Richard Wagner

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - "Wagner" refere isit la. Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Wagner (disambiguation) .
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou ekriven an eponim ki fèt an 1952, gade Richard Wagner (ekriven) .
Wilhelm Richard Wagner

Wilhelm Richard Wagner (an Italyen pwononse / ˈvaɡner / [1] ; an Alman ['vɪlhɛlm' ʀɪçaʀt 'va: gnɐ] ; Leipzig , 22 me 1813 - Venice , 13 fevriye 1883 ) se te yon konpozitè , powèt , libretis , teyat direktè , kondiktè ak essayist Alman .

Site nan fwa nan tèks yo nan lang Italyen [2] tankou Richard Wagner [3] , li se rekonèt kòm youn nan mizisyen yo ki pi enpòtan nan tout laj, epi, an patikilye, tankou nan mitan pi gwo ekspozan yo nan amoure . Wagner pi byen konnen pou refòm li nan teyat mizikal. Kontrèman ak pifò lòt konpozitè opera yo , Wagner, ki te anseye tèt li, te toujou ekri libreto a ak senaryo pou zèv li yo li menm [4] . Konpozisyon Wagner yo, espesyalman sa yo ki nan peryòd pita l 'yo, yo enpòtan pou teksti contrapuntal yo , rich chromatism , Harmony , Worcester ak pou yo sèvi ak teknik la Leitmotiv : tèm mizik ki asosye ak moun, kote oswa santiman. Li te tou précurseur prensipal la nan lang lan modèn mizik: chromatism nan exasperated nan Tristan a pral an reyalite gen yon efè fondamantal nan devlopman nan mizik klasik . Li transfòme panse mizik nan lide l 'nan Gesamtkunstwerk (total travay nan boza), yon sentèz nan atizay yo powetik, vizyèl, mizik ak dramatik. Konsèp sa a jwenn realizasyon li yo nan Festspielhaus la nan Bayreuth , teyat la li te bati pou reprezantasyon an nan jwe l 'yo, kote Festival la Bayreuth toujou pran plas, antyèman dedye a konpozitè a Leipzig.

Atizay revolisyonè l 'yo, ki te sou yo, ki soti nan pwen de vi nan libreto yo, enfliyans nan tradisyon nan mitoloji Norse , powèm jèrmen ak kavalye , osi byen ke sa yo ki nan filozofi a nan Arthur Schopenhauer , ak nan pwen an mizik enfliyans nan istwa a tout antye nan mizik klasik, te pwovoke reyaksyon melanje nan mond lan atistik ak divize kritik ak amater nan "Wagnerians" ( Richard Strauss , Anton Bruckner ak Gustav Mahler ) ak "anti-Wagnerians" (nan mitan lèt la, Brahms oswa Robert ak Clara Schumann ): li te tou pou rezon sa a ke konpozitè a te konnen siksè sèlman nan dènye ane yo nan lavi li.

Filozòf la Friedrich Nietzsche , pandan peryòd la nan amitye ak konpozitè a, konsidere kòm mizik la nan travay li jiska tetraloji bag la nan nibelung la kòm rne a nan atizay trajik nan Ewòp , ki reprezante egzanp nan pi gran nan Lespri Bondye a Dionysian nan istwa a nan mizik tèt li., se sa ki, aspè enstenktif li yo. Pita, apre yon repo imen ak entelektyèl ki pral kontinye menm apre lanmò Wagner, Nietzsche tèt li retrè lide l 'yo pa defini, sou kontrè, travay la Wagnerian kòm yon ekspresyon de yon sivilizasyon dekadans. Paradoksalman, agiman filozòf la, nan de peryòd kontras yo, se yo ki pami pi site pa admiratè ak kritik konpozitè Alman an. [5]

Biyografi

Timoun ak jèn

Minna Planer, premye madanm Wagner

Wagner te fèt 22 me 1813 nan Leipzig , nevyèm pitit avoka ak aktè amatè Carl Friedrich Wagner ( 1770 - 1813 ) ak Johanna Rosine Wagner ( 1774 - 1848 ), ki te fèt nan Pätz . Sis mwa apre nesans li, papa l 'te mouri nan tifoz . Lè sa a, manman l 'marye aktè a ak powèt Ludwig Geyer , selon kèk deja lover l' e petèt vre papa Wagner a, ki moun ki te pran swen fanmi an apre lanmò nan Carl Friedrich. [6] Apre lanmò papa yo, kwake malerezman, fanmi an te demenaje ale rete nan Dresden . [7]

An 1828 Wagner te retounen nan Leipzig epi li te fini lekòl segondè, men kanmenm li pa t 'kanpe deyò pou yon devouman patikilye. Li te toujou ensèten si yo pouswiv yon karyè kòm yon pent , ekriven , essayist , sculpteur oswa achitèk ak mizik te toujou yon kalite rèv byen lwen. Wagner nan jèn te nan yon tanperaman trè débordan, li te fasil antouzyastik menm pou ti bagay initil e li te santi "lespri a" nan revolisyon an boule nan tèt li. Nan 16, li te patisipe nan yon pèfòmans nan Fidelio pa Beethoven , ak soti nan moman sa a li deside vin yon konpozitè. Okòmansman li te pwòp tèt ou-anseye e li te eseye men l 'nan ti, trè rudimentè konpozisyon: sonat yo an premye, yon Quartet fisèl ak yon bonè, pa janm ranpli tantativ nan yon pyès teyat: maryaj la . Soti nan 1831 li te pran leson konpozisyon pou sèlman sis mwa ak kretyen Theodor Weinlig (direktè yon koral enpòtan nan Leipzig, Thomanerchor a ), ki moun li dedye konpozisyon premye l 'yo, yon " pyano sonata " nan Si bémol majè ( Klaviersonate nan B-Dur ). Apre sa, li sispann etid li yo epi konsakre tèt li sèlman nan konpozisyon.

Nan 1833 li te kòmanse konpoze Die Feen ( fe yo ), ki lye ak tradisyon Alman mizik la epi ki te swiv nan ane annapre yo pa entèdiksyon pou renmen (1835-1837) ak pa Rienzi (1837-1840). Kòm direktè mizik nan teyat la ti nan Magdeburg, li te rankontre chantè a Minna Planer, ki moun li marye an 1836 . Nan 'Mein Leben', Wagner raple ke li pa janm te gen yon santiman renmen vre nan direksyon pou "bèl Miss Minna Planer la", men afeksyon l 'ak sans pratik li nan lavi konstitye yon refij san danje pou l' nan ki twotwa vòl twòp nan anpenpan. Tanperaman rebèl ak disoud Wagner an reyalite bezwen yon ti mond emosyonèl nan ki pran refij nan mitan batay yo anpil nan yon egzistans konpwann. Sepandan, diferans sa yo nan karaktè, nan adisyon a mank de timoun yo ak sans jeneral atis la nan iresponsabilite, byento konstitye yon kòz pou kriz marital.

Soti nan 1837 li te vin kondiktè nan Königsberg (kounye a Kaliningrad ). Yon ti tan apre, teyat la te fòse yo fèmen akòz dèt depase. Wagner te revoke, men jere yo an sekirite yon pòs kòm direktè nan riga . Isit la li te kòmanse konpoze Rienzi .

Nan 1839 li te pèdi travay li tou nan riga.Pou sove kreditè yo li te sove nan yon fason nana, an kachèt travèse fwontyè a ant Larisi ak Lapris , ak angaje ak Minna sou yon ti bato navige pou Lond . Pandan ke temwen yon tanpèt sou lanmè a pandan vwayaj la, li te enspire yo konpoze Dutchman an vole , ki reprezante premye chèf la otantik Wagnerian, byenke toujou enkli nan peryòd la byen bonè ki pral dire jiska Lohengrin la .

Li te pase ane ki soti nan 1839 a 1842 nan kondisyon gwo povwete nan Pari . Pou li siviv li te bay demisyon tèt li nan angajman bag maryaj li nan pawnshop la ak ekri transkripsyon nan moso pou yon bann, ranpli Rienzi ak nan menm tan an kontinye redaksyon an nan vole Dutchman la . Li se nan ane sa yo rankont la ak Ludwig Feuerbach , filozofi li nan ateism ak teyori sosyalis yo nan Pierre-Joseph Proudhon , ki enfliyanse vèsyon yo an premye nan Tetralogy a ( bag la nan nibelung la ). Sepandan, franse Rienzi a Grand-Opéra style te yon gwo siksè ki pèmèt l 'jwenn pozisyon nan kondiktè nan Dresden Opera a, yon evènman ki pou madanm li Minna te nan konmansman an nan yon karyè briyan. Konfidan ke pozisyon sa a ta ankouraje relasyon piblik la ak atizay nouvo l 'yo, Wagner espere yon lòt triyonf ak Dutchman an vole , fèt nan Dresden sou, 2 janvye 1843 , men etranj la mete kanpe nan dram nan, ki aboli moso yo nan fòm lan fèmen ak dekri karaktè yo ak yon sensualite pwofon jiskaske enkoni, dezoryante odyans lan nan teyat la. Yon rezilta menm plis tyèd resevwa kree la nan Tannhäuser (nan Dresden, nan 1845 ), ekri - dapre otè a - nan yon eta de eksitasyon lafyèv. An reyalite, jèn Wagner te santi tèt li yon prizonye nan yon mond li te rayi, glas yon atizay ki lye ak konfòmism nan epòk la, malgre salè anyèl 1.500 talè ki te kontan Minna ak lavi boujwa lapè li. Sitiyasyon sa a, konbine avèk fredi piblik la nan direksyon pou travay li yo, mennen l 'nan kreyasyon an Lohengrin , yon karaktè nan ki Wagner te wè tèt li ankò nan dezi a gremesi yo dwe aksepte, nan yon moman nan feblès nan lavi l' tankou yon nonm ak kòm yon atis. [8] "Mwen te santi mwen oblije mande: ki kote ou soti, poukisa? Epi pou yon tan long atizay mwen an disparèt devan kesyon sa yo". [9]

Pandan se tan, gwo amitye li yo te fèt: Franz Liszt , ki deja rankontre nan yon otèl Bèlen nan 1842, ak Hans von Bülow , kondiktè a nan lavni, tou de admirateur fervent nan mizik li.

Revolisyon an nan 1848

Sis ane ki separe konpozisyon Lohengrin (fini nan '48) ak nan konmansman an nan L'oro del Reno yo te radikal pou pwosesis evolisyon stylistic konpozitè a. Peryòd sa a nan inaktivite mizik te make pa ekri nan liv anpil teyorik, nan ki Wagner eksplike nouvo konsepsyon li atistik ak politik nan mond lan: Opera ak dram , Travay nan atizay nan tan kap vini an , atizay la ak revolisyon an . Nan yo nou li: "bezwen ki pi ijan ak pi fò nan nonm lan pafè ak atis se kominike tèt li - nan tout plenitid la nan nati li - nan tout kominote a. Epi li pa ka ale twò lwen eksepte nan dram". [10]

«Pèp la se ansanm tout moun ki santi yon bezwen komen. Ki kote pa gen okenn bezwen pa gen okenn bezwen reyèl. Kote ki pa gen okenn bezwen reyèl, tout vis swarm, tout krim kont lanati, se sa ki, bezwen an imajinè. Koulye a, satisfaksyon nan bezwen sa a zafè se "liksye". Luxury pa janm ka satisfè paske, yo te yon bagay fo, pa gen okenn opoze vre ak reyèl pou li ki kapab satisfè ak absòbe li. Li konsome, tòti, prostrates lavi yo nan dè milyon de pòv, fòse yon mond antye nan chenn yo fè nan despotism, san yo pa kapab kraze chenn an lò tiran an. Li se nanm nan nan endistri a ki touye moun yo sèvi ak li kòm yon machin. ». [10]

Travay la nan atizay te wè sa tankou yon kalite sublimasyon nan yon mond libere de ipokrizi ak pouvwa a nan moun rich sou pòv yo. Se te yon teyori positivis toujou delika, pre-Schopenhauerian, men analogue nan lespri revolisyon an ki te boule nan tout Ewòp nan tan sa a. Ak revolisyon an nan 1848 wè Wagner okipe bati barikad ansanm ak Bakunin . Li evidan li pèdi pòs li kòm direktè nan Dresden anpil nan chagren Minna a. Sou 3 Me Wagner akonpaye madanm li nan Chemnitz , byen lwen soti nan lagè a , pou retounen nan Dresden ak Bakunin ak Hubner, yon manm nan gouvènman an pwovizwa. Men, lè de polis wayal yo te arete yo, Wagner te deside kite Saxony pou evite pwoblèm (manda arestasyon an rive sou li nan dat 16 me) epi prese kouri ale Weimar , sou pwoteksyon Franz Liszt. Pandan li t ap ede l, zanmi l lan te kritike anbisyon politik li yo lè li te mande l pou l konsakre tèt li sèlman nan atizay, menm jan Liszt li menm te ekri nan yon lèt sa a: "Ase ak politik ak bavardaj sosyalis yo. Nou bezwen retounen travay avèk ardè, ki pa li pral difisil, ak vòlkan an ke ou gen nan sèvo ou ". [11]

Li Lè sa a, ba l '300 fran pou vwayaj la ki ta mennen l' nan ekzil nan Zurich ak Paris. Minna te ekri ke li ta sèlman retounen l 'lè li te kapab sipòte l' ak yon travay ki an sekirite, byenke yo kontinye wè ak ekri youn ak lòt souvan. Nan li, Wagner te ekri Liszt: «Te toujou gen sèn nan kont pasyone ant nou san yo pa janm repanti sou pati li. Reyalize diferans karaktè nou yo ak kilti entelektyèl, li te toujou jiska m 'yo dwe rezonab ak sikre li ak tounen vin jwenn Bondye mwen. ». [12]

Apre yo tout, premye senpati yo fi yo te kòmanse parèt ki pral pou tout tan dot lavi atis la, fasil bèt nan zafè renmen pasajè: Madam Ritter voye l '500 talè ak yon pansyon anyèl ki tanporèman asire lavi l', ak Madam Laussot (Jessie) - nan renmen ak atizay li - envite l 'nan Bòdo , avè l'. Triste pa nouvèl la nan fraz lanmò Bakunin a, Wagner kontanple yon vwayaj fantastik nan Mwayen Oryan an , "lwen sa a egzistans etwat nan liv" ( Mein Leben ). Young Jessie te vle swiv li, men, apre yon seri repete nan vizit abouti nan manifestasyon soti nan Minna ak mari Jessie a, lapolis la tou retire l 'soti nan Bòdo. Liszt, ki moun ki te jis fè siksè kree mondyal la nan Lohengrin nan Weimar (1850), te panse sou ekonomize l 'ankò. Nouvèl la nan evènman an atire atansyon a ak konfyans nan Wagner ki, li te gen rete nan Zurich ak Minna, depi koulye a pral konsakre tèt li san rete nan konpozisyon sa a nan Tetralogy la . [13]

1850-1859: Tristan ak Isolde , Matilde Wesendonck ak Venice

Wagner nan La Spezia nan 1853
Yon View nan Zurich
Villa Otto Wesendonck a nan Zurich. Foto a soti nan peryòd Tristan

Nan Zurich li te kòmanse yon lavi relativman ki estab pou Wagner, ki te sipòte pa zanmi Bakunin a - anpil nan yo ekzile nan Swis - ak pa t'ap nonmen non an ke li sòti nan fè mizik l 'yo. Malgre ke opoze, jeni a nan mizisyen an kounye a te sanble enkontournabl. Mèsi a Liszt , Tannhäuser a te fèt nan teyat anpil Alman, pandan y ap Olandè a vole te fèt nan Zurich pa otè a tèt li. Nan 1852, apre premye vwayaj la nan peyi Itali ki te pran l 'nan rivaj yo nan Lake majò , Wagner fini tèks la nan L'anello del Nibelungo .
Li te nan peyi Itali ke li te jwenn enspirasyon pou prelid la mizik nan L'oro del Reno - prolog Tetralogy a - yon ti tan apre debake soti nan bato a ki te pote l 'soti nan Genoa La Spezia [14] .

Epitou fanatik nan mòn yo (ki souvan repete - ansanm ak lanmè a - nan anviwònman an nan dram l 'yo), li angaje nan mache avantur nan mòn yo nan sant Swis. [15] Sepandan, ansanm ak tèm lanati, evènman ki te make yon pwen vire nan lavi li te rankontre ak filozofi Schopenhauer a, ki te gen efè modifye ideyal ki sot pase yo nan revolisyon an. Lekti mond lan kòm Will ak reprezantasyon , Wagner jwenn konfimasyon nan sa li menm li te tou dousman matirite. Fraz siyifikatif final yo nan bag Nibelung yo te modifye plizyè fwa epi make pa nouvo teyori sa yo, ki deja dekri pyès teyat Parsifal ak Tristan . Tristan , pou KONSEPSYON ki gen yon lòt evènman ki gen enpòtans absoli nan lavi konpozitè a te fondamantal: amitye l 'ak fanmi an Wesendonck. Otto Wesendonck se te yon patnè biznis nan yon endistri twal New York e li te rankontre mizisyen an pandan yon konsè Beethoven . Madanm li Matilde, yon poetis amatè, te sanble fè pataje jeni atis la. Apre yo tout, yo te ane nan fervant aktivite kreyatif. Pa 1856, Rhine Gold ak Die Walküre te fini. Siegfried swiv ak anpil atansyon, se konsa ke travay la imans nan Tetralogy a te sanble prèske fini; li te koupe sepandan nan mitan an nan zak la dezyèm nan Siegfried , lè relasyon ki genyen ant Richard ak Matilde te vin pi plis ak plis entim. Otto te an reyalite lwe zanmi l 'yon zèl nan Villa l' nan Zurich, sa yo rele "azil la", yon oasis nan lapè nan ki ap viv nan trankilite konplè. Richard rete la avèk Minna, chen yo ak peroke yo . Madanm lan pa t pran anpil tan pou l remake nouvo lanmou sa a ki t ap grandi mwa apre mwa, yon pasyon akablan ki te koupe desen an nan bag la antreprann Tristan . Matilde responsab tou pou senk powèm yo nan Wesendonck-Lieder a , ki Wagner mete mizik nan entimite a nan relasyon yo, esè trè ra pa Maestro a deyò òbit la nan dram nan.

“Yon ane de sa, jodi a, mwen te fini powèm Tristan an e mwen te pote dènye zak la pou ou. Ou anbrase m ', li di m': kounye a mwen pa gen okenn dezi plis! Nan moman sa a, mwen te rne yon dezyèm fwa. Mwen te de pli zan pli detache tèt mwen nan mond lan ak doulè. Tout bagay nan mwen te vin refi, refi ak dezi a opoze yon afimasyon. Yon fanm dous jete tèt li nan yon lanmè nan soufrans yo ofri m 'moman sa adorabl ak di m' ke li renmen m '... ». [16]

Nan pwen sa a eskandal lan toudenkou te eksploze: Minna te montre Otto Wesendonck lèt ​​mari l 'bay Matilde, ki te swiv pa eksplozyon entèminab nan jalouzi. Otto te konsilyatif, men Wagner te oblije kite "azil politik". Li Lè sa a, te pran refij nan Venice , kote li te pase sèt mwa nan izolasyon absoli. Li te pase nwit lan nan otèl Danieli ak nan palè Giustinian , kote li te pote soti nan desen Tristan an . [17]

«Nan yon nwit nan lensomni, kap soti sou balkon la alantou twa nan maten an, mwen tande a pou premye fwa ansyen chante nan gondolye yo. Li te sanble m 'ke apèl la, anroue ak plent, te soti nan Rialto. Yon melopea ki sanble reponn soti nan toujou pi lwen e ke dyalòg ekstraòdinè konsa kontinye nan entèval souvan trè long. Sa yo enpresyon rete nan m 'jouk fini an nan zak la dezyèm nan Tristan a e petèt sijere son yo drawling nan kòn lan angle nan kòmansman an nan zak la twazyèm. [9] "

Pwoteje pa paspò a Swis ke otorite yo Ostralyen seryezman respekte (kont tantativ yo nan minis yo Saxon mete deyò l 'soti nan Lombard-Venetia), Wagner rete nan Venice jouk Mas 1859, "lwen pousyè a nan lari yo ak spektak la nan chwal abi. ". Li Lè sa a, rive nan Milan , Lè sa a, Lucerne , kote li te konplete Tristano . Kout nan lajan, li pwopoze Otto Wesendonck achte nan dwa yo nan bag la nan nibelung la , ki endistriyalis la aksepte pou sòm total la nan 24,000 fran (6,000 pou chak nan kat pyès teyat yo): Wagner gen entansyon sèvi ak yo eseye enyèm l 'yo. ilizyon: konkèt la nan Opera a Paris . [15]

1861: Tannhäuser a nan Pari

Pòtrè Richard Wagner, konpozitè (1813-1883).
Achiv Mémwa Istorik

Pou dezyèm fwa Wagner te eseye chans li nan vil la li te rayi, yon senbòl nan yon atizay "gate ak koripsyon", men endispansab pou genyen viktwa sou mond lan. Nan 1860 , san twòp chans, li te deja pote Dutchman an vole nan fòm konsè (modifye ak adisyon a nan tèm final la nan Bondye vin delivre a ), pandan y ap ane annapre a li te pote gen Tannhäuser a , tou modifye ak bliye nan innovations yo stylistic apre -tristaniane. Nan tout pyès teyat li yo, Tannhäuser te sanble l pi apwopriye pou sipòte zak pwostitisyon sa a ki idantifye siksè atistik ak siksè finansye. Lajan Wesendonck a te an reyalite deja disparèt nan peman davans nan twa ane nan lwaye nan yon apatman liksye tou pre Arc de triyonf la . Minna ansanm l 'yon ti tan apre, yon lòt fwa ankò, pou yon ti tan fè lapè: pataje sal manje, chanm apa. Pou pati l 'yo, Napoleon III akòde pèfòmans yo panse a yon evènman atistik tankou nenpòt ki lòt, men sa ki aktyèlman te pase te depase nenpòt imajinasyon. Li te akeyi kòm yon jeni débordan, posede ak ki malonèt, ki moun ki kouraj ranvèse gou franse a pou arias ak mizik balè, ranplase li ak yon konsèp absoliman nouvo. Pandan ke kondiktè a te dirije okès la dapre entèpretasyon l 'yo, Wagner bat bravo yon lòt fwa ak men l' ak pye, fè yon bri gwo ak livre nan kont vyolan ak jwè yo òkès, tou pale nan move franse. An patikilye, entèdiksyon sou entwodwi balè tradisyonèl nan dezyèm zak la - prevwa pa mòd nan teyat la Parisiens - frape fyète a nan manm yo nan klib la Jockey , ki moun ki itilize parèt nan depa yo pa anvan dezyèm zak la.

«Pou laperèz ki repete ki eksprime sou longè travay la, mwen reponn ke mwen pa konprann enkyetid sa a. An reyalite, li pat posib pou fè yon odyans abitye pran plezi nan tande Semiramid Rossini an . Sepandan, mwen bliye ke nan pèfòmans sa yo odyans lan pa gen sousi ni sou aksyon an ni mizik la, e ke atansyon yo vire sèlman sou virtuozite chantè yo. Koulye a, Tannhäuser a pa te konpoze pou pèfòmans chantè yo ... ». [9]

Li te di ke pa janm mizik ak pa janm otè yo te pi popilè pase Wagner ak Tannhäuser a , nan aswè a nan 13 mas, 1861 . Rèl, sifle ak ri kondane ekzekisyon an nan yon chèf ki te koute bote nan 164 tès yo. Wagner te retire opera a apre twazyèm pèfòmans lan, men latwoublay la te rann li pi popilè. Charles Baudelaire te montre li tout admirasyon li, pandan ke kritik jounalis te pale de anyen ankò. [15]

"Mwen te lwen Paris sa a ki te pote m 'anyen men malè!" Mwen pral oblije kite nan mitan mwa sa a. Men ki kote? Tankou? Mwen vote lavi mwen sou pèdi wout e mwen toujou gen enpresyon ke yo te rive nan fen ... ». [18]

1861-1864: Moskou, Vyèn ak Stuttgart

Wagner foto nan Vyèn nan 1862 [19]
Yon imaj ra nan mizisyen an nan 1863

Wagner te kite Paris 15 avril. Li te fè yon fèt orevwa nan yon kafe nan ri Laffitte la - Baudelaire ak Gustave Doré te prezan - li te di orevwa epi li ale. Devan li te gen yon avni de pli zan pli ensèten. Manda arestasyon pou ekzil li a soti nan Almay te revoke, men li pa t 'konnen ki kote yo ale. Kòm Aldo Oberdorfer di nan biyografi ekselan l 'yo , li te yon "moso mayifik nan mèb, yon t'ap mande charite manyifik ki te rete nan gwo kay ak otèl deliks". Sa a kounye a senkant-zan Wagner, ki san kay, ajite pa eksè nan antouzyasm ak kriz nan depresyon, opoze, men tou dòlote pa nòb fanm sedwi pa mizik li, yo te kòmanse ankò pou mande pou prè sou bò dwat la ak bò gòch. Pou egzanp, bay zanmi mityèl Hornstein: "Mwen santi ou te vin rich ... Pou jwenn tèt mwen soti nan pwoblèm mwen bezwen yon avans de 10,000 fran. Èd ou pral fè ou trè renmen m '. Nan ka sa a, li ta renmen akeyi m 'pwochen ete pou apeprè twa mwa nan youn nan fèm l' yo, petèt sou bank yo nan Rhine la ». [20]

Madam Kalergis te deja prete l '10,050 fran pou kouvri twou konsè Vantadour e kounye a li kontakte piblikatè ak teyat nan tout Ewòp pou gremesi.

"Mwen pa gen anyen nan je e mwen pa espere nenpòt kote. Mwen lib tankou yon nonm deyò lalwa Moyiz la. Tout bagay te fonde sou chans." [9]

Sitiyasyon sa a te koupe pa Hans von Bülow , ki moun ki jere yo dakò sou pèfòmans nan premye nan Tristan a nan Vyèn . Apre ensèten nan divès kalite, Wagner kite nan tren pou Otrich ak pandan vwayaj la li trase ouvèti a nan Mèt chantè yo nan Nuremberg , komedyen an gwo nan ki li te deja ekri tèks la. Sepandan, resital yo nan Tristan a rankontre difikilte menmen: yo te travay la konsidere kòm endeschifrabl, difisil, absoli ak repetisyon yo te byento sispann. Wagner tanporèman rete nan Biebrich sou Rhine a , Lè sa a, nan Mainz , kote yon vizit nan Piblikatè Schott la te nesesè, ki moun ki te yon bizismann ak ki moun ki pa t 'konsidere ase pwomès la vag ranpli kantor yo mèt nan yon ti tan. Wagner Lè sa a, te ba l 'dwa yo nan Wesendonk-Lieder a , oswa pwofanasyon nan lavi prive l' sou lotèl la nan siviv. Li te ekri lèt afab bay Matilde, rès ki sot pase yo nan yon renmen ki te kounye a pase, pandan y ap ak Minna - ki moun ki te retounen pèmanan nan Dresden - sik la te deja fini. Sètènman de fanm yo te jwe yon wòl enpòtan nan atizay li: Minna te jwe Fricka, ki moun ki nan Walküre reproche Wotan pou iresponsabilite l 'ak reyalite a piman bouk nan mond lan; [15] Matilde te Isolde l 'yo. Koulye a, nouvo zanmi l 'Matilde Maier parèt devan l' anba laparans ordinèr nan "yon sendika gratis ki eskli obligasyon yo nan viv ansanm" (fason ki pi fasil li toujou itilize yo chache) e pa te gen okenn enfliyans sou aktivite kreyatif l 'yo. Vreman vre, konpozisyon sa a nan I maestri cantori te konplètman nan yon plas. Leo chen an te mòde l 'sou bò dwat la ak pou kèk mwa li te kapab ekri yon nòt sèl. Fiziyad Lè sa a, pelerinasyon an nan konsè yo, ki abouti nan siksè plantasyon Ris Moskou ak Petersburg la , premye jou yo nan 1863. Avèk lajan an touche te kapab finalman rezoud nan Vyèn, vil la ki nan tan sa a te sanble mwens ostil: ògàn yo pou lari kònen klewon Melody Tannhäuser ak yon siy boutik li "Al Lohengrin". Sepandan, 7 000 talè a te fini nan mèb prinsipal nan nouvo kay la, siyen bòdwo menm anvan yo konnen si Larisi yo ta akòde l 'yon dezyèm vwayaj (ki pa te gen): swa, velours, kapèt, rido, girland ak barok, ki petèt yo te ap eseye ranpli yon sans pi fon ak pi fon nan vid. Nan kay sa a fèt pati Nwèl la nan 1863 te pran plas, òganize pou zanmi yo ki te sipòte l 'ak kado ak prè pa janm remèt. Peter Cornelius sonje sè li: «Wagner fou sa a limen yon gwo pyebwa epi li mete anba li yon tab plen kado pou mwen, menm regal! Panse: yon rad supèrb, yon gwo bèl chato abiye gri, yon pi lejè sigarèt, sis mouchwa swa, bouton lò, bèl lyen, ak yon bouch kim. Tout bagay yon fantezi oriental ka imajine ».

Wagner nan 1864

Li te absid la ki te yon prelid nan peryòd la pi fonse, kote pa te gen okenn plas ankò pou nenpòt ki aktivite kreyatif. An reyalite, Wagner te fatige, cheche nan fè fas a koupe yo nan Tetralogy la ak mèt chantè yo , ki li pa janm te pran ankò. Li te pou kont li nan figi zanmi l 'yo sove, tankou yon majisyen ki te pèdi pouvwa li yo.

"Nan senkant, mwen dwe konnen sou ki sa mwen pral viv sou. Mwen gade devan m 'ak mwen pwofondman fatige nan k ap viv. Yon ti pouse e li fini!…. [18] "

Li sèlman te oblije kouri ale nan Swis , pou fè pou evite arestasyon pou dèt. Pou kalme kreditè yo, tonton Liszt - yon avoka byen koni - vann mèb yo nan kay la nan Vyèn san yo pa konnen li, se konsa ke li te jwenn tèt li toudenkou san akomodasyon. Li te ekri Wesendonck espere ke li ta akeyi l 'ankò nan Zurich , men li te resevwa yon repons negatif. Li Lè sa a, te montre nan kay la nan yon zanmi nan Marafield, dezespere ak san yo pa espere, men yon ti tan apre li te envite yo kite kay la. Se te premye mwa yo nan 1864: Ludwig II te jis moute fòtèy la nan Bavaria . Pase nan Minik, Wagner obsève figi wa a nan yon pòtrè, menm jan li kouri ale nan Stuttgart konvenk kondiktè a Eckert reprezante Tristan a pou l ' : li te chèf li ki te bòdi nan tiwa a pou senk ane. Se poutèt sa yo te deside kesyon an lè, nan aswè 3 me, sekretè wa Bavaria a te parèt epi li te mande pou pale ak Wagner; lèt la, kwè tèt li te vle pa polis la, te fè l 'reponn ke li pa t' nan kay la. Nan denmen maten, pèsonaj la misterye ansanm mizisyen an nan otèl la, kote li te ba l 'yon bag ak yon foto nan wa a jenn: Ludwig, foli nan renmen, rele l' nan Minik avè l '.

Richard ak Cosima Wagner

Sou 5 oktòb 1864, kree mondyal la nan Huldigungsmarsch pran plas nan teyat la Cuvilliés nan Minik.

Gli anni dal 1864 al 1883

Cosima nacque a Como

Sotto la protezione del sovrano, ebbe finalmente luogo la rappresentazione del Tristano ( 1865 ) e de I maestri cantori di Norimberga ( 1868 , direttore Hans von Bülow ), l'unica commedia composta da Wagner, in cui viene esaltato il significato della nuova arte tedesca. Alla fine della prima del Tristano , Ludovico II uscì dal teatro, salì sul suo treno per tornare al palazzo, ma lo fece fermare in aperta campagna e in preda ad una fortissima emozione, cavalcò da solo nei boschi per tutta la notte, rientrando alle prime luci dell'alba. [21] Costretto ad allontanarsi anche da Monaco, a seguito dell'antipatia dimostrata dai monacensi e dagli stessi cortigiani, Wagner si stabilì sul lago di Lucerna , dove portò a termine il lavoro della Tetralogia e dove conobbe il filosofo Friedrich Nietzsche . Nel 1866 muore la moglie Minna. La sua seconda moglie fu Cosima Liszt , figlia del pianista , sposata nel 1870 . Wagner la strappò dal matrimonio con Hans von Bülow, che da quel momento ruppe l'amicizia col compositore. Da lei ebbe tre figli: Isolde (1865 – 1919), Eva (1867 – 1942, che sposò un filosofo precursore del nazismo , Houston Stewart Chamberlain ) e Siegfried (1869 – 1930).

Il Festival di Bayreuth

Tuttavia, il re non aveva troncato i rapporti col suo amico e per anni finanziò con una cospicua rendita lo stile di vita dispendioso del compositore e supportò la realizzazione del Festival di Bayreuth , inaugurato con la prima rappresentazione de L'anello del Nibelungo nel 1876 . Nonostante il successo artistico delle recite, fu ancora il re che salvò il festival dal fallimento. Durante una rappresentazione della Tetralogia , la testa di cartapesta del drago Fàfnir del Sigfrido fu spedita per errore a Beirut , nell'attuale Libano , anziché a Bayreuth. Tornò indietro appena in tempo per la recita. [22]

Wagner si stabilì definitivamente a Bayreuth , godendo solo in tarda età del successo e della fama dalla sua nuova arte. Per problemi di salute soggiornò a lungo nel sud Italia, in Sicilia , a Palermo , ea Napoli , tra il novembre 1881 e il marzo 1882, dove terminò l'orchestrazione del Parsifal [23] , opera che causò la rottura dei rapporti di Wagner con Nietzsche. I luoghi e le circostanze che hanno dato luogo a quest'opera tanto straordinaria quanto dibattuta hanno ispirato numerosi scrittori e registi cinematografici. [24] Da allora, anche se continuò ad avere alcuni rapporti con Cosima (per cui provava molta ammirazione), il filosofo comincerà, e continuerà dopo la morte di Wagner, ad attaccare quella che secondo lui era la decadenza della musica del compositore. [25] Per molti anni, a causa del carattere religioso del dramma , era consuetudine non applaudire al termine della rappresentazione. Ancora oggi il pubblico spesso non applaude alla fine del primo atto (scena della comunione). Durante una delle prime rappresentazioni a Bayreuth, Wagner si levò in piedi per zittire un applauso; ma quando, alla fine del secondo atto, egli stesso si alzò per applaudire, venne zittito dal pubblico. [15]

Nel 1882 la famiglia si trasferì a Venezia. Il 13 febbraio 1883 Wagner morì in seguito a un attacco cardiaco nella città lagunare, mentre era intento a scrivere un saggio, Sull'elemento femminile nella specie umana . La notte prima di morire, Wagner suonò per l'ultima volta, al pianoforte, il tema della scena IV de L'oro del Reno , il lamento delle ondine. [26] Dopo il trasporto da Ca' Vendramin Calergi ai binari del treno, il corpo fu portato in Baviera , dov'è sepolto. La tomba di Wagner si trova a Bayreuth nel giardino della sua villa, Haus Wahnfried , non lontano dal teatro a lui dedicato e costruito per la rappresentazione delle sue opere. La scena dei funerali veneziani di Wagner è descritta da Gabriele D'Annunzio nel romanzo Il fuoco , in cui il suo alter ego letterario è uno dei portatori della bara del musicista: in realtà è quasi certo che questo ruolo non fu ricoperto dal giovane ventenne D'Annunzio, che non si trovava neanche a Venezia in quei giorni. [27]

Il teatro della Festspielhaus divenne la sede fissa dell'annuale Festival di Bayreuth , diretto dalla famiglia Wagner . Alla fine della seconda guerra mondiale , l' esercito americano occupò provocatoriamente il teatro, parzialmente danneggiato, di Bayreuth organizzandovi music-hall e concerti di musica afroamericana , portando via, in spregio alla Germania e al teatro amato da Hitler (in cui, paradossalmente, durante il nazismo, vi furono le uniche esibizioni di cantanti di origine ebraica), i particolari e lunghi corni da caccia del Crepuscolo , che furono poi sostituiti da nuovi, vent'anni dopo (quando Georg Solti diresse il Götterdämmerung , ultima parte della prima incisione discografica completa in assoluto de L'Anello del Nibelungo ), e altri oggetti di scena, utilizzati come "ricordo" dai militari; essi però non distrussero, come spesso è stato detto, le campane che Wagner stesso aveva fatto fondere per le rappresentazioni del Parsifal , ancora presenti. [28] Poco tempo prima, il generale Patton fece urinare proprio nel Reno un intero battaglione, come gesto provocatorio verso il fiume della mitologia wagneriana. [29] Questi atti vandalici e iconoclasti, nonché i danni bellici, però nulla hanno tolto al mito di Bayreuth; infatti esistono in commercio le registrazioni precedenti che ci permettono di godere del suono originale del teatro e di apprezzarne la peculiarità. [30]

Vita privata di Wagner

Wagner adorava i cani e tutti gli altri animali, ma una volta dovette restare due mesi senza comporre I maestri cantori a causa di un morso alla mano destra: questo fu causato dal cane Leo, che Wagner stava accuratamente lavando e pettinando. [8] In quanto grande amante degli animali , insorse pubblicamente contro la vivisezione e sostenne i diritti degli animali . [31]

Aveva un fisico allenato: a cinquantasette anni era ancora capace di arrampicarsi agilmente fino al primo piano di una casa aggrappandosi agli sporti, con grande paura di sua moglie Cosima . Wagner notoriamente soffriva di insonnia e di malinconia notturna, nonché di erisipela facciale. [8] Secondo Giovanni Cassano, direttore del dipartimento di psichiatria dell' università di Pisa , Wagner soffriva di un disturbo bipolare e sostiene che ciò sia rilevabile, oltre che dalla biografia, anche confrontando le musiche cupe del Tristano e Isotta con la sfavillanza de I maestri cantori di Norimberga [32] .

Il compositore amava molto l' Italia : in diverse città trovò ispirazione e pace per comporre. A Venezia (dove morirà) scrisse parte del Tristano , a La Spezia ebbe in sogno l'ispirazione per il preludio della Tetralogia , a Ravello e nel Duomo di Siena immaginò la scena del Parsifal , che portò a termine a Palermo . Nel 1859 simpatizzò per il Piemonte contro l' Austria , in vista della seconda guerra d'indipendenza . Cosima era nata a Como , da cui il nome "Cosima". [8]

Il 1º novembre 1871 viene eseguita la prima del Lohengrin al Teatro Comunale di Bologna , prima rappresentazione in assoluto di un'opera di Wagner in Italia . L'arrivo a Bologna dell'opera del compositore tedesco è frutto dell'interessamento del sindaco Camillo Casarini e avviene su pressione della stampa cittadina, dominata dalla figura del giovane assessore Enrico Panzacchi . Le "stramberie della musica dell'avvenire" trovano opposizione tra gli influenti soci della Società Felsinea, che considerano Wagner "incomprensibile come un geroglifico egiziano", tra i liberali moderati e soprattutto tra i clericali, che si scagliano con aspri articoli contro il "framassone" Wagner. Sotto la guida del maestro Angelo Mariani , cantano il tenore Italo Campanini (Lohengrin), Bianca Blume (Elsa), Maria Löwe Destin (Ortruda), Elisa Stefanini Donzelli e Pietro Silenzi. Il Teatro Comunale è gremito in ogni ordine e accoglie i più bei nomi dell'aristocrazia bolognese, fra cui Enrico Panzacchi e Alfredo Oriani . Il successo è fin dalla prima straordinario: gli artisti e il direttore vengono più volte richiamati alla ribalta. A una delle quattordici repliche presenzierà anche Giuseppe Verdi , accompagnato da Arrigo Boito . Il 31 maggio 1872 il Consiglio municipale assegnerà a Wagner la cittadinanza onoraria. Il Teatro Comunale diverrà il tempio del culto wagneriano in Italia: a Bologna si terranno anche le prime italiane di Tannhäuser (1872), L'olandese volante (1877), Tristano e Isotta (1888) e Parsifal (1914, prima assoluta europea, fino ad allora esclusiva di Bayreuth). Al Lohengrin sarà intitolato anche un profumo: un doppio "estratto olezzante", che un avviso a pagamento definirà indispensabile a "chiunque aspiri all'eleganza".

Composizioni

Tristano e Isotta ( info file )
Preludio dell'opera

Tristano e Isotta: Preludio ( info file )
Registrazione del celebre "accordo del Tristano"

Coro nuziale, dal Lohengrin ( info file )
Coro nuziale dall'opera Lohengrin

I maestri cantori di Norimberga - Overture ( info file )
Eseguita dalla Skidmore College Orchestra, grazie a Musopen

Cavalcata delle Valchirie ( info file )
Brano eseguito dalla American Symphony Orchestra

Drammi musicali

Wagner riteneva solo le seguenti dieci opere meritorie di essere rappresentate a Bayreuth :

Altre composizioni

Lo Scoprimento del Memoriale di Richard Wagner a Berlino , di Anton von Werner ( 1908 )

Oltre alle opere , Wagner compose un esiguo numero di brani per via della riluttanza a concepire musiche che non appartenessero alla sacralità del dramma musicale , fondamentale espressione del suo pensiero. Le uniche celebri composizioni eseguite al di fuori dei musik-dramen sono due, entrambi di carattere privato: l' Idillio di Sigfrido – un brano per piccola orchestra scritto in occasione del compleanno della moglie Cosima e di suo figlio Siegfried – ei Wesendonck-Lieder , cinque poesie scritte da Mathilde Wesendonck e musicate da Wagner contemporaneamente alla stesura del Tristano .

Per il resto, a diciannove anni compose una prima opera sinfonica: la Sinfonia in do maggiore ; successivamente una sinfonia denominata Faust della quale completò solo il primo movimento, che divenne successivamente la Faust Ouverture ; poi ancora alcune ouverture e una riorchestrazione dell' Ifigenia in Aulide di Gluck . Da ricordare anche una Marcia per il centenario americano , composta nel 1876 su commissione della città di Filadelfia , oggi pressoché sconosciuta. Dopo il completamento del Parsifal , Wagner si propose di riprendere a scrivere sinfonie, ma non scrisse più nulla di importante.

Le 113 composizioni di Wagner sono catalogate con la sigla WWV (acronimo di Wagner Werke Verzeichnis , ossia "Catalogo delle opere di Wagner"); l'elenco comprende anche testi senza parte strumentale. Wagner non scrisse composizioni per organo ei brani per tale strumento sono trascrizioni di terze parti la cui esecuzione, tuttavia, mantiene una notevole solennità.

Poemi e abbozzi non musicati

Brani celebri

Le ouverture ei passaggi orchestrali delle opere di Wagner sono spesso eseguite come brani a sé da eseguirsi in concerto: per la maggior parte di questi Wagner scrisse personalmente dei finali che permettessero una conclusione compiuta. Due esempi sono dati dal preludio del Parsifal e dalla marcia funebre di Sigfrido . I finali di Wagner non sempre però migliorano l'esecuzione concertistica: il preludio del Tristano viene infatti più spesso eseguito nella sua versione originale (direttamente tratta dall'opera) che nella versione da concerto.

Da sottolineare che vi sono brani composti da Wagner talmente famosi che sono noti anche a chi non ha familiarità con la musica classica; per citarne solo i più celebri: l' Ouverture e il Coro delle filatrici da L'olandese volante , la Musica del monte di Venere , l' Entrata degli ospiti e il Coro dei Pellegrini dal Tannhäuser , il Preludio al 1º e al 3º Atto e il Coro nuziale dal Lohengrin , il Preludio al 1º Atto e il Coro delle figlie del Reno da L'oro del Reno , la Cavalcata delle Valchirie e l' Incantesimo del fuoco da La Valchiria , il Preludio al 1º e al 3º Atto e la Morte e Trasfigurazione di Isotta dal Tristano e Isotta , l' Ouverture e il Coro della Corporazione da I maestri cantori di Norimberga , la Forgiatura della spada Notung e il Mormorio della foresta dal Sigfrido , il Viaggio di Sigfrido sul Reno , la Marcia funebre e l' Immolazione degli Dei dal Crepuscolo degli Dei , il Preludio al 1º e al 3º Atto e l' Incantesimo del venerdì Santo dal Parsifal , figurano tra i motivi ei temi musicali più popolari al mondo.

Scritti

Tomba di Richard e Cosima Wagner nel giardino di Villa Wahnfried, a Bayreuth

Opere in prosa

Di Wagner è stato detto che ha scritto più libri che musica, tant'è che la sua produzione letteraria è imponente e spazia dagli articoli di giornali alla novellistica, dagli scritti autobiografici (fra cui spicca Mein Leben , tuttora reperibile in qualsiasi biblioteca) ai saggi, dalle opere teoriche più impegnative a interventi su temi pratici come la direzione d'orchestra o la proposta di riforma della cappella reale di Dresda e la politica.

Famoso è il saggio Il giudaismo nella musica ( Das Judentum in der Musik ), libello antisemita concepito come un attacco a Giacomo Meyerbeer e Felix Mendelssohn e pubblicato con lo pseudonimo di "K. Freigedanken" ("libero pensiero") nella rivista Neue Zeitschrift für Musik nel 1850 e ristampato in una versione ampliata con il suo nome nel 1869 .

Lista delle opere principali:

  • L'opera tedesca (primo articolo di Wagner, apparso anonimo sul giornale dell'amico Heinrich Laube Zeitung für die elegante Welt il 10 giugno 1834 )
  • Pellegrinaggio a Beethoven ( Eine Pilgerfahrt zu Beethoven ) ( novella apparsa sulla Gazette Musicale di Parigi in quattro puntate nel novembre 1840) ( 1840 )
  • La fine di un musicista a Parigi ( Das Ende eines Musikers in Paris ) (novella) (1840)
  • Virtuoso e artista (articolo) (18 ottobre 1840)
  • Sulla musica tedesca (articolo) (1840)
  • L'artista e il pubblico (articolo sulla Gazette Musicale del 1º aprile 1841 )
  • Halévy e l'opera francese ( 1842 )
  • Abbozzi autobiografici ( Autobiographische Skizze ) ( 1843 )
  • Sulla cappella reale (memorandum) ( 1846 )
  • I Wibelunghi: dalla leggenda alla storia (1846)
  • La saga dei Nibelunghi (abbozzo in prosa) ( 1848 )
  • La Germania ei suoi prìncipi ( Deutschland und seine Fürsten ) (articolo anonimo apparso sui Volksblätter del 15 ottobre 1848)
  • L'uomo e la società attuale (articolo anonimo apparso sui Volksblätter del 10 febbraio 1849 )
  • Arte e rivoluzione ( Die Kunst und die Revolution ) (1849)
  • L'arte dell'avvenire (incompiuto) (1849)
  • L'opera d'arte dell'avvenire ( Das Kunstwerk der Zukunft ) (1849)
  • Arte e clima ( Kunst und Klima ) (articolo apparso sulla rivista Deutsche Monatsschrift , febbraio 1850 )
  • Il giudaismo nella musica ( Das Judentum in der Musik ) (articolo apparso sulla rivista Neue Zeitschrift für Musik , 3 e 6 settembre 1850)
  • Opera e dramma ( Oper und Drama ) (1850-1851)
  • Un teatro a Zurigo ( Ein Theater in Zürich ) ( 1851 )
  • Comunicazione ai miei amici ( Eine Mitteilung an meine Freunde ) (1851)
  • Il furto dell'oro del Reno (abbozzo in prosa) (1851)
  • Relazione conclusiva sull'"Anello" e sulla sua genesi ( 1862 )
  • Prefazione all'edizione dei libretti dell'"Anello del Nibelungo" (1862-1863)
  • Stato e religione ( Über Staat und Religion ) ( 1864 )
  • La mia vita ( Mein Leben ) ( 1865 - 1880 , edizione pubblica 1911)
  • Che cosa vuol dire tedesco? ( Was ist deutsch? ) (1865, pubblicato nel 1878 sui Bayreuther Blätter )
  • Arte tedesca e politica tedesca ( Deutsche Kunst und deutsche Politik ) (serie di articoli apparsi nella Süddeutsche Presse ) ( 1867 )
  • Sulla direzione d'orchestra ( Über das Dirigiren ) ( 1869 )
  • Beethoven e la nazione tedesca ( Beethoven und die deutsche Nation ) (abbozzo) ( 1870 )
  • Beethoven (1870)
  • Ricordi su Auber ( Erinnerungen an Auber ) ( 1871 )
  • Sul fine dell'opera ( Über die Bestimmung der Oper ) (conferenza tenuta alla Reale accademia delle arti di Berlino il 28 aprile 1871 )
  • Attori e cantanti ( Schauspieler und Sänger ) ( 1872 )
  • Il teatro del Festival di Bayreuth. Con una relazione sulla posa della prima pietra ( 1873 )
  • Sguardo retrospettivo sul Festival dell'anno 1876 ( Rückblick auf die Bühnenfestspiele des Jahres 1876 ) ( 1878 )
  • Modernità ( Modern ) (1878)
  • Pubblico e popolarità ( Publikum und Popularität ) (1878)
  • Religione ed arte ( Religion und Kunst ) ( 1880 )
  • Conosci te stesso ( Erkenne dich selbst ) ( 1881 )
  • L'età eroica e il Cristianesimo ( Heldentum und Christentum ) (1881)
  • Il Bühnenweihfestspiel a Bayreuth nel 1882 ( Das Bühnenweihfestspiel in Bayreuth 1882 ) ( 1882 )
  • Relazione sulla ripresa di un'opera giovanile ( Bericht über die Wiederaufführung eines Jugendwerkes ) (1882)
  • Sull'elemento femminile nella specie umana ( Über das Weibliche im Menschlichen in Kultur und Kunst ) (rimasto incompiuto per la morte del compositore) (1882-1883)

Opere poetiche

  • Leubald e Adelaide ( Leubald und Adelaide ) (la prima opera in assoluto di Wagner, scritta all'età di 15 anni. È una tragedia ispirata all' Amleto di William Shakespeare ) ( 1827 )
  • Il mito dei Nibelunghi, progetto di un dramma ( Der Nibelungen-Mythus ) (1848)
  • Die Not (poesia) (1849)
  • Una capitolazione. Commedia alla maniera classica ( Eine Kapitulation ) (1870)
  • All'esercito tedesco davanti a Parigi ( An das deutsche Heer vor Paris ) (1871)

La concezione wagneriana

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gesamtkunstwerk e Musikdrama .
Il teatro di Bayreuth

Caratteristica fondamentale di Wagner è la rappresentazione del "dramma" come elemento di introspezione. Le opere di Wagner non possono essere considerate opere liriche o spettacoli musicali nel senso tradizionale del termine, bensì sono grandiose architetture in cui musica, canto, poesia, recitazione e psicologia si fondono secondo la logica del Wort-Ton-Drama (l'opera d'arte totale). Egli stesso definiva le sue opere "azioni" o anche "gesta della musica divenute visibili". Queste "azioni" pretendono un'attenzione quasi religiosa, a cui lo spettatore deve assistere senza la minima distrazione. Nel teatro di Bayreuth per la prima volta le luci venivano spente e l'orchestra era totalmente nascosta sotto il palcoscenico, come se la musica sorgesse magicamente dall'immaginazione dello spettatore. [33] Il termine "immaginazione" non è casuale, tant'è che la musica di questi drammi è composta da un mosaico di temi conduttori ( Leitmotiv ) che delineano un'attività psichica in continuo rinnovamento. Scrive Giulio Confalonieri nella sua monumentale Storia della musica :

«Il sistema dei Leitmotiv sta in rapporto di reciprocità con il dramma. C'è un fluido, un ondeggiamento, una maniera di increspare sempre linee verticali, così da toglier loro ogni staticità accordale, ogni qualvolta un complesso di collegamenti psicologici che dobbiamo, senz'altro, proclamare freudiani. Le infinite ombreggiature corrispondono a un'attività della nostra coscienza, ossia "sono" nella nostra coscienza prima di essere nella musica. [34] »

Di conseguenza nessun pezzo a forma chiusa, nessuna aria ostacola il libero fluire della narrazione, che scorre senza soluzione di continuità dall'inizio alla fine di ogni atto, sottoponendo il canto al commento di un'orchestra smisurata per numero di strumenti e ampiezza sonora. Rilevante in Wagner è l'uso del cromatismo, quell'onda incessante di spirali cromatiche che, specie nel Tristano , si esaspera al punto da abbandonare la struttura tonale. Tali prerogative, unite alla spropositata lunghezza delle partiture, portarono Wagner ad essere accusato di oscurità e pesantezza, un giudizio che si trascina fino ad oggi tra gli ammiratori dell'opera di stampo convenzionale. Osserva ancora Confalonieri:

«Nell'opera del maestro lipsiense avvertiamo un qualcosa che va accettato come un servaggio, come un'imposizione magica e, in certo senso, violenta. Ciò disturba. [35] »

Di Wagner si distinguono tre periodi: il primo, ancora legato alla tradizione ereditata da Bach , Mozart , Beethoven e Bellini , comprendente le prime opere giovanili: Le fate , Il divieto d'amare e Rienzi . Il secondo, il momento di transizione, che riguarda L'olandese volante , Tannhäuser e Lohengrin . Il terzo, il periodo che coincide con l'autentico wagnerismo: la Tetralogia (ossia L'anello del Nibelungo , comprendente L'oro del Reno , La Valchiria , Sigfrido e Il crepuscolo degli dei ), Tristano e Isotta , I maestri cantori di Norimberga e Parsifal . I soggetti di questi drammi sono tratti dall'antica mitologia nordica e l'idea centrale è impostata sulla nostalgia romantica di un mondo remoto in cui trovare la felicità, felicità che si esprime attraverso il mito della redenzione e dell'eterno femminino. Vi ruota intorno un complesso apparato ideologico che nel corso dei decenni è stato oggetto di molteplici interpretazioni, [36] caricandolo di significati talvolta contraddittori e oltrepassando le intenzioni dell'autore stesso. Lo scrive anche Confalonieri nel capitolo dedicato alla Tetralogia :

«Ci è qui impedito accennare a tutti i significati simbolici che Wagner volontariamente, i suoi commentatori forse oltrepassando le sue intenzioni, ha attribuito ai cento episodi della saga nibelungica. Che in essa, pur ingombra di eccessive dilatazioni, di oscurità, di elementi contraddittori, si agitino quasi tutte le forze dell'esistere umano, è cosa che noi sentiamo efficiente e presente. [37] »

Wagner, la psicoanalisi e le tematiche politiche

È ormai unanimemente riconosciuto che il 2º atto del Parsifal e il 3º atto del Sigfrido abbiano inciso sullo sviluppo della psicoanalisi da parte di Sigmund Freud e Carl Gustav Jung , quando Parsifal e Sigfrido credono di scorgere rispettivamente in Kundry e Brunnhilde la loro madre. [38] È soprattutto al campo della politica che Wagner dedica i suoi pensieri, cambiandone continuamente il senso a seconda della teoria che più lo influenza: Feuerbach , Marx , Schopenhauer . In Opera d'arte dell'avvenire – il più importante dei suoi libri teorici, scritto durante la rivoluzione che lo vide fisicamente al fianco di Bakunin – a proposito del comunismo si legge:

«Il popolo è qualcosa di particolare o di differente. Nell'opera d'arte saremo un solo essere, saremo coloro che recano la necessità, coloro che conoscono l'incosciente: saremo i testimoni della natura, cioè degli uomini felici.»

«Il bisogno della natura è vario e complesso, e la natura riesce a soddisfare tale bisogno dissolvendo l'unità nella pluralità. Ciò che è esclusivo, isolato, egoista, può solo prendere, mai donare; può farsi solo generare, ma di per sé è impotente: per generare sono infatti necessari l'io e il tu, il disciogliersi dell'egoismo nel comunismo»

«Chi è isolato non è libero perché è limitato e suddito in seno all'indifferenza altrui»

«Il popolo è l'insieme di tutti coloro che provano una necessità comune. Dove non esiste necessità non esiste vero bisogno. Dove non esiste vero bisogno pullulano tutti i vizi, tutti i delitti contro la natura, ossia il bisogno immaginario. Ora, la soddisfazione di tale fittizio bisogno è il "lusso". Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo. Esso consuma, tortura, prostra la vita di milioni di poveri, costringe un intero mondo nelle ferree catene del dispotismo, senza riuscire a spezzare le catene d'oro del tiranno. È l'anima dell'industria che uccide l'uomo per usarlo come una macchina. [39] »

Bakunin
L'edizione originale de Opera d'arte dell'avvenire

Queste parole trovano il loro corrispettivo artistico ne L'oro del Reno , quando il malvagio Alberich schiavizza il popolo dei Nibelunghi dopo essersi forgiato l'anello fatato che lo rende il signore del mondo. Analogamente, nel testo del Tristano , dopo che il filtro magico ha rivelato ai due amanti la verità del loro amore, si legge:

«Chi amoroso osserva la notte della morte, a chi essa confida il suo profondo mistero, la menzogna del giorno, fama e onore, forza e ricchezza, come vana polvere di stelle innanzi a lui svanisce.»

Ludwig Feuerbach

Figura emblematica per eccellenza è l'eroe Sigfrido, nel cui omonimo dramma è stata vista la vittoria del positivismo secondo gli ideali filosofici di Feuerbach. Osserva il critico Lichtenberger:

«È una sorta di redentore socialista venuto per abolire il regno del capitale. [40] »

Anche il personaggio di Wotan, inizialmente, viene visto nella medesima ottica. Uno degli esegeti di Feuerbach, Lévy, annota:

«L'agire di Wotan non ha senso se non si suppone in lui il rimorso del passato e la speranza di un avvenire migliore. [41] »

Tuttavia, tale visione è solo apparente: nella Tetralogia , a causa del desiderio di potenza anelato da gran parte dei personaggi, anche un animo nobile come Wotan dovrà morire nel grande incendio del Walhalla, mentre Sigfrido ne resta coinvolto perché vittima della propria stessa innocenza. La Tetralogia , che si chiude con la distruzione del mondo e il ritorno cosmico alla natura, pur condannando radicalmente il capitalismo , non determina nemmeno la vittoria del comunismo: anzi, essa esprime il fallimento dell'idea positivista che Wagner nel 1849 aveva esaltato in Opera d'arte dell'avvenire e alla quale aveva inizialmente pensato di dedicare il suo lavoro, lasciando posto ad una diversa interpretazione di stampo Schopenhaueriano. [42] Tale pessimismo – abbracciato a partire dal 1854 – caratterizza il personaggio di Wotan quando, nel 2º atto della Valchiria , egli esprime la cessazione della volontà di vivere:

«Rinuncio alla mia opera; solo una cosa bramo ancora: la fine! La fine!»

Schopenhauer

Con questa diversa decisione si lasciano aperte altre strade. Sempre in Opera d'arte dell'avvenire , il musicista spiega come la distinzione del singolo può avere senso solo se vista in funzione del popolo e che "l'egoismo non può soddisfarsi pienamente che nel comunismo". In altre parole, solo la comunità può dare senso all'individuo e "solo in relazione alla comunità il diverso può definirsi come tale".

«L'uomo non può appagare il suo bisogno d'amore che donando l'amore, il che significa donare se stesso ad altri uomini.»

«Il bisogno più urgente e più forte dell'uomo perfetto e artista è di comunicare se stesso – in tutta la pienezza della sua natura – all'intera comunità. E non può arrivare a tanto se non nel dramma. [39] »

Wagner non condanna le singole doti individuali e il loro distinguersi dalla massa, ma le sostiene se queste hanno come fine l'amore e l'accrescimento spirituale del popolo. Egli parla di uno spirito artistico, dove l'arte è il fine supremo a cui tutto dovrebbe mirare. Secondo il critico Nattiez, l'enigmatico tema della redenzione d'amore che chiude la Tetralogia (che Wagner però chiamava tema della Glorificazione di Brunilde ) simboleggia la redenzione del mondo attraverso la musica, incarnata dal mito dell'eterno femminino. [43] Nel saggio su Beethoven , quando Wagner cita Goethe , si legge:

«Con i versi "l'eterno femminino ci rapisce in cielo", comprendiamo lo spirito della musica che, sorta dalla coscienza più intima del poeta, si libra sopra di lui e lo guida sulla strada della redenzione. [44] »

In questo modo si può parlare di una "terza" Tetralogia , che dopo quella di Feuerbach e di Schopenhauer aggiunge un ideale di speranza essenzialmente nella musica. Scrive l'autore all'amico Roeckel:

«Quante cose mi potevano diventare chiare solamente attraverso la musica! [18] »

Wagner e l'antisemitismo

Il giudaismo nella musica , edizione del 1869

La critica non ha però ancora chiarito che cosa Wagner intendesse per redenzione del mondo, se cioè simboleggiasse la fratellanza universale o, piuttosto, la fratellanza esclusiva del popolo tedesco.

Wagner contribuì allo sviluppo del razzismo diffondendo le opere e le idee del filosofo francese Joseph Arthur de Gobineau , che fu accolto nel suo circolo di Bayreuth. Il musicista fondò in onore di detto filosofo la Società Gobineau. [45] Il filosofo britannico razzista Houston Stewart Chamberlain , seguace di Gobineau, frequentava la famiglia e nel 1908 sposò la figlia Eva von Bülow-Wagner.

Giulio Confalonieri parlò di "richiamo dell'amore patriottico e desiderio di rispondervi in termini universali", un ambizioso sogno di redimere l'umanità sotto la sacra fiamma dello spirito germanico. [35]

La miccia di tale ambizione, storicamente parlando, si sarebbe incendiata dopo l'avvilente sconfitta della Germania durante la prima guerra mondiale e la fortissima bramosia di rivalsa nutrita da tutte le categorie sociali del popolo, contro il giudaismo , contro il comunismo e contro la tirannia del capitalismo (la cosiddetta "demo plutocrazia "). Il mito, fino a quel momento rinchiuso nel pacifico mondo dell'arte, si sarebbe realizzato proprio in funzione di tale desiderio. Confalonieri nota anche come Wagner, "offrendo materia ad eccessivi entusiasmi, diventò anche materia di eccessivi sospetti".

Non c'è dubbio che Wagner fosse un antisemita e un antigiudaico (anche dal punto di vista religioso, specie dopo il riavvicinamento alla fede cristiana luterana avvenuto negli ultimi anni di vita): i suoi scritti, specie il pamphlet Il giudaismo nella musica (diretto in generale contro gli ebrei e particolarmente contro la musica "ebraica" rappresentata dal suo rivale Felix Mendelssohn ) sono espliciti. Ancora il 12 febbraio 1883, il giorno prima della morte, Cosima annotò nel suo diario un'affermazione del marito:

«Il musicista è di pessimo umore. Dice che non si dovrebbe avere nulla a che fare con gli israeliti. [46] »

Nel suo libello antisemita scrisse:

«Il giudeo – che, come tutti sanno, ha un dio a proprio uso e consumo – nella vita ordinaria ci colpisce innanzitutto per il suo aspetto esteriore: difatti, qualunque sia la nazione europea alla quale egli appartenga, il suo aspetto ha un qualcosa di spiacevolmente estraneo a quella nazione. Istintivamente, noi non vogliamo avere nulla in comune con un uomo che si presenta a quel modo. [47] »

In pubblico Wagner diede il suo appoggio a posizioni anti-ebraiche: definì «la razza giudaica» come «nemica, sin dalla nascita, dell'intera umanità e di tutto ciò che vi è di nobile in essa». Affermò anche «ci stanno umiliando, noi tedeschi, e forse sono io l'ultimo tedesco che sa tenere la schiena dritta davanti al giudaismo, che già domina ogni cosa». [48]

Tuttavia, egli non voleva l'eliminazione fisica degli ebrei o una segregazione permanente e non aderiva in maniera completa al razzismo scientifico (per cui l'ebreo che abbandonasse la sua cultura poteva anche essere integrato nel popolo tedesco), ma aveva delle idee che saranno quasi le stesse di Theodor Herzl , il fondatore del sionismo , pur partendo Wagner da una posizione di disprezzo: i giudei avrebbero dovuto scegliere tra emigrare in Palestina , oppure fondersi con l'etnia maggioritaria e dissolvere gran parte della loro cultura con quella dei Paesi che li ospitavano, ossia l' assimilazione (la prima teoria adottata da Herzl); difatti parlava dell' Untergang , l'immersione: «C'è un solo modo per sfuggire alla maledizione che vi pesa addosso: il giudeo errante troverà la sua salvezza – immergendosi!». In un commento rivolto alla moglie Cosima, negli ultimi anni, espresse un parziale ripensamento sulla pubblicazione del testo antigiudaico: «Se dovessi scrivere di nuovo sui giudei, direi che non ho nulla contro di loro. È solo che ci sono piombati addosso, tra noi tedeschi, troppo in fretta, e non eravamo ancora pronti ad assorbirli». [49]

Lo storico ebreo George L. Mosse fa notare come Wagner non fu però affatto coerente col mondo israelita: talvolta accolse nel circolo di Bayreuth personaggi di origine ebrea come Anton Rubinstein o Karl Tausig o ancora, come Hermann Levi , scelto come direttore del Parsifal , il quale fu uno dei direttori d'orchestra da lui preferiti. L'utilità di una persona di famiglia giudaica poteva talvolta placare la sua intolleranza: si può dire che l'antisemitismo del compositore finiva laddove cominciava l'adesione alla sua arte. [50] [51]

A causa delle idee dell'autore, la musica di Wagner subisce ancora un duro ostracismo da parte del pubblico israeliano: il primo concerto ufficiale con musica di Wagner in Israele è avvenuto solo nel 2001 per opera del direttore d'orchestra argentino -israeliano Daniel Barenboim , ebreo e wagneriano, che è stato direttore al festival di Bayreuth. [52] Queste concezioni razziste – sempre per via del tutto ipotetica – dovrebbero ritrovarsi ne L'anello del Nibelungo , dove l'amore incestuoso tra Siegmund e Sieglinde rappresenterebbe la nascita di una razza superiore (i figli del dio Wotan) e dove lo stesso fallimento della "grande idea" di Wotan rappresenterebbe il supremo sacrificio dello spirito germanico di fronte all'avversità del mondo; e poi: I maestri cantori di Norimberga , dove esplicito è il riferimento alla nuova arte tedesca (la nuova Germania) e magniloquente è la grande parata popolare del 3º atto; e poi ancora: Tristano e Isotta , in cui la forza del filtro magico rivela ai protagonisti la vera natura del loro inconsapevole amore, fino ad allora confuso dalla falsità del mondo esteriore (dove per "natura dell'inconsapevole amore" si dovrebbe intendere la purezza della loro anima, la purezza dello spirito tedesco in opposizione alla menzogna di tutto ciò che è straniero); infine Parsifal , il dramma sacro per eccellenza, che Adolf Hitler stesso – grande ammiratore di Wagner – considerava come uno dei fondamenti dell'ideologia nazista: la casta confraternita dei custodi del Santo Graal incarnerebbe il popolo ariano, minacciato dalla corruzione e dal desiderio impuro (il regno arabeggiante di Klingsor).

Thomas Mann

Naturalmente si tratta unicamente di supposizioni, poiché riguardo al Parsifal andrebbe ricordata la frase: Durch Mitleid wissend, der reine Tor ("Il puro folle si fa sapiente attraverso la compassione"), come specificato da Gurnemanz proprio nell'"Incantesimo del venerdì santo". Già il sacrificio di Brunnhilde assume una valenza universale e redentrice. In altre parole, il panismo del Waldweben ( Sigfrido , atto secondo) viene in Parsifal proiettato in un'ottica metafisica proprio col già citato "Incantesimo" ( Karfreitagszauber ). Dal canto loro, Tristano e Isotta, pur richiudendosi nel loro indubbio egoismo, abiurano ogni ambizione di gloria e di potenza, mentre la "grande idea" di Wotan potrebbe essere benissimo scaricata da ogni allusione alla Germania e ribaltata in chiave universale, laddove egli dice, a Fricka: "Solo la tradizione riesci a comprendere. Il mio pensiero mira a tutto ciò che ancora non è avvenuto". A questo proposito, così si legge nel libro di Thomas Mann Dolore e grandezza di Richard Wagner , in cui lo scrittore, wagneriano e antinazista, riporta ciò che ammise nella sua conferenza Richard Wagner und Der Ring des Nibelungen tenuta a Zurigo il 16 novembre 1937, ovvero che il nazionalsocialismo sarebbe una sua naturale derivazione: «Il ritorno al mondo romantico e leggendario si lega alla conquista di elementi puramente umani. Questo rivolgersi al passato significa il distacco dal mondo borghese di una corrotta cultura, dominata dal capitalismo, per far ritorno al popolo come forza etnica, elemento redentore e purificatore. Oggi, nell'esperimento politico che si tenta in Germania, non è difficile trovare tali impronte, ma le fiabe, nel campo della politica, diventano altre cose e prendono altro nome: menzogne. L'autore della Tetralogia , con la sua arte ebbra di passato e di futuro, non si staccò dalla cultura borghese per scambiarla con uno stato totalitario che annulla lo spirito. Lo spirito tedesco era per lui tutto, lo stato tedesco nulla, come egli scrive nel testo dei Maestri Cantori : "Se anche andasse in polvere il Sacro Romano Impero , ci resterebbe la Sacra Arte Tedesca!». [53]

Wagner, Nietzsche e altre interpretazioni

Nietzsche

Sono le stesse parole che Friedrich Nietzsche fa dire a Zarathustra a proposito del superuomo , con Wagner additato spesso a precursore del Nazismo, [54] che separano l'ideologia wagneriana e nietzschiana dal nazismo e dalla concezione dello stato totalitario :

«"Stato" si chiama il più freddo di tutti i mostri freddi ( aller kalten Ungeheuer ). [55] È freddo anche nel mentire, e la menzogna che esce dalla sua bocca è questa: "Io, lo Stato, sono il popolo". Così parlò Zarathustra (Del nuovo idolo)»

Ne Il crepuscolo degli idoli si legge:

«La cultura e lo Stato sono antagonisti.»

I capovolgimenti di fronte confermano l'ambiguità dell'opera wagneriana, che basandosi principalmente sull'arte destabilizza il senso della filosofia. Si può anche dire che il compositore "mette bocca in tutto", attingendo ovunque con la disinvoltura del genio. Per questo motivo il nome di Wagner è stato sempre sbandierato dalle più opposte ideologie: anarchia , comunismo e nazismo. Andrebbe così condannato l'eccessivo fervore nutrito da alcuni wagneriani (i cosiddetti "bidelli del Walhalla") che nel loro desiderio di immortalare le orme del maestro ne trasformano il genio in un monolite. È stato osservato che – come prevedeva il critico Hanslick – i "Beckmesser adoranti" e inchiodati alla meccanica dei Leitmotiv non riescono più ad apprezzare la rivoluzione e il geniale disordine dell'artista. Perfino Hitler aprì al rinnovamento il teatro di Bayreuth contro il duro conservatorismo della famiglia Wagner, che Cosima difese strenuamente fin nei minimi particolari (si trattò di rinnovare il materiale scenico che per 50 anni era rimasto lo stesso). [56]

Forse, a costo di suscitare sorprese, l'ambiguità del senso filosofico è data dalla caratteristica fondamentale del suo autore, ossia la sensualità: «La caratteristica del pensiero wagneriano è la sensualità. I problemi politici e sociali lo appassionavano solo quando offrivano qualche rapporto con l'avvenire dell'arte. Due soli filosofi esercitarono un'influenza su di lui: Feuerbach e Schopenhauer, e tutti e due perché abbandonarono il dominio della filosofia pura, cioè di una teoria logica e matematica del mondo. Wagner ci dice: "Ciò che mi attirò verso Feuerbach fu che questo scrittore rinnega la filosofia e dà della natura umana una spiegazione nella quale credetti di riconoscere l'uomo artista come io lo intendevo"». [57]

In Opera e dramma , un altro dei libri teorici di Wagner, si legge:

«La musica, invece di esprimere – al pari della parola – ciò che viene solo pensato, esprime la realtà.»

Osserva ancora Giulio Confalonieri: «In Wagner il desiderio conobbe la sua meta: la libertà assoluta di essere ancora più importante che non la libertà di risolversi. È questo desiderio continuo che frantuma i ritmi e le frasi melodiche, librandosi al di sopra di ogni soggezione, e che poi li ricompone, li distrugge di nuovo, li rievoca, attraverso un'ebbrezza inesausta di provarsi. È questo desiderio che può farci eliminare nella natura, come avviene a Sigfrido nella scena del bosco, o che può toglierci da ogni circostanza come avviene a Tristano e Isotta nell'ora della morte. Per Wagner la natura è l'ultima logica, l'ultima cattura, l'ultimo e più dolce assorbimento cui l'uomo possa aspirare. I boschi di Schumann , le pianure di Fryderyk Chopin sono abitati da loro, come sono, o come il desiderio vorrebbe che fossero. Ma le foreste di Wagner, i dirupi e il mare di Wagner non ammettono di venire né abitati né posseduti, perché essi sono la matrice degli uomini e gli uomini ancor portano, dopo averli generati, come una placenta ineliminabile». [35]

Wagner come sintesi della musica precedente

Secondo alcuni critici, da un punto di vista puramente musicale, il wagnerismo si configura come la grandiosa sintesi dell'esperienza di quattro secoli di musica: da Palestrina – il cui stile corale polifonico riecheggia in Parsifal [58] – a Claudio Monteverdi – il cui cromatismo armonico è ravvisabile nel Tristano e Isotta [59] – da Bach – il cui magistero contrappuntistico è avvertibile ne I maestri cantori di Norimberga – a Mozart – per la raffinatezza dello strumentale e l'estrema perfezione formale [60] – da Luigi Cherubini – la cui concezione drammaturgica è presente nel Wort Ton Drama wagneriano [61] – a Beethoven – per la tecnica di elaborazione e sviluppo dei Leitmotiv e la variazione del materiale tematico, oltre che per il " titanismo " e il sentimento eroico di cui è intrisa l'intera produzione wagneriana [60] – da Mendelssohn – per la ricca tavolozza orchestrale e timbrica – a Hector Berlioz – delle cui conquiste e innovazioni nel campo dell'orchestrazione e della strumentazione si avvale l'opera wagneriana – da Bizet – per la profonda e acuta introspezione psicologica che scandaglia l'animo umano – a Liszt – per la sconcertante audacia e arditezza degli accordi. [62]

Influenza sulla musica leggera e sul rock

Un'altra influenza è presente nel cosiddetto " rock wagneriano", il cui maggior esponente è Jim Steinman .

Influenza sulla musica metal

Secondo Joey DeMaio , bassista della band heavy metal / epic metal Manowar , Wagner è il maggior ispiratore della musica metal, in particolare dell' epic metal . [63] Wagner è anche uno dei molti musicisti romantici che ispirarono il metal neoclassico . [64]

Wagner nella cultura di massa

Caricatura del 1875 di Wagner a Vienna con alcuni collaboratori
  • La musica di Wagner è decisamente presente anche a livello popolare: in particolare il leitmotiv della Cavalcata delle Valchirie , tratto da Valchiria , è uno dei temi musicali più utilizzati a livello televisivo, cinematografico e pubblicitario. Compare, ad esempio in Apocalypse Now , , Superfantozzi , The Blues Brothers e Operazione Valchiria ; è presente inoltre nella missione finale del videogioco Far Cry 3 . La cavalcata è, anche se riarrangiata in una versione rock, la musica di ingresso del wrestler Daniel Bryan .
  • Nel 1983 fu girato lo sceneggiato Wagner , con Richard Burton nella parte del compositore e con un cast stellare, nel quale figurava anche il compositore William Walton .
  • Il brano del Funerale di Sigfrido , tratto da Il crepuscolo degli dei è altrettanto popolare nel cinema. Viene usato, per esempio, in Excalibur e persino in una breve sequenza de L'armata Brancaleone (la prima comparsa di Brancaleone, uscendo dalla tenda).
  • Woody Allen cita il musicista, ironizzando sul fatto che fosse uno dei compositori preferiti da Adolf Hitler , nel film Misterioso omicidio a Manhattan ( 1993 ): "Lo sai che non posso ascoltare troppo Wagner... sento già l'impulso ad occupare la Polonia!".
  • Su Topolino del 1989 è apparsa la parodia del poema I Nibelunghi e, insieme della stessa tetralogia wagneriana, La Trilogia di Paperin Sigfrido e l'oro del Reno , disegnato da Guido Scala , in cui i personaggi Disney interpretano quelli della leggenda nordica. Sempre dello stesso disegnatore, anche la parodia de L'olandese volante .
  • Il leitmotiv di Sigfrido compare nell'episodio 50 della stagione 1 di Bugs Bunny.
  • Nel romanzo Il codice da Vinci di Dan Brown , Wagner è descritto come un iniziato che, come altri, tenta di trasmettere quella che secondo il libro è la vera storia del Graal attraverso il Parsifal , che sarebbe un'allegoria della ricerca della verità e della tomba di Maria Maddalena , come sposa di Cristo e madre della sua discendenza, intento anche del ciclo arturiano dal quale la storia è tratta. Si riporta anche un collegamento con gli interessi di Wagner riguardo al femminino sacro.
  • Una delle stazioni della linea 1 della metropolitana di Milano prende il nome dal piazzale soprastante intitolato all'omonimo compositore.
  • A Wagner è intitolato il cratere Wagner su Mercurio . [65]

Monumenti dedicati a Richard Wagner

Onorificenze

Medaglia dell'Ordine di Massimiliano per le Scienze e le Arti - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'Ordine di Massimiliano per le Scienze e le Arti
— 1873

Note

  1. ^ Luciano Canepari , Wagner , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  2. ^ Compresa la toponomastica delle vie a lui intitolate.
  3. ^ Ad esempio vedi Lettere di Riccardo Wagner ad Augusto Roeckel , tradotte da Vittorio Morelli, Palermo: A. Reber, 1899.
  4. ^ Richard Wagner , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 7 marzo 2019 .
  5. ^ Friedrich Nietzsche, La nascita della tragedia dallo spirito della musica ovvero grecità e pessimismo . Si noti che nel "tentativo di autocritica" (prefazione scritta da Nietzsche stesso in occasione della riedizione dell'opera) e nel capitolo dedicato a questo libro nell' Ecce homo , il filosofo dichiara che tali affermazioni erano dovute a una sua giovanile avventatezza. Nietzsche si allontanò molto da Wagner negli anni della maturità, come si può leggere in Nietzsche contra Wagner e Il caso Wagner .
  6. ^ Treccani.it
  7. ^ Robert W. Gutman, Wagner: l'uomo, il pensiero, la musica , Rusconi libri, Milano 1995
  8. ^ a b c d Robert E. Gutman, op. cit .
  9. ^ a b c d Richard Wagner, Mein Leben
  10. ^ a b Richard Wagner, L'arte e la rivoluzione
  11. ^ Epistolario di Franz Liszt
  12. ^ Epistolario di Riccardo Wagner , traduzione e note di Gualtiero Petrucci; con prefazione di Jolanda Milano: Solmi, 1907.
  13. ^ Richard Wagner, Autobiografia .
  14. ^ A La Spezia ebbe l'ispirazione una sera alloggiando nella Locanda Universo
  15. ^ a b c d e Robert E. Gutman, op. cit.
  16. ^ Barbara Spadini, articolo su Matilde e Wagner.
  17. ^ Robert E. Gutman, op.cit
  18. ^ a b c Epistolario di Wagner.
  19. ^ Fotografia Angerer, Vienna.
  20. ^ Aldo Oberdordfer, Riccardo Wagner .
  21. ^ Guy de Portalès, Wagner, nuova accademia , 1958.
  22. ^ ( DE ) Wagner and the Volsungs ( PDF ), su vsnrweb-publications.org.uk .
  23. ^ Quando Richard abitava a Posillipo e frequentava le aule del tribunale , in La Repubblica , 17 aprile 2013. URL consultato il 7 marzo 2019 .
  24. ^ Miriam Cipriani, In Viaggio con Wagner; sulle Orme del Parsifal , Roma, Absolutely Free Editore, 2012.
  25. ^ Friedrich Nietzsche, Nietzsche contra Wagner. Documenti processuali di uno psicologo .
  26. ^ ( EN ) Robert Gutman, Richard Wagner: The Man, His Mind, and His Music , Londra, Penguin Books, 1971, ISBN 0-14-021168-3 .
  27. ^ D'Annunzio portò la bara di Wagner? Con la fantasia , in Corriere della Sera , 17 giugno 1995. URL consultato il 7 marzo 2019 .
  28. ^ ( EN ) Frederic Spotts, A History of the Wagner Festival , Yale University Press, 1996
  29. ^ La destra americana contro Obama Archiviato il 22 febbraio 2014 in Internet Archive .
  30. ^ Frederic Spotts, op. cit.
  31. ^ Richard Wagner, Sulla vivisezione
  32. ^ Giovanni B. Cassano, Antonio Tundo, Lo spettro dell'umore. Psicopatologia e clinica, volume 7 pagina 19 , Elsevier srl, 2008.
  33. ^ Theodor Adorno, Wagner
  34. ^ Giulio Confalonieri, Storia della musica
  35. ^ a b c Giulio Confalonieri, op. cit.
  36. ^ Giorgio Locchi Wagner, Nietzsche e il mito sovrumanista, 1985 , Akropolis. vedi la Prefazione di Paolo Isotta
  37. ^ Giulio Confalonieri, op. cit
  38. ^ Giuseppe Sinopoli, Wagner o la musica degli affetti, Individuazione e nascita della coscienza nelle trasformazioni simboliche del personaggio di Kundry nel Parsifal di Wagner e interventi vari a cura di Pietro Bria e Sandro Cappelletto, ed. Franco Angeli
  39. ^ a b Richard Wagner, Opera d'arte dell'avvenire
  40. ^ Henri Lichtenberger, Wagner , 1909
  41. ^ ( FR ) A. Lévy, La philosophie de Feuerbach , Paris 1904
  42. ^ F.Bolognesi, La vera dottrina dell'amore di Schopenhauer. Il pensiero schopenhaueriano nell'interpretazione di Wagner , Bologna, Barghigiani, 1980
  43. ^ Jean-Jacques Nattiez, Wagner androgino
  44. ^ Richard Wagner, Beethoven
  45. ^ George L. Mosse , Il razzismo in Europa. Dalle origini all'olocausto , Laterza, 2003, p. 63
  46. ^ Diario veneziano: Lettere a Matilde Wesendonck e dal Diario di Cosima Wagner
  47. ^ Richard Wagner, Il giudaismo nella musica
  48. ^ Daniel Barenboim , Wagner, Israele ei Palestinesi
  49. ^ Daniel Barenboim, La musica è un tutto: Etica ed estetica , Feltrinelli, estratto
  50. ^ Rubens Tedeschi, Invito all'ascolto di Wagner
  51. ^ George L. Mosse , Il razzismo in Europa. Dalle origini all'olocausto , Laterza, 2003, p. 112
  52. ^ Le note di Wagner scuotono Israele
  53. ^ Thomas Mann, Dolore e grandezza di Richard Wagner
  54. ^ Massimo Ferrari Zumbini, Nietzsche: il processo politico. Dal nazismo alla globalizzazione
  55. ^ Also sprach Zarathustra Goldmann Klassiker 1979, p.41.
  56. ^ Rubens Tedeschi, op. cit.
  57. ^ Gualtiero Petrucci, Manuale wagneriano
  58. ^ vedi: Enciclopedia Rizzoli-Larousse, alla voce Wagner
  59. ^ Lionello Cammarota, Breve storia della musica , Editori Laterza, Roma-Bari 1990
  60. ^ a b Enciclopedia Rizzoli-Larousse, alla voce Wagner
  61. ^ per l'influenza di Cherubini vedi: Marco Ravera, Invito all'ascolto di Cherubini , Gruppo Editoriale Mursia, Milano 1996;
  62. ^ per l'influenza di Mendelssohn (che incide soprattutto nelle opere di transizione Tannhäuser e Lohengrin ), di Berlioz (dal quale Wagner mutua la concezione della compagine orchestrale estremamente dilatata nell'organico), di Liszt (che con Wagner stringe un vero e proprio sodalizio musicale), si vedano: Grande Storia della musica a cura di Eduardo Rescigno; Storia della musica di Giulio Confalonieri; Breve storia della musica di Massimo Mila; Corso di storia della musica di Rino Maione; Storia della musica occidentale di Donald Jay Grout. Di DJ Grout si veda anche Breve storia dell'opera , dove Grout paragona Wagner a Palestrina ea Bach, affermando che, come Palestrina nella sua opera sintetizza tutta la musica del Rinascimento e Bach tutta la musica del Barocco, Wagner nella sua opera attua una sintesi di tutta la musica precedente.
  63. ^ Articolo su Spaziorock.it
  64. ^ Neoclassical metal su Rockciclopedia
  65. ^ ( EN ) Wagner , su planetarynames.wr.usgs.gov , Gazetteer of Planetary Nomenclature. URL consultato il 23 dicembre 2015 .

Bibliografia

  • Wagner , Enciclopedia Rizzoli-Larousse
  • Robert W. Gutman, Wagner: l'uomo, il pensiero, la musica , Milano, Rusconi libri, 1995
  • Lionello Cammarota, Breve storia della musica , Roma-Bari, Laterza , 1990
  • Eduardo Rescigno (a cura di), Grande Storia della musica , Milano, Gruppo Editoriale Fabbri, Bompiani, Sonzogno, Etas SpA, 1993
  • Giulio Confalonieri, Storia della musica , Milano, Edizioni Accademia, 1975
  • Rubens Tedeschi, Invito all'ascolto di Richard Wagner , Milano, Mursia, 1985
  • Rino Maione, Corso di storia della musica , Bergamo, Carrara, 1996
  • Donald Jay Grout, Storia della musica occidentale , Milano, Feltrinelli , 1984
  • Donald Jay Grout, Breve storia dell'opera , Milano, Rusconi, 1985
  • Maurizio Giani, Un tessuto di motivi , Torino, Paravia-De Sono, 1999
  • Mario Bortolotto, Wagner l'oscuro , Milano, Adelphi, 2003 (2ª ed. 2008)
  • Giuseppe Sinopoli, Il mio Wagner. Il racconto della tetralogia (a cura di Sandro Cappelletto), Venezia, Marsilio, 2006
  • Laura Abbatino, Nietzsche tra Wagner e Bizet , Lecce, PensaMultimedia, 2007
  • Luca Sala (éd.), The Legacy of Richard Wagner. Convergences and Dissonances in Aesthetics and Reception , Turnhout, Brepols Publishers, 2012, pp. xiii+452, ISBN 978-2-503-54613-1 .
  • Francesco Ceraolo, Verso un'estetica della totalità. Una lettura critico-filosofica del pensiero di Richard Wagner , Milano, Mimesis, 2013, ISBN 978-88-575-1833-6 .
  • Martin Gregor-Dellin , Wagner. Il profeta della musica dell'avvenire , Collana Biografie, Milano, Rizzoli, 1983.
  • Anacleto Verrecchia , Il cantore filosofo. Scritti su Wagner (a cura di Marco Lanterna), Firenze, Clinamen, 2016. ISBN 978-88-8410-236-2 .
  • Giancarlo Landini , Appunti su Richard Wagner , Centro Culturale Antonianum, 1972.
  • Quirino Principe, Tannhäuser. Opera romantica in tre atti. L'umano atterrito dal soprannaturale , Milano, Jaca Book, 2014
  • Richard Wagner, Scritti teorici e polemici. Musikdrama, Del dirigere e altri saggi , a cura di Maurizio Giani, Torino, EDT, 2016
  • Giangiorgio Satragni, Il Parsifal di Wagner. Testo, Musica, Teologia , Torino, EDT, 2017
  • Adele Boghetich, Tristan e Isolde. Il canto della notte , Zecchini Editore , Varese, 2016, ISBN 978-88-6540-158-3 .
  • Adele Boghetich, Parsifal e il segreto del Graal , Zecchini Editore , Varese, 2017, ISBN 978-88-6540-184-2 .
  • Richard Wagner, L'opera d'arte del futuro. Alle origini della multimedialità: Con i saggi di Paolo Bolpagni , Andrea Balzola e Annamaria Monteverdi , goWare , 2017.
  • Richard Wagner, Il giudaismo nella musica , traduzione di Leonardo V. Distaso, Milano, Mimesis, 2016, ISBN 978-88-5753-298-1 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 29732107 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2277 9084 · SBN IT\ICCU\CFIV\000723 · Europeana agent/base/146751 · LCCN ( EN ) n79089831 · GND ( DE ) 118594117 · BNF ( FR ) cb14029873q (data) · BNE ( ES ) XX995632 (data) · ULAN ( EN ) 500223295 · NLA ( EN ) 35586188 · BAV ( EN ) 495/83040 · CERL cnp00562518 · NDL ( EN , JA ) 00459990 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79089831