Sa a se yon atik chin an tap. Klike la a pou plis enfòmasyon detaye

Atizay la chape

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Atizay la chape
Die Kunst der Fuge
Contrapunctus 1 BWV 1080.jpg
Premye paj maniskri Contrapunctus 1 .
Konpozitè Johann Sebastian Bach
Hue D minè
Kalite konpozisyon Koleksyon chape ak redevans
Nimewo travay BWV 1080
Epòk nan konpozisyon 1940s nan 18tyèm syèk la
Piblikasyon 1751 (1ye edisyon, pòs.)

1752 (2nd edisyon, pòs.)
1878 ( BGA XXV.1)
1995 ( NBA VIII / 2)

Otograf Die Kunst der Fuge BWV 1080

Atizay la nan fug (nan orijinal la nan Alman , Die Kunst der Fuge ) BWV 1080 se yon koleksyon konpozisyon pa Johann Sebastian Bach , san yo pa endikasyon sou instrumentation a , ki fòme ak diznèf fug (men nimewo yo varye selon kritè a klasifikasyon ki Piblikatè divès kalite adopte divize oswa rantre yo) [1] ak twa ak kat vwa , kat kanon pou de vwa ak yon koral pou kat vwa. [2]

Kòmanse alantou 1740 , oswa petèt menm pi bonè, men te pote soti assiduously sèlman soti nan 1747 , Art la nan Fugue rete fini akòz lanmò nan Johann Sebastian Bach, ki te fèt nan 1750 . Malgre ke li te enkonplè, Carl Philipp Emanuel Bach , pitit Johann Sebastian, te enprime li an 1751 . Piblikasyon sa a te swiv pa yon dezyèm, toujou nan yon vèsyon enkonplè, nan 1752 . Nan de ka yo, sepandan, travay la pa te eksite enterè piblik la, kounye a oryante nan direksyon pou diferan mòd mizik, epi sèlman vann yon kopi kèk. [3]

Koleksyon an, ki konstitye yon redaksyon veritab sou atizay la nan kontrepwa , sistematik eksplore tout posiblite yo ofri nan yon tèm ki senp nan D minè elabore selon diferan teknik konpozisyon, tankou, pou egzanp, varyasyon an ak ranvèrseman spekulèr a nan entèval . Ansanm ak òf la mizik , se atizay la nan fug rekonèt kòm youn nan travay ki pi konplèks ak atikile tout tan ekri epi li se inivèsèl konsidere kòm youn nan tèt yo pi wo janm rive nan polifoni contrapuntal nan tout istwa a nan mizik . [4] [5]

Istwa

Li pa klè lè Bach te kòmanse konpoze Atizay la nan fug , men, dapre musicologist Christoph Wolff , li ta te kòmanse travay sou li alantou 1740 , e pètèt menm pi bonè. [6] [7] Yon dènye analiz stylistic, an reyalite, kenbe ke kat premye pasaj yo byen lwen anvan sa ki annapre yo. [8] Tèm nan deja parèt nan fòm anbriyon kòm sijè a nan Fugue a nan G minè pou ògàn BWV 578, [9] konpoze alantou 1707 , pandan ke yo nan pedal della Fuga anwo a Magnificat BWV 733 a, ki konpoze tou alantou 1707, li se gen yon Variant pa ogmante tèm nan nan Contrapunctus 9 . [8] Bach, sepandan, konsakre tèt li asideman Atizay la nan fug sèlman soti nan 1747 , epi, nan tout chans, plan l 'te ranpli li pa 1749 , se konsa ke li ta ka prezante kòm yon travay syantifik -mizik ki manm yo nan Lorenz Christoph Mizler 's Correspondierende Societät der musicalischen Wissenschaften , nan ki Bach te yon pati, te dwe fè chak ane. [10] Tradisyon fè entèripsyon an nan konpozisyon an kowenside ak mitan an nan 1749, lè maladi a nan je Bach te vin pi mal nan yon fason fè li prèske enposib pou l 'li. [10] Li posib, sepandan, ke konpozitè a ka te entèwonp avansman nan Atizay la Fug menm pi bonè, ak pou rezon enkoni. [11] [12]

Transkripsyon kopi "jis" yo dwe delivre bay Piblikatè a, se konsa ke li te kapab grave plak yo kòb kwiv mete pou enprime, te kòmanse, nan tout chans, osi bonè ke lè 1747. [13] Lè sante Johann Sebastian Bach a te kòmanse dekline , kontak yo ak Piblikatè a ak grave plak yo te swiv pa pitit gason l ' Johann Christoph Friedrich , ki moun ki, pa ordonne materyèl la, tou te fè kèk erè. [13] Pou egzanp, li te delivre Contrapunctus la nan 4 bay Piblikatè a e li te enkli nan koleksyon an, byenke li te sèlman yon vèsyon primitif nan deja prezan Contrapunctus 10. a 4 alla Decima . Epitou bay Johann Christoph Friedrich nou dwe kopi a tou redwi, ki soti nan 239 ba 232, nan Fug la enkonplè a 3 Sijè , se konsa ke nòt la nan edisyon an enprime te fini ak yon kadans ak pa t 'rete sispann. [14]

Carl Philipp Emanuel Bach.

Lanmò Johann Sebastian Bach nan 1750 kite travay la fini. Premye edisyon an enprime, edite pa pitit gason l ' Carl Philipp Emanuel , ki moun ki siksede Johann Christoph Friedrich, enkonplè ak ak tit la Die / Kunst der Fuge / durch Herrn Johann Sebastian Bach / ehemahligen Capellmeister und Musikdirector zu Leipzig (an Alman , "L' atizay nan chape nan Mesye Johann Sebastian Bach, ansyen chèf ak direktè mizik nan Leipzig "), soti nan pri a nan senk talè ak pa t 'pote non an nan Piblikatè a, ni ane a, ni lavil la nan piblikasyon. [3] Tit la pa t 'Bach, men li te pwobableman chwazi pa Carl Philipp Emanuel tèt li [15] oswa pa kritik Friedrich Wilhelm Marpurg la . [16] Literati mizikal la, ki te pran replik li nan men klasik la, te itilize pou itilize tèm Atizay la avèk kèk frekans: pa egzanp, tit tankou Atizay kontrepwa pa Giovanni Maria Artusi , L'Art de Toucher le Clavecin pa François Couperin. , Atizay Vyolon an pa Pietro Antonio Locatelli , Die Kunst des reinen Satzes in der Musik pa Johann Philipp Kirnberger oswa Die Kunst das Clavier zu Spielen pa Marpurg tèt li. [3]

Daprè avi ki gen dat 1 jen 1751 , ki te anonse liberasyon iminan travay la, koleksyon an te gen vennkat moso. Dènye a, sepandan, se yon koral ki gen dwa Wenn wir nan hoechsten Noethen ("Lè nou nan tan nan bezwen") ki pa gen okenn lyen tematik (sijè a nan Atizay la Fug pa parèt nenpòt kote), estriktirèl (koral la se nan G majè, pandan ke koleksyon an tout antye se nan D minè) oswa istorik (koral la dat tounen nan anpil ane pi bonè) ak moso yo anvan yo. [3] Li pa klè poukisa li te ajoute nan Atizay la chape . Dapre Johann Nikolaus Forkel, koral la lèt, ki gen tou yon lòt vèsyon yon ti kras diferan, ki gen dwa Vor deinen Thron tret ich hiermit ("Mwen prezante tèt mwen devan fòtèy ou"), te dikte pa Bach, kounye a avèg, bay pitit gason l'- an-lwa Johann Christoph Altnickol moman anvan li te mouri. [17]

Literati diznevyèm syèk la, lè sa a, kite soti non orijinal la nan Wenn wir nan hoechsten Noethen ak rete sou tit la nan Vor deinen Thron tret ich hiermit , menm jan li anfòm parfe ak ideyal la amoure nan jeni a ki moun ki, nan fè fas a li pwòp fen, deside kite yon dènye konpozisyon anblèm. Sepandan, li se yon istwa trè fiktivize, [18] depi, byenke li posib ke Bach ka te retravay li pandan ane 1750 yo , si se pa menm pandan dènye jou yo nan lavi li (jan Forkel te di sa nan biyografi li), [17 ] koral Wenn wir nan hoechsten Noethen se sèlman rework nan koral Wenn wir nan höchsten Nöten sein , [19] deja prezan nan Orgelbüchlein a kòm BWV 641 ak konpoze anpil ane pi bonè, ant 1708 ak 1717 , yon peryòd pandan ki Bach te ògànis nan tribinal ducal Weimar . [2] Pou musicolog Georg von Dadelsen la, sepandan, kopis koral Wenn wir nan hoechsten Noethen pa t 'Johann Christoph Altnickol, ak Christoph Wolff diskite ke maniskri a te pwobableman ekri pa Johann Nathanael Bammler oswa Johann Gottfried Müthel, de elèv Bach. [20]

Nan yon sèl fwa, dapre kont Forkel a, koral la te panse yo te ajoute nan Atizay la Fug sou inisyativ la nan Carl Philipp Emanuel Bach. [2] Plizyè musicològ, nan lòt men an, diskite ke li te mete pa Piblikatè a kòm yon patch mask enkonplè nan travay la, menm jan li ta kwè ke achtè potansyèl yo ta te vle achte yon liv sibstansyèlman chè ak enkonplè . [21] Sergio Vartolo espekile ke li ka te ajoute sou liy yo nan yon koleksyon fug pou yon enstriman klavye pa Johann Mattheson , Die wohlklingende Fingersprache ("lang lan melodi nan dwèt yo", pibliye an de pati, nan 1735 ak 1737 ), ki, nan réimprimer 1749 li (droit Le Doits parlans , " ap pale dwèt"), te fini ak yon fug sou koral Werde munter mein Gemüthe . [22]

Dènye etid yo te konstate ke graveur nan Atizay Fug la se te Johann Heinrich Schübler (ti frè Johann Georg Schübler ki, nan 1747 , te enprime ofrann Mizik la ), ke ane piblikasyon an se pwobableman 1751 e ke vil la ta dwe Zella , nan Turing . [3] Gou a chanje nan piblik la, kounye a oryante nan direksyon style la rokoko ak byen lwen soti nan fòm yo nan ansyen kontrepwa kiltive pa Bach, vle di ke piblikasyon an te rete prèske konplètman envandu. [3] Travay la, anrichi ak yon prefas pa Friedrich Wilhelm Marpurg ak ofri pou vann nan pri a nan kat talè olye pou yo senk, yo te enprime an 1752 . [23] Epitou fwa sa a, sepandan, L'arte della fug pa t 'jwenn siksè nan te espere-a, tèlman bagay ke montan yo nan kopi yo kèk vann yo pa te menm ase yo kouvri depans sa yo enprime. [3]

Nan 1756 , yon ti tan apre lagè sèt ane yo te kòmanse, Carl Philipp Emanuel Bach te vann swasant plak kwiv yo te itilize pou enprime Atizay chape a , pote plent ke sèlman trant kopi te vann e ke lajan yo te trè pi ba pase atant yo. [3] Konpòtman Carl Philipp Emanuel te pwobableman dikte pa sèlman nan dezi a fè moute pou depans sa yo fèt, men tou, pa pè a ke sa yo plak kòb kwiv mete ankonbran te kapab konstitye yon obstak nan evènman an ke Bèlen , vil la nan ki li te viv, te dwe rapidman deplase pa lagè a. [24]

Travay la te bliye nan tout dezyèm mwatye nan 18tyèm syèk la . Premye edisyon an apre sa nan 1752 te pibliye sèlman nan 1801 , nan Pari , pa Piblikatè Vogt, [23] ki te swiv pa edisyon an enprime nan Zurich , nan 1802 , pa Hans Georg Nägeli. [25] Réimpressions ki vin apre yo enkli sa ki nan 1838 pa Carl Czerny , sa yo ki an Wilhelm Rust nan 1878 nan Bach-Gesellschaft Ausgabe la ak sa ki nan 1894 pa Hugo Riemann . Pandan ventyèm syèk la, edisyon Wolfgang Graeser nan 1926 , pibliye kòm yon sipleman nan Neue Bach-Ausgabe , nouvo travay omnia nan konpozisyon Bach ke Neue Bachgesellschaft la te pibliye (edisyon Graeser a, sepandan, li pa nan lis nan mitan piblikasyon yo nan ... Neue Bach-Ausgabe , men yo konsidere sa kòm volim 47th nan ansyen Bach-Gesellschaft Ausgabe ), [26] edisyon Hans Theodor David nan 1928 , ki nan Hans Gál nan 1951 ak sa yo ki an Marcel Bitsch nan 1967 . [27]

Estrikti

Sous prensipal yo

Johann Sebastian Bach.

Soti nan Art nan Fugue , sèt sous prensipal yo li te ye:

Nan maniskri a gen pasaj yo gen dwa mwen (chanje non Contrapunctus 1. nan edisyon an enprime nan 1751 ), II (chanje non Contrapunctus 3. ), III ( Contrapunctus 2. ), IV ( Contrapunctus 5. ), V ( Contrapunctus 9. a 4 a Duodecima la. ), VI ( Contrapunctus a 4. ), VII ( Contrapunctus 6. a 4 nan franse Stylo. ), Canon nan Hypodiapason - Resolutio Canonis ( Contrapunctus 7. a 4 pou Augment. Et Diminut :) , IX ( Canon alla Ottava ), X ( Contrapunctus 8. a 3. ), XI ( Contrapunctus 11. a 4. ), XII san tit ak Canon nan Hypodiatesseron al roverscio et per Augmentationem perpetuus in Contrario motu (absan nan edisyon enprime a), XIII ( Contrapunctus inversus a 4. and Contrapunctus inversus 12. to 4. ), XIV ( Fuga à 2 Clav. And Alio modo fugue à 2 Clav. ), Canon al roverscio and per augmentationem ( Canon for Augmentationem in Contrario Motu. , A reworking nan XII la). [30]
  • Twa maniskri otografe, katalòg kòm "Mus. Madam Bach P 200/1, Faszikel 1", "Mus. Madam Bach P 200/1, Faszikel 2" ak "Mus. Madam Bach P 200/1, Faszikel 3" , databl ant 1747 ak 1749 epi tou li kenbe nan Bibliyotèk Eta Bèlen an. Sa yo se dra ki lach, san yon lòd egzak, ki gen sèlman yon pasaj kèk. [31]
"Faszikel 1" gen Canon pou Augmentationem nan Contrario Motu [32] e li pote yon nòt ekri pa Johann Christoph Friedrich Bach : «Der seel. Papa hat auf die Platte diesen Titul stechen lassen, Canon per Augment: in Contrapuncto all octave, er hat as aber wieder ausgestrichen auf der Probe Platte und gesetzet wie forn stehet "(an Alman ," Papa m 'te ekri tit Canon pou Augment: nan Contrapuncto tout oktav, men Lè sa a, li anile li ak reekri li nan fòm ki endike "). [33] "Faszikel 2" prezante de moso san tit, ki rele Fuga à 2 Clav. - Nan mòd nan chape à 2 Clav. nan edisyon an enprime nan 1751. [34] "Faszikel 3 la" gen yon lòt moso non, kite enkonplè ak gen dwa Fugue ak 3 Sijè nan edisyon an enprime. [35] Dènye anèks sa a pote, nan do, yon nòt ekri pa Johann Friedrich Agricola : «und einer andern Grundplan» ("ak yon lòt plan debaz"), men li pa klè sou kisa li te refere li a. [10]
Maniskri a "Mus. Madam Bach P 200" ak twa "Faszikels yo", apre lanmò Johann Sebastian Bach, te eritye pa pitit gason l 'Carl Philipp Emanuel, ki soti nan moun yo pita pase bay mizisyen Christian Friedrich Gottlieb Schwencke la. Pita yo te fè pati pèseptè Georg Poelchau a, epi, apre lanmò lèt la, nan 1841 yo te rann pa Bibliyotèk Eta Bèlen an. [32]
  • Edisyon yo enprime nan 1751 ak 1752 . Esansyèlman ki idantik konsènan pati mizik la, yo diferan sèlman nan prefas la. Sa a nan edisyon an premye, siyen, men atribiye a Carl Philipp Emanuel Bach , enfòme ke konpozitè a kite travay la fini akòz yon maladi je, ki nan tèm nan twazyèm nan dènye fug la te non li rekonèt nan nòt yo ♭, la, fè , si natirèl (sa yo rele tèm nan BACH ), epi ki, kounye a avèg, li dikte nan enpwovize yon koral, ki resevwa eritaj Bondye yo Lè sa a, ranje nan fen travay la. [36]
Prefas dezyèm edisyon an, nan lòt men an, pi long e li siyen pa Friedrich Wilhelm Marpurg . Nan ekri l 'yo, Marpurg regrèt mank nan enterè nan kontanporen l' nan fòm konpozisyon ansyen ak bèl pouvwa, tankou fug la, epi li make pwodiksyon an mizik nan tan li kòm serye. [3] Disètasyon Marpurg la, sepandan, olye pou yo ankouraje moun yo achte, te sanble yo gen efè opoze a, dekouraje achtè potansyèl yo, kounye a oryante nan direksyon pou mod ki pi resan mizik yo. [23] Ki baze sou kèk resanblans stylistic, Sergio Vartolo ipotèz ke Marpurg se otè a nan tou de prefas. [37]

Plan travay la: ipotèz entèpretatif

Dapre musicolog Alberto Basso a se te yon opinyon san patipri toupatou, nan disetyèm ak dizwityèm syèk yo , ke estrikti yo contrapuntal yo ta dwe baze sou prensip ki lojik-matematik, aplike selon règleman entèdi rasyonèl, e ke travay la nan atis yo ki enplike nan sa a. genre mizik yo ta dwe pi pre yon espekilasyon syantifik olye ke yon manifestasyon gratis kreyatif. [40] Retorik mizik nan tan sa a, nan reveye nan teyori yo sou afekte , tou te rekonèt afinite ak diskou klasik , ki soti nan ki li prete teknik stylistic ak atifisyèl transmèt lide, pasyon ak santiman koute a. [41] [42]

Lide a dèyè atizay la nan fug , nan liy ak mantalite sa a, konsiste nan eksplorasyon an sistematik nan tout posiblite yo contrapuntal ofri nan yon tèm ki senp nan D minè nan douz nòt (reprezante anba a), ekspoze nan diferan metòd konpozisyon tankou mouvman dirèk. , mouvman envès, pwosesis la nan ogmantasyon ritm ak diminye, derivasyon nan tèm ki soti nan tèm prensipal la, mitasyon ritm lan oswa antre nouvo tèm yo. [4] [43]

Nòt mizik yo tanporèman enfim.

Kontrèman ak lòt konpozisyon pa Johann Sebastian Bach , tankou de liv yo nan klaviks la byen-apeze oswa moso yo ki fè moute Orgelbüchlein a , atizay la nan fug se pa yon travay ki gen objektif didaktik, kòm konpreyansyon a plen nan estrikti li yo sipoze yon avanse konesans nan teknik kontrepwen. [44] Maniskri yo otografe pa gen okenn tit, [3] , epi, apa de moso yo pou de klavye (ki endike kòm Pòtapiman 2 Clav. ), Okenn nan moso yo sijere instrumentation la. [45]

Selon yon etid mizikològ Jacques Chailley, koleksyon konplè a ta dwe gen ladan vennkat fug, divize an sis gwoup kat fug chak (sètadi de pè, ki fòme ak elaborasyon sou tèm yo pwopoze a nan mouvman rectus ak inversus ). [1] [46] Depi nan plan jeneral la nan travay la tout bagay montan pa gwoup kat ak pa pè rektus ak envèrs , e depi nan dezyèm seksyon an, yon sèl la dedye a kontrofu yo nan fòm lan nan yon kanal, gen sèlman twa konpozisyon, kontrèman ak tout lòt moun ki gen kat, musicolog Marcel Bitsch a ipotèz ke yon moso ki manke nan edisyon an enprime, petèt pèdi pa graveur la. [47]

Premye trèz ba yo nan Contrapunctus 7. a 4 pou Ogmantasyon. et Diminut :, ak, make nan diferan koulè, transfòmasyon yo nan tèm prensipal la nan Atizay la nan fug .

Tou de maniskri yo ak edisyon yo enprime prezante moso yo divès kalite nan fòm lan nan yon nòt , se sa ki, ak kòm anpil baton kòm gen vwa itilize yo. Chwa sa a parèt dwòl si nou ta kwè travay la fèt pou fèt sou klavye a, men Sergio Vartolo diskite ke kalite ekri sa a, adopte pa Bach pou fasilite etid diferan vwa yo, vle di yon enfliyans sou mizik Italyen an. pwemye mwatye nan disetyèm syèk la , kòm konpozitè tankou Girolamo Frescobaldi (ki moun Bach, nan 1714 , te kopye flè yo mizik nan antye yo pou etid pèsonèl) [48] yo anjeneral itilize yo tou pou mizik klavye. [49]

Daprè Vartolo, anplis, enfliyans Frescobaldian yo ta ka jwenn nan anpil lòt detay, ki gen ladan ekri nòt yo nan valè diferan (edisyon an enprime rapòte nòt yo nan valè doub konpare ak kopi maniskri a), prezans nan moso avèk plizyè sijè ( Rechèch IX pa Frescobaldi montre kat nan yo), itilize nan tèm pa mouvman dirèk ak envès (yon pratik ki lye nan de premye Capricci yo pa Frescobaldi, ki baze sou monte ak desann hexachord la ) ak itilize nan patikilyèman kromatism nana. [50]

Menm jan ak anpil lòt travay pa Bach, tou pou Atizay la nan fug diferan entelektyèl make prezans nan referans numerolojik diferan, ki, selon kèk, ta enspire estrikti a tout antye. [51] Hans-Eberhard Dentler, pou egzanp, idantifye yon rezo dans nan relasyon nimerik-senbolik nan koleksyon an. Tout travay la, dapre Dentler, ta an reyalite dwe estriktire sou baz eleman nimerik ak relasyon ki asosye avèk siyifikasyon filozofik: inite (konfere pa adopsyon yon ton inifòm ak sentèz tematik), prensip spekulèr, kontrepwen (lèm ki, prete soti nan tèminoloji Aristotelian , li ta refere a balans lan nan opoze) ak mizik nan esfè yo . [52]

Eksepte kanon yo, gen 14 kontrepwa (nimewo 14 la se transpozisyon nimerik nan lèt ki fòme ti non Bach, tankou B 2 + A 1 + C 3 + H 8 = 14). Yo konpoze tou de 14 nòt tou de tèm prensipal la nan travay la ak kèk nan tèm yo varye, tankou sa yo ki an Contrapunctus 5 ak sa yo ki an Contrapunctus 8 , [53] ak 14 yo se egzibisyon yo tematik nan Contrapunctus 4 . Yon fwa ankò dapre Dentler, nimewo 41 yo (sètadi envès la nan 14) ak 7 yo tou ki gen enpòtans konsiderab: premye tèm nan Fugue a ak 3 Sijè , pou egzanp, se te fè leve nan 7 nòt. Depi tout entèval pi gwo yo reprezante pa rapò matematik ki gen nimewo 1, 2, 3 ak 4 (1/2 pou entèval oktav la, 2/3 pou senkyèm lan ak 3/4 pou katriyèm lan), Dentler diskite ke, nan estrikti a nan travay la, tou sekans lan 1 + 2 + 3 + 4 = 10, li te ye nan non grèk la nan tetraktys , ta asime yon enpòtans fondamantal. [53]

Mizikolojis Herbert Anton Kellner te make tou jan transpozisyon nimerik tit Die Kunst der Fuga (sic), ki te ekri pa Johann Christoph Altnickol , bofis Bach, epi yo te mete l sou maniskri "Mus. Madam Bach P 200", fòme nimewo 158 la (DIE 18 + KUNST 80 + DER 26 + FUGA 34 = 158), sètadi menm nonb ki fòme pa transpozisyon lèt ki fòme non Johann Sebastian Bach (JOHANN 58 + SEBASTIAN 86 + BACH 14 = 158). Anplis de sa, Kellner fè remake ke twa nimewo yo ki fè moute figi a 158, lè yo te ajoute ansanm, bay rezilta a 14 (1 + 5 + 8 = 14). [54]

Paj la tit nan 1751 edisyon an enprime nan Atizay la fug .

Pa gen okenn sètitid, sepandan, si wi ou non Bach te vle tit travay la Die Kunst der Fuge oswa Die Kunst der Fuga . Gen kèk, tankou Sergio Vartolo ak Robert Lewis Marshall, espekile ke, nan reveye nan konpozisyon deja pibliye, yon tit plausible te kapab Fünfte-Theil der Clavier-Übung (an Alman , "senkyèm pati nan Clavier-Übung la" [55 ] ) [16] oswa Letzter-Theil der Clavier-Übung ("Dènye pati nan klavye-Übung la"). [56] Lòt entelektyèl, tankou Werner Tell, [57] te elabore tou yon sistèm senboloji kretyen kache nan travay la, [26] kòm yon paralelis ant dizwit kontrepwen yo ak premye dizwit salm biblik yo ak yon korelasyon ant kantite nòt ki konpoze divès tèm yo ak kèk chif ki prezan nan Ekriti Sen yo . [58]

Malgre sa, pandan y ap admèt enfliyans siyifikatif nan lojik ak matematik nan estrikti a ak twal nan travay la (kòmanse ak prezans renouvlab nan "nimewo non" 14 la) [16] ak pandan y ap rekonèt ki jan li te enpòtan, pou konpozitè a, ke diskou mizik la te swiv "trè presi règleman sentaksik ak retorisyen", [59] kèk entelektyèl, ki gen ladan Vartolo, sepandan, diskite ke en sèlman aspè yo konseptyèl ekspresyon ak nimerolojik fènwa Grandè a vre nan Atizay la nan fug , mete aksan sou ki jan travay la ale pi lwen pase piman teyorik ak spéculatif dimansyon epi li chaje avèk yon valè pwofon emosyonèl ak espresif. [22]

Carl Philipp Emanuel Bach, nan yon lèt nan 1775 adrese a Johann Nikolaus Forkel , pale de papa moun ki mouri l 'yo, an reyalite dekri ki sa, nan tout pwobabilite, te reyèl opinyon ke Johann Sebastian Bach te gen nan mizik gen entansyon kòm yon demonstrasyon sèlman syantifik: " Der seelige war, wie ich u. alle eigentlichen Musici, kein Liebhaber, von trocknem mathematischen Zeuge "(" Moun ki mouri a, tankou m 'ak tankou tout mizisyen vre, pa te gen okenn vle di yon zanmi nan bagay sa yo arid ak matematik "). [60]

Lè, nan yon revizyon, [61] kritik Johann Adolph Scheibe te ekri ke Bach "ta dwe objè a nan admirasyon nan tout nasyon si li te fè konpozisyon li pi bèl, pa t 'anpeche yo nan sinplisite ak yon style gonfle ak konplike e li te fè pa fènwa yo bote ak atifis twòp ", defini Bach tèt li" der Vornehmste unter den Musicanten "(" pi gran an nan mitan mizisyen ", kote" mizisyen "te itilize kòm yon tèm imilyan defini enstrimantis senp), [62] yon pwofesè nan li inivèsite Leipzig , Johann Abraham Birnbaum, reponn ak yon atik long [63] nan ki, nan adisyon a defi itilize nan tèm mizisyen an referans a "ein grosser Componist" ("yon gwo konpozitè") tankou Bach, mete aksan sou pasyon an ak metriz pwofon nan teknik espresif. [64]

Nan nekrolojik Bach la, ekri pa pitit li Carl Philipp Emanuel ak Johann Friedrich Agricola, pami lòt bagay nou li: "Keiner hat bey diesen sonst trocken scheinenden Kunststücken so viele erfindungsvolle und fremde Gedanken angebracht als eben er" [65] ("Pa gen lòt moun janm montre anpil lide enjenyeu ak dwòl jan li nan pasaj konsa konplèks tankou yo sanble, nan men nenpòt lòt moun, egzèsis arid nan style "). [66]

Instrumentation

Maniskri nan L'arte della fugue , osi byen ke de premye edisyon yo enprime, pa gen okenn sijesyon sou instrumentation a (apa de anotasyon Pòtapiman 2 Clav. , Prezan nan yon pè kontrepwen). [45] Mizikològ modèn ak entèprèt yo te deba pou yon tan long sou destinasyon pratik yo te bay travay la, divize tèt yo ant moun ki pwopoze yon plasman klavye ak moun ki pwopoze yon sèl pou enstriman Quartet. Gustav Leonhardt , pou egzanp, te diskite ke Art nan Fugue yo ta dwe jwe sou klavich la paske: [67]

Paj tit Flè Mizik yo pa Girolamo Frescobaldi.
  • Teksti nan nenpòt enstriman òkès ​​nan peryòd Bach la koresponn egzakteman ak seri a egzije pa vwa yo ki fè moute moso yo nan L'arte della fug . Epitou, pa gen okenn continuo .
  • Kalite fug yo itilize yo plis okoumansman de sa yo ki nan klavich la byen tanperaman pase sa yo ki pou òkès. Anplis de sa, Leonhardt make kèk resanblans stylistic ant fug yo nan de koleksyon yo.
  • Anplis, depi pafwa vwa bas la monte pi wo pase sa tenor a, Leonhardt dedwi ke pati bas la pa ta dwe double nan 16 ', konsa eksepte destinasyon ògàn pou koleksyon an epi andose destinasyon klavye a.

Lòt moun olye panche nan direksyon tèz opoze a, diskite ke: [69]

  • Se pa tout moso ki fè moute Atizay la nan Fugue ka fèt sou klavich la, tèlman ke kèk nan yo, si yo te jwe sou yon enstriman manualiter , enplike pozisyon trè alèz oswa enposib (tankou, pou egzanp, Contrapunctus 5 , Contrapunctus 6. a 4 an franse Stylo ak Contrapunctus 7. a 4 pou Augment. Et Diminut ). [70]
  • Absans la nan bas continuo a se konplètman nòmal, tankou sa a ki kalite akonpayman kostim fòm yo konsè, men se pa karakteristik nan moso fug-style.

Mizikològ Silvia Perucchetti a, ki montre ki jan nan kèk pwen nan travay la vwa yo rive jiska sèt, eksklizyon destinasyon li pou enstriman Quartet epi tou li eksklizyon yon destinasyon posib manualiter pou klavsyo solo, menm jan men pou kont li pa ta ase pou fè etap sa yo. Epitou selon Perucchetti, Se poutèt sa, li posib ke Atizay la Fug te, omwen teyorikman, yon destinasyon ògàn. [70]

Pou gwoup mizisyen, nan lòt men an, absans la nan endikasyon ki gen rapò ak anplwaye a ogmante pwoblèm lan nan chwazi enstriman mizik yo dwe itilize. Fra le cosiddette esecuzioni storicamente informate , Jordi Savall scelse un organico volutamente arcaico, anche per l'epoca di Bach, [71] formato da cornetto , trombone , quattro viole da gamba (nei registri di soprano, contralto, tenore e basso), oboe da caccia e fagotto . [72] Secondo il musicologo Uri Golomb la scelta di Savall venne dettata dal fatto che l'opera sarebbe più vicina alla polifonia rinascimentale che non ai gusti del periodo barocco. [73]

Più legate all'epoca di Bach, invece, furono le scelte di Rinaldo Alessandrini , il quale, nella sua registrazione, optò per una formazione composta da clavicembalo , due violini , viola , violoncello , flauto , oboe e fagotto. [74] Simile fu anche la strumentazione scelta da Reinhard Goebel , il quale utilizzò due violini, una viola, violoncello e clavicembalo. [75] La versione di Ton Koopman , invece, consiste in un suo adattamento dell'intera opera per due strumenti manualiter e venne registrata su due clavicembali costruiti da Willem Kroesbergen , copie di Ruckers e di Couchet (a parte l'ottavo contrappunto ei quattro canoni, dove Koopman impiegò un clavicembalo solo). [76]

Il musicologo Roland de Candé sostiene che quello della strumentazione sia un "falso problema", in quanto la raccolta sarebbe ascrivibile alle composizioni astratte : più che per essere eseguita materialmente, Bach l'avrebbe composta per motivi di speculazione teorico-matematica [44] [45] e avrebbe inteso porre l'interesse più sulla profondità intellettuale dei suoi contenuti che non sugli strumenti mediante i quali tali contenuti avrebbero dovuto essere proposti. Qualsiasi strumento che permetta l'esecuzione de L'arte della fuga , pertanto, secondo Candé sarebbe corretto. [45]

Anche per Alberto Basso la strumentazione non è un problema, in quanto lo studioso esclude che l'opera fosse destinata a esecuzioni "da concerto", sottolineando il fatto che fosse un erudito prodotto teorico destinato, in prima istanza, ai soli membri della Correspondierende Societät der musicalischen Wissenschaften di Lorenz Christoph Mizler . [44] Comunque, nel corso degli anni, numerosi artisti eseguirono L'arte della fuga con gli strumenti più diversi: dai tradizionali clavicembalo, organo o quartetto d'archi fino, ad esempio, a pianoforte , gruppi di ottoni , flauti , chitarre , sintetizzatori e orchestre di grandi dimensioni. [69]

Contenuti

L'edizione a stampa de L'arte della fuga del 1751 è composta da ventiquattro pezzi, così ripartiti e intitolati: [77]

Fughe semplici

L'appellativo di "fughe semplici" indica che questi pezzi sono basati solo sul tema principale dell'opera, senza particolari variazioni.

  • Contrapunctus 1 .
Il primo contrappunto è il più semplice della raccolta. Consiste in una fuga a quattro voci e presenta il tema per movimento diretto. [78] [79] Nel volume 25 del 1878 della prima edizione della Bach-Gesellschaft Ausgabe , l'edizione ufficiale completa delle composizioni di Johann Sebastian Bach pubblicata a cura della Bach-Gesellschaft di Lipsia , questo pezzo è intitolato Contrapunctus 1 , [80] mentre nel volume 47 della seconda edizione del 1926 è intitolato Contrapunctus I . [81]
Le prime battute del Contrapunctus 1 .
  • Contrapunctus 2 .
La fuga è a quattro voci e il tema è enunciato in movimento diretto. Appare già la variante, in ritmo puntato , che verrà sviluppata nei contrappunti successivi. [79] [82] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe reca il titolo di Contrapunctus 2 , [80] mentre in quella del 1926 di Contrapunctus II . [81]
Le prime battute del Contrapunctus 2 .
  • Contrapunctus 3 .
Il tema della fuga, a quattro voci, è presentato per movimento inverso. Il ritmo puntato scompare, lasciando spazio a una scrittura più uniforme. [79] [83] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe reca il titolo di Contrapunctus 3 , [80] mentre in quella del 1926 di Contrapunctus III . [81]
Le prime battute del Contrapunctus 3 .
  • Contrapunctus 4 .
A quattro voci, con il tema presentato per movimento inverso. [79] [83] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe reca il titolo di Contrapunctus 4 , [80] mentre in quella del 1926 di Contrapunctus IV . [81]
Le prime battute del Contrapunctus 4 .
Controfughe in forma di stretto

In questi brani appaiono diverse varianti del tema principale. A differenza delle "fughe semplici", dove ogni voce faceva il suo ingresso dopo l'esposizione tematica completa della voce precedente, qui le voci entrano in forma di stretto, ossia in rapida successione l'una con l'altra.

  • Contrapunctus 5 .
Fuga a quattro voci su una variante del tema principale, proposta per movimento inverso, con risposta del tema principale variato in movimento diretto. Le voci, nella parte finale, passano da quattro a sei. [79] [84] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe reca il titolo di Contrapunctus 5 , [80] mentre in quella del 1926 di Contrapunctus V . [81]
Le prime battute del Contrapunctus 5 .
  • Contrapunctus 6. a 4 in Stylo Francese .
In stile francese, ossia con ritmo puntato , su una variante del soggetto principale, con risposta del soggetto principale variato in movimento inverso e in movimento diretto. La fuga presenta inoltre una sovrapposizione del tema in valori normali e diminuiti. [79] [84] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe reca il titolo di Contrapunctus 6, a 4, in Stile francese , [80] mentre in quella del 1926 di Contrapunctus VI . [81]
Le prime battute del Contrapunctus 6. a 4 in Stylo Francese .
  • Contrapunctus 7. a 4 per Augment. et Diminut:
Si tratta di una fuga a quattro voci sul tema principale variato, con risposte del tema variato per movimento inverso presentato in valori diminuiti (alla prima e alla terza comparsa), normali (alla seconda comparsa) e aumentati (alla quarta comparsa). [85] [86] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe reca il titolo di Contrapunctus 7, a 4, per Augmentationem et Diminutionem , [80] mentre in quella del 1926 di Contrapunctus VII . [81]
Le prime battute del Contrapunctus 7. a 4 per Augment. et Diminut: .
  • Siccome tutti i gruppi sono formati da quattro composizioni mentre questo ne comprende solo tre, diversi musicologi, fra i quali Marcel Bitsch e Jacques Chailley, sostengono che qui manchi un brano, forse smarrito dall'editore. [47]

Fughe a due e tre temi

In queste fughe il soggetto, o una delle sue varianti, è affiancato da uno o due altri soggetti in contrappunto invertibile.

  • Contrapunctus 8. a 3 .
Fuga a tre voci basata sul tema principale, proposto in versione variata e per movimento inverso, e su due soggetti nuovi. Il tema principale appare solo verso la metà del pezzo. [86] [87] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe reca il titolo di Contrapunctus 8, a 3 , [80] mentre in quella del 1926 di Contrapunctus VIII . [81]
Le prime battute del Contrapunctus 8. a 3 .
  • Contrapunctus 9. a 4 alla Duodecima .
Fuga a quattro voci che inizia con una variante, presentata per movimento inverso, del tema principale, il quale appare solo verso la metà del brano, a valori larghi e combinato in forma di contrappunto doppio alla dodicesima con il tema di apertura. [86] [88] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe reca il titolo di Contrapunctus 9, a 4, alla Duodecima , [80] mentre in quella del 1926 di Contrapunctus IX . [81]
Le prime battute del Contrapunctus 9. a 4 alla Duodecima .
  • Contrapunctus 10. a 4 alla Decima .
Fuga a quattro voci, con il primo tema nuovo. Il secondo, invece, è una variante del tema principale. Entrambi sono in contrappunto doppio alla decima e permettono il rovesciamento anche alla terza e alla sesta. Nel basso è presente anche il secondo tema presentato per movimento retrogrado. Si tratta dell'unico pezzo che non inizia con la nota re, la tonica , o con la nota la, la dominante , ma con un do♯. [86] [88] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe reca il titolo di Contrapunctus 10, a 4, alla Decima , [80] mentre in quella del 1926 di Contrapunctus X . [81]
Le prime battute del Contrapunctus 10. a 4 alla Decima .
  • Contrapunctus 11. a 4 .
Fuga a quattro voci che utilizza gli stessi tre soggetti del Contrapunctus 8 , ma che li espone invertendone gli intervalli e in ordine diverso. Nel terzo soggetto appaiono, per la prima volta, le note si♭, la, do, si naturale, le quali formano il cosiddetto tema BACH . [89] [90] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe reca il titolo di Contrapunctus 11, a 4 , [80] mentre in quella del 1926 di Contrapunctus XI . [81]
Le prime battute del Contrapunctus 11. a 4 .

Fughe a specchio

Ognuna di queste fughe è completamente invertibile in maniera speculare.

  • Contrapunctus inversus 12. a 4 .
Fuga a tre soggetti su una variante del tema principale in movimento inverso e su un secondo tema, derivato da quello principale. Segue la stessa fuga, proposta in movimento diretto, con le quattro voci invertite (il basso con il soprano e il tenore con il contralto). Le due fughe costituiscono l'immagine capovolta e speculare dello stesso brano. [47] [91] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe , insieme alla fuga successiva, reca il titolo di Contrapunctus 12, a 4, rectus et inversus , [80] mentre in quella del 1926, insieme alla successiva, di Contrapunctus XVIII . [81]
Le prime battute del Contrapunctus inversus 12. a 4 .
  • Contrapunctus inversus a 4 .
Si tratta di una fuga basata sul soggetto del pezzo precedente, presentato però in movimento diretto. L'indicazione di inversus , nel titolo, è un errore dell'editore. [47] [91] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe , insieme alla fuga precedente, reca il titolo di Contrapunctus 12, a 4, rectus et inversus , [80] mentre in quella del 1926, insieme alla precedente, di Contrapunctus XVIII . [81]
Le prime battute del Contrapunctus inversus a 4 .
  • Contrapunctus a 3 .
Fuga a tre voci, in movimento diretto, su una variante del tema principale. [92] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe , insieme alla fuga successiva, reca il titolo di Contrapunctus 13, a 3, rectus et inversus , [80] mentre in quella del 1926, insieme alla successiva, di Contrapunctus XVI . [81]
Le prime battute del Contrapunctus a 3 .
  • Contrapunctus inversus a 3 .
Si tratta della fuga precedente, ma presentata per movimento inverso. [92] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe , insieme alla fuga precedente, reca il titolo di Contrapunctus 13, a 3, rectus et inversus , [80] mentre in quella del 1926, insieme alla precedente, di Contrapunctus XVI . [81]
Le prime battute del Contrapunctus inversus a 3 .

Canoni

Benché siano basati sul tema principale dell'opera, non è certo che Bach volesse che questi canoni facessero parte de L'arte della fuga . Alcuni studiosi, come Richard Jones [13] o Sergio Vartolo, [37] sostengono che il compositore li intendesse come una mera appendice.

  • Canon per Augmentationem in Contrario Motu .
Canone perpetuo a due voci in hypodiatessaron , cioè alla quarta inferiore, nel quale la seconda voce espone la stessa melodia della prima, ma per movimento inverso e con note di valore doppio. Terminata l'esposizione tematica le due voci si invertono: la seconda ricomincia con la stessa melodia iniziale che era stata presentata dalla prima voce, mentre quest'ultima espone la versione invertita a valori doppi. Di questo canone esistono tre fogli preparatori, a testimonianza di una genesi particolarmente difficile. [90] [93] [94] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe non reca alcun numero, ma porta solo il titolo di Canon per Augmentationem in Contrario Motu , [80] mentre nell'edizione del 1926 è intitolato Contrapunctus XV . [81]
Le prime battute del Canon per Augmentationem in Contrario Motu .
  • Canon alla Ottava .
Canone a due voci in hypodiapason , cioè all'ottava inferiore. Strutturalmente molto semplice, non presenta inversione delle voci. Il soggetto sembra molto diverso dal tema principale, ma è una sua derivazione per movimento inverso. [90] [95] [96] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe non reca alcun numero, ma porta solo il titolo di Canon alla Ottava , [80] mentre nell'edizione del 1926 è intitolato Contrapunctus XII . [81]
Le prime battute del Canon alla Ottava .
  • Canon alla Decima Contrapuncto alla Terza .
Canone a due voci nel quale il soggetto di apertura, una variante ritmica sincopata del tema principale presentata per movimento inverso, viene ripreso dalla seconda voce a un intervallo di decima superiore, rovesciabile alla terza. Si tratta dell'unico brano che, grazie all'indicazione Cadenza nella penultima battuta, permette all'esecutore di realizzare un passaggio improvvisato prima dell'accordo conclusivo. Questo canone, presente nelle edizioni del 1751 e del 1752 , è invece assente nei manoscritti autografi. [90] [95] [96] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe non reca alcun numero, ma porta solo il titolo di Canon alla Decima Contrapuncto alla Terza , [80] mentre nell'edizione del 1926 è intitolato Contrapunctus XIV . [81]
Le prime battute del Canon alla Decima Contrapuncto alla Terza .
  • Canon alla Duodecima in Contrapuncto alla Quinta .
Canone a due voci alla dodicesima su una variante del tema principale, in contrappunto rovesciabile alla quinta. L'armonia è rinnovata da alcuni passaggi cromatici . Anche questo canone, come il precedente, è assente nei manoscritti autografi. [90] [95] [96] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe non reca alcun numero, ma porta solo il titolo di Canon alla Duodecima in Contrapuncto alla Quinta , [80] mentre nell'edizione del 1926 è intitolato Contrapunctus XIII . [81]
Le prime battute del Canon alla Duodecima in Contrapuncto alla Quinta .

Fughe a tre e quattro temi

Sezione disomogenea. Presenta un contrappunto inserito probabilmente per errore, un'elaborazione per due tastiere, invertibile, di un brano precedente e la famosa fuga incompleta.

  • Contrapunctus a 4 .
A quattro voci, si tratta di una versione primitiva, più breve, del Contrapunctus 10. a 4 alla Decima . Diverse edizioni, fra le quali quelle di Hans Theodor David, Heinrich Husmann, Hans Gál e Marcel Bitsch, omettono questo pezzo. [94] Secondo il musicologo Gregory Butler la sua presenza nelle edizioni a stampa del 1751 e del 1752 è dovuta, con ogni probabilità, a un errore di Johann Christoph Friedrich Bach , che curò il riordino del materiale, in quanto il Contrapunctus 10. a 4 alla Decima consta di ben 22 nuove battute nella parte iniziale e costituisce sicuramente la versione definitiva che Johann Sebastian Bach pensava per questo pezzo. [97] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe reca il titolo di Contrapunctus 14, a 4 , [80] mentre in quella del 1926 è presente solamente in appendice con il titolo di Ältere Fassung von Contrapunctus X ("Vecchia versione del Contrapunctus X"). [81]
Le prime battute del Contrapunctus a 4 .
  • Fuga à 2 Clav. - Alio modo fuga à 2 Clav .
Fuga a quattro voci per movimento diretto. Segue la stessa fuga per movimento inverso, con le voci invertite fra loro. Si tratta di un'elaborazione per due tastiere del Contrapunctus inversus a 3 , con una quarta voce libera e in valori diminuiti. [92] [94] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe è divisa in due parti, intitolate rispettivamente Fuga à 2 Clav. e Alio modo fuga à 2 Clav. , [80] mentre in quella del 1926 sono unite con il titolo di Contrapunctus XVII rectus et inversus . [81]
Le prime battute della Fuga à 2 Clav .
Le prime battute della Alio modo fuga à 2 Clav .
  • Fuga a 3 Soggetti .
Fuga a quattro voci con tre temi, costituiti da una variante del tema principale, un nuovo tema in crome derivato dal tema principale e un tema cromatico le cui prime quattro note sono il cosiddetto tema BACH . Il manoscritto si interrompe alla battuta 239. [47] [98] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe reca il titolo di Fuga a 3 Soggetti , [80] mentre in quella del 1926 di Contrapunctus XIX . [81]
Le prime battute della Fuga a 3 Soggetti .
  • Secondo il Nekrolog , scritto da Carl Philipp Emanuel Bach e da Johann Friedrich Agricola nel 1754 , a questo punto avrebbe dovuto esserci una monumentale fuga a quattro voci con quattro soggetti, vertice dell'intera raccolta, presentata per movimento diretto e per movimento inverso. [99] Gli avvisi del 1751 per l'imminente uscita della prima edizione e la prefazione scritta da Friedrich Wilhelm Marpurg per l'edizione del 1752 , invece, non parlano di una fuga a quattro temi mancante, ma si limitano a enunciare la presenza di una fuga incompleta dopo l'ingresso del terzo tema. [16]

Elementi estranei

  • Choral. Wenn wir in hoechsten Noethen Canto Fermo in Canto .
Rielaborazione del corale Wenn wir in höchsten Nöten sein BWV 641, presente nell' Orgelbüchlein . [2] Nell'edizione del 1878 della Bach-Gesellschaft Ausgabe è assente, [80] mentre in quella del 1926 è presente con il semplice titolo di Choral . [81]
Le prime battute del corale Wenn wir in hoechsten Noethen .

La fuga interrotta

La Fuga a 3 Soggetti si interrompe alla battuta 239 ed è seguita da un commento manoscritto, che, alcuni, attribuirono a Carl Philipp Emanuel Bach: «Über dieser Fuge, wo der Nahme BACH im Contrasubject angebracht worden, ist der Verfasser gestorben» (in tedesco , "Su questa fuga, dove il nome BACH appare nelle note che formano il controsoggetto, l'autore morì"). [2] Siccome Carl Philipp Emanuel Bach era un compositore esperto e non avrebbe sicuramente scambiato per controsoggetto ciò che, in realtà, è un nuovo soggetto, molti musicologi mettono in dubbio la sua paternità su quell'annotazione. [2] [36] Philipp Spitta , inoltre, che conosceva bene la scrittura di Carl Philipp Emanuel Bach, in questo passaggio non ne riconobbe la grafia. [100]

Le ultime battute del manoscritto, incompiuto, della Fuga a 3 Soggetti .

La salute di Johann Sebastian Bach subì un grave declino a seguito di due operazioni chirurgiche agli occhi eseguite nella primavera del 1750 da John Taylor , un medico inglese, che ebbero esito infausto e che lo resero cieco. [101] Per via dei ferri non sterilizzati, inoltre, Bach manifestò una forte infezione e un persistente stato febbrile che lo costrinsero all'inattività e lo portarono alla morte. [102] In base a queste evidenze, e considerato anche che la grafia fluida e precisa della Fuga a 3 Soggetti dimostra che Bach la compose quando la sua vista non era ancora compromessa, [103] gli studiosi ritengono del tutto inattendibile il racconto, diffuso da Johann Nikolaus Forkel , [17] secondo il quale l'autore sarebbe morto proprio componendo quel pezzo. [104]

Inoltre, benché la tradizione addebiti l'interruzione dell'opera al declino delle condizioni di salute di Bach, [10] alcuni avanzano anche l'ipotesi che il compositore possa aver lasciato la Fuga a 3 Soggetti deliberatamente incompleta, anche prima dell'insorgere della propria malattia, per sollecitare gli studiosi a ultimarla, prendendo come riferimento tutti gli elementi tematici da lui precedentemente forniti e sviluppati. [105] [106]

Gustav Nottebohm e Hugo Riemann , sulla base di simmetrie e di proporzioni all'interno del brano, sostennero che la fuga incompiuta, benché fosse intitolata Fuga a 3 Soggetti , dovesse in realtà prevedere quattro temi. [107] Nottebohm, infatti, vedendo che il tema principale de L'arte della fuga non compariva in alcun punto, ritenne che dovesse per forza apparire come quarto tema, ma che la morte di Bach avesse impedito la sua comparsa e il completamento della composizione. [107] Secondo alcuni studiosi, come Philipp Spitta e Albert Schweitzer , la Fuga a 3 Soggetti dovrebbe invece essere addirittura esclusa da L'arte della fuga , in quanto, secondo loro, estranea alle caratteristiche tematiche della raccolta. [2]

In realtà, come dimostrato da Jacques Chailley [46] e da Marcel Bitsch, [108] il tema principale dell'opera è presente nella Fuga a 3 Soggetti , anche se in maniera difficile da notare (appare dalla battuta 114 in avanti e viene presentato sotto forma di una variante del tema principale proposta per movimento inverso). [16] Al momento dell'interruzione la fuga si appresta ad avviare un passaggio durante il quale i tre soggetti (la variante del tema principale, un nuovo tema in crome derivato dal tema principale e un tema cromatico le cui prime quattro note sono il cosiddetto tema BACH ) avrebbero dovuto combinarsi fra loro. [2] [109]

Secondo il necrologio di Johann Sebastian Bach, stilato da Carl Philipp Emanuel Bach e da Johann Friedrich Agricola e pubblicato nel 1754 all'interno della rivista Musicalische Bibliothek di Lorenz Christoph Mizler , la Fuga a 3 Soggetti , lasciata interrotta, avrebbe dovuto essere immediatamente seguita da una fuga a quattro soggetti, che avrebbe dovuto essere l'ultimo brano della raccolta. [47] Il testo, infatti, parlando di Johann Sebastian, testimonia che: «Seine letzte Krankheit hat ihn verhindert, seinem Entwurfe nach, die vorletzte Fuge völlig zu Ende zu bringen, und die letzte, welche 4 Themata enthalten, und nachgehends in allen Stimmen Note für Note umgekehrt werden sollte, auszuarbeiten» ("La sua ultima malattia gli ha impedito di completare la penultima fuga e di realizzare l'ultima, che avrebbe dovuto essere una fuga a quattro temi e che avrebbe dovuto, in seguito, essere rovesciata, nota per nota"). [99] Tuttavia, gli avvisi per l'imminente uscita della prima edizione, nel 1751 , e la prefazione scritta da Friedrich Wilhelm Marpurg per l'edizione del 1752 non parlano di una fuga a quattro temi mancante, ma si limitano a enunciare la presenza di una fuga incompleta dopo l'ingresso del terzo tema. [16]

Alcuni musicisti e musicologi provarono a completare il brano lasciato incompiuto, sia conducendolo a tre soggetti che aggiungendone un quarto. [110] La ricostruzione più lunga è, all'interno della sua Fantasia contrappuntistica del 1912 , quella di Ferruccio Busoni , che consta di ben 672 battute aggiunte. L'opera di Busoni, tuttavia, non è un vero e proprio completamento della fuga interrotta, bensì una composizione nuova che ingloba le 239 battute originali di Bach. [111] Altri autori, invece, cercarono di ultimare il brano incompiuto con maggiore fedeltà storica al lavoro di Bach. Fra questi si citano Lionel Rogg, che nel 1968 completò la fuga aggiungendo 46 battute, Zoltán Göncz, che la ultimò con 111 battute [112] e Davitt Moroney , che nel 1989 la completò con 30. [113] Nel 2001 Luciano Berio ne approntò una trascrizione per orchestra.

L'ipotesi della fuga quadrupla

Nonostante il titolo Fuga a 3 Soggetti , il musicologo Zoltán Göncz ipotizzò che Bach avesse in mente di introdurne anche un quarto. Göncz, infatti, evidenziò come il compositore avesse seguito, nel corso dell'esposizione dei tre soggetti (il primo dalla battuta 1 alla 21, il secondo dalla 114 alla 141 e il terzo, contenente il cosiddetto tema BACH , dalla 193 alla 207), [2] una sequenza seriale per regolare l'entrata delle quattro voci, secondo determinate matrici di permutazione e precisi criteri di spazio e di tempo. [112]

Nell'esposizione dei tre soggetti, infatti, Bach avrebbe "programmato" le combinazioni successive, e, per completare uno schema di permutazione, mancherebbe proprio un quarto soggetto. La sovrapposizione degli schemi generati dalle entrate dei tre soggetti, secondo Göncz, lascerebbe intendere il successivo ingresso di un quarto, che andrebbe a incastrarsi in contrappunto quadruplo con i tre precedenti. [112] Secondo questa tesi, il titolo Fuga a 3 Soggetti (non dato da Johann Sebastian Bach, ma da suo figlio Carl Philipp Emanuel o dall'editore sulla base di ciò che, effettivamente, era visibile sul manoscritto, ossia tre soggetti) sarebbe pertanto erroneo. [112]

A sostegno di questa tesi c'è il fattore numerologico , che, nelle opere di Bach, assume sempre una particolare importanza. La fuga incompleta, infatti, è la numero 14, così come 14 è la trasposizione numerica del cognome Bach. Secondo Sergio Vartolo , L'arte della fuga raggiungerebbe la sua completezza proprio nel numero 14, e, pertanto, sarebbe poco probabile l'ipotesi secondo la quale il compositore volesse aggiungere una quindicesima fuga. [16] I quattro canoni, sempre secondo Vartolo, sarebbero una mera appendice, paragonabile ai quattro duetti BWV 802-805, presenti all'interno della terza parte del Clavier-Übung , o ai Diversi canoni , manoscritti nell'ultima pagina della copia a stampa appartenuta a Bach delle Variazioni Goldberg . [37] Dello stesso parere è anche la musicologa Silvia Perucchetti. [114]

La matrice di permutazione secondo lo studio di Zoltán Göncz.

Secondo il musicologo Christoph Wolff , la Fuga a 3 Soggetti è così complessa dar dover per forza necessitare di studi preparatori sulla combinabilità dei suoi temi. Di conseguenza, Wolff sostiene che debba sicuramente essere esistito uno schema preparatorio manoscritto da Bach della versione definitiva (che chiama Frammento X e che ipotizza sia andato perduto), o, per lo meno, un abbozzo completo con le prove delle diverse combinazioni fra i vari soggetti. [115] [116] Sempre secondo Wolff, L'arte della fuga , al momento della morte di Bach, doveva sicuramente essere molto meno incompleta di quanto non sia pervenuta al XXI secolo . [117]

Secondo l'organista e direttore d'orchestra Indra Hughes il numero corretto di battute per concludere la Fuga a 3 Soggetti sarebbe 37, durante le quali ci sarebbe anche la comparsa di un quarto soggetto, rappresentato dal tema principale della raccolta. Hughes propone questo numero di battute in base ad alcune evidenze sulle proporzioni delle battute occupate dai tre temi all'interno del pezzo. [118]

Ridistribuzione dell'ordine dei brani

Quasi tutti i musicologi che analizzarono L'arte della fuga contestarono, dopo l'undicesimo contrappunto, ossia dopo l'ultimo numerato in maniera chiara, l'ordine illogico con cui l'editore Johann Heinrich Schübler aveva disposto i pezzi successivi. [119] Perciò, nel corso degli anni, numerosi studiosi idearono nuovi ordinamenti dei brani. Le loro ridistribuzioni, a seconda dei diversi criteri di classificazione adottati e dei diversi principii utilizzati per intendere le parentele fra i vari contrappunti, solitamente si discostano di molto dalla disposizione riscontrabile nella prima edizione a stampa. [120]

Nel riordionare i contrappunti, ammettendo che manchi una fuga, Jacques Chailley sostiene che l'opera avrebbe dovuto essere formata da ventiquattro fughe, ripartite in sei gruppi da quattro fughe ciascuno (ossia due coppie, nelle quali il tema della seconda è sempre il movimento inverso del tema della prima). [121] Altre fonti di equivoco nacquero anche dalla diversa disposizione dei brani fra il manoscritto autografo, che non era la versione definitiva dell'opera ma conteneva fogli e aggiunte in disordine, ancora da riorganizzare, e l'edizione a stampa di Schübler. [120]

Secondo la musicologa Silvia Perucchetti, l'ordine ideato da Bach per i vari pezzi dovrebbe prevedere prima tutti i contrappunti, ordinati da 1 a 14, e poi i quattro canoni, disposti secondo l'ordine Canon alla Ottava , Canon alla Decima Contrapuncto alla Terza , Canon alla Duodecima in Contrapuncto alla Quinta e Canon per Augmentationem in Contrario Motu . La complessità strutturale di quest'ultimo pezzo, infatti, secondo la Perucchetti avrebbe dovuto rappresentare l'apice dei canoni, così come la fuga lasciata interrotta avrebbe dovuto essere il culmine dei contrappunti. [114]

Secondo Reinhard Goebel , invece, l'opera dovrebbe essere suddivisa in quattro sezioni, disposte dalla più semplice alla più complessa (nell'ordine: le quattro fughe semplici, le tre controfughe in forma di stretto, le quattro fughe a due e tre temi e le quattro fughe a specchio). Ciascuna sezione, secondo Goebel, dovrebbe essere seguita da un canone, rispettivamente dal Canon alla Ottava , dal Canon alla Decima Contrapuncto alla Terza , dal Canon alla Duodecima in Contrapuncto alla Quinta e dal Canon per Augmentationem in Contrario Motu . Seguirebbe per ultima, secondo Goebel, la fuga lasciata incompleta, la quale non precederebbe alcun canone. [122]

Di seguito, l'ordine dei vari pezzi secondo alcune edizioni a stampa dell'opera. Quella di Marcel Bitsch è la più diffusa, e, secondo il musicologo Roland de Candé , risulta la più sensata: [12]

Titolo Schübler Nägeli Czerny Hauptmann Rust Riemann Graeser David Husmann Schmieder Gál Bitsch Chailley Kolneder
Contrapunctus 1. 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 3 1
Contrapunctus 2. 2 2 2 2 2 2 2 3 2 2 2 2 1 2
Contrapunctus 3. 3 3 3 3 3 3 3 2 3 3 3 3 4 3
Contrapunctus 4. 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4 2 4
Contrapunctus 5. 5 5 5 5 5 5 5 9 5 5 5 5 6 5
Contrapunctus 6. a 4 in Stylo Francese. 6 6 6 6 6 6 6 10 6 6 6 6 7 6
Contrapunctus 7. a 4 per Augment. et Diminut: 7 7 7 7 7 7 7 11 7 7 7 7 8 7
Contrapunctus 8. a 3. 8 8 8 8 8 9 8 13 8 8 8 10 20 8
Contrapunctus 9. a 4 alla Duodecima. 9 9 9 10 9 10 9 6 9 9 9 8 17 9
Contrapunctus 10. a 4 alla Decima. 10 10 10 11 10 11 10 7 10 10 10 9 18 10
Contrapunctus 11. a 4. 11 11 11 9 11 8 11 14 11 11 11 11 19 11
Contrapunctus inversus 12. a 4. 12 13 12b 12 12b 13 18b 17 12a 12/2 16b 18b 14 13
Contrapunctus inversus a 4. 13 12 12a 13 12a 12 18a 16 12b 12/1 16a 18a 13 12
Contrapunctus a 3. 14 15 13a 14 13b 15 16b no 13a 13/2 17a 16b 15 14
Contrapunctus inversus a 3. 15 14 13b 15 13a 14 16a no 13b 13/1 17b 16a 16 15
Contrapunctus a 4. 16 16 14 16 14 16 app. no no 10a no no 18bis 16
Canon per Augmentationem in Contrario Motu. 17 17 CI 17 15 20 15 15 14 14 13 15 9 17
Canon alla Ottava. 18 18 C.II 18 16 17 12 12 15 15 12 12 12 18
Canon alla Decima Contrapuncto alla Terza. 19 19 C.III 19 17 18 14 8 16 16 14 14 10 18
Canon alla Duodecima in Contrapuncto alla Quinta. 20 20 C.IV 20 18 19 19 5 17 17 15 13 11 20
Fuga à 2 Clav. 21 21 I 21 19 14 17a 18 no 18/1 no 17a 16bis 21
Alio modo Fuga à 2 Clav. 22 22 II 22 20 15 17b 19 no 18/2 no 17b 15bis 22
Fuga a 3 Soggetti. 23 23 15 23 21 21 19 20 18 19 18 19 21 23
Choral. Wenn wir in hoechsten Noethen. 24 no no no no no 20 no no no 19 no no no
app. = presente solo in appendice.
no = non presente nell'edizione.

Le edizioni prese in esame nella tabella sono le seguenti: [123]

  • Johann Heinrich Schübler, Zella, forse 1751 .
  • Hans Georg Nägeli, Zurigo, 1802 .
  • Edizione a cura di Carl Czerny , CF Peters, Lipsia, 1838 .
  • Moritz Hauptmann , Erläuterungen zu JS Bachs Kunst der Fuge , Breitkopf & Härtel, Lipsia, 1841 .
  • Wilhelm Rust, Bach-Gesellschaft Ausgabe , XXV, Breitkopf & Härtel, Lipsia, 1878 .
  • Hugo Riemann , Katechismus der Fugen-Komposition , III, Max Hesse's Verlag, Lipsia, 1894 .
  • Wolfgang Graeser, Bach-Gesellschaft Ausgabe , XLVII, Breitkopf & Härtel, Lipsia, 1926 .
  • Edizione a cura di Hans Theodor David, CF Peters, Lipsia, 1928 .
  • Heinrich Husmann, Bach-Jahrbuch , XXXV, Neue Bachgesellschaft, Lipsia, 1938 .
  • Catalogo a cura di Wolfgang Schmieder , Breitkopf & Härtel, Lipsia, 1950 .
  • Edizione a cura di Hans Gál , Boosey & Hawkes, Londra, 1951 .
  • Edizione a cura di Marcel Bitsch, Durand, Parigi, 1967 .
  • Jacques Chailley, L'Art de la Fugue de JS Bach , A. Leduc, Parigi, 1971 .
  • Walter Kolneder, Die Kunst der Fuge. Mythen des 20. Jahrhunderts , Heinrichshofen's Verlag, Wilhelmshaven, 1977 .

Discografia essenziale

L'arte della fuga , a partire dalla prima incisione del 1934 , è stata oggetto di oltre duecento registrazioni. [124]

Tralasciando gli interpreti minori, fra gli artisti di chiara fama internazionale che incisero l'opera si ricordano Edward Power Biggs (nel 1937 , all' organo ), [125] Gustav Leonhardt (nel 1953 e nel 1969 , al clavicembalo ), [126] Karl Richter (nel 1955 , al clavicembalo e all'organo), [126] Helmut Walcha (nel 1956 , all'organo), [126] Lionel Rogg (nel 1959 , all'organo), [126] Kenneth Gilbert (nel 1965 e nel 1989 , al clavicembalo), [127] Glenn Gould (nel 1962 all'organo e fra il 1967 e il 1981 al pianoforte ), [127] Bob van Asperen (nel 1969 , al clavicembalo, con Gustav Leonhardt), [127] Marie-Claire Alain (nel 1974 e nel 1995 , all'organo), [128] Reinhard Goebel (nel 1984 , con il gruppo Musica Antiqua Köln ), [129] Davitt Moroney (nel 1985 e nel 2000 , al clavicembalo), [129] Jordi Savall (nel 1986 , con il gruppo Hespèrion XX ), [129] i Canadian Brass (nel 1987 , per quartetto d'ottoni), [129] Tatiana Nikolayeva (nel 1992 , al pianoforte), [130] Wolfgang Rübsam (nel 1992, all'organo), [130] Ton Koopman (nel 1993 , al clavicembalo, con Tini Mathot), [130] Rinaldo Alessandrini (nel 1998 , con il gruppo Concerto Italiano ), [130] Hans Fagius (nel 1999 , all'organo), [130] Michael Radulescu (nel 2001 , all'organo), [131] il Quartetto Emerson (nel 2003 , per quartetto d'archi), [131] , Fabio Bonizzoni (nel 2008 , al clavicembalo, con Mariko Uchimura), [131] Vittorio Ghielmi (nel 2008 , con il gruppo Il Suonar Parlante ), [131] Sergio Vartolo (nel 2008, al clavicembalo, con Maddalena Vartolo) [131] e Bernard Foccroulle (nel 2010 , all'organo). [124]

Filmografia

Su L'arte della fuga è basato un documentario di novanta minuti intitolato Desert Fugue , prodotto da una società inglese specializzata nella realizzazione di cortometraggi ad argomento storico-musicale, la Fugue State Films . Il documentario, che descrive la storia dell'opera, le sue problematiche esecutive e la sua importanza all'interno della produzione bachiana, include una lunga intervista al musicologo Christoph Wolff e l'esecuzione dell'opera da parte dell'organista George Ritchie. [132]

Il titolo del cortometraggio si deve alla collocazione geografica dello strumento scelto per la registrazione, un organo costruito da Ralph Richards e Bruce Fowkes sul modello degli strumenti barocchi tedeschi, situato nella Pinnacle Presbyterian Church di Scottsdale , nel deserto dell'Arizona . [133]

Note

  1. ^ a b Bouchet , p. 122.
  2. ^ a b c d e f g h i Basso, 1983 , p. 721.
  3. ^ a b c d e f g h i j Basso, 1983 , p. 720.
  4. ^ a b Molteni , p. 125.
  5. ^ Basso, 1983 , p. 710.
  6. ^ Wolff, 1997 , p. 110.
  7. ^ Morana , pp. 49-53 .
  8. ^ a b Buscaroli , p. 1029.
  9. ^ Buscaroli , p. 305.
  10. ^ a b c d Basso, 1983 , p. 727.
  11. ^ Buscaroli , p. 1089.
  12. ^ a b Candé , p. 395.
  13. ^ a b c Jones , p. 353.
  14. ^ Jones , p. 354.
  15. ^ Candé , p. 394.
  16. ^ a b c d e f g Vartolo , p. 3.
  17. ^ a b c Forkel , pp. 53-54 .
  18. ^ Basso, 1983 , p. 608.
  19. ^ Basso, 1991 , p. 195.
  20. ^ Wolff, 2000 , p. 508.
  21. ^ Buscaroli , p. 1013.
  22. ^ a b Vartolo , p. 5.
  23. ^ a b c Basso, 1983 , p. 794.
  24. ^ Candé , p. 527.
  25. ^ Molteni , p. 128.
  26. ^ a b Buscaroli , p. 1031.
  27. ^ Basso, 1983 , p. 725.
  28. ^ Seaton , p. 55.
  29. ^ Berlin, Staatsbibliothek zu Berlin - Preußischer Kulturbesitz DB Mus. ms. Bach P 200 , su bach-digital.de . URL consultato il 18 dicembre 2013 ( archiviato il 12 febbraio 2014) .
  30. ^ Vartolo , p. 1.
  31. ^ Hughes , p. 23.
  32. ^ a b Berlin, Staatsbibliothek zu Berlin - Preußischer Kulturbesitz DB Mus. ms. Bach P 200/1, Faszikel 1 , su bach-digital.de . URL consultato il 18 dicembre 2013 ( archiviato il 12 febbraio 2014) .
  33. ^ Wolff, 2000 , p. 436.
  34. ^ Berlin, Staatsbibliothek zu Berlin - Preußischer Kulturbesitz DB Mus. ms. Bach P 200/1, Faszikel 2 , su bach-digital.de . URL consultato il 18 dicembre 2013 ( archiviato il 12 febbraio 2014) .
  35. ^ Berlin, Staatsbibliothek zu Berlin - Preußischer Kulturbesitz DB Mus. ms. Bach P 200/1, Faszikel 3 , su bach-digital.de . URL consultato il 18 dicembre 2013 ( archiviato il 12 febbraio 2014) .
  36. ^ a b Buscaroli , p. 1030.
  37. ^ a b c Vartolo , p. 4.
  38. ^ Wolff, 2001 , pp. 259-271 .
  39. ^ In search of the lost scores. Bach in the USSR , su harvardmagazine.com . URL consultato il 25 dicembre 2013 ( archiviato il 26 dicembre 2013) .
  40. ^ Basso, 1983 , p. 700.
  41. ^ Basso, 1983 , pp. 730-734 .
  42. ^ Fubini , pp. 163-164 .
  43. ^ Bouchet , p. 123.
  44. ^ a b c d Basso, 1983 , p. 728.
  45. ^ a b c d Candé , p. 402.
  46. ^ a b Chailley , pp. 110-136 .
  47. ^ a b c d e f Candé , p. 400.
  48. ^ Candé , p. 87.
  49. ^ Buscaroli , p. 1048.
  50. ^ Vartolo , pp. 1-2 .
  51. ^ Hughes , pp. 75-76 .
  52. ^ Basso, 1991 , p. 194.
  53. ^ a b Dentler , pp. 1-224 .
  54. ^ Kellner , p. 13.
  55. ^ Letteralmente: "esercizio per clavicembalo".
  56. ^ Marshall , p. 119.
  57. ^ Tell .
  58. ^ Le ultime note di Bach , su sectioaurea.com . URL consultato il 27 dicembre 2013 (archiviato dall' url originale il 29 dicembre 2013) .
  59. ^ Vartolo , p. 8.
  60. ^ Vartolo , p. 6.
  61. ^ Kontroverse Scheibe vs. Birnbaum - JA Scheibe: Critischer Musikus. Das 6 Stück. , su koelnklavier.de . URL consultato il 26 gennaio 2014 ( archiviato il 1º febbraio 2014) .
  62. ^ Buscaroli , p. 955.
  63. ^ Vartolo , p. 9.
  64. ^ Wolff, 2000 , p. 2.
  65. ^ CFE Bach e Agricola , p. 170.
  66. ^ Wolff, 2000 , p. 4.
  67. ^ Leonhardt , pp. 463-466 .
  68. ^ Jones , p. 355.
  69. ^ a b Is Art of Fugue a keyboard work? , su pipedreams.publicradio.org . URL consultato il 29 dicembre 2013 ( archiviato l'8 dicembre 2013) .
  70. ^ a b Le problematiche esecutive , su cappellamusicale.it . URL consultato il 25 dicembre 2013 ( archiviato il 26 dicembre 2013) .
  71. ^ Golomb , pp. 17-18 .
  72. ^ Savall .
  73. ^ Golomb , p. 13.
  74. ^ Alessandrini .
  75. ^ Goebel .
  76. ^ Koopman .
  77. ^ JS Bach .
  78. ^ Molteni , p. 130.
  79. ^ a b c d e f Candé , p. 396.
  80. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w Rust .
  81. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w Graeser .
  82. ^ Molteni , p. 131.
  83. ^ a b Molteni , p. 132.
  84. ^ a b Molteni , p. 133.
  85. ^ Molteni , p. 134.
  86. ^ a b c d Candé , p. 397.
  87. ^ Molteni , p. 136.
  88. ^ a b Molteni , p. 139.
  89. ^ Molteni , p. 138.
  90. ^ a b c d e Candé , p. 398.
  91. ^ a b Molteni , pp. 141-143 .
  92. ^ a b c Candé , p. 399.
  93. ^ Candé , p. 380.
  94. ^ a b c Molteni , p. 145.
  95. ^ a b c Candé , p. 381.
  96. ^ a b c Molteni , pp. 146-148 .
  97. ^ Butler , pp. 54-55 .
  98. ^ Molteni , pp. 148-150 .
  99. ^ a b CFE Bach e Agricola , p. 168.
  100. ^ Candé , p. 291.
  101. ^ Buscaroli , pp. 1111-1113 .
  102. ^ Basso, 1983 , p. 202.
  103. ^ Seaton , pp. 54-59 .
  104. ^ Wolff, 1975 , p. 436.
  105. ^ Hughes , pp. 70-74 .
  106. ^ Did Bach really leave Art of Fugue unfinished? , su pipedreams.publicradio.org . URL consultato il 28 dicembre 2013 ( archiviato l'8 dicembre 2013) .
  107. ^ a b Candé , pp. 271-272 .
  108. ^ Bitsch , p. 167.
  109. ^ Vartolo , pp. 2-3 .
  110. ^ Buscaroli , p. 1088.
  111. ^ Busoni .
  112. ^ a b c d Göncz , pp. 25-93 .
  113. ^ Moroney , p. 123.
  114. ^ a b L'ordinamento di brani , su cappellamusicale.it . URL consultato il 25 dicembre 2013 ( archiviato il 27 dicembre 2013) .
  115. ^ Wolff, 1975 , pp. 71-77 .
  116. ^ Marshall , p. 114.
  117. ^ Wolff, 2000 , p. 437.
  118. ^ Hughes , pp. 84-107 .
  119. ^ Molteni , p. 126.
  120. ^ a b Basso, 1983 , p. 723.
  121. ^ Candé , p. 401.
  122. ^ Large Scale Form of the Cycle , su jan.ucc.nau.edu . URL consultato il 26 dicembre 2013 (archiviato dall' url originale l'8 luglio 2004) .
  123. ^ Basso, 1983 , pp. 724-725 .
  124. ^ a b Recordings - Part 8 , su bach-cantatas.com . URL consultato il 20 dicembre 2013 ( archiviato il 21 dicembre 2013) .
  125. ^ Recordings - Part 1 , su bach-cantatas.com . URL consultato il 20 dicembre 2013 (archiviato dall' url originale il 21 dicembre 2013) .
  126. ^ a b c d Recordings - Part 2 , su bach-cantatas.com . URL consultato il 20 dicembre 2013 ( archiviato il 21 dicembre 2013) .
  127. ^ a b c Recordings - Part 3 , su bach-cantatas.com . URL consultato il 20 dicembre 2013 ( archiviato il 21 dicembre 2013) .
  128. ^ Recordings - Part 4 , su bach-cantatas.com . URL consultato il 20 dicembre 2013 ( archiviato il 21 dicembre 2013) .
  129. ^ a b c d Recordings - Part 5 , su bach-cantatas.com . URL consultato il 20 dicembre 2013 ( archiviato il 21 dicembre 2013) .
  130. ^ a b c d e Recordings - Part 6 , su bach-cantatas.com . URL consultato il 20 dicembre 2013 ( archiviato il 21 dicembre 2013) .
  131. ^ a b c d e Recordings - Part 7 , su bach-cantatas.com . URL consultato il 20 dicembre 2013 ( archiviato il 21 dicembre 2013) .
  132. ^ Desert Fugue , su fuguestatefilms.co.uk . URL consultato il 7 gennaio 2013 ( archiviato il 7 gennaio 2014) .
  133. ^ George Ritchie Recordings - JS Bach Organ Works , su georgeritchie.com . URL consultato il 7 gennaio 2013 ( archiviato il 7 gennaio 2014) .

Bibliografia

  • Rinaldo Alessandrini. Note di copertina di Bach. Die Kunst der Fuge. The Art of Fugue , Concerto Italiano , Opus 111 , 1998.
  • ( DE ) Carl Philipp Emanuel Bach, Johann Friedrich Agricola, Nekrolog auf Seb. Bach , in Lorenz Christoph Mizler (a cura di), Musicalische Bibliothek , Lipsia, Mizlerischer Bücher-Verlag, 1754, ISBN non esistente, OCLC 6354160 . URL consultato il 26 gennaio 2014 ( archiviato il 1º febbraio 2014) .
  • ( DE ) Johann Sebastian Bach, Die Kunst der Fuge durch Herrn Johann Sebastian Bach ehemahligen Capellmeister und Musikdirector zu Leipzig , Zella, Johann Heinrich Schübler, 1751, ISBN non esistente, OCLC 11338402 .
  • Alberto Basso, Frau Musika, La vita e le opere di JS Bach , vol. 2, Torino, EDT, 1983, ISBN 978-88-7063-028-2 , OCLC 541073730 .
  • Alberto Basso, L'età di Bach e di Haendel , Torino, EDT, 1991, ISBN 88-7063-098-6 , OCLC 440283258 .
  • ( FR ) Marcel Bitsch, JS Bach: L'Art de la Fugue: introduction, analyse et commentaires , Parigi, Durand, 1967, ISBN non esistente, OCLC 751279811 .
  • Paule de Bouchet, Bach, la sublime armonia , Milano, Universale Electa/Gallimard, 1994, ISBN 88-445-0059-0 , OCLC 797910476 .
  • Piero Buscaroli, Bach , Milano, Arnoldo Mondadori, 1998, ISBN 978-88-04-43190-9 , OCLC 13499133 .
  • Ferruccio Busoni, Fantasia Contrappuntistica , Lipsia, Breitkopf & Härtel, 1912, ISBN non esistente, OCLC 2436447 .
  • ( EN ) Gregory Butler, Ordering Problems in JS Bach's "Art of Fugue" Resolved , in The Musical Quarterly , vol. 69, Oxford, Oxford University Press, 1983, ISSN 0027-4631 ( WC · ACNP ) .
  • Roland de Candé, Johann Sebastian Bach , Pordenone, Edizioni Studio Tesi, 1990, ISBN 88-7692-205-9 , OCLC 799468382 .
  • ( FR ) Jacques Chailley, L'ordre de morceaux dans «L'Art de la Fugue» , in Revue de Musicologie , vol. 53, Parigi, Société française de musicologie, 1967, ISSN 0035-1601 ( WC · ACNP ) .
  • Hans-Eberhard Dentler, Il sacrificio musicale di Johann Sebastian Bach. La musica come specchio dell'armonia delle sfere , Roma, Accademia Nazionale di Santa Cecilia, 2013, ISBN 978-88-95341-50-7 .
  • ( DE ) Johann Nikolaus Forkel, Über Johann Sebastian Bachs Leben, Kunst und Kunstwerke. Für patriotische Verehrer echter musikalischer Kunst , Lipsia, Hoffmeister & Kühnel, 1802, ISBN non esistente, OCLC 186496815 . URL consultato il 26 gennaio 2014 ( archiviato il 13 dicembre 2013) .
  • Enrico Fubini, Estetica musicale, VII. La teoria degli affetti , in Alberto Basso (a cura di), Dizionario Enciclopedico della Musica e dei Musicisti: Lessico , vol. 2, Torino, UTET, 1983-1984, ISBN 88-02-03704-3 , OCLC 11345820 .
  • ( EN ) Reinhard Goebel. Note di copertina di JS Bach. Die Kunst der Fuge. The Art of Fugue , Musica Antiqua Köln , Archiv Produktion , 1995.
  • ( EN ) Uri Golomb,Johann Sebastian Bach's The Art of Fugue ( PDF ), in Goldberg Early Music Magazine , vol. 48, Pamplona, Goldberg Ediciones, febbraio 2006, ISSN 1138-1531 ( WC · ACNP ) . URL consultato il 14 gennaio 2014 ( archiviato il 16 gennaio 2014) .
  • ( EN ) Zoltán Göncz, Reconstruction of the Final Contrapunctus of The Art of Fugue , in International Journal of Musicology , vol. 5, New York, Peter Lang Publishing Group, 1997, ISSN 0941-9535 ( WC · ACNP ) .
  • ( DE ) Wolfgang Graeser, Bach-Gesellschaft Ausgabe , vol. 47, Lipsia, Breitkopf & Härtel, 1926, ISBN non esistente, OCLC 706039406 .
  • ( EN ) Indra Nicholas Martindale Hughes, Accident or Design? New theories on the unfinished Contrapunctus 14 in JS Bach's The Art of Fugue BWV 1080 , in Thesis (DMA) , Auckland, University of Auckland, 2006, OCLC 156465087 .
  • ( EN ) Richard DP Jones, The Creative Development of Johann Sebastian Bach , vol. 2, Oxford, Oxford University Press, 2013, ISBN 978-0-19-969628-4 , OCLC 856188415 .
  • ( EN ) Herbert Anton Kellner, Johann Sebastian Bach and Die Kunst der Fuga , in The Diapason , vol. 91, Arlington Heights, Scranton Gillette Communications, 2000, ISSN 0012-2378 ( WC · ACNP ) .
  • ( EN ) Ton Koopman. Note di copertina di Bach. Die Kunst der Fuge , Tini Mathot e Ton Koopman , Erato , 1993.
  • ( EN ) Gustav Leonhardt, The Art of Fugue Bach's Last Harpsichord Work: An Argument , in The Musical Quarterly , vol. 39, n. 3, Oxford, Oxford University Press, 1953, ISSN 0027-4631 ( WC · ACNP ) .
  • ( EN ) Robert Lewis Marshall, Eighteenth-century keyboard music , Londra, Routledge, 2003, ISBN 978-0-415-96642-9 , OCLC 437056176 .
  • Angela Molteni, Johann Sebastian Bach. La vita, le opere , Milano, Edizioni Blues Brothers, 1998, ISBN 88-8074-033-4 , OCLC 25657463 .
  • ( EN ) Frank Morana, Bach in America: American Bach Society Biennial Meeting , in The American Organist Magazine , New York, American Guild of Organists, luglio 2000, ISSN 0003-0260 ( WC · ACNP ) .
  • ( DE ) Davitt Moroney, JS Bach: Die Kunst der Fuge , Monaco di Baviera, G. Henle Verlag, 1989, ISBN 9790201804231 , OCLC 84026064 .
  • ( DE ) Wilhelm Rust, Bach-Gesellschaft Ausgabe , vol. 25, Lipsia, Breitkopf & Härtel, 1878, ISBN non esistente, OCLC 471725005 .
  • ( EN ) Jordi Savall; Hespèrion XX . Note di copertina di Johann Sebastian Bach. Die Kunst der Fuge BWV 1080 , Hespèrion XX , Alia Vox , 1986.
  • ( EN ) Douglass Seaton, The Autograph: An Early Version of The Art of Fugue , in Current Musicology , vol. 19, New York, Columbia University Press, 1975, ISSN 0011-3735 ( WC · ACNP ) .
  • ( DE ) Werner Tell, Bachs Orgelwerke für den Hörer erläutert , Lipsia, Pro-Musica Verlag, 1955, ISBN non esistente, OCLC 612079707 .
  • Sergio Vartolo; Maddalena Vartolo , Johann Sebastian Bach, Homo Universalis . Note di copertina di JS Bach. The Art of Fugue BWV 1080 , Sergio Vartolo e Maddalena Vartolo , Naxos Records , 2009. URL consultato in data 26 gennaio 2014 .
  • ( EN ) Christoph Wolff, The Last Fugue: Unfinished? , in Current Musicology , vol. 19, New York, Columbia University Press, 1975, ISSN 0011-3735 ( WC · ACNP ) .
  • ( EN ) Christoph Wolff, The New Grove Bach Family , New York, WW Norton & Company, 1997, ISBN 978-0-393-30354-4 , OCLC 12933213 .
  • ( EN ) Christoph Wolff, Johann Sebastian Bach: The Learned Musician , Oxford, Oxford University Press, 2000, ISBN 978-0-19-816534-7 , OCLC 42682699 .
  • ( EN ) Christoph Wolff, Recovered in Kiev: Bach et al. a Preliminary Report on the Music Collection of the Berlin Sing-Akademie , in Notes , vol. 58, n. 2, Middleton, Music Library Association, 2001, ISSN 0027-4380 ( WC · ACNP ) .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 180226540 · LCCN ( EN ) n79089424 · GND ( DE ) 300009712 · BNF ( FR ) cb139094681 (data) · BNE ( ES ) XX3385615 (data) · NLA ( EN ) 35459390
Musica classica Portale Musica classica : accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica
Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina , identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità .
È stata riconosciuta come tale il giorno 15 marzo 2014 — vai alla segnalazione .
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni · Criteri di ammissione · Voci in vetrina in altre lingue · Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki