Istwa Genoa

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch

Genoa te pou apeprè uit syèk kapital la nan Repiblik la an menm non yo , ki te gen ladan prèske tout ligurya , Corsica (Lè sa a, bay nan Lafrans nan 1768 ), yon pati nan Oltregogo a Piedmontese ak zile a nan Capraia .

Pou apeprè senk syèk byen jenwa fleri nan tout basen Mediterane a, kounye a ak karaktè nan emporiums oswa baz komèsyal yo, kounye a kòm koloni reyèl, dirèkteman depann sou Repiblik la, Banco di San Giorgio a oswa sitwayen prive.

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Chronology nan istwa a nan Genoa .

Genoa Fondasyon

Tras yo pi ansyen yo te jwenn byen lwen tèlman nan zòn nan nan vil la konsène yon règleman ti soti nan epòk la Neyolitik (nan zòn nan Brignole ) nan 5yèm ak 4yèm milenè BC , ak nan zòn lakòt yo soti nan Ansyen Laj la Bwonz (yon miray terasman sèk nan bouch Bisagno a ) [1]

Vil la Genoa soti nan règleman an pi ansyen nan oppidum la rele "di Castello" ( Sarzano ), sou ti mòn lan neglijans pò a ansyen (kounye a pyadza Cavour), te fonde nan kòmansman an nan senkyèm syèk BC la [2] .

Kote premye nwayo vil la sou ti mòn Castello te deja ipotèz nan kòmansman 17yèm syèk la [3] . Ant 1898 ak 1910 yon gwo pati nan necropolis la pre-Women yo te jwenn sou adjasan Colle di Sant'Andrea a te defouye: mitan tonm mò yo nan kalite a "byen" olye pou yo "bwat la litik" tankou nan lòt ka yo li te ye nan Liguri ak abondans la nan materyèl ki gen orijin etrusk ak grèk mennen nan yon diskisyon sou orijin nan moun ki rete nan ansyen. Selon kèk entelektyèl li ta yon fizyon nan moun natif natal liguryen ak gwo kontribisyon ekstèn, pandan ke lòt moun konsidere règleman an kòm yon fondasyon grèk oswa etrusk [4] . Ankèt yo sou ti mòn Castello, ki te fèt depi 1967 sou sit la toujou kouvri pa dekonb apre bonbadman Dezyèm Gè Mondyal la , te retounen kadav ansyen oppidum lan , entèprete kòm yon fondasyon etrusk, pou defann inlet pò kache ansanm wout komèsyal nan direksyon pou Via dell'ambra a , nan yon pwen kote konekte wout louvri nan fon an Po [5] . Se prezans nan etrusk nan zòn nan nan vil la konfime pa dekouvèt la ki sot pase nan Acquasola , pandan travay yo pou anba tè a, nan yon mound antèman ki date nan VII - VI syèk BC la [6] .

Pandan katriyèm syèk la BC yon pi gwo enterè devlope nan eksplwatasyon resous lokal yo, ak kreyasyon atelye pou pwodiksyon materyèl seramik yo [7] .

Nan fen twazyèm syèk anvan Jezikri a , pandan dezyèm lagè punik lan , oppidum jenwa a , kontrèman ak lòt sant liguryè ki te bò kote Carthaginians yo , se te yon alye lavil Wòm e te detwi nan 205 BC pa jeneral Punik Magone [8] , frè nan Anibal . Vil la te Lè sa a, rebati pa pwokonsil la Spurius Lucretius ak nan 197 BC Quinto Minucius Rufus libere aryè a nan lavil la soti nan okipasyon an nan dènye branch fanmi lokal ligurya, ki chita sou aks la ki mennen ale nan koloni Women yo nan Piacenza ak Cremona . Strabon mansyone sant la rekonstwi kòm yon emporium nan liguri yo [9]

Istoryen grèk la Artemidorus nan lavil Efèz nan dezyèm syèk BC [10] ak Pomponius Mela nan premye syèk la [11] rapòte ke lavil la te konnen tou pa toponim nan Stalia (Σταλìα). Selon yon ansyen ipotèz nan fen diznevyèm ak kòmansman ventyèm syèk la, toponim sa a te konsidere kòm koresponn ak lokalite aktyèl la nan Staglieno [12] , kote li te sipoze prezans nan yon pò, ki chita sou kouran an Bisagno sou 5 km soti nan kòt [13] , nan moman sa a kwè yo dwe sit la nan pre-Women Genoa, yon ipotèz ki te refize jodi a pa rezilta ki pi resan nan zòn ki pi pre kòt la.

Orijin non Genoa a remonte nan yon rasin Indo - Ewopeyen * geneu- ("jenou") oswa * genu- ("machwè, bouch"); reyèl- ta dwe yon alizyon nan bouch la ("bouch") nan youn nan ansyen vwa navigab sit la [14] oswa nan fòm nan règleman an sou lanmè a; korobore prèv sa a se lefèt ke majorite nan lengwis konsidere Genua ak Genaua ( Jenèv ) variantes an menm non [14] . Enteresan tou se siyifikasyon nan "Ianua" = pòt. Non an te kapab tou sòti nan Janus Bondye de-fè fas a, ak yon figi kap nan direksyon pou mòn yo (andedan) ak lòt la nan direksyon pou lanmè a (deyò); li se an reyalite reprezante nan dekorasyon divès kalite nan lavil la, ki gen ladan tanp lan-sous nan pyadza Sarzano. Selon yon teyori resan, orijin non an ta ka remonte nan yon mo etrusk, yo te jwenn sou yon vaz fayans, ki gen enskripsyon Kainua , ki nan lang etrusk la vle di "nouvo vil" [15] .

Tan Women

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Istorik sant nan Genoa § epòk Women an .
Yon aperçu nan lavi chak jou nan Genoa ant disetyèm ak dizwityèm syèk yo nan yon reprezantasyon atistik nan bèso lekòl la Genoese atribiye a Maragliano ak loje nan Tanp lan nan Madonnetta la

Defèt Carthage , lavil Wòm ki vize yo elaji nan direksyon nò, ak itilize Genoa kòm yon baz pou atak, ant 191 ak 154 BC, kont branch fanmi yo lig nan aryèr a, alye ak Carthage pou dè dekad. Li te nan peryòd sa a ki te yon vokasyon primitif nan pò a Genoese pèrsu kòm yon pò komès, gras a trafik la ki devlope ak lavil yo ki pi enpòtan Women nan aryèr la: Tortona ( Derthona ) ak Piacenza ( Placentia ).

Romanizasyon an te evidan ak ekspansyon nan vil la soti nan castrum nan primitif nan zòn nan nan Santa Maria di Castello ak PROMONTORY nan Molo a, nan direksyon pou zòn nan nan aktyèl San Lorenzo la ak Mandraccio.

Nan laj Augustan Genoa, ak ligurya, te fè pati Regio IX la , men sous yo di nou ti kras lòt bagay.

Apre sezon otòn la nan Anpi Lwès Women an

Soti nan eklere yo nan lombar yo

Apre sezon otòn la nan Anpi Women an , Genoa swiv sò a nan peyi Itali, ke yo te te dirije pa Heruli nan Odoacer ( 476 - 493 ) ak pa Goths yo ak Lè sa a, retounen nan men Women-Bizanten (nominal nan 538 , men Teia te mouri nan 553 ) . Fondamantalman òganizasyon an nanPrefecture a rete entak nan dènye ane yo, se konsa Genoa, ak ligurya, te yon pati nan pwovens lan nan alp yo Cottian . Nan 568 lombard yo te anvayi Itali, men se pa ligurya. Nan 580 Bizanten yo reòganize peyi Itali pa konstitye èparki yo : an patikilye Ligurya ak Genoa pase anba Urbicaria la . Apre sèlman kat ane Maurice I nan Byzantium etabli Provincia Maritima Italorum nan yon kontèks ègzarat Ravenna .

Li pa sèten si wi ou non Genoa te kapital la nan administrasyon sa yo oswa nan sibdivizyon plis. Li konnen, sepandan, ke ak sezon otòn la nan Milan anba dominasyon an Lombard ( 569 ), Genoa akeyi vikè yo nan Prefektè a Pretorian ak Achevèk la Milanese tèt li ak kurya a nan rale [16] . Sepandan, ka gen yon ansyen reyòganizasyon teritoryal nan direksyon jenovèz la, petèt pou yo mete li tanporèman nan kontèks lagè gotik la , pou yo remonte li nan destriksyon Milan pa Teia ak Uraia , tèlman ke lombard yo tèt yo prefere Monza ak Pavia nan vil la Imperial.

Lombar yo elaji pi lwen ak alantou 599 konkeri Lower Piedmont, koupe ligurya soti nan rès la nan Itali Bizanten. Nan dènye mwa yo nan 643 , Rotari konkeri tout ligurya, ki Lè sa a, retounen nan duche a nan Asti , yon sibdivizyon administratif nan Longobard Neustria .

Relijyeu yo nan Abbey la nan Bobbio (Lombard ak Katolik), yon sant trè aktif nan evanjelizasyon ak rne agrikòl anba pwoteksyon Pap la, etabli kèk fondasyon relijye ak ansyen Legliz la nan S. Pietro della Porta kòm yon referans, Legliz jodi a di San Pietro nan Banchi , tou pre mi yo nan Bizanten Genoa nan zòn nan Soziglia, legliz la nan San Michele (tan kap vini Abbey la nan S. Stefano ), Legliz la detwi nan San Colombano nan zòn aktyèl la nan plas Dante ak selil monastik doue ak HOLDINGS peyi gwo [17] , nan prensip yon pati entegral nan gwo kwayans relijyeu nan Bobbio kontinyèl soti nan Bobbio nan direksyon pou Val Trebbia a ak yon pati nan Val Bisagno a , pita otonòm anba Abbey la nan S. Stefano. Yo te favorize renesans agrikòl la, ak pwopagasyon jaden rezen, estati Achera, oliv, moulen ak moulen lwil oliv ak kiltivasyon sou teras la ak komès nan "vie marenche la", nouvo wout komès ak Fon Po a nan lavni an ak divès kalite komèsyal yo. ak kominikasyon: lwil, sèl, fèy santi bon, bwa, vyann, elatriye. [18]

Soti nan karoleng yo nan premye endepandans lan

Aprè dominasyon Lombard la, pandan nevyèm syèk la , teritwa lig la te pase anba dominasyon Charlemagne e te òganize an yon konte .

Avèk febli nan kontwòl santral, Genoa te kredite nan yon aristokrasi lokal nan vikè ( vicecomites , sa vle di visconti). Nan 950 - 951, wa Berengario II te konplete reòganizasyon teritwa nò Itali a, ki te kòmanse pa Ugo di Provenza , etabli Marca Obertenga [19] : Genoa ak dwa pou Bobbio (fe monastik imperial), Luni, Tortona, Milan, Pavia. , yo te konfye Oberto I , progenitor nan yon filiation ki te gen gwo fò li yo nan Luni ak Sarzana . Nan lit ant Berengario ak Otto nan Saxony, Marquis Oberto mwen bò kote an favè lèt la, pandan y ap vil la nan Genoa sèmante fidelite Berengario ak pitit gason l ' Adalberto , konsa jwenn, nan 958, yon diplòm ki te deklare lavil la ak tout byen li yo. endepandan.nan sitwayen li yo soti nan nenpòt " Duke, Marquis ak konte, sculdascio, dwayen oswa nenpòt lòt moun gwo oswa ti nan Peyi Wa nou an " [20] . Menm jan endepandans lan te konfime pa Marquis Alberto dei Malaspina (fanmi ki soti nan Obertenghi ) nan 1056 [21] .

Saracens yo , ki moun ki nan moman bat kòt yo nan basen lwès la nan lanmè Mediterane a , nan 935 mete Genoa nan dife ak nepe. Liutprando da Cremona rakonte istwa a, se pa yon temwen, men omwen kontanporen. Plis pase de san ane pita Jacopo da Varazze di nou ki jan jenwa yo, rekipere byento, kouri dèyè Saracens yo nan zile a nan Buxinarii yo nan nò bò solèy leve a nan Sardinia ak ekstèminasyon yo, anpile kadav yo kòm yon avètisman, tèlman bagay ke soti nan jou sa a zile a te pran non Mortorio [22] . Menm si verasite nan adisyon sa a jakobean pa ka fè konfyans, li endike yon beligerans konstan maritim. Sepandan, epizòd la pa t 'mete fen nan lejand la: ankò Jacopo di nou ki jan senkant ane pita, nan 985 , evèk la Genois Landolfo mwen te deplase kadav yo nan San Siro , pwoteksyon nan Genoa, andedan mi yo nan katedral la , yo pè nan vòl posib pa lènmi irelijyon. Evènman sa a rive trèz ane apre ekspedisyon jenwa pinitif kont koloni Arab-Berbè nan Frassineto nan 972 : te gen Se poutèt sa yon eta kontinyèl nan alèt sou kòt Mediterane a pou atak yo repete nan pirat .

Etandone lonjevite a nan sant la nan Frassineto konpare ak lòt refij Mizilman yo, entelektyèl sipoze ke koloni an te yon ki estab komèsyal emporium, olye ke yon refij pou corsèr: reyalite a rete ke avantur predatè ta ka kòmanse soti nan la. Fasil bouk kabrit, Frassineto te detwi nan 972-973 pa fòs yo jwenti nan liguri ak Provencals, ki te òganize pa William I nan Provence avèk èd nan piemontese Arduino il Glabro la ak ak apwobasyon nan Pap ak anperè .

Obertenghi yo endirèkteman patisipe nan lagè a, atravè vikè yo Genoese pi plis motive ki, nan okazyon sa a, òganize tèt yo nan konvèz obstiné ki pral mennen nan konstitisyon an nan minisipalite a endepandan ak Lè sa a, nan repiblik la .

Destriksyon nan Frassineto pa t 'sispann agresyon Islamik oswa lòt atak bato oswa menm plis vaste aksyon militè tankou eseye konkèt la nan Sardinia pa Mujāhid al-ʿĀmirī , wali nan Dénia ak Baleares yo .

Nan 1016 , alyans Genoese- Pisan te bat flòt Andalouzi a.

Premye laj an lò: fondatè minisipalite a ak kwazad yo

Kamarad Kominis yo

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Compagna Communis .

Nan konmansman, te gen twa asosyasyon gratis nan sitwayen yo, diferan youn ak lòt: Compagnae a, an reyalite, Coniurationes yo ak rassae la. Nan fen a li te premye a nan fòm sa yo asosyatif genyen. Caffaro di Rustico da Caschifellone , yon annalist jenwa, te note nan anpil detay nan Annal li yo kijan "Compagna Comunis" te fèt nan 1099, ak kijan li konstitye yon sòt de pak federatif ki kapab ini tout kanmarad yo nan ki te gen jiska lè sa a , teritwa vil la ant sa yo rele "Castello" ak "Borgo" zòn yo te sibdivize topografik ak demografikman.

"Compagna a" te Se poutèt sa fèt kòm yon pak solidarite ki pral pwouve ke yo dwe fondamantal kòm yon enstriman nan ekspansyon teritoryal ak konsolidasyon, tou nan fonksyon nan relasyon yo Lè sa a, naissant ant dyosèz la ak fanmi yo pwisan Visconti ki jouk lè sa a te aji nan la wòl ofisyèl Imperial yo men kiyès yo ta vin pita chèf feyodal menm evèk la. Definisyon Compagna Communis te chanje an "Respublica Ianuensis", oswa Repiblik Genoa , aprevire pro-Panyòl Andrea Doria a .

Guglielmo Embriaco ak Premye Kwazad la

Guglielmo Embriaco ke yo rekonèt kòm Testadimaglio

Fondasyon yo an premye nan kolonyalis Genoese yo te mete ak Kwazad yo , pandan ki enterè, ki soti nan orizon an limite nan Riviera la, demenaje ale rete nan Lès la. Premye ekspedisyon Genoese te kite ak lòt kwazad Ewopeyen yo nan 1097 , e avèk konkèt Antiòch , Genoese te jwenn yon legliz ak yon depo , ou pito yon distri komèsyal nan vil libere a. Li te sou wout la tounen ki kwazyè yo liguryè jwenn sa yo te kwè yo dwe sann yo nan San Giovanni Battista , ki moun ki pita Joined San Giorgio ak San Lorenzo kòm sen patwon nan lavil la.

Èd jenwa yo ofri pou konkèt anpil vil nan Tè Sent la te desizif, premye nan tout lavil Jerizalèm , kote kòmandan an ak admiral Guglielmo Embriaco te rive ak twoup fre ak founiti nan yon moman nan gwo dezespwa. Okouran ke yo te pouswiv pa twoup lènmi, Guglielmo ak frè l 'Primo te bay lòd demantèlman bato yo, epi ak bwa a nan rale, yo te dirije nan vil la apa pou Bondye. Vin ansent ak bati ak bato yo demoute te gen kèk zam syèj inovatè tankou gwo kay won mobil lan , ak ki Embriaco moute pou kont li sou mi yo nan vil la, ankouraje sòlda kretyen yo fè menm bagay la. Mèsi a reutilize yon "bolzone", yon sòt de belye mouton sispann, ak ki sènen yo te eseye repouse gwo fò tou won yo, krwaze yo te kapab rive nan mi yo ak soti nan gen kraze nan lavil la, viktwa li. Menm Baldovino , wa lavil Jerizalèm konkeri a, ki moun ki ranplase frè l ' Goffredo di Bouillon , te gen enskripsyon an nan lèt"Præpotens Genuensium præsidium" (ganizon pwisan nan Genoese a) grave sou achitrav la nan legliz la nan Sépulkr a Sentespri; ekri ki te pita anile pa volonte yon wa ki vin apre.

Nan 1100 Embriaco a, ansanm ak analis la Caffaro di Rustico da Caschifellone , lavni konsil ak "papa nan peyi a", te dirije twazyèm ekspedisyon ligurya a nan Tè Sent la , kote Caffaro tèt li refere yon zak ewoyis nan Embriaco a nan kapti a nan Sezare: Li te izole de mesye l yo akoz yon nechèl te tonbe, e selon nouvèl la li te rive pran yon prizonye epi itilize li kòm yon otaj pou asire arive kwazad yo sou mi yo pou ede l. Mèsi a kapti a nan lavil la, Genoese yo te kapab konkeri Sacro Catino a , yon jan toujou konsève nan kripte nan katedral la nan San Lorenzo, nan vil la.

Posesyon ki pi popilè ak pi rich yo te Jaffa (kounye a yon pati nan Tel Aviv ), Gibello , Sezare nan Antiòch ak St John nan Acre nan Tè Sent la.

Kwazad la nan peyi Espay

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Rekonkèt .

Nan 1147 , Genoa, pa patisipe nan dezyèm kwazad la nan Tè Sent la , olye entèvni nan sa yo rele "Kwazad nan Espay", yon pwosesis ki te yon pati nan Rekonkèt la , ak ki dinasti Almohad la nan relijyon Islamik, yo te ekspilse soti nan Penensil Iberik la , Pwosesis, sa yo ki an Reconquista, sepandan, ki te dire byen yon bon bout tan, nan ki pi popilè El Cid Campeador a , ki te jwe nan tou de pati yo, epi ki te konkli pa Ferdinand II nan Aragon , patisipe, pase sou istwa ( espesyalman literè). Youn nan kalif yo [ sitasyon nesesè ] t'ap chache yon alyans ak Pisa ak Genoa nan tout atake yon flòt repons, piyaj otan ke 22 bato. Antrepriz Iberik la te dirije pa konsil Caffaro . Ansanm ak Oberto della Torre , li sènen Minorka . Pandan lannwit lan, yo te atake jenwa yo pa mor yo: atak la, ki te kontrarye, ap favorize antre Liguri yo nan vil la, kote moun ki te esklav yo. Caffaro Lè sa a, demenaje ale rete nan Almería ( 1147 , gade batay nan Almeria ), ak apwobasyon wa a nan Castile ki nan Antretan la konkeri Cordoba . Mizilman yo nan Almería , yo pè nan sò a menm jan ak Minorque , yo ofri 113.000 marabottini jenwaz a pou kè poze. Caffaro refize lapè, epi sèlman akòde yon trèv, se konsa ke Mizilman yo ofri l '25,000 marabottini plis livrezon an nan emir la ak 8 lòt otaj, kòm yon avans, jwenn konsantman nan Caffaro. Pandan nwit la la emir kouri met deyò, ak jenovèz la sèlman te atake lavil la jou kap vini an ak yon atak sou mi yo. Wa a nan Castile mande jenwa yo tann arive l 'anvan yo antre nan lavil la, pwomèt yo rive ak tout lame l' yo. An echanj li te ofri jenwa 2/3 Almeria pou 30 ane, yon legliz ak yon depo nan tout lavil konkeri yo. Caffaro aksepte pwopozisyon wa a ak tanporèman leve syèj la.

Genoese yo te retounen ak yon flòt prèske 200 bato nan vil la, men ranfòsman wa a pa te wè, se sèlman Konte Barcelona ki te voye ak kèk gason ame. Genoèz yo, santi yo trayi, atake lavil la nan douz mil, ak konkeri li, touye ven mil ak dis mil prizonye, ​​san yo pa ede wa a nan Castile, ki moun ki te sèlman vini lè konfli a te prèske sou yo nan lòd yo onore pasyèlman akò a . Nan ( 1149 ) ansanm ak chvalye tanpliye a , Seyè a nan Montpellier , kwazad yo angle ak sòlda Alman yo ak flamand, Genoese a atake Tortosa . Enjenyè yo Genoese bati yon chato mobil ki te antoure pa sele nan privye, yo nan lòd yo kenbe tèt ak enpak la nan kokiy lènmi Catapult . Pandan se tan, sòlda yo nan konte a nan Barcelona dezète pou yo pa te peye. Genoèz yo, de pli zan pli feròs ak mekontantman ak alye yo, te jwenn yon trèv 40-jou soti nan Saracens yo: si nan fen yo nan ranfòsman soti nan bò a saracyen pa te rive, emir a ta dwe bay lavil la. Se konsa, li te rive, ak Tortosa twò sede nan banyè la nan San Giorgio .

Akò komès strik ak monak Panyòl yo, jenwa yo te jwenn depo ak koloni epi yo te remèt lavil yo bay èspayol yo.

Angajman yo nan Espay yo pral grave nan Latin sou plak yo toujou prezan jodi a sou pòtay lavil la nan lavil la nan Porta Soprana : " Soti nan lagè a nan pèp mwen an, Lafrik te souke jiska kounye a, pi lwen pase rejyon yo nan pwovens Lazi soti isit la tout lòt peyi sou Espay. Mwen konkeri Almeria ak subjugated Tortosa, sèt ane de sa sa a ak uit ane de sa ke ".

Genoa ak Sentespri Anpi Women an

Federico Barbarossa san dout make istwa Italyen: eli kòm anperè nan Anpi Sentespri Women an nan pwemye mwatye nan 12yèm syèk la , li te reklame anpil nan peyi Itali kòm dominasyon Imperial. Lè pi popilè " Rejim nan Roncaglia " te konvoke, anperè a te resevwa, nan mitan lòt delege, Caffaro ak Ugo della Volta , ki moun ki eksprime entansyon Repiblik la yo rete endepandan de dominasyon Imperial. Liguri yo te deja jwenn nan men yon predesesè nan anperè a nan 1139 dwa a pyès monnen rekòt pye mant, toujou sepandan ak yon efigie Imperial, san yo pa itilize rekòt pye mant lan nan Pavia, premye etap la nan direksyon pou pi gwo endepandans yo. K ap resevwa plizyè opozisyon soti nan Italyen yo, Federico te ale nan menas ak vantile agresyon l 'sou nò peyi Itali, atake lavil tankou Asti oswa Tortona . Nan kòmansman an li pa t 'entèvni militè sou advèsè prensipal la, Milan , anpil mwens sou Genoa , men li finalman te rive nan lavil Wòm kote li te kouwone, ak eli yon "anti-Pap". Yon fwa ke opozisyon an nan minisipalite yo Lombard te konstate, li finalman atake ak konkeri Crema ak Milan . Nan moman sa a li te tann yon siy detant soti nan repiblik la Genoese. Konsil yo nan repiblik la, ki gen ladan Guglielmo Porco ak Guglielmo Lusio , te bay lòd ranfòse mi yo ki nan lavil la nan Genoa . Konstriksyon an te pran plas nan tan dosye ak angaje tout sitwayen an. Kòm prèv egzistans miray sa yo, Porta Soprana toujou rete jodi a. Èske w te konstate inpénétrabilité nan yon vil kotyè ki ta ka apwovizyone soti nan lanmè a, Federico mande pou yon sèman alejans nan men repiblik la, ki konsil yo te dakò osi lontan ke yo pa t 'gen peye peye lajan taks, ak jwenn lapè, menm lapè a ke Milan dwe jwenn ak fòs nan Legnano . An echanj pou kraze nan alyans la ak Peyi Wa Norman nan Sicily, nan oryantasyon Guelph, Genoese a tou jwenn nan men anperè a dwa a chwazi konsil ak administre jistis san enfliyans Imperial. Frederick, bat pa Lig la Lombard, finalman mouri fording yon rivyè pandan Twazyèm Kwazad la .

Jenèz yo te jwenn yon gwo peman nan men wa Lafrans pou transpò kwazad franse yo nan Tè Sent , kote Saladin te repran Jerizalèm . Richard Lionheart olye refize òf jenwa a, men li te ale nan vil la kanmenm pou diskite sou estrateji lagè a ak monak franse a.

Yon sèl ak Barbarossa pa t 'sèlman tansyon jenovese kont pouvwa ki te domine Ewòp nan moman sa a: Frederick II , avèk èd nan ekzil jenovese Ansaldo De Mari a , te eseye menase lavil la ak yon flòt lagè. Menm lè sa a, jenovè yo te reponn avèk odas, yo te ame pwòp flòt yo nan yon ti tan trè kout e yo te fòse yon sèl enperyal fè bak. Lanmò Anperè a anpeche konfli a kontinye.

Sepandan, tankou te pouvwa a Genoese sou Mediterane a ki angle yo rale drapo yo soti nan bato yo Genoese, itilize pa konvwa Monwa li a navige la san danje, pa konsesyon nan Doge la ak anba peman nan yon amann.

Konpetisyon an nan Piz ak Venice , osi byen ke revanj la Mizilman yo sou eta yo kwazad anba Saladin , mete yon fen nan dominasyon yo nan Mwayen Oryan an ak koloni yo vivan ak trè rich ki te kreye pa genoèz la.

Nan fen gouvènman konsila a ak nan konmansman an nan yon sèl la potestal

Avèk lit difisil, espesyalman kont Malaspina a , jenèz yo finalman te pran tout kontwòl sou ligurya, kite sèlman kèk zòn gratis tankou Noli .
Savona nan moman sa a te kòmanse grandi tankou yon vil ak konpetisyon ak Superba la. Tout bagay sa yo byento ta vle chanje koulè nan background nan, jan Genoa plonje nan yon lagè sivil , ki te evite pou anpil ane. Fòmasyon nan " rasse la " (patwonaj faksyon nòb) ak rivalite ki genyen ant chèf feyodal yo deyò lavil la mennen nan efondreman an. Akòz yon pwoblèm nan priyorite, yon eklatman ame te deklanche ant sipòtè yo nan Fulcone di Castello ak sa yo ki nan Rolando Avvocato . Pitit gason lèt la mouri. Konfli ki genyen ant de fanmi yo trennen plizyè fanmi nan li, ki gen ladan Della Volta a , fanmi Fulcone, ki te rele de san scherani (sètadi anplwaye asasen) nan vil la. Li te vin tou enposib yo rele palman an nan konsèy pou yo te pè pou batay, ak nan ekspedisyon militè yo kalme Ligurya, yon faksyon souvan abandone jaden an si te gen manm nan lòt la prezan. Konsil yo te dezespere. Nan 1163 yo te kreye yon nouvo kò polis pou fè yon bale pwòp nan moun ki, samblan ke yo patipri, te fè bandi a: kòm pinisyon te pandye, yon amann oswa koupe nan men oswa pye. Nan vil la, sepandan, revòlt yo te kontinye ak konsil yo te pase yon lwa kote tout sitwayen ta dwe deklare lapè, apre yon lut nan de lidè yo relijye ak diskisyon, kèlkeswa rezilta a. De lidè faksyon yo pa t 'kapab refize ak yon maten klòch yo nan katedral la nan San Lorenzo sonnen yo kòmanse lut la. Tout vil la rete an silans, pandan y ap Rolando ak Fulcone nan zam apwoche Achevèk Ugone della Volta , ki moun ki te eseye medyatè kont yo pou dènye fwa. Rolando te kriye tandreman sonje pitit gason l 'mouri jiskaske li jete tèt li nan tè a. Epi li di li pa t 'vle responsab pou plis lanmò ki ta sètènman swiv leur, li te plede pou lapè. Lo stesso fece Fulcone, aspettando l'approvazione, che arrivò, del suo capofamiglia. E a Genova per nove anni vi fu la pace.

Nel 1191 le risse si erano riaccese a Genova; per ovviare a ciò, si decise di abolire i consoli eletti localmente tra i maggiorenti della città, e di nominare un Podestà chiamandolo da una città esterna, in modo che potesse essere imparziale. Sarebbe stato affiancato da un Consiglio Maggiore o Senato, dai consiglieri del Magistrato degli Otto e dal Consiglio Minore. Purtroppo alla nomina di Manegoldo del Tettuccio [23] , primo podestà, i figli dello stesso Fulcone di Castello , irruppero nel luogo della cerimonia del passaggio di consegne tra consoli e podestà, e uccisero l'ex-console Lanfranco Pevere , colpevole a loro detta di avere favorito la fazione degli Avvocato. I “folchini” scapparono a Piacenza , e Manegoldo fece radere al suolo il loro palazzo per punizione. Fino al 1270 le lotte tra casate continuarono tra precari periodi di pace, ed in esse può essere individuata la relativa debolezza della Repubblica.

Seconda epoca aurea: la vittoria su Pisa e il dominio politico su Bisanzio

L'espansione di Genova nel Mar Mediterraneo

La fondazione delle Colonie

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Colonie genovesi .

Seguì alla fortunata epopea mediorientale la fondazione delle basi genovesi nel Mediterraneo centrale e orientale, nonché nel Mar Nero .

Aigues Mortes , principale porto francese, era di fatto proprietà di Guglielmo Boccanegra , nonno del più celebre Simone e grande amico del re Luigi IX il Santo : egli affidò al genovese la fortificazione della città, opera che tutt'oggi si può ammirare nella sua bellezza ed imponenza. Nelle isole spagnole sottratte agli Arabi e nella Spagna continentale i genovesi strutturarono un commercio secolare, con basi nelle grandi città riconquistate dai legittimi proprietari spagnoli.

I Capitani del Popolo e le guerre contro Pisa e Venezia

I dissidi interni, vera rovina della Repubblica, non cessarono nemmeno dopo la fortunata epopea mediorientale. L'istituzione di un " Capitano del Popolo " (prima in veste singola, poi duale), Guglielmo Boccanegra , di famiglia mercantile, non bastò a sanare le lotte tra le nuove famiglie borghesi emergenti e le vecchie casate nobiliari.

Le lotte tra guelfi e ghibellini , che nella Repubblica presero il nome rispettivamente di " rampini " e " mascherati ", progredirono fino al 1270 , anno in cui Oberto Doria e Oberto Spinola , a seguito di un'insurrezione ghibellina, divennero di fatto "diarchi" e riuscirono a governare la città per circa 20 anni, in pace. Il pretesto per la rivolta venne dopo la sfortunata ottava crociata in cui, a seguito di un'epidemia, trovò la morte Luigi IX di Francia , il quale era giunto in Nordafrica partendo da Aigues Mortes su navi liguri. Carlo d'Angiò , suo fratello minore e Re di Sicilia , da un decennio lottava per stabilire la supremazia guelfa - e la propria - in Italia . Morto il re di Francia , prese le redini della crociata, il cui obiettivo fu Tunisi invece della Terrasanta . Carlo fece rapidamente la pace con l'emiro per proseguire il suo piano di aggredire Costantinopoli e ripristinare l' Impero Latino , al quale era unito da legami matrimoniali tramite suo figlio e la figlia dell'Imperatore Baldovino II (spodestato dall'ortodosso Michele Paleologo con il supporto genovese). Questa minaccia all'antico alleato bizantino oltre alla crescente supremazia guelfa in italia, alla disfatta della crociata effettuata con navi genovesi e al tentativo di imporre su Ventimiglia un podestà anch'egli guelfo, furono le cause dell'insurrezione ghibellina.

All'insediamento dei diarchi e all'istituzione di un "abate del popolo" in affiancamento ai due Capitani , con funzione di rappresentante della borghesia e dei ceti popolari, seguì l'espulsione della nobiltà guelfa cittadina, guidata tradizionalmente dalle casate Grimaldi e Fieschi . I primi si rifugiarono nel ponente ligure, mentre i Fieschi trovarono riparo nei loro feudi dello spezzino. I Doria e gli Spinola condussero con successo campagne militari contro ambedue le casate guelfe e ripristinarono l'ordine nella Repubblica.

Una seconda diarchia Doria-Spinola avvenne negli ultimi anni del XIII secolo , prima di lasciar posto nuovamente alla figura del podestà.

La lotta con Pisa , vera potenza navale del Mediterraneo, si era protratta da circa due secoli, con vittorie da ambo le parti, guerra di corsa ed ogni sorta di manovra e alleanza volta ad eliminare l'avversario. Nel 1238 grazie all'insoddisfazione di Genova per la politica di Federico II, papa Gregorio IX riuscì a formare un'alleanza che vedeva Genova e Venezia unite contro chi disobbediva al papato, vale a dire l'Imperatore e con esso Pisa. L'anno dopo procedette a scomunicare Federico II e indisse poi per il 1241 un concilio antimperiale da tenersi a Roma . Il precedente accordo con Genova ebbe modo di concretizzarsi con la scorta che la città ligure concesse per il trasporto dei prelati dell'Italia del Nord e della Francia verso la città eterna. Dopo aver cercato inutilmente di impedire la partenza attaccando Genova via terra e conquistando Lerici , una flotta pisana a cui si unì una flotta imperiale proveniente dalla Sicilia e guidata da Enzo, figlio di Federico II, affrontò la scorta. La battaglia [24] si svolse il 3 maggio 1241 presso l'isola del Giglio Battaglia dell'Isola del Giglio e si concluse con una pesante sconfitta per Genova che le costò la cattura di 25 galee e di alcune migliaia di prigionieri, tra i quali due cardinali e vari vescovi. I prelati furono successivamente liberati ma conseguenza della loro cattura fu il fallimento del Concilio, che non ebbe luogo, e la scomunica della città di Pisa, accompagnata dalla revoca dei privilegi ecclesiastici concessi in passato. Tale scomunica venne a sua volta revocata solo nel 1257 . La città toscana cercò comunque di sfruttare il momento favorevole conquistando la città corsa di Aleria e, nel 1243 , addirittura cingendo Genova d'assedio, se pur inutilmente. Genova si riprese tuttavia abbastanza velocemente e nel 1256 riuscì a riconquistare Lerici e l'occasione della vittoria finale avvenne nel 1284 dopo la Battaglia della Meloria [25] . Pochi anni dopo, i genovesi, in seguito al mancato rispetto degli accordi di pace da parte pisana, distrussero ed interrarono Porto Pisano, costringendo la repubblica toscana ad abbandonare ogni espansione marittima, e Genova pose gli artigli su tutta la Corsica e sul Logudoro nel Nord della Sardegna . Archiviato un nemico, Genova dovette scontrarsi con un avversario ugualmente potente: la Repubblica di Venezia . Il sostegno genovese all'Impero Bizantino, andò di contro con il saccheggio di Bisanzio da parte dei crociati nel 1204 , guidato dai veneziani, durante la Quarta Crociata .

Dopo dure sconfitte da parte genovese nella guerra di San Saba e nelconflitto combattuto assieme all'alleato bizantino , i genovesi ebbero la loro rinvincita: nel 1298 , alla Battaglia di Curzola , i liguri vennero allo scontro diretto e distrussero buona parte della flotta di Venezia . La lotta tra le due repubbliche culminerà nella guerra di Chioggia , senza che nessuna delle due potenze navali prevalesse sull'altra: i genovesi furono respinti dal Veneto , e dalla " Pace di Torino " non vennero mai più significativamente in conflitto.

Proprio in questi anni, inoltre, nasce la letteratura genovese vera e propria, con le poesie dell' Anonimo Genovese , alias Lucheto .

I rapporti con Bisanzio

Un altro importante episodio bellico avvenuto nel 1261 schiuse ai genovesi le porte del Mar Nero e dell' Egeo , in seguito al trattato di Ninfeo stipulato con l'imperatore bizantino Michele VIII Paleologo che prevedeva un intervento navale genovese nelle acque di Costantinopoli per ripristinare il legittimo imperatore. Questi, infatti, era in esilio a causa della IV crociata condotta dai veneziani nel 1204 , il cui scopo era stato la conquista dell'impero d'Oriente per controllarne così i commerci.

Il comune ottenne immensi privilegi oltre al monopolio degli stretti, indispensabile per controllare i commerci nel Mar Nero: il bacino fu infatti definito "lago genovese". Le opere realizzate dagli uomini della Superba (o Dominante come era definita allora Genova) su quelle coste furono così tante che in epoche recenti vennero spesso attribuite a loro anche opere realizzate dopo il periodo del dominio genovese. La presenza ligure in quel periodo arrivava fino ai più estremi confini orientali, lambendo perfino Iran e Iraq .

Poterono così fiorire e crescere oltre alle colonie di Famagosta e dell'isola di Cipro , il quartiere di Galata ad Istanbul , nel quale si conserva ancora la torre del Cristo, ultimo baluardo della cristianità contro l'invasione turca, i possedimenti come Trebisonda , Sebastopoli , Teodosia ( Caffa ), Belgorod nel Mar Nero, le isole di Lesvos, Chio , Creta e Rodi nel Mar Egeo, Smirne, Efeso e Focea (che garantiva il monopolio sull'allume) sulle coste della Turchia.

Il cambio di ordinamento politico del '300: dal Podestà al Doge

Le lotte intestine non cessarono nemmeno dopo i successi navali del XIII secolo . I troppi interessi economici in gioco, costrinsero ulteriormente il governo della città ad abbandonare le figure istituzionali precedentemente adottate, dai consoli in poi. Dopo ben cinque diarchie Doria-Spinola (ghibelline) e una Fieschi-Grimaldi (guelfa), intervallate da diverse forme di governo, fu così creata la carica diDoge , similmente a quello che già accadeva a Venezia . Simone Boccanegra , eletto nel 1339 (ea cui Giuseppe Verdi dedicò un'opera secoli più tardi), tentò di estromettere i nobili e coloro che erano coinvolti in lotte plurisecolari, dal governo cittadino. Pagò la sua politica prima con le dimissioni spontanee e successivamente con la vita durante il suo secondo dogato, quando fu assassinato. Dal dogato a vita, si passò infine alla carica di dogi biennali. Questa fu l'ultima figura politica dominante della Repubblica, se si escludono gli otto " Capitani di Libertà " nel XV secolo e quelle introdotte durante le signorie straniere dei secoli a venire.

Il primo declino del Quattrocento e la Caduta di Costantinopoli

Genova in una xilografia di Hertmann Schedel dalla " Cronica di Norimberga " del 1493

Un secolo di congiure, lotte interne e dominazioni straniere fiaccarono la Repubblica, che seppe però generare il primo istituto di credito moderno al mondo, il Banco di San Giorgio , al quale venivano spesso affidati i domini d'oltremare e che divenne, in pratica, uno Stato nello Stato, anzi il vero Stato dal quale Genova sarebbe risorta.

Il dominio sulla Sardegna , ottenuto dopo la sconfitta di Pisa , cessò per l'invasione dell'isola da parte del Regno di Aragona , nel XIV secolo .

Durante il 400 Genova fu soggetta per tre volte al dominio francese: la prima volta dal 1396 al 1406, in cui Carlo VI di Francia mise Jean Le Meingre detto Boucicault come suo governatore. Fu proprio sotto l'egemonia francese che nacque il Banco di San Giorgio , dove si univano coloro che avevano prestato denaro allo Stato e potevano ricevere quindi indietro titoli di governo delle colonie, e proventi delle entrate pubbliche. Il Banco di San Giorgio, fu detto varie volte, rappresentò per secoli il vero centro di stabilità della Repubblica. Esso derivò dal sistema delle " Compere ", ovvero l'acquisizione di proventi statali dopo prestiti che il governo richiedeva alle famiglie nobiliari e mercantili. Questo sistema fu molto simile a quello delle moderne " Società per Azioni ", ma senza un'organizzazione centrale, fu difficile mantenere un bilancio e quindi un debito pubblico stabile, perciò nacque questa istituzione. Il secondo dominio francese avvenne verso il 1460, ma non fu l'unico dominio straniero.

Alternatamente ai francesi, vi furono i milanesi (prima i Visconti tra il 1353 ed il 1356 e tra il 1421 ed il 1436, poi gli Sforza dal 1464 al 1499 con alterne vicende) e il marchese di Monferrato Teodoro II tra il 1409 e il 1413 [26] che riuscirono a governare la città.

La conquista turca di Costantinopoli diede un altro scrollone alla politica estera della Superba . Nel 1453 la capitale dell' Impero Bizantino , ormai ridotto ad un fazzoletto di terra, cadde sotto le forze del nascente Impero ottomano . Il contingente genovese della colonia di Galata ebbe un certo ruolo nella disperata difesa della città. Giovanni Giustiniani Longo, comandante dei genovesi, lottò assieme all'Imperatore stesso e fu infine ferito a morte. Molte colonie genovesi, dopo la sconfitta Bizantina, reggevano sotto la guida di consorzi di creditori della Repubblica chiamati Maone e sarebbero andati avanti per circa altri due secoli. Gli interessi di Genova però erano destinati a cambiare e la svolta definitiva la diede Andrea Doria con la sua politica filospagnola.

Un terzo dominio francese si ebbe infine alla fine del quattrocento. Nel secolo successivo Genova verrà coinvolta nel conflitto tra Francia e Spagna.

Dominio economico sull'Impero asburgico: il secolo dei genovesi

Ianuensis ergo mercator : mercanti ed esploratori liguri

L'epopea coloniale genovese si manifestò comunque nei secoli anche attraverso le esplorazioni, eseguite per conto della repubblica o spesso per altri sovrani, fu così che i fratelli Vivaldi si avventurarono nel 1291 a sud delle colonne d'Ercole e non fecero più ritorno, Lanzerotto Malocello scoprì le Canarie (1310-1339 ca), Antonio de Noli le isole di Capo Verde (1460-1462) e Antonio Malfante attraversò per primo il Sahara nel XV secolo, il più celebre fu poi Cristoforo Colombo , genovese che partendo dalla Spagna , scoprì il "nuevo mundo" come lui stesso ad un certo punto lo definì. Con il cambiare dell'assetto geopolitico nel Mediterraneo, gli interessi dei genovesi si spostarono e materializzarono con basi e possedimenti nel settore occidentale del Mediterraneo, l'antico Mare Nostrum , e in Europa (ove comunque operavano già da tempo), come a Marsiglia (subentrata ad Aigues Mortes), Barcellona , Siviglia . Dopo la scoperta dell'America si diceva:

«L'oro nasce in America, muore a Siviglia e viene seppellito a Genova»

Gibilterra era popolata in gran parte da genovesi (ancor oggi l'elenco telefonico presenta numerosi cognomi genovesi), a Tabarka loro colonie continuarono a operare, così come al largo delle coste della Tunisia ei convogli della Repubblica continuarono e potenziarono i loro collegamenti con gli Stati del Nord Europa.

In Sicilia e nel sud Italia molti genovesi finanziatori della corona spagnola ricevevano feudi in pegno o come risarcimento, ne sono esempio Lercara Friddi (della famiglia Lercari) o il ducato di Tursi ed il principato di Melfi, dei Doria .

Perfino a Roma il porto di Ripa Grande era gestito dai genovesi, con un rione ( Trastevere ) interamente occupato dai marinai liguri per i quali fu costruito anche un ricovero, gestito dalla Confraternita di San Giovanni Battista dei Genovesi oppure dove famiglie come i Doria oi Giustiniani decisero di stabilire le proprie dimore; Matteo e Vincenzo Giustiniani erano due fratelli che grazie al loro mecenatismo divennero i più grandi collezionisti di Roma, il loro palazzo è oggi sede del Senato della Repubblica . Ancora oggi a Milano si trovano palazzo Spinola e Palazzo Marino, sede del comune: entrambi sono intitolati a famiglie genovesi. Nel Nord Europa vennero poste basi finanziarie e commerciali in tutte le sedi delle principali fiere e in alcune città della lega anseatica , a Bruges esiste ancora oggi la "Genoese Lodge".

La svolta di Andrea Doria

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Andrea Doria .

Nel 1505 , il tintore Paolo da Novi , in seguito eletto doge, guidò una rivolta per liberare la città dal dominio francese. In seguito alla riconquista transalpina della città, fu tuttavia destituito e giustiziato.

Nel XVI secolo , Genova come del resto gran parte dell'Europa, era contesa sotto le mire dell'Imperatore Carlo V e di Francesco I di Francia . La città si trovò ben presto occupata da forze dell'una e dell'altra fazione, e le famiglie genovesi, da secoli impegnate in scontri l'une contro le altre, si schierarono di conseguenza contribuendo a lotte e congiure. Dal caos di questo periodo uscì la figura di Andrea Doria , maggiore responsabile della rinascita della città. Dopo la partecipazione all'impresa della Briglia, nel quale al contingente francese insediato nella fortezza omonima, posta sotto la Lanterna, venne impedito l'arrivo di rifornimenti via mare, Andrea Doria divenne capitano di mare, e si schierò dapprima al comando dei francesi che combatté in gioventù, e in seguito della flotta pontificia, contro Carlo V . Dopo il sacco di Roma da parte dei Lanzichenecchi di Georg Von Frundsberg , al quale vanamente si oppose anche Giovanni dalle Bande Nere , i risultati navali del Doria furono resi vani. Il Doria collaborò dunque di nuovo con i francesi per liberare Genova, stavolta sotto forze spagnole e imperiali (si ricordi che Carlo V , per discendenza era sia Re di Spagna che Imperatore del Sacro Romano Impero), ma allo scadere del contratto, passò dalla parte Asburgica. Questo gesto, che alcuni considerarono un tradimento, fu in realtà perfettamente lecito, in quanto il contratto del Doria era legalmente scaduto, e inoltre Genova era saldamente in mano francese, essendo passata da un tiranno all'altro. Per di più il monarca francese non intendeva rispettare alcuni patti presi prima della liberazione della città, come la cessione di Savona alla Repubblica. Questi motivi spinsero il Doria a unirsi alle forze Asburgiche. Carlo V promise ai genovesi la restaurazione della Repubblica, e nel 1528 Genova tornò indipendente e sovrana.

La rinascita della Repubblica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Svolta filospagnola di Andrea Doria e Ricostruzione del Dominio genovese dal 1528 al 1530 .

Il Doria rifiutò la Signoria della città, preferendo lasciare ad alcuni "Riformatori" la stesura di una nuova costituzione. Savona fu la prima vittima della rinata Repubblica: il suo porto fu distrutto ed interrato, ed i genovesi provvidero a potenziare la fortezza del Priamar per dominare la città, che non si riprese più. La Compagna Communis cessò di esistere e fu istituita la Repubblica di Genova con questo nome; furono resi ancora più importanti gli " Alberghi ", liste di "iscrizione" alla nobiltà della Città, riconosciute dal governo.

I pirati sul mare e la Congiura dei Fieschi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Congiura dei Fieschi .

La Repubblica dovette presto affrontare altre minacce dal mare: i pirati barbareschi di Ariadeno Barbarossa e di Dragut , provenienti dal Nord Africa e dal Medio Oriente.

Nel 1547 tuttavia i Fieschi , principali avversari dei Doria , ordirono una congiura che fallì miseramente, costando alla famiglia la perdita di territori e possedimenti. Nella congiura fu ucciso anche Giannettino Doria , parente molto amato di Andrea, la cui vendetta contro la famiglia Fieschi fu implacabile.

Andrea Doria morì nel 1560 all'età di 94 anni, lasciando la sua eredità al nipote Gianandrea Doria , che fu ammiraglio della flotta genovese alla Battaglia di Lepanto del 1571 .

El Siglo de los genoveses

Con l'appoggio dell'Imperatore, che si rivelò un alleato ben più fedele del Re di Francia (soprattutto per via dei numerosi interessi economici che l'Impero di Carlo V contrasse con la Repubblica), i Genovesi poterono riacquistare parte dello splendore perduto durante il quattrocento e la prima metà del cinquecento.

A partire dalla riconquista del Doria, il periodo di circa cento anni che seguì infatti fu detto El Siglo de los genoveses , appunto "Il Secolo dei genovesi"; in questi anni la città divenne ricca come solo era stata all'epoca delle crociate.

Il destino della Repubblica si intrecciò inesorabilmente con quello spagnolo: gli iberici infatti richiedevano prestiti dai genovesi per finanziare i loro commerci e le campagne militari. Se questa opportunità fornì nuova linfa e ricchezza a Genova , ne provocò anche il declino a partire dalla metà del XVII secolo .

I drammi del Seicento e del Settecento

Gli statuti civili della Repubblica di Genova ( Statuta civiles Reipublicae Genuensis ), 1589
Il bombardamento della flotta francese nel 1684

Gli ultimi splendori

Nel 1580 la Repubblica viene definita "Serenissima" dall'Imperatore, al pari di Venezia . È l'apogeo di Genova, che da questo punto in poi dovrà affrontare sfide sempre più impegnative. È in questo periodo che inizia la costruzione di Palazzo Ducale ancora oggi monumento importante della città.

Con l'impoverimento della Spagna, che spesso ritarderà i pagamenti verso Genova, si compie inevitabilmente il secondo declino della Repubblica, declino dal quale essa non riuscirà più ad emergere con il medesimo splendore. Eppure la Repubblica saprà resistere ancora due secoli.

L'inizio del declino

Approfittando del graduale impoverimento della Repubblica, che seppe trovare nel Banco di San Giorgio forse l'unica stabilità, i Savoia attaccarono la Repubblica per due volte con scarsi risultati. Non mancarono figure genovesi che tentarono di aiutare i piemontesi, come Giulio Cesare Vachero , autore di una congiura sventata.

Due eventi importanti interessano la città nel seicento: la grande peste del 1656 / 57 e ilbombardamento di Genova da parte della flotta di Luigi XIV nel 1684 .

Quest'ultimo evento riporterà nuovamente Genova sotto l'influenza francese. Sulla città vengono riversate migliaia di bombe (almeno 8.000 colpirono la città), e solo l'esaurimento delle munizioni sancirà la fine di questo attacco. Il Doge Francesco Maria Imperiale Lercari dovette recarsi a Versailles seppur con gli onori riservati ad un capo di stato, a chiedere personalmente il cessate il fuoco adducendo le scuse della Repubblica, rea di avere condotto una politica antifrancese.

Il Settecento e la fine della Repubblica

La rivolta contro gli austriaci del 1746 in una tela di Giuseppe Comotto. Al centro è raffigurato il Balilla

La situazione non migliorerà nel secolo successivo: le frequenti ribellioni in Corsica costrinsero il Banco di San Giorgio , amministratore dell'isola, a "venderla" alla Francia nel 1768 .

Ben prima Genova ebbe a che fare con l'Impero Austriaco, all'incirca a metà del secolo. Nel 1746 la città viene occupata dalle truppe Austriache, che vengono scacciate dopo un'insurrezione popolare iniziata da Giovan Battista Perasso detto "Balilla".

Con l'avvento della Rivoluzione francese , Genova mantiene una certa neutralità contro il governo rivoluzionario, ma nel 1797 essa si alleerà con Napoleone Bonaparte. La Repubblica di Genova cessò di esistere e fu sostituita dalla Repubblica Ligure

Le truppe della coalizione antifrancese assedieranno perciò Genova nel 1800 , e la difesa della città sarà affidata al generale Andrea Massena , sotto il cui comando combatté anche Ugo Foscolo . Inglesi e austriaci entrarono in città, ma giorni più tardi furono nuovamente respinti dalle forze napoleoniche.

Nel 1805 la Repubblica Ligure viene inclusa nell'Impero francese. Durante l'occupazione francese, diverse opere d'arte presero la via della Francia a causa delle spoliazioni napoleoniche . Secondo il catalogo pubblicato nel Bulletin de la Société de l'art français del 1936 [27] , delle 9 opere d'arte provenienti da Genova ed inviate in Francia, solo 6 fecero ritorno in Italia dopo il Congresso di Vienna . In occasione del rimpatrio del Martirio di Santo Stefano di Giulio Romano alla città di Genova, Vivant Denon , direttore del Louvre , sostenne che l'opera era stata "offerta in omaggio al governo francese dal consiglio comunale di Genova" e che il trasporto avrebbe messo a rischio la fragilità dell'opera, ben sapendo che l'opera era stata sostanzialmente confiscata come tributo culturale e dando contestualmente ordine al ministero degli interni francese di bloccare alla dogana l'opera senza menzionarne né la fragilità né criticare la legittimità delle istanze piemontesi. Poi, a seguito delle sconfitte di Napoleone del 1814 - 1815 e l' assedio del 1814 da parte degli anglo-siculi, il Congresso di Vienna stabilisce, senza aver fatto votare alcun plebiscito e contro la netta decisione della Repubblica, l'annessione dell'intera regione ligure al Regno di Sardegna . Da questo momento in poi i destini di Genova e della regione saranno legati a quelli dell' Italia .

L'Ottocento tra carbonari e l'Unità d'Italia

Il " sacco di Genova " del 1849

Nella primavera del 1849, l'emozione per la sconfitta di Novara e il rifiuto di accettare la capitolazione, sfociarono nell'insurrezione del 1 aprile all'Acquaverde e nella successiva resistenza alle truppe governative del generale La Marmora, che per vincerla bombardò la città, incontrando però la resistenza della Guardia Nazionale e dei volontari genovesi, portuali, artigiani, studenti, giovani possidenti, nonché di molti francesi e polacchi, con perdite stimate a 150 da ambo le parti.

Il Generale Avezzana, piemontese di Chieri con doppia cittadinanza sarda e newyorkese, ebbe l'aiuto dei marinai armati di una nave da guerra USA, mentre La Marmora utilizzò una nave inglese per sbarcare al Molo e disperdere i difensori. La resistenza continuò fino al 6 aprile, rafforzata da un contingente giunto da Roma e guidato da Mameli e Bixio. Concordata una tregua dal Municipio, il grosso dei resistenti genovesi lombardi ed esteri riparò a Roma combattendo in difesa della Repubblica Romana e riparando a Marsiglia o in Nordamerica, molti a Genova, ma esclusi dodici dall'amnistia che furono poi condannati a morte in contumacia e restarono esuli fino al 1858. L'abominio anche giuridico dell'"amnistia generale tranne dodici" fu voluto dal nuovo re Vittorio Emanuele II in accordo con Alfonso La Marmora (da non confondersi col fratello Alessandro, creatore dei Bersaglieri e morto poi in Crimea dopo avere sposato una genovese).

I genovesi del quartiere di San Teodoro investito dalla soldataglia aizzata da La Marmora, alla violenta repressione inflissero danni e umiliazioni inaudite alla popolazione, con alcune uccisioni, stupri, anche di una dodicenne, e avanzata verso le barricate con grida di sterminio, "I Genovesi essere tutti Balilla, non meritare pietà (dal resoconto di Federico Alizeri, pubblicato nel secondo dopoguerra). Non minore odio si rivolse verso i Lombardi ei Polacchi della prima linea fatti prigionieri e passati per le armi senza pietà. Ciò portò in reazione alla cattura e linciaggio di un ufficiale dei Carabinieri che cercava di uscire dalla città dopo la prima resa del Presidio, incolpevole capro espiatorio dei Carabinieri Reali che all'Acquaverde avevano ucciso in caccia sette genovesi, suscitando combattimento che vide pari numero di morti fra le truppe e gli insorti, ma con un gran numero che perse poi la vita per tetano all'ospedale Pammatone ea quello militare di San Benigno, o per fatale aggravamento delle ferite e morte dopo che sedici bombe colpirono l'edificio senza fare però vittime dirette.

Cadde il simbolo della rivolta di Genova, Alessandro De Stefanis, studente universitario e amico di Mameli, colpito a una gamba mentre girava le postazioni di combattimento sui forti per far rispettare la tregua concordata il giorno 6. Nascosto da contadini che fecero poi avvisare il fratello Filippo, medico della Divisione La Marmora, morì un mese dopo all'ospedale di San Benigno e fu poi sepolto nel santuario di Oregina, simbolo della liberazione della città, nel dicembre 1746. I De Stefanis erano savonesi, ma piemontesi di origine (Alba), fuggiti dalla repressione sabauda del movimento giacobino, Alessandro si definiva repubblicano-socialista.

Pur memori dell'annessione al dominio sabaudo cui la città fu costretta nel 1814, i genovesi, come lombardi, veneti, e soldati piemontesi disertori, avevano combattuto per ideali patriottici italiani cui la repressione congiunta sabauda a Genova, austriaca in Bologna e Toscana, francese a Roma pose solo momentaneamente fine, con il tricolore da cui reciso lo stemma sabaudo che rimane il simbolo di quella pagina gloriosa della Città

Date le devastazioni ei saccheggi operati dalle forze governative, questo evento è anche ricordato tristemente dai liguri come " il sacco di Genova ".

L'episodio è ricordato con una targa commemorativa posta nel 2008 in Piazza Corvetto .mentre ancora si attende che la lapide coi nomi di tutti i caduti, conosciuti da fonti di stato civile e lettere dei genitori o mogli o figli affranti alla "Commisssione dei Ricorsi" nel museo del Risorgimento e all'Archivio di Stato, vada ad aggiungersi a Palazzo Tursi a quelle che ricordano i caduti delle guerre nazionali e garibaldine, uno spazio vuoto che per un secolo aveva scontato la ribellione al governo del Re, poi scomoda anche alle memorie ufficiali dopo il 1945 e infine ridotta ad episodio di storia della patria in ritardo ea brutale violenza governativa, che era stata invece rintuzzata coraggiosamente non da un popolo inerme, ma da tutto il popolo in armi, comprese le donne, definita dagli storici "anticipazione della Comune di Parigi"

Il panorama del quartiere di Principe nel 1890, completamente modificato nei secoli successivi, sottraendo decine di metri al mare

Gli inglesi a Genova e la nascita del calcio italiano

Dopo l'apertura del canale di Suez nel 1869 , Genova divenne il centro di diverse comunità straniere, tra cui una nutrita rappresentanza proveniente dal Regno Unito . I passatempo tipici della comunità britannica erano il cricket e il calcio , quest'ultimo convenzionalmente giocato dai ceti meno abbienti o dai giovani. Fu il medico e filantropo James Spensley , trasferitosi in città per assistere i marinai inglesi, a fondare nel 1893 il Genoa Cricket and Football Club , secondo alcuni documenti la prima squadra di calcio italiana . Il Genoa CFC rimane a tutt'oggi la società che può esibire il più antico documento attestante la sua fondazione, nonché la più antica società che attualmente pratica questo gioco in Italia. Il club era inizialmente aperto solo a cittadini britannici ma dal 1897 fu aperto il tesseramento anche agli italiani. Più tardi, nel 1899 - 1900 , sarebbero nate anche le sezioni calcistiche della Sampierdarenese e della Società Ginnastica Andrea Doria , che avrebbero dato vita fondendosi nel 1946 alla squadra della Sampdoria .

I genovesi nel mondo

In Europa e nel mondo i rapporti continuarono con le varie corti e dinastie. I De Ferrari, cui è dedicata la piazza principale di Genova, furono proprietari dell' Hotel Matignon di Parigi, ora residenza ufficiale del Primo ministro del governo francese.

Edoardo Chiossone fondò e diresse l'Officina Carte e Valori del Ministero delle Finanze Giapponese, su invito del governo stesso, dopo aver lavorato come incisore a Firenze presso la banca del regno nella seconda metà dell'Ottocento.

Raffaele De Ferrari, duca di Galliera e principe di Lucedio, fu munifico benefattore, finanziò la costruzione di molti tratti ferroviari in Europa, fondò il Credito Francese, e con un ingente lascito consentì l'ammodernamento del porto di Genova : la sua opera si estese fino al cofinanziamento dell'opera di apertura del canale di Suez . Sua moglie, Maria Brignole Sale, Duchessa di Galliera, oltre ad essere ispiratrice e finanziatrice di opere culturali e benefiche in Francia, donò alla città di Genova l' Ospedale che porta il suo nome, emagnifiche dimore come palazzo Rosso e Palazzo Bianco in Strada Nuova (già Strada Nuova o Aurea, oggi via Garibaldi), e la superba villa che porta il suo nome.

Genova in una stampa del 1493
Jean-Baptiste Camille Corot
Veduta di Genova, 1834

Genova era una repubblica sulla quale - considerata la posizione strategica di porta sull'Europa - molti governi limitrofi hanno posto via via gli occhi. La spuntò il regno di Sardegna, a causa del quale la città conobbe una grave crisi, poiché da molti secoli ormai Genova aveva basato la propria esistenza sulla neutralità e sugli affari, mentre la nuova dinastia amava la guerra e le tasse.

Molti genovesi emigrarono nel continente americano ma non (o non solo) per disperazione come si vuol far credere, soprattutto per affari, come sempre, ed infatti è ad opera dei genovesi che è nato il quartiere ( barrío ) di " La Boca ", a Buenos Aires in Argentina così come furono le maestranze genovesi a fondare il porto di Valparaíso in Cile , il più grande porto del Sud America, tappa obbligata prima dell'apertura di Panama , e la ferrovia che collega le due città è ancora opera dei migranti liguri. Fu un oriundo genovese, Amadeo Peter Giannini a fondare la Bank of America . Oggi molti liguri e genovesi e loro discendenti occupano cariche importanti in tutti gli Stati dove essi oi loro antenati sono emigrati.

Il XX secolo

Genova nella Belle Époque

Dopo l'annessione al Regno d'Italia , durante la cosiddetta " Belle Époque ", Genova visse un periodo di relativa prosperità grazie all'attività portuale. Non mancavano nell'entroterra attività industriali, come le cave per l'estrazione e la lavorazione dell' ardesia , o la fabbricazione di grandi orologi destinati a campanili, specialmente nella zona di Uscio , gestita dalla famiglia Trebino .

Inizia in quest'epoca la costruzione, il varo e l'ormeggio di grandi transatlantici diretti verso le Americhe, attraverso i quali molti genovesi emigrarono, specialmente in Sud America e nella fattispecie in Argentina . Il quartiere della "Boca" di Buenos Aires viene infatti ricordato come il quartiere degli immigrati genovesi, e la squadra di calcio che lo rappresenta, il Boca Juniors , ha ancora oggi la scritta "Xeneixes" cioè "genovesi", sul retro della maglia.

Nel ponente genovese, sorse la fabbrica dell' Ansaldo , specializzata in produzione di locomotive, e successivamente anche di navi, armamenti bellici, nonché di attrezzature civili.

La seconda guerra mondiale e la guerra di Liberazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bombardamenti di Genova nella seconda guerra mondiale .
Ricostruzione del porto di Genova distrutto dai bombardamenti, foto di Federico Patellani , 1945

Le persecuzioni degli ebrei

Le persecuzioni e le deportazioni cui furono sottoposti gli appartenenti alla comunità ebraica genovese durante la fase finale della seconda guerra mondiale sono raccontate attraverso sette testimonianze di sopravvissuti nel libro di memorie Una gioventù offesa. Ebrei genovesi ricordano , curato da Chiara Bricarelli ed edito nel 1995 da Giuntina, Firenze.

Genova nel secondo dopoguerra

Dopo la fine del secondo conflitto mondiale, la città vede rinascere il trasporto marittimo di passeggeri e torna ad essere la porta d'Italia verso le Americhe grazie ai transatlantici della Società Italia .

Il XXI secolo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Fatti del G8 di Genova e Genova capitale europea della cultura .

Il XXI secolo per la città di Genova inizia in modo decisamente brutale, già nel 2001 infatti la città ospitò il G8 , e per una manifestazione così importante Genova si organizzò con delle misure di sicurezza poderose. Il centro della città venne praticamente fortificato, e suddiviso in due zone, la zona rossa e la zona gialla , settori che a diversi gradi di intensità, pregiudicavano l'accesso alla popolazione esclusi i residenti.

Vennero creati veri e propri muraglioni di container a difesa della zona rossa, fu notevolmente aumentato il numero di forze dell'ordine, e per i giorni precedenti al summit, vennero intensificati i controlli anti-terrorismo in tutta la città. Ma, già dai giorni precedenti, il clima di tensione si fece altissimo, con l'esplosione delle tensioni nei giorni dal 19 al 22 luglio 2001, ricordati come una delle pagine più dolorose della storia recente di Genova e dell' Italia , in cui avvennero numerosi scontri tra manifestanti e forze dell'ordine, e persino un blitz, molto controverso, di reparti di polizia nella scuola Diaz , creduta covo dei black bloc .

Dopo questi violenti fatti, la città iniziò la riparazione dei danni delle devastazioni, anche in previsione dell'anno 2004 in cui Genova fu Capitale europea della cultura . Durante quell'anno si succedettero mostre, iniziative culturali, concerti, manifestazioni fieristiche, festival ed iniziative di vario genere per coinvolgere giovani, anziani e stranieri sulla vita e storia della città.

Il 14 agosto 2018 crollò parte del ponte Morandi ( viadotto Polcevera ) provocando numerose vittime. La città venne tagliata in due, perdendo l'unico tratto autostradale che permetteva l'attraversamento cittadino senza entrare nella città stessa, inoltre il crollo, la successiva demolizione e rimozione delle macerie causarono numerosi sfollati nei quartieri antistanti il viadotto.

Il ponte è stato completamente demolito nel 2019 e sostituito dal nuovo viadotto Genova San Giorgio , progettato da Renzo Piano, costruito da Webuild e Fincantieri ed inaugurato il 3 agosto 2020.

Note

  1. ^ I ritrovamenti, effettuati durante le opere per la metropolitana sono stati esposti nella mostra Archeologia Metropolitana. Piazza Brignole e Acquasola , tenutasi presso il Museo di archeologia ligure (30 novembre 2009 - 14 febbraio 2010): Notizia della mostra e dei ritrovamenti esposti Archiviato il 30 dicembre 2013 in Internet Archive . sul sito dei Musei di Genova.
  2. ^ Marco Milanese, Scavi nell'oppidum preromano di Genova , L'Erma di Bretschneider, Roma 1987 testo on-line su GoogleBooks; Piera Melli, Una città portuale del Mediterraneo tra il VII e il III secolo aC , Genova, Fratelli Frilli ed., 2007.
  3. ^ Odoardo Ganducio , Discorso sopra l'iscrittione, ouero epitafio ritrouato a Tortona in vn marmo, d' vn decurione antico genuese , 1614.
  4. ^ Piera Melli , Una città portuale del Mediterraneo tra il VII e il III secolo aC , Genova, Fratelli Frilli ed., 2007 ( testo on-line del primo capitolo Archiviato il 28 febbraio 2009 in Internet Archive .). Una stele funeraria in marmo con dedica ad Apollonia, rinvenuta reimpiegata nelle mura del XII secolo fu considerata una prova dell'origine greca della città: la stele, opera samia della prima metà del III secolo aC , deve tuttavia considerarsi piuttosto giunta a Genova insieme a molti manufatti antichi in epoca medioevale.
  5. ^ Marco Milanese, Scavi nell'oppidum preromano di Genova , L'Erma di Bretschneider, Roma 1987, p.324. L'insediamento, secondo l'autore mostra nell'organizzazione dell' oppidum e della sua cinta muraria caratteri tipicamente etruschi, estranei alla cultura locale. Le ceramiche rinvenute sono esse stesse in predominanza frutto di importazione.
  6. ^ I materiali sono stati esposti nella mostra Archeologia Metropolitana. Piazza Brignole e Acquasola , tenutasi presso il Museo di archeologia ligure (30 novembre 2009 - 14 febbraio 2010)( Notizia della mostra e dei ritrovamenti esposti Archiviato il 30 dicembre 2013 in Internet Archive . sul sito dei Musei di Genova).
  7. ^ Marco Milanese, Scavi nell'oppidum preromano di Genova , L'Erma di Bretschneider, Roma 1987, p.326.
  8. ^ Tito Livio , Ab Urbe Condita libri CXLII 21, 32,1 e 28, 46,7.
  9. ^ Strabone , 4, 6,2.
  10. ^ Artemidoro di Efeso , citato da Stefano di Bizanzio nel VI secolo ( De urbibus : «Γενòα, πòλις τῶν Λιγυρῶν, Σταλìα καλουμένη νῦν,ὡς 'Αρτεμίδωρος [...]», «Genova, città dei Liguri, allora chiamata Stalia, secondo Artemidoro [...]»): Stephanus Byzantinus , di Stephanos, Luca Olstenio, Abraham van Berkel, Thomas de Pinedo, nell'edizione di Wilhelm Dindorf (Lipsiae,in Libraria Kuehniana, 1825), I volume, p.134 (on line: Books.google.com su GoogleBooks ).
  11. ^ Pomponii Melae De sitv orbis libri tres [...] additis suis a Carolo Henrico Tzschvckio [Karl Henrich Tzschucke], Lipsiae, 1806, p.406: in relazione all'antica Genova si legge: « Staliam eliam [etiam] dictam » («detta anche Stalia»).
  12. ^ Cornelio Desimoni , in "Miscellanea di storia italiana", edito dalla Regia Deputazione di Storia patria, Stamperia reale in Torino, 1898, p.94, per il quale Stalia corrispondeva per l'appunto toponomasticamente all'attuale Staglieno.
  13. ^ Gaetano Poggi, Genova Preromana, Romana e Medioevale , G.Ricci editore, Genova, 1914: in scavi dell'epoca sono stati rinvenuti nella zona resti interpretati come quelli di un porto; Giovanni Battista Spotorno ( Elogj di Liguri illustri , tomo I, tipografia dei Fratelli Ponthemier, seconda edizione, Genova 1848, p.3; Storia letteraria della Liguria , tomo primo, Epoca prima. Dall'età più remota fino all'anno 1300 , Tipografia di G. Schenone, Genova 1826) riferisce la tradizionale presenza di maestri d'ascia lungo il Bisagno presso Staglieno ancora nel XIII secolo.
  14. ^ a b Giulia Petracco Sicardi. Genova , in AA. VV. Dizionario di toponomastica . Torino, UTET, 1990, p. 355. ISBN 88-02-07228-0 .
  15. ^ Piera Melli. Genova Preromana . Genova, Fratelli Frilli Editori, 2007, ISBN 978-88-7563-336-3 .
  16. ^ Paolo Diacono, Historia Langobardorum, II, 25.
  17. ^ Cavallaro L. e Angeli Bertinelli MG, "L'epoca romana imperiale e tardoantica", in: Borzani L. Pistarino G. Ragazzi F., Storia illustrata di Genova , Elio Sellino Periodici, 1993
  18. ^ Gabriella Airaldi, Storia della Liguria , vol. II - Il caso di Bobbio e delle "vie marenche , Genova, Ed. Marinetti, 1820, 2009, pagg. 110-120
  19. ^ Le Marche d'Italia sull'Enciclopedia Treccani
  20. ^ Gina Fasoli, Francesca Bocchi, 13. Diploma di Berengario e Adalberto ai Genovesi (958) , su La città medievale italiana , Reti Medievali, Università degli Studi di Napoli Federico II. URL consultato il 28 dicembre 2014 .
  21. ^ Aldo Padovano, Felice Volpe, La grande storia di Genova - Volume primo, Artemisia Progetti Editoriali, 2008, ISBN 978-88-6070-021-6 , p. 163
  22. ^ Jacopo da Varagine, Cronaca della città di Genova dalle origini al 1297 , Genova, ECIG, 1995.
  23. ^ Donaver , p.31 .
  24. ^ Per una disamina analitica e circostanziata sia della battaglia sia degli eventi che la precedettero cfr. Mario Chiaverini, Repubblica imperiale pisana. La vittoria navale su Genova del 1241: alcuni aspetti, antefatti vicini e lontani, misteri e coincidenze , Pisa, MARICH Studio storico editoriale, 2012.
  25. ^ "[...] Comunque ci preme far rilevare che, secondo l'antica cronaca 'Roncioniana' tradotta da Cristiani, le galee genovesi presenti alla battaglia erano ben 144 contro le 66 pisane, con un rapporto di circa 2,2 a 1 (più del doppio!). Le galee perse dai pisani furono 28, ma, fatto che spesso (se non sempre) viene taciuto, “de' genovesi ne fu misso in fondo [affondate] galee 18 da' pisani;” (E. CRISTIANI “Cronaca Roncioniana 352”, appendice a “Gli avvenimenti pisani del periodo ugoliniano in una cronaca inedita”, dello stesso Autore in Bollettino Storico Pisano , s. III, XXVI-XXVII, 1957-58, Pisa, U. Giardini, 1957, p. 94). E facendo un altro piccolo calcolo (cioè galee genovesi/galee pisane catturate o affondate) 144:28 = 5,14; (galee pisane/galee genovesi affondate) 66:18 = 3,66, possiamo affermare che per conquistare o affondare una galea pisana i genovesi ebbero bisogno di oltre 5,1 galee delle loro, mentre ai pisani per lo stesso 'servizio' fatto ai genovesi bastarono meno di 3,7 galee. Negli Annali Piacentini le galee pisane perse furono 29 e 2 platee, infatti i genovesi “[...] ceperunt ex galeis Pisanorum 29 et 2 naves platas cum hominibus qui intus erant, [...]” cfr. Annales Placentini gibellini.a. 1240.1241 , in Georgius Heinricus PERTZ, Monumenta Germaniae Historica: inde ab anno Christi quingentesimo usque ad annum millesimum et quingentesimum , SS, t. XVIII, Hannoverae, Impensis Bibliopolii Aulici Hahniani, 1863, p. 578." Cfr. Mario Chiaverini, Repubblica imperiale pisana. La vittoria navale su Genova del 1241: alcuni aspetti, antefatti vicini e lontani, misteri e coincidenze , Pisa, MARICH Studio storico editoriale http://marich-edizioni.blogspot.com/ , 2012, p. 10 n. 2.
  26. ^ ( EN ) Fabio Romanoni, Gli obblighi militari nel marchesato di Monferrato ai tempi di Teodoro II , in Bollettino Storico- Bibliografico Subalpino . URL consultato il 29 giugno 2020 .
  27. ^ ( FR ) Marie-Louise Blumer, Catalogue des peintures transportées d'Italie en Francce de 1796 à 1814 , in Bulletin de la Société de l'art français, 1936, fascicule 2 .

Bibliografia

  • Federico Donaver, Storia di Genova , Genova, Nuova Editrice Genovese, 2001.
  • Mario Chiaverini, Repubblica imperiale pisana. La vittoria navale su Genova del 1241: alcuni aspetti, antefatti vicini e lontani, misteri e coincidenze , Pisa, MARICH Studio storico editoriale, 2012.
Statuti
Approfondimenti
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bibliografia su Genova .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

  • Cronologia della storia di Genova , su alterhistory.altervista.org . URL consultato l'8 gennaio 2012 (archiviato dall' url originale il 2 gennaio 2012) .
  • Mediterraneo Genovese , su mediterraneogenovese.it . URL consultato il 15 agosto 2011 (archiviato dall' url originale il 15 maggio 2013) .
Controllo di autorità LCCN ( EN ) sh85053916
Genova Portale Genova : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Genova