Napoleon III an Frans

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Napoleon III
Franz Xaver Winterhalter Napoleon III.jpg
Napoleon III an Frans dekri pa Franz Xaver Winterhalter nan 1855 . Jodi a penti sa a kenbe nan Mize Napoleon nan lavil Wòm
Anperè nan franse a
Manto zam
Responsab 2 desanm 1852 -
4 septanm 1870
Predesesè Tèt li kòm Prezidan Repiblik franse a
Siksesè Louis-Jules Trochu kòm Prezidan Gouvènman Defans Nasyonal la
Non konplè Charles Louis Napoleon Bonaparte
Nesans Paris , Premye Anpi franse , 20 avril 1808
Lanmò Chislehurst , Angletè ,Wayòm Ini nan Grann Bretay ak Iland , 9 janvye 1873
Kote antèman Abbey Michael a , Farnborough
Dinasti Bonaparte
Papa Luigi Bonaparte
Manman Hydrangea nan Beauharnais
Consort Eugenia de Montijo
Pitit gason Napoleon Eugenio Luigi
Relijyon Katolik
Louis-Napoléon Bonaparte
Napoleon III, målning av Franz Xaver Winterhalter från 1857.jpg
Pòtrè Louis Napoleon Bonaparte , pa Franz Xaver Winterhalter

Prezidan Dezyèm Repiblik franse
Peryòd nan biwo a 20 desanm 1848 -
2 desanm 1852
Predesesè Louis Eugène Cavaignac kòm Prezidan branch egzekitif la
Siksesè Tèt li kòm Anperè nan franse a

Done jeneral
Inivèsite Waffenplatz Thun
Siyati Siyati Louis-Napoléon Bonaparte

Charles Louis Napoleon Bonaparte , ki t'ap gouvènen sou non Napoleon III ( Paris , 20 avril 1808 - Chislehurst , 9 janvye 1873 ), twazyèm pitit wa Olandè Louis Bonaparte (frè Napoleon Bonaparte ) ak Hortense de Beauharnais , te prezidan nan repiblik franse a soti nan 1848 a 1852 ak anperè nan franse a soti nan 1852 a 1870 .

Konnen tou kòm Napoleon ti a (tinon Victor Hugo te ba li ), li te marye ak kontès Teba María Eugenia de Guzmán Montijo , yon Grandee nan Espay , ak ki moun li te Napoleon Eugenio Luigi , pandan y ap senk lòt timoun yo te ilejitim ak te pa fanm diferan [1] .

Biyografi

Nesans

Charles Louis Napoleon ak manman l ', Ortensia di Beauharnais , ak gran frè l' yo, lavni Napoleon Louis nan Holland

Charles Louis Napoleon Bonaparte te fèt nan Pari nan nwit la nan avril 19-20, 1808. Papa l 'te Louis Bonaparte , wa Holland (soti nan 1805 a 1810) ak ti frè Napoleon Bonaparte ; manman l 'te Ortensia di Beauharnais , pitit fi Giuseppina di Beauharnais ak premye mari l' Alexander ak Se poutèt sa bèlfi nan Napoleon tèt li; sendika sa a, difisil ak dépourvu nan afeksyon, te pwopoze pa Empress consort Giuseppina nan tèt li, ki moun ki pa t 'kapab fè pitit, yo nan lòd yo garanti anperè a yon eritye dirèk [2] .

Premye pitit koup la te mouri nan 1807 ak Se poutèt sa de mari oswa madanm yo, ki moun ki pa kounye a te viv apa epi ki nan nenpòt ka te gen yon dezyèm pitit, Napoleon Louis , deside pou avanse pou pi ansanm nan Toulouse , kòmanse nan 12 Out [3] : nan Pari li te fèt, an reyalite, Carlo Luigi [4] . Pou rezon sa a, lènmi yo nan Louis Napoleon, ki gen ladan Victor Hugo, gaye dout ke li te pitit yon lòt moun [5] [6] .

Nan 2014 yon etid jenetik ki fèt sou yon seri cheve nan Pwofesè Gerard Lucotte te montre ke Carlo Luigi pa ka jenetikman pitit pitit nan liy patènèl Napoleon I: an reyalite, Carlo Luigi ki te fè pati haplogroup I2 (haplogroups yo nan kwomozòm Y yo makè espesifik nan liy jenetik patènèl la), pandan Napoleon ak Girolamo, frè li, te fè pati haplogroup E-M34; daprè otè etid la, dezakò sa a ka eksplike sèlman lè li admèt orijin ilejitim Carlo Luigi li menm, oswa lè li afime ke Louis Bonaparte se pa frè Napoleon I [7] [8] [9] .

Anfans

Charles-Louis te batize nan chato Fontainebleau nan dat 5 novanm 1810, li te gen kòm parenn tonton li, anperè Napoleon, ak enperatris Marie-Louise. Pita, lè papa l 'Luigi separe de madanm li, Louis Napoleon te rete ak manman l' jouk laj sèt ane, lè tonton Napoleon l 'envite l' nan Palè Tuileries nan Pari yo gade sòlda yo defile nan lakou a. Li te wè anperè tonton li pou dènye fwa nan chato Malmaison , yon ti tan anvan Napoleon te ale nan Waterloo [10] .

Apre defèt Napoleon an nan Waterloo ak Retablisman monachi a an Frans, tout manm nan dinasti Bonaparte yo te fòse nan ekzil: Hortense ak Louis Napoleon moute desann soti nan Aix , Bern , Baden , jouk finalman yo demenaje ale rete nan Swis., Nan Arenenberg , nan Canton Thurgau , ak nan Almay, kote jèn Louis Napoleon te ale nan jimnazyòm nan Augusta nan Bavaria . Edikasyon li te konplete pa yon titè, Philippe Le Bas, yon repibliken chod ak pitit gason yon zanmi ak vwazen nan Maximilien de Robespierre , ki moun ki anseye l 'istwa franse ak dirije enterè politik li yo nan direksyon pou yon repiblikanism radikal [11] .

Revolisyonè (1823-1835)

Lè Louis Napoleon te kenz, Hortense demenaje ale rete nan lavil Wòm, kote Bonapartes yo te pran rezidans nan Palazzo Ruspoli , nan fanmi an Women an menm non yo : li te pase tan li aprann Italyen, eksplore ansyen kraze yo, aprann atizay yo nan séduire ak biznis. romantik, ki li ta souvan montre nan lavi pita l 'yo; li te vin zanmi ak anbasadè franse a, François-René de Chateaubriand , papa romantik franse, ak ki moun li te rete an kontak pou anpil ane [12] .

Nan lavil Wòm li te jwenn gran frè l 'yo, Napoleon Luigi Bonaparte , epi ansanm yo ansanm Carbonari la . Nan sezon prentan an nan 1831, lè li te ven-twa, gouvènman yo Ostralyen ak papal te lanse yon ofansif kont sosyete sekrè yo ak de frè yo, te vle pa polis la, yo te fòse yo kouri, men, pandan vòl la, Napoleon Louis te pran lawoujòl ak mouri, 17 mas 1831, nan bra ti frè li a [13] ; pita, Hortense te reyini ak pitit gason l ', yo ansanm yo rive sou fwontyè franse a [14] .

Hortense ak Louis Napoleon te pran fo non "Hamilton" epi yo te rive nan Pari, kote ansyen rejim lan te jis tonbe e li te ranplase pa youn ki pi liberal nan wa Louis Philippe d'Orléans ; te rive nan vil la sou 23 avril 1831, yo te pran rezidans nan Hotel du Holland a sou plas Vendôme la .

Hortense te ekri yon apèl bay wa a, mande pou rete an Frans, ak Louis Napoleon volontè kòm yon sòlda prive nan lame franse a: nouvo wa a te dakò rankontre an kachèt ak Hortense ak akòde Hortense tèt li ak Louis Napoleon pou kapab rete nan Pari. toutotan sejou yo te kout e sekrè; Louis Napoleon te kapab rantre nan lame franse a si li chanje non l, sa li te refize fè avèk dedenan. Manman ak pitit gason te rete nan Pari jouk 5 Me, 10yèm anivèsè lanmò Napoleon Bonaparte, lè prezans yo te vin konnen, se poutèt sa Louis Philippe te bay lòd pou yo kite Lafrans; yo te ale nan Grann Bretay ak, yon ti tan apre, yo te ale nan ekzil nan Swis [15] .

Siksesyon Bonapartist

Louis Napoleon ven ane fin vye granmoun

Depi sezon otòn Napoleon an an 1815, yon mouvman Bonapartis te egziste an Frans, avèk espwa pou retabli yon Bonaparte sou fòtèy la; dapre lwa siksesyon etabli pa Napoleon I, reklamasyon an premye pase bay pitit gason l ', ki moun ki, nan nesans, yo te bay tit la nan "wa lavil Wòm" pa papa l' yo. Li te ye pa Bonapartists yo kòm Napoleon II , li te viv nan prizon vityèl nan tribinal la nan Vyèn sou non Duke nan Reichstadt; pwochen nan liy lan, te gran frè Napoleon I a, Joseph Bonaparte , ki te swiv pa Louis Bonaparte, men ni Jozèf ni Louis Bonaparte pa te gen okenn enterè nan re-antre nan lavi piblik ak, Se poutèt sa, lè Duke a nan Reichstadt te mouri nan 1832, Louis Napoleon te vin eritye dinasti a [16] .

Nan ekzil ak manman l 'nan Swis, Louis Napoleon angaje nan lame a Swis, resevwa fòmasyon ofisye ak ekri yon manyèl atiri, osi byen ke lòt travay nan filozofi politik; nan 1833, a laj de 25, li pibliye Rêveries politik li yo ("rèv politik"), ki te swiv nan 1834 pa Considérations politiques et militaires sur la Suisse ("Konsiderasyon politik ak militè sou Swis") ak nan 1839 pa Les Idées napoléoniennes ( "Lide Napoleon") ki, pibliye nan twa edisyon, konstitye youn nan sous prensipal yo nan Bonapartism, ki gen ladan maksimòm nan "Yon monachi ki pwokire avantaj ki genyen nan Repiblik la san yo pa enkonvenyan yo [...], yon rejim fò, san yo pa despotism, gratis, san anachi, endepandan, san konkèt " [17] .

Soti nan tantativ koudeta (1836) nan ekzil la nan Lond (1838)

Louis Napoleon inisye koudeta a nan 1836

"Mwen kwè ke de tan zan tan yo kreye moun ke mwen rele volontè Providence, nan men ki moun yo destine nan peyi yo mete. Mwen panse mwen se youn nan mesye sa yo. Si mwen mal, mwen ka mouri pou gremesi. Si mwen gen rezon, lè sa a pwovidans ap pèmèt mwen fè misyon mwen an "

( Fraz atribiye a Louis Napoleon [18] )

Pandan sejou li nan Pari, jèn Louis Napoleon te obsève antouzyasm popilè pou tonton li an reta, Napoleon I; de sa li te tire konviksyon ke pèp la, menm jan pandan sant jou yo , ta revòlte kont rejim etabli pou rantre nan Bonapartes yo e pou rezon sa a li te kòmanse planifye yon koudeta kont wa a, Louis Philippe.

Selon plan li yo, revòlt la ta dwe pete nan Estrasbou , kote Louis Napoleon te finn lwayote yon kolonèl zam nan ganizon an, 29 oktòb 1836 te leve yon rejiman, li te pran kontwòl prefekti a e li te arete prefè a [19]. ] . Sepandan, jeneral la nan lòd jere yo sove ak rele ranfòsman yo ki, antoure rebèl yo, fòse mutin yo al rann tèt yo (yo ta pita dwe libere nan chaj yo), pandan y ap Louis Napoleon te arete. Fanmi jèn prens lan te kondane operasyon li e manman l te sipliye Louis Philippe pou pèmèt pitit gason l lan kite Lafrans. Wa a, konvenk gouvènman li an, te fè chèf la mennen nan Lorient kote, ame ak yon sòm lajan, li te anbake sou yon fregat sou Novanm 21, 1836 nan Etazini yo, kote li te debake sou li a, 30 mas 1837, apre yon sispann pou pwovizyon .. nan Brezil pandan ki li te rete fèmen nan kabin li [20] .

Li Lè sa a, demenaje ale rete nan yon otèl New York, te rankontre elit la nan sosyete Ameriken an ak ekriven Washington Irving la . Sepandan, pandan vwayaj Ozetazini, Louis Napoleon te resevwa nouvèl ke sante manman l 'te bese rapidman, se poutèt sa, li prese tounen Swis klandesten; li te rive Arenenberg jis nan tan yo wè manman l 'ekspire sou 5 oktòb 1837; yo antere l nan Reuil, an Frans, toupre Josephine, nan dat 11 janvye 1838, men Louis Napoleon pat kapab patisipe nan antèman an paske yo pat renmen li an Frans [21] .

Louis Philippe , pa renmen retou li soti nan ekzil, mande gouvènman an Swis ekstrade Louis Napoleon an Frans nan 1838, men Swis, mete aksan sou sitwayènte Swis, refize. Yon ti tan apre, franse yo, ki te sipòte pa Ostralyen yo tou, te menase pou voye yon lame, men Louis Napoleon te volontèman kite peyi a, pa vle kòmanse yon lagè poutèt li.

Eritye patrimwàn evidan nan manman l ', Louis Napoleon deside rezoud nan Lond nan mwa Oktòb 1838; nan vil la li te rankontre lidè politik yo ak syantifik nan tan an, ki gen ladan Benjamin Disraeli ak Michael Faraday , te fè yon anpil nan rechèch sou ekonomi an angle ak itilize mache ozalantou Hyde Park [22] .

Dezyèm tantativ koudeta (1840)

Malgre ke li te viv nan konfò nan Lond, Louis Napoleon pa t 'bay moute rèv la retounen an Frans li kapab akonpli destine l': an reyalite, nan sezon lete an nan 1840, li te achte zam ak inifòm, sanble yon kontenjan nan sou swasant moun ame, Anboche yon bato, ki rele Edinburgh Castle , ak sou 6 Out 1840 rive nan pò a nan Boulogne . Sepandan, revòlt yo te sispann pa ajan koutim, sòlda yo nan ganizon an te refize rantre nan ak revòlt yo tèt yo te antoure sou plaj la: yon sèl te touye ak lòt moun yo arete, pandan y ap tou de la Britanik ak franse laprès ridikilize Louis Napoleon ak koudeta a l 'yo. [23] .

Arete, Louis Napoleon te tradui nan fò Kam lan, kote li te anrejistre sou 7 oktòb 1840 kòm yon nouvo prizonye ak detay sa yo: «Laj: 32 ane; wotè: yon mèt ak swasant-sis; cheve ak sousi: mawon; je: gri ak ti; nen: lajè; bouch: òdinè; bab: mawon; manton: pwononse; Figi oval; complexion: pal; tèt koule nan zepòl, zepòl laj; bouch: mens " [24] . Nan peryòd sa a, anplis, li te sipòte yon metrès, yon jèn fanm yo te rele Éléonore Vergeot soti nan vil la ki tou pre, ki te fèt nan de pitit li yo [25] .

Nan prizon li te ekri powèm, disètasyon politik ak atik sou sijè ki pi disparèt yo; li kontribye atik nan jounal ak magazin nan tout Lafrans, pran yon notoryete sèten; pi bon liv li te ye a se te disparisyon nan povrete (1844), yon redaksyon sou sa ki lakòz povrete nan klas travayè franse a, ak pwopozisyon elimine li. Li pwopoze tou kreyasyon yon sistèm bankè ak ekonomi popilè ak kreyasyon koloni reyèl agrikòl yo nan lòd yo bay soulajman nan popilasyon an pi pòv yo; gras a travay sa yo, li te vin li te ye nan piblik la ak te ede yo kreye yon imaj de yon moun fèmen nan enterè yo nan klas yo enb [26] .

Malgre angajman l 'yo, li te rete kontan ak enpasyan, espesyalman lè, sou Desanm 15, 1840, li pa t' kapab temwen retounen nan Paris nan kò a nan Napoleon I. 25 me, 1846, avèk asistans nan doktè l 'yo ak lòt konplis, li degize tèt li kòm yon travayè ak chape soti nan prizon; li te pran yon cha ak Lè sa a, yon bato ki te pran l 'nan Angletè. Yon mwa apre chape li, Luigi papa l 'te mouri, ki fè Louis Napoleon eritye nan dinasti Bonaparte a Context [27] .

Monte Medolano , plak komemoratif

Retounen nan Lond, li byen vit rekòmanse plas li nan sosyete angle segondè: li te rete nan King Street nan St James, ale nan teyat la ak itilize ale lachas; renouvle konesans li ak Benjamin Disraeli , te rankontre Charles Dickens epi retounen nan etid li nan Mize Britanik lan . Pandan peryòd sa a li te gen yon relasyon ak aktris Rachèl la, youn nan entèprèt ki pi popilè nan teyat la franse nan peryòd la, epi tou ak eritye a rich Harriet Howard (1823-1865). Li te rankontre Howard nan 1846, yon ti tan apre retounen li nan Angletè e byento te kòmanse yon koabitasyon long; soti nan li li te gen de timoun ilejitim, osi byen ke finansman sibstansyèl pou pwojè politik li yo [28] .

Revolisyon 1848

Revolisyon an nan mwa fevriye 1848, ki te fòse wa Louis Philippe abdike, louvri pòt yo pou retounen Louis Napoleon an Frans

An fevriye 1848 Louis Napoleon te aprann nouvèl la ke epidemi Revolisyon franse a te fòse wa Louis Philippe, ki pa t 'kapab fè fas a tankou yon disant vas ant popilasyon an ak lame a, abdike.

Detèmine pou sezi opòtinite a, Louis Napoleon kite Lond epi retounen an Frans, rive nan Pari yon ti tan apre pwoklamasyon Dezyèm Repiblik la ak nesans yon gouvènman pwovizwa, ki te dirije pa powèt la Alphonse de Lamartine , ki, sepandan, te febli pa diferansye ant diferan faksyon repibliken yo.

Menm lè a, li te ekri Lamartine pou anonse arive li, li te deklare ke li pa gen okenn anbisyon lòt ke sèvi nasyon an, men Lamartine te refize envitasyon an e li te peze pou Louis Napoleon kite Pari pwovizwa jiskaske eleksyon pou Asanble Nasyonal la; Se poutèt sa, byenke kèk nan kolaboratè l 'envite l' pran pouvwa pa fòs, Louis Napoleon te pito retounen nan Lond sou Mas 2 ak obsève evènman yo [29] .

Nan eleksyon palmantè yo, ki te fèt nan mwa avril 1848, li te deside pa kouri epi li te rete sou bò liy lan, obsève siksè nan twa manm nan fanmi an Bonaparte, Girolamo Napoleone , Pietro Napoleone ak Napoleone Luciano Murat [30] .

Olye de sa, li te kandida pou Asanble Nasyonal Konstitiyan an (4 jen) e li te genyen nan kat diferan depatman, pandan ke li nan Pari li te pami senk kandida ki pi vote yo, touswit aprè lidè konsèvatif Adolphe Thiers ak Victor Hugo , ki te jwenn gwo sipò nan mitan peyizan yo ak klas travayè a, mèsi tou nan sikilasyon an fò nan ti liv la disparisyon nan povrete [31] .

Laperèz pou siksè sa a, lidè konsèvatif gouvènman pwovizwa a, Lamartine ak Cavaignac, te konsidere opsyon pou yo arete l 'pou aktivite revolisyonè sibvèsif, men Louis Napoleon deplase yo nan ekri ke li pa te gen entansyon asire ke prezans sèlman l' te kapab sèvi kòm yon èkskuz pou lènmi yo nan Repiblik la, epi, Se poutèt sa, bay chèz li, li kite kapital la [32] .

Sou 23 jen, sou inisyativ la nan bò gòch la byen lwen, soulèvman an jen pete ak Paris te chaje ak dè santèn de barikad: Jeneral Cavaignac, Minis nan defans, premye retire twoup li yo soti nan kapital la, lè sa a, li te gen jwenn ranfòsman, angaje nan vyolan. eklatman nan lari yo nan distri yo popilè nan vil la, definitivman kraze nenpòt mouvman ensureksyon; revòlt la te dire de jou epi yo estime ke li te mennen nan lanmò nan 5.000 ensije, pandan ke yon lòt 19.000 yo te arete oswa depòte nan koloni yo [33] .

Absans nan Pari pèmèt Louis Napoleon yo dwe konsidere pa opinyon piblik kòm yon moun ki etranje tou de revòlt ak represyon; soti nan Lond li te anonse re-nominasyon li (nan 13 depatman) nan eleksyon yo entèmedyè lejislatif nan 17-18 septanm 1848: li te genyen nan senk depatman ak nan Pari li te jwenn plis pase 110,000 vòt soti nan 247,000, fè l 'kandida ki pi vote. Retounen nan Pari sou 24 septanm, li aksepte plas la e li te pran plas li nan Asanble Nasyonal la [34] .

Leve non sou pouvwa

Louis Napoleon nan moman kandidati li pou Prezidan Repiblik la

Epitou nan mwa septanm nan, komisyon an (ki te gen ladan tou Alexis de Tocqueville nan mitan manm li yo) te fini ekri yon nouvo konstitisyon, karakterize pa prezans nan yon egzekitif fò ak yon prezidan eli pou kat ane pa vòt popilè pa sifraj gason inivèsèl. an Frans); an menm tan, eleksyon yo pou biwo Prezidan Repiblik la te fikse pou 10-11 desanm [35] .

Louis Napoleon san pèdi tan te anonse kandidati li nan eleksyon prezidansyèl yo , anfas konpetisyon kat lòt kandida yo: Jeneral Louis Eugène Cavaignac , minis defans lan ki te dirije repwesyon revòlt jen yo nan Pari; Lamartine, powèt-filozòf la ak chèf gouvènman pwovizwa a; Alexandre Ledru-Rollin , lidè sosyalis yo; ak François Vincent Raspail , lidè zèl goch sosyalis yo [36] .

Pou kanpay elektoral la, Louis Napoleon etabli katye jeneral li nan Hôtel du Rhin nan plas Vendôme, akonpaye pa zanmi l ', Harriet Howard, ki te ba l' yon gwo prè pou finanse kanpay li; li raman patisipe nan vòt yo ak sesyon nan Asanble Nasyonal la, anpil mwens li ta ka konsidere kòm yon oratè talan: li te pale dousman, nan yon vwa monotone, ak yon ti aksan Alman akòz background Swis li yo ak, Se poutèt sa, opozan l 'moke l' , li di li te "yon kodenn ki panse tèt li yon malfini". [37] .

Pandan kanpay elektoral la li te fè apèl kont demand konsèvatè ak refòmis yo: an reyalite, nan manifè elektoral li a, li te reyafime sipò li pou "relijyon, fanmi, pwopriyete", konsidere kòm "baz etènèl chak lòd sosyal." Men, nan menm tan an, li te anonse ke li ta aplike plan pou ankouraje travay, garanti pansyon vyeyès pou travayè yo ak entwodwi bon jan refòm ki, san yo pa pèdi rich yo, ta garanti byennèt tout moun [38] .

Ajan li yo nan peyi a, anpil nan yo veteran nan lame Napoleon Bonaparte a, jere yo jwenn sipò solid soti nan tout peyi a; li menm tou li te jwenn sipò, byenke ezite, nan lidè konsèvatif Adolphe Thiers ("nan tout kandida, pi piti a pi move") epi tou sipò nan L'événement , jounal la nan Victor Hugo [39] . Nan nenpòt ka, advèsè prensipal li, Jeneral Cavaignac, te konvenki ke, menm si Louis Napoleon te vin an premye, li pa ta janm jwenn plis pase senkant pousan nan vòt yo e ke sa ta vle di ke Asanble Nasyonal la, kote Cavaignac te gen plis konsansis, li ta te gen yo chwazi ant de kandida yo ki pi vote.

Eleksyon yo te fèt nan 10-11 Desanm ak rezilta yo te anonse sou 20 Desanm; byenke li te espere ke li ta jwenn pi gwo konsansis la, gwosè a nan viktwa a sezi prèske tout moun: li jwenn, an reyalite, 5 572 834 vòt, ki egal a 74,2% nan vòt yo jete, konpare ak 1 469 156 vòt pou Cavaignac; sosyalis Ledru-Rollin te resevwa 376 834 vòt; kandida byen lwen goch Raspail, 37 106 vòt; powèt Lamartine a 17 000 vòt. Louis Napoleon te jwenn sipò chak klas: peyizan yo pa kontan ak pri k ap monte, travayè pap travay yo, ti antreprenè ki te vle pwosperite ak lòd e menm entelektyèl tankou Victor Hugo; li te jwenn 55,6% nan vòt yo nan tout votè ki anrejistre yo ak te vini an premye nan tout men kat depatman [40] .

Prezidan Repiblik la (1848-1852)

Le pli vit ke li te eli, Louis Napoleon demenaje rezidans li nan Palè Elize a, epi, inyore rekòmandasyon Adolphe Thiers 'yo rete fidèl a senplisite demokratik, li te pandye yon pòtrè manman l' nan boudoir la, epi, nan sal la, youn nan koronasyon an. nan Napoleon Bonaparte, pandan ke pou tèt li li te prefere mete inifòm nan yon jeneral nan gad repibliken an ak asime tit la nan "Prince-Prezidan" [41] .

Nan politik etranje Louis Napoleon inogire prezidans li, li menm ki tankou yon jenn gason te rantre nan revolisyon patriyotik la kont Ostralyen yo, sipòte ekspedisyon franse a (deja apwouve pa gouvènman anvan an) ki te sipoze retabli otorite tanporèl la nan Pap Pius IX , depoze pa Repiblik Women an , ki te gen kòm prensipal lidè politik li Giuseppe Mazzini , ak Garibaldi ki te kenbe kòmandman militè a [41] .

Twoup franse yo, debake nan Civitavecchia , avanse jouk lavil Wòm, kote yo angaje nan eklatman vyolan ak twoup Garibaldi a; zak sa a, pa dakò ak minis yo, atire l 'laj konsansis soti nan mond lan Katolik, men, an menm tan an, fache repibliken yo ki pi radikal, ak sa a fòse prezidan an aplike yon politik nan konpwomi ak medyasyon: an reyalite, garanti sipò nan Katolik, apwouve Lwa Falloux, ki retabli yon pi gwo wòl nan Legliz la nan sistèm edikasyon franse a [42] ; an menm tan, pou li pa pèdi sipò goch la, li te mete gwo presyon sou pap la pou aplike refòm ak pou bay disip repiblik yo yon amnisti [41] .

Sou 13-14 Me, 1849, eleksyon yo nouvo nan Asanble Nasyonal la te lajman te genyen pa yon kowalisyon nan repibliken konsèvatif ak pro-monarchik Katolik, ini nan "Pati Lòd" Adolphe Thiers a; repibliken radikal yo, demokrat sosyal yo ak sosyalis yo, ki te dirije pa Alexandre Ledru-Rollin ak François Vincent Raspail , te genyen 200 plas; Repibliken modere yo, prensipal sipò prezidan an, te pran sèlman 70 plas; nan lòt mo, palman an te kontwole pa yon majorite fèm konsèvatif ki ta ka bloke nenpòt inisyativ nan prezidan an [43] .

Sou 11 jen 1849, sosyalis radikal yo ak repibliken yo te eseye pran pouvwa militè: Ledru-Rollin, ki soti nan katye jeneral li nan konsèvatwa a nan atizay ak atizana, mande prezidan an dwe chaje epi yo te eseye enstige yon soulèvman jeneral; kèk barikad te bati, men prezidan an te aji byen vit, deklare yon eta de syèj, ki antoure katye jeneral la nan revòlt la epi finalman arete tout lidè yo nan menm bagay la, ki gen ladan Raspail, pandan y ap Ledru-Rollin kouri al kache nan Angletè.

Apre revòlt la te siprime, depite Repibliken Sosyalis yo te deklare pèdi pa Asanble a, pandan ke Thiers pwopoze yon bòdwo ki, lè li egzije rezidans twa ane, ta eskli 3.5 sou 9 milyon votè yo nan dwa pou vote ("vye a foul moun, jan li te defini ") [44] .

Malgre ke nouvo lwa elektoral la te apwouve nan mwa me 1850 ak 433 vòt an favè ak 241 kont, Louis Napoleon te opoze ratifikasyon an, epi, jwenn sipò lame a ak yon pati nan popilasyon an, mande pou yo fè amannman korektif; inisyativ sa a, sepandan, te rejte pa Asanble Nasyonal la ak 355 vote kont ak 348 an favè [45] .

Selon konstitisyon 1848 la, Louis Napoleon te sipoze demisyone lè manda li ekspire, men li, diskite ke kat ane pa te ase pou aplike pwogram politik ak ekonomik li a, te fè yon toune nan tout peyi a e li te jwenn sipò anpil gouvènman rejyonal yo ak. depite yo nan lòd yo jwenn posibilite pou konpetisyon pou yon dezyèm manda; pwopozisyon sa a, nan mwa jiyè 1851, te jwenn 446 vòt an favè ak 278 kont, men li te etwatman manke majorite de tyè ki nesesè yo modifye konstitisyon an, epi, Se poutèt sa, yo te rejte [46] .

Kou deta

Icône loup mgx2.svg Menm sijè a an detay: Koudeta 2 desanm 1851 .

Li pa t 'kapab konsolide pouvwa li nan refòm konstitisyonèl, Louis Napoleon deside prepare yon koudeta: ede pa demi-frè l' Charles Auguste ak konseye l 'yo, li asire sipò nan Jeneral Jacques Leroy de Saint-Arnaud , kòmandan nan fòs yo Franse nan Aljeri , ak lòt ofisye, yo nan lòd yo jwenn sipò nan lame a.

Nan nwit 2 desanm, anivèsè batay Austerlitz ak koronasyon Napoleon kòm anperè, sòlda Saint-Arnaud yo te okipe, san yo pa te tire yon piki, biwo laprès nasyonal la, Palais Bourbon , redaksyon yo ak pwen estratejik yo nan vil la; nan maten, tout Pari te rekrepi ak postè ki anonse yap divòse Asanble Nasyonal la, restorasyon sifraj inivèsèl, apèl nouvo eleksyon yo ak pwoklamasyon yon eta syèj. Te gen kèk manifestasyon: 16 depite yo te imedyatman arete pandan lannwit lan, yon lòt 220, moun ki fè pati dwa modere ki te rasanble nan meri 10yèm arondisman an, te soufri menm sò ak premye a [47] .

Nan 3 desanm Victor Hugo ak kèk lòt repibliken te eseye òganize yon revòlt: kèk barikad te bati, men ensije yo, kèk mil, yo pa t 'kapab kenbe tèt ak kont-ofansif la nan plis pase 30,000 sòlda yo mobilize ak soufri plis pase 400 lanmò [ 48] ; altre città seguirono l'esempio di Parigi, ma non ebbero miglior fortuna e, in sintesi, entro il 10 dicembre ogni tumulto fu schiacciato [49] . Poco dopo, l'11 dicembre, Hugo, antico sostenitore dello stesso Napoleone, decise di recarsi in esilio a Bruxelles e per oltre vent'anni rifiutò di fare ritorno in Francia.

Dopo il colpo di Stato, Luigi Napoleone intraprese una capillare opera di repressione di ogni dissenso, ordinando l'arresto di oltre 26 000 persone (4 000 solo a Parigi): 239 detenuti, considerati i più pericolosi, furono trasferiti alla colonia penale di Caienna , 9 539 in Algeria, 1 500 furono esiliati e infine 3 000 posti agli arresti domiciliari; dopo alcuni mesi, tuttavia, una commissione speciale liberò 3.000 detenuti, ma solo nel 1859 gli ultimi 1 800 prigionieri o esiliati ricevettero l'amnistia (tranne il leader repubblicano Ledru-Rollin, che fu invitato a lasciare la Francia) [50] .

In ogni caso, per garantirsi comunque una forma di investitura popolare, il 20-21 dicembre i cittadini furono invitati a votare, con un plebiscito, se approvassero o meno il colpo di Stato; il responso delle urne, sebbene con forti condizionamenti (non furono pochi i sindaci che minacciarono di pubblicare i nomi degli astenuti), fu schiacciante: 7 439 216 sì, 641 737 no; l'astensione fu di 1,7 milioni di votanti [51] .

Crepuscolo della Repubblica

Il Principe-presidente nel 1852, dopo il colpo di Stato

All'inizio del 1852 Luigi Napoleone incaricò una commissione di 80 giuristi di preparare una nuova costituzione che gli attribuiva la rielezione a presidente, la possibilità di concorrere per altri mandati decennali (senza alcun limite), il potere di dichiarare guerra, firmare trattati, formare alleanze e promuovere disegni di legge; la carta, inoltre, ripristinava il suffragio universale e l'Assemblea nazionale, la cui autorità fu però ridimensionata [52] .

In seguito, per meglio controllare il dissenso, Luigi Napoleone sequestrò le proprietà che erano state del re Luigi Filippo , ridusse il ruolo della Guardia Nazionale (molti dei suoi membri, in effetti, si erano uniti alle proteste contro il colpo di Stato), impose ai pubblici funzionari l'obbligo di indossare la divisa nelle circostanze ufficiali e infine attribuì al ministro della pubblica istruzione il potere di rivedere il contenuto dei corsi universitari, nonché di licenziare quei professori che non avessero dato prova di fedeltà al regime [53] .

Il 17 febbraio del 1852, inoltre, un decreto presidenziale impose una stretta censura sulla stampa, proibendo ogni pubblicazione politica senza il preventivo assenso del governo, aumentando le pene pecuniarie e inasprendo i reati di opinione, al punto che un giornale poteva essere colpito dalla sospensione temporanea o permanente delle pubblicazioni dopo appena tre diffide [54] .

Infine, il 29 febbraio, si svolsero le elezioni per il rinnovo della Assemblea Nazionale: di otto milioni di aventi diritto, 5 200 000 voti andarono ai candidati ufficiali (ampiamente sovvenzionati con danaro pubblico), 800 000 ai candidati dell'opposizione; circa un terzo degli aventi diritto al voto si astenne [55] ; in tutto, i candidati governativi ottennero 253 seggi, 7 i monarchici e appena 3 i repubblicani [56] .

Non pago dei nuovi poteri attribuitigli, Luigi Napoleone decise di organizzare un tour per tutta la nazione al fine di consolidare la propria autorità e, infine, trasformare la repubblica in Secondo Impero: a Marsiglia pose la prima pietra per una nuova cattedrale ed istituì una borsa e una camera di commercio ea Bordeaux , il 9 ottobre del 1852, per la prima volta rese evidente l'intenzione di restaurare l'impero [57] .

Di ritorno a Parigi, Luigi Napoleone fu accolto da manifestazioni e scritte, più o meno spontanee, "Per Napoleone III, imperatore"; poco dopo un senato-consulto ristabilì la dignità imperiale e il 21-22 novembre un secondo plebiscito sancì il seguente responso: 7 824 129 voti favorevoli all'impero, contrari 253 159 (due milioni gli astenuti).

Imperatore

Napoleone III, imperatore dei Francesi fotografato dalla Mayer & Pierson nel 1860 circa

Il 2 dicembre del medesimo anno, nello stesso giorno dell'incoronazione di Napoleone I, la Seconda Repubblica fu dichiarata ufficialmente conclusa: nasceva così il Secondo Impero francese . Il principe-presidente Luigi Napoleone assunse il titolo di Napoleone III [58] , mentre la carta costituzionale del 1852 fu lasciata in vigore: semplicemente la parola "Presidente" fu sostituita da quella di "Imperatore dei Francesi".

Politica economica

Una delle prime priorità di Napoleone III fu la modernizzazione dell'economia francese, piuttosto arretrata rispetto a quella del Regno Unito o di alcuni stati tedeschi come la Prussia , secondo un impianto "dirigistico" che vedeva nello Stato il motore benevolo per l'intero organismo sociale tramite la costruzione di infrastrutture e garantendo un'efficiente istruzione [59] .

Tale impianto dirigistico, inoltre, secondo le idee dell'imperatore, si doveva combinare a una politica liberista, dal momento che solo l'apertura dei mercati, stimolando la concorrenza, avrebbe costretto i privati a investire capitali per ottenere una maggiore efficienza del processo produttivo [60] .

Tale programma, sebbene osteggiato dalla parte più conservatrice del mondo produttivo, venne reso operativo nel 1860 , quando l'imperatore decise di inviare a Londra il suo principale consigliere economico, Micheal Chevalier, al fine di negoziare una graduale riduzione dei dazi doganali; il trattato, siglato in segreto il 23 gennaio del 1860, causò lo scontento di oltre 400 imprenditori che protestarono duramente a Parigi, ma Napoleone rifiutò di considerare un'attenuazione dei provvedimenti: prima furono abbassati i dazi per i prodotti manifatturieri in acciaio e in seguito quelli per il grano e altre risorse agricole. Nel complesso, la riduzione delle tariffe doganali costituì un forte impulso al rinnovamento del sistema produttivo e presto l'imperatore negoziò simili trattati commerciali anche con il Belgio , i Paesi Bassi e altre nazioni [61] .

Va poi aggiunto che il periodo storico ben si prestava all'espansione economica: infatti, la "corsa all'oro" in California e in Australia aveva stimolato una moderata inflazione europea, mentre al contempo la Francia beneficiava di una forte crescita demografica (dovuta al fatto che avevano raggiunto la maggiore età coloro i quali erano nati durante il "boom delle nascite" avvenuto nel corso della Restaurazione) [62] .

Di tale crescita economica, sensibile a partire dal 1852, è segno la nascita di numerosi istituti di credito: in questo periodo, infatti, nacque il Crédit mobilier , specializzato nella concessione di prestiti e obbligazioni sia ai privati, sia al governo; poi, nel 1863, fu fondato il Crédit Lyonnais e, infine, la Société Generale nel 1864.

Agli inizi dell'Impero, la rete ferroviaria francese contava appena 3 500 chilometri di linea, a fronte dei 10 000 chilometri in Inghilterra e degli 800 chilometri in Belgio, un paese venti volte più piccolo della Francia. Napoleone III, ritenendo che lo sviluppo ferroviario fosse necessario per garantire la crescita economica, sin dal 1852 fece avviare un progetto che unisse tutte le linee, diverse e separate, dirette verso Parigi; in seguito, per stimolare l'iniziativa privata, il governo fornì garanzie per i prestiti contratti dalle compagnie private ed esortò le singole società ferroviarie a fondersi tra loro (tanto che, se nel 1848 in Francia operavano ben 18 compagnie ferroviarie, nel 1870 il numero era calato a 6). Tali misure ebbero certamente un notevole successo, se si considera che, nel 1870, la Francia aveva oltre 20 000 chilometri di linee ferroviarie che, garantendo i collegamenti verso i porti ei sistemi ferroviari dei paesi vicini, permettevano il trasporto di più di cento milioni di passeggeri l'anno, oltre che di innumerevoli merci e risorse [63] .

Oltre alla rete ferroviaria, il governo riservò notevoli attenzione anche alla marina mercantile: furono ampliati i porti di Marsiglia e Le Havre ; poi, grazie a forti sovvenzioni pubbliche, il tonnellaggio delle navi a vapore fu triplicato, tanto che, nel 1870, la flotta francese era seconda solo a quella inglese; infine, non va trascurato che l'appoggio di Napoleone III fu essenziale per garantire il buon esito della costruzione del Canale di Suez , la cui costruzione fu finanziata da azioni immesse sul mercato azionario di Parigi e fu diretta da un ex-diplomatico francese, Ferdinand de Lesseps [64] .

Per quanto riguarda il commercio, esso ricevette notevole stimolo non solo dal miglioramento delle infrastrutture, ma anche dalla ricostruzione del centro storico di Parigi: infatti, già nel 1852, fu aperto il Bon Marché , il primo grande emporio commerciale; presto il suo fatturato si espanse da 450 000 franchi a oltre 28 milioni annui, permettendo al suo fondatore, Aristide Boucicault , di commissionare un secondo edificio in vetro e ferro, disegnato da Louis-Charles Boileau e Gustave Eiffel , prototipo del centro commerciale odierno. Sull'esempio del Bon Marché furono aperti altri magazzini commerciali: Printemps nel 1865 e La Samaritaine nel 1870, generando un modello economico che presto sarebbe stato largamente imitato [65] .

Oltre ai centri commerciali, in questo periodo, sorsero anche le prime biblioteche pubbliche, mentre Louis Hachette aprì le prime librerie nelle stazioni ferroviarie, garantendo una più ampia circolazione dei libri per tutta la Francia [66]

Gli esiti di questo profondo programma economico non si fecero attendere: durante l'Impero, la produzione industriale francese aumentò del 73% (con una crescita seconda solo a quella inglese); dal 1850 al 1857, l'economia crebbe a un ritmo del 5% annuo, mentre le esportazioni crebbero del 60% tra il 1855 e il 1870 [67] .

Anche l'agricoltura fece numerosi progressi: infatti, la creazione di scuole pubbliche specializzate permise la diffusione di nuove tecniche di coltivazione, mentre le ferrovie garantirono un maggiore scambio di prodotti; come risultato, durante l'Impero, la produzione crebbe del 60%, nonostante la percentuale di popolazione dedita all'agricoltura calasse dal 61% del 1851 al 54% del 1870; il progresso fu tale che l'ultima carestia, registrata sul suolo francese, è datata al 1855 (escludendo la penuria di viveri durante la seconda guerra mondiale ) [67] .

In ogni caso, lo sviluppo economico non interessò l'intera popolazione: difatti, sebbene il salario medio fosse cresciuto del 45%, questo appena faceva fronte all'aumento dell'inflazione e ciò impediva a larga parte del ceto operaio e contadino di risparmiare o aprire un conto corrente bancario, il cui aumento, da 742 889 nel 1852 a 2 079 141 nel 1870, fu principalmente dovuto alla crescita di un ceto medio di impiegati e piccolo-borghesi [68] .

Politica interna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasformazione di Parigi sotto il Secondo Impero .
Stendardo imperiale di Napoleone III

Un importante evento durante il suo regno fu la ricostruzione di Parigi. Parte del progetto fu guidato dall'idea di rendere più difficili eventuali future azioni rivoluzionarie: ampie zone della città vennero rase al suolo e le stradine medievali lasciarono il posto ai grandi boulevard , con l'intento di creare ampi spazi d'azione ai cannoni all'interno della città ed evitare le barricate erette durante la Rivoluzione francese , durante la rivoluzione di luglio del 1830 e durante i moti del 1848 che portarono alla fine della Monarchia di luglio . La ricostruzione della città fu affidata al barone Haussmann ( 1809 - 1891 ), che fu prefetto del dipartimento della Senna ( 1853 - 1870 )

Nel 1852 iniziò l'invio di prigionieri politici e criminali comuni verso colonie penali tristemente famose, quali l' Isola del Diavolo (nella Guyana francese ) o, per i crimini meno gravi, nella Nuova Caledonia . Il 28 aprile 1855 Napoleone III e l'imperatrice Eugenia sopravvissero a un tentativo di assassinio agli Champs-Élysées da parte del patriota italiano Giovanni Pianori , un repubblicano che voleva vendicare il fallimento della Repubblica Romana . Un altro italiano, Felice Orsini , tentò invano di ucciderlo il 14 gennaio 1858 insieme con l'imperatrice al loro ingresso nell' Académie Royale de Musique di Parigi, al grido di "Ricordati dell'Italia!". Con ogni probabilità, questo secondo attentato fu motivato dall'accusa di aver tradito il giuramento carbonaro di dedicare la propria vita alla causa dell'unità d'Italia. Anni dopo, anche l'anarchico Giovanni Passannante , attentatore di Umberto I , progettava, secondo alcune testimonianze, l'assassinio dell'imperatore francese, poiché lo considerava «la causa di impedimento all'attuazione della Repubblica Universale» [69] .

Politica estera

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra di Crimea e Seconda guerra di indipendenza .

In politica estera, Napoleone III, sostenitore appassionato del principio di nazionalità , ebbe come obbiettivo la riaffermazione del prestigio e della influenza francese in Europa e nel mondo.

In un primo momento, come dimostra il discorso tenuto a Bordeaux poco dopo l'incoronazione, proclamò che "L'Impero significa Pace" e che pertanto non avrebbe attaccato militarmente altre potenze ma, in ogni caso, avvertì che non avrebbe tollerato alcun'altra potenza europea che avesse attuato mire espansionistiche nei riguardi dei vicini.

Guerra di Crimea : i Francesi catturano le posizioni russe attorno alla piazzaforte di Sebastopoli

Sin dalle origini, Napoleone ritenne conveniente cercare l'alleanza e il sostegno della Gran Bretagna , paese nel quale aveva vissuto in esilio e che sarebbe potuto divenire un eccellente partner commerciale.

L'alleanza, infine, nacque nei primi mesi del 1853: in quell'anno lo zar Nicola I di Russia fece pressioni sul governo ottomano pretendendo un protettorato sui paesi cristiani dei Balcani , così come il controllo su Costantinopoli e sui Dardanelli ; Francia e Gran Bretagna, allora, concordarono un'azione comune di appoggio alla Turchia e la indussero a rigettare le richieste russe; infine, quando la Russia rifiutò di sgomberare i territori occupati, Francia e Gran Bretagna dichiararono guerra [70] .

Dopo sei mesi di preparativi, Francia e Gran Bretagna, il 14 settembre 1853, sbarcarono oltre 30 000 soldati francesi e 20 000 inglesi in Crimea ed iniziarono ad assediare la piazzaforte di Sebastopoli ; nel corso dell'assedio, gli eserciti anglo-francesi, sebbene rafforzati da ulteriori arrivi dalla madrepatria e dall'intervento del Regno di Sardegna , subirono perdite terribili a causa di forti epidemie di tifo , dissenteria e colera [71] . La guerra continuò, con esito altalenante, per oltre un anno, finché la morte dello zar Nicola I e la ascesa al trono di Alessandro II indussero i Russi ad aprire ai negoziati che, infine, divennero necessari quando Sebastopoli, dopo 332 giorni, fu espugnata. A seguito di tale insuccesso, lo zar Alessandro II fu costretto a stipulare la Pace di Parigi (8 aprile 1856) [72] .

La battaglia di Malachov , 8 settembre 1855

La Guerra di Crimea garantì a Napoleone III diversi vantaggi diplomatici: la riconciliazione franco-britannica (suggellata dalle visite dell'imperatore e dell'imperatrice a Londra e dalla visita della regina Vittoria a Parigi) [73] , l'attrazione della Russia nella sfera d'influenza francese e infine la caduta dell'intero sistema di alleanze erette dal cancelliere Klemens von Metternich allo scopo di frenare ogni eventuale espansione francese e di puntellare l'equilibrio raggiunto dal Congresso di Vienna nel 1815 [74] .

Tre anni dopo, il 14 gennaio 1858, l'imperatore e l'imperatrice scamparono a un attentato organizzato da un gruppo di repubblicani e diretto dall'esule nazionalista italiano Felice Orsini , secondo il quale l'eliminazione dell'imperatore e la creazione di una repubblica in Francia avrebbero in seguito giovato a un moto indipendentista italiano e permesso l'unificazione nazionale; Orsini, catturato, fu processato e giustiziato il 13 marzo del 1858, ma la sua azione avrebbe contribuito a focalizzare l'attenzione del governo francese e dello stesso Napoleone, in particolare, sulla questione italiana [75] .

Infatti, approfittando dell'interessamento dell'imperatore, Camillo Benso, conte di Cavour , primo ministro del Regno di Sardegna , anche grazie alla mediazione della cugina, la contessa Virginia Oldoini (che era amante dell'imperatore), riuscì a ottenere sufficiente credito da ottenere un incontro segreto, nel luglio del 1858 [76] .

In tale incontro, presso Plombières , Napoleone III e Cavour convennero di unire le forze contro gli Austriaci: il Regno di Sardegna avrebbe potuto annettere la Lombardia e il Veneto , creando una confederazione italiana; la Francia avrebbe ottenuto Nizza e la Savoia [77] .

Di conseguenza, ottenuto il supporto francese e la benevola neutralità inglese, dopo una serie di schermaglie diplomatiche, Cavour ricevette un ultimatum dall'Austria e Napoleone, fedele ai patti, firmò, il 26 gennaio 1859, un trattato di alleanza con il Piemonte e provvide a inviare 200 000 soldati in Italia [78] .

Théodore Gudin , Napoleone III visita Genova , 1859

Poco dopo, il 27 aprile 1859, troncando gli indugi, l'imperatore austriaco, Francesco Giuseppe , dichiarò guerra al Piemonte: scoppiava la Seconda guerra d'indipendenza italiana .

Napoleone III, pur privo di esperienza militare, decise di condurre l'esercito francese personalmente; giunse a Genova il 18 maggio e, approfittando dell'inazione delle forze austriache, guidate dal generale Gyulay , ricongiunse le proprie truppe con il contingente piemontese.

A giugno iniziò l'offensiva: il 4 giugno, a seguito di una lunga e sanguinosa battaglia, le truppe franco-piemontesi, grazie anche all'attacco sul fianco degli uomini del generale Mac-Mahon, conquistarono la città di Magenta , costringendo gli austriaci a ritirarsi nel Quadrilatero [79] . Il 10 giugno, l'Imperatore e il re Vittorio Emanuele II di Sardegna, fecero il loro ingresso trionfale nella città di Milano .

Il 24 giugno fu combattuta la Battaglia di Solferino e San Martino , assai più lunga e sanguinosa di Magenta: infatti, solo dopo una lunga serie di assalti all'arma bianca, le truppe francesi a Solferino e quelle piemontesi a San Martino riuscirono a costringere alla ritirata le forze austriache; le perdite ammontarono a oltre quarantamila uomini, di cui 17 500 francesi [80] .

L'Imperatore, inorridito dal massacro, decise di firmare un armistizio con gli austriaci al quale seguì la Pace di Zurigo del 10 novembre 1859 e gli accordi successivi con il Regno di Sardegna che riconobbero a Napoleone Nizza e Savoia [81] .

Napoleone III alla Battaglia di Solferino .

Nonostante il trattato di pace, il processo di unificazione italiana continuò anche senza l'appoggio di Napoleone III: infatti, a seguito di rivolte nel centro Italia, il Piemonte fu in grado di incamerare la Toscana, l'Emilia e parte dello Stato Pontificio; nel 1860, la spedizione di Garibaldi portò alla caduta del Regno delle Due Sicilie .

A tal punto l'Imperatore cercò di indurre il Papa a rinunziare alla sovranità sui suoi stati, ma Pio IX rifiutò aspramente commentando che l'Imperatore non era altro che un bugiardo e un imbroglione [82] . Infine, il 17 marzo, Vittorio Emanuele fu proclamato re d'Italia [83] .

La nascita del Regno d'Italia , tuttavia, non chiuse la questione nazionale italiana dal momento che non comprendeva né il Veneto, in mano all'impero Austriaco (così come il Trentino e Trieste), né tanto meno il Lazio, ancora governato da Papa Pio IX.

LaTerza guerra d'indipendenza italiana , permettendo l'acquisizione di Venezia da parte dell'Italia, sostanzialmente riaprì le questioni pendenti su Roma: Napoleone III, infatti, per mantenere il consenso dei cattolici francesi, decise di porre il papa sotto la propria protezione.

Già nel 1862, Garibaldi fece un tentativo di conquistare Roma, ma le forti proteste francesi indussero il governo italiano in carica ad arrestare il patriota. Cinque anni dopo, Garibaldi tentò l'impresa ma Napoleone decise di intervenire direttamente, inviando un contingente militare che sconfisse le truppe di Garibaldi, in grave inferiorità numerica e di mezzi, nella Battaglia di Mentana , il 3 novembre 1867: le truppe francesi sarebbero rimaste a Roma fino all'agosto del 1870 [84] .

In ogni caso, tali interventi nelle questioni italiane, unite a una spregiudicata politica di espansione internazionale, indebolì fortemente l'esercito francese e indusse l'Imperatore a restare neutrale tanto nella Guerra dei ducati danesi , quanto nel conflitto austro prussiano , eventi che permisero una forte espansione del Regno di Prussia [85] .

Tale politica estera, di impronta neutralista, fu tuttavia influenzata anche da un forte peggioramento delle condizioni di salute di Napoleone III: si era appesantito, subiva attacchi di gotta che gli avevano ridotto la mobilità, infine, gli attacchi di calcoli, curati anche mediante la somministrazione di oppiacei per ridurre il dolore, ne aveva intorpidito la mente [86] .

Colonialismo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Impero coloniale francese , Intervento francese in Messico e Guerre dell'oppio .

Al pari della Gran Bretagna , anche Napoleone III perseguì l'obiettivo di rafforzare i possedimenti d'oltremare.

In primo luogo, nel 1858, prendendo come pretesto alcune dispute commerciali, Napoleone III inviò una spedizione militare nel Sud-est asiatico: nel 1862 assunse il controllo della Cocincina e di Saigon , nel 1863 ottenne un protettorato in Cambogia. Secondariamente, nel 1860, su invito britannico la Francia partecipò alla Seconda Guerra dell'oppio, che si concluse con l'occupazione di Pechino e con la concessione di rilevanti privilegi commerciali (tra cui una base navale nella baia di Kwangchowan ) [87] .

In ogni caso, l'intervento estero più noto è senza dubbio la seconda spedizione in Messico: tale spedizione ebbe origine dal mancato pagamento degli interessi debitori da parte del Messico e coinvolse tanto la Francia quanto la Gran Bretagna e la Spagna [88] .

Nel 1861, dopo numerose schermaglie diplomatiche, approfittando anche del fatto che la Guerra di secessione americana avrebbe impedito ogni intromissione statunitense, Napoleone decise di non accontentarsi del controllo dei porti caraibici del Messico, già occupati, e dispose l'invio di un forte contingente militare al fine di instaurare una monarchia alleata nella figura dell'imperatore Massimiliano I d'Asburgo , fratello minore dell'imperatore d'Austria Francesco Giuseppe [89] .

In ogni caso, dopo tre anni di guerriglia, privo di ogni appoggio internazionale e dovendo affrontare il sempre più impellente problema del riarmo prussiano, Napoleone III fu costretto a ritirarsi dal paese nel 1866; Massimiliano I, privo del sostegno francese, fu catturato e giustiziato e in Messico fu restaurata la repubblica.

Concessioni liberali (1860-1870)

La famiglia imperiale, 1865 circa

Nonostante il progresso economico ei successi esteri, l'opposizione interna a Napoleone III, lentamente si consolidava tanto nel parlamento quanto nel Paese. Infatti, da un lato, l'Imperatore subì l'opposizione dei repubblicani per il colpo di Stato, dall'altro, i cattolici lo criticavano sia per la creazione di un sistema di istruzione pubblica, rivale di quello della Chiesa, sia per il sostegno fornito all'unificazione italiana; infine numerosi industriali e uomini d'affari erano scontenti della politica di riduzione dei dazi doganali, che aveva fortemente aumentato la concorrenza della Gran Bretagna, per l'aumento del peso fiscale e per il mancato coinvolgimento nelle scelte politiche e legislative [90] .

Tale scontento, unito al fatto che il vasto programma di opere pubbliche e gli interventi esteri avevano dissestato il bilancio (il deficit annuale era salito a circa 100 milioni e il debito alla quota di 1 miliardo di franchi d'oro), resero necessaria una politica volta ad acquisire la fiducia del mondo imprenditoriale.

Dunque, il 24 dicembre 1861, Napoleone III, contro l'opposizione dei suoi ministri, emanò un decreto grazie al quale il Senato e il Corpo Legislativo avrebbero ottenuto maggiori poteri: i ministri sarebbero stati responsabili davanti alle camere ei singoli parlamentari avrebbero potuto emendare i decreti del governo; inoltre, pochi giorni dopo, il 31 dicembre, fu sancito che il bilancio di ogni ministero sarebbe stato votato dalle camere non più in una votazione complessiva, bensì per ciascuna singola sezione e che il governo non potesse attuare alcuna spesa che non fosse autorizzata dal parlamento; infine, il 1º febbraio, l'imperatore concesse ai deputati il diritto di parola alla tribuna (con resoconto stenografico) [91] . In sintesi, l'impero diveniva sostanzialmente una monarchia costituzionale parlamentare.

Il 31 maggio del 1863, si svolsero le prime elezioni posteriori alle riforme: i candidati governativi ricevettero 5 308 000 voti; l'opposizione 1 954 000 voti, tre volte di più rispetto alle precedenti elezioni; tuttavia, a Parigi e nelle città maggiori, il blocco dei repubblicani superò ampiamente la maggioranza assoluta dei voti (circa il 63% nella capitale) [92] .

Le elezioni, pertanto, pur garantendo la maggioranza ai candidati governativi, rendevano evidente la creazione di un blocco di opposizione che andava dai cattolici, ai legittimisti (in campo politico, sostenitori degli Orléans; in economia, protezionisti) e ai repubblicani [93] .

Tuttavia, nonostante la formazione di un blocco di opposizione parlamentare, le riforme rimasero popolari, specialmente presso l'elettorato rurale: infatti, quando nel 1870 fu tenuto un referendum in materia costituzionale (nel quale si specificava che, se fosse stato sconfitto, Napoleone avrebbe abdicato al figlio), l'Imperatore ottenne 7 336 434 voti favorevoli, 1 560 709 voti contrari e 1 900 000 astensioni; Léon Gambetta , il leader dell'opposizione repubblicana, scrisse in preda alla disperazione «Siamo stati schiacciati. L'Imperatore è più popolare che mai» [94] .

Caduta dell'Impero: la guerra franco-prussiana

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra franco-prussiana .

Ascesa della Prussia

Nei primi anni di regno, Napoleone III mantenne un rapporto abbastanza buono con il regno di Prussia, tanto che l'Imperatore aveva accolto molto cordialmente il cancelliere Otto von Bismarck in occasione di una missione diplomatica.

Tali rapporti, tuttavia, iniziarono a incrinarsi nel 1865 quando, in occasione della Guerra dei Ducati , Napoleone riconobbe la minaccia che uno stato tedesco unitario avrebbe potuto arrecare ai confini orientali francesi mentre, d'altro canto, la Prussia temeva, insieme alla Gran Bretagna, che l'Imperatore avesse mire espansionistiche sul Belgio [95] .

L'anno seguente, quando Prussia e Italia si accordarono per una guerra contro l' Impero austriaco , Bismarck fece una seconda visita diplomatica a Parigi, accennando anche che - qualora la Francia fosse rimasta neutrale - avrebbe potuto ottenere alcune compensazioni [96] .

L'anno seguente la Prussia aprì le ostilità invadendo la Sassonia, alleato dell'Impero Austriaco, e l'Imperatore Francesco Giuseppe , volendo evitare un accerchiamento, chiese a Napoleone III di mediare per far sì che almeno l'Italia restasse neutrale, ma ogni proposta di compromesso fu rigettata dai contendenti. Il conflitto tra Austria e Prussia fu assai breve e si concluse con la strabiliante vittoria prussiana nella battaglia di Sadowa , fatto che sconvolse l'Imperatore [97]

Crisi del Lussemburgo e tentativo di riarmo

Nel 1867, Napoleone III, ancora in attesa di un compenso in Germania, decise di intavolare trattative con il re dei Paesi Bassi, Guglielmo III , al fine di ottenere il territorio del Lussemburgo , dietro il pagamento di una congrua somma di danaro. Bismarck, tuttavia, si oppose duramente e inviò un estratto delle richieste francesi a Londra mentre nel contempo attuò forti pressioni sul governo olandese affinché rinunciasse alla vendita. Napoleone fu costretto, pertanto, a rinunciare ma tale crisi contribuì non poco a deteriorare le relazioni diplomatiche tra Prussiani e Francesi [98] .

A seguito della crisi, infatti, il governo francese decise di considerare un programma di riarmo dell'esercito terrestre, al momento pari a 385 000 soldati (di cui oltre 100 000 stanziati in Messico , Algeria ea Roma ), al fine di contrastare gli oltre 700 000 uomini che potevano schierare i Prussiani ei loro alleati [99] .

Pertanto, nell'autunno del 1867, Napoleone III propose di introdurre un sistema di coscrizione obbligatoria (simile a quello prussiano), in modo da aumentare le dimensioni dell'esercito a 1 milione di uomini. Però tale proposta fu aspramente contestata da numerosi ufficiali che, come il maresciallo Randon, preferivano l'istituzione di un esercito professionale, inferiore per numero ma meglio addestrato [100] . Anche l'opposizione repubblicana rigettò il progetto dell'Imperatore, considerando che non avrebbe fatto altro che esasperare il militarismo prussiano mentre molti liberali non apprezzavano che rilevanti risorse venissero destinate alle spese militari [101] .

Per questi motivi, consapevole che mai il disegno di legge avrebbe avuto l'approvazione del parlamento, Napoleone decise di attuare un compromesso: nel gennaio del 1868, l'esercito regolare fu affiancato da una forza di riserva "Garde Mobile" i cui effettivi sarebbero stati arruolati mediante coscrizione [102] .

Alla ricerca di alleati

Negli anni seguenti, la politica estera francese fu assillata dal solo pensiero di creare una rete di alleanze utili a imbrigliare la Prussia ma ogni tentativo fallì miseramente.

Dapprima, nell'aprile del 1867, Napoleone propose all'Austria un'alleanza difensiva e offensiva promettendo, in caso di vittoria, che l'Austria avrebbe potuto formare una confederazione degli stati tedeschi meridionali e avrebbe potuto annettere la Slesia ; l'Imperatore Francesco Giuseppe, tuttavia, impegnato nell'attuazione della riforma diarchica (che avrebbe portato alla creazione dell' Impero austro-ungarico ), rimase scettico sulla proposta e non garantì la propria adesione [103] .

Dopo l'Austria, Napoleone tentò di convincere l' Italia : re Vittorio Emanuele era personalmente favorevole all'alleanza francese, ben ricordando il ruolo fondamentale dell'Imperatore nel raggiungimento dell'unificazione italiana; tuttavia, l'opinione pubblica, ricordando l'appoggio francese al Papa e la Battaglia di Mentana , era fortemente ostile; l'Imperatore tentò di intavolare un negoziato ma, quando il governo italiano pose come condizione il ritiro della truppe francesi stanziate a Roma, dovette rinunciare (per non screditarsi con il proprio elettorato cattolico) [104] .

Durante la disputa per la successione al trono spagnolo di Isabella II , l'Imperatore propose un patto di alleanza fra Francia, Regno d'Italia e Impero Austro-ungarico che tuttavia fu rifiutato da entrambe le parti [105] .

Al contrario di Napoleone, Bismarck era riuscito nel suo intento: gli stati tedeschi avevano promesso di fornire truppe alla Prussia mentre la Russia decise che sarebbe rimasta neutrale (ovviamente in cambio della libertà d'azione nei Balcani), fatto che indusse anche gli Austriaci a rifiutare definitivamente l'alleanza francese; infine, la Gran Bretagna, ricordando i progetti francesi di annessione del Belgio (svelati proprio da Bismarck), decise di mobilitare la flotta e di restare a guardare [106] .

In altri termini, in caso di conflitto, la Francia era isolata.

Pretesto e scoppio del conflitto

Agli inizi del 1870 , Bismarck decise di accelerare i tempi per una guerra, dal momento che temeva le spinte contrarie all'unificazione tedesca che erano sorte in diversi stati meridionali (specialmente la Baviera ) che avrebbero potuto portare anche a una maggiore opposizione alla ratifica dei trattati di alleanza con la Prussia [107] .

Contemporaneamente, l'8 maggio del 1870, gli elettori francesi avevano nuovamente dimostrato adesione al programma di Napoleone con un nuovo plebiscito il cui esito fu di 7 358 000 voti favorevoli a fronte di 1 582 000 voti contrari (registrando peraltro un forte calo della astensione) ma l'Imperatore diveniva ogni giorno sempre più debole, oltre che malato, e questo impediva al suo governo di imbrigliare le ali più radicali dei nazionalisti anti-prussiani, rappresentati dal nuovo ministro degli esteri, il duca Agénor de Gramont [108] .

Nel luglio del medesimo anno, Bismarck trovò un utile pretesto di guerra in una vecchia disputa dinastica: nel settembre del 1868, la regina Isabella II di Spagna era stata deposta ed esiliata e il nuovo governo, tra le altre candidature, aveva considerato quella del principe Leopoldo di Hohenzollern-Sigmaringen , un cugino del re di Prussia Guglielmo ; Napoleone III aveva già opposto il suo veto alla candidatura di Leopoldo ma Bismarck decise di forzare la mano, scrivendo al padre del candidato di accettare la corona spagnola.

La notizia della candidatura di Leopoldo al trono spagnolo, pubblicata il 2 luglio del 1870, suscitò la furia del parlamento francese e il governo fu duramente attaccato sia dai repubblicani, sia dai conservatori più radicali; il 6 luglio, Napoleone, in riunione con i ministri, chiese assicurazioni al maresciallo Edmond Le Bœuf circa l'efficienza dell'esercito in caso di guerra: il maresciallo, capo di stato maggiore dell'esercito, assicurò che i soldati francesi avevano un fucile qualitativamente superiore a quello prussiano, un'artiglieria maggiormente esperta e che avrebbe potuto mobilitare oltre 400 000 soldati in meno di 15 giorni [109] .

Re Guglielmo di Prussia, non desiderando di essere considerato come l'istigatore del conflitto, scrisse al padre del principe Leopoldo, chiedendo il ritiro della candidatura del figlio che fu annunciato il 12 luglio. Napoleone, tuttavia, imbrigliato dalla fazione più ostile ai prussiani e consigliato dal ministro degli esteri, duca di Gramont, inviò l'ambasciatore francese in Prussia alla città termale di Bad Ems , ove si trovava il re Guglielmo, per chiedere ufficialmente che la Prussia non avrebbe mai più candidato principi tedeschi al trono di Spagna [110] .

Re Guglielmo, cortesemente ma con fermezza, disse che non poteva dare promesse per conto del suo governo e declinò di concedere ulteriori incontri con l'ambasciatore, dal momento che riteneva la questione ormai conclusa; al fine di avere un pretesto, tuttavia, Bismarck decise di manipolare il telegramma ufficiale dell'incontro in modo da far sembrare la risposta di Guglielmo ostile nei confronti del governo francese e comunicò a tutti i governi questa seconda versione [111] .

«Sua Maestà il Re ha rifiutato di incontrarsi di nuovo con l'ambasciatore francese e, per il tramite del suo aiutante di campo, ha fatto conoscere che Sua Maestà non ha nient'altro da comunicare all'ambasciatore [112]

La pubblicazione del telegramma suscitò l'effetto che Bismarck si aspettava: l'opinione pubblica francese ne fu infiammata, il ministro degli esteri Gramont affermò di aver ricevuto un insulto, il tentativo del leader conservatore, Adolphe Thiers , di invitare il governo alla moderazione fallì, mentre una folla di oltre 20 000 persone, marciando per le strade di Parigi, chiedeva la guerra; pertanto, Émile Olliver , nuovo primo ministro, decise di notificare, con l'assenso dell'Imperatore, una dichiarazione di guerra al governo prussiano: era il 19 luglio del 1870 [113] .

Operazioni iniziali

Allo scoppio della guerra, la folla si riunisce in Place de la Bastille , urlando: "A Berlino!".

Quando la Francia entrò in guerra, vi furono manifestazioni patriottiche per le strade di Parigi, con la folla che cantava la Marsigliese e urlava "A Berlino! A Berlino!". Tuttavia, Napoleone era malinconico, affermava che la guerra sarebbe stata lunga e difficile e che non si aspettava di tornare dal momento che si sentiva troppo anziano per una campagna militare [114] .

Nonostante le precarie condizioni di salute, l'Imperatore decise comunque di assumere il comando supremo dell'esercito e il 28 luglio, accompagnato dal principe ereditario, quattordicenne, e da uno staff militare, partì da Saint-Cloud, lasciando il governo alla moglie, Eugenia, in qualità di reggente.

Sin dalle origini, l'esercito francese mostrò una notevole impreparazione: l'alto comando riuscì a mobilitare duecentomila soldati lungo un fronte di 250 chilometri soffocando l'intera rete stradale e ferroviaria; spesso gli ufficiali non erano in grado di trovare le unità, né le unità i loro comandanti, dal momento che nessuno era stato dotato di mappe del territorio francese, né era stato redatto un preciso piano di battaglia [115] .

Al contrario, Von Moltke e l'esercito tedesco, grazie all'esperienza acquisita durante la guerra contro l'Austria, furono in grado di muovere in modo efficace tre eserciti (per un totale di 518 000 uomini) lungo un fronte di appena 120 chilometri; inoltre, i soldati tedeschi erano sostenuti da una riserva sostanziale della Landwehr (difesa territoriale), con 340 000 uomini, e da una riserva aggiuntiva di 400 000 guardie territoriali [116] .

Il 2 agosto, Napoleone e il principe imperiale accompagnarono l'esercito francese in un attraversamento provvisorio del confine verso la città di Saarbrücken ; vinta una piccola scaramuccia, l'esercito proseguì la sua lenta avanzata; Napoleone III, molto malato, non era in grado di guidare il suo cavallo e dovette sostenersi appoggiandosi contro un albero. Nel frattempo, i Tedeschi concentrarono un esercito molto più grande lungo il fronte dell'Alsazia e della Lorena: il 4 agosto 1870 travolsero una divisione francese in Alsazia nella Battaglia di Wissembourg (in tedesco: Weissenburg), costringendola a ritirarsi; il giorno seguente, vinsero un'altra unità francese nella Battaglia di Spicheren in Lorena .

Il 6 agosto, 140 000 Tedeschi attaccarono 35 000 soldati francesi nella Battaglia di Wörth : tale battaglia, sebbene combattuta con accanimento e valore da parte delle truppe francesi (le quali, più volte, tentarono di sfondare le linee nemiche), si tramutò in una grave sconfitta con la perdita di quasi metà degli effettivi tra morti, feriti e prigionieri. Tale scontro, inoltre, evidenziò la forte superiorità tedesca, tanto nella logistica quanto nelle comunicazioni e nell'efficienza dello Stato maggiore; infine, l'artiglieria tedesca (cannone da campo C64 Krupp), in acciaio ea retrocarica, risultò estremamente più precisa e maneggevole degli ormai antiquati cannoni in bronzo ad avancarica francese [117] .

Non appena la notizia delle sconfitte raggiunse Parigi, causò incredulità e sgomento: il primo ministro Ollivier ei vertici dello Stato maggiore si dimisero, l'Imperatrice reggente nominò, quale nuovo primo ministro, il generale Cousin-Mountaban, già comandante del corpo di spedizione in Cina, il quale, a sua volta, nominò François Achille Bazaine nuovo capo di Stato maggiore. L'Imperatore, ritenendo di non essere utile al fronte, meditò il ritorno nella capitale, ma l'Imperatrice e il governo gli consigliarono di restare onde evitare che la notizia del suo rientro potesse essere interpretata come un segnale di sconfitta [118] .

Con l'Imperatrice a dirigere il Paese e Bazaine comandare l'esercito, l'Imperatore non aveva più alcun vero ruolo da svolgere, tanto da affermare al maresciallo Le Bœuf, precedente capo di Stato maggiore: «Siamo stati tutti e due licenziati» [119] .

Il 18 agosto 1870, ebbe luogo la battaglia di Gravelotte (in Lorena), la più grande del conflitto: i tedeschi, pur avendo subito 20 000 perdite, assai più dei 12 000 francesi, emersero vincitori, riuscendo a costringere le forze del maresciallo Bazaine (175 000 soldati, sei divisioni di cavalleria e 500 cannoni) a rinchiudersi nella piazzaforte di Metz, incapaci di muoversi [120] .

Dopo la sconfitta di Gravellotte, Napoleone tenne un consiglio di guerra a Châlons-en-Champagne , alla presenza del maresciallo Patrice de Mac-Mahon e in contatto con il primo ministro, l'Imperatrice e il Bazaine, ma le idee furono discordanti: l'Imperatore e MacMahon proposero di spostare il loro esercito più vicino a Parigi, per proteggere la città, ma il 17 agosto Bazaine, con l'assenso dell'Imperatrice e del primo ministro, telegrafò all'Imperatore chiedendo di rinunciare all'idea e di tentare una controffensiva verso Metz contro le truppe prussiane, ritenute esaurite. L'Imperatore, dunque, inviò il principe ereditario a Parigi e intraprese la controffensiva, sebbene l'esercito fosse demoralizzato [121] .

Il piano della controffensiva sarebbe dovuto restare segreto, ma fu pubblicato sulla stampa francese e quindi divenne noto anche al comando tedesco: il comandante tedesco Helmuth Karl Bernhard von Moltke comandò alle due armate prussiane che marciavano verso Parigi di voltarsi per inseguire l'esercito di Mac-Mahon. Il 30 agosto un corpo d'armata di Mac-Mahon fu attaccato dai tedeschi a Beaumont, perdendo cinquecento uomini e quaranta cannoni; credendo che la strada fosse sbarrata dall'esercito prussiano, il generale francese decise di fermarsi e di riorganizzare le sue forze presso la città fortificata di Sedan , nelle Ardenne , vicino al confine con il Belgio [122] .

Battaglia di Sedan

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Sedan .
La resa di Napoleone III alla battaglia di Sedan

MacMahon giunse a Sedan con centomila soldati non sapendo che due armate tedesche si stavano avvicinando alla città, una da ovest e l'altra da est, bloccando ogni via di fuga. I Tedeschi arrivarono il 31 agosto e il 1 ° settembre occuparono le alture intorno alla città, collocarono batterie di artiglieria (circa 700 bocche da fuoco) e cominciarono a bombardare le posizioni francesi sottostanti.

Il 1º settembre, alle cinque del mattino, MacMahon fu gravemente ferito al fianco da una granata tedesca; il suo sostituto, generale Wimpffen, lanciò una serie di cariche di cavalleria allo scopo di rompere l'accerchiamento ma, nonostante il valore delle truppe e la perdita di oltre 17 000 uomini tra morti e feriti e la cattura di 21 000 prigionieri, le linee prussiane rimasero intatte [123] .

Nel corso della battaglia, l'Imperatore rimase sostanzialmente inerte limitandosi a perlustrare le posizioni francesi (nel corso di tali movimenti fu ucciso un ufficiale della sua scorta e ne furono feriti altri due) e il medico che lo accompagnava scrisse così sul suo diario: «Se quest'uomo non è venuto qui per uccidere se stesso, non so cosa sia venuto a fare. Non l'ho visto impartire un ordine per tutta la mattina» [124] .

Finalmente, all'una del pomeriggio, Napoleone diede l'ordine di issare la bandiera bianca sopra la cittadella; in seguito, inviò un messaggio personale al re di Prussia, presente a Sedan, scrivendo quanto segue: «Mio Signor fratello, non essendo in grado di morire alla testa delle mie truppe, nulla resta per me, se non mettere la mia spada nelle mani di Sua Maestà» [125] .

Anni dopo, quando fu accusato di essersi vergognosamente arreso al nemico, scrisse: «Alcuni credono che, seppellendo noi stessi sotto le rovine di Sedan, avremmo meglio servito il mio nome e la mia dinastia. È possibile. Anzi, tenere in mano la vita di migliaia di uomini e non fare alcun segnale di salvare le loro vite era qualcosa che andava ben oltre la mia capacità [...] il mio cuore ha rifiutato queste grandezze sinistre» [126] .

Alle sei del mattino del 2 settembre, accompagnato da quattro generali del suo personale, Napoleone fu condotto al quartier generale tedesco di Donchery, dove si aspettava di incontrare re Guglielmo; fu accolto, invece, dal cancelliere Bismarck e dal comandante tedesco, generale von Moltke, i quali dettarono le condizioni della resa.

Napoleone chiese che il proprio esercito, disarmato, potesse attraversare il Belgio ma Bismarck rifiutò la proposta e ingiunse all'Imperatore di firmare i documenti preliminari per un trattato di pace; questa volta fu Napoleone a rifiutare sostenendo che il compito di negoziare la resa sarebbe spettato al governo e alla moglie, l'imperatrice Eugenia, in carica come reggente.

In seguito, fu trasferito al castello di Bellevue, dove ricevette la visita del re di Prussia e al quale disse di non aver voluto la guerra ma di essere stato costretto sotto il peso della opinione pubblica; re Guglielmo, cortesemente, concordò. La sera, Napoleone scrisse all'imperatrice Eugenia: «È impossibile per me dire quello che ho sofferto e quello che sto soffrendo ora [...] avrei preferito la morte a una capitolazione così disastrosa, eppure, sotto le attuali circostanze, è stato l'unico modo per evitare il massacro di sessantamila persone. Se solo tutti i miei tormenti fossero concentrati qui! Io penso a te, a nostro figlio e al nostro Paese infelice» [127] .

Fine dell'Impero

La notizia della capitolazione raggiunse Parigi il 3 settembre, confermando le voci che già circolavano in città; non appena l'imperatrice ricevette la notizia reagì urlando: «No! Un imperatore non si arrende! È morto! [...] Stanno cercando di nasconderlo a me! Perché non si è suicidato? Non sa che così ha disonorato se stesso?» [128] .

Poco dopo, una folla ostile cominciò ad accerchiare il palazzo imperiale e l'Imperatrice, abbandonata ormai anche dal personale, decise di cercare rifugio dal suo dentista statunitense il quale la portò a Deauville . Da lì, il 7 settembre, grazie alla nave di un ufficiale britannico, raggiunse l'Inghilterra [129] .

Il 4 settembre, un gruppo di deputati repubblicani, guidati da Léon Gambetta , si riunirono presso l'Hôtel de Ville (municipio) di Parigi e proclamarono il ritorno della Repubblica e la creazione di un governo di difesa nazionale: il Secondo Impero di Napoleone III era finito [130] .

Esilio e morte

Napoleone III dopo la morte , di R & E Taylor

Dopo la Battaglia di Sedan , dal 5 settembre 1870 al 19 marzo 1871 Napoleone III e il suo seguito furono tenuti in custodia in un castello a Wilhelmshöhe , nei pressi di Kassel .

Durante la prigionia, l'ormai ex imperatore ricevette spesso le visite della moglie e si dedicò alla scrittura di lettere e trattati politici mentre cercava di promuovere un proprio eventuale ritorno al potere; tuttavia, sebbene alle elezioni dell'8 febbraio 1871 partecipassero anche candidati bonapartisti, questi ottennero solo cinque seggi, né poterono impedire che il 1º marzo l'imperatore fosse dichiarato ufficialmente deposto [131] .

Finita la guerra, Bismarck rilasciò Napoleone, il quale, insieme alla moglie e al figlio, decise di andare in esilio nel Regno Unito ; ma, disponendo di fondi limitati, fu costretto a vendere gran parte delle sue proprietà e dei gioielli. Giunto a Londra nel marzo del 1871, l' ex Imperatore e la sua famiglia si stabilirono a Camden Palace , una grande casa di campagna, sita nel villaggio di Chislehurst , distante una mezz'ora di treno da Londra [132] . A Camden Palace Napoleone trascorse il tempo a scrivere ea progettare un modello di stufa, mantenendosi assai distante dalla politica (sebbene ricevesse la visita della regina Vittoria ) [133] .

Tuttavia, nell'estate del 1872 la sua salute iniziò a peggiorare, ei medici raccomandarono un intervento chirurgico al fine di rimuovere i calcoli biliari ; Napoleone fu operato due volte, ma poco dopo il secondo intervento si ammalò gravemente, morendo il 9 gennaio del 1873 dopo aver domandato agli astanti se gli ufficiali francesi si fossero comportati da codardi a Sedan [134] .

Il sarcofago di Napoleone III nell' Abbazia di San Michele a Farnborough

In origine fu sepolto a Chislehurst, presso la chiesa cattolica di Santa Maria, ma dopo che suo figlio, ufficiale dell'esercito del Regno Unito, morì nel 1879 combattendo contro gli Zulù in Sud Africa, Eugenia decise di far costruire un monastero e una cappella per le spoglie del marito e del figlio: così, nel 1888, Napoleone e Napoleone Eugenio Luigi furono definitivamente traslati nella cripta imperiale nell' abbazia di San Michele a Farnborough , nella contea dello Hampshire , Regno Unito.

Discendenza

La famiglia imperiale nel 1865

Napoleone III e la contessa di Teba María Eugenia de Guzmán Montijo ebbero un figlio:

Illegittimi :

  • (da Maria Anna Schiess) Bonaventur Karrer (1839–1921);
  • (da Éléonore Vergeot) Eugène-Alexandre Bure (1843-1910), conte di Orx;
  • (da Éléonore Vergeot) Louis-Ernest Bure (1845-1882), conte di Labenne;
  • (da Harriet Howard, contessa di Beauregard) Martin Harriet Bonaparte, comte de Béchevet;
  • (da Valentine Haussmann) Jules Hadot.

Ascendenza

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Giuseppe Maria Buonaparte Sebastiano Nicola Buonaparte
Maria Anna Tusoli
Carlo Bonaparte
Maria Saveria Paravicini Giuseppe Maria Paravicini
Maria Angela Salineri
Luigi Bonaparte
Giovanni Geronimo Ramolino Giovanni Agostino Ramolino
Maria Letizia Boggiani
Maria Letizia Ramolino
Angela Maria Pietrasanta Giuseppe Maria Pietrasanta
Maria Giuseppa Malerba
Napoleone III di Francia
François de Beauharnais Claude de Beauharnais
Renée Hardouineau
Alessandro di Beauharnais
Marie Henriette Pyvart de Chastullé François Jacques Pyvart de Chastullé
Jeanne Hardouineau de Landanière
Ortensia di Beauharnais
Joseph-Gaspard de Tascher de la Pagerie Gaspar José Tascher de La Pagerie
Marie Françoise Bourdeau de La Chevalerie
Giuseppina di Beauharnais
Rose-Claire des Vergers de Sanois Joseph-François des Vergers de Sanois
Marie Browne

Onorificenze

Onorificenze francesi

Gran Maestro e Gran Aigle dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Gran Aigle dell'Ordine della Legion d'Onore
Gran Maestro dell'Ordine dell'Unione (come pretendente) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dell'Unione (come pretendente)
Medaglia di Sant'Elena - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di Sant'Elena
«Creatore dell'ordine»
Médaille militaire - nastrino per uniforme ordinaria Médaille militaire
Médaille commémorative de la expedition in Mexique - nastrino per uniforme ordinaria Médaille commémorative de la expedition in Mexique
Medaille Commémorative de la Campagne d'Italie de 1859 - nastrino per uniforme ordinaria Medaille Commémorative de la Campagne d'Italie de 1859

Onorificenze straniere

Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata (Regno d'Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata (Regno d'Italia)
— 1849
Cavaliere di gran croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (Regno d'Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (Regno d'Italia)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine militare di Savoia
Medaglia d'Oro al Valor Militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Oro al Valor Militare
Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro
Cavaliere di Gran Croce del Reale Ordine di San Ferdinando e del Merito - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce del Reale Ordine di San Ferdinando e del Merito
Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Giuseppe - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Giuseppe
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale della Cambogia - nastrino per uniforme ordinariaCavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale della Cambogia
Cavaliere di Collare dell'Ordine Piano - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Collare dell'Ordine Piano
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera
Cavaliere di I classe dell'Ordine dell'Aquila Rossa - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I classe dell'Ordine dell'Aquila Rossa
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Guglielmo (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Guglielmo (Paesi Bassi)
Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Casata Ernestina di Sassonia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Casata Ernestina di Sassonia
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Luigi d'Assia (Granducato d'Assia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Luigi d'Assia (Granducato d'Assia)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona Fiorata - nastrino per uniforme ordinariaCavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona Fiorata
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Torre e della Spada - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Torre e della Spada
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud
Cavaliere dell'Ordine di Sant'Uberto - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Sant'Uberto
Gran Cordone dell'Ordine reale di Leopoldo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine reale di Leopoldo
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale di Santo Stefano d'Ungheria
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini
— 10 ottobre 1855
Cavaliere di I classe dell'Ordine di Medjidié (Impero ottomano) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I classe dell'Ordine di Medjidié (Impero ottomano)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Fedeltà - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Fedeltà
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona del Württemberg - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona del Württemberg
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone e del Sole - nastrino per uniforme ordinariaCavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone e del Sole
Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Imperiale di Sant'Alexander Nevsky - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Imperiale di Sant'Alexander Nevsky
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Bianca - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Bianca
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Sant'Anna - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Sant'Anna
Collare dell'Ordine Imperiale dell'Aquila Messicana - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine Imperiale dell'Aquila Messicana
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Salvatore (Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Salvatore (Grecia)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Spada - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Spada
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Carlo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Carlo
Cavaliere dell'Ordine di Nichan Iftikar - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Nichan Iftikar
Cavaliere dell'Ordine del Leone d'Oro di Nassau - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Leone d'Oro di Nassau
Cavaliere dell'Ordine del Falco Bianco - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Falco Bianco
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Imperiale di Nostra Signora di Guadalupe - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Imperiale di Nostra Signora di Guadalupe
Fascia dei Tre Ordini - nastrino per uniforme ordinaria Fascia dei Tre Ordini
— 1854

Note

  1. ^ ( FR ) Eddie de Tassigny: La descendance de Napoléon Ier. Empereur des Français , 2009; La descendance de Napoéon III. Dernier souverain de France , 2011
  2. ^ Bresler , p. 20 .
  3. ^ "à Toulouse, en 1807, depuis le 12 du mois d'août que vous vîntes me trouver de Cautrets (sic) jusqu'à notre arrivée à Saint-Cloud, vers la fin dudit mois", lettera di Luigi ad Ortensia del 14 settembre 1816
  4. ^ Séguin , pp. 21-24 .
  5. ^ Milza , p. 15 .
  6. ^ Bresler , p. 37 .
  7. ^ Reconstruction of the Lineage Y Chromosome Haplotype of Napoléon the Frist ( PDF ), su ijsciences.com . URL consultato il 4 febbraio 2015 .
  8. ^ Et si Napoléon III n'était pas le neveu de l'Empereur , su lefigaro.fr . URL consultato il 27 febbraio 2016 .
  9. ^ Storia di corna. Napoleone III non è il nipote di Bonaparte , su ilgiornale.it . URL consultato il 4 febbraio 2015 .
  10. ^ Séguin , p. 26 .
  11. ^ Milza , pp. 39-42 .
  12. ^ Bresler , pp. 90-95 .
  13. ^ Bresler , p. 95 .
  14. ^ Milza , pp. 58-72 .
  15. ^ Milza , pp. 72-77 .
  16. ^ Séguin , pp. 55-56 .
  17. ^ Séguin , pp. 61-62 .
  18. ^ Séguin , p. 68 .
  19. ^ Milza , pp. 97-99 .
  20. ^ Milza , p. 100 .
  21. ^ Milza , pp. 107-108 .
  22. ^ Séguin , pp. 74-75 .
  23. ^ Milza , pp. 122-133 .
  24. ^ Séguin , p. 81 .
  25. ^ Séguin , p. 83 .
  26. ^ Séguin , p. 89 .
  27. ^ Séguin , p. 93 .
  28. ^ Séguin , pp. 95-97 .
  29. ^ Séguin , p. 102 .
  30. ^ Séguin , pp. 102-105 .
  31. ^ Séguin , p. 105 .
  32. ^ Séguin , p. 106 .
  33. ^ Séguin , pp. 108-109 .
  34. ^ Milza , p. 182 .
  35. ^ Séguin , p. 111 .
  36. ^ Milza , pp. 182-190 .
  37. ^ Séguin , p. 115 .
  38. ^ Séguin , p.125 .
  39. ^ Séguin , pp 124-125 .
  40. ^ Milza , pp. 189-190 .
  41. ^ a b c Milza , p.194 .
  42. ^ Price , p. 16 .
  43. ^ Milza , pp. 208-209 .
  44. ^ Cobban , p. 155 .
  45. ^ Cobban , p. 156 .
  46. ^ Cabot Abbott , p. 418 .
  47. ^ Milza , p. 255 .
  48. ^ Milza , p. 261 .
  49. ^ Cobban , pp. 157-158 .
  50. ^ Cobban , p. 158 .
  51. ^ Milza , p. 271 .
  52. ^ Milza , p. 277 .
  53. ^ Milza , pp. 277-279 .
  54. ^ Cobban , pp. 159 .
  55. ^ Milza , p. 279 .
  56. ^ Elections Legislatives 1852 , su roi-president.com . URL consultato il 28 febbraio 2014 (archiviato dall' url originale il 14 novembre 2012) .
  57. ^ Milza , p. 283 .
  58. ^ In una situazione che ricorda quella di Luigi XVIII , il numero dinastico di Napoleone III presuppone la presenza di un legittimo Napoleone II che, in effetti, figlio di Napoleone Bonaparte e nominato successivamente duca di Reichstädt , regnò per due soli giorni e morì giovane e in esilio.
  59. ^ Milza , p. 468 .
  60. ^ Milza , pp. 467-470 .
  61. ^ Séguin , pp. 241-243 .
  62. ^ Plessis , pp. 60-61 .
  63. ^ Milza , pp. 471-474 .
  64. ^ Milza , p. 474 .
  65. ^ Milza , p. 486 .
  66. ^ Séguin , p. 304 .
  67. ^ a b Séguin , pp. 306-309 .
  68. ^ Séguin , p. 309 .
  69. ^ Giuseppe Galzerano, Giovanni Passannante , Casalvelino Scalo 2004, p. 305.
  70. ^ Milza , pp. 382-386 .
  71. ^ Milza , pp. 388-389 .
  72. ^ Milza , p. 386 .
  73. ^ Milza , pp. 392-395 .
  74. ^ Markham , p. 199 .
  75. ^ Milza , pp. 407-412 .
  76. ^ Milza , pp. 357-362 .
  77. ^ Milza , p. 414 .
  78. ^ Milza , pp. 415-420 .
  79. ^ Milza , p. 425 .
  80. ^ In conseguenza della sanguinosa battaglia fu fondata la Croce rossa.
  81. ^ Milza , pp. 427-428 .
  82. ^ Séguin , p. 260 .
  83. ^ Milza , pp. 434-444 .
  84. ^ Girard , pp. 325-328 .
  85. ^ Girard , pp. 309-310 .
  86. ^ Girard , p. 449 .
  87. ^ "Protectorates and Spheres of Influence – Spheres of influence prior to World War II" Archiviato il 19 settembre 2015 in Internet Archive . Encyclopedia of the New American Nation
  88. ^ Michele Cunningham, Mexico and the Foreign Policy of Napoleon III , Palgrave Macmillan, 2001.
  89. ^ Don H. Doyle, The Cause of All Nations: An International History of the American Civil War , Basic Books, 2014, p. 303.
  90. ^ Séguin , pp. 345-346 .
  91. ^ Séguin , pp. 346-347 .
  92. ^ Milza , pp. 568-569 .
  93. ^ Alain Plessis, The Rise and Fall of the Second Empire, 1852–1871 , 1988.
  94. ^ Séguin , p. 370 .
  95. ^ Girard , pp. 376-377 .
  96. ^ Girard , p. 378 .
  97. ^ Girard , p. 380 .
  98. ^ Markham , p. 203 .
  99. ^ Séguin , p. 387 .
  100. ^ Séguin , p. 389 .
  101. ^ Séguin , p. 392 .
  102. ^ Michael Howard, The Franco-Prussian War: The German Invasion of France 1870-1871 , Taylor & Francis, 1981, pp. 30, 38–39. .
  103. ^ Milza , pp. 45-46 .
  104. ^ Milza , pp. 46-47 .
  105. ^ Indro Montanelli,Italia unita (Da Napoleone alla svolta del Secolo),p.595 .
  106. ^ Milza , pp. 47-48 .
  107. ^ Séguin , p. 394 .
  108. ^ Milza , pp. 47-50 .
  109. ^ Milza , p. 52 .
  110. ^ Milza , p. 55 .
  111. ^ Milza , pp. 55-56 .
  112. ^ Il testo del dispaccio, nella versione voluta da Bismarck, citato in Séguin p. 56.
  113. ^ Milza , pp. 57-59 .
  114. ^ Girard , p. 473 .
  115. ^ Milza , p. 69 .
  116. ^ Milza , p. 70 .
  117. ^ Milza , p. 61 .
  118. ^ Milza , pp. 80-81 .
  119. ^ Milza , p. 81 .
  120. ^ Milza , p. 92 .
  121. ^ Milza , pp. 92-93 .
  122. ^ Girard , p. 482 .
  123. ^ Milza , pp. 707-708 .
  124. ^ Milza , p. 708 .
  125. ^ Milza , p. 709 .
  126. ^ Milza , p. 79 .
  127. ^ Milza , p. 710 .
  128. ^ Milza , p. 711 .
  129. ^ Milza , pp. 711-712 .
  130. ^ Milza , p. 712 .
  131. ^ Girard , p. 488 .
  132. ^ Girard , p. 497 .
  133. ^ Girard , p. 498 .
  134. ^ Girard , p. 500 .

Bibliografia

Fonti principali
  • Anceau, Eric, Napoléon III, un Saint-Simon à cheval , Paris, Tallandier, 2008.
  • Choisel, Francis, La Deuxième République et le Second Empire au jour le jour , chronologie érudite détaillée, Paris, CNRS Editions, 2015.
  • Girard, Louis Napoléon III , Paris, Fayard, 1986.
  • Pierre Milza, Napoléon III , Parigi, Tempus, 2006, ISBN 978-2-262-02607-3 .
  • Philippe Séguin, Louis Napoléon Le Grand , Paris, Bernard Grasset, 1990, ISBN 2-246-42951-X .
  • Tulard, Jean (dir.), Dictionnaire du Second Empire , Paris, Fayard, 1995, 1348 p.
  • Fenton Bresler, Napoleon III: A Life , Londra, HarperCollins , 1999, ISBN 0-00-255787-8 .
  • Alfred Cobban, A History of Modern France: Volume 2: 1799-1871 , Londra, Penguin, 1965.
  • Felix Markham, The Bonapartes , Londra, Weidenfeld & Nicolson , 1975, ISBN 0-297-76928-6 .
  • Alain Plessis, The Rise & Fall of the Second Empire 1852–1871 , Cambridge University Press , 1989.
Approfondimenti
  • Roger Price, Napoléon III and the Second Empire , Psychology Press, 1997.
  • John Stevens Cabot Abbott, The history of Napoleon III., emperor of the French , 1873.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Presidente della Repubblica Francese Successore Flag of France.svg
Louis Eugène Cavaignac
Presidente del Potere Esecutivo
20 dicembre 1848 - 2 dicembre 1852 sé stesso come imperatore Napoleone III
Predecessore Capo di Stato della Francia Successore Flag of France.svg
Louis Eugène Cavaignac
Presidente del Potere Esecutivo
20 dicembre 1848 - 4 settembre 1870 Louis-Jules Trochu
Presidente del Governo di Difesa Nazionale
Predecessore Imperatore dei francesi Successore Imperial Standard of Napoléon III.svg
Luigi Filippo di Francia
Come Re dei Francesi
2 dicembre 1852 - 4 settembre 1870 Monarchia abolita
Predecessore Pretendente alla corona imperiale di Francia
Napoleone III
Successore Imperial Standard of Napoléon III.svg
Luigi Bonaparte 25 luglio 1846 - 2 dicembre 1852
A causa della restaurazione borbonica
Sé stesso come imperatore I
Sé stesso come imperatore 4 settembre 1870 - 9 gennaio 1873
A causa della disfatta del Secondo Impero Francese
Napoleone Eugenio Luigi Bonaparte II
Predecessore Coprincipe di Andorra Successore Flag of Andorra (1934).svg
Luigi Filippo 20 dicembre 1848 - 4 settembre 1870 Adolphe Thiers
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 88934487 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2142 9066 · SBN IT\ICCU\RAVV\057238 · LCCN ( EN ) n79071059 · GND ( DE ) 118586416 · BNF ( FR ) cb12462544v (data) · BNE ( ES ) XX1312716 (data) · ULAN ( EN ) 500248237 · NLA ( EN ) 35372791 · BAV ( EN ) 495/57810 · CERL cnp00395941 · NDL ( EN , JA ) 00551092 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79071059