François Mitterrand

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - "Mitterrand" refere isit la. Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Mitterrand (disambiguation) .
François Mitterrand
François Mitterrand (taye) .jpg
François Mitterrand an 1994

21yèm Prezidan Repiblik franse a
Peryòd nan biwo a 21 me 1981 -
17 me 1995
Chèf gouvènman an Pierre Mauroy
Laurent Fabius
Jacques Chirac
Michel Rocard
Édith Cresson
Pierre Bérégovoy
Édouard Balladur
Predesesè Valéry Giscard d'Estaing
Siksesè Jacques Chirac

Premye Sekretè Pati Sosyalis la
Peryòd nan biwo a 16 jen 1971 -
24 janvye 1981
Predesesè Alain Savary
Siksesè Lionel Jospin

Minis deta , minis jistis repiblik franse
Peryòd nan biwo a 1 fevriye 1956 -
21 me 1957
Prezidan René Coty (4yèm Repiblik)
Chèf gouvènman an Guy Mollet
Predesesè Jean Doussot
Siksesè Daniel Benoîst

Minis enteryè Repiblik franse a
Peryòd nan biwo a 19 jen 1954 -
5 fevriye 1955
Prezidan René Coty
Chèf gouvènman an Pierre Mendès Lafrans
Predesesè Léon Martinaud-Deplat
Siksesè Maurice Bourgès-Maunoury

Minis deta Lafrans
Peryòd nan biwo a 20 janvye 1952 -
28 fevriye 1952
Prezidan Vincent Auriol
Chèf gouvènman an Edgar Faure

Minis Ansyen konbatan ak viktim lagè an Frans
Peryòd nan biwo a 24 novanm 1947 -
19 jiyè 1948
Prezidan Vincent Auriol
Chèf gouvènman an Robert Schuman
Predesesè Daniel Mayer
Siksesè André Maroselli

Peryòd nan biwo a 22 janvye 1947 -
21 Oktòb 1947 (Minis Ansyen konbatan yo ak viktim lagè an Frans)
Prezidan Vincent Auriol
Chèf gouvènman an Paul Ramadier
Predesesè Max Lejeune
Siksesè Daniel Mayer

Prezidan Konsèy Ewopeyen an
Peryòd nan biwo a 1 janvye 1984 -
30 jen 1984
Predesesè Andreas Papandreou
Siksesè Garret FitzGerald

Peryòd nan biwo a 1 jiyè 1989 -
31 desanm 1989
Predesesè Felipe González
Siksesè Charles Haughey

Peryòd nan biwo a 1 janvye 1995 -
17 me 1995
Predesesè Helmut Kohl
Siksesè Jacques Chirac

Done jeneral
Pati UDSR (1946-1964)
CIR (1964-1971)
Sosyalis (1971-1996)
Inivèsite Fakilte Dwa ak Lèt nan Paris
Pwofesyon Avoka , editè , sèvitè sivil
Siyati Siyati François Mitterrand
Francois Mitterrand nan Andorra
SE Coprincipe ex officio del
Principality nan Andorra
Responsab 1981 - 1995
Predesesè Valéry Giscard d'Estaing nan Andorra
Siksesè Jacques Chirac nan Andorra
Lòt tit ansyen prezidan Repiblik franse a
Nesans Jarnac , 26 oktòb 1916
Lanmò Paris , 8 janvye 1996
Relijyon Katolik [1]

François Maurice Adrien Marie Mitterrand (IPA: [fʁɑ̃swa mitɛʁɑ̃] ; Jarnac , 26 oktòb 1916 - Paris , 8 janvye 1996 ) se te yon politisyen franse .

Li te prezidan Repiblik franse a pou de manda konsekitif, soti nan 21 Me 1981 a 17 Me 1995.

Kontra ajan anba rejim Vichy ak patizan, li se onz fwa minis anba Katriyèm Repiblik la , ki gen ladan Minis Veteran ak Viktim Lagè, Minis nan lòt bò dlo Lafrans , Minis enteryè a ak Minis jistis la . Li te yon manm nan Palman an soti nan 1946 1958, yon senatè soti nan 1959 1962, e ankò yon depite soti nan 1962 1981. Ka a nan Obsèvatwa a kenbe l 'lwen politik pou yon ti tan.

Kont retou Jeneral de Gaulle sou pouvwa a, li te fè fas a lèt la nan eleksyon prezidansyèl 1965 yo , li te pèdi nan dezyèm tou an. An 1971, li te vin premye sekretè Pati Sosyalis la , ki te kreye nan fen kongrè Épinay la . Kandida Inyon gòch la nan eleksyon prezidansyèl 1974 yo , Valéry Giscard d'Estaing te bat li nan dezyèm tou a.

Apiye pa Pati Sosyalis la, li te genyen eleksyon prezidansyèl 1981 kont Valéry Giscard d'Estaing , prezidan sortan. Premye sosyalis la ki te kenbe prezidans Repiblik la anba senkyèm repiblik la , li te vote an patikilye pou aboli pèn lanmò an , yon seri de mezi sosyal enspire pa pwogram komen an, ak Lè sa a, opte pou "pwen an vire desizif". Avèk " doktrin nan Mitterrand ", li antreprann pa ekstrade ansyen teroris lwen-gòch . Aprè defèt goch la nan eleksyon lejislatif 1986 yo , li nonmen Jacques Chirac kòm chèf gouvènman an, inogire premye koabitasyon an .

An 1988 li te re-eli Prezidan Repiblik la kont Jacques Chirac. Dezyèm disèt li te make pa angajman militè Lafrans nan Gè Gòlf la , adopsyon Trete Maastricht , dezyèm koabitasyon an (avèk Édouard Balladur ), n bès nan popilarite, revelasyon yo sou sot pase l 'ak n bès nan sante.

Li te kenbe biwo sa a pi lontan pase nenpòt lòt moun nan senkyèm repiblik la , katòz ane (tankou l ' Charles de Gaulle te eli tou de fwa, men li te demisyone anvan li te konplete dezyèm manda li a, ak Jacques Chirac sou ki gen prezidans, sepandan, dire a nan biwo a te redwi a senk ane, pou ki li te kenbe yon premye tèm sèt ane ak yon dezyèm tèm senk ane). Li te rive nan kansè nan pwostat an 1995, li te mouri kèk mwa apre li te kite Elize a.

Fanmi

Granpapa François a, Gilbert Théodose Mitterrand (1844–1920) te chèf estasyonè nan Jarnac, pitit yon gad kanal Berry (nan Audes nan depatman Allier), Charles Mitterrand (1810–1886) ak yon Katolik ki pratike. Grann patènèl li, Pétronille Zelma Laroche (1848–1897) te orijinèlman soti nan Limousin e li te soti nan yon fanmi ti sèvitè sivil ki soti nan Séreilhac tou pre Limoges. Papa l 'Gilbert Félix Joseph Mitterrand (1873-1946), ki te fèt nan Limoges, te yon enjenyè ak Compagnie du chemin de fer de Paris à Orléans , Lè sa a, nan 1919 li demenaje ale rete nan Jarnac yo pran sou jesyon nan faktori vinèg bòpè l' yo, vin pita prezidan federasyon nasyonal la nan sendika nan pwodiktè vinèg. Manman li, Marie Gabrielle Yvonne Lorrain (1880-1936), ki soti nan yon fanmi nan tradisyon repibliken, te pitit fi Jules Lorrain (1853-1937), komèsan nan diven ak lespri ak konseye vil nan Jarnac (ak nyès nan maryaj ak minis lan Léon Faucher ). François se senkyèm nan yon fanmi ki gen uit timoun. Li gen twa frè: Robert (1915-2002), politeknik ak manadjè biznis; Jacques (1918-2009), jeneral fòs aeryen an; Philippe (1921-1992), kiltivatè ak ansyen majistra nan Saint-Simon nan Charente ak kat sè: Marie-Antoinette (1909-1999), Marie-Josèphe (1912-1997), Colette (1914-2004) ak Geneviève (1919- 2006).

Depi maryaj li an 1944 ak Danielle Émilienne Isabelle Gouze , prezidan Fondation France-Libertés [2] , li te gen twa pitit: Pascal (Jiyè 1945 - Septanm 1945), Jean-Christophe ( 1946 ) ak Gilbert ( 1949 ), majistra nan Libourne , ak ansyen depite nan Gironde la . Soti nan relasyon siplemantè-maryaj li ak Anne Pingeot , Konsèvate nan mize leta yo, nan 1974 li te gen pitit fi li Mazarine Pingeot , yon ekriven. François Mitterrand se tonton Frédéric Mitterrand . Sè madanm li Danielle se pwodiktè Christine Gouze-Rénal, ki te marye ak aktè Roger Hanin ki te trè aktif nan peyi Itali nan ane 1950 yo ak ane 1960 yo.

Lavi ak karyè politik

Papa a, Stationmaster, yon fwa kite ray tren yo te pran plis pase aktivite antreprenarya pa bòpè l 'mete kanpe e li te vin yon pwodiktè vinèg (li te tou prezidan yon federasyon sendika komèsyal nan pwodiktè). Jèn Mitterrand la te grandi nan yon anviwònman pwovens ak boujwa, ak tradisyon solid Katolik ak tradisyonalis. Jiska prizon l 'yo, li pral yon Katolik pratike. [3]

François Mitterrand te fè etid lekòl presegondè ak segondè li yo nan Collège Saint-Paul nan Angoulême soti nan 1925 1934 , Lè sa a, demenaje ale rete nan Pari nan Enstiti a nan papa yo Marist nan ri de Vaugirard. An 1936 li gradye nan literati epi an jiyè 1937 li gradye nan École libre des sciences politiques, lavni Syans Po . Epitou nan 1937, li gradye nan edikasyon siperyè nan lwa piblik la. Li se yon lektè ensasyabl, ak pasyon li pou ekriven soti nan sèzyèm nan diznevyèm syèk la ak pou disètasyon istorik se byento ajoute nan yon renmen gwo twou san fon pou lantikite, nan ki jouk nan fen jou l 'li pral yon pèseptè gwo.

Ant 1935 ak 1936 li te goumen ak volontè nasyonal Lyetnan Kolonèl François de La Rocque . Sepandan, li pa swiv li nan avanti Pati sosyal franse a , premye pati mas zèl dwat an Frans , e li di li "pè" lè li tande diskou li yo. Li fè sèvis militè nan enfantri kolonyal ant 1937 ak 1939 . Nan mwa septanm 1939 , nan kòmansman Dezyèm Gè Mondyal la , yo te nonmen li sèjan e yo te voye li nan liy Maginot tou pre Montmédy . Yon rimè toupatou vle l 'anwole nan Cagoule a , ekstrèm dwat milis la pro-fachis, men an reyalite li pa janm te yon manm. [4]

Dezyèm Gè Mondyal la

Sou 14 jen, 1940 , apre yo te fin blese, li te fè prizonye. Pandan sejou li nan kan prizon, an patikilye IXA a Stalag ki sitiye nan Ziegenhain (jodi a Trutzhain, yon fraksyon nan minisipalite a nan Schwalmstadt tou pre Kassel , Almay ) pozisyon politik li evolye apre rankont li yo ak prizonye nan tout klas sosyal, ak yon òganizasyon andedan kan an trè diferan de sa li ta ka wè nan jenès li. Aprè de tantativ echwe pou yo sove, nan mwa mas ak novanm 1941 , li finalman jere yo sove sou 10 desanm 1941 epi retounen an Frans , rezoud nan zòn nan okipe.

Li travay, pa kòm yon ofisyèl, men sou yon kontra fiks tèm, [5] pou nouvo fòm nan eta ki baze nan Vichy. Soti janvye jiska avril 1942 nan Légion française des combants et des volontaires de la révolution nationale , e depi jen 1942 nan komisarya pou reentegrasyon prizonye lagè, kote li te demisyone an janvye 1943 . [6] Nan mwa desanm 1942, Mitterrand te ekri nan jounal ofisyèl Vichy France, revue de l'État nouveau :

"Si Lafrans pa vle mouri nan labou sa a, dènye franse ki merite non an dwe deklare yon lagè san trimès bay tout moun, anndan menm jan ak deyò, prepare pou louvri baraj yo: jwif, mason, kominis ... toujou la menm ak tout Gaullists. "

Pita li te rantre nan Rezistans franse a , li te kenbe devwa li nan administrasyon Vichy la. Yon fwa eli Prezidan Repiblik la, chak ane, epi jouk 1992 , Mitterrand pral mete yon kouwòn sou kavo a nan Marshal Pétain, pa nan omaj a tèt la nan gouvènman an Vichy, men nan ewo nan franse nan Premye Gè Mondyal la ; nan sezon prentan an nan 1943 li dekore avèk lòd la nan Francisque a , yon distenksyon onorè nan rejim lan Vichy. [7]

Jean-Pierre Bloch, ki an tèt seksyon ki pa militè nan biwo santral enfòmasyon ak aksyon an (BCRA, sèvis sekrè nan Lafrans lib ) soti nan 1942 1943 ak Lè sa a, komisè depite pou enteryè a, dekore avèk Rejiman an nan onè , konpayon Liberasyon an, eksplike an 1969 nan De Gaulle ou le temps des méprises :

«François Mitterrand te rete nan sèvis prizon Vichy sou lòd nou yo. Lè li te yon kandida pou franse a , nou te parfe kenbe jiska dat; nou konseye l 'aksepte "onè" sa a pou yo pa dekouvri. Kalomnye toujou sèvi: ven ane pita, li pral pousye pou kanpay prezidansyèl la. [...] Mitterrand te pwopoze tou kòm yon "konpayon nan Liberasyon an", men tit yo nan Rezistans la pafwa pa gen anyen fè ak dekorasyon sa a. Ni rezistans ni avyon de gè, non yo nan ewo ki pa janm kite biwo yo nan Lond ka jwenn nan liv an lò nan kanmarad yo Liberasyon. Dekorasyon yo sou bò gòch la ka konte ak dwèt yo. Menm Gaston Defferre , ki moun ki te chèf lyezon, se pa yon konpayon nan Liberasyon an, ak ki jan anpil lòt moun, tankou François Mitterrand, ta merite li yon santèn fwa epi yo pa te dekore. "

Li ta dwe mete aksan sou ke pèsonalite anpil te travay nan administrasyon an nan Vichy ki moun ki pral vin pèsonalite nan senkyèm Repiblik franse a . Anplis yo te majinal, fonksyon Mitterrand a pa enplike relasyon dirèk oswa endirèk ak Nazi yo. De Gaulle li menm ki soti nan Lond te bay lòd senpatizan li yo ki te rete an Frans pou kontinye travay anba nouvo fòm leta a.

Rezistans

Soti nan sezon ete a nan 1943 li te ale nan kache e li te vin sib la nan Gestapo la ak Milis la. Deja nan sezon prentan 1942, anba enfliyans kèk ansyen prizonye nan lagè chape (Max Varenne ak Guy Fric), li te kòmanse chanje atitid li anvè Revolisyon Nasyonal la. Li patisipe nan reyinyon yo nan chato la nan Montmaur , sou 12 jen ak 15 Out 1942, ki mete fondasyon yo premye nan Rezistans aktif okipan an. Avèk non kòd " Morland " li te kite nan Lond 15 novanm 1943, lè sa a li te ale nan Algiers , kote li te resevwa, menm si frèt, pa Jeneral De Gaulle, ak pa Jeneral Giraud. Apre yon dezyèm vizit nan Lond, li retounen an Frans sou 24 fevriye 1944 pou dirije Mouvement national des prisonniers de guerre et déportés (Mouvman nasyonal prizonye lagè ak depòte). Selon kont li yo, se li menm ki te òganize mouvman sa a avèk kanmarad li yo pandan li tap travay ofisyèlman pou Eta Vichy. Nan mwa Out 1944 li te rive nan Paris libere pa okipan an.

Gouvènman pwovizwa

Nan mwa Out 1944 , Mitterrand se yon pati nan gouvènman an efemèr nan sekretè jeneral yo enstale nan Pari sou deziyasyon an nan Jeneral De Gaulle anvan enstalasyon an nan gouvènman an pwovizwa, ki soti nan ki li pral sepandan dwe eskli. Mete sou kote, li pral konsakre tèt li nan aktivite piblisite. Sou 27 oktòb 1944 li te marye ak Danielle Gouze, pitit fi yon direktè lekòl presegondè. An fevriye 1946 li te rantre nan UDSR (sendika demokratik ak sosyalis Rezistans lan), kote li te prezidan de 1953 a 1965 e ki te ofri l yon premye laboratwa politik. Nan mwa jen 1946 li te patisipe nan eleksyon yo pou dezyèm asanble konstitiyan an, men li pa te eli.

Katriyèm Repiblik

Nan mwa novanm 1946 li te eli depite nan Nièvre la . Nan 1947 François Mitterrand te vin pi piti minis franse a ak pòs nan konbatan yo Anciens nan gouvènman an nan sosyalis Pòl Ramadier la . Nan ane annapre yo li pral onz fwa minis. An 1950 René Pleven nonmen l minis nan peyi Lafrans lòt bò dlo. Li eseye amelyore sò Afriken yo, ki toujou sibi yon rejim trè difisil. Gaullists atake l 'difisil. Sepandan, li rete yon defansè pou kenbe tout koloni yo. Nan 1953 li te vin delege minis nan Konsèy Ewopeyen an, men byen vit demisyone akòz ostilite li nan represyon an te pote soti nan Tinizi . Men, li vle tou yon politik plis liberal pou peyi sa a ak pou Indochina .

An 1954 li te nonmen Minis enteryè a nan gouvènman Pierre Mendès-France la. Sou 5 novanm nan ane sa a, nan Asanble Nasyonal la , pandan ke konfli yo an premye nan lagè Aljeryen an pete, li te deklare ke "rebelyon Aljeryen an ka gen sèlman yon etap final: lagè". [8] Nan akò avèk Premye Minis la, li fizyone polis la nan Algiers ak sa yo ki nan Paris nan bi pou yo anpeche itilize nan tòti [9] . An 1956 li te nonmen gadyen nan gouvènman Guy Mollet la.

Nan mwa septanm 1958 li te mande pou vote non nan referandòm sou Konstitisyon an nan senkyèm repiblik la, ki te adopte ak lè sa a pibliye sou Oktòb 4, 1958 . Nan okazyon sa a Mitterrand konpare Charles De Gaulle ak yon nouvo diktatè. François Mitterrand pa te re-eli nan eleksyon lejislatif yo nan 30 novanm 1958, ak yon ti tan pratike kòm yon avoka.

Senkyèm Repiblik

François Mitterrand an 1959.

Nan mwa mas 1959 li te eli majistra nan Château-Chinon (li pral rete konsa jouk Me 1981 ), nan kapasite sa a li etabli jimo a ant lavil li yo ak sa yo ki an Cortona , nan tuscany , ki soti nan ki li pral resevwa sitwayènte onorè ak ki li pral vizite plizyè fwa, tou kòm Prezidan Repiblik la. Epitou an 1959, Mitterrand te eli senatè Nièvre la . Men, li dwe sibi de imilyasyon trè lou, ki li pral pote tras pou tout lavi l 'yo. An 1959 li te mande pou kat Pati Sosyalis Otonòm lan (PSA), yon nouvo fòmasyon politik ki te ankouraje pa pèsonalite ki te chape soti nan SFIO a tankou Michel Rocard, sitou paske li pa dakò ak Guy Mollet ki bay De Gaulle, kote ansyen prezidan konsèy radikal la Pierre Mendès Lafrans . [10] Men, aplikasyon an pou manm te rejte pa yon gwo majorite, ak depi lè sa a jouk 1964 Mitterrand te "san yo pa yon pati".

Nan nwit 15 oktòb 1959, nan Avenue de l'Observatoire nan Pari, pa lwen lakay li, li viktim yon anbiskad. Nan jou anvan yo, OEA te menase atak kont anpil manm nan rejim politik anvan an. Sèt bal frape machin Mitterrand lan, men ansyen minis lan rive sove anvan yo tire zam machin lan. Nan jou ki vin apre yo, yon seri de bonm revelasyon pa menm bonmè a, yon ansyen depite gaullist transmigre nan ekstrèm dwat la, fè l 'sispèk (pa janm eseye) ke li se yon anbiskad fo e ke li menm li se pwomotè a. Apa de demonstrasyon solidè solidè pa Pierre Mendès Lafrans ak François Mauriac , dezapwobasyon nan mond politik la se prèske inanim. Kontinwe, pwosekitè piblik la nan Paris mande otorizasyon nan kontinye ak krim lan nan ensilte yon majistra, ki Sena a akòde pa yon majorite gwo anpil. Akizasyon an pita anile pa yon amnisti, sepandan Mitterrand ap gen yo ale nan yon sezon kout nan anmè, tou soufri abandon an nan zanmi ak sipòtè. Tèz la nan fo anbiskad la pral pita refize pa atakè a tèt li. [11]

Mitterrand fè kanpay nan Caen an 1981 .

Sou 25 novanm 1962 li te jwenn pòs li kòm yon depite nan Nièvre a ak abandone sa yo ki nan senatè. An 1964 li te fonde Convention des Institutions Républicaines (CIR) e li te eli prezidan konsèy jeneral Nièvre a . An 1965 , byenke li te reprezante yon ti gwoup politik, li te sèl kandida zèl goch nan eleksyon prezidansyèl yo. Akòz prezans nan kandidati a santris nan Jean Lecanuet ki kolekte 15% nan vòt yo, De Gaulle pa rive nan yon majorite absoli nan premye tou an ak Se poutèt sa jwenn tèt li fè fas a bilten vòt la kont Mitterrand. Lèt la gen sipò nan bò gòch la tout antye, men nan dezyèm tou an li vin 45% nan vòt yo epi yo pa eli.

Evènman yo nan franse a Me pa pran Mitterrand nan gad. 28 Me 1968, li kwè ke lè li rive e li deklare: "convient dès maintenant de constater la vacance du pouvoir et d'organiser la succession" (li pi bon pou imedyatman konsidere pouvwa a kòm vid epi òganize siksesyon an) . Deklarasyon sa a swiv absans De Gaulle, ki moun ki nan jou sa yo te nan Baden Baden konsilte avèk Jeneral Massu. Premye Minis Georges Pompidou pratikman rete pou kont li pou lite ak revòlt elèv la. Pierre Mendès-France kòmanse negosyasyon pou fòme yon gouvènman pwovizwa, e Mitterrand deklare ke, nan ka Demisyon De Gaulle, li pral yon kandida pou prezidans Repiblik la. De Gaulle sepandan retounen nan Pari , ak sou 30 me yon demonstrasyon mas ankouraje pa mouvman an Gaullist akable anbisyon yo pou chanjman.

Nan mwa jen 1971 , pandan Kongrè Épinay la, fizyon Konvansyon des Enstitisyon Repiblik yo ankouraje pa Mitterrand ak Pati Sosyalis franse ki te kreye an 1969 sou sann SFIO a te fèt . Ansyen notab tankou Guy Mollet pèmanan majinalize, epi François Mitterrand eli premye sekretè (li pral rete nan biwo jiskaske eleksyon an kòm prezidan Repiblik la). Nan mwa jen 1972 Mitterrand te siyen yon pwogram konjwen ak Pati Kominis franse a ak ti pati radikal Robert Fabre a , e li te adopte yon liy flagran anti-kapitalis. Kòm biwo vòt yo te pi renmen, sou 19 Me 1974 li pèdi eleksyon prezidansyèl yo pa maj kont Valéry Giscard d'Estaing , kolekte 49,2% nan vòt yo nan dezyèm tou an.

Mitterrand nan Estrasbou sou Avril 19, 1981 .

Konsyans ke ak zouti enstitisyonèl yo ofri nan Konstitisyon Repiblik V la, gòch franse a te ka simonte espas ki reprezante nan sa ki nan lòt reyalite Ewopeyen yo te defini faktè K (sètadi andikap pou bò gòch la konstitye pa prezans yon anti -sistèm fòs politik tankou pati Kominis la): selon sous diplomatik yo [12] , lè li rive nan anbasad Italyen an pou yon manje midi restriksyon sou kèk moun, nan mitan-swasant yo, li te di san konsyans ke estrateji li ta dwe dikte sikonstans. Si Pati Sosyalis la te genyen eleksyon politik yo e li te genyen majorite nan palman an, Lafrans tap "palmantè". Si li, Mitterrand, te genyen eleksyon prezidansyèl la, Lafrans ta dwe prezidansyèl yo.

Nan mwa septanm 1977 li make pann pwogram komen sou bò goch la. An 1978 , lè tout prévisions yo bay pou sèten viktwa sou bò gòch la nan eleksyon lejislatif yo, li echwe pou pou jwenn yon majorite nan Assemblée Nationale : nan lòt men an, li ranvèse balans lan nan pouvwa a gòch la ak "pou premye a tan PS a genyen batay PCF la. Li se prelid primati sosyalis sou bò goch la " [13] Nan kongrè Metz la nan mwa avril 1979 li te alye tèt li ak Jean-Pierre Chevènement kont Michel Rocard (nan entre-temps la rantre nan PS la) yo rete nan tèt pati a. Nan mwa janvye 1981 li te deziyen pa pati li kòm yon kandida nan eleksyon prezidansyèl yo, demolition entansyon yo nan Michel Rocard ki ta renmen prezante tèt li, ak adopte "110 entansyon yo" kòm yon pwogram. Li te fè yon kanpay elektoral inovatè, tou konte sou yon ekspè piblisite tankou Jacques Séguéla , ki moun ki sijere eslogan nan pi popilè "fòs la trankil", yon fòmil te pran nan yon diskou pi popilè pa Léon Blum nan 1936 .

Premye sèt ane

Sou 10 Me 1981, François Mitterrand te eli Prezidan Repiblik la ak 51,8% nan vòt yo, bat sortan Prezidan Valéry Giscard d'Estaing. Sou 21 Me 1981 li louvri peryòd sèt ane l 'yo ak yon seremoni nan Panteon an nan Pari pandan ki li peye omaj a Jean Jaurès , Jean Moulin ak Victor Schoelcher . Premye gouvènman li an dirije pa "modere" sosyalis Pierre Mauroy la . Nan demen li fonn Assemblée nationale. Eleksyon ki vin apre yo bay Pati Sosyalis la yon majorite absoli, ak konsekans fè sipò Pati Kominis la pou nouvo gouvènman an petinan. Li Lè sa a, nonmen yon dezyèm gouvènman an nan Pierre Mauroy, ki gen ladan kat minis Kominis, chwazi nan mitan pèsonalite yo ki pi modere nan pati a, [14] ki gen reskonsab ak biwo segondè yo.

An 1984 Mauroy bay fason Laurent Fabius , Mitterrand chwazi tou paske li te jèn, e nouvo gouvènman an - ki abandone plan etatizasyon pou yon politik ekonomik deflasyon [15] - pa enkli minis PCF yo. Kòm prevwa pa biwo vòt yo, eleksyon politik yo nan 1986 te tounen yon defèt pou kan pwogresis la, kwake atenué pa efè entwodiksyon de vòt pwopòsyonèl olye de yon majorite nan fòs depi 1958 . Viktwa etwat pati sant-dwat yo fòse Mitterrand nonmen prensipal opozan politik li kòm premye minis: Jacques Chirac, prezidan rasanbleman pou Repiblik la (RPR). Se konsa, te kòmanse premye gouvènman an nan "koabitasyon", ki ant friksyon ak konfli nan tout kalite pral dire pou de zan.

Evènman prensipal yo:

  • 1981
    • ogmante salè minimòm nan domestik sivil pa 10%, alokasyon pou fanmi ak pri lwaye pa 25%
    • abolisyon pèn lanmò sou pwopozisyon gadò sele yo Robert Badinter
    • kreyasyon yon taks sou pwopriyete (gouvènman Chirac aboli an 1987 e gouvènman Rocard te rantre nan lane 1988 sou non "taks sou richès", enpoze sou fòtin lan )
    • etatizasyon bank yo ak gwo gwoup endistriyèl yo
    • otorizasyon nan radyo prive lokal yo
    • fon double Ministè Kilti a
    • legalizasyon masiv nan prezans nan dè milye de imigran nan yon sitiyasyon iregilye
François Mitterrand ak Sandro Pertini (1982).
Mitterrand ak Princess Beatrice , Baldwin , Fabiola (sou bò gòch li), Prince Claus , ak Richard von Weizsäcker (sou bò dwat li) sou 4 oktòb 1986 .
Bilding nan 9 Avenue Frédéric-Le-Play , Paris 7, kote François Mitterrand te pase dènye mwa yo nan lavi l 'ak kote li te mouri sou 8 janvye 1996.
  • 1982
    • 39 èdtan semèn (dire legal nan travay)
    • senkyèm semèn nan vakans peye
    • lwa a Auroux pwolonje dwa yo nan travayè nan konpayi yo
    • pou pran retrèt nan 60
    • premye lwa desantralizasyon, devlope pa Minis enteryè a Gaston Defferre
    • premye vizit yon chèf deta nan pèp Izrayèl la
    • pi sere nan kontwòl echanj
    • ranpli dekriminalizasyon nan envèrsyon, anilasyon tribinal pèmanan yo nan fòs lame yo (TPFA) ak lwa a "anti-vandalism" ( anti-casseurs ).
    • aplikasyon nan wiretaps, devwale sèlman kèk ane pita
  • 1983
    • twazyèm gouvènman Pierre Mauroy
    • premye plan rijidite
    • anilasyon lwa Peyrefitte ke yo rekonèt kòm Sécurité et liberté an 1981
    • lwa sou konpansasyon pou viktim krim ak ofans
    • ekspilsyon 47 diplomat Sovyetik yo akize de espyonaj
    • Atak Drakkar nan Beirut (58 sòlda franse ak 239 Ameriken mouri)
  • 1984
    • Sou 1 janvye, Lafrans kòmanse prezidans la sis mwa nan Inyon Ewopeyen an . Mitterrand relanse konstriksyon an nan Ewòp
    • Elezioni europee: buon risultato del Front National , crollo del Partito Comunista Francese
    • legge sulla formazione professionale
    • abbandono del progetto di legge sull'insegnamento dopo la manifestazione con più di un milione di persone per l'insegnamento libero
    • nuovo governo di Laurent Fabius , fine della partecipazione dei comunisti al governo
    • liberalizzazione del sistema radiotelevisivo, creazione dei primi canali di televisione privata
  • 1985
    • il ministro dell'economia Jacques Delors diventa presidente della Commissione europea (e lo resta fino al 1995)
    • inaugurazione della Géode al parco della Villette a Parigi
    • lo scandalo Rainbow Warrior coinvolge i servizi segreti francesi e provoca le dimissioni del ministro della Difesa Charles Hernu
    • instaurazione della legge proporzionale alle elezioni legislative previste per l'anno successivo
  • 1986
  • 1987
  • 1988
    • inaugurazione della piramide del Louvre a Parigi
    • Il 5 novembre 1988 la Francia realizza nelle acque dell' atollo di Mururoa un'esplosione nucleare di 50 chilotoni ripetuta poi il 24 novembre dello stesso anno.

Secondo settennato

Mitterrand e Helmut Kohl nel 1987 .

Benché consapevole, fin dal 1982 , di essere colpito da un cancro alla prostata (circostanza di cui terrà nascosta l'esistenza per ben dieci anni), decide di ricandidarsi alle presidenziali del marzo 1988 . Fa così naufragare le ambizioni di Michel Rocard , che riteneva ormai arrivato il suo momento. L'8 maggio François Mitterrand è eletto nuovamente Presidente della Repubblica battendo il primo ministro uscente Jacques Chirac con il 54% dei voti. Il 10 maggio, nomina primo ministro il suo antagonista storico Michel Rocard , il quale forma un governo formato da socialisti, da esponenti della "società civile" [16] e anche da personalità provenienti dai partiti centristi. L'obiettivo è ottenere la maggioranza nel parlamento, eletto nel 1986 e dominato dal centrodestra. Ma l' ouverture (l'apertura) è accolta con freddezza dagli esponenti dei partiti di centro e, di conseguenza, Mitterrand si risolve a sciogliere l' Assemblée Nationale . Alle elezioni, tenutesi nel maggio 1988 [17] i socialisti insieme ai partiti alleati ottengono una maggioranza piuttosto ristretta.

François Mitterrand salutato da Nilde Iotti con alla sua sinistra Giulio Andreotti e alla destra Gianni De Michelis , durante la Conferenza dei parlamentari della Comunità europea nel 1990 .

All'indomani della competizione elettorale, Rocard forma un nuovo governo con un numero più ampio di ministri estranei alla politica e di esponenti dei partiti di centro [18] . A livello internazionale il crollo del Muro di Berlino coglie Mitterrand impreparato: oscilla tra disegni antitedeschi non sostenuti dalla storia e dalle forze in campo [19] e l'intuizione di convertire la richiesta tedesca di legittimazione internazionale dell'unificazione in un nuovo impulso per l'integrazione europea [20] : con Maastricht , alla fine è questa seconda linea che prevale. A livello interno la convivenza fra il primo ministro e il presidente della Repubblica si rivela ben presto insostenibile. Nel maggio 1991 sostituisce Michel Rocard con Édith Cresson , un'esponente di secondo piano del partito socialista che tuttavia è da sempre una fedelissima di Mitterrand.

In un primo momento il fatto che il primo ministro sia una donna (primo e ultimo caso in Francia) sembra giovare all'immagine del presidente della Repubblica, ma la scelta si rivela ben presto un autogol a causa soprattutto delle prese di posizione della Cresson. Dopo dieci mesi, anche a causa della disfatta dei socialisti alle elezioni regionali del 1992 , la Cresson deve cedere il posto al ministro dell'economia Pierre Bérégovoy . Ma ormai la crisi è irreversibile, lo stesso Bérégovoy è indebolito da una campagna di stampa e alle elezioni legislative del marzo 1993 lo schieramento di centrodestra ottiene una vittoria schiacciante, conquistando l'85% dei seggi dell'Assemblée Nationale. È incaricato di formare il nuovo governo l'esponente di punta del RPR Édouard Balladur , e Mitterrand, ormai in preda ai sintomi evidenti della malattia che ha dovuto rivelare pubblicamente l'anno prima, accetta di buon grado di assumere un ruolo defilato durante la seconda coabitazione. Il 1º maggio 1993 , Pierre Bérégovoy , in preda a una forte depressione, si suicida.

Foto di gruppo del G7 del 1991 in Regno Unito a Londra , 15 luglio 1991.

Ai suoi funerali Mitterrand attacca violentemente i giornalisti che avevano messo in dubbio l'integrità dell'ex primo ministro, definendoli "cani". Gli ultimi due anni del secondo settennato di François Mitterrand sono caratterizzati da un'atmosfera di "fine regno" a causa dell'aggravarsi delle condizioni di salute del presidente, delle rivelazioni dell'esistenza della figlia naturale e dei suoi trascorsi a Vichy, [21] e del suicidio di uno dei suoi ex collaboratori all'interno dello stesso Palazzo dell'Eliseo. Incominciano anche le polemiche sull'esistenza di una cellula all'Eliseo incaricata, tra l'altro, di effettuare delle intercettazioni telefoniche (il processo si terrà nel 2005 ). Il 7 maggio 1995 Jacques Chirac è eletto Presidente della Repubblica, e il 17 maggio, con il passaggio delle consegne, termina il secondo mandato di François Mitterrand.

Eventi principali:

  • 1988 :
    • gli accordi di Matignon mettono fine al conflitto in Nuova Caledonia
    • creazione di un salario minimo di inserimento
  • 1989 :
  • 1990 :
    "le vent de liberté qui a soufflé à l'Est devra inévitablement souffler un jour en direction du Sud [...] Il n'y a pas de développement sans démocratie et il n'y a pas de démocratie sans développement." (il vento di libertà che ha soffiato nell'Est dovrà inevitabilmente soffiare un giorno in direzione del Sud [..] Non c'è sviluppo senza democrazia e non c'è democrazia senza sviluppo).
    • la legge Gayssot vieta i propositi negazionisti e rafforza la legislazione contro il razzismo
    • legge proposta dal guardasigilli Pierre Arpaillange sul finanziamento dei partiti politici: abbassamento del tetto massimo delle spese, innalzamento delle sovvenzioni pubbliche
  • 1991 :
    • partecipazione della Francia alla guerra del Golfo
    • nuovo statuto per la Corsica predisposto dal ministro dell'interno Pierre Joxe
    • regolamentazione delle intercettazioni telefoniche
    • Édith Cresson prima donna primo ministro
    • affaire Urba : come tutti i partiti politici il PS ha ricorso a mezzi illeciti per finanziarsi, in assenza di contributi pubblici fino al 1988 e giudicando questi insufficienti nel periodo 1990-93. Nonostante il partito non sia ricorso a metodi più contestabili di altri (niente valigie piene di soldi o lavori fittizi), è il primo ad essere duramente toccato.
  • 1992 :
    • creazione del codice di consumo
    • adozione del referendum sul trattato di Maastricht . La popolarità di Mitterrand tocca il minimo
  • 1993 :
    • legge proposta dal ministro dell'economia Michel Sapin sul finanziamento dei partiti politici e lotta anticorruzione: abbassamento del tetto delle spese, indurimento della repressione
  • 1994 :
    • cinquantesimo anniversario dello sbarco in Normandia
    • inaugurazione Casa Museo bambini d'Izeu il 24 aprile
    • rivelazione dell'esistenza della figlia Mazarine
  • 1995 :

Lista dei primi ministri nei due settennati

Primo ministro da a Partito Note
Pierre Mauroy 1981 1984 PS
Laurent Fabius 1984 1986 PS Il primo ministro più giovane (37 anni)
Jacques Chirac 1986 1988 RPR Prima cohabitation della V Repubblica
Michel Rocard 1988 1991 PS
Édith Cresson 1991 1992 PS Prima donna primo ministro
Pierre Bérégovoy 1992 1993 PS
Édouard Balladur 1993 1995 RPR Seconda cohabitation

Morte

Sepoltura di François Mitterrand a Jarnac (Dipartimento della Charente ).

Nonostante la malattia, recidiva e aggravatasi, trascorre gli ultimi mesi di vita ricevendo visite e facendo viaggi ( Stati Uniti , Italia , Egitto ). Il 31 dicembre 1995 ascolta il discorso di fine anno del suo successore da semplice cittadino, proprio come aveva annunciato un anno prima, nel suo studio privato. Lucido fino all'ultimo, benché indebolito dalla malattia che gli provoca acute e prolungate sofferenze, muore l'8 gennaio 1996 . [22] In serata, il presidente della Repubblica Jacques Chirac apparirà sulle reti televisive pubbliche per tracciare un ricordo del suo predecessore, usando parole dense di commozione e rispetto. Come da disposizioni scritte, ha funerali religiosi e viene sepolto nel Cimitero della Grands-maisons a Jarnac, nel dipartimento della Charente , con la sua famiglia.

All'indomani della morte il quotidiano della sera Le Monde rivela che l'esistenza della malattia era accertata fin dal 1982 e un suo ex medico di fiducia pubblica un rapporto che ripercorre l'evoluzione del male. [22] I giornalisti Denis Demonpion e Laurent Leger hanno sostenuto, nel saggio L'ultimo tabù. Rivelazioni sulla salute dei presidenti , che Mitterrand sia morto per eutanasia o suicidio assistito ; uno dei figli, Gilbert, ha affermato che ciò è possibile, anche se «solo una persona sa la verità, ma non dirà mai nulla». [22] [23] Anne Pingeot ha infine rivelato, nel 2015, che fu al fianco di Mitterrand la notte che morì, uscendo dall'appartamento prima che il dottore chiamato al capezzale praticasse, su esplicita richiesta dell'ex presidente, l'eutanasia attraverso un'iniezione [24]

Nel 2016 l'ex Presidente è stato ricordato, nel 100º anniversario della sua nascita, con una moneta da 2 euro commemorativa a circolazione ordinaria coniata dalla Zecca di Francia.

Soprannomi

A Mitterrand era attribuito il soprannome "le Florentin", per sintetizzare la maniera con cui avrebbe fatto della politica un'arte pragmatica ea tratti spregiudicata , seguendo la lezione del Machiavelli : va detto peraltro che la scuola di statisti fiorentini legata a Caterina de' Medici non lasciò buona fama nella letteratura francese, a partire dai romanzi storici di Balzac per finire con la filmografia più recente (l'interpretazione della Regina madre , appunto la Medici, effettuata da Virna Lisi ne La Regina Margot di Patrice Chéreau , non a caso è datata 1994, anno verso la fine dell'"epoca Mitterrand"); inoltre pesa - nella sedimentazione semantica francese - il fatto che in rue Saint-Florentin fosse ubicata la casa di Talleyrand , passato nell'immaginario collettivo d'Oltralpe come il maestro degli intrighi e dei cambi di casacca (fu in quell'abitazione che il 31 marzo 1814 fu ricevuto lo zar Alessandro I di Russia , entrato trionfatore a Parigi dopo la caduta di Napoleone ). Altro soprannome fu "la Sfinge", per la sua grande passione verso l' Antico Egitto . [25] . Un altro soprannome ancora è "Mimi l'amoroso", ispirato al successo della cantante italo-francese Dalida "Gigi l'amoroso" per la sua presunta relazione extraconiugale con la cantante tra il 1979 e il 1981, quando arrivò all'Eliseo.

Immagine pubblica

Mitterrand curò molto la sua immagine pubblica, con l'aiuto dello spin doctor Jacques Séguéla . Nel 1980 , in concomitanza della campagna per le elezioni presidenziali, Mitterrand cominciò a farsi vedere in pubblico indossando giacche di velluto a coste o completi chiari di cotone perennemente sgualciti, per seguire un suggerimento del suo consigliere alla comunicazione, che sosteneva che il candidato dello schieramento di sinistra dovesse avere un abbigliamento anticonformista; al matrimonio del principe Carlo d'Inghilterra con Diana Spencer il 29 luglio 1981 , invece non ebbe esitazioni a presentarsi nel tight prescritto dal cerimoniale di corte. Sempre su consiglio di Séguéla, nel 1980 si fece incapsulare i canini superiori, perché troppo sporgenti. [26]

Critiche

Politica estera: posizione nella guerra del Ruanda

Mitterrand venne aspramente criticato per la collaborazione, soprattutto commerciale ed economica, con i vertici regime degli Hutu in Ruanda , segregazionista nei confronti dei Tutsi , prima della guerra civile ruandese che portò al loro genocidio . [27] La famiglia di Mitterrand aveva inoltre interessi d'affari in Africa , non solo in Ruanda (il figlio venne arrestato negli anni 2000 per traffico d'armi con l' Angola ). [28] Il giornalista Philip Gourevitch nel suo libro The Reversals of War [29] attribuì a Mitterrand l'infelice frase «In questi Paesi un genocidio non è troppo importante». [30] La frase, che potrebbe anche solo fotografare un dato di fatto, in senso critico (cioè sottolineare il colpevole disinteresse dei paesi ricchi per l'Africa), è in realtà apocrifa e non ci sono prove che Mitterrand l'abbia davvero pronunciata; contrasterebbe comunque molto con le dichiarazioni pubbliche e il fatto che, anche secondo osservatori neutrali come Nelson Mandela , la Francia si impegnò almeno apparentemente ad evitare il genocidio [31] , mentre secondo altri ne fu complice, per non aver interrotto i rifornimenti di armi. [32] [33]

Asilo politico concesso a terroristi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Dottrina Mitterrand .

Un'altra critica riguarda la cosiddetta dottrina Mitterrand , che prevedeva l'asilo politico ai terroristi e guerriglieri rivoluzionari di altri paesi, se avessero accettato di deporre le armi. Di questa disposizione usufruirono molti brigatisti rossi e terroristi di sinistra italiani come Cesare Battisti , ma anche baschi e nordirlandesi.

Mitterrand propose questa "dottrina" con lo scopo di indurre i terroristi a smettere con la violenza, e allo stesso tempo evitare che innocenti fossero perseguiti per le loro idee politiche radicali, mascherando l'accanimento giuridico sotto il generico reato di "terrorismo". L'origine della dottrina è da ricercare nella seduta del consiglio dei ministri del 10 novembre 1982, quando Mitterrand pronunciò le seguenti parole: «La Francia valuterà la possibilità di estradare cittadini di un Paese democratico autori di crimini inaccettabili» , ma solo nel caso di richieste «avanzate da Paesi il cui sistema giudiziario non corrisponda all'idea che Parigi ha delle libertà» , ossia solo se il sistema legale del paese che lo richiedeva fosse ritenuto adatto e rispettoso dei diritti, secondo il metro di giudizio francese.

«Sì, ho deciso l'estradizione, senza il minimo rimorso, di un certo numero di uomini accusati d'aver commesso dei crimini. Non ne faccio una politica. Il diritto d'asilo, essendo un contratto tra chi ne gode e la Francia che l'accoglie, è sempre stato e sempre sarà rispettato; del resto non era stato, in questa circostanza, richiesto in tempo utile. Mi rifiuto di considerare a priori come terroristi attivi e pericolosi degli uomini che sono venuti, in particolare dall'Italia, molto tempo prima che esercitassi le prerogative che mi sono proprie, e che si erano appena ritrovati qui e là, nella banlieu parigina, pentiti... a metà, di fatto ... non saprei, ma fuori dai giochi. Tra di loro, senza dubbio, una trentina di terroristi attivi e implacabili. Sono quelli che non controlliamo, nel senso che non sappiamo dove siano! Si dice che siano in Francia? La Francia è comunque un paese - non potendo dire come sarà domani - dove c'è stata un'esperienza meno sanguinosa che altrove, anche se comunque troppo sanguinosa. Ma io dico chiaramente: la Francia è e sarà solidale coi suoi alleati europei, nel rispetto dei suoi principi, del suo diritto: sarà solidale, rifiuterà ogni protezione diretta o indiretta del terrorismo attivo, reale, sanguinario.»

Il 21 aprile 1985, al 65º Congresso della Lega dei diritti umani (LDH), Mitterrand dichiarava che i criminali italiani che avevano rotto con il loro passato violento ed erano fuggiti in Francia, sarebbero stati protetti dall'estradizione in Italia:

«I rifugiati italiani che hanno preso parte in azioni terroristiche prima del 1981 (...) hanno rotto i legami con la macchina infernale a cui hanno partecipato, hanno iniziato una seconda fase della loro vita, si sono integrati nella società francese (...) Ho detto al governo italiano che erano al sicuro da qualsiasi sanzione di estradizione.»

In seguito tale protezione fu estesa anche a chi aveva compiuto crimini dopo il 1981, se tali crimini non fossero in qualche modo diretti contro lo Stato francese.

Secondo Mitterrand, la legislazione emergenziale italiana sul terrorismo fu ritenuta, principalmente per l'ampio uso del pentitismo , del reato associativo (specie il concorso morale) e del processo contumaciale , oltre che per alcuni prassi informali ritenute non ortodosse (es. possibilità di non fare chiamare subito il legale dell'indagato, specie durante le prime ore dell'interrogatorio; arresti senza habeas corpus con detenzioni in luoghi speciali; metodi di interrogatorio irregolari e illegali autorizzati dal Ministero degli Interni [34] ; pressioni sui famigliari degli arrestati per sospetto fiancheggiamento, ecc.), come "non confacente" all'idea che egli e molti francesi avevano del diritto penale, per cui venne da allora rifiutata l'estradizione per quasi tutti i terroristi e attivisti degli anni di piombo rifugiatisi in Francia. Alcuni ottennero l' asilo politico , lo status di rifugiato e poi anche la cittadinanza francese , divenendo non estradabili. [35] [36] . Jacques Chirac , per quanto riguarda il periodo che va dal 1995 al 2002, mantenne la dottrina Mitterrand. Dopo la fine ufficiale della dottrina, decretata dai tribunali francesi, c'è stata comunque solo un'estradizione di un italiano ( Paolo Persichetti ) nel 2002, e quella di tre baschi, mentre altre sono state rifiutate dai successivi presidenti francesi per svariati motivi, non più legati alla dottrina Mitterrand (motivi di salute, non pericolosità, matrimonio con cittadini francesi, naturalizzazione, cavilli giuridici, ecc.).

Opere e raccolte di testi di François Mitterrand

In francese

  • 1939 : Pluie amie .
  • 1940 : Premier accord .
  • 1945 : Les Prisonniers de guerre devant la politique , ed. du Rond-Point.
  • 1953 : Aux frontières de l'Union française. Indochine - Tunisie , ed. Gulliard.
  • 1957 : Présence française et abandon , ed. Plon.
  • 1961 : La Chine au défi , ed. Julliard.
  • 1964 : Le Coup d'État permanent, Les débats de notre temps . Plon.
  • 1969 : Ma part de vérité (dialogo con Alain Duhamel ), ed. Fayard.
  • 1971 : Un socialisme du possible , ed. du Seuil.
  • 1971 : La Convention des institutions républicaines: François Mitterrand et le socialisme , Parigi, Presses universitaires de France, 1971 , 92 p. (testi raccolti da Danièle Loschark)
  • 1973 : La Rose au poing , ed. Flammarion.
  • 1974 : L'homme, les idées, le programme , ed. Flammarion.
  • 1975 : La Paille et le grain , ed. Flammarion.
  • 1977 : Politique I , ed. Fayard.
  • 1978 : L'Abeille et l'Architecte , ed. Flammarion.
  • 1980 : Ici et maintenant (dialogo con Guy Claisse ), ed. Fayard .
  • 1981 : Politique II , ed. Fayard.
  • 1986 : Réflexions sur la politique extérieure de la France . Introduzione a 25 discorsi ( 1981 - 1985 ), ed. Fayard.
  • 1995 : Mémoire à deux voix (con Elie Wiesel ), ed. Odile Jacob.
  • 1996 : De l'Allemagne, de la France , ed. Odile Jacob.
  • 1996 : Mémoires interrompus (dialoghi con Georges-Marc Benamou ), ed. Odile Jacob
  • 1998 : Les Forces de l'esprit. Message pour demain , ed. Fayard
  • Un libro dedicato a Napoleone III è stato in corso d'opera per le ed. Gallimard (Cf. "Faut-il réhabiliter Napoléon III?", Dossier della rivista L'Histoire , nº 211, giugno 1997)

In italiano

  • 1981 : Qui e adesso: conversazione con Guy Claisse (Roma, Editori riuniti).
  • 1981 : La paglia e il grano: cronache 1971-1981 ; prefazione di Gilles Martinet; a cura di Mario Baccianini (Venezia, Marsilio).
  • 1996 : Memoriale a due voci (con Elie Wiesel; traduzione di Alessio Catania) (Milano, Bompiani).
  • 1998 : Discorsi sull'Europa, 1982-1995 (Napoli Vivarium).

Onorificenze

Onorificenze francesi

Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore
Gran Maestro dell'Ordine Nazionale al Merito - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Nazionale al Merito
Croix de guerre 1939-1945 - nastrino per uniforme ordinaria Croix de guerre 1939-1945

Onorificenze del governo di Vichy

Cavaliere dell'Ordine della francisca - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della francisca
François Mitterrand, Cavaliere dell'Ordine dei Serafini.

Onorificenze straniere

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia)
— 5 luglio 1982 [37]
Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine delle Tre Stelle (Lettonia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine delle Tre Stelle (Lettonia)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia)
Premio Carlo Magno - nastrino per uniforme ordinaria Premio Carlo Magno
— 1988
Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica di Polonia (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica di Polonia (Polonia)
— 1991
Gran Collare dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo)
— 29 settembre 1983
Gran Collare dell'Ordine della Libertà (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine della Libertà (Portogallo)
— 28 ottobre 1987
Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine del Bagno (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine del Bagno (Regno Unito)
[38]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Vittoriano (Regno Unito)
Royal Victorian Chain (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Royal Victorian Chain (Regno Unito)
— 1992
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone Bianco (Repubblica Ceca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone Bianco (Repubblica Ceca)
Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 1982
Gran Croce dell'Ordine della Stella del Sudafrica (Sudafrica) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine della Stella del Sudafrica (Sudafrica)
1994 [39]
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 11 maggio 1984 [40] [41] [42]

Note

  1. ^ Nacque cattolico e dopo essersi allontanato apparentemente dalla fede predispose di ricevere funerali religiosi
  2. ^ www.france-libertes.fr
  3. ^ Non è mai stato completamente chiarito se negli ultimi anni della sua vita si fosse riavvicinato alla religione, in ogni modo nel 1992 lasciò scritto che alla sua morte sarebbe stata possibile la celebrazione di funerali religiosi.
  4. ^ Pierre Péan, Une jeunesse française, François Mitterrand 1934-1947 , Fayard 1998, pp. 537-554
  5. ^ Lo statuto di dipendente a tempo determinato lo dispensò dal prestare giuramento al Regime di Vichy e al suo capo Maresciallo Pétain , e dal dover dimostrare di non essere appartenente alla razza ebraica, come previsto dalla legislazione dell'epoca.
  6. ^ In un'intervista televisiva del 1994 , Mitterrand affermò di aver creduto in un primo momento, come altri francesi, che esistesse un accordo segreto tra Pétain e De Gaulle . Nella stessa occasione, sostenne di essere stato a lungo convinto che le leggi antisemite varate dal governo di Vichy riguardassero i soli ebrei stranieri.
  7. ^ Raymond Marcellin e Maurice Couve de Murville , futuri ministri gollisti, accetteranno anch'essi la medesima onorificenza.
  8. ^ È in quel periodo che iniziano a prendere corpo le prime trame per screditare Mitterrand.
  9. ^ François Malye, Benjamin Stora, François Mitterrand et la guerre d'Algérie , 2818501245, 9782818501245, Pluriel, 2012.
  10. ^ Nel 1960 il PSA confluirà nel Partito Socialista Unificato (PSU).
  11. ^ Mitterrand ammetterà di essere stato messo al corrente della preparazione dell'agguato dallo stesso attentatore. Nei giorni precedenti, quest'ultimo aveva avvicinato un altro uomo politico della Quarta Repubblica, l'ex presidente del consiglio Maurice Bourgès-Maunoury , per rivelargli il progetto di un attentato ai suoi danni.
  12. ^ Sergio Romano , De Gaulle e Mitterrand due monarchi repubblicani , in Corriere della Sera , sabato 28 marzo 2009 . URL consultato il 19 maggio 2012 .
  13. ^ Michele Marchi, Il gollista gentiluomo , Mondoperaio , n. 2/2014, p. 48.
  14. ^ Uno di questi, Charles Fiterman, aderirà successivamente al PS.
  15. ^ Bliek, Jean-Gabriel, and Alain Parguez, "Mitterrand's Turn to Conservative Economics: A Revisionist History", in Challenge 2008, 51, no. 2: 97-109.
  16. ^ Ad esempio, l'alto magistrato Pierre Arpaillange e il direttore dell' Ena Roger Fauroux.
  17. ^ Nel 1986 il governo di coabitazione aveva reintrodotto il sistema maggioritario.
  18. ^ Alcuni di questi erano stati al governo durante la presidenza Giscard .
  19. ^ FREDERIC BOZO, "The Failure of a Grand Design: Mitterrand's European Confederation, 1989-1991" in Contemporary European History , 17, no. 3 (August 2008): 391-412.
  20. ^ Frédéric Bozo, "Mitterrand's France, the End of the Cold War, and German Unification: A Reappraisal" in Cold War History 7, no. 4 (November 2007): 455-478.
  21. ^ Gli sarà rimproverata, tra l'altro, la frequentazione dal Dopoguerra di René Bousquet ( 1909 -1993), segretario generale della Polizia durante l'Occupazione e responsabile dell'arresto in massa di decine di migliaia di ebrei.
  22. ^ a b c Mitterrand, un'iniezione per morire. "Fino alla fine ha voluto dominare"
  23. ^ Come muore un leader - Mitterrand non si lasciò morire, ma scelse l'eutanasia .
  24. ^ «La rivelazione. Mitterrand e l'eutanasia: "Quando il male toccherà il cervello, mi liquidi", Stefano Montefiori , « Corriere della Sera », 22 maggio 2015»
  25. ^ "Mitterrand che statista", Attali ei segreti del monarca
  26. ^ Séguéla, vendere un Presidente come un dentifricio Archiviato il 19 aprile 2014 in Internet Archive .
  27. ^ Ruanda: dal Manifesto Bahutu al genocidio del 1994 Archiviato il 20 aprile 2014 in Internet Archive .
  28. ^ Nuova incriminazione per il figlio di Mitterrand
  29. ^ edizioni The New Yorker, 26 aprile 1999
  30. ^ Rwanda vent'anni dopo: storia di un genocidio
  31. ^ Appello di Mitterrand: LONU venga in Ruanda
  32. ^ La Francia colpevole del genocidio ruandese? , su riccardomichelucci.it . URL consultato il 19 aprile 2014 (archiviato dall' url originale il 20 aprile 2014) .
  33. ^ Parigi complice del genocidio?
  34. ^ Dallo Stato etico allo Stato emotivo: Virginio Rognoni «Le torture? L'emotività era forte»
  35. ^ Breccia a Parigi nel diritto d'asilo
  36. ^ Attentati e minacce in Francia dopo l'estradizione di 3 baschi
  37. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  38. ^ HL Deb, British honours and orders of Chivalry held by overseas heads of state , in Hansard , vol. 505, 14 marzo 1999. URL consultato il 18 luglio 2013 .
  39. ^ Elenco dei premiati dell'anno 1994. , su v1.sahistory.org.za . URL consultato l'11 dicembre 2019 (archiviato dall' url originale il 18 gennaio 2015) .
  40. ^ Serafini
  41. ^ Immagini , su reservoirphoto.com . URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato dall' url originale il 1º novembre 2012) .
  42. ^ Immagine , su reservoirphoto.com . URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato dall' url originale il 1º novembre 2012) .

Bibliografia

  • ( FR ) Philip Short , François Mitterrand, portrait d'un ambigu , Paris, Nouveau Monde éditions, 2015.
  • Raphaëlle Bacqué, Le dernier mort de Mitterrand , Grasset, 2010
  • Mairi Maclean (eds.), The Mitterrand Years: Legacy and Evaluation [1 ed.], Palgrave Macmillan UK, 1998

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Presidente del Consiglio europeo Successore Flag of Europe.svg
Felipe González 1º luglio – 31 dicembre 1989 Charles Haughey I
Helmut Kohl 1º gennaio – 31 maggio 1995 Jacques Chirac II
Predecessore Presidente della Repubblica francese Successore Armoiries république française.svg
Valéry Giscard d'Estaing 21 maggio 1981 – 17 maggio 1995 Jacques Chirac
Predecessore Coprincipe di Andorra Successore Coat of arms of Andorra 3d.svg
Valéry Giscard d'Estaing 1981 – 1955 Jacques Chirac
Predecessore Ministro di Stato
Ministro della giustizia della Repubblica francese
Successore
Jean Doussot 1º febbraio 1956 – 21 maggio 1957 Daniel Benoîst
Predecessore Ministro dell'interno della Repubblica francese Successore
Léon Martinaud-Deplat 19 giugno 1954 – 5 febbraio 1955 Maurice Bourgès-Maunoury
Predecessore Ministro dei Vecchi combattenti e delle Vittime di guerra di Francia Successore
Daniel Mayer 24 novembre 1947 – 19 luglio 1948 André Maroselli
Predecessore Primo segretario del Partito Socialista francese Successore Logo parti socialiste france.png
Alain Savary 16 giugno 1971 – 24 gennaio 1981 Lionel Jospin
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 104259620 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2103 5833 · LCCN ( EN ) n50000412 · GND ( DE ) 118582887 · BNF ( FR ) cb11916320z (data) · BNE ( ES ) XX1034347 (data) · ULAN ( EN ) 500219118 · NLA ( EN ) 35356697 · BAV ( EN ) 495/215981 · NDL ( EN , JA ) 00450229 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n50000412