Soudan

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Soudan (disambiguation) .
Soudan
Soudan - Drapo Soudan - Manto
( detay ) ( detay )
( AR ) النصر لنا (al-naṣr lanā)
( IT ) Pou nou viktwa a
Soudan - Lokalizasyon
Nan vèt fonse teritwa a kontwole pa Soudan, nan vèt limyè teritwa yo reklame men yo pa kontwole.
Done administratif
Non konplè Repiblik Soudan
Non ofisyèl an arab : جمهورية السودان , Jumhūriyyat al-Sūdān
( EN ) Repiblik Soudan an
Lang ofisyèl yo Arab ak angle
Kapital Khartoum ( 640,000 moun / 2014)
Politik
Fòm gouvènman an Repiblik prezidansyèl federal anba gouvènman tranzisyon an
Prezidan Konsèy souveren nan Soudan te dirije pa Abdel Fattah al-Burhan
premye Minis Abdalla Hamdok
Endepandans 1 janvye 1956 soti nan Wayòm Ini a ak peyi Lejip la
Antre nan Nasyonzini an 12 novanm 1956
Sifas
Total 1 844 797 km² ( 16º )
% nan dlo 5.18%
Popilasyon
Total 41 682 000 abitan. (Nasyonzini estimasyon 2019 ) ( 31º )
Dansite 16.3 abitan / km²
To kwasans 1.88% ( 2012 ) [1]
Non moun ki rete yo Soudan
Jewografi
Kontinan Lafrik
Fwontyè Eritrea , Etyopi , Sid Soudan , Chad , Repiblik Afrik Santral , peyi Lejip , Libi
Lag jè UTC + 2
Ekonomi
Lajan Liv Sudan
GDP (nominal) 60 503 [2] milyon dola (2012) ( 69º )
GDP per capita (nominal) 1 806 $ (2012) ( 133º )
GDP ( PPP ) $ 85 415 milyon (2012) ( 76º )
GDP per capita ( PPP ) 2 631 $ (2013) ( 144º )
ISU (2011) 0.408 (ba) ( 169º )
Fètilite 4.3 (2011) [3]
Divès
ISO 3166 kòd SD , SDN, 729
TLD .sd, سودان.
Prefiks tel. +249
Otom. SID
Im nasyonal Nahnu jund Allah, jund al-watan
Jou ferye nasyonal la 1 janvye
Soudan - Kat
Istorik evolisyon
Eta anvan an UK Anglo-moun peyi Lejip Soudan

Kowòdone : 15 ° N 32 ° E / 15 ° N 32 ° E 15; 32

Soudan (Soudan [4] ; an arab : السودان, Soudan), ofisyèlman Repiblik Soudan [5] (an arab : جمهورية السودان, an angle . Repiblik Soudan), se yon eta Arab - Afriken , ki sou fwontyè ak peyi Lejip la. nan nò, Lanmè Wouj nan nòdès, Eritrea ak peyi Letiopi nan lès, Sid Soudan nan sid, Repiblik Afrik Santral nan sidwès, Chad nan lwès ak Nòdwès Libi . Peyi a divize longitudinalman pa larivyè Nil la an de mwatye (lès ak lwès). Popilasyon an nan Soudan se yon konbinezon de moun ki abite endijèn nan Fon Nil la ak desandan imigran ki soti nan Penensil Arabi an . A vas majorite nan popilasyon an jodi a anbrase Islam nan nò a, men gen konsantrasyon fò nan kretyen ak animis nan sid la. Non Soudan sòti nan ekspresyon arab Bilād al-Sūdān , ki vle di "peyi moun nwa".

Popilasyon an nan Soudan gen yon istwa long depi tan lontan , ki se mare ak istwa a nan peyi Lejip la . Soudan te soufri disèt ane nan gè sivil , pandan gè sivil la Soudan ( 1955 - 1972 ), ki te swiv pa dezyèm gè sivil la Soudan ( 1983 - 1998 ) ant gouvènman santral la nan Soudan ak SPLA / M nan Sid Soudan. Akòz lit politik ak militè kontinyèl, Soudan te kidnape nan yon koudeta san san pa Kolonèl Oma al-Bashir , an 1989, ki te pwoklame tèt li prezidan Soudan. Lagè sivil la te fini ak siyen yon akò lapè konplè ki akòde otonomi nan sa ki te Lè sa a, rejyon sid la nan peyi a. Aprè yon referandòm ki te fèt nan mwa janvye 2011, Sid Soudan divize sou 9 jiyè 2011 avèk konsantman Soudan. Nan 2019, fas a masiv manifestasyon popilè ki mande pou demisyon al-Bashir, lame Soudan an te ranvèse prezidan an nan yon koudeta , pou yon ti tan pran kontwòl peyi a. Aprè yon akò ant fòs pwotestasyon yo ak militè yo, yon Konsèy souveren ki konpoze de sivil ak militè te etabli, ki pral gouvène peyi a pandan tranzisyon demokratik la jouk 2022.

Yon manm nan Nasyonzini yo , Soudan tou konfòme yo ak Inyon Afriken an , Lig Arab la , Organizationganizasyon pou koperasyon Islamik ak Mouvman nan peyi ki pa aliyen , osi byen ke gen estati obsèvatè nanTradeganizasyon Komès Mondyal la . Kapital li se Khartoum , sant politik, kiltirèl ak komèsyal nan nasyon an. Ofisyèlman yon reprezantan repiblik prezidansyèl demokratik federal, politik Soudan yo lajman konsidere pa kominote entènasyonal la kòm otoritè , akòz dominasyon Pati Kongrè Nasyonal la ki pa diskite nan sistèm jidisyè , egzekitif ak lejislatif .

Istwa

Pre-istwa

Ti towo bèf reprezante nan sit atizay wòch Sabu-Jaddi la

Nan wityèm milenè anvan Jezikri a, yon pèp nan yon kilti Neyolitik te etabli sou fon Nil la , te gen yon vi sedantèr, ak te viv nan labou-brik vilaj ranfòse, kote yo entegre lachas ak lapèch ak rekòlte grenn. Ak elvaj bèf. [6] Pandan senkyèm milenè anvan Jezikri a, migrasyon soti nan seche Sahara a te pote pèp Neyolitik nan Fon Nil la ansanm ak agrikilti. Popilasyon an ki soti nan melanj sa a kiltirèl ak jenetik devlope yerachi sosyal la nan syèk sa yo, vin Peyi Wa ki nan Kush (ak kapital la Kerma ) nan 17000 BC.Antropolojik ak akeyolojik rechèch endike ke pandan peryòd la pre-dinastik Lower Nubia la ak Magadan Upper peyi Lejip la te gwoup etnik ak kilti prèske ki idantik, epi konsa sistèm nan faraonik wa evolye ansanm nan 3300 BC. [7] Ansanm ak lòt peyi sou lanmè Wouj la, Soudan se konsidere kòm plas la gen plis chans sou latè li te ye moun peyi Lejip yo ansyen kòm Item (oswa "Ta Netjeru", ki vle di "Tè Bondye"), ki gen premye mansyone dat tounen nan 10yèm syèk BC la [2]

Nan lès Soudan gwoup la Butana parèt alantou 4000 BC. Moun sa yo te pwodwi senp potri dekore, te viv nan joupa wonn e yo te gen plis chans gadò mouton, chasè, men yo menm tou yo te boule Molisk peyi ak gen prèv ki montre agrikilti. [8] Gwoup la Gash soti alantou 3000 BC e li se yon lòt kilti pre-istorik li te ye nan plizyè kote. Moun sa yo te pwodwi potri dekore e yo te viv nan agrikilti ak elvaj bèf. Mahal Teglinos se te yon kote enpòtan nan apeprè 10 ekta. Nan sant la, kay brik labou yo te defouye. So ak enpresyon sele ateste yon nivo administrasyon ki pi wo. Antèman nan yon simityè elit yo te make ak tonb ki graj. [9] Nan dezyèm milenè a swiv gwoup Jebel Mokram la. Yo te fè potri ak dekorasyon senp ensize epi yo te viv nan joupa wonn ki senp. Agrikilti bèt te gen plis chans baz ekonomik yo. [10]

Peyi Wa ki nan Nubia

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Nubia ak alfabè a Meroitic .
Estati yon wa Nubyen .
View ayeryen nan piramid yo Nubian nan Meroë, nan Peyi Wa ki nan Kush

Nò rejyon an nan Soudan prezan-jou nan antikite te konnen tou kòm "Peyi Wa ki nan Nubia" oswa Peyi Wa ki nan Kush , ak sivilizasyon li yo esansyèlman fleri ansanm kou a nan larivyè Nil la , ant premye a ak sizyèm katarak . Wayòm yo ki te swiv yo te anpil enfliyanse pa vwazen faraonik peyi Lejip la, ak nan vire te fè enfliyans yo santi yo la.

An reyalite, an reyalite, fwontyè ki genyen ant wayòm ansyen moun peyi Lejip yo ak Soudan fluctuées souvan, ak yon bon pati nan sa ki kounye a Nò Soudan te, nan antikite, konfonn soti nan Upper peyi Lejip la. Kontrèman, Nubia te vin gen ladan Aswan .

Nan tan Women yo , Fezzan te vizite pa Julius Maternus , pandan y ap Nero voye kèk kaptenn yo eksplore sou larivyè Nil la , men sa yo sispann anvan yo rive Soudan. Eksploratè Arab yo, nan lòt men an, te antre nan li epi temwayaj al-Bakri , Idrisi ak Ibn Battuta rete, kolekte pa Leone Afriken an , ki moun ki te vizite zòn nan Bornu ak rezime rechèch li yo ak sa yo ki nan Arab yo.

Islam: Arab, Il Tirk, moun peyi Lejip

Twa peyi kretyen Nubyen yo.

Krisyanis te prezante nan Soudan nan twazyèm lan oswa nan katriyèm syèk la , men Islam te fè aparisyon li deja alantou 640 , jis lè twa nan wayòm yo ki te fè moute rejyon an ( Nobazia , Makuria , Alodia ) te deja konvèti nan Krisyanis. Koezistans ki genyen ant de fwa yo ta rete akseptab lapè jouk nan konmansman an nan katòzyèm syèk la , tou paske wayòm nubyen yo souvan jwenn tèt yo nan yon pozisyon nan fòs ki gen rapò ak yon peyi Lejip divize ak enstab.

Soti nan mitan 12yèm syèk la , dominasyon ekonomik nan Soudan feyodal te piti piti pran pa yon klas nan machann Arab , menm jan peyi Lejip la te vin de pli zan pli agresif nan direksyon pou wayòm yo Nubian pòv yo. An 1512, peyi Lejip te tonbe anba dominasyon Anpi Ottoman an e menm sò a te rive Makuria (Nò Soudan) nan 1517 . Nan 1504 sultanat Islamik la nan Sennar siksede wayòm kretyen an nan Alodia (santral Soudan). Apre kanpay moun peyi Lejip Napoleon an (1798-1799), peyi Lejip tonbe nan pouvwa a nan Mehmet Ali , ki moun ki efektivman fè li endepandan de Sultan nan Istanbul .

Kòmanse nan 1820 , Soudan tonbe anba kontwòl nan peyi Lejip la, lè Otoman Pasha Mehmet Ali a, wali nan peyi Lejip, voye yon lame sou lòd pitit gason l ' Ibrāhīm Pasha ak Muhammad Bey okipe lès Soudan. Konkèt la te konplete pa pitit gason Ibrāhīm a, Ismāʿīl Pasha (pita Ismāʿīl I), ak soumisyon nan rejyon sid peyi a nan 1839 ak 1861 . Avèk antre nan konkeran yo, yon komès esklav entans devlope, men irigasyon te tou pwolonje ak pwodiksyon koton ogmante (espesyalman nan nò a). Nan 1857 kèk misyonè Katolik te rive nan Soudan, ki gen ladan Daniel Comboni , ki moun ki te fonde kominote misyonè nan Papa Comboni yo, pita bati nan yon kongregasyon.

Nan 1879 , apre Kongrè Bèlen an , gwo pisans Ewopeyen yo te fòse Ismāʿīl I abdike epi yo te mete pitit gason l ' Tawfīq Pasha (oswa Tawfiq I) sou fòtèy la, ki gen koripsyon ak efikasite pwovoke yon rebelyon nan 1881 ki te egzije entèvansyon Britanik lan. Okipasyon Britanik la nan peyi Lejip ak Soudan ( 1882 ), fòmèlman pou defann otorite Chedivè a , men an reyalite pou kontwole de peyi yo, ranfòse nasyonalis.

Mahdiyya a, Anglo-moun peyi Lejip Soudan an ak incursions yo Italyen

Lidè relijye Muhammad Ahmad ibn 'Abd Allāh (1844-1885), yon Arab-Soudan Dongola oto-pwoklame Mahdi , te eseye nan 80s yo nan syèk XIX inifye branch fanmi yo nan santral Soudan ak Lwès la. Soti nan 1881 li te dirije yon revòlt nasyonalis kont règ moun peyi Lejip, ki abouti nan batay la nan El Obeid ( 1883 ) ak ak syèj la nan Khartoum ( 1884 ), nan fen ki (12 janvye 1885 ) kòmandan Britanik la tou te mouri. Jeneral Gordon , epi avèk etablisman yon teyokrasi fondamantalis , pandan ke twoup ejipsyen yo ak britanik yo te retire kò yo nan Soudan.

Mahdiyya a te dire soti nan 1884 1898 , enpoze Chearya , boule nenpòt tèks ki asosye ak rejim lan fin vye granmoun, opoze tribalism ak ekstèminasyon nenpòt ki moun ki pa anbrase rejim lan. Malgre ke Mahdi te mouri nan typhus sis mwa apre sezon otòn al-Kharṭūm, ʿAbdallāhi b. Muḥammad (1846-1899), yon Arab-Soudan soti nan Darfur , jere yo pran pouvwa ak sipoze tit la nan Khalīfa (siksesè) nan Mahdi a, kontinye politik entèn ak etranje li yo, san siksè fè lagè sou peyi Letiopi (1887-1889), nan Peyi Lejip (1889), nan Equatoria Bèlj la (sid Soudan - nò Uganda) (1891) ak Eritrea Italyen (1893); lagè, flewo ak grangou mwatye popilasyon Soudan an mwatye.

Soti nan 17 jiyè 1894 a 25 desanm 1897 zòn nan nan Cassala te okipe pa Italyen yo, ki moun ki te bay li bay Britanik yo apre defèt la nan batay nan Adua .

Lagè Soudan an, nan yon reprezantasyon pwopagann .

Ofisyèlman nan non Chedive nan peyi Lejip la, men nan pratik pou Anpi Britanik la (pè enfiltrasyon pa Lafrans ak Bèljik), soti nan 1896 1898 fòs yo Anglo-moun peyi Lejip ki te dirije pa Seyè Kitchener atake eta a Mahdist, ki te siviv osi lontan ke Lame Mahdi pa te akable nan batay Omdurman (2 septanm 1898) e siksesè Mahdi a pa te mouri nan batay Umm Diwaykarat , nan Kordofan , 24 novanm 1899 ).

An 1899, Anpi Britanik la te enpoze sou peyi Lejip "kondominyòm nan" sou Soudan, ki te vin " Anglo-moun peyi Lejip ", epi, kont politik la moun peyi Lejip dè dekad nan inifikasyon politik nan tout basen lan larivyè Nil , yo administre li kòm koloni pwòp yo, jiskaske li te divize an 1924 an de pati diferan, sid kretyen an ak nò mizilman yo. Anba yon trete, pita ratifye nan 1936 , gouvènè a te nonmen pa peyi Lejip la avèk konsantman Britanik lan, yon sitiyasyon ki te rete menm jan jiska 1956 .

Nan 1903 , gouvènman lokal la te kòmanse akòde "lisans" bay misyonè ki te mande pou yo pèmèt yo antre nan peyi a, defini teritwa yo kote yo ta dwe pèmèt yo rete. Nò zòn Nubyen an (kretyen jiskaske kèk syèk pi bonè) te eskli nan devwa sa yo epi li te rete majorite Mizilman yo. Ant 1914 ak 1922, peyi Lejip, ofisyèlman "kondominyòm nan" nan Soudan, te tèt li yon pwotektora Britanik yo .

Pandan Dezyèm Gè Mondyal la , Fòs defans Soudan yo, ki te fòme an 1925 , te kontre incursions Italyen yo soti nan peyi Letiopi an 1940 . Sepandan, Italyen yo ak Konkèt la nan Cassala okipe li soti nan 4 jiyè, 1940 a 21 janvye, 1941. Apre ofansif Britanik la, fòs yo Soudan kontribye nan envazyon an ak okipasyon nan koloni yo Italyen an 1942 .

An 1943 , menm jan presyon Britanik la te diminye akòz konfli a, de pati espontane nan enklinasyon nasyonalis leve, pati a Umma ak pati a al-Ashiqqāʾ (Frè yo), lèt la nan enspirasyon Islamik, tou de sitou refere li a nò Soudan.

Nan 1947 konferans lan Juba te fèt ak ki de pati yo nan peyi a te dakò pou reyinifikasyon ak Sid la te admèt yo nan reprezantasyon palmantè.

An 1953 , rejim pwotektora a te aboli gras a yon akò Anglo-moun peyi Lejip enspire pa prensip yo nan pwòp tèt ou - detèminasyon nan pèp la . Touswit apre, nan Novanm nan, eleksyon jeneral yo te fèt pou renouvèlman an nan Asanble Lejislatif la ki soti nan ki lejitimite a nan Ismāʿīl al-Azharī kòm tèt nan gouvènman an parèt nan janvye sa a. Youn nan zak yo an premye te etablisman an nan yon komite Sudanization , nan ki sepandan te yon reprezantasyon disproporsyonelman ti nan Sid Soudan te note.

Soudan endepandan

Depi endepandans li nan men Wayòm Ini , ki te pwoklame pa Palman an nan Desanm 1955 ak jwenn nan 1956, politik domestik te domine pa rejim militè ki, selon yon opinyon prèske inanim nan entelektyèl, ta favorize gouvènman ki gen yon oryantasyon Islamik ak privilejye nò Soudan.

Konfli entèn yo ak premye gè sivil la , ki te domine sèn entèn la ant 1955 ak 1972 , e ki soti anvan endepandans, te leve nan konfli ant fòs gouvènman nò yo ak fòs Anyanya ki te deklare otonomi pati sid peyi a. peyi.

Nan 1957 yon konstitisyon te pwopoze pa Nò Soudanè yo eli Islam kòm relijyon eta a ak arab kòm lang ofisyèl nan eta a. Ane annapre a Sid Soudan abandone travay la nan Asanble a konstitiyan, yon fwa li te konprann ke ipotèz la nan yon federasyon ant nò ak sid nan peyi a pa ta aksepte.

Travay misyonè etranje yo te koupe nan lane 1964 pa yon dekrè inatandi nan ekspilsyon jeneralize; tansyon yo te grandi jiskaske yon rebelyon li te ye tankou "Revolisyon Oktòb la" monte nan otòn lan ak eta a nan ajitasyon rete grav anpil pou yon tan long. Kèk ane pita, kounye a an 1969 , Jaʿfar al-Nimeyrī swadizan te fè yon koudeta ki rele "Revolisyon Me", avèk sipò Kominis yo.

An 1972 yon akò lapè ki te siyen nan Addis Abeba garanti yon sòt de otonomi nan sid la nan etablisman an nan yon asanble rejyonal ak dwa pou yo chwazi prezidan an nan Konsèy la Egzekitif Segondè (ACE), sijè sepandan konfimasyon pa prezidan an nan repiblik la ... Premye prezidan asanble rejyonal sid la se te Abel Alier . Yon pati nan kontra a ki enplike absòpsyon nan fòs Anyanya nan fòs gouvènman an. Ane annapre a, konstitisyon Soudan an ta konfime pwen prensipal akò a.

12 avril 1978 , gouvènman santral la ak opozisyon an, ki te dirije pa Front Nasyonal la , te siyen yon akò jwenti pou rekonsilyasyon, men tansyon yo chanje nan yon devan sosyo-ekonomik, ak ane annapre a te karakterize pa manifestasyon ak grèv , pou amelyorasyon an kondisyon ekonomik ak pou rekonesans dwa fondamantal tankou libète laprès .

Transfè a nan nò ansyen-Anya Nya milis yo, desizyon an nan Prezidan Nimeyrī divize gouvènman sid la nan twa gouvènman rejyonal yo ak pi wo a tout desizyon an prezante sanksyon yo prevwa pa Sharīʿa nan kòd penal la te rankontre ak opozisyon an nan sid la ofisyèl yo ak mennen nan revòlt la Bor an 1983 ki te fèt nanLame Liberasyon Pèp la nan Soudan . Lagè sivil la te kòmanse ankò.

Pwoksimite nan Etazini ogmante anba administrasyon Ronald Reagan la . Èd Ameriken te soti nan $ 5 milyon dola nan 1979 a $ 200 milyon dola nan 1983 ak Lè sa a, a $ 254 milyon dola nan 1985, sitou pou pwogram militè yo. Soudan konsa vin dezyèm pi gwo benefisyè èd Ameriken an Afrik (apre peyi Lejip). Travay konstriksyon ap fèt sou kat baz lè pou kay inite Rapid Deployment Force ak yon estasyon pwisan pou CIA tou pre Port Sudan . [11]

Depi 1983, efè grangou apre lagè yo te lakòz plis pase 2 milyon lanmò ak plis pase 4 milyon refijye. Nan mwa mas 1985, anons la nan ogmantasyon nan pri yo nan nesesite debaz yo, nan demann lan nan Fon Monetè Entènasyonal la ak ki rejim lan te negosye, deklanche manifestasyon yo an premye. 2 Avril, uit sendika te rele pou mobilizasyon ak yon "grèv politik jeneral jiskaske rejim aktyèl la aboli". Sou 3yèm lan, manifestasyon mas souke Khartoum, men tou, lavil prensipal yo nan peyi a; grèv la paralize enstitisyon yo ak ekonomi an. [11] An 1985, yon lòt koudeta pa Jeneral 'Abd al-Rahman Suwwar al-Dhahab te ranvèse Nimeyrī epi retabli yon gouvènman sivil.

Soti nan 1989 rive 2002

Zòn anba kontwòl gouvènman an ak zòn otonòm kòm nan Jiyè 2006 .

Sou 30 jen, 1989, yon koudeta revoke Premye Minis Ṣādiq al-Mahdī , eli nan 1986 , ak pote sou pouvwa yon rejim militè ki te dirije pa Jeneral Omar Hasan Ahmad al-Bashir ak domine pa Islamik National Front Ḥasan Turābī a (NIF) . Aprè koudeta a, konfli kont SPLM / A entansifye, e opozisyon politik Nò Soudan an te patisipe tou nan zam. Soudan te transfòme an yon reseptak pou gwoup teworis fondamantalis yo ak Oussama bin Laden tèt li te abite la anba pwoteksyon Turābī ant 1992 ak 1996 .

An 1996 Nasyonzini te enpoze sanksyon pou swadizan patisipasyon Soudan nan atak sou moun peyi Lejip Mubārak ane anvan an . Sanksyon yo fèt nan yon anbago lè entènasyonal e yo te swiv pa "sanksyon" endepandamman enpoze pa Etazini nan Amerik la , ki te mande yon anbago jeneral.

Lagèsivil la te kontinye san rete ak nan 1998 , ane a nan ki te yon referandòm konstitisyonèl tou ki te fèt, akòz yon sechrès patikilyèman grav, yon grangou nan gravite lapenn pete nan sid la. Ane annapre a yon ti soulajman redwi anpil nan difikilte yo te soti nan ouvèti a nan ekspòtasyon lwil oliv , men lit politik la rete enkandesan, al-Bashīr ranvwaye Turābī ak pwoklame yon eta dijans ; sid la te vin viktim nan nan bonbadman regilye ayeryen.

Opozan Ḥasan Turābī, ansyen Pwokirè Jeneral ak lidè nan pati Kongrè Nasyonal Pèp la (CPN), te arete nan mwa fevriye 2001 , apre fòmasyon li te gen kèk reyinyon ak SPLA a pou kowòdinasyon opozisyon an. Etandone pèsistans la nan grangou a, epi yo bay kounye a gwo kantite viktim nan lagè sivil la, te gen plizyè tantativ entènasyonal yo rive jwenn yon akò ant pati yo, pa youn nan yo ki, sepandan, te gen siksè jouk 2002 .

Nan mwa jen 2002, ak kolaborasyon a nan John C. Danforth , US anbasadè ak Nasyonzini nonmen espesyal, negosyasyon lapè yo te kòmanse ant gouvènman an Sudanese ak SPLM / A. la Prezidan Uganda a , Yoweri Museveni, te reyisi pote Bashir ak John Garang , lidè karismatik fòs rebèl yo, pou premye fwa. Youn nan akò yo te akòde nan pi gwo endepandans nan sid la nan peyi a ak rekonesans nan dwa a otodeterminasyon nan menm bagay la tou nan yon referandòm .

Youn nan kòz prensipal yo nan konfli a remonte pa anpil obsèvatè nan prezans nan gwo resous lwil oliv nan pati sid la nan peyi a.

Soti nan 2003 a 2010

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Dezyèm Gè Sivil Soudan .
Prezidan Sid Soudan an, Salva Kiir Mayardit .

An fevriye 2003 konfli a ogmante apre milis SPLA yo ak sa yo ki nan MGU ( Jistis ak Mouvman Egalite ) atake kèk koloni gouvènman an. An avril 2004 , Kofi Annan te raple ke reprezantan lokal Nasyonzini an te itilize tèm " netwayaj etnik " pou dekri vyolans konfli a. An 2005 , yo te siyen akò lapè mondyal la (CPA) ki te fini plis pase ven ane lagè sivil ant nò ak sid Soudan. Apre lapè a, Lame Liberasyon Pèp Soudan (SPLA) reòganize tèt li politikman kòm Mouvman Liberasyon Pèp Soudan (SPLM).

Konfli ki genyen ant nò a majorite Arab nan peyi a ak yon sid kretyen animis alimenté pa yon lagè sivil ki te dire pou plis pase 40 ane. An 2004, kominote entènasyonal la te defini kondisyon Soudan an kòm "sitiyasyon imanitè ki pi grav nan egzistans lan". Anpil efò te fè pa kominote entènasyonal la ak tou anpil tantativ pa òganizasyon Afriken (ki gen ladan Inyon Afriken an) pote lagè sivil la sou tab yo nan lapè. Pwoblèm geriya rebèl yo kont yon gouvènman nan nò ki enpoze, depi ane 1980 yo, rejim piman bouk Chearya a , lwa Koranik la , gwo. An reyalite, ejemoni GoS (Gouvènman Soudan) opoze de faksyon rebèl prensipal yo: SLM (Lame Liberasyon Pèp Soudan an) ak MGU ( Jistis ak Mouvman Egalite ) ki kontinye goumen pou libere sid la nan rejim enpoze a. Zòn konfli Darfur la rete. Nan zòn sa a konfli yo gen orijin aleka ak dat tounen nan eklatman yo ant popilasyon yo nomad Arab ak popilasyon yo Afriken sedantèr pou resous vital tankou peyi ak dlo.

Selon akò lapè mondyal la (CPG), ki an 2005 mete yon fen nan plis pase ven ane nan lagè sivil ant nò ak sid nan peyi a, eleksyon politik yo ta dwe te fèt pa Jiyè 2009; osservatori delle Nazioni Unite avevano però invitato il governo a posticiparne la data a novembre, alla fine della stagione delle piogge, per evitare complicazioni di carattere logistico. Il presidente ʿOmar Ḥasan Aḥmad al-Bashīr , il 14 aprile 2009, in un discorso davanti ai membri del parlamento di Khartum ha garantito che le prossime elezioni nel paese saranno «libere e trasparenti» e ha aggiunto di «non avere alcuna intenzione di posporre le votazioni oltre il tempo stabilito».

Le elezioni parlamentari e presidenziali si sono tenute nell'aprile 2010, con dieci mesi di ritardo, rispetto al previsto. Sono stati eletti non solo il presidente del Sudan e quello del Sudan meridionale ma anche i deputati del parlamento nazionale e quello del parlamento del Sudan del Sud.

ʿOmar Ḥasan Aḥmad al-Bashīr è stato riconfermato presidente ottenendo il 68% dei suffragi. Nel Sudan meridionale è stato rieletto presidente Salva Kiir Mayardit, leader degli ex ribelli dell'Esercito di Liberazione Popolare del Sudan (SPLA).

Il referendum del 2011

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Referendum sull'indipendenza del Sudan del Sud del 2011 .

Tra il 9 e il 15 gennaio 2011 nel Sudan del Sud si è tenuto un referendum per la secessione dal nord del Sudan e la creazione di uno Stato indipendente. La consultazione era già parte dell'accordo Naivasha del 2005 tra il governo di Khartum e l'esercito di liberazione popolare del Sudan/Movimento (SPLA/M).

Un referendum simultaneo si è svolto nella provincia di Abyei per scegliere se far parte del Sudan del Sud o se rimanere nel Sudan.

Il 7 febbraio 2011 il presidente del Sudan, ʿOmar Ḥasan Aḥmad al-Bashīr , ufficializzando i risultati del referendum, ha proclamato la nascita dello stato del Sudan del Sud , che diviene così il cinquantaquattresimo stato africano. Il 9 luglio 2011, dopo un periodo di prova, viene proclamata l'indipendenza del Sudan del Sud , subito riconosciuta dal governo di Khartum.

Colpo di stato del 2019 e Rivoluzione sudanese

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rivoluzione sudanese e Colpo di Stato in Sudan del 2019 .

Tra il 2018 e il 2019 il Sudan è stato scosso per mesi da sommosse popolari che hanno portato alle dimissioni del Presidente Omar Bashir l'11 aprile del 2019 [12] [13] [14] . Nel corso del 2020 la mutiliazione genitale femminile è diventata illegale, è stata abolita la pena di morte per omosessualità e apostasia e il divieto di consumare alcolici è stato cancellato (sebbene solo per i non musulmani). È stato rimosso anche l'obbligo del velo per le donne e la fustigazione pubblica.

Geografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Geografia del Sudan .

Il Sudan confina a nord con l' Egitto , ad est con il Mar Rosso , l' Eritrea e l' Etiopia , a sud con il Sudan del Sud , ad ovest con la Repubblica Centrafricana e il Ciad ea nord-ovest con la Libia .

Morfologia

Carta morfologica del Sudan.

Il territorio del Sudan è composto principalmente da vaste pianure e altopiani drenati dal Nilo Bianco e dai suoi affluenti. Questo sistema fluviale corre da sud a nord attraverso l'intera lunghezza della parte centro-orientale del paese. L'immensa pianura dalla quale il Sudan è costituito è delimitata ad ovest dallo spartiacque Nilo-Congo e dagli altopiani del Darfur e ad est dall' acrocoro etiopico e dalle colline del Mar Rosso ( ʿAtbāy ). Questa pianura può essere suddivisa in una zona settentrionale di deserto roccioso appartenente al Sahara ; i Qawz occidentali, un'area di dune di sabbia ondulate che si confondono verso nord nel deserto roccioso; e una pianura argillosa centro-meridionale [15] .

La maggior parte del Sudan settentrionale è ricoperta da un deserto di sabbia o ghiaia, reso meno monotono da mesas di arenaria nubiana e da ripide colline di granito simili a isole. Nel Sudan centro-meridionale la pianura argillosa è caratterizzata da inselberg (colline isolate che si innalzano bruscamente dalla pianura), il cui raggruppamento più grande forma i monti Nuba ( Jibāl al-Nūbah ). La pianura occidentale è composta principalmente da arenarie nubiane, che formano una regione di altopiano rotta da mesas e da buttes . Più ad ovest, il massiccio vulcanico del Jebel Marra si innalza dall'altopiano del Darfur fino a quote comprese tra circa 900 e 3 000 metri sul livello del mare. Queste montagne formano lo spartiacque Nilo-Congo e il confine occidentale della pianura argillosa [15] .

Veduta dei monti Nuba.
Il lago Deriba nella cavità craterica del Jebel Marra .

Nel Sudan nord-orientale la regione delle colline del Mar Rosso è costituita da una scarpata sollevata. Il versante ripido di fronte al Mar Rosso forma colline accidentate profondamente incise dai torrenti. La scarpata si affaccia su una stretta pianura costiera larga da 16 a 40 km festonata da dune e barriere coralline. Più a sud le alture orientali costituiscono le colline pedemontane dell'acrocoro etiopico [15] .

Idrografia e suoli

Veduta satellitare di Khartoum, con il Nilo Azzurro (a destra), che confluisce nel Nilo Bianco .

Il sistema idrografico del Nilo è la caratteristica fisica dominante del territorio e tutti i torrenti ei fiumi del Sudan defluiscono nel Nilo o cercano di farlo. Il fiume penetra nel paese come Nilo Bianco ( Baḥr al-Abyaḍ ) da sud-est, circa 100 km a sud di Kosti , e mantiene una pendenza estremamente bassa fino a quando non viene raggiunto dal Nilo Azzurro ( Baḥr al-Azraq ) a Khartoum . Al Nilo Azzurro, che nasce sull'acrocoro etiopico, si deve il maggior quantitativo di acque complessivo del Nilo. Dopo la confluenza tra Nilo Bianco e Azzurro a Khartoum, il fiume scorre verso nord con un corso tortuoso e diventa noto semplicemente come Nilo ( Nahr al-Nīl ). In gran parte del paese, tuttavia, i corsi d'acqua non riescono a raggiungere il Nilo; i fiumi del settore sud-occidentale raggiungono raramente il sistema del Baḥr al-Ghazāl e nel nord dalla maggior parte dei gruppi di colline scendono corsi d'acqua stagionali che si disperdono nelle pianure circostanti [15] .

La superficie dei deserti del nord e del nord-est è costituita da roccia nuda, da un manto spoglio di detriti o da distese sabbiose di dune mobili note come erg . Nella zona semiarida del Sudan centro-settentrionale lo strato di detriti rocciosi è in parte modificato a formare suoli immaturi; nella regione dei Qawz i suoli hanno un colore rosso-brunastro e sono scarsamente fertili. Suoli alluvionali si incontrano nei delta desertici dei fiumi Gash ( al-Qāsh ) e Barka , lungo il corso del Nilo Bianco e Azzurro e nelle pianure alluvionali di molti piccoli fiumi che si irradiano dal Djebel Marra. I suoli alcalini della pianura centro-meridionale sono costituiti da argille pesanti screpolate. I suoli della pianura della Gezira ( al-Jazīrah ) a sud di Khartoum sono formati da un terreno argilloso fortemente screpolato depositatosi durante le inondazioni annuali del Nilo Azzurro [15] .

Clima

Carta climatica del paese.

Il Sudan ha un clima tropicale con accentuati caratteri di continentalità in quasi tutto il vasto territorio. Soltanto lungo il tratto costiero nord-orientale il Mar Rosso introduce certe caratteristiche marittime, limitate però alla breve pianura costiera e al versante orientale dei monti che la delimitano. Le manifestazioni climatiche, e in particolar modo le precipitazioni, sono tuttavia sensibilmente diverse passando dalla parte settentrionale a quella meridionale del paese. Anche fattori locali, strettamente legati alla morfologia, contribuiscono a determinare alcune condizioni climatiche particolari [16] .

Rispetto al clima il territorio sudanese si può suddividere in tre distinte regioni. La prima si estende a nord del 19º parallelo. Si tratta di una regione desertica interessata da venti secchi d'origine settentrionale e quasi priva di precipitazioni, se si escludono poche decine di millimetri ( Wadi Halfa ) che si registrano quasi interamente nel mese di luglio. La temperatura oscilla tra le medie di 16 °C in gennaio e di 32 °C da luglio a settembre (media annuale intorno ai 26 °C). Notevoli sono le escursioni termiche giornaliere, che a Wadi Halfa possono toccare nei mesi più caldi i 18 °C. Sempre a Wadi Halfa la temperatura raggiunge in certe giornate i 50 °C, che corrispondono ai valori assoluti più elevati di tutto il Sudan [16] .

Una regione climatica distinta è quella che si affaccia al Mar Rosso e delimitata verso ovest dai rilievi paralleli alla costa. Le piogge cadono prevalentemente da ottobre a dicembre, ma d'estate vi è una breve stagione piovosa (giugno-settembre) corrispondente alla stagione delle piogge continentale. Complessivamente cadono durante l'anno a Port Sudan circa 100-110 mm di pioggia. La temperatura varia sensibilmente durante l'anno, passando da medie di 35 °C in agosto a medie di 24 °C in febbraio. L'escursione termica giornaliera si aggira sui 10 °C; piuttosto sensibile è qui l'umidità relativa, che rende penosa l'abitabilità [16] .

A sud del 19º parallelo si può individuare l'ultima regione climatica, caratterizzata dall'alternarsi delle masse d'aria umida provenienti da sud (alle quali si deve una stagione piovosa) e delle masse d'aria secca provenienti da nord (che determinano una stagione priva di piogge). La regione si classifica come semiarida , caratterizzata da poche precipitazioni che si registrano per gran parte da giugno a settembre. A Khartum esse raggiungono annualmente i 170 mm, ma aumentano a Kassala (230 mm) e ad al-Fashir (300 mm), a causa della maggior altitudine. Valori eccezionali (fino a 600 mm) si registrano sul Jebel Marra, che è la zona più piovosa del Sudan. La temperatura varia da un minimo di 24 °C in gennaio a un massimo di 32 °C in aprile e maggio (a Khartoum 34 °C in giugno). L'escursione diurna è sensibilissima, specialmente nella parte più occidentale; ad al-Fashir essa si aggira sui 20 °C. Nel Darfur sensibili sono gli effetti dell' harmattan , il vento secco del Sahara che spira d'inverno portando siccità e polvere che vela costantemente il cielo [16] .

Flora e fauna

Fiori di Acacia senegal .
La giraffa della Nubia , ormai divenuta molto rara nel paese.

Nel Sudan, come del resto in tutta l' Africa sudanese , la vegetazione varia da sud a nord strettamente in funzione delle precipitazioni; fanno eccezione le zone situate lungo i fiumi o quelle che possono comunque fruire di suoli relativamente umidi anche durante la stagione secca [17] .

Nella fascia desertica settentrionale non si ha un vuoto vegetale assoluto: ai piedi dei rilievi, lungo i torrenti temporanei che alimentano esigue falde sotterranee e specialmente lungo il Nilo si possono trovare alcune specie di acacie ( Acacia mellifera , Acacia nilotica , ecc.), più o meno sviluppate, che si ritrovano poi in zone a piovosità più elevata nel loro sviluppo più naturale. Sempre nelle zone che accolgono tracce di umidità sotterranea vivono isolati arbusti sempreverdi di Balanites . Nelle oasi compare regolarmente la palma dattilifera [17] .

Nella fascia steppica (il sahel ) comincia il dominio delle graminacee , ma in particolari ambienti compare anche qualche individuo arboreo, quasi sempre acacie di bassa statura. In generale dove le erbe diventano più alte e fitte procedendo verso sud, manca qualsiasi specie arborea; dove si fanno più rade crescono i cespugli spinosi ei primi alberi, che segnano l'inizio della savana . Questa si stende nella fascia con precipitazioni superiori ai 400 mm, e in essa predominano sempre le acacie, tra cui la preziosa Acacia senegal che fornisce la gomma arabica ( hashab ), che è stata a lungo uno dei principali prodotti d'esportazione del Sudan. Specialmente lungo i torrenti temporanei crescono begli esemplari di Ficus sycomorus e di Tamarix nilotica . Un'altra pianta di bella statura delle savane sudanesi è il tamarindo ( Tamarindus indica ). Isolato compare spesso il possente baobab , con il tronco tozzo e decrepito, ma con le radici dallo sviluppo eccezionale [17] .

La fioritura di molti alberi della savana avviene verso la fine della stagione secca e le foglie spuntano con le prime piogge. Però lungo i fiumi o nelle zone dove gli alberi possono attingere regolarmente l'acqua di falda, la vegetazione conserva un aspetto sempreverde che contrasta nel periodo della siccità con il colore bruno e funereo della vegetazione circostante, sia arbustiva che arborea. Nelle zone più elevate sono diffuse le euforbiacee, tra cui l' Euphorbia nubica , dai delicati fiori rosa, tipica del Darfur. Nella parte più meridionale delle savane compaiono la palma dum ( Hyphaene thebaica ) e la palma deleb ( Borassus aethiopum ) [17] .

Vaste aree della vegetazione naturale del Sudan sono scomparse a causa degli effetti di secoli di coltivazione e degli incendi del manto erboso che ogni anno possono estendersi su oltre la metà del paese. Ulteriori pericoli per la vita delle piante sono gli effetti del pascolo eccessivo, dell'erosione del suolo, dell'abbassamento della falda acquifera e dell' avanzamento del deserto da nord [15] .

La fauna selvatica del paese comprende leoni , leopardi e ghepardi , così come elefanti , giraffe , rinoceronti e numerose varietà di antilope . Alcune specie di scimmie si trovano nelle foreste. Tra gli uccelli stanziali ricordiamo otarde , faraone e cicogne . Tra i rettili figurano coccodrilli e varie lucertole . L'entomofauna è abbondante e la mosca tse-tse si diffonde ovunque a sud del 12º parallelo ogni volta che si verificano condizioni adeguate [15] .

Nel Sudan si trovano diverse aree naturali protette, tra cui riserve di caccia e parchi nazionali. Il parco nazionale del Dinder , nel sud-est del paese, e il parco nazionale di Radom , nel sud-ovest, sono stati designati come riserve della biosfera dall' UNESCO [15] .

Popolazione

I sudanesi sono somaticamente assai vari e appartengono a diverse etnie originate dall'unione dei gruppi nilotico , camitico e semitico .

Demografia

Curva demografica.
Grafico statistiche popolazione.
  • Fasce di età:
    • 0-14 anni: 43.7% (maschi 8.730.609; femmine 8.358.569)
    • 15-64 anni: 54.1% (maschi 10.588.634; femmine 10.571.199)
    • 65 e oltre: 2.3% (maschi 490.869; femmine 408.282)
  • Tasso di crescita della popolazione: 2.64%
  • Mortalità infantile:
    • totale: 64.05/1.000
    • maschi: 64.8/1.000
    • femmine: 63.26/1.000
  • Aspettativa di vita: 56,9 anni (uomini) / 59,3 anni (donne)

(Tutti i dati si riferiscono a stime del 2004.)

Censimento 2008

Dal 22 al 30 aprile 2008 è stato condotto un censimento nazionale, di cui ancora non sono stati resi noti i risultati, che erano attesi per aprile 2009 . Secondo il giornale sudanese al-Ṣaḥāfa (La stampa), la città di al-Kharṭūm sarebbe ormai arrivata a contare cinque milioni di abitanti; il Darfur e il Sudan del Sud avrebbero rispettivamente circa 7,5 e 8,2 milioni di abitanti, ovvero complessivamente circa il 40% della popolazione nazionale. I sud sudanesi che ancora vivono come sfollati in Nord Sudan sarebbero circa 500 000. Le autorità del Sudan del Sud hanno detto di non essere disposte a prendere in considerazione «nessun conteggio che non certifichi che gli abitanti del Sudan del Sud siano un terzo della popolazione dell'intero paese».

Lo svolgimento del censimento - il primo dopo la guerra civile scoppiata nel 1983 e conclusa nel 2005 , e anche il primo effettuato contemporaneamente in tutto il Sudan - è stato particolarmente complicato, a causa sia delle difficoltà logistiche sia delle molte situazioni di tensione, in particolare nei campi di sfollati in Darfur. Nonostante questo, ʿAbd al-Bāqī al-Kaylānī , presidente del comitato incaricato della valutazione del censimento, ha dichiarato che osservatori internazionali hanno complessivamente convalidato il censimento stesso.

Etnie

Sono per lo più arabi con minoranze nilotiche . Le principali etnie di origine nilotica sono:

A partire dal Medioevo , con il sopravvento arabo , queste popolazioni autoctone nere si sono mischiate con le popolazioni camitiche e semitiche con pelle più chiara e tipo somatico simile al mediterraneo. Esistono anche delle etnie nere di origine non nilotica che sono gli azandè , soprannominati Niam-Niam .

Le popolazioni del Darfur si suddividono in quattro etnie più numerose: Zagawa, Mazalit, Tama e Fūr (da cui il nome: Dar = sede + Fūr ); esistono poi molte altre etnie meno numerose.

Lingue

Le lingue ufficiali sono l' arabo (più diffuso e parlato) e l' inglese . Tra i gruppi di minoranza, l'idioma più diffuso è il nubiano .

Religioni

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cristianesimo in Sudan .

L' islam è la religione dominante, professata dal 97% della popolazione, dopo che il Sudan del Sud , in prevalenza animista e cristiano, è divenuto indipendente nel luglio del 2011 .

La Chiesa cattolica in Sudan ha mantenuto nel Paese solo l' arcidiocesi di Khartoum .

Ordinamento dello stato

Suddivisioni amministrative

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stati del Sudan e Distretti del Sudan .

     Stati centrali e settentrionali

     Darfur

     Fronte Orientale

     Abyei

     Kordofan Meridionale e Nilo Azzurro

Il Sudan è diviso in 17 regioni chiamate wilāyāt (al singolare wilāya ). Prima della divisione dal Sudan del Sud erano 26.

Città principali

Dopo la capitale Khartum (640.000 ab), le principali città del paese sono:

Omdurman : situata sulla riva occidentale del Nilo, di fronte alla capitale, è un importante polo industriale e commerciale. Conta 2.400.000 abitanti.

Bahrī : terza città del paese (1.700.000 ab). È situata a nord di khartoum, alla confluenza del Nilo azzurro con il Nilo bianco. Importante polo commerciale e industriale.

Port Sudan (in arabo Būr Sūdān ) è il capoluogo della provincia del mar Rosso, nella parte orientale del Sudan e conta circa 490.000 abitanti. Fu fondata, intorno ad un porto artificiale, tra il 1904 e il 1908. Collegata successivamente da una ferrovia a Khartum e ad Atbara, nella valle del Nilo, costituisce il principale sbocco marittimo del paese ed è sede di industrie tessili (cotone), petrolchimiche e chimiche.

Atbara (112.000 abitanti circa) è situata sulla riva destra del fiume omonimo alla sua confluenza nel Nilo nella provincia del nord. Cotone, cereali, frutta, industrie alimentari, meccaniche e del cemento sono le sue principali risorse. Nel 1898, il generale britannico Horatio Herbert Kitchener riorganizzò l'esercito egiziano e lo portò alla vittoria contro i Dervisci del Mahdi, proprio nei pressi della città. In quell'occasione vennero impiegate per la prima volta in Sudan le mitragliatrici.

Istituzioni

Ordinamento scolastico

L'istruzione in Sudan è obbligatoria, ed è gratis, per studenti dell'età di 6 anni all'età di 13. L'istruzione primaria dura 8 anni a cui seguono 3 anni di educazione secondaria. La vecchia formula educativa di 6 + 3 + 3 (anni di scuola) fu cambiata nel 1990. La lingua primaria, usata a tutti i livelli, è l'arabo. Le scuole sono concentrate negli agglomerati urbani; molte di esse, nel sud e ovest del paese sono state distrutte dalla guerra civile. Nel 2001 la World Bank stimò la frequentazione delle scuole primarie pari a essere il 46%, e quella delle scuole secondarie il 21% dei bambini e studenti idonei alla frequentazione scolastica.

Il Sudan ha 19 università; l'istruzione è principalmente in arabo. L'educazione ai livelli secondari e universitari è stata seriamente ostacolata dal fatto che la leva militare è richiesta prima del completamento delle suddette scuole. Stando alla World Bank, nel 2002, il livello di alfabetizzazione nei soggetti sopra i 15 anni stava al 60%, mentre nel 2000 era del 58% (69% per i maschi e 46% per le femmine). Gli analfabeti tra i 15 ed i 24 anni erano il 23%.

A Khartum, la capitale del Sudan, esistono 4 livelli di educazione:

  1. asili nido (mattina e pomeriggio). Si incomincia all'età di 3 o 4 anni e consiste in 1 o 2 gradi a scelta dei genitori.
  2. scuole elementari. Gli alunni incominciano all'età di 6 o 7 anni, consiste in 8 classi (8 anni), ogni anno c'è sempre più sforzo accademico, aumentano le materie, e migliorano i metodi educativi. All'ottavo anno gli alunni hanno l'età di 13 o 14 anni e sono pronti a prendere il certificato e frequentare le scuole superiori.
  3. scuola secondaria e superiore. A questo livello il metodo educativo aggiunge alcune tra le principali materie accademiche come la chimica, la biologia, la fisica, la geografia, ecc. ci sono tre gradi in questo livello e gli studenti vanno dal 14º o 15º anno di età al 17º o 18º anno di età.
  4. educazione di alto livello. Ci sono molte università nel Sudan come l'università di Khartoum, anche gente straniera si iscrive a queste università, perché hanno una buona reputazione e il costo della vita nel Sudan è molto basso.

Organizzazioni internazionali

Il paese appartiene dal 1986 all' Autorità intergovernativa per lo sviluppo , organizzazione politico-commerciale formata dai paesi del Corno d'Africa .

Politica

Il Sudan sarebbe una repubblica presidenziale , ma di fatto è una ex- dittatura militare , attualmente sotto governo di transizione dal regime alla democrazia.

Economia

  • Prodotto nazionale lordo: 85,415 miliardi di dollari USA (a parità di potere d'acquisto) (stima 2012)
  • Tasso di inflazione: 8,9%
  • Tasso di disoccupazione: 18,7% (stima 2002)

(non specificato diversamente, i dati si riferiscono a stime del 2004)

Esportazioni

Le esportazioni ammontano a circa 2,45 miliardi di dollari USA (fob) e si riferiscono a petrolio e prodotti petroliferi, cotone , sesamo , arachidi , gomma arabica , zucchero e bestiame . I paesi verso i quali esporta sono la Cina 40,9%, Arabia Saudita 17,2% e gli Emirati Arabi Uniti 5,4% (2003).

(Ove non specificato diversamente, i dati si riferiscono a stime del 2003)

Importazioni

Il valore delle importazioni è pari a 2.383 milioni di dollari USA (fob) e si riferisce ai seguenti prodotti: prodotti alimentari, manufatti, attrezzature meccaniche per la raffinazione e il trasporto, medicinali e sostanze chimiche, tessili e grano. I paesi importatori sono Arabia Saudita 16,3%, Cina 14,2%, Regno Unito 5%, Germania 4,9%, India 4,8%, Francia 4,1%.

(Ove non specificato diversamente, i dati si riferiscono a stime del 2003)

Ambiente

La parte settentrionale del paese è desertica; scendendo verso il sud s'incontra la steppa che nella parte centrale lascia il posto alla savana. La parte meridionale, sotto il decimo parallelo di latitudine nord, è verdeggiante, umida e ricoperta da estese distese paludose. Ai margini della vasta conca del territorio sudanese si elevano il Gebel Marra e il Gebel Oda. Il Nilo attraversa completamente il paese da sud a nord ed è per il Sudan quasi altrettanto importante che per l'Egitto, sia per i trasporti , sia per la possibilità di irrigare le terre aride toccate dal suo corso. La zona più fertile, intensamente coltivata, è quella compresa fra il Nilo Bianco e il Nilo Azzurro, che si uniscono nei pressi della capitale Khartum. Questa "terra fra i fiumi" prende il nome di Gezira, che in arabo significa "isola". Il clima è ovunque assai caldo: la piovosità aumenta progressivamente partendo dalle aree desertiche del nord fino ai valori massimi delle savane del sud.

Cultura

Arte

L'arte del Sudan è ricca di storia: precede e influenza l'arte faraonica del VIII e VII secolo aC coi reali della Nubia , ed è influenzata dalla storia di Kerma , Meroe , del Cristianesimo , dell' Islam , della colonizzazione ottomana (turca-egiziana dal 1821), Mahdiya, dal colonialismo anglo-egiziano (amministrazione britannica dal 1898) e post coloniale (dal 1956) e dalla arabizzazione. La produzione della cultura nomade si concentra sulla lavorazione delle pelli, dei metalli, nella creazione di contenitori, armi, tappeti e gioielli; la decorazione personale sul proprio abbigliamento è una forma chiave di espressione estetica [18] e alcuni dei motivi che caratterizzano queste produzioni vengono poi ripresi nella produzione pittorica del Novecento [19] .

La storia della produzione pittorica in Sudan si ritrova nell'arte pittorica faraonica, nell'arte islamica, cristiana, copta , nella calligrafia e nella produzione pittorica a partire dal Novecento.

La Facoltà di Arte e Arti applicate dell'Università di Tecnologia del Sudan (precedentemente Istituto tecnico di Kharṭūm e Politecnico di Kharṭūm, da non confondere con l'Università di Kharṭūm) è particolarmente attiva e ha vissuto quattro diverse fasi: l'influenza coloniale negli anni Trenta (con l'introduzione del dipartimento di Arti applicate nel Gordon Memorial College nel 1934, istituto precursore della Università di Khartum, creato nel 1902), la creazione di una scuola separata e la ricerca di un'identità sudanese tra il 1947 e il 1964; i cambiamenti tra il 1964 e l'inizio degli anni Ottanta, e le trasformazioni negli anni del successivo declino [20] . Nella formazione degli artisti ha un ruolo importante anche l'esperienza di studio all'estero, negli anni Cinquanta nelle migliori accademie di Londra e negli anni Settanta anche in Francia e Spagna.

Secondo Rashid Diab [19] , la produzione di arte visiva del Sudan è fortemente influenzata da un lato dal nomadismo – che per secoli non produce la cultura urbana necessaria per il fiorire di arte visive – e dall'altro dalla cultura islamica, che impone restrizioni alla rappresentazione di figure umane. Negli anni quaranta operano principalmente artisti autodidatti che creano opere figurative con rappresentazioni paesaggistiche e della vita sudanese. La scuola d'arte nasce nel 1951 (come scuola di design e poi come facoltà arti visive e applicate) e ha un forte impatto nel formare una generazione di artisti nella seconda metà degli anni cinquanta e negli anni sessanta. Sempre secondo Rashid Diab [21] possono essere identificati movimenti artisti principali: la scuola di Khartum, i Crystallists e la produzione di un'arte più convenzionale.

La scuola di Khartum è composta da pittori e scultori interessati a riscoprire la loro identità sudanese (che unisce cultura islamica, il Corano, la tradizione sufi, le chiese cristiane e copte, e la cultura del nord della Nubia ); gli artisti utilizzano nelle loro opere calligrafia, motivi islamici tradizionali e motivi africani come maschere e riturali (con gli artisti Ahmad Shibrain , Ibrahim al-Salahi , Mohammed Abdalla, Kamala Ishaq, al-Nigoumi, ʿAbd Allāh ʿOteybīi, Amīr Nūr, Magdub Rabbah, Ibrāhīm al-Awwām, Kamala Ibrāhīm, Mūsā Khalīfa, ʿOsmān Waj Allāh, Ṣāliḥ al-Zakī, Gamman, Ḥassan al-Hadī, Tāj Aḥmed)); la scuola moderna di Khartum è meno influenzata dal passato culturale sudanese e guarda al mondo occidentale sia nel linguaggio che nelle tecniche, ricevendo a volte l'accusa di produrre arte per i turisti (con gli artisti Ahmed al-Mardi, Sei el-Lautta, ʿIssām Abd al-ʿAzīz, Salih el-Zaki, Rabbah, el-Gatim, Ḥasan Mūsā, Bū Shara, Diab, Isḥāq). Secondo Elisbeth Court [20] , la scuola di Khartum è malamente documentata dalla storia dell'arte, che la riduce a cliché, e non manifesta gli ideali culturali e l'ampiezza dell'espressione artistica che caratterizza questo progetto vitale.

L'artista Kamāla Isḥāg crea un manifesto e intorno a lui ruota il gruppo dei Crystallists.

L'arte convenzionale è una produzione pittorica e scultorea che ricalca la produzione europea moderna. Infine Rashid Diab cita una serie di artisti che non rientrano in nessuno di questi movimenti ma che hanno una loro rilevanza: Ahmed Abd Alaal, Omer Khairy (George Edward), Hassan Ali Ahmed (che creano i loro gruppi e scuole). Il giudizio di Rashid Diab sulla produzione artistica sudanese e il suo sistema tassonomico sono fortemente influenzati dalla sua considerazione che l'influsso occidentale non può che corrompere la produzione sudanese; un giudizio ovviamente sul quale non tutti i critici concordano [22] .

Letteratura

In campo letterario il Sudan si è affermato a livello internazionale, soprattutto nel xx secolo con lo scrittore Tayeb Salih e il suo romanzo del 1967 dal titolo La stagione della migrazione a Nord , dichiarato nel 2001 dall'Accademia letteraria arabica il più importante romanzo arabo del xx secolo

La poesia è una produzione culturale centrale in Sudan.

Musica

Tipico strumento musicale a corde è il kissar ; altro strumento musicale a fiato è il kakaki .

Missioni spaziali

3 novembre 2019 : viene lanciato SRSS 1 , il primo satellite del Sudan [23] .

Ricorrenza nazionale

La ricorrenza nazionale si celebra il 1º gennaio. e ricorda il giorno dell'indipendenza dal Regno Unito ed Egitto, nel 1956.

Sport

In ambito sportivo da ricordare che la nazionale di calcio del Sudan è stata Campione di Coppa d'Africa nel 1970.

Note

  1. ^ ( EN ) Population growth rate , su CIA World Factbook . URL consultato il 28 febbraio 2013 .
  2. ^ ( EN ) World Economic Outlook Database , su imf.org . URL consultato il 25 ottobre 2014 .
  3. ^ Tasso di fertilità nel 2011 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 .
  4. ^ Bruno Migliorini et al. ,Scheda sul lemma "Sudan" , in Dizionario d'ortografia e di pronunzia , Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7 .
  5. ^ Voce Repubblica del Sudan del Dizionario d'ortografia e di pronunzia .
  6. ^ Helen Chapin Metz [1] , Sudan A Country Study , Washington, GPO for the Library of Congress, 1991.
  7. ^ SOY Keita, Studies and Comments on Ancient Egyptian Biological Relationships , in History in Africa , vol. 20, 1993, pp. 129–154, DOI : 10.2307/3171969 , JSTOR 3171969 .
  8. ^ Andrea Manzo (2017): Eastern Sudan in its Setting, The archaeology of a region far from the Nile Valley , Archaeopress, ISBN 9781784915582 , 22-27 online
  9. ^ Manzo (2017): Eastern Sudan in its Setting, The archaeology of a region far from the Nile Valley , 33-42 online
  10. ^ Manzo (2017): Eastern Sudan in its Setting, The archaeology of a region far from the Nile Valley , 43-48 online
  11. ^ a b ( FR ) Alain Gresh, Le Soudan après la dictature , su monde-diplomatique.fr , 1º ottobre 1985.
  12. ^ Il Fatto Quotidiano
  13. ^ ANSA
  14. ^ Il Giornale
  15. ^ a b c d e f g h ( EN ) Encyclopædia Britannica: Sudan , su britannica.com . URL consultato il 17 novembre 2019 .
  16. ^ a b c d Istituto Geogr. De Agostini. Enciclopedia Geografica, ediz. speciale per il Corriere della Sera, vol. 11, pgg. 128-129.
  17. ^ a b c d Istituto Geogr. De Agostini. Enciclopedia Geografica, ediz. speciale per il Corriere della Sera, vol. 11, p. 129.
  18. ^ Elisbeth Court, Sudan in Seven Stories about Modern Art in Africa , a cura di Clémentine Deliss, Paris-New York, Flammarion-Newchapel, 1995, pp. 294-295.
  19. ^ a b Rashid Diab, Sudan in Contemporary Art from the Islamic World , a cura di Wijdan Ali, Amman (Jordan), The Royal Society of Fine Arts, 1989, p. 245.
  20. ^ a b Elisbeth Court, Sudan in Seven Stories about Modern Art in Africa , a cura di Clémentine Deliss, Whitechapel / Flammarion, Paris / New York, 1995, p. 294.
  21. ^ Rashid Diab, Sudan in Contemporary Art from the Islamic World , a cura di Wijdan Ali, The Royal Society of Fine Arts, Amman, Jordan, 1989, p. 246
  22. ^ All those movements should remain free from the corrupting influence of Western schools and express instead their own qualities [...] . Rashid Diab, Sudan in Contemporary Art from the Islamic World , a cura di Wijdan Ali, The Royal Society of Fine Arts, Amman, Jordan, 1989, p. 247.
  23. ^ SRSS 1 , su space.skyrocket.de . URL consultato il 10 aprile 2021 .

Bibliografia

  • Mandour El Mahdi, A Short History of the Sudan . Oxford, Oxford University Press, 1965
  • Irene Panozzo, Il dramma del Sudan, specchio dell'Africa , Bologna, EMI, 2000, ISBN 978-88-307-0937-9 .
  • Irene Panozzo, Sudan, le parole per conoscere , Roma, Editori Riuniti, 2005, ISBN 978-88-359-5629-7 .
  • Maurizio Levi, Sudan, Nubia e regioni del Nord , Firenze, Casa Editrice Polaris, 2012, ISBN 8860591457
  • Gianpaolo Romanato, L'Africa nera fra Cristianesimo e Islam. L'esperienza di Daniele Comboni (1831-1881) , Corbaccio, Milano, 2003

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 150756275 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2165 5557 · LCCN ( EN ) n79022301 · GND ( DE ) 4058378-8 · BNF ( FR ) cb11880521p (data) · NDL ( EN , JA ) 00571512 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-no2014042406