Fò nan Genoa

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Genoa fò
Forte Diamante

Pifò nan gwo ranpa yo Genoese yo toujou vizib jodi a ak nan kèk ka kapab tou te vizite. Fòs prensipal yo (yon total de 16) yo dwe ajoute moun ki bati nan lwès la , sou wotè ki genyen ant Cornigliano ak Sestri Ponente , nan dezyèm mwatye nan diznevyèm syèk la (Forte Casale Erselli, Forte Monte Croce, demoli an 1959, ak Forte Monte Guano), osi byen ke bastyon San Bernardino a, gwo fò tou won yo diznevyèm syèk la (pa ranpli, eksepte Quezzi Tower ak sa yo ki an San Bernardino ) ak pil yo anpil bò lanmè, kèk nan yo ki toujou egziste (nan mitan sa yo se pi bon li te ye a li te ye kòm Battery Vagno ).

Sistèm Santral la gen ladan fò yo ansanm perimèt la nan mi yo nouvo ( Forte Castellaccio - Torre Specola , Forte Sperone , Forte Begato , Forte Tenaglia ); fò yo deyò mi yo, nan wotè yo nan Sampierdarena ( Forte Crocetta , Forte Belvedere ), fò yo sou krèt yo nan nò mi yo ( Forte Puìn , Forte Fratello Minore , Forte Fratello Majò Fò Diamante ).

Sistèm lès la gen ladan fò yo sou bò solèy leve a nan Val Bisagno ( Forte San Giuliano , Forte San Martino , Forte Santa Tecla , Fò Quezzi , Richelieu , Fò Monteratti ).

Genyen tou lòt fò diznevyèm syèk la nan lwès [1] : ( Forte Monte Croce , Forte Casale Erselli , Forte Monte Guano ).


Ansyen kat jeyografik

Nan 1886 an asye engraving pa anonim ou ka wè seri a nan kat premye mi yo medyeval, ki soti nan de premye yo - anvan ane a 1000 - nan twazyèm lan bati nan 1155 ak elaji nan 1276 , jiska katriyèm lan date tounen nan 1346.

Fò yo nan Genoa se yon seri gwo ranpa militè date tounen nan epòk diferan, ki Repiblik la nan Genoa bati defann teritwa a iben nan kapital la liguryè nan tout istwa li yo. Pwojè bilding yo te pran tou epi yo te itilize nan epòk Napoleon an , Risorgimento a ak pandan premye ak dezyèm lagè mondyal yo .

Sistèm defans sa a make evènman yo nan yon gwo pati nan istwa vil la, prèske ponktyate teyori konplèks la nan sèt miray lavil la ki te sipèpoze sou tan. Pami sa yo, mi yo disetyèm syèk la ki toujou antoure ti mòn yo ki fòme premye a nan kounye a vwazen ligen Apennines yo ak reprezante miray lavil la pi long nan Ewòp ak dezyèm lan nan mond lan, apre gwo miray Chinwa a [2] .

Nòt istorik

Depi nan konmansman an nan disetyèm syèk la, reklamasyon yo teritoryal nan Carlo Emanuele I nan Savoy ki vize a posesyon Marquisate a nan Zuccarello tou pre Albenga, tantativ yo nan Savoy la reklame dominasyon yo nan teritwa lwès yo nan Repiblik la nan Genoa re-pwopoze Genoese a bezwen pou nouvo mezi estrikti defansiv ki elaji mi yo nan sèzyèm syèk la ak pèmèt pi gwo sekirite kont syèj posib vini soti nan nò a [3] .

Premye mezi yo te aplike osi bonè ke lè 1625 , lè tansyon yo ant Repiblik la nan Genoa ak duche a Savoy te fè moun gen krentif pou imminans nan yon atak, epi imedyatman konsidere konstriksyon an posib nan yon liy defans deyò perimèt la miray ki egziste deja ki te antoure lavil la. [3] . Nan mwa me 1625, lame a Piedmontese, ki te pote tèt li fèmen nan lavil la, te viktoryezman opoze pa fòs yo Genoese ki te sispann li nan pas la Pertuso, kote Tanp lan nan Lady nou nan viktwa te Lè sa a, bati nan memwa nan evènman an. Evènman sa a pa t 'lakòz okenn ralentissement nan premye travay fòtifikasyon nan vil la, reprezante pa plizyè douzèn travay jaden ak lojman pa yon liy kontinyèl nan atachman ak gabyon ak pa restorasyon nan basti a ranfòse nan Promontorio, Peralto ak Castellaccio, selon la dispozisyon nan Majistra a nan Milis la nan Genoa [4] .

Menas la nan syèj nan 1625 te fè ijan bezwen yo sove soti nan menas la nan zam lènmi popilasyon vil la ki te rete tou pre mi yo ki deja egziste [4] . Duke nan Savoy, avèk èd nan Lafrans, anvayi domèn nan nan ansyen Repiblik la Genoa, tou menase kapital la. Te patiraj la 1536 vin demode ak apwopriye nan pwogrè yo te fè nan jaden an nan zam; an reyalite li fidèlman swiv perimèt vil la, sa ki pèmèt lènmi an seryezman menase popilasyon sivil la. Se poutèt sa li te deside bati yon miray lavil nouvo ak vanyan sòlda, yon sèl ki sot pase a, lè l sèvi avèk ki sirk natirèl ki te APEX li yo sou mòn Peralto. Soti isit la te kòmanse de fèt ki desann nan direksyon pou lanmè a ansanm de fon prensipal yo, sa yo ki an Polcevera a nan lwès la ak sa yo ki an Bisagno a sou bò solèy leve a, ak "Mura Nuove nan" yo te bati fidèlman swiv kou a nan fèt yo. Mi sa yo pa te bati tou pre sant la rete, sou kontrè a, kite yon anpil nan rakbwa ak diman aksesib anviwònman natirèl [5] .

Sant vil la nan Genoa (sa vle di zòn ki genyen ant bank dwat la nan kouran an Bisagno ak Torre della Lanterna nan Genoa ) te Se poutèt sa ki fèmen nan mi ki te kòmanse soti nan Piazza della Vittoria aktyèl la kote yo te eleman ak mi yo nan sèzyèm lan. syèk , ak monte sou Ridge bò solèy leve a Forte Sperone , ak soti isit la yo desann nan direksyon pou sidwès la osi lwen ke Lanterna a [6] . Lè konstriksyon te fini, nan 1634, mi yo te gen ladan yon konplèks nan 49 bastyon, ak bwat santinèl nan chak kwen ak 8 pòtay aksè nan lavil la, ki pi enpòtan an ak moniman nan yo ki te Porta della Lanterna nan lwès la ak Porta Pila lès la [7] . Ansanm mi sa yo, ant 1747 ak 1840 , plizyè douzèn travay militè defansiv, pòtay, bastyon ak pi wo a tout entegre nan estrikti miray la te bati, ki sou ane yo te elaji, modifye ak entegre pa lòt travay deyò mi yo, nan yon kontèks. nan lòt evènman lagè.

Sistèm sa a ranfòse - kounye a posede an pati pa pwopriyete leta a ak an pati pa minisipalite a nan Genoa - ki baze sou yon seri sèz fò prensipal yo ak katreven-senk bastyon distribiye sou kilomèt yo diznèf nan mi yo fin vye granmoun ( 16th syèk ) ak nouvo ( 17th syèk ), ki soti nan pwen ki pi ba nan zòn estasyon tren Genova Brignole nan pwen ki pi wo a, sètadi mòn Peralto.


Lis fò yo nan Genoa

Fò yo nan Genoa yo jeneralman klase selon de sistèm, yon sèl santral la ak yon lès, separe pa fon an kouran Bisagno . Fò yo ki nan lis pou de sistèm yo soti nan sid nan nò ak bò solèy leve nan lwès.


Sistèm santral

Non Imaj Kowòdone Peryòd konstriksyon Leta
Forte Castellaccio ak - Torre Specola Genoa Fort Castellaccio ak Torre Specola.jpg 44 ° 25'46.99 "N 8 ° 55'58.76" E / 44.429719 ° N 8.932989 ° E 44.429719; 8.932989 1818 - 1836 Wayòm Sardinia
Fort Sperone Genoa Forte Sperone 02.jpg 44 ° 26'26.57 "N 8 ° 55'50.27" E / 44.440714 ° N 8.930631 ° E 44.440714; 8.930631 14yèm syèk - 1830 Repiblik Genoa
Fort Puin Genoa Forte Puin 03.jpg 44 ° 26'47.97 "N 8 ° 56'16.02" E / 44.446658 ° N 8.937783 ° E 44.446658; 8.937783 1815 - 1830 Wayòm Sardinia
Fort Big Brother (demoli) Gwo Frè 02.JPG 44 ° 27'23.65 "N 8 ° 56'10.67" E / 44.456569 ° N 8.936297 ° E 44.456569; 8.936297 1815 - 1825 Wayòm Sardinia
Bonjan ti frè Genoa Forte Fratello Minore.jpg 44 ° 27'24.54 "N 8 ° 55'58.33" E / 44.456817 ° N 8.932869 ° E 44.456817; 8.932869 1816 - 1830 Wayòm Sardinia
Forte Diamante Genoa Forte Diamante.jpg 44 ° 27'40.41 "N 8 ° 56'22.12" E / 44.461225 ° N 8.939478 ° E 44.461225; 8.939478 1818 - 1836 Repiblik Genoa
Forte Begato Genoa forte Begato.jpg 44 ° 26'18.15 "N 8 ° 55'16.16" E / 44.438375 ° N 8.921156 ° E 44.438375; 8.921156 1818 - 1830 Wayòm Sardinia
Granarolo Tower Genoa Torre Granarolo.jpg 44 ° 25'51.2 "N 8 ° 54'36.66" E / 44.430889 ° N 8.910183 ° E 44.430889; 8.910183 1820 c.ca Wayòm Sardinia
Bonjan Tenaglia Genoa Forte Tenaglia 01.jpg 44 ° 25'29.91 "N 8 ° 54'05.18" E / 44.424975 ° N 8.901439 ° E 44.424975; 8.901439 1478 , 1633 Repiblik Genoa
Granara Tower Genoa Torre Granara.jpg 44 ° 25'29.06 "N 8 ° 53'52.2" E / 44.424739 ° N 8.897833 ° E 44.424739; 8.897833 1820 Wayòm Sardinia
Forte Crocetta Genoa Forte Crocetta.jpg 44 ° 25'26.97 "N 8 ° 53'47.01" E / 44.424158 ° N 8.896392 ° E 44.424158; 8.896392 1818 - 1830 Wayòm Sardinia
Fò Belvedere (kraze) Forte Belvedere Genoa.JPG 44 ° 25'05.79 "N 8 ° 53'26.68" E / 44.418275 ° N 8.890744 ° E 44.418275; 8.890744 1817 - 1889 Wayòm Sardinia

Sistèm lès

Non Imaj Kowòdone Peryòd konstriksyon Leta
Fort San Giuliano San Giuliano Fort nan Genoa pa Ernesto Rayper.jpg 44 ° 23'37.11 "N 8 ° 57'33.73" E / 44.393642 ° N 8.959369 ° E 44.393642; 8.959369 1826 - 1830 Wayòm Sardinia
Fort San Martino Genoa Forte San Martino.jpg 44 ° 24'45.89 "N 8 ° 58'37.69" E / 44.412747 ° N 8.977136 ° E 44.412747; 8.977136 1820 - 1832 Wayòm Sardinia
Fort Santa Tecla Forte Di Santa Tecla soti nan SM House - panoramio.jpg 44 ° 24'45.89 "N 8 ° 58'37.69" E / 44.412747 ° N 8.977136 ° E 44.412747; 8.977136 1747 - 1756 , ekstansyon 1814 - 1830 Repiblik Genoa
Fort Richelieu Fort Richelieu Genoa 01.jpg 44 ° 25'16.61 "N 8 ° 59'29.46" E / 44.421281 ° N 8.991517 ° E 44.421281; 8.991517 1747 - 1806 Repiblik Genoa
Forte Monteratti (oswa Forte Ratti) Forte Monteratti nan otòn - 25 Novanm 2018.jpg 44 ° 26'04.29 "N 8 ° 59'53.13" E / 44.434525 ° N 8.998092 ° E 44.434525; 8.998092 1831 - 1842 Wayòm Sardinia
Fort Quezzi Genoa Fort Quezzi-Torre Quezzi.jpg 44 ° 25'36.09 "N 8 ° 57'48.89" E / 44.426692 ° N 8.963581 ° E 44.426692; 8.963581 1747 - 1800 Repiblik Genoa
Quezzi Tower Genoa-IMG 2308.JPG 44 ° 25'44.29 "N 8 ° 58'18.41" E / 44.428969 ° N 8.971781 ° E 44.428969; 8.971781 1830 Wayòm Sardinia

Lòt fò nan lwès la pi lwen pase Polcevera la

Non Imaj Kowòdone Peryòd konstriksyon Leta
Forte Monte Croce (demoli an 1959) --- --- ---
Fort Casale Erselli --- --- ---
Fort Monte Guano Genoa Cornigliano legliz Coronata.jpg 44 ° 25'45.8 "N 8 ° 52'04.4" E / 44.429389 ° N 8.867889 ° E 44.429389; 8.867889 1888 Wayòm Itali

Genoa ak defans li yo: yon temwayaj nan ane 1800 yo

Nan travay li Istwa blokaj la Genoa nan ane a 1800, Angelo Petracchi, kronikè nan syèj la nan lavil la, bay yon deskripsyon detaye sou Genoa ak defans li yo nan peryòd la nan Repiblik la liguryè [8] .:

« Vil la nan Genoa sitiye sou do a nan yon mòn, ki repoz pant li yo sou rivaj la nan lanmè a Ligustico. Sou pati nan peyi a li gen yon distri doub nan mi yo, youn nan ki se andedan, ki prèske egzakteman fèmen zòn nan rete, ak ki fòme yon kalite figi oval. Sa a se ekipe ak kèk ranpa, ki pa te gen nan nenpòt ki itilize nan sa a sènen toupatou, li se initil nan detay. Li se lòt ekstèn lan, ak k ap monte soti nan de pwen yo lanmè li leve jiska yon wotè gwo mòn lan. Dezyèm distri sa a fè vil la prèske tankou yon triyang; pandan y ap fini nan pwent sou tèt ti mòn lan, li desann sou tou de bò yo fòme prèske de kote sa yo ki fèmen ak ansanm ak lanmè a. Varye fò dekore miray sa a. Sou tèt la gen sa yo ki an Sperone a; nan direksyon bò lwès la, anba a nan mitan an, gen lòt la rele nan Tenaglie a, ak nan fen menm bagay la tou gen yon lòt yo rele nan S. Benigno. Sa a pwodui, ki soti nan pati sa a vil la nan Genoa se prèske inpénétrabl; tout plis konsa depi lokalite a konbine konsa favorableman defann li, ki ti kras oswa ki pa gen espwa bay sènen yo pran li. Li pa menm bagay la sou bò lès, kote, ke yo te domine pa kèk ti mòn deyò, li te panse initil ogmante lòt fò. Nan absans sa a, yon kalite paralèl te kreye deyò, ou pito yon chemen kouvri ki, pa ranfòse ti mòn sa yo menm, ki domine lavil la, konpanse pou domaj sa a; Se poutèt sa, li nesesè pou moun ki defann Genoa kenbe liy ekstèn sa a, ak moun ki fò, ki se Monte dei Ratti a , sou tèt la nan ki se Fort la nan Quezzi ; Fort Richelieu , ki te bati pa pi popilè Marshal an menm non yo lè li te okipe Genoa; sa ki nan S. Tecla , ak Madonna nan Albaro. Pi wo pase Spur a, ak prèske pèpandikilè ak li, se fò a nan Diamante , ki domine Spur nan tèt li, byenke gen kèk kwè ke li se yon ti kras twò lwen soti nan li; sepandan, li twò enpòtan anpil pou moun ki sènen yo, menm jan li anpil sipòte operasyon lòt fòtifikasyon ekstèn yo. Ant Diamante la ak Sperone a gen Monte de 'akòz Fratelli a, ki fè de pwen diferan: sitiyasyon sa a trè remakab, paske li pwodui reyinyon ki genyen ant moun ki sènen yo, e li te kapab pran travay ekstèn nan liy lan Levan dèyè li; men depi te gen krentif pou travèse a nan dife yo nan Sperone a ak Diamante a, li trè difisil jwenn kenbe nan yo, byenke gen yon sèten sit ki te di yo dwe iminitè kont zam yo nan tou de fò. Sou bò lanmè a, pil anpil ak bèl defann lavil la ak pò a, osi byen ke mi yo lanmè tou asire ke nati. Sa yo dènyèman reasanble pil wete nenpòt doulè sou bò sa. Pi bèl la se sa yo ki nan Strega a, nan Cava a, nan tou de waf, ak nan Lanterna la. Sou bò lwès la gen larivyè Lefrat la Polcevera ; sou bò lès sa Bisogno. Albaro se yon ti vilaj ak délisyeu, ki sou bò sa a se fèmen nan Genoa pa prèske yon sèl mil, menm jan sou lòt bò a se youn nan egalman vag nan S. Pier d'Arena ».

Sou mi yo, yon pak natirèl

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: mi nan Genoa .

Anviwon sistèm lan nan konstriksyon ki te bati sou wotè vil la ki te bati nan dènye ane yo - gras a anviwònman ki antoure natirèl la nan plis pase 870 ekta, ak sou nèf san espès plant ki enkli nan yon entegre forè-preri-ekosistèm fwote Mediterane, ak nan prezans nan anpil espesimèn nan fon te fè leve nan mamifè ak zwazo nan bèt - Parco delle Mura la .

Sa a eksplwate yon zòn ki te rete sou kwen nan devlopman nan bilding iben nan lavil la, ak lè servitude yo militè nan konstriksyon yo divès kalite sispann li vin "poumon vèt la" nan lavil la.

Pak la Se poutèt sa devlope alantou mi yo New ki gen ladan sa yo ak fò yo relatif.
Genoa nan diznevyèm syèk la se te yon vil konplètman ranfòse ak nan forefront nan achitekti militè yo; an reyalite li te gen yon sèk doub nan mi, sa yo ki nan disetyèm syèk la ak sa yo ki nan sèzyèm syèk la, yon reyalite ki sezi Ostralyen yo nan 1746 e fè yo kapab repwann lavil la ki te revòlte kont yo. Miray la doub te Se poutèt sa ranfòse pa gen konekte mi yo ki date tounen nan syèk la anvan yo miray ranpa yo pre-egziste nan sèzyèm syèk la ak fò yo sou ti mòn yo ki antoure.

Pak la sou miray ranpa yo, jere pa Sèvis nan jaden ak forè nan minisipalite a nan Genoa depi kòmansman nineties yo nan ventyèm syèk la, te pran plis pase kèk fò, òganize montre pandan ete divès kalite nan sèten dat nan Fort la Sperone . Pa lwen sa a, fò Begato a te retabli, byenke inaktivite a Lè sa a, pasyèlman bloke operasyon an.

Pak la Lè sa a, pwolonje nan fò yo ki sitiye pi lwen nan nò mi yo New, ki soti nan Forte Puin , ki te bay nan konsesyon nan yon pent nan rit ane swasant yo nan ventyèm syèk la e li te Se poutèt sa toujou nan bon kondisyon, de frè yo (pi gran an yon sèl demoli pou fè fason pou anti-avyon an nan Dezyèm Gè Mondyal la), jiska Diamante a , kote sa a deja nan minisipalite a vwazen nan Sant'Olcese .

Abstrè
Genoa Forte Sperone 02.jpg

Sitwayen fò:
Ap monte soti nan wotè yo nan Righi, ou pral jwenn nan lòd Forte Castellaccio (ki gen ladan tou Torre della Specola a), ak Forte Sperone (nan imaj ki anwo a) , ki reprezante somè nò a nan mi yo ansyen ak Se poutèt sa limit vil la. Ap desann soti nan sa a, nou rankontre fò Begato a , Tenaglia ak Crocetta ki ak sa yo anvan yo fèmen amphithéâtre natirèl la ki kouwone Genoa, ki nan nò a abouti kòm mansyone ak Spur a, sou bò solèy leve a ak Front yo Lower ak nan lwès la ak Belvedere a Forte ak pil yo nan Lanterna la .
Fort yo deyò mi yo:

Se poutèt sa nesesè yo konsidere ki jan gen de aliyman diferan, ki fòme ak fò reyèl ak mi ranpa ki kapab kouvri yon gwo zòn soti nan nò sou bò solèy leve.

Li se tou - si se pa pi wo a tout - gras a estrikti sa yo defansiv ki Superba a , ansyen yon ansyen repiblik maritim ak chèz nan Repiblik la nan Genoa , te kapab pou yon tan long konsidere kòm yon inpénétrabl fò-vil ki kapab reziste nenpòt atak, si wi ou non li te pote soti nan lanmè a ak soti nan tè a.

An reyalite abandone nan sò yo nan fen diznevyèm syèk la , fò yo nan Genoa yo te reyitilize nan kòmansman ventyèm syèk la yo dwe itilize sitou kòm yon pwen sipò pou manèv militè oswa kòm yon prizon pou prizonye pandan Premye Gè Mondyal la .

An reyalite yo te toujou konstitye yon eritaj enpòtan moniman pou yon vil ki rich nan fyète ak istwa, tèlman bagay ke tèm El siglo de los genoveses, el siglo de oro ( syèk an lò nan Genoese a ) te envante pou li, yon syèk - ksvii a - ki te dire pi lwen pase referans espesifik tanporèl la.
Eritaj sa a just mete l nan mitan lavil yo nan Ewòp ki pi defann.

Forte Santa Tecla sou wotè Camaldoli

Fòtifikasyon yo nan Genoa rakonte istwa vil la sou omwen twa syèk: soti nan bèl disetyèm syèk la nan bèl pouvwa Repiblik maritim nan soulèvman popilè yo nan 1849 kont Peyi Wa ki nan Sardinia pou yon sesyon te pè nan Anpi a Ostwo-Ongwa .

An pati manyen pa tras la nan Trenino di Casella a , jodi a yo se yon destinasyon pou randone (ou ka pratike la soti nan yon ti mache ki senp nan randone , djògin ak monte bisiklèt mòn ) ak amater istwa ki jwenn rezon pou plis etid yo pi byen konprann li nan evolisyon nan yon vil ki - menm jan li mennen nan lanmè Mediterane a - te toujou yon krwaze semen nan enterè miltip.

Nouvo miray ranpa yo , ekipe ak gwo ranpa ak bastyon vanyan sòlda, te aktyèlman te konplete deja nan pwemye mwatye nan disetyèm syèk la , men pa menm yon syèk pita, nan 1747 , lè vil la te fè fas ak syèj la piman bouk Ostralyen, li te vin nesesè pou renove sistèm defans lan pou fè fas a bon jan zam pwisan.

Pita, nan 1781 , majistra a nan fò yo te kòmanse yon pwojè ki revolusyone konsèp nan miray lavil la, nan konstriksyon an nan travay avanse, nan ka sa a nan gwo fò tou won izole opoze lènmi an byen lwen soti nan lavil la. Sèt liy atak posib yo te idantifye.

Nan 1797 , nan konmansman an nan pwotektora franse a (Ligurya Repiblik Demokratik), travay yo detache aktyèlman nan itilize yo te kat: fò yo Richelieu, Diamante, Castellaccio ak Sperone pandan ke fò yo Quezzi ak Santa Tecla te toujou yo dwe fini (fò a Santa Tecla ta te travay Pietro Cantoni soti nan Ticino, papa achitèk yo Gaetano ak Simone Cantoni, te achitèk militè a).

Malgre dezi a eksprime pa Napoleon Bonaparte tèt li ogmante defans yo ak pwojè yo anpil prezante, kèk nan yo ki pwopoze demolisyon mayifik nan nwayo a iben, evite gras a réalisme nan City Council la, an reyalite nan fen dominasyon an franse ekstèn lan travay yo te toujou kat mansyone pi wo a, nan ki Quezzi te ajoute. Variant a sèlman nan kèk enpòtans (ak trè revele) te ranfòse nan defans yo nan Sperone a fò sou bò a fè fas a lavil la .

Lè sa a, konplete konplèks la nan fò a pran yo nan komèsan yo masiv jodi a, sa ki pouse yon sèl style neo- medyeval , epi li toujou vizib jodi a, li te Lè sa a, nan 1815 gouvènman an Savoy .

Travay D'Andreis

Enpòtans ke nouvo chèf la te bay fòtifikasyon Genoa yo ka konprann nan pawòl Giulio D'Andreis , direktè enjenyè militè yo nan kare Genoa:

"Se poutèt sa sanble ak tout sètitid, Genoa ke yo te sitadèl la nan Piedmont, [...] ke enterè yo patikilye nan Piedmont , epi tou nan Angletè, yo pran mezi enèjik bay Genoa ki bezwen anpil balans nan fòs ranfòse ki li manke ... "

Sou ti mòn ki anwo a Quezzi
ak Nievo kòm "kroniker"

Nan chapit XVIII lan nan Konfesyon yon Italyen patriyòt-ekriven Ippolito Nievo a (1831-1861) anpil dekri ki jan Genoese ini ak franse yo reziste atak la Anglo-Ostralyen pou yon tan long, tou imajine ke protagonist a Carlino Altoviti te viv byen ak nan premye moun ki bonbadman an ki ka touye moun Fort Quezzi a nan ane a 1800 .

" Bonm yo lapli desann sou kazem yo pandan ke nou te fè yon pen griye ak Malaga nan fòtin Bonaparte a ak konstans Massena a "

Jodi a sa ki rete nan fò a trè ti kras: kèk kraze - surprenante epanye de bonbadman yo nan Dezyèm Gè Mondyal la , lè yo te fò a adapte yo ak batri pou anti-avyon - yon destinasyon pou pwomnad pou koup, amater randone ame ak kamera ak timoun yo. kap chèche avantur panse a yon tan kounye a konsène nan tan lontan an.

Quezzi Tower

Fort Quezzi, sepandan, rete, nan mitan fò yo Genoese, youn nan pi vizib nan pwofil la Out ak grav nan konstriksyon yo ki dekri panorama vil la: kòmanse nan mitan syèk la dizwityèm- , li pa janm te aktyèlman ranpli. Lè sa a, li te konkeri pa Marshal Andrea Massena nan ane a 1800, bati pandan dominasyon an franse ak pèfeksyone pandan yon sèl la Savoy.

Nan pi bon kondisyon se ki tou pre Quezzi Tower a , ki te konstwi pa enjenyè yo Sardinian Militè nan 1820, men deja nan inutilizasyon nan fen diznevyèm syèk la ; jodi a li se yon abri pou mouton nan gadò mouton ki abite nan katye a an menm non yo ak se rekonèt kòm yon sit nan enterè kominote pa Inyon Ewopeyen an kòm li se youn nan abita yo kèk nan tarantolino a ra ( Euleptes europaea ) [9] .

D'Andreis, direktè enjenyè ki an chaj fòtifikasyon soti nan 1815 a 1827 ak entèripsyon trè kout nan 1817 ak 1822 - 1823 , kowòdone yon komisyon enjenyè militè ki moun ki pral trase moute yon plan egzat nan fòtifikasyon yo ak peyi a ki antoure, ap bay pou antretyen nan ki deja egziste a epi li pral ranfòse defans yo pa adapte yo ak tout tan nouvo defi yo teknik. In un piano dettagliato egli propone la costruzione di ben dodici torri, ispirate alle torri Martello inglesi, a loro volta ispirate dalle torri genovesi costruite in Corsica, in particolare dalla torre di Capo Mortella.

La Torre di Granarolo

La Torre Quezzi , quella delle forche Vecchie Torre Specola e il Forte Begato sono fra le strutture progettate direttamente dal D'Andreis. Il modello della torre di Quezzi in realtà era stato previsto da D'Andreis come un elemento ripetitivo, da essere ripetuto a brevi distanze lungo tutti i crinali montuosi che attorniano la città. Di queste torri ne vennero realizzate pochissime, ed altre rimasero incomplete, a causa della spesa troppo forte e della sua sopraggiunta inutilità al variare delle necessità belliche. Del sistema, che prevedeva un continuum di torrette che a Levante veniva a coprire tutti i crinali sino a quello del Monte Fasce compreso, furono completate solo le torri di Quezzi, Monteratti (rimasta poi inclusa nel forte, fu in seguito demolita), e quella di San Bernardino, tuttora ben conservata. Erano previste anche altre torri, ossia la torre dello Zerbino (demolita), quella di Sant'Erasmo e quella di San Simone sulla Val Bisagno; le torri delle Bombe, di Monte Moro, di Granarolo e di Monticello presso le Mura Nuove tra i forti Tenaglia e Begato; due torri ai lati del Forte Monteratti . Di tutte queste opere furono realizzate solo le fondamenta con parte del piano terra.

D'Andreis si occupò poi anche di urbanistica (sempre con un occhio alla praticità militare) aprendo la strada fra Piazza san Domenico e Piazza delle Fontane Marose , e progettando una Piazza d'armi (in grado però di consentire il passeggio e un piacevole affaccio panoramico) alla spianata dell'Acquasola ( 1821 ).

A questo punto, la città - che sarebbe stata sottoposta quattro anni dopo ad una possente opera di ristrutturazione urbanistica (v. Progetto di revisione urbanistica del 1825 di Carlo Barabino ) può essere considerata un campo trincerato appoggiato ad una cittadella formata dai forti Sperone, Begato e Castellaccio.

Forte Richelieu

Negli ultimi anni l'autorità di D'Andreis venne tuttavia messa in discussione, e lui stesso guardato con sospetto perché troppo aperto alle idee innovative provenienti dal Nord Europa . Accolti in maniera migliore risultarono i suoi collaboratori, ossia Giovanni Battista (GioBatta) Chiodo ma soprattutto suo fratello Agostino, probabilmente perché liguri. Quest'ultimo completò le opere intorno alla zona della Lanterna , ma anche il porticato (la Loggia dei Banchi di Palazzo San Giorgio , opera civile creduta a lungo opera di altri) di Piazza Caricamento, ove sorgeva un tempo l'antico Banco di San Giorgio ed oggi sede dell'Autorità portuale.

I Chiodo fecero spostare inoltre la progettata piazza d'armi da spianata Acquasola alla vicina collina di Carignano , proprio sopra la foce del torrente Bisagno , dove vennero costruite due caserme ed altre opere in grado di ospitare complessivamente due reggimenti di Fanteria in assetto di guerra (il complesso è sede attualmente del Distretto Militare).

I percorsi

Diversi sono i percorsi che uniscono i diversi forti e baluardi che costituiscono la linea di fortificazione. Questi i principali:

Primo percorso

Un primo tracciato articolato sulle mura vecchie trecentesche ha inizio dal ponente cittadino, pressappoco all'altezza della Lanterna , ovvero sulle alture del Belvedere nel quartiere di Sampierdarena ove sorgeva l'omonimo Forte Belvedere costruito fra il 1815 ed il 1825 , oggi non più esistente (al suo posto sorge l'impianto sportivo Morgavi, un piccolo campo da calcio dove si disputano partite del campionato dilettanti). I pochi resti della fortificazione che sopravvivono fino ad oggi furono adattati a batteria antiaerea durante la Seconda guerra mondiale e, in parte, sono tuttora visibili proprio a fianco del campo sportivo.

In questa zona poco più in alto si trova il Forte Crocetta (situato a 145 m di altitudine, a breve distanza dall'edificio del dazio) che fu edificato nel 1818 sui resti della omonima chiesetta.

Poco più in alto (alt. 217 m) si trova il Forte Tenaglia , un tempo caposaldo delle mura cittadine, che precede di poco il quarto fortilizio che si incontra lungo il percorso, ovvero il Forte Begato , situato a 475 m di altitudine e costruito dal Genio militare di Casa Savoia fra il 1818 ed il 1830 sulla base - secondo fonti peraltro incerte, come ricordato dallo storico e studioso del sistema fortilizio genovese Stefano Finauri [10] - di strutture esistenti fin dal 1319 .

Questo primo gruppo di forti è collegato tramite le Nuove Mura e sentieri al Forte Sperone , quello maggiormente conosciuto e accessibile, situato a 489 metri di altezza lungo la sommità del monte Peralto, oggi identificato comunemente come collina del Righi, dal nome della funicolare che collega l'altura al centro cittadino.

Forte Sperone ha la sua origine anch'esso in tempi antichi, ovvero nei primi decenni del Trecento : ebbe come nucleo una fortificazione ghibellina che sorgeva accanto a dove si trova quella attuale e che portava il nome di Bastia di Peralto (di essa non rimane peraltro alcuna traccia).

Il forte Ratti sulle alture fra Marassi e Quezzi

Fu poi completato nel 1747 con l'edificazione di una caserma con abitazione per gli ufficiali, magazzini e polveriera (arricchita nel 1820 da tre torri) e di una adeguata recinzione resa possibile utilizzando le adiacenti mura nuove in pietra.

È questa l'unica struttura ad avere avuto una utilizzazione massiccia in epoca moderna quale sede di spettacoli teatrali estivi per i quali vengono usate sia le aree all'aperto sia i vani interni.

Appena più in basso (alt. 362 m, sempre nella zona del Parco del Peralto) le mura rasentano il Castellaccio che per tre secoli - dal 1507 all'inizio dell' Ottocento fu lugubre sede di pubbliche esecuzioni per impiccagione.

Dalla sommità della collina del Righi si diramano i sentieri che segnano lo spartiacque fra i diversi gruppi di colline che si aprono a fianco della valle del Bisagno . A 508 m di altitudine il primo che si incontra è il Forte Puìn, una torre di struttura quasi cubica alta nove metri costruita fra il 1815 ed il 1830 dal Genio militare, da cui è possibile godere di un'ottima vista panoramica.

Un'ulteriore breve salita porta al vicino Forte Fratello Minore (alt. circa 622 m) - costituito da una torre centrale di età napoleonica, opera del governo piemontese, e valorizzato nel 1815 da un recinto murario nonché da un fossato - e ai resti di quello che fu il Forte Fratello Maggiore, una torre a pianta quadra posta poco più in alto e demolita in epoca fascista .

L'area compresa fra lo Sperone, i Due Fratelli ed il Diamante vide un'autentica battaglia il giorno 30 aprile 1800 tra attaccanti austro-ungheresi e truppe franco-italiane comandate dal Gen. André Massena. Il Forte Diamante fu aspramente conteso ma a fine giornata la vittoria fu francese (per una descrizione analitica del fatto si veda, in biografia, l'ultima edizione del 'Giornale delle operazioni militari, dell'assedio e del blocco di Genova' di P.Thiebault, in particolare l'analisi a cura di Marco Vecchi.

Il punto più elevato del sistema di fortificazioni (667 m) è il monte Diamante, dove sorge l'omonimo forte, appunto il Forte Diamante , costruito a partire dal 1756 sui resti di un'antica rocca difensiva della quale si hanno notizie a far data dal 1478 .

Torri e mura con vista
Forte e Torre Quezzi

Il Forte Quezzi , a 285 m di altitudine, oggi diroccato, secondo talune fonti storiche, che sembrano rifarsi piuttosto ad una leggenda che non a darti certi, sarebbe stato costruito - nell'anno 1800 - in soli tre giorni e tre notti dalla stessa popolazione genovese che si servì di fascine, tronchi d'albero e seicento botti di terriccio. In realtà la sua edificazione ebbe inizio a metà del Settecento e la sua completa realizzazione ebbe termine soltanto un secolo dopo.
A sovrastare la struttura è l'alta Torre di Quezzi (17 metri di altezza per un diametro di 15) costruita in laterizio.
Lungo quelli che sono i resti delle trincee austriache del Settecento si giunge al Forte Ratti (o Forte Monteratti, alt. 560 m), dalla mole imponente e composto da due ali divise da un corpo centrale. A fianco della fortezza, una cava si prolunga sul fianco orientale della montagna.
Il luogo di questa struttura è un altro dei più importanti punti panoramici della città.

Secondo alcuni storici l'opera fu completata in due soli anni anche se tale dato non è suffragato da elementi certi; è da tenere conto che, con i mezzi dell'epoca, sarebbe stato molto difficile edificare un forte come il Diamante, situato su un'erta collina, in un lasso di tempo così breve, in condizioni climatiche assolutamente variabili, tenuto conto dell'ubicazione.

Pubbliche esecuzioni al "Quadrato delle forche"

Uno dei principali baluardi del sistema di fortificazione genovese, il Forte Castellaccio , edificato sopra un precedente impianto fatto erigere nel XIV secolo da Roberto d'Angiò ; fu più volte potenziato nel corso del tempo fino all'innalzamento del bastione detto delle forche - torre ottagonale in laterizio - da cui il nome della zona chiamata quadrato delle forche .

Lo storico Giuseppe Banchero, autore nel 1865 di un saggio intitolato Monumenti pubblici della città di Genova , dette così conto di quello che oggi è conosciuto con il nome di Castellaccio (appellativo rimasto sebbene la struttura sia stata sottoposta negli anni novanta a lavori di recupero):

«Questo era dapprima un gran torrione edificatovi dal genovese governo per difesa della città e delle valli, essendo situato sulla cresta dei monti che dividono questa vallata del Bisagno al lato orientale della città. Ne fu ampliata la fabbrica circa il 1818 ; in seguito fu arricchito di altre opere che lo rendono assai più importante, tanto più per la dominazione che ha sulla città e perché protegge la superior parte della vallata detta del Lagazzo (nota: oggi Lagaccio), dove sono situate le fabbriche di polveri ed i magazzini di deposito delle medesime.»

Le prime notizie che si hanno sul Castellaccio si riferiscono effettivamente ad una torre edificata nel 1317 per ordine di d'Angiò ma subito demolita due anni dopo ( 1319 ) per costruire ex novo una nuova fortificazione a difesa del partito guelfo.

L'ottagonale e adiacente Torre Specola fu innalzata ad opera dell'architetto militare Giulio D'Andreis pressappoco nel periodo cui fa riferimento lo storico Banchero, ovvero tra il 1817 ed il 1823 , sul preesistente sito detto quadrato delle forche , luogo deputato - come è facilmente comprensibile dal nome - ad esecuzioni capitali.

Riscontri in questo senso si hanno nei rilievi effettuati dal Corpo Reale del Genio, mentre viceversa la struttura non compare sulle planimetrie fatte eseguire alla fine del Settecento dal colonnello Giacomo Brusco, ingegnere militare del Genio; sempre un disegno del 1818 mostra tuttavia la caratteristica facciata meridionale; una planimetria del 1823 riporta infine la pianta dell'edificio con il rilievo del terreno circostante. Questa documentazione è conservata presso l'Istituto Storico e di Cultura dell'Arma del Genio militare (ISCAG), a Roma .

Dopo l'annessione della Repubblica di Genova al Regno di Sardegna , il forte subì una radicale trasformazione tanto da rendere la zona su cui sorgeva una sorta di cittadella fortificata, quella città-fortezza prefigurata dalla collaudata fortificazione alla moderna , ideale luogo ove allestire una guarnigione utile sia per una difesa delle mura sia per controbattere a eventuali improvvise insurrezioni da parte della popolazione locale.

Un po' come accadrà, leggermente più a valle, con la costruzione del piccolo castello difensivo che ancor oggi dà il nome ad un quartiere residenziale cittadino, appunto, il quartiere di Castelletto a circonvallazione a monte.

Secondo percorso

L'approccio del secondo percorso attraverso cui è possibile ancor oggi visitare il corso delle fortificazioni "fuori le mura" di Genova - e insieme ad esse buona parte della storia cittadina - avviene al di là del torrente Bisagno , sulle alture di Quezzi dove si incontrano in successione Forte Quezzi , Torre Quezzi , Forte Monteratti , Forte Richelieu e Forte Santa Tecla , che creano un percorso a ferro di cavallo lungo i bordi della conca creata dal torrente Fereggiano.
Qui le fortificazioni sono di epoca relativamente più recente, riferendosi al periodo di espansione della città oltre la valle del Bisagno ; queste fortificazioni erano tutte destinate alla difesa della val Bisagno, della vallata che da San Desiderio porta al mare (la valle Sturla) e di tutte quelle vie di comunicazione che avrebbero consentito al nemico di scendere dalle alture di Sant'Olcese o Bargagli .

Procedendo dalle prime alture di Quezzi, come primo forte si incontra quello omonimo al quartiere , oggi fortemente diroccato, di proprietà di un privato e quindi non visitabile; continuando lungo la strada asfaltata, si giunge alla Torre Quezzi , una torre in laterizio di circa 17 metri di diametro ancora ben conservata ma priva dei solai interni un tempo esistenti.
Sempre in direzione del levante cittadino, il fortilizio successivo che si incontra è il Forte Monteratti , una imponente struttura difensiva che si sviluppa lungo i quasi 260m del pianoro in cima all'altura di Monte Ratti. Il forte è ancora in buone condizioni, ma alcuni crolli non consentono una visita dettagliata della struttura. Nel retro del forte (nord) si trova il terrapieno in cui erano posizionate le artiglierie, rivolte verso l'alta val Bisagno.
Successivamente, passando per l'antica cava di pietra di Quezzi, si giunge a Forte Richelieu , dal nome del Maresciallo di Francia Louis Armand du Plessis de Richelieu , comandante dell'esercito francese in Liguria, ad oggi sede di ripetitori televisivi RAI e quindi non visitabile.
Nella zona sono comunque presenti due batterie contraeree risalenti al secondo conflitto mondiale, rispettivamente a nord ea sud del Forte Richelieu, visitabili anche se lasciate in uno stato di abbandono.

Il tour dei forti di Genova prosegue a quota 180 m di altitudine, fra la collina di Pianderlino e quella di San Martino , con il Forte Santa Tecla , edificato a partire dal 1747 sulla base di alcune strutture difensive (dette ridotte) poste a lato di una vecchia chiesetta che portava il medesimo nome.
Oggi il Forte Santa Tecla, dopo due costosi restauri, è in buone condizioni, ma a causa di un'amministrazione sbagliata, il forte è chiuso ai visitatori anche se un'associazione di volontari della Protezione Civile lo mantiene in buono stato.

Scendendo poi lungo il sentiero che conduce in città si trova l'ultimo forte, un tempo periferico alla città ma oggi inglobato nell'urbe cittadino, Forte San Martino , oggi visitabile ma in cattivo stato di conservazione. La costruzione dei bastioni e del muro di cinta in terra fu completata fra il 1815 ed il 1833 .

Genova portuale fortificata ieri e oggi

Il particolare sistema orografico di Genova - che ne fa una città difficile da attraversare, da praticare - ha posto sempre dei problemi sul piano logistico, tanto in tempi di pace quanto di guerra.
Sulle mura collinari che la cingono come un diadema - restituendole il caratteristico skyline che tanto suggestiona coloro che l'avvicinano dal mare - si è combattuta la guerra di Liberazione . I partigiani tenevano come riferimento i contrafforti, spesso convertiti a batteria contraerea, per spingersi sino ai carrugi del centro storico e da qui all'intera zona dell'angiporto, ricca di docks e fabbriche (si pensi allo stabilimento Ansaldo di Sampierdarena ).

Le mura cinquecentesche , le strette arcate e le rocche poste a difesa della Superba del Seicento (sulla destra dell'immagine si nota il varco portuale detto del Mandraccio accanto al monumentale bastione di Porta Siberia [=cibaria, dal nome dell'attiguo molo di carico delle derrate alimentari]) sono visibili nel presepe della Madonnetta

Si è così in presenza di un altro sistema di fortificazioni con mura, postazioni, torri di guardia (su tutte la Lanterna simbolo cittadino) che riguarda da vicino - se non esclusivamente - la zona portuale.
I bastioni - ancora ben visibili - fra Porta Siberia e il Mandraccio, accesso al Porto antico recentemente restaurato da Renzo Piano , furono scenario di scontri durante il secondo conflitto mondiale e obiettivo di pesanti bombardamenti aerei e dal mare ( 1941 , 1942 ).
Le vicine Mura della Malapaga erano state costruite intorno al 1550 con il probabile intervento dell'architetto Galeazzo Alessi . Servivano a congiungere la Porta del Molo con il Casone della Malapaga costruita il secolo prima, proprio accanto al mercato generale del pesce, ove oggi sorge la Caserma della Guardia di Finanza a Piazza Cavour. Il Casone era adibito a prigione per i debitori inadempienti.
Situate poco distanza dalle mura e dalla galleria delle Grazie - oggi transito della moderna metropolitana - furono fonte di ispirazione per l' omonimo film Premio Oscar del 1949 diretto da René Clément, con l'interpretazione di Jean Gabin .

Fortezza Genova (o, meglio, Fortress Genoa ) è tornata a rivivere in anni ancor più recenti nei titoli dei mass media internazionali in occasione dei fatti di Genova , in occasione della riunione del G8 nel 2001 .
La zona rossa "edificata" con container e cancellate attorno alla zona del Palazzo Ducale (un tempo sede dei dogi del popolo ), tesa a preservare il normale svolgimento dell'incontro degli otto grandi del mondo, è sembrata a molti osservatori un nuovo - e aggiornato - modello di fortificazione difensiva.

Note

  1. ^ Vedere alla voce Erzelli#Fortificazioni degli Erzelli
  2. ^ Arte e cultura a Genova - Il sistema dei Forti , su Sistema Turistico Locale Genovesato . URL consultato il 9 marzo 2010 (archiviato dall' url originale il 5 aprile 2009) .
  3. ^ a b R.Dellepiane , p. 144 .
  4. ^ a b R.Dellepiane , p. 146 .
  5. ^ S.Finauri , pp. 19,20 .
  6. ^ S.Finauri , p. 19 .
  7. ^ S.Finauri , p. 25 .
  8. ^ Genova e le sue difese in Studi Napoleonici-Fonti Documenti Ricerche
  9. ^ SIC e ZPS in Liguria » Genova » Torre Quezzi , su Rete Natura 2000 in Liguria .
  10. ^ Stefano Finauri, Genova Fortificata , Macchione Editore, Varese , 2003 , e, dello stesso autore, Le Fortificazioni nel Parco Urbano delle Mura , dispensa storica in concessione al Settore Gestione del Verde del Comune di Genova, Genova, 1998

Bibliografia

  • AC Clerici, La difesa costiera del golfo di Genova , su Uniformi e Armi , settembre 1994
  • Amelio Fara, La città da guerra , Einaudi, Torino, 1993
  • LC Forti, Fortificazioni e Ingegneri militari in Liguria (1684-1814) , Genova, 1992
  • Comune di Genova, Il Parco Urbano delle Mura, itinerari storico - naturalistici , Genova, 1992
  • R. Fenoglio, La difesa di Genova nei secoli XVIII e XIX , su Forti di idee , Genova, 1991
  • Riccardo Dellepiane, Mura e fortificazioni di Genova , Nuova Editrice Genovese, Genova 1984 (ristampato nel 2008, ISBN 978-88-88963-22-8 )
  • R. Finocchio, Fortificazioni campali e permanenti di Genova , Genova, 1983
  • P. Stringa, I Forti di Genova , volumi 24, 25, 26, Genova, 1976
  • LC Forti, Le fortificazioni di Genova , Genova, 1975
  • Mondani-Stringa, I castelli della Liguria / Architettura fortificata ligure , 2 volumi, 1973
  • Roberto Badino, I Forti di Genova , Genova 1969
  • F. Alizeri, Guida Illustrativa del Cittadino e del Forastiero per la città di Genova , Genova, 1875
  • P. Thiebault, Giornale delle operazioni militari dell'assedio e del blocco di Genova , Genova, 1800
  • P. Thiebault, (riedizione in italiano) Giornale delle operazioni militari dell'assedio e del blocco di Genova , Illustrato, Compagnia dei Librai, a cura di Marco Vecchi, Genova, 2006
  • Matteo Vinzoni, Il Dominio della Serenissima Repubblica di Genova in terraferma , 1773, originale conservato alla Biblioteca Civica Berio , edizione anastatica dell'Istituto Geografico De Agostini, 1959
  • C. Quarenghi, Ricerche storico-illustrate sulle fortificazioni di Genova e del Genovesato , Genova, Biblioteca Civica Berio
  • P. Thiebault, Giornale delle operazioni militari dell'assedico e del blocco di Genova , Genova, Compagnia dei Librai, 2007. ISBN 978-88-88784-50-2
  • E. Beri, "Genova e La Spezia da Napoleone ai Savoia. Militarizzazione e territorio nella Liguria dell'Ottocento", Novi Ligure 2014
  • S. Finauri, "Forti di Genova", Genova, Edizioni Servizi Editoriali, 2007
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bibliografia su Genova .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni