Lityani

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt itilizasyon, gade Repiblik Lityani .
Lityani
Lityani - Drapo Lityani - Coat of arms
( detay ) ( detay )
(LT) Tautos jėga vienybėje
(EN) Fòs inite pèp la!
Lityani - Lokalizasyon
Lityani (vèt fonse) nan ' Inyon Ewopeyen an (vèt limyè)
Done administratif
Non konplè Repiblik Lityani
Non ofisyèl Lietuvos Respublika
Lang ofisyèl yo Lityanyen
Kapital Grand manto nan bra Vilnius.svg Vilnis (560 192 abitan. / 2010)
Politik
Fòm gouvènman an Repiblik semi-prezidansyèl yo
Prezidan Repiblik la Gitanas Nausėda
Minis Prezidan Ingrida Šimonytė
Endepandans 1918-1940
11 Mas 1990
Antre nan Nasyonzini an 17 septanm 1991;
Antre nan Inyon Ewopeyen an 1 Me 2004;
Sifas
Total 65 200 km² ( 122º )
% nan dlo neglijab
Popilasyon
Total 2 793 397 abitan. (2019) ( 131º )
Dansite 54 abitan / km²
To kwasans -0.298% (2012) [1]
Non moun ki rete yo Lityanyen
Jewografi
Kontinan Ewòp
Fwontyè Byelorisi , Letoni , Polòy , Larisi
Lag jè
Ekonomi
Lajan lajan ewo
GDP (nominal) 53 323 [2] milyon dola (2018) ( 83º )
GDP per capita (nominal) 19,143 [2] $ (2018) ( 48th )
GDP ( PPP ) 97 006 [2] milyon $ (2018) ( 84º )
GDP per capita ( PPP ) 34,825 [2] $ (2018) ( 40º )
ISU (2013) 0.834 (segondè) ( 35th )
Fètilite 1.6 (2010) [3]
Divès
ISO 3166 kòd LT LTU 440
TLD .lt , .eu
Prefiks tel. +370
Otom. LT
Im nasyonal Tautiška giesmė
Jou ferye nasyonal la 19 Mas
Lityani - Map
Istorik evolisyon
Eta anvan an RSS Lityanyen RSS Lityanyen
( Inyon Sovyetik Inyon Sovyetik )

Kowòdone : 55 ° 12'N 24 ° 00'E / 55.2 ° N 24 ° E 55.2; 24

Lityani ( AFI : / lituanja / [4] ; an Lityanyen : Lietuva; [lʲɪɛtʊvɐ] ), ofisyèlman Repiblik Lityani (Lithuanian: Lietuvos Respublika; [lʲɪɛtʊvoːs rʲɛspʊblʲɪkɐ] ), se yon eta manm nan ' Inyon Ewopeyen an fontyè sou nò pa Letoni , sou bò solèy leve a pa Byelorisi , sou sid la pa Polòy ak sid-lwès ak ' esklav Ris la nan' Oblast 'Kaliningrad , pandan y ap nan lwès la se lave pa Lanmè Baltik . Li te gen yon zòn nan 65 200 km² ak 2,793,397 moun. Li se yon pati nan jeopolitik la nan peyi yo Baltik , ki se eta a sid ak pi abitan nan.

Abite pou syèk pa anpil branch fanmi, Lityani te ini nan trèzyèm syèk la pa Mindaugas , anvan fòme yon Peyi Wa ak Lè sa a yon duche. Dènye nasyon Ewopeyen an abandone paganism, ant syèk la katòzyèm ak kenzyèm te wè yon ekspansyon rapid teritoryal, yo vin pi gwo nasyon an nan Ewòp [5] , kontwòl la nan ki tou kouvri prezan-jou Byelorisi a ak rejyon lwès nan ' Ikrèn lan . Nan 1569 Gran Duk Lityani a te fòme yon konfederasyon ak Peyi Wa ki vwazen nan Polòy ak ansanm ak lèt ​​la soufri nan dezyèm mwatye nan dizwityèm syèk la , divès divizyon teritoryal , jouk anèksyon nan ' Anpi Ris nan 1795 .

Endepandan Retounen nan 1918, Lityani, ansanm ak vwazen Letoni ak Estoni , te okipe ak anekse nan ' Inyon Sovyetik nan 1940, ki baze sou dispozisyon ki nan Pak Molotov-Ribbentrop kòm RSS Lityani . Apre okipasyon Alman an, ki te make pa pèsekisyon jwif yo ak plizyè masak, an 1944 retounen nan twoup Sovyetik yo, kont moun li te travay pou prèske yon dekad, yon rezistans ame [6] . An 1990 li te premye nan mitan repiblik Inyon Sovyetik yo ki te deklare endepandans li [7] .

Lityani se yon eta manm nan ' Nasyonzini , NATOganizasyon Trete Nò Atlantik la , Konsèy la nan Ewòp , nan' OECD la . Sou 1 janvye 2015 li adopte ' euro a , ranplase lita yo [8] . Li se yon repiblik semi-prezidansyèl , ki gen prezidan aktyèl la se Gitanas Nausėda , pandan y ap prezidan an se Minis Ingrida ŠIMONYTĖ .

Etimoloji

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Etimoloji nan non an nan Lityani .

Non "Lityani" parèt la pou premye fwa nan 1009 nan Istwa Quedlinburg . Etimoloji li se yon sous deba: yon kwayans popilè genyen ke "Lietuva" sòti nan mo "lietus" (lapli), men prezans nan -uva sifiks ak mank de prèv konvenkan fè eksplikasyon sa a implausible. Yon lòt teyori ta genyen li toponim ki sòti nan Lietava, yon kou dlo nan sant Lityani; sepandan ti gwosè li ta fè pasaj la soti nan idronim toponim trè fasil.

Istwa

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Istwa nan Lityani .

Premye koloni yo nan teritwa Lityani te fòme apre dènye laj glas nan dizyèm milenè anvan Jezikri yo. Pwoto-Indo-Ewopeyen yo , ki te rive ant twazyèm ak dezyèm milenè BC a, melanje ak popilasyon lokal la, konsa fòme branch fanmi Baltik yo . [9]

Premye mansyone ekri nan non "Lityani" a se nan yon maniskri Alman nan Monaco Bruno nan Querfurt , Annal nan Quedlinburg , ak dat tounen nan, 9 mas 1009 . [10]

Lityani nan Mwayennaj yo

Icône loup mgx2.svg Sijè sa a menm nan detay: duche la Grand nan Lityani .
Istorik Atlas nan Lityani (zòn ki endike yo fè pati sa yo rele Lityani Propria a )

Okòmansman rete pa branch fanmi branch fanmi Baltik yo, nan trant yo nan trèzyèm syèk la peyi yo Lituanyen yo te ini pa Mindaugas (li se òdinè pale de Duchy nan Lityani ) [11] , te kouwone wa nan Lityani [12] 6 Jiyè 1253 la . Apre asasina Mindaugas nan 1263 [13] , relijyon payen nan Lityani te vin yon sib nan kwazad yo nan chvalye yo teutonik ak ' Lòd Livonian . [14] Malgre yon konfli syèk-fin vye granmoun ak Almay ak Denmark [15] [16] , Grand Duchy nan Lityani anpil elaji nan teritwa dell ' Ewòp lès , evantyèlman vin pi gwo a nan eta a kenzyèm syèk Ewopeyen an. [5] Li te tou raple pwisan Rèn Ingrida a, ki moun ki leve sou pouvwa ak fòs inik li yo ak Lè sa a, te renmen anpil pa sijè l 'Lityanyen tou de entèlijans l', li pou fòs li. [17]

Konfederasyon Polonè-Litwan an

Icône loup mgx2.svg Sijè sa a menm nan detay: Polish-Lithuanian Commonwealth la .

Nan katòzyèm syèk la li te Christianized apre maryaj la nan Grand Duke Jogaila ak Rèn Hedwig nan Polòy ak sendika a konsekan pèsonèl nan de kouwòn yo.

Inyon an nan de kouwòn yo tounen Konfederasyon ak Trete Lublin nan 1569 pran non an nan Rzeczpospolita ("Repiblik") ak imedyatman Rzeczpospolita Oboiga narodow ("Repiblik la nan De Peoples") konsa fòme Commonwealth la Polonè-Lithuanian .

De peyi yo te ini jiskaske patisyon an nan Polòy nan 1795 , lè Lityani te anekse nan ' Anpi Ris .

Règ Larisi ak endepandans yo

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Lwa Endepandans nan Lityani ak Polonè-Sovyetik Gè .

Avèk revòlt la nan Novanm nan 1830 kont Larisi yo, li te kòmanse lagè a Ris-Polonè, ki te fini nan 1831 ak viktwa Ris la ak okipasyon final la tsarist nan Lityani.

Nan kòmansman ventyèm syèk la yo te kòmanse fòme yon mouvman kiltirèl ki ankouraje, espesyalman ak pwomosyon nan lang nan Lithuanian , fòmasyon nan yon konsyans nasyonal, se peryòd sa a li te ye tankou Lityani Awakening nasyonal la . [18] Kont vyolans sa a, otorite Larisi yo te reponn lè yo te entèdi piblikasyon Lityanyen an ki t ap itilize ' ekriti Latin lan ak militè siprime mouvman karaktè separatis yo. [19]

Pandan Premye Gè Mondyal la anba kòmandman Pòl von Hindenburg ak chèf pèsonèl Erich Ludendorff , lame Alman an te anvayi Lityani e li te rejte twoup Ris yo sou fwontyè yo nan ane 1914-15 yo e bloke jouk nan kòmansman 1918 devan lès nan jistis ki estab [20 ] . Sa pèmèt etablisman yon administrasyon militè nan Lityani anba tutèl dirèk nan ' lòd Alman an ak non Ober Ost , ki te dirije pa Ludendorff. [21]

An fevriye 1918 te siyen Trete a nan Brest-Litovsk , kote ' Sovyetik la renonse nenpòt reklamasyon teritoryal sou peyi Baltik yo , Lityani te deklare endepandans 16 fevriye 1918 ak' Lwa sou Endepandans ekri pa Konsèy la nan Lityani , ak 4 avril 1919 , apre premye gè mondyal la , li te vin yon repiblik . [22] [23] Eta a nan peryòd la apre gè monopolize pa figi a nan Antanas Smetona . Aprè deklarasyon endepandans Lityani an (16 fevriye 1918), li te eli prezidan Repiblik la an 1919, li te kenbe biwo sa a jouk nan mwa jen 1920. Nan mwa desanm 1926, apre yon koudeta konsèvatif ak otak, li te eli prezidan ankò. Repiblik ak manda a te konfime l 'nan 1930 ak 1938. [24] Eta a nouvo rejte ipotèz la nan re-etabli sendika a ak Polòy (pwopozisyon te fè nan yon kontèks la nan sitiyasyon an diskite ak kontwovèsyal detèmine pa konstitisyon an nan Lityani Santral ) [25] . Kapital la anrejistre - Vilnis [26] - te diskite pa eta a Polonè jouk 1939 , lè Sovyetik yo anvayi Polòy ak Alman yo te pase rejyon an Vilnis Lityani [27] , pandan y ap rejyon an Klaipėda te akeri nan 1923 ak imedyatman vann bay Alman yo. an 1939 apre yon iltimatòm.

Okipasyon Sovyetik la

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: okipasyon Sovyetik nan repiblik Baltik yo .

Dapre Pak Molotov-Ribbentrop nan 1939 , Lityani te asiyen nan esfè enfliyans Alman an, men apre kèk mwa, an echanj pou yon pòsyon pi gwo nan teritwa a nan Polòy okipe pa ' Inyon Sovyetik , Almay aksepte okipasyon an nan Lityani. pa Sovyetik yo, ki te okipe peyi a apre yon iltimatòm, konsa fondatè Repiblik Lituanyen Sovyetik Sosyalis la . Yo te etabli nouvo estrikti politik ak ekonomik selon modèl kominis la, reskonsab nan yon Pati Kominis Lityanyen sibi kontwòl strik sou Moskou. Etazini nan Amerik , ak deklarasyon Welles a (23 jiyè 1940), avize Inyon Sovyetik yo ke yo pa janm ta rekonèt tankou anèks kòm lejitim.

Yo te kolektivize tè arab ak bati gwo konplèks endistriyèl. Anpil peyizan te fòse yo rete nan sant iben yo. Otorite yo te okipe aplike yon politik sistematik nan apovrisisman nan kilti Lityanyen: nenpòt manifestasyon deyò nan idantite kiltirèl Lityanyen te entèdi, pandan y ap eritaj atistik la te grav domaje (anpil legliz Katolik, senbòl nan devosyon popilè Lityanyen, yo te fèmen oswa dezabiye nan travay atizay yo oswa detwi). Anplis de sa, te gen yon masiv imigrasyon Ris yo nan lòd yo konstitye yon nwayo ki pale Ris nan estrikti politik-ekonomik nan peyi a. Mezi represif sa yo te lakòz konfli ant otorite yo ak popilasyon an: yon temwayaj nan peryòd istorik sa a se roman ant tout koulè gri pa Ruta Sepetys.

Envazyon Nazi a

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: okipasyon Alman nan Lityani ak Reichskommissariat Ostland .

Sou 22 jen 1941 Alman an te kòmanse ' Operasyon Barbarossa a ; Lityani, kòm yon rejyon vwazen, te imedyatman patisipe nan envazyon an. Rejyon an te gen anviwon 2 milyon moun endijèn ak anviwon 250,000 jwif etnik, ki te entegre nan twal sosyal ak ekonomik peyi a sou syèk yo. Vilnis se te youn nan premye vil yo te konkeri: Sou 24 jen 1941 , inite yo premye nan Wehrmacht a antre nan lavil la. Nan menm jou a, Alman yo tou te ale nan Kaunas , ki soti nan ki ' Lame Wouj la te retire jou a anvan yo. Jis rive, Alman yo enpoze mezi restriksyon imedya kont popilasyon jwif la. Wallsdonans sa a te parèt sou mi kay yo:

“Jwif yo entèdi yo sèvi ak telefòn la. Jwif yo entèdi nan itilize tren an. Yo entèdi jwif yo antre nan lokal piblik yo. Jwif yo oblije remèt aparèy radyo yo. Jwif yo entèdi nan inivèsite a. [28] "

Alman yo te rantre nan gwoup militè Lityanyen ki reklame otonomi nan Sovyetik peyi Baltik la, epi yo te atake an kòlè tankou Alman yo nan direksyon jwif yo. Ant 25 ak 27 jen nasyonalis yo Lithuanian, ki te dirije pa algirdas klimaitis , yo te tach nan Kaunas nan kèk nan aksyon ki pi vyolan ak brital nan tout istwa Olokòs la . Nan Ponary (jodi a yon distri lwès Vilnis) soti nan Jiyè '41 jouk '44 twoup yo oksilyè Lithuanian, rekrite nan mitan volontè yo kolaborasyonis, Ypatingasis būrys la (orijinal non Lityanyen nan fòmasyon an), masakre anba sipèentandan Alman an, nan fiziyad mas, sou 100,000 moun, ki 60 oswa 70,000 te jwif, sou 20,000 yo te manm nan klas dominan Polonè a. Rès viktim yo te fini nan Ponary jan yo te akize yo de kominis. Kontrèman anpil Lityanyen olye pou yo riske lavi yo oswa yo te mouri nan yon efò ede jwif kòm Dr Elena Kutorgene-Buivydaite (pwoklame apre lagè a Jistis nan mitan nasyon yo ) ki riske pwòp lavi l 'pou konsève pou anpil jwif yo. [29]

Sou 15 Out, 1941 , Nazi yo etabli ghetto a nan Kaunas : Sitiye nan distri a Slobodka, loje sou 32,000 prizonye. Sou 6 septanm 1941 , li te tou mete kanpe yon geto nan Vilnis. Okòmansman, jwif yo te lokalize nan de katye, respektivman yo rele Ghetto I ak Ghetto II. Ansyen an genyen anviwon 30,000 moun, pandan ke lèt la genyen anviwon 10 000.

Pandan ' okipasyon Alman an , apeprè 200,000 jwif te peri an pati egzekite e an pati yo te mouri nan chanm gaz nan kan konsantrasyon yo e yo te prèske totalman anile klas dominan Vilnis la ki te fè jiska lè sa a entelèktuèl Polonè a. Nan defèt la nan Nazi yo pa ' Lame Wouj la yon santèn mil moun ki abite nan Vilnis , yon tyè nan popilasyon kapital la, sitou jwif, yo te mouri. Vilnis anvan lagè a te rele "lavil Jerizalèm nan Lityani" e li te vin youn nan sant ki pi enpòtan nan kilti jwif nan mond lan. Menm nan mitan jwif Lityani yo pa t 'touye dè milye ak dè dizèn de milye de jèn moun yo te depòte nan Almay nan travay.

Peryòd Sovyetik nan peryòd aprè lagè a

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: RSS Lityanyen ak Forest Frè m 'yo .

Soti nan 1945 a 1956 , ti gang ame, ede pa popilasyon lokal la, lagè geriya kontinye nan zòn riral yo kont twoup Ris regilye , fib-endepandans [6] [30] . Anpil sitwayen Baltik (nan ka sa a 50,000 Estonyen , 60,000 Latvyen ak 120,000 Lityani ), men tou, Ikrenyen , Polonè , Ongwa , Woumani , Bilgè , Sèb ak Kwoas an reyalite antre nan kache pou yo eseye goumen ak zam nouvo aranjman yo etabli pa Moskou nan ' Ewòp lès [31] [32] . Mouvman sa yo te kraze ak entèvansyon operasyonèl pa KGB la ak NKVD la : premye akwonim la refere a lapolis Inyon Sovyetik sekrè, ki kontinye aktivite li jiskaske defonsman an nan Sovyetik la an 1991. Sou baz estatistik trè pasyèl li kalkile ke nan Lityani. pou kont li, ant 1 janvye ak 15 mas 1945, 2257 'operasyon netwayaj' yo te pote soti. Rezilta operasyon sa yo se te lanmò plis pase 6,000 "bandi" ak arestasyon plis pase 75,000 ant "bandi, ki afilye ak gwoup nasyonalis yo ak moun ki kite" [33] . Apre tòti, ekzekisyon ak depòtasyon nan Siberia [34] , dè santèn de entelektyèl, klèje Katolik, ofisyèl ak jèn elèv Lityani disparèt; Otorite Sovyetik yo te tèlman diminye elit natif natal la, fasilite ejemoni li sou peyi a [35] .

Retounen nan endepandans Lityani

Avèk aparisyon nan glasnost sou 11 Mas 1990 , RSS la nan Lityani te premye repiblik Baltik , okipe pa Sovyetik yo, pwòp tèt ou tounen. Twoup Inyon Sovyetik yo te eseye anmède rebelyon an, men evantyèlman te oblije lage. Endepandans Lityanyen an pa te rekonèt ofisyèlman jiskaske septanm 1991 (apre tantativ koudeta nan eta Inyon Sovyetik la ). Dènye batayon Ris la kite peyi a an 1993 .

Sou 29 Mas 2004 Lityani antre nan NATOganizasyon Trete Nò Atlantik la .

Relasyon ak ' Inyon Ewopeyen an

Jewografi

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Jewografi nan Lityani .

Mòfoloji

Lityani se entoure sou bò solèy kouche pa Lanmè Baltik , kote vil la nan Klaipeda . Sou kòt la gen plaj Sandy ak mòn sab kòtplaj sab. Sou bò solèy leve vil la gen yon aspè aksidante ak Woods vaste; forè yo, sepandan, se mwens vaste pase sa yo ki nan Letoni ak dell ' Estoni , yo te pi gran pase eksplwatasyon an nan tè a pou aktivite agrikòl.

Idrografi

Pi gwo larivyè Lefrat la Lityanyen se Neman a , ki moun ki te fèt nan Byelorisi , sid-lwès nan Minsk , ak apre yo fin pase nan pati sid la nan Lityani fòme fwontyè a ak ' esklav Ris nan' Oblast 'Kaliningrad , Lè sa a, jete nan Lagoon la devan ' Curonian krache a (Lanmè Baltik), ki se tou politikman divize ant Lityani ak Larisi.

Lityani fwontyè ak Polòy ant Lake Galadusis.

Klima

Klima a nan Lityani se kontinantal ak frèt. Winters yo jeneralman piman bouk, ak tanperati mwayèn nan -5 ° C, sa ki ka fasilman rive nan -20 ° C. Janvye ak fevriye se mwa ki pi frèt yo, pandan ke an ete tanperati a ka rive e souvan depase 20 ° C.

Nèj yo abondan ant Novanm ak Mas epi yo jeneralman byen abondan espesyalman nan pati santral ak lès nan peyi a. Sou kòt la, tou pre vil la nan Klaipeda ak krache a Curonian , sezon ivè yo twò grav, pandan y ap ete yo anjeneral pi fre.

Lityani se byen lapli. Lapli souvan souvan nan sezon ete ak sou kòt la. An reyalite, yo rive nan 720 mm pandan ane a sou kòt la ak 500 mm nan rejyon andedan yo. Lè yo nan limyè yo ra nan sezon fredi, pandan ke yo nan sezon lete, patikilyèman ant me ak jen, solèy la kouche apre 10pm, kite limyè a tipik nan zòn nò yo nan mitan lannwit.

Jou ki pi long la se nwit la nan St John , lè lavil yo vid epi ki moun ki ka ale nan lak yo jwi lumineux la nan lannwit ki pi kout la nan ane a. Nan repiblik Baltik yo ak nan Fenlann, tankou nan tout pati Nò Ewòp, youn nan jou ferye ki pi enpòtan nan ane a se jisteman sa Solstis pandan ete a (lannwit Sen Jan), lè nwit la trè kout epi syèl la pa vin nwa, men jis ble.

Konpare ak vwazen Letoni, Estoni ak Scandinavian Ewòp, Lityani kanmenm jwi plis balans nan altènasyon a nan lajounen kou lannwit gras a kote pi sid li yo. Nwit yo nan nò yo Se poutèt sa yon ti kras pi kout pase sa yo ki nan peyi vwazen yo, pandan ke yo nan sezon lete, lajounen dire yon ti kras mwens.

Popilasyon

Demografi

Kwasans popilasyon lityanyen de 1992 a 2003

Popilasyon Lityanyen an te tonbe nan 2017 a sèlman 2 849 000 abitan [41] (ki soti nan plis pase 3,3 milyon nan 2006) [42] apre emigrasyon masiv ak inplakabl depi ane 1990 yo ak pousantaj swisid la, youn nan o pi wo nan mond lan. [43]

Etnisite

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Lityani .
Popilasyon nan Lityani pa gwoup etnik 1959-2011
Gwoup
etnik
Resansman 1959 1 1970 resansman 2 Resansman 1979 3 Resansman 1989 4 Resansman 2001 5 2011 resansman 5
Nimewo % Nimewo % Nimewo % Nimewo % Nimewo % Nimewo %
Lityanyen 2.150.767 79.3 2.506.751 80.1 2.712.233 80.0 2.924.251 79.6 2.907.293 83.4 2.561.314 84.2
Polonè 230.107 8.5 240.203 7.7 247.022 7.3 257.994 7.0 234.989 6.7 200,317 6.6
Larisi 231.014 8.5 267.989 8.6 303.493 8.9 344.455 9.4 219.789 6.3 176.913 5.8
Belarusians 30,256 1.1 45.412 1.5 57.584 1.7 63.169 1.7 42,866 1.2 36,227 1.2
Ikrenyen 17,692 0.7 25,099 0.8 31,982 0.9 44,789 1.2 22,488 0.6 16,423 0.5
Jwif 24,667 0.9 23,538 0.8 14,691 0.4 12,390 0.3 4.007 0.1 3.050 0.1
Tatr 3.020 0.1 3,454 0.1 3.984 0.1 5.135 0.1 3.235 0.1 2.793 0.1
Alman 11,166 0.4 1,904 0.1 2.616 0.1 2.058 0.1 3,243 0.1 2.418 0.1
Rom 1,238 0.1 1,880 0.1 2.306 0.1 2.718 0.1 2,571 0.1 2.115 0.1
Letoni 6,318 0.2 5.063 0.2 4.354 0.1 4.229 0.1 2,955 0.1 2.025 0.1
Estonyen 352 0.0 551 0.0 546 0.0 598 0.0 400 0.0 314 0.0
Karaites 423 0.0 388 0.0 352 0.0 289 0.0 273 0.0 241 0.0
Lòt moun oswa ki pa espesifye 4.425 0.2 6.004 0.2 10,327 0.3 12,727 0.3 40.136 1.2 39.279 1.3
Total 2.711.445 3.128.236 3.391490 3.674.802 3.483.972 3.043.429
1 Sous: [1] . 2 Sous: [2] . 3 Sous: [3] . 4 Sous: [4] . 5 Sous: [5] .

86.7% nan popilasyon an se nan gwoup etnik Lityanyen ak pale Lityanyen (youn nan de lang Baltik yo toujou egziste), sèl lang ofisyèl nan eta a. (Dènye sondaj pa rapòte pi wo a soti nan 2015). Genyen tou yon kantite lòt minorite tankou Ris la (4.8%), Polonè a (5.6%) ak Byelorisi (1.3%), tout pale pwòp lang yo. [44] Lityani se eta a Baltik ak prezans nan pi piti nan popilasyon etnik Ris, konpare ak Estoni (apeprè 25%) ak Letoni (29.6%).

Polonè yo se minorite nan pi gwo epi yo konsantre nan sid-bò solèy leve a (espesyalman nan rejyon an Vilnis). Larisi yo sitou konsantre nan vil yo, an patikilye nan Vilnis , Klaipėda ak Visaginas kote yo reprezante respektivman 14%, 28% ak 52% nan popilasyon an. Nan Lityani tou ap viv sou 3000 Roma , espesyalman nan kapital la, Kaunas ak Panevezys .

Kat ki montre distribisyon minorite Polonè a nan Lityani

Sono presenti anche i Caraimi , popolazione originaria della Crimea , ormai ridotta a poche centinaia di persone, che vive in caratteristiche case nella cittadina di Trakai , vicino all'omonimo lago. Seguono le percentuali dei gruppi etnici secondo i dati del censimento non riportato del 2015:

Per quanto riguarda la lingua straniera, nella maggior parte delle scuole viene insegnato l' inglese come prima lingua straniera, ma è studiato anche tedesco e, talvolta, francese . Nelle aree dove si concentrano le minoranze russa e polacca, esistono scuole dove vengono insegnati i rispettivi idiomi come lingue madri [ senza fonte ] .

Religione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa cattolica in Lituania .

Ufficialmente si dichiarano cattolici il 79% dei lituani, atei e agnostici il 15%, ortodossi il 4%, protestanti il 2%.

La Lituania è stata l'ultimo paese europeo ad essersi convertito al Cristianesimo nel 1387 e sono tuttora vive alcune tradizioni che risalgono al paganesimo . Per esempio, dopo aver festeggiato la Vigilia di Natale il tavolo non va sparecchiato (fatta eccezione per i coltelli), per lasciare cibo agli spiriti dei parenti deceduti, e appena finita la cena si dovrebbero fare tre giri intorno al tavolo prima di posare il cucchiaio. [45]

Nei pressi della città lituana di Šiauliai esiste un luogo di pellegrinaggio chiamato Collina delle Croci , meta di turisti.

Lingue

La lingua ufficiale è il lituano. Vi sono minoranze russe e polacche.

Ordinamento dello stato

Il capo di Stato della Lituania è il Presidente della Repubblica , eletto direttamente dai cittadini per un mandato di 5 anni rinnovabile una volta. Il suo incarico è in gran parte rappresentativo, con però anche importanti funzioni negli affari esteri e nella sicurezza nazionale; il Presidente è infatti il Comandante in capo delle forze armate. Il Presidente, con l'approvazione del parlamento unicamerale lituano, Seimas , nomina il Primo ministro e, successivamente, il resto del Gabinetto di governo .

Il Presidente della Repubblica in carica è Gitanas Nausėda .

Il Parlamento Lituano ( Seimas ) è formato da 141 deputati; circa metà dei membri (71) sono eletti nelle singole costituenti, mentre l'altra metà viene eletta a livello nazionale con sistema proporzionale. Per accedere al Parlamento, un partito deve ricevere almeno il 5% dei voti, e una coalizione multipartitica almeno il 7%.

Suddivisioni storiche e amministrative

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisioni della Lituania .

La Lituania è costituita da 10 contee ( apskritys , singolare - apskritis ), ognuna è chiamata con il nome del proprio capoluogo. Le contee sono a loro volta suddivise in 60 comuni . Questa suddivisione amministrativa fu introdotta nel 1994 .

Città principali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Città della Lituania .

Le principali città sono:

Istituzioni

Il capo di Stato lituano è il presidente, che viene eletto direttamente con un mandato di cinque anni ed ha la responsabilità della politica estera e della sicurezza. Il presidente, con l'approvazione del parlamento, nomina il primo ministro e il resto del governo, come anche numerose altre alte cariche pubbliche ei giudici di tutte le corti inclusa quella costituzionale ( Konstitucinis Teismas ).

Il parlamento unicamerale lituano ( Seimas ), ha 141 membri che vengono eletti con un mandato di quattro anni. Circa metà di essi vengono eletti in collegi elettorali (71), mentre l'altra metà (70) viene eletta a livello nazionale con un sistema proporzionale . Un partito deve ricevere almeno il 5% di voti nazionali per essere rappresentato nella Seimas.

Università

Nel 1579 venne fondata da re Stefano I Báthory l' Università di Vilnius , la più antica università della Lituania. Nel territorio lituano è presente un numero elevato di università e si trovano in città come, Vilnius, Kaunas, Utena, Klaipėda e Šiauliai.

Ordinamento scolastico

Sistema sanitario

Il sistema sanitario in Lituania ė privato e pubblico. I maggiori ospedali sono presenti nelle città come Vilnius, Kaunas e Klaipėda. I medici offrono servizi di livello, ma l'unica problematica è legata alla scarsa conoscenza della lingua inglese.

Forze armate

Le Lietuvos kariuomenės Sausumos pajėgos costituiscono le forze armate della Lituania.

Politica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Politica della Lituania .

Economia

L'economia lituana è cresciuta velocemente gli ultimi anni, tanto da meritare al paese la nomea di "Tigre del Baltico". Importanti settori economici sono i mobilifici, le industrie tessile e alimentare. Il recente ingresso del paese nell'Unione Europea (2004) ha contribuito ad accelerare questo processo, basato sulla privatizzazione delle aziende e la modernizzazione delle principali industrie. Superata la dipendenza commerciale ed energetica dell'URSS, oggi l'economia lituana punta molto sull'industria metallurgica, mineraria (torba, ferro e petrolio) e tessile, settori concentrati nei poli urbani di Vilnius e Kaunas. Molto importante l'industria alimentare ( pesca ) sviluppata nella città costiera di Klaipeda. L'economia agricola che ha caratterizzato il recente passato del paese è ancora ben radicata nel territorio, rilevanti sono le produzioni di segale e lino, l'allevamento bovino, la produzione di latticini e la silvicoltura. Nel 2003 la Lituania ebbe il più alto tasso di crescita fra i paesi candidati all'ingresso nell'Unione Europea, arrivando a quota 8,8% nel terzo quadrimestre dell'anno. La valuta nazionale dal 2015 è l' Euro . La Lituania svolge inoltre un'importante funzione di paese di transito per gli oleodotti .

I settori produttivi della Lituania sono così divisi: primario 5,3%; secondario 35,3%; terziario 59,4%.

Trasporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti in Lituania .

Strade

Il paese ha una rete stradale sviluppata e svolge un importante ruolo come paese di transito tra l'Europa centrale e il NordEuropa e tra l'exclave russa di Kaliningrad e la Russia , nonché tra la Bielorussia ei paesi scandinavi.

Viene attraversata dall' autostrada E67 "Via Baltica" che collega Varsavia con Helsinki via Kaunas , Riga e Tallinn , e dall'autostrada Vilnius - Kaunas - Klaipėda .

Ferrovie

Stazione di Vilnius

La rete ferroviaria è gestita dalla Lietuvos geležinkeliai , compagnia nazionale di proprietà statale.

Il sistema ferroviario lituano adotta lo scartamento largo russo di 1520 mm, in analogia con le altre repubbliche baltiche . Nel periodo 2007 - 2020 è prevista la costruzione di una "ferrovia baltica" che interesserebbe le tre repubbliche baltiche . Per coprire le lunghe distanze le ferrovie rappresentano uno dei più importanti mezzi di trasporto in Lituania.

La rete ferroviaria con scartamento largo russo permette il collegamento con la Russia , Bielorussia e Lettonia . La principale linea di collegamento tra la Russia e l' exclave russa di Kaliningrad passa in territorio lituano Kybartai .

La lunghezza totale della linea è di 1905 km, la densità è di 29,2 km per 1000 km².

Nel 1993 , grazie all'adattamento alle normative comunitarie delle ferrovie lituane, al confine polacco presso la città di Šeštokai è stato aperto uno snodo di interscambio e cambio di scartamento con quello a scartamento standard da 1435 mm delle ferrovie polacche, e quindi con il resto dell'Europa. Quindi la Lituania ora conta 334 km di ferrovia sul cosiddetto "Corridoio di Creta" ( Varsavia - Mockava - Šeštokai - Kaunas - Riga - Tallinn - Helsinki ).

Questo punto di transito sta acquisendo importanza, anche grazie all'entrata di Polonia e Lituania nell' UE , rispetto alle rotte alternative che passano per la Bielorussia.

Le ferrovie lituane sono percorse da treni merci e passeggeri lettoni, estoni, russi, bielorussi e ucraini. La Lituania è collegata direttamente con la Russia , la Bielorussia , la Lettonia , la Polonia e la Germania . Gli scali maggiori sono Vilnius , Kaunas , Klaipėda , Šiaulai , Marijampolė , Ignalina , Varėna e Rukiškis .

Ambiente

Flora e fauna

In Lituania vivono 70 specie di mammiferi, tra cui alci , cinghiali e linci , e le zone umide del delta del Nemunas sono un'importante area di nidificazione di uccelli, come la cicogna . Il castoro , il bisonte e il cervo europeo sono stati reintrodotti. Nei parchi nazionali si riproduce il lupo ; a Dzūkija striscia la biscia dal collare , mentre quasi dappertutto volano grandi comunità di pipistrelli . Di tanto in tanto, in un punto tranquillo di qualche incantevole lago lituano, la rara tartaruga d'acqua dolce depone le uova su una deserta spiaggia sabbiosa.

Il 30% del territorio nazionale è ricoperto da foreste, in cui predominano il pino , l' abete rosso e la betulla . Non stupisce che gli alberi costituiscano una fonte di grande orgoglio per i lituani, che trattano i più antichi con molto rispetto e danno loro nomi come Kapinių pušis (Pino del cimitero) e Ragaonos uosis (Frassino della strega). Nell'era pagana si diceva che gli alberi ospitassero le anime dei morti e che i soldati morti in battaglia si trasformassero in alberi. Un secolo fa qualcuno ha intagliato degli alveari in cima ai tronchi di pino (in modo che gli orsi bruni non sottraessero il miele); se ne vedono ancora molti nel Parco Nazionale di Dzūkija .

I parchi di Dzūkija e Žemaitija sono ricchi di fauna e proteggono entrambi più di 1000 specie animali. Nel Parco Nazionale di Aukštaitija si trovano fiori rari, tra cui la ninfea bianca , l' epipogio , l' hammarbia e l' astragalo peloso . La calcatreppola marittima è sempre più rara sulle dune della Penisola Curlandese per tutti coloro che la raccolgono per portarsela a casa [46] .

Problemi ambientali

L' Unione europea sta investendo un'ingente quantità di denaro per la difesa dell'ambiente: tra il 2004 e il 2006 per la sola Lituania sono stati stanziati 307,05 milioni di euro in fondi di coesione e 32,8 milioni di euro in fondi strutturali.

Per anni la questione più scottante è stata quella della centrale nucleare di Ignalina , 120 km a nord di Vilnius . Uno dei due reattori, simili nella progettazione a quello di Chernobyl in Ucraina , è stato disattivato nel dicembre del 2004; con la chiusura definitiva della centrale, nel 2009, si è posto il serio problema di come smantellare questa struttura con il minor costo per l'ambiente. L'operazione, tuttora in corso, costerà almeno 3,2 miliardi di euro, erogati in massima parte da Bruxelles.

Resta la fondamentale questione di come produrre energia. Ancora nel 2009 solo il 3,7% dell' elettricità veniva ricavata da fonti rinnovabili (tra cui centrali idroelettriche ed eoliche ), ma attualmente tale percentuale è salita al 27,9%.

Le estrazioni petrolifere nel campo D-6 della regione di Kaliningrad , a 22 km dalla costa e 500 ma valle del confine tra la Lituania e la Russia, minacciano la Penisola Curlandese e il Mar Baltico. Alla fine degli anni '80, grazie a proteste pubbliche, si è riusciti a evitare che l'URSS speculasse su questo giacimento, stimato in 24 milioni di tonnellate di petrolio. Ma nel giugno del 2004 il gigante petrolifero russo Lukoil ha dato avvio alle perforazioni. Grandi manifestazioni di protesta nel 2005 hanno indotto il Consiglio d'Europa a intervenire: l'organismo ha riconosciuto che le pratiche operative della trivellazione sono corrette ma ha posto l'accento sull'enorme rischio che la prossimità dell'impianto pone alla penisola e ha chiesto alla Lituania e alla Russia di cooperare con maggiore impegno nella protezione della sua linea costiera, divisa tra i due paesi.

Anche il trasporto del petrolio , al pari della sua estrazione, costituisce una minaccia ambientale per tutti e tre i paesi baltici [46] .

Cultura

Pittura e scultura

Letteratura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Letteratura lituana .

La pubblicazione del primo libro in lingua lituana risale al 1547 quando Martynas Mažvydas scrisse e pubblicò nell'attuale Karaliaučius (Kionigsberg) un catechismo ( Catechismus prasti žadei ). Nei secoli seguenti la letteratura lituana è soprattutto di carattere religioso.

Nel 1818 apparvero il poema nazionale lituano Le stagioni di Kristijonas Donelaitis e alcune liriche e poemi di Antanas Strazdas , divenuti in seguito canti popolari.

Nell'epoca della dominazione russa Zarista fu chiusa l'università di Vilnius e lo zar Alessandro II proibì la pubblicazione di opere in caratteri latini . Ciò diede vita al fenomeno dei "portalibri", che importavano opere in lituano pubblicate nella vicina Prussia o negli Stati Uniti .

Il principale poeta dell'epoca del risorgimento lituano fu Jonas Mačiulis, più noto come Maironis , e vicino allo stesso movimento fu anche il poeta lituano-polacco Adam Mickiewicz , aderente a gruppi irredentisti e autore di diverse opere dedicate alla causa lituana. Sempre alla stessa corrente apparteneva Jonas Basanavičius . Contemporaneamente vi fu anche un movimento realista, il cui esponente più noto fu Vincas Kudirka , l'autore dell' inno nazionale .

Nell'epoca dell'indipendenza gli autori lituani si avvicinarono alle tendenze delle avanguardie europea ( simbolismo , futurismo ed espressionismo ) e Il fulcro della vita culturale si spostò a Kaunas . A questo periodo appartengono il poeta e traduttore Jurgis Baltrušaitis , che fu ambasciatore lituano a Mosca , il poeta Oskar Miłosz , che fu incaricato d'affari di Lituania in Francia e presso la Società delle Nazioni a Ginevra , e il romanziere e drammaturgo Vincas Mickevičius , autore di diversi drammi storici .

Nel secondo dopoguerra e con l'occupazione sovietica e l'avvento del realismo socialista , diversi scrittori e letterati emigrarono al fine di allontanarsi dagli argomenti dell'ortodossia sovietica. Destinazione principale furono gli Stati Uniti , ea Chicago venne costituita una società letteraria e diversi giornali. Tra gli esponenti più noti vi sono lo storico dell'arte Jurgis Baltrusaitis , figlio dell'omonimo poeta, il semiologo Algirdas Greimas , il drammaturgo Jonas Grinius ei poeti Tomas Venclova e Jonas Aistis .

Juozas Aputis, Birute Baltrušaityte, Marius Ivaskevicius, Saulius Tomas Kondrotas, Jurgis Kuncinas, Danielius Musinskas, Giedra Radvilaviciute, Bronius Radzevicius, Renata Serelyte sono solo alcuni degli scrittori più conosciuti del secondo Novecento, tradotti in italiano dalla Books & Company editore e raccolti nel libro Altre voci .

Teatro

In campo teatrale è da ricordare la figura del regista Eimuntas Nekrošius (1952-2018), autore di diverse produzioni teatrali

Musica

Come anche gli altri stati baltici la Lituania ha una ricca tradizione di musiche popolari , la cui manifestazione più nota sono i dainos , canti popolari di diverso argomento, tradizionalmente cantati dalle donne, che sono il fulcro dei numerosi festival di canti tradizionali. Canti popolari polivocali caratteristici sono detti sutartine . Nel 2010, sono stati inseriti nella Lista dei patrimoni dell'umanità stilata dall' UNESCO .

La Lituania, insieme agli altri Paesi baltici, può essere considerata una delle culle della canto corale , in quanto vi si trovano numerosissimi cori polifonici di altissima levatura tecnico artistica. [47]

Il compositore lituano classico più noto è Mikalojus Konstantinas Čiurlionis ( 1875 - 1911 ), autore di oltre duecento opere musicali nonché pittore. Il grande soprano e mezzosoprano Violeta Urmana (Marijampole) è un'icona nazionale e star internazionale dell'opera lirica. Il paese ha dato inoltre i natali al gruppo rock Biplan . Da non dimenticare la nascita di uno dei più grandi violinisti del Novecento , Jascha Heifetz

Tra le musiciste lituane del XX secolo spicca Clara Rockmore , mentre per il genere pop spicca Monika Marija e ancora per il genere pop e art rock ricordiamo Jurga Šeduikytė .

Cinema

Tra i registi cinematografici spiccano Šarūnas Bartas e Gytis Lukšas .

Tra i film premiati ricordiamo Trys dienos (1991), di Šarūnas Bartas , premiato al Festival internazionale del cinema di Berlino e al Festival internazionale del cinema di Porto .

Architettura

Tra il XII e il XIII secolo la L. pagana subì l'influsso della cultura russo-bizantina. Castelli-fortezze a pianta poligonale furono costruiti dal XIII secolo (senza torri) al 14º-15º (con due o più torri) come difesa dai crociati e dai barbari. Con il cattolicesimo furono poi introdotti modi gotici nella costruzione delle chiese che pure mantennero caratteristiche locali (S. Anna a Vilnius, chiesa in «gotico lituano», XVI secolo). Elementi gotici si ritrovano anche in edifici privati e pubblici del XV-XVI secolo. L'architettura, la miniatura e l'incisione nel XVI secolo furono fortemente influenzate dal Rinascimento italiano, tedesco e dei Paesi Bassi. Tra le varie costruzioni barocche spicca la chiesa del monastero di Pažáislis (presso Kaunas), costruita dagli italiani L. Fredo e P. Puttini all'inizio del XVIII secolo, con affreschi dell'italiano Del Bene, primi esemplari pittorici di qualche rilievo (gli affreschi che ornavano le chiese ortodosse sono tutti andati perduti). L'architettura neoclassica (JB Knackfuss, L. Stuoka Gucevičius) dominò fino al primo quarto del XIX secolo. Pittura e scultura neoclassica ebbero il loro centro nella Scuola artistica di Vilnius con lo scultore K. Jelskis e il pittore P. Smuglevičius.

Nella seconda metà del XIX secolo, accanto all'eclettismo architettonico, pittura e scultura si svolsero in senso romantico e realistico. Dal 1907 furono organizzate dall'Associazione artistica lituana mostre di arte nazionale (pittore significativo fu MK Čiurlionis). Dopo la Prima guerra mondiale il costruttivismo architettonico ebbe validi rappresentanti in V. Dubeneckis e V. Žemkalnis-Landsbergis, mentre la pittura continuava a seguire l'indirizzo realistico (scuola artistica di Kaunas, con J. Vienožinskis). Da ricordare poi il notevole sviluppo dell'arte popolare: croci di legno di tipo tutto particolare, cappelle votive, tessuti, ricami.

Dopo la Seconda guerra mondiale un'intensa attività urbanistico-architettonica si è applicata in nuovi piani regolatori (Vilnius: arch. V. Mikučianis e K. Bučas; Klaipėda: arch. VS Revzin), in nuovi quartieri industriali, con case di abitazione di tipo intensivo, realizzati con largo impiego di elementi prefabbricati. L'architettura lituana del XX-XXI secolo è caratterizzata dall'attività di studi quali Paleko ARCH Studio o Vilnius Architectural Studio. Dagli anni 1950 molti artisti lituani si erano trasferiti negli Stati Uniti e in Europa; negli anni 1960 e 1970 erano emersi artisti formatisi all'estero, come il pittore K. Zapkus o lo scultore A. Brazdys, astrattisti. In relazione con le esperienze occidentali, si richiamano all'eredità culturale del paese i pittori A. Savickas e V. Kisarauskas e gli scultori TK Valaitis e V. Vildžiunas; nell'ambito dell'astrattismo opera K. Zimblytė, suggestioni simboliste informano la pittura di L. Katinas. Negli anni 1980 si assiste a uno sviluppo della scultura (G. Karalius, S. Kuzma, P. Mazuras, M. Navakas, V. Urbanavičius, K. Jaroševaitė). Negli anni 1990 le giovani generazioni di artisti prediligono forme espressive diverse, come arte oggettuale, installazioni, video, performances e azioni (gruppi Foglia verde; Post-Ars, costituito da artisti come lo scultore R. Antinis e il pittore A. Andriuškevičius; Z. Kempinas; D. Liškevičius). Si ricordano ancora M. Navakas (sculture di matrice concettuale e monumentali sculture-oggetto in spazi pubblici); E. Rakauskaite (videoinstallazioni con interesse per l'arte femminile contemporanea); D. Narkevičius (film e video su temi storico-politici).

Ceramica

Tra i settori più sviluppati vi è senza dubbio quello della ceramica. In particolare, la Lituania è famosa in tutto il mondo per la produzione di ceramica nera, una tradizione che affonda le sue radici nell'età della Pietra [48] .

Scienza e tecnologia

La Lituania nello spazio

Sport

Pallacanestro

Normalmente, tra i vari sport, la pallacanestro ( krepšinis ) è considerato sport nazionale lituano. Infatti esso è popolare in Lituania tanto quanto nelle comunità lituane all'estero. Questo sport arrivò in Lituania attraverso le comunità lituano-americane negli anni trenta . Tale sport è praticato soprattutto in campo maschile: infatti, le rappresentative maschili di basket lituane sono state medaglia di bronzo ai Giochi olimpici del 1992 , del 1996 e del 2000 (quando la squadra lituana arrivò vicinissima a battere in semifinale gli Stati Uniti , fallendo il sorpasso all'ultimo secondo per un errore su un tiro da tre punti di Šarūnas Jasikevičius ).

Atletica leggera

Anche l' atletica leggera è praticata discretamente nella Lituania, e ha raggiunto un discreto successo soprattutto grazie al lanciatore di disco Virgilijus Alekna , vincitore di due medaglie d'oro olimpiche, rispettivamente a Sydney 2000 e ad Atene 2004 , di altrettante medaglie d'oro mondiali, rispettivamente ai Campionati di Parigi 2003 e Helsinki 2005 e dell'oro a Göteborg 2006 . Oltre a Virgilijus Alekna, un altro atleta lituano importante, anch'egli specializzato nel lancio del disco, è stato Romas Ubartas , vincitore dell'oro olimpico in tale specialità a Barcellona 1992 , oltre ad un argento olimpico e un oro europeo conquistati sotto le insegne dell' Unione Sovietica .

Ciclismo

Il ciclismo su strada è discretamente praticato, soprattutto in ambito femminile. Protagoniste del ciclismo lituano tra anni 1990 e 2000 sono state Rasa Polikevičiūtė , Edita Pučinskaitė , Diana Žiliūtė (tutte e tre laureatesi campionesse del mondo), Jolanta Polikevičiūtė , sorella di Rasa, e la giovane Rasa Leleivytė . In campo maschile è invece Raimondas Rumšas ad aver ottenuto i principali risultati: terzo al Tour de France 2002 e primo al Giro di Lombardia 2000 .

Nuoto

Ancor più sorprendente è la storia della nuotatrice Rūta Meilutytė che, a soli 15 anni, nell'edizione dei Giochi Olimpici di Londra 2012 , si è laureata campionessa olimpica nella specialità dei 100 metri rana.

Calcio

La Nazionale di calcio della Lituania non ha ottenuto finora notevoli risultati in campo internazionale. In generale il calcio lituano deve confrontarsi spesso con la popolarità della pallacanestro, primo sport nazionale in Lituania.

Giochi olimpici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lituania ai Giochi olimpici .

Il primo oro olimpico per la Lituania fu conquistato nel lancio del disco da Romas Ubartas , ai Giochi olimpici di Barcellona 1992.

Festività nazionali

Data Nome Significato
16 febbraio Atto d'indipendenza della Lituania Festa nazionale: Giorno della Restaurazione dello Stato Lituano, nel 1918
11 marzo Atto di Restaurazione dello Stato di Lituania Ricorrenza nazionale: celebra la Dichiarazione d'indipendenza dall'URSS, nel 1990
6 luglio Giorno dello Stato Incoronazione del primo sovrano di Lituania, Mindaugas , nel 1253

Altre festività

La festività di Joninės (conosciuta anche come Rasos ) è una festa nazionale tradizionale che si tiene il giorno del solstizio d'estate ed ha origini pagane. Il Martedì grasso ( Užgavėnės ) si festeggia il giorno prima del Mercoledì delle ceneri , e ha lo scopo di sollecitare l' inverno ad andarsene. Ci sono tradizioni nazionali di origine pagana anche per feste attualmente cristiane come la Pasqua ed il Natale . Venerato e protettore della popolo lituano è il gesuita polacco San Stanislao Kostka , e la sua memoria liturgica cade il 15 agosto.

Gastronomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina lituana .

La cucina lituana prevede l'uso dei prodotti offerti dal suo clima settentrionale, fresco e umido: vengono coltivati orzo , patate , segale , barbabietole , ortaggi e funghi . I prodotti caseari sono una delle specialità del paese.

Poiché condivide lo stesso clima e le stesse pratiche agricole dell' Europa orientale , la cucina lituana ha molto in comune con le cucine di questi paesi e con quella ebraica ; tuttavia possiede proprie caratteristiche peculiari che hanno avuto origine da una grande varietà di influenze durante la sua storia. Avendo condiviso un lungo periodo con la Polonia, sono simili numerosi piatti e bevande: esistono versioni lituane e polacche simili di tortelli ( pierogi o koldūnai ), ciambelle ( pączki o spurgos ), e crêpe ( blini o blynai ).

Anche le tradizioni tedesche hanno influenzato la cucina lituana, introducendo pietanze a base di maiale e patate, come lo sformato di patate ( kugelis ) e le salsicce di patate ( vėdarai ), così come la torta conosciuta come šakotis .

Sono inoltre presenti influenze dalla cucina orientale ( karaite ), ei piatti kibinai e čeburekai sono piuttosto popolari in Lituania. La torta Napoleone fu introdotta durante il passaggio di Napoleone attraverso la Lituania nel XIX secolo . [49]

L' occupazione sovietica ha sensibilmente alterato la cucina lituana. Come in qualsiasi altra zona dell' Unione Sovietica , per fortuna, alla popolazione fu concesso di mantenere i propri piccoli orti, che erano, e sono tuttora, amorevolmente curati. Dopo il riottenimento dell'indipendenza nel 1990 , la valorizzazione dei cibi e della cucina tradizionale lituana è diventata uno dei modi di celebrare l'identità lituana.

I cepelinai , un piatto a base di patate grattugiate e poi cotte, è il più famoso piatto nazionale; è popolare fra i lituani in tutto il mondo. Altri piatti nazionali includono il pane nero di segale e la zuppa fredda di barbabietole ( borscht o šaltibarščiai ). La cucina lituana è generalmente sconosciuta al di fuori delle comunità lituane; la maggior parte dei ristoranti lituani al di fuori della Lituania è presente in aeree con una consistente minoranza lituana.

I lituani, grazie alla loro dieta tradizionale, sono fra le popolazioni meno oppresse da problemi di obesità , e dalle complicazioni correlate, tra i paesi sviluppati del mondo. [50]

La birra prodotta localmente e il gira (una sorta di kvass ), sono le bevande più popolari nel paese. La starka (acquavite di segale) è parte del patrimonio culturale lituano, ma non viene di fatto più prodotta.

Note

  1. ^ ( EN ) Population growth rate , su CIA World Factbook . URL consultato il 28 febbraio 2013 .
  2. ^ a b c d ( EN ) World Economic Outlook Database, April 2019 , su IMF.org , Fondo Monetario Internazionale . URL consultato il 22 maggio 2019 .
  3. ^ Tasso di fertilità nel 2010 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 .
  4. ^ Bruno Migliorini et al. ,Scheda sul lemma "Lituania" , in Dizionario d'ortografia e di pronunzia , Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7 .
  5. ^ a b Lituania nell'Enciclopedia Treccani , su www.treccani.it . URL consultato l'8 aprile 2020 (archiviato dall' url originale il 3 marzo 2020) .
    «I secoli di maggiore splendore in Lituania, furono quelli del Granducato» .
  6. ^ a b I «Fratelli della Foresta» , su www.storico.org . URL consultato l'8 aprile 2020 .
  7. ^ ( EN ) Audrius Siaurasevicius, Lithuania breaks away from the Soviet Union , in The Guardian , 12 marzo 1990. URL consultato l'8 aprile 2020 .
    «Lithuania last night became the first republic to break away from the Soviet Union, by proclaiming the restoration of its pre-war independence. The newly-elected parliament, 'reflecting the people's will,' decreed the restoration of 'the sovereign rights of the Lithuanian state, infringed by alien forces in 1940,' and declared that from that moment Lithuania was again an independent state» .
  8. ^ a b “Lituania nell'euro dal 1 gennaio 2015” , su lastampa.it , 4 giugno 2014. URL consultato l'8 aprile 2020 .
  9. ^ ( DE ) Pruzzen, Schemaiten, Jatwinger, Nadrauer, Skalwen, Kuren, Semgallen, Selonen, Galinden, Letgallen, Letten und Litauer : http://freiherren-von-wolff.com/2.html
  10. ^ Tomas Baranauskas, On the Origin of the Name of Lithuania , in Lithuanian Quarterly Journal of Arts and Sciences , vol. 55, n. 3, Fall 2009, ISSN 0024-5089 ( WC · ACNP ) .
  11. ^ C. Rowell, Lithuania Ascending: A Pagan Empire Within East-central Europe, 1295–1345
  12. ^ ( EN ) Rūta Janonienė, Tojana Račiūnaitė, Marius Iršėnas, Adomas Butrimas, The Lithuanian Millenium: History, Art and Culture , VDA leidykla, 2015, ISBN 978-60-94-47097-4, p.45
  13. ^ ( EN ) Vita di Mindaugas e scontri con il nipote Treniota , suo uccisore: https://erenow.net/postclassical/crusades/643.php
  14. ^ L'ordine esercitò un'influenza rilevante nella storia lituana tra il XII e il XIV secolo. Qui alcune delle tappe più importanti di questo coinvolgimento, con particolare riferimento alla costituzione e alle operazioni militari compiute dall' ordine cavalleresco : http://www.teutonic.altervista.org/C/027.html
  15. ^ William Urban,Livonian Crusade , University Press of America, 1981, ISBN 0-8191-1683-1 .
  16. ^ Jonathan Riley-Smith, The Crusades: A History , Continuum International Publishing Group, 2005, p. 161, ISBN 0-8264-7269-9 .
  17. ^ ( EN ) R. Bideleux. A History of Eastern Europe: Crisis and Change . Routledge, 1998. p. 122
  18. ^ ( LT ) 100 anni dalla riconquista dell'Indipendenza della Lituania , su Italijos lietuvių naujienų portalas , 18 febbraio 2018. URL consultato il 23 maggio 2021 .
  19. ^ Resistenza lituana . Spaudos.lt, ristampato in Encyclopedia Lituanica , Boston, 1970–1978. Retrieved on 2019-07-15
  20. ^ ( EN ) N. Stone, The eastern front 1914-1917 , New York, Charles Scribner's Sons, 1975.
  21. ^ ( DE ) Fritz Fischer, Griff nach der Weltmacht : die Kriegszielpolitik des kaiserlichen Deutschland 1914/18 , Düsseldorf, Droste, 1971 [1961] , ISBN 978-3-7610-7203-5 .
  22. ^ Simas Sužiedėlis, ed. (1970–1978). "Council of Lithuania". Encyclopedia Lituanica . I. Boston, Massachusetts: Juozas Kapočius. pp. 581–585. LCC 74-114275.
  23. ^ Alfonsas Eidintas, Vytautas Žalys e Alfred Erich Senn, Chapter 1: Restoration of the State , in Ed. Edvardas Tuskenis (a cura di), Lithuania in European Politics: The Years of the First Republic, 1918-1940 , Paperback, New York, St. Martin's Press, settembre 1999, pp. 24-31, ISBN 0-312-22458-3 .
  24. ^ Alfonsas Eidintas, Antanas Smetona and His Lithuania: From the National Liberation Movement to an Authoritarian Regime (1893-1940) , traduzione di Alfred Erich Senn , On the Boundary of Two Worlds, Brill Rodopi, 2015, ISBN 978-90-04-30203-7 .
  25. ^ ( LT ) Pranas Čepėnas, Naujųjų laikų Lietuvos istorija, vol. II , Chicago, Dr. Griniaus fondas, 1986, ISBN 5-89957-012-1 .
  26. ^ Come statuito dall' Atto d'Indipendenza .
  27. ^ La gran parte era già stata restituita alla Lituania in virtù del trattato di Mosca del 1920 .
  28. ^ Vedi Vassili Grossman , Il'ja Grigor'evič Ėrenburg , Il libro nero - Il genocidio nazista nei territori sovietici 1941-1945 , Milano, Mondadori, 1999, pp. 353-354. (Traduzione di L. Vanni)
  29. ^ Vedi Vassili Grossman , Il'ja Grigor'evič Ėrenburg , Il libro nero - Il genocidio nazista nei territori sovietici 1941-1945 , Milano, Mondadori, 1999. Traduzione di L. Vanni)
  30. ^ ( EN ) Mart Laar, War in the Woods: Estonia's Struggle for Survival , 1944-1956, The Compass Press, Washington, 1992
  31. ^ Guerriglieri oltre cortina, di Luca Poggiali, «Storia & Battaglie», numero 1, marzo 2000
  32. ^ Paul Carrel, Operazione Barbarossa. 21 giugno 1941-18 novembre 1942, I e II volume, Edizioni BUR RCS Libri, 2000, Milano.
  33. ^ Stéphane Courtois; Nicolas Werth; Jean-Louis Panné, Il libro nero del Comunismo , traduzione di vari (9), collana Le Scie, Mondadori, 1998, ISBN 88-04-47330-4 .
  34. ^ http://vilnews.com/2010-12-1941-1953-300-000-lithuanians-were-deported-to-merciless-inhumanity-in-siberia , su vilnews.com . URL consultato il 9 aprile 2020 .
  35. ^ http://vilnews.com/2010-12-1941-1953-300-000-lithuanians-were-deported-to-merciless-inhumanity-in-siberia , su vilnews.com . URL consultato l'8 aprile 2020 .
    «A wide spectrum of people:
    1. Members of non-communist parties, including heretical communists;
    2. Members of patriotic and religious organizations;
    3. Former police and prison officials;
    4. Former officers of tsarist and other armies;
    5. Former officers of the Lithuanian and Polish armies;
    6. Former volunteers who had joined anti-Soviet armies in 1918-1919;
    7. Citizens of foreign states, representatives and employees of foreign firms, and employees of foreign embassies;
    8. Those who corresponded with foreign countries or consulates of foreign countries as well as philatelists and those who know the Esperanto language;
    9. Former high level officials;
    10. Red Cross employees and émigrés from Poland;
    11. Clergymen of all religions;
    12. Bankers, members of aristocratic families and rich farmers.»
    .
  36. ^ Decisione del Consiglio dell'Unione europea del 14 aprile 2003 relativa all'ammissione della Repubblica ceca, della Repubblica di Estonia, della Repubblica di Cipro, della Repubblica di Lettonia, della Repubblica di Lituania, della Repubblica di Ungheria, della Repubblica di Malta, della Repubblica di Polonia, della Repubblica di Slovenia e della Repubblica slovacca all'Unione ( ( PDF )) GU UE L 236 del 23/9/2003 .
  37. ^ Trattato tra il Regno del Belgio, il Regno di Danimarca, la Repubblica federale di Germania, la Repubblica ellenica, il Regno di Spagna, la Repubblica francese, l'Irlanda, la Repubblica italiana, il Granducato di Lussemburgo, il Regno dei Paesi Bassi, la Repubblica d'Austria, la Repubblica portoghese, la Repubblica di Finlandia, il Regno di Svezia, il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord (Stati membri dell'Unione europea) e la Repubblica ceca, la Repubblica di Estonia, la Repubblica di Cipro, la Repubblica di Lettonia, la Repubblica di Lituania, la Repubblica di Ungheria, la Repubblica di Malta, la Repubblica di Polonia, la Repubblica di Slovenia, la Repubblica slovacca relativo all'adesione della Repubblica ceca, della Repubblica di Estonia, della Repubblica di Cipro, della Repubblica di Lettonia, della Repubblica di Lituania, della Repubblica di Ungheria, della Repubblica di Malta, della Repubblica di Polonia, della Repubblica di Slovenia e della Repubblica slovacca all'Unione europea PDF ).
  38. ^ Rapporto sulla convergenza maggio 2006 PDF )
  39. ^ COM (2006) 0223 Relazione della Commissione- Relazione sulla convergenza 2006 relativa alla Lituania (predisposta ai sensi dell'articolo 122, paragrafo 2, del trattato, su richiesta della Lituania) {SEC(2006) 615} PDF )
  40. ^ 2007/801/CE Decisione del Consiglio, del 6 dicembre 2007, sulla piena applicazione delle disposizioni dell'acquis di Schengen nella Repubblica ceca, nella Repubblica di Estonia, nella Repubblica di Lettonia, nella Repubblica di Lituania, nella Repubblica di Ungheria, nella Repubblica di Malta, nella Repubblica di Polonia, nella Repubblica di Slovenia e nella Repubblica slovacca ( ( PDF ) GU UE dell'8/12/2007 ).
  41. ^ Statistika: Lietuvoje gyvena mažiau nei 3 mljn. gyventojų , su Bernardinai.lt . URL consultato il 9 aprile 2020 .
  42. ^ Population, total - Lithuania | Data , su data.worldbank.org . URL consultato il 9 aprile 2020 .
  43. ^ http://www.worldlifeexpectancy.com/cause-of-death/suicide/by-country/
  44. ^ ( LT ) Dipartimento di statistica della Repubblica Lituana. Censimento della popolazione per etnia . Aggiornato nel 2007.
  45. ^ Chi Ha Festeggiato Vigilia Di Natale In Modo Lituano? , da italietuva.com.
  46. ^ a b Carolyn Bain, Estonia, Lettonia e Lituania , 2009, EDT srl, pp. 308-309, ISBN 8860404630 .
  47. ^ Tre cori lituani, tutti provenienti da Vilnius si sono aggiudicati i piazzamenti nel gradino più alto del podio al Gran Premio Europeo di Canto Corale .
  48. ^ ( EN ) Black pottery revived from oblivion , su www.baltictimes.com . URL consultato il 27 aprile 2017 .
  49. ^ Copia archiviata , su balticsww.com . URL consultato il 3 agosto 2007 (archiviato dall' url originale il 12 giugno 2007) . .
  50. ^ Lissau, I., et al., Body mass index and overweight in adolescents in 13 European countries, Israel, and the United States (Abstract), Archives of pediatrics & adolescent medicine , 2004 Jan; 158(1):27-33.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 125422022 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2364 1220 · LCCN ( EN ) n82209573 · GND ( DE ) 4074266-0 · NDL ( EN , JA ) 00569565 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n82209573