Nepal

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Nepal (disambiguation) .
Nepal
Nepal - Drapo Nepal - manto nan bra
( detay ) ( detay )
( NE ) जननी जन्मभूमिश्च स्वर्गादपी गरीयसी
(Jananī janmabhūmiśca svargādapi garīyasī)
( EN ) Manman ak patri yo vo pi plis pase Wayòm syèl la
Nepal - Lokalizasyon
Done administratif
Non konplè Repiblik Demokratik Federal Pèp la nan Nepal
Non ofisyèl सङ्घीय लोकतान्त्रिक गणतन्त्र नेपाल
Saṅghīya lokatāntrika gaṇatantra Nepāla
Lang ofisyèl yo Nepalese
Kapital Drapo Katmandou, Nepal.svg Katmandou (1,744,240 pòp.)
Politik
Fòm gouvènman an Repiblik federal palmantè
Prezidan Bidhya Devi Bhandari
premye Minis Khadga Prasad Sharma Oli
Antre nan Nasyonzini an 14 desanm 1955
Sifas
Total 147.516 km² ( 94º )
% nan dlo 2.8%
Popilasyon
Total 28 087 871 (2018) ( 41º )
Dansite 203 abitan / km²
To kwasans 1,768% (2012) [1]
Non moun ki rete yo Nepalese
Jewografi
Kontinan Pwovens Lazi
Fwontyè Lachin , peyi Zend
Lag jè UTC + 5: 45
Ekonomi
Lajan Roupi Nepalè
GDP (nominal) $ 18 958 [2] milyon (2012) ( 107th )
GDP per capita (nominal) $ 690 (2012) ( 165º )
GDP ( PPP ) $ 40 026 milyon (2012) ( 98º )
GDP per capita ( PPP ) 2 388 $ (2014) ( 159º )
ISU (2016) 0.558 (mwayen) ( 144º )
Fètilite 2.7 (2011) [3]
Konsomasyon enèji 0.008 kWh / ab. ane
Divès
ISO 3166 kòd NP , NPL, 524
TLD .np
.नेपाल
Prefiks tel. +977
Otom. NEP
Im nasyonal Sayaun thunga phool ka
Jou ferye nasyonal la 28 me
Nepal - Kat jeyografik
Manm SAARC depi 1985
Istorik evolisyon
Eta anvan an Nepal Wayòm Nepal

Kowòdone : 28 ° N 84 ° E / 28 ° N 84 ° E 28; 84

Nepal ( AFI : / neˈpal / [4] ; an Nepali नेपाल , Nepāla , [neˈpaːl] [ ? Info ] ), ofisyèlman Demokratik Repiblik Federal Nepal , se yon eta nan Azi Sid nan 147 181 km² ak 29 959 364 moun ki rete nan 2012, ki gen kapital se Katmandou , fontyè nan nò a ak Lachin ( Tibet ) ak nan sid la ak ' Lend la e li se yon eta ki fèmen ak lanmè. Teritwa a nan eta a Himalayan , ant plenn lan nan Ganges yo ak seri a mòn nan Himalaya a , se sitou montay, gen yon diferans konsiderab nan wotè (ki soti nan 80 a 8 848 m nan Everest , pwen ki pi wo a sou Latè ) ak se jewografik yon pati nan soukontinan Endyen an .

Kapital la Katmandou , ki chita nan yon altitid de apeprè 1 350 m, gen yon popilasyon de 850 000 moun ak apeprè 1 500 000 nan tout zòn metwopoliten an [5] comprenant plizyè vil ak tout ti bouk ki gen ladan Lalitpur ak Bhaktapur , pwolonje nan sa yo rele Fon Katmandou , ki koresponn ak basen anwo larivyè Lefrat Bagmati a; vil Pokhara olye de sa, ki sitye nan rejyon santral la nan pye masif Annapurna , ak 200,000 moun li yo (apeprè 300,000 nan zòn metwopoliten an) [5] se dezyèm pi gwo aglomerasyon iben nan Nepal e li vin anvan kèk lòt vil ki depase 100 000 moun ( Dharan , Hetauda , Butawal , Biratnagar ak Birganj ).

Aprè masak fanmi wayal la an 2001 , yon tranzisyon politik dousman te kòmanse nan peyi a ki te mennen, sou Desanm 28, 2007 , apwobasyon pa palman an Nepal nan yon amannman konstitisyonèl ki pèmèt tranzisyon soti nan monachi nan repiblik, ki te pran plas sou 28 Desanm .. Me 2008 nan vòt la prèske inanim nan Asanble a konstitiyan. Prezidan an se Bidhya Devi Bhandari . Premye minis la se Khadga Prasad Sharma Oli . Lang ofisyèl lan se Nepali [6] . Apeprè mwatye nan popilasyon peyi a ap viv sou mwens pase US $ 1.25 yon jou [7] .

Istwa

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Istwa Nepal ak Wayòm Nepal .

"Yon moun mande m 'sa ki enterese nou nan Nepal. Apre sa, mwen reponn: kote ki gen yon nonm, se sèlman yon sèl, gen nou yo tou, kote ki gen memwa nan yon sot pase gen nou pral jwenn modulation nan nouvo nan ilizyon yo menm, diferan, men se pa akonpli pwogrè nan arketip yo nan lespri imen an ... [8] "

( Giuseppe Tucci , Nepal: dekouvri Peyi Wa ki nan Malla a )

Istwa Nepal pèdi nan ansyen mit. Premye moun ki dokimante nan fon Katmandou a te Licchavi ( 8yèm syèk anvan Jezikri ), ki te swiv pa Thakuri ( 9yèm - 12yèm syèk AD) ak Malla ( 13yèm - 18tyèm syèk ).

Inifikasyon nan peyi a te pran plas nan 1768 pa Prithvi Narayan Shah , fondatè dènye dinasti dominan an. Pandan diznevyèm syèk la Nepal te konfli ak tou de Lachin ak Britanik peyi Zend , jere prezève otonomi an echanj pou taks ak transfè teritoryal. An 1846 , Jeneral Jang Bahadur Rana te trase yon koudeta ki te pèmèt fanmi li kenbe renn gouvènman Nepalè a pou plis pase yon syèk, ki te limite dinasti Shah la nan marges politik nasyonal la.

Nan ane ki genyen ant 1947 ak 1951 mouvman demokratik la ranvèse fanmi Rana ak sipò peyi Zend , sa ki pèmèt wa Tribhuvan retounen nan ekzil. Li te ranplase pa pitit gason l ' Mahendra ki an 1962 entèdi pati politik yo ak etabli sistèm nan gouvènman an panchayat la ("konsèy nan senk").

Pwochen monak la, Birendra , te kontinye politik papa l 'e li te fòse yo akòde eleksyon apre manifestasyon popilè yo ( Jana Andolan , mouvman popilè) nan 1990 .

Li te asasinen pa Dipendra, pitit gason l 'nan lane 2001 ansanm ak lòt manm nan fanmi wa a. Nan okazyon sa Gyanendra , ti frè Birendra a, te pami kèk sivivan e li te monte sou fòtèy la kèk jou afile. An 2005 Gyanendra ranvwaye gouvènman an epi dirèkteman sipoze pouvwa egzekitif , ki li te abandone ane annapre a akòz yon nouvo vag mekontantman popilè (Loktantra Andolan, sa vle di mouvman demokratik). Soti nan reyalite sa yo leve desizyon an fè fas ak mouvman revolisyonè a nan enspirasyon Maoist .

Yon pati enpòtan nan Nepal genyen pa rebelyon an. Maoist yo ranvwaye reprezantan ki nan pati ki tou pre pouvwa, ekspropriyasyon "kapitalis yo" lokal yo ak pote soti nan pwòp pwojè devlopman yo. Yo menm tou yo dirije pwòp prizon yo ak tribinal yo. Anplis mezi kontrent, geriya a ap ranfòse prezans li akòz popilarite li nan mitan sektè enpòtan nan sosyete Nepalè a, espesyalman fanm, entouchabl ak minorite etnik yo. Nan fason sa a diskriminasyon kas elimine, fanm resevwa dwa pòsyon tè egal tankou gason ak fòse maryaj yo entèdi. Anplis de sa, Maoists yo bay swen sante gratis epi patisipe nan kou alfabetizasyon. [9]

An 2006, Maoists yo ak gouvènman Nepalè a te rive jwenn yon akò pou yon konstitisyon pwovizwa, ouvri chemen pou gouvènman an ak palman an tou pou rebèl yo.

Lejislati a pwovizwa mennen nan eleksyon an nan yon Asanble konstitiyan nan ki tou de fòm lan nan eta a ak fòm nan gouvènman an ke Nepal ta dwe adopte te diskite [10] .

An 2007, palman an te apwouve yon amannman konstitisyonèl ki te premye etap defakto nan direksyon transfòmasyon Nepal nan yon repiblik federal [11] .

Dènye eleksyon yo te pran plas nan 2008, sanksyon, ak 220 plas sou 601, viktwa klè nan pati Maoist la.

Apre 240 ane nan monachi, Repiblik la te pwoklame sou 23 Me 2008 .

Sou 25 avril 2015 , yon vyolan tranbleman mayitid 7.8 lakòz 8617 lanmò konfime [12] .

Sou 28 oktòb 2015, Palman an te eli yon fanm, Bidhya Devi Bhandari , kòm dezyèm Prezidan Nepal , ki te jwe yon wòl enpòtan nan ekri nouvo konstitisyon konstitisyonèl la ak an patikilye nan etabli garanti pou fanm yo.

Jewografi

Nepal pozisyone ant 26 ° ak 30 ° latitid nò ak ant 80 ° ak 88 ° lonjitid lès. Teritwa a gen yon fòm vag trapezoidal, ki soti nan lès nan lwès li pwolonje pou apeprè 850 km ak nan nò nan sid ekstansyon an pa janm depase 250 km. [13] . Sifas total la egal a 147 181 km² nan ki 143 351 km² yo se peyi ak 3 830 km² yo se dlo andedan [14] . Sous gouvènman Nepalè yo deklare yon zòn nan 147 561 km² ki gen ladan tou teritwa yo diskite nan Kalapani , Lipulekh ak Limpiyadhura . [15]

Peyi a fèmen, lizyè bò nò ak Lachin ( Tibet Otonòm Rejyon an ) ak nan sid, bò solèy leve ak nan lwès ak peyi Zend (soti nan lès nan lwès ak eta yo nan Uttarakhand , Uttar Pradesh , Bihar , West Bengal ak Sikkim ).

Nepal topo en.jpg

Mòfoloji

Malgre yo te yon eta mwayen ki menm gwosè ak, Nepal gen yon varyete remakab nan klima ak anviwònman natirèl . Soti nan yon pwen de vi mòfolojik li divize an twa zòn tou reprezante nan anblèm nan peyi a: Terai a [16] , teren ki pi sid nan eta a ki koresponn ak pwen ki pi nò nan plenn Indo-Gangetic la ; Pahad la, zòn santral la ak mòn jiska 3000 m ASL; epi finalman Himal la , zòn lanèj kontinuèl ki koresponn ak pati nò nan peyi a, ki gen ladan tèt yo nan Himalaya la . Sa a sibdivizyon nan twa zòn sa yo tou enkyetid aspè ekonomik ak sosyo-kiltirèl.

Terai

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Terai ak Savannahs ak Terai-Duar preri .

Terai a konstitye pati nan Nepal nan Indo-Gangetic plenn lan, okipe yon bann lajè ant 25 ak 100 km nan ekstrèm sid la nan peyi a ant pant yo nan ti mòn yo Shivalik ak fwontyè a ak peyi Zend. Altitid la se yon kèk santèn mèt anwo nivo lanmè, vejetasyon an gen ladan savann , savann , forè sal ak zòn marekajeu [17] .

Klima a twopikal e li se zòn nan nan peyi a ak lapli a pi gran. Apeprè 47% nan popilasyon an ap viv la, yon gran wout ( Mahendra Rajmarg ) kwaze Terai a pou tout longè peyi a.

Pahad

Mwayen Hills

Se zòn santral la nan peyi a bòne pa seri a Shivalik nan ti mòn yo ak pant yo nan Lower Himalayas la [18] jiska yon altitid nan 3 000 m ASL e li gen ladan seri a mòn Mahābhārat ki se separe de Lower Himalayas la pa kèk fon lajè. Moun ki pi peple yo se fon Katmandou, sitou pa moun ki abite nan gwoup etnik Newa ak sa Pokhara .

Chèn nan Mahābhārat Lekh , fraying nan chenn minè koupe pa fon yo nan rivyè yo inonbrabl ki desann soti nan Himalaya a ak Tibet koule dirèkteman ak endirèkteman nan Ganges la, kouri paralèl ak Himalaya a jis nan sid la lèt la soti nan lwès sou bò solèy leve nan Nepal, men li leve ak tèt byen anba a 3 000 m (youn nan pi wo a se sèlman 2 794 mèt, nan sektè lwès la nan chèn lan) e li pi enpòtan pase nenpòt lòt bagay soti nan pwen de vi klimatik nan kanpe yon altitid sibstansyèl nan mouason lapli sou pant sid li yo.

Zòn sa a gen ladan apeprè 68% nan teritwa peyi a, ti mòn yo Shivalik yo fèbleman peple, kouvri ak forè twopikal yo epi yo apwopriye pou agrikilti .

Himal

Himalaya a ak Everès wè nan espas

Rejyon an montay, ki rele tou Parbat, kòmanse kote tèt yo depase 3 000 m ASL soti nan zòn nan supalpine nan zòn nan mòn segondè. Zòn sa a gen ladan apeprè 15% nan teritwa peyi a.

Kèk sant abite yo konsantre nan pati anba fon an, bèt ak patiraj rive jiska 5,000 mèt anwo nivo lanmè, sou pant sid lapli la abondan akòz mouason kreye pwoblèm ewozyon. Nan lòt men an, pant nò yo gen anpil lapli ak menm ti agrikilti a sibsistans se pa posib la. Sous prensipal la nan antre se touris, limite pa wout yo aksè trè kèk, yo menm sèlman, toujou enkonplè, mennen nan tout ti bouk yo nan Jomsom ak Muktinath .

Kontrèman ak chèn Mahābhārat la, Himalaya a pa kontinyèl nan tout peyi a, an reyalite li gen ladan van masiv ki gen ladan sa yo ki nan Kanchenjunga sou fwontyè a ak Sikkim , Mahalangur Himal ki gen ladan Everest. Langtang nan nò Katmandou, Annapurna ak Manaslu nan nò Pokhara, plis nan lwès Dhaulagiri ak Kanjiroba nandistri Jumla ak Gurans Himal nan lwès la byen lwen.

Orografi

Annapurna mwen (agòch) ak Sid (adwat) wè soti nan Poon Hill

Twa nan katòz "uit mil" nan planèt la yo antyèman enkli nan teritwa Nepal: Dhaulagiri a , Annapurna a ak Manaslu la . Kat lòt yo pataje ak Lachin: Everest , Lhotse , Makalu ak Cho Oyu . Finalman, masif Kangchenjunga a pataje ak peyi Zend. Anpil lòt tèt depase 7,000 mèt.

Vle lis sa yo gran orografik, san yo pa sepandan ke yo te konplè, li ka obsève ke tèt prensipal yo, te bay lòd soti nan lwès sou bò solèy leve, yo sa ki annapre yo:

  • Api (7 132 m) ak Saipal (7 031 m), nan pati lwès peyi a;
  • Nan zòn santral la gen masif yo vas nan Dhaulagiri (8 167 m nan somè a nan Dhaulagiri mwen, men ak omwen twa lòt tèt pi wo a 7 000 m) ak nan Annapurna (8 091 m nan somè a nan Annapurna I, men tou an ka sa a ak omwen senk lòt tèt ki depase 7 000 mèt), divize pa larivyè Lefrat la Kali Gandaki . Toujou nan masif la Annapurna , somè a nan Machhapuchhre (6 996 m) ki domine vil la nan Pokhara , byenke mwens elve, li te ye tou de pou karakteristik li yo ak ékivok pwente fòm "fishtail" fòm, ak paske li se sakre Endou ak jan sa yo gouvènman an entèdi pa lalwa asansyon an ak espesyalman aksè nan somè a, ki se toujou intact;
  • Epitou nan zòn santral la se Manaslu (8 163 m) ak Himal Chuli (7 893 m);
  • Nò nan kapital la ou gen gade nan Langtang Lirung (7 225 m);
  • Kontinye lès, sou fwontyè Chinwa a, gen nan lòd: Gaurisankar a (7134 m), Cho Oyu a (8 201 m), Everest la (8 848 m) yo rele Sagaramāthā nan Nepalese ak Chomolangma nan tibeten , famezman somè ki pi wo nan planèt la, ak Lhotse a trè pre (8516 m), Makalu a pi lwen (8 463 m), epi, toujou nan menm zòn nan, men antyèman nan teritwa Nepalese, Nuptse a (7 885 m), Baruntse a (7 129 m) ak Chamlang la (7 319 m);
  • Ansanm fwontyè a ekstrèm lès ak Lachin leve Jhinsang la (7 483 m);
  • Sou fwontyè a ak peyi Zend, plis jisteman ak eta Endyen an nan Sikkim , Pathibhara a (7 123 m, ki rele tou "sfenks la"), Kirat Chuli la (7 365 m, ki rele tou "Tant Peak"), Nepal Peak (7 168 m), Gimigola (7 350 m), men pi wo a tout Kangchenjunga (8 598 m), twazyèm pik nan planèt la ak nan Himalaya, Lè sa a, Talunga (7 349 m) ak Kabru a (7 317 m). Finalman, nan menm gwoup la, Kumbhakarna (7 710 m) kanpe antyèman nan teritwa Nepal.

Rès la nan orografi a Nepalese, byenke sètènman pa neglijab, se ensiyifyan, omwen nan tèm piman estatistik, konpare ak gran yo mansyone pi wo a.

Chèn nan Mahabharat Lekh a , fraying nan ti chenn minè koupe pa fon yo nan rivyè yo inonbrabl ki koule desann soti nan Himalaya a ak Tibet koule dirèkteman ak endirèkteman nan Ganges yo, kouri paralèl ak Himalaya a jis nan sid lèt la soti nan lwès sou bò solèy leve. nan tout Nepal, men li leve ak tèt byen anba a 3 000 m (pi wo a se sèlman 2 794 mèt, nan sektè lwès la nan chèn lan) e li pi enpòtan pase nenpòt lòt bagay soti nan pwen de vi klimatik nan kanpe yon altitid sibstansyèl nan lapli mouason sou pant sid li yo.

Idrografi

Rivyè Kali Gandaki ant Jomosom ak Kagbeni

Tout teritwa a nan Nepal peye lajan taks bay basen lan Ganges .

Gwo aflu goch ak sub-aflu (sitou an tèm de koule dlo) nan kouran Endyen an vini prèske tout soti nan Nepal. Apa de afliyan yo minè, anpil referans se te fè nan twa basen rivyè prensipal yo. Soti nan lwès rive nan lès, nan lòd, yo se: basen lan nan Karnali, ki nan Narayani-Gaṇḍakī ak sa yo ki an Sapt Kosi .

Yo soti nan seksyon ki pi wo nan Himalaya a, epi pafwa menm soti nan plato a tibeten tèt li. Nan dezyèm ka a, yo pafwa vwayaje dè santèn de kilomèt anvan yo antre nan teritwa Nepal apre yo te fè mete pòtre soti defile anpil ki koupe Himalaya la.

Rejim yo se sepandan toransyèl, ke yo te enfliyanse tou de pa k ap fonn nan nèj yo nan glasye yo ak snowfields Himalayan, ak pa presipitasyon yo mouason ete: pa Rahman rapò ant sezon fredi a minimòm ak koule pandan ete depase 100 fwa. Nan ete, inondasyon devastatè ka rive. Menm manje nival nan kou dlo sa yo garanti, menm nan dlo fon, yon pousantaj koule tout tan plis pase desan.

  • Karnali soti nan de branch, respektivman yo te rele Humla Karnali ak Mugu Karnali. Li kouri nan yon fon apik pant (se gwo larivyè Lefrat la li te ye nan yon pwen de vi touris paske li se trè itilize pou rafting ) nan yon anviwònman nan gorj ak forè. Koule yo pwisan nan sezon lapli a soti nan aflu li yo Seli ak Bheri (lèt la nan vire ki te fòme pa Thuli Bheri a ak Sani Bheri a). Li se larivyè Lefrat la pi gwo nan Nepal an tèm de longè, sifas basen ak koule dlo: pousantaj yo koule maksimòm yo se plizyè mil mèt kib pou chak dezyèm.
  • Narayani a, nan lòt men an, odtoki seksyon santral la nan Nepal epi li se manje pa yon seri de aflu ak sub-aflu: Kali Gaṇḍakī , Seti (ki benyen Pokhara , dezyèm aglomerasyon nan vil yo nan Nepal ak yon sant touris pou randone ak randone sou Annapurna a), Marsyangdi, Buri Gandaki, Trisuli, Rapti, elatriye. Rivyè sa yo tou lajman eksplwate pou rafting, menm si pwojè devlopman idwoelektrik Nepal yo nan kèk ka konpwomèt itilizasyon touris yo. Konsènan fon an nan Kali Gandaki a (larivyè sakre nan Nepal, sou ki gen bank gen anpil ensinerasyon ak sit antèman), gen yon kiryozite siyifikatif géographique ki gen rapò ak pòsyon presegondè li yo: sa yo rele Kali Gaṇḍakī defile a se an reyalite konsidere kòm pwofon an fon nan mond lan (plis pase 6.5 kilomèt nan altitid ant etaj la fon ak mòn fèt) jan li koule ant de "uit mil" Annapurna a ak Dhaulagiri ki fè fas a chak lòt respektivman sou bò gòch la ak dwa idrograf (tèt yo yo gen mwens pase 40 km lwen youn ak lòt) ak etaj fon an se mwens pase 1 500 m anwo nivo lanmè. Pati a anwo nan Kali Gandaki olye kwaze rejyon an aleka ak dezè nan Mustang ki, ant chenn yo Himalayan ak Transhimalayan , pa menm resevwa yon peyaj dlo konsiderab nan sezon an mouason, paske kouran yo lè mouye sispann kont pant lan sid nan Himalayan la ranje ak isit la yo egzeyate mas gwo dlo. Vil la nan Pokhara , pou egzanp, pa vèti nan pozisyon géographique li yo (nan ka sa a nan pye a nan pant sid la nan masif la Annapurna, san yo pa chenn mòn trè wo ki anpil izole li nan plenn lan Gangetic) se pi plis ekspoze a imid Pase Katmandou se , plis pwoteje nan sid la pa chèn Mahabharat pou ke, pandan mouason ete a, li resevwa prèske 90% nan lapli chak ane (menm plis pase 2 500 mm lapli) pandan y ap pataje sa a redwi a 65% - 70% pou kapital la.
  • Sapt Kosi finalman okipe seksyon lès nan Nepal, ak afliyan anpil li yo ak sub-aflu: Indruwati, Bhote Koshi , Tamba Kosi, Dudh Kosi (ki desann soti nan zòn nan Everest ), Arun , Tamur, elatriye. Rivyè sa yo tou itilize pou rafting ak eksplwate pou rezon idwoelektrik.

Nan fen lwès la nan Nepal ap koule Kati a, yon lòt rivyè Himalayen aflu nan Ganges yo, ki make prèske tout fwontyè lwès la ak peyi Zend ak kou li yo.

Finalman, gen yon sistèm idrografik segondè ki sous soti nan chenn yo mòn entèn (Mahabharat oswa Mwayen Hills , elatriye) karakterize pa yon rejim absoliman toransyèl (ak rapò ant inondasyon ak dlo ki ba koule menm pi gran pase 1 000 fwa) tou depann de konsantre nan lapli mouason pou kont li.nan mwa ki soti nan mwa jen rive septanm. Mòn ki soti nan ki rivyè sa yo soti yo twò ba (maksimòm 2 700 m ASL ) yo ki pèmèt fòmasyon nan glasye. Pami rivyè sa yo nou mansyone Bagmati, larivyè sakre Nepal (sou bank li yo, toupre ayewopò Katmandou a, gen pi popilè sakre tanp Endou nan Pashupatinath) ki soti jis nan nò Katmandou epi li benyen vil la ak katye rich nan sid li yo nan Patan kolekte. anpil aflu ti nan fon Katmandou a ak nan zòn metwopoliten nan kapital Nepalè a, anvan ou antre nan teritwa Endyen ak fusion nan Ganges la .

Jeoloji

Orijin seri a Himalayan , ansanm ak plato Tibetan ak chenn mòn yo minè, yo dwe jwenn nan kolizyon an ki te fèt sou 60 milyon ane de sa ant plak Endyen an ak plak la Eurasian (konvèje ak soudiksyon nan peyi Zend). Pandan pwosesis sa a de kontinan yo bloke yon lanmè tout pre-istorik, ak sediman yo òganik prezan nan li te vin patisipe nan pwosesis la orojenetik , nan pwen ke menm jodi a li posib jwenn amonit fosil nan kabann nan larivyè Lefrat la Kali Gandaki, nan 3 000 m nan altitid. Lòt fenomèn kapab tou te note tankou prezans nan pòch gaz natirèl nan yon altitid de 3 800 m (pou egzanp dife sakre nan Muktinath, flanm dife ki te boule nan kèk ravin nan wòch la depi tan imemoryal).

Se teyori a nan kolizyon kontinantal la tou sipòte pa dekouvèt la sou seri a Himalayan nan sekans lan tipik nan ophiolithic- kalite wòch .

Klima

Peyi a karakterize pa yon klima twopikal , ki gen sitou de faz sezon : sezon lapli a (ki soti nan mwa jen rive nan fen septanm) ak sezon sèk la (rès ane a). Sa a altènasyon se akòz prezans nan mouason , van yo peryodik karakteristik nan Sid ak Azi Sidès.

Mousson ete a soufle soti nan Oseyan Endyen an nan direksyon pou kontinan an, chaje tèt li ak imidite ak pote lapli, pandan y ap mouason an ivè soufle soti nan plato a arid nan Tibet nan direksyon pou oseyan an, ki bay monte nan yon syèl klè ak yon klima sèk.

Gen pouvwa pou varyasyon tanperati fò ant ete ak ivè, men, yo bay variabilité a nan teritwa a, li se tou trè fasil pou yon zòn sèten yo gen yon mikroklima diferan de yon lòt.

Mwa ki pi cho a se Me, nan fen sezon sèk la. Peryòd la nan ki nati se pi abondan se olye otòn (apeprè Oktòb ak Novanm), lè lapli yo gen kounye a sispann ak klima a te vin twò grav.

Sosyete

Statistik popilasyon[19]
Popilasyon 2001 23 151 423
Popilasyon ekonomikman aktif 2001 (%) 58.2
2001 To kwasans popilasyon (%) 2.26
Esperans lavi nan nesans 2001 (ane) 60.4
Mwayèn laj popilasyon an 2001 (ane) 20.1
To alfabetizasyon 2001 (%) 54.1
Distribisyon popilasyon (%) Terai (plenn) 48.4 - Hills 44.3 - Mountain 7.39

Sepandan, li ta dwe remake ke popilasyon an ap grandi rapidman, nan pwen ke papòt la nan 26,000,000 moun ki rete yo konsidere yo te lajman depase [5] .

Etnisite

Plis pase 100 gwoup etnik oswa kas yo ofisyèlman anrejistre nan Nepal. Nan sa yo, 11 gen plis pase 2% nan popilasyon an ak 500,000 moun, men okenn vini tou pre 20% [20] .

Prensipal gwoup etnik nan Nepal
Etnisite Nimewo Pousantaj Kote jeyografik Gwoup etnik
Chhetri 3 593 000 15.80% toupatou nan peyi a Indo-Arii ak Tibetan-Burmese
Bahun 2,896,000 12.74% toupatou nan peyi a indo-arii
Petèt 1 622 000 7.14% santral-lwès ti mòn Tibetan-Burmese
Tharu 1 534 000 6.75% Lwès Terai sitou Tibeten-Burmese, Indo-Arii ak Dravidians
Tamang 1 282 000 5.64% Katmandou Valley ak Central Hills Tibetan-Burmese
Newa 1 245 000 5.48% Katmandou Valley Tibetan-Burmese
Mizilman nep. 971 056 4.27% Terai ak ti mòn lwès yo Tibetan-Burmese
Kami 895 954 3.94% santral, lwès ak lès mòn indo-arii
Yadav 900 000 3.9% Katmandou Valley sitou Indo-Arii

Lòt gwoup etnik yo se: Rai , Gurung , Limbu , Bhote / Sherpa , Thakali , Kulung .

Relijyon

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Relijyon nan Nepal .
Pashupatinath tanp Endou nan Katmandou

Dènye done ofisyèl yo ki gen rapò ak konpozisyon an pousantaj nan popilasyon an divize pa kwayans relijye dat tounen nan resansman ofisyèl la nan 2001 [20] epi yo jan sa a:

Relijyon nan Nepal
Endou 80,62%
Boudis 10.74%
Mizilman yo 4.2%
Kiranti 3.6%
Kretyen 0.45%
Jains 0.02%
Lòt moun 0.37%

Sepandan, li ta dwe remake ke moun sa yo toujou ap en done, ki ap mennen nan yon ogmantasyon nan Endouyis (kounye a fèmen nan 90%) nan detriman nan tou de Boudis , Islam ak animis . Peraltro si sta assistendo a un certo aumento della religione cristiana ( cattolica e protestante ), che in trent'anni è passata da 2 541 fedeli, secondo il censimento del 1971 , a più di 100 000, secondo il censimento del 2001 .

Il Nepal era fino al 2006 l'unico Stato al mondo ad adottare l' induismo come religione ufficiale. In seguito è stata proclamata la laicità dello Stato con risoluzione parlamentare [21] . L'ex sovrano è tuttora considerato da alcuni tradizionalisti una manifestazione del dio Visnù .

Anche se la maggioranza della popolazione professa l' induismo , è diffuso anche il buddhismo , in particolare della corrente tibetana Vajrayana . In alcune aree rurali si praticano anche il Bön (forma di sciamanesimo ) e l' animismo (ad esempio la religione dei Kiranti).

Nessun culto (con l'eccezione dei monoteismi ) ne esclude automaticamente un altro, e talvolta risulta difficile distinguerne le singole caratteristiche. Il sincretismo è diffuso in particolar modo tra i culti induisti , buddhisti , animisti e sciamanici .

Lingue

In Nepal si contano 123 lingue di diversa matrice: indoeuropea, sinotibetana, austroasiatica e dravidica; mentre il kusunda non ha alcuna relazione genetica con altri ceppi linguistici [22] .

La lingua ufficiale è il nepalese , parlato dal 48,61% della popolazione, affiancato da numerose altre lingue che possono essere ufficializzate a livello provinciale. Tuttavia l' inglese , pur non avendo un riconoscimento formale, si è imposto come lingua franca per motivi pratici legati al commercio e al turismo, ma è escluso dalle sedi istituzionali ufficiali [23] .

Di seguito sono elencate le lingue principali parlate in Nepal: nepalese , maithili, bhojpuri , tharu, avadhi, rajbanshi, hindi , urdu , tamang, Nepal Bhasa (Newari), magar, rai/kiranti, gurung, limbu, bhote/sherpa, sunuwar, danuwar, thakali, satar, santhal e altre lingue minori [24] .

Ordinamento dello Stato

Suddivisioni amministrative

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisioni del Nepal .

Dall'entrata in vigore della Costituzione del 2015 e quindi dall'introduzione del federalismo il paese è suddiviso in sette provincie che assumono il ruolo di stati federati.

Le provincie sono a loro volta suddivise in distretti , questi sono complessivamente 77 e sono ulteriormente divisi in municipalità , queste possono essere urbane (293) oppure municipalità rurali (in nepalese गाउँपालिका, traslitterato in Gaunpaulika) che sono 460.

Città principali

Tra le municipalità urbane, in base al numero di abitanti e alla presenza di infrastrutture, sei sono classificate come città metropolitane e undici come città sub-metropolitane.

Città metropolitane (महानगरपालिका)

In grassetto i capoluoghi di provincia, in corsivo la capitale.

No. Nome Nome originale Distretto Provincia Abitanti (2011) Sup. (km)
1 Katmandu काठमाण्डौ Katmandu Bagmati Pradesh 985 453 49.45
2 Pokhara पोखरा Kaski Gandaki Pradesh 426,759 464.28
3 Lalitpur ललितपुर Lalitpur Bagmati Pradesh 284,922 36.12
4 Bharatpur भरतपुर Chitwan Bagmati Pradesh 280,502 432.95
5 Biratnagar विराटनगर Morang Provincia No. 1 242,548 [25] [26] [27] 77.00 [25]
6 Birganj बिरगंज Parsa Provincia No. 2 240,922 [25] [27] [28] 132.07 [25]

Città sub-metropolitane (उप-महानगरपालिका)

No. Nome Nome originale Distretto Provincia Abitanti (2011) Sup. (km)
1 Janakpur जनकपुरधाम Dhanusha Provincia No. 2 173 924 100.2
2 Ghorahi घोराही Dang Provincia No. 5 156 164 522.21
3 Hetauda हेटौडा Makawanpur Bagmati Pradesh 152 875 261.59
4 Dhangadhi धनगढी Kailali Sudurpashchim Pradesh 147 741 261.75
5 Tulsipur तुल्सिपुर Dang Provincia No. 5 141 528 384.63
6 Itahari ईटहरी Sunsari Provincia No. 1 140 517 93.78
7 Nepalgunj नेपालगंज Banke Provincia No. 5 138 951 85.94
8 Butwal बुटवल Rupandehi Provincia No. 5 138 741 101.61
9 Dharan धरान Sunsari Provincia No. 1 137 705 192.32
10 Kalaiya कलैया Bara Provincia No. 2 123 659 108.94
11 Jitpur Simara जीतपुरसिमरा Bara Provincia No. 2 117 496 312.18

Istituzioni

L'assetto statale risulta provvisorio. Attualmente il Parlamento del Nepal è attivo in funzione di Assemblea Costituente , la cui elezione è avvenuta il 10 aprile 2008.

Il passaggio dalla monarchia alla repubblica è avvenuto il 28 maggio 2008 .

La carica più alta è quella del Presidente della Repubblica , che detiene poteri cerimoniali unitamente al comando delle forze armate e alla facoltà di proclamare lo Stato d'emergenza. L'attuale presidente è Bidhya Devi Bhandari , in carica dal 29 ottobre 2015 . La carica di vicepresidente, ricoperta da Paramananda Jha , è istituita con le funzioni di coordinare e supportare l'attività del presidente.

Il Primo ministro detiene invece la carica con i maggiori poteri, essendo a capo del potere esecutivo. L'attuale Primo ministro è Pushpa Kamal Dahal , in carica dal 3 agosto 2016 .

Sistema sanitario

Il sistema sanitario pubblico nepalese è fortemente carente rispetto alle esigenze della popolazione. L'ospedale Bir di Kathmandu è, con i suoi 458 posti letto, uno dei più capienti del paese.

Esiste inoltre un sistema di cliniche private.

Politica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Politica del Nepal .

Diritti civili

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Diritti umani in Nepal .

Storicamente in Nepal le libertà civili sono state limitate, ma il governo non è mai stato considerato come uno delle peggiori nazioni violatrici dei diritti umani in genere; purtuttavia tali violazioni sono notevolmente aumentate a partire da quando si è verificata una vera e propria escalation nel conflitto civile della metà degli anni 2000 e che ha coinvolto l'intero paese. Le forze di sicurezza, anche prima della cosiddetta "guerra civile del Nepal" (contrapponente forze filo-monarchiche alla guerriglia di stampo maoista tra il 1996-2007 a fasi alterne) sono state accusate d'un numero consistente di violazioni dei diritti umani.

Secondo le Nazioni Unite il Nepal è leader mondiale nei sequestri e detenzioni arbitrarie da parte delle forze speciali di sicurezza, soprattutto a seguito del conflitto civile sempre più acceso negli anni 2001-2007; il conflitto tra il Partito Comunista Unificato del Nepal (maoista) e le forze governative ha portato a numerose accuse di violazioni dei diritti umani da entrambe le parti, con la maggior parte delle vittime tra i civili disarmati non combattenti: i maoisti nepalesi sono stati accusati di torture illegali, uccisioni gratuite e migliaia di rapimenti a scopo estorsivo o per motivi di lotta politica.

D'altro canto anche le forze governative sono state accusate di sparizioni illegali, uccisioni ed arresti arbitrari, torture, oltre che di ostacolare le relative indagini giudiziarie compiute dalle organizzazioni a favore dei diritti dell'uomo, il tutto con l'impunità concessa loro dal sistema di potere. Tuttavia un terzo circa delle persone rapite (e/o scomparse) dalle forze di sicurezza sono state rilasciate dopo mesi di detenzione segreta, fino a che nel luglio 2004 il governo centrale ha creato una commissione per l'individuazione dei cittadini svaniti nel nulla.

Al di fuori delle problematiche riguardanti il conflitto le libertà civili sono abbastanza tenui con frequenti casi di violazioni: vi sono discriminazioni basate sulla casta di nascita, sul genere sessuale e sull' etnia di appartenenza; con una presenza pervasiva pure di violenza domestica , lavoro forzato e sfruttamento della prostituzione anche minorile. Diverse organizzazioni sono nate per cercar di rispondere positivamente alle esigenze delle persone che vengono a subire e soffrire di tali discriminazioni.

Eppure, nonostante tutto, le libertà civili fondamentali, prima fra tutte la libertà di parola e libertà di espressione , libertà di stampa e riunione in assemblee sono state gravemente ridotte per volere del re Gyanendra del Nepal a seguito della sospensione della carta costituzionale del paese nel febbraio 2005. Il governo è stato anche criticato per aver ratificato tutti i trattati e le convenzioni riguardanti i diritti umani, ma di non averli in seguito incorporati nel sistema giudiziario nazionale tramite leggi adeguate.

Non esistono difatti ancora leggi specifiche né contro la violenza domestica né tanto meno contro la tortura da parte delle forze di polizia, accusate d'eccessiva corruzione ed utilizzo di metodi poco ortodossi nella repressione del dissenso politico. A causa della scarsa ampiezza nei mezzi di comunicazione , appena si esce un po' dal territorio sotto la diretta competenza della capitale Katmandu , la polizia ha spesso un'enorme autonomia e discrezionalità nella gestione delle questioni di ordine pubblico e spesso lo fanno in modi non coerenti con la legge.

Politica estera

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Relazioni internazionali del Nepal .

Il Nepal ha tradizionalmente portato avanti una politica non-allineata e gode di relazioni amichevoli con paesi vicini. Senza sbocchi al mare, il paese mantiene buone relazioni con la Repubblica Popolare Cinese . La relazione con l'India procede a fasi alterne.

Costituzionalmente, la politica estera deve essere guidata da «i principi della Carta delle Nazioni Unite , non-allineamento, Panchsheel (Cinque Principi di Coesistenza Pacifica), diritto internazionale ed il valore della pace mondiale». In pratica, la politica estera del Nepal si è indirizzata non verso l'influenza internazionale, ma verso la preservazione dell'autonomia ea questioni interne, economiche e di sicurezza. Le relazioni più sostanziali sono forse quelle con istituzioni economiche internazionali, come ad esempio l' Asian Development Bank , il Fondo Monetario Internazionale , la Banca Mondiale e la SAARC . Il Nepal ha anche forti relazioni economiche multilaterali con i principali fornitori di aiuti economici e militari, tra i quali Francia, Germania, Giappone, Malesia, Svizzera e Stati Uniti ed in particolare con il Regno Unito, con il quale i legami militari risalgono al Diciannovesimo Secolo. Le relazioni esterne del paese sono in primo luogo gestite dal Ministero degli Affari Esteri del Nepal.

L'attuale ministro degli esteri è Krishna Bahadur Mahara.

Politica interna

Nel 2006 , dopo il periodo di governo autoritario di re Gyanendra , il Comitato per la redazione della Costituzione provvisoria ha presentato una bozza di Carta fondamentale nella quale si propone fra l'altro che [10] :

  • L' Assemblea Costituente avrà un mandato della durata di due anni, con sei mesi aggiuntivi per eventuali contrattempi in caso di emergenza.
  • Il Nepal sarà uno Stato democratico e secolare . Il potere esecutivo potrà essere esercitato unicamente dal governo.
  • Le lingue locali avranno valore di ufficialità nella zona della parlata.
  • Saranno rafforzati i diritti contro la discriminazione delle donne, la tortura , la discriminazione in base alla casta , la censura mediatica, il distacco arbitrario delle linee telefoniche, la disoccupazione , il lavoro nero, i traffici illegali. Saranno attuate disposizioni a favore di un ambiente pulito, delle cure sanitarie primarie gratuite e della sicurezza sociale per donne, anziani, lavoratori e disabili.
  • L'esercito nepalese e l' esercito di liberazione popolare maoista rimarranno due formazioni distinte fino a quando non saranno presi accordi specifici in merito.
  • Vi dovrà essere almeno 1/3 di presenze femminili nella pubblica amministrazione.

La politica interna del periodo attuale è volta perlopiù a costruire il nuovo assetto repubblicano dello Stato, a gestire l'assimilazione degli ex guerriglieri maoisti come forza politica "regolare" ea mantenere la coesione della coalizione di governo. Il 3 febbraio 2011, dopo 7 mesi di crisi politica, il parlamento ha eletto nuovo primo ministro Jhalanath Khanal, presidente del Partito comunista unificato marxista-leninista.

Partiti politici

La vita politica nepalese è tradizionalmente personalistica e settaria, con conseguenti scissioni e riunificazioni: da ciò l'elevato numero di partiti politici, che possono essere ricondotti alle seguenti grandi aree ideologiche:

I principali partiti politici nepalesi sono:

I primi della lista precedente costituivano quella che fu tra il 2006 ed il 2009 l' alleanza dei sette partiti (gli otto partiti quando si è aggiunto in seguito il partito maoista), che si è opposta alla linea politica decretata dal re Gyanendra ottenendo la restaurazione della democrazia .

Elezioni

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Parlamento del Nepal .

Economia

Dati economici[19]
PIL 2001/02 (milioni di rupie nepalesi) 422.301
PIL 2002/03 pro capite (rupie nepalesi) 18 799
Tasso di crescita del PIL 2001/02 - 2002/03 (%) 0,82
Esportazioni 2001/02 (% sul PIL) 18,25
Importazioni 2001/02 (% sul PIL) 30,3

Risorse

Le principali risorse economiche del Nepal sono costituite dall' agricoltura e dal turismo . Gli aiuti economici internazionali costituiscono una parte non trascurabile del bilancio nazionale pur giungendo a destinazione solo in basse percentuali data la burocrazia farraginosa e l'elevata corruzione [29] della classe dirigente.

Settore primario
Terrazzamenti per la coltivazione del riso
  • Agricoltura : È la principale attività economica del paese. Sotto i 2 000 m d'altitudine si coltivano in particolar modo: , riso , lenticchie , miglio , colza , grano e canna da zucchero . Ad altitudini maggiori si coltivano invece l' orzo e le patate .
  • Allevamento : I bovini , non essendo macellati perché considerati in genere animali sacri, vengono allevati prevalentemente per la produzione di latte e yogurt . Per i bufali indiani invece non esistono divieti religiosi, e se ne consumano anche le carni. Nelle zone di montagna si alleva talvolta lo Yak . Diffuso è anche l'allevamento di volatili da cortile e capre .
Settore secondario

Il Nepal non è un paese industrializzato data la carenza di infrastrutture che potrebbero permettere lo sviluppo di questo settore: neppure l'esiguo fabbisogno interno di energia elettrica è pienamente soddisfatto, anche se sono state recentemente costruite alcune centrali idroelettriche sui fiumi Kali Gandaki e Bhote Koshi , progetti realizzati perlopiù da imprese cinesi e indiane.

Settore terziario

Il mercato dei servizi non costituisce una voce significativa nell'economia nepalese, ad eccezione delle attività legate al turismo .
L'introduzione dell' informatica nella società nepalese non è ancora rilevante, neppure nel settore della pubblica amministrazione. La capitale rappresenta sostanzialmente un'eccezione nel quadro della sostanziale arretratezza delle reti di comunicazione.

Trasporti

Il Nepal, paese quasi totalmente montuoso e privo di sbocchi sul mare, non dispone né di porti marittimi né di autostrade.
Le ferrovie ammontano a 59 km, un'unica linea collegata con l'India che interessa una piccola zona del Terai prossima al confine.
Le cinque principali vie di comunicazione sono denominate " rājamārga " (strade reali). In totale vi sono 4617 km di percorsi stradali asfaltati e 11288 km di percorsi in ghiaia o terra battuta (2001). Si nota peraltro la mancanza di un programma organico di manutenzione delle reti viarie, che talora risultano in uno stato di trascuratezza. Alcune grandi arterie della capitale come Kantipath sfuggono parzialmente a questa regola. Il traffico veicolare, perlomeno nella capitale, risulta caotico ed è costituito in maggioranza da veicoli a motore obsoleti ed inquinanti. Il traffico urbano a motore convive con un intenso traffico pedonale di biciclette e risciò. Nelle campagne lo stato delle strade permette in genere una velocità assai limitata.

L'aeroporto di Lukla

L'unico scalo aeroportuale internazionale è il Tribhuvana antharrāṣṭriya vimānasthala (aeroporto internazionale " Tribhuvan ") di Kathmandu, con un traffico modesto rispetto ai parametri internazionali (poche centinaia di migliaia di passeggeri all'anno). Vi sono inoltre numerosi aeroporti locali, specie nelle località montane, perché esse sono in genere servite solo dalle mulattiere.

I servizi di trasporto mediante autobus sono molto diffusi ed utilizzati. Specie nei periodi di festività e di maggiore affollamento è diffuso l'uso improprio del tetto per il trasporto dei passeggeri.

Le direttrici principali (राजमार्ग - rājamārga ) sono:

  • Tribhuvana rājamārga: porta al confine indiano (Birganj).
  • Pṛthvī rājamārga: da Pokhara a Kathmandu
  • Mahendra rājamārga: percorre tutto il Terai (la pianura) in senso longitudinale.
  • Araniko rājamārga: da Kathmandu a Kodari, confine con il Tibet (Cina).
  • Siddhārtha rājamārga: da Pokhara al confine indiano (Bhairahava)

Nel settembre 2005 era stata proposta la costruzione di un collegamento ferroviario elettrificato tra Birganj e Tatopani, attraversando il Nepal dal confine indiano a quello cinese ( Tibet ), con l'eventuale possibilità di effettuare un collegamento con la Ferrovia del Qingzang ( Lhasa - Golmud ).

Turismo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Turismo in Nepal .

Il turismo (specie quello montano e culturale ) è una risorsa rilevante per il paese, soprattutto per le riserve di valuta convertibile. Dal 2000 in poi è aumentato il turismo sportivo e avventuroso ( parapendio , rafting ).

Il Nepal dispone di ingenti vestigia storico-artistiche (i centri storici delle principali località della valle di Kathmandu sono tutelati dell' UNESCO ), tuttavia in buona parte distrutte dal sisma del 25 aprile 2015 , e di un ambiente naturale ancora in gran parte non urbanizzato.

Ambiente

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aree naturali protette in Nepal e Fauna selvatica in Nepal .

Dal punto di vista naturalistico sono tutelate le seguenti aree:

Cultura

Motto nazionale: जननी जन्मभूमिष्च स्वर्गादपि गरियसि - Jananī Janmabhūmiṣca Svargādapi Gariyasi (Madre e Madrepatria valgono più del Regno dei Cieli).

La cultura nepalese può risultare, a seconda del gruppo etnico considerato, assai simile alla cultura indiana o tibetana. Le affinità si possono notare nell'abbigliamento, nel cibo e nella lingua . La cultura tradizionale trova inoltre espressione nella danza e nella musica, in particolar modo durante le festività religiose.

Il calendario ufficiale è il Vikram Samvat , in anticipo di 56,7 anni rispetto al calendario gregoriano .

Media

L'emittente radiofonica pubblica Radio Nepal , fondata nel 1951 , trasmette in modulazione di frequenza , onde medie ed onde corte . Vi sono inoltre decine di stazioni radio private, molte delle quali trasmettono solo localmente.

La televisione è stata introdotta nel 1980 e attualmente vi sono sei canali: due gestiti dal trasmettitore pubblico Nepāla ṭelibhijana (NTV 1 e NTV 2 Metro) e quattro privati (Kantipur Television, Image Channel, Channel Nepal e Nepal 1).

Arte

Il centro storico di Patan

Le prime testimonianze artistiche Nepalesi risalgono all'epoca dei Lichhavi ( secoli IV - VI dC) ma la maggior parte delle vestigia della valle di Kathmandu risale al periodo Malla ( secoli XIV - XVIII dC), ed i centri storici di Kathmandu , Patan e Bhaktapur sono buoni esempi della corrente artistica di quel periodo.

Generalmente le figure di stile Nevari risultano flessuose, floreali, tondeggianti e quasi "barocche" secondo l'occhio europeo. Esse sono rigidamente codificate e trovano le loro lontane radici nello stile Gupta indiano.

Architettura

Una particolarità architettonica del Nepal è la pagoda , struttura che è anche comune a molti paesi dell'Asia orientale come Cina o Giappone anche se in forme diverse. Secondo la tradizione, si tramanda che il suo inventore fu l'architetto nepalese Araniko , vissuto nel XIII secolo , e che la sua arte fu poi esportata con fortuna in gran parte dell' estremo oriente .

Patrimoni dell'umanità

La Repubblica del Nepal, grazie anche al suo importante bagaglio di beni culturali, dispone di 4 dei suoi siti entrati a far parte della Lista dei patrimoni dell'umanità dell' UNESCO :

Produzione letteraria

La produzione letteraria nepalese del xx secolo si afferma con autori come Bishweshwar Prasad Koirala e Manjushree Thapa , autrice di romanzi aventi come tema lo sfondo sociale e politico nepalese.

Musica

In campo musicale tra le cantanti che si sono distinte nel corso del XXI secolo ricordiamo Sashi Rawal e, tra le altri cantanti Ani Choying Drolma .

Nepal nello spazio

Tradizioni

Festività nazionale

29 maggio: गणतन्त्र दिन: Ganatantra Diwas: Anniversario della istituzione della Repubblica Nepalese, nel 2008

Altre festività

Le festività nepalesi sono legate perlopiù alle religioni indù e buddhista : di seguito ve ne sono alcune fra le più significative, tenendo conto che l'anno nepalese (calendario Vikram Samvat ) inizia verso la metà di aprile.

  • Biskhet Jatra : si celebra l'anno nuovo con processioni e riti sacri.
  • Rato Machhendranath : festa che si svolge a Patan in onore di Machhendranath "rosso"; si prega affinché il dio porti un monsone copioso e raccolti abbondanti.
  • Buddha Jayanti : anniversario della nascita del Buddha , fine maggio.
  • Naga Panchami : festività dedicata ai Nāga , le potenze sotterranee con aspetto di serpente .
  • Janai Purnima (o Raksha Bandhan): i bramini sostituiscono il loro cordone sacro e la gente comune indossa al polso una fascia gialla che scaccia la sfortuna.
  • Gai Jatra : si celebra poco dopo la metà di agosto.
  • Krishna Jayanti : anniversario della nascita di Krishna , fine agosto.
  • Teej : si celebra ad inizio settembre, coinvolge perlopiù le donne, che si recano in processione ai templi.
  • Indra Jatra : metà settembre. È la fine della stagione delle piogge, e si ringrazia il dio Indra per la sua munificenza. In questa occasione viene innalzato il grande palo in Durbar Square a Kathmandu, e la Kumari (manifestazione divina in terra) benedice il capo dello Stato.
  • Dasain : La festa dura in totale quindici giorni ad inizio ottobre. Il giorno d'inizio è chiamato Ghatasthapana , e nei primi nove ( nava ratri ) si venerano vari aspetti terrifici della Grande Dea. Le celebrazioni trovano il culmine nei tre giorni dopo il sesto ( Fulpati , Maha Astami e Navami ): la notte tra questi ultimi due è Kala Ratri (notte nera), durante la quale inizia il rito dei sacrifici animali.
  • Tihar : seconda metà di ottobre. Durante Dipavali , il terzo giorno della festa, i templi e le case vengono illuminati degnamente in attesa della venuta di Lakshmi , dea della fortuna e dell'abbondanza. Gai Puja è il quarto giorno, inizio del nuovo anno secondo il calendario Nevari ( Nepal Sambat ). Bhai Tika è il quinto, durante il quale avviene la cerimonia del Tika (il punto sacro sulla fronte).
  • Chaitra Dasain : "piccolo" Dasain, fine marzo.
  • Sveto Machhendranath : festa che si svolge a Kathmandu in onore di Machhendranath "bianco".

Gastronomia

La cucina nepalese varia in base ad ogni etnia, che conserva le proprie tradizioni culinarie. Alcuni cibi che vengono consumati indifferentemente a livello nazionale, come il dal bhat (lenticchie e riso), spesso accompagnato dalla verdura a vapore ( tarkari ). È diffuso il consumo di carne di bufalo e di volatili da cortile, anche se gli indù ed i buddhisti osservanti sono tendenzialmente vegetariani .

La bevanda per eccellenza è il (चाय cāya , pron. It.:" ciai "): in Nepal si beve frequentemente quello di produzione nazionale, molto fermentato e seccato in piccoli grani. Si consuma anche il latte , base per la produzione del lassi (bevanda rinfrescante) e dello yogurt .

Nelle zone himalayane prevale invece la cucina tibetana, ovvero tsampa (farina d'orzo impastata con tè o acqua), momo (ravioli di farina d'orzo ripieni di carne, patate o verdura) e chang (birra d'orzo).

Sport

Nel 2017 , in virtù del poco spazio e dell'esiguo costo dell'attrezzatura necessaria, la pallavolo è stata dichiarata sport nazionale [31] soppiantando gli sport tradizionali del dandi biyo [32] e del kabaddi ancora diffusi nelle aree rurali.

Diffusi anche il cricket e il calcio di cui è organizzato anche un campionato nazionale , la nazionale di calcio del Nepal , partecipa regolarmente alla Coppa della federazione calcistica dell'Asia meridionale senza ottenere però grandi risultati. Per contro la nazionale di cricket ottiene sempre ottimi piazzamenti nelle competizioni dell' International Cricket Council . Il Nepal ha vinto diverse medaglie nelle arti marziali e nell'atletica leggera nei Giochi dell'Asia meridionale e alcune nei Giochi asiatici . Non ha mai vinto una medaglia olimpica.

L'unico stadio internazionale è la struttura polifunzionale Dasharath Rangasala a Katmandu che dopo la ristrutturazione in seguito ai danni del terremoto del 2015 [33] ha una capienza di 15.000 spettatori e ospita le partite delle squadre nazionali maschili e femminili. Le competizioni di cricket si svolgono invece presso il Tribhuvan University International Cricket Ground nella città di Kirtipur , poco distante da Katmandu.

La prima scalata dell'Everest

Il 29 maggio 1953 per il Nepal è una data memorabile: l'alpinista neozelandese Edmund Hillary assieme allo sherpa nepalese Tenzing Norgay riuscirono a raggiungere per primi la vetta del monte Everest , la montagna più alta del mondo: dopo questa impresa, tra l'altro, Tenzing Norgay venne celebrato in Nepal con glorie e onori.

Note

  1. ^ ( EN ) Population growth rate , su CIA World Factbook . URL consultato il 28 febbraio 2013 .
  2. ^ Dati dal Fondo Monetario Internazionale, ottobre 2013
  3. ^ Tasso di fertilità nel 2011 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 .
  4. ^ Bruno Migliorini et al. ,Scheda sul lemma "Nepal" , in Dizionario d'ortografia e di pronunzia , Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7 .
  5. ^ a b c Stima all'anno 2006
  6. ^ La Costituzione provvisoria eleva al rango di "lingue nazionali" anche alcune parlate locali come Maithili , Bhojpuri e Newari .
  7. ^ Human Development Reports
  8. ^ Giuseppe Tucci, Nepal - alla scoperta del regno dei Malla , Roma, Newton Compton, 1996.
  9. ^ Nepal: old-style Maoist revolution, Cédric Gouverneur, 2003
  10. ^ a b ( NE ) Costituzione provvisoria del Nepal Archiviato il 9 ottobre 2007 in Internet Archive ., 2063 BS
  11. ^ La Stampa, Addio al re, il Nepal diventa una repubblica Archiviato il 23 maggio 2011 in Internet Archive .
  12. ^ Earthquake Relief Portal , su eq.nitc.gov.np . URL consultato il 19 maggio 2015 (archiviato dall' url originale il 18 maggio 2015) .
  13. ^ Nepal , su sapere.it . URL consultato il 29 novembre 2020 .
  14. ^ ( EN ) CIA Factbook - Nepal , su cia.gov . URL consultato il 29 novembre 2020 .
  15. ^ ( EN ) Government unveils new political map including Kalapani, Lipulekh and Limpiyadhura inside Nepal borders , su kathmandupost.com , The Kathmandu Post, 20 maggio 2020. URL consultato il 29 novembre 2020 .
  16. ^ Nepal , su treccani.it . URL consultato il 29 novembre 2020 .
  17. ^ ( EN ) Asia: Bhutan, India, and Nepal , su worldwildlife.org . URL consultato il 29 novembre 2020 .
  18. ^ ( EN ) Lesser Himalaya , su britannica.com . URL consultato il 29 novembre 2020 .
  19. ^ a b ( EN ) Istituto centrale di statistica del Nepal, Nepal in cifre 2004 Archiviato il 28 settembre 2007 in Internet Archive .
  20. ^ a b SOCIAL COMPOSITION OF THE POPULATION: CASTE/ETHNICITY AND RELIGION IN NEPAL ( PDF ), su cbs.gov.np . URL consultato il 31 dicembre 2009 (archiviato dall' url originale il 19 maggio 2011) .
  21. ^ ( EN ) Proclamazione della Sovranità del Parlamento nepalese , 2063 BS
  22. ^ S. Eagle, The Language Situation in Nepal , Language Planning and Policy in Asia Vol. 1. Japan, Nepal, Taiwan and Chinese Characters, 2008.
  23. ^ P. Viola, Lingua e diritto nella Costituzione Nepalese del 20 settembre 2015: "diversità non discordante e Stato multiculturale" , in DPCEonline , vol. 28, n. 4/2016, pp. 77-90.
  24. ^ Central Bureau of Statistic, Population Monograph of Nepal, Vol. II , Kathmandu, 2014.
  25. ^ a b c d स्थानिय तह , su 103.69.124.141 . URL consultato il 20 aprile 2018 (archiviato dall' url originale il 31 agosto 2018) .
  26. ^ स्थानीय तहहरुको वस्तुगत विवरण २०७४ (Local Level Profile) ( PDF ), su ddcmorang.gov.np .
  27. ^ a b Population Ward Level 753 Local Unite ( PDF ), su Central Bureau of Statistics (Nepal) . URL consultato il 28 maggio 2020 (archiviato dall' url originale il 27 gennaio 2018) .
  28. ^ Govt prepares to add 9 more local levels in Province 2 http://bit.ly/2vWQipD , su eKantipur . URL consultato il 23 aprile 2018 .
  29. ^ ( NE ) Resoconti Archiviato il 4 ottobre 2006 in Internet Archive . della Commissione per l'investigazione sull'abuso di autorità (CIAA)
  30. ^ Spazio: lanciato in orbita il primo satellite del Nepal
  31. ^ ( EN ) It's official: Volleyball is the national sport of Nepal , su english.onlinekhabar.com . URL consultato il 28 novembre 2020 .
  32. ^ ( EN ) Nepal's' 'national sport' we never had: Five things you didn't know about dandi-biyo , su english.onlinekhabar.com . URL consultato il 28 novembre 2020 .
  33. ^ ( EN ) Renovation of Dasharath Stadium takes forever, hurts nation's football , su myrepublica.nagariknetwork.com . URL consultato il 28 novembre 2020 .

Bibliografia

  • Giuseppe Tucci , Nepal: alla scoperta del regno dei Malla , Newton Compton, Roma, 1996
  • Manjushree Thapa, Forget Kathmandu , Neri Pozza, 2006
  • Alessandro Gilioli , Premiata macelleria delle Indie , Rizzoli, 2007
    Visualizzazione limitata su Google Libri: Premiata Macelleria delle Indie , su books.google.it , Bur. URL consultato il 26 aprile 2015 .
  • Enrica Garzilli, "Strage a palazzo, movimento dei Maoisti e crisi di governabilità in Nepal", in L'Asia prima e dopo l'11 settembre. Asia Major 2002, Società editrice il Mulino, Bologna, 2003.
  • AA.VV., Nepal , EDT, Torino, 2007.
  • Ragsdale, Tod. 1989. Once a Hermit Kingdom: Ethnicity, Education, and National Integration in Nepal . New Delhi: Manhohar Publications.
  • Malagodi, Mara. 2013. Constitutional Nationalism and Legal Exclusion: Equality, Identity Politics, and Democracy in Nepal . New Delhi: Oxford University Press.
  • Toffin, Gerard. 2006. “The Politics of Hinduism and Securalism in Nepal.” in Studies in Nepali History and Society , 11 (2): 219–40.
  • M. Lecomte-Tilouine, Revolution in Nepal: An Anthropological and Historical Approach to the People's War (2013), 27–74. New Delhi: Oxford University Press.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Siti istituzionali

Informazione

  • ( EN , NE ) eKantipur , su ekantipur.com .
  • ( EN ) The Himalayan Times , su thehimalayantimes.com .
  • ( EN ) NepalNews , su nepalnews.com . URL consultato il 16 agosto 2005 (archiviato dall' url originale il 19 dicembre 2012) .
  • ( EN , NE ) Gorkhapatra , su gorkhapatra.org.np .

Partiti politici

Natura

Altro

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 138363788 · ISNI ( EN ) 0000 0004 7027 6037 · LCCN ( EN ) n79091522 · GND ( DE ) 4041612-4 · BNF ( FR ) cb15296081b (data) · BNE ( ES ) XX451566 (data) · NDL ( EN , JA ) 00568106 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79091522
Asia Portale Asia : accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Asia