Proto-Indo-Ewopeyen lang

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch

Proto -Indo-Ewopeyen an (tou souvan refere yo kòm Indo-Ewopeyen an ) se protolanguage a ki, dapre lengwistik konparatif , konstitye orijin nan komen nan Indo-Ewopeyen an lang yo . Resanblans ki genyen ant lang sa yo, ki ateste apeprè 2000 BC , mande pou entelektyèl yo asime ke yo se kontinyasyon nan yon langaj pre-istorik, pale sou sèt mil ane de sa epi yo rele pa konvansyon Proto-Indo-Ewopeyen an . Ankèt la sistematik nan dokiman ki pi arkaik nan lang Indo-Ewopeyen an pèmèt nou rekonstwi, kwake ipotetikman, gramè a ak leksik nan protolanguage a, gras a metòd la konparatif [1] .

Nan Almay , kote etid sou Indo- Ewopeyen an te gen tou premye fòmilasyon aderan yo, tèm Indogermanisch la pi pito pou Indo-Ewopeyen an ak Urindogermanisch pou endike protolangaj la [2] .

Nesans lan nan lengwistik konparatif ak dekouvèt la nan Indo-Ewopeyen an

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: lengwistik konparatif ak etid Indo-Ewopeyen an .
William Jones
Friederich Schlegel
Franz Bopp

Lide a nan konparezon ki genyen ant lang kòmanse sòti nan imanis Ewopeyen an ak Giuseppe Giusto Scaligero ( 1540 - 1609 ). Yon premye fòmil jenerik nan baz yo nan metòd la konparatif, sepandan, vini sèlman nan dizwityèm syèk la, ki anba enfliyans endirèk nan syans nan anatomi konparatif , ak Johann Christoph Adelung ak kretyen Jakob Kraus , ki moun ki ant 1781 ak 1787 defini objektif yo ak metòd apwòch syantifik nan konparezon ki genyen ant lang yo.

Men, nesans lan nan lengwistik reyèl konparatif kòm yon syans se kanmenm yon aksidantèl pa-pwodwi nan kolonyalis angle , ak an patikilye nan konkèt la nan peyi Zend. Kontak yo ak kilti Endyen ak lang literè li yo, Sanskrit , pèmèt majistra a segondè nan Bengal Sir William Jones ( 1746 - 1794 ) etabli konparezon ant Sanskrit tèt li, grèk , Latin , gotik ak lang yo nan selt yo , ak dedwi ke tout lang sa yo ansyen yo te sòti nan yon lang manman arkaik kounye a disparèt. Angle yo te kontante yo afime orijin nan komen, sou baz prèv, san yo pa ale pi lwen, san yo pa mete fondasyon yo pou yon syans. Jones te ekspoze teyori li yo nan yon konferans yo te bay Sosyete Azyatik la nan Kalkita 2 fevriye 1786 . Sepandan, li te sèlman nan 1788 ke etid li yo te pibliye.

Malgre entèlijans li yo, ka Jones an te bliye epi lide a te reviv pa Friedrich Schlegel ( 1772 - 1829 ), nan liv li Über die Sprache und Weisheit der Indier nan 1808 . Nan dènye tèks sa a, pou premye fwa nou pale de gramè konparatif ( vergleichende Grammatik ).

Avèk Franz Bopp ( 1791 - 1867 ) ak istoryen l ' Konjugationssystem ("Sistèm konjigezon", 1816 ), yon fòmilasyon plis òganik nan prensip yo konkrè ak sistematik nan analiz lengwistik-konparatif te finalman rive [3] . Li se ak Bopp ak Danwa kontanporen Rasmus Rask li ke yon foto sistematik nan relasyon ki genyen ant subfamilies yo trase. Bonjan endikasyon vin syans. [4]

Fanmi lang Indo-Ewopeyen an

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: lang Indo-Ewopeyen an .

Sètènman diferan subfamil lengwistik fè pati fanmi lengo Indo-Ewopeyen an (tankou si yo te branch ki kòmanse soti nan kòf la komen, proto-Indo-Ewopeyen an) ki an vire différenciés nan lang ak dyalèk : [5]

Diferan subfamil Indo-Ewopeyen yo Lè sa a, tradisyonèlman gwoupe an de gwo gwoup, divize pa sa yo rele isoglossal centum-satem la , ak distenge sou baz tretman konsòn yo gutural. Lang sa yo rele centum (ki soti nan centum Latin lan, "yon santèn") kontinye palatals yo ansyen gutural kòm velars, pandan y ap lang yo satem (ki soti nan satest la Avestic , "yon santèn") chanje yo nan palatal ak sibilant konsòn frikatif.

Savan atribi valè diferan nan fenomèn nan sathemisation , selon oryantasyon yo. Defansè yo nan sa yo rele teyori a glotal konsidere, pou egzanp, pi enpòtan tretman an nan ipotetik konsòn yo glotal yo ke yo sipoze tipik nan proto-indo-Ewopeyen an nan faz komen li yo, ak Se poutèt sa prefere yo fè distenksyon ant taihun lang (ki soti nan gotik taihun , "dis") ki pèdi glottalization glottidali nan chanje konsòn yo soud ak lang decem (ki soti nan Latin nan decem, "dis"), ki transfòme glottidali la nan son .

Men kèk egzanp sou afinite leksik ant lang Indo-Ewopeyen an

Anpil afinite leksik ant lang Indo-Ewopeyen yo sote nan je a, malgre chanjman fonetik yo ki te fèt. Gen lòt ki definitivman counterintuitive. Li pral sifizan isit la bay kèk egzanp: [22]

Pwonon
Lang Lèm
Modèn Italyen mwen menm
Laten mwen menm
Grèk με
Gotik mik
Sanskrit men
Etit amug
Resansman
Lang Lèm
Modèn Italyen de
Laten duo
Grèk δύω
Sanskrit dvā
Ris два
Gotik twai
Non
Lang Lèm Lèm Lèm Lèm
Modèn Italyen wa papa pye Wolf
Laten rex patè pes lupus
Grèk wanax πατήρ ποῦς λύκος
Sanskrit raja pitā pad-

Tipoloji nan proto-indo-Ewopeyen an

Tipolojikman pale , Proto-Indo-Ewopeyen an nan faz an reta inite se te yon lang flechi oswa fuzibl, ak yon wo degre de conciseness (kantite mòfèm pou chak mo). Sepandan, rekonstriksyon an entèn pèmèt nou aperçu yon faz yon ti kras plis aleka, nan ki protolanguage a toujou lajman te montre aparans nan yon lang aglutinasyon . Tandans yo ki te mennen nan transfòmasyon tipolojik la toujou sanble pasyèlman aktif nan faz ki pi arkaik nan anpil nan lang pitit fi yo. Pami sa yo deriv estriktirèl nou sonje an patikilye:

  • fizyon an nan postpozisyon an ak non an, ki mennen nan enplantasyon an nan nouvo ka (tankou nan ansyen etit la ak tokariyen , ki gen respektivman nèf ak dis ka gramatikal, konpare ak uit la anjeneral rekonèt kòm komen nan tout fanmi an lengwistik);
  • fizyon fòm vèb "oksilyè" yo ak rasin vèbal yo pou fòme nouvo tan oswa pou reentegre fòm tan pèdi yo (tankou nan enpafè Latin lan ak pafè jèmik la fèb)
  • tandans a fè fini pèsonèl pi rekonètr nan aglutinasyon nan vèb la ak fòm pronominal oswa adverb oswa nan jeneralizasyon an nan itilize nan sèten fini fasil rekonèt, yo nan lòd yo fè enfeksyon an vèbal transparan ak jere (konsa, pou egzanp, nan Sanskrit prensipal la fini -mi jeneralize, pou premye moun lan, tou de nan vèb atematik ak tematik: kòm-mi , "mwen menm", atematik, ak tud-ā-mi , "mwen frape", tematik)

Istorik evolisyon

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: kwonoloji Indo-Ewopeyen an .

Gramè a rekonstwi nan proto-Indo Ewopeyen an

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: gramatik Proto-Indo-Ewopeyen an .

Avèk konparezon ki genyen ant lang yo nan pi ansyen atestasyon an, epi, nan absans sa yo, ant lang modèn yo, li posib pou rekonstwi lang ipotetik kote yo ta sòti a. Tout gramè lang sa a evidamman rekonstwi, ki gen ladan yon sistèm fonolojik , mòfolojik , sentaksik , sistèm leksik , elatriye.

Fonoloji

Icône loup mgx2.svg Fonolojik Proto-Indo-Ewopeyen an .

Lè w ap pran an kont deba syantifik aktyèl la nan mitan lengwis, jodi a se yon sistèm fonolojik estriktire rekonstwi pou indo-Ewopeyen an (mak yo kesyon endike fonèm yo ki gen egzistans ki pi kontwovèsyal):

  • vwayèl kout: * a * e * o (?) * mwen * u
  • vwayèl long: * ā (?) * ē (?) * ō (?) * ī (?) * ū (?)
  • diftong: * au * eu * ou * ai * ei * oi
  • semi-vwayèl: * y * w
  • nan nen ak likid: * m * n * l * r (lèt la ka pran sou yon valè silabik, an konsideran atikilasyon nan sonan )
  • konsòn frikatif dantè: * s (ak vwa alofòn * [z])
  • frikativ laryngeal : * H1 (?) ( san vwa souri laryngeal * [h]) * H2 (?) ( san vwa frikatif velar * [x]) * H3 (?) ( frikatif labiovelar ak artikulasyon son )
  • konsòn occlusif bilabial: * p * b (?) * bh
  • konsòn okle alveolè: * t * d * dh
  • konsòn velar okluzif: * k * g * gh
  • konsòn sispann palatal: * k´ (?) * g´ (?) * g´h (?)
  • konsòn okluzyon labio-velè: * k w * g w * g w h .

Sepandan, sistèm fonolojik rekonstwi a parèt dezekilib pou plizyè rezon.

An reyalite, pami lòt pwoblèm, nou sonje:

  • rar relatif la nan orijinal * a ;
  • estati a klè nan vwayèl long, ki gen kèk Indo-Ewopeyen inivèsèl redwi a rezilta nan vwayèl + rankont larenng oswa nan kontraksyon konpansatwa ak alonjman fenomèn;
  • rar nan * b
  • difikilte pou tipolojik nan yon sistèm nan arè nan ki gen triple nan konsòn ki fòme ak soud (" konsòn mou "), vwa (" mwayen "), aspirasyon vwa (" mwayen aspirasyon "), kòm atestasyon yo pan-Indo-Ewopeyen an aspir soud la (" tenui aspirate ") * ph * th * kh * k´h * kwh (ki gen prezans toujou sipòte jodi a pa Oswald Szemerényi ). An reyalite, nan lang natirèl li te ye kote gen yon sèl seri de arè aspirasyon, sa yo soud; aspiran vwa yo jwenn sèlman nan lang ki posede aspiran san vwa tou.

An reyalite, yon teyori enteresan ki te pwopoze pa Francisco Villar reklamasyon ke indo-Ewopeyen an te gen kat timbres orijinal yo: / α /, / e /, / i /, / u /. / Α / a ta karakterize pa yon jwenti entèmedyè ant / a / ak / oswa /.

Kesyon an nan rar nan * yon mennen lengwis la Panyòl Francisco Villar , sou baz pwopozisyon yo teyorik nan Francisco Rodríguez Adrados, nan postila pou Indo-Ewopeyen an ki pi arkaik yon sistèm kat-vwayèl ( * a * e * mwen * u ), ak yon jwenti awondi nan * a ak yon jwenti mwayen-ba nan * e la .

Plis kesyon pikan leve soti nan anomali tipolojik nan sistèm okluzif la. Pwopozisyon lengwis ameriken Paul J. Hopper ak lengwis Sovyetik Tamaz Gamkrelidze ak Vjačeslav Ivanov bay yon repons posib. [ sitasyon ki nesesè ] , selon ki konsòn yo Indo-Ewopeyen tradisyonèlman rekonstwi kòm vwa orijinal te gen yon artikulasyon glotal (ra pou konsòn labial, ki ta eksplike pami lòt bagay rar la nan * b ), pandan y ap aspiran vwa konsòn yo ta dwe vin ansent kòm senp sonor; atikilasyon nan aspirasyon nan moun ki soud ak vwa ta dwe allophonic.

Nan atik sa a li te deside swiv rekonstriksyon tradisyonèl la, ki li sanble kont pou pifò nan fenomèn yo. [ san sous ]

Prosody ak aksan

Pami lang Indo-Ewopeyen yo gen anpil kalite aksan:

  • Grèk , Vedik ak Lityanyen gen yon twa- ton aksan mizik, ak an patikilye, aksan Vedik la se endefiniman gratis, sa yo ki an grèk la gratis nan limit yo nan twa kote ki sot pase yo ( trisyllabism ); an pati menm jan limit yo jwenn nan Lithuanian;
  • Italik gen yon aksan entansif fiks sou premye silab la; sepandan, Latin lan distenge, ki byento abandone aksan orijinal entansif la fiks ak otonòm rkree yon sèl ton aksan mizik, modera gratis nan limit yo nan twa dènye kote yo;
  • sitiyasyon ki sanble ak proto-italik, sa vle di yon aksan entansif fiks, montre tou Celtic ak Germanic [23] .

Pwodyodi a nan proto-Indo-Ewopeyen an, pou pifò entelektyèl, se sa yo ki an yon lang ki gen yon aksan mizik (ki se, pèrsu kòm yon elevasyon nan ton) nan ki gen yon distenksyon sistematik ant vwayèl long ak kout, byenke evolisyon lengwistik gen chanje aranjman orijinal yo ak difizyon [24] . Gen kèk entelektyèl, tankou egzanp. Francisco Villar , ipotèz ke distenksyon ki genyen ant vwayèl long ak kout te espesifik sèlman nan kèk dyalèk Indo-Ewopeyen an, ak an patikilye an reta Indo-Ewopeyen an, li mete pwoblèm lan nan nati a nan aksan an nan background nan [25] . Yon teyori patikilyèman atikile prezante Oswald Szémerenyi, ki moun ki sou baz konparezon ki genyen ant aksan grèk, vedik ak lityan, postila, pou komen proto-indo-ewopeyen an, yon aksan twa ton, ak yon ton monte (egi oswa udātta ) , yon ton desandan (sikonfleks) ak yon ton grav [26] . Yon eleman sèten nan aksan indo-Ewopeyen an se libète absoli li yo [27] . Absans la nan gout la nan vwayèl ak nan fenomèn yo nan chanjman ki konekte nan aksan entansif la sijere ak relatif sètitid ke protolanguage a te gen yon aksan mizik, pwobableman ak yon ton sèl, yon sèl la egi [28] .

Mòfoloji

Icône loup mgx2.svg Proto-Indo-Ewopeyen mòfoloji .

Gen kèk fenomèn fonetik nan enterè mòfolojik (morfo-fonolojik) ini tout lang yo Indo-Ewopeyen an:

  • Rasin lang Indo-Ewopeyen yo jeneralman monosilab;
  • mòfèm yo te fè moute sou baz yon lwa pou ogmante sonorite, se konsa ke sonorite nan fonèm yo ki konpoze yo ap grandi kòm li apwoche nwayo a silabik; pou yon mekanis nan gwo mouvman, fonèm yo konsonan okluzif ranmase alantou nwayo a vwayèl rasin kòmanse soti nan pwen an eksteryè nan atikilasyon (egzanp konsòn la labial okluzif vin anvan yon sèl la dantè epi yo pa vis vèrsa: li se poutèt sa posib * pter men se pa * tper ); pou menm rezon an li ra pou jwenn rasin kote yon okluzyon dantè anvan yon vwal (youn nan kèk egzanp yo se * dhghom- , latè);
  • Indo-Ewopeyen an evite konstitisyon an nan rasin ki louvri epi fèmen ak vwa konsòn okluzif (li posib * teg men se pa * deg );
  • prezans nan pa pi byen defini "detèminan radikal": kèk rasin montre fòm doub, ak yon osilan inisyal * s- (rad la teg- "kouvèti", se tou ateste kòm * s-teg- );
  • rasin Indo-Ewopeyen yo chanje vwayèl selon fonksyon mòfolojik yo ( apofoni ): konsa, selon tansyon ki fòme, rad la. * -leikw- , "kite", gen yon degre konplè * -loikw- ak yon degre zewo * -likw- ;
  • toupatou se fenomèn asimilasyon konsòn yo , sou baz ki de konsòn vwazen yo gen tandans asime yon pwen atikilasyon ki sanble oswa idantik;
  • aksyon nan lwa Sievers-Edgerton , dekouvwi nan gotik pa Germanist Eduard Sievers ak nan lang Indo-Arian pa Sanskrit Franklin Edgerton : yon semivowèl * y oswa * w gen tandans pou yo jimo nan * iy oswa * uw apre yon silab long: konsa nou gen * pot -y om ki soti nan * poti- , men * H1egn iy om ki soti nan * H1egni- .

Mòfonoloji

Soti nan pwen de vi tipolojik, an reta rekonstwi Indo-Ewopeyen an se yon lang enfleksyonèl oswa fuzibl, ak yon wo degre de conciseness (tankou Vedic, Grèk, Latin, Alman , Ris ). Sa vle di ke nan protolangaj la plis fonksyon mòfolojik yo konsantre nan menm mòfèm lan. Sepandan, li te deja di ke endikasyon ki soti nan rekonstriksyon entèn la mennen lengwis yo ipotèz ke nan yon faz trè aleka nan istwa li yo, Indo-Ewopeyen an te gen yon estrikti lang aglutinan (ak chak mòfèm yo itilize endike yon sèl ak sèlman yon sèl fonksyon mòfolojik , jan k ap pase jodi a nan Tik oswa Finnish ).

Konparezon an sistematik nan mòfoloji a nan lang yo Indo-Ewopeyen ansyen pèmèt lengwis yo rekonstwi san patipri fiable 'identikit la nan non an bès, nan' adjektif , pwonon an ak vèb Indo.

Varyab ak invariable pati nan diskou

Pati yo nan diskou a ki ka rekonstwi pou indo-Ewopeyen an pa konplètman kowenside ak sitiyasyon an nan lang yo pitit fi:

  • osi lwen ke pati yo varyab nan diskou a yo konsène, yon mòfoloji nan non an , adjektif la , pwonon an , vèb la ka distenge nan protolangaj la, men tout tras nan atik la yo konplètman ki manke: rezilta a nan innovations pita yo nan reyalite atik yo nan grèk, nan kèk ansyen lang slav , modèn lang jèrmen ak lang neo-Latin ;
  • kòm pou pati yo invariable, Indo-Ewopeyen an pa gen yon prepozisyon reyèl, olye li depann sou itilize nan ka yo nan non an ak itilize nan postpozisyon an (postpositions rekonstwi yo se pou egzanp * em ak * bhi , "yon, nan direksyon nan ", osi byen ke * ak ," soti nan "); patikil ki nan lang pitit fi parèt itilize kòm prepozisyon apwopriye, nan indo-Ewopeyen jwe wòl nan adverb nan plas ak tan, oswa move postpositions (sa a se ka a nan * per-mwen "pou, alantou", oswa * eks , ", soti nan, soti nan"); kòm pou advèb yo nan mòd ak konjonksyon yo, sitiyasyon an nan protolanguage nan pa ka toujou dwe rekonstwi nan yon fason univok, depi Indo-Ewopeyen an sanble yo te lajman Woboram yo sèvi ak advèrbyal nan akuzatif nan , ablation , lokativ , enstrimantal ka nouen, adjektif ak pwonon.

Nominal mòfoloji

Mòfoloji nan non an ak adjektif la, nan lang Indo-Ewopeyen yo, montre yon kourbur sistematik dapre nosyon de ka gramatikal ak nimewo , ak yon kourbur semi-sistematik selon sèks . Beyond sa a karakteristik komen, ansyen lang yo Indo-Ewopeyen yo montre nan yon pakèt domèn varyasyon: soti nan dis ka nan tokariyen nan senk ka nan grèk. Done lengwistik sanble yo montre ke lang ki gen mwens ka te gen pi bonè nan evolisyon yo (pa egzanp dyalèk Mycenaean , fen Laj Bwonz Variant nan grèk, gen sis ka). Nan lòt men an, dis ka yo nan Tocharian a, ak nèf la nan ansyen Hitit la sanble yo dwe rezilta nan enfliyans nan vwazen lang ki pa Indo-Ewopeyen an (presyon adstrate ). Li sitou kwè ke sitiyasyon orijinal la te konsève nan lang Indo-Arian yo, epi li sipoze ke tankou lèt la, protolangaj la te gen uit ka:

Indo-Ewopeyen an te konnen twa sèks: maskilen an ak Rezèv tanpon fanm lan ak net la (lèt la ki endike kategori a nan inanime a); twa nimewo yo rekonstwi, menm si jodi a plis pwoblèm pase nan tan lontan an: sengilye a , pliryèl la ak doub la (lèt la endike pè yo nan antite anime ak inanime). Li pa posib ke nan Indo-Ewopeyen an ka yo te klèman distenge sèlman nan sengilye a, oswa nan lòt mo, yo ke yo te konplètman manke nan detèminasyon sou nimewo a.

Deklinasyon nominal la ak adjektif te konnen de variantes nan lang Indo-Ewopeyen yo:

  • yon enflexyon tematik , karakterize pa lefèt ke fen ka yo anjandre sou yon vwayèl tematik orijinal * -e- , ki nan enflexyon an parèt tankou * -o- nan maskilen ak net epi kòm -a- nan Rezèv tanpon fanm, akòz presyon an kontèks fonetik;
  • yon inflexion athematic , tipik nan tèm konsòn, nan * -i- (eksepte pou kèk Rezèv tanpon fanm nan * -iH2 ), nan * -u- ak nan diftong.

Isit la anba a nou pral bay sèlman tèminezon jeneral yo nan tablo a:

Singular
Non
  • * -s (maskilen tematik ak atematik; Rezèv tanpon fanm atematik)
  • * -H2 (tematik Rezèv tanpon fanm nan * -aH2 ak * -iH2 );
  • net net: pa gen fen;
  • tematik net * -m
Vokatif pa gen fen (vokatif la gen tèm nan oswa rasin pi)
Akize * -m (ki sonantize apre konsòn )
Jenitif
  • fòm atematik: * -es, * -os, * -s ; *
  • fòm tematik * -osyo, * -esyo
Ablatif
  • fòm atematik * -es, * -os, * -s ;
  • fòm tematik - * ōd nan tèm nan * -o-
Datif * -ei (nan non deklinasyon tematik li kontra avèk vwayèl tematik la )
Enstrimantal * -e (nan tèm de deklinasyon tematik li kontra ak vwayèl la tematik)
Lokatif * -la

Pou sengilye a enstrimantal lòt alomòf yo ateste, pwobableman dyakorik variantes : an patikilye, - * bhi (cf. Homeric grèk îphi "ak fòs", ki soti nan yon Mycenaean wî-phi ), ak * -mi (an jeneral fen yo nan enstrimantal , datif ak ablatif ak eleman * -m- pran priyorite sou moun ki gen eleman * -bh- nan zòn Baltik , Slav ak Jermanik ).

Doub
Non * -e (maskilen ak Rezèv tanpon fanm), * -i pou net
Vokatif * -e (maskilen ak Rezèv tanpon fanm), * -i pou net
Akize * -e (maskilen ak Rezèv tanpon fanm), * -i pou net
Jenitif * -ous (?)
Ablatif * -bhyoH3 (Variant dyakorik : - * moH3 )
Datif * -bhyoH3; (Variant dyakorik : - * moH3 )
Enstrimantal * -bhyoH3 (Variant dyakorik : - * moH3 )
Lokatif * -ou
Pliryèl
Non
  • * -es (maskilen ak Rezèv tanpon fanm);
  • * -H2 (nan net: nan net tematik li bay monte a -eH2 > aH2 )
Vokatif
  • * -es (maskilen ak Rezèv tanpon fanm);
  • * -H2 (nan net: nan net tematik li bay monte a -eH2 > aH2 )
Akize maskilen ak Rezèv tanpon fanm * -ns (avèk sonantizasyon apre konsòn rasin final la); * -H2 (nan net: nan net tematik li bay monte a -eH2 > aH2 )
Jenitif * -om, * ōm
Ablatif * -bh (y) os ( dyakorik variant * -mos )
Datif * -bh (y) os ( dyakorik variant * -mos )
Enstrimantal * -sa ( variante dyakorik * -mis ), * -o li nan tèm yo nan * -o-
Lokatif * -su , * -oisu , nan tèm ki nan * -o-

Flexion nan adjektif la

Prezans nan yon adjektif sistematik idantifye kòm yon pati nan diskou a gen entansyon make atribi a ak sèten fòm nan konpleman predikatif sou nivo sentaksik sanble yon karakteristik spesifik nan morfo-sentaks nan Indo-Ewopeyen an fanmi lengwistik. Nan plizyè lang nan zòn Mediterane ki pa Indo-Ewopeyen an (tankou, pou egzanp, nan lang semitik yo ), adjektif yo souvan absan, menm jan yo ranplase pa fòmasyon vèbal oswa pa konstriksyon ak non.

Adjektif yo Indo-Ewopeyen an konfòme nan tout respè ak enflexyon an nan non an: yo te an reyalite te refize pa sèks, nimewo ak ka, menm jan k ap pase nan lang yo klasik, nan Vedic, nan Alman ak nan lang yo slav (ki, sepandan, te lajman inovasyon). Come per i nomi, così per gli aggettivi si distingueva una flessione tematica e una atematica.

L'aggettivo indoeuropeo formava i gradi di comparazione tramite inserzione di suffissi appositi nella radice:

  • il comparativo di maggioranza veniva formato con il suffisso *-ison- o *-iyon- (alla base del comparativo latino -ior, della forma greca atematica -ίων, nonché dei comparativi germanici);
  • il superlativo assoluto e relativo si formava con i suffissi elativi *-to- , *-is-to- , -mo- , t-mo ;
  • esisteva inoltre un suffisso *-tero- , che indicava la distinzione fra due gruppi (ad esempio *dhelu-tero- : "femminile, non maschile").

Qui di séguito alcuni esempi di aggettivi:

aggettivi tematici :

  • *kaikos, *kaikaH2, *kaikom "cieco, oscuro" (cfr. latino caecus , e il greco καικία "vento del nord dalle nuvole nere")
  • *akros *akraH2 *akrom "acre"
  • *newos *newaH2 *newom "nuovo, giovane" (cfr. il greco νέος)
  • *rudhros *rudhraH2 *rudhrom "rosso, rubizzo" (latino ruber )
  • *koilos *koilaH2 *koilom "cavo, vuoto" (cfr. il greco κοιλὸς, e il latino coelum , coelus "cielo" - il grande vuoto)
  • *elngwhros, *elngwhraH, *elngwhrom "leggero" (cfr. il greco ἐλαφρὸς)

aggettivi atematici :

  • *swaH2dus (>*sweH2dy-) *swaH2dwiH2 *swaH2du "soave, dolce" ( latino suavis )
  • *brgwhus *brgwhwiH2 *brgwhu "breve"
  • *lgwhus *lgwhwH2 *lgwhu "lieve"
  • *tnus tnwiH2 tnu "tenue, lungo"
  • *mldus *mldwiH2 *mldu "molle, morbido"
  • *oH3kus (*>eH3ku-) oH3kwiH2 *oH3ku "veloce" (latino ocior ocius , greco ὠκὺς)

Sono aggettivi atematici con tema in -nt i participi attivi , di cui si registra il paradigma sotto la flessione verbale .

Aggettivi numerali

Una struttura a sé mostrano gli aggettivi numerali, che costituiscono uno degli aspetti più solidi della grammatica ricostruita dell'indoeuropeo.

Qui di seguito una ricostruzione dei numerali cardinali da uno a cento in indoeuropeo, in base alle ricostruzioni presenti nell' Introduzione alla linguistica comparativa di O. Szémerenyii, modificate parzialmente in base a un approccio laringalistico:

*sems, *smiH2, *sem 1; *ojos *ojaH2 *ojom, *oinos *oinaH2 *oinom, *oikos *oikaH2 *oikom (varianti per "unico, solo");

*d(u)wō 2; *(am)bhoH3 "entrambi";

*trej-es; *trisres *trih2 3;

*kwettwor-es *kwettusres *kwettwor 4;

*pénkwe 5;

*(s)weks 6;

*septm 7;

*H3oktoH3 8;

*(H1)newn 9;

*dékm(t) 10;

*(d)wihkomt 20;

*trihkomt 30;

*kwettwrkomt 40;

*penkwekomt 50;

*(s)wekskomt 60;

*septmkomt 70;

*H3okteH3komt 80;

*H2newnkomt 90;

*kmtòm 100.

Per le centinaia è possibile che l'indoeuropeo, come il vedico, ricorresse a tre dinamiche di formazione:

1. la creazione di un sostantivo neutro a partire da *kmtòm (dinamica presente anche in gotico): esempio *triH2 *kmtaH2 *gwowòm "tre centinaia di vacche" seguito, come si può vedere, da un genitivo partitivo;

2. la creazione di un aggettivo composto: esempio *trkmtōs *trkmtaH2s *trkmtaH2 (come in vedico, greco e latino e nella maggior parte delle lingue indoeuropee);

3. la creazione di un composto usato come collettivo e seguito dal genitivo partitivo, esempio *trkmtom gwowòm (come in vedico e in latino arcaico).

Non esiste una formazione univocamente ricostruibile per il numerale 1000. Tuttavia la maggior parte degli studiosi ritiene plausibile che:

1. il sanscrito sahasram , l'avestico hazahra- , il greco antico χείλιοι, il latino mille da *mi-hi-li (dove mi < *smi-H2 , femminile di *sem- ), risalgano a locuzioni come *sem (*sm-) *gheslo-m o *smiH2 *ghesliH2 ;

2. il germanico, il baltico e lo slavo abbiano innovato, creando una nuova forma a partire dal participiale *tūsntiH2 "abbondante".

Gli aggettivi numerali ordinali venivano formati per lo più con l'inserzione dei suffissi * -o-, *-to-, *-mo-

Morfologia pronominale

Il pronome indoeuropeo seguiva anch'esso una flessione per genere numero e caso. Per l'indoeuropeo i linguisti ricostruiscono con certezza i pronomi di prima e seconda persona singolare (* H1egH-om , * em- , * m- ,"io" e * tou "tu"), nonché il pronome riflessivo * sw- , riconducibile a una radice dal significato originario di "famiglia, genere".

Accanto a questi due pronomi, sono oggetto di ricostruzione abbastanza univoca i temi pronominali dimostrativi *so- *to- (con significato cataforico) e *i- ( *ei- ) (con significato anaforico). Questi temi pronominali costituiscono rispettivamente la declinazione dei dimostrativi so saH2 tod e is iH2 id . Da questi temi pronominali si sono ricavati, nelle lingue figlie, pronomi indefiniti e relativi.

Sufficiente attendibilità fornisce anche la ricostruzione del pronome interrogativo-indefinito * kwis kwid ("qualcuno, qualcosa, chi?, che cosa?").

Erano attestati largamente nella protolingua anche i pronomi e aggettivi indefiniti *alyos ("altro", fra molti) e *e-tero- , al-tero- ("altro", fra due).

Non esisteva in indoeuropeo un vero e proprio pronome relativo , a cui probabilmente sopperiva un uso correlativo dell'anaforico *is e dell'indefinito k w is , situazione che è alla base dei differenti sviluppi del ramo italo-celtico (che privilegiò *k w is ) da un lato, e del ramo greco-indo-iranico (che privilegiò il tema pronominale * i- ) dall'altro.

Morfologia verbale

Il verbo indoeuropeo si coniugava in base alle categorie di persona e numero, ed era ovviamente articolato in modi e tempi; a differenza del verbo delle lingue semitiche , non era sessuato (cioè determinato per generi), se non nelle forme aggettivali ( participio , aggettivo verbale ). Aveva inoltre una coniugazione sintetica (con desinenze proprie) per la diatesi del medio - passivo . Queste caratteristiche strutturali distintive sono ampiamente attestate nelle antiche lingue indoeuropee sin dal loro stadio più arcaico, e devono pertanto ritenersi proprie della stessa protolingua ricostruita.

In concreto, la morfologia verbale dell'indoeuropeo, quale viene ricostruita dai linguisti, presenta le seguenti caratteristiche generali:

  • la presenza di due coniugazioni: una atematica (più primitiva) e una tematica;
  • la presenza di tre numeri (singolare, duale e plurale);
  • la presenza di due forme, l'attivo e il medio (quest'ultimo con funzioni che ricoprono, approssimativamente, quelle del verbo di forma passiva e riflessiva delle lingue moderne);
  • quattro modi verbali, l' indicativo , il congiuntivo , l' ottativo , l' imperativo , più un'ampia schiera di formazioni nominali de-erbali fra cui spiccano il participio e un infinito di ricostruzione dubbia; i modi sono caratterizzati da suffissi specifici: nella coniugazione atematica, l'indicativo e l'imperativo non hanno alcuna caratteristica morfologica, l'ottativo ha il tipico suffisso -*(i)yeH1- , *-iH2- , il congiuntivo assume come suffisso una vocale tematica breve con alternanza fra -*e- ed *-o- (quest'ultima davanti a desinenze che iniziano per consonanti nasali o labiali); nella coniugazione tematica, l'indicativo e l'imperativo hanno come caratteristica una vocale tematica breve, con alternanza fra -*e- ed *-o- (quest'ultima davanti a desinenze che iniziano per consonanti nasali o labiali), l'ottativo assume il tipico suffisso *-oy- * -oi- , il congiuntivo ha una vocale tematica lunga;
  • una distinzione sistematica fra temi temporali, ricavati spesso dalla radice verbale tramite l' apofonia ; i temi temporali identificano la qualità dell'azione, l' aspetto , ancor prima che la sua collocazione nel tempo ; per l'indoeuropeo si ricostruiscono quattro tempi: il presente , l' imperfetto , l' aoristo (forma di preterito affine al passato remoto delle lingue neolatine ), il perfetto (indicante uno stato compiuto nel presente, conseguenza di un'azione passata); dubbia, o comunque non chiaramente ricostruibile, è l'esistenza di un piuccheperfetto (indicante uno stato compiuto nel passato, come conseguenza di un'azione passata precedente); è assente una forma univoca di futuro , essendo spesso usati come futuri il presente indicativo, il presente congiuntivo e l'aoristo congiuntivo, o forme di presente con significato desiderativo ;
  • collegate alla formazione dei tempi sono cinque caratteristiche peculiari del verbo indoeuropeo:
  1. la distinzione, sia nell'attivo, sia nel medio, fra desinenze primarie (tipiche del presente indicativo e spesso contrassegnate da una caratteristica *-i ) e desinenze secondarie (tipiche degli altri tempi e dei modi diversi dall'indicativo); una situazione a sé è propria degli imperativi, che hanno desinenze specifiche con affissi in -*ue -*ōd ;
  2. la presenza di un ampio ventaglio di suffissi per le formazioni di presente atematico e tematico;
  3. l'attestazione di desinenze distinte per il perfetto;
  4. l'attestazione oscillante dell'aumento, un prefisso *e- tipico dell'indicativo dei tempi passati (imperfetto, aoristo);
  5. la presenza, nel perfetto (e in certe forme di aoristo), del raddoppiamento (consistente nella riduplicazione della consonante iniziale del verbo seguita da una *-e- ). La presenza o l'assenza dell'aumento nei tempi passati è probabilmente regolata dalla legge del Koniugationsreduktionssystem (sistema di riduzione della coniugazione), identificata per il vedico dal linguista polacco Jerzy Kuriłowicz : tale legge prescrive che alcuni affissi verbali (come l'aumento o la caratteristica *-i delle desinenze primarie) siano omessi, nel periodo , a partire dalla seconda proposizione di una catena di frasi coordinate.

Qui di séguito, in tabella, lo schema delle desinenze generali del verbo indoeuropeo tematico e atematico:

  • coniugazione atematica attiva:
Desinenze primarie Desinenze secondarie Imperativo
I pers. sing. *-mi *-m (manca)
II pers. sing. *-si *-s *-dhi, *-tōd
III pers. sing. *-ti *-t *-tu, *-tōd
I pers. du. *-wes *-we (manca)
II pers. du. *-tH1es *-tom *-tom
III pers. du. *-tes *-taH2m *-taH2m
I pers. plur. *-mes *-me (manca)
II pers. plur. *-te *-te *-te, *-tōd
III pers. plur. *-nti *-nt *-ntu, *-ntōd

Sintassi

L'indoeuropeo, come le più antiche lingue flessive che ne derivano, sembra essere stato una lingua con ordine sintattico OV (tendenza dell'oggetto a precedere il verbo transitivo nella frase non marcata).

La metrica indoeuropea

Alcune coincidenze significative fra le diverse forme di poesia epica e lirica delle antiche culture di lingua indoeuropea permettono di ricostruire, in modo approssimativo, il panorama del patrimonio poetico (metrica e stilistica ) comune alle tribù indoeuropee nella loro tarda fase unitaria [29] .

L'attribuzione al proto-indoeuropeo di un accento musicale e di un'opposizione fonemica fra sillabe lunghe e brevi ha una conseguenza precisa sulla metrica della protolingua, che dovette essere di natura quantitativa, cioè basata sulla durata, o quantità della sillaba , secondo quanto stabilito già da Antoine Meillet [30] , il quale afferma con chiarezza che l'unità di base del ritmo del verso proto-indoeuropeo, esattamente come in greco e in vedico, era la sillaba, essendo ogni parola indoeuropea costituita di sillabe lunghe e brevi [31] .

Il greco e il vedico rivestono particolare importanza nella ricostruzione della metrica indoeuropea per una serie di ragioni:

  • in primo luogo, il greco antico e il vedico presentano meglio conservata la situazione della prosodia proto-indoeuropea comune;
  • per converso, le lingue celtiche, italiche, germaniche hanno attuato fortissime innovazioni della situazione originaria; presenta innovazioni, sia pur in misura minore, anche il persiano antico ( avestico e gatico );
  • lo statuto particolare del ramo anatolico, particolarmente arcaico ma anche, per varii aspetti, marginale, ne ridimensiona in gran parte il peso sulla ricostruzione [32] .

Oltretutto, come osservato a suo tempo da Marcello Durante , il greco e le lingue indo-arie sembrano oggettivamente possedere un patrimonio culturale comune, che ha influito a largo raggio in tutta l'area occupata dalle tribù indoeuropee nella fase tardo-unitaria (fenomeno della solidarietà greco-indoiranica ) [33] .

Il panorama delle metriche delle antiche lingue indoeuropee risulta in apparenza assai vario. Ad esempio:

  • in greco , si assiste alla compresenza di due sistemi in apparenza eterogenei: 1) la metrica eolica , basata su versi di numero di sillabe fisso ( isosillabismo ), con una parte libera di una o due sillabe ( base hermanniana ) e una parte dal ritmo quantitativo stabilito; 2) la metrica ionica, basata sulla possibilità di sostituire una lunga con due sillabe brevi [34] ; l'uso di figure di suono ( allitterazione o rima ), è collegato a contesti particolari [35] ;
  • in vedico si ha minor varietà di forme: i versi hanno numero di sillabe fisse (isosillabismo), con una parte libera iniziale e la chiusa con ritmo quantitativo stabilito [36] ; anche in vedico, l'uso delle figure di suono è legato a contesti particolari [37] ;
  • in latino , prima dell'importazione della metrica greca, l'unico verso quantitativo strutturato è il saturnio , assai irregolare e caratterizzato da un largo impiego dell' allitterazione e dell' omeoteleuto [38] ; allitterazioni e omeoteleuti caratterizzano anche la prosa ritmica delle formule magiche e giuridiche ( carmen ) [39] ;
  • in germanico i versi, divisi per lo più in due membri da una cesura e basati sull'allitterazione, hanno un ritmo basato su un numero fisso di sillabe accentate e un numero variabile di sillabe non accentate [40] ;
  • nelle lingue celtiche si sviluppa una metrica raffinata, basata sull'isosillabismo e sulla rima , all'interno di strofe e componimenti poetici complessi [41] .

Da questa variegata gamma di situazioni emergono due fenomeni salienti:

  • in tutte le forme metriche attestate nelle varie tipologie di poesia indoeuropea, è evidenziabile la presenza di figure di suono, con la differenza che in alcuni casi (greco, vedico) queste figure di suono sono usate a fini espressivi, mentre in altri casi (latino arcaico, germanico, celtico) sono parte del sistema;
  • in greco (metri eolici) e in vedico ci sono forme metriche caratterizzate da: 1) isosillabismo; 2) presenza di una base libera; 3) presenza di una clausola o chiusa del verso rigorosamente regolata; 4) impiego dei versi in strutture strofiche (distici come minimo). Nelle lingue celtiche, germaniche e italiche, che non si conformano a questo sistema, si rileva comunque una tendenza molto spiccata alla simmetria e all'isosillabismo [42] .

La conseguenza di queste semplici osservazioni porta a dedurre che il verso indoeuropeo aveva alcuni caratteri definiti:

  • era contrassegnato da isosillabismo (versi dello stesso numero di sillabe, da otto in su: ne sono esempi il gliconeo greco o uno dei quattro versicoli componenti la śloka sanscrita);
  • nella prima parte era libero, ma aveva struttura rigorosa sul piano quantitativo nella clausola, che in linea di massima poteva avere ritmo giambico o trocaico (quest'ultimo aspetto è contestato da chi nega la distinzione fra lunghe e brevi nel proto-indoeuropeo comune);
  • era aggregato in strofe , in cui spesso l'ultimo verso poteva essere caratterizzato da catalessi , cioè da caduta dell'ultima sillaba (i canti indoeuropei, fossero di carattere narrativo o fossero inni agli dèi come i componimenti del Rgveda , avevano forse più spesso la struttura dell' ode che del poema );
  • era caratterizzato dall'uso espressivo diffuso di figure retoriche di suono, come l' allitterazione , la paronomasia , la paretimologia , l' omeoteleuto , il parallelismo , l' isocolia .

La lingua poetica indoeuropea

Da quanto abbiamo detto sulle formule più ricorrenti della poesia indoeuropea, "gloria immortale" e "sacra potenza", si può dedurre una constatazione abbastanza semplice: la società tardo-indoeuropea kurganica esprimeva una poesia di carattere epico, che già riconosceva, come suo valore primario, la ricerca della gloria in quanto unica possibile forma di eternità concessa all'uomo. Ne consegue che il poeta , fra gli indoeuropei , aveva probabilmente un ruolo particolare. Ne rendono testimonianza il ruolo che agli aedi attribuisce la poesia omerica, così come l'articolata complessità di figure di poeti conosciute dal mondo indo-ario.

Sul piano delle tematiche dell'ipotetica poesia indoeuropea, è verosimile l'idea che in essa fossero già presenti alcuni nuclei narrativi ricorrenti delle epiche indoeuropee storicamente note, e alcuni miti cosmogonici che gli indoeuropei, come del resto i semiti e altre popolazioni dell' Eurasia , avevano ereditato dalle più antiche culture del neolitico sin dall'epoca dell'invenzione e dell'assimilazione delle tecnologie legate alla pratica dell' agricoltura . Temi come il ritirarsi dell'eroe offeso, che reca disgrazia alla comunità, o il ritorno dell'eroe, che ristabilisce una situazione di equilibrio, o archetipi narrativi come il compianto dell'amico dell'eroe (che si ritrovano per altro anche in epiche non indoeuropee) devono risalire a una fase molto remota.

Proto-lessico e proto-cultura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Indoeuropei .

Lo studio dell'Indoeuropeo come protolingua ha permesso agli studiosi di collocare nel tempo e nello spazio l'ipotetica protocultura comune alle varie tribù che parlavano dialetti indoeuropei. Allo stadio attuale degli studi la maggior parte degli indoeuropeisti, sulla scorta delle indagini archeologiche di Marija Gimbutas , tende a porre l' Urheimat , o sede originaria, degli Indoeuropei, nella zona compresa fra i Monti Urali e il Mar Nero , ea indicare nella prima età del bronzo ( 5000 aC ) il momento della preistoria dell' Eurasia in cui si definisce l'identità originaria degli Indoeuropei , la cui civiltà è per lo più identificata con la cultura kurgan , le grandi sepolture a tumulo diffuse fra il basso Danubio e le pendici del Caucaso . Secondo questa teoria, tendenzialmente maggioritaria, gli Indoeuropei si sarebbero poi diffusi in varie ondate, con migrazioni semi-violente o vere e proprie invasioni, sovrapponendosi alle più antiche società neolitiche grazie a tre innovazioni tecnologiche: le armi di bronzo , la ruota a raggi e la domesticazione del cavallo .

Teorie alternative rintracciano il punto di irradiazione degli indoeuropei in altre zone:

  • L'archeologo britannico Colin Renfrew individua l' Urheimat in Anatolia , e fa coincidere l'espansione indoeuropea con la diffusione dell' agricoltura nel Neolitico , a partire dall' 8000 aC ; nonostante l'ingegnosità dell'approccio, agli occhi della comunità scientifica il punto di vista di Renfrew non riesce però a spiegare coerentemente la presenza degli Indoeuropei in India;
  • Il linguista italiano Mario Alinei ipotizza che gli Indoeuropei fossero presenti nelle loro sedi già alla fine del Paleolitico Superiore ( teoria della continuità ), associandone la diffusione all'arrivo dell' Homo sapiens in Europa circa 30.000 anni fa; Alinei si spinge a ricondurre al Paleolitico fin troppi aspetti dell'attuale situazione geolinguistica europea: agli occhi degli studiosi tale approccio, nonostante alcuni affascinanti spunti teorici, non appare perciò fondato su prove certe e complica inutilmente il quadro linguistico dell' Europa occidentale , che si spiega molto meglio in virtù di eventi storici assai più recenti e ben documentati;

Oltre al tentativo di identificare la Urheimat , gli archeologi ei linguisti (fra cui spiccano, in Italia , Enrico Campanile , Paolo Ramat e Anna Giacalone Ramat ) hanno cercato di ricostruire, per quanto possibile, i tratti comuni alla civiltà indoeuropea. Il lessico della protolingua e le somiglianze antropologiche delle varie tribù permettono di individuare con sufficiente sicurezza alcuni aspetti originari comuni:

  • la protolingua riflette una cultura della prima Età del Bronzo (tardo-eneolitica e proto-calcolitica), dato che le uniche sostanze metalliche note ai primi Indoeuropei sembrano essere state il rame e la sua lega con lo stagno, entrambe indicate dalla radice alla base della parola latina aes , "bronzo", appunto;
  • dal punto di vista dell'organizzazione della famiglia , gli Indoeuropei sembrano essere caratterizzati da un forte patriarcato virilocale; marcate convergenze etnologiche e mitografiche fra popolazioni indoeuropee di età storica e l'usanza di seppellire nei Kurgan , con il principe morto, le sue mogli e concubine, induce gli antropologi a pensare che fra gli Indoeuropei si praticasse il sacrificio della vedova; sembra inoltre che nella società delle tribù indoeuropee la schiavitù fosse in origine prettamente femminile;
  • la struttura sociale indoeuropea sembra essere trifunzionale, articolata cioè in sacerdoti, guerrieri e produttori; tale tripartizione di funzioni venne ipotizzata, per gli Indoeuropei, da George Dumézil ; essa appare tipica di ogni società che mostri qualche primitiva forma di specializzazione;
  • alla testa della tribù indoeuropea è in genere un * regs , un re con funzioni sacrali, che può essere affiancato da un capo militare o può coincidere con esso; figure di capi-clan sottoposti al * regs sono il * wikpotis (signore del * woikos o clan tribale) e il * demspotis (signore della casa, o paterfamilias );
  • un ruolo a parte, nella società indoeuropea, aveva il poeta , cantore orale che come artefice della parola appare dotato altresì di poteri magici ed evocativi, sciamanici;
  • la religione degli Indoeuropei rifletteva la loro società: era infatti dominata da figure di divinità maschili associate ai fenomeni celesti, per quanto non manchino del tutto le dee; una figura divina comune ricostruita con abbastanza sicurezza è * Dyeus , il sacerdotale dio Cielo; a * Dyeus si affiancava probabilmente, come moglie, una Madre Terra (* Dhghōm maH2tēr ), un guerriero dio delle tempeste * Perkwunos , e infine un pacifico dio organizzatore delle attività produttive del popolo, * H2aryomen ; altre figure divine, accanto a queste, sono: il dio delle acque * Neptonos , la dea puledra *"H1ekwonaH2" la dea delle acque profonde * Danu- , i due gemelli celesti "Figli di * Dyeus ", la loro sorella e sposa, la "Figlia del Sole", la dea * H2ausos (l'Aurora), il dio della luna * Menot e infine la dea infera * Kelu- ;
  • si è tentato di ricostruire alcune pratiche di culto ancestrali, con qualche risultato attendibile: sicuramente il cavallo, animale centrale nell'economia e nella guerra indoeuropea, era al centro di pratiche religiose e sacrifici. Usanze e miti persistenti, comuni a regioni dell'Indoeuropa molto lontane nel tempo e nello spazio, come l' Irlanda medievale e l' Arcadia , fanno pensare che l'elezione del re sacro culminasse con l'accoppiamento del prescelto con una cavalla rappresentante una dea locale [ senza fonte ] ; ruoli importanti, come totem , avevano anche il gallo , l' aquila , il toro ;
  • la convergenza fra la poesia epica dei Greci , dei Celti e degli Indo-arii permette di individuare alcuni temi e valori comuni, e in particolare: 1) il motivo della "nobile gloria" e della "gloria immortale", come molla per il compimento di imprese eroiche; 2) la presenza di miti originari come il duello fra il dio delle tempeste * Perkwunos e un mostruoso drago , o il rapimento della bella Figlia del Sole, che viene liberata e riscattata dai suoi due fratelli e sposi, i "Figli di * Dyeus ".

Studi completi e approfonditi della religiosità e dei miti degli Indoeuropei, nonché della loro struttura narrativa sono stati recentemente messi a punto da Calvert Watkins e Martin Litchfield West .

Diverse ipotesi sull'origine e sulla relazione con altre lingue

Sebbene la teoria esposta sia generalmente accettata nella comunità scientifica, da più parti ed in più momenti sono state avanzate critiche o riformulazioni in contesti più vasti della teoria dell'Indoeuropeo.

L'ipotesi della lega linguistica indoeuropea

Secondo Vittore Pisani , l'ultima fase della comunità indoeuropea deve essere interpretata come lega linguistica , in cui si distingue chiaramente la componente fondamentale del protosanscrito .

Sebbene un simile punto di vista abbia aspetti di plausibilità, si comprende bene che questa proposta non fa che spostare la questione dall'Indoeuropeo al "protosanscrito" (secondo Pisani). In tale prospettiva alcune somiglianze tra le lingue indoeuropee si potrebbero in parte spiegare anche come contatti secondari, ossia condivisioni di tratti linguistici tra lingue geograficamente vicine. È chiaro che in tal caso alcuni dei tratti che normalmente si fanno risalire ad un proto-indoeuropeo potrebbero invece risultare miraggi di ricostruzione, essendosi diffusi in alcune lingue della lega linguistica in un'epoca in cui queste erano differenziate e separate. Naturalmente questa interpretazione può spiegare alcuni aspetti, ma risulta essenzialmente limitata dalla semplice constatazione che normalmente solo il lessico viene scambiato con una certa facilità, mentre più difficilmente lo stesso accade con gli elementi morfologici .

Oggi l'ipotesi della lega linguistica è abbandonata dalla più parte degli studiosi, i quali sono convinti che l'indoeuropeo, specie nelle fasi più tarde, si presentasse come un diasistema , cioè un insieme di dialetti caratterizzati da intelligibilità reciproca, ma ricco di varianti locali (un po' come i dialetti delle varie aree linguistiche neolatine ).

Le lingue del Vecchio Mondo nell'ottica delle superfamiglie

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Nostratico e Teoria della continuità .

Si deve ricordare uno studio apprezzabile da un punto di vista archeologico e cronologico che si basa sulle parentele tra le famiglie linguistiche del Vecchio Mondo , portato avanti dalle teorie rivali della superfamiglia Nostratica e della superfamiglia Eurasiatica .

Nella prospettiva di tali teorie, l'Indoeuropeo (forse insieme all' Ugrofinnico ) si sarebbe staccato dal corpo principale della superfamiglia (Nostratica o Euroasiatica, a seconda della teoria) in un momento che alcune teorie fanno risalire alla fine del Neolitico ( Colin Renfrew ), altre invece al Paleolitico superiore, probabilmente prima della glaciazione Würm ( Mario Alinei , Franco Cavazza e assertori delle teorie della continuità paleolitica ).

Alla remota fase del distacco dal nostratico (o dall'eurasiatico), qualunque datazione si proponga per essa, si dovrebbero far risalire le più antiche e genuine somiglianze tra Indoeuropeo, nella sua interezza, e le famiglie sorelle, non escludendo naturalmente fenomeni successivi di convergenza linguistica (quali i prestiti ).

Nell'ottica di alcune di queste ipotesi, quindi, viene in parte ridiscussa l'ipotesi dell' Urheimat così come delineata finora.

Antiche proposte di famiglie comprendenti l'Indoeuropeo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Doppio strato dell'indoeuropeo .

Può essere utile, al fine di cercare di comprendere la complessità del problema delle somiglianze tra Indoeuropeo e altre famiglie linguistiche, avere una panoramica delle ipotesi, più o meno ragionevoli, proposte in letteratura.

Teorie quasi-nostratiche

Sempre nella prospettiva della superfamiglia preistorica, non si può non osservare che l' Ugro-Finnico è, tra le altre famiglie linguistiche , quella che sembra presentare il maggior numero di somiglianze sistematiche con l'Indoeuropeo: di qui l'ipotesi dell' Indo-uralico di Collinder e Pedersen , antesignana del Nostratico .

Si vuole ricordare anche il tentativo di Pedersen, Meriggi e Heilmann con l'ipotesi dell' Indo-Semita , dove la macro-famiglia verrebbe formata dall'Indoeuropeo e dal solo ramo semitico dell' Afro-asiatico . Tentativi simili furono proposti precedentemente da Hermann Möller (appoggiandosi anche all'ipotetica presenza delle laringali ), Albert Cuny , e indipendentemente da Ascoli .

L'Indoeuropeo lingua creola?

In qualche modo affine alla proposta dell'Indo-Uralico (e non del tutto incompatibile con essa), è la proposta del doppio strato per l'antico Indoeuropeo , con la quale si proponeva l'Indoeuropeo come frutto di un'antica creolizzazione tra una lingua ugrofinnica e una lingua di tipo Caucasico Settentrionale , il che spiegherebbe, tra l'altro, l'apparente ergatività dell'antico Indoeuropeo (ipotesi di Uhlenbeck , 1935 ). Un'ipotesi affine è stata recentemente riproposta da F. Kortlandt.

Analoghe proposte furono avanzate anche da Trubeckoj e Tovar, che considerarono la possibilità di includervi anche contributi semitici.

Proposte alternative ed eterodosse

Infine diversi sono stati i tentativi, più o meno apprezzabili, di collegare l'Indoeuropeo con:

Conclusioni

Come si può notare, le teorie sull'origine dell'indoeuropeo e sulla sua ricostruzione ed evoluzione costituiscono un capitolo assai complesso della storia degli studi linguistici. L'inventario fonetico ei paradigmi qui presentati, conformi come sono a una ricostruzione tradizionale e "neogrammatica" in parte riveduta e ampliata, non riscuotono essi stessi un consenso unanime presso tutti i linguisti.

Di fronte a questo mare magnum di ipotesi e constatazioni di somiglianze più o meno fondate, si capisce facilmente come, in linguistica , ci sia stata la volontà di perfezionare la strumentazione analitica allo scopo di poter fornire un quadro complessivo il più possibile coerente con i dati.

Note

  1. ^ Calvert Watkins, Il proto-indoeuropeo , in Le lingue indoeuropee , a cura di Anna Giacalone Ramat & Paolo Ramat, Bologna, Il Mulino, 1997, pp. 45 s.
  2. ^ André Martinet, Des steppes aux océans - L'indo-européen et les "Indo-européens" , Paris, Payot, 1986, ed. ital. L'indoeuropeo. Lingue, popoli e culture , Laterza, Bari, 1987, p. 4
  3. ^ La complessa storia dei pionieri della linguistica è trattata da H. Arens, Sprachwissenschaft -Der Gang ihrer Entwicklung von der Antike bis zur Gegenwart , Freiburg i. Br., 1969 (seconda ed.), pp. 143-160. Una trattazione sintetica offrono Calvert Watkins, op. cit., p. 46, Oswald Szémerenyi, Einfuhrung in die vergleichende Sprachwissenschaft , Darmstadt, Wissenschaftliche Buchgesellschaft, 1970, ed. ital. Introduzione alla linguistica comparativa , Milano, Unicopli, 1990 (seconda ed.), pp. 21-28; Paolo Milizia, Le lingue indoeuropee , Carocci, Roma 2004, p.7
  4. ^ E. Campanile, B. Comrie, C. Watkins, Introduzione alla lingua e alla cultura degli indoeuropei , il Mulino, Bologna 2005, p. 40
  5. ^ Gianluca Bocchi e Mauro Ceruti, Origini di storie , Feltrinelli Editore, 2000, ISBN 978-88-07-10295-0 , p.26.
  6. ^ Per una visione riassuntiva della situazione del substrato anatolico pregreco cfr. Francisco Villar, Los indoeuropeos i los origines de Europa , Madrid, Gredos, 1996, seconda ed., ed. ital. Gli indoeuropei e l'origine dell'Europa , Bologna, il Mulino, 1997, pp. 549 ss. Una descrizione compiuta delle attestazioni dell'egeo-anatolico è in Vladimir Georgiev, Vorgriechische Sprachwissenschaft , voll. I e II, Sofia, 1941-1945. La correlazione fra il ramo egeo-anatolico o pelasgico dell'indoeuropeo e la decifrazione della scrittura minoica lineare A è analizzata dallo stesso Vladimir Georgiev in Lexique des inscriptions créto-myceniennes , Sofia, 1955, nonché in Les deux langues des inscriptions en linéaire A , Sofia, 1963. Per l'evoluzione delle teorie di Kretschmer sulle lingue egee pre-greche, cfr. Paul Kretschmer, "Die protindogermanische Schicht", Glotta , 14 (1925), pp. 300-319, nonché, "Die vorgriechische Sprach- und Volksschichten", in Glotta , 28 (1940) 231-278 e Glotta , 30 (1943), pp. 84-218. Una compendiosa trattazione degli adstrati e dei substrati indoeuropei pregreci nell' Egeo è in Otto Hoffmann, Albert Debrunner , Anton Scherer, Geschichte der griechische Sprache , Berlin, De Gruyter, 1917, quarta ed., ed. ital, Storia della lingua greca , Napoli, Macchiaroli, 1969, vol. I, pp. 16-26. A una forma molto arcaica del ramo anatolico dell'indoeuropeo ha voluto ricondurre anche l' etrusco F. R Adrados, "Etruscan as an IE Anatolian Language", Journal of Indo-europaean Studies , 17 (1989) pp. 363-383, e "More on Etruscan as an IE-Anatolian Language", Kuhns Zeitschrift für vergleichende Sprachforschung 107 (1994), pp. 54-76; la parentela fra la lingua etrusca e l'indoeuropeo resta non accettata.
  7. ^ per una trattazione organica dei dialetti greci, miceneo compreso, cfr. Hoffmann, Debrunner, Scherer, op. cit. vol I, pp. 31-55. -ma vedi anche Henry, M. Hoenigswald, "Greco", in Le lingue indoeuropee a cura di Giacalone-Ramat, Ramat, cit. pp. 255-288.
  8. ^ sul ramo indo-ario dell'indoeuropeo e la sua storia, cfr. Villar, Gli indoeuropei cit., pp. 567-587. Si tenga presente che le élite militari indo-iraniche di Mesopotamia parlavano dialetti affini al proto-vedico, non un suo antenato diretto. Le attestazioni dell'indo-iranico fuori dell'India e della Persia rimandano sistematicamente all'indiano antico, non al persiano, come attesta Romano Lazzeroni, "Sanscrito", in Le lingue indoeuropee a cura di Giacalone-Ramat, Ramat cit., p. 123 ss. Per una trattazione organica dell'iranico cfr. invece, Nicholas Sims-Williams, "Le lingue iraniche" in Le lingue indoeuropee cit. pp. 151-162.
  9. ^ Villar, Gli indoeuropei cit., pp. 443-460; Patrick Sims-Williams "Le lingue celtiche", in Le lingue indoeuropee , a cura di Giacalone-Ramat, Ramat, cit., pp. 374-408
  10. ^ Il contesto linguistico italico è assai complesso, per la presenza di componenti linguistiche diversissime sin dagli albori dell'età antica: cfr. Villar, Gli indoeuropei cit., pp. 473-498; Domenico Silvestri "Le lingue italiche", in Le lingue indoeuropee a cura di Giacalone-Ramat, Ramat, cit., pp. 349-366; per il latino, cfr Edoardo Vineis "Latino", ibidem , pp. 289-348; v. inoltre F. Stoltz, A. Debrunner , WP Schmid, Geschichte der lateinischen Sprache , Berlin, De Gruyter, 1966, quarta ed. ital. Storia della lingua latina , Bologna, Pàtron, 1993, a cura di E. Vineis e A. Traina.
  11. ^ Villar, Gli indoeuropei cit., pp. 425-442; Paolo Ramat, "Le lingue germaniche", in Le lingue indoeuropee , a cura di Giacalone-Ramat & Ramat cit., pp. 409-440.
  12. ^ Villar, Gli indoeuropei cit, pp. 539-546; Roberto Ajello, "Armeno", in Le lingue indoeuropee cit., pp. 225-254.
  13. ^ Werner Winter, "Tocario", in Le lingue indoeuropee cit. pp. 181-196; Villar, Gli indoeuropei , pp. 589-594.
  14. ^ Szémerenyi, op. cit. p. 31; Vittore Pisani, Le lingue dell'Italia antica oltre il latino , Torino, Rosenberg & Sellier, 1964.
  15. ^ Henning Andersen, "Le lingue slave", in Le lingue indoeuropee cit. pp. 441-480; Villar, pp. 413-425.
  16. ^ Villar, Gli indoeuropei cit. pp. 401-412; William R. Schmalstieg "Le lingue baltiche" in Le lingue indoeuropee a cura di Giacalone-Ramat & Ramat, pp. 481-506.
  17. ^ Shaham Demiraj, "Albanese" pp. 507-531.
  18. ^ Szémerenyi, op. cit., pp. 32 s.; Villar, Gli indoeuropei cit. pp. 531 ss., 379 ss., pp. 389 ss, pp. 465 ss., 395 ss.
  19. ^ Vladimir Georgiev "Das Pelasgische", Proceedings of the Eight International Congress of linguists , Oslo, 1958, pp. 406-413. Al cosiddetto pelasgico si ricondurrebbero alcune parole del greco antico non spiegabili con l'evoluzione fonetica dei dialetti protogreci: ad es. πύργος "torre" < proto-indoeur. * bhergh "luogo elevato" (cfr. il germanico burg e il celtico briga ) o il verbo ἀτεμβω "danneggiare" (cfr. sanscrito dabhati ) o la parola τύμβος "tomba" (proto-indoeur. * dhṃbh ) che è praticamente un doppione del più genuinamente greco τάφος, che ha la stessa etimologia, o ancora ταμίας, che in origine significa "dispensiere, domestico", dalla radice * dom- "casa" (cfr. latino domus , gr. δῶμα). Le caratteristiche del pelasgico sono: la legge di Grassmann sulle aspirate come in sanscrito e in greco; un'evoluzione delle consonanti simile a quella dell' armeno ; la satemizzazione delle gutturali; la comparsa di u davanti alle nasali e liquide di valore sillabico; la confusione delle vocali /a/ e /o/.
  20. ^ W. Merlingen, Das "Vorgriechische" und die sprachwissenschaflich-voristorischen Grundlagen , Wien, 1955, e "Eine ältere Lehnwortschicht im Griechische", in Griechische I: Lautgeschichte , Wien,1963. Caratteristiche del greco psi sono: una strana rotazione consonantica per cui le occlusive sorde /p, t, k/ diventano /ps, s, ks/, le sonore si aspirano, per cui ad es. si ha /b/>/pʰ/, le sonore aspirate compaiono come semplici sonore. Al greco psi risalgono per esempio parole come ξάνθος "biondo" (cfr. il latino candidus e il greco Κάστωρ " Castore ", cioè "Lo splendente", dal proto-indoeur. * kad "rifulgere").
  21. ^ M. Budimir "Zur protoindogermanischen Schicht, in Actes du deuxième congrès international des linguistes , Genève, 1933, pp. 182-184. Il pelastico ha caratteristiche affini a quelle delle lingue slave. Esso spiegherebbe parole come σαργός "cervo", da * kerwos , * kṛwos (cfr. lat. cervus ), attraverso due mutamenti fonetici caratteristici: 1) la satemizzazione; 2) la trasformazione della labiovelare /w/ in velare sonora /g/.
  22. ^ Szémerenyi, Introduzione cit., p.249; Watkins, in Le lingue indoeuropee Giacalone-Ramat, Ramat cit., p. 84; Milizia, Le lingue indoeuropee cit. p. 34 s.; Villar Gli indoeuropei cit. p. 319
  23. ^ Szémerenyi, pp. 101 ss.
  24. ^ Sulla presenza di vocali lunghe e vocali brevi nel protoindoeuropeo, v. Watkins, in Le lingue indoeuropee a cura di Giacalone-Ramat, Ramat, cit. p. 65
  25. ^ Villar, Gli indoeuropei cit., pp. 225 ss.; 264 ss.
  26. ^ Szémerenyi, op. cit. pp. 97-109.
  27. ^ Villar, Gli indoeuropei cit. p. 266.
  28. ^ Voyles, Glotta 52 (1974), p. 81: "The question is not whether indo-europaean had tone, but whether it was polytonous or monotonous; Indo-europaean may have been monotonous and Greek, Lithuanian polytony may be innovated".
  29. ^ Le basi metodologiche della comparazione fra forme poetiche sul piano stilistico e metrico sono rinvenibili in Calvert Watkins, How to Kill a Dragon –Aspects of Indo-European Poetics , New York, Oxford University Press, 1995, p. 1-6.
  30. ^ Antoine Mellet, Les origines indo-européennes des mètres grecs , Paris, 1923, pp. 7-11.
  31. ^ Meillet, Les origines , cit. p. 10: "Le rythme des vers indo-européens résultait donc seulement de la succession de syllabes longues et breves: l'unité metrique, en grec ancien et en vedic, est la syllabe".
  32. ^ Meillet, Les origines... cit., p. 15 ss.; Villar, Gli indoeuropei cit. p. 177.
  33. ^ Marcello Durante, Sulla tradizione della preistoria poetica greca , Parte seconda: risultanze della comparazione indoeuropea , Roma, ed. dell'Ateneo, 1976, pp. 40-45.
  34. ^ Meillet, Les origines cit. pp. 25 ss.
  35. ^ L'uso dell'allitterazione è ad esempio collegato, in Omero, alla necessità di staccare il discorso diretto dalla narrazione, come stabilisce Mario Cantilena, "Sul discorso diretto in Omero", in Omero tremila anni dopo , a cura di Franco Montanari & Paola Ascheri, Roma, Ed. di storia e letteratura, 2002 pp. 21-39.
  36. ^ Sulla minor varietà di forme della metrica vedica in opposizione a quella greca, cfr. Meillet, Les origines cit., p. 16.
  37. ^ Meillet, Les origines cit. p. 15, nota la correlazione fra allitterazione e occasionale paronomasia o figura etimologica .
  38. ^ Sul saturnio cfr. Giorgio Pasquali , Preistoria della poesia romana , Firenze, sansoni, 1936. Per il Pasquali il saturnio nasce dall'aggregazione di un dimetro giambico catalettico e di un verso itifallico , cioè da versi greci importati e rielaborati in modo originale. L'apporto proprio del latino sono le figure di suono.
  39. ^ Sul carmen , canto-incantesimo latino arcaico, prima sacrale poi esteso alla formula giuridica, v. Bruno Luiselli, Il problema della più antica prosa latina , Cagliari, Fossataro, 1969, pp. 123-171.
  40. ^ Per la metrica germanica resta ancora fondamentale Eduard Sievers , Zur Rhythmik des germanischen Alliterationsverses , Beitrage zur Geschichte der Deutschen Sprache u. Litteratur, Halle, vol. X (1885).
  41. ^ Fornisce ampio materiale sulla metrica antico-irlandese, Calvert Watkins, Indo-European Metrics and Archaic Irish Verse , Celtica, 6 (1963), p. 194-249.
  42. ^ Sui risultati della comparazione fra le varie forme poetiche e strofiche delle antiche forme poetiche indoeuropee cfr. l'ampio materiale raccolto da Watkins, How to Kill a Dragon cit. pp. 97-134; 197-276.
  43. ^ ( IT ) Vincenzo Bellelli, Enrico Benelli, Gli Etruschi. La scrittura, la lingua, la società , Roma, Carocci editore, 2018.

Bibliografia

  • Enrico Campanile, Comrie Bernard, Watkins Calvert, Introduzione alla lingua e alla cultura degli Indoeuropei , Il Mulino, 2005, ISBN 88-15-10763-0 .
  • Vittore Pisani, Le lingue indoeuropee , 3ª ed., Paideia, 1979, ISBN 88-394-0027-3 .
  • Colin Renfrew, Archeologia e linguaggio , 2ª ed., Laterza, 1999, ISBN 88-420-3487-8 .
  • Oswald Szemerényi, Introduzione alla linguistica indoeuropea , Milano, Unicopli, 2003, ISBN 88-400-0008-9 .
  • Michael Meier-Brügger, Indo-European Linguistics , Berlin/New York, de Gruyter, 2003, ISBN 3-11-017433-2 .
  • Francisco Villar, Gli indoeuropei e le origini dell'Europa , Bologna, Il Mulino, 1997, ISBN 88-15-05708-0 .
  • Paolo Milizia, Le lingue indoeuropee , Carrocci, 2002, ISBN 88-430-2330-6 .
  • Moreno Morani, Lineamenti di linguistica indeuropea , Aracne, 2007, Roma, ISBN 978-88-548-1275-8 .
  • Marija Gimbutas Il linguaggio della Dea : mito e culto della Dea madre nell'Europa neolitica , (1989); introduzione di Joseph Campbell; traduzione di Nicola Crocetti di The Language of the Goddess .

Bibliografia internazionale.

  • André Martinet, Des steppes aux océans - L'indo-européen et les "Indo-européens" , Paris, Payot, 1986, ed. ital. L'indoeuropeo. Lingue, popoli e culture , Laterza, Bari, 1987, p. 4.
  • James Clackson, Indo-European Linguistics. An Introduction , Cambridge, Cambridge University Press, 2007, ISBN 0-521-65313-4 .
  • Benjamin W. Fortson, Indo-European Language and Culture. An Introduction , 2ª ed., Malden, Blackwell, 2010, ISBN 1-4051-0316-7 .
  • Ernst Kausen, Die indogermanischen Sprachen. Von der Vorgeschichte bis zur Gegenwart , Hamburg, Helmut Buske Verlag, 2012, ISBN 978-3-87548-612-4 .
  • Winfred P. Lehmann: Theoretical Bases of Indo-European Linguistics. Routledge, London 1996, ISBN 0-415-13850-7 . )

Voci correlate

Collegamenti esterni

Controllo di autorità GND ( DE ) 4120204-1 · BNF ( FR ) cb11995173d (data) · BNE ( ES ) XX545099 (data)
Linguistica Portale Linguistica : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Linguistica