Istanbul

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Istanbul (disambiguation) .
Istanbul
minisipalite metwopoliten
( TR ) Istanbul
Istanbul - View
Kote
Leta Latiki Latiki
rejyon an Marmara
pwovens Istanbul
Distri Pa prezan
Administrasyon
Majistra Ekrem İmamoğlu ( CHP ) soti nan 06/27/2019
Dat etablisman an 660 BC
Teritwa
Kowòdone 41 ° 01'N 28 ° 58'E / 41.016667 ° N 28.966667 ° E 41.016667; 28.966667 (Istanbul) Kowòdone : 41 ° 01'N 28 ° 58'E / 41.016667 ° N 28.966667 ° E 41.016667; 28.966667 ( Istanbul )
Altitid 100 m anwo nivo lanmè
Sifas 5 343 km²
Moun ki rete 15 519 267 (31-12-19)
Dansite 2 904,6 abitan / km²
Lòt enfòmasyon
Lang Tik
Kòd postal 34010 a 34850/80000 a 81800
Prefiks (+90) 212 (Eur) / 216 (Azi)
Lag jè UTC + 2
Plak 34
Non moun ki rete Istanbulites (Tik: İstanbullu ), Constantinopolitans
Kartografi
Mappa di localizzazione: Turchia
Istanbul
Istanbul
Istanbul - Kat jeyografik
Sit entènèt enstitisyonèl
UNESCO blan logo.svg Byen pwoteje pa UNESCO
Zòn istorik nan Istanbul
UNESCO Mondyal Eritaj Sit logo.svg Mondyal Eritaj Sit
Istanbul2010.jpg
Nèg Kiltirèl
Kritè (mwen) (ii) (iii) (iv)
Danje Oke pa an danje
Rekonèt depi 1985
Kat UNESCO ( EN ) Zòn istorik nan Istanbul
( FR ) Fèy

Istanbul (nan Tik İstanbul, pwononsyasyon [istanbuɫ] ), istorikman li te ye tankou Byzantium (nan ansyen grèk : Βυζάντιον, Byzantion, nan Latin : Byzantium), Konstantinòp (Latin: Constantinopolis; nan ansyen grèk : Κωνσταντινούπολις, Kōnstantinúpanyen ط turkish ; ) oswa New Rome (an laten: Nova Roma ; nan ansyen grèk: Νέα Ῥώμη , Néa Rṓmē ), se kapital la nan pwovens omonim lan ak prensipal endistriyèl , finansye ak kiltirèl sant Latiki .

Avèk yon popilasyon ki gen plis pase 15,000,000 moun, [1] Istanbul (men tou konsidere katye Azyatik yo) se sant minisipal ki pi abitan nan Ewòp ( senkyèm nan mond lan ) devan Moskou ak Lond . Li se yon megalopolis ki sitye nan nò-lwès la nan peyi a, ki pwolonje sou kanal la Bosphorus , nan fen sid la nan ki se pò natirèl la nan kòn lan Golden , ak sou rivaj la nò nan lanmè a nan Marmara . Vil la, divize pa Bosphorus la , pwolonje tou de nan Ewòp ( Thrace ) ak nan pwovens Lazi ( Anatolia ), ki fè li Metropolis la sèlman nan mond lan ki fè pati de kontinan . Istanbul konsidere kòm yon vil mondyal .

Pandan tout istwa long li yo, lavil la te kapital la:

Konnen tou kòm " dezyèm lavil Wòm nan ", li te jouk konkèt Otoman an nan 1453 youn nan lavil yo pi gwo nan Krisyanis , pita vin kapital la nan youn nan pi gwo anpi yo nan istwa ak yon krwaze semen nan kilti pou prèske senk san ane. Lè yo te pwoklame Repiblik Latiki sou 29 oktòb 1923 , Istanbul te kounye a konsidere kòm twò vilnerab, menm jan li te kapab vin anba dife soti nan marin ki te pwouve yo te kapab vyole akò ki te fèt pandan Premye Gè Mondyal la, e konsa Ankara , ki te deja te sèvi kòm katye jeneral mouvman sitwayen Tik la pandan lagè endepandans Tik la, yo te chwazi kòm kapital nouvo eta Tik la.

Nan 2010 Istanbul te youn nan kapital Ewopeyen yo nan kilti . [2] Depi 1985, zòn istorik yo nan Istanbul yo te sou lis la UNESCO nan sit eritaj lemonn. [3]

Jewografi fizik

Teritwa

Zòn iben aktyèl la pwolonje sou tou de bò Bosfò a , kanal la ki divize Ewòp soti nan pwovens Lazi ak rantre nan lanmè Nwa a lanmè Marmara , ak lanmè Marmara tèt li. " Golden Horn la " (nan Tik 'Halic') se non an nan pò natirèl la nan pati Ewopeyen an ak nan bouch la nan Bosphorus a ki don sant istorik la.

Vil la kouche sou kwen fòt sismik nò Anatolyen an, ki kouri nan lanmè Marmara. Dènye etid yo, [4] ekzamine yon seri tranblemanntè ki te kòmanse an 1939 e ki te kontinye sou deseni kap vini yo, kwè li posib ke yon gwo evènman sismik te kapab frape Istanbul nan fiti prè.

Vil la te sèvi pa nouvo Ayewopò Istanbul (nan pati Ewopeyen an) ak pa Ayewopò Entènasyonal Istanbul-Sabiha Gökçen (nan pati Azyatik la).

Istanbul detaye (10061x3895px) Panorama nan miray Konstantinòp, moske ble, hagia sophia.jpg
View panoramic nan kòn lan Golden soti nan gwo kay won an Galata , bati pa jenovèz la nan 1348, ak Galata Bridge la nan sant la nan imaj la.

Klima

Torre di Leandro ak Punta del Serraglio nan background nan.

Klima a nan Istanbul se tanpere , men li se byen patikilye, mwatye chemen ant klima a oseyanik ak klima Mediterane a (anyèl mwayèn +14,3 ° C).

Sezon fredi a frèt ak imid epi li karakterize pa yon altènasyon ant peryòd twò grav ak lapli (lè van yo imid ak cho soufle soti nan lanmè Mediterane a ) ak peryòd plis rijid ak lanèj (ak ba menm nan -8 ° C) lè yo soufle. soti nan Pòl Nò a oswa lès la. Nan mwa janvye ak fevriye tanperati mwayèn yo ka varye ant +3 ° C ak +8 ° C.

Ete se cho ak trè imid epi li karakterize pa mwens lapli pase nan lòt peryòd yo, men toujou enpòtan. An jiyè ak Out tanperati mwayèn yo ka varye ant +18 ° C ak +28 ° C.

Prentan ak otòn yo twò grav ak konfòtab epi yo karakterize pa altène jou lapli ak solèy.

Vil la resevwa apeprè 844 mm lapli ak yon maksimòm nan sezon fredi ak yon minimòm nan sezon lete. Gen anpil jou lapli nan sezon otòn, ivè ak prentan. [5] Frosts yo komen nan sezon fredi epi li pa estraòdinè yo wè gwo nèj. [6]

Nan yon ane nan Istanbul, an mwayèn, gen senk jou lè tanperati a pi wo pase 32 ° C, ak ven-yon sèl jou lè tanperati a pi ba pase 0 ° C. [6]

Tanperati ki pi wo a anrejistre nan Istanbul te 40.5 ° C, pandan ke pi ba a te -16.1 ° C. [7]

Imidite relatif toujou wo ak mwayèn imidite anyèl la se 72%. Tanperati ivè ak ete yo raman ekstrèm, men imidite relatif la wo fè yo santi yo pi grav. [6]

Yon karakteristik enpòtan nan klima Istanbul a se prezans van. Pi popilè yo se Poyraz la (fre van nòdès) ak Lodos (van cho sidwès). [8]

Istanbul [9] [10] [11] Mwa Sezon Ane
Janvye Fevriye Mas Avril Mag Anba a Jul Deja Mete Oktòb Nov. Desanm Env Pri East Ot
T. max. mwayenC ) 8.7 9.1 11.2 16.5 21.4 26.0 28.4 28.5 25.0 20.1 15.2 9.7 9.2 16.4 27.6 20.1 18.3
T. mwayènC ) 5.8 5.9 7.6 12.1 16.7 21.0 23.4 23.6 20.2 16.0 11.9 8.2 6.6 12.1 22.7 16.0 14.4
T. min. mwayenC ) 2.9 2.8 3.9 7.7 12.0 16.0 18.5 18.7 15.2 12.0 8.5 5.3 3.7 7.9 17.7 11.9 10.3
T. max. absoliC ) 18.3 24.0 26.2 32.9 33.0 40.2 40.5 38.8 33.6 34.2 27.2 21.2 24.0 33.0 40.5 34.2 40.5
T. min. absoliC ) −10.4 −16.1 −7.0 −0.6 3.6 8.0 10.5 8.2 5.2 1.0 −4.0 −9.4 −16.1 −7.0 8.0 −4.0 −16.1
Presipitasyon ( mm ) 102 80 70 46 36 34 38 48 61 101 110 124 306 152 120 272 850
Jou nèj 6 6 3 0 0 0 0 0 0 0 0 4 16 3 0 0 19

Istwa

Orijin ak variantes non an

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Bizanten ak Konstantinòp .
Bridge la Bosphorus (1973) se youn nan twa pon yo sispansyon ki travèse kanal la Bosphorus ak konekte Ewòp ak Azi : de lòt yo se Fatih Sultan Mehmet Bridge la , ranpli nan 1988, ak Bridge la nan Yavuz Sultan Selim , ki te konstwi pa İçtaş la. - Astaldi yo consortium, bati tou pre Lanmè Nwa a nan 2016. Anplis de sa Ewòp ak Azi ki konekte ak Marmaray soumaren tren tinèl la ki konekte Ewopeyen an ak pati Azyatik nan liy ki tren ak liy yo nan métro a Istanbul , ak tinèl la Eurasia , dedye nan trafik machin, ak inogire nan 2016.

Non Istanbul an te sèlman ofisyèlman bay lavil la alantou 1930 . Non yo diferan ki te Istanbul te reflete siksesyon nan sivilizasyon ki te make istwa li sou syèk yo. Te fonde pa kolon grèk yo nan Megara , nan 667 BC , li se orijinal yo rele Βυζάντιον ( Byzántion ) nan onè wa Byzas yo . Li te vin Bizant an Latin e pita Bizant an Italyen .

Non an grèk nan Κωνσταντινούπολις ( Konstantinoupolis ), ki soti nan ki Constantinopolis nan Latin ak Konstantinòp Italyen an, vle di "Vil Constantine". Non sa a te bay li nan onè anperè Women an Constantine I lè vil la te vin kapital la nan Anpi Women an sou 11 me 330 . Constantine chanje non li Nova Roma , men denominasyon sa a pa janm antre nan itilize komen, byenke menm jodi a denominasyon ofisyèl la dapre Legliz la odoxtodòks ak patriyarka èkumenik la se "Konstantinòp New lavil Wòm". Konstantinòp imedyatman te vin kapital la nan Anpi Bizanten jiskaske, nan 1453 , li te konkeri pa Il Tirk yo Otoman .

Fòm nan "Konstantinòp" se ateste nan itilizasyon ofisyèl anba anperè Theodosius II a (408-450). [12] Li te rete prensipal non ofisyèl vil la pandan tout peryòd Bizanten an, ak non ki pi komen yo itilize nan Lwès la jouk nan 20yèm syèk la. Li te itilize tou (ki gen ladan Variant Kostantiniyye li yo) pa Anpi Ottoman an jouk avenman Repiblik Latiki. [13]

Non İstanbul te kapab sòti nan fraz medyeval grèk "εἰς τήν Πόλιν" (yo dwe li li ak pwononsyasyon "istinˈpolin"), oswa nan dyalèk Ionic "εἰς τάν Πόλιν" (pron. "Istamˈbolin"), ki vle di "nan direksyon pou Vil "oswa" nan vil la " [14] [15] . Nan fason sa a moun Lagrès yo refere yo bay "Vil la nan Vil", kòm Konstantinòp te li te ye pandan epòk la Bizanten ak apre sa.

Li ta ka tou yon koripsyon senp nan grèk la [Kon] stan [tinou] pol [se] kote "pol" te vin "bul". Repiyans Arab la, Pèsik ak Tik yo pwononse yon mo ki kòmanse ak de konsòn ka te mennen yo prefiks yo ak yon alif (ki ka li nan fwa "A", nan lòt moun "mwen" ak nan lòt moun "U") ak sa a te kapab eksplike rezon ki fè yo pou ke "mwen" pou ansyen Turkic Konstantinòp la. [16] [17] Non Stamboul oswa Stambul nan tan lontan an refere yo bay penensil istorik la, se sa ki, lavil la nan mi yo.

Kostantiniyye (arab: القسطنطينية, al-Qusṭanṭiniyah; Otoman Tik: قسطنطينيه, Kostantiniyye) se non vil la te vin konnen nan mond Islamik la. Li se yon jete arab nan "Konstantinòp", ak arab la fini -ye ('plas nan') nan plas grèk la fini -polis. Apre konkèt Ottoman an nan 1453, li te itilize kòm yon non ofisyèl fòmèl nan Ottoman Tik, [18] e li te rete nan itilize pou pi fò nan tan an jouk nan fen Anpi Ottoman an nan 1923. Sepandan, pandan kèk peryòd otorite otoman yo te favorize lòt moun .. non.

Vil la te rele, sou syèk yo, ak plizyè lòt non: Nèa Ròmē oswa "New Rome" jan nou te di sa a, Polis oswa "Vil la" (par ekselans, kòm deja lavil Wòm ), Rūmiyya al-Kubrā ("pi gwo lavil Wòm lan "nan arab ), Qustantiniyya (" Konstantinòp "nan arab ), ak nan Tik İslambol (" Sant Islam "), paske li te chèz la, ki soti nan 1527 a 1924 , nan kalifa Islamik la , Pây-mwen taht (" pye a nan fòtèy "nan Persian ), Mikligardur (" gwo lavil "nan Vareghi a (oswa Varangian ) mèsenè , sa vle di vikin , ki te pale Old Norse jèrmen ), Machin (m) grad (sa vle di" vil nan anprè yo ", jeneralman nan Slavic a lang), Gostandnubolis (non li nan Amenyen ).

Non lòt pase استانبول ( Istanbul ) te vin demode nan lang lan Tik pandan nan fen epòk la Otoman ak peryòd la byen bonè nan repiblik la. Sepandan, Variant "Konstantinòp la" te toujou itilize lè ekri non an nan lavil la nan karaktè Latin. An 1928, alfabè Tik la te adopte karaktè Laten olye pou yo ekri Arab la. Aprè sa, Latiki te kòmanse pouse lòt peyi yo sèvi ak non Tik pou vil Tik yo, olye de lòt transliterasyon pou ekriti Laten ki te itilize nan tan Ottoman yo. [19] Lèt ak pakè voye nan "Konstantinòp" olye pou yo "Istanbul" yo pa te delivre pa pòs Tik la, ki kontribye nan adopsyon final la atravè lemond nan nouvo non an.

Panorama Istanbul ak skyline.jpg
Punta del Seraglio a (Sarayburnu) wè soti nan papòt sid la nan Bosphorus la , ak moske ble a , Hagia Sophia , Palè Topkapı ak mi Konstantinòp .

Apèsi sou lekòl la

Istwa trè rich li yo, ki wè orijin li yo kòm yon vil grèk ki soti nan non Bizant (nan ansyen grèk , Βυζάντιον), lè sa a kapital la nan Anpi Bizanten ak non Konstantinòp (nan Latin Konstantinopolis ) epi finalman kapital la nan Otoman an Anpi san yon non oswa òtograf ofisyèl, li te kite konsiderab prèv akeyolojik ak achitekti ki tou fè li yon sant touris ki gen enpòtans nan lemonn.

Istanbul Skyline Beşiktaş Şişli.JPG
Dolmabahçe Palè ak skyscrapers yo nan distri finansye Levent sou bò Ewopeyen an nan Bosphorus la .

Bizanten Greco-Women an

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Bizanten .
Rès nan yon kolòn Bizanten yo te jwenn nan Acropolis la nan Bizant, ki vle di jodi a nan konplèks la Palè Topkapı .

Fondasyon an nan Bizantri pa kolon yo grèk nan Megara dat tounen nan 667 BC Mèsi a pozisyon nan kontwòl sou Bosfò a , lavil la devlope nan yon ti tan nan pwen ke li te vin yon objè nan deba pandan lagè yo Peloponnesyen .

Apre Spearman ak Pescennio Nigro kont viktorye Septimius Severus la , yo te sènen lavil la ak lajman detwi ant 193 ak 195 . Nan lane 196 Bizanten te vin yon pati nan Anpi Women an e li te rebati pa Septimius Severus tèt li, ki moun ki te vin Anperè, byen vit reprann pwosperite anvan li yo.

Women-Bizanten Konstantinòp la

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Konstantinòp .
Kreye nan 1422 pa Cristoforo Buondelmonti , sa a se kat jeyografik la pi ansyen siviv nan Konstantinòp ak youn nan sèlman ki anvan konkèt la Otoman.

Pozisyon estratejik Bizanten an te atire anperè Constantine mwen an ki, nan dat 11 me 330 , te re-fonde li kòm "Nova Roma", menm si vil la pa t pran tan Konstantinòp. Modèl la ki enspire anperè a te lavil Wòm: yon gwo palè Imperial te bati, yon Forum, yon ipodrom, ki sou syèk yo temwen revòlt ak asanble popilè, ak yon nimewo enpresyonan nan gwo kay ak legliz yo. Vil la kontinye grandi menm apre Constantine, e apre yon syèk nouvo miray yo te bati pa Theodosius II ki prèske double sifas la nan lavil la.

Apre sezon otòn la nan Anpi Lwès Women an, pozisyon estratejik la nan Konstantinòp, ki chita nan krwaze semen ant Mediterane a ak lanmè Nwa a ak ant Ewòp ak Azi, te fè lavil la yon mond-klas komèsyal, kiltirèl ak politik sant. Konstantinòp kontwole komès sou Wout Swa a ak ant Mediterane a ak Larisi pou yon tan long.

Nan Konstantinòp te fèt sa ki konsidere kòm fondasyon lalwa Women an, Corpus iuris civilis , te vle pa Justinian I ant 528 ak 565 .

Syèj final la nan 1453 nan yon 15yèm syèk Miniature franse.

Pandan Mwayennaj yo, Konstantinòp te lavil la pi gwo ak pi rich nan Ewòp : li te panse ke nan 10yèm syèk la li te kapab te gen jiska yon milyon moun ki rete. Pi gwo bazilik Konstantinyen an, Hagia Sophia (Sajès divin), yon moniman ki gen anpil enpòtans achitekti dedye a Logos la , ki te toujou sant relijye nan vil la, te vin sant Krisyanis grèk odoxtodòks la. Malgre anmè lit entèn yo pou pouvwa ak otorite endividyèl ki ba anperè a, oligachi Bizanten an te kenbe yon estrikti politik ki estab pandan prèske mil ane anpi an.

Ekipe ak yon sistèm ranfòsman remakab, lavil la rete konkeri jouk 1204 , lè li te sakaje pa lame yo nan katriyèm kwazad la ki etabli " Anpi Latin nan " pou jis plis pase mwatye yon syèk. Pou Konstantinòp li te nan konmansman an nan n bès li yo. Apre rekonkèt la grèk nan 1261, lavil la, depopile ak sant la nan yon eta pa kounye a ki gen enpòtans ti kras, kanmenm ki gen eksperyans yon gwo renesans atistik ak kiltirèl. Antoure pa pwisan Anpi Ottoman Tik la, sou 29 me, 1453 Konstantinòp te finalman konkeri pa Sultan Mohammed II , ke yo rekonèt kòm konkeran an ( Fatih ), ki moun ki te fè li kapital la nan Anpi Ottoman an . Tonbe nan Konstantinòp , ak Se poutèt sa nan fen Anpi Bizanten an , se pafwa refere yo kòm evènman ki konvansyonèlman fèmen Mwayennaj yo ak kòmanse laj modèn lan .

Otoman ak Tik Istanbul

Anba sultan Otoman yo , Konstantinòp te jwenn yon nouvo peryòd de bèl, vin chèz defakto nan kalifa a nan 1517 , men kenbe chèz la nan patriyarka grèk odoxtodòks la (malgre konvèsyon fòse nan Hagia Sophia a nan yon moske) ak an jeneral karaktè kosmopolit ki karakterize li nan syèk anvan yo. Touswit apre konkèt la, e jouk nan konmansman an nan disetyèm syèk la, gwo moske yo Imperial te bati: sa yo ki an konkeran an , nan Selim mwen , nan Beyazit , nan Moske Suleymaniye (Suleymaniye, moske nan pi gwo nan Istanbul), nan Ahmet (Sultanahmet ), ak Moske nan nouvo . Sa yo te fè pati de konplèks ( kulliye ) ki gen ladan lopital, kwizin pou pòv yo ( imaret ) ak lekòl koranik ( madrasas ). Konplèks sa yo te administre pa fondasyon relijye ( vakif ) ki te jwenn lajan ki nesesè pou operasyon yo nan peyi ak pri lwaye byen imobilye. An menm tan an, vil la te ekipe ak enstalasyon komèsyal yo, tankou Gran Bazar ak Bazar moun peyi Lejip la , e li tounen tounen kafou komès ant Ewòp ak Azi.

Anpi Ottoman an, ki te bat pandan Premye Gè Mondyal la , te fini ofisyèlman nan dat 1 novanm 1922 . Lè Repiblik Latiki te fonde an 1923 , kapital la te deplase soti nan Konstantinòp Ankara . Non aktyèl Istanbul te adopte an 1930 [20] . Okòmansman neglije an favè kapital la nouvo, Istanbul te ale nan yon peryòd de transfòmasyon gwo nan ane 1950 yo ak ane 1960 yo . Anvan ane 1960 yo, an patikilye, gouvènman Adnan Menderes te pouswiv devlopman ekonomik peyi a nan konstriksyon nouvo wout ak endistri yo. Menm nan sant istorik la, pave wout modèn ranplase pave yo ak yon gwo pati nan trimès yo fin vye granmoun te demoli. [ san sous ]

Depi ane 1970 yo, popilasyon an nan Istanbul te sibi kwasans rapid kòm yon rezilta nan imigrasyon lou soti nan Anatoliy . Katye nouvo (trè souvan abizif, sa yo rele " gecekondu la ") ak zòn endistriyèl yo te pouse sou katye yo nan vil la ak anpil nan ti bouk yo vwazen yo te enkòpore nan zòn nan gwo metwopoliten.

Istanbul se toujou chèz la nan patriyarka èkumenik nan Konstantinòp , youn nan chèz sa yo ansyen apostolik .

Dènye ane yo

View nan Bosphorus la .
Istanbul foto pa Paolo Monti nan 1962. Fondo Paolo Monti, BEIC .

Nan dènye ane yo vil la te sijè a nan plizyè atak teworis , tankou masak la Taksim Square ki te fèt nan 1977 , ak atak yo nan 1999 , 2003 ak 2008 , total plis pase 120 viktim ak 1,000 blese. [21] [22] [23] [24]

Nan ete 2008 la te gen tou yon fiziyad deyò konsila a nan Etazini yo nan Amerik , ak kidnapin nan twa touris Alman yo. [25]

Nan mwa jen 2010, yon atak sou yon Minibuss a nan lanmò nan kat moun; li te kapab yon reprezay apre eklatman ki genyen ant lame a ak PKK a ki nan mwa jen sèlman mennen nan lanmò nan 18 sòlda. [26]

Yon nouvo atak pa yon kamikaz swisid nan kare Taksim mennen, nan mwa Oktòb 2010, nan lanmò nan kamikaz la swisid ak blesi a nan 15 ofisye polis ak 17 sivil. [27]

Gouvènman an nan Prezidan Erdoğan te konplete, pwopoze oswa ap pote soti yon seri de gwo travay ( tinèl tren anba Bosfò a , twazyèm pon sou Bosfò a , twazyèm ayewopò , plizyè liy tren, kanal navigab dekonjeste Bosfò a) ki, si sou yon men yo konstitye yon estimilis pwisan pou ekonomi an, nan lòt la yo se irevèrsibl chanje imaj la nan lavil la, sikatris an menm tan an pa espekilasyon bilding dezentegrasyon. [28]

Konsekans sa a te, pami lòt bagay, eklatman yo vyolan ki te pran plas nan mwa jen 2013 nan Taksim kare ak Beşiktaş ant elèv yo, entelektyèl ak sitwayen sou yon bò ak polis la nan lòt la nan defans nan pak la Gezi (ak 600 li yo ke gouvènman vil la vle detwi yo nan lòd yo rebati ansyen kazèn Ottoman ki pral gen nan kay yon sant komèsyal ak yon moske. Ki sa ki te sipoze yon pwotestasyon senp te pwovoke manifestasyon atravè Latiki, pran avantaj de mekontantman jeneral la ki te koze pa divès mezi gouvènman Ankara te aplike. [ san sous ]

Sou 28 jen, 2016, de ISIS-afilye bonm swisid kònen tèt yo moute nan Atatürk Ayewopò apre louvri dife sou pasaje yo nan tèminal la vòl entènasyonal yo. Lapolis rapòte ke yo te tire pou netralize sispèk yo nan yon pòtay antre. Tout vòl yo te anile. 41 moun te mouri nan atak la, pandan 239 te blese. [ san sous ]

Sou lavèy nouvèl ane a ant 2016 ak 2017 nan 1:40 lè lokal, yon zam soti nan Kalašnikov louvri dife andedan klib la lannwit 'Reina', nan distri a Beşiktaş, nan pati Ewopeyen an nan vil la. Te gen 39 moun ki mouri (sitou etranje) ak anviwon senkant blese. [ san sous ]

Moniman ak kote nan enterè yo

Istanbul se sitou li te ye pou achitekti Bizanten ak Otoman li yo , men bilding li yo reflete pèp yo ak divès kalite anpi ki te dirije li. Genoese ak Women estrikti rete vizib nan vil la, ansanm ak bilding yo pi souvan ki gen rapò ak peryòd la Ottoman. Menm jan an tou, pandan ke Hagia Sophia ak moske Imperial domine anpil nan Skyline vil la, yo ka jwenn yon kantite legliz istorik ak sinagòg tou.

Pa gen bilding pre-Women siviv nan Istanbul. Men kèk egzanp sou pre-Bizanten achitekti Women yo te jwenn yo dwe pi dirab. Nan kare Sultanahmet, sou sit Ipodrom Konstantinòp la (bati sou modèl Circus Maximus nan lavil Wòm ), obelisk Teyodozyis la toujou vizib. [29] Nan pati lwès la nan distri a Fatih rete akveduk a Valente , bati nan fen 4yèm syèk la , [30] byenke 50 mèt pi kout pase nan tan lontan an. Menm jan an tou, mi yo nan Konstantinòp , bati lajman pa Theodosius II , yo toujou lajman vizib. [31] Finalman, Kolòn nan Constantine , bati nan 330 AD nan sant la nan fowòm nan omonim selebre nouvo kapital Women an, se toujou an plas, ant Ipodrom la ak Gran bazar la. [30]

Legliz ak ansyen legliz

Originally yon legliz, Lè sa a, yon moske, ak soti nan 1935 yon mize, ki soti nan 2020 tounen yon moske, Hagia Sophia a te konstwi pa anperè Bizanten Justinian ant 532 ak 537 te katedral la pi gwo nan mond lan pou prèske mil ane, jouk fini an nan katedral la Seville nan 1507.

La chiesa cristiana più antica di Istanbul ancora esistente è San Giovanni di Studion , trasformata in moschea e nel 2014 in restauro. Altri edifici religiosi del primo periodo bizantino comprendono la Chiesa di Santa Irene , capolavoro dell'architettura bizantina, trasformata dai turchi prima in un deposito d'armi e attualmente in una sala di concerti, la Basilica di San Polieucto , oggi in rovina, e la Chiesa dei Santi Sergio e Bacco oggi "Küçük Aya Sofya Camii", "Moschea della piccola Santa Sofia". Fra le chiese del periodo Comneno sopravvissute spiccano la Chiesa del Pantocratore oggi moschea (Molla Zeyrek Camii), la Chiesa della Theotokos Kiriotissa (oggi Moschea Kalenderhane ), la Moschea Gül (di identificazione incerta) e la Chiesa di Santa Tecla ( Moschea di Atik Mustafa Pascià ), mentre la Chiesa di San Salvatore in Chora , (poi "Kariye Camii", oggi museo) dagli importanti affreschi, la Moschea Arap ("Moschea degli Arabi", già chiesa cattolica di San Paolo e Domenico) e la Chiesa di Theotokos Pammacaristos , già sede del Patriarcato dal 1456 al 1578, poi trasformata in moschea ("Fethiye camii") e oggi parzialmente museo, risalgono nella loro forma attuale al periodo paleologo. Va segnalata inoltre la Chiesa di Santa Maria dei Mongoli , nel quartiere Fener, risalente all'inizio del VII secolo, l'unica chiesa d'epoca bizantina della città a non essere mai stata convertita in moschea.

Fondata da Costantino e ricostruita nel 537 da Giustiniano, la Basilica di Santa Sofia è uno dei principali monumenti di Istanbul. Già considerata dai bizantini un capolavoro di architettura in virtù specialmente della sua enorme cupola, fu trasformata in moschea dopo la caduta della città nel 1453. Diventata museo per volere del primo presidente turco Mustafa Kemal Atatürk , negli anni quaranta e cinquanta del Novecento ha beneficiato di restauri grazie ai quali sono stati riscoperti preziosi mosaici .

Durante l'epoca Ottomana, specialmente nell'Ottocento, decine di chiese greco-ortodosse, armene e cattoliche furono costruite nella città storica, a Galata/Pera e lungo il Bosforo, per venire incontro alle esigenze spirituali delle comunità greche, armene e levantine, a quel tempo numerose e potenti. Nonostante il declino numerico di queste comunità nel corso del Novecento, questi edifici sono sempre mantenuti in efficienza e danno alla città una decisa impronta multiculturale.

Nel quartiere Fener sorge la cattedrale di San Giorgio , sede dal 1600 del Patriarcato ecumenico di Costantinopoli . Tra le chiese cattoliche vanno ricordate la Cattedrale dello Spirito Santo nel quartiere Pangaltı, sede del vicariato apostolico di Istanbul , e la Basilica di Sant'Antonio di Padova , a Beyoğlu , affacciata su İstiklal Caddesi .

Moschee

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Moschee di Istanbul .
Moschea Blu (1616).
Moschea di Dolmabahçe (1855) nello stile neobarocco ottomano.

A partire dal loro arrivo nel 1453, nel corso dei successivi quattro secoli, gli Ottomani hanno contribuito a delineare il panorama della città di Istanbul dandogli un'impronta indelebile, in particolar modo con la costruzione di grandi moschee. Una delle più celebri è la Moschea Blu , voluta dal sultano Ahmed I e terminata nel 1616 , la quale si trova a pochi passi da Santa Sofia. La Moschea di Fatih (in lingua turca Fatih Camii , cioè la "Moschea del Conquistatore", epiteto di Maometto II), sebbene ricostruita alla fine del Settecento, è uno dei maggiori esempi di architettura turco-islamica in città e ha rappresentato una tappa importante nello sviluppo dell'architettura ottomana. La Moschea di Solimano (costruita tra il 1550 e il 1557) opera realizzata dall'architetto Mimar Sinan per il sultano Solimano il Magnifico è considerata la più bella fra le moschee imperiali di Istanbul.

Yeni Cami ("Moschea nuova", 1665).

Più recente, terminata nel 1665 , la Yeni Cami (in Italiano "Moschea Nuova") che si trova sul Corno d'Oro all'estremità meridionale del ponte di Galata ed è uno dei siti più visitati di Istanbul. Tra le altre importanti moschee, possiamo citare la Moschea di Dolmabahçe (1855) e la Moschea di Eyüp , dove i sultani andavano a pregare subito dopo l'incoronazione.

La moschea Nur-i-Osmaniye ("la luce di Osman") del diciottesimo secolo, e la Moschea di Ortaköy (1856), rompono con la tradizionale architettura ottomana, abbracciando uno stile europeo neobarocco . Questa trasformazione di stile sarà presente in numerosi altri edifici costruiti nel XIX secolo nella città. Unica moschea repubblicana post ottomana in stile contemporaneo è la Moschea di Şakir del 2009.

Palazzi

Palazzo di Dolmabahçe , di stile eclettico ( barocco , rococò e neoclassico ), è stata la residenza principale dei sultani ottomani a partire dal XIX secolo .

Caratteristica della Istanbul ottomana è la quasi totale assenza di un'architettura civile in pietra. Infatti gli Ottomani usavano come materiale di costruzione per le case il legno, così che il tempo, i terremoti ei numerosi incendi hanno fatto scomparire quasi dovunque le abitazioni della città ottomana, sostituite oggi da anonimi caseggiati. I Sultani risiedevano sino alla metà dell'Ottocento nel Palazzo di Topkapı (letteralmente "Porta del Cannone"). Esso consiste di una serie di edifici, giardini e chioschi situati sul Promontorio del Serraglio ("Saray Burnu"), il quale divide il Corno d'Oro e il mar di Marmara, e prende il nome da una porta (oggi scomparsa) delle mura che lo proteggono. Fondato nel 1459 , crebbe inglobando il sito dell'antica acropoli greca e bizantina, ed è oggi trasformato in un museo.

Nei secoli successivi, e soprattutto dopo le riforme del Tanzimat, l'architettura ottomana è stata soppiantata da stili europei. In contrasto con gli elementi tradizionali del Palazzo di Topkapi e delle moschee della penisola storica il Palazzo di Dolmabahçe e il Palazzo di Yıldız (con il Parco di Yıldız accanto) sono chiaramente di stile neobarocco . Allo stesso tempo, la zona intorno İstiklal Caddesi ("Viale dell'Indipendenza", già "Gran Via di Pera") è caratterizzata da grandiosi palazzi che ospitavano ambasciate europee (dopo il trasferimento della capitale scadute al rango di consolati) perlopiù in stile neoclassico e, più tardi, Art Nouveau .

Altri edifici

Le case costiere ( yalı ) dell'epoca ottomana sul Bosforo .

Tra gli altri principali edifici di interesse architettonico presenti in città si può menzionare la Torre di Galata , eretta nel 1348 , ultimo resto delle mura che proteggevano il quartiere genovese omonimo. Molto più antica la Yerebatan Sarayı ( Cisterna Basilica ) una grande cisterna sotterranea per la raccolta delle acque, costruita da Giustiniano I nel 532 , la quale oggi si presenta come un enorme spazio sotterraneo di circa 140 metri per 70 metri, le cui volte sono sorrette da dodici file di 28 colonne alte 9 metri e distanziate l'una dall'altra di 4,90 m.

Dell'epoca ottomana sono ancora in funzione il Grande Bazar d'Istanbul e il Bazar delle spezie d'Istanbul , grandi mercati al coperto dove si trovano numerosissimi negozi caratteristici e che attirano costantemente folle di turisti.

Parchi

Ingresso principale del Parco di Yıldız .

Il Parco di Yıldız si estende alle spalle del Palazzo Çırağan , sulle pendici della riva europea del Bosforo. Il parco presenta alcuni palazzi sultanali, tra cui il Palazzo di Yıldız . A questo si aggiungono un teatro, una moschea e una fabbrica. Questo parco si estende per circa 160 ettari ed è stato originariamente progettato dall'architetto e paesaggista francese G. Le Roy che aveva fatto piantare rari ed esotici alberi, arbusti e fiori. Il parco è stato illuminato con la nuova tecnologia elettrica e dotato di scarichi fognari che lo mantengono asciutto. Il parco è stato ristrutturato nel 1980 dall'Automobile Club turco.

Il Parco di Gülhane.

Il Parco di Gülhane , situato tra le mura merlate esterne del Palazzo di Topkapi, occupa la parte occidentale del Serraglio. Il Parco Gülhane faceva parte del giardino esterno del Palazzo di Topkapi e una sua parte è stata aperta al pubblico nel 1912. In precedenza fu luogo per i giochi cavallereschi e gare di tiro con l'arco . Ora è un parco alberato pubblico che ospita concerti e altre attrazioni. Geologicamente, il Parco Gülhane si trova sul pendio di Eminonu. Il Parco è stato oggetto di restauri negli ultimi anni.

La cittadella di Galata sulla costa nord del Corno d'Oro a Istanbul (opposta alla penisola storica di Costantinopoli sulla costa sud) fu una colonia della Repubblica di Genova dal 1273 al 1453.

Il Miniatürk , con la sua superficie di sei ettari, è il più grande parco contenente miniature di edifici del mondo. Sul suo percorso ci sono più di 105 modelli in miniatura, che rappresentano l'epoca architettoniche dell'Impero Ottomano, tra cui 45 modelli in miniatura di Istanbul. Essi comprendono la Basilica di Santa Sofia e il Palazzo di Topkapi, ma anche due meraviglie del mondo antico , il Mausoleo di Alicarnasso e il Tempio di Artemide a Efeso . Sono presenti anche modelli di importanti architetture al di fuori della Turchia, come la Cupola della Roccia di Gerusalemme e la Moschea al-Aqsa .

Nel punto più alto di Istanbul, a 267 metri di altezza, è presente il parco di Büyük-Çamlıca . Tre caffetterie in stile del XVIII secolo sono qui conservate, insieme con pini, querce e cipressi. Questo luogo era una volta il ritrovo preferito del sultano Mahmud II .

Società

Evoluzione demografica

Abitanti prima del 1900 (migliaia) [32]

Abitanti censiti (migliaia) [33]

La popolazione della metropoli è più che triplicata in 25 anni tra il 1980 e il 2005. Circa il 70% di tutti gli abitanti vivono nella parte europea e il 30% nella parte asiatica. A causa della disoccupazione e della guerriglia nel sud-est della Turchia, molte persone di quella regione sono migrate a Istanbul, dove si sono stabilite nella periferia della città. I migranti, in prevalenza dall' Anatolia orientale, arrivano a Istanbul con aspettative di miglioramento della qualità della vita e di occupazione.

Secondo una rilevazione dell'Istituto di statistica, il comune metropolitano (tutta la provincia di Istanbul) aveva una popolazione di 13.255.685 persone nel 2010 [34] , rendendo la città una delle più grandi aree metropolitane mondiali di oggi. All'ultimo censimento del 2000 Istanbul aveva una popolazione di 8.803.468 abitanti. [35] Secondo le stime attuali il tasso di crescita della popolazione in città è al 3,45% all'anno in media, soprattutto a causa dell'afflusso di persone dalle aree rurali della Turchia. La densità di popolazione è di 1.700 per km² superando di gran lunga il resto della Turchia che si attesta a 81 abitanti per km² [36] .

Durante il Medioevo Istanbul è stata la più grande città del mondo, ed è stata una delle città più grandi e importanti per gran parte della sua storia (con l'eccezione del periodo del crollo dell'Impero bizantino, prima dell'arrivo degli Ottomani). La sua importanza geopolitica, sin dai tempi antichi, ha portato in questa città rappresentanti di gruppi etnici provenienti da tutta Europa, Asia e Africa , molti dei quali finirono per essere assimilati alle popolazioni locali.

La panoramica qui a lato mostra il numero di abitanti per anno. I conteggi della popolazione fino al 1914 sono stimati con variazioni fino al 50% a seconda della ricerca. I valori per il periodo 1927-2000 sono i risultati di censimenti. I valori del 2005 e il 2006 si basano su stime. Il raddoppio della popolazione di Istanbul tra il 1980 e il 1985 è dovuto a una crescita naturale della popolazione, nonché all'ampliamento dei limiti comunali.

Nel 2014, la popolazione di Istanbul contava 14.221.482 persone, delle quali solo 2.162.588 erano nate nella città. [37]

Etnie

Una coppia armena in città all'inizio del XIX secolo .
Circassi commemorano a Istanbul il genocidio circasso .

Istanbul è stata una città cosmopolita e multietnica per gran parte della sua storia, ma è diventata più omogenea a partire dalla fine dell'Impero Ottomano. Dopo la conquista di Costantinopoli nel 1453, Maometto II invitò musulmani, cristiani ed ebrei a venire ad abitare in città. Numerose comunità musulmane dall'Anatolia interna e dalla regione del Ponto vennero ad abitare a Costantinopoli.

Costantinopoli aveva una popolazione a maggioranza greca fin dall'VIII secolo aC Dopo il 1453, rimase in città un gruppo di eminenti famiglie cristiane ellenofone, i fanarioti , con sede nel quartiere di Fener , situato a Fatih . [38] I massacri della prima guerra mondiale , lo scambio di popolazioni tra Grecia e Turchia del 1923 (dal quale i greci di Istanbul furono comunque esclusi), le alte tassazioni alle quali fu soggetta la comunità ed infine il pogrom d'Istanbul portarono la stragrande maggioranza della comunità greca cittadina ad emigrare nel giro di pochi decenni. All'inizio del XXI secolo, la popolazione greca di Istanbul contava 3.000 (scesi dai 260.000 del censimento ottomano del 1910 e dai 350.000 del 1919). [39] [40]

Nel 1492, in seguito al decreto dell'Alhambra , il sultano Bayezid II accolse a braccia aperte i rifugiati ebrei sefarditi . Il sultano istituì un invito formale e mandò l'ammiraglio Kemal Reis a prelevare gli ebrei dai porti spagnoli e portarli in salvo nelle terre ottomane. La comunità sefardita si stabilì a Balat , superando di numero i locali ebrei romanioti e gli aschenaziti (arrivati anch'essi nel XIV secolo). [41] [42] In seguito alla nascita dello Stato di Israele , la comunità ebraica turca cominciò ad emigrare, scendendo dalle 100.000 unità nel 1950 a 18.000 nel 2005, per la maggioranza residenti a Istanbul e Smirne . [43]

La città ospita una cospicua comunità armena , che raggiunse le 164.000 unità nel 1913 (il 14,5% della popolazione). Oggigiorno il numero degli armeni in città è stimato a 50.000-90.000 persone. [44] Al momento la comunità armena dispone di 20 scuole, 17 associazioni culturali, tre giornali ( Agos , Jamanak e Marmara ), due associazioni sportive ( Şişlispor e Taksimspor ) e due ospedali. [45]

I latini levantini , cattolici latini di origini europee stabilitisi a Galata durante il periodo ottomano, svolsero un ruolo fondamentale nel plasmare la cultura e l'architettura di Costantinopoli durante il XIX e l'inizio del XX secolo. La comunità levantina a Istanbul è oggi ridotta, ma rimangono in città in piccoli numeri. [46] Nel XIX secolo, la lingua franca di riferimento tra le minoranze non musulmane era la lingua francese , ampiamente utilizzata nei giornali e nel campo dell'educazione. La città attrasse numerosi imprenditori francesi. [47] Il giornalismo francofono si diffuse a Costantinopoli a partire dagli anni 1860, provenendo da Smirne . [48]

La città accolse migliaia di rifugiati musulmani del Caucaso e dei Balcani , tra i quali circassi , bosgnacchi (che rappresentano oggi una cospicua componente della popolazione di Yenibosna e Bayrampaşa ), [49] e albanesi (stabilitisi a Arnavutköy ).

Gruppi di polacchi stabilirono il villaggio di Polonezköy .

La più vasta minoranza etnica di Istanbul sono oggi i curdi , provenienti dalle regioni sud-orientali del Paese. Anche se la presenza curda in città risale al primo periodo ottomano, [50] l'afflusso di curdi nella città accelerò dall'inizio del conflitto curdo-turco alla fine degli anni 1970. [51] Istanbul è oggi considerata la città con più curdi al mondo, con una comunità stimata tra i due ei quattro milioni di membri. [52] [53] [54] [55] [56] [57]

Religione

La quasi totalità della popolazione di Istanbul è di fede musulmana , ma la città è anche abitata da altre comunità religiose, di solito retaggio del suo passato ottomano. Le minoranze includono: i greco-ortodossi , gli armeno-ortodossi , i caldei , i cattolici-levantini e gli ebrei sefarditi .

Secondo il censimento del 2000 , a Istanbul sono attive:

La Cattedrale di San Giorgio (Istanbul) è la sede del Patriarcato ecumenico di Costantinopoli , il cui patriarca è la più alta carica religiosa riconosciuta dai cristiani-ortodossi.

Sino alla seconda metà del ventesimo secolo ogni minoranza si concentrava in uno o più quartieri; per esempio, Kumpaki era abitato da molti armeni (ed è ancora sede del Patriarcato Armeno), Balat aveva una notevole popolazione ebraica, a Fener e Samathia vi erano molti greci, mentre i Levantini si concentravano a Nişantaşı e Beyoğlu . In alcuni quartieri, come a Kuzguncuk , una chiesa armena è posta di fianco a una sinagoga e dall'altra parte della strada una chiesa Greco - ortodossa è di fianco a una moschea.

Moschea Blu.

La sede del patriarcato ecumenico di Costantinopoli , sede del leader spirituale dei greco-ortodossi, è localizzato nel distretto di Fener (in greco Phanar). Istanbul è anche sede dell'arcivescovado della comunità turco-ortodossa , del patriarcato Armeno di Costantinopoli e del Gran Rabbinato di Turchia .

Islam

Interno della moschea di Sinan Pascià.

I musulmani sono il più grande gruppo religioso di Istanbul. In questa comunità i sunniti sono la maggioranza mentre una parte sono aleviti . Nel 2007 a Istanbul erano attive ben 2.944 moschee.

Istanbul era anche la sede del Califfato Islamico tra il 1517 e il 1924 , fino a quando il califfato venne sciolto ei poteri passati al parlamento turco. Il 2 settembre 1924 le Tekkè e le Tarikat furono bandite e le loro attività dichiarate incompatibili con la laicità della nuova repubblica di Turchia ; in particolare con l'educazione laica e con il controllo laico dello Stato sugli affari religiosi attraverso la Direzione degli Affari Religiosi. Molti fedeli del sufismo e di altre forme di Islam mistico praticarono clandestinamente la loro religione, reclutando ancora molti fedeli. Per superare questi divieti, che esistono ancora, i praticanti si presentano come "associazioni culturali".

Cristianesimo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Pogrom d'Istanbul e Scambio di popolazioni tra Grecia e Turchia .
Interno della cattedrale di San Giorgio , sede del patriarca greco-ortodosso.

La città è fin dal IV secolo sede del patriarcato ecumenico , e continua a essere la sede di altre chiese ortodosse come la Chiesa Greco-Ortodossa e il Patriarcato Armeno . Istanbul fu anche la sede della Chiesa Ortodossa Bulgara prima che venisse riconosciuta dalle altre chiese ortodosse.

La vita dei cristiani, soprattutto quella dei greci e degli armeni , peggiorò in maniera molto significativa con l'andata al potere nell'impero ottomano del "Comitato di unione e progresso", il partito dei "Giovani Turchi", di indirizzo nazionalista, che ordinò le prime stragi di Armeni in Anatolia. Il conflitto raggiunse il culmine tra il 1912 e il 1922 , durante le guerre balcaniche , la prima guerra mondiale e la Guerra Greco-Turca . Il 24 aprile del 1915 più di 800 intellettuali armeni vennero uccisi a Istanbul. La comunità greca della città, fondamentale per l'economia turca di allora, fu esentata dallo scambio di popolazioni tra Grecia e Turchia del 1923 . Dopo un periodo di distensione seguito al miglioramento dei rapporti fra Grecia e Turchia, durante la seconda guerra mondiale furono approvate una serie di restrizioni e di tasse speciali: dal 1955, le ricorrenti crisi di Cipro guidarono la politica turca verso i greci di Istanbul, visti ormai come stranieri: il Pogrom d'Istanbul nel 1955, causato dal problema cipriota, causò la morte di 15 greci e l'incriminazione per altri 32; questo fece aumentare notevolmente l'emigrazione da Istanbul per la Grecia . Nel 1964 , a causa di un'altra recrudescenza della crisi cipriota, tutti i greci privi di cittadinanza turca (circa 12.000) furono espulsi. [58] Oggi i turchi di etnia armena che vivono a Istanbul sono circa 45.000. [59] Inoltre, vivono in città 40.000 lavoratori armeni arrivati dall' Armenia dopo il 1991 . [60] La comunità greca, che contava 150.000 persone nel 1924 , è ridotta a circa 3.000 persone, per lo più di età avanzata, ed è ormai sull'orlo dell'estinzione.

I cattolici levantini , discendenti dei cattolici europei (genovesi, veneziani, greci cattolici e francesi) che si stabilirono nella città durante i periodi bizantino e ottomano, sono anch'essi quasi totalmente emigrati. Oltre a essi, esiste un piccolo numero di tedeschi del Bosforo e di polacchi (questi ultimi abitanti nel villaggio di Polonezköy ) insediatisi a Istanbul nell'Ottocento.

Ebraismo

Gli ebrei - stanziati nel quartiere di Balat - vivevano nella città già durante il periodo bizantino, e furono gli unici abitanti a cui fu permesso di rimanere a Istanbul dopo la conquista. Gli ebrei sefarditi hanno vissuto nella città per oltre 500 anni. Essi lasciarono la penisola iberica durante l' inquisizione spagnola del 1492 , quando dopo la caduta del Regno moresco di Andalusia furono costretti a convertirsi al cristianesimo oppure morire. Il sultano ottomano Bayezid II ( 1481 - 1512 ) inviò una flotta di notevoli dimensioni comandata da Kemal Reis con l'ordine di salvare gli ebrei sefarditi. Più di 200.000 ebrei si diressero prima verso Tangeri , l' Algeria , Genova e Marsiglia , per poi proseguire verso Salonicco e infine stabilirsi a Istanbul.

Il sultano diede la possibilità di rifugiarsi nell'Impero ottomano a più di 93.000 ebrei spagnoli.

Un'altra grande ondata di ebrei arrivò dal Sud Italia . La Sicilia era sotto diretto controllo spagnolo e gli ebrei che vivevano in quella regione furono sottoposti alle stesse leggi della Spagna venendo cacciati nel 1492 . Negli anni successivi gli ebrei vennero espulsi da tutto il Mezzogiorno italiano e molti di questi si diressero a Istanbul. La sinagoga italiana di Galata è frequentata dai discendenti di questi ebrei italiani. Vennero fondate delle sinagoghe che riportavano i nomi delle zone o delle città da cui gli ebrei italiani vennero cacciati, come Sicilia , Calabria , Otranto .

Più di 20.000 ebrei sefarditi vivono ancora a Istanbul, 20 sinagoghe sono attive, di queste la più importante è la Neve Shalom inaugurata nel 1951 nel quartiere Beyoğlu . Il Gran Rabbino Turco di Istanbul (adesso Ishak Haleva ) dirige gli affari della comunità. Gli ebrei sefarditi e quelli italiani contribuirono molto ad aumentare la potenza dell'impero ottomano, introducendo nuove idee, tecniche e attività. Il primo torchio tipografico inventato da Gutenberg fu introdotto dagli ebrei sefarditi nel 1493 che dimostrarono eccellenti qualità nella medicina, nel commercio e nelle attività bancarie.

Accanto agli ebrei sefarditi esiste anche una comunità più piccola di Ashkenaziti che vivono in città dal XIX secolo. Istanbul accolse anche gli ebrei ashkenaziti del centro ed est europeo perseguitati dai nazisti durante gli anni 30 e 40 del 900.

Sanità

La città ha molti ospedali sia pubblici sia privati, cliniche e laboratori all'interno dei suoi confini e numerosi centri di ricerca medica. Molti di questi impianti possiedono apparecchiature ad alta tecnologia, ciò ha contribuito alla recente crescita del "turismo medico" a Istanbul, [61] in particolare dai paesi dell'Europa occidentale come il Regno Unito e la Germania dove i governi inviano i pazienti a basso reddito [62] . Istanbul è diventata in modo particolare una destinazione mondiale per la chirurgia laser oculare e la chirurgia plastica . [61] La città ha anche un ospedale dei veterani dell'esercito ospitato nel centro medico militare.

Connessi all'elevato inquinamento cittadino vi sono dei problemi di salute pubblica che si amplificano in particolare in inverno, quando l'utilizzo dei combustibili tende ad aumentare. Il crescente numero di nuove auto in città e il lento sviluppo del trasporto pubblico urbano sono spesso causa di condizioni di smog . L'uso obbligatorio di benzina verde è stato programmato per cominciare solo nel gennaio 2006. [63]

Servizi

I primi sistemi di rifornimento idrico risalgono alla fondazione della città. I due più grandi acquedotti di epoca romana sono l'Acquedotto Mazulkemer e l' Acquedotto di Valente . Questi sono stati progettati per incanalare l'acqua dalla zona Halkalı, nel bordo occidentale della città, al quartiere Beyazıt, nel centro della città. [64] Dopo aver raggiunto il centro della città, l'acqua era in seguito raccolta in numerose cisterne, come la famosa cisterna di Filosseno e la cisterna Basilica . Il sultano Solimano il Magnifico commissionò a Sinān , il suo capo ingegnere e architetto, di migliorare il sistema idrico della città. Sinan costruì il sistema di approvvigionamento idrico Kırkçeşme (che significa "Quaranta Fontane") nel 1555 [64] , con l'obiettivo di rispondere alla sempre crescente richiesta del pubblico di acqua.

Oggi, Istanbul ha una fornitura di acqua clorata e filtrata e un sistema di smaltimento delle acque reflue gestito dall'agenzia governativa ISKI. [65] Ci sono anche diverse organizzazioni nel settore privato per la distribuzione di acqua potabile, dal momento che l'acqua proveniente dagli acquedotti non è potabile. Servizi di distribuzione di energia elettrica sono coperti dalla statale TEK. Il primo impianto di produzione di energia elettrica in città, è stato fondato nel 1914 e continuò a erogare energia fino al 1983. [66]

Il Ministero delle Poste e Telegrafi ottomano è stato istituito nella città il 23 ottobre 1840. [67] Il primo ufficio postale è stato il Postahane-i Amire vicino al cortile della moschea nuova . [67] Nel 1876 è stata resa operativa la prima rete postale internazionale tra Istanbul e le terre al di là del vasto impero ottomano. [67] Nel 1901 vengono resi possibili i trasferimenti di denaro tramite gli uffici postali. [67] Nel luglio 1881 è stata installata la prima rete telefonica di Istanbul, tra il Ministero delle Poste e dei Telegrafi in Sogukcesme e la Postahane-i Amire in Yenicami . [68] Il 23 maggio 1909, la prima centrale telefonica manuale con una capacità di 50 linee è stata realizzata presso le poste di Sirkeci. [68]

Criminalità

Il tasso di criminalità è sceso del 35%, passando da 76.285 reati fatti registrare a Istanbul nel 2006 a 57.123 reati registrati nel 2007. [69] Nel 2009, l'amministrazione della città di Istanbul ha incominciato un progetto di installazione di circa 800-900 telecamere di sicurezza. [69]

Cultura

Istruzione

Ingresso principale del Rettorato dell' Università di Istanbul a Piazza Beyazıt ( Forum Tauri ).

Istanbul ospita alcuni dei migliori istituti di istruzione superiore della Turchia, tra cui più di 35 università pubbliche e private. La maggior parte delle università pubbliche sono di buon livello, ma negli ultimi anni c'è stata anche una crescita notevole del numero di università private. L' Università di Istanbul , fondata come una madrasa nel 1453 , è il più antico istituto educativo turco della città, [70] mentre l' Università tecnica di Istanbul (1773) è la terza università tecnica più antica del mondo interamente dedicata alle scienze ingegneristiche . [71] La Marmara Üniversitesi è un'altra grande università con circa 60000 studenti e 12 campus in tutta l'area urbana. L' Università del Bosforo (in lingua turca Boğaziçi Üniversitesi) è un'altra antica istituzione educativa di Istanbul, situata sul lato europeo del Bosforo.

Quasi tutte le scuole private turche superiori e le università di Istanbul insegnano una o due lingue straniere, di solito inglese , tedesco o francese .

Istanbul possiede inoltre numerose biblioteche , molte delle quali contengono vaste collezioni di documenti storici del periodo romano, bizantino e ottomano, così come di altre civiltà del passato. Le biblioteche più importanti in termini di raccolte di documenti storici includono la biblioteca del Palazzo di Topkapı, la biblioteca del Museo Archeologico, la biblioteca del Museo Navale, la biblioteca di stato Bayezıd, la biblioteca Nuruosmaniye, la biblioteca Süleymaniye, la biblioteca dell'Università di Istanbul e quelle di Köprülüzade Fazil Ahmed Paşa, di Atatürk e di Çelik Gülersoy.

Media

Il primo quotidiano turco, il Takvim-i Vekayi , è stato stampato il 1º agosto 1831 nel distretto Bâbıâli. Bâbıâli divenne il centro principale per la stampa. Istanbul è anche la capitale della Turchia per quanto riguarda la stampa, con una grande varietà di periodici nazionali ed esteri che esprimono diversi punti di vista e giornali nazionali estremamente competitivi. La maggior parte dei giornali a livello nazionale hanno sede a Istanbul. [63] I principali quotidiani includono: Hürriyet, Milliyet, Sabah, Radikal, Cumhuriyet, Zaman , Türkiye, Aksam, Bugün, Stella, Dünya, Tercüman, Güneş, Vatan, Posta, Takvim, Vakit, Yeni Safak, Fanatik e Turkish Daily News. Ci sono anche numerose emittenti locali e nazionali televisive e radiofoniche che si trovano a Istanbul, come ad esempio: Star TV, TV Show, Sky Türk, MTV Türkiye, Türkiye Fox, Fox Sports Türkiye, NTV, Samanyolu TV, Kanal D, ATV, CNBC-e, CNN Türk, Cine5, TGRT Haber, Kanal 7, Kanal Turk, Flash TV e molti altri. Nella città di Istanbul, ci sono oltre un centinaio di stazioni radio FM . [72]

Musica

Istanbul ha ospitato l' Eurovision Song Contest 2004 grazie alla vittoria della cantante locale Sertab Erener con la canzone Everyway That I Can .

Cucina

Famoso in tutto il mondo è il Lokum , pasticcino creato a Istanbul a fine 1700.

Bagni turchi

L' Hammam voluto da Roxelana ed eretto da Sinān .

Una significativa cultura si è sviluppata intorno all' Hammam , cioè il bagno turco. Esso ha rappresentato uno dei luoghi preferiti dove passare il tempo libero durante tutto il periodo ottomano, uno dei più begli esempi è il Çemberlitaş Hamamı (1584), situato presso la piazza Çemberlitaş, l'antico foro di Costantino [73] . Un altro ottimo esempio del XVII secolo è il Galatasaray Hamami , che si trova sul quartiere di Beyoglu, noto per la qualità del servizio e la sua pulizia. Durante l'Impero Ottomano, molti Hamam sono stati costruiti accanto alle moschee, come parte della " külliye " (complesso). Un bellissimo esempio di ciò è l'Hamam della moschea di Kilic Ali Pasa, costruita da Sinān .

Geografia antropica

Suddivisioni amministrative

Distretti di Istanbul

Amministrativamente Istanbul è un comune metropolitano (in turco büyükşehir belediyelesi ) che comprende i centri urbani di tutti i 39 distretti della sua provincia . Il principale organo decisionale del comune è il Consiglio Comunale, guidato dal sindaco. Fra le sue responsabilità il controllo degli appalti, la decisione dei prezzi dei biglietti sui mezzi pubblici e la regolazione delle tasse. [74] [75] Tutti i membri del consiglio, tra cui il sindaco, sono eletti per cinque anni. Il sindaco di Istanbul, Ekrem İmamoğlu , primo sindaco del CHP (il principale partito d'opposizione) dopo 25 anni di dominio del partito islamico AKP, è stato eletto nel marzo 2019 e rieletto nel giugno dello stesso anno dopo la ripetizione delle elezioni comunali effettuata a causa di accuse di brogli lanciate dal presidente Erdogan. Il governatore della provincia di Istanbul è Ali Yerlikaya.

La struttura di governo metropolitano è composto da tre organi principali: (1) il Sindaco (eletto ogni cinque anni), (2) il Consiglio Metropolitano (organo decisionale con il sindaco), (3) il comitato esecutivo metropolitano. Ci sono tre tipi di enti locali: (1) comuni, (2) le amministrazioni provinciali speciali, (3) le amministrazioni villaggio. Tra le autorità locali, i comuni stanno acquisendo maggiore importanza con l'aumento dell'urbanizzazione.

L'attuale edificio del municipio, iniziatosi il 17 dicembre 1953 e inaugurato il 26 maggio 1960, si trova nel Municipio di Fatih .

Distretti e quartieri

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Quartieri di Istanbul
Mappa con i distretti di Istanbul.
İstiklal Caddesi (Grande Rue de Péra ) nel distretto Beyoğlu (Péra) a Istanbul. Durante il periodo ottomano , la sede del Bailo della Repubblica di Venezia si trovava a questo distretto.

Amministrativamente il comune metropolitano di Istanbul si estende su tutti i distretti della provincia , comprendendo i distretti interamente urbani di Avcılar , Bağcilar , Bahçelievler , Bakırköy , Bayrampaşa , Beşiktaş , Beylikdüzü , Beyoğlu , Büyükçekmece , Esenler , Esenyurt , Fatih , Gaziosmanpaşa , Güngören , Kağithane , Küçükçekmece , Sultangazi , Şişli , Zeytinburnu sulla sponda europea del Bosforo , e di Adalar , Ataşehir , Kadıköy , Kartal , Maltepe , Sultanbeyli , Tuzla , Ümraniye , Scutari ( Üsküdar ) sulla sponda asiatica. Il comune amministra anche i centri urbani degli altri distretti della provincia .

Fra i quartieri storici più noti di Istanbul vi sono:

  • Eminönü , corrispondente al cuore storico di Istanbul, nel distretto di Fatih ;
  • Bebek , quartiere molto elegante e centro residenziale di lusso posto sulla riva europea tra i due ponti sul Bosforo;
  • Galata (il cui nome si dice derivi dalla parola greca "galà-ktòs", che vuol dire latte), l'antica colonia genovese sul Corno d'Oro , oggi noto come Karaköy ;
  • Fener , uno dei quartieri più popolari dentro le mura, un tempo centro dell'etnia greca e ripopolato recentemente da immigrati dal sud-est del paese, sede del Patriarcato greco , e uno dei pochi luoghi dove si è conservata la vecchia Istanbul, nel distretto di Fatih;
  • Samathia , sul Mar di Marmara , caratterizzato da molte chiese greche e armene, oggi noto come Koca Mustafa Pasha , nel distretto di Fatih;
  • Beyoğlu , al di là del Corno d'Oro, l'antica Pera , il cui tessuto urbanistico è prevalentemente Liberty ;
  • Nişantaşı , anch'esso risalente alla fine dell'Ottocento, e che oggi è il quartiere più glamour della città;
  • Etiler , centro direzionale e residenziale di lusso;
  • Sulukule , storico quartiere Rom nel distretto di Fatih.

Economia

Il quartiere finanziario Levent nella parte europea di Istanbul.
Bankalar Caddesi (Viale delle Banche) a Galata fu il centro finanziario di Istanbul durante il periodo ottomano .

Oltre a essere la più grande città ed ex capitale politica del paese, Istanbul è sempre stata il centro della vita economica della Turchia in virtù della sua posizione di incrocio di terre internazionali e rotte commerciali del mare. Istanbul è anche il più grande centro industriale della Turchia. Essa occupa circa il 20% della manodopera industriale e contribuisce al 38% del lavoro industriale di tutto il paese. Istanbul e la sua provincia producono cotone , frutta , olio di oliva , seta e tabacco . La trasformazione alimentare, la produzione tessile, i prodotti petroliferi, la gomma , la ceramica , cuoio , industrie chimiche , farmaceutiche , elettroniche , del vetro , automobili , prodotti di carta e le bevande alcoliche sono tra i principali prodotti industriali della città. Secondo la rivista Forbes , Istanbul ha avuto un totale di 35 miliardari, a partire da marzo 2008, posizionandosi al quarto posto nel mondo. [76]

Nata come la Borsa Ottomana di Istanbul ( Dersaadet Tahvilat Borsası ) nel 1866 e riorganizzata la sua struttura attuale all'inizio del 1986, l' Istanbul Stock Exchange (ISE) è l'unico mercato di titoli di Turchia. [77] Nel corso del XIX secolo e nei primi del XX secolo , Bankalar Caddesi (Viale delle Banche) a Galata è stato il centro finanziario dell' Impero ottomano , dove vi era la sede centrale della Banca Ottomana e Borsa Ottomana di Istanbul. [78] Bankalar Caddesi ha continuato a essere il principale quartiere finanziario di Istanbul fino al 1990, quando la maggior parte delle banche turche hanno cominciato a spostare il loro quartier generale per presso i moderni quartieri di Levent e Maslak . [78] Nel 1995, la Borsa di Istanbul si è trasferita nella suo attuale edificio nel quartiere di Istinye . [79]

Istanbul Cevahir nel distretto Şişli fu il centro commerciale più grande d'Europa dal 2005 al 2011.
La stazione Gayrettepe della metropolitana di Istanbul .

Oggi, la città genera il 55% del commercio della Turchia e il 45% del commercio all'ingrosso del paese e genera il 21,2% del prodotto nazionale lordo della Turchia. Istanbul raccoglie il 40% di tutte le imposte riscosse nella Turchia e produce il 27,5% del prodotto nazionale. Nel 2005 il Comune di Istanbul produceva un PIL di 133 miliardi di dollari. [80] Nel 2005 le società con sede a Istanbul hanno effettuato esportazioni per il valore di 41.397 milioni di dollari e le importazioni di un valore 69.883 milioni di dollari. Questi dati corrispondevano al 56,6% e 60,2% delle esportazioni e delle importazioni rispettivamente di tutto il paese, in quell'anno. [81]

Turismo

Istanbul è uno dei luoghi turistici più importanti della Turchia. Vi sono migliaia di alberghi e imprese turistiche in città. Nel 2006 un totale di 23.148.669 turisti hanno visitato la Turchia, la maggior parte dei quali sono entrati nel paese attraverso i porti e gli aeroporti di Istanbul e Antalya . [82] Il numero totale di turisti che sono entrati in Turchia attraverso l' Aeroporto Internazionale Atatürk e di Sabiha Gökçen ha raggiunto i 5.346.658 di unità, passando dalle 4.849.353 del 2005. [83] Istanbul è anche un centro per le grandi conferenze e come sede per le principali associazioni internazionali del mondo. [84]

Le Isole dei Principi (qui Büyükada ) si trovano nel Mar di Marmara , a sud-est della penisola storica di Istanbul.

Recentemente, nella vecchia parte della città sono state riaperte alcune spiagge . I luoghi più popolari per bagnarsi sono in Bakırköy, Küçükçekmece e Sariyer. Fuori dalla città vi sono le Isole dei Principi e Kilyos e Şile sul Mar Nero.

Le Isole dei Principi ( Adalar ) sono un gruppo di isole in cui è proibito il trasporto a motore: sono situate nel Mar di Marmara, a sud dei quartieri asiatici di Kartal e Pendik. Pini e cembri , palazzi in stile neoclassico e art nouveau in stile ottomano del XIX secolo e inizio del XX secolo , carrozze trainate da cavalli e ristoranti di pesce li rendono una destinazione molto popolare. Sono raggiungibili con i traghetti per pendolari o con il catamarano ad alta velocità ( Deniz otobüsü ) da Eminönu e Bostancı.

Şile è una lontana e rinomata località balneare turca sul Mar Nero, a 50 chilometri da Istanbul, dove possono essere trovate spiagge incontaminate di sabbia bianca. Kilyos è una piccola località balneare tranquilla, situata in Europa, non lontano dall'ingresso settentrionale del Bosforo, sul Mar Nero. Il luogo è diventato popolare negli ultimi anni tra gli abitanti di Istanbul come meta di escursioni. Kilyos offre una spiaggia con ristoranti di pesce e locali notturni, particolarmente attivo in estate con molte feste notturne e concerti dal vivo sulla spiaggia.

Acquisti

Il Grand Bazaar è uno dei più grandi mercati coperti del mondo.

Istanbul ha numerosi centri commerciali storici, come il Gran Bazar (fondato nel 1461), il Mahmutpasa Bazar (1462) e il Bazaar egiziano (1660). Il primo centro commerciale moderno in Turchia è stata la galleria Ataköy (1987), che è stata seguita da decine di altri centri sorti negli ultimi decenni, come Akmerkez (1993), Metrocity (2003), Mall Cevahir (2005) che è il più grande centro commerciale in Europa, e il mercato Kanyon (2006). Nisantasi Istinye (2007) e City (2008) sono due nuovi centri commerciali dedicati ai consumatori di fascia alta e propongono quasi esclusivamente celebri brand di alta moda .

Ristoranti

I quartieri di Bebek, Arnavutköy e Yeniköy sul Bosforo sono famosi per i loro ristoranti di pesce.

Insieme con i ristoranti tradizionali turchi, molti ristoranti europei, dell'estremo Oriente e numerose altre cucine internazionali sono fioriti in città. La maggior parte dei locali e pub storici della città si trovano nelle zone intorno Istiklal Caddesi a Beyoğlu.

Altri pub storici si trovano nelle zone intorno Pasaji Tünel e nelle vicinanze della Asmalimescit Sokagi. Alcuni quartieri storici intorno a Istiklal Caddesi sono stati recentemente riqualificati, con diversi livelli di successo, per offrire pub, ristoranti, caffetterie e locali con musica dal vivo. [85]

A Istanbul, soprattutto nella zona di Beyoĝlu, esistono anche numerose Meyhane, semplici locali dove si va a bere vino e ascoltare musica turca.

Istanbul è anche famosa per i suoi storici ristoranti di pesce, ad esempio, il quartiere di Kumkapı ha una zona pedonale che è dedicata esclusivamente a questa tipologia di locali. Circa 30 ristoranti di pesce si trovano lì. Molti altri, e di alto livello, si trovano lungo le rive del Bosforo, in particolare a Bebek, Arnavutköy, Yeniköy, Beylerbeyi e Çengelköy, ea Yeşilköy , in riva al Mar di Marmara verso l'ovest della città. [86] [87] Buyukada, la più grande delle Isole dei Principi, nel Mar di Marmara, è tra le più rinomate località per chi ama la cucina di mare.

Vita notturna

Ci sono molti locali notturni, pub, ristoranti e taverne con musica dal vivo in città. Le zone intorno Istiklal Caddesi, Nisantasi, Bebek e Kadıköy offrono tutti i tipi di caffè, ristoranti, pub e discoteche, nonché gallerie d'arte , teatri e cinema. Il " Babilonia " [88] e "Nu Pera" a Beyoglu sono i locali notturni più in voga sia in estate sia in inverno.

I più popolari dei locali estivi a cielo aperto si trovano sul Bosforo, come " Sortie " [89] [90] , " Reina " [91] [92] e " Anjelique " [93] nel quartiere Ortaköy. Il "Jazz Bar Q" in Ortaköy offre musica jazz dal vivo in un ambiente elegante.

Luoghi come l'Istanbul Arena Maslak e Kurucesme Arena [94] sul Bosforo frequentemente ospitano concerti dal vivo di cantanti famosi e band provenienti da ogni angolo del mondo. Parkorman' [95] in Maslak ha ospitato l'isola di MTV nel 2002 ed è un popolare luogo di ritrovo per concerti dal vivo e feste rave in estate.

Infrastrutture e trasporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti a Istanbul .

Aeroporti

L' Aeroporto Internazionale Atatürk , situato nella parte europea, è stato il principale aeroporto della città e uno dei maggiori hub internazionali nella regione.

Fino al 2018, Istanbul disponeva di due aeroporti internazionali: il più grande era l' Aeroporto Internazionale Atatürk , che si trova nel quartiere di Yeşilköy sul versante europeo a circa 24 chilometri a ovest dal centro della città. Quando fu costruito, l'aeroporto era situato al margine occidentale dell'area metropolitana ma ora si trova entro i confini della città. Più piccolo è l'Aeroporto Internazionale di Istanbul-Sabiha Gökçen [96] situato nel distretto Kurtköy nella parte asiatica, vicino al circuito di Formula 1 , si trova a circa 20 chilometri a est della parte asiatica ea 45 km a est del centro della città europea. Per rispondere all'insufficienza delle infrastrutture esistenti, è stato recentemente attivato unterzo aeroporto , situato sulla sponda europea del Mar Nero. L'aeroporto Atatürk è rimasto aperto solo per merci, manutenzione / tecnica, aviazione generale, e voli speciali.

Navigazione

Traghetti per pendolari operano sul Bosforo dal 1837 .

Il trasporto navale è fondamentale per Istanbul, la città è praticamente circondata dal mare su tutti i lati: il Mar di Marmara , il Corno d'Oro , il Bosforo e il Mar Nero . Molti cittadini vivono nella parte asiatica della città ma si spostano per lavoro in quella europea (o viceversa) ei traghetti rappresentano, ancora di più che i due ponti che attraversano il Bosforo, la spina dorsale del trasporto di massa. I traghetti per pendolari, insieme con il catamarano ad alta velocità Seabus' ( Deniz Otobüsü ), formano anche il collegamento principale tra la città e le Isole dei Principi .

I traghetti a vapore hanno fatto la loro prima apparizione sul Bosforo nel 1837 ed erano gestiti da aziende private. [97] Il 1º gennaio 1851, una società di trasporto pubblico fu istituita dallo stato ottomano . [97] Questa azienda ha operato fino ai primi anni della storia repubblicana dello stato per poi essere sostituita dalla Türkiye Denizcilik İşletmeleri (Linee Marittime di Stato). [97] Dal mese di marzo 2006, i traghetti vengono gestiti dalla İstanbul Deniz Otobüsleri . [97]

Il porto di Istanbul è il più importante del paese. Il vecchio porto sul Corno d'Oro serve principalmente per la navigazione privata, mentre nel porto di Karaköy a Galata è utilizzato dalle navi da crociera di grandi dimensioni. Esistono servizi di trasporti sia regolari sia di crociera per diverse città portuali del Mar Mediterraneo e del Mar Nero . Il porto mercantile principale di Istanbul si trova nel quartiere di Harem nella parte asiatica della città. Istanbul ha anche molti porti turistici di varie dimensioni per la navigazione privata.

In avanzato stato di progettazione è Kanal Istanbul, un canale fra il Mar di Marmara e il Bosforo che avrebbe un impatto ambientale devastante sulla città e la regione circostante. [98]

İstanbul.jpg
Veduta panoramica del Bosforo , con il Ponte di Fatih Sultan Mehmet (1988) a destra.

Ferrovie

La stazione di Sirkeci è stata inaugurata nel 1890 come capolinea dell' Orient Express .
La stazione ferroviaria Haydarpaşa, già capolinea del traffico asiatico, chiusa nel 2012.

Nel 1883, un imprenditore belga , Georges Nagelmackers , cominciò un servizio ferroviario tra Parigi e Istanbul, con una nave a vapore che trasportava i passeggeri da Varna a Costantinopoli . Nel 1889 la linea ferroviaria è stata completata collegando direttamente Istanbul a Bucarest , rendendo il viaggio via terra interamente possibile. Il percorso era conosciuto come Orient Express , reso ancor più celebre dalle opere di Agatha Christie e Graham Greene . [99]

Oggi, la Stazione di Sirkeci delle Ferrovie dello Stato turche (TCDD), che era stata originariamente aperta nel 1890 come capolinea dell'Orient Express, è il capolinea dei collegamenti ferroviari fra Istanbul e il resto d'Europa, i quali corrono lungo la linea Istanbul- Salonicco , in Grecia.

Di là dal Bosforo, il Terminal Haydarpaşa , sulla sponda asiatica, serve la linea per Ankara (anche la ferrovia ad alta velocità Istanbul–Ankara ) e per altre città dell' Anatolia . Le reti ferroviarie sui lati europei e asiatici sono collegate da traghetti attraverso il Bosforo, sostituiti dal tunnel sottomarino di collegamento con il completamento del progetto Marmaray .

Due linee ferroviarie suburbane ( Banliyö Treni ) univano il centro della città alla periferia: la prima correva lungo la sponda del Mar di Marmara tra la stazione centrale della parte europea, il Terminal di Sirkeci, e il sobborgo di Halkalı a ovest del centro della città, con 18 stazioni lungo i suoi 30 km di lunghezza. La seconda corre nella parte anatolica, dal terminal ferroviario di Haydarpaşa sino a Gebze all'estremità orientale della conurbazione. 720.000 passeggeri utilizzavano le linee ferroviarie urbane sul lato europeo della città ogni giorno. [100] Le due linee, opportunamente ammodernate, fanno parte adesso della linea Marmaray .

Tram

Il primo tram è entrato in servizio a Istanbul il 3 settembre 1869 fra Tophane e Ortaköy [101] . La rete tranviaria di Istanbul è stata ampliata negli anni successivi.

Un tram veloce (T1) è entrato in servizio nel 1992 nella parte europea della città. La linea ha 24 stazioni su una lunghezza di 14 km. Un intero viaggio dura 42 minuti. La capacità di trasporto giornaliera è di 155.000 passeggeri. Nel settembre 2006, una seconda linea di tram (T2) è stata aggiunta sempre in Europa, unendo Zeytinburnu a Bagcilar .

Funicolari

La storica stazione del Tünel a Karaköy .
Funicolare moderna che connette il porto di Kabataş con la stazione della metropolitana sotto la Piazza Taksim .

Istanbul è servita da due funicolari sotterranee, di età e stile molto diverse. La più vecchia di queste linee è il Tünel (letteralmente Tunnel ). Inaugurata il 17 gennaio 1875 , [102] il Tünel è la seconda più antica linea ferroviaria sotterranea urbana nel mondo dopo la metropolitana di Londra (1863) e la prima linea ferroviaria sotterranea urbana in Europa continentale, anche se la prima linea della metropolitana completa con più stazioni dell'Europa continentale è stata la linea 1 della metropolitana di Budapest (1896). La linea Tünel è di 573 m di lunghezza e affronta un dislivello di 60 metri senza alcuna stazione intermedia. [102] È in servizio permanente dal 1875. [102] Il servizio è realizzato con due treni su di un unico binario che passano ogni 3,5 minuti e un viaggio dura 1,5 minuti. [102] Ogni anno vengono realizzati 64.800 viaggi per un totale di 37.066 km l'anno, la linea Tünel trasporta 15.000 passeggeri al giorno. [102]

Una seconda linea funicolare, il Kabataş-Taksim, è entrata in servizio il 29 giugno 2006 e collega Kabataş e Taksim . [103] La sua lunghezza è di circa 600 metri e sale a circa 60 metri in 110 secondi, portando 9.000 passeggeri al giorno. [103]

Ferrovia leggera

La ferrovia leggera di Istanbul è un semplice sistema di trasporto ferroviario composto da due linee, che corrono nella parte europea della città. La prima linea (M1) è entrata in servizio il 3 settembre 1989 tra Aksaray e Kartaltepe. La linea è stata successivamente sviluppata fino a raggiungere l' aeroporto Atatürk il 20 dicembre 2002 . L'altra linea (T4) è stato inaugurata nel 2007 tra Edirnekapi e Mescid-i Selam. Le due linee sono completamente separate dal traffico automobilistico, senza passaggi a livello e hanno un percorso sotterraneo di 10,4 km.

Metropolitana

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Metropolitana di Istanbul .
Mappa della rete ferroviaria di Istanbul (non comprese alcune delle linee di metropolitana attualmente in costruzione).
La stazione Levent della metropolitana di Istanbul , nella parte europea della città.

I lavori di costruzione della Metropolitana di Istanbul (M2) si sono iniziati nel 1992 e il primo tratto completato tra Taksim e Levent è entrato in servizio il 16 settembre 2000.[104] Questa sezione della linea è di 8,5 km di lunghezza e dispone di sei stazioni.[104]

Un'estensione a nord da Levent a Maslak è stata inaugurata il 30 gennaio 2009. [105] L'estensione a sud della linea M2 da Taksim a Yenikapı è stata completata. A Yenikapi la rete M2 si interseca con la metropolitana leggera, con le linee ferroviarie suburbane e con la linea Marmaray che collega la sponda asiatica a quella europea lungo il Mar di Marmara .

Attualmente, la linea M2 ha 10 stazioni di servizio sul lato europeo della città, mentre 6 nuove stazioni sul versante europeo e 16 nuove stazioni nella parte asiatica sono attualmente in costruzione. La lunghezza totale della parte europea della linea M2 raggiungerà 18,36 km quando sarà completata.[104] [106] [107]

Nella parte asiatica, la costruzione di 21,66 km lungo la linea M2 da Kadıköy a Kartal continua e la linea arriverà ad avere un totale di 16 stazioni. [108]

Metro Istanbul 2020.png
Linee della Metropolitana di Istanbul (2012).

Ferrovia suburbana

La linea Marmaray (comprendente un tunnel ferroviario sotto il Bosforo ) lunga 76,6 km, espleta il collegamento urbano e suburbano fra le zone asiatiche e quelle europee della città lungo il Mar di Marmara . La linea è stata inaugurata il 12 marzo 2019.

Amministrazione

Gemellaggi

Sport

La Türk Telekom Arena , nuovo stadio del Galatasaray .

Durante il periodo romano e bizantino, gli eventi sportivi più importanti erano le corse sui carri di bighe e quadrighe, che si svolgevano presso l' Ippodromo di Costantinopoli , il quale poteva ospitare oltre 100.000 spettatori. [112] Oggi, sport come calcio , pallacanestro , pallavolo e ippica sono molto popolari in città.

Nel calcio ricordiamo i club sportivi più importanti: il Galatasaray vincitore di 22 Campionati Turchi e che gioca allo stadio Türk Telekom Arena , il Fenerbahçe vincitore di 19 Campionati Turchi e che gioca alloStadio Şükrü Saraçoğlu ; ilBeşiktaş vincitore di 15 Campionati Turchi e che gioca alla Vodafone Arena ; il Kasimpaşa che gioca allo Stadio Recep Tayyip Erdoğan e il Başakşehir , vincitore di un campionato turco, che gioca allo Stadio Başakşehir Fatih Terim .

Nel basket, nella massima lega ci sono l' Efes Pilsen vincitore di 13 Campionati Turchi , il Fenerbahçe vincitore di 6 Campionati Turchi , il Galatasaray vincitore di 5 Campionati Turchi e il Beşiktaş vincitore di 2 Campionati Turchi .

Nel Campionato di pallavolo ci sono il Vakıfbank , Fenerbahçe oltre alle sezioni del Galatasaray e Istanbul BB . Nel campionato femminile sono presenti:Eczacıbaşi , il Vakıfbank , Fenerbahçe , il Galatasaray e il Besiktas . Le corse di cavalli si svolgono nell'ippodromo di Veli Efendi (l'antico Campus Tribunalium bizantino, dove l'esercito acclamava l'Imperatore).

Lo stadio Olimpico Atatürk è il più grande stadio polivalente della Turchia, classificato come 4 stelle dalla UEFA e di prima classe sede per l' atletica leggera , avendo raggiunto i più alti standard richiesti stabiliti dal Comitato olimpico internazionale . Lo stadio ha ospitato la finale della UEFA Champions League 2005 ed avrebbe dovuto ospitare la finale della UEFA Champions League 2020 . Lostadio Şükrü Saraçoğlu , casa del Fenerbahçe, è anch'esso un 4 stelle UEFA e ha ospitato la finale di Coppa UEFA 2009 . Il Sinan Erdem Spor Salonu è una delle arene più grandi d'Europa, e ospita numerosi eventi sportivi.

Istanbul ospita numerosi eventi annuali motoristici come il Gran Premio di Turchia di Formula 1 (non più in calendario dal 2012 ), la MotoGP , il campionato del mondo turismo , la GP2 e la Le Mans Series 1.000 km presso il circuito di Istanbul Park . Di tanto in tanto Istanbul ospita anche la tappa turca del campionato del mondo formula 1 motonautica F1 sul Bosforo. Diverse le gare annuali di vela e yacht svolte sul Bosforo e sul Mar di Marmara . Il Corno d'Oro è sede di gare di canottaggio . Il 29 luglio 2006, Istanbul ha ospitato la quinta tappa dello spettacolare Red Bull Air Race .

Sport individuali come golf , equitazione e il tennis stanno guadagnando popolarità. Per l' aerobica e il body building , sono disponibili molti fitness club. In diversi centri cittadini si praticano le arti marziali e altre discipline orientali come l' Aikidō e lo Yoga .

Note

  1. ^ ( EN )Turkish Statistical Institute , in Wikipedia , 31 dicembre 2019. URL consultato il 19 marzo 2020 .
  2. ^ ACES > Home , su aces-europa.eu , ACES. URL consultato il 5 dicembre 2010 .
  3. ^ UNESCO , su whc.unesco.org . URL consultato il 28 maggio 2009 .
  4. ^ Quake increases risk for temblor in Istanbul - MIT News Office
  5. ^ Yıllık Toplam Yağış Verileri - İstanbul (Data of total annual rainfall of Istanbul , su meteor.gov.tr , Turkish State Meteorological Service (DMI) (archiviato dall' url originale il 31 marzo 2013) .
  6. ^ a b c Statistics: Historical Weather Information for Istanbul
  7. ^ Extreme Temperature Records Worldwide - Istanbul , su meteorologyclimate.com . URL consultato il 22 agosto 2010 (archiviato dall' url originale l'8 ottobre 2007) .
  8. ^ Scoprire Istanbul , su scoprireistanbul.com .
  9. ^ Weather Information for Istanbul , su worldweather.org .
  10. ^ Ölçülen En Düşük Sıcaklıklar (Lowest Recorded Temperatures): 30.01.2012 06:00 - 31.01.2012 06:00 (UTC) - İstanbul , su dmi.gov.tr (archiviato dall' url originale il 26 settembre 2013) .
  11. ^ BBC - Weather Centre - World Weather - Average Conditions - Istanbul , su bbc.co.uk . URL consultato il 2 maggio 2019 (archiviato dall' url originale il 18 maggio 2006) .
  12. ^ Necdet Sakaoğlu (1993/94a): "İstanbul'un adları" ["I nomi di Istanbul"]. In: 'Dünden bugüne İstanbul ansiklopedisi', ed. Türkiye Kültür Bakanlığı, Istanbul.
  13. ^ Finkel, Caroline, Osman's Dream , (Basic Books, 2005), p. 57; " Istanbul fu adottato come il nome ufficiale della città nel 1930.. ".
  14. ^ "Dünden bugüne İstanbul ansiklopedisi" ("I Nomi di Istanbul"), volume 5, Ciltli, 1994
  15. ^ Tommaso Braccini (a cura di), Il povero Leone. Ptocholeon , Einaudi, Torino 2020, pag. 69.
  16. ^ Room, Adrian (2006). Placenames of the World: Origins and Meanings of the Names for 6,600 Countries, Cities, Territories, Natural Features, and Historic Sites (2nd ed.).[pp.177] Jefferson, NC: McFarland & Company. ISBN 978-0-7864-2248-7 .
  17. ^ La cosa vale anche in altri adattamenti di nomi greci come i toponimi Smirne , Nicea o Stenia (diventate İzmir , İznik e İstinye in turco).
  18. ^ G. Necipoğlu . "From Byzantine Constantinople to Ottoman Kostantiniyye: Creation of a Cosmopolitan Capital and Visual Culture under Sultan Mehmed II" Ex. cat. "From Byzantion to Istanbul: 8000 Years of a Capital", June 5 - September 4, 2010, Sabanci University Sakip Sabanci Museum, Istanbul. Istanbul: Sakip Sabanci Museum, 2010 p. 262
  19. ^ Stanford and Ezel Shaw (1977): History of the Ottoman Empire and Modern Turkey. Cambridge: Cambridge University Press. Vol II, p. 386; Robinson (1965), The First Turkish Republic, p. 298
  20. ^ https://www.scopriistanbul.com/storia Storia di Istanbul]
  21. ^ ( TR ) Mavioglu, Ertugrul, Sanyer, Ruhi, 30 yıl sonra kanlı 1 Mayıs (1) , in Radikal , 29 aprile 2007. URL consultato il 1º luglio 2008 (archiviato dall' url originale il 30 settembre 2007) .
  22. ^ BBC NEWS | Middle East | Film clue to Turkey Jewish attack
  23. ^ AFP: Kurdish rebels condemned at funeral of Istanbul bomb victims Archiviato il 20 maggio 2011 in Internet Archive .
  24. ^ BBC NEWS | Europe | Istanbul rocked by twin bombings
  25. ^ Istanbul, attacco al consolato Usa Pkk rapisce tre turisti tedeschi - esteri - Repubblica.it>
  26. ^ Turchia, attentato contro un minibus a Istanbul: quattro morti tra cui una 17enne - Adnkronos Esteri
  27. ^ Attentato nel cuore di Istanbul Morto il kamikaze, 32 feriti - Corriere della Sera
  28. ^ ( DE ) Veronika Hartmann, Brachiale Erneuerung in Istanbul. Wem gehört die Stadt? , su www.nzz.ch , Neue Zürcher Zeitung, 6 maggio 2013. URL consultato il 25 giugno 2015 .
  29. ^ Chamber of Architects of Turkey , p. 80
  30. ^ a b Chamber of Architects of Turkey , p. 118
  31. ^ Gregory , p. 394
  32. ^ Historical demographical data of the urban centers , su populstat.info .
  33. ^ Historical demographical data of the urban centers , su populstat.info .
  34. ^ OracleAS Reports Services - Servlet Archiviato il 2 ottobre 2011 in Internet Archive . Address-based population survey 2010.
  35. ^ Turkey (Census Population): Provinces, Major Cities & Towns - Statistics & Maps on City Population Principal cities as of 2000 census
  36. ^ ( TR ) Presentation of Reference City: Istanbul , su urge-project.ufz.de , Urban Green Environment. URL consultato il 27 settembre 2007 (archiviato dall' url originale il 17 gennaio 2012) .
  37. ^ TurkStat
  38. ^ Kaloudis, George, Modern Greece and the Diaspora Greeks in the United States , Lexington Books , 20 febbraio 2018, p. 7, ISBN 9781498562287 .
  39. ^ Athanasopulos, 2001, p. 82.
  40. ^ The Greek Minority and its foundations in Istanbul, Gokceada (Imvros) and Bozcaada (Tenedos) , su www1.mfa.gr , Hellenic Republic Ministry of Foreign Affairs, 21 marzo 2011 (archiviato dall' url originale il 26 luglio 2012) .
  41. ^ Rôzen, 2002, pp. 49-50, 55–58.
  42. ^ Brink-Danan, 2011, p. 176.
  43. ^ ʻAner, 2005, p. 367.
  44. ^ Istanbul Population 2015 , su worldpopulationreview.com , World Population Review, 7 luglio 2015.
  45. ^ Ana Sayfa - TC Kültür ve Turizm Bakanlığı , su www.kultur.gov.tr .
  46. ^ Schmitt, 2005.
  47. ^ Lorans Tanatar Baruh e Sara Yontan Musnik, Francophone press in the Ottoman Empire , su heritage.bnf.fr , Bibliothèque nationale de France .
  48. ^ Kendall, p. 331 .
  49. ^ Elma Gabela, Turkey's Bosniak communities uphold their heritage, traditions , Today's Zaman , 5 giugno 2011 (archiviato dall' url originale il 23 agosto 2011) .
  50. ^ Bruce Alan Masters e Gábor Ágoston, Encyclopedia of the Ottoman Empire , 2009, pp. 520-21.
  51. ^ 2000 Wedel, p. 182.
  52. ^ Bahar Baser, Mari Toivanen, Begum Zorlu e Yasin Duman, Methodological Approaches in Kurdish Studies: Theoretical and Practical Insights from the Field , Lexington Books, 6 novembre 2018, p. 87, ISBN 978-1-4985-7522-5 .
  53. ^ Amikam Nachmani,Turkey: Facing a New Millenniium : Coping With Intertwined Conflicts , Manchester University Press, 2003, p. 90, ISBN 978-0-7190-6370-1 .
  54. ^ Milliyet Konda Araştırma, Biz Kimiz: Toplumsal Yapı Araştırması ( PDF ), su konda.com.tr , 2006. URL consultato il 9 novembre 2020 (archiviato dall' url originale il 15 febbraio 2017) .
  55. ^ Bekir Agirdir, Kürtler ve Kürt Sorunu ( PDF ), su konda.com.tr , KONDA, 2008. URL consultato il 9 novembre 2020 (archiviato dall' url originale il 3 novembre 2013) .
  56. ^ Bekir Agirdir, Kürtlerin nüfusu 11 milyonda İstanbul"da 2 milyon Kürt yaşıyor .
  57. ^ Christiane Bird, A Thousand Sighs, A Thousand Revolts: Journeys in Kurdistan , Random House Publishing Group, 18 dicembre 2007, p. 308, ISBN 978-0-307-43050-2 .
  58. ^ euborderconf.bham.ac.uk
  59. ^ todayszaman.com Archiviato il 1º maggio 2010 in Internet Archive .
  60. ^ armeni in Turchia , su economist.com .
  61. ^ a b Dış Ekonomik İlişkiler Kurulu, Emerging Turkey , Oxford Business Group, 2006, p. 176, ISBN 1-902339-47-9 .
  62. ^ Helen Briggs, Health – Personal story: IVF in Istanbul , BBC News, 19 dicembre 2006. URL consultato il 28 maggio 2009 .
  63. ^ a b CIA – The World Factbook , su cia.gov , CIA. URL consultato l'11 marzo 2006 .
  64. ^ a b İSKİ İstanbul Su ve Kanalizasyon İdaresi: Tarihce , su iski.gov.tr , Istanbul water and sewerage administration (history). URL consultato l'11 marzo 2006 (archiviato dall' url originale il 29 settembre 2007) .
  65. ^ İSKİ Administration , su iski.gov.tr , Istanbul water and sewerage administration. URL consultato l'11 marzo 2006 (archiviato dall' url originale il 29 settembre 2007) .
  66. ^ ( EN ) Gül Demİr e Niki Gamm, Silahtarağa Santral becomes Santralistanbul Museum , su turkishdailynews.com.tr , Turkish Daily News, 8 settembre 2007. URL consultato il 27 dicembre 2015 (archiviato dall' url originale l'11 settembre 2007) .
  67. ^ a b c d ( TR ) Cronologia dell'organizzazione postale turca , su ptt.gov.tr , Ptt. URL consultato il 27 dicembre 2015 (archiviato dall' url originale il 22 agosto 2007) .
  68. ^ a b ( EN ) Le tappe fondamentali della Telekom turca , su turktelekom.com.tr , Türk Telekomünikasyon A.Ş.. URL consultato il 27 dicembre 2015 (archiviato dall' url originale il 3 marzo 2006) .
  69. ^ a b AA, Istanbul'da suç oranlari yüzde 25 düstü [ collegamento interrotto ] , su zaman.com.tr , 18 luglio 2009.
  70. ^ İ.Ü. Bilgisayar Bilimleri, History of Istanbul University (Turkish) , su istanbul.edu.tr . URL consultato il 20 giugno 2009 .
  71. ^ World Oldest Universities , su topuniversities.com . URL consultato il 20 giugno 2009 (archiviato dall' url originale il 26 maggio 2008) .
  72. ^ Radiomap.eu – Radio Stations in Istanbul , su radiomap.eu.com , Radiomap.eu. URL consultato il 24 febbraio 2010 (archiviato dall' url originale il 10 luglio 2011) .
  73. ^ Istanbul's Hamam , su Where to go in Istanbul . URL consultato il 22 febbraio 2007 (archiviato dall' url originale il 7 maggio 2008) .
  74. ^ The Municipal Council , su ibb.gov.tr , Istanbul Metropolitan Municipality. URL consultato il 13 marzo 2011 .
  75. ^ Legal Frame , su ibb.gov.tr , Istanbul Metropolitan Municipality. URL consultato il 13 marzo 2011 .
  76. ^ Gareth Jenkins, Turkey's new rich find the Midas touch , in The Sunday Times , UK, 9 marzo 2008. URL consultato il 18 giugno 2009 .
  77. ^ Istanbul Stock Exchange: History of the Istanbul Stock Exchange , su imkb.gov.tr . URL consultato il 14 luglio 2009 (archiviato dall' url originale il 25 febbraio 2012) .
  78. ^ a b Ottoman Bank Museum , su obmuze.com , Ottoman Bank Museum. URL consultato il 18 giugno 2009 (archiviato dall' url originale il 18 maggio 2009) .
  79. ^ Istanbul Stock Exchange: "İMKB'nin Kuruluşundan İtibaren Önemli Gelişmeler" (Timeline of important events since 1985) , su imkb.gov.tr , 31 luglio 2000. URL consultato il 14 luglio 2009 (archiviato dall' url originale il 25 febbraio 2012) .
  80. ^ PricewaterhouseCoopers : UK Economic Outlook and Global City GDP Ranking 2005–2020 Full Report (PDF) Archiviato il 27 maggio 2008 in Internet Archive .
  81. ^ CNN Türk: Dış ticaretin lokomotifi İstanbul (Istanbul is the locomotive of foreign trade) Archiviato il 17 giugno 2008 in Internet Archive .
  82. ^ Hürriyet: 2006'da Türkiye'ye gelen turist başına harcama 728 dolara indi , su hurriyet.com.tr . URL consultato il 28 maggio 2009 .
  83. ^ Turist sayısı genelde düştü İstanbul'da arttı , su sabah.com.tr , Sabah. URL consultato il 28 maggio 2009 (archiviato dall' url originale il 26 febbraio 2008) .
  84. ^ EIBTM 2007 – The Global Meetings & Incentive Exhibition for the MICE Industry , su eibtm.com , Reed Exhibitions Limited (member of the Association of Event Organisers (AEO)). URL consultato l'11 marzo 2006 (archiviato dall' url originale il 29 settembre 2007) .
  85. ^ Fransız Sokağı , su istanbul.gov.tr , Governorship of Istanbul. URL consultato il 13 luglio 2009 (archiviato dall' url originale il 5 dicembre 2010) .
  86. ^ Zeynep Üner, En iyi balıkçılar , su timeoutistanbul.com , TimeOut Istanbul, febbraio 2008. URL consultato il 13 luglio 2009 (archiviato dall' url originale il 17 luglio 2011) .
  87. ^ Dale M. Brown, Hooked on Istanbul seafood , CNN TravelGuide, 14 ottobre 1999. URL consultato il 13 luglio 2009 .
  88. ^ Official website of Babylon night club in Istanbul , su babylon.com.tr . URL consultato il 24 giugno 2009 (archiviato dall' url originale il 1º agosto 2009) .
  89. ^ Official website of Sortie Beyoğlu and Sortie Ortaköy night clubs in Istanbul , su sortie.com.tr . URL consultato il 24 giugno 2009 .
  90. ^ Fashion TV Formula 1 Grand Prix Party at Sortie, Istanbul , su youtube.com , Fashion TV, 2007. URL consultato il 24 giugno 2009 .
  91. ^ Official website of Reina night club in Ortaköy, Istanbul , su reina.com.tr . URL consultato il 24 giugno 2009 (archiviato dall' url originale il 6 ottobre 2008) .
  92. ^ Formula 1 Party at Reina, Istanbul , su youtube.com , F1 TV, 2006. URL consultato il 24 giugno 2009 .
  93. ^ Official website of Istanbul Doors – Anjelique night club in Istanbul , su istanbuldoors.com . URL consultato il 24 giugno 2009 (archiviato dall' url originale il 12 luglio 2009) .
  94. ^ Official website of Kuruçeşme Arena , su kurucesmearena.net . URL consultato il 24 giugno 2009 (archiviato dall' url originale il 17 maggio 2008) .
  95. ^ Official website of Parkorman , su parkorman.com.tr . URL consultato il 24 giugno 2009 .
  96. ^ ( TR ) Sabiha Gökçen Havaalanı - NeredenNereye.com , su NeredenNereye . URL consultato il 10 agosto 2016 (archiviato dall' url originale il 12 agosto 2016) .
  97. ^ a b c d Şirket-i Hayriye , su sirketihayriye.com , Şirket-i Hayriye. URL consultato il 18 giugno 2009 (archiviato dall' url originale il 20 maggio 2009) .
  98. ^ Kanal Istanbul, come Erdogan vuole distruggere una città. Il regime in affari edilizi col Qatar , su Greenreport: economia ecologica e sviluppo sostenibile , 3 gennaio 2020. URL consultato il 5 giugno 2020 .
  99. ^ Orient Express , su britannica.com , Britannica Online, settembre 2007. URL consultato il 27 settembre 2007 .
  100. ^ Raylı Sistemler Günde 90.000 Özel Aracın Trafiğe Çıkmasını Önlüyor , su istanbul-ulasim.com.tr , Istanbul Metropolitan Municipality, Department of Urban Transportation, 25 luglio 2008. URL consultato il 3 giugno 2009 (archiviato dall' url originale il 23 febbraio 2020) .
  101. ^ İstanbul'da ulaşımın miladı , su iett.gov.tr , İ.ETT. URL consultato il 18 giugno 2009 (archiviato dall' url originale il 18 marzo 2009) .
  102. ^ a b c d e The Tunnel , su iett.gov.tr , IETT. URL consultato il 20 giugno 2009 .
  103. ^ a b FUNİKÜLER SİSTEM Kabataş – Taksim , su istanbul.net.tr , İstanbul Ulaşım. URL consultato il 20 giugno 2009 (archiviato dall' url originale il 20 agosto 2008) .
  104. ^ a b c Istanbul Metropolitan Municipality: Taksim – 4. Levent metro hattı , su ibb.gov.tr . URL consultato il 21 luglio 2009 (archiviato dall' url originale il 26 giugno 2009) .
  105. ^ Metro, Şişhane'den Maslak'a uzadı , su ibb.gov.tr , Istanbul Metropolitan Municipality, 30 gennaio 2009. URL consultato il 20 luglio 2009 .
  106. ^ Istanbul Metropolitan Municipality: Taksim-Yenikapı metro hattı , su ibb.gov.tr . URL consultato il 21 luglio 2009 (archiviato dall' url originale il 24 aprile 2009) .
  107. ^ Istanbul Metropolitan Municipality: Taksim-Ayazağa-Hacıosman metro hattı , su ibb.gov.tr . URL consultato il 21 luglio 2009 (archiviato dall' url originale il 6 maggio 2009) .
  108. ^ Istanbul Metropolitan Municipality: Kadıköy-Kartal Metro Hattı , su ibb.gov.tr , 28 gennaio 2005. URL consultato il 21 luglio 2009 (archiviato dall' url originale il 5 maggio 2009) .
  109. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap aq ar as Istanbul Metropolitan Municipality: Cities which signed Sistership, Cooperation and Goodwill treaties with Istanbul
  110. ^ Città partner
  111. ^ città gemellate dal sito di Costanza , su primaria-constanta.ro . URL consultato il 25 luglio 2010 (archiviato dall' url originale il 25 luglio 2010) .
  112. ^ Sarah Guberti Bassett, The Antiquities in the Hippodrome of Constantinople , in Dumbarton Oaks Papers , vol. 45, Dumbarton Oaks, Trustees for Harvard University, 1991, pp. 87-96, DOI : 10.2307/1291694 , JSTOR 1291694 .

Bibliografia

  • Edmondo De Amicis , Costantinopoli , Torino, Einaudi, 2007, ISBN 978-88-06-19047-7 . Sei capitoli degli originali 17 pubblicati nel 1878, con un saggio introduttivo di Umberto Eco ( Istanbul, Una e Trina ) e uno di Luca Scarlini ( Costantinopoli: un viaggio per libri e per mare ).
  • Aleksandr Petrovič Každan , Bisanzio e la sua civiltà , traduzione di Giovanna Arcetri, Bari, Laterza, 1995, ISBN 88-420-4691-4 . Saggio sulla cultura bizantina tra il X e il XII secolo.
  • Philip Mansel, Costantinopoli - Splendore e declino della capitale dell'impero ottomano - 1453-1924 , traduzione di Carla Lazzari, Milano, Mondadori, 1997, ISBN 88-04-41795-1 .
  • Orhan Pamuk , İstanbul: Hatıralar ve Şehir , Istanbul, Yapi Kredi Yayinlari, 2003. Tradotto in italiano Istanbul. I ricordi e la città , Torino, Einaudi, 2006, ISBN 88-06-17899-7 . Una sorta di "guida" alla storia culturale e sociale della città attraverso le memorie di uno dei maggiori scrittori turchi contemporanei.
  • Silvia Ronchey e Tommaso Braccini, Il romanzo di Costantinopoli. Guida letteraria alla Roma d'Oriente , Torino, 2010, ISBN 978-88-06-18921-1 .
  • Cristobal de Villalón, Dal viaggio in Turchia , selezione e introduzione di Antonio Gasparetti , Bari, Edizioni Paoline, 1962, SBN IT\ICCU\TO0\0898299 . Selezione dal resoconto Viaje de Turquia pubblicato dal viaggiatore spagnolo Cristobal de Villalón nel 1557.
  • Peter Clark, Istanbul. Ritratto di una città , prefazione di Moris Farhi; traduzione di Massimiliano Marconi, Bologna, Odoya, 2012, ISBN 978-88-6288-140-1 .
  • AA.VV., Bisanzio, Costantinopoli, Istanbul , a cura di Tania Velmans, traduzione di Lucia Mezzetti e Chiara Formis, Jaca Book, Milano, 2008

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 135931454 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2164 1665 · LCCN ( EN ) n79034985 · GND ( DE ) 4027821-9 · BNF ( FR ) cb11864652s (data) · NDL ( EN , JA ) 00628218 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79034985