Lev Trotsky

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Lev Trotsky
Trotsky Portrait.jpg

Komisè Pèp la pou Afè Etranjè nan RSFS Ris la
Peryòd nan biwo a 8 novanm 1917 -
13 Mas 1918
Chèf gouvènman an Vladimir Lenin
Predesesè Mikhail Tereščenko
Siksesè Georgy Vasil'evič Čičerin

Komisè Pèp la pou Afè Militè ak Naval nan RSFS Ris la
Peryòd nan biwo a 13 Mas 1918 -
15 janvye 1925
Chèf gouvènman an Vladimir Lenin
Alexei Rykov
Predesesè Nikolai Podvoysky
Siksesè Michail Frunze

Prezidan Sovyetik Petrograd la
Peryòd nan biwo a 8 oktòb 1917 -
8 novanm 1917
Predesesè Nikolaj Čcheidze
Siksesè Grigory Zinoviev

Manm Politburo nan RSFSR ak nan Sovyetik la
Peryòd nan biwo a 10 oktòb 1917 -
23 oktòb 1926

Kòmandan an chèf Lame Wouj la
Peryòd nan biwo a 13 Mas 1918 -
15 janvye 1925
Predesesè pèsonn
Siksesè Josif Stalin

Done jeneral
Pati Pati Travayè Sosyal Demokratik Ris yo
(1902-1918)
Pati Kominis Larisi (Bolchevik)
(1918-1923)
Tout-Inyon Pati Kominis (Bolchevik)
(1923-1927)
Katriyèm Entènasyonal (1938-1940)
Inivèsite Odessa Inivèsite
Siyati Siyati Lev Trotsky
Lev Davidovič Bronštejn
Лев Давидович Троцкий.jpg
Ti non jwèt Lev Trotsky
Nesans Janovka , 7 novanm [1] 1879
Lanmò Coyoacán , 21 out 1940
(60 ane)
Kòz lanmò Touye moun
Relijyon Ateyis
Done militè yo
Peyi te sèvi Ris RSFS Ris RSFS
Inyon Sovyetik Inyon Sovyetik
Fòs ame Lame Wouj flag.svg Lame Wouj
Espesyalite Komisyonè politik
Ane nan sèvis 1918 - 1923
Degre Kòmandan an chèf
Lagè Gè sivil Ris
Lagè Sovyetik-Polonè
Ukrainian-Sovyetik Gè
Batay Batay nan Warsaw (1920)
Kòmandan nan Lame Wouj
(Kòmandan an Chèf 1918-1925)
Dekorasyon Lòd nan Banner Wouj la
"Lòd Drapo Wouj la"
vwa militè sou Wikipedia

Leon Trotsky ( AFI : [LEF trot͡skʲɪj] ; pwononsyasyon nan Italyen : [trɔʦki] ; [2] an Ris : Лев Троцкий), Leon Trotsky, oswa Leon Trotsky nan transliterasyon Anglo-Saxon , [3] psedonim Lev Davidovich Bronštejn ( an Ris : Лев Давидович Бронштейн ? koute [ ? · Info ] ; Janovka , 7 novanm 1879 , [ 26 oktòb nan kalandriye jilyen an [4] ] - Delegasyon Coyoacán , 21 out 1940 ) se te yon Ris , pita politisyen Sovyetik , revolisyonè , syantis politik ak militè , yon natif natal nan Ikrèn jodi a.

Bolchevik ak protagonist ki mennen nan revolisyon Ris la kòm byen ke prezidan nan Petrograd Sovyetik la pandan revolisyon yo 1905 ak 1917 , li te nan mitan pèsonalite ki pi enfliyan nan pòs-revolisyonè Larisi ak ki fèk fòme Inyon Sovyetik la , premye kòm komisè pèp la pou zafè etranje epi pita kòm òganizatè ak kòmandan nan Lame Wouj la (nan tèt la nan ki li bat Lame Blan nan Tsarists yo ak negosye lapè a nan Brest-Litovsk ak Pouvwa Santral yo ), komisè pèp la pou lagè ak manm nan Politburo la . Li te tou yon ekriven nan kapasite konsiderab, surnome "Penna" pa kamarad pati yo. [5]

Aprè lanmò Lenin , yo te mete l deyò nan Pati Kominis Sovyetik la e yo te depòte li nan rezilta lit politik li ak konfli rèd ak Iosif Stalin nan ane 1920 yo, pandan ke gwoup stalinis yo te demoute opozisyon zèl gòch la , an favè burokratizasyon totalitè a. Inyon Sovyetik la ak konsèp nan sosyalis nan yon sèl peyi .

Apre anpil pèdi wout li te rete nan Meksik nan 1937 anba pwoteksyon gouvènman Lázaro Cárdenas del Río , kote li te akeyi pa yon sèk sipòtè lokal, ki gen ladan atis Diego Rivera ak Frida Kahlo . Li te resevwa anpil vizit nan men admiratè tankou André Breton . An 1938 li te fonde katriyèm entènasyonal la . Li te asasinen an 1940 lakay li nan vil Meksiko pa yon ajan Sovyetik ki gen orijin Panyòl , Ramón Mercader . Lide Trotsky yo, ki make pa entènasyonalis proletaryen ak revolisyon pèmanan , fòme baz Trotskyism lan . [5]

Biyografi

Fanmi an ak etid yo

Lev Bronštejn nan 1888

Lev Davidovič Bronštejn te fèt nan yon fanmi rich jwif nan Bereslavka sou fèm Janovka, nan gouvènè Cherson , nan dat 7 novanm 1879 (26 oktòb selon ansyen kalandriye a ), menm jou ak Revolisyon Larisi 1917 la ak nan menm tan ke li te fonde revolisyonè òganizasyon Narodnaya volja la . [6]

Zansèt Trotsky yo te orijinèlman soti nan Poltava , ki soti nan kote nan kòmansman diznevyèm syèk la yo te rete nan Bobrinec, yon vil sou ven kilomèt de Janovka. Non Janovka soti nan gwo pwopriyete ki te ateri ke Kolonèl Janovskij te an pati vann ak an pati lwe bay papa Lev la, David Leont'evič Bronštejn ( 1847 - 1922 ), ki moun ki te deplase isit la nan 1879 dedye tèt li, yon ka ki ra pou yon jwif, nan agrikilti. Yon travayè difisil ak anbisye, li mennen fanmi l 'nan yon nivo lavi trè konfòtab: domestik yo ak travayè kiltive 300 ekta l' nan peyi [7] ak pran swen nan ekè l 'yo, moulen li te itilize pa kiltivatè yo nan distri a, ble l' yo te vann nan mache Nikolaev la . [8]

Yiddish pa te pale nan kay la, men Ris melanje ak Ukrainian . Si David Bronštejn te analfabèt [9] ak endiferan nan relijyon, madanm li Anna L'vovna Životovskaja (d. 1910 ), ki moun ki te grandi nan vil la, obsève pratik yo nan kil la ak diman li kèk woman Ris. Yo te gen uit pitit: Aleksandr, Elizaveta, Rozalija, ki te mouri nan yon laj byen bonè, [10] Lev, yo te rele apre granpapa manman l ', Ol'ga ( 1883 - 1941 ) ak twa lòt timoun ki te mouri nan anfans timoun piti. [11]

An 1886 Lev te voye etidye nan lekòl jwif vilaj Gromoklej ki tou pre a, kote li te envite fanmi, tonton li Abraam ak Rejčel Bronštejn. Li anseye Ris, aritmetik ak pi wo a tout li ak tradui Bib la soti nan ebre nan Yiddish. Pa pale lang sa a, li pa fè zanmi ak okenn nan kamarad li yo. Lekòl la te dire kèk mwa, men Lev te aprann la li ak ekri Ris. [12]

Ane annapre a yon kouzen sou bò manman l ', Moisej Spencer, te vizite Janovka epi yo ofri l ap òganize Lev nan kay Odessa l' yo ale nan lekòl segondè. Spencer, marye ak Fanni Somolovna, [13] direktè Enstiti fanm jwif yo nan Odessa, se te yon entelektyèl pwogresis, ki deja ekspilse nan inivèsite a paske nan opinyon politik li yo. Dis ane pita, kay pibliye li te fonde a te vin pi enpòtan nan tout sid Larisi. Se konsa, nan otòn la nan 1888 , Lev Bronštejn demenaje ale rete nan Odessa ak antre nan Enstiti a teknik nan San Paolo, yon lekòl ekivalan ki te fonde pa kominote a Lutheran lokal yo. [14]

Sèt ane ki pase nan Odessa yo te pozitif. Lakay Spencer te aprann "manyè", te ale nan konvèsasyon jounalis ak ekriven, [15] li bon liv epi anrichi background kiltirèl li; [16] li te fè zanmi nan lekòl e byento te vin tèt la nan klas li. Li te gen yon sèl malè disiplinè: pandan dezyèm ane a, kèk kanmarad te denonse li paske li te patisipe nan yon pwotestasyon kont yon pwofesè e li te konsa ekspilse, byenke li te reyadmèt nan twazyèm klas la ane annapre a. [17] Anpil ane pita Trotsky kòmante: «Gwoup yo ki te leve nan okazyon sa a - anvye yo ak enfòmatè sou yon bò, fran yo ak brav jèn moun sou lòt la, ak net, ensèten, mas la amorphe nan mitan an - sa a gwoupman an mwen menm mwen te rankontre pita, nan sikonstans ki pi varye ». [18]

Depi pa te gen okenn setyèm ak dènye klas nan lekòl St Paul la, Lev Bronštejn demenaje ale rete nan Nikolaev nan 1896 fini etid li yo ak la li gradye ak mak plen nan sesyon ete a nan 1897 , malgre li te etidye ti kras epi byen souvan yo sote lekòl la. An reyalite, pou prèske yon ane enterè l 'yo te dirije prèske sèlman nan politik. [19]

Premye angajman politik la

Young Trotsky nan mugshot nan polis la tsarist

Nan fen 1896 li te rankontre Franz Shvigovsky , yon jaden olye kiltive ki li liv entèdi ak ti liv klandesten, nan ki gen joupa sou katye yo nan vil la yon gwoup sosyalis, sitou populis , sanble, ak eksepsyon de jenn Alexandra Sokolovskaya la. , yon Maksis ak ki disèt-ane-fin vye granmoun Bronštejn a imedyatman antre nan konfli, defini Maksis "yon doktrin nan machann ak komèsan". [20] Akòz konpòtman souvan dezagreyab li agiman, Sokolovskaya kite gwoup la pou kèk tan. [21] An reyalite li pa te janm li Marx ak konesans dezòdone li nan kilti politik toujou pa t 'ale pi lwen pase yon liv kèk pa John Stuart Mill , Bentham , Černyševskij , Mignet ak lekti nan jounal liberal Russkie Vedomosti la . [22]

Avèk grèv travayè yo nan 1896, manifestasyon elèv yo, swisid la nan prizon nan Marija Vetrova nan mwa fevriye 1897, lide a nan òganize yon gwoup anba tè te vin popilè. Avèk elektrisyen Muchin, enprimant Poljak la, elèv Ziv la, frè Sokolovskij yo ak kèk lòt moun, Bronštejn, ki moun ki kounye a rele tèt li L'vov, te fonde Inyon an nan Sid Travayè Ris , pran non an nan yon konpayi istorik ilegal aktif nan Ane 1980 yo. Alexandra Sokolovskaya tou rantre nan li, depi gwoup la, aji nan mitan travayè yo nan Nikolaev ak Odessa, te sipoze yon lespri sosyal demokratik. [23]

Aktivite pwopagann Inyon an, te pote soti nan enprime jounal la Naše delo ( Наше дело, kòz nou an ) ak nan prepare feyè mimeograf distribiye nan faktori ansanm ak bwochi enprime aletranje, te byen reyisi, jere atire kèk santèn moun. Sepandan, ajan pwovokatè yo te enfiltre epi 28 janvye 1898 te gen yon vag arestasyon. Bronštejn te pran ak Shvigovsky sou yon fèm tou pre Nikolaev. Isit la li te premye arete, Lè sa a, li te pran nan Cherson epi pita nan Odessa kote, nan fen 1899 , san okenn jijman, li te enfòme sou fraz la kat ane nan ekzil nan Siberia e li te transfere nan prizon yo nan Moskou . [24]

Bronštejn te apwoche Maksis pandan detansyon li, menm si li pa t 'ankò konnen sa ki pi enpòtan nan ekri Marx , Engels oswa Plechanov . Nan prizon Odessa li li "ak antouzyasm" Labriola ak nan prizon Moskou Lenin nan Devlopman kapitalis nan Larisi ; li te ekri tou, selon sipozisyon materyalis, yon kaye volumineuz sou istwa masonry , ki te pèdi, ak yon ti liv sou mouvman revolisyonè Nikolaev a, ke li te jere soti nan prizon e li te pibliye nan Jenèv . [25]

Premye depòtasyon an

Trotsky ak pitit fi li Zinaida (1906)

Nan prizon Moskou a li te marye ak Alexandra Sokolovskaya , yon lòt siy li chanje opinyon politik. Li twò kondane nan ekzil, yo marye yo rete ini ak ansanm yo te pran, nan ete a nan 1900 , nan Ust'-Kut , nan byen lwen Siberia santral la. Isit la Bronštejn te kòmanse etid Marx pa lekti de premye komèsan yo nan kapital la ak kolabore avèk yon jounal nan Irkutsk , Vostočnoe obozrenie a ( Восточное обозрение, Oriental Revizyon ) ekri atik nan kritik literè. [26] Se lè sa a li te dekouvri tèt li yon ekriven.

Pitit fi li Zinaida (1901-1933) te fèt nan Ust'-Kut sou Mas 27, 1901 . Pou kèk mwa yo te deplase 230 kilomèt sou bò solèy leve nan Ilim larivyè Lefrat la, kote li te travay kòm yon kontab pou yon milyonèr ak komèsan analfabèt: lè li te fè yon erè, li te revoke. Yo tounen vin jwenn Ust'-Kut ak soti nan gen demenaje ale rete nan Vercholensk , kote dezyèm pitit fi Nina a (1902-1928) te fèt. [27]

Depòtasyon an te "yon peryòd klarifikasyon politik". Li Joined Inyon an Siberian, yon òganizasyon sosyal demokratik kreye nan mitan ekspilse yo ak travayè yo nan trans-Siberian tren an, [28] konfwonte revolisyonè yo sosyal , rejte estrateji teworis yo, epi yo te rive nan konnen ekri yo nan Polish anarchist nan Janvye Wacław Machajski , Lè sa a, depòte nan Viljuysk , ki pou l 'te "yon vaksinasyon efikas kont anachi, bonm nan refi nan mo, men mò ak menm lach nan konklizyon pratik". [29] Li te ekri tou yon redaksyon kote li te vin ansent pati revolisyonè a kòm yon òganizasyon trè santralize ak disipline, nan fason Lenin men poukont li, jan li te verifye nan ete 1902 , lè li te li Kisa pou fè? [30]

Nan moman sa a, nan akò ak madanm li, li te deside pou yo eseye sove soti nan prizon pou kont li. Yon jou lannwit, kache nan yon kabwèt peyizan, li te rive nan Irkutsk soti nan kote, pote yon fo paspò nan non Trotsky, menm jan ak chèf prizon an Odessa , [31] li te kite nan tren pou Samara . Isit la li te akeyi pa gwoup la Iskra nan responsab sosyal demokrat nan Larisi, youn nan moun, Gleb Kržižanovskij , batize l '"Penna" (Перо, Pero) pou talan li kòm yon ekriven. Finalman, li travèse fwontyè a eparye ak atravè Vyèn , Zurich ak Paris , nan mwa Oktòb li te rive nan Lond . [32]

Nan peyi etranje ak dezyèm kongrè a nan POSDR la

Natalia Sedova

Le pli vit ke li te nan Lond, li te ale nan kay la nan Lenin , [33] nan tan editè a nan jounal la Iskra , yon ògàn nan Pati Travayè Demokratik Sosyal Ris la , ansanm ak Plechanov , Aksel'rod , Potresov , Martov ak Vera Zasulič . Li te Lè sa a, pase nwit lan nan apatman an ki tou pre nan Martov ak Zasulič ak nan Novanm nan pwoblèm nan nouvo nan Iskra pibliye premye atik li yo. [34] Lenin ta renmen Trotsky rantre nan estaf editoryal la, men pwopozisyon li te jwenn opozisyon an sèlman men desizif nan men Plechanov, ki moun ki imedyatman te santi yon antipati fò pou kolaboratè a jenn ki byento te vin yon degoutans radikal. [35]

Mwens pase de mwa pita li te voye pran kontak ak gwoup la Iskra Paris . Li enkli, nan mitan lòt moun, ansyen populis Ekaterina Aleksandrova ak Natal'ja Sedova (1882-1963), yon jèn elèv atizay, ki moun ki te vin nouvo patnè li, ak ki moun li te gen pitit gason l ' Lev . [36] Soti nan Larisi yo te mande retounen nan Trotsky, men sant lan etranje objeksyon, ranvwaye depa l 'jouk konklizyon an nan dezyèm kongrè a nan POSDR la. [37]

Kongrè a louvri sou 30 Jiyè 1903 nan Brussels ak kontinye nan Lond, ak Trotsky kòm delege nan Inyon Siberian. Gen diferans ki genyen ant moun ki, tankou Lenin, idantifye pati a ak òganizasyon an ilegal ak moun ki, tankou Martov, te vle konsidere manm pati menm moun ki te travay anba lidèchip nan òganizasyon an ilegal san yo pa fè pati nan li: "Lenin te vle yon fòm fèmen ak gwo klè nan relasyon pati "- wrote Trotsky anpil ane pita -" pandan y ap Martov tandans plis nan direksyon pou nebulozite ". [38]

Lenin

Sepandan, nan kongrè a li bò kote Martov, ak tout plis opoze a demann lan eskli soti nan anplwaye editoryal la nan Iskra Potresov, Aksel'rod ak Vera Zasulich, ki gen kontribisyon nan jounal la te prèske nil. Lenin "konprann ke yo te pi plis ak plis yon antrav sou fason yo nan tan kap vini an ak konklizyon an te: yo retire yo nan pozisyon dirijan yo. Epi sa pa t 'kostim m', "Trotsky te ekri, ki moun ki te yon zanmi pwòch nan Zasulich ak Aksel'rod," ak endiyasyon mwen te kraze ak Lenin nan Dezyèm Kongrè a ". [39]

Kongrè a sanksyone egzistans lan nan de kouran, Bolchevik Lenin a ak Menshevik Martov a, ki moun ki nan kongrè a ki vin apre nan Lig la Etranje nan Revolisyonè Ris Demokrasi Sosyal la ( Jenèv , 26-31 Oktòb, 1903) ranvèse rezilta yo nan Dezyèm Kongrè a ak pran kontwòl sou ' Iskra a , ki soti nan ki Lenin demisyone. Aliman ak Mensheviks yo, nan mwa Out 1904 Trotsky pibliye Travay politik nou yo nan Jenèv ( Наши политические задачи, Naši političeskie zadači ), yon atak vyolan sou Lenin, ki moun ki te epaye pa gen okenn ensilte ak akize l 'pou yo pa tèlman yon sosyal demokrat Jacobin ki gade plis nan entelijansyalite a pase nan travayè yo: "metòd Lenin yo mennen nan sa a: premye òganizasyon an pati pran plas la nan pati a kòm yon antye, Lè sa a, komite santral la pran plas la nan òganizasyon an, epi finalman yon sèl diktatè pran plas la ranplase komite santral ”. [40]

Se konsa kraze li ak Lenin te fini. "Mwen te retounen Lenin pita pase anpil lòt, men mwen te retounen sou wout mwen" - li te ekri nan memwa li - "apre mwen te fin viv e egzamine eksperyans revolisyon an, kont revolisyon an ak lagè enperyalis la ". [41] Lenjin majinalize, Trotsky te pwopoze yon reyinifikasyon efikas nan de kouran yo, men menzevik yo te rejte pwopozisyon an. Li te menase demisyone, men Lè sa a, wete kò yo ak rekòmanse kolaborasyon ak Iskra . [42]

Maksis Ris la, Alman natiralize, Aleksandr Gel'fand , ke yo rekonèt kòm Parvus, tou detanzantan kolabore ak Iskra . Soti nan fevriye 1904 atik li yo sou lagè ak revolisyon yo te pibliye, nan ki li envisagées nan konmansman an nan yon seri de lagè Ewopeyen ki ta gen make, kòmanse nan lagè aktyèl la Ris-Japonè ak ki li te deja prevwa nèf ane pi bonè. lavni, nan fen eta nasyon yo. Pou kounye a, li te konsidere kòm yon revolisyon nan Larisi ap vini ki ta gen "yon enpak sou devlopman politik nan tout peyi kapitalis yo. Revolisyon Ris la pral souke sosyete boujwa" pa deklanche yon revolisyon mondyal. [43]

Revolisyon pèmanan an

Parvus, Trotsky ak Leo Deutsch

Sa yo se lide ki pral pwofondman enfliyanse Trotsky pa enspire l 'ak teyori a nan revolisyon pèmanan . Teyori sa a te antre kòm yon twazyèm fason ant de taktik diferan nan kouran bolchevik yo ak manshevik yo. Tou de konvenki ke pwochen revolisyon Ris la ta dwe boujwa-demokratik, faksyon nan menchevik te diskite ke Demokrat Sosyal yo, apre yo fin rantre nan liberal yo nan travay la nan likide otokrasi a ak transfòmasyon li yo nan yon monachi konstitisyonèl, yo ta dwe kenbe yon pozisyon nan opozisyon an. gouvènman liberal pwovizwa a, ki renonse preparasyon yon revolisyon proletarya plis, defini kòm yon "lide konplo", etabli akò politik ak pati yo boujwa ak jwenn "garanti demokratik". [44]

Pou Lenin, nan lòt men an, Demokrat Sosyal yo te gen yo patisipe nan gouvènman an pwovizwa ki leve soti nan revolisyon an, sipoze ejemoni li nan yon alyans ant travayè yo ak peyizan yo. Li ta yon "diktati demokratik nan proletarya a ak peyizan yo", paske li te fonde sou ame a nan moun yo ki ta gen te rejte inevitab tantativ yo counter-revolisyonè ak inisye tout demokratik - pa ankò sosyalis - refòm soti nan pwoklamasyon an nan repiblik la nan refòm agrè ak amelyorasyon nan kondisyon travayè yo, "epi finalman - dènye men pa pi piti - pou yon ekstansyon pou dife a revolisyonè nan Ewòp". [45]

Trotsky nan 1917

Trotsky kritike tou de taktik menchevik yo, defini kòm opòtinis, ak lide Lenin nan yon diktati nan travayè yo ak peyizan yo, menm jan li te prevwa ke alyans yo ta byen vit tonbe nan kriz. Nan yon sosyete ki te rete ekonomi kapitalis, patwon yo ta opoze refòm yo an favè travayè yo, yo ta reponn grèv yo ak blokaj yo e yo t ap gen sipò peyizan yo, ki pa t ap aksepte ke faktori ki fèmen yo te nasyonalize. oswa chomè yo te travay .. nan depans lan nan eta a. Evantyèlman, alyans ki genyen ant travayè yo ak peyizan yo ta fache tou de klas yo, ki ta vin nan konfli. [46]

Daprè Trotsky, fason pou sòti pou gouvènman travayè yo se te pou "ini tout fòs li yo ak sa yo ki nan proletarya sosyalis nan Ewòp oksidantal la. Se sèlman nan fason sa a pral dominasyon revolisyonè tanporè li yo vin prolog diktati sosyalis la. Revolisyon pèmanan pral Se poutèt sa yon kondisyon pou proletarya Ris la [...] Si pati travayè yo pa t 'gen ase enèji pote soti nan yon ofansiv revolisyonè, si li kwè ke li te limite tèt li nan yon diktati tou senpleman nasyonal ak tou senpleman demokratik, fòs ini reyaksyon Ewopeyen an ta byento fè l 'konprann ke klas travayè a, kenbe pouvwa, dwe mete tout pwa a sou balans yo, sou plak la nan revolisyon sosyalis la ". [47]

Retounen nan Larisi ak revolisyon an 1905

Leonid Krasin

Trotsky te deja yon envite nan Parvus nan Minik nan mwa septanm nan 1904, epi retounen l 'nan mwa janvye 1905 , jou a apre Dimanch sanglan, prezante l' ak yon ti liv. Ekri anvan manifestasyon travayè yo ki te dirije pa Gapon men kounye a ki gen tit Jiska 9 janvye (До 9 января, Su 9 janvarja) li te teorize grèv jeneral la kòm yon etensèl nan revolisyon an, nan ki travayè sosyalis yo ta dwe pran pati nan dirijan nan jete tsarism. Kontrèman ak Mensheviks yo, li te kwè ke yon sèl pa ta dwe konte sou liberal, ki moun ki yo toujou pare pou yo vini nan tèm ak despotism. [48]

An fevriye li te kite Minik ak Natalia Sedova, ki moun ki kontinye sou Kyèv , pandan y ap Trotsky sispann pa Victor Adler nan Vyèn . Lè sa a, ame ak fo dokiman, li rive Kyèv, kote li te rankontre enjenyè Leonid Krasin , yon lidè bolchevik enpòtan ki te gen l 'ak Sedova a anime nan yon apatman Petersburg . Natalia Sedova te arete pandan yon manifestasyon sou 1 Me ak nan prizon nan Tver ' , pandan y ap Trotsky te kouri al nan Fenlann . [49]

Trotsky nan 1920

Li te rete la li ak ekri jiskaske nouvèl te vini nan mwa Oktòb ke yon grèv jeneral te sou pye nan Petersburg. Li an kachèt retounen nan kapital la ak sou Oktòb 15 te fè aparisyon li nan Petersburg Sovyetik la . [5]

Patisipasyon li nan grèv jeneral Oktòb la, ak prezidans Sovyetik la nan Saint Petersburg ak sipò li pou revolisyon ame nan 1905 , mennen nan arestasyon l ', li yon santans lavi nan ekzil. Nan mwa janvye 1907 li kouri met deyò sou wout la nan ekzil ak yon lòt fwa ankò jwenn wout li nan Lond, kote li te ale nan kongrè a pati senkyèm lan. Nan mwa Oktòb li demenaje ale rete nan Vyèn . [5]

Nan 1912 li te voye pa jounal toupatou radikal-demokratik Kievskaja Mysl ' nan Balkan yo, kote li te temwen lagè a nan 1912-1913, yon trajik prolog nan Premye Gè Mondyal la . Pandan tan sa a li te yon korespondan lagè pou plizyè jounal. [5]

Korespondans li te pita kolekte nan volim Lagè Balkan yo 1912-1913 (1926). [5]

"Toudenkou lagè a revele nou ke nou toujou sou tout four e ke nou pa gen ankò sòti nan matris la nan epòk la barbarism nan istwa nou an."

Kòm lagè a pwoche, li te deplase nan net Swis , ak Lè sa a, an Frans . Li te mete l deyò nan Lafrans e li t ap viv nan New YorkRevolisyon Larisi a te eklate e sa yo rele Revolisyon Fevriye a te retire Tsar la . Li te retounen nan Larisi nan mwa me 1917 kote li te finalman rantre nan bolchevik yo e li te vin patisipe aktivman nan efò yo pou jete Gouvènman Pwovizwa a ki te dirije pa Alexander Kerensky , e tout bon te pami lidè tèt yo. [5]

Revolisyon Ris la

Trotsky kòmandan nan Lame Wouj la
Trotsky nan inifòm nan 1918 , adrese twoup yo wouj pandan Gè Sivil Ris la
Trotsky ak Lenin (kanpe nan sant la), nan Petrograd, nan yon foto yo te pran nan 1921 ak delege nan Kongrè a 10yèm nan Pati Kominis Ris la
Lame Blan anti-bolchevik afich pwopagann ak Trotsky montre kòm yon dyab asasen

Aprè bolchevik yo te pran pouvwa pandan Revolisyon Oktòb la , li te vin Komisè Pèp la pou Afè Etranjè, ak objektif prensipal la nan negosyasyon lapè ak Almay ak alye li yo; avèk espwa ke sòlda Alman yo ta rebèl kont ofisye yo, Trotsky te retire nan chita pale yo (10 fevriye 1918 ). [5]

Sepandan, espwa sa a te desi e Alman yo te anvayi teritwa Ris la (18 fevriye), sa ki te fòse Inyon Sovyetik siyen Trete trè pénalize nan Brest-Litovsk nan dat 3 mas. Trotsky imedyatman demisyone nan pozisyon diplomatik l ', li te vin Komisè Pèp la pou lagè. Kòm fondatè ak kòmandan nan Lame Wouj la , li te lajman achitèk la nan siksè kont Lame Blan an ak viktwa nan Gè Sivil Ris la . [5]

Trotsky pita te vle piblikman eseye Nicholas II ak madanm li nan Moskou , pandan ke pitit li yo te depòte, men Ekaterinburg Sovyetik la (avèk andòsman Lenin ak Sverdlov ) [ sitasyon nesesè ] olye pou deside sou yon ekzekisyon rezime pou fanmi wa a nan 1918. [50]

Trotsky pral konnen sa sèlman apre yon semèn e li te trè etone, men li pa t 'pwoteste kont, konsidere fen Romanovs yo kòm yon pati nan masak yo ki te fèt pandan lagè a sou tou de bò yo. [51] Sepandan, li te eksprime kèk perplexity aparan ke pitit gason tsar yo te tou touye san jijman (yon reyalite refize pa Sovyetik la jouk 1979 ), ki gen ladan kat pitit fi yo ki pa te gen okenn dwa sou fòtèy la, jan yo te rapòte nan jounal pèsonèl li yo. [52]

Desizyon pou abandone negosyasyon yo, anplis de reflete pwogram bolchevik yo fè konnen depi fevriye 1917, ta garanti, selon Lenin ak Trotsky, pi gwo posiblite pou pwolonje revolisyon kominis la nan kè Ewòp (an patikilye nan Almay) ak garanti plis tan pou jenn pouvwa kominis la anndan peyi a, men li pa t 'konsa. [5]

Il trattato, insieme con lo scioglimento dell'Assemblea costituente regolarmente eletta nel 1918, ebbe tuttavia anche l'effetto di galvanizzare un numero di gruppi anticomunisti, sia all'interno sia all'esterno della Russia, che intrapresero azioni contro il nuovo regime. [5]

Stalin al potere

I membri dell'Opposizione di sinistra capeggiata da Trockij, 1927

Nel 1923, sconfitti i Bianchi, venne proclamato il nuovo stato federale, l' Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (abbreviato in URSS o Unione Sovietica), con a capo Lenin . [5] Con la malattia e la morte di Lenin nel 1924 , Stalin e il gruppo attorno a lui (che inizialmente, nel periodo della cosiddetta trojka , includeva anche le frazioni di Lev Kamenev e Grigorij Zinov'ev ) furono in grado di consolidare il proprio controllo sul Partito e sullo Stato. Il 1924 è l'anno della lotta contro il trotskismo , un feroce scontro formalmente ideologico in cui, senza risparmio di colpi bassi (con accuse reciproche molto dure sul ruolo avuto dai vari dirigenti nell'Ottobre, negli anni precedenti e negli anni successivi), viene portata avanti l'emarginazione dell'ala trotskista (che comincia a farsi chiamare " Opposizione di sinistra "), fino all'ottenimento delle dimissioni di Trockij dal posto di Commissario del Popolo alla Guerra e agli Affari della Marina (gennaio 1925 ). [5]

Trockij aveva infatti approfondito la sua teoria della Rivoluzione Permanente (che aveva peraltro già preso le mosse subito dopo la fallita rivoluzione del 1905 ), che si poneva in netto contrasto con la politica stalinista di costruire il " socialismo in un solo paese ". I punti decisivi della polemica dell'Opposizione di sinistra in quegli anni sono la critica al regime autoritario vigente nel Partito, la critica allo sviluppo di deformazioni burocratiche nell'apparato statale sovietico, l'opposizione allo sviluppo di una nuova borghesia in seguito al prolungamento eccessivo delle misure di mercato ( NEP ); sul piano delle rivendicazioni, il gruppo di Trockij chiede una politica di forte industrializzazione, un piano di collettivizzazione volontaria nelle campagne (da realizzarsi in tempi lunghi) e, soprattutto, la promozione su scala mondiale di nuove rivoluzioni proletarie (Cina, Germania), viste come unica soluzione ai pericoli di involuzione del regime interno dell'URSS. [5]

Dopo la brusca rottura della trojka e la costituzione di un nuovo blocco Stalin - Bucharin che allontana da ogni posizione di potere le frazioni Kamenev e Zinov'ev (forti soprattutto a Leningrado ), queste ultime formano nel 1926 , insieme con altri gruppi minori, un'alleanza con il gruppo di Trockij che sarà conosciuta come Opposizione Unificata . [5] Si apre una fase di scontri sempre più violenti tra il gruppo al potere ei gruppi oppositori, che contavano su decine se non centinaia di migliaia di sostenitori nel Partito e nel sindacato. [5]

Nell'autunno 1927 l'Opposizione di sinistra decide di organizzare in forma autonoma la celebrazione del decimo anniversario della Rivoluzione d'Ottobre; è da parte di Trockij e dei suoi alleati un tentativo di una prova di forza nei confronti del regime staliniano in formazione. In piazza nelle principali città del Paese (e specialmente a Mosca e Leningrado) scendono migliaia di persone sotto le bandiere dell'Opposizione Unificata, che si scontrano con sostenitori di Stalin e con le milizie statali: le dimostrazioni degli oppositori sono disperse con la forza. Pochi giorni dopo, il 12 novembre, Trockij e Zinov'ev sono espulsi dal partito Comunista Sovietico [53] , lasciando Stalin alla guida indiscussa dell'Unione Sovietica (Kamenev sarà espulso poche settimane dopo e in seguito sarà liquidato anche l'alleato Bucharin ). [5]

L'esilio

Trockij con alcuni amici statunitensi durante il suo esilio in Messico , 1940

Piegata l'Opposizione e cominciata la persecuzione sistematica dei suoi militanti, Trockij venne esiliato ad Alma Ata (oggi nel Kazakistan ) il 17 gennaio 1929 [54] . Fu poi espulso e dovette cominciare per lui il periodo dell'esilio, un lungo vagabondaggio in diversi paesi. Nonostante questo, il suo ottimismo rivoluzionario utopico, quasi transumanista [55] , non viene meno ed egli continua la propaganda in ogni luogo, auspicando una rinascita dell'URSS e del comunismo:

«Col comunismo, l'uomo diventerà incomparabilmente più forte, saggio, acuto. Il suo corpo diventerà più armonioso, i movimenti più ritmati, la voce più melodiosa. Le forme della sua esistenza acquisteranno un'eccezionale potenza drammatica. L'uomo medio raggiungerà la statura di Aristotele , Goethe , Marx . A quote ancora più alte s'ergeranno nuove vette.»

( Letteratura e rivoluzione )

Nel 1932 venne accolto dal regime fascista in Italia . [56] [57] Nel 1933 si spostò in Turchia , poi in Francia e in Norvegia , tentando anche di stabilirsi negli Stati Uniti ma Roosevelt gli negherà il visto d'ingresso . Poco prima di lasciare la Turchia, venne intervistato dallo scrittore belga Georges Simenon . [58]

Il 31 dicembre 1933 , a Parigi , incontrò Simone Weil , mistica e filosofa anarco-cristiana , di cui già aveva commentato alcuni articoli contro lo stalinismo. A tali critiche rispose nel pamphlet La Quarta Internazionale e l'URSS , ammettendo i pericoli del burocratismo, ma incolpando la Weil di "esaltazione anarchica a buon mercato" e di essere vittima "dei pregiudizi piccoloborghesi più reazionari ". [59]

La Weil aveva già conosciuto suo figlio, Lev Sedov , in Germania. Trockij, che viaggia in incognito con a fianco due guardie armate, [60] ne approfitta per organizzare una riunione clandestina, che si conclude con uno scontro verbale fra lui e la giovane, la quale ritiene che ogni Stato rappresenti, in quanto tale, un apparato oppressivo. Ella gli chiede come può giustificare la spietata repressione della rivolta di Kronštadt del 1921 (da parte dell' Armata Rossa ), e accusa lui e Lenin di avere un ruolo paragonabile a quello dei capitalisti che prosperano grazie a grandi carneficine. Da una stanza vicina i genitori della Weil sentono le urla di Trockij (ella aveva chiesto il loro permesso per ospitarlo) e lui, osserverà il critico Thomas Nevin , «dovette essere preso alla sprovvista da questa novellina di ventiquattro anni, sua supposta padrona di casa. La apostrofò con una valanga di epiteti». [61] Al termine della concitata discussione, Trockij le domandò: «Dato che non è d'accordo con nessuna delle mie idee, perché mi ha ospitato in casa sua? Appartiene forse all' Esercito della Salvezza ?». [62]

Trockij, la moglie e due amici: l'uomo a destra è Diego Rivera ( Città del Messico , 1937)

Alla fine Trockij lasciò quasi subito l'appartamento della Weil e dei suoi genitori. La moglie di Trockij rimase sorpresa che una giovane ragazza avesse tenuto testa al marito in una discussione politica. [63] Della Weil Trockij parlò poi anche in La natura di classe dello stato sovietico [64]

Nel 1934 Trockij scrisse l'articolo La guerra e la Quarta Internazionale in cui sollecitava la formazione di una nuova internazionale. Nel 1936 Trockij scrisse il libro La rivoluzione tradita , nel quale denuncia i crimini della burocrazia staliniana; il saggio diverrà il testo fondamentale dei comunisti internazionalisti e di tutti i socialisti anti-stalinisti. [5]

Alla fine si stabilì in Messico , sempre con la moglie, nel 1937, su invito del pittore Diego Rivera che aveva convinto il governo del presidente Lázaro Cárdenas del Río ad accoglierlo ufficialmente: visse a un certo punto nella casa di Rivera, e in un altro momento in quella della moglie del pittore, l'artista Frida Kahlo , che aveva accolto i coniugi Bronstein all'arrivo in nave a Tampico , e con cui Trockij ebbe una breve relazione sentimentale. [5]

Trockij nel 1937

Nel 1938 morì in Francia il figlio Lev , in circostanze poco chiare, forse avvelenato. Anche gli altri figli erano morti giovani: Nina di tubercolosi nel 1928; Zinaida, esiliata dall'URSS e anch'ella malata, finì suicida nel 1933; Sergej venne fucilato o assassinato in prigione dagli stalinisti nel 1937, con la sola colpa di essere figlio di Trockij. Gli sopravviveranno solo i nipoti [65] ; queste e altre tragedie (anche la prima moglie Aleksandra era morta in Siberia nel 1938) non lo abbatteranno mai moralmente: secondo il nipote, Esteban Volkov (figlio di Zinaida), Trockij «era sempre pieno di vita e di energia, aveva una fiducia del tutto straordinaria e contagiosa: l'avvento del socialismo era inevitabile, inevitabile e assoluto». [65]

Sempre nel 1938, Trockij fondò una nuova organizzazione marxista internazionalista, denominata Quarta Internazionale , la quale intendeva essere un'alternativa alla Terza Internazionale stalinista. Trenta delegati formarono una conferenza fondante nel settembre 1938 nella casa di Alfred Rosmer , appena fuori Parigi . All'incontro furono presenti delegati dalle maggiori potenze Europee e del Nord America , ma per ragioni di costi e distanza pochi rappresentanti dall' Asia e dall' America Latina . Un segretariato fu stabilito con molti degli allora capi trockijsti e molte delle nazioni dove i trockijsti erano attivi rappresentate. Trockij era assente, rimasto in Messico per motivi di sicurezza. [66] Tra le risoluzioni adottate dalla conferenza vi fu Programma di Transizione . [67]

Nella casa messicana, sorvegliata da guardie personali e militari messicani, incontrava ferventi ammiratori come André Breton , lavorava ai suoi scritti, progettava la rivoluzione internazionale contro Stalin e il capitalismo , passeggiava nella campagna con gli amici e si occupava con Natalja dei numerosi animali presenti nei giardini delle ville coloniali ( cani , gatti , scimmie , conigli , pappagalli , galline , ecc.). [5]

Dopo una discussione con Rivera, al termine di un periodo di contrasti (poiché Rivera aveva voluto assumere un ruolo politico nell'Internazionale, mentre Trockij lo riteneva adatto solo per un ruolo artistico, dato il sostanziale anarchismo del pittore che non seguiva mai la linea ufficiale decisa alle riunioni comuni), nel 1939 lasciò la Casa Azul (la residenza della famiglia Kahlo) e si spostò in una villetta sua, situata a poca distanza. Rivera, ex stalinista divenuto trotskista, tornò ad avvicinarsi ai vecchi compagni. [5]

L'assassinio

Lo studio dove Trockij fu assassinato il 20 agosto 1940

«Non ho bisogno di confutare ancora una volta le stupide e vili calunnie di Stalin e dei suoi agenti: non v'è una macchia sul mio onore rivoluzionario. Né direttamente né indirettamente non sono mai sceso ad accordi, o anche solo a trattative dietro le quinte, coi nemici della classe operaia. Migliaia d'oppositori di Stalin sono cadute vittime d'accuse analoghe, e non meno false. Le nuove generazioni rivoluzionarie ne riabiliteranno l'onore politico e tratteranno i giustizieri del Cremlino come si meritano. (...) Quali che siano le circostanze della mia morte, io morirò con la incrollabile fede nel futuro comunista. Questa fede nell'uomo e nel suo futuro mi dà, persino ora, una tale forza di resistenza che nessuna religione potrebbe mai darmi. (...) Morirò rivoluzionario , proletario , marxista , materialista dialettico e di conseguenza ateo convinto. La mia fede nell'avvenire comunista dell'umanità non è meno ardente, anzi è più salda oggi di quanto non fosse nella prima gioventù. Natascia si è appena avvicinata alla finestra che dà sul cortile, e l'ha aperta in modo che l'aria entri più liberamente nella mia stanza. Posso vedere la lucida striscia verde dell'erba ai piedi del muro, e il limpido cielo azzurro al disopra del muro, e sole dappertutto. La vita è bella. Invito le generazioni future a purificarla da ogni male, oppressione e violenza ea goderla a pieno.»

( dal Testamento politico del 27 febbraio 1940 )

Il 24 maggio 1940 , Trockij sopravvisse a un raid nella sua casa da parte di sicari stalinisti capitanati dal pittore David Alfaro Siqueiros , fervente sostenitore dell' URSS . La polizia messicana sospettò anche Rivera, che risultò innocente. [5]

Trockij all'ospedale dopo essere stato ferito a morte.

Mentre era a casa sua, a Coyoacán , il 20 agosto 1940 , venne aggredito alle spalle da Ramón Mercader (casualmente imparentato con Christian De Sica , essendo la madre dell'attore sorella dell'assassino), rivelatosi un agente stalinista, incaricato da Stalin in persona, sotto falso nome (si era spacciato per un comunista trockijsta canadese di nome Frank Jackson, per avvicinarsi a Trockij e conquistarne la fiducia), che gli sfondò il cranio usando una piccozza . Inaspettatamente Trockij si rialzò nonostante il colpo subito, reagì all'aggressione e si difese, chiamando poi le guardie del corpo e la moglie, che costrinsero Mercader a una breve fuga. Poco dopo si accasciò: trasportato in ospedale e operato, dopo aver ripreso brevemente conoscenza entrò in coma e morì il giorno seguente, alle ore 18:48. [5] Il governo messicano si occupò dei funerali, e diverse migliaia di persone gli resero omaggio durante la cerimonia civile. [5]

Mercader in seguito testimoniò al suo processo, nel quale sarà condannato a 20 anni di carcere:

«Lasciai il mio impermeabile sul tavolo, in modo tale che fossi in grado di rimuovere la piccozza che si trovava nella tasca. Decisi di non mancare la meravigliosa opportunità che si presentava. Il momento in cui Trockij cominciò a leggere l'articolo mi diede la chance, estrassi la piccozza dall'impermeabile, la strinsi in pugno e, con gli occhi chiusi, sferrai un colpo terrificante alla sua testa. [68] »

Dopo il rilascio Jackson/Mercader finì per rifugiarsi a Cuba , dove Fidel Castro , avvicinatosi all'URSS, accettò di dargli ospitalità. Trockij è stato riabilitato post-mortem dall'Unione Sovietica soltanto durante l'era Gorbaciov . [69] [70] La tomba di Trockij e della moglie si trova nel terreno attorno alla casa a Coyoacán . Un altro museo intitolato a Trockij fu aperto nel 1990 a Città del Messico . La casa è stata preservata più o meno nelle stesse condizioni in cui si trovava il giorno del suo assassinio ed è oggi un museo. [71]

Giudizio storico

Giudizi storici abbastanza positivi sono stati espressi su Trockij, anche nel mondo anglosassone e soprattutto da personalità non comuniste, in cui il rivoluzionario - anche in un contesto semplicemente storico e non politico - viene contrapposto spesso a Stalin e alla degenerazione dittatoriale subita dall' URSS [72] [73] , anche se molto criticato, specie dagli anarchici e dai libertari , è stato l'intervento militare contro la rivolta di Kronštadt e oggetto di discussione il suo effettivo ruolo in tale occasione; taluni gli rimproverarono di non essersi opposto all'iniziale autoritarismo di matrice leninista , che sarebbe sfociato infine nella messa al bando anche degli oppositori comunisti al PCUS di Stalin, compreso lui stesso; altri lo accusarono di essere velleitario e settario. [74] Pochi ricordano la sua fiera opposizione alla Massoneria [75] .

Pensiero

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trotskismo .
Diego Rivera, L'uomo all'incrocio (particolare), affresco, 1934: si vede Trockij che tiene in mano il drappo rosso della Quarta Internazionale, con la scritta in diverse lingue " Proletari di tutto il mondo unitevi nella IV Internazionale!!"; nei pressi sono visibili Engels e Marx
Discorso di Trockij a Copenaghen (1932)

Il pensiero di Trockij o trotskismo rappresenta uno dei principali rami del movimento comunista, in opposizione allo stalinismo e al marxismo-leninismo ortodosso come definito dalla dottrina ufficiale dell'URSS a partire dal 1924 (non alla dottrina leninista originale); esso «non è un movimento nuovo, una nuova dottrina, ma il restauro, la rinascita di un autentico marxismo come è stato esposto e praticato nella rivoluzione russa e nei primi giorni della Internazionale comunista». [76] Tuttavia, il trotskismo può essere distinto da altre teorie marxiste da quattro elementi chiave [76] :

La teoria della rivoluzione permanente può essere considerata una delle caratteristiche distintive del trotskismo. Fino al 1905, i marxisti avevano solo teorizzato come una rivoluzione in una società capitalista europea potrebbe portare a una socialista, ma da questa teoria erano esclusi i paesi non sviluppati, come la Russia. La Russia nel 1905 non aveva ancora stabilito una società capitalista, era invece in gran parte feudale con una piccola classe borghese. La teoria della rivoluzione permanente ha affrontato la questione di come tali regimi feudali dovessero essere rovesciati, e di come sia possibile raggiungere il socialismo in mancanza di prerequisiti economici. Trockij ha affermato che in Russia solo la classe operaia poteva rovesciare il feudalesimo e ottenere il sostegno dei contadini. Inoltre, egli ha sostenuto che la classe operaia russa non debba fermarsi qui: una volta vinta la sua rivoluzione contro la debole classe borghese, avrebbe dovuto stabilire uno stato operaio in Russia e aiutare la classe operaia nei paesi capitalisti avanzati di tutto il mondo. Come risultato, la classe operaia internazionale sarebbe venuta in aiuto della Russia, e il socialismo avrebbe potuto svilupparsi in tutto il mondo.

Trockij sosteneva che in Russia non si sarebbero ripetute rivoluzioni come quelle che in Gran Bretagna nel XVII secolo e in Francia nel 1789 abolirono il feudalesimo e stabilirono i requisiti di base per lo sviluppo del capitalismo .

Ritratto di Trockij

Nella teoria della rivoluzione permanente si sostiene che in molti paesi che non hanno ancora completato la loro rivoluzione democratica borghese, la classe capitalista si opponga alla creazione di una situazione rivoluzionaria, in quanto temono la classe operaia che lotta per le sue aspirazioni rivoluzionarie contro il loro sfruttamento da parte del capitalismo. In Russia, la classe operaia, anche se è una piccola minoranza in una società prevalentemente contadina si è organizzata in fabbriche e in grandi quartieri. Durante la Rivoluzione russa del 1905, la classe capitalista ha ritenuto necessario allearsi con elementi reazionari, come i proprietari terrieri feudali e le forze dello stato zarista russo, per proteggere la loro proprietà di fabbriche, banche, ecc. dall'esproprio da parte della classe lavoratrice rivoluzionaria. Pertanto, secondo la teoria della rivoluzione permanente, la classe capitalista dei paesi arretrati economicamente è debole e incapace di portare a un cambiamento rivoluzionario, quindi collegata ai feudatari, alla classe dirigente e al capitale europeo.

Soltanto il proletariato o la classe operaia erano in grado di realizzare quegli obiettivi altrove raggiunti con la rivoluzione borghese, formando consigli operai ( soviet ):

«Il sistema di fabbrica porta il proletariato in primo piano [...] Il proletariato si è trovato subito concentrato in masse enormi, mentre tra queste masse e l'autocrazia c'era una borghesia capitalistica, molto piccola nei numeri, isolata dal "popolo", per metà stranieri, senza tradizioni storiche, e ispirata solo dalla bramosia di guadagno.»

( Lev Trockij, Risultati e prospettive )

Secondo il marxismo "classico", la riforma agraria (portato della rivoluzione democratico-borghese) nei paesi arretrati, come la Russia, preparerebbe il terreno in ultima analisi soltanto per uno sviluppo del capitalismo, in quanto i contadini liberati diventano piccoli proprietari, produttori e commercianti che portano alla crescita dei mercati delle materie prime, da cui una nuova classe capitalista sarebbe emersa. Solo il pieno sviluppo capitalista, secondo questo schema, prepara le basi per il socialismo.

Trockij riteneva che un nuovo Stato socialista e l'economia in un Paese come la Russia non sarebbero stati in grado di resistere alle pressioni di un mondo ostile capitalista, così come alle pressioni interne. La rivoluzione secondo Trockij avrebbe dovuto diffondersi rapidamente nei principali Paesi capitalistici e in tutto il mondo. Questa posizione, in contrasto rispetto al "marxismo classico", difeso per esempio dai menscevichi, era condivisa da Trockij, in parte da Lenin e dai bolscevichi fino al 1924, quando Stalin , dopo la morte di Lenin , cercando di consolidare il suo controllo sempre più burocratico e autoritario sul partito bolscevico ha cominciato a presentare lo slogan del socialismo in un solo paese , sostituendo l' internazionalismo proletario col nazionalismo di sinistra .

Tuttavia la prospettiva internazionalista della rivoluzione permanente si trova già nelle opere di Karl Marx . Il termine "rivoluzione permanente" è difatti tratto da una frase di Marx del marzo 1850. [77] Un altro importante tema affrontato da Trotzky fu quello del lavoro, oltre che contrario alla Nep con le sue moderate aperture richieste dei contadini, sostenne la necessità della "militarizzazione del lavoro". In Terrorismo e Comunismo del 1920 l'autore scrisse: “I sindacati diventano l'apparato di repressione rivoluzionaria contro indisciplinati, anarchici, elementi parassiti della classe operaia... interessi economici, costrizioni legali, la influenza di una organizzazione economica internamente coordinata, il potere della repressione, nonché influenza morale, agitazione, propaganda, e l'innalzamento del livello culturale. Soltanto attraverso la combinazione di tutti questi metodi possiamo ottenere un alto livello di economia socialista” [78] .

Con il tempo, il trotskismo ha finito per influenzare anche altre parti del movimento comunista e socialista , e perfino ideologie esterne e opposte al marxismo. [79]

Nella cultura di massa

Cinema

Il titolo del film di Roberto Benigni La vita è bella deriva da una frase del testamento politico di Trockij. [80]

Fumetto

Letteratura

Teatro

Televisione

Onorificenze

Ordine della Bandiera Rossa - nastrino per uniforme ordinariaOrdine della Bandiera Rossa

Note

  1. ^ 26 ottobre del calendario giuliano .
  2. ^ Luciano Canepari , Trockij , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
    Da evitare la pronuncia [ˈtrɔski] ; poco consigliata la pronuncia intenzionale [ˈtrɔʦkji] .
  3. ^ Trockij è la traslitterazione scientifica dal cirillico . Altre traslitterazioni di Лев Троцкий risultano essere Trotskij, Trotski, Trozkij, Trotzki, Trostskii, Trodzkij, Troskijo, Trotzky. Il nome Lev è stato anche tradotto in Leone o Leon , e questa è la forma più diffusa nel mondo anglosassone. La forma Lev Trotsky è quella più diffusa anche a livello giornalistico e pubblicistico, oltre a essere (assieme a Lev Trotskij ) il modo in cui egli si firmava, quando scriveva in alfabeto latino .
  4. ^ Nelle zone appartenute all' Impero russo il calendario gregoriano venne introdotto il 14 febbraio 1918 .
  5. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x Biografia di Trotsky , su trotsky.it . URL consultato il 26 luglio 2010 (archiviato dall' url originale il 9 marzo 2010) .
  6. ^ Due circostanze sottolineate da lui stesso: cfr. L. Trozkij, La mia vita , 1961, p. 20.
  7. ^ Col tempo, affittò altre centinaia di ettari di terra dai vicini. Un ukaz imperiale del 1881 impediva agli ebrei di acquistare la terra: cfr. I. Deutscher, Il Profeta armato: Trotskij 1879-1921 , 2011, p. 22.
  8. ^ I. Deutscher, Il Profeta armato , cit., pp. 17-19.
  9. ^ L. Trozkij, La mia vita , cit., p. 32: « imparò a sillabare da vecchio, tanto da poter decifrare almeno il titolo dei miei libri ».
  10. ^ L. Trozkij, La mia vita , cit., p. 45.
  11. ^ L. Trozkij, La mia vita , cit., p. 31; I. Deutscher, Il Profeta armato , cit., pp. 18-20.
  12. ^ L. Trozkij, La mia vita , cit., pp. 47-48: il maestro Schuffer « m'aveva insegnato a leggere ea scrivere, due arti che qualche servigio me l'hanno dato nella vita ».
  13. ^ Furono i genitori della poetessa Vera Michajlovna Inber .
  14. ^ L. Trozkij, La mia vita , cit., pp. 50-56.
  15. ^ Come Vlas Michajlovič Doroševič , molto noto al tempo, e Sergej Ivanovič Sycevskij, « uomo d'ingegno, ma beone ».
  16. ^ Tra le prime letture, Puškin, Lermontov, Nekrasov, l' Oliver Twist di Dickens, e La potenza delle tenebre di Tolstoj, vietato dal regime.
  17. ^ I. Deutscher, Il Profeta armato , cit., pp. 26-29.
  18. ^ L. Trozkij, La mia vita , cit., p. 75.
  19. ^ L. Trozkij, La mia vita , cit., p. 95.
  20. ^ I. Deutscher, Il Profeta armato , cit., pp. 41-47.
  21. ^ GA Ziv, Trockij. Charakeristika (Po lichnym vospominanjam) , 1921, p. 15; M. Eastman, Leon Trotsky. The Portrait of a Youth , 1925, p. 77.
  22. ^ L. Trozkij, La mia vita , cit., p. 96.
  23. ^ I. Deutscher, Il Profeta armato , cit., pp. 51-53.
  24. ^ I. Deutscher, Il Profeta armato , cit., pp. 54-64.
  25. ^ L. Trozkij, La mia vita , cit., pp. 112-115.
  26. ^ Firmava gli articoli con lo pseudonimo di "Antid Oto", tratto dalla parola italiana antidoto .
  27. ^ L. Trozkij, La mia vita , cit., pp. 115-117.
  28. ^ I. Deutscher, Il Profeta armato , cit., p. 69.
  29. ^ L. Trozkij, La mia vita , cit., pp. 119-122.
  30. ^ I. Deutscher, Il Profeta armato , cit., pp. 71 e 84.
  31. ^ M. Eastman, cit., p. 157.
  32. ^ I. Deutscher, Il Profeta armato , cit., pp. 84-86; L. Trozkij, La mia vita , cit., pp. 122-128.
  33. ^ Al n. 10 di Holford Square, dove viveva con la moglie Nadežda Krupskaja.
  34. ^ I. Deutscher, Il Profeta armato , cit., pp. 87-90.
  35. ^ N. Krupskaja, La mia vita con Lenin , 1956, pp. 76-76; I. Deutscher, Il Profeta armato , cit., pp. 93-94 e 98.
  36. ^ L. Trozkij, La mia vita , cit., pp. 131-134.
  37. ^ N. Krupskaja, cit., p. 76.
  38. ^ L. Trozkij, La mia vita , cit. p. 142.
  39. ^ L. Trozkij, La mia vita , cit. p. 143.
  40. ^ L. Trotsky, I nostri compiti politici , p. 54.
  41. ^ L. Trotsky, La mia vita , cit., p. 145.
  42. ^ I. Deutscher, Il Profeta armato , cit., pp. 150-152.
  43. ^ Iskra , n. 82, 1º gennaio 1905.
  44. ^ J. Martov, F. Dan, Storia della socialdemocrazia russa , 1973, pp. 98-99.
  45. ^ Lenin, Due tattiche della socialdemocrazia nella rivoluzione democratica , in Opere , vol. 9, p. 48.
  46. ^ L. Trotsky, Nos différends , in Id., 1905 , 1969, pp. 383-384.
  47. ^ L. Trotsky, Nos différends , cit., p. 385.
  48. ^ I. Deutscher, Il Profeta armato , cit., pp. 153-161.
  49. ^ L. Trozkij, La mia vita , cit., pp. 148-150.
  50. ^ Novant'anni fa il massacro dei Romanov
  51. ^ Lev Trotsky, Terrorismo e gli omicidi di Rasputin e Nicola II , 1938
  52. ^ Mark Weber, The Jewish Role in the Bolshevik Revolution and Russia's Early Soviet Regime
  53. ^ Nove, Alec. “Trockij e La 'Opposizione Di Sinistra'. 1929-1931.” Studi Storici, vol. 18, no. 1, 1977, pp. 31–48.
  54. ^ Nicolas Werth, Storia della Russia nel Novecento , Il Mulino, Bologna, 2000.
  55. ^ L'utopia di Trotsky. Un socialismo dal volto postumano
  56. ^ The Stanford Daily, Volume 82, Issue 44, 5 December 1932 , su Stanforddailyarchive.com .
  57. ^ Former Soviet leader Leon Trotsky, in exile visits ruins of ancient Roman sites with other dignitaries in Naples, Italy. , su criticalpast.com , 1932.
  58. ^ La penna e la dialettica , su trilobiti.it . URL consultato il 29 dicembre 2014 (archiviato dall' url originale il 6 marzo 2016) .
  59. ^ T. Nevin , pp. 114-115 .
  60. ^ T. Nevin , pp. 31, 115 .
  61. ^ T. Nevin , pp. 115-116 .
  62. ^ Secondo la testimonianza di André Weil, intervistato nel 1993, in Simone Weil. Il comunismo e la vita di fabbrica , su raiscuola.rai.it , Rai Scuola , 26 gennaio 2012. URL consultato il 7 maggio 2013 (archiviato dall' url originale il 22 ottobre 2013) .
  63. ^ Maurizio Zani, Nota bio-bibliografica , in Simone Weil, Incontri libertari , Elèuthera, Milano, 2001, p. 17. ISBN 88-85060-52-8
  64. ^ Lev Trotsky, La natura di classe dello stato sovietico
  65. ^ a b 72 anni dopo, l'assassinio di Trotsky ricordato dal nipote
  66. ^ "MS", Founding Conference of the Fourth International
  67. ^ Socialist Workers Party (US) , La conferenza fondante della Quarta Internazionale
  68. ^ Volkogonov, Dmitri (1996). Trotsky: The Eternal Revolutionary . Free Press. ISBN 0-684-82293-8 ; p. 466
  69. ^ Alberto Jacoviello , Quelle pagine bianche , in la Repubblica , 3 novembre 1987.
  70. ^ Massimo Fini, Gorbaciov ha infranto il tabù di Trotsky? Sì, con la menzogna Archiviato il 7 febbraio 2015 in Internet Archive ., l'Europeo, 1987
  71. ^ Museo Casa L. Trotsky , su museocasadeleontrotsky.blogspot.it . URL consultato il 19 marzo 2014 .
  72. ^ Christopher Hitchens , The Revenge of Karl Marx
  73. ^ Anatomia di un omicidio - L'assassinio di Leon Trotsky , History Channel - Rai Storia
  74. ^ Critiche anarchiche a Trotsky - Anarcopedia , su ita.anarchopedia.org . URL consultato il 29 dicembre 2014 (archiviato dall' url originale il 30 aprile 2015) .
  75. ^ Yvàn Pozuelo Andrés, La masonería en Asturias (1931-1939) , Oviedo, Ediciones de la Universidad de Oviedo, p. 238.
  76. ^ a b James P. Cannon, History of American Trotskyism , 1942
  77. ^ "Fare la rivoluzione permanente fino a quando tutte le classi, più o meno abbienti siano state cacciate dalle loro posizioni dominanti, fino a che il proletariato abbia conquistato il potere dello Stato e fino a quando l'associazione dei proletari sia progredita abbastanza lontano - non solo in un paese ma in tutti i principali paesi del mondo - così che la concorrenza tra i proletari di questi paesi cessi e le forze decisive di produzione siano concentrate nelle mani dei lavoratori". (Marx, Discorso del Comitato Centrale alla Lega dei comunisti)
  78. ^ L. Trotzky, Terrorismo e Comunismo , 1920.
  79. ^ Michael Lind, How Neoconservatives Conquered Washington – and Launched a War
  80. ^ CON BENIGNI A VEDERE BENIGNI - Repubblica.it

Opere

Tomba di Trockij a Coyoacán , Città del Messico

Edizioni italiane degli scritti di Trockij

  • Un dramma giudiziario. Il processo Beilis , Milano, Avanti!, 1918.
  • Dalla Rivoluzione d'ottobre al trattato di pace di Brest-Litowsk , Milano, Avanti!, 1919.
  • Il bolscevismo dinnanzi alla guerra e alla pace del mondo , Milano, Avanti!, 1920.
  • L'esercito rosso della Russia , con H. Bergmann e J. Smilga, Milano, Avanti!, 1921.
  • L'esercito rosso. Discorso su Il potere dei Consigli e l'imperialismo internazionale, tenuto a Mosca il 21 aprile 1918 , Città di Castello, Il Solco, 1921.
  • Il fallimento della Seconda Internazionale , Città di Castello, Il solco, 1921.
  • Terrorismo e comunismo anti-Kautsky , Milano, Avanti!, 1921.
  • Lenin , Milano, Rinascita, 1924.
  • 1917. Insegnamenti dell'Ottobre , Milano, Avanti!, 1925.
  • Gli insegnamenti di ottobre ; Lettera di Trozkii a Olminski sulle sue divergenze di vedute col Partito bolscevico ; Come non si deve scrivere la storia della Rivoluzione di ottobre , Milano, Tip. Lazzari, 1925.
  • La mia prima evasione , Roma, Accademia, 1929.
  • La mia vita. Tentativo di autobiografia , Milano, A. Mondadori, 1930.
  • Storia della rivoluzione russa , 3 voll., Milano, F.lli Treves, 1936-1938.
  • Stalin , Milano, Garzanti, 1947.
  • Carlo Marx , Milano, Mondadori, 1949.
  • La rivoluzione tradita , Milano, Schwarz, 1956.
  • Letteratura, arte, libertà , Milano, A. Schwarz, 1958.
  • Diario d'esilio 1935 , Milano, Il Saggiatore, 1960.
  • Scritti 1929-1936 , Torino, G. Einaudi, 1962.
  • Terrorismo e comunismo , Milano, Sugar, 1964.
  • Nuovo corso. Lo scritto che iniziò la guerra aperta con Stalin , Roma, Samonà e Savelli, 1965.
  • I crimini di Stalin , Roma, G. Casini, 1966.
  • La rivoluzione permanente , Torino, Einaudi, 1967.
  • La loro morale e la nostra , Bari, De Donato, 1967.
  • Compagni di strada , Bari, De Donato, 1968.
  • Scelta di scritti. 1905-1940 , Roma, Samonà e Savelli, 1968.
  • Scritti letterari , Roma, Samonà e Savelli, 1968.
  • In difesa del marxismo , Roma, Samonà e Savelli, 1969.
  • Marxismo e scienza , Roma, Samonà e Savelli, 1969.
  • La piattaforma dell'opposizione nell'Urss , Roma, Samonà e Savelli, 1969.
  • La Terza Internazionale dopo Lenin , Roma, Samonà e Savelli, 1969.
  • Premesse oggettive della rivoluzione socialista , sl, Ennesse indicazioni, 1970.
  • I problemi della rivoluzione cinese e altri scritti su questioni internazionali 1924-1940 , Torino, Einaudi, 1970.
  • Rapporto della delegazione siberiana. La concezione del partito proletario in una polemica di Trotsky contro Lenin al II Congresso del POSDR , Roma, La vecchia Talpa, 1970.
  • 1905 , Firenze, La Nuova Italia, 1971.
  • Il giovane Lenin. La giovinezza di Lenin raccontata da un compagno di lotta , Milano, A. Mondadori, 1971.
  • Rivoluzione e vita quotidiana , Roma, Samonà e Savelli, 1971.
  • Scritti militari , Milano, Feltrinelli, 1971.
  • I nostri compiti politici , Roma, Samonà e Savelli, 1972.
  • Per conoscere Trotskij , Milano, A. Mondadori, 1972.
  • Il programma di transizione , Roma, Bandiera rossa, 1972.
  • Letteratura e rivoluzione. Seguito da altri scritti letterari, dagli atti della riunione sulla politica del Partito comunista russo nella letteratura, 9 maggio 1924, e dal testo della risoluzione del Comitato Centrale del PCR (b) sulla politica nel campo letterario, 1º luglio 1925 , Torino, Einaudi, 1973.
  • Crisi del capitalismo e movimento operaio. Scritti sul "terzo periodo" dell'Internazionale comunista , Roma, Samonà e Savelli, 1975.
  • Classi sociali e rivoluzione , Milano, Ottaviano, 1976.
  • Come si arma la rivoluzione. Scritti militari, 1921-1924 , Roma, Newton Compton, 1977.
  • Scritti e discorsi sulla rivoluzione in Cina. 1927 , Milano, Iskra, 1977.
  • Terrorismo e comunismo , Milano, Sugar, 1977.
  • Problemi della rivoluzione in Europa. I primi anni dell'Internazionale comunista , Milano, Mondadori, 1979.
  • Scritti sull'Italia , Roma, Controcorrente, 1979.
  • Ottobre 1917. Dalla dittatura dell'imperialismo alla dittatura del proletariato , con N. Bucharin, Milano, Iskra, 1980.
  • Europa e America , Milano, Celuc libri, 1980.
  • Lettere coniugali. 1933-1938 , con Natalja Sedova, Milano, La Pietra, 1981.
  • La rivoluzione tradita , Milano, Rizzoli, BUR, 1982.
  • Prima del nove gennaio , Milano, Celuc libri, 1982.
  • La Quarta Internazionale e la guerra (10 giugno 1934) , Foligno, Centro studi Pietro Tresso, 1989.
  • La natura di classe dello stato sovietico (10 ottobre 1933) , Foligno, Centro studi Pietro Tresso, 1992.
  • Il Terzo periodo degli errori dell'Internazionale comunista ; A proposito del fronte unico , Milano, AC Editoriale, 1992.
  • Storia della rivoluzione russa , 2 voll., Roma, Newton & Compton Editori, 1994
  • I sindacati nella fase della decadenza imperialista , Napoli, Laboratorio politico, 1994.
  • Opere scelte , 11 voll., Roma, Prospettiva, 1994-2013.
  • Rosa Luxemburg. Difesa e critica di una rivoluzionaria. Due articoli e un discorso , Fontenay aux Roses, Centro Studi Pietro Tresso, 1996.
  • Lev Sedov. Figlio amico combattente. Dedicato alla gioventù proletaria. (20 febbraio 1938) , Firenze, BI-Elle, 1998.
  • Burocrati e saltimbanchi siete il veleno della sinistra. Libro rosso di Lev Davidovic Trotzky , Napoli, Pironti, 1999.
  • Le guerre balcaniche (1912-1913) , Fizzonasco, Pieve Emanuele, Lotta comunista, 1999.
  • La rivoluzione tradita , Milano, AC Editoriale, 2000.
  • La rivoluzione permanente , Milano, AC Editoriale, 2004.
  • Stalinismo e bolscevismo , Roma, Alegre, 2005.
  • Programma di transizione. L'agonia mortale del capitalismo ei compiti della Quarta internazionale , Bolsena, Massari, 2008.
  • Scritti contro il nazismo (1930-1933) , Milano, AC Editoriale, 2010.
  • Terrorismo e comunismo , Milano, Mimesis, 2011.

Fonti

  • Grigorij A. Ziv, Trockij, Charakeristika (Po lichnym vospominanjam) , New York, Knigoizdatel'stvo Narodopravstvo, 1921
  • Max Eastman, Leon Trotsky. The Portrait of a Youth , New York, Greenberg, 1925
  • Nadežda Krupskaja, La mia vita con Lenin , Roma, Editori Riuniti, 1956
  • Leone Trozkij, La mia vita , Milano, Mondadori, 1961
  • Léon Trotsky, 1905 , Paris, Les Éditions de minuit, 1969
  • Isaac Deutscher, Il profeta armato: Trotskij 1879-1921 , Roma, Pgreco, 2011
  • Isaac Deutscher, Il profeta disarmato: Trotskij 1922-1932 , Roma, Pgreco, 2011
  • Isaac Deutscher, Il profeta esiliato: Trotskij 1933-1940 , Roma, Pgreco, 2011

Bibliografia italiana

  • Guglielmo Pannunzio, Ciò che ho visto nella Russia bolscevica. Giugno-settembre 1920. Il secondo congresso della Terza Internazionale, colloqui ed interviste con Lenin, Trotsky, Krassin, Cicerin, Rikoff... , Torino, Libreria editrice dell'Alleanza Coop. torinese, 1921.
  • Leandro A. Sanchez Salazar, con Julian Gorkin, Così fu assassinato Trotzky , Milano, Garzanti, 1949.
  • Wolf Giusti, Il pensiero di Trotzky , Firenze, Le Monnier, 1949.
  • Bertram David Wolfe, I tre artefici della rivoluzione d'ottobre. Lenin, Trotzki, Stalin , Firenze, La Nuova Italia, 1953.
  • Isaac Deutscher, Il profeta armato. Trotsky 1879-1921 , Milano, Longanesi, 1956.
  • Livio Maitan, Trotsky, oggi , Torino, Einaudi, 1959.
  • Guido Vestuti, La rivoluzione permanente. Uno studio sulla politica di Trotsky , Milano, Giuffrè, 1960.
  • Isaac Deutscher, Il profeta disarmato. Trotsky 1921-1929 , Milano, Longanesi, 1961.
  • Isaac Deutscher, Il profeta esiliato. Trotsky 1929-1940 , Milano, Longanesi, 1965.
  • Monty Johnstone-Nicolas Krasso-Ernest Mandel, Il marxismo di Trockij , Bari, De Donato, 1970.
  • Jean-Jacques Marie, Il trotskismo , Milano, Mursia (Gruppo Editoriale), 1971.
  • Alberto Giordano, Trotski. La vita, il pensiero, i testi esemplari , Milano, Accademia, 1972.
  • Nicholas Mosley, L'assassinio di Trockij , Milano, Longanesi, 1972.
  • Victor Serge, Vita e morte di Trotskij , Roma-Bari, Laterza, 1973.
  • Marisa Forcina, Rivoluzione permanente e populismo. Ipotesi su Trockij , Lecce, Messapica, 1976.
  • Heinz Abosch , Trockij e il bolscevismo , Milano, Feltrinelli, 1977.
  • Roberto Massari (a cura di), All'opposizione nel PCI con Trotsky e Gramsci. Bollettino dell'Opposizione comunista italiana, 1931-1933 , Roma, Controcorrente, 1977; Bolsena, Massari, 2004.
  • Leonardo Rapone, Trotskij e il fascismo , Roma-Bari, Laterza, 1978.
  • Aa. Vv., Storia del marxismo contemporaneo , VI, Trockij e Bucharin , Milano, Feltrinelli economica, 1979.
  • Richard B. Day, Trotskij e Stalin. Lo scontro sull'economia , Roma, Editori Riuniti, 1979.
  • Isaac Deutscher, Il profeta armato. Trotskij 1879-1921 , Milano, Longanesi, 1979 [nuova edizione con traduzione rivista da Attilio Chitarin].
  • Antonella Marazzi, Trotsky in Italia. Bibliografia sistematica , Roma, Controcorrente, 1980.
  • Jean van Heijenoort, In esilio con Trockij. Da Prinkipo a Coyoacan , Milano, Feltrinelli, 1980.
  • J. Posadas, Il pensiero vivo di Trotzky , Firenze, Edizioni scienza cultura e politica, 1980.
  • Livio Maitan, Destino di Trockij , Milano, Rizzoli, 1981.
  • Pierre Naville, Trockij vivo , Milano, Spirali, 1981.
  • Francesca Gori (a cura di), Pensiero e azione politica di Lev Trockij. Atti del Convegno internazionale per il quarantesimo anniversario della morte promosso dalla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli e organizzato dalla Regione Toscana con la collaborazione della Biblioteca comunale di Follonica. Follonica, 7-11 ottobre 1980 , 2 voll., Firenze, Olschki, 1982.
  • Alberto Tovaglieri, Trockij e la pianificazione sovietica. La svolta a sinistra del 1928-29 , Siena, Facoltà di Giurisprudenza dell'Università, 1984.
  • Richard B. Day, La teoria dei cicli lunghi. Kondratiev, Trotsky, Mandel , Foligno, Centro studi Pietro Tresso, 1989.
  • Raya Dunayevskaya, Trotsky, l'uomo , Foligno, Centro studi Pietro Tresso, 1989.
  • Paolo Casciola, Trotsky e le lotte coloniali , Foligno, Centro studi Pietro Tresso, 1990.
  • Irving Howe , Trotzkij , Milano, A. Mondadori, 1990.
  • Roberto Massari, Trotsky e la ragione rivoluzionaria , Roma, Erre Emme, 1990; Bolsena, Massari, 2004 [nuova edizione, rivista e corretta].
  • Pierre Broué, La rivoluzione perduta. Vita di Trockij , Torino, Bollati Boringhieri, 1991.
  • Pierre Broué, Trotsky e la rivoluzione francese , Foligno, Centro studi Pietro Tresso, 1991.
  • Martin Konitzer, Wilhelm Reich , Roma, Erre Emme, 1992.
  • Dario Renzi, La lunga marcia del trotskismo (1). Dalle sconfitte delle rivoluzioni al dopoguerra , Roma, Prospettiva, 1992.
  • Ernest Mandel, Ottobre 1917. Storia e significato di una rivoluzione [ collegamento interrotto ] , Roma, Datanews, 1993.
  • Anna Di Biagio, Lev D. Trockij , Firenze, Giunti & Lisciani, 1995.
  • Arturo Schwarz , Breton e Trotsky. Storia di un'amicizia , Bolsena, Erre emme, 1997.
  • Giancarlo Mura, Lev Trockij. La rivoluzione fallita , Roma, Aracne, 2000.
  • Georges Simenon , Intervista a Trockij (1933) , Salerno, Oedipus, 2004.
  • Max Eastman, Il giovane Trotsky , Bolsena, Massari, 2006.
  • Jean-Jacques Marie, Kronstadt 1921. Il Soviet dei marinai contro il governo sovietico , Torino, Utet, 2007.
  • Antonio Moscato, Trockij e la pace necessaria. 1918: la socialdemocrazia e la tragedia russa , Lecce, Argo, 2007.
  • Salvatore Aponte, Il "Corriere" tra Stalin e Trockij, 1926-1929 , Milano, Fondazione Corriere della sera, 2010.
  • Isaac Deutscher, Il profeta armato: Trotskij 1879-1921 , Roma, Pgreco, 2011.
  • Isaac Deutscher, Il profeta disarmato: Trotskij 1922-1932 , Roma, Pgreco, 2011.
  • Isaac Deutscher, Il profeta esiliato: Trotskij 1933-1940 , Roma, Pgreco, 2011.
  • Victor Serge , Memorie di un rivoluzionario , a cura di Roberto Massari, Bolsena, 2011.
  • Thomas R. Nevin , Simone Weil. Ritratto di un'ebrea che si volle esiliare , traduzione di Giulia Boringhieri, Torino, Bollati Boringhieri, 1997, ISBN 88-339-1056-3 . le mani sporche

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Biografie
Scritti di Trockij
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 19685134 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2277 1584 · SBN IT\ICCU\CFIV\069173 · LCCN ( EN ) n79054261 · GND ( DE ) 118642979 · BNF ( FR ) cb119271514 (data) · BNE ( ES ) XX1141378 (data) · ULAN ( EN ) 500327186 · NLA ( EN ) 35556422 · BAV ( EN ) 495/55835 · NDL ( EN , JA ) 00459140 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79054261