Sa a se yon atik bon jan kalite. Klike la a pou plis enfòmasyon detaye

Riccardo Patrese

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Riccardo Patrese
Patrese nan 1982 Dutch Grand Prix.jpg
Riccardo Patrese nan 1982 Dutch Grand Prix a
Nasyonalite Itali Itali
Wotè 174 cm
Pwa 67 kg
Motoring Kubica kas BMW.svg
Kategori Fòmil 1 , Sportscar
Revokasyon karyè 2006
Karyè
Fòmil 1 karyè
Sezon 1977 - 1993
Ekèstr UK lonbraj 1977
flèch yo 1978-1981
BRABHAM 1982-1983
Alfa Romeo 1984-1985
BRABHAM 1986-1987
Williams 1987-1992
Benetton 1993
Pi bon rezilta final la 2nd ( 1992 )
GP diskite 257 (256 kòmanse)
GP te genyen 6
Podium 37
Pwen jwenn 281
Pòl pozisyon 8
Nap vit 13
Karyè nan Mondyal Espò Pwototip koup la
Sezon 1979 - 1985
Ekèstr Lancia 1979-1985
Pi bon rezilta final la 2èm ( 1982 )
GP diskite 41
GP te genyen 8
Podium 17
Pwen jwenn 162
Pòl pozisyon 9
Nap vit 6

Riccardo Gabriele Patrese ( Padova , 17 April 1954 ) se yon ansyen chofè machin ras Italyen .

Chanpyon nan lemonn ak kart , chanpyon Italyen yo ak Ewopeyen an Fòmil 3 , te kouri nan Fòmil 1 nan 1977 1993 konpetisyon nan 256 Grands Prix , dosye rete envenku pou kenz ane, genyen sis. Apre yon peryòd tan karakterize plis desepsyon pase siksè nan volan an nan lonbraj , Flèch , BRABHAM ak Alfa Romeo , li rive Williams , ki gen diskisyon ak pi bon sezon l 'yo, espesyalman nan lane 1989 , 1990 ak 1991 , anvan fini karyè li ak Benetton apre 17 sezon yo. Li te tou yon kavalye bon nan Mondyal Sportscar koup la nan volan an nan machin yo Lancia , genyen uit ras ak manyen genyen tit la mond nan 1982 . Sis fwa, nan 1980 ak 1989 ak 1993, te vitès absoli Italyen chanpyon [1] . Li se kounye a dènye chofè a Italyen yo te goumen pou koup Mondyal Fòmil 1 Chofè yo 'depi sezon an 1992.

Avèk yon kondwi trè agresif, li te konsidere ke anpil pasaje kite lògèy vire tèt e li te pa trè popilè nan Circus an [2] , souvan ke yo te atake soti nan angle James Hunt [3] . Malgre kritik a, li te etabli bon relasyon ak chofè anpil, patikilyèman Michele Alboreto [4] , Eddie Cheever , Elio De Angelis [5] , Andrea De Cesaris , Thierry Boutsen ak Nigel Mansell [6] .

Biyografi

Riccardo Patrese avril te etabli sou 17 1954 nan Padova , kote li te pase anfans li nan yon kalm e pa gen difikilte finansye; Papa Mario la te yon komèsan manje, manman l 'Elena Zorzati lèt anseye nan lekòl mwayen, pandan y ap frè l' Alberto ap vin yon enjenyè mekanik nan Alfa Romeo a [7] .

Apre li te diplome nan lekòl la syantifik segondè li ki enskri nan fakilte a nan syans politik ki li te ale nan pou plizyè ane, men san yo pa rive nan gradyasyon nan [8] . Konpetitif Pratike ski epi sitou naje : yon espesyalis freèstil , konpetisyon pou Rari Nantes Patavium nan 1905 ak chanpyon nan lemonn lavni Novella Calligaris ak malere Amedeo Chimisso nan , te mouri Patrese ak lòt zanmi nan trajedi a nan Bremen [9] . Kite tou de espò lè kart la , okòmansman jis pou plezi, ak Lè sa a ' Motoring nan vin biznis la prensipal [7] .

Lè toujou pa yon volan pwofesyonèl, marye ak Souzi a matini ki pral rete fèmen pou karyè nan kous antye, vin enpòtan nan moman yo enpòtan [8] , epi yo pral ba l 'twa timoun: Simone, ki fèt nan Fòmil 1 premye jou nan 1977 [7 ] , ak jimo yo Madeleine ak Beatrice, ki te fèt nan 1985 ; fanmi an ap viv nan yon koupe byen ant Monako ak Veneto a [10] . Nan ane sa yo apre pou pran retrèt soti nan Fòmil 1 li se separe de Souzi a, pita madanm nan Norberto Ferretti [11] , lè sa a angaje Francesca Akò [12] ak ki moun li te gen pitit gason Lorenzo ak Elena [13] .

Pratike ' chwal-monte nan , yon pasyon aksyon li ak pitit fi l' [14] , gòlf la , la Tenis ak ski [15] ; depi 1981 jwe foutbòl ak wòl midfield nan ekip la nazyonal Piloti fèt pou charite, nan ki li se kòmandan [16] [17] ak nan tan lontan an yo souvan resevwa fòmasyon ak Padova [9] . Li te tou yo te toujou trè pasyone sou ray tren ak modèl tren [18] : nan mwa desanm 1989 li te bay yon entèvyou nan chak mwa magazin Tren yo mwen (pibliye sou n.100-janvye 1990 ), nan ki li te montre tou koleksyon vas li nan modèl ; nan 2003 , apre yo fin lanmò a Albert frè l ', li te eritye yon koleksyon gwo nan machin modèl ki gen ladan tout machin kous gide nan karyè li [19] .

Karyè

Kòmanse

Padova, 5 Oktòb 1960. Patrese okipe ak kart konstwi pa frè l '

Riccardo Patrese apwòch mond lan nan kous gras a pasyon a nan papa l 'ak gran frè; ak yon kart konstwi pa men dwat soti nan frè a te kòmanse ap bat vit vit nan laj onz menm si motè yo yo se jis amize ranplasan yo jenn ti kabrit ski ak naje , pratike nan yon bon nivo konpetitif, jouk 1970 lè li moute angaje seryezman nan ras yo [ 7] . Reyalizasyon yo nan pi gwo nan kategori a se klas la chanpyona Italyen 100, de tit yo ekip Ewopeyen yo ak mond lan, ke rezilta yo yo vo Gold prim lan pilòt ak de meday an gwo abilite nan atletik [20] .

Apre viktwa yo nan kart nan sezon anvan an, nan ane 1975 Italyen Kartin Federasyon Patrese a ofri posibilite pou kondwi yon sèl-seater nan Fòmil Itali , men pilòt la pwefere yon akò avèk Scuderia Nettuno nan Bolòy [7] . Nan kou a nan sezon an se enpoze nan ras yo nan Vallelunga , Mugello ak Imola , li vini de dezyèm ak kat twazyèm, fini dezyèm nan lig la anvan pa Bruno Giacomelli [21] . Sezon an, ki te kòmanse ki pa gen okenn anbisyon gran anpil ak gwo plis pou plezi pase reyalize yon objektif, Lè sa a, fini atann ki anwo yo ak pouse Patrese, toujou swiv ak ankouraje pa papa l ', groped yon so nan klas [22] .

Fè konpetisyon nan Fòmil 3 nan 1976 kontak Osella ak Pavanello [7] , men jis eseye kouri pilòt vle peye; Malgre pwopozisyon papa l 'yo nan vann kèk pwopriyete pou fanmi a pou finanse sezon an, Patrese rejte ofri yo, pa dakò yo vin yon chofè peye, ak Lè sa a dakò ak komanse fouye , dènyèman importateur Chevron , ki ap chèche yon jenn gason yo jwe nan lig Italyen an ak nan Ewopeyen an [9] . Pa desevwa ap atann nan ekip la ak genyen ras yo nan Zandvoort , Pergusa , Monza , Kassel-Calden , Magione ak genyen tou de tit la lig kontinantal [23 la ] . Nan fen ane, magazin nan Autosprint bay l 'prestijye Golden Kas an [22] .

Magione, 1 novanm 1976. Patrese selebre viktwa a nan final la nan F3 a Italyen ak anekse genyen tit la nasyonal; avè l 'sou Podium a, Oscar Pedersoli (agòch) ak Lamberto Leoni (adwat).

Pou se sezon an 1977 konfime pa komanse fouye nan ras nan fòmil 2 , kote li jwenn opozan kòm Giacomelli, Arnoux , Pironi , Cheever epi pafwa kèk chofè nan fòmil 1 , imedyatman ap resevwa ankouraje rezilta [7] . Sou Me Jou, istorik ak danjere kous la Nürburgring , regilye nèf semenn klas pozisyon an poto ak twa segond devan [24] nan Mass ak Regazzoni , ki deja etabli pasaje nan vòl nan tèt, ak byenke yo pral ras la dwe fòse yo pran retrèt ou lè nan lòd, li te remake pa teknisyen yo nan lonbraj ki ofri ou chans lan fè premye li nan Fòmil 1 [7] . Trivellato dakò ki pilòt li yo tou se konpetisyon nan vòl nan tèt, men sou kondisyon ke li kenbe kòm Fòmil la angajman prensipal 2, aksepte pa kondisyon an ekip Ameriken [9] ; nan kategori a li vin yon lòt pozisyon poto ak podium anpil ki pèmèt l 'jwenn plas la katriyèm nan chanpyona Ewopeyen an ak viktwa nan Italyen an [25] . Nan lane 1978, Patrese se angaje plen tan nan Fòmil 1 ak patisipe nan sèlman de Fòmil 2 evènman ap pase etap nan twazyèm nan Podium a nan Grand Prix JAF nan , Azyatik ras prestijye ki te fèt nan Suzuka te genyen ak ane anvan an [25] .

Li pran twa fwa yon Macau Grand Prix , nan moman an te jwe dapre règleman yo nan Fòmil Pasifik la , ak triyonfe nan lane 1977 nan pozisyon poto; repete siksè nan ane annapre a, ak nan 1979 re-sant poto a ak fini dezyèm nan ras la [26] .

Fòmil 1

Premye an lonbraj (1977)

Monza, 11 septanm 1977. Patrese kondwi DN8 la Lonbraj nan Fòmil 1 sezon premye l 'yo.

Bon kalite yo montre nan Fòmil 2 byen bonè nan mwa 1977, an patikilye pozisyon an poto jwenn sou danje a nan sikwi Nürburgring a anvan Mass ak Regazzoni , nòt ki soti nan teknik lonbraj la chèche pou yon chofè ranplase Zorzi [7] . Atravè jounalis la Giorgio Piola [27] , negosyasyon yo ant Padova ak ekip Ameriken patwone pa Italyen Ambrosio nan gen siksè ak Patrese te anplwaye pou yon alimèt kèk moun nan sezon an 1977 ansanm ak Alan Jones [7] .

Li te fè premye l 'nan volan an nan DN8 nan lonbraj an Monako Grand Prix a ki pa gen okenn eksperyans nan vòl nan tèt, se konsa ke anpil nan ekspè yo gen konviksyon ki pa menm kapab kalifye; olye pou vin tan an kenzyèm nan pratik ak li te fini ras la nan nevyèm plas sou jou a nan nesans li nan premye pitit li [7] . Pandan sezon an, nan ki li tou ap kontinye angajman li nan Fòmil 2, li pran retrèt plizyè fwa akòz aksidan ak pwoblèm mekanik, pa reyisi rezilta pozitif jouk Japonè Grand Prix a , wonn ki sot pase a nan chanpyona nan, nan ki li kwaze liy lan fini nan plas sizyèm ak ranport pwen nan premye chanpyona nan mond ki pèmèt l 'nan fini sezon premye l' nan Fòmil 1 nan ventyèm plas.

Tranzisyon an nan Flèch yo (1978-1981)

Nan fen 1977 manm nan lonbraj la , Rees , Oliver , Southgate ak prensipal sipòtè Ambrosio nan , kite ekip la Ameriken yo te jwenn flèch yo ki pral patisipe nan mond lan pa sezon ki anba la a ak Patrese kòm yon pilòt la. Padova a pran fè konpetisyon ak ekip la angle bay moute òf la nan Frank Williams , nan kòmansman an kòm yon manifakti, ki te pran plas li Alan Jones , ki pral genyen Tit Mondyal la nan 1980 [7] .

1978
Zandvoort, 27 Out 1978. Aksidan nan kòmansman ki genyen ant Patrese ak Pironi.

Sezon an 1978 ak FA1 , machin ki fèt nan Southgate ak Ape_man konteste kòm prèske ki idantik ak lonbraj DN9 [28] , pita ranplase pa A1 . Li pwen soti nan Sid Afriken Grand Prix a lè, ak yon pas nan Jody Scheckter , pran plon an nan ras la ki ap mennen jiska pran retrèt ou ki gen pwoblèm mekanik a kenz nap soti nan [29] . Apre bon pèfòmans sa a vin siyen yon kontra-pre ak Ferrari [7] ranplase Gilles Villeneuve nan sezon ki anba la a men, apre yo fin genyen nan Kanada , li pral konfime [30] . Nan kou a nan sezon an li se tou kontakte ou pa BRABHAM ak Alfa Romeo , toujou yo jwe sezon sa a ak machin yo, men yo pwefere pa chanje ki estab nan [7] . Nan ras ki vin apre jwenn yon kote ak sèl la pou premye fwa sou Podium a ak yon fini dezyèm-plas nan Swedish Grand Prix a , te genyen pa chanpyon nan mond nan biwo Niki Lauda ak inovatè BRABHAM BT46 te ak yon fanatik dèyè je-pwan entèdi pa fya [31] .

A1 la Flèch yo itilize pa Patrese nan dezyèm pati a nan sezon an 1978.

September 10, 1978 nan Italyen Grand Prix a nan Monza pati nan pozisyon douzyèm, deplwaye nan ranje a midi konsa. Apre depa a chaotic, Variante Goodyear a deklannche yon aksidan pè ki enplike Peterson , lachas , Daly , Pironi , Kole , Brambilla , Regazzoni , Depailler , Lunger ak Reutemann . Paske nan konsekans yo nan konfli a, reta yo nan efò sa a sekou e petèt kèk nan erè yo ki medikal, ki mouri Ronnie Peterson, Swedish chofè nan lotus a . Patrese te imedyatman akize pa kòlèg nan sa ki lakòz aksidan an fèt la ak pou ke li te anpeche yo patisipe nan pwochen Grand Prix a nan peyi Etazini-Oryan an [32] . Sa yo se akize sou chaj yo ki omisid envolontè pou ki Pwokirè Piblik Armando Spataro la mande uit mwa prizon sou pwobasyon. Pami temwen yo ki akize Paduan a gen pilòt ARTURO MERZARIO ak James Hunt, pandan y ap tap mete yo nan non li Komisyonè CSAI Alberto Librizzi, ki moun ki te temwen ensidan an ak anpil atansyon. Sou Oktòb 28, 1981 Riccardo Patrese te libere pou pa gen komèt krim nan [33] . Ki sòti nan yon dokiman piblik ki te pibliye nan 2001 montre ke yo deklanche ensidan an dramatik te Jak Hunt, ki te mouri nan 1993 [34] , youn nan pi bonè ak pi chod akize Patrese nan [3] .

soufri Patrese yon souflèt grav, kòm wont ak kontan sitiyasyon an yo te gen enjisteman akize ak pini pou fay la nan lòt moun, li trouve tèt li gen relansman yon karyè ki jiska dènyèman te sanble destine pou siksè fasil; ak kouraj ak batay ankò nan pwouve vo l 'sou track la men gen kèk atitid, akòz resantiman kont yon pati nan anviwònman an nan Fòmil 1, asire mosad ak insuportabl nan anpil [9] .

1979
Patrese nan twou yo Imola nan lane 1979 tou pre enèvan Flèch A1B la ak ki li vin ti kras satisfaksyon.

Pou 1979 Patrese yo deside rete ak flèch yo, ki moun ki kounye a konnen e ke se yon bon bagay, malgre enterè nan soti nan BRABHAM ak Alfa Romeo [7] . Nan pati nan premye nan sezon pilòt A1B nan , men li touche sèlman de pwen ak yon kote senkyèm nan Bèlj Grand Prix a . Nan Lafrans nan ras la, revolisyonè men enèvan A2 nan [35] , nan ki li estime espere ke li yo nan viktwa [36] . Machin nan nan yon tantativ esplwate nan yon krispe ' efè a , se trase totalman dépourvu nan elron [37] , men depi nan konmansman montre pwoblèm sa yo balanse konsiderab [38] ak chèf sou aks vètikal la [37] . Patrese Otermin ras la sèlman katòzyèm epi ki fèt aprè kat esè pran retrèt ki gen pwoblèm mekanik, se konsa ke Flèch yo deside A1B re-deplwaye ki vin yon bon plas katriyèm nan Grand Prix Dino Ferrari nan valab pou chanpyona an.

1980

Nan sezon 1980 pilòt la nouvo A3 machin nan konvansyonèl yo, byen serye, men se pa patikilyèman konpetitif. Rezilta yo pi bon nan sezon an se plas la sizyèm nan brezilyen Grand Prix a ak dezyèm nan Western Etazini yo te genyen pa Nelson Piquet BRABHAM. Nan mwa Mas li te kontakte ankò pa Ferrari yo chèche konnen konbyen lajan li ta renmen touche nan ras avèk yo; pilòt la okòmansman pwopoze ke tou de ekip la fè òf l 'Lè sa a, mande salè a menm ki peye flèch yo, men pita li te enfòme ke Ferrari a se pa gen okenn ankò ki enterese nan li lè li te pran franse Didier Pironi nan [7] . Pote Forward tou chita pale ak Carlo Chiti nan ' Alfa Romeo ki moun ki deside anboche Mario Andretti , ak Bernie Ecclestone , pwopriyetè a BRABHAM a, men nan ka sa a sòti pwoblèm parennaj, ak mas , ak rookie TOLEMAN , ak tire'l ak Fittipaldi finalman n ap deside rete yon sèl plis ane ak flèch yo [7] . Nan fen a nan sezon an se li ki nevyèm ak sèt pwen jwenn.

1981
Imola, 3 Me 1981. Patrese di soti nan Podium a aplodisman a nan odyans la pou dezyèm plas nan San Marino Grand Prix a .

A3 a renouvle deplwaye nan sezon an 1981 se pi plis pouvwa anpil pase dènye an, men frajil soti nan pwen an mekanik de vi. Men, pati a an premye nan sezon an se yon bagay ki pozitif: a inovasyon nan miniskirts kwa, devlope pa Wass [39] , Patrese santre premye l ' pozisyon poto nan karyè l' sou kous la lari nan Long Beach nan Prix a Grand nan Etazini yo Member nan Amerik West . Apre domine ras la pou premye ven nap yo, sepandan, li te fòse yo pran retrèt ou akòz pwoblèm mekanik. Apre sa, li moute sou etap nan twazyèm nan Podium a nan Brezil ak dezyèm lan nan Imola . Sa yo rete sèlman bon rezilta yo nan yon sezon nan ki li se souvan fòse yo pran retrèt ou ki gen pwoblèm mekanik oswa omwen lwen pwen yo, tou akòz bidjè a limite nan ekip la angle, li pa kapab peye plis devlòpman nan machin nan [39 ] .

Nan Bèlj Grand Prix a , kote li te liy moute sou dezyèm ranje a, se san se pa fòt patisipe nan yon aksidan trajik. Nan rekòmanse nan dezyèm motè a sispann ak Patrese rive nan soti nan rapò pwoblèm nan; mekanisyen l 'yo, Dave Luckett, kouri rekòmanse machin nan, men direktè a ras pa fè sa avi anyen ak kòmanse ras la regilyèman. Siegfried Stohr , chofè a lòt Flèch, ki fèy byen lwen dèyè, efase Patrese nan machin lè teknisyen an ki toujou ap travay sou motè a kraze l 'ant de machin yo. Luckett ta jere san yo pa konsekans ki grav, pandan y ap de Flèch yo pa pral pran plis nan [40] . Fini sezon an katriyèm ak final la ak ekip la angle nan dizyèm plas ak onz pwen.

Viktwa yo an premye ak BRABHAM (1982-1983)

Apre senk ane nan volan an nan machin konpetitiv, enfidèl oswa enèvan ak ki toujou jere yo jwenn kèk bon rezilta nan 1982 Patrese te anboche pa Bernie Ecclestone , pwopriyetè a BRABHAM nan , ak ki moun li te fèt negosyasyon divès kalite nan ane anvan, te kapab finalman Aspire nan rezilta enpòtan [7] . Eksperyans nan premye nan volan an nan yon BRABHAM pran plas nan fen 1981 sou okazyon an nan yon evènman nan ' Treviso-Istrana Air Base ki bay yon seri de defi akselerasyon ant yon F-104 dell' fòs Air anba konfigirasyon chaj diferan ak chofè Patrese Piquet ak BRABHAM, Villeneuve ak Ferrari ak Giacomelli ak ' Alfa Romeo nan ; Patrese pa gen okenn konfyans ak machin nan kòm li an premye ak ekip la nouvo epi li se defi avyon an nan configuration la, te leje, yo te kavalye a sèlman bat [41] .

1982
Zandvoort, 3 jiyè 1982. Patrese nan volan an nan BRABHAM BT50 BMW a nan Dutch Grand Prix a.

Nan sezon an 1982 nan ras la li pote tou de fin vye granmoun BT49 nan , motè a karakteristik klasik atmosferik Ford , nouvo BT a 50 motè BMW Turbo; koekipyèr brezilyen an Nelson Piquet nan , chanpyon an reliant mond, anplwaye pa ekip la nan 1978 apre desizyon an yo rete nan Patrese Flèch , rejte kontra a twa ane ofri l 'pa Bernie Ecclestone ede Niki Lauda [7] . Apre retiran de premye Grands Prix a nan sezon an nan plas dizwityèm nan Prix a Grand nan peyi Etazini-West la nan plas Lè sa a, etap nan twazyèm nan Podium la apre yon ras make pa aksidan, retrè ak sispansyon; sot San Marino Grand Prix a paske yo te bòykòt nan aplike pa ekip angle nan yon pwotestasyon kont fya a anvan abandone nan Bèljik .

Nan Monaco Grand Prix a te genyen dezyèm plas nan kalifye ki pèmèt l 'nan kòmanse soti nan ranje devan an ansanm ak Renault a nan Arnoux . Nan la kòmanse li echwe gen yon kòmanse pwen bon epi li se te pase pa Giacomelli ak pretok , men yo toujou jere yo rete nan pozisyon yo tèt ak swasant-nevyèm wonn se ki fè nòt janm yo pi rapid ; yon nap kèk soti nan fen a li kòmanse yon sèl lapli tonbe ak anpil chofè yo se fòse yo pran retrèt ou akòz aksidan oswa nan tras la. Patrese tou vire ak vire nan machin nan, men se pouse pa Stewards yo ak jere yo kite. Mèsi a kondwi atansyon se chofè a sèlman nan ranpli tout swasanndis nap yo ki kapab lakòz gayan an, men reyalize sèlman nan moman sa a nan prim lan ke li te genyen premye l 'Grand Prix [42] [43] . Nan rès la nan sezon an rtrèt souvan, men te vin dezyèm nan Kanada anvan pa koekipyèr, senkyèm pi gwo a nan Swis epi li se ki fè nòt pòtatif ki pi rapid nan Almay ; fini sezon an ak ven-yon sèl pwen ak dizyèm plas nan klasman yo devan yo nan Piquet.

1983
Monza, 11 septanm 1983. fete Patrese ak madanm li pozisyon nan poto jwenn nan Italyen Grand Prix a.

Pou sezon 1983 mennen yo Patrese BT a 52 gen chanjman souvan ke si te adopte yo pral pozitif sou Piquet machin [9] . Nan pati nan premye nan sezon an li souvan pran retrèt, prèske toujou akòz pwoblèm mekanik, pandan y ap koekipyèr l 'regilyèman jwen rezilta pozitif ki ba l' opòtinite a al goumen pou chanpyona a nan lemonn. Yon Imola pati nan pozisyon an senkyèm nan wonn nan sizyèm ale nan tèt la, men kòm yon rezilta nan yon pa patikilyèman briyan twou san fon-Stop se simonte pa Ferrari nan Tambay . Èske w gen te lanse nan pouswit jere defèt dezavantaj nan epi k'ap tonbe sou l ', retounen nan lòd Seyè a, ras la ak clocking janm yo pi rapid , men, akòz pousyè tè sou asfalt la, epi, pi wo a tout, pa admisyon pwòp l' yo, yon erè nan konsantrasyon, vini soti wout kwen an dezyèm nan Dlo Mineral, fini ras la sou gazon an; Li vin booed ak joure pa fanatik Ferrari ki wè yon chofè, byenke Italyen, bese soti nan kite viktwa nan Ferrari [44] men espesyalman pèdi nenpòt chans pou goumen pou tit la definitivman vin Greggers Piquet [9] .

Salt sou etap nan twazyèm nan Podium a nan Almay , pwen yo an premye nan sezon an. Nan Italyen Grand Prix a li frape pozisyon nan poto , men apre de nap dwe fè bak. Nan ras la sot pase yo nan sezon an, Sid Afriken Grand Prix a , kòmanse soti nan dezyèm ranje a te genyen ak ras la devan yo nan De Cesaris ak Piquet te genyen tit dezyèm mond l 'yo, pandan y ap Patrese te nevyèm ak sèlman trèz pwen. Pou sezon sa a, Patrese Ecclestone pwopoze renouvle kontra a kòm yon gid dezyèm èd Piquet nan konkèt la nan ankò yon lòt mond, ofrann ki preferento nan Paduan refize dakò ak Italyen Alfa Romeo nan [9] .

Desepsyon nan Alfa Romeo (1984-1985)

1984
Monza, 9 septanm 1984. Michele Alboreto , Niki Lauda ak Patrese sou Podium a nan Italyen Grand Prix a.

Nan sezon an 1984 , apre yo fin ane kòm yon ekip Anglo-Saxon , Patrese te anplwaye pa ekip Italyen Alfa Romeo patwone pa Treviso endistriyèl gwoup Benetton . Atant yo wo anpil, tou de sou pati nan ekip la ki te pilòt la, ki eta yo ki sib la minimòm pou ane a se genyen batay la nan yon Grand Prix [45] . Nan ekip la, sepandan, gen yon atmosfè nan tansyon akòz diferansye ki genyen ant enjenyè Chiti nan , ki an tèt Alfa Romeo Lè sa a, te tire apre sezon sa a, epi Pavanello , mèt kay dell'Euroracing, ki jere machin yo sou track la; depans lan yo pral espesyalman de pilòt yo, Patrese ak Cheever , ki moun ki pa janm ap gen yon machin se vre wi: konpetitif [46] .

Depi tès nan sezon fredi byen bonè, menm pran kèk bon pèfòmans sou yon janm sèl, nouvo 184T nan pwouve enfidèl, souvan soufri soti nan pwoblèm motè, an patikilye turbine nan , ak konsomasyon gaz twòp [47] . Pandan tout chanpyona nan divès kalite pwoblèm kontinye move maladi machin yo Alfa Romeo pou ke, eksepte nan Lafrik di sid kote yo ran nan plas katriyèm ak de nap dèyè gayan an Lauda , Patrese pran retrèt regilyèman, sou de okazyon tou yo dwe kouri soti nan gaz paske twòp konsomasyon nan motè 890T nan . Sitiyasyon an amelyore sèlman nan dènye tès yo nan chanpyona a: Italyen Grand Prix a nan Monza sant rezilta a pi byen nan sezon an sou yon kwa liy lan nan twazyèm plas, youn janm soti nan premye Lauda nan klase ak Alboreto , pandan y ap sizyèm lan yo ka resevwa Nürburgring ak wityèm nan ras la sot pase yo nan sezon an nan ' Estoril .

1985
Nürburg, 2 mwa Out 1985. Patrese angaje nan tès pou German Grand Prix a ak Alfa Romeo 184 T. nan

Pou1985 sezon an Patrese pote nan ras la 185T nan ki nan tès yo sezon fredi te ba rezilta ekselan [46] [48] men ki nan ras la pral pwouve ke yo dwe pa trè konpetitif ak menm mwens serye, se konsa anpil pou ke li jwenn yon nevyèm plas nan Silverstone kòm rezilta a pi byen ak rtre anpil. Bay pèfòmans nan modès reyalize pa tou de chofè, Alfa Romeo deside pa sèvi ak machin nan ankò, ranplase l 'pou pati an dezyèm nan sezon an ak 184T an nan ane a anvan yo. Ak machin nan fin vye granmoun Patrese pran retrèt sèt fwa epi li te fini sèlman mennen Ewopeyen an Grand Prix a nan yon pozisyon nevyèm; per la prima e unica volta in carriera chiude la stagione senza avere ottenuto punti iridati. In dicembre cita in Tribunale l'Euroracing chiedendo settecento milioni di lire per inadempienza al contratto [49] . Per l'Alfa Romeo è l'ultima stagione in Formula 1 [50] mentre lo sponsor principale fonda l'omonima scuderia Benetton , con cui anni dopo Patrese concluderà la sua lunghissima carriera.

Le ultime deludenti stagioni, la nascita delle figlie, la voglia di stare in famiglia e la raggiunta sicurezza economica portano Patrese a meditare il ritiro dalle competizioni, idea abbandonata per continuare a gareggiare ancora per molti anni [9] .

Il ritorno in Brabham (1986-1987)

Il periodo negativo all'Alfa Romeo, in cui medita anche il ritiro, porta Patrese ad avere grandi difficoltà nel trovare una squadra per l'anno seguente e riesce continuare la sua carriera in Formula 1 solo grazie all'aiuto di Bernie Ecclestone che lo assume nuovamente alla Brabham [51] . Nel dicembre 1985, in occasione di una serie di test all' Estoril , viene ufficializzato l'ingaggio da parte della scuderia britannica dei piloti italiani Riccardo Patrese ed Elio De Angelis [52] che nel breve periodo come compagni di team instaurano un buon rapporto di amicizia e collaborazione [5] .

1986
Imola, 27 aprile 1986. Elio de Angelis , compagno di squadra di Patrese, al volante della Brabham BT55 con cui troverà la morte alcuni giorni dopo, a causa di un cedimento meccanico.

La Brabham schiera per la stagione1986 la BT55 , detta sogliola per il profilo estremamente basso, vettura innovativa dotata di un potente motore BMW turbo , ma afflitta da grandi problemi di affidabilità [53] tanto che l'unico risultato utile nella prima parte della stagione è il sesto posto a Imola . In maggio Patrese viene convocato per disputare dei test al Circuito Paul Ricard , ma quando il compagno di squadra gli chiede di poterlo sostituire per prendere maggiore confidenza con la vettura, accetta e gli cede il posto [51] ; pochi giorni dopo Elio De Angelis perde la vita per le conseguenze dell'incidente occorsogli durante quei test sul circuito francese, dove, a causa del distacco dell'alettone posteriore, la sua BT55 perde aderenza, si rovescia diverse volte e si schianta contro le barriere prendendo fuoco senza lasciare scampo al pilota [54] [55] . Nel prosieguo della stagione, quando porta in gara anche la vecchia BT54 , continuano i ritiri e gli arrivi lontano dalla zona punti, tranne a Detroit dove taglia il traguardo in sesta posizione. Conclude il campionato con due soli punti.

1987

Il1987 è l'ultima stagione della Brabham sotto la gestione di Ecclestone, impegnato prevalentemente in altre attività legate alle corse, che prima di chiudere provvisoriamente la squadra [56] aiuta Patrese a trovare un contratto per l'anno successivo [57] . Viene schierata la BT56 , vettura più convenzionale della precedente, poco competitiva e poco affidabile che spesso costringe Patrese a ritirarsi. Il primo risultato positivo della stagione arriva in Ungheria con un quinto posto mentre al Gran Premio del Messico taglia il traguardo in terza posizione preceduto solo dai due piloti Williams, Mansell e Piquet , in lotta tra di loro per la conquista del Campionato del mondo. Abbandona anticipatamente la compagine inglese per disputare l'ultima gara della stagione in sostituzione di Mansell alla Williams con cui ha precedentemente firmato un contratto per l'anno successivo [58] .

In questo secondo periodo con la Brabham di Ecclestone ricomincia a gareggiare in modo sereno e viene rivalutato come pilota, cambiando l'approccio con l'ambiente della Formula 1, e perde la fama di pilota antipatico e scontroso; Patrese stesso la considera come una rinascita che segna l'inizio di una nuova fase della sua carriera, la più positiva e ricca di successi che lo porteranno a raggiungere traguardi fino a quel momento insperati [9] .

I successi con la Williams (1987-1992)

Le prime trattative tra Frank Williams e Riccardo Patrese risalgono al 1977, quando il costruttore è agli esordi della sua attività e il pilota un giovane debuttante nel mondo della Formula 1 che sceglie la Arrows , lasciando il posto ad Alan Jones , il quale tre anni dopo vincerà ilmondiale al volante della Williams [7] ; le loro strade si incroceranno nuovamente dieci anni dopo dando vita ad una lunga e proficua collaborazione.

1987

Nel corso della stagione1987 Patrese, che è ancora un pilota ufficiale della Brabham , prova pubblicamente la Williams FW11B all'autodromo di Imola lasciando presagire un probabile accordo tra il pilota padovano e la squadra britannica; in settembre la Williams rende noto pubblicamente l'ingaggio di Patrese che ritorna a gareggiare in un team di alto livello dopo anni di delusioni [58] . Al Gran Premio d'Australia , ultima prova stagionale, partecipa al volante della Williams in sostituzione dell'infortunato Mansell piazzandosi al nono posto, attardato da un problema meccanico.

1988
Montreal, 12 giugno 1988. La Williams FW12 condotta da Patrese al Gran Premio del Canada.

Nella stagione1988 , quando perde la fornitura dei motori turbo Honda , la Williams deve ripiegare sui poco competitivi Judd aspirati da montare sulla FW12 , che schiera per l'inedita ed esperta coppia di piloti formata dal nuovo arrivato Patrese, assunto con un contratto da secondo pilota [59] , e dal riconfermato Mansell, vicecampione del mondo nella stagione precedente. La vettura non si dimostra né competitiva né affidabile costringendo Patrese al ritiro in Brasile e ad un anonimo tredicesimo posto a San Marino per poi arrivare sesto al traguardo a Monte Carlo , conquistando il primo punto con la nuova squadra; nei successivi Gran Premi si ritira frequentemente o comunque non ottiene buoni piazzamenti. Va meglio la seconda parte della stagione in cui conquista alcuni punti in Ungheria , Spagna , Giappone e Australia che gli permettono di piazzarsi all'undicesimo posto in Campionato, non lontano da Mansell, che porta a termine solo due Gran Premi ma in entrambe le occasioni sale sul podio, precedendo Patrese nella classifica finale.

1989
Spa-Francorchamps, 27 agosto 1989. Da destra: le Williams FW12C di Patrese e del compagno di squadra Thierry Boutsen affrontano la prima curva al via del Gran Premio del Belgio.

Per la stagione1989 viene portata in gara la FW12C , evoluzione del modello precedente, ma dotata del nuovo motore dieci cilindri fornito dalla Renault al rientro nel Mondiale di Formula 1. Mansell abbandona la compagine inglese per correre con la Ferrari e viene rimpiazzato da Thierry Boutsen , che affiancherà Patrese per due anni. La vettura è veloce ma non sempre affidabile e all'esordio stagionale, in Brasile , Patrese si qualifica con il secondo tempo e segna il giro veloce , prima di essere costretto al ritiro; analogo epilogo ha anche la gara di Imola , mentre a Monaco conclude al quindicesimo posto con quattro giri di ritardo dal vincitore Ayrton Senna . Inizia poi una scia di risultati positivi e nelle quattro prove successive sale sempre sul podio grazie ai secondi posti nei Gran Premi di Messico , Stati Uniti , Canada e al terzo in Francia . Dopo il ritiro a Silverstone in seguito ad un incidente, arriva quarto ad Hockenheim . Al Gran Premio d'Ungheria centra la pole position davanti a Senna, ma in gara ha un problema al radiatore che lo costringe al ritiro. A causa di una collisione con Michele Alboreto si ritira anche a Spa , mentre a Monza sfiora il podio arrivando quarto al traguardo.

In occasione del Gran Premio del Portogallo gareggia con la nuova FW13 , ma si ritira per il surriscaldamento del motore e alla corsa successiva in Spagna ottiene il quinto posto con la FW12C che utilizza per l'ultima volta. Al Gran Premio del Giappone arriva al traguardo in terza posizione preceduto da Senna e Nannini , ma dopo la squalifica del brasiliano viene classificato al secondo posto [60] . Sale sul terzo gradino del podio ad Adelaide , ultima gara dell'anno. Con quaranta punti, conquistati grazie ad una buona continuità di rendimento, si classifica al terzo posto nel campionato preceduto da Prost e Senna con le McLaren , ottenendo il suo miglior risultato nel mondiale.

1990
Imola, 13 maggio 1990. Patrese festeggia la vittoria nel Gran Premio di San Marino.

Nella stagione1990 Patrese guida la FW13B derivata dal modello utilizzato alla fine dell'anno precedente. Inizia la stagione in modo anonimo con il nono posto nel Gran Premio degli Stati Uniti e il tredicesimo in Brasile . Al Gran Premio di San Marino , a Imola , si qualifica con il terzo tempo dietro le due McLaren; partito in seconda fila, a undici giri dalla fine prende il comando della gara e lo mantiene fino al termine andando a centrare la sua terza vittoria, quella che il pilota considera la più bella della carriera [57] ; a differenza del 1983 , quando fu insultato e deriso dai ferraristi dopo un'uscita di pista mentre era in testa alla gara, questa volta viene applaudito da tutto il pubblico presente [5] . Nei successivi Gran Premi ottiene buone prestazioni sia in qualifica, partendo dalla prima fila in Messico e Ungheria , sia in gara facendo segnare il giro veloce in Ungheria, Portogallo , Spagna e Giappone . Grazie alla buona affidabilità della vettura, alterna pochi ritiri a numerosi risultati utili che gli permettono di conquistare 23 punti e il settimo posto finale in Campionato. A Silverstone è il primo pilota a disputare il duecentesimo Gran Premio [61] .

1991

Nella stagione1991 Patrese dovrebbe essere affiancato dal giovane italo-francese Alesi che poi rinuncia al contratto con la Williams per correre con la Ferrari [62] ; al suo posto ritorna in squadra Mansell che, dopo due anni sottotono proprio alla Ferrari, aveva annunciato il ritiro dalle corse [63] . All'interno del team Patrese è stimato e apprezzato, non ci sono ordini di scuderia che lo possano limitare (anche se il britannico gode di alcuni privilegi) e guida una delle migliori macchine che abbia mai avuto a disposizione, condizioni che lo porteranno a disputare, a trentasette anni, la migliore stagione della sua lunga carriera [59] .

Phoenix, 10 marzo 1991. Patrese impegnato al volante dell'innovativa e performante Williams FW14.

La FW14 progettata da Patrick Head , spinta da un nuovo propulsore Renault e dotata di cambio semi automatico, sospensioni attive e controllo di trazione, si rivela subito veloce e competitiva, anche se inizialmente poco affidabile. Alla gara d'esordio negli Stati Uniti si ferma in posizione pericolosa con il cambio bloccato in folle, viene evitato da Piquet e dal debuttante Häkkinen , ma centrato in pieno da Moreno , fortunatamente senza conseguenze per i due piloti [64] . Dopo il secondo posto in Brasile si ritira a Imola e Monte Carlo , per poi iniziare un periodo molto positivo centrando in Canada la prima di tre pole position consecutive, anche se in gara viene rallentato da problemi al cambio e arriva terzo al traguardo.

Al Gran Premio del Messico parte male dalla pole e viene superato da Mansell, Senna e Alesi; nei primi giri sorpassa uno alla volta i tre piloti, riguadagnando la testa della corsa e, grazie ad un ritmo elevatissimo, la mantiene fino alla fine andando a vincere il suo quarto Gran Premio. Guadagna la pole position anche in Francia , ma si classifica al quinto posto ad un giro dal vincitore Mansell, mentre a Silverstone viene buttato fuori pista da Berger e si ritira. Torna sul podio a Hockenheim , dove segna il giro veloce e conclude la gara al secondo posto, e in Ungheria , corsa in cui è terzo. Dopo una buona qualifica, in Belgio viene retrocesso al diciassettesimo posto della griglia di partenza per irregolarità tecniche sulla vettura, ma in gara rimonta fino alla quinta posizione; a Monza parte dalla seconda fila, conquista la testa della corsa dopo aver sorpassato Berger, Mansell e Senna per poi ritirarsi, ancora per problemi al cambio.

Un sorridente Patrese che nel 1991 disputa la migliore stagione della carriera.

In occasione del Gran Premio del Portogallo conquista la quarta pole stagionale; al via parte bene e mantiene il comando della gara fino a quando viene sorpassato dal compagno di squadra, poi squalificato; questo lo riporta in prima posizione e va a centrare la seconda vittoria stagionale davanti a Senna e Alesi. In Spagna , dopo aver segnato il giro veloce, taglia il traguardo in terza posizione come a Suzuka , mentre è quinto in Australia nell'ultima prova iridata, interrotta anticipatamente a causa di un violento temporale che rende impraticabile la pista [65] . Conclude il suo migliore campionato in terza posizione preceduto da un inarrivabile Senna e dal compagno di squadra Mansell, che comunque riesce a battere frequentemente in qualifica e spesso in gara, ottenendo anche un maggior numero di risultati utili [59] .

1992

Nonostante l'interessamento di altre squadre [59] , Patrese rimane con la Williams anche nel1992 , anno in cui è lo sportivo italiano più pagato con uno stipendio di quasi 10 miliardi [66] , lavorando nel periodo invernale per sviluppare e migliorare ulteriormente la vettura, ribattezzata FW14B, con la consapevolezza di poter lottare per il Campionato del mondo [67] . La squadra si affida invece a Mansell per tentare la scalata al titolo, assicurando al britannico la precedenza nelle modifiche sulla vettura e nell'uso del muletto, relegando di fatto l'italiano a seconda guida, ruolo che nel corso della stagione accetta mettendosi a disposizione della squadra e del compagno [67] [68] [69] .

Il divario tra i due piloti è evidente già ad inizio stagione quando Mansell vince cinque volte in cinque gare con Patrese secondo in quattro occasioni [67] . Durante una sessione di prove a Imola perde il controllo della monoposto a causa dell'afflosciamento di uno pneumatico schiantandosi contro un muretto fortunatamente senza gravi conseguenze; il primo pilota a fermarsi per soccorerlo è l'amico Alboreto che assiste all'incidente mentre Mansell parte dai box in bicicletta per andare a sincerarsi delle condizioni del compagno di squadra [70] . Nella parte centrale del campionato la situazione non cambia tanto che parte sempre dalla prima fila e sale spesso sul podio preceduto dal compagno di scuderia; in Francia riesce a portarsi al comando, ma dopo l'interruzione della corsa a causa della pioggia troppo intensa, da Frank Williams arriva l'ordine di scuderia di lasciare strada a Mansell, che vince quindi la gara davanti al padovano [71] . La prima soddisfazione dell'anno arriva in Ungheria , dove ottiene la pole position battendo l'inglese e Senna, anche se in gara è costretto al ritiro dopo essere stato a lungo in testa.

Monte Carlo, 28 maggio 1992. Patrese guida la Williams FW14B nell'impegnativo Gran Premio di Monaco, concluso al terzo posto.

In settembre, dopo il Gran Premio del Belgio , la Benetton annuncia di avere ingaggiato per la prossima stagione Patrese che dopo la lunga permanenza in Williams non viene confermato per fare posto a Prost [69] . A Monza si trova in testa alla gara a pochi giri dalla fine quando, ormai sicuro di poter vincere, il cambio si blocca in quarta marcia, le sospensioni attive perdono funzionalità e la vettura corre con il posteriore eccessivamente abbassato e l'anteriore appena appoggiato sull'asfalto; con grandi rischi porta a termine la prova per racimolare qualche punto utile nella lotta con Schumacher per il secondo posto in Campionato [72] . Dopo la gara Frank Williams gli propone di rimanere con la sua squadra ancora per una stagione, ma Patrese declina l'offerta deciso a rispettare il contratto stipulato con la Benetton [73] . All' Estoril , mentre si appresta a sorpassare Berger, questi frena in modo improvviso e pericoloso per rientrare ai box; non potendolo evitare Patrese lo tampona e la macchina si impenna, sollevandosi da terra, e si schianta contro il muretto. Nonostante la monoposto sia completamente distrutta, il pilota non riporta gravi conseguenze [74] . Al successivo Gran Premio del Giappone le Williams partono in prima fila con Mansell in pole position e conducono la gara fino a quando l'inglese rallenta e lascia passare il compagno, consentendo a Patrese di vincere il suo sesto Gran Premio alla fine di una stagione difficile in cui comunque diventa vicecampione del mondo dopo aver aiutato Mansell e la Williams a vincere il Titolo piloti e quello costruttori .

L'ultimo anno in Benetton (1993)

Patrese nel paddock di Silverstone prima del Gran Premio di Gran Bretagna 1993 .

Patrese disputa la stagione1993 per la Benetton , con cui aveva avuto dei contatti già due anni prima, firmando un contratto di un anno dopo non essere stato confermato dalla Williams che, alla fine di una lunga e proficua collaborazione con l'italiano, preferisce prendere Prost di rientro alle corse; viene assunto da Briatore , capo della scuderia anglo trevigiana, per la grande esperienza da mettere a disposizione del team unita ad una competitività ancora elevata, diventando seconda guida per il giovane e promettente Michael Schumacher , futuro pluricampione del mondo [69] [75] .

Alla fine del 1992 partecipa ad un test a Le Castellet dove fatica a trovare il feeling con la vettura, preparata per le caratteristiche di guida di Schumacher, e polemizza con la squadra rifiutando di svolgere la simulazione di un Gran Premio, poi affidata al collaudatore Alex Zanardi [76] . Inizia il campionato con la B193A , con cui si ritira due volte, poi sostituita dalla B193B alternando ritiri e discreti piazzamenti; il compagno di squadra si dimostra molto più veloce e competitivo di Patrese, da par suo convinto che la superiorità del tedesco dipenda solo dai privilegi di cui godrebbe in squadra, e di essere in grado di batterlo avendo a disposizione gli stessi mezzi. Si arriva così al Gran Premio di Gran Bretagna in cui i due piloti devono qualificarsi utilizzando entrambi la vettura dell'italiano, che confida quindi di battere il giovane compagno, e che invece viene superato nettamente [75] . Patrese ammette la sconfitta affermando:

«Stracciò il mio tempo. Controllai allibito i dati del computer: era proprio vero, non c'erano errori di cronometraggio. Fu un momento imbarazzante: per la prima volta, dopo sedici stagioni di Formula Uno, dovevo accettare l'idea di aver incontrato un compagno di squadra nettamente più forte di me. La conseguenza era ovvia, dovevo rassegnarmi alla pensione. Ma mi consolai con un pensiero proibito: mi ero imbattuto in un fenomeno e probabilmente nemmeno Senna, il migliore di tutti noi, sarebbe stato in grado di reggere il confronto con il tedesco.»

( Riccardo Patrese, dal libro Michael Schumacher: leggenda di un uomo normale . )
Michael Schumacher al volante della Benetton nel 1993; la netta superiorità del giovane compagno di squadra porterà Patrese a ritirarsi a fine stagione.

In gara arriva terzo al traguardo, primo podio stagionale, preceduto dal vincitore Prost e da Schumacher. Ad Hockenheim festeggia il duecentocinquantesimo Gran Premio [61] , sale sul secondo gradino del podio in Ungheria , è sesto a Spa e quinto a Monza . Nonostante i buoni risultati la stagione di Patrese è piuttosto difficile in quanto subisce costantemente la superiorità agonistica di Schumacher [75] ma soprattutto le vessazioni di Briatore [6] [77] [78] che, nel 1994, commentando in modo ironico e polemico la stagione dell'italiano dirà: «Era già un ex pilota» [79] . Il Gran Premio d'Australia è l'ultimo disputato da Riccardo Patrese, il numero 256, record storico rimasto imbattuto fino al Gran Premio di Turchia 2008 quando viene superato dal brasiliano Rubens Barrichello , che proprio nel 1993 fa il suo esordio in Formula 1. [61] Conclude il campionato al quinto posto con meno della metà dei punti ottenuti dal compagno di squadra.

Le esperienze dopo il ritiro

Con la consapevolezza di aver ottenuto meno di quanto sperato sul piano agonistico, Patrese ha affermato di ritenersi soddisfatto della sua lunga carriera che gli ha portato successi, popolarità, benessere e ha più volte ribadito di essere orgoglioso di aver fatto le sue scelte, giuste o sbagliate, senza farsi influenzare e in modo particolare è fiero del fatto di essere sempre stato cercato dalle squadre e di non aver mai portato soldi per gareggiare [9] ; l'unico rammarico è quello di non aver mai trovato un accordo per correre con la Ferrari nonostante i numerosi contatti [6] .

Dopo la delusione dell'ultima stagione con la Benetton e il conseguente ritiro, Patrese medita il rientro in Formula 1 ed entra in contatto con la Sauber motorizzata Mercedes per collaborare allo sviluppo della vettura [6] . Nel 1994 Patrese prende accordi con Frank Williams per disputare dei test e discutere il rientro alle competizioni nella stagione successiva, ma dopo la tragica morte di Senna ad Imola , quando diventa uno dei possibili sostituti del brasiliano, decide di ritirarsi definitivamente dalla Formula 1 [51] . In una successiva intervista dichiara:

«Quando correvo in Formula 1 anch'io ero fatalista, mi ripetevo sempre che a me non sarebbe mai capitato. Ho capito che l'incidente mortale sarebbe potuto capitare a chiunque quando ho visto morire Senna, che era il migliore pilota del mondo, aveva la migliore macchina della Formula 1, curata nel modo migliore del mondo. Allora capii e dissi basta: e le corse sono riuscito a mandarle a quel paese.»

( Riccardo Patrese, in un'intervista su Corriere della Sera del 26 aprile 2001 )

Patrese non tornerà più a gareggiare nella massima serie, anche se negli anni successivi prenderà parte ad alcune prove. Nel 1996, a quarantadue anni e dopo tre senza guidare una monoposto, partecipa ad un test con la Williams FW18 a Silverstone percorrendo un giro lanciato in un minuto e ventotto secondi; al Gran Premio di Gran Bretagna della stagione in corso si sarebbe qualificato con il quinto tempo ad un secondo dal poleman Hill con la stessa macchina [80] . Nel settembre del 2008, all'età di cinquantaquattro anni, torna a guidare una monoposto di Formula 1 sul circuito di Jerez de la Frontera portando a termine venti giri con la Honda RA107 [81] .

Endurance

I trionfi nel Mondiale Marche con la Lancia (1979-1985)

Patrese impegnato in una prova del Giro automobilistico d'Italia nel 1978 con la Fiat Ritmo Gruppo 2.

Tra la fine degli anni settanta e la prima metà degli anni ottanta Riccardo Patrese è impegnato su due fronti gareggiando in Formula 1 e nell' endurance , categoria in cui lega il suo nome alla Lancia , guidando con successo le vetture della casa torinese nel Mondiale marche .

Dopo l'esperienza positiva al Giro d'Italia del 1978, quarto di classe e primo di categoria al volante della piccola Fiat Ritmo 75 TC [82] , Patrese viene assunto dalla Lancia per pilotare la Beta Montecarlo Turbo del Gruppo 5 nella stagione 1979 ; dopo un periodo dedicato allo sviluppo e ai collaudi porta la vettura al debutto in gara con Walter Röhrl in occasione della 1000 km di Silverstone ritirandosi; nello stesso anno segna la pole position alla 6 Ore di Pergusa tagliando il traguardo in seconda posizione, primo di classe, in coppia con Carlo Facetti .

Nürburg, 24 maggio 1980. Patrese al volante della Lancia Beta Montecarlo alla 1000 km del Nürburgring.

Nella stagione 1980 disputa sette prove del Campionato vincendo le 6 Ore di Brands Hatch con Walter Röhrl, del Mugello con Eddie Cheever e di Watkins Glen con Hans Heyer e sale sul terzo gradino del podio alla 1000 km di Monza e alla 6 ore di Vallelunga contribuendo alla vittoria della Lancia nel Mondiale Marche; a fine stagione si impone al Giro d'Italia con Markku Alén e Ilkka Kivimaki . Dalla stagione 1981 le Lancia Montecarlo ufficiali vengono gestite dal Martini Racing ; Patrese partecipa a tutte le sei prove valide per il Campionato, si ritira alla 24 Ore di Le Mans che disputa per la prima volta, per poi vincere come l'anno precedente la 6 Ore di Watkins Glen, questa volta con Michele Alboreto , mentre la Lancia si aggiudica il secondo Titolo consecutivo.

Il Martini Racing porta in gara per la stagione 1982 la nuova LC1 , barchetta del Gruppo 6 . A Monza , prima gara stagionale, Patrese centra la pole position ma dopo aver segnato il giro veloce in gara è costretto al ritiro mentre vince a Silverstone in coppia con Alboreto ottenendo anche un altro giro veloce [83] . Durante le prove della 1000 km del Nürburgring la vettura di Patrese perde aderenza in un dosso impennandosi e si ferma appoggiata sul roll-bar con le ruote in aria e il pilota svenuto sotto la vettura; Alboreto, che assiste all'incidente, è il primo a fermarsi per aiutare i commissari di percorso ad estrarre il corpo del compagno di squadra che si riprende senza gravi conseguenze e il giorno successivo parte regolarmente [84] . In gara, dopo un foratura, si rompe il cambio e Patrese è costretto a salire sulla macchina di Alboreto e Fabi , portandola fino al traguardo in prima posizione [84] . Si ritira alla 24 Ore di Le Mans , è terzo a Spa , si ritira nuovamente al Mugello dove parte dalla pole position per poi giungere secondo al Fuji e Brands Hatch [83] . Conclude la stagione al secondo posto del Campionato mondiale piloti, assegnato per la prima volta, con ottantasette punti contro i novantacinque di Jacky Ickx .

Una Lancia LC2 del Martini Racing esposta nel museo di Le Mans.

Nelle stagioni 1983 , 1984 e 1985 non partecipa assiduamente al campionato dove guida ancora le Lancia ufficiali del Martini Racing. La LC2 utilizzata in questo triennio è un prototipo del Gruppo C veloce, ma non sempre affidabile, con cui Patrese segna sei pole position, quattro giri veloci e vince le 1000 km Kyalami e di Spa [83] .

Il ritorno a Le Mans con la Nissan (1997)

Una Nissan R390 GT1 come quella guidata da Patrese a Le Mans nel 1997.

Nel 1997 ritorna al volante di una Sport Prototipo per partecipare alla 24 Ore di Le Mans con Eric van de Poele e Aguri Suzuki alla guida della Nissan R390 GT1 ufficiale. Nelle prequalifiche di maggio ottengono il diciassettesimo tempo [85] . Nelle prove ufficiali si qualificano con il quarto tempo [86] , ma in gara sono costretti al ritiro per problemi al cambio dopo dieci ore e centoventuno giri [87] .

Altre competizioni

Nel 1980 partecipa alla gara di Imola del Campionato Production Car con una BMW M1 piazzandosi al nono posto [88] . Nel 1987 con una BMW M3 in coppia con Johnny Cecotto vince la 500 km di Monza , valida per il Campionato del mondo turismo , ma vengono squalificati per irregolarità tecniche come le altre M3 in gara, mentre alla 500 km di Imola del Campionato europeo turismo parte dalla pole position ma è costretto al ritiro in gara [89] .

Con l' Alfa 75 Turbo ufficiale prende parte al Campionato italiano superturismo del 1988; dopo i secondi posti a Vallelunga e Mugello sigla la pole a Magione e vince la gara, si ritira a Monza ed è diciottesimo a Imola [89] . In occasione del Gran Premio d'Italia di Formula 1 porta in pista per un'esibizione pubblica l' Alfa 164 Pro Car , un prototipo dotato di un motore V10 di 3,5 litri in grado di erogare 620CV nascosto sotto la carrozzeria apparentemente di serie, portandola alla velocità di 329 km/h [90] . Con i rallysti Miki Biasion e Tiziano Siviero vince il Giro d'Italia al volante di un'Alfa 75 Turbo in versione IMSA , bissando il successo del 1980.

Prende parte alla Super Tourenwagen Cup del 1995 con la Ford Mondeo 4x4 ma non ottiene risultati di rilievo [89] .

Partecipa ad alcune prove del Grand Prix Masters , una serie riservata ad ex-piloti di Formula 1. Nel 2005, alla gara di Kyalami , si qualifica con il terzo tempo e conclude la corsa nelle stessa posizione battuto da Nigel Mansell ed Emerson Fittipaldi ; l'anno successivo disputa altre due gare piazzandosi decimo a Losail e sesto a Silverstone [91] .

Palmarès

Karting

  • Campionato mondiale (1974)
  • Campionato europeo a squadre (1973 e 1974)
  • Campionato italiano I categoria (1972)

Automobilismo

Risultati

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Risultati sportivi di Riccardo Patrese .
Campionato mondiale Formula 1
1977 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of Japan.svg Punti Pos.
Shadow DN8 9 Rit Rit Rit 10 13 Rit 10 6 1 20º
1978 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Sweden.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Punti Pos.
Arrows FA1 e A1 10 Rit 6 6 Rit Rit 2 8 Rit 9 Rit Rit Rit ES 4 11 12º
1979 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Arrows A1B e A2 NP 9 11 Rit 10 5 Rit 14 Rit Rit Rit Rit 13 Rit Rit 2 20º
1980 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of the United States.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Punti Pos.
Arrows A3 Rit 6 Rit 2 Rit 8 9 9 9 14 Rit Rit Rit Rit 7
1981 Scuderia Vettura Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Argentina.svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of Spain (1977 - 1981).svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Canada.svg Flag of Las Vegas, Nevada.svg Punti Pos.
Arrows A3 Rit 3 7 2 Rit Rit Rit 14 10 Rit Rit Rit Rit Rit 11 10 11º
1982 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of the United States.svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of France.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of Italy.svg Flag of Las Vegas, Nevada.svg Punti Pos.
Brabham BT50 e BT49 Rit Rit 3 Rit 1 Rit 2 15 Rit Rit Rit Rit 5 Rit Rit 21 10º
1983 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Europe.svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Punti Pos.
Brabham BT52 Rit 10 Rit Rit Rit Rit Rit Rit Rit 3 Rit 9 Rit 7 1 13
1984 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Belgium.svg Flag of San Marino.svg Flag of France.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of the United States.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Europe.svg Flag of Portugal.svg Punti Pos.
Alfa Romeo 184T Rit 4 Rit Rit Rit Rit Rit Rit Rit 12 Rit 10 Rit 3 6 8 8 13º
1985 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Portugal.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Austria.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Belgium.svg Flag of Europe.svg Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Alfa Romeo 185T e 184TB Rit Rit Rit Rit 10 Rit 11 9 Rit Rit Rit Rit Rit 9 Rit Rit 0
1986 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Spain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Mexico.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Brabham BT55 e BT54 Rit Rit 6 Rit 8 Rit 6 7 Rit Rit Rit Rit Rit Rit 13 Rit 2 17º
1987 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Belgium.svg Flag of Monaco.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Mexico.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Brabham e Williams [92] BT56 e FW11B Rit 9 Rit Rit 9 Rit Rit Rit 5 Rit Rit Rit 13 3 11 9 6 13º
1988 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Williams FW12 Rit 13 6 Rit Rit Rit Rit 8 Rit 6 Rit 7 Rit 5 6 4 8 11º
1989 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Mexico.svg Flag of the United States.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Williams FW12C e FW13 Rit Rit 15 2 2 2 3 Rit 4 Rit Rit 4 Rit 5 2 3 40
1990 Scuderia Vettura Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Williams FW13B 9 13 1 Rit Rit 9 6 Rit 5 4 Rit 5 7 5 4 6 23
1991 Scuderia Vettura Flag of the United States.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Mexico.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Williams FW14 Rit 2 Rit Rit 3 1 5 Rit 2 3 5 Rit 1 3 3 5 53
1992 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Spain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Williams FW14B 2 2 2 Rit 2 3 Rit 2 2 8 Rit 3 5 Rit 1 Rit 56
1993 Scuderia Vettura Flag of South Africa 1928-1994.svg Flag of Brazil.svg Flag of Europe.svg Flag of San Marino.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Benetton B193A e B193B Rit Rit 5 Rit 4 Rit Rit 10 3 5 2 6 5 16 Rit 8 20
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota

Riconoscimenti

Alboreto e Patrese alla premiazione dei Caschi d'Oro di Autosprint.

Nella sua lunga carriera al volante di kart , monoposto , sportprototipi e vetture turismo Riccardo Patrese è stato premiato con prestigiosi riconoscimenti per i suoi meriti sportivi [22] :

1972 : Pilota d'Oro Karting .
1973 : Medaglia d'argento al valore atletico per la vittoria nel Campionato europeo di kart.
1974 : Medaglia d'oro al valore atletico per la vittoria nel Campionato del mondo di kart e Medaglia d'oro della rivista Autosprint.
1976 : Casco d'oro della rivista Autosprint , Premio Ascari, Castellotti, Musso e Premio Rocca Pendice .
1977 : Premio Chevron per l'automobilismo.
1979 : Premio nazionale La Torretta per lo sport.
1980 : Miglior pilota italiano dell'anno, Premio Ascari, Castellotti, Musso .
1981 : Campione del triveneto per i lettori de La Gazzetta dello Sport .
1989 : Premio Il Gattamelata per i lettori dello Sportivo Padovano, Trofeo d'eccellenza dell'Associazione Nazionale Corridori Automobilisti, Trofeo Ludovico Scarfiotti , Miglior pilota italiano , Medaglia d'argento al valore atletico per il terzo posto nel Campionato del mondo di Formula 1, Medaglia di bronzo al valore atletico per la vittoria nel Campionato italiano assoluto di velocità.

Nel 2011, nell'ambito del Premio Internazionale Fair Play Mecenate di Cortona , ha ricevuto un riconoscimento per l'impegno sociale grazie all'attività svolta con la Nazionale Piloti ed è stato nominato Ambasciatore del Fair Play [93] [94] .

Note

  1. ^ Assoluto Di Velocità 1953-2003 , in Digilander.libero.it . URL consultato il 5 aprile 2013 .
  2. ^ ( EN ) Drivers: Riccardo Patrese , su grandprix.com . URL consultato l'11 luglio 2010 .
  3. ^ a b Casamassima , pag. 704.
  4. ^ Nestore Morosini, L'amico Patrese. «Non riusciva a smettere» , in Corriere.it , 26 aprile 2001, p. 17. URL consultato il 30 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 31 ottobre 2013) .
  5. ^ a b c Patrese R. , su formula1news.it . URL consultato il 16 luglio 2010 .
  6. ^ a b c d Mario Donnini, Riccardo va giù duro , in Rpatrese.net . URL consultato il 9 agosto 2014 (archiviato dall' url originale l'11 agosto 2014) .
  7. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t Riccardo, racconta , in Riccardo Patrese - The Italian Hero . URL consultato il 26 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 29 ottobre 2013) .
  8. ^ a b Claudio Casaroli, Nel mezzo del cammin di nostra vita... , su rpatrese.net . URL consultato il 26 agosto 2014 (archiviato dall' url originale il 3 febbraio 2015) .
  9. ^ a b c d e f g h i j k Maurizio Refini , pp. 5-17 .
  10. ^ Maurizio Refini , p. 43 .
  11. ^ Adina Agugiaro, Supercene «pubbliche» e segrete , in Gelocal.it , 2 gennaio 2009. URL consultato l'8 agosto 2014 .
  12. ^ Agnese Vigna, San Domenico Golf prenota il Challenge anche per il 2007 , in Lastampa.it , 22 ottobre 2006. URL consultato l'8 agosto 2014 .
  13. ^ Intervista a Riccardo Patrese , su formulapassion.it , 29 ottobre 2015. URL consultato il 1º febbraio 2017 .
  14. ^ Un pilota in sella , in Digilander.libero.it . URL consultato il 19 ottobre 2013 .
  15. ^ L'Italia in pista , in Autosprint Maxi , 6 marzo 1984, p. 3.
  16. ^ Nazionale Piloti. Le origini, i traguardi , in rai.it . URL consultato il 4 agosto 2014 (archiviato dall' url originale il 12 agosto 2014) .
  17. ^ Nazionale Piloti - Riccardo Patrese , in Nazionale Piloti.it . URL consultato il 19 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 22 ottobre 2013) .
  18. ^ Vincenzo Zaccagnino, I trenini elettrici diventano digitali , in Corriere della Sera , 29 gennaio 2001, p. 22. URL consultato il 19 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 13 agosto 2014) .
  19. ^ L'EREDITÀ DI MIO FRATELLO , in Quattroruote.it . URL consultato il 19 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 20 ottobre 2013) .
  20. ^ ( EN ) Karting Results , su The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 22 giugno 2014 (archiviato dall' url originale l'11 agosto 2014) .
  21. ^ ( EN ) Formula Italia Results , su The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 22 giugno 2014 (archiviato dall' url originale il 17 novembre 2015) .
  22. ^ a b c Maurizio Refini , pp. 61-68 .
  23. ^ ( EN ) Formula 3 Results , su The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 22 giugno 2014 (archiviato dall' url originale l'11 agosto 2014) .
  24. ^ I Signori della Formula 1, Patrese del 23 maggio 2015 - Sky F1.
  25. ^ a b ( EN ) Formula 2 Results , su The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 22 giugno 2014 (archiviato dall' url originale l'11 agosto 2014) .
  26. ^ ( EN ) Formula Pacific & Atlantic Results , su The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 22 giugno 2014 (archiviato dall' url originale l'11 agosto 2014) .
  27. ^ ( EN ) In from the Outside , in The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 30 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 14 ottobre 2013) .
  28. ^ Cesare Maria Mannucci, Colpevole di clonazione , in Autosprint , 21 gennaio 2003, p. 34.
  29. ^ Riccardo Patrese, 60 anni lontano dalla Rossa , in Sky.it , 17 aprile 2014. URL consultato il 27 giugno 2014 (archiviato dall' url originale il 14 luglio 2014) .
  30. ^ Riccardo Patrese: «Sono stato molto vicino alla Ferrari» , in Automoto , 19 marzo 2013. URL consultato il 7 ottobre 2013 .
  31. ^ Brabham BT46: la ventola fa vincere, ma solo per una gara , in Duemotori , 18 giugno 2010. URL consultato il 7 ottobre 2013 .
  32. ^ Monza 1978, la giornata più nera , in Libero.it , 6 settembre 2012. URL consultato il 7 ottobre 2013 .
  33. ^ Patrese, fine di un sospetto , in Libero.it . URL consultato il 7 ottobre 2013 .
  34. ^ ( EN ) 1978 Italian GP , in The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 7 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 6 ottobre 2013) .
  35. ^ ( FR ) Arrows A2 , in STATS F1 . URL consultato il 30 ottobre 2013 .
  36. ^ ( EN ) PATRESE:THE STORY OF THE MAN , in The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 30 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 14 ottobre 2013) .
  37. ^ a b Hodges , pp. 279.
  38. ^ Cesare Maria Mannucci, La freccia si è spezzata , in Autosprint , 21 gennaio 2003, p. 37.
  39. ^ a b Cesare Maria Mannucci, Quelle incredibili "quasi" vittorie , in Autosprint , 21 gennaio 2003, p. 37.
  40. ^ Accadde oggi-17 maggio , in Ferrari.com , 17 maggio 1981. URL consultato il 1º agosto 2014 (archiviato dall' url originale l'8 agosto 2014) .
  41. ^ SFIDE - La storia di due "duelli" inconsueti avvenuti a 50 anni di distanza l'uno dall'altro , in Libero.it . URL consultato il 21 luglio 2014 .
  42. ^ Monaco, 70 edizioni di pathos: storie e personaggi, curva per curva , 23 maggio 2011. URL consultato il 23 maggio 2011 .
  43. ^ F1 - GP Monaco 1982: alla roulette vince Patrese , in F1 Passion.it , 19 maggio 2012. URL consultato il 7 aprile 2013 (archiviato dall' url originale il 21 maggio 2012) .
  44. ^ Cristiano Chiavegato, Tambay ringrazia Patrese , in Stampa Sera , 2 maggio 1983, p. 23.
  45. ^ Marino Bartoletti, Vedrete che Alfa , in Autosprint Maxi , 6 marzo 1984, p. 7.
  46. ^ a b Carlo Marincovich, Rinata per correre , in La Repubblica , 25 gennaio 1985, p. 29.
  47. ^ Giancarlo Cevenini, La Ferrari è strepitosa, ma poi arriva De Angelis , in Autosprint , n. 10, 6 marzo 1984, p. 14.
  48. ^ 900 cavalli per l'Alfa , in La Repubblica , 17 marzo 1985, p. 27.
  49. ^ PATRESE HA CITATO L'EURORACING: VUOLE 700 MILIONI , 7 dicembre 1985. URL consultato l'8 ottobre 2013 .
  50. ^ Alfa Romeo TEAM HISTORY , in All Formula One Info . URL consultato l'8 ottobre 2013 .
  51. ^ a b c Filmato audio I Signori della Formula 1 - Riccardo Patrese , Riccardo Patrese-The Italian Hero. URL consultato il 31 ottobre 2013 .
  52. ^ UFFICIALE: DE ANGELIS E PATRESE SU BRABHAM NELL' 86 , in La Repubblica , 10 dicembre 1985. URL consultato il 28 ottobre 2013 .
  53. ^ Brabham BT55: una “sogliola” nel Circus , in F1Passion.it , 16 maggio 2013. URL consultato il 9 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 19 ottobre 2013) .
  54. ^ QUANDO LA VITA DIPENDE DA UNA VITE , in La Repubblica , 16 maggio 1986. URL consultato il 9 ottobre 2013 .
  55. ^ 15 maggio 1986: in seguito a un terribile incidente, perde la vita il pilota Elio De Angelis , in MentalitàSportiva.it , 15 maggio 2013. URL consultato il 9 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 19 ottobre 2013) .
  56. ^ Paolo D'Alessio , pp. 70-71 .
  57. ^ a b Nestore Morosini, Patrese, l'ultimo degli italiani: «Aspetto Trulli e Fisichella» , in Corriere.it , 25 ottobre 1992. URL consultato il 26 agosto 2014 (archiviato dall' url originale il 5 febbraio 2015) .
  58. ^ a b ANNUNCIO WILLIAMS: PATRESE È NOSTRO , in La Repubblica . URL consultato il 9 ottobre 2013 .
  59. ^ a b c d Shaun Campbell, Resurrezione di una Superstar , in Autocar & Motor , 31 luglio 1991. URL consultato il 12 luglio 2014 (archiviato dall' url originale il 27 aprile 2013) .
  60. ^ ( EN ) GRAND PRIX RESULTS: JAPANESE GP, 1989 , in Grandprix.com . URL consultato il 10 ottobre 2013 .
  61. ^ a b c ( EN ) I record di Riccardo Patrese , in Storie Azzurre . URL consultato l'8 ottobre 2013 .
  62. ^ Carlo Marincovich, Finalmente è Alesi , in La Repubblica , 19 settembre 1990. URL consultato il 6 luglio 2014 .
  63. ^ L'Inghilterra in lacrime per il ritiro di zio Mansell , in La Repubblica , 17 luglio 1990. URL consultato il 6 luglio 2014 .
  64. ^ ( EN ) GRAND PRIX RESULTS: UNITED STATES GP, 1991 , in GrandPrix.com , 10 marzo 1991. URL consultato l'11 ottobre 2013 .
  65. ^ Acqua, sabbia e neve: quando la natura si ribella alla Formula 1 , in F1Web.it , 19 dicembre 2011. URL consultato l'11 ottobre 2013 .
  66. ^ JORDAN È IL PAPERONE 50 MILIARDI IN UN ANNO , in Repubblica.it , 10 novembre 1992. URL consultato il 9 agosto 2014 .
  67. ^ a b c Nestore Morosini, Mansell riesce a far vincere Patrese , in Corriere.it , 26 ottobre 1992. URL consultato il 12 luglio 2014 (archiviato dall' url originale il 19 ottobre 2013) .
  68. ^ Patrese si rassegna: nella Williams sono il numero 2 , in Repubblica.it , 17 maggio 1992. URL consultato il 12 luglio 2014 .
  69. ^ a b c Patrese, ecco la Benetton , in Repubblica.it , 4 settembre 1992. URL consultato il 12 luglio 2014 .
  70. ^ Patrese contro un muro , in Repubblica.it , 9 maggio 1992. URL consultato il 12 luglio 2014 .
  71. ^ Leo Turrini , p. 106 .
  72. ^ Nestore Morosini, Riccardo cuor di sfortuna , in Corriere.it , 14 settembre 1992. URL consultato il 12 luglio 2014 .
  73. ^ ' MANSELL, NON TI HO CACCIATO' , in Repubblica.it , 16 settembre 1992. URL consultato il 9 agosto 2014 .
  74. ^ Giancarlo Falletti, Riccardo cuor di sfortuna , in Corriere.it , 14 settembre 1992. URL consultato il 12 luglio 2014 (archiviato dall' url originale l'8 febbraio 2015) .
  75. ^ a b c Leo Turrini , pp. 34-38 .
  76. ^ Alex Zanardi e Gianluca Gasparini , pp. 118-121 .
  77. ^ Lodovico Basalù, La Renault lascia a piedi Trulli, Briatore chiama Villeneuve , in Unita.it , 15 settembre 2004. URL consultato il 2 agosto 2014 (archiviato dall' url originale l'8 agosto 2014) .
  78. ^ Giorgio Dell'Arti, Flavio Briatore , in Corriere.it . URL consultato il 2 agosto 2014 .
  79. ^ Roberto Boccafogli e Tommaso Valentinetti , p. 53 .
  80. ^ Fine Fellows , in The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 7 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 6 ottobre 2013) .
  81. ^ Honda F.1: UN TEST PER PATRESE [ collegamento interrotto ] , in Quattroruote , 10 settembre 2008. URL consultato il 7 ottobre 2013 .
  82. ^ Giro d'Italia: 1978-1988 , in The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 4 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 4 ottobre 2013) .
  83. ^ a b c Sports Car Results , su Riccardopatrese.net . URL consultato il 20 luglio 2014 (archiviato dall' url originale l'11 agosto 2014) .
  84. ^ a b Patrese: da miracolato a vincitore della 1000 km del Nürburgring 1982 , in F1Passion , 6 luglio 2013. URL consultato il 4 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 4 ottobre 2013) .
  85. ^ ( EN ) Prequalifying Le Mans , in Racing Sports Cars . URL consultato il 4 ottobre 2013 .
  86. ^ ( EN ) Le Mans 24 Hours - Grid Positions , in Racing Sports Cars . URL consultato il 4 ottobre 2013 .
  87. ^ ( EN ) Le Mans 24 Hours - Race Results , in Racing Sports Cars . URL consultato il 4 ottobre 2013 .
  88. ^ Procar Imola - 1980 , in Racing Sports Cars . URL consultato il 4 ottobre 2013 .
  89. ^ a b c ( EN ) Touring Cars: 1987-95 , in The Riccardo Patrese Website . URL consultato il 5 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 5 ottobre 2013) .
  90. ^ ( EN ) Alfa 164 V10 Pro Car , in Veloce Today . URL consultato il 5 ottobre 2013 .
  91. ^ ( EN ) GP Mastrer 2005-6 , in The Riccardo Patrese Website . URL consultato l'8 ottobre 2013 (archiviato dall' url originale il 6 ottobre 2013) .
  92. ^ Con la Williams nel GP d'Australia.
  93. ^ A CORTONA PREMIATI 20 NUOVI AMBASCIATORI DEL FAIR PLAY: TRA LORO ANCHE ALESSANDRO FEI , in sisleyvolley.it , 14 luglio 2011. URL consultato il 5 aprile 2013 .
  94. ^ PREMIO FAIR PLAY MECENATE: A CORTONA 20 CAMPIONI PREMIATI COME NUOVI AMBASCIATORI , su viaroma100.net , 18 luglio 2011. URL consultato il 27 dicembre 2014 .

Bibliografia

  • David Hodges, AZ of Formula Racing Cars , Bideford, Bay View Books, 1990, ISBN 1-870979-16-8 .
  • Maurizio Refini, Patrese 200 volte, VIA! , Editrice NIS, 1991.
  • Leo Turrini, F.1 '92. L'anno di Mansell , Milano, Vallardi&Associati, 1992, ISBN 88-85202-30-6 .
  • Tom Roberts, Bryn Williams, F1 93 Il Campionato mondiale di Formula 1 nelle foto a colori più spettacolari , Milano, Vallardi&Associati, 1993, ISBN 88-85202-27-6 .
  • Pino Casamassima, Storia della Formula 1 , Calderini Edagricole, 1996, ISBN 88-8219-394-2 .
  • Enzo Ferrari , Piloti che gente... , Conti Editore, 2003.
  • Alex Zanardi e Gianluca Gasparini, ...però, Zanardi da Castel Maggiore! , Milano, Baldini Castoldi Dalai Editore, 2003, ISBN 88-8490-329-7 .
  • Paolo D'Alessio, Formula 1 Top Team , Savigliano, Gribaudo, 2003, ISBN 88-8058-550-9 .
  • Leo Turrini , Michael Schumacher: leggenda di un uomo normale , Milano, Arnoldo Mondadori Editore , 2005, ISBN 88-04-64126-6 .
  • Roberto Boccafogli e Tommaso Valentinetti (a cura di), La grande storia di Michael Schumacher , San Lazzaro di Savena, Conti Editore, 2006.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 170611381 · ISNI ( EN ) 0000 0001 1967 0889 · LCCN ( EN ) no2019019414 · BNF ( FR ) cb142692032 (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-no2019019414
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità .
È stata riconosciuta come tale il giorno 12 marzo 2015 — vai alla segnalazione .
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni · Criteri di ammissione · Voci di qualità in altre lingue