San Severo

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade San Severo (disambiguation) .
San Severo
komen
San Severo - manto nan bra San Severo - Drapo
San Severo - View
Kote
Leta Itali Itali
rejyon an Coat of Arms of Apulia.svg Puglia
pwovens Pwovens nan Foggia-Stemma.svg Foggia
Administrasyon
Majistra Francesco Miglio ( sant-gòch ) soti nan 9-6-2014 (2nd manda soti nan 9-6-2019)
Teritwa
Kowòdone 41 ° 41'42.4 "N 15 ° 22'45.4" E / 41.695111 ° N 15.379278 ° E 41.695111; 15.379278 (San Severo) Kowòdone : 41 ° 41'42.4 "N 15 ° 22'45.4" E / 41.695111 ° N 15.379278 ° E 41.695111; 15.379278 ( San Severo )
Altitid 86 m slm
Sifas 336,31 km²
Moun ki rete 48 645 [1] (31-05-2021)
Dansite 144,64 abitan / km²
Minisipalite vwazen yo Apricena , Foggia , Lucera , Rignano Garganico , San Marco nan Lamis , San Paolo di Civitate , Torremaggiore
Lòt enfòmasyon
Kòd postal 71016
Prefiks 0882
Lag jè UTC + 1
ISTAT kòd 071051
Kòd Cadastre I158
Plak FG
Cl. sismik zòn 2 (mwayen sismisite) [2]
Cl. klimatik zòn D, 1 494 GG [3]
Non moun ki rete sanseveresi
Patwon Madonna del Soccorso ,
San Severino Abbot ,
Sen Severis evèk
Jou Konje Twazyèm Dimanch nan Me ak Lendi ki anba la a
Kartografi
Mappa di localizzazione: Italia
San Severo
San Severo
San Severo - Kat jeyografik
Kote minisipalite San Severo nan pwovens Foggia
Sit entènèt enstitisyonèl

San Severo ( [sanseˈvɛːro] , Sanzəvírə nan dyalèk Sanseverese ) se yon vil Italyen nan 48 645 moun ki rete nan pwovens Foggia nan Puglia .

Enpòtan sant nan ansyen tradisyon komèsyal ak agrikòl, li se esansyèlman dedye a sektè a Supérieure . Minisipalite a, nan sant yon rezo wout nan nò Tavoliere , gen yon gwo ekstansyon teritoryal. Li se yon vil nan atizay[4] .

Jewografi fizik

Vil la leve nan sektè nò nan Tavoliere a nan yon altitid de 86 m ASL . Li fontyè Apricena nan nò a, Rignano Garganico sou bò solèy leve a, Foggia ak Lucera nan sid la, Torremaggiore ak San Paolo di Civitate nan lwès la. San Severo se trant-dezyèm minisipalite Italyen an pa ekstansyon teritoryal ak nevyèm lan nan Puglia .

Teritwa

Teritwa a se sitou plat , epi, jewolojikman , ki dwe nan Quaternary nan ansyen ke yo te karakterize pa sab fosilifer ak ajil , ki gen orijin maren. Soti nan yon pwen de vi altimetrik, li ap diminye soti nan lwès la (163 m ASL ) sou bò solèy leve a (23 m ASL ). Avèk varyasyon nan altitid, eleman yo nan jaden flè a varye: nan lwès la gen sitou ti mòn ti tay, sou bò solèy leve a yon zòn plis regilye plat, nan korespondans ak basen lan Candelaro . [5] Se peyi a ki pa gen anpil moun malgre yo chaje ak fèm . Rekòt prensipal yo se sa yo nan Achera oliv , jaden rezen ak rekòt ble . Orchards yo ra, pandan ke pa gen okenn mank nan jaden plante ak legim .

Idrografi

Kouran yo minim. Anplis Candelaro , agro Severo travèse pa rivyè Triolo , Salsola , Radicosa, Vènolo, Ferrante ak Potesano. Rate dlo sifas la, prèske konplètman absan nan sezon ete a, koresponn ak yon prezans remakab nan dlo anba tè sal , espesyalman nan tè a nan vil la. [6] .

Klima

Klima a , ki deja apeze pa latitid ak lonjitid, karakterize pa sezon ivè frèt sèlman relativman (ak nèj ki ra anpil) ak ete trè cho, karakterize pa fò randone tèmik lajounen. Van yo souvan ak modere, pafwa byen fò. Mwa ki pi frèt la se janvye ak yon mwayèn de 7 ° C ak pi cho a se jiyè ak Out (25 °). Soti nan yon pwen de vi lejislatif, minisipalite a nan San Severo tonbe nan bann nan klimatik D kòm jou degre vil la yo se 1494, Se poutèt sa limit la maksimòm pèmèt pou chanje sou chofaj la se 12 èdtan nan yon jounen soti nan 1 novanm a 15 avril.

  • Klasifikasyon klima: zòn D, 1494 GG [7]
San Severo
Done soti nan 1973 nan dat, kòmsadwa dedwi
soti nan done yo nan estasyon an meteyorolojik nan Amendola [7]
Mwa Sezon Ane
Janvye Fevriye Mas Avril Mag Anba a Jul Deja Mete Oktòb Nov. Desanm Env Pri East Ot
T. max. mwayenC ) 12 13 15 19 24 28 32 31 28 22 17 13 12.7 19.3 30.3 22.3 21.2
T. min. mwayenC ) 3 3 5 7 11 15 18 18 15 11 7 4 3.3 7.7 17 11 9.8
Presipitasyon ( mm ) 52 50 40 39 36 26 23 26 46 59 61 56 158 115 75 166 514
Mwayèn imidite relatif (%) 76 74 73 71 69 65 61 62 68 74 76 77 75.7 71 62.7 72.7 70.5
Heliophane absoli ( èdtan chak jou ) 4 5 5 7 8 9 11 10 8 6 5 4 4.3 6.7 10 6.3 6.8

Orijin non an

Non an nan vil la soti nan sa yo ki nan sen patwon an, San Severino , pwopriyetè legliz la alantou ki castellum la te fòme. Agiotoponym orijinal la, Castellum Sancti Severini oswa tou senpleman Sanctus Severinus , ka li nan sèt dokiman trase ant 1116 ak 1266 . Fòm nan Sanctus Severus , nan lòt men an, se ateste la pou premye fwa nan yon dokiman nan 1134 , Anplis li te ye sèlman nan transkripsyon ézitan modèn. Nan yon parchemin nan 1141 tou de fòm parèt, youn nan kòmansman an ak lòt la nan fen ekri a, yon siy altènasyon ki nan yon sèten pwen deklanche mitasyon an nan non an nan vil la an favè yon toponim diferan de la tit matris legliz la.

Men, non an nan lavil la rete k ap flote pou yon tan long, tèlman bagay ke San Severino , kwake detanzantan, te nan itilize jouk disetyèm syèk la . Nan kèk dokiman kenzyèm syèk la, anplis, ka òtograf orijinal la li nan tit la Latin ak yon sèl la sòti nan tèks la lang: sa a sijere ke chanjman ki nan ansyen ajyografi a se akòz senkop, yon repwesyon komen nan pasaj la soti nan Latin nan Italyen: Sanctus Severinus > Sanseverinus > Sansevero , espesyalman depi pa gen okenn sen yo te rele Severus te venere nan vil la anvan nan fen disetyèm syèk la. Se pa etonan, non ofisyèl la - menm si li te akseptab a variantes Rahman San Severo ak San Severo - te toujou Sansevero, nan fòm univerbata. [8]

Nan 1931 minisipalite a, sou demann lan nan Ministè enteryè a , ofisyèlman adopte òtograf San Severo a , yo te youn nan rapòte pa Diksyonè a nan minisipalite yo nan Peyi Wa ki konpile pa Enstiti a Estatistik Santral (ka a se menm jan ak sa yo ki an Sanremo ). Rezistans nan ti kras oswa ki pa gen chanjman te vle di ke fòm nan San Severo te pran sou olye byen vit, se konsa ke jodi a li se prèske inivèsèl itilize.

Istwa

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Istwa nan San Severo .

Orijin yo ak premye syèk yo

Selon lejand Renesans lan , vil la te fonde pa ewo grèk la Diomede ak non Castrum Drionis (Casteldrione), e li ta rete payen jouk 536 , lè San Lorenzo Maiorano , evèk Siponto , ta enpoze non yon flotant. gouvènè Severus, ki moun li konvèti nan Krisyanis .

San Severo leve nan Daunia ansyen ak tras nan koloni Neyolitik divès kalite yo te jwenn nan peyi li yo. Nan kòmansman Mwayennaj yo zòn nan pa te afekte pa koloni ki estab ak defini. Ant laj yo Lombard ak Bizanten , monachism benediktin gaye soti nan monastè a nan Cassino , epi avèk li kil la nan apòt la nan Noricus , San Severino bese : Se poutèt sa, sou wout la pwobab nan Via Francigena a, yon legliz primitif dedye a saint la leve , nan ki te fòme nan onzyèm syèk la , gras a foul la kontinyèl nan pèlren nan Monte Sant'Angelo ak mouvman an nan moun ak machandiz, vil la prezan, orijinal yo rele Castellum Sancti Severini (gwo ranpa vilaj nan San Severino).

Aglomerasyon an, ki te devlope rapidman gras a pozisyon favorab li pou komès, byento sipoze enpòtans konsiderab, e li te chèz la nan Venetian , Florentin , Saracen ak machann jwif yo. Nan premye sijè a benediktin abe yo nan abei a nan San Pietro di Terra majeur (ak nan 1116 Abbot a Adenulfo dikte pi popilè chart Libertatis a), nan 1230 lavil la, ki te vin tounen regal, revòlte kont otorite Frederick II nan nan Swabia ki pini li pa touye li nan mi yo. Ant 1232 ak 1233 Giacomo da Lentini pratike pwofesyon notè a la. [9] Nan 1295 Boniface VIII te bay chvalye tanpliye a [10] .

Katòzyèm ak kenzyèm syèk

Rèn Joan

Anviwon 1312 , apre repwesyon lòd tanpliye a, vil la, ki te ranfòse ankò ak yon mi pi laj, te bay Robert nan Anjou don Sancia madanm li, ki nan 1317 te bay li pou konte Pietro Pipino, mèt Vico . Lèt la, sepandan, pa janm jere yo pran posesyon nouvo feyè a akòz rezistans ame sitwayen yo, ki moun ki mete zam yo sèlman lè wa a pèmèt yo vin delivre lavil la. San Severo te Se poutèt sa te deklare yon vil wa nan pèrpetuèl. [11]

Aprè Rèn Giovanna d'Angiò te rete la pou yon bon bout tan, plizyè monak napolitèn te onore l 'ak prezans yo, ki gen ladan Aragonese Alfonso I a ak Ferrante I. Lèt la, nan 1 oktòb 1491 , akòde San Severo lwa minisipal la, ke yo rele tou lwa Ferrantino . [12] Nan kenzyèm syèk la , San Severo te vin yon evèk, pran avantaj de n bès nan Civitate ki tou pre; nan menm syèk la chèz la retounen nan chèz la episkopal pre-egziste. [13] Selon tradisyon lokal la, nan fen kenzyèm syèk la San Severo te vin kapital la nan ekzekisyon an (pwovens) nan Capitanata [14] , sou ki gen jiridiksyon tou te tonbe Konte a nan Molise , e li te chèz la nan otorite yo pwovensyal yo. ak nan tribinal la nan odyans lan Tribinal Regia; nplis de sa, vil la frape pwòp lajan li yo.

Sèzyèm syèk la

Nan 1521 Charles V , surprenante, vann lavil la bay Duke a nan Termoli Ferdinando di Capua, men majistra a Tiberio Solis (oswa de Lisolis) jere vin delivre li nan peye anperè a 42,000 dukat, mete tèt yo ansanm pa kolekte kontribisyon nan men sitwayen prive ak, pi wo a tout moun, pa kontra dèt la gwo 32,000 dukat ak kèk bankye yo napolitèn. Souveren an, lè sa a, yon lòt fwa ankò deklare San Severo yon vil tout tan wa ak inalienabl. Selon tradisyon, nan mwa janvye 1536 Charles V tèt li ta onore li ak prezans li, nan okazyon an ennoblisman vennkat fanmi vil yo ak etabli rejim oligarkik karant lan (depi 2006 evènman an raple pa yon pwosesyon istorik) [15] .

Pou San Severo, ki te vin lavil ki pi abitan nan Capitanata, sèzyèm syèk la te yon syèk an lò. Richès nan komès, vitalite kiltirèl ak otonomi administratif te fè li youn nan sant sa yo pi gwo nan Sid la , mèsi an patikilye nan prezans nan yon gwo depo Venetian ki, dirèkteman konekte nan pò a nan gwo larivyè Lefrat la Fortore , te yon lyen enpòtan ant la Serenissima ak wayòm napolitèn nan. [16] Leandro Alberti nan deskriptè a nan tout peyi Itali ( Venice , 1550 ) ekri nan San Severo ke "chato sa a se trè rich, nòb, sivil ak plen ak moun, epi li se konsa abondan ke li pa gen okenn jalouzi nan nenpòt lòt nan rejyon sa a " [17] . Nan dènye ane yo, òganizasyon eklezyastik la nan vil la tou remakab, ak kat pawas rich, plizyè lopital , kèk fratènite ak nèf enstiti relijye, sis pou gason ak twa pou fanm yo.

Vil la nan disetyèm syèk la.
Mirak la nan San Severino
Miracolosanseverino.png

Selon analis sitwayen yo, sen patwon an te parèt de fwa pou ede lavil la ki te reskonsab l ': nan 1522 , ak Saint Sebastian , pou avèti sitwayen yo sou atak mèsenè ki gen entansyon pou piyay, ak nan 1528 , lè li te mete deyò lame Imperial la .

Pandan sa yo rele lagè Lautrec la , San Severo te sènen , li louvri pòt yo nan lidè franse a. Mouri yon ti tan apre Lautrec, lame Imperial la refè tout lavil lènmi yo te okipe yo. San Severo te pè pinisyon irevèrsibl ak an reyalite te byento sènen. Fè fas a yon rezistans long, sòlda yo te retire ak entansyon an pou retounen pa sipriz lannwit sa a. Kwè tèt yo an sekirite, sitwayen yo tout tonbe nan dòmi byen. Lannwit enperyal yo te retounen sanzatann, men yon gwo lame te parèt sou mi vil yo ki, sou kòmandman yon kavalye lumineux ki te gen yon nepe nan bò dwat li ak yon drapo wouj nan bò gòch li, te pè anpil epi mete atakè yo nan vòl.

Nan denmen maten, kèk sitwayen, inyorans nan Prodigy a, te ale nan jaden yo ak gen yo te jwenn kèk enperyal ki te tonbe tou pre monastè a nan San Bernardino . Sòlda yo te rakonte evènman ekstraòdinè lannwit lan e sitwayen yo te dakò ke patwon yo, San Severino, te defann yo pèsonèlman. Lè sa a, moun yo te rasanble nan tanp sen an pou di l mèsi epi, pou konfime mirak la, yo te jwenn mak pye chwal ki te sou sen an te parèt sou nap lotèl la. Yon ve te Se poutèt sa te fè bay chak ane bay patwon an, pwoklame Defensor Patriae , yon santèn liv sir nan jou fèt l 'yo, ak depi lè sa a, San Severino sou cheval ak yon drapo wouj sou bò dwat la ak bò gòch te adopte kòm sivik la anblèm vout pou pwoteje vil la. [18]

Laj la nan prensipot la

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Prensip Sansevero a .

Nan 1579 , nan wotè nan prestij li yo, men toufe pa dèt la kontrakte nan 1521 , yo te lavil la vann bay Duke Gian Francesco di Sangro, ki moun ki jwenn pou resevwa eritaj Bondye l 'yo tit nan chèf nan Sansevero (ki gen pi karaktè reprezantan te envanteur a pi popilè Raimondo Di Sangro , kreyatè Chapèl Sansevero nan Naples). Kontinwe li pèdi ran kapital la, ki te pase nan 1584 nan Lucera , kote gouvènè pwovens lan ak tribinal la te deplase.

Relasyon sitwayen yo ak nouvo chèf feyodal yo te trè move, [19] ki pa t 'febli agrave matyè yo ak zak malonèt ak tiranik. [20] Anpil fanmi nan ansyen aristokrasi Sanseverese a imedyatman te chwazi kite vil la ak moun ki te rete temwen dekouraje fatig nan rejim lan nan karant la.

Feyod la te make kòmansman yon faz n bès, malgre pwomosyon nan vil la nan yon evèk nan 1580 . Imedyatman tranbleman tè a katastwofik nan 30 jiyè 1627 , ki gen eko te ale pi lwen pase fwontyè nasyonal yo, prèske konplètman detwi l 'nan tè a ak lakòz lanmò nan wit san moun ki rete ak yon kantite moun ki pa espesifye etranje [21] [22] . Rekonstriksyon an te pito ralanti, osi byen ke ralanti pa epidemi epidemi an nan 1656 ak 1657 (apeprè twa mil sitwayen pèdi lavi yo la), men nan dizwityèm syèk la lavil la fleri ankò, bay tèt li yon aparans ansibleman barok .

Sou 16 avril, 1797 Ferdinand IV te vizite San Severo ak revize rejiman an Regina. 25 avril, sepandan, Prince Francis ak Rèn Maria Carolina te vin vizite li, ki te asiste yon mas solanèl nan katedral la.

An fevriye 1799 , apre reyaksyon feròs nan pwoklamasyon repiblik jakoben an , ki te lakòz masak fanatik sipòtè li yo, twoup franse yo, kòmande pa jeneral Duhesme ak La Foret, te genyen vyolansman yon lame pèp ki te byen òganize ak sakaje vil la. ak vyolans terib. Viktim yo, ant sitwayen yo ak sòlda yo, te sou kat san senkant [23]

Diznevyèm syèk la

Aboli feyodalis nan 1806 ak eklips règ la nan di Sangro, nan 1811 San Severo a, sizyèm lan nan lavil yo Peyi Wa pa popilasyon, [24] te vin kapital la nan youn nan twa distri (ak distri ) nan kapitèn ak Lè sa a, lakay yo nan sottintendenza ( pita sub-prefekti), pandan ke yo nan 1819 te Teatro Comunale Imobilye Borbone a inogire nan ansyen Palazzo del Decurionato a, premye sal Italyen an nan Capitanata ak youn nan premye a nan Sid la. [25]

Apre deseni kap vini an franse lavil la te vin tounen yon gwo fò enpòtan nan Carbonari la ak masonry , tèlman bagay ke Guglielmo Pepe anvi lide a nan fè San Severo pwen an kòmanse nan soulèvman yo nan 1820 . [26] Nan 1826 simityè a Monumental te louvri. 18 Me 1847, Ferdinand II te vizite vil la. Gwo Villa Comunale la, nan lòt men an, te inogire nan 1854 , pandan ke nan 1858 Bibliyotèk sivik Ferdinandea te etabli.

An 1860 San Severo te kontribye ak anpil jèn moun pou ogmante ran sòlda Garibaldi yo [27] , epi, lè Francesco II te toujou sou fòtèy la, se te premye vil Capitanata ki te pwoklame Wayòm Itali e ki te monte tricolor la. drapo . Sou 21 oktòb nan menm ane a, Sanseveresi yo te vote unaniment pou yon Itali ini. Soti nan 1862 a 1864 , pandan y ap bandi nan pòs-inifikasyon te rampant , lavil la te chèz la nan rejiman an 49th ki distenge tèt li nan represyon an nan fenomèn nan. [27]

Apre Inifikasyon an, estasyon tren an te konstwi ( 1863 ), Royal Gymnasium ak lekòl teknik yo te aktive ( 1864 ), prizon an te konstwi e de bann enpòtan te fonde, "Bianca" nan 1879 ak "Rossa" nan 1883. , ki te jwenn divès kalite prim entènasyonal yo. [28] Depite nan kolèj vil la te jiris Luigi Zuppetta , gayan nan eleksyon yo nan 1861 , 1864 , 1865 ak 1880 , epi, soti nan 1866 a 1875 , pi popilè istoryen literè Francesco De Sanctis la .

Ventyèm syèk la ak jou a prezan

Nouvo Teyat Minisipal la, inogire an 1937

29 Avril 1923, Crown Prince Umberto di Savoia te vizite vil la e li te inogire gwo bilding lekòl "Principe di Piemonte" la. An 1929 , sepandan, minisipal espò jaden an te inogire. Sou 27 Oktòb 1931, Minis la nan Kominikasyon Costanzo Ciano inogire Ferrovie del Gargano a , ki konekte estasyon San Severo a nan yon seri de kote nan Gargano a , tankou Ischitella , Foce Varano ak Rodi Garganico jiska Peschici , pandan y ap sou 9 Desanm 1937 li louvri la pou premye fwa rido a nan teyat la Minisipal nouvo.

Pandan Dezyèm Gè Mondyal la , sou 9 septanm 1943 yon gwoup sòlda Italyen te protagonist a nan yon Episode nan rezistans, refize bay moute zam yo nan Alman yo. Pa 28 septanm ki vin apre a, Alman yo te kònen echanj telefòn lan, moulen Casillo ak kèk pon, tankou tren an. Yon fwa alye yo te rive, vil la te lakay yo nan yon baz US enpòtan lè, hosting Fifteen Air Force la . P-51s yo nan gwoup la avyon de gè 31st te pote soti misyon ak fè operasyon sipò militè soti nan baz la Sanseverese soti nan 2 avril 1944 a 3 mas 1945 .

Sou 23 Mas 1950, travayè yo nan San Severo leve kont fòs polis yo, ogmante barikad ak atake depo zam yo ak katye jeneral MSI la . Eklatman yo te lakòz yon sèl lanmò ak apeprè karant blesi ant sivil ak sòlda, ak lame a okipe lari prensipal yo nan lavil la ak tank. Nan jou ki vin apre yo, sou akizasyon ensureksyon ame kont pouvwa yo nan eta a, yon santèn katreven-kat moun yo te arete, libere ak libere apre pwosè a, yon ane pita. [29] Nan ventyèm syèk la, nan yon klima kiltirèl ki rich nan fèmantasyon, pèsonalite enpòtan tankou powèt yo Umberto Fraccacreta ak Mario Carli , ekriven yo Nino Casiglio ak Giuseppe Annese , ekonomis la Angelo Fraccacreta ak atis la pi popilè ak desinatè te viv nan San Severo Andrea Pazienza . Jan Pòl II te vizite vil la 25 me 1987 .

An 1996 , avèk yon dekrè espesyal, Prezidan Repiblik la Oscar Luigi Scalfaro konfime pou San Severo tit vil la , istorikman akeri nan 1580 , nan moman etablisman dyosèz Sanseverese a. An 1999 , de bòdwo yo te prezante bay Chanm Depite a ak Sena Repiblik la (respektivman 6472 ak 4370 ) pou etablisman pwovens San Severo, ki gen ladan 22 minisipalite nan nò Tavoliere , Gargano a ak Dauno sub-Apennines yo. . Ant 31 Oktòb ak 2 Novanm 2002 yon tranbleman tè vyolan, ke yo rekonèt kòm tranbleman tè Molise a , domaje plizyè bilding nan ansyen vilaj la ak lakòz fèmti kèk legliz istorik.

Senbòl

San Severo-Stemma.png
San Severo-Gonfalone.png

Soti nan syèk la 16th, rad la sivik nan bra , nan memwa nan mirak la nan 1528 , reprezante nan jaden an nan syèl la San Severino nan abitid prèt, sou chwal, ak yon drapo wouj chaje ak kwa a sou bò dwat la ak bò gòch la pwolonje nan pwoteje lavil la, ki montre nan pwent plak pwotèj li a. Se rad la nan bra surmonte pa kouwòn an lò tourèl, tipik nan lavil yo .

Koulè ofisyèl yo nan minisipalite a se jòn ak wouj: banyè vil la karakteristik, ki reprezante yon unicum reyèl nan eraldik sivik Italyen, se yon dra bifid dezabiye de de koulè sa yo, plise ak lò ak chaje ak rad la sivik nan bra (sèlman Pistoia ak Suvereto gen, tankou San Severo, yon rido dezabiye, men ak yon eskalye, pa bifid).

Te rad la sivik nan bra ak banyè la ofisyèlman apwouve pa tèt la nan Gouvènman sou Avril 5, 1937 ak anrejistre nan Rejis la nan minisipalite nan peyi Itali.

Moniman ak kote nan enterè yo

Achitekti relijye yo

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Legliz nan San Severo .

Manman Legliz nan San Severino Abate

Legliz nan San Severino

Date nan 11yèm syèk la , li se yon moniman nasyonal kòm byen ke legliz la pi ansyen nan vil la, nan ki li se legliz la manman, archiprèst, osi byen ke yon tanp sivik.

Li te alantou legliz sa a, ki chita sou wout la pwobab nan sa yo rele " Via Sacra Langobardorum la " (yon branch nan Via Francigena a ) ki, akòz foul la kontinyèl nan pèlren, nwayo orijinal la nan lavil la, li te ye nan moman an kòm Castellum Sancti Severini , te kreye. Legliz la sibi elajisman enpòtan kòmanse nan 1200 , pandan y ap lotèl yo ak penti dat tounen nan peryòd ki genyen ant sèzyèm syèk la ak disetyèm syèk la . Li te gravman domaje nan tranbleman tè a trè vyolan nan 1627 . Nan fen 18tyèm syèk la li te repenn ak lacho sou okazyon an nan yon epidemi ak imedyatman dekore nan yon style neo-barok.

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Legliz nan San Severino bese (San Severo) .

Katedral Santa Maria Assunta

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: katedral Santa Maria Assunta (San Severo) .

Legliz la gen orijin medyeval, ki date tounen nan douzyèm syèk la . Nan dizwityèm syèk la li sibi yon restorasyon pwofon Barok, kenbe sèlman kèk eleman pre-egziste deja, ki gen ladan fenèt la leve roman. Twal dizwityèm syèk la se akòz bwòs Alessio D'Elia, Santolo Cirillo ak Giovanni Maria Mollo. Fasad la, nan style eklèktism, dat tounen nan 1872.

Legliz nan San Lorenzo delle Benedettine

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Legliz nan San Lorenzo delle Benedettine .

Li te bati nan dizwityèm syèk la sou yon pwojè pa Giuseppe Astarita modifye pa Ambrosio pyadza. Nan sal la, ak yon plan santral, lotèl yo mab pa Giuseppe ak Gennaro Sammartino (1793) kanpe deyò. Kavon an bwa nan 1790 ak estati yo diznevyèm syèk la nan pèp Bondye, travay pa Arcangelo Testa, yo nan enterè patikilye.

Legliz Santa Maria della Pietà

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Legliz Santa Maria della Pietà (San Severo) .

Rekonstwi nan dizwityèm syèk la byen bonè, li gen yon rich enteryè rokoko ak mab rich ak dekorasyon boudine. Lotèl prensipal la se travay la nan Michele Salemme soti nan 1772.

Legliz nan San Giovanni Battista

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Legliz nan San Giovanni Battista (San Severo) .

Tanp nan Madonna del Soccorso la

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Tanp nan Beata Vergine del Soccorso (San Severo) .

Bati nan 12yèm syèk la, li te reskonsab nan relijyeu Agostinyen yo. Konfrè yo nan Soccorso la restriktire li nan syèk la XVIII Atik. Fasad wòch la, rokoko, se travay frè Pietro ak Gregorio Palmieri. Lotèl prensipal la, napolitèn, se pa Vincenzo Palmieri (1765).

Old Town

Apèsi sou bouk la ansyen
Fasad la nan San Lorenzo
Enteryè a nan San Nicola

San Severo prezève yon sant istorik , ak moniman enpòtan, pou ki, 2 fevriye 2006 li jwenn rekonesans rejyonal kòm yon vil nan atizay , konfime ak yon nouvo detèminasyon pa rejyon an Puglia sou Avril 16, 2019[4] .

Sant vil la, ki defini sou perimèt la pa mi yo antremele ak sèt pòt, kounye a konplètman demoute, te pwofondman domaje nan tranbleman tè a nan 30 jiyè 1627 . Pandan ke yo kenbe sistèm lan wout labyrinthine medyeval, gwo vilaj la ansyen, ki te sou kèk gwo klòch karakteristik ak klòch majolik kanpe, se moun rich nan moniman sitou barok, tankou anpil gwo kay yo nòb (de Petris, del Sordo, de Lucretiis, Fraccacreta, Mascia , Recca, de Ambrosio, del Pozzo, Summantico, Carafa elatriye), twa monastè yo gwo nan benediktin yo (yè plas nan tribinal la , siprime pa gouvènman an Monti), nan celestini yo (chèz minisipal depi 1813 ) ak nan fransiskan yo (nan mize a sivik, MAT, Alto Tavoliere Mize), ak legliz yo espektakilè nan Santa Maria della Pietà ak San Lorenzo (tou de moniman nasyonal ) ak nan San Nicola ak della Trinità.

Cuore del centro è la severa chiesa matrice di san Severino (anch'essa monumento nazionale), dedicata al primo e principale patrono della città e diocesi, che conserva i prospetti esterni romanici, con rosone e archivolto in pietra d'età federiciana. La vasta cattedrale , dedicata a santa Maria assunta , è frutto di numerosi rimaneggiamenti; all'interno conserva, tra l'altro, una fonte battesimale del XII secolo e dipinti settecenteschi (di D'Elia, Mollo e altri solimeneschi ). Altri edifici sacri d'interesse storico e artistico sono la collegiata di san Giovanni Battista (con tele di Nicola Menzele) e le chiese di santa Maria del Carmine (con grande cupola affrescata da Mario Borgoni ), sant'Agostino (santuario del Soccorso), san Francesco d'Assisi, sant'Antonio abate, santa Croce, santa Maria di Costantinopoli (dei cappuccini), san Sebastiano (o della Libera), santa Lucia, santa Maria delle Grazie e san Matteo (o san Bernardino). [30]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiese di San Severo , Chiesa di San Severino abate (San Severo) e Chiesa di San Lorenzo delle Benedettine .

Interessanti sono anche il severo palazzo Vescovile, più volte rimaneggiato, e il secentesco palazzo del Seminario, sensibilmente ampliato nell'Ottocento. Il teatro comunale inaugurato nel 1937 e oggi dedicato a Giuseppe Verdi , con una capienza di 800 posti (in origine 1600), è il massimo teatro all'italiana di Capitanata e tra i maggiori di Puglia [31] .

Alcune architetture pubbliche sono state realizzate tra la fine dell'Ottocento e il primo Novecento, tra cui l'asilo d'infanzia "Matteo Trotta" ( 1899 ), la casa di riposo "Concetta Masselli" ( 1902 ), l'ospedale "Teresa Masselli-Mascia" ( 1906 ) e l'Edificio scolastico "Edmondo de Amicis", già "Principe di Piemonte", inaugurato da Umberto di Savoia il 29 aprile 1923 . L'austero prospetto della camera del lavoro (già casa del fascio) si trova in piazza Allegato, opera degli anni trenta che ripete, in scala ridotta, la facciata del municipio di Latina . [32]

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [33]

Etnie e minoranze straniere

Dialetto

Per la posizione geografica della città, che permette da secoli un contatto diretto con dialettofoni garganici , pugliesi settentrionali , molisani e campani , il dialetto sanseverese, globalmente alquanto vicino al napoletano , presenta interessanti caratteri di contaminazione con esiti, al contrario del dialetto foggiano , del tutto estranei al dialetto barese . [34]

Per un esempio delle non piccole differenze tra il foggiano e il sanseverese, si veda come il medesimo proverbio («Non ho fatto in tempo a dire: "Cristo, aiutami"») suoni a Foggia: N'àgghjë fàttë a ttìmbë a ddícë: "Crìstë, ajjùtëmë" , ea San Severo: Nn'hê fàttë a ttèmbë a ddícë: "Crìstë, ajjùtëmë" , ovvero come all'espressione foggiana Stécë appëzzëcàtë câ sputàcchjë (sta incollato con la saliva) corrisponda, in sanseverese, Stà ppëccëchètë cû sputètë . Altro proverbio esemplare è «Il cane azzanna lo straccione»: a Foggia è reso con 'U cànë muzzichèjë 'u strazzàtë , a San Severo con 'U chènë mòccëchë a 'u straccètë . [35]

Tradizioni e folclore

La festa patronale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Festa del Soccorso (San Severo) .
I santi patroni

La festa patronale , nota come Festa del Soccorso, celebra la solennità liturgica (8 maggio) della Madonna del Soccorso , patrona della città e della diocesi. Alla Vergine sono associati, nei festeggiamenti esterni della terza domenica di maggio e del lunedì successivo, i santi compatroni Severino abate e Severo vescovo . La festa è caratterizzata da due processioni in cui si portano a spalla numerosi simulacri di santi.

I riti del venerdì santo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Settimana Santa di San Severo .
Venerdì santo: l'Addolorata
La deposizione

Tra le molte tradizioni del suo passato che San Severo conserva, vi sono i riti tardo-barocchi della settimana santa . All'alba del venerdì santo tre processioni prendono avvio contemporaneamente dalla chiesa della Pietà, colla statua settecentesca dell' Addolorata (Arciconfraternita dell'Orazione e Morte), dalla chiesa della Trinità, coll'effigie lignea del Cristo legato alla colonna (Arciconfraternita del Rosario), e dalla chiesa di sant'Agostino, colla pesante Croce del Cireneo portata a spalla da penitenti incappucciati (Arciconfraternita del Soccorso); i tre sacri cortei convergono nell'antica piazza del Castello, dove avviene l'incontro: le statue dell'Addolorata e del Cristo corrono l'una verso l'altra ma l'abbraccio tra la Madre e il Figlio è impedito dalla Croce, che si pone improvvisamente tra loro.

Alla sera del venerdì Santo, invece, si snoda per le vie della città, dalla chiesa di santa Lucia, la processione coll'effigie di Gesù morto, racchiusa in una fastosa urna barocca, seguita da un'altra statua della Vergine Dolorosa (Confraternita del SS.Sacramento). In Santa Lucia, al rientro del sacro corteo, si espongono al bacio del popolo in una deposizione gli stessi simulacri del Cristo morto e della Madonna, mentre nella chiesa della Pietà, dopo la rituale ora della Desolata , la statua dell'Addolorata, spogliata dei fastosi abiti del mattino e posta direttamente in terra ai piedi dell'altare maggiore, 'riceve le condoglianze' dei fedeli che le baciano le mani.

Nell'aprile 2014 , il motore di ricerca internazionale di voli, Skyscanner , pone la processione diurna del Venerdì Santo di San Severo al quarto posto nella classifica delle processioni pasquali più belle d' Italia , dopo Enna , Sora e Savona .

La festa del Carmine

La Madonna del Carmine

La festa del Carmine si celebra in onore della Beata Vergine del Monte Carmelo , protettrice dei muratori e degli artigiani, il 16 luglio, sua festa liturgica. Il culto dedicatole è tra i più praticati a San Severo ed è secondo solo a quello patronale della Madonna del Soccorso . Il 6 luglio ha inizio il novenario di preghiera nella chiesa del Carmine , sede dell'omonima arciconfraternita, e la statua della Madonna, uno dei capolavori della scultura lignea napoletana del Settecento, opera dei fratelli Michele e Gennaro Trillocco su modello di Giuseppe Sanmartino ( 1790 ), è per l'occasione esposta alla pubblica venerazione in un apparato effimero. La sera del 15 luglio il vescovo celebra un solenne pontificale, alla presenza del simulacro della Madonna, in largo Carmine. Nella serata del 16 luglio si tiene la solenne processione. Lungo l'itinerario, che coincide coll'intero 'Giro esterno', si incendiano le tradizionali batterie pirotecniche. Al rientro del simulacro ha luogo il tradizionale incendio del campanile. I festeggiamenti esterni includono anche i giorni che precedono e seguono il 16 luglio e per l'occasione sono installate artistiche luminarie in largo Carmine.

La Madonna del Rosario

La festa del Rosario

La festa liturgica in onore della Madonna del Rosario si celebra il 7 ottobre: ogni anno il vescovo presiede una messa solenne nella chiesa della SS. Trinità , che ospita l'Arciconfraternita del Rosario. I festeggiamenti esterni si tengono la terza domenica di ottobre e consistono nella solenne processione mattutina del simulacro della Vergine, prezioso manichino ligneo napoletano realizzato dall'artista Giacomo Colombo nel 1716 , accompagnato dalle statue di San Domenico e Santa Teresa. Lungo l'itinerario sono incendiate numerose batterie alla sanseverese.

Altre feste religiose

Molto sentite sono anche le feste, con relative processioni e incendio di batterie, di santa Rita da Cascia (22 maggio), di san Rocco (16 agosto) e della Concetta , ossia l' Immacolata (8 dicembre), in occasione della quale i giovani sparano per le vie numerosi petardi e sono incendiati caratteristici falò, nonché le feste di santa Lucia da Siracusa (13 dicembre) e sant'Antonio abate (17 gennaio), quest'ultima con la storica benedizione degli animali.

I santi patroni Severino e Severo sono rispettivamente festeggiati, invece, l'8 gennaio e il 25 settembre. In occasione della solennità di san Severino, a gennaio, si celebra ogni anno la cerimonia della consegna del voto al santo protettore e difensore da parte dell'Amministrazione Comunale, nel corso della quale si ricorda con gratitudine la prodigiosa apparizione del patrono nel 1528 , cui è dedicata apposita festa che ricorre il sabato precedente la quarta domenica di ottobre.

Il carnevale

Nel periodo di carnevale era usanza preparare dei goffi pupazzi appesi, comicamente seduti su sedioline, all'uscio delle case. Il martedì grasso , all'imbrunire, si celebrava il loro pittoresco funerale, che si concludeva coll' apotropaico incendio degli stessi pupazzi, talvolta imbottiti di petardi. La città non pare aver avuto una vera e propria maschera tipica: il travestimento tradizionale più diffuso, peraltro, prevedeva che gli uomini indossassero vistosi abiti femminili e si truccassero in modo assai grottesco, dando vita alle cosiddette pacchianelle . Queste usanze oggi sono del tutto scomparse. [ senza fonte ]

La festa del vino

Negli ultimi anni all'antica Sagra dell'uva , è subentrata la Festa di san Martino , sagra del vino novello , che si tiene nel centro storico della città per diversi giorni intorno all'11 novembre. [ senza fonte ]

Il Caso Tiberio Solis (o de Lisolis)

Il 9 maggio di ogni anno il Centro Culturale Luigi Einaudi ricorda, con uno spettacolo teatrale, la cerimonia di consegna dei privilegi da Tiberio Solis (o de Lisolis) portati alla Municipalità di San Severo, dopo averli ottenuti dall'Imperatore Carlo V. I fati sono avvenuti tra il 1521 ed il 9 maggio 1522. Si festeggia nella stessa data, considerando la concomitanza e la portata storica, anche la festa dell'Europa unita.

Rievocazione Storica "Carlo V a San Severo"

Ogni anno il terzo venerdì di maggio, in apertura della festa patronale, il Centro Culturale Luigi Einaudi, organizza, la rievocazione storica "Carlo V a San Severo" come progetto di coesione, recupero dell'identità e della memoria storica, e per promuovere cultura e territorio.

Cultura

Istruzione

Biblioteche

  • Biblioteca comunale "Alessandro Minuziano" : la storica istituzione cittadina, in origine denominata Ferdinandea e poi intitolata al celebre umanista e stampatore sanseverese , consta di un patrimonio librario di circa centomila volumi, un fondo antico, con quindici edizioni minuzianee, oltre a rari incunaboli e numerose cinquecentine, secentine e settecentine e una emeroteca. Ha sede di rappresentanza nell'ex edificio scolastico "G. Pascoli".
  • Biblioteca "Padre Benedetto Nardella" dei Frati Minori Cappuccini : ospitata nel secentesco convento di Santa Maria di Costantinopoli, raccoglie ventimila volumi su mistica, spiritualità, san Pio da Pietrelcina e storia patria. [36]
  • Archivio storico comunale : unito alla Biblioteca comunale, è un'imponente raccolta di documenti sulla vita civile e amministrativa della città in età moderna e contemporanea.
  • Archivio storico diocesano : ha sede nel Palazzo Trotta, nei pressi della Cattedrale, e vanta un ricco patrimonio documentario; conserva, infatti, un notevole numero di pergamene, gli archivi vescovili, curiali e capitolari, i fondi delle parrocchie storiche della diocesi e, soprattutto, il fondo musicale del monastero benedettino di San Lorenzo, che comprende, tra l'altro, autografi di importanti musicisti italiani del Settecento.

Dal 1979 , si tiene annualmente a San Severo il Convegno nazionale di preistoria, protostoria e storia della Daunia , organizzato dall'Archeoclub.

Scuole

In città sono attivi cinque circoli di scuola primaria , tre scuole medie e otto istituti superiori (Liceo Ginnasio, Liceo Scientifico, Liceo Polivalente, Istituto Tecnico Agrario, Istituto Tecnico Economico, Istituto Tecnico Industriale, Istituto Professionale di Stato e Istituto Tecnico per Geometri).

Università

La sede di San Severo dell' Università di Foggia è stata istituita contemporaneamente allo stesso ateneo. Attualmente è attivo solo il corso di Infermieristica (Facoltà di Medicina e Chirurgia ).

Musei

Museo civico: ritratto di Ferdinando I di Borbone
Museo diocesano: busto cinquecentesco di san Severino
  • Il Museo dell'Alto Tavoliere (MAT) è allestito nel settecentesco monastero francescano, noto anche come Palazzo San Francesco. Conserva un considerevole patrimonio archeologico, con reperti dal Paleolitico al tardo antico per lo più provenienti dagli scavi archeologici di Guadone, Casone e Pedincone, non lontani dalla città. Nella quadreria sono esposte alcune opere d'età moderna.
  • SPLASH Archivio "Andrea Pazienza" è una sezione permanente del MAT Museo dell'Alto Tavoliere, un centro di documentazione contenente cataloghi, riproduzioni, fumetti, riviste, foto, saggi, rassegne stampa e altro, riguardanti il celebre artista, illustratore e fumettista di origini sanseveresi Andrea Pazienza .
  • La Pinacoteca Luigi Schingo è la sezione del MAT, che raccoglie trentasette fra dipinti, sculture, studi e disegni dell'artista sanseverese Luigi Schingo ( 1891 - 1976 ).
  • Il Museo diocesano , allestito nel sotterraneo del Palazzo del Seminario, espone argenti, ex voto , statuaria e paramenti sacri di diversa epoca. Tra i manufatti più significativi spiccano una collezione di piatti da colletta medievali in rame sbalzato e alcune statue lignee policrome medievali e rinascimentali.

Mostre di diverso genere (archeologiche, di pittura, fotografiche etc.) sono più o meno regolarmente allestite presso il Museo civico, il Museo diocesano e la Galleria d'arte moderna di Palazzo San Lorenzo.

Il Teatro Verdi

Media

L'informazione cittadina è affidata a diverse testate locali ( Il Corriere di San Severo , Il Giornale di San Severo , La Gazzetta di San Severo,'Il campanile ), nonché all'emittente televisiva Tele Radio San Severo , attiva dagli anni settanta , e alla testata web Sansevero.tv . La Gazzetta del Mezzogiorno pubblica quotidianamente una pagina su San Severo e il Nord-Tavoliere. Un portale specifico, Sanseverosport.com , è dedicato all'informazione sportiva.

Teatro e musica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Teatro Verdi (San Severo) .

Terzo teatro pubblico della città, dopo quello del Decurionato ( 1750 ca.) e il Real Borbone (1819), il Teatro Verdi (opera di Cesare Bazzani , 1937), con la sua sala a cinque ordini (progettata per 1600 spettatori) e il foyer e il ridotto dei palchi (oggi Auditorium ), è privilegiato luogo d'incontro e promozione per l'intera Capitanata e non solo. [37]

Nel corso di ogni anno, accanto a una ricca stagione concertistica curata dagli Amici della Musica , al Verdi si allestiscono alcuni spettacoli operistici , una serie di spettacoli di prosa (in collaborazione col consorzio Teatro Pubblico Pugliese) e serate dedicate al balletto .

Geografia antropica

Urbanistica

Pianta del borgo antico

Pur esistendo isolate costruzioni extra moenia , la città, dopo il notevole ampliamento duecentesco legato alla costruzione di nuove mura e alla trasformazione del vecchio circuito murario in un importante anello stradale (il Giro Interno ), pressappoco fino al Seicento coincise coll'attuale centro storico, un intrico di strade e stradine serpeggianti tra grandi, e talvolta enormi, isolati. Dopo il terremoto del 1627 e il progressivo abbattimento delle mura, l'abitato si estese a scacchiera oltre la cinta difensiva (il Giro Esterno ), sviluppando nuovi rioni che si aggiunsero ai diversi quartieri preesistenti (tra cui Borgo Casale, Borgo degli Orsi e il Quarto degli Ebrei). Nacquero così il Quarto dei Catacubbi (o delle Grazie), il rione sopra il Rosario e quelli di Porta Lucera, sotto Sant'Antonio , di Porta Foggia e di Porta San Marco. Per contenere i danni provocati dai frequenti terremoti, le costruzioni di norma non superavano i due piani (e spesso si riducevano a modesti pianterreni imbiancati a calce e con tetto a spioventi), coll'eccezione dei diffusi palazzi del patriziato, più slanciati e articolati, e delle architetture ecclesiastiche maggiori (chiese principali e complessi monastici) che, coronate da cupole e campanili, dominavano incontrastate sull'abitato sfidando, con pareti più massicce e robuste, l'offesa dei sismi.

Tra la fine dell' Ottocento e l'inizio del Novecento , mentre l'abitato continuava ad estendersi in ogni direzione, si intervenne per rendere più organico il continuo ampliamento della città colla sistemazione o la creazione di vaste piazze, come piazza Cavallotti e piazza dell'Incoronazione, e di grandi arterie alberate, come il viale della Villa (corso Garibaldi) e quello della Stazione (viale Matteotti).

Economia

Palazzo Celestini

Il comune fa parte della lista regionale delle città d'arte ad economia prevalentemente turistica.[4]

Agricoltura e prodotti tipici

San Severo è produttrice di vino , grano , uva e olive . Le grandi risorse agricole hanno generato un sistema di piccole e medie imprese industriali e di trasformazione dei prodotti coltivati, esportati sui mercati nazionali e transnazionali. [38]

Il vino sanseverese è stato il primo, in Puglia, ad ottenere la denominazione di origine controllata ( 1968 ): San Severo bianco , San Severo bianco spumante , San Severo rosso o rosato . [ senza fonte ]

La tradizione agricola cittadina è testimoniata, tra l'altro, dalla denominazione del metodo di coltivazione degli olivi maggiormente diffuso in Capitanata . Si tratta, infatti, del vaso sanseverese, ottenuto potando le chiome degli alberi come coni rovesciati, con sviluppo orizzontale invece che in altezza. Insieme al vaso barese, quello sanseverese rappresenta la più importante forma di coltura dell'olivo in Puglia. [39]

Infrastrutture e trasporti

Il piazzale della stazione di San Severo con un tram per Torremaggiore in una cartolina degli anni Quaranta

Strade

La città è uno snodo stradale, sia per la prossimità coll'imbocco della valle che conduce a San Marco in Lamis , San Giovanni Rotondo e Monte Sant'Angelo (attraverso l'antica Via Sacra Langobardorum , una diramazione della Via Francigena direttamente collegata al casello di San Severo dell' A14 oltre che alla SS 16 ), sia per la vicinanza ai laghi costieri di Lesina e di Varano e alle località settentrionali del promontorio.

Ferrovie e tranvie

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione di San Severo e Ferrovia San Severo-Peschici .

La locale stazione ferroviaria , è capolinea della linea per Peschici delle Ferrovie del Gargano [40] .

Fra il 1925 e il 1962 fu attiva la tranvia San Severo-Torremaggiore , un impianto a trazione elettrica che partiva dalla stazione ferroviaria e percorreva la circonvallazione nord e l'attuale strada provinciale 30. I tram impiegavano circa 20 minuti per servire le fermate intermedie e giungere al capolinea di Torremaggiore .

Amministrazione

Elenco dei sindaci della città dalla proclamazione della Repubblica:

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1946 1948 Emilio Amoroso Partito Comunista Italiano Sindaco
1948 1950 Francesco Paolo Visconti Partito Comunista Italiano Prosindaco
1950 1950 Luigi Allegato Partito Comunista Italiano Sindaco
1950 1952 Baldassarre Virzì - Commissario prefettizio
1952 1956 Filippo Pelosi Partito Comunista Italiano Sindaco
1956 1957 Giuseppe Massa - Commissario prefettizio
1957 1962 Filippo Pelosi Partito Comunista Italiano Sindaco
1962 1969 Pasquale Iantoschi Democrazia Cristiana Sindaco
1970 1971 Leopoldo Carneglia - Commissario prefettizio
1971 1972 Antonio Casiglio Partito Socialista Italiano Sindaco
1972 1974 Raffaele Iacovino Partito Socialista Italiano Sindaco
1974 1976 Antonio Cologno Partito Comunista Italiano Sindaco
1976 1981 Antonio Carafa Partito Socialista Italiano Sindaco
1981 1986 Michele Cologno Partito Socialista Italiano Sindaco
1986 1990 Michele Santarelli Partito Socialista Italiano Sindaco
1990 1992 Giuseppantonio Belmonte Democrazia Cristiana Sindaco
1992 1993 Mario Fantasia Partito Democratico della Sinistra Sindaco
1993 1994 Pasquale Santamaria - Commissario prefettizio
1994 1995 Vincenzo Canelli Partito Democratico della Sinistra Sindaco
1995 1995 Salvatore Tropea - Commissario prefettizio
1995 2004 Giuliano Giuliani Alleanza Nazionale Sindaco
13 giugno 2004 8 aprile 2009 Michele Santarelli Socialisti Democratici Italiani Sindaco
8 aprile 2009 7 giugno 2009 Daniela Aponte - Commissario prefettizio
7 giugno 2009 10 febbraio 2014 Gianfranco Savino Il Popolo della Libertà Sindaco
10 febbraio 2014 9 giugno 2014 Nicoletta Miscia - Commissario prefettizio
9 giugno 2014 9 giugno 2019 Francesco Miglio San Severo Bene Comune Sindaco
9 giugno 2019 in carica Francesco Miglio Centro-sinistra [41] Sindaco

Gemellaggi

Sport

Ha sede nel comune la società di pallacanestro Cestistica San Severo , fondata nel 1966 .

La squadra di calcio USD San Severo , fondata nel 1922 , milita nel campionato di Eccellenza Pugliese e disputa gli incontri allo campo sportivo cittadino, denominato "Ricciardelli".

Note

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 maggio 2021 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  4. ^ a b c Atto dirigenziale , su sistema.puglia.it , Regione Puglia. URL consultato il 10 settembre 2020 .
  5. ^ Umberto Pilla, 1984 , p. 9 .
  6. ^ Ivi , p. 10 .
  7. ^ a b Dati "Ilmeteo.it"
  8. ^ Emanuele d'Angelo, San Severino, il Defensor Patriae , in San Severino Abate, patrono principale della città e diocesi di San Severo. Nel centenario della conferma del patronato, 1908-2008 , San Severo, Parrocchia San Severino Abate - Pia Associazione San Severino Abate, 2008, pp. 27-29.
  9. ^ Francesco Carapezza, Giacomo da Lentini in Encyclopedia of Italian Literary Studies , edited by Gaetana Marrone, New York, Routledge, 2007, 2, p. 834.
  10. ^ Pasquale Corsi, San Severo nel Medioevo , in Studi per una storia di San Severo , a cura di Benito Mundi, San Severo, Tipografia Sales, 1989, pp. 195-199.
  11. ^ Pilla - Russi, San Severo nei secoli cit., p. 44; Pasquale Corsi, San Severo nel Medioevo , in Studi per una storia di San Severo , a cura di Benito Mundi, San Severo, Tipografia Sales, 1989, pp. 208-217.
  12. ^ Cfr. ivi, p. 47.
  13. ^ Emanuele d'Angelo, San Severino, il Defensor Patriae , in San Severino, patrono principale della città e diocesi di San Severo. Nel centenario della conferma del patronato, 1908-2008 , San Severo, Parrocchia San Severino Abate - Pia Associazione San Severino Abate, 2008, p. 31.
  14. ^ Francesco de Ambrosio, Memorie storiche della Città di Sansevero in Capitanata , Napoli, de Angelis, 1875, pp. 70-71; Antonio Casiglio, Due testimonianze sulla Regia Udienza in San Severo , in «Notiziario del Centro di Studi Sanseveresi», novembre 1979
  15. ^ Corteo storico Carlo V , su corteostoricocarlovasansevero.it .
  16. ^ Antonio Lucchino, Memorie della Città di Sansevero e suoi avvenimenti per quanto si rileva negli anni prima del 1629 , a cura di Michele Campanozzi, San Severo, Felice Miranda Editore, 1994, p. 31.
  17. ^ Cit. in Francesco de Ambrosio, Memorie storiche della Città di Sansevero in Capitanata , Napoli, de Angelis, 1875, p. 70.
  18. ^ Emanuele d'Angelo, Studi su san Severino abate, patrono principale della città di Sansevero , San Severo, Esseditrice, 1999.
  19. ^ Lucchino, Memorie cit., pp. 46-48.
  20. ^ Pilla - Russi, San Severo nei secoli cit., pp. 68-69.
  21. ^ Alcune stampe sul sisma sanseverese sono pubblicate sul sito della Università di Berkeley .
  22. ^ Una minuziosa cronaca del terremoto è contenuta nella coeva opera dello storiografo Antonio Lucchino ( Memorie della Città di Sansevero e suoi avvenimenti per quanto si rileva negli anni prima del 1629 cit.).
  23. ^ Bicentenario dei moti rivoluzionari del 1799. Atti della Giornata di studio (San Severo, 3 dicembre 1999) , San Severo, Archeoclub d'Italia, 2000.
  24. ^ Carmelo G. Severino, San Severo città di Puglia , Roma, Gangemi Editore, 2007, p. 150.
  25. ^ Emanuele d'Angelo, Un secolo di teatro a Sansevero. Il Real Borbone (1819-1927) , Foggia, MusicArte, 2007.
  26. ^ Umberto Pilla, San Severo nel Risorgimento , San Severo, Libreria Editrice Notarangelo, 1978.
  27. ^ a b Pilla, San Severo nel Risorgimento cit.
  28. ^ Pilla, San Severo nel Risorgimento cit., p. 148; Raffaele Petrera - Desio W. Cristalli, La Banda Bianca e la Banda Rossa nelle tradizioni popolari di San Severo , Roma, Petrera, 1977.
  29. ^ Raffaele Iacovino, 23 marzo 1950. San Severo si ribella , Milano, Teti editore, 1977.
  30. ^ Fonte: San Severo città d'arte. Nel segno di Dioniso , a cura di Elena Antonacci, testi di Elena Antonacci, Emanuele d'Angelo e Christian de Letteriis, fotografie di Antonio Soimero, Foggia, Claudio Grenzi Editore, 2006.
  31. ^ Emanuele d'Angelo, I teatri pubblici di Sansevero dal Settecento ai giorni nostri. L'antica passione teatrale e musicale in un grande centro della Capitanata, «Fogli di periferia», XVII/1-2, 2005 (ma 2007), pp. 73–85.
  32. ^ Fonte: Francesco Giuliani, San Severo nel Novecento. Storia, fatti e personaggi di un Secolo , San Severo, Felice Miranda Editore, 1999.
  33. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28-12-2012 .
  34. ^ Sul Notiziario storico-archeologico del Centro di studi sanseveresi del dicembre 1975 (p. 63), Brunelio Branca rilevava uno strano giudizio espresso dallo storico ottocentesco Francesco de Ambrosio sul carattere dei cittadini foggiani e sanseveresi desumibile dai "due moduli di dialetto delle due città più cospicue della Capitanata, e che per avventura trovansi agli estremi, secondo quello di Foggia, il dialetto di un popolo molle e delicato, e di un popolo austero e fino, quello di San Severo".
  35. ^ Attilio Littera - Ciro Pistillo, Grammatica del dialetto di San Severo , Apricena, Malatesta Editrice, 2006; Ciro Pistillo - Attilio Littera, Dizionario del dialetto di San Severo , Apricena, Malatesta Editrice, 2006. Sui proverbi si vedano: Ciro Pistillo, U carusellë. Detti e proverbi dialettali sanseveresi , San Severo, A. e M. Notarangelo Librai Editori, 1982; (nuova edizione ampliata: Ciro Pistillo, U carusellë nówë. Detti e proverbi dialettali sanseveresi , Apricena, Malatesta Editrice, 2008). Testi in sanseverese: Ciro Pistillo - Attilio Littera, ' U tërrazzènë , San Severo, Libreria Antonio Notarangelo, 1996; Antonio Giuliani, Piccola antologia di prose e poesie dal dialetto di San Severo alla lingua italiana , presentazione e trascrizione di Attilio Littera e Ciro Pistillo, San Severo, Felice Miranda Editore, 2000; Ciro Pistillo, Madònna míjë fa' stà bbón'a lu rre. Dramma in tre atti , San Severo, Esseditrice, 2002; Ciro Pistillo, Pàssë 'a prëcëssjónë. La festa del Soccorso dell'anno 1987 , Apricena, Malatesta Editrice, 2007; Attilio Littera – Filomena Minelli, Sanzëvírë , testo musicale trascritto da Leonardo Littera, adottato quale Canto popolare della Città di San Severo con deliberazione unanime del Consiglio Comunale di San Severo del 27 settembre 2007; Ciro Pistillo - Attilio Littera, Ricette di cucina e medicina popolare del terrazzano sanseverese , Apricena, Malatesta Editrice, 2009.
  36. ^ Biblioteca "Nardella"
  37. ^ Emanuele d'Angelo, I teatri pubblici di Sansevero dal Settecento ai giorni nostri. L'antica passione teatrale e musicale in un grande centro della Capitanata , «Fogli di periferia», XVII/1-2, 2005 (ma 2007), pp. 73-85.
  38. ^ Fonte: Comune di San Severo Archiviato il 12 febbraio 2008 in Internet Archive ..
  39. ^ Disciplinare di produzione dell'olivo Archiviato il 15 febbraio 2010 in Internet Archive ., L'Ovicoltura marginale in Puglia .
  40. ^ Salvo Bordonaro - Bruno Pizzolante, La ferrovia garganica , Foggia, Claudio Grenzi Editore, 2006.
  41. ^ PD , UDC e civiche

Bibliografia

Libri

  • Umberto Pilla, Vittorio Russi, San Severo nei secoli , San Severo, Dotoli, 1984.
  • Matteo Fraccacreta, Teatro topografico storico-poetico della Capitanata, e degli altri luoghi più memorabili e limitrofi della Puglia , tomi III, IV e V, Napoli, nella Tipografia di Angelo Coda, 1834-1837; tomo VI, Sala Bolognese, Arnaldo Forni Editore, 1976 (anastatica dell'edizione di Lucera, dalla Tipografia di Salvatore Scepi, 1843, integrata con trascrizione di autografi inediti).
  • Vincenzo Tito, Memorie della parrocchiale e collegiata chiesa di S. Giovanni Battista eretta nella Città di Sansevero , Napoli, Tipografia del Sebeto, 1859.
  • Francesco de Ambrosio, Memorie storiche della Città di Sansevero in Capitanata , Napoli, de Angelis, 1875.
  • Bonaventura Gargiulo, Apulia sacra , volume I, La diocesi di Sansevero. Cenni storici dalla fondazione di Sansevero ai giorni nostri con prolusione su l'Apulia civile e sacra , Napoli, Stabilimento tip. Librario A. e S. Festa, 1900.
  • Elvira Azzeruoli, Un po' di folklorismo paesano coi sunti Scolastici della storia e geografia di Sansevero, tratti dalle storie cittadine di A. Lucchino, M. Fraccacreta, F. d'Ambrosio, V. Gervasio, Arc. V. Tito, Can. Cardillo, Mons. B. Gargiulo, Polichetti, N. Checchia, ecc. , Napoli, Tipografia Joele & Aliberti, 1934.
  • Le pergamene dell'Archivio Capitolare di San Severo (secoli XII-XV) , a cura di Pasquale Corsi, Bari, Resta, 1974.
  • Raffaele Iacovino, 23 marzo 1950. San Severo si ribella , Milano, Teti editore, 1977.
  • Umberto Pilla, San Severo nel Risorgimento , San Severo, Libreria Editrice Notarangelo, 1978.
  • Pietro Vocale - Michele Pollice - Benito Mundi, Stampa periodica di San Severo e di Capitanata , San Severo, Dotoli, 1981.
  • Umberto Pilla - Vittorio Russi, San Severo nei secoli , San Severo, Dotoli, 1984.
  • Studi per una storia di San Severo , a cura di Benito Mundi, San Severo, Tipografia Sales, 1989.
  • Rosa Nicoletta Tomasone, Umberto Fraccacreta 50 anni dopo- Lettere inedite , San Severo, Edizioni Laterza, 1991.
  • Pasquale Corsi, Regesto delle pergamene di San Severo in età moderna , San Severo, Gerni Editori, 1992.
  • Vincenzo Gervasio, Appunti cronologici da servire per una storia della Città di Sansevero , a cura di Francesco Giuliani, San Severo, Gerni Editori, 1993.
  • Antonio Lucchino, Memorie della Città di Sansevero e suoi avvenimenti per quanto si rileva negli anni prima del 1629 , a cura di Michele Campanozzi, San Severo, Felice Miranda Editore, 1994.
  • Rosa Nicoletta Tomasone, Rifugio di memoria , San Severo, Edizioni Laterza, 1996.
  • Rosa Nicoletta Tomasone, Umberto Fraccacreta 50 anni dopo- Lettere inedite seconda edizione, San Severo, Edizioni Laterza, 1997.
  • Rosa Nicoletta Tomasone, I Moti del 1799 all'origine della libertà , San Severo, Edizioni Felice Miranda, 1998.
  • Rosa Nicoletta Tomasone, Fumetto storico “ San Severo 1799” , San Severo, Edizioni Felice Miranda, 1999.
  • Rosa Nicoletta Tomasone, Sangue tra gli ulivi – 1799 Era solo ieri - romanzo storico , San Severo, Edizioni Laterza, 1999.
  • Emanuele d'Angelo, Studi su san Severino abate, patrono principale della città di Sansevero , San Severo, Esseditrice, 1999.
  • Francesco Giuliani, San Severo nel Novecento. Storia, fatti e personaggi di un Secolo , San Severo, Felice Miranda Editore, 1999.
  • Benito Mundi - Giuliana Mundi Leccese, Omaggio a San Severo , Foggia, Edizioni del Rosone, 2000.
  • Rosa Nicoletta Tomasone, Mirabilia Urbis Sancti Severi , San Severo, Edit. Vaticana, 2001.
  • San Severo città d'arte. Nel segno di Dioniso , a cura di Elena Antonacci, testi di Elena Antonacci, Emanuele d'Angelo e Christian de Letteriis, fotografie di Antonio Soimero, Foggia, Claudio Grenzi Editore, 2006.
  • Carmelo G. Severino, San Severo città di Puglia , Roma, Gangemi Editore, 2007.
  • Rosa Nicoletta Tomasone, Corteo storico Carlo V a San Severo e il Caso Tiberio Solis , San Severo, Grafiche Sales, 2007.
  • Rosa Nicoletta Tomasone, Corteo storico Carlo V a San Severo e il Caso Tiberio Solis seconda edizione, San Severo, Grafiche Sales, 2009.
  • Rosa Nicoletta Tomasone, I dieci anni che hanno sconvolto il mondo , San Severo, Edizione Boragrafiche, 2011.
  • Rosa Nicoletta Tomasone, L'Unità d'Italia …e San Severo verso l'Unità , San Severo, Edizioni TSP, 2011.
  • Pasquale Corsi, Memoria di una Città , Gerni Editori, San Severo, 2011.
  • Armando Perna, San Severo. Genealogia di una Comunità , Foggia, Edizioni del Rosone, 2012.
  • Francesco Giuliani, Tra storia e letteratura. L'immagine di San Severo dall'Unità d'Italia a oggi , Edizioni del Rosone, Foggia, 2013.
  • Angelo Russi, San Severo tra storia e memoria , Scienze e Lettere, Roma, 2015.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 249013015