Igor 'Fëdorovič Stravinsky

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - "Stravinsky" refere isit la. Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gadeStravinsky (disambiguation) .
Igor 'Stravinskij (apeprè ane 1930 )

Igor 'Fyodorovich Stravinsky, anglicized ak Frenchified nan Igor Stravinsky (nan Ris : Игорь Фёдорович Стравинский ? ; Lomonosov , 17 jen 1882 - New York , 6 avril 1971 ), se te yon konpozitè ak kondiktè Ris natiralize franse nan 1934, lè sa a te vin Ameriken an 1945 .

Igor Stravinsky 1946 (v) .svg

Pifò nan travay li yo tonbe nan esfè a nan neoklasikism premye ak Lè sa a, serialite , men popilarite li ak piblik la an jeneral se akòz twa balè yo konpoze pandan premye peryòd li yo ak kreye an kolaborasyon ak Ballets Ris yo : zwazo a nan dife (1910), Petruška (1911) ak Rite nan sezon prentan (1913), travay ki reenvante genre mizik la nan balè. Stravinsky te ekri pou tout kalite òganik, souvan reutilize fòm klasik yo. Travay konplè l ' gen ladan konpozisyon tout kalite, ki soti nan senfoni miniatur enstrimantal.

"Mwen fèk wè Stravinsky ...
Li di: zwazo dife mwen an, Festival mwen an, tankou yon timoun ta di, tèt mwen, sèk mwen an. Li se jis yon timoun gate ki mete dwèt li nan mizik la de tan zan tan. Li pwonmennen toupatou tankou yon jenn gason sovaj, ak lyen je-eklate, bo men medam yo pandan y ap Stamping zòtèy yo an menm tan an. Kòm yon granmoun gason, li pral ensipòtab, ou pito li pa pral tolere nenpòt mizik; men pou kounye a li ekstraòdinè! "

( Claude Debussy [1] )

Li te tou reyalize gwo t'ap nonmen non kòm yon pyanis ak kondiktè , souvan ap fè kree yo nan konpozisyon l 'yo. Li te ekri yon otobiyografi, Chroniques de ma vie , ak yon redaksyon teyorik ki gen ladan yon seri de konferans yo bay nan Inivèsite Harvard nan ane akademik 1939-1940 ki rele Poetik nan Mizik .

Yon tipik Ris kosmopolit, Stravinsky te youn nan konpozitè ki pi respekte nan 20yèm syèk la , tou de nan mond Lwès la ak nan peyi lakay li.

Stravinsky, Rimsky-Korsakov, pitit fi li Nadezhda ak konpayon, Ekaterina Nossenko Stravinsky

Biyografi

Premye ane yo

Stravinsky te fèt nan Oranienbaum (kounye a Lomonosov ), toupre Saint Petersburg , Larisi , sou 17 jen, 1882. Anfans li, domine pa yon papa otoritè, te bagay ki pi lwen soti nan atis la kosmopolit li ta vin pita. Twazyèm lan nan kat timoun, li te toujou gen relasyon fanmi difisil. Li te pase sezon ivè yo long nan apatman vil la ak ete yo kout nan peyi a, nan Ustyluh , pote tounen memwa kè kontan ki gen ladan chante yo nan fanm yo nan ti bouk yo ki te rete inoubliyabl grave nan memwa li. [2]

Kay peyi Stravinsky a nan Ustyluh

Malgre ke papa l ', Fyodor Ignat'evič Stravinskij , se te yon bas pi popilè nan Teyat Mariinsky , jèn Igor pa t' konsakre tèt li nan mizik jiskaske li te nèf lè li te kòmanse etidye pyano a; pwogrè li te rapid, li byento te kòmanse enpwovize ak lekti nòt opera. Aprè lekòl segondè li te dirije nan etid lalwa kote li konsakre tèt li san kondanasyon, kanmenm gradye nan 1905; sepandan li te kontinye etid li yo nan amoni ak kontrepwa ak pyano sou pwòp li yo ak Madame Khachperova, ki moun ki te yon elèv nan Anton Rubinstein . Nan inivèsite a li te rankontre pitit gason Nikolai Rimsky-Korsakov , Vladimir, ki te vin bon zanmi l 'epi ki, nan 1902, prezante l' bay papa l '. Rimsky okòmansman aksepte l 'ak rezèv ak konseye l' kont enskri nan konsèvatwa a; pita, sepandan, li te dakò yo ba l 'leson prive ak pran l' tankou yon elèv. Bon ant Stravinsky ak pwofesè l 'te dire jouk lanmò lèt la nan 1908 e li te toujou karakterize pa yon gwo afeksyon mityèl, menm si Stravinsky tèt li admèt ke li konsidere l' olye supèrfisyèl tou de kòm yon nonm ak kòm yon mizisyen. [3] Stravinsky te toujou konsidere tèt li kòm yon konpozitè; malgre li te gen ansèyman valab sou amoni ak òkestrasyon, li pa janm konsidere Rimsky-Korsakov yo dwe jiska par nan jaden an nan konpozisyon.

Jèn Igor ki date kouzen li Katerina Nossenko depi anfans; yo te toujou trè pwòch, yo byento reyalize ke yon sèl jou a yo ta marye epi yo te angaje nan mwa Oktòb 1905 [4] Yon lòd gouvènman an entèdi maryaj ant kouzen yo ak de jenn gason yo te jwenn yon prèt dispoze ofisye sèvis la san dokiman obligatwa yo; maryaj la te selebre 24 janvye 1906 toupre Saint Petersburg nan vilaj Novaya Derevnya; sèlman de temwen yo, Andrei ak Vladimir Rimsky-Korsakov, pitit gason mèt la, te prezan. Myèl la te nan Fenlann nan Imatra , yon vil pi popilè pou kaskad dlo li yo, kote mizisyen an te kòmanse desine konpozisyon an nan yon suite nan chante. [4]

Igor ak Katerina te gen kat pitit, Fëdor (yo rele Theodore) nan 1907, Ludmila nan 1908, Svyatoslav (yo rele Soulima) nan 1910 ak Marija Milena (yo rele Mika) nan 1914. Ludmila te mouri nan tibèkiloz jèn, nan 1938 a laj de 30. Tradisyon atistik nan fanmi an kontinye ak de pitit gason yo (Theodore pral yon pent, pandan y ap Soulima pral yon mizisyen epi yo pral souvan akonpaye papa l 'nan konsè l').

Apre maryaj la Stravinsky kontinye etidye ak pwofesè a; etid yo an premye lakòz 1907 senfoni a nan E plat , yon travay konvansyonèl ki toujou gen anpil enfliyans soti nan mizik Rimsky Korsakov a, ak suite a nan chante Le faune et la bergère kòmanse nan Imatra, dedye a madanm li.

Igor 'Stravinsky nan 1903

Reyinyon an ak Djagilev ak premye siksè yo

De travay senfoni swiv, Feu d'artifice ak Scherzo fantastique a , tou de soti nan 1908; travay sa yo lèt atire atansyon a nan Sergej Djagilev ki koute yo nan Konsè yo Ziloti sou, 6 fevriye 1909 nan Saint Petersburg. [5] Sou lanmò mèt la, Stravinsky, sensèman tris, konpoze nan memwa li yon chant fineray pou koral ak òkès. Nan 1909 Djagilev te komisyone l 'pou orchestrer de moso pa Chopin pou balè li Les Sylphides , men touswit aprè li te mande l' pou konpoze yon balè orijinal, Firebird a , ki baze sou yon istwa fe Ris. Konpozitè a, ki moun ki te deja kòmanse redaksyon an nan yon opera, Le rossignol , mete travay sa a sou kote ak konsakre tèt li nan ekri balè a ki te fini nan mwa me 1910. Stravinsky nan mwa jen kite Larisi pou yo ale nan Paris pou kree la. Reprezantasyon nan travay li kreye pa Ballets Ris yo nan Sergej Djagilev ak ak koregrafi a nan Michail Fokin . Siksè a te remakab e Stravinskij imedyatman te vin pi popilè pa mete tèt li nan atansyon a nan lavi mizik Ewopeyen an [6] ; li te nan okazyon sa a ke li te rankontre Claude Debussy ak ki moun li te toujou rete zanmi jouk lanmò a nan konpozitè franse an 1918.

Mizisyen an demenaje ale rete nan Swis ak fanmi li ak ane annapre a, ak Petruška , ankò te fè pou Djagilev, li konpoze yon opera nan ki karakteristik mizik li yo te defini klèman. Sepandan, li pral ak La sagra della primavera ke mizisyen an pral pote tèt li nan atansyon mond: kree li, sou 29 me, 1913 (koregrafi pa Vaclav Nizinskij ), yo ap rete pi popilè kòm batay la nan sakre a , jwenn yon siksè retentissant nan milye kont kòlè, ensilte, denigre ak antouzyasm nan avant-gard yo. An 1914 Stravinsky te fè dènye vwayaj li nan Larisi, apre ki, akòz epidemi an nan lagè a ak revolisyon Oktòb ki vin apre, li te fòse yo rete nan Swis, kite tout byen l 'nan kay la, ak fè fas a konsiderab difikilte ekonomik [2] . Nan peryòd difisil sa a li te ede pa zanmi, pita sou li jere yo atire kliyan ak anpil nan travay li yo te depi lè sa a ekri pou okazyon espesifik ak san gad dèyè peye.

Apre Sagra Stravinskij la li abandone konpozisyon yo ekri pou gwo gwoup òkès ​​ak kreye travay pou yon ti kantite pèfòmè; sa a te akòz tou de lefèt ke ak lagè a te aktivite a nan Ballets Ris la koupe, ak paske trè ra vle di finansye yo pa t 'pèmèt reyalizasyon gwo. Avèk de zanmi, ekriven Charles-Ferdinand Ramuz la ak kondiktè a Ernest Ansermet , li te kreye yon montre mache, yon ti teyat yo dwe deplase soti nan vil nan vil; Se konsa, te fèt Histoire du soldat la an 1918. Pwojè a nan plantasyon nan Swis ak montre nan te sepandan sibitman koupe pa epidemi grip la Panyòl ki frape Stravinsky ak pi fò nan zanmi l 'ak kolaboratè. [2] Yon fwa refè, pandan yon vwayaj nan Paris, mizisyen an rekòmanse kontak ak Djagilev ki te travay pou fè l kolabore ak Ballets Ris yo ankò.

Mizisyen an te montre yon dezi inépuizabl pou aprann ak eksplore atizay ak literati e li te toujou disponib pou travay avèk atis ak mizisyen; dezi sa a manifeste poukont li nan anpil nan kolaborasyon parizyèn li yo. Djagilev pwopoze l 'yo kreye yon nouvo balè mizik pa Pergolesi ; fè li Stravinskij kolabore ak Pablo Picasso pou mete kanpe ansanm yo ak kostim; nouvo travay la, Pulcinella , fini an 1920, te make kòmansman peryòd neoklasik li a.

Lavi an Frans

Apre kree la nan Pulcinella Stravinskij definitivman kite Swis rezoud an Frans, okòmansman rete nan Brittany nan Carantec . Evènman sa a make lavi l 'ak aktivite li konsiderableman, louvri yon nouvo peryòd pi laj pou zanmi, vwayaj ak enterè ak tou ki mennen l' yo dwe entèprèt nan konpozisyon pwòp tèt li nan konsè anpil. [2]

Relativman wo nan wo, men sètènman pa yon nonm bèl pa konvansyon komen, Stravinsky te kanmenm trè fotojenik, tankou anpil nan foto l 'yo demontre; li te san dout yon "nonm nan mond lan" e li te gen innombrables zanmi nou te pale anpil sou avantur swadizan l 'yo ak fanm nan sosyete bon, ki gen ladan Coco Chanel . Sepandan, Stravinsky te trè tache ak fanmi l 'ak konsakre anpil nan tan li ak revni bay madanm li ak pitit li yo. Mizisyen an te rete marye ak Katerina jouk 1939 lè li te mouri nan tibèkiloz , men kosyon ki pi enpòtan santimantal te ke ak dezyèm madanm li Vera de Bosset ak ki moun li te antre nan yon relasyon deja pandan premye maryaj li. Lè Stravinsky ak Vera te rankontre, nan ven yo byen bonè, li te marye ak pent la ak mete designer Serge Sudeikin ; relasyon yo byento te vin grav ak Vera deside abandone mari l '. Lè Katerina te aprann li, li te aksepte li kòm yon reyalite inevitab. Aprè lanmò li, yo marye nan New York an 1940.

Nan sezon fredi a nan 1920 li te deplase ak fanmi li nan Garches kote ane annapre a li te fini senfoni yo nan enstriman van ekri nan memwa nan Debussy. Nan ete a nan 1921 li te rete pou plizyè semèn nan Lond kote rit la nan sezon prentan te fèt; isit la ak Djagilev li te fèt yon nouvo travay ki baze sou yon woman pa Pushkin ki pral komik opera Mavra a , dènye konpozisyon mizisyen an Ris-enspire. Nan fen sezon ete a nan 1921 Stravinsky deplase ankò, demenaje ale rete nan Anglet tou pre Biarritz ; pandan sezon ivè a li te travay ankò nan Mavra ak te fè plizyè vwayaj nan Pari pou angajman ak kay la mizik Pleyel ak Montecarlo kote li te repetition yon lòt nan balè l 'yo, Renard . An 1923 te gen premye pèfòmans Les noces , yon travay li te ap travay sou pou kèk ane. Klima oseyanik nan Biarritz pa t 'tanpri Stravinsky anpil e pou rezon sa a li te deside pou avanse pou pi ankò, nan Nice , nan otòn la nan 1924.

1925 te ane a nan premye vwayaj konpozitè a nan Etazini yo kote li te rete pou de mwa pou yon seri de konsè. Retounen an Frans, li te konpoze opera a - oratwa Oedipus Rex ant 1926 ak 1927, kolabore sou tèks la ak Jean Cocteau .

Igor Stravinsky, 1929.

Vwayaje anpil, Stravinsky byento te vin yon kosmopolit, revele yon ensten remakab pou zafè biznis; pou karaktè li ak senplisite li nan tèt li li te pwouve yo santi yo alèz ak rilaks nan konpayi an nan nenpòt ki moun nan anpil gwo vil yo. [7] Pari, Venice , Bèlen , Lond ak New York tout anime aparisyon siksè l 'yo, tou de kòm yon pyanis ak kòm yon kondiktè. Pifò moun ki te konnen l 'soti nan pèfòmans piblik li te pale de l' tankou yo te koutwa, kalite ak itil. Otto Klemperer , ki moun ki tou te konnen Schoenberg byen, te di ke li toujou jwenn Stravinsky pi plis koperativ ak pi fasil fè fas ak. Gou Stravinsky a pou literati te laj ak reflete dezi konstan li pou dekouvèt nouvo. Tèks yo ak sous pou travay li te kòmanse soti nan yon enterè inisyal nan tradisyon Ris , janbe lòt otè yo klasik ak liturji Latin lan, yo sispann nan Lafrans kontanporen ( André Gide , ak Perséphone ), ak literati angle: Auden , Thomas Stearns Eliot , pwezi medyeval epi tou nan travay Shakespeare .

Nan peryòd ki genyen ant de lagè yo aktivite li yo te trè entans. An 1928 li te fini redaksyon yon balè neoklasik, Apollon Musagète ki te fèt ak koregrafi George Balanchine . Nan 1930 li te konpoze Symphonie de Psaumes yo , youn nan pi byen li te ye travay li yo. Apre twa ane pase nan Voreppe nan Isère a , li te rete pèmanan nan Pari nan 1934 ak akeri sitwayènte franse. Nan peryòd sa a li te ekri Perséphone (1934), Jeu de cartes (1936), Concerto nan mi plat "Dumbarton Oaks" (1938). Ane ki genyen ant 1938 ak 1939 yo te pi fonse a pou konpozitè a: an reyalite, pitit fi li Ludmila, manman l 'ak madanm li te pase lwen nan yon ti distans youn ak lòt; pitit fi li Mika te pase anpil tan nan enfirmri a e li menm li te entène lopital pou yon tan long, toujou pou tibèkiloz. [3] Konpozisyon li yo, sepandan, pa te afekte pa evènman sa yo; enplikasyon yo emosyonèl nan eksperyans imen l 'pa janm enfliyanse mizik li, an reyalite aspè nan santimantal pa janm te yon pati nan KONSEPSYON l' nan atizay.

Lavi Ozetazini

An 1939 li te pati pou Etazini kote yo te rele li pou anseye yon kou nan powetik mizikal nan Harvard . Sezi pa evènman lagè yo, li te rete premye nan Los Angeles ak Lè sa a, nan Hollywood e li te vin yon sitwayen natiralize nan 1945 , k ap viv la jouk lanmò li an 1971 . An jiyè 1941 li te fè, menm jan li te fè an 1919 ak La Marsigliese , yon aranjman nan im Ameriken an Star-Spangled Banner a, fè li la pou premye fwa nan Boston sou Oktòb 14 nan ane sa a; depi lwa yo nan Massachusetts entèdi nenpòt transkripsyon nan kantik la, Stravinsky pa t 'kapab fè li ankò, tou apre yon entèvansyon pa polis lokal la [8] . Malgre ke li te yon Ris, li te deja adapte yo viv an Frans, men deplase twò lwen kounye a nan laj la nan senkant-uit te bay yon pèspektiv vrèman diferan. Pou yon tan li konsève yon sèk nan zanmi emigran Ris ak zanmi, men evantyèlman reyalize ke konpòtman li pa ta favorize oswa sipòte lavi entelektyèl ak pwofesyonèl li nan peyi sa a. Pandan y ap planifye yo ekri yon opera ak WH Auden , lavni pwogrè nan rato a , bezwen an yo vin pi abitye avèk mond lan ki pale angle rejwenn reyinyon l 'ak kondiktè ak musicologist Robert Craft . Craft te viv avèk Stravinsky jouk lanmò li kòm yon entèprèt , repòtè , asistan direktè ak factotum pou kontinuèl travay mizik ak sosyal. Kontrèman ak anpil lòt konpozitè Stravinsky pa janm konsakre tèt li nan ansèyman, pa admisyon pwòp tèt li li te santi li pa te gen okenn enklinasyon nan sans sa a. [9] Nan 1951 ak travay Pwogrè rato a, Stravinsky te rive nan wotè ak fen peryòd neoklasik la.

Reinvante tèt li yon lòt fwa ankò li te apwoche teknik dodekafonik la, sitou aprè li te vin konnen travay Anton Webern , li te fè yon vwayaj pwogresif ki, etap pa etap, te mennen l ekri Cantata (1952), il Settimino (1953), In memoriam Dylan Thomas (1954), Canticum Sacrum an 1955, balon Agon an 1957 ak Threni an 1958. Sa a "konvèsyon" nan l 'eksite anpil clamour ak konfli; an reyalite youn dwe konsidere eksperyans seri Stravinsky nan pèspektiv nan bezwen l 'yo jwenn ak repanse modèl deja istorikize; kounye a ki fè pati sot pase a, dodecaphony te pou l 'yon egzanp ki soti nan ki trase ak rkree, ekri nan grafouyen, dapre mèt trè pèsonèl l' yo, moso mizik jan li te deja fè nan ane anvan yo ak mizik ki soti nan epòk ak otè nan tan lontan an. [10]

Kavo a nan Igor Stravinskij nan simityè a San Michele nan Venice

Li te vwayaje anpil, espesyalman nan Ewòp, kòm yon direktè konsè nan konpozisyon pwòp tèt li. Nan 1958 li te fè yon konsè dedye a mizik li nan teyat La Fenice la ak òkès ​​la senfoni ak koral la nan Norddeutscher Rundfunk a nan Hamburg repete pa RAI ak Oedipus Rex nan Wiener Staatsoper la . An 1962 li aksepte yon envitasyon pou li retounen nan peyi li pou yon seri de sis konsè nan Moskou ak Leningrad, men li te rete yon emigran ki gen rasin fò nan Lwès la . Li te tou vin enterese nan ekri ebre, ekri balad sakre Abraram lan ak Izarak ant 1962 ak 1963. Li kontinye ekri mizik jiskaske prèske nan fen lavi li, dènye gwo travay li yo te Cantik yo Requiem nan 1966; soti nan 1967 ivè sante li piti piti deteryore epi li sibi plizyè entène lopital. Li te toujou kapab vwayaje nan Pari ak Zurich, konsakre tèt li nan transkripsyon soti nan klavich la byen apeze ak instrumentation a nan de lieder pa Hugo Wolf . An 1969 li tonbe malad ak yon fòm grav nan bwonchit, yon vin pi grav nan tibèkiloz la fin vye granmoun. An 1970, envite nan peyi Itali [11] , li te anonse ke li te vle retounen nan Ewòp, kite Kalifòni, fè premye kanpe nan New York ap tann pou yo avanse pou Pari. Sepandan, yon èdèm pulmonè fòse l 'rete nan New York nan yon apatman Fifth Avenue, ki li te jis achte, kote li te mouri nan katreven-uit nan mitan lannwit lan ant 6 ak 7 avril 1971 akòz yon atak kè.

Sou demann eksprime l 'yo, kavo l' se tou pre sa a ki dire lontan kolaboratè l 'yo, Sergej Djagilev, nan Venice nan sektè a Otodòks nan simityè a moniman sou zile a nan San Michele . Dapre Robert Siohan, gouvènman Sovyetik la ta ofri fanmi an opòtinite pou antere kò a nan Leningrad , men madanm mizisyen an refize pwopozisyon an, sèten ke li te tèlman fidèl a volonte mari l 'yo. [12]
Lavi l 'kouvri anpil nan 20yèm syèk la , osi byen ke anpil nan estil yo modèn klasik mizik , enfliyanse lòt konpozitè tou de pandan ak apre lavi l' yo. Yo te mete yon etwal nan non li nan 6340 Hollywood Boulevard sou Hollywood Walk of Fame .

Peryòd stilistik

Stravinsky ak Nadia Boulanger nan 1937

Twa peryòd stylistic ka lajman distenge nan karyè Stravinsky la.

Peryòd Ris la

Premye peryòd stylistic Stravinsky a te kòmanse lè, a laj de ven, li te rankontre Rimsky-Korsakov e li te vin elèv konpozisyon li. Apre yon Sonata pyano tradisyonèl ak suite Le faune et la bergère , nan senfoni an nan E plat , dedye a pwofesè l 'yo, Stravinsky devwale, nan yon Nutshell, tou de yon asimilasyon nan eritaj mizik la ak ki li te antre an kontak, ak kèk nan karakteristik li yo ki pral manifeste tèt yo nan yon fason klere tou yon ti tan apre sa. Nan 1908 ak fantastik la Scherzo , ki toujou prezante enfliyans nan enpresyonist franse, ak ak entèselan Feu d'artifice a , pèsonalite nan mizisyen an finalman fè wout li yo. Nan menm ane a li te ekri chante fineray la pou lanmò nan Rimsky-Korsakov, ki te pèdi epi li te jwenn sèlman nan 2015. Nan 1909 Djagilev remake travay li yo ki deside konfye l 'ak konpozisyon an nan yon balè sou istwa a fe Ris. nan firbir a, pou sezon an nan bale yo Ris la 1910. firbir nan , prezante nan Pari an Opéra nan nan 1910, se te yon gwo siksè ak imedyatman te fè konpozitè a pi popilè. Koulè yo briyan toujou dwe anpil Rimsky-Korsakov nan kòk la Golden , men konpetans nan nan instrumentation a, foli a prèske "barbar" nan mizik la, itilize nan abil nan konbinezon polifonik yo tout karakteristik nan style Stravinsky la. [13]

Li se ak balè ki vin apre a, Petruška nan 1911, tou komisyone pa Djagilev, ki konpozitè a definitivman jwenn kòd stylistic l 'yo. Dinamik mizik la, itilizasyon make ritm lan, ki te enpresyone Debussy , itilizasyon tèm yo te pran nan Fòlklò Ris, polonalite a te jwenn nan supèrpoze de kòd nan tonalite diferan, se jis kèk nan innovations fondamantal ke Stravinsky prezante nan nòt li. Tankou Firebird la , Petruška konsantre tou sou tradisyon Ris. Nan menm ane a, konpozitè a te ekri yon kantata , Le Roi des étoiles , youn nan travay ki pi konplèks ak pwoblèm li yo, difisil pou fè ki rete pou yon tan long yo pa rekonèt. Sepandan, li pral ak balè twazyèm l 'yo, Le Sacre du Printemps nan 1913, ki Stravinsky pral reyalize inivèsèl t'ap nonmen non rive nan apoteyoz la nan "peryòd Ris" l' yo. An reyalite, ak Le Sacre mizisyen an apwoche rasin Ris l 'nan yon fason desizif, pran enspirasyon soti nan rit ansyen ak melodi nan peyi l' yo. [14] Nan balè a konpozitè a etap yon rit payen nan kòmansman sezon prentan tipik nan ansyen Larisi: yo te chwazi yon jèn ti fi pou danse nan fatig ak lanmò li se te yon sakrifis yo ofri bay bondye yo fè yo favorab nan gade nan sezon an nouvo. Gen anpil pasaj pi popilè, men de merite pou yo nòt patikilye: nòt yo ouvèti nan moso nan, jwe pa yon fagot ak nòt nan fen enskri li yo, prèske soti nan ranje, ak kòd la mato ak repete uit-nòt jwe pa la strings ak soti nan kòn yo nan counter-tan. "Revolisyon sakre a" se te vrèman yon batay nan teyat la, nan premye pèfòmans lan, ak yon inovasyon total nan mizik. Nòt la sezi ak scandalized ak pouvwa li nan son, ritm inplakabl li yo, akòz elajisman nan tonalite a ki rive nan pasaj anpil polytonal. Itilizasyon inovatè disonans lan, envansyon timbral yo, yon nòt ki kontinye pa blòk son nan ki pa gen okenn devlopman nan melodi, toujou sèlman eksprime ak repete, te fè Le Sacre du printemps youn nan pwen yo fiks nan mizik nan tout tan.

Apre kèk konpozisyon vokal kout, ki gen ladan Berceuses du chat la , Stravinskij nan 1914 fini opera Le rossignol nan ki li te deja ekri premye zak la nan 1907; soti nan travay sa a mizisyen an ap sòti powèm nan senfoni Le chant du rossignol an 1917. Epitou nan 1914 konpozitè a te kòmanse konpoze Les Noces ki pral fini nan fòm pyano nan 1917 ak final nan 1923. Travay la, defini kòm "sèn Ris koregrafik ak chante ak mizik ", gen kòm sijè li selebrasyon an nan maryaj vilaj selon tradisyon ansyen. Avèk Renard , yon istwa burlesk chante ak fèt, nan 1917 Stravinsky inogire yon nouvo kalite reprezantasyon, teyat la chanm, yon genre ki pral jwenn egzanp ki pi reprezantan li yo nan Histoire du soldat (1918). Travay la, ki se "yon istwa li, dans ak aji nan de pati", rezime tout eksperyans yo akimile pa mizisyen an jiska lè sa a, soti nan enpresyonism polytonalite , ki soti nan kabarè nan djaz , yon genre nan ki konpozitè a te enterese jisteman nan ane sa yo. Gen kèk nan travay yo nan peryòd Ris la te konpare pa kèk nan Cubism; Resanblans yo te jwenn ant evolisyon nan lang Stravinsky a ak sa yo ki an Picasso , konpare peryòd sa a nan konpozitè a nan peryòd yo woz ak ble nan pent la. Sepandan, li difisil pou etabli yon paralèl ant de atis yo; an reyalite Stravinsky modifye nan kèk fason amoni tradisyonèl la ak polytonalite, egalman Picasso kreye yon deplasman inite nan yon penti ak teknik kibis la, men enpak vizyèl la pi fò pase koute mizik ki sepandan pa totalman kraze ak amoni tradisyonèl [15] ] .

Kontaj jazz la pa t 'chape anba Stravinskij ki te san rezèv eksprime atraksyon li pou ragtime ki pi natif natal. Enfliyans sou konpozitè a se pi evidan nan Histoire du soldat l 'yo , menm plis nan Ragtime l' pou 11 enstriman mizik ak nan pyano ranyon mizik nan 1919: yon moso - lèt la - ki gwo Polonè pyanis la Arthur Rubinstein refize jwe, menm si ekri epi li te panse pou li pa otè a, paske li twò percussive pou nati li [16] .

Peryòd Stravinsky Ris la fini ak opera komik Mavra ki konpoze ant 1921 ak 1922 ki baze sou yon travay Pushkin ; dapre entansyon yo nan mizisyen Mavra a te vin ansent a la swit a nan yon tradisyon Ris-Italyen, anonse kèk eleman nan apwòch li nan mizik oksidantal [17] .

Peryòd neoklasik la

Essex House nan New York , otèl la kote Stravinsky te pase dènye mwa yo.

Pwochen faz nan style konpozisyon atis la, yon ti tan supèrpoze sou yon sèl anvan an, inogire pa balè Pulcinella (1920), nan mizik pa Giovanni Battista Pergolesi . Travay sa a prezante karakteristik diferan nan peryòd sa a: retounen Stravinsky nan karakteristik stilistik nan ansyen mizik. Kòm deja rive imedyatman apre realizasyon an nan La sagra della primavera , nan faz sa a nouvo mizisyen an pa sèvi ak gwo òkès ​​yo itilize pou premye balè yo; menm nan nouvo travay sa yo, ekri ant 1920 ak 1951, Stravinskij an reyalite opte pou baton divèsman redwi, tankou bay chak konpozisyon yon "tint" karakteristik ak inik.

Neoklasik Stravinsky a se pa yon reentèrpretasyon nan dyatonism tankou nan Pòl Hindemith , men se yon kontaminasyon ak style deja etabli ritmik li yo ak polytonal. Li pral nan etap sa a ki Stravinsky pral opoze atonalism Arnold Schönberg a , ki li te deja prèske manyen sou nan 1913 ak Twa Powèm yo nan Japonè Opera pou vwa ak enstriman mizik. [18] Stravinsky se erè souvan totalman make kòm neoklasik, men sa a se petèt paske peryòd la neoklasik se youn nan pi fètil la pou konpozitè a.

Dopo Pulcinella Stravinskij utilizzò, nella maggior parte dei suoi lavori, forme musicali largamente note e consuete: sinfonie, concerti, oratori, balletti classici, opera lirica, ma sempre alla sua maniera, senza rifarsi a esse con rigorosità, alludendo, se mai, all'idea che i titoli suggerivano [19] , rendendosi conto che nel XX secolo non sarebbe stato possibile per un musicista replicare esattamente forme del passato [2] . Seguono anche altre composizioni che rievocano atmosfere russe come Sinfonie di strumenti a fiato (1920), scritte in onore di Debussy e l' Ottetto per strumenti a fiato (1923). Altre opere hanno per protagonista il pianoforte come il Concerto per pianoforte e fiati terminato nel 1924, una Sonata e la Serenata in La del 1925. Tra il 1926 e il 1927 Stravinskij scrisse l' opera - oratorio su testo in latino Oedipus Rex a cui seguì l'anno seguente il balletto Apollon musagète . Quest'ultimo lavoro, basato solo su figure della danza classica, dal Pas d'action al Pas de deux , riprende anche nella metrica il modello alessandrino e nell'argomento la mitologia classica con Apollo e le Muse [20] ; l'opera rispecchia la predilezione del musicista, fra tutte le forme musicali del passato, per il balletto classico motivata soprattutto dalla sua aspirazione all'ordine ea un'armonia superiore [2] . Queste motivazioni si ritrovano nel successivo balletto, Le baiser de la fée ; l'amore del compositore per Čajkovskij lo porta a ricreare temi e atmosfere in cui la nostalgia del passato è più evidente che in qualsiasi altro lavoro.

Lavori importanti di questo periodo sono tre sinfonie : la Sinfonia di Salmi (1930) per coro e orchestra in cui Stravinskij rivela un aspetto della sua personalità, quello religioso, a cui tornerà più volte negli anni successivi. Il lavoro è particolare, con due pianoforti che fanno da scheletro armonico di sostegno all'orchestra; la Sinfonia in do (1940) e la Sinfonia in tre movimenti (1945) danno una nota di innovazione al genere classico della sinfonia. Perséphone (1934), melodramma per recitante, tenore, coro e orchestra è un'opera particolare che per certi tratti prosegue il lavoro delineato in Oedipus Rex . Con Jeu de cartes nel 1936 Stravinskij ritorna al balletto e crea un'opera dove le rivisitazioni e le allusioni a musiche altrui sono numerose, dal valzer viennese a Rossini a Čajkovskij . Seguirono numerosi altri lavori, tra cui il Concerto in mi bemolle "Dumbarton Oaks" , le Danses concertantes (1941-1942), l' Ebony Concerto (1945]). Con il successivo balletto Orpheus (1948) Stravinskij ritorna a motivi di ispirazione dal mondo classico e dai miti greci . Dello stesso anno la Messa , una delle poche opere scritte senza commissione, esprime la profonda spiritualità del compositore.

Il vertice di questo periodo è l'opera La carriera di un libertino (The Rake's Progress) del 1951, melodramma in tre atti messo in scena in prima rappresentazione assoluta al Teatro La Fenice di Venezia dal Teatro alla Scala di Milano con Elisabeth Schwarzkopf e diretto dal compositore. Quest'opera, scritta su un libretto di Auden e Chester Kallman, basata sugli schizzi di Hogarth , racchiude tutto ciò che il compositore aveva perfezionato nei precedenti 30 anni del suo periodo neoclassico. La musica è diretta ma al tempo stesso capricciosa; prende spunto dall' armonia tonale classica che intervalla con sorprendenti dissonanze ; contemporaneamente ritorna alle opere e ai temi di Monteverdi , Gluck e Mozart . L'opera, oltre a cavatine e cabalette virtuosistiche e pezzi d'insieme ( duetti , terzetti e quartetti ), ripropone anche il recitativo secco al clavicembalo . Stravinskij con quest'opera raggiunse in modo assolutamente evidente il ritorno al passato nelle sue forme musicali e difficilmente avrebbe potuto continuare su questa strada; egli stesso ammise, mentre scriveva l'opera, che "il Rake's Progress era una fine" [21] e concluse che la sua rivisitazione del passato non poteva più progredire, avendo raggiunto il "limite consentito", considerazione che lo portò a mutare radicalmente stile, avvicinandosi al serialismo weberniano [22] .

Il periodo dodecafonico o seriale

Francobollo ucraino commemorativo di Igor' Stravinskij

Durante tutto il suo periodo neoclassico Stravinskij fu considerato come il portabandiera della tonalità opponendosi in tal modo alla dissoluzione dell'armonia tradizionale attuata dai musicisti della Scuola di Vienna [14] . Molte furono le polemiche che si scatenarono negli anni nel mondo musicale fra i due gruppi di partigiani pro Stravinskij e pro Schönberg , creando un divario difficile da colmare [23] . Proprio per questo la "conversione" di Stravinskij suscitò grande scalpore. Il suo avvicinamento alla musica seriale, e in particolare di Webern , avvenne gradualmente, grazie anche all'influenza e ai consigli di Robert Craft.

Con la Cantata , scritta fra il 1951 e il 1952, il compositore fece il primo passo sulla strada della nuova tecnica pur mantenendo l'uso di una tonalità "allargata". Questo procedimento si accentuò nel Settimino terminato nel 1953. Nello stesso anno scrisse Three Songs from William Shakespeare dove, in ogni canto, attua una vera strutturazione seriale. Con le opere successive, In memoriam Dylan Thomas (1954) per tenore, archi e quattro tromboni, e Canticum Sacrum (1955) per tenore, baritono, coro e orchestra proseguì sulla via intrapresa, come se stesse sperimentando e perfezionando il sistema, senza abbandonare, tuttavia, l'armonia tradizionale. Sempre del 1955 è Greeting Prelude scritta per gli 80 anni di Pierre Monteux . Un'importante opera di transizione in questo periodo fu un ritorno al balletto : Agon , per dodici ballerini , composto tra il 1953 e il 1957 in cui richiami modali legano questo lavoro a musiche del passato. Agon è in un certo qual modo un compendio dell'arte di Stravinskij, contiene infatti molti spunti che si ritrovano in gran parte dell'arco della sua attività compositiva: svolazzi ritmici e sperimentazioni, ingenuità armoniche e un'orchestrazione decisa e raffinata. Queste caratteristiche sono quelle che fanno la produzione di Stravinskij così unica se comparata con le opere di compositori seriali a lui contemporanei.

Sarà con Threni , id est Lamentationes Jeremiae Prophetae per soli, coro misto e orchestra, che Stravinskij realizzò il primo lavoro interamente dodecafonico. Altre opere importanti del periodo sono Monumentum pro Gesualdo da Venosa ad CD Annum (1960) e la cantata A Sermon, a Narrative and a Prayer del 1961; il musicista scrisse anche una trascrizione del corale di Johann Sebastian Bach Von Himmel Hoch . Con i Movimenti per pianoforte e orchestra Stravinskij creò una delle sue composizioni più complesse che si può considerare un vero e proprio omaggio all'opera di Anton Webern. The Flood (1962) è il primo lavoro scritto da Stravinskij per la televisione ed è un'opera complessa che comprende musica, canto, danza e recitazione e dove l'elemento seriale dialoga con musica più tradizionale.
Dopo Anthem per coro a cappella (1962) e l' Introitus del 1965, il musicista scrisse, fra il 1965 e il 1966, la sua ultima opera importante, i Requiem Canticles per contralto, basso, coro e orchestra. L'opera, tratta dalla Missa pro Defunctis , presenta un contrappunto rigorosissimo e urti di strutture armoniche; con essa Stravinskij recupera richiami tonali ed elementi arcaici in una musica altamente drammatica che testimonia la sua fede profonda.

Questo periodo compositivo di Stravinskij fu un importante punto di svolta, considerando che era stato un oppositore della scuola schönberghiana; egli ora vedeva nell'utilizzo di questa tecnica un formale e rigoroso recupero delle antiche forme contrappuntistiche rinascimentali, particolarmente fiamminghe, a cui il serialismo è legato e che lo aveva portato a comporre il Monumentum pro Gesualdo . Stravinskij si accostò alla musica seriale quando questa ormai era acquisita nell'ambito musicale, era praticamente già "storica"; questa sua fase si può quindi vedere quasi come un neoclassicismo indiretto.

Stile e poetica

Stravinskij al pianoforte insieme a Wilhelm Furtwängler .

La produzione di Stravinskij è quanto mai eterogenea. Egli impiegò stili diversi e si cimentò in tutti i generi musicali . Reinventò la forma del balletto e incorporò nel suo linguaggio musicale culture e tradizioni tra loro lontane, nel tempo e nello spazio. La consueta suddivisione in periodi della sua produzione musicale va però presa con molta cautela poiché rischia di creare poca chiarezza sulla totalità della sua creazione artistica. [24] Stravinskij resta sempre Stravinskij; nell'arco della sua lunga vita musicale, nella sua costante ricerca e propensione al rinnovamento, egli rimane sempre fedele a se stesso e il suo stile è inconfondibile. [25]

Esaurito il primo periodo di ispirazione russa Stravinskij torna ad avvalersi di cornici formali in una serie di opere cosiddette neoclassiche per giungere infine ad aderire al serialismo. [26] Ogni nuovo passaggio è frutto in Stravinskij di una complessa assimilazione creativa di momenti della storia musicale ormai passata; anche l'adesione così discussa alla dodecafonia è frutto della presa di coscienza della "storicizzazione" della stessa; diventando un elemento del passato il compositore attinge e ricrea da esso secondo il suo personalissimo metro. L'atteggiamento possessivo di Stravinskij rispetto alla storia musicale a lui precedente è una costante nella sua produzione. Appropriandosi della musica di altri tempi e di altri autori egli fa suo un intero mondo spirituale e culturale. [27] La sua opera è dunque un atto di cultura, cultura ricca e raffinata che esige un grande impegno, vale a dire la fedeltà a una regola, a un principio che riflette la grande sete di ordine e disciplina, elementi fondamentali per comprendere l'unità della sua opera. [28]

Il linguaggio musicale di Stravinskij è, a partire dalle prime opere fino alle ultime seriali, estremamente chiaro, diretto, preciso. Il suo è un linguaggio franco, che non vuol dire nulla di più di quello che dice, sempre logico e necessario in tutte le sue componenti. La linea melodica è chiara e spoglia nell'intenzionalità di ogni lavoro; l'utilizzo del motivo musicale, che usa una distinta frase musicale alterata successivamente e sviluppata lungo un brano e che ha le sue radici nelle sonate dell'era di Mozart , è unico nella musica di Stravinskij; per esempio ne La sagra della primavera introduce variazioni "additive" che aggiungono o sottraggono una nota a un motivo; anche se per la maggior parte le linee melodiche rimangono invariate, a cambiare sono invece i rapporti di armonia, ritmo e strumentazione. [29]

Caratteristica fondamentale dello stile stravinskiano è il ritmo. Anche se spesso apparentemente diverso in opere successive l'elemento ritmico è il vero filo conduttore di tutta la sua opera. [30] Se ne La sagra il ritmo è di una ricchezza e vitalità senza precedenti, nelle altre opere è sempre riconoscibilissimo, è, in un certo senso, "personalizzato". Anche il suo uso massiccio dell' ostinato caratterizza moltissime sue opere; celebre è il passaggio ne La sagra , nella sezione Gli auguri primaverili , formato da un ostinato di 8 note da parte degli archi accentato da 8 corni. Questo è forse il primo caso in musica di un ostinato "allargato" che non viene usato né per variazione né per accompagnamento della melodia .

Stravinskij si è sempre mostrato indipendente da ogni influenza di scuole o di correnti; è sempre riuscito a essere soltanto se stesso. Il suo nutrirsi di stili, epoche e autori diversi non ha intaccato minimamente la sua personalità che è senza dubbio singolare per la sua austerità, per le sue scelte rigorose, per la sua profonda spiritualità. Stravinskij è uno degli artisti del suo secolo la cui etica governa più inflessibilmente l'estetica; la sua però non vuol essere solo una norma di comportamento, ma un atteggiamento che coinvolge l'uomo nella sua interezza e che lo obbliga a una estrema lucidità in tutte le sue scelte. [31]

L'atteggiamento che Stravinskij ha di fronte alla musica è puramente compositivo; egli è estremamene diffidente nei confronti di termini quali "ispirazione", "arte", "artista", termini per lui in netto contrasto con un ambito dove esiste solo l'equilibrio e il calcolo. [32] Il processo creativo per Stravinskij non nasce dall'ispirazione, ma è una vera "funzione" che deve essere coltivata sistematicamente cercando di sviluppare quelle che sono le facoltà creatrici con uno sforzo quotidiano: "il lavoro arreca l'ispirazione". [33] Di qui nasce di conseguenza una reazione nei confronti del romanticismo e dei suoi eccessi quali il sentimentalismo, l'abbandono languido e le effusioni patetiche. [34]

Per Stravinskij il musicista è essenzialmente un artigiano che lavora la sua materia sonora e che la domina per poi metterla in un certo ordine. [35] Nasce da questa concezione la sua ammirazione per i "vecchi" artigiani della musica: Bach , Händel , Haydn , Beethoven . Lo Stravinskij antiromantico e antisentimentale non poteva che essere anche antiwagneriano; per lui, essendo l'ordine e la disciplina alla base della composizione, la musica di Wagner "è più musica di improvvisazione che di costruzione" [36] e rivela per di più una costante ampollosità. La melodia infinita è mancanza di ordine ed è "un oltraggio alla dignità e alla funzione stessa della melodia". [37] Inoltre il leitmotiv affida a un tema un'identificazione con un sentimento o con un personaggio imponendole un fine che non le è consono. Per Stravinskij la vera musica è pura musica; egli scrive infatti: "Io considero la musica, a cagione della sua essenza, impotente a esprimere alcunché: un sentimento, un'attitudine, uno stato psicologico, un fenomeno naturale ecc. L'espressione non è mai stata la proprietà immanente della musica". [38]

Religione

Per uno spirito profondamente religioso come fu quello di Stravinskij, l'idea di un'arte che voleva farsi religione secondo i parametri wagneriani poteva esser vista come un sacrilegio. [39] Dopo aver assistito al Parsifal nel 1912, Stravinskij era insorto contro quella che definì "una scimmiottatura incosciente di un rito sacro" [40] La platealità di questa rappresentazione, voluta come un servizio ammantato di sacralità, contrastava totalmente con la concezione di Stravinskij di una religione che andava vissuta in forma strettamente privata. La spiritualità in lui rimase infatti sempre una questione riguardante la sua intimità, confinata nel profondo del suo animo e non volle mai esteriorizzarla nemmeno nelle opere di carattere religioso da lui scritte. [41]

La parte riguardante la religiosità in Stravinskij, nella sua vita come nelle opere, è fondamentale per comprenderne la personalità e la visione artistica. Il compositore aveva lasciato la Chiesa ortodossa ancora adolescente per poi riavvicinarvisi nel 1926 quando scrisse il Pater Noster , più per un impulso interiore che per una scelta ragionata. [42] Ciò che lo spinse di fatto a rientrare nella Chiesa russa e non ad avvicinarsi a quella cattolica fu soprattutto il fattore linguistico, essendo egli stato abituato fin da bambino a pregare in lingua russa; [42] egli non voleva inoltre troncare un ulteriore legame con la sua terra.

Da allora il musicista mantenne sempre un forte vincolo con la religione; i tempi in cui viveva erano da lui visti come di grande confusione, di laicità trionfante e provava grande preoccupazione per il degrado spirituale. Negli anni della maturità Stravinskij andò sempre più avvicinandosi alla Chiesa cattolica. Nel 1948 scrisse la sua Messa senza alcuna commissione, solo per sua necessità spirituale, sperando anche che fosse eseguita durante le funzioni. [42] .

Parlando della Chiesa come istituzione musicale in declino il musicista disse: "Quanto siamo più poveri senza i sacri servizi musicali, senza le Messe, le Passioni, le cantate domenicali dei protestanti, i mottetti ei concerti sacri, i vespri e tanti altri. Non sono forme puramente estinte, ma parti dello spirito musicale in disuso. La Chiesa sapeva ciò che sapeva il salmista: la musica loda Dio. La musica è altrettanto adatta a lodarlo, o più ancora, di quanto lo sia lo stesso edificio della Chiesa e tutte le sue decorazioni; è il più grande ornamento della Chiesa. Gloria, gloria, gloria… questa particolare "gloria" non esiste nella musica profana." [43]

Gli ultimi anni della produzione del musicista comprendono quasi esclusivamente opere di carattere religioso o in memoria di amici scomparsi come l' Introitus per TS Eliot a cui era legato da amicizia e dallo stesso percorso da religioni differenti verso la Chiesa cattolica. [44]

Citazioni e rivisitazioni

Stravinskij usò la tecnica, oggigiorno molto attuale, che possiamo considerare addirittura postmoderna , della citazione musicale diretta e dell'imitazione già nel 1920 nel balletto Pulcinella . Basandosi sulla musica di Pergolesi , alcune volte riproducendola direttamente e altre semplicemente reinventandola, creò un'opera nuova e "fresca". Usò la stessa tecnica nel balletto Il bacio della fata del 1928. Qui è la musica di Čajkovskij , nello specifico alcuni brani non orchestrali, che Stravinskij utilizza citandoli o rivisitandoli unitamente ad altri suoi originali ispirati allo stile del compositore che ammirava. Questo "prestito" compositivo sarà molto in voga negli anni sessanta , come nella Sinfonia di Luciano Berio . Nel balletto Jeu de cartes del 1936 riutilizzò materiale musicale del passato, spesso deformandolo, riprendendo brani di Čajkovskij, di Johann Strauss e citando il tema della sinfonia del Barbiere di Siviglia rossiniano. Ne il Monumentum pro Gesualdo da Venosa ad CD Ammum del 1960 il musicista operò una vera "ricomposizione" di madrigali dell'autore italiano, rinnovandone la sostanza musicale. [45]

L'utilizzo del materiale popolare

Ci furono altri compositori nella prima metà del XX secolo che presero in prestito la musica tradizionale della loro patria d'origine, usando questi temi nelle loro opere. Esempi degni di nota sono Béla Bartók e Zoltán Kodály . Già in Le Sacre du Printemps Stravinskij riutilizza temi popolari, in gran parte derivati da una sua memoria inconscia risalente al periodo giovanile passato in Russia; a detta del musicista solo il primo tema, esposto dal fagotto, è derivato da un'antica melodia lituana. Altri temi vengono spogliati fino ai loro elementi più basilari, sola melodia, spesso Stravinskij li contorce e modifica oltre ogni possibile riconoscimento. Lo fa così magistralmente, in effetti, che solo con studi recenti il musicologo Richard Taruskin pensa di aver ricostruito il materiale originale dell'ispirazione di qualche brano di Le Sacre , anche se molti sfuggono all'indagine tanto sono modificati e assimilati dal compositore al proprio personale linguaggio. [46]

Innovazioni orchestrali

Il periodo tra la fine del XIX secolo e l'inizio del XX secolo fu un tempo straripante di innovazioni orchestrali. Compositori come Anton Bruckner e Gustav Mahler erano ben considerati per le loro abilità nel comporre per questo mezzo. A loro volta, vennero influenzati dall'espansione dell'orchestra tradizionale classica di Richard Wagner che promuoveva un uso di grandi masse di strumenti , spesso di tipo inusuale.

Stravinskij continuò questa tendenza propria della musica romantica di scrivere per orchestre enormi, solo nei suoi primi balletti; ma dopo La sagra della primavera cambiò completamente impostazione allontanandosi da grandi compagini orchestrali per realizzare composizioni per un numero limitato di strumenti; su questa via iniziò a innovare con l'introduzione di combinazioni insolite di elementi strumentali. Ad esempio, ne L'Histoire du Soldat egli usa clarinetto , fagotto , trombone (basso e tenore), tromba , violino, contrabbasso e percussioni , un insieme alquanto sorprendente per quel periodo (1918).

Tutto ciò diverrà praticamente uno stereotipo nella musica del dopoguerra. Un'altra modifica degna di nota attribuibile in parte a Stravinskij è lo sfruttamento dei suoni estremi raggiungibili dagli strumenti musicali. Il passaggio più famoso in questo campo è l'inizio de Le Sacre du Printemps , dove il compositore utilizza il fagotto nelle insolite note sovracute dal grande potere espressivo. [47]

Si deve anche notare che compositori come Anton Webern , Alban Berg e Schönberg avevano già esplorato alcune di queste tecniche orchestrali e musicali all'inizio del XX secolo, anche se la loro influenza sulle generazioni successive di musicisti fu eguagliata, se non superata, da quella di Stravinskij.

Igor Stravinskij nel 1965

Gli scritti

Stravinskij pubblicò sia le sue memorie dall'infanzia al 1935 in Chroniques de ma vie , dove viene registrata una descrizione della sua vita, del suo percorso stilistico, creativo ed ideologico, sia le sintesi delle lezioni che tenne alla Harvard University in Poétique musicale del 1942 in cui l'autore affronta la genesi di un'opera musicale dissertando anche sull'evoluzione della musica russa e sui problemi dell'esecuzione. Esistono inoltre alcuni brevi scritti, databili fra il 1921 e il 1940, che Stravinskij non pubblicò, ma che sono stati ritrovati, raccolti e pubblicati da Eric Walter White nel suo testo sul compositore, Strawinsky the composer and his works , in una appendice dal titolo Various writings reprinted .

Robert Craft raccolse e pubblicò sei volumi di interviste con il compositore: Conversations with Igor Stravinsky (1959), Memories and Commentaries (1960), Expositions and Developments (1962), Dialogues and a Diary (1963), Themes and Episodes (1967) e Retrospectives and Conclusions (1969); i primi tre sono stati pubblicati in italiano da Einaudi col titolo Colloqui con Stravinsky (1977). A questi volumi di interviste va aggiunto quello pubblicato dopo la morte del compositore, Themes and Conclusions (1972).

La critica

"La musica di Le Sacre du Printemps oltrepassa ogni descrizione verbale. Dire che è un suono orrendo è un eufemismo. Vi si può certamente riconoscere un ritmo incitante. Ma in pratica non ha nessuna relazione con la musica come la maggior parte di noi la considera." Musical Times, Londra , 1º agosto 1913 ( Nicolas Slonimsky , 1953)

"Tutti i segni indicano una forte reazione contro l'incubo del rumore e dell'eccentricità che era tra i lasciti della guerra....Cosa ne è stato delle opere che formavano il programma del concerto di Stravinskij che ha creato tale agitazione, solo qualche anno fa? Praticamente la totalità sono già archiviate, e lì rimarranno fino a quando qualche nevrotico sfinito e spossato sentirà nuovamente il desiderio di mangiare cenere e riempirsi lo stomaco con un vento orientale" Musical Times , Londra, ottobre 1923 (ibid.)

Il compositore Constant Lambert (nel 1936) descrisse opere come L'Histoire du Soldat come contenenti "essenzialmente astrazione a sangue freddo". Inoltre, i "frammenti melodici (nella stessa opera) sono loro stessi senza alcun significato. Sono puramente successioni di note che possono essere divise in modo conveniente in gruppi di 3, 5 o 7 e sistemate contro altri gruppi matematici", e la cadenza per l'assolo di percussioni è "purezza musicale...raggiunta attraverso una specie di castrazione musicale". Paragona la scelta di Stravinskij "delle più monotone e meno significanti frasi" a quelle di Gertrude Stein nel suo libro del 1922 Helen Furr e Georgine Skeene "Everday they were gay there, they were regularly gay there everyday", "i cui effetti sarebbero ugualmente apprezzabili da qualcuno con nessuna conoscenza dell'inglese".

Nel suo libro Filosofia della musica moderna (1949) [48] , Theodor Adorno definisce Stravinskij un acrobata, un funzionario statale, un manichino da sarta, psicotico, infantile, fascista, e devoto solo al denaro. Parte degli errori del compositore, nell'opinione di Adorno, era il suo neoclassicismo, ma più importante era "lo pseudomorfismo della pittura" della sua musica, che riproduceva il tempo spazio piuttosto che il tempo durata di Henri Bergson . "Un inganno caratterizza tutti gli sforzi formali di Stravinskij: il tentativo della sua musica di ritrarre il tempo come in un dipinto di circo e di presentare i complessi temporali come fossero spaziali. Questo inganno, comunque, presto si esaurisce". [49] Per Adorno Stravinskij rappesentava un "oggettivismo" antipsicologico e neoclassico che ignorava l'alienazione e le contraddizioni della società moderna e ritornava alle forme tonali preborghesi come la danza. A differenza dei romantici, che usavano il passato come negazione del presente, gli "oggettivisti" appartenevano ai promotori della cultura völkisch , che adattavano adialetticamente vecchie forme ad esigenze attuali. Adorno si spinge fino al punto di suggerire che l'oggettivismo era, in un certo senso, il corrispondente del fascismo . Stravinskij poteva anche essere attaccato dai fascisti per la sua "distruttività", tuttavia, che se ne rendessero conto o meno, la sua musica esprimeva la loro ideologia. [50]

In anni recenti, Mario Baroni ha rivalutato la poetica stravinskijana attribuendole un fondo di assoluto pessimismo, il pessimismo «di un grande artista che celebra la sua sfiducia nelle funzioni della sua arte e lo dichiara a un pubblico che era ancora così ingenuo da credere a quelle romantiche fandonie». Sostanzialmente, al di là delle intenzioni stesse del musicista, la musica di Stravinskij costituisce uno sberleffo e una rottura quasi perfida del quadro culturale borghese del primo Novecento. [51]

Composizioni

Balletti

Opera/Teatro

Musica da camera

Musica corale

Composizioni per orchestra

Composizioni per strumento solista e orchestra

Composizioni per pianoforte

Composizioni per voce e strumenti

Arrangiamenti e trascrizioni

Scritti

  • Chroniques de ma vie , Edition Danoel 1935 trad. italiana di Alberto Mantelli, Feltrinelli, Milano, 1979
  • Poétique musicale sous forme de six leçons , Cambridge, Mass. 1942 trad. italiana di Lino Curci , Edizioni Curci , Milano, 1954.

Discografia parziale come direttore

Riconoscimenti

Nel 1953 gli è stato conferito il Premio Internazionale Feltrinelli dall' Accademia dei Lincei . [52]

È stato dato il suo nome a un asteroide scoperto nel 1989, 4382 Stravinsky .

Particolarità

  • Per tracciare il pentagramma Stravinskij utilizzava un particolare strumento a rotelle di sua invenzione [53]
  • Stravinskij aveva la mania di mangiare un uovo sodo prima di ogni concerto (citato da Claude Desmeils nel suo libro "Ma vie avec les musiciens. Bruxelles, 1946).
  • Fu un appassionato giocatore di carte, in particolare di poker a cui fa riferimento nel balletto Jeu de cartes ; occasionalmente, dopo pranzo si dilettava con lo Xiangqi , scacchi cinesi. [54]

Note

  1. ^ Tratto dalla lettera di Debussy a Robert Godet. 4 gennaio 1916 citato in: "I bemolle sono blu, lettere dal 1884 al 1918" di Claude Debussy . pag. 199
  2. ^ a b c d e f Igor Stravinskij, Chroniques de ma vie , Parigi, Editions Danoel, 1935.
  3. ^ a b Igor Stravinskij - Robert Craft, Memories and Commentaries , London, Faber & Faber, 1962.
  4. ^ a b Igor Stravinskij-Robert Craft, Expositions and Developments , Faber & Faber, Londra, 1962
  5. ^ Robert Siohan, Stravinsky , Parigi, Editions du Seuil, 1959.
  6. ^ Roman Vlad, Strawinsky , Torino, Einaudi, 1958, p. 30.
  7. ^ Wise , p.250 .
  8. ^ Roman Vlad, Strawinsky , Torino, Einaudi, 1958, p. 165.
  9. ^ Igor Stravinskij - Robert Craft, Colloqui con Stravinsky , Torino, Einaudi, 1977, p. 176.
  10. ^ Roman Vlad, Strawinsky , Torino, Einaudi, 1958, p. 5.
  11. ^ Roman Vlad, Strawinsky , Torino, Einaudi, 1958, p. 355.
  12. ^ Robert Siohan, op.citata , p. 157.
  13. ^ Robert Siohan, op.citata , p. 29.
  14. ^ a b Massimo Mila, Breve storia della musica , Torino, Einaudi, 1963.
  15. ^ Robert Siohan, op.citata , p. 76.
  16. ^ Gildo De Stefano , Ragtime, jazz & dintorni , Milano 2007 - Capitolo: Le influenze sugli autori della vecchia Europa
  17. ^ Roman Vlad, Strawinsky , Torino, Einaudi, 1958, p. 102.
  18. ^ Roman Vlad, Strawinsky , Torino, Einaudi, 1958, pp. 62-63.
  19. ^ Robert Wangermée, Specchi di Stravinsky in Nuova Rivista Musicale Italiana, 1971, III, trad. di Domenico De Paoli .
  20. ^ Roman Vlad, Strawinsky , Torino, Einaudi, 1958, p. 127.
  21. ^ Roman Vlad, Strawinsky , Torino, Einaudi, 1958, p. 227.
  22. ^ Igor Stravinskij - Robert Craft, Themes and Episodes , New York, Alfred A. Knopf, 1966.
  23. ^ Robert Siohan, op.citata , p. 139.
  24. ^ Andriessen , p.17 .
  25. ^ Wangermée , p.34 .
  26. ^ Vlad , p.5 .
  27. ^ Boucourechliev , p.165 .
  28. ^ Boucourechliev , p.166 .
  29. ^ Collaer , p.69 .
  30. ^ Boucourechliev , p.152 .
  31. ^ Baudrier , p.139 .
  32. ^ Stravinskij1942 , p.45 .
  33. ^ Stravinskij , p.162 .
  34. ^ Wangermée , p.15 .
  35. ^ Stravinskij1942 , p.35 .
  36. ^ Stravinskij1942 , p.56 .
  37. ^ Stravinskij1942 , p.57 .
  38. ^ Stravinskij , pp. 94-95 .
  39. ^ Wangermée , p.14 .
  40. ^ Stravinskij , p.40 .
  41. ^ Tansman , p.155 .
  42. ^ a b c Igor Stravinskij - Robert Craft, Expositions and Developments , London, Faber & Faber, 1962.
  43. ^ Nella versione originale: "How much poorer we are without the sacred musical services, without the Masses, the Passions, the round-the-calendar cantatas of the Protestants, the motets and sacred concerts, and vespers and so many others. These are not merely defunct form but parts of the musical spirit in disuse. The Church knew what the Psalmist knew: music praises God. Music is as well or better able to praise Him than the building of the church and all its decoration; it is the Church's greatest ornament. Glory, glory, glory...this particular "glory" does not exist in secular music". Igor Stravinskij, Robert Craft, Conversations with Igor Strawinsky , Faber & Faber, Londra, 1959, p. 74, traduttore Luigi Bonino Savarino, Colloqui con Stravinsky , Torino, Einaudi, 1977, p. 88-89.
  44. ^ Vlad , p.297 .
  45. ^ Vlad , p.294 .
  46. ^ Taruskin , pp. 63-64 .
  47. ^ Collaer , p.70 .
  48. ^ Theodor W. Adorno , Philosophie der neuen Musik , JCB Mohr, 1949, Tübingen , traduzione di Giacomo Manzoni, Filosofia della musica moderna , Torino, Einaudi, 1959.
  49. ^ Theodor W. Adorno, Philosophy of Modern Music , New York, New York: Continuum, 1973, p. 195, ISBN 978-0-8264-0138-0 .
  50. ^ Martin Jay, L'immaginazione dialettica , Torino, Giulio Einaudi Editore, 1979, pp. 287-288.
  51. ^ Mario Baroni, Nascita e decadenza delle avanguardie storiche , Enciclopedia della musica, I, Il Novecento, Torino 2001, pp. 14-15
  52. ^ Premi Feltrinelli 1950-2011 , su lincei.it . URL consultato il 17 novembre 2019 .
  53. ^ Charles-Ferdinand Ramuz, Souvenirs sur Igor Stravinsky , Losanna, Mermod, 1929.
  54. ^ Alexandre Tansman, Igor Stravinskij , Parigi, Amiot-Dumont, 1948

Bibliografia

  • Theodor W. Adorno , Philosophie der neuen Musik , JCB Mohr, 1949, Tübingen , traduzione di Giacomo Manzoni, Filosofia della musica moderna , Torino, Einaudi, 1959.
  • Louis Andriessen, Elmer Schönberger, Het Apollinisch Uurwerk: Over Stravinsky , traduzione di Valeria Gorla, L'orologio apollineo. Su Stravinsky , Milano, Il Saggiatore, 2017.
  • Yves Baudrier, Avec Igor Strawinsky, in Musique russe, tome 1 , Parigi, Presses Univ. de France, 1953.
  • André Boucourechliev, Strawinsky un et multiple in AA.VV. Strawinsky , Parigi, Hachette, 1968.
  • Pierre Boulez , Strawinsky demeure in Musique russe, tome I, Parigi, 1953 , traduzione di Luigi Bonino Savarino, Strawinsky rimane in Note di apprendistato, Torino, Einaudi, 1968.
  • Alfredo Casella , Igor Strawinsky , Roma, Formiggini, 1ª ed., 1926, Brescia, La Scuola, 2ª ed. 1951, 3ª ed. 1961; nuova edizione a cura di Benedetta Saglietti e Giangiorgio Satragni, prefazione di Quirino Principe, Roma, Castelvecchi, 2016
  • Paolo Castaldi , Nel nome del padre. Riflessione su Strawinsky , Milano, Adelphi, 2005, ISBN 88-459-1956-0 .
  • Paul Collaer , Strawinsky , Bruxelles, Equilibres, 1931.
  • Domenico De' Paoli , L'opera di Strawinsky , Milano, Paravia, 1931.
  • Boris De Schloezer, Igor Strawinsky , Parigi, C. Aveline, 1929.
  • Allen Forte, The Harmonic Organization of the Rite of Spring , New Haven, Yale University Press, 1978.
  • Michel Georges-Michel, Sur Strawinsky , in La Revue Musicale , n° spec., dicembre 1923.
  • Peter Hill, Stravinsky, The Rite of Spring , Cambridge, Cambridge University Press, 2000, ISBN 0-521-62714-1 .
  • Gian Francesco Malipiero , Strawinsky , Venezia, Edizioni del Cavallino, 1945.
  • Giorgio Pestelli , Il giovane Strawinsky(1906-1913) , Torino, G.Giappichelli, 1973.
  • Charles-Ferdinand Ramuz , Souvenirs sur Igor Stravinsky, Losanna, Mermod, 1929 , traduzione di Robero Lana, Ricordi di Igor Stravinsky , Napoli-Salerno, Orthotes, 2017, ISBN 978-88-9314-087-4 .
  • André Schaeffner, Strawinsky , Paris, Les Editions Rieder, 1931
  • Heinrich Ströbel, Strawinsky: Classic Humanist , New York, Merlin Press, 1955
  • Robert Craft , Alessandro Piovesan e Roman Vlad , Le musiche religiose di Igor Stravinsky , Venezia, Lombroso, 1956
  • Robert Siohan , Strawinsky , Parigi, Ed. du Seuil, 1959, ISBN 2-02-000232-9 .
  • Giampiero Tintori, Stravinski , Milano, Nuova Accademia, 1964 (2ª edizione riveduta, 1979)
  • Igor Stravinskij e Robert Craft, Colloqui con Stravinskij (ed. orig. Conversations with Igor Stravinsky , Memories and Commentaries , Expositions and Developments , Faber and Faber e Doubleday), Torino, Einaudi , 1977
  • Pieter C. van den Toorn, The Music of Igor Stravinsky , New Haven, Yale University Press, 1983
  • Massimo Mila , Compagno Strawinsky , Torino, Einaudi, 1985
  • Carlo Migliaccio, I balletti di Igor Stravinskij , Milano, Mursia, 1992
  • Gianluigi Passaro, Il vento prima che soffi. Gli orizzonti dell'inconscio ne Le Sacre du Printemps di Igor Stravinskij , Roma, Edizioni Kappa, 2010
  • Mark McFarland, Igor Stravinsky in Oxford Bibliographies Online: Music . Edited by Bruce Gustavson. New York: Oxford University Press, 2011
  • Igor Stravinskij, Chroniques de ma vie, Paris, Danoël, 1935 , traduzione di Alberto Mantelli, Cronache della mia vita , Milano, Feltrinelli, 1979.
  • Igor Stravinsky, Poétique musicale sous forme de six leçons, Cambridge, Mass. 1942 , traduzione di Lino Curci, Poetica della musica , Milano, Curci, 1954.
  • Alexandre Tansman, Igor Stravinskij , Parigi, Amiot-Dumont, 1948.
  • Richard Taruskin , Stravinsky and the Russian Traditions. A Biography of the Works Through Mavra, University of California Press, 1996, Berkeley and Los Angeles , traduzione di Daniele Torelli, cap.12 Le sacre du printemps. Le tradizioni russe. La sintesi di Stravinsky , Sesto Ulteriano, Mi, MGB Publications, 2002, ISBN 978-88-7592-721-9 .
  • Gianfranco Vinay, Stravinsky neoclassico. L'invenzione della memoria nel '900 musicale , Venezia, Marsilio, 1987
  • Gianfranco Vinay (a cura di), Stravinskij , Bologna, Il Mulino, 1992
  • Roman Vlad , Architettura di un capolavoro. Analisi della Sagra della primavera di Igor Stravinsky , Torino, BMG Publications, 2005, ISBN 88-7592-802-9 .
  • Roman Vlad, Strawinsky , Torino, Einaudi, 1958.
  • Robert Wangermée, Specchi di Strawinsky trad. it. di Domenico De Paoli , in Nuova Rivista Musicale , 1971, III.
  • Eric Walter White, Strawinsky, the Composer and his Works , Londra, Faber and Faber, 1966.
  • Stanley Wise, Impressions of I.Strawinsky , in The Musical Quaterly , II, 1916.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Attualmente la Fondation Igor Stravinsky di Ginevra si occupa della divulgazione dell'opera del compositore.

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 17309155 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2122 4298 · SBN IT\ICCU\RAVV\019810 · Europeana agent/base/146972 · LCCN ( EN ) n79070061 · GND ( DE ) 118642545 · BNF ( FR ) cb12405560k (data) · BNE ( ES ) XX953980 (data) · ULAN ( EN ) 500372460 · NLA ( EN ) 36176298 · BAV ( EN ) 495/280729 · NDL ( EN , JA ) 00457914 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79070061