Lend

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade peyi Zend (disambiguation) .
Lend
Lend - Drapo Lend - Manto zam
( detay ) ( detay )
( HI ) सत्यमेव जयते
( EN ) Verite pou kont li triyonfe
Lend - Lokalizasyon
Nan vèt fonse teritwa yo kontwole pa Lend, nan vèt limyè teritwa yo reklame men yo pa kontwole.
Done administratif
Non konplè Repiblik peyi Zend
Non ofisyèl (EN) Repiblik peyi Zend
( HI ) भारत गणराज्य
Lang ofisyèl yo Hindi , angle ak ven-yon lòt lang rejyonal yo
Kapital New Delhi (17 495 360 pòp. / 2020)
Politik
Fòm gouvènman an Repiblik palmantè [1] Federal
Prezidan Repiblik la Ram Nath Kovind
premye Minis Narendra Modi
Endepandans soti nan Wayòm Ini , 15 Out 1947 [2]
Pwoklamasyon 26 janvye 1950 [3]
Antre nan Nasyonzini an 30 oktòb 1945
Sifas
Total 3 287 263 km² ( )
% nan dlo 9.6%
Popilasyon
Total 1 390 456 911 [4] ab. (10-04-2021) ( )
Dansite 464 abitan / km²
To kwasans 0.99% (2020)
Non moun ki rete yo Endyen
Jewografi
Kontinan Pwovens Lazi
Fwontyè Pakistan , Lachin , Nepal , Boutan ,Bangladèch , Burma
Lag jè UTC + 5: 30
Ekonomi
Lajan Endyen roupi
GDP (nominal) 2 716 746 [5] milyon $ (2018) ( 7th )
GDP per capita (nominal) 2 036 [5] $ (2018) ( 143º )
GDP ( PPP ) 10 505 288 [5] milyon $ (2018) ( 3èm )
GDP per capita ( PPP ) 7 873 [5] $ (2018) ( 122º )
ISU (2015) 0,624 (mwayen) ( 131º )
Fètilite 2.2 (2016 [6] [7] )
Divès
ISO 3166 kòd IN , IND, 356
TLD .nan
Prefiks tel. +91
Otom. IND
Im nasyonal Jana Gana Mana [8]
Jou ferye nasyonal la 26 janvye
Lend - Kat
Li se youn nan 51 eta yo ki te fèt nan Nasyonzini an 1945 .
Istorik evolisyon
Eta anvan an Lend Dominion nan peyi Zend
Drapo an Frans (1794-1815, 1830-1958) .svg Koloni franse nan peyi Zend
Drapo Portugal.svg Pòtigè peyi Zend
Drapo Sikkim (1967-1975) .svg Wayòm Sikkim

Kowòdone : 22 ° 48'N 83 ° 00'E / 22,8 ° N 83 ° E 22,8; 83

Lend (an Hindi : भारत, Bhārat ), ofisyèlman Repiblik Lend (an Hindi: भारत गणराज्य, Bhārat Gaṇarājya ), se yon eta federal nan Azi Sid , ak New Delhi kòm kapital li . Avèk 3 287 263 km², peyi Zend se 7th eta a nan mond lan pa zòn sifas , pandan y ap ak apeprè 1 milya dola ak 390 milyon moun ki rete, li se 2nd ki pi abitan apre Lachin [9] .

Li benyen pa Oseyan Endyen nan sid, lanmè Arabi nan lwès ak Bay Bengal nan lès, li gen yon litoral ki van pou 7,517 km. [10] , ak fwontyè Pakistan nan lwès la [11] , Lachin , Nepal ak Boutan nan nòdès la, Bangladèch ak Myanma nan lès la. Vwazen pwochen li yo, separe de Oseyan Endyen an, se Sri Lanka nan sidès la ak Maldiv yo nan sidwès la. Li te gen yon plant trè rich ak divèsite bèt ak abita anpil pwoteje.

Kay Sivilizasyon Indus Valley a ak yon rejyon nan wout komès istorik ak anpi vas, te subcontinent Ameriken an idantifye ak komès li yo ak richès kiltirèl pou anpil nan istwa long li yo. [12] Kat gwo relijyon nan lemonn ( Boudis , Endouyis , jayin ak sikis ) te fèt isit la, pandan y ap Zoroastrianism , Jidayis , Krisyanis ak Islam te rive la nan premye milenè AD a, bay fòm nan rejyon an nan yon gwo divèsite kiltirèl, eksprime espesyalman pa Sultanate nan Delhi , Anpi Mughal , Anpi Vijayanagara ak Anpi Maratha .

Anba rèy Anperè Aurangzeb , peyi Zend te ekonomi ki pi fò e ki pi pwodiktif nan mond lan, ki vo yon trimès (25%) de GDP mondyal,[13] ak yon revni anyèl dis fwa plis pase Anpi franse a. [14] Piti piti anekse ak Britanik East India Konpayi an depi deseni yo byen bonè nan 18tyèm syèk la ak kolonize pa Wayòm Ini a soti nan mitan 19yèm syèk la , peyi Zend te vin yon eta nasyon modèn nan 1947 , apre yon lit pou endepandans ki te karakterize pa toupatou rezistans ki pa vyolan ki te dirije pa Gandhi .

Lend se setyèm pi gwo ekonomi nan mond lan an tèm nominal ak katriyèm pi gwo an tèm de pouvwa acha. Refòm ekonomik yo te transfòme eta a nan dezyèm ekonomi k ap grandi rapidman an [15] (li se youn nan senk peyi ki refere nan akwonim BRICS la ) [16] . Sosyete Ameriken an se plizyè lang, milti-etnik ak karakterize pa yon pliralism istorik relijye yo . Malgre sa, peyi a toujou soufri de nivo segondè nan povrete , analfabetism (143 °) ak malnitrisyon , menm jan tou gen yon sistèm enfliyan ki toujou enfliyan ki baze sou kas byenke li te ofisyèlman aboli an 1947, ane a nan ki peyi Zend te jwenn endepandans lan.

Etimoloji

Penti nan CAVES yo Ajanta date tounen nan epòk la Gupta .

Non peyi Zend soti nan Indo Tabandalese, ki sòti nan mo Pèsik Endou , ki soti nan Sanskrit Sindhu , non istorik lokal pou larivyè Lefrat la Indus (jodi a nan Pakistan ). [17] Grèk yo ansyen refere yo bay Endyen yo ak tèm nan Indoi (Ινδοί), "moun yo Indus". [18] Nan Konstitisyon Endyen an, epi tou nan l 'komen nan divès lang Endyen, peyi Zend refere tou kòm Bharat , tou yon non ofisyèl ki gen estati egal. [19] Hindustan, ki nan Pèsik vle di "Tè Endou yo", istorikman refere a nò peyi Zend, men se detanzantan itilize kòm yon sinonim pou tout peyi a. [20]

Istwa

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Istwa peyi Zend .
Anpi Mughal nan gran jou de glwa li yo.

Premye dosye yo li te ye nan lavi moun nan peyi Zend se abri Laj Stone ki pentire nan Bhimbetka , Madhya Pradesh . Premye li te ye nan zòn lakòt yo pèmanan parèt sou 9000 ane de sa e piti piti devlope nan Indis sivilizasyon Valley a [21] , ki dat tounen nan 3300 BC .. Peryòd la Vedic swiv, ki mete fondasyon yo nan Endouyis ak lòt aspè kiltirèl, ki karakterize dimanch maten byen bonè nan Sosyete Endyen, e li te fini alantou 500 BC .. Apati 550 BC , nouvo fòm agrégation devlope ak yon gwo kantite wayòm endepandan ak repiblik leve nan yon gwo pati nan peyi a, ke yo rekonèt kòm Mahajanapada [22] . Pi enpòtan nan yo, hegemon nan vas rejyon lès yo, yo pral Peyi Wa ki nan Magadha .

Nan twazyèm syèk BC la . pi fò nan Sid Azi te ini anba lidèchip nan Anpi Maurya nan chèf Chandragupta Maurya la .
Anpi sa a vas, premye moun ki inifye prèske tout kontinan Endyen an , devlope anba Anperè Aśoka , youn nan figi dirijan nan ansyen istwa Endyen an. [23] Antrepriz la nan inifye tankou yon teritwa vas ap imite sèlman plizyè syèk apre sezon otòn la nan Anpi a Maurya pa yon lòt gwo anpi: Anpi a Gupta nan twazyèm syèk la AD , nan yon peryòd defini kòm "laj an lò nan ansyen Lend ". [24] [25] Nan syèk sa yo te gen kontinyèl kontak komèsyal ak Anpi Women an [26] . Avèk sezon otòn la nan Anpi a Gupta, nouvo wayòm leve, espesyalman nan sid la, kote nouvo anpi te pran fòm, nan mitan ki yo menm prensipal yo te sa yo ki an Chalukya , Rashtrakuta , Hoysala , Pallava , Pandya , ak Chola dinasti. Nan epòk la nan anpi yo gwo nan antikite, syans , jeni , atizay , literati , astwonomi ak filozofi ap fleri anba patwonaj la nan wa divès kalite ak anperè.

Apre envazyon yo soti nan Azi Santral ant dizyèm ak douzyèm syèk yo , anpil nan nò peyi Zend te vin anba règ la nan Sultanate a nan Delhi premye ak Lè sa a, nan pi gwo Anpi Mughal la . Sou rèy Akbar Great a , peyi Zend te fè eksperyans yon peryòd ki ra nan amoni relijye ak kiltirèl ak ekonomik fervor. [27] [28] Pandan rèy li, peyi Zend te vin ekonomi ki pi fò nan mond lan, pwodwi prèske yon ka nan GDP nan mond lan.[13] Anplis de sa, revni anyèl la nan Anpi Mughal la te dis fwa pi wo pase sa yo ki an kontanporen Anpi franse a . [14]

Anperè Mughal yo piti piti pwolonje wayòm yo pou kouvri anpil nan soukontinan an. Sepandan, plizyè wayòm endijèn, tankou Anpi Endou Vijayanagara , te reziste, patikilyèman nan sid, osi byen ke Wayòm Ahom nan nòdès la.
Ant syèk yo 17th ak 18th , sipremasi a nan Mughals yo diminye ak Anpi a Maratha te vin pouvwa a dominan. [29]

Soti nan syèk la 16th plizyè peyi Ewopeyen, ki gen ladan Pòtigal , Netherlands , Lafrans akWayòm Ini a , yo te kòmanse rive, premye kòm komèsan, men Lè sa a, pran avantaj de friksyon ki genyen ant divès wayòm yo, kòm pouvwa kolonyal yo.

Nan 1856 pi fò nan peyi Zend te anba kontwòl Britanik East India Company . [30]

Yon lane apre, yon revòlt endepandans nan tout peyi a, ki te rele Rvolta nan Sepoy a , men ki make pa Endyen yo kòm "Premye Gè Endyen Endepandans lan", seryezman mete an danje dominasyon estrikti Britanik la, men finalman yo te revòlte ame a.
Kòm yon rezilta, peyi Zend te vin antyèman anba règ dirèk nanCrown Britanik la kòm yon koloni nan Anpi Britanik lan .

Mahatma Gandhi (adwat) ak Jawaharlal Nehru , 1937. Nehru ta vin Premye Minis peyi Zend an 1947 .

Nan pwemye mwatye nan 20yèm syèk la, Kongrè Nasyonal Endyen an ak lòt òganizasyon politik te pwoklame yon lit nan tout peyi pou endepandans. Pita sakrifis sik yo te kòmanse tou, pi bon li te ye nan yo ki te Bhagat Singh , ki te jwe yon wòl enpòtan nan ekspilsyon Britanik yo.
Nan ane 1920 yo ak ane 1930 yo , ak mouvman ki te dirije pa Mahatma Gandhi , dè milyon de moun te angaje nan yon kanpay mas dezobeyisans sivil la. [31] Sou Out 15, 1947 , peyi Zend te vin endepandans soti nan Wayòm Ini a, men li te divize an de gouvènman endepandan ant Dominion nan peyi Zend ak Dominion nan Pakistan , an akò ak volonte nan Pan- Ameriken Lig Mizilman yo , [32 ] byen wè tou pa yon pati evidan nan nasyonalis la eksprime pa eleman Endou an .
Twa ane pita, sou 26 janvye 1950 , peyi Zend te vin yon repiblik ak yon nouvo konstitisyon antre nan fòs. [33]

Aprè endepandans, lit relijye yo te eklate nan mitan kast yo (ofisyèlman aboli pa Gandhi, men an reyalite lajman siviv nan lavi chak jou), ak soulèvman nan divès pati nan peyi a, te soti gras a sibstansyèl tolerans kiltirèl Ameriken ak entèlijan refòm konstitisyonèl. Enspire pa Gandhian te panse ak te pote soti nan gouvènman an nan disip Mahatma a, Pandit Nehru .

Teworis nan peyi Zend se yon pwoblèm grav: an patikilye li prezan nan Jammu ak Kashmir , nan nò-lwès la nan peyi Zend, kote kesyon ki pako rezoud nan Kashmir kontinye pwazon nanm yo nan peyi Zend ak Pakistan , men, nan dènye ane yo, li te tou ki te fèt nan gwo vil yo, tankou New Delhi ak Bombay . Yon nòt patikilye se te atak 2001 sou Palman Endyen an.

Lend sispann diskisyon teritoryal ak Lachin , ki te mennen nan lagè a Sino-Ameriken an 1962 , ak moun ki gen Pakistan , ki a nan lagè divès kalite nan 1947 , 1965 , 1971 ak 1999 .

Nou sonje tou nesans, 26 Mas 1973 , sou metòd Gandhian Satyagraha , yon mouvman pou pwoteje ak konsèvasyon forè a, ke yo rekonèt tankou " Mouvman Chipko ".

Lend se yon manm fondatè Mouvman ki pa Peye-aliyen ak Nasyonzini (kòm yon pati nan Britanik peyi Zend nan moman an ).

Nan 1974 peyi Zend te fè yon tès nikleyè anba tè, [34] ki te swiv pa senk tès an 1998 , vin yon pouvwa ak yon bonm atomik . [34] Depi 1991 , pi gwo refòm ekonomik yo te transfòme peyi Zend nan youn nan peyi yo ak pi gwo pousantaj kwasans ekonomik nan mond lan, [35] ki te kontribye, tou de rejyonal ak globalman, ogmante pwa politik li yo, [36] malgre gwo siviv nan disparite grav sosyal ak ekonomik, espesyalman eksprime nan konfwontasyon ki pako rezoud ant vil yo ak peyi yo.

An 1975 , Premye Minis Indira Gandhi te deklare yon eta dijans entèn apre yo te akize li nan yon eskandal koripsyon ak pou move itilizasyon aparèy gouvènman an pou kanpay elektoral li . Olye pou l akonpli lòd Allahabad High Court la pou l kite plas li nan Palman Endyen an, li te dirije pa dekrè jiska 1977 . Manifestasyon ki te dirije pa JP Narayan , Raj Narain , Satyendra Narayan Sinha ak Morarji Desai - ki te anvayi lari Delhi tou pre bilding Palman an ak rezidans Premye Minis la, nan okazyon fraz Allahabad - te bay pretèks pou Madam Gandhi. .. sispann libète sivil yo. Opozisyon politik la te anpil reprime pandan ijans lan: JP Narayan , Raj Narain , Morarji Desai , Charan Singh , Jivatram Kripalani , Atal Bihari Vajpayee , LK Advani , Satyendra Narayan Sinha ak lòt lidè pwotestasyon yo te arete. Organganizasyon tankou Rashtriya Swayamsevak Sangh , ansanm ak kèk pati politik opozisyon an, te entèdi. Prèske de ane pita, konfyans nan chans li pou yo te re-eli, Indira Gandhi fasilite ijans lan, divilge disidan ak anonse eleksyon yo.

Nan eleksyon ki vin apre yo, sepandan, Raj Narain ak kòlèg li yo te genyen desizif (menm nan sikonskwipsyon an nan Premye Minis la nan Rae Bareli), ak la pou premye fwa te gen yon gouvènman pa eksprime pa Kongrè Nasyonal Ameriken an, men pa pati a Janata dirije pa Atal Bihari Vajpayee . Te prévalence de pati Indira a reyafime nan eleksyon yo ki vin apre e li te konsève pou yon dekad, menm avèk pitit gason l ' Rajiv : pita yon altènasyon pi konplè te pran plas ant opoze fòs politik yo konpetisyon pou gouvènman an nan sa ki san gad dèyè defini "demokrasi a ki pi abitan nan mond lan ".

Jewografi ak jewoloji

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Tranbleman tè nan peyi Zend ak istwa jewolojik nan peyi Zend .

Jewografikman li reprezante pi fò nan soukontinan Endyen an , epi li repoze sou plak Endyen an , ki an vire fè pati plak Indo-Ostralyen an .[37]

Jewografi nan peyi Zend jodi a sòti nan pwosesis jewolojik ki te kòmanse 75 milyon ane de sa, lè subcontinent Endyen an, Lè sa a, yon pati nan rivaj sid la nan supercontinent Gondwana a , te kòmanse yon flote nòdès ki dire 50 milyon ane, travèse lanmè a tout antye . toujou nan fòmasyon).[37] Kolizyon an nan kontinan an ak plak la Eurasian ak subduction ki vin apre a anba li, te bay fòm Himalaya a (ki abouti nan teritwa Ameriken an nan Kanchenjunga ak 8 586 mèt li yo), seri a mòn ki pi wo sou planèt la , ki kounye a antoure peyi Zend nan nò ak nòdès.[37] Nan fon lanmè a ansyen imedyatman nan sid émergentes tèt yo Himalayan, mouvman tektonik la te kreye yon fon vas, ki te imedyatman piti piti plen ak sediman soti nan rivyè, [38] bay lavi plenn indo-Gangetic jodi a. [39] Nan lwès la nan plenn sa a, separe de mòn yo Aravalli , se dezè a Thar . [40] Plenn orijinal la nan kontinan an kontinye ap siviv nan pati nan penensil nan peyi Zend, nan rejyon an pi ansyen ak pi jewolojik ki estab pwolonje soti nan nò a nan mòn yo Satpura ak Vindhya nan sant peyi Zend. Sa yo chenn paralèl ak lanmè Arabi sou kòt la Gujarat , ak plis nan sid se yon teritwa gwo yo rele Plato a Deccan , antoure nan lwès la pa chenn yo bò lanmè nan lwès Ghats yo , ak sou bò solèy leve a pa lès la Ghats . [41] Plato Deccan a gen kèk nan pi ansyen fòmasyon wòch Endyen (menm plis pase yon milya ane).

Zile Andaman yo.

Lend sitiye nan nò ekwatè a , ant 6 ° 44 'ak 35 ° 30' nan latitid nò ak ant 68 ° 7 'ak 97 ° 25' nan lonjitid lès.

Kòt Endyen an detire pou 7 517 km long; 5 423 km nan ki kouri ansanm penensil la, pandan y ap 2 094 km apatni a zile Andaman , Nicobar, ak Laccadive . Dapre kat idrografik naval nan peyi Zend , 43% nan kòt la te fè leve nan plaj Sandy, 11% nan kòt wòch ak falèz ak 46% nan vast labou oswa marekaj.

Ranje a Himalayan bay monte gwo rivyè ki nan nò peyi Zend, ki gen ladan Ganges yo ak Brahmaputra a , koule nan Bay Bengal . [42] Afluan enpòtan nan Ganges yo gen ladan Yamuna a ak Kosi a , ki gen pant ki ba nan teritwa yo li pase nan lakòz inondasyon dezas chak ane. Gwo rivyè yo nan penensil la gen ladan Godavari a , Mahanadi , Kaveri , ak Krishna , ki koule nan Bay Bengal ; [43] ak Narmada a ak Tapti a , ki koule nan lanmè Arab la . [44] Pami kòt Endyen ki pi karakteristik yo se Rann marekaje nan Kutch nan lwès peyi Zend, ak Sundarbans delta alluvions yo, pataje ak vwazen Bangladèch . [45] Lend gen de achipèl: Laccadives yo, atol koray tou pre kòt sidwès la, ak Zile Andaman ak Nicobar , ki gen orijin vòlkanik ki sitiye nan lanmè Andaman . [46]

Klima

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Klima nan peyi Zend .

Klima Endyen an enfliyanse anpil pa Himalaya ak dezè a Thar, ki kondwi mouason yo. Himalaya yo twotwa van frèt nan Azi Santral , kenbe pi fò nan kontinan Ameriken an nan yon tanperati ki pi wo pase rejyon ki sitiye nan latitid menm jan an. [47] [48] Dezè a Thar jwe yon wòl kle nan atire van yo nan mouason ete a, ak imidite ki wo ant jen ak oktòb, ki bay pi fò nan lapli yo pandan tout ane a. Kat gwo grap klimatik domine nan peyi a: imid twopikal, sèk twopikal, imid subtropikal, ak mòn. [49]

Zòn klima, ki baze sou sistèm nan Köppen :

     Klima Alpine

AK (ETh)

     Mouye subtropikal

C. (Cfa)

     Twopikal mouye epi sèk

POU (Aw)

     Imid twopikal

POU (Am)

     Semi-arid

B. (BSh)

     Arid

B. (BWh)
Mwayèn tanperati anyèl nan peyi Zend:

     Anba a 20.0 ° C.

     20.0-22.5 ° C.

     22.5-25.0 ° C.

     25.0-27.5 ° C.

     Pi wo pase 27.5 ° C.

Peyi Zend englobe yon pakèt kondisyon metewolojik ak klima, ki enfliyanse pa tou de echèl jewografik ak varyete topografik. Analize dapre sistèm nan Köppen , peyi Zend gen tout pouvwa a sis prensipal subtip klimatik, sòti nan dezè nan lwès la, alpine ak glasyal nan nò a, imid twopikal ak sèk rejyon twopikal nan sidwès la ak zile, nan subtropikal ak arid. Soti isit la se yon seri antye nan mikroklimat rejyonal yo grefon. Subkontinan an gen kat sezon: sezon fredi (janvye ak fevriye), ete (mas rive me), sezon mouason an (jen rive septanm), ak yon peryòd pòs-mouason (oktòb-desanm).

Singularite a géographique ak jewolojik nan peyi Zend fòtman enfliyanse klima li yo; sa a se laverite espesyalman nan Himalaya yo ak mòn yo Endou Kush ki aji kòm yon obstak nan van yo frèt soti nan Azi Santral . [50] Sa ede kenbe tanperati ki pi wo pase nan rejyon ki chita nan menm latitid yo. Se poutèt sa, menm si twopik la nan kansè (fwontyè ki genyen ant zòn twopikal ak subtropikal) pase nan santral peyi Zend, tout peyi a gen tandans yo dwe konsidere kòm twopikal. An menm tan an, dezè a Thar jwe yon wòl enpòtan nan atire imidite a nan van yo mouche soti nan sid-lwès la chaje ak mouason an ete, ki ant mwa jen ak oktòb bay pi fò nan lapli a. [50] [51]

Yon klima twopikal lapli karakterize rejyon kote tanperati ki wo pèsiste, ki nòmalman pa tonbe anba a 18 ° C. Lend se lakay yo nan de subtip klimatik ki tonbe anba gwoup sa a. Klima a mouason nan rejyon twopikal kouvri plenn yo sidwès sou kòt Malabar , Western Ghats yo , sid Assam , Zile Laccadive yo, ak Andaman yo ak Nicobar Islands. Lapli a sezon, jeneralman anlè a 2 000 mm chak ane. Pifò lapli fèt ant Me ak Novanm. Imid ak sèk klima twopikal se pi komen. Siyifikativman pi sèk pase marekaj twopikal yo, li domine sou pi fò nan aryè penensil Endyen an. Se sezon fredi karakterize pa peryòd sechrès ak tanperati mwayèn pi wo a 18 ° C. Ete eksepsyonèlman cho ak tanperati ki ka depase 50 ° C nan mwa me, ak vag chalè ki chak ane touye dè santèn de Endyen. Sezon lapli a dire de jen a septanm; mwayèn lapli a chak ane se nan lòd la 750-1 500 mm .

Yon klima arid ak semi-arid twopikal domine nan gwo rejyon nan sid twopik la nan kansè ak bò solèy leve nan lwès Ghats yo , ki gen ladan Karnataka , Tamil Nadu , lwès Andhra Pradesh , ak santral Maharashtra , kote lapli se ant 400 ak 750 milimèt chak ane. 'ane. Desanm se mwa ki pi frèt la, ak tanperati toujou ant 20-24 ° C. Mwa ant mwa mas ak me yo cho ak sèk; mwayèn chak mwa nan tanperati a se 32 ° C.

Pifò nan rejyon nò ak nòdès peyi Zend yo sijè a yon klima subtropikal-imid. Malgre ke li gen ete cho, tanperati a nan mwa yo pi frèt ka desann nan 0 ° C. Akòz lapli yo mouason vaste, peyi Zend gen yon sèl subtip nan klima sa a, CFA a (anba sistèm nan Köppen). [52] Pifò nan rejyon sa a karakterize pa lapli ki ba pandan sezon livè an. Lapli anyèl varye de mwens pase 1 000 mm nan lwès la, jiska pi lwen pase 2 500 mm nan rejyon nò-lès yo.

Rejyon nò yo ki sitiye nan Himalaya yo sijè a klima alpine a. Isit la tanperati a tonbe 5.1 ° C pou chak mil mèt altitid (to dyabatik pouri anba tè). [53] Zòn ki sitiye nan altitid ant 1 100 ak 2 300 mèt resevwa anpil lapli, ki rapidman tonbe pi wo pase limit sa yo. Pi wo pase 5,000 mèt li pa janm lapli: tout presipitasyon se nan fòm lanèj.

Popilasyon

Demografi

Etazini ak teritwa peyi Zend (resansman XIV, mas 2011) [54]
# Leta Popilasyon
1 Uttar Pradesh 199 581 477
2 Maharashtra 112 372 972
3 Bihar 103 804 637
4 West Bengal 91 347 736
5 Madhya Pradesh 75 697 565
6 Tamil Nadu 72 138 958
7 Rajasthan 68 621 012
8 Karnataka 61 130 704
9 Gujarat 60 439 692
10 Andhra Pradesh 84 655 533
11 Orissa 41 974 218
12 Telangana 35 286 757
13 Kerala 33 387 677
14 Jharkhand 32 988 134
15 Assam 31 205 576
16 Punjab 27 743 338
17 Chhattisgarh 25 545 198
18 Haryana 25 353 081
19 Delhi (Teritwa) 16 787 941
20 Jammu ak Kashmir 12 548 926
21 Uttarakhand 10 116 752
22 Yon lòt 14 eta / teritwa 16 220 385
Total 1 210 193 422
Kwasans popilasyon de 1961 a 2010.

Avèk yon popilasyon ki estime apeprè 1.4 milya moun [9] , ki reprezante 18% nan popilasyon mondyal la, peyi Zend se dezyèm peyi ki pi abitan sou planèt la (apre Lachin ) epi, selon kèk estatistik, ta ka vin premye a alantou 2030 [ 55] . Esperans lavi se alantou 70 ane, ak to kwasans popilasyon an nan 0.99% chak ane nan 2020. Rapò nasyonal fanm / gason se 944 fanm a 1 000 gason. 65% nan popilasyon an ap viv nan zòn riral yo. Sepandan, pousantaj nan ibanizasyon kontinye ap monte akòz gwo migrasyon soti nan peyi a nan lavil yo. Pi gwo vil yo se Mumbai , Delhi , Bangalore , Calcutta , Chennai , Ahmedabad ak Hyderabad . [56]

Jiyè 2017 - Jiyè 2018

Selon Sondaj Peryodik Travay Fòs (PLFS) [57] pibliye nan mwa me 2019 pa Ministè Endyen Estatistik ak Aplikasyon Pwogram Endyen an, kantite kay Endyen yo estime a 25.7 crore kont yon popilasyon total de 107 (egal a 24 %), pandan ke fanmi an mwayèn ta dwe fè leve nan 4.2 manm yo. [57]

La forza-lavoro è stimata in 77,2 crore (pari al 34% della popolazione), dei quali il 25% ha un salario o stipendio stabile e regolare, il 24,9% svolge lavori saltuari ed il restante 52.2% svolge un lavoro autonomo.

In quest'ultima categoria, 11,6 crore sono maschi e 3,7 femmine delle aree rurali, rispettivamente con un salario medio mensile di 8 955 e 4 955 rupie. Malgrado un tasso di istruzione secondaria similare, i due gap occupazionale e retributivo fra i due sessi restano elevati anche nei centri urbani, nei quali trovano impiego un numero di maschi e di femmine rispettivamente pari a 3,3 ea 0,76 crore, associati ad un reddito mensile medio di 16 067 rupie e 6 994 rupie. [57]

Il rapporto fra maschi e femmine è quasi paritario (956 a 1 000), laddove circa la metà dei giovani fra i 15 ei 29 di età -di entrambi i sessi e residenti sia nelle zone rurali che nei centri urbani- ha conseguito un titolo di istruzione secondaria. [57]

Tuttavia, il tasso di alfabetizzazione , intesa come capacità di leggere o scrivere un semplice messaggio, presenta un forte divario fra i due sessi: se nelle aree urbane il tasso medio è risultato del 72,2% contro l'86,7% dei centri urbani, lo stesso dato disaggregato per i maschi e le femmine rivela che:

  • nelle aree rurali, la quota di maschi non analfabeti è dell'80,7% rispetto al 64,5% delle donne;
  • nei centri urbani, la quota di maschi non analfabeti è dell'91,6% rispetto all'81,6% delle donne. [58]

Circa la metà della popolazione maschile e il 15% di quella femminile ha un contratto di lavoro retribuito e coperto dalla previdenza sociale [58] , senza sostanziali differenze fra aree rurali e urbanizzate. Il tasso di occupazione include anche le persone attive nell'agricoltura estensiva e di sussistenza o nella costruzione di abitazioni residenziali, la cui incidenza al 2017 - 2018 non viene specificata. [58]

Complessivamente, il lavoratore/imprenditore indiano medio guadagna meno di 10 000 rupie al mese ed una quota pari al 50% della forza-lavoro è di età uguale o superiore ai 15 anni. [57]

Religione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Religioni in India , Induismo in India e Cristianesimo in India .
Cremazione a Varanasi .
La statua di Śiva a Rishikesh lungo le rive del Gange .

In base ai dati del censimento del 2011 , la popolazione indiana è a grande maggioranza di religione induista (79,8%), compresi gli ayyavazhi , che sono considerati una setta induista e sono presenti soprattutto nell'India meridionale; la seconda comunità religiosa della nazione è quella dei musulmani che assommano al 14,23% della popolazione totale dell'India (è la terza comunità musulmana mondiale dopo l'Indonesia e il Pakistan). Sono presenti inoltre altre minoranze religiose: cristiani 2,3%, sikh 1,72%, buddisti 0,7% e poi giainisti e altre comunità religiose (religioni tradizionali tribali, bahai , ebrei e parsi ). [59]

I musulmani costituiscono la maggioranza nel Jammu e Kashmir e nelle Laccadive , mentre formano grosse minoranze negli Stati di Uttar Pradesh (30 milioni, circa un quinto della popolazione), Bihar (13 milioni e mezzo, un: sesto della popolazione), Bengala Occidentale (un quarto della popolazione), Assam (poco meno di un terzo) e Kerala (un quarto).

I sikh costituiscono la maggioranza in Punjab e formano significative minoranze nel territorio di Delhi (mezzo milione) e nell' Haryana (oltre un milione). I buddisti formano la maggioranza nello Stato del Sikkim e nella regione del Ladakh e sono diffusi tra i paria grazie alle conversioni di massa iniziate dal dr. Ambedkar negli anni cinquanta . I giainisti si trovano soprattutto negli Stati di Rajasthan (650 000), Gujarat (525 000), Maharashtra (1 300 000) e Karnataka (400 000), i parsi sono concentrati a Bombay . [60]

Gli ebrei, ora molto ridotti, erano presenti storicamente con le comunità di Cochin , del Maharashtra ( Bene Israel ), di Bombay ( Baghdadi ), nel Mizoram ( Bnei Menashe , indiani convertiti) e nell'Andhra Pradesh ( Bene Ephraim , anch'essi indiani convertiti).

Lingue

Lingue indoarie e dravidiche nel sub-continente indiano.

L'India è la seconda entità geografica per diversità culturale, linguistica e genetica dopo l' Africa . [56]

L'India è la patria di due grandi famiglie linguistiche : indoariana (parlata da circa il 74% della popolazione) e dravidica (parlata da circa il 26%). Altre lingue parlate appartengono alle famiglie austroasiatiche e tibeto-birmana .

La Costituzione non riconosce una lingua nazionale, ma diverse lingue ufficiali: l' hindi è lingua ufficiale del governo (art.343) e da una a tre lingue sono designate come lingue ufficiali dei singoli stati (art. 345). In India si parlano ben 179 lingue diverse. L' hindi è la lingua più parlata [61] oltre ad essere la lingua ufficiale dell'Unione. [62]

L' inglese , che viene ampiamente utilizzato in economia e nelle gestioni aziendali, ha lo status di "lingua ufficiale sussidiaria". [63]

La Costituzione riconosce inoltre altre 21 lingue che vengono abbondantemente parlate e utilizzate nei documenti pubblici dei vari stati, fra cui l' assamese ( Assam ), il bengalese ( Bengala Occidentale ), il gujarati ( Gujarat ), il kannada ( Karnataka ), il malayalam ( Kerala ), il marathi ( Maharashtra ), l' oriya ( Orissa ), il punjabi ( Punjab , Haryana ), il tamil ( Tamil Nadu ), il telugu ( Andhra Pradesh ). Kannada, malayalam, tamil e telugu sono lingue dravidiche, le altre indoarie. Negli stati di Goa e Daman e Diu si parla il portoghese e nello stato di Pondicherry si parla francese. Il numero di dialetti in India è di ben 1.652. [64]

Ordinamento dello Stato

Costituzione

La Costituzione dell'India è lunghissima ed esauriente ed è entrata in vigore il 26 gennaio 1950 . [65] Essa consta, in certe edizioni, di quasi 500 pagine (contro la settantina di quella italiana). Il preambolo della Costituzione definisce l'India come una repubblica sovrana , socialista , laica , e democratica . [66] . Padre della Costituzione Indiana fu BR Ambedkar . L'India ha una forma di governo quasi-federale ed è dotata di un parlamento bicamerale plasmato sul modello parlamentare Westminster , con la classica tripartizione dei poteri: legislativo , esecutivo e giudiziario .

Cittadinanza

Il diritto di cittadinanza è basato sullo ius sanguinis . In altre parole, la cittadinanza può essere chiesta e ottenuta da qualsiasi individuo nato in India da entrambi i genitori indiani, ancorché residente e cittadino di un Paese estero. La cittadinanza viene conferita di diritto a chi è sposato/a con un cittadino indiano che sia residente in India da almeno 7 anni. [67]
La Costituzione e il Citizenship Act del 1955 stabiliscono il divieto della doppia cittadinanza come principio generale dell'ordinamento, ammettendo una deroga per i già cittadini indiani ai quali viene conferita la cittadinanza da parte di uno Stato estero non per richiesta volontaria, ma per effetto delle rispettive leggi nazionali a motivo di nascita, discendenza o annessione territoriale. [68]

Poteri dello Stato

Il Presidente dell'India è il capo di Stato , con compiti di mera rappresentanza [69] , eletto indirettamente da un collegio elettorale , [70] con un mandato di cinque anni. [71] [72] Il potere esecutivo è esercitato dal Primo Ministro che è il capo del governo. [69] Il Primo Ministro è nominato dal Presidente e, per convenzione, è il candidato sostenuto dal partito o dall'alleanza politica che detiene la maggioranza dei seggi nella Camera bassa del Parlamento . [69] Il governo è composto dal Presidente, dal Vicepresidente, e dal Consiglio dei ministri guidato dal Primo Ministro. Qualsiasi ministro in possesso di un portafoglio deve essere membro di una delle due camere del parlamento.

Il potere legislativo è esercitato dal Parlamento bicamerale, che consiste in una camera alta chiamata Rajya Sabha (Consiglio degli Stati) e in una camera bassa chiamata Lok Sabha (Casa del Popolo). [73] Il Rajya Sabha è un organismo composto da 245 membri in carica sei anni. [74] La maggior parte sono eletti indirettamente dalle legislature degli stati e territori in proporzione alla loro popolazione. [74] 543 membri dei 545 della Lok Sabha sono eletti direttamente dal voto popolare a rappresentanza dei singoli collegi elettorali e restano in carica cinque anni. [74] Gli altri due membri sono nominati dal Presidente della comunità anglo-indiana se, a suo parere, la comunità non sia adeguatamente rappresentata. [74]

Come in tutti i sistemi parlamentari, anche in quello indiano il potere esecutivo è subordinato al potere legislativo, con il Primo Ministro e il suo Consiglio direttamente responsabile, ma solo innanzi alla camera bassa del Parlamento . [75]

L'India ha tre livelli della magistratura: la Corte suprema (presieduta dal Chief Justice of India), 24 Alte Corti (a livello statale) e un gran numero di corti ordinarie. [76] La Corte suprema ha giurisdizione su casi che riguardano diritti fondamentali e controversie tra gli Stati e il Centro, e casi di appello dell'Alta Corte. [77] È indipendente da ogni altro potere [76] e può sciogliere i governi statali, nonché dichiarare incostituzionali leggi dei vari stati. [78] Il ruolo come ultimo interprete della Costituzione è una delle più importanti funzioni della Corte suprema. [79]

Suddivisioni amministrative

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisioni dell'India e Stati federati e territori dell'India .

L'India è una federazione di stati con parlamenti e governi autonomi. Ci sono 28 stati federati e 8 territori , fra cui quello della capitale , Nuova Delhi , e ognuno di essi è suddiviso in distretti ; [80] in alcuni stati federati i distretti sono riuniti in divisioni , che rappresentano così il secondo livello amministrativo di questi stati. Nel 1956 , sotto States Reorganisation Act gli stati vennero formati su base linguistica. [81] Da ricordare che alcuni Stati e distretti sono dotati di Maragià ( Maharaja , "grande re"), tradizionale titolo dei sovrani indiani. Questi sono dotati di poteri eminentemente rappresentativi e simbolici. Da segnalare altresì la particolarità strutturale dei Territori, sovente caratterizzati da una storia peculiare. Tra questi sono da ricordare Pondicherry , dalla tipica caratterizzazione francese, e le Isole Andamane, popolate in gran parte da bianchi anglosassoni e genti indigene molto particolari, caratterizzate da statura bassa, le quali continuano a vivere secondo usi e costumi risalenti a migliaia di anni fa e tramandati dai loro antenati. La divisione amministrativa dell'India consiste in:


28 stati federati

  1. Andhra Pradesh
  2. Arunachal Pradesh
  3. Assam
  4. Bengala Occidentale
  5. Bihar
  6. Chhattisgarh
  7. Goa
  8. Gujarat
  9. Haryana
  10. Himachal Pradesh
  11. Jharkhand
  12. Karnataka
  13. Kerala
  14. Madhya Pradesh
  15. Maharashtra
  16. Manipur
  17. Meghalaya
  18. Mizoram
  19. Nagaland
  20. Orissa
  21. Punjab
  22. Rajasthan
  23. Sikkim
  24. Tamil Nadu
  25. Telangana
  26. Tripura
  27. Uttar Pradesh
  28. Uttaranchal

7 Territori dell'Unione

  1. Andamane e Nicobare
  2. Chandigarh
  3. Dadra e Nagar Haveli e Daman e Diu
  4. Jammu e Kashmir
  5. Laccadive
  6. Ladakh
  7. Pondicherry

1 Territorio della capitale nazionale

La maggior parte degli Stati federati segue nei suoi confini le frontiere linguistiche ; alcuni di questi sono stati creati nel 2001 . Certe regioni rivendicano invece l'autonomia come nuove entità statali federate.

Città principali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Città dell'India .
Visione aerea di Jaipur .
Principali città dell'India (stime 2008) [82]
# Città Stato Popolazione
1 Mumbai [83] Maharashtra 13 662 885
2 Delhi Delhi 11 954 217
3 Chennai Tamil Nadu 5 180 533
4 Calcutta Bengala Occidentale 5 021 458
5 Bangalore Karnataka 4 562 843
6 Hyderabad Andhra Pradesh 3 980 938
7 Ahmedabad Gujarat 3 867 336
8 Pune Maharashtra 3 230 322
9 Surat Gujarat 3 124 249
10 Kanpur Uttar Pradesh 3 067 663
11 Jaipur Rajasthan 2 997 114
12 Lucknow Uttar Pradesh 2 621 063
13 Nagpur Maharashtra 2 359 331
14 Indore Madhya Pradesh 1 768 303
15 Patna Bihar 1 753 543
16 Bhopal Madhya Pradesh 1 712 355
17 Thane Maharashtra 1 673 465
18 Ludhiana Punjab 1 662 325
19 Agra Uttar Pradesh 1 590 073
20 Vadodara Gujarat 1 487 956

Istituzioni

Ordinamento scolastico

Il tasso di alfabetizzazione in India è del 64,8% e risulta 53,7% per le donne e 75,3% per gli uomini. Lo Stato del Kerala ha il più alto tasso di alfabetizzazione (91%); Bihar il più basso (47%). Si stima che la spesa per l'educazione sia nell'ordine del 3,2% del PIL . Ci sono sostanzialmente quattro fasi della formazione scolastica in India, ossia "primaria", "primaria superiore", "secondaria" e "secondaria superiore" (o "scuola superiore"). Nel complesso il ciclo scolastico dura 12 anni, in seguito al "modello 10+2". Tuttavia vi sono notevoli differenze tra i vari Stati indiani in termini di modelli organizzativi all'interno di questi primi 10 anni di scolarizzazione. Il governo si è impegnato a garantire l'istruzione elementare universale (primaria e primaria superiore) con un'istruzione per tutti i bambini di età compresa tra 6-14 anni di età. Alla scuola primaria accedono i bambini di età tra i 6 e gli 11 anni, organizzati in classi dalla prima alla quinta. La scuola elementare superiore e secondaria è per gli alunni di età compresa tra gli 11 e 15 anni, organizzati in classi dalla sesta alla decima, e la scuola secondaria superiore è per gli studenti di età tra 16 e 17 anni iscritti nelle classi tra l'undicesima e dodicesima. In alcune regioni c'è un concetto aggiuntivo, quello chiamato della scuola "primaria medio/superiore" per le classi tra la sesta e l'ottava. In tali casi le classi nona e decima sono classificate sotto la categoria di scuola superiore. Livelli più elevati del percorso formativo e scolastico in India offrono l'opportunità di specializzazione in un settore e comprendono le scuole tecniche (come Indian Institutes of Technology e Indian Institutes of Information Technology, Design & Manufacturing), e università .

Università

Tra le università del paese ricordiamo l' Università di Calcutta , la prima università moderna in India, fondata il 24 gennaio 1857 . Altre università dell'India, istituite nel 1857, sono l' Università di Madras e l'Università di Mumbai,

Tra le più importanti università indiane ricordiamo anche l' Università di Delhi , fondata nel 1922.

Sistema sanitario

L'All India Institute of Medical Sciences (AIIMS) di Delhi , fondato nel 1956 , è considerato il miglior college di medicina e ospedale pubblico del paese. [84]

Secondo stime del 2008 , la speranza di vita in India è di 69,5 anni, 67 per gli uomini e 72 per le donne. La mortalità infantile è di 46 ogni 1 000 bambini nati. Si calcola che 5,1 milioni di persone convivano con l' AIDS , malattia che nel 2001 ha causato 301 000 decessi.

I servizi sanitari sono responsabilità dei singoli stati indiani . La costituzione delega agli stati "l'aumento del livello di nutrizione e del tenore di vita della propria popolazione e il miglioramento della salute pubblica in quanto tra i suoi doveri primari". Vi è inoltre una politica sanitaria nazionale, approvata dal Parlamento nel 1983 .

Gli sforzi del governo centrale sono concentrati su piani quinquennali, su una pianificazione coordinata con gli Stati e nel finanziamento dei principali programmi sanitari . La spesa sanitaria è congiuntamente condivisa dal governo centrale e dai governi dei singoli stati. A livello centrale la sanità è gestita dal Ministero della Salute e benessere familiare, che fornisce sia servizi amministrativi che tecnici e gestisce l'istruzione medica.

Gli sforzi dei vari piani quinquennali si sono concentrati sul miglioramento dello stato di salute della popolazione rurale, su programmi di nutrizione e dell'aumento della fornitura di acqua potabile, sul controllo delle malattie trasmissibili, e sull'attenuazione degli squilibri regionali nella distribuzione delle risorse sanitarie.

Rashtriya Swasthya Bima Yojana [85] (RSBY, nella lingua hindi : राष्ट्रीय स्वास्थ्य बीमा योजना) è il programma governativo di assicurazione sanitaria per le famiglie che vivono al di sotto della soglia di povertà. [86] Il programma è stato avviato nel 2008 sotto la direzione del Ministero del Lavoro e, prima del 2015, è stato trasferito fra le competenze del Ministero della Salute e della Famiglia. [87] Al 2014, garantiva una copertura sanitaria di base a 36 milioni di persone [88] , distribuite nei 25 Stati membri aderenti. [89] Ogni famiglia poteva usufruire di una smart card biometrica munita di fotografia e impronte digitali, la cui registrazione costava 30 ₹ (42 dollari) e dava diritto a 30 000 ₹ (420 dollari) annuali spendibili nelle strutture sanitarie accreditate.

La Germania ha promosso la creazione di un sistema sanitario bilaterale, l' Indo-German Social Security Programme , inserito all'interno del patto di cooperazione fra i due Paesi [90] , elogiando l'economicità di un modello sanitario basato su card elettroniche rispetto al costo di gestione dei voucher tedeschi.

Forze armate

Carro armato dell'esercito indiano.

Nonostante le critiche e le sanzioni militari, l'India ha costantemente rifiutato di firmare il Trattato di bando complessivo dei test nucleari e il Trattato di non proliferazione nucleare , preferendo invece il mantenimento della propria sovranità sul programma nucleare. Le aperture da parte del governo indiano hanno rafforzato le relazioni con Stati Uniti , Cina e Pakistan . In campo economico, l'India ha stretti rapporti con le altre nazioni in via di sviluppo di Sudamerica , Asia e Africa .

L'India mantiene la terza più grande forza militare del pianeta , la Bhāratīya Saśastra Sēnāēṃ è divisa tra Bhāratīya Thalsēnā ( esercito ), Bhāratīya Nāu Senā ( marina militare ), e Bhāratīya Vāyu Senā ( aeronautica militare ). Forze ausiliare quali le Forze Paramilitari indiane, la Guardia Costiera , e lo Strategic Forces Command sono altresì sotto la competenza militare. Il presidente dell'India è il comandante supremo delle forze armate indiane. L'India è diventata una potenza nucleare nel 1974 dopo lo svolgimento di un primo test nucleare (il cui successo fu annunciato con la frase in codice "Il Buddha sorride" perché avvenne il giorno dell'anniversario della nascita del Buddha). [91] [92] Ulteriori test sotterranei sono stati svolti nel 1998 , e hanno portato a sanzioni internazionali, gradualmente ritirate dopo il settembre del 2000 .

Politica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Politica dell'India .

Politica interna

Il Secretariat Building, sede di alcuni dei più importanti ministeri del governo indiano.

L'India, a livello federale, è la più popolosa democrazia nel mondo, [93] [94] una democrazia pluralista fondata sul multipartitismo .

La politica dell'India è dominata da trent'anni da due grandi partiti, sempre forti del 20%-30% dei voti ciascuno ma leggermente favoriti dal sistema elettorale uninominale:

Tuttavia, al fine di formare coalizioni di governo giocano un ruolo importante diversi altri partiti nazionali, da sinistra a destra (approssimativamente):

Un partito è riconosciuto nazionale dalla Commissione Elettorale dell'India (un organo costituzionale) quando rappresenta almeno quattro stati al parlamento federale (e spesso è al governo in almeno uno di questi).

Stati dell'India secondo il partito al governo (al 3 gennaio 2008 ).

Inoltre, vari partiti regionali hanno un ruolo anche a livello federale; i più importanti (spesso alleati del BJP) sono:

Per la maggior parte della sua storia democratica, il governo federale è stato guidato dall'INC. Dal 1950 al 1990 , eccezion fatta per due brevi periodi, l'INC ha goduto della maggioranza parlamentare. L'INC venne escluso dal potere tra il 1977 e il 1980 , quando il Janata Party vinse le elezioni a causa del malcontento pubblico in seguito all'"Emergency" dichiarata da parte dell'allora Primo ministro Indira Gandhi . Nel 1989, la coalizione Janata Dal e il National Front, in alleanza con la coalizione del Left Front, vinsero le elezioni, ma riuscirono a rimanere al potere solo per due anni. [95]

Gli anni 1996 - 1998 sono stati un periodo di turbolenze politiche, caratterizzati da alleanze di breve durata. Il BJP formò un breve governo nel 1996 , seguito dalla coalizione del Fronte Unito ( United Front ). Nel 1998 , il BJP formò l' Alleanza Democratica Nazionale ( National Democratic Alliance , NDA) con diversi partiti regionali e divenne il primo partito che non fosse stato il Congresso Nazionale Indiano a completare a pieno compimento il mandato di cinque anni. [96] Nel 2004 le elezioni indiane, vennero vinte dall'INC che guadagnò il maggior numero di seggi del Lok Sabha , formando un governo con una coalizione denominata Alleanza Progressista Unita ( United Progressive Alliance , UPA), sostenuta da vari partiti di sinistra e da membri contrapposti al BJP, [97] con la nomina a primo ministro di Manmohan Singh in carica sino al 2014 . Le elezioni politiche del 2014 sono state segnate da una vittoria del BJP con la nomina a Primo ministro di Narendra Modi . [98]

Politica estera

Stretta di mano tra il primo ministro indiano Manmohan Singh e il presidente statunitense George W. Bush nel marzo 2006 .

Fin dalla sua indipendenza nel 1947 , l'India ha mantenuto rapporti cordiali con la maggior parte delle nazioni del mondo. Ebbe un ruolo di primo piano negli anni cinquanta, promuovendo l'indipendenza delle colonie europee in Africa e in Asia . [99] L'India è un membro fondatore delMovimento dei Paesi non allineati . [100] Dopo le guerre sino-indiane e la guerra indo-pakistana del 1965 , l'India intensificò i rapporti con l' Unione Sovietica a scapito dei legami con gli Stati Uniti e tale situazione permanette fino alla fine della Guerra Fredda . L'India ha combattuto tre guerre con il Pakistan , in primo luogo per via della regione contesa del Kashmir . Un'ulteriore guerra contro il Pakistan fu combattuta per la liberazione del Bangladesh nel 1971 . [101]

L'India svolge un ruolo influente nell' ASEAN , [102] nel SAARC , e nel WTO . [103] L'India è un membro fondatore e sostenitore delle Nazioni Unite , con oltre 55 000 militari e poliziotti indiani che hanno servito in trentacinque operazioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite dispiegati in quattro continenti. [104]

Media

Entro il 2018, l'India avrà 17 000 titoli di stampa, 550 stazioni radio e 880 canali televisivi satellitari. A livello nazionale, quattro quotidiani rappresentano i tre quarti dei lettori in hindi, così come i quattro principali quotidiani nazionali in lingua inglese. La proprietà dei media è concentrata principalmente nelle mani di pochi grandi gruppi. Non c'è "nessun limite alla concentrazione della proprietà nella stampa, nella radiodiffusione o nei media digitali nel paese" e non esiste un organismo di regolamentazione per il settore dei media. [105]

I proprietari dei media sono spesso coinvolti in politica, come i miliardari Subhash Chandra e Shobhana Bhartia , proprietari rispettivamente del gruppo Zee News e HT Media , entrambi eletti in parlamento. A livello locale, come rilevato dall'ONG Reporter senza frontiere (RSF): "Il principale canale televisivo dello Stato di Odisha è di proprietà della famiglia Panda, uno dei cui membri di spicco, Baijayant Jay Panda, non è altro che il vicepresidente nazionale e portavoce ufficiale del BJP , il partito del Primo Ministro Narendra Modi . Allo stesso modo, nello stato di Assam , il proprietario del canale principale, NewsLive , è la moglie di uno dei principali ministri dell'esecutivo regionale, anch'esso dominato dal BJP. "Così, i partiti politici e la comunità imprenditoriale hanno una notevole influenza sull'informazione in India. [105]

Negli ultimi anni, la violenza contro i giornalisti è aumentata nel Paese. Sui social network, gruppi nazionalisti stanno conducendo, secondo RSF, "spaventose campagne di odio coordinato e inviti all'omicidio contro giornalisti che osano parlare o scrivere su argomenti inquietanti". [105]

Economia

Bombay-Stock-Exchange, la borsa valori principale del subcontinente.

Dopo l'indipendenza l'India ha adottato un sistema a economia mista , in cui accanto ai grandi gruppi privati come Tata (metalmeccanico) e Birla (cemento), alle piccole imprese artigianali e del commercio al dettaglio, vi erano molte imprese di proprietà pubblica e vi era un rigoroso controllo da parte del governo sulla partecipazione del settore privato, commercio estero e gli investimenti diretti all'estero. [106] [107] [108] Tuttavia, dal 1991 , l'India ha progressivamente aperto i propri mercati attraverso le riforme economiche del governo e ha ridotto i controlli sul commercio estero e sugli investimenti.

Le riserve in valuta estera sono passate da 5,8 miliardi di dollari americani nel marzo 1991 a 308 miliardi il 4 luglio 2008 , [109] mentre il deficit di bilancio statale e federale è andato progressivamente diminuendo. [110] La privatizzazione delle imprese di proprietà pubblica e l'apertura di alcuni settori privati alla partecipazione straniera ha animato il dibattito politico. [111] Con un tasso di crescita del PIL del 9,4% nel 2006 - 07 , l'economia è tra quelle a più rapida crescita nel mondo. [112] Il PIL indiano nel 2018 in termini nominali è di 2 716 miliardi di $, il decimo a livello mondiale. [5] Se misurata in termini di parità del potere d'acquisto (PPP), l'India è la terza potenza con 4 716 miliardi di $. Il reddito pro capite (nominale) è di 1 501 $ , mentre a parità di potere d'acquisto è di 3 843 $ .

L'India possiede la seconda più grande forza lavoro del mondo, con 516,3 milioni di persone, il 60% dei quali sono impiegati nel settore agricolo e industrie connesse; 28% nei servizi e industrie connesse e 12% nel settore industriale vero e proprio. Le principali colture agricole includono riso , frumento , semi oleosi, cotone , iuta , , canna da zucchero e patate . [113] Il settore agricolo rappresenta il 28% del PIL; servizio e settori industriali costituiscono il 54% e 18% rispettivamente. Le grandi industrie sono attive nel settore delle automobili, cemento, prodotti chimici, elettronica di consumo, trasformazione alimentare, macchinari, miniere, petrolio, prodotti farmaceutici, acciaio, mezzi di trasporto, e tessile. Di pari passo alla rapida crescita economica vi è la crescente domanda di energia . Secondo la Energy Information Administration, l'India è il sesto più grande consumatore di petrolio e il terzo più grande consumatore di carbone . [114]

La questione dell'accesso all'occupazione sta diventando un problema importante. Il numero di posti di lavoro nel Paese è diminuito di 9 milioni tra il 2012 e il 2019, mentre più di 1 milione di giovani entrano ogni anno nel mercato del lavoro. Di conseguenza, secondo le statistiche ufficiali, il numero di disoccupati sotto i 29 anni è salito da 9 milioni nel 2012 a 25 milioni nel 2018. D'altra parte, il 90% dei posti di lavoro in India è ancora nel settore informale, caratterizzato dall'assenza di contratti di lavoro, assicurazioni e contributi pensionistici. Anche la situazione dei contadini è preoccupante. Ogni giorno ci sono contadini che si suicidano, pieni di debiti; altri sono costretti a lasciare i loro appezzamenti di terreno ea trasferirsi nei bassifondi cittadini. [115]

La fiorente industria cinematografica di Bollywood .

Negli ultimi anni l'India è riuscita a capitalizzare l'istruzione in lingua inglese di molte persone, diventando un'importante mèta di outsourcing per le società multinazionali e una popolare meta per il turismo medico. L'India è diventata anche grande esportatrice di software e finanza, ricerca e servizi tecnologici. Le sue risorse naturali comprendono seminativi , bauxite , cromite , carbone , diamanti , minerali di ferro , calcare , manganese , mica , gas naturale , petrolio , titanio .

Nel 2007 le esportazioni erano stimate in 140 miliardi di $ e le importazioni erano pari a 224,9 miliardi di $. Tessuti, gioielli, prodotti dell'ingegneria e software erano le principali voci dell'esportazione; mentre il petrolio greggio, macchinari, concimi, prodotti chimici lo erano fra le importazioni. I più importanti partner commerciali dell'India sono Stati Uniti , l' Unione europea e la Cina .

Negli ultimi anni, gli eventi meteorologici estremi, con ricorrenti siccità, ondate di calore e cicloni, sono stati uno dei principali fattori di calo dei redditi degli agricoltori. Secondo il Centre for Science and Environment, la più grande ONG ambientale indiana: "Siamo di fronte a una crisi agricola, con un'ondata di suicidi di contadini e manifestazioni contadine che sono triplicate..... Le parti non hanno l'intelligenza o una visione a lungo termine per intraprendere le azioni necessarie. Non esiste un piano d'azione nazionale per la prevenzione e l'adattamento. [116]

Il metodo di calcolo del PIL è stato modificato nel 2014, consentendo di gonfiare artificialmente i dati di crescita. Il tasso di disoccupazione è così alto che il Ministero del Lavoro non ha fornito alcuna statistica dal 2016. I settori bancario e ferroviario hanno iniziato ad essere privatizzati. Negli ultimi anni sono stati ridotti i bilanci già molto bassi per la sanità e l'istruzione (rispettivamente 1,2% e 0,6% del PIL), così come altre spese sociali: sussidi all'occupazione, stanziamenti per le mense scolastiche, piani per l'accesso all'acqua potabile. Per quanto riguarda il diritto del lavoro, le modifiche approvate nel 2018 limitano ulteriormente le attività sindacali e tenderebbero a facilitare i licenziamenti e ad estendere l'orario di lavoro settimanale dei dipendenti. [117]

Disuguaglianze sociali e problemi alimentari

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bambini di strada in India e Questioni socio-economiche in India .

Anche se l'economia indiana è cresciuta costantemente nel corso degli ultimi due decenni, la sua crescita è stata irregolare e diseguale fra i diversi gruppi sociali, gruppi economici, regioni geografiche, e tra zone rurali e zone urbane.[118]

La disparità di reddito in India è relativamente piccola ( coefficiente di Gini : 36,8 nel 2004 ), anche se è aumentata ultimamente. Ma la distribuzione della ricchezza è maggiore, con il 10% della popolazione che possiede il 33% della ricchezza. Malgrado i significativi progressi economici, un quarto della popolazione della nazione si trova sotto la soglia di povertà individuata dal governo in 0,40 $ al giorno. Nel 2004-2005, il 27,5% della popolazione viveva sotto tale soglia.

La percentuale di persone che vivono al di sotto della soglia di povertà internazionale di 1,25 dollari al giorno è comunque diminuita dal 60% nel 1981 , al 42% nel 2005 . [119] L'85,7% della popolazione viveva con meno di 2,50 $ (PPP) al giorno nel 2005, rispetto all'80,5% dell' Africa sub-sahariana . [120]

In tutte le statistiche FAO non c'è nessun dato che faccia presumere che a questa massa di popolazione, specialmente quella sotto la soglia di povertà, corrisponda un analogo problema dal punto di vista dell'approvvigionamento alimentare. Ciononostante da parte di alcuni studiosi, in convegni dedicati allo specifico tema, si è avanzata l'ipotesi che i dati ufficiali siano reticenti e nascondano una realtà molto più grave di quanto asserito dal governo e comunicato alla FAO. [121]

Trasporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Targhe automobilistiche indiane .

Il settore dei trasporti costituisce una parte importante dell'economia nazionale. Nel 2005, oltre il 40% delle famiglie indiane disponeva di una bicicletta di proprietà, con percentuali che oscillavano dal 30% al 70% a livello dei singoli stati. [122] Circa il 10% delle famiglie possedeva una moto. [122] Le autovetture di proprietà sono a disposizione di pochi, pari a circa 0,7% dei nuclei familiari nel 2007 , in crescita comunque rispetto allo 0,5% nel 2000 . [123]

In generale il trasporto pubblico soffre di tecnologia obsoleta, incapacità di gestione e bassa produttività del lavoro. Nonostante ciò l'India dispone della rete ferroviaria della Indian Railways , la più estesa del mondo e la quarta in termini di utilizzo. [124] Copre una superficie di 63 140 km [125] , con 6 miliardi di passeggeri all'anno e 350 milioni di tonnellate di merci trasportate. [125] La crescita del commercio internazionale è supportata dalla rete dei porti. [126]

La domanda di infrastrutture di trasporto e dei servizi correlati ha tassi di crescita di circa il 10 per cento all'anno. [124]

Ambiente

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Biodiversità in India .

L'India è passata dal 140º al 177º posto tra il 2016 e il 2018 nell'Environmental Performance Index compilato dai ricercatori delle università di Yale e Columbia. In particolare, lo studio evidenzia il "preoccupante" deterioramento della qualità dell'aria. [127]

Flora e fauna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Fauna selvatica in India .
Il leone asiatico : si trova ormai soltanto nella Foresta di Gir, nel Gujarat.

L'India, che si trova all'interno dell' ecozona indomalese , presenta un'accentuata biodiversità . Questa caratteristica fa sì che il subcontinente indiano sia considerato uno dei diciassette paesi megadiversi (i paesi con la più elevata biodiversità), ed è patria del 7,6% di tutti i mammiferi del pianeta, il 12,6% di tutti gli uccelli , il 6,2% di tutti i rettili, del 4,4% di tutti gli anfibi , dell'11,7% di tutti i pesci , e del 6,0% di tutte le specie di fiori . [128] Molte ecoregioni , come le foreste shola (foreste sempreverdi d'alta quota caratteristiche dell' India meridionale ), presentano tassi estremamente elevati di endemicità ; globalmente il 33% delle specie di piante dell'India sono endemiche. [129] [130] La copertura forestale indiana è fortemente variegata e va dalla foresta pluviale tropicale delle isole Andamane , dei Ghati Occidentali e della regione Nord orientale del paese, alle conifere dell' Himalaya . Fra questi due estremi trovano spazio le foreste decidue delle regioni umide dell'India orientale, le foreste delle regioni più secche in cui domina il tek (India centrale e meridionale), le foreste del Deccan centrale e della pianura gangetica occidentale in cui domina l' Acacia nilotica . [131] All'interno della flora indiana merita ulteriore menzione la pianta medicinale del neem ( Azadirachta indica ), ampiamente utilizzato nelle zone rurali del paese nei rimedi erboristici.

Molte delle specie sono lontane discendenti delle specie anticamente presenti nel continente preistorico del Gondwana , cui apparteneva originariamente l'India. Il movimento successivo del subcontinente indiano che portò alla collisione contro la Laurasia interruppe lo scambio con queste specie che rimasero isolate, ma gli sconvolgimenti naturali, come il vulcanismo, ei cambiamenti climatici, 20 milioni di anni fa causarono l'estinzione di molte specie endemiche indiane. [132] Molti mammiferi di origine asiatica penetrarono nel subcontinente attraverso l' Himalaya . [131] In conseguenza, tra le svariate specie animali presenti in India, solo il 12,6% dei mammiferi e il 4,5% degli uccelli sono endemiche, contro il 45,8% dei rettili e il 55,8% degli anfibi. [128] Alcuni importanti esempi di endemismo sono il Trachypithecus johnii (una scimmia) e il Duttaphrynus beddomii (un rospo) dei Ghati Occidentali .

In India sono segnalate 172 (il 2,9%), della specie minacciate designate dall' Unione Internazionale per la Conservazione della Natura . [133] Queste includono il Leone asiatico , la tigre del Bengala , e il grifone del Bengala .

Due grifoni del Bengala : questi avvoltoi indiani sono altamente sociali e vivono in stormi numerosi.
Il cane selvatico indiano "dhole".

La pressione demografica ha posto una minaccia ulteriore alla fauna selvatica; in risposta, il sistema dei parchi nazionali e delle aree protette è stato notevolmente ampliato. Nel 1972 veniva emanata una legge sulla protezione della fauna selvatica [134] e il Progetto Tigre per la salvaguardia dell'habitat di questo animale; inoltre, una legge sulla conservazione delle foreste venne promulgata nel 1980 . [135] Insieme a più di cinquecento santuari della fauna selvatica, l'India ospita tredici riserve della biosfera, quattro delle quali fanno parte della Rete mondiale di riserve della biosfera . [136] Venticinque zone umide sono registrate ai sensi della Convenzione di Ramsar . [137]

Elementi naturali simbolici nazionali

Simboli nazionali della Repubblica dell'India (ufficiali)
Animale nazionale 2005-bandipur-tusker.jpg Elefante indiano
Uccello nazionale Pavo muticus (Tierpark Berlin) - 1017-899-(118).jpg Pavone verde
Albero nazionale Banyan tree on the banks of Khadakwasla Dam.jpg Baniano
Fiore nazionale Sacred lotus Nelumbo nucifera.jpg Fior di loto
Animale del patrimonio nazionale Panthera tigris.jpg Tigre
Mammifero acquatico marino nazionale PlatanistaHardwicke.jpg Delfino di fiume
Rettile nazionale King-Cobra.jpg Cobra reale
Mammifero del patrimonio nazionale Hanuman Langur.jpg Entello del Nepal
Frutto nazionale An Unripe Mango Of Ratnagiri (India).JPG Mango
Tempio nazionale New Delhi Temple.jpg Tempio di Akshardham a Delhi
Fiume nazionale River Ganges.JPG Gange
Monte nazionale Nanda Devi 2006.JPG Massiccio del Nanda Devi

Cultura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cultura dell'India .
Il Taj Mahal ad Agra .

In campo culturale l'India è contrassegnata da un elevato grado di sincretismo [138] e pluralismo culturale. [139] Il subcontinente è riuscito a preservare le proprie antiche tradizioni, assorbendo nel frattempo nuovi costumi, tradizioni e idee portati da popoli invasori e immigrati, diffondendo la propria influenza culturale verso altre parti dell' Asia .

Architettura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Architettura indiana .

L'architettura rappresenta la diversità della cultura indiana. Molti monumenti di rilievo, come ad esempio il Taj Mahal , o altri esempi di architettura dell' epoca Moghul o dell' India meridionale , si compongono di una miscela che assomma le antiche tradizioni locali e idee provenienti da diverse parti del paese e dall'estero. L'architettura vernacolare mostra al pari notevoli varianti regionali.

Nel contesto della rilevanza mondiale del patrimonio architettonico indiano, è da ricordare che, nel 2007, il Taj Mahal è stato inserito nella Lista delle Nuove sette meraviglie del mondo

Filosofia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Filosofia indiana .

Nel XIX secolo, in ambito filosofico, si distinse il pensiero e la figura di Ram Mohan Roy (1772-1833), uno dei più importanti esponenti del modernismo riformatore indiano, di cui fu anche fondatore e che diede notevoli contributi sia in campo sociale che religioso.

Nel XX secolo si affermò, tra gli altri, la figura del filosofo Sarvepalli Radhakrishnan (1888-1975): oggi in India, in onore alla sua data di nascita, il 5 settembre , si celebra la Festa degli insegnanti .

Letterature indiane

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Letteratura indiana .

L'India è un vero arcipelago di lingue e dialetti, alcuni dei quali hanno espresso letterature fiorenti e di assoluto valore artistico. Accanto alle lingue indiane principali (hindi, urdu, tamil, maratha ecc.) autori indiani, spesso bi o tri-lingui, hanno scritto sin dal medioevo in persiano ; a partire dal XX secolo , è emersa pure una sempre più consistente letteratura indiana in lingua inglese . Per questo è fuorviante, e storicamente errato, parlare di "letteratura indiana" al singolare.

Le prime opere di letteratura indiana - strettamente legate alla cultura religiosa - sono state trasmesse per via orale e solo in epoca più tarda messe per iscritto. Si tratta di opere letterarie in lingua sanscrita come i Veda , le opere epiche del Mahābhārata del Rāmāyaṇa e dei Purāṇa , che hanno il rango di Sacre Scritture; a queste si aggiunge poi il dramma, la poesia, il teatro e, soprattutto, una ricchissima trattatistica religiosa e filosofica alimentata dalle diverse scuole e dottrine in seno all' Induismo e al Buddismo , ma anche all' Islamismo , al Giainismo e alle altre fedi presenti nel subcontinente. Questa ampia letteratura filosofica e religiosa, che continua nel medioevo con i grandi maestri ( Gauḍapāda , Shankara , Rāmānuja e le loro scuole ecc.), ha conosciuto un crescente successo anche in Occidente a partire dagli studi degli orientalisti dall'800 in poi, in virtù di mode e tendenze culturali che guardano all'India come al serbatoio inesauribile di ogni saggezza.

Nel medioevo, a seguito della lunga dominazione musulmana (Sultanato di Delhi XIII-XV sec., quindi Impero dei Moghul ) protrattasi fino a metà '800, la letteratura colta si espresse soprattutto in lingua urdu e in persiano, le lingue dell'intellighenzia musulmana che gravitava intorno alle corti. Esemplare è la figura del musulmano Amir Khusrow di Delhi (m. 1301), plurilingue prolifico autore di masnavi (poemi di tono romanzesco o epico) che appartengono sia ai capolavori della letteratura persiana che a quelli della letteratura in lingue indiane. La letteratura religiosa medievale è quantomai varia. Oltre alla trattatistica su menzionata, si può citare la ricca tradizione poetica di ispirazione religiosa opera di santi induisti . Si va dagli Inni degli Alvar, dodici leggendari poeti-santi dei secoli VI-IX che vagavano di tempio in tempio nell'India meridionale e scrissero in lingua tamil , ai cosiddetti "Sant", poeti mistici dei secoli XIII-XVII che, scrivendo in lingua hindi o maratha, rielaborarono in chiave di eros mistico il patrimonio delle dottrine tradizionali. Si presentano inoltre interessanti casi di sincretismo religioso come ad esempio il Canzoniere del mistico Kabīr di Benares vissuto nel XV sec., o il poema in lingua avadhi Padmavat definito "un immenso affresco... della luminosa civiltà hindu-musulmana" (G. Milanetti), opera di MM Jayasi della prima metà del XVI sec. - due autori che, superando le barriere etnico-religiose e linguistiche, anticipano il clima di "ecumenica tolleranza" religiosa dell'imperatore moghul Akbar (1542-1605) e s'impongono all'ammirazione di tutti gli indiani. La letteratura in lingua hindi è gradualmente cresciuta nel subcontinente, soprattutto a partire dal periodo coloniale britannico e si è imposta definitivamente con la decolonizzazione dopo che l'urdu era divenuto la lingua ufficiale del Pakistan. Accanto a essa ha continuato a svilupparsi la letteratura in lingua persiana, raggiungendo soprattutto in poesia con il grande Bidel (o Bedil, m. a Delhi 1721), notissimo anche in Asia Centrale, e con Ghālib (m. a Delhi 1869), poeta bilingue che apre la grande stagione moderna della lirica nella letteratura urdu , risultati estetici unanimemente ammirati.

Tra gli scrittori indiani moderni (attivi sia in lingue indiane, che in inglese) universalmente noto è Rabindranath Tagore , autore di poesie romanzi saggi e racconti, che vinse il Premio Nobel nel 1913 ; da ricordare anche Muhammad Iqbal (m. 1939), scrittore e riformista religioso, che scrisse poesia in urdu e in persiano, raggiungendo nelle rispettive letterature vertici di assoluto rilievo. A partire dal secondo dopoguerra sono emersi numerosi autori che esprimono l'incontro/scontro dell'India arcaica con la modernizzazione, come ad esempio il longevo RK Narayan (1906-2001) e la letterata, linguista, sociologa e scrittrice in lingua marathi Durga N. Bhagvat (1910 - 2002); a partire dagli anni ottanta hanno riscosso fama mondiale alcuni narratori di espressione inglese e di origini indiane come Anita Desai , H. Kureishi , Vikram Seth , Arundhati Roy e soprattutto Salman Rushdie e VS Naipaul (Premio Nobel 2001), perlopiù residenti in Occidente, che insieme hanno costruito quello che è definita "letteratura anglo-indiana", il ramo più consistente della letteratura post coloniale di area inglese. Tra le scrittrici ricordiamo inoltre la poetessa hindi Mahadevi Varma e Mahasweta Devi , che fu anche attivista e tra le più note scrittrici indiane in lingua bengali e ancora la poetessa Amrita Pritam . Poetessa e sostenitrice dei diritti civili fu Sarojini Naidu .

Teatro

Il teatro in India spesso incorpora elementi musicali e di danza, con dialoghi sia improvvisati che scritti. Spesso trova le sue basi nella mitologia induista , ma anche da romanzi medievali e da notizie di interesse sociale ed eventi politici. Il teatro indiano comprende: bhavai dello Stato del Gujarat , jatra del Bengala Occidentale , nautanki e ramlila dell'India settentrionale, tamasha del Maharashtra , terukkuttu del Tamil Nadu , e yakshagana del Karnataka .

Wrestling

Nella storia del wrestling, l'India ha The Great Khali nella più grande federazione americana ( WWE ), ancora in attività ed ex World Heavyweight Champion (Campione del mondo dei pesi massimi).

Cinema

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cinema indiano .
Shilpa Shetty , una famosa attrice del cinema di Bollywood .

L'industria cinematografica indiana è la più grande al mondo. [140] Bollywood , con sede nella città di Bombay , possiede la più prolifica industria cinematografica del pianeta: secondo il Central Board of Film Certification of India - l'ufficio che si occupa di visionare e approvare i film - solo nel 2003 sono stati prodotti 877 film e 1 177 cortometraggi. [141] Gran parte della produzione corrisponde al cinema regionale nelle varie lingue ufficiali dell'India. Tra il cinema regionale si evidenzia quello in lingua tamil prodotto a Chennai . Tuttavia, il cinema regionale ha scarsa rilevanza in tutto il paese, ei grandi successi sono generalmente filmati in lingua hindi , che costituisce un quinto della produzione totale.

Il 73% dei biglietti in Asia e zona del Pacifico è venduto in India, e sempre il Central Board of Film Certification of India dichiara che ogni tre mesi un miliardo di persone - cioè l'intera popolazione indiana - si reca al cinema. [142]

Il Dadasaheb Phalke Award , istituito nel 1966, oggi, è il più importante premio della cinematografia indiana, intitolato al "padre del cinema indiano" Dadasaheb Phalke (1870-1944): un suo film, Raja Harishchandra (1913), è stato il primo film indiano.

Musiche e danze

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musica classica indiana .

La musica indiana è un'altra componente culturale che copre una vasta gamma di tradizioni e stili regionali. La musica classica in gran parte comprende i due generi: al Nord la musica industani, al Sud la musica carnatica e le loro varie forma di musica folk regionale. Le forme regionali di musica popolare comprendono il filmi e la musica folk (di cui una forma nota è il baul ).

Anche la danza indiana ha altresì esempi di forma folk e classica. Tra le principali danze folcloristiche vi è il bhangra del Punjab , bihu dell' Assam , chhau del Bengala Occidentale , Jharkhand e Orissa , thumka dance e il ghoomar del Rajasthan . Otto forme di danza, con molte elementi narrativi e mitologici hanno ottenuto lo status di "danza classica" dal Sangeet Natak Akademi (l'Accademia Nazionale di Musica, Danza e Teatro) e alcune di queste sono: bharatanatyam dello Stato del Tamil Nadu , kathak in Uttar Pradesh , kathakali e mohiniyattam nel Kerala , kuchipudi dell' Andhra Pradesh . [143] . Una delle figure più rilevanti che diede un grande contributo alla danza tradizionale indiana fu Rukmini Devi (1904-1986), Alla Rakha fu noto suonatore di Tabla , mentre per il genere pop e musica classica indiana ricordiamo, tra le altre, Shreya Ghoshal . Altra cantante nota è Priyanka Chopra , autrice, tra l'altro, del singolo Exotic (2013).

Scienza

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Astronomia indiana .

Fisica

L'apporto scientifico dato dall'India fu notevole: nel XX secolo ricordiamo la figura di Subrahmanyan Chandrasekhar (1910-1995), naturalizzato statunitense, Nobel per la fisica nel 1983, ricordato soprattutto per il Limite di Chandrasekhar .

Misconosciuta è poi la figura di Jagadish Chandra Bose che, tre anni prima di Guglielmo Marconi , realizzò con successo importanti e riusciti esperimenti nel campo delle onde radio .

Misconosciuta è in parte stata anche la figura del fisico Satyendranath Bose (1894-1974), che di Jagadish Chandra Bose fu allievo e che ha dato il proprio nome al bosone , grazie ai suoi rivoluzionari studi del 1924 , che formulavano una nuova statistica quantistica per le particelle di spin intero ( statistica di Bose-Einstein ): lavoro inviato da lui ad Albert Einstein perché lo leggesse e lo traducesse.
Malgrado l'eccezionalità e l'originalità dei suoi studi egli non fu però mai insignito del Premio Nobel per la Fisica .

Si ricorda poi Homi Jehangir Bhabha (1909-1966) che diede il nome ad esempio allo scattering Bhabha .

Matematica

Una delle figure più importanti del XX secolo, in ambito matematico, per l'India, è rappresentato da Srinivasa Ramanujan : oggi la data della sua nascita il 22 dicembre viene celebrata in India con la "Giornata nazionale della matematica" e il 2012 è stato celebrato come "Anno nazionale della matematica". [144]

Altri contributi scientifici

Altra personalità scientifica importante fu Prasanta Chandra Mahalanobis (1893-1972), noto in statistica, per la distanza di Mahalanobis , nel 1936.

Inoltre è da ricordare, nel corso del XX secolo , la figura di Shakuntala Devi (1929-2013), bambina prodigio, definita spesso "computer umano", per la eccezionale rapidità nell'eseguire complicate operazioni matematiche in pochi secondi.

L'India nello spazio

Intolleranza religiosa

Persecuzioni dei cristiani in India

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Persecuzione dei cristiani § Asia .

In generale l'India ha fama di essere un paese molto tollerante in campo religioso. In realtà i fenomeni violenti d'intolleranza verso minoranze religiose (in particolare cristiani) sono stati, e sono ancor oggi, in India piuttosto frequenti e in molti casi, gravi.

Persecuzione dei musulmani

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Persecuzione dei musulmani § Persecuzioni dei musulmani in India .

Anche i musulmani hanno subito e subiscono persecuzioni in India, soprattutto dove sono una minoranza rispetto agli indù .

Secondo le cifre ufficiali ci furono 6 933 episodi di violenza tra il 1954 e il 1982 e tra il 1968 e 1980, con l'uccisione di 530 indù e 1 598 musulmani, con un totale di 3 949 casi di violenza di massa. [145]

Sport

In India lo sport è praticato soprattutto dalle classi ricche e dagli alti ceti della popolazione. Sono soprattutto sport di origine anglosassone i più praticati come il cricket (ritenuto da molti sport nazionale), l' hockey su prato , il polo e il tennis . Cresce anche il rugby , mentre è scarsamente seguito il calcio . Lo sport nazionale è l'hockey.

Una partita della Indian Premier League di Cricket (Chennai-Calcutta) al MA Chidambaram Cricket Stadium .

Cricket

L'India ha vinto il Campionato del Mondo di cricket nel 1983 , in Inghilterra , sconfiggendo in finale la nazionale delle Indie Occidentali Britanniche . Si è piazzata seconda nell'edizione del 2003, in Sudafrica, dietro l' Australia . L'India ha anche ospitato i Campionati del Mondo di cricket nel 1987 (insieme al Pakistan ) e nel 1996 (insieme a Pakistan e Sri Lanka ). India, Sri Lanka e Bangladesh hanno ospitato, inoltre, l'edizione del 2011: l'India è stata campione del mondo sconfiggendo lo Sri Lanka alle finali. In campo femminile, la Nazionale indiana è giunta seconda ai Mondiali di Sudafrica 2005, dietro l' Australia . L'India ha anche ospitato i mondiali femminili nel 1977 e nel 1997. Nel 2011 ha conquistato la sua seconda Coppa del Mondo di Cricket sconfiggendo lo Sri Lanka.

Hockey su prato

L'India ha anche vinto il Campionato mondiale di hockey su prato nel 1975, in Malesia, battendo nella finale di Kuala Lumpur il Pakistan . È giunta seconda nell'edizione del 1973, nei Paesi Bassi, dietro i padroni di casa, e terza nella prima edizione del torneo, Spagna 1971, dietro a Pakistan e Spagna . L'India ha anche ospitato l'edizione del 1982 in cui vinse il Pakistan, ed ha ospitato i mondiali del 2010.

Giochi olimpici

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: India ai Giochi olimpici .

Nella storia delle Olimpiadi , la nazionale indiana detiene il record di medaglie d'oro nell' Hockey su prato maschile, avendo vinto 8 tornei: Amsterdam 1928 , Los Angeles 1932 , Berlino 1936 , Londra 1948 , Helsinki 1952 , Melbourne 1956 , Tōkyō 1964 e Mosca 1980 . È arrivata seconda a Roma 1960 dietro al Pakistan , e terza nelle edizioni di Città del Messico 1968 e Monaco di Baviera 1972 .

Il primo oro olimpico per l'India fu conquistato dalla Nazionale di hockey su prato dell'India , ai Giochi olimpici di Amsterdam 1928. La prima medaglia olimpica per l'india fu conquistata da Norman Pritchard , con due argenti nei 200 metri piani e 200 metri ostacoli, alle Olimpiadi di Parigi 1900.

Calcio

Il massimo campionato di calcio professionistico indiano è rappresentato dalla I-League , a cui si aggiunge l' Indian Super League . La Nazionale di calcio dell'India , controllata dalla Federazione calcistica dell'India , ha ottenuto, in ambito internazionale, altalenanti risultati, tra cui un secondo posto nella Coppa d'Asia del 1964. Ha come attuale capocannoniere con 65 reti Sunil Chhetri

Tennis

L'India può vantare numerosi tennisti specializzati soprattutto nel doppio, come Leander Paes (vincitore di tredici Slam tra doppio e doppio misto e della medaglia di bronzo nel singolare alle Olimpiadi diAtlanta 1996 ), Mahesh Bhupathi (vincitore di dodici Slam tra doppio e doppio misto ed ex numero 1 al mondo di doppio proprio con Paes), Rohan Bopanna (compagno di Bhupathi) e Sania Mirza (vincitrice insieme a Bhupathi dell' Australian Open 2009 e del Roland Garros 2012 , con Bruno Soares dello US Open 2014 e attuale compagna della svizzera Martina Hingis per gi incontri di doppio femminile). Altro tennista degno di nota è Yuki Bhambri (classe 1992), capace di raggiungere la vetta della classifica mondiale giovanile vincendo l' Australian Open 2009 di categoria. Va inoltre ricordata la medaglia d'argento conquistata ai Giochi olimpici giovanili estivi 2010.

Altri sport

Nel mondo della Formula 1 l'India è rappresentata da una scuderia, la Force India , e da due piloti, Narain Karthikeyan e Karun Chandhok ; il primo ha preso parte alle gare della categoria fino al 2012, mentre il secondo fino al 2011. Dal 2011 al 2013 si è tenuto il Gran Premio d'India sul Buddh International Circuit di Greater Noida , a 50 km da Delhi . Il vincitore di tutte e tre le edizioni è stato il tedesco Sebastian Vettel .

Tradizioni

Gastronomia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina indiana .

La cucina indiana è caratterizzata da una grande varietà di stili regionali e sofisticati, con uso di erbe e spezie , ad esempio il garam masala . I prodotti alimentari di base sono il riso (in particolare nel sud e nell'est) e il frumento (soprattutto nel nord). [146] Tra le spezie originarie del subcontinente indiano ed ora consumate in tutto il mondo si segnala il pepe nero.

Un esempio di dolce tipico a base di yogurt è lo shrikhand .

Durga Puja.

Moda

Gli abiti tradizionali indiani variano nelle diverse regioni per colori e stili, e sono influenzati da vari fattori, tra cui il clima. Tra gli abiti popolari si includono il sari per le donne e il dhoti per gli uomini; tra gli abiti cuciti vi è il salwar kameez per le donne e il kurta-pyjama per gli uomini, oltre naturalmente agli abiti di origine occidentale.

Festività nazionali

Data Nome Significato
26 gennaio Giorno della Repubblica Indiana Festa Repubblica Indiana e entrata in vigore della Costituzione dell'India , nel 1950
15 agostoGiorno dell'indipendenza dell'India celebra l'indipendenza dell'India dal Regno Unito, nel 1947
2 ottobre Gandhi Jayanti* celebra la nascita del Mahatma Gandhi

Altre festività

Molte delle feste indiane sono di origine religiosa, anche se molte sono celebrate a prescindere dalla casta e dal credo. Tra le principali vi sono Diwali , Thai Pongal , Holi , Onam, Vijayadasami , Durga Puja , Eid ul-Fitr , Natale, Buddha Jayanti e Vaisakhi. [147] L'India ha tre festività nazionali. Altre festività, che variano tra le nove e le dodici, sono ufficialmente osservate nei singoli Stati. Le pratiche religiose sono parte integrante della vita quotidiana. Inoltre il 5 settembre di ogni anno si celebra la festa degli insegnanti , in onore alla data di nascita del filosofo e politico indiano Sarvepalli Radhakrishnan .

Note

  1. ^ India at a Glance , su india.gov.in , National Informatics Centre (NIC). URL consultato il 7 dicembre 2007 (archiviato dall' url originale il 17 dicembre 2007) .
  2. ^ Guruprasad's Portal, Why midnight of 15 August 1947 for Indian Independence , su guruprasad.net . URL consultato il 7 agosto 2014 .
  3. ^ Nascita della Repubblica
  4. ^ worldometers.info , https://www.worldometers.info/world-population/india-population/ .
  5. ^ a b c d e ( EN ) World Economic Outlook Database, April 2019 , su IMF.org , Fondo Monetario Internazionale . URL consultato il 16 maggio 2019 .
  6. ^ ( EN ) Tasso di fertilità nel mondo , su data.worldbank.org . URL consultato il 2 gennaio 2020 .
  7. ^ Massimiliano Livi Bacci, L'India dal 2024 sarà il paese più popoloso del mondo, ma la natalità è in declino - L'indagine sulla fecondità del 2015-16 , su neodemos.info , 11 maggio 2018 ( archiviato il 16 maggio 2018) . . Fonte: l'indagine NFHS-4 del 2015-16 Archiviato il 3 luglio 2019 in Internet Archive .
  8. ^ Inno nazionale , su india.gov.in , National Informatics Centre (NIC), 2007. URL consultato il 31 agosto 2007 (archiviato dall' url originale il 22 agosto 2007) .
  9. ^ a b worldometer India , su worldometers.info .
  10. ^ Kumar, V. Sanil; KC Pathak & P. Pednekar et al. (2006), Current Science 91 (4): 530-536, Coastal processes along the Indian coastline Archiviato l'8 settembre 2009 in Internet Archive .
  11. ^ Nota: Il governo indiano considera anche l' Afghanistan uno Stato confinante, in quanto ritiene che l'intero Stato del Jammu e Kashmir appartenga all'India, compresa la parte in territorio pakistano , che confina appunto con l'Afghanistan.
  12. ^ Phillip Oldenburg, India: History , 2007 Microsoft(r) Encarta(r) Online Encyclopedia 2007 (c) 1997-2007 Microsoft Corporation. , su encarta.msn.com . URL consultato il 6 agosto 2008 (archiviato dall' url originale il 31 ottobre 2009) .
  13. ^ a b Angus Maddison (2003): Development Centre Studies The World Economy Historical Statistics: Historical Statistics , OECD Publishing , ISBN 9 264 104143 , pp. 259–261
  14. ^ a b Lawrence E. Harrison , Peter L. Berger , Developing cultures: case studies , Routledge , 2006, p. 158, ISBN 978-0-415-95279-8 .
  15. ^ L'India è la seconda economia a più rapida crescita , su ers.usda.gov , Economic Research Service (ERS) (United States Department of Agriculture - USDA). URL consultato il 5 agosto 2007 (archiviato dall' url originale il 20 maggio 2011) .
  16. ^ Relazione della banca di investimenti Goldman Sachs del 2003: Dreaming with BRICs: The Path to 2050 , su www2.goldmansachs.com . URL consultato il 22 gennaio 2009 (archiviato dall' url originale il 12 novembre 2007) .
  17. ^ "India", Oxford English Dictionary , seconda edizione, 2100a.d. Oxford University Press
  18. ^ AL Basham, The Wonder That Was India , 2000, South Asia Books. ISBN 0-283-99257-3
  19. ^ Nome ufficiale dell'Unione , Courts Informatics Division, National Informatics Centre, Ministry of Comm. and Information Tech, 8 agosto 2007
  20. ^ Hindustan 18 giugno 2007, Encyclopædia Britannica , Inc.
  21. ^ Introduzione alla Civiltà della Valle dell'Indo 18-06-2007, Harappa
  22. ^ Krishna Reddy Indian History, 2003 , Nuova Delhi, Tata McGraw Hill. ISBN 0-07-048369-8
  23. ^ ( EN ) Jona Lendering, Dinastia Maurya , su livius.org . URL consultato il 17 giugno 2007 .
  24. ^ ( EN ) Gupta period has been described as the Golden Age of Indian history , su india.gov.in , National Informatics Centre (NIC). URL consultato il 3 ottobre 2007 (archiviato dall' url originale l'11 ottobre 2007) .
  25. ^ James Heitzman, 2007, Dinastia Gupta Archiviato il 1º novembre 2009 in WebCite ., Microsoft(r) Encarta(r), Online Encyclopedia, 2007
  26. ^ Gary Keith Young, Rome's Eastern Trade: International Commerce and Imperial Policy, 31 BC-AD 305 , Routledge, 2001, ISBN 0-415-24219-3
  27. ^ ( EN ) The Mughal Legacy , su edwebproject.org .
  28. ^ ( EN ) The Mughal World: Life in India's Last Golden Age , su easternbookcorporation.com . URL consultato l'11 marzo 2009 (archiviato dall' url originale il 19 gennaio 2012) .
  29. ^ I Maratha , su wsu.edu (archiviato dall' url originale il 5 ottobre 2009) .
  30. ^ History : Indian Freedom Struggle (1857-1947) , su india.gov.in , National Informatics Centre (NIC). URL consultato il 3 ottobre 2007 (archiviato dall' url originale il 27 dicembre 2009) .
  31. ^ Concise Encyclopedia Dorling Kindersley Limited, 1997 , p. 455. ISBN 0-7513-5911-4
  32. ^ Concise Encyclopedia Dorling Kindersley Limited, 1997 , p. 322. ISBN 0-7513-5911-4
  33. ^ CIA Factbook: India - CIA Factbook , su cia.gov . URL consultato il 28 novembre 2010 .
  34. ^ a b India Profile , su nti.org , Nuclear Threat Initiative (NTI), 2003. URL consultato il 20 giugno 2007 (archiviato dall' url originale il 21 agosto 2011) .
  35. ^ Montek Singh Ahluwalia , Economic Reforms in India since 1991: Has Gradualism Worked? ( DOC ), Journal of Economic Perspectives, 2002. URL consultato il 13 giugno 2007 (archiviato dall' url originale il 4 marzo 2010) .
  36. ^ India is the second fastest growing economy-Economic Research Service (ERS) , su ers.usda.gov , United States Department of Agriculture (USDA). URL consultato il 5 agosto 2007 (archiviato dall' url originale il 20 maggio 2011) .
  37. ^ a b c Harvnb Ali Aitchison, 2005 , pp. 172-173.
  38. ^ KR Dikshit, Joseph E. Schwartzberg, 2007. India: The Land . Encyclopædia Britannica . p. 7
  39. ^ B. Prakash, Sudhir Kumar, M. Someshwar Rao, SC Giri, Holocene tectonic movements and stress field in the western Gangetic plains ( PDF ), in Current Science (volume 79) , 2000, pp. 438-449.
  40. ^ KR Dikshit, Joseph E. Schwartzberg, 2007. India: The Land . Encyclopædia Britannica . p. 8
  41. ^ KR Dikshit, Joseph E. Schwartzberg, 2007. India: The Land . Encyclopædia Britannica . pp. 9-10
  42. ^ KR Dikshit, Joseph E. Schwartzberg (2007). India: The Land . Encyclopædia Britannica . p. 15
  43. ^ KR Dikshit, Joseph E. Schwartzberg, 2007. India: The Land . Encyclopædia Britannica . p. 16
  44. ^ KR Dikshit, Joseph E. Schwartzberg, 2007. India: The Land . Encyclopædia Britannica . p. 17
  45. ^ KR Dikshit, Joseph E. Schwartzberg, 2007. India: The Land . Encyclopædia Britannica . p. 12
  46. ^ KR Dikshit, Joseph E. Schwartzberg, 2007. India: The Land . Encyclopædia Britannica . p. 13
  47. ^ CA Posey, 1994, The Living Earth Book of Wind and Weather. , Reader's Digest Association, ISBN 0-89577-625-1 .
  48. ^ Stanley Wolpert, A New History of India . Oxford and New York: Oxford University Press, 2003, p. 544. ISBN 0-19-516678-7
  49. ^ J. Heitzman, RL Worden, India: A Country Study , Library of Congress (Area Handbook Series), 1996. ISBN 0-8444-0833-6 .
  50. ^ a b Chang, JH, The Indian Summer Monsoon , in Geographical Review (volume 57, capitolo 3) , 1967, pp. 373–396.
  51. ^ Clima - National Council of Educational Research and Training (NCERT). (pag. 28) ( PDF ), su ncert.nic.in . URL consultato il 31 marzo 2007 (archiviato dall' url originale il 22 luglio 2006) .
  52. ^ Kimmel TM, Clima e precipitazioni: classificazione climatica Koppen - University of Texas at Austin , su utexas.edu , 2000. URL consultato l'8 aprile 2007 (archiviato dall' url originale il 15 gennaio 2016) .
  53. ^ Carpenter C., The environmental control of plant species density on a Himalayan elevation gradient , in Journal of Biogeography (volume 32) , 2005, pp. 999–1018.
  54. ^ Census of India Website : Office of the Registrar General & Census Commissioner, India
  55. ^ India Likely to Surpass China in Population by 2030 , Matt Rosenberg
  56. ^ a b c Worldometer India , su worldometers.info .
  57. ^ a b c d e ( EN ) Surajit Das , Why India Needs an Absolutely Free Public Education System , su newsclick.in , 18 novembre 2019 ( archiviato il 19 novembre 2019) . Ospitato su archive.is . e metodlogia su mospi.nic.in
  58. ^ a b c ( HI , EN ) Annual Report: PLFS, 2017-18 ( PDF ), su mospi.gov.in , pp. 47-48, 45. URL consultato il 2 gennaio 2020 ( archiviato il 6 giugno 2019) . e pp- 27 e 69 sulla def.ne di "occupazione informale".
  59. ^ The indian express - Risultati censimento del 2011
  60. ^ ( EN ) Census of India, Population by religious communities , su censusindia.gov.in . URL consultato il 20 giugno 2008 .
  61. ^ Lingue per numero di parlanti secondo il censimento del 1991 , su ciil.org , Central Institute of Indian Languages. URL consultato il 2 agosto 2007 .
  62. ^ Mallikarjun, B. (Nov., 2004), Fifty Years of Language Planning for Modern Hindi-The Official Language of India , Language in India , Volume 4, Number 11. ISSN 1930-2940.
  63. ^ Notification No. 2/8/60-OL (Ministry of Home Affairs), datato 27 aprile, 1960 , su rajbhasha.gov.in . URL consultato il 4 luglio 2007 (archiviato dall' url originale il 2 maggio 2010) .
  64. ^ KM Matthew Manorama Yearbook 2003 pg 524, Malayala Manorama , 2006, ISBN 81-89004-07-7 .
  65. ^ Pylee Moolamattom Varkey, Constitutional Government in India , p. 4, S. Chand, 2004. ISBN 81-219-2203-8
  66. ^ Sagarika Dutt, Identities and the Indian state: An overview , in Third World Quarterly (volume 19) , 1998, pp. 411-434, DOI : 10.1080/01436599814325 .
  67. ^ La cittadinanza indiana , su cittadinanza.biz .
  68. ^ Nationality and International Law in Asian Perspective , International Law in Asian Perspective (n. 1), Martinus Nijhoff Publishers, 16 agosto 1990, p. 105, ISBN 978-0-7923-0876-8 , OCLC 22110035 . URL consultato il 19 dicembre 2019 .
  69. ^ a b c Sharma Ram, vol. 4 , in Cabinet Government in India , Parliamentary Affairs, 1950, pp. 116-126.
  70. ^ Elezione del Presidente , su constitution.org , Constitution Society. URL consultato il 2 settembre 2007 .
  71. ^ Alan Gledhill,The Republic of India: The Development of Its Laws and Constitution , II edizione, Stevens and Sons, 1964, p. 112 .
  72. ^ Tenure of President's office , su constitution.org , Constitution Society. URL consultato il 2 settembre 2007 .
  73. ^ Alan Gledhill,The Republic of India: The Development of Its Laws and Constitution (2ª edizione) , Stevens and Sons, 1964, p. 127 .
  74. ^ a b c d Breve descrizione del sistema parlamentare indiano , su india.gov.in , www.parliamentofindia.gov.in. URL consultato il 16 giugno 2007 .
  75. ^ KM Matthew Manorama Yearbook, 2003 , pg 524, Malayala Panorama, ISBN 81-900461-8-7 .
  76. ^ a b Burt Neuborne, La Corte suprema dell'India , in International Journal of Constitutional Law (volume 1) , 2003, pp. 476–510, DOI : 10.1093/icon/1.3.476 . a pagina 478.
  77. ^ Supreme Court of India, Jurisdiction of the Supreme Court , su supremecourtofindia.nic.in , National Informatics Centre. URL consultato il 21 ottobre 2007 (archiviato dall' url originale il 25 gennaio 2010) .
  78. ^ Vuayashri Sripati, Toward Fifty Years of Constitutionalism and Fundamental Rights in India: Looking Back to See Ahead (1950-2000) , in American University International Law Review , 1998, pp. 413-496. a pagina 423-424
  79. ^ Pylee Moolamattom Varkey Constitutional Government in India, 2004 , S. Chand, pag. 314. ISBN 81-219-2203-8
  80. ^ Distretti dell'India , su districts.gov.in , National Informatics Centre (NIC) - Government of India. URL consultato il 25 novembre 2007 (archiviato dall' url originale l'11 ottobre 2007) .
  81. ^ States Reorganisation Act, 1956 (Constitution of India) , su commonlii.org , Commonwealth Legal Information Institute. URL consultato il 31 ottobre 2007 (archiviato dall' url originale il 16 maggio 2008) .
  82. ^ World Gazetteer online Archiviato il 17 novembre 2006 in Internet Archive .
  83. ^ ( EN )13 Most Beautiful Cities in India 2020 , su ArrestedWorld , 2 aprile 2019. URL consultato il 15 maggio 2020 .
  84. ^ India Today June 2000 issue - Cover Article , su india-today.com . URL consultato il 3 ottobre 2008 (archiviato dall' url originale il 22 settembre 2008) .
  85. ^ ( EN ) Jackie Range, India's poor get healthcare in a card , su rsby.gov.in , Wall Street Journal.
  86. ^ ( EN ) Rashtriya Swasthya Bima Yojana | India Portal , su india.gov.in . URL consultato l'11 agosto 2016 (archiviato dall' url originale il 20 agosto 2016) .
  87. ^ ( EN ) RSBY:National Summary , su rsby.gov.in , Ministry of Labour and Employment. URL consultato il 3 gennaio 2020 (archiviato dall' url originale il 14 dicembre 2018) .
  88. ^ Copia archiviata , su rsby.gov.in . URL consultato il 3 gennaio 2020 (archiviato dall' url originale il 16 dicembre 2018) .
  89. ^ ( EN ) About RSBY , su rsby.gov.in , Ministry of Labour and Employment. URL consultato il 3 gennaio 2020 (archiviato dall' url originale il 1º febbraio 2012) .
  90. ^ ( EN ) German delegation visiting India to take Rashtriya Swasthya Bima Yojana lessons , in The Economic Times , 6 agosto 2012.
  91. ^ Sumit Ganguly, Storia dell'India e del Pakistan , Milano, Bruno Mondadori, 2007, p.124. ISBN 978-88-424-9982-4 .
  92. ^ David Smith, Induismo e modernità , Milano, Bruno Mondadori, 2008, p.273. ISBN 978-88-424-2081-1 .
  93. ^ Profilo di un paese: India , su news.bbc.co.uk , BBC, 9 gennaio 2007. URL consultato il 21 marzo 2007 .
  94. ^ La più grande democrazia del mondo che conta più di un miliardo di cittadini , su un.org , Organizzazione delle Nazioni Unite (Population Division - Department of Economic and Social Affairs). URL consultato il 18 ottobre 2014 .
  95. ^ Bhambhri Chandra Prakash, Politica in India 1991-92 (pp. 118, 143) , 1992. ISBN 978-81-85402-17-8
  96. ^ Patrick Dunleavy, Rekha Diwakar; Christopher Dunleavy, L'effettivo spazio della competizione tra partiti ( PDF ), su lse.ac.uk , London School of Economics and Political Science. URL consultato il 1º ottobre 2007 .
  97. ^ Hermann Kulke, Dietmar Rothermund, Storia dell'India (pag. 384) , Routledge, 2004, ISBN 978-0-415-32919-4 .
  98. ^ Narendra Modi is sworn in as the 15th Prime Minister of India, by Times of India , su timesofindia.indiatimes.com . URL consultato il 18 ottobre 2014 .
  99. ^ Significato del contributo dell'India alla lotta contro l'Apartheid, di M. Moolla Archiviato l'11 ottobre 2009 in Internet Archive .
  100. ^ Storia del Movimento dei Non Allineati , su nam.gov.za . URL consultato il 23 agosto 2007 (archiviato dall' url originale il 21 agosto 2011) .
  101. ^ Martin Gilbert, A History of the Twentieth Century , Londra, HarperCollins, 2002, p. 486–87. URL consultato il 3 novembre 2008 . ISBN 0-06-050594-X
  102. ^ Espansione del ruolo indiano in Asia , su heritage.org (archiviato dall' url originale il 19 settembre 2008) .
  103. ^ Posizione indiana al WTO ( PDF ), su library.fes.de .
  104. ^ India e le Nazioni Unite , su un.int . URL consultato il 22 aprile 2006 (archiviato dall' url originale il 4 maggio 2006) .
  105. ^ a b c https://www.acrimed.org/Les-medias-en-Inde-oligarques-triomphants
  106. ^ Eugene M. Makar, An American's Guide to Doing Business in India , 2007.
  107. ^ Economic survey of India 2007: Policy Brief ( PDF ), su oecd.org , OCSE (archiviato dall' url originale il 6 giugno 2011) .
  108. ^ The India Report ( PDF ), su ukibc.com , Astaire Research (archiviato dall' url originale il 24 agosto 2009) .
  109. ^ Weekly Statistical Supplement Archiviato il 21 agosto 2011 in WebCite . accesso 11 giugno 2007, Reserve Bank of India.
  110. ^ Revenue surge boosts fiscal health Business Standard 28 dicembre 2007
  111. ^ Mohan TTRam, Privatization in India: Issues and Evidence , Indian Institute of Management, Ahmedabad PDF Archiviato il 7 agosto 2007 in Internet Archive . 3 agosto 2007
  112. ^ Quarterly estimates of gross domestic product, 2006-07 Archiviato il 7 giugno 2007 in Internet Archive . Government of India, 31 maggio 2007
  113. ^ Problemi dell'agricoltura indiana [ collegamento interrotto ]
  114. ^ EIA Country Profiles: India , su tonto.eia.doe.gov . URL consultato il 25 giugno 2008 (archiviato dall' url originale il 2 gennaio 2009) .
  115. ^ https://www.lemonde.fr/economie/article/2019/11/06/en-six-ans-l-inde-a-perdu-neuf-millions-d-emplois_6018224_3234.html
  116. ^ https://reporterre.net/En-Inde-les-partis-politiques-ignorent-le-changement-climatique
  117. ^ https://www.europebreakingnews.net/2019/03/india-still-awaits-the-good-times/
  118. ^ Inclusive Growth and Service delivery: Building on India's Success ( PDF ), su siteresources.worldbank.org , World Bank (2006). URL consultato il 28 aprile 2007 (archiviato dall' url originale il 21 agosto 2011) .
  119. ^ ( EN ) New Global Poverty Estimates - What it means for India , su worldbank.org.in , World Bank. URL consultato il 20 marzo 2009 (archiviato dall' url originale il 6 maggio 2012) .
  120. ^ ( EN ) The developing world is poorer than we thought, but no less successful in the fight against poverty , su econ.worldbank.org , World Bank. URL consultato il 20 marzo 2009 (archiviato dall' url originale il 23 marzo 2009) .
  121. ^ Convegno di Firenze Relazione di Antonio Saltini
  122. ^ a b Biciclette di proprietà in India
  123. ^ L'India si prepara ad un boom nelle autovetture . BBC
  124. ^ a b India Transport Sector , su web.worldbank.org , World Bank.
  125. ^ a b ( EN ) Salient Features of Indian Railways , su indianrail.gov.in , Indian Railways. URL consultato il 12 maggio 2007 .
  126. ^ A special report on India: Creaking, groaning: Infrastructure is India's biggest handicap 11 dicembre 2008 The Economist
  127. ^ Copia archiviata , su epi.envirocenter.yale.edu . URL consultato il 2 maggio 2019 (archiviato dall' url originale il 22 aprile 2019) .
  128. ^ a b Dr SKPuri, Il profilo della biodiversità dell'India , su ces.iisc.ernet.in . URL consultato il 20 giugno 2007 (archiviato dall' url originale il 21 novembre 2011) .
  129. ^ Flora and Vegetation of India - An Outline , Botanical Survey of India, Howrah, 1983, p. 24.
  130. ^ Valmik Thapar, Land of the Tiger: A Natural History of the Indian Subcontinent , 1997. ISBN 978-0-520-21470-5
  131. ^ a b ME Tritsch, Wildlife of India , Londra, Harper Collins, 2001, p. 192. ISBN 0-00-711062-6
  132. ^ Dal Gondwana originano parte dei biotipi asiatici, K. Praveen Karanth. (2006). ( PDF ), su iisc.ernet.in .
  133. ^ B. Groombridge, The 1994 IUCN Red List of Threatened Animals , pag. 286, Gland, Switzerland and Cambridge, UK. Lvi, 1993.
  134. ^ The Wildlife Protection Act, 1972 , su helplinelaw.com , 2000. URL consultato il 16 giugno 2007 .
  135. ^ The Forest Conservation Act, 1980 , su advocatekhoj.com , 2007. URL consultato il 29 novembre 2007 .
  136. ^ Riserve della Biosfera in India , su cpreec.org . URL consultato il 17 giugno 2007 (archiviato dall' url originale il 21 agosto 2011) .
  137. ^ The List of Wetlands of International Importance (p. 18) ( PDF ), su ramsar.org . URL consultato il 20 giugno 2007 .
  138. ^ Diversità culturale, sincretismo religioso e popolo dell'India: un'interpretazione antropologica -Bangladesh e-Journal of Sociology - Das NK (2006) , su bangladeshsociology.org . URL consultato il 27 settembre 2007 . ISSN 1819-8465
  139. ^ Baidyanath Saraswati, Interface of Cultural Identity Development . ISBN 81-246-0054-6 - Cultural Pluralism, National Identity and Development , su ignca.nic.in . URL consultato l'8 giugno 2007 (archiviato dall' url originale il 2 luglio 2007) .
  140. ^ Profilo del Paese: India (BBC) , su news.bbc.co.uk . URL consultato il 2007 .
  141. ^ Parsis the founder of the Indian cinema , su fravahr.org . URL consultato il 17 marzo 2009 (archiviato dall' url originale il 21 novembre 2007) .
  142. ^ Film Collection , su filmcollection2006.com . URL consultato il 17 marzo 2009 (archiviato dall' url originale il 24 marzo 2009) .
  143. ^ 1. "Arte dell'Asia meridionale: Tecniche e generi della danza classica " Da Encyclopædia Britannica Online. 12 ottobre. 2007; 2. Sangeet Natak Academi Archiviato il 24 luglio 2007 in Internet Archive . (Accademia Nazionale di Musica, Danza e Teatro, Nuova Delhi ); 3. Kothari, Sunil. 2007. Università di Londra Archiviato il 7 ottobre 2009 in Internet Archive .
  144. ^ https://gauravtiwari.org/2012/
  145. ^ ( EN ) Paul R. Brass, The Production of Hindu-Muslim Violence in Contemporary India , University of Washington Press, 2003, p. 60, ISBN 978-0-295-98506-0 .
  146. ^ Delphine Roger, "The History and Culture of Food in Asia" .
  147. ^ Le 18 Feste indiane , su festivals.indobase.com . URL consultato il 23 dicembre 2007 .

Bibliografia

Rovine dell'antica capitale dell' Impero di Vijayanagara .
Risaie nel Tamil Nadu .

Bibliografia in italiano

Letteratura
  • A. Ballini-M.Vallauri, Lineamenti di una storia delle lingue e della letteratura antica e medievale dell'India , Istituto dell'Enciclopedia Italiana, Roma 1943
  • O. Botto, La letteratura classica dell'India antica , Studium, Roma 1964
  • A. Bausani, Le letterature del Pakistan , Sansoni-Accademia, Firenze-Milano 1968
  • V. Pisani-LP Mishra, Le letterature dell'India , Rizzoli-BUR, Milano 1993
  • G. Milanetti, Il Divino Amante , Ubaldini, Roma 1988 (sulla poesia dei Sant)
  • D. Bredi, Storia della cultura indo-musulmana. Secoli VII-XX , Carocci, Roma 2006
  • G. Boccali-S.Piano-S.Sani, Le letterature dell'India , UTET, Torino 2000
  • A. Pellissero, Manuale di letterature classiche dell'India , Morcelliana, Brescia 2007
  • S. Albertazzi, Il tempio e il villaggio. La narrativa indo-inglese contemporanea e la tradizione britannica , Patron, Bologna 1978
  • S. Bassi, Poeti indiani del Novecento di lingua inglese , Supernova, Venezia 1998
  • A. Fabris Grube, I due volti dell'India. Saggi sulla letteratura anglo-indiana e indo-inglese , Supernova, Venezia 2002
  • V. Chandra, Giochi Sacri , narrativa gialla mafia e altro, Milano 200

Bibliografia in inglese

Storia
Geografia
Flora e fauna
  • Salim Ali , Ripley Dillon, A Pictorial Guide to the Birds of the Indian Subcontinent , Bombay, Bombay Natural History Society e Oxford University Press. 106 illustrazioni a colori di John Henry Dick, 1995, ISBN 0-19-563732-1 .
  • Blatter E. e Millard Walter S. (a cura di), Some Beautiful Indian Trees , Bombay, Bombay Natural History Society e Oxford University Press. 30 illustrazioni a colore, 1997, ISBN 0-19-562162-X .
  • Israel Samuel, Toby Sinclair (a cura di), Indian Wildlife , Discovery Channel and APA Publications, 2001, ISBN 981-234-555-8 .
  • SH Prater, The book of Indian Animals , Bombay: Bombay Natural History Society and Oxford University Press. 28 illustrazioni a colori di Paul Barruel., 1971, ISBN 0-19-562169-7 .
  • Mahesh (editor) Rangarajan, Oxford Anthology of Indian Wildlife: Volume 1, Hunting and Shooting , Nuova Delhi, Oxford University Press., 1999, ISBN 0-19-564592-8 .
  • Mahesh (editor) Rangarajan, Oxford Anthology of Indian Wildlife: Volume 2, Watching and Conserving , Nuova Delhi: Oxford University Press. Pp. xi , 303, 1999, ISBN 0-19-564593-6 .
  • Mark F. Tritsch, Wildlife of India , London: Harper Collins Publishers., 2001, ISBN 0-00-711062-6 .
Cultura

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 135375457 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2331 2734 · LCCN ( EN ) n80125948 · GND ( DE ) 4026722-2 · BNF ( FR ) cb11934238p (data) · BNE ( ES ) XX451208 (data) · NLA ( EN ) 35219734 · BAV ( EN ) 497/5270 · NDL ( EN , JA ) 00564071 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80125948
India Portale India : accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'India