Sa a se yon atik chin an tap. Klike la a pou plis enfòmasyon detaye

Palè Doge a (Genoa)

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Palazzo Ducale nan Genoa
Palazzo Ducale Genoa.jpg
Fasad la nan Palè Doge a sou plas Matteotti
Kote
Leta Itali Itali
rejyon an Ligurya
Kote Genoa
adrès Ri Piazza Matteotti, 9
Kowòdone 44 ° 24'25.69 "N 8 ° 55'57.87" E / 44.407136 ° N 8.932742 ° E 44.407136; 8.932742 Kowòdone : 44 ° 24'25.69 "N 8 ° 55'57.87" E / 44.407136 ° N 8.932742 ° E 44.407136; 8.932742
Enfòmasyon jeneral
Kondisyon Nan itilize
Konstriksyon XIV-XVIII syèk
Destriksyon 1777
Rekonstriksyon an 1778 - 1783
Style neoklasikism
Sèvi ak Mize poto
Plan yo 3
Reyalizasyon
Achitèk Andrea Ceresola - Simone Cantoni
Pwopriyetè Minisipalite nan Genoa
Kliyan Repiblik Genoa

Palè Ducal nan Genoa (nan liguryen Paxo / ˈpaːʒu / , kontraksyon nan ansyen tèm Paraxo / paˈɹaːʒu / [1] ) se youn nan prensipal bilding istorik yo ak mize nan kapital lig la, ansyen chèz la nan Défoncée nan ansyen Repiblik la .

Rete abandone pou yon tan long ak itilize kòm chèz la nan biwo jidisyè a anvan konstriksyon an nan swasant yo nan palè nouvo tribinal la nan Portoria , li te wè restorasyon li fini nan okazyon an nan " Colombiadi la " nan 1992, ak ki Kristòf Kolon ak 500th anivèsè nan dekouvèt la nan Amerik la .

Sou planche prensipal la li òganize ekspozisyon atizay enpòtan, deba ak konferans (òganize nan chanm yo frèsk nan Maggior ak Minor Consiglio), epi, nan lakou yo ak galri, boutik ak pwen rafrechisman. Se bilding lan jere pa "Genoa Palazzo Ducale Fondasyon an pou Kilti" [2] ki te divize espas yo nan fonksyon miltip. Anndan, evènman kapab fèt tou ansanm [3] nan espas dedye. Anndan palè a genyen tou katye jeneral anpil asosyasyon kiltirèl [4] . An 2001, chèf deta ak gouvènman yo te rasanble nan Genoa pou G8 te rankontre la. [5]

Istwa

Orijin yo

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Medyeval pre-egzistans nan Palazzo Ducale la nan Genoa .
Vout yo nan lodjya a nan Abbots yo

Konstriksyon Palè Doge a te kòmanse nan fen 13yèm syèk la lè, apre viktwa kont Pisa (nan 1284 nan Meloria ) ak kont Venice (nan 1298 nan Curzola ), Genoa te wè pouvwa militè ak ekonomik li yo ogmante nan Mediterane a . [6] [7] Nan moman sa a vil la te òganize sou baz Compagna Communis yo , ki te bay randevou kòmandan kap dirije pèp la . Jiska 1291, sepandan, kapitèn yo ak lòt reprezantan nan minisipalite a pa t 'gen katye jeneral pwòp yo, men yo te loje nan Palè Achevèk la oswa nan kay ki tou pre prive ki fè pati fanmi yo Doria ak Fieschi . [7]

Nan 1291 kapitèn yo nan Popolo Corrado Doria a ak Oberto Spinola te achte bilding yo posede pa fanmi an Doria ki neglije Achevèk jodi a ak via Tommaso Reggio ak twa ane pita palè a adjasan nan Alberto Fieschi te tou achte, ekipe ak yon gwo kay won pita yo rele "Grimaldina ", deja itilize kòm yon chèz pa chèf yo nan pèp la kòmanse nan 1272 akòz ekzil la nan aristocrate la. Fizyon an mennen nan konstriksyon an nan palè Abbots yo, nan ki yon pati nan lodjya a sou via Tommaso Reggio se vizib. [7]

Pa gen okenn prèv ikonografik egzak sou aparans ke bilding lan dwe te genyen nan tan sa a, men dapre rekonstriksyon Orlando Grosso , ki te sipèvize restorasyon li yo nan ane 1930 yo, li dwe te gen yon plan trapezoidal, ak bò sid la fè fas a via Tommaso Reggio 44 mèt nan longè, bò nò a nan 50 mèt, bò lwès moute Achevèk la nan 20 mèt ak bò solèy leve a nan 36 mèt. Li te gen yon wotè total de apeprè 25 mèt divize sou twa planche, nan ki etaj la tè loje yon galri pandan y ap sou planche yo anwo te gen kat-limyè fenèt yo. Nan sant la nan elevasyon sid la te kanpe sis etaj wotè Grimaldina gwo kay won an. [8] [9]

Katriyèm ak kenzyèm syèk yo

Palè a, ki avèk randevou a nan 1339 nan premye jenèz doge Simone Boccanegra a te pran non an nan "ducal", [6] sibi yon seri de transfòmasyon kòmanse nan dezyèm mwatye nan katòzyèm syèk la sou lòd la nan dog Antoniotto Adorno . Te bilding lan elaji ak adisyon a nan bilding nouvo sou bò solèy leve a, yo fòme yon sòt de "C" alantou pyadza Matteotti jodi a, ak nan nò a, yo okipe yon espas ki koresponn ak kò aktyèl la santral. Entèvansyon yo vle pa Adorno pa chanje aksè prensipal la nan bilding lan, ki kontinye ap konsève sou via Tommaso Reggio. [10]

Yon nouvo transfòmasyon enpòtan te pran plas nan direksyon pou syèk ki vin apre a ak konstriksyon nan sa yo rele " rido a ", yon bilding gen entansyon kay ganizon an ki konekte zèl yo bò solèy leve ak lwès nan Piazza Matteotti, efektivman transfòme kare a nan yon lakou fòtifye ak fè palè a yon sòt de sitadèl ki gen pouvwa izole nan rès vil la. Dat egzak la nan konstriksyon nan rido a se pa sa li te ye, men randevou a nan 1470 nan yon "kòmandan nan pòtay palè a" sijere ke nan tan sa a te konstriksyon li fini. Avèk konstriksyon nouvo zèl la, aksè ki soti nan via Tommaso Reggio te fèmen epi yo te antre nan nouvo mete nan sant la nan bilding lan nouvo. [10]

Faktori a Vannone

Etaj la nòb nan bilding lan. 1. sal Konsèy Minè a; 2. sal Maggior Consiglio; 3. apatman doge a; 4. chapèl

Nan syèk la 16th, refòm yo te vle pa Andrea Doria te chanje estrikti politik la nan lavil la, ki te Lè sa a, ki reji pa yon Gwo Konsèy nan katsan senatè ak yon Konsèy Minè, pandan y ap doge la pa te eli pou tout lavi, men rete nan biwo pou sèlman de zan. Dezi a gen yon plas ki reflete prestij la ak òganizasyon yerarchize nan senyè a, ansanm ak bezwen pou yon fò ki ta kenbe gouvènman an an sekirite kont konplote ak koudeta, [11] te mennen sena a konfye nan 1591 [12] ] achitèk Andrea Ceresola a - li te ye tankou "il Vannone" - travay la nan konplètman renovasyon bilding lan. [6] [13] [14]

Vannone konekte ak transfòme ansanbl la nan bilding medyeval ak bilding etewojèn bati nan peryòd pita nan yon manierist-style palè-fò. Li te responsab pou konstriksyon an nan gwo lakou a nan etaj la tè, ki te kouvri pa yon vout Pavilion ak sou ki de lakou porticoed louvri, ak eskalye a enpoze ki mennen ale nan etaj la anwo kote chanm yo resepsyon yo te chita, sal la nan Konsèy la Maggior ak sa ki nan Konsèy la minè ak apatman Doge la. [6] [13] Li te tou elaji rido a ki fèmen pyadza Matteotti ak veye aksè a nan palè a, ogmante li jiska twa etaj nan wotè ak ekipe li sou andedan an ak yon lodjya ki te gen fonksyon an doub nan amizman pou sòlda yo nan ganizon an ak yon galri pou espektatè ki te kapab gade seremoni yo ak evènman ki te pran plas nan lakou palè a soti nan la. [10]

Nan ane a 1700 yon konpetisyon enpòtan te lanse pou dekorasyon yo nan chanm yo nan Konsèy la Gwo ak Minè, finanse pa fanmi an nan Marquis Giustiniani a , ki te ale nan pi gwo pentr yo Genoese nan tan an, Domenico ak Paolo Girolamo Piola , Lorenzo De Ferrari , Domenico Parodi , ki moun, sepandan, boloyz Marcantonio Franceschini la ak napolitèn Francesco Solimena la te pi pito [15] .

Dife nan 1777

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Ponpye ak rekonstriksyon nan Palazzo Ducale la nan Genoa .

Nouvo travay transfòmasyon enpòtan te pran plas nan 1778, apre yon dife vyolan detwi yon gwo pati nan kò santral la nan bilding lan sou Novanm 3 nan ane anvan an, nan yo ki te sèlman atrium la sou planche a tè ak eskalye a ki mennen ale nan li te sove. sou planche prensipal la. [16] [17]

Yon konpetisyon te byen vit lanse pou rekonstriksyon an, nan ki Giacomo Maria Gaggini , Gregorio Petondi ak Emanuele Andrea Tagliafichi , nan mitan achitèk yo ki pi popilè aktif nan Genoa nan ane sa yo, yo te envite yo patisipe. [17] Sepandan, konpetisyon an te genyen pa achitèk la Ticino Simone Cantoni , konvenki yo patisipe pa Gaetano , frè l ', ki moun ki vin ansent yon fasad mab ki reprezante youn nan premye egzanp yo nan style neoklasik nan Genoa. Travay yo rekonstriksyon te pran plas ant 1778 ak 1783 anba sipèvizyon Gaetano Cantoni, epi, nan adisyon a fasad la, ki enplike rekonstriksyon an neoklasik nan koulwa yo nan Maggior ak Minor Consiglio, ki gen do kay an bwa yo te domaje nan dife a. Twati yo nouvo yo te fè nan brik, yo nan lòd pwoteje yo kont nenpòt ki nouvo dife. [17]

Diznevyèm ak ventyèm syèk yo

Zèl la ekstèn nan Palè Doge a, fè fas a pyadza Nuova (kounye a pyadza Matteotti) ak ki kache fasad la neoklasik nan gade, menm jan li te parèt nan pwemye mwatye nan 19yèm syèk la . Watercolor pa Pasquale Domenico Cambiaso .

1815, ak aneksyon an nan Genoa ak ligurya nan Peyi Wa ki nan Sardinia , make nan fen Repiblik la nan Genoa ak palè a pèdi fonksyon li kòm chèz la nan gouvènman an ak lokal li yo te itilize kòm sal tribinal, biwo ak achiv kòm yon nouvo plas nan sistèm jidisyè a, yon wòl li kontinye kenbe jouk 1975. [18]

Nan karantèn yo nan menm syèk la, pandan renovasyon nan via San Lorenzo, rido a ki te fèmen tè ​​a parad nan bilding lan te demoli ak fasad la pa Simone Cantoni te fè vizib nan lavil la. Kèk ane pita, nan 1861, enjenyè sivil la Ignazio Gardella ansyen te travay sou restriktirasyon nan zèl yo bò ki antoure pyadza Matteotti, elaji ak korije zèl lwès la ak rebati fakad yo nan de bilding yo.

Yon kanpay restorasyon nouvo te pran plas nan premye deseni yo nan ventyèm syèk la pa Orlando Grosso . Entèvansyon ki pi enpòtan l 'konsène fasad yo sou via Tommaso Reggio, kote, apre politik la neo-medyeval nan fòs nan moman sa a, lodjya a nan Abbots yo ak lòt rès nan bilding medyeval ki te kouvri pa yon fasad lineyè manierist pa Vannone yo te pote nan limyè., ak fasad la sou plas De Ferrari , ki te konplètman renove ak repenn. [19] [20]

Zèl lès la sou plas Matteotti

An 1942 bilding lan te pasyèlman domaje, an patikilye ant kò santral la ak zèl lwès la, pandan youn nan bonbadman yo nan vil la te pote soti pa alye yo pandan Dezyèm Gè Mondyal la . [21]

Soti nan restorasyon an 1992 nan epòk la kontanporen

Gen bilding lan sibi yon restorasyon konplè, ki te fini an 1992 nan okazyon an nan " Colombiadi la ", pa achitèk la Genoese Giovanni Spalla. Restorasyon sa a t'ap chache amelyore achitekti sèzyèm syèk la nan Vannone, tankou atrium la vout, ak nan menm tan an prezève entèvansyon yo pre-egziste ki te yon pati nan istwa a nan bilding lan, tankou fasad la sou plas De Ferrari ak jwenn yo medyeval pote nan limyè pa Orlando Grosso modifye estrikti a Vannonian. [6] [19] [20] [22]

Apre restorasyon an, palè a te ouvè a piblik la epi li te itilize kòm yon mize ak palè kilti. Depi 8 fevriye 2008, palè a te jere pa "Genoa Palazzo Ducale Fondasyon pou Kilti". [23] Anplis kèk aktivite komèsyal, li detanzantan òganize evènman, konferans ak egzibisyon atizay enpòtan. [22] [24]

Nan lane 2001 reyinyon somè Genoa G8 yo te fèt nan Palazzo Ducale. [5]

Deskripsyon

Deyò a

Li te fèt nan agrégation de yon seri de bilding medyeval ak elaji sou syèk yo ak konstriksyon an nan bilding nouvo, bilding lan gen yon plan iregilye ki kouvri yon ekstansyon total de sou trant-senk mil mèt kare ak yon style eterojèn ant fasad yo diferan. [25] Li sitiye sou kwen nan sant istorik la sou tèt ti mòn San Domenico, yon kèk etap soti nan katedral la nan San Lorenzo ak palè a nan kuri a archiepiscopal , epi yo ka jwenn aksè nan antre prensipal la sou plas Matteotti , ki louvri sou fasad la neoklasik pa Simone Cantoni , oswa nan antre yo sou plas De Ferrari sou bò solèy leve a. [26]

Palè yo medyeval

Pon yo ayeryen ant Via Reggio ak moute nan Achevèk la
Detay fasad manieris sou pant Fondaco

Pati ki pi ansyen nan bilding lan se sa yo ki sou bò lwès la ki neglije via Tommaso Reggio ak moute a nan Achevèk la ak ki konstitye palè a nan Abbots yo ak palè a nan Alberto Fieschi, ak gwo kay won an Grimaldina tache. Nan bilding yo medyeval, ark yo pwenti nan lodjya la nan Palazzo degli Abati ak Palazzo Fieschi yo vizib sou fasad la nan direksyon pou via Tommaso Reggio. [19] Sa yo ark yo sitiye apeprè de mèt anwo nivo lari a, akòz bese nan tè a te fè nan diznevyèm syèk la yo ki pèmèt koneksyon an ak Via San Lorenzo, epi yo te rebati pa Orlando Grosso pandan restorasyon an egzekite pa l 'nan 1935 Précédemment, fasad la sou via Tommaso Reggio prezante yon fasad manierist ki te konstwi pa Vannone nan syèk la 16th, pasyèlman demoli pa Orlando Grosso refè achitekti kache medyeval la dapre kanon yo restorasyon nan tan an. Travay Grosso yo tou enplike travay konsolidasyon enpòtan nan chanm entèn yo, ki nesesè apre febli nan fasad la, ak ouvèti a nan kat- limyè fenèt ki an pati avèg jan yo pa matche ak estrikti entèn yo. [19]

Nan entèseksyon ki genyen ant via Tommaso Reggio ak moute nan Achevèk la li posib pou remake de ti pon sispansyon, ki rele "pontini", ki te gen fonksyon konekte apatman yo nan dog nan Palè Doge a ak palè kriminèl la ak katedral la pou dòg la ak lòt otorite yo nan palè a te kapab deplase san yo pa bezwen desann nan lari a. [27]

Fakad manieris yo

Elevasyon yo sou moute nan Achevèk la ak sou moute nan Fondaco a, respektivman nan lwès la ak nò nan bilding lan, lajman kenbe karakteristik sa yo manyè nan travay yo te pote soti nan fen sèzyèm syèk la pa Vannone. Yo gen yon fasad segondè lis, dépourvu nan dekorasyon ak kouvri ak yon andui limyè, ki te sou li louvri yon seri de fenèt yo, prèske tout fòm rektangilè, pa obsève ki li posib fasil jwenn pozisyon nan chanm yo entèn yo. Nan mitan elevasyon an sou pant Fondaco a gen twa gwo fenèt vout, ki idantifye aterisaj la nan tèt premye vòl eskalye ki mennen nan etaj nòb la. Sou kote sa yo ak nan yon wotè pi gwo, lòt fenèt vout yo jwenn nan korespondans ak aterisaj yo ant vòl yo dezyèm ak twazyèm nan eskalye a. [28]

Fasad la sou plas De Ferrari

Fasad la sou plas De Ferrari
Fasad la anvan travay yo pa Orlando Grosso

Fasad la neglijans pyadza De Ferrari sibi chanjman enpòtan pandan travay la restorasyon te pote soti nan Orlando Grosso nan premye deseni yo nan ventyèm syèk la. Anvan travay Grosso a li te dwe parèt tankou yon fasad lis rekrepi, ki te sou tras nan frèsk disetyèm syèk la te vizib. Grosso retravay fasad la nan yon stil klasikis , regilarize ouvèti yo epi mete yo nan yon modèl kolòn ak lòt eleman achitekti pentire. Twa pòt yo te louvri tou pou konekte kare a ak galri entèn bilding lan. [20]

Fasad la, ki pentire an 1938, te lajman lave nan moman restorasyon an 1992. Pandan restorasyon sa a, dekorasyon Grosso a te retabli, sepandan deplase twa pòt yo anlè konsa pou fè yo nan menm nivo ak lakou entèn sou ki yo neglije. [20] Fasad la òganize sou de nivo, ki make pa yon dekorasyon imaj. Sou planche a tè gen, nan adisyon a twa ouvèti yo susmansyone, leve soti vivan pi wo a kare a epi ou ka jwenn li atravè yon eskalye kout, yon seri de gwo fenèt yo, chak simonte pa yon ti fenèt. Nivo siperyè a pran Layout la nan etaj la tè, ak yon seri nouvo nan fenèt gwo ak ti fenèt yo.

Fasad la sou plas Matteotti

Fasad sid-lwès la nan kò santral la, ki louvri sou pyadza Matteotti , gen enpoze fasad neoklasik ki fèt nan Simone Cantoni apre dife nan 1777. Malgre ke fasad sa a reprezante aksè prensipal la nan bilding lan pou syèk jouk 1834, li te kache nan View pa rido a ki fèmen kare a ak te kòmanse gade deyò nan direksyon pou lavil la sèlman apre demolisyon li yo. [10]

Yon vizitè ki soti nan 1818 dekri enpresyon nan yon sèl jwenn nan fasad la apre li fin pase nan rido a ak antre nan tè a parad enteryè:

Fasad la neoklasik sou plas Matteotti

«Antre nan lakou a admire bèl pèspektiv entèn la ki te fòme pa de lòd dorik ak ionique, ak uit kolòn nan boudine double sou pedestal nan mab blan, ak yon galri ak balistrad nan mab pi blan nan chak. Uit estati, menm jan an nan boudine, yo mete pi wo a nich, epi, nan kouwòn lan nan bilding lan, yon kantite trofe nan kòm anpil gwoup korespondan [...]. Kare devan an, ki se lakou a, se de san ak plis palmis long ak lajè. [29] fasad prensipal la ak pòt la antre sèl fè fas a sid oswa olye sid-lwès fè fas a [...]. Soti nan lakou a nan yon eskalye Majestic nan pye a nan yo se de pedestal mab kote estati yo kolosal nan Andrea Doria ak neve l 'Gio Andrea yo te - premye a pa Florentin Montorsoli la ak lòt la pa Taddeo Carlone, nan 1797 pa aklamasyon popilè frape desann - atravè yon pòt laj ak via ferrata, nan gwo vout li yo ak tèt anba tout enkruste mab blan, ou antre nan atrium la [...] "

( Anonim vizitè nan 1818 [16] )

Se fasad la Cantonian òganize nan wotè sou twa nivo epi prezante yon simetri rijid ki gen rapò ak aks vètikal la ki travèse pòt la antre, aksantué pa koulè a de-ton nan mab la ak eleman boudine briyan . [17]

Sou nivo ki pi ba pi wo a yon pedestal wòch woz pa Verezzi monte uit pè kolòn ki vle pèse anvlòp la soti nan miray la faux swar te fè nan boudine briyan. Ant kolòn yo gen sis gwo fenèt ki gen anpil ti fenèt, ki bay limyè atriyè entèn la, ak nan sant la yon enpoze pòt vout ak de pòt fè boulon. Yo te vòlè baton pòt Triton ki gen fòm yo an 1980 epi yo te ranplase pa kopi. [30]

Yon ranp aksè mennen nan antre a ki fòme ak yon eskalye mab santral, yo mete yo nan aks ak pòt la, ak de ranp bò nan wòch ak brik, fèmen sou deyò a pa yon balistrad , ki bay lide a ki fèmen etap sa yo nan sant. Sou kote yo nan eskalye a mab gen de baz mab gwo ki yon fwa loje de estati moniman nan Andrea Doria ak neve l ' Giovanni Andrea Doria . Estati yo, ki te kreye respektivman pa Giovanni Montorsoli nan 1540 ak pa Taddeo Carlone nan 1601, yo te demoli pandan revòlt yo nan 1797 ak apre yon restorasyon nan 2010 yo te relwe nan tèt la nan premye vòl la nan eskalye a ki mennen soti nan atrium la nòb la etaj. [30] [31] [32] Yo te mete yon plak sou baz lwès la pou komemore elèv grèk Kōstas Geōrgakīs ki te touye tèt li devan palè a an 1970 pou pwoteste kont sitiyasyon politik grèk la. [30]

Detay nan rad la nan Peyi Wa ki nan Sardinia mete sou tèt la nan fasad la apre aneksyon an nan Genoa

Dezyèm nivo orizontal fasad la, ki koresponn ak etaj nòb la , separe de premye nivo a pa yon friz ak yon ankadreman mab ki sormonte pa yon balistrad mab ak enkòpore eleman ki nan nivo ki pi ba a, ak uit pè kolòn ki vle pèse anvlòp la ak mi yo nan fo swar, ki gen koulè ak pwofondè yo gen mwens aksantué pase nan etaj la pi ba pou yon efè pi bon pèspektiv. Nan pwojè Cantoni a, seri kolòn yo te dwe gen fonksyon doub pou dekore fasad la ak kontrefò pou estrikti entèn yo. Ant kolòn yo gen sèt gwo fenèt, twa santral yo ki sormonte pa yon fenèt avèg. [17]

Twazyèm nivo a, ankò separe de yon sèl anvan an pa yon friz, ankadreman ak balistrad nan mab, prezante yon seri de uit pilastr ak nich ki kay kòm estati anpil ak simonte pa gwoup eskilti nan sant la nan ki, aliyen ak pòt la nan antre, rad la nan bra nan Genoa vle di soti. [17]

Zèl yo bò

De zèl yo ki fèmen pyadza Matteotti sou bò solèy leve a ak lwès yo te renove nan 1861 pa enjenyè Ignazio Gardella granmoun aje a , apre demolisyon nan rido a ki fèmen bò sid la nan bilding lan. Elèv yo tèt nan de zèl yo te rebati nan imitasyon nan fasad la Cantoni, ak yon gwo pedestal anwo a ki de lòd nan vle pèse anvlòp kolòn leve, nan mitan ki fenèt yo ak miray la faux swar kanpe deyò, pandan y ap elevasyon yo bò nan zèl yo nan direksyon pou pyadza Matteotti yo senpleman rekrepi. [18]

Gwo fò won Grimaldina a

Gwo fò won Grimaldina a
Sèvi nan gwo kay won an

Gwo fò won Grimaldina a, ki rele "gwo fò won pèp la" nan katòzyèm syèk la, leve pi wo pase lodjya abatè yo, sou fasad ki bay via Tommaso Reggio. Dat egzak li yo ensèten: dapre Orlando Grosso , ki moun ki retabli li nan kòmansman an nan ventyèm syèk la, pote l 'tounen nan aparans pwobab li yo katòzyèm syèk la, konstriksyon li ta gen ant 1298 ak jis pi lwen pase 1307; istoryen lòt, tankou Poggi, ipotèz ke li te youn nan gwo fò tou won yo defans nan mi yo syèk 10yèm. Gwo kay won an te pwobableman bati anvan 1291 e li te deja yon pati nan palè a Fieschi lè li te akeri kòm chèz la nan chèf yo nan moun yo nan 1294. [7] [33] [34] Non Grimaldina a ka sòti nan non an nan yon sèl nan selil yo jwenn andedan. [35]

Gwo kay won an konsiste de sèt planche yo, kat ki pi ba yo enkli nan Palazzo Fieschi pandan y ap twa anwo a monte pi wo pase palè a. Premye etaj la gen rustication a ki kouvri tout nivo ki pi ba nan palè a Fieschi ak yon fenèt resan rektangilè. Dezyèm etaj la, menm jan ak rès la nan bilding lan, montre yon dekorasyon trase nwa ak blan ak motif la menm repete sou planche a anwo kay la. Nan de nivo sa yo, yon fenèt kat- lancet louvri sou fasad la neglijans via Tommaso Reggio, pandan ke katriyèm etaj la, nan brik ekspoze tankou sa ki annapre yo, gen yon fenèt twa-lancet . Kòmanse soti nan mitan an nan senkyèm etaj la, ki te sou yon fenèt Lancet sèl louvri, gwo kay won an se gratis nan estrikti a nan bilding lan. Etaj la sizyèm montre yon gwo fenèt sèl Lancet sou fasad la nan via Tommaso Reggio ak yon fenèt mullioned sou lòt twa bò yo. Li te kouwone pa twa seri pandye ark date tounen nan 1539, ki separe bilding lan medyeval soti nan etaj anwo a, bati nan kòmansman 17yèm syèk la. [7] [33] [34] Depi Mwayennaj yo etaj anwo nan gwo kay won an loje yon klòch ak plizyè klòch swiv youn ak lòt jouk 1941, lè pandan Dezyèm Gè Mondyal la yon sèl la prezan te fizyone fè kanon. An 1980 yon nouvo klòch te konstwi ak enstale sou tèt gwo kay won an pa Asosyasyon A Compagna, kòm yon plak yo mete nan baz gwo kay won an sonje. [33] [36]

Enteryè a

Detay pòt la
Eskalye a ak rad la nan bra nan Repiblik la nan Genoa .

Antre prensipal la nan enteryè a nan bilding lan reprezante pa pòt la gwo ki don Piazza Matteotti ak mennen nan atrium la porticed ki te konstwi pa Vannone. Soti nan li li posib monte eskalye a mab ki mennen nan etaj anwo a oswa yo rive jwenn sistèm nan ranp ki konekte tout planche yo nan bilding lan nan lwès la. Estrikti sa a, ki rele "wout pandye", te fèt pa achitèk Giovanni Spalla pandan restorasyon an 1992 epi yo te mete li nan chanm ki te domaje pandan bonbadman nan ane 1942. Li sanble yon eskalye asye helikal ki te sipòte pa yon sistèm baton mare ki konekte ak yon gwo bout bwa retikulèr ak pwolonje sou tout karant mèt yo segondè nan bilding lan ki pèmèt aksè nan nivo sa yo divès kalite, ki soti nan sousòl la nan sitèn prensipal la nan prizon yo ak gwo kay won an Grimaldina. [6] [37] [38]

Planche yo sousòl

Pral desann "lari a pandye" ou rive nan de nivo ki pi ba nan bilding lan, ki chita anba etaj la nan atrium la vout. Pi fon nan de nivo yo pran non li nan "pi gwo sitèn lan", sal la ki pi remakab sou planche sa a refè pandan restorasyon an 1992. kwa vout repoze sou uit gwo poto wòch. Originally li te pi gwo a nan twa sitèn yo dlo nan bilding lan, ranje nan yon fason ke yo kolekte dlo a soti nan lakou prensipal la anlè, ak ansanm ak sitèn yo mete anba lakou a minè ak anba tè a parad li te garanti rezèv dlo nan bilding lan nan ka ta gen syèj . Te restorasyon nan sal sa a ak lòt chanm yo sou planche a tou pèmèt kèk dekouvèt enpòtan akeyolojik sou istwa a nan bilding lan, tankou kadav yo nan bilding medyeval enkòpore nan mi yo nan palè a sèzyèm syèk la ak fondasyon yo nan yon gwo fen medyeval gwo kay won ki gen egzistans te enkoni. [37] [39]

Ap moute yon etaj ou jwenn tèt ou nan nivo a nan Piazza Matteotti ak sou planche ki anba a atrium la ak galri. Isit la yo se chanm yo nan ansyen Palazzo del Comune la ak Palazzo degli Abbati, nan ki ark yo nan lodjya Achevèk la yo vizib. Nan korespondans ak sitèn nan kache pi gwo ak jis anba a lakou prensipal la se "chanm nan monizioniere la", yon gwo chanm ak yon vout kwa sipòte pa uit poto wòch, te fè nan korespondans ak poto yo nan etaj ki anba a. Gwo poto yo simonte pa kapital nan diferan fòm, ki Vannone a reyitilize pa rekipere materyèl ki soti nan demolisyon nan estrikti yo medyeval. Kote sa a te orijinèlman itilize kòm yon depo pa sèlman pou zam ak minisyon, ki soti nan ki non li sòti, men tou pou lwil oliv, diven, bwa, kòm yon ki estab ak kòm yon koule pou fatra ak chèz Sedan. [40] [41]

Bòkote sal la nan monizioniere yo ak anba atrium la vout yo se chanm yo nan pyès devan kay la, tou kwa vout ak sipòte pa gwo poto wòch. Tankou chanm anvan an, espas sa yo te orijinèlman itilize kòm yon depo pou tout bagay ki ta ka itil pou garanti otonomi bilding lan nan evènman an nan yon syèj ak apre restorasyon an 1992 yo yo te itilize kòm espas egzibisyon pou egzibisyon ak evènman yo. I locali sono raggiungibili, oltre che tramite la "strada appesa", attraverso delle porte che aprono direttamente su piazza Matteotti. [40] [41] [42]

Il piano terra ei cortili

L'atrio del Vannone

L'ambiente più notevole del piano terra è il grande atrio voltato, realizzato dal Vannone alla fine del XVI secolo, sotto il quale ci si ritrova dopo aver varcato il grande portone che affaccia su piazza Matteotti. Si tratta di uno spazio di 43 metri di lunghezza e 17 di larghezza, coperto da una volta a padiglione intonacata di bianco sorretta alle estremità da una fila di quattro colonne che rimanda l'idea di una vela gonfiata dal vento. [43] [44] [45]

Per sostenere la volta il Vannone utilizzò un'intelaiatura di tiranti in ferro, invisibile ai visitatori in quanto coperta dai mattoni, costituita da « un'asta orizzontale tangente al colmo dell' estradosso e da due aste diagonali di irrigidimento fissate all'imposta della volta ». Questa tecnica delle "chiavi nascoste" fu utilizzata dal Vannone anche in altri ambienti del palazzo. [46]

Il cortile maggiore

A est ea ovest l'atrio voltato è affiancato da due cortili a cielo aperto, denominati rispettivamente cortile minore e cortile maggiore, realizzanti anch'essi in stile manierista dal Vannone.

Il cortile maggiore, a ovest, è situato al di sopra della cisterna maggiore e della sala del monizioniere, ricalcandone la forma e le dimensioni, ed è circondato su tre lati da un porticato voltato a botte sorretto da una serie di colonne terminanti con capitelli di ordine dorico . Agli angoli del porticato è presente un sistema di tre colonne collegate tra loro da un architrave che sorregge la soprastante volta a botte. Il restauro del 1992 ha portato alla luce, alle spalle delle colonne d'angolo, una serie di nicchie ad abside che erano state murate nel corso dei secoli. Al piano superiore è presente un loggiato che riprende la struttura del porticato sottostante, comprese le nicchie e le colonne architravate negli angoli, con la differenza che le colonne terminano con capitelli ionici anziché dorici. [44] [47]

Il cortile minore
Il cortile minore

Il cortile minore, a est, di forma quadrata, è a sua volta circondato su quattro lati da un porticato sorretto da colonne doriche, le quali formano con quelle dell'atrio voltato e del cortile maggiore, poste in asse le une con le altre, un effetto prospettico di particolare impatto.

Durante il restauro del 1992 il piano di calpestìo del cortile è stato traslato verso l'alto, in modo da riportarlo allo stesso livello del resto del piano terra. Ciò ha comportato l'eliminazione di alcuni gradini inseriti da Orlando Grosso nel 1935, quando furono aperte le tre porte che collegano direttamente questo ambiente con piazza De Ferrari e ha permesso la ricostruzione delle volte del deambulatorio della cisterna sottostante, che erano state demolite durante i lavori di realizzazione delle nuove aperture. Le aperture verso piazza De Ferrari sono a loro volta state traslate verso l'alto ed esternamente è stata realizzata una scalinata di raccordo con il livello della piazza. [47]

La pavimentazione dei due cortili, ricostruita durante il restauro sulla base di tracce della pavimentazione originale vannoniana, è formata da una griglia di lastre di pietra di Finale che collegano tra di loro le colonne del porticato, entro la quale sono racchiusi dei campi in mattoni in cotto disposti a lisca di pesce. La pavimentazione dell'atrio voltato è stata ricostruita recuperando parte della pavimentazione precedente in ardesia e alternandola a mattoni in cotto realizzando un motivo geometrico che riprendesse quello della volta soprastante. [44] Tra le colonne del cortile maggiore è possibile notare dei lucernai che permettono alla luce solare di raggiungere la sottostante sala del monizioniere. [48]

In origine gli ambienti dell'atrio e dei cortili erano utilizzati sia come elemento del percorso cerimoniale che partiva dalla "cortina" che chiudeva la piazza e terminava con lo scalone che conduce al piano nobile, sia come luogo di incontro per trattative politiche e incontri burocratici. Nelle stanze intorno ai cortili si trovavano gli uffici di diverse magistrature della Repubblica genovese, come la Magistratura degli Inquisitori di Stato o il Corpo di Città. I cittadini avevano anche la possibilità di presentare delle denunce anonime depositando un biglietto in una buca ancora visibile nel porticato del cortile minore. [44] [45]

La riapertura al pubblico del palazzo dopo il restauro ha cercato di restituire all'atrio voltato la sua funzione originaria di piazza coperta, utilizzando gli spazi intorno a esso per attività commerciali e culturali, come la biglietteria del palazzo, due librerie, un caffè, una sede della Società ligure di storia patria dotata di una ricca biblioteca specializzata e alcuni laboratori didattici. [43] [44] [45]

Il primo piano

I resti delle statue di Andrea Doria (sulla destra) e Giovanni Andrea Doria (sulla sinistra)

Al centro dell'atrio voltato, di fronte al portone d'ingresso, parte lo scalone dogale che conduce al piano superiore. Lo scalone, opera del Vannone, è composto da una prima rampa di scalini di marmo larghi e bassi che, una volta raggiunto il ballatoio , si divide in due rampe simmetriche che conducono al corpo est e al corpo ovest del palazzo. [49] [50] Sul ballatoio in cima alla prima rampa dello scalone sono state collocate le statue di Andrea Doria e di Giovanni Andrea Doria che in origine si trovavano sui due piedistalli ai lati della scalinata di ingresso al palazzo su piazza Matteotti. [32]

La Vergine ei Santi patroni di Genova che intercedono presso la Trinità

La rampa di destra conduce al loggiato posto sopra il cortile minore, del quale riprende la forma e la posizione delle colonne le quali, come nel caso del loggiato sopra il cortile maggiore, terminano con capitelli ionici anziché dorici . [44] Da qui si può accedere allo spazio un tempo occupato dalla sala d'armi, posta lungo l'ala est del palazzo. Questi ambienti erano uniti alla cortina che chiudeva la piazza ed erano inoltre collegati alla vicina chiesa del Gesù tramite un pontino aereo, abbattuto durante i moti del 1848 . Con l'annessione della città al Regno di Sardegna l'armeria venne trasformata in sale riunioni, andate distrutte durante i bombardamenti del 1944. In seguito al restauro del 1992 gli spazi ospitano le sale dell' Archivio Storico del Comune di Genova. [51] [52]

In cima alla rampa di scale di destra si trova un maestoso stemma della Repubblica di Genova , opera di Domenico Fiasella , come conferma una ricevuta di pagamento datata 1638. [49] [50] A Fiasella è attribuito anche l'affresco raffigurante La Vergine con i Santi Giovanni Battista , Giorgio e Bernardo che intercedono presso la Trinità per la città di Genova che si trova in cima alla rampa di sinistra dello scalone. Questo secondo affresco fu commissionato intorno al 1630 come ringraziamento per la vittoria del 1625 di Genova contro il ducato di Savoia ed è visibile solo mentre si scende lungo lo scalone. [49] [50]

Giunti in cima alla rampa di sinistra si raggiunge il loggiato posto sopra il cortile maggiore, sul quale si aprono quelli che erano gli ambienti più prestigiosi del palazzo: i saloni del Maggior Consiglio e del Minor Consiglio, gli appartamenti del doge e la cappella dogale. [50]

L'appartamento del doge
Le Virtù Cardinali

Le quattro tele delle virtù cardinali , collocate nella sala d'angolo dell'appartamento dogale a partire dalla sua decorazione nel 1771, furono realizzate nella prima metà del XVII secolo forse per il salone del Maggior Consiglio. I soggetti delle tele, tutti carichi di simbologie, sono una metafora delle qualità che il governo della repubblica doveva possedere: comandare con forza accompagnata da prudenza e temperanza avrebbe assicurato la giustizia per i cittadini. La Fortezza , dipinta da Andrea Ansaldo intorno al 1630, mostra una figura femminile con indosso una corazza e in mano un ramo di quercia (simbolo rispettivamente della forza fisica e spirituale) e con a fianco un leone. La Giustizia di Giovanni Andrea De Ferrari , databile intorno al 1620, è raffigurata secondo la simbologia comune al tempo e il dipinto è la copia quasi speculare di un'altra tela attribuita nello stesso periodo allo stesso artista. La figura femminile in armatura regge in mano una spada e una bilancia e sulle ginocchia in tomo con il motto Inconcussa vigeat , mentre alle sue spalle e ai piedi vi sono simboli di pace a abbondanza come la cornucopia ricolma di frutta, una pistola schiacciata sotto il piede e un agnello. A De Ferrari è attribuita anche la Temperanza ; l'opera è datata 1651 ma la critica la colloca tra il 1620 e il 1630 e la data erronea potrebbe dipendere dal fatto che la parte inferiore della tela è stata ridipinta in epoche successive. Vi è raffigurata una figura femminile, vestita sobriamente, che versa una brocca d'acqua, simbolo di semplicità e trasparenza. La Prudenza fu dipinta da Domenico Fiasella intorno al 1630 e raffigura un'enigmatica figura femminile bifronte che si guarda allo specchio. Nel realizzarla Fiasella probabilmente seguì fedelmente l' iconografia del periodo, nella quale i due volti simboleggiavano la circospezione e la lungimiranza tipiche di chi è prudente. [53] [54] [55]

La Fortezza , di Andrea Ansaldo

I lati nord e ovest del piano nobile, tutto intorno al loggiato, sono occupati dalle stanze dell'appartamento dogale. A partire dal 1528, con l'introduzione del mandato biennale, i dogi erano infatti obbligati a dimorare all'interno del palazzo per l'intero periodo della propria carica. L'appartamento tardo cinquecentesco è composto da una serie di stanze comunicanti una con l'altra in successione, riccamente decorate in stile rococò nelle prime sale e neoclassico in quelle successive. [54] [56] [57]

La prima sala, sul lato nord vicina all'arrivo dello scalone, è decorata con tappezzerie originali in carta stampata. Sulla parete di sinistra era presente una porta, in seguito murata, che conduceva a una scala tramite cui raggiungere il piano ammezzato sottostante. In quei locali, che si sviluppano lungo i lati a nord, ovest e sud del cortile maggiore, si trovavano altre stanze dell'appartamento del doge, considerate più intime e più confortevoli durante i mesi più caldi o più rigidi grazie alle spesse pareti; vi si trovavano inoltre le cucine e gli alloggi del personale di servizio del palazzo, come l'armaiolo, il guardiano della torre, gli uscieri ei portaordini. In seguito al restauro del 1992 nel mezzanino, raggiungibile anche tramite la "strada appesa", sono stati collocati alcuni uffici del Comune di Genova e del consorzio che gestisce il palazzo. [56] [57]

La seconda e la terza sala sono decorate con stucchi dorati in stile rococò che raffigurano le virtù cardinali , panoplie con armi e bandiere, strumenti musicali e animali. Nella terza sala dovevano essere presenti tappezzerie e arazzi e su una panoplia è indicata la data 1756, considerata come l'anno della realizzazione delle decorazioni delle prime tre sale. [54] [56] [57]

La quarta e la quinta sala sono le più grandi dell'appartamento. La sala d'angolo, detta anche "sala del doge", è la più ricca dell'intero appartamento e un cartiglio rivela che la sua decorazione, nella quale si notano influenze neoclassiche , risale al 1771, durante il dogato di Giovanni Battista Cambiaso . Nei soprapporta si trovavano quattro tele del XVII secolo raffiguranti le virtù cardinali, mentre al centro delle pareti trovavano posto alcuni arazzi raffiguranti Le storie di Mosè , realizzati nella seconda metà del XVI secolo dall'arazziere fiammingo Dionys Martensz su bozzetti di Luca Cambiaso , ora conservati a palazzo Doria-Spinola . Sulla volta, completamente decorata in stucco lustro, vi è un grande medaglione dove è forse raffigurata un' allegoria della scoperta dell'America da parte di Colombo vista in chiave classicista. Le decorazioni in stucco della sala sono opera dei lombardi Alessandro Bolina e Bartolomeo Fontana . Degno di nota in questa sala è anche il caminetto in marmo bianco, decorato con piastrelle in ceramica bicrome e risalente allo stesso periodo degli stucchi. [54] [56] [57] [58]

La decorazione in stucco della quinta sala, detta anche "antisala del doge", segue lo stesso stile della stanza precedente e presenta una serie di panoplie rappresentanti la potenza militare di Genova. Tra le decorazioni in stucco della sesta sala è riproposto il tema delle virtù cardinali, mentre nell'ultima sala era un tempo presente una porta, in seguito murata, che conduceva ai pontini aerei sopra salita dell'Arcivescovado, mettendo in diretta comunicazione il palazzo con il palazzetto criminale e con la cattedrale . [55] [56]

La cappella dogale
Giovanni Battista Carlone, Maria regina di Genova , Affresco sulla volta della cappella dogale
Francesco Maria Schiaffino, altare della cappella
Particolare con la cantoria

Accanto alle ultime stanze dell'appartamento del doge, con accesso dall'angolo sud ovest del loggiato, si trova la cappella dogale. Risparmiata dall'incendio del 1777 e dai bombardamenti, presenta la decorazione originale in stile barocco genovese . Si tratta di un ambiente sontuoso e di grande impatto, in cui l'intera superficie della volta e delle pareti è affrescata allo scopo di celebrare le glorie ei personaggi illustri della repubblica genovese. Al centro della parete di ingresso si trova una raffigurazione di Cristoforo Colombo che pianta la croce nel nuovo mondo , con ai lati, sopra le porte che collegano la sala con l'appartamento del doge e con il loggiato, i ritratti dei martiri genovesi Ursicino e Desiderio . Ancora più in alto vi sono i beati Domenico da Genova , [59] Maria Vittoria De Fornari Strata , Alessandro Sauli e due figure la cui epigrafe è illeggibile. [60] [61] [62]

Sulla parete di destra, dando le spalle all'ingresso, è raffigurata La presa di Gerusalemme da parte di Guglielmo Embriaco , avvenuta durante la prima crociata , con tutto intorno i ritratti dei beati Jacopo da Varagine e Lanfranchino e dei santi Giovanni Bono e Valentino . Questi affreschi, così come quelli sulle altre pareti e sulla volta, furono realizzati da Giovanni Battista Carlone tra il 1653 e il 1655 e sono inseriti all'interno di finti archi colonnati dipinti, opera del pittore imperiese Giulio Benso .

Al centro della parete opposta campeggia il dipinto de L'arrivo a Genova delle ceneri del Battista , con intorno i santi Barnaba , Alberto , Caterina Fieschi Adorno , i vescovi genovesi Salomone e Romolo e un angelo custode.

La volta è interamente occupata da una raffigurazione di Maria invocata dai santi protettori di Genova Giorgio , Giovanni Battista , Lorenzo e Bernardo . La Vergine è rappresentata in qualità di regina di Genova, quale era stata proclamata nel 1637, mentre riceve da alcuni angeli la corona, le chiavi e lo scettro della città. [60] [61]

La parete di fondo della sala è occupata dall'altare in marmo, circondato da vere colonne sempre in marmo uguali a quelle dipinte sulle altre pareti. Due finestre si aprono tra le colonne a fianco dell'abside, permettendo alle luce esterna di illuminare l'ambiente. Inizialmente dietro l'altare si trovava una pala di Giovanni Battista Paggi , donata dallo stesso pittore alla città nel 1603, raffigurante La Madonna con il bambino tra i santi Giorgio e Giovanni Battista . Nel XVIII secolo la pala fu sostituita da una scultura di Francesco Maria Schiaffino , raffigurante nuovamente La Vergine regina di Genova .

Il pavimento presenta una decorazione barocca realizzata con tarsie di marmi policromi. [60] [61]

Il salone del Maggior Consiglio
Il salone del Maggior Consiglio

Il salone del Maggior Consiglio è la sala più imponente del palazzo e insieme all'adiacente salone del Minor Consiglio occupa interamente il corpo centrale dell'edificio, al di sopra dell'atrio voltato. L'aspetto attuale del salone è quello successivo alla ricostruzione di Simone Cantoni nel 1778, ma le dimensioni, 37 metri di lunghezza per 16 di larghezza, [63] sono quelle della "sala grande" realizzata nel Cinquecento dal Vannone per ospitare i quattrocento patrizi che rappresentavano il Maggior Consiglio della Repubblica di Genova . In questa sala veniva eletto il doge e si tenevano le riunioni ufficiali del Consiglio della Repubblica, ma avevano luogo anche feste, balli e spettacoli teatrali. [64] [65][66]

La volta del salone del Maggior Consiglio

L'incendio del 1777 danneggiò gravemente il piano nobile del palazzo e le strutture dei saloni, che vennero ricostruite da Cantoni l'anno successivo. Nel salone del Maggior Consiglio Cantoni inglobò e innalzò ciò che restava dei muri vannoniani e coprì la sala con un'imponente volta a padiglione in mattoni, la cui forma ricorda quella di una carena di nave rovesciata, in sostituzione della precedente copertura in legno. Per contrastare l'aumento di peso generato dalla nuova volta fu realizzata la facciata neoclassica su piazza Matteotti, le cui colonne hanno la funzione di contrafforti per l'adiacente salone. [17] [64] [67] Nel corso degli anni però le spinte sui muri hanno causato lesioni e uno scivolamento della facciata neoclassica, che ciò ha comportato un indebolimento delle volte dei saloni del Maggior e del Minor Consiglio. Il consolidamento di tali strutture è stato effettuato durante il restauro del 1992 tramite l'inserimento di tiranti in acciaio nei sottotetti e nei muri. [64]

L' Allegoria del Commercio dei Liguri di Giuseppe Isola

Internamente il salone appare completamente decorato in stile neoclassico e caratterizzato dall'alternanza di colore dei marmi e dei finti marmi in stucco lustro. Nelle pareti lunghe sono addossate una serie di colonne in marmo o in stucco lustro, nelle nicchie tra le quali trovano posto una serie di statue in stucco. Al di sopra delle colonne si trova una balaustra e sopra di essa, in corrispondenza delle colonne e dei costoloni della volta, una serie di cariatidi in stucco opera dello stuccatore ticinese Carlo Luca Pozzi [68] con la collaborazione di Alessandro Bolina e Bartolomeo Fontana , autore anche della decorazione della volta.

A fianco della porta di ingresso si trovano due statue in stucco raffiguranti la Concordia e la Pace , opera dell'artista genovese Andrea Casareggio (o Casaregi) mentre dalla parte opposta del salone, dove un tempo si trovava il trono del doge, distrutto durante la rivoluzione del 1797, sono le statue allegoriche della Giustizia e della Fortezza , opera rispettivamente di Nicolò Traverso e di Francesco Maria Ravaschio . Al centro della parete di ingresso, al di sopra della balaustra, si trova una grande lunetta con un dipinto su tela della battaglia della Meloria , realizzata dal pittore piemontese Giovanni David . David realizzò anche il bozzetto per la lunetta sita sul lato opposto, raffigurante Il doge Leonardo Montaldo libera Jacopo di Lusignano , re di Cipro , che fu però dipinta da Emanuele Tagliafichi . Queste due lunette furono dipinte in sostituzione delle tele di Marcantonio Franceschini e di Tommaso Aldovrandini , andate distrutte durante l'incendio del 1777. Tra le colonne dei lati principali, alternati alle statue in stucco, si trovano una serie di tele monocromatiche, dipinte in stile neoclassico e con temi allegorici in occasione della visita di Napoleone nel luglio 1805. Al centro della volta si trova un grande affresco raffigurante un'allegoria del Commercio dei Liguri , realizzato nel 1866 da Giuseppe Isola in sostituzione di un precedente affresco di Giandomenico Tiepolo risalente al 1785 e raffigurante La Liguria e le glorie della famiglia Giustiniani , deperito pochi decenni dopo la sua realizzazione. Completano l'effetto scenografico del salone il pavimento dove una serie di marmi di diversa colorazione formano motivi geometrici e due grandi lampadari in cristallo, inseriti durante il restauro del 1992.

In seguito alla riapertura del palazzo il salone del Maggior Consiglio, così come quello del Minor Consiglio, ospita mostre, conferenze, concerti o altri eventi culturali. [64] [65][66]

Il salone del Minor Consiglio
Il salone del Minor Consiglio

Il salone del Minor Consiglio, detto anche "salonetto", era originariamente destinato alle riunioni del Minor Consiglio della Repubblica. È situato a fianco del salone del Maggior Consiglio, insieme al quale occupa il corpo centrale dell'edificio, e affaccia verso nord su salita del Fondaco. Per via della sua collocazione era anche chiamato "consiglietto d'estate" ed era usato per le riunioni estive del Consiglio, in contrapposizione al "consiglietto d'inverno", esposto a sud e andato perduto durante i rifacimenti ottocenteschi, i cui spazi sono utilizzati come spazio espositivo della Regione Liguria. [69] [70]

Particolare della lunetta con L'arrivo a Genova delle ceneri del Battista di Carlo Giuseppe Ratti

La sala, di 20 metri di lunghezza e 13 di larghezza, [63] fu gravemente danneggiata durante l'incendio del 1777 e ricostruita durante l'intervento di Simone Cantoni. Analogamente al salone del Maggior Consiglio fu realizzata una nuova volta in mattoni, in questo caso con forma a botte , in sostituzione della precedente copertura in legno, e fu rinnovata completamente la decorazione della sala. [64]

Si accede al salone attraversando un piccolo atrio, aperto sul lato che affaccia sullo scalone, dal quale un tempo era possibile assistere ai cortei cerimoniali. Tra l'atrio e l'ultima rampa dello scalone Cantoni ricavò uno spazio tecnico nel quale inserire una scala a chiocciola di forma ellittica che conduce al piano superiore. [70] La decorazione neoclassica del salone è opera in particolare del pittore Carlo Giuseppe Ratti e dello stuccatore Carlo Luca Pozzi , il quale lavorò anche agli stucchi del salone del Maggior Consiglio. Furono realizzate da Ratti le tredici tele raffiguranti le Allegorie delle virtù del buon governo che si trovano in corrispondenza delle aperture della sala (partendo dalla parete di fronte all'ingresso e girando in senso antiorario, Sapienza , Magnanimità , Concordia , Fortezza , Carità , Vigilanza , Mansuetudine , Pace con la Giustizia , Speranza , Fortuna , Verità , Storia e Segretezza ) e le piccole tele monocromatiche soprapporta raffiguranti putti e, in quella sopra la porta d'ingresso, Giano .

Sulla volta è possibile vedere due tele monocrome raffiguranti La Liguria distribuisce tesori alle province e Giano sacrifica alla pace , opera di Ratti così come la tela centrale con L'apoteosi della Repubblica con l'allegoria della Divina Sapienza , che il pittore riprese da un bozzetto che Domenico Piola aveva presentano nel 1700 a un concorso per la decorazione del salone del Maggior Consiglio. Queste tre tele furono pesantemente restaurate nel 1949, in seguito ai danni riportati durante i bombardamenti bellici. Sempre di Ratti sono le due lunette in cima alle pareti d'ingresso e di fondo della sala, che raffigurano rispettivamente Lo sbarco di Colombo nelle Indie e L'arrivo a Genova delle ceneri del Battista riproponendo le precedenti opere di Francesco Solimena , distrutte dall'incendio del 1777 ma delle quali erano stati conservati i bozzetti. Lungo le pareti della sala, alternati alle tele con le allegorie delle virtù del buon governo, vi sono otto statue in stucco di uomini illustri della Repubblica realizzate da Nicolò Traverso , Andrea Casareggio e Francesco Maria Ravaschio , i quali lavorarono anche agli stucchi della facciata su piazza Matteotti e nel salone del Maggior Consiglio. All'architetto genovese Carlo Barabino è infine attribuita la caratteristica balaustra circolare in fondo alla sala, che aveva la funzione di delimitare lo spazio riservato al doge. [64] [70] [71]

I piani superiori

La sommità della torre Grimaldina

Dal loggiato maggiore si può accedere alla strada appesa, che permette di scendere al piano terra o di salire ai piani superiori: il secondo piano ammezzato, la terrazza, le carceri e la torre Grimaldina. Il secondo mezzanino ospita alcuni uffici e spazi del Comune di Genova. La terrazza si trova al di sopra del loggiato maggiore, ospita un ristorante e da essa è possibile vedere da vicino la sommità della torre Grimaldina, le statue che sormontano la facciata neoclassica su piazza Matteotti e le coperture dei saloni del Maggior e del Minor Consiglio. Salendo ancora lungo la strada appesa si raggiungono quelle che un tempo erano le carceri del palazzo. Poco prima dell'ingresso, sulla sinistra della scala, è possibile notare un curioso rilievo tardo-cinquecentesco in stucco che raffigura la Fortuna bendata, con la testa che diventa un vaso ricolmo di frutta e la benda che attraversa gli occhi. [72] [73]

Le carceri
Particolare dei disegni sulle pareti della cosiddetta "cella degli artisti"

I piani superiori della torre Grimaldina ei locali adiacenti furono utilizzati come carceri dai tempi della Repubblica fino alla Resistenza durante la seconda guerra mondiale. [73] [74] Un episodio del 1435 fa ipotizzare che a quel tempo esistesse già una cella detta Grimaldina, da cui prese poi il nome l'intera torre: in seguito alla battaglia di Ponza nell'elenco dei prigionieri condotti a Genova da destinare a diverse carceri, accanto ad alcuni nomi fu indicata la lettera G che potrebbe significare appunto Grimaldina. [35]

Le carceri occupavano alcuni locali del sottotetto al di sopra dell'appartamento del doge e nella torre. Questo faceva sì che le celle fossero meno umide di quelle tradizionalmente collocate nei piani più bassi degli edifici, ma allo stesso tempo fossero più soggette alle intemperie e ai rigori del clima. Le celle sopra l'appartamento dogale erano piccole e buie, provviste di doppie porte e con spesse grate in ferro inserite all'interno dei muri e dei pavimenti, per impedire ogni tentativo di fuga. Queste celle erano destinate ai prigionieri comuni o politici. Il piano superiore del pontino aereo dell'appartamento del doge permetteva di mettere in contatti direttamente le carceri con il vicino palazzetto criminale. Le celle situate nella torre, più grandi e luminose, erano destinate ai detenuti provenienti da famiglie importanti oa nemici stranieri trattenuti in attesa di un riscatto. [73] [74] [75]

I prigionieri spesso lasciavano sui muri delle celle scritte o disegni a testimonianza delle proprie pene. Nella cosiddetta "cella degli artisti", nella torre, sono presenti disegni di navi da guerra, soldati, dame e cavalieri e una mongolfiera . [73] [74] [76]

Tra i prigionieri illustri delle carceri è possibile ricordare il corsaro ottomano Dragut , il doge Paolo da Novi e il nobile genovese Domenico Dalla Chiesa, imprigionato per volere del fratello senatore e famoso per essere riuscito a fuggire raggiungendo la cella campanaria e poi calandosi sulla terrazza sottostante grazie alla bandiera situata in cima alla torre; Giulio Cesare Vachero , che complottò contro Genova insieme ai Savoia, i pittori Sinibaldo Scorza (per lesa maestà), Domenico Fiasella e Luciano Borzone (per ferimento) e Pieter Mulier detto il Tempesta, accusato dell'omicidio della moglie e che realizzò diverse opere durante il periodo di prigionia in un improvvisato atelier nella cella campanaria; il musicista Nicolò Paganini (per aver sedotto una ragazza) [77] e il patriota Jacopo Ruffini che qui morì suicida [78] nel 1833. [73] [74] [79] [80] [81]

Note

  1. ^ Franco Bampi, Paròlle de Zena - La Repubblica di Genova , in Gazzettino Sampierdarenese , Genova, Anno XLI - N. 5, maggio 2012. URL consultato il 1º febbraio 2013 .
  2. ^ Genova Palazzo Ducale - Fondazione - Statuto ( PDF ), su palazzoducale.genova.it .
  3. ^ Genova Palazzo Ducale - Home page , su palazzoducale.genova.it . URL consultato il 30 marzo 2014 (archiviato dall' url originale il 23 febbraio 2014) .
  4. ^ Genova Palazzo Ducale - Associazioni culturali , su palazzoducale.genova.it . URL consultato il 1º marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 2 marzo 2018) .
  5. ^ a b Arte per il G8 , su palazzoducale.genova.it . URL consultato il 1º marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 2 marzo 2018) .
  6. ^ a b c d e f Storia di Palazzo Ducale , su palazzoducale.genova.it . URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 7 marzo 2018) .
  7. ^ a b c d e Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 6-9 .
  8. ^ Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , p. 9 .
  9. ^ Orlando Grosso, Giuseppe Pessagno , p. 52 .
  10. ^ a b c d Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 16-20 .
  11. ^ Secondo Luigi Volpicella , storico italiano vissuto a cavallo tra il XIX e il XX secolo, « la fastosità adunque e più il timore furono i due motivi della ricostruzione del palazzo di governo » Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 27-30 .
  12. ^ Per convenzione si considera il 1591 come l'anno dei lavori del Vannone dal momento che risale al 1590 la fornitura dalla cava della collina di Carignano delle pietre necessarie per le costruzioni. I lavori erano però probabilmente già iniziati quattro anni prima dal momento che il patrizio e storico genovese Giulio Pallavicino annotò sul suo diario il 22 agosto 1587 che « si è dato principio a fabbricare intorno al Palatio della Signoria » e dovevano essere già a buon punto due anni dopo. Franco Ragazzi , p. 4 .
  13. ^ a b Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 27-30 .
  14. ^ Orlando Grosso, Giuseppe Pessagno , pp. 100-104 .
  15. ^ Gavazza Ezia, Magnani Laura, Pittura e decorazione a Genova e in Liguria nel Settecento , Cassa risparmio Genova e Imperia, Genova, 2000, p. 11
  16. ^ a b Franco Ragazzi , pp. 5-6 .
  17. ^ a b c d e f g Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 20-24 .
  18. ^ a b Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , p. 24 .
  19. ^ a b c d Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , p. 10 .
  20. ^ a b c d Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 14-16 .
  21. ^ Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , p. 40 .
  22. ^ a b Filmato audio Ventennale Palazzo Ducale – Giovanni Spalla e il restauro , Comune di Genova, 2012. URL consultato il 1º marzo 2013 .
  23. ^ Daniele Miggino, È nata la Fondazione per la Cultura , in Genova mentelocale , febbraio 2008. URL consultato il 4 aprile 2013 (archiviato dall' url originale il 17 marzo 2014) .
  24. ^ Archivio delle mostre di Palazzo Ducale , su palazzoducale.genova.it . URL consultato il 10 ottobre 2012 (archiviato dall' url originale il 3 novembre 2012) .
  25. ^ Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , p. 6 .
  26. ^ Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , p. 5 .
  27. ^ Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , p. 11 .
  28. ^ Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , p. 14 .
  29. ^ Un palmo genovese equivale a 24,8 centimetri. Franco Ragazzi , pp. 5-6 .
  30. ^ a b c Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , p. 25 .
  31. ^ Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , p. 36 .
  32. ^ a b Ricollocazione delle statue dei Doria , su palazzoducale.genova.it . URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 6 marzo 2018) .
  33. ^ a b c Palazzo Ducale - la torre e le carceri - Le origini , su palazzoducale.genova.it . URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 7 marzo 2018) .
  34. ^ a b Franco Ragazzi , p. 15 .
  35. ^ a b 1600-1700 Vita nelle carceri , su palazzoducale.genova.it . URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 7 marzo 2018) .
  36. ^ Campanon de Päxo , su acompagna.org . URL consultato il 9 ottobre 2012 .
  37. ^ a b Franco Ragazzi , pp. 11-12 .
  38. ^ Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 40-42 .
  39. ^ Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 44-49 .
  40. ^ a b Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 52-56 .
  41. ^ a b Franco Ragazzi , pp. 17-20 .
  42. ^ Le sale di Palazzo Ducale attrezzate per manifestazioni , su palazzoducale.genova.it . URL consultato il 5 marzo 2018 .
  43. ^ a b Il Porticato di Palazzo Ducale , su palazzoducale.genova.it . URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 6 marzo 2018) .
  44. ^ a b c d e f Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 30-34 .
  45. ^ a b c Franco Ragazzi , pp. 7-9 .
  46. ^ Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , p. 32 .
  47. ^ a b Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , p. 38 .
  48. ^ Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , p. 56 .
  49. ^ a b c Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 58-59 .
  50. ^ a b c d Franco Ragazzi , pp. 21-22 .
  51. ^ Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 66-67 .
  52. ^ Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , p. 88 .
  53. ^ Nella sua opera Iconologia overo Descrittione Dell'imagini Universali cavate dall'Antichità et da altri luoghi lo studioso Cesare Ripa descriveva la Prudenza come "donna con due facce simile a Giano, e che si specchi, tenendo una serpe attorno al braccio". Franco Ragazzi , p. 32 .
  54. ^ a b c d Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , p. 77 .
  55. ^ a b Franco Ragazzi , pp. 29-32 .
  56. ^ a b c d e Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 68-72 .
  57. ^ a b c d Franco Ragazzi , pp. 25-28 .
  58. ^ L'appartamento del Doge , su palazzoducale.genova.it . URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 7 marzo 2018) .
  59. ^ Giò Battista Semeria, Secoli cristiani della Liguria, Volume 1 , Torino, 1842, p. 187.
  60. ^ a b c Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 72-77 .
  61. ^ a b c Franco Ragazzi , pp. 33-39 .
  62. ^ La cappella del doge , su palazzoducale.genova.it . URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 6 marzo 2018) .
  63. ^ a b Planimetria delle sale del piano nobile ( GIF ), su palazzoducale.genova.it . URL consultato il 4 febbraio 2013 (archiviato dall' url originale il 26 aprile 2015) .
  64. ^ a b c d e f Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 78-83 .
  65. ^ a b Franco Ragazzi , pp. 47-53 .
  66. ^ a b Il salone del Maggior Consiglio , su palazzoducale.genova.it . URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 7 marzo 2018) .
  67. ^ Filmato audio Il Palazzo Ducale di Genova , su YouTube .
  68. ^ Altre fonti ( Franco Ragazzi , pp. 47-53 , Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 78-83 ) nominano invece lo stuccatore milanese Carlo Fozzi. Secondo l'arch. Nicoletta Ossanna Cavadini, nel suo testo Simone Cantoni Architetto, la discrepanza deriva da un errore di trascrizione dello storico Ottocentesco Federico Alizieri, che nei suoi testi riportò Fozzi al posto di Pozzi, errore che è stato poi ripreso nei testi successivi. Carlo Luca Pozzi, lontano cugino di Simone Cantoni, lavorò anche in diverse altre opere dell'architetto ticinese. Nicoletta Ossanna Cavadini , pp. 110-114, 122 e 134 .
  69. ^ Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 62-64 .
  70. ^ a b c Franco Ragazzi , pp. 39-43 .
  71. ^ Il salone del Minor Consiglio , su palazzoducale.genova.it . URL consultato il 5 marzo 2018 .
  72. ^ Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 96-99 .
  73. ^ a b c d e Franco Ragazzi , pp. 56-59 .
  74. ^ a b c d Giovanni Spalla, Caterina Arvigo Spalla , pp. 99-104 .
  75. ^ Filmato audio Prof. Clario Di Fabio, Visita alle carceri – audio guida alle celle del corridoio ( MP3 ). URL consultato il 1º marzo 2013 .
  76. ^ Le carceri del palazzo , su palazzoducale.genova.it . URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 6 marzo 2018) .
  77. ^ Nicolò Paganini ( PDF ), su magiadellopera.com . URL consultato il 12 febbraio 2013 .
  78. ^ L'ipotesi del suicidio lascia dei dubbi dal momento che Ruffini sapeva che sarebbe comunque stato condannato a morte. Alcuni storici pensano che si sia trattato di un omicidio mascherato, per evitare che una pubblica esecuzione infiammasse ancora di più i moti di insurrezione. Risorgimento: un carcere per patrioti , su palazzoducale.genova.it . URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 6 marzo 2018) .
  79. ^ Filmato audio Prof. Clario Di Fabio, Visita alle carceri – audio guida alle cella di Ruffini ( MP3 ). URL consultato il 1º marzo 2013 .
  80. ^ Filmato audio Prof. Clario Di Fabio, Visita alle carceri – audio guida alla cella grande ( MP3 ). URL consultato il 1º marzo 2013 .
  81. ^ I detenuti celebri delle carceri , su palazzoducale.genova.it . URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 6 marzo 2018) .

Bibliografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bibliografia su Genova .
  • Orlando Grosso e Giuseppe Pessagno, Il Palazzo del Comune di Genova , Genova, Società Ligure di Storia Patria, 1933.
  • Franco Sborgi , Il Palazzo Ducale di Genova. Stratificazione urbanistica e architettura , Genova, Pagano tipografi editori, 1970.
  • Andrea Buti e Gianni Vittorio Galliani, Il Palazzo Ducale di Genova - Il concorso del 1777 e l'intervento di Simone Cantoni , Genova, Sagep Editore, 1981.
  • Carlo Osti, Recupero e riscoperta della sede governativa della repubblica marinara , Roma, Editer, 1988.
  • Giovanni Spalla e Caterina Arvigo Spalla, Il Palazzo Ducale di Genova - dalle origini al restauro del 1992 , Genova, Sagep Editore, 1992, ISBN 88-7058-464-X .
  • Franco Ragazzi, Palazzo Ducale , Genova, Tormena Editore, 1996, ISBN 88-86017-68-5 .
  • Nicoletta Ossanna Cavadini, Simone Cantoni Architetto , Milano, Mondadori Electa Editore, 2003, ISBN 88-370-2163-1 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 134604232 · LCCN ( EN ) n2010053835 · WorldCat Identities ( EN )lccn-n2017047035
Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina , identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità .
È stata riconosciuta come tale il giorno 11 maggio 2013 — vai alla segnalazione .
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni · Criteri di ammissione · Voci in vetrina in altre lingue · Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki