Gautama Bouda

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Gautama Bouda estati ak dharmachakra , mudrā ak padmasana . Se tèt la ki te antoure pa ' halo (sans. Prabha ), yon prè nan kilti grèk Bactrian kòm protuberans la kranyal (sans. Usnisa ) Nan enskri ki pi ba pañcavaggiyā a , wou a dharma ak fawns, ki idantifye predikasyon an nan premye Sutra Sarnath la . Peryòd Gupta , mize Sarnath

Siddhārtha [1] Gautama , ( Sanskrit , devanāgarī सिद्धार्थ गौतमा ; pāli , Siddhattha Gotama ), pi byen li te ye tankou Bouda Gautama , Bouda istorik la , Bouda Śākyamuni (शाक्यमुनि, Śākyamuni , "saj la nan Śākya") oswa tou senpleman Bouda [2] , li te ye nan Italyen arkaik kòm Gotamo Buddho [3] (Sanskrit ak pāli बुद्ध, Bouda , ki se "leve a" oswa "yon sèl la eklere"; Lumbini , 8 avril, 566 BC - Kushinagar , 486 BC ), se te yon mwàn Boudis , filozòf , mistik ak endyen asèt , fondatè Boudis , yon sèl nan figi ki pi enpòtan espirityèl ak relijye nan pwovens Lazi ak mond lan.

Estati Gautama Bouda selon atizay la nan Gandhāra (I, II syèk AD), konsève nan Tokyo Mize Nasyonal la.

Se egzistans lan nan Gautama tradisyonèlman mete ant 566 BC ak 486 BC , men, yo bay sous yo kontradiktwa, etid resan mete l 'de syèk pita. [4] Li te soti nan yon fanmi rich ak nòb nan fanmi an Śākya, pakonsekan tou apèl la Śākyamuni (asèt la oswa saj nan fanmi an Śākya) [5] .

Yon sèl Bouda Gautama, plizyè non

Sanskrit ak Pali tèm Bouda endike, nan kontèks relijye ak kiltirèl Endyen an, "yon moun ki te leve" oswa "yon moun ki te rive Syèk Limyè ".

Lòt non ak ki Gautama Bouda souvan refere yo se tèm yo Sanskrit :

  • Tathāgata : "Se konsa, ale nan" oswa "Se konsa, vini an", epitèt ak ki Gautama Bouda endike tèt li nan Prèch l 'yo, ki egal a fòm nan Pali ki parèt souvan nan Pali canon la ;
  • Śākyamuni : "saj la nan Śākya la" (refere li a fanmi an ki Gautama Bouda ki te fè pati), yo itilize sitou nan literati a nan Mahāyāna Boudis ( Sakyamuni nan Pāli canon a);
  • Sugata : "Bon an ale", yo itilize pi wo a tout bagay nan ekri nan Boudis Vajrayāna, men tou souvan nan kanon an Pāli;
  • Bhagavān : "Seyè", "Venerable", "Ilustre", beni , Sublime , pafè . Soti nan Sanskrit noun Bhaga a , "richès", "chans". Nan literati Boudis li endike Bouda a.
  • Bodhisattva : "yon moun ki ap mache yon fason a vin yon Bouda ", oswa "yon moun ki chache atenn 'Awakening'" oswa "yon moun ki gen lide ( sattva ) fiks sou bodhi ", itilize vle di Gautama anvan atenn kondisyon an nan Bouda .
  • Nan literati a nan lekòl la Theravāda li se refere yo pa non an Pāli nan Gotama Bouda .

Lavi a nan Gautama Bouda selon tradisyon yo Boudis

Stèl la Ashoka mete nan Lumbinī nan Kote li fèt nan Bouda a.

Lavi devan Bouda a

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Jātaka .

Nan tradisyon Boudis la, lavi Gautama ta te anvan pa inonbrabl lòt rne. Nan yon pèspektiv Boudis rne sa yo pa kowenside ak konsèp nan metempsikoz, oswa transmigrasyon nan yon nanm endividyèl, kòm konsèp nan pwòp tèt ou pèmanan ( ātman ) se klèman refize ak doktrin nan anātman . Yo pa fòm reyenkanasyon , men ki make pa siksesyon nan lavi lye ansanm pa transmisyon nan efè kama .

Sa yo Jātaka ("lavi anvan"), ki nan tradisyon an se yon pati entegral nan lavi sa a ki nan Gautama, yo te enkli nan Canon nan Boudis ak yo te fè leve nan 547 istwa relèvman nan ki bèt, bondye, ak moun nan sosyal la ki pi divèsifye ak orijin kas parèt.

Sous yo

Gen anpil tradisyon kanonik sou lavi Gautama Bouda. Pi ansyen biyografi otonòm Gautama Bouda toujou disponib jodi a se Mahāvastu , yon travay lekòl Lokottaravāda nan Nikāya Boudis ki date depi nan konmansman epòk nou an, ekri an sanskrit ibrid .

Genyen tou Lalitavistara a , Buddhacarita a nan Aśvaghoṣa ak Abhiniṣkramaṇasūtra la . Nan lèt soutra a, ak tit la nan lang Chinwa 佛 本行 集 經Fó běnxíng jí jīng , gen senk vèsyon ki disponib nan Canon Chinwa a , konsève nan Běnyuánbù la .

Pita (IV, V syèk AD) se koleksyon biyografik la, ki toujou otonòm, ki genyen nan Mūla-sarvāstivāda-vinaya-vibhaṅga . Epizòd nan lavi l 'pa tankou biyografi otonòm yo tou konsève nan koleksyon yo nan diskou li rapòte nan Āgama-Nikāya la .

Selon Erich Frauwallner [6] tout materyèl biyografik sa a, otonòm oswa enkli nan koleksyon prèch Gautama Bouda a, ta fè pati yon premye biyografi ki te konpoze yon syèk apre lanmò li, epi li te antre kòm yon entwodiksyon nan Skandhaka a , tèt li yon tèks Vinaya la . Nan opinyon diferan yo se lòt entelektyèl tankou Étienne Lamotte [7] ak André Bareau [8] pou ki olye biyografi yo nan Gautama Bouda te sibi yon evolisyon gradyèl kòmanse nan narasyon yo epizodik genyen nan yo nan Āgama-Nikāya ak nan Vinaya a ak Lè sa a, evolye nan koleksyon yo otonòm tankou Mahāvastu la .

Nesans lan

An jeneral, sa yo biyografi tradisyonèl di nan nesans li nan sid Nepal , nan Lumbinī [9] (pa lwen Kapilavastu ), ak kolekte istwa anpil ak lejand ki vize mete aksan sou nati a ekstraòdinè nan evènman an: mirak ki anonse KONSEPSYON li yo, siy klè ke timoun nan ki te sou vini nan mond lan ta dwe yon Bouda .

Fanmi li ki gen orijin (Śākya vle di "pwisan") te di ke yo te rich: yon liyaj vanyan sòlda ki domine peyi a epi ki te wa Ikṣvāku kòm pwojenitè lejand li yo.

Papa Siddartha a, rāja Suddhodana , te dirije sou youn nan anpil eta kote North End te divize politikman. Manman ki rele Māyā (oswa Mahāmāyā) dekri tankou yon bèl bote.

Suddhodana ak Māyā te marye pandan plizyè ane e yo pa t gen pitit. Nan Buddhacarita la li te di ke Mahāmāyā reve ke yon elefan blan antre nan kò li san okenn doulè ak resevwa nan matris li, "san okenn malpwòpte", Siddhartha ki te fèt nan bwa a nan Lumbinī, kote pitit gason l 'te fèt soti nan bò kote l' san nenpòt doulè. Siddhartha, dapre kont Buddhacarita a, te fèt konplètman konsyan ak yon kò pafè ak lumineux ak apre sèt etap li pwononse mo sa yo:

"Pou atenn Syèk Limyè mwen te fèt, pou dedomajman pou èt sansib ; sa a se dènye egzistans mwen nan mond lan "

( Aśvaghoṣa . Buddhacarita , canto I, 15 )

Epitou dapre Buddhacarita a (canto I) apre nesans Siddartha yo te envite nan tribinal braman ak asèt pou yon seremoni favorab. Pandan seremoni sa a li te di ke Asita ki gen bon konprann fin vye granmoun te trase, jan sa te òdinè, horoscope nan nouvo fèt la ak rapòte bay paran yo nan bon jan kalite a eksepsyonèl nan tibebe ki fèk fèt la ak nati a ekstraòdinè nan destine l ': nan dlo nan je, li te eksplike ke li ta an reyalite gen yo vin swa yon Monarch inivèsèl ( Chakravartin , sans., Cakkavattin , pāli), oswa yon asèt renonse destine reyalize Awakening, ki moun ki ta dekouvri wout la ki mennen pi lwen pase lanmò, sa vle di yon Bouda [10] . Mande pou eksplikasyon sou rezon ki fè yo nan dlo nan je l 'yo, saj la fin vye granmoun eksplike ke yo te akòz tou de nan kè kontan nan yo te dekouvri tankou yon ke yo te nan mond lan, ak tristès ki te soti nan wè ke laj twò avanse l' yo pa ta pèmèt li koute .. epi benefisye de ansèyman tout moun ki akonpli. Se poutèt sa, neve l 'te fè sèman Nālaka ke li ta swiv Mèt la yon fwa li te grandi e ke li ta aprann epi mete an pratik ansèyman l' yo [11] .

Papa a te boulvèse pa posibilite ke pitit gason l 'ta abandone l', anpeche l 'nan siksesyon lejitim nan fòtèy la, epi li òganize tout bagay ki ta ka anpeche evènman an premonite. Manman Māyā te mouri jis sèt jou aprè akouchman an epi ti bebe a te leve soti vivan nan dezyèm madanm wa Suddhodana, Pajāpatī , yon ti sè nan fen Māyā, ki te pi bèl. Pitit gason, Se poutèt sa, nan yon rāja , se sa ki nan yon chèf eli pa chèf fanmi yo ki te reskonsab ak responsablite nan gouvènman an, li te resevwa non an nan Siddhartha (= "li ki te reyalize objektif la") Gautama ("sa ki nan branch Gotra nan Śākya ").

Siddhartha te montre yon tandans meditasyon kontan, pandan ke papa l 'ta renmen l' yon vanyan sòlda ak souveren olye ke yon mwàn. Prince la marye jèn, a laj de sèz, ak kouzen li Bhaddakaccānā, ke yo rele tou Yashodharā , ak ki moun li te gen yon pitit gason, Rāhula trèz ane pita. Sepandan, byenke li te leve soti vivan nan mitan konfò yo ak liksye prensye e te fè yo patisipe nan lavi sa a ki nan tribinal la kòm eritye nan fòtèy la, pwofesi ki gen bon konprann Asita a san pèdi tan rive vre.

Jeneyaloji a

 rāja ??? Śākya
├─ rāja Sihahanu Śākya
│ @ rājñī Kaccanā
│ └─ rāja Suddhodana Śākya (* Kapilavastu / + Kapilavastu )
│ @ 1 Rajni Maya ( Mahamaya ) (* Devdaha , 617 BC / + Kapilavastu , 566 BC ), pitit fi Anjana Sakya , Raja nan 
│ Devdaha , & pa rājñī Yasodharā
│ └─ Siddhārtha Gautama Śākyamuni Bouda (* Lumbinī , 566 BC / + Kuśināgara , 486 BC )
│ @ ( 550 ) Yashodharā ( Bhaddakaccānā ) (* 566 BC / + 488 BC ), pitit fi Daṇḍapāni ( Suppabuddha ), rāja nan Koliyā , & nan rājñīPamitā Śākya
│ └─ Rāhula Śākya (* Kapilavastu , 534 BC )
│ @ 2 rājñī Mahāprajāpatī Gautamī ( Pajāpatī ), pitit fi Anjana Śākya , rāja nan Devdaha , & nan rājñī Yasodharā
│ ├─ Saundarananda-Mahakavya Śākya (Nanda Bèl la)
│ └─ Sundari Nanda Śākya
├─ Anjana Śākya , rāja nan Devdaha
│ @ rājñī Yasodharā
│ ├─ Daṇḍapāni ( Suppabuddha ), rāja nan Koliyā a [gade pi wo a]
│ ├─ Rajni Maya ( Mahamaya ) Sakya (* Devdaha , 617 BC / + Kapilavastu , 566 BC ) [gade pi wo a]
│ └─ rājñī Mahāprajāpatī Gautamī Śākya ( Pajāpatī ) [gade pi wo a]
└─ rājñī Pamitā Śākya [gade pi wo a]
   @ Daṇḍapāni ( Suppabuddha ), rāja nan Koliyā a [gade pi wo a]
   ├─ Yashodharā ( Bhaddakaccānā ) (* 566 BC / + 488 BC ) [gade pi wo a]
   └─ Devadatta

Chape a

Rès pòtay lès Kapilavastu, kote Gautama sipoze kite, abandone lavi agi palatini.

Nan 29 an, li pa okouran de reyalite ki te prezante tèt li deyò palè a, apre li te fin kite palè wa papa l pou l wè reyalite mond lan, li te temwen mechanste lavi a nan yon fason ki te kite l sezi. Reyinyon yon vye granmoun, yon nonm malad ak yon moun mouri (lòt sous di nan yon fineray), li toudenkou reyalize ke soufrans ini tout limanite e ke richès, kilti, ewoyis, tout bagay li te anseye nan tribinal yo te valè efemèr. Li te konprann ke li te yon prizon dore e li te kòmanse intern refize konfò li yo ak richès.

Yon ti tan apre li te vin atravè yon mwàn mandyan, kalm ak trankilite, li te deside bay moute fanmi, richès, tout bèl pouvwa ak pouvwa al chache liberasyon [12] . Dapre Buddhacarita a (canto V), yon jou lannwit, pandan ke palè a te anvlope nan silans ak tout moun te ap dòmi, gras a Chandaka charioteer fidèl, li monte Kanthaka sou chwal li yo ak abandone fanmi l 'ak domèn bay tèt li nan lavi a asèt. [13] . Selon yon lòt tradisyon, li te kominike desizyon l 'bay paran l' yo, e, malgre plent yo ak plent yo, li kale tèt li ak figi, bay moute rad rich l ', li kite kay la [14] . Li te fè yon ve nan povrete ak swiv yon chemen toumante nan entrospeksyon kritik. Tradisyon an gen ke li angaje nan rechèch la pou Syèk Limyè a laj de 29 ( 536 BC ).

Pratik la nan meditasyon

Antre nan gwòt la sou mòn Pragbodhi kote Gautama pratike lavi a asèt anvan Syèk Limyè

Apre chape soti nan sosyete a, abhiniṣkramaṇa [15] , Gautama te ale nan asèt Āḷāra Kālāma [16] ki te rete nan rejyon Kosala [17] . Se la li pratike anba pedagojik li nan meditasyon ak asetism , reyalize ākiñcaññayatana a , "esfè a nan nilite" ki pou Āḷāra Kālāma kowenside ak objektif la ultim nan liberasyon, mokṣa .

Satisfè ak reyalizasyon an, Gautama Lè sa a, demenaje ale rete nan kapital la nan Peyi Wa ki Magadha yo swiv ansèyman yo nan Uddaka Rāmaputta [18] [19] . Pou sa yo, liberasyon te possible nan meditasyon ki, egzèse nan kat jhānas yo , mennen nan esfè a nan nevasaññānāsaññāyatana , esfè a nan ni pèsepsyon ni ki pa Peye-pèsepsyon [20] .

Malgre li te atenn objektif mèt la te endike a, Gautama pa t satisfè e li te deside kite l pou l al viv nan ti vilaj Uruvelā, kote rivyè Nerañjarā (Nīlājanā jodi a) ap koule nan Mohanā pou fòme rivyè Phalgu, kèk kilomèt de 'jodi a Bodh Gaya la . Isit la li te pase dènye ane yo anvan Syèk Limyè, ansanm ak senk disip ki soti nan yon fanmi bramanik: venerab Añña Kondañña a, Bhaddiya, Vappa, Mahānāma ak Assaji, ki moun li te nan vire vin yon pwofesè espirityèl. Pratik yo asèt, dyetetik ak meditasyon ke li devlope nan peryòd sa a yo pa li te ye, byenke pita tradisyon dekri yo kòm patikilyèman sevè.

Nan yon sèten pwen menm wout sa a te pwouve ke yo te san yo pa plòg, epi, reyalize inutilite nan pratik asèt ekstrèm ak pwòp tèt ou- maserasyon , li retounen nan yon rejim alimantè nòmal [21] aksepte yon tas diri bouyi nan lèt yo ofri l 'pa yon ti fi yo rele Sujatā . Sa koute l pèdi admirasyon disip li yo, ki te wè nan jès li yon siy feblès e te abandone l. Dous pou konnen sa ki lakòz mizè nan mond lan, Gautama konprann ke ekonomize konesans te kapab sèlman jwenn nan meditasyon insight e ke sa a ta ka sèlman soutni si kò a te nan bon kondisyon, pa fin itilize pa grangou, swaf dlo ak soufrans. .

Ekleraj la

Tanp Mahabodhi a, nan plas Syèk Limyè Bouda a

A laj de 35, nan 530 BC , apre sèt semèn nan souvni san enteripsyon gwo twou san fon, sou yon jou lannwit plen mwa nan mwa me, chita anba yon pye fig frans nan Bodh Gaya [22] kwaze nan pozisyon nan lotus , li li louvri lumières pafè a: li medite yon nwit antye jiskaske li rive nan Nirvāṇa [23] .

Bouda a reyalize, ak meditasyon, tout tan pi gwo nivo nan konsyans: li atrab konesans nan Kat verite yo Noble ak chemen an uf ak nan pwen sa te viv Syèk Limyè a, ki libere l 'pou tout tan soti nan sik la nan rne (pa dwe konfonn ak doktrin nan Endou nan reyenkanasyon , ki te klèman rejte ak doktrin nan "pa pwòp tèt ou", anātman ).

Fèy pyebwa Pippal , oswa Ficus medica

Premye semèn aprè Syèk Limyè a, Gautama Bouda te rete nan meditasyon anba Ficus relijye yo . Yon lòt twa semèn li te pase medite anba twa lòt pyebwa: premye a anba yon ajapāla ( Ficus benghalensis oswa Ficus indica ), dezyèm lan anba yon mucalinda (Sanskrit: mucilinda ; Barringtonia acutangula ), twazyèm lan anba yon rājāyatana ( Buchanania latifolia ).
Anba ajapāla a li te ansanm ak yon brāhmaṇa ki te kesyone l 'sou nati a pou yo te brāhmaṇa , ak repons lan te ke sa yo se youn nan moun ki te elimine sa ki mal ak pale an akò ak Dharma a [24] , konsa enplisitman refize ke li te akòz nan yon kondisyon dikte nan nesans ak manm kas.
Pandan meditasyon an anba mucalinda a yon tanpèt devlope ki te dire sèt jou, men yon sèpan-lespri lokal yo, yon nāga , pwoteje Bouda a soti nan lapli ak frèt [25] [26] .
Anba rājāyatana Bouda a fè eksperyans kè kontan nan liberasyon soti nan rne. Nan okazyon sa a, de machann te vizite l ', Tapussa ak Bhallika, ki moun ki ofri l' bagay dous siwo myèl ak pran refij nan Bouda a ak Dharma l ', konsa vin premye upāsakas yo , disip kouche [27] . Nan semèn sa a Bouda a te retounen medite anba ajapāla a , epi li te mande si li ta dwe gaye doktrin nan oswa si li ta dwe kenbe li sèlman pou tèt li, yo te " difisil a konprann, pi lwen pase rezon, konprann sèlman pou moun ki gen bon konprann yo " [28] . Brahmā , "Seyè a nan mond lan", te vini anvan Bouda a ak ajenou sipliye l 'yo gaye doktrin l' yo " louvri pòtay yo nan imòtalite " ak pèmèt mond lan tande Dharma a [29] .

Se poutèt sa li te deside gaye doktrin li, san okenn distenksyon, apre yo fin eskli mèt anvan l 'yo, Āḷāra Kālāma ak Uddaka Rāmaputta, kòm okouran de lanmò yo, li te deside premye ale nan Sārnāth , tou pre Varanasi ( Benares ) soti nan senk premye disip li yo, pañcavaggiyā .

Toupre Sārnāth li te vin atravè asèt Upaka a, nan lekòl la nan Ājīvika a , detèminan ki pa t 'aksepte lide nan yon kòz oswa posibilite pou chanje destine. Lè yo te mande l sou kiyès li te yon disip, Bouda a te reponn ke li pa gen pwofesè ankò e ke li te parfe eklere " moun ki te simonte ilizyon an viktorye tankou mwen. Mwen te simonte sa ki mal e konsa, Upaka, mwen se viktorye " [30] . Upaka replike " petèt " epi li kite.

Stupa Dhamekh la, nan plas pwoklamasyon premye sūtra a

Anviwònman an nan mouvman nan wou nan Dharma

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Kat verite Noble ak Noble Path huit .

Bouda finalman te rive nan Sārnāth , nan gazèl Park la, kote li te jwenn pañcavaggiyā a , ki moun ki gen entansyon inyore l '. Men, aparans radyan ak konplètman rilaks li te genyen yo imedyatman. Nan nouvèl ke li te reyalize Awakening pafè a yo te akeyi li kòm yon pwofesè epi yo te mande l 'pou pataje sa li te dekouvri.

Mo sa yo li te pale Lè sa a, yo te konsève nan premye sūtra a kout, Dhammacakkappavattana-vagga Sutta a ( Anviwònman an nan mouvman nan wou a Doktrin ), ki ouvè ak kondanasyon an nan de fason yo ekstrèm: ekstrèm konekte ak satisfaksyon nan sèlman nan sans, vilgè ak danjere, ak ekstrèm konekte ak pwòp tèt ou-mòtifikasyon, douloure, vilgè ak danjere.

Olye de sa, sa ki nan Bouda a prezante kòm yon " Middle Way [...] pote vizyon klè ak konesans " ki " mennen nan kalm, nan konesans transandant, nan Awakening, nan nibbāna " [31]

Lè sa a, Bouda a analize kontni an nan "wout la presegondè", ilistre chemen an uit , baz la nan konpòtman etik kòm kòz ki nesesè pou rive nan Awakening. Men, kontinye bak, Bouda a eksplike poukisa Path sa a pote aterisaj la sou bank opoze a Saṃsāra a : sa a se dikte nan Kat verite yo Noble .

Premye a nan kat verite yo se sa ki nan doulè " sendika ak sa yon moun pa renmen se doulè, separasyon de sa yon moun renmen se doulè, pa jwenn sa yon moun vle se doulè " [32] . Se konsa, konbinezon an nan enpermanans nan ki deja egziste a ak atachman a se kòz la nan doulè a, dezyèm verite a. Sa a ta Lè sa a, dwe diskite anpil ak analize pa Bouda a nan tout preche l 'yo, jiskaske li te fòmalize nan paṭicca samuppāda a , chèn lan nankondisyone ko-pwodiksyon , nan ki chak kòz gen yon efè, yon espiral w pèdi irézistibl.

Men, destriksyon esklavaj doulè a ​​posib, twazyèm verite a: liberasyon posib. Ak ki jan se tèm nan nan katriyèm verite a, ki refere a chemen an uit soti nan ki nou te kòmanse.

Lè sa a, Bouda pwoklame ke chak nan verite sa yo te rekonèt, konprann ak vizyalize pa l ', li te moman sa a trip nan kwadripartisyon a nan verite mennen l' nan "Siprèm Awakening pafè a" [33]

Nan pwen sa a Añña Kondañña te vin Arhat epi li te di: " tout sa ki fèt yo destine yo peri! " Ak bondye yo nan Chthons ak nan tout paradi yo t'ap rele byen fò pou kè kontan, sistèm nan nan dimil mond yo te bay yon kòmanse ak yon bèl bèl parèt : te wou a nan Dharma a te inisye [34] .

Añña Kondañña te vin premye Bhikkhu ki te òdone, ak esklamasyon pi popilè Bouda a " Ehi Bhikkhu! " (" Vini non mwàn! ") Ki pral vin fòmil la tradisyonèl òdinasyon Boudis, konsa bay monte Saṅgha a [35] .

Prèch la nan Bouda a make nan plizyè fason yon pwen nan kraze radikal ak doktrin nan bramanism (ki pita te pran fòm lan nan Endouyis ) ak ortodoks la relijye Ameriken nan tan an. An reyalite, pa kontrèman ak fondatè jainis la , Mahāvīra , ansèyman l 'yo pa t' rekonèt dominasyon nan kas la bramanik sou biwo a nan relijyon ak konesans nan verite, men nan tout bèt ki renmen li pa pratike Dharma la .

Predikasyon ak ansèyman

Nan ane sa yo apre nirvāṇa a , Bouda a te deplase ansanm Gangetic plenn la t'ap mache bay mesaj laik la, akeyi nouvo relijyeu ak fondatè kominote relijyeu ki akeyi nenpòt moun, kèlkeswa estati sosyal ak kas kote yo fè pati, finalman fondatè premye fanm relijyeu lòd la relijyeu nan istwa. Depi ke adept la aksepte règleman yo nan doktrin nan nouvo , tout moun te admèt nan sangha la .

Optik nan Vassa la

Akòz absans la nan yon tradisyon istoriografik ak kwonolojik nan peyi Zend, optik la nan mouvman li yo pa te anrejistre jiskaske anpil syèk apre evènman yo, ak sa a tou nan yon fason fragmentè nan sutras yo divès kalite ak Vinayas nan tradisyon yo divès kalite. Pami tèks ki pi enteresan pou kwonoloji a, de tèks tradui an Chinwa kanpe, Badalingta Minghao jing [36] (T.32: 773b) ak Sengqieluocha suoqi jing (T. 4: 144b), ak yon tèks tibeten, Osbyung Chos- Bu-ston a [37] . Gen lòt kwonoloji nan tradisyon Burmese a. [38] Soti nan konparezon an nan sous sa yo, ki make pa ane nan lavi nan Bouda a, nou resansman kote Vassa a te pase, oswa peryòd la mouason dedye a arè a nan plas la menm ki se nòmal nan sangha la . Malgre tradisyon yo tèlman diferan, espasyal ak tanporèman, se yon foto konsiderableman inifòm nan lavi a nan Bouda a jwenn nan kote géographique. [39]

Vassa Laj Sengqieluocha jing Trad. Burmese Badalingta minghao jing Tibeten Trad
LA

36

Vārānasī

Deer Park nan Sarnath , Vārānasī )

Deer Park nan Sarnath , Vārānasī )

Deer Park nan Sarnath , Vārānasī )

II

37

Vulture Peak nan Rajgir

Banbou forè nan Rajgir

Rajgir

Rajgir

III

38

Vulture Peak nan Rajgir

Banbou forè nan Rajgir

Rajgir

Rajgir

IV

39

Vulture Peak nan Rajgir

Banbou forè nan Rajgir

Rajgir

Rajgir

V.

40

Vaiśālī

Mahāvana

Vaiśālī

Vaiśālī

OU

41

Mòn Makula

Mòn Makula

Makkhali (?)

Paṇḍubhūmi

VII

42

Tuṣita Paradise

Tuṣita Paradise

Tuṣita Paradise

Tuṣita Paradise

VIII

43

Peyi Wa ki nan Yakkha la

Bwa Tesakala

Bwa nan Bimbisāra

Balaghna

IX

44

Kauśambī

Kauśambī

Kauśambī

Kauśambī

X

45

Cetiapabbata

Palelayaka

Ratnagiri

XI

46

Peyi Wa ki nan Yakkha la

Monastè Deckinagiri

Bwa nan Bimbisāra

Balaghna

XII

47

Magadha

Satiabia

Verañjā

Balaghna

XIII

48

Peyi Wa ki nan Yakkha la

Monastè tou pre Tsalia

Bwa nan Bimbisāra

Balaghna

XIV

49

Jaden nan Anāthapiṇḍika nan Śrāvastī

Jetavana Wood, nan jaden Anāthapiṇḍika nan Śrāvastī

Śrāvastī

Śrāvastī

XV

50

Kapilavastu

Kapilavastu

Kapilavastu

Kapilavastu

XVI

51

Kapilavastu

Alawee

Mahāvana

yon forè

XVII

52

Rajgir

Banbou forè nan Rajgir

Rajgir

Rajgir

XVIII

53

Rajgir

Monastè tou pre Tsalia

Bwa nan Bimbisāra

Balaghna

XIX

54

Mòn Cālikā

Śrāvastī

Mount Cālikā (?)

Indraçailaguhā

XX

55

Rajgir

Śrāvastī

Rajgir

Rajgir

XXI - XXIV

56-59

Mòn Cālikā

Mount Cālikā (?)

Indraçailaguhā

XXV - XLIII

60-78

Śrāvastī

Śrāvastī

Śrāvastī

XLIV

79

Śrāvastī

Jetavana Wood, nan jaden Anāthapiṇḍika nan Śrāvastī

Śrāvastī

Śrāvastī

XLV

80

Veṇuvana

Veṇuvana

Banbou Forest [40]

Premye konvèsyon yo

Mòn Gayāsīsa kote Bouda preche soutra dife a

Aprè konvèsyon pañcavaggiyā nan Sārnāth , Gautama konvèti Yasa, pitit yon komèsan rich ki soti nan Vārāṇasī . Li te premye ki pa asèt la antre nan kominote a relijyeu, byento ki te swiv pa zanmi l 'yo, Vimala, Subāhu, Puṇṇaji ak Gavaṃpati, pitit lòt fanmi komèsan rich [41] . Lè sa a, paran Yasa yo te vin pwofàn yo an premye yo dwe rekonèt kòm sa yo ak pran refij nan twa bijou yo , ak soti nan gen plizyè douzèn plis konvèsyon swiv ak anpil jèn moun ki soti nan Vārāṇasī antre nan Sangha la . Nan pwen sa a, yon ane pita, Bouda a tounen nan plas la kote li te rive Syèk Limyè.

Subdivizyon politik la nan peyi Zend nan tan Bouda a

Nan zòn nan jodi a Bodh Gaya nan tan sa a twa frè t'ap mache bay mesaj la: Uruvela Kassapa, Nadī Kassapa ak Gayā Kassapa, dedye a kil la nan dife (li imajinab ke li te yon kil Vedik, dedye a Agni , oswa lokal ak post-vedik). Èske w gen plis pouvwa pase yo nan boza majik yo te pratike [42] , li konvèti yo ansanm ak yon mil nan disip yo. Quindi, andato il Buddha con tutti questi nuovi membri del sangha, verso la capitale Rajgir, espose sul monte Gayāsīsa il Sūtra del Fuoco [43] . "Monaci! Tutto è in fiamme!" esordì, e proseguì elencando gli organi di senso in fiamme, fiamme che si estendono alle funzioni mentali, le sensazioni che provano dovute alle percezioni e individuando la causa nell'avidità, nell'odio e nell'illusione (i tre veleni ). Solo con la liberazione da questi veleni i discepoli si sarebbero potuti liberare e sconfiggere la morte.

Principali luoghi della vita del Buddha

L'arrivo del Buddha nella capitale del regno Magadha provocò un'ondata di conversioni, compresa quella del sovrano Bimbisāra , allora a capo del più potente stato dell'India settentrionale. Questi, in segno di devozione, regalò al Buddha il monastero di Veṇuvana [44] , sito nel Bosco di Bambù poco oltre la porta settentrionale della capitale Rajgir. In questo periodo si colloca anche la conversione, grazie ad Assaji, di Sāriputta e Moggallāna , che diverranno i due discepoli principali del Buddha.

A Kapilavatthu e nel Kosala

Il monastero Nigrodharama dove il Buddha soggiornava a Kapilavatthu

Dopo aver completato la permanenza a Rajgir con la conversione, nei pressi di Gaya , di Mahā-Kassapa (destinato a diventare un famoso discepolo), il Buddha si diresse a Kapilavatthu , la capitale dei Sakya, sua terra natale.

Lì, dopo aver chiesto cibo in elemosina casa per casa, fu fatto accedere alla sala del congresso della nobiltà Sakya per tenere un sermone [45] . Quindi il Buddha fece visita a suo padre Suddhodana ea sua moglie Yasodharā, convertendoli. Ordinò quindi suo fratellasto Nanda [46] e suo figlio Rāhula.

Le conversioni compresero sia appartenenti alla nobiltà Sakya che membri delle caste più infime, come il caso del barbiere Upāli. Fu in questa occasione che divenne norma che l'ordine di rispetto tra i monaci dovesse essere basato esclusivamente sull'anzianità calcolata dal giorno della presa dei voti, tanto che i giovani nobili Sakya chiesero di essere ordinati immediatamente dopo Upāli per doverlo omaggiare e sconfiggere così la loro superbia. Tra i convertiti che espressero questa scelta anche Ānanda, il cugino del Buddha, e Devadatta [47] .

Il monastero Jetavana

Lasciata la sua terra natale, la repubblica nobiliare dei Sakya, il Buddha si diresse nel Kosala , il regno che deteneva l' egemonia su Kapilavatthu. Il Kosala a quei tempi era retto dal re Prasenadi ( sanscrito : Prasenajit ), con cui il Buddha ebbe numerosi incontri cordiali.

Nella capitale del Kosala, Sāvatthī (sanscrito: Śrāvastī ), il facoltoso mercante Sudatta Anāthapiṇḍika (precedentemente convertito a Rajgir) comprò da Jeta, un principe figlio di Prasenadi, un grande appezzamento di terreno nella periferia meridionale della città; donato al sangha , divenne uno dei principali luoghi di sosta del Buddha e grande centro di diffusione del Dharma, noto come il monastero Jetavana (il "Parco di Jeta") [48] .

In questo luogo il Buddha visitò il monaco Pūtigatta Tissa, seriamente ammalato, lo lavò e se ne prese cura fino alla sua morte. Qui esortò i monaci a prendersi cura reciprocamente: non avendo più famiglia né mezzi, avendo reciso i legami con il mondo, avrebbero dovuto aver cura l'uno dell'altro.

«Chi mi serve serva i malati»

« Yo bhikkhave maṃ upaṭṭaheyya so gilānan upaṭṭaheyya [49] »

In un altro sutra che tratta della stessa vicenda il Buddha esplicita: [50]

«Non c'è differenza di meriti nel fare donazioni a me e aver cura dei malati, accudire i malati è servire il Buddha»

Gli elenchi dei convertiti nel Kosala mostrano come l'origine castale dei monaci e dei laici fosse in prevalenza brahmanica e mercantile (come Subhūti), con minoranze tra la casta guerriera, cui apparteneva lo stesso Buddha, e le classi inferiori.

A Rajgir

Resti del Jivakarama Vihara a Rajgir
Luogo dove sorgeva il monastero Venuvana

A Rajgir , nella capitale del Magadha , oltre al monastero di Venuvana fuori dalla porta Settentrionale concesso dal sovrano Bimbisāra , il saṅgha ebbe in dono il monastero di Jīvakarana , nei pressi del "Boschetto di Manghi" ( Ambavana ), dono di Jīvaka Komārabhacca, medico personale del sovrano, che desiderava che il Buddha soggiornasse più vicino alla sua dimora [51] .

Fu in quella sede che il Buddha espose il Jīvaka Sutta , in cui si fa divieto ai monaci di mangiare carne se hanno conoscenza che l'animale sia stato ucciso solo per essere dato loro in pasto, e parimenti fa divieto ai laici di uccidere animali con lo scopo di nutrire i monaci [52] .

Non lontano da Rajgir, a Gayāsīsa, soggiornava il monaco Devadatta, che godeva dei favori del figlio del re Bimbisāra, Ajātasattu . In presenza di monaci, laici e del sovrano di Rajgir, Devadatta chiese al Buddha, ormai in età avanzata, di prendere il controllo del Sangha [53] . Tra le riforme che avrebbe voluto introdurre tutte volgevano ad una maggiore austerità: obbligo di dimora nelle foreste; vestirsi solo di abiti trovati nelle discariche; non accettare inviti a pranzo dai laici; astenersi dalla carne anche se offerta. Il Buddha rifiutò di nominarlo a capo della comunità monastica.

Devadatta, intravedendo nella fedeltà di Bimbisāra al Buddha l'ostacolo principale nella sua ascesa, convinse il principe Ajātasattu a perpetrare un colpo di Stato [54] . In seguito Bimbisāra fu imprigionato e lasciato morire di fame, nonostante questi avesse volontariamente abdicato in favore del figlio [55] .

Il Picco dell'Avvoltoio, Gijjhakūta

Ottenuto l'appoggio del nuovo sovrano, Devadatta tentò di assassinare il Buddha con l'aiuto di alcuni arcieri di Ajātasattu, che si rifiutarono. Quindi Devadatta stesso provò l'omicidio: prima lanciando un masso dal Gijjhakūta, il "Picco dell'Avvoltoio" (le ferite riportate dal Buddha furono alleviate dai trattamenti medici di Jīvaka Komārabhacca), quindi ubriacando un elefante reale (Nalāgiri) che avrebbe dovuto schiacciare il Buddha, che invece lo affrontò, placandolo [56] . Il Buddha, tornato la sera al monastero Venuvana, raccontò la storia Cullahamsa Jātaka in onore della fedeltà di Ānanda [57] .

Ajātasattu, pieno di rimorsi, smise di sostenere Devadatta e chiese perdono al Buddha, che lo accolse tra i fedeli laici [58] .

Devadatta, avendo perso l'appoggio regale e conscio dell'impossibilità di controllare il sangha, decise per lo scisma, seguito dai monaci Kokālika, Samuddadatta, Katamorakatissa e Khandadeviyāputta, oltre a qualche centinaio di discepoli favorevoli a una regola monastica più austera. Il Buddha non vietò maggiore austerità, ma ritenne che dovesse applicarsi solo su base volontaria, non come regola.

Il Buddha quindi inviò Sāriputta e Moggallāna presso Devadatta. Questi gli lasciarono credere che avessero abbandonato il Buddha, e non appena ebbero l'attenzione di tutti i suoi seguaci li convinsero della necessità di interrompere lo scisma e rientrare nel sangha. Una volta rimasto solo Devadatta vomitò sangue [59] . Dopo nove mesi Devadatta si mise in cammino per incontrarsi con il Buddha, ma il terreno si aprì e sprofondò nell'inferno Avīci [60] .

Il parinirvāṇa del Buddha

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Parinirvāṇa .

Dopo aver passato l'ultimo vassa nel monastero di Venuvana il Buddha si recò nuovamente a Rajgir. Lì il sovrano Ajātashatru , per mezzo del suo ministro Varśakāra, gli chiese un vaticinio per la sua progettata guerra contro la repubblica dei Vriji . Il Buddha rispose che, finché questi fossero stati rispettosi della tradizione assembleare e il popolo contento, non sarebbero stati vinti [61] . Quindi, salito sul Picco dell'Avvoltoio, il Buddha predicò ai monaci le 49 regole monastiche che avrebbero dovuto seguire per mantenere in vita il sangha .

Salutato dalla nobiltà del Magadha e dal ministro Varśakāra, il Buddha ei monaci si diressero quindi verso i territori dei Lichchavi più a settentrione, predicando nei vari villaggi in cui facevano sosta. Giunti a Pātaligrāma il Buddha pensò che:

« Mi accadde di attraversare questo fiume [il Gange ] sur una navicella; oggi non conviene che col mezzo medesimo torni a passarlo. Il Buddha è ormai maestro nel trasportar gli uomini all'altra riva; perrocchè insegna a tutti il modo di traversar l'oceano delle esistenze [62] »

Statua nel tempio del Mahaparinirvana a Kuśināgara

Quindi tutti i monaci si ritrovarono sulla sponda settentrionale del Gange [63] , a Koṭigrāma. Lì malattie e carestie infuriavano e, polemicamente, fu chiesto al Buddha come mai anche dieci suoi fedeli laici fossero morti. Il Buddha preconizzò che quella sarebbe stata la loro ultima esistenza e di altri trecento predisse solo altre sette rinascite prima di giungere alla perfezione.

« Tutti i viventi moriranno; come in pari modo tutti i buddha , dai tempi passati fino al presente sono ormai nel Nirvāna : e oggi a me, fatto Buddha, spetta la stessa sorte [64] »

Giunto nei pressi di Vaiśālī fu invitato a pranzo dalla cortigiana Amarpālī, assieme a tutti i monaci, rifiutando un analogo invito dei nobili Lichchavi, che avevano rivolto l'invito solo successivamente.

Il Buddha decise di soggiornare nei pressi di Vaiśālī ma, per non pesare troppo sulla popolazione locale oppressa dalla carestia, diede ordine ai monaci di disperdersi in tutte le direzioni, mantenendo accanto a sé solo Ānanda . Lì il Buddha annunciò ad Ānanda che entro tre mesi sarebbe entrato nel parinirvāṇa . Diede inoltre ordine ad Ānanda di ricordare tutti i suoi discorsi, in modo da ripeterli poi qualora dei monaci li avessero dimenticati. Ripreso quindi a vagare nella pianura del Gange il Buddha tenne numerosi discorsi ricapitolando tutti i temi principali della sua dottrina.

Giunto a Pāvā fu invitato a pranzo da un certo Cunda [65] , lì tenne un discorso sui monaci, alcuni dei quali "sono malvagi come le erbacce in un campo" e ammonendo a non considerare la veste, ma il cuore retto come segno di eccellenza.

Lasciata la casa di Cunda e diretto a Kuśināgara il Buddha si sentì male e, sedutosi, chiese ad Ānanda di procurargli dell'acqua. Passò quindi un nobile, Pukkusa, che donò un tessuto giallo affinché il Buddha potesse coricarvisi. Quindi disse ad Ānanda che fu il cibo di Cunda a condurlo alla fine, e che l'indomani sarebbe dovuto andare a ritrovarlo per ringraziarlo e che non piangesse per questo, ma che se ne rallegrasse.

Giunse allora il monaco Kapphina che chiese al Buddha di rimandare la sua estinzione, al che il Buddha rispose che:

« Come le case degli uomini, col lungo andare del tempo, rovinano, ma il suolo dove erano resta; così resta la mente del Buddha, e il suo corpo rovina come una vecchia casa. »

Nel frattempo giunsero monaci e laici da Kuśināgara, avvertiti da Ānanda che entro la mezzanotte il Buddha sarebbe entrato nella totale estinzione. Chiesero quali fossero le ultime volontà in merito alle spoglie. Il Buddha, dopo aver risposto, chiese ai monaci se vi fossero ancora dei dubbi in merito alla dottrina, dicendo che era la loro ultima occasione per poterli dissipare. I monaci risposero che non vi erano punti oscuri e che tutto era a loro chiaro.

Secondo la tradizione, Siddharta Gautama morì a Kuśināgara , in India , a ottant'anni [66] , nel 486 aC circondato dai suoi discepoli, tra i quali l'affezionato attendente prediletto Ānanda , al quale lasciò le sue ultime disposizioni. Tradizionalmente si riportano le sue ultime parole:

« Handa dāni, bhikkave, āmantayāmi vo: "vayadhammā saṅkhārā appamādena sampādethā"ti . [67] »

« Ricordate, o monaci, queste mie parole: tutte le cose composte sono destinate a disintegrarsi! Dedicatevi con diligenza alla vostra propria salvezza! »

Quindi il Buddha si stese vòlto a settentrione, reclinato sul fianco destro, e spirò.

La cremazione

Lo stupa Ramabhar, dove fu cremato il Buddha

La descrizione dei riti funerari, sarīrapūjā , che accompagnarono la cremazione di Gautama Buddha sono strettamente correlati con la successiva venerazione per le reliquie, sarīra (sanscrito: śarīrāḥ ), e vanno intese come rappresentazione del valore che queste hanno in ambito buddhista. Si assiste anche a uno slittamento semantico dal corpo fisico di Gautama alla rappresentazione dello stato di buddhità fornito dalle sarīra [68] .

Il clan dei Malla di Kuśināgara approntò un funerale degno di un sovrano universale : il corpo fu avvolto in cinquecento pezze di cotone e immerso in una vasca di ferro ( taila-droṇī ) [69] piena d'olio. Quindi, con l'accompagnamento di una folla che portava ghirlande di fiori, ballava e suonava, il corpo attraversò la città. Passarono sette giorni prima che si approntasse la pira funeraria [70] . Questo diede tempo a Mahākassapa , il più autorevole dei monaci dopo la morte, avvenuta poco prima, di Sāriputta e Mahāmoggallāna , di giungere a Kuśināgara e prendere parte ai riti funebri.

Ānanda, dopo essere stato per tutta la vita l'attendente del Buddha Gautama, si fece carico anche di tutta l'organizzazione delle cerimonie inerenti al suo corpo. Il giorno della cremazione, nell'ultimo saluto, diede la precedenza alle donne Malla di Kuśināgara: furono loro le prime a circumambulare Gautama, lanciare fiori e bagnare di pianto i suoi piedi. Quindi, contrariamente alle prescrizioni brahmaniche , il corpo fu portato in processione dentro la città (da Ānanda, il re di Malla, Śakra e Brahmā [71] ).

La pira fu accesa da Mahakassapa, con un simbolismo inverso, dato che usualmente in India i sannyasin non vengono cremati ma rilasciati nei fiumi. È vestito come un principe, quando fu proprio l'abbandono della sua veste principesca che aveva marcato l'origine della ricerca spirituale che lo aveva portato a divenire un Buddha [72] .
Una volta estinto il fuoco furono raccolte le sarīra e conservate in una scatola d'oro al centro Kuśināgara.

La notizia della scomparsa del Buddha e della permanenza delle sarīra attirò una intensa competizione per impossessarsene: oltre ai Malla di Kuśināgara le reclamarono anche i Malla di Pāvā , il re Ajātashatru del Magadha , i Bulaka di Calakalpa, i Krauḍya di Rāmagrāma , i brahmini di Viṣṇudvīpa, i Lichchavi di Vaiśālī ei Śākya di Kapilavastu . Le richieste furono sottolineate dall'invio di eserciti a Kuśināgara [73] .

Il Brahmano Droṇa fu scelto come arbitro: divise le sarīra in otto parti per gli otto pretendenti, per sé tenne l'urna ( kumbha ) con cui aveva eseguito la partizione, le ceneri della pira andarono al brahmano Pippalāyana, giunto dopo la cremazione. Una volta distribuite le sarīra ciascuna parte costruì un grande stūpa per venerarle. Lì rimasero finché il sovrano Aśoka non le aprì per ri-suddividerle e diffonderle in stūpa eretti in tutto l' impero Maurya .

Pensiero filosofico e dottrina religiosa

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Buddhismo , Quattro Nobili Verità e Nobile Ottuplice Sentiero .

La vita del Buddha nell'Occidente medievale

Barlaam e Josaphat

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Barlaam e Iosafat .

La storia della vita del Buddha, nota come la Storia di Barlaam e Josaphat , in particolare la parte della profezia alla nascita fino alla fuga dal palazzo, giunse in Europa fin dal medioevo, attraverso una serie di traduzioni che inserirono numerosi elementi non buddhisti e parabole edificanti.

La leggenda narra del principe indiano Josaphat, recluso dal padre negli agi del palazzo reale per impedire che la predizione della sua conversione al cristianesimo si avveri. Una sua breve fuga all'esterno gli permette la visione di un malato, un lebbroso e di un funerale. Sconvolto dalla sofferenza del mondo incontra Barlaam, un asceta che lo converte al cristianesimo e con cui, alla fine di molte traversie e della fuga definitiva dal padre, trascorrerà molti anni di ascesi nel deserto fino alla morte.

La filogenesi, non lineare, delle traduzioni comincia con quelle in persiano [74] [75] , arabo e georgiano nell'VIII secolo, poi in greco e latino XI secolo (attribuita a Giovanni Damasceno ) [76] . Quindi fu la volta della traduzione ebraica di Abraham ibn Chisnai, ebreo di Barcellona (? - 1240) [77] . Da questa nacque una lunga tradizione di versioni spagnole che furono molto diffuse nel XIII secolo [78] . Ma la diffusione in tutta Europa è ben evidente dalla traduzione in islandese già nel 1204 [79] .

Miniatura bizantina del XIII secolo rappresentante San Josaphat

Barlaam e Josaphat vengono inseriti tra i santi cristiani almeno dal XIV secolo: la più antica citazione si trova nel Catalogus Sanctorum di Petrus de Natalibus , canonico di Jesolo tra il 1370 e il 1400 [80] . La canonizzazione fu ratificata nel Martyriologium di Papa Sisto V (1585-1590) che assegna loro il giorno del 27 novembre.

In Europa il primo studioso ad accorgersi dell'origine buddhista della storia fu Édouard René de Laboulaye nell'articolo "Les Avâdanas" sul Journal des Debats del 26 luglio 1859 [79] .

In precedenza, nel 1612, il viaggiatore portoghese Diogo do Couto , dopo aver raccolto informazioni nello Sri Lanka , si era convinto, al contrario, dell'origine cristiana del buddhismo, proprio a causa della similitudine della vita del Buddha con quella di San Iosaphat. In seguito l'ebraista Steinschneider aveva intuito, senza poterlo provare, l'esistenza di un collegamento inverso. [81] [82]

Il nome Josaphat viene da Joasaf , Yodasaph è a sua volta corruzione (da un errore greco: ΥΩΑΑΣΑΦ per ΥΩΔΑΣΑΦ) dell'arabo Yūdasatf , a sua volta da Bodisat , con una storpiatura della lettera iniziale "B" (بـ) con la "Y" (يـ) a causa della somiglianza delle lettere arabe . Bodisat viene dal sanscrito bodhisattva , termine con cui nella letteratura buddhista ci si riferisce al Buddha storico prima della sua illuminazione [79] .

Barlaam è invece una storpiatura da bhagavān , "Signore", termine con cui nella letteratura buddhista ci si riferisce al Buddha. [83] Quindi il personaggio letterario del Buddha si sdoppia letteralmente in due pur mantenendo l'impianto della storia.

Sargamo Borgani

Il Milione . Descrizione di Seylam . Edizione francese del XIV secolo

L'unica altra fonte sulla vita del Buddha per gli europei nel Medioevo fu fornita da Marco Polo .
Nel capitolo CLV de Il Milione , dedicato all'isola di Seilla, l'odierno Sri Lanka, in cui Polo fece sosta nel suo viaggio marittimo di ritorno dalla Cina , il viaggiatore veneziano descrive nei dettagli la vita di Sargamo Borgani [84] .
Il nome viene dalla storpiatura di " Śākyamuni bhagavan ", ovvero il Buddha.
In questo caso la vicenda narrata è molto vicina all'originale storia tradizionale buddhista, mentre nel finale è il padre che, dopo la morte di Sargamo Borgani, ne promosse il culto innalzandogli statue d'oro e diffondendo la voce che:

« morìo ottantaquattro volte, e tuttavia diventava qualche animale, o cavallo o uccello od altra bestia. Ma in capo delle ottantaquattro volte dicono che morie, e diventò iddio: e costui hanno gl'idolatri per lo migliore iddio ch'egli abbiano. E sappiate che questi fu il primaio idolo che fosse fatto, e di costui son discesi tutti gl'idoli [85] »

Marco Polo, evidentemente colpito dalla storia, commentò:

« dimorò [...] tutta la vita sua molto onestamente: ché per certo, s'egli fosse istato cristiano battezzato, egli sarebbe istato gran santo appo Dio [86] »

Gautama Buddha nell' induismo

Gautama Buddha, ovvero il fondatore del buddhismo, antica religione che si pone in alternativa alla cultura religiosa hindū, viene da questa inteso come avatāra di Viṣṇu [87] , questo considerato Dio, la Persona suprema, il Bhagavat . Tale lettura corre lungo tre interpretazioni teologiche: da una parte i testi più antichi [88] indicano il Buddha avatāra di Viṣṇu manifestatosi per ingannare e quindi condurre a rinascite sfavorevoli i suoi seguaci, qui intesi come traditori dei Veda ; una seconda interpretazione, presente in testi più recenti, tale avatāra è inteso in modo positivo ovvero per insegnare la non-violenza ( ahiṃsā , astenersi dall'uccidere), soprattutto nei confronti degli animali, e la gentilezza d'animo; in una terza interpretazione, che integra la seconda, Viṣṇu si manifesta come Buddha per essere adorato dai negatori del suo essere Dio, il Bhagavat , ovvero da coloro che negano la supremazia alla divinità.

La vita di Gautama Buddha secondo la storiografia contemporanea

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Buddhologia .
Thomas William Rhys Davids (1843-1922) studioso della figura di Gautama Buddha e fondatore, nel 1881, della Pali Text Society .
Caroline Augusta Foley Rhys Davids (1857-1942), una delle prime studiose occidentali della figura di Gautama Buddha.

L'indagine storico-critica della figura di Gautama Buddha si avviò a partire dalla fine del XIX secolo. Studiosi come Thomas William Rhys Davids (1843-1922), Caroline Augusta Foley Rhys Davids (1857-1942) e Hermann Oldenberg (1854-1920) analizzando il Canone buddhista scritto in lingua pāli cercarono di eliminarne gli evidenti contenuti mitici per tentare una ricostruzione storica della figura del fondatore del Buddhismo . Tale approccio è tuttavia oggi ritenuto superato [89] e se anche la maggioranza degli studiosi ritiene l'esistenza storica di Gautama Buddha un fatto acclarato [90] considera estremamente difficile ricostruirne la vita e, persino, stabilire con certezza il periodo dell'esistenza.

Scarse sono infatti le testimonianze storiche circa la vita del fondatore del Buddhismo e controverse sono le stesse date. Risulta pertanto arduo separare leggenda e realtà e collocare storicamente le vicende della vita del Buddha , poiché i riscontri a noi pervenuti non sono sempre attendibili. Gran parte delle fonti sono infatti posteriori di almeno duecento anni rispetto agli eventi della vita di Siddhartha Gautama. In più, le cronache storiche indiane non sono rigorose nel separare eventi reali dal mito e dalla leggenda.

Tutte le fonti tradizionali concordano tuttavia sul fatto che Siddhārtha Gautama sia vissuto per ottanta anni.

  • Secondo le cronache singalesi riportate nel Dīvapaṃsa e nel Mahāvaṃsa Siddhartha Gautama sarebbe nato 298 anni prima dell'incoronazione del re indiano Aśoka e morto ( parinirvāṇa ) 218 anni prima dello stesso evento. Queste cronache indicano come il 326 aC l'anno della salita al trono da parte di questo re indiano. In base a questa tradizione, diffusa nei paesi buddhisti theravāda (Sri Lanka, Thailandia, Birmania, Cambogia e Laos), Siddhārtha Gautama sarebbe nato nel 624 aC e morto nel 544 aC [91]
  • Gli studiosi occidentali e indiani, seguendo fonti greche, spostano la data dell'incoronazione di Aśoka al 268 aC e quindi ritengono che Siddhārtha Gautama sia nato nel 566 aC e morto nel 486 aC
  • Studiosi giapponesi e lo studioso tedesco Heinz Bechert [92] seguendo fonti indiane riportate nei canoni buddhisti cinese e tibetano che attestano la nascita di Siddhārtha Gautama 180 anni prima della incoronazione di Aśoka e la sua morte 100 anni prima, le incrociano con le fonti greche e giungono invece a ritenere che l'anno di nascita del fondatore del Buddhismo sia il 448 aC mentre la morte sia avvenuta nel 368 aC

Altro non si può sostenere e, come ricorda Étienne Lamotte [93] , il tentativo di ricostruire o tracciare la vita di Gautama Buddha è «una impresa priva di speranza».

L'unica cosa che si può affermare con contezza è quindi che il Buddha visse in India in un periodo compreso tra il VI e il IV secolo aC comunque proprio in quel particolare periodo a cui Karl Jaspers [94] ha dato il nome di " periodo assiale " della storia mondiale.

«In questo periodo si concentrano i fatti più straordinari. In Cina vissero Confucio e Lǎozǐ , sorsero tutte le tendenze della filosofia cinese, meditarono Mòzǐ , Zhuāng Zǐ , Lìe Yǔkòu e innumerevoli altri. In India apparvero le Upaniṣad , visse Buddha e, come in Cina, si esplorarono tutte le possibilità filosofiche fino allo scetticismo e al materialismo , alla sofistica e al nihilismo . In Iran Zarathustra propagò l'eccitante visione del mondo come lotta fra bene e male. In Palestina fecero la loro apparizione i profeti, da Elia a Isaia e Geremia , fino a Deutero- Isaia . La Grecia vide Omero , i filosofi Parmenide , Eraclito e Platone , i poeti tragici , Tucidide e Archimede . Tutto ciò che tali nomi implicano prese forma in pochi secoli quasi contemporaneamente in Cina, in India e nell'Occidente, senza che alcuna di queste regioni sapesse delle altre. La novità di quest'epoca è che in tutti e tre i mondi l'uomo prende coscienza dell'" Essere " nella sua interezza ( umgreifende : ulteriorità onnicomprensiva), di se stesso e dei suoi limiti. Viene a conoscere la terribilità del mondo e la propria impotenza. Pone domande radicali. Di fronte all'abisso anela alla liberazione e alla redenzione. Comprendendo coscientemente i suoi limiti si propone gli obiettivi più alti. Incontra l'assolutezza nella profondità dell'essere-se-stesso e nella chiarezza della trascendenza,. Ciò si svolse nella riflessione. La coscienza divenne ancora una volta consapevole di se stessa, il pensiero prese il pensiero ad oggetto.»

( Karl Jaspers, in Vom Ursprung und Ziel des Geschichte . Artemis, Zurigo 1949; Piper, München 1949 (1983); trad. it., Origine e senso della storia , a cura di A. Guadagnin, Comunità, Milano, 1965, pag.20. )

In altri termini, nel periodo assiale, sembra che l'umanità abbia fatto un incredibile salto nell'approfondimento della conoscenza di sé e si sia operata una trasformazione globale dell'essere umano a cui, sempre secondo Jaspers, «si può dare il nome di spiritualizzazione».

Premesso ciò, della vita di Gautama Buddha possiamo ricostruire solo un quadro piuttosto generico: fu un rinunciante e asceta, unitamente ad altri rinuncianti indiani ebbe una visione "critica" del mondo e delle sue "illusioni" e praticò e predicò delle tecniche meditative ( yoga ). Predicò anche una vita comunitaria tra rinuncianti disciplinata da alcune precise regole e raccolse intorno a sé altri monaci, ma anche laici, che ne seguivano gli insegnamenti. Fu senza dubbio una personalità carismatica.

A questo quadro, gli storici Frank E. Reynolds e Charles Hallisey [95] aggiungono alcune altre informazioni che, nella loro peculiarità e specificità, ritengono difficilmente "inventate" dalla successiva tradizione; per questi autori è molto probabile che Gautama Buddha:

  • appartenesse alla casta degli kṣatriya ;
  • nacque nel clan degli Śākya;
  • fosse sposato ed ebbe un figlio;
  • abbracciò la vita di asceta itinerante senza il permesso del padre;
  • andò incontro ad un fallimento quando per la prima volta comunicò la sua esperienza dell'illuminazione;
  • rischiò di perdere la guida della comunità da lui fondata a causa di un suo cugino che propose delle regole maggiormente ascetiche;
  • morì in un luogo remoto dopo aver mangiato del cibo avariato.

Iconografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Arte buddhista .
Triratna e dharmachakra in una impronta del piede del Buddha . I secolo . Gandhāra .
Interno delle grotte di Ājanta
Statua del Buddha Shakyamuni situata nel monastero di Baolian, (isola di Lantau, Cina). Inaugurata il 29 dicembre 1993, alta oltre 26 metri, è una delle più grandi al mondo. La sua mano destra è sollevata nell'abhyamudrā, il "gesto di incoraggiamento" per invitare ad avvicinarsi; la mano sinistra è invece nel varadamudrā, il "gesto di esaudimento", ovvero la disponibilità ad esaudire i desideri dei fedeli

Sebbene il Buddhismo non sia mai stato attraversato da correnti iconoclaste, per i primi secoli fu rigorosamente aniconico, rappresentando il Buddha Gautama solo attraverso simboli: l'impronta del piede, una delle punte del Triratna , la Ruota del Dharma , uno stūpa, un loto . Ciascun simbolo rappresenta un particolare della biografia di Gautama.

A partire dal I secolo, per ragioni ancora non chiarite, si sviluppò, sia in bassorilievi che in statuaria a tutto tondo, la rappresentazione iconica del corpo del Buddha storico, basata per lo più suitrentadue segni maggiori di un Buddha così come erano andati codificandosi nella letteratura religiosa. Il clima dell'India non ha permesso la sopravvivenza di pitture buddhiste, con la notevole eccezione del ciclo pittorico di Ājanta .

Con la diffusione del Buddhismo nell' Asia centrale , nell' Estremo Oriente e nel Sudest asiatico l'iconografia del Buddha si evolse in accordo con lo sviluppo dell'arte locale, mantenendo forti connotati conservatori e di riconoscibilità. La gestualità delle rappresentazioni, sia nei mudrā sia nella postura del corpo, mantiene il significato della rappresentazione legato a specifici momenti della vita e della azione del Buddha: la nascita, l'illuminazione, il primo sermone, il parinirvana, rendendole un linguaggio perfettamente riconoscibile in ambito buddhista, al di là delle specifiche tradizioni sorte nel corso del suo sviluppo storico e dottrinario.

Note

  1. ^ L'errata trascrizione Siddharta al posto della corretta Siddhartha è diffusa unicamente in Italia per un errore (in seguito corretto nel 2012) nella prima edizione del romanzo di Hermann Hesse .
  2. ^ In italiano a volte scritto Budda
  3. ^ Sette discorsi di Gotamo Buddho tradotti da KE Neumann e G. De Lorenzo, Bari, 1922, Gius. Laterza & Figli Tipografi-Editori-Librari, collana Biblioteca di Cultura Moderna.
  4. ^ "il buddhismo e il contemporaneo jainismo iniziarono a svilupparsi sul volgere del IV secolo aC, sorgendo da quei numerosissimi movimenti ascetici che pullularono nella crisi della religiosità vedica." in Francesco Maniscalco, Datazione Buddha , p. 6.
  5. ^ Nelle altre lingue asiatiche il nome del Buddha Śākyamuni viene così reso:
    • in cinese come: 釋迦牟尼Shìjiāmóuní
    • in coreano come: 석가모니 Seokgamoni o Sŏkkamoni
    • in giapponese come: 釋迦牟尼Shakamuni
    • in vietnamita come: Thích ca mâu ni
    • in tibetano come: Shākya thub-pa
  6. ^ Erich Frauwallner. The Earliest Vinaya and the Beginnings of Buddhist Literature . Roma, 1956.
  7. ^ Op. cit. .
  8. ^ André Bareau. Recherches sur la biographie du Buddha dans les Sūtrapitaka et les Vinayapitaka anciens 2 voll. Paris, 1963–1971.
  9. ^ Weise, Kai, et al. (2013), The Sacred Garden of Lumbini - Perceptions of Buddha's Birthplace , Paris: UNESCO
  10. ^ Suttanipāta 693
  11. ^ Suttanipāta 695
  12. ^ Nidānakathā , il "racconto introduttivo" del libro delle rinascite, Jātaka ; vedasi anche Anguttaranikāya , 3 39 e il Buddhacarita canti V e VI.
  13. ^ Aśvaghoṣa , Buddhacarita ; Nidānakathā
  14. ^ Aṅguttara Nikāya III, 38; Majjhima Nikāya 26
  15. ^ Sukumar Dutt, Buddhist monks and monasteries of India, their history and their contribution to Indian culture , Delhi, Motilal Banarsidass, p. 36
  16. ^ Dīgha Nikāya , 16 2 27
  17. ^ Aexander Wynne, The origin of Buddhist meditation , London, Routledge, p. 9. e segg.
  18. ^ Majjhima Nikāya , 26 e 36; Dīgha Nikāya , 29 16; Saṃyutta Nikāya , 35 103
  19. ^ . Gli insegnamenti di questi sembrano connessi, o che almeno includessero, due Upaniṣad: la Chāndogya e la Bṛhadāraṇyaka . Hans Wolfgang Schumann, Il Buddhismo , Milano, Armenia, 2008, ISBN 978-88-344-2213-7 , p.20 e 371.
  20. ^ Aexander Wynne, The origin of Buddhist meditation , London, Routledge, p. 3, 26 e 122 e segg.
  21. ^ Majjhima Nikāya , 12 e 36
  22. ^ Tuttora presente, secondo l'opinione di molti fedeli, anche se si sa, da documenti antichi, che l'albero della Bodhi oggi presente è almeno di due generazioni successive all'originale, vedasi per esempio Hans W. Schumann, Il Buddha storico
  23. ^ Majjhima Nikāya , 36
  24. ^ Vinaya , "Mahāvagga", I, 3, 1-4. Udāna, II, 1
  25. ^ Pinaiye posengshi , ju. : 5 (T. 24:125-126)
  26. ^ Hajime Nakamura, Gotama Buddha: a Biography Based on the Most Reliable Texts , Tokyo, Kosei, 2000. Vol. 1 p.221-223.
  27. ^ Raniero Gnoli, The Gilgit Manuscript of the Saṅghabhedavastu , Roma, Ismeo, 1977, I, p. 122-125. Vinaya , "Mahāvagga", I, 4, 1-5.
  28. ^ Vinaya , "Mahāvagga", I, 5, 12. Zengyi ahan jing , ju . 10 (T. 2:593a)
  29. ^ Hajime Nakamura, Gotama Buddha: a Biography Based on the Most Reliable Texts , Tokyo, Kosei, 2000. Vol. 1 p.229.
  30. ^ Majjhima Nikaya , I, p. 170-1. Zhōng āhán jīng ju . 56(204) (T. 1:777)
  31. ^ Vincenzo Talamo (traduzione dal pali, introduzione e note), Saṁyutta Nikāya, discorsi in gruppi . Roma, Ubaldini, 1998, p.727-8.
  32. ^ Vincenzo Talamo (traduzione dal pali, introduzione e note), Saṁyutta Nikāya, discorsi in gruppi . Roma, Ubaldini, 1998, p.728.
  33. ^ Anuttarā-samyak-saṃbodhi ; questa definizione avrà un grande sviluppo soprattutto nel Buddhismo Mahāyāna
  34. ^ Vincenzo Talamo (traduzione dal pali, introduzione e note), Saṁyutta Nikāya, discorsi in gruppi . Roma, Ubaldini, 1998, p.729.
  35. ^ Il Dhammacakkappavattana Sutta . Traduzione italiana in: Raniero Gnoli (a cura di), La rivelazione del Buddha , vol 1.: I testi antichi , Milano: Mondadori, 2001, p. 5. ISBN 88-04-47898-5 .
  36. ^ Hajime Nakamura, "The Aṣṭamahāsthānacaitya-storta and the Chinese and Tibetan Versions of a Text Similar to It", in: Indianisme et Bouddhisme: Mélanges offerts à Mgr Étienne Lamotte . Louvain-la-Neuve, Institut Orientaliste, 1982, p. 259-265.
  37. ^ E. Obermiller, History of Buddhism (Chos-ḥbyung) by Bu-ston , in: The History of Buddhism in India and Tibet . Leipzig, Harassowitz, 1932
  38. ^ Paul Bigandet, The Life or Legend of Gaudama, the Buddha of the Burmese . Rangoon, American Mission Press, 1866.
  39. ^ Hajime Nakamura, Gotama Buddha: a Biography Based on the Most Reliable Texts , Tokyo, Kosei, 2000. Vol. 1 p.274-5.
  40. ^ Il riferimento è al Bosco di Bambù a Rajgir, dove sorgeva il monastero di Veṇuvana, oggi parco pubblico.
  41. ^ Ernst Waldschmidt (ed.), Das Catuṣpariṣatsūtra . Berlin, Klasse für Sprachen, Literatur und Kunst, 1952, n 2 vol. 1, p. 202.
  42. ^ Vinaya, Mahāvagga , I, 15-20
  43. ^ Il sūtra è presente sia nel Vinaya, Mahāvagga , I, 21, che nel Saṃyutta Nikāya , XXXV, 28
  44. ^ Vinaya, Mahāvagga 22, 17-18 e Pinaye posengshi , ju. 8 (T.24:138a). Raniero Gnoli, The Gilgit Manuscript of the Sanghabhedavastu , Roma, IsMEO, 1977, p. 159-161.
  45. ^ Za ahan jing , ju. 43. (T.2:316b)
  46. ^ La storia della conversione fu narrata in dettaglio da Asvagosha: Asvaghosa, Alessandro Passi (a cura di) Nanda il Bello (Saundarananda-Mahakavya) , Adelphi, 1985, pp. 258 ISBN 978-88-459-0605-3 .
  47. ^ Nidānakathā , Jātaka I, p. 91; Fosuoxingzan , ju. 4 (T. 4:37c)
  48. ^ Hajime Nakamura, Gotama Buddha, a Biography Based on the Most Reliable Texts . Tokyo, Kosei, 2000. Vol. 1, p.345.
  49. ^ Sheng jing , ju. 3 (T. 3:89b-90a)
  50. ^ Hajime Nakamura, Gotama Buddha, a Biography Based on the Most Reliable Texts . Tokyo, Kosei, 2000. Vol. 1, p.359.
  51. ^ Anguttara Nikaya , I.26
  52. ^ Majjhima Nikaya I.368
  53. ^ Cullavagga , Vinaya, 7,2,1.
  54. ^ Hans Wolfgang Schumann, Il Buddhismo , Milano, Armenia, 2008, ISBN 978-88-344-2213-7 , p. 117
  55. ^ Cullavagga , Vinaya, 7,3,4-5.
  56. ^ Vinaya , II.194
  57. ^ Jātaka n. 533
  58. ^ Digha Nikaya , I.85-6
  59. ^ Jātaka I.491
  60. ^ Milindapañha , 101
  61. ^ Carlo Puini, Mahaparinirvana-sutra, ovvero il libro della totale estinzione del Buddha nella redazione cinese di Pe-Fa-Tsu , Lanciano, Carabba, 1911. P. 20.
  62. ^ Carlo Puini, Mahaparinirvana-sutra, ovvero il libro della totale estinzione del Buddha nella redazione cinese di Pe-Fa-Tsu , Lanciano, Carabba, 1911. P. 33.
  63. ^ Il luogo dell'attraversamento è oggi noto come Gautama Ghat o Buddha Ghat e si trova alla fine di Buddha Marg, Patna, N 25.622 E 85.137. Google Maps S. Muthiah, Where the Buddha Walked , Madras, TT Maps, 1990, p. 18-22.
  64. ^ Carlo Puini, Mahaparinirvana-sutra, ovvero il libro della totale estinzione del Buddha nella redazione cinese di Pe-Fa-Tsu , Lanciano, Carabba, 1911. P. 35.
  65. ^ Carlo Puini, Mahaparinirvana-sutra, ovvero il libro della totale estinzione del Buddha nella redazione cinese di Pe-Fa-Tsu , Lanciano, Carabba, 1911. P. 59.
  66. ^ Mahāparinibbānasuttanta, Dīgha Nikāya, 16 II 32
  67. ^ Mahāparinibbāna Sutta. DN 16. Chaṭṭha Saṅgāyana CD-ROM (version 3). Igatpuri : Vipassana Research Institute. [D ii.155-6.]
  68. ^ John S. Strong, Relics of the Buddha . Princeton, Princeton UP, 2004, p.98-122. ISBN 978-0-691-11764-5
  69. ^ John S. Strong, Relics of the Buddha . Princeton, Princeton UP, 2004, p. 108
  70. ^ David L. Snellgrove, "Śākyamuni's Final Nirvaṇa" in: Bullettin of the School of Oriental and Asian Studies , 36, p. 399-411
  71. ^ Gregory Schopen, "Relic" in: Critical Terms for Religious Studies , Chicago, University of Chicago Press, 1998. p. 261
  72. ^ John S. Strong, Relics of the Buddha . Princeton, Princeton UP, 2004, p. 115
  73. ^ André Bareau, Recherches sur la biographie du Buddha dans le sūtrapiṭaka anciens: II. Les derier mois, le parinirvāṇa et les funérailles . Paris, Ecole Française d'Extrême-Orient, 1971, p. 284-285
  74. ^ In persiano medio si trova nel Bundahishn , testo enciclopedico zoroastriano , la frase " dēv ān kē-š pat Hindūkān paristēnd api-š vaχš pat ān butīhā mēhmān čēegōn bōδˇāsaf paristēt " (“il demone But è ciò che essi adorano in India e nella sua immagine uno spirito risiede che è adorato come Bōδāsaf .”). HW Bailey, "The word “But” in Iranian" in: Bulletin of the School of Oriental and African Studies , (1931), 6: p. 279-283
  75. ^ In persiano medio è attestata l'esistenza di questa storia, dall'elenco di traduzioni verso l'arabo, che ne fa il Kitab-al-Fihrist tra le opere tradotte. Si presume che la traduzione in persiano medio sia avvenuta durante il regno di Cosroe I . Robert Lee Wolff, "Barlaam and Ioasaph", in: The Harvard Theological Review , Vol. 32, No. 2, Apr., 1939, p. 136
  76. ^ Eliana Creazzo, "La cornice del Barlaam e Josaphat", in: Natalia L. Tornesello, Medioevo romanzo e orientale. Macrotesti fra Oriente e Occidente. Atti del quarto Colloquio internazionale (Vico Equense, 26-29 ottobre 2000) , Rubbettino Editore, 2003, p. 341-
  77. ^ M. Steinschneider, "An Introduction to the Arabic Literature of the Jews" in: The Jewish Quarterly Review , Vol. 12, No. 4, Jul., 1900, p. 607
  78. ^ Roberto González-Casanovas, "Preaching the Gospel in Barlaam and Blanquerna: Pious Narrative and Parable in Medieval Spain", in: Viator , Volume 24, Volume 24 / 1993, p. 215-232
  79. ^ a b c Thomas William Rhys Davids, Buddhist Birth Stories , Trubner, 1880
  80. ^ Erroneamente considerato vescovo in: Thomas William Rhys Davids, Buddhist Birth Stories , Trubner, 1880
  81. ^ Sir Ernest Alfred Wallis Budge , Baralam and Yewasef: The Ethiopic Version of a Christianized Recension of the Legend of the Buddha and the Bodhisattva , University Press, 1923. P. xxxvi.
  82. ^ L'opera che determinò la definitiva prova dell'origine buddhista della leggenda cristiana fu Joseph Jacobs, Barlaam and Josaphat. English lives of Buddha , London, David Nutt, 1896.
  83. ^ Sir Ernest Alfred Wallis Budge, Baralam and Yewasef: The Ethiopic Version of a Christianized Recension of the Legend of the Buddha and the Bodhisattva , University Press, 1923. P. XLI.
  84. ^ Variamente trascritto nei vari codici e traduzioni come: "Sergamom Borcam", "Sergamoni Borcan", "Sagamoni Borcan", "Sogomombar can" e "Sergamon borcham"
  85. ^ Marco Polo, Il Milione, Milano, Rizzoli, 1981, p. 409
  86. ^ Marco Polo, Il Milione, Milano, Rizzoli, 1981, p. 408
  87. ^ Cfr. a titolo esemplificativo il Bhāgavata Purāṇa .
  88. ^ Cfr. ad es. il III aṃśa del Viṣṇu Purāṇa .
  89. ^ Frank E. Reynolds e Charles Hallisey in Buddha , Encyclopedia of Religion vol. 2 pag. 1061. New York, Macmillan, 2005.
  90. ^ Cfr. Étienne Lamotte Histoire du bouddhisme indien . Louvain, 1958, pp. 707–59.
  91. ^ Altre tradizioni offrono ulteriori datazioni:
    • secondo la cronaca tibetana Phu-lugs , Siddhārtha Gautama sarebbe vissuto tra il 961 aC e l'881 aC
    • secondo le tradizioni giapponesi delle scuole Jodō shinshū e Nichiren Shōshū , che riprendono a loro volta alcune tradizioni cinesi, Siddhārtha Gautama sarebbe vissuto tra il 1061 aC e il 949 aC
  92. ^ Heinz Bechert. The Date of the Buddha Reconsidered . Indologica Taurinensia 10, 1982, 29–36.
  93. ^ Op. cit pag. 16
  94. ^ in Vom Ursprung und Ziel des Geschichte . Artemis, Zurigo 1949; Piper, München 1949 (1983); trad. it., Origine e senso della storia , a cura di A. Guadagnin, Comunità, Milano, 1965, pag.20.
  95. ^ Op. cit. pag. 1062.

Bibliografia

  • Michael Carrithers, Buddha , Einaudi 2003: ISBN 88-06-16446-5 .
  • Karen Armostrong, Buddha. Una Vita , Rizzoli 2002: ISBN 88-17-86951-1 .
  • Le gesta del Buddha (Buddhacarita Canti I-XIV), a cura di Alessandro Passi. Adelphi, 1979. ISBN 978-88-459-0392-2 .
  • Thich Nhat Hanh, Vita di Siddhartha il Buddha. Narrata e ricostruita in base ai testi canonici pāli e cinesi , Astrolabio Ubaldini 1992: ISBN 88-340-1076-0 .
  • Donald S. Lopez Jr., Che cos'è il Buddhismo , Astrolabio Ubaldini - Collana: Civiltà dell'Oriente - 2002.

Nella cultura di massa

Sono 2 i film ispirati a Buddha: Piccolo Buddha , 1993 , di Bernardo Bertolucci e Tathagatha Buddha: The Life & Times of Gautama Buddha (Hindi: बुद्ध), 2007 di Allani Sridhar.

Nel manga di Record of Ragnarok , Buddha è uno degli umani che combatte al torneo del Ragnarok .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 77109647 · ISNI ( EN ) 0000 0004 3355 7817 · LCCN ( EN ) n80050504 · GND ( DE ) 118664417 · BNF ( FR ) cb11954606k (data) · BNE ( ES ) XX840627 (data) · NLA ( EN ) 35115590 · BAV ( EN ) 495/17346 · CERL cnp00584007 · NDL ( EN , JA ) 00571841 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80050504