Grosseto

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Dezanbigasyon - Si ou ap chèche pou komin lan nan depatman an nan Sid korsik , gade Grosseto-Prugna .
Grosseto
komen
Grosseto - manto nan bra Grosseto - Drapo
( detay )
Grosseto - View
Sant Grosseto
Kote
Leta Itali Itali
rejyon an Manto zam Tuscany.svg Tuscany
pwovens Pwovens nan Grosseto-Stemma.png Grosseto
Administrasyon
Majistra Antonfrancesco Vivarelli Colonna ( endepandan sant-dwa ) soti nan 20-6-2016
Teritwa
Kowòdone 42 ° 46'20 "N 11 ° 06'32" E / 42.772222 ° N 11.108889 ° E 42.772222; 11.108889 (Grosseto) Kowòdone : 42 ° 46'20 "N 11 ° 06'32" E / 42.772222 ° N 11.108889 ° E 42.772222; 11.108889 ( Grosseto )
Altitid 10 m slm
Sifas 473,55 [2] km²
Moun ki rete 81 641 [3] (31-8-2020)
Dansite 172.4 abitan / km²
Fraksyon Alberese , Batignano , Braccagni , Istia d'Ombrone , Marina di Grosseto , Montepescali , Nomadelfia , Principina a Mare , Principina Terra , Rispescia , Roselle
Minisipalite vwazen yo Campagnatico , Castiglione della Pescaia , Gavorrano , Magliano nan Toscana , Roccastrada , Scansano
Lòt enfòmasyon
Kòd postal 58100
Prefiks 0564
Lag jè UTC + 1
ISTAT kòd 053011
Kòd Cadastre E202
Plak NS
Cl. sismik zòn 4 (trè ba sismisite) [4]
Cl. klimatik Zòn D, 1 550 GG [5]
Non moun ki rete grossetani [1]
Patwon Saint Lawrence
Jou Konje 10 Out
Kartografi
Mappa di localizzazione: Italia
Grosseto
Grosseto
Grosseto - Kat jeyografik
Pozisyon nan minisipalite a nan Grosseto nan pwovens lan an menm non yo
Sit entènèt enstitisyonèl

Grosseto ( AFI : / ɡrosˈseto / [6] , pwononsyasyon [ ? · Info ] ) se yon vil Italyen nan 81 641 moun ki rete [3] , kapital nan pwovens lan an menm non yo nan tuscany . Pa zòn tè, li se minisipalite nan pi gwo nan rejyon an.

Nan nivo demografik la, vil la te gen sèlman 4 724 moun ki rete imedyatman apre inifikasyon Itali [7] , apati de lè sa a sou yon kwasans eksponansyèl ki te mennen nan simonte papòt la nan 70 000 inite an 1991 . [8]

Soti nan yon pwen de vi planifikasyon iben, vil la se youn nan kapital yo kèk ki gen sant istorik rete konplètman antoure pa yon sèk nan mi yo , an jeneral entak, ki te kenbe aparans li prèske chanje sou syèk yo.

Jewografi fizik

Plaj la nan Marina di Alberese

Teritwa

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Maremma ak Valle dell'Ombrone .

«Grosseto se yon vil plenn. Limyè lanmè a, klè ak pale, pa jwenn okenn obstak nan lonbraj la, li bale atravè syèl la louvri nan kwen nan orizon an. Lugubr "vat" Moscona a ap veye sou zepòl li tankou yon santinèl nan yon palto ferrigno, veye plenn lan. Ak nan direksyon pou lanmè a, mòn yo Uccellina fennen nan orizon an nan syèl lòt byen lwen. "

( Geno Pampaloni , Fidèl amitye [9] )

Vil la sitiye sou 12 km soti nan lanmè a (kote distri minisipal yo nan Marina di Grosseto ak Principina yon Mare neglije), nan sant la nan yon plenn alluvions yo rele Maremma grossetana , nan confluence nan fon an Ombrone . Nan tan lontan, anpil nan zòn plat la te okipe pa Lake Prile ki lonje prèske nan pati lwès vil la. Ansyen basen lak kotyè a ak karakteristik marekaj te prèske konplètman disparèt apre travay yo kanalizasyon ki enkli nan Kominikasyon nan dizwityèm syèk la te pote soti nan Lorraine a , definitivman ranpli ant ven yo ak trant nan ventyèm syèk la pa gouvènman an fachis .

Nan pati nò-lès teritwa minisipal la, tou pre vilaj modèn nan Roselle ki te augmenté tou pre ansyen etrusk - Women vil la , gen yon sezon prentan tèmik nan dlo souf, nan nati a menm ak orijin ki fè distenksyon ant basen yo ki pi popilè tèmik nan Saturnia ak spa yo lòt gaye ant mòn Amiata , zòn nan Tufo ak ti mòn yo nan Albegna ak Fiora .

Nan pati lès ak sid nan teritwa minisipal la ap koule larivyè Lefrat la Ombrone , ki ak kou li yo premye kouri ansanm ak vilaj la minisipal nan Istia d'Ombrone ak Lè sa a, apwòch lavil la nan kèk pwen ( San Martino , Alberino , Fornacione) ak kèk nan li yo. pasan yo ke yo anvan bouch la ki sitiye andedan Maremma Natirèl Park la , jis nan sid Principina yon Mare.

Pati lwès la nan zòn nan se nan rezèv lanati Diaccia Botrona , zòn marekajeu etann kote ansyen lak Prile a, pandan y ap pati nan sidwès nan zòn nan nan Maremma Natirèl Park la, ki kouvri zòn nan marekaj nan pèlen an ak premye branch yo nan Mòn Uccellina monte nan sid bouch Ombrone la .

Teritwa minisipal la gen ladan tou Formiche di Grosseto a , nan kè a nan achipèl la Tuscan National Park ; ilo yo ak detire a tout antye nan lanmè ki benyen kòt la Grosseto yo tou yon pati nan Ewopeyen an maren pwoteje zòn nan Tanp lan pou mamifè maren .

Se sant vil la ki sitiye nan yon wotè ki apeprè 10 mèt anwo nivo lanmè, pandan y ap teritwa ki rete minisipal la fin nan altitid ant nivo lanmè ak 417 mèt yo nan Poggio Lecci sou mòn yo Uccellina, kote Abbey la nan San Rabano kanpe. Ak Uccellina la. gwo kay won ; yon lòt soulajman enpòtan pou remake se Poggio di Moscona a (317 mèt anwo nivo lanmè) ki, ak fòtifikasyon karakteristik li yo , domine vil la nan Roselle. Sepandan, pran an konsiderasyon sèlman zòn iben yo ak sant rete, wotè a maksimòm anrejistre nan Montepescali ak 222 mèt altitid.

Vil la se 145 km soti nan Florence , 175 km soti nan lavil Wòm , 170 km soti nan ayewopò entènasyonal la ak entèrkontinanto nan lavil Wòm-Fiumicino ayewopò ; lavil yo pwovens kapital ki pi pre Grosseto yo, nan lòd, Syèn (75 km), Viterbo (122 km), Livorno (135 km).

Volpi nan Maremma Natirèl Park la

Teritwa minisipal la pwolonje sou yon zòn antyèman klase kòm gen sismikite ki ba anpil. Istorikman, te gen anpil evènman sismik ki te afekte vil la ak vilaj li yo, ki gen episant yo te toujou chita nan yon distans. Tranbleman tè "pi fò" ki te janm rive nan Grosseto se te nan nwit la la nan Out 25, 1909 , ki te Murlo kòm episant li yo: nan okazyon sa a efè yo modès yo te enkli ant degre nan IV nan echèl la Mercalli ki te anrejistre nan la. zòn pati lwès ak sid nan zòn minisipal la ak degre nan V nan echèl la menm ki enplike sant istorik la ak zòn yo nan nò a ak bò solèy leve nan lavil la (nan lokalite a nan pwovens lan nan Syèn ki te episant lan, grandè a te 5.40 sou echèl Richter ak wityèm degre Mercalli). Lòt evènman ki depase papòt la nan tranbleman enstrimantal yo te, akòz yon efè diminye, sa yo ki an Out 14, 1846 ak degre nan katriyèm nan echèl la Mercalli (episant nan Orciano Pisano kote te gen yon grandè 5.71 nan echèl la Richter ak IX la degre nan Mercalli a), ak sa yo ki an, 12 fevriye 1905 ki rive nan degre III-IV nan echèl la Mercalli (episant Santa Fiora ak 4.83 grandè nan echèl la Richter ak VI degre nan Mercalli la). [10]

Klima

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Klima nan Grosseto , Klima nan tuscany ak klima Italyen .

Klima a nan vil la nan Grosseto apeze pa pwoksimite nan lanmè a e li gen ete cho, men toujou ap ayere pa briz lanmè lwès la ak sezon ivè ki pa patikilyèman frèt. Selon klasifikasyon klimatik [11] Thornthwaite te pwopoze a ki baze sou sa yo rele Endèks imidite , vil Grosseto karakterize pa yon klima subarid C 1 , mesotèmal B ′ 2 , ak sipli sezon ivè modere s (defisi dlo ant avril ak septanm nan apeprè 300 mm) ak konsantrasyon ete nan efikasite tèmik b ' 4 , karakteristik komen nan pi fò nan teren an kotyè nan Grosseto a ak Lazio Maremma [12] .

Nan nivo fitoklimatik la, tout teritwa minisipal Grosseto a ka enkli nan sub-zòn cho nan Lauretum nan kalite 2yèm, ki menm jan an tou afekte tout detire kotyè a ak plat ak ba-ti mòn aryè tè a nan tout pwovens lan.

Mwayèn tanperati anyèl yo alantou 15 ° C nan zòn plat yo, ak valè mwayèn alantou 8 ° C nan mwa janvye ak fèmen nan 24 ° C nan mwa jiyè [13] .

Presipitasyon yo, olye ki genyen ak konsantre pi wo a tout nan peryòd la otòn, yo jeneralman nan dire kout, pafwa nan yon nati tanpèt. An mwayèn, yo osile anviwon 600 mm chak ane (valè ki pi ba sou teren kotyè a, pi wo nan aryè kontinantal ak aksidante), distribiye ant 60 ak 70 jou [13] . Malgre ke zòn nan relativman ti kras lapli, vil la soufri grav domaj pandan inondasyon an Grosseto nan 4 novanm 1966 , pandan ke li rete sou kwen nan zòn ki pi afekte pa inondasyon an nan Maremma a Grosseto nan Novanm 2012 , lè inondasyon ki te fèt. lès ak sid vilaj yo, ak izolasyon nan vilaj yo nan Rispescia ak Alberese pou de jou.

Sou baz done yo ekstrapole nan sondaj elyofan yo nan peyi Itali, nan tout kapital pwovens yo, Grosseto se youn nan vil yo ki an mwayèn gen pi gwo kantite jou ak syèl klè pandan tout ane a. Peryòd pwolonje nan jou solèy sanble yo souvan, sitou pandan sezon prentan an ak sezon ete, men pafwa tou nan sezon fredi, espesyalman nan zòn nan nan teritwa a minisipal ki don kòt la [14] [15] .

Nèj , evènman ki ra anpil, rive nan plenn yo sèlman nan evènman an nan yon refwadisman entans ak ki pèsistan sou tè a, ki te swiv pa desandan trè rapid nan imid lè Arctic nan direksyon pou lanmè a tirèn , ak konsekan deklanche nan van trè frèt ki kontribye nan kenbe ideyal kondisyon tèrmometrik pou detèmine lanèj lanèj menm nan nivo lanmè nan zòn Grosseto (evènman istorik ki te fèt nan mwa fevriye 1956 , janvye 1985 ak 29 desanm 1996 ). Ant 2001 ak 2012 , sou baz mezi nèj ki te fèt nan estasyon meteyorolojik fòs aeryen an , mwayèn akimilasyon nèj anyèl yo te monte a 0,83 cm; evènman an ak akimilasyon ki pi enpòtan nan nouvo milenè a se youn nan ak 5 cm nan akimilasyon nan èdtan yo byen bonè nan 16 janvye 2002 (lòt nèj ak akimilasyon ki te fèt sou 26 fevriye 2001 ak 10 fevriye 2012 ak 2 cm nan tou de okazyon ak 2 fevriye , 2010 ak 1 cm nan akimilasyon nan èdtan yo byen bonè nan jounen an).

Bwouya se yon fenomèn ki ra anpil epi ki dire lontan, an mwayèn li rive 3-4 fwa nan yon ane epi sèlman nan lè bonè nan maten. Rate nan fenomèn sa a favorize elyofani a segondè.

Estasyon meteyorolojik

Nan zòn minisipal la twa estasyon metewolojik yo sitiye: estasyon metewolojik Grosseto Ayewopò a , ofisyèlman rekonèt pa ' Organizationganizasyon Mondyal meteyorolojik , estasyon meteyorolojik nan Grosseto Sant ak estasyon metewolojik Alberese (de lèt sa yo poko make pa kòd WMO ak / oswa kòd ICAO ).

Tablo ki anba a montre mwayèn valè klimatolojik ki gen rapò ak trant ane referans klima 1961 - 1990 [16] [17] [18] [19] [20] , anplis valè tanperati ekstrèm chak mwa yo anrejistre nan 1951 ivè [21] [22] nan estasyon meteyorolojik ayewopò Grosseto nan sèvis meteyorolojik fòs aeryen an . Etandone disponiblite difisil nan done anvan 1950 , li pa ka ekskli ke pi wo tanperati maksimòm oswa pi ba tanperati minimòm pase valè anyèl yo ak chak mwa absoli rapòte ladan yo te deja fèt.

Grosseto Ayewopò Mwa Sezon Ane
Janvye Fevriye Mas Avril Mag Anba a Jul Deja Mete Oktòb Nov. Desanm Env Pri East Ot
T. max. mwayenC ) 11.9 13.0 15.1 17.9 22.2 26.4 29.9 29.8 26.5 21.7 16.2 12.6 12.5 18.4 28.7 21.5 20.3
T. min. mwayenC ) 2.7 3.3 4.6 6.8 10.2 13.9 16.7 17.1 14.7 11.2 6.8 3.7 3.2 7.2 15.9 10.9 9.3
T. max. absoliC ) 19.9
(1955)
22.6
(1991)
25.6
(1989)
28.4
(2007)
33.6
(1953)
39.0
(2003)
38.8
(2004)
40.2
(1958)
36.2
(1982)
30.6
(2001)
27.0
(2004)
20.2
(1954)
22.6 33.6 40.2 36.2 40.2
T. min. absoliC ) −13.2
(1985)
−13.0
(1991)
−7.7
(1956)
-2.6
(1970)
−0.2
(1957)
5.2
(1962)
8.8
(1993)
10.0
(1972)
6.6
(1957)
−0.6
(1970)
-5.2
(1973)
−10.0
(1996)
−13.2 −7.7 5.2 -5.2 −13.2
Presipitasyon ( mm ) 64.1 56.7 56.2 49.6 39.9 27.1 20.2 37.4 64.5 86.8 93.8 64.9 185.7 145.7 84.7 245.1 661.2
Jou lapli 7 6 7 7 5 3 2 3 4 6 9 7 20 19 8 19 66

Istwa

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Istwa Grosseto .

"Vil fò. Pa gwo, byen mi
ak defann pa sis bastyon ak yon fò,
ak sèlman de pòt, yon sèl fè fas a tè pwensipal la,
lòt la, ki soti nan ki ou ale deyò nan direksyon pou lanmè a "

( Emanuele Repetti , Istorik Diksyonè fizik jeyografik nan tuscany , 1835 )
Kraze yo nan vil la nan Roselle

Ansyen laj

Premye mansyone nan vil la nan Grosseto dat tounen nan yon dokiman nan ane a 803 nan ki evèk la nan Lucca Iacopo ceded legliz la nan San Giorgio ki sitye nan "Loco Grossito" Ildebrando Aldobrandeschi, pandan ke yo nan 973 li te ankò ateste kòm "curtis cum castrum ". [23]

Sepandan, tout teritwa minisipal la te rete depi peryòd pre-istorik la, jan sa ka wè nan rès yo nan kèk CAVES ki sitiye tou pre mòn Uccellina yo, ant lokalite Alberese ak bouch larivyè Lefrat la Ombrone , nan Maremma Natirèl Park la : nan patikilye, nan Grotta della Fabbrica ak nan Grotta dello Scoglietto , jwenn date tounen nan Paleolitik la ak kwiv la ak Bwonz Laj respektivman te vin nan limyè.

Se vre wi Grosseto pa t 'egziste kòm yon règleman pèmanan nan peryòd la etrusk , lè olye pou tout zòn nan te sijè a ejemoni a nan vil la enpòtan nan Roselle , ki chita sou yon ti mòn yon ti kras pi lwen nan nò. Nan sizyèm syèk anvan epòk nou an, peryòd pi bèl nan Roselle, relasyon komèsyal ak lòt vil etrusc enpòtan yo dokimante, tankou Vetulonia , Populonia ak Vulci . Yon vil pwospere ki gouvène yon teritwa vas ki lonje soti nan lanmè a Monte Amiata , li goumen nan lagè a kont Tarquinio Prisco ansanm ak lòt pèp yo Latin, evantyèlman ke yo te konkeri pa Women yo nan 294 BC ak vin yon minisipalite Women . Nan 205 BC li kontribye nan rezèv la nan grenn jaden ak bwa pou flòt la nan Scipio Afriken an pandan Dezyèm Gè a Punik . Anba anpi a li te vin yon koloni e li te fè eksperyans yon peryòd de bèl bèl ak konstriksyon nan fowòm nan, bazilik la, sirk la ak basen yo. Nan senkyèm syèk la li te bati kòm yon evèk (premye atestasyon nan 499).

Laj Medyeval

N bès nan Rusellae te kòmanse nan sizyèm syèk la, anvayi pa eklere soti nan nò a. Avèk fen 6yèm syèk la Roselle se te youn nan gwo fò ki rete Bizanten nan Tuscia, konkèt la Lombard dat tounen nan syèk la byen bonè 7th. Li se nan peryòd sa a ke nwayo a an premye nan vilaj la nan Grosseto pwobableman te vin fòme, ki kèk syans vle idantifye nan zòn nan nan ventyèm syèk la ant piazza della Palma ak piazza dei Martiri d'Istia . Pandan ke kontinye ap yon evèk, Roselle te prèske dezole, pandan ke kominote a nan Grosseto fòme en ansanm larivyè Lefrat la Ombrone ak grandi pi plis ak plis nan kantite.

Nan 1137 te gen yon syèj mennen nan lavil la pa twoup Alman yo nan Duke Arrigo nan Bavaria , [23] ki moun ki entèvni kontrekare disansyon an fò te pote soti pa sitwayen yo nan Grosseto kont anperè a nan tan an, ki tou abouti nan ki pa- peman taks yo. Finalman, Pap Inosan II , ki te pase tan nan Maremma ant 1133 ak 1137, deside transfere evèk la nan Grosseto, [23] bay kominote a tit civitas . Sou 9 avril 1138 , ak ti towo bèf la Sacrosancta Romana Ecclesia , Pap Innocent II dekrete nesans dyosèz la nan Grosseto .

Grosseto, kounye a yon vil plen véritable, akeri yon nouvo fizyonomi karakterize pa wòch ak konstriksyon brik ki ranplase pòv bilding byen bonè medyeval nan fen 12yèm syèk la e li te byento youn nan gwo fò prensipal yo nan fanmi an pwisan Aldobrandeschi [24] : li yo pozisyon santral nan plenn lan ki eklèsi sou lanmè a tirèn ak pwoksimite nan plat yo sèl prensipal soti nan kòt la (Castiglione, Querciolo) te fè li patikilyèman apwopriye pou komès. [23] Apre yon premye sèman inilateral nan lwayote a Syèn , byenke li pa posib eskli yon priori angajman korespondan pa lèt la nan ki nou te pèdi memwa [25] , pou kontwòl la nan koutim yo sèl, fèt pa moun yo nan Grosseto nan 1151, [23] Aldobrandeschis yo te fòse yo etidye yon plan ki ta garanti pèmanans yo nan pouvwa ak, an menm tan an, rekonesans an nan yon otonomi gwo nan lavil la.

Manto nan bra Aldobrandeschi la

Apre kèk deseni nan enpas, rekonesans fòmèl nan minisipalite a te rive nan kòmansman anpil nan 13yèm syèk la, epi, nan 1204 , yo te apwouve premye lwa a, sa yo rele Konstitisyon Libète yo , kote relasyon sosyo-ekonomik ak jiridiksyon yo te etabli. ant konte yo ak sitwayen yo nan Grosseto ak an patikilye fakilte a, pou lèt la, yo eli konsil sicuti antiquitus consuevit , konsa enstitisyonalize sa ki te lontan yon eta de zafè ki deja egziste depi dènye deseni yo nan 1100 [25] . Nan 1222 posibilite pou sitwayen yo nonmen konsil, yon podestà ak konseye te konfime; mezi sa a te mennen Grossetans yo repouse deklarasyon an sèman te fè nan Syèn syèk anvan an. Apre yon tantativ Sienese pou retabli lòd, avèk syèj 1224 la (avèk èd Aldobrandeschi ki te fòse tèt yo rete nan palè yo avèk yon gwo fò won epi goumen kont sitwayen Grosseto [25] ), minisipalite gratis Grosseto sipoze sou tan pi plis ak plis otonomi, mèsi tou nan diminisyon nan pwogresif nan apartyin yo nan Aldobrandeschi a ki te kontrebalans pa prezans nan ankonbran nan Syèn, nan yon sistèm nan Sienese-Grosseto alyans (1251, 1262, 1277) ak lèt ​​la nan dominant pozisyon [25] . Li te nan ane sa yo, ant 1243 ak 1246 , ke Anperè Frederick II nan Swabia rive Grosseto pase tout sezon ivè a, gras a klima a twò grav ak marekaj vaste ozalantou vil la, kote li te kapab pratike lachas ak falkonri : nan mwa mas 1246 Frederick II prese kite lavil la apre yo te enfòme sou konplo a nan Capaccio , yon evènman tou vin chonje pa yon enskripsyon sou fasad la nan Palazzo Aldobrandeschi .

Aldobrandeschis yo te eseye reprann domèn yo pèdi nan pwovoke, nan mwa fevriye 1260, syèj la nan lavil la pa twoup yo nan wa Manfredi (ki te dirije pa Giordano D'Agliano) ak Syèn, yo nan lòd yo kalme zòn nan. Èske w gen jwenn kontwòl nan sant iben an, wa Manfredi akòde l 'yon privilèj lajè, li pran lavil la ak moun ki rete li yo anba pwoteksyon l' yo, ki konfime tou posibilite pou yo chwazi yon podestà kòm dabitid ak abri li soti nan objektif yo Sienese nan trape kontwòl [25] . Grosseto bò kote Syèn nan batay la nan Montaperti [26] ak de nan anbasadè li yo ale nan negosyasyon yo lapè ant Sienese a ak Florentin yo, nan Castelfiorentino nan Novanm 1260 [25] . Nan 1266 Aldobrandeschi a te pran sou lavil la gras a èd nan lame a nan Orvieto, kèk ekzile Sienese, konte yo Pannocchieschi ak kontribisyon an pwobab nan anpil sitwayen Grosseto nan yon tantativ libere li nan òbit politik la Sienese, men sis jou yo Sienese pita yo te pran kontwòl nan vil la pa mete deyò Orvietani la [25] . Ane annapre a, Pap Clement IV èkskomunike lavil la, ansanm ak Syèn, Piz ak San Miniato.

Bino degli Abati del Malia , viskonte nan Batignano , feyodal mèt nan Aldobrandeschi a, te pran avantaj de yon kriz entèn ki Syèn te fè eksperyans nan 1310 mennen yon revòlt ak ranvwaye Sienese a soti nan Grosseto. [23] Nan 1312, dominasyon an long nan Abbots yo nan Malia sou lavil la Maremma te kòmanse, ki te tou rekonèt pa Syèn ak yon negosyasyon lapè ant Repiblik la ak konte yo nan Santa Fiora sou, 17 avril 1317.

Minisipalite a nan Grosseto Se poutèt sa kenbe otonomi li yo ak jiridiksyon sou distri gwo li yo jouk nan konmansman an nan katriyèm dekad la nan katòzyèm syèk la. Nan 1324 jiris la Cino da Pistoia egzamine estati legal la nan relasyon ki genyen ant de vil yo ak eskli enklizyon nan tout tan tout tan nan vil la nan Grosseto nan jiridiksyon an Sienese [25] . Nan trete lapè yo negosye ant Pisa ak vil Guelph yo nan tuscany, Grosseto enkli nan mitan lèt la kòm yon vil alye nan Syèn [27] . Nan peryòd sa a (anvan gwo epidemi an nan 1348) popilasyon an nan vil la estime a ant 7000 ak 8000 moun. [28]

Apre li te tanporèman refè libète li yo, vil la nan Grosseto twouve li sènen nan mwa septanm nan 1328 pa twoup yo nan Ludovico il Bavaro ak antipap Niccolò V la , retounen soti nan lavil Wòm, ki moun ki mande pou manje, kado ak lwayote absoli ak obeyisans anperè a. Grossetans yo, ki te dirije pa pitit gason yo nan Bino, Malìa ak Abbatino, reponn ak yon defans ewoyik ak rezistans, tèlman bagay ke anperè a, kapab konkeri lavil la, te pran retrèt ou apre kat jou nan syèj initil. [23]

Pandan katòzyèm syèk la, vil la te soufri youn oubyen de inondasyon dezas (1308 ak 1333) ki te retire kou Ombrone a nan vil la, anpeche li pò pò rivyè li yo. Nan menm ane sa yo, ant 1334 ak 1336, apre yo fin chase Abbots yo nan Malia, Eta a nan Syèn definitivman konkeri Grosseto, mete l 'nan eta li yo kòm yon vil kapitule , ak pwolonje dominasyon li yo sou tout nan sid tuscany. [23] Seri negatif evènman yo, sepandan, pa te fin itilize: epidemi ki ka touye moun nan move maladi ki devaste Ewòp ant 1347 ak 1350 rive tuscany nan 1348 : li te kalkile ke moun ki mouri yo te ant 30% ak 50% nan popilasyon an. nan zòn ki afekte yo. Maremma a, karakterize nan tout tan pa yon dansite popilasyon fondamantalman ba, soufri yon efondreman reyèl demografik soti nan ki li pa ta kapab refè jouk ventyèm syèk la.

Nan ane 1355 ak 1356 te gen dènye, efemèr, tantativ rebelyon kont dominasyon Sienese ki Syèn byen vit kraze, fòse Grossetans yo renonse tout privilèj yo ki konpetisyon ak minisipalite a nan Grosseto pa vèti nan nenpòt ki konsesyon ak ki te sou yo te fonde aspirasyon yo pou endepandans [27] .

Laj modèn

Medici yo sibi Syèn nan mitan sèzyèm syèk la, Grosseto twò swiv sò li yo. [23] Vil la, tou pre lanmè a ak fwontyè yo nan Grand Duchy a, te gen gwo enpòtans estratejik pou Medici a pandan ke zòn nan vwazinaj la ta ka vin sous prensipal la nan pwovizyon grenn pou Florence. Apre syèj divès kalite te kòmanse nan 1554, Grosseto te konkeri pa Medici an Jiyè 1557 , lè twoup yo nan Cosimo I antre nan lavil la; lapè a nan Cateau-Cambrésis nan 1559 ofisyèlman sanksyon pasaj la definitif nan Gran duche a nan tuscany . [23]

Nan 1574 Francesco I komisyone travay yo pou konstriksyon an nan yon miray lavil nouvo ak pi gwo, menm plis fòtifye pase yon sèl la pre-egziste deja, ki ta fè sant vil la inpénétrabl. Mi yo nan Grosseto yo te fèt pa Baldassarre Lanci ak travay yo konstriksyon yo te pèsonèlman dirije pa l ': sou lanmò li, li te ranplase pa pitit gason l' Marino, epi pita pa enjenyè a Simone Genga . Nouvo mi yo te fini nan 1593 . [23] Sepandan, pa kounye a Grosseto te transfòme nan yon fò, chèz la nan ganizon militè yo, ak popilasyon an ki estab te diminye pi plis ak plis ankò. Yon peyi lajman marekajeuz epi li pa trè ibanize, nan 1745 li te gen yon popilasyon de sèlman 648 moun. [29]

Li te sèlman soti nan 18tyèm syèk la, ak Lorraine a , ke lavil la te kòmanse tou dousman refè ankò. Sou 18 Mas 1766 Pietro Leopoldo divize teritwa a nan ansyen Repiblik la nan Syèn nan de pwovens ak Pwovens Senese a Lower te etabli, ak Grosseto kòm kapital li yo. Mèsi a refòm yo Leopoldine, lavil la sibi yon desizif rne ekonomik ak kiltirèl. [23] Ciò nonostante, si rese necessaria l'approvazione del "Regolamento per l' estatatura " (1780), a causa della persistenza del rischio malaria , facendo sì che nella stagione estiva tutti gli uffici istituzionali fossero trasferiti nella vicina Scansano . [23]

Panorama di Grosseto nel 1935

Le riforme dei Lorena vennero interrotte con l'occupazione delle truppe francesi (1796) che si protrasse a più riprese fino al 1808, anno dell'annessione alla Francia napoleonica , con l'accorpamento degli arrondissement di Grosseto, Montepulciano e Siena nel Dipartimento dell'Ombrone . Il Congresso di Vienna del 1815 sancì il ritorno del Granducato di Toscana nelle mani di Ferdinando III di Toscana , al quale succedette il figlio Leopoldo II a partire dal 1824. Il 1º novembre 1825 fu così istituito il Compartimento di Grosseto , che sopravvisse fino all' Unità d'Italia : il suo territorio fu suddiviso nei distretti del capoluogo, di Arcidosso e di Orbetello .

Il granduca Leopoldo II governò fino al 1859, impegnandosi costantemente e in prima persona al completamento delle opere di bonifica, affidando gli incarichi ad importanti personalità come gli ingegneri Vittorio Fossombroni e Alessandro Manetti , e mettendo le basi per un ammodernamento e un sensibile miglioramento delle condizioni socio-economiche di Grosseto e del suo territorio. Il granduca è stato sicuramente l'uomo politico più apprezzato e amato dalla popolazione nella millenaria storia della città, tanto da essere affettuosamente soprannominato "Canapone", per il colore dei capelli e della barba, e onorato con un monumento scultoreo a lui dedicato, collocato in piazza Dante nel 1846.

Tram a cavalli di inizio Novecento
Il Palazzo delle Poste in una foto del 1933

Nel marzo 1860 il plebiscito che si svolse nel Granducato di Toscana sancì l'annessione allo Stato sabaudo, entrando così a far parte del Regno d'Italia .

Età contemporanea

Grosseto, ormai capoluogo della vasta Provincia di Grosseto , a partire dagli ultimi decenni del XIX secolo iniziò un'espansione senza pari nella sua storia, con la costruzione di nuovi sobborghi al di fuori della cinta muraria. Nel 1897, grazie all'interessamento del politico Ettore Socci , venne abolita l'estatatura ed iniziò un florido periodo per l'architettura grossetana, con la realizzazione di numerosi edifici nell'ottica dell' eclettismo dei revival neoclassici , neorinascimentale e neogotici , con una fiorente stagione liberty nei primi anni del XX secolo. [23]

Tra i principali eventi del nuovo secolo, si ricorda soprattutto il tragico bombardamento del 26 aprile 1943 , un lunedì dell'Angelo , che nelle ore centrali della giornata causò numerose vittime innocenti, tra i quali anche bambini e ragazzi che si trovavano per le vie del centro o nei parchi cittadini per trascorrere la giornata di festa. Un altro triste episodio si verificò quasi un anno dopo nelle campagne poco fuori Istia d'Ombrone . Nella zona avevano trovato rifugio numerosi renitenti alla leva, pacifisti che non avevano risposto alla chiamata alle armi della Repubblica Sociale Italiana . All'alba del 22 marzo 1944 fu catturato il gruppo di undici persone, tutti giovani, che furono tutti quanti fucilati al termine di un processo sommario tenutosi all'interno della scuola di Maiano Lavacchio che precedentemente era stata appositamente sgomberata: il triste avvenimento è passato alla storia come l' eccidio di Maiano Lavacchio . [30]

Nel dopoguerra continuò la crescita esponenziale della città, con la costruzione di moderni quartieri e lo sviluppo urbanistico delle frazioni balneari. Tra gli avvenimenti significativi, si segnala la disastrosa alluvione del 4 novembre 1966 che devastò la città: si contò una vittima. Grosseto nel ventunesimo secolo è una città di circa 80 000 abitanti, la cui crescita non pare arrestarsi, importante centro agricolo ed artigianale e principale città della Toscana meridionale.

Toponimo

Nel corso dei secoli, il capoluogo maremmano ha avuto diverse denominazioni, la più ricorrente delle quali era Grossetum ; in altre circostanze la città viene menzionata anche coi nomi Crassetum e Rosetum .

In ogni caso, la città è sempre menzionata col nome Grossetum nelle bolle pontificie di Papa Innocenzo II del 1138 , di Celestino II del 1143 e di Clemente III del 1188 ; questa risulta essere, pertanto, la corretta denominazione originaria di Grosseto.[31]

Simboli

Stemma di Grosseto
Gonfalone di Grosseto
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stemma di Grosseto .

Inizialmente, lo stemma della città di Grosseto era costituito unicamente dal grifone , mitico animale alato che rievoca la cultura e le origini dei cittadini grossetani, riconducibili al popolo etrusco che, fin dal VII secolo aC , si era insediato ed aveva abitato l'antica Roselle , città che ha costituito le vestigia del capoluogo maremmano.

In epoca medievale il grifone fu collocato sopra uno scudo rosso che rappresentava la vicinanza al partito ghibellino . Superato l'assedio del settembre 1328 quando, a seguito di quattro giorni di continua e intensa battaglia, vennero respinte le truppe di Ludovico il Bavaro , il grifone venne armato di una spada, a ricordo dello storico evento in cui la città passò agli onori delle cronache militari dell'epoca. Da allora, lo stemma comunale è pervenuto fino ai giorni nostri senza ulteriori modifiche[31] .

Monumenti e luoghi d'interesse

Nonostante la superficie piuttosto contenuta del centro storico cittadino, vi sono conservati monumenti che sintetizzano il passato e la storia della città nel corso dei secoli [32] . Data la vastità del territorio comunale, vanno segnalati anche numerosi luoghi d'interesse e monumenti, sia nelle singole frazioni che come entità isolate nella campagna.

Architetture religiose

Fianco destro della Cattedrale di San Lorenzo
Affresco sulla facciata della Chiesa di San Francesco
Facciata della Chiesa dei Bigi
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Chiese di Grosseto .
  • Cattedrale di San Lorenzo , o semplicemente duomo di Grosseto, è situata nella principale piazza della città ed è stata edificata tra il 1294 e il 1302 su progetto dell'architetto Sozzo di Rustichino, nel luogo dove precedentemente sorgeva l'alto-medievale pieve di Santa Maria . Lavori di completamento furono poi effettuati tra il 1330 e il 1340, ed infine la struttura fu rifatta nel XVI secolo ad opera di Anton Maria Lari. Ulteriori ristrutturazioni tra il 1840 e il 1865 hanno successivamente modificato l'aspetto rinascimentale dell'edificio, nel tentativo di riportarlo alle primitive forme medievali. Nel 2013 viene realizzata sul fianco destro della chiesa una pedana in marmo per l'accesso ai disabili. La facciata si presenta sulla scorta del gusto di matrice romanica per la bicromia bianco-rossa (marmo rosso di Caldana) e per le forme goticheggianti; su di essa sono poste le statue dei quattro evangelisti , risalenti al XIV secolo, un bel rosone centrale con la raffigurazione del Redentore , due chioschetti cinquecenteschi laterali, un ballatoio con colonnine originarie, un timpano con immagini religiose (1897) dell'artista Leopoldo Maccari. All'interno sono conservate alcune opere, tra cui: un' acquasantiera del 1506; un fonte battesimale di Antonio Ghini; le due vetrate realizzate su disegno di Benvenuto di Giovanni raffiguranti la prima Isaia e Michea, l'Annunciazione, i santi Pietro apostolo e Gerolamo, le sante Caterina d'Alessandria e Maria Maddalena , la seconda la Fede e la Speranza, i santi Michele arcangelo, Giovanni Battista, Bartolomeo apostolo, Ludovico, Lorenzo e Sebastiano ; un Crocifisso ligneo policromo della seconda metà del XV secolo; due angeli reggi-candelabro di Domenico Arrighetti; infine, la venerata Madonna delle Grazie , nella cappella sinistra del transetto, parte centrale di una tavola di Matteo di Giovanni , databile al 1470 . Molte delle opere d'arte originariamente situate nel duomo sono conservate nel museo d'arte sacra della diocesi di Grosseto . [33] [34] [35] [36]
  • Chiesa di San Pietro , situata lungo Corso Carducci , è la più antica chiesa di Grosseto. Originariamente posizionata lungo il tragitto dell'antica via Aurelia – che attraversava proprio il centro cittadino – è ricordata nella bolla di Clemente III del 1188. Di semplici e spoglie linee architettoniche, pare risalire originariamente all' VIII secolo , anche se ha subito sostanziosi ampliamenti tra il IX e il XII secolo e l'aspetto nel ventunesimo secolo è dovuto in parte ad alcuni restauri seicenteschi e settecenteschi, mentre il campanile è stato innalzato nel 1625. Sulla facciata, di fianco alle lesene che delimitano il portale, sono presenti quattro bassorilievi (due per ogni lato), databili tra il periodo bizantino e l'epoca alto-medievale: un bassorilievo raffigura elementi vegetali, su un altro è scolpita una figura umana, mentre gli altri due si caratterizzano per una serie di animali. [37] [38]
  • Chiesa di San Francesco , situata nell' omonima piazza del centro storico, è stata consacrata nel 1289 quando ne presero possesso i francescani, a seguito della riedificazione dell'edificio sul luogo di una più antica chiesa dedicata a san Fortunato e appartenente ai benedettini, i quali l'abbandonarono nel 1230. Lavori di ristrutturazioni successive hanno in parte modificato l'aspetto originario e agli inizi del XX secolo fu ricostruito il campanile, rialzato di un piano, danneggiato da un fulmine nel 1917. Sulla facciata è posto un piccolo rosone e sopra al portale una lunetta con l'affresco di Giuseppe Casucci raffigurante i santi Francesco d'Assisi e Lorenzo . All'interno, tra le varie opere, spicca soprattutto il Crocifisso ligneo duecentesco con dubbia attribuzione, oscillante tra Duccio di Buoninsegna , il Maestro di Badia ad Isola e Guido di Graziano . [39] Addossato al lato sinistro della chiesa si trova il convento con il chiostro, caratterizzato dalla presenza del cinquecentesco pozzo della Bufala . [40] [41]
  • Chiesa dei Santi Gherardo e Ludovico , detta dei Bigi, situata in piazza Baccarini a poca distanza dalle chiese di San Pietro e di San Francesco, è stata costruita nel 1585 insieme all'annesso convento delle clarisse. Sconsacrato agli inizi del XX secolo, è stato restaurato nel 2005 ed ha ospitato il museolab della città di Grosseto e la sede del corso di archeologia del Polo Universitario Grossetano. Conserva la decorazione in stucco degli altari barocchi opera del luganese Domenico Notari. [42]
  • Chiesa della Misericordia , piccolo edificio di culto situato in piazza Martiri d'Istia , è stata costruita tra il 1844 e il 1851, ed ha subito alcuni rifacimenti nel 1868. L'edificio sorge sul luogo dove era situata la più antica chiesa di San Leonardo , demolita nel 1844. [43]
  • Chiesa di San Giuseppe , chiesa parrocchiale dell'omonima zona del quartiere di Barbanella , è stata costruita dal 1935 al 1940, su progetto di Ernesto Ganelli . La consacrazione ufficiale fu tenuta il 14 aprile 1940 . Si presenta in un monumentale stile neoromanico. [44]
  • Chiesa di San Giuseppe Benedetto Cottolengo , chiesa parrocchiale dei quartieri ad est del centro storico, è stata costruita tra il 1946 e il 1951 in stile neoromanico. La consacrazione ufficiale fu tenuta il 29 aprile 1951 . [45]
  • Basilica del Sacro Cuore di Gesù , imponente chiesa situata lungo viale della Pace, fu fortemente voluta dal vescovo Paolo Galeazzi a ricordo delle vittime del bombardamento di Grosseto del 26 aprile 1943. Eretta in parrocchia il 2 febbraio 1949, iniziò la sua attività già dal 2 ottobre dello stesso anno nei locali della casa canonica prima e dell'asilo infantile poi. Il 12 giugno 1954 iniziarono i lavori della chiesa, su progetto di Ernesto Ganelli. La consacrazione fu effettuata il 26 aprile 1958 . La facciata è preceduta da una gradinata ed è interamente rivestita in travertino: su di essa sono poste le quattro statue in bronzo degli evangelisti realizzate da Tolomeo Faccendi . Sul fianco destro si eleva il campanile di 75 metri a forma ottagonale, mentre l'intero edificio è sovrastato dalla cupola poligonale di 55 metri, rivestita in rame, con una lanterna sovrastata da una statua dorata di Gesù a braccia aperte che simboleggia il Sacro Cuore . L'interno si caratterizza per le opere in bronzo dello scultore Faccendi e per la cripta in ricordo delle vittime del bombardamento con la tomba in marmo del vescovo Galeazzi. [46]
  • Abbazia di San Rabano , situata nel Parco naturale della Maremma ad una altezza di circa 320 metri sul livello del mare, in una sella tra poggio Uccellina (347 m) e poggio Lecci (417 m), è citata per la prima volta in un documento del 1101 come Santa Maria Alborensis . Monastero benedettino, fu ceduto all'ordine dei cavalieri di Gerusalemme nel 1307, per poi venire definitivamente abbandonato nel XVI secolo in seguito alla costruzione della chiesa di Sant'Antonio abate ad Alberese . Si presenta sotto forma di imponenti ruderi, che conservano ancora la monumentale torre campanaria. [47]
  • Cappella di Santa Maria , situata presso la fattoria della Grancia , conserva all'interno alcune opere cinquecentesche: in passato vi era situata anche una quattrocentesca Assunzione di Maria di Benvenuto di Giovanni , conservata al Metropolitan Museum di New York .
  • Abbazia di San Pancrazio al Fango , situata al limite est del territorio comunale, al confine con quello di Castiglione della Pescaia , poco distante dai Ponti di Badia , su di un'altura nota come Isola Clodia. In epoca romana qui sorgeva una villa, citata anche da Cicerone nel Pro Milone , mentre l'edificazione della chiesa è da far risalire al periodo alto-medievale, come possedimento dell' abbazia di Sant'Antimo , che poi lo cedette all' abbazia di Sestinga nella seconda metà del XII secolo; nel ventunesimo secolo si presenta sotto forma di ruderi.

Architetture civili

Palazzi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Palazzi di Grosseto .
Palazzo Aldobrandeschi
Palazzo Tognetti
  • Palazzo Aldobrandeschi , noto anche come Palazzo della Provincia, si trova in piazza Dante ed è stato costruito a partire dal 5 aprile 1900, dopo la demolizione del precedente Palazzo Pretorio, avvenuta nell'autunno dell'anno precedente. Il progetto è stato realizzato dall'architetto Lorenzo Porciatti , con alcune modifiche effettuate a lavori in corso da Guglielmo Calderini . L'edificio, in stile neogotico che richiama gli elementi stilistici del medioevo senese, è stato inaugurato il 31 maggio 1903 e da allora ospita la sede della Provincia di Grosseto .
  • Palazzo Comunale , situato in piazza Duomo, ospita la giunta, il consiglio e gli uffici amministrativi del Comune di Grosseto. L'edificio è stato realizzato a partire dal 1867 su progetto di Giovanni Clive, in uno stile eclettico prevalentemente neo-rinascimentale. Precedentemente la sede del Comune era ospitata presso il Palazzo Pretorio – poi trasformato nell'attuale Palazzo della Provincia – e qui sorgeva invece l'antica chiesa di San Giovanni decollato , già sconsacrata ed adibita a magazzino prima della sua demolizione.
  • Cassero del Sale , situato in piazza del Sale nei pressi di Porta Vecchia , è stato costruito nel XIII secolo come punto di raccolta e di distribuzione del sale che veniva estratto lungo la costa. La grande quantità di sale immagazzinata a Grosseto era famosa tanto che venne citata dal poeta Cecco Angiolieri in una delle sue rime. [48] L'aspetto attuale è dovuto a numerosi interventi iniziati nel XVI secolo quando vi furono addossate le mura medicee e continuati in età moderna con l'aggiunta di una scala esterna di accesso al primo piano. Nella piazza sono visibili i resti del "nuovo cassero del sale" realizzato dai senesi nel XIV secolo per affiancare quello più antico. Durante il dominio mediceo l'edificio fu distrutto, ma una delle quattro pareti fu però risparmiata per essere inglobata nella nuova cortina muraria.
  • Teatro degli Industri , situato lungo via Mazzini , è lo storico teatro di Grosseto. Risalente al 1819 , è stato completamente ricostruito fra il 1888 e il 1892 su progetto dell'architetto Augusto Corbi e sotto la direzione dell'ingegnere Ferdinando Ponticelli. Ulteriori restauri furono effettuati nel 1967, dopo l' alluvione , ad opera dell'architetto Giuliano Bernardini, e fra il 1989 e il 1990, nell'ambito del progetto integrato Regione Toscana-FIO per il restauro dei teatri, sotto la direzione dell'ingegnere Giancarlo Fedeli. [49]
  • Palazzo del Vecchio Tribunale , risale alla metà del XIX secolo ed è stato costruito su un preesistente edificio medievale. Adibito a sede del tribunale di Grosseto fino al 1964, ospita dal 1975 il museo archeologico e d'arte della Maremma ed il museo d'arte sacra della diocesi di Grosseto . [50] L'attuale Palazzo di Giustizia è invece situato fuori dal centro storico, in piazza Fabbrini, ed è stato realizzato tra il 1960 e il 1964 su progetto di Giuseppe Giorgio Gori e Rosario Vernuccio . [51]
  • Palazzo del Genio Civile , situato lungo Corso Carducci, ospita gli uffici del genio civile, ed è stato inaugurato nel gennaio del 1911 . Nel 1929 viene realizzato un primo ampliamento, su progetto dell'ingegner Corrado Costa, che comporta la realizzazione del fronte posteriore, differenziato stilisticamente rispetto alla facciata. Nel 1952 si realizza, su progetto dell'ingegnere Ramella, il quarto piano dell'immobile, arretrato rispetto al filo stradale. L'edificio si presenta in un eclettico stile liberty e pregevolmente decorato.
  • Palazzo Tognetti , situato lungo Corso Carducci, all'angolo con via Cairoli, è stato realizzato per conto dei fratelli Tognetti, proprietari di un'agenzia giornalistica, su progetto dell'ingegnere Giuseppe Luciani nel 1910 . Si tratta di uno dei massimi esempi di liberty a Grosseto.
  • Palazzo delle Poste e Telegrafi , situato su piazza della Vasca , è stato realizzato tra il 1929 e il 1932 su progetto dell'architetto Angiolo Mazzoni e si presenta nel tipico stile razionalista del periodo fascista. Precedentemente la sede delle Poste era situata all'interno delle mura, presso l' edificio di piazza Socci sede dell'Archivio di Stato.

Ville e fattorie

La Villa Granducale di Alberese
  • Centro Allevamento Quadrupedi , situato pochi chilometri a ovest della città lungo la strada per Castiglione della Pescaia , era originariamente una tenuta di caccia granducale, passata all' Esercito Italiano dopo l' Unità d'Italia . Oltre all'allevamento dei cavalli, vi è il Centro Militare Veterinario. Il complesso include numerose architetture prevalentemente in stile neo medievale , oltre alla cappella gentilizia.
  • Fattoria di Barbanella , nota come Villa Ricasoli, situata in via Giacosa, è un'architettura di origine tardo-cinquecentesca, proprietà dei fratelli Antonio e Ubaldo Andreini nel XVIII secolo e in seguito proprietà del barone Bettino Ricasoli a partire dal 1855, che gli conferì l'aspetto che porta ancora nel ventunesimo secolo. Primo edificio del quartiere Barbanella , sviluppatosi intorno ad esso solo a partire dagli anni venti del XX secolo, è suddiviso in più unità abitative.
  • Fattoria di Gorarella, nota come Fattoria Ricasoli, si trova oltre il ponte delle Quattro Strade e costituisce il primo edificio del moderno quartiere di Gorarella , nato solamente dopo il disegno urbanistico di Luigi Piccinato del 1966. Fu proprietà di Vincenzo Ricasoli a partire dal 1854. Dopo anni di abbandono e degrado, la fattoria fu recuperata da una serie di interventi effettuati tra il 1999 e il 2007, con la costruzione, nell'area intorno all'edificio, di una decina di villette mono o bifamiliari; nel ventunesimo secolo la fattoria è suddivisa in più unità abitative.
  • Fattoria di San Giovanni , situata in via Orbetello, nell'omonima località ai margini del quartiere di Gorarella, nacque come chiesa nel XII secolo appartenente all'ordine dei gerosolimitani e passò tra la fine del XIII ei primi del XIV secolo ai guglielmiti che vi annetterono un ospedale. Importante chiesa periferica della Grosseto medievale, cadde in declino nel corso dei secoli per l'aumentare del rischio malaria, data la posizione troppo vicina alle paludi costiere. Nel corso delle bonifiche settecentesche, il complesso fu trasformato in fattoria ed è divenuto di proprietà privata; nel ventunesimo secolo si presenta come una villa immersa nel verde, intorno alla quale è stato realizzato un comprensorio di villette noto comunemente con il nome di Oliveto.
  • Fattoria di Grancia , situata nell'omonima località oltre il fiume Ombrone a sud-est del capoluogo, sorse in epoca medievale come monastero benedettino dedicato a Santa Maria de' Monti, alle dipendenze della non lontana abbazia di San Rabano . Tra il XIV e il XV secolo iniziò la trasformazione dell'originario complesso monastico in fattoria fortificata ("grangia") che, in epoca rinascimentale, passò alle dipendenze dello spedale di Santa Maria della Scala di Siena. Nel tardo Cinquecento i Medici cedettero il complesso allo spedale della Misericordia di Grosseto, mentre la gestione fu affidata ai francescani. Dopo l'abbandono nella metà del XVIII secolo, nel corso del secolo successivo i baroni Ricasoli di Firenze acquistarono la struttura e la trasformarono nell'attuale fattoria.
  • Fattoria di Principina , situata nelle campagne a sud-ovest della città presso la frazione di Principina Terra , ebbe il periodo di massimo splendore tra la fine del XVIII ei primi del XIX secolo, quando era proprietà della famiglia Ponticelli.
  • Fattoria Acquisti , situata all'estremità settentrionale del comune di Grosseto, si trova pochi chilometri a ovest del moderno abitato di Braccagni . La tenuta è così denominata perché molti dei suoi terreni divennero coltivabili a seguito delle grandi opere di bonifica idraulica iniziate nel XVIII secolo.
  • Villa granducale di Alberese , situata su un'altura che domina il borgo di Alberese , nel Parco naturale della Maremma, è stata edificata nel corso del XV secolo come sede dell'Ordine dei cavalieri di Malta. Divenuta successivamente dimora granducale, subì sostanziali lavori di ristrutturazione nel corso del XVIII secolo, che trasformarono l'antico edificio in villa-fattoria, ad opera dei Lorena ; è sede dell'azienda agricola di Alberese, centro di rappresentanza della Regione Toscana, istituita nel 1999.
  • Villino Panichi , situato su piazza della Vasca, è stato costruito su progetto dell'architetto Lorenzo Porciatti nel 1900. Si presenta come un villino in stile liberty.
  • Villino Pastorelli , situato in via IV Novembre, è stato costruito tra il 1908 e il 1913 su progetto di Lorenzo Porciatti per l'agricoltore e proprietario terriero Giuseppe Millanta. Successivamente passò di proprietà all'avvocato Pastorelli, che qui aprì il suo studio legale, il quale conferì all'edificio la denominazione che porta ancora nel ventunesimo secolo. Tra il 1942 e il 1943 fu poi proprietà della famiglia Marangoni che lo adattò ad albergo-ristorante. Nel secondo dopoguerra fu acquistato dalla Banca Nazionale dell'Agricoltura e successivamente dal Monte dei Paschi di Siena. Si presenta in uno stile neogotico con torri merlate medievaleggianti.

Pozzi

Il Pozzo dello Spedale in piazza San Francesco

Architetture militari

Il Cassero Senese visto dall'esterno delle mura di Grosseto

Cinte murarie

  • Mura di Grosseto : il perimetro murario della città di Grosseto è uno dei rari esempi in Italia di cinte murarie pervenute pressoché integre fino ai giorni nostri. La primitiva cinta a difesa della città fu realizzata nel XII secolo, ma furono demolite ben presto dai senesi quando presero possesso della città nel XIV secolo. Le mura senesi comprendevano quattro porte lungo il perimetro: Porta di San Michele , Porta di Santa Lucia , Porta di San Pietro e Porta Cittadina. Della cinta medievale sopravvivono solamente la Porta Vecchia e il cassero , con la porta di Santa Lucia in seguito inglobata all'interno della Fortezza. A partire dalla metà del XVI secolo, i Medici commissionarono a Baldassarre Lanci la progettazione delle nuove mura, con la caratteristica forma esagonale che presentano ancora nel ventunesimo secolo . Con l'avvento dei Lorena , nel XIX secolo fu decisa la trasformazione della cinta muraria in passeggiata ei camminamenti furono mutati in parco alberato. I sei bastioni delle mura sono, in senso orario partendo da nord: il bastione Rimembranza (già baluardo di San Francesco); il bastione Fortezza (comprendente i baluardi di Santa Lucia e della Vittoria ); il bastione Maiano (già baluardo delle Palle); il bastione Cavallerizza (già baluardo dell'Oriolo); il bastione Molino a Vento (già baluardo di San Michele); il bastione Garibaldi (già baluardo delle Monache). A nord si apriva Porta Nuova , demolita nel XIX secolo e sostituita da una cancellata in ferro, la cosiddetta "Barriera", poi smantellata negli anni venti del XX secolo e consiste nell'unico tratto delle mura non più presente; ad est si apriva la porta di Santa Lucia, scomparsa, mentre sono presenti due accessi, l'arco del Vallo degli Arcieri e il ponte Amiata, viadotto sospeso di recente realizzazione; a sud si apre la Porta Vecchia, già Porta Reale; ad ovest si aprono la Porta Corsica , realizzata negli anni trenta del XX secolo in sostituzione della scomparsa porta di San Michele, ed il piccolo arco del passo Jago Fuligni.
  • Mura di Batignano : durante il XII secolo fu realizzata una prima fortificazione per difendere l'area signorile situata nella parte sommitale dell'abitato. A testimonianza di questo primitivo nucleo castrense rimane il cosiddetto cassero. Tra il XIII e il XIV secolo furono costruite le nuove mura che delimitarono un'area più ampia dopo lo sviluppo del borgo nel corso degli anni. Lungo il perimetro si aprono la Porta Grossetana , verso ovest, e la Porta Senese , rivolta a est.
Porta Grossetana a Istia d'Ombrone
  • Mura di Montepescali : la prima fortificazione del borgo fu costruita tra il X e l'XI secolo, per poi essere ampliata nei secoli successivi a partire dal XIII secolo. I documenti testimoniano la sua esistenza a partire dal 1147. Sono riconoscibili le due porte di accesso (Porta Vecchia e Porta Nuova), due torrioni denominati torre del Belvedere e torre del Guascone , e il caratteristico baluardo a tre punte , parzialmente modificato nei primi del XX secolo per permettere l'allargamento delle sede stradale.
  • Mura di Istia d'Ombrone : una prima fortificazione fu costruita tra il IX e il X secolo a protezione del borgo, dove sorgeva l'area signorile che comprendeva anche una residenza dei vescovi di Roselle. Successivamente altre ristrutturazioni si verificarono tra il XII e il XV secolo. Lungo le mura si aprono due porte: la Porta Grossetana , in posizione sud-occidentale, e la cosiddetta Portaccia , rivolta verso nord-est.

Fortificazioni e torri

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Castelli della provincia di Grosseto e Torri costiere della provincia di Grosseto .
La Torre di Collelungo
  • Cassero Senese , chiamato comunemente Fortezza, risale al XIV secolo e si tratta dell'unico elemento architettonico – assieme a Porta Vecchia – della cinta muraria di epoca medievale che è stato risparmiato durante i lavori di ricostruzione delle mura avvenuti a partire dalla seconda metà del XVI secolo. L'edificio, che svetta sul bastione Fortezza sul quale è situato, è stato adibito a sede del distretto militare tra il XIX e il XX secolo, per poi finire abbandonato e rimanere per anni in stato di degrado. A partire dal 1978 sono iniziati una serie di recuperi dell'intera area muraria che hanno riportato il cassero all'antico aspetto; è utilizzato principalmente per l'esposizione di mostre di carattere artistico e fotografico.
  • Forte di San Rocco , situato nella frazione di Marina di Grosseto , si tratta di un complesso fortificato realizzato nel 1793 dal granduca Ferdinando III con funzioni di avvistamento; è adibito ad uso residenziale. [52]
  • Forte delle Marze , situato nel tratto costiero che da Marina di Grosseto arriva a Castiglione della Pescaia , si tratta di una struttura fortificata realizzata nel XVIII secolo sul luogo di una precedente torre di avvistamento, e svolse funzioni di avvistamento, difesa e raccolta del sale. Trasformato successivamente in villa, è di proprietà privata.
  • Tino di Moscona , situato sul Poggio di Moscona , altura che si eleva a nord-est della città di fronte all' area archeologica di Roselle , è una struttura muraria circolare inserita a un'estremità di una cinta muraria più estesa costruita con pietre a secco, risalente al periodo medievale. L'area risulta abitata nel periodo villanoviano , poi fu sede di un centro fortificato di età ellenistica per essere rioccupato nel XII-XIII secolo per breve periodo come sede del castello di Montecurliano.

Nel Parco naturale della Maremma si trovano: [53]

  • Torre della Trappola , costruita in epoca medievale a sud di Principina a Mare presso l'argine destro dell' Ombrone , era parte integrante di un complesso dove vi erano anche le saline ed una chiesa. Svolgeva funzioni di difesa, offesa e di guardia, potendo comunicare sia a nord che a sud con le altre strutture del sistema difensivo costiero.
  • Torre di Castel Marino , costruita nel corso del XIII secolo su un poggio nel cuore del Parco naturale della Maremma presso Marina di Alberese, svolgeva funzioni di difesa e di avvistamento; con la costruzione della vicina torre di Collelungo, fu gradualmente dismessa.
  • Torre di Collelungo , situata su un modesto promontorio del Parco naturale della Maremma proprio dinanzi all'omonima spiaggia, è una delle torri meglio conservate del litorale grossetano. Fu costruita nel XVI secolo nel luogo dove probabilmente vi era una preesistente fortificazione.
  • Torre dell'Uccellina , edificata durante il XIV secolo lungo il crinale dei monti dell'Uccellina , con funzioni di avvistamento e di difesa della vicina abbazia di San Rabano, del cui complesso è parte integrante.

Nel Parco nazionale dell'Arcipelago Toscano si trova il faro delle Formiche di Grosseto , situato sulla Formica Grande, il maggiore isolotto delle Formiche, venne edificato nel 1901 e ristrutturato nel 1919 dalla Regia Marina per l'illuminazione notturna dei suddetti isolotti.

Altro

Sculture

  • Monumento a Canapone , complesso scultoreo posto al centro della piazza principale di Grosseto, è stato realizzato nel 1846 dall'artista Luigi Magi . La scultura rappresenta il granduca in atto di sorreggere con la mano sinistra una donna che stringe tra le braccia un bambino morente ( allegoria della Maremma colpita dalla malaria), e con la destra un bambino vivace e sorridente (la speranza del futuro), mentre con il piede schiaccia la testa di un serpente (la malaria), che è divorato da un grifone (la città di Grosseto) posto alle sue spalle.
  • Monumento a Giuseppe Garibaldi , situato sul bastione che porta il suo nome, è stato realizzato dallo scultore Tito Sarrocchi ed inaugurato il 2 giugno 1884 . Originariamente collocato sul bastione Rimembranza, è stato trasferito nell'attuale sede nel 1923.
  • Monumento ad Andrea da Grosseto , situato in piazza Baccarini, di fronte al museo archeologico e d'arte della Maremma, è stato realizzato nel 1973 dall'artista Arnaldo Mazzanti in onore dello scrittore grossetano che volgarizzò nel 1268 i trattati morali di Albertano da Brescia , fornendo uno dei primi esempi di prosa volgare italiana.
  • Monumento ad Ettore Socci , eretto il 24 novembre 1907 con intervento finanziario (200 lire) dello stesso comune di Grosseto, fu realizzato dallo scultore Emilio Gallori in onore a Ettore Socci , repubblicano, cittadino onorario e deputato del Collegio di Grosseto.
  • Monumento ai caduti per la patria , situato sul bastione Rimembranza , consiste nella modificazione del monumento ai caduti delle battaglie risorgimentali inizialmente posto in piazza della Vasca e realizzato nel 1896 su progetto di Ippolito e Giuseppe Luciani. La modifica è stata effettuata nel 1921 per onorare anche i caduti della prima guerra mondiale ed è stato posto nella sua attuale sede nel 1929, con l'inaugurazione del Parco della Rimembranza.
  • Cippo idraulico di via Ximenes, situato nel parco Pollini di via Ximenes, nei pressi di Porta Corsica , si presenta a tre lati, e su ogni lato si trovano, oltre i volti dei personaggi illustri della bonifica realizzati da Tito Sarrocchi, le piccole vasche sormontate da uno stemma del grifone dove si trovavano i rubinetti da cui usciva l'acqua. Orientato verso ovest vi si trova il volto scolpito di Leonardo Ximenes , verso nord il volto scolpito dell'abate Pio Fantoni , verso sud il volto scolpito di Sallustio Bandini .
  • Colonna dei bandi , collocata all'angolo tra la facciata principale e il fianco laterale destro della cattedrale, risale al II secolo dC ed è stata rinvenuta nel 1863 presso casa Passerini (Roselle); la colonna ne sostituisce una precedente la cui presenza nella piazza è documentata sin dal XVII secolo .
  • Monumento al buttero, scultura in bronzo di Tolomeo Faccendi che rappresenta il buttero a cavallo, è situata in piazza Marconi di fronte alla stazione ferroviaria .
  • Monumento al badilante, scultura in bronzo dell'artista Antonio Lazari, è dedicato al ricordo della figura del badilante delle bonifiche agrarie, ed è situato nei pressi del Ponte Massa nel punto dove scorreva il canale diversivo dell' Ombrone .

Piazze principali

Strade principali

Veduta di Corso Carducci
  • Chiasso delle Monache , suggestivo vicolo a doppio arco , che collega strada Vinzaglio alla parte sud-occidentale di piazza San Francesco, attraversando sul piano stradale il Convento delle Clarisse.
  • Strada Vinzaglio , caratteristica via cittadina che ha inizio dal lato meridionale di piazza Baccarini. Vi si affacciano il convento delle Clarisse, attiguo alla Chiesa dei Bigi, parte del palazzo dell'ex tribunale ed i villini Magrassi e Brogi.
  • Strada Ginori , caratteristica via del centro storico, che si snoda ad andamento semicircolare, parallelamente al lato nord-orientale delle mura di Grosseto . La strada collega il lato meridionale di piazza San Francesco col lato settentrionale di piazza della Palma; vi si affacciano diversi edifici di origini medievale, tra cui il caratteristico Palazzo Stefanopoli-Porciatti.
  • Strada Ricasoli , breve via che collega Porta Vecchia a piazza Dante, costituiva il primissimo tratto della via Aurelia che attraversava il centro storico da sud a nord. Tra gli edifici che vi si affacciano il più interessante è sicuramente Palazzo Carmignani , che ospita la calzoleria all'imbocco di piazza del Sale: al suo interno, sono conservati gli originari arredi in stile liberty . È ipotizzabile che nei secoli scorsi fosse la via del Ghetto. [54]
  • Strada del Giuoco del Cacio , costituisce l'intero anello viario, così denominato fino al XIX secolo, che costeggia internamente l'intera cerchia muraria di Grosseto. Lungo la parte semicircolare occidentale, denominata nel ventunesimo secolo via Mazzini, vi si affacciano il Teatro degli Industri , Palazzo Mensini (storica sede della Biblioteca Chelliana ), il monumentale Cinema Marraccini e la villa Mazzoncini, mentre la parte semicircolare orientale, chiamata via Saffi, costeggia le mura tra il bastione Rimembranza e Porta Vecchia , dove è situato, tra gli altri, il caratteristico palazzo che ospita il carcere cittadino. Il gioco a cui allude il nome della strada si basa su una forma di formaggio (cacio) da far rotolare per la via senza farla cadere; questo popolare gioco è detto anche ruzzola .

Siti archeologici

  • Parco archeologico di Roselle : tra gli anni cinquanta e sessanta del XX secolo, grazie al contributo dell'archeologo Aldo Mazzolai, la città etrusco-romana di Roselle è stata scavata e trasformata in un parco archeologico. Il sito racchiude i resti dell'antica città, dalla sua fondazione in epoca etrusca, al suo splendore di città romana, fino alla sua travagliata storia altomedievale, culminata col definitivo abbandono dell'insediamento a vantaggio della città di Grosseto, dove venne anche trasferita la sede vescovile. Si conservano buona parte delle antiche mura ciclopiche di età arcaica (VI secolo aC); il foro romano, piazza principale della città sui si affacciano i resti della basilica, sede del tribunale e luogo di discussione di affari; l'augusteo (I secolo dC), edificio destinato al culto imperiale; un tempietto (I secolo dC); la domus dei mosaici ricca abitazione privata di cui si conservano ampi mosaici pavimentali; la basilica dei Bassi sede delle statue e dei ritratti dell'omonima famiglia romana. Alle pendici della collina nord si osservano i resti delle terme di età adrianea (II secolo dC) poi divenute sede della più antica cattedrale cristiana di Roselle (VI secolo dC). Sulla collina nord sorge la casa etrusca dell'impluvio e l' anfiteatro di forma ellittica (I secolo dC)
  • Lo Scoglietto : località situata all'interno del Parco naturale della Maremma , nell'area tra Alberese e la foce dell'Ombrone , in cui sono stati rinvenuti insediamenti frequentati in un lungo periodo tra il I secolo aC ed il VI secolo dC È stata documentata sul luogo la presenza di un tempio romano dedicato a Diana Umbronensis , di cui rimangono alcune strutture murarie.

Aree naturali

Società

Evoluzione demografica

Abitanti censiti [55]

Grosseto conta 82 402 abitanti [3] registrando ancora una buona fase di crescita, dopo essere stata per anni il capoluogo di provincia meno antropizzato della Regione . Inoltre, va rilevata un'espansione demografica costante, senza cioè conoscere pause o arretramenti, dal dopoguerra al ventunesimo secolo .

Analizzando il grafico sulla crescita della popolazione nel corso degli anni, appare evidente che Grosseto, al momento dell' Unità d'Italia , con i circa 4 700 abitanti risentiva ancora dell'effetto negativo causato dalla presenza della malaria che caratterizzava gran parte delle aree pianeggianti della Maremma .

All'inizio del Novecento , la popolazione era già raddoppiata, superando le 9 600 unità. Da allora, la crescita è proseguita in modo esponenziale, come è ravvisabile dall'andamento iperbolico all'interno del grafico, fino al 1981 , grazie all'arrivo di numerosi immigrati, prima dall' Italia nord-orientale ( Veneto in primis) grazie alla riforma agraria e nei decenni successivi anche da altre regioni, soprattutto dell' Italia Meridionale .

Dal 1981 in poi la crescita demografica è proseguita, seppure in modo meno netto rispetto agli anni precedenti, iniziando ad assestarsi a partire dal 1991 ; nel 2001 viene rilevato un calo impercettibile, ma le statistiche demografiche degli ultimi anni dimostrano una ripresa della crescita. [56]

Distribuzione degli abitanti

Frazioni [57] Abitanti ( 2011 ) Altitudine
Grosseto (capoluogo) 60 922 10
Marina di Grosseto 2 115 1
Roselle 1 869 25
Istia d'Ombrone 1 486 39
Braccagni 1 036 19
Rispescia 755 15
Batignano 619 150
Principina Terra 380 4
Alberese 368 42
Nomadelfia 289 115
Montepescali 224 222
Principina a Mare 134 3
Altre località 8 433 -

Etnie e minoranze straniere

Secondo i dati ISTAT al 31º dicembre 2019 [58] la popolazione straniera residente era di 8017 persone, pari all'9,7% della popolazione totale. Le nazionalità maggiormente rappresentate erano:

  1. Romania : 2 084 - 26,0%
  2. Albania : 1001 - 12,5%
  3. Moldavia : 634 - 7,9%
  4. Ucraina : 517 - 6,5%
  5. Marocco : 463 - 5,8%
  6. Polonia : 275 - 3,4%
  7. Afghanistan : 205 - 2,6%
  8. Cina : 200 - 2,5%
  9. Pakistan : 189 - 2,4%
  10. Turchia : 164 - 2,1%

Religione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Diocesi di Grosseto § Cronotassi dei vescovi .

Le chiese situate all'interno del territorio comunale di Grosseto appartengono alla Diocesi di Grosseto , che nel centro storico cittadino ha la propria cattedrale , il Duomo di San Lorenzo , oltre al Palazzo Vescovile , sede della curia diocesana.

Unico edificio religioso che costituisce un'eccezione, è l' Oratorio della Madonna della Pace ai Cerri Alti , situato all'estremità sud-orientale del territorio comunale, in prossimità dei confini amministrativi con Magliano in Toscana . La piccola cappella rurale, pur essendo ubicata nel comune di Grosseto, rientra all'interno del territorio parrocchiale della chiesa di Sant'Isidoro a Preselle , frazione del comune di Scansano , che risulta invece appartenere alla Diocesi di Pitigliano-Sovana-Orbetello , [59] il cui vescovo ha la propria residenza all'interno di Palazzo Orsini a Pitigliano , dopo la definitiva dismissione del Palazzo Vescovile di Sovana avvenuta nel 1777 : [60] quest'ultima diocesi comprende tre cattedrali, quella originaria del Duomo di Sovana , il Duomo di Pitigliano e il Duomo di Orbetello .

A Grosseto e nella provincia sono presenti anche un cospicuo numero di fedeli evangelici e di chiese evangeliche (battiste e pentecostali). In via Piave è situato il luogo di culto della Chiesa evangelica battista , [61] [62] mentre in via Cantore [63] si trova una delle principali chiese di riferimento della comunità apostolica [64] , fondata a Grosseto nel 1927 come prima in Italia. [65] [66] In città ha sede anche il centro nazionale della Chiesa apostolica pentecostale e centro studi teologici, situati in località Commendone. [66] [67]

La confessione dei Testimoni di Geova conta circa 800 membri in tutta la provincia [68] e possiede a Grosseto un proprio luogo di culto, inaugurato nel 2012 nel quartiere Alberino. [68]

Tradizioni e folclore

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Tradizioni popolari di Grosseto .
  • Festa di San Lorenzo: festa patronale della città che si svolge annualmente ogni 9 e 10 agosto. Il momento più suggestivo è sicuramente quello della processione della sera del 9 agosto che attraversa le vie del centro cittadino, prima di concludersi in cattedrale con la benedizione impartita dal vescovo. La processione è aperta da un carro trainato dai buoi maremmani di Alberese, attraverso il tradizionale giogo. Sul carro prende posto il vescovo e viene esposta la statua lignea del santo durante il passaggio lungo le vie del centro storico. Il carro è seguito dai butteri a cavallo con la loro tradizionale divisa di abbigliamento; subito dopo sfilano lungo il corteo religioso le autorità cittadine, i sacerdoti delle varie parrocchie della diocesi ei fedeli in preghiera.
  • Festa di San Rocco: festa patronale della frazione di Marina di Grosseto , costituisce anche il principale evento turistico e d'attrazione della stagione balneare. Ogni 16 agosto, prima della mezzanotte, i festeggiamenti raggiungono il culmine con il suggestivo spettacolo pirotecnico, durante il quale i fuochi d'artificio illuminano il mare e la spiaggia affollata di spettatori.
  • Canti del maggio: antichi riti della civiltà e della tradizione contadina che prevedevano la diffusione dei canti di questua per l'augurio di un'ottima annata agricola. I canti sono praticati dai cosiddetti maggiolatori o maggiaioli, che in alcune aree rurali, la notte tra il 30 aprile e il 1º maggio, rievocano questa tradizione del passato, muovendosi da un podere all'altro, cantando poesie estemporanee: la più famosa festa del maggio si svolge nella frazione di Braccagni .

Istituzioni, enti e associazioni

A Grosseto ha sede il LaMMA CRES, il Centro di Ricerche sull'Erosione del Suolo del Consorzio LaMMA inaugurato il 16 maggio 2003 , che si occupa di studi sulle risorse idriche, sull'erosione del suolo e sullo sviluppo sostenibile a misura di territorio. A Grosseto vi è anche la sede del 4º Stormo dell' Aeronautica Militare , del reggimento di cavalleria paracadutisti 3º reggimento Savoia Cavalleria e delCentro Allevamento Quadrupedi dell' Esercito Italiano . Si trovano nel comune, la Casa circondariale e l'Archivio di Stato. Di tutt'altra natura è la Comunità di Nomadelfia , fondata nel 1948 da Don Zeno Saltini nell'omonima località del comune di Grosseto.

L'Azienda USL Toscana Sud Est, che ha inglobato le precedenti funzioni dell'Azienda USL 9 Grosseto [69] nella nuova area vasta della Toscana meridionale, garantisce la salute in città e in provincia, con un presidio ospedaliero urbano, l' ospedale Misericordia , struttura sanitaria di riferimento non solo per la città ma anche per l'intera provincia e per altre aree della Toscana meridionale e del Lazio settentrionale.

Qualità della vita

Anno Qualità della Vita ( Il Sole 24 ORE ) [70]
Dato riferito alla provincia
Rapporto Ecosistema Urbano ( Legambiente )
1990 20ª posizione -
1991 23ª posizione ( Diminuzione 3) -
1992 8ª posizione ( Aumento 15) -
1993 12ª posizione ( Diminuzione 4) -
1994 29ª posizione ( Diminuzione 17) -
1995 4ª posizione ( Aumento 25) ?
1996 11ª posizione ( Diminuzione 7) ?
1997 18ª posizione ( Diminuzione 7) ?
1998 7ª posizione ( Aumento 11) ?
1999 16ª posizione ( Diminuzione 9) ?
2000 29ª posizione ( Diminuzione 13) ?
2001 40ª posizione ( Diminuzione 11) ?
2002 18ª posizione ( Aumento 22) ?
2003 36ª posizione ( Diminuzione 18) ?
2004 26ª posizione ( Aumento 10) 33ª posizione [71]
2005 18ª posizione ( Aumento 8) 46ª posizione ( Diminuzione 13) [72]
2006 10ª posizione ( Aumento 8) ?
2007 14ª posizione ( Diminuzione 4) 46ª posizione ( Stabile ) [73]
2008 16ª posizione ( Diminuzione 2) 70ª posizione ( Diminuzione 5) [74]
2009 7ª posizione ( Aumento 9) ?
2010 22ª posizione ( Diminuzione 15) 77ª posizione ( Diminuzione 7) [75]
2011 33ª posizione ( Diminuzione 11) 81ª posizione ( Diminuzione 4) [76]
2012 28ª posizione ( Aumento 5) 75ª posizione ( Aumento 6) [77]
2013 28ª posizione ( Stabile ) 78ª posizione ( Diminuzione 3) [78]
2014 15ª posizione ( Aumento 13) 71ª posizione ( Aumento 7) [79]
2015 30ª posizione ( Diminuzione 15) 75ª posizione ( Diminuzione 4) [80]
2016 51ª posizione ( Diminuzione 21) 59ª posizione ( Aumento 16) [81]
2017 53ª posizione ( Diminuzione 2) 79ª posizione ( Diminuzione 20) [82]
2018 66ª posizione ( Diminuzione 13) 79ª posizione ( Stabile ) [83]
2019 79ª posizione ( Diminuzione 13) 74ª posizione ( Aumento 5) [84]

Cultura

Istruzione

Biblioteche

A Grosseto è presente la Biblioteca comunale Chelliana , la principale biblioteca della provincia con un patrimonio librario di oltre 100 000 volumi, tra cui trentaquattro incunaboli e duecentocinquanta manoscritti. La biblioteca è stata fondata nel 1860 dal canonico Giovanni Chelli , ed è ospitata all'interno di palazzo Mensini. [85]

A Grosseto ha sede l' archivio delle tradizioni popolari della Maremma grossetana , fondato da Roberto Ferretti nel 1979.

Le altre principali biblioteche pubbliche della città sono:

  • Biblioteca del polo liceale grossetano: situata in piazza Etrusco Benci, alla Cittadella dello Studente, è la biblioteca a servizio del liceo classico Carducci-Ricasoli e del liceo scientifico Guglielmo Marconi. È dotata di un patrimonio librario di circa 22 600 volumi. [86]
  • Biblioteca diocesana Primo Gasbarri : fondata nel 1935 all'interno del seminario vescovile di via Ferrucci, dispone di un patrimonio librario di circa 18 200 volumi. [87]
  • Biblioteca dell' Istituto storico grossetano della Resistenza e dell'età contemporanea (ISGREC): fondata nel 1993 , si trova in via de' Barberi e conta circa 20 000 volumi. [88]
  • Biblioteca dei padri Gesuiti: situata a Gorarella in via papa Giovanni XXIII, ha un patrimonio librario di circa 6 000 volumi. [89]
  • Biblioteca dell'Istituto tecnico commerciale Vittorio Fossombroni : si trova presso la struttura scolastica di via Sicilia e possiede un patrimonio di circa 6 000 volumi. [90]
  • Biblioteca dell'Archivio di Stato: situata in piazza Socci , è stata istituita nel 1958 e conta oltre 9 700 volumi. [91]
  • Biblioteca della Camera di commercio: situata in via Cairoli, dispone di circa 3 000 volumi. [92]
  • Biblioteca dell'Associazione degli industriali della Provincia di Grosseto: fondata nel 1944 , è situata in viale Monterosa e dispone di un patrimonio librario di circa 2 000 volumi. [93]
  • Biblioteca del Museo di storia naturale della Maremma: fondata nel 1965 , conta circa 2 500 volumi. [94]

In città si trovano anche: la biblioteca della Fondazione Luciano Bianciardi (via De Pretis) [95] ; la biblioteca del centro di documentazione pedagogica (via Saffi) [96] ; la biblioteca del CEDAV – Centro di documentazione arti visive (via Mazzini) [90] ; la biblioteca del centro di documentazione per l'educazione alla salute ASL9 (via Don Minzoni) [97] ; la biblioteca del museo archeologico e d'arte della Maremma (piazza Baccarini) [98] .

Scuole

La città di Grosseto è sede di scuole medie superiori di varia tipologia: licei, istituti tecnici commerciali, industriali, professionali e musicali.

Università

A Grosseto è situato il polo universitario grossetano, sede distaccata dell' università di Siena . L'università è ospitata nel palazzo del vecchio ospedale in via Ginori. [99]

Musei

Il Museo Archeologico e d'Arte della Maremma

Grosseto conta all'interno del proprio territorio comunale importanti complessi museali, percorsi didattici e aree interessate da visite guidate, tra i più significativi della provincia.

I seguenti musei fanno parte della rete provinciale Musei di Maremma :

Il museo di storia naturale comprende anche le sedi distaccate dell' acquario comunale di Grosseto – non aperto al pubblico – e dell' osservatorio comunale a Roselle. Presso la frazione di Montepescali , inoltre, è situato il piccolo museo di storia locale Ildebrando Imberciadori .

Sono in fase di progettazione due nuovi musei: il museo del buttero ad Alberese ed il museo dell'acqua dell' Acquedotto del Fiora , presso la fattoria di Grancia.

Media

Stampa

A Grosseto sono situate le redazioni locali dei due maggiori quotidiani del territorio: Il Tirreno (via Oberdan) e La Nazione (via Rattazzi). Sono inoltre attive le redazioni territoriali di diversi giornali a diffusione elettronica

Sempre in città ha inoltre sede una delle principali case editrici della provincia, la Innocenti Editore , fondata nel settembre del 1997 da Mario Innocenti insieme al figlio Stefano.

Radio

L'unica radio che ha sede a Grosseto è RBC Radio Barbanella City, fondata nel 1978; la sua area di copertura si estende all'intera provincia grossetana, comprese le isole del Giglio e dell'Elba . Da metà anni 70 fino agli anni 90 sono state attive Radio Maremma Toscana, Radio Grifo e Radio Grosseto International , "Radio Brigante Tiburzi", "Radio città del sole"

Televisione

A Grosseto ha sede la rete televisiva TV9 Telemaremma , erede della storica emittente Telemaremma, multiplex regionale (UHF 48). L'emittente maremmana Teletirreno , nata nel 2000, è invece stata chiusa nel 2011 poco prima del bando per le assegnazioni delle frequenze digitali delle televisioni analogiche.

Teatro

Il Teatro degli Industri
  • Teatro degli Industri , storica istituzione teatrale della città e dell'intera provincia, ospita numerosi spettacoli di prosa. Viene sfruttato eccezionalmente come auditorium per ospitare conferenze tenute da relatori di grande prestigio culturale.
  • Teatro Moderno , inaugurato nel 1966, il teatro ospita la stagione teatrale comunale oltre ad altri spettacoli, compresi quelli organizzati da scuole e associazioni teatrali locali.
  • Anfiteatro Romano , situato nella parte romana dell' area archeologica di Roselle , lo storico anfiteatro all'aperto è sede di spettacoli di lirica e di prosa durante la stagione estiva, grazie all'ottima acustica.
  • Parco di Pietra, situato nella campagna presso la frazione di Roselle , è sede di concerti musicali di artisti locali ed emergenti.

Cinema

Cucina

Entrambi i tipi di schiacce (schiacciate) sono tipiche della città di Grosseto.

Eventi

Tra gli eventi di maggiore richiamo a Grosseto sono da ricordare il festival musicale di Cava Festival , al Parco di Pietra di Roselle, e soprattutto la manifestazione nazionale di Festambiente , nata nel 1989 e ospitata nel mese di agosto presso il centro nazionale per lo sviluppo sostenibile di Legambiente "Il Girasole", nel borgo di Rispescia : durante la manifestazione vengono proposti incontri, dibattiti e spettacoli volti alla sensibilizzazione del pubblico su temi che vanno dalla sana alimentazione, salvaguardia del patrimonio ambientale e culturale italiani, alla tutela delle tradizioni e culture locali e così via. Un altro evento di rilievo è la kermesse enogastronomica di Maremma Food&Wine Shire , dal 2013 organizzata nel centro storico cittadino. [ senza fonte ]

Geografia antropica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisioni di Grosseto .

Urbanistica

Centro storico

Il centro storico di Grosseto è completamente racchiuso entro una cinta muraria fortificata che, a livello urbanistico , lo isola quasi completamente rispetto al resto della città, fatta eccezione per l'area di Porta Nuova dove nel corso del XIX secolo fu demolita la porta cittadina, riempito il terrapieno del fossato e abbattuto un piccolo tratto di cortina muraria.

L'attuale centro storico è il risultato della ricostruzione cinquecentesca delle mura, durante la quale assunsero un perimetro maggiore che allargò la superficie del centro storico cittadino rispetto al tessuto urbano medievale; tuttavia, la realizzazione delle mura medicee comportò l'abbattimento di molti edifici di epoca medievale, tra cui anche alcuni complessi religiosi, che sorgevano al di fuori del preesistente centro cittadino lungo il perimetro dove poi è sorta l'attuale cinta muraria bastionata di forma esagonale. Nonostante l'ampliamento di epoca rinascimentale , il centro storico di Grosseto risulta di dimensioni piuttosto raccolte e contenute che consentono di poterlo visitare facilmente, grazie anche alla pedonalizzazione totale di molte strade. L'area delimitata dalle mura è interamente pedonalizzata, con possibilità di accesso in determinate fasce orarie per il carico e scarico e per i residenti con apposito permesso.

Area urbana

L'area urbana della città di Grosseto si estende per pochi chilometri quadrati al di fuori della cinta muraria che racchiude il nucleo storico.

Durante il XIX secolo si sono sviluppati nuclei abitativi in senso centrifugo, dei quali sono ravvisabili i palazzi in stile liberty lungo la via che conduce alla stazione ferroviaria ; nei primi decenni del XX secolo furono costruite chiese monumentali a delimitare la nuova estensione dell'area urbana, alcune in stile neomedievale ( chiesa di San Giuseppe e chiesa di San Giuseppe Benedetto Cottolengo ), altre in stile moderno-funzionalista ( basilica del Sacro Cuore ).

Quattro sono i grandi quartieri urbani di Grosseto, il quartiereCentro , la parte più antica, i quartieri di Gorarella e Barbanella , sviluppatisi a partire dall'Ottocento dopo le bonifiche, e il quartiere Pace , così chiamato perché realizzato negli anni dopo la fine della seconda guerra mondiale , ancora in espansione.

Negli ultimi decenni l'espansione è proseguita verso sud (avvicinandosi in alcuni punti all'argine della golena destra dell' Ombrone ), verso est (fin quasi alle porte del moderno abitato di Roselle ), verso nord (fino all'area industriale ed artigianale in prossimità dello svincolo della Variante Aurelia di Grosseto nord ) e verso ovest (lambendo l'area aeroportuale ). Nonostante l'espansione, il contesto urbano è inquadrabile all'interno di una più vasta area rurale che include le varie frazioni, le quali hanno mantenuto caratteri territoriali ed urbanistici ben distinti tra loro e rispetto al centro cittadino.

Parchi urbani

Grosseto è considerata una città molto verde per la presenza di aree attrezzate e parchi in ogni luogo della città.

I grandi parchi urbani a Grosseto sono due:

  • Il Parco di Viale Giotto , situato nel quartiere Gorarella , è grande 6,4 ettari e ospita, oltre a 650 piante e arbusti, anche il Massimo Falsetti Cricket Field , uno skatepark, il velodromo "Guido Montanelli" da 3,5 km, una palestra per arrampicata, e un laghetto abitato da germani reali . L'ampio parco urbano è stato progettato dall'ingegnere Francesco Serena ed inaugurato l'8 maggio 1999 . [102]
  • Il Parco urbano del fiume Ombrone "Silvano Signori" [103] , conosciuto anche come Parco di via Leoncavallo , situato all' Alberino , area residenziale poco distante dal centro, è stato inaugurato il 7 luglio 2007 ; è vasto 10 ettari e ospita 750 piante e arbusti, oltre che una pista di pattinaggio, una piazza, percorsi ciclabili di 2 km e due laghetti naturali. [104] [105]

Le aree attrezzate per i bambini sono invece trentasette, sparse in tutti i quartieri della città e nelle frazioni. Fra queste spicca il parco giochi "Renato Pollini" , situato in Viale Leonardo Ximenes lungo il perimetro esterno delle mura di Porta Corsica , progettato e realizzato durante l'amministrazione diretta dal sindaco Renato Pollini alla fine degli anni cinquanta ea lui intitolato il 2 ottobre 2010 . [106]

Suddivisioni storiche

Terzieri

In epoca medievale il centro storico di Grosseto era suddiviso in terzieri , ma tale ripartizione è andata a scomparire nel corso dei secoli; nel ventunesimo secolo ci si riferisce al centro semplicemente come "centro storico", senza alcuna divisione interna.

  • Terzo di Città , la parte centrale, dove sorgono l'attuale piazza Dante e il duomo, più i vicoli adiacenti.
  • Terzo San Giorgio , la parte meridionale, la zona di Porta Vecchia e piazza del Sale.
  • Terzo San Pietro , la parte settentrionale, dove si trova la chiesa di San Pietro (da qui il nome), piazza Baccarini, piazza San Francesco e l'area di Porta Nuova.

Sobborghi

Le zone sorte nelle immediate vicinanze del centro storico, all'esterno delle mura medicee , sono note comunemente con il nome di sobborghi e si tratta dei primi insediamenti sorti al di fuori del perimetro murario: il Sobborgo di Porta Nuova , Borgo Tripoli e il sobborgo di Porta Vecchia furono i primi a nascere, sulla fine del XIX secolo, per poi svilupparsi incessantemente a partire dagli anni venti del secolo successivo. Nella prima metà del XX secolo si sviluppò poi il sobborgo di Porta Corsica , dopo l'abbattimento di un tratto di cinta muraria a ovest per permettere la realizzazione dell'arco d'accesso.

Quartieri

Seppure al momento non riconosciuti ufficialmente, è possibile dividere l'area urbana della città di Grosseto in più quartieri, noti e riconosciuti dagli abitanti della comunità.

Suddivisioni amministrative

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisioni di Grosseto .

Fino al 2011 il comune di Grosseto era suddiviso in otto circoscrizioni di decentramento comunale:

  • Circoscrizione n.1 Barbanella
  • Circoscrizione n.2 Centro
  • Circoscrizione n.3 Gorarella
  • Circoscrizione n.4 Pace
  • Circoscrizione n.5 Alberese-Rispescia
  • Circoscrizione n.6 Marina
  • Circoscrizione n.7 Braccagni-Montepescali
  • Circoscrizione n.8 Istia-Batignano-Roselle

Non esiste però una suddivisione ufficiale interna al comune, anche se è in corso di realizzazione un'istituzione di consigli di quartiere.

Frazioni

La chiesa e la fattoria di Principina
  • Alberese , situato nel Parco naturale della Maremma, è un borgo sorto nella prima metà del XX secolo ai piedi della collina sulla quale è presente sin dal XVI secolo l'imponente villa granducale. Vi si trova il centro visite del parco.
  • Batignano , sorto come antico castello su una collina a nord-est del territorio comunale ebbe forse origini antica, ma si sviluppò in epoca medioevale, controllando lo sbocco della via verso Siena sulla piana grossetana e alcune miniere di piombo e di argento. Fu feudo degli Aldobrandeschi e appartenne nel 1213 a Manto da Grosseto. Passò poi nel XIV secolo sotto il dominio di Siena, ospitando numerosi immigranti dalla Corsica. Nel 1738 fu riunito al comune di Grosseto.
  • Braccagni , frazione popolosa posta ai pedi della collina di Montepescali, lungo la ferrovia Tirrenica . Nelle vicinanze si tiene annualmente la Fiera del Madonnino, expo del comune di Grosseto.
  • Istia d'Ombrone , sorto come insediamento fortificato sul fiume Ombrone, fu possesso dall'862 dei vescovi di Roselle , che vi ebbero diritti feudali con il titolo di conti e vi stabilirono una residenza. Passata in seguito alla famiglia Aldobrandeschi e nel corso del XIV secolo sotto il controllo dei Senesi, nel secolo successivo apparteneva alla famiglia Piccolomini. Il centro storico conserva monumenti di origini medievali.
  • Marina di Grosseto , frazione balneare del comune di Grosseto, è nata nel 1793 con il completamento della torre voluta da Ferdinando III di Toscana . Nota precedentemente con il nome di San Rocco, villaggio di pescatori con i suoi capanni di falasco e con qualche casetta in muratura e le caratteristiche baracche, si è trasformata nell'attuale località dove ville, moderni palazzi, ristoranti, banche, hanno creato una dimensione oramai cittadina.
Veduta aerea di Braccagni in bianco e nero
  • Montepescali , situato sulla cima di un colle nella parte settentrionale del territorio comunale, è nota con il soprannome di "balcone della Maremma". Sorto in epoca altomedievale, fu feudo degli Aldobrandeschi e passò quindi sotto il dominio di Siena, pur ottenendo statuto autonomo nella prima metà del XV secolo. Entrato a far parte del Granducato di Toscana , nel 1627 fu concesso in feudo ai conti d'Elci e da questi passò poi ai Tolomei, ai Guadagni ed infine ai Federighi. Il centro storico conserva dei monumenti.
  • Principina a Mare , località balneare immersa nella pineta del Tombolo , è stata realizzata a partire dagli anni sessanta del XX secolo ed è meta turistica.
  • Principina Terra , moderno abitato sviluppatosi durante il XX secolo presso la storica fattoria di Principina , che ha conferito la denominazione anche al vicino complesso alberghiero. Oltre alla fattoria, sono da segnalare la cappella gentilizia e la moderna chiesa di San Carlo Borromeo, costruita nel 2009.
  • Rispescia , località situata a circa 10 km a sud di Grosseto, alle porte del Parco naturale della Maremma, si è sviluppato a partire dagli anni cinquanta del XX secolo come villaggio del bracciante, per volere dell'Ente Maremma. Alla periferia orientale della frazione si trova il centro di educazione ambientale di Legambiente che, nel mese di agosto, ospita la rassegna di Festambiente .
  • Roselle , popolosa frazione poco a nord dell'area urbana della città, si è sviluppata a partire dalla metà del XIX secolo alle pendici della collina dove si trovano i resti dell'antica città etrusco-romana. Nel 1824 Leopoldo II vi inaugurò le terme , per l'appunto definite leopoldine, mentre nel 1938 fu realizzata una grande chiesa parrocchiale e la località venne eretta a frazione.

Altre località del territorio

Oltre alle principali frazioni del comune, sono da ricordare le località che compongono la periferia della città di Grosseto ei piccoli agglomerati rurali che si sono sviluppati in parti isolate della campagna, soprattutto nelle vicinanze di strade provinciali: Acquisti, Barbaruta, Bottegone, Casalecci, Casotto dei Pescatori, Cernaia, Grancia, Il Cristo, Il Terzo, Madonnino, Marrucheto, Ottava Zona, Posto Raccolta Quadrupedi, Pianetto, Poggetti Nuovi, Poggiale, Pollino, Querciolo, Rugginosa, Rugginosa Nuova, San Lorenzo, Spergolaia, Squadre Basse, Squartapaglia, Trappola, Vallerotana, Versegge. [107]

Nomadelfia sorse nel dopoguerra tra le frazioni di Roselle e Batignano, per ospitare l'omonima comunità religiosa fondata da Zeno Saltini . L'intera località ospita i terreni ei fabbricati abitativi, educativi e religiosi, utilizzati dalle famiglie della comunità, che vi risiedono in pianta stabile. Dalla superstrada Grosseto-Siena è ben visibile sul lato settentrionale la grande croce collocata nel cuore di Nomadelfia.

Economia

L'economia è essenzialmente basata sul terziario legato all'attività turistica (particolarmente vivace sulla costa) e sull'agricoltura che, basandosi sulla ricerca di qualità dei prodotti, non presenta caratteri moderni.

Le colture maggiormente presenti sono cereali, girasoli, ortaggi e, nelle zone collinari, viti ed ulivi con produzione di olio delle colline maremmane e, tra i vini, Monteregio di Massa Marittima all'estremità nord-occidentale, Montecucco all'estremità nord-orientale lungo il confine con il comune di Campagnatico , Sangiovese di Maremma nella zona di Roccastrada a Montemassi e Morellino di Scansano nelle aree orientali e meridionali del territorio comunale. La carne maremmana che si ottiene dai bovini di razza autoctona allevati allo stato brado sotto lo sguardo attento dei butteri nelle estese praterie attorno alla città.

La città di Grosseto è sede di un noto marchio di abbigliamento e di una catena di profumerie oramai diffusa in tutta Italia . Vi è anche uno stabilimento dell'industria di materie plastiche. Da più di vent'anni vi è anche un'azienda specializzata nella fabbricazione di prodotti in vetroresina , tra i quali anche i caschi da moto e da auto. Sono presenti anche aziende di produzione di windsurf e kitesurf, con una specifica linea di abbigliamento sportivo. Attivo anche il settore della fornitura di materiale idraulico e pavimentazione con sedi, oltre che nella provincia stessa, anche nelle provincie di Siena, Livorno e Viterbo.

Aree artigianali

Nel 2010 il comune di Grosseto ha denominato e classificato le zone artigianali presenti nel territorio comunale, riorganizzandole, favorendone l'individuazione anche grazie all'incremento della cartellonistica stradale. La zona artigianale Europa , presente in città già dagli anni cinquanta, non è stata confermata ed è l'unica delle precedenti aree a non essere stata classificata: questo perché negli ultimi anni l'area è stata lentamente trasformata in una zona residenziale e sono poche le attività artigianali rimaste.

Nel comune al momento sono individuate otto aree artigianali:

  • area artigianale Aurelia, situata lungo la via Aurelia nord, all'interno della grande zona industriale di Barbanella .
  • area artigianale Casalone, situata a sud nei pressi dell' ippodromo del Casalone , nell' omonimo quartiere .
  • area artigianale Marina, situata nelle vicinanze della costa, nella frazione balneare di Marina di Grosseto .
  • area artigianale Orcagna, si sviluppa lungo via Orcagna, alla periferia ovest tra i quartieri di Gorarella e Barbanella .
  • area artigianale Poggetti Nuovi, situata lungo la via Aurelia nord, appena fuori dal limite urbano cittadino.
  • area artigianale Scansanese, si sviluppa lungo via Scansanese, alla periferia est tra il cimitero di Sterpeto , l' Alberino e San Martino .
  • area artigianale Senese , si sviluppa lungo la via Senese, alla periferia nord-ovest tra l' ospedale e la tenuta del Poggione , in direzione Roselle .
  • area artigianale Stati e Nazioni, precedentemente nota col nome di Poponaio, situata a nord nel quartiere di Cittadella .

Infrastrutture e trasporti

Strade

In attesa della realizzazione del progettato tratto Rosignano - Civitavecchia dell' A12 , la città è collegata a Roma attraverso la via Aurelia , a Livorno tramite la SGC Variante Aurelia Grosseto-Rosignano Marittimo-Livorno che si ricongiunge all' autostrada A12 per i collegamenti con l' Italia nord-occidentale, a Siena mediante la strada statale 223 di Paganico che si ricongiunge al raccordo autostradale Siena - Firenze per i collegamenti con l' Italia settentrionale e costituisce il primo tratto della E78 Strada dei Due Mari Grosseto-Fano per i collegamenti con l' Italia nord-orientale e il versante adriatico.

Altre importanti vie di comunicazione sono l'ex strada statale 73 Senese Aretina , che ha inizio dalla frazione di Braccagni e permette i collegamenti con le province orientali attraverso Sticciano , Roccastrada e Torniella ; e la ex strada statale 322 delle Collacchie , utile per i collegamenti interprovinciali tra Follonica (raccordo con strada statale 439 Sarzanese-Valdera ), Castiglione della Pescaia , Scansano e Manciano , ove si raccorda con la strada statale 74 Maremmana che giunge fino all'entroterra del Lazio e all' Umbria .

Ferrovie

La stazione di Grosseto

La stazione di Grosseto è posta lungo la ferrovia Tirrenica e funge da capolinea della linea per Siena .

Presso il capoluogo maremmano giungevano in passato anche due linee ferroviarie minerarie dismesse, la ferrovia Cana-Arcille-Grosseto e la preesistente ferrovia Cana-Arcille-Rispescia .

Nel territorio comunale sono inoltre presenti le stazioni di Montepescali , Alberese , servite da treni regionali svolti da Trenitalia nell'ambito del contratto di servizio con la Regione Toscana , e quella dismessa di Rispescia.

Porti

Il porto di Marina di Grosseto
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Porto di Marina di Grosseto .

La città presenta un moderno approdo turistico inaugurato nel 2004 nella località balneare di Marina di Grosseto , alla foce del canale San Rocco.

Aeroporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Aeroporto di Grosseto .

Grosseto e la Maremma sono servite dall' aeroporto "Baccarini" , situato a metà strada tra il capoluogo e Marina di Grosseto . L'infrastruttura è un aeroporto militare di cui si servono anche voli civili charter e privati, soprattutto durante la stagione turistica.

Piste ciclabili

Dagli anni novanta in poi, sono state realizzate alcune piste ciclabili , per consentire i collegamenti suburbani ed extraurbani tra la città, alcune frazioni e il mare. I chilometri riservati alle biciclette sono in continua crescita, tanto che Grosseto nel 2010 risultava essere la prima città in Toscana (diciottesima in Italia) per i percorsi riservati ai ciclisti, con 15,39 metri ogni 100 abitanti [108] . La rete ciclabile viene utilizzata prevalentemente durante la stagione estiva , quando ai residenti si aggiungono numerosi villeggianti. All'interno del comune di Grosseto si registrano 48 km al 2014 . [109]

Di seguito, è riportato l'elenco delle piste ciclabili che attraversano il territorio comunale di Grosseto. [109]

Oltre a queste piste ciclabili maggiori, in città esistono anche la pista ciclabile di viale Giulio Cesare, che collega il quartiere Gorarella con quello di Barbanella , quella di via della Pace, e quella di via Quarzo nella zona Verde Maremma. Tra il 2007 e il 2008 è stato realizzato un percorso ciclabile nell'area del Parco naturale della Maremma .

Mobilità urbana

I trasporti pubblici urbani e suburbani all'interno del territorio comunale, così come in ambito provinciale , sono gestiti da Tiemme . Quasi tutte le autolinee hanno il capolinea in piazza della Stazione.

Amministrazione

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Grosseto .

Gemellaggi

Sport

Lo Stadio Roberto Jannella , ospita le partite in casa del Bbc Grosseto società militante nel massimo campionato italiano di baseball , la Italian Baseball League
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sport a Grosseto .

Il principale ed attivo sport in città è il calcio , con l' Unione Sportiva Grosseto , fondata nel 1912, come prima squadra del capoluogo maremmano. Il Grifone , nel 2007-2008 , ha disputato il suo primo campionato di Serie B della sua storia, dopo aver vinto laSupercoppa di Lega Serie C1 nel doppio confronto con il Ravenna , primo trofeo del suo palmarès. Nel 2018, si è aggiudicato la Coppa Italia Dilettanti Toscana , sconfiggendo a Firenze in finale la Zenith Audax. Il Grosseto ha militato nel campionato cadetto per un totale di sei stagioni, ininterrottamente dal 2007 al 2013, raggiungendo un sesto posto nella stagione 2008-2009 e con la conseguente qualificazione ai play-off, venendo eliminato in semifinale nel doppio confronto dal Livorno ; milita in Serie C , categoria che i maremmani hanno disputato per 32 volte (sotto i nomi di Prima Divisione , Serie C , Serie C1 , Lega Pro Prima Divisione , Lega Pro ), includendo 7 partecipazioni alla non più esistente Serie C2 (campionato professionistico che però fungeva da "quarta serie"). Le partite di calcio casalinghe della formazione biancorossa si svolgono allo stadio Carlo Zecchini dal 1960, mentre fino ad allora si disputavano al Campo Amiata (nel ventunesimo secolo Piazza Caduti di Nassiriya, con un parcheggio sotterraneo), a ridosso delle mura del centro storico. Inoltre, dal 2019, il club biancorosso dispone di un centro sportivo situato a Roselle (realizzazione costata 3 milioni di euro), finalizzato agli allenamenti della squadra maggiore e alla crescita del settore giovanile.

Un altro sport fondamentale, ma a livello amatoriale, è il baseball . Fino a un decennio fa, era rappresentato dal Bbc Grosseto , quattro volte campione d'Italia e vincitore di una Coppa dei Campioni e di una Coppa CEB, oltre a due Coppe Italia. Nel 2011, a causa della grave crisi finanziaria della società, la squadra si sciolse e da una sua costola nacque il Grosseto Baseball , nel ventunesimo secolo in attività (nel 2013 venne sostituita in IBL dal Bbc Mastiff, che però si ritira dopo una sola stagione). Le partite casalinghe della squadra vengono disputate sul diamante dello Stadio Roberto Jannella .

Rivestono una certa importanza anche il cricket , dove la formazione grossetana, il Maremma Cricket Club , in ventidue anni di storia è riuscita a vincere una Coppa Italia; il football americano , con i Condor Grosseto che hanno partecipato ai campionati di Serie B negli anni ottanta; e l' hockey su pista , con la storica società del Circolo Pattinatori Grosseto , fondata nel 1951, che ha militato in serie A per sei campionati tra il 1971 e il 1978. Anche l' ippica riveste una notevole importanza, con numerose gare nell'arco dell'anno che, nella stagione estiva, spesso si svolgono in notturna. L'impianto sportivo in cui si svolgono le varie gare di equitazione è l' ippodromo del Casalone situato nella parte sud della città. Altri sport molto seguiti sono il basket , con il Grosseto Basket che milita in Serie C, la boxe , il calcio a 5 , con l' Atlante Grosseto che milita in Serie A2 e la pallavolo con l'Invicta Volley.

Per quanto riguarda l' atletica leggera , lo Stadio Carlo Zecchini ha ospitato i Campionati europei juniores nel 2001 e nel 2017 ei Campionati mondiali juniores 2004 . Nell'estate 2010, più precisamente nei giorni 30 giugno e 1º luglio, è sede dei Campionati italiani assoluti di atletica leggera . Nel 2006 Grosseto è stata anche la sede dei Campionati mondiali militari di scherma . Nel luglio 2013 la città ha ospitato, presso la frazione balneare di Marina di Grosseto, i campionati mondiali di vela formula 18.

Impianti sportivi

Sono di seguito elencati i principali impianti sportivi della città di Grosseto:

Note

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani , Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 253.
  2. ^ Censimento generale del 2011.
  3. ^ a b c Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2020 (dato provvisorio).
  4. ^ Classificazione sismica ( XLS ), su rischi.protezionecivile.gov.it .
  5. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia ( PDF ), in Legge 26 agosto 1993, n. 412 , allegato A , Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile , 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2017) .
  6. ^ Luciano Canepari , Grosseto , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  7. ^ Istat. Censimento 1861. Popolazione totale residente nel comune di Grosseto
  8. ^ Istat. Censimento 1991. Popolazione totale residente nel comune di Grosseto
  9. ^ Geno Pampaloni, Fedele alle amicizie , Milano, Garzanti, 1992, p. 13.
  10. ^ emidius.mi.ingv.it, Stucchi et al. (2007). DBMI04, il database delle osservazioni macrosismiche dei terremoti italiani utilizzate per la compilazione del catalogo parametrico CPTI04. Quaderni di Geofisica, INGV. , su emidius.mi.ingv.it . URL consultato il 21 aprile 2009 .
  11. ^ Thornthwaite CW (1948), An approach toward a Rational Classification of Climate , Geogr Review, 38: 55-94
  12. ^ Thornthwaite CW e Mather JR (1957), Instructions and Tables for computing Potential Evotranspiration and the Water Balance , Thornthwaite Associates, Laboratory of Climatology, 10: 185-311, Centerton, NJ
  13. ^ a b www.meteoam.it, Tabelle e grafici climatici 1961-1990 [ collegamento interrotto ] , su meteoam.it . URL consultato l'11 giugno 2008 .
  14. ^ Pinna M. (1985). L'eliofania in Italia . Mem. Soc. Geogr. It., 39: pag. 23-58
  15. ^ Lavagnini A., Martorelli S., Coretti C. (1987). Radiazione solare in Italia. Mappe mensili della radiazione globale giornaliera . Roma, CNR, Ist. Fis. Atm., pag. 48
  16. ^ http://www.wunderground.com/global/IY.html Medie climatiche 1961-1990
  17. ^ http://www.eurometeo.com/italian/climate Dati climatologici medi
  18. ^ http://www.meteoam.it Tabelle e grafici climatici
  19. ^ Pinna M. (1985). L'eliofania in Italia . Mem. Soc. Geogr. It., 39 pag. 23-58
  20. ^ Lavagnini A., Martorelli S., Coretti C. (1987). Radiazione solare in Italia. Mappe mensili della radiazione globale giornaliera . Roma, CNR, Ist. Fis. Atm.
  21. ^ Clima en Grosseto - Históricos el tiempo
  22. ^ http://www.meteoam.it/modules/elementiClima/Estremi/Gennaio.htm [ collegamento interrotto ]
  23. ^ a b c d e f g h i j k l m n Bruno Santi, Guida storico-artistica alla Maremma. Itinerari culturali nella provincia di Grosseto , Siena, Nuova Immagine, 1995, pp. 123–127.
  24. ^ SM Collavini, "Honorabilis domus et spetiosissimus comitatus": gli Aldobrandeschi da "conti" a "principi territoriali" (secoli IX-XIII) , Pisa, 1998.
  25. ^ a b c d e f g h M. Mordini, Le forme del potere in Grosseto nei secoli XII-XIV, Siena, 2007. .
  26. ^ treccani.it , http://www.treccani.it/enciclopedia/montaperti_(Enciclopedia-Dantesca)/ .
  27. ^ a b A. Cappelli, La Signoria degli Abati - Del Malia e la Repubblica di Siena in Grosseto , in La Maremma .
  28. ^ Istituzione "Le Mura", Piano Programma 2017-2019 .
  29. ^ Stefano Calonaci,Promesse da realizzare. I fedecommessi nello « Stato Nuovo » di Siena (secc. XVI-XVIII) , in Mélanges de l'École française de Rome , n. 124-2, 2012. URL consultato il 19 ottobre 2019 ( archiviato il 19 ottobre 2019) .
  30. ^ www.instoria.it, I Martiri d'Istia , su instoria.it . URL consultato il 6 giugno 2008 .
  31. ^ a b www.gol.grosseto.it, Etimologia del nome e storia dello stemma comunale Grosseto , su gol.grosseto.it . URL consultato il 6 giugno 2008 (archiviato dall' url originale il 9 gennaio 2006) .
  32. ^ Innocenti A. (1928). Grosseto: storia ed arte . Grosseto
  33. ^ Emilio Chiarini, Del Duomo di Grosseto , Grosseto, 1893.
  34. ^ Giuseppe Guerrini, La diocesi di Grosseto. Parrocchie, chiese e altri luoghi di culto, dalle origini ai nostri giorni , Roccastrada, 1996.
  35. ^ Annarosa Garzelli, Il Duomo di Grosseto , Marchi e Bertolli, Firenze, 1967.
  36. ^ Santi, op. cit. , pp. 127–130.
  37. ^ Carlo Citter, La chiesa di San Pietro a Grosseto , Nuova Immagine, Siena, 2008.
  38. ^ Santi, op. cit. , p. 131.
  39. ^ Alessandro Bagnoli, Duccio. Alle origini della pittura senese , Catalogo della mostra, Silvana Editoriale, Milano, 2003.
  40. ^ Olivia Bruschettini, Tamara Gigli, San Francesco a Grosseto. Il convento e la chiesa – Ipotesi per una collezione di opere d'arte. Contributi per l'arte in Maremma, volume II , Edizioni Effigi, Arcidosso, 2010.
  41. ^ Santi, op. cit. , pp. 140-142.
  42. ^ Santi, op. cit. , p. 140.
  43. ^ Santi, op. cit. , p. 142.
  44. ^ La chiesa di San Giuseppe Archiviato il 6 gennaio 2014 in Internet Archive . sull'Atlante storico topografico dei siti di interesse storico e culturale del Comune di Grosseto.
  45. ^ La chiesa di San Giuseppe Benedetto Cottolengo Archiviato il 9 gennaio 2014 in Internet Archive . sull'Atlante storico topografico dei siti di interesse storico e culturale del Comune di Grosseto.
  46. ^ La basilica del Sacro Cuore di Gesù Archiviato il 9 gennaio 2014 in Internet Archive . sull'Atlante storico topografico dei siti di interesse storico e culturale del Comune di Grosseto.
  47. ^ Roberto Farinelli, Riccardo Francovich , Guida alla Maremma medievale. Itinerari di archeologia nella provincia di Grosseto , Nuova Immagine, Siena, 2000, pp. 157-168.
  48. ^ «ch'i' tante volte sia manganeggiato/quant'ha Grosseto granella di sale» (Cecco Angiolieri, Rima XCII , 5-6).
  49. ^ Mario Innocenti, Il teatro a Grosseto dal Salone delle Commedie al Teatro comunale degli Industri , Grosseto, 1998.
  50. ^ Mariagrazia Celuzza, Museo archeologico e d'arta della Maremma – Museo d'arte sacra della diocesi di Grosseto. Guida , Nuova Immagine Editrice, Siena, 2007, pp. 31-33.
  51. ^ Barbara Catalani, Marco del Francia, Giovanni Tombari, Itinerari di architettura contemporanea. Grosseto e Provincia , Pisa, ETS, 2011, p. 88.
  52. ^ S. Bueti, Il forte di San Rocco: una struttura militare nel sistema difensivo del litorale toscano del sec. XVIII , Grosseto, 1995.
  53. ^ N. Maioli Urbini, I monumenti del parco naturale della Maremma , Siena, 1994.
  54. ^ biblio.comune.grosseto.it, Atlante storico topografico del comune di Grosseto , su biblio.comune.grosseto.it . URL consultato il 7 dicembre 2007 (archiviato dall' url originale il 5 dicembre 2007) .
  55. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT ; URL consultato in data 25-06-2020 .
  56. ^ demo.istat.it/, Dati ISTAT , su demo.istat.it . URL consultato il 7 novembre 2007 .
  57. ^ Censimento popolazione 2011: dati per sezione di censimento e località/Regione Toscana , su regione.toscana.it . URL consultato il 16 marzo 2018 .
  58. ^ Stranieri residenti al 31 dicembre 2019 nei comuni/province della Toscana , su demo.istat.it .
  59. ^ www.diocesipitigliano.it, Preselle: Parrocchia di Sant'Isidoro [ collegamento interrotto ] , su diocesipitigliano.it . URL consultato il 30 ottobre 2008 .
  60. ^ www.sbap-soprintendenza-siena-catalogo.it, Sorano. Catalogo 00234705, Canonica della Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo (Sovana): Storia , su sbap-soprintendenza-siena-catalogo.it . URL consultato il 30 ottobre 2008 .
  61. ^ Walter Pozzi, Guida toponomastica di Grosseto , Roccastrada, Il mio amico, 1991, p. 47.
  62. ^ Chiese evangeliche battista in Italia ( PDF ), su Unione cristiana evangelica battista d'Italia . URL consultato il 12 settembre 2015 .
  63. ^ Pozzi, op. cit. , p. 15.
  64. ^ Alceste Santini, Alvise Artissi e Giorgio Capezzani, Minoranze religiose in Italia , Religioni Oggi, 1969, pp. 101–103.
  65. ^ Massimo Introvigne, Le religioni in Italia , Elledici, 2006, pp. 245–246.
  66. ^ a b La Chiesa Apostolica in Italia .
  67. ^ Introvigne, op. cit. , p. 245.
  68. ^ a b Sabato l'inaugurazione della nuova Sala del Regno , Il Tirreno, 11 marzo 2012. URL consultato il 12 settembre 2015 .
  69. ^ www.usl9.grosseto.it, Sito ufficiale dell'Azienda USL 9 Grosseto , su usl9.grosseto.it . URL consultato il 7 novembre 2007 (archiviato dall' url originale il 27 ottobre 2007) .
  70. ^ Storico qualità della vita (1990-2019) - Il Sole 24 ORE , su lab24.ilsole24ore.com .
  71. ^ Ecosistema Urbano X Edizione (pag. 50)
  72. ^ Ecosistema Urbano XI Edizione (pag. 10)
  73. ^ Ecosistema Urbano XIV Edizione (pag. 6)
  74. ^ Ecosistema Urbano XV Edizione (pag. 14)
  75. ^ Ecosistema Urbano XVII ( PDF ), su legambiente.it .
  76. ^ Ecosistema urbano: - Il Sole 24 ORE , su ilsole24ore.com . URL consultato il 31 ottobre 2012 (archiviato dall' url originale il 9 ottobre 2018) .
  77. ^ Ecosistema urbano: - Il Sole 24 ORE , su ilsole24ore.com . URL consultato il 31 ottobre 2012 (archiviato dall' url originale il 2 marzo 2016) .
  78. ^ Ecosistema Urbano XX Edizione (pag. 35)
  79. ^ Ecosistema Urbano XXI Edizione (pag. 27)
  80. ^ Ecosistema Urbano XXII Edizione (pag. 31)
  81. ^ Ecosistema Urbano XXIII Edizione (pag. 31)
  82. ^ Ecosistema Urbano XXIV Edizione (pag. 17)
  83. ^ Ecosistema Urbano XXV Edizione (pag. 23)
  84. ^ Ecosistema Urbano XXVI Edizione (pag. 22)
  85. ^ Biblioteca Chelliana Archiviato il 23 gennaio 2015 in Internet Archive ., Sistema bibliotecario provinciale grossetano.
  86. ^ Biblioteca del polo liceale grossetano Archiviato il 23 gennaio 2015 in Internet Archive ., Sistema bibliotecario provinciale grossetano.
  87. ^ Biblioteca diocesana Primo Gasbarri , Sito ufficiale dell'anagrafe delle Biblioteche italiane.
  88. ^ Biblioteca dell'ISGREC , Sito ufficiale dell'anagrafe delle Biblioteche italiane.
  89. ^ Biblioteca dei Padri gesuiti , Sito ufficiale dell'anagrafe delle Biblioteche italiane.
  90. ^ a b Biblioteca ITC Fossombroni Archiviato il 23 gennaio 2015 in Internet Archive ., Sistema bibliotecario provinciale grossetano.
  91. ^ Biblioteca dell'Archivio di Stato , Sito ufficiale dell'anagrafe delle Biblioteche italiane.
  92. ^ Biblioteca della Camera di commercio , Sito ufficiale dell'anagrafe delle Biblioteche italiane.
  93. ^ Biblioteca dell'Associazione degli industriali Grosseto , Sito ufficiale dell'anagrafe delle Biblioteche italiane.
  94. ^ Biblioteca del Museo di storia naturale , Sito ufficiale dell'anagrafe delle Biblioteche italiane.
  95. ^ Biblioteca Fondazione Bianciardi Archiviato il 23 gennaio 2015 in Internet Archive ., Sistema bibliotecario provinciale grossetano.
  96. ^ Biblioteca Centro documentazione pedagogica Archiviato il 22 gennaio 2015 in Internet Archive ., Sistema bibliotecario provinciale grossetano.
  97. ^ Biblioteca CDES ASL9 Archiviato il 23 gennaio 2015 in Internet Archive ., Sistema bibliotecario provinciale grossetano.
  98. ^ Biblioteca Museo archeologico e d'arte della Maremma Archiviato il 23 gennaio 2015 in Internet Archive ., Sistema bibliotecario provinciale grossetano.
  99. ^ www.unisi.it, Sito ufficiale del Polo Universitario Grossetano , su unisi.it . URL consultato il 7 luglio 2007 (archiviato dall' url originale il 22 giugno 2007) .
  100. ^ Museo Collezione Gianfranco Luzzetti , su clarissegrosseto.it .
  101. ^ Cinghiale alla maremmana , su lacucinaitaliana.it .
  102. ^ Inaugurato il Parco di via Giotto, vera oasi a servizio della città , Il Tirreno, 9 maggio 1999. URL consultato il 16 maggio 2018 .
  103. ^ Il parco Ombrone intitolato al senatore Silvano Signori , su provincia.grosseto.it , Il Tirreno, 30 gennaio 2011. URL consultato l'8 ottobre 2020 (archiviato dall' url originale l'11 settembre 2012) .
  104. ^ Il Parco urbano dell'Ombrone nella zona dell'Alberino , Il Tirreno, 30 luglio 2003. URL consultato il 16 maggio 2018 .
  105. ^ Inaugurato il Parco dell'Ombrone , Il Tirreno, 8 luglio 2007. URL consultato il 16 maggio 2018 .
  106. ^ Finalmente riaperto il parco giochi. È stato intitolato alla memoria dell'ex sindaco Renato Pollini , Il Tirreno, 3 ottobre 2010. URL consultato il 16 maggio 2018 .
  107. ^ Emilio Bonifazi, Grosseto ei suoi amministratori dal 1944 al 2009 , Editrice Innocenti, Grosseto, 2009.
  108. ^ Francesca Ferri, Piste ciclabili da record, Grosseto maglia rosa fra le città della Toscana , su iltirreno.gelocal.it , Il Tirreno, 6 maggio 2010. URL consultato il 7 novembre 2010 (archiviato dall' url originale il 10 gennaio 2012) .
  109. ^ a b www.piste-ciclabili.com, Piste ciclabili della provincia di Grosseto , su piste-ciclabili.com . URL consultato il 1º ottobre 2008 .
  110. ^ ( MT ) Ġemellaġġi ( PDF ), su localgovernment.gov.mt . URL consultato il 5 aprile 2020 .

Bibliografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bibliografia su Grosseto .
  • Autori Vari, Grosseto fuori Porta Nuova. Lo sviluppo di Grosseto a nord delle mura dalla metà dell'Ottocento al secondo dopoguerra , Editrice Innocenti, Grosseto, 2009.
  • Mariagrazia Celuzza, Guida alla Maremma antica , Siena, 1993.
  • Carlo Citter, L'edilizia storica di tre castelli medievali. Batignano, Istia d'Ombrone, Montepescali , I Portici, Grosseto, 1996.
  • Roberto Farinelli, Riccardo Francovich , Guida alla Maremma medievale. Itinerari di archeologia nella provincia di Grosseto , Nuova Immagine, Siena, 2000.
  • Giuseppe Guerrini, La diocesi di Grosseto. Parrocchie, chiese e altri luoghi di culto, dalle origini ai nostri giorni , Roccastrada, 1996.
  • GSE, Grosseto. Guida essenziale della città e del suo territorio comunale , Grosseto, 2009.
  • Elena Innocenti, Mario Innocenti, Grosseto: Briciole di storia , Grosseto, 1993.
  • Aldo Mazzolai, La storia che fece Grosseto , Editrice Innocenti, Grosseto, 2010.
  • Aldo Mazzolai, Roselle e il suo territorio , Grosseto, 1960.
  • Aldo Mazzolai, Guida della Maremma. Percorsi tra arte e natura , Le Lettere, Firenze, 1997.
  • Gaetano Prisco, Grosseto da corte a città, voll. I-II , Ufficio Studi, Grosseto, 1994.
  • Bruno Santi, Guida storico-artistica alla Maremma. Itinerari culturali nella provincia di Grosseto , Nuova Immagine, Siena, 1995.
  • Andrea Zagli, Breve storia di Grosseto , Pacini Editore, Pisa, 2007.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 132538574 · ISNI ( EN ) 0000 0001 1519 6948 · GND ( DE ) 4086820-5 · WorldCat Identities ( EN ) viaf-132538574