Fouyman akeyolojik nan Pompeii

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Fouyman akeyolojik nan Pompeii
Via dell'Abbondanza 1.JPG
Via dell'Abbondanza
Kote
Leta Itali Itali
komen Pompei
Altitid 30 m slm
Dimansyon
Sifas 440 000
Fouyman
Dat Dekouvèt 1748
Administrasyon
Eritaj Ansyen Pompeii
Akeyolojik Park nan Pompeii
Responsab Gabriel Zuchtriegel
Vizib Wi
Kat kote yo ye

Kowòdone : 40 ° 45'03.96 "N 14 ° 29'24" E / 40.7511 ° N ° E 40.7511 14:49; 14.49

UNESCO blan logo.svg Byen pwoteje pa UNESCO
Zòn akeyolojik nan Pompeii, èrkulane ak Torre Annunziata
UNESCO Mondyal Eritaj Sit logo.svg Mondyal Eritaj Sit
Nèg Kiltirèl
Kritè (III) (IV) (V)
Danje Pa an danje
Rekonèt depi 1997
Kat UNESCO ( EN ) Zòn akeyolojik nan Pompei, Herculaneum ak Torre Annunziata
( FR ) Fèy

Fouyman yo akeyolojik nan Pompeii te retounen kadav yo nan lavil la ansyen nan Pompeii , tou pre ti mòn lan nan Civita, nan pòtay yo nan modèn Pompeii , antere l 'anba yon dra nan sann dife ak lapilli pandan eripsyon an nan Vesuvius nan 79 , ansanm ak èrkulane , Stabia ak Oplonti [1] .

Rezilta sa yo fouyman yo , kòmanse nan koudmandman a nan Charles III nan Bourbon , yo se youn nan prensip yo pi byen nan Women lavi [2] , osi byen ke pi byen konsève lavil la nan ki epòk. Pifò nan jwenn yo refè (nan adisyon a mèb ki senp nan itilize chak jou tou frèsk , mozayik ak estati ) yo kenbe nan Mize Nasyonal la akeyolojik nan Naples , ak nan ti kantite tou nan Antiquarium a nan Pompeii [3] ; jisteman kantite konsiderab nan jwenn te itil fè moun konprann itilizasyon yo, koutim , abitid manje ak atizay la nan lavi nan plis pase de milenèr de sa.

Sit la nan Pompeii, nan 2016, depase twa milyon vizitè yo, yo dwe egzak 3 209 089 [4] , ki fè li twazyèm sit la pi vizite mize leta nan peyi Itali apre Panteon an ak sikwi akeyolojik la nan Colosseum a , Women Forum ak Palatin Hill. [5] . Nan 1997 , prezève entegrite a, kraze yo, jere pa akeyolojik Park la nan Pompeii, ansanm ak sa yo ki nan Herculaneum ak Oplontis , te vin tounen yon pati nan eritaj la nan lis limanite a ' UNESCO [6] .

Istwa

Nòt sou Pompeii

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: ansyen Pompeii .

Pompei te fonde pa Osci a , ak yon ti bouk nan yon fòm pèmanan, alantou wityèm syèk BC la [7] , sou yon plato ki te fòme pa yon koule lav , pa lwen larivyè Lefrat la Sarno , byenke plizyè temwayaj atribi premye nan zòn lakòt yo deja kòmanse soti nan nevyèm syèk BC la [8] : pandan peryòd Oscan, vilaj la, yon junction wout enpòtan, ak wout pou Cuma , Nola ak Stabiae , te antoure pa mi yo e li te rive nan yon ekstansyon 63 ekta . Pompeii te enfliyanse anvan moun Lagrès yo [9] , gras a konkèt la nan Cuma nan peryòd ki genyen ant 525 ak 474 BC , ak Lè sa a, pa etrusk yo , anba ki moun tanp lan nan Apollo te bati [8] ; li te konkeri pa Samnites yo , ki moun ki desann soti nan mòn yo nan Irpinia mete l 'anba kontwòl la nan Nocera . Li te anba lèt la ki Pompeii te vin yon vil komèsyal rich, ak yon ti pwospere ak antoure pa mi vanyan sòlda, bati alantou 300 BC [8] .

Konkeri pa Women yo nan twazyèm syèk BC la , li kontinye devlopman li kòm yon vil komèsyal, ekspòte lwil oliv ak diven nan tout Mediterane a , nan ki li te yon pwodiktè espesyalman nan peryòd la nan dezyèm syèk BC la [8] : nan ane sa yo gen te tou yon gwo devlopman iben , ak konstriksyon an nan fowòm nan , tanp lan nan Jipitè , Isis ak Bazilik la, osi byen ke anpil kay rezidansyèl ak Villas. Anba règ Women li te vin premye municipium a , tou jwi endepandans pasyèl, gras a sipò yo bay pandan dezyèm lagè punik la ak Lè sa a yon koloni , ak non Cornelia Veneria Pompeianorum , apre konkèt la pa Silla nan 89 BC , pandan lagè sosyal [ 8] . Zòn nan te frape pa yon tranbleman tè nan 62 ak vil la soufri konsiderab domaj, an pati san pèdi tan repare: sepandan nan 79 , pandan ke kèk bilding yo te toujou ke yo te retabli, yon eripsyon nan Vesuvius antere l 'lavil la anba yon dra sann ak lapilli. , Efase li antyèman [8] . Nan ane annapre yo, zòn nan, arid ak toutouni, pa te sijè a repopilasyon e malgre kèk rechèch te pote soti nan premye syèk la , li pa janm te jwenn, rete antere l 'pou prèske 1700 ane [1] .

Nòt sou fouyman akeyolojik

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Istwa nan fouyman yo akeyolojik nan Pompeii .

« Pompei, ki te kouvri ak tè vejetal ak lapillus, te ke yo te lajman dekouvri, ak presye bagay sa yo ansyen soti nan li. [10] "

( Pietro Colletta )
Litograf nan fouyman yo nan 1850

Premye fouyman yo te fè nan zòn Pompey la te kòmanse nan 1748 [11] , sou lòd Charles III nan Bourbon apre siksè nan rezilta yo nan Herculaneum : sondaj yo te pote soti nan Roque Joaquín de Alcubierre , ki moun ki, kwè li te sou santye a nan Stabiae yo ansyen, te pote nan limyè tou pre ti mòn lan nan Civita divès kalite pyès monnen ak objè nan peryòd Women an , osi byen ke pòsyon nan bilding , san pèdi tan kouvri apre eksplorasyon an. Eksplorasyon yo te byento abandone akòz jwenn yo ra ak rekòmanse sèlman nan 1754 ; an 1763 , gras a dekouvèt la nan yon epigraph , ki klèman te pale de Res Publica Pompeianorum a , li te konprann ke li te ansyen vil la nan Pompeii [11] . Avèk Maria Carolina , madanm Ferdinand IV , ak enjenyè Francesco La Vega, yon pati nan vil la, tankou zòn nan teyat , tanp lan nan Isis, Fowòm nan Triyangilè, plizyè kay ak nekropol te konplètman pote nan limyè epi yo pa antere l 'ankò, men li te rete vizib; li te pandan dominasyon an franse , te dirije pa Gioacchino Murat ak madanm li Carolina , ki fouyman yo te jwi yon moman nan fòtin [12] : mi yo te idantifye ak zòn nan nan Porta Ercolano te prèske konplètman pote nan limyè; nplis de sa, gras a piblikasyon yo vle pa Carolina, t'ap nonmen non an nan Pompeii grandi nan tout Ewòp , vin tounen yon arè obligatwa sou Grand Tour la [13] .

Avèk retounen nan Bourbons yo nan Naples , fouyman yo ki gen eksperyans yon peryòd de staz: si nou eskli Francesco I [14] , ak Ferdinand II ak Francesco II , kraze yo te itilize sèlman kòm yon kote yo dwe vizite pa envite tribinal [15] .

Apre inifikasyon an nan peyi Itali ak pi wo a tout gras a pi gwo resous ekonomik yo, anba pedagojik la nan Giuseppe Fiorelli , te gen yon reouvè rapid nan envestigasyon, nan yon fason lòd, ak divizyon an premye nan lavil la nan rejyon ak insulae ; nan 1863 teknik la nan plat te prezante [16] [17] , pandan y ap, ant 1870 ak 1885 , premye kat jeyografik la nan zòn nan tout antye Pompeian te trase moute. Pandan ventyèm syèk la , ak akeyològ yo Vittorio Spinazzola premye ak Amedeo Maiuri apre [18] , pi fò nan fouyman yo tou pre Porta Ercolano, zòn nan sid nan vil la ak Villa dei Misteri yo te fini , pandan y ap sesyon enpòtan yo te eskize. Via dell'Abbondanza [19] .

Kòmanse nan ane swasant yo , travay restorasyon te nesesè pou bilding yo ki deja egziste, ki te anpil ralanti desann fouyman nouvo, tou akòz pwoblèm ekonomik [20] . An 1980 , sit la te gravman domaje pa tranbleman tè a Irpinia [21] . Ant 90s yo ak 10s yo nan nouvo milenè a , fouyman yo nouvo yo te konsantre nan zòn nan nan rejyon an IX, menm si anpil lajan yo te detounen nan konsèvasyon an ak restorasyon nan moniman yo deja defouye; an 1997 zòn nan akeyolojik te vin yon pati nan Mondyal Eritaj Sit la nan ' UNESCO [6] . Apre mank nan yon plan restorasyon pou sit la tout antye, aksantué pa tonbe nan kay la nan gladyateur yo nan 2010 [22] , Inyon Ewopeyen an atribye ba yon prè pwoteje fouyman yo: sepandan, pandan travay la renovasyon, ki te pran non an nan "Great Pompeii Pwojè" [23] , lòt efondreman ki te fèt, sitou konsènan pati nan masonry , travès do-kay oswa moso lacho [24] .

Villas

Mozayik soti nan Villa a nan Cicero

Gen relativman kèk otium Villas yo te jwenn nan Pompeii: sa yo patikilye bilding rezidansyèl, nan ki yon pati dedye a aktivite agrikòl te toujou ajoute, tankou selil diven, près ak près , yo te anjeneral bati nan kote izole ak panoramic, byen lwen soti nan sant la rete . [25] : Pompeii an reyalite te gen yon katye rich , ki rele pagus Augustus Felix Suburbanus ak atribuabl teritwa yo nan jounen jodi a nan Boscoreale , Boscotrecase ak Terzigno , nan ki te gen Villas anpil nan kalite sa a, pandan y ap Villas byen nan Leisure kanpe nan zòn nan nan Oplontis , plis Pompey katye rich, ak sou ti mòn lan nan Varano , nan Stabiae . Sepandan, tou pre sant vil la, jis deyò oswa kont miray lavil yo ansyen, gen kay nan kalite sa a [25] .

Villa a nan mistè yo sitiye jis deyò Porta Ercolano ak konstriksyon dat li yo tounen nan BC la 2yèm syèk : li te eksplore ant 1909 ak 1910 epi pita ant 1929 ak 1930 ; dwe non li nan yon seri de frèsk nan triclinium a , ak figi gwosè lavi, yon teknik yo rele megalographia , ki reprezante swa yon montre nan mimes , oswa moman nan yon rit , oswa preparasyon pou yon maryaj [26] . Villa a de etaj prezante tou de anviwònman Rustic, tankou dife pou chofe fou a , kwizin yo ak laprès la, ak sa yo rezidansyèl, tankou atrium la , yon porch ak distri a spa [26] .

Mozayik la nan Akademi Platon an soti nan Villa a nan Titus Siminius Stephanus

Villa di Diomede a, tou sitiye tou pre Porta Ercolano, pa lwen Villa dei Misteri, dwe non li nan yon kavo yo mete devan antre a, ki te fè pati Marcus Arrius Diomedes. Li te defouye ant 1771 ak 1774 e li gen tou de anviwònman rezidansyèl ak Rustic, osi byen ke yon distri spa gwo ak yon triclinium neglijans lanmè a ; yon eskalye tou pèmèt aksè nan yon chanm pi ba bati sou yon cryptoporticus ak itilize kòm yon kav , kote plizyè kò antere l 'pa eripsyon an ak yon gwo sòm lajan yo te jwenn [27] .

Villa Imperial la olye sitiye tou pre Porta Marina e li te dekouvri an 1943 [28] : li se yon gwo estrikti, ilegalman bati nan fen premye syèk anvan Jezikri a , tou pre tanp Venis la: li te siyifikativman domaje nan tranbleman tè 62 epi pita retabli. Konstriksyon an anvan pa yon galeri long, plen edikul, apeprè 90 mèt nan longè , pandan y ap triclinium a se pi gwo a yo te jwenn nan Pompeii ak prezante sik imaj nan katriyèm style la , byenke gen tou egzanp nan penti twazyèm style , ki atis kenbe pandan renovasyon yo [29] .

Villa di Giulia Felice a, ki sitiye tou pre Porta Sarno, te eksplore ant 1755 ak 1757 ak Lè sa a, ankò ant 1953 ak 1953 . Kay la, ki te an pati lwe soti apre tranbleman tè a nan 62, konsiste de yon atrium doub, yon peristil ak yon letan pwason nan sant la ak yon lotèl dedye a Isis ak yon triclinium ki te gen fonksyon an nan yon twou wòch , ki soti nan ki dlo, ki atravè yon sistèm kaskad dlo te fini nan gwo jaden an [30] .

Lòt Villas yo konnen ki egziste paske yo te eksplore pandan peryòd la Bourbon , yo dwe piye nan objè ak penti, oswa yo te jwenn aksidantèlman, men Lè sa a pita reentere: pou egzanp, Villa a nan Cicero, Villa a nan Titus Siminius Stephanus ak edifis la nan Triclini la. Villa a nan Cicero, ki chita jis deyò Porta Ercolano, te defouye nan 1763 ak frèsk plizyè ak de Mozayik yo te refè, fèt pa Dioscurides nan Samo , nan opus vermiculatum [31] ; Villa a nan Titus Siminius Stephanus, tou pre Porta Vesuvio, retounen mozayik la ki dekri Akademi an nan Platon [32] ; bilding lan Tricilini, dekouvri nan Moregine nan lane 2000 , prèske yon kilomèt soti nan Porta Stabia, pandan travay yo ekstansyon nan Naples - Salerno Motorway a , te karakterize pa twa tricliniums ak yon gwo peristil ak jaden ak pisin [33] .

Kay

Enplwavyon an nan kay la nan faun la

Kay yo te sitou estriktire nan twa kalite, tou depann de klas sosyal la ak richès mèt kay la: domus yo te fè pati moun rich yo e yo te gwo anpil kay ki te anjeneral ranje alantou yon atrium ; yo menm tou yo te gen yon zòn kote lavi domestik te pran plas, tankou kwizin ak chanm ak yon zòn nan reprezantasyon, tankou tablinum la , triclinium ak yon peristil ak jaden an nan sant la, souvan dekore avèk sous dlo ak souvan yon distri spa [ 34] . Ti kay yo, nan lòt men an, yo te posede pa klas la presegondè epi yo te sitou ki konpoze de yon lakou santral louvri alantou ki kabin yo ak yon ti jaden itilize kòm yon jaden legim [34] . Finalman, sa yo rele pergules yo , ti kay ki te fè pati komèsan, ki te fòme pa yon chanm ki neglije lari a epi li te itilize kòm yon magazen epi, nan do a, ti chanm yo , itilize tou de kòm depo ak kòm kay [34] . Kèk nan kay ki pi enpòtan yo:

Kay la nan Sitharist la, yo te rele apre yon estati ki dekri Apollo Citarista , dwe aparans li ye kounye a nan 1ye syèk BC la , apre renovasyon anpil, rezilta a nan ajoute yo nan lòt ti kay ki antoure: ki posede pa Popidii a, kòm evidans siy elektoral yo, li prezante de peristil ak eskilti an kwiv bèt , basen tèmik ak yon zòn komèsyal itilize kòm yon boulanjri , patisri magazen ak tavèrn [35] .

Casa del Menandro a, ki posede pa Poppaei a, dat tounen nan twazyèm syèk BC la ak Lè sa a, sibi renovasyon anpil ki sant konstriksyon an alantou peristil la : li te gen yon atri Toscane ak penti katriyèm-style , yon sal ak yon reprezantasyon komik nan maryaj la nan Hippodamia ak yon mozayik ki dekri sèn Nilotic ak yon distri tèmik ak kalidarium a dekore avèk mozayik ak sèn nan bèt maren [36] .

Kay Ottavio Quartione , ki dwe non li bay mèt kay la ki te jwenn sele a, yo rele tou Loreio Tiburtino e li te bati nan 2yèm syèk anvan epòk nou an epi elaji, sitou aprè tranbleman tè 62 a: pi fò nan estrikti li devlope alantou an. atrium ; nan enterè konsiderab se sistèm nan nan tank : yon sèl la anwo te dekore avèk estati divinite moun peyi Lejip , pandan y ap youn nan pi ba, ki travèse jaden an , divize an twa konpatiman, pwobableman nan kay pwason ; te chapèl la mete ant tank yo anwo ak pi ba [37] .

Atrium la nan Casa di Pansa la

Kay Pinarius Cerialis te posede pa yon gemmarius , se sa ki, yon carver nan wòch ak Meservey : andedan, an reyalite, yon santèn ak sèz Meservey, tablèt vè ak kame yo te jwenn. Penti yo andedan yon kabinèt yo byen fè , ki dekri sèn teyat [38] .

Kay la nan Golden amour yo te bati nan twazyèm syèk BC la ak elaji nan premye syèk BC la ak ki te fè pati Gnaeus Poppaeus Habitus: sa yo rele apre dekouvèt la nan yon fèy sou ki amour yo te trase, li devlope alantou peristil la ak yon jaden yon , dekore avèk estati mab ak frèsk ki reprezante bondye moun peyi Lejip ; sal la se remakab, ak dekorasyon nan style la twazyèm ak planche mozayik [39] .

Kay la nan Faun dat tounen nan dezyèm syèk BC la menm si li te konsiderableman elaji nan syèk ki vin apre a : li gen yon zòn nan sou twa mil mèt kare ak se konsa yo te rele pou dekouvèt la nan yon estati an kwiv ki dekri yon faun , nan sant impluvium la . Se vre wi youn nan rezidans yo pi gwo nan Pompeii, li te gen de jaden ak peristil ak de atriums e li te dekore avèk frèsk nan style la an premye ak pave ak mozayik , ki gen ladan sa yo ki nan exedra a , ki dekri batay ki genyen ant Dariyis ak Aleksann , kounye a nan nasyonal la. akeyolojik mize nan Naples [40] .

Kay la nan Vettii a dwe non li nan fanmi an nan ki li ki te fè pati, Vettii a an reyalite, kòm evidans enskripsyon elektoral divès kalite ak sele : kay la, santre alantou peristil la, te renove nan premye syèk la . Nan antre a se frèsk la nan Priapo ak lararium a , pandan ke yo nan kwizin nan po anpil yo te jwenn; pi fò nan kay la gen frèsk nan style la katriyèm , ak panno ki gen koulè pal nan karakteristik wouj la [41] .

Se kay la nan Centenary a sa yo rele paske li te eksplore nan 1879 dizwit syèk apre eripsyon an nan Vesuvius e se youn nan pi gwo kay yo nan Pompeii, rezilta a nan sendika a nan twa kay: atrium la se nan style tuscan ak yon mozayik ak penti ki gen yon sijè teyat , pandan y ap tablinum la bay aksè a peristil la portiked; an sant la nan jaden an se pisin lan , pandan y ap nan pati anba a yon ti nenfom : kay la tou te gen yon dezyèm zòn ki pi piti, ak yon atrium santral, ki te antoure pa chanm [42] .

Kay la Dioscuri te bati nan faz ki sot pase a nan Pompeii e li te eksplore ant 1828 ak 1829 : bilding lan gen yon atrium Korentyen ak douz kolòn tuf ak penti yo tout nan style la katriyèm , ki gen ladan sa yo ki an dioscuri Castor a ak Pollux ; peristil la tou tise byen dekore avèk eleman achitekti ak lavi toujou [43] .

Yon kay tou itilize kòm yon taberna

House Chirijyen an se youn nan pi ansyen an nan Pompeii, an reyalite li dat tounen nan twazyèm syèk BC la , byenke sou ane yo li te sibi de restorasyon pi gwo ak sa yo rele pou dekouvèt la nan anpil objè medikal, tankou sond ak bistouri : mi yo entèn yo bati ak yon ankadreman, pandan y ap travay yo sèlman dekoratif toujou prezan yo se yon seri de frèsk nan yon zòn fenèt, tou pre jaden an, nan style nan premye ak katriyèm [44] .

Casa del Forno a tounen nan 2yèm syèk anvan epòk nou an e li te renove apre tranbleman tè 62 a: nan moman eripsyon an travay yo poko fini; apre evènman sismik la , zòn rezidansyèl la te demenaje ale rete nan etaj anwo a, pandan y ap youn ki pi ba a transfòme an yon boulanjri : an reyalite gen yon fou, moulen ak kwizin. Kay la tou te gen yon jaden yon, kote te gen tou yon ki estab, nan ki te kilè eskèlèt la nan yon milèt pwobableman yo te jwenn [45] .

Te kay la nan powèt la trajik defouye ant 1824 ak 1825 e li gen dimansyon ki pi piti pase lòt gwo kay yo nan Pompeii: Nan papòt la gen yon mozayik ki pote inscription la:

( LA )

"Pran prekosyon nou avèk chen an"

( IT )

"Pran prekosyon nou ak chen an"

Anndan te gen plizyè frèsk Lè sa a, detache ak kenbe nan mize nasyonal la nan Naples , tankou sèn nan nan repetisyon teyat , ki soti nan ki kay la pran non li, oswa epizòd nan Iliad la . Kay la te chwazi tou kòm yon modèl pou roman Edward Bulwer-Lytton nan dènye jou yo nan Pompei [46] .

Kay la nan Pansa ki te fè pati yon komèsan rich Campania , Alleius Nigidius Maius, byenke nan dènye ane yo li te lwe pou lontan : pwobableman bati ant 120 ak 140 BC , kapital yo nan lòd Ionic yo te jwenn nan jaden an. Antre a, atrium la ak tablinum la yo mete nan liy; spesifik la nan kay la se pave a nan wòch ki gen koulè pal ki dekore twotwa a devan ak vestibule la [47] .

Bilding piblik yo

Fowòm lan

Lavi chak jou nan Pompeians yo ak aktivite politik ak komèsyal yo te pran plas nan kote apa, ak kote ki byen defini.

Forum nan Pompei , pa lwen Porta Marina, te kè a nan lavil la: li te ranje nan dezyèm syèk BC la , demoli boutik yo anpil ki antoure li ak kare a gwo te dekore ak estati , pa janm jwenn, nan bondye oswa ilustr. sitwayen [29] ; delimite espas la nan fowòm nan yo te ark yo onorè: twa nan yo ap konsève ak te gen yon fonksyon piman Scenic, konplètman kouvri nan mab epi yo te dedye a Augustus , Tiberius ak Caligula [48] . Transpò nan kabwèt yo te entèdi ak yon pati, sou bò lwès, te rezève pou oratwa [29] . Bilding ki pi enpòtan nan vil la neglije fowòm lan, tankou sa yo ki nan Administrasyon Piblik la, kote pèsonalite politik sanble, bati nan peryòd la anvan 80 BC ak restriktire apre tranbleman tè a nan 62; Bazilik la , ki se rezève nan jistis ak zafè ekonomik , te bati nan dezyèm syèk BC la e li gen yon plant rektangilè , divize an twa nav , kote gen tras nan dekorasyon premye style [49] ; Ponderaria nan kantin, se sa ki biwo a pou mezire kapasite ak pwa: li fèt nan de ban sipèpoze, ak kavite nan gwosè diferan ak ouvèti pou priz la nan pwodwi a mezire; e ankò tanp Apollo a , nan Vespasian ak sa ki nan Jipitè, Tanp lan nan Lares yo Piblik ak basen yo nan Forum nan [29] .

Macellum la

Forum nan Triyangilè , yon lòt kare enpòtan nan Pompeii, ki chita nan zòn nan sid nan lavil la, fè fas a lanmè a ak larivyè Lefrat la Sarno , te bati alantou dezyèm syèk BC la , apre reòganizasyon an nan zòn nan teyat [50] : aksè a se atravè propileya ak kolòn Ionic ak andedan se yon galri ki konpoze de katrevendis senk kolòn, eksepte sou bò sid yo ki pèmèt yon View nan Gòlf la nan Naples ; gen tou yon chemen pwobableman itilize pou kous ak yon thòlos , bati alantou yon pi sakre , ak kolòn dorik [51] .

Macellum la te mache a nan lavil la: bati nan dezyèm syèk BC la , ak dekorasyon nan style la katriyèm , li se jwenn aksè nan yon galri , dekore avèk estati ak andedan se yon lakou portik anba ki boutik yo louvri; an sant la te fondasyon yo sipòte do kay la: nan adisyon a vant lan nan pwason ak vyann , bankè yo te òganize tou nan onè anperè a [52] . Mwen Granai del Foro te olye pou mache a nan fwi ak legim , ak pwobableman nan moman eripsyon an pa te fini oswa ou pa nan itilize: estrikti a se yon pyès devan kay ki senp, tou pre yon latrin epi li se kounye a itilize kòm depo nan jwenn yo pandan la fouyman, osi byen ke hosting plizyè projè [53] .

Yon thermopolium

Pen te lajman itilize nan ansyen Pompei: te gen apeprè trant-kat boulanjri , ak fou bwa-boule, moulen ak yon kontwa lavant yo. Popidio Prisco boulanje te kouri pa yon libere [54] , Modesto boulanje a, oswa Casa del Forno, te pi gwo a nan vil la ak boulanje a Soterico, tou nan mitan pi gwo a, prezève sal la dedye a malaksaj pen [55] .

Thermopolies yo te bilding nan ki te vann manje cho ak bwason ak nan Pompeii te gen jis anba yon santèn [56] . Thermopolium a pa Vetutius Placidus neglije lari a dirèkteman, te gen yon vann san preskripsyon ak plizyè dolia , osi byen ke yon chanm dèyè boutik la kote ou ka gen repa ou: lararyom a ak frèsk nan Lares yo ak Mèki ak Dionysus ak yon triclinium dekore nan twazyèm lan style yo enteresan . Nan Thermopolium delle Aselline, ak twa kontè lavant ak yon lararyom ak reprezantasyon nan Mèki ak Bacchus , mèb anpil yo te jwenn, tou de nan kwiv ak fayans , osi byen ke 683 sesterces ; fasad la ekstèn pote yon reprezantasyon nan krich ak antonwa ak yon enskripsyon elektoral ak referans a Asellina, pwobableman mèt kay la nan lotèl la [57] . Thermopolium della Fenice, ansanm Via dell'Abbondanza, ki te dirije pa yon Oriental rele Euxnius , se konsa yo rele pou prezans nan yon Phoenix sou siy ekstèn lan: nan adisyon a yon jaden legim vas plante ak pye rezen , yon frèsko ki dekri Peacocks sou yon Meadow [58] .

Officina del Garum la te responsab pou vant garum , yon sòs patikilye ki jwenn nan fèmantasyon tripay pwason yo [59] ; nan bilding lan yo te jwenn kèk resipyan , fèmen pa kouvèti, ak sòs la andedan, pandan ke yo nan jaden an ki tou pre, te gen yon gwo depo anfor [60] .

Fresko soti nan atelye Verecundus la

Pwosesis la lenn te devlope nan Pompeii, ak trèz atelye ki te travay materyèl la anvan tout koreksyon, sèt ki te pote soti k ap vire a , nèf DYEING la ak dizwit lave a: bilding lan nan Eumachia , ki soti nan non an nan pretès la ki te vle bati l ', te oswa mache a lenn mouton, oswa chèz la nan fullones Guild la [61] ; konstriksyon an te pran plas apre 62 e li te antyèman nan travay brik . Anndan li gen nich anpil, nan ki estati yo te loje, sitou konsènan fanmi an Imperial, yon kolonad , de koridò bò ak tou pre antre a te gen yon bokal , nan ki pipi te ranmase, itilize kòm yon detèjan .. pou rad [62] . La fullonica di Stephanus , dal nome del proprietario o gestore, era originariamente una casa poi trasformata in magazzino per la lavorazione dei tessuti: al piano inferiore si svolgeva l'attività lavorativa e quella di lavaggio, effettuato in grosse vasche con acqua, soda e urina, mentre al piano superiore si provvedeva all'asciugatura delle vesti. L'Officina di Verecundus era dedicata alla tessitura , bollitura e vendita delle stoffe: sulla facciata era raffigurato Mercurio e Venere , mentre all'interno è stato ritrovato un calderone in bronzo decorato con un fallo alato, oltre a un architrave decorata con Apollo , Giove , Diana , Mercurio e Venere [63] .

Il Castellum Aquae era il principale edificio per il rifornimento idrico della città: situato a un' altezza di quarantadue metri , nei pressi di Porta Vesuvio, convogliava le acque provenienti dall' acquedotto romano del Serino in un sistema di tre condutture regolate da saracinesche . Fu ristrutturato a seguito del sisma del 62 e presentava una struttura circolare in opera incerta , laterizia e reticolata , con una cupola di sei metri di diametro : al momento dell'eruzione, l'intero sistema idrico e quello delle fontane pubbliche non era in funzione [64] .

La Schola Armaturarum fu costruita negli ultimi anni di vita di Pompei ed era un edificio di stampo militare dove i giovani venivano istruiti alla lotta e alle arti gladiatorie ; inoltre fungeva da deposito per le armi , come testimoniato da un elevato numero di armature ritrovate al suo interno. La struttura, originariamente adibita a casa, presentava particolari decorazioni in stile militare come rami di palma , vittorie alate e candelabri con aquile : tuttavia tutti gli ornamenti sono andati perduti a seguito di un crollo verificatosi il 6 novembre 2010 [22] .

Edifici ludici

L'Anfiteatro

Erano molteplici le attività di intrattenimento dei pompeiani: spettacoli di gladiatori nell' anfiteatro , spettacoli culturali come commedie , poesie o musica nei teatri , bagni, massaggi e ginnastica nelle strutture termali , combattimenti e allenamenti militari nelle palestre e svago sessuale nei lupanari .

L' Anfiteatro di Pompei fu costruito tra l' 80 e il 70 aC e, in seguito, ristrutturato dopo il terremoto del 62 [65] : risulta essere uno dei più antichi, nonché uno dei meglio conservati al mondo e aveva una capienza di circa ventimila persone. All'esterno presenta un ordine inferiore ad archi ciechi , realizzati in opera incerta , mentre l'ordine superiore presenta archi a tutto sesto . L' arena è in terra battuta ed è divisa dalla platea da un parapetto altro circa due metri, che, prima dell' eruzione , era affrescato con immagini di lotte tra gladiatori; la cavea è divisa in tre zone, destinata ai diversi ceti sociali degli abitanti della città e l'intero complesso disponeva di un velarium che veniva utilizzato per proteggere gli spettatori dal sole o dalla pioggia [66] . L'anfiteatro fu inoltre lo scenario di una violenta rissa tra pompeiani e nocerini , nel 57 , che portò a numerosi feriti e alla perdita di diverse vite umane: a seguito di questo evento, il senato decise di chiudere l'edificio per dieci anni, ma il provvedimento fu poi annullato dopo il terremoto del 62 [67] .

Il Teatro Grande

Il Teatro Grande fu costruito durante l' epoca sannita e subì nel corso degli anni numerosi rifacimenti: realizzato in opus incertum , con una tipica architettura greca , era in grado di ospitare circa cinquemila spettatori [68] . La zona dell' orchestra è disposta a forma di ferro di cavallo , la cavea è divisa in tre ordini e tutta la struttura poteva essere coperta da un velarium ; la scena fu ricostruita dopo il terremoto del 62, in opera laterizia ed era decorata con marmi e statue , mentre lo sfondo voleva imitare un palazzo principesco [68] . Il Teatro Piccolo , chiamato anche Odeion , fu costruito intorno all' 80 aC ed era in grado di ospitare un pubblico di circa milletrecento persone: al suo interno venivano declamate poesie e si svolgevano spettacoli musicali. La struttura ricorda quella del Teatro Grande, con pianta semicircolare : la cavea divisa in due parti, con le gradinate decorate da telamoni , mentre l'orchestra è pavimentata in marmo [69] . Il Quadriportico dei Teatri fu costruito intorno all' 80 aC ed era utilizzato come foyer per gli spettatori del Teatro Grande; a seguito del terremoto del 62 venne riconvertito in palestra per gladiatori e lungo le mura perimetrali, dove prima era un colonnato , fu aggiunto un secondo piano , utilizzato come alloggio per i combattenti e luogo per gli allenamenti: durante la sua esplorazione furono trovati diversi cadaveri, tra cui un bambino di pochi giorni posto in una giara e una matrona con un grosso quantitativo di gioielli [70] .

Affresco delle Terme Suburbane

Le Terme Stabiane erano il complesso termale più antico della città: risalivano infatti al IV - III secolo aC e avevano subito nel corso degli anni numerosi rifacimenti. Nella parte est, divisi in due sezioni, per uomini e donne, sono l' apodyterium , il frigidarium , il calidarium e il tepidarium , oltre alle fornaci : tutta la pavimentazione era completamente riscaldata; a nord è posta una latrina, mentre a ovest una piscina. Si conservano raffigurazioni in stucco , tipiche del quarto stile , di soggetti mitologici e personaggi pompeiani [71] . Le Terme del Foro , costruite intorno all' 80 aC seguivano come modello quelle Stabiane, ma offrivano prezzi più vantaggiosi: possedevano un apodyterium , un frigidarium , un tepidarium , riscaldato con un braciere, un calidarium e una palestra porticata; le decorazioni sono in stucco e raffigurano per lo più figure mitologiche e partizioni geometriche [72] . Le Terme Centrali, nei pressi di Via di Nola, erano un complesso termale ancora in costruzione al momento dell'eruzione: mancavano infatti le fornaci, così come il giardino , la piscina e la palestra non erano stati ancora sistemati; nei pressi dell'ingresso principale sono presenti due piccoli ambienti che avrebbero dovuto servire da biglietteria e guardaroba [73] . Le Terme Suburbane erano di proprietà privata e furono costruite nel I secolo aC , fuori le mura della città: oltre ai normali ambienti avevano anche una piscina calda e una fredda, quest'ultima ornata da una finta grotta da cui sgorgava acqua [74] ; interessante l' affresco in quarto stile dello spogliatoio , ossia sedici pannelli raffiguranti scene erotiche , tra cui uno con protagonista due donne, unico esempio nella pittura romana [75] .

La Palestra Grande fu costruita in sostituzione della Palestra Sannitica, durante il periodo augusteo , ma fu notevolmente danneggiata dal terremoto del 62, tant'è che al momento dell'eruzione non era utilizzata [76] . Ha una pianta rettangolare e misura centoquaranta metri di lunghezza per centotrenta di larghezza: il perimetro è interamente porticato con colonne ioniche , eccetto il lato est, mentre al centro del piazzale è posta una piscina con un fondo inclinato in modo tale da potere avere diverse profondità che andavano da un minimo di sessanta centimetri a un massimo di due metri; presente anche una latrina [76] . La Palestra Sannitica risale al II secolo aC , ma perse d'importanza a seguito della costruzione della Palestra Grande. Originariamente aveva dimensioni maggiori rispetto a quelle attuali: infatti, a seguito del terremoto del 62, parte della struttura fu distrutta per eseguire i lavori di ampliamento del vicino tempio di Iside : ha una pianta trapezoidale, con colonnato su tre lati e al suo interno, durante l'esplorazione, fu ritrovata una copia della statua raffigurante il Doriforo di Policleto [77] .

Dei circa venticinque lupanari che esistevano a Pompei, il Lupanare della regio VII, era l'unico costruito con la precisa funzione di ospitare prostitute: si tratta di una struttura su due livelli, costruita poco prima dell' eruzione del 79 . Sia il piano inferiore che quello superiore contano cinque stanze, anche se le camere del secondo piano sono di maggiori dimensioni: sulle porte d'ingresso sono gli affreschi erotici del tipo di prestazione sessuale svolta in quella stanza e si possono riscontrare inoltre duecento graffiti , per lo più nomi di prostitute e clienti [78] .

Templi

Il tempio di Apollo

La maggior parte delle strutture sacre di Pompei furono costruite tra il III e il II secolo aC e poi notevolmente ampliate a seguito della dominazione di Lucio Cornelio Silla : al momento dell'eruzione erano quasi tutte in ristrutturazione o ricostruzione a seguito del terremoto del 62.

Il Tempio di Apollo è uno dei più antichi di Pompei: fu infatti costruito tra il 575 e 550 aC e restaurato prima nel II secolo aC e poi a seguito del terremoto del 62 [3] ; la struttura è circondata da un quadriportico in tufo , con colonne in stile ionico e trabeazione dorica [79] . La scala d'accesso immette sull'alto podio, dove è posta la cella , pavimentata con pietre policrome; nel cortile sono poste le statue di Apollo e Diana nelle sembianze di arcieri, oltre a un altare risalente all' 80 aC e una meridiana costruita probabilmente in età augustea [80] .

Il Tempio Dorico risale alla prima metà del VI secolo aC e dopo numerose ristrutturazioni fu gravemente danneggiato dal sisma del 62 e conseguentemente abbandonato. Così chiamato in quanto costruito in stile dorico , era circondato da colonne e al centro era posta la cella; del tempio rimangono dei capitelli , dei gradini del basamento e una base sul quale erano probabilmente venerate le divinità di Atena ed Ercole , così come testimoniato dal ritrovamento di un' epigrafe [81] .

Il tempio di Venere

Il Tempio di Asclepio, così chiamato a seguito del ritrovamento di statue in terracotta che si rifacevano al personaggio della mitologia greca , è anche denominato di Giove Meilichio, appellativo utilizzato soprattutto nell' antica Grecia , per il culto della divinità connessa a riti segreti e dell' oltretomba . Situato nei pressi della via Stabia, è stato costruito intorno al III - II secolo aC ; è costituito da un portico e un cortile, al centro del quale è posta un'ara in tufo, mentre il piedistallo sul quale venivano poggiate le statue per il culto è racchiuso in una cella sostenuta da colonne con capitelli corinzi [82] .

Il Tempio di Iside , realizzato nel II secolo aC e restaurato a seguito del terremoto del 62, fu esplorato tra il 1764 e il 1766 ; la struttura è costituita da un portico, nel quale si aprono diversi ambienti di servizio, un pozzo e un purgatorium, mentre al centro è il pronao , realizzato con quattro colonne facciali e due laterali, dove in due nicchie erano poste le statue delle divinità Anubi e Harpokrate, mentre nella cella più larga era posto il basamento dov'era poggiata la statua di Iside : tutto il tempio aveva decorazioni in quarto stile , oggi conservate al museo archeologico di Napoli [83] .

Il Tempio di Giove , situato nei pressi del foro , risale al II secolo aC ed è così chiamato per il ritrovamento della testa di una statua appartenente a Giove , anche se l'intero complesso era dedicato alla Triade Capitolina , ossia agli dei Giove, Giunone e Minerva . Il tempio poggia su un alto podio, restaurato tra il 13 e il 47 ed è caratterizzato da due ordini di colonne; la cella aveva una pavimentazione in pietra policroma, disposta ad opus scutulatum [84] .

Decorazione dell'ara del tempio di Vespasiano

Il Tempio di Venere fu costruito a seguito della conquista di Lucio Cornelio Silla e dedicato alla dea della bellezza in quanto sia protettrice del generale romano , sia della città. Edificato su una collinetta tufacea, rivolto verso il mare e il fiume Sarno , il tempio doveva essere uno dei più belli di Pompei: composto da un portico decorato in marmi e poggiante su un podio in tufo, è stato completamente spogliato, facendone risultare difficile ogni interpretazione [85] .

Il Tempio della Fortuna Augusta fu sicuramente costruito dopo il 13 aC , al ritorno a Roma di Augusto dopo le spedizioni di conquista, per celebrare le imprese dell' imperatore : fu edificato per volere di M. Tullius. Realizzato con colonne e capitelli in ordine corinzio, aveva una cella, preceduta da colonne, nella quale era posta la statua della Fortuna e diverse nicchie con le statue della famiglia imperiale e dello stesso Tullius [86] .

Il Santuario dei Lari Pubblici fu probabilmente eretto a seguito del terremoto del 62 come dono verso gli dei , irati con la città e per questo punita con il terribile evento sismico ; secondo altri invece il tempio è precedente al 62 e dedicato alla famiglia imperiale. La struttura è composta da un parete perimetrale, in opus reticolatum e incertum , che in principio doveva essere rivestita di marmi, ma non venne mai completata a causa del sopraggiungere dell' eruzione del 79 : la parete presenta nicchie e colonne, mentre al centro è posto l'altare per i sacrifici [87] .

Il Tempio di Vespasiano o Aedes Genii Augusti fu probabilmente un tempio dedicato al primo imperatore romano, Ottaviano Augusto e, di volta in volta, dedicato ai successivi imperatori, fino a Tito Flavio Vespasiano : al momento dell'eruzione il tempio era o in costruzione o in restauro. Nel cortile è posto un altare in marmo bianco, decorato con la scena di un sacrificio di un toro ; segue il podio, a cui si accede tramite due scale laterali, sul quale è posta la statua dell'imperatore [88] .

Il Tempio di Mefite risale al III secolo aC ed era appunto dedicato a Mefite , in quanto è stato ritrovato materiale votivo in suo onore; l'edificio, collocato nella parte sud di Pompei, è di epoca sannita e presenta portici e cisterne [89] .

Altri templi, come il Tempio di Dioniso [90] , sono stati individuati ed esplorati esternamente alla cinta muraria della città, nella campagna circostante [91] .

Necropoli

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Necropoli di Pompei .

Come stabilito dalle leggi romane, le tombe dovevano essere costruite al di fuori delle mura cittadine e così, in prossimità delle porte di Pompei, sorgono diverse necropoli . La necropoli di Porta Nocera è quella di maggiori dimensioni e la più importante, con tombe sia a esedra sia a edicola: tra tutte, le più imponente, è quella Eumachia , fatta costruire dalla sacerdotessa di Venere per sé e per i suoi familiari. Edificata tra il 17 e il 37 dC , la tomba è a esedra, in opera cementizia e rivestita di tufo : presenta delle nicchie dove erano poste le statue e un fregio figurato. Nella stessa zona sono inoltre presenti altre due tombe a edicola, risalenti all' età repubblicana , dove la cella funeraria era ornata con le statue dei defunti [92] . Altre necropoli di grandi dimensioni sono quelle di Porta Ercolano, che sorgeva lungo la strada che portava a Villa dei Misteri e quella del Fondo Pacifico, nei pressi dell'anfiteatro. Nella necropoli di Porta Vesuvio è la tomba a sedile semicircolare in tufo di Arellia Tertulla, la tomba di Septumia, moglie di un duoviro , realizzata in opera incerta , con base in tufo e la tomba di un giovane ventiduenne, C. Vestorius Priscus, addetto alla cura delle strade e dell' ordine pubblico , decorata con stucchi a rilievo di menadi e satiro , mentre le pareti interne sono affrescate con scene di caccia , di lotte di gladiatori e scene di vita del defunto [93] . La necropoli di Porta Nola è composta da tre tombe: quella di M. Obellio Firmo, dove nel recinto era posta una stele , sulla quale poggiava l' urna cineraria in vetro , mentre le altre due tombe, una di Aesquilia Polla e l'altra di N. Herennius Celsus sono di tipo a esedra e quest'ultima è caratterizzata da una colonna ionica con vaso marmoreo [93] .

Urbanistica

Porta Marina

La città di Pompei è circondata da una cinta muraria di tremiladuecentoventi metri , nella quale si aprono sicuramente sette porte più un'ottava, Porta Capua, dall'esistenza incerta [94] . In un primo momento le mura erano di dimensioni ridotte e realizzate con blocchi di lava e pappamonte; in seguito vennero ampliate e fu costruita una doppia cortina parallela riempita con pietre e terra battuta . Durante l' epoca sannita fu costruito un terrapieno intorno alla città, mentre, nel III secolo aC , furono costruite nuove mura in calcare di Sarno e tufo grigio di Nocera , con contrafforti e torri a distanze irregolari, dodici per la precisione, nei punti più esposti della città, ossia nella parte nord : interessante è la Torre di Mercurio, a due piani, con una scala interna, nella quale sono ben visibili i colpi delle catapulte , scagliate da Lucio Cornelio Silla . Fu proprio a seguito della conquista di Silla che le mura divennero inutili e furono in parte abbattute o integrate a nuovi edifici [94] .

Immagine d'epoca della Via Stabiana

Porta Nocera fu costruita nel IV secolo aC e risale quindi all'epoca sannita ed è così chiamata poiché da essa partiva la via che conduceva a Nuceria Alfaterna : simile a quella di Stabia e di Nola, ha un vano con volta a botte , dove era posta la porta, un corridoio con due bastioni alle estremità ed era realizzata con blocchi di calcare [95] . Porta Ercolano, conosciuta anche con il nome di Porta del Sale, si apriva sulla strada che portava verso Ercolano e la parte nord del golfo di Napoli ; fu costruita dopo la conquista di Silla ed è decorata con stucchi : nelle sue vicinanze sorge una necropoli . Porta Marina, nonostante la sua imponenza, simile a un bastione, era una delle meno frequentate e conduceva al mare : si presenta con due fornici ad arco a tutto sesto e una volta a botte in opera cementizia ; oggi è la porta che dà l'accesso al sito archeologico [28] . Porta Nola fu costruita intorno al III secolo aC da Vivio Popidio, così come testimoniato da un'iscrizione in lingua osca rinvenuta sulla porta: realizzata in tufo, con una volta a botte, ha la chiave di volta decorata con una scultura raffigurante la testa di Minerva ; all'esterno una piccola area funeraria [96] . Porta Vesuvio si trova all'estremità nord del cardine ed era una delle più interessate dagli scambi commerciali : al momento dell'eruzione era in completo rifacimento e nelle sue vicinanze si ergono tre torri, poste a difesa della città [97] . Porta Stabia, posta nella parte sud del cardine, era la più antica e una delle più trafficate: da essa infatti si giungeva al porto sul fiume Sarno . Porta di Sarno si trova al termine di Via dell'Abbondanza ed è la peggio conservata tra tutte le porte, in quanto ha perso quasi del tutto la sua conformazione originale [98] .

L'antica Pompei seguiva lo schema urbanistico della tipiche città romane , anche se il Foro non era posizionato esattamente all'incrocio del cardine con il decumano [99] . Via dell'Abbondanza è il decumano inferiore ed è così chiamata per il ritrovamento di un bassorilievo , posto su una fontana pubblica, raffigurante la Concordia Augusta, erroneamente definita come l' Abbondanza [100] : la via conserva ancora la sua pavimentazione originale ed è costeggiata da due marciapiedi ; questa inizia dal Foro per terminare a Porta Sarno, toccando diversi importanti edifici della città come le Terme Stabiane e l' Anfiteatro [100] . Da Via dell'Abbondanza, che era la strada principale di Pompei, si aprono diverse strade secondarie, come la Via dei Teatri, che conduce alla zona dei teatri e del Foro Triangolare. Il decumano superiore è invece rappresentato dall'unione della Via delle Terme, Via della Fortuna e Via di Nola e comincia dalle Terme del Foro, per terminare alla Porta di Nola. Il cardine è delineato dall'unione di Via del Vesuvio con la Via Stabiana e andava dalla Porta Vesuvio fino alla Porta di Stabia, da dove si proseguiva per il porto [101] .

La zona del foro aveva un sistema di refluo delle acque piovane composto da due cisterne al di sotto del Foro e collegate a una rete di cunicoli. Questi cunicoli, passando al di sotto di via Marina, in antichità drenavano le acque in eccesso al di fuori della città presso Porta Marina [102] .

Cultura di massa

Il romanzo Gli ultimi giorni di Pompei

Sia gli scavi di Pompei, che la storia dell'eruzione che ha coinvolto la città, sono stati al centro di numerose opere artistiche come dipinti, romanzi , mostre , film , fiction e documentari .

Uno dei più celebri dipinti ispirati all'eruzione del Vesuvio è Gli ultimi giorni di Pompei , dipinto fra il 1827 e il 1833 dal pittore russo Karl Pavlovič Brjullov , a sua volta ispirato dall'omonima opera di Giovanni Pacini .

Tra i romanzi principali quello del 1834 di Edward Bulwer-Lytton , intitolato Gli ultimi giorni di Pompei , uno del 1852 scritto da Théophile Gautier e intitolato Arria Macerella , una serie di romanzi per bambini scritti da Caroline Lawrence e intitolati I misteri romani ed ancora , un altro chiamato Pompei e scritto da Robert Harris nel 2003 , il quale narra le vicende di un dipendente dell' acquedotto del Serino : nella storia compaiono anche Plinio il Vecchio ,Plinio il Giovane e viene fatto riferimento alla piscina mirabilis di Bacoli . Riferimenti a Pompei vengono fatti anche nel primo libro del Cambridge Latin Course dove viene raccontata la storia di un uomo residente a Pompei, Lucius Caecilius Iucundus, vissuto durante il periodo di Nerone e Vespasiano , morto, insieme alla sua famiglia, a seguito dell' eruzione del Vesuvio del 79 [103] .

Tanti i titoli di film che si sono ispirati al romanzo di Edward Bulwer-Lytton e tutti chiamati Gli ultimi giorni di Pompei : quello del 1900 diretto da Walter R. Booth, quello del 1913 diretto da Mario Caserini , quello del 1926 diretto da Carmine Gallone , e ancora, uno del 1935 diretto da Merian C. Cooper ed Ernest B. Schoedsack , uno del 1950 diretto da Marcel L'Herbier e Paolo Moffa e uno del 1959 in principio diretto da Mario Bonnard e poi concluso da Sergio Leone , girato tra Madrid e gli studi di Cinecittà a Roma ; dello stesso titolo è inoltre una miniserie del 1984 , mentre un'altra chiamata Pompei è stata realizzata nel 2007 per la regia di Giulio Base e protagonisti Lorenzo Crespi e Andrea Osvárt . Pompei inoltre è ambientazione di una puntata della serie animata de I Simpson , intitolata Il Bob italiano , dove la famiglia si reca in visita alle antiche rovine; nella serie Doctor Who , nell'episodio Il Fuoco di Pompei , i protagonisti scoprono che l' eruzione è stata causata per evitare un' invasione aliena .

Diversi i documentari girati all'interno degli scavi: numerosi quelli per programmi di divulgazione scientifica italiana come Superquark e Ulisse , uno realizzato da Channel 5 nel quale venivano riprese le varie fasi di un' indagine archeologica , e ancora uno dalla BBC , dal titolo Pompei: l'ultimo giorno , dove viene descritta la vita, seppur inventata, di alcuni personaggi realmente esistiti e vissuti tra Pompei, Ercolano e le varie località del golfo di Napoli : vengono narrate inoltre le vicende di Plinio il Vecchio e il Giovane, di due gladiatori , di una donna incinta e di una famiglia.

Dopo una visita a Pompei nel 1769 , il compositore Wolfgang Amadeus Mozart , rimasto estasiato dalla bellezza del tempio di Iside , compose Il flauto magico [104] ; nel 1971 l' anfiteatro è stato utilizzato dal gruppo dei Pink Floyd per un concerto senza pubblico, da cui è stato tratto un film documentario dal titolo Pink Floyd: Live at Pompeii .

In un luna park della Virginia , il Busch Gardens Williamsburg , è stata realizzata un'attrazione acquatica chiamata Escape from Pompeii che prevede il viaggio su un battello attraverso la ricostruzione delle rovine della città pompeiana [105] .

Note

  1. ^ a b Sergio Rinaldi Tufo , p.9 .
  2. ^ Stefano Giuntoli , p.7 .
  3. ^ a b Stefano Giuntoli , p.12 .
  4. ^ Dati dei visitatori nei siti vesuviani per l'anno 2016 , su pompeiisites.org . URL consultato il 17 gennaio 2017 (archiviato dall' url originale il 18 gennaio 2017) .
  5. ^ Dati visitatori dei siti museali italiani statali nel 2016 ( PDF ), su beniculturali.it . URL consultato il 17 gennaio 2017 . .
  6. ^ a b Scheda dell'UNESCO , su whc.unesco.org . URL consultato il 16 gennaio 2012 .
  7. ^ De Vos , p. 8 .
  8. ^ a b c d e f Stefano Giuntoli , p.3 .
  9. ^ Sergio Rinaldi Tufo , p.22 .
  10. ^ Colletta , p.75 .
  11. ^ a b Giovanni Longobardi , p.39 .
  12. ^ News Art : Gli scavi di Pompei nella storia , Rai Educational , 11 giugno 2012. URL consultato il 19 giugno 2011 .
  13. ^ Giovanni Longobardi , p.42 .
  14. ^ Sergio Rinaldi Tufo , p.12 .
  15. ^ Giovanni Longobardi , p.43 .
  16. ^ Giovanni Longobardi , p.13 .
  17. ^ Sergio Rinaldi Tufo , p.13 .
  18. ^ Sergio Rinaldi Tufo , p.16 .
  19. ^ Giovanni Longobardi , pp. 53-54 .
  20. ^ Giovanni Longobardi , pp. 54-55 .
  21. ^ Giovanni Longobardi , p.71 .
  22. ^ a b La Schola Armaturarum , su ilsole24ore.com . URL consultato il 9 febbraio 2012 .
  23. ^ Il Grande Progetto Pompei , su beniculturali.it . URL consultato l'8 marzo 2014 .
  24. ^ Notizie del 2014 , su archemail.it . URL consultato l'8 marzo 2014 (archiviato dall' url originale il 15 ottobre 2013) .
  25. ^ a b Le ville pompeiane , su pompeiisites.org . URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato dall' url originale il 17 agosto 2014) .
  26. ^ a b Fabrizio Pesando , pp. 164-186 .
  27. ^ Anna Anguissola , p.244 .
  28. ^ a b Stefano Giuntoli , p.10 .
  29. ^ a b c d Stefano Giuntoli , p.11 .
  30. ^ Fabrizio Pesando , pp. 153-155 .
  31. ^ La Villa di Cicerone , su pompeiiinpictures.com . URL consultato il 26 gennaio 2012 .
  32. ^ Il mosaico dell'Accedemia di Platone , su ancientrome.ru . URL consultato il 26 gennaio 2012 .
  33. ^ Ritrovamento dell'Edificio dei Triclini , su arsetfuror.com . URL consultato il 26 gennaio 2012 .
  34. ^ a b c Le case di Pompei , su pompeiisites.org . URL consultato il 6 agosto 2012 (archiviato dall' url originale il 28 aprile 2014) .
  35. ^ Fabrizio Pesando , pp. 124-125 .
  36. ^ Fabrizio Pesando , p.113 .
  37. ^ Stefano Giuntoli , pp. 64-65 .
  38. ^ Anna Anguissola , p.246 .
  39. ^ Fabrizio Pesando , pp. 143-144 .
  40. ^ Fabrizio Pesando , p.50 .
  41. ^ Fabrizio Pesando , pp. 132-133 .
  42. ^ Anna Anguissola , pp. 245-246 .
  43. ^ Fabrizio Pesando , p.34 .
  44. ^ Autori Vari , p.30 .
  45. ^ Autori Vari , p.28 .
  46. ^ Autori Vari , p.26 .
  47. ^ Fabrizio Pesando , p.53 .
  48. ^ Stefano Giuntoli , p.128 .
  49. ^ Stefano Giuntoli , pp. 18-19 .
  50. ^ Filippo Coarelli , p.173 .
  51. ^ Jos de Waele , pp. 42-44 .
  52. ^ Pier Giovanni Guzzo , p.556 .
  53. ^ Stefano Giuntoli , pp. 36-37 .
  54. ^ Autori Vari , p.42 .
  55. ^ Il Panificio di Soterico , su pompeii.org.uk . URL consultato il 9 febbraio 2012 .
  56. ^ Filippo Coarelli , p.135 .
  57. ^ Stefano Giuntoli , p.60 .
  58. ^ Il Thermopolium della Fenice , su pompeii.org.uk . URL consultato il 9 febbraio 2012 .
  59. ^ Linea Blu : Pompei - La cucina Romana , Rai Uno , 22 novembre 2008. URL consultato il 19 giugno 2011 (archiviato dall' url originale il 21 agosto 2014) .
  60. ^ L'Officina del Garum , su pompeii.org.uk . URL consultato il 9 febbraio 2012 .
  61. ^ Filippo Coarelli , p.131 .
  62. ^ Stefano Giuntoli , p.27 .
  63. ^ Filippo Coarelli , pp. 136-137 .
  64. ^ Autori Vari , p.36 .
  65. ^ Stefano Giuntoli , p.68 .
  66. ^ Sergio Rinaldo Tufi , p.41 .
  67. ^ Arthur Crane , p.131 .
  68. ^ a b Sergio Rinaldi Tufo , p.40 .
  69. ^ Stefano Giuntoli , p.46 .
  70. ^ Autori Vari , p.48 .
  71. ^ Stefano Giuntoli , p.72 .
  72. ^ Sergio Rinaldo Tufi , p.43 .
  73. ^ Autori Vari , p.39 .
  74. ^ Luciana Jacobelli , p.16 .
  75. ^ Luciana Jacobelli , p.25 .
  76. ^ a b Stefano Giuntoli , p.70 .
  77. ^ Jos de Waele , p.325 .
  78. ^ Anna Anguissola , p.57 .
  79. ^ Lorenza Barnabei , p.15 .
  80. ^ Stefano Giuntoli , p.17 .
  81. ^ Jos de Waele , pp. 87-91 .
  82. ^ Lorenza Barnabei , pp. 37-38 .
  83. ^ Lorenza Barnabei , pp. 61-63 .
  84. ^ Lorenza Barnabei , pp. 54-55 .
  85. ^ Lorenza Barnabei , pp. 47-48 .
  86. ^ Lorenza Barnabei , p.70 .
  87. ^ Lorenza Barnabei , pp. 80-82 .
  88. ^ Lorenza Barnabei , pp. 74-75 .
  89. ^ Pier Giovanni Guzzo , pp. 52-53 .
  90. ^ ( EN ) Sanctuario C, Il tempio dionisiaco in località Sant'Abbondio di Pompei. Santuario di Dioniso-Liber. , su pompeiiinpictures.com , Jackie e Bob Dunn. URL consultato il 25 febbraio 2017 .
  91. ^ ( EN ) Templi a Pompei e Santuario extraurbano. , su pompeiiinpictures.com , Jackie e Bob Dunn. URL consultato il 25 febbraio 2017 .
  92. ^ Stefano Giuntoli , p.71 .
  93. ^ a b Fausto Zevi , p.285 .
  94. ^ a b Sergio Rinaldi Tufo , p.34 .
  95. ^ Laurentino Garcia , pp. 166-167 .
  96. ^ Laurentino Garcia , p.166 .
  97. ^ Laurentino Garcia , p.165 .
  98. ^ Fausto Zevi , p.246 .
  99. ^ Sergio Rinaldi Tufo , p.35 .
  100. ^ a b Stefano Giuntoli , p.38 .
  101. ^ Fausto Zevi , p.49 .
  102. ^ Canali e cunicoli nell'area del Foro: il sottosuolo di Pompei studiato dagli speleologi , su percevalasnotizie.wordpress.com , 7 febbraio 2020. URL consultato il 27 febbraio 2020 .
  103. ^ Cambridge Latin Course , su cambridgescp.com . URL consultato il 5 novembre 2012 .
  104. ^ Il successo degli scavi di Pompei , su pompeiisites.org . URL consultato il 5 novembre 2012 (archiviato dall' url originale il 28 settembre 2013) .
  105. ^ L'apertura dell'Escape from Pompeii , su nytimes.com . URL consultato il 5 novembre 2012 .

Bibliografia

  • Pietro Colletta; Storia del Reame di Napoli dal 1734 al 1825, Vol. I , Firenze, Le Monnier, 1846 ISBN non esistente
  • Arnold De Vos; Mariette De Vos, Pompei, Ercolano, Stabia , Roma, Casa editrice Giuseppe Laterza & figli , 1982. ISBN 88-420-2001-X
  • Stefano Giuntoli, Pompei , Firenze, Casa Editrice Bonechi, 1995. ISBN 88-7009-453-7
  • Luciana Jacobelli, Le pitture erotiche delle Terme Suburbane di Pompei , Roma, L'Erma di Bretschneider, 1995. ISBN 88-7062-880-9
  • Antonio Irlando, Pompei: guida alla città archeologica , Roma, Fortuna Augusta, 1996. ISBN non esistente
  • Alberto Carpiceci, Pompei: Oggi e Com'era 2000 Anni Fa , Firenze, Bonechi Edizioni, 1997, ISBN 88-7204-305-0 .
  • Salvatore Nappo, Valeria Manferto, Pompei: guida alla città sepolta , Vercelli, White Star, 1998, ISBN 88-8095-306-0 .
  • Antonio Varone, L'erotismo a Pompei , Roma, L'Erma di Bretschneider, 2000, ISBN 88-8265-055-3 .
  • Ernesto De Carolis, Pompei: itinerario archeologico ragionato , Roma, T&M Editore, 2000, ISBN 88-87150-06-0 .
  • Jos de Waele, Il tempio Dorico del foro triangolare di Pompei , Roma, L'Erma di Bretschneider, 2001. ISBN 88-8265-149-5
  • Autori Vari, Piccola guida agli scavi di Pompei , Castellammare di Stabia, Longobardi Editore, 2001. ISBN non esistente
  • Antonio D'Ambrosio, Pompei: gli scavi dal 1748 al 1860 , Milano, Electa, 2002, ISBN 88-435-9725-6 .
  • Giovanni Longobardi, Pompei sostenibile , Roma, L'Erma di Bretschneider, 2002. ISBN 88-8265-189-4
  • Filippo Coarelli; Alfredo Foglia; Pio Foglia, Pompei: la vita ritrovata , Fagagna, Magnus Edizioni, 2002. ISBN 88-7057-176-9
  • Fabrizio Pesando, Marco Bussagli; Gioia Mori, Pompei: la pittura , Milano, Giunti Editore, 2003, ISBN 88-09-03206-3 .
  • Sergio Rinaldi Tufo, Pompei. La vita quotidiana , Milano, Giunti Editore, 2003. ISBN 88-09-02860-0
  • Fabrizio Pesando, Maria Paola Guidobaldi, Gli ozi di Ercole: residenze di lusso a Pompei ed Ercolano , Roma, L'Erma di Bretschneider, 2006. ISBN 88-8265-364-1
  • Laurentino Garcia, Danni di guerra a Pompei , Roma, L'Erma di Bretschneider, 2006. ISBN 88-8265-369-2
  • Arthur Crane, I veleni di Pompei , Roma, Robin Edizioni, 2006. ISBN 88-7371-236-3
  • Lorenza Barnabei, Contributi di Archeologia Vesuviana , Roma, L'Erma di Bretschneider, 2007. ISBN 88-8265-388-9
  • Pier Giovanni Guzzo, Nuove ricerche archeologiche nell'area vesuviana (scavi 2003-2006) , Roma, L'Erma di Bretschneider, 2008. ISBN 88-8265-479-6
  • Fausto Zevi, Pompei , Napoli, Guida Editori, 2009. ISBN 88-6042-645-6
  • Anna Anguissola, Intimità a Pompei: Riservatezza, condivisione e prestigio negli ambienti ad alcova di Pompei , Berlino, Walter de Gruyter, 2010. ISBN 3-11-024090-4

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 195838541 · GND ( DE ) 5335636-6 · WorldCat Identities ( EN ) viaf-195838541