Laos

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Laos (disambiguation) .
Laos
Laos - Drapo Laos - manto nan bra
( detay ) ( detay )
( LO ) ສັນ ຕິ ພາບ ເອ ກະ ລາດ ປະ ຊາ ທິ ປະ ໄຕ ເອ ກະ ພາບ ວັດ ທະ ນະ ຖາ ວອນ
(Santiphab ekalad pasaþipatai ekaphāb vadþa na þauaōn)
( FR ) Paix, endepandans, demokratik, inite ak pwospè
( IT ) Lapè, Endepandans, Demokrasi, Inite ak Pwosperite
Laos - Kote
Done administratif
Non konplè Repiblik Demokratik Lao Pèp la
Non ofisyèl ສາ ທາ ລະ ນະ ລັດ ປະ ຊາ ທິ ປະ ໄຕ ປະ ຊາ ຊົນ ລາວ
Sathalanalat Paxathipatai Paxaxon Lao
Lang ofisyèl yo Laotian [1]
Lang rekonèt:
Franse
Lòt lang Lang Tai-Kadai , lang Mon-Khmer
Kapital Vientiane (754,000 [2] abitan. / 2009)
Politik
Fòm gouvènman an One- pati eta sosyalis
Prezidan Repiblik la Thongloun Sisoulith
premye Minis Phankham Viphavanh
Endepandans Soti nan Lafrans , 19 jiyè 1949
Antre nan Nasyonzini an 14 Desanm, 1955
Sifas
Total 236.800 km² ( 84º )
% nan dlo 2%
Popilasyon
Total 7,447,396 abitan. (Jiyè 2020) ( 101º )
Dansite 31.45 abitan / km²
To kwasans 1.44% (2020) [3]
Non moun ki rete yo Lao , Laotians, Laosians (ra)
Jewografi
Kontinan Pwovens Lazi
Fwontyè Lachin , Vyetnam , Kanbòdj , Thailand , Burma
Lag jè UTC + 7
Ekonomi
Lajan Laotian Kip
GDP (nominal) 9 171 [4] milyon dola (2012) ( 136º )
GDP per capita (nominal) 1 925 $ (2016) ( 141º )
GDP ( PPP ) $ 18 918 milyon (2012) ( 129º )
GDP per capita ( PPP ) 2 847 $ (2012) ( 140º )
ISU (2011) 0.524 (mwayen) ( 138º )
Fètilite 2.7 (2011) [5]
Divès
ISO 3166 kòd LA , LAO, 418
TLD .la
Prefiks tel. +856
Otom. LAO
Im nasyonal Pheng Xat Lao
Jou ferye nasyonal la 2 desanm
Laos - Kat
Istorik evolisyon
Eta anvan an Drapo Laos (1952-1975) .svg Wayòm Laos

Kowòdone : 18 ° 12'N 104 ° 00'E / 18.2 ° N 104 ° E 18.2; 104

Laos ( AFI : / ˈlaos / [6] ; nan lang Lao : ປະ ເທດ ລາວ, transliterasyon: Pathet Lao ), ofisyèlman Repiblik Demokratik Pèp la (Lao: ສາ ທາ ລະ ນະ ລັດ ປະ ຊາ ທິ ປະ ໄຕ ປະ ຊາ ຊົນ ລາວ ທຸງ ຊາດ ລາວ , transl.: Sathalata Paxatho Eta) anklave Azi Sidès . Li fontyè Lachin nan nò, Vyetnam nan lès, Kanbòdj nan sid, Thailand nan lwès ak Burma nan nò-lwès la.

Se yon repiblik sosyalis yon sèl pati , gouvène pa Pati Revolisyonè Pèp Lao a .

Istwa

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Istwa Laos .

Ansyen istwa

Jwenn akeyolojik yo te jwenn nan pwovens yo nan Houaphanh ak Luang Prabang temwaye nan prezans nan gason pre-istorik nan zòn sa yo sou 40,000 ane de sa. Lòt konklizyon yo montre koloni agrikòl nan fon Mekong ki soti nan 4000 BC.Antik krich sinerary ak lòt tonm soti nan 1500 BC ki te fè pati premye kominote yo sivilize nan teritwa Laotian. [7] vestij yo rafine nan plenn lan nan krich , nan pwovens lan nò-lès nan Xiangkhoang , dat tounen nan ant 500 BC ak AD 500. Pami premye gwoup etnik yo ki peple Laos yo te Khmuic yo, ki moun ki te imigre soti nan Lachin.

Ant premye ak senkyèm syèk AD yo , enfliyans k ap grandi nan Peyi Wa ki nan Funan gaye sivilizasyon Endou a nan sid Indochina , ki te devlope nan syèk sa yo pa wayòm yo nan Chenla , rete nan prezan-jou Kanbòdj, ak nan Champa , ki chita nan Cambodia.Vyetnam Sid jodi a . Anpi Khmer , ki te leve nan fen 8yèm syèk la soti nan sann Chenla, gaye atravè anpil nan Indochina ak sipoze wòl nan lidèchip nan Endouyis nan rejyon an pou 500 ane. Kòmanse nan syèk la 6th, kilti a Dvaravati gaye tou, enfliyanse pa émergentes moun yo mon , ki moun ki konvèti nan Theravada Boudis ak te favorize fondasyon an nan plizyè prensipote nan Burma ak Thailand jodi a. Khmer yo te konkeri anpil nan lès mon vil eta yo e yo te enpoze Endouyis, pandan ke Boudis kontinye fleri nan lwès la. Fanmi an lang Khmer mon te fèt nan sendika a nan de kilti yo.

Wayòm Lan Xang

Peyi Wa ki nan Lan Xang, make nan vèt, nan 1400s yo
Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Lan Xang .

Fondasyon

Li te nan kontèks sa a, ant katriyèm ak wityèm syèk yo, premye minisipalite yo rele muang yo te fòme nan pati Laotian nan fon Mekong, ki te kenbe kontak ak wayòm Indochina ak Anpi Chinwa a. [7] Nan syèk ki vin apre yo, Khmer yo ak Champa yo te soumèt yo kòm eta vasal, men yo te kenbe yon bon maj nan otonomi pa kenbe pwòp chèf yo.

Ant syèk yo 10yèm ak 12yèm, te gen yon migrasyon ralanti ak masiv soti nan sid Lachin nan pèp yo tai , ki moun ki piti piti rete nan yon seri vas nan teritwa ant nò-bò solèy leve peyi Zend ak nò Vyetnam. Règleman yo nan Tai a te monte nan plizyè sougwoup, nan mitan ki Lao a nan Laos, Thais yo ak Lanna a nan Thailand ak Shan a nan Burma ta sòti. Anviwon syèk la 13th, gwoup sa yo anbrase kwayans nan Theravada Boudis , ki nan yon deseni kèk ta vin etabli nan tout Indochina.

Avèk n bès Khmer la nan 14yèm syèk la, Prince Fa Ngum nan Mueang Sua ( Luang Prabang jodi a), edike nan kapital Khmer Angkor , inifye prensipot Laotian yo e yo te kouwone chèf Lan Xang nan 1354 (literalman: yon milyon elefan , 'machin lagè yo' nan tan sa a), premye gwo wayòm Laotyen an. Fa Ngum pwoklame tèt li yon desandan Khun Borom , progenitor lejand nan bloodlines Tai yo . Kapital la te etabli nan Mueang Sua tèt li ak Theravada Boudis te pwoklame relijyon leta a . Nan 20 premye ane rèy li yo, Fa Ngum elaji teritwa li yo nan rejyon Champa , Vyetnam ak Isan, jodi a nan Nòdès Thailand . [8]

Kriz ak rne nan Peyi Wa a

Inifikasyon Peyi Wa a te lakòz yon divizyon an de faksyon nan aristokrasi nan tribinal la. Faksyon nan bò ak chèf la ak lye nan Anpi Khmer , ki te bay Fa Ngum ak lame a ak ki li inifye prensipot yo Laotian, kouvri noblès la fin vye granmoun nan Peyi Wa ki nan Mueang Sua . Lèt la te reyaji pa obligatwa nan Peyi Wa émergentes nan Ayutthaya , eta a Siamese ki diskite sipremasi nan Azi Sidès ak Anpi Khmer la. [8] Konfli ki genyen ant de faksyon yo ta gen trennen sou pou kèk deseni ak kontribye nan premye gwo kriz la ki te kòmanse nan 1428. Pandan peryòd la nan enstabilite grav, konplote yo nan kourtizan Maha Devi a antre nan lit ki genyen ant faksyon yo nan aristokrasi a ak mennen nan asasina a nan omwen sis souveren nan lespas 12 zan. [8] Peyi Wa a te tou febli akòz n bès nan nouvo nan alye yo Khmer ki, anba presyon ogmante nan Ayutthaya, abandone Angkor apre sak la Siamese nan 1431 ak deplase kapital la nan Lovek . [9]

Laotyen yo te soufri premye defèt lou yo nan 1455, lè lame Lanna yo te repouse nan gwo pri pa Laotians yo, men jere yo an sekirite plizyè prensip fwontyè. Yon nouvo defèt te pran plas nan 1478 pa anvayisè yo Vyetnamyen. Dai Viet la , galvanize apre alyans lan ak anperè Chinwa nan dinasti Ming ak konkèt nan Peyi Wa Champa , te okipe Mueang Sua epi yo te chase yo deyò apre yo te blese gwo pèt sou twoup Laotian yo. [9] Kriz la nan Peyi Wa a mennen nan detachman an nan minisipalite yo pi lwen kapital la, ki pandan y ap rete konfederasyon akeri yon bon degre nan otonomi. [10]

Nan 1500, ak asansyon Visunarat sou fòtèy la, Lan Xang devlope ankò. Wa a te yon relijye fervant, bati bèl tanp e li te ekri ekriti yo Theravada tradui soti nan Pali nan Laotian . Pandan rèy li atizay yo te vin nouvo momantòm. Li te deplase nan dènye ane yo pou dirije nan Vientiane, kote li te pi fasil pou kontwole pwovens ajite sid yo, men Mueang Sua rete kapital ofisyèl la. [8] Lan Xang te plis konsolide pandan rèy siksesè li Phothisarat I (1520-1550), [11] ki, menm jan ak papa l ', te yon Boudis fervent. Li te deklare Animism , ki jouk lè sa a te yon pati entegral nan sosyete a, ilegal, atire ostilite nan pratik nan konfyans sa a, ki se toujou baz la nan kilti Laotian. [10]

Indochina nan 1580, lè Anpi a Burmese Taungu soumèt Lan Xang ak pi fò nan Azi Sidès

Nouvo wa a Setthathirat I (gouvènen soti nan 1550 1571) te fòse yo deplase kapital la nan Lan Xang Vientiane nan 1560, kondwi pa menas la Burmese. [11] Li chanje non Mueang Sua an Luang Prabang , nan onè estati a nan Phra Bang , Paladyòm nan monachi a ke li te kite nan kapital la fin vye granmoun. [11] Li te vin yon ewo nasyonal pou repouse twa envazyon Burmese ak pou reyalizasyon li nan tou de politik domestik ak etranje. [12] Li te tou yon relijye fervant e li te gen tanp enpòtan bati nan lavil Laotian.

Nan 1575 Peyi Wa ki te tonbe nan men Burmese nan wa Bayinnaung nan dinasti Taungu , ki moun ki konkeri Vientiane ak depòte yon gwo pati nan popilasyon an, ki gen ladan wa a, nan kapital la Pegu . Bayinnaung konsa konplete konkèt tout teritwa sa yo ki te fè Burma pi gwo anpi ki te janm egziste nan Azi Sidès la. Lanmò li nan 1581 ta mennen a dezentegrasyon anpi sa. [13]

Lan Xang rete yon vasal nan Burmese a jouk 1603, lè Voravongse II te kouwone wa ak pwoklame endepandans li soti nan Burma apre 28 ane nan soumèt. [14] Nan ane annapre yo, lit entèn yo te kontinye devlope ant divès faksyon nòb nan wayòm nan. Gouvènè pwovens sid yo te kontinye konplo endepandans yo tou.

Batay la ki gen eksperyans yon peryòd Trèv nan 1638 ak asansyon nan fòtèy la nan Surigna Vongsa , yon wa eklere ak mayanim ki ankouraje atizay yo e li te yon relijye fervant. Sa a te gran jou de glwa pou Peyi Wa a, pandan ki premye anvwaye Ewopeyen yo te rive nan tribinal la nan Lang Xang, ki moun ki rele Vientiane vil la pi bèl nan sidès Lazi . [7] Surigna Vongsa se te youn nan monak yo ki pi long-viv ki te janm egziste nan mond lan, li te gouvènen soti nan 1638 1690. [14] Li te kapab kenbe lòd ak lapè, men sou lanmò li ansyen konfli yo nan M'enerve peyi a. aristokrasi refè dramatikman.

Separe Lan Xang

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Wayòm Luang Prabang , Wayòm Vientiane ak Wayòm Champasak .

Souverèn yo siksesif pa t 'konnen ki jan yo rekonsilye faksyon yo nòb divès kalite. Dènye wa Lan Xang te Setthathirat II , ki te pran fòtèy la kòm yon vasal Vyetnam. Otorite li te defye pa kouzen li Kitsarat , ki moun ki te depoze vice-roi a nan Luang Prabang ak etabli yon Peyi Wa otonòm nan pwovens nò yo. Wa Ayutthaya, enkyete sou enfliyans Vyetnamyen yo nan Vientiane, medyatè rekonsilyasyon ant de kouzen yo, ki te dakò pou patisyon an nan de nouvo wayòm Lan Xang Luang Prabang ak Lan Xang Vientiane nan 1707. [15]

Aristokrasi nan prensipid sid yo te pwofite de enstabilite ki te kreye e etabli Peyi Wa Champasak , ki te kraze ak sa Vientiane nan 1713. Fòtèy la te reskonsab jenn frè mwatye nan Setthathirat II, ki te vin wa ak non wa Soi Sisamut [16] Peyi Wa ki nan Luang Prabang te vin tounen yon vasal nan Burma nan 1771 jouk 1779, lè li te fòse yo vin yon vasal Siamese.

Subjugasyon Siam ak franse Indochina

Twa wayòm yo te depi nan konmansman an nan lagè youn ak lòt epi yo te sibi ant 1778 ak 1781 pa Siam, ki te fè yo eta vasal. Se lè sa a Isan te anekse ak Siam. Rebelyon wa Vientiane Anouvong , an 1826, te fini apre twa zan avèk ekzekisyon wa a, destriksyon Vientiane ak depòtasyon plizyè santèn mil sitwayen nan Isan, ki te prèske dezole nan moman an.

Nan 1893, Laotians yo akeyi rezilta a nan konfli a Franco-Siamese ki te wè peyi a, yon lòt fwa ankò ini ak definitivman retire li nan dominasyon Siam, vin yon pati nan franse Indochina . Nan delika balans politik nan tan sa a nan rejyon an, domine pa tansyon ant pouvwa Britanik yo ak franse kolonyal yo, Siamese yo pèdi lòt teritwa vas nan Kanbòdj jodi a, Burma ak Malezi, men jere yo kenbe kontwòl sou Isan a, ki te anekse . Tèm Laos te envante, yon transliterasyon ke franse a te fè nan mo Lao a , non gwoup etnik dominan nan peyi a, lè an 1899 pwotektora franse Laos te etabli ofisyèlman.

Anba pedagojik Vis Konsil Auguste Pavie ak wa Sisavang Vong , ki te gouvène nan 1904 (okòmansman sou Pwovens Luang Prabang la pou kont li), peyi a te vin gen yon sèten estabilite e li te jwenn yon amelyorasyon nan kondisyon lavi popilasyon an. Franse yo pa t 'bay Laos anpil enpòtans, ki te fondamantalman itilize kòm yon eta tanpon ant pwòp teritwa li yo ak sa yo ki kontwole pa Britanik yo. [17] Yo te entwodwi sistèm korvè a, ki te egzije pou chak moun Laotyen bay 10 jou pa ane travay gratis pou gouvènman kolonyal la. Pwodwi yo, nan mitan ki yo menm prensipal yo te fèblan , kawotchou ak kafe , reprezante 1% nan ekspòtasyon yo nan franse Indochina . An 1940, te gen sèlman 600 sitwayen franse nan peyi a.

Dezyèm Gè Mondyal la

Epidemi Dezyèm Gè Mondyal la chanje balans lan nan rejyon an, sitou aprè envazyon Alman an Lafrans , ki te febli gouvènman Indochina franse a ki te anpeche li pi fò nan pwovizyon li yo. Anpi Japon an premye te pran avantaj de sa a , ki nan fen ete 1940 deplwaye twoup li yo atravè anpil nan franse Indochina ak pèmisyon nan otorite yo nonmen pa gouvènman an Vichy , ki konsa konsève souverènte franse sou teritwa yo. Lè sa a, li te vire a nan gouvènman an nasyonalis nan Bangkok , ki pwovoke lagè a Franco-Thai nan fen 1940, nan fen a nan ki li refè yon pati nan teritwa yo Laotian te bay franse a nan kòmansman syèk la avèk èd nan nan Japonè yo. [18]

Pèt teritwa ki depase Mekong yo te pwovoke endiyasyon tribinal Luang Prabang, kote fransè yo te garanti pwoteksyon peyi Laotyen yo nan kad pwotektora a. Franse yo te admèt rezon ki fè wa Sisavang Vong , ak pwovens Vientiane, Xiangkhoang ak Luang Namtha yo te anekse nan Peyi Wa-pwovens Luang Prabang, ki te rantre nan sa yo ki nan Phôngsali ak Houaphan ceded nan deseni anvan yo. [18] Trete a ki pwovens yo te anekse enkli yon bon maj nan otonomi pou Peyi Wa ki elaji, ak nan etap sa a Viceroy Phetsarath kanpe deyò, bay yon òganizasyon ekselan nan administrasyon an Laotian ak enstitisyon. [19]

Lè sò a nan konfli a te favorab pou pouvwa yo Aks , soti nan Desanm 1944 twoup yo nan Lafrans a gratis nan Jeneral Charles de Gaulle , ki moun ki te koagulasyon fòs yo nan rezistans franse a , yo te parachute nan Laos fè fas a Japonè yo, ki moun ki reponn pa okipe Peyi a sou Mas 9, 1945 ak fòse franse a yo òganize tèt yo nan forè an. [20] Twoup Japonè yo te fòse wa Sisavang Vong pwoklame endepandans sou pwoteksyon Tokyo 8 avril; souveren a repiyans siyen paske li ta pi pito kontwòl franse pase kontwòl Japonè yo.

Endepandans

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Lao Issara , Wayòm Laos ak Pathet Lao .

Tonbe Japonè a nan konfli mondyal la te mennen nan retrè twoup yo nan Laos nan mwa Out 1945 ak Phetsarath , ki te nonmen pa Japonè yo kòm premye minis, te anonse sou pwòp inisyativ li ke peyi a konfime pwoklamasyon endepandans lan. Lè souveren an te refize andose kominike Phetsarath la, [21] nan otòn 1945 yon Repiblik efemè ki te rele Pathet Lao te etabli nan Laos, gouvène pa mouvman patriyotik Lao Issara ki te detron wa Sisavang Vong . Anplis Phetsarath, nan mitan pwomotè yo nan antite politik sa a te frè Phetsarath a Souvanna Phouma ak demi-frè Souphanouvong , ki moun ki ta jwe yon gwo wòl nan deseni kap vini yo.

Twoup franse yo, ki te reòganize nan zòn riral yo, te reprann kontwòl peyi a an 1946, ki te vin yon pati nan Inyon franse ki fèk fòme a, pandan ke lidèchip Lao Issara te pran refij nan Thailand, kote li te òganize yon gouvènman nan ekzil . Peyi Wa ki nan Laos te pwoklame sou 11 Me 1947, jou a lè wa Sisavang Vong, retabli sou fòtèy la pa franse yo, pibliye nouvo Konstitisyon an. [22] Souphanouvong te nan mitan manm yo nan Lao Issara nan Thailand, lòt manm nan mouvman an te pran refij nan Hanoi , ki gen ladan lidè yo nan lavni nan Pati Revolisyonè Pèp la Lao Kaysone Phomvihane ak Nouhak Phoumsavanh , konvenki ke endepandans lan nan Laos te kapab vini sèlman ak sipò nan Nò Vyetnamyen an. [23]

Nan Vyetnam Souphanouvong te rankontre ak Kaysone Phomvihane , Nouhak Phoumsavanh , Thao O Anourack, Tiao Souk Vongsak ak Phoumi Vongvichit , ki gen batay ame pou endepandans Laos te deja kòmanse ak fòmasyon nan òganizasyon sipòte pa Nò Vyetnamyen an , ki moun ki te bay nan Indochina lagè kont franse yo. Nan Kongrè Reprezantan Pèp la ki te konvoke pa Souphanouvong nan mwa Out 1950, Front Lao gratis la te kreye, yon emanasyon nan istoryen Lao Issara a, ki te angaje nan inite lit anti-franse pou re-fondasyon Nasyon Lao, ki rele Pathet. Lao. [24] Yon nouvo gouvènman nan ekzil te fòme ki te gen ladan tou ansyen ofisye nan gouvènman wayal Laotyen an ak manm kèk minorite tribi nan Laos.

Enfiltrasyon nan Nò Vyetnamyen obsèvatè yo ak twoup yo nan Laos te ale nan 500 inite nan fen 1946 a 17,000 nan 1953. An 1950, Kaysone ak Nouhak Joined Pati Kominis Indochinese a (PCI), ki aplike estrateji nan kolabore ak mouvman yo Viet Minh. ak nouvo Lao Issara a, ki te gen ladan tou manm ki pa kominis yo. Estrateji sa a te nesesè sitou nan Laos, kote nosyon amoni gaye pa Boudis te konfli ak lit klas kominis yo defann. Te ranvèse planifye nan monachi a kenbe sekrè. PCI a te fòme nan 1932 ak nan 1951 divize an twa pati distenk nan Vyetnam, Laos ak Kanbòdj. Nan peryòd sa a, nan 2,091 manm nan psi prezan nan Laos, sèlman 31 te Laotians. Pwosesis fòmasyon pati nan Laos te long ak te rankontre ak rezistans nan men ki pa kominis yo nan Pathet Lao a e li te ofisyèlman te fonde an sekrè nan mwa mas 1955 sou non konpwomi nan Pati Lao Pèp la (nan lang Lao : Phak Pasason Lao). [24]

Ant 1951 ak 1952, tou de Pathet Lao a, avèk èd nan Nò Vyetnamyen an, ak Peyi Wa ki nan Laos , avèk èd franse a, fòme ak antrene pwòp lame yo. [24] An avril 1953, yon lame ki gen 40,000 Viet Minh , ki te kòmande pa Jeneral Võ Nguyên Giáp epi ki te sipòte pa 2,000 militan Pathet Lao sou lòd Souphanouvong, te anvayi nò-lès peyi a epi apre gwo batay te okipe pi fò nan pwovens nòdès yo. Sou Avril 19, 1953, Souphanouvong etabli gouvènman an Pathet Lao nan pwovens Houaphan . [24]

Franse yo, febli pa lagè Indochina a , te retire dènye obstak endepandans peyi a lè yo te siyen Trete Franco-Laotian nan Zanmitay ak Asosyasyon sou 22 oktòb 1953. [24] Batay la ki vin apre nan Dien Bien Phu , goumen ant mas ak me 1954 te wè destriksyon twoup kolonize yo pa Nò Vyetnamyen an ak nan fen règ franse nan Indochina. Konferans Jenèv ki vin apre a (1954) te sanksyone endepandans Laos ak netralite li nan konfli kap vini ant Vyetnam ak Vyetnam disid .

Gè sivil

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Gè Sivil nan Laos .

Touswit apre yo fin pran endepandans yo, peyi a te fè fas a yon gè sivil long, ki rele tou ' Gè sekrè ' ki mare ak lagè Vyetnam ki tou pre a. Sitiyasyon ekonomik peyi a tonbe e kondisyon lavi popilasyon an vin dramatik.

Konfli a te rezilta a nan eklatman ki genyen ant faksyon yo nan aristokrat yo lye nan wayòm yo nan 18tyèm syèk la: pro-Vyetnamyen chèf Souphanouvong nan Luang Prabang , fondatè mouvman kominis la Pathet Lao , surnome "chèf wouj la", mwatye l 'yo. -frè Prince Souvanna Phouma , lidè santris yo souvan nan rechèch nan inite nasyonal, ak chèf Champasak Boun Oum , lidè nan dwa ak pro-franse. Pandan konfli a, peyi a te viktim nan youn nan seri a pi lou nan bonbadman janm fè soti nan fòs aeryen ameriken an, pi fò nan yo ki te konsantre sou plenn lan nan krich , yon gwo fò nan Kominis yo, ak sou santye an Ho Chi Minh. . Se te yon ti wout mòn kache nan forè a ki te mache sou tout ranje Annamite a , kote twoup Nò Vyetnamyen yo ak alye Patho Lao yo te pase pou pote ranfòsman nan Vietcong ki angaje nan Sid Vyetnam .

Pandan lagè sivil la, sèvis sekrè Ameriken CIA te antrene inite espesyal ki konpoze sitou de geriya etnik Hmong ki te sipòte pa fòs aeryen Ameriken an ak twoup yo nan Lame Royal Laotian, te pote aksyon enpòtan pou deranje operasyon kominis Laotian-Vyetnamyen an. fòs. Se te yon kanpay sekrè, ki pa otorize pa Kongrè a, ki vyole akò yo te fè nan Jenèv nan 1954, nan ki Laos te deklare net nan konfli Vyetnamyen an. Wa Sisavang Vong te mouri nan 1959 e li te ranplase pa Savang Vatthana , san karismatik papa l ', ki te gouvènen jouk 1975 .

Bonbadman yo te konsantre nan peryòd ant 1964 ak 1973, plis pase 2 milyon tòn bonm te tonbe sou teritwa Laotian, pou yon total de 580,000 atak lè Ameriken yo. [25] Apeprè 30% nan bonm yo tonbe pa te eksploze sou enpak ak anpil yo toujou sou tè a. Anpil nan aparèy sa yo se bonm grap ki ka touye moun, ki te dènyèman te prezante nan mache a epi yo te lajman itilize nan Laos. [25] Viktim yo nan bonm yo te plis pase 50,000, prèske mwatye nan yo frape apre bonbadman an te fini. Laotian National Unexploded Ordnance Authority dènyèman te pibliye yon rapò plen done. Anpil nan tè agrikòl Lao a toujou chaje ak bonm ki pa eksploze e kiltivatè yo nan peyi a souvan toujou blese oswa mouri nan yon eksplozyon. [25] Gouvènman ameriken an bay $ 3 milyon dola chak ane pou finanse operasyon pou difize bonm yo, men nan moman bonbadman an li te pase plis pase $ 2 milyon pa jou (apeprè $ 17 milyon jodi a). [26]

Lè lame Hanoi te lanse ofansif Nguyen Hue nan Vyetnam disid nan dat 30 mas 1972, masiv sipò lè ameriken nan defans Vyetnam disid la te mennen nan yon rediksyon nan atak nan nò Laos, ki te rive nan pwen ki pi ba yo depi 1965. Etazini kite Laos nan 1973 jan etabli nan akò yo lapè Paris siyen sou 27 janvye nan menm ane an. Nò Vyetnamyen yo pa te fòse yo retire fòs yo anba trete a. Pou sove tèt li anba kapitilasyon, gouvènman Laotyen an te fòse yo pote reprezantan ki nan Pathet Lao a nan ekip li a, ak sa yo rele akò yo Vientiane, apre Ameriken yo te kòmanse diminye sipò militè yo ak retire li.

Repiblik Demokratik Lao Pèp la

San lidèchip fèm ak sipò ameriken, fòs regilye Laotian yo te tonbe apa, pandan ke Pathet Lao, ki te pwoklame yon politik rekonsilyasyon nasyonal ak pasifikasyon, piti piti te pran kontwòl efikas nan peyi a, avèk èd nan fòs Nò Vyetnamyen yo ki malgre akò yo pa te retire. . Avèk sipò Inyon Sovyetik ak Vyetnam Nò, Kominis yo te fòse wa Savang Vatthana abdike 2 desanm 1975. Menm jou a yo te pwoklame Repiblik Demokratik Pèp Lao a, ki te imedyatman antre nan akò kolaborasyon ak Vyetnam Nò. Konstitisyon an 1947 te aboli ak peyi a te administre pa yon sèl pati kominis la. [27] Wa a, ak plizyè manm nan fanmi wa a, te Lè sa a, entène e li te mouri nan kaptivite kèk ane pita. Souphanouvong, "chèf wouj la", te premye prezidan an, pandan ke chèf gouvènman an te Kaysone Phomvihane, lidè efikas Patho Lao a. Antretan, yon egzòd masiv nan kouch diferan nan popilasyon an te kòmanse, ki gen ladan anpil Hmong , yon gwoup etnik ki kontinye yon batay anti-kominis ame nan diferan zòn nan peyi a, pandan ke kominis yo tou aplike yon politik nan represyon nan eleman konsidere kòm ostil ak nouvo gouvènman an.

Souphanouvong te òganize yon rejim kominis ki baze sou modèl Vyetnamyen an, ki gravite nan esfè enfliyans Inyon Sovyetik la , tèlman li te sispann relasyon ak Lachin Kominis nan lane 1979. An 1986 li te demisyone pou favorize ogmantasyon dofen li, Phoumi Vongvichit . An 1991 , aprè otòn miray Bèlen an ak afebli kominis la, Konsèy Pèp Siprèm lan te pibliye nouvo Konstitisyon an ak ane annapre yo te fè premye eleksyon yo, sa ki te bay Asanble Nasyonal la ki te konpoze de 85 manm. [27]

Laos kenbe yon trankilite relatif sosyal epi li pa te enplike nan konfli dramatik ki sangen vwazen Kanbòdj . Fonte di continua preoccupazione furono per il governo le ripetute azioni di guerriglia messe in atto dai ribelli hmong , che ebbero il supporto dei reduci della CIA americana e dei superstiti in esilio della famiglia reale. A oggi, la rivolta hmong non si è ancora definitivamente conclusa, nonostante gli accordi di pace siglati col governo centrale.

Dopo il crollo del blocco sovietico ebbe inizio una lenta liberalizzazione economica, ma il partito unico si è mantenuto al potere concentrando la propria azione su una forte militarizzazione del paese, pur abbandonando le rigide posizioni ideologiche dell'epoca sovietica. Vi è stato in questi anni uno sforzo del governo per riappacificarsi con le vecchie opposizioni, tentando di integrarle nel regime.

Dal 1992 il paese ha aperto le frontiere al turismo e nel 1994 , grazie a un finanziamento australiano, è stato costruito sul Mekong il primo ponte dell'amicizia thai-lao , che unisce Laos e Thailandia in corrispondenza di Vientiane. Fu il primo ponte sul fiume in tutta l'Indocina e negli anni seguenti ne furono costruiti altri nel paese. L' autarchico sistema di conduzione del paese non ha rallentato l' inflazione né il progressivo crollo del kip , la valuta del paese, fino alla fine del millennio. Fu attorno al 2000 che vennero presi nuovi sostanziosi accordi commerciali con l'estero, in particolare con la Cina e la Thailandia, le cui aziende e istituzioni bancarie hanno fatto da allora grandi investimenti in Laos, contribuendo al risollevamento dell'economia e alla stabilizzazione della valuta.

Dal 2016 il Presidente e Capo del partito è Bounnhang Vorachith .

Geografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Geografia del Laos .

Il territorio del Laos occupa una porzione orientale dell' Indocina , allungata in senso nord-ovest/sud-est per un migliaio di chilometri e compresa essenzialmente tra lo spartiacque della catena annamita , dove confina a est con il Vietnam , e il medio corso del fiume Mekong , dove confina a ovest con la Thailandia . Il Paese confina inoltre a nord-ovest con il Myanmar , a nord con la Cina ea sud con la Cambogia [28] .

Privo di sbocco al mare e prevalentemente montuoso, il Laos ha una struttura fisica notevolmente articolata. La sezione settentrionale, accidentata ma non impervia, è costituita da rilievi che superano i 2000 m d'altezza, propaggini meridionali delle montagne cinesi dello Yunnan . Il lembo occidentale, a ovest del Mekong, è formato da rilievi paleozoici notevolmente ammorbiditi dall' erosione ( monti di Luang-Prabang ). La sezione centrale, che culmina nel massiccio cristallino del monte Bia (2820 m), che sovrasta a nord la piana delle Giare , ampia zona ribassata che collega il bacino del Mekong con il golfo del Tonchino , è dominata dalle catene dell'Annam che digradano lievemente fino al corso del fiume Mekong. La parte meridionale, decisamente più articolata, comprende le propaggini occidentali dell'Annam, con una serie di rilievi calcarei intensamente carsificati ( Khammouan ) e l'isolato altopiano basaltico dei Bolovens . Il territorio appartiene quasi interamente al bacino idrografico del Mekong, unico vero fattore unificante del Paese, che vi scorre per 1800 km seguendo parte dei confini con il Myanmar e soprattutto con la Thailandia. L'influenza del monsone di sud-ovest determina un regime decisamente pluviale con forti piene estive. Il tratto settentrionale, incassato tra i monti, che si snoda dal confine cinese fino a Luang-Prabang , non è navigabile anche se, in prossimità della città, si allarga fino a 400 metri. Da Luang-Prabang a Vientiane il corso del Mekong è reso accidentato da frequenti e violentissime rapide e strette gole; diventa più regolare e navigabile, per più di 500 km, nel tratto a valle, fino oltre Savannakhet ove il suo alveo raggiunge la larghezza di 2 km. Di nuovo rapide e gole ne impediscono la navigazione fino alla piana di Pakxe dove si avvia verso la foce, ancora lontana, con un maestoso procedere entro un ampio e ramificato letto largo da 10 a 12 km [28] .

Il clima è di tipo tropicale monsonico , con modeste escursioni termiche e temperature molto elevate nel periodo da marzo a maggio, soprattutto nelle valli dove si trovano i principali centri urbani (a Vientiane, Savannakhet e Luang-Prabang la media in questo periodo è di 27-30 °C). Le regioni montane invece godono di condizioni più temperate dovute all'altitudine. Da maggio a settembre il monsone estivo porta abbondanti piogge che provocano le piene del Mekong e dei suoi affluenti con frequenti inondazioni (le precipitazioni medie annue, di 1000-2000 mm, diventano anche di 2500 mm sulle montagne). A volte, in questo periodo, arrivano anche i tifoni che si formano nel mar Cinese Meridionale . Nella stagione secca , invernale, che va da ottobre all'inizio di aprile, il caldo è insopportabile nelle valli, mentre nelle regioni montuose settentrionali diminuisce notevolmente [28] .

La foresta pluviale , ricchissima di specie vegetali sempreverdi, ricopre le zone più basse e di media altitudine. Le essenze arboree sono costituite da alberi che raggiungono i 40-50 m di altezza e da un sottobosco di arbusti. Pianta tipica e spontanea è il tek , che fornisce un legno duro e resistente. Nelle regioni meridionali dove la foresta è più rada, essa è facilmente soggetta agli incendi durante la stagione secca, lasciando il posto a macchie arbustive con felci e bambù. Nelle zone meno piovose si sviluppa la savana, con essenze prevalentemente xerofile. Lungo i rilievi, sopra i 1500 m di altezza, la foresta è sostituita da foreste di conifere e da pascoli [28] .

Tra i grandi animali selvatici delle foreste e delle savane laotiane sono particolarmente diffusi l' elefante , utilizzato come animale da lavoro, e il bufalo , spesso addomesticato [28] .

Suddivisioni amministrative

Il Laos è suddiviso in 17 unità amministrative, di cui 16 sono province (in lingua lao : ແຂວງ, traslitterato: Khwèeng ) e 1 è una prefettura (in lao: ນະຄອນຫຼວງ, traslitterato Nàkhòonlùang ), il cui livello amministrativo è equiparato a quello delle province. Tale prefettura comprende la municipalità di Vientiane , la capitale del paese.

Laos, administrative divisions - Nmbrs (en-abc) - monochrome.svg
Codice Provincia Capoluogo Superficie (km²) Abitanti
1 Attapeu Attapeu 10.320 114.300
2 Bokeo Ban Houayxay 6,196 149,700
3 Bolikhamxai Paksan 14,863 214,900
4 Champasak Pakse 15,415 575,600
5 Houaphan Xam Neua 16,500 322,200
6 Khammuan Thakhek 16,315 358,800
7 Luang Namtha Luang Namtha 9,325 150,100
8 Luang Prabang Luang Prabang 16,875 408,800
9 Oudomxay Muang Xay 15,370 275,300
10 Phongsali Phongsali 16,270 199,900
11 Xaignabouli Xaignabouli 16,389 382,200
12 Salavan Salavan 10,691 336,600
13 Savannakhet Savannakhet 21,774 721,500
14 Sekong Xekong 7,665 83,600
15 Prefettura di Vientiane Vientiane 3,920 726,000
16 Vientiane Mueang Phonhong 15,927 373,700
17 Xiangkhoang Phonsavan 15,880 37,507

Sia le province sia la prefettura si suddividono in distretti (in lao: ເມືອງ, trasl.: mueang , pronuncia IPA: [mɯaŋ] ), che a loro volta si suddividono in villaggi (in lao: ບ້ານ, trasl. ban o più precisamente bàan ). I ban rappresentano il gradino più basso della gerarchia amministrativa.

Società

Gruppi etnici

Secondo gli studi governativi basati sul censimento del 1995 , nel territorio del paese risiedono 49 diversi gruppi etnici, [29] che hanno differenti tradizioni e costumi. Sulla base di un criterio socio-geografico, si dividono in tre fasce:

  • Lao loum (lett. lao bassi), gli abitanti delle pianure (77%), il gruppo di etnie dominanti, formato in gran parte dai lao (52,5% degli abitanti del Laos), [29] etnia affine ai thai .
  • Lao song (lett. lao alti), abitanti delle zone di alta montagna, piccole tribù del nord in genere di etnia mong-yao o tibeto-birmana
  • Lao theung (lett. lao intermedi) o lao kang , stanziati negli altopiani e delle zone pedemontane del paese, in genere delle etnie mon-khmer, che presumibilmente formarono i primi centri abitati nella valle del Mekong

Il governo cerca di prendere le distanze da questa classificazione, [29] che implica una discriminazione razziale non gradita dalle due fasce dei song e dei theung , ma nella tradizione popolare dell'etnia lao questa suddivisione è consolidata.

Le 49 etnie sono state suddivise dal governo a seconda della lingua parlata in quattro gruppi: [29] [30]

  • 1) Tai kadai , gruppo presentato dal governo sotto il nome 'lao-thai', comprendente le seguenti 8 etnie:
    • 1.1) Sèk , traslitterato in inglese saek o xaeh, chiamati anche set e tai sek. Sono stanziati nel Laos centrale e sono presenti anche in Thailandia
    • 1.2) Tai yuan (pronuncia laotiana: gnuan, traslitterato in inglese: nhouan), chiamati anche lanna thai, thai settentrionali, khon mueang, phayap, tai nya, tai yon e lao occidentali. Provenienti dall'odierna Thailandia del nord , dove sono tuttora l'etnia prevalente, vivono in Laos nelle zone del confine thai settentrionale
    • 1.3) Tai, con questo termine in realtà il governo raggruppa alcune etnie molto simili tra loro, fra le quali:
      • 1.3.1) Tai dam ( tai neri), chiamati anche tai noir e thai den. Vivono nel Laos centrale, in Vietnam, in Thailandia e in Cina
      • 1.3.2) Tai deng ( tai rossi), chiamati anche tai do. Sono presenti nelle zone del confine settentrionale con il Vietnam e nello stesso Vietnam
      • 1.3.3) Tai khao ( tai bianchi), chiamati anche tai don, tai blanc, tai lai e thái tráng. Sono presenti nel nordest del paese, in Vietnam e in Cina
    • 1.4) Tai nuea , traslitterato anche tai nüa e chiamati anche shan cinesi. Sono stanziati nel nord del Laos, in Birmania, in Cina, in Thailandia e probabilmente in Vietnam
    • 1.5) Phu thai , stanziati soprattutto nelle province centro-meridionali, in Thailandia e in Vietnam
    • 1.6) Yang (pronuncia lao: gnang, traslitterato in inglese: nhang), appellativo laotiano del popolo giay vietnamita. [29] Forti analogie con i buyei della Cina
    • 1.7) Lao , l'etnia dominante nel paese, presente anche nelle aree tribali con funzionari governativi e commercianti. Presenti anche in Cambogia. Nel XIX secolo i colonizzatori siamesi deportarono una buona parte della popolazione laotiana, la maggior parte di etnia lao, che andarono a formare l'attuale popolazione dell' Isan , annesso dal Siam in quello stesso periodo
    • 1.8) Tai lü , traslitterato anche tai lue, chiamati anche pai ie shui pai i. Provenienti dalla prefettura del Xishuangbanna , nell'odierna provincia cinese dello Yunnan , dove tuttora rappresentano la maggioranza. In Laos vivono nelle aree di confine con la Cina, e sono presenti anche in Thailandia, Vietnam e Birmania
  • 2) Mon khmer , 32 etnie che parlano idiomi legati alla famiglia linguistica risultante dall'incontro fra le culture dei popoli mon e khmer :
    • 2.1) Khmu , chiamati anche lao teng, mu, puteng e theng. Sono stanziati in molte zone di montagna e in tutte le aree pedemontane del Laos settentrionale. Presenti anche in Thailandia, Vietnam, Cina e Birmania
    • 2.2) Katang , stanziati nel sud del paese e in due villaggi thailandesi meridionali
    • 2.3) Katu , in Laos vivono nelle regioni motane del sud e sono chiamati katu occidentali, la loro lingua è molto diversa da quella dei katu orientali del Vietnam
    • 2.4) Kriang , chiamati anche nghè, traslitterato in inglese ngae. Stanziati nelle regioni del sud, non sono presenti in altri stati
    • 2.5) Kri , traslitterato in inglese kree, chiamati in Laos anche kha thong luang , 'schiavi della foglia gialla'. Etnia nomade difficile da censire, presenti nel Laos centrale, in Vietnam e in Thailandia
    • 2.6) Khmer , nome tradizionale dell'etnia dominante in Cambogia . Vivono in alcuni villaggi al confine cambogiano nella Provincia di Champasak . Presenti anche in Thailandia e in Vietnam, dove sono chiamati krom
    • 2.7) Nguan , traslitterato in inglese ngouan. Vivono nel Laos centrale e in Vietnam, dove sono chiamati nguôn
    • 2.8) Jeng , chiamati anche ceng, sono stanziati in alcuni villaggi del sud. Non presenti in altri Stati
    • 2.9) Samtao , stanziati lungo i confini nord-occidentali, sono presenti anche in Cina e in Birmania
    • 2.10) Sedang , si dividono nei gruppi sedang, sedangduan e kayong. Stanziati nelle province del sud ma soprattutto in Vietnam [29]
    • 2.11) Suay , chiamati anche kuy, aouei, dui, khamen-boran (khmer tradizionali). Presenti nel sud del Laos, in Thailandia e in Cambogia
    • 2.12) Xinh Mun , chiamati anche puoc, kha niang e lao muh. Sono stanziati lungo le frontiere nord-orientali e in Vietnam
    • 2.13) Nyaheun , traslitterazione inglese del termine gnaheun. Chiamati anche hin, hoen e hun, sono stanziati nelle aree montane del sud. Non sono presenti in altri paesi
    • 2.14) Tà Ôi , in Laos sono suddivisi in due sottogruppi, i ta oi alti (chiamati anche kantua) ei ta oi bassi (detti anche tong), a seconda della posizione in montagna dei villaggi. Sono stanziati nel sud del Laos ei soli ta oi alti sono presenti anche in Vietnam
    • 2.15) Triang , detti anche tareng, vivono nelle montagne del sud e in Vietnam [29]
    • 2.16) Tri , detti anche bru orientali, stanziati nelle montagne del centro-sud e anche in Vietnam. I bru occidentali sono in Thailandia
    • 2.17) Tum , detti anche hung, stanziati nelle montagne del Laos centrale e presenti anche in Vietnam, dove sono chiamati thoh
    • 2.18) thé , traslitterato in inglese thae, chiamati anche thén. Vivono nel sud del paese e non sono presenti in altri Stati
    • 2.19) Bit , detti anche bid, presenti nelle zone di confine con la Cina, dove vive una piccola comunità di bit. Non sono presenti in altri paesi
    • 2.20) Lave , detti anche brau o brao, stanziati lungo le aree di frontiera con la Cambogia. Presenti anche in Vietnam e Cambogia
    • 2.21) Pacoh , chiamati anche pokoh, vivono nel centro-sud del paese e sono stanziati anche in Vietnam
    • 2.22) Pray , detti anche phai, stanziati nella Provincia di Xaignabouli e in Thailandia del Nordest
    • 2.23) Phong , detti anche kniang. Stanziati nelle aree montane del nord-est. Presenti solo in Laos
    • 2.24) Makong , detti anche so e bru makong, stanziati nelle aree centrali del paese e in quelle corrispondenti in Thailandia sul lato opposto del Mekong
    • 2.25) Moy , vivono in Laos solo in un villaggio della Provincia di Houaphan . In Vietnam, dove sono chiamati muong, c'è una comunità più grande
    • 2.26) Yru , o yrou, detti anche laven, l'etnia principale dell' altopiano di Bolaven , che prende il loro nome, nel sud del paese. Non presenti in altri Stati
    • 2.27) , traslitterato in inglese yae, detti anche jeh, stanziati nelle province sud-orientali e in Vietnam
    • 2.28) Lamet , detti anche khamet. Presenti nelle province nord-occidentali e in quelle vicine della Thailandia
    • 2.29) Lavi , stanziati in 3 villaggi della Provincia di Xekong . Non presenti in altri paesi
    • 2.30) Oi , detti anche huey. Vivono nella Provincia di Attapeu e non sono presenti in altri paesi
    • 2.31) O du , chiamati anche idu o tay hat, presenti in due villaggi della Provincia di Xiangkhoang e in Vietnam
    • 2.32) Alak , chiamati anche hrlak. Stanziati nelle province meridionali e non presenti in altri Stati
Ragazze hmong nella piana delle giare
  • 3) Sino-tibetani , 7 etnie che parlano idiomi legati alle famiglie linguistiche sinitiche e tibeto-birmane :
    • 3.1) Phunoi , detti anche singsily, stanziati nel centro-nord del paese. Presenti anche in Vietnam e Thailandia
    • 3.2) Si la , stanziati nelle province settentrionali, presenti anche in Vietnam, dove sono chiamati anche sida
    • 3.3) Lahu , chiamati anche musso, hanno un sottogruppo chiamato lahu shi (lahu gialli). Entrambi stanziati nelle aree di confine nord-occidentale. Presenti anche in Cina, Birmania, Thailandia e Vietnam
    • 3.4) Lolo , piccola comunità nella Provincia di Phongsali , come in Thailandia e Birmania, La grande maggioranza vive in Cina
    • 3.5) Hor , vivono nella Provincia di Phongsali, stanziati anche in Cina
    • 3.6) Akha , detti anche aini, iko, khako e ko. Stanziati nelle province settentrionali, presenti anche in Cina, Thailandia, Birmania e Vietnam
    • 3.7) Hani , chiamati anche ho, vivono nella Provincia di Phongsali. Presenti anche in Cina e Vietnam
  • 4) Hmong-mien , gruppo che comprende in Laos 2 etnie:
    • 4.1) Hmong , stanziati nel nord del paese, sono presenti anche in Cina, Vietnam e Thailandia
    • 4.2) Iumien , un sottogruppo degli yao, vivono nel nord del paese. Sono presenti anche in Cina, in Thailandia e Vietnam

Religione

Il 66% della popolazione laotiana è buddista theravada , l'1,5% è cristiano, lo 0,1% è musulmano, lo 0,1% è ebreo e il 32,3% è di altre o non specificate religioni secondo un censimento del 2010.

Lingue

Il lao è la lingua ufficiale del paese, una lingua tonale appartenente al gruppo delle lingue tai . Tuttavia, solo poco più della metà della popolazione è in grado di parlare il lao, mentre il resto degli abitanti parla diverse lingue delle minoranze etniche. La seconda lingua nelle scuole è l'inglese. Nelle zone al confine con la Thailandia si ricevono i programmi della televisione thai e, data l'affinità tra le due lingue, molti laotiani parlano thai.

Il francese , eredità dell'età coloniale, è stato per un certo tempo mantenuto come lingua amministrativa del Paese: caduto in seguito in declino, il suo insegnamento presso le giovani generazioni ha ricevuto nuovo slancio in seguito all'adesione del Laos all' Organizzazione Internazionale della Francofonia . È stato reintrodotto come lingua straniera nelle scuole e sono stati creati percorsi di istruzione bilingue a livello primario e secondario [31] . I nomi delle vie a Vientiane sono dappertutto bilingui lao-francese [32] . La maggior parte delle minoranze etniche parla il proprio idioma, e quasi tutti i membri sono stati educati a parlare il lao, che viene insegnato nelle scuole.

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia del Laos .
80% dei laotiani praticano un' agricoltura di sussistenza .

L'economia laotiana è basata principalmente sugli investimenti dei paesi limitrofi e sugli scambi commerciali coi paesi limitrofi, in particolare la Cina, il Vietnam e la Thailandia. Con la collaborazione della borsa coreana è stata inaugurata nel gennaio del 2011 la prima borsa valori laotiana, la Lao Securities Exchange . [33] . Nel 2012 il governo ha creato il portale del commercio laotiano, un sito internet informativo sulle attività di import-export nel paese. [34] I laotiani non hanno una tradizione nel commercio e la quasi totalità delle attività commerciali laotiane è di proprietà della folta comunità cinese. [35]

L' agricoltura di sussistenza rappresenta circa la metà del prodotto interno lordo e offre l'80% dei posti di lavoro nel paese. Il terreno arabile è il 4,01% del territorio nazionale, e solo lo 0,34% viene usato per le colture, [36] Nei primi anni del XX secolo, nell'80% delle terre coltivabili veniva piantato il riso [37] e il 77% dei nuclei familiari delle aree agricole era autosufficiente per il consumo del riso. [38]

Con l'adozione di nuove e migliori varietà di riso e la promozione di riforme economiche governative, la produzione è aumentata del 5% annuo dal 1990 al 2005, [39] e nel 1999 per la prima volta il paese ha raggiunto un bilancio attivo nelle importazioni ed esportazioni di riso. [40]

Il Thalat Sao (mercato del mattino) di Vientiane

L'economia nazionale riceve l'aiuto per la cooperazione allo sviluppo dal Fondo Monetario Internazionale , l' Asian Development Bank e altre organizzazioni internazionali. A partire dagli anni a cavallo del 2000 sono aumentati gli investimenti stranieri per lo sviluppo dell'industria, dell' energia idroelettrica e delle risorse minerarie. Lo sviluppo del paese è stato frenato dalla fuga di cervelli , con l'emigrazione del 37,4% del personale qualificato stimata nel 2000. [41]

Il paese importa petrolio e gas, ma è ricco di risorse minerarie: il governo sta promuovendo gli investimenti stranieri per l'estrazione di carbone, oro, bauxite, stagno, rame e altri metalli di valore. L'industria metallurgica è in fase di sviluppo. Grazie alle dighe costruite su alcuni fiumi laotiani, la produzione di energia idroelettrica ha permesso buoni profitti con l'esportazione in Thailandia e Vietnam di circa 8.000 dei 18.000 megawatt prodotti. [42]

Uno dei prodotti nazionali più conosciuti è la Beerlao , la birra nazionale, che nel 2017 era esportata in oltre 20 Paesi di tutto il mondo. Viene prodotta dalla Lao Brewery Company . Nello stesso periodo era in sviluppo anche la produzione del caffè nazionale, riconosciuto come uno dei migliori al mondo ed esportato in diversi Paesi. [43]

Dal 1986 lo Stato asiatico ha intrapreso una serie di riforme economiche aprendo gradualmente la sua economia al libero mercato e l'economia del paese è in forte crescita in tutti i settori, con tassi di crescita in media dell'8%; entro il 2020 il paese asiatico ha l'obiettivo di uscire dalla lista dei Paesi meno sviluppati secondo il Programma di sviluppo dell'ONU [44] [45] . Tra gli sforzi del governo laotiano all'inizio del XXI secolo vi è stato quello di riconvertire l'economia nazionale sottraendo all'agricoltura vaste fasce della popolazione per reimpiegarle nei settori manifatturiero e dei servizi. [43]

Dal 13 giugno 2009 il Laos non è più considerato dagli Stati Uniti un paese marxista-leninista , ma uno Stato che rispetta la libertà di mercato ; grazie a questo riconoscimento, le imprese statunitensi che hanno rapporti commerciali con questo paese hanno diritto a ricevere fondi pubblici. [46]

Turismo

La zona di Vat Phu

Il turismo si è espanso notevolmente dopo l'apertura del paese ai visitatori stranieri avvenuta negli anni novanta , passando dalle 80.000 presenze straniere del 1990, ai 4 milioni e 160 000 arrivi del 2014. [47] Il governo si aspetta che la voce turismo arrivi a portare 1,585 miliardi di dollari nel 2020.

Il paese ha acquisito grande popolarità tra i turisti stranieri per lo stile di vita rilassato e allegro dei laotiani e per aver conservato aspetti tradizionali dell'Asia antica. Tra le principali attrazioni, vi sono i patrimoni dell'umanità rappresentati dalla città di Luang Prabang e dal sito archeologico religioso di Vat Phu , la gastronomia ed i templi di Vientiane, i particolari panorami di Vang Vieng e della valle del Nam U , le vestigia antiche ritrovate nella piana delle giare , i percorsi di trekking nelle zone popolate dalle variopinte minoranze etniche di montagna nelle province di Phongsali e Luang Namtha e varie altre bellezze naturali.

Trasporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti in Laos .

La circolazione stradale laotiana avviene con la guida a destra . A tutto il 1998, la rete del paese comprendeva 21.716 km di strade, di cui 9.674 km erano asfaltate. Tali dati non tengono conto del sostanziale miglioramento intervenuto negli ultimi anni, [48] durante i quali sono state asfaltate per la prima volta diverse strade e sono state allargate e riasfaltate quelle vecchie, che negli anni novanta erano in precarie condizioni. Dopo l'apertura nel 1994 del primo ponte dell'amicizia thai-lao , sono stati aperti altri ponti sul Mekong, che hanno contribuito a dare slancio all'economia del paese. Il 20 dicembre 2020 è stata inaugurata la prima autostrada del Paese, la Vientiane - Vangvieng , opera che consente di coprire la distanza tra le due città in un'ora e mezza anziché le quattro ore necessarie percorrendo la vecchia Statale 13. [49] [50] [51] Il pedaggio iniziale fu di 550 kip al chilometro e 62.000 kip per l'intero tragitto, che è lungo 43 km in meno di quello della Statale 13. [52] Si tratta del primo segmento dell'autostrada che congiunge la capitale laotiana a Boten , cittadina sulla frontiera con la provincia cinese dello Yunnan . L'infrastruttura è per il 95% di proprietà dell'azienda costruttrice cinese Yunnan Construction Engineering Group e per il 5% del governo laotiano. [51] Il costo iniziale previsto per la Vientiane Vangvieng era stato di 1,2 miliardi di dollari. [53]

Nella capitale Vientiane , sono presenti gli unici autobus pubblici che effettuano trasporti urbani in Laos. Sia a Vientiane che in molte altre città vengono offerti servizi taxi privati effettuati dai tuk-tuk , dai più capienti jumbo tuk-tuk , e da moto-taxi. In tutti i capoluoghi di provincia si trovano stazioni per gli autobus interurbani; anche nelle altre località maggiori che si trovano al di fuori delle linee principali arrivano autobus che svolgono di solito servizio provinciale. Tale servizio viene fornito anche con l'utilizzo di songthaew . I rari taxi classici si trovano solo a Vientiane.

La navigazione fluviale è stata per secoli il sistema di trasporto principale del paese, ma con la costruzione di nuove strade ed il miglioramento di quelle esistenti sono sempre meno le imbarcazioni che effettuano tale servizio, soprattutto per quanto riguarda la navigazione mercantile. [54] La navigazione turistica invece è aumentata a partire dagli anni novanta, dopo l'apertura delle frontiere laotiane al turismo. A tutto il 1996, il Laos disponeva di 4.587 km di acque navigabili, appartenenti prevalentemente al fiume Mekong . Altri fiumi navigabili sono il Nam Ou (province di Luang Prabang e Phongsali ) il Nam Khan (provincia di Luang Prabang), il Nam Tha ( provincia di Bokeo e di Luang Nam Tha ), il Nam Ngum (vicino a Vientiane) ed il Xekong (nella provincia omonima ). [54]

La prima linea ferroviaria in Laos fu realizzata dai francesi nel periodo coloniale dell' Indocina francese . In realtà era solo un breve tratto, caduto in disuso da lungo tempo, costruito negli anni 1930 tra le isole sul Mekong di Don Det e Don Khon in prossimità del confine cambogiano . Serviva per il trasporto merci nel punto in cui il fiume forma una serie di cascate che rendono impossibile la navigazione. [55]

Si dovette attendere il 2009 per vedere una nuova ferrovia nel Paese, quando fu inaugurato il breve tratto di 3,5 km, prolungamento della linea nord-orientale della Ferrovia di Stato della Thailandia , che unisce la stazione di Thanaleng , situata nel villaggio di Dongphosy, 20 km a est di Vientiane alla stazione di Nong Khai attraversando il primo ponte dell'amicizia thai-lao , [56] [57]

La prevista estensione fino a Vientiane fu modificata nel novembre del 2010 con il nuovo progetto di una linea tra la città cinese di Kunming a Singapore , via Vientiane e Nong Khai, con una linea di treni ad alta velocità . Nell'aprile del 2011 il progetto fu bloccato dopo l'arresto per corruzione del Ministro dei Trasporti cinese [58] ei lavori di costruzione ebbero inizio nel 2016. [59] I primi binari furono posti in opera nel marzo 2020 e si prevede l'ultimazione del tratto tra la frontiera cinese/laotiana e Vientiane per la fine del 2021. [60]

A tutto il 1999 erano attivi nel paese 52 aeroporti, tra i quali quelli internazionali di Vientiane-Wattay , di Luang Prabang, di Pakse e di Savannakhet: [48]

Cultura

Musica

Tipico strumento a fiato della tradizione rurale laotiana è il Khèn .

Missioni spaziali

20 novembre 2015 : viene lanciato LaoSat 1 [61] , primo satellite del Laos

Ricorrenza nazionale

Il 2 dicembre è la ricorrenza nazionale. Segna la fine della monarchia e la nascita della Repubblica Popolare Democratica del Laos nel 1975 .

Sport

Lo sport nazionale è rappresentato dalla Muay Lao , una forma di kickboxing simile alla Muay Thai (pugilato thailandese) e al lethwei (pugilato birmano). Lo sport è stato inserito tra le discipline dei XXV Giochi del Sud-est asiatico , tenutisi in Laos. Si pratica molto anche il sepak takraw , chiamato nel Paese kator , e gli atleti laotiani sono di buon livello internazionale; la squadra nazionale maschile era piazzata nel maggio del 2012 al 12º posto della classifica mondiale su un lotto di 35 Paesi. [62]

Il calcio è diventato lo sport più popolare in Laos. La Lega Laotiana è ora la massima lega professionistica per le associazioni calcistiche del Paese. Dall'inizio del campionato, la Società Calcistica dell'Esercito Laotiano è stata la società di maggior successo con 8 titoli (dopo la stagione 2007-2008), il maggior numero di vittorie in campionato. Miglior marcatore della storia della nazionale di calcio del Laos è Visay Phapouvanin , con 18 reti.

A differenza dei suoi vicini, il Laos non ha tradizioni in altri sport di squadra. Nel 2017, il Paese ha inviato una squadra per la prima volta agli eventi a squadre ai Giochi del Sudest asiatico. La squadra nazionale di pallacanestro ha gareggiato ai Giochi del Sud-est asiatico del 2017 dove ha battuto la Birmania nella partita per l'ottavo posto.

Note

  1. ^ voce laotiano sul sito internet della Treccani
  2. ^ ( EN ) stima della popolazione , su nsc.gov.la , Agenzia governativa laosiana "National Statistic Center", 2009. URL consultato il 10 aprile 2011 (archiviato dall' url originale il 22 luglio 2011) .
  3. ^ ( EN ) Population growth rate , su CIA World Factbook . URL consultato il 4 ottobre 2020 .
  4. ^ Dati dal Fondo Monetario Internazionale, ottobre 2013
  5. ^ Tasso di fertilità nel 2011 , su data.worldbank.org . URL consultato il 12 febbraio 2013 .
  6. ^ Luciano Canepari , Laos , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  7. ^ a b c ( EN ) Facts on Laos Archiviato il 23 aprile 2012 in Internet Archive ., sul sito web del Ministero del Turismo Laotiano
  8. ^ a b c d Simm, Peter e Simm, Sanda: capitolo III
  9. ^ a b ( EN ) Lem Chuck Moth: The Lao Kingdom of Lang-xang , su meruheritage.com
  10. ^ a b Simm, Peter e Simm, Sanda: capitolo IV
  11. ^ a b c ( EN ) Lan Xang, The Khun Lo Dynasty, Genealogy II , su royalark.net
  12. ^ ( EN ) Setthathirat I , sul sito dell' Enciclopedia Britannica
  13. ^ ( FR ) Lorrillard, Michel: La Succession de Setthathirat: réappréciation d'une période de l'histoire du Lan Xang Archiviato il 22 maggio 2013 in Internet Archive ., Aseanie, 1999 (Doc. PDF consultabile sul sito laos.efeo.fr)
  14. ^ a b ( EN ) Lan Xang, The Khun Lo Dynasty, Genealogy III , su royalark.net
  15. ^ ( EN ) Lan Xang, The Khun Lo Dynasty, Genealogy - Vientiane , su royalark.net
  16. ^ ( EN ) Lan Xang, The Khun Lo Dynasty, Genealogy - Champasak , su royalark.net
  17. ^ ( EN ) Joe Cummings; Andrew Burke: Laos . Lonely Planet, 2005. pag. 23. ISBN 978-1-74104-086-9
  18. ^ a b ( EN ) Laos - World war II and after , lcweb2.loc.gov
  19. ^ ( EN ) Laos - The French Protectorate and Direct Administration , lcweb2.loc.gov
  20. ^ ( EN ) Nationalist Stirrings , sul sito della biblioteca del Congresso
  21. ^ ( EN ) Laos - Events in 1945 , lcweb2.loc.gov
  22. ^ ( EN ) Laos, The Kingdom of Laos . Su lcweb2.loc.gov
  23. ^ ( EN ) Lao Issara, Thao O Anourack and the Franco-Laotians , sul sito della biblioteca del Congresso
  24. ^ a b c d e ( EN ) The Pathet Lao , sul sito della biblioteca del Congresso
  25. ^ a b c ( EN ) The Tragedy of Unexploded Ordnance , plainofjars.net
  26. ^ Per ulteriori approfondimenti si consiglia Karen J. Coates "Cambodia Now: Life in the Wake of War" (Mc Farland 2005)
  27. ^ a b ( EN ) Lao People's Democratic Republic, Public Administration and Country Profile . sul sito dell' ONU unpan1.un.org
  28. ^ a b c d e Laos , su Sapere.it . URL consultato il 10 febbraio 2021 .
  29. ^ a b c d e f g ( EN ) Explanation about the classification of the ethnic groups' names in the Laos PDR , documento governativo laotiano sul sito scribd.com
  30. ^ ( EN ) Languages of Laos , su [Ethnologue]
  31. ^ ( FR ) Le français dans le monde Archiviato il 24 settembre 2009 in Internet Archive ., fdlm.org
  32. ^ http://p6.storage.canalblog.com/64/73/963695/80660785_o.jpg
  33. ^ ( EN ) Laos dips toe in global marketplace with new bourse , su af.reuters.com .
  34. ^ ( EN ) Lao PDR new online platform to boost trade transparency , su worldbank.org .
  35. ^ ( EN ) Chua, Amy, World On Fire: How Exporting Free Market Democracy Breeds Ethnic Hatred and Global Instability ( PDF ), su international.ucla.edu , Doubleday , Università della Virginia 2003, p. 7 (archiviato dall' url originale il 25 agosto 2013) .
  36. ^ ( EN ) Field Listing – Land use , su cia.gov , CIA americana .
  37. ^ ( EN ) Rice: The Fabric of Life in Laos ( PDF ), su irri.org (archiviato dall' url originale il 28 giugno 2007) .
  38. ^ Joyce Gorsuch, Genuinely Lao ( PDF ), su irri.org (archiviato dall' url originale il 12 ottobre 2006) .
  39. ^ ( EN ) Fifteen years of support for rice research in Lao PDR ( PDF ), su irri.org (archiviato dall' url originale il 27 ottobre 2007) .
  40. ^ ( EN ) The Green Revolution comes to Laos , su eurekalert.org .
  41. ^ ( EN ) Çaḡlar Özden e Maurice W. Schiff, International migration, remittances, and the brain drain , World Bank Publications, 2006, ISBN 978-0-8213-6372-0 .
  42. ^ ( EN ) Preparing the Cumulative Impact Assessment for the Nam Ngum 3 Hydropower Project: Financed by the Japan Special Fund ( PDF ), su adb.org (archiviato dall' url originale il 15 maggio 2011) .
  43. ^ a b ( EN ) The Heart of ASEAN sets pulses racing ( PDF ), su panoramagroup.com , 14 August 2017. URL consultato il 2 August 2020 .
  44. ^ Economia del Laos cresce quasi come quella della Cina , su asianews.it .
  45. ^ Numeri: Laos il Paese che cresce come la Cina ma dove domina la poverta , su ilsussidiario.net .
  46. ^ Usa: Obama promuove Laos e Cambogia , su La gazzetta del mezzogiorno , 13 giugno 2009. URL consultato il 15 settembre 2020 .
  47. ^ Laos: Record turisti nel 2014 , su tuttolaos.com .
  48. ^ a b ( EN ) Traveling in Laos Archiviato il 23 aprile 2012 in Internet Archive ., sul sito web del Ministero del Turismo Laotiano
  49. ^ ( EN ) Vientiane-Vangvieng expressway officially open for motorists , su vientianetimes.org.la . URL consultato il 24 dicembre 2020 .
  50. ^ ( EN ) 1st expressway in Laos inaugurated , su china.org.cn .
  51. ^ a b ( EN ) Vientiane to Vangvieng section of China-Laos expressway under construction , Xinhuanet, 21 agosto 2019.
  52. ^ ( EN ) Laos' super highway—the Vientiane-Vangvieng expressway is 70% complete , The Star, 13 giugno 2020.
  53. ^ ( EN ) China Invests in Vientiane-Vang Vieng Expressway , The Laotian Times, 24 novembre 2017.
  54. ^ a b ( EN ) Laos - Getting around Archiviato il 1º agosto 2013 in Internet Archive ., sul sito della Lonely Planet
  55. ^ ( EN ) The only railway (ever) in Laos , su internationalsteam.co.uk . URL consultato il 2 giugno 2020 .
  56. ^ ( EN ) Laos link launched , su railwaygazette.com .
  57. ^ ( EN ) First train to Laos , su guardian.co.uk .
  58. ^ ( EN ) High Speed Railway Delay , su rfa.org , Radio Free Asia.
  59. ^ ( EN ) Land-locked Laos on track for controversial China rail link , su asia.nikkei.com .
  60. ^ ( EN ) China – Laos railway project reaches key milestone , su railjournal.com . URL consultato il 2 giugno 2020 .
  61. ^ LaoSat 1 , su space.skyrocket.de . URL consultato il 10 aprile 2021 .
  62. ^ ( EN ) Welcome to Sepaktakraw Archiviato il 25 giugno 2012 in Internet Archive ., sul sito sepaktakraw.org

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 122772641 · ISNI ( EN ) 0000 0004 0499 8314 · LCCN ( EN ) n80128712 · GND ( DE ) 4034571-3 · BNF ( FR ) cb11932228w (data) · NDL ( EN , JA ) 00569296 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80128712
Asia Portale Asia : accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Asia