Jenèv

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Jenèv (disambiguation) .
Jenèv
lavil
( FR ) Genève
Jenèv - manto zam Jenèv - Drapo
Jenèv - View
Kote
Leta Swis Swis
Kanton Wappen Genf matt.svg Jenèv
Distri Pa prezan
Administrasyon
Majistra Sami Kanaan (soti nan 1 jen 2020) [1] ( PS )
Lang ofisyèl yo Franse
Dat etablisman an 1842
Teritwa
Kowòdone 46 ° 12'N 6 ° 09'E / 46.2 ° N 46.2 ° E 6:15; 6:15 (Jenèv) Kowòdone : 46 ° 12'N 6 ° 09'E / 46,2 ° N 46,2 ° E 6:15; 6.15 ( Jenèv )
Altitid 375 m slm
Sifas 15,93 km²
Moun ki rete 201 818 (2018)
Dansite 12 669,05 abitan / km²
Fraksyon gade lis la
Minisipalite vwazen yo Carouge , Chêne-Bougeries , Cologny , Lancy , Le Grand-Saconnex , Pregny-Chambésy , Vernier , Veyrier
Lòt enfòmasyon
Kòd postal 1200-1209, 1211, 1215, 1240, 1289
Prefiks 22
Lag jè UTC + 1
OFS Kòd 6621
Plak GE
Non moun ki rete genevans ( genevois )
Kartografi
Mappa di localizzazione: Svizzera
Jenèv
Jenèv
Jenèv - Kat
Sit entènèt enstitisyonèl

Jenèv (an franse e ofisyèlman: Genève /ʒə.nɛv/ ; an Alman : Genf / ˈgɛɱf / ; nan Romansh : Genevra ) se yon minisipalite Swis ki gen 201 818 abitan nan kanton Jenèv ; li gen estati yon vil e se kapital kanton an. Li se dezyèm vil la pi peple ak dezyèm sant finansye a nan Swis apre Zurich , men twazyèm pi gwo sant ekonomik la apre Basel , ki chita kote Lake Jenèv ap koule tounen nan larivyè Lefrat la Rhône . [2] Nan 2019, Jenèv te klase pa Mercer , ansanm ak Zurich ak Basel , nan mitan dis lavil yo ki pi vivan nan mond lan. [3]

Jewografi fizik

Teritwa

Rade Geneve.jpg
Panorama, Mont Blanc ka wè a dwat Jet d'eau .

Jenèv, yon sant komèsyal, bankè, endistriyèl, entelektyèl ak inivèsite pwolonje nan sid-lwès la nan Lake Jenèv , sou de bank yo nan Rhone a , nan kè a nan yon basen fèmen antoure pa mòn (tout nan teritwa franse: Voirons la , Salève , Mont de Sion , Vuache ak montay Jura ).

Vieille-ville la (pati istorik nan vil la), ki fòme ak sant vil la ak distri Saint-Gervais, te fòme sou tèt ak anviwònman yon ti mòn sou bank gòch lak la. Mòn sa a te yon refij natirèl depi tan pre-istorik pwoteje pa lak la, Rhone a, Arve a , marekaj yo ak twou yo sou bò solèy leve. Vil la elaji pandan 19yèm syèk la apre demolisyon nan konstriksyon yo ( 1850 - 1880 ).

Nan Bay la nan Jenèv ou ka wè pierres du Niton a , de wòch ki sòti nan lak la ak dat tounen nan dènye laj glas la . Yo se de gwo wòch iregilye ak trè ki estab; jisteman pou rezon sa a youn nan de te chwazi pa Jeneral Guillaume-Henri Dufour kòm yon pwen referans pou wotè an mwayèn nan lak la ak imedyatman adopte pou kalkil la nan tout altitid nan Swis.

Nan lane 2000 , yo te lavil la bay prim Wakker Lig Swis la pou Eritaj Nasyonal pou plan li yo modènize bank yo nan Rhone a ak anviwònman ki antoure iben li yo. Pwojè a Fil du Rhône te Lè sa a, piti piti aplike.

Selon biwo estatistik federal la, Jenèv gen yon zòn 15,88 km². 92.1% nan sifas sa a koresponn ak zòn rete oswa enfrastrikti, 1.5% se zòn agrikòl, 3.1% zòn rakbwa ak 3.2% zòn enproduktiv.

Klima

Nan Jenèv, sezon fredi a frèt epi anjeneral li pa trè solèy. Nan sezon sa a, ka gen jou nan plizyè fwa san yo pa fonn glas la oswa tanperati a pa monte pi wo pase -10 ° C. Lè bise a , van an frèt tipik nan vil sa a, soufle, santi a frèt se menm plis pwononse epi yo ka fè kondisyon metewolojik yo trè entèdi. Solèy la fè aparisyon li sèlman yon kèk fwa jan li rete kache pa nwaj stratiform oswa bwouya segondè, ki nan kondisyon antikiklon pèsiste pou anpil jou youn apre lòt.

Soti nan mwa mas, tanperati monte ak vin prèske ete nan fen mwa me. Sepandan, lapli entansifye, patikilyèman nan fòm loraj nan mwa me. Sa yo ka kout viv, men nan entansite segondè.
Ete souvan yo cho ak byen imid, men tanperati a nan maten an se relativman fre. Si nan mwa septanm nan tan an toujou sanble ak yon sèl ete a, tanperati yo Lè sa a, gout trè vit yo vin prèske sezon fredi nan Novanm nan. Autumn se tou sezon an nan bwouya.

Mwa Janvye Fevriye Mas Avril Mag Anba a Jul Deja Mete Oktòb Nov. Desanm Ane
Mwayèn tanperati minimòm (° C) -1.1 -0.1 1.3 4.1 8 11.3 14 13.4 10.7 6.6 2.3 -0.5 5.8
Mwayèn tanperati maksimòm (° C) 4.4 6.9 9.8 13.9 18.4 22.2 25.8 24.4 21.1 15.5 9 4.5 14.6
Min tanperati absoli (° C) -19 -17 -7 -5 -2 3 5 5 -2 -2 -11 -11 -19
Max tanperati absoli (° C) 14 19 25 26 29 32 37 35 32 27 20 19 35
Presipitasyon (mm) 82 83 81 66 78 91 68 80 82 78 94 88 970
Kantite jou lapli (> 0.9 mm) 11 10 10 9 11 10 8 9 8 9 10 10 115
Kantite jou jèl 19.1 15 11.1 2.5 0.2 0 0 0 0 0.9 7.7 15.5 72
Sous: Biwo Federal Meteoroloji ak klimatoloji MeteoSwiss
eksepsyon de tanperati absoli minimòm ak maksimòm:Jenèv estatistik klima (Météo France) Archived 11 October 2007 at the Internet Archive .

Orijin non an

Non ansyen vil Women an nan Genava sòti nan Celtic genu / genawa ki vle di "estuary", "golf" [ pa gen sous ] . [4] [5]

Istwa

Ansyen

Premye moun ki rete nan zòn nan nan epòk protohistorik la ta dwe Liguri yo , pandan ke nan tan istorik, lè yo rive la, Women yo jwenn Galo Allobrogi la . Okipe pa Julius Caesar nan 58 BC , li te vin yon règleman fòtifye, yo te yon pati nan pwovens Women an nan Gallia Narbonense .

Soumisyon Women an nan peyi a nan Allobroges la kòmanse soti nan 121 BC ; Jenèv Lè sa a, vin tounen yon pòs nan nò a nan pwovens lan nan transalpine Gaul (li pral pran non an nan Gallia Narbonese sou rèy Augustus ).

Konstriksyon an nan pò a te pran plas ant 123 ak 105 BC [6] Vil la se te fè leve nan yon aglomerasyon modès ki gen kay yo bati nan bwa ak yon melanj de ajil ak pay.

Jenèv antre nan istwa nan 58 BC , lè Julius Caesar mansyone pasaj la nan vil sa a ("Genava") nan galo De bello l 'yo . Vle anpeche pasaj la nan Helvetians yo , Cesare fè pon an sou Rhone a ka itilize. Avèk règleman pwovizwa twoup Women yo nan 58 BC , oppidum la vin premye vin yon vicus ak Lè sa a, piti piti yon civitas , se sa ki yon vil Women.

Men, Nyon ( Colonia Julia Equestris ) ak Avenches ( Aventicum ) okipe yon plas ki pi enpòtan nan rezo rejyonal iben an. Apre yon dife, nan mitan premye syèk la , planifikasyon vil la te chanje epi bilding wòch yo ranplase bilding materyèl limyè yo. [6] Migrasyon aleman yo te lakòz destriksyon tout bilding yo nan dènye trimès twazyèm syèk la .

Premye Tanp lan kretyen te bati alantou 350 . [7] Nan fen 4yèm syèk la konplèks la te konplete: li konsiste de yon legliz ki gen plis pase trant mèt nan longè antoure pa yon galri ki bay aksè nan batistè a ak anèks li yo. [7] Nan vil la anwo, legliz la nan Saint-Germain reprezante yon dezyèm pwen fokal nan tan byen bonè kretyen nan 5yèm syèk la .

Apre sezon otòn la nan Anpi Lwès Women an, règleman an nan burgundyen yo nan 443 ak chwa pou yo Jenèv kòm kapital la nan Peyi Wa yo ranfòse wòl politik la nan lavil la. Anviwon 467 , sant la nan Peyi Wa ki bourgeoisyen deplase nan direksyon pou Lyon ak Jenèv soufri lagè fratricidal ant Godegiselo ak Gundobado ki mete lavil la sou dife.

Jouk nan fen Segondè Mwayennaj yo , yo obsève yon kontinwite okipasyon, pi bon egzanp ki reprezante pa gwoup episkopal la. Limit yo nan sant istorik la rete nan mi yo nan Anpi an reta, men tout savann pou bèt yo fèmen nan simityè yo gwo devlope. Glisman tè a nan mòn Tauredunum nan 563 lakòz yon vag jigantèsk ki detwi pò a ak lakòz viktim anpil. [8]

Nan kòmansman Mwayennaj yo, devlopman orizontal epòk Women an ak rediksyon espas iben yo te enpoze pa sistèm fòtifikasyon an te adopte, yo te ranplase pa yon vil medyeval ki te bati nan wotè.

Mwayennaj

Estrikti ki gen pouvwa ant arive a nan burgundyen yo ak trete a Seyssel nan 1124 se sijè a nan deba ki toujou fini [9] . Konpare ak wa a Bourgoyen, evèk la posede otorite espirityèl la, men kont yo dinasti fini febli monachi a ki disparèt nan 534 nan avantaj nan Frank yo . Jenèv vin sant yon pagus , konte Jenèv, ki depann de wa Orléans oswa wa Neustria .

Okipe pa Frank yo nan 534 , li imedyatman te vin kapital la nan Peyi Wa ki nan Bourgogne dirije pa wa yo nan dinasti a merovingyen jouk 751, ane a nan ki dènye wa a merovingyen , Childeric III , te depoze pa chèf kanbiz la nan Palazzo Pipino Kout la .

Depi lè karoleng yo , dyosèz Jenèv la te sant lit pouvwa ant chèf rejyon an ak anperè a. Menm si li egzèse kèk dwa wayal tankou sa ki nan frape lajan , evèk la pa resevwa dwa yo comital sou tout la nan dyosèz li ke yo te egzèse pa Konte a nan Jenèv ki posede yon chato dominan Bourg-de-Kat [9] .

Yon denari an ajan (kòmansman 11yèm syèk la).

Nan moman dezentegrasyon anpi Charlemagne la , Jenèv te fè pati dezyèm wayòm Bourgogne ki te pase nan 1032 anba Anpi Women an .

Avèk refòm gregoryen an , nan fen 11yèm syèk la , yon reyaksyon te kòmanse kont usurpasyon nan byen Legliz la pa chèf eksklizyon an . Sipò pa Pap la , Evèk Humbert nan Grammont enpoze sou Count Aimone I Trete Seyssel ki etabli souverènte evèk la sou lavil la [9] .

Pa mwayen yon diplòm imperial 1162 , anperè Frederick Barbarossa te etabli definitivman endepandans evèk yo, kounye a rekonèt kòm chèf privilejye nan anpi an.

Nan kòmansman trèzyèm syèk la yon twazyèm pouvwa entèvni: sa nan kay Savoy . Konte Savoy te pran posesyon chato Bourg-de-Four an 1250 [9] . Nan mitan 13yèm syèk la , machann ak atizan te rasanble pou goumen kont pouvwa feyodal evèk la. Mouvman sa a te favorize pa fwa yo nan Jenèv ki, kòmanse nan mitan 13yèm syèk la , pote bay sitwayen yo egzanp yo nan komin yo gratis Italyen ak pwosperite a ki pèmèt yo enpoze volonte yo sou evèk la. Apati de fen syèk la, Konte Savoy a lye avèk pouvwa episkopal la.

Nan 1285 , sitwayen yo nonmen dis pwokirè oswa majistra yo dwe reprezante. Desizyon an te anile pa evèk la sou 29 septanm, men, sou 1 oktòb, Konte Amedeo V nan Savoy bay yo lèt patant ki garanti sekirite a nan komèsan ki ale nan fwa yo [10] .

Nan 1309 , evèk la rekonèt sitwayen yo dwa pou yo nonmen reprezantan oswa pwokirè yo pou fè fas ak zafè komen yo, depi yo pa usurpe jiridiksyon episkopal yo. An retou, li mande pou konstriksyon yon mache ki kouvri, ki nesesè nan magazen machandiz yo destine pou fwa, ak sibvansyon yo yon tyè nan lajan yo. Depi moman sa a, sitwayen yo, rasanble nan yon asanble nan kòmansman chak ane nan Konsèy Jeneral la, chwazi reprezantan Jenèv yo pou yon ane.

Nan 1387 , Evèk Adhémar Fabri konfime soulajman yo akòde sitwayen yo ak reprezantan yo ak yon trete ki ta domine lavi politik Jenèv la pou san senkant ane. [10]

Genève. Plak ki soti nan Lettres sur la Suisse, 1829. Soti nan BEIC , bibliyotèk dijital

Kòm konte yo nan Savoy de pli zan pli arogan pouvwa nan tèt yo nan detriman nan evèk la, sitwayen yo rantre nan lèt la fè yon devan komen kont lènmi an, men Amedeo VIII nan Savoy , ki moun ki te akeri konte a nan Jenèv, jwenn ke chèf yo nan filiation li gen yon dwa prezans nan dyosèz la: pral wè episkopal la dwe okipe pa Savoy la oswa pa manm fanmi yo vasal . [10]

Patisipe pa evèk li yo ansanm ak Duke a nan Bourgogne nan lagè yo Bourgogne , Jenèv se menase pa Swis yo apre viktwa yo epi yo kondane nan 1475 yo peye yon amann konsiderab. [11]

Lè sa a, evèk la te mete fòs ansanm ak viktorye yo e li te konkli, sou 14 novanm 1477 , yon trete senk ane sou combourgeoisie (rekonesans sitwayènte) ak vil yo nan Bern ak Fribourg . Nan 1519 , li te kominote a nan sitwayen ameriken ki te siyen yon nouvo trete nan combourgeoisie ak Freiburg, men Duke a nan Savoy fòse Genevans yo renonse alyans sa a dirije kont li. [11]

Sepandan, trete a nan 1526 ant Jenèv, Bern ak Fribourg anonse nan fen pouvwa evèk la ak Aparisyon nan yon chèf otonòm. Eighenotti yo , patizan nan Konfederasyon yo, gen trete a ki te apwouve pa Konsèy Jeneral la sou 25 fevriye. [11]

Refòm

Calvin

Kòmanse nan 1526, machann Alman gaye lide yo nan Refòm Lutheran nan mitan machann Jenèv nan Jenèv ak aktyèl sa a gaye nan popilasyon an ki anba enfliyans predikatè tankou Guillaume Farel .

8 Out 1535 , Guillaume Farel, malgre entèdiksyon majistra yo, preche pou premye fwa devan yon gwo foul moun. Nan apremidi a nan menm jou a, pandan vèy, kèk ikonoklast devaste katedral la nan Saint-Pierre pa detwi estati ak chire apa imaj ki pa te an konfòmite ak kil la nouvo nan refòm lan.

Sou 10 Out 1535 , selebrasyon an nan mas la Katolik te entèdi pa Konsèy la nan trèzyèm syèk la, se konsa sou 22 Out evèk la Pierre de la Baume kite Jenèv pou avanse pou pi ak tout tribinal la nan Gex . Konsèy la deklare li defakto anile, ranplase li sou 26 novanm nan apartyin nan frape lajan. Konsèy la nan trèzyèm syèk la bay tèt li dwa a rekòt pye mant lajan lè vil la ankò menase pa duche a nan Savoy .

Refòm nan te definitivman adopte sou 21 me, 1536 [11] lè an menm tan an li te fè obligatwa yo voye pitit yon sèl nan lekòl la. Soti nan moman sa a Jenèv te vin sant lan nan Calvinism epi yo te pafwa refere yo kòm "Pwotestan lavil Wòm". Rive nan Jenèv an Jiyè 1536, Giovanni Calvino ap gen gwo enfliyans, kòm prezidan Konpayi gadò mouton yo, sou tout aspè nan lavi Jenèv.

Yon fwa yo te pwoklame repiblik la anba non "Senyè Jenèv", Calvin te ekri òdonans eklezyastik yo nan 1541 , Lè sa a, edik sivil yo nan 1543 ki ta sèvi kòm yon konstitisyon pou nouvo repiblik la [12] .

Enstitisyon politik yo enkli Konsèy Jeneral la, kote manm boujwa Jenèv yo chita, Konsèy de santèn yo, Konsèy swasant yo ak, pou zafè relijye yo, konsistorya a.

Batay Eskalad la (11-12 Desanm 1602)

Kòmanse soti nan asansyon l 'sou fòtèy la nan 1580 , atak yo nan Duke Carlo Emanuele I nan Savoy miltipliye. Lè sa a, Jenèv pwolonje alyans li yo ak Solothurn , Zurich ak Lafrans [13] . Nan mwa avril 1589 , Genevans yo ak alye yo te eseye fè retrè Savoyards yo, ki moun ki jere yo kenbe pozisyon yo.

Sou 11 Desanm 1602 , yon nouvo atak nocturne pa Savoyards yo, ki pral rete nan istwa sou non defèt L'Escalade , fòse Duke a aksepte yon lapè ki dire lontan sele pa trete a nan Saint-Julien nan 12 Jiyè 1603 , ki rekonèt endepandans vil la.

Sou nivo ekonomik la, anpil Pwotestan Italyen ak espesyalman franse double popilasyon an pandan ane 1550 yo e li te bay vil la yon nouvo dinamik. Nouvo sa yo, biznisman, bankye yo ak atizan, pote lajan, kreye relasyon ak ti sèk biznis etranje yo epi devlope wòl pòs komès Jenèv la.

Aktivite fabrikasyon yo prezante - endistri swa ki gen mèt yo se Italyen, òfèv ak horloger apre disparisyon faktori swa pandan mitan kenzyèm syèk la - oryante devlopman yo nan direksyon ekspòtasyon pou premye fwa gras a sipò otorite minisipal yo ba li. .

XVIII syèk

Syèk la, ekonomikman ak kiltirèl florissante, se souke pa kèk pwoblèm politik ki kontanporen rele "revolisyon yo Jenèv". Vreman vre, sistèm politik la nan fòs te baze sou distenksyon ki genyen ant de gwoup: moun ki te jwi dwa politik ak sivil, aristokrat ak boujwa , ki konpoze de yon minorite (27% nan 1781 ), ak moun ki pa t 'jwi dwa politik, men sèlman kèk dwa sivil (moun ki abite ak natif natal). [14] Sepandan, lit la fini kraze soti nan gwoup la ki te fòme pa sitwayen ak boujwa.

Yon mouvman revòlt pete nan 1707 akòz yon mekontantman ekonomik [15] . Revòl la ap dirije pa yon manm nan aristokrasi a, avoka a Pierre Fatio , ki moun ki mete yon pwogram ak konfizyon aspirasyon. Revòlt la bat gras a sipò nan twoup Bernese ak Zurich ak Fatio se an kachèt tire nan prizon. [16] Nan 1737 , yon nouvo revòlt lakòz onz lanmò. [17] Defèt, gouvènman an avèti Lafrans, ki entèvni pa pwopoze yon abitraj ki satisfè sitwayen yo. Se poutèt sa, refite sètifika a nan tolerans ki dekri nan Ansiklopedi a nan Diderot ak Alembert, Konsèy la Little kondane de travay pa Rousseau nan 1762 - Emilio oswa nan edikasyon akkontra sosyal la - yo dwe boule devan Town Hall la ( Hôtel-de- Ville ) paske "li te vize pou detwi relijyon Katolik la ak tout gouvènman yo". [18] Sitwayen pwotestasyon pa soumèt plent bay gouvènman an yo rele "reprezantasyon". Boujwa yo ak natif natal yo fini okipe vil la nan mwa fevriye 1781 epi yo pase yon lwa ki bay egalite sivil nan natif natal, moun ki abite ak moun ki ap viv nan peyi an. [19]

Pwoklamasyon 28 desanm 1792

Men, aristokrasi a te rele Louis XVI pote sekou a: twa lame kowalisyon - franse, sard ak bèrnwa - sènen Jenèv ki kapitile sou 2 Jiyè 1782 [19] . Aristokrasi a reprann pouvwa men natif natal yo kenbe egalite sivil. Yon mil reprezantan yo ekzile nan Pari (kote ak lide yo yo pral patisipe nan Revolisyon franse a ), Brussels oswa Constance . Nan fen sitiyasyon ekonomik la fò ant 1785 ak 1789 , yon konsekans kriz jeneral la ki make peryòd ki vini anvan Revolisyon an franse, afekte popilasyon an ak yon ogmantasyon nan pri, men tou, ti pwopriyetè. Sou 26 janvye 1789 , gouvènman Jenèv la te ogmante pri pen an apre yon move rekòt. Desizyon sa a deklannche eklatman nan Saint-Gervais ki mennen nan anile ogmantasyon an ak liberalizasyon pwogresif konstitisyon an.

Aprè Revolisyon an, ansèyman Jenèv pa revolisyonè yo te lakòz, nan Desanm 1792 , yon mouvman ki te ranvèse gouvènman Ansyen Rejim nan 28 Desanm e ki te pwoklame egalite politik tout kategori popilasyon an [20] . Nan 1793 , Ansyen Rejim lan fini nan Jenèv: yon konstitisyon, ki te fèt pa yon asanble nasyonal ak vote pa sitwayen yo sou 5 fevriye, 1794 , enstiti kontwòl vaste pa sitwayen sou zak yo nan gouvènman an ak administrasyon [21] .

Se ekonomi an Jenèv Se poutèt sa domine - 32% nan byen - pa sektè a horloger ak echanj yo ki konekte nan li gwoupe anba non an nan «Fabbrica», yon rezo nan atelye ti atizan ki sitiye sou planche a anwo nan bilding yo. [22] Anplis, twal ekonomik la te wè devlopman yon endistri twal Endyen - karakterize pa gwo fabrike - nan premye tyè nan yon syèk yo vin dezyèm sektè a an tèm de enpòtans. [23] Lye nan devlopman nan komès entènasyonal ak bezwen an pou lajan pou lagè yo nan Louis XIV , aktivite bankè te vin youn nan poto mitan yo nan ekonomi an Jenèv kòmanse nan 1700 . [24]

diznevyèm syèk la

Sou 26 avril, 1798 , Trete a Reunion entegre Jenèv nan teritwa a nan Repiblik franse a [25] . Nan fen mwa Out, apre yo fin renonse souverènte li yo ak alyans li yo, yo chwazi lavil la kòm prefekti a ak kapital nan depatman an Léman . Jenèv konsa vin youn nan anpil vil franse yo, ak moun li yo konsa fè eksperyans santralis napoleyonik . Sèl privilèj la, ki enskri nan trete reyinyon an, se te egzanpsyon pou konskripsyon militè yo. Sepandan, defèt lame Napoleon an ap fè li endepandan. Sou 30 Desanm, 1813 , ganizon an franse kite lavil la, ak jeneral la Ostralyen Ferdinand von Bubna und Littitz antre nan li. Nan demen, apre retrè definitif prefè a, yon gouvènman reyaksyonè ki te dirije pa ansyen majistra Ami Lullin pwoklame restorasyon repiblik la ak ansyen rejim lan . [26] Sepandan, majistra yo konnen ke Jenèv pa kapab peye pou fòme yon eta izole ankò, pou rezon sa a yo tounen vin jwenn ansyen alye yo Swis mande pou antre nan repiblik yo nan Konfederasyon an Swis. [27] Malgre krent ke katolik yo genyen nan "Pwotestan lavil Wòm" ak difikilte li te fè eksperyans nan dizwityèm syèk la , aneksyon an te vin efikas nan dat 19 me 1815 .

Jenèv 20 franc pyès monnen soti nan 1848.

Nan 1833 ak 1834 , grèv yo nan tayè ak Locksmiths (nan kadna ak kadna) yo nan kòmansman diznevyèm syèk la nan Swis [28] , epi, nan mwa novanm 1841 , yon revòlt rezilta nan eleksyon an nan yon konstitiyan asanble. Konstitisyon an nan 1842 adopte sifraj gason inivèsèl ak doue vil la nan Jenèv ak pwòp enstitisyon minisipal li yo.
Rejim nan pral tonbe akòz lagè a Sonderbund . Le 3 Oktòb 1846 , otorite yo te refize rekòmande manm Jenèv yo nan rejim federal la pou vote sou yap divòse Sonderbund la . Kòm yon rezilta, katye a ouvriye nan Saint-Gervais leve de jou pita, ak repouse twoup gouvènman an. [29] Sa a pral deklanche a ki pral dife yon revolisyon gochis ki te dirije pa pati radikal James Fazy a , ki pral jete gouvènman an ak etabli yon nouvo konstitisyon sou 24 me, 1847 . Nan nouvo konstitisyon sa a yo retire karaktè dominan Pwotestantis la .

Soti nan yon pwen de vi ekonomik, endistriyalizasyon nan rejyon an evolye ak aparans nan atelye pou mekanik, ekipman elektrik ak otomobil . Elektrifikasyon nan vil la pral pran plas anba enpilsyon Administratif Konseye Théodore Turrettini , ak konstriksyon faktori faktori Kondwi Fòs yo ak nan Chêvres. [30]

Arive a de pli zan pli masiv nan travayè etranje konplete transfòmasyon nan fizyonomi sosyal la nan aglomerasyon an. Pandan ke nan konmansman an nan 19yèm syèk la li te toujou posib yo fè distenksyon ant yon abitan nan zòn riral soti nan yon sitwayen ameriken, diferans yo piti piti fennen ak pase nan ane sa yo ak popilasyon an prezante yon pwofil de pli zan pli kosmopolit. [31]

20yèm syèk la

Misyon entènasyonal vil la te etabli patikilyèman apre Premye Gè Mondyal la : Jenèv te vin - an patikilye akòz aktivite Gustave Ador ak William Rappard - katye jeneral Lig Nasyon yo an 1919 .

Apre Premye Gè Mondyal la, lit klas la ogmante ak mennen nan grèv jeneral la nan 11 novanm 1918 , ki devlope sitou nan Alman ki pale Swis . Men, atitid la Francophile siyifikativman diminye enpak li nan Jenèv. [32]

Nan 1931 minisipalite a nan Jenèv enkòpore minisipalite yo siprime nan Le Petit-Saconnex , Les Eaux-Vives ak Plainpalais [33] -

Ti pati enspire fachis yo, tankou Inyon nasyonal la , te atake lidè sosyalis yo nan dat 9 novanm 1932 , ki te mennen nan yon demonstrasyon sou bò gòch anti-fachis la. Nan okazyon sa a, jenn rekrit te tire sou foul la san avètisman, kite trèz moun mouri ak 63 blese [34] . Trajedi sa a pwovoke, kèk jou apre, yon nouvo grèv jeneral pwotestasyon.

Apre Dezyèm Gè Mondyal la , katye jeneral Ewopeyen an nan Nasyonzini an ak plizyè douzèn òganizasyon entènasyonal yo te lokalize nan Jenèv, ede ranfòse tou de lwazi ak touris biznis. Avèk kòmansman ane 1960 yo , Jenèv se youn nan premye rejyon Swis yo ki fè eksperyans kèk siksè nan mouvman ksenofob yo, [35] ak aparans Vigilanti yo, [36] men tou, twazyèm kanton ki bay dwa vòt kantonal ak minisipal fanm yo.

Moniman ak kote nan enterè yo

Atraksyon prensipal yo touris nan Jenèv gen ladan miray la refòmatè , revèy la flè, Moniman nan Charles II nan Brunswick , Jet d'eau a (Jet dlo) ak Palais des Nasyon yo , ki kay Biwo Nasyonzini an nan Jenèv .

Uno dei monumenti più visitati della città è la Cattedrale di San Pietro , situata alla sommità della città vecchia. Un museo sotterraneo presenta l'evoluzione del sito e l'introduzione del cristianesimo nella città. Il Museo internazionale della Riforma , situato nella Maison Mallet , presenta la storia della Riforma protestante e dei suoi maggiori esponenti. Un corridoio sotterraneo, riaperto in occasione dell'apertura del museo della Riforma, collega i due edifici. L'intero sito, che comprende la cattedrale e le sue torri, il museo e l' Auditorio di Calvino , è denominato l'Éspace Saint-Pierre ed è una delle maggiori offerte culturali della città.

Un altro luogo apprezzato dai turisti è la città vecchia stessa, che preserva l'architettura tipica di una città europea del XVIII secolo . Numerosi personaggi illustri hanno vissuto in questa parte della città, tra cui Jean-Jacques Rousseau , Franz Liszt e Jorge Luis Borges .

Il simbolo di Ginevra resta ad ogni modo il getto d'acqua , situato all'estremità della riva delle Eaux-Vives . Il getto culmina a 140 metri di altezza circa ed è visibile da una buona parte della città.

Architetture religiose

Sono presenti molte comunità religiose a Ginevra. Sebbene Ginevra in passato sia stata denominata la "Roma protestante", il numero di cattolici è costantemente aumentato con l' immigrazione proveniente dai paesi latini. La comunità ebraica è una delle più antiche di Ginevra, mentre la comunità musulmana è emersa più recentemente. Gli edifici legati al culto protestante sono quelli più diffusi, tuttavia sono presenti anche chiese cattoliche , chiese ortodosse e sinagoghe .

Cimiteri

Tra il 1700 e il 1853 , il solo cimitero della città è quello di Plainpalais . Agli inizio del 1850 , il cimitero di Châtelaine viene edificato, seguito da quello di Saint-Georges attorno al 1880 . Il cimitero di Petit-Saconnex verrà integrato alla città nel 1931 in seguito all'aggregazione di questo comune a Ginevra.

Alla fine del XIX secolo vengono effettuati degli studi in previsione della costruzione di un crematorio al cimitero di Saint-Georges che viene inaugurato nel marzo del 1902 . Accanto a quest'installazione viene costruita anche un colombario , ingrandito poi nel 1916 , e nel 1907 viene costruito un secondo forno crematorio. Il cimitero verrà poi modernizzato totalmente nel 1942 e negli anni seguenti vengono costruiti altri centri funerari, come la Chapelle des Rois ( 1956 ) e il centro funerario di Saint-Georges ( 1976 ).

Plainpalais

Nel 1869 Ginevra entra in possesso del cimitero protestante di Plainpalais (chiamato anche cimetière des Rois , ossia cimitero dei Re ) che però nel 1893 venne chiuso alle inumazioni ordinarie e riservato solo a coloro che ottengono una concessione. Essendo il prezzo di tale concessione più elevato rispetto agli altri cimiteri, il numero di inumazioni calò e nacque la tradizione di seppellire qui i Consiglieri di Stato , i Consiglieri Amministrativi e altre personalità. Intorno al 1945 vennero effettuate delle ristrutturazioni che resero il luogo più simile ad un parco. [37]

Tra le personalità che vi sono sepolte ricordiamo:

Châtelaine

Aperto nel 1853 , il cimitero detto du Lazaret ( del Lazzaretto ) è inizialmente riservato ai cattolici . Dal 1864 , vi si seppelliscono le persone decedute sulla riva destra del Rodano e viene considerevolmente ingrandito. La natura paludosa del terreno pone però numerosi problemi, e dei lavori di drenaggio devono essere effettuati. Tra il 1899 e il 1911 , il numero di inumazioni è dunque limitato al minimo indispensabile. Questo cimitero viene completamente riaperto nel 1918 . Dal 1946 le inumazioni sono nuovamente limitate, e vengono in seguito ristrette dal 1969 agli spazi riservati.

Saint-Georges

Il cimitero è aperto nel 1883, ma durante i primi 10 anni solo metà dello spazio viene impiegata. Nel 1898 , per mezzo di una convenzione, il comune di Lancy cede dei terreni in modo che la superficie del sito possa essere aumentata. In generale, Saint-Georges accoglie tutte le persone decedute sulla riva sinistra del Rodano. Nel 1911, il cimitero viene nuovamente ingrandito, venendo esso presentato come l'unico cimitero a disposizione per delle inumazioni ordinarie di persone domiciliate a Ginevra. Uno spazio speciale e gratuito sarà concesso ai soldati tedeschi deceduti a Ginevra durante la Prima guerra mondiale . Tra il 1942 ed il 1944 il sito viene coltivato, e diverse tonnellate di verdura e cereali vengono raccolte ogni anno. Nel 1945 la parte orientale è trasformata in un parco. Il pittore Ferdinand Hodler e il filosofo Afrikan Špir figurano tra le personalità sepolte in questo luogo.

Aree naturali

L'Orologio fiorito nel Jardin Anglais.
Roseto del parco La Grange
Giardino botanico

Numerosi parchi, per più di 310 ettari (ossia approssimativamente il 20 % del territorio) formano dei grandi spazi di divertimento e relax disseminati tra i vari quartieri. La maggior parte, situati sulla riva del lago, attorniano grandi palazzi e offrono un arredo arboreo di grande qualità. Alcuni parchi erano inizialmente grandi proprietà private che sono in seguito state acquistate o offerte alla città nel corso degli anni. La loro manutenzione è assicurata dal "Service des espaces verts et de l'environnement" (Servizio degli spazi verdi e dell'ambiente).

L' isola Rousseau , in origine "Isola delle barche", oggi così denominata in omaggio a Jean-Jacques Rousseau , si trova sul Rodano tra il pont du Mont-Blanc e il pont des Bergues , e accoglie numerosi uccelli.

Rive gauche

  • Il Jardin anglais è un parco sul lungolago situato tra il pont du Mont-Blanc e il quai Gustave-Ador, dove si trova il Monument National (in ricordo dell'unione alla Confederazione Elvetica nel 1815) e il celebre "Orologio fiorito".
  • Il Parc des Bastions , situato ai piedi delle fortificazioni della Treille, ospita uno degli edifici dell'Università di Ginevra e il Muro dei Riformatori , nel quale sono scolpiti Giovanni Calvino , Guillaume Farel , Théodore de Bèze e John Knox .
  • Il Parc Bertrand , situato nel quartiere Champel , contiene degli splendidi esemplari di piante tra cui un grande pino dell'Himalaya, alcuni faggi rossi, due grandi platani e tre sequoie giganti.
  • Il Parc des Eaux-Vives , uno dei più bei luoghi in riva al lago, ospita diversi alberi di grande età e un hôtel-ristorante tra i più noti di Ginevra.
  • Il Parc de la Grange , accanto al Parc des Eaux-Vives, ospita un grande roseto , un edificio del XVIII secolo e delle rovine gallo-romane che testimoniano l'esistenza di una grande proprietà su questo terreno all'inizio della cristianità. In luglio e agosto sul palco Ella-Fitzgerald sono organizzati dei concerti gratuiti.

Tra il Jardin anglais e il Parc La Grange , una passeggiata di circa 4 chilometri permette di raggiungere la sede della Société nautique de Genève e Genève-Plage, che ospita la grande piscina pubblica e la spiaggia di Ginevra.

Rive droite

Nymphaea Alba al Jardin Botanique di Ginevra

Via Gebennensis

Ginevra è una tappa importante lungo il Cammino di Santiago di Compostela . La via Gebennensis , che ha appunto qui il suo inizio (qui si rassemblano i pelligrini venuti dalla Svizzera e dalla Germania ), prende in effetti il suo nome da quello della città. La via conduce sino a Puy-en-Velay , dove prende il nome di via Podiensis . Il cammino è indicato da Ginevra a Pamplona secondo la classificazione francese GR 65 .

Società

Evoluzione demografica

Sino al 1870 , Ginevra era la più popolosa tra le città elvetiche [38] . Attualmente è sorpassata da Zurigo , ma resta ad ogni modo più popolosa di Basilea , Berna e Losanna [38] .

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella [33] :

Abitanti censiti [39]

Etnie e minoranze straniere

Ginevra è la città Svizzera con la più alta percentuale di stranieri: alla fine del 2006 questi rappresentavano in effetti il 44,2 % della popolazione totale [40] e rappresentavano 180 diverse nazionalità. Sebbene Ginevra non sia una metropoli a livello mondiale, la forte presenza straniera è stata determinata dall'accoglienza di numerosi immigranti provenienti da Francia , Italia , Spagna , Portogallo o ex-Jugoslavia , e dalla presenza di numerosi organismi internazionali aventi sede nella città. Queste comunità giocano perciò un ruolo importante nella vita sociale ginevrina.

Tradizioni e folclore

Dal 1818 , un ippocastano sulla promenade de la Treille è utilizzato al fine di determinare l'inizio della primavera. Il sautier (termine ginevrino che indica il guardiano del municipio e direttore permanente dei lavori del Gran Consiglio ) osserva l'albero e prende nota del giorno dell'arrivo della prima gemma . La notizia è divulgata per mezzo di un comunicato stampa, successivamente ripreso dalla stampa locale.

Il giovedì seguente alla prima domenica di settembre, Ginevra festeggia il Jeûne genevois (digiuno ginevrino). Secondo una tradizione locale, questa festa commemora la notizia del massacro di San Bartolomeo , comunicato dagli Ugonotti giunti a Ginevra.

Istituzioni, enti e associazioni

Palazzo delle Nazioni
Sede del CICR

Ginevra è da tempo considerata una terra d'asilo per avere accolto numerosi protestanti perseguitati per aver seguito la Riforma. Accogliendo numerosi riformatori come Guglielmo Farel , Giovanni Calvino o Théodore de Bèze , si è guadagnata l'appellativo di "Roma protestante" o di "città di Calvino". Numerose personalità internazionali vi hanno trovato rifugio, come il celebre Lenin prima della rivoluzione russa del 1917 .

È grazie a questa tradizione d'accoglienza e alla neutralità svizzera che numerose organizzazioni internazionali hanno deciso di istituire qui la loro sede:

Ginevra ha ospitato, ed ospita tuttora, numerose conferenze internazionali, alcune delle quali sono rimaste celebri. È qui che sono state firmate le convenzioni di Ginevra ( 1949 ) che costituiscono ai giorni nostri uno strumento fondamentale del diritto internazionale umanitario , e la convenzione del 1951 , sullo statuto dei rifugiati . Più tardi, l' accordo di Ginevra mette fine alla Guerra d'Indocina , e tenta di contribuire alla risoluzione del conflitto israelo-palestinese .

Qualità della vita

Nel 2019 Ginevra è stata classificata da Mercer , insieme a Zurigo e Basilea , tra le dieci città più vivibili al mondo. [3]

Cultura

Ginevra dispone di una vita culturale di una grande ricchezza. È d'altro canto la città europea che dedica la percentuale più alta del suo budget a questo scopo (più del 20 %).

Grand Théâtre.

I suoi numerosi musei e biblioteche, il Grand Théâtre et l' Orchestre de la Suisse Romande hanno fortemente contribuito alla sua notorietà in questo contesto. Da una ventina d'anni, un nuovo tipo di spazi culturali urbani è stato creato all'interno di edifici dismessi e preservati a titolo di monumento, come ad esempio le Halles de l'Île , l'Usine o la Maison des Arts du Grütli .

Istruzione

Biblioteche

La biblioteca principale della città è sicuramente la Biblioteca Pubblica e Universitaria , dal 2006 nota col nome di Biblioteca di Ginevra (BGE): uno dei più importanti volumi qui custoditi è Demandes à Charles VI , un codice del Maestro di Boucicaut , risalente al 1412 circa.

Scuole

Il Sistema scolastico ginevrino è diviso in écoles enfantines (da 4 a 5 anni), primaires (da 6 a 11 anni), cycles d'orientation (da 12 a 14 anni) e collèges (da 15 a 18 anni); la più antica scuola superiore, il Collège Calvin , che ha sede dentro l'antico palazzo dell'Università, può anche essere considerata come la scuola pubblica più antica del mondo.

Ginevra ha anche delle scuole superiori come l' École d'Ingénieurs de Genève e un gran numero di scuole di musica come l' Institut Jaques-Dalcroze ed ilConservatoire de Genève .

Università

Ginevra è la sede dell' Université de Genève , fondata da Giovanni Calvino nel 1559 , alla quale è collegata la Biblioteca di Ginevra (Antica Biblioteca pubblica ed Universitaria); la sua Facoltà di traduzione e interpretariato è, nel suo settore specifico, uno dei primi istituti di formazione e di ricerca al mondo.

La città ospita uno dei più prestigiosi centri di relazioni internazionali , l' Institut de hautes études internationales et du développement , l' Institut international de Lancy (fondato nel 1903 ) ma anche la più antica scuola internazionale al mondo, l' École internationale de Genève , fondata nel 1924 subito dopo la Società delle Nazioni , l' Institut de Finance et Management e l' Institut Florimont . È presente un campus dell' EU Business School (precedentemente European University).

Musei

Musée d'art et d'histoire

I luoghi d'esposizione sono particolarmente numerosi a Ginevra. Musei municipali e privati, centri d'arte e gallerie costellano la città.

Uno dei musei principali è il Musée d'art et d'histoire , in cui sono presenti collezioni archeologiche, di arti applicate e di belle arti.

In città si trovano inoltre un Conservatorio, un giardino botanico con un erbario che raccoglie approssimativamente sei milioni di esemplari, unMuseo Etnografico e uno di storia naturale, il Musée de l'Ariana e l' Istituto e museo Voltaire , noto internazionalmente per la sua collezione di documenti del XVIII secolo .

A questo si aggiungono una ventina di musei privati, alcuni sovvenzionati come il Mamco (Museo d'arte moderna e contemporanea) , altri interamente privati come il Museo Patek Philippe , il Museo internazionale della Riforma e il Museo del Petit Palais di Ginevra .

Media

Stampa

Sede della TSR e studio ginevrino della RSR

Uno dei principali quotidiani della città è La Tribune de Genève , seguito da Le Matin (con sede a Losanna ). Nel marzo 2006 il quotidiano gratuito 20 minutes sviluppa una nuova edizione ginevrina. Nel 1998 il Journal de Genève si fonde con il Nouveau Quotidien e diventa Le Temps . Come "Le Matin", e "La Tribune de Genève", anche questo giornale copre attualità locale, nazionale e internazionale. Le Courrier , fondato nel 1868 , è inizialmente sostenuto dalla chiesa cattolica romana , ma diventa indipendente nel 1996 . Incentrato principalmente su Ginevra, cerca di estendersi in tutta la Svizzera romanda , ma conosce periodiche difficoltâ finanziarie. L'attualità finanziaria è coperta dal quotidiano L'Agefi ma anche, a partire dal 2007 , dal giornale mensile gratuito L'Extension . Quest'ultimo è orientato a trattare l'informazione ginevrina e regionale sotto un profilo socio-economico. La Suisse , giornale rinomato, sparisce nel 1994 .

Radio

Numerose radio sono disponibili, tra cui SSR , Radio suisse romande , Radio Lac , NRJ Léman , OneFM , Rouge FM o Radio Plus . Esistono inoltre una radio in arabo , Radio Orient , e una in lingua inglese, World Radio Switzerland . Quest'ultima è prodotta negli studi della RSR e sino al primo novembre 2007 , data della sua estensione a livello nazionale, era conosciuta con il nome di World Radio Geneva.

Televisione

Per quanto riguarda la televisione oltre alla Radio Télévision Suisse (RTS) con sede in una torre di 17 piani nel quartiere Plainpalais, Ginevra ospita la sede di una emittente locale, Léman Bleu, fondata nel 1996 .

Teatro e musica

A Ginevra la maggior parte delle sale da spettacolo sono di proprietà pubblica. Alcune sono ormai delle vere e proprie istituzioni mentre altre, orientate verso compagnie indipendenti, riescono comunque ad organizzare stagioni complete. Esistono inoltre alcune sale prive di direzioni artistica, che vengono affittate a compagnie locali.

Ernest Ansermet e l' Orchestra della Svizzera Romanda , il Grand Théâtre , la Victoria Hall , Armin Jordan , L'Usine , Artamis o ancora le Chat noir contribuiscono alla reputazione locale e internazionale della città.

Ginevra accoglie inoltre svariate compagnie teatrali che vi sono nate, o hanno deciso di installarvisi.

Eccezion fatta per il balletto del Grand Théâtre, che possiede un palco stabile per le prove e una sala per le rappresentazioni, le compagnie di danza ginevrine non possiedono delle sale fisse. Difese dalla l'Association pour la danse contemporaine (associazione per la danza contemporanea), queste compagnie spingono per la creazione a Ginevra di una casa della danza.

Eventi

Salone internazionale dell'automobile

Numerose manifestazioni hanno luogo lungo tutto l'arco dell'anno, tra le quali:

Geografia antropica

Perno centrale di tutta la regione in materia di economia, di salute, di istruzione, di cultura e di trasporti, l'area urbana ginevrina forma un'importante agglomerazione transfrontaliera di 1 242 601 abitanti e che prende il nome di Gran Ginevra.

Quartieri

I quartieri di Ginvera
  • Cité
    • Les Grottes
    • Les Pâquis
    • Montbrillant
  • Le Petit-Saconnex [41]
    • Beaulieu
    • Grand-Pré
    • Le Prieuré
    • Les Charmilles
    • La Servette
    • Moillebeau
    • Morillon
    • Saint-Jean
    • Sécheron
    • Varembé
  • Les Eaux-Vives [42]
    • Florissant
    • Grande-Boissière
    • Grange-Canal
    • La Cuisine
    • Les Allières
    • Les Contamines
    • Les Vollandes
    • Malagnou
    • Montchoisy
    • Petite-Boissière
    • Villereuse
  • Plainpalais [43]
    • Champel
    • La Cluse
    • La Jonction
    • Le Bout-du-Monde
    • Les Acacias
    • Les Tranchées
    • Les Vernets
    • Palais
    • Saint-Léger
    • Saint-Victor

Economia

Diverse imprese svizzere ( Pictet , Infomaniak , Givaudan , Richemont ) e internazionali ( Caterpillar , Procter & Gamble ) hanno loro sede a Ginevra. [44] La Rue du Rhône è la via dello shopping più costosa della Svizzera dopo la Bahnhofstrasse ( Zurigo ). [45]

Diga di Seujet

L' acqua potabile , il gas naturale e l' elettricità sono forniti dai Services industriels de Genève (SIG). L'80% dell'acqua è estratta dal lago Lemano, e il 20 % da una falda freatica nata da infiltrazione dell' Arve .

Il 30% dell'elettricità è prodotta localmente da alcune dighe sul Rodano che producono energia idroelettrica (dighe di Seujet, Verbois et Chancy-Pougny), o dal calore prodotto dalla combustione di rifiuti domestici presso l'impianto di Cheneviers. Il 70 % restante è importato da altri cantoni svizzeri o altri paesi europei. I SIG acquistano unicamente elettricità prodotta tramite fonti di energia rinnovabile .

Il gas naturale è importato dalla società svizzera Gaznat .

Infrastrutture e trasporti

Strade

Ginevra è collegata alla rete autostradale svizzera grazie alla A1 ea quella francese mediante la A40 .

Ferrovie

Stazione FFS di Ginevra Cornavin

La città è servita dalle reti ferroviarie svizzera ( FFS ) e francese ( SNCF ). Dei TGV diretti collegano la metropoli ginevrina con Parigi e Marsiglia . Dei treni regionali circolano fra Lancy -Pont-Rouge e Coppet e il RER (Rhône Express Régional) collega Ginevra con Bellegarde . Queste due linee regionali appaiono oggi insufficienti e servono in modo ineguale l'hinterland della città. Il Réseau express régional sarà veramente completo quando sarà realizzato il progetto del CEVA [46] (Cornavin- Eaux-Vives - Annemasse ) che è pianificato sin dal 1884 . Collegando la rete ferroviaria elvetica a quella francese della Haute-Savoie (mediante una galleria sotto una parte della città), i treni potranno circolare nella regione transfrontaliera circostante a Ginevra e, con delle nuove stazioni, saranno finalmente servite delle zone già densamente popolate.

La stazione FFS di Cornavin è anche il punto di partenza della pista ciclabile nazionale numero 1 denominata Route du Rhône che si protrae fino a Andermatt .

Aeroporti

L' Aeroporto Internazionale di Ginevra , ubicato a Cointrin , dista meno di dieci minuti dal centro della città ed è comodamente accessibile in autobus o in treno attraverso la Stazione di Ginevra Aeroporto . Alcune compagnie aeree fra le quali Swiss , Air France , Lufthansa , British Airways e EasyJet propongono dei collegamenti verso destinazioni in tutta Europa ma alcune compagnie aeree come Emirates , United Airlines e Air China , garantiscono anche collegamenti intercontinentali verso Asia è Nord America . Nel 2010 vi sono transitati circa 12 milioni di passeggeri.

Vista dall'alto dell'aeroporto di Cointrin

Mobilità urbana

L'unica compagnia di trasporti pubblici del cantone di Ginevra, oltre alle Ferrovie Federali Svizzere , è la TPG (Transports Publics Genevois). In seno alla città, la TPG gestisce una fitta e ramificata rete di autobus e filobus nonché una rete di tram in piena rinascita ( Rete tranviaria di Ginevra ). Un servizio di battelli assicura gli spostamenti tra le due sponde del lago. Quest'ultimo, inizialmente a scopo turistico, è in pieno sviluppo come trasporto urbano pratico e veloce. Ci sono alcune aziende che hanno ricevuto in subappalto dalla TPG alcune linee, ma usano lo stesso sistema tariffario e in genere usano veicoli con i colori TPG. All'utente normale questo sistema di subappaltare le linee non causa nessuna variazione nel servizio, un servizio che è sempre impeccabile, di qualità e molto ramificato.

Amministrazione

Potere legislativo

Il potere legislativo è esercitato dal Consiglio Comunale. È composto da 80 consiglieri comunali eletti direttamente dal corpo elettorale in uno scrutinio proporzionale con un quorum di almeno il 7 % per accedere al seggio. Il loro mandato dura quattro anni ed è rinnovabile indefinitamente.

Il Consiglio Comunale vota il budget comunale e le proposte di progetto presentate dal Consiglio Amministrativo (CA). Se approvate, le misure sottostanno ad un obbligo di esecuzione. Possono inoltre essere prese le seguenti iniziative:

  • Domande orali o scritte al CA
  • Interpellanza (domanda di spiegazioni indirizzata al CA)
  • Mozione (che incarica il CA di deporre progetto d'ordinanza volto ad uno scopo specifico o una misura da prendere)
  • Mozione pregiudiziale, o d'ordine (concernente lo svolgimento di una seduta sessione))
  • Risoluzione (semplice dichiarazione di intenti

Potere esecutivo

Palazzo Eynard

È esercitato dal Consiglio Amministrativo di Ginevra (CA), che è un collegio composto da cinque membri eletti direttamente e separatamente dal corpo elettorale della città in uno scrutinio maggioritario, per un mandato di quattro anni. Secondo una rotazione annuale, il sindaco è eletto tra i suoi membri. In seguito alle elezioni amministrative del 10 maggio 2015 [47] , il nuovo Consiglio Amministrativo, entrato in carica il 1º giugno 2015 , è composto nel modo seguente:

  • Esther Alder (Les Verts), dipartimento della coesione sociale e della solidarietà
  • Guillaume Barazzone (Parti Démocrate Chrétien), dipartimento dell'area urbana e della sicurezza (sindaco nel 2016 )
  • Rémy Pagani (À gauche toute!), dipartimento delle costruzioni e della pianificazione del territorio
  • Sandrine Salerno (Parti socialiste suisse), dipartimento delle finanze e dell'alloggio
  • Sami Kanaan (Parti socialiste suisse), dipartimento della cultura e dello sport

Diritti civili

Le cittadine ed i cittadini sono elettori ed eleggibili, a condizione di essere di nazionalità svizzera e domiciliati nel territorio comunale. In seguito all'adozione di una iniziativa popolare cantonale durante la votazione del 24 aprile 2005 , gli stranieri domiciliati da almeno otto anni in Svizzera (di cui almeno tre nel comune) hanno diritto di voto comunale. Una seconda iniziativa che propugnava la loro eleggibilità è stata tuttavia rifiutata. Ginevra segue dunque la maggior parte delle città romande , più liberali delle città svizzere-tedesche, per quanto riguarda le possibilità offerte agli stranieri di partecipare alla vita politica locale.

Le cittadine ed i cittadini della città di Ginevra dispongono del diritto di referendum e di iniziativa popolare, diritto che esiste anche a livello cantonale e federale . Questo diritto permette loro di sottomettere al corpo elettorale una ordinanza già approvata dal governo, o una domanda di delibera su di un soggetto specifico. Per fare questo, è necessario riunire le firme di almeno 4 000 elettori nei quaranta giorni che seguono l'adozione di un articolo o il lancio di una iniziativa. Se le firme vengono riunite entro i termini, il corpo elettorale è obbligatoriamente chiamato alle urne.

Sport

La principale squadra calcistica ginevrina è ilServette che è stato diciassette volte campione di Svizzera e che gioca in Super League .

Nel 2003 lo Stade de Genève (una delle sedi di Euro 2008 ) ha sostituito il vetusto Stade des Charmilles , che aveva ospitato alcune partite ai Mondiali 1954 .

Ginevra dispone anche di una squadra di hockey su ghiaccio , il Ginevra-Servette , che gioca in National League A ed è stata finalista dei play-off nella stagione 2007-2008.

Ginevra ha inoltre la sola squadra romanda di pallamano , nata dall'unione dei club Chênois e Servette. Nel 2008 questa squadra ha giocato in Lega Nazionale A.

La più importante società attiva negli sport aquatici è la polisportiva Genève Natation 1885 , attiva nel nuoto, nuoto sincronizzato, tuffi e pallanuoto. La sezione di pallanuoto è una delle squadre più blasonate del campionato svizzero .

L'accessibilità del lago Lemano permette a Ginevra di essere un importante centro nautico grazie alla sua Société nautique de Genève , che è la sede del team Alinghi e della regata del Bol d'or.

Il football americano è rappresentato a Ginevra dai Geneva Seahawks , squadra che milita in Lega B e nella lega indipendente NSFL e che ha al suo attivo 1 titolo nazionale svizzero e 4 titoli NSFL. In precedenza è stata attiva in città una compagine di flag football , i Genève Warriors , che nei suoi 5 anni di esistenza ha vinto 4 titoli flag élite.

Ginevra è anche una città pioniera per quel che concerne gli sport paralimpici: creata nel 1956 , la società Handisport Genève è all'origine di attività sportive per persone portatrici di handicap in Svizzera.

Ginevra nelle arti

Letteratura

Fumetti

Cinema e televisione

Note

  1. ^ Sito del comune di Ginevra
  2. ^ Arbeiten und Wohnen in grandioser Architektur | der Geschäftsführer - Basel , su web.archive.org , 5 novembre 2018. URL consultato il 5 luglio 2020 (archiviato dall' url originale il 5 novembre 2018) .
  3. ^ a b Quality of living city ranking , su mobilityexchange.mercer.com .
  4. ^ Città di Genève (GE) , su Araldicacivica - Genève . URL consultato il 12 settembre 2020 ( archiviato il 12 settembre 2020) .
    «Il nome deriva dal nome celtico Genava, a sua volta da “genu” (“estuario”)» .
  5. ^ ( EN ) Geneva , su Online Etymology Dictionary . URL consultato il 12 settembre 2020 ( archiviato il 12 settembre 2020) .
    «from Latin Genava, perhaps from a PIE root meaning "estuary" or one meaning "bend;" in either case a reference to its situation» .
  6. ^ a b Charles Bonnet, «Ginevra (comune). Epoca gallo-romana », Dizionario storico della Svizzera , 2006 , su hls-dhs-dss.ch . URL consultato il 2 dicembre 2007 (archiviato dall' url originale l'11 novembre 2007) .
  7. ^ a b Charles Bonnet, «Ginevra (comune). Basso impero e cristianizzazione », Dizionario storico della Svizzera , 2006 , su hls-dhs-dss.ch . URL consultato il 2 dicembre 2007 (archiviato dall' url originale il 12 gennaio 2008) .
  8. ^ Charles Bonnet, «Ginevra (comune). Alto medioevo », Dizionario storico della Svizzera , 2006 , su hls-dhs-dss.ch . URL consultato il 2 dicembre 2007 (archiviato dall' url originale il 12 gennaio 2008) .
  9. ^ a b c d «Ginevra (comune). Insediamento e consolidamento del potere episcopale», Dizionario storico della Svizzera , 2006 , su hls-dhs-dss.ch . URL consultato il 2 dicembre 2007 (archiviato dall' url originale il 12 gennaio 2008) .
  10. ^ a b c ( FR ) «Genève (commune). Émancipation des citoyens», Dictionnaire historique de la Suisse , 2006 Archiviato il 12 gennaio 2008 in Internet Archive .
  11. ^ a b c d ( FR ) «Genève (commune). Combourgeoisies et prise du pouvoir par les citoyens», Dictionnaire historique de la Suisse , 2006 Archiviato il 1º dicembre 2007 in Internet Archive .
  12. ^ Louis Binz, Brève histoire de Genève , p. 28
  13. ^ Louis Binz, Brève histoire de Genève , p. 32
  14. ^ Louis Binz, Brève histoire de Genève , p. 39
  15. ^ ( FR ) Louis Binz, «Le rivoluzioni di Ginevra», MEMO , 2007 Archiviato il 4 novembre 2007 in Internet Archive .
  16. ^ Louis Binz, Breve storia di Ginevra , p. 41
  17. ^ Louis Binz, Breve storia di Ginevra , p. 42
  18. ^ Louis Binz, Breve storia di Ginevra , p. 43
  19. ^ a b Louis Binz, Breve storia di Ginevra , p. 45
  20. ^ Louis Binz, Brève histoire de Genève , p. 47
  21. ^ Louis Binz, Breve storia di Ginevra , p. 47-48
  22. ^ Louis Binz, Breve storia di Ginevra , p. 36
  23. ^ Louis Binz, Breve storia di Ginevra , p. 37
  24. ^ ( FR ) Liliane Mottu-Weber, «Ginevra. (comune). Delle nuove attività», Dizionario storico della Svizzera , 2006 Archiviato il 2 dicembre 2007 in Internet Archive .
  25. ^ ( FR ) Frédéric Joye, «La période française de 1798-1814», MEMO , 2007 Archiviato il 15 aprile 2015 in Internet Archive .
  26. ^ Louis Binz, Brève histoire de Genève , p. 50
  27. ^ Louis Binz, Brève histoire de Genève , p. 51
  28. ^ Louis Binz, Brève histoire de Genève , p. 56
  29. ^ Louis Binz, Breve storia di Ginevra , p. 57-58
  30. ^ Louis Binz, Brève histoire de Genève , p. 60
  31. ^ ( FR ) Irène Herrmann, «Genève (commune). La destruction des fortifications», Dictionnaire historique de la Suisse , 2006 Archiviato il 12 gennaio 2008 in Internet Archive .
  32. ^ Louis Binz, Brève histoire de Genève , p. 66
  33. ^ a b Charles Bonnet, Charles Heimberg, Irène Herrmann, Liliane Mottu-Weber, Martine Piguet, Jean Terrier, Ginevra , in Dizionario storico della Svizzera , 7 febbraio 2018. URL consultato il 5 aprile 2019 .
  34. ^ Louis Binz, Brève histoire de Genève , p. 69
  35. ^ Louis Binz, Brève histoire de Genève , p. 78
  36. ^ un partito politico ginevrino nato il 1964 e scomparso negli anni 1990
  37. ^ Cimetière des Rois , su cimetieredesrois.ch . URL consultato il 2 dicembre 2007 (archiviato dall' url originale il 22 novembre 2007) .
  38. ^ a b ( FR ) Population de Genève (Ville de Genève) Archiviato il 17 dicembre 2007 in Internet Archive .
  39. ^ Dizionario storico della Svizzera
  40. ^ ( FR ) Population de la Ville de Genève (Office cantonal de la statistique) Archiviato il 9 marzo 2005 in Internet Archive .
  41. ^ Catherine Courtiau, Le Petit-Saconnex , in Dizionario storico della Svizzera , 7 febbraio 2018. URL consultato il 5 aprile 2019 .
  42. ^ Jacques Barrelet, Les Eaux-Vives , in Dizionario storico della Svizzera , 7 febbraio 2018. URL consultato il 5 aprile 2019 .
  43. ^ Dominique Zumkeller, Plainpalais , in Dizionario storico della Svizzera , 7 febbraio 2018. URL consultato il 5 aprile 2019 .
  44. ^ Le aziende ei vantaggi di Ginevra - SWI swissinfo.ch , in SWI swissinfo.ch . URL consultato l'8 dicembre 2016 .
  45. ^ Rue du Rhône. Balade dans la rue qui valait des milliards , in LeTemps.ch . URL consultato l'8 dicembre 2016 .
  46. ^ CEVA Liaison ferroviaire Cornavin - Eaux-Vives - Annemasse (CEVA.ch)
  47. ^ Risultato delle elezioni amministrative del 10 maggio 2015 (Stato di Ginevra) [ collegamento interrotto ]

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 130893302 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2158 1391 · LCCN ( EN ) n81018331 · GND ( DE ) 4020137-5 · BNF ( FR ) cb11864210r (data) · NDL ( EN , JA ) 00628628 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n81018331
Svizzera Portale Svizzera : accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Svizzera