jounal la

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt itilizasyon, gade Journal la (disambiguation) .
jounal la
Logo
Leta Itali Itali
Lang Italyen
Peryodisite chak jou
Kalite laprès nasyonal
Fòma Bèlen ak 6 kolòn
Fondatè Indro Montanelli
Fondasyon 25 jen 1974
Foure ak atachman
Sit Via Gaetano Negri 4, Milan
Piblikatè Konpayi Ewopeyen an nan Edizioni SpA
Sikilasyon 110 751 [1] (septanm 2020)
Sikilasyon papye 46,929 [1] (septanm 2020)
Digital difizyon 1845 [1] (septanm 2020)
Direktè Augusto Minzolini [2]
Asistan Direktè Nicola Porro , Francesco Maria Del Vigo , Marco Zucchetti
ISSN 1124-8831 ( WC · ACNP ) ak 2532-4071 ( WC · ACNP )
Distribisyon
papye
Papye edisyon kopi sèl /
abònman
miltimedya
Tablet PC kopi sèl /
abònman [3]
Smartphone Gratis [4]
Sit wèb www.ilgiornale.it

Il Giornale (ki soti nan fondasyon an jouk 1983 jounal la ankò) se yon jounal nan sikilasyon jeneral ki te fonde nan Milan nan 1974 pa Indro Montanelli , ki moun ki dirije l 'kontinyèlman jouk 1994 . Depi 1977 li posede pa fanmi an Berlusconi (ki soti nan 1992 , nan Paolo Berlusconi ).

Konsèy liberal ak konsèvatif . Apre liberasyon an nan fondatè a, apre " desandan a nan jaden an " nan Silvio Berlusconi ki te kanpe nan mitan pi gwo chak jou yo Italyen sant-dwa .

Tèt la

Chèf nouvo jounal la te chwazi paske te gen deja yon jounal nan Varese ki rele Il Giornale (piblikatè Vyolon ak Parravicini, jere direktè Ambrose Lucioni). Nan 1977 Varese jounal te disparèt ak nan 1983 magazin an te chanje non Journal la, jan Montanelli te vle depi nan konmansman an.

Te adjektif la ankò chanje sou tan kòm yon valè senbolik ak anpil lektè, "mèt pwopriyete yo jounal reyèl ak jounalis," jan sa defini yo Montanelli, kontinye pou plizyè ane yo ajoute non an nan jounal la chak fwa ou te site.

Istwa

Fondasyon

Nan orijin nan desizyon an Indro Montanelli yo kite bbC la te gen desizyon an Giulia Maria Crespi (ki an tèt liy lan ak bidjè yo chak jou [5] ) enpoze yon veer sou bò gòch la nan liy lan editoryal nan jounal la via Solferino , te kòmanse nan 1972 ak lekòl lage pi nan direktè a Giovanni Spadolini , ranplase pa Piero Ottone .

Nan dezyèm mwatye nan ane sa a Montanelli te kòmanse pale, ak kèk zanmi konfyans ak kòlèg li yo, ki gen ladan Enzo Bettiza , pwodiksyon soti nan Courier nan gade nan kreyasyon yon nouvo chak jou [6] . De lòt otè ki gen gwo valè pwofesyonèl te imedyatman enplike: Gianni Granzotto , ansyen CEO nan Rai ak nan moman sa a prezidan nan FIEG , karakterize pa briyan ladrès diplomatik ak òganizasyonèl ak Guido Piovene , ekriven nan t'ap nonmen non entènasyonal yo ak zanmi nan Montanelli depi trant yo.

Nan kòmansman mwa Oktòb la nan 1973 , Indro Montanelli lage chak semèn entèvyou a Il Mondo trè kritik nan Courrier a, kote la pou premye fwa te fè piblik entansyon li yo jwenn yon nouvo jounal. Giulia Crespi te pran revelasyon an seryezman e li te bay fason pou sispansyon ekriven tuscan an. Piero Ottone te pran chaj nan kominike desizyon an bay jounalis la, men anvan sa rive, Montanelli, sou 17 oktòb, li te kite via Solferino, kòmanse kontak pi vit pou fondasyon an nan jounal la.

Enzo Bettiza, pou yon ti tan toujou nan biwo nan Courrier a te eseye rekrite jounalis kòm anpil ke posib. Evantyèlman li mennen l 'bay jounal la nouvo sou trant [6] . Pami yo: Egisto Corradi , Prince nan repòtè lagè, Giancarlo Masini , envanteur nan jounalis syans popilè yo ak chèchè, Gianfranco Piazzesi (politik kòmantatè), Antonio Spinosa (ekspè pòtrè sou figi istorik), Cesare Zappulli (ekspè nan ekonomi), Peter Radius (Korespondan espesyal nan Corriere d'information ) san konte pi popilè "chofè yo" nan Courier Leopoldo Sophists yo ak Gian Galeazzo Biazzi Vergara, ekspè nan òganizasyon an posede yon jounal. Bettiza te trase pa sèlman nan Courier la. Li pran tèt Renzo Trionfera Lè sa a, nan ' L'Europeo , te pote nan Epoca prensipal li yo voye aletranje, Lucio Lami . Li chire nan mitan lannwit Egidio Sterpa valab sitwayen repòtè ak pi piti Fernando Mezzetti ak Sovè Shoemaker , tou de adapte yo ak karyè briyan.

Pou pati li yo Montanelli te chwazi de non trè prestijye pou alimèt aletranje: Vittorio Dan Segre (diplomat Izraelyen ki gen orijin Italyen) nan sit la nan lavil Jerizalèm ak Ferenc Fejtő , Ongwa ki abite nan Pari , istorik, chik ak entelektyèl, pou chèz alp la. Li te refize envitasyon an olye Ugo Stille , ansyen Korespondan nan BBC soti nan New York . Sa yo yo te ajoute lòt entelektyèl ki t'ap chache yon nouvo espas ekspresif nan tandans liberal ak konsèvatif ki pa te domine pa "kilti a nan chik radikal " (jan li te rele Montanelli). Pami yo nou ka mansyone: Raymond Aron , Frane Barbieri , Alain de Benoist , Livio Caputo , Jean-François Revel , Gregor von Rezzori , Giorgio Torelli ak Marcello Staglieno .

Pwojè a nan jounal la nouvo te pran fòm ant nan fen ane a ak soti nan janvye jiska fevriye 1974. Dapre Montanelli ak kolaboratè l 'yo, lektè nan jounal la nouvo te dwe ansyen lektè nan jounal tankou Corriere ak La Stampa, "koupab" nan te abandone klasifikasyon tradisyonèl politik-editoryal yo epi yo dwe ak Berlinguer ak ak bò gòch Demokrat yo.

Montanelli Lè sa a, te kòmanse kap chèche yon Piblikatè. Li frape sou pòt anpil, men tout apwòch ak piblikatè yo gwo echwe: pou Andrea ak Angelone Rizzoli tounen vin jwenn l 'ak mo sa yo: "Mwen te kourtwazi pou twa zan pou yon dirigessi chak jou ou e kounye a, mwen pral pare-pò pare," [7] . Men, Andre reponn, kite etoudi mesye Montanelli, ki Rizzoli ta byento achte Corriere della Sera la. Apre Rizzoli, yo te retire youn apre lòt menm Gianni Agnelli ak Mario Formenton , pitit Arnoldo Mondadori ak CEO nan kay la pibliye (te di pa gen okenn tou paske nan opinyon negatif nan Giovanni Spadolini , ki fache anpil Indro) [8] . Précédemment Montanelli te refize fè yon nouvo jounal ak Eugenio Scalfari (premye direktè a, dezyèm ko-direktè a) defini Scalfari yo pwopoze a yon ti ki riske [9] . Li avanse endistriyèl Nino Rovelli : pwojè a bay ke Rovelli ta mèt kay la, men li pa ta afekte liy jounal la. Montanelli refize. Eugenio Cefis , prezidan nan Montedison , pwopoze a olye yo jwenn yon estrikti koperativ jounal: jounalis yo te mèt pwopriyete yo ak Montedison ta garanti pake a finansman. Montanelli pito dezyèm solisyon sa a [10] .

Jounal la te jwenn yon prè nouvo ak "minimòm fòmil garanti a": SPI a (konpayi nan gwoup la Montedison) okipe vant lan nan piblisite pou jounal la Montanelli; sepandan, ale nan magazen an, li ta bay jounal la yon sòm de 12 milya dola chak ane [11] .

Sou 27 fevriye 1974 , nan Milan, li te fòme "Società Europea di Edizioni SpA - Konpayi editè", pwopriyetè magazin ak konpayi jesyon jounal la. Nouvo jounal la te fèt lè sa a kòm 'editè sosyete ". Komite redaksyon an te konpoze de:

  • Enzo Bettiza;
  • Gian Galeazzo Biazzi Vergani [12] ;
  • Gianfranco Piazzesi;
  • Leopoldo Sofisti;
  • Renzo Trionfera;
  • Cesare Zappulli.

Preparasyon an te fèt ak 59 jounalis: jounal la te soti sis jou pa semèn pou kenbe depans yo (li pa t 'nan kioune lendi) [13] . Premye nimewo a soti 25 jen madi 1974 .

Editoryal la nan nº 1 nan jounal la nouvo: Pou lektè a

[Ki moun ki pral lektè nou an] nou pa konnen paske nou pa yon jounal patizan, anpil mwens yon jounal pati, ni yon jounal klas oswa klas. Nan lòt men an, nou konnen trè byen ki moun ki pa pral. Li pa pral moun ki soti nan jounal la vle sèlman "santi a" [...] Li pa pral moun ki kwè ke yon objektif Riva ki pi enpòtan pase yon kriz gouvènman an. Epi finalman li pa pral moun ki vin ansent jounal la kòm yon sous inépuizabl nan scandales pou dedomajman pou pwòp yo. Malerezman, lavi a nan peyi nou an plen ak scandales, epi nou pa pral fail denonse yo [...] Men, nou pa pral fè li jwenn dèyè ki foli sans ak lugubr nan yap divòse nan ki se yon endiferans sèten vantile, pa gen okenn gen pwoblèm si zèl dwat oswa gòch [...] Nou vle kreye, oswa rkree, yon sèten kostim jounalis nan gravite ak rijidite. Ak pi wo a tout moun, nou aspire nan onè nan gwo pou yo te rekonèt kòm figi a ak vwa nan ki difisil-k ap travay ak pwodiktif Itali ki se pa sèlman Milan ak Lombard, men ki gen gwo fò li yo ak gid nan Milan ak Lombard.

Jou sa a twazyèm paj la te lakay li: yon elzeviro Guido Piovene, yon atik ki gen tit Sou Bettiza Aleksandr Solzhenitsyn a ak premye tranch nan yon woman pa Joseph Roth toujou pibliye nan peyi Itali, Lejand nan tafyatè a Sentespri [14] . Atant yo pou bèt la Montanelli yo te wo: kèk menm te panse ke Montanelli te fonde yon pati [15] . Kòm ko-direktè yo rele Enzo Bettiza , li te kenbe pòs la jouk 1983 .

Ven ane nan Montanelli

Soti nan 1974 a 1980

Jounal la te gen sèten karakteristik ki distenge l 'soti nan rès la nan laprès la Italyen: yon twazyèm paj fiks, vre nan tradisyon Italyen an nan jounalis; tout atik nan paj devan an te konplete san referans ladan yo oswa kontinyasyon nan paj andedan yo; yon paj tout te konsakre nan lèt bay editè a (yo rele lektè pale) kote Montanelli reponn chak jou; montan ki soti nan anons fineray yo te destine pou charite nan antite ki endike pa piblisite yo tèt yo.

Nan koupe ki ba nan premye paj la lektè a te Countercurrent , yon seksyon ki fèmen nan yon ankadreman nan ki, ak yon liy kèk (pa plis pase 400 karaktè), Montanelli kòmante yon reyalite oswa yon evènman nan jou anvan an nan yon ironik ak pike. Lòt ti fenèt nan plezante ekri pa editè yo te akuponktur, ki chita sou paj la andedan nan dosye Milan an, ak pwen sèk, dedye a paj la kritik atistik ak literè.

Komèsyal yo te imedyatman wo. Nan fen mwa Out yon notè ki sètifye nouvo jounal la te gen yon sikilasyon mwayèn 242.541 kopi [16] . Apre premye mwa yo nan gwo mouvman, lavant estabilize alantou 150,000 kopi. Anpil prevwa ke nouvo milanè chak jou a, ak anpil siyati ak venn ekstraòdinè nan Indro, ta wete anpil lektè nan Corriere della Sera. Olye de sa, jounal Montanelli a fè mete pòtre soti espas pwòp li yo nan elektora a modere, ki afekte konkiran an, men se pa fè l 'tonbe soti nan fòtèy la. Nan Milan li pa kase: nouvo jounal la te sispann sou 30 000 kopi, kont Corriere 160-180000, ki te tou premye jounal nan Lombard . Se te yon gwo desepsyon pou Montanelli.

Nan mwa novanm 1974, Guido Piovene, prezidan konpayi pibliye a ak kreyatè twazyèm paj jounal nouvèl la, te mouri prematireman. Siksesè li yo te Giorgio Zampa ak Sandra Artom , anba sipèvizyon Enzo Bettiza. Ekip la nan kolaboratè se vrèman enpresyonan:

Trè prestijye tou prezans kolaboratè etranje: Raymond Aron , Anthony Burgess (1978-1981), John Kenneth Galbraith , Gustav Herling-Grudziński , Eugène Ionesco , Jean-François Revel , Paul Samuelson .

Pwojè devlopman yo te gen: 28 janvye 1975 la te fèt ane a nan Genoa . Sa te pran plas nan diferan pati nan eleksyon yo administratif Italyen: Journal la ankò aliyen yo sou yon baz nasyonal kont psi a ak an favè DC [17] .

Liy politik la nan jounal la ankò fidèlman reflete panse a fondatè-direktè li yo. Nan Itali ideolojize nan swasant yo, moun ki pa t 'pran bò gòch yo te otomatikman make kòm "fachis". Jounal la se ankò smarco ak rejte etikèt sa a, dikte sèlman pa yon View ideolojik nan reyalite, li di olye libète a plen nan panse endividyèl elèv yo. Nouvo chak jou a te swiv, nan politik ekonomik, yon liy liberal, politik domestik te eksklizyon ak anti-kominis, pandan ke yo nan politik etranje te pro-Izraelyen filoatlantico ak nan yon mo li te Liberal- [6] . Pandan swasanndis yo youn nan pwen fò nan papye milanè a te teyori nan " ekstrèm opoze " [18] , ki endike yon sitiyasyon an patikilye politik Italyen nan ki gwoup siplemantè-palmantè (byen lwen dwa ak byen lwen gòch) konfli youn ak lòt oswa opoze enstitisyon leta inevitableman kreye kondisyon yo pou Aparisyon nan yon teworis politik, pandan ke li pa t 'kwè nan " estrateji nan tansyon ", konsidere li yon teyori andose pa bò gòch la diskite ke vyolans te soti sèlman nan bò dwat la [19] , ni nan ekspresyon «masak leta a», depi pote yon masak ak kouvèti politik nan yon wo nivo nan enstitisyon yo li te nesesè yo gen «eta ki kapab aktive fòs polis sekrè», yon bagay ke Itali te manke. Anplis de sa, "imajine yon rimè ke, nan fè nwa a, òganize masak avèk èd nan lapolis Italyen an, ou dwe tèlman rich nan imajinasyon kòm sans pòv nan ridikil la" [20] .

Politik Italyen yo te domine pa menm pati yo ki te rankontre chak ane depi 1948, DC a ak psi a , ak nouvo jounal la te vin tansyon politik tèren janm ak tantativ eksplisit pou evite konpwomi ke de fòs yo, menm si yo te istorikman antagonik. , chache konkli [6] . Nan yon ti tan, jounal la te vin pa renmen anpil sèk politik-kiltirèl. Repitasyon nan "viktim epidemi" gaye alantou Montanelli ak tout anplwaye editoryal la. Gian Galeazzo Biazzi Vergani te ekri nan jounal pèsonèl li:

"Piazza Cavour [chèz la nan jounal la nouvo] se souvan lòm pa dè santèn, pafwa dè milye de siplemantè-palmantè: lajounen kou lannwit. Nan polisye, pa menm lonbraj la. Travèse ranje yo nan maten pou yo ale nan travay bay frison. Yon apèl ta ase, yon rèl alam ak kle yo ta soti nan pòch yo. [...] Mwen gen yon sante, otantik pè. "

1976 la te ane a nan konsolidasyon: jounal la nouvo te fè mete pòtre soti yon espas tout pwòp li yo ak li te kounye a rekonèt kòm jounal la sèlman ke li te konnen entèprete dezi yo ak imè nan moun ki, nan peyi a, pa t 'aksepte istorik la konpwomi ant de pati yo pi gwo [21] . Enzo Bettiza:

"Kounye a nou se sèlman solid vwa liberal nan yon jaden flè lamentable nan Greyness, pè, ki ba konfòmite, ki pa kounye a kouche ton an pou tout mizik la nan enfòmasyon [...] Depi koulye a nou te vin advèsè ki pi anmèdan [pou PCI a], ki te konprann ke ras li pou pouvwa dwe pase nan repwesyon nou an. "

(Giampaolo Pansa, op. Cit., P. 306.)

Lektè jounal la nouvo pa t 'konsidere tèt yo achtè nan yon pwodwi, men nan yon gwoup opinyon. Cesare Zappulli te di:

«[Nou] Li se yon jounal ki pa ka achte, nan ki yon sèl pa abònman, men yon sèl abònman. San yo pa gen karakteristik sa yo nan angajman ak responsablite, li se yon mouvman nan opinyon piblik, pi lwen pase òganizasyon tradisyonèl politik yo. "

(Giampaolo Pansa, op. Cit., P. 306.)

Sou 22 janvye 1976 jounal la nouvo siyen yon akò ak Tele-Monte-Carlo , katriyèm fwa a nan rezo lang Italyen nan enpòtans. Konpayi Monaco a te kòmanse difize sou tè Italyen an 1974, apre yon desizyon nan Tribinal la Konstitisyonèl , ak transmèt bilten l 'yo [22] . Soti nan ane sa a, anplwaye editoryal Montanellyen yo te pran swen ekri nouvèl la; Indro Montanelli parèt nan fen nouvèl la kòm yon kòmantatè. Li altène ak Bettiza, Zappulli ak Mario Cervi . Kòmantè yo te tire nan yon estidyo Fortin nan Milan. Dosye yo, ansanm ak tèks yo nan nouvèl la, yo te transpòte nan machin nan prensipote Monaco [6] . Nouvèl la, altènatif inik nan nouvèl RAI, se te yon siksè imedyat ak piblik la ki reverberated sou lavant jounal, ogmante pa 25-30% rezon [23] .

Nan mwa me ane sa a, apre tranbleman tè a nan jounal jilyen nouvo li te òganize yon abònman nasyonal la. Lektè yo reponn twouve. Nan kèk semèn sèlman, jounal la kolekte plis pase twa milya dola, depase tout lòt jounal nan kous solidarite a. Montan abònman yo te itilize pou rekonstriksyon minisipalite Vito d'Asio , Tarcento ak Montenars .

Nan sans de eleksyon politik yo nan 20 jen, jounal la te lanse pwòp kanpay elektoral li yo. Olye pou yo "di" eleksyon yo, li te eseye "fè yo", avèk espwa pou genyen yo. Montanelli idantifye psi a kòm yon danje pou demokrasi. Kanpay nouvo jounal la te vize pou anpeche yon pwogrè psi, men Montanelli pa t 'jwenn nan pati opoze a, Demokrat kretyen yo, yon ekip serye, vize ak je ou fèmen. Se konsa, te fèt eslogan nan "nen turiamoci ak vòt DC" [24] ak jounal la nouvo avize lektè li yo yon lis kandida DC "pa konpwomèt pa repitasyon malad", ki votè yo te kapab endike espas ki la rezève pou preferans.

Kontrèman ak ane anvan an, nan 1976 nouvo jounal la "te genyen" eleksyon an. Siksè a te tou editoryal: sou Ev nan edisyon an 20 jen manyen yon dosye 412,000 kopi [25] . Nan karant kandida jounal la rekòmande pou lektè yo, 33 te eli nan Palman an. Pifò Rated vire Massimo De Carolis , ak 151,555 preferans [26] . Yo te eli (nan Sena a) tou de ko-editè yo nan jounal la, Enzo ak Cesare Bettiza Zappulli [6] .

Nan 1976 jounal la nouvo te sizyèm jounal Italyen an ak 220,000 kopi vann an mwayèn chak jou. Nan ane sa a prè twa ane Montedison a te fini. Jounal la te resevwa nouvo èd finansye nan men fanmi Boroli, pwopriyetè kay pibliye De Agostini epi, gras ak bon biwo Granzotto yo te siyen yon nouvo kontra piblisite ak Sipra , konsesyonè Rai. An 1977 , dezan apre aterisaj nan ligurya, li te fèt edisyon nan ' Emilia-romay (premye nimewo a parèt sou 28 jen), ak biwo editoryal nan Bolòy, Modena ak Reggio Emilia. Anplis, jounal la nouvo antre nan mache a liv: nan tèt ansanm avèk De Agostini la te fonde "New Imaj la", yon kay pibliye espesyalize yo.

Sou 2 jen, direktè a Indro Montanelli soufri yon atak pa Brigad yo Wouj , ki blese l 'nan pye yo.

Menm ane a, Silvio Berlusconi , nan moman kontraktè bilding lan, te antre nan EEA a avèk yon pati 12%. Nan lane 1979 li ogmante pati li a 37,5%, vin actionnaire majorite. Berlusconi te ede rezoud dèt yo nan jounal la nouvo nan yon espas couverture piblisite kontra ak "garanti minimòm" nan konpayi l ' [27] . Nan mwa jen nan menm ane a anplwaye editoryal demenaje ale rete nan nouvo katye jeneral la nan via Gaetano Negri.

Nan eleksyon yo byen bonè palmantè jounal la ankò, konvenki ke te gen depase PCI la (tonbe sevè nan biwo vòt yo), te mande votè yo pou vote pou pati eksklizyon ( PLI , PRI akPSDI ) oswa, altènativman, pou yon leve kandida Demokratik kretyen ki te gen siyen yon angajman solanèl anticommunist: 98 nan 118 eli yo te rapòte [28] .

Nan mwa Out 1979 paj espò yo te anrichi pou prezans Gianni Brera , nouvo kolaboratè jounal la (premye atik li te soti 29 Out 1979 ak tit Peppin Meazza te fòlber la). Sou 6 janvye 1980 edisyon an nouvo nan jounal la inogire Lendi. Sepandan Brera antre nan yon kou kolizyon ak tèt la nan seksyon an espò, Alfio Caruso [6] , ak nan 1982 li te pase nan Repiblik la .

Soti nan 1980 a 1994

An 1982 jounal Milan la te wityèm jounal Italyen an ak 259.215 kopi sikilasyon medya [29] (sizyèm lan lè yo pa eksepte espò chak jou). An 1983 , magazin an te chanje non jounal la, pran non an toujou genyen jodi a. Nan ane sa a te vini diferans ki genyen ant Indro Montanelli ak Enzo Bettiza , li te vle fè yon jounal tou pre enstans eksklizyon-sosyalis yo [30] . Nan plas li li te nonmen Gian Galeazzo Biazzi Vergara, ki moun ki te ko-direktè jouk 1991 (ak yon peryòd kout nan Franco Cangini ant janvye ak fevriye 1989) [31] .

Pandan ane yo nan senk pati a (1981-1992), jounal la deside pa sipòte DC Ciriaco De Mita a , oswa apiye Bettino Craxi : Montanelli itilize mo sa yo "Parenn" ak "kolerik" pou tou de [32] [33] [34] [35] . Fòmil 'counter-aktyèl jounal la' soufri ak lavant tonbe. Peryòd la nan lavant dekline a nan posibilite pou Silvio Berlusconi yo vin detantè a actionnaire nan majorite a absoli nan aksyon yo, ak Se poutèt sa mèt kay la [36] . Pandan katreventèn yo , sepandan, jounal la te envite lektè li yo pou vote pou pati yo nan desizyon an, pandan y ap dekri yo kòm mwazi [37] [38] , ak eksepsyon de eleksyon lokal yo nan 1988 nan ki li ankouraje yon kanpay abstansyon [39] . Chèf biwo editoryal lavil Wòm lan te Antonio Tajani .

Yon inisyativ ki te sipòte pa Giornale a te sipò pou referandòm yo pwopoze pa Mariotto Segni pou: anile papòt minimòm pou eleksyon nan Sena a ak sistèm preferans miltip nan chanm lan ak aboli, nan nivo minisipal la, règ la ki limite majorite sistèm nan sant ki gen mwens pase senk mil moun. 10 Avril 1990 la te mete sou koleksyon siyati yo e pa 2 Out nou te rive nan yon altitid 600 000, men Tribinal Konstitisyonèl la te mete veto sou de nan twa kesyon yo, admèt sèlman preferans sa an favè yon sèl [6] , apwouve ane annapre a [6] .

Nan menm peryòd lavant jounal la yo te desann pou la pwemye fwa nan ane anba 150,000 kopi [40] . Avèk eskandal lan nan Tangentopoli , ki te eksploze ant 1992 ak 1993, Montanelli te chwazi yon liy klè: koupe pou tèt li wòl nan abit, guaranty nan règleman yo [40] . Nan pouswiv liy sa a li te efektivman sipòte pa nouvo ko-direktè Federico Orlando a (ranplase Biazzi Vergani an 1991, leve nan Helm la nan konpayi an pibliye nan jounal la): Jounal la kouvri evènman yo ak yon kwonik inplakabl, ki souvan antisipe envestigasyon majistra yo, ak yon twous kòmantè ak kanpay vize, tou dwat nan kè sistèm pouvwa a [41] . Se pa tout lektè ki te konprann chwa sa a. Pou la pwemye fwa boujwazi a Lombard te toujou lektè a fò nan jounal la, diman rekonèt l 'tankou yon pwen referans: anpil pase pa Jounal Endepandan an (jounal filoleghista dirije pa Victor Felts ), yon sipòtè nan pisin lan nan Milan ak Palermo, ki te kontan nan chak arè epi yo te rele Bettino Craxi 'Cinghialone " [41] . Menm relasyon pèsonèl ak fant yo Silvio Berlusconi [40] , 12 jiyè 1993 Berlusconi voye yon faks nan jounal la , li bay lòd pou "tire zewo sou pisin lan." Tou de Montanelli Orlando se refize ak cestinarono a [41] . Ko-direktè a te rele faks sa a "yon altènatif reyèl nan jiri a corpus nan envestigatè yo 'akize' nan vyolasyon metodik nan pwosedi ak sibstans, nan dwa yo ak garanti" [42] . Nan menm mwa a Premye Kominikasyon te anonse yon chanjman nan direksyon jounal la, ak feutres olye de Montanelli, pou rapòte chak jou nan yon sant modere refere li a Lega Nord [41] ak kèk semèn apre Montanelli prezante yon lèt demisyon: Berlusconi reponn pa pwopoze ranplase Orlando te santi, men direktè a refize [41] .

Rive nan fen mwa septanm nan Berlusconi te pale pou premye fwa egzistans lan nan Forza Itali , kwake kòm yon pwojè altènatif si Umberto Bossi , Mariotto Segni ak mino martinazzoli yo echwe pou pou kreye yon poto liberal demokratik, ak te anonse ke jounal yo ak televizyon gwoup la Fininvest ta dwe fè pati yo, ak chak direktè ki "nan otonomi li yo, gen yo jwe mizik la menm" [42] . Paske nan defisi a bidjè li te deside fèmen senk editoryal etranje (Bonn, Brussels, lavil Jerizalèm, Lond ak Pari) [31] .

Presyon yo transfòme jounal la nan sipò nan fèy nan pati Berlusconi a tou pre yo te rejte pa direktè-fondatè a, ki moun ki, sepandan, te wè manda li nan jounal la kounye a enkonpatib ak yon politisyen nan rad ki te sou Piblikatè defakto . Pandan se tan, deja nan fen 1993, yo te gaye rimè kap kouri yo sou rive nan Victor Felts nan jounal la. Montanelli te eseye san siksè yo achte tounen jounal la mande patwon an nan Mediobanca , Enrico Cuccia , pou lapriyè ak Berlusconi paske li revann pwopriyete a [43] , men Knight an refize, li di ke jounal la se te yon eritaj fanmi, e ke sa pa te ale nan vann [44] . Nan menm mwa a, pa Mediaset, televizyon mete gwo atak kont Montanelli pa Vittorio Sgarbi , kondiktè Sgarbi Jounal (yo rele l 'yon "fachis" lapèch soti yon kèk atik ekri a laj de ven ak kritike l' pou sipòte Mariotto Segni olye pou yo yon alyans ant Lig la ak MSI a) [41] ak direktè TG4 Emilio Fede [45] . Jis Lafwa, 6 janvye 1994 , louvri edisyon an aswè nan nouvèl la Rete 4 ak yon editoryal nan ki li te mande pou demisyon direktè a nan jounal la, paske li pa t 'pataje politik yo nan estrateji yo [46] , dezòd la nan yon 'entèvyou ak Jou a ki te rele li "yon ti kras moun" [41] . Tra i giornalisti Fininvest, vi fu anche chi prese le difese di Montanelli, come, per esempio, l'allora direttore del TG5 Enrico Mentana , il conduttore di Mezzogiorno Italiano (su Italia 1 ) Gianfranco Funari e Maurizio Costanzo , celebre volto del Maurizio Costanzo Show .

L'8 gennaio Silvio Berlusconi, che fino ad allora non aveva mai messo piede in redazione, si recò per la prima volta a un'assemblea dei redattori del quotidiano, accompagnato da Antonio Tajani : Orlando sconsigliò a Tajani di venire in sede ma il comitato di redazione, a cui venne sottoposta la questione, diede il consenso [31] (i giornalisti preferirono sentire l'ex editore, stufi per le promesse non mantenute dal fratello) [41] . L'incontro con i redattori avvenne all'insaputa del direttore, che in precedenza si era opposto alla visita di Berlusconi ritenendola inopportuna [27] [41] [47] . Ai redattori chiese esplicitamente l'appoggio del Giornale a favore del suo nascente partito, Forza Italia . Inoltre li spinse a schierare il giornale a sostegno della sua parte politica durante la campagna elettorale per elezioni politiche , promettendo come contropartita nuovi investimenti nel giornale, allora in deficit [47] . La redazione si spaccò allora tra berlusconiani e una pattuglia di giornalisti montanelliani. Dopo quell'intervento la frattura tra il direttore e la proprietà diventò insanabile [48] : l'11 gennaio Montanelli si dimise dalla direzione del Giornale e il giorno dopo uscì il suo fondo d'addio [49] .

Montanelli lasciò il giornale da lui stesso fondato portandosi dietro 55 redattori – fra questi il condirettore Federico Orlando , uno dei tre vicedirettori (Michele Sarcina) e il caporedattore centrale Luigi Bacialli , il capo dell'economia Giancarlo Mazzuca , gli inviati speciali Luigi Offeddu, Alberto Mazzuca, Tiziana Abate e Donata Righetti, insieme ai giovani Peter Gomez , Beppe Severgnini e Marco Travaglio – oltre agli intellettuali Geno Pampaloni , Mario Cervi , Nicola Matteucci e agli economisti Sergio Ricossa e Marco Vitale, e fondò la Voce , cui impresse una linea sul solco della tradizione liberale. Ma ancora una volta Montanelli si tenne a distanza dall'agorà politica, non esprimendo una preferenza né per la formazione politica guidata da Berlusconi, né tantomeno per la coalizione avversa [50] .

Per giustificare il cambio di direzione Paolo Berlusconi spiegò che ciò fu dovuto al calo di vendite e alle difficoltà economiche del Giornale , ma Montanelli lo smentì dicendo che il suo era l'unico quotidiano che era cresciuto in termini di vendite (anche se di poco) con 2-3 000 copie in più, e che la crisi subita era dovuta al calo della pubblicità, cosa avvenuta, del resto, anche per gli altri quotidiani.

Il dopo Montanelli

Prima direzione Feltri

Per la direzione de il Giornale viene scelto Vittorio Feltri , proveniente da L'Indipendente , una testata che aveva portato via molti lettori al Giornale e che aveva raggiunto nell'ultimo anno le 120.000 copie vendute [51] . Dallo stesso quotidiano arrivò anche il vicedirettore Maurizio Belpietro , si affacciarono nuovi collaboratori come Giordano Bruno Guerri , Filippo Facci (proveniente dall' Avanti! ) e Paolo Cirino Pomicino (che si firma come «Geronimo»), e la grafica del titolo del quotidiano venne modificata ingrandendone la lettera G . In poco tempo le vendite ripresero a salire. Mentre il giorno dell'ultimo editoriale di Montanelli le vendite erano state di 115 000 copie, in pochi mesi il quotidiano sale a 150 000 [52] , nonostante Montanelli abbia fondato un nuovo quotidiano, la Voce . Lo seguirono una cinquantina di giornalisti, tra cui Beppe Severgnini , Marco Travaglio e Mario Cervi [53] . Nell'estate del 1995 il quotidiano iniziò a pubblicare un' inchiesta a puntate sulle case di proprietà degli enti previdenziali, scoprendo che lo Stato le affitta a prezzi di favore ai politici. L'inchiesta diviene famosa con il nome di «Affittopoli». Le vendite del Giornale aumentarono ulteriormente.

Feltri però non ottenne la modernizzazione della struttura editoriale. Paolo Berlusconi aveva promesso nuovi mezzi: nuovo sistema editoriale, impaginazione al computer, il colore. Ma non gli verranno forniti. Neanche le rotative vengono rinnovate, per cui la foliazione rimane a 48 pagine. Per fronteggiare l'aumentato costo della carta, Feltri è costretto a chiudere tutti gli uffici di corrispondenza all'estero, tranne Washington [51] .

Nel 1996 Belpietro andò a dirigere Il Tempo di Roma, seguito da Filippo Facci e Giordano Bruno Guerri . Feltri nominò vicedirettore vicario Stefano Lorenzetto .

Dopo il 1994 Montanelli e altri 34 redattori passati alla Voce intentarono causa al Giornale in base all'articolo 32 del contratto nazionale dei giornalisti, dovuto al cambiamento di linea politica e alla clausola di coscienza. Il processo si celebrò presso la Pretura del Lavoro di Milano e si concluse il 18 ottobre 1995, con una sentenza che condannò la società editrice del quotidiano di via Negri a pagare un'indennità di oltre 2 miliardi ai 35 giornalisti ricorrenti [41] . La sentenza diventò definitiva il 4 ottobre 1997: per i giudici l'esodo dei giornalisti era dovuto al mutamento della linea politica del quotidiano, passato da un giornalismo indipendente a quello di partito [41] , e si accertò che Silvio Berlusconi era l'editore a tutti gli effetti, vista l'inesistenza di un ruolo effettivo del fratello, aggirando di fatto la legge Mammì [41] .

Direzione Cervi

Nel novembre 1997 Feltri si dimise dopo un suo articolo a favore di Antonio Di Pietro , proprio mentre il Giornale era giunto ai suoi massimi livelli (250 000 copie) [40] . Dopo le dimissioni Berlusconi propose la direzione a Enzo Bettiza (nonostante lavorasse da dieci anni alla Stampa ), ma questi rifiutò dal momento che l'editore intendeva farne soltanto una bandiera, limitandone i poteri decisionali [54] e affidando la gestione al condirettore Maurizio Belpietro [41] (tornato al Giornale dopo aver diretto Il Tempo ). La guida della testata fu presa da Mario Cervi , tornato in via Negri dopo l'esperienza alla Voce di Montanelli [55] .

Fu negli ultimi giorni della direzione di Cervi che il Giornale ospitò un articolo di Indro Montanelli, sette anni dopo il suo addio. Il pezzo uscì il 13 marzo 2001 , in risposta a un fondo di Cervi del giorno prima [56] [57] . Montanelli morì il 22 luglio dello stesso anno, quindi questa fu l'unica volta in cui tornò a scrivere per il quotidiano che aveva fondato.

Direzione Belpietro & Giordano

Dopo Cervi è la volta di Maurizio Belpietro , che assume la direzione del quotidiano nell'ottobre 2000 .

Durante il governo Berlusconi II e III , il Giornale organizzò una campagna stampa sull' affare Telekom Serbia (presunte tangenti del governo Prodi I a Slobodan Milošević ), con 32 prime pagine dedicate all'argomento. Le affermazioni del testimone principale, Igor Marini, si riveleranno false e lo stesso Marini verrà condannato a 5 anni di reclusione per calunnia [58] .

Nel 2002 il Giornale pubblicò una campagna contro il giudice Mario Vaudano, già parte dell'inchiesta Mani pulite e da poco vincitore di un concorso per l' Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF). Dopo il blocco della nomina di Vaudano, il Giornale ricevette e pubblicò materiale che sarebbe stato raccolto illegalmente dal SISMI su Vaudano e sua moglie [59] .

Il 2 gennaio 2006 [60] il Giornale pubblicò brani di un' intercettazione di una telefonata tra Piero Fassino e Giovanni Consorte , manager della Unipol e all'epoca coinvolto nello scandalo di Bancopoli . Fassino chiedeva a Consorte: «Abbiamo una banca?». Nacque una lunga polemica politica che si trascina nella campagna elettorale di quell'anno.

La tiratura media giornaliera del quotidiano nel 2006 è stata di oltre 200 000 copie: il Giornale è il quotidiano nazionale di riferimento dell'area di centro-destra .

La linea editoriale della direzione Belpietro è di aperto appoggio alla linea politica di Forza Italia : a partire da giugno 2007 , ogni venerdì, in abbinamento con il quotidiano, viene allegato il periodico il Giornale della Libertà pdf , organo ufficiale dei Circoli delle libertà guidati da Michela Vittoria Brambilla . Contro tale decisione il Comitato di Redazione proclamò uno sciopero , il secondo nella storia della testata [61] . Il compromesso infine raggiunto ha previsto che il Giornale della Libertà continuasse ad uscire in edicola come allegato gratuito per tutti i venerdì, ma con un nuovo taglio editoriale, in discontinuità con quello della testata madre (che era stato ripreso quasi in toto) e con la dicitura Settimanale d'informazione politica .

Il 27 settembre 2007 Maurizio Belpietro fu chiamato alla guida del settimanale Panorama e dall'11 ottobre 2007 il nuovo direttore de il Giornale diviene Mario Giordano . La sua direzione è breve poiché nel 2009 Giordano viene sostituito da Vittorio Feltri .

Seconda direzione Feltri

Il 24 agosto 2009 , dopo un'assenza di dodici anni, Vittorio Feltri torna a dirigere il quotidiano. Secondo l'editore, Paolo Berlusconi, il ritorno di Feltri produce in poco tempo «un balzo di 70-80 mila copie», poi assestato su una media di 50 000 in più [62] .

Il 29 agosto 2009 il Giornale pubblica un articolo su Dino Boffo , direttore di Avvenire , che aveva criticato lo stile di vita del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi , così come la sua vita privata. Boffo viene presentato come omosessuale , in base a una lettera accusatoria recapitata anonimamente, e come molestatore. [63] [64] Boffo finirà col dimettersi da direttore di Avvenire . Feltri è stato sospeso per sei mesi dall' Ordine dei giornalisti come sanzione per il caso Boffo e per gli articoli firmati da Renato Farina pubblicati successivamente alla sua uscita dall'albo. [65] [66] [67]

Nell'ottobre 2009 il Giornale dà notizia del video [ sono stati i primi a pubblicare la notizia? ] , consegnato direttamente al quotidiano da Silvio Berlusconi [ senza fonte ] , che coinvolge il governatore del Lazio Piero Marrazzo in uno scandalo di sesso e droga . Marrazzo si dimetterà dalla carica.

Sempre nell'autunno 2009 , il Giornale avvia una campagna contro Gianfranco Fini , denominato il Signor Dissidente , preannunciando la pubblicazione di vecchi dossier: " È sufficiente - per dire - ripescare un fascicolo del 2000 su faccende a luci rosse riguardanti personaggi di Alleanza nazionale per montare uno scandalo. Meglio non svegliare il can che dorme ". ( Il Giornale , 14 settembre 2009) [59] . La campagna prosegue nella primavera e nell'estate del 2010 ; in quei mesi il Giornale si occupa diffusamente degli affari della famiglia di Elisabetta Tulliani, compagna del Presidente della Camera; in particolare, il quotidiano dedica molto spazio alla vicenda di un appartamento a Monte Carlo , che, lasciato in eredità da una contessa al partito politico Alleanza Nazionale , risulterebbe abitato, nel 2010, da Gianfranco Tulliani, cognato di Fini, il quale lo avrebbe preso in affitto da una società offshore con sede nell'isola caraibica di Saint Lucia . Alleanza nazionale avrebbe venduto l'appartamento, secondo il Giornale , a un prezzo di gran lunga inferiore a quello di mercato e la società off-shore che lo avrebbe comprato dopo vari passaggi di proprietà sarebbe in realtà di proprietà dello stesso Giancarlo Tulliani [68] .

Il quotidiano milanese si occupa inoltre di un appalto per la realizzazione di un programma in Rai , vinto dalla società di produzione Absolute TV Media, che – secondo il Giornale – sarebbe stata intestata per il 51% a Francesca Frau, madre di Elisabetta Tulliani, di professione casalinga e totalmente estranea al mondo della televisione; tale appalto avrebbe fruttato alla casa di produzione della Frau una cifra superiore al milione di euro. [69] [70]

Direzione Sallusti

Il 24 settembre 2010 Vittorio Feltri lascia la carica di direttore responsabile ad Alessandro Sallusti , suo condirettore da un anno, assumendo l'incarico di direttore editoriale. La testata del Giornale continua a riportare la dicitura: «Direttore Vittorio Feltri».

Il 7 ottobre 2010 viene perquisita dai carabinieri la sede del quotidiano, mentre Sallusti e il vice direttore Nicola Porro vengono indagati per concorso in violenza privata [71] , dopo la pubblicazione di alcune intercettazioni a loro carico [72] in cui avrebbero architettato la pubblicazione di un dossier su Emma Marcegaglia , presidente di Confindustria , dopo alcune sue dichiarazioni critiche sull'operato del governo Berlusconi IV [73] . Ottenuto il sostegno al Giornale dallaFederazione Nazionale Stampa Italiana , il direttore Sallusti querela per "diffamazione con grave danno alla propria reputazione e immagine" [74] il procuratore che aveva ordinato la perquisizione. [71]

Dal 20 dicembre viene sospesa la rubrica quotidiana Sottosopra di Mario Capanna , ultimo collaboratore di sinistra del quotidiano [75] [76] .

Il 21 dicembre 2010 Vittorio Feltri lascia il quotidiano per tornare a Libero , dove assume il ruolo di direttore editoriale; rimane alla direzione del Giornale Sallusti. Sei mesi dopo Feltri lascia nuovamente Libero [77] [78] e dopo pochi giorni torna per la terza volta a il Giornale come editorialista . [79] Dal 22 dicembre 2010 la testata del Giornale riporta la dicitura: «Direttore Alessandro Sallusti».

Il 26 settembre 2012 Sallusti si dimette in seguito alla condanna definitiva a 14 mesi di carcere per diffamazione aggravata ai danni del giudice Giuseppe Cocilovo. Sallusti sconterà la pena in regime di detenzione domiciliare presso la casa della sua compagna. Il 3 ottobre 2012 ritorna direttore del Giornale . Sotto la direzione Sallusti, il Giornale scende per la prima volta sotto le 100 000 copie. Sono state infatti solo 97 200 le copie vendute in media al giorno nell'anno 2014. [80]

Il 5 settembre 2018 i giornalisti hanno scioperato, non facendo uscire il quotidiano, per protestare “contro il piano di tagli annunciato dalla società editrice” [81] [82] . È stata la prima volta nella storia del quotidiano.

Il 19 marzo 2019 la società editrice annuncia la chiusura della redazione romana del quotidiano ed il trasferimento delle attività nella sede centrale di Milano. [83] [84] La redazione viene ufficialmente chiusa il 5 giugno 2019. [85]

L'8 dicembre 2019 si è spento Massimo Bertarelli , critico cinematografico e firma storica del quotidiano sin dalla sua fondazione. Dalle colonne della testata di Via Negri, di cui fu cofondatore, curò diverse rubriche quali "Film in Tv", "Il dito nel video" e "Il consiglio/Lo sconsiglio".

Il 24 marzo 2020 è comparsa l'ultima puntata della rubrica di corrispondenza “Dalla vostra parte” di Livio Caputo . Caputo collaborava ininterrottamente con il quotidiano fin dalla direzione di Montanelli. La rubrica è stata affidata al giornalista Tony Damascelli , collaboratore storico della testata.

Il 17 maggio 2021 Sallusti lascia la direzione del Giornale dopo dodici anni in Via Negri. Dopo un breve interim di Livio Caputo alla direzione, lo sostituisce Augusto Minzolini [86] . Poco dopo l'annuncio viene a mancare lo stesso Livio Caputo.

Variazioni dell'assetto proprietario

  • 1974 - Proprietaria della testata nonché società di gestione del giornale è la «Società Europea di Edizioni SpA – Società di redattori». I soci fondatori sono: Guido Piovene, presidente; Gianni Granzotto, amministratore delegato ; Indro Montanelli; Enzo Bettiza; Cesare Zappulli; Gian Galeazzo Biazzi Vergani; Renzo Trionfera. Le azioni della società editrice sono interamente possedute dai sette fondatori. A ciascuno di loro vengono assegnate sette azioni ordinarie, mentre ogni redattore presente e futuro avrebbe ricevuto un'azione ordinaria: i redattori che partecipano alla fondazione ricevono un'azione privilegiata, convertita in ordinaria nel 1975 [6] . Montanelli ottiene per sé solamente la proprietà della testata, assieme agli altri giornalisti co-fondatori.
  • 1977 - Silvio Berlusconi , all'epoca imprenditore edile, entra nella SEE con una quota del 12%. Nel 1979 aumenta la sua quota al 37,5%, diventando l'azionista di maggioranza.
  • 1990 - Entra in vigore la nuova legge su televisioni e giornali ( legge Mammì ), che introduce la proibizione per chi detiene la proprietà di un canale televisivo di avere contemporaneamente il controllo di un quotidiano. Silvio Berlusconi proprietario delle tre reti Fininvest , è obbligato a cedere la maggioranza delle azioni della SEE al fratello Paolo Berlusconi , rimanendo azionista con una quota del 29% [87] . Nel 1991 Silvio Berlusconi acquisisce la Mondadori Editore . La quota della SEE passa dalla Fininvest al gruppo editoriale che, nel tempo, la incrementa fino a superare il 35%.
  • 2017 - Il gruppo Amodei (proprietario dei quotidiani Corriere dello Sport e Tuttosport ) acquisisce il 10% della SEE [88]
  • 2020 - La Mondadori cede il 50% della sua quota della Società Europea di Edizioni alla Pbf, holding che fa capo a Paolo Berlusconi. La sua partecipazione scende dal 36,89% al 18,445% mentre quella di Paolo Berlusconi sale al 78,45%. [89]

Procedimenti giudiziari

Il 30 gennaio 1996 , il giornalista Gianluigi Nuzzi pubblicò un articolo in cui sosteneva che negli anni di Mani pulite « i verbali finivano direttamente in edicola e soprattutto all' Espresso ». Verrà condannato in primo grado dal Tribunale di Monza per diffamazione a mezzo stampa nei confronti di Antonio Di Pietro [90] : il tribunale condannò anche Feltri per omissione di controllo [91] .

Nel 1997 il giornalista Paolo Giordano pubblicò un'intervista a Francesco De Gregori (quale nipote di una delle vittime dell' Eccidio di Porzûs ), dal titolo De Gregori su Porzûs ) accusa Togliatti e il partito comunista . Il cantautore querelò il giornalista e Feltri ottenendo una condanna dal Tribunale di Roma, poiché il suo pensiero e le sue affermazioni erano state travisate [92] .

Il 7 agosto 2007 Feltri è condannato assieme a Francobaldo Chiocci e alla società Europea di Edizioni spa dalla Corte di Cassazione a versare un risarcimento di 45 000 euro in favore di Rosario Bentivegna , uno degli autori dell' attentato di via Rasella , per il reato di diffamazione . Il Giornale aveva pubblicato alcuni articoli, tra i quali un editoriale di Feltri in cui Bentivegna era stato paragonato a Erich Priebke [93] .

Nel marzo 2013 la Corte di Cassazione ha condannato il Giornale ad un risarcimento di 100.000 euro ad alcuni giudici della Procura di Milano , tra cui Ilda Boccassini , per un articolo pubblicato nel 1999 , durante la direzione Cervi, dal titolo Colpevole a tutti i costi , in cui si accusavano i giudici di avere un «atteggiamento persecutorio» verso Silvio Berlusconi [94] .

Direttori

  • Indro Montanelli (25 giugno 1974 - 11 gennaio 1994)
      • Enzo Bettiza (25 giugno 1974 - 1983), condirettore
      • Gian Galeazzo Biazzi Vergani (1983 - 1991), condirettore
      • Federico Orlando (1991-1994), condirettore
    • Paolo Granzotto ( ad interim , 12-19 gennaio 1994)
  • Vittorio Feltri (20 gennaio 1994 - 30 novembre 1997)
  • Mario Cervi (1º dicembre 1997 - 19 novembre 2000)
  • Maurizio Belpietro (20 novembre 2000 - 7 ottobre 2007)
  • Mario Giordano (8 ottobre 2007 - 23 agosto 2009)
  • Vittorio Feltri (2ª volta), (24 agosto 2009 - 23 settembre 2010)
  • Alessandro Sallusti (24 settembre 2010 - 26 settembre 2012)
    • carica vacante (27 settembre - 2 ottobre 2012)
  • Alessandro Sallusti (2ª volta), (3 ottobre 2012 - 16 maggio 2021)
  • Augusto Minzolini (15 giugno 2021 - in corso)

Giornalisti e collaboratori (dal 1994)

Le rubriche

Le rubriche pubblicate settimanalmente su il Giornale sono le seguenti:

  • Lunedì: La lente sulla casa (di Corrado Sforza Fogliani), Radiogiornale (di Paolo Giordano ), Il Gervaso di Pandora-Aforismi in Libertà (di Roberto Gervaso ) e Il Punto Serie A (di Tony Damascelli );
  • Martedì: I lapilli di Pompeo (di Pompeo Locatelli) e Box Office (di Cinzia Romani);
  • Mercoledì: Teledico (di Laura Rio) e Una macchina chiamata corpo (di Corrado Bait, solo negli speciali Salute);
  • Giovedì: La mostra della Settimana (di Carlo Franza), Strisce pedonali (di Massimo Ghenzer), FuoriSerie (di Matteo Sacchi) e Malati e Malattie (di Gloria Saccani Jotti);
  • Venerdì: Retrobottega (di Andrea Cuomo), Mercati che fare (di Leopoldo Gasbarro), Teledico ;
  • Sabato: Zuppa di Porro (di Nicola Porro ), Qui e Ora (di Karen Rubin), Rosso Malpelo (di Paolo Guzzanti ), Lo Spillo (corsivo, non firmato), La vite è una cosa meravigliosa (di Andrea Cuomo, nell'inserto), #lavitaèsoltantounaquestionedistile (di Marchesa d'Aragona, nell'inserto), Un posto a teatro (di Stefania Vitulli);
  • Domenica: L'articolo della domenica (di Francesco Alberoni ), Il consiglio utile (di Oscar Grazioli), Biblioteca Liberale (di Nicola Porro ), Tagli di Piombo (di Massimo Piombo), Il quadro di Sgarbi (di Vittorio Sgarbi ), La bacchettata (di Giovanni Gavezzeni), L'arte della Tv (di Luca Beatrice ).

Gli inserti

Il Giornale , inoltre, offre ai suoi lettori diversi inserti e speciali ogni settimana.

- Controstorie : inserto in tre/quattro pagine dedicato a reportage da tutto il mondo, è pubblicato ogni due settimane, di solito il venerdì o la domenica.

-Controcorrente : inserto in sei/otto pagine dedicato all'approfondimento, all'inchiesta ea lunghe interviste. Si propone di approfondire e indagare giornalisticamente su temi generalmente ignorati dai quotidiani, seguendo un approccio alle notizie simile a quello dei settimanali. Viene pubblicato ogni lunedì.

- MiaEconomia : guida di tre pagine che approfondisce, ogni lunedì, i temi dell'economia e della finanza che più toccano i cittadini. Argomenti affrontati sono per esempio la protezione dei risparmi e le truffe.

-Stile : inserto di sei pagine, pubblicato ogni sabato, dedicato a temi più leggeri, come l'enogastronomia, la moda, il benessere.

- Controcultura : inserto di sei/otto pagine, in edicola la domenica, che approfondisce la cultura in tutti i suoi campi, dalla musica alla letteratura fino all'arte.

- Fuorigiri : inserto in due pagine, dedicato ai motori, pubblicato il mercoledì, il giovedì o il sabato, generalmente una volta a settimana. Viene curato da Pierluigi Bonora, già ideatore dell'omonimo blog online sul sito del quotidiano.

- Giornale di Bordo : pagina specializzata dedicata al mondo della nautica e della navigazione, pubblicata il martedì o il mercoledì. Viene curata da Antonio Risolo, già ideatore dell'omonimo blog online sul sito del quotidiano.

- AltaDefinizione : pagina specializzata dedicata alla tecnologia. Viene curata da Marco Lombardo, già ideatore dell'omonimo blog online sul sito del quotidiano. Generalmente, viene pubblicata il venerdì.

- Retrogusto : pagina dedicata al mondo della gastronomia e degli eventi culinari. Viene curata da Andrea Cuomo e pubblicata, generalmente, il venerdì.

Diffusione

La diffusione di un quotidiano si ottiene, secondo i criteri dell'ADS, dalla somma di: Totale Pagata [96] + Totale Gratuita + Diffusione estero + Vendite in blocco.

Anno Totale diffusione
(cartacea + digitale)
Diffusione cartacea Tiratura
2019 46 561 45 242 99 990
2018 55 096 53 625 112 100
2017 61 110 59 698 110 699
2016 73 160 71 446 125 801
2015 84 322 82 411 140 132
2014 99 984 97 795 163 167
2013 118 385 116 283 188 580
Anno Diffusione
2012 117 840
2011 155 455
2010 183 721
2009 184 882
2008 192 677
2007 203 897
2006 220 083
2005 208 143
2004 208 407
2003 214 341
2002 219 248
2001 228 144
2000 235 066
1999 228 310
1998 233 898
1997 234 230
1996 246 497
1995 234 830

Dati Ads - Accertamenti Diffusione Stampa

Gli Occhi della Guerra/Inside Over

Alla fine del 2013 il Giornale online srl, società che edita ilGiornale.it, inizia la prima campagna di crowdfunding: ai lettori viene chiesto di scegliere se finanziare un reportage in Afghanistan o in Libia. In poche settimane viene raggiunto il budget prestabilito per entrambi i reportage. Da quel momento in poi vengono realizzati svariati reportage in tutto il mondo: dal Medio Oriente alle Americhe, dall'Asia all'Africa passando per l'Europa. Questo modello di business ha iniziato ad attrarre l'interesse non soli di singoli donatori ma anche di organizzazioni internazionali in primis il Rotary International Club che ha finanziato due reportage: in Iraq sui Profughi Dimenticati e nella Repubblica democratica del Congo sulla violenza subita dalle donne.

Nel maggio 2016 Gli Occhi della Guerra si aggiudica il primo premio agli Inma Global Awards [97] , il premio internazionale per il giornalismo innovativo, nella categoria Best Launch of a Brand or Product to create an Audience Segment.

Nel maggio 2019 il progetto de "Gli Occhi della Guerra" si evolve nel nuovo approfondimento di politica estera e reportage dell'edizione online de "Il Giornale", denominato "Inside Over" [98] .

Note

  1. ^ a b c Dati settembre 2020 di Accertamenti diffusione stampa
  2. ^ Augusto Minzolini è il nuovo direttore del Giornale , su primaonline.it . URL consultato il 13 giugno 2021 .
  3. ^ il Giornale su iPad per iPhone, iPod touch e iPad dall'App Store su iTunes , su itunes.apple.com . URL consultato il 19 ottobre 2012 ( archiviato il 30 ottobre 2012) .
  4. ^ Il Giornale Mobile per iPhone, iPod touch e iPad dall'App Store su iTunes Archiviato il 22 luglio 2013 in Internet Archive . .
  5. ^ Montanelli. appuntamenti con la storia , su archiviostorico.corriere.it . URL consultato il 9 giugno 2018 ( archiviato il 1º gennaio 2016) .
  6. ^ a b c d e f g h i j Sandro Gerbi e Raffaele Liucci, Indro Montanelli. Una biografia (1909-2001) , Milano, Hoepli , 2014.
  7. ^ Franco Di Bella, Corriere segreto , Milano, Rizzoli, 1982.
  8. ^ Alberto Mazzuca, Penne al vetriolo , Bologna, Minerva, 2017.
  9. ^ Franco Recanatesi, La mattina andavamo in piazza Indipendenza , Milano, Cairo, 2016.
  10. ^ Piero Ottone, Italia mia , Milano, Longanesi, 2009.
  11. ^ Secondo Giampaolo Pansa, la Montedison e la dirigenza DC vedevano bene un giornale concorrente del Corriere della sera , che aveva assunto una linea anti-democristiana. Secondo Pansa l'intermediario di Cefis nel Giornale nuovo fu Gianni Granzotto ( Comprati e venduti , pp. 190-191).
  12. ^ Nato a Cremona il 19 giugno 1925, si laureò in Lettere a Pavia . Iniziò a scrivere di arte e teatro alla « Provincia di Cremona », poi passò nel 1955 al « Corriere della Sera diretto da Mario Missiroli . Con la direzione di Alfio Russo (1961) divenne caposervizio e con la gestione di Giovanni Spadolini (1968) vice direttore. Piero Ottone lo nominò caporedattore centrale (1972). Dopo aver cofondato «Il Giornale», rimase in Via Negri per tutto il resto della sua carriera. Condirettore dal 1983, nel 1991 divenne presidente della società editrice del quotidiano. Morì il 7 aprile 2019.
  13. ^ Secondo il contratto nazionale di lavoro, i giornalisti che lavorano nei giorni festivi hanno diritto ad una maggiorazione dello stipendio.
  14. ^ Il racconto uscì l'anno dopo per i tipi dell' Adelphi .
  15. ^ Giampaolo Pansa, op.cit. , p. 304.
  16. ^ Giampaolo Pansa, op.cit. , p. 193.
  17. ^ Le urne premiarono il PCI, mentre la DC perse voti.
  18. ^ Andrea Torazzi, La tesi degli opposti estremismi , in Corriere della Sera , 29 giugno 2001. URL consultato il 7 novembre 2016 ( archiviato il 25 ottobre 2017) .
  19. ^ Indro Montanelli, I nonni del '68 , in il Giornale nuovo , 16 gennaio 1979.
  20. ^ Indro Montanelli, Caro Bocca, l'autocritica non tocca a me , in il Giornale nuovo , 27 ottobre 1980.
  21. ^ Giampaolo Pansa, op.cit. , p. 306.
  22. ^ Il notiziario visse fino al 1982, quando la Rai entrerà nell'azionariato dell'emittente.
  23. ^ Giampaolo Pansa, op.cit. , p. 308.
  24. ^ Negli anni novanta Montanelli confessò che alle elezioni, nel segreto dell'urna, votò liberale.
  25. ^ Giampaolo Pansa, op. cit. , p. 309.
  26. ^ Archivio Storico delle Elezioni – Camera del 20 giugno 1976 , in Ministero dell'interno . URL consultato il 29 ottobre 2016 ( archiviato il 30 ottobre 2016) .
  27. ^ a b Mario Cervi e Luigi Mascheroni, Gli anni del piombo , Milano, Mursia, 2009.
  28. ^ Pietro Radius, Eletti 98 dei 118 candidati della Dc segnalati nelle quartine del «Giornale» , in il Giornale nuovo , 6 giugno 1979.
  29. ^ Quanto si legge in Italia? , in La Civiltà Cattolica , 1º ottobre 1983, p. 77. URL consultato il 16 novembre 2017 ( archiviato il 16 novembre 2017) .
  30. ^ Bettiza, dopo un ritorno al Corriere della Sera , si trasferì a La Stampa .
  31. ^ a b c Mario Cervi e Gian Galeazzo Biazzi Vergani, I vent'anni del "Giornale" di Montanelli , Milano, Rizzoli, 1994.
  32. ^ Indro Montanelli, Craxi contro Craxi , in il Giornale , 3 luglio 1983.
  33. ^ Indro Montanelli, Un Craxi da scoprire , in il Giornale , 22 luglio 1983.
  34. ^ Indro Montanelli, Il signor undici per cento , in il Giornale , 5 agosto 1983.
  35. ^ Indro Montanelli, Dagli amici mi guardo io , in il Giornale , 26 agosto 1983.
  36. ^ Invece nel 1990 Berlusconi dovette cedere le proprie quote al fratello Paolo per l'entrata in vigore della legge Mammì .
  37. ^ Indro Montanelli, Per chi, per che , in il Giornale , 22 giugno 1983.
  38. ^ Indro Montanelli, A denti stretti , in il Giornale , 13 giugno 1987.
  39. ^ Indro Montanelli, Complici no , in il Giornale , 29 maggio 1988.
  40. ^ a b c d Vittorio Feltri, Piccola storia del giornalismo , in Libero , 13 giugno 2003.
  41. ^ a b c d e f g h i j k l m Marco Travaglio, Montanelli e il Cavaliere , Milano, Garzanti, 2004.
  42. ^ a b Federico Orlando, Il sabato andavamo ad Arcore , Bergamo, Larus, 1995.
  43. ^ Giancarlo Mazzuca, Indro Montanelli: la mia "Voce" , Milano, Sperling & Kupfer, 1995.
  44. ^ Indro Montanelli, Soltanto un giornalista , Milano, Rizzoli, 2002.
  45. ^ Paola Di Caro, Indro al Cavaliere: fratelli separati. Fede: lo licenzierei , in Corriere della Sera , 13 dicembre 1993. URL consultato il 6 novembre 2016 (archiviato dall' url originale il 22 novembre 2015) .
  46. ^ Fede: Montanelli dimettiti , in Corriere della Sera , 7 gennaio 1994. URL consultato il 6 novembre 2016 (archiviato dall' url originale il 25 ottobre 2015) .
  47. ^ a b Indro Montanelli, Io e il Cavaliere qualche anno fa , in Corriere della Sera , 25 marzo 2001. URL consultato il 5 novembre 2016 (archiviato dall' url originale il 18 giugno 2013) .
  48. ^ Elio Girompini, Montanelli: ora basta, non ci sto più , in Corriere della Sera , 9 gennaio 1994. URL consultato il 6 novembre 2016 (archiviato dall' url originale il 27 ottobre 2015) .
  49. ^ Indro Montanelli, Vent'anni dopo , in il Giornale , 12 gennaio 1994.
  50. ^ la Voce però non trovò un suo bacino di lettori e chiuse dopo 13 mesi.
  51. ^ a b Vittorio Feltri, La verità su Berlusconi editore , in Libero , 1º aprile 2001.
  52. ^ Vittorio Feltri e Stefano Lorenzetto, Il Vittorioso , Venezia, Marsilio, 2010.
  53. ^ Cervi ritornò appena un anno dopo, a causa della chiusura della Voce.
  54. ^ Indro Montanelli, Buongusto, non spuntatura delle unghie , in Corriere della Sera , 11 dicembre 1997. URL consultato il 7 novembre 2016 (archiviato dall' url originale il 23 ottobre 2015) .
  55. ^ Cervi nuovo direttore del "Giornale" , in Corriere della Sera , 6 dicembre 1997. URL consultato il 17 novembre 2015 (archiviato dall' url originale il 23 ottobre 2015) .
  56. ^ Mario Cervi, Caro Indro, ripensaci , in il Giornale , 12 marzo 2001.
  57. ^ Indro Montanelli, Caro Mario... , in il Giornale , 13 marzo 2001.
  58. ^ Arrestato Igor Marini, accusò Prodi nell'inchiesta Telekom Serbia , su st.ilsole24ore.com , Il Sole 24 ORE , 20 settembre 2010. URL consultato il 27 ottobre 2019 ( archiviato il 27 ottobre 2019) .
  59. ^ a b Giuseppe D'Avanzo , Così colpisce la fabbrica dei dossier al servizio del Cavaliere , su repubblica.it , la Repubblica , 11 ottobre 2010. URL consultato il 27 ottobre 2019 ( archiviato il 18 luglio 2018) .
  60. ^ Secondo altre fonti il 31 dicembre 2005 .
  61. ^ Angela Frenda, Bufera al "Giornale", «No alla Brambilla» , su corriere.it , Corriere della Sera , 1º giugno 2007. URL consultato il 27 ottobre 2019 ( archiviato il 12 marzo 2011) .
  62. ^ Giampaolo Pansa, Carta straccia , p. 189, Rizzoli, 2011.
  63. ^ Boffo, ecco il decreto penale di condanna , su corriere.it , Corriere della Sera , 1º settembre 2009. URL consultato il 27 ottobre 2019 ( archiviato l'8 gennaio 2018) .
  64. ^ Orazio La Rocca, Boffo va al contrattacco "Contro di me una patacca" , su repubblica.it , la Repubblica , 31 agosto 2009. URL consultato il 27 ottobre 2019 ( archiviato il 22 febbraio 2017) .
  65. ^ Andrea Montanari, Caso Boffo, Feltri sospeso Sei mesi fuori dall'Ordine , su repubblica.it , la Repubblica , 26 marzo 2010. URL consultato il 27 ottobre 2019 ( archiviato il 7 marzo 2017) .
  66. ^ Caso Boffo-Feltri: le ragioni della sospensione "Ha intaccato la fiducia tra stampa e lettori" , su repubblica.it , la Repubblica , 26 marzo 2010. URL consultato il 27 ottobre 2019 ( archiviato il 12 giugno 2017) .
  67. ^ Feltri sospeso per il caso Boffo e per gli articoli dell'agente "Betulla" , su corriere.it , Corriere della Sera , 27 marzo 2010. URL consultato il 27 ottobre 2019 ( archiviato l'8 marzo 2011) .
  68. ^ Santo Domingo, scoop: Montecarlo, di Tulliani le due società off shore , su ilgiornale.it , il Giornale, 21 ottobre 2010. URL consultato il 28 ottobre 2019 ( archiviato il 20 dicembre 2015) .
  69. ^ Laura Rio, Rai, un milione alla "suocera" di Fini , su ilgiornale.it , il Giornale, 28 aprile 2010. URL consultato il 28 ottobre 2019 ( archiviato il 13 aprile 2017) .
  70. ^ Gian Maria De Francesco, Amici, suocera, cognato: è da 16 anni che Gianfry piazza i suoi alla Rai , su ilgiornale.it , il Giornale, 13 agosto 2010. URL consultato il 28 ottobre 2019 ( archiviato il 7 febbraio 2015) .
  71. ^ a b Dossier Marcegaglia, perquisito "Il Giornale" Indagati Sallusti e Porro: violenza privata , su repubblica.it , la Repubblica , 7 ottobre 2010. URL consultato il 28 ottobre 2019 ( archiviato il 29 gennaio 2012) .
  72. ^ L'audio delle intercettazioni Archiviato il 12 ottobre 2010 in Internet Archive ., pubblicate da Il Fatto Quotidiano
  73. ^ La Stampa Archiviato il 9 ottobre 2010 in Internet Archive .
  74. ^ Perquisizioni, Porro: "Niente dossier" Sallusti: "Ci stupisce la violenza usata" - Interni - ilGiornale.it , su ilgiornale.it . URL consultato il 18 ottobre 2010 ( archiviato il 12 ottobre 2010) .
  75. ^ Dagospia , su dagospia.com . URL consultato il 24 dicembre 2010 (archiviato dall' url originale il 28 luglio 2012) .
  76. ^ Segnala articolo , su Dagospia , 21 dicembre 2010. URL consultato il 6 giugno 2020 (archiviato dall' url originale il 28 luglio 2012) .
  77. ^ Editoria: Feltri, via da 'Libero' senza polemiche probabile approdo al 'Giornale' , su Libero (quotidiano) , 7 giugno 2011. URL consultato il 14 settembre 2020 (archiviato dall' url originale il 18 gennaio 2012) .
  78. ^ Editoria: Feltri, via da 'Libero' senza polemiche probabile approdo al 'Giornale' , su LiberoQuotidiano.it , 7 giugno 2011. URL consultato il 6 giugno 2020 (archiviato dall' url originale il 18 gennaio 2012) .
    «Roma, 7 giu. (Adnkronos) - Un addio senza polemiche , quello di Vittorio Feltri al quotidiano 'Libero'. Ho pensato che sia per me che per Libero fosse meglio cambiare -dice all'Adnkronos Feltri- ma non ci sono motivi particolari. Ho trovato un ambiente diverso da quello che avevo lasciato . A questo punto, è probabile un approdo di Vittorio Feltri al quotidiano 'il Giornale', ma ora -rileva- è prematuro parlarne. Potrebbero esserci presto delle novita' .
  79. ^ Feltri torna al Giornale e Sallusti trasloca in sala riunioni | Redazione Il Fatto Quotidiano | Il Fatto Quotidiano Archiviato il 27 luglio 2011 in Internet Archive .
  80. ^ EDITORIA IN AGONIA – “IL GIORNALE” DI PAOLO BERLUSCONI HA BRUCIATO 7,5 MILIONI IN DUE ANNI , su dagospia.com . URL consultato il 13 novembre 2015 ( archiviato il 17 novembre 2015) .
  81. ^ Sciopero al Giornale contro i tagli annunciati dall'editore , su primaonline.it . URL consultato l'11 settembre 2018 ( archiviato il 12 settembre 2018) .
  82. ^ Sciopero al Giornale, Cdr: scelto il ridimensionamento mentre altri esplorano nuove strade , su primaonline.it . URL consultato l'11 settembre 2018 ( archiviato il 12 settembre 2018) .
  83. ^ Il Giornale chiude la redazione romana dal 30 aprile. Giornalisti in sciopero , su Affaritaliani.it . URL consultato il 26 marzo 2019 ( archiviato il 26 marzo 2019) .
  84. ^ Il Giornale rinvia la chiusura della redazione romana , su Primaonline.it . URL consultato il 15 aprile 2019 ( archiviato il 16 aprile 2019) .
  85. ^ Chiude la redazione romana del Giornale , su Prima Comunicazione , 5 giugno 2019. URL consultato il 5 giugno 2019 ( archiviato il 5 giugno 2019) .
  86. ^ iltempo.it , https://www.iltempo.it/attualita/2021/06/11/news/augusto-minzolini-il-giornale-direttore-dagospia-retroscena-direttorissimo-berlusconi-sallusti-libero-27552801/urlmorto=no .
  87. ^ Il passaggio di proprietà è perfezionato nel luglio 1992 .
  88. ^ Il gruppo Amodei acquisisce il 10% del Giornale. Siglato accordo tra l'editrice guidata da Roberto Amodei e See di Paolo Berlusconi , su primaonline.it . URL consultato il 17 ottobre 2017 ( archiviato il 25 ottobre 2017) .
  89. ^ Mondadori dimezza la sua partecipazione nel Giornale , su primaonline.it . URL consultato il 24 marzo 2020 ( archiviato il 24 marzo 2020) .
  90. ^ Diffamazione a Di Pietro Vittorio Feltri condannato , in Corriere della Sera , 14 giugno 1997, p. 46. URL consultato il 22 marzo 2011 (archiviato dall' url originale il 15 settembre 2009) .
  91. ^ Il 'Giornale' diffamò l'ex magistrato , in la Repubblica , 14 giugno 1997. URL consultato il 5 dicembre 2009 ( archiviato il 13 gennaio 2016) .
  92. ^ Feltri travisò la mia intervista De Gregori vince la causa , in la Repubblica , 25 gennaio 2003. URL consultato il 5 dicembre 2009 ( archiviato il 15 gennaio 2010) .
  93. ^ La Cassazione: attentato di via Rasella è legittimo. Feltri paghera' per diffamazione , su rainews24.it . URL consultato il 12 ottobre 2010 ( archiviato il 26 settembre 2007) .
  94. ^ Boccassini diffamata da «Il Giornale» Centomila euro di risarcimento - Milano , su milano.corriere.it . URL consultato il 6 marzo 2013 ( archiviato il 7 marzo 2013) .
  95. ^ Il Giornale, Livio Caputo direttore ad interim.
  96. ^ Che a sua volta comprende le vendite per copia singola e gli abbonamenti.
  97. ^ INMA: Best Practice - Crowdfunding for War Reporting , su www.inma.org . URL consultato l'11 giugno 2020 .
  98. ^ Redazione CCE, La sfida internazionale nella nuova iniziativa editoriale a Il Giornale: nasce InsideOver , su Editoria.tv , 9 maggio 2019. URL consultato l'11 giugno 2020 .

Bibliografia

Di carattere generale

Libri sui rapporti fra Silvio Berlusconi e Indro Montanelli

Collegamenti esterni