Lang birman

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Burmese
မြန်မာဘာသာ
Pale nan Burma Burma
Rejyon yo Azi Sidès
Oratè
Total 32.9 milyon moun ki pale natif (Ethnologue, 2019)
Plase 42 (2019)
Lòt enfòmasyon
Ekri Alfabè Burmese
Nèg SOV
Taksonomi
Filojeni Lang sinotibetan
Lang tibeten-Burmese
Lang Lolo-Burmese
Burmese
Lwa ofisyèl
ofisye an Burma Burma
ASEAN flag.png ASEAN
Kòd klasifikasyon
ISO 639-1 my
ISO 639-2 bur (B), mya (T)
ISO 639-3 mya (EN)
Glottolog nucl1310 ( EN ) ak sout3159 ( EN )
Linguasphere 77-AAA-a
Ekstrè nan lang
Deklarasyon Inivèsèl sou Dwa Moun , atizay. 1
လူတိုင်းသည် တူညီ လွတ်လပ်သော ဂုဏ်သိက္ခာ ဖြင့် လည်းကောင်း၊ တူညီ လွတ်လပ်သော အခွင့်အရေးများ ဖြင့် လည်းကောင်း၊ မွေးဖွား လာသူများ ဖြစ်သည်။ တို့၌ ပိုင်းခြား ဝေဖန် တတ်သော ဉာဏ် နှင့် ကျင့် ဝတ် သိ တတ်သော စိတ် တို့ ၍ ထိုသူတို့သည် အချင်းချင်း မေတ္တာ ထား၍ ဆက်ဆံ ကျင့် သုံး သ င့ ်၏။
Transliterasyon
Luutinesai tuunye lwatlautsaw gunsikhkarhpyang laeekaungg, tuunyelwatlautsaw a hkwin ar myarrhpyint laeekaungg, pway hpwarrlarsuumyarr hpyitsai. Htosuuthoet pinehkyarr wayhpaantaatsaw nyarnnhaint kyint waat si tasaw hcate thoet shikya htosuuthoetsai aahkyinnhkyinn mayttarhtarr saatsan kyint sone s in eat.

Lang Burmese oswa Burmese (Burmese မြန်မာဘာသာ , MLCTS : mranmabhasa , IPA: [mjəmà bàðà] ) se yon lang Sinotibetan ki pale nan Burma , kote li se yon lang ofisyèl osi byen ke lang moun Bamar yo, prensipal gwoup etnik Burma. . Malgre ke Konstitisyon an nan Burma ofisyèlman rekonèt non angle a nan lang lan kòm lang Myanma , [1] pifò moun ki pale angle kontinye rele lang nan Burmese ("Burmese"), ki sòti nan Burma ("Burma"), non an ansyen nan Myanma . An 2007, 33 000 000 moun te pale li kòm lang matènèl, sitou moun ki nan gwoup etnik ki gen rapò ak Bamar epi, kòm yon dezyèm lang, pa 10 000 000 moun, sitou minorite etnik ki soti nan Burma ak peyi vwazen yo. Kòm nan 2019, li gen 32.9 milyon moun ki pale natif (L1), pandan y ap moun ki pale total yo anpil plis.

Burmese a se yon lang ton nan enskri wotè ak izosilabik , [2] lajman monosilab ak analyse ; li tou te gen yon lòd Subject Objektif vèb ak ki dwe nan gwoup la Lolo-Burmese nan fanmi an lang Sinotibetan . Alfabè a Burmese ta finalman sòti nan ekriti a Brahmi , ki soti nan alfabè a kadamba , oswa nan alfabè a pallava .

Klasifikasyon

Burmese ki dwe nan gwoup la Sid-Burmish nan lang Sinotibetan . Burmese se lang ki pi lajman pale nan mitan lang sinitik yo , [3] e li te senkyèm nan mitan lang sinotibetan yo pou devlope yon sistèm ekri, apre karaktè Chinwa yo , alfabè tibeten an , ekriti Pyu ak ekriti Tangtu . [4]

Dyalèk

Pifò moun kap pale Burmese k ap viv sou fon larivyè Lefrat la Irrawaddy sèvi ak yon varyete de dyalèk trè menm jan, pandan ke yon minorite pale dyalèk ki pa estanda komen nan zòn ki lwen peyi a. Dyalèk sa yo enkli:

  • Rejyon Tanintharyi: Merguese (Myeik, Beik), Tavoian (Dawei), ak dyalèk Palaw
  • Rejyon Magway : dyalèk yaw
  • Shan eta : intha, taungyo ak danu dyalèk

Lang Arachnese nan eta Rakhine ak dyalèk Marma nan Bangladèch yo pafwa konsidere yo dwe dyalèk nan Burmese ak lòt fwa konsidere kòm lang diferan.

Malgre diferans ki genyen nan vokabilè ak pwononsyasyon, gen entèlijans mityèl ant dyalèk Burmese, depi pifò nan yo pataje karakteristik komen tankou kat ton, grap konsòn ak itilize nan ekri Burmese . Men, anpil dyalèk ka trè diferan an tèm de vokabilè, patikil leksikal ak rim.

Valley a larivyè Lefrat Irrawaddy

Creole Burmese ( Mandalay - Yangon dyalèk kontinyòm ) soti nan Irrawaddy River Valley la. Gen diferans rejyonal ant moun kap pale nan dyalèk Nò Burmese yo (pa egzanp, dyalèk Mandalay), ki rele anya tha အညာသား , ak moun ki pale dyalèk Sid Burmese yo (pa egzanp, dyalèk Yangon), ki rele auk tha အောက် သား ; diferans yo plis nan chwa mo yo pase nan pwononsyasyon an. Ti diferans nan pwononsyasyon egziste nan Irrawaddy River Valley. Pa egzanp, pou tèm ဆွမ်း "ofrann manje [pou mwàn yo]", moun ki pale Sid Burmese yo itilize [sʰʊivaliɴ] olye de [sʰwáɴ] , ki se pwononsyasyon yo itilize nan nò Burma.

Creole Burmese konyenside avèk dyalèk la Yangon akòz enfliyans nan medya modèn ak pwa ekonomik la nan lavil la. Nan tan lontan, estanda Burmese kowenside ak dyalèk Mandalay la. Karakteristik ki pi frape nan dyalèk la Mandalay se itilize nan pwonon an premye moun ကျွန်တော် kya.nau [tɕənɔ] pa gason ak fanm, pandan ke yo nan Yngon pwonon an nan kesyon yo itilize sèlman pa moun kap pale gason ကျွန်မ kya.ma. [tɕəma̰] . Epitou, konsènan tèm parante, Northern Burmese fè distenksyon ant fanmi matènèl ak patènèl, pandan y ap Sid Burmese pa sèvi ak menm tèm fanmi pou fanmi matènèl ak patènèl.

Gaye nan Burmese nan sid Burma

Burmese pale se konsiderableman inifòm nan mitan moun kap pale li yo [5] patikilyèman nan mitan moun k ap viv nan fon an larivyè Lefrat Irrawaddy, tout moun ki sèvi ak yon Variant nan Burmese estanda. Premye rezon pou inifòmite sa a se sistèm edikasyon tradisyonèl Boudis la, ki ankouraje edikasyon ak inifòmite lang nan tout fon nò Irrawaddy River, kay tradisyonèl moun Bamar yo.

Migrasyon Burmese nan sid Burma se relativman resan. Osi bonè ke lè syèk lan mitan-18th, Otrich-Asiatic mon lang nan te lang nan pi toupatou nan sid Burma, ak mon te moun yo dominant. Aprè viktwa dinasti Konbuang sou Wayòm Hanthawaddy retabli a (kote lang mon an te gaye toupatou) nan 1757, tranzisyon nan lang Burmese te kòmanse. Osi bonè ke 1830, apeprè 90% nan popilasyon rejyon an idantifye tèt yo kòm Bamar (epi, kòm sa yo, te pale Burmese) akòz enfliyans nan nò Burma, asimilasyon ak maryaj melanje. [6] Nan epòk kolonyal Britanik lan, ankourajman Britanik yo, sitou ki vize pwodiksyon diri, osi byen ke enstabilite politik nan nò Burma akselere migrasyon sa a. [7]

Deyò basen larivyè Lefrat Irrawaddy la

Anpil varyete diferan ki pa estanda sòti deplase soti nan fon an larivyè Lefrat Irrawaddy nan zòn ki pi periferik nan peyi a. Varyete sa yo gen ladan dyalèk la yaw, palaw a, dyalèk la Myeik (yo rele merguese), dyalèk yo Tavoian ak intha. Malgre diferans sibstansyèl nan vokabilè ak pwononsyasyon, gen entèlijans mityèl ant pifò nan dyalèk yo Burmese. Dyalèk yo nan rejyon an Tanintharyi, ki gen ladan Palaw, Merguese, ak Tavoian, yo patikilyèman konsèvatif an konparezon ak Creole Burmese. Dyalèk yo Tavoian ak Intha te kenbe medyàn / l / a , ki te jwenn sèlman nan enskripsyon Old Burmese. Anplis de sa, souvan dyalèk yo mansyone pi wo a diminye entansite a nan kanpe la soud glotal . Merguese gen apeprè 250,000 moun kap pale, [8] pandan y ap Tavoiano gen 400,000.

Karakteristik ki pi pwononse nan lang Arachnese a (sètadi lang nan eta a Burmese nan Rachine) se retansyon son li yo [ɹ] , ki te transfòme an j nan Burmese estanda. Anplis de sa, Arachnese posede yon varyete de diferans konsènan vwayèl, ki gen ladan fizyon vwayèl yo [e] ak [mwen] . Pakonsekan, yon mo tankou "san" သွေး pwononse [θw é ] nan Burmese estanda ak [θw í ] nan Araknèz .

Fonoloji

Relve nòt yo nan seksyon sa a itilize Alfabè Fonetik Entènasyonal la (IPA).

Konsòn

Konsòn yo nan Burmese yo se:

Fonèm konsonan [9]
Bilabial Dantè Alveolar Post-al.
/ Palatal
Vwal Laryngal
Nen son m n ɲ ŋ
soud ɲ̊ ŋ̊
Enklizif son b d ɡ
plenn p t k ʔ
aspirasyon tʃʰ
Frikitif son ð z
soud θ s ʃ
aspirasyon wi h
Apeprè son L j w
soud L ʍ

Vwayèl

Vwayèl yo nan Burmese yo se:

Fonèm vwayèl
Monophthongs Diftong
Devan Santral Dèyè antérieure offglide Posterior offglide
Fèmen la ou
Mwatye fèmen Epi ə oswa ak ou
Mwatye louvri ɛ ɔ
Louvri a nan au

Monophthongs / e / , / o / , / ə / ak / ɔ / rive sèlman nan silab ouvè (sètadi moun ki pa gen yon konsòn final); diftong yo / ei / , / ou / , / ai / ak / au / rive sèlman nan silab fèmen (sètadi sa yo ki gen yon konsòn final). Vwayèl la / ə / la fèt sèlman nan silab minè epi li se vwayèl la sèlman pèmèt nan yon silab minè.

Vowèl yo fèmen / mwen / ak / u / ak pòsyon yo fèmen nan diftong yo transfòme respektivman nan vwayèl yo semi-santral ( [ɪ, ʊ] ) nan silab yo fèmen, sa vle di anvan / ɴ / ak / ʔ / . Pakonsekan mo နှစ် / n̥iʔ / "de" pwononse [n̥ɪʔ] ak mo ကြောင် / tɕàũ / "chat" pwononse [tɕàʊ̃] .

Toni

Burmese se yon lang ton , ki vle di ke fonetik kontras (an tèm senp, varyasyon nan siyifikasyon kòm pwononsyasyon an chanje) kapab tou baze sou ton an nan yon vwayèl. Nan Burmese, diferans sa yo konsène pa sèlman anplasman , men tou, fonasyon , entansite (volim), dire ak bon jan kalite vwayèl . Sepandan, kèk lengwis konsidere Burmese yon lang enskri wotè , tankou Shanghai . [10]

Gen kat ton kontras nan lang Burmese a. Tablo ki anba la a montre ton yo apoze sou vwayèl la / a / pa egzanp.

Ton Burmese IPA
(montre sou yon )
Senbòl
(montre sou yon )
Fonasyon Dire Entansite Wotè
Bass နိ မ့ ် သံ [pou] a nòmal mwayèn ba ba, souvan yon ti kras k ap monte [11]
Wotè တက် သံ [pou] a pafwa avèk yon vwa yon ti kras pantan (( EN ) vwa souf ) long segondè segondè, souvan avèk yon desandan anvan yon ti repo [11]
Squeaky သက် သံ [pou] a tansyon oswa briyan , pafwa akonpaye pa yon allusion soud kanpe glotal mwayèn segondè segondè, souvan yon ti kras desann [11]
Tcheke တိုင် သံ [ăʔ˥˧] ak bon jan kalite vwayèl santralize ak soud glotal sispann nan pozisyon final la kout segondè wo nan quote; ka varye selon kontèks la [11]

Pou egzanp, pwononsyasyon an nan mo sa yo diferan youn ak lòt sèlman nan ton:

Nan silab ki fini nan / ɴ / , yo pa itilize ton kontwole a:

Nan Burmo kolokal, kèk lengwis admèt pratikman sèlman de ton (byenke gen kat ton nominal transkri nan ekri Burmese), "segondè" (pou mo ki fini nan yon okluzif oswa kontwole, epi ki gen gwo ak k ap monte anplasman ) ak "òdinè" (pou mo san kontwòl ak ki pa glotal, epi ki gen pi ba, desann ton ), ak de ton sa yo ta span yon varyete de ton vwa . Lengwis LF Taylor konkli ke "ritm konvèsasyon ak entonasyon euphonic posede yon enpòtans" pa jwenn nan lòt lang ki gen rapò ton ak ke "sistèm ton li se kounye a nan yon eta avanse nan dekonpozisyon." [12] [13]

Alfabèt

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: alfabè Burmese .
Egzanp divès estil ekri Burmese.

Alfabè a Burmese konsiste de 33 lèt ak 12 vwayèl epi li ekri de gòch a dwat. Li pa mande pou espas ant mo, byenke ekri modèn anjeneral gen espas apre chak fraz amelyore lizibilite. Karakterize pa lèt sikilè ak dyakritik li yo, ekri a se nan kalite abugida , se sa ki, tout lèt yo gen yon vwayèl intrinsèques အ a . oswa ə . Konsòn yo òganize an sis grap konsòn (yo rele atikilasyon ki baze sou ဝဂ် , tankou nan lòt ekriti Brahmi . Makè goudwon yo ak chanjman vwayèl yo ekri tankou dyakritik yo mete yo agoch, adwat, anwo oswa anba lèt yo. [14]

Devlopman nan ekri swiv sa ki nan lang lan, ki se jeneralman divize an Old Burmese, Middle Burmese ak modèn Burmese. Ansyen Burmese ale soti nan 11yèm syèk la 16th ( payen ak Ava dinasti); Mwayen Burmese a ale soti nan 16th nan 18tyèm syèk la (soti nan dinasti Taungoo nan konmansman an nan dinasti Konbaung ); finalman, modèn Burmese porte soti nan mitan 18tyèm syèk la jouk jounen jodi a. Chanjman òtograf yo te swiv sibstitisyon fonoloji yo (tankou fizyon son [-l-] ak [-ɹ-] nan pozisyon presegondè a) olye ke transfòmasyon reyèl nan estrikti gramatikal ak fonoloji nan Burmese, ki pa anpil te chanje de ansyen Burmese modèn. [14] Pou egzanp, pandan payen an te son an [-l-] medyàn ္လ te transkri nan sa ki ekri a, pandan y ap nan Burma modèn te ranplase pa son medyàn [-J-] ak [-ɹ-] ( " lekòl "nan Old Burmese က ္ လောင် klɔŋကျောင်း tɕáʊɴ nan Burmese modèn). [15] Menm jan an tou, modèn Burmese te kenbe tout fen yo nasalize [-n, -m, -ŋ] , ki te vin [-ɴ] nan Burmese pale. Eksepsyon an se [-ɲ] , ki, nan Burmese pale, kapab youn nan anpil vwayèl louvri [mwen, e, ɛ] . Menm jan an tou lòt konsòn final yo [-s, -p, -t, -k] tout te transfòme an arè glotal san vwa [-ʔ] . Fusion menm jan an tou ki te fèt nan lòt lang Sinothibetan , tankou Shanghai, ak nan yon limit pi piti Cantonese .

Ekri Burmese dat tounen nan premye ane yo nan Peyi Wa ki payen . Scholars nan peryòd kolonyal Britanik la nan Burma kwè ke script la devlope alantou 1058 soti nan script la mon . [16] Sepandan, kèk eleman montre ke script la Burmese te deja nan itilize osi bonè ke lè 1035 (petèt osi bonè ke lè 984) pandan y ap script la mon Burmese, ki se diferan de script la mon nan Thailand , dat tounen nan 1093. [17] ] Script la Burmese li ta ka sòti nan script la pyu . [17] (tou de mon ak pyu Scripts yo nan vire sòti nan brahmi script la ). Òtograf la nan Burmese orijinal swiv fòma a kare, men fòma a kurseur ranplase li kòmanse nan 17yèm syèk la, lè gaye nan ekri mennen nan yon itilizasyon pi laj nan fèy palmis ak papye ki plwaye li te ye tankou parabaiks ( ပုရပိုက် ). [18] Pifò nan òtograf nan Burmese ekri jodi a ka remonte tounen nan Mwayen Burmese. Normalizasyon nan endikasyon ton te vini sèlman nan dizwityèm syèk la. Soti nan 19yèm syèk la ivè, gramè kreye tab leksikal yo nan lòd yo refòme ekri Burmese, kòm anbigwite parèt ant son yo ki te fusionné. [14] Pandan peryòd kolonyal Britanik la, òtograf Burmese te estandadize atravè itilizasyon diksyonè ak tab leksikal. Dènye otorite òtograf, ki te rele Myanma Salonpaung Thatpon Kyan မြန်မာ စာလုံးပေါင်း သတ်ပုံ ကျမ်း , te konpile an 1978 sou demann gouvènman Burmese a. [14]

Gramè

Tipoloji lengwistik lang Burmese a se Subject Object Verb . Pwonon nan lang birman an varye selon sèks ak estati sosyal moun oswa moun yo adrese. Burmese se yon lang monosilab (ki vle di, chak mo se yon rasin kote yo ka ajoute yon sifiks, men se pa yon lòt mo). [19] Estrikti fraz la detèmine relasyon sentaksik; vèb yo pa konjige, men patikil yo ajoute kòm sifiks. Pou egzanp, vèb la "yo manje" စား ca: [sà] rete san okenn chanjman.

Adjektif

Lang birman an pa gen adjektif espesifik, men li itilize vèb ki gen ladan kèk adjektif e ki gen siyifikasyon "yo dwe X", kote X se yon adjektif Italyen. Vèb sa yo ka modifye yon non pa mwayen patikil gramatikal တဲ့ tai. [dɛ̰] nan kolokal Burmese (fòm literè: သော sau: [θɔθɔ] . Men kèk egzanp:

Colloquiale: ချောတဲ့လူ hkyau: tai. lu [tɕʰɔ́ dɛ̰ lù]
Formale: ချောသောလူ hkyau: so: lu
Ordine: "beautiful" + adjective particle + "person"

Gli aggettivi (o, meglio, i "verbi aggettivi") possono anche formare composti con il nome (ad esempio, လူချော lu hkyau: [lù tɕʰɔ́] "persona" + "essere bello").

I comparativo sono di solito nell'ordine: ထက်ပို htak pui [tʰeʔ pò] + aggettivo, dove X è l'oggetto di paragone. I superlativi sono indicati con il prefisso a. [ʔə] + aggettivo + ဆုံး hcum: [zóʊɴ] .

I numeri seguono il nome che modificano. Inoltre, i numeri seguono regole di pronuncia che includono cambi di tono (da tono basso a tono stridulo) e cambio di sonorità a seconda della pronuncia delle parole adiacenti al numero (ulteriori dettagli sono forniti in " Numeri in birmano ").

Verbi

Le radici dei verbi birmani sono quasi sempre seguiti da un suffisso con almeno una particella che introduce informazioni quali il tempo, l'intenzione, cortesia, umore, ecc. Molte di queste particelle hanno anche degli equivalenti formali/letterari e colloquiali. L'unica forma in cui il verbo si presenta senza alcuna particella è nell'imperativo (cioè nei comandi).

Le particelle verbali più comuni e il loro uso sono mostrati di seguito con la radice verbale (scelta a titolo esemplificativo) စား ca: [sá] "mangiare". Da sola (senza suffissi), la forma စား è un imperativo.

Il suffisso တယ် tai [dɛ̀] (forma letteraria: သည် sany [ðì] può essere visto come una particella che rappresenta il tempo presente oppure affermazioni fattuali:

စားတယ် ca: tai [sá dɛ̀] "Io mangio"

Il suffisso ခဲ့ hkai. [ɡɛ̰] indica che l'azione ha avuto luogo nel passato; questa particella, però, non è sempre necessaria per indicare il tempo passato e può rappresentare lo stesso tempo anche senza questa particella. Ma, per enfatizzare che l'azione è avvenuta prima di un'altra azione o evento che è anche nel discorso, la particella diventa imperativo. Si noti che il suffisso တယ် tai [dɛ̀] in questo caso indica un'affermazione fattuale piuttosto che il tempo presente:

စားခဲ့တယ် ca: hkai. tai [sá ɡɛ̰ dɛ̀] "Io mangiai"

La particella နေ ne [nè] è usata per indicare un'azione progressiva. È equivalente all'inglese '-ing'.

စားနေတယ် ca: ne tai [sá nè dɛ̀] "Io sto mangiando"

La particella ပြီ pri [bjì] , che è usata quando un'azione che ci si aspettava fosse eseguita dal soggetto è finalmente eseguita, non ha alcun equivalente in italiano. Se ad esempio, qualcuno si aspettava che il soggetto mangiasse e il soggetto ha finalmente cominciato a mangiare, la frase è scritta come:

(စ)စားပြီ (ca.) ca: pri [(sə) sá bjì] "Adesso sto mangiando"

La particella မယ် mai [mɛ̀] (forma letteraria: မည် many [mjì] è usata per indicare il tempo futuro o un'azione che deve ancora essere eseguita:

စားမယ် ca: mai [sá mɛ̀] "Io mangerò"

La particella တော့ tau. [dɔ̰] è usata quando l'azione è in procinto di essere eseguita immediatamente; in questo case è usata insieme alla particella မယ် . Pertanto potrebbe essere nominata la particella del "tempo futuro immediato".

စားတော့မယ် ca: tau. mai [sá dɔ̰ mɛ̀] "Sto per mangiare (all'istante)"

When တော့ is used alone, however, it is imperative:

စားတော့ ca: tau. [sá dɔ̰] "Eat (now)"

I verbi sono negati attraverso la particella ma. [mə] , ed è aggiunta come prefisso al verbo. In generale, altre particelle vengono aggiunte come suffissi al verbo, insieme a .

La particella che si aggiunge come suffisso နဲ့ nai. [nɛ̰] (forma letteraria: နှင့် hnang. [n̥ɪ̰ɴ] indica un comando:

မစားနဲ့ ma.ca: nai. [məsá nɛ̰] "Non mangiare"

La particella che si aggiunge come suffisso ဘူး bhu: [bú] indica una frase:

မစားဘူး ma.ca: bhu: [məsá bú] "(Io) non mangio"

Sostantivi

I sostantivi in birmano sono resi al plurale aggiungendo come suffisso la particella တွေ twe [dè] (o [tè] se la parola termina con un' occlusiva glottidale sorda ) nel birmano colloquiale oppure များ mya: [mjà] nel birmano formale. La particella တို့ (tou. [to̰] , la quale indica un gruppo di persone o cose, è anche aggiunta come suffisso al sostantivo modificato. Ad esempio:

I suffissi del plurale non sono usati quando il sostantivo è "quantificato" con l'aggiunta di un numero.

"cinque bambini"
ကလေး ယောက်
hka.le: nga: yauk
/kʰəlé ŋá jaʊʔ/
bambino cinque classificatore

Sebbene il birmano non abbia il genere grammaticale (cioè, sostantivi maschili o femminili), una certa distinzione tra i sessi viene fatta per mezzo di alcuni suffissi. I sostantivi sono "maschilizzati" con le seguenti particelle: ထီး hti: [tʰí] , hpa [pʰa̰] , or ဖို hpui [pʰò] , a seconda del sostantivo; sono invece "femminilizzati" con la particella ma. [ma̰] . Ad esempio:

Classificatori numerici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Classificatori della lingua birmana .

Come per le vicine lingue thailandese , bengalese e cinese , anche il birmano usa i cosiddetti "classificatori numerici" (chiamati in inglese classifiers oppure measure words ) quando i sostantivi sono contati o quantificati. L'uso equivale grosso modo ad alcune espressioni italiane come ad esempio "tre paia di scarpe" oppure "una tazza di caffè". I classificatori sono richiesti quando i sostantivi vengono contati; ad esempio, ကလေး ၅ hka.le: nga: [kʰəlé ŋà] (alla lettera, "bambino cinque") non è corretta, dal momento che manca il classificatore per le persone ယောက် yauk [jaʊʔ] , il quale deve necessariamente andare dopo il numero.

L'ordine delle parole standard di parole contate è: sostantivo quantificato + aggettivo numerale + classificatore, eccetto per i numeri tondi (cioè che finiscono con zero), per i quali l'ordine è invertito e il sostantivo precede il classificatore; in questo caso l'ordine è: sostantivo quantificato + classificatore + aggettivo numerale. L'unica eccezione a questa regola è il numero 10, che segue l'ordine normale.

Birmano MLCTS IPA Uso Note
ယောက် yauk [jaʊʔ] per persone Usato in contesti informali
ဦး u: [ʔú] per persone Usato in contesti informali oppure per monaci e suore
ပါး pa: [bá] per persone Usato esclusivamente per monaci e suore buddiste
ကောင် kaung [kàʊɴ] per animali
ခု hku. [kʰṵ] classificatore generico Usato con quasi tutti i sostantivi eccetto gli oggetti animati
လုံး lum: [lóʊɴ] per oggetti rotondi
ပြား pra: [pjá] per oggetti piatti
စု cu. [sṵ] per gruppi Può essere pronunciato [zṵ] .

Particelle

La lingua birmana fa largo uso delle particelle grammaticali (chiamate in birmano ပစ္စည်း ), le quali dono parole spesso intraducibili che sono aggiunte come suffissi o prefissi alle parole per indicare il livello di rispetto, il tempo grammaticale o il modo. Secondo il "Dizionario birmano-inglese" (1993), ci sono 449 particelle nella lingua birmana. Per esempio, စမ်း [sáɴ] è una particella grammaticale usata per indicare il modo imperativo. လုပ်ပါ ("lavorare" + particella che indica cortesia) non indica l'imperativo, mentre လုပ်စမ်းပါ ("lavorare" + particella che indica il modo imperativo + particella che indica cortesia) indica invece l'imperativo. Le particelle possono essere combinate in alcuni casi, specialmente quelle che modificano i verbi.

Alcune particelle modificano la parte del discorso di una parola. La più nota tra queste è probabilmente la particella [ə] , la quale è aggiunta come prefisso a verbi o aggettivi per formare sostantivi o avverbi. Per esempio, la parola ဝင် significa "entrare", ma, se combinata con , significa "entrata" အဝင် . Inoltre, nel birmano colloquiale vi è la tendenza a omettere il secondo nelle parole che seguono la forma + sostantivo/avverbio + + sostantivo/avverbio; ad esempio, အဆောက်အအုံ , è pronunciato [əsʰaʊʔ ú] , mentre in contesti formali è pronunciato [əsʰaʊʔ əòʊɴ] .

Pronomi

I pronomi personali soggetto danno inizio alle frasi, sebbene il soggetto sia generalmente omesso nelle forme imperative e nelle conversazioni. Da un punto di vista grammaticale, le particelle che denotano il soggetto က [ɡa̰] nel birmano colloquiale, သည် [θì] nei contesti formali) devono essere attaccate al pronome personale soggetto, sebbene esse siano generalmente omesse nella conversazione. I pronomi personali oggetto devono avere una particella che denoti la loro funzione di oggetto ကို [ɡò] nel birmano colloquiale, အား [á] nel birmano formale) attaccati immediatamente dopo il pronome. I nomi propri sono spesso sostituiti da pronomi. La status di qualcuno in relazione agli interlocutori determina i pronomi usati, dal momento che certi pronomi sono usati per differenti interlocutori.

I pronomi di cortesia sono usati per riferirsi a persone anziane, insegnanti ed estranei, attraverso l'uso dei pronomi di terza persona dell'era feudale al posto dei pronomi personali in prima e seconda persona. In tali casi, ci si riferisce a se stessi nella terza persona: ကျွန်တော် kya. nau [tɕənɔ̀] per gli uomini e ကျွန်မ kya. ma. [tɕəma̰] per le donne, entrambi con il significato di "tuo servitore", e si riferisce agli interlocutori con မင်း min [mɪ́ɴ] "sua altezza", ခင်ဗျား khang bya: [kʰəmjá] "signore, padrone" ( သခင်ဘုရား ) oppure ရှင် hrang [ʃɪ̀ɴ] "sovrano/padrone". [20] Questi termini sono così radicati nel discorso cortese quotidiano che le persone li usano come pronomi in prima e seconda persona senza neanche badare al loro reale significato.

I pronomi di base sono:

Persona Singolare Plurale*
Informale Formale Informale Formale
Prima persona ငါ
nga
[ŋà]
ကျွန်တော်
kywan to
[tɕənɔ̀]

ကျွန်မ
kywan ma.
[tɕəma̰]
ငါဒို့
nga tui.
[ŋà do̰]
ကျွန်တော်တို့
kywan to tui.
[tɕənɔ̀ do̰]

ကျွန်မတို့
kywan ma. tui.
[tɕəma̰ do̰]
Seconda persona နင်
nang
[nɪ̀ɴ]

မင်း
mang:
[mɪ́ɴ]
ခင်ဗျား
khang bya:
[kʰəmjá]

ရှင်
hrang
[ʃɪ̀ɴ]
နင်ဒို့
nang tui.
[nɪ̀ɴ do̰]
ခင်ဗျားတို့
khang bya: tui.
[kʰəmjá do̰]

ရှင်တို့
hrang tui.
[ʃɪ̀ɴ do̰]
Terza persona သူ
su
[θù]
(အ)သင်
(a.) sang
[(ʔə)θɪ̀ɴ]
သူဒို့
su tui.
[θù do̰]
သင်တို့
sang tui.
[θɪ̀ɴ do̰]
* La particella di base per indicare il plurale è တို့ tui. , nel birmano colloquiale ဒို့ dui. .
Usato da locutori di sesso maschile.
Usato da locutori di sesso femminile.

Altri pronomi sono riservati per parlare con i bhikkhu (monaci buddisti). Quando si parla a un bhikkhu, pronomi come ဘုန်းဘုန်း bhun: bhun: (da ဘုန်းကြီး phun: kri: "monaco"), ဆရာတော် chara dau [sʰəjàdɔ̀] "insegnante reale", e အရှင်ဘုရား a.hrang bhu.ra: [ʔəʃɪ̀ɴ pʰəjá] "vostra signoria" sono usati a seconda dello status ဝါ . Quando ci si riferisce a se stessi, termini come တပည့်တော် ta. paey. tau "discepolo reale" or ဒကာ da. ka [dəɡà] , "donatore" sono usati. Quando si parla a un monaco, si usano i seguenti pronomi:

Persona Singolare
Informale Formale
Prima persona တပည့်တော်
ta.paey. tau
ဒကာ
da. ka
[dəɡà]
Seconda persona ဘုန်းဘုန်း
bhun: bhun:
[pʰóʊɴ pʰóʊɴ]

(ဦး)ပဉ္စင်း
(u:) pasang:
(ʔú) bəzín
အရှင်ဘုရား
a.hrang bhu.ra:
[ʔəʃɪ̀ɴ pʰəjá]

ဆရာတော်
chara dau
[sʰəjàdɔ̀]
Per le donne si aggiunge come suffisso la particella ma. .
Riservato tipicamente al capo monaco di un monastero kyaung .

Nel birmano colloquiale, i pronomi possessivi sono contratti quando il pronome di base ha un tono basso. Questo non accade nel birmano letterario, dove si usa il ၏ [ḭ] come "marcatore postposizionale" per il caso genitivo invece di ရဲ့ jɛ̰ . Ad esempio:

  • ငါ [ŋà] "I" + ရဲ့ (marcatore postposizonale per il caso genitivo) = ငါ့ [ŋa̰] "mio"
  • နင် [nɪ̀ɴ] "you" + ရဲ့ (marcatore postposizionale per il caso genitivo) = နင့် [nɪ̰ɴ] "tuo"
  • သူ [θù] "lui, lei" + ရဲ့ (marcatore postposizionale per il caso genitivo) = သူ့ [θṵ] "suo (maschile e femminile)"

La contrazione ha luogo anche in alcuni sostantivi con tono basso, quando li si rende genitivi (ad esempio, အမေ့ oppure မြန်မာ့ , che significano rispettivamente "della mamma" e "della Birmania").

Reduplicazione

La reduplicazione è molto diffusa nella lingua birmana ed è usata per intensificare o indebolire il significato degli aggettivi. Ad esempio, se ချော [tɕʰɔ́] "bello" è reduplicato, l'intensità del significato dell'aggettivo cresce. Molte parole birmane, specialmente aggettivi bisillabici come ad esempio လှပ [l̥a̰pa̰] "bello", quando reduplicati ( လှပလှလှပပ [l̥a̰l̥a̰ pa̰pa̰] ) diventano avverbi . Questo vale per alcuni verbi e sostantivi birmani (ad esempio, ခဏ "un momento" → ခဏခဏ "spesso"), che diventano avverbi se reduplicati.

Alcuni sostantivi sono reduplicati anche per indicare il plurale. Per esempio, ပြည် [pjì] significa "paese", ma se reduplicato in အပြည်ပြည် [əpjì pjì] , significa "molti paesi", come anche အပြည်ပြည်ဆိုင်ရာ [əpjì pjì sʰàɪɴ jà] "internazionale". Un altro esempio è အမျိုး , che significa "un tipo", mentre la forma reduplicata အမျိုးမျိုး significa "vari tipi".

Anche alcuni classificatori possono essere reduplicati, e va ad aggiungersi il significato "l'uno o l'altro":

  • ယောက် (classificatore per le persone) → တစ်ယောက်ယောက် (qualcuno)
  • ခု (classificatore per oggetti) → တစ်ခုခု (qualcosa)

Termini di parentela

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Termini di parentela in birmano .

Lievi differenze di pronuncia esistono nelle regione della valle del fiume Irrawaddy . Per esempio, la pronuncia [sʰʊ́ɴ] of ဆွမ်း "offerta di cibo [ai monaci]" è più diffusa nella Birmania meridionale, al posto della pronuncia [sʰwáɴ] , che invece è più diffusa nella Birmania settentrionale. Ciononostante, la differenza più lampante tra birmano settentrionale e meridionale è che il birmano settentrionale distingue tra parenti materni e paterni:

Termine Birmano settentrionale Birmano meridionale Dialetto merguese (di Myeik )
  • Zia paterna (più vecchia)
  • Zia paterna (più giovane)
  • Zia materna (più vecchia)
  • Zia materna (più giovane)
  • Zio paterno (più vecchio)
  • Zio paterno (più giovane)
  • Zio materno (più giovane)
  • Zio materno (più vecchio)

1 La zia (materna o paterna) più giovane potrebbe essere chiamata ထွေးလေး [dwé lé] , mentre lo zio paterno più giovane ဘထွေး [ba̰ dwé] .

Come prova del potere di mezzi di comunicazione di massa, la lingua della città di Yangon sta prendendo piede persino nella Birmania settentrionale. Il birmano settentrionale, sebbene storicamente e tecnicamente accurato, è visto sempre più come lingua delle campagne o nel migliore dei casi una parlata regionale. Infatti, alcuni usi sono già considerati prettamente regionali e tipici del birmano settentrionale e sono probabilmente destinati a scomparire. Ad esempio:

Termine Birmano settentrionale Birmano standard
  • Fratello maggiore (di una persona di sesso maschile)
  • Fratello maggiore (di una persona di sesso femminile)
  • Fratello minore (di una persona di sesso maschile)
  • Fratello minore (di una persona di sesso femminile)
  • Sorella maggiore (di una persona di sesso maschile)
  • Sorella maggiore (di una persona di sesso femminile)
  • Sorella minore (di una persona di sesso maschile)
  • Sorella minore (di una persona di sesso femminile)

In generale, i termini maschiocentrici dei termini di parentela nel birmano antico sono stati sostituiti nel birmano standard con termini femminocentrici, che sono adesso usati per entrambi i sessi. Un retaggio ne è l'uso di ညီ (fratello minore di una persona di sesso maschile) e မောင် (fratello minore di una persona di sesso femminile). Termini come နောင် (fratello maggiore di una persona di sesso maschile) e နှမ (sorella minore di una persona di sesso maschile) adesso sono usati nel birmano standard solo in parole composte come ညီနောင် (fratelli) o မောင်နှမ (fratelli e sorelle).

Romanizzazione e trascrizione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Romanizzazione della lingua birmana .

Non ci sono sistemi di romanizzazione ufficiali per la lingua birmana. [ senza fonte ] Ci sono stati tentativi di crearne uno, ma nessuno ha avuto successo. La scrittura dei suoni birmani in alfabeto latino è complicata. C'è anche un sistema di trascrizione basato sul pali, il Sistema di trascrizione MLC (MLCTS) che è stato ideato dalla Commissione linguistica birmana (MLC). In ogni caso, esso trascrive solo i suoni del birmano formale ed è basato sull' alfabeto birmano piuttosto che sulla fonologia .

Sono stati proposti molti sistemi di trascrizione per la lingua colloquiale, ma nessuno viene preferito in modo preponderante rispetto agli altri.

La trascrizione del birmano non è standardizzata, come si nota nelle varie trascrizioni dei nomi birmani. Per esempio, un nome di persona birmano come ဝင်း [wɪ́ɴ] può essere romanizzato come Win, Winn, Wyn o Wynn, mentre ခိုင် [kʰàɪɴ] può essere romanizzato come Khaing, Khine, or Khain.

Problematiche relative ai font

Un problema noto relativo alla lingua birmana è legato all'implementazione dei suoi caratteri su computer e telefoni, la quale, per ragioni storiche, non segue sempre la codifica Unicode . In particolare, fino agli anni 2000, il set di caratteri Unicode per il birmano non era utilizzato, ma si utilizzavano sistemi non Unicode o addirittura sistemi basati su immagini JPEG o GIF per rappresentare i caratteri. In tempi più recenti si è diffuso in Birmania un font chiamato "Zavgyi" che ha conosciuto un'enorme diffusione e oggi risulta il più utilizzato. Non è, però, compatibile con Unicode e una parte dei suoi codici va a sovrapporsi con i caratteri latini. La ragione della diffusione del font Zavgyi è probabilmente da ricercarsi nella maggior facilità di scrittura (si veda anche la pagina " scrittura birmana "). [21]

Il font Zavgyi non è quasi mai implementato nei sistemi operativi per computer ( Windows e MacOS - su Linux , invece, risulta implementato) e per telefoni, nonostante la maggior parte dei messaggi (inclusi gli SMS delle stesse compagnie telefoniche) siano codificati in Zavgyi. La mancata codifica del testo è spesso riconoscibile dalla presenza di punti interrogativi oppure di diacritici orfani. Spesso la mancata codifica rappresenta un grosso ostacolo per gli ignari utenti che desiderano imparare il birmano, dal momento che software come ad esempio Google Translate risulta non funzionare con la codifica Zavgyi. È necessario pertanto installare software di terze parti oppure utilizzare portali online che codificano il testo da Zavgyi a Unicode e viceversa, al fine di poter utilizzare i software. Le stesse pagine di Wikipedia (inclusa la presente pagina) mostrano caratteri birmani nettamente diversi (con parole totalmente prive di senso) se non codificate correttamente.

Note

  1. ^ Costituzione della Repubblica dell' Unione Birmana (2008), Capitolo XV, clausola 450
  2. ^ chang2003 .
  3. ^ Sinley, 1993, pag. 147
  4. ^ bradley1993 , pag. 147 .
  5. ^ Barron, Okell, |Yin, VanBik, 2007, pagg. 16-17
  6. ^ lieberman2003 , pagg. 202-206 .
  7. ^ ( EN ) Michael Adas, The Burma Delta: Economic Development and Social Change on an Asian Rice Frontier, 1852–1941 , Univ of Wisconsin Press, 20 aprile 2011, pp. 67-77, ISBN 978-0-299-28353-7 .
  8. ^ Burmese at Ethnologue (18th ed., 2015)
  9. ^ chang2003 , pag. 63 .
  10. ^ jones1986 , pagg. 135-136 .
  11. ^ a b c d wheatley1987 .
  12. ^ taylor1920 .
  13. ^ benedict1948 , pagg.184-191 .
  14. ^ a b c d herbert1989 .
  15. ^ khinmin1987 .
  16. ^ harvey1925 , pag. 307 .
  17. ^ a b aung-thwin2005 , pagg. 167-168, 197-200 .
  18. ^ lieberman2003 , pag. 136 .
  19. ^ tawseinko1924 , pag. viii .
  20. ^ bradley1993 , pagg. 157-160 .
  21. ^ Zawgyi.ORG Developer site Archiviato il 7 aprile 2008 in Internet Archive .

Bibliografia

Articoli

Libri

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità Thesaurus BNCF 64075 · LCCN ( EN ) sh85018133 · GND ( DE ) 4120159-0 · BNF ( FR ) cb119367523 (data) · NDL ( EN , JA ) 00560676