Libi

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Menm non - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Libi (menm non) .
Libi
Libi - Drapo Libi - Manto
( detay ) ( detay )
Libi - Kote
Done administratif
Non konplè Eta Libi
Non ofisyèl دولة ليبيا
Lang ofisyèl yo Arab
Lòt lang Berber , teda
Kapital Coats of arms of Municipality of Central Tripoli.png Tripoli (3,072,000 moun ki rete / 2019)
Politik
Fòm gouvènman an repiblik palmantè
Chèf Leta Mohamed al-Menfi
premye Minis Abdul Hamid Mohammed Dbeibeh (anons pwovizwa)
(Gouvènman Inite Nasyonal Tripoli, Nasyonzini rekonèt li)
Endepandans 10 fevriye, 1947 soti nan peyi Itali ;

24 Desanm, 1951 pa sipèvizyon moun ki an Wayòm Ini a ak Lafrans

Antre nan Nasyonzini an 14 Desanm, 1955
Sifas
Total 1.759.540 km ² ( 16º )
% nan dlo 0.5%
Popilasyon
Total 6.871.287 abitan. ( 2018 ) ( 103º )
Dansite 3.74 moun / km ²
Non moun ki rete yo Libyen
Jewografi
Kontinan Lafrik
Fwontyè Tinizi , Aljeri , Nijè , Chad , Soudan , peyi Lejip
Lag jè UTC + 2
Ekonomi
Lajan Dina Libyen
GDP (nominal) $ 31 531 milyon (2020)
GDP per capita (nominal) 4 746 $ (2020)
GDP ( PPP ) $ 87 067 milyon (2017)
GDP per capita ( PPP ) 21 805 $ (2020)
ISU (2019) 0.724 (segondè) ( 105º )
Fètilite 2.5 (2011) [1]
Divès
ISO 3166 kòd LY , Lby, 434
TLD .ly
Prefiks tel. +218
Otom. LAR
Im nasyonal Libi, Libi, Libi
Jou ferye nasyonal la 17 fevriye
Libi - Kat
Istorik evolisyon
Eta anvan an Drapo Libi (1977) .svg Jamahiriya Arab Libyen Gwo Sosyalis Pèp la

Kowòdone : 27 ° N 17 ° E / 27 ° N 17 ° E 27; 17

Libi ( AFI : / Libi / [2] ; nan Arabic : ليبيا, Lībiyā), ofisyèlman yon eta de Libi [3] , se yon eta nan Afrik Dinò .

Li okipe pati santral la nan Afrik Dinò , neglijans lanmè Mediterane a bò kote Gòlf la nan Sirte , ant 10yèm la ak 25th bò solèy leve Meridian; Libi se peyi a katriyèm pi gwo nan Lafrik di pa zòn , disetyèm lan nan mond lan. Li fontyè Tinizi nan nò-lwès la, Aljeri nan direksyon wès la, Nijè ak Chad ale nan sid la, Soudan ale nan sid-bò solèy leve a, peyi Lejip sou bò solèy leve a.

Istwa

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Istwa nan Libi .

Jodi a peyi Libi te rete depi Neyolitik peryòd la pa pèp endijèn, zansèt nan jounen jodi a nan bèrbèr , dedye a elvaj la nan bèt ak kiltivasyon nan nan sereyal .

Moun peyi Lejip la

Gen kèk nan popilasyon sa yo (an patikilye Libu nan ) te antre nan òbit la moun peyi Lejip pandan Ansyen an ak Mwayen Wayòm , vin aflu nan faraon yo . Pèp yo Libyan, alye ak pèp yo nan lanmè a , yo te bat yo moun peyi Lejip la ak bat, entegre nan Peyi Wa ki jiskaske yo te vin sou pouvwa ak Herihor , gouvènè peyi yon Peyi Wa otonòm nan Upper peyi Lejip pandan twazyèm peryòd la entèmedyè , ak Hedjekheperra- setepenra fondatè dinasti yo Libyan ( XXI , kseui ak XXIII dinasti ). Yon fwa ankò, Dinasti a Nubian ki ranplase yo te te fè leve nan pitit pitit Libyan nan Herihor.

Greco-Fenisyen règ

Fenisyen yo nan lavil Tir pita te fonde pò yo nan Leptis , Oea ( Tripoli ) ak Sabratha , ki pita tonbe nan òbit la nan Carthage , pandan y ap moun Lagrès yo rete nan Cyrene , Arsinoe , Berenice , Apollonia ak Barce , konsa fòme sa yo rele Pentapolis Cyrenaica la. . Nan enteryè a nan peyi Libi Peyi Wa ki nan Garamantes yo devlope. Anfèt, nan 332 - 331 BC , Aleksann Legran yo konkeri peyi Lejip, tou metrize konfederasyon an nan lavil grèk ki leve nan lwès fwontyè li yo. Cyrenaica Lè sa a, te antre nan òbit la nan Ptolemies yo nan peyi Lejip , ki moun ki tou ki te fonde vil la nan nouvo nan Tolemayis .

Women, Vandal ak Bizanten règ

Anpi a Women achte Tripolitania nan 146 BC apre destriksyon nan definitif nan Carthage, ak Cyrenaica nan 96 BC , eurte ak Garamantes yo nan enteryè la. Teritwa yo pral òganize nan pwovens yo nan Lafrik di Proconsularis ak Krèt ak moun Sirèn . Leptis Magna , ki te vin tounen youn nan twa lavil yo pi gwo nan tout Afrik Dinò , te bèso a nan Severi dinasti a . Vout la dedye a anperè Septimius Severus a, orijinal soti nan Leptis Magna ( Vout triomphe jeneralman rezève pou batay), te rive nou nan kondisyon ki pafè.

Diocletian , nan divizyon an nan Anpi a, divize Libi ant Tripolitania , nan lwès dyosèz la nan Lafrik , ak peyi Libi siperyè ak Libi enferyè nan lès Dyosèz nan peyi Lejip . Tranblemanntè, envazyon nan moun lavil Aram popilasyon ak n bès nan lavil (Leptis ak moun Sirèn) ki te koze n bès nan nan rejyon an.

Nan 430 vandal yo nan Genseric , nan aryen relijyon, deja konkeri Carthage, okipe teritwa yo Libyan, ale byen lwen tèlman kòm detwi Tolemayis . Rive sou fen syèk la 5th eta a Vandalis tonbe nan n bès, abandone pi fò nan enteryè a Mauri nan ak branch fanmi dezè ak lòt.

Nan 533 , anperè a Bizanten Jistinyen , detèmine aplike politik vas li nan rekonkèt nan Wès la, fè lagè nan Lafrik di, jiskaske, apre yon ane nan lit, dènye Vandalis wa a, Gelimer , remèt nan 534 Bizanten jeneral Belisarius nan . Jistinyen etabli Prefecture a nan palè a nan Lafrik di, te fè leve nan sèt pwovens, ki gen ladan Tripoli , defann teritwa yo soti nan envazyon yo nan bèrbèr yo. Pwovens yo Nò Afriken, ansanm ak Sardinia ak tout byen yo Women nan peyi Espay, yo te reyini nan ègzarka la nan Lafrik di pa anperè Maurice a . Ègzarka la ki gen eksperyans yon pwosperite sèten epi li te jwenn tèt li, apre yo fin 640 , li te gen fè fas a enpak la nan konkèt la Islamik, jere, kwake ak kèk kontretan, kenbe moute ak menas la pou kèk tan. Deja nan 643 Arab yo te rive nan Cyrenaica, etabli nan 644 gouvènè a nan rejyon an nan vil la nan Barqa, Anvan Barca . Men, nan 698 yon lame Arab soti nan peyi Lejip sakaje Carthage, li pran ègzarka la, mete yon fen nan kretyen ak règ Women sou Afrik Dinò.

Arab ak otoman règ

Nan nevyèm syèk la Abbasid Ifriqiya nan (ki anbrase yon bon pati nan prezan-jou peyi Libi, men se pa Tripolitania) te asiyen nan jesyon otonòm Emir Ibrahim Ibn Al-Aghlab nan , eponim nan dinasti a Aghlabid , nan lòd yo pi bon goumen andemik nan relijye, ekonomik ak sosyal insurrectionism nan lokal Kharijites . Ismèli Fatimids nan bat Aghlabids yo nan 990 , fondatè yon nouvo kalifa (ofisyèlman "Imamate") nan peyi Lejip, nan ki rejyon yo ki pral fòme prezan-jou Libi te vin aflu.

Kwazad nan Dezyèm finalman pèmèt norman yo nan Roger II nan nan Sicily yo pran posesyon kòt la tout antye Libyan, ant Tripoli ak kap Bon ( 1135 ), byenke yo te pli vit mete deyò ( 1163 ) pa Almodad yo nan al-andalouz . Soti nan 1350 jouk mitan syèk la kenzyèm li te Hafsid gouvènè yo nan Tunis ki gouvène peyi Libi lotonomi jouk lavil yo prensipal pwoklame tèt yo otonòm, anrichisan tèt yo ak "lagè nan kous" tou ki te fonde pa otorite yo Hafsid epi ki te wè pou yo sèvi ak yon nimewo bon nan kosher ki, nan mond lan kontanporen Latin lan, te defini kòm "barbaresque".

Menas la nan kosher yo Barbary pouse èspayol yo , mèt nan Peyi Wa ki nan Sicily , nan entèvni nan 1510 , angajman Tripoli ak Malta chvalye yo nan San Giovanni . Finalman, li te otoman yo ki te okipe Cyrenaica ( 1517 ) ak Tripolitania ( 1521 - 1551 ) pou tout tan.

Avèk febli nan disparisyon Anpi Ottoman an, yon nouvo gouvènman otonòm etabli pwòp tèt li nan peyi Libi ant 1711 ak 1835 , anba Karamanli dinasti a , ofisyèlman afliyan Sultan a, ak mache byen nan komès nan esklav ak lagè kous . Aktivite a bato Libyan pouse Etazini yo nan Amerik yo entèvni, pou premye fwa a deyò kontinan an, nan Premye Barbary Lagè (1801-1805), okipe vil la nan Derna . Greater presyon soti nan Ewopeyen yo pouse Sultan a soulaje Karamanli nan nan biwo ak re-etabli Ottoman règ ( 1835 ), pandan ke yo nan 1843 Muhammad b. 'Ali al-Sanusi , ki an tèt yon enpòtan mistik fratènite , rete nan Cyrenaica, fè pwozelit nan tout Cyrenaica ak Tripolitania.

Kolonizasyon Italyen an ak Dezyèm Gè Mondyal la (1911-1951)

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Italyen-Turkish Gè , 1939 Libi resansman ak Italyen Libi .


Nan 1911 Giolitti nan peyi Itali deklare lagè sou disparisyon Anpi Ottoman an [4] yo jwenn kontwòl sou Tripolitania ak Cyrenaica , ki pasyèlman apwouve lapè a de Lausanne (1912). Jiska byen bonè trant yo , Italyen yo goumen rèd mare rezistans a ki te òganize pa Senussi nan [5] , jouk rido kote pou yo Oma al-Mukhtar nan 1931 , pandan y ap kolon Italyen rete nan peyi Libi, jiskaske yo konstitye, nan 1939 , 13% nan popilasyon an.

Nan 1934 , ak sendika a nan Tripolitania ak Cyrenaica, Governorate Jeneral la nan Libi te pwoklame, ki gouvènè a premye te Italo Balbo . Imedyatman, moun ki rete endijèn yo te kapab jwi estati a nan "sitwayen Italyen Libyan" ak tout dwa yo ki kapab lakòz. Mussolini apre 1934 te kòmanse yon politik favorab a Arab yo Libyan, lè w rele yo "Italyen Mizilman nan rivaj la Katriyèm nan peyi Itali" ak tout ti bouk bati [6] destine pou yo.

Nan 1937 Italo Balbo divize Italyen Libi nan kat pwovens [7] ak yon teritwa Saharan: pwovens lan nan Tripoli , pwovens lan nan Bengasi , pwovens lan nan Derna , pwovens lan nan Misurata ak Southern Teritwa a Militè ak kapital Hun a [8] . Nan mwa janvye 1943 Libi te okipe pa twoup alye yo, malgre sa a pi fò nan Italyen yo rete nan peyi a.

Avèk Trete a Lapè nan 1947 , Grann Bretay administre Tripolitania ak Cyrenaica, France Fezzan la, anba Nasyonzini tutelle , pandan y ap band lan Aozou (te jwenn nan Mussolini nan 1935) te retounen nan koloni an franse nan Chad .

Endepandans ak Wayòm Libi (1951-1969)

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Wayòm Ini nan peyi Libi .
Bandera ng Wayòm Ini a nan peyi Libi ( 1951 - 1969 , 2012 - nan itilize).

Sou, 24 desanm 1951, Libi deklare endepandans kòm " Wayòm Ini a nan peyi Libi ", yon éréditèr ak konstitisyonèl monachi anba wa Idris al-Sanusi. Etazini ak Grann Bretay konsève de baz militè a, bay èstratejik enpòtans nan peyi a nan kontwole Mediterane a .

Ant 1947 ak 1951 premye sendika komèsyal ak òganizasyon politik yo te fonde, ki gen ladan Mouvman Travayè Libyen yo ak Inyon Travayè Libyen yo, ki, ki te rasin nan mitan travayè pò yo, te mennen, an Jiyè 1950, nan plizyè grèv pou imedya, regilasyon ak dwa salè travayè yo. Klandesten Libyan Pati a Kominis , te fonde an menm tan an, ki opere tou de nan sendika a ak nan Asosyasyon an politik pou Pwogrè nan peyi Libi, yon òganizasyon enpòtan pou goumen pou endepandans la nan peyi a Afriken yo. Òganizasyon politik yo ak sendika komès nan mouvman an travay nan peyi Libi yo te rete fèmen nan mwa desanm 1951 pa Britanik la ak kolaborasyon a nan monachi a, wa Idris mwen [9] .

Sou Mas 28, 1953 , Libi antre Lig la Arab , ak sou, 14 desanm 1955, Nasyonzini an . Nan ane 1950 yo, premye jaden yo lwil oliv yo te dekouvri. Sepandan, limite souverènte politik la te gen efè a ki gen yon lwa ki te pase nan 1955 ki te pèmèt yo sèvi ak nan jaden yo nan prensipal konpayi yo lwil oliv mond, rezève sèlman 50% nan revni yo a gouvènman an. Nan rit ane swasant yo kantite lwil ekstrè ogmante, men povrete kote pèp la te rlege pa chanje. [10] Sou 25 avril, 1963, se yon gwo refòm aboli sistèm federal la nan gouvènman an ak te non nan peyi a chanje nan Wayòm nan peyi Libi.

Rejim Gaddafi a (1969-2011)

Sou, 1 septanm 1969, wa Idris se rive wete pa yon gwoup de Nasserian ofisye yo. Peyi a te chanje non Repiblik la Arab nan Libi ak Mu'ammar Gaddafi dirije gouvènman an pwovizwa, ki te lanse yon pwogram nan etatizasyon nan gwo konpayi yo e byen Italyen, tou fèmen Etazini an ak Britanik baz militè yo.

Plen souverènte politik pèmèt gouvènman an sèvi ak revni yo nan konpayi yo lwil oliv gwo nan devlopman enfrastrikti nan peyi an. Nan 1970 byen yo nan Italo-Libi yo te konfiske, ak sitwayen yo tèt yo yo te fòse yo kite peyi a pa 15 Oktòb, 1970 .

Rejim lan anbake sou refòm peyi, ankouraje yon sistèm sekirite sosyal, asistans medikal gratis ak patisipasyon travayè yo nan pwofi konpayi piblik yo. Elektrisite te kòmanse rive jwenn popilasyon an pou gratis; to alfabetizasyon an te monte de 5 a 83%. [11]

Politik devlopman teritwa Gaddafi te pouswiv la te rann li posib reyalize, anplis amelyorasyon yo, nan tout domèn, nan enfrastrikti yo, ki gen ladan " gwo rivyè atifisyèl la ", yon enpoze travay idwolik ki, atravè eksplwatasyon dlo fosil, genyen nan lak anba tè, bay dlo pou bwè a yon popilasyon k ap grandi. Premye faz nan travay sa a te fini an 1991 ak seksyon an ki rive nan Bengasi, dezyèm lan an 1996 ak seksyon an ki te rive Tripoli, twazyèm lan nan 2000, sa ki pèmèt yo rive jwenn aryè a. [10]

Gaddafi pale kòm prezidan peyi Inyon Afriken nan bilding lan Nasyonzini nan Adis-Abeba nan eleksyon l 'nan mwa fevriye 2009.

Nan politik etranje, revolisyonè Libi sipòte mouvman liberasyon nasyonal, premye nan tout Yasser Arafat la PLO nan batay li kont pèp Izrayèl la . Vle ki pral eritye Nasser la, ant 1971 ak 1977 Gaddafi patisipe nan tantativ la yo te jwenn yon Federasyon an republik Arab ak peyi Lejip ak peyi Siri. Li te pita te eseye san siksè yo kreye federasyon ak Tinizi (1974), Chad (1981) ak Maròk (1984). Gaddafi pral eksplike filozofi politik li nan Papye Vèt la (1976).

Jamahiria

Drapo nan Grann sosyalis Moun nan Libyan Libyen Arab ( 1977 - 2011 ).
Icône loup mgx2.svg Sijè sa a menm nan detay: Libyan Great sosyalis Pèp la Arab Libyen .

Sou Mas 2, 1977, Jamahiria (literalman "repiblik nan mas yo") te pwoklame. Nan menm ane an, gras a revni yo ogmante de lwil oliv , Gaddafi te kapab ekipe eta li yo ak wout nouvo, lopital, akduk ak endistri yo. A la swit a nan popilarite, nan 1979 li demisyone nan tout pozisyon ofisyèl politik, pandan y ap rete lidè a sèlman nan peyi a ak tinon a "lidè nan revolisyon an". Fèb òganizasyon sa yo Libyan nan travay, sendika a komès ak mouvman politik, apre li fin soufri represyon pa monachi a, wa Idris mwen al-Sanusi, yo te définitivement elimine nan asasina yo ak enkarserasyon te bay lòd pa diktati a nasyonalis. Entèlektyèl [12] ak yon Maksis Oryantasyon soufri represyon an feròs nan rejim nan Gaddafi nan mwa avril 1973 ak desanm 1978 [13] .

Nan menm peryòd la, Libi te enplike nan yon konfli fwontyè kont Chad pou posesyon an nan teren an Aozou , se yon teritwa moun rich nan resous mineral, yon diskisyon ki te pasifikman rezoud sèlman nan 1994 . Epitou pandan peryòd sa a, ak pou anpil ane, Gaddafi te youn nan lidè yo kèk entènasyonal ki kontinye ap sipòte diktatè yo Idi Amin Papa ak Bokassa . [14]

Nan katreventèn yo , Gaddafi a Libi li configuré tèt li kòm yon " eta vakabon ", sipòtè nan gwoup teworis tankou Ilandè IRA a ak Palestinyen Nwa September [ te site ]. Gaddafi te progresivman eskli pa Òganizasyon Trete Nò Atlantik [ klè ], epi, nan reyaksyon a atak la nayklib Bèlen an 1986 , sou 15 avril nan menm ane a, Tripoli te bonbade pa Ameriken avyon de gè , nan Operasyon El Dorado Canyon . Kòm yon reyaksyon, Libi reponn ak yon esterilatak misil kont Lampedusa .

Nan 1988 , yo te nasyon an akize de òganize bonbadman an Lockerbie sou Pan Am vòl 103 , ki te touye 270 moun. Ak rezolisyon 748/92, Nasyonzini a enpoze yon anbago sou peyi Libi, ki te dire jouk pasasyon an nan akize a, ki te pran plas sou 5 avril, 1999, ak nan 2003 aseptasyon de responsabilite sivil nan direksyon pou viktim yo.

Jamahiria re-konekte avèk kominote entènasyonal la kòmanse nan nineties yo : nan 1990 ak kondanasyon an nan Irak nan Lagè Gòlf la , nan medyasyon ki genyen ant peyi Letiopi ak Eritrea , ak nan 1999 ak opozisyon an al-Qa'ida .

Sou, 15 me 2006, Etazini yo rekòmanse relasyon diplomatik koupe 25 ane pi bonè, retire Libi nan lis la nan "eta vakabon". Nouvo tansyon te parèt depi 2008 ant Libi ak Swis yo arestasyon an nan Jenèv nan pitit gason Gaddafi a, Hannibal , pandan y ap nan 2008 relasyon diplomatik ak Itali estabilize, gras a Trete a nan Benghazi . Soti nan mwa fevriye 2009 ak janvye 2010, Gaddafi te Prezidan aktyèl la nan Inyon an Afriken .

Gè Sivil (2011)

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Premye Libyan Lagè Sivil ak Entèvansyon Militè nan peyi Libi nan 2011 .

An fevriye 2011, boulvès popilè pete, ki te swiv pa yon konfli ame nan ki fòs rete fidèl a Gaddafi te opoze ensije yo nan Libyan Konsèy Nasyonal . Sou, 19 mas 2011, apre yo fin Rezolisyon 1973 nan Konsèy Sekirite Nasyon , yon entènasyonal entèvansyon militè te aktive, avèk objèktif a pwoteje Libyan popilasyon sivil la nan aplikasyon an nan yon pa gen okenn zòn -fly .

An reyalite, entèvansyon an pran fòm bonbadman twoup gouvènman, enfrastrikti sivil ak militè ak sipò twoup anti-gouvènman an. Òganizasyon Trete Nò Atlantik manm eta ki gen ladan peyi Etazini , Lafrans , Wayòm Ini , Itali ak Kanada , ak kèk Arab peyi: Katar ak Emira Arab Ini te patisipe nan entèvansyon an .

Depi mas 2011, anpil eta, kòmanse ak Lafrans , te rekonèt Nasyonal Tranzisyon Konsèy la kòm reprezantan nan sèl nan moun yo Libyan. Lòt eta yo te etabli lyen diplomatik ak Konsèy la, kenbe yon relasyon ak gouvènman an Gaddafi.

Milisyen Libyen nan Sirte nan 2011

17 oktòb 2011, dènye vil lwayalis an favè Gaddafi tonbe: Bani Walid. Fòs rejim yo bloke kounye a nan kèk zòn alantou Bani Walid ak Sirte. Libi te kapab Se poutèt sa dwe konsidere prèske antyèman gratis nan Gaddafi rejim nan .

Sou 20 mwa Oktòb 2011, Mu'ammar Gaddafi te kaptire, li touye nan peyi l 'a Sirte , se yon touye ki efektivman mennen nan sezon otòn la nan rejim l', li nan fen lagè a.

Apre sezon otòn Gaddafi, Libi te vin an otaj ak eklatman ki genyen ant anpil milis tribi ki te fòme kowalisyon rebèl la. Divès gouvènman ki te reyisi youn ak lòt yo te eseye enpoze otorite pouvwa santral la sou gwoup sa yo, ap eseye dezame yo oswa entegre yo nan lame nasyonal la, men yo esansyèlman echwe, paske administrasyon santral yo te toujou pwouve twò fèb epi palman an twò divize.

Lagè Sivil nan peyi Libi (2015): Kote dot red.svg Gouvènman Benghazi Kote dot lime.svg Gouvènman Tripoli Kote dot gray.svg Islamik Eta (IS) ak Ansar al-Chearya Kote dot yellow.svg Touareg

Peyi a divize

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Dezyèm Libyan Lagè Sivil .

Apre 18 me, 2014, sitiyasyon an pi mal apre koudeta a nan Jeneral Khalifa Belqasim Haftar ak okipasyon an nan bilding lan Palman an nan Tripoli pa sòlda rete fidèl l 'la. Jeneral la te te lanse yon atak sou kèk milis Islamik nan Cyrenaica de jou pi bonè, pa otorize pa gouvènman santral la. Sepandan, sou 30 Jiyè 2014, youn nan milis sa yo, Ansar al-Chearya , okipe Benghazi ak pwoklame emirate an Islamik. Eklatman vyolan te pran plas nan Tripoli tèt li, patikilyèman nan zòn nan ayewopò ant yon milisyen Islamik rele Fajr Lībiyā (Dawn nan Libi) ak lòt milis eksklizyon; tou de yo se an favè gouvènman an, men pozisyon yo nan direksyon pou Jeneral Haftar se enkoni [15] .

Sou 17 Desanm 2015, nan Skhirat , Maròk , reprezantan ki nan Kongrè a Tripoli ak Tobruch chanm lan te siyen yon akò pou fòmasyon nan yon "gouvènman an akò nasyonal", anba ejid yo nan Nasyon Zini [16] . Nan fòs depi mas 2016, akò lapè a poko jwenn sipò Chanm Reprezantan Tobruk ak Jeneral Haftar.

28 fevriye 2019, de gouvènman rival yo te siyen yon akò nan sans eleksyon jeneral ranvwaye yo. Sou Novanm 27, sepandan, gouvènman an nan Tripoli siyen yon akò militè ak Latiki . Apre sa, Benghazi palman an repo yo nan relasyon yo ak Latiki, ak Jeneral Haftar pwoklame jiad kont Latiki. Anplis de sa, Haftar te vin ogmante sipò nan men Larisi, tou de an tèm de sòlda sou tè a ak sipò diplomatik ak zam. Nan 2020, batay la ant de faksyon yo kontinye, ak moun peyi Lejip prezidan al-Sisi a te deklare ke sènen toupatou a nan Sirte ta reprezante yon liy wouj pou yon entèvansyon militè pa peyi Lejip nan sipò nan gouvènman an Tobruch.

Sou Out 21, 2020, prezidan an nan gouvènman an nan Tripoli, Fayez al-Sarraj , ak prezidan an nan palman an nan Tobruch, Aguila Saleh , ansanm deklare yon sispann tire imedya, ak yon eleksyon jeneral pwograme pou Mas 2021, rele pou retrè a nan mèsenè etranje ki soti nan teritwa Libyen an. [17] .

Reyinifikasyon

Apre chwa li nan un- nan dirije Jenèv chita pale, nouvo pwovizwa gouvènman an nan inite nasyonal ki te dirije pa Abdul Hamid Mohammed Dbeibeh , ak apre li fin resevwa konfyans nan Palman an Libyan ak yon majorite nan 132 vote soti nan 178 sou 10 mas 2021, 5 jou pita li te pran sèman an e li pran biwo nan Tripoli, ranplase tou de gouvènman anvan rival li: sa yo ki an Fayez Al Serraj e ke rete fidèl a Marshal Khalifa Haftar , ki baze nan Tobruk. Sou 23 mas pasasyon an ak lèt la ofisyèlman te pran plas nan Sirte, te dirije pa Abdullah al-Thani . [18] [19] [20]

Jewografi

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Jewografi nan peyi Libi .

Fwontyè ki separe peyi Libi se rezilta nan trete ak konvansyon make sou tan pa eta divès kalite ki gen ladan peyi Itali , Frans , Wayòm Ini a ak peyi Lejip ak sitou swiv referans atifisyèl tankou paralèl ak meridyen ak referans prèske pa janm natirèl tankou rivyè oswa mòn.

Kat fizik nan Libi

Li fontyè peyi Lejip sou bò solèy leve a, Soudan nan sid-bò solèy leve a, Chad ak Nijè nan sid la, Aljeri nan lwès la ak Tinizi nan nò-lwès la. Li benyen nan nò pa lanmè Mediterane a.

Libi se te yon eta pyonye nan Afrik Dinò nan pwoteksyon espès yo, ak kreyasyon zòn pwoteje El Kouf an 1975. Tonbe rejim Muammar Gaddafi a ankouraje braconnage entans: "Anvan sezon otòn Gaddafi, menm fizi chas yo te men depi 2011 braconnage te pote soti ak zam lagè ak machin sofistike nan ki jiska 200 tèt gazèl yo te touye pa milisyen lachas yo pase tan an. Nou ap tou wè Aparisyon nan chasè ki pa gen okenn. pa gen okenn koneksyon avèk branch fanmi yo ki tradisyonèlman lachas.Yo tire tout sa yo jwenn, menm pandan sezon elvaj la.Plis pase 500,000 zwazo yo touye nan fason sa a chak ane, lè zòn pwoteje yo te sezi pa chèf tribi Bèt yo ki te yon fwa te viv la te tout disparèt , lachas lè yo manjab oswa lage lè yo pa ", eksplike zoologist Khaled. Ettaieb. [21]

Morfologia

La Libia è dotata di una lunga costa mediterranea ed il suo territorio è prevalentemente piatto. A ovest, l'altopiano raggiunge il mare, creando scogliere e insenature profonde. Ad est, la costa è bassa, ornata da dune, fino al golfo di un'insenatura ampia e profonda, oltre la quale ricominciano le scogliere a picco. È dotata di una pianura costiera abbastanza estesa, che si rialza man mano che ci si inoltra verso Fezzan . Questa pianura corrisponde al golfo della Sirte , un bacino sedimentario caratterizzato, in alcuni punti, da altitudini anche inferiori al livello del mare e dall'abbondanza di giacimenti di idrocarburi sfruttati industrialmente. Al contrario, in Cirenaica è presente un altopiano già in vicinanza del mare. L'interno è basso, fino ai 250 metri, con l'eccezione del massiccio del Tibesti , caratterizzato da deserto roccioso e sabbioso, punteggiato di oasi . Il rilievo maggiore è il Bikku Bitti che raggiunge i 2 267 m slm , ma sono inoltre noti anche altri rilievi quali ad esempio il Gebel Auenat.

Idrografia

Il territorio libico ospita principalmente uadi sahariani che canalizzano l'acqua della stagione delle piogge . Gli unici fiumi perenni sono il Ki'am , il Ramla , in Tripolitania , e il Derna , in Cirenaica .

La falda acquifera, poco profonda in vicinanza del mare [22] , diventa più profonda inoltrandosi nel Fezzan . L' altopiano della Cirenaica è dotato di una rete di acque sotterranee che riaffiorano in sorgenti carsiche . Le depressioni del deserto, [23] danno luogo a piccoli laghi, spesso salati.

Per supplire al grande bisogno di acqua potabile, è stato costruito il grande fiume , un acquedotto che conduce sulla costa le acque delle falde preistoriche situate all'interno del paese. [24]

Clima

Il clima libico è fortemente influenzato dal deserto a sud e dal Mediterraneo a nord. Sulla regione costiera, la temperatura è piuttosto temperata: a Tripoli la media è di circa 26 °C d'estate e 14 °C d'inverno [25] , mentre le precipitazioni annue raggiungono i 380 mm, concentrate soprattutto nei mesi invernali. In estate, occasionalmente, in presenza di venti provenienti dal deserto, la temperatura nella capitale può raggiungere o superare i 45 °C. Nelle pianure centrali domina un clima semiarido, mentre il deserto a sud è soggetto a lunghi periodi di siccità. Sulla fascia costiera, generalmente più umida, soffia a volte in primavera e in autunno il ghibli , un vento secco, caldo e carico di sabbia.

Popolazione

Demografia

Crescita demografica in Libia dal 1961 al 2003

Nel 2010, prima dei conflitti, la Libia si collocava tra i paesi ad Indice di Sviluppo Umano medio - alto; all'epoca la speranza di vita media della popolazione era di 73 anni e la mortalità infantile era del 17‰. La densità di popolamento rimane ancor oggi molto bassa, con una media di tre abitanti per km 2 , con una popolazione che si addensa soprattutto lungo la costa, dove si contano oltre 200 abitanti per km², nella piana di Gefara e in alcune oasi.

Il 20% della popolazione risiede nella capitale, Tripoli, con 1 063 571 abitanti. Altri centri importanti sono: Bengasi , capoluogo della Cirenaica e seconda città del paese, Al Bayda , terza città più grande della Libia, tutte sulla fascia costiera. Al 2014, l'86% della popolazione abita in città. La popolazione libica parla l' arabo e il berbero e usa come moneta il dinaro libico .

Mappa della composizione etnica della Libia.

Etnie

I libici sono principalmente arabi , berberi e tuareg . I limitati gruppi tribali Hausa e Tebu di stanza nel sud della Libia conducono vita nomade o seminomade. La maggioranza degli stranieri presenti nel paese proviene da altri paesi africani, specialmente dall' Egitto [26] . Più di un milione di immigrati irregolari risiede in Libia [27] . Permane una piccola minoranza di Italiani ( Italo-libici ), nonostante la maggioranza sia emigrata negli anni cinquanta o sia stata espulsa nel 1970 [28] .

Dei 64 570 ebrei presenti nel paese nel 1948 [29] , 50 000 emigrarono in Israele , a seguito di vari pogrom , entro l'indipendenza libica nel 1951 [30] [31] . A seguito della guerra dei sei giorni , i 4 000 ebrei rimasti in Libia subirono un nuovo pogrom . Il governo senussita ingiunse loro di lasciare "temporaneamente" il paese. Dei 4 000 sbarcati in Italia , 2 200 vi rimasero, 1 300 optarono per Israele e la maggior parte degli altri per gli Stati Uniti . Solo poche famiglie restarono in Libia [32] [33] . Nel 1970 i beni degli ebrei libici furono confiscati, e successive compensazioni furono negate dal governo di Gheddafi [34] . La sinagoga di Tripoli , restaurata nel 1999 , è stata rasa al suolo da estremisti islamici [35] .

Culture e rapporti tra i popoli libici

La Libia, durante la sua storia, venne sempre considerata un'unica regione, ma ha sempre visto l'esistenza di due territori importanti come la Tripolitania, e la Cirenaica con culture ed ideologie completamente diverse. Nella storia ufficiale invece, la Libia è sempre stata considerata come una nazione unita a causa di invasioni, sottomissioni e dittature che hanno trovato comodo considerarla come un'unica entità.

Il conflitto tra la popolazione della regione di Tripoli nei confronti di quella di Bengasi e delle regioni limitrofe, e viceversa, è sempre stato accentuato. I tripolitani sono attaccati culturalmente al potere politico centrale della capitale, legame reso ancor più forte durante la dittatura di Gheddafi, mentre i Cirenaici sono molto legati alla loro tradizione locale, non si vedono rappresentati da Tripoli e si sentono soffocati dagli ideali centralistici della Tripolitania, sempre al centro della politica libica, sia se diretta da diktat internazionali, o autonomamente libica.

L'ultimo avvenimento che ha visto gli abitanti della Cirenaica scontrarsi con quelli della capitale si è verificato nel luglio 2012, quando il governo di transizione ha indetto le elezioni del Parlamento. Tali elezioni non furono, secondo i Cirenaici, organizzate correttamente, come anche le suddivisioni dei seggi parlamentari. Questo evidenzia di fatto la condizione di conflitto e di sfiducia tra i due popoli diversi.

Religioni

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia degli ebrei in Libia .

Dal 1970 la confessione islamica è stata proclamata religione di Stato.

I musulmani (per lo più sunniti , ma anche ibaditi , cioè kharigiti ) sono circa il 97%, i cristiani sono circa il 3%, e di questi circa 56 000 sono cattolici . La maggioranza della popolazione araba e arabo-berbera è sunnita , mentre la maggioranza dei berberi del Gebel Nefusa e di Zuara è ibadita .

Fino agli anni '60 viveva in Libia una cospicua comunità ebraica.

Lingue

L' arabo è la lingua ufficiale del paese. La lingua berbera è parlata, ma senza alcun riconoscimento ufficiale, da circa 160 000 persone, soprattutto nel Gebel Nefusa ( "nefusi" ), a Zuara sulla costa, e in vari centri dell'interno, come Ghat , Gadames , Socna e Augila . La lingua inglese è utilizzata a livello economico per i commerci. [ senza fonte ]

Ordinamento

Nel 2011, allo scoppio della guerra civile due diverse autorità politiche affermavano di rappresentare il legittimo governo libico. La prima era l' esecutivo guidato da Mu'ammar Gheddafi , la seconda era il Consiglio nazionale di transizione (CNT), che si opponeva decisamente alla dittatura, quasi quarantennale, di Gheddafi.

Il CNT, organo politico che guidava gli insorti, intendeva eleggere un'assemblea costituente per la definizione di un ordinamento democratico basato sullo svolgimento di elezioni libere e sulla separazione dei poteri [36] . Il governo di Gheddafi, al potere dal 1969 , corrispondeva, in termini politologici , a un regime autoritario militare , con la presenza di una leadership forte, un' ideologia incompiuta, e la mancanza di pluralismo e di una qualsiasi parvenza di uno stato di diritto .

Suddivisioni storiche e amministrative

Mappa della Libia con le città principali e le strade
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Distretti della Libia e Città della Libia .

La Libia è composta da tre regioni geografiche e storiche:

A seguito dell'occupazione britannica, tale ripartizione assunse altresì una valenza amministrativa, con la contestuale soppressione delle 4 province e del Territorio Militare del Sud istituiti da Italo Balbo. Successivamente, nel 1963 , il Paese fu suddiviso in governatorati ( muhafazat ); questi sarebbero rimasti sino al 1983 , quando fu introdotto il sistema basato sulle municipalità ( baladiyat ), a loro volta sostituite dai distretti ( sha'biyat ) nel 1995 .

Città principali

Città Popolazione Provincia Regione Sorge su
Tripoli 1 063 571 Distretto di Tripoli Tripolitania Costa
Bengasi 660 147 Distretto di Bengasi Cirenaica Costa
Misurata 400 000 Distretto di Misurata Tripolitania Costa
El-Azizia 318 170 Distretto di Gefara Tripolitania Costa
Tarhuna 226 554 Distretto di al-Murgub Tripolitania Costa
Beida 206 108 Distretto di al-Jabal al-Akhdar Cirenaica Costa
Homs 202 000 Distretto di al-Murgub Tripolitania Costa
Zawiya 198 567 Distretto di Zawiya Tripolitania Costa
Zuara 192 159 Distretto di al-Nuqat al-Khams Tripolitania Costa
Agedabia 140 000 Distretto di al-Wahat Cirenaica Costa
Sirte 135 451 Distretto di Sirte Tripolitania Costa
Sebha 126 400 Distretto di Sebha Fezzan Oasi Desertica
al-Marj 120 000 Distretto di al-Marj Cirenaica Costa
Tobruch 110 000 Distretto di al-Butnan Cirenaica Costa
Sabrata 105 000 Distretto di Sabrata e Sorman Tripolitania Costa
Zliten 100 000 Distretto di al-Murgub Tripolitania Costa
Garian 91 047 Distretto di al-Jabal al-Gharbi Tripolitania Alture del Gebel
Nalut 74 432 Distretto di Nalut Tripolitania Alture del Gebel
Iefren 72 663 Distretto di al-Jabal al-Gharbi Tripolitania Alture del Gebel
Ben Gascir 65 776 Distretto di Tripoli Tripolitania Costa
Derna 62 179 Distretto di Derna Cirenaica Costa
Gubba 60 610 Distretto di Derna Cirenaica Costa
Bani Walid 50 824 Distretto di Misurata Tripolitania Oasi Desertica
Birak 42 382 Distretto di Wadi al-Shatii Fezzan Oasi Desertica
Murzuch 41 500 Distretto di Murzuch Fezzan Oasi Desertica
Awbari 40 075 Distretto di Wadi al-Hayaa Fezzan Oasi Desertica
Sugh el Giumaa 40 000 Distretto di Tripoli Tripolitania Costa
el-Abiar 33 390 Distretto di al-Marj Cirenaica Costa
El-Giof 31 007 Distretto di Cufra Cirenaica Oasi Desertica
Mizda 28 939 Distretto di al-Jabal al-Gharbi Tripolitania Oasi Desertica
Hun 20 388 Distretto di Giofra Fezzan Oasi Desertica
Ghat 18 000 Distretto di Ghat Fezzan Oasi Desertica
Giarabub 17 750 Distretto di al-Butnan Cirenaica Oasi Desertica
Gadames 16 080 Distretto di Nalut Tripolitania Oasi Desertica
  • Viola : Capitale libica
  • Giallo : Capoluogo di regione
  • Verde : Capoluogo di municipalità

Istituzioni

Forze armate

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Forze armate libiche .

Le forze armate libiche sono state fondate nel 1951 e avevano raggiunto un numero di effettivi di circa 100.000 unità e di unità di riserva di circa 200 uomini impiegati all'estero. Esse avevano la propria sede a Tripoli , ed era adottata la coscrizione obbligatoria della durata a 18 mesi. L'esercito libico è in fase di ristrutturazione dopo l' intervento militare internazionale in Libia del 2011 e le guerre civili del 2011 e del 2014 che hanno portato al suo scioglimento.

Politica

Politica interna

Dopo la caduta di Gheddafi, salì al potere un governo di transizione, che secondo i pensieri e le valutazioni popolari, non eseguì il lavoro di restaurazione richiesto. [ senza fonte ] Dopo le elezioni per l'assemblea nazionale costituente del luglio 2012, nell'aprile 2013 quest'ultimo indisse le nuove elezioni per eleggere il parlamento. Il popolo libico fu chiamato a partecipare ad un appuntamento democratico che mancava da ben 48 anni. Anche se quest'elezioni si svolsero in un clima opprimente, promossero a pieno titolo i liberali , capeggiati da Mahmoud Jibril , e il partito del Fronte Nazionale [37] , portati avanti da Mohamed el-Magariaf. In queste elezioni delusero gli islamisti, che furono sconfitti, anche se avevano l'appoggio del braccio libico dei Fratelli Musulmani , che poco tempo prima, aveva trionfato nel vicino Egitto . L'unica e concreta svolta positiva di queste elezioni fu la campagna elettorale, anch'essa mancante da molto tempo in Libia, che si fece sentire soprattutto a Tripoli. Coloro che si proposero come una vera alternativa al modello politico contemporaneo furono i liberali, che per questo, dopo tante fatiche e persecuzioni, vinsero.

Politica estera

Christopher Stevens

La Libia è parte dell' ONU (dal 1955), della Lega Araba (dal 1953), dell' OPEC (dal 1962) e dell' Unione Africana (dal 1963 ). Le istituzioni di cui la Libia fa parte sono: ABEDA, AfDB, AFESD, AMF, AMU, AU, CAEU, COMESA, FAO, G-77, IAEA, IBRD, ICAO, ICRM, IDA, IDB, IFAD, IFC, IFRCS, ILO, IMF, IMO, IMSO, Interpol , IOC, IOM, IPU, ISO, ITSO, ITU, LAS, MIGA, NAM, OAPEC, OIC, OPCW, OPEC , PCA, UN, UNCTAD, UNESCO , UNIDO, UNWTO, UPU, WCO, WFTU, WHO, WIPO, WMO, WTO (osservatore).

Il 12 novembre 2011 , è stato ripreso dagli Stati Uniti , con l'invio a Tripoli , nel maggio 2012 , di un ambasciatore di pace , Christopher Stevens , [38] che credeva nella creazione di istituzioni democratiche nel mondo islamico . L'11 settembre 2012, in seguito ad un assalto di manifestanti, infiltrati da elementi terroristi che hanno incendiato la rappresentanza di Bengasi con il pretesto di vendicare la realizzazione di un filmato provocatorio su Maometto , l'ambasciatore fu una delle vittime degli scontri.

Economia

Prodotto Nazionale Lordo, [39] 76,5 miliardi di $ [40] , corrispondente a quasi 12 000 $ pro capite [41] .

La capitale Tripoli

Fino agli anni cinquanta del XX secolo considerata uno dei paesi più poveri del mondo, soprattutto a causa dell'improduttività del territorio, la Libia registrava già nel 1977 il reddito annuo pro capite più elevato del continente africano [42] , grazie allo sfruttamento dei grandi giacimenti di petrolio , iniziato nel 1959 e nazionalizzato dopo il 1970 .

Oltre a nazionalizzare sia le principali risorse del Paese, [43] che le attività produttive, il nuovo regime investì anche nello sviluppo dell' industria leggera e delle infrastrutture e nella modernizzazione dell'agricoltura, favorendo nel contempo l'immigrazione, per sopperire alla scarsità di manodopera. La diminuzione dei prezzi del petrolio negli anni ottanta ha poi ridimensionato le possibilità di sviluppo del Paese, al punto che il PIL ha fatto segnare in quel decennio un calo medio annuo del 5,4%; negli anni novanta il quadro economico ha risentito delle sanzioni economiche imposte alla Libia dall' ONU nel 1991 , revocate nel 1997. Nel 2006 gli Stati Uniti hanno cancellato la Libia dall'elenco dei cosiddetti “Stati canaglia”. La moneta è il dinaro libico .

Entro il 2017, il 60 per cento della popolazione libica sarà malnutrita. 1,3 milioni di persone su una popolazione totale di 6,4 milioni sono in attesa di aiuti umanitari d'emergenza. [44]

Risorse

Primario

L'agricoltura riveste scarsa importanza, sia per la limitatissima superficie coltivabile (1,2% del territorio), sia per la scarsità di acqua, anche se il governo ha investito molto sulla bonifica dei terreni agricoli e sul reperimento di risorse idriche con opere di sbarramento e l'utilizzo di ingenti quantità di acque fossili , convogliate verso la costa da un sistema di tubature. I principali prodotti agricoli sono: cereali , grano e orzo , coltivati nella fascia costiera e sulle pendici settentrionali delle alture che dominano la costa. Lungo quest'ultima crescono anche vite e olivo , agrumi e alberi da frutta.

Nelle zone pre-desertiche cresce lo sparto utilizzato sia per la cellulosa , sia per farne corde, stuoie e altri lavori d'intreccio; e inoltre tabacco, arachidi, patate, ricino ; dalla palma da dattero si ricavano frutti in abbondanza. Dato il clima arido, è molto praticato l' allevamento caprino e ovino. Poco importante la pesca (rilevante quella delle spugne ).

Secondario

La base dello sviluppo economico della Libia è rappresentata dal petrolio: le quantità da estrarre ogni anno ei relativi prezzi di vendita sono sotto il controllo del governo e in adesione alla strategia dell'OPEC. Il petrolio, di cui la Libia è il secondo produttore del continente africano dopo la Nigeria, contribuisce per oltre il 25% alla formazione del reddito nazionale e rappresenta la quasi totalità delle esportazioni.

I principali giacimenti petroliferi, Mabruk, Hofra, Zelten, Beda, Raguba, Ora, Samah, Gialo, Waha, Magid, Amal, Serir, Augila, sono collegati da oleodotti; le principali raffinerie sono a Marsa El Brega, Tobruch, Ras Lanuf, al-Zawiya. Esistono, inoltre, cospicui giacimenti di gas naturale. Vi sono anche saline, e da alcune zone lacustri del Fezzan si estrae il natron, il carbonato di sodio.

L'industria manifatturiera è di dimensioni assai modeste, con impianti tessili, alimentari, del tabacco, della concia del pellame; attività artigianali tradizionali sono la lavorazione dei tappeti, a Misurata, ei ricami in seta e argento.

Dagli anni settanta ha avuto un notevole impulso l'edilizia, con la costruzione di interi quartieri popolari alla periferia delle grandi città, che ha determinato il sorgere di cementifici e di fabbriche di laterizi.

Settore Terziario

Si sta sviluppando nel paese una rete di servizi alle imprese, finanza, commercio interno, servizi alla persona. Poco a poco le reti stradali si sviluppano, mentre la rete aerea è poco utilizzata.

Esportazioni e importazioni

Le sanzioni economiche in vigore dal 1991 al 1999 hanno fortemente ridotto gli scambi commerciali della Libia, la cui bilancia commerciale è sempre stata in forte attivo, grazie all'esportazione di greggio , destinato innanzitutto all' Italia (che in parte lo inoltra via oleodotto verso la Svizzera e la Germania) e quindi a Spagna , Turchia , Francia . Vengono in cambio importati beni industriali e alimentari, anche in questo principalmente dall' UE , Italia in testa.

Trasporti

I maggiori porti sono Tripoli , Bengasi , Marsa El Brega , relativamente recente e destinato unicamente all'imbarco di petrolio, Misurata e Tobruk . La rete stradale, sviluppata soprattutto lungo la costa ( via Balbia ), è asfaltata per un terzo. Un'autostrada costiera è in progetto. È stata invece smantellata la rete ferroviaria dei tempi coloniali .

Turismo

Per tutti gli anni settanta e ottanta il governo libico ha scoraggiato l'afflusso turistico, una posizione che solo nei primi anni novanta si è andata modificando. Poli di attrazione sono l'antico nodo carovaniero di Gadames , lo spiccato carattere di Tripoli con le sue ricche moschee e importanti resti archeologici, dai celebri resti della fenicia e poi la città romana di Sabratha , a quelli romani di Leptis Magna a quelli ellenici e romani di Cirene .

Risorse minerarie

Buona parte delle ricchezze del Paese si basa sui proventi dell'esportazione di petrolio e gas naturale .

Ambiente

Deserto libico

Flora e fauna

La vegetazione, a causa dell'aridità del clima, è scarsa: macchia mediterranea lungo la costa, con olivi , viti , lentischi , mirti , carrubi , ginepri , cipressi , mentre verso l'interno prevalgono la steppa semidesertica e poi il deserto vero e proprio. Nelle oasi crescono palme da datteri , ulivi e aranci

La fauna è ridotta: dromedari , roditori del deserto, iene , volpi , sciacalli ; nelle zone meno aride vivono gazzelle e linci . Abbondano gli insetti (in particolare locuste e farfalle ), gli uccelli e, nelle zone desertiche, scorpioni e rettili ( serpenti e lucertole ). Nel deserto libico si trova una fauna sahariana. Gli erg ospitano fennec , varani del deserto , pesci della sabbia , rettili e le pericolose vipere della sabbia , mentre negli uadi si trovano gazzelle dorcas e scorpioni velenosi della sabbia. Le palme delle oasi danno rifugio a tortore , rondini e rondoni , rapaci , mantide verde e colubri di Mojla .

Arte

Pittura e scultura

Numerose sono le pitture e le incisioni rupestri , una interessante testimonianza sulla fauna e sui popoli che un tempo abitarono il deserto . Il nascere della pittura rupestre si può collocare nel Neolitico e si può distinguere in due fasi, l'una pre - camelica (anteriore all'introduzione del dromedario ), naturalistica e assai raffinata, l'altra di epoca camelina schematica e scadente. Successivi elementi artistici punici , greci , romani , arabi , ottomani e coloniali, oltre che moderni, sono custoditi nei musei delle maggiori città.

Letteratura

Nella letteratura libica contemporanea, i generi prevalenti sono la poesia e il racconto breve. Fuad Kaabazi e Khalifa Tillisi sono tra i letterati che maggiormente si sono spesi per la traduzione e l'interscambio tra la letteratura italiana e la letteratura libica. [45] [46] Tra gli scrittori libici che si sono affermati maggiormente nel XXI secolo vi sono Ibrahim Kuni e Hisham Matar .

Sport

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Campionato libico di calcio , Federazione calcistica della Libia , Libia ai Giochi olimpici e Comitato Olimpico Libico .

La Libia ha partecipato per la prima volta ai giochi olimpici nel 1964 , senza mai vincere una medaglia. Non ha mai partecipato alle Olimpiadi invernali . Il principale sport seguito in Libia è il calcio . Le principali squadre sono: l' Al Ittihad Tripoli e l' Al Ahly Tripoli . La Libyan Arab Basketball Federation gestisce il campionato di pallacanestro .

Gastronomia

La cucina libica presenta elementi misti di cultura araba e mediterranea, con forti influssi italiani che risalgono al passato coloniale. La popolazione libica predilige mangiare in casa, tranne al venerdì, quando vengono preparati picnic sulla costa, in cui i commensali si servono, usando mani e pane come posate, da un grande piatto comune.

I pastori nomadi berberi hanno lasciato la consuetudine della cottura a fuoco lento di zuppe e carni in pentole di terracotta ( tajine ), oltre al couscous , tradizionalmente di miglio o di grano, condito con carne (principalmente montone ), pesce o verdure.

La shorba [47] è invece una zuppa di verdure speziata al peperoncino e condita con pezzi di pollo , tacchino o montone.

La pasta al pomodoro è un lascito della cucina italiana, reinterpretata con l'uso delle spezie.

La tradizione ebraica ha lasciato in eredità l'uso delle frattaglie e la marinatura della carne e del pesce.

Il popolo libico utilizza principalmente queste spezie: coriandolo , cumino e cannella , ai quali si aggiungono per dare colore zafferano e cardamomo . Orzo e frumento sono i principali cereali coltivati. Pomodori e patate sono le verdure più apprezzate; datteri , banane , cocco , arance e fichi identificano la frutta. Il tè alla menta , servito in piccoli bicchieri, è la principale bevanda. Gli alcolici sono banditi per motivi religiosi.

Festività

La Libia segue il calendario islamico lunare, e ne celebra le principali festività.

Tra le festività civili si segnalano:

Alcune sono state abolite:

  • 28 marzo, Giornata del ritiro dei britannici.
  • 11 giugno, Evacuazione delle basi militari straniere.
  • 7 ottobre, Giorno dell'Amicizia (fino al 2008: "Giorno della Vendetta", in ricordo dell'espulsione degli italiani nel 1970).
  • 26 ottobre, Giornata del Ricordo delle deportazioni del 1911.

Note

  1. ^ Tasso di fertilità nel 2011 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 .
  2. ^ Bruno Migliorini et al. ,Scheda sul lemma "Libia" , in Dizionario d'ortografia e di pronunzia , Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7 .
    Luciano Canepari , Libia , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  3. ^ "Non più Libia, ma Stato della Libia", il Congresso Generale Nazionale libico , su lantidiplomatico.it . URL consultato il 15 febbraio 2013 .
  4. ^ Guerra Italo-Turca .
  5. ^ Omar al-Mukhtar , Idris di Cirenaica ed Enver Pascià .
  6. ^ Con moschee , scuole e ospedali.
  7. ^ Nel 1939 annesse al Regno d'Italia .
  8. ^ Sede di un comando militare che aveva il compito di governare il Sahara libico.
  9. ^ Vedi Diacronie. Studi di storia contemporanea n. 5/1/2011 di Chiara Loschi e articolo di Valentino Parlato da "il Manifesto" del 31 agosto 2010
  10. ^ a b Matteo Pistilli, Lo sviluppo della Libia: il ruolo di Gheddafi , in Eurasia , 22 febbraio 2011. URL consultato il 4 giugno 2015 (archiviato dall' url originale il 17 giugno 2011) .
  11. ^ https://www.telesurtv.net/telesuragenda/libia-muamar-gadafi-avances-sociales-politicos--economicos-20180607-0014.html
  12. ^ Professori, scrittori, giornalisti, avvocati e sindacalisti.
  13. ^ Vedi John K. Cooley, Muʿammar Gheddafi e la rivoluzione libica , pp. 384-385.
  14. ^ Quest'ultimo soltanto nel periodo in cui si dichiarò musulmano.
  15. ^ La Libia è nel caos , in Il Post , 3 agosto 2014. URL consultato il 3 agosto 2014 .
  16. ^ Vincenzo Nigro, Libia: firmato l'accordo tra le due fazioni per governo di unità nazionale , in La Repubblica , 17 dicembre 2015. URL consultato il 13 gennaio 2016 .
  17. ^ Libia: cessate il fuoco ed elezioni a marzo , affari internazionali, 22 agosto 2020
  18. ^ Libia, votato il nuovo governo transitorio di Dbeibah , su la Repubblica , 10 marzo 2021. URL consultato il 25 marzo 2021 .
  19. ^ Il nuovo governo libico - il primo di unità nazionale dopo sette anni - ha giurato di fronte al Parlamento , su Il Post , 16 marzo 2021. URL consultato il 25 marzo 2021 .
  20. ^ ( EN ) Libya: another important step has been made in the Libyan peace process as the eastern government of Abdallah al-Thani has officially handed over power to the Government of National Unity (GNU) of PM Abdul Hamid Dbeibah. Both governments met in Benghazi for the ceremony Warszawa, mazowieckie , su Libya live map. Libya civil war news today - libya.liveuamap.com . URL consultato il 25 marzo 2021 .
  21. ^ https://orientxxi.info/magazine/le-maghreb-prend-conscience-du-declin-de-sa-biodiversite,4034
  22. ^ Appena 3 metri nell' oasi di Tripoli e 30-35 metri nella piana della Gefara .
  23. ^ Giarabub , Cufra , ei solchi del Fezzan .
  24. ^ www.ansa.it
  25. ^ Cfr. il sito Worldclimate
  26. ^ African immigrants flee Libya , su allbusiness.com , 1º novembre 2000. URL consultato il 13 gennaio 2016 (archiviato dall' url originale il 29 agosto 2011) .
  27. ^ Marching orders for migrants in Libya? , su news.bbc.co.uk , BBC News , 23 gennaio 2008. URL consultato il 13 gennaio 2016 .
  28. ^ Libya – Italian colonization , su britannica.com , Encyclopædia Britannica. URL consultato il 13 gennaio 2016 .
  29. ^ Stillman, 2003, pp. 155-156.
  30. ^ Stillman, 2003, p. 145.
  31. ^ Harris, 2001, pp. 149-150.
  32. ^ Harris, 2001, pp. 155-156.
  33. ^ Simon, 1999, pp. 3-4.
  34. ^ Harris, 2001, p. 157.
  35. ^ Copia archiviata , su sunsite.berkeley.edu . URL consultato il 5 febbraio 2011 (archiviato dall' url originale il 18 luglio 2006) . Jews of Libya | Jewish Virtual Library
  36. ^ A vision of a democratic Libya , in Ntclibya.org , 29 marzo 2011. URL consultato il 30 marzo 2011 .
  37. ^ Una forza anti-Gheddafi nata negli anni Ottanta.
  38. ^ Guido Olimpio, L'amico americano che capiva gli arabi , in Corriere della Sera , 13 settembre 2012. URL consultato il 31 gennaio 2016 .
  39. ^ A parità di potere d'acquisto.
  40. ^ 81º posto della classifica mondiale.
  41. ^ 79º posto della classifica mondiale.
  42. ^ Nel 2012 è di 11 936 dollari .
  43. ^ Il petrolio e il gas naturale in primo luogo.
  44. ^ https://lvsl.fr/les-sequelles-de-lintervention-de-lotan-en-libye/
  45. ^ Elvira Diana, La letteratura della Libia. Dall'epoca coloniale ai nostri giorni , Lingue e letterature, n. 93, Roma, Carocci, 2008, ISBN 978-88-430-4779-6 .
  46. ^ Pietro Ferrari, Preambolo sulla letteratura libica contemporanea , in Salvatore Bono (a cura di), Storiografia e fonti occidentali sulla Libia (1510-1911) , Roma, L'Erma di Bretschneider, 1982, pp. 125-130, ISBN 88-7062-522-2 . URL consultato il 3 aprile 2016 .
  47. ^ Dalla radice araba <sh-rb>, "bere, sorbire".

Bibliografia

  • ( FR ) Nora Lafi , Une ville du Maghreb entre ancien régime et réformes ottomanes. Genèse des institutions municipales à Tripoli de Barbarie (1795-1911) , Parigi, L'Harmattan, 2002, ISBN 2-7475-2616-X .
  • Giovanni Buccianti, Libia. Petrolio ed indipendenza , Milano, Giuffrè, 1999, ISBN 88-14-08063-1 .
  • Massimiliano Cricco, Il petrolio dei senussi. Stati Uniti e Gran Bretagna in Libia dall'indipendenza a Gheddafi (1949-1973) , prefazione di Ennio Di Nolfo, Firenze, Polistampa, 2002, ISBN 88-8304-480-0 .
  • Quaderni di archeologia della Libia , n. 1-13, Roma, Ufficio studi del Ministero dell'Africa italiana, 1950-1983, ISSN 0079-8258 ( WC · ACNP ) , SBN IT\ICCU\RMS\0111458 .
    • Pietro Romanelli e Sandro Stucchi (a cura di), Quaderni di archeologia della Libia (Cirene e la Grecia) , vol. 8, Roma, L'Erma di Bretschneider, 1976, SBN IT\ICCU\MIL\0175342 .
    • Alfonso de Franciscis (a cura di), Quaderni di archeologia della Libia , numeri 6 (1971)-7 (1975), Napoli, Gaetano Macchiaroli, 1976, SBN IT\ICCU\RML\0211410 .
  • Anthony Ham, Libia , 4ª ed., Torino, EDT, 2007, ISBN 978-88-6040-152-6 .
  • Roberta Ruocco, Le antiche civiltà del Sahara libico. Un viaggio nel passato per scoprire l'alba dell'uomo , Londra, Darf Publishers, 2006, ISBN 1-85077-995-3 .
  • Luigi Visintin , La Libia:cenni geografici generali in AAVV Limpero coloniale fascista, 1936 IGDA, pp. 363-374

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 138308426 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2167 8150 · LCCN ( EN ) n79066419 · GND ( DE ) 4035589-5 · BNF ( FR ) cb118803303 (data) · BNE ( ES ) XX450850 (data) · NLA ( EN ) 35304693 · NDL ( EN , JA ) 00569442 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79066419
Nordafrica Portale Nordafrica : accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Nordafrica