Paj sa a semi-pwoteje. Li ka chanje sèlman pa itilizatè ki anrejistre yo

Michael Jordan

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou aktè Ameriken an, gade Michael B. Jordan .
Michael Jordan
Michael Jordan nan 2014.jpg
Lòt bò larivyè Jouden an 2014
Nasyonalite Etazini Etazini
Wotè 198 [1] cm
Pwa 98 [6] kg
Basketball Basketball pictogram.svg
Wòl Fiziyad Gad
Revokasyon karyè 16 avril 2003 [7]
Hall nan t'ap nonmen non Naismith Hall nan rnome (2009)
FIBA Hall nan rnome (2015)
Karyè
Jèn
1979-1981 600px gèrye Royal Blue ak California Golden Yellow.png Laney BUCCANEERS
1981-1984 N. Carol. Pinga'w Tar 101 (1 788)
Ekip klib yo
1984-1993 Chicago Bulls 667 (21 541)
1995-1998 Chicago Bulls 263 (7 736)
2001-2003 Lave. Asistan 142 (3 015)
Nasyonal
1983-1992 Etazini Etazini 31 (491)
Palmarès
NBA 6 ranport
NCAA 1 genyen
Pou plis detay gade isit la
Olympic flag.svg Jwèt Olympic
Los Angeles 1984
Barcelone 1992
Transparent.png Chanpyona Ameriken an
Etazini 1992
Drapo PASO.svg Jwèt Pan Ameriken
Karakas 1983
→ Senbòl la endike yon transfè prè.
Estatistik mete ajou 16 avril 2003
( EN )

"Pa aklamasyon, Michael lòt bò larivyè Jouden se jwè a baskètbòl pi gran nan tout tan."

( IT )

"Pa aklamasyon, Michael lòt bò larivyè Jouden se jwè a baskètbòl pi gran nan tout tan."

(Biyografi lòt bò larivyè Jouden an sou sit entènèt la nan ' NBA . [8] )

Michael Jeffrey Jordan, konnen tou pa inisyal li yo, MJ, [9] (pwononsyasyon: [mɑɪ̯k (ə) l dʒefri dʒoːd (ə) n] ; New York , 17 fevriye 1963 ), se yon ansyen jwè baskètbòl ak ansyen jwè bezbòl ameriken. ak actionnaire direktè lekòl la ak prezidan ekip baskètbòl Charlotte Hornets yo .

Ame Air Jordan [8] ak Airness li [10] pou kalite atletik ak teknik li yo, li te eli nan 1999 "pi gran atlèt Nò Ameriken an nan ventyèm syèk la" nan chanèl televizyon espò ESPN . [11] t'ap nonmen non an te vin jwenn nan jaden an te fè l 'yon icon nan espò a, [12] nan pwen nan pouse Nike a dedye yon liy soulye baskètbòl yo rele Air lòt bò larivyè Jouden , prezante nan 1984 . [13]

Li te jwe pou twa ane nan University of North Carolina nan Chapel Hill , kote li te mennen ekip la nan viktwa nan NCAA chanpyona Nasyonal la an 1982. Li te Lè sa a, chwazi twazyèm nan 1984 NBA Draft la pa Chicago Bulls yo ak byen vit te vin youn nan la zetwal nan lig la., ede gaye NBA a atravè lemond nan ane 1980 yo ak ane 1990 yo. [14] [15] An 1991 li te genyen premye chanpyona NBA l 'ak Bulls yo, Lè sa a, repete ak de siksè plis nan 1992 ak 1993, genyen yon twa-sfèy , apre yo fin ki li pran retrèt li nan pouswiv yon karyè nan bezbòl. Li te retounen nan Bulls yo an 1995 e li te mennen yo nan viktwa yon lòt twa peat (1996, 1997 ak 1998). Li te pran retrèt yon dezyèm fwa an 1999, sèlman pou li retounen kòm yon manm nan Washington Wizards soti nan 2001 a 2003, anvan li pran retrèt li.

Prim yo te genyen nan nivo endividyèl la gen ladan sis Final MVP , [16] disnan dirijan marqueur tit (tou de dosye), senk sezon regilye MVP , dis seleksyon Tout-NBA Premye Ekip ak nèf nan ' Tout-defans Premye Ekip, katòz HOLDINGS yo nan ' NBA All-Star jwèt , twa MVP nan jwèt la tout-Star ak NBA defans jwè pou prim lan Ane . Li kenbe dosye NBA pou mwayèn pwen ki pi wo nan istwa sezon regilye (30,12 pwen pou chak jwèt) ak nan istwa faz eliminatwa (33,45 pwen pou chak jwèt). [17]

Li te prezante de fwa nan Naismith Memorial Basketball Hall nan rnome nan 2009 [18] pou karyè endividyèl li yo ak nan 2010 kòm yon manm nan ekip la rèv . [19] Li te vin yon manm nan FIBA Hall nan t'ap nonmen non nan 2015. [20] Sou 22 novanm 2016 li te bay pa Prezidan ameriken an Barack Obama Meday prezidansyèl la nan Libète , pi wo a US onè sivil la. [21]

Biyografi

Lavi prive

Michael Jeffrey Jordan te fèt 17 fevriye 1963 nan distri Brooklyn , nan New York , kote paran Deloris yo te anplwaye nan bank lan , ak James R. Jordan, Sr, yon mekanisyen nan yon santral elektrik , yo te fèk deplase. Katriyèm nan senk timoun, li gen de frè (James R. Jordan Jr. ak Larry) ak de sè (Deloris, ke yo rekonèt kòm Sys ak Roslyn, yon ane pi piti, men ki moun ki pral gradye avè l 'epi yo pral ale nan NCU avè l'). [22] Yon ti tan apre nesans Michael, fanmi an te deplase ankò, fwa sa a nan Wilmington , nan North Carolina . [23] Paran li te pran yon apwòch diferan avè l 'pandan ke manman l' te pwoteje l 'papa l' te difisil sou li kòm pa janm rate yon chans moke l ', li pote plent sou li; atitid sa a sou pati nan papa l ', menm jan Michael tèt li rekonèt ane pita, te ede gaz detèminasyon l' yo toujou ap amelyore. [24]

Sou 2 septanm 1989 li marye Juanita Vanoy, ki moun ki te kat ane ki gen plis pase l '. Yo te gen twa pitit: Jeffrey (ki te fèt nan 1988 anvan maryaj, epi ki te jwe baskètbòl nan NCAA de 2007 pou 2012, men pa pami avantaj yo apre yo te fin tire nan 2012 ), Marcus (fèt nan 1990, li te jwe tou baskètbòl nan NCAA a soti nan 2009 a 2012 e li te rete undrafted nan 2013) ak Jasmine (fèt 1992). [25] An 2006, koup la vin yon divòs. [26] [27] [28]

Sou Avril 27, 2013, li marye ak modèl Kiben Yvette Prieto, ki moun ki te 15 ane pi piti. [29] [30] Nan 2014 koup la te gen ti fi jimo yo te rele Victoria ak Ysabel. [31]

Jwèt aza

27 me 1993, nan peryòd kote li te jwe final konferans lan kont New York Knicks , yo te wè li nan yon kazino ki lye a Cosa Nostra US [32] nan Atlantic City ; [33] an 1992, li te gen yo kouvri yon pèt de $ 57,000 akòz jwèt aza . [34] Apre premye retrèt li an 1993 Lè sa a, NBA komisyonè David Stern refize nan plizyè okazyon ke youn nan lòt bò larivyè Jouden te sispann akòz lavi extracampo li yo. [34] [35]

Konfli

Pandan mwa me 2010 la, lòt bò larivyè Jouden te kritike pou parèt nan yon televizyon komèsyal nan Hanes e te mete yon moustach bwòs dan , ki souvan idantifye ak Adolf Hitler . [36] [37] [38] Zanmi l ' Charles Barkley te di nan sans sa a: [38]

"Mwen admèt mwen pa konnen ki sa li (Michael lòt bò larivyè Jouden) oswa Hanes te panse nan moman an. Li jis sanble tankou yon lide lèd ak estipid. "

Karakteristik teknik

Lòt bò larivyè Jouden an 1997

Lòt bò larivyè Jouden te jwe kòm yon gad tire , te deklare ak yon wotè 198 cm ak yon pwa nan 98 kg. [1] Avèk teknik ofansif, kapab kwazman ak tou de men ak jwe tounen nan panyen an, [39] te gen yon premye etap rapid ak ladrès akrobatik, [8] ki pèmèt l 'kanpe deyò kòm youn nan pi gwo frapeur yo nan tout tan , [40] jan yo montre nan de ranport yo nan ' konkou slam dunk . [41]

Nan faz final la nan karyè li, lè atletik li te refize akòz laj li ak distans soti nan baskètbòl, lòt bò larivyè Jouden pèfeksyone piki a lwen , yon teknik ki pèmèt l 'nan evade bra yo lonje nan defansè e li te vin pwòp li yo. kraze ki distenge l 'tankou yon jenn gason. [42] [43] Espesyalis nan mitan-ranje tire, lòt bò larivyè Jouden pa t 'tankou kalifye nan twa pwen tire : pousantaj l' soti nan dèyè banza a yo te fluktue pou anpil nan karyè li, ak eksepsyon de peryòd ki genyen ant 1994 ak 1997, an ki lòt bò larivyè Jouden, tou te favorize pa bese nan tanporè nan vout la soti nan 7.25 m 6.75 m, [44] [45] amelyore pousantaj l 'yo, ogmante mwayèn karyè li a 35% (ki Lè sa a, tonbe nan 32.7 apre twa dènye sezon yo). Nan sipò de konpetans li kòm yon marqueur, nou dwe mansyone kapasite nan detant , efikasite nan jete gratis , konpreyansyon taktik nan jwèt la ak souvan souzèstime pasè-pa kapasite a, yon eritaj nan de premye ane yo nan lekòl segondè, pandan ki voye jwè yo nan panyen an .. kamarad yo pa te souvan yon opsyon privilejye sou pwogrè endividyèl elèv yo. [17] [46]

Michael Jordan te konsidere tou kòm youn nan pi bon defansè nan NBA, [47] ki kapab fòme, ansanm ak Scottie Pippen , youn nan pi fò defans pè pou tout tan an. Lòt bò larivyè Jouden itilize yo pran pi gwo marqueur opozan an , ki make li efikas nan yon konbinezon de fòs fizik, vitès ak reflèks; [48] konpetan piki-blocker , li te tou yon defandè danjere lwen boul la, jan konfime pa estatistik yo ki sou mwayèn karyè rekiperasyon defansiv yo. [17] [49]

Anplis de sa nan teknik ak fizik ladrès yo montre sou teren an, li te kanpe deyò pou siksè ak konpetitif mantalite li yo, [50] konstan nan sezon regilye nan pèfòmans nan sezon an ak lidèchip natirèl egzèse sou kamarad li yo. [51] Youn nan karakteristik ki pi popilè te toujou kapasite li nan jwe anba presyon ak fè ou jwe match la desizif: kèk egzanp yo se piki a ak ki deside final yo NBA an 1998 kont Utah Jazz la ak kolon an ak ki moun li bat nan play-off nan 1989, Cleveland Cavaliers yo ; Epitou merite pou yo sonje pèfòmans lan nan ras 1 nan final 1992 yo kont Portland Trail Blazers yo , fèmen ak 6/10 soti nan pi lwen pase ark la. [52]

Karyè

Lekòl Segondè

Michael nan jèn ale nan Lekòl Segondè Emsley A. Laney , vin chonje kòm yon nèg sortan, li pa t 'briye nan etid la. [53] A laj de 13 li te ale nan yon klas ekonomi lakay sou konsèy manman l ', [53] men li mete tout enèji l' nan espò, jwe bezbòl , foutbòl Ameriken ak baskètbòl , espò li te kòmanse konnen a laj de 11, lè papa l 'bati yon anplasman nan lakou a. [54]

Li te yon ti gason trè frajil ti kras, se konsa apre de ane pwomèt kòm yon krich pou ekip bezbòl lokal la, ane nan ki li allusion ke li te gen potansyèl, karyè li te sibitman koupe akòz fizik li redwi, ki anpeche l 'soti nan voye ak ... akòz fòs ak enèji. [46] te itilize nan lòt wòl nan ekip la e sa te pouse l abandone. [55] Nan paralèl tou te eseye ak ekip lokal la nan foutbòl Ameriken an , jwe defans ak kèk siksè, jiskaske li te atake ki te koze zepòl dislokasyon l 'sa ki lakòz li ankò devye atansyon l' yon lòt kote. [55]

Li Se poutèt sa konsakre tèt li nan baskètbòl , jwe pou Laney lekòl segondè BUCCANEERS ; apre dezan nan ekip jèn yo, li te eseye antre nan premye ekip la, men antrenè a, Clifton "Pop" aran, ekskli l ', byenke lòt bò larivyè Jouden te konsidere kòm pi bon jwè nan ekip la jèn ki pwefere Harvest Leroy Smith jr. paske li te pi wo. [55] [56] Episode nan esklizyon te sèvi pa premye ekip la Michael Jordan amelyore. [53] Eksklizyon li te eksplike, jan sa konfime pa moun ki te viv ane sa yo ansanm ak lòt bò larivyè Jouden, ak lefèt ke ekip la premye, ki konpoze pa règleman prèske antyèman nan jwè katriyèm ak senkyèm ane, te gen yon wotè olye ki ba mwayèn (soti nan 10 jwè , uit te anba 185 cm) ak Se poutèt sa bezwen eleman wotè; pou sa Aran te chwazi Smith, yon jwè ki pa t 'gen anpil chans nan mitan pwofesyonèl yo, olye ke lòt bò larivyè Jouden ki mezire 178 cm. [53]

Nan kòmansman katriyèm ane li nan lekòl segondè li te rive 190 cm [57] epi li te antre nan premye ekip la, kote li te mete sou premye fwa nimewo 23, nan onè frè Larry. [58] Michael lòt bò larivyè Jouden fèmen sezon an ak 24.6 pwen ak 11.8 rbondi pou chak jwèt.

Senkyèm ak dènye ane lekòl segondè a, te ede Laney amelyore dosye yo, menm si ras la tit sispann nan faz eliminatwa yo semi-final kont New Hanover High School la nan lavni NBA jwè Kenny Gattison . [59] lòt bò larivyè Jouden, ki moun ki nan pwen sa te konsidere pa ekspè lekòl segondè ki pi prometteur nan Amerik la ansanm ak Aubrey Sherrod, Gattison nan tèt li ak Patrick Ewing , toujou ogmante nimewo l 'yo, ak nan fen ane te konvoke nan chanpyona envitasyon McDonald la. [60] Li bay nòt 30 pwen (dosye) ak 13 vaksen nòt soti nan jaden an sou 19, 4 sou 4 sou lanse gratis, 6 vòlè ak 4 pas, tou ki fè nòt nan segonn final yo de lanse yo gratis ki te pote defi a nan definitif la 96-95; bon pèfòmans lan pa te swiv pa randevou a kòm MVP nan ras la. [60] Nan ete a te anonse, nan yon konferans pou laprès ki te pran plas nan kay li, [61] yo te chwazi ' University of North Carolina ki te dirije pa Dean Smith refize lòt kontra pi gwo. [62]

Kolèj

Nimewo 23 nan lòt bò larivyè Jouden pandye nan plafon Dean Smith Center a .

Nan UNC, lòt bò larivyè Jouden te fè fas ak yon antrenè pèsonalite fò ak sistèm jwèt l 'yo, menm jan tou de jwè yo pi fò nan ekip la, konsa pataje lidèchip nan teknik. [63] Anba pedagojik la nan Dean Smith antre konplètman nan sistèm jwèt li yo ak etabli yon k ap viv desan ak James merite ak Sam Perkins , fòme yon bon alchimi kolektif, revele yon estrateji genyen pou sezon an talon pye yo Tar. [64] [65] Premye ane kolèj la se te yon ane aprantisaj, menm si, pou konyensidans eve'nman, lòt bò larivyè Jouden kite nan pwogramasyon an pandan tout sezon an; li an mwayèn sou 15 pwen pou chak jwèt. Nan final tit NCAA 1982 kont Georgetown Patrick Ewing , ki te jwe nan Superdome nan New Orleans devan 61 612 espektatè (plis 17 milyon ki te wè li sou televizyon), [66] lòt bò larivyè Jouden te frape piki genyen 15 segonn nan fen match la, konsa kontribiye nan konkèt la nan tit la. [67] [68] Nan fen jwèt la, nan kazye a, se konsa lòt bò larivyè Jouden reponn a yon jounalis (nan NBC ) ki te entèvyou l ': "Mwen reyèlman pa te santi okenn presyon. Se te yon piki kòm yon lòt." [69]

An reyalite, ki piki chanje karyè li nan yon fason pozitif, menm jan UNC te ap tann pou tit la NCAA pou yon tan long ak lè li finalman rive, selebrasyon yo te kontinye pou semèn ak lòt bò larivyè Jouden te anpil selebre pa fanatik yo. Si anvan final la li te konsidere pa opinyon piblik la kòm yon jwè trè fò men yo toujou tankou anpil lòt moun, depi nan moman sa a pèsepsyon ke fanatik yo te gen nan l 'chanje. Kòm li menm li sonje "anvan non mwen te Mike, tout moun rele m 'Mike Jordan, men apre piki a mwen te vin Michael Jordan". [70] Malgre nouvo estati li kòm yon etwal kolèj, li te antrene entans pandan ete a [71] e, gras a yon lòt 5 santimèt nan wotè, [71] nan kòmansman dezyèm sezon an tou de koekipye ak antrenè, yo te kapab wè amelyorasyon fizik ak teknik li. Sezon 1982 la te ane konsekrasyon definitif baskèt li, epi, si nan atak li te konsidere kounye a pa tout kòm pi fò jwè kolèj la (pwen mwayèn yo te monte, gras a entwodiksyon piki a twa pwen, a prèske 21 pou chak jwèt , ak 5.8 rebondisman), li te nan defans ke li te vin desizif, etonan inisye yo nan mwatye nan USA a (ki gen ladan kòmantatè Dick Vitale), ki moun ki nan pwen sa yo te konvenki ke yo te fè fas a yon jwè ki gen gwo potansyèl. [72] Sepandan, sezon UNC a te ale tou dousman, espesyalman kòm James Worthy te ale , ki moun ki, nan ensistans antrenè l 'yo, kite Tar Heels yon ane bonè pou yo ale nan NBA a ( Los Angeles Lakers kòm premye chwazi an jeneral nan bouyon an 1982) ak te fini prematireman nan final rejyonal yo kont Georgia; malgre stats yo, pa menm lòt bò larivyè Jouden te genyen twofe MVP a, bay santral Virginia Ralph Sampson . [71] [73]

Lòt bò larivyè Jouden ant James merite ak Dean Smith , respektivman koekipyèr ak antrenè nan kolèj, nan 2007.

Nan ete a li te patisipe nan jwèt Pan-Ameriken yo ak ekip Etazini an, ki, kwake ak kèk difikilte, te genyen konpetisyon an pa bat Puerto Rico nan final la 101-85; nan fen tounwa a lòt bò larivyè Jouden te marque an tèt la ak 17.3 pwen pou chak jwèt malgre enflamasyon nan andikape dwat li limite pèfòmans li. Pi bon pèfòmans li te kont Brezil , match la nan ki bay nòt 27 pwen. [74] [75]

Twazyèm ane a te kòmanse favorab: pinga'w yo Tar te ekip la bat, te gen woz Sam Perkins , Brad Daugherty ak Kenny Smith , yo te rekonèt kòm pi bon fòmasyon an antrenè pa Dean Smith . [74] [76] An reyalite UNC pati kòm yon roulo e li te rive nan wonn nan dezyèm nan tounwa a NCAA (ki gen ladan sa yo rele dous sèz la) kote li te rankontre Hoosiers yo Indiana nan Bobby Knight . [77] lòt bò larivyè Jouden te jwe yon sezon modere, limite endividyèlman yo nan anfòm, yon lòt fwa ankò, sistèm nan "Smith"; spirasyon final la nan jwè a baskèt swiv, menm si pa te gen okenn mank de kritik nan direksyon pou antrenè a pou yo te mete lòt bò larivyè Jouden nan difikilte paske nan jwèt l 'yo. [78] kritik sa yo te di ane pita, menm larivyè Jouden an, li di: "Mwen pa t 'konnen jwèt la, mwen te aprann nan men l'. Dean Smith te ban m 'ekspètiz nan nòt trant pwen yon jwèt, se sa ki moun ki pa konprann. " Men, sistèm Dean Smith la te antre nan kriz nan match la ak Indiana, ki moun ki kòm yon pèrdan, bat UNC 72-68 ak lòt bò larivyè Jouden fèmen ak sèlman 13 pwen ak 6 soti nan 14 tire. [77] Te swiv jou nan dout, paske lòt bò larivyè Jouden pa t 'konnen si yo kite, kòm diy, [79] inivèsite ak yon ane bonè oswa rete jiska an reta, se konsa plezi nan volonte manman an. Sou 5 me, 1984 lòt bò larivyè Jouden te anonse chwa l 'yo rantre nan avantaj yo. [79]

Èske w gen te genyen Naismith kolèj jwè a pou Ane a , John R. an bwa Prim ak ' Adolph Rupp Trophy a nan 1984 deside kite yon ane bonè kolèj deklare tèt li kalifye pou 1984 NBA bouyon an (majoring toujou an 1986), [80] kote li te chwazi pa Chicago Bulls yo kòm twazyèm chwazi an jeneral, dèyè Hakeem Olajuwon ak Sam Bowie . [81] Te gen yon tantativ pa Dallas Mavericks yo jwenn komès nan lòt bò larivyè Jouden ba yo an echanj pou Mark Aguirre , [82] men Bulls yo refize. [83] [84]

Premye lò a Olympic ak premye ane yo nan NBA la

Ete a nan 1984 te youn nan jwèt yo nan XXIII Olympiad la nan Los Angeles ak Michael lòt bò larivyè Jouden te rele pa antrenè Bob Knight nan US nasyonal, [85] konsiste de sèlman jwè kolèj, [86] ansanm ak Sam Perkins , Patrick Ewing , Chris Mullin , Wayman Tisdale , Leon Wood, Alvin Robertson, Joe Kleine , John Koncak, Jeff Turner , Vern Fleming ak Steve Alford. [85] Nan konpetisyon amikal tounwa douz atlèt yo te jwe kont seleksyon nan jwè NBA, ak lòt bò larivyè Jouden te montre nan talan l 'yo, touche apresyasyon nan plizyè inisye, ki gen ladan Lakers manadjè Pat Riley , malgre pa gen toujou debut nan mitan pwofesyonèl yo. Nan dènye sa yo zanmitay lòt bò larivyè Jouden li bay nòt 27 pwen pou kontribiye nan siksè 84-72 pou seleksyon, tou pote yon dunk nan jaden an louvri apre yo fin pase nan accelarazione zetwal la Lakers majik Johnson . [87]

Yon Los Angeles te vin trè fasil lò pou US la, ede pa bòykòt Sovyetik la ki te pran yo opozan ki pi tèribl; ekip la te genyen 8 soti nan 8 jwèt ak yon maj mwayèn de 32 pwen. Lòt bò larivyè Jouden, malgre gen difikilte akòz modèl rijid ofansif Knight a, te marqueur nan tèt ak 17.1 pwen pou chak jwèt ak nan fen a te fè deklarasyon sa a bay yon jounalis etranje ki te montre l 'yon magazin ke li se jwè a pi fò nan mond lan.: " Jiskaprezan mwen poko rankontre okenn moun ki anpeche mwen fè sa mwen vle fè. " [87] [88]

Sou 12 septanm 1984, Bulls yo te anonse ke lòt bò larivyè Jouden te siyen yon kontra 7 ane pou $ 6 milyon, twazyèm pi wo nan istwa NBA a apre youn nan de sant Houston Hakeem Olajuwon ak Ralph Sampson . [89]

Pandan menm peryòd la, Nike , konpayi soulye Oregon ak lavant anyèl $ 25 milyon dola, te kap chèche nouvo chanèl ak agrandi, gras a pi devan-kap ajan li yo Sonny Vaccaro te agrandi esfè li yo nan enfliyans sou mond lan nan baskètbòl, [90] premye kolèj ak Lè sa a, NBA la. [90] Konpayi an te soti nan premye trimès li yo nan yon pèt ak bezwen nouvo lide refè tè a pèdi sou konpetisyon an [91] , li te Vaccaro ki reyalize potansyèl la menmen nan lòt bò larivyè Jouden ak konvenk Nike parye resous gwo sou jèn yo talan anvan nan lòt konpayi konpetisyon. [92] Se konsa, te fèt liy lan Air lòt bò larivyè Jouden soti nan yon lide nan Peter Moore, kreyatif designer nan Nike, ak logo la se yon krèt ak zèl ki antoure yon baskètbòl [93] ): lòt bò larivyè Jouden, surnome ak tinon lè a , siyen yon kontra $ 2 milyon dola sou 5 ane plis yon pousantaj sou chak soulye, yon envestisman san parèy pou yon atlèt ki pa pwofesyonèl. [94]

Lè li te siyen pou Chicago, Bulls yo te tounen soti nan yon sezon ak 27 ranport ak 55 pèt, ki gen jwèt lakay yo te jwe nan fin vye granmoun Chicago estad la, yon bilding Delambre ki sitiye nan yon pati eskive nan vil la, ak yon mwayèn de 7,000 espektatè. pi ba a nan lig la. [95]

Premye lòt bò larivyè Jouden an te vini 26 Oktòb 1984 kont Washington Bullets , ki te bay nòt 16 pwen nan jwèt la ak 5 nan 16 soti nan jaden an, 7 pas ak 6 rbondi. [96] De nwit pita li bay nòt 37 pwen kont Milwaukee Bucks yo , genyen lut la ak zetwal opoze a Sidney Moncrief , ki montre lidèchip ofansif li nan pa gen tan gras a yon ekip konsantre sou li. [96] [97] Nan jwèt la nevyèm kont San Antonio bay nòt 45 pwen, [98] kòm anpil semèn pita kont Cleveland Cavaliers yo ; Lè sa a, li bay nòt 42 kont New York [99] ak yon lòt 45 kont Atlanta. [100] Premye doub trip la (35 pwen, 15 pas ak 14 rebondisman) te vini kont Denver, [101] ak Lè sa a, jis anvan repo a pou jwèt la All-Star, lòt bò larivyè Jouden reyalize 41 pwen kont chanpyon yo nan Boston Celtics . [97] Nonmen pa fanatik yo pou pwogramasyon an kòmanse nan ekip la nan NBA tout-Star jwèt Ewòp la nan mwa fevriye 1985 pandan konpetisyon an plizyè koekipye, ki gen ladan Isiah Thomas , refize pase l 'boul la, anmande pa twòp atansyon lòt bò larivyè Jouden, konsa bay monte bòykòt pi byen li te ye tankou friz-soti; [14] cementandosi nan fason sa a friksyon. [102] Touswit apre jwèt la All-Star, Chicago Bulls yo te ale nan Pistons yo, Thomas Ekip: lòt bò larivyè Jouden bay nòt 49 pwen ak 15 rebondisman ak Bulls yo te genyen jwèt la 139-126 nan lè siplemantè. [103] Mèsi a pèfòmans nan ekselan nan lòt bò larivyè Jouden, ekip la te genyen 38 jwèt nan sezon regilye a (11 plis pase ane anvan an) e li te kalifye nan faz eliminatwa yo, yo te bat nan premye tou a pa Milwaukee 3-1. Jordan te onore kòm rookie pou Ane a devan premye chwa Hakeem Olajuwon . [104]

Lòt bò larivyè Jouden, ki fèk eli rookie nan ane a nan lig la NBA 1984-85 ak Chicago Bulls yo , isit la nan bout pantalon Stefanel pou yon match egzibisyon nan triyèst nan ete 1985 la kòm yon pati nan lansman de soulye Italyen Air lòt bò larivyè Jouden an . [105]

Pandan ete a, Bulls yo te achte pa Jerry Reinsdorf, rich pwomotè pwopriyete ki tou posede ekip bezbòl Chicago White Sox la , ki moun ki, pou yon sèl bagay, anboche l 'tankou manadjè jeneral nan menm White Sox Scout Jerry Krause la . [106] Lèt la te rele kòm tèt nan ekip la antrenè, Tex Winter , yon antrenè kolèj retrete apresye pou li te kreye yon plan jwèt ofansif briyan li te ye tankou " atak la triyang "; fondasyon yo nan dinasti Bulls yo te mete, byenke Krause ak lòt bò larivyè Jouden pa janm leve ansanm ak anmè ki genyen ant yo ogmante exponentielle jiskaske separasyon an ajite. [107]

Dezyèm sezon an nan lòt bò larivyè Jouden te kòmanse anba ton: Oktòb 25, 1985, pandan jwèt la kont Golden State gèrye yo , soufri yon aksidan grav; [108] kapab jwe, li te ale nan inivèsite, kote li te gradye. Kèk tan apre, li konfese jwe jwèt sekrè malgre mete veto sou doktè yo, selon ki yon retou byen bonè te ka mete an danje avni karyè li. [109] Men, jan li te di ane pita Mark Pfeil, ansyen antrenè Bulls yo: "Li te tankou sa. Si ou konvenki ke yon bagay pa ta fè mal, te konsantre sou obstak la ak pran jaden an." [109] Nan 18 jwèt depi nan fen sezon regilye a li retounen nan jaden an malgre yon lòt veto sou lidèchip Bulls, motive veto, ofisyèlman, pa krentif pou pa riske san nesesite (akòz sezon an kounye a konpwomèt), epi, ofisyèlman , pa dezi a pèdi kèk jwèt plis yo ka resevwa plis chans pou chwa yo ekri pwochen ete. [110] Avè l 'sou teren an, ekip la te genyen 16 nan dènye jwèt yo epi li kalifye nan faz eliminatwa yo, kote li te rankontre, nan premye tou an, Boston Celtics ; [111] Chicago pèdi seri a 3-0, men nan ras de, te jwe 20 avril 1986 nan Boston Garden , lòt bò larivyè Jouden reekri istwa baskètbòl, ki fè nòt 63 pwen ak 5 rebondisman ak 6 pas, [112] pèfòmans ki pral rete pi bon an kòm toujou nan pwen yo bay nòt nan yon ras nan faz eliminatwa yo, [113] konsa tankou resevwa lwanj nan men Larry Bird (ki moun ki nan jwèt ki bay nòt 36 pwen ak 12 rbondi ak 8 ede).

( EN )

"Mwen panse ke li nan jis Bondye degize tankou Michael lòt bò larivyè Jouden an."

( IT )

"Mwen panse ke li nan jis Bondye degize tankou Michael lòt bò larivyè Jouden an."

( Larry Bird [112] )

Twazyèm chanpyona NBA a se te konfimasyon pou lòt bò larivyè Jouden, ki moun ki la pou premye fwa te genyen pi gwo marqueur a, ak 37.1 pwen pou chak jwèt. [114] Kat wout la te enpresyonan: nan 82 jwèt nan sezon regilye a 77 fwa te pi bon marqueur nan ekip li a, pou 2 fwa bay nòt 61 pwen, 8 fwa depase 50 a menm 37 fwa mwen reyalize 40 oswa plis. [115] [116] Li te pase papòt 3000 pwen nan yon sezon (3041), ki fè nòt 35% nan pwen total ekip la. [116] Nan pwen sa a anpil kwè ke, omwen sou yon nivo ofansif, lòt bò larivyè Jouden se pi bon jwè nan lig la, menm si plizyè obsèvatè konsidere l 'twò egoyis ak ebèje dout fò sou kapasite l' yo dwe yon nonm ekip. [ san sous ] In realtà quest'idea era solo in parte, perché se da un lato MJ era portato, per indole, a diffidare dei suoi compagni (gli ci vollero anni per cambiare mentalità). [ non chiaro ]

Concluse la stagione con una media di 3,2 palle recuperate a partita e oltre 100 stoppate, vincendo il titolo di NBA Defensive Player of the Year Award , per il 1988; [48] nello stesso anno venne anche inserito nel quintetto difensivo ideale e guidò la classifica marcatori, con oltre 35 punti di media a partita, vincendo, per la prima volta, il titolo di MVP sia della stagione regolare che dell'All Star Game, che si giocò proprio a Chicago e nel quale segnò 40 punti; nell'occasione vinse, per la seconda volta, lo Slam Dunk Contest , la gara delle schiacciate, battendo in finale Dominique Wilkins con una schiacciata che passò alla storia, eseguita prendendo la rincorsa da bordo campo e staccando dalla linea del tiro libero. [117]

Tuttavia il riconoscimento più importante fu il primo passaggio, da parte dei Bulls, di un turno di playoffs dal 1981: 3-2 contro i Cleveland Cavaliers . Nelle prime due partite Jordan segnò 50 e 55 punti, impresa che non era mai riuscita prima a nessun altro nella storia della NBA, anche se gara-5 venne decisa dalla giovane matricola da Arkansas University Scottie Pippen , che, partendo in quintetto per la prima volta in stagione, segnò 24 punti. [118] In semifinale di Conference Chicago trovò i Detroit Pistons che, grazie al gioco duro e alle "Jordan Rules" (una tattica difensiva elaborata da Chuck Daly e Joe Dumars per arginare Jordan), vinsero agevolmente la serie 4-1. [119]

E fu proprio durante quella serie che Donald Sterling , proprietario dei Los Angeles Clippers , sondò il terreno con Krause per acquistare Jordan; [82] il GM dei Bulls era ancora convinto che con Michael in squadra non ci fosse alcuna possibilità di vincere il titolo ed è dunque molto propenso ad accettare (tanto più che Sterling offre, in cambio, un paio di scelte tra le prime cinque al draft di quell'anno), ma poi pensò alle conseguenze di una cessione e rifiutò l'offerta. [82] Perché, grazie a Jordan, [120] i tori fecero registrare il tutto esaurito a ogni partita e videro crescere il loro valore da 16 a 120 milioni di dollari i pochi anni, guidando la classifica NBA relativa alle vendite di materiali e gadget ufficiali; [120] [121] più precisamente, come ricorda lo storico vicepresidente dei Bulls Steve Schanwald, circa il 40% del merchandising ufficiale venduto dalla NBA è legato ai Bulls. [122]

Grazie alla linea di scarpe Air Jordan guadagnò, in sponsorizzazioni, cifre fino ad allora inimmaginabili per uno sportivo, [46] [120]

Jordan salta per una schiacciata nella stagione 1987-88.

A settembre del 1988, comunque, Reinsdorf rinnovò il contratto per otto stagioni; la squadra iniziò male la stagione e fu ancora una volta Jordan a doversela caricare sulle spalle. [123] Questo non fece altro che aumentare le critiche della stampa, da tempo convinta che, a differenza di Magic Johnson e Larry Bird , Jordan fosse troppo individualista e incapace di valorizzare i compagni. [124] Anche per questo motivo l'allenatore Doug Collins chiese al suo vice Phil Jackson di catechizzare il suo giocatore sulla necessità del gioco di squadra; [125] il colloquio avvenne e, nonostante l'iniziale ritrosia di Jordan, [125] produsse i suoi effetti, anche perché, nel frattempo, Collins decise di relegare in panchina il poco convincente playmaker titolare Sam Vincent e di spostare nel ruolo proprio Jordan, [126] che non a caso realizzò, dopo il cambiamento, sette triple doppie consecutive (14 in totale tra gennaio e aprile), [126] coinvolgendo molto i compagni di squadra e portando i Bulls a 6 vittorie consecutive, [126] grazie anche alle ottime prestazioni di Pippen e del sophomore Horace Grant , [126] che partendo in quintetto con regolarità cominciò a garantire prestazioni convincenti. [126]

Il risultato fu che, con un record di 47-35 i Bulls avanzarono alla post season col quinto miglior record della Eastern Conference , [126] dove al primo turno incontrarono nuovamente i Cavaliers (finiti quarti), [126] con il fattore campo a sfavore: la serie fu molto equilibrata e si decise in gara-5, giocata il 7 maggio 1989 in Ohio, quando, a 2 secondi dalla fine della partita, con la squadra sotto di un punto, Michael segnò un tiro in sospensione praticamente impossibile (da quel momento universalmente ribattezzato the shot ), dalla linea del tiro libero, in controtempo e con le mani in faccia di Craig Ehlo . [127] Al secondo turno i Bulls incontrarono i New York Knicks di Patrick Ewing e dell'ex Charles Oakley , che superarono abbastanza agevolmente 4-2 per poi ritrovarsi, in finale di Conference, gli storici rivali dei Detroit Pistons ; in gara-1 Collins decise di mettere Jordan in marcatura su Thomas; la scelta diede i suoi frutti, perché il play dei Pistons, limitato dal maggior atletismo di Jordan, non riuscì a penetrare né a creare giochi per i compagni ed è costretto a tirare da fuori, ma con percentuali disastrose (3 su 18), sicché i Bulls espugnarono il campo di Detroit (che non perdeva in casa da 25 partite) 94-88. In gara-2 Thomas segnò 33 punti e Dumars 20 per la vittoria dei Pistons 100-91, mentre gara-3 venne vinta da Chicago 99-97 grazie a un altro tiro allo scadere di Jordan, che segnò anche 46 punti. In gara-4 la strepitosa difesa di Dumars costrinse Jordan a un misero 5 su 15 che valse la vittoria dei Pistons 86-80: nel dopo partita Collins accusò Jordan di essere stato troppo egoista e impreciso. [124] Per ripicca, nella successiva gara-5 il 23 prese solo otto tiri, lasciando a Detroit una facile vittoria per 94-85 e fomentando così la rabbia del suo allenatore, da tempo convinto che i Bulls non avrebbero mai vinto finché ci fosse stato Jordan. [124] Si tornò a Chicago per gara 6; la partita fu molto tirata ma, nonostante i 32 punti segnati da Jordan, Detroit riuscì a prendere un buon vantaggio nell'ultimo quarto ea vincere 103-94 grazie anche ai 33 punti di Isiah Thomas . [128] I Pistons andarono così in finale contro i Los Angeles Lakers di Magic Johnson, che batterono 4-0.

Tex Winter , l'uomo che si occupò degli schemi offensivi del triangolo

Il 6 luglio 1989 Reinsdorf e Krause licenziarono Doug Collins e affidarono la squadra al suo vice Phil Jackson , il quale confidò allo stesso Krause appena dopo la nomina a coach: [129]

«Sono sempre stato più orientato alla difesa, sia come giocatore che come allenatore. Lascerò l'attacco a Tex Winter, giocherò con il triplo post»

( Phil Jackson )

Jordan non era inizialmente contento di tale schema. [130] [131] Nella prima stagione con il nuovo coach, i Bulls continuarono il loro percorso di crescita, arrivando a un record finale di 55-27, più vicino ai Pistons, campioni in carica. Jordan migliorò sempre più nel coinvolgimento dei compagni di squadra. In particolare, a beneficiarne furono Horace Grant e Scottie Pippen (quest'ultimo ricevette la sua prima convocazione all'ASG). Il 28 marzo 1990 Jordan fu protagonista della gara con più punti [132] segnati in carriera: contro i Cleveland Cavaliers segnò 69 punti, frutto di un 23/37 di tiri dal campo segnati, 6 triple realizzate e 21/23 ai liberi (oltre a 18 rimbalzi, 6 assist e 4 palle rubate). [132] I Bulls erano favoriti a Est e mantennero le aspettative vincendo agevolmente le prime due serie di playoffs contro i Bucks (3-1) ei 76ers (4-1), presentandosi dunque alla Finals di Conference dell'Est al cospetto di Detroit e dei suoi Bad Boys , così chiamati per il loro gioco intenso e aggressivo. [133] [134] La serie tra Chicago e Detroit fu molto tirata, con Jordan autore di grandi prestazioni, soprattutto in gara-4. Il fattore campo fu rispettato sempre e si arrivò alla 7ª partita, che si giocò a Detroit per via del miglior record in regular season dei Pistons. [134] L'ultima gara della serie terminò con il punteggio di 93-74 per Detroit. [135] I Bulls dimostrarono di non essere ancora pronti al salto definitivo, e Jordan manifestò nervosismo spaccando una sedia negli spogliatoi a seguito di un gesto di stizza. [124]

Primo three-peat e secondo oro olimpico con il Dream Team

Scottie Pippen , fattore determinante con Jordan nei titoli vinti da Chicago

La stagione 1990-91 ricominciò con il roster dei Chicago Bulls sostanzialmente invariato, almeno nel quintetto base. La politica della franchigia fu di lasciare maturare la squadra, non snaturandola. A fine anno i Portland Trail Blazers stabilirono il miglior record della regular season con 63-19, davanti al 61-21 dei Bulls. [136] I Bulls mostrarono un gioco completo e senza punti deboli, avendo armonizzato la presenza di una superstar con le dinamiche di squadra, ciò valse a Jordan il secondo titolo di MVP della Lega.

I Bulls superarono nuovamente in scioltezza i primi due turni di playoffs (3-0 ai New York Knicks e nuovamente 4-1 ai Philadelphia 76ers di Charles Barkley) per ritrovarsi per il terzo anno consecutivo nelle Finals dell'Est, sempre contro i Detroit Pistons. [137] Nuovamente affrontata in Finale di Conference, Jordan si prese la sua rivincita, trascinando Chicago a un netto 4-0. Alla fine di gara-4, con il risultato ormai guadagnato dai Bulls, i Pistons (con Isiah Thomas e Bill Laimbeer in testa) uscirono dal campo diversi secondi prima del termine della partita. [138] Jordan evitò di subire passivamente questo atteggiamento dei Pistons e mentre questi uscivano dal campo si rivolse ai suoi compagni congratulandosi con loro. [139]

In finale trovarono i Los Angeles Lakers di Magic Johnson; in gara-1 i Bulls vennero sconfitti per 93-91, con Jordan che sbagliò il tiro del pareggio a pochi secondi dal termine, ei Lakers ribaltarono così il fattore campo. [140] La prestazione di Jordan fu comunque di rilievo: mise a referto 36 punti, 8 rimbalzi e 12 assist, con 15 punti, 5 assist e 7/10 dal campo nel solo primo quarto. [140] Nelle gare successive i Lakers non riuscirono più a tenere il passo dei Bulls, che si imposero per 4-1 vincendo il loro primo titolo. [141] Nella serie fu importante anche l'apporto di Scottie Pippen in marcatura su Johnson. [142]

Le Air Jordan VII indossate durante i Giochi olimpici di Barcellona 1992

Nel 1992 la finale fu contro Portland: il suo scontro diretto con Drexler venne deciso fin dalle prime battute: nella gara-1 delle finali andò a riposo nell'intervallo del primo tempo con 35 punti, con 6 canestri consecutivi da 3 punti. [143] Secondo il telecronista Marv Albert , lo stesso Jordan fu sorpreso dalla propria prestazione. [143] Dopo la vittoria dei Bulls in gara-6 Drexler disse: "All'inizio della serie pensavo che Michael avesse 2000 movimenti diversi. Mi sbagliavo. Ne ha 3000". [144]

Jordan con l'arbitro Stefano Cazzaro al torneo olimpico di Barcellona

Nell'estate del 1992, Jordan, dopo aver vinto il suo secondo titolo, partecipò ai Giochi olimpici estivi di Barcellona 1992 , dove si tenne la prima apparizione di giocatori professionisti della NBA ai Giochi olimpici. Jordan venne nominato capitano della squadra insieme a Magic Johnson e Larry Bird. Jordan fu una delle stelle del Dream Team originale, considerata da molti esperti come la squadra di pallacanestro più forte di tutti i tempi; accanto a Michael figurarono infatti altri grandi campioni: il compagno di squadra Scottie Pippen , Magic Johnson , Larry Bird , Charles Barkley , Clyde Drexler , Patrick Ewing , Karl Malone , David Robinson , John Stockton , Chris Mullin e l'universitario Christian Laettner , guidati dal coach Chuck Daly . [145] Fu il secondo oro olimpico per Jordan, che contribuì attivamente al successo della squadra statunitense, risultando essere il secondo miglior marcatore della squadra con 14,9 [146] punti di media (dopo Charles Barkley ). [147]

Nella stagione successiva ebbe una media di 32,6 punti ed arrivò secondo nelle votazioni come DPOY ) [148] Raggiunta la finale dei playoffs si trovarono di fronte ai Phoenix Suns , autori del miglior record stagionale, trascinati da Charles Barkley . Con i Bulls in vantaggio 3-2, si ritornò in Arizona per le sfide decisive: gara-6 fu molto combattuta e si arrivò all'ultimo possesso con i Bulls palla in mano e sotto di 2 punti. Jordan fu l'autore di tutti i 9 punti effettuati fino a quel momento dai Bulls nell'ultimo quarto ma, invece di tirare, scelse di passare la palla a Scottie Pippen, che vide sotto canestro smarcato Horace Grant , il quale optò per il passaggio a John Paxson , appostato dietro l'arco dei 3 punti, per il tiro che valse non solo il pareggio ma la vittoria della partita e della serie: fu il terzo titolo consecutivo. [149]

Successivamente Jordan commentò il suo three-peat così: [150]

«Vincere tre titoli di seguito era un mio obiettivo, perché né Thomas, né Magic, né Bird ce l'hanno fatta. Non sto dicendo di essere più forte di loro, ma il fatto che solo io ci sia riuscito vorrà dire qualcosa.»

( Michael Jordan )

I Chicago Bulls vinsero il terzo titolo NBA di seguito, realizzando il cosiddetto three-peat , [151] riuscito solo ad altre 2 squadre nella storia della NBA. [152] In queste finali Jordan registrò la più alta media realizzativa di punti in una serie di finale con 41 punti (il massimo in quella serie furono i 55 punti che realizzò in gara-4). [153] In più vinse il terzo titolo consecutivo di MVP delle finali NBA, prima volta per un cestista a conquistare per tre volte tale riconoscimento. [16]

La morte del padre e il primo ritiro

Lo United Center di Chicago , casa dei Bulls dal 1994, soprannominato The house that Michael built , ovvero "La casa costruita da Michael".

Il 22 agosto 1993 il padre di Jordan, James, venne assassinato: di ritorno dal funerale di un amico, decise di fermarsi sul bordo di un'autostrada interstatale nella Carolina del Nord per riposarsi. [154] Mentre stava dormendo, due criminali locali si fermarono, lo uccisero e rubarono la sua Lexus , che gli era stata regalata proprio da Michael. Gli autori del fatto furono rapidamente rintracciati poiché avevano effettuato alcune chiamate con il telefono cellulare della vittima. [155] Il 6 ottobre 1993, durante una conferenza stampa, Michael comunicò la decisione di lasciare la pallacanestro, decisione presa anche a seguito della morte improvvisa del padre. [156] Dichiarò di non avere più nulla da dimostrare, avendo già raggiunto l'apice della propria carriera. [157] Il mondo del basket rimase fortemente colpito da questa decisione ritrovandosi senza il proprio giocatore rappresentante, [158] in quanto Jordan fu il primo "atleta globale" [15] capace di canalizzare da l'attenzione dei tifosi di tutto il mondo. [15] [159]

Il 9 settembre 1994, un anno dopo il suo ritiro, giocò un'ultima volta al Chicago Stadium, prossimo alla demolizione, in una partita di beneficenza organizzata da Scottie Pippen, uno dei compagni di squadra "storici" e grande amico, segnando 52 punti. [160] Nel nuovo impianto, lo United Center , venne tenuta qualche giorno dopo la cerimonia ufficiale d'addio del giocatore, con il ritiro della canotta numero 23. [161] Davanti al nuovo stadio venne eretta una grande statua di Jordan impegnato in una schiacciata con una targa con le parole: "The best there ever was, the best there ever will be", ovvero "Il migliore che ci sia mai stato, il migliore che mai ci sarà". [162]

Carriera nel baseball

Michael Jordan
Jordan Scorpions.jpg
Jordan in allenamento con gli Scottsdale Scorpions
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 198 cm
Peso 92 kg
Baseball Baseball pictogram.svg
Ruolo Esterno
Termine carriera 1994
Carriera
Squadre di club
1994 Birmingham Barons (AA)
1994 Scottsdale Scorpions (AFL)
Statistiche
Batte destro
Lancia destro

«Voglio dimostrare di poter primeggiare anche in un'altra disciplina»: con queste parole, e sempre per la devozione verso il defunto padre, Jordan tentò la carriera nel baseball professionistico, sognata fin da ragazzo. [163] L'amore del padre appena scomparso per questo sport fu probabilmente la motivazione più forte che spinse Jordan a ritirarsi dalla pallacanestro per dedicarsi alla sua nuova carriera. [164] Nel febbraio 1994 firmò un contratto da free agent con i Chicago White Sox ; il 31 marzo venne assegnato ai Birmingham Barons, terza squadra degli White Sox, impegnata nella Doppia-A della Minor League . [165]

Nonostante la grande aspettativa del pubblico nei confronti del campione, Jordan ottenne risultati abbastanza modesti: con i Barons disputò 127 partite e tenne una media battuta di 20,2 con 3 home run , 51 punti battuti a casa , 30 basi rubate (quinto nella Southern League a pari merito) e 11 errori . [166]

Le prestazioni poco brillanti fecero salire la pressione di giornalisti e tifosi che, aspettandosi qualcosa in più dall'ex-superstar NBA , iniziarono a criticare Jordan, ipotizzando anche che il suo ingaggio fosse più dovuto a un fattore pubblicitario che ad altro. [167] Tra il settembre e il novembre 1994, giocò 35 incontri con gli Scottsdale Scorpions nella Arizona Fall League , lega affiliata alla Major League; chiuse con 25,2 di media battuta. Non soddisfatto dei risultati, Jordan continuò ad allenarsi con i Chicago White Sox fino al 2 marzo 1995, giorno in cui dichiarò conclusa la sua carriera di giocatore di baseball. [168]

Il primo ritorno nell'NBA e secondo three-peat

Nei primi del 1995 cominciò a circolare la notizia secondo cui Jordan avesse intenzione di tornare a vestire la casacca dei Bulls; la ESPN interruppe tutti i programmi per dare la notizia di un suo possibile ritorno. La Nike, sponsor storico di Jordan, inviò 40 paia di scarpe targate Air Jordan ai Bulls. [169] Il 18 marzo 1995 venne diramato un breve comunicato: "Michael Jordan ha informato i Bulls di aver interrotto il suo volontario ritiro di 17 mesi. Esordirà domenica a Indianapolis contro gli Indiana Pacers ." [169] [170] Lo stesso Jordan, tramite il suo manager David B. Falk e l'agenzia che gli curava gli interessi (la "FAME"), diramò un brevissimo comunicato stampa, che conteneva poche, ma efficaci parole: "I'm back" ("Sono tornato"). [171] Come ulteriore segno di cambiamento, Michael scelse di usare al posto del numero 23 sulla canotta il 45, numero che aveva quando giocava a baseball da piccolo, e suo reale numero preferito. [170] Ritornò in seguito a usare il numero 23, inizialmente non utilizzato anche perché ritirato dalla squadra di Chicago. [170]

Tornato sotto la guida di coach Jackson, evidenziò delle difficoltà sia a livello fisico sia a livello tecnico a causa del lungo stop a cui si era volontariamente sottoposto. [172] Nonostante tutto continuò a mostrare sprazzi del suo talento, ad esempio, nel match giocato contro i New York Knicks al Madison Square Garden in cui mise a referto 55 punti. [173] Lo stesso Jordan ammise in seguito che, benché avesse mantenuto un'ottima preparazione fisica grazie all'avventura nel baseball professionistico, la pallacanestro richiedeva un diverso regime di allenamento. [173] Al raggiungimento dei play-off la sua media realizzativa era di 26,9 punti in 17 partite disputate, ma venne eliminata ai playoffs da Orlando e, proprio in una gara di playoffs contro i Magic, Jordan commise alcuni errori decisivi, tra cui una palla persa durante l'ultimo minuto di gioco a cui seguì la sconfitta; [173] il giocatore dei Magic Nick Anderson , in un'intervista, parlò del numero 45 dei Bulls come di un giocatore forte, ma non quanto il 23. Stuzzicato dal rivale e dal coach Phil Jackson , Jordan dalla partita successiva in poi tornò a indossare la canotta numero 23 pagando una multa per ogni partita di playoffs giocata con quel numero visto il divieto della Lega di cambiare la numerazione della propria canotta a stagione in corso. [174]

Dopo essere tornato in forma, [175] la stagione 1995-1996 vide Jordan di nuovo protagonista con la conseguente prestazione della squadra: la squadra fece segnare un record assoluto nella NBA: riuscirono nell'impresa di superare la soglia delle 70 vittorie nella regular season , vincendo ben 72 partite su 82, record poi superato solo dai Golden State Warriors nella stagione 2015-2016. [176] Con una line-up composta da Jordan, Ron Harper , Scottie Pippen, Dennis Rodman e Luc Longley , [177] nonché probabilmente la miglior panchina della Lega, soprattutto grazie a Steve Kerr e Toni Kukoč, [177] i Bulls migliorarono nettamente rispetto alla stagione precedente, passando da un record di 47-35 a 72-10. [178] Jordan vinse il suo ottavo titolo di marcatore e Rodman il suo quinto consecutivo da rimbalzista, mentre Kerr guidò la Lega nel tiro da tre punti. Jordan ottenne la cosiddetta Triple Crown , la prestigiosa impresa dei tre premi come MVP: infatti, in questa stessa stagione Michael fu MVP dell'All Star Game , della stagione regolare e delle finali , [1] vinte contro i Seattle SuperSonics . Il manager Jerry Krause fu il "dirigente dell'anno", Jackson vinse il suo primo premio come allenatore dell'anno e Kukoč fu il sesto uomo dell'anno . Sia Pippen che Jordan furono parte dell'All-NBA First Team e gli stessi due, insieme a Dennis Rodman, fecero parte anche dell'All-Defensive First Team. La squadra trionfò contro Gary Payton , Shawn Kemp ei loro Seattle SuperSonics vincendo il quarto titolo in 6 gare. [179]

Jordan durante un timeout con il suo allenatore Phil Jackson nel 1997.

La stagione 1996-1997 fu ancora una stagione-record: i Bulls ottennero un record di vittorie-sconfitte di 69-13. [180] Nel corso dell'All-Star Game Jordan scrisse nuovamente la storia: con 14 punti, 11 assist e 11 rimbalzi fu il primo giocatore a realizzare una tripla doppia nella manifestazione. [181] Ancora una volta i playoffs videro i Bulls protagonisti, e nelle finali arrivò il quinto titolo dopo la vittoria contro gli Utah Jazz di Karl Malone e John Stockton . In gara-5 Jordan giocò il famoso flu game in cui segnò 38 punti (compresa la tripla decisiva a 25 secondi dalla fine) nonostante il giorno prima fosse stato vittima di un'intossicazione alimentare causata da una pizza. [182] [183]

Jordan guidò la squadra durante la stagione 1997-1998 , nella quale vinse il suo ultimo premio di MVP della regular season. [17] Dopo una regular season non all'altezza delle due precedenti, i Chicago Bulls ritrovarono lo smalto nei playoffs e raggiunsero nuovamente le finali, dove incontrarono gli Utah Jazz per il secondo anno consecutivo dopo avere vinto agevolmente la finale di Conference con un secco 4-0 contro i Los Angeles Lakers di Shaquille O'Neal e Kobe Bryant. Arrivò il sesto titolo per Jordan, suggellato da una palla rubata dalle mani di Karl Malone e dal canestro proprio di Jordan a 5,2 secondi dalla fine della sesta gara delle finali, giocata a Salt Lake City, entrato di diritto nella storia della pallacanestro : fu il secondo three-peat per Michael ei Chicago Bulls. [184] Il suo tiro è rimasto noto nell'immaginario collettivo come The Shot (esattamente come quello contro Cleveland), fissando il punteggio sull'87-86 finale. [185]

Il 14 gennaio 1999, al termine del lockout che posticipò l'inizio della stagione 1998-1999 in gennaio, annunciò per la seconda volta il ritiro. [186] [187] [188] Si dedicò al suo secondo sport preferito, il golf , e alla gestione dei Washington Wizards . [189] In merito a un suo eventuale ritorno sui campi da basket, affermò che tale eventualità non fosse da escludere totalmente, sebbene le probabilità fossero molto basse («sono ritirato al 99,9%»). [157] [188] [190]

Il secondo ritorno con i Washington Wizards

Jordan nel 2006

Il 25 settembre 2001 Jordan decise di tornare in campo, e da proprietario dei Washington Wizards tornò a essere giocatore. [191] Notevole fu l'interesse mediatico che si produsse intorno al suo ritorno, ei Wizards diventarono in breve una delle squadre più seguite dell'NBA. [191]

Durante le due stagioni nella nuova squadra, Jordan percepì un compenso di un milione di dollari, devoluto interamente in beneficenza alle famiglie delle vittime degli attentati dell'11 settembre 2001 . [192] [193] Nonostante l'età ormai avanzata e un infortunio che lo tenne fuori per parte della stagione 2001-2002 , partecipò al suo 14º All-Star Game, a Filadelfia . [191] Terminò la sua prima stagione come Wizard con una media di 22,9 punti a partita. [8]

Nella stagione 2002-2003 ottenne una media di 20 punti a partita [8] e partecipò ancora una volta (l'ultima) all'All-Star Game, ad Atlanta , dove l'intera manifestazione venne organizzata per essere un tributo a Jordan. [194] Le divise della partita delle stelle furono fatte a copia delle divise dell'All-Star Game del 1988 di Chicago, nel quale Jordan fu eletto per la prima volta MVP, e nell'intervallo il tributo al giocatore, si realizzò sulle note di Hero , cantate da Mariah Carey , vestita per l'occasione con un abito che rappresentava insieme la canotta nº 23 dei Washington Wizards e quella dei Chicago Bulls. [194] Ripresa la partita, a circa tre secondi dalla fine, riuscì a segnare un tiro in fade-away che sembrerebbe regalare la competizione alla squadra dell'Est; tuttavia, un fallo su Kobe Bryant effettuato da Jermaine O'Neal all'ultimo secondo riuscì a ribaltare la situazione e tutto si concluse in una vittoria di 155 a 145 per l'Ovest, dopo un doppio overtime . [194] [195]

Nel corso della stagione, Jordan diventò il giocatore più anziano (38 anni) dell'NBA a segnare più di 40 punti in una partita, mettendone a segno 51 contro gli Charlotte Hornets il 29 dicembre 2001. [191] [196] e 45 contro i New Jersey Nets il 31 dicembre 2001 [197] Nonostante i suoi sforzi, però, Jordan non riuscì a coinvolgere fino in fondo i compagni ea formare un gruppo valido né nella stagione 2001-02 né in quella seguente, non riuscendo a portare i Washington Wizards ai play-off. Questo a dispetto della presenza di numerosi giovani di talento come Richard Hamilton (scambiato per Jerry Stackhouse a inizio stagione 2002-03) il quale farà poi fortuna con i Detroit Pistons [198] o come Larry Hughes finito poi fuori rotazione.

Il 21 febbraio 2003 realizzò 43 punti contro i New Jersey Nets , divenendo l'unico giocatore con più di 40 anni ad aver realizzato più di 40 punti in un incontro NBA. [199] Verso la fine della stagione 2002-03 Jordan venne addirittura isolato da alcuni compagni i quali cominciarono a trovare opprimenti i suoi metodi di allenamento e gestione della squadra. [200] Queste stesse motivazioni furono alla base del suo licenziamento in qualità di presidente da parte del proprietario Abe Pollin . [201] Le ultime partite di Jordan in giro per le arene della NBA diventarono momenti per i fan avversari di dare un ultimo saluto al cestista, prima passando dalla sua Chicago, per l'ultima partita nel "suo" United Center, [202] [203] per arrivare a Filadelfia, da Allen Iverson , alla 82ª partita di stagione regolare, dove ebbero luogo l'ultima e l'ultimo tiro della sua carriera: un tiro libero che gli fece raggiungere quota 20 punti di media in stagione. [204]

Uscendo dalla partita a poco più di un minuto dal termine, si prese una standing ovation da parte di tutti i presenti, ciò costrinse una sospensione temporanea della partita, mentre dal pubblico avversario si alzò il coro "We Want Mike!". Fu l'ultima apparizione su un parquet di Michael Jordan che, visibilmente emozionato, dopo aver salutato i giocatori avversari e gli amici presenti, si avviò verso gli spogliatoi. [204]

Al termine della stagione 2002-2003 , si ritirò per la terza e ultima volta. Jordan concluse la sua carriera NBA con una media punti per partita di 30,12 nella stagione regolare, la più alta in tutta la storia dell'NBA, [8] superiore di pochi centesimi alla media punti di Wilt Chamberlain (30,06); è quinto come numero di punti segnati in carriera . [205]

Dopo il ritiro

Jordan nel 2007 durante una partita di golf , uno dei suoi hobby preferiti.

Il 1º febbraio 2004 fondò il Michael Jordan Motorsports , un team impegnato nelle corse motociclistiche del campionato American Motorcyclist Association (AMA). Finora la squadra ha sempre gareggiato con motociclette giapponesi, con una certa predilezione per le Suzuki GSX-R . [206] L'attività venne sospesa dal 31 ottobre 2013, per valutare la possibilità di gareggiare in MotoGP . [207]

Nell'ottobre 2004, Giorgio Armani contattò Jordan tentando di convincerlo di giocare per l' Olimpia Milano , sponsorizzata dal 2004 proprio dal celebre stilista, ottenendo una risposta negativa. [208]

Nel 2006 venne nominato general manager degli Charlotte Bobcats (poi diventati Charlotte Hornets ), franchigia della Carolina del Nord e quattro anni più tardi ne diventò l'unico proprietario. [209]

Numeri di maglia

La canotta numero 23 della North Carolina autografata da Jordan.

Michael Jordan ha indossato cinque diversi numeri di canotta nella sua intera carriera: lo storico 23, il 45 al ritorno dal suo primo ritiro, il 9 con la nazionale degli Stati Uniti alle Olimpiadi del 1984 e del 1992, il 5 sempre con la nazionale ai Giochi Panamericani di Caracas, [210] e il 12, indossato il 14 febbraio 1990, come canotta di emergenza, poiché in una gara contro gli Orlando Magic , a Orlando, un tifoso si intrufolò negli spogliatoi e rubò la canotta di Jordan. [211] Questa era del compagno di squadra Sam Vincent , ed essendo una canotta da allenamento era priva di cognome stampato sul retro; Jordan segnò 49 punti nella sconfitta contro i Magic. [211]

La canotta numero 23 di Jordan è stata ritirata dai Chicago Bulls e dai Miami Heat , anche se Michael non ha mai giocato per quest'ultima. [212] Fu desiderio del coach degli Heat, Pat Riley , fare un tributo a Jordan nella sua ultima gara a Miami nella stagione 2002-2003, innalzando al soffitto un banner raffigurante per una metà la canotta dei Bulls e per l'altra quella dei Wizards. [212]

Jordan indossò il numero 23 poiché, quando era giovane, ammirava molto il fratello maggiore Larry, che giocava alla Laney High School (oltre che nel campetto di casa con lui), [58] e indossava il 45, [58] e aspirava a essere forte la metà di quanto lo fosse lui. [213] Il 23 è la metà del 45 arrotondata per eccesso ed è anche per questo che Jordan ha indossato tale numero. [213]

Merchandising

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Michael Jordan nella cultura di massa .

Oltre che per le sue qualità cestistiche, Michael Jordan ha guadagnato notorietà fuori dal campo per via delle sue apparizioni cinematografiche (su tutte quella in Space Jam ) e per il brand Air Jordan .

Statistiche

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Statistiche e record di Michael Jordan .
Legenda
PG Partite giocate PT Partite da titolare MP Minuti a partita
TC% Percentuale tiri dal campo a segno 3P% Percentuale tiri da tre punti a segno TL% Percentuale tiri liberi a segno
RP Rimbalzi a partita AP Assist a partita PRP Palle rubate a partita
SP Stoppate a partita PP Punti a partita Grassetto Career high
Denota le stagioni in cui Jordan ha vinto il titolo
* Primo nella lega
* Record

NCAA

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
1981-1982 N. Carol. Tar Heels 34 34 31,7 53,4 72,2 4,4 1,8 1,2 0,2 13,5
1982-1983 N. Carol. Tar Heels 36 36 30,9 53,5 44,7 73,7 5,5 1,6 2,2 0,8 20,0
1983-1984 N. Carol. Tar Heels 31 31 29,5 55,1 77,9 5,3 2,1 1,6 1,1 19,6
Carriera 101 101 30,8 54,0 44,7 74,8 5,0 1,8 1,7 0,7 17,7

NBA

Regular season

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
1984-1985 Chicago Bulls 82 82 38,3 51,5 17,3 84,5 6,5 5,9 2,4 0,8 28,2
1985-1986 Chicago Bulls 18 7 25,1 45,7 16,7 84,0 3,6 2,9 2,1 1,2 22,7
1986-1987 Chicago Bulls 82 82 40,0 48,2 18,2 85,7 5,2 4,6 2,9 1,5 37,1 *
1987-1988 Chicago Bulls 82 82 40,4 * 53,5 13,2 84,1 5,5 5,9 3,2 * 1,6 35,0*
1988-1989 Chicago Bulls 81 81 40,2* 53,8 27,6 85,0 8,0 8,0 2,9 0,8 32,5*
1989-1990 Chicago Bulls 82 82 39,0 52,6 37,6 84,8 6,9 6,3 2,8* 0,7 33,6*
1990-1991 Chicago Bulls 82 82 37,0 53,9 31,2 85,1 6,0 5,5 2,7 1,0 31,5*
1991-1992 Chicago Bulls 80 80 38,8 51,9 27,0 83,2 6,4 6,1 2,3 0,9 30,1*
1992-1993 Chicago Bulls 78 78 39,3 49,5 35,2 83,7 6,7 5,5 2,8* 0,8 32,6*
1994-1995 Chicago Bulls 17 17 39,3 41,1 50,0 80,1 6,9 5,3 1,8 0,8 26,9
1995-1996 Chicago Bulls 82 82 37,7 49,5 42,7 83,4 6,6 4,3 2,2 0,5 30,4*
1996-1997 Chicago Bulls 82 82 37,9 48,6 37,4 83,3 5,9 4,3 1,7 0,5 29,6*
1997-1998 Chicago Bulls 82 82 38,8 46,5 23,8 78,4 5,8 3,5 1,7 0,5 28,7*
2001-2002 Wash. Wizards 60 53 34,9 41,6 18,9 79,0 5,7 5,2 1,4 0,4 22,9
2002-2003 Wash. Wizards 82 67 37,0 44,5 29,1 82,1 6,1 3,8 1,5 0,5 20,0
Carriera 1072 1039 38,3 49,7 32,7 83,5 6,2 5,3 2,3 0,8 30,1*
All-Star 13 13 29,4 47,2 27,3 75,0 4,7 4,2 2,8 0,5 20,2

Playoffs

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
1985 Chicago Bulls 4 4 42,8* 43,6 12,5 82,8 5,8 8,5 2,8 * 1,0 29,3
1986 Chicago Bulls 3 3 45,0 50,5 100,0 87,2 6,3 5,7 2,3 1,3 43,7 *
1987 Chicago Bulls 3 3 42,7 41,7 40,0 89,7 7,0 6,0 2,0 2,3 35,7*
1988 Chicago Bulls 10 10 42,7 53,1 33,3 86,9 7,1 4,7 2,4 1,1 36,3
1989 Chicago Bulls 17 17 42,2 51,0 28,6 79,9 7,0 7,6 2,5 0,8 34,8*
1990 Chicago Bulls 16 16 42,1 51,4 32,0 83,6 7,2 6,8 2,8 * 0,9 36,7*
1991 Chicago Bulls 17 17 40,5 52,4 38,5 84,5 6,4 8,4 2,4 1,4 31,1*
1992 Chicago Bulls 22 22 41,8 49,9 38,6 85,7 6,2 5,8 2,0 0,7 34,5*
1993 Chicago Bulls 19 19 41,2 47,5 38,9 80,5 6,7 6,0 2,1 0,9 35,1*
1995 Chicago Bulls 10 10 42,0 48,4 36,7 81,0 6,5 4,5 2,3 1,4 31,5
1996 Chicago Bulls 18 18 40,7 45,9 40,3 81,8 4,9 4,1 1,8 0,3 30,7 *
1997 Chicago Bulls 19 19 42,3 45,6 19,4 83,1 7,9 4,8 1,6 0,9 31,1*
1998 Chicago Bulls 21 21 41,5 46,2 30,2 81,2 5,1 3,5 1,5 0,6 32,4*
Carriera 179 179 41,8 48,7 33,2 82,8 6,4 5,7 2,1 0,8 33,4*

Premi e riconoscimenti

Un lato del basamento della statua di Jordan fuori dallo United Center con tutti i riconoscimenti ottenuti.

Club

Chicago Bulls : 1991 , 1992 , 1993 , 1996 , 1997 , 1998
  • Campionato NCAA : 1
Università della Carolina del Nord a Chapel Hill : 1982

Nazionale

Los Angeles 1984 , Barcellona 1992
Venezuela 1983
Stati Uniti d'America 1992

Individuale

NCAA

1983-1984
1983-1984
1983-1984
1983-1984
1983-1984
  • Atlantic Coast Conference Freshman of the Year: 1
1981-1982
  • Sporting News Men's College Basketball Player of the Year: 2
1982-1983, 1983-1984

Premi NBA

1987-88 , 1990-91 , 1991-92 , 1995-96 , 1997-98
1990-91 , 1991-92 , 1992-93 , 1995-96 , 1996-97 , 1997-98
1987-88
1984-85
1986-87 , 1987-88 , 1988-89 , 1989-90 , 1990-91 , 1991-92 , 1992-93 , 1995-96 , 1996-97 , 1997-98

All-Star Game

1985 , 1986 , 1987 , 1988 , 1989 , 1990 , 1991 , 1992 , 1993 , 1996 , 1997 , 1998 , 2002 , 2003
1988 , 1996 , 1998
1987 , 1988

All-NBA

Memorabilia di Jordan in mostra al Chicago History Museum.
1986-1987 , 1987-1988 , 1988-1989 , 1989-1990 , 1990-1991 , 1991-1992 , 1992-1993 , 1995-1996 , 1996-1997 , 1997-1998
1984-1985
1987-1988 , 1988-1989 , 1989-1990 , 1990-1991 , 1991-1992 , 1992-1993 , 1995-1996 , 1996-1997 , 1997-1998
1984-1985

Hall of Fame

Onorificenze

Medaglia presidenziale della libertà (Stati Uniti) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia presidenziale della libertà (Stati Uniti)
— 22 novembre 2016 [21] [214]

Note

  1. ^ a b c ( EN ) Michael Jordan , su basketball-reference.com . URL consultato il 21 novembre 2020 ( archiviato il 21 novembre 2020) .
  2. ^ ( EN ) Michael Jordan , su thedraftreview.com . URL consultato il 21 novembre 2020 ( archiviato il 21 novembre 2020) .
  3. ^ ( EN ) Sam Quinn, How Michael Jordan bulked up to outmuscle Pistons, win first NBA championship with Bulls , in CBS Sports , 11 maggio 2020. URL consultato il 21 novembre 2020 ( archiviato il 16 luglio 2020) .
  4. ^ ( EN ) Michael Jordan's Height, Weight, And Body Measurements , su celebily.com . URL consultato il 21 novembre 2020 ( archiviato il 25 settembre 2020) .
  5. ^ ( EN ) Chris Chase, Michael Jordan is trying to get back to his playing weight , su eu.usatoday.com , 15 febbraio 2013. URL consultato il 21 novembre 2020 .
  6. ^ Il peso di Michael Jordan è oscillato fra gli 88 ed i 101 kg nel corso della sua carriera. [2] [3] [4] Il suo peso forma è stato 98 kg. [5]
  7. ^ Andrea Grazioli, L'addio del più grande: 15 anni fa l'ultima di Michael Jordan , su gazzetta.it , 17 aprile 2018. URL consultato il 21 novembre 2020 ( archiviato il 18 aprile 2018) .
  8. ^ a b c d e f ( EN ) Legends profile: Michael Jordan , su nba.com . URL consultato il 23 gennaio 2021 .
  9. ^ CR7 incontra Michael Jordan: "Abbiamo fatto la storia" , su gazzetta.it . URL consultato il 24 luglio 2019 .
  10. ^ Auguri Michael Jordan: His Airness compie 54 anni , in Il Corriere dello Sport . URL consultato il 24 luglio 2019 ( archiviato il 24 luglio 2019) .
  11. ^ ( EN ) Top N. American athletes of the century , su espn.com . URL consultato il 29 marzo 2019 ( archiviato il 17 giugno 2019) .
  12. ^ ( EN ) Michael Jordan: Phenomenon , su nba.com . URL consultato il 20 novembre 2015 (archiviato dall' url originale l'11 aprile 2010) .
  13. ^ ( EN ) Sarah Skidmore, 23 years later, Air Jordans maintain mystique , in Seattle Times , 10 gennaio 2008. URL consultato il 12 ottobre 2014 .
  14. ^ a b Bird, Johnson, MacMullan .
  15. ^ a b c ( EN ) Michael Jordan and the New Global Capitalism , su movies2.nytimes.com . URL consultato l'11 maggio 2019 ( archiviato l'11 maggio 2019) .
  16. ^ a b ( EN ) NBA Finals MVP Award Winners , su nba.com . URL consultato l'11 giugno 2019 ( archiviato il 27 giugno 2019) .
  17. ^ a b c d ( EN ) Michael Jordan Career Stats , su nba.com . URL consultato il 21 novembre 2015 (archiviato dall' url originale il 29 gennaio 2013) .
  18. ^ Jordan nella Hall of Fame Nessuno come me , in la Repubblica , 12 settembre 2009. URL consultato l'11 giugno 2019 ( archiviato il 27 marzo 2019) .
  19. ^ Nba, è tornato il Dream Team: ora è nella Hall of Fame , in Sky Sport , 14 agosto 2010. URL consultato l'11 giugno 2019 ( archiviato l'11 agosto 2020) .
  20. ^ ( EN ) Mike Chiari, Michael Jordan Leads Class of 2015 FIBA Hall of Fame Inductees , in Bleacher Report , 17 luglio 2015. URL consultato l'11 giugno 2019 ( archiviato il 27 gennaio 2016) .
  21. ^ a b ( EN ) President Obama Names Recipients of the Presidential Medal of Freedom , su whitehouse.gov , 16 novembre 2016. URL consultato il 23 novembre 2016 ( archiviato il 22 novembre 2016) .
  22. ^ Lazenby , pp. 47-50 .
  23. ^ Sachare , pp. 172-173 .
  24. ^ Lazenby , p. 52 .
  25. ^ ( EN ) Marcus Jordan Player Profile , su basketball.realgm.com . URL consultato il 10 maggio 2019 ( archiviato il 10 maggio 2019) .
  26. ^ ( EN ) Jeff Jordan Player Profile , su basketball.realgm.com . URL consultato il 10 maggio 2019 .
  27. ^ Alessandro Tommasi, Jordan ti lascio dammi la metà , in la Repubblica , 9 gennaio 2019, p. 47. URL consultato l'11 maggio 2019 .
  28. ^ BASKET Michael Jordan divorzia dopo 17 anni di matrimonio , in Il Tempo , 31 dicembre 2006. URL consultato l'11 maggio 2019 .
  29. ^ ( EN ) Ben Golliver, Michael Jordan marries Yvette Prieto in Florida wedding , su si.com , 27 aprile 2013. URL consultato il 10 maggio 2019 (archiviato dall' url originale il 10 maggio 2019) .
  30. ^ ( EN ) Alex Ballentine, Michael Jordan Wedding: NBA Legend Marries 35-Year-Old Model , in Bleacher Report , 28 aprile 2013. URL consultato l'11 maggio 2019 .
  31. ^ Nba, Michael Jordan diventa papà di due gemelle , su gazzetta.it , 12 febbraio 2014. URL consultato l'11 maggio 2019 .
  32. ^ Vittorio Zucconi, Dietro i Jordan vizi e mafia , in la Repubblica , 15 agosto 1993, p. 20. URL consultato il 29 marzo 2020 .
  33. ^ ( EN ) Sports of The Times; Jordan's Atlantic City Caper , in The New York Times , 27 maggio 1993. URL consultato il 29 marzo 2020 (archiviato dall' url originale il 14 luglio 2012) .
  34. ^ a b ( EN ) Marcel Smith, Michael Jordan's First Retirement: Was It a Secret Suspension? , su Bleacher Report . URL consultato il 29 marzo 2020 .
  35. ^ ( EN ) Curious Guy: David Stern , su espn.com . URL consultato il 29 marzo 2020 .
  36. ^ ( EN ) Michael Jordan's Hitler Moustache , su slurvemag.com . URL consultato il 17 settembre 2020 (archiviato dall' url originale il 25 aprile 2012) .
  37. ^ ( EN ) How Michael Jordan's Hitler Moustache Boosted Sales at Hanes , in CBS News . URL consultato il 17 settembre 2020 .
  38. ^ a b ( EN ) Charles Barkley says what we're all thinking about MJ's mustache , su sports.yahoo.com . URL consultato il 17 settembre 2020 .
  39. ^ ( EN ) Hubie Brown on Jordan , su nba.com . URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato dall' url originale l'11 aprile 2010) .
  40. ^ Michele Talamazzi, Micheal Jordan, 31 anni dal debutto: "Saltava e schiacciava sopra tutti" , 29 ottobre 2015. URL consultato il 21 novembre 2015 ( archiviato il 22 novembre 2015) .
  41. ^ ( EN ) Slam Dunk Highlights , su nba.com . URL consultato il 20 novembre 2015 (archiviato dall' url originale il 10 dicembre 2015) .
  42. ^ ( EN ) JM Poulard, Is Michael Jordan the Greatest Perimeter Post Player of All Time? , in Bleacher Report , 29 agosto 2013. URL consultato il 21 novembre 2015 ( archiviato il 22 novembre 2015) .
  43. ^ ( EN ) Whet Moser, LeBron James Isn't Michael Jordan Yet, But He's Getting There , 21 giugno 2013. URL consultato il 21 novembre 2015 ( archiviato il 21 novembre 2015) .
  44. ^ ( EN ) Zachmo Marsupalami, Why Michael Jordan Was a Better 3-Point Shooter Than Kobe Bryant , in Bleacher Report , 13 settembre 2011. URL consultato il 21 novembre 2015 ( archiviato il 21 novembre 2015) .
  45. ^ ( EN ) Jordan's forgotten advantage over LeBron , su espn.go.com , 13 agosto 2013. URL consultato il 21 novembre 2015 ( archiviato il 22 novembre 2015) .
  46. ^ a b c Lazenby .
  47. ^ ( EN ) Ira Berkow, Sports of The Times; Air Jordan And Just Plain Folks , in New York Times , 15 giugno 1991, p. 29. URL consultato il 18 giugno 2019 ( archiviato il 4 aprile 2019) .
  48. ^ a b ( EN ) Darko Mihajlovski, Michael Jordan and the Greatest Lockdown, Man-To-Man Defenders in NBA History , in Bleacher Report , 4 dicembre 2010. URL consultato il 22 novembre 2015 ( archiviato il 22 novembre 2015) .
  49. ^ Record Palle Rubate NBA, la classifica di sempre , su www.dunkest.com . URL consultato il 10 marzo 2021 .
  50. ^ ( EN ) Art Thiel, Like No Other , su nba.com . URL consultato il 20 novembre 2015 (archiviato dall' url originale il 21 luglio 2015) .
  51. ^ ( EN ) Phil Jackson , Michael and Me , su nba.com . URL consultato il 20 novembre 2015 (archiviato dall' url originale l'11 febbraio 2007) .
  52. ^ ( EN ) Jordan blazes away from long range , su nba.com . URL consultato il 21 novembre 2015 (archiviato dall' url originale il 31 marzo 2018) .
  53. ^ a b c d Lazenby , pp. 93-102 .
  54. ^ Lazenby , p. 60 .
  55. ^ a b c Lazenby , pp. 85-89 .
  56. ^ ( EN ) Bob Cook, The Reality Behind the Myth of the Coach Who Cut Michael Jordan , 10 gennaio 2012. URL consultato il 28 marzo 2019 ( archiviato il 28 marzo 2019) .
  57. ^ Lazenby , p. 125 .
  58. ^ a b c Lazenby , pp. 61-62 .
  59. ^ ( EN ) Curry Kirkpatrick, The Unlikeliest Homeboy: Michael Jordan, 1991 Sportsman of the Year , su si.com , 23 dicembre 1991. URL consultato l'11 maggio 2019 ( archiviato l'11 maggio 2019) .
  60. ^ a b Lazenby , pp. 166-169 .
  61. ^ Lazenby , p. 155 .
  62. ^ ( EN ) Darren Rovell, MJ letters found in storage, up for auction , su espn.com , 11 gennaio 2014. URL consultato il 31 maggio 2019 ( archiviato il 31 maggio 2019) .
  63. ^ Lazenby , p. 194 .
  64. ^ ( EN ) Scott Davis, WHERE ARE THEY NOW? Michael Jordan's legendary UNC national Championship team , 19 marzo 2019. URL consultato il 28 marzo 2019 ( archiviato il 28 marzo 2019) .
  65. ^ ( EN ) Jordan Settles Into Success as a Tar Heel , in The New York Times . URL consultato il 28 marzo 2019 ( archiviato il 28 marzo 2019) .
  66. ^ Lazenby , p. 202 .
  67. ^ Lazenby , p. 205 .
  68. ^ ( EN ) NBA.com: James Worthy Summary , su nba.com . URL consultato il 29 marzo 2019 (archiviato dall' url originale il 29 marzo 2019) .
  69. ^ Lazenby , p. 207 .
  70. ^ Lazenby , p. 210 .
  71. ^ a b c Lazenby , pp. 215-217 .
  72. ^ Porter , p. 14 .
  73. ^ Lazenby , p. 10 .
  74. ^ a b Lazenby , p. 234 .
  75. ^ ( EN ) Ninth Pan American Games - 1983 , su usab.com:443 , 3 maggio 2019. URL consultato il 20 novembre 2020 .
  76. ^ ( EN ) Peter Alfano, Jordan Settles into Success as a Tar Heel , 26 dicembre 1983. URL consultato il 3 maggio 2019 ( archiviato il 3 maggio 2019) .
  77. ^ a b ( EN ) Gordon S. White Jr., Indianan Stuns Top-Ranked North Carolina in East , 23 marzo 1984. URL consultato il 2 maggio 2019 ( archiviato il 2 maggio 2019) .
  78. ^ Lazenby , p. 174 .
  79. ^ a b Lazenby , pp. 242-245 .
  80. ^ ( EN ) Abigail Hess, 5 superstar athletes who went back to school , in CNBC , 27 settembre 2017. URL consultato il 16 luglio 2019 ( archiviato il 16 luglio 2019) .
  81. ^ Luca Chiabotti, Nba, 1984: il draft di Jordan, Olajuwon, Barkley e Stockton , 30 ottobre 2014. URL consultato il 21 marzo 2019 ( archiviato il 21 aprile 2019) .
  82. ^ a b c ( EN ) Kwame Fisher-Jones, Top 11 NBA Trades That Would Have Changed the Game , in Bleacher Report , 13 marzo 2012. URL consultato il 16 maggio 2019 ( archiviato il 16 maggio 2019) .
  83. ^ ( EN ) That time the Mavericks almost got Michael Jordan , su mavs.com , 17 maggio 2016. URL consultato il 17 maggio 2019 (archiviato dall' url originale il 16 maggio 2019) .
  84. ^ Lazenby , p. 254 .
  85. ^ a b ( EN ) Games of the XXIIIrd Olympiad - 1984 , su usab.com:443 , 11 maggio 2019. URL consultato il 20 novembre 2020 .
  86. ^ Fino al 1988 gli Stati Uniti nella disciplina pallacanestro convocavano solamente giocatore proveniente dai vari college degli USA
  87. ^ a b Lazenby , pp. 255-260 .
  88. ^ Los Angeles 1984, l'Unione Sovietica boicotta le Olimpiadi , 1º aprile 2016. URL consultato il 16 maggio 2019 ( archiviato l'11 maggio 2019) .
  89. ^ Lazenby , p. 261 .
  90. ^ a b Lazenby , p. 267 .
  91. ^ ( EN ) Anthony Costa e James Rogers, What If Michael Jordan Chose adidas Instead of Nike? , su sneakerfreaker.com , 19 maggio 2018. URL consultato il 27 gennaio 2020 ( archiviato il 27 gennaio 2020) .
  92. ^ ( EN ) Jarrel Harris, Michael Jordan wearing Adidas? It almost happened , in Sports Illustrated , 5 aprile 2017. URL consultato l'11 maggio 2019 .
  93. ^ ( EN ) Jordan-More than just a shoe brand: Marketing Strategy , su linkedin.com . URL consultato il 12 luglio 2019 .
  94. ^ Lazenby , pp. 271-272 .
  95. ^ ( EN ) Hank Hersch, Before Jordan The Bulls played without His Airness for 18 years. , 7 luglio 1993. URL consultato l'11 maggio 2019 ( archiviato l'11 maggio 2019) .
  96. ^ a b ( EN ) Sam Smith, Michael Jordan's debut, 30 years ago , su nba.com , 26 ottobre 2014. URL consultato il 2 maggio 2019 ( archiviato il 2 maggio 2019) .
  97. ^ a b Lazenby , pp. 290-291 .
  98. ^ ( EN ) San Antonio Spurs at Chicago Bulls Box Score, November 13, 1984 , su basketball-reference.com . URL consultato il 2 maggio 2019 ( archiviato il 2 maggio 2019) .
  99. ^ ( EN ) Chicago Bulls at New York Knicks Box Score, January 5, 1985 , su basketball-reference.com . URL consultato il 2 maggio 2019 .
  100. ^ ( EN ) Atlanta Hawks at Chicago Bulls Box Score, January 26, 1985 , su basketball-reference.com . URL consultato il 2 maggio 2019 ( archiviato il 2 maggio 2019) .
  101. ^ ( EN ) Denver Nuggets at Chicago Bulls Box Score, January 14, 1985 , su basketball-reference.com . URL consultato il 16 luglio 2019 ( archiviato il 29 gennaio 2018) .
  102. ^ ( EN ) Michael Jordan's Hall of Fame Enshrinement Speech – highly applicable to market participants , su thelongshorttrader.com , 18 febbraio 2013. URL consultato il 20 novembre 2015 ( archiviato il 26 novembre 2015) .
  103. ^ Feb 12, 1985 - Detroit Pistons 126 at Chicago Bulls 139 - Box Score , su basketball.realgm.com . URL consultato l'11 maggio 2019 ( archiviato l'11 maggio 2019) .
  104. ^ ( EN ) 1984-85 NBA Awards Voting , su basketball-reference.com . URL consultato il 2 maggio 2019 ( archiviato il 30 marzo 2019) .
  105. ^ Silvio Maranzana, Michael Jordan incanta la platea triestina , in Il Piccolo , 27 agosto 1985, p. 13.
  106. ^ Lazenby , p. 315 .
  107. ^ ( EN ) Chris Bucher, Jerry Krause & Michael Jordan: 5 Fast Facts You Need to Know , su heavy.com , 21 marzo 2017. URL consultato il 16 luglio 2019 ( archiviato il 16 luglio 2019) .
  108. ^ ( EN ) Melissa Isaacson, MJ responds to Rose comparison , su espn.com , 13 agosto 2012. URL consultato il 15 giugno 2019 .
  109. ^ a b Lazenby , pp. 325-326 .
  110. ^ ( EN ) Melissa Isaacson, MJ responds to Reinsdorf's Rose analogy , in ESPN , 15 agosto 2012.
  111. ^ ( EN ) Michael Jordan Career Retrospective (1985-86) , su nba.com . URL consultato il 4 maggio 2019 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2019) .
  112. ^ a b ( EN ) God Disguised as Michael Jordan , su nba.com . URL consultato il 5 gennaio 2012 (archiviato dall' url originale il 29 gennaio 2013) .
  113. ^ ( EN ) NBA Single Game Playoff Leaders and Records for Points , su basketball-reference.com . URL consultato il 3 maggio 2019 ( archiviato il 19 aprile 2019) .
  114. ^ ( EN ) Michael Jordan , su databasebasketball.com , 16 gennaio 2007. URL consultato il 12 ottobre 2014 (archiviato dall' url originale l'11 febbraio 2009) .
  115. ^ ( EN ) Season Review: 1986-87 , su nba.com , 23 agosto 2017. URL consultato il 3 maggio 2019 ( archiviato il 3 maggio 2019) .
  116. ^ a b ( EN ) Michael Jordan 1986-1987 Season , su sneakerfiles.com . URL consultato il 3 maggio 2019 ( archiviato il 3 maggio 2019) .
  117. ^ ( EN ) Top Moments: Michael Jordan, Dominique Wilkins square off in '88 dunk contest , su nba.com . URL consultato il 25 aprile 2019 ( archiviato il 25 aprile 2019) .
  118. ^ Dalla parte di Scottie Pippen , su ultimouomo.com , 2 febbraio 2018. URL consultato il 25 aprile 2019 ( archiviato il 25 aprile 2019) .
  119. ^ ( EN ) 'Jordan Rules' revisited (cont.) , su sportsillustrated.cnn.com , 20 ottobre 2012. URL consultato il 4 maggio 2019 (archiviato dall' url originale il 20 ottobre 2012) .
  120. ^ a b c ( EN ) Phil Patton, The Selling of Michael Jordan , 9 novembre 1986. URL consultato l'11 maggio 2019 ( archiviato il 28 marzo 2019) .
  121. ^ ( EN ) Steve Schanwald , su nba.com , 23 gennaio 2001. URL consultato l'11 maggio 2019 ( archiviato il 10 maggio 2019) .
  122. ^ ( EN ) Gregory Meyer, Playoffs pay off for Bulls , in Chicago Business , 7 maggio 2007. URL consultato l'11 maggio 2019 ( archiviato il 10 maggio 2019) .
  123. ^ ( EN ) David Funk, What If? Michael Jordan's 1988-89 Season , in Bleacher Report . URL consultato il 25 aprile 2019 ( archiviato il 23 giugno 2019) .
  124. ^ a b c d Valerio Clari, Nba, quando Jordan era un perdente: "Non vincerà mai" , 6 dicembre 2014. URL consultato il 21 novembre 2015 ( archiviato il 22 novembre 2015) .
  125. ^ a b Lazenby , pp. 391-393 .
  126. ^ a b c d e f g Lazenby , pp. 396-398 .
  127. ^ ( EN ) Legendary Moments In NBA History: Michael Jordan hits iconic shot to eliminate Cavaliers , su nba.com . URL consultato il 7 maggio 2019 .
  128. ^ ( EN ) Detroit Pistons at Chicago Bulls Box Score, June 2, 1989 , su basketball-reference.com . URL consultato l'11 maggio 2019 ( archiviato l'11 maggio 2019) .
  129. ^ Lazenby , p. 409 .
  130. ^ Lazenby , p. 729 .
  131. ^ ( EN ) Does Jordan come across as a 'horrible guy' in The Last Dance? Yes and no , su inews.co.uk . URL consultato il 1º giugno 2020 ( archiviato il 28 gennaio 2021) .
  132. ^ a b Giuseppe Nigro, Nba, tutto Jordan in mostra: quella volta da 69 punti a Cleveland , 14 settembre 2015. URL consultato il 21 novembre 2015 ( archiviato il 22 novembre 2015) .
  133. ^ ( EN ) Born to Be Bad , su nba.com . URL consultato l'8 gennaio 2016 (archiviato dall' url originale il 21 febbraio 2012) .
  134. ^ a b ( EN ) Bad Boys Still the Best , su nba.com . URL consultato l'8 gennaio 2016 (archiviato dall' url originale il 21 febbraio 2012) .
  135. ^ ( EN ) John Harris, Pistons Bury Bulls with Early Flurry in 93-74 Victory , su deseret.com , 4 giugno 1990. URL consultato il 13 ottobre 2019 ( archiviato il 13 ottobre 2019) .
  136. ^ ( EN ) 1990-91 NBA Season Summary , su basketball-reference.com . URL consultato l'11 maggio 2019 ( archiviato il 4 luglio 2011) .
  137. ^ ( EN ) 1990-91 Chicago Bulls Schedule and Results , su basketball-reference.com . URL consultato il 26 maggio 2020 ( archiviato il 18 giugno 2020) .
  138. ^ ( EN ) Isiah Thomas regrets handshake snub against Bulls in 1991 playoffs , su si.com , 4 ottobre 2013. URL consultato l'8 gennaio 2016 .
  139. ^ ( EN ) Greg Eno, The Day the "Bad Boys" Walked Out , su bleacherreport.com . URL consultato il 6 aprile 2019 .
  140. ^ a b ( EN ) Los Angeles Lakers at Chicago Bulls Box Score, June 2, 1991 , su basketball-reference.com . URL consultato il 19 aprile 2019 .
  141. ^ Porter , p. 124 .
  142. ^ ( EN )Scottie Pippen's Greatest Moments: World champions for the first time in 1991 , su nba.com . URL consultato l'11 maggio 2019 ( archiviato l'11 maggio 2019) .
  143. ^ a b ( EN ) A Stroll Down Memory Lane , su nba.com . URL consultato l'11 gennaio 2016 (archiviato dall' url originale il 29 gennaio 2013) .
  144. ^ ( EN ) tit'92 Bulls repeat to prove their worth -- but it wasn't easy , su nba.com , 31 agosto 2011. URL consultato l'8 gennaio 2016 (archiviato dall' url originale il 7 marzo 2016) .
  145. ^ ( EN ) The Original Dream Team , su nba.com . URL consultato il 5 maggio 2019 (archiviato dall' url originale il 20 maggio 2012) .
  146. ^ ( EN ) Michael Jordan profile, Olympic Games : Tournament for Men 1992 , su fiba.com . URL consultato l'11 maggio 2019 ( archiviato l'11 agosto 2017) .
  147. ^ ( EN ) USA - 1992 Olympic Games , su archive.fiba.com , 6 aprile 2019. URL consultato il 6 aprile 2019 .
  148. ^ ( EN ) 1992-93 NBA Awards Voting , su basketball-reference.com . URL consultato il 29 marzo 2020 .
  149. ^ ( EN ) Scott Howard-Cooper, Top NBA Finals moments: Paxson's 3-pointer seals three-peat for Bulls , su nba.com , 4 giugno 2019. URL consultato il 4 giugno 2019 .
  150. ^ Marco Letizia, Gaia Piccardi e Flavio Vanetti, Da Borg a Stoner, da Tomba alla Pennetta I fenomeni che si ritirano al top della carriera , su corriere.it , 12 febbraio 2016. URL consultato il 6 aprile 2019 .
  151. ^ Gioco di parole traducibile più o meno come tri-petizione che fonde il numero three e il termine repeat
  152. ^ ( EN ) Top Moments: Lakers complete fifth 'three-peat' in NBA history , su nba.com . URL consultato l'11 maggio 2019 .
  153. ^ ( EN ) 1993 NBA Finals - Bulls vs. Suns , su basketball-reference.com . URL consultato il 17 febbraio 2021 .
  154. ^ Michael Jordan dice di non poter più "rimanere in silenzio" , 25 luglio 2016. URL consultato l'11 maggio 2019 ( archiviato l'11 maggio 2019) .
  155. ^ ( EN ) Alison Mitchell, THE NATION; So Many Criminals Trip Themselves Up , 22 agosto 1993. URL consultato l'11 maggio 2019 ( archiviato l'11 maggio 2019) .
  156. ^ ( EN ) Ira Berkow, A Humbled Jordan Learns New Truths , in The New York Times , 11 aprile 1994. URL consultato il 22 giugno 2019 ( archiviato il 23 gennaio 2012) .
  157. ^ a b ( EN ) Classic NBA Quotes: Michael Jordan , su nba.com . URL consultato l'11 gennaio 2016 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2012) .
  158. ^ ( EN ) Marcel Smith, Michael Jordan's First Retirement: Was It a Secret Suspension? , in Bleacher Report . URL consultato il 19 aprile 2019 ( archiviato il 19 aprile 2019) .
  159. ^ ( EN ) Doug Merlino, How Michael Jordan Became the First Modern African-American Superstar Athlete , in Bleacher Report . URL consultato l'11 maggio 2019 ( archiviato l'11 maggio 2019) .
  160. ^ ( EN ) Mike Wise, Jordan Bids Farewell With a Dunk and a Kiss , in New York Times , 11 settembre 1994. URL consultato il 4 maggio 2019 .
  161. ^ ( EN ) Harvey Araton, It's a Glitzy Goodbye to Jordan's No. 23 , 2 novembre 1994. URL consultato il 4 maggio 2019 ( archiviato il 28 marzo 2019) .
  162. ^ ( EN ) Michael Jordan Statue , su nba.com . URL consultato il 19 aprile 2019 ( archiviato il 19 aprile 2019) .
  163. ^ Will Smith produrrà il biopic su Michael Jordan , 21 dicembre 2017. URL consultato il 4 maggio 2019 ( archiviato il 4 maggio 2019) .
  164. ^ ( EN ) The Jordan Legacy , in Sports Illustrated , 12 gennaio 1999. URL consultato il 22 giugno 2019 (archiviato dall' url originale il 20 febbraio 2003) .
  165. ^ ( EN ) Solomon Crenshaw, 20 years ago today, Michael Jordan signed with White Sox to produce our Summer of Jordan (photos) , in Advance Local , 7 febbraio 2014. URL consultato il 27 marzo 2019 ( archiviato il 27 marzo 2019) .
  166. ^ ( EN ) Michael Jordan Chronology , in Sports Illustrated , 12 gennaio 1999. URL consultato il 22 giugno 2019 (archiviato dall' url originale il 18 maggio 2001) .
  167. ^ ( EN ) Aaron Dodson, That time Michael Jordan left the Bulls, went to baseball's minors, and chased his childhood dream , in The Undefeated , 11 luglio 2017. URL consultato il 9 maggio 2019 ( archiviato il 9 maggio 2019) .
  168. ^ ( EN ) Michael Jordan: The Stats , su infoplease.com . URL consultato il 3 luglio 2019 ( archiviato il 3 luglio 2019) .
  169. ^ a b Michele Talamazzi, Nba: Jordan, Pippen, Phil e... i Chicago Bulls delle 72 vittorie , su gazzetta.it , 26 novembre 2015. URL consultato il 28 marzo 2019 .
  170. ^ a b c Valerio Clari, Nba, Michael Jordan e la seconda vita da His Airness , su gazzetta.it , 19 marzo 2015. URL consultato il 21 novembre 2015 .
  171. ^ NBA, Accadde Oggi: il ritorno di Michael Jordan , su www.dunkest.com . URL consultato il 6 giugno 2021 .
  172. ^ Jozsa , p. 83 .
  173. ^ a b c ( EN ) Can Jordan rule again? , su nba.com . URL consultato il 20 novembre 2015 (archiviato dall' url originale il 16 novembre 2015) .
  174. ^ Davide Chinellato, Nba history, quando Michael Jordan si riprese il numero 23 , su gazzetta.it , 8 maggio 2015. URL consultato il 21 novembre 2015 .
  175. ^ ( EN ) Clifton Brown, NBA '95-'96; Jordan Seeks To Be Like The Old Mike , in The New York Times , 29 ottobre 1995. URL consultato il 12 maggio 2019 .
  176. ^ Gianluca Cordella, Golden State fa la storia: vittoria n. 73, "cancellati" i Bulls di Michael Jordan , in Il Messaggero , 14 aprile 2016. URL consultato il 22 giugno 2019 (archiviato dall' url originale il 28 ottobre 2017) .
  177. ^ a b ( EN ) NBA.com - Best Ever? Ten Reasons Why , su nba.com . URL consultato il 12 maggio 2019 (archiviato dall' url originale il 12 maggio 2019) .
  178. ^ ( EN ) Year-by-year history of the Chicago Bulls , su nba.com . URL consultato il 29 marzo 2019 ( archiviato il 29 marzo 2019) .
  179. ^ ( EN ) NBA.com: Bulls' Record-Setting Season Ends in Victory , su nba.com . URL consultato il 4 maggio 2019 (archiviato dall' url originale il 30 marzo 2019) .
  180. ^ ( EN ) Chicago Bulls 1996–97 Game Log and Scores , su databasebasketball.com , 16 gennaio 2007. URL consultato il 22 giugno 2019 (archiviato dall' url originale il 25 gennaio 2016) .
  181. ^ ( EN ) Russ Bengtson, Ranking Michael Jordan's NBA All-Star Game Performances, From Worst to Best , su complex.com , 17 febbraio 2018. URL consultato il 12 maggio 2019 .
  182. ^ Doeden , pp. 28-29 .
  183. ^ Daniele Fantini, Il "flu game": quando Michael Jordan fece l'impossibile e diventò leggenda , su eurosport.it , 17 febbraio 2019. URL consultato il 29 marzo 2019 .
  184. ^ Mirco Melloni, Nba, a 20 anni da "The Shot": l'ultima grande prodezza di Jordan condusse la Lega verso l'era del web , su lastampa.it , 15 giugno 2018. URL consultato il 29 marzo 2019 .
  185. ^ Doeden , p. 31 .
  186. ^ ( EN ) Michael Jordan retires for a second time , su history.com . URL consultato il 12 maggio 2019 .
  187. ^ ( EN ) Mike Wise, As Jordan Retires, Legend Swells , in The New York Times , 13 gennaio 1999. URL consultato il 12 maggio 2019 .
  188. ^ a b ( EN ) Legendary Moments in NBA History: Michael Jordan retires from NBA for second time , su nba.com , 13 gennaio 2019. URL consultato il 12 maggio 2019 .
  189. ^ ( EN ) Richard Sandomir, Jordan Sheds Uniform for Suit as a Wizards Owner , in The New York Times , 20 gennaio 2000. URL consultato il 22 giugno 2019 .
  190. ^ NBA: "Non ci sarà mai più un altro Michael Jordan" , su sport.sky.it , 13 gennaio 2017. URL consultato il 12 maggio 2019 .
  191. ^ a b c d ( EN ) Top Moments: Michael Jordan returns to NBA at age 38 , su nba.com , 25 aprile 2019. URL consultato il 25 aprile 2019 .
  192. ^ ( EN ) Pollin Establishes Education Fund , su nba.com , 9 settembre 2002. URL consultato il 12 maggio 2019 .
  193. ^ ( EN ) News Summary , in The New York Times , 26 settembre 2001. URL consultato il 12 maggio 2019 .
  194. ^ a b c Porter , pp. 140-141 .
  195. ^ ( EN ) 2003 NBA All-Star recap , su nba.com , 24 agosto 2017. URL consultato il 29 marzo 2019 .
  196. ^ ( EN ) Charlotte Hornets at Washington Wizards Box Score, December 29, 2001 , su basketball-reference.com . URL consultato il 20 novembre 2015 .
  197. ^ ( EN ) New Jersey Nets at Washington Wizards Box Score, December 31, 2001 , su basketball-reference.com . URL consultato il 20 novembre 2015 .
  198. ^ ( EN ) Rip Hamilton: From Beloved Detroit Pistons Team Captain to Egocentric Libertine , su bleacherreport.com . URL consultato il 22 febbraio 2020 .
  199. ^ ( EN ) Zachmo Marsupalam, Michael Jordan's 10 Greatest Games as a 40 Year Old , su bleacherreport.com , 14 marzo 2011. URL consultato il 20 novembre 2015 .
  200. ^ ( EN ) Mike Wise, PRO BASKETBALL; Jordan's Strained Ties to Wizards May Be Cut , in The New York Times , 4 maggio 2003. URL consultato il 27 marzo 2019 .
  201. ^ ( EN ) Pollin: 'Bad situation' had to end , su espn.com , 22 ottobre 2003. URL consultato il 27 marzo 2019 .
  202. ^ ( EN ) John W. Fountain, PRO BASKETBALL; Fans Cheer For Jordan Finale In Chicago , in The New York Times , 25 gennaio 2003. URL consultato l'11 maggio 2019 .
  203. ^ ( EN ) Jordan unable to deliver one last win in Chicago , su espn.com.au , 26 gennaio 2003. URL consultato l'11 maggio 2019 .
  204. ^ a b ( EN ) Sixers Prevail in Jordan's Final Game , su nba.com , 16 aprile 2003. URL consultato il 12 gennaio 2016 (archiviato dall' url originale il 19 gennaio 2012) .
  205. ^ ( EN ) NBA & ABA Career Leaders and Records for Points , su basketball-reference.com . URL consultato il 30 aprile 2019 .
  206. ^ ( EN ) Suzuki: una GSX-R 1000 dedicata ad "Air" Jordan , su omnimoto.it . URL consultato il 9 maggio 2019 .
  207. ^ ( EN ) Michael Jordan Motorsport Considering Move To MotoGP , su foxsports.com , 30 ottobre 2013. URL consultato il 21 novembre 2015 (archiviato dall' url originale il 22 novembre 2015) .
  208. ^ Il sogno di Milano: Jordan , su gazzetta.it . URL consultato il 30 aprile 2019 .
  209. ^ ( EN ) Executive Staff , su nba.com . URL consultato il 30 aprile 2019 .
  210. ^ ( EN ) USA Men's All-Time Olympic Jersey Numbers , su usab.com:443 . URL consultato il 16 luglio 2019 (archiviato dall' url originale il 16 luglio 2019) .
  211. ^ a b ( EN ) Chris Johnson, The time Michael Jordan wore No. 12 , 18 febbraio 2015. URL consultato il 18 novembre 2015 ( archiviato il 20 novembre 2015) .
  212. ^ a b ( EN ) Michael Jordan 50 Greatest Moments , su espn.com . URL consultato il 27 marzo 2019 .
  213. ^ a b Porter .
  214. ^ Filmato audio ( EN ) Michael Jordan Receives The Presidential Medal of Freedom , su youtube , NBA, 23 novembre 2016.

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 114945073 · ISNI ( EN ) 0000 0001 1455 4934 · LCCN ( EN ) n86020198 · GND ( DE ) 119184486 · BNF ( FR ) cb12393181n (data) · BNE ( ES ) XX1017832 (data) · NDL ( EN , JA ) 00514147 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n86020198