Matera

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Matera (disambiguation) .
Matera
komen
Matera - manto nan bra Matera - Drapo
Matera - View
View nan Civita la ak Sasso Barisano la
Kote
Leta Itali Itali
rejyon an Rejyon-Basilicata-Stemma.svg Basilicata
pwovens Pwovens Matera-Stemma.png Matera
Administrasyon
Majistra Domenico Bennardi ( M5S ) soti nan 6-10-2020
Teritwa
Kowòdone 40 ° 40'N 16 ° 36'E / 40.666667 ° N 16.6 ° E 40.666667; 16.6 (Matera) Kowòdone : 40 ° 40'N 16 ° 36'E / 40.666667 ° N 16.6 ° E 40.666667; 16.6 ( Matera )
Altitid 401 m slm
Sifas 392,09 km²
Moun ki rete 60 341 [1] (30-11-2020)
Dansite 153.9 abitan / km²
Fraksyon La Martella , Picciano A, Picciano B, Venusio, Timmari Village
Minisipalite vwazen yo Altamura ( BA ), Ginosa ( TA ), Gravina nan Puglia (BA), Grottole , Laterza (TA), Miglionico , Montescaglioso , Santeramo in Colle (BA)
Lòt enfòmasyon
Kòd postal 75100
Prefiks 0835
Lag jè UTC + 1
ISTAT kòd 077014
Kòd Cadastre F052
Plak MT
Cl. sismik zòn 3 (sismisite ki ba) [2]
Cl. klimatik zòn D, 1 776 GG [3]
Non moun ki rete Matera
Patwon Madonna della Bruna , Saint Eustace
Jou Konje 2 jiyè, 20 septanm
Ti non jwèt Vil nan wòch
Deviz Bos Lassus Firmius Figit Pedem
Kartografi
Mappa di localizzazione: Italia
Matera
Matera
Matera - Kat
Pozisyon nan minisipalite a nan Matera nan pwovens lan an menm non yo
Sit entènèt enstitisyonèl

Matera ( AFI : [maˈtɛːra] [4] , koute [ ? · Info ] ; Matàrə [5] nan dyalèk Matera , pron. [ma'ta: rə] ) se yon vil Italyen ki gen 60 341 moun [1] , kapital pwovens menm non yo ak pi gwo minisipalite nan zòn Basilicata a [6] .

Li li te ye nan tout mond lan pou distri yo istorik Sassi , ki fè li youn nan lavil yo pi ansyen rete nan mond lan [7] [8] . Sassi yo te rekonèt, 9 desanm 1993, nan asanble a nan Cartagena de Indias ( Kolonbi ), yon sit Eritaj Mondyal pa ' UNESCO , premye sit la nan sid peyi Itali yo resevwa rekonesans sa a [9] [10] .

Nan 1663 li te separe de pwovens Terra d'Otranto , nan ki li te fè pati pou syèk, yo vin, jouk 1806, kapital la nan pwovens lan Lè sa a, nan Basilicata nan Peyi Wa ki nan Naples . Pandan peryòd sa a vil la ki gen eksperyans yon kwasans enpòtan ekonomik, komèsyal ak kiltirèl. Matera se te premye vil nan sid la ki te leve nan bra kont Nazi-fachis e se pou rezon sa a nan mitan vil yo dekore avèk valè militè pou lagè liberasyon an yo te bay meday an ajan pou valè militè nan 1966 ak nan mitan vil yo dekore ak valè sivil yo te bay meday an lò pou valè sivil nan 2016 [11] .

Sou 17 oktòb 2014 li te deziyen, ansanm ak Plovdiv (vil Bulgarian ), kapital Ewopeyen an nan Kilti nan 2019 [12] .

Jewografi fizik

Teritwa

«Vil la gen yon aspè trè kirye, li sitiye nan twa fon gwo twou san fon nan ki, ak atifisyèl, ak sou wòch la natif natal ak sèk, legliz yo chita pi wo a kay yo ak moun ki pann anba yo, konfizyon k ap viv la ak moun ki mouri sal la. Limyè lannwit yo fè li sanble ak yon syèl zetwal. "

( Giovan Battista Pacichelli , Peyi Wa ki nan Naples nan pèspektiv )
Gravina a

Vil la sitiye nan pati lès nan rejyon Basilicata a 401 m ASL , sou fwontyè a ak pati nan sid-lwès la nan vil la metwopoliten nan Bari (ak minisipalite yo nan Altamura, Gravina nan Puglia ak Santeramo nan Colle) ak ekstrèm pati nò-lwès la nan pwovens lan nan Taranto (ak minisipalite yo nan Ginosa ak Laterza). Li leve sou kontinyasyon nan plato a Murge sou bò solèy leve a ak twou san fon an Bradanica sou bò solèy kouche a, janbe lòt bò larivyè Lefrat la Bradano . Kou a nan rivyè sa a bloke pa yon baraj, bati nan fen ane 1950 yo pou rezon irigasyon, ak lak la atifisyèl ki te kreye pa baraj la, ki rele Lake San Giuliano, se yon pati nan yon rezèv nati rejyonal yo rele San Giuliano nati rezèv la .

Gravina di Matera a , yon kouran aflu gòch nan Bradano a, ap koule nan twou san fon natirèl la ki delimite de distri yo ansyen nan lavil la: Sasso Barisano ak Sasso Caveoso. Sou lòt bò a gen Murgia a , ki se an pati yon pati nan Istorik natirèl akeyolojik Park Rejyonal la nan legliz yo Rupestr, ke yo rele tou Murgia Materana pak la . " Sassi yo ", ansanm ak sitèn yo ak sistèm koleksyon dlo yo, se karakteristik spesifik Matera. Sa yo se granula ansyen nan kay fouye nan kalkè a, fèmen nan yon ravin gwo twou san fon, " Gravina la ". Nan fen 1993 UNESCO te deklare distri Sassi yo yon sit eritaj mondyal . Nan pwovens lan tou pre Timmari gen tou yon vòlkan labou ki fèk fòme [13] .

Li fontyè minisipalite yo nan Montescaglioso , Altamura , Miglionico , Laterza , Santeramo nan Colle , Ginosa , Gravina nan Puglia ak Grottole . Anplis de sa, avèk 392,09 km² nan ekstansyon teritoryal, Matera se minisipalite a pi gwo nan Basilicata [14] .

Klasifikasyon sismik : zòn 3 (sismisite ki ba) [15] , Mdonans PCM n. 3274 nan 20/03/2003

Klima

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Estasyon meteyorolojik Matera .

Dapre done an mwayèn nan trant ane yo 1961 - 1990 , tanperati an mwayèn nan mwa ki pi frèt, janvye, kanpe nan +6,0 ° C , pandan ke nan mwa ki pi cho, Out, se +25.1 ° C [16] .

View nan Sassi la
MATERA Mwa Sezon Ane
Janvye Fevriye Mas Avril Mag Anba a Jul Deja Mete Oktòb Nov. Desanm Env Pri East Ot
T. max. mwayenC ) 9.1 10.2 12.8 17.1 21.9 27.2 30.5 31.3 26.7 20.3 15.1 11.6 10.3 17.3 29.7 20.7 19.5
T. min. mwayenC ) 2.9 2.9 5.1 8.0 11.7 15.8 18.4 19.0 16.0 11.7 8.3 5.2 3.7 8.3 17.7 12.0 10.4

Istwa

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Istwa Matera .
Sasso Barisano

Orijin yo nan Matera yo trè aleka ak prèv ki montre sa a se dekouvèt la nan teritwa a ki antoure nan kèk koloni san pwoblèm depi laj la Paleolitik [18] . An reyalite, nan twou wòch yo gaye toupatou sou ravin Materan yo, yo te jwenn plizyè objè ki soti nan tan sa a, ki temwaye prezans gwoup chasè yo. Nan peryòd Neyolitik koloni yo te vin pi estab, tèlman ke gen tras evidan nan plizyè ti bouk consacré ki dat tounen nan peryòd sa a, an patikilye sou Murgia Timone la. Avèk Laj la Metal premye nwayo a iben te fèt, sa yo ki an Civita aktyèl la, sou bank dwat la nan Gravina la [18] . Bati sou yon vilaj pre-istorik consacré, vil la gen orijin pwobab grèk, jan Volpe deklare li nan memwa istorik eksklizif ak relijye l 'sou lavil la nan Matera , tou site Ughelli , Pacichelli ak Papa Bonaventura da Lama ki te rive nan konklizyon sa a. Sa a ta dwe konfime pa anblèm nan nan vil la, bèf la ak zòrèy yo nan mayi, ki dapre Fox nan tèt li se yon senbòl tipik nan Magna Lagrès [19] ; nplis de sa Gattini site ipotèz la nan kèk istoryen dapre ki li repwodwi anblèm nan nan vil la nan Metaponto , ki te jisteman yon bèf, pandan y ap zòrèy yo nan mayi yo te renouvlab figi nan pyès monnen grèk. Gattini konfime sa a tou site kèk vèsè nan powèt la Tommaso Stigliani : "maren an nan ansyen Metaponto, ki nan laj nou yo rele Matera", ak refere a akeyi yo bay nan Matera refijye yo metapontin apre destriksyon nan lavil yo pa Anibal .

Sasso Caveoso
View soti nan Belvedere Piazzetta Pascoli a, ant katedral la ak wòch la Caveoso

Nan peryòd Magna Graecia Matera te gen relasyon sere avèk koloni yo ki sitiye sou kòt sid la, epi, imedyatman, nan tan Women li te sèlman yon transpò piblik ak sant ekipman pou [20] . Nan 664 AD Matera te pase anba dominasyon Lombard e li te anekse ak duche Benevento . 9yèm ak 10yèm syèk yo te karakterize pa batay anmè kou fièl ant lombard yo tèt yo, Saracens yo ak Bizanten yo , ki moun ki te eseye plizyè fwa yo pran sou teritwa a; lavil la te detwi nan 867 pa twoup yo nan Ludovico II , anperè Frank yo , jisteman nan yon tantativ pou ranvwaye Saracens yo ki nan 847 te konstitye emirate a nan Bari .

View nan vil la nan Peyi Wa ki nan Naples nan pèspektiv , 1703, pa Giovan Battista Pacichelli

Antretan, kòmanse nan wityèm syèk la , zòn nan Matera te sèn nan nan yon imigrasyon remakab nan relijyeu benediktin ak Bizanten , ki moun ki rete ansanm CAVES yo nan Gravina a transfòme yo nan legliz wòch. Apre règleman Norman nan 1043 vil la te fè eksperyans yon peryòd lapè. Nan syèk sa yo, ant grangou ak tranblemanntè, Matera te yon vil wayal pou yon tan long, menm jan li libere tèt li soti nan dominasyon feyodal pa vin delivre tèt li plizyè fwa, men anba Aragonese la yo te lavil la sèd nan konte Giovan Carlo Tramontano , ki moun ki nan 1514 te touye pa popilasyon an toupizi taks yo. Nan 1663 , pandan peryòd la Panyòl, Matera kite pwovens Terra d'Otranto , ki jouk lè sa a li te yon pati entegral, vin kapital la nan Basilicata ak chèz nan Royal Odyans lan . Tit sa a rete jouk 1806 , lè Giuseppe Bonaparte transfere konpetans yo nan Potenza . Pandan Risorgimento a, komite prodiktoryal Lucanyen an pa t kenbe pwomès li yo sou redistribisyon tè leta yo, yon malèz te kòmanse gaye, tou ankouraje pa lejitimis yo, ki te eksploze nan Matera 8 Out 1860 ak masak Gattini , premye a sentòm rebelyon ki te vin anvan brigandaj pòs-inifikasyon an . An 1927 vil la te vin kapital pwovensyal la.

Matera se te premye vil nan Sid ki te leve kont Nazi yo; an reyalite, sou 21 septanm 1943 , jou a nan revòlt la ak masak la nan Matera , moun yo nan Matera leve kanpe kont opresyon an egzèse pa okipasyon an Nazi . Onz moun te mouri kòm yon rezilta nan fè bak machin mit Alman yo. Jou a te rive nan pi gwo pwen li ak feray vanjans Nazi a ki koute lavi a nan 15 lòt moun, tou de sivil ak sòlda, kònen moute nan "palè a milisyen". An 1945 te gen pami premye nan sid la, soulèvman popilè pou plasman nan peyi ki pa te kiltive ki te rezoud ak dediksyon an ant 1946 ak 1947 nan dekrè yo Ponte (pa Aurelio Ponte, prefè nan Matera); yo te précurseur refòm agrè a . An 1948 kesyon an nan Sassi di Matera a leve, premye leve soti vivan nan Palmiro Togliatti , epi pita pa Alcide De Gasperi . An 1952 yon lwa nasyonal te etabli evakyasyon Sassi yo ak konstriksyon nouvo distri rezidansyèl ki te devlope nouvo vil kote 15,000 abitan Sassi yo te konvèje. An 1980 li te pasyèlman domaje pa tranbleman tè a Irpinia ak pa replik yo. An 1986 yon nouvo lwa nasyonal finanse rekiperasyon an nan ansyen distri yo nan Matera, kounye a degrade pa plis pase trant ane nan neglijans. An 1993 , nan yon konferans nan Cartagena de End , vil la te pwoklame "Mondyal Eritaj Sit" ak nan 2014 "Ewopeyen Kapital Kilti 2019".

Etimoloji

Dapre kèk ipotèz (pou egzanp sa yo ki nan Cely Colajanni), Matera te ansyen yo te rele Mataia ole pa moun Lagrès yo , ki sòti nan Mataio olos, ki gen siyifikasyon se konplètman vid , ak referans a Gravina a, yon menm twou pa janbe lòt bò larivyè; yon ipotèz plis se ke non an soti nan Mata (pil wòch), yon rasin yo itilize pou non divès jewografik. Yon lòt teyori olye imajinè sòti Matera soti nan Meteoron grèk la oswa syèl syèl , yo bay kèk kronikè nan tan lontan an, obsève Sassi yo eklere nan mitan lannwit, yo te dekri yo kòm yon refleksyon nan syèl la syèl anwo a . E gen moun ki konekte toponim lan ak Mater oswa "manman latè", ak Materia (matheria) oswa Materies , tèm ki endike bwa a pou koupe oswa bati, an referans a zòn ki rakbwa kote lavil la te kanpe; an reyalite li te mal sòti nan materyèl Latin lan, kòm li se orijinal yon kesyon de baz deziyen "peyi a nan ravin lan"; -eria se yon antre ak siyifikasyon nan "fose, gravina": rive. ḫāru, ḫarru , ḫarû (fouye fon). Travèse nan mātu ak baz la nan rive. matāḫu (leve kanpe) [21] . Gattini , nan lòt men an, refere toponim nan tèm ebre Matterah (prizon) oswa Me terah (dlo pi). Gen lòt ki kenbe ke non an soti nan inisyal yo nan Metaponto ak Heraclea , li te gen akeyi refijye soti nan de lavil yo apre destriksyon yo; finalman Mateola , non an ansyen nan lavil la, te kapab sòti nan konsila Women an nan Quinto Cecilio Metello Numidico , ki moun ki rebati li e li te antoure pa mi yo ak gwo fò tou won segondè [22] , oswa nan "terra alta": matu , Aramaic mata ( latè) elû (segondè). Pliny Elder nan istwa Naturalis li (Liber III, 105) te rele Mateolani moun ki rete nan lavil la epi ki nan lis yo nan mitan Apuli yo , menm si adjektif la fini nan -anus klèman mete aksan sou enfliyans Oscan nan Lucani a , menm jan lavil la te chita dwat sou fwontyè Apulian-Lucan [23] nan rejyon ki te rele ansyen Peucezia [24] .

Manto zam

Manto zam Matera

Sit entènèt Comuni Italiani a dekri rad vil la nan zam nan fason sa a: ble an ajan toujou bèf ak twa zòrèy nan bouch la ak yon kouwòn bèl ti flè sou kòn yo, surmonté sou tèt la pa lèt la M, tout an lò. Deviz: Bos Lassus Firmius Figit Pedem.

Deviz Latin lan Bos lassus firmius figit pedem ka tradwi kòm: bèf fatige a koule grif li pi byen fèm ; deviz sa a, ki endike kijan yon pèp lapè, men fatige ak abi ka rebèl kont jouk bèf la, reprezante moral la nan epizòd la ki te wè moun ki nan Matera rebèl ak asasinen Count Giovan Carlo Tramontano [25] .

Daprè Racioppi [26] , rad Matera se yon zam k ap pale , menm jan lèt "M" nan tèt la ta dwe inisyal non vil la, pandan zòrèy yo nan bouch bèf la ta ajoute rès la nan non an; an reyalite spiga nan grèk yo di "Ather-Eros", Se poutèt sa soti nan tout mo sa yo nou jwenn Mather-Eros , ki soti nan ki Matera. Kouwòn bèf la gen sou tèt li ta endike ke vil la te lib, sa vle di, pa depann de okenn mèt feyodal men dirèkteman sou kouwòn wa a.

Selon lòt entèpretasyon, plak pwotèj la pote lèt M an lò sou tèt jaden an, an ajan; ak nan pati ki pi ba nan jaden an se yon bèf ke eraldis yo itilize yo di "pasan", ak twa zòrèy mayi nan bouch li. Yon kouwòn prinsipal surpase tèt bèf la. Anviwon kwen nan plak pwotèj li a kouri yon lis ki te sou deviz nan "Bos lassus firmius figit pedem" ekri. Te di a petèt envante apre asasinay la nan Count Gian Carlo Tramontano, eksprime fatig a nan opresyon an ak taks yo ke sitwayen yo nan Matera te dwe peye konte a. Kòm pou plak pwotèj li a, lèt M an lò prezime endike premye lèt non vil la. Men, dapre lòt moun li ta tou endike mo sal vil la ki te Matera Regio Demanio, ak Se poutèt sa dirèkteman depann sou wa a. Sa a tou eksplike rezon ki fè yo pou kouwòn nan prens sou tèt bèf la. Se poutèt sa, figi a nan bèf la rete pi difisil nan Decoder. Gen moun ki kwè bèf la endike fanmi Del Balzo , ki soti nan franse baux , ki gen fonetik sanble ak mo bèf la. Gen lòt ki fèm kwè ke bèf la ak zòrèy yo senbolize posesyon tè fètil dedye a pastoralism ak agrikilti. Zòrèy yo, nan lòt men an, gen yon resanblans sèten ak sa yo ki nan pyès monnen an metapontin, ki bay pi gwo sètitid sou non an nan Matera, ki ta ka sòti nan fondatè yo nan vil la, sitwayen yo nan Metaponto ak Heraclea, ki moun ki chape Women yo . Se konsa, Met-Hera.

Onè

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Matera ensije ak Matera masak .

Matera se nan mitan vil yo dekore avèk brav militè pou lagè a nan liberasyon pou ki li te bay Meday an ajan pou brav militè pou sakrifis yo nan popilasyon li yo pandan Dezyèm Gè Mondyal la . Onè sa a te konfere sou 1 septanm 1966 ak delivre twa ane pita pa Minis la nan defans, ki moun ki dekore banyè vil la ak meday la ak dekouvri yon plak ak enskripsyon sa a:

"Matera, premye vil nan sid la ki leve nan bra kont Nazi-fachis, pwen soti sakrifis sezon nan 21 septanm 1943 nan jenerasyon prezan ak pwochen yo pou yo ka sonje ak konnen ak diyite egal ak determinasyon defann libète ak diyite nan konsyans kont tout prevarications ak ofans "

Meday an ajan pou valè militè - riban pou inifòm òdinè Meday an ajan pou valè militè yo
“Imilye pa anpil abi lènmi yo te fè, gwoup sitwayen yo te leve kont opresè a e yo te goumen ak fòs, kwake ak kèk zam ak minisyon, pandan plizyè èdtan, san pèt e kèlkeswa pèt yo. Sipòte pa renmen chod nan peyi, ak kouraj ak nana, yo fòse lènmi an, avèk èd nan eleman militè yo, yo kite lavil la anvan yo rive nan twoup yo alye. Vil Matera, 21 septanm 1943 "
- 1 septanm 1966

Sou 19 Out 2016 lavil la te bay Meday an lò pou vanyan sivil [27] , lage pa Prezidan an nan Repiblik la pandan yon seremoni ki te fèt nan Quirinale a sou 17 Novanm 2016 [28] :

Meday lò pou valè sivil - riban pou inifòm òdinè Meday lò pou valè sivil yo
"Pandan dènye jou yo nan rete Alman yo nan vil la, popilasyon an Matera, de pli zan pli exasperated pa destriksyon an, piyaj ak abi komèt pa anvayisè yo ki te prepare yo fè bak, te vin protagonist a nan zak ewoyis ak mati pou kontrekare vyolans komèt. pa okipan yo, tou de nan sant vil la ak nan peyi a, ki te lakòz roundups ak anpil viktim inosan. Yon egzanp sipè nan idantite kominote a ak yon gwo lespri imanitè, oryante nan direksyon pou afime valè libète ak jistis. Septanm 1943 - Matera "
- 19 Out, 2016

Giorgio La Pira Prim soti nan vil la Metwopoliten nan Florence [29] .

"Pou kapasite li nan pwojè tèt li nan kominote entènasyonal la, pou detèminasyon l ', li ouvèti a chanje. Pou Tenacity a nan ranvèse Estereyotip kiltirèl ki touche li deziyasyon an nan UNESCO Eritaj Kiltirèl ak Ewopeyen Kapital nan Kilti nan 2019. An patikilye pou angajman an jwenti nan sitwayen yo, asosyasyon ak enstitisyon an favè inisyativ enklizif ak pwojè ki fè li youn nan lavil la. Senbòl yon sistèm kiltirèl entegre ".

- 7 novanm 2018

Moniman ak kote nan enterè yo

Sassi yo nan Matera

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Sassi di Matera .
UNESCO blan logo.svg Byen pwoteje pa UNESCO
Sassi yo nan Matera
UNESCO Mondyal Eritaj Sit logo.svg Mondyal Eritaj Sit
Matera - gade nan Civita a soti nan Sasso Caveoso 02.JPG
Nèg achitekti
Kritè C (iii) (iv) (v)
Danje non
Rekonèt depi 1993
Kat UNESCO ( EN ) Sassi a ak pak la nan legliz yo rupestè nan Matera
( FR ) Fèy

"Nenpòt moun ki wè Matera pa ka fail frape pa li, bote douloure li yo se konsa ekspresif ak manyen."

( Carlo Levi )

Matera se ke yo rele tou vil la nan Sassi a , jisteman pou spesifik la ak singularité nan sant istorik li yo. Fouye ak bati tou pre Gravina di Matera a, yon ravin gwo twou san fon ki divize teritwa a an de, Sassi di Matera a , distri ki fè pati ansyen vil la, pwolonje nan de fon, ki fè fas a bò solèy leve, yon ti kras sibi teritwa yo ki antoure, separe youn ak lòt pa SPUR nan wòch nan Civita la.

Sasso Barisano a , vire - lwès sou kwen nan falèz la, si yon sèl pran kòm yon referans Civita a , fulkrom nan lavil la fin vye granmoun, se pi rich la nan portails skulte ak friz ki kache kè anba tè li yo. Sasso Caveoso a , ki olye fè fas a sid , ki chita nan yon lam pi laj ak pi kout, vagman pran fòm nan yon kavea teyat. Nan sant la, Civita a, yon SPUR wòch ki separe de Sassi yo, sou tèt la nan yo se katedral la ak gwo kay yo nòb. Ansanm yo fòme ansyen nwayo iben Matera, ke UNESCO deklare yon peyizaj kiltirèl .

Sassi di Matera a se yon règleman iben ki soti nan divès fòm sivilizasyon ak antropizasyon ki te fèt sou tan. Soti nan sa yo pre-istorik nan ti bouk yo consacré nan peryòd la Neyolitik , nan abita nan sivilizasyon an wòch ( IX - XI syèk ), ki konstitye substrat nan iben nan Sassi a, ak katye li yo, pasaj pyeton, kanalizasyon, sitèn; soti nan civitas yo Norman-Swab ( 11yèm - 13yèm syèk ), ak konstriksyon li yo, nan ekspansyon renesans ki vin apre ( 15yèm - 16yèm syèk ) ak aranjman barok iben ( 17yèm - 18tyèm syèk ); e finalman soti nan degradasyon ijyenik-sosyal nan diznevyèm ak premye mwatye nan ventyèm syèk la nan deplasman lalwa nasyonal la te bay lòd nan senkant lan , jiska rekiperasyon aktyèl la te kòmanse kòmanse nan lwa 1986 la .

Nan 2017 Mint Eta a frape yon pyès monnen an ajan 10 euro, selebre Sassi di Matera a nan yon edisyon limite [30] .

Sitèn yo ak sistèm koleksyon dlo

Enteryè ak sitèn

Chwa a nan sit sa a, byenke li garanti sekirite ekstrèm nan vil la, ki te lakòz moun li yo difikilte menmen nan rezèv dlo. An reyalite, Sassi yo sitiye sou yon bank kalkè gwo sou 150 mèt soti nan nivo a nan kouran an, pandan y ap ti mòn yo ajil ki antoure yo sou bò solèy kouche a yo twò lwen asire rezèv dlo nan ka ta gen syèj.

Perpetuasyon yon itilizasyon dokimante depi faz yo Neyolitik, moun ki rete yo te eksplwate nan avantaj yo fyabilite nan wòch la ak pant yo yo kreye yon sistèm konplèks nan kanalizasyon nan dlo yo, ki fèt nan yon rezo toupatou nan sitèn ak "divès".

Wè nan pèspektiv sa a, Matera parèt yo dwe youn nan egzanp yo pi ansyen ak pi byen konsève nan bio-achitekti nan mond lan. Yon analiz tou kout sou sistèm règleman yo bati alantou dlo montre ki jan an reyalite sivilizasyon yo pi ansyen ak tradisyon konstriksyon nan mond lan gen anpil pwen an komen, byenke syèk ak kilomèt wè yo kòm eleman diferan. Aparamman estrikti senp ak rudimentè revele tèt yo kòm Prodigies nan efikasite teknik. Enb teknik yo akayik, moun ki abite bliye tèt yo, jwenn yon cham ak yon valè yon fwa inimajinabl [31] .

Achitekti relijye yo

Flèch-katab-categorize.svg Atik endividyèl yo ki nan lis nan Kategori a: Legliz nan Matera
Katedral la nan Matera
  • Katedral , nan style roman Apulian , te bati nan syèk la 13th sou SPUR ki pi wo a Civita a ki divize de Sassi yo, sou zòn nan nan ansyen monastè a Benedictine nan Sant'Eustachio , youn nan de moun k'ap sèvi Bondye yo nan lavil la. . Sou deyò a, fenèt la leve ak sèz reyon ak klòch la 52 mèt segondè yo merite pou yo nòt; andedan, merite pou yo remake se yon frèsko Bizanten nan Madonna della Bruna a, yon sèn nativite sèzyèm syèk la pa sculpteur a Altobello Persio ak yon frèsko ki dekri Dènye Jijman an.
Legliz nan San Giovanni Battista
  • Legliz nan San Giovanni Battista , bati nan 1233 , tou nan style roman. Anndan, ak twa nav, gen yon gwo plafon vout rebati nan 1793 , ane a nan ki plizyè chanjman yo te fè prezève nati a estatik nan legliz la, bèl kapital Apulian-kalite ki dekore kolòn yo ak figi antropomòf, zoomorphic ak legim, ak yon absid enpoze. Bòkote legliz la gen lopital la Ex nan San Rocco ak legliz la ti kras nan Cristo Flagellato andedan.
  • Legliz San Pietro Caveoso , bati nan 1218 , se youn nan pwen ki pi karakteristik nan vil la. Nan disetyèm syèk la tout estrikti a sibi anpil chanjman e te gen adisyon nan klòch la, tout nan style barok. Anndan gen anpil penti dizwityèm syèk la ak frèsk nan pèp Bondye a. Chapèl yo anpil yo boudine ak prezante frèsk ak poliptik an bwa.
Legliz nan San Pietro Caveoso
Legliz nan San Francesco d'Assisi
  • Chiesa di Santa Chiara, fu costruita alla fine del XVII secolo insieme agli attigui locali che ospitarono dapprima l'ospedale, poi il convento delle clarisse ed infine i locali del museo archeologico nazionale "Domenico Ridola". La facciata, ricca di decori, presenta un lunettone nella parte superiore ed in basso il portale con ai lati due semicolonne e due nicchie con statue di santi. L'interno è a una navata.
  • Chiesa del Purgatorio , costruita nel 1747 in stile tardo barocco, presenta una facciata con decorazioni sul tema della morte e della redenzione delle anime. Notevole il portale in legno diviso in 36 riquadri che riporta in alto i teschi di prelati e regnanti ed in basso quelli di comuni cittadini. All'interno, a croce greca, vi è una cupola ottagonale.
  • Chiesa di San Domenico , fu costruita insieme al convento a partire dal 1230 in stile romanico pugliese . Molto bello il rosone con intorno quattro figure a rilievo raffiguranti un telamone, due figurine ai lati, ed in alto l'Arcangelo Michele. Al centro del rosone un cane con la fiaccola in bocca, simbolo dei domenicani. L'interno, a tre navate con altari laterali e con una cupola emisferica a cassettoni, è stato rimodernato nel 1774 ; fra le opere conservate all'interno c'è la Crocifissione con san Domenico , realizzata dal Pietrafesa nel 1653.
  • Chiesa di Santa Lucia e Agata alla Fontana , la sua costruzione fu ultimata nel 1797 , quando vi furono trasferite la chiesa ed il monastero delle benedettine , fino ad allora ospitate nel monastero di Santa Lucia alla Civita nei Sassi. Situata insieme all'attiguo monastero delle benedettine accanto alla fontana ferdinandea nella centrale piazza Vittorio Veneto, è composta da una navata.
Chiesa di Sant'Agostino
  • Convento di Sant'Agostino , monumento nazionale italiano, situato nel Sasso Barisano e sorto nel 1593 , insieme all'omonima chiesa, sull'antica cripta rupestre di San Giuliano risalente al XII secolo (sinora descritta come cripta di San Guglielmo a causa di un errore storico).
  • Santuario della Madonna di Picciano , situato sulla sommità dell'omonimo colle a 15 km dalla città, è meta di pellegrinaggi. La leggenda narra che la Madonna apparve sui rami di una quercia ad alcuni pastori abruzzesi che percorrevano quei luoghi per la transumanza. A partire dal XIII secolo si insediò una comunità monastica benedettina, e nei secoli successivi Picciano appartenne ai templari prima ed ai cavalieri di Malta poi, che ampliarono la chiesa ed i locali annessi. All'interno della chiesa, sopra l'altare maggiore, vi è l'immagine della Madonna, databile al XV secolo , e nella cappella alle spalle dell'altare la statua della Madonna che viene portata in processione. Oggi il Santuario ed il monastero sono custoditi dai monaci benedettini olivetani .
  • Santuario della Madonna della Palomba , situato sulla Murgia quasi a strapiombo sulla Gravina di Matera, si trova nei pressi di una grotta dove era venerato un affresco con l'immagine bizantina della Vergine col bambino. A partire dal 1580 fu costruito un nuovo edificio di culto. La facciata mostra un rosone ed un campanile a vela, mentre l'interno a una navata conserva l'antico affresco databile intorno al XIII secolo .
Chiesa rupestre
  • Chiese rupestri , nella città e lungo le Gravine del Parco della Murgia Materana si contano circa 150 chiesette scavate nella roccia. Tra le più importanti chiese rupestri nei Sassi vi sono Santa Lucia alle Malve , complesso rupestre che anticamente ospitava una comunità monastica, il Convicinio di Sant'Antonio un comprensorio costituito da 4 cripte rupestri, Santa Maria di Idris sulla sommità dell'omonima rupe, Santa Barbara ricca di affreschi, la Madonna delle Virtù che insieme alla sovrastante chiesa di San Nicola dei Greci oggi ospita importanti mostre di scultura, e San Pietro Barisano con facciata e campanile in muratura e interno quasi completamente scavato nella roccia. All'esterno del perimetro urbano vi sono, tra le altre, la Cripta del Peccato Originale , recentemente restaurata, esempio di pittura longobarda con uno straordinario ciclo pittorico di affreschi che coprono le pareti di sinistra e di fondo [32] [33] , e la chiesa di Santa Maria della Valle , comunemente detta La Vaglia , la più grande chiesa rupestre della città, con facciata in muratura e interni ipogei.

Architetture civili

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Palazzi di Matera
Palazzo dell'Annunziata
Palazzo del Sedile
  • Palazzo Lanfranchi , monumento seicentesco fatto costruire da Frate Francesco da Copertino per ordine del Vescovo Vincenzo Lanfranchi tra il 1668 e il 1672 , che originariamente ha ospitato il Seminario diocesano. Ospita i locali del Museo nazionale d'arte medievale e moderna della Basilicata e gli uffici della Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici della Basilicata.
  • Palazzo dell'Annunziata , palazzo settecentesco sito in Piazza Vittorio Veneto, ha dapprima ospitato il convento delle Domenicane, per poi diventare tribunale nel 1865 e in seguito scuola media. Oggi l'edificio che domina la piazza centrale di Matera è sede della Mediateca e della Biblioteca provinciale Tommaso Stigliani oltre a ospitare il Cinema Comunale intitolato a Gerardo Guerrieri .
  • Palazzo del Sedile , situato nella centrale Piazza Sedile, è stato costruito nel 1540 , ristrutturato nel 1759 , è la sede della I° sezione del Conservatorio di Musica intitolato a Egidio Romualdo Duni , e dell'Auditorium Gervasio. La facciata presenta due torri campanarie ed è ornata da sei statue. Affacciato alla medesima piazza si trova inoltre il Palazzo del Governatore, risalente al XVII secolo, prima sede della Regia Udienza di Basilicata. I suoi sotterranei furono adibiti a carcere della città.
  • Palazzo Bernardini che domina il sasso Caveoso.
  • Palazzo Gattini , situato in piazza Duomo.
  • Palazzo Malvinni-Malvezzi , situato in piazza Duomo, è appartenuto alla famiglia dei Duchi di Santa Candida . Al suo interno, nel piano nobile sono collocate 14 tele di pregevole fattura ed arredi in stile Luigi XVI . [34]
  • Palazzo Bronzini , risalente al XVIII secolo, situato all'angolo tra piazza del Sedile e Via Duomo.
  • Palazzo Ridola , in Via Duomo.
  • Palazzo di Castro Vetere , l'antico palazzo, nonostante i diversi passaggi di proprietà avvenuti nel corso degli anni (se ne contano all'incirca 25) conserva ancora tutta la sua antica struttura di vico campanile dove è situato assieme alla vecchia chiesa di San Nicola in Castiglione. Importante è notare lo stemma vicino alle scale probabilmente appartenente alla famiglia Palmieri che ha tenuto il vescovado di Matera dal 1483 al 1530 [35] .
  • Palazzo Venusio , palazzo nobiliare di Matera, edificato in via S. Potito nel XVI secolo .
  • Ipogei di piazza Vittorio Veneto, situati sotto la piazza principale della città e tornati alla luce da pochi anni, contengono oltre a numerosi ambienti ipogei anche un'antica cisterna, detta il Palombaro lungo , e una torre facente parte delle mura che anticamente dovevano essere a ridosso del Castello Tramontano.
  • Fontana ferdinandea, restaurata dal re Ferdinando II di Borbone nel 1832 , era originariamente posta ai piedi della collina del castello e raccoglieva le acque provenienti da quella collina. Dopo la seconda guerra mondiale, esaurita la sua funzione di approvvigionamento, fu trasferita all'interno della villa comunale. Nel mese di aprile 2009 , dopo lavori di restauro, è stata riposta nel suo luogo originario in piazza Vittorio Veneto.
  • Villa Longo, dimora del XIX secolo della nobile famiglia materana di antiche origini napoletane.

Architetture militari

Il Castello Tramontano
  • Castello Tramontano , in stile aragonese, con un maschio centrale e due torri laterali rotonde, rimase incompiuto per l'uccisione del conte Giovan Carlo Tramontano da parte della popolazione nel 1514 .
  • Torre Metellana, ubicata nel Sasso Barisano, facente parte della cinta muraria a difesa della "Civita".

Siti archeologici

  • Un'area archeologica è quella situata sul colle di Timmari , dove sono stati ritrovati numerosi reperti sia di epoca preistorica sia di tipo apulo risalenti al IV secolo aC (tra cui una tomba ricchissima di arredi funerari), molti dei quali sono custoditi nel museo archeologico "Domenico Ridola".
  • Diversi resti di villaggi trincerati del Neolitico e necropoli dell'Età del bronzo sono presenti su tutto il territorio della Murgia materana [36] .

Aree naturali

Sul ciglio del Parco della Murgia Materana
  • Parco della Murgia Materana , parco regionale istituito nel 1990 , comprende il territorio della Gravina di Matera, le chiese rupestri disseminate lungo i pendii delle gravine e l'altopiano della Murgia materana. Importanti le numerose masserie, molte delle quali fortificate. Simbolo del parco è il falco grillaio , piccolo rapace presente nel territorio di Matera con numerosissimi esemplari.
  • Riserva regionale San Giuliano , area protetta istituita nel 2000 , comprende il lago di San Giuliano, invaso artificiale creato dallo sbarramento del fiume Bradano, ed i tratti fluviali a monte ed a valle del fiume. Molto rilevante è la presenza dell' avifauna .
  • Colle di Timmari , polmone verde situato a circa 15 km dalla città, domina la valle del Bradano ed il lago di San Giuliano. È un'amena località residenziale, e sulla cima del colle si trova il piccolo Santuario di San Salvatore, risalente al 1310 , ed un'importante area archeologica.

Parchi urbani

  • Parco del Castello - via Castello
  • Parco Giovanni Paolo II - via Lucana angolo via Gramsci
  • Villa dell'Unità d'Italia - via XX Settembre angolo via Tommaso Stigliani
  • Parco Centrale
  • Parco Giovanni Falcone - via IV Novembre
  • Parco bosco Serra Venerdì
  • Parco dei Quattro Evangelisti - zona PAIP
  • Parco del rione Lanera

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [37]

La città di Matera fin dagli inizi del Novecento ha sempre visto una crescita della popolazione leggera ma costante, eccezion fatta per un aumento sensibile avvenuto nel secondo dopoguerra, dovuto in parte ad un saldo naturale sempre positivo ed in parte allo spopolamento dei piccoli centri limitrofi.

Etnie e minoranze straniere

Gli stranieri regolari sono 2 934 pari al 4,9% della popolazione materana. Matera è il comune della Basilicata con più residenti stranieri. Le principali comunità rappresentate sono le seguenti [38] :

Lingue e dialetti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetto materano .

Il dialetto materano ( u matarràsë ) rientra nel gruppo dei dialetti meridionali medi; presenta forti affinità con il gruppo dei dialetti pugliesi, specie rispetto al barese ed in misura minore al tarantino. Conserva tuttavia delle peculiarità, come la quasi totale assenza di suoni vocalici in alcuni vocaboli ed effetti di inversione vocalica rispetto all'italiano.

Tipici proverbi:

  • « Ci sckëjtë 'ngjlë 'mboccë së chegghjë » («Chi sputa in cielo si coglie in faccia»)
  • « Ci s' avondë silë silë na mmelë monghë në fasilë » («Chi si vanta solo solo non vale nemmeno un fagiolo»)
  • « Attocchë 'u ciuddë addò vaelë 'u patrëinë » («Attacca l'asino dove vuole il padrone»)

Esclamazioni tipiche:

  • « Mo mèrië! » - letteralmente «Ora muoio!», esclamazione di fatica o dolore, richiesta di aiuto.
  • « Egghia! » - abbreviativo di mannegghia , nella forma abbreviata è un'esclamazione di stupore. Da ricordare che "mannegghia" altro non è che la forma dialettizzata dell'espressione "mannaggia" a sua volta derivante da "mal n'aggia", cioè di "mal ne aggia" proveniente da "mal ne abbia".
  • « Gistëjzzë! » - letteralmente «Giustizia!», accidenti! Abbreviativo di «Gistjëzzë të vò bbënìë!», imprecazione che significa «Che ti venga un accidente!».
  • « Mogghià'Ddëjë! » - letteralmente «Non voglia Dio!», non sia mai!

Religione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Arcidiocesi di Matera-Irsina .

Matera è sede vescovile sin dal X secolo [39] . Per anni sotto l'influsso bizantino, fu elevata ad arcidiocesi nel 1203 quando fu unita con bolla pontificia all'arcidiocesi di Acerenza. L'arcidiocesi conta 52 parrocchie in 13 comuni. La città nel tempo è stata visitata da due papi; Papa Urbano II e san Giovanni Paolo II , che la definì città dellaVisitazione e del Magnificat . [40] Un suo arcivescovo metropolita invece divenne Papa; Urbano VI . Papa Urbano VI, sulla scorta della festa in onore di Maria SS. della Bruna celebrata a Matera già da tempo, istituì la festa della Visitazione per il 2 luglio, oggi ancora celebrata oltre che a Matera anche a Siena ed a Enna in quella data anche se la festa ufficiale è stata spostata il 31 maggio. Protettori della città sono la Madonna della Bruna e Sant'Eustachio , del quale la leggenda narra che durante un assedio subito dalla città ad opera dei Saraceni intorno all'anno 1000 , salvò Matera dall'invasione facendo apparire ai nemici centinaia di cavalieri guidati dal Santo stesso e mettendoli in fuga. La città ha dato i natali a due santi: San Giovanni da Matera e Sant'Ilario , ea una beata; la beata Eugenia da Matera. Il 21 novembre 1954 è stata proclamata, con delibera comunale, Civitas Mariae .

Nell'agro materano tra i vari, sono ancora attivi due santuari; il Santuario di Santa Maria di Picciano e il Santuario di Santa Maria della Palomba .

Lo storico G. Gattini narra di un'incisione che era presente sulla facciata gotica della chiesa di San Francesco d'Assisi in Matera, prima del suo rifacimento tardo barocco, la quale indicava che la stessa fosse stata voluta da Santo in persona (mancano fonti autorevoli; visto che lo storico era vissuto nel XIX secolo). Racconta che nella città fosse giunto San Francesco, nel suo viaggio verso oriente si sarebbe fermato a Matera, dove fuori le mura cittadine avrebbe chiesto un sito su cui erigere una sua chiesa, cosa che gli fu negata per altro sito, che il santo rifiutò. Giunto in un paese del circondario ebbe modo di compire un miracolo (il miracolo di Pomarico ) che suscitò cotanto scalpore da convincere il clero materano ad istituire, nel luogo da lui chiesto, la chiesa che è tutt'oggi presente.

Minoranze religiose sono costituite in particolar modo dagli ortodossi e dai musulmani .

Tradizioni e folclore

Il Carro trionfale della Madonna della Bruna

La festa patronale della Madonna della Bruna si celebra il 2 luglio di ogni anno sin dal lontano 1389 , quando il Papa Urbano VI , già arcivescovo di Matera, istituì la festa dellaVisitazione , e va ricordata per la tradizione della distruzione di un carro trionfale di cartapesta che ogni anno viene ricostruito.

La tradizione del Presepe vivente nei Sassi di Matera [41] , iniziata negli anni settanta grazie al Gruppo Teatro Matera e successivamente interrotta per molti anni, è ripresa nel dicembre 2010 con l'evento promosso dall'Unione Nazionale delle Pro loco d'Italia e dalla Regione Basilicata. Con la partecipazione di diverse centinaia di figuranti su un percorso di 700 metri, è considerato il più grande presepe vivente al mondo [42] [43] . Sempre nei Sassi ha luogo una Via Crucis [44] .

Il primo di agosto si festeggia la crapiata , zuppa di legumi e cereali, per festeggiare il raccolto dell'annata [45] ; un tempo svolta nei Sassi, oggi si festeggia nel borgo La Martella [46] .

Per i festeggiamenti carnascialeschi sono di tradizione le matinate [47] , canti popolari di questua in cui si portava musica e allegria in casa di parenti e conoscenti.

La danza tipica di Matera è la pizzica , erede del passato pugliese della città e rappresentante ancora oggi del forte legame tra Matera e la Puglia . Essa è molto amata dai materani ed è rappresentata da molti gruppi folcloristici locali.

Istituzioni, enti e associazioni

Ospedale

Presente in città sin dal 1865 , l' ospedale Madonna delle Grazie è stato trasferito nel 2001 in una nuova struttura comprendente 430 posti letto.

Cultura

Matera, con i suoi luoghi di interesse, le sue tradizioni popolari e diverse manifestazioni che si svolgono nel corso dell'anno, dispone di un'offerta culturale piuttosto ampia e variegata. La città aderisce inoltre all'Associazione città d'arte e cultura [48] ed è stata la prima città al mondo ad essere riconosciuta paesaggio culturale.

Capitale Europea della Cultura 2019

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Matera capitale europea della cultura .

Candidata nel 2008, Matera è stata designata il 17 ottobre 2014 Capitale europea della cultura per il 2019 [49] , insieme alla città bulgara di Plovdiv . È la quarta città italiana (dopo Bologna , Firenze e Genova ), la prima del Mezzogiorno , a ricevere questo riconoscimento, ottenuto dopo essere entrata in una shortlist che comprendeva le candidature di altre 5 città italiane: Cagliari , Lecce , Perugia , Ravenna e Siena . Il verdetto è stato comunicato da Steve Green, presidente della Giuria internazionale di selezione composta da 13 membri (sei italiani e sette stranieri), al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo ( Mibact ) Dario Franceschini [50] ; lo slogan scelto da Matera per la sua candidatura è stato "Open Future".

Istruzione

Riguardo all'ambito scolastico, Matera è sede di numerosi istituti di istruzione secondaria, molti dei quali frequentati anche da alunni provenienti da comuni limitrofi. Il principale e storico istituto è l' Istituto d'Istruzione Superiore E.Duni-C.Levi , inaugurato nel 1864 e chiamato poi Regio Liceo ginnasio Emanuele Duni di Matera dal 1882. Negli anni 1882-83 vi insegnò latino e greco Giovanni Pascoli [51] .

Università degli Studi della Basilicata

In città si trova una delle due sedi dell' Università degli Studi della Basilicata con il Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo (DICEM) e la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici.

Istituto Centrale per il Restauro - Scuola di Alta Formazione e Studio

A Matera ha sede la Scuola di Alta Formazione e Studio dell' ICR presso il convento di Santa Lucia Nova, dedicata a Michele D'Elia direttore dell'ICR dal 1987 al 1991; operativa dall'anno accademico 2015/2016 ed inaugurata dal Ministro per i beni e le attività culturali ed il turismo Dario Franceschini nel 2017. [52]

Ricerca

A Matera opera sin dal 1983 , per volontà congiunta del CNR , della Regione Basilicata e della NASA il Centro di geodesia spaziale Giuseppe Colombo dell' ASI , che si occupa di osservazione della Terra per mezzo di tecnologie spaziali avanzate. Oggi è una struttura di oltre 5 000 dove vi lavorano 100 persone con un budget di circa 10 milioni di euro l'anno, ed è una delle principali strutture di ricerca e trasferimento tecnologico nel Mezzogiorno. Dedicato principalmente alla geodesia spaziale e al telerilevamento, il CGS (Centro di geodesia spaziale) sta ultimamente rivolgendosi anche ad altri campi, primi fra tutti la robotica spaziale e le missioni interplanetarie; tutte le attività sono svolte in un contesto di collaborazione internazionale. Telespazio è, fin dal 1983, responsabile della gestione operativa. Recentemente è stato raggiunto un accordo tra l'Agenzia Spaziale Italiana e la Regione Basilicata per il potenziamento delle attività del centro, con la costituzione di una cittadella dello spazio [53] .

Musei

  • Museo archeologico nazionale Domenico Ridola : contiene materiale proveniente prevalentemente dal territorio materano e riveste particolare interesse per lo studio della preistoria nell'Italia meridionale e per la conoscenza delle culture e delle popolazioni indigene (Enotrie e Lucane) venute in contatto con le colonie greche della costa ionica. Vi si trova la sezione preistorica, la più tipica del museo, e poi le sale della valle del Bradano, della valle del Basento, di Matera e dintorni, e infine la sala Ridola, in cui vi sono documenti testimonianti l'attività di Domenico Ridola , medico e archeologo materano e fondatore del museo.
Palazzo Lanfranchi, sede del Museo nazionale d'arte medievale e moderna della Basilicata

Media

Alla fine degli anni settanta nasce l'emittente radio-televisiva TRM , che ha dato vita negli anni a diversi appuntamenti di costume che hanno rivitalizzato la città. A cavallo tra gli anni ottanta e anni novanta va ricordata anche l'emittente Tele Basilicata Matera , abbreviato TBM, successivamente trasferitasi nella città di Taranto .

Sul versante dell'emittenza radiofonica è presente a Matera Radio Radiosa che trasmette in città sulla frequenza di 98.500 MHz e che, oltre a mandare in onda musica si interessa di notiziari locali e nazionali.

Cinema

Per il suo suggestivo carattere paesaggistico, Matera è stata scelta spesso come ambientazione di molti film, e negli ultimi anni anche di diverse fiction e serie televisive. Finora, le pellicole registrate in tutto o in parte nel comune materano sono [60] [61] [62] :

Alberto Lattuada e May Britt durante le riprese de La lupa (1953).

Matera appare nei videoclip dei brani:

Le puntate 3, 4 e 5 dell'anime D.Gray-man , dal titolo Il fantasma di Matera [66] , Aria del vecchio della terra e della notte del cielo e Fammi sentire una ninna-nanna sono ambientate nella Matera dell'Ottocento.

Teatro

Si trova a Matera il Cineteatro Duni . Nel comune operano diverse compagnie teatrali e scuole di teatro, tra le più rilevanti l'associazione Teatro dei Sassi . [67]

Musica

  • Polifonica materana "Pierluigi da Palestrina" : sorta nel 1944 e tuttora in attività. Organizza annualmente la rassegna polifonica Petra Matrix ambientata nelle chiese storiche e rupestri del centro storico e dei Sassi [68] .
  • Era originario di Matera il gruppo rock Le Mani , sciolto nel 2013.
  • Conservatorio Egidio Romualdo Duni (Istituzione di alta cultura) [69] .
  • LAMS - Laboratorio Arte Musica e Spettacolo, Onlus, svolge la sua attività dal 1989 in tre ambiti: 1-Attività concertistica con l'Orchestra da Camera di Matera e la Polifonica Rosa Ponselle; 2- Accademia Musicale Rosa Ponselle che organizza corsi musicali ordinari, pre-accademici e di perfezionamento; Promozione dei giovani talenti con l'organizzazione del Concorso di Esecuzione Musicale Città di Matera e il Concorso Internazionale di Composizione Musicale.

Eventi

  • Grandi Mostre nei Sassi [70] [71] , mostre antologiche di scultura contemporanea realizzate ogni anno nei mesi estivi all'interno del complesso rupestre di San Nicola dei Greci e Madonna delle Virtù nel Sasso Barisano, organizzate dal 1978 e poi stabilmente dal 1987 dal Circolo Culturale La Scaletta .
  • Festival Duni [72] [73] , rassegna concertistica dedicata al compositore materano Egidio Romualdo Duni , che si tiene nel mese di luglio;
  • Women's Fiction Festival [74] [75] , evento dedicato alla narrativa femminile che si svolge nel mese di settembre;
  • Festival Gezziamoci [76] [77] , rassegna di musica jazz, nei mesi di giugno, agosto e dicembre;
  • Materadio [78] , la festa di Rai Radio 3 .

Cucina

Crapiata
Strazzate

La cucina materana è strettamente collegata alla tradizione agricola e pastorale del suo territorio. Le ricette tipiche della cucina locale comprendono: [79]

  • Crapiata - zuppa contadina che consiste in un misto di legumi e cereali con vari ingredienti come piselli, fave, ceci, grano, farro, lenticchie, fagioli, cicerchie, patate novelle, pomodorini, sedano, cipolla e carota.
  • Orecchiette alla Materana - cotte al forno con pomodoro, tritato di agnello, mozzarella e pecorino.
  • Fave bianche e cicorie - piatto tipico contadino con crema di fave e cicorie.
  • Pasta con i peperoni cruschi - generalmente strascinati con peperoni cruschi , mollica di pane fritta e/o cime di rapa.
  • Cialledda - ricetta a base di pane raffermo. Può essere "calda" (con uovo, cime di rapa, aglio, cipolla, olive) o "fredda" (con cipolla, pomodoro, olive).
  • Strazzate - dolcetti friabili con uova e mandorle come ingredienti base. Le varianti prevedono l'aggiunta di cannella, cioccolato o caffè.
  • Panaredda - tipico dolce pasquale con farina, uovo, burro e ammoniaca per dolci.
  • Cartellate - dolci tipici natalizi fritti con miele.
  • Pettole - piccole porzioni di impasto lievitato cotte in olio bollente, legati alle festività natalizie.
  • Pignata - carne di pecora che insieme a patate, cipolle, pomodori e soppressata viene cucinata per diverse ore in un recipiente di terracotta detto pignata che dà il nome al piatto stesso. [80]
  • Gnimmeredd - involtini di frattaglie miste di agnello o capretto da latte strette all'interno del loro stesso budello, insieme a foglie di prezzemolo, sale e spezie. [80]
Vista panoramica

Urbanistica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Quartieri di Matera .
Panoramica della zona nord della città
Veduta panoramica dei Sassi

La città, che fino ai primi anni cinquanta era equamente divisa tra i Sassi ed il piano , cioè la dorsale corrispondente all'attuale centro cittadino che corre lungo tutto il ciglio dei Sassi, a partire dal 1952 , anno in cui fu approvata la legge di sfollamento dei Sassi, cominciò ad espandersi nei nuovi quartieri.

Anni cinquanta

I primi quartieri della nuova città avevano come principali caratteristiche ampi spazi verdi comuni ed edifici di pochi piani, per cercare di riprodurre il più possibile i modelli di vita sociale dei Sassi; in quegli anni, grazie anche all'intervento di Adriano Olivetti - allora Presidente dell'Istituto di Urbanistica e Vicepresidente dell'UNRRA Casas (ente preposto all'assistenza economica e civile delle popolazioni delle Nazioni Unite danneggiate dalla guerra) - i più grandi nomi dell'architettura italiana si concentrarono sulla città di Matera, trasformandola in un vero e proprio laboratorio a cielo aperto. Nacquero il borgo rurale di La Martella , opera di grande rilevanza architettonica della corrente Neorealista del Razionalismo italiano , inaugurato il 17 maggio 1953 da Alcide De Gasperi, progettato dall'architetto Ludovico Quaroni ; Serra Venerdì, primo complesso urbano inaugurato nel 1956, sorto dopo la legge speciale e progettato dall'architetto Luigi Piccinato , autore tra l'altro del primo Piano Regolatore della città; il rione Lanera (1957), in posizione elevata su una delle colline più alte della città, progettato dall'ing. Marcello Fabbri e dall'architetto Coppa; il rione Spine Bianche (1957), interamente in cotto, con la parrocchia ed i servizi al centro del quartiere, progettato dall'architetto Carlo Aymonino ; più in là il rione Villalongo, sorto per iniziativa dell' INA-Casa , il rione Agna, nato inizialmente come borgo rurale poi congiuntosi al resto della città, con case ad un piano circondate da terreni coltivabili, progettato dal Genio civile , il rione Platani, San Giacomo, Serra Rifusa, Rione Pini e quelli più recenti.

Veduta dall'edificio civile più alto della città.
Il grattacielo visto dal basso.

Anni novanta

Alla precedente linea evolutiva regolare dell'urbanistica della città, a partire dagli anni novanta è seguita invece una dinamica più disordinata dando vita a nuove zone edificate caratterizzate da edifici sproporzionati in altezza. A questa situazione si è aggiunta: una riduzione degli spazi verdi, una riduzione della dimensione delle carreggiate stradali, una frequente assenza di completamento delle opere di urbanizzazione. Così, mentre la città continuava ad espandersi ai due estremi opposti con le nuove zone di Matera 2000, Aquarium ed Agna Le Piane, nascevano anche i due principali esempi di tale urbanizzazione proiettata verso l'alto, il Centro direzionale, alle spalle del palazzo comunale, e la Zona 33 di Via La Martella. Al centro di quest'ultima vi è il cosiddetto grattacielo di Via La Martella, un palazzo di 14 piani (più due parzialmente sotterranei). Il palazzo si trova a 340 m slm ed è un simbolo della fagocitazione della città nuova a discapito degli agri rurali che giungevano fin dentro la città stessa.

Economia

Agricoltura e prodotti tipici

Da sempre centro agricolo, Matera è famosa per la coltivazione dei cereali , in particolare il grano duro , e la produzione della pasta, del pane (il pane di Matera IGP ), dell'olio e del vino (i vini Matera DOC ). La città fa parte dell' Associazione nazionale città del pane [81] , a testimonianza dell'antichissima tradizione nella lavorazione del pane, uno degli alimenti principali del territorio materano, e dal 2012 fa parte anche dell' Associazione nazionale città dell'olio .

Industria

Al tradizionale settore primario, si è affiancato negli ultimi decenni anche quello industriale, che ha visto Matera costituire insieme alle città pugliesi di Altamura e Santeramo in Colle un polo industriale nel quale si è sviluppata sia l'industria ferroviaria con la Ferrosud che il cosiddetto polo del salotto . Questa definizione si deve a una forte crescita industriale avvenuta durante gli anni ottantanovanta che ha permesso lo sviluppo di molte aziende di produzione di arredi da soggiorno, prevalentemente divani. Tra le più famose aziende del settore spiccano i nomi di Natuzzi (Divani & Divani), Nicoletti e Calia . Il trend positivo della produzione degli ultimi anni novanta, è rallentato considerevolmente con la crescita dei mercati asiatici, oggi principali concorrenti e luoghi in cui gli stessi imprenditori materani del salotto stanno spostando le loro attività attraverso un'operazione di delocalizzazione. Il trend negativo dell'economia materana è aumentato con la chiusura definitiva del pastificio Barilla nel 2006. Questo processo è stato accelerato soprattutto dalla mancanza di arterie autostradali e dall'assenza della ferrovia di stato, ostacolando così le attività produttive e di distribuzione non solo della Barilla, ma delle altre piccole medie imprese del materano e del circondario.

Artigianato tipico

Grande importanza nella tradizione materana ha la produzione di oggetti di artigianato tipico, con particolare diffusione della lavorazione della cartapesta (che ha il suo massimo emblema nella costruzione del carro trionfale della Madonna della Bruna ad opera di artigiani locali), della terracotta (con il tipico fischietto a forma di gallo detto cucù , simbolo di prosperità), della calcarenite e del ferro battuto [82] .

Turismo

Piazza Vittorio Veneto

Il settore turistico è in forte sviluppo, grazie alle numerose attrattive e peculiarità della città, all'inserimento dei Sassi di Matera nella lista dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO, e all'elezione a Capitale europea della cultura 2019 . Questo trionfo negli ultimi anni ha permesso di registrare un aumento nelle presenze di turisti sia italiani che stranieri, che ha dato rilievo a tutta la regione. Un altro fattore importante è sicuramente legato alle località della provincia, le cui spiagge situate sul Mar Jonio distano dalla città di Matera non più di 40 km .

Infrastrutture e trasporti

Strade

Matera è interessata dalla SS99 che la collega ad Altamura , [83] e che consente di raggiungere Bari [84] proseguendo per la SS96 . [85] Il comune per un lungo tratto è attraversato dalla SS7 .

La SS655 Bradanica , collega Matera a Foggia e quindi all'autostrada A14 , A16 dal casello di Candela . Infine la strada provinciale 175 collega la città a Metaponto e alla Statale Jonica 106 , via SS380 (Matera- Montescaglioso ). [86]

Ferrovie

Il comune è interessato dalla ferrovia Bari-Matera-Montalbano Jonico , gestita dalle Ferrovie Appulo Lucane , una linea ferroviaria a scartamento ridotto , di cui dal 1972 è stata dismessa la parte di percorso meridionale tra la Stazione di Matera Centrale e Montalbano ; è rimasta in esercizio la sezione tra Bari e la Stazione di Matera Sud . Matera, unitamente a Nuoro e Andria , è un capoluogo di provincia italiano non servito dalla rete ferroviaria statale .

Mobilità urbana

La mobilità urbana è garantita dagli autoservizi offerti dalla società Miccolis Spa [87] . I trasporti interurbani vengono gestiti da Sita Sud e Fal. Alcune autolinee a lunga percorrenza collegano Matera a diverse località italiane.

La città è dotata di una rete di piste ciclabili. [88]

Amministrazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Matera .

Gemellaggi

Sport

Calcio

Il Matera Calcio , che fino a metà della stagione 2018/2019 ha militato nel campionato nazionale di serie C, è stato dapprima radiato dalla FIGC nel febbraio 2019, e successivamente dichiarato fallito nel marzo 2019 a causa di inadempienze di natura economica. Dopo la scomparsa di questa società professionistica, in città sono presenti il "Città dei Sassi", che milita nel campionato regionale di Promozione, e l'"USD Matera Calcio 2019", che milita nel campionato regionale di Prima Categoria.

Per quanto riguarda invece il calcio a 5, hanno sede nella località la società Real Team Matera Calcio a 5 , fondata nel 1985 e militante nella Serie B , vincitrice di 1 Coppa Italia di Serie B , e il Futura Matera , anche essa in Serie B.

Pallacanestro

La squadra maschile più importante della città è l' Olimpia Basket Matera , fondata nel 1960 e che attualmente partecipa al campionato di Serie B dopo aver militato anche in Serie A2. Le altre società attive sono la Pielle e la Virtus che operano solo a livello giovanile ma che in passato hanno raggiunto la Serie C regionale con formazioni senior. Fino ai primi anni Novanta anche lo Sporting Club, la più antica società di basket della Città dei Sassi, prendeva parte a campionati giovanili e senior prima del suo scioglimento.

Pallavolo
Una formazione della Pallavolo Femminile Matera ai vertici nazionali e continentali nel corso degli anni 1990

In questo sport, sono presenti: la società Pallavolo Femminile Matera , fondata nel 1976, che ha vinto nella sua storia, 4 Scudetti , 3 Coppe Italia , e numerosi titoli internazionali essendo stata per due volte campione d'Europa. Ha concluso la sua attività nel 2000, e dal 2012 le attività pallavolistiche vengono svolte dalla ASD PVF Matera che milita nel campionato di Serie C. In campo maschile il Volley Club Matera come massimo campionato ha disputato due volte la Serie A2 . Altra società cittadina è la Pallavolo Matera Bulls , che ha militato nel campionato di Serie A2 dal 2012 al 2015.

Nel 2003 ha avuto luogo, in compartecipazione con le città di Andria e Gioia del Colle , l'undicesima edizione del World Grand Prix di pallavolo femminile .

Ciclismo

Matera è stata più volte arrivo di tappa del Giro d'Italia :

In altri casi è stata città di partenza di tappa:

  • 1985 : 9ª tappa (26 maggio).
  • 1998 : 8ª tappa (24 maggio).
  • 2000 : 5ª tappa (18 maggio).
  • 2020 : 7ª tappa (9 ottobre).
Hockey su pista

Ha sede in città l' Hockey Pattinaggio Matera , in passato Pattinomania Matera (fondata nel 1997), che ha militato in serie A1 . Ha vinto 3 Scudetti femminili nel 2015 [91] , nel 2018 e nel 2021.

Nel 2015, la città di Matera ha ospitato il tredicesimo Campionato Europeo femminile di Hockey su pista .

Altri sport

Per l'atletica leggera è presente la Polisportiva Rocco Scotellaro Matera, fondata nel 1963 .

La squadra di pallanuoto è l'AICS Matera Nuoto, quella di rugby è la Murgia Rugby, nata dall'unione dell'AS Rugby Matera con altre tre associazioni rugbistiche dei centri vicini [92] . Il Circolo Schermistico Matera è un'associazione sportiva dilettantistica che svolge attività dal 1956 [93] .

Nel comune è presente un Circolo Tennis fondato nel 1962 che organizza il Torneo nazionale Open Città di Matera [94] , si svolge inoltre attività di tennistavolo, di cui l'unica società rappresentativa nei campionati a squadre nazionali è l'ASD Tennistavolo Pegasus in serie C/1 maschile [95] .

Impianti sportivi

Eventi sportivi

La città ospita nel mese di giugno due eventi sportivi giovanili: la coppa Gaetano Scirea , torneo internazionale di calcio e per i giovanissimi; il Minibasket in piazza [96] , manifestazione cestistica internazionale riconosciuta dalla FIBA Europe [97] che si svolge dal 1993. Viene inoltre organizzato il Giro dei due Sassi, gara podistica internazionale.

Note

  1. ^ a b Bilancio demografico 2020 , su demo.istat.it .
  2. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  4. ^ Luciano Canepari , Matera , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  5. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani , Milano, GARZANTI, 1996.
  6. ^ Comuni della Basilicata per superficie territoriale , su Tuttitalia.it . URL consultato il 7 dicembre 2016 .
  7. ^ Leonardo A. Chisena, Matera dalla civita al piano: stratificazione, classi sociali e costume politico , Congedo, 1984, p. 7.
  8. ^ La classifica delle 10 più antiche città del mondo , su travel365.it .
  9. ^ Siti UNESCO italiani in ordine cronologico ( PDF ), su delegazioneunesco.esteri.it .
  10. ^ Matera: la storia , su sassidimatera.it .
  11. ^ 21 settembre '43: medaglia d'oro a Matera , su ansa.it .
  12. ^ ( EN ) Saranno Matera e Plovdiv le capitali europee della cultura 2019 , su eurocomunicazione.com . URL consultato il 20 aprile 2018 .
  13. ^ C'è un vulcano tra Puglia e Basilicata. Anzi un vulcanello , su ambienteambienti.com , AMBIENT&AMBIENTI, 29 novembre 2017. URL consultato il 7 aprile 2020 ( archiviato il 24 dicembre 2019) .
  14. ^ Comuni lucani per superficie , su tuttitalia.it .
  15. ^ Classificazione sismica dei comuni lucani , su regione.basilicata.it . URL consultato il 20 maggio 2009 (archiviato dall' url originale il 14 gennaio 2009) .
  16. ^ Tabella climatica ( TXT ), su clisun.casaccia.enea.it . URL consultato il 20 maggio 2009 .
  17. ^ Classificazioni climatiche dei comuni lucani , su confedilizia.it . URL consultato il 20 maggio 2009 (archiviato dall' url originale il 20 ottobre 2008) .
  18. ^ a b Rota-Tommaselli-Conese , p. 6 .
  19. ^ Francesco Paolo Volpe, Memorie storiche, profane e religiose sulla città di Matera ( PDF ), 1818, pp. 11-12.
  20. ^ Raffaele Giura Longo , pp. 62-63 .
  21. ^ Testo di Giovanni Semerano, Le origini della cultura europea, p.510
  22. ^ Le diverse ipotesi sull'origine del nome della città sono elencate nelle seguenti opere: Francesco Paolo Volpe , pp. 19-21 ; Giuseppe Gattini , pp. 5-7 ; Raffaele Giura Longo , pp. 62-63
  23. ^ Vito Antonio Sirago, Il confine Apulo-Lucano al tempo di Augusto, pp. 5-6 ( PDF ), su sirago.net .
  24. ^ Domenico Romanelli , Antica topografia istorica del regno di Napoli, Volume 2 , Napoli, Stamperia reale, 1818, p. 183.
  25. ^ Il Castello del conte Tramontano , su sassiweb.it . URL consultato l'8 marzo 2010 .
  26. ^ Giacomo Racioppi , Storia dei popoli della Lucania e della Basilicata , Roma, Ermanno Loescher & C., 1889.
  27. ^ Le onorificenze della Repubblica Italiana quirinale.it
  28. ^ Il Presidente Mattarella ha consegnato la Medaglia d'Oro al Merito civile alla città di Matera , Quirinale.it
  29. ^ [1] cittametropolitana.fi.it
  30. ^ ANSA, I Sassi di Matera in moneta da 10 euro , su ansa.it , 31 ottobre 2017. URL consultato il 7 aprile 2020 ( archiviato il 19 febbraio 2019) .
  31. ^ Statuto A., Gambetta G., Matera e l'acqua , Matera, Collana ParcoMurgia, 2016.
  32. ^ La Cripta del Peccato Originale , su zetema.org . URL consultato il 15 luglio 2009 (archiviato dall' url originale il 4 maggio 2009) .
  33. ^ La Cappella Sistina della civiltà rupestre , su lacittadelluomo.it . URL consultato il 15 luglio 2009 .
  34. ^ Opere degli interni di Palazzo Malvinni Malvezzi ( PDF ) [ collegamento interrotto ] , su consiglio.basilicata.it . URL consultato il 18 maggio 2009 .
  35. ^ Mauro Padula, Palazzi antichi di Matera , Matera, Altrimedia, 2002. , pp. 23-31.
  36. ^ Preistoria , su parcomurgia.it .
  37. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 28 dicembre 2012 .
  38. ^ Statistiche ISTAT 31/12/2019. La presenza straniera a Matera , su demo.istat.it .
  39. ^ in un decreto del 968 di Niceforo Foca veniva dato mandato a Polieucte di consacrare i vescovi di Acerenza, Tricarico, Irsina, Matera, Gravina e Tursi.
  40. ^ Visita Pastorale in Basilicata: Atto di affidamento alla Madonna della comunità di Matera - Irsina (27 aprile 1991) | Giovanni Paolo II , su w2.vatican.va . URL consultato il 19 novembre 2016 .
  41. ^ Presepe vivente nei Sassi di Matera , su presepematera.it . URL consultato il 30 novembre 2017 .
  42. ^ Matera: ai Sassi presepe vivente più grande del mondo , su agi.it . URL consultato il 6 gennaio 2015 (archiviato dall' url originale il 27 marzo 2015) .
  43. ^ Matera: migliaia per il 'Presepe più grande del mondo' , su ansa.it . URL consultato il 6 gennaio 2015 .
  44. ^ La Via Crucis nei Sassi di Matera , su viacrucisneisassidimatera.it . URL consultato il 19 aprile 2011 (archiviato dall' url originale il 25 aprile 2011) .
  45. ^ La Crapiata , su lacittadelluomo.it . URL consultato il 14 dicembre 2015 .
  46. ^ Sagra della crapiata a Matera , su guidematera.it . URL consultato il 14 dicembre 2015 .
  47. ^ Canti monodici con accompagnamento strumentale ( PDF ), su consiglio.basilicata.it , old.consiglio.basilicata.it. URL consultato il 22 marzo 2019 (archiviato dall' url originale il 22 marzo 2019) . , pp. 111-141.
  48. ^ Sito CIDAC , su mecenate90.it . URL consultato il 20 maggio 2009 (archiviato dall' url originale il 30 settembre 2007) .
  49. ^ Sito Matera 2019 , su matera2019.it . URL consultato il 20 maggio 2009 .
  50. ^ Capitale europea della Cultura 2019, designata Matera , su repubblica.it . URL consultato il 3 ottobre 2015 .
  51. ^ Sito del Liceo Duni , su classicoduni.it . URL consultato il 14 maggio 2017 (archiviato dall' url originale l'11 maggio 2017) .
  52. ^ Sito beniculturali.it
  53. ^ Agenzia Spaziale Italiana , Nasce a Matera la Cittadella dello spazio [ collegamento interrotto ] , su asi.it , 17 novembre 2009.
  54. ^ Inaugurazione Museo Diocesano di Matera , su beniculturali.it . URL consultato il 19 aprile 2011 (archiviato dall' url originale il 17 novembre 2015) .
  55. ^ Museo storico "Generale Ignazio Pisciotta" , su beniculturali.it . URL consultato il 29 marzo 2018 (archiviato dall' url originale il 30 marzo 2018) .
  56. ^ Sassi Santi e Secoli , su www.sassisantiesecoli.it . URL consultato il 19 novembre 2016 (archiviato dall' url originale il 30 ottobre 2016) .
  57. ^ Casagrotta di Vico Solitario , su casagrotta.it .
  58. ^ La Casa di Ortega , su casaortega.it .
  59. ^ Parco scultura La Palomba , su basilicatanet.com .
  60. ^ Appendice - I film girati nei Sassi e nel materano , su cinemavvenire.it . URL consultato il 5 giugno 2013 .
  61. ^ Film girati a Matera, da sassiweb.it , su sassiweb.it . URL consultato il 15 gennaio 2010 .
  62. ^ Cinema a Matera , su percorsiguidati.it . URL consultato il 5 giugno 2013 .
  63. ^ Sun Goes Down, il videoclip di Robin Schulz girato anche a Matera , su vocespettacolo.com . URL consultato il 20 novembre 2016 .
  64. ^ Matera nel nuovo video dei Metallica , su retecinemabasilicata.it . URL consultato il 20 novembre 2016 (archiviato dall' url originale il 20 novembre 2016) .
  65. ^ Fabrizio Moro a Matera per le riprese del videoclip del nuovo singolo “La Felicità” , su sassilive.it . URL consultato il 12 aprile 2016 .
  66. ^ Anteprima de "Il Fantasma di Matera" , su sassiphoto.com . URL consultato il 2 settembre 2008 .
  67. ^ Teatro dei Sassi , su basilicatanet.com .
  68. ^ Rassegna Polifonica Petra Matrix , su polifonicamaterana.it . URL consultato il 19 maggio 2009 (archiviato dall' url originale il 20 ottobre 2007) .
  69. ^ Sito ufficiale Conservatorio di Matera , su conservatoriomatera.it . URL consultato il 13 febbraio 2013 .
  70. ^ Le Grandi Mostre nei Sassi , su lascaletta.net . URL consultato il 19 maggio 2009 (archiviato dall' url originale il 4 giugno 2009) .
  71. ^ Si chiude a Matera rassegna "Grandi Mostre nei Sassi" , su regione.basilicata.it . URL consultato il 14 dicembre 2015 .
  72. ^ Festival Duni , su festivalduni.it . URL consultato il 9 giugno 2009 .
  73. ^ Inizia oggi a Matera il XVI Festival Duni , su beniculturali.it . URL consultato il 14 dicembre 2015 (archiviato dall' url originale il 22 dicembre 2015) .
  74. ^ Women's Fiction Festival , su womensfictionfestival.com . URL consultato il 9 giugno 2009 .
  75. ^ Women's Fiction Festival: a Matera incontri d'autore , su illibraio.it . URL consultato il 14 dicembre 2015 .
  76. ^ Gezziamoci a Matera , su gezziamociamatera.onyxjazzclub.it . URL consultato il 9 giugno 2009 (archiviato dall' url originale il 30 maggio 2009) .
  77. ^ Viaggio in Italia sulle note del jazz , su ansa.it . URL consultato il 14 dicembre 2015 .
  78. ^ Rai.tv - Materadio , su materadio.rai.it . URL consultato l'8 novembre 2017 .
  79. ^ Ricette della cucina materana , su originalitaly.it . URL consultato il 19 maggio 2010 .
  80. ^ a b Guida alla cucina materana , su Matera Private Tours . URL consultato il 26 marzo 2021 .
  81. ^ Sito Città del pane , su cittadelpane.it . URL consultato il 20 maggio 2009 .
  82. ^ Atlante cartografico dell'artigianato , vol. 3, Roma, ACI, 1985, p. 8.
  83. ^ Anas SpA, SS96 “Barese”: aperto un nuovo tratto della SS96 “Barese” nel comune di #Altamura , 13 settembre 2017. URL consultato il 2 aprile 2019 .
  84. ^ Anas SpA, Puglia: spostamento Torre “San Vincenzo” per i lavori della SS96 “Barese” , 2 aprile 2019. URL consultato il 2 aprile 2019 .
  85. ^ Bari-Matera, inaugurato tratto SS96 - Puglia , su Agenzia ANSA , 2 aprile 2019. URL consultato il 2 aprile 2019 .
  86. ^ Iniziativa Rospi (M5S) su collegamento mediano "Murgia-Pollino" , su Regione Basilicata . URL consultato il 27 novembre 2018 .
  87. ^ Miccolis AutoLinee, Linee autobus Matera , su miccolis-spa.it .
  88. ^ Sassi Land, Matera prima per piste ciclabili e ZTL, Potenza per aree pedonali , su sassiland.com , Sassi Land, 1º agosto 2014. URL consultato il 22 ottobre 2014 .
  89. ^ Firmato il gemellaggio fra Matera e Isola Capo Rizzuto , su comune.matera.it , Comune di Matera, 9 maggio 2017. URL consultato il 7 aprile 2020 ( archiviato il 24 agosto 2018) .
  90. ^ Firmato il patto d'azione fra Matera e Montescaglioso , su comune.matera.it , Comune di Matera, 13 febbraio 2017. URL consultato il 7 aprile 2020 ( archiviato il 2 agosto 2018) .
  91. ^ Sinus Matera campione d'Italia - VIDEO - Altri sport - RaiSport . URL consultato il 4 ottobre 2015 .
  92. ^ Sito ufficiale Murgia Rugby , su murgiarugby.com . URL consultato il 24 ottobre 2015 (archiviato dall' url originale il 19 marzo 2016) .
  93. ^ Sito ufficiale Circolo Schermistico Matera , su scherma-matera.it . URL consultato il 23 dicembre 2010 (archiviato dall' url originale il 7 febbraio 2010) .
  94. ^ Sito ufficiale Circolo Tennis Matera , su circolotennismatera.it . URL consultato l'11 luglio 2011 (archiviato dall' url originale il 29 agosto 2011) .
  95. ^ Sito ufficiale Federazione Italiana Tennistavolo , su fitet.org . URL consultato il 24 novembre 2014 .
  96. ^ Albo d'oro , su piellematera.it . URL consultato il 22 giugno 2019 .
  97. ^ Minibasket in piazza: è arrivato il riconoscimento della FIBA Europe , su piellematera.it . URL consultato il 24 marzo 2009 (archiviato dall' url originale il 4 luglio 2009) .

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 133160208 · GND ( DE ) 4237961-1
Basilicata Portale Basilicata : accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Basilicata
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 133160208 · GND ( DE ) 4237961-1