Piedmont

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Piedmont (disambiguation) .
Piedmont
rejyon ak lwa òdinè
Piemonte rejyon an
Piedmont - manto nan bra Piedmont - Drapo
( detay ) ( detay )
Piedmont - View
Sacra di San Michele , senbòl Piedmont [1] [2]
Kote
Leta Itali Itali
Administrasyon
Kapital Turin
Prezidan Alberto Cirio ( FI ) soti nan 6-6-2019
Dat etablisman an 1 janvye 1948 [3]
Teritwa
Kowòdone
nan kapital la
45 ° 04'N 7 ° 42'E / 45.066667 ° N 7.7 ° E 45.066667; 7.7 (Piedmont) Kowòdone : 45 ° 04'N 7 ° 42'E / 45.066667 ° N 7.7 ° E 45.066667; 7.7 ( Piedmont )
Altitid 421 [4] m asl
Sifas 25 387,07 km²
Moun ki rete 4 273 210 [5] (2020-12-31)
Dansite 168,32 abitan / km²
Pwovens Alessandria , Asti , Biella , Cuneo , Novara , Turin ( vil metwopoliten ), Verbano-Cusio-Ossola , Vercelli
Komen 1 181 [6]
Vwazen rejyon yo Emilia-romay , ligurya , Lombard , Aosta Valley , Provence-alp-franse Riviera ( Lafrans Lafrans ), Auvergne-Rhône-alp ( Lafrans Lafrans ), Tisino ( Swis Swis ), Kanton Valais ( Swis Swis )
Lòt enfòmasyon
Lang Italyen , Piedmontese , Lombard , Occitan , Franco-Provençal , liguryè , franse , Walser [7] [8] ,
Lag jè UTC + 1
ISO 3166-2 IT-21
ISTAT kòd 01
Non moun ki rete Piemontè
Patwon Saint Francis nan Komèsyal , Saint Eusebius nan Vercelli
GDP (nominal) 132.671 mln [9]
Pro-capite GDP (nominal) 30,300 [9] (2017)
( PPA ) 30,700 [9] (2017)
Reprezantasyon palmantè 45 depite
22 senatè
Kartografi
Piedmont - Kote
Piedmont - Kat jeyografik
Piedmont ak pwovens li yo
Sit entènèt enstitisyonèl

Piedmont ( AFI : / pje'monte / [10] ; Philemon [pje'mʊnt] nan pyemontèz [11] , nan Occitan ak nan Franco- Provençal [12] ; Philemon [pje'mont] nan Walser [ san yo pa sous ]; Piémont [pje.mɔ̃] an franse [13] ) se yon rejyon ak lwa òdinè nan 4 273 210 moun ki rete [5] [14] nan nò-lwès peyi Itali , ak kapital la administratif - osi byen ke kapital la istorik - vil la nan Turin . Li fontyè nan direksyon wès la ak Lafrans ( Ovèry-Region Rhone-Alpes ak Provence-Alpes-Côte d'azur rejyon ), nan nò-lwès la ak Valley a aosta , nan nò a ak Swis ( Cankton nan Valezan ak tisino ), nan a bò solèy leve ak Lombard , nan sid-bò solèy leve a pou yon detire kout ak Emilia-romay ak nan sid la ak ligurya .

Li se dezyèm rejyon an Italyen pa sifas , setyèm pa kantite moun ki rete, dezyèm lan pa pi gwo kantite minisipalite yo , lwès la nan peyi Itali ak se yon pati nan alp-Mediterane Eworejyon an , nan Alpine macro-rejyon an , epi, limite a sa sèlman teritwa yo nan la pwovens Novara ak VCO , nan Regio Insubrica la . Li se tou katriyèm pi gwo rejyon an pou ekspòtasyon , ak yon pati nan 10% nan total nasyonal la [15] , ak senkyèm an tèm de pwodwi domestik brit (GDP), ak apeprè 143 milya dola ero nan total. Revni an per capita se pi wo pase mwayèn Italyen an. [16] [17]

Etimoloji

Okòmansman, tèm nan Piedmont , ki soti nan fen syèk la douzyèm parèt ekri sou kat topografik nan vèsyon an Latin Pedemontium oswa Pedemontis (sa vle di "nan pye a nan mòn yo"), idantifye byen yo nan Savoy la , limite a sa sèlman detire yo enkli nan vwazinaj la nan Sangone a , nan Dora Riparia a ak Po la . Imedyatman, tèm nan pwolonje endike yon pati de pli zan pli laj nan plenn lan sou bò sa a nan alp la , leve soti vivan nan 1418 nan prensipote , nan konjonksyon avèk konkèt yo Savoy . Lyen an ak peyizaj la Alpine se evidan nan istwa. Nan fon Susa nan zòn Novalesa , ki chita nan baz Colle del Moncenisio a , ki gen yon diferans apik nan wotè ant pas la ak etaj fon an ki te antoure pa tèt segondè, yon bilding eklezyastik ki sitiye sou popilè Via Francigena a te deja endike ant 12yèm ak 13yèm syèk yo kòm S Maria ad Pedem Montis Cenisii , oswa S. Maria de Pedemontio [18] .

Jewografi fizik

Altimetri nan Piedmont
Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Jewografi nan Piedmont ak zòn altimetrik nan peyi Itali .

"Sou tèt yo dantèl entèselan, / chamois la franchi, loraj lavalas / soti nan glas imans
woule nan Woods yo gwonde; / men soti nan silans yo nan ble a efoulman / malfini an soti nan solèy la,
ak detire / nan wou an pant an reta vòl la nwa / solanèl. / Bonjou, Piedmont! ... "

( Giosuè Carducci , rim ak rit , Piedmont , 1890 )

Ka teritwa a nan rejyon an ap divize an twa Gwoup Mizik konsantrik, nan yo ki dominan an ak eksteryè se yon sèl yo Alpine ak Apennine (otan ke 43% nan teritwa rejyonal la). Anndan gen zòn nan aksidante (31% nan teritwa a), ki fèmen zòn nan plat (26% nan teritwa a).
Nan rejyon an gen anpil rivyè ak sous dlo yo, tout aflu nan Po gwo larivyè Lefrat la ki provenant nan pyan del Re nan pye a nan Monviso .

Orografi

Chenn montay yo ki afekte Piedmont se alp la ak Apennines yo , ki antoure rejyon an sou twa bò, san entèripsyon, ki soti nan nò ale nan sid nan yon direksyon anti-goch.

An patikilye, sektè alpin yo ki travèse rejyon an se alp maritim yo , alp Cottian yo , alp Graian yo ( alp lwès , fontyè Lafrans ak fon Aosta ), alp Pennine yo ak alp Lepontin yo ( alp santral yo , sou fwontyè a ak Swis ).

Sektè a Apennine ki afekte Piedmont se olye Apennin yo liguryè ( Northern Apennines ), ki chita sou fwontyè a ak ligurya ak Emilia-romay . Chenn mòn yo konsa fòme yon fwontyè natirèl sou twa bò yo.

Mòn nan Piedmontese gen yon aspè enpoze ak piman bouk: tèt yo pi wo a twa mil mèt desann rapidman nan direksyon pou plenn lan, karakterize zòn lwès la nan rejyon an ki, kontrèman ak tout lòt rejyon Alpine, se dépourvu nan Prealps yo . Fenomèn sa a se patikilyèman evidan nan Fon Susa a , kote pou egzanp nan Susa etaj fon an sitiye nan yon altitid sèlman 503 mèt anwo nivo lanmè, pandan y ap tèt yo ki antoure vil la depase 3 000 mèt ak rive nan 3 538 mèt anwo nivo lanmè ak Rocciamelone la . Anba wòch yo ak patiraj gen gwo vast nan forè rezineuz (Piedmont se premye rejyon an Italyen pa zòn forè, ak apeprè yon milyon ekta nan Woods [19] ), nan mitan ki pichpen yo mwens komen pase nan lòt seksyon nan alp la; desann nan altitid yo byento bay fason Beech ak pye bwa Chestnut . Nan bann sa a gen tèt yo pi wo nan rejyon an, ki depase 4 000 m : Punta Nordend ( 4 609 m ), pi wo elevasyon rejyonal kòm byen ke dezyèm pik la pi wo nan mas la Monte Rosa ; Lè sa a, gen tèt anpil ki depase 3 000 m , ki gen ladan Monviso , Uia di Ciamarella , Rocciamelone , Monte Leone ak Argentera .

Anprent imen yo evidan nan fon yo, reprezante pa wout entènasyonal enpòtan ak ray tren. Nan fon yo ki pi piti gen baraj , plant idwoelektrik ak sant touris.

Zòn prensipal aksidante yo se Canavese nan nò-lwès, Langhe ak Roero nan sid, Monferrato nan sant, ti mòn Novaresi ak Vergante nan nò ak Hills Tortonesi nan sid-bò solèy leve.

Ti mòn sid Langhe ak Monferrato yo fòme pa ansyen sediman marin epi yo pa trè rezistan nan dlo, ki defouye yon labirent nan siyon ak fon. Pant yo byen ekspoze yo kiltive ak pye rezen , sereyal ak fouraj, men tou ak jaden rezen ak estati Achel , pandan y ap agrikilti , yon fwa toupatou, se kounye a konsantre nan plenn sid yo. Nan 2014 jaden rezen yo nan Langhe, Roero ak Monferrato ti mòn yo te enkli nan lis la UNESCO Mondyal Eritaj .

Ant mòn sa yo ak alp yo, yon plato ki rich nan dlo rive jouk Cuneo, plis pase senk san mèt segondè: isit la jaden yo sitou kiltive ak fouraj ak sereyal . Fon an Po kòmanse jisteman nan rejyon an, ki, espesyalman nan pwovens Vercelli ak Novara , se lajman kiltive ak jaden diri , gras a tou gwo kantite dlo ki disponib, tou de pou sous dlo yo , epi, pi wo a tout moun, pou kanal yo atifisyèl , ki pi enpòtan nan ki se sètènman Cavour Canal la .

Nan zòn nan ozalantou gwo vil yo, an patikilye nan Torino ak Novara , jaden flè tipik se sa yo ki an devlopman anthropic, kwake mwens aksantué pase rès la nan fon an Po, pandan ke yo nan rès la nan diri a plenn altène ak lòt sereyal ak fouraj ak plantasyon. pye sikren entèsepte jaden yo.

Idrografi

Rivyè

Zòn nan Piedmont se moun rich nan vwa navigab, tout afluan nan larivyè Lefrat la Po , ki antyèman travèse rejyon an soti nan lwès sou bò solèy leve. Yo dwe mansyone, nan adisyon a Po nan tèt li, yo se:

Lakes

LagoMaggiore panorama.jpg
Panorama nan Lake majò, dezyèm pi gwo lak la nan peyi Itali, wè nan rivaj la Lombard .
Po a nan Torino .

Gen anpil lak alpine ki gen orijin glasyal ak morenik nan rejyon an. Lake majò , ki make fwontyè lès la ak Lombard , ansanm ak emisyon li yo, larivyè Lefrat la Ticino, se youn nan lak yo pi gwo nan peyi Itali , pandan ke lòt moun, natirèl oswa atifisyèl, pa depase 2 km² . Pami tout lak yo prezan, sa ki annapre yo patikilyèman merite pou yo remake:

Pami lak natirèl yo nan dimansyon Désidéman pi piti nou mansyone Lake Mergozzo ( 1.85 km² ), Lake Sirio ( 0.3 km² ), Lake Candia ( 1.52 km² ) ak Avigliana Lakes yo (0.9 e 0.61 km² ).

Klima

Piedmont gen yon klima tipikman tanpere ak yon karaktè kontinantal, ki nan alp yo vin progresivman tanpere-frèt ak frèt jan li monte nan altitid. Nan zòn ki sitiye nan altitid ki ba, sezon ivè yo relativman frèt men yo pa trè lapli e souvan solèy, ak posibilite pou Lanèj ki Tonbe an, pafwa abondan, nan zòn yo ansanm Po a, sou zòn yo aksidante tankou Langhe a ak Monferrato ak nan pye mòn yo. Nèj, nan lòt men an, yo mwens souvan ak okazyonèl nan zòn nò-bò solèy leve yo. Ete, nan lòt men an, yo cho ak muggy ak posiblite lokal yo nan loraj fò, espesyalman nan zòn ki nan nò Po a, pandan ke yo nan zòn nan sid Po a lapli ete a reprezante lapli a minimòm ansanm ak yon sèl nan sezon fredi (pi ba a lapli an ete se akòz lefèt ki gen mwens ekspoze a perturbasyon Atlantik, ki pote lapli ak tanpèt loraj). Lapli yo tonbe sitou nan sezon prentan ak otòn sou pi fò nan teritwa a, nan sezon lete nan zòn ki pi wo ak andedan alpine: kantite anyèl yo konsiderab sou mòn lan ak kontrefò nan nò rejyon an, pandan ke yo pi ra nan plenn yo nan sid Po a espesyalman nan pwovens Alessandria .

Tipik peyi Piedmontese nan yon apremidi ete

Direksyon orijin mas lè yo gen yon gwo enfliyans sou lapli . Si yo imid epi yo soti nan sid, sid-bò solèy leve oswa bò solèy leve, chèn lan Alpine bloke wout yo (sa a se fenomèn nan rele stau ): nan ka sa a presipitasyon yo kapab tou trè abondan, espesyalman sou pant yo mòn premye, pafwa sa ki lakòz inondasyon . Si, nan lòt men an, kouran lè yo soti nan nò, nò-lwès oswa lwès, imidite a egzeyate sou bò lwès la nan alp ak Se poutèt sa lè a ki rive nan rejyon an se sèk, sa ki lakòz absans la nan presipitasyon menm pou semèn. Anplis de sa, nan mòn yo ak zòn plenn yo, espesyalman nan pwovens lan nan Turin, fenomèn yo nan foehn yo souvan (al gade vag chalè nan mwa janvye 2007 ). Nèj nan sezon fredi se yon meteor relativman souvan, yo bay efè a basen nan alp la ak Apennines yo, pi gwo nan sid-lwès la, ki fè li difisil fè echanj lè ak nan sezon fredi li favorize akumulasyon nan yon kousen lè frèt nan tè a. [20]

Sou rivaj yo nan Lake Maggiore gen yon mikroklima patikilye, ak sezon ivè pi modere pase nan rès la nan rejyon an ak pi fre, ete move tan. Menm nan fon yo ak ti mòn fè fas a sid gen klima modere ak solèy.

Jeoloji

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: jewoloji nan Piedmont .
Monviso , mòn ki pi wo nan alp Cottian yo

Soti nan yon pwen de vi jewolojik, Piedmont se yon rejyon nan ki gen chenn mòn enpòtan, vaste zòn aksidante ak yon plenn lajè. Nan peryòd triyaz la (256 milyon ane de sa), pandan ke Oseyan Atlantik la te fòme nan lwès la nan Ewòp jodi a, nan latitid la nan peyi Itali te gen yon gwo Gòlf: li te sa ki te rete nan ansyen oseyan an, ki rele Tethys : Tethys la sou tan li te kòmanse sèk ak sifas li yo te kòmanse vout ak monte akòz yon fenomèn nan subduction , sifas la tou chofe akòz chalè a ki te pwodwi pa moute nan magma a ak anpil dra wòch ki te fòme yon pati nan manto a, nan kwout oseyanik ak nan yon sèl kontinantal yo te pouse nan sifas la pa sipèpoze youn ak lòt.

Monte Rosa , pi gwo masif nan alp la

20 milyon ane de sa te chèn lan Alpine kounye a etabli; an zòn Mediterane a te gen yon ogmantasyon nouvo nan chalè soti nan manto latè a ki te lakòz vout la ak kraze nan kwout Ewopeyen an ki soti nan blòk la sard-korsik detache. Sa a mikwo-plak pivote sou Gòlf la liguryè pa fè yon wotasyon anti-goch nan 50 ° ak fòme lanmè a lig. Lanmè a kouvri Collina di Torino , Langhe , Roero , Monferrato ak Po Valley .

Apèsi sou Ceresole Reale, Gran Paradiso National Park .

Ogmantasyon nan tanperati dlo transfòme lanmè Mediterane a nan yon lak sèl ki ba ak anpil zòn cheche, yon kondisyon ki te dire plizyè santèn dè milye ane e ki te lakòz sediman saline depoze: evaporite. Imedyatman, Mediterane a retounen nan kominikasyon ak dlo yo oseyanik ak dlo a te kòmanse sikile ankò, fòme yon Gòlf triyangilè ant chenn yo Alpine ak Apennine; apre ogmantasyon kontinyèl nan chenn Alpine ak Apennine yo, lanmè a te retire nan Gòlf la ak akimilasyon nan sediman pote nan rivyè yo te bay monte nan yon plenn alluvions ki koresponn ak fon an Po kounye a. Depo marin yo nan peryòd sa a vizib nan zòn Asti aktyèl la nan Piedmont, men yo menm tou yo prezan nan zòn Biella ak nan bouch Valsesia ak Valsessera pou temwaye ke lanmè a te rive prèske anba chèn Alpine lan. Gen kèk zile ki soti nan lanmè a ki kouvri Piedmont, kounye a Turin Hill ak Lower Monferrato la. Soti nan rete nan fosil nou konnen ke klima a nan peryòd sa a te subtropikal, ak Se poutèt sa pi cho ak plis imid pase yon sèl aktyèl la. Kouran dlo yo te pote debri yo fòme delta bouch [ klè ] ki te sou bann bèf nan Rinoseròs, elefan, sèf ak chwal. Kouran yo ak fòs erozif yo retire sediman yo nan peryòd anvan an, menm dè santèn de mèt epè, ki kouvri basen an ak depo megaconoid fluvial. Yon milyon ane de sa klima a sibi yon chanjman plis: lapli ogmante ak tanperati yo te vin pi frèt. Sa a mennen nan Aparisyon nan glasye alpine. Lang yo glasyal kouri ansanm fon yo, grandisan ak elaji yo pafwa rive osi lwen ke plenn lan. Materyèl la dendritik ki te soti nan mòn yo bati enpoze anfiteatr morenik, byen klè evidan nan bouch la nan Dora Riparia ak Dora fon Baltea ak nan zòn ki ozalantou lak yo Maggiore ak Orta.

Anviwònman

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Sit nan enterè kominotè nan Piedmont ak Pwoteje Zòn Natirèl nan Piedmont .

Nan rejyon an gen anpil zòn ki pwoteje, ki kouvri plis pase 193,000 ekta, ki egal a apeprè 10% nan sifas rejyonal la; pami sa yo nou jwenn de pak nasyonal, Gran Paradiso ak Val Grande , 56 pak rejyonal ak rezèv ak anpil zòn pwovens pwoteje.

Ki baze sou rezilta yo nan edisyon an XXI nan ekosistèm iben Legambiente a (2014) ak (2015), Piedmont jere yo mete lavil la nan Verbania an premye plas nan plase nan vètye nan anviwònman an ak jaden ekosistèm . Epitou nan yon bon pozisyon yo Novara (18yèm plas), Cuneo (13yèm), Asti (40th), Biella (17yèm). Pi lwen Vercelli (64º), Alessandria (77º) ak Torino (84º). [21]

Istwa

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Istwa nan Piedmont .
Konstitisyon Peyi Wa ki nan Sardinia nan 1839

Rete depi Paleyolitik la [22] , apre yo fin k ap fonn nan glas la nan anwo Po Valley a , nan BC la milenè premye li te okipe pa Celtic ak Ligurian popilasyon, ki gen ladan Taurini nan ak Salassi nan , imedyatman bat pa Women yo , ki moun ki te fonde koloni tankou Eporedia ( Ivrea ) ak Augusta Taurinorum ( Turin ). Nan premye ane sa yo apre sezon otòn la nan Anpi Lwès Women an , Piedmont te vin anba kontwòl la nan popilasyon yo jèrmen: li te premye antre nan dominasyon an nan Odoakr , e li te Lè sa a, konkeri pa Ostrogoths yo . Nan mitan sizyèm syèk la Itali te rekonkeri pa Women yo , sèlman tonbe nan men lombard yo nan 568 . Nan 774 Charlemagne konkeri Peyi Wa ki Lombard, ki gen ladan Piedmont. Nan 9yèm ak 10yèm syèk li te soufri nouvo atak Saracen yo ki te detwi, pami lòt bagay, Abbey Novalesa nan Val di Susa . Konpare ak lè li te rive nan rès la nan nò peyi Itali, chèf teritoryal yo devlope nan yon fason preponderan nan Piedmont, tankou sa yo ki an konte yo nan Castello, ki moun ki nan 1291 vann Sempione ak Gondo evèk la nan Sìon Boniface de Challant. Administrativman divize an konte ak mak, li te an pati inifye nan 11yèm syèk la pa Olderico Manfredi II , ki moun ki jwenn de mak enpòtan yo nan Torino ak Ivrea ak lèg yo bay pitit gason l ' Oddone di Savoia , pitit gason Umberto mwen Biancamano . Pwosesis la nan inifikasyon nan Piedmont anba fanmi an Savoy te pran plizyè syèk, premye pou fòmasyon nan minisipalite otonòm, tankou Asti , Alessandria ak Savigliano (12yèm syèk), ak Marquisates fò, tankou sa yo ki nan Saluzzo (11yèm syèk) ak Monferrato ( 12yèm syèk).); Lè sa a, akòz entèvansyon an nan pwisan chèf ekstèn, tankou Visconti a (14yèm syèk); finalman, pou patisipasyon rejyon an nan lit ki genyen ant Habsburgs yo ak Valois yo pou ejemoni nan peyi Itali ak Ewòp (16th syèk). Se sèlman apre lapè nan Cateau-Cambrésis ( 1559 ) Emanuele Filiberto ak siksesè li yo te kapab kòmanse pwosesis la nan inifikasyon definitif, ranpli nan 1748 ak trete nan Aachen .

Aprè parantèz dominasyon Napoleon an (1798-1814), Piedmont te swiv desten Wayòm Sardinia e li te jwe yon wòl santral nan Risorgimento Italyen an ak nan konstriksyon nouvo eta inite a ( 1861 ), ki te sòti legal ak politik. estrikti ( Statuto Albertino nan 1848 ) ak anplwaye administratif la, nan pwosesis sa a ki te defini kòm "Piedmontese" nan eta a. Nan moman ki pi kritik oswa tranzisyonèl nan istwa nasyonal la, Piedmont te fè kontribisyon enpòtan kòm yon "laboratwa" politik ak sosyal, ak grèv travayè yo nan lagè mondyal yo (nan 1917 ak 1943), eksperyans yo Torino nan Gramsci ak Piero Gobetti ( 1920s ), patisipasyon nan entans nan Rezistans lan ( 1943 -1945), endistriyalis la inovatè nan Adriano Olivetti ( ane 1950 ), sezon an otòn cho nan lit ( 1969 ). Enpresyonan te endistriyalizasyon nan rejyon an, ki soti nan estrikti a tradisyonèl agrè nan Peyi Wa a Savoy, ki te fonde sou ejemoni a nan klas yo biwokratik ak militè yo ak aristokrasi a te ateri, te kapab kòmanse, kòmanse nan laj la Cavourian (1852-1861), yon pwosesis rapid nan modènizasyon yo vin, nan kòmansman an nan ventyèm syèk la, yon zòn enpòtan nan triyang endistriyèl la ki te dirije Italyen ekonomik la pran-off. Non mancarono, nel rapido sviluppo, gli squilibri soprattutto territoriali tra l'area del Torinese, sede principale dell'industrializzazione, e l'economia ancora prevalentemente rurale del resto della Patria Cita (così come l'autore torinese Armando Mottura definì il Piemonte nella celebre e omonima poesia del 1959 ) [23] . Il tessuto economico, in cui ebbe un posto preponderante la FIAT , attrasse negli anni cinquanta e sessanta un grande flusso migratorio dal Veneto a dal meridione, che provocò profonde trasformazioni sociali e culturali.

Onorificenze

Attestato e medaglia di bronzo dorata di eccellenza di I classe di pubblica benemerenza del Dipartimento della Protezione civile - nastrino per uniforme ordinaria Attestato e medaglia di bronzo dorata di eccellenza di I classe di pubblica benemerenza del Dipartimento della Protezione civile
«Per la partecipazione all'evento sismico del 6 aprile 2009 in Abruzzo, in ragione dello straordinario contributo reso con l'impiego di risorse umane e strumentali per il superamento dell'emergenza.»
— DPCM 11 ottobre 2010, ai sensi dell'art.5, comma 5, del DPCM 19 dicembre 2008.
Gonfalone
Medaglia d'oro al Merito Civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al Merito Civile
«Le comunità dell'attuale Regione Piemonte, nella loro profonda fede in un'Italia libera e democratica, sconvolte dalle feroci rappresaglie dell'oppressione nazi-fascista, con indomito spirito patriottico contribuirono, offrendo numerosi esempi di generoso spirito di solidarietà umana, alle vicende che, in particolare dopo l'8 settembre 1943, portarono alla liberazione e alla ricostruzione di quel territorio. Fulgido esempio di lotta comune, orientata alla conquista della libertà e della democrazia. 1943 - 1945 Regione Piemonte [24] »
— 19 agosto 2016

Società

Evoluzione demografica

Il Piemonte ha registrato dagli anni settanta una perdita di popolazione dovuta ad un calo della natalità non più compensato, come negli anni cinquanta-sessanta, da immigrazioni dal resto d'Italia ed in particolare dal Sud e dal Veneto. Tuttavia negli ultimi anni si è registrata una ripresa demografica, dovuta soprattutto alla nuova immigrazione dall'Europa centro-orientale. Le densità di insediamento più elevate si registrano nelle aree urbane industrializzate dell'alta pianura, specialmente nella provincia di Torino (52% della popolazione regionale, con una densità doppia rispetto a quella media).

Nel 2018 i nati sono stati 29 072, i morti 53 838, con un incremento naturale di −24 766 unità rispetto al 2017 [25] . Le famiglie contavano in media 2,1 componenti.

Il 70,4% è cattolico, il 12,1% è agnostico, il 9,8% è ateo, il 7,7% appartiene ad altre religioni.[fonte mancante]

Comuni principali

Di seguito sono riportati i primi dieci comuni piemontesi ordinati per numero di abitanti al 1º gennaio 2021 (in grassetto i capoluoghi di provincia o città metropolitana):

Posizione Stemma Comune di Popolazione
(ab)
Superficie
( km² )
Densità
(ab/ km² )
Altitudine
( m slm )
Provincia o
Città metropolitana
Stemma di Torino (CoA of Turin).svg Torino 848 196 130,01 6 524,08 239 TO
Novara-Stemma.png Novara 101 916 103,05 989,00 162 NO
Alessandria-Stemma.png Alessandria 92 104 203,57 452,44 95 AL
Asti-Stemma.svg Asti 74 348 151,31 491,36 123 AT
Moncalieri-Stemma.png Moncalieri 56 522 47,53 1 189,18 219 TO
Cuneo-Stemma.png Cuneo 55 980 119,67 467,79 534 CN
Collegno-Stemma.png Collegno 49 099 18,10 2 712,65 302 TO
Rivoli-Stemma.png Rivoli 47 318 29,50 1 604,00 390 TO
Settimo Torinese-Stemma.png Settimo Torinese 46 699 31,46 1 484,39 207 TO
10º Nichelino-Stemma.png Nichelino 46 535 20,56 2 263,38 229 TO

Altri comuni del Piemonte con più di 20 000 abitanti ordinati per popolazione:

Posizione Stemma Comune di Popolazione
(ab)
Superficie
( km² )
Densità
(ab/ km² )
Altitudine
(m slm )
Provincia o
Città metropolitana
11º Vercelli-Stemma.png Vercelli 45 875 79,78 575,02 130 VC
12º Biella-Stemma.png Biella 43 663 46,69 935,17 420 BI
13º Grugliasco-Stemma.png Grugliasco 36 700 13,13 2 795,13 293 TO
14º Chieri-Stemma.png Chieri 35 912 54,20 662,58 283 TO
15º Pinerolo-Stemma.png Pinerolo 35 546 50,34 706,12 376 TO
16° Casale Monferrato-Stemma.png Casale Monferrato 33 213 86,21 385,26 116 AL
17º Venaria Reale-Stemma.png Venaria Reale 32 818 20,44 1 605,58 262 TO
18º Alba (Italia)-Stemma.svg Alba 31 215 53,59 582,48 172 CN
19º Verbania-Stemma.png Verbania 30 104 37,49 802,99 197 VB
20º Bra-Stemma.png Bra 29 466 59,53 494,98 290 CN
21º Carmagnola-Stemma.png Carmagnola 28 342 95,72 296,09 240 TO
22º Novi Ligure-Stemma.png Novi Ligure 27 786 55,20 503,37 197 AL
23º Tortona-Stemma.png Tortona 27 092 98,87 274,02 122 AL
24º Chivasso-Stemma.png Chivasso 26 608 51,24 519,28 183 TO
25º Fossano-Stemma.png Fossano 24 486 130,15 188,14 375 CN
26º Orbassano-Stemma.png Orbassano 23 165 22,21 1 043,00 273 TO
27º Ivrea-Stemma.png Ivrea 23 048 30,11 765,46 253 TO
28º Mondovì-Stemma.png Mondovì 22 264 87,05 255,76 395 CN
29º Borgomanero-Stemma.png Borgomanero 21 229 32,27 657,86 307 NO
30º Savigliano-Stemma.png Savigliano 21 442 110,79 193,54 320 CN
31º Trecate-Stemma.png Trecate 20 386 38,22 533,39 136 NO

Etnie e minoranze straniere

Al 31 dicembre 2018 i cittadini stranieri regolarmente residenti nella regione erano 427 911, ossia 9,8% del totale, con un incremento di 4 405 unità rispetto all'anno precedente. [26]

I gruppi etnici più numerosi (oltre 5 000 unità) sono:

Paese Abitanti al 31.12.2018 Abitanti al 31.12.2017 Abitanti al 31.12.2016 [26]
Romania Romania 147 916 148 428 148 136
Marocco Marocco 54 151 53 971 54 964
Albania Albania 40 919 40 952 41 578
Cina Cina 20 091 19 926 19 562
Nigeria Nigeria 12 638 11 757 10 079
Perù Perù 11 759 11 828 12 013
Ucraina Ucraina 10 435 10 408 10 386
Moldavia Moldavia 8 984 9 227 9 689
Egitto Egitto 7 889 7 515 6 979
Senegal Senegal 7 626 7 432 7 001
Macedonia del Nord Macedonia del Nord 6 463 6 626 6 809
Filippine Filippine 6 309 6 262 6 168
India India 5 301 4 863 4 826
Pakistan Pakistan 5 084 4 613 4 132

Politica

Stemma e simboli della regione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Simboli del Piemonte .
Lo stemma
Il tradizionale drapò (privo della frangia oro)

Lo Stemma della Regione Piemonte ha una forma quadrata, con una croce d'argento in campo rosso spezzata da lambello azzurro a tre gocce. Di fatto è stato ripreso l'antico stemma subalpino, risalente al 1424 .

Il Gonfalone si presenta interzato in palo : nel primo di rosso, nel secondo di blu, nel terzo d'arancio, colori della Repubblica di Alba , proclamata il 25 aprile 1796, su tutto lo stemma del Piemonte.

Il Drapò ("bandiera" in piemontese , coniato dal francese drapeau e dell'italiano drappo) è la bandiera ufficiale della Regione Piemonte. È simile allo Stemma, però si distingue per la forma rettangolare e per la presenza della frangia oro e della bordura azzurra.

Suddivisione amministrativa

Dal 1º gennaio 1948 , secondo l'art. 131 della Costituzione , il Piemonte è una regione italiana a statuto ordinario , ma solo con la legge 281 del 1970 sono state operativizzate le sue funzioni.

Attualmente è suddiviso nelle sottoelencate province e città metropolitana:

Abitanti ed estensione territoriale delle province del Piemonte e della città metropolitana di Torino (31/12/2020) [5]
Stemma Sigla Provincia o città metropolitana Mappa Comuni (numero) Superficie (km²) Popolazione (ab.) Densità (ab./km²) Sito istituzionale
Provincia di Alessandria-Stemma.png AL Provincia di Alessandria Alessandria map.png 187 3 558,83 411 922 115,74 Alessandria
Provincia di Asti-Stemma.svg AT Provincia di Asti Asti mappa.png 118 1 510,19 209 648 138,82 Asti
Provincia di Biella-Stemma.svg BI Provincia di Biella Biella mappa.png 74 913,28 171 838 188,15 Biella
Provincia di Cuneo-Stemma.png CN Provincia di Cuneo Cuneo map.png 247 6 894,94 582 358 84,46 Cuneo
Provincia di Novara-Stemma.svg NO Provincia di Novara Novara map.png 87 1 340,28 362 199 270,24 Novara
Città metropolitana di Torino - Stemma.svg TO Città metropolitana di Torino Torino mappa.png 312 6 827,00 2 212 996 324,15 Torino Metropoli
Provincia del Verbano-Cusio-Ossola-Stemma.png VB Provincia del Verbano-Cusio-Ossola [27] Verbano-Cusio-Ossola map.png 74 2 260,91 155 065 68,59 VCO
Provincia di Vercelli-Stemma.svg VC Provincia di Vercelli Vercelli map.png 82 2 081,64 167 189 80,32 Vercelli

Amministrazione

La Giunta regionale

L'attuale sede sede della Giunta regionale, in Piazza Castello a Torino .
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Presidenti del Piemonte e Giunta regionale del Piemonte .

L'organo esecutivo della Regione è la Giunta regionale , composta dal Presidente e dagli assessori . Il Presidente della Giunta, ex art. 121 della Costituzione , rappresenta la Regione, dirige la politica della Giunta e ne è responsabile. L'attuale Presidente è l'esponente di Forza Italia Alberto Cirio . [28] Il Palazzo della Regione Piemonte, sede della Giunta, è sito in piazza Castello a Torino ; in zona Nizza Millefonti è attualmente in costruzione un grattacielo di 41 piani che, a lavori ultimati, sarà adibito a sede unica degli uffici regionali. [29]

Il Consiglio regionale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Consiglio regionale del Piemonte .

Il Consiglio regionale è l'assemblea legislativa del Piemonte. Approva le leggi regionali ei regolamenti di competenza dell'organo. Ha il compito di adottare e modificare lo Statuto regionale, votare il bilancio della Regione e proporre iniziative di legge statale al Parlamento . Ha sede a Torino presso il Palazzo Lascaris di via Alfieri, tra piazza San Carlo e piazza Solferino [30] .

Economia

Le attività

La maggior parte della popolazione vive in pianura in particolare a Torino e nei paesi limitrofi, dove si concentra l'attività industriale.

Nelle province di Vercelli e di Novara , l'economia è basata sulla coltivazione del riso di cui la regione è il primo produttore italiano [31] . Altri prodotti dell' agricoltura praticata con tecniche macchinari moderni sono: cereali, patate, ortaggi, frutta e foraggio . Sulle colline sono diffusi i vigneti che producono numerosi vini a DOC ea DOCG . Nelle zone meno fertili si allevano i bovini . L'abbondante presenza di acqua permette la produzione di energia elettrica . È sede di molte industrie: la principale è la FIAT che fabbrica autoveicoli e aerei e ha permesso lo sviluppo di alcune tra le maggiori industrie tessili e meccaniche. [31]

Dati economici

Di seguito la tabella che riporta il PIL ed il PIL pro capite [32] prodotto nel Piemonte dal 2000 al 2010 :

2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010
Prodotto Interno Lordo
(milioni di Euro)
98 634,4 102 179,7 105 206,1 108 715,1 113 270,7 114 993,2 118 753,5 125 022 126 856 119 879 125 070
PIL ai prezzi di mercato per abitante
(Euro)
23 360,9 24 233,9 24 916,8 25 575,2 26 340,8 26 520,6 27 316,6 28 209,6 28 619,1 26 894,8 28 600

Di seguito la tabella che riporta il PIL [32] , prodotto in Piemonte ai prezzi correnti di mercato nel 2006 , espresso in milioni di euro, suddiviso tra le principali macro-attività economiche:

Macro-attività economica PIL prodotto
(milioni di Euro)
% settore su PIL regionale % settore su PIL italiano
Agricoltura, silvicoltura, pesca 1 608,0 1,35% 1,84%
Industria in senso stretto 25 921,7 21,83% 18,30%
Costruzioni 5 405,1 4,55% 5,41%
Commercio, riparazioni, alberghi e ristoranti, trasporti e comunicazioni 24 084,8 20,28% 20,54%
Intermediazione monetaria e finanziaria; attività immobiliari ed imprenditoriali 29 735,6 25,04% 24,17%
Altre attività di servizi 19 355,6 16,30% 18,97%
Iva, imposte indirette nette sui prodotti e imposte sulle importazioni 12 642,7 10,65% 10,76%
PIL Piemonte ai prezzi di mercato 118 753,57

I prodotti agricoli coltivati sono cereali , patate , ortaggi, barbabietole da zucchero , frutta , pioppi e foraggio; nelle zone collinari è molto accentuata la viticoltura . L'allevamento è concentrato su bovini e suini .

Molto sviluppate sono anche le industrie, soprattutto quella automobilistica con il gruppo FIAT e le aziende collegate. Di rilievo sono anche i settori chimico, alimentare (la regione è la prima d'Italia per produzione di cioccolato ), tessile e dell'abbigliamento. Tra le regioni italiane, il Piemonte è quella che più investe nell'industria elettronica , storicamente legata alla Olivetti di Ivrea . Nel settore terziario, assumono importanza le attività bancarie ed assicurative, il commercio, l'editoria e il turismo alpino e lacustre.

FIAT - Vista aerea del Lingotto nel 1928.

In Piemonte più della metà della popolazione vive nella provincia di Torino , città che sorge alla confluenza nel Po della Dora Riparia. È stata proprio la disponibilità di acqua a favorire la nascita in passato delle prime industrie: infatti i mulini, le ferriere e le piccole officine artigiane funzionavano grazie all' acqua .

Lo sviluppo di Torino è stato molto rapido dal 1945 in poi grazie alla presenza della FIAT che, nata sul finire dell'Ottocento, ha compiuto i maggiori progressi durante gli anni cinquanta quando entrarono in commercio le prime utilitarie. Torino non è famosa solo per il settore automobilistico e le altre attività collegate all'automobile (stabilimenti di pneumatici, industrie chimiche di vernici e di materie plastiche) ma anche per l'industria alimentare (sono molto conosciuti i Gianduiotti).

La concentrazione di tante attività industriali ha determinato il verificarsi di una notevole congestione urbana, considerato anche il fatto che le colline arrivano fino ai margini della città e le aziende sono quindi concentrate in uno spazio ristretto.

La Fiat 500 nella versione del 1957 e del 2007 .

A partire dal 1974 (anno in cui Torino toccò l'apice della sua ascesa demografica con 1 203 000 abitanti) [33] [34] l'area torinese è andata via via decongestionandosi anche grazie al decentramento industriale. La decongestione del comune di Torino, ha favorito i comuni dell'area urbana, la cui popolazione raggiunge oggi 2 milioni di abitanti circa.

Da allora, però, l'intero Piemonte è andato incontro ad una crisi economica, in parte contenuta grazie al rilancio ottenuto dai XX Giochi olimpici invernali , che hanno dato a Torino uno slancio internazionale ed hanno aumentato i flussi turistici in città. L'immagine di Torino in Italia e nel mondo, in precedenza legata allo sviluppo industriale e in particolare al settore automotive, è ora maggiormente connotata dal settore terziario con investimenti anche per cultura e turismo [35] .

Negli ultimi anni sono stati in crescita il livello di internazionalizzazione dell'economia e della società piemontese. Il Piemonte ha indici superiori alla media italiana per quanto riguarda il commercio internazionale, l'attrattività degli IDE , il numero di impiegati stranieri, la popolazione straniera e la formazione su tematiche internazionali; solo il turismo internazionale si colloca per ora poco sotto la media italiana, mentre appare in forte crescita il numero di studenti stranieri negli atenei piemontesi. [36] Dal 2007 la Regione Piemonte, in accordo con Unioncamere Piemonte e con le rappresentanze delle categorie economiche, ha unificato gli organismi che si occupano di internazionalizzazione dell'economia piemontese nel Centro estero per l'internazionalizzazione . [37]

Zone economiche

Panorama sul Po e le risaie vercellesi dal Monferrato.

L'economia a nord del Po è più prospera di quella del Piemonte meridionale: Biella è un importante centro italiano dell'industria laniera; Ivrea , con l' Olivetti , è stata una città importantissima per il settore tecnologico con la produzione di macchine da scrivere prima e personal computer in seguito; Vercelli è sede del mercato europeo del riso insieme a Novara , città che con le sue industrie alimentari, tessili, meccaniche e grafiche risente molto della vicinanza di Milano, da cui in effetti dista meno di 50 chilometri.

Altre città importanti sono Chivasso , situata fra le colline di Torino e quelle del Monferrato , che viene considerata la "pompa" delle risaie di Vercelli, di Novara e della Lomellina poiché un impianto devia continuamente acqua dal Po nel canale Cavour ; Stresa , celebre centro turistico sulla riva piemontese del Lago Maggiore; Pinerolo , città della cavalleria e sede della prima Società di Mutuo Soccorso d' Italia .

Nel Piemonte meridionale troviamo Cuneo , sul fiume Stura , che si trova al centro di importanti valli alpine; Asti , sul fiume Tanaro , è favorita dalla sua posizione poiché si trova sulla strada che collega Genova a Torino. La città è conosciuta in tutto il mondo per la produzione di rinomati vini (quali, ad esempio, il vino DOCG Asti spumante , conosciuto in tutto il mondo, essendo il vino italiano più esportato [ senza fonte ] o al Moscato d'Asti ) e per essere al centro della regione geografica del Monferrato, per l'appunto uno dei più importanti distretti vitivinicoli ed enogastronomici del mondo. Mentre la parte occidentale della provincia di Cuneo ha un'economia che gravita molto attorno alla vicina Francia, la parte sud-orientale della stessa provincia ha strette relazioni economiche con l'area ligure, dove esporta soprattutto prodotti zootecnici, e con quella savonese in particolare, avendo la stessa la forte attrattiva del porto turistico e mercantile.

A 27 km da Asti, sorge per gran parte sulla riva destra del fiume Tanaro, la città di Alba , sita al centro delle Langhe , rinomata per i suoi tartufi ma anche per l'industria alberghiera e per essere un importante centro enogastronomico piemontese. Alba si distingue inoltre per essere la sede dell'importante industria dolciaria Ferrero , conosciuta in tutto il mondo per i suoi prodotti dolciari, in particolare la Nutella .

Mentre Asti sente molto l'attrazione di Torino , considerata la modesta distanza che la separa dal capoluogo regionale, Alessandria invece gravita maggiormente verso l'area genovese e milanese; anche qui prevale il commercio agricolo ma vi sono inoltre delle industrie, alcune delle quali molto caratteristiche come quelle di profumi e di cappelli.

Un altro capitolo importante per l'economia piemontese è il cioccolato . Nella regione sono prodotte 80 000 tonnellate per un valore di 800 milioni di euro impiegando 5 000 addetti. Le aree più significative per la produzione di cioccolato sono quella di Novi Ligure dove hanno sede la Novi e la Pernigotti e quella cuneese dove si trovano la già citata Ferrero e Venchi .

Le centrali idroelettriche sono presenti nei pressi di Saluzzo , Borgo San Dalmazzo , Susa e Cuorgnè . L' energia termoelettrica viene invece prodotta vicino a Moncalieri , Orbassano , Alessandria , Trino e Chivasso. A Trecate , nel Novarese, si estrae petrolio e gas naturale : nel comune sono presenti raffinerie e impianti petrolchimici.

L' industria siderurgica e metallurgica prevale a Novi Ligure, Fossano e Torino, quella meccanica a Villadossola , Omegna , Gozzano , Biella, Ivrea, Novara, Verrone , Vercelli, Casale Monferrato , Chivasso, Torino, Pinerolo, Asti, Savigliano , Fossano, Mondovì , Cuneo e nei pressi del Rocciamelone .

Infrastrutture e trasporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti in Piemonte .

Il sistema infrastrutturale dei trasporti del Piemonte consiste in linee ferroviarie , aeroportuali , autostradali , stradali e lacustri .

Cultura

Lingue e dialetti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingua piemontese , Lingua occitana e Lingua francoprovenzale .
Carta linguistica approssimativa del Piemonte

Il Piemonte vanta una ricchezza linguistica invidiabile ma spesso non conosciuta. A parte l' italiano , che è la lingua ufficiale oltre che la più diffusa tra la popolazione dalla seconda metà del Novecento, nel territorio sono riconosciute dalla regione con la legge regionale del 9 aprile 1990 ben cinque lingue storiche del Piemonte: il piemontese , costituito da una varietà occidentale e una orientale molto simili tra loro, l' occitano parlato nelle vallate occitane di Cuneo, Val Pellice, Val Chisone e Germanasca e Alta Val Susa , il francoprovenzale parlato a Coazze , intorno alla città di Susa , nelle valli di Lanzo, nella valle del Piantonetto , nell'alta valle Orco e in tutta la valle Soana; il francese , che non è una lingua autoctona, ma ha un valore storico presso la comunità valdese, e in ultimo il walser , che resiste nei comuni di Macugnaga , Rimella , Alagna Valsesia e Formazza , ed era la lingua germanica dei coloni alemanni provenienti dal Canton Vallese .

Secondo i linguisti mancano all'appello delle lingue riconosciute dalla Regione Piemonte altre due lingue: il ligure parlato nell'estremo sud-est del Piemonte, in Val Borbera e nei dintorni di Novi Ligure e Ovada , oltre che il ligure alpino dell' Alta Val-Tanaro (da Pievetta di Priola compresa [38] ) e di Briga Alta , e il lombardo occidentale , al cui tipo linguistico appartengono quasi tutte le varietà gallo-italiche della Provincia di Novara (eccetto alcuni comuni sulla riva della Sesia) e tutte le varietà romanze del VCO . Il tortonese è un dialetto di transizione che a partire dalla classificazione di Bernardino Biondelli [39] di metà dell' Ottocento viene assegnato all' emiliano [40] [41] [42] [43] [44] , di cui costituirebbe l'estremità più occidentale; se da un lato le classificazioni standard vedono il continuum dialettale emiliano estendersi in parte dell'Alessandrino [45] fino al fiume Scrivia [46] , in anni più recenti è stata oggetto di dibattito la posizione di questo dialetto rispetto al lombardo, con il quale condivide pure molti tratti (in ogni caso non è considerato parte della lingua piemontese, nonostante la sua collocazione nel Piemonte amministrativo).

Queste lingue, dopo anni di scarso interesse (se non di ostacolamento) proveniente dal mondo politico e culturale (a cui ha corrisposto un simmetrico ed ulteriore rafforzamento dell'italiano), sono dagli anni novanta destinatarie di alcuni progetti di valorizzazione su iniziativa di enti pubblici, associazioni e gruppi folcloristici. [47]

Occitano, francoprovenzale, francese e walser sono riconosciute come minoranze linguistiche e tutelate dalla legge statale n. 482/1999. [48]

Il piemontese, così come il ligure, il lombardo e l'emiliano, sono stati finora arbitrariamente esclusi da ogni forma di tutela da parte della legge 482/99. Tale legge, escludendo dette lingue dalle misure di protezione e servendosi delle autodichiarazioni delle giunte comunali per identificare le minoranze linguistiche, ha fatto sì che molti comuni piemontofoni delle basse valli cuneesi e pinerolesi si siano dichiarati occitani senza esserlo (nessuna prova precedente alla legge del 1999). Analogamente alcuni comuni della Valsusa , della Val Sangone , del Canavese e perfino il comune di pianura di Castagnole Piemonte si sono dichiarati parte delle Valli arpitane piemontesi , di lingua franco-provenzale , e un caso analogo vale per molti comuni dichiaratisi walser nelle province di Vercelli e VCO. Numerosi linguisti hanno sollevato il caso, tra tutti Tullio Telmon , Fiorenzo Toso e Riccardo Regis. Fiorenzo Toso in particolare ha sottolineato che se non ci fossero state esclusioni clamorose dalle misure di tutela, e se fosse stato scelto un procedimento diverso per l'individuazione delle minoranze, basato sui numerosi studi compiuti già prima della legge, non si sarebbe creata tale controversia [49] .

A causa dell'insediamento di coloni piemontesi in epoca medievale, è stato determinante il ruolo della lingua piemontese nella nascita dei dialetti gallo-italici di Basilicata (ancora oggi parlati a Potenza , Picerno , Tito , Vaglio ed altri comuni del Lagonegrese ), e dei dialetti gallo-italici della Sicilia (parlati ad Aidone , Piazza Armerina , Nicosia , San Fratello e altri piccoli centri della Sicilia centro-orientale). [50]

Cucina

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina piemontese .

Il ministero delle Politiche agricole e alimentari , in collaborazione con la regione Piemonte, ha riconosciuto 342 prodotti piemontesi come "tradizionali" nella sua Ventesima revisione dell'elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali. Il Piemonte è sesta regione d'Italia per numero di prodotti dietro a Campania, Toscana, Lazio, Emilia-Romagna e Veneto. [51]

Inoltre è terra di numerose specialità culinarie per le quali si può effettivamente parlare di cucina piemontese .

Vini tipici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Vini del Piemonte .

Barolo , Barbaresco , Barbera , Asti spumante , Grignolino , Dolcetto , Erbaluce di Caluso , Gattinara sono tra i più noti, ormai presenti nelle maggiori aste internazionali. Nella regione si contano 45 marchi DOC e 9 DOCG . Accanto a questa produzione di fama mondiale, la Regione presenta inoltre una quantità di vitigni particolari legati alle specificità geoclimatiche del territorio come, a solo titolo di esempio i vini di montagna prodotti nell' Eporediese e in Val di Susa . Molto diffusa è anche la coltivazione del Nebbiolo , soprattutto nella parte orientale della regione. Dal 1974, nel Roero , nelle cantine dei Poderi Gagliardo si produce il Fallegro, un bianco ricavato dall'uva favorita.

Proprio in Piemonte venne fondata nel 1891 la Cantina sociale cooperativa intercomunale di Oleggio , la prima cantina sociale in Italia.

Turismo

A partire dal 2000, l'andamento del turismo in Piemonte ha fatto registrare incrementi positivi costanti, con un'accelerazione maggiore a partire dal 2005, anno pre-olimpico [52] . L'offerta ricettiva è aumentata di ben l'89,07% in 11 anni (2000-2011) e del 3,14% soltanto nell'ultimo anno (2011 vs 2010); ciò si traduce in 5.292 esercizi ricettivi e in 185.754 posti letto complessivi. Gli arrivi totali in Piemonte - italiani e stranieri - superano nel 2011 quota 4 milioni e 200 mila (+67,7% sul 2000, +3,92 sul 2010), mentre le presenze (pernottamenti) sfiorano i 13 milioni (+58,7% sul 2000, +3,88% sul 2010). Arrivi e presenze confermano quindi il 'prodotto Piemonte', che registra incrementi per quasi tutti i mesi dell'anno, ma in particolare in giugno e settembre, segnale di una crescente destagionalizzazione dei flussi [53] . La ripartizione delle presenze fra mercato Italia ed Estero nel 2011 rimane invariata: 66% mercato domestico (soprattutto da Lombardia, Liguria, Lazio, Veneto ed Emilia-Romagna), 34% mercato estero (al primo posto la Germania, seguita da BeNeLux, Francia e Svizzera). [54]

La guida Best in Travel di Lonely Planet ha eletto il Piemonte come la migliore regione al mondo da visitare nel 2019 . [55] In precedenza, la stessa guida aveva già incluso la regione subalpina tra le dieci migliori destinazioni europee del 2015 . [56] [57]

Paesaggi e patrimonio artistico-culturale

Il Piemonte offre svariate possibilità di intrattenimenti, essendo le sue terre ricche di risorse naturali e paesaggistiche. Un posto di rilievo è occupato dal patrimonio artistico-culturale condiviso da città e paesi ricchi di testimonianze di differenti periodi storici: dal romanico , al gotico , al neoclassico fino al barocco e all'arte contemporanea. Un paesaggio che si caratterizza per i palazzi barocchi , le Residenze Reali , le chiese , i castelli , le città termali ( Vinadio , Acqui Terme , Lurisia o Agliano Terme per citarne alcune) e mete del turismo religioso (tra cui spicca il Santuario di Oropa ) che sono parte di una molteplicità di itinerari di carattere storico e ambientale, tra paesaggi collinari, montani e di pianura. Di particolare interesse il paesaggio coltivato a vigneto di Langhe, Roero e Monferrato. Il Piemonte è considerato la regione alpina per eccellenza, del resto il suo stesso nome, "ai piedi del monte", richiama immagini suggestive di cime perennemente innevate e massicci tra i più alti d'Europa come il Monte Rosa , già citato da Leonardo da Vinci , ed il Monviso da cui sgorgano le acque del Po .

Folclore Piemontese - Sbandieratori dell'Asta

Il 14 marzo 2019 la Regione ha ricevuto l'encomio della commissione esaminatrice del Premio nazionale del paesaggio come riconoscimento per il progetto regionale di recupero delle terre marginali. [58]

Agriturismi, enoteche, carni e formaggi

In merito all'offerta turistica relativa al settore agroalimentare , il Piemonte si distingue tra le regioni italiane in quanto diffusissimi sono gli agriturismo e le strutture che offrono specialità casalinghe della tradizione piemontese, nonché rinomati vini caratterizzati dai marchi DOC (45) e DOCG (9), che presentano un forte legame con le terre di produzione. I vini piemontesi si possono degustare direttamente dai produttori (nelle 13 Enoteche Regionali, nelle oltre 30 Botteghe e Cantine del Vino), nelle cantine o nelle vinerie e “wine bar” disseminati su tutto il territorio. Di particolare rilevanza sono inoltre le Cattedrali sotterranee , veri e propri esempi di ingegneria enologica. Nell'offerta turistica sono inoltre compresi i prodotti PAT , DOP e IGP delle campagne: dalle verdure alla frutta, passando attraverso alcune fra le carni più ricercate e pregiate al mondo, come la razza bovina piemontese , autoctona e di antica formazione, contribuendo a scrivere la storia della società contadina in Piemonte. [59] Di notevole interesse sono anche i formaggi, che si fregiano di ben 9 DOP (tra cui Robiola di Roccaverano , Castelmagno e Raschera , per citarne alcuni tra i più conosciuti), i salumi, gli insaccati ed i risi. Immancabile nel menù turistico, il famoso Tartufo d'Alba , oggetto dell'annuale Fiera e Asta Mondiale tra ottobre e novembre.

Castello di Gabiano

Scuola di Cucina e Università del Gusto

Inoltre la regione vanta due tra le più conosciute istituzioni italiane in campo alimentare, la Scuola di Cucina ICIF [60] - Istituto Culinario Italiano per Stranieri che nel 1997 ha inaugurato la propria sede nel Castello medievale di Costigliole d'Asti , e L' Università degli Studi di Scienze Gastronomiche meglio nota come "Università del Gusto" a Pollenzo , fondata da Slow Food , la cui filosofia è basata sulla tutela e sulla diffusione dei prodotti di alta qualità. È frequentata da studenti di diverse nazionalità che ambiscono a divenire chef e attrae turisti da tutto il mondo. La fama di questo istituto si è accresciuta a livello internazionale [61] negli ultimi anni grazie anche alla promozione e al successo ottenuto in iniziative come il Salone internazionale del gusto di Torino o la rassegna internazionale dei formaggi “Cheese” a Bra .

Uno dei quattro spadonari di Venaus in Valle di Susa durante la danza delle spade

Manifestazioni popolari

Il Piemonte ha un'importante tradizione per quanto riguarda il folklore popolare: feste paesane, sagre , palii , manifestazioni enogastronomiche e rievocazioni storiche , le danze occitane , vari tipi di danza popolare come gli Spadonari di Venaus e Giaglione in Val di Susa o il Bal do sabre di Bagnasco e Fenestrelle sono solo alcuni aspetti della variegata gamma di eventi nelle province piemontesi.

Talvolta trattasi di veri intrecci enogastronomici e culturali, come, per citarne alcuni, il Carnevale di Ivrea , il Palio di Asti , il Festival delle sagre astigiane , la Sagra dell'Uva di Caluso , l' Assedio di Canelli e tanti altri della medesima rilevanza a livello nazionale ed internazionale.

Sci e turismo alpino

Dal punto di vista del turismo alpino, la Regione Piemonte si distingue per grandi numeri: 53 stazioni sciistiche, 14 snowpark, 300 impianti di risalita, per un totale di oltre 1.300 km di piste, conosciute a livello internazionale, dove è possibile praticare non solo sci alpino , ma anche sci di fondo , tavola e slittino . Tra le località rese celebri dai XX Giochi olimpici invernali di Torino 2006, spiccano la Valle di Susa con Sestriere (dove dal 1967 si svolgono le gare di Coppa del Mondo di sci alpino e che nel 1997 è stata sede dei Mondiali di sci alpino), Sauze d'Oulx e Bardonecchia , prediletta dagli amanti dello snowboard . Accanto ad esse, Cesana Torinese , Pragelato , Sampeyre (la patria dello sci di fondo ), Limone Piemonte e, sempre nel cuneese, il comprensorio Mondolè Ski ( Artesina , Prato Nevoso , Frabosa Soprana ) [62] Tra i laghi del nord Piemonte si scia a Macugnaga , sui pendii del Monte Rosa e del Mottarone , caratterizzati da piste panoramiche sui grandi laghi prealpini ( Lago Maggiore , Lago d'Orta ), in Valsesia ad Alagna e sull'Alpe di Mera. Ultimamente la tendenza è quella di unire alla vacanza sciistica il benessere e la rigenerazione di corpo e mente, in strutture d'atmosfera collocate in zone ad elevata valenza naturalistica e paesaggistica.

Turismo sui laghi

Ultimo, ma non meno diffuso, è il turismo incentrato sulla valorizzazione dei laghi piemontesi , primo fra tutti il Lago Maggiore , destinazione ambita per la ricca vegetazione dei giardini botanici, per i tesori artistici e naturali delle montagne circostanti e per un vero gioiello naturale costituito dalle Isole Borromee , visitate annualmente da migliaia di turisti. Da non dimenticare anche il lago d'Orta con l' isola di San Giulio , il lago di Mergozzo ei laghi di Avigliana , per chi è in cerca di luoghi insoliti e affascinanti.

Luoghi di interesse storico e culturale

Il Piemonte offre uno straordinario patrimonio di storia, cultura, arte, leggenda e tradizioni, diffuso in città, paesi, abbazie, castelli, ricetti e fortificazioni secolari. Gli innumerevoli beni architettonici, testimoni dell'epoca romana, romanica, barocca, liberty, art nouveau e contemporanea, si alternano a oltre 150 musei di rilevanza spesso internazionale.

Torino

Torino presenta un'offerta culturale in continua crescita e basata su musei di rilevanza internazionale: Museo Egizio di Torino , Museo Nazionale del Cinema , Galleria civica d'arte moderna e contemporanea , Museo nazionale dell'automobile , i Musei Reali (comprendenti Palazzo Reale di Torino , Armeria Reale , Biblioteca Reale , Galleria Sabauda , Museo di antichità ), Museo civico d'arte antica , Museo delle arti decorative - Fondazione Pietro Accorsi , Museo nazionale del Risorgimento italiano e molti altri. [63] . Se Torino è riconosciuta come la capitale del Liberty [64] , molto apprezzata dai turisti è anche la sua veste architettonica barocca, punto di congiunzione tra l'architettura italiana e quella francese.

Siti del patrimonio mondiale UNESCO

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Residenze sabaude in Piemonte , Sacro Monte e Paesaggio vitivinicolo del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato .

In Piemonte si trovano cinque siti iscritti dall' UNESCO nella Lista del Patrimonio dell'Umanità . Si tratta delle Residenze Sabaude , inserite nel 1997, delle colline del Po inserito nel 2016, dei Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia , inseriti nel 2003, dei Siti palafitticoli preistorici attorno alle Alpi (sito transfrontaliero compreso in diversi paesi europei e presente in Piemonte con le località di Azeglio e Mercurago ), inseriti nel 2011, delle zone vitivinicole di Langhe - Roero e Monferrato , iscritte nel 2014, e di Ivrea - Città industriale del XX secolo , entrata a far parte della lista nel 2018.

La "Corona di Delizie" delle Residenze Reali ei Borghi storici

Meritevoli di nota gli itinerari delle quindici Residenze Sabaude del Piemonte, denominati "Corona di Delizie", con Palazzo Reale , Palazzo Madama , Palazzo Carignano , Castello del Valentino , Villa della Regina , Reggia di Venaria Reale , Borgo Castello nel parco de La Mandria , Castello di Rivoli , Palazzina di caccia di Stupinigi , Castello di Moncalieri , Castello Reale di Racconigi , Castello di Pollenzo , Castello ducale di Agliè , Castello di Govone , Reggia di Valcasotto . Altri itinerari caratteristici sono i tredici Borghi Storici del Piemonte ( Bergolo , Candelo , Chianale , Cortemilia , Garessio , Levice , Macugnaga , Mombaldone , Neive , Orta San Giulio , Ostana , Saluzzo , Usseaux ).

Luoghi della Spiritualità: Via Francigena, Sacri Monti e romanico

Di grande fascino i Luoghi della Spiritualità, come l' Abbazia di Vezzolano o la Via Francigena che percorre la Val di Susa (lungo la quale si collocano numerosi castelli e monumenti di arte sacra come la Sacra di San Michele - monumento simbolo della Regione Piemonte-, le Abbazie della Novalesa , di San Giusto di Susa , di Sant'Antonio di Ranverso , le antiche certose come Montebenedetto e un patrimonio diffuso di cappelle affrescate) o ancora i sette Sacri Monti piemontesi, patrimonio dell'umanità UNESCO : Belmonte , Crea , Domodossola , Ghiffa , Oropa con il suo maestoso santuario , Orta e Varallo ). L'esteso territorio collinare dell'alto e basso Monferrato è punteggiato da castelli medievali che si ergono tra i vigneti, mentre le Langhe , tra vini pregiati e specialità eno-gastronomiche, richiamano i grandi scrittori del Novecento ( Cesare Pavese a Santo Stefano Belbo , Beppe Fenoglio tra Alba , Murazzano e Bossolasco , Giovanni Arpino a Bra ). Un itinerario romanico non può prescindere da una visita alle abbazie di Staffarda , di Santa Giustina , dei Santi Nazario e Celso e alla basilica di Sant'Andrea [65] .

Sport

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sport in Piemonte .

Lo sport in Piemonte, fatta eccezione per il calcio, si è sviluppato a un certo livello solo dal secondo dopoguerra in poi. A livello sportivo le società piemontesi si sono distinte in tempi recenti nel calcio, soprattutto con la Juventus e il Torino , nonché con altre squadre minori come il Novara Calcio , l' Alessandria Calcio 1912 , il Casale FBC , la Pro Vercelli 1892 e il Calcio Cuneo 1905 ; nella pallavolo con la squadra di Cuneo Piemonte Volley (maschile) e di Novara AGIL Volley (femminile); nella pallacanestro con l' Auxilium Pallacanestro Torino , la Pallacanestro Biella e la Junior Libertas Pallacanestro di Casale Monferrato ; nell' hockey su ghiaccio con l' Hockey Club Torino Bulls 2011 e l' Hockey Club Valpellice ; nel rugby con l' Alessandria Rugby .

Nel 2003 la selezione calcistica piemontese vinse la UEFA Regions' Cup .

Diffuso è lo sci alpino su tutte le Alpi Piemontesi, dalle Alpi Marittime , alle Alpi Cozie , alle Alpi Pennine con importanti stazioni sciistiche come Limone Piemonte , Prato Nevoso , Argentera , Crissolo , Sestriere , Bardonecchia , Alagna Valsesia , Macugnaga , Alpe Devero , Val Formazza . Bardonecchia, Sestriere e Torino sono state sedi dei XX Giochi olimpici invernali nel 2006.

A Ivrea si svolgono le tappe dei campionati di canoa italiani e internazionali, come 2016 ICF Canoe Slalom World Cup 1”, la prima tappa della Coppa del Mondo di Canoa Slalom 2016 ei Campionati Mondiali di canoa slalom junior e under 23 del 2018.

Tra gli atleti di successo si ricordano i ciclisti Fausto Coppi e Costante Girardengo , la fondista Stefania Belmondo , lo sciatore Piero Gros , i calciatori Gianni Rivera e Sandro Mazzola , il canoista Giovanni De Gennaro , ecc.

Festa del Piemonte

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia dell'Assietta .

Ormai dal lontano 1967 , ogni terza domenica di luglio, si celebra la Festa del Piemonte , facendola coincidere con la commemorazione della storica Battaglia dell'Assietta . In questo giorno, migliaia di persone, oltre ai sindaci di Val di Susa e Val Chisone , salgono fino ai 2566 metri del colle dell'Assietta , dandosi appuntamento per celebrare la "Festa dël Piemont".

La Festa solitamente si svolge con due giorni di rievocazione storica, della quale sono parte essenziale i figuranti del Gruppo storico Pietro Micca di Torino [66] con le loro divise di soldati sabaudi del XVIII secolo .

La rievocazione inizia il sabato sera con la distribuzione del rancio serale e la fiaccolata successiva, accompagnata da musiche, danze e canti popolari. Alla domenica mattina, la giornata inizia con l'alzabandiera e la Messa al campo (celebrata in piemontese ). [67] Successivamente, verso le undici del mattino, avviene la rappresentazione della battaglia, con il rullare di tamburi, il tiro dei cannoni, e gli ordini secchi impartiti per entrambi gli eserciti in francese . I figuranti, con le divise militari sia francesi che piemontesi dell'epoca, avanzano in due schiere contrapposte, rievocando il momento in cui, alle 10 del mattino del 19 luglio 1747, con un impeto imprevisto, i francesi iniziarono l'avanzata. [68]

A presidiare la zona Carlo Emanuele III aveva disposto 13 battaglioni formati da truppe sabaude e austriache al comando del generale Giovanni Battista Cacherano di Bricherasio e le trincee erano state costruite in modo da permettere una difesa a 360 gradi. [69] In appoggio all'esercito piemontese vi erano anche gruppi organizzati di combattenti valdesi , abituati già a compiere con successo atti di guerriglia nelle valli che conoscevano molto bene. I piemontesi lasciarono avvicinare il nemico e appena gli avversari furono a tiro, aprirono contro di loro un violento fuoco di sbarramento. In quei quattrocento metri di distanza da percorrere per raggiungere la vetta, sul campo morirono quasi cinquemila soldati francesi e duecento austro-piemontesi. [70]

Finita la rappresentazione della battaglia, vi è la distribuzione della polenta per tutti, cotta nelle cucine da campo degli Alpini. La festa prosegue sino al tramonto, con nuove musiche, danze e canti, sia piemontesi che occitani.

Galleria dei capoluoghi

Note

  1. ^ Legge regionale n. 68 del 21 dicembre 1994
  2. ^ Recentemente il complesso monumentale è stato individuato «quale monumento simbolo del Piemonte, per la sua storia secolare, per le testimonianze di spiritualità, di ardimento, d'arte, di cultura e l'ammirevole sintesi delle più peculiari caratteristiche che può offrire la regione Piemonte, nonché per la sua eccezionale collocazione e visibilità», da Itinerari religiosi della Regione Piemonte Archiviato il 12 ottobre 2013 in Internet Archive .
  3. ^ Operativa dal 1970.
  4. ^ db-city.com , su it.db-city.com . URL consultato il 30 maggio 2011 ( archiviato il 20 febbraio 2011) .
  5. ^ a b c Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2020.
  6. ^ La Regione Piemonte compie 50 anni: il programma delle iniziative , su regione.piemonte.it . URL consultato il 15 gennaio 2020 .
  7. ^ Gaetano Berruto, Piemonte e Valle d'Aosta . in Profilo dei dialetti italiani , Pacini, Pisa 1974
  8. ^ Minoranze linguistiche storiche riconosciute ai sensi della L.482/99, Regione Piemonte, consultato a Settembre 2020
  9. ^ a b c [1]
  10. ^ Bruno Migliorini et al. ,Scheda sul lemma "Piemonte" , in Dizionario d'ortografia e di pronunzia , Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7 .
  11. ^ Dizionario Glosbe
  12. ^ Logos Dictionary
  13. ^ Logos Dicrtionary
  14. ^ http://demo.istat.it/bilmens/index.php?anno=2020&lingua=ita
  15. ^ Export per regioni - Commercio internazionale Archiviato il 22 marzo 2011 in Internet Archive . e Conti regionali ISTAT 2008
  16. ^ Dettaglio scheda Archiviato il 22 luglio 2011 in Internet Archive .
  17. ^ ESTAT-2002-05354-00-00-EN-TRA-00 (FR) Archiviato il 9 novembre 2014 in Internet Archive .
  18. ^ Luca Patria , All'insegna della Croce Bianca: il borgo medievale di Novalesa e il suo valico in Ruffino Michele (a cura di), Le Alpi ospitali. Viaggio nella cultura storica ed artistica di Novalesa medievale , Clut, Torino 2014, pe Giuseppe Sergi , L'aristocrazia della preghiera , Roma, Donzelli, 1994, pag. 146
  19. ^ Boschi in aumento in Piemonte - Piemonteinforma , su www.regione.piemonte.it . URL consultato il 15 novembre 2018 ( archiviato il 15 novembre 2018) .
  20. ^ Diego Rosa, DIDATTICA - La neve ( PDF ), su Rivista Ligure di Meteorologia , Società Meteorologica Italiana - Sezione Ligura, aprile 2005, 3. URL consultato il 3 settembre 2009 .
  21. ^ Legambiente: XXI Rapporto sulla qualità ambientale dei comuni capoluogo di provincia ( PDF ), su legambiente.it . URL consultato il 30 ottobre 2015 ( archiviato il 6 novembre 2015) .
  22. ^ Sito web del Parco naturale del Monte Fenera www.parks.it/parco.monte.fenera Archiviato il 24 marzo 2016 in Internet Archive . (consultato nel dicembre 2010)
  23. ^ Armand Motura. «La Patria Cita»
  24. ^ Medaglia d'oro al gonfalone regionale , su cr.piemonte.it . URL consultato il 18 settembre 2016 ( archiviato il 19 settembre 2016) .
  25. ^ Statistiche demografiche ISTAT , su demo.istat.it . URL consultato il 20 aprile 2020 ( archiviato il 22 dicembre 2019) .
  26. ^ a b Dati demografici ISTAT , su demo.istat.it . URL consultato il 19 aprile 2020 ( archiviato il 15 luglio 2019) .
  27. ^ Provincia montana Archiviato il 25 febbraio 2017 in Internet Archive ..
  28. ^ La Giunta | Regione Piemonte , su www.regione.piemonte.it . URL consultato il 17 giugno 2019 ( archiviato il 17 giugno 2019) .
  29. ^ Regione Piemonte - Sede Unica , su sedeunica.regione.piemonte.it . URL consultato il 21 settembre 2014 ( archiviato il 13 novembre 2014) .
  30. ^ Palazzo Lascaris Archiviato il 13 novembre 2014 in Internet Archive .
  31. ^ a b senza fonte
  32. ^ a b Dati Istat - Tavole regionali , su istat.it . URL consultato il 5 gennaio 2008 ( archiviato il 9 marzo 2008) .
  33. ^ Urban Center, La Città ei suoi numeri ( PDF ), p. 8. URL consultato il 27 maggio 2020 ( archiviato il 14 febbraio 2019) .
  34. ^ Unione Industriale Torino, Le trasformazioni di Torino dalla seconda metà del Novecento ad oggi , 2010. URL consultato il 27 maggio 2020 .
  35. ^ Gisela Williams, New York Times, 19/10/2008 , su nytimes.com . URL consultato il 3 maggio 2019 ( archiviato il 13 novembre 2014) .
  36. ^ E-periscope, numero 7, anno 2009, ottobre-dicembre Archiviato il 12 novembre 2011 in Internet Archive .
  37. ^ La legge costitutiva di Ceipiemonte , su arianna.consiglioregionale.piemonte.it . URL consultato il 17 giugno 2010 ( archiviato il 14 luglio 2014) .
  38. ^ Nicola Duberti, Alta Val Tanaro , su academia.edu . URL consultato il 5 gennaio 2016 ( archiviato il 22 febbraio 2020) .
  39. ^ "Saggio sui dialetti Gallo-italici" di B. Biondelli , su archive.org . URL consultato il 3 maggio 2019 ( archiviato il 1º gennaio 2017) .
  40. ^ ( IT ) Fabio Foresti, Dialetti emiliano romagnoli , su treccani.it . URL consultato il 25 novembre 2020 .
  41. ^ Piemonte - Valle d'Aosta, Istituto Geografico De Agostini per Selezione dal Reader's Digest, Novara, 1998, pag. 37
  42. ^ ( IT ) Lorenzo Ferrarotti, Diffusione e conservazione di tratti linguistici in alcuni dialetti piemontesi orientali , su academia.edu , Rivista italiana di dialettologia. URL consultato il 25 novembre 2020 .
  43. ^ Introduzione alla dialettologia italiana, Grassi C. - Sobrero AA - Telmon T., Editori Laterza, Roma-Bari, 2003, pag. 57
  44. ^ E. Allasino, C. Ferrier, S. Scamuzzi, T. Telmon, Le lingue del Piemonte ( PDF ), su gioventurapiemonteisa.net , Istituto di Ricerche Economico Sociali del Piemonte. URL consultato il 20 novembre 2020 .
  45. ^ Fabio Foresti, Profilo linguistico dell'Emilia-Romagna, Editori Laterza, Bari, 2010, pag. 120
  46. ^ Giacomo Devoto, Gabriella Giacomelli, I dialetti delle regioni d'Italia , su archive.org , Sansoni Università. URL consultato il 20 novembre 2020 .
  47. ^ Sito ufficiale della regione Piemonte: [...] Dopo anni di dibattiti, questo vuoto legislativo è stato colmato con la Legge 15 dicembre 1999, n. 482“Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche” che ha riconosciuto, per la nostra Regione, l'occitano, il francese, il francoprovenzale e il walser (escludendo il piemontese), rappresentando un forte segnale del rinnovato interesse per le lingue minoritarie, sia a livello nazionale che europeo. , su regione.piemonte.it . URL consultato il 31 dicembre 2015 (archiviato dall' url originale il 27 aprile 2018) .
  48. ^ Legge statale 15 dicembre 1999, n. 482 (Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche)
  49. ^ Copia archiviata ( PDF ), su intemelion.it . URL consultato il 26 dicembre 2009 (archiviato dall' url originale il 22 luglio 2011) .
  50. ^ Fiorenzo Toso, Le minoranze linguistiche in Italia , Il Mulino, Bologna 2008, p. 137.
  51. ^ Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali - Ventesima revisione dell'elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali , su politicheagricole.it . URL consultato il 2 giugno 2020 .
  52. ^ Osservatorio Turistico Regione Piemonte - Sviluppo Piemonte Turismo in 'Impatto economico, ricadute e redditività del turismo in Piemonte', Conti ed., 2012, pag. 33 , su piemonte-turismo.it . URL consultato il 25 settembre 2012 ( archiviato il 14 settembre 2012) .
  53. ^ Elaborazione Sviluppo Piemonte Turismo su base dati TURF della Regione Piemonte
  54. ^ La conferenza stampa di Sviluppo Piemonte Turismo con la presentazione dei dati relativi al 2011 , su piemonte-turismo.it . URL consultato il 25 settembre 2012 (archiviato dall' url originale il 28 ottobre 2012) .
  55. ^ Il Piemonte? È la regione più bella del mondo, almeno per il 2019 , su tgcom24.mediaset.it . URL consultato il 23 ottobre 2018 ( archiviato il 24 ottobre 2018) .
  56. ^ Lonely Planet's best places in Europe 2015 , su lonelyplanet.com . URL consultato il 3 maggio 2019 ( archiviato il 12 marzo 2016) .
  57. ^ Best in Europe 2015: le migliori destinazioni , su lonelyplanetitalia.it . URL consultato il 18 giugno 2015 (archiviato dall' url originale il 18 giugno 2015) .
  58. ^ Premio Nazionale del Paesaggio, encomio per la Regione
  59. ^ - La razza Piemontese Archiviato il 28 aprile 2009 in Internet Archive .
  60. ^ - ICIF , su icif.com . URL consultato il 23 novembre 2009 ( archiviato il 10 dicembre 2009) .
  61. ^ Corriere - Slow food diventa "enogastronomica" , su corriere.it . URL consultato il 9 gennaio 2011 ( archiviato il 22 gennaio 2011) .
  62. ^ Paolo Ribichini, Le 10 più belle località sciistiche in Piemonte , su Expedia.it . URL consultato il 3 giugno 2020 .
  63. ^ Copia archiviata ( PDF ), su beniculturali.it . URL consultato il 3 ottobre 2015 ( archiviato il 4 ottobre 2015) .
  64. ^ Rossana Bossaglia , Il Liberty in Italia , ed. Charta, Milano, 1997, p. 14.
  65. ^ Sito turistico ufficiale della Regione Piemonte Archiviato il 21 agosto 2012 in Internet Archive .
  66. ^ Il Gruppo Storico Pietro Micca , è stato costituito nel 1974, sotto l'egida dello storico generale Guido Amoretti , con la finalità di ricostruire storicamente ed in modo dinamico la realtà di alcuni Corpi militari del Ducato di Savoia . Esso si contraddistingue per la ricostruzione minuta, particolareggiata e fedele delle uniformi, delle armi, dell'equipaggiamento degli antichi Reggimenti sabaudi, e per gli esercizi militari con comandi in antica lingua francese, il caricamento dei fucili a pietra focaia e la scarica di fucileria, il passo di carica, il lancio delle granate a mano ed il fuoco di artiglieria. Ogni manovra o movimento rispetta rigorosamente quelli riportati sugli antichi manuali d'addestramento del secolo XVIII.
  67. ^ Dal 1967 e per una quarantina d'anni, la Messa al campo in piemontese venne officiata da don Rinaldo Trappo (1907 – 2010), leggendaria figura di cappellano militare degli Alpini della Seconda Guerra Mondiale. Partecipò alla guerra in Albania nel 1940 col battaglione “Ceva” del I Reggimento Alpini, seguendolo poi in Russia: e qui, nella ritirata, si trovò nel gennaio 1943 a comandare il battaglione, essendo il più elevato in grado tra gli ufficiali superstiti. Tornò in patria nel maggio 1943, col battaglione ridotto a 47 uomini e all'armistizio dell'8 settembre 1943 fu catturato e deportato in Germania, passando per 7 diversi campi di prigionia. Dopo la guerra, fu colpito da tumore e ne guarì, attribuendo il fatto alla miracolosa protezione di un artigliere alpino di Russia, suo compagno d'arme, diventato poi infermiere del Cottolengo: fratel Luigi Bordino, di cui è in corso la causa di beatificazione.
  68. ^ Dario Gariglio, Battaglie alpine del Piemonte sabaudo. Tre secoli di guerre sulle Alpi occidentali , Roberto Chiaramonte Editore, Collegno 1999.
  69. ^ I trinceramenti del Colle dell'Assietta, dopo oltre due secoli e mezzo, sono tuttora visibili, e costituiscono un unicum nel grande quadro dell'architettura militare dei secoli XVII e XVIII, anche per l'estrema povertà del materiale utilizzato, oltreché per l'artigianalità tipica della struttura. Il trinceramento in pietra e terra era l'unico possibile a quelle quote, ma si dimostrò altrettanto efficiente rispetto alle ben più costose fortificazioni a valle.
  70. ^ Michele Ruggiero, Storia della Valle di Susa , Alzani Editore, Pinerolo, 1996.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 132508744 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2188 2418 · LCCN ( EN ) n79032950 · GND ( DE ) 4046039-3 · BNF ( FR ) cb119352576 (data) · BNE ( ES ) XX455771 (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79032950