Islam

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Islam (disambiguation) .
Non Bondye ( Allāh ) an arab
Yon Kwasan tipik ak zetwal ki vle di soti sou dom yo nan moske ak vle di soti sou drapo yo nan divès eta Islamik

Islam (pwononse nan Italyen AFI : / izlam / (tradisyonèl) oswa / izlam / (komen) [1] [2] ; nan Arabic : إسلام, Islam [ʔɪslæːm] [3] ) se yon Abrahamic monoteyis relijyon premye fwa nan la Penensil Arabi , nan vil la Higiazena nan Lamèk , nan setyèm syèk la nan epòk la kretyen devwale bay Muhammad , konsidere pa Mizilman dènye pwofèt la nan lwa a, "sele pwofèt yo" ( Khātam al-Nabiyyīn ), voye pa Allah nan mond lan definitivman reyafime revelasyon an , te anonse pou premye fwa a Adan , premye nonm lan ak premye pwofèt la.

Avèk apeprè 1.8 milya dola fidèl, oswa 23% nan popilasyon mondyal la , [4] [5] Islam se dezyèm pi gwo relijyon nan mond lan (apre Krisyanis ) ak gen anpil yon to kwasans patikilyèman siyifikatif. [6] [7] [8]

13% nan Mizilman ap viv nan Endonezi , ki se tou ki pi peple peyi a Mizilman yo, 25% nan pwovens Lazi di sid , 20% nan Pwòch Oryan an , Maghreb ak Mwayen Oryan ak 15% nan Sub-Saharan Afwik . [9] Minorite konsiderab yo jwenn tou nan Ewòp , Lachin , Larisi ak Amerik la .

Senbòl la nan Kwasan a ak etwal , ki deja yon senbòl nan lavil la pou plizyè syèk, te adopte pa Otoman yo ak kaptire nan Konstantinòp nan 1453 . [10]

Green ta dwe pou anpil moun nan koulè Islam (gade rad vèt Muhammad la ak jodi a drapo yo nan Arabi Saoudit , Aljeri , Pakistan ak Lig Arab la ), pandan ke pou lòt moun li ta dwe koulè a ​​nan chiism pou kont li (gade yon fwa drapo a nan Fatimids yo ), men an reyalite Muhammad ak jeneral li yo te itilize tou endiferan banyèr blan (gade nan tan lontan an itilize nan seremoni pa Umayyads yo ak jodi a pa Organizationganizasyon an nan koperasyon Islamik ), nwa (pa kalifat la Rashidun ak pa Abbasids yo ) ak wouj ( wè jodi a chiit kizilbash ak drapo yo nan Endonezi , Bahrain , Tinizi ak Latiki ).

Etimoloji ak siyifikasyon

Detay enteryè Moske Sheikh Lotfollah nan Esfahan ( Iran )

Islam se yon non vèbal ki ka tradwi kòm " soumèt, abandon, rann tèt total [nan tèt li bay Bondye]" [11] ki sòti nan rasin aslama , konjonksyon kozatif nan salima ("yo dwe oswa mete tèt li nan yon eta de sekirite "), epi li konekte yon salām (" lapè "). [12]

Nan lang arab mo a se yon maṣdar ( non actionis ) nan fòm IV, ak alonjman vwayèl ak aksan Tonik sou dezyèm rasin lan ( lam ). Nan lang relijye, konsèp la ka tradwi ak parafraz a: "antre nan yon eta de lapè ak sekirite ak Bondye nan soumisyon ak rann tèt li" [13] . Nan Koran an li pafwa sipoze karakteristik nan yon kalite enteryè nan fidèl yo: " Allah louvri kè l 'bay Islam bay moun li vle gide "; [14] lòt vèsè konekte Islām ak Dīn , apeprè tradiktib kòm «relijyon»: « Jodi a mwen te fè relijyon ou a [ dīn ] pafè , mwen te konplete favè mwen pou ou e mwen te renmen ba ou Islam kòm relijyon ou ». [15] Gen lòt ki dekri Islam kòm "zak la retounen nan Bondye" (depi dapre Mizilman tout Mizilman vivan ta dwe inyorans Mizilman, tankou k ap viv nan linivè a ki te kreye pa Bondye, gen kèk konnen lè yo fòmèlman konvèti, retounen konsa nan Islam) , olye ke yon afimasyon vèbal lafwa. [16]

Mo Islam la Se poutèt sa pa lye nan yon pèsonalite oswa nan yon gwoup etnik, men nan lide santral la nan kwayans relijye li yo. [17]

Nan adit Gabriel a ( adit Jibrīl ) Islam prezante kòm yon pati nan yon triyad ki konpoze de iman ("lafwa") ak iḥsān ("ekselans"), kote definisyon teyolojik Islam la tawḥīd (afimasyon lafwa nan yon sèl ak sèlman bondye - savwa Allah - ak nan misyon an pwofetik nan Mohammed).

Gwo poto yo nan Islam

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Senk poto nan Islam .
Penti pa Jean-Léon Gérôme sou lapriyè sou yon do kay nan Cairo , peyi Lejip , 1865

Arkān al-Islām la ("gwo poto Islam") se senk devwa absoliman obligatwa pou chak Mizilman obsèvan (pubesant ak an sante nan kò ak lespri) pou kapab defini tèt li rezon.

Yo se:

  • shahāda a , oswa "temwayaj" nan lafwa (nan arab ﺷﻬﺎﺩة : odyo [ ? Info ] ):
Ašhadu yon La ilaha Illa Allah - WA ašhadu anna Muhammad yon Rassoul Allah
"Mwen temwaye ke pa gen okenn divinite men Bondye (Allah) e mwen temwaye ke Muḥammad se mesaje li ". [18]

Pou yo kapab valab, shahāda a dwe resite ak konpreyansyon konplè sou siyifikasyon li yo ak total senserite nan objektif. [19] Li sifizan, pou kont li, sanksyone aderans a Islam nan moun ki pwononse li [20] ;

  • ṣalāt la ( arab : صلاة ), priyè kanonik ki dwe fèt 5 fwa pa jou, nan moman espesifik ( awqāt ) ki make pa apèl la (an arab : أَذَان , adhān ): odyo [ ? · Info ] ) nan muezzin la ( arab : مؤذن , muʾadhdhin ), ki opere nan moske (jodi a souvan ranplase pa anrejistreman toupatou ak oratè) [21] ;
  • zakāt la ( arab : زكاة ), peman nan lajan - obligatwa pou chak Mizilman ki kapab peye li - ki fè richès li legal; pou yo bay pòv yo ak moun ki nan bezwen yo. Nan absans la prèske total nan Eta a k ap resevwa tradisyonèl - ki te doue ak ofisyèl espesyal ( ʿummāl , pl. Nan ʿāmil ) ak anpil pouvwa obligatwa - zakāt se jodi a sitou pwòp tèt ou-jere pa Mizilman yo relijyeu, menm si gen òganizasyon ki bay èd fidèl yo nan kolekte lajan yo dwe resevwa lajan nan travay charitab, pou realizasyon an nan ki Jurisprudans Islamik te toujou bay pou itilize nan montan lajan yo kolekte nan pratik sa a kanonik. [22] Sòm total la dwe peye, chak ane, kalkile sou baz yon kantite lajan taksab nan 2.5% sou kapital finansye a nan fidèl la, epi li valab tou pou konpayi yo. OCHA te kalkile ke komèsan anyèl peman sa yo, omwen, menm kenz fwa pi wo pase valè total rès don yo atravè lemond; [23] [24]
  • Ṣawm ramaḍān ( arab : صص رمضان ), oswa jèn nan ramaḍān - soti nan solèy leve solèy kouche - pandan mwa a linè nan Ramadan pou moun ki kapab sipòte li san yo pa konsekans konkrè negatif pou sante yo;
  • Ḥajj ( arab : حج ), kanonik pelerinaj nan Lamèk ak anviwònman omwen yon fwa nan yon lavi, nan mwa a linè nan Dhū l-ḥijja , pou moun ki kapab sipòte li fizikman ak ekonomikman.

Inivèsèl Islamik

Islam se konsidere pa fidèl li yo yo dwe seri a nan revelasyon akòde pa Allah sou limanite depi lè a nan premye pwofèt li yo , Adan . Soti nan pwen de vi nan Mizilman yo, Islam dwe Se poutèt sa pa dwe konsidere kòm yon Revelasyon plis ki gen rapò ak de lòt konfyans yo gwo monoteist ( Jidayis ak Krisyanis ), men kòm renesans la enyèm nan volonte diven nan limanite, te fè ki nesesè pa deformation yo kontinyèl ( taḥrīf ) entèvni kòm yon efè nan koule nan tan ak aksyon an (pafwa move) nan gason. Tora ( Tōrāh ), Sòm ( Zabūr pou Mizilman), Avestā ak Levanjil ( Injīl ), kote Vedas Endouyis yo pral ajoute tou , se poutèt sa yo konsidere kòm tèks ki, orijinal, pa t 'gen revelasyon lòt pase yon sèl Koranik la.

Pou rezon sa a li kòrèk defini Muhammad "Bouche pwofèt yo" ( khaṭam al-nabiyyīn ) e li se yon prensip fondamantal pou lafwa Islamik la kwè ke ak lanmò li sik pwofetik la te fini pou tout tan, tèlman bagay ke li te akize nan maksimòm enpyete ( kufra ), ak an reyalite mete deyò Islam, nenpòt moun ki deklare li relouvri. Nan Islam, Se poutèt sa, Ansyen ak Nouvo Testaman yo pa totalman neglije, orijin selès la nan ki pa diskite, rekonèt kòm yon konsekans ki lojik karismatik nan pwofèt yo Ansyen Testaman (soti nan Adan Noe , soti nan Abraram Moyiz ), osi byen tankou sa Jezi ; sepandan revelasyon pwofetik sa yo ta dwe genyen nan Bib la nan jwif yo ak kretyen sèlman nan yon fòm kòwonpi ak defòme, Se poutèt sa, pa natif natal ak veridik (akòz tradiksyon ak erè aksidan epi yo pa nan transmisyon a). Dapre Mizilman yo, Koran an Se poutèt sa se sèlman e pa gen okenn ankò modifye afimasyon nan volonte diven an, destine yo rete san okenn chanjman jouk Jou Jijman an .

Konsepsyon Bondye a

Fòmil la ki louvri tout suras yo nan Koran an, eksepte nevyèm lan: "Bi-smi llāhi al-Raḥmāni al-Raḥīmi" (Nan non Bondye, Clement la, konpasyon an)
Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Bondye (Islam) .

Nan Koran an, Sura CXII - al-Ikhlāṣ oswa "nan adorasyon sensè" - bay definisyon an ke Bondye bay nan tèt li:

Di, "Li, Bondye, se yon sèl, Bondye, ki p'ap janm fini an. Li pa t 'fè ni li pa t' fè pitit, pesonn pa egal ak li " (an arab : odyo [ ? Info ] ). [25]

Sura sa a konsidere kòm sentèz pafè nan Inite Islamik, oswa Tawḥīd , ki an vire enkòpore karakteristik sa yo nan Bondye: li se Youn ( wāḥid ) ak Youn ( aḥad ).
Èske w gen karakteristik sa yo, Islam ouvètman rejte Trinité a ak vizyon diven an nan Jezi , men ap tann retounen li nan fen tan. [26] Bondye, yon antite konplètman transandant, egziste san yo pa pran plas depi li menm li se plas la nan egzistans li; sibstansyèl, enkòporèl, pa defini epi yo pa reprezante. Tout egzistans lan, ki se li ki kreyatè a ansyen-nihilo , se pa gen anyen men siy li, manifestasyon li yo ak refleksyon l 'nan ki li fè tèt li konesans: [27]

“Mwen te yon trezò kache e mwen te vle konnen. Mwen te kreye bèt pou li te ye. " [28]

Epi se poutèt sa pa mete konfyans li nan tèt Bondye ke Mizilman yo jwenn konsèy Seyè a:

"Mwen dapre lide sèvitè mwen an sou mwen, epi mwen avè l 'lè li mansyone m'; epi si li mansyone m 'nan kè l', mwen mansyone l 'nan kè m'. Men, si li mansyone m 'nan piblik, mwen mansyone l' nan yon odyans pi bon pase sa; epi si li apwoche m 'nan yon pous, mwen apwoche l' nan yon koude; epi si li apwoche m 'nan yon koude, mwen apwoche l' nan yon bra; epi si li vini mache vin jwenn mwen, mwen ale nan li kouri. " . [29]

Lavi, syans, pouvwa, volonte, tande, je ak lapawòl se atribi ki, byenke totalman ki fè pati li, pa chanje inite li yo. Tan se pa yon kreyasyon ontolojikman diferan de li . Li sipèvize lavi moun [30] san yo pa kapab wè l ', depi " sanble yo pa kenbe l', li kenbe tout je ", [31] men li pare pou ede yo si yo bezwen li [32] epi li se bay moun " pi pre pase venn jugulèr la ", [33] fè nenpòt entèmedyè Prètye inutiles. Atravè 99 non li yo li posib envoke l ', [34] men yo bay nati transandant ak fènwa l' bay moun " pa gen anyen tankou l ' ", [35] Islam rejte lide ke Bondye sanble ak kèk fason ak bèt imen l' oswa ki gen espas ki la mwendr pou yon KONSEPSYON antropomorf nan Allah.
99 non Bondye yo vize pou kalifye esans li ( kawn ), ki te fè eksplisit nan lis atribi sa a: li ta dwe, pami lòt bagay, p'ap janm fini an ( Ṣāmad [36] ), verite a ( al-Ḥaqq [37] ) , ki deja egziste nan tèt li ( al-Ḥayy al-Qayyūm [38] ), Sublime a ( al-ʿAẓīm [39] ), pwisan an ( Qadīr , [40] ), ki gen bon konprann ( al-Ḥakīm [41] ), men tou al-Badīʾ , "Kreyatè a nan tout bagay sa yo". [42] Omnisyans li te deklare klèman:

"Li se premye a ak dènye a, evidan an ak kache a, epi li konnen tout bagay." [43]

Kote pou adore

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Achitekti Islamik ak Atizay Islamik .

Moske a (nan arab masjid , nan pliryèl masājid ) se deziyen (men pa esansyèl) kote pou Ṣalāt . Pa nesesèman delege pou rezon litijik, li tou aji kòm yon kote nan reyinyon, etid e menm rès. Anndan li se itilize fè senk priyè yo chak jou obligatwa, kraze nan jèn nan ramaḍān la , koleksyon an ak répartition nan fon yo nan zakāt la .

Soti nan pwen de vi istorik la, jodi a nou ka toujou jwenn nan moske atravè mond lan eleman ki te entwodwi pa premye moske yo nan Lamèk ak Medina : sa a se ka a nan miḥrāb a , nan minbar a , ak nan yon gwo lakou ekstèn, sahn la ( ki ta pita gaye tou nan kay prive), nan ki gen souvan sous, oswa ḥawḍ , endispansab pou fini nan ablisyon ki nesesè pou reyisit nan pite seremoni .

Moske a reprezante byen lwen ekspresyon pre-eminan nan achitekti Islamik , nan vire enfliyanse pa règleman yo ki kontwole atizay sakre an jeneral: Se poutèt sa, an jeneral, pa gen okenn reprezantasyon imen oswa bèt. Jewometri Se poutèt sa sipoze yon wòl nan koneksyon ant reyalite imen ak transandans diven, yo bay nati a enfini ak omniprezant, yon sèl ak sèlman nan Allah . Pou pwojè prensip sa yo, ki fè pati doktrin Islamik teyolojik la oswa tawḥīd , yo itilize fòm ak dekorasyon nan moske ki vize pou transmèt bay fidèl yo konsyans konsènan korelasyon fèmen ki egziste ant mond ekstèn fòm lan ak mond entèn la nan reyalite diven, tou de ke yo te, pou KONSEPSYON Islamik la, ki fè pati Allah , konsidere tou de al-Ẓāhir , "Manifès", ak al-Bātin , "occult". [44] .

Paske nan relasyon sere sa a ant teyoloji ak jeyometri, achitèk Mizilman yo te fè pwogrè konsiderab nan syans matematik yo, dekouvri, pou egzanp, fòmil ki ta sèlman vin li te ye nan Lwès la nan ventyèm syèk la . [45] Ekspresyon prensipal rechèch sa a se girih ak arabesque .

Opozisyon an pou reprezante imaj imen dikte nan absans nan panse Sunni Islamik sou konsèp sentete a ak pa posibilite ke nenpòt moun - ak eksepsyon de Mohammed - ka lapriyè Bondye pou yo te imen an, osi byen ke pa egzak la detèminasyon yo anpeche nenpòt koripsyon idolatr nan kil la.

Rituèl ak liturji

Predikatè Sid Afriken Ahmed Deedat [46] diskite ke orijin nan kèk pratik relijye kanonik yo dwe remonte nan sa yo ki nan plizyè pwofèt pre- Mohammed nan Islam, tankou Abraram , Moyiz oswa Jezi . Yo ta dwe:

  • retire soulye nan kote ki apa pou Bondye, dapre sa Bondye te di Moyiz sou mòn Sinayi a; [47]
  • fè ablisyon seremoni, oswa wuḍūʾ , dapre sa Bondye te bay Moyiz ak Arawon lòd; [48]
  • Prostrating ak figi a vire sou tè a, oswa sujūd , jan sa te fèt pa Jezi, [49] Abraram, [50] Moyiz [51] ak Jozye; [47]
  • jèn, oswa ṣawm , menm jan ak Yom Kippur ak jene a konplètman mirak fèt pa Jezi (detay yo ki pa li te ye) pou 40 jou ak 40 nwit. [52]

Se venerasyon an nan debri yo konsidere kòm yon koripsyon nan lafwa a, [53] osi byen ke, an jeneral, kwayans nan posibilite ke moun k'ap sèvi Bondye yo ( Wali ) ka lapriyè Bondye pou moun ki vivan yo; pozisyon ki fèt sou enpilsyon nan vèsè perentoryèl. [54] Gen, sepandan, eksepsyon, antyèman minoritè ak sitou ki gen yon baz etnik, [55] konsènan debri; pandan ke sou pèp Bondye a chiit yo ak kèk fratènite Sufi diferan de majorite a Sunni .

Pami pratik relijye yo, priyè obligatwa - āalāt - konsidere kòm pi enpòtan an:

«Lapriyè se poto relijyon. Nenpòt moun ki entansyonèlman echwe pou pou fè li detwi relijyon pwòp li yo " [56]

Lòt pratik, ki fèt sitou nan fratènite mistik yo gaye nan tout mond Islamik la, se:

  • Murāqaba a oswa "meditasyon", lajman pratike pa Muhammad nan retrè li sou mòn Ḥirāʾ , ak pratik la yo rele taḥannuth ;
  • dhikr la , defini kòm "chonje" oswa "envokasyon Bondye", ki fèt sou baz anpil vèsè koranik tankou moun ki kwè, moun ki gen kè yo kalme pa chonje Bondye a (se pa avèk memwa Bondye ke kè yo kalme?) - moun ki kwè, moun ki fè bon, chans pou yo, bon retounen nan yo nan fen a! . [57] Pou repete sitou an silans, li anjeneral konstitye pa premye pati nan tawḥīd : lā ilāha illā Allāh oswa pa takbīr : Allāh [u] Akbar , oswa pa senp Li (Li);
  • mouvman an wotasyon sou tèt yo nan dèrvich yo , patikilyèman pratike pa lòd la nan Mevlevi la .

Malgre ke pratik sa yo kapab fèt tou an prive, anjeneral sa pa rive. An reyalite, nan absans legliz la, Mizilman an responsab pou pwòp lafwa li ( īmān ) e se pou sa ankouraje pou antoure tèt li ak konpayi moun ki jis yo ki ka ede l mache sou chemen Allah , menm jan Sheikh Abu Madyan Shu'ayb te di .:

Plezi a nan lavi a se sèlman nan konpayi an nan fuqarāʾ . [58] Yo se sultan yo, pwofesè yo ak chèf yo. Faqir a se youn nan moun ki te abandone rechèch la initil nan mond sa a antreprann rechèch la pou Imobilye nan, se sa ki, pou sekrè a nan egzistans li. Premye kondisyon rechèch sa a se konpayi lòt moun ki ta vle jwenn syans sa a. Fè pati nan yo vle di pataje difikilte yo ak kè kontan yo. Nan premye fwa, faqīr la wè enpèfeksyon yo nan souarāʾ la . Lè li aprann ke yo se yon glas l '- jan pi popilè adit la anseye [59] - li sispann goumen yo ak renmen pou rayisab Allah a kòmanse ap monte nan kè l'. Nan fason sa a li apwoksimatif Shaykh la. [60]

Pwofèt yo

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Pwofèt Islam ak Muhammad .

Mizilman yo deklare ke relijyon yo dirèkteman lye a tradisyon relijye yo ki ta preche pa patriyach biblik Abraram lan, konsidere pa Mohammed kòm predesesè ki pi autorité l 'yo. Rezon ki fè la se ke Islam se (omwen okòmansman) relijyon an nan Arab yo , pitit pitit Izmayèl , pandan y ap jwif yo ta dwe pitit pitit Izarak ak kretyen yo ta dwe boujonnen pa Jidayis kòm yon rèd jwif ki ak Pòl nan Tas te kòmanse akeyi tou ki pa jwif yo. Ak Izmayèl ak Izarak te pitit Abraram, byenke premye a te nan yon manman Arab ak dezyèm Izrayelit la (reyalite, sepandan, ki pa gen okenn siyifikasyon patikilye nan yon kilti patriyalin ak patriyakal). Se poutèt sa, nan yon fason piman fòmèl, Islam klase kòm yon relijyon Abraramik , sou yon egalite ak Jidayis ak Krisyanis .

Premye pwofèt Islamik la ta tou te Adan ak, apre l ', Idris, ak Lè sa a, Nūḥ ( Noe ). Yo konte pami anpil pwofèt Islamik yo, apre Ibrāhīm ( Abraram ), kouzen li Lūt, pitit gason l 'Isḥāq ( Isaac ) ak Ismāʿīl ( Ishmael ), Yaʿqūb ( Jacob ), Yūsuf ( Joseph ), Mūsā ( Moyiz ), Dāwūd ( David ) , Sulaymān ( Salomon ), Yaḥyā ( Jan Batis ) ak, anvan Muḥammad, ʿĪsā ibn Maryam (sa vle di Jezi, moun Nazarèt, pitit gason Maryam, se li ki nan yon lòt kontèks yo rele Mari ), [61] Mari konsidere tou nan Koran an kòm yon egzanp Sublime nan devosyon fanm nan Bondye.

Gen kèk pwofèt site pa Koran an yo pa anjeneral idantifye ak sa yo pwofesi, oswa idantifikasyon yo se endesi: Idris (pwopozisyon prensipal Enòk ak Esdras ), Salih (pwobableman pwofesi Sela a ), HUD (pou kèk Ebè ), Shu'ayb (pwopoze Ietro , ini nan lefèt ke yo tou de Midianites), Dhū l-Kifl (pwopoze Jòb ak Ezekiel ), Dhū l-Qidr oswa Dhū l-Qadir (istwa li petèt enspire pa erè nan sa yo ki an Babilòn Ūmnapīštīm a , oswa Sumerian Ziusudra a , menm jan ak Noe ') ak Dhū l-Qarnayn (Bicorne a), idantifye sitou ak Aleksann Legran oswa Siris Gran , men tou ak Salomon .

Apre Muhammad, ki te rele pou sa a "sele a nan pwofèt yo" ( khātim al-anbiyāʾ ), li se yon dogmatik pou Islam ki pwofesi fini ak kwayans nan relouvri nan sik la pwofetik se sètènman konsidere pa Sunnism ak chiism kufra (enfidèl).

Kilt la

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Jou Ferye Islamik .

Pandan ke adore Bondye a, ki rele Allah, imuiabl ak konplètman endiferan nan tan an ak nan espas fizik la nan ki li se pratike, litijri a eksprime ka nan okazyon divès kalite adapte olye de tan an ak kote kote fidèl yo ap viv la. Sa a se nan koerans pafè ak prensip la pataje ke Islam se yon relijyon wusṭa , se sa ki, mete sou yon liy "medyàn" ki gen rapò ak opoze yo ekstrèm konstitye pa ateism sou men nan yon sèl ak pa yon fòmalism fasad rijid, pa anvayi pa reyèl konpreyansyon ak soti nan tolerans nan direksyon pou moun ki fè erè. [62] Deklarasyon Muhammad a byen li te ye, selon ki Islam abomine eksè ak fanatik, ki baze sou sipozisyon an, repete plizyè fwa nan Koran an , ke "Bondye pa renmen moun ki twòp" (II: 190; VI: 141; VII: 31; ksvii: 26-27; XXV: 67; XLIV: 31 ak LVII: 23). Pou rezon sa a, rigè a ekstrèm an tèm de tou de lèt la ak sa ki nan lalwa Moyiz la koresponn ak reyalite a fleksibilite ekstrèm.

Sepandan, yon vizyon etnosantrik nan kil Islamik la te mennen, pandan kou a nan istwa Ewopeyen an, nan pi gwo Malantandi: si pou Ewopeyen medyeval Muhammad te yon kretyen schismatic [63] [64] kwayans sa a te evolye sou syèk yo, jiska transfòme Mizilman nan " Mohammedans "; kwayans sa a te pasyèlman toupatou tou nan ventyèm syèk la - petèt alimenté pa yon vizyon nan Islam ki miwa ke kretyen yo gen nan pwòp relijyon yo ak an patikilye nan figi Kris la, divinize ak Se poutèt sa adore. An reyalite, yon Mizilman ki adore Mohammed, oswa nenpòt lòt pwofèt devan l ', ta komèt erè a grav anpil nan echanj mesaje yo, se sa ki, pwofèt yo Bondye te voye sou tè a anonse revelasyon an monoteist, ak mesaj la, Bondye a sèl ( wāḥid ) ak Youn ( aḥad ) ki pa te fè pitit epi ki pa te fèt ( lam yalid wa lam yūlad ) ki ta enstwi Muhammad anonse dènye, revelasyon definitif la, konsa fè l '"sele pwofèt yo" ( khātim al- anbiyāʾ ).

Tèks sakre

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: koran ak Sunna .
Dòm wòch la sou mòn tanp lan nan Jerizalèm , twazyèm vil ki pi sen nan Islam Sunni

Tèks fondamantal Mizilman yo refere yo, nan lòd enpòtans:

  • Koran an (literalman "resitasyon"), ki se konsidere pa Mizilman yo dwe eksprime mo pou mo pa Bondye ( Allah ). Mizilman kwè ke Muhammad te resevwa Koran an nan men Bondye atravè arkanj Gabriel la , ki moun ki ta revele l 'nan lang arab. [65] Se poutèt sa fondamantal Islamik zak litijik yo resite nan lang sa a nan tout mond lan Mizilman yo. Apre Revelasyon an te resevwa nan men Muhammad, Islam kwè, pa dogmatik , ke pa gen okenn lòt pwofèt yo pral idantifye pa Bondye nan mitan moun. Dapre fidèl yo, Koran an pa te imedyatman mete nan ekri: Muhammad, dapre yon ipotèz tou adopte pa Mizilman yo , ta dwe analfabèt, [66] ak Koran an ta dwe parfe asimile pa l 'pa favè diven, konsa tankou kapab resite li san ezitasyon ak anbarasman bay disip li yo ki, souvan, memorize li nan vire yo. Se sèlman pita (anba kalif la Uthman ) li te mete nan ekri (pa kuttāb la ) ak ranje ak yon seri de aparèy grafik (pwen yo dyakritik nan divès kalite omografik konsòn yo arab ak vwayèl yo, oswa ḥarakāt ), nan moman Umayyad la gouvènè al-Ḥajjāj b. Yūsuf , nan direksyon pou fen syèk la 7th - nan konmansman an nan 8th la . Peryòd apre ki tèks la sakre rete absoliman chanje, men anvan ki yon pati nan chiism kenbe ke - malgre sacralite a ak otantisite nan liv la sakre apre Vulgate nan al-Hajjaj ibn Yusuf dwe konplètman rekonèt - Koran an se sepandan, kèk pasaj ki gen rapò ak wòl enpòtan nan 'Ali ibn Abi Talib ak pitit pitit li yo te rache. Travay ki pi konplè sou sijè sa a se Kitāb al-qirāʾāt Aḥmad ibn Muḥammad al-Sayyārī (oswa Kitāb al-tanzīl wa l-taḥrīf ) ( 9yèm syèk ) [67] ak dènye a nan Mīrzā al-Nūrī al-Ṭabarsī / Ṭabrisī avèk Faṣl li al-khiṭāb . [68]
  • Sunna a (literalman "koutim") se te fè leve nan yon seri de pawòl Muhammad a, reyalite, silans oswa inaksyon. Se poutèt sa ki baze sou adit (tradisyon legal-relijye), kolekte epi remèt pa temwen jije san danje. Li te mete nan fòm ekri sèlman nan syèk la 3rd nan kalandriye Islamik la ( 9yèm syèk ) nan sis liv yo ( al-kutub al-sitta ), ki pi enpòtan nan yo ki inivèsèl konsidere pa Mizilman yo sa yo ki nan Bukhārī ak Mizilman pandan y ap ... gen lòt ki te konpoze pa Ibn Māja , al-Nasāʾī , al-Tirmidhī ak Abū Dāwūd al-Sījistānī . Shiites yo flank yo ak travay tankou al-Kāfī fī ʿilm al-dīn pa Abū Jaʿfar Muḥammad b. Yaʿqūb al-Kulaynī / al-Kulīnī (d. 939); nonm lan Kitāb lā yaḥḍuruhu l-faqīh nan Abū Jaʿfar Muḥammad b. ʿAlī, otreman li te ye tankou Ibn al-Bābūya (oswa Bābawayh) al-Qummī ( d . 991) ak Tahdhīb al-aḥkām nan Abū Jaʿfar Muḥammad b. al-Ḥasan al-Ṭūsī (d. 1067 oswa 1068) (sanble nan kat liv yo ).

Mizilman kwè ke yo se nan enspirasyon diven, men pèvèti pa tan oswa pa malis la nan moun (ki nan lis nan lòd la pral tounen nan tan):

Dilèm nan si wi ou non trete Endou kòm politeyis yo dwe ofri opòtinite ant konvèsyon oswa lanmò te simonte gras a entèpretasyon nan anpil entelektyèl Mizilman yo, dapre ki Vedas yo te tou yon tèks ki gen orijin diven, kwake patikilyèman koripsyon.

Ansanm ak ekriti sakre yo, epi dirèkteman enspire pa yo, gen yon literati imans ki te pwodwi sou syèk yo pa kominote a nan doktè ki fè pati tou de Sunni ak chiit Islam: tèks nan fiqh (jurisprudans), nan kalām (teyoloji), nan tasawwuf (mistik ). Non è da trascurarsi infine che, soprattutto per quanto riguarda la mistica islamica o sufismo , molta pregevole letteratura è stata prodotta in versi da autori di espressione araba e persiana soprattutto, ma anche in turco, urdu ecc.

Obblighi morali e sociali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Finanza islamica .
Moschea del Profeta a Medina , seconda città sacra dell'Islam

Il musulmano ha dunque il dovere di assolvere al " jihād maggiore", additato letteralmente come "sforzo" o "impegno [del singolo] sulla Strada di Dio" ( jahada fī sabīl Allāh ), nella speranza di poter vedere nell'Aldilà il Suo Volto ( li-wajhihi ), grazie alla riuscita impegnativa lotta contro le pulsioni negative del proprio corpo e del proprio spirito.
Nella sua veste "minore", il jihād viene definito e differenziato dalla sharīʿa . Se infatti un'offesa o un'aggressione sono portate dalla Dār al-Ḥarb (il territorio esterno alla dār al-Islām, abitato da non musulmani) nel cuore della dār al-Islām (letteralmente "sede - o casa - dell'islam"), l'impegno a prendere le armi per contrastare ed eliminare l'oltraggio incombe su tutta la Umma , mentre se si intendesse realizzare l'espansione dei confini fisici e spirituali della Umma , l'impegno al jihād incomberebbe esclusivamente su volontari espressi dalla Umma . Nel primo caso si parla allora di far ʿayn (obbligo individuale), nel secondo invece di far kifāya (obbligo collettivo).

Generico obbligo è anche quello di "ordinare il bene e vietare il male" ( al-amr bi-l-maʿrūf wa nahy ʿan al-munkar ) ovunque essi si presentino, ricorrendo a ogni mezzo lecito e necessario (con la mano, la parola, la penna o la spada), laddove il bene e il male sono determinati esplicitamente da Dio nel Corano , dovendosi intendere come Bene la sua volontà e Male il disobbedirgli.

Nessuna "teologia naturale" è ammessa, che possa far presumere all'intelligenza umana di penetrare razionalmente i confini tra il volere di Dio e la sua non-volontà, essendo la creatura umana tenuta ad assoggettarsi senza distinguo al dettato coranico . In senso letterale, la parola "Islàm" significa infatti sottomissione , abbandono o obbedienza a Dio. Abbandono a un Progetto divino che concerne l'umanità intera e che l'uomo non può conoscere per la sua intrinseca limitatezza, al quale tuttavia esso si dovrà abbandonare, fiducioso della bontà e della misericordia divina. All'uomo è tutt'al più concesso, giacché ne ha ricevuto rivelazione attraverso i profeti, di riconoscere e interpretare i segni di Dio ( āyāt Allāh ). Come avvenuto al profeta Abramo la ragione umana, guidata dal disegno imperscrutabile ma trascendentalmente perfetto di Dio, è portata ad afferrare e riconoscere, in tutto ciò che perisce e muta, la prova incontrovertibile dell'esistenza e della necessità del Creatore che seguita a creare e ri-creare tutto l'esistente che, pervaso com'è dal suo spirito, senza di lui non potrebbe assolutamente continuare a esistere.
Riflettere sui segni di Dio è dunque un dovere del musulmano, come più volte ricorda il Corano (tra cui II:118, 164; III:190; VI:99; XIII:2-3; XXIV:43-54).

Molti musulmani credono che Dio - come la scuola degli ashariti , al contrario di quanto pensavano i mutaziliti e altri musulmani attuali e storici, che pensano che oltre al destino nella vita ci sia anche il caso e il libero arbitrio - non conceda mai il libero arbitrio all'uomo, essendo ogni atto (compreso quello umano) determinato da Dio. Egli dà all'uomo tutt'al più il possesso ( iktisāb ) dell'atto compiuto, mentre il presumere di poter creare qualcosa o di penetrare l'insondabile Volontà divina sono peccati di massima superbia, con la conseguenza che il volere divino dovrà essere accettato senza condizione alcuna da parte delle sue creature.

Questo avviene non solo nelle pratiche di culto - il cui obbligo non si considera assolto convenientemente senza l'osservanza precisa delle loro minuziose modalità (precise ritualità da osservare nel corso del pellegrinaggio obbligatorio alla Mecca e nei suoi dintorni) -, ma anche nell'ottemperare alle precise e cogenti norme alimentari che, secondo lo schema vetero-testamentario, non si giustificano con motivazioni di carattere razionale, in grado cioè di essere percepite dall'intelligenza umana, ma che devono essere accettate come tutto il resto "senza chiedersi il come e il perché" ( bi-lā kayfa ).

Parte di queste norme è il divieto di consumare carne che non sia lecita ( ḥalāl ), ovvero macellata con l'invocazione ad Allāh e menzionando il suo Nome ( Cor. , V:118, 119, 121) ovvero di animali morti per incidente o cause naturali (V:119): il divieto traeva origine da norme igieniche, ma uniformava anche altre regole diffuse in una società pre-islamica essenzialmente basata sulla pastorizia, che proibivano alcune carni alle donne della tribù, o che prevedevano la macellazione di alcuni capi di bestiame senza che fosse pronunciato il nome di Allah (VI, 138). La diversa legge alimentare data agli Ebrei nel Levitico (Lev. VII, 22-46; XI, 1-47; XIV, 3-21) - col divieto di consumare grasso degli ovini e dei bovini, eccetto quello del dorso, viscere o frammisto ad ossa - deve essere intesa come un castigo di Allāh per la loro ribellione ( Cor. , VI:146).

L'Aldilà

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Janna , Inferno islamico ed Escatologia islamica .

Alla creatura umana Allah riserva, a seconda della sua insondabile volontà e conoscenza del comportamento tenuto dalla sua creatura - un premio eterno o un castigo.
Il luogo in cui potranno essere godute le delizie paradisiache è il "Giardino" (in arabo : ﺟﻨـة ‎, Janna ), mentre il luogo in cui saranno scontate le azioni malvagie è il Fuoco (in arabo : ﻧﺎﺭ ‎, Nār ).
È oggetto di discussione tra i teologi musulmani il tema dell'eternità della pena infernale , alle quali assistette Maometto nel suo mistico viaggio notturno e ascesa al Cielo ( Isrāʾ e Miʿrāj ).
Abu al-Hasan al-Ash'ari sosteneva nella sua al-Ibāna ʿan uṣūl al-diyāna che l'inferno non sarebbe stato eterno per chi fosse stato musulmano ma, vista l'Onnipotenza divina, l'eternità del castigo non poteva essere asserita neppure per ogni altro essere umano. [69]

Matrimoni misti

La struttura familiare islamica permette ai musulmani di sposare donne di fede ebraica o cristiana (Sura V:5) che siano «miḥsanāt», tradotto con «fortificate» e interpretato con «oneste, caste e virtuose». [70] La moglie non musulmana ha diritto di esercitare il suo culto e di consumare i cibi che la sua religione permette. I figli devono essere educati secondo la religione del padre, a pena di ripudio . La moglie non musulmana può ereditare la sua parte attingendo a quel terzo che la legge islamica consente di legare a chi non sia parte legale di una successione. Alla donna musulmana è vietato sposare un uomo non musulmano. Tale disposizione discriminatoria è presente anche in altre culture giuridiche semitiche, compresa quella israelitica. [71] Una simile condizione è regolamentata da leggi dello Stato in gran parte dei paesi a maggioranza islamica.

Assenza di clero

Folla di pellegrini nella Spianata Sacra della Mecca , la città più santa dell'islam per la presenza della Kaʿba

Le correnti principali dell'Islam non ammettono né riconoscono clero e tanto meno gerarchie (indirettamente una forma di ambiente clericale esiste però nell'ambito sciita , in cui si crede che l'"Imam nascosto" eserciti un'ineffabile influenza sui marjaʿ al-taqlīd ), dal momento che si crede non possa esistere alcun intermediario fra Dio e le sue creature.

Da non confondere con il clero è la categoria degli imam : musulmani che per le loro conoscenze liturgiche sono incaricati dalla maggioranza dei fedeli di condurre nelle moschee la loro preghiera obbligatoria .

Neppure gli ʿulamāʾ , che si limitano a interpretare il Corano, possono essere avvicinati a una forma di clero, anche se, nell'assolvere alla loro funzione, di fatto tendono a riaffermare il ruolo privilegiato che deve svolgere la religione islamica nella società.

A un ben delimitato ambito giuridico vanno invece ricondotti i muftī , che sono autorizzati a esprimere pareri astratti nelle diverse fattispecie giuridiche, indicando se una data norma sia o meno coerente con l'impianto giuridico islamico.

Similmente devono essere considerati i qāḍī che, storicamente, erano di nomina governativa e chiamati a giudicare in base alle norme della sharīʿa all'interno di particolari tribunali (definiti sciaraitici ) che, un tempo, caratterizzavano le società islamiche ma che sono stati progressivamente soppiantati nella maggioranza dei Paesi islamici da tribunali statali che agiscono in base a una normativa che fa riferimento a codici, per lo più d'ispirazione occidentale, anche se condizionati dalla tradizione normativa sciaraitica .

Forma di ricerca interiore, il misticismo dell'islam è incarnato dai sufi .

Il fatto di rapportarsi direttamente con il sacro e di non ammettere intermediari tra uomo e Dio non rende necessaria la figura del sacerdote (cui quindi non sono, almeno nel Sunnismo, minimamente assimilabili gli ʿulamāʾ oi muftī ). Diverso il caso dello Sciismo, dove gli ayatollah fungono in qualche misura da intermediazione tra i devoti e l'" Imam nascosto", la cui parusia è attesa alla fine dei tempi, ma che agisce ineffabilmente proprio attraverso i dotti.

Scuole giuridiche e teologiche

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Fiqh , Kalam , Madhhab e Scuole e correnti islamiche .
Distribuzione delle scuole giuridico-religiose islamiche nel mondo
Distribuzione delle scuole giuridico-religiose islamiche nel mondo

Se ognuno è sacerdote di se stesso e responsabile dei suoi errori, il discrimine fra quanto è considerato consono all'islam e quanto gli è contrario potrà scaturire solo dall'approfondito dibattito fra esperti "dottori" ( ʿulamāʾ ) che abbiano compiuto i necessari studi all'interno di strutture d'insegnamento religioso, la cui affidabilità sia riconosciuta senza riserve.

Esiste in materia un pluralismo di scuole giuridiche ( madhhab ) e teologiche, con numerose diverse interpretazioni di una stessa fattispecie giuridica (salvo, ovviamente, l'impossibilità di discutere gli assetti dogmatici dell'islam, che non sono contestabili, per non incorrere automaticamente nella condanna di kufra - infedeltà massima - che fa conseguire la qualifica di "eretico" - kāfir , pl. kāfirūn ). Tutte le cosiddette "scienze religiose" ( ʿulūm dīniyya ) tendono alla formazione di un consenso maggioritario ( ijmāʿ ) circa il modo d'interpretare il disposto coranico e sciaraitico . Tale consenso potrà comunque mutare nel tempo, in caso si esprima in tal senso una nuova maggioranza. Si parla di una vera e propria "polverizzazione" dei modi di giudicare della umma , divisa in numerose scuole teologiche e giuridiche, alle quali potrebbe aggiungere anche l'enorme differenziato panorama costituito dalle confraternite mistiche , tanto che qualcuno ritiene che, più che parlare di islam, si dovrebbe parlare di "pluralità di islam" ( Islam s in inglese ).

Gruppi religiosi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Denominazioni islamiche , Sunnismo , Sciismo e Kharigismo .
Stati con popolazione di religione islamica.
Area di diffusione dell'islam: in arancio il territorio degli sciiti, in verde quello dei sunniti.

I musulmani vengono differenziati in:

  • un gruppo maggioritario ( duodecimano , o imamita o ithnaʿashariyya ),
  • un gruppo minoritario ( ismailita , o settimano o sabaʿiyya ). Gruppi di Ismaeliti sono presenti in India ,
  • un gruppo più esiguo, detto " zaydita ", prevalente in Yemen , teorizza la possibilità che a guidare legittimamente la Comunità islamica ( Umma ) possa essere qualsiasi discendente del Profeta purché questi agisca concretamente contro i musulmani reprobi e usurpatori del califfato , con un deciso impegno militante che non lasci spazio a un comodo quietismo limitato a un'attività puramente teoretica.
  • Ibaditi , oggi maggioritari nel solo Oman , ma presenti anche in qualche località del Nordafrica e dell'Africa Orientale.

Di derivazione islamica, ma considerati eterodossi, sono invece:

  • Gli alawiti , appartenenti a una setta minoritaria d'ispirazione sciita ma con forti tratti gnosticheggianti . Esprime il gruppo dirigente in Siria fin dall'epoca del Presidente Ḥāfiẓ al-Asad .
  • I drusi , di originaria ispirazione ismailita ma presto abbondantemente diversificatisi, sorti in età fatimide all'epoca dell' Imàm - califfo al-Ḥākim . Sono presenti in Libano , nella regione montagnosa dello Shūf , come pure in Siria (Golan, Gebel Druso ) e in Israele .
  • I Bahāʾī , a loro volta gemmati dal Bábismo , costretti dalla Rivoluzione islamica dell' Iran a rifugiarsi in India e in Occidente (soprattutto Canada e Stati Uniti d'America ). I suoi fedeli pretendono di costituire una religione "interamente nuova" [73] e non quindi un'eterodossia dell'islam.
  • Gli aleviti sarebbe per alcuni uno dei tre rami dello Yazdanesimo appartenenti a una setta minoritaria d'ispirazione sciita duodecimana, ma con forti aspetti prossimi allo gnosticismo . Sono presenti soprattutto in Turchia dove rappresentano almeno il 15% della popolazione.
  • Gli Ahl-e Ḥaqq , presenti in Iraq e in Iran, sarebbe per alcuni uno dei tre rami dello Yazdanesimo di ispirazione sciita ma marcatamente eterodossa.
  • L' Aḥmadiyya di Qādyān ( India settentrionale) e Lahore ( Pakistan ), fondata da Mirza Ghulam Ahmad .
  • Gli yazidi , il cui sincretismo include anche alcuni elementi dell'islam, pur discostandosene sostanzialmente.
  • La " Nation of Islam " presente negli Stati Uniti, di ispirazione sunnita ma marcatamente eterodossa, tanto da essere considerata dagli storici delle religioni come appartenente a una religione ormai completamente distaccata dall'islam, e non una sua generica eterodossia.

Modelli ispiratori

La religione consiste nella fede ( al-īmān , identificata con i 6 articoli di fede dell' aqida ) e nella pratica ( al-dīn , identificata coiCinque pilastri dell'Islam ). Quali siano stati i modelli religiosi ispiratori è ancora argomento di discussione fra gli storici delle religioni. Se infatti si può parlare, coi dovuti distinguo, di debiti contratti verso il Giudaismo , lo Zoroastrismo , il Cristianesimo orientale e, più ancora, verso il credo delle comunità ebraico-cristiane attive nella stessa Penisola araba - debiti per molti versi e in diversa misura difficilmente negabili - non manca però chi sostiene l'indubbia esistenza di una matrice indigena sud-arabica che affrancherebbe l'Islam da una sorta di tutela strettamente allogena. Del resto non sono episodiche le prove, epigrafiche, artistiche (statuaria votiva) e archeologiche, circa l'esistenza di culti monoteistici negli ambienti culturali sud-arabici e il loro lento accostamento a forme sempre più spiccatamente monoteistiche . [74]

Che l'Islam appartenga al medesimo contesto di valori dell' Ebraismo e del Cristianesimo , viene sottolineato dalla sua inclusione tra le cosiddette religioni abramitiche . [75] [76]

I musulmani giustificano le somiglianze tra Corano e Bibbia, Avesta e Veda, dicendo che la fonte ( Dio ) è la stessa e quindi le nozioni sono principalmente le stesse, salvo nei pochi punti dove il Corano diverge da Bibbia, Avesta o Veda, ove Dio avrebbe corretto gli errori (intenzionali o accidentali) di tali testi e fatto delle aggiunte, per ultimo nel Corano.

I musulmani pensano che il primo profeta sia stato Adamo e che da allora la religione proposta da Dio all'umanità sia sempre stata l'Islam, ma visto che periodicamente la narrazione religiosa si arricchiva di elementi originali o si distorceva, allora Dio ha dovuto periodicamente mandare profeti aggiuntivi per rettificare la via primigenia. Per questo quando qualcuno si converte all'Islam provenendo da un'altra religione o filosofia, i musulmani dicono che è "ritornato all'Islam".

Differenze fra islam e islamismo

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Islamismo .

Quanto al lessico impiegato, se in contesti linguistici diversi da quello italiano la differenza fra il termine islam e islamismo è abbastanza sfumata, in italiano una diversità sostanziale invece esiste, perché con la parola islam s'intende quell'insieme di atti di fede, di pratiche rituali e di norme comportamentali che è praticato da sunniti e sciiti che, insieme, rappresentano quasi il 99% dei fedeli musulmani, mentre il termine islamismo indica di fatto una concezione dell'uomo e del mondo che si ispira ai valori dell'islam ma che si esprime a livello più propriamente politico.

La disciplina che studia l'islam è tradizionalmente detta in italiano islamistica , e islamisti sono detti i suoi cultori e studiosi. Se non che, per l'improprio uso fattone da alcuni media generalisti, il termine "islamista" può essere percepito come sinonimo di "estremista islamico", generando disagio per gli studiosi della materia, che potrebbero in alternativa ricorrere al gallicismo islamologi , se esso non risultasse estraneo alla tradizione accademica. [77] Islamistica resta perciò la dizione accademica della branca disciplinare relativa alla cultura dell'islam.

Altra fonte di confusione terminologica si ha negli ultimi anni con il crescente e improprio uso come sostantivo dell'aggettivo islamico . [78] Il sostantivo che si riferisce a chi professa la religione islamica è infatti musulmano (nell'uso corretto si dovrebbe dire: i musulmani e non gli islamici ). L'uso dell'aggettivo come sostantivo, così come il sostantivo islamista - del tutto sconosciuto a qualsiasi autorevole dizionario italiano, se non nel senso di "studioso dell'islam" - sembra coniato dalla sbrigativa volontà di indicare i militanti di movimenti radicali di matrice islamica che spesso tracimano nel terrorismo, finendo col conferire a quest'ultimo uso una sfumatura negativa che, invece, è evidentemente estranea al termine "musulmano". Ciononostante si assiste a una sua crescente diffusione nei mezzi di comunicazione di massa come semplice sinonimo di quest'ultimo sostantivo/aggettivo.

La fede per i musulmani è basata sui "cinque pilastri". Per essere un "uomo dell'islam" si deve possedere perfettamente la fede ( īmān ) in questi principi ed esercitare il bene e la pietà ( birr ). Le parole "islam" e " salām " (pace) hanno la stessa radice consonantica e sono come fuse. L'islam si configura quindi come "intima pace dell'uomo con Dio" e il mùslim (musulmano) è colui che si affida con pienezza al Signore. Questo fiducioso abbandono è manifestato dal credente assolvendo per quanto può ai doveri espressi dai cinque arkān al-Islām , vale a dire i cinque "pilastri della fede islamica".

L'islam non è soltanto una religione, nel senso tecnico del termine (cfr. il latino religio ), che si basi principalmente su un'intima persuasione di fede, ma è anche (e non secondariamente) un'ortoprassi, una serie cioè di azioni e comportamenti obbligatori, perché giudicati "corretti". [79] I comportamenti esteriori sono giudicati secondo la sharīʿa , la disciplina legale islamica, mentre per quelli interiori il solo giudice è Dio. Ciò non toglie che, dopo un lungo e animato dibattito teologico durato quasi un secolo, [80] mirante a determinare se per potersi definire "musulmano" bastasse l' imān (la fede) o se invece essa dovesse accompagnarsi o addirittura essere subordinata alle opere ( aʿmāl ) la risposta è stata quella di dare assoluta preminenza alla prima, tant'è vero che per essere considerato a pieno titolo "musulmano" è sufficiente una seria shahāda , anche se un musulmano non potrà poi esimersi dall'esprimere coerentemente nei fatti della vita la profondità e la sincerità della sua fede. Questo di per sé eliminerebbe la necessità di parlare di un " integralismo islamico", dal momento che l'islam ha per definizione un approccio "integrale" alla realtà fenomenologica, senza alcuna separazione fra aspetti mondani e ultramondani.

Islam politico

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia dell'Islam , Islamismo , Movimenti liberali nell'islam e Socialismo islamico .

Dal 632 al 1924 l'islam politico si è sviluppato nel califfato . Dal 1969 i paesi musulmani fanno riferimento per la difesa dei valori dell'islam all'associazione Organizzazione della Conferenza Islamica . Dal 1945 quelli arabofoni fanno anche riferimento, ma essenzialmente politico, alla Lega Araba . Oggi sono 6 i paesi retti ufficialmente da una repubblica islamica , anche se ci sono paesi a maggioranza musulmana che sono repubbliche democratiche (vedi Indonesia , Tunisia , Libano , Iraq , Malaysia , Pakistan ) o monarchie costituzionali (vedi il Bahrein , la Giordania , il Kuwait ed il Marocco ). Gli altri Stati a maggioranza musulmana sono o monarchie assolute o dittature o repubbliche democratiche solo nominalmente ( Turchia , Egitto , Iran ). Vedi democrazia islamica, sostenuta dai movimenti liberali nell'islam . Un caso curioso di sincretismo ideologico è il socialismo islamico (un quarto dei partiti dei paesi a maggioranza islamica dove si fanno elezioni si riferisce a quest'ideologia).

Concezione del mondo

Questa dottrina, che non compare nel Corano e negli ʾaḥādīth , è stata elaborata daAbū Ḥanīfa al-Nuʿmān e da altri pensatori musulmani nell'arco di cinque secoli. Un periodo di espansione territoriale per l'Islam, che per questo aveva necessità di dotarsi di una visione geo-politica del mondo che, secondo questa concezione, sarebbe diviso in tre parti:

  • Il "Territorio (lett. "Casa") dell'islam", o " Dār al-Islām " [81] (o Dārunā , "Il nostro territorio"), dove vivono i musulmani sotto la protezione della Legge islamica ei popoli sottomessi ( dhimmī ). Gli uomini appartenenti a fedi diverse da quella islamica, fino all'età contemporanea, furono infatti assoggettati al pagamento di un tributo personale, la jizya , che garantiva loro la protezione da aggressione esterne, venendo esentati dal servizio militare, dal pagamento della zakat - tassa riservata ai soli musulmani - venendo garantiti nel godimento di una sostanziale, anche se limitata, indipendenza amministrativa. [82] Le interpretazioni dei teologi musulmani differiscono sulla possibilità di accettare come dhimmī fedeli di religioni differenti da quella dei cristiani, ebrei, zoroastriani e sabei ma, storicamente, si accettò anche l' Induismo come religione proteggibile, in quanto esso poteva vantare un testo scritto (i Veda ) che fu considerato anch'esso ispirato divinamente. I teologi hanafiti considerano Dār al-Islām anche un territorio non più sotto controllo musulmano che però permette ancora l'amministrazione del culto e la protezione, sia ai musulmani che ai dhimmī , [83] ma anche il giurista malikita siciliano , l'Imām al-Māzarī , affermò questo principio riferendosi al periodo in cui i musulmani erano governati dai Normanni . In tal modo egli legittimava la loro permanenza nell'isola, da cui essi sarebbero invece dovuti emigrare qualora la Sicilia fosse stata da considerare Dār al-ḥarb , ossia "Territorio della Guerra". Contestato invece l'uso dell'espressione " Dār al-Salām [ senza fonte ] ", "Territorio della Pace", malgrado l'uso fattone in una fatwa di al-Azhar circa l'obsolescenza concettuale della divisione del mondo tra Dār al-Salām (definizione che sembrerebbe usata come sinonimo di Dār al-Islām ) e Dār al-ḥarb . [84]
  • Il "Territorio della Tregua", " Dār al-ʿahd " [85] o " Dār al-Hudna ", territorio non islamico in cui però l'islam è praticabile liberamente. Non può essere attaccato e, al contrario, deve essere difeso dai musulmani che hanno stabilito un patto con le autorità del paese; i musulmani devono anche rispettarne gli usi ei costumi. Se però la controparte rompe i patti, può trasformarsi in Dar al-Harb. [86]
  • Il Territorio della Guerra, o " Dār al-ḥarb " (talora chiamato " Dār al-kufr ", "Casa dell'empietà" [87] ) riguarda invece i territori confinanti con quelli islamici (ma anche all'interno di quelli [88] ) che non hanno un accordo di pace o di non-aggressione con i paesi musulmani circostanti. Secondo alcuni giuristi musulmani, un territorio a maggioranza musulmana conquistato da forze non-islamiche diventa Dār al-ḥarb . Secondo molti storici, dopo la scomparsa dell'ultimo grande califfato, quello Ottomano , e la frammentazione degli Stati islamici seguita al Colonialismo , questo concetto ha perso molto del suo significato. [89]

Va comunque sottolineato che tali distinzioni appartengono alla discussione sviluppatasi in età islamica classica e che oggi essa non ha più motivo di essere riproposta, salvo da parte di chi auspica un ritorno a un autoreferenziale islam delle origini.

«La dottrina islamica contemporanea tende a considerare la contrapposizione tra dār al-Islām e dār al-ḥarb come superata: la esistenza di trattati e istituzioni internazionali universali impone di considerare i paesi non musulmani come dār al-ʿahd , almeno in assenza di uno stato di guerra effettiva.»

( Roberta Aluffi Beck-Peccoz, sv «Dār al-Islām», in Dizionario dell'Islam (a cura di Massimo Campanini ), Milano, Rizzoli, 2005, p. 83 )

Il proselitismo è un obbligo morale per il musulmano ( daʿwa , "appello" alla conversione) contro il paganesimo e l'idolatria, ma non riguarda i popoli monoteisti , che in diversa misura posseggono già una parte della Rivelazione tramite l'uso delle Sacre Scritture , che sono sempre ispirate dallo stesso Dio, ma rese incomplete e corrotte per via della manipolazione umana. Le popolazioni del Libro sono innanzitutto ebrei e cristiani, ma nel corso dell' espansione islamica vi furono compresi anche mandei , mazdei , induisti e buddhisti . Maometto stesso ha sottolineato in vari ʾaḥādīth della sua Sunna il portato della Rivelazione coranica.

Specificando con precisione quali differenze vi siano tra fede e sottomissione politica e impositiva per le Genti del Libro , cui la Umma islamica deve garantire il libero esercizio del proprio credo nei territori dell'islam, pur dovendo rinunciare a qualsiasi forma di proselitismo e pur accettando, in quanto comunità protette, la superiorità politica dell'islam, la lealtà verso la Umma in quanto entità politica e il pagamento di un tributo. Questa sostanziale "tolleranza religiosa" fu tra i fattori che permisero la veloce conquista dei territori dell'Impero bizantino, dove le eresie cristiane (come il monofisismo ) erano invece pesantemente combattute e dove la tassazione era più alta di quella richiesta dagli arabi conquistatori.

Reincarnazione nell'Islam

L'islam non contempla la reincarnazione , tuttavia nella corrente Ismailita , in special modo nella variante drusa e nizarita vi è la credenza secondo la quale esiste la reincarnazione. A sostegno di questa credenza vi sono una serie di sure del corano che sembrano alludere a questa possibilità: II 243, XVII 6, XXIV 55, XXVIII 5-6, XXVII 83-86. [90]

Gli studiosi sunniti considerano queste sure legate al concetto di reincarnazione:

«Dio prende a Sé [ yatawa ] le anime al momento della loro morte, e quelle che dormono senza essere morte. Trattiene quella di cui ha decretato la morte, e rimanda le altre fino al termine fissato. Davvero in ciò vi sono dei segni, per gente che riflette»

( Corano XXXIX 42 )

«Tu fai entrare la notte nel giorno e tu fai entrare il giomo nella notte, e Tufai uscire il vivo dal morto, e tu fai uscire il morto dal vivo. E Tu attribuisci a chi Tu vuoi, senza lesinare»

( Corano III 27 )

«Signor nostro, ci hai fatti morire due volte e due volte ci hai dato la vita. Riconosciamo le nostre colpe; esiste una via per uscirne?»

( Corano XL 11 )

«O quell'altro che passando per città dai tetti crollati, disse: "Come potrà Dio darle la vita dopo la sua morte?" Dio lo tenne morto per cento anni. Poi lo resuscitò e disse: 'Quanto sei rimasto?" Disse: "Sono rimasto un giorno, o una parte di giorno". Disse: "No, sei rimasto cento anni...»

( Corano II 259 )

Sempre nel Corano inoltre è citata la leggenda dei " sette dormienti ", assimilabile anche in questo caso al concetto di reincarnazione. [90]

Il filosofo sufi del XIII secolo Aziz ad-Din Nasafi in uno dei suoi scritti afferma:

«L'anima umana è un'anima parlante. A questo livello è 'l'anima imperativa'. A grado a grado si innalza sino al livello dei saggi. Giunta a questo livello è detta 'anima biasimante'. A grado a grado si innalza ancora sino al livello degli Amici di Dio. A questo livello l'anima parlante è detta 'anima santificata'. Di grado in grado, s'eleva ancora sino al livello dei profeti. Giunta a questo piano l'anima parlante è detta 'anima pacificata', L'anima raggiunge allora la perfezione, e per lei è il tempo del ritorno.»

anche in questo caso l'allusione alle reincarnazioni e ad una presunta evoluzione dell'anima da una vita all'altra. [90] Mentre una citazione successiva sempra essere ancora più esplicito:

«Così l'anima, da abisso in abisso, ridiscende sino a che non ha espiato secondo le sue colpe e non è stata punita secondo i suoi crimini.»

( Aziz ad-Din Nasafi )

L'islam contempla anche dei termini riconducibili alla reincarnazione come maskh ossia trasmigrazione che può avvenire anche allo stadio animale è un concetto coranico (II 61-65, VII 166, XXXVI 67), raskh verso le piante e naskh o metempsicosi . Il concetto è ovviamente collegato al proprio comportamento in vita. [91]

Demografia

Uno studio demografico del 2009, condotto in 232 tra stati e territori, ha riferito che il 23% della popolazione mondiale, pari all'incirca a 1,57 miliardi di persone, era di fede musulmana. Di questi si stima che oltre il 75-90% siano sunniti, mentre gli sciiti sarebbero il 10-20%, [92] [93] [94] con una piccola restante minoranza appartenente ad altre sette. [92] Circa 57 paesi sono a maggioranza musulmana, [92] gli arabi rappresentano circa il 20% di tutti i musulmani del mondo. [95]

La maggioranza dei musulmani vive in Asia e in Africa. [96] Circa il 62% si trova in Asia, con oltre 683 milioni di fedeli tra Indonesia, Pakistan, India e Bangladesh. [92] In Medio Oriente, i paesi non arabi, come la Turchia e l'Iran, sono i paesi con la più ampia maggioranza musulmana. In Africa, Egitto e Nigeria hanno le comunità musulmane più numerose. [97]

La maggior parte delle stime indica la presenza islamica in Cina come quantificabile approssimativamente in 20-30 milioni di persone (dall'1,5% al 2% della popolazione cinese). [98] [99] [100] [101] Tuttavia, i dati forniti dall'International Popolation Center dell'università statale di San Diego al US News & World Report sostengono che la Cina abbia 65,3 milioni di musulmani. L'islam è la seconda religione per numero di fedeli, dopo il cristianesimo, in molti stati europei, e si sta lentamente avvicinando al secondo posto anche nelle Americhe, con un numero tra i 2.454.000, secondo il Pew Forum, e approssimativamente 7 milioni, secondo il CAIR (Council on American-Islamic relations), negli Stati Uniti. [92] [102]

Oggi (2019), mentre il cristianesimo è la maggiore religione del mondo (con 2,1 miliardi di aderenti) e l'Islam la seconda (con 1,8 miliardi), come confessioni il sunnismo (1,6 miliardi) supera il cattolicesimo (1,2 miliardi) [ senza fonte ] .

Critiche e controversie

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Antislamismo e Islamofobia .

Negli anni si sono sviluppate diverse linee di pensiero contro l'ideologia islamica: l' antislamismo , in particolare, denota l'opposizione e la critica all' Islam politico , che è un insieme di ideologie che ritengono che l'Islam debba guidare la vita sociale e politica così come la vita personale.

L' islamofobia , d'altro canto, è un atteggiamento xenofobo che nasce da pregiudizio e discriminazione verso l'Islam come religione, e verso i musulmani come credenti.

Note

  1. ^ Luciano Canepari , Islam , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  2. ^ Bruno Migliorini et al. ,Scheda sul lemma "Islam" , in Dizionario d'ortografia e di pronunzia , Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7 .
  3. ^ Luciano Canepari, Il DiPI. Dizionario di pronuncia italiana , Bologna, Zanichelli, 1999, p. 36, ISBN 88-08-09344-1 .
  4. ^ Executive Summary , su The Future of the Global Muslim Population , Pew Research Center. URL consultato il 18 gennaio 2016 .
  5. ^ Table: Muslim Population by Country | Pew Research Center's Religion & Public Life Project , su features.pewforum.org , 27 gennaio 2011. URL consultato il 18 gennaio 2016 .
  6. ^ The List: The World's Fastest-Growing Religions , su foreignpolicy.com , Foreign Policy , 14 maggio 2007. URL consultato il 24 settembre 2013 (archiviato dall' url originale il 25 ottobre 2014) .
  7. ^ PBS - Islam: Empire of Faith - Faith - Islam Today .
  8. ^ Lippman, Thomas W., No God But God , su usnews.com , US News & World Report, 7 aprile 2008. URL consultato il 24 settembre 2013 .
  9. ^ ( EN ) Mapping the Global Muslim Population , su Pew Research Center's Religion & Public Life Project , 7 ottobre 2009. URL consultato il 2 ottobre 2020 .
  10. ^ Mezzaluna , e l'altra metà? | Treccani, il portale del sapere , su www.treccani.it . URL consultato il 25 febbraio 2021 .
  11. ^ islàm in Vocabolario - Treccani , su www.treccani.it . URL consultato il 17 gennaio 2020 (archiviato dall' url originale il 3 settembre 2019) .
  12. ^ ( EN ) Definition of islam | Dictionary.com , su www.dictionary.com . URL consultato il 17 gennaio 2020 .
  13. ^ On Developing Theology of Peace in Islam
  14. ^ Corano, VI:125
  15. ^ Corano V:3
  16. ^ L. Gardet; J. Jomier, sv «Islam», in: The Encyclopaedia of Islam Online.
  17. ^ Seyyed Hossein Nasr , The Heart of Islam: Enduring Values for Humanity , 2002.
  18. ^ Sotto un profilo strettamente contenutistico si parla tra gli esegeti di due testimonianze ( shahādatāni ), riferendosi alle due affermazioni che la compongono: la prima relativa all'Unità divina e la seconda alla missione profetica di Maometto.
  19. ^ Riguardo alla necessità o meno di recitare la shahāda di fronte a validi testimoni, si legga: # Are witnesses needed for a non Muslim to take shahada? – Shaykh Saalih Fawzan Archiviato il 29 novembre 2014 in Internet Archive .
  20. ^ A tale determinazione non si è giunti immediatamente, né pacificamente. Per oltre un secolo si è infatti discusso se per essere musulmano fosse sufficiente la sola fede o se essa dovesse essere accompagnata da opere coerenti. La discussione non era puramente teorica, in quanto derivava dalla penosa condizione in cui si trovavano i convertiti non-Arabi ( mawālī ), cui si obiettava la non compiuta conoscenza della Sharīʿa e delle complesse liturgie del culto per seguitare ad assoggettarli ai gravami fiscali cui erano tenuti i sudditi "protetti" ( dhimmi ), appartenenti cioè alla cosiddetta Ahl al-Kitāb , "Gente del Libro". Sarà solo la vittoria degli Abbasidi e la loro politica che attuava l'universalismo islamico a convincere i teologi della sufficienza della sola retta fede per fare acquisire la condizione giuridica e morale di musulmano.
  21. ^ Shahāda , su Encyclopaedia of the Qurʾān . URL consultato il 17 gennaio 2020 .
  22. ^ Queste organizzazioni sono controllate in Occidente dalle autorità delegate alla pubblica sicurezza per evitare che con le somme raccolte si finanzino operazioni belliche spacciate per jihād .
  23. ^ The Muslim Zakat: a vision of the "big society"? ... UN office for the Coordination of Humanitarian Affairs (UNOCHA), included estimates that each year, somewhere between US$200 bn and US$1 trn (£130 bn and £645 bn respectively) are given as mandatory and voluntary donations across the Muslim world. At the low end of this estimate, this is 15 times more than global humanitarian aid contributions in 2011.
  24. ^ Numerosi versi del Corano (2:62; 5:69; 18:88; 25:70) equiparano la "fede" religiosa ( īmān ) e l'"opera pia" ( ʿamal ṣāliḥ ) di cui la zakāt rappresenta l'eccellenza.
  25. ^ Traduzione di Alessandro Bausani ( Il Corano , Firenze, Sansoni, 1961, p. 496).
  26. ^ E quando fu proposto ad esempio il figlio di Maria, ecco che il tuo popolo vociferò, - dicendo: “È costui migliore dei nostri dèi?”. Ma non ti propongono questo paragone altro che come pretesto di disputa, ché son gente amante di liti. - Egli non è che un Servo cui concedemmo i Nostri favori e ne facemmo un esempio pei Figli d'Israele - (ché, se volessimo, faremmo ereditare la terra, dopo di voi, ad angeli) - ed egli non è che un presago dell'Ora: pertanto non dubitate ch'essa venga, e seguite Me; questo è il retto sentiero. ( Cor. , XLIII:57-61, trad. di A. Bausani , cit. , p. 365).
  27. ^ When Allah created material things from absolute nothingness, does it mean that His Power was converted into material power and material form? Archiviato il 15 gennaio 2015 in Internet Archive . - Ustād Husayn Ansāriān,
  28. ^ Qāżī Nūrollāh Shushtarī, Iḥqāq al-Ḥaqq , vol. 1, p. 431, Qom, Maktabat Āyatollāh al-Marʿashī, 1409 H.
  29. ^ Ḥadīth Qudsī , 15, da Abū Hurayra , come trasmesso da Bukhārī , Muslim , Tirmidhī , Ibn Māja .
  30. ^ "Qualunque sia la situazione in cui ti troverai, qualunque sia il brano del Corano che reciterai, voi non farete nulla senza che Noi assistiamo a quel che fate, nulla sfugge al tuo Signore, fosse pure del peso di una tarma, nulla sulla terra e nulla in cielo, più piccolo o più grande di questo, tutto è scritto in un libro chiaro" . ( Corano , Sūrat Yūnus , ossia "di Giona", X:61, trad. di Ida Zilio-Grandi, a cura di A. Ventura , Milano, Mondadori, 2010, p. 126.
  31. ^ ( Cor. , VI:103)
  32. ^ Quando i miei servi ti chiedono di me, io sono vicino; ed esaudirò la preghiera di chi prega quando Mi prega; ma essi Mi rispondano e credano in me, a che possano essere nel vero. ( Cor. , II:186)
  33. ^ Invero abbiamo creato l'uomo, sappiamo che cosa gli sussurra l'anima sua, e siamo più vicini a lui della sua vena giugulare. ( Cor. , L:16, trad. e note di MM Moreno , Torino, UTET, 1967, p. 473).
  34. ^ E Dio possiede i nomi più belli, invocatelo dunque con quel nome ( Sūrat al-Aʿrāf , VII:180)
  35. ^ Cor. , XLII:11
  36. ^ Cor. , CXIX:1
  37. ^ Cor. , XX:114
  38. ^ Cor. , XX:111
  39. ^ Cor. , LXIX:33
  40. ^ Cor. , LXVII:1
  41. ^ Cor. , LXXVI:30
  42. ^ Cor. , VI:101
  43. ^ Cor. , LVII:3, versione I. Zilio-Grandi - A. Ventura, p. 338.
  44. ^ Riguardo all'importanza della geometria nell'arte e nella teologia islamica si possono leggere gli interventi della studiosa presso il reparto di Studi sulle civiltà islamiche all'Università dell'Aga Khan a Londra, Valerie Gonzalez: Geometry and Islamic Art (in inglese), oppure la versione in Italiano: La geometria nell'arte islamica e quelli di Christopher E. Longhurst, Th.D alla Pontificia Studiorum Universitas a Sancto Thoma Aquinate in Urbe, Roma: Theology of a Mosque Archiviato il 2 aprile 2015 in Internet Archive .
  45. ^ Il professor Peter J. Lu, dell'Università di Harvard, ha condotto un approfondito studio sull'argomento, disponibile qui Archiviato l'8 dicembre 2015 in Internet Archive .. Esso ha anche attirato l'attenzione della stampa internazionale Il segreto dell'architettura islamica medioevale "Usa formule matematiche del XX secolo" .
  46. ^ Come i profeti Abramo, Mosè, Gesù e Maometto (pace su ognuno di loro) pregavano? , su www.islamic-invitation.com .
  47. ^ a b Giosuè 5:15
  48. ^ (Esodo 40: 31.32)
  49. ^ (Matteo 26:39)
  50. ^ (Genesi 17:17)
  51. ^ (Numeri 20:6)
  52. ^ Matteo 4:1-2
  53. ^ Enciclopedia Treccani, 2009, Reliquie.
  54. ^ Mi fu detto: "Rendi a Dio culto puro, e non essere uno dei pagani, - e non invocare in luogo di Dio chi non può darti né giovamento né danno. Se lo farai sarai tra gli iniqui . ( Sūrat Yūnus , X:105-106)
  55. ^ Treccani 2009 | Si citano Bījāpur (Deccan), Rohrī (Sind), Aḥmadābād, Gaur , Delhi ; talune zone dell'Africa
  56. ^ Biḥār al-anwār , vol. 82, pp. 203 e 209.
  57. ^ Corano, XIII:28-29
  58. ^ Definizione del termine Il sufismo nelle parole degli antichi ; riassumibile in uomini poveri o umili di fronte a Dio
  59. ^ "il credente è lo specchio del credente" ( Abū Dāwūd , 49)
  60. ^ Tratto da " I cento passi" di Shaykh Abdalqadir as-Sufi al-Murabit
  61. ^ Si veda Gesù nell'islam .
  62. ^ Si veda in merito quanto affermato da Ahmad ibn Hanbal e dal suo tardo epigono, Ibn Taymiyya , secondo cui « un musulmano non deve mai stancarsi di ammonire il fratello che sbaglia », rendendo così illegittima qualsiasi sanzione personale del peccatore.
  63. ^ Dante Alighieri nella Divina Commedia rappresenta Maometto e Alì insieme agli scismatici,
  64. ^ Brunetto Latini nel suo Le livre dou tresor lo rappresenta come un cardinale con mire papali
  65. ^ Questa posizione è stata contestata, recentemente, da Cristoph Luxenberg ( Die syro-aramaeische Lesart des Koran; Ein Beitrag zur Entschlüsselung der Qur'ansprache , Berlino, 2000), il quale - nel solco della corrente degli studiosi iper-scettici che fa capo a John Wansbrough - considera invece che la composizione originale del Corano sia avvenuta in ambito siro-aramaico.
  66. ^ Il suo analfabetismo serve a stornare da lui il sospetto che la rivelazione coranica fosse nient'altro che una sua composizione poetica e che Maometto fosse per ciò stesso invasato dai jinn , ispiratori dei poeti ma anche apportatori di follia,
  67. ^ Etan Kohlberg and Mohammad Ali Amir-Moezzi, Revelation and Falsification , Leiden-Boston, EJ Brill, 2009.
  68. ^ Faṣl al-khiṭāb fī taḥrīf kitāb rabb al-arbāb . Ed. lit., in folio, sl [Teheran], 1298/1881.
  69. ^ Daniel Gimaret , La doctrine d'al-Ashʿarī , Parigi, Les Éditions du Cerf (Patrimonie Islam), 1990.
  70. ^ Il Corano , collana Newton Biblios, di Newton Compton Editori, 2001, p. 109
  71. ^ Deutoronomio , 7:3-4: "Non t'imparenterai con loro, non darai le tue figlie ai loro figli e non prenderai le loro figlie per i tuoi figli, perché distoglierebbero da me i tuoi figli che servirebbero dèi stranieri e l'ira del Signore si accenderebbe contro di voi. Egli ben presto vi distruggerebbe". [1]
  72. ^ Mapping the Global Muslim Population , su pewforum.org . URL consultato il 21 dicembre 2015 .
  73. ^ A. Ventura , "Confessioni scismatiche, eterodossie e nuove religioni", in Islam , vol. 3 della Storia delle religioni (a cura di G. Filoramo ), Roma-Bari, 1995, p. 411.
  74. ^ Claudio Lo Jacono , «La cultura araba preislamica». Relazione presentata al convegno Internazionale Corano e Bibbia organizzato da Biblia (Napoli, 24-26 ottobre 1997). Atti a cura di R. Tottoli, Morcelliana, Brescia, 2000, pp. 117-131.
  75. ^ Religion, Religions, Religious , essay by Jonathan Z. Smith, published in book: Mark C. Taylor (a cura di), fifteen , in Critical Terms for Religious Studies , University of Chicago Press, 1998, p. 430, ISBN 978-0-226-79156-2 .
  76. ^ Jacques Derrida , Once More, Once More: Derrida, the Jew, the Arab , introduction to Gil Anidjar, Acts of Religion , Routledge, New York & London, 2001.
  77. ^ Si veda anche Franco Cardini nella nota 2 a p. 14 del suo "Al-Andalus al tempo di Moshe ben Maimon", in (a cura di Geri Cerchiai e Giovanni Rota) Maimonide e il suo tempo , Franco Angeli, Milano, 2007.
  78. ^ Cfr. il Dizionario Enciclopedico Italiano (DEI) dell'Istituto Treccani, vol. VI: «islàmico agg. (pl. m. -ci). Dell'Islam: religione i. , cultura i. ; più genericam., che appartiene all'islamismo, inteso non solo come religione ma come sistema politico, sociale e culturale: popolazioni i. ; il mondo i. ; la civiltà islamica ».
  79. ^ Denominati ʿibādāt se riferiti alle attività cultuali, muʿāmalāt se riferiti alle relazioni tra gli uomini.
  80. ^ Il voler subordinare la fede alle opere fu la logica perseguita dagli Omayyadi per motivi essenzialmente politici e fiscali, al fine cioè di poter seguitare a percepire le imposte non-islamiche anche da chi - i mawālī - si era invece convertito, pur senza aver ancora bene imparato le ritualità e le liturgie previste dall'Islam.
  81. ^ Sull'uso di tale espressione, ormai puramente accademica, si vedano per tutti Alberto Ventura , "L'islām sunnita nel periodo classico (VII-XVI secolo)", in: Islam , a cura di Giovanni Filoramo , Roma-Bari, Storia delle religioni Laterza, 1999 2 , p. 155 o Armand Abel , sv «Dār al-Islām», in: The Encyclopaedia of Islam , con annessa Bibliografia.
  82. ^ Link
  83. ^ Oxford Islamic Studies - Dar al-Islam
  84. ^ Articolo di Muhammad Khalil, sulla rivista Al-Sharq al-Awsaṭ , 30 (2006), p. 22, sulla fatwa di al-Azhar circa l'obsolescenza concettuale della distinzione dottrinale classica tra Dār al-Salām e Dār al-ḥarb Archiviato il 10 settembre 2014 in Internet Archive ..
  85. ^ Così in al-Sarakhsī (m. 1106), commentatore hanafita di al-Shaybānī nel suo Mabsūṭ , 30 voll., Il Cairo, 1906/1324 E. , X, p. 2.
  86. ^ Dar al-Hudna
  87. ^ Si veda A. Morabia, Le Gihad dans l'Islam médiéval , p. 201.
  88. ^ David Santillana , Istituzioni di diritto musulmano malichita - con riguardo anche al sistema sciafiita , 2 voll., Roma, Istituto per l'Oriente , 1925, I, p. 97.
  89. ^ Oxford Islamic Studies
  90. ^ a b c Gabriele Mandel , La via la sufismo , Bompiani, 2016, pp. 164-165, ISBN 978-88-452-1275-8 .
  91. ^ Gabriele Mandel , La via la sufismo , Bompiani, 2016, pp. 162 e 167, ISBN 978-88-452-1275-8 .
  92. ^ a b c d e Mapping the Global Muslim Population , su pewforum.org .
  93. ^ Islam - Encyclopaedia Britannica , su britannica.com .
  94. ^ CIA , su cia.gov .
  95. ^ Ilyas Ba-Yunus; Kassim Kone,Muslims in the United States , Greenwood Publishing Group, 2006i, p. 172 , ISBN 0-313-32825-0 .
  96. ^ Oxford Islamic Studies online, Islam: An Overview , su oxfordislamicstudies.com .
  97. ^ Number of muslim by country , su nationmaster.com .
  98. ^ CIA, The World Factbook , su cia.gov .
  99. ^ US Department of State, China (includes Tibet, Hong Kong, and Macau) , su state.gov .
  100. ^ China daily, NW China Region eyes global Muslim market , su chinadaily.com.cn .
  101. ^ Muslim Media Network, Chinese Muslim Scholars , su muslimobserver.com .
  102. ^ CAIR, The Mosque in America a national portrait ( PDF ), su icnl.com .

Bibliografia

  • Emanuela Luisari (a cura di), Fiabe e leggende del mondo islamico , Roma, Editori Riuniti, 2001, ISBN 978-88-359-5150-6
  • Carlo Alfonso Nallino , Vita di Maometto , Roma, Istituto per l'Oriente , 1946 (ed. postuma)
  • Louis Gardet , Conoscere l'islam , Catania, Ed. Paoline, 1959
  • Louis Gardet , Gli uomini dell'islam , Milano, Jaca Book, 1979
  • Félix Maria Pareja , Islamologia , in coll. con L. Hertling, A. Bausani, T. Bois, Roma, Orbis Catholicus, 1951
  • Philip Hitti , Storia degli Arabi , Firenze, La Nuova Italia, 1966)
  • Michelangelo Guidi , La religione dell'Islam , in Storia delle religioni diretta da P. Tacchi Venturi, 1970-71, vol. V
  • Claude Cahen , L'Islamismo I , vol. 14 della Storia Universale, Milano, Feltrinelli, 1969
  • Gustav E. von Grunebaum , Islamismo II , vol. 15 della Storia Universale, Milano, Feltrinelli, 1972
  • Francesco Gabrieli , L'islam nella storia , Bari, Dedalo, 1966
  • Francesco Gabrieli , Maometto e le grandi conquiste arabe , Milano, Il Saggiatore, 1967
  • Umberto Rizzitano , Storia degli Arabi dall'epoca preislamica ad oggi , Palermo, U. Manfredi, 1971
  • André Miquel , L'islam. Storia di una civiltà , Torino, SEI, 1973
  • Laura Veccia Vaglieri , L'Islam da Maometto al secolo XVI , Milano, Vallardi, 1974
  • William Montgomery Watt - AT Welch , L'islam, Maometto, il Corano , Milano, Jaca Book, 1981
  • Alessandro Bausani , L'Islam , Milano, Garzanti, 1980
  • Tor Andræ , Maometto, la sua vita, la sua fede , Bari, Laterza, 1981
  • Alfonso Maria Di Nola , L'Islam , Roma, Newton Compton, 1989
  • Sergio Noja , Storia dei popoli dell'islam , 4 volumi, Milano, Oscar Mondadori, 1990-94
  • Henri-Charles Puech (a cura di), L'Islamismo , Bari, Laterza, 1991
  • Annemarie Schimmel , L'Islam , Bologna, EDB, 1992
  • G. Endress , Introduzione alla storia del mondo musulmano , Venezia, Marsilio, 1994.
  • Ira M. Lapidus , Storia delle società islamiche , Torino, Einaudi, 1993-1995 (vol. I. Le origini dell'Islam ; vol. II. La diffusione dell'Islam ; vol. III. I popoli musulmani )
  • Paolo Branca , Introduzione all'Islam , Milano, Paoline, 1995
  • Giorgio Vercellin , Istituzioni del mondo musulmano , Torino, Einaudi, 1996
  • G. Crespi-G. Samir Eid , L'islam: storia, fede, cultura , Brescia, Ed. La Scuola, 1996
  • Claudio Lo Jacono , Khaled Fouad Allam , Alberto Ventura , Islam - Storia delle religioni (curata da Giovanni Filoramo ), Roma-Bari, Laterza (Biblioteca Universale), 1999
  • Carlo Saccone , I percorsi dell'Islam. Dall'esilio di Ismaele alla rivolta dei nostri giorni , Padova, EMP, 2003 (prima ed. 1999)
  • Biancamaria Scarcia Amoretti , Il mondo musulmano. Quindici secoli di storia , Roma, Carocci, 2001
  • Bernard Lewis , Gli Arabi nella storia , Roma-Bari, Laterza, 2001
  • Claudio Lo Jacono , Storia del mondo islamico (VII-XVI secolo) 1. Il Vicino Oriente , Torino, Einaudi, 2004
  • G. Delle Donne , Maometto, il Profeta dell'Islam, e il suo tempo , Milano, Simonelli Editore, 2005
  • H. Küng , Islam: passato, presente futuro , Milano, Rizzoli-BUR, 2005
  • Gerhard Gäde, "Adorano con noi il Dio unico" (Lumen gentium 16). Per una comprensione cristiana della fede islamica, Roma, Borla, 2008
  • Sadik J. Al-Azm , L'illuminismo islamico , Roma, Di Renzo Editore, 2001
  • Toufiq Fahd , «L'Islam», in Storia delle religioni , vol. IX, a cura di H.-C. Puech, Bari, Laterza, 1977 (rist. dalla stessa casa editrice sotto il titolo Storia dell'islamismo )
  • Sayyid Hosein Nasr , Ideali e realtà dell'Islam , Milano, Rusconi, 1988
  • Albert Hourani , Storia dei popoli arabi. Da Maometto ai nostri giorni , Milano, Mondadori, 1998
  • Ṭāriq Ramaḍān , Maometto. Dall'islam di ieri all'islam di oggi , Torino, Einaudi, 2007
  • Allama Tabataba'i , Muhammad alla luce dell'islam , Camagnola, 1982
  • Martin Lings , Il profeta Muhammad. La sua vita secondo le fonti più antiche , SITI, Trieste 1988
  • F. Schuon , Comprendere l'islam , Milano, SE, 1989
  • Abu l-Ala Mawdudi , Conoscere l'islam , Roma, Ed. Mediterranee, 1873
  • Fazlur Rahman , La religione del Corano , Milano, Saggiatore, 1968
  • W. Ende-U. Steinbach , L'islam oggi , EDB, Bologna 1991
  • Maurice Borrmans , Islam e Cristianesimo. Le vie del dialogo , San Paolo, Cinisello Balsamo 1993
  • J. Jomier , Per comprendere l'islam , Roma, Edizioni Borla , 1996
  • H. Kragg , Maometto e il cristiano. Un problema che attende risposta , Torino, 1986.
  • Pier Giovanni Donini , Il mondo islamico. Breve storia dal Cinquecento a oggi , Bari-Roma, Laterza, 2003
  • G. Finazzo , I musulmani e il cristianesimo - Alle origini del pensiero islamico (secc. VII-X) , Roma, Edizioni Studium, 2005
  • Gustav E. von Grunebaum , Classical Islam: a History 600 AD to 1258 AD , Chicago, 1970
  • Hugh Kennedy , The Prophet and the Age of the Caliphates , London-New York, Longman, 1986
  • Giorgio Levi Della Vida , Arabi ed Ebrei nella storia , Napoli, Ricciardi, 1984
  • Bernard Lewis , Uno sguardo dal Medioriente , Roma, Di Renzo Editore, 1999
  • Robert Mantran , L'espansione musulmana dal VIII all'XI secolo , Milano, Mursia, 1978
  • Carlo Saccone , Allah il Dio del Terzo Testamento. Letture coraniche , Milano, Medusa, 2006
  • Maurice Lombard , Splendore e apogeo dell'Islam: VIII-XI secolo , Milano, Rizzoli-BUR, 1991
  • Ṭāriq Ramaḍān , Essere musulmano europeo , Troina (En), Città aperta, 2002.
  • M. Khalid Rhazzali , L'islam in carcere. L'esperienza religiosa dei giovani musulmani nelle prigioni italiane , FrancoAngeli, Milano, 2010
  • Ciro Sbailò , Il Governo della Mezzaluna. Saggi sul diritto islamico , Leonforte, Euno, 2010
  • IDEM, Principi sciaraitici e organizzazione dello spazio pubblico nel mondo islamico. Il caso egiziano , Padova, CEDAM, 2012
  • Joseph Schacht , Introduzione al diritto musulmano , Torino, Ed. Fondazione Giovanni Agnelli , 1995
  • R. Schulze , Il mondo islamico del XX secolo. Politica e società civile , Milano, Feltrinelli, 1998
  • Massimo Introvigne , Islam. Che sta succedendo? Le rivolte arabe, la morte di Osama bin Laden, l'esodo degli immigrati , Milano, Sugarco, 2012, ISBN 978-88-7198-618-0
  • Norman Daniel , Gli Arabi e l'Europa nel Medioevo , Bologna, il Mulino, 1981 (rist. 2007)
  • William Montgomery Watt , L'islam e l'Europa medievale , Milano, Mondadori, 1991
  • Maxime Rodinson , Il fascino dell'islam , Bari, Dedalo, 1988
  • Franco Cardini , Europa e Islam. Storia di un malinteso , Roma-Bari, Laterza, 1999
  • MR Menocal , Principi, poeti, visir. Un esempio di convivenza pacifica tra musulmani, ebrei e cristiani , Milano, Il Saggiatore, 2003
  • MR Menocal , The Arabic Role in Medieval Literary History , Philadelphia, Un. of Pennsylvania Press, 1990
  • S. Hunke , Allahs Sonne ueber dem Abendland. Unser arabisches Erbe , Stuttgart, DVA, 1989
  • Claudio Lo Jacono , Giacomo E. Carretto , Alberto Ventura , (a cura di Francesco Gabrieli ), Maometto in Europa. Arabi e Turchi in Occidente , Milano, Mondadori, 1982 (ed. francese della Bordas di Parigi e tedesca della List Verlag di Monaco nel 1983)
  • Francesco Gabrieli - Umberto Scerrato , Gli Arabi in Italia (cultura, contatti, tradizioni) , Milano, Garzanti (già Scheiwiller), 1979
  • Michele Amari , Storia dei musulmani in Sicilia , 3 volumi, revisione a cura di CA Nallino, Catania, Romeo Prampolini, 1933-39
  • F. Maurici , Breve storia degli Arabi in Sicilia , Palermo, Flaccovio Ed., 1999
  • Claudio Lo Jacono, Islamismo , Firenze, Giunti, 2019.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità Thesaurus BNCF 7379 · LCCN ( EN ) sh85068390 · GND ( DE ) 4027743-4 · BNF ( FR ) cb13318428q (data) · NDL ( EN , JA ) 00564585