Scythians

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou branch minorite nan Islam , gade chiit .
Pectoral oswa Scythian kolye lò: Nan pati ki pi ba yo reprezante kat chwal atake pa de grifon - dezyèm mwatye nan 4yèm syèk BC la - pa kurgan wa a nan Tovsta Mogyla , Jenakijeve ( Ikrèn ).
Figurines lò ki reprezante de banza Scythian ame ak yon banza konpoze sou tire ( Kerč ' . Ikrèn , 4yèm syèk BC ).
Scythian senti bouk - Mingachevir - 7th syèk BC

Scythians yo ( lat. Scythi ; Gr. Σκύθης , tou Σκύθοι ; pe. Saka ) se te yon popilasyon Indo - Ewopeyen an nomad nan liy Iranyen ateste nan stepik Eurasian la soti nan 19yèm syèk BC a 4yèm syèk la nan epòk la kretyen [1] [ 2] [3] . Grèk yo ansyen konsidere yo mitolojikman pitit Heracles ak Echidna , oswa nan Zeyis ak Boristhenes .

Relasyon ant pèp ki abite nan sa a imansite nan rejyon yo pa klè jodi a ak tèm nan "Scythians" te pafwa te itilize nan yon laj, pafwa sans espesyalize yo. Akeyològ modèn pale de "Scythians" kòm ekspozan nan "kilti a Scythian-Siberian" san enplikasyon etnik-lengwistik [4] , tèlman ke tèm nan "Scythian" fini moute pa [5] "a dekri yon faz difizyon nan monte nomadism, karakterize pa prezans nan zam espesifik, ekipay ak yon atizay ki baze sou plak metal zoomorphic " [N 1] . Teritwa lwès la manyen pa fenomèn nan Laj Iron se sa ansyen Grèk yo te rele " Scythia ", konsa sikonskri itilizasyon tèm "Scythians" pou idantifye moun ki te rete nan zòn sa a kote lang Scythian yo te pale.

Scythians yo te pami premye moun ki te metrize itilizasyon militè kavalye yo [6] : yo te leve bèf chwal ak bèf, yo te viv nan tant ki te monte sou cha yo e yo te goumen ame ak banza ak kèk flèch nan sele yo [7] . Yo devlope yon kilti rich karakterize pa antèman abondan, metaliji rafine ak yon style atistik briyan [8] . Nan wityèm syèk BC la (aparamman) anvayi anpi Chinwa dinasti Zhou a [9] , epi, yon ti tan apre, yo te deplase nan lwès, yo te rive nan stepik pontik-kaspyèn kote yo te mete Cimmerians yo deyò. [10] . Nan wotè ki gen pouvwa yo, Scythians yo domine antyèman nan stepik yo Eurasian [11] [12] , ki soti nan karpato yo nan lwès la nan sant Lachin ( kilti Ordos ) ak sid Siberia ( kilti Tagar ) nan bò solèy leve a [4] [ 13] , kreye sa ki te rele anpi an premye nomad nan Azi Santral , byenke li te yon ekip ki te gen anpil ti "eta" [10] [14] .

 Dapre istoryen grèk la, Scythians yo te rele tèt yo "Scoloti" [15] , yon non ki soti nan sa yo ki an youn nan wa yo, ki Skules. Kontinwe, Scythians yo te rele tèt yo "Skula" [16] . Herodotus deklare tou ke Pès yo te rele Scythians yo "Saka" [17] [18] . Atravè etid la nan nèf enskripsyon Pèsik, Oswald Szemerényi te jwenn ke nan de nan sa yo lwès Scythians yo te rele pa Pès yo Sakā tyaiy paradraya ak Saka paradraiya [19] nan yon sèl, lès Scythians yo rele Sakā haumavargā ak tigraxaudā [20] . Nan yon lòt enskripsyon, yo itilize tèm "Saka" ankò an referans ak lès Scythians [21] oswa Sakaibiš [22] . Asiryen ak jwif te trase non aškuza / iškuza nan Scythians tèt yo apre envazyon an nan Mwayen Oryan an , ki soti nan non orijinal la Skuza sòti, prèske ki idantik ak grèk la Σκὺθης [19] , prete nan men pwototip Iranyen an * Skuδa- , ki gen orijinal la sa vle di li pa te yon "chasè po tèt" oswa "gadò mouton" [23] . Non sa a te fòme nan rasin * skeud- , "voye, rale", tou tradwi nan lang jèrmanik yo ( lang angle : tire ); siyifikasyon li ta dwe " Archer ", jan sa konfime pa sous istorik ki fè konpetans la ak banza a yon karakteristik fondamantal nan Scythians yo [24] .

Istwa

Reprezantasyon nan teritwa yo okipe pa Scythians yo; moun ki, dapre Herodotus, te pi lwen pase rèy Tissagetes yo eskli.

     Scythians


     Pèp vwazen


     Pèp ki sanble ak Scythians yo

Ansyen kat jeyografik nan Azi Santral ak jewografi a nan Ptolemy . Scythia separe an de pati pa mòn yo Imai ( Urals yo ).

Orijin

Sous prensipal prensipal sou orijin ak istwa Scythians yo se Liv IV nan Istwa Herodot . Istoryen an grèk rapòte sou orijin yo nan moun yo Scythian. rapòte pa Herodot se yon mit remèt pa Scythians yo tèt yo, ki di ki jan premye nonm lan ki te fèt nan Scythia te Targitao , premye nonm sou latè. Li te pwodwi twa eritye, Lipossai , Arpossai ak Colassai . Yon jou, twa objè an lò desann soti nan syèl la: yon rach doub, yon chari an lò ak jouk bèf ak yon tas. Premye pitit la, Lipossai, te eseye atrab kado yo diven, men le pli vit ke li te eseye yo, objè yo te vin enkandesan. Apre l ', dezyèm pitit gason Arpossai la te eseye fè kado yo tou, men fwa sa a tou objè yo te vin enkandesan e li te enposib atrab yo. Se sèlman pi piti pitit gason an, Colassai, jere yo apwopriye twa zafè yo lò; pou rezon sa a, ansyen frè yo te ba li pati yo nan wayòm nan. [25] branch fanmi Aucati a soti nan Lipossai, Catiari a ak Traspi soti nan Arpossai, Paralati a soti nan Colassai. [26]

Ipotèz istorikografi modèn ak jenetik

Dapre Tamara Rice, Scythians yo ki te fè pati gwoup Indo-Ewopeyen an nan pwobab liy Iran oswa Ugric-Altaic. [27] Dragan a kwè ke Scythians yo te yon pèp Indo-Iranyen. [28]

Dènye analiz fizik te unaniment konfime ke Scythians yo, menm moun ki te rete nan zòn nan Pazyryk, te gen klèman lès Ewopeyen karakteristik fizik. Pli lwen konfimasyon te soti nan etid la nan ADN ansyen rete. Yon etid 2002 analize jenetik matènèl nan rete imen nan yon gason ak yon fanm ki soti nan peryòd la Saka soti nan Kazakhstan , prezimableman mari ak madanm. Sekans mitokondriyo HV1 gason an te menm jan ak sekans Anderson , ki se pi toupatou nan mitan popilasyon Ewopeyen yo. Kontrèman, youn nan fi sijere orijin Azyatik. [29]
An 2004 , yo te analize sekans HV1 ki soti nan kadav yon gason Scythian-Siberian ki soti nan Altaj , ki revele ke moun nan te fè pati filyal manman N1a. [30] ADN mitokondriyo ekstrè nan de lòt vye zo eskèlèt nan menm zòn nan te montre ke tou de matyè yo te gen karakteristik ki gen orijin Euro-Mongolyen. Youn nan de vye zo eskèlèt yo ki te fè pati liy F2a matènèl la ak lòt la nan liy D, tou de karakteristik popilasyon Eurasian yo. [31]
Yon etid 2009 konsidere haplotypes yo ak alphatypes nan ven-sis echantiyon nan ansyen rete imen soti nan zòn nan Krasnoyarsk nan Siberia date soti nan mitan- dezyèm milenè BC la nan katriyèm syèk BC BC la Prèske tout matyè yo apatni a haplogroup R1a1-M17 . Otè yo nan etid la kwè ke done yo montre ke, ant Laj la Bwonz ak Laj la Iron , konstelasyon nan popilasyon divès kalite rele Scythians te jenetikman pi pre pèp yo nan lès Ewòp pase nan santral ak sid Azi . [32]

Teritwa

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Scythia .

Soti nan sid Siberia , nan zòn nan ant lanmè kaspyèn ak mòn yo Altai , Scythians yo rete nan zòn nan vas ant Don la ak Danube a nan syèk la BC BC soti nan kote, bat ak sibi pa Cimmerians yo , yo gaye sou kou a nan syèk la 6. syèk BC , nan direksyon pou zòn nan Balkan ak Panonia , nan basen an nò nan Lanmè Nwa a , Lè sa a, manyen lès Almay ak nò peyi Itali ak Thracians yo [33] .

Daprè Herodot, teritwa Scythia a te gen fòm kare [34] , ki te bòne nan nò pa teritwa Agatiaris yo [35] , sou bò solèy leve pa lanmè Azov ak nan lwès pa lanmè nwa [36]. ] . Thrace se te yon branch li [37] pandan ke Crimea pat fè pati li [35] .
Herodotus dekri ekstansyon an nan Scythia kòmanse soti nan Olbia Pontica , yon koloni nan Miletus te fonde sou bouch la nan Sid ensèk la , ki deklare ke, apre kòt la, teritwa a te rete pa yon popilasyon kilti grèk-Scythian, Callippids yo ; san konte yo te gen yon lòt, Alizoni . Kiltirèl atribuabl koutim Scythian, pèp sa yo te esansyèlman sedantèr, menm jan yo kiltive ble , zonyon , lay , lantiy ak pitimi . Anplis Alizoni yo te gen tou Scythians "plowers yo", ki moun ki kiltive ble pa pou pwòp mwayen poul viv yo, men nan komès li. [38] [39]
Apre Dnieper la , anndan an, te gen "plowmen yo" ke moun Lagrès lokal yo te rele Boristeniti , men ki moun ki tèt yo te di yo dwe rele Olbiopoliti . Sou bò solèy leve a nan Scythians yo agrikòl, apre larivyè Lefrat la Panticape, te gen Scythians yo nomad, ki moun ki te okipe yon teritwa konplètman kapab fè pitit, pwolonje jiska larivyè Lefrat la Gerro; pi lwen pase rivyè sa a, te gen teritwa "wayal" yo, lakay moun ki pi brav Scythians ki, nan vire, konsidere moun ki rete nan rès Scythia esklav yo; teritwa wayal yo rive jouk Crimea epi, nan direksyon lès, jouk lanmè Azov . Yon detire kout nan rejyon sa a tou rive nan larivyè Lefrat la Don. [40]
Beyond Don an, yon sèl te pa nan Scythia ankò, men pi lwen pase teritwa yo nan Budini , Tissageti ak Iurci , sou bò solèy leve a, te gen lòt branch fanmi Scythian ki te kraze lwen gwoup orijinal la nan Royal Scythians. [41]

Migrasyon

Kòmanse nan popilasyon an Scythian jeneralman dat tounen nan alantou 1700 BC , lè branch Indo-Ewopeyen rete nan Yenissei , Lè sa a, kontinye nan direksyon pou Altai a ak Kokas , nan direksyon pou lwès la. [42] Nan konmansman an nan migrasyon an nan Scythians yo pi lwen pase Kokas - nan adisyon a boulvèsman an jeneral nan popilasyon yo nomad bò solèy leve nan Scythia - ki te koze pa fatig la nan patiraj. Herodotus deklare ke Scedians yo te orijinèlman kondwi pa Issedonians yo , yon pèp nan nò a fon. Scythians yo ta Lè sa a, Ford Volga a ak rezoud nan teritwa yo ansyen nan Cimmerians yo , pita yo rele Scythia, menm jan yo te chase pa Massagetes yo . Envazyon an nan Peyi Wa ki nan Cimmerians yo chire apa lèt la: popilasyon an tou senpleman te vle kouri pandan y ap chèf yo pa t 'vle bay nan envazyon an Scythian. Kòm rive nan Scythians yo apwoche, matyè yo abandone tè yo san yo pa goumen ak wa yo, kite pou kont li, divize an de gwoup ak goumen youn ak lòt, ekstèminasyon youn ak lòt. Kò yo te antere l 'sou bank yo nan larivyè Lefrat la Dniester. [43]

( GRC )

«Φαίνονται δὲ οἱ Κιμμέριοι φεύγοντες ἐς τὴν Ἀσίην τοὺς Σκύθας καὶ τὴν χερσόνησον κερσόνησον κτίσαντες , ἐλτνιον κλτιντες, ἐλτνιον κλτιντες όλτνιν κλτιντες όλτνιαν λτνισ λτιντες.

( IT )

"Li klè ke Cimmerians yo te pase nan pwovens Lazi k ap kouri Scythians yo ak kolonize penensil la kote vil la grèk nan Sinope kounye a kanpe."

( Herodot, Istwa , IV, 12, 2 )

Cimmerians yo sove kite desann nan Mwayen Oryan an bò lanmè a ak kolonize Sinope pandan y ap Scythians yo, ki moun ki kouri dèyè yo, swiv yon wout diferan, kontinye lwès apre Kokas la , konsa jwenn tèt yo anvayi Medya , [44] pa anvan atake moun peyi Lasiri yo , epi, Imedyatman, li te reyini avèk yo, petèt tou gras a yon alyans maryaj. Yo atake Medi yo pandan y ap, te dirije pa wa Ciassare , yo sènen lavil Niniv ; [45] defèt la soufri pa Med yo te tèlman lou ke li mete yon fen nan sipremasi yo nan Mwayen Oryan an, tap mete fondasyon yo - alantou 700 BC - pou règ Scythian nan pwovens Lazi ki te dire ven-uit ane. [46] [47] [48] Soti nan Media Scythians yo deplase nan direksyon pou Palestin , nan Peyi Wa ki moun peyi Lejip la , kote atak yo te sispann pa kado yo ofri pa farawon an Psammetichus I. Nan direksyon nò, Scythians yo piye vil la nan Ascalona nan peyi Siri ; yon gwoup nan yo piye tanp lan nan Afrodit Urania . Pou Herodot, sak nan tanp lan te baz la nan "maladi fi", yon fòm enpuisans ki gwo malè tonbe sou piyajè yo ak pitit pitit yo, ki moun ki pita te vin yon klas nan divinò androjin, Enarei la. [49]

Rèy la prèske trant ane nan Scythians yo nan Mwayen Oryan an te karakterize pa yon jesyon vyolan ak afliktif: gwo taks yo te enpoze sou pèp yo sibi ak nan menm tan an piye teritwa yo, pòv yo. [50] Dominasyon an Scythian te koupe pa envazyon an nan moun lavil Babilòn yo , ini ak lame yo nan med yo. Apre defèt la, Scythians yo pati nor, nan yon direksyon ki nan Ris-Ukrainian ali yo . [46] Dapre Herodotus, Med yo bat Scythians yo pa envite yo nan yon gwo kantite nan yon resepsyon rich, jiskaske yo te bwè; yon fwa entoksike, yo touye anpil nan li. [50] Aprè la fen a dominasyon an sou Med yo, yon pati nan popilasyon yo Scythian vide nan teritwa yo ant lanmè a kaspyèn ak lanmè a Aral, rantre nan Dahai a ; lòt moun te rive osi lwen ke peyi Zend , toujou gen lòt ki te rete nan Ameni . [51]

Lè yo retounen soti nan Medya, Scythians yo te jwenn tèt yo gen fè fas a yon revòlt ki te dirije pa pwòp fanm yo ini ak esklav yo. Timoun ki fèt nan sendika sa a te nwayo a difisil ki te opoze retounen nan Scythia nan branch fanmi yo Scythian; premye yo fouye yon fose defansiv soti nan Crimea nan lanmè a nan Azov ak Lè sa a aliyen yo pou batay. Lagè ki genyen ant esklav rebèl yo ak Scythians yo, sepandan, te gen yon rezilta ensèten jiskaske lèt la, dapre Herodotus, olye pou yo pran zam unsheathed fwèt yo, konvenk lènmi yo ke yo pa te egal yo, men ke wòl yo te pito yo dwe esklav yo. [52]

Pèsik envazyon nan Scythia

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: lagè Pèsik .

Kèk ane apre yo te fonde Persepolis ( 520 BC ), Scythians yo te soufri envazyon an nan Darius I nan peyi Pès la , [53] ki li te fèt nan kontinite ak pwogram politik la nan Cyrus Great a , se sa ki reyinifikasyon nan tout nan yon sèl Peyi Wa. pèp iranyen yo. [54]

Envazyon an nan Darius mwen pouse Scythians yo ranmase ansanm ak reprezantan yo nan pèp yo vwazen yo dakò sou yon estrateji defansiv komen. [55] Reklame ke envazyon an Pèsik pa t 'anpil bi pou yo pini ak sibi Scythians yo, men ke li te pito yon envazyon gwo-echèl, jan yo pwouve sa nan soumisyon nan Thracians yo ak Getae, Scythians yo mande vwazen yo fè devan kont twoup yo nan Darius I. Geloni a , poudin yo ak Sarmatian ouvètman bò ak Scythians yo pandan y ap agathyrsi , Neuri yo , Androfagi yo , Melancleni yo ak Tauri , reprimand Scythians yo te lakòz yo envazyon an Pèsik yo, yo yo te refize ofri èd yo , pito rete net. [56]
Scythians yo Lè sa a, deside divize lame a an de gwoup, pa janm goumen nan jaden an louvri, men yo adopte frape-ak-kouri estrateji, boule rekòt la ak retrè pi plis ak plis andedan. Retrè pwogresis la ta premye a travèse teritwa pèp yo ki pa t 'vle mete fòs ak yo, konsa tankou pou enplike yo malgre tèt yo nan konfli a. Aprè yo fin fè cha lagè yo ak fanm yo ak timoun yo retire, Scythians yo te sezi avant-Garde Pèsik la tou pre Istro a , epi, apre plan yo te dakò, yo te retrè nan lwès la, travèse premye Peyi Wa ki nan Sauromati a ak Lè sa a, ki nan Puddings yo; rive nan dezè a ki sitiye pi lwen pase teritwa a nan Puddings yo, Scythians yo te retire kò yo nan nò a, retounen nan Scythia, pandan y ap Darius moute kan bò larivyè Lefrat la Oaro, kote li te bati uit fò. Men, depi Scythians yo pa t 'tounen, li abandone konstriksyon an nan gwo fò yo ak deplase lwès, panse ke sa a te direksyon yo te pran. Retounen nan Scythia, Darius jwenn tèt li fè fas a de kontenjan yo Scythian ini nan yon lame sèl ak ki ankò, olye pou yo goumen, retrete. Se konsa, lame a Pèsik janbe lòt teritwa yo nan Melancleni yo, Androphages yo ak Neuri la. Anvan yo te rive menm nan peyi wa Agatiars yo, yo te resevwa yon anbasad nan men yo ki te bay lòd pou yo pa travèse teritwa yo, sinon yo ta atake yo. Se poutèt sa retrè a Scythian kontinye nan Scythia. Se konsa, Dariyis, bouke kouri dèyè yo, voye yon kavalye bay wa Idantirso, envite l 'sispann kouri, chwazi swa fè fas a lame a Pèsik oswa soumèt. Wa Scythians yo reponn ke li pa rekonèt otorite Dariyis e ke yo retire paske, yo te nomad, yo pa te gen okenn vil pou defann e pou ki li te nesesè pou goumen; sepandan, si Pès yo te reyèlman vle goumen, yo ta ka eseye vyole tonm wa yo. Lè sa a, wi ke Scythians yo ta gen san pèdi tan goumen. Scythians yo te deside atake Pès yo chak fwa yo te eseye jwenn pwovizyon epi kavalye Scythian yo te toujou gen pi bon nan Pès la, ki te pran refij dèyè enfantri a; Scythians yo, sepandan, regilyèman evite angaje yo nan yon konfwontasyon dirèk ak enfantri Pèsik la. Prezans bourik nan kan Pèsik yo te deranje chwal Scythians yo kòm pa te gen okenn bourik nan Scythia, an pati favorize Pès yo. Yo nan lòd yo kenbe Pès yo nan Scythia pi long ak mete lespri yo deyò, Scythians yo pafwa kite yo pran yon pati nan bèt yo, se konsa yo pa dwe konplètman dekouraje pa atak yo konstan Scythian. Sa a te mete Dariyis ki te resevwa yon anons Scythian ki te ba l 'kòm yon kado yon zwazo, yon sourit, yon krapo ak senk flèch; kesyone sou siyifikasyon an nan kado yo, anons la reponn ke li pa te gen okenn lòt lòd pase remèt yo e ke yo, si yo te gen bon konprann, yo ta konprann siyifikasyon yo pou kont yo. Dariyis te kwè ke li te yon siy rann tèt e ke Scythians yo te ba l 'yon kado nan peyi yo ak dlo yo. Lòt fason alantou Gobria [ klè ] - yon saj swiv wa a Pèsik - te bay yon diferan - ak egzak - entèpretasyon nan avètisman an Scythian:

( GRC )

"Ἢν μὴ ὄρνιθες γενόμενοι ἀναπτῆσθε ἐς τὸν οὐρανον, ὦ Πέρσαι, ἣ μύες γενόμενοι κατὰ τῆς γῆς καταδύητε ἢ βάτραχοι γενόμενοι ἑς τὰς λίμνας ἐσπηδήσητε , οὐκ ἀπονοστήσετε ὀπίσω ὐπὸ τῶνδε τῶν τοξευμάτων βαλλόμενοι. "

( IT )

"Si, ou te vin zwazo, ou pa pral vole nan syèl la, O Pès, oswa, li te gen vin sourit, ou pa pral antre anba tè, oswa, li te gen vin krapo, ou pa pral kwasans nan marekaj yo, ou pa pral retounen tounen, flèch sa yo frape yo. "

( Herodot, Istwa , IV, 132.3. )

Lè Dariyis te wè ke lame Scythian, pare pou lagè, te kraze ranje kouri dèyè yon lapen jis anvan batay la te kòmanse, li reyalize ke li te enposib pou Pès yo soumèt yon pèp ki pa montre okenn apresyasyon pou yo e ke pafwa li rete konplètman enkonpreyansib. Nan denmen, sou konsèy Gobria, Dario abandone tout bourik yo ak sòlda ki pi bat nan kan an, bat yon retrè ak lame prensipal la. Scythians yo te mete deyò nan pouswit moun peyi Pès yo, men, apre wout diferan, yo te premye a rive nan Istro, kote Ionians yo , alye nan lèt la, veye pasaj la, ki fòme ak yon pon nan bato. Scythians yo te eseye konvenk Ionians yo pa sipòte Darius ankò ak abandone l ', konsa anpeche l' soti nan chape, men Ionians yo, san yo pa ase klè ak Scythians yo, pa t 'trayi Darius. Se konsa, Scythians yo te eseye entèsepte lame Pèsik la, sepandan sa a te eseye swiv chemen an te fè lè yo rive nan Scythia pandan ke Scythians yo, li te gen detwi tout tè fètil sou chemen anvan an, imajine ke Pès yo pa ta te vwayaje menm wout la. Se konsa, de lame yo pa t 'rankontre ak Darius jere yo bat nan Thracian Chersonese . [57]

An rezime, konfli ki genyen ant Pès yo ak Scythians yo te pran plas esansyèlman dapre règleman yo dikte nan lèt la, ki pa janm sede nan volonte a nan Pès yo fè fas a lènmi an nan yon batay anplasman, men komèt kontinyèl frape ak kouri batay, izole , retrè pi plis ak plis nan direksyon pou rejyon yo andedan nan stepik yo ak mete rekòt yo sou dife kòm apwòch sezon fredi. Envazyon Pèsik la echwe ak Dariyis I te fòse yo fè bak. [58]

N bès

Reyaksyon an nan Scythians yo nan envazyon an Pèsik te atak la sou Abydos . An menm tan an, chèf Scythians yo Aristagoros te eseye fòje yon alyans ak Spartan Cleomenes I a , pou sere boulon Pès yo nan yon vis: moun Lagrès yo ta pase nan Efèz pandan ke Scythians yo soti nan koloni Faz . Sepandan, Dariyis te mete Abydos sou dife e konsa vil Sparta pa te patisipe nan konfli a. [59] Pita, alantou an menm tan ( 495 BC ) Scythians yo te ranvèse Thrace epi yo te kondwi Miltiades soti nan Chersonese, ak Lè sa a, retrè nan teritwa lakay yo. [60]
Avèk avenman Sarmatians yo tou pre fwontyè yo nan Scythia, nan 346 BC Scythians yo te fòse yo travèse Don an , Lè sa a, travèse Danube a , epi, gide pa wa Aertes, annex Dobruja la . Rive nan 334 BC jis pi lwen pase Balchik , anvayi Peyi Wa ki nan peyi Masedwan ; Se poutèt sa, twoup Filip Filip de Masedwàn yo te fè yo tounen , ki te tou touye wa a, fòse yo rann tèt yo. Men, objektif Scythians yo nan direksyon pou lwès la pa diminye ak nan 331 BC yo te soufri ankò vanjans Masedwan, fwa sa a te bay lòd pa Aleksann Legran an , ki gen twoup, ki te dirije pa Gouvènè a Thracian Zepirione, yo te sepandan venk. Apre sa, avanpòs Scythian pou peye taks yo te enstale nan Balkan yo , pandan y ap èstime nan Scythians yo tounen nan sid Larisi , menm jan yo te echwe pou pou jwenn sipò militè nan men Olbia efektivman kont Masedwanyen yo. [60]

Nan 110 BC , anba wa Scylurus, Scythians yo mete kapital yo nan Neapolis , nan Crimea a , frape pyès monnen nan Olbia. Malgre ke menm plis menase pa Sarmatians yo, yo anvayi Chersonese ankò, men yo te efektivman repouse pa Mithridates VI nan Pont . Lèt la, Lè sa a, patisipe nan konfli a ak lavil Wòm , yo te eseye alye tèt li ak Scythians yo, san yo pa sepandan tout tan resevwa sipò konstan ak efikas. [60]
An reyalite, mank de sipò pou Mithridates Eupator te sentòm kriz la grav nan ki Scythians yo te, kounye a sou yo dwe akable pa avans la nan Sarmatians yo ki, nan peryòd sa a, definitivman dezentegre Peyi Wa ki nan Scythia. Fen règ Scythian nan stepik yo nan sid Larisi se lajman akòz pi bon teknoloji militè yo nan Sarmatians yo, an patikilye etriye an fè, ki pèmèt yo òganize inite lou kavalye ki kapab fasilman kraze kavalye nan Scythians yo, san dout mwens kwirase. . Chire apa epi redwi a ti gwoup gaye toupatou nan Ewòp lès , Scythians yo te definitivman siye pa avenman Goths yo nan dezyèm syèk AD a [60]

Scythians yo tou mansyone pa mitograf: yo atake Peyi Wa ki nan Thrace, men Resus rejte yo. [61]

Sosyete

Scythians yo te klan prensipal la nan yon gwoup nomad rete soti nan syèk la BC BC nan sid Larisi ak Kuban la ' . Te gen tou ki gen rapò, menm si politikman endepandan, branch fanmi nan Altai ; kèk nan sa yo Penetration osi lwen ke distri a Yenissei. Gwoup sa a te Azyatik ak byen diferan de yon sèl reyèl Scythian, men li kontribye nan substra sosyo-kiltirèl nan Scythians yo, nan pwen ke yo te kapab konsidere de gwoup yo anpil tankou yon sèl. [62] Dapre moun Lagrès yo, Scythians yo te moun yo sèlman kiltive nan mitan moun ki rete enteryè a nan Pontus Eusine . Yo pa te gen ni lavil ni fòtifikasyon men yo te nomad, yo pa te gen okenn kay, men sèlman char ak yo tout te goumen sou chwal yo [7] .
Nan sezon fredi, Scythians yo te imigre nan Penensil Taman . [63] Scythians yo te poligam, ak madanm lan souvan eritye de papa an pitit. Lide a olye rasin nan kilti grèk ki matriarch te nan fòs nan mitan Scythians yo pa konfime pa prèv akeyolojik e se rezilta kwayans ke Peyi Wa ki nan Amazon yo te nan Scythia . [64] Pou mare tèt yo ak yon sèman, Scythians yo, nan adisyon a fè sèman nan fwaye wa a, tou itilize yo blese tèt yo ak yon pwenti oswa yon kouto , epi yo konbine kèk nan san an koule atè nan yon gwo tas diven ; Lè sa a, yo plonje nan gode a yon rach doub, kèk flèch, yon nepe ak yon frenn . Apre yo fin priye pou yon tan long, yo bwè sa ki nan gode a ansanm ak moun ki te sèvi kòm temwen. [65]

Pami Scythians wa yo te jeneralman transmèt pa pòsyon tè wòl chèf; Scythians yo ki gen rapò, nan lòt men an, jan yo sijere pa wo a pi wo pase mwayèn nan souveren yo (apeprè yon mèt ak katreven) [66] adopte yon sistèm ochwa, nan ki dominasyon fizik te yon egzijans trè enpòtan. [67]

Aspè fizik

Reprezantasyon kèk vanyan sòlda Scythian te fè dapre dekorasyon yo nan yon kalis elektwo yo te jwenn nan Kul-Oba.

Scythians yo te gen karakteristik europoid antwopolojik, gwo- fas mesokranya ak nen pwononse ak òbit ki ba, nan stock Nò Iranyen. [68] Chèf yo te jwenn nan Pazyryk te 1.80 wotè, fanm yo 1.68, sepandan Scythians yo apwopriye, jan sa montre nan travay yo nan atizay, yo te bouche ak bouche. Kran Ewopeyen-kalite yo te jwenn nan Pazyryk, Shibe, Tuekt, kurai ak Katanda sanble yo dakò ak reklamasyon Jettmar a ki ant 5yèm ak 6yèm syèk anvan Jezikri nan zòn nan te rete nan moun blond ki gen orijin Ewopeyen an. Nan Pazyryk divès kalite kran yo jwenn temwaye nan yon melanj remakab. Imaj yo nan Scythians sou vaz yo nan Kul-Oba, Chertomlyk ak Voronezh sanble ak peyizan yo nan pre-revolisyonè Larisi; [66] kanmenm, pa gen okenn lyen temwaye, sepandan, ant Scythians ak slav . [69]
Malgre ke ansyen sous reklamasyon ke povrete te rann Scythians yo san cheve, pita reprezantasyon, tankou sa yo ki nan Kul-Oba a, Chertomlyk, ak potri Voronezh di opoze an. Sepandan, nan Pazyryk rès yo jwenn temwaye nan koutim nan toupatou nan bab, eksepte pou chèf la ki, kote san yo pa yon bab, te itilize yon rad fo. [69]
Selon yon etid jenetik 2009 , Scythians yo te gen karakteristik fizik nan Ewòp lès : je ble oswa vèt, po ki jis ak cheve. [32]

Rad

Gason rad fèt nan tunik ki vle pèse anvlòp la triyangilè nan ranch yo, chire tankou chemiz anba jakèt oswa vests [70] . Sa yo tunik, aderan nan kò a ak tou bay ak yon kapo, tankou tout rad la Scythian, pa t 'limite mouvman yo twòp epi yo te pito fonksyonèl nan lavi nan aparèy la, tèlman yo ke yo te kopye pa kavalye Chinwa a alantou 300 BC [70] Hood yo te souvan rele "bouchon dwat" yo, yo pwoteje kou a ak tèt la soti nan van an epi yo te eleman nan karakteristik pa sèlman nan Scythians yo, men tou, nan Saci a ; erano un segno distintivo all'interno della comunità, tant'è che venivano decorati con cimieri zoomorfi o, come per il copricapo di un capotribù di Issyk , con frecce, piume e applicazioni in oro . I pantaloni erano larghi, di pelle, e si infilavano negli stivali, dal cuoio morbido e privi di tacco e suola rigida. Il gambale era corto tra gli Sciti più occidentali e lungo in quelli dei Monti Altaj . Spesso gli abiti venivano adornati con delle brattee, placche metalliche d'oro finemente decorate che venivano cucite sulla stoffa dei vestiti, ma potevano anche arricchire i sudari ei baldacchini funebri [71] .
Le vesti che indossano i guerrieri raffigurati nelle sculture del palazzo di Serse a Persepoli hanno invece un taglio a coda di rondine, come gli abiti scoperti non nei siti della cultura di Pazyryk , ma a Katanda . I ricami erano piuttosto ricchi e adornavano ogni elemento delle vesti. L'abbigliamento femminile era anche più ricco e decorato di quello maschile. A ulteriore conferma dell'omogeneità dell'abbigliamento vi sono le raffigurazioni del vasellame di Pazyryk, che rappresentano uomini Sciti con abiti simili a quelli degli indigeni raffigurati sui reperti rinvenuti nei siti della steppa occidentale. [70]
I capi di pelliccia erano molto diffusi nell'area di Pazyryk. Le pelli di cavallo, di pecora e di capra erano d'uso comune mentre per gli abiti più ricercati si utilizzavano pelli di leopardo , di puzzola , di gatto selvatico, di scoiattolo , di zibellino e di ermellino . [72]

Oggetti d'uso quotidiano

Gli oggetti d'uso comune erano dei più vari: caldaie di bronzo per cucinare la carne, poco decorate ma di fattura massiccia; vasi sacri alla Grande Dea, d'oro e d'argento finemente decorati; brocche da kumys (nella cultura di Pazyryk, prevalentemente di ceramica); lampade erano ricavate da pietre rettangolari incavate [73] . Gli specchi erano un elemento d'uso comune, di produzione autoctona come d'importazione greca, e le famiglie più ricche ne possedevano uno per ciascun membro del nucleo familiare [74] . I tavoli erano bassi, molto lavorati, di forma rotonda od ovale, con gambe in foggia di zampa d'animale oppure tornite, bordi inclinati e il piano leggermente incavato, potendo così fungere anche da vassoi. Tra gli utensili, si sono ritrovate vanghe di legno e picconi d'osso e di legno [75] .

Contaminazioni culturali

Gli Sciti non apprezzavano che i loro costumi venissero contaminati da influenze straniere, in particolar modo se greche. Erodoto riferisce due aneddoti paradigmatici: il primo riguarda uno scita, Anacarsi , che, dopo aver viaggiato attraverso numerosi paesi, tornato in Scizia fu ucciso perché, contaminato dai costumi greci, era intento a venerare Cibele. [76] Il secondo è invece la storia del re Scile che, figlio di una colona di Histria , era così contaminato dalla cultura greca da vivere un mese da scita e un mese da greco, assieme ai coloni di Boristene, sposando addirittura una donna del posto; [77] iniziato infine ai culti di Dioniso , fu scovato dai capi delle tribù scite mentre era colto da un deliro bacchico e per questo destituito e giustiziato. [78]

Organizzazione militare degli sciti

Cavaliere scita con armatura lamellare , arco composito e sagaris - ricostruzione.
Cavaliere scita della Cultura di Pazyryk , reperto in feltro)
Rappresentazione di cavalieri sciti in combattimento ( Viktor Michajlovič Vasnecov - 1881)
Un acinace , tipico pugnale scita ( VII - VIII secolo aC )

Erodoto ci fornisce la quasi totalità delle informazioni oggi in nostro possesso circa l'organizzazione militare degli Sciti [79] .
Si trattava di una popolazione le cui forze armata erano composte pressoché unicamente da arcieri a cavallo [7] .
Erodoto riferisce molte truculente usanze degli Sciti legate alla guerra . Come iniziazione militare, ogni scita doveva bere il sangue del primo nemico mai ucciso. La pelle delle mani dei nemici veniva impiegata come coperchio per le faretre, mentre altri scuoiavano il nemico e ne issavano la pelle a mo' di vessillo di guerra; ma i loro vessilli da guerra più caratteristici, come racconta il Suida (X sec.), erano di forma tubolare, dipinti in modo da ricordare i serpenti e, quando essi correvano a cavallo tenendoli su aste di mediocre lunghezza, tali tubi, attraversati con forza e gonfiati dall'aria che incontravano, emettevano una sorta di sibilo che appunto ricordava quello dei serpenti. [80]

Gli Sciti furono tra gli indoeuropei maggiormente noti quali cacciatori di teste : alla fine di ogni battaglia, ciascun guerriero doveva portare al proprio re almeno una testa nemica, così da guadagnarsi il diritto di partecipare alla spartizione del bottino di guerra; abitualmente praticavano lo scalpo ai nemici poiché possederne un gran numero equivaleva a essere un guerriero di grande abilità, tant'è che gli scalpi venivano appesi alle redini dei cavalli oppure cuciti assieme per farne dei mantelli; spesso i teschi dei nemici più valorosi venivano conservati e segati sotto le sopracciglia per farne delle coppe foderate di pelle di bue dagli Sciti più poveri o d'oro dai più ricchi (un uso analogo veniva praticato nei riguardi dei crani dei familiari vinti in una lite davanti al sovrano; questa consuetudine era così indicativa all'interno del nucleo sociale, che i teschi raccolti venivano mostrati agli ospiti più importanti).

Presso gli Sciti l'importanza dell'abilità in guerra era così sentita che, una volta l'anno, gli Sciti che avevano ucciso qualche nemico venivano invitati a bere da un cratere colmo di vino diluito, preparato personalmente dal capo del proprio distretto; i più valorosi potevano bere con due coppe contemporaneamente. Al contrario, coloro che in battaglia non si erano fatti valere venivano considerati con disprezzo, messi in disparte e gli veniva proibito di partecipare ai festeggiamenti.

Finimenti

Le cavalcature scite venivano bardate con rivestimenti di feltro o in corteccia di betulla intagliata; alle briglie venivano fissati gli scalpi dei nemici ei musi venivano spesso agghindati con riproduzioni di becchi d'uccello o maschere di drago, con la funzione di trasmettere all'animale le qualità specifiche dell'essere rappresentato. [81] Il morso si costituiva di due pezzi ed era non troppo diverso da quello moderno. Analogamente a quella in uso presso gli Assiri , si utilizzava la briglia "a cavezza", composta da pezzi nasali, da guancia, da fronte e orecchiere, fissati da una fibbia sulla sinistra del muso del cavallo. I vari pezzi delle briglie venivano tutti decorati in oro o piombo; le fibbie erano di osso, i morsi di bronzo, di piombo o di ferro lavorato. Cinghie di cuoio fungevano da staffe. Le selle erano fatte da due cuscini di feltro di 50–60 cm di lunghezza e imbottiti di peli di feltro; nei reperti più tardi, i due cuscini erano intelaiati assieme. I cuscini montavano su due strisce di feltro ed erano uniti a un sottopancia, un pettorale ea una cinghia da coda attraverso delle cinghie posizionate alle rispettive estremità. Sotto le selle venivano collocati dei panni lunghi 160–180 cm, di feltro così come di seta importata, decorati sia con figure geometriche, sia antropomorfe, sia animali. Decorazioni animali (soprattutto cervi ) o rappresentazioni di bestie fantastiche affollavano sia il cuoio delle selle e dei finimenti, sia i cuscini, spesso ricoperti di motivi intricati e in rilievo. [82]

Armi e armature

I foderi delle spade erano ricoperti di lamine d'oro e intarsiati d' avorio ; gli astucci dei pugnali erano a forma di cuore, secondo il gusto persiano. Le armature erano del tipo " lamellare , costituite cioè da scaglie metalliche e placche ornamentali, il tutto montato su un rivestimento in feltro rosso. Gli elmi venivano realizzati con una tecnica analoga a quella usata per le corazze. Gli scudi erano in genere rotondi e non troppo grandi. A Pazyryk erano di forma diversa, rettangolari e con la base tonda. Lance e giavellotti non erano troppo diffusi. [83] L' arco scita era del tipo composito a doppia curvatura, in corno, incordato con tendini animali e si tirava sul fianco sinistro, alla maniera dei Parti , così come la faretra (denominata gorytos ) era fissata allo stesso fianco sinistro; le frecce avevano la punta trilobata, in pietra, osso, bronzo o ferro a seconda del periodo storico. [84] Le spade misuravano sino agli 85 cm. I pugnali erano a doppio taglio, del tipo " acinace " in uso presso i Persiani. Erano largamente impiegate per il combattimento a cavallo armi d'arcione ( scuri e picchi/punteruoli) identificati dagli storici greci con il nome di " sagaris ".
L'influenza ellenica portò gli sciti ad adottare scudi ed elmi d'importazione greca. [85]

Religione

La religione degli Sciti aveva alcuni elementi in comune con quella dei Persiani , quali il culto del fuoco, il culto di Mitra , lo sciamanesimo , l'uso di bevande inebrianti durante i riti, il sacrificio di cavalli, il giuramento presso il focolare del sovrano, [86] l'assenza di raffigurazioni statuarie degli dei. [87] Tamara Rice afferma che, presso gli Sciti, fosse diffuso il culto della Grande Dea , già adorata nella Russia meridionale prima dell'avvento degli Sciti, raffigurata in numerosi reperti rinvenuti nei corredi funebri talvolta con il corpo metà umano e metà di serpente , spesso circondata dai suoi animali sacri, il cane e il corvo , [88] con uno scettro o uno stendardo, figurava quale protettrice del capotribù e nume tutelare dei giuramenti, oppure al centro di un rituale di iniziazione. [89] È stato ipotizzato che le principesse e le spose dei sovrani sciti fossero inoltre le sacerdotesse della Grande Dea e che, in occasione dei riti, indossassero abiti particolari, gli stessi che le avrebbero accompagnate nell'oltretomba. Non vi sono tuttavia sufficienti evidenze archeologiche a suffragare tale ipotesi. [90]

Si ritiene che le numerose raffigurazioni di cervi siano legate all'idea che l'anima del defunto fosse condotta nell' aldilà proprio da questi animali. Più in generale, le continue rappresentazioni di animali attengono a una funzione totemica delle singole bestie, le quali simboleggiavano virtù specifiche di cui ci si voleva appropriare attraverso la raffigurazione. [91]

Gli dei venerati dagli Sciti erano Estia ( Tabitì ), Zeus ( Papeo ), la Terra - che, secondo la mitologia scita, sarebbe la consorte di Zeus -, Apollo ( Etosiro ), Afrodite Urania ( Arimeasa ). Inoltre, gli Sciti reali adoravano anche Poseidone ( Tagimasada ), Eracle e Ares . Eccezion fatta per Ares, gli Sciti non erigono né templi né altari, né statue. [92]

I sacrifici

Erodoto riferisce nel dettaglio come avvenivano i sacrifici: chi sacrificava, posto dietro l'animale, tirava una fune che ne legava le zampe anteriori così da farla cadere e, contemporaneamente, invocava la divinità; poi, cingeva il collo della bestia con un cappio e, inserito nel cappio un piccolo pezzo di legno, lo girava, strangolando l'animale. A questo punto la vittima sacrificale veniva scuoiata e cucinata. La cottura veniva effettuata dopo aver separato la carne dalle ossa che, poiché gli Sciti erano poveri di legname, venivano utilizzate come combustibile all'interno di lebeti , oppure nel ventre stesso dell'animale sacrificale. Le primizie cotte dopo il sacrificio venivano scagliate davanti a sé da chi sacrificava. Le vittime sacrificali preferite erano i cavalli. Un sacrificio particolare veniva effettuato in onore di Ares. Con delle fascine venivano eretti altari larghi tre stadi e sormontati da piattaforme quadrangolari accessibili solo da un lato. Su ciascun cumulo veniva piantata un'antica spada e si posizionava l'effigie del dio. Alla spada venivano abitualmente sacrificati animali e, ogni cento prigionieri di guerra, uno veniva immolato. Secondo Erodoto, prima si cospargeva di vino il capo della vittima umana, quindi era sgozzata raccogliendone il sangue, che poi veniva versato sulla spada dell'altare. Alla base di quest'ultimo venivano recise alla vittima la spalla e il braccio destro, che infine venivano lanciati in aria. [93]

Il culto dell'oro

Corona reale, Tillia Tepe .
Parte del tesoro di Kul-Olba .

Un ruolo preponderante, nella religione degli Sciti, era svolto dall'oro, insediatosi nella cultura scita dopo la lunga permanenza in Medio Oriente. Esso è ben testimoniato da un mito fondativo scita riferito da Erodoto; grazie agli oggetti aurei, infatti, Colassai divenne il re-sacerdote della Scizia. L'oro veniva perciò considerato il tramite tra la dimensione umana e quella divina, elemento fondativo della società scita. [94] Sempre secondo il mito originario scita, Colassai istituì tre regni per i suoi figli e il più vasto fu conferito a colui che aveva l'onere di custodire l'oro sacro. Anche per questo il re era considerato il custode dell'oro sacro, in onore del quale annualmente venivano celebrati particolari sacrifici propiziatori. Chi, durante tali feste, custodiva l'oro sacro beneficiava di particolari privilegi in quanto il compito era considerato piuttosto gravoso; infatti, gli Sciti ritenevano che chi si fosse addormentato mentre custodiva l'oro sacro sarebbe morto entro la fine dell'anno. Pertanto, chi doveva custodirlo riceveva in dono una porzione di terreno pari a quanto sarebbe riuscito a girarne a cavallo nell'arco di una giornata. [25]
Secondo gli Sciti, l'oro veniva custodito dai grifoni, che vivevano nel profondo nord. [95]

I vaticini

Gli indovini sciti utilizzavano verghe di salice per effettuare i propri vaticini. Durante il rito, le fascine deposte a terra venivano sciolte e si deponeva una verga alla volta, mentre la profezia veniva pronunciata. Quindi, una volta raccolte tutte le verghe, ricominciavano daccapo. Un rituale analogo, effettuato però con la corteccia di tiglio , veniva compiuto dagli indovini androgini sciti, gli Enarei. [96]

Quando il re era gravemente ammalato, mandava a chiamare i tre indovini più importanti del paese che, generalmente, affermavano che la causa delle sue sventure fosse lo spergiuro di qualche suddito presso il focolare reale. Catturato lo spergiuro, veniva condotto presso gli indovini, che ne confermavano la colpevolezza; se questi negava, venivano allora convocati altri sei indovini che, se a loro volta lo dichiaravano colpevole, ne determinavano la decapitazione . Se invece gli indovini chiamati rovesciavano le accuse, si chiamavano altri indovini finché, a maggioranza, non si giungeva a una conclusione. Se infine il reo veniva scagionato, i primi indovini che lo avevano accusato venivano messi a morte. [86]

Il culto dei morti

I corpi dei sovrani venivano ricoperti di cera , l'intero ventre ripulito e riempito di cipero triturato, aromi, semi di apio e di aneto , quindi ricucito. Le loro tombe si trovavano al margine estremo del regno, presso i Gerri . Il corpo veniva posizionato su un letto di foglie e ai lati della salma si realizzavano due filari di lance, su cui veniva collocata una serie di assi coperte da una stuoia. Nella camera funeraria si collocavano, dopo averli strangolati, una concubina, un cuoco, uno scudiero, un servo, un messaggero e dei cavalli, oltre a un ricco corredo funerario, principalmente d'oro. Il rituale culminava con l'erezione di un alto cumulo di pietra. Le fosse erano quadrate e, una volta scavate, i cadaveri venivano trasportati presso un altro popolo. Chi riceveva il cadavere si tagliava un pezzo d'orecchio, si radeva i capelli, si incideva le braccia, si graffiava la fronte e il naso e si conficcava frecce nella mano sinistra. Quindi, seguito da quanti avevano ricevuto per primi il corpo del sovrano, il cadavere veniva trasportato presso un altro popolo, finché la salma non aveva visitato tutti i popoli sottomessi dagli Sciti. I cortei funebri erano capitanati da dei portatori d'aste sormontate da maschere di uccelli o altre fiere in bronzo o ferro, seguiti dai suonatori di sonagli e campanacci, atti a scacciare gli spiriti maligni. Il carro funebre del capotribù, guidato da due, quattro o sei cavalli veniva subito dopo, sormontato da un baldacchino con a ogni angolo campanelli e una figura di animale in bronzo, araldicamente distintive del sovrano. Dietro il carro procedevano coloro che sarebbero stati immolati e infine il resto della tribù. L'anno seguente, cinquanta cavalli e cinquanta tra i migliori servi del sovrano venivano sacrificati; i loro corpi, svuotati delle interiora e riempiti di paglia, venivano poi ricomposti così da formare una schiera di cavalieri che veniva collocata tutt'intorno al tumulo del re. [97]
Il rito di sepoltura scita per i sovrani somigliava dunque molto a uno analogo che si svolgeva in Cina sotto gli imperatori Han [98] .
I cadaveri degli Sciti comuni, invece, venivano portati presso gli amici più cari dai propri congiunti; ogni amico offriva il loro onore un banchetto e anche al morto si tributava una parte del desco. Il rito andava avanti così per quaranta giorni, finché non si seppellivano. Al termine delle celebrazioni funebri, gli Sciti espiavano ungendosi il capo e lavandosi. [99]

Economia

Dopo aver mosso verso ovest dal Caucaso e dall' Altaj , gli Sciti si evolvettero secondo un'economia mista, con una parte della popolazione che dismise gli abiti nomadi per stabilirsi nelle valli più fertili e dedicarsi all'agricoltura. [42]

Commerci

Gli Sciti intrattenevano relazioni commerciali con i popoli del Bosforo cimmero. [100] I porti commerciali degli Sciti sul Mar Nero rifornivano costantemente la Grecia del grano coltivato nella Russia meridionale, oltre a rifornirli di storione, sale, tonno, miele, carne, latte, pellami e schiavi, mentre importavano dalla Grecia vasellame, oggetti di metallo e gioielli. [101] Importavano tappeti dalla Persia , tessuti fini e seta dalla Cina , [102] vasellame e oggetti d'arte dalla Grecia . [103] Secondo Erodoto, una parte del popolo scita era divenuta sostanzialmente sedentaria e, nelle regioni a ridosso del Mar Nero , era dedita all'agricoltura; gli Sciti agricoltori coltivavano per il proprio sostentamento, mentre gli Sciti "aratori" allo scopo di commerciare quanto coltivato. [38]

Allevamento

Gli Sciti non allevavano maiali né ne facevano uso alcuno. [104] Il cavallo era un elemento fondamentale della cultura e della società degli Sciti. Fulcro dell'attività nomade e di quella guerriera, oltre a essere concepito come compagno anche nell'oltretomba, esso era inoltre fonte di nutrimento, oltre a fornire il latte da cui gli Sciti ricavavano una bevanda particolare, il kumys . [81] Il latte di cavallo era la loro bevanda principale e veniva estratto dagli schiavi - appositamente accecati - i quali inserivano tubicini d'osso nei genitali delle giumente attraverso cui soffiavano, così da poterle mungere meglio. Il latte raccolto veniva poi scremato: quello che si addensava più in superficie era considerato di qualità migliore. [105]

Le cavalcature scite venivano bardate con rivestimenti di feltro o in corteccia di betulla intagliata; alle briglie venivano fissati gli scalpi dei nemici ei musi venivano spesso agghindati con riproduzioni di becchi d'uccello o maschere di drago, con la funzione di trasmettere all'animale le qualità specifiche dell'essere rappresentato. [81] Tutti i cavalli presentavano le orecchie marchiate e quelli da monta venivano espressamente castrati . [106] Come testimoniato da un ricco vaso da kumys in lega d' oro e d' argento del IV secolo aC proveniente da Chertomly , [107] i cavalli da tiro avevano la criniera incolta, mentre quelli da guerra l'avevano tagliata, affinché non ostacolassero la mira nel tiro con l'arco. Le code dei cavalli venivano o intrecciate, oppure annodate a metà della loro lunghezza. [108]

Lingua

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingue scitiche .

Linguisticamente gli Sciti appartenevano al ceppo indoiranico ; [109] la scarsità di testimonianze non consente una classificazione più precisa della loro lingua, anche se generalmente lo scitico viene ricondotto alla famiglia iranica poiché a questa appartengono le lingue indoiraniche attestate presenti nell'area corrispondente all'antica Scizia , e in particolare l' osseto . Per le stesse ragioni, tuttavia, la filiazione dell'osseto dallo scitico (o dal sarmatico) non è comprovata da fonti documentali, ma solo inferita per ragioni storiche. [110]

Cultura

Arte

Un cervo volante, raffigurato secondo i classici stilemi dell'arte scita - VII - VI secolo aC

L'origine remota della stilizzazione dell'arte delle steppe è rintracciabile, molto probabilmente, nella cultura di Karasuk , databile fra il XIV secolo aC e il VII secolo aC Sono riconoscibili tre correnti stilistiche, raggruppate per aree storico-geografiche: la Scizia , l' Altai e l' Ordos . Tale produzione è da sempre collegata alle popolazioni nomadi dell' Asia Centrale , anche se non mancano esempi attribuibili a tribù sedentarizzate, in tutto o in parte (Tagar, ad esempio). [111]

L'arte, per gli Sciti, era realista e sinuosa. [112] Più che elaborare una vera e propria arte, realizzarono uno stile. [113] Un'arte popolare, priva di opere monumentali ma capace di collegare la Ucraina slava al mondo antico, influenzando la crescita delle successive arti europee. [114] L'arte degli Sciti si esprimeva principalmente in minuziose decorazioni di qualsiasi oggetto, anche di quelli d'uso più comune, con forme chiare e armoniche. [115]
Seppure differenziata da qualche localismo determinato dalle diverse posizioni geografiche - che permettono di distinguere gli Sciti dell'area attorno al Mar Nero rispetto a quelli orientali - l'arte scitica è sostanzialmente unitaria nei temi e nelle forme. Così, influenze cinesi contaminarono maggiormente quelli situati a ridosso dell' Altaj , mentre Persiani e Greci dettero un impulso specifico sugli Sciti delle steppe occidentali, senza mai sfaldare l'unitarietà della cultura scita. [116] La permanenza secolare degli Sciti in Medio Oriente ne influenzò notevolmente l'arte che, contaminata dal gusto orientale, accomunò alla tipica impronta artistica nomade, fatta d'oggetti in osso, legno e corno, un largo uso di ricercati oggetti in oro, in cui spiccano mescolati elementi assiri, urartei, medi, babilonesi e protoiranici. Gli elementi caratteristici della produzione artistica degli Sciti sono prevalentemente soggetti animali, in particolare raffigurazioni che vanno dal dall'animale contorsionista , alle scene di caccia, a violenti scontri tra bestie reali o immaginarie, composte da parti di differenti animali, al cosiddetto " galoppo volante". [117] Quest'ultimo era la rappresentazione della figura distesa, di profilo, dell'animale in movimento, l'apice della sintesi artistica scita, che cercava con una sola immagine di raffigurare diversi movimenti dell'animale. [118] [119]

Non di rado le scene di movimento raffigurano continui scontri tra le più diverse tipologie di bestie - soprattutto nella regione dell' Altaj - [120] talvolta con una predilezione, da parte dell'artista, per il predatore che ha la meglio sulla preda. Pietro Citati riferisce che i continui mescolamenti di animali, spesso anche in un solo essere fantastico, sottendano a una filosofia della metamorfosi propria della cultura scita. [121] L'elaborazione di bestie immaginarie mediante la combinazione di più elementi animali testimonia, più che un timore del vuoto, l'intuizione della diversità e versatilità della natura, secondo un gusto forse di derivazione hittita , [122] sebbene le raffigurazioni animali avessero già avuto un proprio sviluppo nel Caucaso ancor prima che apparissero gli Sciti o si formasse un'unità artistico-culturale con l' Armenia , l' Anatolia , la Mesopotamia settentrionale e parte della Persia . [123]

Tra i motivi singoli più caratteristici dell'arte degli Sciti c'è senz'altro il cervo , antico elemento d'adorazione dei popoli siberiani ma probabilmente del tutto privo di significati religiosi tra gli Sciti, sebbene è possibile che fosse ritenuto l'animale che conduceva le anime dei morti nell'oltretomba - come testimonierebbero le maschere cornute per cavallo ritrovate nelle tombe di Pazyryk. [124] Viceversa, il cavallo non era tra gli animali più rappresentati, nonostante fosse un elemento fondamentale nella vita quotidiana scita. [125]
Un altro elemento importante dell'arte scita furono le corna , che hanno rivestito una funzione simbolica e rituale in diversi popoli dell'età preistorica, soprattutto nell'area orientale della pianaura eurasiatica, conservando tra gli Sciti un significato non solo simbolico, ma anche pienamente inserito tra i motivi artistici classici delle loro opere. [126]

La tecnica dell' intarsio fu certamente appresa in Persia e veniva praticata diffusamente, cosa invece non dimostrata presso le tribù nomadi vicine. [127] Gli intagli in osso testimoniano più accuratamente lo stile scita rispetto agli oggetti in metallo prezioso. Le tecniche d'intaglio venivano riadattate a quelle di lavorazione del metallo. Talvolta, gli intagli lignei venivano ricoperti d'oro battuto o lamine di piombo. [128]

Scarsi e di poca importanza sono i rinvenimenti di vasellame . Era ritenuto di minor valore e costituiva infatti la gran parte del corredo funebre dei ceti più poveri. Il genere locale era grossolano, tinto con colori poco vividi, nero o grigio, in cui le coppe erano rare. Quello che appare nelle tombe più ricche è infatti sempre di importazione ionica o del Ponto . [129]
C'erano botteghe specializzate nella produzione di oggetti d'oro in serie, come dimostrato dal fatto che, nel tumulo di Tsarsky Kurgan vi fossero placche d'oro realizzate con i medesimi stampi usati a Chertomlyk, Ogùz, Shibe, mentre a Pazyryk modelli analoghi sono stati ritrovati solo in argento. [130]

Architettura (Kurgan)

Ricostruzione della sepoltura di una principessa nel complesso funebre di Tolstaja Mogila.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Kurgan scita e Tolstaja Mogila .

Tra i pochi edifici realizzati dagli Sciti si annoverano i kurgan , tumuli funerari al cui interno venivano inumati i corpi dei defunti assieme a ricchi corredi funerari. Il tumulo veniva eretto scavando una trincea inclinata, alla cui estremità più lontana si piantava un grosso palo. Con dei puntelli di legno si sostenevano i lati, quindi la trincea veniva mutata in corridoio erigendo un tetto conico; una tettoia si appoggiava al palo principale mentre ulteriori pertiche fungevano da colonne di sostegno. I rivestimenti interni, nelle tombe della Russia meridionale, erano di vimini , giunchi, corteccia di betulla , paglia o coperte, mentre a Pazyryk era di largo uso il feltro. Nel Kuban' gli interni erano sovente affrescati . [131] Nella camera principale spesso vi era una sorta di rivestimento di pietra e un soffitto di legno. La bara era talvolta sostituita da una cassa dipinta, oppure decorata d'oro. Le camere ulteriori servivano a ospitare i corpi della servitù . [132] Il sito di Tolstaja Mogila presenta tumuli alti tra i 9 ei 21 metri e circonferenza tra i 122 ei 370 metri. Le camere funebri erano profonde 13 metri sotto il livello del suolo, lunghe 4,5 e alte 2,15. [133] I tumuli del Pazyryk erano più elaborati, l'architettura più complessa, i pavimenti ricoperti di ghiaia ; le camere funebri dei tumuli più grandi raggiungevano i 41 m², chiuse da una doppia cinta di mura, esternamente di tronchi grezzi e internamente in pietra levigata. [134] Inoltre i corpi dei defunti venivano imbalsamati e solo parzialmente vestiti, con gli uomini senza i pantaloni. [135]
Gran parte delle tombe reali si trovano nella zona tra Gyumri e Nicopoli , anche se altre sono lungo il confine coi territori greci di Panticapeo . [132]

Tra il VII e il VI secolo aC , all'apice della prosperità della cultura scita, i capitribù e le loro mogli venivano sepolti con corredi di immenso sfarzo, i gioielli migliori, un grande corredo d'abiti per l'oltretomba, vasi sacri d'oro e d'argento, ritoni, tazze, anfore con olio e vino e caldaie di bronzo con scorte di carne per l'aldilà. [136] Nelle tombe reali, i defunti erano riccamente adornati di gioielli d'ogni genere: diademi d'oro, collane, cinture, bracciali, orecchini, monili, anelli, amuleti, bottoni, fibbie. Le placche d'oro erano un ornamento comune degli abiti degli Sciti soprattutto rotonde. [137]

Influenze nell'arte successiva

Molti elementi dello stile artistico degli Sciti sono stati mutuati, nel corso dei secoli, in altre culture, sia in Europa sia nell'Estremo Oriente, ancora in epoca tardo medievale [138] , permanendo nell'arte decorativa russa fino all'occidentalizzazione del Paese operata da Pietro I di Russia .
Lo stile scito-sarmatico che si consolidò nella Russia meridionale anche dopo la caduta del regno di Scizia contaminò, attraverso i continui scambi commerciali con il Baltico , anche parte dell'arte decorativa scandinava , senz'altro anche grazie alla mediazione dei Celti di Hallstatt e di La Tène , intermediari naturali tra le due popolazioni. Questi furono il popolo più largamente influenzato dallo stile scita, come testimoniato dalla profonda penetrazione culturale scita in Ungheria , suffragata da una vera e propria contiguità anche sociale. Tracce evidenti del retaggio artistico degli Sciti si individuano nelle rappresentazioni animali dell'arte slava , così come in quella della Britannia , in quest'ultimo caso mediate dai popoli germanici (fondamentale in tal senso il lascito stilistico in seno all'arte vichinga ). Analogamente, il motivo dell'uccello policromo, dal grande becco e dall'occhio rotondo, si ritrova nell'arte dei Franchi mutuata dal culto dei Goti per gli uccelli rapaci . Il motivo animale degli Sciti si ritrova inoltre in numerose placche metalliche dell' Ordos e dell' Hunan (dal IV al I secolo aC ), raggiungendo l'apice della contaminazione sotto la dinastia Han . Nell' Impero russo , le decorazioni con motivi d'uccello, sia su oggetti di ceramica/metallo sia di cucito, sopravvissero sino al XVIII secolo , mentre le facciate di alcune chiese russe tardo medioevali, come quelle del distretto di Vladimir-Suzdal ( XII - XIII secolo ), sono affollate di bestie curiose e latamente araldiche , con strette connessioni nel disegno legate allo stile scita.

Gli Sciti nella cultura moderna

Già nel XVIII secolo gli Sciti vengono menzionati in alcune opere letterarie. Voltaire , nel suo Il mondo come va ( 1748 ), racconta di come Babuc, uno scita, venga incaricato di visitare Persepoli dal genio Ituriel, affinché esamini il comportamento dei suoi abitanti e gli riferisca le sue impressioni, onde decidere se, a causa dei loro costumi corrotti, i persiani vadano puniti o se la loro città vada distrutta. Nel 1767 , il filosofo francese dedicò al popolo scita una tragedia , Gli Sciti . [139] Da questa tragedia, nel 1823 Andrea Leone Tottola ricavò il libretto per l'opera in due atti Gli sciti , di Saverio Mercadante , un rifacimento di Scipione in Cartagine . [140]

Il fiorire degli scavi di siti sciti favorì la nascita di un forte sentimento nazionale russo , capace di estendersi per un intero continente . [141]
La pubblicazione nel 1889 del testo Russkie drevnosti (Antichità russe), a cura di NP Kondakov e II Tolstoj riunì per la prima volta in un unico studio tutti i ritrovamenti di reperti sciti, dal Dnepr al Caucaso all' Asia centrale . La tesi di fondo della pubblicazione mirava a sostenere una parentela universale tra le popolazioni che occuparono la vastità delle steppe russe, ricongiungendo Europa e Asia , senza soluzione di continuità. Nei venti anni che seguirono si affermò nel mondo accademico russo l'idea che il paese fosse stato barbarizzato dai popoli asiatici, visti prima come una minaccia e poi come fieri conquistatori. Si sostituì all'immagine terribile dell'invasore mongolo l'ideale affascinante di un popolo barbarico giovane e slanciato verso la libertà, presto sovrapposto alla vecchia immagine dell'asiatico. Dopo il 1917 l'identità nazionale russa si associò a quella temibile degli asiatici. Nacque nel 1919 la rivista Skify (Gli Sciti), che in prima pagina cantava epicamente il sibilo della freccia e scorgeva nell'identità barbarica scita la nemesi dei valori borghesi . Con l'avvento della Rivoluzione russa , Aleksandr Aleksandrovič Blok ravvisò con ammirazione il trionfo del fiero barbaro scita dagli occhi a mandorla l'intero componimento poetico è pervaso da un forte sentimento antioccidentale, immaginando un ruolo di terzietà della nazione russa rispetto ai conflitti politici tra oriente e occidente [142] . Non mancarono però voci critiche: Osip Emil'eivč già nel 1914 intuiva che, dietro l'ostentazione della fierezza scita si nascondesse il crepuscolo della libertà. Nel 1917 , nel poema A Cassandra , metteva in guardia ancora una volta i russi dal pericolo delle fascinazioni scite. Il modello degli Sciti come archetipo dell'identità nazionale russa fu fecondo anche nelle arti: La sagra della primavera ( 1913 ) di Igor' Fëdorovič Stravinskij e Nikolaj Konstantinovič Roerich trae ispirazione dalla Russia pagana ; è del 1914 la Suite scita di Sergej Sergeevič Prokof'ev . Il pittore David Burljuk sosteneva l'importanza, per la Russia, di un'arte barbarica autoctona capace di ispirarne gli artisti, svolgendo un ruolo analogo a quello delle arti primitive per il Cubismo . Lo scrittore Boris Andreevič Pil'njak descrisse nel romanzo L'anno nudo ( 1922 ) una comune anarchica nei pressi di un kurgan . Il film Zvenigora ( 1928 ) del regista Aleksander Dovzenko raccontava invece il rinvenimento di un tesoro scita effettuato dagli artefici del Socialismo . Nel 2018 esce nei cinema il film The Scythian - I lupi di Ares , realizzato dal regista russo Rustam Mosafir e ambientato nel periodo di decadenza del popolo scita.

Note

Esplicative

  1. ^ Di Cosimo, Nicola, "The Northern Frontier in Pre-Imperial China (1,500 – 221 BC)", in: M. Loeuwe, EL Shaughnessy, eds, The Cambridge History of Ancient China: From the Origins of Civilization to 221BC , 1999, Cambridge University Press 1999, ISBN 9780521470308 , "Even though there were fundamental ways in which nomadic groups over such a vast territory differed, the terms “Scythian” and “Scythic” have been widely adopted to describe a special phase that followed the widespread diffusion of mounted nomadism, characterized by the presence of special weapons, horse gear, and animal art in the form of metal plaques. Archaeologists have used the term “Scythic continuum” in a broad cultural sense to indicate the early nomadic cultures of the Eurasian steppe. The term “Scythic” draws attention to the fact that there are elements – shapes of weapons, vessels, and ornaments, as well as lifestyle – common to both the eastern and the western ends of the Eurasian steppe region."

Bibliografiche

  1. ^ Sinor D (1990), The Cambridge History of Early Inner Asia , Cambridge, ISBN 978-0-521-24304-9 , p. 97.
  2. ^ Bonfante L (2011), The Scythians: Between Mobility, Tomb Architecture, and Early Urban Structures , in The Barbarians of Ancient Europe : Realities and Interactions , Cambridge University Press , ISBN 978-0-521-19404-4 , p. 110.
  3. ^ West BA (2009), Encyclopedia of the Peoples of Asia and Oceania , Infobase Publishing, ISBN 1-4381-1913-5 , pp. 713-717.
  4. ^ a b Template:Harvtxt
  5. ^ Watson, William , "The Chinese Contribution to Eastern Nomad Culture in the Pre-Han and Early Han Periods", World Archaeology , Vol. 4, No. 2, Nomads (Oct., 1972), pp. 139–149, Taylor & Francis, Ltd., JSTOR
  6. ^ Scythian , su global.britannica.com , Encyclopædia Britannica Online . URL consultato il 31 dicembre 2014 .
  7. ^ a b c Erodoto, op. cit. , IV, 46.
  8. ^ Scythians , in Encarta , Microsoft Corporation, 2008.
  9. ^ The Steppe , su global.britannica.com , Encyclopædia Britannica Online . URL consultato il 31 dicembre 2014 .
  10. ^ a b History of Central Asia , su global.britannica.com , Encyclopædia Britannica Online . URL consultato il 31 dicembre 2014 .
  11. ^ Beckwith , p. 117 "The Scythians, or Northern Iranians, who were culturally and ethnolinguistically a single group at the beginning of their expansion, had earlier controlled the entire steppe zone."
  12. ^ Beckwith , pp. 377–380 "... conquest of the entire steppe zone by the Northern Iranians—literally, by the "Scythians"-in the Late Bronze Age or Early Iron Age"
  13. ^ Template:Harvtxt
  14. ^ Beckwith , p. 11
  15. ^ Erodoto , Storie , IV, 6, 2.
  16. ^ Szemerényi , pp. 21-22 .
  17. ^ Erodoto , VII, 64 .
  18. ^ Facchini F [e] Belcastro MG, Aspetti antropologici in antiche popolazione delle steppe euroasiatiche , in Ori dei cavalieri delle steppe , p. 52.
  19. ^ a b Szemerényi , p. 16 .
  20. ^ Szemerényi , p. 12 .
  21. ^ Szemerényi, op. cit. , p. 11.
  22. ^ Szemerényi , p. 14 .
  23. ^ Szemerényi , p. 18 .
  24. ^ Szemerényi , pp. 45-46 .
  25. ^ a b Erodoto , IV, 7 .
  26. ^ Erodoto , VI, 1 .
  27. ^ Rice , p. 33 .
  28. ^ Dragan , p. 152 .
  29. ^ I.Clisson et al., Genetic analysis of human remains from a double inhumation in a frozen kurgan in Kazakhstan (Berel site, Early 3rd Century BC) in International Journal of Legal Medicine 116, pp. 304–308.
  30. ^ F.Ricaut et al., Genetic Analysis of a Scytho-Siberian Skeleton and Its Implications for Ancient Central Asian Migrations in Human Biology 76 (1), pp. 109–125.
  31. ^ F.Ricaut et al., Genetic Analysis and Ethnic Affinities From Two Scytho-Siberian Skeletons in American Journal of Physical Anthropology 123, pp. 351–360.
  32. ^ a b ( EN ) Ancient DNA provides new insights into the history of south Siberian Kurgan people , su link.springer.com , 6 gennaio 2013.
  33. ^ Citati , p. 312 .
  34. ^ Erodoto , IV, 101.1 .
  35. ^ a b Erodoto, op. cit. , IV, 100, 2.
  36. ^ Erodoto , IV, 99.4 .
  37. ^ Erodoto , IV, 99.1 .
  38. ^ a b Erodoto , IV, 17 .
  39. ^ Il Dragan sostiene che gli Sciti agricoltori di cui narra Erodoto fossero in realtà un popolo sottomesso dagli Sciti, dati loro costumi nomadi. Cfr. GCDragan, op. cit. , p. 153.
  40. ^ Erodoto , IV, 18-20 .
  41. ^ Erodoto , IV, 22 .
  42. ^ a b Rice , pp. 31-32 .
  43. ^ Erodoto , IV, 11 .
  44. ^ Erodoto , IV, 12 .
  45. ^ Erodoto , I, 103 .
  46. ^ a b Citati , pp. 313-314 .
  47. ^ Erodoto , IV, 1-2 .
  48. ^ Erodoto , I, 104 .
  49. ^ Erodoto , I, 105 .
  50. ^ a b Erodoto , I, 106 .
  51. ^ Rice , p. 38 .
  52. ^ Erodoto, op. cit. , IV, 1, 3-3-4.
  53. ^ Erodoto, op. cit. , IV, 1,1.
  54. ^ P. Citati, op. cit. , pp. 318-319.
  55. ^ Erodoto, op. cit. , IV, 102.
  56. ^ Erodoto, op. cit. , IV, 118-119.
  57. ^ Erodoto, op. cit. , IV, 120-140.
  58. ^ Citati, op. cit. , p. 321.
  59. ^ TTRice, op. cit. , pp. 40-41.
  60. ^ a b c d Rice, op. cit. , pp. 42-43.
  61. ^ Pseudo-Euripide, Reso .
  62. ^ Rice , p. 13 .
  63. ^ Erodoto , IV, 28 .
  64. ^ Rice , p. 53 .
  65. ^ Erodoto , IV, 70 .
  66. ^ a b Rice , p. 71 .
  67. ^ Rice , p. 55 .
  68. ^ P. Gleirscher, Invasioni o influssi culturali: Cimmeri e Sciti in Europa centrale , p. 125, in op. cit. .
  69. ^ a b Rice , pp. 72-73 .
  70. ^ a b c Rice , pp. 57-63 .
  71. ^ Schiltz, op. cit. , pp. 134-135.
  72. ^ Rice , pp. 135-136 .
  73. ^ Rice , pp. 131-134 .
  74. ^ Rice , p. 138 .
  75. ^ Rice , p. 121 .
  76. ^ Erodoto, op. cit. , IV, 76.
  77. ^ Erodoto , IV, 78 .
  78. ^ Erodoto , IV, 79-80 .
  79. ^ Erodoto , IV, 46 e 64-66 .
  80. ^ Suida, Lexicon, graece et latine. P. 307. T. 3. Halle e Brunswick, 1705.
  81. ^ a b c Citati , p. 313 .
  82. ^ Rice , pp. 125-130 .
  83. ^ Rice , p. 123 .
  84. ^ Rice , p. 69 .
  85. ^ Rice , p. 70 .
  86. ^ a b Erodoto, op. cit. , IV, 68.
  87. ^ Citati , p. 320 .
  88. ^ Rice , p. 80 .
  89. ^ Rice , p. 56 .
  90. ^ Rice , p. 62 .
  91. ^ Citati , p. 316 .
  92. ^ Erodoto , IV, 59 .
  93. ^ Erodoto , IV, 60-62 .
  94. ^ P. Citati, op. cit. , p. 315.
  95. ^ Erodoto , IV, 13.1 .
  96. ^ Erodoto , IV, 67 .
  97. ^ Erodoto, op. cit. , IV, 71-72.
  98. ^ Rice , pp. 95-96 .
  99. ^ Erodoto , IV, 73 .
  100. ^ Dragàn, op. cit. , p. 154.
  101. ^ Rice , p. 44 .
  102. ^ Rice , p. 137 .
  103. ^ Rice , p. 104 .
  104. ^ Erodoto, op. cit. , IV, 63.
  105. ^ Erodoto, op. cit. , IV, 2.
  106. ^ Rice , p. 65 .
  107. ^ Rice , p. 69 .
  108. ^ Rice , p. 67 .
  109. ^ Villar , p. 581 .
  110. ^ Villar , pp. 586 e 635-636 .
  111. ^ Santoro A, L'arte delle steppe , in Atlante di Archeologia , Milano, 1994.
  112. ^ Rice , p. 78 .
  113. ^ Rice , p. 175 .
  114. ^ Rice , p. 176 .
  115. ^ Rice , p. 145 .
  116. ^ Rice , pp. 14-15 .
  117. ^ Citati , p. 314 .
  118. ^ Rice , p. 146 .
  119. ^ Frequente è il symplegma (intreccio) tra gli animali.
  120. ^ Rice , pp. 160-161 .
  121. ^ L'interpretazione riferita da Citati è da lui stesso tratta dall'opera di Véronique Schiltz Les Schytes e les nomades des steppes . Cfr. P. Citati, op. cit. , p. 317.
  122. ^ Rice , p. 149 .
  123. ^ Rice , p. 150 .
  124. ^ Rice , p. 157 .
  125. ^ Rice , p. 171 .
  126. ^ Rice , p. 168 .
  127. ^ Rice , p. 160 .
  128. ^ Rice , p. 170 .
  129. ^ Rice , p. 79 .
  130. ^ Rice , p. 93 .
  131. ^ Rice , p. 90 .
  132. ^ a b Rice , p. 91 .
  133. ^ Rice , pp. 91-92 .
  134. ^ Rice , p. 109 .
  135. ^ Rice , p. 110 .
  136. ^ Rice , p. 94 .
  137. ^ Rice , p. 141 .
  138. ^ Rice , pp. 185-197 .
  139. ^ Voltaire, op. cit. , p. 97.
  140. ^ Gli Sciti, di Saverio Mercadante , su amadeusonline.net , 4 marzo 2013. URL consultato il 4 marzo 2013 (archiviato dall' url originale il 6 giugno 2014) .
  141. ^ Schiltz V (1991), Gli Sciti : dalla Siberia al Mar Nero , Parigi, Universale Electa/Gallimard, pp. 101-104.
  142. ^ Tschižewiskij T, op. cit. , p. 330.

Bibliografia

Fonti primarie
Letteratura storiografica
  • Citati P , Il mondo classico. Gli Sciti , in La civiltà letteraria europea , Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 2005, pp. 311-325.
  • Dragan GC , Il mondo dei Traci , Roma, Nagard, 1993.
  • Dumézil G , Storie degli Sciti , Milano, Rizzoli, 1980.
  • Facchini F e Gleirscher P, Invasioni o influssi culturali: Cimmeri e Sciti in Europa centrale .
  • ( RU ) Khazanov AM, Social history of Scythians , Mosca, 1975.
  • Marzatico F (et. al.) (a cura di), Ori dei cavalieri delle steppe , Cinisello Balsamo, Silvana Editoriale, 2007.
  • Rice TT, Gli Sciti , Il Saggiatore, 1958.
  • Schiltz V, Gli Sciti: dalla Siberia al Mar Nero , in coll. « Universale Electa/Gallimard ●Storia e civiltà» , (nº 55 ), Parigi, Universale Electa/Gallimard, 1991.
  • ( EN ) Szemerényi O , Four old iranian ethnic names: Scythian - Skudra - Sogdian - Saka , Vienna, Verlag der Österreichischen akademie der wissenschaften, 1980.
  • Tschižewskij D, Storia dello spirito russo , Firenze, Sansoni, 1965.
  • Villar F , Gli Indoeuropei e le origini dell'Europa , Bologna, Il Mulino, 1997, ISBN 88-15-05708-0 .
Riviste specializzate
  • American Journal of Physical Anthropology , Wiley Subscription Services, Inc., 2004, Vol. 12 n. 4 (in lingua inglese).
  • Human Biology , Wayne State University Press, 2004, Vol. 76 n. 1 (in lingua inglese).
  • International Journal of Legal Medicine , Springer-Verlag, 2002, Vol. 116 (in lingua inglese).
Altre fonti
  • Voltaire , Zadig e altri racconti filosofici , Milano, Feltrinelli, 2008.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità LCCN ( EN ) sh85119194 · GND ( DE ) 4055278-0 · BNF ( FR ) cb11935892c (data) · NDL ( EN , JA ) 00571666