Mizik

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Menm non - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade mizik (menm non) .
Evaristo Baschenis , Enstriman Mizik.

Klas Mizik (ki soti nan Grèk μουσική nan noun, mousike; "atizay nan muz yo ") se pwodwi a nan atizay la nan konsepsyon ak pwodwi, nan sèvi ak enstriman mizik oswa vwa a, yon siksesyon nan son ki gen tandans yo dwe bèl pou koute. Plis teknikman, mizik konsiste nan KONSEPSYON la ak realizasyon nan son, tenbr ak tèr sou tan ak nan espas.

Li se atizay kòm yon konplèks nan règ pratik apwopriye pou reyalize efè son sèten, ki se kapab eksprime enteryorite a nan moun nan ki moun ki pwodui mizik la ak nan koute a. Moun k'ap viv koulye a nan son rive nan chante oswa nan sèvi ak enstriman mizik ki, nan prensip yo nan acoustique , lakòz oditif pèsepsyon a ak eksperyans nan emosyonèl vle pa atis la .

Sepandan, siyifikasyon an nan mizik la tèm se pa inik ak se pi deba nan mitan entelektyèl akòz siyifikasyon yo diferan yo itilize nan divès peryòd istorik. Etimolojik, proceed yo ki dire mizik ki soti nan adjektif an grèk μουσικός / musikòs, ki gen rapò ak muz yo , figi a Greek ak Women mitoloji , refere nan yon fason enplisit nan teknik, tou dekoulan soti nan Greek τέχνη / techne la. Originally tèm nan pa t 'endike yon patikilye atizay , men tout atizay yo nan muz yo, epi refere yo bay yon bagay "pafè". Macro-kategori ki nan kiltive , limyè ak etnik yo divize an diferan estil ak fòm mizik ke sistèm itilize tankou amoni , melodi , tonalite ak polifoni .

Istwa

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Istwa nan mizik .

Klas Mizik nan fwa pre-istorik

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Pre-istorik mizik .

Klas Mizik nan antikite

Icône loup mgx2.svg Sijè sa a menm nan detay: Klas Mizik nan ansyen Grès , Klas Mizik nan Women Sivilizasyon , Klas Mizik nan Ansyen peyi Lejip, ak Klas Mizik nan Antikite .

Nan ansyen Grès, Pythagoras konprann relasyon ki fèmen ant mizik ak matematik , akòz relasyon ki genyen ant relasyon fraksyon ak son .

Platon deklare ke, menm jan jimnastik sèvi ranfòse kò a, mizik te anrichi nanm nan. Li atribiye yon fonksyon edikasyonèl mizik, tankou matematik. Dapre l 'li te nesesè yo konnen ki jan yo chwazi ant yon anpil ak yon ti kras, ant plis oswa mwens, ant bon oubyen move, yo rive jwenn objektif final la [1] .

Medyeval mizik sakre

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Gregoryen chant .

Nan Krisyanis , chante te gaye toupatou, paske "Kris la" tèt li te dekri tankou yon chantè ansanm ak disip li yo: "Apre yo te fin chante kantik espesyal pou fèt la, yo soti nan direksyon pou mòn Oliv la MT 26,30 [2] Klas Mizik nan Krisyanis pi devlope nan plas la. pou adore, legliz la: li te mizik la ki te fèt nan liturjik a selebre mas la .

Li kapab ipotèz ke fòm inisyal la nan mizik litijik te monodic (ki soti nan mo grèk la ki vle di yon vwa yon sèl, dir te melodi a menm chante chante pa youn oswa plis mizisyen) ak ki baze sou varyasyon nan anplasman alantou yon nòt fondamantal (yo rele recita) , se yon varyasyon ki te dikte nan prozodi a (oswa anfaz) nan mo sa yo nan tèks la sakre, nan style nan mizik rele silabik. Apre yon tan, yo te yon stil dezyèm supèrpoz sou sa a style, ki domine pi fò nan mas la, okòmansman rezève pou moman nan pi gwo anfaz tankou ofèrtwar la, nan ki yon solist intoned tèks la pa lib varye oubyen bite a nan yon silab menm nan yon stil rele melismatic .

transmisyon a nan mizik te pran plas nan pwen sa a pa tradisyon oral, ak nan lekòl chante, ki gen prezans nan sant sa yo pi gwo nan adorasyon se Ateste depi katriyèm syèk la. Anplis de sa nan lekòl la ki gen orijin, li posib ke enpwovizasyon a ak konpetans nan Cantor a endividyèl tou lajman detèmine mizik la nan sèvi ak litijik.

Nan kòmansman an nan sizyèm syèk la , te gen plizyè Ewopeyen an zòn litijik nan West la, yo chak ak pwòp rit konsolide li yo, ki asosye avèk yon planus espesifik kantu, oswa yon kalite monodic chant litijik (nan mitan yo menm ki prensipal yo, nou sonje Old- nan Women RITE, rit la anbrozyèn nan Milan , rit la vizigot-Mozarabic nan Espay , rit la Celtic nan Isles yo Britanik, rit la galikan nan Lafrans , Aquileian rit la nan lès peyi Itali, Benevento rit la nan sid peyi Itali). Tradisyon gen li ki nan fen syèk sa a, anba pap la nan Gregory Great a ( 590 - 604 ), te gen pouse nan desizif nan direksyon pou inifikasyon an nan valè yo ak mizik la kache yo.

An reyalite gen yon rezon ki fè nou kwè ke inifikasyon an te pran plas prèske de syèk apre, pa Charlemagne ak anba enpilsyon la nan inifikasyon politik la ki te mennen nan nesans la nan Anpi a Women Sentespri . ta Wikimedia nan Gregory Great a yo te prezante yo simonte rezistans a nan chanjman nan anviwònman yo diferan eklezyastik, fòse yo abandone tradisyon pwòp yo. Pwodwi a nan inifikasyon an nan de nan valè yo prensipal yo, Old-Women an ak galikan a, yo te kodifye nan sa yo rele gregoryen antiphonary nan , ki genyen tout chante yo pèmèt nan liturjik a inifye. Inifikasyon sa a klase moso yo nan mizik sakre nan itilize dapre yon sistèm nan mòd, enspire - omwen nan non yo - pa fason yo nan tradisyon an grèk (doryen, hypodoric, Phrygian, hypophrygian, Lydian, hypolydian, misolydian, hypomisolid).

repètwa a nan Gregoryen chant se trè vas epi li se différenciés nan laj nan konpozisyon, rejyon nan fòm orijin, ak style. Li konsiste de chante yo nan Biwo a (sa yo rele "Liturgy nan Orè yo" resite chak jou pa legliz la) ak chante yo nan Mass la.

  • Yo fòm yo litijik-mizik yo jwenn nan chante yo nan Biwo a: antyèn yo, Responsors yo (ki kapab kout oswa sil), "cantica a" (nan yon karaktè plis lirik) ak Hymns yo (resite sèlman nan monastè yo pou gen krentif pou, ki soti nan yon pati nan Legliz la, nan a gaye erezi, yo bay apwobasyon ki gen fòs ak popilè yo);
  • Nan chante yo nan Mass la gen fòm lye nan pati pyès sa yo nan Moun ki afiche nan òdinè oswa Ordinarium (dir tèks yo ki pa janm chanje: Kyrie , Gloria , Credo , Saint ak Agnus Dei ) ak nan propriyo oswa propr Moun ki afiche nan (sa vle di tèks yo ki varye selon fèstivite yo divès kalite: Introit , Graduale , byen fò - ranplase pa Tract la nan moman sa a nan Karèm -, ofèrtwar ak komunyo ).

Tou de nan chante yo nan Biwo a ak nan sa yo ki nan Mass la nou jwenn tout konpozisyon estil-estil yo nan repètwa a Gregoryen; yo ka klase nan twa fanmi yo gwo:

  • Chante silabik (lè chak silab nan tèks la anjeneral koresponn ak yon nòt sèl) tankou senp antyèn yo nan Biwo a, melodi yo senp nan òdinè a ak resitatif yo nan ofisyan a;
  • Semi-silabik a oswa chante neumatic (lè ti gwoup nan nòt koresponn ak chak silab sèl nan tèks la) tankou Introiti a ak komunyo nan Mass la oswa kèk antyèn plus de Biwo a;
  • Chante yo nan yon genre melismatic (lè se chak silab nan tèks la devlope ak anpil nòt) tankou kèk Graduals ak Offertors oswa sil la responsories nan Biwo a Oswa pi enpòtan jubilus a nan byen fò a.
Plurisonic neuma.

Refòm nan Gregoryen ranplase etid la nan tèks pou transmisyon a oral nan lekòl yo chante orijinal, sakrifye, nan adisyon a sengularite rejyonal (kèk nan yo ki, espesyalman sa yo ki nan Mozarabic kalkile, patikilyèman moun rich) ak mikwo-ton oubyen bite (ki toujou egziste nan ansyen-Women rit la) tou wòl nan enpwovizasyon. An menm tan an te gen bezwen nan "anote" tèks yo ekri nan lòd yo ede mizisyen yo toujou fè mizik la nan menm fason an, ak yon liy melodi ki endike direksyon li yo, moute desann oswa. Sa a bezwen te bay monte nan siy patikilye ( neumes , aparamman fèt soti nan jès yo nan direktè a koral) ki, te note ant liy yo nan kòd yo, reprezante pwogrè a nan melodi a, kòm deja mansyone, (men kite oubyen bite ak ritm gratis ). ekri nan neumatic konsa te vin premye "notasyon la", kon sa pawòl Bondye a "nòt", mizik modèn.

Nesans la nan notasyon a

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Guido Monako .

Neumatic ekri kite anpil imajinasyon lektè a, epi, pou rezon sa a anpil, li te inoporten pou transcription nan konpozisyon nan pi gwo konpleksite, ki mete yon souch sou memwa a nan mizisyen yo. Li te nan travay la nan Guido d'aredzo (992 ca.-1050 ca.) ki te sistèm an premye nan ekri diastematic etabli, se sa ki, yon ekri ki te pèmèt ton sa yo diferan nan nòt yo yo dwe intoned yo dwe endike yo. Guido rele Tetragrammaton sistèm l 'paske li mete siy (ki ta pi ta vin nòt modèn) nan yon griy ki fòme (souvan) nan kat liy paralèl. Sa a te nan konmansman an nan itilize nan nòt nan ki te ekri nan dure jwenn Prorate (dire a nan yon nòt te endike nan pwopòsyon bay lòt moun yo). Nan nòt yo ki te pozisyone yo nan espas yo ak sou liy ki, Guido asiyen non prèske tout ki koresponn a silab yo premye nan sis premye vèsè yo nan yon kantik dedye a St Jan Batis la kòm yon memorandòm pou elèv yo:

( LA )

" queant laxis
Re fib sonare
Mi ra gestorum
Li fè sa ki Muli tuorum
Sol te polluti
Reatum nan bií
S ancte mwen ohannes "

( IT )

«Se konsa, ki yo kapab ak gratis
vwa chante
bèl bagay yo nan aksyon
ou (ou) domestik,
efase nan kondisyon pou fè sèvis nan
peche lèv,
oswa St John "

( Hymn nan St Jan )

inovasyon reyèl la nan Guido te ke silab yo an premye nan kantik an pa te sèlman itilize bay yon non yo nòt yo, men tou, bay oubyen bite relatif yo. Nan fason sa a yon Cantor te kapab psalmodye nan je premye yon chante pa janm tande anvan tou senpleman pa refere li a silab nan kantik la ak oubyen bite a menm jan ak nòt la premye nan ki chante sa a, te kòmanse nan lòd yo gen yon lide imedya de moun ki rasin lan. Guido te bay memorizasyon sa a travay non an nan solmization . Nan dènye ane yo ki swiv, Tetragrammaton Guido d'aredzo la, orijinal doue ak yon kantite varyab nan liy, ta estabilize sou senk liy (an konsideran non an nan pentakl ) ak nòt la Fè ta ka chanje non li a C, tap mete fondasyon yo nan modèn nan mizik notasyon.

troubadou yo

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Troubadou .
Troubadour nan Bernard de Ventadorn .

Soti nan pwen an de vi nan konsèvasyon li yo, mizik te doubl dezavantaje. Sou yon bò, jouk envansyon nan près ekri a, li soufri nan sò a komen nan tout materyèl la ki te dwe lage desann nan ekri, se sa ki, ki soti nan rar la nan materyèl la, vle di la ak kapasite nan pase l ' sou. Ajoute nan sa a te mank nan yon notasyon ki te pèmèt mizik la dwe ekri nan yon fason univok (ki te sèlman te rive nan alantou 1500 ).

Nan sikonstans sa yo pratik, te gen tou prejije nan yon nati kiltirèl (date tounen nan KONSEPSYON la grèk) ki idantifye nan pratik mizik yon pati nòb, ki konekte nan pawòl Bondye a, ak yon pati atizan, ki konekte nan son an enstrimantal. Dezyèm lan te rlege nan background nan, epi, nan fonksyon sèvis li yo, kite yo mizisyen pwofesyonèl (toujou ki gen orijin ki pa nòb): sa a se ekivalan a ki di ke mizik popilè te reskonsab sèlman nan transmisyon nan bouch epi li se konplètman pèdi pou nou. Melodi yo kèk sa yo ki te desann vin jwenn nou te souvan fè sa pa fofile nan konpozisyon konsidere kòm merite pou yo ke yo te lage desann (souvan nan pati nan mas la): sa a se ka a nan melodi a rele L'homme lame a nan ak (pita) nan la melodi rele La Follia . Se sèlman nan epòk la modèn pral mizik popilè kòmanse yo dwe konsidere kòm merite pou yo ke yo te lage desann.

Li konnen sepandan ki nan Mwayennaj yo yo pwodwi yon anpil nan mizik ki pa sakre: yon temwen enpòtan (derespekte byenke pa egzakteman popilè) soti nan konpozisyon yo nan troubadou yo , trouvères yo ak Minnesanger , mizisyen ak pèdi wout powèt, ki gen dosye premye dat tounen nan alantou syèk la 11th . Nan yon orijin diferan lengwistik ( langue d'OC oswa Occitan pou Troubadour nan , langue d'lwil oliv pou trouvères , Alman pou Minnesanger oswa menèstrèl ), yo te ini pa agiman an nan chante yo, ' renmen an agréables ak prezans yo, jisteman nan tribinal yo, kote yo te mete fòm sa a ritualize nan renmen te devlope. Gaye nan nan konpozisyon Troubadour tou akonpaye a gaye lide ki fè konnen edikasyon mizik (estrikteman ki pa pwofesyonèl) yo ta dwe yon pati nan edikasyon an nan yon nòb. Kòm pou rès la nan konpozisyon yo popilè, sepandan, tou yon pati nan mizik nan konpozisyon yo Troubadour te prèske nèt pèdi tou akòz destriksyon nan ki te koze pa kwazad nan kont Albigensians yo .

konpozisyon yo ki gen desann vin jwenn nou (nan vèsyon plizyè, ki endike gwo sikilasyon an nan melodi ak konpozitè tèt yo) pou yo ranmase nan Canzoniere a, nan ki non yo ak lavi nan troubadou pi popilè yo mansyone nan 'vida yo. Pami non yo ki parèt pi: Arnaut Danyèl (tou mansyone pa Dante nan purgatwar); Jaufre Rudel; Bernard de Ventadorn; Bertran de Fèt. Mèsi a songbooks yo nou yo tou okouran de estil yo, tou de literè ak mizik, ki konpoze ak chante chante pa menèstrèl, ki pa sèlman fè fas ak tèm nan nan renmen. Konpozisyon an par ekselans se Canso nan pou troubadou yo, chanson pou troubadou yo, bay manti pou minnesanger a; akote l nou jwenn dimanch maten byen bonè nan (separasyon de rayisab nan dimanch maten byen bonè, apre yo fin depanse nwit la la ansanm), mouton an (reyinyon ant yon Knight ak yon mouton); tansyon an ak Sirventesi an nan genre satirik.

Ars Ansyen ak Ars Nova

Icône loup mgx2.svg Sijè sa a menm nan detay: Ars Ansyen ak Ars Nova .

Ansyen Ars te yon fenomèn mizik ki te fòme nan Paris an 1150 ak te fini nan 1320 . Li te fèt an opozisyon ak Ars Nova , ki pral yon lòt gwo mouvman Polyphonic ke yo pral fèt nan syèk la katòzyèm . Soti nan pwen an de vi nan notasyon mizik, Lekòl la nan Notre Dame prezante teknik la nan ki endike jisteman anplasman an nan nòt yo (ki nan travay la nan Guido d'aredzo te toujou konprann nan yon fason relatif) nan yon fason ki sanble ak sa k ap pase alekri mizik modèn, ak lide nan premye nan divizyon dure.: te kapab chak nòt ap divize an twa nòt nan pi kout dire. Ars Nova pli lwen devlope konsèp nan mzurabl notasyon , pandan l ajoute lòt dure ak sa ki itilize jiska lè sa a, ak pwolonje Application a nan divizyon an binè nan valè; li tou aksantu aspè yo mizik nan konpozisyon yo (miltipliye vwa yo nan mizisyen yo ak entwodwi pou egzanp fòm lan polytextual nan mote a ) ki gen rapò ak aspè yo textuelle. Sa yo innovations vit mete l 'nan konfli ak ekspozan yo nan Ars Ansyen (yon konfli ki te pran sou ton sa yo vyolan ki li te dwe quelled pa yon entèvansyon wa).

Klas Mizik nan Imanis ak Renesans la

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Renesans mizik .

Pandan syèk ki te kenzyèm yon style nouvo devlope, okòmansman enspire pa konpozitè angle (an patikilye Jan Dunstaple ), ak pita pa lekòl la Franko-flamand , ki anpil inove fòm yo pre-ki deja egziste nan mas , mote a ak chanson . Pa mete consonances yo pou tyè (toujou abitye nan zòrèy la lwès jodi a) ak fòm nan imitation a canon a nan baz la nan pwosedi konpozisyon yo, Franko-Burgundians yo (pami moun nou sonje lidè nan lekòl Guillaume Dufay ak Josquin Des Prez ) revolusyone pratik la nan eritye polifoni soti nan Ars Nova . Travay la nan konpozitè sa yo mete fondasyon yo pou la devlopman nan sa ki ta teyori a nan amoni .

Nan sèzyèm syèk la nou gen nesans la nan Madrigal nan (yon fòm chante chante ak vwa plizyè, nan ki siyifikasyon an nan tèks la kominike pèsonaj la espresif mizik la) pa franse Philippe Verdelot nan ak flamand Jacques Arcadelt nan . Mèsi a envansyon nan laprès la, yo te pibliye mizik fèt, ki nan peyi Itali te vize pi wo a tout nan yon elit, pandan ke yo nan Lafrans ak pati nò Lewòp li ki vize a yon ekspansyon nan mache a.

Refòm nan radikalman enfliyanse wout ki pase nan konsepsyon mizik: pandan ke yo nan kalvinis zòn mizik la te redwi a fonksyon a sèl litijik, nan yo menm ki Lutheran li gaye lajman nan nivo popilè, ranpli wòl la nan gras lakòl nasyonal nan lang ak lafwa. Fondasyon yo te mete pou yon nouvo sensibilité jèrmen nan direksyon pou sa a atizay ki pral pwodwi efè epochal.

Nan kontèks la Katolik, sepandan, limit yo enpoze sou mizik sakre pa Konsèy la nan Trent , ki dekouraje twòp konpleksite, ki te koze yon reyaksyon a konpleksite nan nan lekòl la flamand nan syèk la anvan yo. Giovanni Pierluigi da Palestrina , pou pati l ', ki te pwodwi konpozisyon nan ki yon likid kontrepwa epès altering consonances ak dezakò ak yon efè sispansyon sigjesyon. Nan dezyèm mwatye nan syèk la nou gen nesans la nan mélodram , pa Camerata nan Florentin : nan deseni ki vin apre a pral genre nan yo mennen nan lamòd sitou gras a Claudio Monteverdi .

Barok a ak sistèm nan ton

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: mizik barok ak tonalite (mizik) .

Nan syèk mizik nan disetyèm enstrimantal nan West a te vin otonòm ak te pran sou yon bobin dekri nan estil tankou Sonata a , senfoni an , konsè a gwo . Mizik Western devlope ak rapidite ekstraòdinè nan syèk sa yo, menm pa achevman li yo sistèm ton : se yon etap enpòtan konstitye pa Johann Sebastian Bach konpozisyon an nan Oke trampe klavye a (mwen liv 1722 , II liv 1744 , koleksyon nan 48 prelud ak fug nan tout tout koulè). Nan pwemye mwatye nan syèk la dizwityèm, kliyan endirèk leve, ki vle di, itilize nan atizay pa yon piblik peye.

Classics ak mizik amoure

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: klasisism (mizik) , Amoure mizik , ak Istwa nan senfoni an .

Nan laj an lò nan mizik lwès klasik, ane sa yo soti nan 1750 1850 , li se ki eksprime nan tout tan tout tan pi rich ak plis elabore fòm, tou de nan jaden an enstrimantal (yon devlopman ekstraòdinè te gen fòm lan nan senfoni an ), ak nan operatik jaden an , exploiter pi plis ak plis posiblite yo espresif ki ofri pa sistèm nan Harmony ak ton bati nan syèk ki sot pase.

Pandan peryòd sa a, pou premye fwa a, yo te yon santiman istorik nan eksperyans nan mizik manifeste; mizik akeri yon konsyans istorik tankou lòt mèsi yo atizay nan etid yo ak piblikasyon sou sot pase a; nan mitan Trete yo remakab, nou chonje foumi a mèt. Reicha , otè a yon trete sou Melody , se yon trete sou Harmony ak yon Metòd New pou fug, osi byen ke anpil (men pi popilè) minè travay. nouvo Fenomèn sa a te fè li posib yo kreye yon kosyon ant prezan an ak sot pase a ak bay kontinwite nan chemen an mizik evolisyonè.

Nan syèk la dizwityèm te gen yon gwo prezans nan Mozart . San dout li te youn, nan mitan gwo a, e gen anpil; ak mèsi l 'evolisyon a nan mizik repoze sou yon gwo poto kreye, ki pwolonje nan tout chan sa yo, senfoni, opera, mizik chanm , serenad, epi ki reprezante lyen ki, nou ka di, ant mizik la nan dizwityèm syèk la (kalm la ak senfoni trankilite, ki parfe reflete Haydn la rapid mizik) ak yon sèl la amoure nan diznevyèm syèk la.

Nan kòmansman an nan diznevyèm syèk la figi a nan Ludwig van Beethoven loomed moute , kòmanse nan eritaj la nan Mozart ak kontanporen konpozitè klasik nan transfigure fòm yo kanonyal mizik, espesyalman senfoni an ak Sonata a , pandan y ap kreye konsèp la nan mizik absoli, se sa ki , lage nan fonksyon sosyal yo nan ki li te jusqu 'te sgondèr. Avèk Beethoven nou temwen nesans lan nan konpozitè / atis la, kòm opoze a sa a, deja répandus, nan mizisyen / bòs atizan an. Ansanm avè l ', atis tankou Johannes Brahms , Anton Bruckner ak Gustav Mahler reyalize rezilta ekselan espesyalman nan jaden an senfoni, ki se poukisa nou pale de "Sezon nan senfoni an gwo Alman".

Nan Beethoven nou jwenn manifestasyon yo an premye nan mizik romantik , anpil nan gwo chabwak yo nan yo ki te soti nan jèrmen ak Ostralyen zòn yo, tankou Weber , Schubert , Mendelssohn , Schumann . Nan Lafrans, olye de sa, Berlioz ak Polonè Chopin nan opere.

Mizik modèn ak kontanporen

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Modèn Mizik, Haitian Mizik , atonalite ak Dodecaphony .

Sa yo innovations ton te radikalman konteste pa ventyèm syèk mizik, ki eksplore nouvo fòm atonalite . Avèk teknik sa a yon sèl konpozitè a lotonomi defini règleman pou swiv pou realizasyon an nan moso nan, ki bay pi gwo enpòtans a efè a ki te pwodwi pa son yo olye ke sa ki yo nan yon sistèm ton asiyen: apresye yon moso nan mizik ki konpoze dapre artifisyèl sa yo, sepandan, koute nan jis se pa ase, men li dwe pyese pa yon etid w pran prekosyon ak nòt la .

An patikilye, nan dezyèm deseni kap vini an Arnold Schönberg , ansanm ak elèv li, ki gen ladan Alban Berg ak Anton Webern , te vini nan dekri yon nouvo sistèm , dodecaphony , ki baze sou yon seri de 12 nòt. Gen kèk konsidere kòm sa a nan konmansman an nan mizik kontanporen , souvan idantifye ak avant-Garde mizik: lòt moun fòtman dakò, kap chèche lòt avni. Il concetto di serie, inizialmente legato ai soli intervalli musicali, si svilupperà nel corso del secondo Novecento sino a coinvolgere tutti i parametri del suono. Fu questa la fase del serialismo , il cui vertice fu raggiunto negli anni cinquanta con musicisti come Pierre Boulez e John Cage .

Altri musicisti - fra cui anche Igor' Fëdorovič Stravinskij , Béla Bartók e Maurice Ravel - scelsero di cercare nuova ispirazione nelle tradizioni folkloriche e nella musica extraeuropea, mantenendo un legame con il sistema tonale, ma innovandone profondamente l'organizzazione e sperimentando nuove scale, ritmi e timbri.

A causa della larga gamma di definizioni, lo studio della musica è effettuato in una grande varietà di forme e metodi: lo studio del suono e delle vibrazioni (detto acustica ), lo studio della teoria musicale , lo studio pratico, la musicologia , l' etnomusicologia , lo studio della storia della musica .

Canto e musica nella tradizione folclorica

Con musica popolare o musica folk (letteralmente musica del/dal popolo ) e canto popolare si indicano quei generi musicali che affondano le proprie radici nelle tradizioni di una determinata etnia , popolazione , ambito geografico o culturale .

Questo concetto deve essere distinto da quello di musica pop legato a quello di canzone popolare . La musica, ma soprattutto il Canto popolare risveglia all'orecchio degli appassionati di etnomusicologia un interesse particolare. Questa musica nasce insieme alla civiltà umana e con essa si sviluppa nel corso dei secoli tramandata di generazione in generazione oralmente.

La canzone popolare

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musica popolare .

Diverso dal concetto folklorico di canto popolare, ma da esso originata, la canzone attraverso i suoi interpreti raccontò, a partire dalla seconda metà dell'Ottocento, la storia, le vicende, e le trasformazioni delle città italiane e straniere. Si diffuse nei salotti borghesi dove si organizzavano incontri di società; questa volta come dice lo slogan <non sono canzoni del popolo ma sono per il popolo> tale slogan esemplificò la matrice del successo generalizzato ottenuto grazie allo sviluppo di tematiche vicine ai sentimenti comuni. Spesso si trattò di canzoni dialettali che parteciparono a festival come quello celeberrimo di Piedigrotta e che rapidamente trascesero le frontiere dei vari stati e le incomprensioni linguistiche. Con l'introduzione di rapporti innovativi tra gli autori e gli editori , con una gestione regolamentata internazionalmente dei diritti degli autori e con la prospettiva di poter usufruire di un pubblico sempre più vasto, gli uffici della Siae dell'epoca vennero presi d'assalto da un nugolo di nuovi autori, di tutte le estrazioni sociali e culturali.

Jazz e Blues

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musica jazz e Blues .

All'inizio del 1900, negli Stati Uniti d'America , iniziarono a diffondersi tra la popolazione urbana diversi generi musicali derivati dalle tradizioni popolari degli africani portati come schiavi sul continente, e dalle loro contaminazioni con le tradizioni musicali bianche.

Nacquero e acquisirono notorietà in questo modo il ragtime , il blues urbano (derivato dal cosiddetto blues primitivo che veniva cantato nelle campagne), e da ultimo, il jazz, che combinava la musica bandistica e da parata, che veniva suonata soprattutto a New Orleans , con forti dosi d' improvvisazione e con particolari caratteristiche ritmiche e stilistiche.

L'invenzione del fonografo e della radio, permise una diffusione senza precedenti di questi nuovi generi musicali, che erano spesso interpretati da musicisti autodidatti molto più legati ad una tradizione musicale orale che non alla letteratura musicale. Le origini non europee degli interpreti, e il citato ricorso all'improvvisazione, contribuirono a creare musiche di grande freschezza e vitalità. Al contrario di quello che era successo tante volte nella storia della musica, la tecnologia offriva ora a un genere musicale popolare, fondato più sulla pratica che sulla scrittura, di essere diffuso e tramandato.

Gerry Mulligan , tra le figure più rappresentative del Cool jazz

La musica jazz continuò a svilupparsi per tutto il XX secolo , diventando prima musica di larghissimo consumo durante gli anni venti/anni trenta (detti gli anni dello swing ), intrecciandosi con altri generi per dare vita a forme di espressione musicale ancora diverse ed evolvendosi poi gradatamente in una "musica per musicisti" e per appassionati, espandendosi fuori dall'America e trovando seguaci prima in Europa (dove fu spesso apprezzata più che nel sua terra d'origine) e poi in tutto il mondo, e diventando uno dei contributi musicali più importanti del Nuovo Continente. La musica Jazz si può considerare come un nuovo varco verso altri mondi musicali: un genere che, partendo da un substrato che comprendeva le forme popolari del blues, degli spiritual , del gospel del dixieland , incorporando via via altre forme di musica nera (come il ragtime degli anni venti ) arrivò ad utilizzare una base di standard usati come punto di partenza per modificarne di continuo ogni modulo armonico , melodico , e ritmico .

La musica jazz, con le varie influenze che ne sono derivate, è stata definita colta , anche grazie all'avvicinamento e all'approfondimento della musica classica . Lo stesso non può dirsi per il blues iniziale. Il passaggio di qualità è probabilmente attribuibile a George Gershwin , musicista di grande valore, figlio di emigranti russi, morto giovanissimo ma che ebbe dei maestri importanti e fu ispirato da autori come Debussy e Ravel . La sua produzione è incredibilmente vasta, con notevole esposieione delle opere definite minori (circa 700), utilizzate anche ora come standard inesauribili. Ricordiamo che lo stesso Debussy venne influenzato dal jazz, come si può ben udire in "Golliwogg's Cakewalk", brano posto alla fine del " Children's Corner ", una delle sue più celebri suite per pianoforte.

Il jazz "musica colta" si sviluppò a partire dagli anni quaranta , grazie al Cool jazz , al Be bop , all' Hard bop e agli stili più recenti del Free jazz e della Fusion . [3]

La popular music del XX secolo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musica pop e Rock and roll .

All'inizio del XX secolo la musica occidentale cambiò profondamente, e fu scossa fin dalle fondamenta. Non solo, ma cambiarono anche, grazie alle invenzioni relativamente recenti della radio e del fonografo , i modi ei tempi di ascolto della musica stessa, prima limitati a concerti in locali appositamente adibiti, come teatri , locali, club o case private. Da una parte iniziò a crearsi un pubblico potenziale più vasto e meno acculturato, che apprezzava strutture melodiche e armoniche più semplici, dall'altra mai come in questo periodo storico fu facile, per chi volesse suonare, procurarsi uno strumento e imparare a usarlo.

A questo si deve aggiungere una seconda rivoluzione, anche questa tecnologica: l'invenzione dell' altoparlante e dell'amplificazione audio, che permise di far suonare assieme strumenti che non potrebbero farlo altrimenti (come per esempio una chitarra , una batteria di tamburi e un pianoforte ), perché il suono di alcuni di essi prevaricherebbe completamente gli altri.

Queste nuove possibilità tecniche crearono l'occasione per nuovi veicoli espressivi che la musica colta tardò a cogliere e che la nuova musica popolare non ebbe alcun problema ad adottare, creando, tra il 1920 fino al 1980 e in misura minore negli anni successivi, una grande fioritura di nuovi stili e generi (quali jazz , blues , rock , soul , pop , funky , metal e fusion , ognuno dei quali si è suddiviso in ulteriori sottogeneri). In ambito pop nacquero personaggi che diventano autentici fenomeni mediatici raggiungendo una popolarità senza precedenti. Fra questi si possono citare Frank Sinatra , Elvis Presley , James Brown , Jimi Hendrix , Bob Dylan , Beatles , Elton John , Bruce Springsteen , U2 per arrivare ai più recenti George Michael , Michael Jackson , Bon Jovi , Oasis , Madonna , Cher , Britney Spears , Adele .

Altro genere popolare sorto nel XX secolo è stato il rock , dizione abbreviata di "rock and roll" o "rock'n'roll" (da quando si affermò questa espressione abbreviata si svilupparono vari sottogeneri che enfatizzavano gli aspetti più aggressivi del rock'n'roll e la parola rock si iniziò a leggere come "roccia", specie riferendosi all' Hard Rock ). Il rock'n'roll nacque negli anni cinquanta come musica da ballare, derivata dal boogie-woogie , ballo afro-americano del dopo guerra (che si potrebbe tradurre con "ondeggia e ruota"). Quando rock e rock'n'roll si differenziarono, la seconda espressione venne intesa come forma originaria di questo genere di musica. Storicamente un gruppo, o una band è formata da una voce, una o più chitarre , il basso e la batteria , in alcuni casi con l'inserimento di altri strumenti (ad esempio pianoforte o sassofono ).

Negli anni sessanta , soprattutto in Inghilterra, si formarono gruppi come The Who , Pink Floyd , Led Zeppelin , Deep Purple , King Crimson e Soft Machine pronti a spaziare ea raggiungere nuove strutture musicalmente più complesse rispetto a quelle del rock primitivo, traendo spesso ispirazione dalla musica classica e dal jazz, per iniziare a dare vita a una rivoluzione. In questa rivoluzione fu coinvolta anche la tecnologia, che con il sintetizzatore , il moog , il mellotron iniziò a dare vita nella metà degli anni sessanta al genere progressive . Alla fine degli anni settanta nacque un nuovo stile musicale che azzerò completamente il progressive, il punk , che vide il ritorno a sonorità hard e violente spinte a volte verso estremismi anti-musicali e legate a tematiche di contestazione politica [4] .

Negli anni ottanta le due correnti principali del rock erano il punk e le sue propaggini ( Post-punk , Hardcore punk , New wave (musica) , No Wave , Industrial ecc.) e il Metal (un'evoluzione particolarmente pesante dell'hard rock, più elaborata del punk dal punto di vista musicale). I primi anni novanta videro l'esplosione del fenomeno Grunge che riportò per qualche tempo il rock all'attenzione delle masse popolari. Il gruppo più rappresentativo di questo genere furono i Nirvana , che con Il loro secondo album Nevermind portarono il grunge nel mainstream rimanendoci fino alla fine degli anni novanta. Nella seconda metà degli anni novanta la ripresa di istanze progressive, filtrate dall'esperienza punk, diedero vita a quello che sarà poi definito Post-rock [5] . All'interno dell'universo post-rock può essere incluso il Math rock (una forma particolarmente fredda, complessa ed anti-melodica di rock) e certe forme di neopsichedelia (si veda Roy Montgomery e la scena Neozelandese ). Altra corrente che si sviluppa nel corso del decennio è lo Stoner rock , mentre il metal si avvia ai suoi sviluppi più estremi e parossistici: Death metal , Black metal , Doom metal , Power metal , Thrash metal e Speed metal si allontanano nettamente dagli schemi della canzone hard rock / heavy metal tendendo anch'essi a rivolgersi a nicchie di pubblico più ristrette, mentre le tematiche diventano sempre più oscure e decadenti (si vedano le suggestioni esoteriche ed anti-moderne di certo Black metal , passato all'attenzione dei media nei primi anni novanta anche per gli atteggiamenti estremamente provocatori e violenti di alcune band). Parallelamente, la musica nera troverà il suo nuovo genere di riferimento nel rap .

In linea generale, ad esclusione del pop-rock e del metal classico, lo sviluppo di questi generi ha finito per caratterizzare il rock degli ultimi decenni come genere "di nicchia", lontano tanto dalla tradizione colta quanto dalle regole della musica leggera di ampio consumo.

Generi musicali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Generi musicali .

I generi musicali sono categorie entro le quali vengono raggruppate, indipendentemente dalla loro forma , composizioni musicali aventi caratteristiche generali comuni, quali l'organico strumentale , il destinatario e il contesto in cui sono eseguite. Il grado di omogeneità formale e stilistica di tali raggruppamenti è molto variabile e diviene addirittura nullo nel caso di generi con alle spalle una lunga storia, quali la musica sinfonica o l' opera lirica . La loro identità si fonda piuttosto sul contesto sociale e ambientale a cui le composizioni sono destinate (il teatro , la sala da concerto , la discoteca , la strada , la sala da ballo , la chiesa , il salotto ) e sulle diverse modalità con cui la musica si coniuga di volta in volta ad altre forme di spettacolo , arte o letteratura , quali la danza , il teatro, l' immagine , la poesia , il racconto .

Strumenti musicali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Strumento musicale .

Uno strumento musicale è un oggetto che è stato costruito o modificato con lo scopo di produrre della musica. In principio, qualsiasi cosa producesse suoni , poteva essere usato come strumento musicale, ma questo termine definisce solo gli oggetti che hanno il suddetto scopo.

Gli strumenti musicali si possono suddividere secondo la classificazione Hornbostel-Sachs in cinque famiglie, l'ultima delle quali aggiunta solo in seguito:

  1. Idiofoni : il suono è prodotto dalla vibrazione del corpo dello strumento stesso, sollecitato in vari modi, percuotendolo, pizzicandolo, strofinandolo, sfregandolo, muovendolo o deformandolo per mezzo di pressioni o soffi d'aria.
  2. Membranofoni : il suono è prodotto dalle vibrazioni di membrane tese, che possono essere sollecitate da azioni di percussione, sfregamento, pizzico, fin anche alle sollecitazioni dovute all'emissione della voce dell'esecutore (nel caso dei mirlitons).
  3. Cordofoni : il suono è emesso dalla vibrazione di corde tese; le corde possono essere sollecitate dal pizzicarle, percuoterle, o dallo sfregarle con appositi archetti; ancora, corde tese esposte all'azione del vento che le lambisce, come nel caso delle arpe eoliche, induce in esse vibrazioni sonore.
  4. Aerofoni : in essi è l'aria stessa che entra in vibrazione. L'aria può essere contenuta dallo strumento, come nel caso di tubi o globi, ma può anche circondare lo strumento che la colpisce ad alte velocità (frullo, frusta, lama affilata, rombo…).
  5. Elettrofoni : il suono viene generato per mezzo di una circuitazione elettrica o per induzione elettromagnetica.

Lo studio

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Teoria musicale .
Caravaggio : Il suonatore di liuto .

Le nozioni ed i concetti sono riassumibili nella teoria musicale , che è un insieme di metodi per analizzare, classificare e comporre la musica ei suoi elementi. Essa, ad esempio, tratta la "grammatica" della musica, cioè il pentagramma , le chiavi musicali e in generale il modo di scrivere ( semiografia ) la musica. Pertanto, può essere definita come la descrizione in parole degli elementi della musica, e delle relazioni tra la semiografia (o comunemente detta: notazione musicale) e la sua esecuzione.

Lo studio accademico della musica è chiamato musicologia , mentre i problemi filosofici legati alla musica sono analizzati dalla filosofia della musica .

Termini comuni

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Glossario musicale .

La terminologia musicale è molto ampia.

I termini usati per parlare di un particolare brano musicale includono:

  • la nota che è il simbolo utilizzato per indicare una specifica intonazione (ed anche il suono stesso);
  • la melodia che è una successione di suoni percepita come un percorso coerente;
  • l' accordo nella musica tonale che è il risultato della combinazione simultanea di più suoni, sottoposta a vincoli e regole tradizionali;
  • l' armonia che è lo studio della classificazione e delle concatenazioni di accordi;
  • il contrappunto , dal lat. punctum contra punctum , punto contro punto, nota contro nota, è la simultanea organizzazione di differenti melodie;
  • il ritmo che è l'organizzazione dalla metrica (pause, note, durate,..) in un brano;
  • il tempo , che determina la durata di ogni battuta in unità musicali;
  • gli armonici , ovvero l'insieme delle note che, unite, compongono una stessa nota (come l'ottava, la quinta, la terza, ecc..). Gli armonici possono essere naturali o artificiali, a seconda di come vengono ottenuti mediante lo strumento.
  • il timbro è la caratteristica che differenzia ogni strumento, e dipende dalla forma dell'onda sonora prodotta dallo stesso. Solo nel Romanticismo si cominciarono ad intuire ed utilizzare le diverse potenzialità espressive di ogni strumento, le quali dipendono appunto dal timbro;
  • la pausa è l'intervallo che si interpone tra una nota ed un'altra.

Le figure principali

Musicisti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musicista .
Immagine di un trombettista ).

Un musicista è una persona che esegue o che compone musica per professione. Si possono classificare secondo questo schema, che li suddivide in base al loro ruolo nella categoria professionale:

Direttori d'orchestra

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Direttore d'orchestra .

Il direttore d'orchestra, spesso chiamato anche maestro d'orchiestra , è la figura di riferimento in un coro, un' orchestra o in generale in un gruppo di musicisti.

La sua direzione è innanzitutto di aiuto per la coordinazione dei musicisti fra loro, indicando il tempo , i diversi ingressi e le dinamiche. Egli inoltre chiarisce a cantanti , Solisti e strumentisti il contenuto e l'impostazione generale del componimento musicale.

Le sue funzioni sono anche quelle di guidare le prove e prendere tutte le decisioni necessarie da un punto di vista musicale, interpretando l'opera musicale. In assenza di un comitato artistico, il direttore sceglie anche il repertorio da eseguire. Il ruolo del direttore, come lo conosciamo oggi, si è formato intorno al XIX secolo .

Compositori

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Compositore .

Un compositore è un artista che crea opere musicali, dette composizioni musicali . Il termine perciò è usato indipendentemente dal genere o stile musicale e indica una persona che costruisce con i suoni un risultato (oggetto sonoro) destinato ad essere ascoltato.

La composizione, al fine di poterne agevolare la riproduzione, è generalmente trascritta su uno spartito tramite un sistema di simboli chiamato notazione musicale, che appunto utilizza le cosiddette note musicali : l'opera del compositore è eseguita dagli interpreti ( musicisti , cantanti ), ma, ovviamente, può essere eseguita anche dall'autore stesso.

Il mestiere del compositore non è una professione protetta. Anche autodidatti si possono chiamare in questo modo, ma gli studi di composizione si eseguono in Italia presso i Conservatori .

Il rapporto col canto

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Canto .

«Come è nobile chi, col cuore triste, vuol cantare ugualmente un canto felice, tra cuori felici»

( Khalil Gibran )
Coristi.

Il canto è la produzione di suoni musicali mediante la voce , ovvero l'uso della voce umana come strumento musicale.

Un gruppo musicale composto principalmente da cantanti (che in questo caso si dicono più propriamente "cantori") viene definito coro; quando il coro esegue musica senza accompagnamento strumentale si parla di canto a cappella .

Tipi di emissione

La voce umana nasce dalla vibrazione delle due corde vocali in adduzione tra loro dovuta al flusso creato dall' aria espirata dai polmoni . Nell'uso canoro il suono della voce è caratterizzato dalle risonanze della trachea , della faringe e della bocca , ed eventualmente delle altre cavità (seni) facciali e craniali; i timbri vocali che si ottengono dipendono anche dal meccanismo di produzione della voce.

A seconda del modo in cui la voce viene prodotta si possono distinguere tre tipi di emissione: la voce ingolata , la voce impostata e il falsetto .

Tecnica del canto

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Tecnica del canto .

La tecnica del canto è quell'insieme di accorgimenti, appresi con l'allenamento e lo studio, necessari ai cantanti professionisti per evitare gravi danni alla laringe e alle corde vocali e per ottenere una voce timbricamente gradevole, potente e con un'ampia gamma cantabile , cioè una estensione dalla nota più bassa alla più alta in cui il timbro è omogeneo e l'intonazione è corretta e stabile.

Tutti, più o meno, possono cantare una canzone. Molti di meno invece riescono a cantare più canzoni di seguito, anche semplici: dopo qualche minuto un cantante improvvisato comincia a sentire mal di gola, e la sua voce comincia a farsi roca e sfiatata: se nonostante tutto continua a cantare, di lì a poco si ritrova afono, e corre il rischio di procurarsi un edema alle corde vocali.

Questo accade perché, istintivamente, il cantore di cui sopra usa la sua voce come se parlasse. Ma l'uso della voce che si fa normalmente, sebbene sufficiente allo scopo di parlare, impone alle corde vocali delle sollecitazioni troppo forti nel caso del canto: per poter cantare per ore senza danni, senza sforzo e con una voce sempre gradevole, il cantante deve reimparare ad usare la sua voce in modo nuovo, attraverso lo studio, l'allenamento e l'autoosservazione.

Coro

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Coro (musica) .
Coro polifonico Vox Cordis

Il coro è un insieme di persone che, sotto la guida di un direttore , si esprime artisticamente attraverso il canto. I suoi componenti sono detti cantori (o coristi). Il termine coro può denominare, in modo generico, anche una composizione musicale scritta per tale organico.

La musica corale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musica corale .

Per musica corale si intende l'insieme delle discipline artistiche (composizione, esecuzione, direzione ecc.) che riguardano quell'importantissimo "strumento musicale" che si chiama coro.

Opera lirica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Opera lirica e Opere liriche .

L'opera lirica è uno dei generi teatrali nonché musicali in cui l'azione scenica è abbinata alla musica e al canto . Tra i numerosi sinonimi , più o meno appropriati, basti ricordare il melodramma e le opere in musica .

Oggetto della rappresentazione è un'azione drammatica presentata, come nel teatro di prosa , con l'ausilio di scenografie, costumi e attraverso la recitazione. Il testo letterario che contiene il dialogo appositamente predisposto e le didascalie è chiamato libretto . I cantanti sono accompagnati da un complesso strumentale che può allargarsi fino a formare una grande orchestra sinfonica .

I suoi soggetti possono essere di vario tipo, cui corrispondono altrettanti sottogeneri: serio , buffo , giocoso , semiserio , farsesco .

L'opera lirica si articola convenzionalmente in vari "numeri musicali", che includono sia momenti d'assieme ( duetti , terzetti , concertati , cori) che assoli ( arie , ariosi , romanze , cavatine ).

Fin dal suo primo apparire, l'opera accese appassionate dispute tra gli intellettuali, tese a stabilire se l'elemento più importante fosse la musica o il testo poetico.

In realtà oggi il successo di un'opera deriva - secondo un criterio comunemente accettato - da un insieme di fattori alla cui base, oltre alla qualità della musica (che dovrebbe andare incontro al gusto prevalente ma che talvolta presenta tratti di forte innovazione), vi è l'efficacia drammaturgica del libretto e di tutti gli elementi di cui si compone lo spettacolo teatrale.

Un'importanza fondamentale rivestono dunque anche la messinscena ( scenografia , regia , costumi ed eventuale coreografie ), la recitazione ma, soprattutto, la qualità vocale dei cantanti .

Cantanti lirici

I cantanti, ei ruoli che essi interpretano, sono distinti in rapporto al registro vocale.

Le voci maschili sono denominate, dalla più grave alla più acuta, basso , baritono , tenore . A essi si possono aggiungere le voci di controtenore , sopranista o contraltista , che utilizzano un'impostazione in falsetto o falsettone, cioè senza appoggiatura. Esse eseguono ruoli un tempo affidati ai castrati .

Le voci femminili sono classificate, dalla più grave alla più acuta, come contralto , mezzosoprano e soprano . Anch'esse eseguono oggi, molto di più frequente delle corrispondenti voci maschili, i ruoli sopranili e/o contraltili scritti per le voci dei castrati.

Rapporti con altre discipline

Produzioni e classificazioni

Note

  1. ^ [1]
  2. ^ Mt 26,30 , su laparola.net .
  3. ^ Corrado Barbieri, Gli strumenti del jazz , su jazznellastoria.it , Jazz nella storia. URL consultato il 17 maggio 2021 .
  4. ^ The History of Rock Music. Storia della Musica Rock
  5. ^ Storia del Rock - Anni ottanta

Bibliografia

  • Marcello Sorce Keller , “Che cosa è la musica (e perché, forse, non dovremmo più chiamarla 'musica')”, Musica/Realtà , 2012/1, pp. 33-56.
  • Marcello Sorce Keller , “Do We Still Need To Think Musically? (Musings about an Old Friend, Fishing Nets, Templates, and Much More)”, Ethnomusicology Ireland , No. 5, 2017: http://www.ictm.ie/?p=2090
  • Carlo Pasceri , Tecnologia Musicale. La rivelazione della musica , Aracne, 2011.
  • Susanna Pasticci (cur.), Parlare di musica , Meltemi 2008.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità Thesaurus BNCF 1676 · LCCN ( EN ) sh85088762 · GND ( DE ) 4040802-4 · BNF ( FR ) cb133183660 (data) · BNE ( ES ) XX525209 (data) · NDL ( EN , JA ) 00568825