Teramo

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Teramo
komen
Teramo - manto nan bra Teramo - Drapo
Teramo - View
View ayeryen nan sant istorik la nan Teramo
Kote
Leta Itali Itali
rejyon an Rejyon-Abreus-Stemma.svg Abreus
pwovens Pwovens nan Teramo-Stemma.svg Teramo
Administrasyon
Majistra Gianguido D'Alberto ( endepandan sant-gòch ) soti nan 28-6-2018
Teritwa
Kowòdone 42 ° 39'31.87 "N 13 ° 42'14.08" E / 42.658853 ° N 13.703911 ° E 42.658853; 13.703911 (Teramo) Kowòdone : 42 ° 39'31.87 "N 13 ° 42'14.08" E / 42.658853 ° N 13.703911 ° E 42.658853; 13.703911 ( Teramo )
Altitid 265 m anwo nivo lanmè
Sifas 152,84 km²
Moun ki rete 53 436 [2] (31 / 01-2021)
Dansite 349,62 abitan / km²
Fraksyon gade lis ak kat
Minisipalite vwazen yo Basciano , Bellante , Campli , Canzano , Castellalto , Cermignano , Cortino , Montorio al Vomano , Penna Sant'Andrea , Torricella Sicura
Lòt enfòmasyon
Kòd postal 64100
Prefiks 0861
Lag jè UTC + 1
ISTAT kòd 067041
Kòd Cadastre L103
Plak OU
Cl. sismik zòn 2 (mwayen sismisite) [3]
Cl. klimatik zòn D, 1 834 GG [4]
Non moun ki rete Teramo
Patwon Sen Berard evèk
Jou Konje 19 desanm
GDP (nominal) 1.3 milya dola [1]
Pro-capite GDP (nominal) 23 972 [1]
Kartografi
Mappa di localizzazione: Italia
Teramo
Teramo
Teramo - Map
Pozisyon nan minisipalite a nan Teramo nan pwovens lan an menm non yo
Sit entènèt enstitisyonèl

Teramo ( koute [ ? · Info ] , Tèreme ['tɛ: rəmə] nan Abreus ) se yon vil Italyen ki gen 53 436 abitan [2] , kapital pwovens omonim nan Abreus . Vil la gen orijin trè ansyen, atribuabl Piceni a ak Pretuzi , ki moun ki domine zòn nan nan Aprutium jouk twazyèm syèk BC la , kon sa tèm nan "Abreus", anvan règ Women an .

Nan nwayo a ansyen nan Teramo, nan fòm regilye, gen rete enpòtan nan peryòd Women an ak medyeval. Rete fèmen nan plato confluence fluvyal la jouk nan diznevyèm syèk la byen bonè, vil la imedyatman lanse yon pwogram reyòganizasyon iben ki te mennen li nan elaji, an patikilye apre konstriksyon an nan pon yo sou Tordino a ak Vezzola [5] .

Jewografi fizik

Teritwa

TeramoNotturna.JPG
View lannwit panoramic nan Teramo

Teramo a sitiye nan pati nò nan Abreus , nan Val Tordino a , nan yon zòn aksidante anba pant yo nan Gran Sasso a , ki pant desann nan direksyon pou kòt la ak yon vejetasyon rich nan jaden rezen ak oliv.

Vil la leve nan confluence nan larivyè Lefrat la Tordino ak kouran an Vezzola ki antoure sant istorik li yo.

Teritwa a nan Teramo fontyè nan nò a ak Campli ak Bellante , nan lès la ak Canzano , nan sid la ak Cermignano , Penna Sant'Andrea , Basciano ak Montorio al Vomano ak nan lwès la ak Cortino ak Torricella Sicura .

Nan klasman sismik pwoteksyon sivil la li idantifye kòm Zòn 2 , sa vle di zòn ak sismikite mwayen, pandan ke nan klasifikasyon klimatik li make kòm Zòn D.

Klima

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Teramo Collurania meteyorolojik estasyon .
Teramo Collurania Mwa Sezon Ane
Janvye Fevriye Mas Avril Mag Anba a Jul Deja Mete Oktòb Nov. Desanm Env Pri East Ot
T. max. mwayenC ) 8 9.3 11.9 15.8 20.4 24.3 26.8 26.9 22.8 17.4 13.5 8.8 8.7 16.0 26.0 17.9 17.2
T. min. mwayenC ) 2.9 3.4 5.4 8.6 12.2 15.7 18.0 18.4 15.6 11.4 8.0 3.9 3.4 8.7 17.4 11.7 10.3
Presipitasyon ( mm ) 70 51 55 67 51 59 56 86 84 83 55 84 205 173 201 222 801
Van ( direksyon - m / s ) Non
2.9
Non
3.2
Okenn
3.1
Okenn
3.2
Okenn
3.1
AK
3.1
AK
3.1
AK
3.0
Okenn
2.9
Non
3.0
OSWA
3.2
NON
3.0
3.0 3.1 3.1 3.0 3.1

Lè yo sitiye nan yon basen gwo twou san fon, klima a se nan yon kalite semi-kontinantal tanpere, tranzisyon ant yon sèl Mediterane-aksidante, tipik nan kòt la nan pwovens lan kòm byen ke nan zòn nan Pescara ak Chieti, ak piman mòn yon sèl kontinantal la, tipik nan Aquila ak pwovens li yo. Se poutèt sa, tanperati nan mwa a pi frèt, janvye, yo se alantou 5.5 ° C, pandan ke yo nan mwa ki pi cho, Jiyè, alantou 25 ° C, ak yon seri de prèske 20 ° C. Presipitasyon se anviwon 800 mm chak ane e sitou konsantre nan kòmansman otòn (septanm-oktòb).

Nan sezon fredi, nèj ka tonbe anpil, jan sa pwouve tou de pa janvye 2005, epi, pi wo a tout moun, pa epizòd yo ki pi resan nan mwa fevriye 2012 ak janvye 2017. Bay pozisyon li nan kè a nan yon fon ki ba, nan sezon lete epizòd yo nan chalè yo pa ra chalè entans ak kowonpi.

Orijin non an

Plak la nan "lang yo sa ki mal" , kounye a konsève nan chanm lan konsèy nan minisipalite a, yon fwa yon bas-soulajman nan demoli Casa Antonelli la

Li pwobableman te gen non an nan Petrut soti nan Fenisyen yo , ak siyifikasyon an nan "kote ki wo antoure pa dlo". Soti nan Latinization nan Petrut nan Praetut Lè sa a, te vin Praetutium ak Ager Praetutianus yo endike teritwa a.

Women yo te rele li Interamnia Urbs ("vil ant de rivyè yo", ak referans a Tordino ak Vezzola ), e li te rele Praetutium , oswa Praetutiorum oswa tou senpleman Praetutia yo fè distenksyon ant li nan Interamna Nahars ( Terni ), Interamnia Lirinos (disparisyon nan Teramo sou Liri a ) ak Interamnia di Capitanata (kounye a Termoli ). Nan divizyon administratif la nan teritwa a ankouraje pa anperè Augustus la , Interamnia te enkli nan "V Regio la", Piceno la .

Nan tan medyeval , Aprutium sòti nan Praetutium, ki parèt nan dokiman nan sizyèm syèk la epi ki pou kèk tan, jouk sou douzyèm syèk la, ta te deziyen tou de lavil la, Castrum aprutiense a , ak teritwa a ki antoure Lè sa a, pwolonje nan tout la Abreus .

Non Interamnia te transfòme olye de sa nan Interamne, Teramne ak Interamnium, Teramnium finalman rive nan fòm Teramum nan kòmansman dezyèm syèk Piblisite a .

Ipotèz la nan istoryen anpil Se poutèt sa te fonde ke non an nan rejyon an Abreus sòti jisteman soti nan Aprutium , tou pou enpòtans ki genyen nan konte a an menm non yo te, ateste pi wo a tout nan Catalogus Baronum la pou ekstansyon an ak kantite ame sub-feyodal. chèf nan sèvis la nan Counts de Aprutio a pandan peryòd Norman la.

Nan lòt men an, teyori a dapre ki non an Teramo sòti nan Thermae pa te jwenn kredi, ak referans Se poutèt sa nan prezans la konstate nan spa enpòtan nan divès zòn nan lavil la, ak ki refere yo bay tou de aspirasyon nan "Theramum" yo te jwenn nan kèk kòd ak itilizasyon dyalèk lokal la ki kontra pwononsyasyon non Teramo nan "Terme".

Istwa

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Istwa Teramo ak Tombstone nan "lang sa ki mal" .
Mozayik nan lyon an nan Palè a Savini

Ansyen istwa

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Aprutium ak Pretuzi .

Popile depi tan lontan, teritwa ki koresponn ak vil jodi a se te sant prensipal popilasyon italik Pretuzi a . Pita, li te konkeri pa konsil Women an Manio Curio Dentato nan 290 BC (senk ane apre batay Sentino ), konsa vin yon minisipalite nan repibliken lavil Wòm .

Èske w gen Lè sa a, tankou anpil lòt rejyon italik, aktivman te patisipe nan lagè sosyal la (91-88 BC), Lucio Cornelio Silla konsa anpeche li nan estati minisipal li yo, ki te pita retounen nan li pa Seza .

Kòm kapital Pretutium a , li te enkli nan V regio pa Augustus : Picenum la. [6] Anba dominasyon enperyal la li te fè eksperyans yon peryòd de pwosperite gwo, temwaye pa konstriksyon an, anbaHadrien , nan tanp, basen ak teyat.

Istwa medyeval

" Konte aprutina a oswa latinally de Aprutio, ki nou pral tradwi isit la nan Apruzio, oswa nan Teramo, jan nou ta ka di jodi a, te trè enpòtan nan byen bonè Mwayennaj yo ak tout bon, lè li detache tèt li soti nan duche a nan Spoleto nan mitan an -dezyèm syèk la, nan katalòg la pi popilè nan Norman fief pi gwo a nan nouvo Peyi Wa a. ... [Li] fòme lyen ki genyen ant Peyi Wa ki nouvo nan Naples ak Piceno la fin vye granmoun, nan ki jouk lè sa a soti nan pre-Women fwa li toujou te gen yon pati ... "

( Francesco Savini , Konte Apruzio , lavil Wòm, Forzani, 1905, Proemio )
Legliz nan Sant'Anna dei Pompetti, ansyen katedral la nan Santa Maria Aprutiensis

Piye ak raze nan tè a pa Visigoths yo nan 410, Teramo te re-fonde nan 568; pita li te konkeri pa lombard yo , premye vin yon pati nan Marquisate a nan Fermo ak Lè sa a, nan duche a nan Spoleto . Antretan, yon konte otonòm devlope, ki rele Konte Aprutium , depann sou Peyi Wa ki nan Naples , men ak otorite konplè nan zòn nan vwazinaj la, eksepte Dukat la nan Atri . Li antre, osi bonè ke lè 1140, yo dwe yon pati nan Peyi Wa ki nan Sicily anba Ruggero , ak Lè sa a, imedyatman te vin Porta Regni nan Peyi Wa ki nan Naples .

Konfli ant Norman yo ak chèf branch yo nan Puglia, Teramo te prèske detwi nan 1155 men refè ankò, epi, anba dominasyon evèk la, te jwi yon peryòd de pwosperite relatif temwaye pa konstriksyon nan nouvo katedral la nan Santa Maria Assunta. An reyalite, katedral la istorik nan Santa Maria Aprutiensis te detwi ak sak la Norman, osi byen ke klòch la fin vye granmoun nan Torre Bruciata a , ki te pran non sa a nan memwa nan dife a gwo. Soti nan 1202 1292 lavil la ki gen eksperyans yon peryòd jistis gremesi, ak mi yo te elaji ak legliz yo te bati, ki gen ladan Sant'Antonio jodi a. Nan 1233, Frederick II nan Swabia enkli Teramo nan naissant " Giustizierato d'Abruzzo la ", mete l 'nan pòsyon nan Abruzzo Citra .

Kouvan nan Kapucins yo nan Teramo
  • Pandan dominasyon Angevin, Teramo te fè eksperyans yon peryòd de bèl; chèf yo nan dyosèz aprutina a, evèk yo Rainaldo Acquaviva, Niccolò degli Arcioni (1317), Stefano da Teramo (1335) ak Pietro di Valle (1366), rebati lavil la, ki akeri chato, ti bouk ak, pi wo a tout moun, gwo privilèj yo akòde pa souveren yo, ak ki legliz, kouvan ak palè yo te bati; li te nan peryòd sa a ke Teramo Awakening bilding lan te aksantué nan yon limit pi gwo. Plis pase kay prive, objektif majistra yo ak sitwayen yo te dirije nan bilding piblik nan yon karaktè sivik ak relijye, tou de nan kontèks la nan peyi a fin vye granmoun ak nan sa yo ki nan peyi a nouvo;
  • Konstriksyon an nan klòch la nan S. Antonio nan Teramo dat tounen nan 1309;
  • Depi 1323 yon sitwayen byen merite, Bartolomeo di Zalfone, rebati ak elaji lopital la ki te di yo dwe nan Sant'Antonio abate .

Nan 1362 konstriksyon palè Melatino te kòmanse pou afimasyon sou pouvwa fanmi an menm non yo. Kòmanse soti nan 1395 li sibi dominasyon nan duche a nan Atri , ki soti nan lè yo konte a nan S. Flaviano , Antonio Acquaviva, nominasyon Duke nan Atri ak mèt Teramo . Sepandan, yon seri de evènman negatif, abouti nan tranbleman tè a nan 1380, batay la ant fanmi an Melatini ak fanmi an De Valle ak brigandaj la mennen lavil la nan yon bès pwofon, ki soti nan ki li ni refè ni anba dominasyon an nan chèf yo nan 'Altavilla ni anba sa yo pita nan franse a ak èspayol.

Nan 1456, yon tranbleman tè fò domaje lavil la, jan yo te rapòte pa istoryen Muzio Muzii la [7] .

Istwa modèn

"Teramo Città Reggia" pa Francesco Valesio, "Koleksyon nan lavil yo nan mond lan ki pi ilustr ak pi popilè", Venice, 1579

Nan 1504 li te vin nan posesyon ansanm ak Atri nan domèn nan Rèn Giovanna nan Naples . Nan lanmò li li te pase nan Charles V nan Habsburg . Byento rivalite a chofe ant Teramani ak Atriani te eksploze ak sou Novanm 17, 1521 Acquavivas yo te pran lavil la pa sènen toupatou. Nan syèk sa a Teramo te kòmanse fè eksperyans yon nouvo peryòd de devlopman kiltirèl, mèsi pi wo a tout istoryen Muzio Muzii, ki moun ki nan Dyalòg li te ekri sou terib epidemi Teramo nan mitan sèzyèm syèk la. Nan 1589 frè Facij yo te mete sou pye premye enprime nan Teramo e yo te pibliye trete Descrittione del sacro monte di Varale di val di Sesia. Pi wo pase ki ou ka wè, tankou nan vna noua lavil Jerizalèm, kavo a nan Giesu Christo nou an, & anpil lòt kote, nan imitasyon nan Tè Sent la, ak figi enfini, estati, & bèl penti. Avèk mistè yo te fè yon ti tan de sa, li se yon lòd ak yon sòm, ki gen nan menm tan an sa ki toujou gen yo dwe fè .

Palazzo Melatino nan yon enprime fen 19yèm syèk la
Melchiorre Delfico, yon istoryen illustre soti nan Teramo

1703 e pita jiskaske 1706 te difisil anpil pou vil la [8] . An reyalite, tranbleman tè a terib nan L'Aquila nan 1703 tou lakòz domaj nan Teramo, agrave pa povrete ak pa yon nouvo vag nan epidemi, fwa sa a nan kolera. Se konsa, ekri Niccola Palma nan Istwa li nan Teramo : [9]

«... e finalman tranbleman an te ajoute. Sa a te kòmanse fè tèt li santi nan Desanm 1702, ak enjere arèstasyon pou dezas yo ki te deja lakòz nan Principato ultra a ak nan Konte Molise. Men, depi de zè de tan nan nwit anvan an jiska 14 janvye jouk 2 fevriye 1703, a 6 pm, souke a te tèlman vyolan ke kèk bilding tonbe, ak lòt moun yo te maltrete. Nou te wè de nan yo nan Chap LXV ak lòt moun nan gwo kantite ka toujou wè jodi a nan grave nan 1703 te fè sou mozayik, ranfòsman mi yo ak twati kay renove. Abandone kay yo, tout moun te redwi a pase nwit yo frèt nan sezon sa a nan tant. Se poutèt sa soti nan 14 janvye jiska 2 fevriye, nan de è nan mitan lannwit lan, klòch yo sonnen nan Campli, ak chak fanmi tonbe sou jenou yo lapriyè Seyè a, se konsa ke li ka kenbe lwen yon fleo menm jan an: ak nan Teramo sou Mas 2 fevriye yo sispann., pati yo ak teyat. "

Pandan konkèt Italyen an nan Napoleon Bonaparte nan 1798, L'Aquila ak Teramo te mechanste piye. Franse yo pa t 'rezèv menm klòch yo nan katedral la, k ap fonn yo pou kanon yo ak sikatris yo ak ranvwa Bayonet. Sou 28 jiyè, 1799 te gen tranbleman tè nouvo, ak lefèt ke sitwayen yo nan San Berardo te plede nan katedral la yo sispann tranbleman nouvo ak sa yo pa imedyatman rive, te rapòte nan travay istorik la pa Angelo De Iacobis, istoryen nan vil la .

Nan 1799 te gen kriz la sou pouvwa a pa frè yo Fontana . Istwa a nan frè yo Fontana rakonte tou de pa istoryen Niccola Palma la ak pa prèt la kontanporen Carlo Januarii. Kite soti nan Penne pou yo ale nan Teramo, yo te rive gen dè santèn de revòlt nan rale nan pòtay yo nan kapital la, kote pitit gason yo Carlo defye De Donatis la pa vise nan l 'yon kanon yo te mete nan Corso San Giorgio, epi, apre li te abandone lavil la , gouvène li jouk rive nan Jeneral Rodio [10] .

Istwa kontanporen

Nan 1806, apre divizyon an nan Pwovens Abreus Ultra, Teramo te vin kapital la nan pwovens lan ki fèk etabli nan Abreus Ultra I, pandan y ap L'Aquila rete kapital la nan pwovens Abreus Ultra II. Teramo kontinye ap kapital pwovens lan menm apre, nan 1816, Peyi Wa ki nan Naples (apre Kongrè a nan Vyèn ), sipoze non an nan Peyi Wa ki nan de Sicilies yo . Eta a lèt swiv sò a jouk 1860, ane a nan ki twoup yo Piedmontese-Savoy, janbe lòt fwontyè a larivyè Lefrat la Tronto , Penetration, san yo pa deklarasyon lagè, nan teritwa a nan Peyi Wa a ak bat lame a Bourbon. Revòlt sa a te anile ak syèj la nan Civitella del Tronto sou Mas 20, 1861. Imedyatman, ankò nan 1861, Inifikasyon an nan peyi Itali te pwoklame.

Nan 1832 te gen vizit wa Ferdinand II nan Naples . Fen syèk la te make pa plizyè tranblemanntè ant Abreus ak mach yo , san yo pa domaj grav. Nan diznevyèm syèk la lavil la te gen istoryen yo ak essayists Melchiorre Delfico ak Francesco Savini nan nivo kiltirèl la, ki moun ki te travay di prezève imans eritaj kiltirèl nan lavil la ak anviwònman li yo.

Corso Cerulli, nan premye plan an sou bò gòch Palazzo Castelli, bati nan kòmansman ane 1900 yo

Nan 1927 gouvènman Mussolini te kreye pwovens aktyèl la, divize teritwa ansyen duche Atri a (enkli nan pwovens lan), ak teren peyi ansyen Distri Penne, ki te pase nan vil florissante Pescara . Sa a tou jwenn ti bouk la Lè sa a, ti Montesilvano , pandan y ap Silvi Alta te sèd Teramo, ki te kenbe administrasyon teritoryal la jiska fwontyè yo nan Valle Castellana , Martinsicuro ak Campotosto . An 1963, ak fòmasyon nan rejyon an Abreus, Teramo pral youn nan 4 kapital pwovens yo.

25 septanm 1943, twoup Alman yo te rive Teramo ale Bosco Martese kote yo pral konfli ak mesye Rezistans yo ki te refijye la; se epizòd la vin chonje kòm " batay la nan Bosco Martese ", youn nan epizòd yo an premye nan Rezistans la nan peyi Itali.

Pandan ane yo nan gouvènman an nan Demokrat yo kretyen , majistra Carino Gambacorta a distenge tèt li, ki moun ki te travay pou yon plan masiv nan reyabilitasyon ak modènizasyon nan lavil la. Sepandan, entèvansyon sa yo jodi a yo te kritike pou demolisyon yo anpil nan bilding istorik, tankou Teyat Minisipal la (19yèm syèk) nan 1959 pou konstriksyon an nan Standa a ak divès kalite bilding medyeval ak piblik nan vil la, epi espesyalman nan Santa Maria a Bitetto distri , yo te ranplase soti nan bilding modèn ki gen ti valè atistik. An 1993 Inivèsite Teramo te fèt , yon branch nan Inivèsite Gabriele d'Annunzio nan Chieti , ki te fonde an 1965.

Onè

Vil Tit - riban pou inifòm òdinè Vil Tit
"Kapital pwovensyal, ki akòz nati nannan sosyal li yo, kiltirèl ak administratif nan dispozisyon eraldik te toujou defini kòm yon vil, menm jan ak tout lòt kapital yo pwovens nan teritwa nasyonal la (staus fòmèlman reyafime ak Dekrè prezidansyèl 11 septanm 2001)"
- 11 septanm 2001 [11]

Moniman ak kote nan enterè yo

Kat disèt syèk la nan Teramo (1627)
Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: distri San Giorgio (Teramo) , distri San Leonardo (Teramo) , distri Santo Spirito (Teramo) ak distri Santa Maria nan Bitetto .

Te sant istorik la nan Teramo divize an kat distri istorik:

  • San Giorgio : yon pati ke yo rekonèt kòm Terranova, nan lwès la, aksesib soti nan Corso a an menm non yo soti nan pyadza Garibaldi, ki travèse distri a nan plas Martiri della Libertà, kote de bilding yo portique ak fasad la minè nan Duomo a yo sitiye
  • San Leonardo : distri istorik nan Women Interamnia a , entoure pa Corso Cerulli, pyadza Sant'Anna, pyadza Orsini. Gen legliz Sant'Antonio di Padova, chapèl Sant'Anna ak domus ki tou pre Largo Torre Bruciata, domus del Leone, Casa Melatino, legliz San Luca, legliz Santa Caterina, ak ansyen an. lopital sikyatrik Sant'Antonio ak Porta Melatina. Li fini nan Largo Madonna delle Grazie nan byen lwen bò solèy leve nan Corso Cerulli-Corso De Michetti aks wout la, nan antre nan Porta Reale.
  • Santo Spirito : bòne pa Corso di Porta Romana via Vittorio Veneto, Split wout bag, pyadza Dante. Li fini nan pyadza Orsini, kote sirk Women an ak teyat la yo sitiye, sou fwontyè a ak distri a San Leonardo
  • Santa Maria yon Bitetto : se kè a nan distri sa a entoure pa Piazza Verdi, via Stazio, via del Sole, ak ti kare a kote Casa Urbani sanble deyò. Yon pòsyon konsiderab nan distri istorik sa a te demoute nan ane 1960 yo pou konstwi nouvo kay modèn, gade pou egzanp lari a nan via Savini. Ansyen legliz Santa Maria ad Bitectum ak legliz pawas Carmine yo konsève nan listwa.

Achitekti relijye yo

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Legliz nan Teramo .
Katedral Santa Maria Assunta
Fasad katedral la
Travay atistik ki pi prestijye nan vil la se katedral oswa katedral Santa Maria Assunta, ki gen ran bazilik minè . Konstriksyon li yo, ki te kòmanse nan 1158 , se nan style roman ak, nan pati a anwo, pran sou yon style gotik , yo te bati anba episkop la nan Niccolò degli Arcioni [12] . Anndan se ajan koute chè devan machin lan nan pa Nicola da Guardiagrele ak polyptych a pa Venetian atis la Jacobello del Fiore . Katedral legliz chèz nan dyosèz la ak nan evèk aprutino a, ki moun ki jwi tit la nan chèf nan Teramo, osi byen ke konte nan Bisegno ak Baron nan Rocca Santa Maria , te gen omwen depi tan an nan evèk Guido II, privilèj la ra anpil nan selebre Mass la ame yo .
Apre dènye ègzumasyon ak restorasyon, kript San Berardo te parèt nan limyè, apre apeprè 300 ane nan oubli, ki, depi septanm 2007, te vizib pou piblik la.
Te katedral la retabli nan syèk la katòzyèm , ak elaji nan 1739 ak yon nouvo chapèl barok, ak entèvansyon nan enteryè a ak fasad, demoute nan restorasyon yo ventyèm syèk yo pote estrikti a tounen nan style la ansyen roman-medyeval. Pòtal Cosmatesque la fòme pa Diodato Romano ( 1332 ), ak eskilti valab, tankou sa yo ki nan arkanj Gabriel la ak Anonsyasyon a pa Nicola da Guardiagrele . Pi wo pase li gen rad yo plak pwotèj wouj nan vil la nan Teramo, Atri ak nan evèk Nicolò degli Arcioni la.
Sou bò dwat la vle di enpoze 48-mèt klòch gwo kay won an , kòmanse nan syèk la 12th epi li te fini nan 1493 pa Antonio da Lodi [13]. ", Demoli pandan Gambacorta Gran Konsèy la minisipal yo. Gwo kay won nan klòch se ekipe ak Renesans ark, se yon twentieth- syèk revèy sivik, ak gwo ranpa ki gen anpil valè nan tèt la nan nivo ki sot pase a, kote antèn octagonal la sipòte flèch la leve.
Enteryè a nan katedral la gen twa nav ak divize an twa estil: trèzyèm syèk roman, katòzyèm syèk gotik ak sa yo ki nan chapèl la nan nouvo sakristi a ( 1594 - 1632 ) ak twal dizwityèm syèk la pa Sebastiano Majewski. Faz yo konstriksyon yo vizib klèman nan aliyman an diferan nan fasad yo menm opoze nan Duomo a, ki pa nan korespondans pafè youn ak lòt. Layout la twa-nèf yo bay nan poto gotik, ki gen vout la triyonfal nan presbiteri a ak rad la sivik nan bra sipòte pa zanj Bondye yo, ak plafon an bwa ranfòse. Nan lotèl la gen yon devan , pa Nicola di Guardiagrele, ak 35 relief panno dekore ki retrase sèn nan lavi Jezi.
Tanp nan Madonna delle Grazie
Tanp lan nan Madonna delle Grazie
Jis deyò mi yo (wotè nan Porta Reale, nan Largo Madre Teresa di Calcutta) kanpe Tanp lan ansyen dedye a Madonna delle Grazie . Li te bati nan 1153 pran orijin li nan legliz la nan yon monastè benediktin dedye a Sant'Angelo delle Donne [14] . Nan 1448 te bilding inisyal la elaji akomode frè yo minè nan San Giacomo della Marca . Nan kòmansman ventyèm syèk la legliz la te retabli ak modifye nan fasad la. Anndan gen frèsk pa Cesare Mariani , ki moun ki dekri tèt li kòm yon gwo nonm fin vye granmoun ak yon bab nan frèsk la nan bèso a . Sou lotèl prensipal la gen Madonna a ak Timoun, nan bwa polikrom, travay la nan Silvestro dell'Aquila .
Legliz Sant'Anna dei Pompetti
Nan sant istorik la, li posib pou vizite legliz Sant'Anna dei Pompetti [15] , yon fwa yo rele legliz la nan San Getulio . Li se sèlman bilding lan byen bonè medyeval nan Teramo, yon ti rès nan katedral la ansyen nan Santa Maria Aprutiensis [16] , ki te an pati bati sou fondasyon soti nan epòk Women an ak ki te boule nan 1156 pa Normans yo, ansanm ak tout vil la.
Ta legliz la te bati sou yon domus Women (akote zòn nan akeyolojik nan kare a omonim, kote ki gen yon Villa nan premye syèk la ), ki te narthex nan antre nan ansyen katedral la. Pou konfime sa a, gen yon frèsko 12yèm syèk la nan archway la nan antre nan medyàn ki dekri de zanj kenbe yon clypeus ki gen men benediksyon Bondye a. Santral kouvri ak vout brik ranfòse pa zo kòt repoze sou gwo poto nan semi-kolòn. Sul vano è presente un triforio con coppia di colonne romane e capitelli corinzi. Sulla parete di fondo c'è un affresco quattrocentesco che raffigura la Madonna allattante con Sant'Apollonia e Santa Lucia di Giacomo di Campli .
Chiesa di Sant'Agostino
Nota dalle fonti sin dal XIV secolo quando venne fondata insieme al convento, la chiesa si presenta nella veste di un restauro corposo del 1876 , progettato dall'architetto Lupi. L'interno è a navata unica, presso l'altare c'è una tela del XVIII secolo raffigurante la "Madonna della Cintola" con i santi agostiniani (tra i quali Santa Monica , Sant'Agostino e San Gregorio). Nella cappella maggiore ottocentesca sono presenti presso la cupola affreschi neoclassici e sette tele settecentesche che raffigurano scene di vita della Vergine, insieme alla pregiata tela dell'Assunzione del 1741. L'ex convento conserva ancora l'aspetto originario con il chiostro, dove si trovano affreschi rinascimentali della vita del santo. Nel 1792 fu trasformato in prigione e poi divenne sede dei carabinieri.
Dalla chiesa provengono due pregiate opere: il " polittico di Jacobello del Fiore ", conservato nel Duomo, e un affresco della Madonna col Bambino di Giacomo da Campli, oggi conservato nella Pinacoteca Civica [17] . La facciata della chiesa rispecchia lo stile eclettico ottocentesco, che lascia trasparire la presenza di un rosone probabilmente, visibile nell'oculo colmato centrale. Scandita da paraste ioniche nel primo settore maggiore, e da una cornice marcapiano, sopra il portale mostra un grande bassorilievo con lo stemma degli Agostiniani.
Chiesa dei Cappuccini
Si trova lungo viale Mazzini, all'ingresso di Corso Porta Romana. La chiesa dei Cappuccini, o di San Benedetto , risale a prima del 1150 , fondato dai Padri Benedettini. Nel XVI secolo fu affidato brevemente ai Gesuiti, e nel 1575 andò ai Cappuccini, i quali raccolsero un gran numero di volumi nella biblioteca. Nel 1866 con la soppressione degli ordini, i libri andarono al Real Collegio, e successivamente alla Biblioteca "Melchiorre Delfico". Il complesso ha pianta rettangolare irregolare con la parte quadrangolare dell'ex convento, rivestito in austero laterizio, con spoglia facciata e semplice portale romanico a conci squadrati, con lunetta anticamente affrescata, sormontata al livello dell'architrave di facciata da un oculo. L'ex convento nel 1878 divenne l'Orfanotrofio "Regina Margherita", curato dalle suore della Carità, e successivamente asilo, fino alla chiusura. L'interno della chiesa principale è a navata unica, con sulla destra una navatella divisa in cappelle; di interesse l'altare ligneo ricostruito nel 1762 dal frate Giovanni Palombieri.

Altre chiese storiche

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa di Sant'Antonio (Teramo) , Chiesa e convento di San Domenico (Teramo) , Chiesa del Santo Spirito (Teramo) e Chiesa di Santa Caterina (Teramo) .
Chiesa di Santa Caterina

Numerose altre sono poi le chiese presenti nell'antico centro storico di Teramo: tra le altre, la Chiesa di Sant'Agostino collegata alla storia di uno dei monasteri più antiche della città; la chiesa di Sant'Antonio ( XIII secolo ) sita in largo Melatini [18] , di fronte ai Portici Savini e alla medievale Casa dei Melatino ; la chiesa e convento di San Domenico (XIII secolo) in corso Porta Romana; la chiesa del Santo Spirito (XIV secolo) che si affaccia su largo Proconsole proprio al fianco dell'anticastatua romana di Sor Paolo Proconsole (I secolo aC) e, "immersa" tra gli edifici di Corso Cerulli (dai teramani comunemente chiamato "Corso vecchio"), la piccola chiesetta di Santa Caterina (IX secolo) [19] .

Chiesa di Sant'Antonio di Padova

Si trova lungo il Corso Cerulli, all'altezza dell'inizio del Corso De Michetti. La chiesa in origine era il convento di San Francesco d'Assisi , antico edificio di culto di Teramo, costruito nel XIII secolo , precisamente dopo le "liberalizzazioni" del vescovo Sasso del 1207 , dunque nel 1227 . [20] L'edificio si trova sul Corso De Michetti, in stile romanico negli esterni, con il bel portale strombato con lunetta affrescata, e uccellini scolpiti in maniera molto fine presso i capitelli e gli archi.

L'interno è diviso in due chiese, ovvero il convento francescano con chiostro e quella di Sant'Antonio nella zona refettorio. Entrambe le chiese sono state ricostruite nel Settecento in stile barocco, che ha cambiato profondamente l'aspetto antico.

L'interno di Sant'Antonio è a navata unica con profondi aggetti, un organo ligneo presso la controfacciata, e l'abside semicircolare che conserva le opere di maggior pregio: la tela dell'Immacolata con San Carlo Borromeo e Sant'Antonio di Padova di Vincenzo Baldati, mentre nella cappella c'è una Madonna col Bambino di autore ignoto, del XVII sec.

Chiesa del Santo Spirito

Chiesa del Santo Spirito

Si trova nel largo Proconsole, con la statua caratteristica di "Sor Paolo proconsole". Benché oggi sia posta tra abitazioni civili, la chiesa fu costruita fuori dalle mura medievali, e si hanno notizie già dal 1277 . Fu sede della Confraternita dello Spirito Santo, che gestiva il più antico ospedale della città, oggi scomparso, posto accanto al tempio. Nella metà del Seicento la chiesa fu ricostruita totalmente, mostrano l'aspetto attuale barocco. I lavori furono condotti inizialmente dall'architetto Giuseppe Giosafatti da Ascoli Piceno , poi dal figlio Lazzaro. [21] La chiesa è completamente in laterizio, sulla facciata coronata a timpano si aprono un bel portale in travertino e un finestrone centrale. Incorniciate al di sopra del portale sono una "Doppia Croce" costantiniana di Gerusalemme , simbolo della confraternita aprutina, e una colomba ad ali spiegate.
Sul lato destro, inglobato nelle mura come torre di controllo, c'è il campanile a vela che è un compendio delle stratificazioni architettoniche rinascimentali-barocche della chiesa stessa. L'interno a navata unica ha una cupola ellittica presso il presbiterio, abbellito da stucchi e dipinti seicenteschi. Presso l'altare maggiore c'è un Crocifisso ligneo del Trecento, mentre sopra l'ingresso c'è un organo ligneo di Vincenzo Paci (1864) sorretto da cantoria, con parapetto mistilineo.

Chiesa conventuale di San Domenico

La chiesa di San Domenico (negli anni trenta, in occasione dei restauri del Duomo, divenne vicaria della cattedrale)

Il complesso si trova nel quartiere di Porta Romana, lungo il corso omonimo, ed è uno dei conventi più antichi e prestigiosi della città. La costruzione risale al XIV secolo , oggi esso appare in uno stile misto, con la facciata parzialmente ricostruita in stile neogotico da Francesco Savini nel Novecento. Ha copertura a capanna completamente in laterizio, presso la facciata si apre un bel portale nella cui lunetta sono stati rimontati alcuni frammenti di affreschi quattrocenteschi.

L'interno è costituito da una navata unica scandita da arcate gotiche molto pronunciate; con i vari restauri sono stati riportati presso le pareti gli affreschi quattrocenteschi che mostrano scene di vita di San Domenico . Di pregio è la Cappella del Rosario affrescata da Gilberto Todini con stucchi di Michele Clerici (XVIII sec). Gli archi a sesto acuto dell'interno sorreggono le capriate del tetto, consolidamento tardo gotico del Quattrocento. Gli affreschi trecenteschi, resistiti all'invasione francese degli inizi dell'Ottocento, sono presenti sulle pareti del coro, sulla parte terminale della parete sinistra della navata (questi ultimi, opera del presunto Luca di Atri , raffigurano storie cristologiche e il trionfo di San Tommaso) [22] . Gli affreschi presso la controfacciata, raffiguranti Sant'Antonio e San Donato, e della pareti attigue (ossia l'Annunciazione del maestro del "Giudizio universale" di Santa Maria in Piano a Loreto Aprutino ), sono del primo Quattrocento.

Negli anni '30 la chiesa divenne Vicaria della Cattedrale, dal 2007 al 2015 è stata retta dai Francescani dell'Immacolata. Dell'attiguo convento domenicano rimangono gli archi del chiostro con alcune lunette dipinte da Sebastiano Majewski, che mostrano scene di vita del santo.
Non molto di originale si conserva dell'antica struttura conventuale, perché chiusa al culto dagli editti napoleonici, e riaffidata ai Domenicani solo nel 1931.

Chiesa di Santa Maria del Carmine

Si trova presso il quartiere di Santa Maria a Bitetto nel Largo del Carmine, anticamente fuori dalle mura, ed è una ricostruzione del 1761 dell'antica chiesa di Santa Croce, appartenuta a un monastero risalente al 1447 e poi caduto in rovina, ceduto ai Carmelitani nel 1578 . Nel 1809 in seguito alla soppressione murattiana, il convento divenne sede della gendarmeria (oggi infatti ospita la principale Caserma). Dopo il risanamento coatto del quartiere medievale di Santa Maria a Bitetto della giunta comunale Gambacorta (anni '50), la sede della parrocchia dall'antica chiesa sconsacrata è passata alla chiesa del Carmine.

Ha pianta rettangolare, con facciata a coronamento mistilineo, scandita da paraste classiche, con semplice portale ad architrave piano, incorniciato in pietra. Nella parte in alto un finestrone centrale è sovrastato dal timpano ad arco ribassato. In un grande riquadro mediano c'è un affresco barocco della Vergine del Carmine. L'interno a navata unica p ricco di stucchi tipicamente barocchi, opera degli stessi maestri che lavorarono a Sant'Antonio di Padova. Il presbiterio è collegato al coro ligneo settecentesco, e presso la controfacciata si trova un organo. [23]

Chiesa di Santa Caterina d'Alessandria

Insieme alla chiesa di San Luca, questo piccolo tempio è una delle architetture religiose medievali meglio conservate della città. Si trova lungo il Corso Cerulli, in vico Antica Cattedrale, risalente al tardo XV secolo , con una piccola facciata stretta tra le case civili, realizzata con pietre non sbozzate, mostrano semplicissimo portale sovrastato da una finestra. Alcuni elementi di reimpiego sono una colonna romana con fusto decorato da foglie, due blocchi con simboli e iscrizioni. Le epigrafi di grafia gotica sono simboli diversi: la prima a sinistra è una ruota dentata a otto raggi, simbolo del martirio della santa, la seconda il simbolo dell'incudine e del martello. Le due "S" fanno riferimento alla "santa" Caterina ea San Getulio, poiché la vecchia cattedrale teramana di Santa Maria (oggi Sant'Anna) era collegata ad essa mediante il seminario cinquecentesco.

L'interno è abbastanza manomesso per vari restauri, con un tetto del Settecento, arredi dell'Ottocento, insieme all'unico simbolo antico conservatori, una ruota dentata, la cui leggenda dice che se fatta girare il 25 novembre, la santa porterebbe fortune economiche e buoni auspici.

Chiesa di San Luca

La piccola chiesetta è già citata nel 1372 come cappella della famiglia Melatino, e prospetta davanti al palazzo di questa famiglia. Sopra l'architrave della porta c'è una piccola pietra con il simbolo del "leone di San Marco", datato 1380. Secondo Francesco Savini l'emblema apparterrebbe a un'altra chiesa dedicata a San Marco e oggi scomparsa, fondata da mercanti veneziani.

La piccola chiesa ha pianta rettangolare, molto semplice nell'esterno in pietra, con un portale decorato da semplice architrave, e da un campanile a vela. Nella piccola navata centrale si trovano alcune tele barocche, provenienti da altre chiese di Teramo, specialmente dall'ex chiesa di San Matteo, demolita nel 1941 presso il Corso San Giorgio.

Chiese del centro moderno

  • Chiesa del Cuore Immacolato di Maria: è una delle prime principali chiese della zona di espansione moderna di Teramo, affacciata su Piazza Garibaldi, ingresso al Corso San Giorgio. La chiesa fu costruita a partire dal 1958 , poiché la vecchia parrocchia di San Matteo era stata abbattuta negli anni '40, situata presso il largo della Prefettura. Con lo sviluppo edilizio del quartiere fuori dal corso di San Giorgio, il primo parroco della nuova chiesa chiese sussidio comunale, insieme a libere offerte dei fedeli, raggiungendo la cifra di 3 milioni di lire. La chiesa, terminata nel 1962 , è stata una delle prime moderne ad essere stata eretta nel nuovo spazio di espansione edilizia, e ciò lo dimostra anche il classicismo dello stile, che riecheggia il neoromanico.
  • Parrocchia di San Berardo: fu costruita intorno al 1950 presso la nuova zona di espansione est, presso l'ospedale civile. La chiesa a pianta rettangolare conserva molti riferimenti al classicismo medievali, come la sintetizzazione del portico di ingresso composto da tre lunghe e strette arcate che immettono all'accesso principale, con tre portali e un rosone a oculo centrale che li sovrasta. L'interno a navata unica è rivestito in marmo, e l'altare si trova presso l'abside semicircolare, decorata da un gigantesco mosaico di Gesù in trionfo sopra la Città del Vaticano , che con le braccia si unisce alle luci stilizzare del Paradiso e alla colomba dello Spirito Santo .
  • Parrocchia Sacro Cuore .
  • Chiesa nuova della Madonna della Cona: è stata inaugurata il 7 dicembre 2007, presso la zona di espansione ovest di Villa Cona, dove si trovava l'antica chiesa settecentesca (ancora oggi esistente), che però non riusciva più a contenere il flusso sempre più crescente dei fedeli. La chiesa è un curioso esemplare di impianto rettangolare diviso in due porzioni, poiché la chiesa occupa un'area quadrangolare con due piccoli bastioni angolari circolari, e il terzo funge da torre campanaria. Il progetto architettonico, con cupola centrale che si innalza verso il cielo, è stato ispirato alle moschee islamiche.
  • Chiesa di San Gabriele dell'Addolorata a Colleparco: è una chiesa moderna a pianta circolare con annessi locali parrocchiali. Il soffitto è coperto da una volta lignea, che è inframmezzato al perimetro mediante una serie di aperture allungate, con vetrate policrome, che infondono la luce. L'interno è molto semplice e schematico, con l'altare maggiore composto da un grande mosaico stilizzato.
  • Chiesa della Madonna della Salute : nel quartiere di Villa Mosca, è stata consacrata nel 1968 dal Monsignor Abele Conigli , come nuova parrocchia che accorpa il controllo delle chiesette campestri di Sant'Antonio, di Santa Maria Assunta a Viola e San Gabriele ai Cannelli. Il corpo di fabbrica è in cemento armato, orientato a sud-ovest, con accesso principale presso la facciata. Lo spazio interno accoglie massimo 500 persone, a navata unica semplice e sobria, con annessa cappella feriale in marmo chiaro e rosso.
    La luce è data da finestre policrome istoriate che mostrano scene della vita di Cristo , dipinte da Fabienne Di Girolamo. Le statue votive sono dedicate alla Sacra Famiglia con l'effigie della Madonna della Salute.
  • Chiesa di Santa Maria in Cartecchio: si trova presso il cimitero, situato nel nuovo quartiere di Colleatterrato . La chiesa fu costruita nel XVI secolo sopra una più antica, e una leggenda vuole che la costruzione fu voluta in seguito a un'apparizione mariana simile alle apparizioni di Canzano (1480) e di Giulianova (1557). La chiesa fu ristrutturata nel 1790 e poi ancora nel 1891, quando l'interno assunse uno stile tardo-gotico, con volte a crociera, in contrasto con l'architettura esterna tardo-settecentesca, tipica delle chiese rurali abruzzesi.

Chiostri

Retro di Sant'Antonio di Padova
  • Chiostro di San Giovanni: edificato nel XIV secolo con l'annesso convento di San Giovanni a Scorzone (oggi presso Piazza Verdi), sede attuale del Conservatorio "Gaetano Braga"; fu costruito per volontà di Isabella di Cola di Licio, con diploma di Carlo III d'Angiò . Al monastero furono annessi quelli di Santa Chiara, Santa Croce, Sant'Anna e San Giovanni di Scorzone. Fino al 1916 il convento fu attivo, quando poi i frati si trasferirono a Fermo , così nel 1930 l'ex monastero fu destinato a varie funzioni fino all'attuale liceo musicale. Il chiostro è formato da un'area rettangolare porticata su tre lati, con arcate a tutto sesto sostenute da colonne a pilastri agli angoli, poggianti a loro volta su di un basso muro in pietra e mattoncini. In alcuni punti le basi sono adoperate per capitelli ei capitelli rovesciati posti come base, a conferma della notizia che si trattava di un portico trasportato da una precedente ubicazione e ricostruito da mani inesperte. Su un portico laterale c'è una fontana in pietra dentro una nicchia incorniciata da conci di pietra intagliata. Sopra le arcate del portico è notevole un elegante marcapiano in mattoncini e tortiglioni in terracotta. Presenti inoltre un portale in pietra con decorazioni che doveva immettere all'antico convento e tre stemmi in pietra sulla parete non porticata ed altri tre sul lato adiacente.
  • Chiostro della Madonna delle Grazie: accanto al santuario, mescola stile rinascimentale e barocco, composto da pianta quadrangolare con pozzo centrale. Una parte del colonnato ha arcate gotiche, mentre le altre sono a tutto sesto, poggianti su pilastri con capitelli ionici.
  • Chiostro di Sant'Antonio: fa parte dell'ex convento francescano, ed ha arcate gotiche che si affacciano sul piazzale con pozzo.
  • Chiostro di San Domenico: ospita una sezione dell'Archivio di Stato di Teramo, mentre il resto è affidato ai Domenicani, dopo la riapertura nel 1931. Il chiostro è molto piccolo, conservato solo in parte secondo lo stile originario, perché è stato chiuso dal 1809. Notevoli sono alcuni affreschi rinascimentali che rappresentano scene di vita di San Domenico .

Chiese principali delle frazioni

Chiesa di Santa Maria de Praediis
Chiesa di San Giovanni in Pergulis (Valle S. Giovanni)
  • Chiesa di Santa Maria de Praediis : si trova in località Castagneto , molto antica e di rilevante importanza artistica. Risalirebbe all' XI secolo , costruita con i materiali di un castello andato distrutto, presso un tempio dedicato a Vesta. Una bolla papale del 1153 la cita come sotto il vicariato del vescovo di Teramo Guido II, registrata inoltre tra le 12 principali pievi della campagna teramana. Nel 1324 il registro delle Rationes Decimarum riportava che la campagna di "Praediis" contava 29 chiese che versavano un'oncia e tre tarini d'argento. Lo storico Nicola Palma ha tramandato gli atti delle visite pastorali nel 1611 e 1614. Nel 1597 fu restaurata dal vescovo Vincenzo Bugiatti da Montesanto.
    L'interno è l'elemento di maggiore interesse, con soffitto a capriate e tre navate, scandite da colonne alternate a pilastri. Le colonne sono altomedievali, i capitelli sono di vario aspetto, uno tuscanico, un altro corinzio, di età romana, mentre gli altri sono romanici, del Mille, fregiati da motivi vegetali e animali.
    Interessante è il capitello dell'abside con figura zoomorfa di un quadrupede inseguito da un uccello con la coda di drago, mentre urta contro un viticcio.

Architetture civili

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Palazzi di Teramo .
Liceo classico "Melchiorre Delfico"
Casa dei Melatino
La casa dei Melatino
Il palazzo è di origine medioevale risalente al XIII secolo e sito in largo Melatini [15] ; presenta finestre tipicamente ghibelline (il partito degli antichi proprietari) con architrave e soglie sporgenti ed a guscio: quattro di queste finestre, quelle che si aprono nella fascia mediana della facciata, sono rese bifore da eleganti colonnine divisorie poggianti su basi scolpite, tre delle quali sono tortili e, di queste, due presentano un serpente con testa di donna che le avvolge. Era l'abitazione privata della storica famiglia teramana dei Melatino.
Palazzo Mancini
Si trova lungo il Corso San Giorgio, e risale al XIX secolo , composto da cinque porzioni divise da paraste in bugnato,, che ricopre la parte bassa di ciascuno di essi. Una cornice orizzontale con rilievo ad ovuli alternati attraversa tutta l'area, interrompendosi soltanto alle due principali aperture lungo il corso, ossia i portali con rilievi a foglie nelle cornici, abbellite inoltre da riccioli.
Dopo due ordini di quadrotte per porzione, nella parte mediana due grandi finestroni, in asse con i portali, sono abbelliti da ampie balconate con sostegni che terminano a volute, e tali sostegni dividono la cornice marcapiano, che corre lungo l'area. L'ordine delle finestre ha architrave a timpano triangolare, ed è sormontato nella parte finale in cima al palazzo da un altro ordine di aperture rettangolari. Le paraste terminano con ricchi capitelli corinzi finemente decorati. La parte che affaccia su via Delfico è assai diversa dalla facciata principale, poiché il palazzo è stato creato fondendo varie abitazioni di secoli precedenti.
Palazzo ex Banco di Napoli - Palazzo Pompetti
Casa Catenacci in Via Vittorio Veneto
Si affacciano su Piazza Martiri della Libertà, quello sulla sinistra risale al tardo Ottocento, eretto come se del Banco di Napoli e realizzato in stile neoclassico, con ampi portici che si affacciano anche sul corso San Giorgio. Successivamente negli anni '30 è stato ricostruito in stile littorio, pur mantenendo molte caratteristiche della costruzione precedente, ed attualmente ospita la sede della Banca dell'Adriatico.
Il palazzo dei Portici si affaccia sempre sulla piazza, situato sull'estremità a destra del corso, ed ha uno stile sempre neoclassico, eretto nella prima metà del XIX secolo , ed è diviso in due parti da una cornice marcapiano. La parte di base mostra i portici ad arcate a tutto sesto, rifiniti da linee aggettanti, e da paraste in stile eclettico nel vertice angolare tra il corso e la piazza. Gli altri due piani invece sono occupati da due ordini di finestre, il primo dei quali con decorazioni ad architravi triangolari, eccezione per le finestre in zona angolare, con timpano curvilineo, mentre le finestre dell'ultimo ordine sono semplicemente senza cornice.
Casa Urbani
Si trova affacciata su Piazzetta del Sole nel rione Santa Maria a Bitetto. Risalente presumibilmente al secolo XI, è una delle rare abitazioni teramane che conservano testimonianze dell'edilizia privata risalente all'XI - XIII secolo, poiché è una delle poche scampate alla distruzione operata dal normanno conte di Loretello nella metà del XII secolo [24] . È formata da un perimetro esterno edificato con ciottoli di fiume e da un portale ogivale del XIII secolo in pietra squadrata. Nel corso di recenti restauri, dinanzi al portale, sono venuti alla luce resti di un mosaico appartenente ad una abitazione privata su cui poggiano direttamente i resti delle fondazioni della casa medievale. Si trova in Vico del Pensiero, nei pressi della Piazzetta del Sole.
Casa Catenacci ed ex teatro Corradi
In via Vittorio Veneto, nei pressi di piazza Martiri della libertà , si trova questo edificio medievale risalente al secolo XIV che ospitò il primo teatro della città, inaugurato nel 1792. Sulla facciata porticata dell'edificio (via Vittorio Veneto) si trova un emblema lapideo datato 1510 con la scritta ammonitrice 'SA NON BENE PRO TOTO LIBERTAS VENDITUR AURO' (La libertà non si vende per tutto l'oro del mondo).
La facciata ha un portico ad archi ogivali in laterizio su pilastri, portale principale in conci di pietra, con portaletti d'età più tarda, architrave piano sorretto da mensole sul fianco destro. Al primo piano resta una finestra con cornici di pietra e architrave piano, le altre finestre sono del XVI secolo, così come la loggia più bassa all'estremità sinistra.
Fu restaurata da Giacomo Corradi tra l 1495 e il 1511 . Vari sono gli elementi di reimpiego come una colonnina tortile e il portico d'età trecentesca, quando la casa era dei Corradi, appartenendo poi dal Cinquecento ai Catenacci, il cui stemma si trova su una lastra della facciata.
Borgo Medioevale e Castello Della Monica
Borgo medioevale di Teramo
Conosciuto comunemente con la denominazione di Castello Della Monica [25] , si tratta di una ricostruzione ottocentesca di un complesso di fabbricati in stile medioevale. Situato sul piccolo colle di San Venanzio, poco distante da piazza Garibaldi, il Borgo Medioevale (iniziato nel 1889 e terminato nel 1917 ) fu realizzato dall'artista teramano Gennaro Della Monica , da cui ha mutuato il nome. L'opera principale, che spicca fra gli altri fabbricati, è il Castello vero e proprio, situato nell'area più elevata del complesso.
La costruzione ha un aspetto in parte neogotico , in parte moresco e in parte derivato da un miscuglio di stili che ne caratterizzano spiccatamente l'aspetto. Simbolo di un revival di stile che si manifestò anche in altre parti dell' Abruzzo , come a Vasto , Chieti e Loreto Aprutino , il complesso si compone di tre edifici secondari che, insieme al corpo maggiore, formano un vero e proprio borgo medioevale, organizzato in castello e case civili con merlature e giardini terrazzati. Il castello fu eretto sopra l'antica chiesa di San Venanzio, di cui sono stati riutilizzati materiali decorativi. L'interno è ricco di affreschi che ritraggono paesaggi campestri e non, opere di Della Monica, che vi dimorò fino alla fine.
Il complesso maggiore è preceduto da un ingresso da finto ponte levatoio con torretta di controllo e arco maggiore. La struttura ha pianta rettangolare composta nella facciata da tre parti divise da pilastroni; da sinistra alla base ci sono due arcate gotiche cieche con una nicchia centrale decorata da statua, sormontata da un finestrone centrale a bifora con balconata, affiancato da altre nicchie con statue, a loro volta sormontate da ulteriori nicchie, per terminare con la sommità ornata da merlature. La porzione centrale alla base ha un portale romanico-gotico con lunetta ornata da un bassorilievo, sormontata nell'asse centrale da una finestra bifora, mentre nella porzione di destra, nel medesimo livello, tre finestre bifore gotiche ornano il prospetto. Anche l'interno è molto ricco di decorazioni decadenti, che dimostrano la conoscenza di Della Monica del gusto dei castelli gotici e delle cattedrali inglesi e francesi.
Dopo la morte di Della Monica, nel 1917 , il castello restò di proprietà dei suoi eredi, che in parte lo abitarono e in parte lo posero in locazione. Vincenzo Bindi , studioso di architettura medioevale abruzzese, propose l'acquisizione del sito da parte del comune di Teramo per destinarlo a museo civico. La proposta però venne accantonata, e iniziò un periodo di lento degrado della struttura, che ebbe il picco negli anni '60, quando il sito, un tempo situato fuori dal contesto edilizio urbano, venne soffocato da strutture moderne, che ne oscurarono l'antico impatto paesaggistico.

Altri edifici storici

Palazzo ex Banca d'Italia in notturna
  • Casa Delfico: elegante palazzo edificato nel 1552 , è sito in corso San Giorgio ed era l'abitazione privata della storica famiglia teramana dei Delfico.
  • Palazzo Civico: risalente al XIV secolo nella loggia inferiore e ottocentesco nella parte superiore, è la sede dell'Amministrazione comunale. Nell'atrio del municipio, che si raggiunge attraversando il portico, vi sono murate le più importanti iscrizioni su pietra di epoca romana rinvenute in città. Si affaccia in piazza Orsini, di fronte ai portici del palazzo vescovile.
  • Palazzo vescovile: costruito attorno al 1374 , questo edificio di impianto medioevale è la sede degli uffici della Curia vescovile , oltre ad essere residenza del vescovo. La sua facciata principale con loggetta trecentesca si affaccia su Piazza Martiri della Libertà, al fianco della cattedrale di Santa Maria Assunta ; [26] nella parte retrostante, notevole il portico duecentesco formato da pilastri in pietra e travertino proveniente da Civitella del Tronto .
Palazzo delle Poste, Teramo
  • Ospedale psichiatrico : una struttura imponente, costruita nel 1323 , che ospitò uno dei padri della psichiatria italiana, Marco Levi Bianchini , che fu discepolo di Sigmund Freud e che in queste stanze fondò la prima Società italiana di psicanalisi: l'ospedale teramano era considerato il più grande del centro-sud d'Italia per la cura delle malattie mentali. Nel 1978 la legge sancì la chiusura delle strutture manicomiali, quindi anche di questo grande ospedale. [27]
  • Palazzo Delfico : elegante edificio settecentesco sede della biblioteca regionale Melchiorre Delfico e dotato di una moderna sala polifunzionale. [28]
  • Palazzo Savini: sito in Corso Cerulli, è uno dei palazzi più importanti di Teramo, costruito all'inizio dell'Ottocento sui resti del vecchio carcere, a sua volta costruito sulle rovine di una casa di epoca romana, come testimonia uno dei più significativi reperti che la città possiede, il mosaico del Leone , che si trova nel seminterrato del palazzo.
Palazzo Muzii-Castelli
  • Liceo classico "Melchiorre Delfico": intitolato al filosofo illuminista Melchiorre Delfico , è un istituto che trae le sue origini dal Real Collegio aperto a Teramo nell'anno 1813 .
  • Istituto tecnico "Vincenzo Comi": imponente edificio ottocentesco, fondato il 17 dicembre 1871 dopo un lavoro preparatorio iniziato nell'aprile del 1869 .
  • Palazzo della Prefettura: costruito in epoca borbonica, nel 1827 , dall'ingegner Carlo Forti , ospita oggi la Prefettura di Teramo. Si trova in Corso San Giorgio, di fronte al largo San Matteo.
  • Palazzo Cerulli-Irelli: costruito agli inizi del Novecento in piazza Garibaldi, sorge sopra i resti (in piccola parte ancora visibili dal sottopasso della piazza) della Rocca degli Acquaviva, risalente al Quattrocento.
  • Palazzo Castelli: ex Casa Muzii (dal cognome dell'antico proprietario) fu edificato nel 1908 in Corso Cerulli, di fronte a Palazzo Savini, ed è un notevole esempio di stile Liberty .
  • Palazzo ex Banca d'Italia: elegante edificio liberty dei primi del Novecento, presso cui aveva sede la Banca d'Italia.

Piazze

Piazza Martiri della Libertà

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Piazza Martiri della libertà (Teramo) .

« Teramo venne, dopo i borghi ei lumi della valle; entrativi a notte, quando già vi passeggiavano gli ufficiali del presidio e della tutela con tutta la gente, e dal bar della piazza, sotto il bel portico, s'intravedeva in un elisio di luce a girar manopole d'ebano il garzone a tutto vapore, d'attorno la cattedrale nichelata degli espressi… »

( Carlo Emilio Gadda )
Piazza Sant'Anna vista dall'alto

Piazza Martiri è il centro della vita cittadina ed inizialmente denominata piazza Vittorio Emanuele II , è sede, nel corso dell'anno, di numerose manifestazioni. Vi si affacciano edifici storici e monumentali quali il duomo , ilpalazzo Vescovile , il Seminario , il palazzo dell'ex Banco di Napoli e il palazzo Costantini con i sottostanti portici (detti Portici di Fumo ). Durante l'occupazione Francese del '700, fu il luogo in cui venne piantato l'albero della Libertà.

Piazza Sant'Anna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Piazza Sant'Anna .

Ha tale intitolazione perché domina la chiesa di Sant'Anna dei Pompetti [29] . Sita nella zona più antica del centro storico cittadino, prende il nome dalla Chiesa di Sant'Anna dei Pompetti , piccolo edificio religioso edificato sui resti dell'Antica cattedrale di Santa Maria Aprutiensis.

Durante il corso dell'anno si svolgono in questa piazza numerose manifestazioni culturali e musicali: tra le altre, l'annuale "La Villa Suite", kermesse musicale che da cinque anni a questa parte vede la partecipazione di artisti più o meno rinomati a livello nazionale: nell'edizione 2009 vi hanno preso parte tra gli altri Tonino Carotone ei Quintorigo .

Altre piazze

Piazza Orsini, sulla sinistra il Palazzo municipale, a destra quello vescovile
  • Piazza Orsini [30] : questa piazza ha cambiato spesso nome nel corso degli anni: inizialmente era conosciuta come Piazza del Mercato in seguito al costume cittadino che la voleva come uno dei luoghi principali per la compravendita di merci; successivamente divenne Piazza del Municipio per la presenza di uno degli edifici principali della piazza, il municipio appunto che, nonostante le varie trasformazioni, ha mantenuto la sua originaria ubicazione; in seguito divenne Piazza Cavour e, alla fine del secondo conflitto mondiale, assunse l'attuale denominazione. Oltre al palazzo Civico, in questa piazza spiccano inoltre la facciata principale della Cattedrale di Santa Maria Assunta , con la sua mole imponente e con il suo alto campanile , gli eleganti portici del palazzo Vescovile e la caratteristica Fontana dei Due Leoni.
Piazza Sant'Agostino
  • Largo Melatini: a metà tra Corso De Michetti e Corso Cerulli (chiamato dai teramani "Corso vecchio") si apre l'elegante largo Melatini dove sono presenti importanti edifici storici quali la chiesa di Sant'Antonio (XIII secolo), l'antica chiesetta di San Luca , i Portici Savini e il medioevale palazzo dei Melatino , recentemente restaurato.
  • Piazza Dante Alighieri: altro luogo importante è piazza Dante Alighieri, nella quale si trovano il Liceo Classico, fondato nel 1813 e dedicato al filosofo Melchiorre Delfico e la trecentesca chiesa della Misericordia, oggi Casa del Mutilato. La piazza è stata inaccessibile per circa 18 mesi, dal 2008 al 2010, per la realizzazione di un parcheggio sotterraneo, inaugurato il 6 febbraio 2010.
  • Largo Madonna delle Grazie: in questa piazza, sita nelle immediate vicinanze di Porta Reale, sono presenti notevoli testimonianze della storia di Teramo: il Santuario della Madonna delle Grazie , imponente edificio religioso risalente al XII secolo ed un sito archeologico con i resti di un'antica domus romana e di un impianto industriale. A tutto ciò fa da cornice naturale un'area verde intitolata al cantautore teramano Ivan Graziani .
  • Piazza San Francesco, dove si affaccia il vecchio Ospedale Psichiatrico. Uno dei principali snodi cittadini: la circonvallazione Ragusa collega la zona di Piazza Garibaldi alla zona della Madonna delle Grazie. Qui vi è anche il terminal dei pullman e gli uffici comunali.
  • Piazza Sant'Agostino con l'omonima Chiesa del XIV sec.

Porte urbiche

Porta Reale o Porta "Madonna"

Innocenzo IV in uno scritto del 1251 parla delle valvas civitatis di Teramo. Le porte della città erano sette [31] :

  • Porta Melatina: antica porta di accesso alla città, risalente al XIV secolo.
  • Porta Reale (detta dai teramani Porta Madonna perché situata nei pressi del Santuario della Madonna delle Grazie ): arco onorario eretto per accogliere la visita di Ferdinando I di Borbone (primo ventennio dell'Ottocento, è stata ristrutturata nel 1936 in stile razionalista con l'iscrizione di "INTERAMNIA VRBS" sull'architrave.
  • Porta delle Recluse : il nome deriva dalla presenza dell'attiguo ospedale psichiatrico . È sita a lato della Porta Melatina.
  • Porta Carrese (non più esistente): dove un tempo sorgeva quest'antica porta d'ingresso permangono un'esigua porzione dell'antica cinta muraria e un piccolo bastione difensivo.
  • Due di Coppe (già Porta San Giorgio, abbattuta all'inizio del XIX secolo [31] ): immetteva da Piazza Garibaldi al Corso San Giorgio, è stata rifatta nel 1826 in stile monumentale, con due stipiti sovrastati da due vasi monumentali a coppe, da cui il nome. Nel 1929 è stata di nuovo demolita per sempre, ei vasi trasferiti nella Villa Comunale.
  • Porta Romana (non più esistente): già scomparsa dall'Ottocento, immetteva da ovest al Corso di Porta Romana.
  • Porta del Querceto (o della Quercia): si trovava allo sbocco della via dello Spirito Santo [31] .

Ponti antichi

  • Ponte degli Impiccati [32] : costruito verso la fine del XII secolo, presenta l'arco superstite in travertino di Civitella ; aveva la prerogativa di essere sede delle impiccagioni: su di esso veniva posta la forca ed eseguite le condanne.
  • Ponte degli Stucchi: resti di un ponte medievale del XII secolo, con archi in travertino di Civitella .
  • Ponte San Ferdinando: nel 1833 iniziarono i lavori per la costruzione di questo ponte, progettato dall'ing. teramano Carlo Forti , e terminarono nel 1847. È il ponte cittadino più antico tra quelli ancora utilizzati ed è da molti ricordato come il "Ponte Miracolato", poiché scampato all'esplosione di mine tedesche durante la loro ritirata nell'ultima fase della Seconda guerra mondiale . Ha subito un restauro nei primi anni 2000.

Statue cittadine

Statua di Sor Paolo
  • Statua romana di Sor Paolo Proconsole [33] : antica statua togata di un potente patrizio romano, risalente al I secolo aC
  • Statua della Maternità, opera dello scultore Venanzo Crocetti , in piazza Orsini.
  • Statua di Giuseppe Garibaldi, in piazza Madonna delle Grazie di fronte a Porta Reale.
  • Il gruppo di statue dedicate ai "Caduti di tutte le guerre" di Venanzo Crocetti, in viale Mazzini.
  • Il gruppo di busti dedicati ai personaggi illustri locali in viale Mazzini.

Fontane

  • Fonte della Noce [34] , di epoca medievale. Secondo la tradizione l'acqua di questa fonte, se bevuta, renderebbe innamorati della città e praticamente incapaci di staccarsene.
  • Fonte del Latte : antico fontanile posto sul sentiero che dal Vezzola risaliva verso le frazioni più alte del comune teramano, noto perché la sua acqua aumentava la produzione di latte nelle puerpere.
  • Fontana dei Due Leoni : realizzata dallo scultore Pasquale Morganti verso la fine del XIX secolo , fu posta a decorazione di un pilastro nel loggiato del palazzo Municipale in piazza Orsini e si compone di un gruppo scultoreo di due leoni tra rocce che rappresentano i due fiumi che racchiudono il centro storico di Teramo, il Tordino ed il Vezzola . Tra i due leoni sgorga l'acqua che si raccoglie in un catino ovale, posto sopra altre rocce e rialzato di due gradini. In alto, sopra le rocce, sono collocati lo stemma della città e una lapide con la seguente iscrizione: [35]

«Eterno amore di libertà contro bieca ferocia tedesca nel tradimento dei capi fuggiaschi il 25-26-27 settembre 1943 a Bosco Martese nella vittoria e nel martirio gli insorti del teramano nuovamente affermarono monito a tiranni ea servi popolo e comune posero il 25 settembre 1952»

  • Fontana Grande di Piazza Garibaldi (non più esistente): costruita nel 1936, fu quasi completamente smantellata negli anni '40 e solo negli anni 2000 fu definitivamente demolita.
  • Sfera di Mastrodascio: fontana costruita da Silvio Mastrodascio, un tempo collocata a piazza Garibaldi in sostituzione della vecchia fontana fino al 2008, quando fu rimossa per realizzare l'Ipogeo. Tuttavia nel 2011 la fontana viene collocata nella rotonda di Porta Romana.
  • Fontana di “Picette”: in origine chiamata la fonte “a lo Trocco”. Offriva acqua potabile derivandola da una grossa sorgiva di Villa Mosca che compiva un lungo percorso e arrivava fino alla fontana attualmente situata a viale Crispi.
  • Fontana delle Piccine (non più esistente): opera di fine ottocento dello scultore e pittore teramano Luigi Cavacchioli (1856-1936), gli viene commissionata da una signora americana desiderosa di far immortalare nella pietra il suo giunonico seno. La fontana viene collocata in via Carducci (già Vico De' Ponti e Vico Del Burro), sotto un arco del giardino Delfico; durante il periodo della guerra è chiusa da una cortina di mattoni, abbattuta successivamente dal popolo desideroso di riportare alla luce la fontana. Infine viene definitivamente demolita con la distruzione del giardino alla fine degli anni Cinquanta.
  • Fontana delle "Grasselle" (non più esistente): fontana circolare costruita in Piazza Vittorio Emanuele (oggi Piazza Martiri della Libertà) poco dopo l'apertura del nuovo acquedotto (1898), ribattezzata sprezzantemente fontana “delle grasselle” (cioè delle ranocchie) dal cronista del “Centrale” Luigi Medori, che condusse la battaglia d'opinione pubblica che portò al suo smantellamento nel 1903.

Torri

Torre del Duomo di Teramo
  • Torre Bruciata [36] : bastione romano di forma quadrata risalente al II secolo aC Chiamata "bruciata" poiché ancora oggi presenta le tracce del devastante incendio subito dalla città ad opera dei Normanni , nel 1150. La sua funzione era quella di difendere l'Episcopio.
  • Torre del Duomo [37] : struttura annessa alla Cattedrale e simbolo stesso della Città. Sulla sua sommità, fino al 7 ottobre 2011, era posta la vecchia sirena antiaerea comunale . L'ultimo restauro risale ai primi mesi del 2019.
  • Torre di Casa Bonolis : resti della torre della medievale Casa Bonolis in Via Irelli.

Siti archeologici

Resti dell' Anfiteatro romano di Teramo
Teatro romano di Teramo
  • Teatro romano [38] : nel centro storico di Teramo sono presenti i resti del teatro romano; gli studiosi datano la sua costruzione nel II secolo dC ed è considerato quello meglio conservato tra tutti i teatri del piceno. Dista pochi metri dall' Anfiteatro romano , caso quasi unico al mondo. Per anni cittadini ed associazioni si sono battuti per ottenere il recupero del sito archeologico, che ancora stenta ad iniziare.
  • Anfiteatro romano : resti dell' anfiteatro romano , databile al I secolo dC
  • Necropoli di Ponte Messato : nel quartiere Cona vi è il Parco archeologico di Ponte Messato dove sono visibili una strada romana e tombe. Di origine pre-romana e ampliata nel periodo romano, si sviluppa ai lati dell'antica strada lastricata, contornata di monumenti, da qualcuno chiamata anche via sacra d'Interamnia (con le dovute proporzioni una sorta di via Appia teramana per le analogie con la via Appia Antica nei pressi di Roma ).
  • Domus e Mosaico del Leone : tra gli emblemi della storia archeologica teramana è da annoverare il Mosaico del Leone , rinvenuto nel 1891 durante i lavori di costruzione di palazzo Savini in Corso Cerulli. Destinato ad arricchire il pavimento di una domus patrizia ( Domus del Leone ), il Mosaico del Leone è databile intorno al I secolo aC , così come quelli, simili nella fattura, rinvenuti a Pompei e nella Villa di Adriano a Tivoli . È stato universalmente riconosciuto come uno degli esempi più alti dell'arte del mosaico.
  • Sito archeologico di torre Bruciata: in piazza Sant'Anna , al fianco della chiesa omonima, si trovano i resti di una sontuosa villa romana databile al I secolo aC
  • Sito archeologico di largo Madonna delle Grazie: resti di abitazioni romane di età augustea e di un impianto industriale.
  • Domus di Vico delle Ninfe: resti di un'antica pavimentazione a mosaico, risalente ai primi secoli dC

Aree naturali

Parchi fluviali del Tordino del Vezzola

Nell'alveo di ciascuno dei due fiumi che cingono il centro storico della città, è stato creato un parco fluviale con percorsi ciclopedonali: quello del parco del Tordino è lungo circa quattro chilometri, mentre quello del parco del Vezzola è di circa due chilometri. I due parchi sono collegati tra loro da un ponte di legno a doppio arco, ea monte il percorso attraversa il bosco nel quartiere del castello, superando un dislivello di diverse decine di metri [39] .

Parco Ivan Graziani

Villa comunale

L'area verde intitolata al cantautore teramano Ivan Graziani è sita fuori da porta Reale; nel parco sono presenti siti archeologici e un monumento alla restenza dell'artista Augusto Murer .

Fuori dalle antiche mura vi è il parco della Villa comunale, progettato tra il 1882 e il 1884 da Ernesto Narcisi .

Monumenti scomparsi

Ex Teatro Comunale di Teramo

Nel 1969, con l'intento di isolare l'architettura del duomo di Teramo , fu demolito l'arco di Monsignore, un collegamento tra il duomo stesso e il palazzo vescovile .

Nel 1941 venne demolita la chiesa barocca di San Matteo in corso San Giorgio, mentre nel 1959, nella stessa zona, venne demolito il teatro comunale del 1868, progettato da Nicola Mezucelli . Un ulteriore abbattimento nel centro storico, che subì numerosi interventi di questo tipo in quegli anni, fu quello della palazzina del Credito abruzzese a metà anni '50, edificio in stile neogotico che fu progettato da Alfonso De Albentiis nel 1925.

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [40]

Etnie e minoranze straniere

Secondo i dati ISTAT al 1º gennaio 2015 la popolazione straniera residente era di 3,447 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Tradizioni e folclore

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Folclore in Abruzzo e Feste e tradizioni popolari dell'Abruzzo .
  • Sacra festa dei Trionfi [41] : si tratta di una rievocazione storica medievale, svolgentesi alla fine di luglio . Consiste nel riunire in piazza Martiri della Libertà , presso la Cattedrale, i quartieri storici di Teramo, tra i quali San Leonardo e Santa Maria a Bitetto, per la tenzone dei rioni (giochi medievali con gare), con sbandieratori, sfilate di processione e canti.
  • Settimana Santa di Teramo : il rito cristiano è molto antico, risalirebbe al XIII secolo . Durante la preparazione dei sacri riti, vengono addobbate le principali parrocchie del centro (il Duomo, la chiesa delle Grazie, la chiesa di Sant'Antonio, la chiesa del Carmine, la chiesa di Sant'Agostino, la chiesa di San Domenico e quella di Santo Spirito). Il Venerdì Santo prevede una processione della statua della Vergine "Desolata" sin dal primo mattino per le vie della città, di chiesa in chiesa, partendo da quella di Sant'Agostino (dopo il terremoto del 2009 è stata scelta la chiesa di Sant'Antonio) alla ricerca simbolica della statua del figlio Cristo . Al ritrovo del figlio nella chiesa di Santo Spirito, la processione si ripete, sino alla messa finale nel Duomo. La domenica di Pasqua, ogni chiesa celebra una messa speciale, portando in trionfo la statua del Cristo risorto. La messa speciale presieduta dal vescovo si tiene nel Duomo.

Qualità della vita

Anno Qualità della Vita ( Il Sole 24 Ore ) Qualità della Vita ( Italia Oggi )
2003 83° 105°
2004 70º (- 13) 85º (- 20)
2005 86º (- 16) 99º (- 14)
2006 72º (+ 14) 84º (+ 15)
2007 73º (- 1) 79º (+ 5)
2008 69º (+ 4) 88º (- 9)
2009 59º (+ 13) 60º (+ 28)
2010 73º (- 14) 62º (- 2)
2011 69º (+ 4) 66° (-4)
2012 62º (+ 7) 61° (+5)
2013 73º (- 11) 61° (-)
2014 72º (+ 1) 27° (+ 34)
2015 71° (+1) 52° (-27)
2016 76° (-5) 78° (-26)
2017 60° (+16) 53° (+25)
2018 53° (+7) 40° (+13)
2019 56° (-3) 54° (-14)
2020 76° (-20) 57° (-3)

Cultura

Istruzione

Biblioteche

Scalinata della Biblioteca Melchiorre Delfico

Ricerca

Osservatorio astronomico d'Abruzzo

Sulle colline prospicienti, a 4 km da Teramo, sorge l' Osservatorio astronomico d'Abruzzo [43] . Fu fondato nel 1890 dall'astronomo teramano Vincenzo Cerulli che poi lo donò allo Stato nel 1917. Dal suo telescopio , il 2 ottobre 1910, Cerulli scoprì un asteroide a cui diede il nome Interamnia (l'antico nome latino di Teramo).

Istituto zooprofilattico sperimentale dell'Abruzzo e del Molise

L'Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell'Abruzzo e del Molise (IZSAM), intitolato allo storico direttore Giuseppe Caporale , è uno dei dieci Istituti Zooprofilattici Sperimentali italiani e ha competenza sulle Regioni Abruzzo e Molise.

La sede centrale è sempre stata a Teramo sin dalla sua fondazione datata 2 settembre 1941.

Società psicoanalitica italiana

Ex Ospedale psichiatrico di Teramo

A Teramo, all'interno dei locali dell' ospedale psichiatrico , venne fondata nel 1925 la Società psicoanalitica italiana , ad opera di Marco Levi Bianchini , docente presso l' Università degli Studi di Napoli Federico II e direttore dell' ospedale psichiatrico di Teramo . Tuttora, su una parete esterna all'ospedale, su via Aurelio Saliceti , una lapide ricorda la straordinaria figura di Marco Levi Bianchini e la nascita della Società psicoanalitica italiana, che ancora oggi svolge la propria attività e ha visto trasferire, nel 1932, la sua sede ufficiale da Teramo a Roma .

Scuola Montessoriana

Nel 1909 , presso le scuole elementari della città, all'epoca situate in prossimità del Duomo , in un edificio prossimo al Palazzo del Seminario (demolito negli anni trenta nell'ambito degli interventi di isolamento della Cattedrale e per consentire altresì l'apertura dell'attuale via di San Berardo), fu attivata la Scuola Montessoriana, collocando Teramo fra le prime città italiane ad ospitare istituti di educazione primaria che applicavano il metodo pedagogico di Maria Montessori . A decorrere dal 1915 , in concomitanza con l'avvio del primo conflitto mondiale, la Scuola Montessoriana venne dapprima sospesa e successivamente soppressa.

Scuole

A Teramo sono presenti scuole elementari, medie e superiori, pubbliche e private. Gli istituti di spicco si trovano nelle vicinanze del centro cittadino, quali Liceo Classico, Scientifico, Artistico, Magistrale, Istituti tecnici e professionali, Istituto agrario e alberghiero. Sono attive anche numerose scuole di formazione artistica, dedicate alla danza, alla musica e al teatro, e un istituto di formazione religiosa.

Università

Istituto Europeo di Musica

Teramo è la sede amministrativa dell' Istituto europeo di musica che svolge attività nel settore della musica classica, della danza e del teatro, con campus urbani, nelle città maggiori europee. [ senza fonte ] [44] La struttura inoltre mantiene in veste di rappresentanza i contatti con le istituzioni accademiche di altri continenti. [ senza fonte ] [45] Dal 1997 lo IEM è diretto dal pianista Davide Polovineo.

Università degli Studi di Teramo

Facoltà di Scienze della Comunicazione in località Colleparco

L' Università degli studi di Teramo è nata nel 1993 per scorporo dall' Università "G. D'Annunzio" di Chieti ; al 2010 , conta cinque facoltà (Giurisprudenza, Bioscienze e tecnologie agro-alimentari e ambientali, Medicina veterinaria, Scienze della Comunicazione e Scienze Politiche), 24 corsi di laurea , 35 Master , 6 Scuole di specializzazione e 10 Dipartimenti.

Università Adriatica

L'Università Adriatica ha sede centrale ed amministrativa a Teramo ed è presente sul tutto territorio nazionale online. Diffonde e promuove i corsi di UNITELMA SAPIENZA presso le proprie strutture. Al 2012 , conta le facoltà di Giurisprudenza e di Economia. [ senza fonte ]

Musei

I principali musei di Teramo sono:

Letteratura

Giannina Milli, scrittrice teramana

Teramo ha conosciuto la letteratura con lo storico Muzio de' Muzii, vissuto nel XVI secolo, il quale scrisse una Storia di Teramo in Dialoghi sette , pubblicata però solo nel 1893 da Giacinto Pannella. Si tratta della prima monografia riguardo alle vicende storiche della città, scritta in forma dialogica, e con alcuni errori storici, poiché Muzio si concentra più sul riportare aneddoti e particolarità avvenute nelle vicende storiche della città, piuttosto che basarsi su fonti autorevoli. L'opera comunque rimane un punto di riferimento nel raccontare certe particolarità che all'epoca della seconda monografia storica di Niccola Palma (1832) erano andate già perse. Il Palma scrisse in quattro volumi la Storia ecclesiastica e civile della Regione più settentrionale del Regno di Napoli nominata Aprutium , e riguarda sin dalle origini fino alla rivoluzione francese del 1799 con Melchiorre Delfico dei fatti non solo di Teramo, ma anche della provincia circostante, in particolare parlando di Campli , Civitella del Tronto e Giulianova .

Quanto a letteratura non storica, si ricordano le figure di Giannina Milli , Raffaele Aurini , Melchiorre Delfico , Mario Pomilio , Fedele Romani .

Cinema

Teatro

Fino agli anni sessanta, la fonte di cultura principale in ambito teatrale, nella città, era il teatro comunale di stile vittoriano, lungo il corso San Giorgio (inaugurato nel 1868 - il primo teatro di Teramo era il Corradi, inaugurato nel 1793 presso Casa Catenacci in via V. Veneto). Dopo la caduta in degrado e abbattimento durante la giunta comunale di Carino Gambacorta, venne ricostruito un nuovo teatro moderno. Il nuovo Teatro comunale era stato dapprima adibito anche a cinema, fino al 2010, quando le principali realtà teatrali cittadine e provinciali hanno portato numerosi spettacoli di vario genere.

Cucina

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina abruzzese e Vini dell'Abruzzo .

La gastronomia teramana è piuttosto ricca e varia e trae origine da antiche tradizioni contadine.

Spaghetti alla chitarra teramani

Un rituale propiziatorio si celebra all'arrivo della primavera, ogni primo maggio, con la preparazione delle virtù , un piatto le cui origini si perdono nella notte dei tempi quando, alla fine dell'inverno, le contadine univano alle primizie portate dalla buona stagione ciò che era rimasto nelle dispense delle scorte invernali.

La preparazione, che secondo la tradizione dura tre giorni e tre notti, è alquanto laboriosa perché i numerosi ingredienti ( fave e piselli freschi, lenticchie , ceci , fagioli , indivia , carciofi , spinaci , cicoria , bietole , cime di rape , cuori di sedano , zucchine , aglio , cipolla , erbe aromatiche, prosciutto , cotenna, orecchio e piedini di maiale, cotiche, pallottine ) vanno cotti separatamente, e solo alla fine si possono amalgamare con la pasta, di vari tipi e colori, che dovrebbe essere fresca anche se sono molto comuni le paste secche ei tortellini .

Un altro piatto principe della cucina teramana sono i Maccheroni alla chitarra o Chitarra con le pallottine [46] , nonostante il nome si tratta di una sorta di spaghetti a sezione quadrata che si ottengono pressando la sfoglia di pasta sulla chitarra : un attrezzo tradizionale abruzzese costituito da fili d'acciaio tesi, accostati parallelamente, su un'intelaiatura di legno. Una caratteristica di questo piatto è nel sugo ricco di carne sotto forma di pallottine : piccolissime polpettine di carne mista preparate a mano e fatte soffriggere.

Un altro elemento tipico della cucina locale sono le scrippelle : sottilissime frittatine preparate versando su una padella caldissima una pastella di farina , acqua e uova ; tanto simili alle crêpes francesi che, secondo alcuni [ alcuni chi? ] , da Teramo furono portate oltralpe al seguito dei loro eserciti. Le " scrippelle " sono alla base di due dei piatti fondamentali della cucina teramana [47] , ovvero le scrippelle mbusse , cioè bagnate, immerse in un leggero brodo di gallina dopo essere state cosparse di parmigiano e arrotolate, e il timballo di scrippelle , dove sostituiscono la pasta sfoglia nel separare gli strati di ingredienti.

Un primo piatto caratteristico del teramano è la zuppa di ceci, funghi e castagne .

Dolci Pepatelli

Le saporite mazzarelle vengono preparate con una foglia di indivia legata con un budellino che avvolge pezzetti di coratella d'agnello ( fegato , cuore e polmoni ), con cipolla , aglio e prezzemolo , possono essere semplici o con il pomodoro .

Non mancano i tipici arrosticini, in dialetto rustell , presenti soprattutto nei territori teramano e pescarese.

Altre pietanze sono le 'ndocca 'ndocca , il classico piatto povero dei contadini nel quale si utilizzano tutte le parti del maiale (orecchie, muso, cotenna, piedi, costate) che non possono diventare prosciutti o salumi, e la Pinsa teramana, un pizza leggera e croccante di forma rettangolare creata con farine speciali.

Tra i dolci, si ricordano i caggionetti [48] , tipico dolce abruzzese a forma di raviolo ; una sfoglia leggerissima contiene un ripieno che, nei caggiunitt' teramani è a base di castagne , insieme ai classici cioccolato , mandorle tostate, cedro candito , buccia di limone , rum e cannella e Li papatill o Pepatelli , (anche questi tipici del periodo natalizio come i caggionetti ) sono preparati con farina mista bianca e integrale, mandorle miele e pepe in polvere con l'aggiunta di scorza d'arancia. li papatill risultano durissimi per cui vengono tagliati in fette sottili che hanno una forma che ricorda i cantucci toscani. Ancora li sfujatell , le sfogliatelle [49] , che si differenziano da tutte le altre perché anticamente venivano preparate dalle pazienti massaie, con la marmellata d'uva fatta in casa; al giorno d'oggi si utilizzano anche altre marmellate. Si aggiungono mandorle e cacao in polvere e questo ripieno va poi messo dentro una sfoglia che una volta cotta avrà la tipica forma di mezza luna sfogliata.

Sulle colline tramane si coltivano i tipici vitigni abruzzesi: il Montepulciano d'Abruzzo rosso o cerasuolo e il Trebbiano d'Abruzzo bianco.

Eventi

Maratonina Pretuziana

L'evento si svolge ogni 1º maggio all'interno del centro storico con gare competitive e non (tra cui le gare da 5 e 10 km), che si svolgono per tutto l'arco della giornata.

Cineramnia

Cineramnia è un festival cinematografico che si svolge in una settimana di giugno [50] .

La formula che contraddistingue questo festival è la seguente: cinque registi girano cinque film in cinque giorni, ovvero cinque scuole di cinema italiane ed europee vengono invitate a girare e montare un cortometraggio in cinque giorni. Durante il sesto giorno, i corti vengono proiettati in piazza dando al pubblico la possibilità di votare il migliore.

Protagonisti dei corti sono i cittadini che tre mesi prima hanno sostenuto un provino. Il nome Cineramnia è stato ideato dal regista Stefano Saverioni .

Nella settimana delle riprese, mentre i corti vengono realizzati, si svolgono lezioni e laboratori sul cinema ei suoi aspetti tecnici, linguistici, narrativi, spettacolari, con il corredo indispensabile di numerose proiezioni.

Coppa Interamnia - Interamnia World Cup

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Interamnia World Cup .

La Coppa Interamnia è la più grande manifestazione sportiva di Pallamano a livello mondiale: è infatti considerata l'olimpiade della pallamano, a cui partecipano ogni anno migliaia di persone. Le squadre partecipanti si sfidano sui campi allestiti per l'occasione in diversi punti della città. Il campo principale, dove avviene la serata di apertura e le premiazioni finali, è quello di Piazza Martiri della Libertà, munito di spalti, reti e luci.

Dal 1972 si svolge annualmente a Teramo nei primi giorni di luglio e vi partecipano squadre giovanili provenienti da tutti i continenti.

« Teramo, città aperta al Mondo »

( Unicef - 1989 )

Premio Ars nova Città di Teramo

Ogni anno (dal 2001), dal 18 al 22 novembre (festa di Santa Cecilia , patrona della musica) si tiene il Concorso Internazionale di Esecuzione Musicale Ars nova Città di Teramo [51] riservato a musicisti di ogni nazionalità. Il concorso è dedicato a tutti gli strumenti, divisi in classi anno per anno. Importante appendice del concorso è l'assegnazione del premio "alla carriera" ad un musicista teramano illustre. Lo hanno ricevuto Anna Guerrieri(2002), Ennio Vetuschi (2003), Leonia Vetuschi (2004), Anna Gorgoglione (2005), Giovanna Labellarte (2006), Rina Lupi (2007), l'Associazione corale teramana "G. Verdi" (2008), Marco Renzi (2009). Al premio "alla carriera" corrisponde una targa o una medaglia in argento donata dal Presidente della Repubblica Italiana . [ senza fonte ]

Premio "Gianni Di Venanzo"

Ogni mese di ottobre una settimana è dedicata al Premio Internazionale per la Fotografia Cinematografica "Gianni Di Venanzo" [52] . La prima edizione risale al 1996 .

"Premio Teramo" per un racconto inedito

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Premio Teramo per un racconto inedito .

Dal 1959 è sede del "Premio Teramo" per un racconto inedito. Il premio è stato fondato per iniziativa di Giammario Sgattoni che ne è stato il segretario per oltre vent'anni prima di entrare a far parte della giuria; Presidenti della giuria sono stati (in ordine cronologico): Michele Mandragora , Diego Valeri , Carlo Bo , Michele Prisco , Alberto Bevilacqua .

Rassegna Internazionale di Musica Danza e Canto Popolare

Organizzata dall'associazione culturale ARCAT, la manifestazione che si svolge a piazza Martiri della Libertà è un appuntamento fisso di fine luglio dell'estate teramana. Tema delle serate è la musica popolare italiana e internazionale suonata da gruppi provenienti dalle diverse regioni italiane e da paesi esteri.

"Serate Liliana Merlo" - Stagione Internazionale di Danza

Il 10 dicembre 2010 ha avuto inizio la Prima edizione di una Stagione Internazionale di Danza, promossa dalla Società della Musica e del Teatro "Primo Riccitelli" . Attraverso una proposta che copre i principali generi ballettistici attraverso i quali Liliana Merlo ha articolato il proprio lavoro pionieristico di divulgazione e di ricerca sulla danza nel corso del suo magistero abruzzese, le "Serate" hanno la peculiarità di porsi come il primo cartellone stagionale esclusivamente dedicato all'arte di tersicore mai tentato sul territorio, e tra i rarissimi tuttora presenti nel meridione italiano. La manifestazione intende proporre nel proprio cartellone spettacoli di danza classico-accademica , moderna , contemporanea , folk , popolare, teatrodanza , e coronare il ciclo delle quattro principali stagioni promosse dalla Società "Riccitelli", insieme a quelle dei concerti, di prosa e, grazie al sostegno della Fondazione Tercas, di teatro lirico ( Fondazioni all'Opera ).

Interferenze

Interferenze è un festival di danza urbana, ideato e diretto da Eleonora Coccagna, promosso dall'Associazione Electa creative arts di Teramo, nato nel 2006, si sviluppa in giornate di performance di danza in luoghi urbani della Città. Dal 2008 Interferenze entra nel Circuito mondiale Ciudades Que Danzan , una rete di Festival di danza nei paesaggi urbani che conta decine di festival in tutto il mondo.

Geografia antropica

Urbanistica

Corso Cerulli
Corso De Michetti

Il centro storico è a forma ellittica irregolare, attraversato nel centro, orizzontalmente, da due assi principali, il corso San Giorgio da sinistra e il corso De Michetti da destra, che si collega mediante il corso Cerulli alla piazza del Duomo. Essi confluiscono nel punto focale del centro storico, ossia nella Cattedrale di Santa Maria Assunta , con le due facciate che volgono a destra verso Piazza Orsini, ea sinistra a Piazza Martiri della libertà. Altra importante piazza è il Largo Torre Bruciata, detto anche Piazza Sant'Anna, dove si trova l'omonima chiesa, un tempo antica cattedrale di Teramo.

Nel corso dei secoli si sono creati altri slarghi e vie principali, specialmente con le demolizioni iniziate nell'800 e proseguite nel corso del Novecento che hanno portato alla realizzazione di Piazza Verdi, Piazza Martiri Pennesi, Piazza Sant'Agostino, Piazza Giuseppe Garibaldi, Piazza del Carmine e Piazza Dante.

Oltre ai tre principali corsi, Teramo nella zona sud dietro il Convitto "Melchiorre Delfico" conserva il quartiere di Corso Porta Romana, con il complesso di San Domenico , che mediante via Vincenzo Irelli si collega al piazzale del teatro romano, oppure mediante via Stazio al rione Santa Maria a Bitetto, fino al piazzale della chiesa del Carmine.
Verso nord-est si trova il quartiere di Sant'Antonio, che è collegato alla zona di Sant'Anna dei Pompetti.

Porta Melatina ed ex manicomio

Il centro è lambito dalle vie della Circonvallazione Spalato, lungo il vecchio Quartiere di Santa Maria a Bitetto e il vecchio stadio, e la Circonvallazione Ragusa, che parte dal largo di Porta Reale. All'imbocco dei due corsi ci sono il Largo Madonna delle Grazie, per il corso De Michetti, e la piazza Garibaldi per il San Giorgio.

Corso San Giorgio, Teramo

Il centro antico è circondato dai seguenti quartieri moderni: a nordovest il rione Piano della Lenta e il Viale Bovio. Questo percorso è stato uno dei primi nuclei espansivi moderni della città da Piazza Garibaldi, dove si trova la villa comunale "Stefano Bandini", e tra i vari uffici amministrativi ospita la Questura di Teramo.

A sud-ovest i tre viali principali dedicati a Mazzini, Cavour e Crucioli collegano il nuovo quartiere di Santa Chiara-Madonna della Cona sorto negli anni '60 attorno alla pineta che attorniava il neogotico Castello Della Monica ; a nordest ci sono il rione Ospedale, insieme al quartiere di San Berardo (zona stazione) con il Parco fluviale Vezzola, ei due quartieri di Colleatterrato e San Nicolò a Tordino . Questi sono le maggiori zone moderne di espansione ad est: il primo si trova presso il cimitero, il secondo ospita la nuova zona dello stadio comunale "Gaetano Bonolis", insieme al centro commerciale "Gran Sasso" e al complesso industriale principale del capoluogo, che insieme alle zone di Sant'Atto e Piano d'Accio forma una nuova realtà urbana dinamica fuori dal centro antico teramano, in facile collegamento con il casello autostradale Teramo Est dell'A24.

Suddivisioni amministrative

Quartieri (storici e moderni)

Castello
Coincide con il territorio della Parrocchia del Cuore Immacolato di Maria .
Colleatterrato
Il quartiere di Colleatterrato, di recente costituzione, è nato dall'espansione demografica a seguito dell'istituzione di " zona 167 ". Si trova nella parte più a est della città ed è diviso principalmente in tre zone: Colleatterrato Alto, Colleatterrato Basso e Contrada Casalena.
Colleparco
È una delle zone residenziali di più recente sviluppo, si trova in alta collina e vi ha sede il Campus di Coste S. Agostino . La sua notevole altitudine la porta ad essere la più alta di tutta la città.
Gammarana
Si trova alle spalle della stazione ferroviaria, tra gli anni cinquanta e sessanta era una zona industriale, poi è divenuta residenziale ed è in continuo sviluppo. Vi ha sede il campo di atletica della città, la Protezione Civile di Teramo, e il Parco della Scienza. Negli ultimi anni è stato creato un percorso ciclopedonale che percorre tutto il quartiere fino a ricongiungersi al parco fluviale del Vezzola e il centro sportivo Acquaviva, che comprende un campo di calcio, uno di pallamano, uno da basket, la pista di pattinaggio e due piscine comunali. In fase di realizzazione un nuovo centro polifunzionale.
Madonna della Cona
Coincide con il territorio della Parrocchia della Madonna della Cona . Si trova nella parte ovest della città e si sviluppa attorno alla statale 80. Tra i primissimi insediamenti fuori dalle antiche mura e luogo di ritrovamento di reperti archeologici Romani (necropoli, ecc.), oltre che di uno degli ultimi esempi di archeologia industriale (fornace di mattoni con metodo Hoffman). Nel quartiere, prevalentemente residenziale, hanno sede tre scuole superiori: l'Alberghiero, il Geometri e l'Istituto tecnico commerciale per programmatori.
Ponte a Catena - Madonna delle Grazie
Si estende a sud-ovest della città vecchia, poco oltre le mura cittadine. Comprende il parco dedicato ad Ivan Graziani e il santuario della Madonna delle Grazie . Si estende da Porta Reale fino al punto d'incontro dei due fiumi. Qui sorgeva probabilmente il primo centro abitato nell'epoca preromana. Il quartiere nasce dall'unione di Campo della Fiera, dove risiede l' IZSAM , e di Camposanto Vecchio, luogo in cui sorgeva l'antico cimitero cittadino, poi sostituito dalla scuola materna "De Albentiis", oggi in disuso. Il quartiere prende il nome dall'omonimo ponte storico sul fiume Tordino, fatto di assi di legno e catene, ormai sostituito da un ponte in cemento armato che garantisce il transito delle macchine nell'ingresso Sud della città.
Piano della Lenta
Si estende a nord dell'area urbana cittadina lungo la strada statale 81 che conduce alle vicine Campli, Civitella del Tronto ed Ascoli Piceno . È quasi totalmente residenziale e conta più di 3000 abitanti.
San Benedetto in Chartulis
Il più recente quartiere di Teramo. Sorto all'inizio degli anni 2000 nella zona est della città, a ridosso della zona di Colleatterrato basso, popolato da circa 6.000 abitanti. In fase di ultimazione un nuovo centro commerciale, stazione di polizia e ristorante.
Rione San Leonardo:uno sguardo verso Piazza Sant'Anna da Via Getulio
San Berardo
Situato nella zona est di Teramo, è un quartiere prevalentemente residenziale e popolare, dedicato al patrono della città. Si trova di fronte al quartiere Gammarana, al di là della ferrovia.
San Giorgio
È uno dei quartieri storici della città, il suo gonfalone è bianco e rosso e reca il simbolo del drago alato. Coincide con il territorio della Parrocchia del Duomo .
Chiesa di Sant'Antonio (XIII secolo)
San Leonardo
È uno dei quartieri storici della città, nel XVI secolo incorporò il sestiere di Sant'Antonio, il suo gonfalone è una galera, fornita di remi, in campo rosso. Coincide con il territorio della Parrocchia di Sant'Antonio .
Santa Maria a Bitetto
È uno dei quartieri storici della città, nel XVI secolo incorporò il sestiere di Santa Croce; il suo gonfalone è nero e rosso e reca il simbolo dell'elefante con una torre sulla schiena. Coincide con il territorio della Parrocchia del Carmine . Vi ha sede la caserma dei Carabinieri.
Santo Spirito
Oggi conosciuto come Porta Romana , è uno dei quartieri storici della città; il suo gonfalone è giallo bianco e verde con in mezzo il simbolo della torre. Coincide con il territorio dell' omonima parrocchia . Vi ha sede il Liceo Classico Melchiorre Delfico, Il liceo linguistico G. Milli, Scuola Media Savini, Scuola Elementare San Giuseppe e il Vecchio Stadio Comunale costruito nel 1929 ed utilizzato nelle partite interne dalla squadra cittadina fino al 2008.
Villa Mosca
Quartiere prevalentemente residenziale. È sede, tra l'altro, dell'ospedale Mazzini di Teramo. Dal centro si attraversa per raggiungere la casa circondariale di Castrogno.
Villa Pavone
Agglomerato artigianale situato nell'estremo levante della città. Ospita la chiesa di Santa Maria di Cartecchio e il cimitero comunale.
Stazione
Quartiere residenziale e commerciale compreso tra i quartieri Gammarana e San Berardo.

Frazioni

Il Comune di Teramo consta di 43 frazioni all'interno del proprio territorio, per un totale di oltre 18.000 abitanti [53] . Bivio Miano , Cannelli, Caprafico , Casette, Castagneto , Castrogno , Cavuccio , Cerreto , Chiareto, Colle Caruno , Colle Marino, Colleminuccio, Colle Santa Maria, Forcella, Frondarola , Frunti (paese abbandonato), Galeotti, Garrano Alto, Garrano Basso, La torre, Magnanella, Miano , Monticelli , Nepezzano , Orciano, Pantaneto , Piano d'Accio , Poggio Cono, Poggio San Vittorino , Ponte Vezzola, Ponzano , Putignano , Rapino , Rocciano , Rupo, Saccoccia, San Nicolò a Tordino , San Pietro ad Lacum, Sant'Atto , Sant'Egidio, Sardinara, Scapriano , Sciusciano, Secciola, Sorrenti, Sparazzano, Spiano , Tofo Sant'Eleuterio , Torre Palomba, Travazzano, Valle San Giovanni , Valle Soprana , Varano , Villa Butteri, Villa Falchini, Villa Gesso, Villa Pompetti, Villa Ripa , Villa Romita, Villa Rossi, Villa Schiavoni , Villa Stanchieri [54] , Villa Taraschi , Villa Tordinia , Villa Turri-Ferretti , Villa Viola, Villa Vomano .

Autostrada A24.

Economia

Agricoltura

Teramo, a partire dagli anni cinquanta del Novecento, ha visto un notevole incremento della produzione agricola grazie al circostante territorio pianeggiante che permette la coltivazione di vari ortaggi, legumi, e soprattutto di vigneti. La produzione principalmente riguarda quella del vino. Sviluppata è anche l'attività della pesca in acqua dolce, essendo la città vicino al fiume Vomano . L'agricoltura teramana è rappresentata dall'Ispettorato Provinciale dell'Agricoltura di Teramo.

Industria

Negli anni del boom economico è cresciuta anche l'industria, sviluppata principalmente sul settore agricolo. Altre industrie sono specializzate nella lavorazione del vetro e della ceramica , quest'ultima vanta in realtà una tradizione che risale al Rinascimento e si sviluppa in particolare nel Settecento [55] [56] , nonché nel settore manifatturiero. Esse sono rappresentate da Confindustria Teramo.

Turismo

Teramo è una tra le città più visitate della regione Abruzzo (assieme all' Aquila , Chieti e Pescara ) nonché della provincia stessa (insieme ad Atri , Giulianova e Tortoreto ), principalmente per il turismo religioso (vi sono chiese artisticamente pregevoli e il santuario di San Gabriele a Colledara) e per la città antica. Sono oggetto di visita anche i palazzi storici, i rioni medievali, le biblioteche storiche il Museo archeologico con i resti romani in diversi luoghi del centro storico.

Sono inoltre di interesse turistico le aree naturali del territorio e la Val Vomano , che consente escursioni e battute di pesca sul fiume.

Il turismo teramano è anche eno-gastronomico per la produzione di vini, carni e formaggi, e per una cucina ricca di piatti tipici quali la chitarra con le polpettine, il timballo di "scrippelle", le "scrippelle" in brodo, le "virtù", le "mazzarelle", vari tipi di paste lavorate, nonché secondi piatti di carne e pesce e contorni a base di verdure.

Infrastrutture e trasporti

Facciata della stazione ferroviaria

Strade

La città è facilmente raggiungibile grazie all'autostrada adriatica A14 , che la collega ad Ancona e Pescara , e all' Autostrada A24 [57] (detta anche Strada dei Parchi) che la collega a Roma in meno di due ore e al capoluogo di regione L'Aquila in circa 40 minuti.

La Strada statale 80 racc di Teramo prolunga l'A24 fino al casello Teramo- Giulianova - Mosciano Sant'Angelo dell'A14 costituendo un collegamento baricentrico tra Roma e l'intera costa adriatica .

Il Lotto Zero costituisce la tangenziale sud della città abruzzese che collega le uscite Teramo Est e Teramo Ovest. L'uscita Teramo Ovest consente un collegamento immediato tra il quartiere Cona ed il centro della Città.

Anche la Strada statale 80 del Gran Sasso d'Italia collega Teramo alla costa e, attraverso il cuore del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga , al capoluogo di regione, L'Aquila .

La Dorsale Marche-Abruzzo-Molise è in fase di completamento e collega la città con il nord della provincia e con Ascoli Piceno , mentre verso sud prosegue verso Penne e Chieti .

Ferrovie

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Teramo .

Una linea ferroviaria collega la Stazione di Teramo con quella di Giulianova . Attivata nel 1884, era stata progettata non come terminale, ma come passaggio della ferrovia Giulianova-Roma, mai realizzata. Elettrificata nel 2003 nell'ambito dei lavori che hanno portato alla realizzazione del Servizio Metropolitano Regionale Chieti / Pescara /Teramo. Da Teramo numerosi treni collegano vari paesi e cittadine fino a Gulianova, Pescara, Chieti e Lanciano, ma anche verso San Benedetto. Molto importante è la fermata in zona Piano d'Accio per raggiungere l'Ospedale Veterinario universitario, Il centro commerciale Gran Sasso e lo Stadio Gaetano Bonolis .

Autobus

Autobus del servizio urbano in transito davanti a Porta Melatina

La locale rete di trasporti pubblici urbani è esercitata dall'azienda privata Baltour; il servizio è strutturato su 8 linee, tutte transitanti in Piazza Garibaldi, mentre la maggior parte di esse transitano anche in Piazza San Francesco e davanti alla Stazione Ferroviaria. I trasporti interurbani afferenti la città di Teramo sono gestiti dalla società TUA . Piazza Garibaldi è un importante snodo in cui passano molti trasporti pubblici provenienti dalle Marche o da Pescara verso Roma o viceversa.

Amministrazione

Palazzo Comunale : Piazza Ercole Vincenzo Orsini , 16 - 64100 Teramo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Teramo .

Gemellaggi

Teramo è gemellata con:

Sport

Calcio

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Società Sportiva Teramo Calcio e Stadio Gaetano Bonolis .
Stadio Gaetano Bonolis di Teramo

Il Teramo Calcio fu fondato nel 1913 . A seguito del fallimento dell'estate del 2008, che ha comportato l'estromissione dalla serie C2 , è stata fondata una nuova società, il Real Teramo [59] (denominazione cambiata dopo appena un anno in Teramo Calcio ), che ha vinto il campionato di Promozione 2008/2009 e quello di Eccellenza abruzzese 2009/2010, conquistando la promozione in Serie D . Nel 2012 la società, che ha ripreso il nome di Teramo Calcio, vincendo il campionato di serie D è tornata nel professionismo. Nella stagione 2012/13 milita nel campionato di Seconda Divisione (ex C2), girone B. Il 6 aprile 2014 con la partita Teramo-Arzanese, conquista la promozione nella terza serie nazionale, la Prima Divisione . Nella stagione 2014-2015 vince il girone B della Lega Pro ottenendo la prima storica promozione in Serie B per la stagione 2015-2016, ma non viene promosso a causa della combine del match Savona-Teramo [60] . Dal 2015 al 2020 i Biancorossi militano in Serie C, sempre in zona di metà classifica.

Nel 2008 è stato inaugurato il nuovo Stadio Gaetano Bonolis , già Stadio Comunale di Piano d'Accio, che ha sostituito il Vecchio Stadio Comunale dove il Teramo ha costruito gran parte della sua storia calcistica, dal 1929 al 2008.

I colori sociali sono il bianco e il rosso, ispirati dai colori storici della città, mentre il simbolo storico è il diavolo. Il logo della squadra ricorda lo scudo sannita con striscia trasversale con la scritta "Teramum", proprio del comune di Teramo.

Pallacanestro

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Teramo Basket e PalaScapriano .
Il PalaScapriano

Il Teramo Basket fu fondato nel 1973 e dal 2003 al 2012 ha giocato nella massima serie . Nell'estate del 2012 a causa di problemi economici la società non ha iscritto la squadra biancorossa a nessuna categoria. La stagione migliore nella storia della Teramo Basket resta quella del 2008/2009 in cui si è classificata 3ª alla fine del campionato regolare, raggiungendo i quarti di finale dei play-off scudetto. La squadra ha giocato le proprie partite casalinghe nel più grande dei tre palasport della città, il PalaScapriano . A seguito della scomparsa del Teramo Basket, in città restano due società di pallacanestro: il Teramo Basket 1960 e la Basketball Teramo (la prima militante in Serie B dal 2016 ad oggi, la seconda in Serie D).

Pallamano

Hanno militato in serie A1 sia la squadra di pallamano maschile (promossa in serie A d'Elite) Teramo Handball che quella femminile HF Teramo . Quest'ultima si è laureata campione d'Italia nella stagione 2011/2012.

La NHC Teramo, nata nel 2015 come nuova squadra cittadina, dopo alcune stagioni di serie B e A2, è riuscita a vincere il campionato stagione 2018/2019 salendo di diritto in A2.

La pallamano è molto seguita a Teramo dove ogni anno si svolge la Coppa Interamnia , in vari campi sparsi per la città.

Rugby

L'Amatori Rugby Teramo è stata la squadra della città. Dopo anni bui a cavallo del terzo millennio, a seguito della riorganizzazione dei campionati, voluta dalla federazione, ha conosciuto nuovi fasti [61] . Al momento le squadre dilettantistiche teramane sono il Teramo Rugby 1976 e il Teramo Rugby Femminile.

Torball

Il Torball praticato dalla Teramo Non Vedenti ASD è tra le maggiori società di torball in Italia: ha vinto 5 scudetti 3 coppe Italia e 4 supercoppe. La squadra milita nel Campionato di Serie "A" dall'anno 2002 e da quell'anno una serie infinita di successi Nazionali ed Internazionali. La 7th Worldcup Torball & 20th IBSA European Torballcup 2010 si è svolta nella città di Teramo.

Ciclismo

Teramo è stata più volte arrivo di tappa del Giro d'Italia :

Data Tappa da km Vincitore Nazionalità
1910 (22 maggio) Bologna 345 Carlo Galetti Italia Italia
1930 (30 maggio) Roma 203 Michele Mara Italia Italia
1932 (20 maggio) Rimini 286 Raffaele Di Paco Italia Italia
1934 (30 maggio) Campobasso 283 Learco Guerra Italia Italia
1959 (25 maggio) 10ª Vasto 159 Rino Benedetti Italia Italia
1980 (31 maggio) 15ª Roccaraso 194 Tommy Prim Svezia Svezia
1990 (25 maggio) Sora 233 Fabrizio Convalle Italia Italia
2000 (20 maggio) Vasto 171 David McKenzie Australia Australia
2011 (17 maggio) 10ª Termoli 159 Mark Cavendish Regno Unito Regno Unito

Ogni anno si svolgono tre manifestazioni sportive per cicloamatori:

  • la Ciclilaga , nella terza decade di giugno, con partenza da Teramo e percorso che si addentra nel territorio dei Monti della Laga [62] ;
  • il Trofeo Cianciotta , nel mese di settembre, gara su circuito nelle vie del centro storico di Teramo; [ senza fonte ]
  • il Memorial "Darwin Lupinetti". [ senza fonte ]

Podismo

Altra manifestazione importante, giunta nel 2019 alla sua 40ª edizione, è la "Maratonina Pretuziana", che si svolge il 1º maggio di ogni anno. Nell'edizione del 30 aprile 2006 si è svolta anche la Mezza Maratona nazionale. Espressione massima del podismo femminile sono le pluricampionesse italiane Franca Costantini e Teresa Di Carlo. Alla maratonina partecipano giovani di tutte le età, ma anche adulti a livello agonistico e le celebrazioni si svolgono nel centro cittadino per tutta la giornata, con corse, spettacoli e premiazioni.

Impianti sportivi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Gaetano Bonolis e Stadio comunale di Teramo .

Gli impianti sportivi più importanti in città sono: il vecchio Stadio Comunale e lo Stadio Gaetano Bonolis per il calcio, il PalaScapriano e Palestra San Gabriele per il Basket, il Palacquaviva e PalaBinchi per la pallamano, il Campo di Atletica leggera sito nel quartiere Gammarana, la Piscina Comunale e il Tiro a Segno Nazionale .

Note

  1. ^ a b Filippo Tronca, I REDDITI ABRUZZESI: PRIMA PESCARA, L'AQUILA SECONDA E SEMPRE PIU' RICCA , su Abruzzo Independent , 5 maggio 2016. URL consultato il 27 marzo 2019 .
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 gennaio 2021.
  3. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  5. ^ Teramo , su treccani.it . URL consultato il 3 luglio 2020 .
  6. ^ Vedi il passo nella wikisource latina
  7. ^ Muzio de Mutji, Della Storia di Teramo dialoghi sette , con note di Giacinto Pannella, Teramo, 1893, p. 149
  8. ^ M. Baratta, I terremoti d'Italia , fratelli Bocca editrice, Torino, 1901
  9. ^ Tale usanza durò fino al secolo XIX.
  10. ^ L'episodio è citato - tra gli altri - anche dallo storico Niccola Palma nella sua opera sulla diocesi di Teramo Storia ecclesiastica e civile della regione più settentrionale del Regno di Napoli: detta dagli antichi praetutium, ne' bassi tempi Aprutium oggi città di Teramo e diocesi Aprutina. Che contiene gli avvenimenti dal 1530 al 1830 (Volume 3, ed. Angeletti, 1833). Il figlio Giuseppe non viene qui chiamato per nome, ma solo col soprannome L'Occupante , in contrapposizione al Generale dei Colli che era invece il De Donatis. Lo Januarii invece riporta nomi e cognomi dei fratelli Fontana; una ricerca più approfondita viene effettuata dallo scrittore Luigi Coppa-Zuccari nella sua opera L'invasione francese negli Abruzzi (1798-1815) (Roma, Tipografia Consorzio Nazionale, 1939).
  11. ^ DPR 11 settembre 2001, con cui è stato concesso alla Città di Teramo un gonfalone ed è stato altresì concesso, con esaustiva blasonatura, lo stemma già riconosciuto nel 1941: «STEMMA: di rosso, alla banda di argento, caricata dalla scritta, in lettere maiuscole scalinate, di nero, TERAMUM, essa banda accompagnata dalle due crocette trifogliate di argento, una in capo, l'altra in punta. Lo scudo è sormontato dalla corona d'oro formata dal cerchio brunito, gemmato, cordonato ai margini, cimato da quattro fioroni d'oro, tre visibili, sostenuti da punte, ed alternati da quattro perle al naturale, sostenute da punte, due visibili. Sotto lo scudo, due fronde di alloro e di quercia, decussate in punta e legate con il nastro ricolorato dai colori nazionali. GONFALONE: drappo di bianco con la bordatura di rosso, riccamente ornato di ricami d'oro e caricato dallo stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in oro, recante il nome della Città. Le parti di metallo ed i cordoni saranno dorati. L'asta verticale sarà ricoperta di velluto dei colori del drappo, alternati, con bullette dorate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma della Città e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri ricolorati dai colori nazionali frangiati d'oro»
  12. ^ Cattedrale di Teramo [ collegamento interrotto ] , su teramo-la-cattedrale .
  13. ^ Cattedrale di Santa Maria Assunta , su regione.abruzzo.it . URL consultato il 3 agosto 2019 (archiviato dall' url originale il 6 aprile 2018) .
  14. ^ L'iscrizione riporta: "Nell'anno del Signore 1153, nove giorni prima delle calende di maggio" (ovvero il 23 aprile) "morì Teodino, il quale questa chiesa cominciò in suffragio dell'anima sua".
  15. ^ a b Elenco degli edifizi Monumentali in Italia , Roma, Ministero della Pubblica Istruzione, 1902. URL consultato il 27 maggio 2016 .
  16. ^ L'ulteriore titolo di Antica cattedrale di Santa Maria Interamnensis, ossia la cattedrale della città d'Interamnia, è riportato sia da Mario Moretti, op. cit. pag. 2, sia da Marcello Sgattoni, op. cit. pag. 3, come denominazione derivante da Interamnia Urbs , il nome che i Romani conferirono alla città di Teramo.
  17. ^ Chiesa di S. Agostino - Cult , su teramoculturale.it .
  18. ^ Elenco degli edifizi monumentali in Italia, Roma, 1902, p. 346
  19. ^ DAT - Documenti dell'Abruzzo Teramano, VII, 2, “Teramo e la valle del Tordino” , Poligrafica Mancini, Sambuceto (Chieti), novembre 2006, pp. 779;
  20. ^ Chiesa di Sant'Antonio - Cult , su teramoculturale.it .
  21. ^ Provincia di Teramo [ collegamento interrotto ] , su paesiteramani.it .
  22. ^ Chiesa e convento di San Domenico - Cult , su teramoculturale.it .
  23. ^ Chiesa Madonna del Carmine - Cult , su teramoculturale.it .
  24. ^ Casa Urbani , su teramoculturale.it .
  25. ^ Castello Della Monica , su teramoculturale.it .
  26. ^ Palazzo vescovile , su guide.travelitalia.com .
  27. ^ Ospedale psichiatrico di Teramo , su ospedalepsichiatrico.it .
  28. ^ Palazzo Delfico , su defilippis-delfico.it (archiviato dall' url originale il 22 giugno 2010) .
  29. ^ Piazza Sant'Anna , su geoplan.it (archiviato dall' url originale il 18 maggio 2016) .
  30. ^ Piazza Orsini , su primapaginaweb.it . URL consultato il 28 marzo 2019 (archiviato dall' url originale il 6 aprile 2018) .
  31. ^ a b c Francesco Savini, Edifizii Teramani Nel Medio Evo , Andromeda Editrice, 1907, p. 52.
  32. ^ Ponte degli Impiccati , su xoomer.virgilio.it .
  33. ^ Sor Paolo proconsole , su visitabruzzo.altervista.org .
  34. ^ Fonte della Noce , su teramoculturale.it . URL consultato il 29 maggio 2016 .
  35. ^ Fontana dei Due Leoni di Teramo , su regione.abruzzo.it . URL consultato il 12 maggio 2016 (archiviato dall' url originale il 16 giugno 2016) .
  36. ^ Torre Bruciata , su iluoghidelcuore.it .
  37. ^ Torre del Duomo , su lanostra.it .
  38. ^ Teatro romano , su teramoculturale.it . URL consultato il 23 aprile 2016 .
  39. ^ Parco del Tordino , su teramoculturale.it .
  40. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  41. ^ Festa dei Trionfi , su duomoteramo.comunite.it (archiviato dall' url originale il 3 giugno 2017) .
  42. ^ Sito ufficiale
  43. ^ [1]
  44. ^ AA.VV., Liber Annualis.Ordo Anni Academici 2007 ,IEM PRESS Master grafica, Teramo 2008, pp.15-22
  45. ^ AA.VV., La performance concertistica. Quadri sinottici dei livelli interpretativi ,IEM PRESS, Teramo 2010, p.34
  46. ^ Chitarra alla teramana , su soalca.it .
  47. ^ Scrippelle mbusse , su turismo.provincia.teramo.it .
  48. ^ Caggionetti , su turismo.provincia.teramo.it .
  49. ^ Sfogliatelle teramane , su turismo.provincia.teramo.it .
  50. ^ Cineramnia , su cineramnia.it .
  51. ^ Premio Ars nova Città di Teramo
  52. ^ Premio Internazionale per la Fotografia Cinematografica "Gianni Di Venanzo"
  53. ^ Cfr. il
  54. ^ Google Maps , su Google Maps . URL consultato il 20 giugno 2016 .
  55. ^ Luciana Arbace, Carlo Antonio Grue, 1655-1723 : il trionfo della pittura , Andromeda, 2002, ISBN 88-88643-00-1 , OCLC 51067720 . URL consultato il 5 febbraio 2020 .
  56. ^ Filipponi, Fernando, Aurelio Anselmo Grue : la maiolica nel Settecento fra Castelli e Atri , ISBN 978-88-96868-47-8 , OCLC 924160037 . URL consultato il 5 febbraio 2020 .
  57. ^ Strada dei Parchi , su stradadeiparchi.it . URL consultato il 1º settembre 2011 .
  58. ^ ( CS ) Rekonstrukce stránek Praha 7 Archiviato il 21 settembre 2007 in Internet Archive .
  59. ^ Elso Simone Serpentini, Storia del calcio teramano (1983-2008) , Artemia Edizioni, 2009
  60. ^ Sentenze Savona-Teramo: Diavolo in Lega Pro -6, Ascoli in B! , su Picenotime . URL consultato il 2 febbraio 2016 .
  61. ^ Amatori Rugby Teramo , su rugbyteramo.it . URL consultato il 23 giugno 2019 (archiviato dall' url originale il 30 marzo 2016) .
  62. ^ Ciclilaga

Bibliografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bibliografia su Teramo .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 138163693 · LCCN ( EN ) n82028282 · GND ( DE ) 4119563-2 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n82028282
Abruzzo Portale Abruzzo : accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Abruzzo