Afrik di Sid

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Lafrik di sid (disambiguation) .
Afrik di Sid
Lafrik di sid - Drapo Lafrik di sid - manto
( detay ) ( detay )
( XAM ) ǃke e꞉ ǀxarra ǁke
( IT ) Inite nan divèsite
Lafrik di sid - Lokalizasyon
Done administratif
Non konplè Repiblik Lafrik di sid
Non ofisyèl
  • ( AF ) Republiek van Suid-Afrika
  • ( EN ) Repiblik Lafrik di sid
  • ( NR ) iRiphabliki yeSewula Afrika
  • ( SS ) iRiphabhulikhi yeNingizimu Afrika
  • ( ST ) Rephaboliki ya Afrika Borwa
  • ( TN ) Rephaboliki ya Aforika Borwa
  • ( TS ) Riphabliki ra Afrika Dzonga
  • ( VE ) Riphabuḽiki ya Afurika Tshipembe
  • ( XH ) iRiphabliki yomZantsi Afrika
  • ( ZU ) iRiphabhuliki yaseNingizimu Afrika
  • ( NSO ) Repabliki ya Afrika-Borwa
Lang ofisyèl yo angle , afrikaans , sid ndebele , sotho , sid sotho , swati , tsonga , tswana , venda , kosa ak zoulou
Kapital
Politik
Fòm gouvènman an repiblik palmantè
Prezidan Cyril Ramaphosa
Endepandans 31 me 1961 (ki soti nan UK a )
Antre nan Nasyonzini an 7 novanm 1945
Sifas
Total 1,219,090 km² ( 25º )
% nan dlo 6%
Popilasyon
Total 59.902.511 [1] pòp. (19-04-2021) ( 25º )
Dansite 49 abitan / km²
To kwasans 1.28% (2020)
Non moun ki rete yo Sid Afriken yo
Jewografi
Kontinan Lafrik
Fwontyè Namibi , Botswana , Zimbabwe , Mozanbik , eSwatini ,Lesotho
Lag jè UTC + 2
Ekonomi
Lajan Rand Afrik di sid
GDP (nominal) 368 135 [2] milyon dola (2018) ( 32º )
GDP per capita (nominal) 6 377 [2] $ (2018) ( 89º )
GDP ( PPP ) 789 423 [2] milyon $ (2018) ( 25th )
GDP per capita ( PPP ) 13 675 [2] $ (2018) ( 89º )
ISU (2018) 0,705 (segondè) ( 113º )
Fètilite 2.5 (2010) [3]
Divès
ISO 3166 kòd ZA , ZAF, 710
TLD .za
Prefiks tel. +27
Otom. ZA
Im nasyonal Nkosi Sikelel 'iAfrika / Die Stem van Suid-Afrika
Jou ferye nasyonal la 27 avril
Lafrik di sid - Map
Manm Commonwealth , Mouvman ki pa aliyen ,Oganizasyon Komès Mondyal , Inyon Afriken ak SADC .
Istorik evolisyon
Eta anvan an drapo Inyon Sid Afriken

Kowòdone : 29 ° S 24 ° E / 29 ° S 24 ° E -29; 24

Lafrik di sid, ofisyèlman Repiblik la nan Lafrik di sid (nan Afrikaans : Republiek van Lafrik di sid, nan angle : Repiblik nan Lafrik di sid), se yon eta endepandan nan Afrik di sid . Prezidan aktyèl la se Cyril Ramaphosa , ki te eli nan mwa fevriye 2018 la.

Jewografik li se eta a sid nan Lafrik ak nan teritwa li yo se Capo Agulhas , pwen ki pi sid nan kontinan an, ki konvansyonèlman separe Oseyan Endyen an soti nan Atlantik la , lanmè yo sou ki peyi a neglije. Fwontyè peyi yo, olye de sa, soti nan lwès sou bò solèy leve, ak Namibi (nò-lwès), Botswana ak Zimbabwe (nò), Mozanbik (nò-bò solèy leve) ak eSwatini (bò solèy leve), pandan y ap anklav la antyèman enkli nan pwòp teritwa li yo. nan Lesotho .

Lafrik di sid gen ladan tou Prince Edward Islands yo , ki yo sitiye nan 1 770 km nan sidès Port Elizabeth , apeprè mwatye distans ant tè pwensipal la ak Antatik . Li se yon eta kiltirèl ak etnik divès: nan li ou pale 12 lang ofisyèl, nan yo ki de ansyen Ewopeyen an , l ' angle , gen ki te dirije pa kolon yo Britanik la , ak' Afrikaans la , evolisyon Afriken nan kolon yo pale Olandè nan disetyèm lan. syèk ki te vini apre dekouvèt la nan peyi sid yo pa Pòtigè la .

Pou anpil nan ventyèm syèk la, apre endepandans fòmèl soti nan Wayòm Ini a, politik la nan eta Afriken an te make pa yon segregasyon strik ras yo rele apated (nan Afriken "separasyon") akòz ki, akòz vyolasyon kontinyèl nan dwa moun ki liy sa a nan konduit dirije (ki pi entènasyonalman li te ye nan yo ki te prizon an pou 27 ane nan aktivis Nelson Mandela ), peyi a te sijè a yon seri de sanksyon entènasyonal, jiska bòykòt nan espò nan Lafrik di sid soti nan nenpòt ki konpetisyon espòtif ak soti nan esklizyon soti nan olenpik yo. Sitiyasyon an nòmalize ak simonte gradyèl nan segregasyon nan vire syèk la, ki te mennen nan adopsyon de yon nouvo drapo nasyonal an 1994.

Istwa

Pre-istwa ak laj ansyen

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Istwa nan Lafrik di sid ak Istorik kwonoloji nan Lafrik di sid .

Teritwa a nan laj la pre-istorik ta wè kèk koloni nan hominidae ; an reyalite, espesyalman nan zòn transvaal la, yo te jwenn fosil australopithecines , Homo naledi , Homo habilis , Homo Erectus ak Homo sapiens sapiens . [4]

Apeprè 10 000 ane de sa, jodi a Lafrik di sid, tankou tout nan Lafrik di sid , te rete nan Bushmen , ki moun ki te pita ansanm ak moun ki gen rapò nan gwoup etnik la Khoikhoi (otantot). Bushmen ak otantot (kolektivman ke yo rekonèt kòm Khoisan ) te nomad chasè-ranmase , ki pa janm te bay monte nan koloni abitan oswa estrikti konplèks politik.

Imedyatman (ant twazyèm ak senkyèm syèk yo ), gwoup Bantou , sitou Zoulou ak kosa , te kòmanse koule nan sid Lafrik soti nan nò-bò solèy leve a. Mouvman migratè Bantou yo te devlope pandan plizyè syèk, e yo te fini nèt sèlman nan pwemye mwatye dezyèm milenè a. [5] Bon kiltivatè ak kiltivatè, Bantou yo premye rete nan Kwazulu-Natal jodi a ak Lè sa a, pi lwen nan sid; kosa a pouse osi lwen ke lès pwovens Cape jodi a , pouse Khoisan a tounen nan rejyon yo nan zòn nan plis arid ak inospitalye.

Ewopeyen kolonizasyon

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Dutch Cape Colony ak Cape Frontier Wars .

Nan 1487 , eksploratè Pòtigè Bartolomeo Diaz te travèse Cape Bon Espwa a , ouvri wout lanmè a pou Indies lès yo . Sepandan, Olandè yo nan Konpayi an Dutch East India yo te premye a yo kreye yon règleman pèmanan nan Lafrik di sid, nan 1652 , pa fondatè yon koloni tou pre Cape nan Bon Espwa . Sa a te pwen an kòmanse nan yon pwosesis kolonizasyon vas nan ki Ewopeyen ki gen orijin diferan te patisipe (espesyalman Olandè yo, franse Huguenots, Bavarians ak Scandinavians) ki moun ki, ki gen fonn lyen ak konpayi an, te fèt nan yon kominote otonòm, epi devlope pwòp yo kilti ak pwòp lang li ( Afrikans ). Li te ye tankou "boers" ( Olandè pou "peyizan"), kolon yo elaji bò solèy leve ak nò.

Relasyon ant Boers yo ak pèp endijèn yo nan zòn Cape (nan etnik Khoikhoi ) yo te relativman bon; Khoikhoi a, ki deja nomad, sèlman piti piti retrè nan fè fas a ekspansyon an Boer. Rive nan fen 18tyèm syèk la pandan ekspansyon bò solèy leve sou kòt la, Boers yo te antre nan friksyon ak xhosa a , ki te agrandi nan direksyon opoze a. Kolon Ewopeyen yo te konfli ak natif natal lokal yo nan yon seri de konfli ki rele " Cape Frontier Wars ".

Britanik okipasyon ak konfli ak Boers yo

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: envazyon nan Koloni an Cape , Cape Koloni ak lagè yo Boer .

Nan 1795 Anpi Britanik la te eseye ak envazyon an nan Koloni Cape konkeri koloni an Cape Olandè , yon tantativ ki te reyisi apre avansman Napoleon Bonaparte nan Ewòp ak sezon otòn la ki vin apre nan Netherlands , Wayòm Ini a okipe posesyon kolonyal la nan 1806.

Nan pwemye mwatye nan diznevyèm syèk la Boers yo, ki te toupizi dominasyon Wayòm Ini a, te bay fason pou yon gwo migrasyon nan nò nan rechèch nan nouvo peyi, ki te desann nan listwa kòm Gran charyo a . Voortrekkers yo rete nan divès zòn nan nò a, fondatè yon seri de ti repiblik Boer, pita ini nan Eta a Orange gratis , nan Repiblik Natalia ak nan Repiblik Transvaal , ak nan Stellaland , ki, ansanm ak Cape a , konstitye a nbriyon nan pwochen pwovens Sid Afriken yo. Pèsonalite ki pi eminan nan faz sa a te Pòl Kruger ak Marthinus Wessel Pretorius .

Egzistans repiblik yo se te yon obstak pou ekspansyon Anpi Britanik la , e dekouvèt dyaman ak lò nan nòdès Lafrik di sid te ede gaz enterè Britanik yo nan aneksyon konplè nan peyi a. Nan fen 19yèm ak kòmansman 20yèm syèk , Wayòm Ini a ak bouèr yo te konfli nan yon seri de konfli san li te ye tankou Anglo-Boer lagè yo . Konfli a tou twou pèp Bantou nan Lafrik di sid; Zulus yo bò ak Boers yo, pandan y ap Xhosa ak Swazi goumen ansanm ak Wayòm Ini a, li wè viktwa nan lèt la.

Apre Dezyèm Gè Boè a (1899-1902), piyaj popilasyon nwa yo te enstitisyonalize. Nan 1913, Lwa sou Tè Natif Natal limite an komen peyi nwa a 7% nan peyi a (pwolonje a 13% nan 1936). Kat milyon peyizan pèdi tè a yo toujou posede epi yo vin sharecroppers oswa minè, yon fòs travay bon mache pou mèt pwopriyete yo. [6]

Inyon an nan Lafrik di sid ak lagè mondyal yo

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: South West German Afriken Kanpay , Sid Afriken Inyon ak Ossewabrandwag .

Avèk viktwa Britanik la nan 1909 teritwa a te inifye ak ane annapre a li te fòmèlman konstitye kòm yon dominasyon inite nan Commonwealth la , ak non Inyon Sid Afriken an .

Nouvo eta a te patisipe nan Premye Gè Mondyal la ansanm ak Wayòm Ini pandan kanpay Alman Sidwès Afriken an . Pandan premye peryòd lagè an 1920 li te jwenn manda Lig Nasyon yo pou kontwòl Sidwès Lafrik konkeri nan fen lagè a. Malgre ogmantasyon nan prestij entènasyonal li yo, Inyon an te ale nan yon peryòd de kriz entèn grav, ak friksyon de pli zan pli vyolan ant nasyonalis yo Boer ak reprezantasyon nan Wayòm Ini a . An 1931 , avèk apwobasyon Lwa Westminster 1931 pa Palman Britanik lan, Lafrik di sid te vin yon pati nan otonomi.

Nan okazyon Dezyèm Gè Mondyal la , diferans ki genyen ant Wayòm Ini a ak popilasyon Boer yo te retounen parèt; lèt la, reprezante pa kèk kouran nan Pati Nasyonal la tankou Ossewabrandwag , ouvètman senpatize ak Almay Nazi : poutèt sa, Boer James Hertzog la , ki te dirije peyi a depi 1924 e ki te favorize netralite , te fòse bay demisyon li. Sepandan, peyi a te patisipe nan konfli sou fwon alye yo .

Pwoklamasyon Repiblik la ak apated la

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Apated .
Drapo nan Repiblik Sid Afriken an soti nan 1961 1994

Apre Dezyèm Gè Mondyal la , Pati Nasyonal la te genyen eleksyon yo an 1948 e li te kòmanse aplike yon politik segregasyon rasyal ke yo rekonèt kòm apated nan peyi a. Sou 31 me, 1961 Repiblik Lafrik di sid te pwoklame, apre ekspilsyon an nan peyi a soti nan Commonwealth la ki te fèt kòm yon rezilta nan aplikasyon an nan apartheid pa siksesif Boer premye minis yo ak pi wo a tout pa Hendrik Frensch Verwoerd , nan biwo depi 1955. rive 1966. Konseptivman, bi apated la te izole diferan gwoup etnik yo nan Lafrik di sid, sa ki pèmèt chak nan yo devlope nan pwòp kontèks sosyal, ekonomik ak teritoryal li yo. [7] Verwoerd te eksplike tou ke wòl dominant Afriken blan ki gen orijin Ewopeyen an nan pwosesis politik ki ta mennen nan otonomi diferan gwoup etnik yo te jistifye pa sikonstans istorik yo, oswa pa wòl fondamantal ke Boers yo te jwe nan nesans nan Lafrik di sid.

Avèk yon lide pou izolasyon gwoup etnik yo, Bantustan yo te fòme, teritwa rezève pou popilasyon nwa yo nan diferan gwoup etnik yo. An jeneral, apeprè 13% nan teritwa Lafrik di sid te rezève pou popilasyon Bantou an. [8] An menm tan an, Lafrik di sid te de pli zan pli konprann tankou yon peyi sèlman nan blan, ak nwa ki kontinye ap viv nan zòn yo "blan" (apeprè 50%) piti piti pèdi dwa sivil yo , kòm yon konsekans lefèt ke li te kòmanse yon pwosesis ki gen objektif te transfere sitwayènte li nan Bantustans yo. Pou egzanp, nwa yo te entèdi ale nan lekòl blan ak inivèsite; Verwoerd jistifye mezi sa a lè li obsève ke edikasyon yon nwa "dwe pran plas antyèman nan branch fanmi an epi yo dwe rasin nan Lespri Bondye a ak sans nan sosyete Bantou."

Nelson Mandela , premye prezidan nwa Sid Afriken ak senbòl batay kont apated la

Aplikasyon an nan yon politik de pli zan pli ouvètman rasis lakòz gwo konfli entèn ak marginalisés sipò nan peyi a soti nan kominote entènasyonal la. Nan 1973 Nasyonzini te deklare apartheid yon krim kont limanite ; yon kanpay sanksyon ekonomik kont Lafrik di sid te deja kòmanse an 1961 . Nan menm ane a, sou 31 me, Inyon Sid Afriken an te jwenn endepandans konplè nan men Wayòm Ini e li te vin yon repiblik nan yon referandòm; akòz politik la segregasyonis dirab, Lafrik di sid te Lè sa a, mete deyò nan Commonwealth la . Senk ane pita, yo te revoke manda li nan administrasyon Namibi an. Gouvènman Sid Afriken an te refize konfòme li avèk demand Nasyonzini yo, epi efektivman li te anekse Namibi kòm pwovens li yo.

Balthazar Johannes Vorster (Premye Minis soti nan 1966 a 1978 ) ak siksesè li Marais Viljoen (nan biwo soti nan 1979 a 1984 ) ak Pieter Willem Botha (soti nan 1984 a 1989) te fè fas tou de izolasyon entènasyonal yo ak Aparisyon nan mouvman opozisyon enpòtan nan kominote a nwa, ki gen ladan Afriken Kongrè Nasyonal Nelson Mandela la . Botha te dènye defandè solid nan apated, e li te eseye konvenk tout peyi a ke rejim sa a te yon eleman kle nan kwasans ekonomik Lafrik di sid la ant ane 1960 yo ak ane 1990 yo , depase sa nan nenpòt lòt peyi Afriken, ak pi bon kondisyon lavi nan nwa. Sid Afriken pase sa yo ki nan popilasyon an nwa nan rès kontinan an.

Nan faz sa a Botha jwenn alye nwa ki sipòte l ', an patikilye Swazis yo ; pami lòt bagay, wa nan Swazilann Sobhuza II te deja kolabore nan tan lontan an nan lachas pou rebèl ki pi vyolan nan zèl ekstremis nan ANC la. [9] Xhosa a te rete gwoup ki pi ostil nan gouvènman blan an. Asanble lejislatif Otonòm pou koulè ak Azyatik yo te òganize tou nan etap sa a. Sepandan, sistèm lan te pwouve de pli zan pli frajil ak fèmen nan efondreman, aksantué karaktè a represif, e menm Etazini yo , alye tradisyonèl nan sipòtè apartheid blan, yo te kòmanse rantre nan demand yo pou demokrasi . [10] Apated la te dire tout tan siksesè Botha a, Frederik Willem de Klerk , gouvènman an jouk 1994 , te angaje nan chemen refòm lan, libere epi rele sou bò pa li, lidè ANC Nelson Mandela ak demantèlman an 1991 tout sistèm segregasyon rasyal la. . Eklatman grav ki te fèt, sepandan, ant Zulus yo nan Libète Pati a Inkata ki te dirije pa wa itinérante Zwelithini kaBhekuzulu ak pati sekretè Mangosuthu Buthelezi , ki moun ki te vle yo dwe entèrlokuteur sèlman De Klerk a, ak ANC a Xhosa , ki moun ki evantyèlman pi fò. Zulus yo te gen kontni tèt yo ak etablisman an nan yon pwovens otonòm, Kwazulu-Natal , kòm yon pati nan refòm nan administratif nan kòmansman 1994, ki ini ansyen kat pwovens yo ak dis Bantustans nan nèf pwovens.

Eleksyon 1994 yo ak nan fen apartheid

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: inegalite nan Lafrik di sid apre apated .

Nan dat 27 avril 1994 , premye eleksyon demokratik yo te fèt ak sifraj pwolonje nan tout etnisite, nan ki tèt ANC Nelson Mandela te eli prezidan, ki te swiv pa Thabo Mbeki nan 1999 . Peryòd tranzisyon soti nan rejim apated la pou nouvo kou politik la te dirije pa yon tribinal espesyal ki te etabli an 1995 nan Cape Town, Komisyon pou verite ak rekonsilyasyon (verite ak rekonsilyasyon komisyon, TRC).

Sepandan, kondisyon lavi pou nwa toujou rete trè difisil, kòm divès sitiyasyon inegalite pèsiste; gouvènman Sid Afriken an te aksepte politik ekonomik Fon Monetè Entènasyonal la: li te pran responsablite pou peye dèt entènasyonal gouvènman ki te kreye anvan yo te kreye [ sitasyon ki nesesè ] tou pa pwivatize anpil konpayi domestik. Sèvis sosyal (dlo, edikasyon, sante) pa rekonèt pou tout moun. Nan tout savann pou bèt yo, pòv yo poko sitwayen konplè.

Jewografi

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Jewografi nan Lafrik di sid .

Repiblik Lafrik di sid sitiye nan fen sid Lafrik, e li gen ladan yon detire nan kòt tou de sou bò solèy leve a, sou Oseyan Endyen an , ak nan lwès la sou Atlantik la .

Mòfoloji

Imaj satelit nan Lafrik di sid

Se teritwa a Sid Afriken lajman te fè leve nan plato , sa yo rele High Veld la , ki leve nan direksyon pou lwès la, rive altitid ant 900 ak 1 900 m slm . Nan direksyon kot yo plato a gen yon kwen leve soti vivan, yo rele Grande Scarpata a , ki se divize an plizyè mòn chenn separe pa zòn pote pa ewozyon (ajan nan modèl prensipal nan teritwa a, ki pa te afekte pa antre maren enpòtan apre Paleozoik la ) . Eskarpman an gen ladan masif izole nan sidwès la, tankou sa yo rele Mountain Table la ( 1 914 m ), yon masif grè ki tise sou Cape Town ; sou bò solèy leve ak nan nò li devlope olye nan chenn mòn enpòtan; yo menm prensipal yo se mòn yo Drakensberg (dragon mòn), karakterize pa effusion basaltik ak tèt ki rive nan wotè pi wo pase 3 000 m (pi wo a se Njesuthi , 3 408 m ), ki soti nan ki pi piti chenn branch koupe ( Stormberg , Nieuwveld ak Sneeuwberg ). Epitou nan nò-bò solèy leve a se chenn yo mòn Swartberg ak Langeberg . Beyond eskarpman an, plenn nan alluvions bò lanmè yo rele Basso Veld pwolonje, eksepte nan zòn nan nan penensil Cape la , kote fòmasyon wòch yo rive nan oseyan an dirèkteman nan yon siksesyon nan promontwar ak kot falèz ki tankou . Se sant la nan peyi a lajman okipe pa basen yo semi-dezè nan Great ak ti karoo a , ki koule nan nòdwès nan dezè a Kalahari , pataje pa Lafrik di sid ak Namibi .

Soti nan yon pwen de vi jewolojik , teritwa a nan peyi a repoz sou yon baz wòch cristalline soti nan preskambriyen an , venn pa venn ak iranyòm enpòtan (konsantre nan rejyon an Witwatersrand , nan Transvaal ). Karoo a kouvri baz sa a ak sediman Paleozoik ak Mesozoic nan kèk kote jiska 7 000 m fon; sediman sa yo tou gen yon enpòtans ekonomik, yo te rich nan chabon ak lwil oliv.

Idrografi

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Rivyè nan Lafrik di sid .

Idrografikman, Lafrik di sid divize an plizyè basen, men yon sèl prensipal la se nan Oseyan Atlantik la . Rivyè ki pi enpòtan an se Orange ( 1,860 km ) nan lwès la, ki soti nan Lesotho epi ki gen vas basen ( 1 020 000 km² ) koresponn ak yon gwo pati nan mòn yo; larivyè Lefrat la tou make yon detire nan fwontyè a ak Namibi. Kou a nan gwo larivyè Lefrat la, sepandan, se aksidante ak rapid ak kaskad dlo ki fè navigasyon difisil. Pami aflu yo nan Orange Vaal la ( 1 200 km ) ak Molopo a (approx 1 000 km ) ki make fwontyè a ak Botswana pou yon detire long men se prèske toujou sèk.

Limpopo a ap koule nan Oseyan Endyen an ( 1 600 km ), ki divize peyi a ak Botswana; tou enposib navige. Lòt rivyè yo jeneralman leve nan eskarpman nan Great epi yo gen yon kou nòmal nan kòt la; nan mitan anpil nan se pi popilè Tugela a ki soti sou Drakensberg la , sou fwontyè a ak Lesotho , ak fòme kaskad dlo yo an menm non yo .

Pami lak yo nan Lafrik di sid gen Lake Chrissie nan Mpumalanga , Lake Sibhayi , nan Kwazulu-Natal , Groot Vloer a , ki te fòme pa larivyè Lefrat la Sak (ki sepandan se prèske sèk pou pifò nan ane a), ak Lake Santa Lucia , tou pre Durban .

Plizyè zile yo tou yon pati nan Lafrik di sid, ki gen ladan Prince Edward Islands yo , approx 1 770 km nan sidès Port Elizabeth , ak anpil moun ki pi piti sou kòt la.

Klima

Se klima a nan Lafrik di sid konsiderableman varye nan relasyon tou de nan ekstansyon an gwo teritoryal, tou de nan altitid la, ak ekspoze a nan lanmè a. Latitid la subtropikal ak enfliyans nan fon lanmè a yo se nan orijin nan klima Mediterane a ki karakterize pati nan sid teritwa a, kote tanperati yo twò grav ak lapli depase 600 mm ; lapli yo lye nan avans la nan fron frèt ki gen orijin Antatik pandan sezon livè an , pandan y ap prèske tout rès la nan Lafrik di sid nan menm peryòd la domine pa yon zòn antikiklonik ki anpeche foul la nan mas lè imid nan oseyan yo ki antoure. Nan contrast, pandan ete a , lè nan jaden an yo etabli kontinantal kondisyon presyon ki ba, mas yo lè imid ki soti nan ' Oseyan Endyen nan reveye nan' van komès soti nan sidès la envesti kòt lès yo ak Gran èskrokri a basting nan gwo lapli ( 1 000- 1 500 mm ). An patikilye, KwaZulu-Natal jwi yon klima cho imid, sa ki fè pwovens sa a zòn ki pi favorab pou kiltivasyon nan rekòt twopikal. Kòm ou kontinye andedan, lapli diminye: sou mòn yo li se alantou 500- 800 mm chak ane. Yo redwi pi klè jan yo kontinye nan direksyon lwès jiskaske yo manyen mwen 60 mm nan Port Nolloth , sou Atlantik la. Varyasyon tanperati a , sansib sou plato yo, gen yon ti jan genyen sou kot yo.

Popilasyon

Lafrik di sid gen sou 56,000,000 moun ki konsantre nan lavil prensipal yo bay yon distribisyon iregilye nan peyi a ( 2016 estimasyon).

Demografi

Kwasans popilasyon nan Lafrik di sid soti nan 1961 2015
Popilasyon [11]
Ane Dè milyon
1950 13.6
2000 45.7
2016 56

Lafrik di sid se yon peyi trè milti-etnik; viv ansanm, souvan avèk difikilte, blan, nwa, Azyatik ak gwoup etnik melanje. Lwa Sid Afriken fòmèlman rekonèt kat etnik macro-kategori: nwa, blan, "ki gen koulè pal" (gwoup etnik ki gen orijin melanje), ak Azyatik .

Konte popilasyon an nan resansman 1980 la te sou 23,8 milyon moun; yon lòt 4.6 milyon dola yo te ajoute pou konpanse pou gwosè a rekonèt, sa ki lakòz yon popilasyon nasyonal nan 28.4 milyon dola. Figi yo eskli moun k ap viv nan twa nasyon yo ki te nominal endepandan nan 1980 - sou 2.7 milyon dola nan Transkei , 1 milyon dola nan Bophuthatswana ak sou 350,000 nan Bantustan del Venda . Yon katriyèm "kay" (peyi), Ciskei a , ki gen yon popilasyon de 678,000 moun, te vin "endepandan" an 1981 . [12]
Resansman ki vin apre a, an 1991 , te pran plas nan yon klima san parèy nan vyolans politik. Pou la pwemye fwa, gouvènman Sid Afriken an te itilize foto ayeryen ak sondaj echantiyon pou enimere rezidan yo nan katreven uit zòn "toumant" ki te otreman aksesib a ofisyèl gouvènman yo. Dopo essere stato rettificato per la sottovalutazione, il censimento del 1991 ha prodotto un conteggio di 30 986 920 cittadini, escludendo le quattro homelands "indipendenti". I residenti degli altri sei paesi non indipendenti ("autogovernanti") - 10 746 504 persone - vennero inclusi nel conteggio nazionale. [12]
Nel 1992 , l' Ufficio del censimento degli Stati Uniti d'America stimava che il 48% di tutti i neri sudafricani e circa l'1% di tutti gli altri gruppi razziali vivevano nelle dieci terre di origine - che costituivano solo circa un settimo dell'intera superficie terrestre del Paese. Su questa base, l'ufficio stimà la popolazione totale del Sudafrica a 40,6 milioni. [12]
Nel 1994 il governo sudafricano stimò la popolazione nazionale totale a 40,4 milioni, dopo che tutte e dieci le homelands erano state ufficialmente reintegrate nel Sudafrica. In quell'anno, l'Ufficio del censimento degli Stati Uniti stimò la popolazione totale del Sudafrica a 43,9 milioni. [12]

Proiezioni demografiche

La seguente tabella illustra le stime del Segretariato delle Nazioni Unite sulla popolazione del Sudafrica avendo come base di riferimento i dati del 2012 :

Anno Popolazione (al 1º gennaio) - Proiezione
2015 54 957 000
2020 57 296 000
2025 59 702 000
2030 61 836 000
2035 63 670 000
2040 65 413 000
2045 67 075 000
2050 68 642 000
Fonte: Segretariato delle Nazioni Unite [13]

Etnie

I neri bantu formano circa il 75% della popolazione, e sono suddivisi ufficialmente in 9 "nazioni": zulu 23%; xhosa 18%; sotho (del nord e del sud) 16%; tswana 7%; tsonga 4%; swazi 2,5%; venda 2%; ndebele 1,5%; pedi 1%. I bianchi formano circa il 13% della popolazione, e si suddividono in tre gruppi: boeri (afrikaner) 6,5%, anglosassoni 5,5%, altri (ascendenza principalmente portoghese , tedesca e italiana ) 1%.

In Sudafrica i bianchi erano il 22% della popolazione nel 1921; da allora sono declinati al 16% nel 1980 [14] e all'8,9% nel 2011, [15] [16] sia per via di un tasso di incremento demografico inferiore ai neri e sia per via dell'emigrazione: almeno 800 000 bianchi hanno lasciato il Sudafrica dopo il 1995. [17] Secondo una stima del 2014 i bianchi sono 4 554 800, l'8,4% degli abitanti del Sudafrica. [18]

Gli asiatici formano circa il 3% della popolazione e si suddividono in due gruppi: indiani 2,5%, cinesi 0,5%. Le persone a sangue misto ( coloureds ) formano circa il 9% della popolazione. Boscimani e ottentotti non raggiungono lo 0,1% della popolazione.

Gruppi etnici dominanti in Sudafrica:

     Neri africani

     Coloured

     Indiani o asiatici

     Bianchi

     Non dominanti

Reddito annuale pro-capite per gruppo etnico in Sudafrica in relazione al reddito dei bianchi (100) dal 1917 al 2008. I neri sono i più poveri, guadagnando in media solo il 13% dello stipendio di un bianco nel 2008, seguiti dai coloured con il 22%. Solo gli asiatici si stanno gradualmente arricchendo, passando dal 42% del reddito dei bianchi del 1993 al 60% del 2008.
Gruppi etnici del Sudafrica
Censimento 1904 [16] Censimento 2011 [15]
Gruppo etnico Percentuale
Neri africani
67,5%
Bianchi
21,6%
Meticci/mulatti
8,6%
Asiatici
2,4%
Gruppo etnico Percentuale
Neri africani
79,2%
Bianchi
8,9%
Meticci/mulatti
8,9%
Asiatici
2,5%
ETNIA PERC.
Zulu 24,6%
Xhosa 21,9%
Sotho 14,7%
Bianchi 9,6%
Coloured 8,4%
Tswana 6,9%
Tsonga 4,4%
Swazi 3,8%
Venda 2,9%
Pedi 1%
Indiani 2,6%
Cinesi 0,7%
Boscimani e
Ottentotti
0,1%
Etnicità del Sudafrica 1904–2018:
Anno Popolazione totale Neri (%) Bianchi (%) Coloured (%) Asiatici (%)
1904 [16] 5 175 463 3 491 056 (67,5%) 1 116 805 (21,6%) 445 228 (8,6%) 122 734 (2,4%)
1911 [19] [20] [21] 5 973 394 4 019 006 (67,3%) 1 276 242 (21,4%) 525 466 (8,8%) 152 094 (2,5%)
1921 [22] [23] 6 927 403 4 697 285 (67,8%) 1 521 343 ( 22,0% ) 545 181 (7,9%) 163 594 (2,4%)
1936 [22] 9 587 863 6 595 597 (68,8%) 2 003 334 (20,9%) 769 242 (8,0%) 219 691 (2,3%)
1946 [22] [23] 11 415 925 7 830 559 (68,6%) 2 372 044 (20,8%) 928 062 (8,1%) 285 260 (2,5%)
1951 [24] 12 671 452 8 560 083 (67,6%) 2 641 689 (20,8%) 1 103 016 (8,7%) 366 664 (2,9%)
1960 [25] [26] 16 003 139 10 928 264 (68,3%) 3 088 492 (19,3%) 1 509 258 (9,4%) 477 125 (3,0%)
1970 [27] [28] [29] 21 402 470 15 036 360 (70,3%) 3 726 540 (17,4%) 2 021 430 (9,4%) 618 140 (2,9%)
1980 [30] 23 771 970 15 970 019 (67,2%) 4 453 273 (18,7%) 2 554 039 ( 10,7% ) 794 639 ( 3,3% )
1991 30 987 000 21 646 000 (69,9%) 5 068 300 (13,4%) 3 286 000 (10,6%) 987 000 (3,2%)
1996 [15] 40 583 573 31 127 631 (76,7%) 4 434 697 (10,9%) 3 600 446 (8,9%) 1 045 596 (2,6%)
2001 [15] 44 819 778 35 416 166 (79,0%) 4 293 640 (9,6%) 3 994 505 (8,9%) 1 115 467 (2,5%)
2011 [31] [32] 51 770 560 41 000 938 (79,2%) 4 586 838 (8,9%) 4 615 401 (8,9%) 1 286 930 (2,5%)
2014 [33] 54 002 000 43 333 700 (80,2%) 4 554 800 (8,4%) 4 771 500 (8,8%) 1 341 900 (2,5%)
2018 [34] 54,452,570 43,465,687

(79,9%)

5,225,642

(9,6%)

3,916,865

(7,2%)

1,795,254

(3,3%)

Religione

Le religioni più diffuse sono quelle cristiane : protestantesimo della chiesa riformata sudafricana (circa 35%); cattolicesimo (10%); anglicanesimo (10%); metodismo , luteranesimo e altre fedi cristiane (nel complesso circa 30% compreso anche il Rastafarianesimo ). Si hanno poi islamici (1,5%), induisti (1,5%) ed ebrei (0,5%).

Ecco il quadro completo secondo il censimento del 2016 :

Cattedrale Anglicana presso George
RELIGIONE PERC.
Chiesa di Zion 6,8%
Pentecostali 8,7%
Cattolici 6,4%
Metodisti 5,9%
Chiesa Riformata Olandese 7,9%
Anglicani 7,0%
altri Cristiani 34,8%
Musulmani 1,4%
Induisti 1,5%
Ebrei 0,4%
altro ( animisti e buddisti ) 3,7%
non specificata 1,6%
nessuna ( atei e agnostici ) 13,9%

Nel paese c'è anche una forte presenza e un notevole numero di aderenti al Rastafarianesimo .

Lingue

Le lingue ufficiali sono 11 e corrispondono alle varie etnie. [35] I meticci del Capo parlano in maggioranza l'afrikaans, mentre gli asiatici usano soprattutto l'inglese.

Ecco il quadro completo secondo il censimento del 2001 :

Lingue principali in Sudafrica:

     Afrikaans

     Inglese

     Ndebele del sud

     Xhosa

     Zulu

     Sesotho del Nord

     Sesotho del Sud

     Tswana

     Swati

     Venda

     Tsonga

     Lingue secondarie

LINGUA PERC. AB.
Zulu 18,7% 10 677 000
Xhosa 17,1% 7 907 000
Afrikaans 15,8% 5 983 000
Sesotho del Nord 9,4% 4 209 000
Tswana 7,6% 3 677 000
Inglese 11,3% 3 673 000
Sesotho del Sud 7,4% 3 555 000
Tsonga 4,5% 1 992 000
Swati 3,0% 1 194 000
Venda 3,9% 1 022 000
Ndebele del Sud 1,4% 712 000
Altre lingue 0,8% 217 000
TOTALE 100,0% 44 820 000

Immigrazione

Nella seguente tabella vengono riportate le cifre di Statistics South Africa sulle ipotesi di immigrazione in Sudafrica in base al tipo di popolazione; i numeri negativi rappresentano la migrazione netta dal Sudafrica verso altri paesi. [36]

Anno Africani Asiatici Bianchi
1985-2000 1 078 546 22 772 -274 895
2001-2005 768 725 43 563 -164 994
2006-2010 936 880 59 482 - 87 661
2011-2015 1 879 325 72 068 -31 574

Ordinamento dello Stato

Dal punto di vista dell' ordinamento dello Stato , il Sudafrica è una repubblica parlamentare benché con la singolarità (tipica delle repubbliche presidenziali ) di avere la figura del capo di Stato e quella di Governo unificate. Il Paese vanta la caratteristica di essere l'unica entità sovrana al mondo ad avere tre capitali: Pretoria , sede del governo, è la capitale amministrativa; Città del Capo , che ospita il parlamento, è quella legislativa, mentre Bloemfontein , sede della corte suprema d'appello, è capitale giudiziaria. Ai fini di rappresentatività internazionale, comunque, la capitale riconosciuta è Pretoria in quanto sede del Capo di Stato .

Altre località importanti del Paese, per ragioni storiche, economiche e politiche, sono Johannesburg (la città più popolosa del Sudafrica e una delle più grandi del continente), Port Elizabeth , East London e Durban .

Suddivisione amministrativa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisioni del Sudafrica , Province del Sudafrica e Distretti del Sudafrica .

Fino al 1994 , il Sudafrica era suddiviso nelle tradizionali quattro repubbliche boere (Capo, Transvaal, Orange e Natal) e in 10 bantustan. Questa suddivisione venne sostituita con una più aderente alla distribuzione demografica, che conta nove province autonome. Il Kwazulu-Natal ha una struttura amministrativa diversa dalle altre province, di tipo monarchico ; l'attuale sovrano (re degli zulu) è Goodwill Zwelithini kaBhekuzulu .

Province del Sudafrica
Provincia Capoluogo Abitanti capoluogo Superficie (km²) Abitanti [37] Densità (ab./km²)
Provincia del Capo Occidentale Città del Capo 3 569 359 129 370 5 018 906 37,82
Provincia del Capo Settentrionale Kimberley 182 937 361 830 1 144 535 2,25
Provincia del Capo Orientale Bisho 147 593 169 580 6 977 948 38,41
KwaZulu-Natal Pietermaritzburg 891 607 92 100 10 226 814 109,46
Free State Bloemfontein 583 253 129 480 3 004 846 21,23
Provincia del Nordovest Mafikeng 74 165 116 320 3 405 933 29,28
Gauteng Johannesburg 3 888 180 17 010 10 043 168 578,77
Mpumalanga Nelspruit 116 705 79 490 3 632 837 45,70
Limpopo Polokwane 136 107 123 910 5 477 449 44,20

Città principali

Nel 2007, in Sudafrica vi erano 6 municipalità con oltre 1 milione di abitanti e 8 che contavano tra i 500 000 e 1 milione di abitanti (nel 2001 erano 6). Alcuni di essi sono costituiti da centinaia di minuscoli insediamenti molto vicini l'uno all'altro.

Johannesburg
Johannesburg
Città del Capo
Città del Capo
Durban
Durban
Germiston
Germiston

Posizione Municipalità Città principale Provincia Pop.

Pretoria
Pretoria
Port Elizabeth
Port Elizabeth
Bloemfontein
Bloemfontein
East London
East London

1 Municipalità di Johannesburg Johannesburg Gauteng 3 888 180
2 Municipalità di Città del Capo Città del Capo Capo Occidentale 3 497 097
3 eThekwini Durban KwaZulu-Natal 3 468 086
4 Ekurhuleni Germiston Gauteng 2 724 229
5 Municipalità di Tshwane Pretoria Gauteng 2 345 908
6 Municipalità di Nelson Mandela Bay Port Elizabeth Capo Orientale 1 050 930
7 Mangaung Bloemfontein Free State 752 906
8 Buffalo City East London Capo Orientale 724 312
9 Emfuleni Vanderbijlpark Gauteng 650 867
10 Msunduzi Pietermaritzburg KwaZulu-Natal 616 730
11 Thulamela Thohoyandou Limpopo 602 819
12 Polokwane Polokwane (Pietersburg) Limpopo 561 772
13 Mbombela Nelspruit Mpumalanga 527 203
14 Bushbuckridge Bushbuckridge Mpumalanga 509 970
15 Makhado Louis Trichardt Limpopo 471 805
16 Rustenburg Rustenburg Nordovest 449 776
17 King Sabata Dalindyebo Mthatha (Umtata) Capo Orientale 444 830
18 Emalahleni Witbank Mpumalanga 435 217
19 Matjhabeng Welkom Free State 405 031
20 City of Motlosana Klerksdorp Nordovest 385 782
Statistiche del 2007 [38]

Istituzioni

Palazzo del Parlamento a Città del Capo

Costituzione

La Costituzione in vigore è stata emanata il 10 dicembre 1996. Più precisamente, la Costituzione del Sudafrica è entrata in vigore il 4 febbraio 1997.

Poteri dello Stato

Il Presidente è anche Capo del Governo, dunque ha poteri molto ampi. Egli è eletto dall'Assemblea Nazionale la quale, per prassi, lo individua nel leader del partito vincitore delle elezioni, ed esercita il potere esecutivo direttamente.

Il potere legislativo spetta al parlamento bicamerale, composto di Consiglio Nazionale delle Province , già Senato (90 membri eletti in ognuna delle province per la durata di 5 anni), e Assemblea Nazionale (440 membri eletti dal popolo con il sistema proporzionale, senza sbarramento, allo scopo di rappresentare anche le etnie minoritarie, per la durata di 5 anni).

Per legge devono partecipare al governo attraverso la nomina di vicepresidenti tutti i partiti che superano il 20% dei suffragi.

Il sistema giudiziario si basa sulla Common Law britannica e sul diritto olandese.

Le forze armate sono state riorganizzate nel 1994 e ora sono racchiuse nella SANDF, organo cui fanno capo tutte le armi dell'esercito e della polizia. La SANDF ha assorbito tutte le precedenti strutture militari ufficiali e non, ivi comprese la vecchia SADF, i servizi segreti sudafricani e l'ala militare dell'ANC.

Ordinamento scolastico

L'istruzione è obbligatoria tra i 7 e gli 11 anni. L'istruzione primaria dura 7 anni; essa è divisa in una sezione inferiore (due anni) e una superiore; l'istruzione secondaria è quadriennale e comprende una sezione inferiore triennale che termina con un esame (Junior Certificate) e una sezione superiore, che si conclude con un esame di ammissione universitaria (Matriculation).

Università

La più antica università del Sudafrica è stata inaugurata il 1º ottobre 1829 : si tratta dell' Università di Città del Capo (sorta come South African College).

Sistema sanitario

L' Ospedale Groote Schuur dove avvenne il primo trapianto di cuore

Il sistema sanitario e di sicurezza sociale sono da sempre molto sviluppati e fortemente integrati, sia nel settore pubblico sia in quello privato. Essi assicurano benefici o sussidi ai disoccupati, agli invalidi civili e militari, agli anziani, ai malati cronici. L'assistenza medica è gratuita per i bambini fino al compimento del sesto anno di età e per le donne incinte. La legge sudafricana impone un basso costo per i medicinali contro l' AIDS sin dal 1999. Dopo un'iniziale opposizione, nel 2001 le case farmaceutiche hanno accettato questa legge. La prima operazione di trapianto cardiaco al mondo avvenne in Sudafrica nel 1967 per opera del chirurgo Christiaan Barnard , presso l' ospedale Groote Schuur .

Forze armate

South African Army

Esercito Sudafricano

Descrizione generale
Attiva 1912 - oggi
Nazione Sudafrica
Tipo esercito
Dimensione 39.445 unità attive

12.300 in riserva

Guarnigione/QG Pretoria , Gauteng
Battaglie/guerre Prima guerra mondiale , Seconda guerra mondiale , Guerra di Namibia , Conflitto dell'Africa Centrale
Sito internet http://www.army.mil.za/
Parte di
Forze di Difesa Nazionali del Sudafrica
Comandanti
Ministro della difesa Nosiviwe Mapisa-Nqakula
Comandante attuale Vusumuzi Masondo
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il South African Army ( Esercito del Sudafrica in lingua inglese ) è la principale forza armata della Repubblica del Sudafrica e si occupa della difesa terrena nazionale. La sua nascita risale al 1912 , durante la così nota Unione Sudafricana .

Il ruolo dell'esercito del Sudafrica ha subito un processo fortemente evolutivo negli anni successivi al 1994 , anche in occasione della sua armonizzazione all'interno delle neonate Forze di difesa nazionali, che raggruppa le tre forze armate (terra, mare e acqua) e il servizio medico militare.

Al giorno d'oggi l'esercito si sta rendendo sempre più partecipe e protagonista nelle missioni di peacekeeping in Africa del sud, spesso come parte di più ampie operazioni dell'Unione africana.

È doveroso citare anche il programma nucleare che il paese mise in atto a partire dal 1974 sotto spinta dell'allora primo ministro Balthazar Johannes Vorster. Il Sudafrica dispose di un armamento costituito da sei testate, più una settima mai completata. Con il crollo dell'Apartheid, tuttavia, il governo decise spontaneamente di rinunciare al suo arsenale nucleare, smantellandolo definitivamente verso il 1990. [39]

Politica

Politica interna

Dalla fine dell' apartheid e il suffragio universale all'inizio degli anni 90, la forza politica dominante è l' African National Congress (ANC), peraltro diviso in correnti.

Le elezioni generali del 1994 videro prevalere l'ANC (62,65% e 252 seggi) sul Partito Nazionale (NP: 20,39% e 82 seggi), ex-partito guida dei bianchi, e sul Partito della Libertà Inkatha (IFP: 10,54% e 43 seggi), partito degli zulu . Solo altri 4 partiti entrarono in Assemblea Nazionale, con 23 seggi in totale. L'ANC optò per un governo sostenuto dai tre maggiori partiti. L'Assemblea Nazionale elesse presidente Nelson Mandela (ANC).

Nelle elezioni generali del 2 giugno 1999 si rafforzò l'ANC (66,35% e 266 seggi) e crollò il NNP (ex-NP: 6,87% e 28 seggi), superato dal Partito Democratico (DP: 9,56% e 38 seggi), ex-opposizione durante l'apartheid, e dal IFP (8,58% e 34 seggi), mentre si affermò l'interrazziale Movimento Democratico Unito (UDM: 3,42% e 14 seggi). Altri 8 partiti entrarono in Assemblea Nazionale, con 20 seggi in totale. L'ANC confermò l'alleanza di governo con il NNP e l'IFP. Thabo Mbeki (ANC) fu eletto presidente.

L' Union building , sede dell'esecutivo del Sudafrica

Le elezioni generali del 14 aprile 2004 videro l'ulteriore rafforzamento dell'ANC (69,69% e 279 seggi) e della Alleanza Democratica (DA, ex-DP: 12,37% e 50 seggi) e l'indebolimento dell'IFP (6,97% e 28 seggi) e dell'UDM (2,28% e 9 seggi) e soprattutto del NNP (che confluì nell'ANC nel 2005). Altre 8 liste entrarono in Assemblea Nazionale, con 34 seggi in totale. L'ANC decise di governare da solo. Thabo Mbeki (ANC) fu rieletto presidente.

Dalle elezioni del 2004 il governo dell'ANC gode di una vasta maggioranza e di un appoggio da parte di altri partiti minori, come ad esempio il Partito Comunista Sudafricano e dalla Confederazione sindacale più importante nel paese, il Congress of South African Trade Unions (COSATU). I punti di disaccordo interni ai movimenti sindacali relativi alle politiche del lavoro e della distribuzione del reddito sono passati in secondo piano al momento delle elezioni, per poi riaccendersi nel periodo post-elettorale. Il governo è stato accusato di non tener fede a quanto annunciato durante la vasta campagna elettorale con lo slogan “crescita, impiego e ridistribuzione (growth, employment and redistribution – GEAR), che di fatto ha lasciato indietro la redistribuzione, eccezion fatta che per la élite legata al Governo a livello provinciale e nazionale.

Cyril Ramaphosa , attuale presidente del Sudafrica

Nelle elezioni generali del 22 aprile 2009 si è avuta la vittoria dell'ANC, anche se indebolita dalla recente scissione del Congresso del Popolo (CoPe), e il rafforzamento della DA. Jacob Zuma (ANC) è stato eletto presidente.

L'attuale politica interna è volta soprattutto alla lotta all'AIDS e alla criminalità, che ha raggiunto, specie nelle grandi città, livelli insostenibili. Altro punto delicato che il governo si trova costantemente ad affrontare è quello della tutela delle diverse etnie, tutte molto gelose della propria autonomia. Anche il problema della corruzione ai vertici dell'ANC, che ha il monopolio del potere politico, ha causato notevoli dissidi.

Sebbene vari analisti siano d'accordo nel predire un futuro relativamente roseo per il paese, sono ancora molti i problemi che il Sudafrica si trova a affrontare, e molti di questi (soprattutto la violenza, il divario sociale ricchi-poveri e l'AIDS) rischiano di destabilizzarlo fatalmente. La riequilibratura tra lo standard di vita della minoranza bianca e quello della maggioranza nera è ancora un'utopia, con metà della ricchezza concentrata nelle mani del 10% della popolazione. Le leggi di “discriminazione positiva” per garantire delle quote ai neri non hanno prodotto i risultati sperati (il differenziale tra i più ricchi ei più poveri continua ad aumentare), così come la riforma agraria che continua a essere la questione più dibattuta.

Il periodo di assestamento successivo alla fine del potere bianco dura ancora oggi, ei risultati si fanno sentire: in 12 anni il paese ha perso 29 posizioni nell'indice di sviluppo umano, il 40% della popolazione vive ancora sotto la soglia di povertà, il lavoro nero e la criminalità fioriscono soprattutto nelle townships di periferia.

Il Sudafrica presenta una società ancora troppo divisa lungo le linee di appartenenza razziale ove, se la parte nera della popolazione dispone di gran parte del potere politico, quella bianca (integrata dalla élite che ha consentito il mantenimento dello status quo) esercita un notevole controllo su quello economico. L'ANC ha in cantiere una serie di provvedimenti legislativi che dovrebbero consentire alla popolazione di colore di disporre di una considerevole parte del potere economico e finanziario, secondo il cosiddetto Black Economic Empowerment (BEE), che prevede il possesso di quote azionarie e la presenza nei Consigli di amministrazione da parte della popolazione di colore. I principali problemi del Sudafrica sono, al momento attuale, un elevatissimo tasso di disoccupazione, il 26,7% al settembre 2005, una criminalità violenta e dilagante e un costante aumento della diffusione dell'HIV/AIDS. L' AIDS rappresenta una vera piaga sociale, che colpisce quasi il 30% dei Sudafricani. Vedi anche Diffusione dell'HIV in Sudafrica . Dal 2009, grazie al governo di Zuma, la situazione sanitaria è in miglioramento. Il trattamento dell'AIDS con farmaci anti-retrovirali è aumentato dal 40% al 60%, e la trasmissione dell'infezione da HIV tra madre e feto si è dimezzata. Il nuovo piano si propone di arrivare all'80% di copertura terapeutica dei pazienti e di dimezzare la mortalità per tubercolosi, malattia fortemente associata all'AIDS. Dal 2012 il governo sudafricano ha istituito l'assicurazione sanitaria nazionale (National Health Insurance) per garantire a tutti i cittadini sudafricani l'assistenza sanitaria essenziale. L'iniziativa è partita con 10 distretti e prevede di estendersi in tutto il paese per il 2018.

Politica estera

Il Sudafrica del post-apartheid ambisce, in quanto stato più sviluppato, ad assumere il ruolo di guida degli Stati del continente, e in particolare dell'Africa australe, nonché di mediatore super partes dei vari conflitti. La sua azione nell'ambito della SADC , dell' Organizzazione dell'Unità Africana (OUA) e dell' ONU è stata in questi anni molto incisiva. Il paese è altresì rientrato nell'orbita britannica, aderendo al Commonwealth e instaurando ottimi rapporti anche con gli altri paesi economicamente più sviluppati. Nel 2010, il Sudafrica è entrato a far parte dell'associazione di Paesi emergenti nota come BRICS (con Brasile, Russia, India e Cina).

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia del Sudafrica .
Johannesburg , capitale economica del paese

Nonostante i gravi problemi sociali ereditati dall' apartheid , l'economia del Sudafrica è la terza economia più importante del continente africano. [40] Il Paese produce da solo oltre un terzo del reddito continentale, grazie soprattutto alle risorse minerarie ( oro , diamanti , platino , ferro , cromo , carbone ) e alle industrie collegate. Alcuni valori macroeconomici per l'anno 2015 sono: tasso di crescita del PIL pari al +2% annuo, debito pubblico pari al 35% del PIL, budget deficit/PIL 4%, tasso prime rate 9,25%, disoccupazione 24%, inflazione 6%.

L' agricoltura è tra le più sviluppate dell'Africa, anche se con forti squilibri: alle efficienti e produttive aziende agricole che attuano un'agricoltura di piantagione altamente specializzata si affiancano le agricolture di sussistenza, praticate nei villaggi con metodi tradizionali. L'agricoltura e la pesca non solo soddisfano l'intero fabbisogno nazionale, ma producono anche prodotti da esportazione. La produzione di cereali è concentrata nel cosiddetto "triangolo del mais", cioè l'area compresa fra la città di Mafikeng, il Lesotho e lo Swaziland. Il 69% del terreno agricolo del paese è comunque destinato all' allevamento : il Sudafrica è uno dei principali produttori di lana di pecora e di pellicce di karakul.

Per quanto riguarda la silvicoltura , il paese ha messo a punto programmi di rimboschimento di pini ed eucalipti , specie che sono alla base delle esportazioni di legno grezzo e dello sviluppo d'importanti attività industriali. Le aree dove tale settore è più sviluppato sono il Mpumalanga e la zona di George .

Contadini sudafricani

L'attività mineraria e l'industria rappresentano i settori più importanti dell'economia sudafricana. Ai giacimenti di oro e diamanti, iniziale richiamo per i colonizzatori, si affiancano altre risorse presenti in maniera diversificata e in grande quantità nel sottosuolo, come argento, platino, uranio e carbone. Grazie a ciò si è sviluppata anche un'importante industria pesante, che va a sommarsi a quelle che producono beni di consumo (meccaniche, tessili e alimentari) o di lavorazione dei prodotti agricoli e della pesca.

All'incirca il 93% dell' energia è di origine termica .

Da circa un decennio le industrie metallurgiche italiane collaborano con quelle sudafricane, questo ha permesso a entrambe le nazioni un miglioramento economico notevole.

Il livello relativamente alto di sviluppo economico del paese non impedisce una larga diffusione della povertà: circa il 40% della popolazione del paese vive con meno di 2 dollari statunitensi al giorno. [41] Nel 2019, lo stipendio medio dei sudafricani bianchi è 3,5 volte superiore a quello dei sudafricani neri. La disoccupazione colpisce il 27% della popolazione [42] .

Nel 2018, 30 000 aziende agricole commerciali impiegavano circa 840 000 lavoratori agricoli. Le condizioni di vita di questi ultimi sono spesso difficili; molti vivono in baraccopoli senza acqua corrente. Il direttore dell'associazione per la promozione rurale, Laurel Oettle, sottolinea che "i lavoratori stagionali non hanno un reddito per mesi. Alcuni sono talvolta pagati in prodotti agricoli. Ci sono molti casi di abusi sessuali. L'accesso alle tombe degli antenati dà luogo a conflitti con i proprietari. [6]

Trasporti

Ambiente

Il 5% del territorio è protetto (il 4% è parzialmente protetto).

Trattati ambientali:

In risposta alla siccità , nell'ottobre 2019, le autorità hanno introdotto restrizioni idriche nelle principali città del paese. Diverse regioni del centro e del nord del paese avevano già subito tagli idrici, in particolare a causa del fallimento delle strutture del principale fornitore sudafricano di acqua, Rand Water. In alcune province, come il Capo orientale e occidentale, la siccità ha rovinato i raccolti e causato la morte di mandrie di bestiame. [43]

Il Sudafrica è il maggiore inquinatore del continente africano e il quattordicesimo al mondo in termini di emissioni di carbonio. Nel 2019, il governo ha introdotto una carbon tax per cercare di incoraggiare le imprese a compiere sforzi. Sebbene sostenuta dalle organizzazioni ambientaliste, questa iniziativa è ancora considerata insufficiente e poco dissuasiva. L'inquinamento atmosferico] rappresenterebbe un costo annuo di due miliardi di euro. [44] .

Dall'inizio del XX secolo , 37 specie vegetali sono scomparse in Sudafrica, vittime soprattutto della deforestazione . [45] .

Parchi nazionali

Flora e fauna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Fauna selvatica in Sudafrica .
Giraffe al Kruger National Park

Le caratteristiche climatiche si riflettono fedelmente nella copertura vegetale, che si presenta abbondante e rigogliosa nelle regioni meglio irrorate, povera e rada nelle zone dove le precipitazioni scarseggiano. Dal punto di vista floristico si può dividere il Paese in sei principali zone vegetali: la foresta , la savana , la steppa , la macchia di tipo mediterraneo , la steppa desertica e il deserto .

La foresta, che si stende solo su zone che ricevono una quantità copiosa di precipitazioni, ricopre appena lo 0,25% dell'intero territorio ed è di tipo temperato , subtropicale e montano : la foresta temperata è diffusa prevalentemente nella fascia collinare compresa tra i rilievi del Langeberge e la costa meridionale e in aree più modeste del Natal centrale; la foresta subtropicale si estende lungo la fascia costiera del Natal e della sezione orientale della Provincia del Capo ; la foresta montana nelle medesime regioni di quella subtropicale, ma in aree più ristrette e prevalentemente sui versanti più esposti ai venti umidi.

La savana è diffusa principalmente nel Transvaal settentrionale e orientale, nella porzione settentrionale e sud-orientale della Provincia del Capo e nella fascia costiera del Natal; spesso è associata a piante d'alto fusto, quali l' acacia , l' euforbia e il baobab .

Alla savana succede gradualmente, procedendo verso l'interno, la steppa, che si stende a coprire una vasta sezione dell'altopiano, delimitata a ovest dall' isoieta di 375 mm , e precisamente il Transvaal centrale e meridionale, l' Orange Free State , gran parte del Natal e la sezione più orientale della Provincia del Capo.

Campo di fiori al West Coast National Park

La copertura vegetale tipica della cuspide sud-occidentale del Paese che gode di clima mediterraneo , con estati calde e asciutte e inverni miti e piovosi, è la macchia di tipo mediterraneo, che costituisce un'associazione mista, erbacea e arbustiva, con caratteri spesso accentuatamente xerofili .

Dalla macchia e dalla steppa si trapassa gradualmente nella steppa desertica, che è caratterizzata da piante succulente e da arbusti spinosi e che si estende prevalentemente sull' Hoë Karroo ; più a ovest, nel Namakwaland sudafricano e nel Bosmanland , la vegetazione s'impoverisce e il paesaggio assume l'aspetto del deserto, ravvivato qua e là da pochi arbusti spinosi.

Per le caratteristiche della sua fauna, il territorio della Repubblica Sudafricana è considerato parte della regione etiopica , di cui però costituisce una subregione particolare per certe peculiarità, quali l'assenza degli scimpanzé , dei gorilla e di vari tipi di pappagalli e la presenza di springboks (antilopi del Sudafrica) e di altri animali, fra i quali una grande varietà di insetti . La diffusione dei bantu e la colonizzazione dei bianchi hanno ridotto notevolmente il numero dei grandi carnivori e degli erbivori che nei secoli passati popolavano queste terre: il rinoceronte bianco è rappresentato da pochi esemplari in una riserva dello Zululand ; l' elefante sopravvive solo nella foresta temperata di Knysna e nel Kruger National Park ; qui si trovano anche numerosi leoni , che vivono liberamente anche nel Trasvaal settentrionale. Numerosi sono i roditori (circa 150 specie) ei felini , come il gatto selvatico , la lince , il leopardo e il gattopardo . Ci sono ben 350 specie di rettili , di cui 125 di serpenti , quali il cobra , il pitone e la vipera ; la diffusione dei coccodrilli è limitata alla sezione nord-orientale del Paese. Numerosi sono i ragni , gli scorpioni e così pure gli insetti, dei quali si calcola esistano nell' Africa meridionale almeno 40 000 specie. Gli uccelli sono rappresentati da oltre un migliaio di specie: numerosi sono i pappagalli ei rapaci , quali l' aquila , il falco , il nibbio, il gufo , la civetta e il serpentario , che gode della reputazione di uccisore di serpenti e come tale è rispettato e protetto; gli struzzi vivono prevalentemente nelle savane e nelle steppe. I pesci , di cui si conoscono almeno 200 specie, abbondano nelle acque dei fiumi; le anguille vivono solo nei corsi d'acqua che tributano all' Oceano Indiano .

Cultura

Arte

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Arte contemporanea sudafricana .

In Sudafrica coesistono numerose culture, e di conseguenza anche numerose tradizioni artistiche. La cultura boera (caratterizzata da valori come il pionierismo , la frugalità, la famiglia patriarcale ei vincoli di sangue, il patriottismo , nonché dalla lingua, afrikaans e la religione calvinista riformata) si esprime in numerosi settori, dall' architettura (tipico del Sudafrica è lo stile coloniale noto come Cape Dutch ) alla letteratura.

Letteratura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Letteratura sudafricana .

La letteratura sudafricana ebbe il suo periodo d'oro nel XIX secolo , in cui la creazione di una letteratura boera era interpretata come affermazione dell'indipendenza culturale dei pionieri rispetto all' Europa e agli inglesi. Un genere letterario tipico di quest'epoca è il pamphlet accusatorio, spesso rivolto contro gli inglesi, considerati i nemici del popolo boero. Negli anni venti , all'antianglicismo si affiancarono progressivamente altri temi politici, come l' anticomunismo . Negli anni trenta una nuova generazione di scrittori boeri (tra cui Van Wyk Louw, Krige ed Eybers) iniziarono ad allargare i propri orizzonti e trattare temi di carattere più universale. Durante l'apartheid, parte della letteratura boera si pone in posizioni di antagonismo rispetto al governo e al segregazionismo (per esempio Opperman, Breytenbach e Brink).

Le culture aborigene delle etnie bantu comprendono anch'esse una propria letteratura, tramandata oralmente da generazioni. In tempi recenti le forme letterarie occidentali sono state acquisite anche dai neri; importanti scrittori di origine bantu sono per esempio lo xhosa Jordan e lo zulu Dhlomo. Di etnia bantu è anche Mphahlele, a cui si deve una delle principali opere della letteratura sudafricana moderna, The African Image (1962).

La letteratura in lingua inglese è piuttosto tarda e si sviluppa appieno solo nel XX secolo. Essa è caratterizzata dall'approfondimento sociale, dall'opposizione ai boeri, dalla visione romanticheggiante dell'Africa. La principale autrice sudafricana in lingua inglese è certamente Nadine Gordimer , vincitrice nel 1991 del Premio Nobel per la letteratura .

Un altro importante esponente sudafricano, non solo scrittore, ma anche politico e attivista, fu Alan Paton (1903-1988), noto per il suo impegno contro l' apartheid

E ancora è da ricordare Miriam Tlali (1933-2017), la prima donna nera a pubblicare un romanzo nel suo Paese

In Sudafrica visse per nove anni (1896-1905) il poeta portoghese Fernando Pessoa. La cultura britannica e la lingua inglese, con cui entrò in contatto durante la sua permanenza a Durban, si rivelarono fondamentali per la sua formazione e per la costruzione della sua opera letteraria. [46]

Anche gli indiani hanno un discreto repertorio letterario, spesso in lingua inglese, più raramente in hindi . Le tematiche affrontate sono spesso di natura filosofico-religiosa.

Un residuo della colonizzazione olandese e dei loro discendenti boeri lo troviamo tuttora nella sigla automobilistica internazionale: ZA, nel codice ufficiale a due lettere dello standard ISO 3166-1 alpha-2: ZA e nel dominio Internet di primo livello nazionale (country-code top-level domain o ccTLD): .za che sono conseguenti alla denominazione dello Stato in lingua olandese: Zuid-Afrika.

Musica

Una tradizionale musica da ballo sudafricana è rappresentata dal Kwela , che prende origine dalla musica africana e dal jazz: tra i più noti esponenti della musica jazz spicca Hugh Masekela .

Un genere musicale nato in Sudafrica negli anni 90' è rappresentato dal Kwaito . La vuvuzela , invece, è una tipica trombetta ad aria originaria del Paese cui spesso il Sudafrica è associato.

Tra le grandi personalità musicali ricordiamo Miriam Makeba (1932-2008), nota per vari singoli come Pata Pata (1967), che diede un contributo, riconosciuto a livello internazionale, alla cultura sudafricana e, tra le altre, spicca ancora Brenda Fassie .

Cinema

In ambito cinematografico possiamo ricordare Charlize Theron , Oscar alla miglior attrice per il film Monster del 2003.

Tra i film premiati ricordiamo Il suo nome è Tsotsi diretto da Gavin Hood , Oscar al miglior film in lingua straniera , nell'anno 2006

Scienza e tecnologia

Il primo trapianto di cuore al mondo

Il 3 dicembre 1967 il chirurgo Christiaan Barnard esegue su Louis Washkansky , di 54 anni, il primo trapianto di cuore al mondo prsso l'ospedale Groote Schuur a Città del Capo. Purtroppo Washkansky morirà 18 giorni dopo il trapianto a causa di un rigetto .

Il Sudafrica nello spazio

Sport

Rugby

Lo sport nazionale del Sudafrica è il rugby . LaNazionale sudafricana ha infatti vinto i mondiali di rugby 1995 (che ha anche ospitato), quelli in Francia nel 2007 e in Giappone nel 2019 , quattro edizioni del Tri Nations ( 1998 , 2004 , 2009 e 2019 ).

Automobilismo e motociclismo

Anche nell'automobilismo il Sudafrica ha ottenuto diversi risultati positivi. Il pilota più rappresentativo rimane senza dubbio Jody Scheckter campione mondiale di Formula 1 nel1979 alla guida della Ferrari . Il Sudafrica partecipò inoltre con successo alla A1 Grand Prix , la Coppa del Mondo di automobilismo per nazioni. Ha ospitato il Gran Premio del Sudafrica di Formula 1 , quello motociclistico del Motomondiale e quello di Superbike (sui circuiti di East London , Kyalami e Welkom ), oltre a una prova del campionato A1 Grand Prix su quello cittadino di Durban .

Motocross

Tyla Rattray ha vinto il Campionato Mondiale di Motocross classe MX2 ( 125 cm³ due tempi e 250 cm ˌ quattro tempi) nel 2008, in sella alla sua KTM SXF 250.

Golf

Per il golf da ricordare Gary Player , vincitore di diversi ori in vari tornei internazionali.

Calcio

La Nazionale di calcio del Sudafrica eccelle nei tornei continentali come la Coppa d'Africa , di cui ha vinto l' edizione del 1996 giocata proprio in terra sudafricana. Stenta invece nei campionati del mondo , cui ha partecipato nel 1998 , nel 2002 e nel 2010 (come paese ospitante) senza mai raggiungere gli ottavi di finale. Tra i calciatori sudafricani ricordiamo Benni McCarthy , capocannoniere della Nazionale sudafricana con 32 reti.

Giochi olimpici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sudafrica ai Giochi olimpici .

Il primo atleta di una delegazione africana a vincere una medaglia d'oro olimpica fu il sudafricano Reggie Walker , nell'atletica leggera, ai Giochi olimpici di Londra 1908.

Altri sport e eventi sportivi

Altri sport in cui il Sudafrica eccelle sono il rugby a 7 , l' hockey su prato , il cricket e il polo .

Nel giugno 2009 ha ospitato l'8ª edizione della FIFA Confederations Cup e nel 2010 è divenuto il primo paese africano a ospitare un'edizione della Coppa del Mondo FIFA , vinta dalla Spagna . Alcuni famosi giocatori sono Steven Pienaar , Tsepo Masilela e Siphiwe Tshabalala . La possibilità di ospitare i Mondiali di calcio del 2010 ha permesso alla nazione di poter affermare al mondo la propria rinascita economica.

Tradizioni

Gastronomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina sudafricana .

La cucina sudafricana può essere distinta da una fase praticata dai popoli indigeni africani e da una fase caratterizzata dalla colonizzazione del periodo coloniale.

Ricorrenze nazionali

Data Nome Significato
27 aprile Festa della libertà Festa nazionale: celebra le prime elezioni generali democratiche in Sudafrica, nel 1994
16 giugno Giorno della Gioventù Commemora la Rivolta di Soweto , che vide coinvolti migliaia di studenti e docenti neri, nel 1976
18 luglio Nelson Mandela International Day Celebrazione dell'anniversario di nascita di Nelson Mandela
9 agosto Giornata nazionale della donna in Ricordo alla marcia di protesta delle donne sudafricane, durante il periodo dell' Apartheid , nel 1956

Note

  1. ^ https://www.worldometers.info/world-population/south-africa-population/
  2. ^ a b c d ( EN ) World Economic Outlook Database, April 2019 , su IMF.org , Fondo Monetario Internazionale . URL consultato il 16 mag 2019 ( archiviato il 19 marzo 2021) .
  3. ^ Tasso di fertilità nel 2010 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 ( archiviato il 23 febbraio 2013) .
  4. ^ Homo naledi, scoperta in Sudafrica una nuova specie di ominide: un nostro cugino più "vecchio" di Alessandra Brorella, da repubblica.it, 10 settembre 2015. , su repubblica.it . URL consultato il 2 ottobre 2019 ( archiviato il 2 ottobre 2019) .
  5. ^ Valsecchi P., Sudafrica, in Dizionario di Storia, il Saggiatore–B-Mondadori, Milano 1993.
  6. ^ a b Copia archiviata , su monde-diplomatique.fr . URL consultato il 20 novembre 2019 ( archiviato il 29 ottobre 2019) .
  7. ^ Bantu Education, «Policy for the Immediate Future», Dichiarazione del Dr. Verwoerd, 1954
  8. ^ Bantustan , «Britannica Online» , su britannica.com . URL consultato il 4 maggio 2019 ( archiviato il 29 aprile 2015) .
  9. ^ A. Booth, Swaziland (1984)
  10. ^ Vittoria Calvani, Il gusto della storia - L'età del "disordine mondiale", 2004
  11. ^ Dipartimento per gli affari economici e sociali , World Population Prospects: The 2017 Revision , su population.un.org . URL consultato il 10 settembre 2017 ( archiviato il 28 luglio 2019) .
  12. ^ a b c d ( EN ) South African population - Size and Growth , su countrystudies.us . URL consultato il 3 novembre 2018 ( archiviato il 19 gennaio 2012) .
  13. ^ World Population Prospects: The 2012 Revision , su esa.un.org , UN . URL consultato il 28 luglio 2014 (archiviato dall' url originale il 7 maggio 2011) .
  14. ^ Study Commission on US Policy toward Southern Africa (US), South Africa: time running out : the report of the Study Commission on US Policy Toward Southern Africa , University of California Press, 1981, p. 42, ISBN 0-520-04547-5 . URL consultato il 2 agosto 2016 ( archiviato il 14 aprile 2016) .
  15. ^ a b c d Primary tables South Africa: Census '96 and 2001 compared ( PDF ), Statistics South Africa, 2004, pp. 4–5, ISBN 0-621-34320-X . URL consultato il 24 novembre 2015 ( archiviato il 16 maggio 2018) .
  16. ^ a b c Smuts I: The Sanguine Years 1870–1919, WK Hancock, Cambridge University Press, 1962, pg 219
  17. ^ White flight from South Africa | Between staying and going Archiviato l'8 maggio 2018 in Internet Archive ., The Economist, 25 settembre 2008
  18. ^ Mid-year population estimates 2014 ( PDF ), su beta2.statssa.gov.za , Statistics South Africa. URL consultato il 22 agosto 2014 ( archiviato l'8 agosto 2014) .
  19. ^ Gideon Shimoni, Community and Conscience: The Jews in Apartheid South Africa , Lebanon, New Hampshire, University Press of New England, 2003, p. 1–4, ISBN 978-1-58465-329-5 .
  20. ^ Vital Statistics of South Africa ( PDF ), su statssa.gov.za . URL consultato il 1º novembre 2018 ( archiviato il 19 agosto 2019) .
  21. ^ Anthony J. Christopher, A South African Domesday Book: the first Union census of 1911 , Department of Geosciences , Nelson Mandela Metropolitan University, Port Elizabeth, Sudafrica, p. 22-34. URL consultato il 1º novembre 2018 ( archiviato il 19 marzo 2021) .
  22. ^ a b c Popilation figure - Tabella A1 ( PDF ), su historicalpapers.wits.ac.za . URL consultato il 5 novembre 2018 ( archiviato il 5 novembre 2018) .
  23. ^ a b The Statesman's Year-Book Archiviato il 5 novembre 2018 in Internet Archive ., Republic of South Africa/Republiek van Suid-Afrika, pp 1067-1096
  24. ^ The Statesman's Year-Book: Statistical and Historical Annual of the States of the World for the Year 1958 , a cura di S. Steinberg, The British Commonwealth and empire: Union of South Africa, pagina 256
  25. ^ The Statesman's Year-Book, 1967–1968 (104th annual edition), edited by SH Steinberg, Macmillan, Londra; St. Martin's Press, New York, 1967, pagine 1405–1424
  26. ^ The Europa Year Book 1969, Volume II: Africa, The Americas, Asia, Australasia , Europa Publications, London, 1969, pagina 1286
  27. ^ Censimento del Sudafrica, maggio 1970
  28. ^ Marcelle Kooy, Black Worker Unrest in South Africa 1971-1973 in Its Historical Context , pagina 55.
  29. ^ The Statesman's Year-Book, 1987–1988 Archiviato il 19 marzo 2021 in Internet Archive . a cura di J. Paxton, pagina 1.073
  30. ^ The Statesman's Year-Book, 1982–1983 Archiviato il 5 novembre 2018 in Internet Archive . a cura di J. Paxton, pagina 1.074
  31. ^ Census in brief ( PDF ), Statistics South Africa, 2003, ISBN 0-621-34293-9 . URL consultato il 24 novembre 2015 (archiviato dall' url originale il 25 novembre 2015) .
  32. ^ Census in brief ( PDF ), Statistics South Africa, 2012, p. 21, ISBN 978-0-621-41388-5 . URL consultato il 3 novembre 2018 ( archiviato il 13 maggio 2015) .
  33. ^ Mid-year population estimates 2014 Archiviato l'8 agosto 2014 in Internet Archive .. Statistics South Africa
  34. ^ Mid-year population estimates 2018 Archiviato il 23 luglio 2018 in Internet Archive .. Statistics South Africa
  35. ^ South Africa , su The World Factbook , Central Intelligence Agency . URL consultato il 18 dicembre 2012 ( archiviato il 28 gennaio 2018) .
  36. ^ Mid-year population estimates 2014 ( PDF ), su statssa.gov.za , Statistics South Africa, 31 luglio 2014. URL consultato l'8 dicembre 2015 (archiviato dall' url originale il 13 novembre 2015) .
  37. ^ World Gazetteer (stima 2009) , su world-gazetteer.com . URL consultato il 22 marzo 2009 (archiviato dall' url originale il 23 giugno 2009) .
  38. ^ Statistics South Africa, Community Survey, 2007, Basic Results Municipalities ( PDF ), su statssa.gov.za . URL consultato il 23 marzo 2008 (archiviato dall' url originale il 25 agosto 2013) .
  39. ^ ( EN ) Uri Friedman, Why One President Gave Up His Country's Nukes , in The Atlantic , 9 settembre 2017. URL consultato il 12 settembre 2018 ( archiviato il 13 agosto 2018) .
  40. ^ Copia archiviata , su imf.org . URL consultato il 4 maggio 2019 ( archiviato il 3 giugno 2019) .
  41. ^ Human development indices ( PDF ), su hdr.undp.org . URL consultato il 28 giugno 2009 ( archiviato il 19 dicembre 2008) .
  42. ^ Copia archiviata , su lemonde.fr . URL consultato il 20 novembre 2019 ( archiviato il 9 novembre 2019) .
  43. ^ Copia archiviata , su lemonde.fr . URL consultato il 20 novembre 2019 ( archiviato il 20 novembre 2019) .
  44. ^ Copia archiviata , su sciencesetavenir.fr . URL consultato il 20 novembre 2019 ( archiviato il 19 marzo 2021) .
  45. ^ Copia archiviata , su futura-sciences.com . URL consultato il 20 novembre 2019 ( archiviato il 14 giugno 2019) .
  46. ^ Sulla vita di Pessoa in Sudafrica, si veda Alexandrino E. Severino, Fernando Pessoa na África do Sul , Lisboa, D. Quixote, 1969

Bibliografia

  • La Geografia - dizionario enciclopedico - Gruppo Editoriale Fabbri, Bompiani, Sonzogno, Etas SpA, Milano (1984)
  • ( EN ) Donald L. Horowitz, A Democratic South Africa?: Constitutional Engineering in a Divided Society (Perspectives on Southern Africa, No 46), University of California Press, 1992, ISBN 0-520-07885-3

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Fotografia
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 159069376 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2167 3042 · LCCN ( EN ) n79023005 · GND ( DE ) 4078012-0 · BNF ( FR ) cb11993638s (data) · NLA ( EN ) 35513495 · NDL ( EN , JA ) 00567657 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79023005
Africa del Sud Portale Africa del Sud : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Africa del Sud