Paj sa a semi-pwoteje. Li ka chanje sèlman pa itilizatè ki anrejistre yo

Lang Italyen

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Italyen
Pale nan Itali Itali
San Marino San Marino
Vatikan VILA Vatikan VILA
Swis Swis (Canton Tisino ak Grisons )
Sloveni Sloveni ( Littoral-Karst )
Kwoasi Kwoasi ( Istria , Rijeka , Dalmasi )
Lafrans Lafrans
ak lòt moun
Oratè
Total 68 milyon, ki gen alantou 64,8 ki pale natif ak 3.1 ki pa pale natif (Ethnologue, 2021)
Plase 23 (2021)
Lòt enfòmasyon
Ekri Alfabè laten
Nèg Enflexif - SVO akizasyon (semi-gratis lòd)
Taksonomi
Filojeni Lang Indo-Ewopeyen an
Italik
Romans
Italo-Lwès
Romans oksidantal yo
Italo-Dalmatian
Italo-Romance [1]
Italyen
Lwa ofisyèl
Ofisye nan Ewòp Inyon Ewopeyen an
Itali Itali
Swis Swis
San Marino San Marino
Vatikan VILA Vatikan VILA
Lòd Malta Lòd Malta
Minorite
rekonèt nan
Sloveni Sloveni
Kwoasi Kwoasi
Kòd klasifikasyon
ISO 639-1 it
ISO 639-2 ita
ISO 639-3 ita ( EN )
Glottolog ital1282 ( EN )
Linguasphere 51-AAA-q
Ekstrè nan lang
Deklarasyon Inivèsèl sou Dwa Moun , atizay. 1
Tout moun fèt lib e egal nan diyite ak dwa. Yo doue ak rezon ak konsyans epi yo dwe aji youn ak lòt nan yon lespri fratènite.
Italyen idiom.png
Distribisyon jewografik nan lang Italyen an: nan ble fonse zòn kote li gen majorite, nan ble klere zòn kote li se yon minorite oswa kote li te majorite nan tan lontan.

Italyen ( [itaˈljaːno] [Remak 1] koute [ ? · Info ]) se yon romans lang pale sitou nan peyi Itali .

Li klase 27th nan mitan lang pa kantite moun kap pale nan mond lan, epi, nan peyi Itali, se itilize pa apeprè 58 milyon rezidan yo. [2] Nan 2015, Italyen te lang matènèl 90.4% nan rezidan Italyen, [3] ki souvan jwenn li epi sèvi ak li ansanm ak variantes rejyonal yo nan Italyen , rejyonal lang ak dyalèk . Nan peyi Itali li lajman itilize pou tout kalite kominikasyon nan lavi chak jou epi li lajman répandus nan medya nasyonal yo , nan administrasyon piblik la nan eta a Italyen ak nan pibliye.

Anplis ke yo te lang ofisyèl la nan peyi Itali, li se tou youn nan lang ofisyèl yo nan Inyon Ewopeyen an , [Remak 2] nan San Marino , [4] nan Swis , [5] nan vil la Vatikan ak nan Lòd la Sovereign Militè nan Malta . Li se tou rekonèt ak pwoteje kòm "lang nan minorite Italyen nasyonal la" pa Konstitisyon an Sloveni ak kwoasyen nan teritwa yo kote popilasyon nan dyalèk istryen ap viv la.

Li se gaye anpil nan kominote yo emigrasyon Italyen , se lajman li te ye tou pou rezon pratik nan diferan zòn jewografik ak se youn nan lang etranje ki pi etidye nan mond lan. [4]

Soti nan yon pwen de vi istorik, Italyen se yon lang ki baze sou Florentin literè yo itilize nan katòzyèm syèk la . [6]

Istwa

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Istwa nan lang Italyen an .
Dante Alighieri , konsidere kòm papa a nan lang Italyen an

Italyen se yon lang neo- Latin , sa vle di, sòti nan Latin vilgè yo pale nan peyi Itali nan antikite Women an e ki te transfòme anpil sou syèk yo. [7]

Soti nan vilgè Latin nan lang natif natal Italyen

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: vilgè Latin .

Deja nan epòk klasik la te gen yon itilizasyon "vilgè" nan Latin, ki te vin jwenn nou atravè tèks ki pa literè, grafiti , enskripsyon ofisyèl oswa tèks literè ki fè atansyon pou repwodui langaj pale a, menm jan souvan rive nan komedyen . [8] Ansanm ak sa a, te gen yon "literè" Latin, adopte pa ekriven klasik ak lye nan lang lan ekri, men tou, nan lang ki pale pa klas yo ki pi enpòtan ak edike sosyalman. [8]

Avèk sezon otòn la nan Anpi Women an ak fòmasyon nan wayòm yo Women-Barber , te gen yon sclerotization nan ekri Latin (ki te vin tounen yon lang administratif ak eskolastik), pandan y ap pale Latin lan melanje pi plis ak plis entimman ak dyalèk yo nan pèp yo latinize. , bay lavi lang yo neo-Latin, ki gen ladan Italyen. [9]

Istoryen nan lang Italyen an mete etikèt sou diskou yo ki devlope nan fason sa a nan peyi Itali pandan Mwayennaj yo kòm "Italyen vilgè", nan pliryèl la, epi yo pa ankò kòm "lang Italyen". Temwayaj ki disponib yo an reyalite montre diferans ki make ant diskou yo nan diferan zòn yo, pandan ke pa te gen okenn modèl vilgè komen nan referans. [ san sous ]

Premye dokiman tradisyonèlman rekonèt nan sèvi ak yon Italyen vernakulèr se yon notary placitus, konsève nan Abbey la nan Montecassino , vini soti nan prensipote a nan Capua ak date tounen nan 960 : li se Placito Cassinese a (yo rele tou Placito di Capua oswa "Placito capuano "), ki nan sans se yon temwayaj sèman nan yon abitan sou yon diskisyon sou limit pwopriyete ant monastè benediktin nan Capua ki gen rapò ak benediktin yo nan Abbey la Montecassino ak yon ti feyod ki tou pre, ki te enjisteman okipe yon pati nan teritwa a nan abbey la: « Sao ko kelle terre per kelle rezon ki ki gen trant ane pati a Sancti Benedicti posede yo. »(" Mwen konnen [mwen deklare] ke peyi sa yo nan limit ki genyen isit la (rapòte isit la) yo te posede pa lòd benediktin lan pandan trant ane "). [7] Li se sèlman yon fraz, ki sepandan pou plizyè rezon kapab kounye a konsidere kòm "vilgè" epi yo pa franchman Latin: ka yo (eksepte pou jenitif Sancti Benedicti a , ki pran diksyon nan Latin eklezyastik) te disparèt, konjonksyon ko (" che ") ak demonstrasyon kelle ("sa yo"), mòfolojik vèb sao a (ki soti nan sapio Latin lan ) se tou pre fòm Italyen an, elatriye. Dokiman sa a byen swiv pa lòt plasit ki soti nan menm zòn jeyografik-lengwistik la, tankou Placito di Sessa Aurunca ak Placito di Teano . [ san sous ]

Enfliyans nan lekòl la sisilyen

Youn nan pwemye ka difizyon sipèrejyonal nan lang lan se pwezi Lekòl Sizilyen an, ki te ekri an "illustre" Sicilyen paske li te anrichi pa Fransis, Provençalisms ak Latinisms, [10] pa anpil poètes (pa tout Sicilians) aktif anvan mitan trèzyèm syèk la nan anviwònman an nan tribinal la Imperial. Gen kèk karakteristik lengwistik ki gen orijin sa a ki te tou te adopte pa ekriven yo Tuscan nan jenerasyon ki vin apre yo epi yo rete pou syèk oswa jouk koulye a nan Italyen an powetik (ak ki pa) lang: soti nan fòm yo monophthong kòm nwayo ak loco nan kondisyonèl yo nan -ia ( egzanp saria pou li ta) nan sifiks yo itilize nan Sicily sòti nan Provence kòm -anza (egzanp. alligranza pou kontantman, membrans, koutim, reyinyon) oswa -ura (egzanp. Pun, chiarura, legim) ak lòt moun toujou [11] [12] [13] oswa mo tankou vèb la sanble pou opinyon ke pou Dante li te yon "mo aprann" (ki gen orijin Provençal, ki tou te vini nan Italyen nan lyric Sicilian). [14] Lekòl la Sicilian anseye gwo pwodiktivite nan itilize nan sifiks yo ak prefiks susmansyone (lèt la sitou sòti nan Latin ) tankou dis -: disfidarsi , s -: regrèt , mis -: miscreant , misdoing ak anpil lòt moun toujou. Te gen deja abrevyasyon tankou dir (di) oswa amor (lanmou) ak lòt latinism; pou egzanp mo amuri a , nan sisilyen, altène ak lanmou (latinism). [10] Kontribisyon nan lekòl la sisilyen te remakab:

" ... Kèlkeswa sa Italyen yo ekri, yo rele sa Sicilian ... (tradui) "

( Dante Alighieri , De vulgari eloquentia I, XII, 2 )

Soti nan tuscane a vilgè Italyen

Bonè ilistrasyon 20yèm syèk la selebre lang lan nan wi ak imaj la nan Dante ak fraz pi popilè l 'supèrpoze sou trikolò la

" ... nan bèl peyi kote son an wi "

( Dante Alighieri , Inferno , canto XXXIII , v. 80 )

Estrikti a nan Italyen an sòti, nan sans, ki soti nan sa yo ki nan katòzyèm syèk la Florentin vernakulèr. Wòl nan vernakilè sa a nan fòmasyon Italyen an tèlman enpòtan ke nan kèk ka istoryen nan lang lan deja dekri Florentin nan katòzyèm syèk la kòm "ansyen Italyen" epi yo pa tankou "Florentin vilgè". [Remak 3]

Pami karakteristik yo anpil ke Italyen pran soti nan Florentin nan katòzyèm syèk la, epi ki te olye pa gen rapò ak prèske tout lòt lang natif natal Italyen, nou ka mansyone pou egzanp, sou yon nivo fonetik, senk eleman diskriminasyon idantifye pa Arrigo Castellani : [15]

  • "diftong yo espontane" sa vle di ak uo (aktyèlman epantèz nan / j, w /: pye e nouvo ak / jɛ, wɔ /, olye pou yo pede ak novo );
  • anaphonese nan (tanch olye pou yo Tenca);
  • fèmen nan e pretonic ( di- olye pou yo de- );
  • rezilta a nan lyen an Latin -RI- nan / j / olye pou yo nan r ( fevriye olye pou yo febbraro ),
  • pasaj la nan ar unstress er ( kribich olye pou yo gambaro ).

Sepandan, deja depi nan fen katòzyèm syèk la lang yo pale nan Florence te kraze ak modèl sa a, ki ta pita dwe kodifye pa ekriven ki pa Florentin yo, kòmanse ak Venetian Pietro Bembo a nan prose della vulgar lingua (1525), epi itilize kòm yon lang komen pou ekri nan tout peyi Itali kòmanse nan dezyèm mwatye nan sèzyèm syèk la : nan pawòl ki nan Bruno Migliorini , "Si nou li yon paj nan pwoz, ki gen ladan atizay, ki soti nan dènye ane yo nan kenzyèm syèk la oswa nan kòmansman sèzyèm lan syèk, li se anjeneral fasil ase pou nou di ki rejyon li soti, pandan ke pou yon tèks soti nan fen sèzyèm syèk la li trè difisil ». [16]

Apati de sèzyèm syèk la, ekspresyon "Toscane" ak "Italyen" yo ta itilize kòm sinonim [17] .

Premye trete a dedye pa nan vulgaris Italyen an oswa nan youn oswa plis nan vulgaris sa yo ki dwe nan disetyèm syèk la, men nan lang Italyen an jan sa yo: Nan obsèvasyon yo nan lang Italyen an pa Marcantonio Mambelli , ki rele il Cinonio .

Italyen ta tou te gen yon wòl prestijye nan Corsica ( Lafrans ), kòm yon lang nan kilti, relijyon ak kominikasyon ofisyèl, jiskaske ranplasman gradyèl li yo ak franse ofisyèlman te pran plas nan 1859 [18] [19] ; an Sardinia , kote wòl lang do kay la te kouvri pa Panyòl depi kèk tan , yon pwosesis entansizasyon italyen ta fèt nan fen dizwityèm syèk la apati de jesyon Savoy , ki enterese nan etabli relasyon ak Piedmont epi, nan fè sa, la esfè kiltirèl Italyen [20] [21] [22] .

Soti nan Risorgimento a jodi a

Italyen te rete pou yon tan long pi wo a tout lang ekri nan literati yo ki, pou travay yo, te chwazi yo sèvi ak modèl la literè nan Petrarch. Li te Pietro Bembo , nan sèzyèm syèk la, ki moun ki pwopoze Florentin Petrarca nan katòzyèm syèk kòm yon lang literè komen nan lòt ekriven Italyen. Pwopozisyon li a te fè pati sa yo rele " kesyon lang " lan, se diskisyon sa a ki sou pye sou ki lang komen yo ta ka adopte nan peyi Itali pou literati, e li te youn ki pi akeyi pa lòt ekriven Italyen. [23] Diskisyon an Lè sa a, sou pye, nan ki pozisyon Bembo ta finalman domine, pa t 'sou ki lang komen Italyen ta ka adopte, men nan ki lang komen pwoz ak literati ta ka ekri.

Nan rekonstriksyon yo nan lengwis, jouk dezyèm mwatye nan diznevyèm syèk la sèlman seksyon ti anpil nan popilasyon an Italyen yo te kapab eksprime tèt yo nan Italyen. Kòm rapòte pa Sergio Salvi, «Nan 1806, Alessandro Manzoni, nan yon lèt bay Fauriel, konfye ke Italyen" ka di yo dwe prèske yon lang mouri "». [24] Pita, nan 1861, dapre estimasyon Tullio De Mauro a , [25] sèlman 2.5% nan popilasyon Italyen an te kapab pale Italyen. Nan evalyasyon Arrigo Castellani , nan menm dat pousantaj la te pito 10%. [26]

Deba Risorgimento sou nesesite pou adopte yon lang komen pou Itali, ki jis lè sa a te fèt tankou yon nasyon, te wè patisipasyon divès pèsonalite tankou Carlo Cattaneo , Alessandro Manzoni , Niccolò Tommaseo ak Francesco De Sanctis . [27]

Manzoni se patikilyèman responsab pou elve Florentin nan yon modèl lengwistik nasyonal, ak piblikasyon an nan 1842 nan mwen promessi sposi , ki ta vin tèks referans nan nouvo pwoz Italyen an. [27] Desizyon l 'yo fè don yon lang komen nan peyi a nouvo, rezime pa l' nan entansyon an pi popilè nan "lave rad nan Arno la ", [Remak 4] te kontribisyon prensipal Manzoni nan kòz la nan Risorgimento la . [28]

Pami pwopozisyon li yo nan deba a sou inifikasyon politik ak sosyal nan peyi Itali, li te diskite tou ke vokabilè a te zouti ki pi apwopriye pou fè Florentin aksesib a tout moun nan nivo nasyonal la. [29]

«Lè sa a, youn nan mwayen ki pi efikas ak nan yon efè pi jeneral, patikilyèman nan sikonstans nou yo, pou pwopagasyon yon lang, se, tankou tout moun konnen, yon vokabilè. Epi, daprè prensip ak reyalite ki endike isit la, vokabilè nan sans sa a pou Itali pa t 'kapab lòt pase sa ki nan lang Florentin vivan an. "

( Alessandro Manzoni , Sou inite lang ak mwayen pou simaye li , 1868 )

Apre sa, faktè istorik tankou inifikasyon politik , mobilizasyon an ak melanje nan moun nan twoup yo pandan Premye Gè Mondyal la , gaye nan emisyon radyo kontribye nan yon gaye gradyèl nan Italyen. Nan dezyèm mwatye nan ventyèm syèk la an patikilye, gaye lang lan te akselere tou gras a kontribisyon televizyon ak migrasyon entèn ki soti nan sid rive nan nò. [30] Entèdiksyon sou itilize palman Italyen yo ak lang minorite lengwistik yo nan yon fonksyon piblik (lekòl, dokiman piblik, elatriye) te fondamantal; pwofesè yo te (epi yo toujou) enstriman an nan ki sa yo vle di nan ekspresyon yo te minè, yo te konsidere kòm "dyalèk" nan yon pozisyon sibòdone, si se pa "move zèb" yo dwe elimine. [31] Se sèlman avèk Konstitisyon Repibliken an nan 1947 yo te prezans nan lòt lang pase lang ofisyèl la (Italyen) rekonèt nan peyi Itali ak diskriminasyon sou baz lengwistik entèdi (atizay 3, 6 ak 21 nan Konstitisyon Italyen an). [32]

Deskripsyon

Ekri sistèm

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: alfabè Italyen ak Italyen òtograf .

Lang Italyen an itilize alfabè Italyen an ki gen 21 lèt; kote yo ajoute 5 lèt, tradisyonèlman defini kòm etranje, 'j' 'k', 'w', 'x', 'y', ak ki li fòme alfabè Latin nan . X ak J yo te lèt yo itilize nan ansyen Italyen espesyalman nan toponim ( Jesi , Jesolo ) ak nan kèk ti non tankou Lo Jacono ak Bixio, oswa kòm variantes grafik nan ekri (egzanp nan Pirandello gioja olye pou yo kè kontan ). Gen aksan grafik sou vwayèl: patikilyèman egi a (') sèlman sou epi raman sou swa (yon ekriti sofistike ta mande pou yo tou pou mwen ak u depi ou toujou "vwayèl fèmen") ak kavo a (`) sou tout lòt. Sikonfleks la (^) yo itilize pou endike kontraksyon de vwayèl yo, an patikilye de / mwen /. Li anjeneral endike pi wo a tout nan ka yo (kèk) nan ki ka gen anbigwite omografik . Pou egzanp, mo "jèn yo" ka refere a tou de lespri briyan (sengilye: "jeni") ak karaktè éréditèr nou an (sengilye: "jèn"). Ekri "genî" ka sèlman refere a siyifikasyon an premye.

Aksan grafik la obligatwa sou mo tronke (oswa oksiton oswa pi byen toujou "ultimal"), ki gen aksan sou silab ki sot pase a epi ki fini ak yon vwayèl. Yon lòt kote, aksan grafik la si ou vle, men itil pou distenge mo otreman omografik (àncora - ancóra).

Fonoloji

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Fonoloji nan Italyen .

Konsòn

Bilabial Labiodentals Alveolar Postalveolar Palè Vwal Labiovelari
Nen m (ɱ) [33] n ɲ (ŋ) [34]
Enklizif p b t d (c ɟ) [35] k ɡ
Afriken ʦ ʣ ʧ ʤ
Frikitif f v s z ʃ (ʒ) [36]
Approximants j w
Pwosede ki vibwan r
Monovibrating (ɾ) [37]
Lateral L ʎ

Vwayèl

Devan Santral Dèyè
Segondè la ou
Mwayen-wo Epi oswa
Mwayen-ba ɛ ɔ
Ba a

Lexicon

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: leksik Italyen .

Leksik nan lang Italyen an dekri pa diksyonè anpil, mete kanpe selon kritè modèn, ki gen ladan sou 160,000 mo nan itilize konsolide. Gen kèk diksyonè ki gen ladan jiska 800 000 mo kle ( Vokabilè Treccani ); nan lòt men an, dapre etid yo nan Tullio De Mauro , se lang lan nan kominikasyon chak jou te fonde sou yon baz nan approx 7 000 mo . Lip Corpus (Lis pale Italyen) gen yon lis mo ki souvan itilize nan kominikasyon vèbal.

Longè mwayèn mo nan yon tèks Italyen se apeprè 5.4 lèt. [ san sous ]

Pandan syèk yo, leksik Italyen an te resevwa anpil prete ak jete lengwistik nan lòt lang ak kilti.

Lajan Prete nan lang prelatin yo

Kèk mo nan Italyen sòti nan lang pale nan peyi Itali anvan avenman nan Latin nan . Pou egzanp, yon moun (ki soti nan etrusk la ) ak Buffalo (ki soti nan Osco-Umbrian a ) gen orijin sa a. Atravè medyasyon an nan Latin, mo sa yo antre nan Italyen ak lòt lang ak dyalèk nan peyi Itali .

Latinism

Leksik Italyen an sòti sitou nan vilgè Latin . Se leksik la ki gen orijin sa a Se poutèt sa pa konsidere kòm yon prè; an kèk ka, sepandan, mo modle sou mo literè Laten yo te reentwodwi premye nan lang natif natal Italyen an ak Lè sa a, nan Italyen, jiska laj la kontanporen. Sa a te pafwa kreye pè mo ki gen orijin nan menm, men siyifikasyon diferan. Pou egzanp, ki soti nan Latin nan "viteum" orijine tou de mo abitid la , tradisyonèlman san enteripsyon, ak mo vis la , reentwodwi sou baz l 'klasik nan l'. Oswa ankò, ki soti nan Latin nan "causa" soti tou de "bagay" pa tradisyon san enteripsyon ak omograf la "kòz", yon prè sòti nan literè Latin. Lòt latinism yo te re-entwodwi tou atravè medyasyon lòt lang yo: pa egzanp mo patwone ak medya yo , ki te soti nan lang angle, ak mouchwa mo a, ki sòti nan fascia Latin lan nan medyeval grèk diminutif faskiolon (φάσκιολον).

Greekisms

Anpil tèm teknik, syantifik (tankou aritmi, pneumoloji, lopital) , tèm politik ak relijye yo te antre nan Italyen soti nan grèk , lèt la akòz gaye nan Vulgate a (tradiksyon Bib la soti nan vèsyon an grèk yo rele Septuaginta , kon sa parabòl, zanj , legliz, mati elatriye); soti nan Bizanten yo li sòti leksik maren ( galea, gondol, waf, wintch ) oswa botanik ( Basil , lenn koton ), ak kèk lòt mo ( tonton , tapino ).

Jidayis

Soti nan lang ebre vini mo antre nan esfè kretyen an tankou satan, hosanna, alelouya, fèt Delivrans jwif, oswa lòt moun tankou jou repo , laman, kabal, sak .

Arabism

Anpil vokabilè ki soti nan Arabic mo, ki gen ladan legim ( epina , karoubye ), bèt oswa karakteristik nan yo ( chamo , Fennec , ubara , ubèro ), manje (siwo, sorbe, sik, kafe, abiko, Zibibbo), mèb (matla, doormat ), oswa pwodwi ( koffa , ghirba , pwobableman valiz ), komèsyal, administratif ak legal tèm ( koutim, depo, depo, tarif yo, fakti, sultan , kalif , cheik , admiral , estanda pote , harèm , asasen ), ludik ( jwe jwèt aza ), syantifik ( alchimi , alambik , eliksir , kalib , zenit , nadir , azimit ), matematik ( aljèb , algorithm , chifreman , zewo ), lòt adjektif oswa non ( peti, enkruste , ream , marketri, asasen ) ak, dènyèman, tèm tankou intifada , burqa oswa keffiyeh .

Pèsik

Soti nan Pèsik dériver mo tankou zoranj , sitwon , aspèj , fwi konfiti , echèk (ki soti nan tou konpayon an nan " match " ), majisyen , Shah , satrap , sofa , pasdaran .

Sanskrit

Nan deseni ki sot pase yo, kèk mo ki soti nan Sanskrit te vin Choudrant. Pami pi itilize: gourou , maharaja , kama , mahatma , maître , paṇḍit .

Francesism

Anpil tèm soti nan franse medyeval oswa soti nan Provençal , pou egzanp: bè, kouzen, jòn, jou, manje, ki gen bon konprann, ki gen bon konprann, Knight, banyè, hauberk, mòtye, Greyhound, Dama, messere, Squire, filiation, lute, vyol, bijou ... ; apre Mwayennaj yo, prè ki soti nan zòn franse yo te redwi, pou rekòmanse nan okazyon okipasyon nan Lombard nan 15zyèm syèk la ( maréchal, batri, fizi , men tou, krèm soufle, bekamèl, ragù ).

Nan epòk Syèk Limyè a ak Se poutèt sa ak Napoleon , pou egzanp, revolisyon, jakobin, konplo, fanatik, gilotin, teworis te pran plas .

Nell'Ottocento entrano ancora parole come: ristorante, casseruola, maionese, menù, paté, рuré, crêpe, omelette, croissant (cucina); boutique, décolleté, plissé, griffe, prêt-à-porter, fuseaux (moda); boulevard, toilette, sarcasmo, cinema, avanspettacolo, soubrette, boxeur (anglismo passato al francese), chassis . Il termine informatica entra rapidamente dopo la nascita del neologismo informatique nel 1962.

Germanismi

Numerosissimi sono in italiano i termini di uso comune che hanno un'origine germanica , soprattutto longobarda o franca , in minor misura gotica . Per esempio: aia, albergo, banca, banda, elmo, garantire, gramo, grinfia, guardare, guardia, guarnire, guercio, guerra, guidare, guitto, guizzo, lanca, landa, lenza, risparmio, sapone, sgraffignare, spola, stambecco, stamberga, schiena, snello, stanga, trincare, vanga, zanna . Alcuni prestiti sono scandinavi, come renna e sci .

Anglicismi

I prestiti dall' inglese sono relativamente recenti, indicativamente dalla fine del Novecento , ma considerevoli. Secondo Tullio De Mauro gli anglismi entrati nell'italiano si attestano attorno all'8% del lessico complessivo.

Dopo la seconda guerra mondiale , si insediano stabilmente termini relativi allo sviluppo tecnologico ed economico; alcuni sono prestiti di necessità, ovvero non sempre traducibili con lemmi già esistenti: kit, jeans, partner, puzzle, scout, punk, rock ; altri, pur avendo corrispondente in italiano, sono entrati nell'uso comune anche come sinonimi: sono quelli propri del lessico finanziario come budget (bilancio, esso stesso un prestito dal francese), marketing (commercializzazione; mercatistica) , meeting (riunione) , business (affari); altri ancora del lessico informatico come chat, chattare, computer, formattare, hardware, software, mouse, blog (da web-log); altri, infine, sono del lessico sportivo come goal (rete; punto) , corner (calcio d'angolo) , cross (traversone) , assist (rifinitura) , baseball (palla a base) , basket (contrazione derivata da basketball, ovvero pallacanestro).

Iberismi

Tramite lo spagnolo , prima e durante l'occupazione asburgica , sono giunti nell'italiano termini esotici quali amaca, ananas, brio, cacao, cioccolata (originariamente nahuatl), condor (originariamente quechua ), creanza, etichetta, guerriglia, lama (originariamente quechua), lazzarone, mais (originariamente taino), parata, patata (originariamente quechua), nonché parole queste sì castigliane quale posata, puntiglio, sfarzo, sussiego, zaino .

Dal portoghese derivano parole come banana, cocco, mandarino (originariamente cinese), pagoda (originariamente cinese).

Tra questi, molti hanno origine dai nuovi referenti legati alla scoperta dell'America .

Fra le lingue iberiche minoritarie che ebbero una certa influenza sull'italiano, va senz'altro menzionato il catalano , parlato, insieme all'italiano o alle lingue e dialetti locali, in alcune corti medievali: fra il XIII e il XV secolo in Sicilia e, nel corso del XV secolo , a Napoli .

Grammatica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Grammatica italiana .

La morfosintassi dell'italiano è conforme al modello delle altre lingue italo-occidentali in generale, possedendo un ricco sistema verbale e configurandosi come lingua SVO . I nomi non possiedono distinzioni di caso . Ci sono due generi (maschile e femminile) e due numeri (singolare e plurale). I nomi, gli aggettivi e gli articoli si flettono e si accordano per entrambe le categorie. Il verbo è coniugato per modo (indicativo, congiuntivo, condizionale, imperativo, infinito, participio e gerundio), tempo (presente, imperfetto, passato remoto, futuro, passato prossimo, trapassato prossimo, futuro anteriore, trapassato remoto), diatesi (attiva, passiva e riflessiva), persona e numero (anche genere nel participio passato); spesso i pronomi soggetto sono omessi, come di consueto anche in altre lingue italo-occidentali , poiché sono espressi dalla coniugazione verbale. A differenza delle lingue romanze occidentali (francese, spagnolo, lingue retoromanze ossia romancio-ladino-friulano, occitano, ecc.) che tipicamente formano il plurale aggiungendo un "s" al singolare maschile, in italiano il plurale si forma modificando la desinenza finale al maschile singolare. [38]

Uso in Italia nell'età contemporanea

L'italiano è usato da un'ampia maggioranza della popolazione italiana residente in Italia. Inoltre, la lingua è usata da diverse fasce della popolazione in tutte le situazioni comunicative, sia informali (conversazione in famiglia o tra amici) sia formali (discorsi pubblici, atti ufficiali).

Nelle situazioni comunicative informali (e occasionalmente in quelle formali) l'uso dell'italiano si alterna in alcune aree geografiche e in diverse fasce della popolazione con l'uso di un dialetto, di una lingua regionale o di una lingua di minoranza.

Percentuali di parlanti in Italia

Secondo un'indagine ISTAT condotta nel 2006 su un campione di 24.000 famiglie residenti in Italia (corrispondenti a circa 54.000 individui), nella conversazione con estranei il 72,8% dei residenti dichiara di parlare "solo o prevalentemente italiano", mentre il 19% dichiara di parlare "sia italiano che dialetto". Parla invece "solo o prevalentemente dialetto" il 5,4% dei residenti, e "un'altra lingua" l'1,5% (la somma delle quattro voci porta al 98,7%). Almeno il 91,8% dei residenti (somma delle percentuali relative alle prime due scelte) dichiara quindi di essere in grado di parlare italiano. [39] Commentando i dati della stessa indagine, Gaetano Berruto riassume la situazione dicendo che all'inizio del XXI secolo in Italia esiste "una piccola minoranza (di entità difficile da quantificare, forse attorno al 5%, e da cercare prevalentemente fra coloro che sono privi di qualunque titolo di studio), soprattutto nelle generazioni più vecchie e in Italia meridionale, di persone che parlano solo dialetto". [40]

Va ricordato che le "popolazioni autoctone storiche" riconosciute "minoranze linguistiche" con l'art. 2 della legge 482/99 in attuazione art. 6 Cost., sono costituite da circa 3 milioni di cittadini italiani, a cui vanno aggiunti i parlanti i tanti dialetti italiani. Molti di questi dialetti, come testimoniato da Tullio De Mauro, sono ancora vitali e diffusamente parlati, anche se in forma bilingue con l'italiano. Il grande linguista Tullio De Mauro , in una intervista pubblicata nel 2014, infatti affermava che ”chi diagnosticava la morte dei dialetti deve ricredersi [...] regredendo l'uso esclusivo, è andato crescendo quello alternante di italiano e dialetto: nel 1955 era il 18 per cento, oggi è il 44,1 [...] ”. [41] È inoltre noto che per questo importante linguista italiano, il plurilinguismo “italiano + dialetti o una delle tredici lingue di minoranza [42] ” gioca un ruolo positivo in quanto “i ragazzi che parlano costantemente e solo italiano hanno punteggi meno brillanti di ragazzi che hanno anche qualche rapporto con la realtà dialettale” [43]

Secondo i dati del Ministero dell'Interno il 95% degli italiani ha come lingua madre l'italiano mentre il 5% rimanente compone le minoranze linguistiche d'Italia (si pensi ad esempio alla popolazione germanofona dell' Alto Adige o slovenofona del Friuli Venezia Giulia ).

In base ad un'indagine dell'ISTAT pubblicata nel dicembre 2017, si stima che nel 2015 il 90,4% della popolazione fosse di lingua madre italiana, in diminuzione rispetto al 95,9% rilevato del 2006. [3]

Stime del numero totale di italofoni

Esistono stime assai discordanti sul numero degli italofoni , definizione che include tutti i locutori di lingua italiana nel mondo, come lingua madre o lingua seconda .

La ONG evangelica Summer Institute of Linguistics , dedita allo studio delle lingue per la diffusione della Bibbia e autrice della pubblicazione Ethnologue , stima che esistano circa 61 milioni di italofoni nel mondo, dei quali 55 milioni in Italia. [44]

L'Eurobarometro, sondaggio statistico periodico condotto dalla Commissione europea , stima invece che l'italiano sia parlato come lingua madre dal 13% dei cittadini dell'Unione (al secondo posto insieme all' inglese e dopo il tedesco ), a cui si aggiunge un 3% in grado di parlarlo come seconda lingua, per un totale di 72 milioni di persone nella sola Unione europea . Rilevato nel 2006, il risultato è stato confermato dal rapporto del 2012. [45] [46]

Uso in situazioni informali

La diffusione dell'italiano nella comunicazione informale è avvenuta soprattutto nella seconda metà del Novecento, e l'uso effettivo è quindi strettamente collegato all'età dei parlanti.

Secondo un'indagine ISTAT condotta nel 2006 le persone che parlavano "solo o prevalentemente italiano" sono per esempio state stimate al 72,8 % con gli estranei e al 45,5 % in famiglia, con questa distribuzione nelle fasce d'età estreme: [47]

  • da 6 a 10 anni: 68,2%
  • da 11 a 14 anni: 62,4%
  • da 65 a 74 anni: 31,9%
  • 75 e più: 28,2%

Uso nei mezzi di comunicazione di massa

L'uso dell'italiano è generalizzato nei mezzi di comunicazione di massa diffusi in Italia (giornali, radio, cinema, televisione). In Italia i film stranieri sono di regola presentati con un doppiaggio in lingua italiana e le trasmissioni radiofoniche e televisive in lingua diversa dall'italiano sono molto rare.

Varietà di italiano

L'italiano non è una lingua del tutto uniforme. Il linguista Gaetano Berruto ha distinto per esempio nove varietà di italiano: [48]

  1. italiano normalizzato letterario: questa è la lingua normalizzata (spesso detta standard ), descritta dai manuali di grammatica, quella lingua che quindi può considerarsi come un italiano "ideale". È proprio di chi ha studiato dizione, dei relatori e degli attori.
  2. italiano neo-standard (= italiano regionale colto medio): è, come dice la parola stessa, il nuovo standard, ovvero quell'italiano odierno che accoglie forme grammaticali più vicine al parlato.
  3. italiano parlato colloquiale
  4. italiano regionale popolare
  5. italiano informale trascurato
  6. italiano gergale
  7. italiano formale aulico
  8. italiano tecnico-scientifico
  9. italiano burocratico

Paesi in cui l'italiano è lingua ufficiale

L'italiano è lingua ufficiale in Italia (benché alcuni territori siano ufficialmente bilingui ), nella Città del Vaticano (sebbene la lingua nominalmente ufficiale della Santa Sede sia invece il latino ), a San Marino , nel sud della Svizzera ( Canton Ticino e frange meridionali dei Grigioni ), nella fascia litoranea della Slovenia (accanto allo sloveno ) e nella regione istriana della Croazia (accanto al croato ). È inoltre la lingua ufficiale dell' Ordine di Malta [49] nonché una delle 4 lingue ufficiali della Confederazione elvetica e una delle 24 lingue ufficiali dell'Unione europea .

In passato, l'italiano è stato lingua ufficiale (o coufficiale), per periodi diversi, anche in altre aree geografiche: in Corsica fino al 1859 , nelle Isole Ionie fino al 1864 , a Nizza fino al 1870 , nel Principato di Monaco fino al 1919 , a Malta fino al 1934 . Durante la seconda guerra mondiale fu per breve tempo lingua ufficiale di territori annessi come le province di Lubiana , Spalato e Cattaro ; nel corso dello stesso conflitto, o immediatamente dopo, perse inoltre lo stato di ufficialità nei territori sloveni del Goriziano e del Carso , nell' isola di Cherso e nelle allora province di Fiume e Zara (Croazia), in Albania , nel Dodecaneso , nonché in Libia , Etiopia ed Eritrea . Rimase invece lingua ufficiale in Somalia fino al 1963 .

Italia

La Costituzione della Repubblica Italiana non indica l'italiano come lingua ufficiale. Tuttavia, in Italia l'italiano è considerato lingua ufficiale in quanto lo Statuto di Autonomia della Regione Autonoma Trentino-Alto Adige (DPR n. 670 del 31 agosto 1972), che ha valore di legge costituzionale, dichiara all'art. 99 che «[...] quella italiana [...] è la lingua ufficiale dello Stato». Inoltre la legge ordinaria n. 482 del 15 dicembre 1999 "Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche" stabilisce all'art. 1 che " la lingua ufficiale della Repubblica è l'italiano" .

Una proposta di legge costituzionale approvata dalla Camera il 28 marzo 2007 prevedeva la modifica dell'art. 12 della Costituzione in «L'italiano è la lingua ufficiale della Repubblica nel rispetto delle garanzie previste dalla Costituzione e dalle leggi costituzionali»: la proposta però non è stata approvata dal Senato e l'art. 12 nella forma in vigore al 31 dicembre 2012 non contiene indicazioni sulla lingua ufficiale. [50]

Secondo uno studio statistico dell'ISTAT pubblicato nel 2017, il 90,4% della popolazione è di lingua madre italiana: [3]

Regione Madrelingua italiani
(maggiori di 6 anni d'età)
Percentuale
Puglia Puglia 3 746 000 96,9%
Sardegna Sardegna 1 527 000 96,6%
Campania Campania 5 295 000 96,0%
Basilicata Basilicata 526 000 96,0%
Sicilia Sicilia 4 590 000 95,8%
Calabria Calabria 1 757 000 94,2%
Molise Molise 270 000 93,5%
Abruzzo Abruzzo 1 160 000 92,2%
Liguria Liguria 1 365 000 91,1%
Valle d'Aosta Valle d'Aosta 109 000 90,4%
Marche Marche 1 311 000 89,7%
Piemonte Piemonte 3 719 000 89,4%
Toscana Toscana 3 127 000 89,2%
Umbria Umbria 750 000 88,9%
Veneto Veneto 4 083 000 88,4%
Lazio Lazio 4 944 000 88,2%
Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia 1 014 000 87,8%
Lombardia Lombardia 8 235 000 87,7%
Emilia-Romagna Emilia-Romagna 3 625 000 86,6%
Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige 560 000 57,1%
Totale 51 790 000 90,4%

Svizzera

Ripartizione delle lingue ufficiali in Svizzera ( 2000 ).

La lingua italiana in Svizzera è una delle quattro lingue ufficiali insieme al tedesco , al francese e al romancio . Secondo i dati del censimento dell'anno 2013, l'italiano è la lingua principale di oltre 600 000 persone residenti nella Confederazione (pari all'8,3 % della popolazione), di cui 307 268 residenti nel Canton Ticino , dove l'italiano, oltre a essere unica lingua ufficiale, è considerato la lingua principale dall'87,7% della popolazione. Già la prima Costituzione moderna (quella che nel 1848 fa della Svizzera uno Stato federale), assegna all'italiano lo statuto di lingua nazionale. L'articolo 4 della costituzione federale recita appunto: "Le lingue nazionali sono il tedesco, il francese, l'italiano e il romancio".

Il territorio di lingua italiana (la cosiddetta Svizzera italiana ) è costituito dal Canton Ticino e dalle quattro valli italofone del Cantone trilingue dei Grigioni (da Est a Ovest, si tratta delle valli Poschiavo, Bregaglia, Mesolcina e Calanca; le altre lingue di questo Cantone nel Sud-Est della Svizzera sono il tedesco e il romancio). L'italiano è considerato lingua principale dal 12,0 % della popolazione nel Canton Grigioni . L'italiano è diffuso infine nell'uso per ragioni turistiche nell'alta Engadina . L'unico ex comune svizzero sul versante settentrionale delle Alpi di lingua italiana, Bivio , sta invece subendo un processo di germanizzazione. In questo comune la lingua italiana è ora [ quando? ] parlata da poco meno del 30% degli abitanti (erano ancora l'80% nel 1860 ).

Essendo lingua minoritaria, l'italiano in Svizzera gode di protezione e sussidi da parte di Confederazione e cantoni. L'articolo 70 della costituzione federale riguarda la politica linguistica svizzera, parte di esso recita: "Le lingue ufficiali della Confederazione sono il tedesco, il francese e l'italiano... La Confederazione sostiene i provvedimenti dei Cantoni dei Grigioni e del Ticino volti a conservare e promuovere le lingue romancia e italiana". Il censimento del 2013 ha tracciato una mappa svizzera delle diffusione delle lingue in Svizzera. [51] [52] I risultati sono riportati di seguito:

Cantone Parlanti italiano % Diffuso come Cantone Parlanti italiano % Diffuso come
Ticino 307 268 87,7 1ª lingua Zugo 5 284 4,4 2ª lingua
Grigioni 23 506 12,0 3ª lingua San Gallo 17 850 3,6 2ª lingua
Basilea Città 10 827 5,7 2ª lingua Vallese 12 607 3,8 3ª lingua
Glarona 2 706 6,8 2ª lingua Berna 29 273 2,9 3ª lingua
Zurigo 83 719 5,8 2ª lingua Lucerna 11 443 2,9 2ª lingua
Ginevra 34 260 7,1 2ª lingua Svitto 4 277 2,8 3ª lingua
Basilea Campagna 16 155 5,7 2ª lingua Giura 2 100 2,9 3ª lingua
Argovia 33 554 5,2 2ª lingua Appenzello Esterno 905 1,7 3ª lingua
Neuchâtel 10 994 6,2 2ª lingua Nidvaldo 533 1,4 2ª lingua
Soletta 11 603 4,4 2ª lingua Uri 462 1,3 3ª lingua
Vaud 40 356 5,3 3ª lingua Friburgo 7 584 2,5 3ª lingua
Turgovia 10 285 3,9 2ª lingua Obvaldo 329 1,0 4ª lingua
Sciaffusa 1 897 2,6 2ª lingua Appenzello Interno 134 0,9 4ª lingua

Slovenia

In Slovenia l'italiano è lingua ufficiale (con lo sloveno ) nei quattro comuni costieri di Ancarano , Capodistria , Isola d'Istria e Pirano .

L'articolo 64 della Costituzione slovena riconosce diritti particolari alla comunità nazionale autoctona italiana. In particolare, gli italofoni autoctoni sloveni hanno diritto: [Nota 5] [53]

«...di istituire organizzazioni, di sviluppare attività economiche, culturali e di ricerca scientifica, nonché attività nel settore della pubblica informazione e dell'editoria.
...all'educazione e all'istruzione nella propria lingua nonché alla formazione e allo sviluppo di tale educazione e istruzione nella propria lingua.
...di coltivare i rapporti con la propria nazione madre e con i rispettivi Stati»

( Costituzione della repubblica Slovena, Articolo 64 )

Tali diritti sono garantiti costituzionalmente dallo stato sloveno, materialmente e moralmente. [53]
Alla comunità nazionale autoctona si aggiungono poi i cittadini italiani residenti in Slovenia: l'unione di queste due componenti costituisce il gruppo etnico degli sloveni italiani . In particolare riferimento al sistema educativo e scolastico è da notare come, in seguito alle leggi del 1996 sulle istituzioni prescolari, sulle scuole elementari e sulle scuole superiori, nelle scuole di madrelingua slovena operanti sul territorio dei comuni bilingui, l'italiano sia insegnata come lingua obbligatoria, [54] così come lo sloveno è insegnamento obbligatorio nelle scuole di madrelingua italiana.

Croazia

Distribuzione per comuni degli italiani madrelingua nella Regione Istriana (Croazia) (2001).

Nella Regione Istriana , in Croazia, l'italiano è lingua ufficiale a livello regionale insieme al croato (parlata dal 7,69% della popolazione secondo il censimento ufficiale del 2001), ea livello comunale a: Buie , Castellier-Santa Domenica , Cittanova , Dignano , Fasana , Grisignana , Lisignano , Montona , Orsera , Parenzo , Pola , Portole , Rovigno , Torre-Abrega , Umago , Valle d'Istria , Verteneglio , Visignano , Visinada . Secondo Ethnologue e Dieta Istriana, i parlanti italiano in Istria sarebbero almeno il 25%.

Al di fuori dell'Istria, l'italiano è lingua coufficiale a livello comunale [55] nella cittadina di Cherso (situata nell' omonima isola della Regione litoraneo-montana ). Anche a Fiume , Zara e in altre città costiere della Dalmazia l'italiano è parlato o compreso da una parte (sia pur minoritaria) della popolazione, ma in tali aree gli italofoni non godono di tutele specifiche.

San Marino

Nella Repubblica di San Marino è lingua nazionale dello Stato.

Ordine di Malta

L'italiano è la lingua ufficiale. Come tale, è usato nelle occasioni formali e solitamente negli eventi internazionali o dove gli italiani siano in maggioranza. Nelle occasioni soprattutto informali che avvengono in ambiti nazionali, i partecipanti usano la loro lingua nazionale (in Francia il francese e così via). In generale, le lingue più usate sono l' inglese , l'italiano, il francese , il tedesco e lo spagnolo , per esempio il sito internazionale è in queste lingue, elencate in questo ordine. [56]

I Paesi in dettaglio

Paese [57] [58] Abitanti (anno) Cittadini italofoni madrelingua (%) Diffuso come Note
Città del Vaticano Città del Vaticano 829 (2010) 100 % [ senza fonte ] 1ª lingua Co-ufficiale assieme al latino , lingua ufficiale della Santa Sede .
Croazia Croazia 4 290 612 (2011) 0,44% 4ª lingua Coufficiale e parificato al croato nella regione istriana . [59]
Italia Italia 60 100 000 (2011) 90,4 % [3] 1ª lingua lingua ufficiale
San Marino San Marino 32 448 (2013) 100 % [ senza fonte ] 1ª lingua lingua ufficiale
Slovenia Slovenia 2 029 680 (2012) 0,11% 4ª lingua Lingua co-ufficiale e parificata allo sloveno nei comuni di Ancarano , Capodistria , Isola d'Istria e Pirano , nella regione del Litorale , che include anche la parte slovena dell'Istria.
Svizzera Svizzera [60] 7 944 566 (2013) 8,1 % 3ª lingua Lingua ufficiale e nazionale in tutta la federazione svizzera. Unica lingua ufficiale in Canton Ticino e co-ufficiale assieme al tedesco e al romancio nel Canton Grigioni .

Diffusione nei Paesi in cui non è lingua ufficiale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Italofonia .

Le stime di Ethnologue (2020) valutano che al mondo vi siano 68 milioni di persone in grado di parlare italiano in 34 Paesi diversi, facendola risultare come la 27ª lingua parlata in base al numero di parlanti totali (64,6 milioni circa sono parlanti madrelingua L1). Alcuni milioni di parlanti sono residenti all'estero. Le stime disponibili tuttavia hanno un certo grado di arbitrarietà per quanto riguarda la definizione (più o meno rigorosa) del "parlare italiano".

Nel 2011, è inoltre fra le cinque lingue più studiate al mondo (come lingua non madre). [61]

In alcuni Paesi l'italiano, pur non avendo un riconoscimento ufficiale, ha un uso relativamente diffuso, anche se privo di riconoscimento giuridico. I Paesi in cui l'italiano è più parlato in rapporto alla popolazione, sono Malta (84%) e Albania (73%): [62] in termini assoluti i Paesi in cui l'italiano è maggiormente parlato sono Albania ( 1 600 000 abitanti) e Argentina ( 1 500 000 abitanti, ma stime non ufficiali indicano addirittura più di 5 000 000 di italofoni [ senza fonte ] ). Seguono Canada, Francia e USA, con 1 000 000 di italofoni ciascuno.

L'italiano come lingua ufficiale : [63]
L'italiano come lingua amministrativa , turistica e/o insegnata obbligatoriamente nelle scuole
  • Albania Albania (lingua straniera conosciuta dal 50% della popolazione e compresa dal 60%) [64]
  • Brasile Brasile (ufficiale a livello regionale ed etnico a Santa Teresa e Vila Velha , e come tale insegnato obbligatoriamente nelle scuole. Nel Rio Grande do Sul è riconosciuto come lingua ufficiale regionale, ea San Paolo del Brasile è diffuso non ufficialmente)
  • Eritrea Eritrea (lingua coufficiale de facto , amministrativa e commerciale, per ragioni storiche , al pari dell'inglese, dopo arabo e tigrino) [ senza fonte ]
  • Malta Malta (lingua ufficiale fino al 1934; acquisita come lingua straniera, soprattutto per il commercio e il turismo, dall'84% della popolazione. Viene spesso appresa tramite la televisione Italiana, che ha ricezione a Malta, o tramite le scuole, dove viene insegnata al pari di altre lingue straniere.)
  • Somalia Somalia (lingua ufficiale fino al 1963, oggi è lingua amministrativa e commerciale [ senza fonte ] )
L'italiano come altra lingua parlata: [63]
  • Argentina Argentina (lingua minoritaria di peso, la seconda dopo lo spagnolo)
  • Costa Rica Costa Rica ( parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana [ senza fonte ] )
  • Australia Australia (parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana)
  • Belgio Belgio (parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana) [65]
  • Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina ( parlato da profughi in Italia durante la guerra di Jugoslavia e da persone lavoranti nella cooperazione [ senza fonte ] )
  • Canada Canada ( parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana [ senza fonte ] )
  • Cile Cile ( parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana [ senza fonte ] )
  • Cuba Cuba (lingua utilizzata per il turismo italiano)
  • Francia Francia (parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana, conosciuto per motivi commerciali nelle aree più vicine all'Italia ed in regioni anticamente italiane)
  • Germania Germania (parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana, conosciuto anche per motivi commerciali)
  • Grecia Grecia (Utilizzato per motivi commerciali)
  • Israele Israele ( parlato per lo più da ebrei italiani [ senza fonte ] )
  • Libia Libia (lingua ufficiale fino al 1943; ora lingua commerciale)
  • Liechtenstein Liechtenstein (vicino al confine con la Svizzera, la seconda dopo il tedesco)
  • Lussemburgo Lussemburgo ( parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana [ senza fonte ] )
  • Macedonia del Nord Macedonia del Nord (seconda lingua più diffusa dopo l'inglese) [66] [67]
  • Monaco Monaco (lingua ufficiale fino al 1860; lingua straniera più conosciuta e turistica e parlato come seconda lingua dopo il francese da comunità consistenti)
  • Montenegro Montenegro (lingua straniera più conosciuta e insegnata nelle scuole)
  • Paraguay Paraguay ( parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana [ senza fonte ] )
  • Perù Perù ( parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana [ senza fonte ] )
  • Regno Unito Regno Unito (parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana, conosciuto anche per motivi commerciali)
  • Romania Romania
  • Stati Uniti Stati Uniti (parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana, in particolare negli stati di New York e New Jersey )
  • Sudafrica Sudafrica ( parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana [ senza fonte ] )
  • Tunisia Tunisia
  • Uruguay Uruguay (parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana, lingua più studiata nelle scuole dopo il portoghese)
  • Venezuela Venezuela (parlato dai discendenti dell'emigrazione italiana)

Cittadini italiani residenti all'estero

In base ai dati dell' Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero (AIRE) pubblicati dal Ministero dell'Interno , [68] aggiornato al 2012, risultano presenti forti comunità di cittadini italiani residenti all'estero ; queste cifre indicano solo i cittadini italiani residenti e non tutti gli italofoni presenti nei diversi Paesi:

In totale, i cittadini italiani all'estero sono 4 341 156 ; in particolare, 2 365 170 in Europa, 400 214 in Nord e Centro America, 1 338 172 in Sud America, 56 366 in Africa, 45 006 in Asia e 136 228 in Oceania.

Gli iscritti all'AIRE "provengono da residenze anagrafiche in Italia ed erano quindi precedentemente iscritti anagraficamente presso comuni italiani", [69] e sono quindi spesso in grado di parlare italiano. Tuttavia, alcuni di loro "non sono mai stati scolarizzati in italiano né hanno mai parlato la [...] lingua in contesti formali e non, non avendo neanche appreso l'italiano in famiglia". [69] Per questo motivo Barbara Turchetta ritiene che "sebbene il numero di cittadini italiani residenti all'estero si avvicini a quello degli italofoni all'estero, esso è certamente in eccesso rispetto a quest'ultimo". [69]

Discendenti di emigrati italiani

Le stime sul numero di discendenti di emigrati italiani all'estero arrivano fino a un massimo di 80 milioni di persone. [70] Tuttavia, "degli oltre 25 000 000 Italiani emigrati tra il 1876 e il 1976 appena 7 000 000 circa possono considerarsi espatriati in maniera definitiva; il resto si limitò a un soggiorno variabilmente lungo all'estero prima di un ritorno definitivo in patria". [71]

Nelle comunità stabili di italiani all'estero la lingua nazionale è comunque usata relativamente di rado. Nel primo rapporto organico sulla diffusione dell'italiano nel mondo, la storia dell'uso della lingua italiana all'estero è stata in effetti descritta come quella di "un grande naufragio": [72] tuttavia, i cittadini di altri Paesi che dichiarano di avere come lingua madre l'italiano sono complessivamente stimabili in due o tre milioni di persone. [72]

L'italiano come lingua straniera

L'italiano come lingua straniera (LS) è l'italiano insegnato fuori d'Italia ad apprendenti di madrelingua non italiana. Alla fine degli anni settanta , l' Istituto dell'Enciclopedia Italiana commissionò a Ignazio Baldelli la prima indagine sui motivi che spingevano il pubblico degli apprendenti italiano LS a studiare l'italiano. L'italiano appare studiato soprattutto per due ragioni: il prestigio della cultura italiana o un' ascendenza familiare italiana. Sempre in base all'indagine di Baldelli, furono stimati più di 700 000 apprendenti stranieri, donne per i due terzi: del totale, il 70% è di studenti, nei restanti casi soprattutto di impiegati . [73]

Il 21 e 22 ottobre 2014 si sono svolti a Firenze , su iniziativa del Ministero degli Affari Esteri italiano, i primi "Stati generali della lingua italiana nel mondo", per fare il punto sulla situazione presente e definire strategie future per la diffusione della lingua a livello globale. Il libro bianco L'italiano nel mondo che cambia , realizzato in seguito all'evento, stima in oltre 1 milione gli studenti d'italiano all'estero, maggiormente in Germania (244 000), Australia (203 000) e Stati Uniti (145 000). [74] I successivi Stati generali si sono tenuti il 17 e 18 ottobre 2016, sempre a Firenze. [75] [76]

Enti di promozione della lingua italiana nel mondo

Istituti Italiani di Cultura
Il Ministero per gli Affari Esteri, attraverso la rete degli Istituti Italiani di Cultura, assicura la promozione della lingua italiana all'estero grazie a corsi di lingua e cultura italiana. Ogni anno, nel mese di ottobre, ha luogo la Settimana della lingua italiana nel mondo . [77]
Società Dante Alighieri
La Società Dante Alighieri nasce nel 1889 grazie a un gruppo di intellettuali guidati da Giosuè Carducci e viene eretta Ente Morale con R. Decreto del 18 luglio 1893, n. 347: con dln 186 del 27 luglio 2004 è assimilata, per struttura e finalità, alle ONLUS. Il suo scopo primario, come recita l'articolo 1 dello Statuto sociale, è quello di "tutelare e diffondere la lingua e la cultura italiane nel mondo, ravvivando i legami spirituali dei connazionali all'estero con la madre patria e alimentando tra gli stranieri l'amore e il culto per la civiltà italiana". Per il conseguimento di queste finalità, la "Dante Alighieri" si è affidata e si affida tuttora all'aiuto costante e generoso di oltre 500 Comitati, di cui più di 400 attivi in Africa, America, Europa, Asia e Oceania.
Comunità Radiotelevisiva Italofona
Costituita il 3 aprile 1985 quale collaborazione istituzionale tra radiotelevisioni di servizio pubblico – Rai , Rtsi , TV Koper-Capodistria , Radio Vaticana e San Marino RTV – laComunità radiotelevisiva italofona nasce come strumento di valorizzazione della lingua italiana. La sua struttura articolata può essere illustrata da uno schema in tre cerchi: il primo cerchio è formato dai soci fondatori; il secondo comprende tutti i media "osservatori", registrati; il terzo cerchio, infine, include gli "amici", cioè quel quadro ambientale che favorisce l'humus di crescita della Comunità.

Quotidiani in lingua italiana

Tra i diversi quotidiani in lingua italiana editi in Paesi dove l'italiano non è lingua ufficiale nazionale, si citano:

Lingue in Italia e dialetti italiani

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Italiano regionale , Lingue parlate in Italia e Italiano popolare .

In Italia pressoché tutti gli idiomi parlati insieme all'italiano, con esclusione delle dodici minoranze linguistiche riconosciute dall'art. 2 della legge 482/99 in attuazione dell'art. 6 Cost., sono chiamati dialetti italiani . Tale definizione è tuttavia vaga e controversa.

Esistono dialetti che condividono con l'italiano una forte somiglianza tipologica, la condivisione di tratti fonetici e la mutua intelligibilità; tale è soprattutto il caso dei dialetti toscani, dai quali peraltro l'italiano deriva. Per quanto parlato in Francia, il corso è, da un punto di vista strettamente tipologico, linguisticamente assimilabile a un dialetto toscano e quindi ad una varietà d'italiano. Tuttavia, a causa dell'influenza culturale e politica francese, il corso si emancipò progressivamente da tale ipoteca e si tende ora a considerarlo come lingua a sé, [78] nonostante tipologicamente rimanga affine all'italiano al pari dei dialetti toscani.

Assieme alle lingue autoctone che si associano all'italiano per prossimità tipologica, vi sono dialetti che discendono dall'impianto dell'italiano standard nelle regioni in cui non era parlato. Tali dialetti si sono sviluppati in seguito alla diffusione massiccia della lingua ufficiale, a partire dall'Ottocento e ancor più dal Novecento. Si tratta di accenti che l'italiano ha assunto presso le comunità in cui è tuttora praticata diglossia con la lingua locale, oppure di più complesse flessioni, che raccolgono elementi residuali lasciati dalla lingua originale di quei luoghi, la cui estinzione va al passo con il processo di deriva linguistica . Solo quest'ultima categoria di accenti e flessioni si può associare allo stereotipo del dialetto come un parlare italiano corrotto; si tratta di una profonda inesattezza quando lo si associa invece a parlate native che semmai sono, al pari di ogni altro idioma romanzo, evoluzioni locali della lingua latina , e non costituiscono quindi la "corruzione" di una variante standard corrente. La summenzionata variazione dell'italiano viene distinta socialmente ( italiano popolare ) e geograficamente ( italiani regionali ). [79]

Si tratta quindi di chiamare dialetti italiani nel senso di "varianti dell'italiano" solo le variazioni del tipo linguistico italiano, in base alle collocazioni geografiche e sociali, e le parlate native prossime all'italiano standard. Sul territorio italiano quindi sono stati individuati altri tipi linguistici oltre al tipo italiano, i quali sono composti a loro volta da dialetti , che tuttavia non sono dialetti dell'italiano in senso stretto (cioè varianti), poiché derivano direttamente dal latino e hanno sviluppato l'autonomia del loro tipo linguistico, a prescindere dalla più o meno marcata coesione interna. Ciascun tipo autonomo rispetto all'italiano e rispetto agli altri tipi è considerato dai linguisti una lingua romanza a tutti gli effetti, ed è separata dal dominio dell'italiano. [80]

Per quanto riguarda il riconoscimento, le lingue non-romanze sono facilmente distinguibili, mentre le altre lo sono meno poiché generalmente si trovano in continuum linguistico con il sistema delle lingue romanze. Le lingue romanze riconosciute dallo stato italiano nella loro autonomia sono sardo , catalano , francese , occitano , francoprovenzale , friulano e ladino . Queste vengono chiamate lingue minoritarie ai sensi della legge 482/99, [81] perché si considera che facciano riferimento a modelli romanzi esterni allo Stato italiano (come francese, catalano, occitano e francoprovenzale), o per altre ragioni spesso dibattute (storiche, autonomistiche, di assenza del continuum, ecc: sardo, friulano e ladino). [82]

Le altre lingue romanze non sono riconosciute dallo Stato, e ne manca quindi una classificazione ufficiale sul piano politico. I linguisti tendono ad identificarne 5 gruppi oltre al sistema dei dialetti toscani (quest'ultimi pienamente riferibili all'italiano):

  1. Gallo-italico (comprende il piemontese , lombardo , emiliano-romagnolo e ligure nonché parte dei dialetti trentini )
  2. Veneto (oltre a buona parte del territorio veneto comprende i dialetti della Venezia Giulia e numerose parlate della costa istriana, nonché parte dei dialetti trentini )
  3. Italiano Mediano (comprende parte dei dialetti delle Marche e dell'Abruzzo, i dialetti umbri e buona parte di quelli laziali)
  4. Italiano Meridionale comprende buona parte dei dialetti di Abruzzo , Molise , Lazio Borbonico , Campania , Puglia (ad eccezione del Salento), Basilicata e Calabria settentrionale
  5. Italiano Estremo-Insulare (comprende, oltre al siciliano , anche il dialetto Salentino e quelli della Calabria meridionale).

Il motivo per cui queste lingue non sono riconosciute, sebbene non siano assimilabili all'italiano, è dibattuto.

Tutela della lingua italiana

La lingua italiana è priva di organismi ufficiali di normazione. Nonostante vi siano numerose istituzioni dedicate al suo studio e alla sua promozione, nessuna di queste è ufficialmente deputata all'elaborazione attiva di regole linguistiche, per esempio una grammatica normativa , sul modello della Real Academia Española , dell' Académie française , delle accademie portoghesi (lusitana e brasiliana ) o altre. Non vi sono nemmeno organismi linguistici semi-ufficiali, sul modello svedese. [83] A differenza di questi e altri Paesi, inoltre, non si trovano riferimenti alla lingua italiana nei principi fondamentali della Costituzione nazionale [84] della Repubblica italiana: l'unico riferimento esplicito in una norma costituzionale è presente nell'articolo 99 dello statuto speciale del Trentino-Alto Adige (ex DPR n. 670 del 31 agosto 1972), a cui si aggiungono riferimenti normativi di fonti subordinate (codici di procedura civile e penale e articolo 1 della Legge n. 482 del 15 dicembre 1999). [85]

Accademia della Crusca

L' Accademia della Crusca si propone lo scopo, espresso nell'articolo 1 del suo statuto, di "sostenere la lingua italiana, nel suo valore storico di fondamento dell'identità nazionale, e di promuoverne lo studio e la conoscenza in Italia e all'estero". [86] È inoltre membro fondatore della Federazione Europea delle Istituzioni Linguistiche Nazionali (EFNIL).

Come evidenziato nello statuto, l'accademia si occupa di promuovere lo studio della lingua italiana a fini storico-linguistici, lessicografici ed etimologici. L'attività scientifica dell'Accademia si svolge in tre campi principali:

  1. il Centro studi di filologia italiana, che promuove lo studio e l'edizione critica degli antichi testi e degli scrittori italiani;
  2. il Centro di studi di lessicografia italiana, che si occupa di studi sul lessico italiano e della compilazione di opere lessicografiche;
  3. il Centro di studi di grammatica italiana, addetto allo studio della grammatica storica, descrittiva e normativa della lingua italiana.
  4. il gruppo Incipit, osservatorio sui neologismi e forestierismi incipienti. [87]

Opera del Vocabolario Italiano

L'Opera del Vocabolario Italiano è l'istituto del CNR che ha il compito di elaborare il Vocabolario Storico Italiano. È membro fondatore della Federazione Europea delle Istituzioni Linguistiche Nazionali (EFNIL). [88]

Premi Nobel per la letteratura di lingua italiana

Note

Esplicative

  1. ^ Questa è una trascrizione fonetica . La trascrizione fonemica corrispondente è /itaˈljano/ , dove la lunghezza della vocale non è segnata perché in italiano non ha valore distintivo.
  2. ^ Questo ruolo non è affidato all'italiano direttamente dalla Costituzione , ma dalla legge ordinaria ( art. 1 l. 15 dicembre 1999 n. 482 ). Cfr. Claudio Marazzini , Breve storia della lingua italiana , ed. il Mulino , 2004, Bologna, ISBN 88-15-09438-5 , p. 221.
  3. ^ In particolare, sceglie questa soluzione fin dal titolo la Grammatica dell'italiano antico a cura di Giampaolo Salvi e Lorenzo Renzi (Bologna, il Mulino, 2010), che «descrive il fiorentino del Duecento, prima fase documentata della lingua italiana, e dei primi del Trecento» (p. 7).
  4. ^ Espressione utilizzata dal Manzoni nell'introduzione alla sua ultima stesura de I promessi sposi , a indicare il suo intento di ripulire il proprio linguaggio dalle forme dialettiali e provinciali.
  5. ^ Di identici diritti gode la comunità nazionale autoctona magiara .

Bibliografiche

  1. ^ Tagliavini, Carlo. "Le origini delle lingue neolatine". Patrono Ed. Bologna 1982
  2. ^ ( EN ) Italian , su ethnologue.com . URL consultato il 26 dicembre 2019 .
  3. ^ a b c d L'uso della lingua italiana, dei dialetti e di altre lingue in Italia , su ISTAT , 27 dicembre 2017.
  4. ^ a b Lingua italiana e intercultura , su zanichellibenvenuti.it , 14 gennaio 2008 (archiviato dall' url originale il 3 dicembre 2013) .
  5. ^ Claudio Marazzini , Breve storia della lingua italiana , ed. il Mulino , 2004, Bologna, ISBN 88-15-09438-5 , p. 221.
  6. ^ Vittorio Coletti, Lingua italiana , in Enciclopedia dell'italiano , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2011. URL consultato il 22 maggio 2017 .
  7. ^ a b Luca Serianni , Lingua italiana , in Dizionario di storia , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2010.
  8. ^ a b Villa, cit., p. 7.
  9. ^ Villa, cit., p. 9.
  10. ^ a b Zdeňka Zlinská, Scuola poetica siciliana e Iacopo da Lentini ( PDF ), su is.muni.cz , 2006.
  11. ^ Storia dell'italiano letterario , su docsity.com .
  12. ^ Costanzo di Girolamo, Scuola poetica siciliana, metrica , in Enciclopedia fridericiana , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2005.
  13. ^ La letteratura italiana prima di Dante ( PDF ), su istitutoprimolevi.gov.it (archiviato dall' url originale il 28 dicembre 2017) .
  14. ^ Antonietta Bufano, parere , in Enciclopedia dantesca , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1970.
  15. ^ Arrigo Castellani, Nuovi testi fiorentini del Dugento , Firenze, Sansoni, 1952, vol. 1, pp. 21-34.
  16. ^ Bruno Migliorini, Storia della lingua italiana , Firenze, Sansoni, 1960, p. 303.
  17. ^ toscano , in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  18. ^ Patrizia Bertini Malgarini, Italiano nel mondo , su treccani.it , Treccani, 2011.
  19. ^ Olivier Durand, La lingua còrsa. Una lotta per la lingua , Brescia, Paideia, 2003, p. 42-43.
  20. ^ «La dominazione sabauda in Sardegna può essere considerata come la fase iniziale di un lungo processo di italianizzazione dell'isola, con la capillare diffusione dell'italiano in quanto strumento per il superamento della frammentarietà tipica del contesto linguistico dell'isola e con il conseguente inserimento delle sue strutture economiche e culturali in un contesto internazionale più ampio e aperto ai contatti di più lato respiro.» Loi Corvetto, Ines. I Savoia e le "vie" dell'unificazione linguistica . Citata in Putzu, Ignazio; Mazzon, Gabriella (2012). Lingue, letterature, nazioni. Centri e periferie tra Europa e Mediterraneo , p.488
  21. ^ «L'italianizzazione dell'isola fu un obiettivo fondamentale della politica sabauda, strumentale a un più ampio progetto di assimilazione della Sardegna al Piemonte.» Amos Cardia, S'italianu in Sardìnnia. Candu, cumenti e poita d'ant impostu: 1720-1848; poderi e lìngua in Sardìnnia in edadi spanniola , Ghilarza, Iskra, 2006, p. 92.
  22. ^ «En aquest sentit, la italianització definitiva de l'illa representava per a ell l'objectiu més urgent, i va decidir de contribuir-hi tot reformant les Universitats de Càller i de Sàsser, bandejant-ne alhora els jesuïtes de la direcció per tal com mantenien encara una relació massa estreta amb la cultura espanyola. El ministre Bogino havia entès que només dins d'una Universitat reformada podia crear-se una nova generació de joves que contribuïssin a homogeneïtzar de manera absoluta Sardenya amb el Piemont.» Joan Armangué i Herrero, Represa i exercici de la consciència lingüística a l'Alguer (ss.XVIII-XX), I.1 , Cagliari, Arxiu de Tradicions de l'Alguer.
  23. ^ Lorenzo Renzi e Alvise Andreosi - «Manuale di linguistica e filologia romanza» - nuova edizione, editore Il Mulino, Bologna, anno 2015, pagina 44 e 45
  24. ^ Sergio Salvi - L'Italia non esiste - Editore CAMUNIA, Firenze 1996, pag. 112
  25. ^ De Mauro 1970 , p. 43 .
  26. ^ Arrigo Castellani, Quanti erano gli italofoni nel 1861? , in Studi linguistici italiani , n. 8, 1982, pp. 3-26.
  27. ^ a b Gilles Pécout e Roberto Balzani, Il lungo Risorgimento: la nascita dell'Italia contemporanea , Pearson Italia, 1999, p. 242.
  28. ^ Angelo de Gubernatis , Alessandro Manzoni: studio biografico , Le Monnier, 1879, pp. 225-227.
  29. ^ La questione della lingua e la proposta di Manzoni , su viv-it.org .
  30. ^ De Mauro 1970 .
  31. ^ Tullio De Mauro, Distanze linguistiche e svantaggio scolastico. In Adriano Colombo, Werther Romani (a cura di), “È la lingua che ci fa uguali”. Lo svantaggio linguistico: problemi di definizione e di intervento, Quaderni del Giscel, La Nuova Italia, Firenze 1996, pp.13-24 http://giscel.it/wp-content/uploads/2018/04/Tullio-De-Mauro-Distanze-linguistiche-e-svantaggio-scolastico.pdf
  32. ^ Articolo 6: lingue da tutelare di Silvana Schiavi Fachin: [...] “Quando nel 1991 il Parlamento fece un primo esitante passo con l'approvazione da parte della Camera dei Deputati di un primo testo di tutela – la legge restò poi “ibernata” in Senato per ben otto anni – si sollevò, come scrisse Tullio De Mauro , “il coro agitato di intellettuali legati a un'ottica monolingue e comunque ostili a ogni presa in carico dei problemi linguistici del Paese…”. http://www.patriaindipendente.it/persone-e-luoghi/servizi/articolo-6-lingue-tutelare/
  33. ^ Allofono di /n/ davanti a /f/ e /v/.
  34. ^ Allofono di /n/ davanti a /k/ e /g/.
  35. ^ Allofoni rispettivamente di /k/ e /g/ davanti a /i/, /e/, /ɛ/.
  36. ^ Solo in prestiti linguistici
  37. ^ Allofono di /r/ tra vocali; davanti a /j/ e /w/.
  38. ^ Formazione del plurale in lingua italiana - https://www.lagrammaticaitaliana.it/lezionegrammatica/7.59-il_nome_numero.aspx
  39. ^ La lingua italiana, i dialetti, le lingue straniere (Indagine multiscopo), su www3.istat.it , Roma, ISTAT, 2007, Tavola 1, p. 2 (archiviato dall' url originale il 30 ottobre 2012) .
  40. ^ Gaetano Berruto, Sociolinguistica , in Enciclopedia dell'italiano , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2011, pp. 1370-1375, p. 1372.
  41. ^ [...] Fino al 1974 la maggioranza degli italiani, il 51,3 per cento, parlava sempre in dialetto. Ora chi parla sempre in dialetto è sceso al 5,4. Ma, regredendo l'uso esclusivo, è andato crescendo quello alternante di italiano e dialetto: nel 1955 era il 18 per cento, oggi è il 44,1. Quelli che adoperano solo l'italiano sono il 45,5 per cento. È vero che i toscani, i liguri e gli emiliano-romagnoli parlano solo in italiano fra l'80 e il 60 per cento e che i lucani, i campani ei calabresi vanno dal 27 al 20 per cento. Ma è vero anche che chi usa solo il dialetto in queste regioni del Sud non supera il 12-13 per cento". [...] http://www.repubblica.it/cultura/2014/09/29/news/tullio_de_mauro_gli_italiani_parlano_anche_in_dialetto-96922903/
  42. ^ Tullio De Mauro include nelle minoranze linguistiche anche i Rom, poi esclusi dall'art. 2 della L. 482/99 perché privi dell'elemento "territorialità"
  43. ^ Tullio De Mauro, Distanze linguistiche e svantaggio scolastico: ” [...] L'Italia d'oggi continua a essere solcata da cospicue differenze di lingua tra coloro che praticano abitualmente il solo italiano o, accanto all'italiano, anche un dialetto (o una delle tredici lingue di minoranza) [...] . L'aspetto più interessante, coincidente con risultati ottenuti in altre parti del mondo, è che la presenza del dialetto in famiglia non è di per sé correlata a bassi punteggi. Lo è se è una presenza esclusiva, ma i dati fanno vedere che una componente dialettale accanto all'italiano non disturba e addirittura sembra giocare un ruolo positivo: ragazzi che parlano costantemente e solo italiano hanno punteggi meno brillanti di ragazzi che hanno anche qualche rapporto con la realtà dialettale. Assai più che l'idioma parlato a casa, altri fattori incidono sui livelli di comprensione di testi [...] ” (tratto da: In Adriano Colombo, Werther Romani (a cura di), “È la lingua che ci fa uguali”. Lo svantaggio linguistico: problemi di definizione e di intervento, Quaderni del Giscel, La Nuova Italia, Firenze 1996, pp.13-24) http://giscel.it/wp-content/uploads/2018/04/Tullio-De-Mauro-Distanze-linguistiche-e-svantaggio-scolastico.pdf
  44. ^ ( EN ) Ethnologue: lingua italiana .
  45. ^ Eurobarometro 2006 , p. 4 .
  46. ^ Commissione europea, European and their languages-Report 2012 ( PDF ), in Eurobarometro , 2012. URL consultato il 19 agosto 2013 . .
  47. ^ Sintesi riportata in Mari D'Agostino, Sociolinguistica dell'Italia contemporanea , Bologna, il Mulino, 2007, p. 58. Documento completo nel sito ISTAT.
  48. ^ Berruto 1987 , pp. 19-27 .
  49. ^ Carta costituzionale , art. 7.
  50. ^ Per un precedente tentativo proposto dal senatore Felice Carlo Besostri , in direzione analoga ma sotto forma di novella all'articolo 6 Cost., v. Fabio Ratto Trabucco, La costituzionalizzazione della lingua italiana: un'occasione per la "valorizzazione" degli idiomi regionali e locali , in Il Politico , vol. 75, n. 1, Gennaio-Aprile 2010, pp. 223-234.
  51. ^ Statistiche federali sintetiche , su bfs.admin.ch (archiviato dall' url originale il 1º agosto 2009) .
  52. ^ Statistiche federali analitiche ( XLS ) [ collegamento interrotto ] , su bfs.admin.ch .
  53. ^ a b Università degli Studi di Milano. Dipartimento di Studi Internazionali, Giuridici e Storico-Politici., La Costituzione della Repubblica di Slovenia in lingua italiana ( PDF ), in Osservatorio sul Diritto Pubblico dei Paesi dell'Europa Centro-Orientale (DIPEO) , n. 22, 2013, pp. 51-56. URL consultato il 1º giugno 2013 .
  54. ^ L. Panzeri, Lo statuto giuridico della lingua italiana in Europa , Giuffré, 2011, pp. 74-75.
  55. ^ ( HR ) Articolo 7 ( PDF ), su Statutom Grada Cresa [ Statuto della Città di Cherso ], cres.hr .
  56. ^ ( EN , FR , DE , ES ) Order of Malta , su orderofmalta.int . URL consultato l'11 novembre 2018 .
  57. ^ CIA World Factbook , su cia.gov .
  58. ^ Jacques Leclerc, L'aménagement linguistique dans le monde , su axl.cefan.ulaval.ca .
  59. ^ Statuto della regione istriana: artt. 6, 21, 22, 23, 24, 25, , su istra-istria.hr . URL consultato il 12 dicembre 2015 (archiviato dall' url originale il 20 gennaio 2020) .
  60. ^ Censimento linguistico federale 2013: Popolazione residente permanente di 15 anni e più secondo le lingue principali Archiviato il 15 novembre 2015 in Internet Archive .
  61. ^ Convegno ASILS: la lingua italiana in Europa e nel mondo , 5 maggio 2011.
  62. ^ Mappa degli italofoni nel mondo , su italofonia.org (archiviato dall' url originale il 9 novembre 2013) .
  63. ^ a b Ethnologue report for language code: ita
  64. ^ Ambasciata d'Italia a Tirana, I rapporti bilaterali , su ambtirana.esteri.it , Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. URL consultato il 14 novembre 2018 .
  65. ^ La storia linguistica dell'emigrazione italiana in Europa, viv-it.org
  66. ^ Ambasciata d'Italia a Skopje, Ufficio culturale.
  67. ^ L'italiano a Skopje. Intervista a Anastasija Gjurcinova. Bollettino Itals Novembre 2005 , su venus.unive.it . URL consultato il 7 giugno 2012 (archiviato dall' url originale il 21 giugno 2014) .
  68. ^ Ministero dell'Interno - AIRE
  69. ^ a b c Turchetta 2005 , p. 13 .
  70. ^ Statistiche dell'emigrazione italiana secondo la Chiesa cattolica
  71. ^ Turchetta 2005 , p. 4 .
  72. ^ a b Baldelli 1987.
  73. ^ Pierangela Diadori , Massimo Palermo e Donatella Troncarelli, Manuale di didattica dell'italiano L2 , Guerra Edizioni, Perugia, 2009, ISBN 978-88-557-0194-5 , p. 23.
  74. ^ L'italiano nel mondo che cambia. Stati generali della lingua italiana nel mondo Ministero degli Affari Esteri, Firenze 21-22 ottobre 2014
  75. ^ Firenze si candida ad ospitare i prossimi Stati Generali nel 2016
  76. ^ ASILS si prepara agli Stati Generali 2016
  77. ^ La Settimana della Lingua Italiana nel Mondo , su esteri.it . URL consultato il 26 settembre 2014 .
  78. ^ Quali sono i dialetti dell'italiano? Comitato per la salvaguardia dei patrimoni linguistici
  79. ^ Carla Marcato, Dialetto, Dialetti, Italiano. Bologna: Il Mulino, 2002.
  80. ^ Roberto Bolognesi, Matteo Incerti, Le Lingue parlate nel territorio dello Stato italiano , su homolaicus.com .
  81. ^ Legge 15 dicembre 1999, n. 482 "Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche" , su parlamento.it , www.parlamento.it. URL consultato il 12 maggio 2012 .
  82. ^ Bonamore, Daniele (2006). Lingue minoritarie Lingue nazionali Lingue ufficiali nella legge 482/1999, Editore Franco Angeli, p.16
  83. ^ Concilio della lingua svedese- Språkrådet , Sito ufficiale (svedese)
  84. ^ Costituzione della Repubblica Italiana , su governo.it .
  85. ^ Legge 15 dicembre 1999, n. {{{numero}}} , in materia di " Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche "
  86. ^ Statuto dell'Accademia , su accademiadellacrusca.it . URL consultato il 17 agosto 2016 .
  87. ^ Accademia della Crusca: gruppo Incipit , osservatorio sui neologismi e forestierismi incipienti.
  88. ^ OVI - Opera del vocabolario italiano , su www.ovi.cnr.it . URL consultato il 6 maggio 2020 (archiviato dall' url originale l'8 gennaio 2018) .

Bibliografia

Altri testi

  • Ignazio Baldelli (a cura di), La lingua italiana nel mondo: indagine sulle motivazioni allo studio dell'italiano , Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 1987.
  • ( EN ) Commissione europea, Eurobarometers - European and their languages ( PDF ), in Eurobarometro , 2006. URL consultato il 21 giugno 2016 (archiviato dall' url originale il 18 marzo 2009) .
  • Tullio De Mauro, Storia linguistica dell'Italia unita , Bari, Laterza, 1970.
  • Claudio Giovanardi e Pietro Trifone , L'italiano nel mondo , Roma, Carocci, 2012.
  • Rogers, Derek, D'Arcangeli, Luciana. 2004. Illustrations of the IPA: Italian . In: Journal of the International Phonetics Association . Cambridge, Cambridge University Press, pp. 117–121.
  • Barbara Turchetta, Il mondo in italiano: varietà e usi internazionali della lingua , Roma-Bari, Laterza, 2005, ISBN 88-420-7706-2 .
  • Franco Villa, Nuovo maiorum sermo , Torino, Paravia , 1991, ISBN 88-395-0170-3 .
  • Massimo Palermo , Linguistica italiana , Bologna, Il Mulino , 2015, ISBN 978-88-15-25884-7 .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Dizionari e grammatiche in linea

Dizionari generali

Dizionari dei sinonimi

Risorse ed enciclopedie

Controllo di autorità Thesaurus BNCF 5074 · LCCN ( EN ) sh85068806 · GND ( DE ) 4114056-4 · BNF ( FR ) cb119355095 (data) · BNE ( ES ) XX529374 (data) · NDL ( EN , JA ) 00564305