Gazzetta dello Sport la

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Gazzetta dello Sport la
Logo
Leta Itali Itali
Lang Italyen
Peryodisite chak jou
Kalite spòtif
Fòma Bèlen ak 6 kolòn
Fondatè Eugenio Camillo Costamagna ak Eliso Rivera
Fondasyon 3 avril 1896
Foure ak atachman
Sit via Angelo Rizzoli, 8 Milan
Piblikatè RCS MediaGroup
Pataje kapital la 762 019 050
Sikilasyon 218 156 [1] (Desanm 2019)
Sikilasyon papye 142 248 [1] (Desanm 2019)
Digital difizyon 10 950 [1] (Desanm 2019)
Direktè Stefano Barigelli
ISSN 1120-5067 ( WC · ACNP )
Distribisyon
papye
Papye edisyon kopi sèl /
abònman
miltimedya
Edisyon dijital digitaledition.gazzetta.it
Chèn televizyon https://video.gazzetta.it/
Tablet PC pa abònman
Smartphone pa abònman
Sit wèb gazzetta.it

La Gazzetta dello Sport ( La Gazzetta Sportiva nan dimanch epi detanzantan refere yo kòm Gazza ak Rosea nan peyi Itali [2] [3] [4] ) se yon jounal espò Italyen , ki baze nan Milan . Li se sizyèm jounal Italyen an pa sikilasyon, osi byen ke premye jounal espò nan peyi a [1] ak pi long-kouri nan Ewòp nan kalite li yo. Depi 9 Mas 2008, yo te adopte eslogan Tout woz lavi a. [5] [6]

Istwa

Orijin yo

De fondatè yo nan Gazzetta dello Sport : Eugenio Camillo Costamagna soti nan Torino (1864-1918, agoch) ak Eliso Rivera soti nan Alessandria (1865-1936, adwat).
Edisyon nan 2 avril 1896 pa siklis la anonse nesans la nan Gazzetta dello Sport .
Premye nimewo a nan Gazzetta dello Sport , lage nan Milan nan Vandredi 3 avril 1896.
Repwodiksyon nan Gazzetta dello Sport nan 30 avril 1896.

Nan katreventèn yo nan diznevyèm syèk la nan Milan espò li kòmanse vin yon aktivite popilè. Moun yo espesyalman pasyone sou monte bisiklèt, kous cheval ak kouri. Piblikasyon espò nan tan an te lajman espesyalize. [7]

Nan 1893 Corriere della Sera a chak semèn Il Ciclo (depi 1894 Bisiklèt la ) te pibliye nan Milan, ak ki jounal la te eseye rache lektè soti nan Secolo Raffaele Sonzogno a , ki se jounal ki pi lajman li nan vil la. Nan twa zan li rive nan yon sikilasyon remakab nan 25,000 kopi. Nan 1895 Sonzogno reponn ak Il Ciclista [8] , yon chak semèn ki dirije pa Eliso Rivera . Sis mwa pita Sonzogno, pa satisfè, envite Eugenio Camillo Costamagna soti nan Torino, direktè La Tripletta , tou dedye a monte bisiklèt [9] , pou yo vini nan Milan ranfòse Il Ciclista . Rivera ak Costamagna deside jwenn yon gazèt ki kontra avèk tout espò chak de semèn. Nouvo piblikasyon an rele Gazzetta dello Sport . Duo Rivera / Costamagna pran direksyon an. Premye a se 31 ak dezyèm lan 32.

Se anplwaye editoryal la loje nan lokal yo bay nan Sonzogno , nan via Pasquirolo nan Milan, dèyè Duomo la . Gen senk moun nan jounal la:

Pou chak espò gen yon foul moun nan kolaboratè, pi fò nan yo se atlèt ansyen: Riccardo Arpisella pou kous cheval [10] , Roderigo Rizzotti ak Alberto Cougnet (papa Armando a ) pou kloti (Cougnet tou te fè fas ak boksè ), Giorgio Sinigaglia ak Alessandro Bossi bay nouvèl la sou alpinism . Jimnastik ak espò jwèt yo te responsablite nan Daniele Marchetti, pandan y ap atik yo tenis yo te siyen pa Tom Antongini. Rowing ak naje te gen kòm kolaboratè, respektivman: Camillo Baglioni ak Giuseppe Cantù. Nan galeri fiziyad Lorenzo Noci, pandan y ap tire Agostino Caprioli [11] . Jounal la pibliye lendi ak vandredi, depi jou yo nan ki pi fò nan konpetisyon yo espò yo ap fèt yo Samdi / Dimanch ak Mèkredi / Jedi, li enprime sou papye vèt limyè (papye a menm jan ak siklis la ), sou kat paj. Layout a se sou 5 kolòn.

Jounal la rapòte twa tit nan jounal la menm: "Gazzetta dello Sport" nan tèt la ak "Il Ciclista" ak "La Tripletta" anba a, men plis evidan (ke yo te enprime ak yon font pi gwo). Premye nimewo a montre endikasyon "Ane II a - N. 1 (28)", ki konfime lefèt ke jounal la te kontinyasyon nan Torino "Tripletta" ak nan menm tan an yon sipleman nan "Il Ciclista". Costamagna, an reyalite, te fèmen jounal li pa deplase nan Milan; "Il Ciclista", nan lòt men an, sou lòd la nan Sonzogno, kontinye soti regilyèman [12] .

Premye edisyon an se 20,000 kopi. Kòm pou lòt jounal yo, yon kopi koute 5 santim nan lire . Se atik prensipal la nan premye pwoblèm nan reskonsab nan Costamagna. Agiman inisyal la nan pyès la se montre ki jan, nan tan jodi a, siyifikasyon an ki te espò sipoze diferan de sa li te gen nan mitan moun Lagrès yo ansyen. Youn nan karakteristik prensipal yo ki fè distenksyon espò nan tan modèn se enpòtans sosyal li yo: moun ki enterese nan espò, yo pale sou li. Chanpyon espò yo vin moun ki pi popilè: yo sou bouch tout moun. Lè sa a, fraz santral la nan moso nan parèt: "Yo nan lòd yo fè fas ak espò , youn dwe santi yo kapab kouri ak fwa yo, anpeche, rive". E se sa ki nouvo jounal la vize fè.

Soti nan atik prensipal nimewo 1 nan "La Gazzetta dello Sport" (3 avril 1896)

Fè fas ak espò, Se poutèt sa, youn dwe santi yo kapab kouri ak fwa yo, prevwa, rive. Jounal espò yo pa dwe sèlman bay nouvèl la, kòmantè sou pwogrè, siksè dosye, non, yo dwe predi, kouri anpil risk pou tout bagay sa yo nan syèk la, yo dwe rive. Nou pral rive? Nou modès azade espere sa, nan nenpòt ka li pral sètènman pa sou pati nou an ki pral ak Tenacity nan objektif pral fini.

Nan premye paj la nan nimewo 1, tout tit yo parèt nan yon sèl kolòn ak enkyetid yon espò sèl: monte bisiklèt, espò ki pi popilè nan peyi Itali nan moman an. Paj la san foto [13] .

Sou nimewo 2, de editè yo endike ki sa «La Gazzetta» ye: yon jounal ki fèt ak nouvèl ak rapò detaye, ekri imedyatman apre konklizyon evènman espòtif yo [14] . Pa konyensidans chans, Gazzetta a parèt twa jou anvan nesans la nan premye Olympics yo modèn , ki fè yo selebre nan Atèn soti nan 6 a 15 avril 1896. Nan nimewo a 13 avril, lektè ka jwenn deskripsyon an nan seremoni an inogirasyon.

Soti nan editoryal la pibliye sou 13 avril 1896 ak tit la "Mwen Giuochi Olimpici":

Nan Lendi 6yèm, selebrasyon yo pou jwèt yo Olympic yo te òganize. Atant nan menmen ki te gen pou jwèt sa yo te sètènman pa pi gran pase rezilta a. Premye jou a te sipè ak pou konpetisyon an nan piblik la ak pou jwèt yo tèt yo ki soti nan bò a espòtif kite anyen yo dwe vle. Se foul moun yo ki te rasanble nan estad la ak toupatou nan patiraj la estime a plis pase katreven mil moun; fanmi wa a, se sa ki, wa George , prensès Maria ak Sofia ak Prince Michielovich, te vini nan estad la nan twa e li te akeyi pa Prince la Crown ak Komite a Olympic jwèt ak anpil atansyon egzamine restorasyon an bèl bagay nan klib la akòz munificence la [sic ] nan yon nonm rich moun grèk mèt [Georgios Averof], Lè sa a, wa a apre yo fin bay yon diskou ak sensè ak mo dwat akeyi jèn yo fonse ki te soti nan tout mond lan yo patisipe nan konpetisyon yo nan mitan aplodisman inivèsèl, te pran posesyon estad la nan non Lagrès. Lè sa a, òkès ​​yo reyini yo te kòmanse fè im Olympic lan, travay zanmi Spyros Amara nou an ki te dirije tèt li, finalman konpetisyon yo te louvri.

La Gazzetta se premye jounal nan peyi a ki kouvri tout branch nan espò. Premye nimewo a te vann tout 20,000 kopi enprime e osi bonè ke 24 avril jounal La Gazzetta dello Sport (avèk atik la) parèt nan premye plan an, outclassing non yo nan de chak semèn yo ki te pwodwi li. Nan premye peryòd sa a, Layout a favorize monte bisiklèt, ki toujou parèt sou paj devan an. Nan paj entèn yo nan jounal la, nan adisyon a monte bisiklèt , trote ak galope, gen kouri (nan moman sa a yo rele "pyeton espò"), lachas, kloti , zaviwon , tire , tire pijon, atletik , lit , navige ak tenis .

Sou 4 septanm 1896 yo te fè yon tantativ pou chanje an yon papye jòn "franse-style", se sa ki, enspire pa yon mòd ki soti nan pi lwen pase alp la. Eksperyans lan pa t 'dire lontan paske soti nan, 1 janvye 1897 li retounen nan vèt limyè orijinal la. Anplis de sa, ak nimewo a premye nan ane a nouvo, subtitles la "Il Ciclista e la Tripletta" disparèt: Gazzetta a pran sou non li ye kounye a. Menm Rivera, apre Costamagna, te an reyalite deside fèmen jounal li yo konsantre totalman sou chak de semèn nan. Nan fen 1897 Layout a chanje soti nan premye kolòn yo 5 a 6 kolòn.

An 1898 premye kado editoryal enpòtan an pran plas: sipleman ilistre chak mwa a soti, ki anrichi nouvèl jounal la pa montre figi chanpyon espò yo. Foliyasyon inisyal Sipleman an se 16 paj. Nan mwa me nan menm ane a, vil la nan Milan te souke pa manifestasyon popilè . Eliso Rivera swiv ak anpil atansyon manifestasyon yo epi yo mete l nan prizon sou sispèk anachi ansanm ak de editè. Apre 22 jou li te libere akòz mank de prèv. Men, li pa janm retounen nan Gazzetta a: li demisyone nan jesyon an konsakre tèt li nan pwofesyon an pou ki li te etidye, avoka a. Li se ranplase pa editè a nan kloti, Roderico Rizzotti, ki moun ki sipòte Costamagna kòm direktè. Teodoro Magnasco monte nan editè an chèf . Nan Desanm nan jounal la demenaje ale rete nan via Santa Radegonda, nan yon bilding pi gwo ak kat chanm. Se jounal la enprime nan faktori a Golio nan ki tou pre Via Agnello sou yon machin dousman ak yon Trolley diskontinuèl; Golios yo sèvi ak yon komen papye blan. Jèn Armando Cougnet la antre nan biwo editoryal la, ki te rive nan Milan soti nan Reggio Emilia ki kouvri distans la tout antye ki separe de vil yo pa bisiklèt.

Koulè a ​​woz

Premye nimewo a nan Gazzetta dello Sport nan woz: 2 janvye 1899 .

Lide a nan enprime jounal la sou papye blan plenn sèlman dire yon mwa. Nan fen ane a, jounal la te anonse lektè yo chanjman koulè paj yo: soti nan vèt pou woz [15] . Nouvèl la kominike bay lektè yo nan nimewo 27 desanm 1898 ak yon tit plen paj, premye nan istwa jounal la [16] . Nouvo koulè a ​​te fè premye li yo nan 2 janvye 1899 . Woz la imedyatman enpoze epi yo pral vin senbòl la diferan nan jounal la.

An 1899 Sipleman ilistre a double: li pase de chak mwa chak kenz. Nan menm ane a Gazzetta la òganize premye evènman espòtif li yo: yon match kloti ant Agesilao Greco ak Bèlj Fernand Desmet a, ki te pran plas sou Out 4 [17] .

Nan 1902 premye evènman espòtif popilè ki te òganize pa jounal la te lanse: kous pye Milan-Monza-Milan. La Gazzetta ap grandi: sikilasyon an monte a 36,000 kopi. Malgre siksè a, Rizzotti demisyone akòz diferans sou jesyon an. Costamagna rete editè sèl nan jounal la; Armando Cougnet pran direksyon administratif la. Se jenn Edgardo Longoni la nonmen kòm nouvo editè chèf. Longoni kite apre de ane ale ak dirije yon lòt jounal, Gli Espò . Siksesè li nan 1904 se Tullo Morgagni . Sou inisyativ la nan Morgagni, yon antouzyast motosiklèt soti nan romay, Gazzetta la òganize premye konpetisyon an motosiklis Italyen: "1000 km ekip la". Se ras la ki te fèt sou 26 jen, kòmanse nan Rogoredo , jis deyò lavil la [18] .

Jiska 1905 peryodikite a rete pèmaneman chak de semèn; sèlman nan okazyon an nan gwo evènman Gazzetta a soti pou plizyè jou youn apre lòt. Fè fas a konpetisyon an nan Gli Espò , ki dirije pa Longoni, jounal la òganize yon nouvo ras monte bisiklèt, Giro di Lombardia la . Premye edisyon an te fèt 12 novanm 1905. Inisyativ sa a te reyisi tou; an kèk ane Giro di Lombardia a ap vin yon randevou klasik nan monte bisiklèt entènasyonal yo. Nan fen 1906 yo te pibliye yon albòm pwomosyon espò e yo te kreye yon seri pòtrè gwo chanpyon yo. Pou la pwemye fwa, foto gwo chabwak espòtif parèt nan Gazzetta a (jouk kounye a rezève pou Sipleman an ) [19] .

Nan okazyon an nan "Egzibisyon nan sik la ak machin nan", yon gwo jis ki pran plas nan Milan, jounal la teste pwoblèm nan sou yon baz chak jou. La Gazzetta se pibliye sou kiyèt pou tout 15 jou nan dire a nan egzibisyon an. Nan 1907 jounal la òganize yon lòt ras monte bisiklèt, fwa sa a nan ouvèti a nan sezon an, Milan-Sanremo la . Konpetisyon sa a gen siksè tou epi li pral antre nan pwogram entènasyonal la kòm kòmansman sezon an. Pandan ane a, Gazzetta la te rive jwenn yon dosye sikilasyon de 102,000 kopi.

Vwayaj la monte bisiklèt ak vwayaj la motosiklèt nan peyi Itali

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Giro d'Italia .
"Gazzetta dello Sport", 31 me 1909: Luigi Ganna ranport premye Giro d'Italia .
"Gazzetta dello Sport", 4 me 1914: premye vwayaj motosiklèt nan peyi Itali.

Kòmanse nan 1908, Gazzetta a te vin definitivman twa fwa yon semèn, ak degaje nan lendi, mèkredi ak vandredi. Sou 24 Out jounal la te anonse òganizasyon an nan monte bisiklèt giro d'Italia a , bat Il Corriere della Sera [20] . Patwon evènman an pral jèn Armando Cougnet [21] ; ras la ap kòmanse ane annapre a. Yon pri nan 30,000 lire se moute pou bèn pou gayan an. Nan fen 1908 jounal la te deplase ankò: soti nan via Radegonda nan via della Signora. Se kay enprime Enrico Reggiani la ekipe ak yon linotip Morgenthaler antoure pa yon vit König ak Bauer laprès ki kapab enprime 100,000 kopi chak jou. Lè, nan mwa janvye 1909 nan Pari , Italyen Giovanni Raicevich la te vin premye chanpyon nan mond nan lit pwofesyonèl grèk-Women , Gazzetta a te kapab konplètman esplwate kapasite pwodiksyon machin yo pou premye fwa, rive nan yon etap enpòtan enpòtan.

Premye Giro d'Italia a kòmanse nan dat 13 me 1909 a 3 am nan Viale Monza, nan sant Milan; viktwa a nan premye etap la, ak arive nan Bolòy, ale nan Dario Beni . Etap kous la pral genyen pa Luigi Ganna . Nan 1910 editè yo te vin pwofesyonèl epi yo te resevwa premye salè regilye yo (ki soti nan 100 a 500 lire chak mwa). Sou 1 janvye 1913, Gazzetta a chanje konpayi pibliye li yo. Nouvo pwopriyetè a kapab pénétrer nouvo mwayen ak resous pou devlopman jounal la. Yon konsèy jere-teknik prezide premye pa Arturo Mercanti ak Lè sa a, pa Edgardo Longoni (ansyen editè-an-chèf ak ansyen direktè nan konkiran Gli Espò yo ) ranplase Costamagna kòm direktè.

Premye inisyativ editoryal nan nouvo jesyon an se peryodik Lo Sport Illustrated (1913), ki pral sipòte jounal la pou plis pase 50 ane. Premye nimewo a soti sou 15 avril, koute 50 santim epi li enprime sou papye briyan ak yon kouvèti koulè [22] . Ki dirije pa Tullo Morgagni , li soti chak de semèn. Pandan tout Giro d'Italia a Gazzetta soti chak jou. Biwo editoryal jounal la vin katye jeneral ras kous la.

An 1914 , Gazzetta te òganize, ansanm ak Inyon espò milanè yo , premye motosiklèt vwayaj nan penensil la, ki te rele "Circuito d'Italia" e li te genyen pa Oreste Malvisi monte yon Ariel [23] . Ras entènasyonal la te pran plas nan kat etap ak anrejistre patisipasyon nan 56 konpetitè, nan yo ki sèlman 18 rive nan liy lan fini. Pou jistifye tankou yon masak nan kourè, nan adisyon a frajilite a entwisyon nan vle di yo mekanik ak eta a nan rezo a wout, kwonik yo nan tan an di nan sans nan espòtif konpwann nan kèk fanatik ki te eseye favorize favorites yo pa voye ti ponyen nan klou nan pasaj la nan opozan yo. Machin yo siviv yo te triyonfan ekspoze nan 1ye Milan Motosiklèt Montre la . Evènman an te yon siksè ekstraòdinè ak piblik la pou tout 2,400 km wout la, men epidemi Premye Gè Mondyal la te anpeche repetisyon li nan ane annapre yo [24] .

Pandan peryòd lagè a (1915-18), Gazzetta a retounen de fwa pa semèn. Soti nan 1917 jouk nan fen lagè a 30,000 kopi gratis yo te enprime epi voye bay sòlda yo nan devan an ("La Gazzetta del Mitragliere"). Youn apre lòt editè yo te oblije kite jounal la paske yo te rele yo nan zam: Longoni, Toffaletti, Morgagni ak Cougnet kite pou devan an. Gen rete Vittorio Varale ak Emilio Colombo, ki moun ki imedyatman vle di soti pou pèsonalite fò l 'yo.

Aprè lagè a, 15 Me 1919 , Gazzetta ka anonse lektè li yo ke li te definitivman vin yon jounal [25] [26] . Olympics yo Antwerp 1920 yo parèt, men gouvènman an te afekte sèlman 100,000 lire atlèt yo ki pral reprezante nasyon an. La Gazzetta lanse yon abònman piblik pou ede finanse ekspedisyon Italyen an. Inisyativ la gen yon siksè ekstraòdinè: 600,000 lire yo kolekte, yon figi ki pèmèt CONI yo dwe byen prepare [27] .

Ane konsekrasyon yo

Sipleman an ilistre
nan "Gazzetta la"
  • 1898: "Ilistre Sipleman chak mwa"
  • 1899-1913: "Sipleman" (chak kenz)
  • 1913-1923: "Illustrated Sport" (chak semèn) [28] [29]
  • 1923-1937: "La Domenica Sportiva" (chak semèn) [30]
  • 1937-1967: "Illustrated Sport" [31]

Apre fen Premye Gè Mondyal la, rosea a vin chak jou. Li te depi Lendi 19 Me 1919 ke ekri "soti chak jou" kanpe deyò anba tit la. [32]

Ouvèti a nan dè santèn de klib foutbòl nouvo nan kapital yo, men pi wo a tout nan pwovens lan, reborn oswa reconstitué lè sòlda yo tounen lakay yo pa t 'yon travay fasil yo soutni. Omwen jouk 1921 paj sa yo te plen nouvèl, pa sèlman nan lig la, men tou, nan zanmi, rezilta a nan yon rezo remakab nan korespondan ak kolaborasyon. Men, avèk divize an de nan chanpyona foutbòl Italyen an (jiyè 1921) rosea a pa t 'kapab soutni angajman an pénible e li te fòse yo rdimansyonman espas la dedye a nouvèl foutbòl ak koupe tout espas yo akòde gratis nan enfòmasyon ke depi 1919 li te dedye a tou de nasyonal ak rejyonal òganizasyon foutbòl federal.

Pou rezon sa a, espas yo retire nan nouvèl espò rejyonal yo rapòte ke ilistre chak semèn "Il Calcio" pa Barabino & Graeve pibliye kay la leve nan Genoa , espò chak semèn "Fonosport" nan Vicenza , "Il Veneto Sportivo" nan Padova ak magazin divès kalite. klib ak klib nan nivo ki pi wo nan foutbòl Italyen paske Gazzetta a pa pibliye fòmasyon yo konplè oswa chwazi pibliye sèlman ekip la genyen.

Te espas ki la anvan 1922 yo te bay gratis nan kò espò federal soti nan mwa septanm bay FIGC la sèlman pou yon frè, tèlman ke magazin nan twa semèn Torino "Il Paese Sportivo" sou kolòn li yo louvri yon konfli feròs kont rosea la. Jounal la espò Torino te ekri ke anons sa yo foutbòl ofisyèl yo te rele "ijan" nan rosea a ak pibliye pou yon frè menm lè yo pa t 'abize kès federal yo menm jan yo te peye Gazzetta a 7 santim pou chak liy ak, yo bay ke Prezidans Federal la te yo pi bon kliyan, rosea a te akòde yon rabè 30%. Chak semèn nan Turin te vin yon pi gwo kantite lektè pa chwazi pou piblikasyon an gratis nan degaje yo pou laprès ofisyèl nan FIGC la, ki te baze nan Torino nan moman an, ak nan komite yo rejyonal Piedmontese ak liguryen. [33]

Nan mwa septanm 1922 edisyon sid edite pa anplwaye editoryal espò nan lavil Wòm te inogire. [32]

Anba direksyon Emilio Colombo, direktè soti nan 1922 rive 1936 prèske san pwoblèm, akote pa Cesare Fanti kòm editè-an-chèf, jounal la konnen ki jan yo manje rivalite yo gwo ant chanpyon yo ( Girardengo - Belloni , Binda - Guerra ), ki te kreye tifo monte bisiklèt. Sikilasyon jounal la rive nan wotè eksepsyonèl ak tèt 500,000 kopi. Sou 9 Desanm 1923, Lo Sport Illustrato vin La Domenica Sportiva . Li soti nan jou fèt la epi li koute 40 santim.

Apre chanjman lidè federal FIGC yo avèk randevou boloyz Leandro Arpinati a, rosea a pèdi tit "ògàn ofisyèl CONI" an 1926, yon kalifikasyon ki te pito akòde a chak semèn Il Corriere dello Sport ki chemiz nwa te nan 1924 youn nan fondatè yo. Yon peryòd trè difisil kòmanse pou jounal la Milanese nan ki enfòmasyon espò toujou redwi a yon minimòm. Se sèlman kòmanse nan mwa jiyè 1927, pran avantaj de pasaj la nan tout federasyon endepandan yo anba CONI la fachis ak devlopman nan pèrsonal nan foutbòl pwovens nan kontèks la ULIC , rosea a dedye yon paj nan ekip minè nan Jedi ak Vandredi e konsa reprann yon gwo tranch nan lektè spòtif ki depi 1925 te wè yon gwo pati nan laprès la disparèt nan magazen yo ki pa te aliyen ak rejim lan pou rezon politik. Konpetisyon an ak chak semèn boloyz Il Littoriale a (ansyen Corriere dello Sport depi Desanm 1927), ki te vin tounen yon jounal nan mwa septanm nan 1928, te vin trè chofe ak san fwa ni lwa. La Gazzetta pa t 'ankò sèlman jounal espò nasyonal la.

Nan 1926 Gazzetta a finalman te resevwa katye jeneral pwòp li yo: yon bilding kat etaj nan via Galilei bati sou teren yo nan ansyen bwasri a Spluga. Biwo editoryal la ak laprès la enprime te antre nan operasyon ane annapre a.

Depi 1930 jounal la te pibliye nan 7 kolòn (ekspansyon ki sot pase a te nan 1899) ak edisyon yo ogmante a 5 pa divize nò Itali nan 3 edisyon (Piedmont ak ligurya, Lombard kòm premye edisyon an ak Triveneto) plis edisyon an nan sant edited nan lavil Wòm ak nan sid la. Nan 1938 kolòn yo te vin 8. Nan trant yo jounal la òganize evènman nan tout branch nan espò: atletik, monte bisiklèt, motosiklèt, lit, kloti, ski, naje, boksè, weightlifting ak patisipe nan òganizasyon an nan Mille Miglia la . An 1931 Armando Cougnet , direktè Giro d'Italia ak direktè administratif Gazzetta , te chwazi pou make kavalye nan tèt klasman yo ak yon jersey karakteristik, pou fè l 'pi rekonèt pou piblik la. Jersey woz la fèt.

Monte bisiklèt se byen lwen espò ki pi popilè nan peyi Itali, dominasyon li yo se Context. Yon konparezon itil: nan 1935 Juventus te genyen senkyèm tit konsekitif nasyonal li yo, men nouvèl la pa t 'jwenn yon plas nan paj devan an paske nan jou sa yo Giro a te kouri [34] .
An 1936 yon konfli ki te leve ant direktè Emilio Colombo ak jèn Bruno Roghi te mennen lèt la ranplase l 'nan tèt jounal la. Jesyon an nan Roghi sispann ak Pwoklamasyon an Badoglio nan 8 septanm 1943 .

Ant 1944 ak 1945 , lè Itali te janbe lòt pa devan an, Gazzetta la te redwi a yon minimòm: li te pibliye sèlman yon sèl jou a nan yon semèn, nan lendi, sou kat paj e li te enprime sou papye blan, akòz mank nan materyèl. premye. Apre fen lagè a, Bruno Roghi retounen nan tèt jounal la. 2 jiyè 1945 jounal la te retounen nan kiyèt yo. Li koute 4 lire, soti de fwa pa semèn (Lendi ak Vandredi), li toujou enprime sou papye blan epi, bay limit yo nan plase papye [35] , se te fè leve nan yon fèy sèl. Sou 3 septanm 1945 Gazzetta a tounen enprime regilyèman sou papye woz; Premye Oktòb vin tounen yon jounal ankò.

Soti nan 1946 boom nan katreventèn yo

Nan 1946 edisyon an nan "Gazzetta Giuliana la" te pibliye nan triyèst , antyèman enprime nan kapital la. Edisyon patikilye sa a dire sis mwa. Sou 9 jen 1946 setyèm nimewo a chak semèn te lanse. Dapre lalwa nan tan an, ki limite pwoblèm jounal a 6 chak sèt jou, li te gen jounal pwòp li yo ("La Gazzetta Sportiva") ak yon nimero otonòm. An 1949 sipleman "Lo Sport Illustrata" te pibliye ankò, ki te sispann piblikasyon li yo an 1945.

An 1950 deseni a nan direksyon an nan Giuseppe Ambrosini te kòmanse , ki moun ki te dirije Gazzetta la jouk 1961 . Ansanm ak Gianni Brera (ko-direktè 1949-54) li inogire yon revolisyon reyèl nan ekri nan nouvèl, nidite li nan efè yo fasil ki livre nan yon diskou sèten, dirije li, ak yon pwoz egzak epi sèk, sou ray yo. nan yon syans egzak, nan davans konsiderab sou fwa yo.

Nan senkant lan, yon demenajman nan espò te kòmanse: nan paj 2 (yon paj "nòb") gen espas pou baskètbòl , naje , jimnastik , atletik ak tenis . Olye de sa, nan paj 3, yo fè yon tantativ pou yon " Twazyèm paj ", se sa ki, sèvis ki pa lye nan evènman chak jou, ki pèmèt nou reflechi sou moman sa a ke yon espò oswa yon chanpyon ap pase. Premye a parèt sou 19 janvye 1952 ki te siyen pa Gianni Brera epi li gen dwa "Avocatt a sou yon bisiklèt - roman an nan senkant ane nan monte bisiklèt nan istwa a nan Eberardo Pavesi " [16] .

An 1961 Ambrosini kite plas pou Gualtiero Zanetti , ki moun ki yon ane avan te rantre nan li kòm ko-direktè. Zanetti se yon nonm ki trè entwodwi nan anviwònman ki gen pwoblèm: li pale ak administratè yo nan Lega Calcio ak CONI ; avè l '"pwa politik la" nan Gazzetta la ogmante. Kòm pou bòdwo a nan jounal la, li defann yon liy frwa ak skrupulezman Chronicle: tout nouvèl yo dwe bay nan fason ki pi egzak ak dokimante posib; pa gen distenksyon literè, pa gen okenn atifisyèl grafik sansasyonalis.

An 1966 , kòm yon pati nan yon nouvo pwogram relansman pibliye, Gazzetta a abandone katye jeneral li nan via Galilei (kote li te rive nan 1926 ) pou yo avanse pou pyadza Cavour. Enpresyon reskonsab tipografi a menm. Li te deside fèmen sipleman an "Lo Sport Illustrata", ki sispann piblikasyon ane annapre a. An 1970 " 90º minit " te fèt, yon pwogram televizyon ki montre imaj yo nan seri A alimèt jis 45 minit soti nan konklizyon yo. Televizyon definitivman kontoune laprès la nan kwonik nan evènman an espòtif. Ofri televizyon an "satiates" fanatik la nan menm jou a kòm match yo. Jou apre sportif la vle li poukisa, background nan nan reyalite yo. Repons ke Gazzetta bay nouvo bezwen sa a reprezante yon nouvo chapit nan istwa jounalis espò Italyen an.

Nouvo direktè a (depi 1976 ) Gino Palumbo (avèk direktè depite Bruno Raschi) revolusyone fason nouvèl la kominike. Jounalis la pa gen okenn ankò rele sou yo eksprime yon opinyon eklere, men yo dwe "rete nan mitan pèp la", enplike lektè a, pou rezon sa a tèm teknik yo dwe itilize ti kras ak nan nenpòt ka yo dwe toujou eksplike. Istwa a nan evènman an se pa ase: jounalis yo nan "Gazzetta la" yo enstwi sou lachas sa ki vin anvan ak sa ki swiv evènman an espòtif, nan rechèch nan konfli ak kiryozite [36] . Pou ale pi lwen pase nouvèl la, yo bay ase espas nan entèvyou ak gwo chabwak yo.

Palumbo tou fè yon revolisyon grafik. Premye paj la ak fonksyon an nan "vitrin" fèt, yon kado absoli pou jounalis espò Italyen. Sèl sèvis ki parèt nan paj devan an se atik background. Se espas an antye okipe pa gwo tit enpak imedya (Palumbo entwodwi fonse nan paj devan an) ak fasil entèprete. An 1977 , Piblikatè Rizzoli a deklannche yon plan ajou jounal la:

  • ouvèti nan sant laprès difize (nan Naples , triyèst , Genoa , ak lavil Wòm );
  • "La Gazzetta dello Sport Illustrata", ki soti kòm yon sipleman koulè nan samdi (soti nan 1977 1981);
  • edisyon rejyonal (Triveneto depi 1977, Sicily depi 1981)

La formula adottata da Palumbo incontra un vasto successo: la tiratura sale da 160.000 a 320.000 copie di vendita media giornaliera [37] . Come numero di lettori, la Gazzetta passa da 1.220.000 nel 1975 (quarto quotidiano nazionale) a 1.961.000 nel 1980 (secondo quotidiano nazionale), per diventare primo quotidiano italiano nel 1982 con 2.811.000 lettori. L'anno successivo supera i tre milioni di lettori (3.078.000) come media giornaliera. Il 12 luglio 1982 , giorno successivo alla finale del campionato mondiale di calcio in Spagna , La Gazzetta stampa 1.469.043 copie, saturando tutte le possibilità produttive e stabilendo il primato assoluto di tiratura per la "rosea".

All'apice del successo, Gino Palumbo decide di lasciare; sceglie come suo successore Candido Cannavò , che è entrato alla Gazzetta dal 1955 come corrispondente dalla Sicilia ed è stato chiamato a Milano l'anno prima per fare un anno di ambientamento. Nel 1983 viene aperto il sesto centro stampa a Catania ; Pompei subentra a Napoli. Nel 1984 , in occasione delle Olimpiadi di Los Angeles ( Stati Uniti ), la Gazzetta viene teletrasmessa quotidianamente nella città californiana: esce in contemporanea con l'Italia (e non con un giorno di ritardo come accade normalmente per i giornali stranieri). Il 7 novembre, a titolo sperimentale, la Gazzetta viene teletrasmessa in Cina . Negli anni 1982-83 la Gazzetta può fregiarsi del titolo di primo quotidiano italiano, a causa del periodo di appannamento attraversato dal Corriere della Sera . La tiratura media del 1982 è di 566.243 copie [38]

Altri centri stampa vengono aperti tra il 1987 e il 1993 a Bari , Padova , Pessano con Bornago e Cagliari . Nel 1986 ha inizio la teletrasmissione a Francoforte sul Meno , in Germania , per il centro Europa; verrà rafforzata nel 1994 con l'apertura del centro di Charleroi , in Belgio . Nel 1989 viene battuto il record di tiratura stabilito sette anni prima: in occasione della vittoria del Milan in Coppa dei Campioni , La Gazzetta tira 1 486 110 copie.

Dagli anni novanta a oggi

Il calciatore olandese Patrick Kluivert sfoglia una copia della Gazzetta nel 1997

Nel febbraio 1992 La Gazzetta, in pieno fervore olimpico, dedica tutta la prima pagina alle medaglie conquistate ai Giochi invernali di Albertville da Alberto Tomba , Deborah Compagnoni e la 4x10 maschile di sci di fondo : per la prima volta nella sua storia moderna il calcio non compare in prima pagina. Di per sé è una notizia che fa il giro del mondo. Nel 1994 La Gazzetta torna oltreoceano: si inaugura la teletrasmissione permanente negli Stati Uniti.

Nel 1995 vengono lanciati due nuovi supplementi: «La Gazzetta dello sportivo», un tabloid di 32 pagine in uscita il venerdì con notizie e approfondimenti per gli sportivi praticanti (primo numero: 27 gennaio 1995); «La Gazzetta dello Sport Magazine», settimanale in uscita il sabato, che riprende la tradizione degli allegati in carta patinata con fotografie di alta qualità. [39] (primo numero: 28 ottobre 1995). Il curatore è Elio Trifari , vicedirettore del quotidiano. Nel 2000 «La Gazzetta dello sportivo» viene accorpata al giornale e ne vengono aperte alcune sezioni su Internet. In maggio viene varata l'edizione romana (alcune pagine inserite nella foliazione). Infine, il «Magazine», dopo aver cambiato veste grafica e testata, assume il nuovo nome di « SportWeek » (il cui primo numero esce il 12 febbraio 2000). [40]

Con l'avvento alla direzione di Pietro Calabrese ( 2002 ) avvengono alcune piccole, ma significative modifiche: il titolo in prima pagina è tutto in stampatello ed è composto da poche parole; a pagina 2 non vi sono più i programmi televisivi, che vengono spostati nelle ultime pagine; le pagg. 2 e 3 vengono così dedicate all'avvenimento più importante della giornata. Il 16 dicembre 2004 La Gazzetta ha abbandonato per un giorno il suo classico colore rosa ed è stato stampato su carta verde per promuovere l'uscita nelle sale italiane del film Shrek 2 . Il ricavato di questa operazione di marketing, pari a 120 000 euro, è stato devoluto in beneficenza. [41]

Il 10 luglio 2006 , all'indomani della vittoria della nazionale di calcio italiana ai Mondiali , la tiratura del giornale ha battuto il record italiano precedente (che apparteneva sempre a La Gazzetta ) con l'incredibile cifra di 2 302 808 copie [42] . Il 29 marzo 2008 , il giornale, seguendo una tendenza generalizzata della stampa italiana, cambia formato diventando tabloid. Oltre alla riduzione delle dimensioni si registra l'inserimento del colore in tutte le pagine. La testata è corredata del sottotitolo «Tutto il rosa della vita», che da allora accompagna ogni numero del quotidiano.

Attualmente La Gazzetta viene teletrasmessa in sei centri stampa in Italia e in tre all'estero: i dati di diffusione 2010 la confermano primo giornale italiano con 3 995 000 lettori di media al giorno [43] . La Gazzetta dello Sport , di domenica, esce con la testata La Gazzetta Sportiva , in ossequio ad un'antica legge che in Italia impediva ad un quotidiano di uscire per più di 6 giorni alla settimana. Oggi tale legge non esiste più ma la tradizione è rimasta.

A fine 2013 l'editore ( RCS MediaGroup ) ha annunciato l'apertura di un'agenzia di scommesse sportive online con il marchio del quotidiano: «GazzaBet». La redazione si è mostrata subito contraria ed ha proclamato due giorni di sciopero, effettuati nel gennaio 2014 . [44]

Dal 23 dicembre 2014 la nuova sede del giornale è in Via Rizzoli a Milano, sede anche di RCS MediaGroup .

Il 26 febbraio 2015 è stato lanciato il canale televisivo « Gazzetta TV » sul digitale terrestre , edito da Digital Factory (società partecipata al 60% da Digicast, integralmente controllata da Rcs MediaGroup , e al 40% da DeA 59 del gruppo De Agostini ) [45] . L'editore aveva posto un obiettivo in termini di ascolto da raggiungere entro la fine dell'anno. L'obiettivo non è stato raggiunto e il canale ha chiuso le trasmissioni il 6 gennaio 2016 [46] . Gazzetta TV ha trasmesso le partite della Copa América 2015 (campionato sudamericano di calcio per nazioni).

Nel 2016 in due occasioni la Gazzetta abbandona il colore rosa: il 3 aprile, giorno del 120º anniversario, è stampata su carta verde; in allegato un libro con le più belle prime pagine; il 10 giugno, inizio di Euro 2016 , è stampata nei colori della bandiera italiana , e con lo slogan Tutto il tricolore della vita .

Dall'8 maggio 2019 il quotidiano esce in un'edizione profondamente rinnovata, sia nella grafica che nell'organizzazione dei contenuti [47] .

La Gazzetta su Internet

Il 26 agosto 1997 , alle 3 del mattino, nasce il sito web del giornale [48] . Con quasi un milione di visitatori unici al giorno, oggi Gazzetta.it si pone ai vertici dei giornali online italiani [49] .

Il 22 ottobre 2002 il gruppo editoriale Rcs MediaGroup , in collaborazione con la Icon MediaLab srl , presenta un nuovo servizio a pagamento per la consultazione del quotidiano on-line su Edicola [50] . Il servizio mette a disposizione degli utenti, oltre alla già citata possibilità di consultare on-line la versione digitale grafica (file PDF ) o testuale (file TXT ) del quotidiano presente nelle edicole, la possibilità di sottoscrivere abbonamenti settimanali, mensili ed annuali.

Variazioni dell'assetto proprietario

  • 1896 Proprietari della testata sono i soci fondatori Eugenio Camillo Costamagna ed Eliso Rivera . Editore del giornale è Sonzogno .
  • 1906 Il 24 gennaio si costituisce la società in accomandita per azioni «La Gazzetta dello Sport»; i co-gerenti sono Costamagna ed Armando Cougnet (giornalista, alla «Gazzetta» dal 1898); il capitale è di 300.000 lire. Tra gli azionisti figurano tutte le principali aziende del settore ciclistico ed automobilistico, tra cui la Fiat (rappresentata da Giovanni Agnelli senior ), l' Isotta-Fraschini (rappresentata da Vincenzo Fraschini), Alberto Pirelli ed Edoardo Bianchi .
  • 1911 Costamagna cede per 100.000 lire le sue azioni ad Armando Cougnet. Cougnet liquida la società e diviene proprietario unico della testata.
  • 1913 Il 1º gennaio il giornale viene rilevato dal gruppo editoriale guidato dall'industriale Giuseppe Pontremoli e dal banchiere Luigi Della Torre (contitolare della Banca Zaccaria Pisa di Milano) per 250.000 lire (125.000 in contanti e il resto in azioni della casa editrice). Il gruppo è proprietario anche del quotidiano " Il Secolo ". Viene costituita una nuova società editrice con un capitale di 500.000 lire. Al vertice della società vi è Pontremoli. La gestione del giornale è affidata a un Consiglio Tecnico Sportivo presieduto da Arturo Mercanti. Edgardo Longoni viene nominato vicepresidente, con delega (conferitagli dallo stesso Pontremoli) alla direzione del giornale. La Gazzetta si trasferisce in corso di Porta Nuova.
  • 1919 L'ingegner Pontremoli cede le sue quote a Della Torre. In sua vece viene nominato il senatore Bertesi; in poco tempo i conti della società peggiorano. Un intervento della Banca Zaccaria Pisa permette di salvare la società; la Gazzetta diventa proprietà di fatto dell'istituto.
  • 1922 Si forma una cordata di professionisti ed imprenditori milanesi per rilevare il giornale. Si fa avanti l'avvocato Gian Antonio De Verzoni, che rileva il giornale da Luigi Della Torre. Il 20 febbraio 1922 viene fondata la nuova società di gestione, «Anonima Editrice "Gazzetta dello Sport"», dotata di un capitale iniziale di 600 000 lire. Primo presidente è Piero Pogliani, facoltoso commercialista milanese e amico di De Verzoni. A dirigere il giornale viene chiamato Emilio Colombo.
  • 1925 Il regime fascista allontana De Verzoni dalla proprietà ed insedia al vertice della società editrice un suo uomo, Giovanni Dabbusi, che però non ha esperienze nella conduzione di una società.
  • 1929 Il conte Alberto Bonacossa raccoglie i 4/5 del pacchetto azionario, acquisendo il controllo della società editrice, e diventa il proprietario della testata. Rimane ininterrottamente presidente del consiglio d'amministrazione fino alla morte, con l'eccezione del periodo settembre 1943 - aprile 1945, durante il quale la Repubblica Sociale espropria la testata a favore del "Gruppo editoriale Repubblica fascista".
  • 1945 In luglio una nuova società, la SESS (Società Editrice Stampa Sportiva) assume la gestione editoriale; Bonacossa ne è il presidente.
  • 1953 Muore Alberto Bonacossa. La proprietà della testata passa al figlio Cesare .
  • 1968 Giuseppe Pasquale , ex commissario della Lega Nazionale Professionisti e poi presidente della FIGC , acquista la Gazzetta. Dopo il cambio di gestione il quotidiano è edito dalla SEE (Società Esercizi Editoriali), di cui Pasquale è amministratore unico.
  • 1972 Il 27 gennaio la società proprietaria della testata, che fa capo alla famiglia Bonacossa, assume direttamente la gestione del giornale. Il 1º giugno 1972 il proprietario della SEE, Giuseppe Pasquale, fallisce. La SEE scompare e la gestione editoriale della Gazzetta è rilevata (1º luglio) dalla NES (Nuove Edizioni Sportive), società del gruppo Fiat .
  • 1976 Il gruppo Rizzoli-Corriere della Sera (oggi RCS MediaGroup) acquista dalla Fiat il pacchetto azionario della NES La testata invece rimane di proprietà della famiglia Bonacossa. L'anno seguente (15 giugno 1977) la Gazzetta si trasferisce nello stabile dell'Editoriale Corriere della Sera. Da allora il giornale è stampato nella tipografia di via Solferino. Il capitale sociale della NES ammonta a 300 milioni di lire ed è diviso in azioni da mille lire cadauna. Le azioni sono così assegnate: 51% alla Rizzoli Editore SpA; 49% all'Editoriale Corriere della Sera [51] .
  • 1984 La RCS viene acquisita da una cordata di cui fanno parte nomi importanti dell'industria e della finanza nazionali. Il primo azionista è Gemina (holding posseduta dalla famiglia Agnelli ), con il 46,28%; «Iniziativa ME.TA.» (società controllata da Montedison ), è il secondo azionista con il 23,24%. Nel 1986 avviene una riorganizzazione per comparti: la Gazzetta viene inserita nella «RCS Quotidiani», che è tuttora la società editrice del quotidiano.

Allegati e supplementi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Extra Time e SportWeek .

Tra i vari allegati settimanali del quotidiano sono presenti Extra Time e SportWeek , pubblicati rispettivamente il martedì e sabato. [52]

Il 1º luglio 2018, è stato inoltre lanciato Fuorigioco , che viene diffuso la domenica. [53]

Collane editoriali

La Gazzetta ha poi pubblicato numerose collane editoriali (in formato di videocassetta o DVD), spesso in collaborazione con Rai Trade ed altri quotidiani. [54] Tra le più importanti vanno citate:

  • Campionato io ti amo : una raccolta in DVD dedicata alla Serie A calcistica, proponendo in ogni numero una singola stagione del campionato (dal 1970-71 al 2014-15). [55] Con lo stesso nome è stata diffusa una serie di album sul modello Panini . [56]
  • GOL : un'opera dedicata ai gol di Inter , Milan e Juventus suddivisi per tipologie ed ordine cronologico. [57]
  • Hall of Fame : un compendio sui campioni delle tre squadre succitate, classificati per categorie. [58] [59] [60]

Sempre alle «tre grandi» del calcio italiano, è stato dedicato un decalogo sulle partite celebri nonché sulla loro storia. [61] [62] Altre collane hanno invece riguardato la Nazionale azzurra [63] , il campionato statunitense di pallacanestro [64] , l' automobilismo [65] , la pesca [66] , cinema e cartoni animati. [67] [68] [69] Sono state inoltre proposte iniziative di collezionismo, con spille e poster dedicati agli atleti. [70] [71]

Infine, la rosea ha accompagnato la diffusione editoriale delle Garzantine . [72]

Gli eventi sportivi della Gazzetta

Oltre al Giro d'Italia , oggi la Gazzetta dello Sport organizza il Giro di Lombardia , nato nel 1905 , la Milano-Sanremo ( 1907 ), la Tirreno-Adriatico , il Giro del Piemonte , il Giro del Lazio , la Monte Paschi Eroica , il Campionato italiano di beach volley , la Milano City Marathon e numerose altre gare in diverse discipline sportive.

Direttori

Scelti dalla nuova proprietà

  • Consiglio direttivo tecnico. Presidente Arturo Mercanti .
    • Edgardo Longoni , vicepresidente con funzioni di direttore (1º gennaio 1913- fine 1914)
  • Ugo Toffaletti, gerente responsabile (fine 1914-1917)
  • Vittorio Varale (1917 - febbraio 1922)
  • Emilio Colombo (febbraio 1922 - autunno 1923)
  • Lando Ferretti e Pietro Petroselli (autunno 1923)
  • Lando Ferretti (dicembre 1923 - gennaio 1924)
  • Renato Tassi (gennaio - 19 giugno 1924)
  • Emilio Colombo (2ª volta), (20 giugno 1924 - 6 ottobre 1936)

Scelti dalla famiglia Bonacossa

  • Bruno Roghi (7 ottobre 1936 - 8 settembre 1943)
    • Ugo Toffaletti, facente funzioni (9 settembre-17 dicembre 1943)
  • Armando Cougnet (18 dicembre 1943 - 2 aprile 1944)

La testata viene espropriata dal governo della Repubblica Sociale

  • Emilio Colombo (3ª volta), (3 aprile - 5 novembre 1944)
  • Luigi Ferrario (6 novembre 1944 - 23 aprile 1945)

Sospensione per decreto del CLN : 27 aprile - 21 giugno 1945.
Scelti dalla famiglia Bonacossa

  • Bruno Roghi (2 luglio 1945 - 31 marzo 1947)
  • Emilio De Martino (6 maggio 1947 - 8 gennaio 1950)
  • Gianni Brera e Giuseppe Ambrosini (9 gennaio 1950 - 25 novembre 1954)
  • Giuseppe Ambrosini (26 novembre 1954 - 18 giugno 1961)
  • Gualtiero Zanetti (19 giugno 1961 - 30 giugno 1973)
  • Giorgio Mottana (1º luglio 1973 - 30 aprile 1975)
  • Remo Grigliè (1º maggio 1975 - 5 novembre 1976)

Scelti dal Gruppo Rizzoli

Scelti dalla RCS-MediaGroup

Sede

La Gazzetta dello Sport nella sua lunga storia ha avuto diverse sedi [75] [76] :

Firme

Vicedirettori

I vicedirettori sono:

  • Gianni Valenti, con qualifica di vicario;
  • Andrea Di Caro, con delega al digitale;
  • Pier Bergonzi, con delega a tutti gli sport non calcistici e al desk centrale;

Segretari di redazione

  • Franco Laganga, principalmente con la gestione Gualtiero Zanetti [77] ;
  • Daniele Redaelli, prima caporedattore centrale e poi segretario di redazione dalla metà degli anni 2000 .

Collaboratori storici

Hanno scritto per la Gazzetta:

Attuali giornalisti

Scrivono attualmente, fra gli altri:

  • Luca Curino
  • Franco Arturi
  • Gianluca Pasini
  • Alberto Cerruti
  • Pier Bergonzi
  • Luigi Garlando
  • Luca Bianchin
  • Mario Pagliara
  • Claudio Gregori
  • Fabio Licari
  • Filippo Maria Ricci
  • Stefano Boldrini
  • Antonello Capone
  • Francesco Bibi Velluzzi
  • Serena Gentile
  • Carlo Laudisa
  • Nicola Cecere
  • Fabio Bianchi
  • Luca Bianchin
  • Giulio Di Feo
  • Andrea Elefante
  • Alessandra Bocci
  • Alessandra Gozzini
  • Edoardo Lusena

Edizioni

Sin dagli anni settanta del XX secolo la Gazzetta dello Sport ha avuto diverse edizioni locali. Dal 2018 sono cessate.

Diffusione

«La Gazzetta dello Sport» ha risentito più degli altri quotidiani del drastico calo di vendite dovuto a internet. Fino al 2011 era il terzo quotidiano italiano. Nel 2012 le vendite sono scese sotto quelle del «Sole 24 Ore»; nel 2014 la Gazzetta è stata superata anche dalla «Stampa». Solo nel 2017 ha ripreso la tradizionale terza posizione [80] .

La diffusione di un quotidiano si ottiene, secondo i criteri dell'ADS, sommando: Totale Pagata + Totale Gratuita + Diffusione estero + Vendite in blocco.

Anno Totale diffusione [81]
(cartacea + digitale)
Diffusione digitale Diffusione cartacea Tiratura
2019 153 198 10 950 142 248 218 156
2018 165 090 10 214 154 876 235 496
2017 177 657 10 659 166 998 252 250
2016 190 763 10 726 180 037 266 927
2015 208 106 12 129 195 977 287 079
2014 233 754 16 350 217 404 314 393
2013 252 392 18 174 234 218 340 651
Anno Media mobile [81]
2012 266 636
2011 299 999
2010 327 611
2009 342 549
2008 368 484
2007 373 590
2006 372 239
2005 375 624
2004 405 971
2003 407 189
2002 416 306
2001 414 482
2000 428 087
1999 413 104
1998 406 762
1997 398 917
1996 377 860
1995 388 999

Dati Ads - Accertamenti Diffusione Stampa. La diffusione di un quotidiano si ottiene, secondo i criteri dell'ADS, sommando: Totale Pagata + Totale Gratuita + Diffusione estero + Vendite in blocco.

Archivio delle edizioni passate

Tutta la collezione della Gazzetta dello Sport prima edizione (quella mattutina) dal 1896 ad oggi è conservata microfilmata a Milano nella Biblioteca Nazionale Braidense nella Sezione Microfilm.

La Gazzetta dello Sport edizione Centro-Sud (edita a Roma dal luglio 1922 al 1925) è conservata microfilmata a Milano nella Biblioteca Nazionale Braidense , Sezione Microfilms (microfilm salvato e messo in vendita dalle edizioni NES nel 1975 circa). La stessa collezione è conservata anche nelle Biblioteche Nazionali di Firenze, Roma e nella Biblioteca "Berio" di Genova [82] .

Riconoscimenti

Ricevuti

  • Premio Fiuggi per la funzione educativa e culturale svolta nel campo delle comunicazioni di massa (1986)
  • Coppa olimpica , assegnata dal CIO , il più alto riconoscimento del Comitato Olimpico internazionale per un organismo o un'istituzione (1989)
  • Miglior pubblicazione sportiva d'Europa , ricevuto a Barcellona nel corso del galà dello sport organizzato dal quotidiano El Mundo Deportivo (1994)
  • Stella d'oro al merito sportivo , massimo premio del CONI , ricevuto per celebrare il centenario della "rosea", per "aver contribuito con particolare efficacia alla diffusione e all'autonomia dello sport italiano" (1997) [83]

Assegnati

  • Referendum Gazzetta : vengono premiati i migliori atleti e squadre in ambito nazionale e internazionale dell'anno dal 1978 al 2015
  • Euroscar Award : viene premiato il miglior cestista europeo della stagione dal 1979.
  • Trofeo Gazzetta : viene premiato il miglior giocatore della stagione regolare del campionato italiano maschile e femminile di pallavolo .
  • Gazzetta Sports Award : vengono premiati i migliori atleti italiani dell'anno dal 2015. Il trofeo ereditò l'albo d'oro del precedente Referendum Gazzetta.

Note

  1. ^ a b c d Accertamenti Diffusione Stampa , su adsnotizie.it . URL consultato il 3 agosto 2020 .
  2. ^ Eraldo Pecci, Il Toro non può perdere , in Bur , 2014, capitolo 4.
  3. ^ Franco Esposito, Testa alta, due piedi , in Absolutely Free , 2012, 162.
  4. ^ Enrico Franceschini, Voglio l'America , in Feltrinelli , 2009, 18.
  5. ^ Luca Veronese, La «Gazzetta» diventa tabloid , su st.ilsole24ore.com , 27 marzo 2008. URL consultato il 5 febbraio 2020 ( archiviato il 5 febbraio 2020) .
  6. ^ Gianni Santucci, Tabloid ea colori: la Gazzetta «si mette i jeans» , su corriere.it , 28 marzo 2008. URL consultato il 10 maggio 2020 ( archiviato il 25 settembre 2008) .
  7. ^ Giuseppe Castelnovi, Ecco come e quando è nata "La Gazzetta dello Sport" e perché si chiama così , in La Gazzetta dello Sport , 11 settembre 1998. URL consultato il 7 marzo 2020 ( archiviato il 4 maggio 2019) .
  8. ^ Titolo completo: “Il ciclista, rivista settimanale popolare illustrata di velocipedismo”. Il primo numero uscì il 4 luglio 1895.
  9. ^ La "tripletta" era una bicicletta a tre posti. Il giornale, a cadenza bisettimanale (martedì e sabato) era nato il 1º ottobre del 1895 a Torino.
  10. ^ Diverrà fondatore della rivista “Lo Sportsman”.
  11. ^ “Gazzetta dello Sport”, 1º aprile 2016.
  12. ^ Gustavo Pallicca , La Gazzetta dello Sport , su atleticanet.it . URL consultato il 31 dicembre 2016 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  13. ^ Gazzetta 110 anni , su gazzetta.it . URL consultato il 5 marzo 2008 ( archiviato il 17 febbraio 2008) .
  14. ^ Enrica Speroni, "Come la Gazzetta si è trasformata", in I nostri 90 anni , supplemento alla «Gazzetta dello Sport» del 3 aprile 1986
  15. ^ Anche questa idea viene ripresa da Parigi , dove i due quotidiani sportivi si distinguono già da anni per il loro colore: verde Le Vélo , rosa il Journal de sport e giallo sarà poi L'Auto che nel 1903 lancerà il Tour de France
  16. ^ a b Enrica Speroni, "Come la Gazzetta si è trasformata", in I nostri 90 anni , supplemento alla «Gazzetta dello Sport» del 3 aprile 1986.
  17. ^ I fatti: lo schermidore Agesilao Greco, considerato imbattibile, era stato clamorosamente sconfitto dal belga Fernand Desmet in un incontro a Parigi. L'italiano però non aveva riconosciuto il verdetto dei giudici, accusandoli di sciovinismo. Il caso suscitò molto clamore. «La Gazzetta» organizzò la rivincita, che si tenne a Milano dove Greco prevalse su Desmet.
  18. ^ Vinse Tramagni su Marchand.
  19. ^ La riproduzione delle immagini su carta da giornale era un problema: la qualità era bassa. Era per questo che La Gazzetta aveva creato un supplemento ad hoc. Nel 1906 invece la tecnologia (o l'abilità dei tipografi) consente di stampare immagini anche su carta normale. Secondo il gusto dell'epoca, le foto dei protagonisti non erano rettangolari, come oggi, ma a forma di medaglione.
  20. ^ Cento anni di Giro - Un secolo di passione Archiviato il 30 agosto 2008 in Internet Archive . - La Gazzetta dello Sport, 24 agosto 2008
  21. ^ Manterrà la direzione della corsa per 39 anni, fino al 1948.
  22. ^ Daniele Marchesini, Benito Mazzi e Romano Spada, Pàlmer, borraccia e via!: storia e leggende della bicicletta e del ciclismo , Ediciclo Editore, 2001, pag. 141.
  23. ^ Nello stesso periodo la Gazzetta punta anche su un altro sport all'avanguardia, lo sci di fondo , dando vita all' Adunata Nazionale degli Sciatori Valligiani . Cfr. Annuario della stampa italiana , Casa editrice del Libro italiano, 1931, vol. 9-10, p. 186. ( Google Libri Archiviato il 13 gennaio 2018 in Internet Archive .)
  24. ^ Il Motogiro d'Italia ebbe una seconda edizione , che prese il via il lunedì di pasqua del 1923 , contesa da 53 concorrenti sui 2 500 km del percorso, come sempre con partenza e arrivo nella città di Milano. Vinse Guido Mentasti su Moto Guzzi , primo dei 7 concorrenti giunti al traguardo.
  25. ^ Franco Abruzzo, Codice dell'informazione e della comunicazione - Materiali per un corso di storia del giornalismo. Da Gutenberg al web, alla free press e alla tv digitale , Roma, Centro di documentazione giornalistica, 2006, p. 324.
  26. ^ Paolo Murialdi , Storia del giornalismo italiano , Bologna, il Mulino , 2006, p. 96.
  27. ^ Monica Favini, «La Gazzetta dello Sport», il giornale più popolare d'Italia , in «Tabloid», giornale dell'Istituto "Carlo De Martino" per la formazione al giornalismo, n. 7/8, luglio-agosto 2003, pp. 12-16.
  28. ^ Dal 15 dicembre 1916 all'ottobre 1919 la testata è denominata «Il Secolo Illustrato - Lo Sport Illustrato».
  29. ^ Dopo il numero del 9 dicembre 1923 cessa di essere abbinato alla «Gazzetta».
  30. ^ Nata «Il football» (1913), il periodico modifica la testata nel 1916 ( copertina ). Viene acquistata nel dicembre 1923. Dal gennaio 1924 «Lo Sport Illustrato» diventa una rivista autonoma mensile, fino a quando nel 1931 viene assorbito dalla «Domenica Sportiva» e ne diventa il sottotitolo. Dopo il numero del 31 dicembre 1936 cambia denominazione: dal numero successivo si ripresenta ai lettori come «Lo Sport Illustrato».
  31. ^ Nel 1954 assorbe il concorrente «Lo Sport».
  32. ^ a b Biblioteca Nazionale Braidense di Milano , conservato presso la sala microfilm de la Mediateca di Santa Teresa in via Moscova 28.
  33. ^ Da "il Paese Sportivo" dell'ottobre 1922, giornale salvato dall'alluvione di Firenze (1966) e conservato dall'Emeroteca della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze al deposito staccato del Forte Belvedere .
  34. ^ La vittoria al Campionato del Mondo del 1938 occupa invece tutta la prima pagina perché è celebrata come un "successo del regime".
  35. ^ Vedi Psychological Warfare Branch . L'organismo, infatti, aveva assegnato la priorità nell'assegnazione di carta ai giornali politici.
  36. ^ Lorenzo Longhi, «Il giornalismo sportivo», in Storia e futuro , Rivista di storia e storiografia. Nº 5 - ottobre 2004.
  37. ^ Franco Di Bella, Corriere segreto , Rizzoli, 1981, p. 213.
  38. ^ Quanto si legge in Italia? , in «La Civiltà Cattolica», 1º ottobre 1983, n. 3199, p. 77 ( versione digitalizzata Archiviato il 16 novembre 2017 in Internet Archive .).
  39. ^ Nella storia della «Gazzetta dello Sport», erano già esistiti due allegati: il primo a fine Ottocento e il secondo a metà Novecento.
  40. ^ «SportWeek», anno primo , in La Gazzetta dello Sport , 7 febbraio 2001.
  41. ^ Shrek e un regalo da 120 000 euro , in La Gazzetta dello Sport , 31 dicembre 2004. URL consultato il 30 agosto 2008 ( archiviato l'8 aprile 2009) .
  42. ^ Tutto esaurito, la Gazzetta in ristampa , su quasirete.gazzetta.it . URL consultato il 5 marzo 2008 (archiviato dall' url originale il 20 aprile 2008) .
  43. ^ La Repubblica , 14 maggio 2010, La classifica di Audipress , p. 36 - Dati riferiti all'indagine Audipress sui giornali a pagamento - 4 maggio 2010, consultabile su www.audipress.it Archiviato il 30 dicembre 2017 in Internet Archive . Consultato il 22 luglio 2010
  44. ^ Gazzetta dello Sport, comunicato sindacale: no a GazzaBet , su gazzetta.it . URL consultato il 18 marzo 2014 ( archiviato il 18 marzo 2014) .
  45. ^ Giovedì parte sul digitale terrestre GazzettaTv. , su primaonline.it . URL consultato il 9 marzo 2015 ( archiviato il 2 aprile 2015) .
  46. ^ Chiude GazzettaTv e torna Split Tv sul Canale 59 , su mediacomunicazione.net . URL consultato il 7701/2016 ( archiviato il 7 gennaio 2016) .
  47. ^ Gazzetta dello Sport, domani in edicola completamente rinnovata per stare al passo con lo smartphone. In arrivo contenuti premium , su primaonline.it . URL consultato l'8 maggio 2019 ( archiviato il 10 maggio 2019) .
  48. ^ Gazzetta.it compie 10 anni , su gazzetta.it . URL consultato il 17 gennaio 2014 ( archiviato il 18 gennaio 2014) .
  49. ^ Andrea Bettini - Giornali.it/2.0 La storia dei siti internet dei principali giornali italiani - ed.it
  50. ^ IconMedialab & RCS on-line con edicola.corriere.it ( PDF ), 22 ottobre 2002. URL consultato il 27 agosto 2008 (archiviato dall' url originale l'8 maggio 2006) .
  51. ^ Mario Lombardo, La stampa periodica in Italia , Roma, Editori Riuniti, 1985.
  52. ^ Fabrizio Salvio, Ecco il nuovo SportWeek: lo sport raccontato come stile di vita, storie e foto mai viste , su gazzetta.it , 11 settembre 2019. URL consultato il 14 ottobre 2019 ( archiviato il 14 ottobre 2019) .
  53. ^ Giuseppe Nigro, Il 1º luglio nasce Fuorigioco , su gazzetta.it , 26 giugno 2018. URL consultato il 14 ottobre 2019 ( archiviato il 14 ottobre 2019) .
  54. ^ «Momenti di gloria» , in La Gazzetta dello Sport , 3 febbraio 2004. URL consultato il 14 ottobre 2019 ( archiviato il 14 ottobre 2019) .
  55. ^ Andrea Elefante, Campionato io ti amo: gli eroi di oggi , in La Gazzetta dello Sport , 13 luglio 2015. URL consultato il 14 ottobre 2019 ( archiviato il 4 maggio 2019) .
  56. ^ Germano Bovolenta, Campionato, io ti amo , su gazzetta.it , 24 dicembre 2011. URL consultato il 14 ottobre 2019 ( archiviato il 4 maggio 2019) .
  57. ^ Germano Bovolenta, Con la Gazzetta i gol di Inter, Juventus e Milan in dvd , su gazzetta.it , 15 settembre 2008. URL consultato il 14 ottobre 2019 ( archiviato il 31 dicembre 2017) .
  58. ^ Alessandra Bocci, Milan, galleria di miti , su gazzetta.it , 19 settembre 2012. URL consultato il 14 ottobre 2019 ( archiviato il 14 ottobre 2019) .
  59. ^ Matteo Dalla Vite, Da HH a Mou, che storia , in La Gazzetta dello Sport , 20 settembre 2012. URL consultato il 14 ottobre 2019 ( archiviato il 14 ottobre 2019) .
  60. ^ Giovanni Battista Olivero, Juve, una sfilata di miti , in La Gazzetta dello Sport , 21 settembre 2012. URL consultato il 14 ottobre 2019 ( archiviato il 14 ottobre 2019) .
  61. ^ Giulio Di Feo, Che emozioni da Champions in edicola , in La Gazzetta dello Sport , 27 dicembre 2010. URL consultato il 14 ottobre 2019 ( archiviato il 14 ottobre 2019) .
  62. ^ L'approdo è Port Royale , in SportWeek , La Gazzetta dello Sport, 5 novembre 2005.
  63. ^ Antonino Morici, Sul tetto del mondo , in La Gazzetta dello Sport , 20 luglio 2006.
  64. ^ Nba, le ultime 17 stagioni in un cofanetto , su gazzetta.it , 16 gennaio 2014. URL consultato il 14 ottobre 2019 ( archiviato il 14 ottobre 2019) .
  65. ^ Da Schumi a Raikkonen: sei Mondiali F.1 in edicola , su gazzetta.it , 22 novembre 2007. URL consultato il 21 aprile 2020 ( archiviato il 10 novembre 2013) .
  66. ^ Daniele Miccione, Un'avventura alla ricerca del pesce da sogno , in La Gazzetta dello Sport , 18 febbraio 2008.
  67. ^ Nino Minoliti, Mito Stallone , in La Gazzetta dello Sport , 14 novembre 2010. URL consultato il 5 febbraio 2020 ( archiviato il 5 febbraio 2020) .
  68. ^ Magia Dragon Ball , in La Gazzetta dello Sport , 26 agosto 2015.
  69. ^ Giulio Di Feo, Naruto lotta anche per noi , in La Gazzetta dello Sport , 28 aprile 2015.
  70. ^ Andrea Schiavon, Spille sportive, più di una mania , su gazzetta.it , 3 ottobre 2007. URL consultato il 14 ottobre 2019 ( archiviato il 14 ottobre 2019) .
  71. ^ Giulio Di Feo, Ecco i megaposter, i tuoi campioni diventano reali , in La Gazzetta dello Sport , 12 settembre 2009. URL consultato il 14 ottobre 2019 ( archiviato il 14 ottobre 2019) .
  72. ^ Le Garzantine con la Gazzetta , in La Gazzetta dello Sport , 19 dicembre 2008. URL consultato il 14 ottobre 2019 ( archiviato il 14 ottobre 2019) .
  73. ^ Nel maggio 1898 Eliso Rivera viene arrestato durante i moti popolari . Costamagna lo sostituisce con Roderico Rizzotti.
  74. ^ Dimissioni di Rizzotti. Costamagna rimane direttore unico.
  75. ^ Franco Arturi, Elio Trifari, Le Prime pagine de "La Gazzetta dello Sport" , Rizzoli Editore , Milano , 2012, ISBN 978-88-17-06005-9
  76. ^ Luca Gialanella, Nuova casa Gazzetta , in La Gazzetta dello Sport , 18 dicembre 2002. URL consultato il 5 febbraio 2020 ( archiviato il 5 febbraio 2020) .
  77. ^ Redazione , su gazzetta.it . URL consultato il 5 marzo 2008 ( archiviato il 13 febbraio 2008) .
  78. ^ Celebre per aver organizzato "il Giro ciclistico di Lombardia nel 1905 , la Milano-Sanremo nel 1907 e il Giro d'Italia nel 1909 ". R. Canosa, La voce del Duce. L'agenzia Stefani: l'arma segreta di Mussolini , Mondadori, Milano 2002, p. 226.
  79. ^ Pioniera del giornalismo sportivo femminile, esordì il 18 novembre 1973 con un'intervista esclusiva a Gianni Rivera, che ruppe un silenzio stampa che durava 6 mesi.
  80. ^ Dati giugno 2017 Archiviato il 17 settembre 2017 in Internet Archive . di Accertamenti diffusione stampa
  81. ^ a b Esclusi lunedì e sabato.
  82. ^ Su questa edizione sono evidenti i controlli fatti dai contabili romani che hanno spuntato tutta la pubblicità e gli spazi a pagamento mandati alla fatturazione.
  83. ^ Gianni Bondini, Anche la Gazzetta alla festa dello sport azzurro , in La Gazzetta dello Sport , 13 aprile 1997. URL consultato il 23 febbraio 2017 ( archiviato il 23 febbraio 2017) .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 1023145857070722921628 · WorldCat Identities ( EN ) viaf-1023145857070722921628