Jerizalèm

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Menm non - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gadelavil Jerizalèm (menm non) .
Jerizalèm
otorite lokal yo
(HE) ירושלים
(AR) القدس
Lavil Jerizalèm - Kouvri ak kouch de zam Lavil Jerizalèm - Drapo
( detay )
Lavil Jerizalèm - View
Kote
Leta Izrayèl Pèp Izrayèl la [1]
Distri Jerizalèm
Subdistrict Pa prezan
Administrasyon
Majistra Moyiz Lion ( Likud la ) kòm nan 13/11/2018
Dat etablisman an 4/12/2018
Teritwa
Kowòdone 31 ° 47'N 35 ° 13'E / 31,783333 ° N 35,216667 ° E 31,783333; 35.216667 (lavil Jerizalèm) Kowòdone : 31 ° 47'N 35 ° 13'E / 31,783333 ° N 35.216667 ° E 31,783333; 35.216667 (lavil Jerizalèm)
Altitid 754 m slm
Sifas 125,156 km ²
Moun ki rete 936 425 (2019)
Dansite 7 482.06 moun ki rete / km ²
Lòt enfòmasyon
Lang Ebre , arab
Kòd postal 91000-91999
Prefiks 2
Lag jè UTC + 2
Non moun ki rete Jérusalem
Ti non jwèt Sentespri City
Kartografi
Mappa di localizzazione: Israele
Jerizalèm
lavil Jerizalèm
Sit entènèt enstitisyonèl
Lavil Jerizalèm wè nan Satelit nan SPOT

Lavil Jerizalèm ( AFI : / ʤeruzalɛmme / [2] [3] ; nan Hebrew : יְרוּשָׁלַיִם ? , Lavil Jerizalèm, Zahav ak / oswa Yerushalaym koute [ ? · Info ] ; nan Arabic : القدس, al-Quds, "apa pou Bondye (vil la)" [4] , tou nan Arabic : أورشليم, Ūrshalīm, nan Greek Ιεροσόλυμα, Ierosólyma, nan Latin Hierosolyma oswa lavil Jerizalèm, pa definisyon li se defini lavil Bondye a [5 ] ), jwif kapital la ant 10yèm la ak 6th syèk BC [6] , se kapital la ki diskite a pèp Izrayèl la ak yon vil apa pou Bondye nan Jidayis , Krisyanis ak Islam . Li se sitiye sou plato a ki separe kòt lès nan Lanmè Mediterane a soti nan Lanmè Mouri a , bò solèy leve a Tel Aviv , nan sid Amalga , nan lwès lavil Jeriko ak nò de lavil Betleyèm .

Vil la Old ak miray ranpa li yo, yo konsidere yon Mondyal Eritaj sit pa UNESCO , ajoute nan mwens pase yon kilomèt kare kote anpil nan siyifikasyon gwo relijye tankou montay la tanp , miray ranpa a nan lamantasion , Bazilik la nan Sentespri Sépulkr a , Dome nan nan wòch la ak al-akza moske . Toupatou nan listwa li yo, lavil Jerizalèm te detwi ak rebati de fwa e li te sènen, konkeri ak repran sou plizyè douzèn okazyon.

Jouk nan fen Premye Gè Mondyal la li te okipe pa otoman yo, pita ak defèt la nan disparisyon Anpi Ottoman an li te pase nan Britanik la, ki moun ki etabli Manda a Britanik nan Palestin . Apre lagè a Arab-Izrayelyen nan 1948 , fòs yo Izraelyen ame okipe anpil nan pòsyon an nan peyi asiyen nan eta a ki Arab anba plan an Nasyonzini patisyon ak Jordanian twoup okipe Bank la West ak lès lavil Jerizalèm jouk 1967, lè yon bagay sa sis-jou a lagè , pati lès nan lavil Jerizalèm , jouk lè sa a anba dominasyon Jordanian, yo te konkeri pa twoup Izraelyen [7] ; nan lane 1980 palman an Izraelyen te pase yon lwa debaz yo (ekivalan a nan yon amannman konstitisyonèl) ki inilateralman pwoklame "lavil Jerizalèm, ini ak divize [...]". [8] nan Nasyonzini Konsèy Sekirite nan rezolisyon 478 defini lalwa Moyiz la kòm nil epi [9] , se yon vyolasyon lalwa entènasyonal [10] ak yon obstak grav nan akonplisman lapè nan Mwayen Oryan an [11] [12] .

Jewografi fizik

Lavil Jerizalèm ki chita nan 31 ° 47'N, 35 ° 13'E, sou 60 km solèy leve nan Tel Aviv ak lanmè a Mediterane ak 35 km nan lwès Lanmè Mouri a , sou fen nan sid la nan yon plato nan mòn yo Jide. , Ki gen ladan montay la Oliv (Har HaZeitim) sou bò solèy leve ak sou mòn Scopus la (Har HaTzofim) nan nòdès la; altitid la (nan lavil la ansyen) se sou 760 m ASL (Se youn nan modèn janbe lòt pa ups kontinyèl ak Downs), sifas li yo se 125 km ^ 2. Lavil yo vwazen yo lavil Betleyèm ak Beit Jala ale nan sid la, Abu Distrik ak Maale Adumim sou bò solèy leve a, Amalga , Givat Zeev nan nò a ak Mevaseret Siyon sou bò solèy kouche a.

Ansyen vil

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Fin vye granmoun City nan lavil Jerizalèm ak Vil nan David .

«Bote nan lavil Jerizalèm, nan anviwònman natirèl li yo, ka konpare ak sa yo ki an Toledo . Vil la leve nan mitan an nan mòn yo, yon senaryo a dom ak fò won fèmen ant krenle mi yo, perchées sou yon plato segondè wòch pi wo a fon an koule. View nan fin byen lwen, jiska ti mòn yo nan peyi Moab ak konformasyon la nan peyi a sijere yon kat jeyografik fizik géographique yo, ak ti mòn yo k ap monte nan regilye, koub kouch, ak fon yo toudenkou te make pa lonbraj dramatik. tè a ak wòch la reflete lumière nan Opal nan dife. Sa a te redaksyon nan Layout iben, aksidantèl oswa etidye, bay monte nan yon travay nan boza. "

( Robert Byron , wout ki mennen nan Oxiana)

Anndan lavil la nan lavil Jerizalèm li se posib yo idantifye vil la Old , toujou antoure jodi a pa mi defans ak perimèt pave ak fòse pasaj ( Nouvo Gate, lavil Damas Gate ak Gate Ewòd la nan nò a; Lion la Gate ak Golden Gate ranpa byen wo moute sou bò a nan Esplanade a sou bò solèy leve a; Fimye Gate ak Siyon Gate nan sid la; Jaffa Gate nan direksyon wès la) ki sitiye sou kat ti mòn:

  • nan nò-lwès la se mòn Gòlgota , ki ak yon bransh sid rele "SPUR santral la", insinuates tèt li ant Tyropoeon fon an ak fon an Transverse. Te SPUR santral la te, depi tan lontan, yon kote mache, defann pa Miray wa Manase nan sou 650 BC. Gòlgota te itilize pou tout tan pa Women yo pou krusifiksyon , nan moenia siplemantè fwa yo .
  • nan nò-bò solèy leve yon nan aksidante konplèks ki, ak sekou nan nò-lwès, yo te enkli nan miray lavil la nan tan Women, anba Vespasian , pran non an nan "New City".
  • ale nan sid-lwès la gen yon ti mòn gwo (ki rele "di Garèb") ki rive nan 770 m ASL , ki gen sid ak lwès pant fè moute fon an nan lanfè . Pwen ki pi ba nan sa a se nan confluence a ak Cedron nan , epi ki se alantou 600 m pi wo pase nivo lanmè. Nan nò a se fon an Transverse ki divize Garèb nan mòn soti nan pant tè nan zòn nò yo. Nan ka sa, yo te akduk a anwo bati (5th-6th syèk BC), ki te pote dlo yo nan Migdalèl oswa Amygdalon pisin nan . Deja nan moun Jebis peryòd la , ti mòn lan nan Garèb pran non an nan Urusalim.
  • ale nan sid-bò solèy leve a se konplèks la Siyon-Ofèl-Moria: li se yon soulajman club-ki gen fòm ak yon aks nò-sid, pati nan epès ak pi wo a (rive 750 m nan altitid) fè fas a nò. Li se idantifye pa Valley Sedwon an sou bò solèy leve, ak pa Santral Tyropoeon Valley a sou bò solèy kouche a. Siyon se yon pati ki pi ba, manch lan nan sa a klib, ak isit la nwayo a orijinal te nan lavil la te fonde. Ofèl la , ki rele souvan "Siyon" pa ekstansyon pou tèm nan, se non yo bay pant lan ki leve sou mòn Morija , kote Esplanade a nan moske yo (yo rele tou Esplanade a nan montay la tanp ) se.

Malgre ke Siyon ak Ofèl fòme nwayo a orijinal yo, yo yo ki localize andeyò mi yo ki idantifye sa yo rele Old Vil la .

Vil modèn

mea Shearim

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Mezire Shearim .

Mea Shearim se youn nan pi ansyen katye yo lavil Jerizalèm deyò miray ranpa yo Old City. Li se pi popilè pou yo te katye a kote se sèlman manm yo nan Haredi kominote a ap viv la.

Klima

Lavil Jerizalèm jwi yon klima Mediterane , ak cho, ete sèk ak fre, sezon ivè mouye (menm ak Lanèj ki Tonbe an detanzantan ant janvye ak mwa mas). Mwa a pi frèt se janvye dapre seri yo istorik (mwayèn tanperati: 8 ° C) men ki gen yon chanjman desizif ak konstan nan dènye ane yo nan direksyon pou mwa fevriye oswa menm premye jou yo dis nan mwa mas, pi cho Jiyè ak Out (mwayèn tanperati a: 23 ° C) [13] ; seri a tanperati ki ant lajounen kou lannwit se remakab: aswè yo, se tipikman fre menm nan sezon lete. Mwayèn lapli anyèl rive nan 590 mm, konsantre ant Oktòb ak me (patikilyèman ant janvye ak mwa mas) [13] . Nan mwa ki rete yo se pa nòmal gen ranpli absans nan lapli. Yon pousantaj gwo nan kay yo fin vye granmoun ekipe ak rezèvwa (sitèn anba tè) pou koleksyon an ak konsèvasyon nan dlo ak prèske tout yo ekipe ak tank ekstèn sou twati yo. Vil la tou kaptur dlo jiska 2,000 m fon anpil. teknoloji solè se gaye toupatou, photovoltaïque ap agrandi. Air polisyon, lajman atténué pa klima a aksidante ak van konstan, sitou proceed soti nan trafik machin (responsab pou polisyon nan bri lou), dezobeyisan ak twòp konpare ak kapasite a nan wout bati nan tan lontan, epi yo pa konsa anpil pa endistri.

Orijin non an

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: renmen pou Tè pèp Izrayèl la , Mèlkisedèk , Patriyach jwif , wa David , Shir haShirim ak diven Will .

Istwa

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Istwa nan lavil Jerizalèm .

Ansyen laj

Icône loup mgx2.svg Sijè sa a menm nan detay: Colonia Aelia Capitolina .

Orijin yo nan lavil Jerizalèm dat tounen nan Laj la Stone , men li se mansyone a pou premye fwa nan kèk tèks moun peyi Lejip nan syèk yo an premye nan dezyèm milenè BC a ( tèks nan madichon ) epi pita san danje nan kèk lèt Amarna date tounen nan 1425 BC.

rekonstriksyon grafik nan tanp lan premye

Vil la rete okipe pa moun Amori fanmi an nan moun Jebis yo (apeprè 1000 BC) jiskaske konkèt la jwif pa wa David , ki te fè lavil Jerizalèm kapital la nan gouvènman l '; David tou te gen yon palè bati sou Acropolis yo ansanm ak anpil bilding lòt, li bay lòd rekonstriksyon an sou miray ranpa yo ki antoure. Imedyatman, wa Salomon te gen tanp lan Bondye bati nan plas nan palè a; lèt la te detwi nan 586 BC yo envazyon an vyolan nan Babilòn yo ki te dirije pa wa Nèbikadneza ki sakaje lavil la ansanm ak depòte popilasyon an lavil Babilòn [14] . Lè jwif yo retounen nan peyi yo apre yo fin lòd la nan Ciro nan 538 BC, yo bati Dezyèm tanp lan ; pita Neemi leve soti vivan miray ranpa yo ankò.

Destriksyon nan lavil Jerizalèm pa Tito (W. Kaulbach).

Nan 331 BC lavil Jerizalèm te okipe pa Aleksann Legran yo epi pita okipe pa Ptolemies yo nan peyi Lejip jouk 198 BC, lè li tonbe anba pouvwa a nan Seleucids yo nan peyi Siri . Lèt la te eseye elenize lavil la, men tantativ yo te nan gremesi ak pwovoke revòlt la jwif yo Maccabees yo ki, nan 165 BC, yo te rezoud ak genyen batay la nan lèt la, etablisman an nan Hasmonean dinasti a epi retounen nan souverènte jwif yo. destine nan dènye jouk konkèt la (63 BC) pa Gneo Pompeo . Ansanm ak lavil Jerizalèm Women an konkèt te tonbe nan men Ewòd ki rebati li dapre kritè yo planifikasyon iben greko-Women ak te gen tanp lan elaji. Anba gouvènè a nan Pons Pilat , Jezi te kloure sou kwa a, gen plis chans sou mòn Gòlgota .

Fèrmant yo relijye ki te koze de revòlt ki grav anpil nan lavil la, premye a nan ki te dire de 66 a 70, ak entèvansyon an nan lame yo bay lòd pa Tito te nesesè yo konfwonte li; lèt la, li te gen èstofe revòlt la, detwi lavil la ansanm ak tanp lan; konplo, dezyèm lan, bay lòd pa Simon Kokheba nan 132, pèmèt jwif yo nan rkonkerir lavil Jerizalèm, kwake pou yon ti tan: Women yo nan reyalite byen vit mobilize twoup yo estasyone sou fwontyè a ak elimine tout rezistans pa chanje non lavil la ak non an nan Aelia Capitolina ak transfòme l 'nan yon koloni Women an. Anperè Constantine mwen ak siksesè l 'retabli ak dekore kote ki lye nan istwa yo Levanjil li bati premye legliz la kretyen, Bazilik la nan Sentespri Sépulkr a .

Panorama nan lavil Jerizalèm nan fen syèk la 15th (Hartman Schedel, Nuremberg 1493)

Nan 614 lavil Jerizalèm te konkeri pa Sassanids yo nan Cosroe II ki bat Heraclius mwen , masakre popilasyon an ak te pran posesyon jan an nan Vrè Lakwa ; lavil la te rekonki pa Heraclius mwen tèt li nan 628. Nan 638 lavil la remèt kalif 'Umar Ibn Al-Khattab a ak rete administre pa kalif yo omeyyad nan lavil Damas ak kalif yo Abbasid nan Bagdad .

domèn Arab

Nan 972 li te konkeri pa iman ismèli Fatimids , men nan 1071 li te pran avanturyé turkish Atsiz Ibn Uvak , byento fòse yo chèche èd nan men Seljuk Malik Shah I nan lòd pou fè pou evite reyaksyon an nan Fatimids yo . Li jwenn li, men san yo pa ke yo te kapab pou fè pou evite ke yo te mouri nan 1079 pa siltan an. Fatimid kalif Al-Hakim nan grav t'ap peze moun ki rete kretyen ak detwi legliz anpil, ki gen ladan Bazilik la nan Sépulkr Bondye a, suscite kòlè nan West la.

Nan fondasyon an konfonn enstitisyonèl kreye pa gè sivil la ant pretandan yo Seljuk divès kalite, apre lanmò a nan Sultan Malikshāh nan fen 1092, Fatimids yo jere yo repran lavil la ansanm ak teritwa yo ki depann sou li. Li te Se poutèt sa yon ganizon fatimid ki san siksè yo te eseye defann lavil Bondye a soti nan sènen toupatou a viktorye nan krwaze yo ki, nan 1099, te sezi li, massacring Mizilman an ak popilasyon jwif, ak Lè sa a konstruksion li kòm kapital la nan yo Wayòm nan lavil Jerizalèm . [15]

Nan 1187 li te konkeri pa Saladin ak apre yon kout kretyen dominasyon soti nan 1229 1244, li te anba dominasyon an Mizilman yo nan Ayyubids yo ak Lè sa a nan mamlouk yo ki moun ki, sepandan, nan 1516, yo te bat yo Ottoman sultan Selim I , ki moun ki anekse li nan Anpi l 'yo, lè sa a, pwolonje nan peyi Siri ak peyi Lejip .

Ottoman peryòd

Lavil Jerizalèm te jwi yon peryòd gremesi nan renovasyon anba Suleiman Manyifik nan , ak temwen rekonstriksyon an sou miray ranpa yo nan Vil la Old. Pou anpil nan Ottoman règ, lavil Jerizalèm rete yon sant pwovens, kwake yon yon sèl enpòtan soti nan yon pwen relijye de vi.

Pami innovations prensipal yo ki te entwodwi pa otoman yo, modèn sistèm lapòs yo mansyone. Nan mitan-19yèm syèk la, otoman yo bati premye wout la pave, ki konekte Jaffa moun lavil Jerizalèm, ak nan 1892, sistèm nan tren rive lavil la.

Nan 1836, pandan peryòd la nan dominasyon moun peyi Lejip, Ibrahim Pasha, otorize restorasyon nan kat nan pi sinagòg yo enpòtan, ki gen ladan sinagòg la Hurva .

Kòmanse nan ane 1860 yo, lavil la te kòmanse yo elaji deyò vil la Old .

20yèm syèk la

Dominasyon an Ottoman nan lavil la te dire jouk Novanm 1917, lè li te okipe pa Britanik la bay lòd pa Jeneral Edmund Allenby , nan ki yon kontenjan Italyen te patisipe tou. Avèk Trete a Vèsay , yo te lavil la te deklare kapital la nan Manda a Britanik nan Palestin . Nan 1949, Asanble a Jeneral Nasyonzini pwoklame mondyalizasyon an nan lavil Jerizalèm, anba kontwòl la nan Nasyonzini an ankouraje viv ansanm nan nan eleman yo divès kalite relijye nan lavil la. Pifò nan eleman nan pre-Izraelyen jwif aksepte plan an mèt pou séparation Palestin nan de eta , youn jwif ak yon Arab, pandan y ap pi fò nan eleman nan Palestinyen Arab ak rès la nan Arab la ak mond Islamik rejte li. Sepandan, tou de bò pa te prepare nan nenpòt fason yo abandone lavil Bondye a ak pou rezon sa a fòs yo jwif ak Jordanian Arab nan Rejiman an Arab okipe lavil Jerizalèm: premye sektè nan lwès la nan lavil la ansanm ak pati nan dezyèm lès li yo.
Nan mwa Desanm 1949, lavil Jerizalèm te pwoklame kapital la nan eta a nouvo Izraelyen, ki nan mwa ki suiv deplase biwo enstitisyonèl li yo la. [16]

Pandan sis Lagè Jou, Izrayelyen yo okipe sektè nan Jordanian, suscite kondannasyon pa Nasyonzini Asanble a Jeneral. Avèk yon dekrè ki te apwouve pa Palman an Izraelyen , nan dat 30 jiyè 1980, aneksyon la ofisyèl nan sektè a Jordanian ak pwoklamasyon an nan lavil Jerizalèm kòm kapital la ini ak endivizib pèp Izrayèl la te deklare.
pwoklamasyon sa a, sepandan, reveye mekontantman a pa sèlman nan Arab yo, men tou, nan pi fò nan diplomasi nan mond lan, akòz pè ke rekonesans an nan sa a estati légitimes itilize nan fòs nan solisyon an nan diskisyon entènasyonal yo. [ san sous ]

estati entènasyonal
Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Ki dènye nouvèl sou lavil Jerizalèm .

Estati a entènasyonal nan lavil Jerizalèm reprezante yon konplèks ak difisil rezoud pwoblèm kle nan kontèks la nan konfli yo Arab-Izrayelyen . Tantativ Divès yo te fè nan deseni ki sot pase yo defini estati entènasyonal li yo legal, nan Nasyonzini rezolisyon ak negosyasyon ant pati konsèné yo, pa youn nan ki te gen byen lwen tèlman te mennen nan nenpòt rezilta definitif. Souverènte a teritoryal se lavil Jerizalèm reklame nan tou de pèp Izrayèl la ak tout pèp la Palestinyen nan fason ki jusqu 'inplakabl. Varyete a nan konpozisyon nan popilasyon an nan vil la, kote pou adore nan twa relijyon yo Abrahamic , Singularité istorik li yo ak enpòtans ki genyen nan kote konsidere kòm eritaj nan limanite fè rechèch la pou yon solisyon menm plis konplèks, lè w rele nan kesyon, nan adisyon a nan lidè yo nan de pèp yo ak kò entènasyonal, ki gen ladan lòt sijè ki gen ladan Sentespri a Gade .

Pèp Izrayèl la , depi 1967, te gen defakto kontwòl nan tout la nan lavil Jerizalèm, ki gen ladan East lavil Jerizalèm ; yo konsolide kontwòl sa a, otorite yo Izraelyen te aplike yon seri de politik iben ki vize a ansanm ankouraje konstriksyon an nan katye jwif nan teritwa yo okipe nan East lavil Jerizalèm (an 2008 katye sa yo abite sou 195,000 jwif), ak obstak nan ekspansyon iben nan katye Arab. [17] Izrayèl reklamasyon plen souverènte sou tout la nan lavil Jerizalèm - e li te sètifye estati li a kòm "ki konplè epi ki divize" kapital pa lalwa fondamantal [18] . Foul moun yo Palestinyen, nan reprezantan yo, yon pati reklamasyon oswa tout lavil Jerizalèm (nan Arabic al-Quds, sa vle di "Sentespri a") kòm kapital la nan eta a nan lavni palestinyen yo. Pifò manm nan Nasyonzini an ak òganizasyon entènasyonal pa aksepte ke lavil Jerizalèm se kapital la nan pèp Izrayèl la, ni aneksyon a nan East lavil Jerizalèm ak pèp Izrayèl la. [19] Pifò anbasad yo sitiye nan Tel Aviv distri a .

Dapre elèv Stephen Zunes, "entènasyonal kominote a" an jeneral pa ta aksepte yo rekonèt lavil Jerizalèm kòm kapital la nan pèp Izrayèl la [20] . Izraelyen Minis afè Etranje a nan sa a konsiderasyon Version di ke li se "majorite a nan eta" ki pa te dakò yo rekonèt lavil Jerizalèm kòm kapital [21] .

Nan mwa me 2007, sou okazyon an nan selebrasyon yo te pou anivèsè a karantyèm nan reyinifikasyon an nan lavil la, absans la nan reprezantasyon diplomatik nan seremoni an eta kreye konfizyon nan mond lan Izraelyen politik. Premye a dekline envitasyon an te anbasadè Alman an, ki te swiv pa yon sèl US la. [22] Majistra Lupolianski te reyaji lè yo te rejte bezwen an pou rekonesans entènasyonal [23] , pandan y ap manm nan Knesset a te vle ki ta ka estati a nan kapital dwe rekonèt nan lavni. [24]

Li eseye bay lavil la yon definitif dat sitiyasyon tounen nan peryòd sa a nan fen manda a Britanik nan Palestin . Rejim entènasyonal la orijinal envisagées pa Nasyonzini an pou vil la nan lavil Jerizalèm ( separatum corpus ) [25] , vin ansent nan fondasyon an nan plan an patisyon Palestin nan 1947, pa te janm aplike e li te abandone nan ane sa yo. Soti nan 1948 1967, apre ki sènen toupatou a nan vil la Old pa Rejiman a Arab , ki a nan ekspilsyon an nan popilasyon an jwif soti nan li, lavil la te mete yon bayè ant East lavil Jerizalèm, ki gen ladan vil la Old plis kèk ki pi piti distri lès ak Jordanian souverènte, ak New lavil Jerizalèm ak Izraelyen souverènte li. Pèp Izrayèl la akeri kontwòl nan tout vil ki anba la a 1967 Lagè Sis jou . Lavil la te pwoklame kapital la nan pèp Izrayèl la nan 1950 epi pita deziyen kòm sa yo nan lalwa Izraelyen sou li a, 30 jiyè 1980, dat la nan promulgation nan Lwa a lavil Jerizalèm. [26] .

Pwoklamasyon sa yo yo te kondannen pa rezolisyon Nasyonzini ak desizyon tribinal entènasyonal, kòm vil la nan lavil Jerizalèm an gen ladan teritwa pa rekonèt kòm Izrayelyen pa lwa entènasyonal . Tribinal la Jistis Entènasyonal lan konfime nan 2004 ki teritwa yo okipe pa Eta a pèp Izrayèl la pi lwen pase 1967 "Green Line nan" kontinye yo dwe "okipe teritwa" ak Se poutèt sa tou pati lès nan lavil Jerizalèm.

Sou 7 Oktòb 2002 Konsèy la Sekirite Nasyonzini apwouve Rezolisyon 1322 (2002) konfime Rezolisyon anvan 476 ak 478 nan lane 1980, 672 nan 1990 ak 1073 nan 1996 ak "tout lòt li yo Rezolisyon enpòtan".

Tribinal la Jistis Entènasyonal lan nan yon opinyon ofisyèlman eksprime an 2004 [27] konfime validite nan rezolisyon sa yo, an patikilye nan Rezolisyon 478, ki deklare ke (Res. CD 476) "akizisyon a nan teritwa pa fòs se inadmisib" e ke tout administratif ak mezi lejislatif pran pa pèp Izrayèl la ak ki vize a chanje estati a nan lavil Jerizalèm, ki gen ladan Izraelyen "lwa a debaz" deklare lavil Jerizalèm kòm kapital li yo, konstitye yon "vyolasyon lwa entènasyonal".

Konsèy Sekirite Nasyonzini an rele sou tout manm Nasyonzini yo "(yon) aksepte desizyon sa a ak (b) retire misyon diplomatik yo nan pèp Izrayèl la ki te prezan nan lavil Jerizalèm". retrè sa a aktyèlman te pran plas, menm pou moun eta yo ki te gen anbasad pwòp yo ak Izrayèl nan lavil Jerizalèm. Nan kartografye nan Nasyonzini, pa gen okenn sant endike kòm kapital la nan pèp Izrayèl la (Al gade nan: kat jeyografik nan pèp Izrayèl la [28] , kat jeyografik nan Mediterane a sidès [29] , kat jeyografik nan Mwayen Oryan an [30] ).

Tout eta yo ki gen relasyon diplomatik ak pèp Izrayèl la kenbe anbasad yo deyò nan lavil Jerizalèm, anjeneral, nan oswa tou pre Tel Aviv . An 2006, sèlman de eta yo ki te gen anbasad nan lavil Jerizalèm, El Salvador ak Costa Rica , avize gouvènman an Izraelyen nan desizyon yo pou avanse pou pi reprezantasyon diplomatik yo nan Tel Aviv [31] . Apre notifikasyon sa a, El Salvador deplase li nan Herzliya Pituach (yon katye rich nan Herzliya rele apre Theodor HERZL ) ak Costa Rica Ramat Gan (yon katye rich nan Tel Aviv). Kongrè a nan Etazini yo te pran yon kantite lane Anbasad Ameriken an te deplase soti nan Tel Aviv sou lavil Jerizalèm, men li te pa youn nan gouvènman yo siksesif aplike desizyon an. Soti nan 83 anbasad prezan nan 2008 nan peyi Izrayèl la, 64 (77%) yo se nan Tel Aviv , 10 (12%) nan Ramat Gan (vil tou pre Tel Aviv ), 5 (6%) nan Herzliya (vil tou pre Tel Aviv ), 2 (2.4%) nan Herzliya Pituah (marin katye rich nan Herzliya), 2 (2.4%) nan Mevaseret Siyon (yon règleman Izraelyen kouri pa yon konsèy lokal , se yon teritwa kò administratif - gen 144 nan peyi Izrayèl la - menm jan an nan estrikti nan yon minisipalite, men li pat ankò sa yo, pa rive popilasyon an minimòm nesesè yo dwe tèlman dapre lalwa Izraelyen, li a sitiye nan Distri a lavil Jerizalèm, sou 10 km soti nan vil la nan lavil Jerizalèm, sou gran wout la ki konekte li nan Tel Aviv ). Nan total la, yo 81 soti nan 83 anbasad (97.6%) sitiye nan Tel Aviv Distri a ak sèlman de (Paragwe ak Bolivi) nan yon sèl lavil Jerizalèm lan, men andeyò lavil la nan lavil Jerizalèm [32] .

Anplis de sa nan pwononse yo nan nivo entènasyonal, pozisyon an Britanik ofisyèl sou lavil Jerizalèm [33] se patikilyèman klè, ki nan ka sa sans eta ke pa gen okenn rekonesans se posib, e ke estati a definitif nan lavil la pral sijè a nan negosyasyon yo.

An 1995 Kongrè a US te eseye fòse administrasyon an yo rekonèt lavil Jerizalèm kòm kapital la nan pèp Izrayèl la, antre a nan fòs nan dispozisyon an te sepandan ranvwaye pa plizyè Prezidan yo [34] jouk Desanm 6, 2017, lè Donald Trump te deklare transfè a nan anbasad la US nan vil la Sentespri diskite li kòm yon "chwa ki nesesè pou lapè" [35] .

Moniman ak kote nan enterè yo

Antre nan kavo a Sentespri

Enpòtans ki genyen istorik nan lavil Jerizalèm fè li se youn nan ki pi enteresan Mwayen Oryan lavil yo soti nan pwen an de vi nan kote istorikman ki enpòtan. [ senza fonte ] La concentrazione maggiore di siti storici e religiosi ha sede nella Città Vecchia di Gerusalemme , Patrimonio dell'umanità dal 1981, circondata dalle mura costruite nel 1538 durante il regno del sultano ottomano Solimano il Magnifico . La città vecchia è suddivisa in quattro sezioni, che prendono il nome dalla componente demografica che vi ha dominato nel corso dei secoli: il quartiere cristiano , situato nella zona nord-occidentale, è confinante a sud-ovest con il quartiere armeno , che sorge oltre la porta di Giaffa ; il quartiere cristiano inoltre confina a nord con il quartiere musulmano , il quale si estende in un'area compresa tra la porta di Damasco , la porta di Santo Stefano e la Porta Dorata (oggi murata), a est della quale si trovano il Monte degli Ulivi e l'orto del Getsemani . Il quartiere ebraico , compreso tra le sezioni musulmana e armena, occupa il quadrante sud-orientale della Città Vecchia.

Numerosi sono i monumenti di Gerusalemme, tra questi: la Cupola della Roccia , spesso considerata simbolo della città, realizzata in età omayyade sul luogo dal quale, secondo il Corano , il profeta Maometto ascese da vivo al cielo per grazia divina, la Basilica del Santo Sepolcro , costruita su una preesistente basilica del IV secolo, a sua volta eretta sul luogo tradizionalmente considerato la tomba di Cristo , e il Muro Occidentale (conosciuto come "Muro del Pianto"), luogo sacro per eccellenza degli ebrei, residuo del tempio costruito da re Salomone .

Il Monastero di San Salvatore , fondato nel 1559 dai francescani , all'interno del complesso ancora oggi sede della Custodia di Terra Santa . [36] Dal 2008 è dotata del più importante organo a canne della città, opera di artigiani austriaci e dono della diocesi di Innsbruck . Nella struttura opera l' Istituto Magnificat , dedicato all'insegnamento musicale in collegamento con il Conservatorio Arrigo Pedrollo di Vicenza . Il coro del Magnificat accompagna le celebrazioni cattoliche solenni del Santo Sepolcro e delle altre basiliche e santuari.

Nella Città Nuova sono situati il Museo d'Israele (con l'esposizione di alcuni rotoli originali od in riproduzione del Mar Morto), lo Yad Vashem , il Cimitero nazionale del monte Herzl , sede inoltre del Centro Sionistico Internazionale , la Biblioteca nazionale e universitaria ebraica e la sede della Knesset , sia quella precedente che quella attuale. La città ospita nemerose sinagoghe storiche, come quella di rito italiano, trasportata e riassemblata da Conegliano .

Il passeggio e lo shopping si praticano soprattutto nel triangolo tra Jaffa road , King George Street e Ben Yehuda Street oppure in Salah al-Din Street, la via principale di Gerusalemme Est. [ senza fonte ] Un intero quartiere è dedicato al settore terziario e allo shopping (Talpiot), oltre al Malha Mall, nei pressi dell'omonima stazione ferroviaria. Il mercato di Mahane Yehuda , il suq da Porta Damasco verso Nord, costituisce una popolare attrazione sia per i residenti che per i turisti, e raccoglie centinaia di venditori, in prevalenza di prodotti alimentari. [37] La parte moderna di Gerusalemme si è sviluppata attorno alla Città Vecchia anche con insediamenti di grandi dimensioni (quartiere di Ghilo).

Dal 1981 la Città Vecchia di Gerusalemme è inserita tra i patrimoni dell'umanità dell' UNESCO . [38] L'anno seguente viene elencata tra i "patrimoni in pericolo" in seguito alla richiesta avanzata dalla Giordania .

Si cita poi il Memoriale alle vittime di atti terroristici in Israele .

Società

Sheikh Jarrah , quartiere a maggioranza araba a Gerusalemme Est
Ebrei ultraortodossi a Gerusalemme

Fin dal medioevo, la popolazione gerosolimitana risulta suddivisa in quattro gruppi principali: i musulmani , gli arabi cristiani , gli ebrei e gli armeni . Ognuna delle comunità era concentrata nel proprio quartiere in quella che è oggi la Città Vecchia , che risulta suddivisa ancora oggi in gran parte secondo strutture etno-religiose. La comunità musulmana includeva anche una componente originaria del Maghreb , concentrata fino al 1967 nel quartiere marocchino , e una comunità dom . La proporzione della componente ebraica rimase costante fino agli inizi del XIX secolo, per poi aumentare per opera di cospicui flussi migratori dall' Europa orientale , che interessavano per la maggior parte gruppi spinti da motivi religiosi. Alla fine del XIX secolo, la Prima Aliyah portò nuovi immigrati dall'Europa orientale e dallo Yemen . Gli ebrei divennero la maggioranza assoluta della popolazione a partire dagli anni 1880. In seguito alla guerra arabo-israeliana del 1948 , buona parte degli arabi gerosolimitani, in particolare cristiani, abbandonarono la città, anche se alcuni fecero ritorno successivamente nella sezione orientale controllata dalla Giordania . In seguito al 1967, la crescita demografica accelerò; la proporzione della componente ebraica diminuì a partire dagli ultimi decenni del XX secolo, passando dal rappresentare i tre quarti della popolazione a meno di due terzi nei primi anni del XXI secolo, fenomeno da attribuirsi al maggiore tasso di fertilità della componente araba. [39]

Nel 2016, Gerusalemme ospitava 882 700 abitanti, componenti un decimo della popolazione israeliana, dei quali 536 600 ebrei (poco più del 60% della popolazione), 332 600 arabi palestinesi (il 38% della popolazione, 319 800 o il 96% dei quali musulmani, 12 600 o il 4% cristiani e 200 drusi ), 3 200 cristiani non arabi (dei quali circa un migliaio di armeni concentrati in gran parte nel quartiere armeno ) e 10 300 residenti non classificati. [40] Nel 2018, la popolazione aveva raggiunto i 919 400 abitanti, 354 000 ( 349 700 ebrei e 4 500 arabi) dei quali residenti a Gerusalemme Ovest e 565 200 ( 345 000 arabi e 220 200 ebrei) a Gerusalemme Est . Benché riceva dall'estero alcune migliaia di immigrati ebrei ogni anno (nel 2018, il 10% dei 28 100 immigrati in Israele si sono stabiliti in città), lasciano la città più persone di quante vi arrivino; nel 2018, 18 800 gerosolimitani hanno abbandonato la città, di fronte a 12 800 arrivi. Tuttavia l'alta natalità degli arabi e degli ebrei ultra-ortodossi continua a far crescere la popolazione in linea con la media nazionale. Il tasso di fertilità e la dimensione familiare sono assai superiori alle medie nazionali. Il tasso di fertilità tra gli arabi è in costante diminuzione e nel 2018 si attestava al 3,2, più basso rispetto al 4,5 nel 2000, mentre tra gli ebrei è in aumento, soprattutto data l'espansione demografica del settore ebraico ultra-ortodosso; nel 2018 il tasso di fertilità tra gli ebrei era del 4,4, rispetto al 3,8 del 2000. [41]

Le diverse componenti vivono per la stragrande maggioranza segregate; gli arabi sono concentrati a Gerusalemme Est e gli ebrei a Gerusalemme Ovest e in alcuni insediamenti israeliani nel settore orientale. Abu Tor costituisce una delle poche eccezioni, essendo un quartiere misto. [42] Numerosi arabi si sono poi stabiliti in quartieri ebraici: nel 2007, erano arabi 1 300 dei 42 000 residenti di Pisgat Ze'ev , un sesto dei 7 000 abitanti di French Hill e 600 dei 20 000 di Neve Yaakov . [43]

La stragrande maggioranza degli arabi gerosolimitani non possiede la cittadinanza israeliana , anche se dispone della residenza permanente, che garantisce l'accesso ai servizi pubblici israeliani, quali l'istruzione e la sanità, il diritto di lavorare nel resto del Paese, il diritto di voto alle elezioni municipali (boicottate però dalla larga maggioranza degli arabi) e della possibilità di richiedere la cittadinanza israeliana. I servizi pubblici sono però distribuiti in modo ineguale, comportando vasti fenomeni di inefficienza e di disagio nei quartieri a maggioranza araba. In proporzione, agli arabi vengono poi forniti un minore numero di autorizzazioni per la costruzione edilizia, fenomeno che ha portato alla sovrappopolazione delle zone arabe e all'avvio di costruzioni edilizie abusive; circa 93 000 residenti arabi corrono il pericolo di vedersi le proprie abitazioni demolite. Dal 1967, a oltre 14 000 arabi è stata revocata la residenza permanente. [44] Al 2018, il numero di revoche si attestava a 14 643 . Fino al 2011, 10 376 revoche erano motivate da trasferimenti all'estero degli interessati. [45] Mentre molti ebrei laici abbandonano la città, molti palestinesi sono attratti dalle opportunità economiche e dai servizi sociali che la città offre. [46] [47]

Il processo di acquisizione della cittadinanza israeliana per gli arabi gerosolimitani risulta complicato e richiede la piena padronanza della lingua ebraica , la fedeltà allo Stato israeliano e la rinuncia alla cittadinanza giordana ; la maggioranza delle richieste viene rigettata. [48] A partire dai primi anni del XXI secolo, la proporzione degli arabi gerosolimitani che preferirebbe la cittadinanza israeliana a quella palestinese è aumentata. [49] A partire dal 2009, venivano avviate ogni anno quasi mille richieste, circa 400 delle quali venivano accolte. Nel 2019, 1 200 residenti arabi hanno ottenuto la cittadinanza israeliana, il triplo rispetto al 2018, mentre 1 361 richieste hanno avuto esito negativo. [50]

Nel 2006, gli ebrei gerosolimitani erano suddivisi tra un 21,8% di laici (dato molto più basso rispetto alla media nazionale di oltre il 40%), un 34% di tradizionalisti (il 13% dei quali definitisi religiosi), un 13,7% di religiosi e un 30,4% di ultra-ortodossi. [51] Una forte contrapposizione sussiste in particolare tra gli ebrei laici e quelli ultra-ortodossi. Le principali controversie tra le due comunità sono relative all'indisponibilità dei servizi pubblici e privati durante lo Shabbat , al dominio della cucina casherut (situazioni contestate dai laici e sostenute dagli ultra-ortodossi) e alla sempre maggiore ingerenza degli ultra-ortodossi nei quartieri laici. Le prime significative manifestazioni di disaccordo tra le due componenti emersero già negli anni del mandato britannico . La gran parte degli ultra-ortodossi sono concentrati in quartieri dove costituiscono la maggioranza assoluta e dove la vita pubblica viene vissuta in accordo con la legge religiosa. Molti di questi quartieri, in particolare Mea Shearim , sono chiusi al traffico durante lo Shabbat e appongono avvisi che raccomandano la modestia nel vestiario. Fenomeno notevole è la progressiva evoluzione demografica e sociale vissuta da molti quartieri, che dall'essere dominati dai laici si sono trasformati in quartieri a maggioranza ultra-ortodossa. Molti ebrei laici abbandonano la città, considerata sempre più conservatrice e religiosa, per trasferirsi nelle città della costa, considerate sedi di ambienti più liberali e più vitali dal punto di vista economico. [52] [53] [54] [55] [56]

Il tasso di povertà è molto più alto rispetto alla media nazionale: nel 2018, il 59% degli arabi e il 27% degli ebrei gerosolimitani (in particolare gli ultra-ortodossi) vivevano sotto la soglia di povertà, mentre la dimensione familiare si attestava a una media di 3,4 persone per gli ebrei ea 5,3 per gli arabi. Il 64% delle famiglie gerosolimitane disponevano di un computer (di fronte a una media nazionale del 77%) e il 56% di un automobile (media nazionale del 72%). I tassi di disoccupazione sono più alti rispetto alla media nazionale. Sempre nel 2018, l'81% delle donne e il 74% degli uomini ebrei e il 25% delle donne e il 79% degli uomini arabi ricoprivano un'occupazione lavorativa. I principali settori lavorativi in città sono nell'ambito dell'educazione, della sanità, dell'amministrazione, del commercio, del turismo e dell'edilizia. [41]

Le maggiori proporzioni degli ebrei ultra-ortodossi e degli arabi nella componente più giovane della popolazione sono evidenti nell'ambito dell'istruzione: nel 2018, dei 286 900 studenti gerosolimitani, 110 400 risultavano iscritti a scuole del settore arabo, 110 000 a scuole ultra-ortodosse, di fronte ai 66 500 frequentanti il sistema educativo pubblico israeliano ( 31 700 dei quali seguivano un programma religioso). [41]

Evoluzione demografica

La presente tabella mostra l'evoluzione demografica, con attenzione a quella ebraica. Confronti fra anni vanno effettuati con cautela perché le aree coperte variano con il variare dei confini della città e del distretto. [57] [58] [59] [60] [61] [62] [63]

Popolazione di Gerusalemme
Anno Ebrei Musulmani Cristiani Totale Fonte
1471 250f ? ? ? (f=n° famiglie); Baron, 1983
1488 76f ? ? ? (f=n° famiglie); Baron, 1983
1489 200f ? ? ? (f=n° famiglie); Yaari, 1943
1525 199f 616f 119f ? (f=n° famiglie); Baron, 1983
1539 1.630 m ? ? ? (m=maschi adulti); Tahrir
1553 1.958 m 11.750 358 m ? (m=maschi adulti); Masters, 2004
1556 2.350 m ? ? ? (m=maschi adulti); Tahrir
1563 1.720 m ? ? ? (m=maschi adulti); Tahrir
1568 1.160 m ? ? ? (m=maschi adulti); Censimento Ottomano [64]
1597 11f ? ? ? (f=n° famiglie); Tahrir
1640 4.000 ? ? ? Roger [65]
1723 2.000 ? ? ? Van Egmont & Heyman [66]
1844 7.120 5.000 3.390 15.510 Harrel, 1974
1850 13.800 ? ? ? Censimento della Anglo-Jewish Association
1869 3.200f ? ? ? (f=n° famiglie); HJ Sneersohn, 1869 [67]
1876 12.000 7.560 5.470 25.030 Harrel, 1974
1896 28.110 8.560 8.750 45.420 Harrel, 1974
1922 33.971 13.413 14.669 62.578 Harrel, 1974
1931 51.200 19.900 19.300 90.053 Harrel, 1974
1944 97.000 30.600 29.400 157.000 ?
1947 100.000 ? ? 205.000 inclusi Betlemme e villaggi arabi nei dintorni; ONU, 1983
1948 100.000 40.000 25.000 165.000 Harrel, 1974
1967 195.700 54.963 12.646 263.307 Harrel, 1974
1980 292.300 ? ? 407.100 Città di Gerusalemme
1985 327.700 ? ? 457.700 Città di Gerusalemme
1987 340.000 121.000 14.000 475.000 Città di Gerusalemme
1990 378.200 131.800 14.400 524.400 Città di Gerusalemme
1995 417.100 182.700 14.100 617.000 Città di Gerusalemme
1996 421.200 ? ? 602.100 Città di Gerusalemme
2000 448.800 ? ? 657.500 Città di Gerusalemme
2004 464.500 ? ? 706.400 Città di Gerusalemme
2005 469.300 ? ? 719.900 Città di Gerusalemme
2006 481.000 ? ? 733.400 Città di Gerusalemme
2007 487.100 ? ? 747.600 Città di Gerusalemme
2008 492.200 ? ? 760.400 Città di Gerusalemme
2009 497.000 ? ? 772.900 Città di Gerusalemme
2010 504.000 ? ? 789.000 Città di Gerusalemme
2012 ? ? 933.113 Città di Gerusalemme

Cultura

Una città "santa"

«Quale gioia, quando mi dissero:
“Andremo alla casa del Signore”.
E ora i nostri piedi si fermano
alle tue porte Gerusalemme!»

( Salmo 121 (122) )

Ciò che rende davvero unica Gerusalemme è l'essere città santa per le tre più grandi religioni monoteiste del mondo. La città è sacra infatti per gli ebrei, in quanto storico simbolo della patria ebraica, luogo dove fu eretto il Tempio di Gerusalemme (l'edificio sacro più importante per l' ebraismo ), nonché capitale del Regno di Giuda e Israele dal 1000 aC circa e del Regno di Giuda dal 933 aC al 597 aC; allo stesso modo sacra per i cristiani poiché luogo in cui Gesù ha vissuto gli ultimi momenti della propria vita e dove, secondo la tradizione cristiana, è stato sepolto e soprattutto, secondo il culto, è risorto; altrettanto sacra per i musulmani in quanto essi sostengono che Maometto vi sia giunto al termine d'un miracoloso viaggio notturno ( isrāʾ ) per ascendere poi al cielo pur rimanendo vivo ( miʿraj ).

Cinema

Arti e lettere

Nell' escatologia dell' Ebraismo e del Cristianesimo ( Apocalisse di Giovanni ) è presente l'immagine della Gerusalemme celeste . Inoltre il tema dell'avvenire escatologico urbano si apre dal veterotestamentario libro di Isaia (II). La nuova Gerusalemme aprirà il suo seno ed offrirà la salvezza eterna non solo ad Israele, ma a tutte le nazioni. Gerusalemme, divenuta sotto David la capitale politica e religiosa d'Israele, la dimora di Jahvé ( Salmi LXXIII, 2), sarà alla fine dei tempi luogo di incontro delle nazioni ( Libro di Isaia , LIV, 11 e LX).

Dante Alighieri nella Divina Commedia , costruita sulla cosmologia geocentrica aristotelico - tolemaica , dispone l'oltretomba intorno ad un asse ideale che parte dal centro di Gerusalemme e giunge al centro della Terra attraverso la voragine infernale aperta sotto la città in seguito alla caduta di Lucifero dal cielo. Da qui l'asse si prolunga sino all'altro emisfero (emisfero australe) e diventa l'asse di un tronco di cono ( Purgatorio ) che va a finire al centro di un piano, il Paradiso terrestre , dove termina, che è di conseguenza diametralmente opposto a Gerusalemme. L'asse ideale si prolunga poi ancora di cielo in cielo fino all' Empireo . Gerusalemme è posta da Dante al centro dell' ecumene , come sta scritto nel veterotestamentario libro di Ezechiele (5, 5):"Così dice il Signore Dio: Questa è Gerusalemme! Io l'avevo collocata in mezzo alle genti e circondata di paesi stranieri."

Tra il 1559 e il 1575 Torquato Tasso scrisse la Gerusalemme liberata , un poema epico - cavalleresco ambientato all'epoca delle Crociate in ottave e in 20 canti (raggruppati in cinque parti corrispondenti ai 5 atti della tragedia classica) [68] , mentre lo scrittore e drammaturgo spagnolo Lope de Vega , vissuto fra XVI e XVII secolo, scrisse la Gerusalemme conquistata, epopea tragica ( Jerusalén conquistada, epopeya trágica , 1609) in cui narra di una crociata in terra santa .

Nel 1931 Marc Chagall ha dipinto a olio un quadro intitolato a Gerusalemme .

Nel 1967 Naomi Shemer ha scritto e musicato la canzone " Gerusalemme d'oro " (in ebraico ירושלים של זהב, Yerushalayim shel zahav , /jəʀuʃa'lajim ʃɛlza'hav/), il cui ritornello è uno dei più famosi in Israele e nel mondo ("Jerusalem of Gold") e compare, incongruamente, alla fine del film Schindler's List - La lista di Schindler .

Istruzione

Il sistema di istruzione pubblica è suddiviso fra il settore ebraico e quello arabo. Nel settore ebraico le scuole pubbliche sono affiancate da numerose scuole religiose (che seguono un programma che include anche materie religiose); oltre a queste vi sono poi le scuole ultra-ortodosse , i cui programmi sono in genere incentrati esclusivamente su materie religiose e non consentono quindi di sostenere l'esame di maturità (il Bagrut ) né quindi di accedere all'università. [ senza fonte ]

Le scuole del settore arabo, tendenzialmente sotto-finanziato, offrono un'istruzione considerata di qualità inferiore, come sembrerebbero dimostrare gli esiti al Bagrut . [69] Per contrastare il sovraffollamento e l'inefficienza delle scuole arabe, nel 2007 il governo israeliano ha approvato un piano quinquennale per aumentare il numero delle classi. [70]

Nel 2018, dei 286 900 studenti gerosolimitani, 110 400 erano iscritti a scuole del settore arabo, 110 000 a scuole ultra-ortodosse e 66 500 a scuole pubbliche israeliane ( 31 700 di questi erano iscritti a scuole pubbliche che seguivano un programma religioso). La popolazione universitaria comprendeva 37 000 studenti, 19 800 dei quali frequentanti l'Università Ebraica di Gerusalemme. [41]

Università

Gerusalemme è sede di varie università, che offrono un'istruzione in lingua ebraica , araba e inglese :

Altre istituzioni includono lo Studium Biblicum Franciscanum , fondato a Gerusalemme nel 1924, numerose Yeshivot , l' Istituto Polis e l' Accademie di scienze e arti di Israele .

Biblioteche

A Gerusalemme ha sede la Biblioteca nazionale di Israele .

Musei

Gerusalemme ospita importanti musei, come il Museo d'Israele , il Museo delle terre bibliche , il museo dell' Istituto del Tempio , L'Istituto del Tempio ed il memoriale di Yad Vashem . Il Bible Lands Museum esplora la cultura dei popoli e delle terre citati nella Bibbia , fra cui gli antichi Egizi , i Cananei , Filistei , Aramei , Ittiti , Elamiti , Fenici e Persiani .

Economia

Storicamente, l'economia di Gerusalemme, città lontana dai porti e dalle vie commerciali ( Giaffa , Gaza ), dipendeva dai pellegrini , ossia, come oggi lo si chiama, dal turismo religioso internazionale. Il turismo culturale e religioso, oltre alla consistente presenza di studenti stranieri presso le università civile e le facoltà ecclesiastiche (Studium Biblicum Franciscanum dei Frati Minori, Ecole Biblique et Archeologique Francais dei Domenicani, S. Paul Theological Institute dei Salesiani ed altri centri ecumenici e riformati), è ancor oggi il volano principale (6,1% degli addetti solo in alberghi e ristoranti), ma da 40 anni è sempre più chiaro che il benessere della città non può affidarsi solo ad esso. [ senza fonte ]

L'urbanistica favorisce il turismo ma scoraggia lo sviluppo economico: [ senza fonte ] una legge approvata durante il Mandato britannico per conservare l'estetica della città impone che ogni edificio sia costruito in pietra di Gerusalemme; inoltre, solo il 2,2% della superficie della città è destinabile a industria e infrastrutture (la metà di Tel Aviv , un settimo di Haifa ), in gran parte ad Atarot .

Di conseguenza, solo l'8,5% della forza lavoro è impiegata nell'industria manifatturiera (in Israele 15,8%), anche se un numero crescente di imprese high-tech internazionali si sta localizzando nel parco industriale di Har Hotzvim, periferia nord della città.

In quanto polo religioso e culturale, ma anche in quanto città afflitta da una non trascurabile povertà (vedi sotto), la quota di addetti nell'istruzione (17,9%), nella sanità (12,6%), nei servizi sociali (6,4%), è ampiamente superiore alla media nazionale. [ senza fonte ]

In quanto capitale dello Stato di Israele, Gerusalemme è sede anche di una quota importante di posti di lavoro pubblici (8,2% del totale, contro una media nazionale del 4,7%), in misura crescente dopo l'unificazione della città sotto controllo israeliano in seguito alla guerra dei sei giorni [ senza fonte ] ; inoltre da allora il governo offre sussidi e incentivi alle nuove imprese che si localizzano in città.

Dal 1967 (ma in realtà già dalla divisione del 1948) la parte araba fino al 1967 (Gerusalemme Est) si è sviluppata a ritmi più lenti della parte israeliana dal 1948 (Gerusalemme Ovest). [ senza fonte ] Ciononostante, le famiglie con persone occupate sono il 76% a est e solo il 67% a ovest, a causa del gran numero di ebrei ultra-ortodossi (Haredi) maschi che non entrano nella forza lavoro. Il tasso di disoccupazione (2007) è leggermente migliore a Gerusalemme (8,3%) che nel resto di Israele (9,0%), anche se in gran parte a causa del relativamente basso tasso di attività. Per queste ragioni, oltre che per la seconda intifada , la quota di abitanti sotto la soglia di povertà è cresciuta in entrambe le parti della città fra il 2001 e il 2007 (+40%). Nel 2006, il reddito mensile medio per occupato era a Gerusalemme NIS 5 940 ( 1 080 euro), NIS 1 350 (245 euro) sotto alla media di Tel Aviv. [ senza fonte ]

Infrastrutture e trasporti

L' aeroporto di Gerusalemme ( IATA : JRS, ICAO : LLJR, OJJR) si trova a 12 km a nord dal centro della città, nei territori palestinesi occupati da Israele dal 1967 in seguito alla guerra dei sei giorni . Nel 2001 è stato chiuso ed affidato alle Forze Armate a causa della seconda intifada . L'aeroporto più vicino è l' aeroporto di Tel Aviv-Ben-Gurion a 58 km dalla città.

L'unica linea ferroviaria è la Tel Aviv - Bet Shemesh - Gerusalemme (stazione di Malha), tortuosa e con scarse frequenze, con prezzi e tempi non concorrenziali con i taxi collettivi. È attiva da ottobre 2018 una linea ad alta velocità da Tel Aviv a Gerusalemme, servita dallastazione di Gerusalemme Yitzhak Navon .

La cooperativa Egged , la seconda più grande società di trasporto pubblico del mondo, gestisce dal 1948 quasi tutto il trasporto pubblico urbano e inter-urbano in Israele, quest'ultimo dalla stazione centrale degli autobus a Rechov Yafo (ingresso ovest alla città, dall'autostrada 1).

Il trasporto pubblico locale offre la scelta di autobus (Egged), o taxi anche collettivi (Sherut). Il sistema ostacola la continuità di spostamento tra la zona araba e quella israeliana. Nell'agosto del 2011 è stata completata l'unica linea della tranvia di Gerusalemme ( Jerusalem Light Rail ), dotata di 23 fermate ed esteso fino ad alcuni quartieri arabi della cintura metropolitana.

Amministrazione

La municipalità di Gerusalemme fu istituita sotto l' Impero ottomano nel 1863.

Dal 1948 al 1967 sono esistite due diverse amministrazioni per la città, una israeliana e una giordana ( Amanat al-Quds o Gerusalemme Est ).

La città, divisa in seguito alla guerra arabo-israeliana del 1948 , è stata riunificata nel 1967, dopo la guerra dei sei giorni e l'azione dei paracadutisti israeliani in Città Vecchia. Il camminamento delle mura conserva alcune indicazioni delle postazioni giordane durante il conflitto.

Il consiglio cittadino conta 31 consiglieri eletti, uno dei quali è il sindaco , che ha un mandato quinquennale e può nominare sei vicesindaci . Solo il sindaco ei vicesindaci sono remunerati. Le riunioni del consiglio avvengono solitamente a porte chiuse, ma almeno una volta al mese si tiene una seduta pubblica. L'amministrazione municipale ha sede a piazza Safra (Kikar Safra) che si affaccia sulla parte di Jaffa Road vicina alla Città Vecchia e nelle vicinanze del palazzo della Posta Centrale e della Banca Nazionale (Bank Leumì).

La città è anche la capitale dell'omonimo distretto israeliano (prefisso telefonico distrettuale 02).

Sindaci

Gemellaggi

Sport

Come nel resto d'Israele, lo sport più popolare è il calcio , seguito dalla pallacanestro . A Gerusalemme è attiva una polisportiva, l'Hapoel Gerusalemme, attiva nel calcio , nella pallacanestro , nel nuoto e nel calcio a 5 .

Calcio

Le squadre principali della città sono:

- Il Moadon Kaduregel Beitar Yerushalayim , fondato nel 1936 e militante nella massima serie israeliana, che ha nel suo palmarès ben 6 campionati israeliani , 7 Coppe d'Israele e 2 Coppe Toto .

- Il Moadon Kaduregel Hapoel Yerushalayim , sezione calcistica dell'omonima polisportiva, fondata nel 1926 e militante nella seconda serie israeliana , che ha nel suo palmarès 1 Coppa d'Israele .

Pallacanestro

Nel settore maschile la squadra principale è l' Hapoel , fondata nel 1943, che nel corso della sua storia ha conquistato sei coppe nazionali (quattro Coppe d'Israele e due Coppe di Lega ) ea livello europeo la ULEB Cup nella stagione 2003-2004.

Nel settore femminile la squadra principale è l'ASA Gerusalemme, che milita nella massima serie nazionale.

Galleria d'immagini

Panorámica de Jerusalén desde el Monte de los Olivos.jpg
Panoramica dal monte degli ulivi

Note

  1. ^ Lo status di Gerusalemme è al centro di grandi controversie internazionali, in quanto la zona est della città è rivendicata dalla Palestina come sua capitale.
  2. ^ Bruno Migliorini et al. ,Scheda sul lemma "Gerusalemme" , in Dizionario d'ortografia e di pronunzia , Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7 .
  3. ^ Luciano Canepari , Gerusalemme , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  4. ^ Nomi di Dio nella Bibbia , QD-Š e Qedushah
  5. ^ Salmi Salmi 48,2 , su laparola.net . : Bello per la sua altezza, gioia di tutta la terra è il monte Sion , dalla parte del settentrione, la città del gran Re. Apocalisse Apocalisse 3,12 , su laparola.net . : Chi vince io lo farò una colonna nel tempio del mio Dio, ed egli non uscirà mai più fuori; e scriverò su di lui il nome del mio Dio e il nome della città del mio Dio, della nuova Gerusalemme che scende dal cielo da presso il mio Dio, e il mio nuovo nome. Ebrei Ebrei 11,10 , su laparola.net . : Perché aspettava la città che ha i veri fondamenti e il cui architetto e costruttore è Dio.
  6. ^ Capitale del Regno di Giuda e Israele dal 1000 aC circa e del Regno di Giuda dal 933 aC al 597 aC
  7. ^ The Question of Palestine & the United Nations , United Nations Department of Public Information, capitolo The status of Jerusalem : East Jerusalem has been considered, by both the General Assembly and the Security Council, as part of the occupied Palestinian territory.
  8. ^ Legge Fondamentale di Gerusalemme Capitale , su mfa.gov.il , mga.gov.il. URL consultato il 29 novembre 2008 .
  9. ^ "all legislative and administrative measures and actions taken by Israel are null and void and must be rescinded forthwith"
  10. ^ "the enactment of the "basic law" by Israel constitutes a violation of international law";
  11. ^ "constitutes a serious obstruction to achieving a comprehensive, just and lasting peace in the Middle East"
  12. ^ UNITED NATIONS Security Council Resolution 478 (1980) of 20 August 1980 Archiviato l'11 novembre 2013 in Internet Archive .
  13. ^ a b Dati climatici di Gerusalemme da eurometeo.com
  14. ^ Voce "Palestina" da Treccani.it
  15. ^ Claudio Lo Jacono , Storia del mondo islamico (VII-XVI secolo). I - Il Vicino Oriente , Torino , Einaudi , 2004, pp. 303 e segg.
  16. ^ ( EN ) Statements of the Prime Minister David Ben-Gurion Regarding Moving the Capital of Israel to Jerusalem , su knesset.gov.il , Knesset . URL consultato il 29 ottobre 2014 .
  17. ^ Francesco Chiodelli, Gerusalemme contesa. Dimensioni urbane di un conflitto , Roma , Carocci, 2012; cfr anche Francesco Chiodelli, "Planning Jerusalem Uno sguardo panoramico sull'urbanistica nella Città Santa in relazione al conflitto israelo-palestinese", Planum, The Journal of Urbanism , 2/2011, pp. 1-12
  18. ^ Legge Fondamentale: Gerusalemme capitale di Israele , approvata dall Knesset il 30 luglio 1980.
  19. ^ Risoluzione 478 Archiviato il 10 gennaio 2008 in Internet Archive . del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite del 20 agosto 1980.
  20. ^ "The international community refused to recognize Jerusalem as Israel's capital, believing that to do so would establish the dangerous precedent of legitimizing territorial expansion by military conquest--in direct contravention of United Nations resolutions" (Stephen Zunes) Copia archiviata , su fpif.org . URL consultato il 21 novembre 2008 (archiviato dall' url originale il 12 novembre 2008) .
  21. ^ "Most states have not respected Israel's sovereign right to determine its own capital city, and have refused to recognize Jerusalem as the capital of Israel Israel Ministry of Foreign Affairs
  22. ^ Fonti: Israel Insider Archiviato il 24 luglio 2008 in Internet Archive .; Perché non riconoscere Gerusalemme capitale? di Dimitri Buffa L'Opinione.it, 15 maggio 2007 Archiviato il 4 aprile 2015 in Internet Archive .
  23. ^ «La città ebraica di Gerusalemme è parte integrante di Israele, anche se la maggioranza mondiale non lo riconosce», Uri Lupolianski, sindaco di Gerusalemme (Israel heute, maggio 2007) Notizie su Israele - 389 Archiviato il 4 aprile 2015 in Internet Archive .
  24. ^ «Mi auguro che Gerusalemme diventi la capitale di Israele riconosciuta internazionalmente come tale.», Colette Avital, Israel heute, maggio 2007 Notizie su Israele - 389 Archiviato il 4 aprile 2015 in Internet Archive .
  25. ^ IMEU: Links: 2.7 - Jerusalem and the Corpus Separatum proposed in 1947 Archiviato il 29 luglio 2013 in Internet Archive .
  26. ^ Basic Law: Jerusalem, Capital of Israel
  27. ^ International Court of Justice , su icj-cij.org . URL consultato il 18 novembre 2008 (archiviato dall' url originale il 30 gennaio 2009) .
  28. ^ http://www.un.org/Depts/Cartographic/map/profile/israel.pdf
  29. ^ http://www.un.org/Depts/Cartographic/map/profile/semedite.pdf
  30. ^ http://www.un.org/Depts/Cartographic/map/profile/mideastr.pdf
  31. ^ Il Jerusalem Post, dopo lo spostamento dell'ambasciata della Costa Rica, ha chiesto sarcasticamente ai suoi lettori di rispondere a un quiz: "Nomina l'unico paese al mondo che riconosce Gerusalemme come capitale di Israele. Molti avrebbero difficoltà a indovinare, ma la sorprendente risposta alla domanda è: El Salvador." jerusalem post, agosto 2006 Archiviato il 16 luglio 2011 in Internet Archive .. Poco dopo, anche El Salvador ha spostato la sua ambasciata nei pressi di Tel Aviv.
  32. ^ Foreign Embassies in Israel , su www.science.co.il . URL consultato il 14 maggio 2019 .
  33. ^ Country Profile: Israel , su web.archive.org , 26 ottobre 2008. URL consultato il 14 maggio 2019 (archiviato dall' url originale il 26 ottobre 2008) .
  34. ^ "Il Congresso americano, dal 1995, impone alla Casa Bianca di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele e di trasferire il corpo diplomatico americano da Tel Aviv alla città santa, malgrado l'Amministrazione trovi sempre una scusa per non farlo." 29 marzo 2006, Rocca su Il foglio Camillo» Archivio» Bush e Gerusalemme Archiviato il 28 novembre 2011 in Internet Archive .
  35. ^ Trump, Gerusalemme capitale di Israele - Nord America , in ANSA.it , 6 dicembre 2017. URL consultato il 6 dicembre 2017 .
  36. ^ Biblioteca Generale della Custodia di Terra Santa - Biblioteca dello Studium Biblicum Franciscanum , su bibliothecaterraesanctae.org . URL consultato il 14 maggio 2019 .
  37. ^ ( EN ) Mahane Yehuda - The Jerusalem Shuk (Outdoor Market) , su fonerbooks.com .
  38. ^ Scheda UNESCO , su whc.unesco.org .
  39. ^ ( EN ) Jerusalem , in Enciclopedia Britannica .
  40. ^ ( EN ) Michal Korach e Maya Choshen, Jerusalem : Facts and Trends 2018 , Gerusalemme, Jerusalem Institute for Policy Research, 2018.
  41. ^ ( EN ) John Benzaquen, A tour of Abu Tor , The Jerusalem Post , 26 maggio 2011.
  42. ^ ( EN ) Ben Hubbard, Holy city twist: Arabs moving into Jewish areas (archiviato dall'originale il 30 luglio 2013) .
  43. ^ ( EN ) Nathan Thrall, Rage in Jerusalem , vol. 36, n. 23, London Review of Books , 4 dicembre 2014.
  44. ^ ( EN ) Statistics on Revocation of Residency in East Jerusalem , B'Tselem , 11 gennaio 2011.
  45. ^ ( EN ) Greg Myre, Israeli Riddle: Love Jerusalem, Hate Living There , The New York Times , 13 maggio 2017.
  46. ^ ( EN ) Richard Boudreaux, Jerusalem: Clashing values alter a city's face , Los Angeles Times , 5 giugno 2007.
  47. ^ ( EN ) Dov Lieber, Israel almost entirely halts citizenship approvals for East Jerusalemites , The Times of Israel , 26 settembre 2016.
  48. ^ ( EN ) Yitzhak Benhorin, Poll: Jerusalem Arabs prefer Israel , Ynet .
  49. ^ ( EN ) Unprecedented 1,200 East Jerusalem Palestinians got Israeli citizenship in 2019 , The Times of Israel , 13 gennaio 2020.
  50. ^ Demography , marzo 2008, p. 39 (archiviato dall'originale il 9 aprile 2008) .
  51. ^ ( EN ) Nir Hasson, When Haredi and Secular Jerusalem Went to War Every Friday Night , Haaretz , 10 agosto 2015.
  52. ^ ( EN ) Nir Hasson, Bar Fight in Jerusalem Neighborhood at Heart of Israel's Religious-secular War , Haaretz , 20 marzo 2017.
  53. ^ ( EN ) Lauren E. Bohn, Jerusalem's secular minority battles to hold its own , The Times of Israel , 11 novembre 2012.
  54. ^ ( EN ) Daniel K. Eisenbund, Young, secular exodus spurring Jerusalem population loss , The Jerusalem Post , 12 febbraio 2017.
  55. ^ ( EN ) Jerusalem: Communities up close , BBC News , 21 ottobre 2013.
  56. ^ Salo Baron, A Social and Religious History of the Jews , Columbia University Press, 1983.
  57. ^ Manashe Harrel, "The Jewish Presence in Jerusalem through the Ages", in: Sinai and Oestericcher, eds., Jerusalem , John Day, 1974.
  58. ^ Bruce Masters, Christians And Jews In The Ottoman Arab World , Cambridge University Press, 2004.
  59. ^ Avraham Yaari, Igrot Eretz Yisrael , Tel Aviv, 1943, p. 98.
  60. ^ Nazioni Unite, International Conference on the Question of Palestine—The Status of Jerusalem , 1983 United Nations Information System on the Question of Palestine . Accesso del 26 febbraio 2006.
  61. ^ Tahrir (registro fiscale turco) Jewish history timeline; Turkish/Ottoman Rule, 1517—1917
  62. ^ The Statistical Yearbook of Jerusalem, 2011 Edition , su jiis.org .
  63. ^ Jewish history timeline; Turkish/Ottoman Rule, 1517—1917 Archiviato il 13 maggio 2007 in Internet Archive .
  64. ^ French traveler, Jewish history timeline; Turkish/Ottoman Rule, 1517—1917 Archiviato il 13 maggio 2007 in Internet Archive .
  65. ^ Christian travelers Johann Aegidius Van Egmont and John Heyman, Jewish history timeline; Turkish/Ottoman Rule, 1517—1917 Archiviato il 13 maggio 2007 in Internet Archive .
  66. ^ New York Times, February 19, 1869
  67. ^ Tasso scrisse poi anche il poema Gerusalemme conquistata .
  68. ^ ( EN ) I. SUMMARY , su hrw.org .
  69. ^ ( EN ) Or Kashti, 8,000 new classrooms to be built in Arab, ultra-Orthodox schools , Haaretz , 18 marzo 2007 (archiviato dall'originale il 7 giugno 2008) .
  70. ^ ( EN ) Times Higher Education , su timeshighereducation.co.uk (archiviato dall' url originale il 14 aprile 2011) .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Mappe

Status della città

Notizie e media

Istituzioni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 131280745 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2158 6491 · LCCN ( EN ) n81126877 · GND ( DE ) 4028586-8 · BNF ( FR ) cb118646774 (data) · BNE ( ES ) XX451223 (data) · NDL ( EN , JA ) 00628202 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n81126877
Israele Portale Israele : accedi alle voci di Wikipedia che parlano d'Israele