Premye kwazad

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Premye kwazad
yon pati nan kwazad yo
Godefroi1099.jpg
Minyati 14yèm syèk ki dekri syèj la nan lavil Jerizalèm . Godfrey Bouillon sèvi ak yon gwo kay won sènen toupatou sou miray ranpa yo.
Dat 1096 - 1099
Mete Azi minè , Levan , Palestine
Casus belli
Rezilta Viktwa desizif pou krwaze yo ak kontwòl sou teritwa a
Chanjman teritoryal Kwazad konkeri Anatoliy ak Levant la epi yo te jwenn Peyi Wa ki nan lavil Jerizalèm ak Etazini yo Kwazad
Deplwaman
Kòmandan
Rimè lagè sou Wikipedia

Premye kwazad la (1096-1099) se te premye nan yon seri de ekspedisyon, ki rele kwazad , ki te eseye konkeri Tè Sent la , envoke pa Pap Urban II nan kou a nan yon omeli bay pandan Konsèy la nan Clermont nan 1095. Li te kòmanse kòm yon pelerinaj vas nan Krisyanis oksidantal yo ak te fini kòm yon ekspedisyon militè nan Ewòp Katolik repwann kote ki apa pou nan Toupre Oryan an , ki te tonbe anba kontwòl Mizilman yo pandan ekspansyon Islamik la anvan ki te pran plas ant 632 ak 661. Kwazad la te fini nan 1099 ak pran nan lavil Jerizalèm .

Fòmasyon nan lide nan kwazad la te konekte nan devlopman nan pelerinaj ak eleman èskatolojik li yo, men li se lye nan faktè espesifik jeopolitik ak an patikilye nan avans la nan Seljuks yo kont Fatimids yo nan Palestin ak Bizanten yo nan Anatoliy , tèlman bagay ke anperè Bizanten Alexius I Comnenus la tounen vin jwenn pontif la ak chèf lwès yo ede l 'repouse anvayisè yo Tik [1] . Nan repons, Urban II rele Konsèy la nan Clermont, epi, sou Novanm 25, ofisyèlman deklare kwazad la nan bi pou yo konkeri lavil Jerizalèm apre kat syèk nan règ Mizilman yo.

Kwazad ofisyèl la ki te dirije pa anpil chèf Ewopeyen te anvan pa yon ofisyèl ofisyèl kwazad , nan ki yon kantite peyizan, ki te dirije pa Pyè Èrmit la , te fè masak nan mitan popilasyon jwif yo nan Ewòp anvan yo rive nan Anatoliy, kote yo te lou bat. Mizilman yo. Nan 1096, kwazad ofisyèl la, ki te ale nan anpil nòb Ewopeyen Katolik tankou Raymond nan Toulouse , Godfrey nan Bouillon , Bohemond nan Taranto , Baldwin nan Fland , Robert nan Normandy , Hugh nan Vermandois , Stephen II nan Blois , Robert nan Fland ... Tancred nan Altavilla , osi byen ke kòmandan kalifye tankou Guglielmo Embriaco , te kòmanse vwayaj la nan Mwayen Oryan an . Pandan ekspedisyon an, noblès la , kavalye yo , peyizan yo ak sèvitè ki soti nan anpil rejyon nan Ewòp oksidantal vwayaje sou tè ak lanmè, rive premye Konstantinòp ak Lè sa a, lavil Jerizalèm . Kwazad yo te pran Nicea nan 1097 e yo te konkeri Antiòch ane annapre a. Kwazad yo te rive Jerizalèm e yo te sènen l , yo te konkeri li an Jiyè 1099.

Aprè konkèt yo, Kwazad yo te fonde eta kwazad yo : Wayòm Jerizalèm , Konte Tripoli , Prensipès Antiòch ak Konte Edessa . Sa a te kontrè ak volonte nan Bizanten yo nan East kretyen an , ki moun ki espere retounen nan peyi yo te pran nan men Mizilman yo. Aprè renesans Jerizalèm lan, pifò nan kwazad yo te konsidere pelerinaj yo fini epi retounen lakay yo. Sa te kite wayòm kretyen ak grèk yo vilnerab a atak Mizilman yo, ki te vize pou yo repran peyi sa yo.

Istorik

Orijin Kwazad yo, an jeneral, lajman deba nan mitan istoryen yo. Kwazad yo lye anpil ak sitiyasyon politik ak sosyal 11yèm syèk la , ak nesans yon mouvman refòm nan papalite, nan konfwontasyon politik ak relijye nan wayòm kretyen yo avèk sa Islamik yo nan Ewòp ak pwòch oryan an .
Islam, nan kòmansman 8yèm syèk la , te gaye nan Maghreb , peyi Lejip , Gran Siri , Mezopotami - konkeri nan 7yèm syèk la -, epi, nan kòmansman 8yèm syèk la , nan Penensil Iberik la .

Kalifa Omayyad la te bat nan batay Gran Zab la pa kalifa Abbasid nan mitan 8yèm syèk la . Nan ' 800 Kalifa Abbasid Harun al-Rashid la te asiyen nan Ibrahim ibn al-Aghlab l' Ifriqiya kòm yon éréditèr Ini militè ak 827 twoup Aghlabids , te dirije pa Asad ibn al-Furat , yo te ateri nan Sicily , braving lanmè yo, konesans ou pa, pouvwa a k ap monte nan Piz , Genoa , Venice (sa yo Repiblik maritim twa deside bay bato gratis nan Kwazad yo, an echanj pou baz komèsyal nan Tè Sent la ) nan Marseille ak kataloy . Lè sa a, soti nan 1071 Mizilman yo te kòmanse yon konkèt rapid nan Galile, Liban, peyi Siri ak Anatoliy, rive ankò nan pòtay yo nan Konstantinòp.

Nan sid Ewòp ak sou lanmè Mediterane a, peyi Islamik yo Se poutèt sa te diskite ak kretyen yo pou enfliyans politik ak relijye, fòtman enfliyanse komès ak komès.

Sitiyasyon an Ewòp

Nan 11yèm syèk la, rekonkèt la nan penensil la Iberyen pa wayòm kretyen yo kont sa yo Mizilman yo te kontinye rapidman. Pandan menm peryòd la, kavalye etranje, sitou nan Lafrans, te ale nan peyi Espay pou ede kretyen nan batay yo. Yon ti tan anvan premye kwazad la, Pap Urban II te ankouraje kretyen ibè yo rekonkeri Tarragona , lè l sèvi avèk anpil nan menm senbolis ak diskou ke li ta itilize yon ti kras pita pou preche kwazad la bay pèp Ewopeyen an. [2]

Kè Ewòp oksidantal la te estabilize apre Krisyanizasyon pèp Saxon , Viking ak Ongwa nan fen 10yèm syèk la . Sepandan, dezentegrasyon anpi karoleng la te bay yon klas tout vanyan sòlda ki pa gen okipasyon patikilye e souvan nan konba youn ak lòt. [3] Legliz la te kondane regilyèman vyolans souvan eksprime kavalye yo ki an repons te etabli lapè ak trèv Bondye yo nan lòd pou fè pou evite batay nan sèten jou nan ane a. An menm tan an, refòm pap la te antre nan konfli ak anperè yo nan Sentespri Anpi Women an, ki te bay monte nan sa yo rele lit la envestiti . Pap tankou Gregory VII jistifye eklatman ki vin apre ak sipòtè anperè a nan tèm teyolojik, Li pita te vin aksepte ke Pap la te kapab itilize, nan non Krisyanis la, kavalye pa sèlman kont pwòp lènmi politik li yo, men tou kont Al-Andalus oswa, teyorikman, kont dinasti Seljuk tou pre lès la . [4]

Nan lès Ewòp te gen Anpi Bizanten , ki te fòme ak kretyen apre yon rit diferan : Legliz Orthtodòks lès la ak Legliz Katolik la te divize depi 1054. Istoryen yo te diskite ke dezi a enpoze otorite nan Legliz Katolik sou bò solèy leve a li ka yo te youn nan objektif yo nan kwazad la, [5] byenke Urban II pa janm refere yo bay objektif sa a. Apre defèt Bizanten nan batay Manzicenkert nan 1071, Il Tirk Seljuda yo te konkeri prèske tout Anatoliy . Sepandan, teritwa yo te fragmenté ak dirije pa mèt semi-endepandan olye ke sultan la . Sou Ev nan Konsèy la nan Clermont, sitiyasyon an nan Bizant te anyen men fasil. [6] Rive nan mitan an nan 1090, Anpi Bizanten lajman entoure sou Balkan Ewòp ak nò-lwès marginal nan Anatoliy, konsa fè fas a lènmi Norman sou bò solèy kouche a ak Tik sou bò solèy leve. [7] An repons a defèt la nan Manzicerta ak ki vin apre Bizanten pèt teritoryal nan Anatoli nan 1074, Pap Gregory VII te mande militiae Christi la ("sòlda nan Kris la") ale epi ede Bizanten. Demann sa a te lajman inyore e menm reziste. [8] Rezon ki fè la pou sa se ke, byenke defèt la nan Manzicerta te chokan, li te pote avèk li limite siyifikasyon ak pote gwo difikilte nan Anpi Bizanten an, omwen nan kout tèm. [9]

Sitiyasyon nan Mwayen Oryan an

Omeyad kalifat la nan moman ekstansyon pi gran li yo

Jiska rive nan krwaze yo, Bizanten yo te toujou goumen kont Seljuks yo ak lòt dinasti Tik pou kontwòl nan Anatoliy ak peyi Siri. Seljuk yo, ki te Sunni Mizilman odoxtodòks yo , te deja dirije gwo anpi Seljuk la ki, sepandan, apre lanmò Malik Shah I nan 1092 ak nan moman Premye Kwazad la, te divize an plizyè eta pi piti.

Malik-Shah te siksede nan wonm Sultanate nan Qilij Arslan I ak nan peyi Siri pa frè l ' Tutush mwen , ki te mouri nan 1095. Pitit gason Tutush yo Ridwan ibn Tutush ak Duqaq mwen eritye Aleppo ak Damas respektivman, plis divize peyi Siri nan mitan emir yo antagonist, kòm byen ke Kerbogha, abegeg nan Mosul. [10]

Peyi Lejip ak anpil nan pèp Izrayèl la te anba kontwòl nan kalifa a chiit Fatimid , siyifikativman pi piti pase kalifa a Seljuk. Lagè ant Fatimids yo ak Seljuks yo te lakòz gwo pwoblèm pou kretyen lokal yo ak pèlren oksidantal yo. Fatimid yo, anba règ nominal la nan kalif al-Musta'li men efektivman kontwole pa vizir al-Afdal Shahanshah a , te pèdi lavil Jerizalèm Seljuks yo nan 1073 (byenke kèk sous ki pi gran pale de 1076); [11] ki moun ki rekonkeri nan 1098 soti nan Artuqids yo , yon ti branch fanmi Tik ki asosye ak Seljuks yo, yon ti tan anvan yo rive nan Kwazad yo. [12]

Apèl Clermont la

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Preche Premye Kwazad la .
Pap Urban II nan Konsèy la nan Clermont , Miniature soti nan Livre des Passages d'Outre-mer la , alantou 1490 ( Bibliothèque nationale de France ).

Nan kontèks sa a, Pap Urban II , nan okazyon Konsèy la nan Clermont nan 1095 , te lanse yon apèl pou ankouraje noblès franse a pou yo vin ede Anpi Bizanten an menase pa Ilk Seljuk yo. Plis pase enterè yo nan solidarite ak tokay la lès, volonte nan nòmalize lavi a nan noblès Ewopeyen an pa ba li yon nouvo objektif, apre konfli yo piman bouk ak pap la tèt li pandan lit la pou envestiti ak lagè feyodal, te gen nan peze sou la Desizyon Pap la. Noblès la te an reyalite lajman konpwomèt tèt li pa sipòte lènmi yo nan refòm nan Gregoryen e li te vin pòv, omwen nan nivo a nan ti feyod, akòz kwasans lan nan otonomi vil minisipal yo. Anplis de sa, endivizibilite nan feyod yo ant eritye yo kite yon gwo tranch nan nòb ki moun ki ka chache fòtin sèlman nan pwofesyon an nan bra oswa nan karyè a eklezyastik.

Avèk ekspedisyon an, nòb yo ta ka soulaje Ewòp nan prezans yon ti jan alèz yo, e yo te kapab jwenn yon bon lajan, ak piye, yo mete ekonomi an tounen sou track.

Nan moman sa a, rekonkèt la nan lavil Jerizalèm ak Tè Sent la pa t 'ankò wè sa kòm objektif final la. Kote sakre ki lye ak Krisyanis yo te jeneralman pwoteje pa Mizilman yo tèt yo ak pelerinaj yo te pèmèt (byenke sou peman pou konduit san danje), menm si nan syèk anvan an te gen kèk epizòd grav ki te pè Krisyanis: nan 1009 Fatimid imam / kalif la al-Hakim [13] te detwi Bazilik Sentespri a epi apre 1070 seljuk yo te rete nan Palestine, ki te konvèti nan Islam , ki nan adisyon a ke yo te anmède epi pafwa atake kèk karavàn nan pèlren Western kretyen, toujou konstitye yon potansyèl menas pou Konstantinòp tèt li.

Nan kontèks sa a, volonte Pap la te gen tandans nan direksyon pou yon seri de objektif, ki pa klèman defini, ki ta ka apeprè remonte tounen nan sipò pou Anpi Bizanten apre defèt la dezastre nan Manzikert (1071) pa Seljuk Sultan Alp Arslan a , nan repare nan chis la ant Krisyanis grèk ak Krisyanis Latin, ak rekonkèt la nan lavil Jerizalèm. Anperè Bizanten Alexius I Comnenus nan tèt li te lanse yon òf anbochaj mèsenè, nan Piacenza , nan sezon prentan an nan 1095, kote Pap la te nan yon konsèy ki ta gen jis anvan sa yo ki an Clermont. Pap la fòse kondisyon yo yon ti jan, konsidere angajman an kòm yon demann pou èd, channeling li nan seri a tout antye de objektif, pou Ewòp oksidantal ak pou mond lan lès, ki nan lis pi wo a.

Ekspedisyon an te vin tounen yon ranplasan pou nenpòt ki lòt tounen vin jwenn Bondye nan remisyon nan peche konfese, jan sa te pase nan peyi Espay ( Panyòl Reconquista ), epi li te fè klè ke nenpòt moun ki tonbe nan batay ta sètènman touche pwi nan syèl la.

Daprè kèk istoryen, se poutèt sa [14] [15] , entansyon sivil san zam yo ak sòlda yo ak kavalye ki te akonpaye yo pandan vwayaj premye kwazad la (1096-1099) dwe te pi enpòtan ak abitye nan moman an : pelerinaj la nan lavil Jerizalèm . Kwa wouj ke pèlren yo te mete sou rad yo te vle di ke yo te pare yo koule san yo pou yon pelerinaj nan Bondye vin delivre: remisyon tout peche yo te asire moun ki ta mouri sou wout la nan lavil Jerizalèm [15] . Sepandan, se te yon "pelerinaj ame".

Pap la , yo nan lòd yo pote soti nan rekonkèt la nan peyi Siri- Palestine , te bay yon diskou Désidéman fò, ki nan lis krim yo komèt kont kretyen pa anvayisè Mizilman [16] . Robert Monk la rapòte diskou Urban II a jan sa a:

Il Tirk yo detwi nèt kèk legliz Bondye e transfòme lòt moun pou sèvi adorasyon yo . Yo avili lotèl yo ak salte yo; yo sikonsi kretyen pa tach lotèl yo ak san an nan sikonsi , oswa yo voye jete l 'nan font la batèm . Yo pran plezi nan touye vwazen yo pa dechire vant li, rale trip li, ke yo mare nan yon poto. Lè sa a, yo bat yo, yo fè viktim yo vire toutotou poto a jiskaske, menm jan tout tripay yo soti, yo tonbe mouri atè. Gen lòt ki mare yo nan poto a epi frape yo pa tire flèch; lòt moun toujou rale kou yo pou wè si yo ka koupe tèt yo ak yon sèl glise nan nepe a . Ak sa ki sou kadejak yo terib kont fanm? "

( Robert Monk la , Istwa Hierosolymitana )

Nan vizyon Urban II a, sòlda yo pa te sipoze aji kòm yon eskòt pou pèlren , men yo dwe pèlren tèt yo. Se poutèt sa, privilèj yo ak rekonpans espirityèl ke pelerinaj la nan Sentespri Sépulkr la garanti yo te tou akòde patisipan yo nan ekspedisyon an. Apèl Pap la te aksepte pa yon seri de gwo chèf feyodal Ewopeyen an, ki moun ki ant 1095 ak 1096 te prepare yo kite ak lantouraj antye yo. Pandan se tan, nouvèl la gaye ak rapidite etonan ak eksite antouzyasm menm nan klas yo ki pi popilè, ki Pap la pa sèlman pa t 'prevwa, men ki okòmansman pa t' menm gen renmen. An reyalite, Pap la te eseye dekouraje relijye, fanm, relijyeu, pòv yo ak malad soti nan vwayaje pa nenpòt vle di. Men, atraksyon Jerizalèm nan te egzèse te tèlman ke li pa t 'kapab anpeche menm pwofàn san zam soti. Sa yo te sitou moun ki koute prèch yo nan kèk predikatè zele, epi tou fanatik, ki gen mesaj se pa sa byen li te ye.

Rekritman

Raymond IV nan Toulouse nan yon reprezantasyon 1840 pa Merry-Joseph Blondel .

Diskou Urban te byen planifye: li te premye konvenk Ademar nan Monteil ak Raymond IV nan Toulouse nan kwazad la, konsa genyen sipò pou ekspedisyon an nan de nan pi gran lidè yo nan sid Lafrans. Ademar tèt li te prezan nan Konsèy la e li te premye moun ki "pran kwa a". Pandan tout rès 1095 ak 1096, Urban te gaye mesaj la toupatou nan Lafrans e li te egzòte evèk li yo ak legliz yo preche nan dyosèz yo tou nan Almay ak Itali . Repons mas yo pou envokasyon Pap la te pi antouzyastik ke li menm li te ka panse. Nan vwayaj li yo an Frans, Urban te eseye entèdi kèk moun (tankou fanm, relijyeu ak malad) rantre nan kwazad la, men souvan echwe. Nan fen a, pi fò nan moun ki te pran kwa a pa t 'kavalye, men peyizan sètènman pa rich ak san yo pa gwo ladrès batay, yon mas nan moun konvenk pa emosyonalite ak devosyon relijye pa fasil eksplwate pa eklezyastik yo ak aristokrasi la eksklizyon. [17] Anjeneral, rekritman enplisit ke chak volontè pwomèt yo pran yon pwomès fè yon pelerinaj nan Legliz la nan Sentespri kavo a . Yo te bay krwaze yo tou yon kwa, ki te konn koud sou rad yo. [18]

Kòm istoryen Thomas Asbridge ekri, "menm jan nou ka sèlman estime kantite dè milye ki reponn a ideyal la krwaze, pou nou ka jwenn sèlman yon insight limite nan motivasyon yo ak anbisyon." [19] Yon jenerasyon kèk istoryen anvan Asbridge te diskite ke Kwazad yo te motive pa Evaris ak espwa a ke yo te kapab jwenn yon lavi miyò lwen grangou a ak lagè ki karakterize egzistans yo an Frans, men jan Asbridge obsève: "Sa a imaj se ... pwofondman twonpe ". [20] Li diskite ke Evaris te pwobableman yon faktè enpòtan paske nan depans sa yo segondè yo te fè fas a sou vwayaj la long, paske nan gwo risk yo ak paske prèske tout krwaze yo tounen lakay yo yon fwa pelerinaj yo te fini olye ke ekipe tèt yo. nan byen nan Tè Sent la . [21] [22] Li difisil oswa enposib pou evalye ki rezon ki te egzak pou dè milye moun pòv ki te patisipe nan kwazad la, pou ki pa gen okenn sous istorik, oswa menm sa yo ki nan kavalye enpòtan, ki gen istwa yo te anjeneral te reekri pa relijyeu oswa relijye pwobableman san twòp objektivite. Paske mond lan eksklizyon medyeval te tèlman pwofondman rasin nan mond lan espirityèl nan legliz la li se byen posib ke relijye te yon faktè enpòtan pou anpil krwaze. [23]

Malgre antouzyasm popilè sa a, Urban asire ke ta toujou gen yon lame nan kavalye, sitou nan aristokrasi Ewopeyen an. Lidè kwazad yo te Se poutèt sa reprezantan nan nò ak sid Lafrans, Fland , Almay ak sid Itali; konsa divize an kat gwoup distenk yo pa t 'toujou pwouve ke yo dwe koperativ youn ak lòt, byenke yo kenbe objektif final la komen. [24]

Antouka, motif noblès yo parèt yon ti jan pi klè pase sa pòv yo. Pou yo menm tou, Evaris te aparamman pa yon faktè enpòtan. Li se souvan sipoze ke sèlman branch yo Cadet nan yon fanmi Joined kwazad la nan rechèch nan richès ak avanti, kòm pòsyon tè fanmi an te ale nan pi gran an ak pou yo te prive de posiblite nan kay la. Istoryen Riley-Smith la sepandan te montre ke sa a pa te toujou ka a kòm kwazad la te dirije pa kèk nan nòb yo nan Lafrans ki pi pwisan, ki moun ki kite tout byen yo dèyè, e souvan tout fanmi patisipe nan kwazad la pa pwomèt bagay yo nan fè fas a vwayaj la. Pou egzanp, Robert II nan Normandy pwomèt Duchy nan Normandy bay frè l ' William II nan Angletè ak Godfrey vann pwopriyete l' yo bay legliz la. [25] Dapre byograf Tancred a, li te konsène sou nati a peche nan lagè a ant chevalye ak Se poutèt sa te kontan yo te jwenn yon priz pou vyolans la souvan ki gwo malè tonbe Ewòp oksidantal yo. [26] Tancred ak Bohemond, osi byen ke Godfrey, Baldwin ak Eustace III nan Boulogne , se egzanp nan fanmi ki te ale nan kwazad yo ansanm. Riley-Smith deklare ke antouzyasm pou kwazad la te baze sou relasyon familyal, menm jan pi fò nan kwazad franse yo te gen rapò, kwake byen lwen. [27] Sepandan, nan kèk ka, tantativ pou amelyore pozisyon sosyal yon moun te jwe yon wòl nan chwa krwaze yo. Pou egzanp, Bohemond te vle posede yon teritwa sou bò solèy leve a ak te deja lanse yon kanpay kont Bizanten yo pou yo eseye reyalize sa a. Kwazad la te ba l 'yon lòt opòtinite, ki li jere sezi apre syèj la nan Antiòch , okipe lavil la ak fondatè Prensipès la nan Antiòch . [28]

Kwazad pòv yo

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Kwazad nan pòv yo .
Francesco Hayez , Pietro Eremit la preche kwazad la , 1828.

Gwo noblès franse a ak lame yo te fè leve nan pwofesyonèl ak kavalye yo pa t ', sepandan, premye a kòmanse sou vwayaj la lavil Jerizalèm. Urban te prevwa depa kwazad la pou 15 Out 1096, fèt sipozisyon an , men pou kèk mwa deja kèk lame enpwovize nan peyizan yo ak manm nan ti noblès la te soti nan vwayaj la pou kont li, ki te dirije pa yon prèt kretyen karismatik yo te rele Pyè Èrmit la (Pietro d'Amiens) ki, pa mache otou kouvri nan vye rad ak monte yon bourik enb, te touche repitasyon nan "èrmit". Li te vwayaje nan peyi santral Berry , teritwa Orléans ak Chartres , Normandy , teritwa Beauvais , Picardy , Champagne , fon Mozèl epi finalman Rhineland . Li te yon moun ki pa yon pati nan sistèm nan eklezyastik, men ki gen don ak yon karismatik gwo enspire ak egzèse yon enfliyans menmen sou foul moun yo, anpil konsa tankou bay monte nan yon antouzyasm prèske isterik nan mitan disip li yo, byenke li te pwobableman pa menm yon sèl nan predikatè yo "ofisyèl" nonmen pa Pap la nan Clermont. [29]

Yon syèk apre, Pyè te deja yon figi lejand: William nan lavil Tir te kwè ke li te Pyè ki enstile nan Pap lide nan kwazad la, yon teyori ki te pran kòm vre pa istoryen jouk 19yèm syèk la . [30] [31] Li jeneralman kwè ke disip Pyè yo te yon gwo gwoup peyizan, moun pòv, prèt, relijyeu, fanm, kèk sòlda, men trè kèk mesye, san fòmasyon nan lagè e souvan analfabèt, ki pa t 'menm gen yon konpreyansyon klè sou ki kote lavil Jerizalèm aktyèlman te, sepandan nan mitan yo te gen tou kèk kavalye, ki gen ladan Gautier Sans-Avoir (souvan yo rele Gualtieri Senza Averi), lyetnan Pyè ak lidè nan yon lame separe. [32] [33]

Mank total disiplin militè ak dezoryantasyon akòz peyizaj etranj nan lès Ewòp yo te pase nan lakòz lame Pyè a plizyè pwoblèm, malgre lefèt ke yo te toujou nan teritwa kretyen. Gualtieri, ki te rive nan Ongri (nan krisyanizasyon trè resan), te resevwa pèmi transpò piblik la nan men wa Colomanno , sepandan, k ap antre nan konfli ak popilasyon lokal la nan Semlin , nan yon tantativ pou jwenn manje, dènye gwo fò a Ongwa anvan li te rantre nan teritwa Imperial Bizanten an. Apa sa a, Gualtieri te fè rive l 'nan Konstantinòp sou Jiye 20 anba eskòt la strik nan Peceneghi a (ki te aji kòm polis militan Bizanten) san yo pa plis pwoblèm apre yo fin pase nan Sofia , Philippopolis ak Adrianople .

Ilistrasyon Jean Colombe soti nan Liv des Passages d'Outre-mer de Sébastien Mamerot , ki montre defèt kwazad pòv yo .

Le truppe di Pietro l'Eremita raggiunsero a loro volta Semlin, presero d'assalto la città e vi massacrarono 4 000 correligionari ungheresi, secondo una testimonianza a causa delle vesti appartenenti a pellegrini al seguito di Gualtieri e che erano stati uccisi mentre s'abbandonavano a razzie e violenze varie. Fu evidente infatti, in entrambe queste schiere, la totale inadeguatezza dell'apparato logistico predisposto: la mancanza di vettovagliamenti portò pertanto gli uomini di Gualtieri e di Pietro a razziare, armi in pugno, quelle contrade, ottenendone un reazione logica e non meno violenta. Per buona misura, gli uomini di Pietro investirono e saccheggiarono anche Belgrado , abbandonata dai suoi abitanti che trovarono rifugio in territorio bizantino, sull'altra sponda della Sava . Quando il 18 agosto giunse a Niš , il governatore bizantino cercò di fornirgli di che sfamarsi, ma Pietro non riuscì a tenere a freno, cercando di attaccare la città suscitando la reazione delle truppe bizantine. Pietro giunse a Costantinopoli nel mese di agosto, dove il suo esercito si unì a quello di Gualtiero che era già sul posto, nonché con altri gruppi separati di crociati provenienti da Francia, Germania e Italia. Un altro esercito di boemi e sassoni non riuscì ad attraversare l'Ungheria prima di disperdersi. [32]

Questa folla incontrollata si presentò infine davanti a Costantinopoli il 1º agosto 1096, quindici giorni prima della data fissata per la partenza del legato pontificio da Le Puy . Nella capitale bizantina, l'imperatore Alessio I Comneno consigliò loro dapprima di aspettare la seconda ondata di crociata, quella "ufficiale", ma di fronte ai loro eccessi, li fece traghettare il prima possibile oltre il Bosforo , cosa che avvenne il 6 agosto. Dopo aver attraversato l' Asia Minore , i crociati si divisero e cominciarono a saccheggiare i villaggi, vagando nel territorio dei Selgiuchidi nei pressi di Nicea . Una volta che dovettero scontrarsi con i Turchi, ben più equipaggiati e addestrati, il risultato per i cristiani si risolse in un massacro. Un gruppo di italiani e tedeschi, condotto da un nobile italiano di nome Rinaldo, riuscì a impadronirsi del castello di Xerigordon verso la fine di agosto. Poco più di un mesi dopo, in ottobre, l'esercito di Gualtiero e Pietro che sebbene fosse anch'esso in difetto di addestramento ma che poteva contare sulla presenza di 50 cavalieri, impegnò i turchi in una battaglia presso Civetot . Anche questa occasione si concluse con una pesante sconfitta per i cristiani: gli arcieri turchi distrussero l'esercito crociato uccidendo, tra gli altri, Gualtieri, il conte di Ugo di Tubinga e Gautiero di Teck. Su 25 000 uomini, solo 3 000 riuscirono a ripiegare su Costantinopoli dove, insieme a Pietro, si unirono successivamente all'esercito crociato principale che nel frattempo era giunto a destinazione. [34]

Attacchi agli ebrei della Renania

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Massacri della Renania .
Il massacro degli ebrei di Metz durante la Prima Crociata, di Auguste Migette

La predicazione della Prima Crociata dette il via ad un'ondata di violenza contro gli ebrei così grave che alcuni storici l'hanno definita "il primo Olocausto ". [35] Tra la fine del 1095 e l'inizio del 1096, alcuni mesi prima della partenza della crociata ufficiale, si verificarono svariati attacchi alle comunità ebraiche della Francia e della Germania. Nel maggio 1096, Emicho von Leiningen attaccò gli ebrei a Spira e Worms . Alla fine di maggio, sedicenti crociati provenienti dalla Svevia , guidati da Hartmann di Dillingen , insieme a volontari francesi, inglesi, lorenesi e fiamminghi , guidati da Drogo di Nesle, Clarambaldo di Vendeuil, Tommaso di La Fère e Guglielmo visconte di Melun, detto Guglielmo il Carpentiere, si unirono a Emicho nel massacro della comunità ebraica di Magonza . [36] A Magonza, una donna ebrea uccise i suoi figli piuttosto che vederli trucidati dai cristiani; il rabbino capo, Kalonimus Ben Meshullam, si suicidò per evitare di finire nelle mani dei crociati. [37]

L'azione di Emicho proseguì poi a Colonia , mentre altri continuarono a Treviri , a Metz e in altre città. [38] Anche Pietro l'Eremita potrebbe essere stato coinvolto in questi atti di violenza contro gli ebrei e un esercito guidato da un prete chiamato Folkmar fu colpevole di violenze in Boemia . [38] L'esercito di Emicho continuò la sua marcia attraverso l'Ungheria ma poi venne sconfitto dall'esercito di Colomanno d'Ungheria . Il suo seguito di soldataglia si disperse: alcuni finirono per aggregarsi all'esercito principale, altri, come lo stesso Emicho, fecero ritorno alle proprie case. [38]

Sembra che molti delle aggressioni fossero finalizzate al tentativo di convertire gli ebrei con la forza, ma probabilmente vi fu anche l'interesse ad appropriarsi dei loro beni. Le violenze contro gli ebrei non furono mai approvate dalle autorità gerarchiche della Chiesa ei vescovi cristiani, in particolare l' arcivescovo di Colonia , fecero quanto possibile per proteggerli. Le aggressioni alle comunità ebraiche potrebbero aver tratto origine anche dalla convinzione che sia loro sia i musulmani fossero in ugual modo nemici di Cristo e che in quanto tali dovessero essere combattuti o convertiti al cristianesimo. Si disse che Goffredo di Buglione avesse estorto denaro agli ebrei di Colonia e di Magonza e alcuni dei crociati si chiesero perché si dovesse viaggiare per migliaia di chilometri per combattere gli infedeli del Vicino Oriente quando ve ne fossero già di più vicini a casa. [39]

La crociata dei nobili

I quattro principali eserciti crociati lasciarono l'Europa intorno alla data stabilita nell'agosto del 1096. All'impresa, affidata dal papa alla guida spirituale di Ademaro di Monteil , vescovo di Le Puy , aderirono alcuni dei più importanti membri dell' aristocrazia feudale europea :

Essi intrapresero diversi percorsi per raggiungere Costantinopoli dove si radunarono al di fuori delle sue mura cittadine tra novembre 1096 ei primi mesi del 1097. Questa volta, l'imperatore Alessio si dimostrò più preparato all'arrivo dei crociati e ci furono meno episodi di violenza lungo il viaggio. [40] È difficile da stimare la dimensione dell'intero esercito crociato; diverse stime furono fornite dai testimoni oculari che non sempre concordano con quelle formulate dagli storici moderni. Lo storico militare crociato David Nicolle ritiene che complessivamente gli eserciti fossero costituiti da circa 30 000-35 000 crociati, tra cui 5 000 cavalieri. Raimondo fu alla testa del contingente più numeroso con circa 8.500 fanti e 1 200 cavalieri. [41]

Percorsi intrapresi dai vari eserciti crociati.

Ugo di Vermandois partì verso il 15 agosto 1096 e, non senza vanità, scrisse all'imperatore Alessio I di preparargli un'accoglienza degna di lui. Si imbarcò a Bari alla volta di Durazzo , per raggiungere Costantinopoli percorrendo l'antica via Egnatia , ma le navi incapparono in una burrasca e si dispersero. Raccolto da Alessio I, fu considerato un ospite, ma posto sotto attenta anche se discreta sorveglianza.

Goffredo di Buglione , che aveva seguito la via di Pietro l'Eremita , fu il secondo ad arrivare. Aveva attraversato l' Ungheria , che dopo i primi passaggi era già in allarme, e per tutto il tempo fu obbligato a lasciare in ostaggio suo fratello Baldovino . Giunto a Costantinopoli si accampò sotto le mura. Nacque una certa ostilità fra i suoi e gli uomini dell'imperatore bizantino, che era accusato di tenere prigioniero Ugo .

Boemondo di Taranto arrivò in aprile. Ostile segretamente ad Alessio I , si era fatto crociato, «per opera dello Spirito Santo » dicono i testi, quando si stavano avvicinando i crociati normanni di Roberto. Non era stato solo per devozione: Boemondo era un uomo forte, astuto, ambizioso e frustrato: suo padre, Roberto il Guiscardo , dopo essersi risposato, gli aveva preferito il fratellastro, Ruggero Borsa . Ambiva ad avere una sua signoria a scapito dell'Imperatore bizantino, sul quale dodici anni prima aveva già riportato una vittoria. Fine conoscitore della mentalità bizantina e musulmana e dei loro metodi, egli sapeva di essere indispensabile. Per rassicurare il diffidente Alessio I, Boemondo evitò che le sue truppe operassero il minimo saccheggio .

Raimondo di Saint-Gilles era uno dei più potenti signori. Aveva 55 anni e possedeva una dozzina di contee; può darsi che avesse partecipato alla Reconquista . Già prima del Concilio di Clermont , il papa vide probabilmente in lui il più indicato capo militare della crociata, anche se non procedette mai alla designazione di un comandante laico, limitandosi a quella di una guida spirituale, nella persona del suo legato pontificio, il vescovo di Le Puy Ademaro di Monteil . [42] In autunno, dopo aver lasciato al figlio il governo delle terre, il conte partì insieme con Ademaro, passando per l'Italia settentrionale e l'inospitale costa dalmata . Giunto nelle terre dell'impero, fu scortato dalle truppe peceneghe , che fungevano da polizia militare bizantina e lo misero sotto sorveglianza.

Roberto di Normandia , Roberto di Fiandra e Stefano II di Blois lasciarono le loro terre nell'autunno del 1096. Passando per Roma, Bari e per la via Egnatia , arrivarono a Costantinopoli nell'aprile-maggio del 1097.

L'arrivo a Costantinopoli

L'Imperatore bizantino Alessio I Comneno.

I principi arrivarono a Costantinopoli con scarse vivande contando sull'aiuto di Alessio. L'Imperatore, tuttavia, si dimostrò comprensibilmente sospettoso dopo aver vissuto le negative esperienze con la crociata del popolo oltre che per via della presenza tra i cavalieri del suo vecchio nemico Normanno Boemondo che precedentemente aveva invaso più volte il territorio bizantino con suo padre Roberto Guiscardo e che probabilmente tentò anche di organizzare un attacco a Costantinopoli mentre si trovava accampato fuori della città. [43]

I crociati avrebbero potuto convincere Alessio a prendere il comando della crociata, ma egli non si dimostrò interessato a ciò e piuttosto si preoccupò di trasportarli in Asia Minore il più rapidamente possibile. [44] In cambio di cibo e forniture, Alessio chiese ai condottieri crociati di giurare fedeltà e di riconsegnare all'Impero Bizantino qualsiasi territorio fossero riusciti a strappare al dominio dei Turchi. Goffredo fu il primo a proferire il giuramento e successivamente quasi tutti gli altri nobili lo imitarono, anche se lo fecero solo dopo che cessarono in città gli scontri tra i cittadini ei crociati desiderosi di saccheggiarla. Raimondo fu l'unico a non giurare ma si limitò semplicemente ad impegnarsi a non causare alcun danno all'Impero. Prima di assicurare il trasporto attraverso il Bosforo ai vari eserciti, Alessio informò i comandanti crociati sul modo migliore di affrontare gli eserciti selgiuchidi che presto avrebbero incontrato. [45]

La marcia in Anatolia e in Siria

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra tra Crociati e Selgiuchidi .

Assedio di Nicea

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Assedio di Nicea (1097) .
L' Asia Minore nel 1097, all'arrivo dei Crociati.

Durante la prima metà del 1097, gli eserciti crociati attraversarono l'Asia Minore dove si unirono a Pietro l'Eremita e quel poco che restava del suo seguito. Alessio I assegnò due dei suoi generali, Manuele Boutoumites e Tatikios , all'assistenza dei crociati. Il primo obiettivo della campagna fu Nicea , precedentemente una città sotto il dominio bizantino ma che successivamente divenne la capitale del Sultanato di Rum dei Selgiuchidi sotto la guida di Kilij Arslan I . In questo momento Arslan si trovava lontano, impegnato in una campagna militare contro i nemici Danishmendidi nell'Anatolia centrale, lasciando la sua famiglia ei suoi averi a Nicea sottovalutando la forza di questi nuovi crociati. [46]

Miniatura rappresentante l'assedio di Nicea.

All'arrivo dei crociati, la città fu messa sotto un lungo assedio . Appena Arslan ne venne a conoscenza fece immediato ritorno nella sua città attaccando gli assedianti il 16 maggio. Egli si ritrovò inaspettatamente impegnato in una grande battaglia che causò ingenti perdite in entrambe le parti. [47] L'assedio comunque proseguì nonostante ci si trovasse in punto di stallo. La situazione si sbloccò quando l'imperatore bizantino Alessio I, accampatosi nei pressi del villaggio di Pelecanum sul lago Ascanio , riuscì ad organizzare un blocco del lago servendosi di imbarcazioni che vi aveva fatto trasportate via terra. Il blocco servì a tagliare le vie di approvvigionamento agli assediati e fu un fattore decisivo per la resa della città, che fu negoziata segretamente tra i turchi ei generali bizantini all'insaputa dell'esercito crociato. Fu così che tra il 18 e il 19 giugno Nicea capitolò di fronte all'esercito bizantino. [48]

Questa situazione fu fonte di frustrazione per i crociati. Infatti, mentre i bizantini irruppero nella città, ai crociati non fu concesso di partecipare al saccheggio o addirittura di entrare entro le mura conquistate, tranne in piccoli gruppi scortati. Tuttavia, questa politica fu coerente ai giuramenti precedenti fatti ad Alessio e l'imperatore assicurò ai crociati di essere ben ricompensati per i loro sforzi. Come scrive Thomas Asbridge, "la caduta di Nicea fu una conseguenza della politica di successo della stretta collaborazione tra i crociati ei bizantini". [49] Dopo aver lasciato il controllo della città ai Bizantini, i crociati ripresero la loro marcia verso a Gerusalemme. Stefano Arciprete di Blois , in una lettera spedita a sua moglie Adele d'Inghilterra , scrisse che stimava breve la durata del viaggio, asserendo che a Luglio avrebbero attraversato l'Anatolia, ad Agosto si sarebbero riposati, ea settembre avrebbero conquistato Gerusalemme [50] . In realtà ci sarebbero voluti due anni.

Battaglia di Dorylaeum

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Dorylaeum (1097) .
Baldovino di Boulogne entra a Edessa nel 1098 (pittura storica di Joseph-Nicolas Robert-Fleury del 1840)

Alla fine di giugno, i crociati marciarono attraverso l'Anatolia accompagnati da alcune truppe bizantine comandate da Tatikios; nutrivano ancora la speranza che Alessio decidesse di inviargli il suo esercito al completo. La colonna crociata venne divisa in due gruppi, uno guidato dai normanni, l'altro dai francesi. [51] Le intenzioni erano quelle di riunire i due gruppi nuovamente presso Dorylaeum , ma il 1º luglio i normanni, che avanzarono in anticipo rispetto ai francesi, vennero attaccati da Kilij Arslan. Quest'ultimo era riuscito a mettere insieme un esercito molto più grande rispetto a quello che aveva condotto in occasione della sua sconfitta a Nicea e ora circondava i normanni grazie ai suoi arcieri montati a cavallo, in procinto di dare inizio alla battaglia di Dorylaeum . I normanni "schierati in una formazione difensiva stretta" [52] fecero dei loro compagni non in armi [ non chiaro ] e inviarono una richiesta di aiuto all'altro gruppo. Quando i francesi arrivarono, Goffredo attraversò le linee turche e Ademaro li attaccò dalla parte posteriore; così i turchi, che avevano previsto di distruggere i Normanni, non riuscirono ad anticipare il rapido intervento dei francesi preferendo fuggire piuttosto che dover affrontare l'esercito crociato congiunto [53] .

Dopo aver colto un'ulteriore vittoria a Eraclea Cibistra la marcia dei crociati attraverso l'Anatolia poté continuare senza ulteriori scontri. Il viaggio non fu comunque facile, poiché Arslan aveva bruciato e distrutto gran parte delle riserve dell'esercito cristiano. In quel momento ci si trovava nella meta dell'estate ei crociati potevano contare su scarse scorte di cibo e d'acqua; molti uomini e cavalli morirono a causa di queste condizioni [54] . Per sopravvivere i cristiani dovettero darsi al saccheggio ogni qualvolta ne ebbero l'occasione. Vi furono, inoltre, diversi contrasti tra i comandanti dei gruppi in cui era diviso l'esercito, tuttavia nessuno di loro fu abbastanza potente da assumere il comando generale, anche se Ademaro venne sempre riconosciuto come il capo spirituale. Dopo aver attraversato il Tarso e le Porte Cilicie , Baldovino di Boulogne si allontanò dai compagni verso le terre armene intorno all' Eufrate ; sua moglie, da cui dipendeva la sua unica rivendicazione sulle terre e sulle ricchezze europee, era morta dopo la battaglia, privandolo di ogni incentivo per far ritorno in Europa. Così, decise di scegliersi un feudo per sé in Terra Santa . All'inizio del 1098, egli fu nominato erede di Thoros di Edessa , il quale poco più tardi venne ucciso in una rivolta che probabilmente fu istigata dallo stesso Baldovino [55] . Così, nel marzo del 1098, Baldovino divenne il nuovo governante, dando luogo alla Contea di Edessa , il primo degli Stati crociati [55] [56] .

Assedio di Antiochia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Assedio di Antiochia (1098) .
Assedio di Antiochia in una miniatura medievale.

L'esercito crociato, nel frattempo e nonostante le difficoltà, marciava verso Antiochia , una città che si trovava a metà strada tra Costantinopoli e Gerusalemme. Descritta da Stefano di Blois come "una città incredibile, molto forte e inattaccabile", la sua reputazione scoraggiò i crociati circa la possibilità di conquistarla solo con un attacco. [57] Essi sperarono piuttosto di costringerla a una capitolazione spontanea o di poter far affidamento su un traditore all'interno della città, una tattica che era già stata adottata dai Bizantini e poi dai Turchi Selgiuchidi per impadronirsi della città. Speranzosi che ciò potesse ripetersi, il 20 ottobre del 1097, iniziò l' assedio di Antiochia . [58] Durante i quasi otto mesi in cui si protrasse, i cristiani furono costretti a respingere due grandi eserciti di soccorso guidati da Duqaq I e Ridwan ibn Tutush . [59] Antiochia era così grande che i crociati non possedevano abbastanza soldati da riuscire a circondarla completamente e pertanto la popolazione assediata poté in gran parte continuare ad essere rifornita. [60] Il 4 marzo 1098, una flotta crociata appartenente alla "crociata sassone" fece il suo arrivo portando con sé numerose attrezzature fondamentali per il prosieguo dell'assedio.

Nel maggio del 1098, Kirbogha di Mosul si mosse verso Antiochia per tentare di rompere l'assedio. Boemondo nel frattempo riuscì nell'intento di corrompere una guardia armena di nome Firouz affinché abbandonasse la sua torre e così i crociati riuscirono ad entrare nella città dove uccisero la maggior parte degli abitanti. [61] Tuttavia, solo pochi giorni dopo l'esercito di Kirbogha arrivò, mettendo sotto attacco gli ex assediatori. [62] Secondo le cronache di Raimondo di Aguilers , fu a questo punto che un monaco di nome Pietro Bartolomeo affermò, nonostante alcuni scetticismi, di aver trovato nella città la Lancia Sacra , una scoperta che venne interpretata come un segno che i cristiani sarebbero stati vittoriosi. [59]

Il massacro di Antiochia di Gustave Doré (1871)

Il 28 giugno 1098, i crociati sconfissero Kirbogha in una battaglia fuori città, una vittoria dovuta all'incapacità del condottiero musulmano di organizzare le diverse fazioni che componevano il suo esercito. [63] Mentre i crociati stavano marciando verso l'esercito nemico, la fazione fatimide abbandonò il contingente turco, poiché temeva che Kirbogha avrebbe avuto un eccessivo potere se fosse stato in grado di sconfiggere i crociati. Secondo le testimonianze oculari cristiani, un esercito di santi venne in aiuto dei crociati durante la battaglia, paralizzando l'esercito di Kirbogha.

Stefano di Blois , uno dei condottieri crociati, si trovava ad Alessandretta quando venne a conoscenza della situazione che andava a profilarsi ad Antiochia. Dai racconti ritenne erroneamente che la situazione fosse disperata e quindi lasciò il Medio Oriente, avvertendo Alessio e il suo esercito, e fece ritorno in Francia. [64] Ai crociati che si trovavano ad Antiochia ciò apparve come un grave tradimento e in particolare Boemondo sostenne che Alessio avesse abbandonato la spedizione e che quindi tutti i giuramenti che gli avevano fatto erano da considerarsi nulli. Mentre Boemondo rivendicò Antiochia per sé stesso, non tutti gli altri condottieri si dimostrarono d'accordo. Le discussioni tra i nobili crociati, pertanto, ritardarono il prosieguo della crociata fino alla fine dell'anno. [28]

Nel frattempo, tra i cristiani scoppiò un' epidemia di peste che uccise molti crociati, compreso il legato apostolico Ademaro di Monteil che spirò il 1º agosto. [65] I crociati avevano a disposizione ancora meno cavalli che in precedenza e, ancora peggio, i contadini musulmani della zona rifiutarono di rifornirli di cibo. Così, nel mese di dicembre, dopo che la città araba di Ma'arrat al-Nu'man venne conquistata dopo un assedio , vennero riportate le prime accuse di cannibalismo tra i crociati. [66] Rodolfo di Caen scrisse: "A Ma'arrat le nostre truppe bollirono gli adulti infedeli nei vasi da cucina, impalarono i bambini in spiedi e li divorarono". [67] Al tempo stesso, i cavalieri ei soldati si dimostrarono sempre più inquieti tanto da minacciare i loro nobili condottieri di proseguire verso Gerusalemme senza di loro. Finalmente, all'inizio del 1099, la marcia riprese, lasciando Boemondo presso la città come primo principe di Antiochia . [28]

La marcia verso Gerusalemme

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Assedio di Arqa .
Il tragitto dell'esercito della prima crociata attraverso l'Asia

Marciando lungo la costa mediterranea, i crociati incontrarono una modesta resistenza, poiché i governanti locali preferirono stipulare con loro accordi di pace e fornirli di vettovagliamenti piuttosto che combattere. Tuttavia l'inconcludente assedio di Arqa rappresentò una notevole eccezione a questa situazione. [68] Le conquiste furono repentine anche perché seppero (inconsciamente) sfruttare le rivalità e ostilità tra i vari potentati musulmani della zona: infatti nel Vicino Oriente correva il confine indeterminato tra il califfato ismailita del Cairo e quello sunnita di Baghdad ; inoltre gli emirati di Anatolia e di Siria erano ostili tra loro. Oltre all'elemento sorpresa giocò a favore dei crociati anche la mancanza di una tattica unitaria, senza un chiaro obiettivo: i musulmani erano infatti abituati a rispondere alle periodiche offensive dell'impero bizantino e non sapevano come comportarsi con questi gruppi indisciplinati di cristiani venuti da Occidente. Di fatto si stava assistendo a un fenomeno del tutto nuovo: un pellegrinaggio armato verso Gerusalemme.

Il 7 giugno i crociati arrivarono a Gerusalemme, che solo un anno prima era stata riconquistata dai Fatimidi a spese dei Selgiuchidi . Molti crociati scoppiarono in pianto alla vista della città, raggiunta dopo un viaggio così lungo. [69]

Presa di Gerusalemme

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Assedio di Gerusalemme (1099) .
La presa di Gerusalemme del 1099, da un manoscritto medievale.

Il 13 gennaio 1099 Raimondo di Tolosa si diresse verso Gerusalemme e attaccò Bostrys , Byblos , Beirut , Sidone , Tiro , Acri , Haifa , il Monte Carmelo , Cesarea , Ramla (antico capoluogo del governatorato islamico fin dall'età califfale omayyade ) che fu sgomberata da quasi tutta la popolazione musulmana e, infine, Betlemme .

Quando i crociati arrivarono a Gerusalemme, in quel momento sotto il controllo del fatimide Iftikhār al-Dawla , si aprì davanti a loro un territorio arido, privo di acqua e di cibo. Essi non avevano speranza di tentare un blocco della città come invece avevano fatto ad Antiochia poiché non avevano sufficienti truppe, risorse e tempo. L'unica soluzione che ritennero fattibile fu quella di prendere la città con un assalto. [69] Sicuramente non ebbero molte altre scelte, poiché si stimò che i crociati, in quel momento, contassero tra le loro file solamente 12 000 uomini tra cui 1 500 cavalieri. [70] Questo esercito, composto da uomini di diversa origine e con varie alleanze, non si dimostrò nemmeno in questa occasione come una forza unita; per esempio mentre Goffredo e Tancredi si accamparono a nord della città, Raimondo decise di stanziarsi a sud. Inoltre, il contingente provenzale non partecipò all'assalto iniziale del 13 giugno. Questo primo attacco fu forse poco più di un tentativo e, infatti, appena dopo aver scalato il muro esterno i crociati vennero respinti dall'interno. [69]

Dopo il fallito assalto iniziale si tenne un incontro tra i vari comandati in cui si concordò che per il futuro sarebbe stato necessario un attacco concordato. Il 17 giugno, un gruppo di marinai genovesi guidati da Guglielmo Embriaco giunse a Giaffa portando ai crociati qualificati ingegneri che permisero di realizzare alcune torri d'assedio utilizzando il legname ottenuto dallo smantellamento delle navi con cui erano giunti. [69] Il morale dei crociati si risollevò ulteriormente quando un sacerdote, Pietro Desiderio, affermò di avere avuto una visione dello spirito del vescovo Ademaro che li esortava a digiunare ea compiere una processione a piedi nudi intorno alle mura della città, dopodiché essa sarebbe stata conquistata, facendo riferimento alla storia biblica di Giosuè nell'assedio di Gerico . [69] Dopo i tre giorni di digiuno, l'8 luglio i crociati compirono la processione che terminò sul Monte degli Ulivi dove Pietro l'Eremita predicò. [71] Poco dopo, le varie e confuse fazioni che componevano l'esercito crociato giunsero a un ravvicinamento pubblico. Poco dopo arrivarono notizie di un esercito di soccorso fatimide partito dall'Egitto, fornendo così ai crociati un'ulteriore motivazione per sferrare un nuovo attacco alla città. [69]

L'attacco decisivo a Gerusalemme iniziò il 13 luglio: le truppe di Raimondo si rivolsero verso la porta a sud mentre gli altri contingenti si concentrarono sul muro settentrionale. Il 15 luglio venne dato l'ultimo assalto ad entrambe le estremità della città e così venne conquistato il bastione interno del muro settentrionale. Nel panico che seguì, i difensori abbandonarono le mura cittadine, consentendo ai crociati di entrare. [72] Il primo a mettere piede nella città santa fu il pisano Cucco Ricucchi , comandante di 120 galee, seguito dal concittadino Coscetto Dal Colle. Goffredo di Buglione entrò fra i primissimi nella città, coi suoi fratelli Baldovino ed Eustachio, alla testa dei suoi Lotaringi . A testimonianza del contributo decisivo dato dai genovesi, guidati dal Testadimaglio , e dalle loro torri d'assedio, lo stesso Goffredo di Buglione fece scolpire sulle mura del Santo Sepolcro le parole "Praepotens Genuensium Praesidium" in ricordo dell'incredibile impresa. [73]

Il massacro

L'Assedio di Gerusalemme come rappresentato in un manoscritto medievale

Il massacro che seguì la presa di Gerusalemme raggiunse una particolare notorietà. [74] I racconti dei crociati testimoni oculari non lasciano dubbi che si perpetuarono grandi violenze. Tuttavia, alcuni storici ritengono che le proporzioni dell'evento furono esagerate nei successivi racconti medievali. [72] [75]

Dopo la caduta del muro settentrionale, gli assediati fuggirono nel Monte del Tempio , perseguitati da Tancredi e dai suoi uomini. Arrivando prima che i rifugiati potessero difendere la zona, le truppe cristiane li assalirono massacrando molti di essi; i pochi che si salvarono si rifugiarono nella Moschea al-Aqsa . Tancredi fermò le violenze, offrendo a coloro che si trovarono nella moschea la sua protezione. [72] Quando i difensori sulla parete meridionale capirono che la parte settentrionale era stata presa, la guarnigione fatimide si rifugiò nella cittadella (da cui poté uscire sana e salva poco più tardi, dopo aver pagato un fortissimo riscatto), permettendo così a Raimondo di entrare in città. Iftikhar al-Dawla , comandante della guarnigione, stipulò un accordo con Raimondo impegnandosi a consegnare la cittadella e in cambio poter fuggire ad Ascalona . [72]

Le violenze continuarono per il resto della giornata. I musulmani vennero uccisi, senza eccezione alcuna di sesso e d'età, insieme agli ebrei della città, inutilmente ammassatisi nella sinagoga a cui i crociati dettero fuoco. Nonostante tutto ciò, è provato che alcuni musulmani ed ebrei della città sopravvissero alla strage, fuggendo o essendo fatti prigionieri per poi essere riscattati. [72] Un analogo trattamento sarebbe forse toccato anche ai cristiani orientali, espulsi dalla città preventivamente dal governatore musulmano per paura di tradimenti, che i crociati probabilmente non avrebbero nemmeno saputo riconoscere. [72]

Costituzione del Regno di Gerusalemme

Basilica del Santo Sepolcro , Gerusalemme
Graffiti incisi dai crociati

Giuridicamente parlando la situazione del Regno di Gerusalemme era piuttosto spinosa: formalmente, secondo il diritto riconosciuto dai cristiani, i territori appartenevano all'imperatore bizantino, ma egli non era in buoni rapporti con i crociati ed era inoltre uno scismatico; si pensò allora di offrire la corona al papa, che avrebbe potuto proclamarsi signore feudale di quelle terre, come aveva fatto per l' Inghilterra e per la Sicilia , ma un'azione del genere avrebbe sicuramente peggiorato ulteriormente le già tese relazioni con il basileus . Si decise allora di offrire la corona a uno dei crociati che avevano partecipato alla spedizione.

Il 22 luglio si tenne un consiglio nella chiesa del Santo Sepolcro al fine di nominare un re per il Regno di Gerusalemme appena fondato. Inizialmente, la corona fu offerta a Raimondo - i cui domini costituivano uno dei tre massimi feudi di Francia con il ducato d'Aquitania e il ducato di Normandia - ma egli la rifiutò adducendo il desiderio di tornare al più presto in patria avendo assolto il votum crucis e così dimostrare la sua devozione, ma più probabilmente egli sperò che gli altri nobili insistessero comunque per la sua elezione. [76]

Inoltre l'energico Raimondo aveva subito il veto dei normanni . Per accordare tutti era chiaro che si sarebbe dovuto scegliere una personalità non di spicco e si ripiegò allora su Goffredo da Buglione , che i cronisti dell'epoca ci ritraggono come valoroso ma anche tormentato, ripiegato su sé stesso. La tradizione vuole che egli rifiutasse di assumere un titolo di " re " di un territorio dove Cristo aveva conosciuto il supplizio e la morte, accettando invece la titolatura più modesta di Advocatus Sancti Sepulchri (Difensore [laico] del Santo Sepolcro). Advocatus era un titolo che un laico prendeva nella protezione di beni episcopali. Tuttavia ufficialmente questo titolo venne utilizzato solamente in una lettera, peraltro non scritta dallo stesso Goffredo. Sembra invece che egli utilizzasse più frequentemente l'ambiguo titolo di princeps o che abbia semplicemente mantenuto il suo precedente titolo di dux della Bassa Lorena . Secondo Guglielmo di Tiro, che scrisse nel XII secolo quando Goffredo era ormai già un eroe leggendario nella Gerusalemme crociata, egli si rifiutò di indossare "una corona d'oro" nello stesso luogo in cui Cristo aveva indossato "una corona di spine". [77] Roberto il Monaco fu l'unico cronista contemporaneo della crociata a riportare che Goffredo avesse assunto il titolo "re". [78] [79]

La crociata del 1101

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Crociata del 1101 .
Una mappa dell'Asia Minore occidentale che mostra i percorsi intrapresi dagli eserciti cristiani durante la crociata del 1101.

Dopo aver conquistato Gerusalemme e la chiesa del Santo Sepolcro, ai crociati appariva di aver adempiuto al proprio voto. [80] Tuttavia, molti avevano già fatto ritorno nelle proprie terre prima di raggiungere Gerusalemme e altri non avevano mai lasciato l'Europa. Quando si sparse la voce del successo della crociata questi vennero derisi e disprezzati dalle loro famiglie, oltre che minacciati di scomunica da parte del Papa. [81] Anche molti crociati tra quello che giunsero fino a Gerusalemme presero la via verso casa; secondo Fulcherio di Chartres , nel 1100 solo poche centinaia di cavalieri erano rimasti nel nuovo regno. [82] Goffredo governò Gerusalemme solamente per un anno, poiché morì nel luglio del 1100. Fu suo fratello, Baldovino di Edessa , il primo che assunse il titolo di Re di Gerusalemme.

Tra i crociati che parteciparono a quella del 1101 ci furono Stefano II di Blois e Ugo di Vermandois , entrambi facenti parte della prima spedizione e che abbandonarono prima di raggiungere Gerusalemme. Questa crociata venne quasi annientata in Asia Minore dai Selgiuchidi, ma i sopravvissuti, una volta giunti a destinazione, contribuirono a rafforzare il regno di Gerusalemme. [83] Negli anni successivi l'assistenza venne fornita anche dai mercanti italiani che si stabilirono nei porti siriani e dagli ordini religiosi e militari dei Cavalieri Templari e dei Cavalieri Ospitalieri , nati durante il regno di Baldovino I.

Conseguenze

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stati Crociati .
Gli stati crociati dopo la prima crociata

La prima crociata portò alla nascita degli " stati crociati " di Edessa, Antiochia, Gerusalemme e Tripoli, situati in Palestina e in Siria, così come la creazione di alleanze lungo le rotte percorse dai crociati come il Regno armeno di Cilicia . Infatti, conquistata Gerusalemme, i crociati negli anni successivi rafforzarono la propria posizione conquistando l'area circostante la città, fino a controllare una zona che andava dal Mar di Levante al Mar Rosso , al corso del Giordano alla Siria . Tutta la regione venne organizzata con il sistema del feudalesimo , con alcuni principati indipendenti tra loro ( contea di Edessa , principato di Antiochia , contea di Tripoli , principato di Tiberiade e Oltregiordano , contea di Giaffa e di Ascalona ) ed alcuni feudi minori ad essi sottomessi. Sul piano formale ciascuno di questi Stati accettava la superiorità di un sovrano che teneva corte a Gerusalemme.

L'ultimo Stato crociato a costituirsi in Terra Santa fu quello della Contea di Tripoli . Qui il governo era affidato all'epoca al qadi Fakhr al-Mulk, della tribù dei Banū ʿAmmār , favorevole a un accordo coi Crociati che salvaguardasse la città. Grazie a una flotta genovese, Raimondo strappò Tortosa ai Banū ʿAmmār e pose l'assedio a Tripoli , infliggendo con solo 300 cavalieri un'incredibile rotta ai difensori che, coi loro 3 000 uomini, aiutati da altri 4 000 soldati provenienti da Damasco e Hims , corroborarono nei musulmani di quella parte di mondo l'idea dell'invincibilità degli uomini venuti dall'Europa. Proprio l'esiguità degli uomini a sua disposizione impedì tuttavia al conte di Tolosa di superare le difese murarie di Tripoli. A fine 1103, con l'aiuto bizantino, fu completata la costruzione del castello di Monte Pellegrino che servì a stringere d'assedio Tripoli, rifornita però dal mare grazie alla flotta fatimide. Raimondo morì di lì a poco (1105) in seguito a una ferita fortuitamente procuratasi l'anno prima ed il problema della sua successione si risolse con difficoltà solo più tardi, con l'assunzione del potere da parte del figlio naturale Bertrando.

I sopravvissuti alla crociata che fecero ritorno alle proprie case dell'Europa occidentale, vennero trattati come eroi. Roberto II di Fiandra venne soprannominato " Robertus Hierosolimitanus " grazie alle sue imprese. In pochi anni dalla sua morte la vita di Goffredo di Buglione divenne leggendaria. [84] In alcuni casi, la situazione politica nei paesi di provenienza venne fortemente funestata dalle assenze dei nobili crociati. Ad esempio, mentre Roberto II di Normandia si trovava a combattere in Terra Santa , il trono d'Inghilterra passò al Enrico I d'Inghilterra invece che a lui, e il conflitto che ne scaturì portò alla battaglia di Tinchebray del 1106. [85]

Nel frattempo, la presenza degli stati crociati nel Vicino Oriente contribuì ad alleviare pressioni dei Selgiuchidi sull'Impero bizantino, portando ad un periodo di relativa pace e prosperità per tutto il XII secolo. [86] L'effetto sulle dinastie musulmane orientali fu graduale ma importante. A seguito della morte di Malik Shah I nel 1092, l'instabilità politica e la divisione del Grande Impero Selgiuchide impedirono una difesa organizzata contro gli Stati cristiani. La cooperazione tra i musulmani rimase difficile per molti decenni, ma dall'Egitto alla Siria a Baghdad vi furono pressioni per tentare di scacciare i crociati. [87] I tentativi culminarono nella riconquista di Gerusalemme, avvenuta nel 1187 grazie a Saladino , fondatore della dinastia degli Ayyubidi che riuscì a riunire i vari regni musulmani orientali. [88]

Note

  1. ^ Perta, 2019, p. 222 .
  2. ^ Riley-Smith, 2005 , p. 7 .
  3. ^ Asbridge, 2004 , pp. 3-4 .
  4. ^ Riley-Smith, 1991 , pp. 5-8 .
  5. ^ Asbridge, 2004 , p. 17 .
  6. ^ Frankopan, 2012 , pp. 57-71 .
  7. ^ Treadgold, 1997 , p. 8 Graph 1 .
  8. ^ Asbridge, 2004 , pp. 15-20 .
  9. ^ Frankopan, 2012 , pp. 97-99 .
  10. ^ Holt, 1989 , pp. 11, 14–15 .
  11. ^ Gil, 1997 , pp. 410, 411 nota 61 .
  12. ^ Holt, 1989 , pp. 11-14 .
  13. ^ Semidivinizzato dai Drusi , considerati eretici dai musulmani.
  14. ^ Franco Cardini, Marina Montesano, op. cit.
  15. ^ a b Ferro, 2001 , p. 67 .
  16. ^ Popolo dei Franchi Archiviato il 22 febbraio 2005 in Internet Archive . Discorso di papa Urbano II a Clermont
  17. ^ Asbridge, 2004 , pp. 46-49 .
  18. ^ Asbridge, 2004 , pp. 65-66 .
  19. ^ Asbridge, 2004 , p. 41 .
  20. ^ Asbridge, 2004 , p. 68 .
  21. ^ Asbridge, 2004 , p. 69 .
  22. ^ Riley-Smith, 1998 , p. 15 .
  23. ^ Asbridge, 2004 , pp. 69-71 .
  24. ^ Asbridge, 2004 , pp. 55-65 .
  25. ^ Asbridge, 2004 , p. 77 .
  26. ^ Asbridge, 2004 , p. 71 .
  27. ^ Riley-Smith, 1998 , pp. 93-97 .
  28. ^ a b c Neveux, 2008 , pp. 186-188 .
  29. ^ Asbridge, 2004 , pp. 78-82 .
  30. ^ William of Tyre , pp. 82-85 .
  31. ^ Asbridge, 2004 , pp. 80-81 .
  32. ^ a b Riley-Smith, 2005 , p. 28 .
  33. ^ Asbridge, 2004 , p. 82 .
  34. ^ Asbridge, 2004 , pp. 101-103 .
  35. ^ Riley-Smith, 1991 , p. 50 .
  36. ^ Asbridge, 2004 , pp. 84-85 .
  37. ^ Tyerman, 2006 , p. 102 .
  38. ^ a b c Tyerman, 2006 , p. 103 .
  39. ^ Tyerman, 2006 , pp. 103-106 .
  40. ^ Asbridge, 2004 , pp. 103-105 .
  41. ^ Nicolle, 2003 , pp. 21, 32 .
  42. ^ S. Runciman, Storia delle Crociate , 2 voll., Torino, Einaudi, 1966, vol. I, p. 140.
  43. ^ Asbridge, 2004 , p. 106 .
  44. ^ Asbridge, 2004 , p. 110 .
  45. ^ Asbridge, 2004 , pp. 110-113 .
  46. ^ Asbridge, 2004 , pp. 117-120 .
  47. ^ Asbridge, 2004 , pp. 124-126 .
  48. ^ Asbridge, 2004 , pp. 126-130 .
  49. ^ Asbridge, 2004 , p. 130 .
  50. ^ Tyerman, 2006 , p. 122 .
  51. ^ Asbridge, 2004 , pp. 132-34 .
  52. ^ Asbridge, 2004 , p. 135 .
  53. ^ Asbridge, 2004 , pp. 135-37 .
  54. ^ Asbridge, 2004 , pp. 138-39 .
  55. ^ a b Hindley, 2004 , p. 37 .
  56. ^ Runciman, 1980 , p. 149 .
  57. ^ Hindley, 2004 , p. 38 .
  58. ^ Hindley, 2004 , p. 39 .
  59. ^ a b Asbridge, 2004 , pp. 163-187 .
  60. ^ Tyerman, 2006 , p. 135 .
  61. ^ Runciman, 1987 , p. 231 .
  62. ^ Tyerman, 2006 , pp. 142-143 .
  63. ^ Tyerman, 2006 , p. 137 .
  64. ^ Madden 2006, 28
  65. ^ Lock, 2006 , p. 23 .
  66. ^ Runciman, 1987 , p. 261 .
  67. ^ Hotaling, 2003 , p. 114 .
  68. ^ Tyerman, 2006 , p. 150 .
  69. ^ a b c d e f Tyerman, 2006 , pp. 153-157 .
  70. ^ Konstam, 2004 , p. 133 .
  71. ^ Runciman, 1987 , p. 284 .
  72. ^ a b c d e f Tyerman, 2006 , pp. 157-159 .
  73. ^ Airaldi, Gabriella., Blu come il mare : Guglielmo e la saga degli Embriaci , 2. ed, F.lli Frilli, 2006, ISBN 88-7563-174-3 , OCLC 70694940 . URL consultato il 21 febbraio 2019 .
  74. ^ Tyerman, 2006 , p. 159 .
  75. ^ Madden, 2005 , p. 34 .
  76. ^ Tyerman, 2006 , pp. 159-160 .
  77. ^ William of Tyre, Book 9, Chapter 9 .
  78. ^ Riley-Smith (1979), "The Title of Godfrey of Bouillon", Bulletin of the Institute of Historical Research 52 , pp. 83–86.
  79. ^ Murray, Alan V. (1990), "The Title of Godfrey of Bouillon as Ruler of Jerusalem", Collegium Medievale 3 , pp. 163–178.
  80. ^ Lock, 2006 , p. 141 .
  81. ^ Riley-Smith, 2005 , p. 35 .
  82. ^ Tyerman, 2006 , p. 161 .
  83. ^ Lock, 2006 .
  84. ^ Baldwin, 1969 , pp. 379-380 .
  85. ^ Neveux, 2008 , pp. 176-177 .
  86. ^ Baldwin, 1969 , pp. 404-405 .
  87. ^ Baldwin, 1969 , pp. 443-447 .
  88. ^ Baldwin, 1969 , pp. 616-620 .

Bibliografia

Fonti primarie

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Fonti storiche sulla prima crociata .

Fonti secondarie

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità Thesaurus BNCF 62284 · LCCN ( EN ) sh85034381 · GND ( DE ) 4073803-6 · BNF ( FR ) cb11947239z (data) · BNE ( ES ) XX745911 (data)