedyatman an kwiv , ak afimasyon an pwogresif nan kominote tout tan plis evolye [16] .

Premye sivilizasyon ki te rete nan teritwa Thai jodi a te afekte pa enfliyans kilti Endyen an, pami yo federasyon "pre-Khmer" nan Funan , ki te fòme apeprè 2,000 ane de sa nan nò-bò solèy leve a, ak vil-eta yo nan Dvaravati. , te fonde sitou pa moun yo mon , ki moun ki te fèt alantou mitan an nan premye milenè a nan plenn santral la ak n bès nan Funan ak gaye Boudis . Prensip yo nan Funan kontribye nan nesans lan nan Anpi Khmer , nan teritwa yo nan Kanbòdj jodi a [16] , ki konkeri yon gwo pati nan teritwa a kote Thailand se kounye a ak gaye Endouyis ankò.

Migrasyon nan pèp Tai soti nan Lachin

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Ngoenyang ak Wayòm Lanna .

Deba akademik la sou orijin nan pèp Tai a toujou kontinyèl: nan deseni ki sot pase yo, ki baze sou syans lengwistik, savan divès kalite te diskite ke pèp Tai soti nan yon zòn ki jodi a ki dwe nan rejyon an Guangxi nan Lachin . Anba presyon lòt pèp ki soti nan nò a, nan premye milenè Tai ta kòmanse yon pwosesis migrasyon nan direksyon sid. Pandan syèk sa yo yo ta rezoud nan tout nò Indochina , rive nan eta Ameriken jodi a nan Assam . Youn nan premye gwoup etnik pèp sa yo se te Yuan tai , fondatè yo nan 638 nan pati nò Thailand jodi a nan ti wayòm Hiran , ki te tonbe anba enfliyans Dvaravati. Li ta pita reyalize otonomi, premye vin Peyi Wa ki nan Ngoenyang , epi, nan fen 13yèm syèk la, vanyan sòlda Lanna Ini a . [17] . Lòt Tai te fini rezoud nan basen Chao Praya nan sant la nan Thailand jodi a.

Peyi Wa ki nan Sukhothai

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Ini nan Sukhothai .
Imaj Bouda nan Wat Mahathat - Sukhothai Historical Park.

Gouvènè yo nan Sukhothai ak vwazen Rad pwovens, Pho Khun Bangklanghao ak Pho Khun Phameung respektivman, revòlte kont kontwòl Lavo a ak deklare teritwa endepandan yo nan 1238. Bangklanghao pwoklame tèt li wa nan Sukhothai sou non Pho Khun Sri Indraditya ak nan fen li gouvènen teritwa Sukhothai yo te kouvri tout basen anwo larivyè Lefrat Chao Phraya a.

Chèf siksesif yo Ban Mueang ak espesyalman Ramkhamhaeng Great, ki te gouvènen soti nan 1279 1298, anpil elaji fwontyè yo nan eta a. Pouvwa Peyi Wa ki nan Suvarnabhumi, Suphanburi jodi a, te konkeri. Nan sid la yon gwo pati nan penensil la Malay te konkeri ak an patikilye Peyi Wa ki nan Tambralinga te mete anba suzeraineté , mete yon fen nan ejemoni a nan Anpi a Khmer sou penensil la ki te dire pou plis pase 150 ane. [18] Nan nò-bò solèy leve a te soumèt devan Peyi Wa ki nan Mueang Sua, Luang Prabang jodi a, ak nan nò a minisipalite a enpòtan nan Phrae te pran nan Peyi Wa ki Hariphunchai . Nan teritwa yo nan jou modèn Burma, Peyi Wa a pwolonje enfliyans li pa mete Prince Wareru nan Sukhothai sou fòtèy la nan Martaban , nan sa ki ta vin Peyi Wa ki nan Hanthawaddy , konsa fòje yon alyans ak mon an Burmese.

Enskripsyon wa Ramkamhaeng .

Ramkhamhaeng te gen nouvo alfabè Siamèz la prepare nan 1283, ki se nan itilize nan Thailand. Premye prèv alfabè sa a se stèl Ramkhamhaeng, dekouvri nan diznevyèm syèk la, ki gen orijinalite sepandan kesyone pa kèk entelektyèl. [19] Pandan rèy li, eta a te rive tou gran jou de glwa li nan boza ak ekonomi, etabli relasyon komès ak Anpi Chinwa a , Lè sa a, te dirije pa dinasti Yuan la . Li etabli yon sistèm komès san taks ak lòt eta yo, ki asire peyi a konsiderab kwasans ekonomik. Avèk lanmò Ramkhanhaeng, Sukhothai te kòmanse yon bès irevokabl ak plizyè wayòm vasal te vin endepandan. [20]

Wayòm Ayutthaya

Tanp Wat Chaiwatthanaram kraze nan Ayutthaya. Bati nan 17yèm syèk la, li te boule ak sakaje nan 1767 pa twoup Burmese.
Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Wayòm Ayutthaya .

Nan 1350 chèf Thai Uthong te fonde Peyi Wa ki nan Ayutthaya , ki nan 1431 sakaje Angkor , kapital la nan Anpi a Khmer , ak nan 1438 anekse Peyi Wa ki nan Sukhothai. Pandan peryòd sa a Theravada Boudis te vin kwayans dominant la. Sukhothai premye, men espesyalman Ayutthaya pita, te vin pouvwa dirijan nan Azi Sidès. Kilti rafine Siamese la devlope, ki te afekte pa atizay Endyen ak Khmer, lokal achitekti tradisyonèl la ta devlope jiskaske asimilasyon kilti oksidantal la nan diznevyèm syèk la. Nan 1511 te gen premye kontak ak Ewopeyen yo, lè anbasadè Pòtigè Duarte Fernandes te rive nan Ayutthaya.

Batay elefan ant Naresuan ak Mingyi Swa, lagè ant Burma ak Siam (1584-1593).

Premye gwo kriz la nan Peyi Wa a te nan 1569, apre deja nan 1551 li te vin tounen yon eta vasal nan wa yo Burmese nan dinasti Taungu la . Tantativ pou emansipasyon te pini pa gwo konkeran Birman an Bayinnaung , ki moun ki te deja sibi Peyi Wa ki Lanna. Li te premye moun ki te pran Ayutthaya e li te depòte tout fanmi wayal Siamèz la nan Pegu , kapital li. Te fòtèy la reskonsab Maha Thammarachathirat , wa Sukhothai ak alye nan Pegu. [21] Lè Bayinnaung te mouri, anpi li te kreye a te tonbe e Siamè yo te reprann endepandans yo ak wa Naresuan .

Ayutthaya nan 1686 CE

Aprè li te reprann endepandans li, Peyi Wa a te anrichi gras a komès, an patikilye ak Lachin , Japon , Lafrans ak Konpayi Olandè Lend . Li estime ke Ayutthaya te alantou 1700 vil la ki pi abitan nan mond lan ak alantou yon milyon moun. [22] Kwasans kiltirèl ak ekonomik te akonpaye pa gwo avans nan jaden medikaman. [23] Nan epòk wa Narai (gouvènen ant 1656 ak 1688) komès ak echanj diplomatik ak Lwès la te ogmante. Ayutthaya te vin yon krwaze semen nan komès entènasyonal, an patikilye komès ak Pès ak franse te ede anrichi Peyi Wa a. Narai tou ankouraje atizay yo ak akeyi yon gwo kantite ekriven enpòtan ak powèt nan tribinal nan yon laj an lò pou literati Siamese.

Nan deseni kap vini yo Ayutthaya retounen nan elaji, vini nan okipe plizyè sultanat Islamik nan penensil la Malay , kèk pò Burmese nan lanmè a Andaman , penetrasyon nan Kanbòdj ak nan nò a. Konfli entèn sitou ki gen rapò ak siksesyon nan fòtèy la ak yon sans de satisfaksyon pou siksè sot pase yo kontribye nan febli eta a ak nan 1767 Ayutthaya te konkeri ak raze sou tè a pa Burmese a: konsa Peyi Wa ki te fini 417 ane apre fondasyon li yo. [24]

Wayòm Thonburi

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Wayòm Thonburi .
Moniman wa Taksin nan Chanthaburi.
Kat Peyi Wa ki nan Thonburi.

Peyi a, pa anpil okipe pa Burmese angaje nan repouse envazyon Chinwa nan nò a, tonbe nan dezòd ak divize an sis teritwa nan men chèf lagè lokal yo . Jeneral Taksin nan lame Ayutthaya a, ki te sove tèt li nan kraze syèj kapital la, te pran kontwòl zòn nan bò solèy leve nan Bangkok. Nan kèk mwa li te reòganize Siamese yo e li te reyisi nan mete deyò anvayisè yo Burmese nan Novanm nan 1767. Etandone difikilte yo nan rebati Ayutthaya a kraze, li te deplase kapital la 70 km pi lwen nan sid, nan Thonburi , reyini Siam e li te kouwone chèf nan Peyi Wa a. ... nan Thonburi nan 1768. Rèy sa a, ki li te monak la sèlman, te dire sèlman kenz ane. Pandan tan li te wa, eta a siyifikativman elaji enfliyans li nan fè vasal Peyi Wa Lanna, wayòm Laotian yo nan Champasak , Vientiane ak Luang Prabang, ak Kanbòdj. [25] Aprè rebelyon wa Vientiane Anouvong , ki te reprime an 1829, Siamè yo te anekse teritwa yo nan lwès Mekong , tankou Isan , jodi a nan Nòdès Thailand . [26]

Peyi Wa ki nan Rattanakosin

Wat Phra Kaew , achitekti nan peryòd la Rattanakosin
Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Wayòm Rattanakosin .

Nan 1782 , Taksin te ranvèse pa yon rebelyon entèn ak Chao Phraya Chakri te pran plas li. Li te fonde Peyi Wa ki nan Rattanakosin , ke yo rele tou Peyi Wa ki nan Siam, ak dinasti a Chakri ki toujou mennen Thailand jodi a ak wa Rama X. Chao Phraya Chakri apre lanmò te resevwa non posthòm Rama I. Li te deplase kapital la nan bank opoze a nan gwo larivyè Lefrat la, nan ti bouk la Lè sa a, ti nan Bangkok, ki li chanje non Rattanakosin ak transfòme nan yon vil rich, ankouraje reòganizasyon nan eta a ak renesans la nan kilti Siamese. Tou de Taksin ak Rama mwen te oblije repouse envazyon repete pa Burmese yo, ki pi danjere nan ki te lagè a nan nèf lame yo (1785-1786), anpil nan yo te lame anplwaye Burmese yo. Dènye envazyon an Burmese ki te fèt ak lagè a nan 1809-1812 , te genyen pa Siamese la nan moman wa Rama II .

Tout eta vwazen yo, Burma (Myanma), Laos , Kanbòdj ak Malezi , te pita sijè a kolonizasyon Ewopeyen an kontrèman ak Siam. Se sèlman nan 1826 , gras a yon akò komèsyal, kouwòn Britanik lan jwenn privilèj konsiderab, etabli yon enfliyans sèten sou peyi a, ki kanmenm pa janm kolonize. Pou prezève endepandans, Siamese yo te oblije akòde plizyè teritwa bay Lafrans ak Wayòm Ini a . Laos ak Kanbòdj, ki te vassal nan Siam, te vin yon pati nan franse Indochina , pandan y ap Eta a Shan nan nò a te vin yon pati nan Britanik-kolonize Burma; plizyè sultanat afliyan nan Siam ki sitiye nan nò a nan Malezi prezan-jou yo te tou bay Britanik yo.

Napoleon III resevwa anbasad la Siamese nan palè a nan Fontainebleau nan 1864.

Rama IV, ki moun ki gouvène soti nan 1851 a 1868 , te kòmanse modènizasyon an nan peyi a avèk èd nan kèk konseye Ewopeyen yo ak pitit gason l ' Rama V (Chulalongkorn), siksesè li, kontinye travay la pa ranfòse eta a ak kreye elit solid. Se gras a politik de souveren sa yo ke Siam te kenbe endepandans li.

Wa Chulalongkorn nan Larisi nan 1897 ak Nicholas II nan Larisi Soti nan Larisi, nan Palè Exander la.
Thai drapo nasyonal "Drapo a nan elefan an blan" soti nan 1855 1916

Rama V , kontinye travay la nan modènize peyi a e li te premye monak la Thai vwayaje nan Ewòp. Nan premye ane rèy li yo, li santre pouvwa sou tèt li, avèk èd anpil frè l 'yo, mete sou kote aristokrasi a ki te pwan enpòtans twòp nan deseni anvan yo. Li te refòme administrasyon an radikalman, li te chwazi lidè li yo, e li te pran premye etap yo nan direksyon pou santralize eta a ak etablisman mwa a , sibdivizyon politik-administratif gouvène pa komisyonè espesyal nonmen pa monak la ki piti piti ranplase ansyen gouvènè pwovens yo ak chèf taks lokal yo. , tou de tradisyonèlman nan pouvwa pou eritye biwo a. [27]

Li prezante nouvo sistèm edikatif ak lejislatif Ewopeyen an ak nan 1905 esklavaj entèdi, yon pratik ki te fè Siam yon eta retrograde nan je Ewopeyen yo. Fòs ame yo te reòganize. Li bati enfrastrikti enpòtan, ki gen ladan tren an premye, ak chanje aspè nan achitekti nan kapital la pa anbochaj teknisyen Italyen. [28] .

Pandan Premye Gè Mondyal la sou 22 jen, 1917 Thailand te deklare lagè sou Anpi Ostwo-Ongwa a ak Anpi Alman an , konsa jwenn yon plas nan mitan peyi yo viktorye. [29]

Monachi konstitisyonèl la ak pouvwa a militè yo

Gwo depans pou modènize peyi a ak gwo depresyon ki te swiv aksidan Wall Street 29 oktòb 1929 la te mete yon peryòd enstabilite politik. [30] Pandan rèy Rama VII la , koudeta 1932 la te fini monachi absoli e li te kòmanse monachi konstitisyonèl la . An 1935, wa a te abdike nan kontras ak gouvènman militè a, ki, daprè li, te itilize pouvwa nan yon fason otokratik kèlkeswa vwa pèp la. [31] [32]

Avèk nouvo wa a Rama VIII ki te sèlman 9 ane fin vye granmoun, regents yo te nonmen ak pouvwa pase nan men yo nan militè a; an patikilye li te nasyonalis la Plaek Phibunsongkhram ki monopolize sèn politik la jouk 1957, lè yo te akize de fwod li te depòte nan Japon. Avèk avenman militè a, yo te kòmanse yon seri de kou deta ki toujou mete inite peyi a an danje, ki sepandan rete kontra enfòmèl avèk lanmou pou kay wa a. Sou 24 jen, 1939, Siam chanje non li nan Thailand, ki vle di "Tè gason gratis". Chanjman non an te vle pa militè nasyonalis ki te sou pouvwa a epi ki te wè orijin Chinwa non Siam ak yon move je.

Epòk kontanporen

Pandan Dezyèm Gè Mondyal la Thailand bò ak pouvwa yo Aks , epi, pran avantaj de okipasyon Alman an nan Lafrans, nan mwa Oktòb 1940 mennen lagè Franco-Thai kont franse Indochina . Apre sis mwa nan batay lapè a te siyen, epi, ak entèmedyè a nan Japonè yo, sou 9 me 1941 Thailand te rekonèt kèk nan teritwa yo te bay franse a pa Rama V nan kòmansman syèk la. Avèk defèt Japon an, sepandan, li te retounen teritwa sa yo nan Novanm 1947 . Rive nan fen konfli a, sò a ki te rekonpanse efò alye yo, mouvman nasyonal anti-Japonè a Seri Thai fòse Phibunsongkhram bay demisyon kòm premye minis, kòmanse yon peryòd demokratik nan peyi a, ki te pran non an Siam tounen nan 1945. Nan pita, diktatè a te sòti eparye nan esè krim lagè yo. [33]

Nan 1946 Rama VIII te misterye asasinen nan Bangkok ak jenn frè a Bhumibol Adulyadej Rama IX moute sou fòtèy la, ki moun ki sou ane yo ta gen akeri konsiderab prestige tou de entèn ak entènasyonalman ak ki asire peyi a yon sèten estabilite politik menm nan moman nan pi gwo tourbiyon. . An 1947, yon koudeta ki te òganize pa Phibunsongkhram te depoze premye minis la, yon ofisye naval ki te ansyen nan mouvman anti-Japonè Seri Thai la , e li te retabli ansyen yerachi militè yo anvan lagè sou pouvwa a. 8 Avril 1948, Phibunsongkhram te jwenn dezyèm manda li kòm premye minis e sou 11 Me 1949 peyi a te pran non Thailand ankò.

Katye jeneral Air America nan Udon Thani , c. 1967

Avèk konsolidasyon Gè Fwad la , nan ane annapre yo kolaborasyon avèk gouvènman Etazini an te devlope tou de nan yon fonksyon anti-kominis, sa ki pèmèt itilizasyon enstalasyon ayewopò yo pou fòs aeryen ameriken an pou misyon li yo nan Laos ak Vyetnam nò , ak nan jaden ekonomik la, ak envestisman US fò nan peyi a. Lagè geriya kominis anti-gouvènman an nan Thailand te fèt nan ane 1960 yo e lame a te kraze nan ane 1980 yo. [34] Patikilyèman brital te represyon mouvman elèv la, ki te fèt apre 3 zan nan règ demokratik. Masak la feròs nan Inivèsite Thammasat kont manifestan sou 6 oktòb 1976 a nan lanmò nan plis pase 100 moun (46 dapre polis la Bangkok) ak blesi a ak arestasyon nan anpil lòt moun. [35] Menm jou a, te gen yon nouvo koudeta ki te ranvèse gouvènman Pati Demokratik la e ki te remèt pouvwa a zèl ekstrèm nasyonalis pro-monarchis yo.

Nan kòmansman ane 1980 yo, yon faksyon nan lame a tou pre wa a, men ki gen yon nati plis demokratik, te pran pouvwa. Nouvo gouvènman an te kontribye nan pasifikasyon nasyonal la, akòde amnisti pou rebèl kominis yo ki te abandone lit ame yo e pwomouvwa ekonomi an, ki fè Thailand youn nan tig Azyatik yo nan sektè a. Yon nouvo koudeta pa zèl reyaksyonè lame a te fini rekonsilyasyon nasyonal an 1991. Yon masiv manifestasyon anti-gouvènman an 1992 te mennen nan yon nouvo masak foul ke yo rekonèt kòm Black May , nan ki 52 moun te mouri ak anpil te tòtire oswa fè disparèt. Entèvansyon wa a te mete fen nan revòlt la ak gouvènman an koudeta demisyone, remèt pouvwa a nan yon manm nan Pati Demokrat la.

Konsèvativ Pati Aspirasyon Nouvo te genyen eleksyon 1996 yo, men ane annapre a te akable pa kriz finansye Azyatik la . Gouvènman an te retounen nan Pati Demokratik Chuan Leekpai a , ki te jwenn finansman nan Fon Monetè Entènasyonal e ki te estabilize lajan an.

Ven-premye syèk la

An 2001 , avèk viktwa nan eleksyon pati Thaksin Shinawatra a, militè yo te pèdi kontwòl pouvwa lejislatif ak pouvwa egzekitif yo, sa te lakòz yon divizyon nan popilasyon an ak yon radikalizasyon eklatman ant sipòtè nouvo gouvènman an sou yon men, trè chofe osijè refòm popilis Thaksin yo an favè pòv yo, ak konsèvatè nan lòt la, ki te dirije pa tèt la nan fòs lame yo, noblès la ak boujwa yo rich. Lèt la te jwenn tèt yo peye pri a pi gran pou refòm Thaksin a ak te kòmanse opoze kouray gouvènman an.

26 Desanm 2004, yon tranbleman tè ki gen yon sant nan Sumatra (Endonezi) te lakòz yon tsunami ki te rive nan zile yo ak kot Thailand, sa ki lakòz plis pase 5,000 viktim nan peyi a ak dè santèn de milye atravè lemond. Vin pi grav nan enstabilite politik a nan nouvo koudeta a nan mwa septanm 2006 . Pran pa militè a te pran plas san viktim yo, avèk konsantman wa a ak yon gwo pati nan popilasyon an. Premye Minis Thaksin te akize sou plizyè chaj, ki gen ladan koripsyon ak konfli enterè , e li te fòse yo pran refij nan ekzil aletranje. Pandan manda li a, Thaksin te bati yon gwo swiv pa pwomosyon inisyativ an favè popilasyon an, tèlman bagay ke nan eleksyon yo nan mwa desanm 2007 Pati a ki gen pouvwa moun nan alye l ' Somchai Wongsawat te genyen. Yon seri long manifestasyon te kòmanse pa konsèvatè ak monarchist; an Novanm nan ane annapre a opozan yo nan gouvènman an te lakòz revòlt grav ak nan pwotestasyon yo te okipe ayewopò an nan Bangkok sa ki lakòz deranjman grav. 2 desanm 2008 , tribinal konstitisyonèl la te rekonèt majorite pati a koupab de fwod e li te fonn li, ki entèdi Somchai Wongsawat ak lòt lidè pati yo nan lavi politik pandan senk an. [36]

Pouvwa a te rete nan men yon pati militè ki te kontwole, men depi chanjman sa a nan tèt la te fèt nan yerachi a epi yo pa nan eleksyon regilye yo, sipòtè Thaksin a, chemiz wouj yo lye nan tibebe ki fenk fèt Front Etazini pou Demokrasi kont Diktati , yo pa t ' pa janm bay legen. Nan 2010 yo pwovoke vin pi grav nan kriz la deja grav politik ak sosyal pa mande pi gwo dwa, libète ak jistis sosyal, men pi wo a tout anviwònman an nan nouvo eleksyon yo. Manifestasyon masiv nan mwa avril yo te britalman reprime pa lame a ak eklatman vyolan yo te lakòz 91 lanmò, pifò nan yo nan mitan chemiz wouj yo. [37]

Yingluck Shinawatra te vin premye fanm ki te vin premye minis nan Thailand an 2011.

Eleksyon yo te fèt 3 jiyè 2011 e yo te wè gwo siksè pati Pheu Thai opozisyon an , ki te dirije pa Yingluck Shinawatra , ti sè Thaksin, ki te vin nouvo premye minis nan yon gouvènman kowalisyon. Aprè plizyè mwa pwotestasyon piman bouk anti-gouvènman an, ki te mande demisyon premye minis la paske li te reprezante enterè frè li te depoze a, nan mwa me 2014 Tribinal Konstitisyonèl la te ranvwaye Yingluck sou akizasyon "abi pouvwa politik pou rezon pèsonèl". Avèk fraz sa a, tout lòt minis yo nan biwo yo te ranvwaye tou lè reyalite a te rive. [38]

Avèk ogmantasyon tansyon an ak entansyon pou jwenn yon solisyon pou kriz la, nan dat 20 me 2014 lame a te deklare lwa masyal ki te swiv pa koudeta militè 22 me a . Konstitisyon an te aboli, gouvènman pwovizwa a te fonn, yon kouvrefe te pran efè sou teritwa nasyonal la soti nan 10 pm a 5 am, ak manifestan tou de bò yo te gaye. Entèvansyon militè a te fèt apre 28 moun te pèdi lavi yo nan eklatman ak atak ki lye a manifestasyon yo depi manifestasyon yo te kòmanse nan Novanm nan. Se te 19yèm tantativ koudeta nan peyi a apre etablisman monachi konstitisyonèl la an 1932. [39]

Crematorium nan wa Rama IX nan mitan lannwit

La mattina del 23 maggio, il comandante in capo dell'esercito Prayuth Chan-ocha , guida del colpo di Stato, si auto-proclamò primo ministro ad interim della Thailandia e iniziò subito a esercitare una ferrea repressione sulle opposizioni. [40] Negli anni immediatamente successivi, malgrado le sollecitazioni della comunità internazionale, il regime militare rifiutò di concedere nuove elezioni. [41] Con la morte di re Rama IX il 13 ottobre 2016, salì al trono il figlio Vajiralongkorn (Rama X), che fin dall'inizio del suo regno è stato molto attivo politicamente allargando la sua sfera d'influenza nelle vicende interne thailandesi. L'imposizione dei suoi voleri alla giunta militare è stata vista da alcuni osservatori come il tentativo di rafforzare il prestigio della monarchia nel Paese centralizzando il potere secondo uno stile di stampo assolutista , al contrario di quanto fece il padre Rama IX nei rapporti con le varie giunte militari che guidarono la Thailandia durante il suo regno. Il 6 aprile 2017 Vajiralongkorn controfirmò la nuova Costituzione (la 20ª da quando fu introdotta la monarchia costituzionale nel 1932 ) che aumentò i poteri dei militari e della Corte costituzionale in ambito politico per prevenire il ritorno al potere di Thaksin Shinawatra e dei suoi alleati. [41]

Dal canto suo, il re vide aumentare sensibilmente i propri privilegi, in particolare nel giugno del 2018 l' Agenzia della Proprietà della Corona annunciò che la proprietà dei beni della Casa reale, fino ad allora considerati un patrimonio nazionale, era stata trasferita a Vajiralongkorn, che diventò così uno dei sovrani più ricchi del mondo. [42] Le elezioni del 2019 si svolsero secondo quanto disposto dalla Costituzione, con i 250 membri del Senato scelti dalla giunta militare. Questa e altre circostanze maturate nel corso delle consultazioni sollevarono pesanti critiche contro la giunta. [43] La coalizione guidata dal Partito Palang Pracharath organizzato dai militari e capeggiato da Prayut si assicurò la maggioranza dei seggi anche alla Camera anche in virtù del discutibile modo in cui vennero gestite da funzionari nominati dalla stessa giunta militare. Il nuovo Parlamento elesse Prayut primo ministro. [44] Alle elezioni ebbe grande successo il Partito del Futuro Nuovo soprattutto tra i giovani, offrendo un'alternativa ai tradizionali partiti politici e ponendosi in conflitto con i militari al potere, ma fu disciolto il 21 febbraio 2020 con una sentenza della Corte costituzionale [45]

L'evento scatenò la reazione popolare ed ebbero subito inizio una serie di manifestazioni anti-governative , le più grandi dal colpo di Stato del 2014. Le richieste dei dimostranti furono lo scioglimento del Parlamento, la fine delle intimidazioni delle forze dell'ordine contro le opposizioni, profonde modifiche alla Costituzione e una radicale riforma della monarchia che prevedeva pesanti tagli ai privilegi del re, un evento senza precedenti nella storia del Paese. I dimostranti espressero inoltre la convinzione che il connubio tra le forze armate e la monarchia fosse un ostacolo da abbattere per avere una democrazia reale. [45] [46] Il governo di Prayut reagì emanando un severo stato di emergenza , nonché inviando le forze dell'ordine a disperdere le pacifiche manifestazioni. Il positivo impatto che ebbero le proteste su buona parte dell'opinione pubblica costrinsero però Prayut a promettere emendamenti alla Costituzione ma il movimento non lo ritenne credibile e le dimostrazioni proseguirono per diversi mesi.[47] [48]

In Thailandia come negli altri paesi dell'area, è tuttora in vigore la pena di morte per l' omicidio , per il traffico di droga e per altri reati gravi. Un reato che viene punito con particolare durezza è quello di lesa maestà , che prevede pene dai 3 ai 15 anni di carcere per ogni singolo "insulto" a un membro della casa reale. [49]

Geografia

Picchi nel nord della Thailandia.
Spiagge nel sud della Thailandia.
Foreste nel nord della Thailandia.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Geografia della Thailandia .

Con i suoi 513.120 km² di superficie, la Thailandia è il 51º stato del mondo per estensione. È paragonabile per dimensioni alla Spagna .

Idrografia

Il paese è sede di distinte regioni geografiche. La Thailandia del Nord è montuosa e ospita il Doi Inthanon , il rilievo più alto del paese con i suoi 2.576 metri; una serie di catene montuose e il fiume Saluen la separano a ovest dalla Birmania, il fiume Mekong fa da confine a nordest con il Laos . La Thailandia del Nordest , chiamata anche Isan , è costituita dall' altopiano di Khorat ; anch'essa è separata dal Laos a nord ea est dal Mekong, mentre una serie di basse catene montuose ne segnano i confini meridionale e occidentale. A sud dell'Isan, la catena dei monti Dângrêk segna il confine con la Cambogia .

Il centro della nazione è dominato dalla valle in gran parte pianeggiante del fiume Chao Phraya , che si getta nel golfo del Siam ; la parte occidentale è contrassegnata da catene montuose che fanno da confine con la Birmania e quella orientale dai monti Cardamomi , che demarcano il confine con la Cambogia. La Thailandia del Sud si estende lungo la penisola malese , che è attraversata dalla catena dei monti del Tenasserim e ha il suo punto più stretto nell' istmo di Kra , nei pressi di Ranong , dove termina a sud il confine tra la Thailandia e la Birmania.

Sul golfo del Siam e sul mare delle Andamane sono presenti molte isole dotate di attrezzature turistiche all'avanguardia, che rappresentano una delle principali fonti di ricchezza del paese. Oltre alla capitale Bangkok , tra le città più popolose e importanti vi sono Nonthaburi , Pak Kret , Nakhon Ratchasima , Chiang Mai , Hat Yai , Udon Thani , Khon Kaen , Ubon Ratchathani , Nakhon Si Thammarat , Nakhon Sawan , Nakhon Pathom , Phitsanulok , Pattaya , Songkhla , Surat Thani , Città di Phuket e Chiang Rai .

Clima

Il clima della Thailandia è di tipo tropicale e caratterizzato dalla presenza dei monsoni . La particolare forma geografica del paese che si sviluppa in senso meridiano crea diversi microclimi e le temperature variano in ragione delle zone. In generale la stagione fresca va da metà ottobre a gennaio, con il manifestarsi del monsone asciutto e freddo di nordest e temperature che a nord arrivano a toccare anche lo zero. La stagione calda intercorre tra febbraio e aprile con temperature che arrivano a 40 °C. La stagione delle piogge , determinata dal monsone sud-occidentale, ha inizio tra maggio e giugno e termina a ottobre/novembre. Nelle aree meridionali, più calde e umide, la stagione fredda è più breve; il monsone che soffia sulle coste del Mar delle Andamane fa sì che le piogge terminino un paio di mesi dopo rispetto al resto del Paese.

Flora e fauna

La Thailandia è un paese di foreste, praterie disseminate da arbusti e aree umide paludose costellate da loti e ninfee. A partire dalla metà del XX secolo, la superficie totale del paese occupata dalle foreste è diminuita da oltre la metà a meno di un terzo. L'abbattimento delle foreste per creare terreni agricoli (comprese piantagioni di alberi), l'eccessivo sfruttamento del legname, e la scarsa gestione delle risorse sono state le cause principali di questo declino. Le foreste sono costituite soprattutto da essenze dure quali il teak e da specie della famiglia Dipterocarpaceae , sfruttate sia per il legname che per la resina. Come altrove nel Sud-est asiatico, sono comuni palme, rattan e molti tipi di felci. Dove le foreste sono state abbattute e non ripiantate, si è sviluppata una crescita secondaria di erbe e arbusti che spesso limita l'utilizzo del suolo per l'agricoltura. Loti e ninfee costellano la maggior parte degli stagni e delle paludi di tutto il paese.

Elefante, Prachuap Khiri Khan .

La rapida deforestazione, assieme al notevole aumento della richiesta di animali esotici, si è rivelata deleteria per la fauna selvatica. Rinoceronti e tapiri, un tempo diffusi in molte parti del paese, sono pressoché scomparsi del tutto, così come le mandrie di elefanti selvatici. Una sorte simile è toccata ai gibboni e ad alcune specie di scimmie ed uccelli. Nonostante siano stati effettuati seri sforzi per impedire la vendita illegale di specie minacciate, essi hanno avuto solo un successo limitato. Come per altre normative sulla conservazione, che hanno una lunga storia in Thailandia, è stato difficile attuare e far rispettare tali leggi.

Un tempo le acque della Thailandia, sia di acqua dolce che marine, abbondavano di pesci, nonché di gamberetti, gamberi e granchi di mare, ma il loro numero è rapidamente precipitato a causa della sovrapesca e della distruzione dei loro habitat naturali. Molti dei gamberetti e dei gamberi che vengono venduti nei mercati locali o esportati provengono da appositi allevamenti. Oggi, è più facile vedere un serpente, tra cui cobra reali e alcune specie di velenosi serpenti d'acqua, nelle fattorie dei rettili piuttosto che in natura, nonostante siano ancora comuni. Lo stesso discorso è valido anche per i coccodrilli, ancora presenti in natura nel sud del paese.

Popolazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Thai .

Demografia

La Thailandia aveva una popolazione di 66.558.935 persone secondo una stima del 2019 [50] , in gran parte concentrata nelle aree rurali di coltivazione del riso delle regioni centrali, nord-orientali e settentrionali. Secondo il censimento del 2010, circa il 45,7% della popolazione thailandese viveva nelle aree urbane, soprattutto nella Regione metropolitana di Bangkok .

Il programma di pianificazione familiare sponsorizzato dal governo thailandese ha provocato un drammatico declino del tasso di crescita della popolazione, passato dal 3,1% nel 1960 a circa lo 0,4% del 2010. Nel 1970, una famiglia thailandese era composta in media da 5,7 persone, secondo il censimento del 2010, la dimensione media della famiglia thailandese era di 3,2 persone.

Etnie

Ragazze delle tribù della collina nel nord-est della Thailandia

L'etnia thai fa parte della grande famiglia dei popoli tai i cui stanziamenti si estendevano dall' Assam all'isola di Hainan , e dal Sichuan al sud dell'odierna Thailandia. Ne fanno parte anche gli ahom nell'Assam, gli shan nella Birmania del Nordest, i lao in Laos e in Thailandia del Nordest, i tày in Laos e Vietnam, i nung in Vietnam, ei dai e gli zhuang in Cina. Questi popoli hanno in comune l'origine della lingua , alcune tradizioni e feste, e professano quasi tutti il buddhismo theravada .

Il popolo thai si suddivide in quattro grandi sottogruppi: thai centrali, nord-orientali (anche detti "Isan"), settentrionali e meridionali. I thai centrali hanno a lungo dominato il paese dal punto di vista politico, economico e culturale, pur rappresentando solo 1/3 circa dell'intera popolazione ed essendo così di poco superati in numero dai thai nord-orientali, che conservano buona parte di lingua, dialetti e cultura del Laos da dove provenivano i loro antenati. [51] A seguito dei processi di scolarizzazione e di formazione di un'identità nazionale, oggi gran parte degli abitanti della Thailandia parla, accanto alle proprie lingue o dialetti locali, anche la lingua thailandese ufficiale che è quella dei thai centrali. [52]

La principale minoranza non appartenente ai popoli tai è rappresentata dai cinesi , che a partire dalla fine del XVIII secolo migrarono in numero crescente in Siam dando vita a nuove redditizie imprese, diventando i pionieri del libero mercato e assumendo gradatamente un ruolo dominante nell'economia nazionale. Si integrarono con la società siamese anche grazie a matrimoni misti sino-thai, arrivando a imparentarsi con la famiglia reale ea fondare dinastie di nobili e di imprenditori. Da un lato i cinesi si sono assimilati alla cultura thailandese (anche tra le fasce medie e meno abbienti della popolazione) e dall'altro hanno introdotto nella cultura thai elementi della propria tradizione lavorativa, religiosa, artistica, culinaria ecc. [53] I sino-thai hanno mantenuto e in seguito aumentato il proprio potere superando i problemi derivati dalle istanze nazionalistiche e anti-cinesi della prima metà del XX secolo in Thailandia. [54] Uno dei principali luoghi dove sono concentrati i thai-cinesi è la zona di Yawarat, la Chinatown di Bangkok .

Altri gruppi etnici minoritari sono i malesi nella Thailandia del Sud , i mon , i khmer lungo le aree di confine con la Cambogia e diverse tribù delle colline. Con la fine della guerra in Vietnam , molti vietnamiti trovarono rifugio in Thailandia, specie nelle regioni nord-orientali.

Religione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Religioni in Thailandia .
Novizi buddisti meditando nella foresta.

Secondo la statistica governativa riguardante il 2015, il 94,6% circa dei thailandesi professa il buddhismo theravada . Seguono i musulmani (4,3%), concentrati nel sud del Paese e rappresentati in particolare dalla minoranza malese . I cristiani costituiscono invece l'1,02% della popolazione. Nelle città vi sono esigue minoranze di induisti , confuciani e sikh . [55] Tra i membri delle varie etnie tribali la fede principale è l' animismo .

Lingue

Lingua nazionale è il tailandese (detto anche thai ), scritto con un proprio alfabeto . Numerosi e molto diffusi sono i dialetti tai, nel nord-est del Paese è diffusa la lingua isan , che si suddivide in diversi dialetti derivati dalla lao e sono mutualmente intelligibili con il thailandese. Le minoranze etniche utilizzano i propri idiomi (soprattutto mon e khmer ). Sebbene sia ampiamente insegnato nelle scuole, l' inglese non è molto diffuso, specie nelle regioni più remote.

Ordinamento dello Stato

Suddivisioni amministrative

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisioni della Thailandia .

La Thailandia è suddivisa in 76 province (in thailandese : จังหวัด, traslitterazione RTGS : changwat ). La capitale Bangkok è dal 1975 una zona con lo statuto speciale di metropoli affidata all' Amministrazione metropolitana di Bangkok . Viene considerata come la 77ª provincia, poiché è amministrata allo stesso livello delle province. Il sistema di suddivisione amministrativa in 77 province è quello ufficiale adottato dal dipartimento governativo dell' Istituto Reale di Thailandia .

Le province thailandesi vengono di seguito riportate secondo l'appartenenza geografica alle regioni del paese. Le regioni non sono enti amministrativi ed esistono vari sistemi di suddivisione in regioni (viene qui utilizzato quello a sei regioni).

Mappa delle province della Thailandia suddivise nel sistema a sei macro-regioni: non è evidenziata la provincia di Bueng Kan , istituita nel 2011, a cui è stato assegnata la parte orientale del territorio della provincia di Nong Khai
Huai Nam Dang, Chiang Mai
Khao Sam Roi Yot, Prachuap Khiri Khan

Nord

  1. Chiang Mai (เชียงใหม่)
  2. Chiang Rai (เชียงราย)
  3. Lampang (ลำปาง)
  4. Lamphun (ลำพูน)
  5. Mae Hong Son (แม่ฮ่องสอน)
  6. Nan (น่าน)
  7. Phayao (พะเยา)
  8. Phrae (แพร่)
  9. Uttaradit (อุตรดิตถ์)

Ovest

  1. Kanchanaburi (กาญจนบุรี)
  2. Phetchaburi (เพชรบุรี)
  3. Prachuap Khiri Khan (ประจวบคีรีขันธ์)
  4. Ratchaburi (ราชบุรี)
  5. Tak (ตาก)

Nordest

  1. Amnat Charoen (อำนาจเจริญ)
  2. Buri Ram (บุรีรัมย์)
  3. Chaiyaphum (ชัยภูมิ)
  4. Kalasin (กาฬสินธุ์)
  5. Khon Kaen (ขอนแก่น)
  6. Loei (เลย)
  7. Maha Sarakham (มหาสารคาม)
  8. Mukdahan (มุกดาหาร)
  9. Nakhon Phanom (นครพนม)
  10. Nakhon Ratchasima (นครราชสีมา)
  11. Nong Bua Lamphu (หนองบัวลำภู)
  12. Nong Khai (หนองคาย)
  13. Roi Et (ร้อยเอ็ด)
  14. Sakon Nakhon (สกลนคร)
  15. Si Sa Ket (ศรีสะเกษ)
  16. Surin (สุรินทร์)
  17. Ubon Ratchathani (อุบลราชธานี)
  18. Udon Thani (อุดรธานี)
  19. Yasothon (ยโสธร)
  20. Bueng Kan (บึงกาฬ)

Centro

  1. Ang Thong (อ่างทอง)
  2. Phra Nakhon Si Ayutthaya (พระนครศรีอยุธยา)
  3. Bangkok (Krung Thep Maha Nakhon) (กรุงเทพมหานคร), zona a statuto speciale
  4. Chai Nat (ชัยนาท)
  5. Kamphaeng Phet (กำแพงเพชร)
  6. Lop Buri (ลพบุรี)
  7. Nakhon Nayok (นครนายก)
  8. Nakhon Pathom (นครปฐม)
  9. Nakhon Sawan (นครสวรรค์)
  10. Nonthaburi (นนทบุรี)
  11. Pathum Thani (ปทุมธานี)
  12. Phetchabun (เพชรบูรณ์)
  13. Phichit (พิจิตร)
  14. Phitsanulok (พิษณุโลก)
  15. Sukhothai (สุโขทัย)
  16. Samut Prakan (สมุทรปราการ)
  17. Samut Sakhon (สมุทรสาคร)
  18. Samut Songkhram (สมุทรสงคราม)
  19. Saraburi (สระบุรี)
  20. Sing Buri (สิงห์บุรี)
  21. Suphan Buri (สุพรรณบุรี)
  22. Uthai Thani (อุทัยธานี)

Est

  1. Chachoengsao (ฉะเชิงเทรา)
  2. Chanthaburi (จันทบุรี)
  3. Chonburi (ชลบุรี)
  4. Prachin Buri (ปราจีนบุรี)
  5. Rayong (ระยอง)
  6. Sa Kaeo (สระแก้ว)
  7. Trat (ตราด)

Sud

  1. Chumphon (ชุมพร)
  2. Krabi (กระบี่)
  3. Nakhon Si Thammarat (นครศรีธรรมราช)
  4. Narathiwat (นราธิวาส)
  5. Pattani (ปัตตานี)
  6. Phang Nga (พังงา)
  7. Phatthalung (พัทลุง)
  8. Phuket (ภูเก็ต)
  9. Ranong (ระนอง)
  10. Satun (สตูล)
  11. Songkhla (สงขลา)
  12. Surat Thani (สุราษฎร์ธานี)
  13. Trang (ตรัง)
  14. Yala (ยะลา)

Città principali

Le città principali della Thailandia sono Bangkok , con 8,281 milioni di abitanti (2010), Nonthaburi (270 000), Nakhon Ratchasima (174.000), Chiang Mai (174.000), Hat Yai (157.000) e Udon Thani (155.000).

Istituzioni

studenti in un'università.

Università

Il 26 marzo 1917 fu istituita l' Università Chulalongkorn , fondata da re Vajiravudh (Rama VI), è il più antico ateneo thailandese e tra i più prestigiosi del paese.

Politica

La Thailandia è una monarchia parlamentare con un Parlamento bicamerale (Camera dei Rappresentanti e Senato). Il paese è governato da una dittatura militare dal 2014, anno in cui l'ultimo governo democraticamente eletto è stato rovesciato da un colpo di stato [56] .

Il sovrano attuale è Vajiralongkorn , in carica dal 13 ottobre 2016 [57] con il nome regale di Rama X , succeduto al padre Bhumibol Adulyadej (Rama IX).

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Turismo in Thailandia .
Bangkok , la capitale, è anche la città più grande e il centro economico e finanziario del paese.

Nel corso del 2013 il tasso di disoccupazione è risultato inferiore all'1%.

Quasi il 70% dell'intera popolazione thailandese è impegnato nel settore primario . I fertili terreni alluvionali rendono la Thailandia primo esportatore di tapioca al mondo, secondo esportatore di riso e di caucciù , al terzo di ananas in scatola. Inoltre questo paese è tra i principali esportatori di zucchero , granoturco e stagno . In via di sviluppo sono l'industria dell'abbigliamento e l'elettronica. In via di incremento il turismo internazionale che si concentra, in particolar modo, nella zona costiera.

La moneta locale è il Baht thailandese , che nel 1997 venne pesantemente svalutato in seguito a una grave crisi economica, dando il via a un effetto domino che portò le tigri asiatiche ad una crisi economica.

Tradizionalmente la pesca viene fatta sulla tipica imbarcazione, la Kolae .

Settore primario

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Agricoltura in Thailandia .

Gli sviluppi in agricoltura dal 1960 hanno sostenuto la transizione della Thailandia verso un'economia industrializzata. Nel 2008 l'agricoltura, silvicoltura e pesca hanno contribuito 8,4 per cento del PIL; nelle zone rurali, i lavori agricoli forniscono lavoro. La Thailandia è uno dei primi esportatori mondiali di riso, e un grande esportatore di gamberetti. Altre coltivazioni includono noci di cocco, mais, gomma, soia, canna da zucchero e tapioca. Secondo un'indagine degli anni 2010 del Ministero thailandese dell'Agricoltura e delle Cooperative, il 46,5% del territorio nazionale è usato per l'agricoltura. L'8,8% del terreno agricolo è destinato all' orticoltura ei frutti principali sono mango (20,5%), longan (10,4%), durian (5,8%), mangostano (4,1%), longkong (3,7%), rambutan (3%), lychee (1,3%) e mandarino tangerino (0,9%). [58]

La Thailandia è il secondo esportatore di riso al mondo.

Nel 1985 la Thailandia ha designato il 25 per cento della sua superficie per la protezione delle foreste e del 15 per cento per la produzione di legname. Le foreste sono state scelte per la conservazione e la ricreazione della fauna e della flora, mentre le foreste di legname sono disponibili per il settore forestale. Tra il 1992 e il 2001 le esportazioni di tronchi e legname sono aumentate da 50.000 a 2.000.000 di metri cubi all'anno.

L'epidemia di influenza aviaria regionale contratta della Thailandia dal settore agricolo nel 2004 e lo tsunami del 26 dicembre dello stesso anno hanno devastato il settore della pesca west-coast. Nel 2005 e nel 2006 il PIL agricolo è calato del 10%.

Nel settore agricolo il riso è l'alimento base, ed è coltivato nelle pianure del Chao Phraya e del Mekong . Mais e manioca sono gli altri due prodotti coltivati nel paese. Banane, caffè, tabacco, ananas, canna da zucchero e iuta sono le colture da piantagione principali, mentre la ricca vegetazione della Thailandia fornisce vari tipi di legname pregiato, come il teak, il sandalo, il sapan e l'ebano.

Settore terziario

Un monumento culturale che attira molti turisti in Thailandia
Wat Arun , Bangkok
Wat Phra Kaew , Bangkok

Il turismo contribuisce in modo significativo all'economia thailandese, e l'industria turistica ha beneficiato del deprezzamento del baht e della stabilità della Thailandia. Gli arrivi turistici nel 2002 sono stati di 10.9 milioni di persone con un aumento del 7.3% rispetto all'anno precedente (10.1 milioni nel 2001).

Il turismo fornisce un contributo grande per l'economia della Thailandia (circa il 6% del PIL). I turisti vengono in Thailandia per una serie di motivi, in primo luogo per la bellezza delle sue spiagge, ma anche Bangkok ha visto un forte aumento del turismo negli ultimi anni.

Secondo il World Travel and Tourism Council, la Thailandia è al quinto posto della più grande destinazione del turismo medico per la spesa in entrata del turismo medico, attirando oltre 2.5 milioni di visitatori nel 2018. [59] Il paese è anche il numero uno dell'Asia. [60] Il paese è popolare per la crescente pratica della chirurgia di riassegnazione del sesso (SRS) e della chirurgia estetica.

Nel 2007 circa 14 milioni di turisti hanno visitato la Thailandia. Il settore del turismo comprende il turismo sessuale , anche se la prostituzione è illegale in Thailandia. Il numero di turisti nel 2009 è stato stimato in circa 14 milioni, in calo del 4% rispetto al 2008.

Settore secondario

Nel 2007 l'industria ha contribuito con il 43,9% del PIL, impiegando il 14% della forza lavoro. L'industria è cresciuta a un tasso medio annuo del 3,4% nel periodo 1995-2005. Il sottosettore più importante del settore è la produzione, che rappresentano il 34,5% del PIL nel 2004.

La Thailandia sta diventando un centro per la produzione di automobili per l' Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico (ASEAN) di mercato. Nel 2004 la produzione di automobili ha raggiunto 930.000 unità, più del doppio di quanto nel 2001. Toyota e Ford sono attive in Thailandia, e l'espansione del settore automobilistico ha aumentato la produzione di acciaio nazionale. L'industria elettronica della Thailandia è frenata dalla concorrenza di Malesia e Singapore, mentre quella tessile la concorrenza di Cina e Vietnam.I prodotti più esportati dalla Thailandia sono: vestiario come le calzature, diamanti e preziosi, derivati del petrolio, inoltre il riso, crostacei e molluschi.

Salute

Siriraj Hospital di Bangkok, l'ospedale più antico e più grande della Thailandia.

La Thailandia è al 6º posto al mondo e al 1º in Asia nell'Indice di sicurezza sanitaria globale 2019 delle capacità di sicurezza sanitaria globale in 195 paesi [61] , rendendolo l'unico paese in via di sviluppo nella top ten mondiale. La Thailandia aveva 62 ospedali accreditati dalla Joint Commission International. [62] Nel 2002, Bumrungrad divenne il primo ospedale in Asia a soddisfare lo standard.

L'assistenza sanitaria e medica è supervisionata dal Ministero della sanità pubblica (MOPH), insieme a diverse altre agenzie governative non ministeriali, con una spesa nazionale totale per la salute pari al 4,3% del PIL nel 2009. Le malattie non trasmissibili costituiscono l'onere maggiore di la morbilità e la mortalità, mentre le malattie infettive tra cui la malaria e la tubercolosi, nonché gli incidenti stradali, sono anche importanti problemi di salute pubblica. L'attuale ministro della sanità pubblica è Anutin Charnvirakul.

Nel dicembre 2018 il parlamento ad interim ha votato per legalizzare l'uso della cannabis per motivi medici. L'uso ricreativo è rimasto illegale. L'Assemblea Legislativa Nazionale ha avuto 166 voti a favore dell'emendamento alla legge sugli stupefacenti, mentre non ci sono stati voti contrari e 13 astensioni. Il voto rende la Thailandia il primo paese del sud-est asiatico a consentire l'uso della cannabis medica. [63]

Cultura

Letteratura

Verso la fine del XVIII secolo si afferma l'epica nazionale thailandese del Ramakien (in lingua thai: รามเกียรติ์, Gloria di Rama)

Una produzione letteraria thailandese nasce nel XIV secolo per affermarsi nel XIX con la poesia : Sunthorn Phu e uno di questi autori che ha valorizzato la letteratura thailandese. Il genere della prosa si riscontra invece durante il XX secolo lasciando spazio a vari temi non solo di carattere popolare.

Musica

Un tipico strumento musicale appartenente ai cordofoni è il sueng , originario della Thailandia.

Patrimoni dell'umanità

La Città storica di Ayutthaya

La Thailandia, a livello culturale, vanta una ricca tradizione paesaggistica e artistica, omaggiata a livello universale, tanto che cinque dei suoi siti sono stati inseriti nella Lista dei patrimoni dell'umanità dell' UNESCO :

Missioni spaziali

18 dicembre 1993 : viene lanciato Thaicom-1 , primo satellite artificiale thailandese

Divertimento

Gli attori dei film thailandesi di fama internazionale lo sono Tony Jaa . I famosi film di arti marziali : Ong-Bak - Nato per combattere , Ong-Bak 2 - La nascita del dragone , Ong-Bak 3 , The Protector - La legge del Muay Thai . [65] [66] [67]

Lalisa Manoban

Famosi film horror in Thailandia: Shutter (2004), Alone (2007), Coming Soon (2008), 4bia (2008), Phobia 2 (2009), The Swimmer (2014). Pee Mak è un film thailandese di genere commedia dell'orrore del 2013, ispirato a Mae Nak Phra Khanong, una leggenda popolare thailandese. [68]

I drammi televisivi della Thailandia, noti come Lakorn, Lakorn sono diventati popolari in Thailandia e fuori dalla Thailandia. [69] Molti drammi tendono ad avere un focus romantico, come ad esempio Ugly Duckling (2015), U-Prince (2017), Bai Mai Tee Plid Plew (2019), e serie drammatiche per adolescenti, come The Gifted (2018), Social Death Vote (2018), Girl from Nowhere (2018) e Wolf - Game la ter (2019).

Una delle più note interpreti della musica thailandese e Pumpuang Duangjan (1961-1992), ricordata, in particolare, per i testi, che descrivono i poveri rurali della Thailandia. artisti pop dance di fama internazionale includono Tata Young , Lalisa Manoban. [70]

Sport

Muay thai

Ram Muay, Rituali pre-combattimento.
Match di muay thai a Bangkok
Buakaw , famosi praticanti di muay thai internazionali

Lo sport nazionale thailandese è la muay thai , arte marziale che traccia le sue origini dall'antica muay boran sviluppatasi ai tempi di re Naresuan nel XVI secolo . Assunse lo stile odierno verso la metà del XVIII secolo [71] ed è oggi praticata in molti Paesi al mondo. Tra i campioni thailandesi della muay thai vi sono Buakaw Banchamek , più volte campione del mondo, Sudsakorn Sor Klinmee , Yodsanklai Fairtex e Sitthichai Sitsongpeenong.

Calcio

La Nazionale di calcio della Thailandia risulta una delle più forti del Sud-est asiatico. Nel suo palmares spiccano i numerosi trionfi ai Giochi del Sud-est asiatico . La disciplina ha acquistato grande popolarità nel Paese in particolar modo tra i giovani, molti dei quali la preferiscono alla tradizionale muay thai . [72] Il magnate thailandese Vichai Srivaddhanaprabha è stato il presidente che ha guidato il Leicester City alla conquista del suo primo storico scudetto nella Premier League 2015-2016 . In precedenza l'ex primo ministro Thaksin Shinawatra era stato presidente del Manchester City .

Altri sport

Tra gli sport tradizionali thailandesi figura il takraw , una sorta di footvolley giocato su superficie sintetica in cui una piccola palla di rattan può essere toccata con tutto il corpo ad eccezione delle braccia e delle mani. Le squadre thailandesi si sono imposte in questa disciplina nelle prime due Coppe del mondo , nel 2011 e 2017, sia a livello maschile che femminile. [73] [74] .

La nazionale di pallavolo femminile della Thailandia ha compiuto grandi progressi e si è laureata per due volte campione di Asia e Oceania . Ha inoltre raggiunto il quarto posto nel World Grand Prix di pallavolo femminile 2012 . Anche gli atleti thailandesi del badminton hanno collezionato diversi successi, in particolare Ratchanok Intanon , campionessa del mondo in singolare aCanton 2013 . Nel 2014 è stato realizzato il circuito internazionale di Buriram , che dal 2015 fa parte del calendario del Campionato mondiale Superbike e nel 2018 ha ospitato la prima edizione del Gran Premio motociclistico di Thailandia del motomondiale . Nei primi anni duemila ha avuto grande successo nel tennis Paradorn Srichaphan , giunto tra i top ten del ranking ATP nel 2003.

Giochi olimpici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Thailandia ai Giochi olimpici .

La prima medaglia d'oro olimpica per la Thailandia fu conquistata da Somluck Kamsing , nel pugilato, pesi piuma, ai Giochi olimpici di Atlanta 1996. [75] Oltre alle varie medaglie ottenute nel pugilato, la Thailandia vanta diversi titoli olimpici anche nel sollevamento pesi .

Tradizioni

Gastronomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina thailandese .

Mischiando i diversi elementi delle tradizioni del sud-est asiatico, la cucina thailandese dà enfasi a piatti leggeri con forti componenti aromatiche.

Come in molte altre cucine asiatiche il dettaglio e la varietà sono di grande significato per gli chef thailandesi. Il cibo è conosciuto per il bilanciamento dei quattro sapori fondamentali per ogni piatto o per il pasto in generale: aspro, dolce, salato e amaro. I pasti sono basati sul riso , che ha storicamente un ruolo centrale nella cultura del paese. Il termine mangiare in lingua thai è kin khao , che letteralmente significa "mangiare riso" [76] .

Tra gli ingredienti principali della cucina thailandese c'è il pesce, che al pari del riso rappresenta il pilastro della gastronomia locale [76] . I sapori della cucina thai derivano anche dalle spezie che vengono utilizzate, tra le più caratteristhe vi sono il basilico sacro , il basilico thai [77] e il peperoncino thai . Altri ingredienti vegetali importanti sono aglio, scalogno, citronella , pandan e taro .

Uno dei piatti tipici e famosi della cucina thailandese è il Pad thai , un piatto di pasta di riso saltata in padella e condita con vari elementi culinari.

Ricorrenze

Festività e ricorrenze nazionali

Data Nome Significato
13 aprile Songkran [78] celebrazione del Capodanno thailandese
26 giugno Sunthorn Phu Day celebra la nascita del poeta Sunthorn Phu , nel 1786
28 luglio Compleanno del Re Festa nazionale: Compleanno del Re di Thailandia Vajiralongkorn (Rama X)
29 luglio Giornata nazionale della Lingua Thai per onorare Sua Maestà il Re che ha evidenziato nel 1962 l'importanza e il valore della lingua thailandese.
12 agosto Festa della Mamma Giorno del compleanno dell'attuale Regina Madre di Thailandia Sirikit
28 settembre Giorno della Bandiera Nazionale Giorno della Bandiera della Thailandia , concessa da re Vajiravudh , nel 1917
12º mese calendario lunare thailandese Loi Krathong [79] tipico festival popolare o festival delle Lanterne o delle Luci
5 dicembre Compleanno del Re e Festa del Papà si celebra il compleanno del defunto re Bhumibol Adulyadej (Rama IX il Grande), impostato come Festa del papà

Note

  1. ^ a b ( EN ) Thailand Population , su worldometers.info .
  2. ^ a b c d ( EN ) Report for Selected Countries and Subjects: October 2020 - Thailand , su imf.org , Fondo monetario internazionale, ottobre 2020.
  3. ^ ( EN ) Human Development Report 2020 ( PDF ), su hdr.undp.org , Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, 15 dicembre 2020.
  4. ^ ( EN ) Tasso di fertilità nel 2018 , su data.worldbank.org . URL consultato il 20 luglio 2021 .
  5. ^ Thailand National Day , su state.gov , Dipartimento di Stato USA. URL consultato il 15 marzo 2018 .
  6. ^ Luciano Canepari , Thailandia , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  7. ^ Bruno Migliorini et al. , Scheda sul lemma "Tailandia" , in Dizionario d'ortografia e di pronunzia , Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7 .
  8. ^ Thailàndia , su sapere.it , Enciclopedia Sapere.
  9. ^ https://www.treccani.it/enciclopedia/thailandia/
  10. ^ Luciano Canepari , siam , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
    Meno consigliata la pronuncia /siˈam/ .
  11. ^ ( EN ) Nicholas Grossman (a cura di), Chronicle of Thailand , Editions Didier Millet, 2009, p. 43, ISBN 981-4217-12-3 . URL consultato il 23 giugno 2018 .
  12. ^ ( EN ) Jonathan H. Ping, Middle Power Statecraft: Indonesia, Malaysia, and the Asia Pacific , Ashgate, 2005 ISBN 0754644677 , p. 104.
  13. ^ Thailand and the World Bank , su worldbank.or.th . URL consultato il 17 settembre 2016 (archiviato dall' url originale il 1º maggio 2011) . , World Bank on Thailand country overview.
  14. ^ The Guardian, Country profile: Thailand , su guardian.co.uk . , 25 April 2009
  15. ^ ( EN ) Walter F. Vella, Chaiyo!: King Vajiravudh and the Development of Thai Nationalism , University of Hawaii Press, 2009, p. 94, ISBN 9780824880309 . URL consultato il 18 maggio 2020 .
  16. ^ a b Charles Higham, L'archeologia del Sud-Est asiatico. Thailandia , in Il mondo dell'archeologia , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2002-2005. URL consultato il 28 settembre 2015 .
  17. ^ ( EN ) "Yonok, the birthplace of Lanna" , su chiangmai-chiangrai.com . URL consultato il 12 dicembre 2012 (archiviato dall' url originale il 19 novembre 2009) .
  18. ^ ( EN ) OW Wolters, TĀMBRALIṄGA , in Vladimir Braginsky (a cura di), Classical Civilizations of South-East Asia , New York, Routledge, 2013 [2002] , pp. 84-104, ISBN 978-0-700-71410-0 .
  19. ^ ( EN ) Chamberlain, James F.: The Ramkhamhaeng Controversy: Selected Papers . The Siam Society, 1991
  20. ^ ( EN ) Ramkhamhaeng , su britannica.com . URL consultato il 31 maggio 2020 .
  21. ^ ( EN ) Accounts of King Bayinnaung's Life and Hanthawady Hsinbyu-myashin Ayedawbon, a Record of his Campaigns , su arts.chula.ac.th (archiviato dall' url originale l'11 settembre 2018) . , sul sito dell'Università Chulalongkorn di Bangkok
  22. ^ ( EN ) George Modelski: World Cities: –3000 to 2000 , Washington DC: FAROS 2000, 2003. ISBN 0-9676230-1-4 .
  23. ^ ( EN ) Rong Syamananda, A history of Thailand , Università Chulalongkorn, 1986, a pag. 92
  24. ^ Baker e Phongpaichit, 2005 , pp. 13-25 .
  25. ^ ( EN ) KING TAKSIN DAY , su en.m-culture.go.th , Ministero thailandese della cultura. URL consultato il 5 settembre 2010 (archiviato dall' url originale il 26 marzo 2013) .
  26. ^ ( EN ) NORTHEAST THAILAND: THE UNDERDEVELOPMENT OF A MARGINALIZED PERIPHERY , su thaicov.org (archiviato dall' url originale il 5 marzo 2016) .
  27. ^ Baker e Phongpaichit, 2005 , pp. 52-56 .
  28. ^ Silpa Feroci ( PDF ), su mucchioselvaggio.org . URL consultato il 13 luglio 2020 (archiviato dall' url originale il 21 maggio 2019) .
  29. ^ Wyatt, 1984 , pp. 224-234 .
  30. ^ ( EN ) Kobkua Suwannathat-Pian, Kings, country and constitutions: Thailand's political development, 1932-2000 . RoutledgeCurzon, 2003.
  31. ^ ( EN ) Terwiel, BJ: Thailand's Political History: From the Fall of Ayutthaya to Recent Times . River Books, 2005
  32. ^ ( EN ) Stowe, Judith, Siam Becomes Thailand: A Story of Intrigue , C. Hurst & Co. Publishers, 1991, pp. 9-37, ISBN 1-85065-083-7 .
  33. ^ ( EN ) Aldrich, Richard J.: The Key to the South: Britain, the United States, and Thailand during the Approach of the Pacific War, 1929-1942 . Oxford University Press , 1993. ISBN 0-19-588612-7
  34. ^ ( EN ) Sirkrai, Surachai: "General Prem Survives on a Conservative Line" nel giornale Asian Survey , Vol. 22, Nº 11. (novembre 1982), pagg. 1093-1104.
  35. ^ ( EN ) Handley, Paul M.: The King Never Smiles: A Biography of Thailand's Bhumibol Adulyadej . Yale University Press. ISBN 0-300-10682-3 , p. 236.
  36. ^ ( EN ) Thai premier banned from politics, ruling party dissolved: court , su google.com .
  37. ^ ( EN ) Thai capital hit by biggest protests since deadly 2010 unrest , su jp.reuters.com . URL consultato l'11 novembre 2020 .
  38. ^ Bultrini, Raimondo,, Thailandia, destituita la premier per abuso di potere , su repubblica.it , 7 maggio 2014.
  39. ^ ( EN ) Thai army takes power in coup after talks between rivals fail , su reuters.com , 22 maggio 2014. URL consultato il 4 maggio 2019 (archiviato dall' url originale il 24 settembre 2015) .
  40. ^ Thailandia, militari arrestano l'ex premier Yingluck Shinawatra , su repubblica.it , 23 maggio 2014.
  41. ^ a b ( EN ) Thailand's king signs constitution that cements junta's grip , su theguardian.com , 6 aprile 2017. URL consultato il 28 ottobre 2017 .
  42. ^ ( EN ) Reed John, The king's money: Thailand divided over the $40bn question , su ft.com , Financial Times, 13 ottobre 2020.
  43. ^ ( EN ) Hannah Ellis-Petersen, 27 marzo 2019 , su theguardian.com , 26 marzo 2019. URL consultato il data 27 marzo .
  44. ^ ( EN ) Hannah Ellis-Petersen, Thailand's military-backed PM voted in after junta creates loose coalition , su theguardian.com , The Guardian , 5 giugno 2019. URL consultato il 25 giugno 2019 .
  45. ^ a b ( EN ) Why are Thai students protesting against King Vajiralongkorn? , su aljazeera.com , 26 agosto 2020. URL consultato il 28 settembre 2020 .
  46. ^ ( EN ) [Full statement] The demonstration at Thammasat proposes monarchy reform , su prachatai.com , 11 agosto 2020 (archiviato dall' url originale il 20 agosto 2020) .
  47. ^ ( EN ) Thai protesters march to palace to demand royal reforms , su reuters.com , 8 novembre 2020.
  48. ^ ( EN ) Thai protesters defy police water cannons to deliver letters , su apnews.com , 8 novembre 2020.
  49. ^ ( EN ) Jonathan Head, Why Thailand's king is so revered , su BBC News .
  50. ^ Population of the entire kingdom, following the evidence from the population registration on the 31st of December 2019 ( PDF ), su ratchakitcha.soc.go.th .
  51. ^ ( EN ) ISAN: THE PLANNING CONTEXT FOR LANGUAGE MAINTENANCE AND REVITALIZATION , su usq.edu.au (archiviato dall' url originale il 6 marzo 2008) .
  52. ^ ( EN ) William A. Smalley, Linguistic Diversity and National Unity: Language Ecology in Thailand , University of Chicago Press, 1994, ISBN 9780226762890 .
  53. ^ Baker e Phongpaichit, 2005 , pp. 30-37 .
  54. ^ ( EN ) Amy L. Chua, Markets, Democracy, and Ethnicity: Toward A New Paradigm For Law and Development , in The Yale Law Journal , vol. 108, n. 1, 1º gennaio 1998, pp. 57-59, DOI : 10.2307/797471 , JSTOR 797471 .
  55. ^ ( TH , EN ) 2015-2016-Statistical tables - สารบัญตารางสถิติ(ตอ) / LIST OF STATISTICAL TABLES(Cont.) ( PDF ), su web.nso.go.th , Ufficio nazionale di statistica di Thailandia (archiviato dall' url originale il 10 dicembre 2017) . (vedi tabella nº 3).
  56. ^ cia.gov , https://www.cia.gov/the-world-factbook/countries/thailand/#government .
  57. ^ Vajiralongkorn accettò la nomina a re solo il 1º dicembre successivo, ma con tale atto la successione ha avuto valore retroattivo alla data della morte di Rama IX: ( EN ) Vajiralongkorn ascends the throne as King Rama X , su khaosodenglish.com , 1º dicembre 2016. URL consultato il 2 dicembre 2016 .
  58. ^ ( EN ) Mangosteen Production and Marketing in Thailand ( PDF ), su itfnet.org , Ministero thailandese dell'Agricoltura e delle Cooperative. URL consultato il 28 settembre 2018 .
  59. ^ ( EN ) MyMediTravel, Medical Tourism in Thailand , su www.mymeditravel.com . URL consultato il 6 agosto 2020 .
  60. ^ World Travel & Tourism Council (WTTC) | Travel & Tourism , su wttc.org . URL consultato il 6 agosto 2020 .
  61. ^ ( EN ) The Global Health Security Index , su GHS Index . URL consultato il 6 agosto 2020 .
  62. ^ ( EN ) JCI-Accredited Organizations , su www.jointcommissioninternational.org . URL consultato il 6 agosto 2020 .
  63. ^ Kocha Olarn and Debra Goldschmidt CNN, Thailand approves medical marijuana , su CNN . URL consultato il 6 agosto 2020 .
  64. ^ https://whc.unesco.org/en/list/575/
  65. ^ ( EN ) Grady Hendrix, Bow down before the awesomeness of Tony Jaa in Ong Bak 2. , su Slate Magazine , 22 ottobre 2009. URL consultato il 23 giugno 2020 .
  66. ^ ( EN ) How 'Ong Bak' Star Tony Jaa Stays in Fighting Shape , su Men's Journal , 4 maggio 2015. URL consultato il 23 giugno 2020 .
  67. ^ ( EN ) Jack Slack: Ong Bak in the Real World , su Fightland . URL consultato il 23 giugno 2020 .
  68. ^ ( EN ) “Pee Mak” rides high on horror-comedy blend , su The Malaysian Times , 7 giugno 2013. URL consultato il 23 giugno 2020 (archiviato dall' url originale il 4 giugno 2020) .
  69. ^ ( EN ) Allan Policarpio, Thailand's 'lakorn' soap operas come to PH , su INQUIRER.net , 3 luglio 2018. URL consultato il 23 giugno 2020 .
  70. ^ ( EN ) Janelle Okwodu, 7 Rising Style Stars to Watch in 2020 , su Vogue . URL consultato il 23 giugno 2020 .
  71. ^ ( EN ) History , su thaiboxing.com (archiviato dall' url originale il 30 giugno 2015) .
  72. ^ ( EN ) Owen Jones, capitolo "Sport in Traditional Thai Villages" , in Thailand: Volume 4 .
  73. ^ ( EN ) Double triumph for Thailand in ISTAF World Cup Sepak Takraw Championship , su telanganatoday.com , Telangana Today. URL consultato il 13 marzo 2019 .
  74. ^ ( EN ) Double triumph for Thailand in ISTAF World Cup Sepak Takraw Championship , su pakkikhabar.in , Pakki Khabar. URL consultato il 13 marzo 2019 .
  75. ^ https://olympics.com/it/video/somluck-kamsing-regala-il-primo-oro-olimpico-alla-thailandia
  76. ^ a b ( EN ) Eerang Park, Sangkyun Kim, Ian Yeoman (a cura di), Food Tourism in Asia , Springer, 2019, pp. 18-28, ISBN 9789811336249 .
  77. ^ http://www.asiablog.it/2014/01/15/la-thailandia-e-qualche-basilico-di-troppo/
  78. ^ https://kids.nationalgeographic.com/celebrations/article/songkran
  79. ^ http://www.bibliotecadeltempo.com/ora/loi-krathong-festa/

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 138308059 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2353 1793 · LCCN ( EN ) n79059683 · GND ( DE ) 4078228-1 · BNF ( FR ) cb15290741k (data) · BNE ( ES ) XX450836 (data) · NLA ( EN ) 35544871 · NDL ( EN , JA ) 00572496 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79059683