Sentespri Anpi Women an

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Dekonbigasyon - Si ou ap chèche pou Anpi a soti nan 800 a 962 (tou pafwa refere yo kòm Sentespri Anpi Women an), gade Anpi karoleng .
Sentespri Anpi Women an
Sentespri Anpi Women - Drapo Sentespri Anpi Women - manto nan bra
( detay ) ( detay )
Sentespri Anpi Women (1789) .svg
Sentespri Anpi Women an nan 1789, sou Ev nan Revolisyon an franse
Done administratif
Non konplè Anpi Women (nan jeneyik liyaj), ki soti nan 1137 Sentespri Anpi Women, ki soti nan 1512 Sentespri Anpi Women nan nasyon jèrmanik la
Non ofisyèl Sacrum Imperium Romanum , Heiliges Römisches Reich
Lang ofisyèl yo Latin , Alman
Lang pale plizyè douzèn lang jèrmanik , slav ak romans
Kapital Okenn de iure
Aachen (800-1556)
Palermo (Hohenstaufen)
Prag (1346-1437; 1583-1611)
Vyèn (1483-1806)
Regensburg (1663-1806)
Wetzlar (1689-1806)
Dejwe a
Dejwe
Politik
Fòm leta Eta absoli
Fòm gouvènman an Feyodal monachi elektif
Anperè Women yo lis
Chanselye nan Sentespri Anpi Women an lis
Kò pou pran desizyon Reichstag
Nesans 2 Me 962 ak Otto I.
Li lakòz Kouronman Otto I nan Saxony
fini 6 Out 1806 ak Francesco II
Li lakòz Dissolisyon fòmèl apre Trete Presburg la
Teritwa ak popilasyon an
Geographic basen sant Ewòp
Maksimòm ekstansyon 900 000 km² nan 1032
~ 600 000 km² nan 1789
Popilasyon 10 000 000 nan 1032
20,000,000 nan 1700
Ekonomi
Lajan Talè
Relijyon ak sosyete a
Relijyon enpòtan Katolik ak Pwotestantis
Relijyon leta Katolik
Relijyon minorite yo Luteranis , Jidayis
Klas sosyal noblès , klèje , sitwayen , sèvitè
HRR.gif
Evolisyon istorik la nan Sentespri Anpi Women an soti nan 962 a 1806
Istorik evolisyon
Preceded pa Ludwig der Deutsche.jpg Wayòm East Frank yo
Corona ferrea monza (heraldry) .svg Wayòm Itali
Siksede pa Bonè Swis cross.svg Swis
Prinsenvlag.svg Repiblik sèt pwovens ini yo
Medaille rheinbund 472.jpg Konfederasyon nan Rhine la
Drapo Habsburg Monarchy.svg Anpi Ostralyen
Drapo an Frans (1794-1815) .svg Premye Anpi franse
Drapo nan Peyi Wa ki nan Lapris (1803-1892) .svg Lapris
Drapo Revolisyon Brabant lan.svg Etazini Bèlj Etazini
Drapo Liechtenstein (1719-1852) .svg Liechtenstein
Koulye a, yon pati nan Otrich Otrich
Bèljik Bèljik
Vatikan VILA Vatikan VILA
Kwoasi Kwoasi
Lafrans Lafrans
Almay Almay
Itali Itali
Liechtenstein Liechtenstein
Liksanbou Liksanbou
Netherlands Netherlands
Polòy Polòy
Repiblik Tchekoslovaki Repiblik Tchekoslovaki
San Marino San Marino
Sloveni Sloveni
Swis Swis

Sentespri Anpi Women an (an Latin : Sacrum Imperium Romanum ; an Alman : Heiliges Römisches Reich ; yo rele tou das alte Reich , "ansyen Anpi a", nan dènye tan yo, epi pafwa yo rele tou Premye Reich la , an referans a Dezyèm ak Twazyèm lan Reich ) se te yon aglomerasyon nan teritwa nan Ewòp santral ak lwès ki te fèt nan kòmansman Mwayennaj yo e ki te egziste pou apeprè yon milenè. Li te trase non "Anpi Women an" nan men yo te konsidere kòm yon kontinyasyon nan Anpi Women Lwès la ak Se poutèt sa yon pouvwa inivèsèl , pandan y ap adjektif nan "sakre", ki opoze li ak anpi payen nan twa premye syèk yo, mete aksan sou ke rne a nan Imperial pouvwa te lye nan relijyon Katolik la e li te dwe konsidere kòm volonte pa Bondye; pou rezon sa a pouvwa a kouwone anperè a te atribiye a Pap la, omwen jiskaske Refòm lan . [1]

Se ane a nan fondasyon jeneralman konsidere yo dwe 962 , dat la nan koronasyon an nan Otto I. An reyalite, anpi Otto eritye yon gwo pati nan Anpi karoleng la , men se pa pati lwès la, plis oswa mwens Lafrans jodi a. Sepandan, pi fò nan istoryografi nan lang Italyen ak franse gen ladan istwa a nan Sentespri Anpi Women an tou Anpi Carolingian a, Lè sa a, ki fè nòt kòm dat kòmansman nan ' koronasyon nan Charlemagne nan' 800 . [2]

Premye a ajoute tèm "sakre" nan "anpi Women" abityèl la se te Federico Barbarossa : li parèt nan yon lèt nan 1157, ki te mande tycoons yo nan anpi an pou ede yo kont lavil Lombard yo. [3]

Se sèlman nan 1512 anba anperè Maximilian mwen an tèm "Sentespri Anpi Women nan nasyon jèrmanik la " (nan Alman Heiliges Römisches Reich Deutscher Nation , nan Latin Sacrum Imperium Romanum Nationis Germanicae ), ki deja ateste depi 1417, [4] te itilize nan yon zak nan souveren an, preamble nan mwen kite nou Reichstag nan Kolòy . [5] Tit anperè a, nan nenpòt ka, pa t 'chanje, rete jouk 1806 " Imperator Romanorum sempre Augustus ", san referans jèrmanik.

Nan teyori, anperè a te dwe otorite politik ki pi wo nan mond lan rete, siperyè tout wa ak matche (oswa depase, tou depann de opinyon politik) sèlman pa Pap la , ki moun ki te rele pou gouvène Krisyanis nan zafè konsènan lafwa. Sepandan, an reyalite, yon bagay ki sanble te reyalize sèlman avèk Charlemagne, ki moun ki nan nenpòt ka deja pa t 'gen jiridiksyon dirèk sou kèk peyi kretyen, tankou Angletè . Soti nan Otto I nan Saxony ivè anpi a te dirije sèlman Almay , peyi yo Alpine, ak pou yon peryòd pi piti pati nan peyi Itali ak lòt peyi Ewopeyen an.

Anpi Sentespri Women an te fonn fòmèlman nan 1806.

Istwa

Orijin

Kontinuite ak diskontinuite ant Anpi yo karolengyen ak jèrmen

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Anpi karoleng .

Pa konvansyon, nesans Sentespri Anpi Women an fiks nan 962 , lè Otto nan Saxony , wa lès Frank yo, nan peyi Itali ak Lotharingia, te kouwone pa Pap Jan XII anperè nan yon antite ki enkli Almay ak Itali (ak Lè sa a, Bourgogne ). Sepandan, anpil nan istoryografi Italyen ak franse a ap gen ladan Anpi karoleng la epi endike kòmansman an Avèk kouwòn Charlemagne nan ' 800 . Charles tèt li, nan tit la nan wa Frank yo , te ajoute ke nan " Augustus Imperator Romanorum gubernans Imperium ", konfere sou li pa Pap Leo III pandan koronasyon l 'yo.

Pi lwen pase caesura a ki te koze pa lit ki genyen ant desandan Charles yo, sepandan, siksesyon Imperial la kontinye wè san solisyon kontinyasyon: anperè yo te konsidere tèt yo siksesè Charlemagne: Charles IV ak Charle V te pote òdinè sa yo kòm siksesè Charlemagne, Carlo la Chòv ak Carlo Grès la .

Anpi karoleng la te kouvri yon zòn ki gen ladan Lafrans ak Almay jodi a, kataloy , peyi Benelux yo , Swis ak yon gwo pati nan nò peyi Itali , menm si dinasti ki te dirije teritwa sa yo te nan fanmi Frank , ak Se poutèt sa jèrmanik . Anpi a akeri yon karaktè plis jèrmen apre patisyon an aplike pa Trete a nan Verdun nan 843, gras a ki dinasti karoleng la kontinye - pou kèk deseni - sou liy endepandan nan twa rejyon yo. Pati ki pi lès la tonbe anba Louis II Alman an , ki te gen plizyè siksesè jouk lanmò Ludwig IV , ke yo rekonèt tankou "Timoun nan", dènye chèf karoleng nan pati lès la.

Fòmasyon Anpi Ottonyen an

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Ottonian dinasti ak orijinal duche .
Teritwa yo nan Sentespri Anpi Women an nan 972, anba Otto I , ak nan 1032, anba Conrad II .

Sou lanmò Louis IV, nan 911, Duke yo nan Alemannia , Bavaria , Franconia ak Saxony eli youn nan yo wa nan Frank yo, Duke Conrad I nan Franconia . Siksesè li Henry I (919 - 936), yon Saxon, gouvènen sou Peyi Wa ki lès separe de lwès Frankish la (toujou dirije pa Carolingians yo) nan 921 rele tèt li rex Francorum orientalium ( wa nan Frank yo East ).

Henry deziyen pitit gason l 'Otto kòm siksesè li, ki moun ki te eli wa nan Aachen nan 936. Pita, kouwone Anperè ak non Otto I (pita yo rele "Gran" la) nan 962, li ta make yon etap enpòtan nan direksyon pou Anpi a ak ta te gen benediksyon Pap la . Otto te genyen anpil nan pouvwa li pi bonè lè li te bat Magyars yo nan batay la nan Lechfeld nan 955.

Nan literati kontanporen ak pita, se koronasyon refere yo kòm yon translatio imperii , transfè nan Anpi an. Enplikasyon nan mitik te ke te gen ak toujou ta dwe yon sèl anpi. Li te konsidere ke li te kòmanse ak Aleksann Legran an , te pase nan Women yo , Lè sa a, nan Frank yo , epi finalman nan Sentespri Anpi Women an (e sa eksplike Women an nan non Anpi a). Anperè yo Alman Se poutèt sa konsidere tèt yo siksesè yo dirèk nan sa yo ki nan Anpi Women an ; e pou rezon sa a yo okòmansman te bay tèt yo tit la nan Augustus . Okòmansman yo pa t 'ankò rele tèt yo "Women" Anperè, pwobableman yo nan lòd yo pa antre nan konfli ak Anperè Women an ki te toujou egziste nan Konstantinòp . Tèm Imperator Romanorum sèlman te vin komen apre tan Conrad II .

Lè sa a, Peyi Wa ki zòn lès pa t 'prezante tèt li kòm yon antite omojèn ki ta ka deja ap defini kòm "Alman", men li te olye konstitye pa alyans la nan tan lontan jèrmen branch fanmi nan Bavarians , Swabians - Alemanni , Francons yo ak sakson . Anpi a kòm yon sendika politik pwobableman siviv sèlman akòz pèsonalite a fò ak enfliyans nan Henry Saxon a ak pitit gason l 'Otto. Sepandan, byenke fòmèlman eli pa lidè yo nan branch fanmi yo jèrmen, an reyalite yo jere yo deziyen siksesè yo.

Sa chanje apre Henry II te mouri san pitit nan 1024 lè Conrad II, premye nan dinasti Salic , te eli wa nan menm ane a sèlman apre kèk deba. Ki jan egzakteman wa a te chwazi parèt yo dwe yon konbinezon konplike nan enfliyans pèsonèl, konfli tribi, eritaj ak aklamasyon pa lidè yo rele yo fòme asanble a nan chèf .

Deja nan tan sa a dualism ant teritwa yo, sa yo ki nan branch fanmi yo fin vye granmoun rasin nan peyi yo nan Frank yo ak wa a / Anperè, te vin sèlman aparan. Chak wa te prefere pase pifò tan li nan pwòp teritwa l yo. Pratik sa a chanje sèlman nan moman Otto III wa nan 983, anperè soti nan 996 a 1002, ki moun ki te kòmanse sèvi ak plas evèk yo gaye toupatou nan Anpi a kòm plas tanporè nan gouvènman an. Siksesè li yo Henry II , Conrad II ak Henry III aparamman tou jere yo mare chèf yo nan teritwa a. Se pa, se poutèt sa, yon konyensidans si nan moman sa a tèminoloji a chanje ak ensidan yo an premye nan tèm Regnum teutonicum la yo te jwenn .

Batay la pou envestisman

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: dinasti Salic ak lit pou envestiti .

Tout bèl pouvwa a nan Anpi a prèske mouri soti nan lit la pou envestisman , pandan ki Pap Gregory VII èkskomunike Henry IV (wa nan 1056, Anperè soti nan 1084 1106). Malgre ke li te revoke apre imilyasyon nan Canossa nan 1077, èkskomunikasyon a te gen konsekans byen lwen-rive. Pandan se tan, chèf Alman yo te eli yon dezyèm wa Rudolf nan Swab , ki moun Henry IV te kapab sèlman defèt apre yon lagè twa ane nan 1080. Rasin yo mitik nan Anpi a te pou tout tan domaje; wa Alman an te imilye. Pi enpòtan toujou, Legliz la te vin yon antite endepandan sou echikye Anpi an.

Anpi a anba Hohenstaufen la

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Hohenstaufen .

Conrad III moute fòtèy la nan 1138, li te premye anperè nan dinasti Hohenstaufen (oswa nan Swabia , menm jan Hohenstaufen yo te chèf nan Swabia), ki gen peryòd kowenside ak restorasyon nan tout bèl pouvwa a nan Anpi a menm anba nouvo kondisyon yo nan konkordat nan Vè . Li te Frederick Barbarossa , dezyèm lan nan dinasti a swab (wa nan 1152, Anperè soti nan 1155 1190) ki te premye moun ki rele Anpi a "Sakre".

Anplis de sa, anba Barbarossa lide a nan anpi Women an tounen grandi. Nan 1158 , yon asanble Imperial ki te fèt nan peyi Roncaglia , tou pre Piacenza, ak Se poutèt sa yo rele Rejim nan Roncaglia , klèman jistifye dwa yo Imperial ak opinyon nan kat doctores nan kò a nouvo legal nan Inivèsite a nan Bolòy , ki site fraz tankou princeps legibus solutus (Prince la pa sijè a lwa a) yo te pran nan Digesta del Corpus iuris civilis la . Ke lejislatè Women yo te kreye li pou yon sistèm konplètman diferan, ki pa kowenside ditou ak estrikti Anpi a, yo te konsidere li antyèman segondè; tribinal anperè a bezwen lejitimize tèt li istorikman.

Dwa Imperial te refere yo bay ak tèm jenerik la nan regalia jiska lit la pou envestiti , men yo te enimere la pou premye fwa nan Roncaglia. Lis sa a te gen ladan wout piblik, tarif, founi lajan, kolekte taks pinitif, ak nonmen ak ranvwaye ofisyèl yo. Dwa sa yo te klèman anrasinen nan lwa Women, tankou si se te yon lwa konstitisyonèl; te sistèm lan tou konekte nan lwa feyodal la ak chanjman ki pi evidan te retrè a nan fey yo nan Henry lyon an nan 1180, ki te mennen nan èkskomunikasyon l 'yo. Barbarossa, Se poutèt sa, pou yon tan t'ap chache mare revòlt Duke yo Alman pi pre anpi a kòm yon antye.

Li te jisteman eklatman an ak Henry lyon an, nan fanmi an nan Welfen , ki te youn nan kòz yo nan lagè a ki nan peyi Itali te li te ye tankou lagè sivil la ant Guelphs ak Gibelin , ansyen an, lye nan Duke a nan Bavaria ak nan Pap, lèt la lye nan Hohenstaufen la . Lagè a ap gen konsekans pou anpil ane nan peyi Itali ak Almay, tou ki mennen nan febli nan fò nan duche yo nan Swab ak Bavaria.

Yon lòt inovasyon enpòtan konstitisyonèl ki te deside nan Roncaglia se te etablisman yon nouvo lapè ( Landfrieden ) pou tout Anpi a, yon tantativ non sèlman pou aboli feyd prive yo ant chèf lokal yo, men tou pou yo te mare sibòdone Anperè a nan yon sistèm jiridiksyon ak piblik. pèsekisyon nan zak kriminèl, yon konsèp ki pa te inivèsèl aksepte nan moman an.

Depi, apre lit envestiti a, anperè a pa t 'kapab konte sou Legliz la pou kenbe pouvwa a, Staufen yo te akòde de pli zan pli peyi bay ofisyèl ke Frederick te espere yo te pi manyabl pase Duke lokal yo. Okòmansman itilize sitou pou sèvis lagè, sa yo ta te fòme baz la pou klas la nan lavni nan kavalye, yon lòt sipò nan pouvwa a Imperial.

Yon lòt konsèp inovatè pou tan an te fondasyon an sistematik nan nouvo vil yo, tou de pa Anperè a ak pa Duke lokal yo. Sa a te akòz eksplozyon an nan popilasyon an, men tou, nan bezwen nan konsantre pouvwa ekonomik nan kote estratejik yo, pandan y ap jouk lè sa a sèlman lavil yo ki deja egziste yo te nan ansyen fondasyon Women oswa pi ansyen plas evèk la. Pami vil yo ki te fonde nan douzyèm syèk la , Freiburg , yon modèl ekonomik pou anpil moun ki vin apre, ak Minik .

Rèy ki vin apre a nan dènye a nan Staufen a, Frederick II , te nan anpil respè diferan de sa yo ki te chèf anvan li yo. Pandan li te toujou yon timoun, li okòmansman gouvènen nan Sicily ( Regnum Siciliae ), pandan ke yo nan Almay Filip nan Swab ak Otto IV konpetisyon avè l 'pou tit la nan wa Women yo. Apre yo te kouwone anperè nan 1220 , li te riske konfli ak Pap la paske li te reklame pouvwa sou lavil Wòm ; etonan pou anpil moun, li te pran sou lavil Jerizalèm nan Kwazad la Sizyèm nan 1228, pandan ke li te toujou èkskomunike pa Pap la.

Pandan ke li te reviv lide mitik Anpi a, Frederick II te pran premye etap nan pwosesis la ki ta mennen a dezentegrasyon li yo. Sou yon bò, li konsantre sou etabli nan Sicily yon eta de modènite ekstraòdinè pou tan yo, ak sèvis piblik , finans ak sistèm jidisyè a. Nan lòt men an, li te Anperè a ki te akòde pouvwa yo pi gran nan Duke Alman yo, ak de privilèj ki pa ta dwe ankò dwe revoke pa pouvwa santral la. Nan 1220, ak Confoederatio cum principibus ecclesiasticis la , Frederick esansyèlman te bay evèk yo yon sèten kantite dwa Imperial ( regalia ), ki gen ladan sa yo ki nan etabli tarif yo, frape pyès monnen ak batiman konstriksyon. Nan 1232, avèk Statutum nan Favorm Principum, li pwolonje dwa sa yo nan lòt teritwa yo.

Malgre ke anpil nan privilèj sa yo te deja egziste, yo pa te bay yo nan yon fason jeneralize ak definitif, yo nan lòd yo pèmèt chèf yo kenbe lòd nan nò alp la , pandan y ap Frederick te vle konsantre sou peyi l 'yo, Itali . Nan dokiman an nan 1232, yon lòt kado enpòtan, Duke yo Alman yo rele Domini terrae , 'mèt nan peyi a'.

Gran interregnum la

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Gran entèrnèg .

Apre lanmò Frederick II nan 1250, nan Almay li te ranplase pa pitit gason l ' Conrad IV , ki moun li te opoze kòm anti-wa William II nan Holland . De sa yo tou te disparèt, respektivman nan 1254 ak 1256, ki te swiv pa peryòd la Lè sa a, li te ye tankou Gran Interregnum la (1250-1273): divès anperè yo te nonmen, okenn nan yo, sepandan, jere yo enpoze otorite yo sou anpi an. Kòm yon rezilta, divès kalite feyodal plis ogmante pouvwa yo ak te kòmanse wè tèt yo kòm chèf endepandan.

Mwayennaj

Wa-kont yo

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Re-konte .

Nan 1273 Rudolf nan Habsburg (1273-1291) te eli souveren; sepandan, tou de li menm ak siksesè li yo Adolfo di Nassau (1292-1298) ak Albert nan Habsburg (1298-1308) pa janm te kouwone anperè, men tou senpleman vante tit la nan wa Women yo .

Nan 1308, Filip IV nan Lafrans te travay pou eleksyon an nan frè l ' Charles nan Valois , yo nan lòd yo pote Anpi a nan òbit la nan Lafrans; li te eseye achte sipò chèf Alman yo ak kado abondan, menm jan tou konte sou sipò posib Pap Clement V , konpatriyòt li ki te deplase wè papal an Frans . Evantyèlman, sepandan, Henry VII nan Luxembourg te eli; li te premye kouwone wa nan Aachen, Lè sa a, anperè nan lavil Wòm nan 1312, prèske swasanndizan apre depo a nan anperè anvan an: Frederick II.

Toro Golden la

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Elektè ak Golden Bull .

Difikilte yo rankontre nan eleksyon wa a te fini ki mennen nan fòmasyon nan yon kolèj nan chèf elektoral , ki moun ki te deja olye te aji sitou sou baz koutim . Se sèlman nan 1356, ak ti towo bèf an lò nan Anperè Charles IV nan Luxembourg , te pwosedi legal la pou eleksyon an Imperial definitivman etabli, ki te rete chanje jouk nan fen Anpi an. Chèf elektoral yo te kapab kounye a rekouvèr pyès monnen epi pase sou tit yo pa pòsyon tè; konsantman inanim pa te oblije chwazi anperè a, men yon majorite nan vòt yo. twa eklezyastik yo te deziyen kòm chèf elektoral, ak akò Pap la: evèk yo nan Mainz , Trier , ak Kolòy , ak kat moun layik: Duke a nan Saxony , Konte Palatin nan Rhine a, Margrave a nan Brandenburg ak wa a nan Bohemia . Montre kijan sant pouvwa a te pwogresivman deplase nan direksyon pou zòn ki pi periferik nan anpi an.

Nan 1355, anba Anperè Charles IV , Prag te vin kapital la nan Sentespri Anpi Women an ak Rudolf II pote kapital la tounen nan Prag nan 1583; pandan peryòd sa a Bohemia ki gen eksperyans yon peryòd de bèl bèl atistik ak ekonomik.

Refòm Imperial la

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Schism Lwès ak Refòm Imperial .

Nan konmansman an nan kenzyèm syèk la, "konstitisyon an" nan Sentespri Anpi Women an pa t 'ankò konplètman defini: byenke kèk enstitisyon ak pwosedi yo te defini, entèraksyon ki genyen ant anperè a, elektè yo ak lòt chèf yo depann lajman sou pèsonalite nan divès kalite souveren yo. Sigismund nan Luxembourg (1433-1437) ak Frederick III nan Habsburg (1452-1493) konsantre pi wo a tout sou domèn pèsonèl yo, periferik nan sant yo ak "jèrmanik" peyi nan anpi an. Duke yo te kòmanse rivalize youn ak lòt epi konfli sa yo pafwa evolye nan eklatman lokal yo.

Anpi a te afekte tou pa kriz la ki nan moman sa a aflije Legliz la: an reyalite lèt la te chire apa pa yon gwo chism ant pap ak antipap, ki te dire pou prèske karant ane e li te finalman geri pa Konsèy la nan Constance (1418) . Lide medyeval la nan de pouvwa yo inivèsèl, papal ak anpi, ki mennen West la kretyen ini nan yon sèl antite politik, te kòmanse pwouve ki soti nan dat. Se poutèt sa, nan 15zyèm syèk la, diskisyon yo te kòmanse sou posibilite pou yon refòm nan kò a Imperial.

Nan 1495, Anperè Maximilian I konvoke yon rejim nan vè . Isit la, wa a ak chèf yo te dakò sou kat pwen epi yo te pibliye Refòm Imperial la (Reichsreform) , yon koleksyon tèks legal ki gen tandans bay kèk estrikti nan Anpi dezentegrasyon an. Pami lòt bagay, " Imperial sèk yo " ( Reichskreisstandschaft ) ak " Imperial Chanm Tribinal la " yo te etabli.

Nan 1512 Anpi a te pran non Heiliges Römisches Reich Deutscher Nation , "Sentespri Anpi Women nan nasyon jèrmanik la ".

Renesans la ak Refòm lan

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Refòm Pwotestan .

Martin Luther inisye Refòm Pwotestan an , anpil chèk lokal te wè yon opòtinite pou opoze Anperè a. Pwen ki pi wo nan kontras sa a te kreyasyon an, nan 1531, Lig la nan Smalcalda , yon alyans militè ki vize a konsolide devan anti-Imperial la ak fè li efikas sou nivo militè a. [6]

Apre yon syèk nan diferansye, konfli ki genyen ant Duke yo ak anpi a, pami lòt bagay, mennen nan lagè a Trant Ane (1618-1648), devastatè anpil nan Ewòp .

Aprè Lapè Westfali

Sentespri Anpi Women an apre lapè Westphalia (1648)

Fen reyèl la nan Anpi a te vini nan etap siksesif. Apre Lapè Westfali 1648 la, ki te bay teritwa yo souverènte nòmalman konplè, sa ki pèmèt yo fòje alyans endepandan ak lòt eta yo, Anpi a te vin pa plis pase yon senp agrégation nan eta endepandan yo.

Anpi a, kounye a sèlman yon konsèp legal, te fè leve nan twa san eta souveren, ki gen dwa a chèz ak vote nan rejim alimantè a pèmanan nan Regensburg (1667), kote depite yo nan chèf yo Alman delibere sou zafè Alman oswa ki gen enpòtans entènasyonal pou anpi, ak apeprè 1,500 fakti souverènte souveren, men san rekonesans entènasyonal.

Souverènte yo te egzèse pa sèlman ak gouvènman endepandan nan eta yo ak òganizasyon an nan administrasyon pwòp yo, yon lame, dwa a lejislasyon oswa rekòt lajan pwòp lajan yo, men tou, nan relasyon entènasyonal pa voye reprezantan pwòp yo nan lòt tribinal yo, nan resi relasyon diplomatik nan ladann akò komèsyal oswa militè yo. Sèl kondisyon ki te kontinye mare eta Alman yo ak anpi an se te libète pou antre nan alyans ki, nan nenpòt ka, pa te prejidis pou anpi tèt li. Se konsa, li rive nan paradoks la ke alyans militè yo te kapab fè kont anperè a (kòm detantè nan eta Habsburg yo, ak Se poutèt sa konpare ak nenpòt lòt souveren), men se pa kont enterè yo nan anpi a, pou ki yon sèl te kapab pèdi eta yon sèl la, kòm yon feyom enperyal, ak akizasyon "fellonìa", menm jan sa te pase ak kèk feyom enperyal Italyen ( Dukat Mantua ak Duk Mirandola an 1708).

La concezione giuridica medievale dell'imperatore come una figura giuridica di primus inter pares rispetto agli altri sovrani, garante della difesa della Res publica christiana e di amministratore di pace e giustizia era andata ormai perduta. Questa visione ideale si scontrava con la realtà politica europea: i sovrani dei grandi regni nazionali, benché completamente affrancati dall'autorità imperiale, continuarono a mantenere una certa soggezione formale e giuridica, in qualità di titolari di numerosi feudi dell'impero. Molti sovrani di regni limitrofi all'impero avevano notevoli ingerenze negli affari tedeschi, grazie all'unione personale con alcuni feudi imperiali che permettevano loro di avere anche diritto di voto alla Dieta ( Francia , Danimarca , Gran Bretagna , Prussia , Polonia , Svezia ).

Le minacce all'Impero portate avanti da Luigi XIV e dall'Impero Ottomano spinsero verso la creazione della Nuova Costituzione di difesa dell'Impero del 1681, che si sostituì alla vecchia del 1521. Gli Stati tedeschi, ripartiti nei dieci circoli imperiali , erano distinti in:

Fuori dai circoli, e prive di voto alla Dieta, erano oltre un migliaio di piccole signorie equestri ripartite in circoli equestri ( Reno , Franconia, Svevia ), a loro volta suddivisi in quattordici cantoni nobiliari, oltre al distretto dell' Alsazia . Tale situazione rimase pressoché immutata fino alla rivoluzione francese .

Ogni circolo doveva provvedere al reclutamento e mantenimento di un contingente. Fu imposto che ogni principe avesse il diritto di imporre il contributo dei sudditi alla difesa e fu creata una tassa di circolo per il mantenimento delle truppe, non più una tassa generale che, data l'eterogeneità dell'Impero, aveva avuto sempre una scarsa efficacia. Si giunse così alla creazione di un esercito permanente di circa 40 000 uomini. Nonostante la sua volontà unitaria, questa riforma rafforzò più i grandi stati tedeschi (inclusa l' Austria ) che non l'Impero, i quali furono così liberi di approntare difese ed eserciti che rafforzarono il loro potere assoluto sul loro territorio e nell'Impero.

L'Impero nel XVIII secolo

Nel corso del XVIII secolo la politica francese continua a perseguire un atteggiamento aggressivo nei confronti dell'impero. Luigi XIV di Francia si pose in diretto antagonismo con gli Asburgo che continuavano a detenere il titolo imperiale, di fatto divenuto ereditario per la loro famiglia. Le lunghe guerre che furono combattute nella seconda metà del XVII secolo e nella prima metà del XVIII, portarono a una progressiva erosione dei territori occidentali imperiali a favore della Francia. Inoltre, sempre con l'intenzione di indebolire la monarchia asburgica, la diplomazia francese, fomentava continue alleanze contro gli stati asburgici dell'imperatore come nel caso degli Elettori di Colonia, Treviri e della Baviera. Tale movimento centrifugo degli stati tedeschi favorì la rapida ascesa degli Hohenzollern che da elettori del Brandeburgo nell'arco di cinquanta anni assurgeranno come re di Prussia a governare una nuova potenza europea in grado di competere con gli Asburgo.

Assunto il titolo reale (1701), la Prussia non perse occasione per strappare potere e territori all'Austria degli imperatori Asburgo, facendosi fautrice delle esigenze degli stati tedeschi di fede protestante (ruolo sottratto alla Sassonia, i cui sovrani nel frattempo erano divenuti cattolici per ascendere sul trono polacco). In questa lotta cercarono di inserirsi, come poli alternativi, gli elettorati di Baviera, il cui duca si impossessò per breve tempo del titolo imperiale e della Sassonia che, di fronte alla politica aggressiva prussiana, divenne fedele alleata dell'imperatore. Nonostante la grave crisi politica che attraversò l'Austria con l'estinzione degli Asburgo, grazie alla politica dell'ultima erede di Carlo VI di Asburgo, Maria Teresa , arciduchessa d'Austria, la corona imperiale ritornò in seno alla famiglia del suo sposo Francesco di Lorena , eletto così nuovo imperatore. Il titolo rimase ai suoi eredi fino alla fine dell'impero.

La fine del titolo imperiale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Reichsdeputationshauptschluss e Pace di Presburgo .
Il Sacro Romano Impero alla vigilia della rivoluzione francese (1789)

Nell'ultimo decennio di vita dell'impero, questo era costituito dagli stessi organi istituzionali che ne avevano sempre regolato le varie attività:

  • la Dieta ( Reichstag ): rappresentava il potere legislativo; costituita dai rappresentanti dei principi aventi diritto di seggio e di voto che componevano gli "Stati imperiali" ( Reichstaende o Reichsstände in tedesco ) distribuiti nei dieci circoli o Province del Sacro Romano Impero . Dal 1667 lavorava permanentemente nella sede imperiale di Ratisbona. Gli stati erano suddivisi nei tre corpi elettorali:
    • Collegio dei grandi elettori ( Kur-Fürsten Kollegium ) composto da tre elettori ecclesiastici (gli arcivescovi di Magonza , Treviri e Colonia , e da sei elettori secolari (margravio del Brandeburgo , duca di Sassonia , duca e conte del Palatinato del Reno, duca del Brunswick-Lüneburg -Hannover ammesso dal 1708, re di Boemia (imperatore) ammesso al voto dal 1708 al 1780;
    • Consiglio dei principi ( Fürstenrat ), suddiviso in:
      • Collegio dei principi dell'impero ( Reichsfuerstenrat ), costituito da:
        • principi ecclesiastici o "Banco ecclesiastico" ( Geistlichen Fürsten ), ripartiti in principi con voti individuali ( Virilstimmen ), rappresentati da circa 26 arcivescovi ( Salisburgo e Besançon , fino al 1792) e vescovi e in principi con voti collettivi ( Kuriatstimmen ), rappresentati dai Prevosti e dagli abati distinti in prelati ( Prälaten ) del Reno e della Svevia;
        • principi laici o "Banco secolare" ( Weltliche Fürsten ), avevano diritto di seggio e di voto individuale ereditario o personale (per i principi contribuenti), rappresentati da duchi, margravi , langravi, principi e principi-conti e distinti in "Antichi Principi" (aventi voto alla Dieta prima del 1580), "Nuovi Principi" e dalle "terre secolarizzate" (Verden e Brema, Magdeburgo, Ratzeburg, Halberstadt, Kamin, Querfurt, Gernrode);
      • Sub-collegio dei Conti e Signori dell'impero ( Reichsgraefen und Reichsherrenkolleg ), avevano 4 voti collettivi ed erano suddivisi in quattro distretti (Wetterau, Svevia, Franconia, Vestfalia) di cui facevano parte i principi-conti non ammessi nel corpo dei Principi, i conti dell'impero ei signori.
  • Collegio delle libere Città dell'impero ( Reichsfreistaettekolleg ) composto da circa 51 città imperiali, avevano voto consultivo, espresso solo dopo la votazione degli altri due collegi della Dieta. Erano suddivise in "Banco svevo" di cui 24 cattoliche, su 28 aventi diritto di voto, e in "Banco renano" di cui 5 cattoliche, su 8 aventi diritto di voto;
  • l' imperatore ( Römer Kaiser ): rappresentava l'impero, ma non aveva poteri sovrani su di esso, essendo una sorta di presidente dell'impero e organo esecutivo della volontà espressa dalla Dieta. Egli era vincolato, sin dal momento della sua elezione, a rispettare le "Capitolazioni", una sorta di carta costituzionale che ne limitavano il potere e l'ingerenza sugli altri organi istituzionali; tra i suoi poteri egli convocava, in caso di necessità, la Dieta (peraltro permanente), presiedeva il consiglio militare dell'impero ( Reichsmilitaregiment ) e comandava l'esercito imperiale in guerra ( Reichsarmee ), nominava i componenti del Supremo Tribunale imperiale ( Reichskammergericht ), avente sede a Wetzlar e il Consiglio aulico dell'impero ( Reichshofrat ). Nei lavori della Dieta era coadiuvato dall'elettore di Magonza che, come decano dei principi, tramite un proprio rappresentante, ne coordinava le attività assembleari.

Di fatto gli Stati che componevano l'impero non si esaurivano solo con quelli aventi diritto di voto alla Dieta. Vi era un numero imprecisato di entità sovrane, in varie forme, che coesistevano con gli "Stati imperiali" e non appartenevano a nessuno dei 10 Circoli o Province imperiali in cui erano distribuiti gli stati con diritto di voto al Reichstag. Contee familiari e feudi allodiali, signorie, villaggi imperiali, abbazie e immunità ecclesiastiche rappresentate da conti, baroni, cavalieri, borgomastri, abati e capitoli ecclesiastici rappresentavano una realtà imprescindibile di sovranità di fatto, anche se sottoposti alla formale e diretta "suzerainetè" dell'imperatore che ne era il protettore. In particolare, la nobiltà equestre (baroni e cavalieri dell'impero) dal XVI secolo si era organizzata in un proprio corpo autonomo che di fatto era ufficialmente riconosciuto dagli altri principi dell'impero. Questa nobiltà, rappresentata da circa 350 famiglie aventi circa 1.500 feudi, aveva costituito un proprio collegio suddiviso in un circolo del Reno, composto da 3 cantoni nobiliari che raggruppavano 98 territori, un circolo della Franconia con 702 territori rappresentati in 6 cantoni ed un circolo della Svevia con 668 territori in 6 cantoni.

Il 2 dicembre 1804 il Primo Console di Francia e presidente della repubblica italiana Napoleone Bonaparte fu incoronato imperatore dei Francesi. Subito venne riconosciuto dall'imperatore del SRI e arciduca d'Austria Francesco II che, in cambio, si vide riconosciuto Imperatore d'Austria .

La primavera dell'anno successivo, a Milano, in conformità con il nuovo assetto monarchico francese, Napoleone Bonaparte si fece incoronare re d'Italia. Questo provocò attriti con il SRI, che almeno formalmente comprendeva pure il Regno d'Italia. La situazione si risolse con la guerra. Nel primo anniversario dell'incoronazione imperiale la terza coalizione venne sconfitta presso Austerlitz . La Pace di Presburgo dello stesso dicembre ridimensionò l'impero austriaco, e mise sotto influenza francese buona parte del SRI: in particolare venne costituita la Confederazione del Reno . Accettando il fatto compiuto, Francesco II scioglieva l'impero nel 1806, rinunciando per sempre al titolo di Imperatore dei Romani, di fatto un titolo onorifico tramandato internamente alla casa degli Asburgo d'Austria , accontentandosi del più modesto titolo di Imperatore d'Austria con il nome di Francesco I.

La Santa Sede rifiutò di considerare valida l'abdicazione, avvenuta senza consenso papale. Tuttavia dopo la morte di Francesco, avvenuta nel 1834, fu sollevata la questione di come si dovessero mutare le orazioni per l'imperatore Romano contenute nel Messale per il Venerdì e Sabato santo. Due decreti della Sacra Congregazione dei Riti (n. 2800 del 31 agosto 1839 e n. 3103 del 27 settembre 1860) ordinarono di lasciare intatte le preghiere, ma di aggiungere una rubrica che dichiarasse che erano ormai da omettere del tutto.

Istituzioni

Parte finale di un documento pubblico emesso da Ottone IV nel 1210

Fin dall' Alto Medioevo , l'Impero fu caratterizzato dalla lotta per tenere i duchi locali lontani dal potere. Al contrario dei monarchi dei territori Franchi dell'Ovest, che più tardi divennero la Francia , l'Impero non riuscì mai a prendere molto controllo sulle terre che formalmente possedeva.

Invece, fin dal principio, l'Impero fu costretto ad accordare sempre più poteri ai Duchi locali nei rispettivi territori. Questo processo, iniziatosi nel XII secolo , si concluse più o meno con la Pace di Vestfalia del 1648. Molti tentativi di restaurare l'originale grandezza imperiale fallirono.

Formalmente l'Impero fu compresso fra la necessità del Re di Germania di essere incoronato dal Papa (fino al 1508) da un lato e la Maestà imperiale ( Reichsstände ) dall'altro lato.

Re Tedesco . L'incoronazione come imperatore di Carlo Magno per mano del Papa nell'800 costituì l'esempio che i Re successivi avrebbero seguito: questo gesto fu la conseguenza della difesa del Papa da parte di Carlo contro la ribellione degli abitanti di Roma . Da questo episodio ebbe origine il concetto che l'Impero fosse il difensore della Chiesa .

Diventare Imperatore implicava essere già re tedesco. I re tedeschi erano eletti da tempi immemorabili: nel IX secolo dai capi delle cinque maggiori tribù ( Franchi , Sassoni , Bavari , Svevi , Turingi ); più tardi dai principali duchi ecclesiastici e laici; infine solo dai cosiddetti principi elettori ( Kurfürsten ) . Questa assemblea fu formalmente istituita da un decreto noto come Bolla d'oro , emesso nel 1356 dalla Dieta di Norimberga , presieduta dall'Imperatore Carlo IV . Inizialmente gli elettori erano sette, poi questo numero variò sensibilmente nel corso dei secoli.

Fino al 1508, il neoeletto Re, si recava a Roma per essere incoronato Imperatore dal Papa . In molti casi questo richiese diversi anni se il Re era occupato in altre questioni, come la conduzione di guerre.

Mai l'imperatore poté governare autonomamente sull'Impero. Il suo potere era efficacemente contenuto dall'argine rappresentato dall'organo legislativo dell'Impero: la Dieta . Questa fu una complicata assemblea che si riuniva a intervalli irregolari in vari luoghi e su richiesta dell'Imperatore. Solo dopo il 1663 la Dieta divenne un'assemblea permanente.

Maestà Imperiale. Una entità era considerata di rango imperiale se, in accordo con le abitudini feudali, non c'era altra autorità su di essa che quella dell'Imperatore stesso. Solo queste sedevano nella Dieta ( Reichstag ) ed erano, con grandi variazioni attraverso i secoli:

Il numero di territori fu sorprendentemente grande, raggiungendo alcune centinaia al tempo della Pace di Vestfalia . Molti di questi comprendevano non più di poche miglia quadrate. L'Impero, pertanto, è ben descritto da molti come un mosaico.

Corti Imperiali . L'Impero ebbe anche due Corti: il Reichshofrat in Vienna e la Corte della Camera Imperiale ( Reichskammergericht ) istituita con la riforma dell'Impero del 1495.

Denominazione

L'espressione Impero Romano era sicuramente già usata nel 1034 per indicare le terre sotto il dominio di Corrado II e abbiamo testimonianze dell'uso di Sacro Impero nel 1157.

Il termine Imperatore romano in riferimento al sovrano germanico incoronato a Roma, invece, cominciò a essere utilizzato già per Ottone II (imperatore nel 973- 983). Gli imperatori da Carlo Magno (742-814) fino a Ottone I il Grande escluso (cioè i sovrani dell' Impero carolingio ), d'altronde, utilizzavano il titolo di " Imperatore Augusto ".

Il termine "Sacro Romano Impero della Nazione Germanica" fu introdotto nel 1254; l'espressione completa Sacrum Romanum Imperium Nationis Germanicae (in tedesco : Heiliges Römisches Reich Deutscher Nation ) appare invece alla fine del XV secolo , nel momento in cui il regno aveva perso in Italia molto del suo dinamismo, pur rimanendo legato fino alla fine ad alcune importanti unità territoriali italiane in esso integrate: "sacro" e "romano" erano termini impiegati con spirito di emulazione verso l' impero bizantino ; "della nazione tedesca" sottolineava come, dal 962 in poi, il fulcro di questa istituzione fosse nelle genti di stirpe germanica, già costituitesi come "Franchi orientali" dopo la spartizione carolingia.

Il titolo di imperatore era prevalentemente elettivo, secondo le tradizioni "federaliste" dei quattro ducati principali di Germania ( Sassonia , Franconia , Baviera e Alemannia ), ciascuno contraddistinto da una propria base etnica diversa. Gli elettori erano quindi i grandi nobili del regno di Germania, che si disputavano la corona. Se comunque da una parte il titolo imperiale era considerato in tutta l'Europa occidentale come supremo e in via di principio incontestabile, nella pratica si assistette spesso alla mancanza di potestà sostanziale degli imperatori, ridotti a figure formalmente simboliche, incapaci di manifestare la loro volontà nel regno.

Alcune grandi famiglie cercarono nel tempo di rendere la corona imperiale ereditaria, come la dinastia ottoniana , ma vi riuscì definitivamente solo alla fine del Medioevo la famiglia degli Asburgo , che mantenne il titolo fino al 1806, sebbene non fossero mai stati aboliti i principi elettori e la loro dignità. Alla morte di ogni imperatore infatti essi si riunivano ed eleggevano il suo successore, fino alla loro soppressione napoleonica.

Il titolo di "imperatore dei Romani" venne fatto abolire nel 1806 da un altro imperatore abusivo, Napoleone I di Francia , che impose a Francesco II d'Asburgo di prendere il titolo di " imperatore d'Austria ", più conforme ai territori che effettivamente erano da lui amministrati. Per cui questa data viene considerata la dissoluzione formale deI Sacro Romano Impero.

Neanche i contemporanei seppero come definire questo ente. In una famosa descrizione del 1667, De statu imperii Germanici , pubblicato con lo pseudonimo di Severino di Monzambano, Samuel von Pufendorf scrisse:

( LA )

«Nihil ergo aliud restat, quam ut dicamus Germaniam esse irregulare aliquod corpus et monstro simile»

( IT )

«Non ci rimane perciò che considerare la Germania un corpo senza regole simile a un mostro»

( Severini de Monzambano Veronensis, De Statu Imperii Germanici , Apud Petrum Columesium, Genevae 1667, Caput 6, § 9, p. 115 )

Voltaire più tardi ne parlerà come "né Sacro, né Romano, né Impero" [7] .

Un impero "romano"?

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Problema dei due imperatori .

Da un punto di vista giuridico l' Impero romano , fondato da Augusto ( 27 aC ) e diviso da Teodosio I in due parti ( 395 dC ), era sopravvissuto solo nella parte orientale. Dopo la deposizione dell'ultimo Imperatore d'Occidente Romolo Augustolo ( 476 dC ), quello d'Oriente Zenone aveva ereditato anche le insegne della parte occidentale riunendo da un punto di vista formale l'unità statale. Dunque gli abitanti dell' Impero d'Oriente si consideravano Ῥωμαίοι ( Rhōmaioi ( romei ), ovvero "romani" in lingua greca ), e chiamavano il loro stato Βασιλεία Ῥωμαίων ( Basileia Rhōmaiōn , ovvero "Regno dei Romani").

L'incoronazione del re dei Franchi Carlo Magno da parte di papa Leone III nell' 800 fu un atto privo di un profilo giuridicamente legittimo: solo l'Imperatore romano d'Oriente (chiamato "greco" in Occidente proprio a partire da quest'epoca [8] ) sarebbe semmai stato degno di incoronare un suo pari nella parte occidentale, per questo da Costantinopoli si guardò sempre con superiorità e sospetto a quell'atto.

Nonostante ciò l'incoronazione papale fu giustificata dal punto di vista formale con due espedienti:

  1. il fatto che all'epoca l' Impero bizantino fosse governato da una donna, Irene d'Atene , illegittima agli occhi occidentali, creava un vuoto di potere che rendeva possibili eventuali colpi di mano (infatti all'epoca l'Impero bizantino non aveva alcuna possibilità di intervenire direttamente in Europa occidentale);
  2. la questione che il papa si dichiarasse come diretto erede dell'Impero romano sia come pontifex maximus sia arrogandosi un potere temporale grazie al documento della donazione di Costantino , con il quale Costantino I avrebbe ceduto la sovranità sulla città di Roma e su tutta l'Europa occidentale a papa Silvestro I ; il documento, riconosciuto come falso nel XV secolo tramite lo studio filologico di Lorenzo Valla presso la corte pontificia, fu redatto presumibilmente nell' ottavo secolo , quando il papa, minacciato dall'avanzata dei Longobardi , si era trovato a dover far valere la propria autorità. In quell'occasione egli aveva compiuto un'altra incoronazione analoga, incoronando re dei Franchi Pipino il Breve , formalmente illegittimo, come ringraziamento dell'aiuto ricevuto dal "maggiordomo reale" nella contesa con i re Longobardi.

Gli imperatori romano-tedeschi cercarono con più modi di farsi accettare da quelli bizantini come loro pari con rapporti diplomatici, politiche matrimoniali o minacce, ma ottenendo successi soltanto parziali o effimeri. Nell'812, con il trattato di Aquisgrana l'imperatore carolingio Carlo Magno ottenne da Bisanzio il riconoscimento di titolo di Imperatore ( basileus in greco) ma non di "Imperatore dei Romani" ( basileus ton Romaion ). Tuttavia il rapido declino dell'Impero carolingio permise a Bisanzio di disconoscere il trattato dell'812. Le fonti bizantine definiscono l'Imperatore del Sacro Romano Impero "re dei tedeschi" e solo raramente un "imperatore" (ma non dei Romani). Le fonti occidentali, invece, definivano l'Imperatore bizantino rex graecorum ("Re dei Greci") o al più Imperator Graecorum ("Imperatore dei Greci").

La pretesa di atteggiarsi come eredi dei romani, sebbene giuridicamente discutibile, ebbe però alcuni innegabili risultati positivi, come il ripristino del diritto romano già a partire dalla metà del XII secolo , che, tramite l'attività delle università , tornò in Occidente sostituendosi in tutto o in massima parte alle legislazioni germaniche, in vigore dai tempi delle invasioni , ea quelle canonistiche, diffuse dalle istituzioni ecclesiastiche.

In definitiva quindi, nonostante una partenza velata da equivoci e atti forzosi, il Sacro Romano Impero divenne uno dei cardini della società europea, che profondamente ne influenzò le vicende per secoli.

Il dibattito sull'autorità

Sono stati fatti molti tentativi di spiegare perché il Sacro Romano Impero non riuscì mai ad avere un potere centrale sui territori, contrariamente alla vicina Francia . Fra le ragioni trovate vi sono le seguenti:

  • l'Impero era stato, soprattutto dopo la caduta degli Hohenstaufen , un'entità confederale: al contrario della Francia che era stata parte integrante dell' Impero Romano , nella parte orientale dell' Impero carolingio , le tribù germaniche erano molto più indipendenti e riluttanti a cedere poteri a un'autorità centrale. Molti tentativi di rendere ereditario il titolo imperiale fallirono e restò sempre, almeno formalmente, la cerimonia dell'elezione, poi ristretta a 7 principi elettori , fino alla soppressione napoleonica. Massimiliano I e Carlo V tentarono di riformare l'impero, ma inutilmente. Più tardi ogni candidato dovette fare promesse agli elettori, nel cosiddetto Wahlkapitulationen ( Capitolato di elezione ), che garantì sempre più poteri agli elettori durante i secoli;
  • a causa delle sue connotazioni religiose, l' Impero come istituzione fu seriamente danneggiato dal contrasto fra il papa ei re tedeschi riguardo alle loro rispettive incoronazioni a imperatore . Non è mai stato molto chiaro a quali condizioni il papa incoronasse l'imperatore e, in particolare, se il potere di questo dipendesse da quello ecclesiastico del Papa. La rinuncia di Francesco II in favore di Napoleone , dopo il trattato di Presburgo, il 6 giugno 1806, non fu riconosciuta dal Papato fino al 1918/19, quando il SRI con Carlo d'Asburgo praticamente finì.
  • a causa dell'infeudamento dei vescovi da parte di Ottone I di feudi imperiali, specie durante l' XI secolo , fu creato il problema dei vescovi-conti , che portò alla dura lotta per le investiture ed infine al concordato di Worms nel 1122; e poi nel 1521 e segg. favorì la riforma luterana con la loro spoliazione da parte dei principi laici, chiamati poi protestanti contro gli editti imperiali di restituzione.
  • non è chiaro se il sistema feudale del Reich , dove il re formalmente era all'apice della cosiddetta "piramide feudale", fosse la causa o un sintomo della debolezza dell'Impero. In ogni caso, l'obbedienza militare, che, come da tradizione tedesca, era strettamente legata alla confisca delle terre per i tributi, fu sempre un problema: quando il Reich era costretto alla guerra, le decisioni erano lente e foriere di situazioni instabili.

Nella dottrina dello Stato tedesco

Dopo l'unificazione della Germania in Stato sovrano federale nel 1871 (vedi Impero tedesco ), il Sacro Romano Impero fu conosciuto talvolta come Primo Reich , visto che dal 1512 era della "nazione tedesca". La Germania/Austria nazista volle chiamarsi invece Terzo Reich , considerando l'Impero del 1871 come Secondo Reich , dopo la rinuncia austriaca del 1806: ciò anzitutto allo scopo di affermare una continuità diretta, grazie al Nazionalsocialismo , con l'intera storia della Germania; secondariamente, per negare a posteriori alla Repubblica di Weimar (1918-1933) la sua ragione d'essere come reale espressione della Germania repubblicana e più democratica.

Nella filosofia della comunità sovranazionale

Tra le due guerre mondiali l'immagine idealizzata del Reich fece da sfondo all'utopia «paneuropea»; anche successivamente varie dottrine storico-politiche hanno proiettato sulla parola «Reich» la richiesta che "l'Europa auspicabilmente riacquisti la consapevolezza delle proprie «radici» e, con essa, una certezza di sé, fatta di punti di riferimento validi poiché storicamente immutati": "l'ordinamento sovranazionale, comprensivo di vari popoli, il «felice» abbinamento di libertà ( germanica ) e civiltà ( romano cristiana ), la vocazione alla pace, quale condicio sine qua non d'ogni progresso materiale e morale, la cultura del diritto come tessuto delle relazioni umane, lo sviluppo «meraviglioso» delle arti e delle scienze" [9] .

Note

  1. ^ Bryce, 2017 , p. 204 .
  2. ^ Sacro Romano Impero , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 10 giugno 2021 .
  3. ^ Bryce, 2017 , p. 268 .
  4. ^ Joachim Whaley , Germany and the Holy Roman Empire , vol. 1, Oxford, University of Oxford Publications, 2002, p. 17.
    Joachim Ehlers, Die Entstehung des Deutschen Reiches , 4ª ed., München, 2012, p. 97.
    «L'aggiunta deutscher Nation ('della nazione tedesca') al titolo imperiale romano risale al 1474, la dizione Römisches Reich Teutscher Nation ('Impero Romano della nazione tedesca') al 1486 e al 1512 l'espressione completa Heiliges Römisches Reich Teutscher Nation ('Sacro Romano Impero della nazione tedesca')» .
    Nella moderna letteratura scientifica la dizione "Sacro Romano Impero della Nazione Germanica" non è utilizzato per l'Impero medievale, bensì per quello in età moderna.
  5. ^ Peter Hamish Wilson, The Holy Roman Empire, 1495–1806, MacMillan Press 1999, London, page 2; The Holy Roman Empire of the German Nation Archiviato il 29 febbraio 2012 in Internet Archive . at the Embassy of the Federal Republic of Germany in London website
  6. ^ Lega di Smalcalda su Enciclopedia Treccani , su www.treccani.it . URL consultato l'8 maggio 2017 ( archiviato il 4 settembre 2019) .
  7. ^ Essai sur les mœurs et l'esprit des nations , LXX
  8. ^ Il termine " bizantino " con cui attualmente si definisce attualmente l'Impero romano d'Oriente è una pura convenzione storica coniata da alcuni storici cinquecenteschi e diffusa dagli Illuministi; essi, disprezzando tutto ciò che riguardava il Medioevo, vista come un'era buia, disprezzavano anche l'Impero romano d'Oriente e non ritenendo gli abitanti dell'Impero d'Oriente degni di essere chiamati "romani" o "greci" coniarono il termine "bizantino". Poiché il termine "bizantino" venne introdotto per la prima volta nel cinquecento e l'Impero d'Oriente cadde ben un secolo prima (nel 1453) i "bizantini" non seppero mai di essere bizantini ma solo di essere romani (o romei ).
  9. ^ C. Tommasi, La ragione prudente. Pace e riordino dell'Europa moderna nel pensiero di Leibniz , Bologna, Il Mulino, 2008, pp. 9-11 (ed. digit.: 2009, doi: 10.978.8815/141170, Introduzione , doi capitolo: 10.1401/9788815141170/p1).

Bibliografia

  • James Bryce , Il Sacro Romano Impero , a cura di Paolo Mazzeranghi, D'Ettoris Editore, 2017, ISBN 978-88-9328-032-7 , SBN IT\ICCU\RCA\0806131 .
  • Friedrich Heer (1967: Das Heilige Römische Reich) Il Sacro Romano Impero: mille anni di storia d'Eŭropa, 3ª ed., Newton & Compton, 1004.
  • Alois Dempf , Sacrum Imperium. La filosofia della e dello Stato nel Medioevo e nella rinascenza politica (Sacrum Imperium. Geschichtsschreibung und Staatsphilosophie des Mittelalters und der politischen Renaissance), Le Lettere, 1988.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 122772486 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2097 0723 · LCCN ( EN ) n79060589 · GND ( DE ) 2035457-5 · BNF ( FR ) cb119892069 (data) · NDL ( EN , JA ) 00571138 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79060589