Frederick II nan Lapris

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Frederick II nan Lapris
Friedrich ii campenhausen.jpg
Frederick II nan Lapris dekri pa Wilhelm Campenhausen nan 1870
Wa peyi Lapris
Elektè Brandenburg
Manto zam
Responsab 31 me 1740 -
17 Out 1786
Predesesè Frederick William I.
Siksesè Frederick William II
Nesans Bèlen , 24 janvye 1712
Lanmò Sanssouci , Potsdam , 17 out 1786
Kote antèman Palè Sanssouci , Potsdam
Royal kay Hohenzollern
Papa Frederick William I nan Lapris
Manman Sofia Dorotea nan anove
Consort Elizabeth Christina nan Brunswick-Bevern
Relijyon Pwotestantis kalvinis / deyis / ateism
Siyati Friedrich II signature.png

“Mesye, wete chapo ou. Paske si li te toujou vivan nou pa ta isit la. "

(Napoleon Bonaparte [1] )

Frederick II nan Hohenzollern, ke yo rekonèt kòm Frederick Great a (nan Alman Friedrich der Grosse, Bèlen , 24 janvye 1712 - Potsdam , 17 Out 1786 ), te twazyèm wa a nan Lapris ak Elektè nan Brandenburg soti nan 1740 1786 .

Pitit wa Prussian Friedrich Wilhelm I (1688-1740) ak Sophia Dorothea nan Hanover (1687-1757), se te youn nan reprezantan ki pi enpòtan nan tan li, ki enkòpore arketip dizwityèm syèk monak eklere a . Konplèks nan aksyon gouvènman an nan Eta l 'te pran plas sou nivo politik la ak militè yo, sou ekonomi an ak administrasyon leta a ak tou nan devlopman nan syans yo ak boza. Wa a te tèt li yon mizisyen ak mwazi entelektyèl Syèk Limyè , kwake kontwovèsyal pou kèk nan zak politik l 'yo, epi li te resevwa tinon a nan wa filozòf. [2]

Avèk yon politik ekspansyon ak yon seri de lagè agresif, souveren an te kapab grandi nan kou a nan yon deseni kèk, Peyi Wa ki ti kras nan Pris te dimansyon rejyonal yo nan youn nan pi gwo pouvwa yo Ewòp . Lidè nan lame l 'yo, ki li ranfòse ak ki resevwa fòmasyon, stratèj kalifye ak taktisyen, Frederick te youn nan pi gwo lidè militè nan istwa [3] , anpil apresye pa sòlda li yo, ki te surnome der alte Fritz, "Fritz la fin vye granmoun" [4 ] .

Biyografi

Premye ane yo

Frederick II, pitit gason wa Frederick William I nan Prisi ak madanm li, larenn consort Sophia Dorothea nan Hanover , te fèt nan Bèlen sou 24 janvye, 1712. Frederick William I te popilè li te ye pou yo te yon "re-sòlda", li te gen devlope yon lame fò e li te fè grenadye yo pi popilè nan Potsdam , tou ankouraje yon gouvènman santralize otokrat ak otorite absoli. Manman Frederick, Sophia, se te yon fanm koutwazi, karismatik ak trè kiltive, pitit fi Elektè George Louis nan Brunswick-Lüneburg, eritye nan Rèn Anne . Apre sa, Giorgio te siksesè nan Rèn Anne ak non wa George I nan Grann Bretay nan 1714. [5]

Batèm Frederick ( Harper's New Monthly Magazine , Vol. 40, 1870)

Nesans Frederick te akeyi pa granpapa l ' Frederick mwen ak plezi inatandi, depi deja de nan neve l' te mouri nan yon laj byen bonè. Papa Frederick II, Frederick William I nan Hohenzollern , te rafine levasyon (li te aprann franse ak laten , li te aprann jwe klavikord la ak flit ), edikasyon ke li te rayi e ki te konsidere jis yon fatra nan tan. [6] Frederick William te swete pitit gason l 'yo ak pitit fi yo pa te pote ak tretman yo akòde wa yo, men sa yo ki nan pèp la. Li pa t 'vle pitit gason l' pèdi tan ak istwa Latin ak ansyen - tout bagay demode ki te sèvi pa gen okenn objektif nan mond lan modèn - oswa ak franse a ak mizik , ki te bon pou fanm epi yo pa pou yon sòlda; an jeneral, pa gen okenn liv, ki dapre souveren an te itilize sèlman pou mete krikèt pou tèt la. [6]

Federico te konsa leve soti vivan nan franse nòb Madame de Montbail ansanm ak frè l 'ak sè l' yo. Frederick te grandi se konsa nan yon anviwònman Pwotestan (Montbail te Huguenot ) ak aprann tou de franse a ak Alman , lang a, men meprize; Federico Guglielmo, sepandan, imajine pitit gason l 'plen nan antouzyasm pou lavi militè yo, anvi sèvi peyi l' kòm enb nan sijè, ak pou rezon sa yo edikasyon pitit gason l 'te make pa gravite a pli ekstrèm, ak etid la nan matematik, ekonomi. Politik, lekti Ekriti Sakre ak egzèsis fizik difisil. [5]

Men, pitit gason an te gen aspirasyon trè diferan: li te an reyalite entèlijan ak kiltive, yon nèg nan lekti ak tèt li yon ekriven, pasyon ki te an kachèt kiltive avèk èd nan sè l ' Guglielmina ak tutè a, franse Calvinist la Duran de Jandun , ak ki yo rafine plis nanm li an kontras ak lavi a di ak militè nan tribinal la Bèlen. Byento ant papa ak pitit gason li te fèt kèk ostilite ak papa entèdi jenn gason an li liv ak jwe flit la , youn nan pasyon gwo l 'yo. Nan nèf ane fin vye granmoun, avèk èd nan gran sè l 'yo, Federico te li woman franse an sekrè e menm aprann li' Italyen an . [7] Lè li te pi gran, avèk èd nan youn nan leson patikilye l 'yo, li te fòme yon bibliyotèk sekrè nan yon kay lwe tou pre palè wa a, epi gen li mete ansanm sou 3-4000 liv. [7] Frederick te rayi papa li e li te toujou ekri lèt bay sè li pi renmen an, Wilhelmina. [8]

Malgre ke Frederick William I te leve soti vivan kòm yon Calvinist , li te pè pou yo pa te yon eli . Pou anpeche pitit gason l 'Frederick te gen krentif pou li, wa a te bay lòd pou ke eritye l' pa te anseye teyori a nan predestinasyon , yon doktrin ke li te rayi. Sepandan, byenke Frederick pa te janm enterese nan relijyon, sèl kesyon relijye ki te yon jan kanmenm fasine l 'te jisteman doktrin nan predestinasyon. [9] Gen kèk entelektyèl ki te espekile ke li te renmen malgre papa l '. [10]

Crown Prince

Frederick kòm chèf kouwòn, dekri nan 1739

Nan 1732, Rèn Sophia Dorothea te eseye òganize yon maryaj doub ant Frederick ak Princess Amelia Sophia nan Grann Bretay ak nan mitan Wilhelmine (sè Frederick) ak Frederick, Prince nan Wales . Tou de lamarye a ak Veterinè cheval yo te Britanik, pitit gason frè l ' George II nan Grann Bretay . Pè tankou yon alyans sere ant Lapris ak Grann Bretay ki ta chanje balans Ewopeyen an, Jaden Marshal Friedrich Heinrich von Seckendorff , anbasadè Ostralyen an nan Bèlen , kòronp Minis la nan lagè Prussian Jaden Marshal von Grumbkow ak anbasadè pris la nan Lond, Benjamin Reichenbach. Akò final la ki te etabli pou groped kraze lyen sa yo, yo te reklamasyon yo te fè pa Frederick William akizisyon de Jülich-Berg duche ki te mennen nan tonbe nan pwopozisyon yo jimo. [11]

Frederick te jwenn yon gwo alye nan sè a Wilhelmina, ki moun ki te kanpe bò kote l 'pandan tout lavi li, nan adisyon a kiltive yon amitye pwòch ak Lyetnan Hans Hermann von Katte . Wilhelmina rapòte nan jounal pèsonèl li yo "de yo te vin inséparabl. Katte se entelijan, men li pa gen okenn edikasyon. Li sèvi frè m 'nan tout dezi l' ak devosyon reyèl, epi kenbe l 'enfòme sou tout aksyon wa a." [12]

Men, Frederick te exasperated pa dall'asfissiante lavi fanmi ak kontwòl paran nan pwen ke li te deside, pran avantaj de yon vwayaj nan Almay , yo sove nan Angletè avèk èd nan de konplis. Men, papa l 'te dekouvri l', li te pini l 'anpil, ki te etabli yon jijman e menm te menase pou egzekite l'. Wa a nan lavni te sove pa entèvansyon an nan Anperè Charles VI la . Entèvansyon Imperial la pa t 'anpeche papa l' fèmen l 'nan fò a Küstrin ak egzekite pi bon zanmi an nan chèf la jèn, Katte a fidèl, ki gen koupe tèt te fòse yo gade (lòt konplis la jere yo sove) [13] . Soti nan moman sa a Federico te kòmanse seryezman vle lanmò papa l 'yo. [8]

Federico filozòf ak mizisyen

«Se poutèt sa jistis, li ta te di, ki dwe reprezante objektif prensipal yon souveren, se poutèt sa li bon pou tout pèp li gouvène yo ke li dwe mete devan nenpòt lòt enterè. Se konsa, ki sa tout lide sa yo nan enterè, noblesse, lanbisyon ak despotism mennen nan? Nou ka konkli ke souveren an, lwen ke yo te mèt la absoli nan pèp yo ki anba dominasyon l 'yo, se sèlman premye sèvitè yo osi lwen ke li konsène. "

(Frederick II, Anti-Machiavel , Chapit I)

Nan 1739 li te ekri yon travay an franse: l ' Anti-Machiavel , nan ki li konkli ke sa yo rele Machiavellianism nan politik nan defans dwa natirèl, lapè ak yon dwa dwat ak politik imen; travay la te pozitivman revize pa filozòf nan Syèk Limyè a franse François-Marie Arouet, li te ye tankou Voltaire (ak ki moun wa a kenbe yon relasyon amitye ak korespondans), ki moun ki pibliye li nan Bèljik ak kèk chanjman nan 1740. Frederick te desine nan filozofi l 'yo tou stoyism la fin vye granmoun, ak an patikilye nan FIG Anperè filozòf Marcus , ki aspire yo dwe yon rival li. [2]

"Istwa ta dwe sèlman etènalize non bon prensip yo epi fè sa mechan yo tonbe nan oubli, avèk ensolans yo, krim yo ak enjistis yo."

(Frederick II, Antimachiavel la)

Malgre ke pandan rèy li pa toujou respekte prensip yo pwofese jèn (ap resevwa akizasyon an nan ipokrizi ), ak angaje nan lagè nan konkèt (byenke li te diskite ke "fè lènmi ak Lè sa a genyen li ta tankou fè monstr ak Lè sa a, goumen ak yo; se anpil plis natirèl, plis rezonab ak imen fè zanmi " [14] ), aji tankou epè tankou yon monak nòmal absoli, Frederick te eseye toujou pa konplètman trayi lide l 'yo, refòme enstitisyon yo nan Lapris nan sans modèn lan, ak plis ankò gratis. [15]

Flutist ak konpozitè, te ekri 121 sonatas pou flit ak kontinyèl , kat konsè pou flit ak fisèl , kat senfoni ak twa mach militè yo . Li te tou te gen korespondans ak Johann Sebastian Bach , ki moun ki mande l 'nan enprovize yon chape sou yon sijè li menm li sijere, pandan yon vizit nan 1747 nan Potsdam nan palè a nan Sanssouci (ki gen non vle di "san yo pa panse", bati sou yon konsepsyon de la menm wa). Apre Bach konpoze ' ofrann Mizik la (Musicalisches Das Opfer BWV 1079): yon seri de konpozisyon ki baze sou "tèm wa a" sijere l' pa wa a ak dedye jisteman Frederick tèt li. [5]

Maryaj ak lavi pèsonèl

Pou Frederick te tan, Se poutèt sa, yo panse a maryaj, e deja papa l 'te planifye yon maryaj ak Elizabeth nan Mecklenburg-Schwerin , pitit pitit Empress Anna Anna nan Larisi , yon pwojè lajman opoze pa Prince Eugene nan Savoy . Frederick tèt li mete soti nan marye Maria Theresa nan Otrich an echanj pou bay moute dwa li yo nan siksesyon nan fòtèy la Prussian, men Prince Eugene finalman pran tèt Frederick marye Elisabeth Christine nan Brunswick-Wolfenbüttel-Bevern , Pwotestan ak tou ki gen rapò ak Habsburgs yo, pitit fi nan Duke Brunswick-Lüneburg (1680 - 1735) ak Antoinette Amalie nan Brunswick-Wolfenbüttel (1696-1762). [5]

Mas 10, 1732 Frederick a, nan biwo yo bon nan Plenipotansyè a Ostralyen bay papa l 'Frederick William mwen nan Bèlen, Konte Friedrich Heinrich von Seckendorff , li se ofisyèlman angaje nan Princess Elisabeth Christine la. Frederick II ak Christina Lè sa a, marye 12 jen, 1733 nan chato la nan Salzdahlum ( Lower Saxony ) men li pa t 'kontan maryaj: koup la pa te gen okenn pitit e byento yo te separe an reyalite nan pwen ke Frederick tèt li te ekri nan yon lèt bay sè "ant nou pa ka gen ni amitye ni lanmou" [12] . Lè Frederick moute sou fòtèy la nan 1740 li dwe vini menm entèdi Elizabeth Cristina vwayaje ale nan tribinal la nan Potsdam , nan lòt men an garanti rezidans la nan Palè a nan Schönhausen kòm byen ke kèk apatman nan Berliner Stadtschloss la . [5]

Anpil entelektyèl te espekile ke wa a Prussian te an kachèt omoseksyèl , sipòte tèz la nan maryaj la difisil, absans la nan timoun oswa rayisab pi popilè yo ak amitye yo fò gason nan wa a ak Katte ak ak Jean-Baptiste Boyer d'Argens , byenke li ta dwe dwe te note ke tankou yon ti gason Federico pa t 'kòm endiferan nan mond lan fi kòm li ta te tankou yon granmoun, ak nan korespondans jèn l' pa gen okenn mank de istwa nan escapades ak amorazzi. [16] Epitou li te ye alizyon yo te fè pa zanmi ak korespondan tankou Voltaire , ak ki monak la Prussian te gen yon relasyon leve, li desann, pral fè sa menm fèmen. [17] [18] [19]

Voltaire ekri nan memwa li:

"Wa a, pitit gason l ' [refere a lavni Frederick II a], ki te renmen bèl gason, ak gwo mesye yo, te mete eskòt madanm li Rèn kòm haiduks. Prince la te gen yon kalite amoure, pitit fi yon pwofesè lekòl nan vil Brandenburg ak yon rezidan nan Potsdam. Li te jwe kle a trè seryezman, ak chèf la akonpaye l 'sou flit la. Li te panse li te renmen li, men li te mal; apèl li pa t 'pou fè sèks nan pi fyab. Sepandan, li te montre ke li te renmen l ', papa l' te fè dam sa a alantou kare a nan Potsdam, ki te dirije pa bouro a, ki moun ki te fwete l 'anba je pitit gason l' lan. Aprè mwen finn ofri emisyon sa, mwen te entène nan Küstrin sitadèl [Kote yo pral fèmen li tou apre tantativ chape ak Katte], ki chita nan mitan yon marekaj. Se la li te fèmen pandan sis mwa san sèvitè nan yon kalite prizon; apre sis mwa li te bay yon sòlda kòm sèvitè l 'yo. Sòlda sa a, jèn, bèl, byen bati, ak jwe flit, te sèvi nan plis fason pase yon sèl amize prizonye a. (...) Nan denmen maten, lè Majeste li te abiye ak soulye, stoik la te bay kèk moman sekte Epikiris la: li te pote de oswa twa favorites, jenn ofisye nan rejiman l 'yo, oswa paj, oswa aiduchi, oswa jèn cadets. Nou bwè kafe. Yon moun li voye mouchwa a te pou kont li pandan yon demi ka nan yon èdtan. (...) Ni fanm ni prèt pa janm antre nan palè li. Nan yon mo, Federico te viv san yon tribinal, san yon konsèy ak san yon kil. (...) Sa yo koutim menm etranje, (...) nan paj yo pran plezi ak nan kabinè li yo ak nan sòlda yo dwe pase trant-sis fwa anba ray yo anba fenèt yo nan monak la ki t'ap gade yo, nan diskou moral ak nan lisans unbridled, tout bagay sa yo te fè leve yon foto ra ke kèk moun te konnen lè sa a, epi ki Lè sa a, fwit atravè Ewòp. (...) Kit pou ekonomi, swa pou politik, li pa t 'akòde favè a mwendr favori ansyen l' yo, ak espesyalman nan moun ki te riske lavi yo pou l 'lè li te sèlman chèf kouwòn. [20] "

Deja nan moman sa a yon ti liv te sikile, lavi sa a ki prive nan wa a nan peyi Larisi (nan ki Voltaire te enjisteman akize, byenke Frederick pa janm kwè li), nan ki li te ouvètman ensinue ke wa a te omoseksyèl, tou lis yon lis nan l ' rayisab. [19]

Selon lòt moun, sepandan, rimè sa yo se akòz pwoblèm fizik Federico a, tankou yon operasyon sou pati jenital li soufri tankou yon jenn gason petèt akòz yon maladi, ki ta anpeche l 'soti nan maryaj la fini. [21]

Soti nan ekri Frederick tèt li ak nan deskripsyon Voltaire sou atitid li, osi byen ke nan korespondans ak amitye souveren an ak anpil filozòf anti-klerikal ak anti-relijye tankou Julien Offray de La Mettrie , yon moun kapab tou dedwi yon degoutans sèten nan Frederick pou relijyon kretyen an , espesyalman yon sèl Katolik . Malgre ke ofisyèlman kalvinis , prive eksprime kwayans fèmen nan deism , yo te tou afilye ak masonry , [22] [23] , ki te kòmanse nan mitan lannwit lan ant 14 ak 15 Out 1738 a laj de 26, nan yon lodjya nan Brunswick [24] .

Peyi Wa a (1740-1786)

"Mwen espere ke pitit pitit, pou ki mwen ekri, yo pral kapab distenge nan mwen filozòf la soti nan chèf la, nonm lan nan entegrite nan men politisyen an."

(Federico II)
Ekspansyon nan Peyi Wa ki nan Lapris anba Frederick II (1740-1786).

Lavi militè ke Frederick William te okipe anpil nan fen a te lakòz l 'anpil pwoblèm monte, epi tou li te pran konsiderab pwa. 31 Me 1740, pou satisfaksyon pitit gason l lan, "wa sòlda" te mouri nan chato Potsdam e yo te antere l sou 4 jen nan menm ane a nan legliz la nan menm vil la. [5]

Anvan asansyon li sou fòtèy la, D'Alembert te ekri Frederick: "filozòf ak moun ki gen lèt nan tout peyi yo te toujou sanble ak ou, Sire, osi byen ke peyi yo ak" modèl yo. Se konsa, lè Frederick moute fòtèy la kòm "wa nan Lapris" nan 1740, Lapris fèt nan yon seri de teritwa gaye, ki gen ladan Cleves , Mak ak Ravensberg nan lwès la nan Sentespri Anpi Women an ; Brandenburg la , Pomerania ak Pomerania nan bò solèy leve a nan Anpi a; Te duche a nan lapris mete deyò fwontyè yo Imperial, fwontyè a nan Commonwealth la Polonè-Lithuanian . Li te bay tit la nan wa nan Lapris depi yo te souverènte li fòmèlman soumèt bay sa yo ki an Sentespri Anperè Women an, men li te deklare ke wa a nan lapris soti nan 1772 lè li elaji fontyè yo nan eta yo. [5]

Konfli yo

Batay nan Hohenfriedberg , atak enfantri Prussian, pa Carl Röchling .

Objektif Frederick la lè li rive nan gouvènman an te modènize ak ini byen li yo, vilnerab ak byen lwen youn ak lòt. Li te goumen nan fen lavi l 'kont Habsburgs yo nan Otrich, ki moun ki te kenbe pou syèk kontwòl nan Sentespri Anpi Women an ak anpeche ekspansyonis Prussian. Frederick II reyisi nan bon mezi nan entansyon li a fè ti Prisi senkyèm gwo pouvwa Ewopeyen an, lè l sèvi avèk resous yo ke papa l 'te akimile frugally sou ane yo. [5]

Lagè siksesyon Ostralyen an ak konkèt Silesia

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: lagè a siksesyon Ostralyen .

Sou lanmò Charles VI nan Habsburg sou 20 Oktòb 1740, Frederick te wa pou kèk mwa. Èske w gen mete je l 'sou rejyon an gremesi nan Silesia , li te refize ratifye sanksyon an dogmatik ak siksesyon a konsekan sou fòtèy la Ostralyen nan Maria Teresa . Nan ane pita li te di ke aksyon li yo te motive pa posesyon yon lame ki byen antrene ak rezèv lajan [25] , osi byen ke pa dezi a jwenn yon repitasyon. Anbisyon jivenil li e petèt tou mizogini li te gen yon sèten pwa. Li te tou kalkile ke Larisi ta rete inaktif, akòz rejans lan nan tibebe ki fèk fèt la Ivan VI nan Larisi , e ke lòt eta yo ta tou deplase kont Habsburgs yo ap eseye pran avantaj de sitiyasyon an, tankou Bavaria ak Saxony, ki gen chèf ta eseye fè revandike dwa parante yo ak Habsburgs yo, ak Espay. [26] [27]

Rivalite ki genyen ant Habsburgs yo ak pouvwa Prussian naissant te evidan tou epi ki baze sou rezon evidan nan sipremasi nan teritwa yo nan Anpi an. Li te klèman manifeste nan 1738, lè anperè a te refize rete angaje nan sipòte dwa yo nan Hohenzollern nan siksesyon an nan duche yo Rhenish nan Jülich ak Berg , pandan y ap Lafrans te toujou lènmi an nan Habsburgs yo e konsa yon alye potansyèl de Prussia. , rekonèt yo nan yon trete sekrè nan 1739. [27]

Entansyon Frederick yo te revele nan mitan Desanm, lè yon envazyon rapid nan Silesia te kòmanse san yon deklarasyon fòmèl nan lagè. Li te deklare ke li te fè yo anpeche aksyon menm jan an pa lòt vwazen: Saxon Elektè a te Augustus III nan Polòy ak posesyon nan rejyon an ta pèmèt l 'konekte domèn l' yo. Avanse reklamasyon legalman ki baze sou yon reklamasyon nan Brandenburg Brand date tounen nan 1537, sepandan, depi lontan te rejte, li te bay se konsa kòmanse Premye Lagè a Silesian , ki ka konsidere kòm yon pati nan lagè a lajè nan siksesyon Ostralyen . Li soti nan estrikteman swiv Nymphenburg trete , nan ki Espay ak Lafrans alye ak Bavaria sipòte anbisyon yo Imperial nan Carlo Alberto .

Malgre move tan an trè move, sou Desanm 31 Frederick te nan Breslau, ki gen moun ki rete antouzyasm louvri pòt yo l 'twa jou apre, yon fwa li te klè ke Frederick pa t' mete kanpe yon ganizon la. An reyalite Silesyen yo, sitou Pwotestan, te santi ekonomikman eksplwate pa Habsburgs yo e yo te panse ke yon chanjman nan chèf ta sèvi enterè yo. [26]

Apa de fò yo nan Brieg ak Glogau , pran rejyon an li te fini nan mwa janvye. Lè operasyon rekòmanse nan sezon prentan an, Maria Tereza te vle montre tèt li trè detèmine pou li pran Silezi, malgre preparasyon lame Otrich yo pou gwo echèl batay. Nan dènye ane li yo Eugene nan Savoy te dekouraje fòmasyon jèn jeneral nan kalib, rival potansyèl yo, ak nan administrasyon òdinè nan lame a li pa te ekspoze menm kalite yo demontre sou chan batay la. Malgre sa, gè geriya a avèk siksè ke ti inite Ostralyen yo te pote soti te anmande Prussians yo ase pou mande pou prezans wa a. 9 Mas, sepandan, dènye rezistans Glogau te tonbe tou. [26]

Yon lame sou 20,000 moun ki te dirije pa von Neipperg te deplase ak devan yo nan amelyorasyon tan, lòtbò rivyè a Neisse 5 avril. Menas pou l te koupe liy kominikasyon li yo te fòse Frederick nan premye batay li te moute kòm kòmandan an chèf nan Mollwitz , nan 10 avril 1741. Tou de bò yo te fè plizyè erè, men gras a siperyorite enfantri a ak lidèchip von Schwerin, siksè li te souri Prussians yo. Frederick sou konsèy Count Schwerin te an reyalite abandone chan batay la lè sò l 'te ensèten, depi kavalye Ostralyen an te bat Prussian bò dwat la, e li te prèske kaptire. Enèjik, men toujou san eksperyans, Frederick trezò leson an, konprann enpòtans ki genyen nan zam ak valè a nan enfantri trè antrene l 'yo, ki li pita sibi petèt sakrifis twòp. [5]

Yon alyans ak Lafrans te fòmalize ak Trete Wroclaw nan 5 jen ak lame franse a janbe lòt Rhine a nan mitan mwa Out, yo rantre nan Danube a ak yon sèl la Bavarian. Kont Otrich rasanble tou Espay, Saxony ak Bavaria, pandan y ap Grann Bretay ak Repiblik la nan sèt pwovens yo Etazini alye tèt yo ak Otrich, prensipalman debat franse yo. Peyi Wa ki nan Sardinia goumen premye nan kowalisyon an anti-Habsburg ak Lè sa a, chanje kote, menm jan ak rès la tou Saxony. Lagè a te goumen nan Bohemia, Almay ak Fland . [5]

Franse ak Bavarian penetre soti nan lwès la osi lwen ke Bohemia, rive nan Prag sou 26 Novanm 1741. Elektè a Bavarian te tèt li kouwone anperè kòm Charles VII sou li a, 24 janvye 1742. Reyaksyon an Ostralyen te fò: yon apèl pèsonèl Maria Teresa leve soti vivan yon 'antouzyastik leve en masse nan Ongri ak twoup yo sanble pa von Khevenhüller te okipe menm Monaco nan Bavaria, mal defann, nan jou yo nan koronasyon an nan Charles. [5]

Frederick, ki moun ki te sèlman enterese nan sekirite posesyon an nan Silesia epi yo pa demantèlman nan dominasyon Habsburg yo pou benefis nan Saxony oswa Bavaria, te pandan se tan antre nan yon trezye sekrè ak Ostralyen yo ak te dedye tèt li ranfòse kavalye a Prussian, yon ti jan neglije pa papa l 'ak ki moun ki nan ane sa yo li pral vin yon faktè desizif pou viktwa anpil Prussian. Maria Teresa, yo nan lòd yo dekole alyans rival li, piblikman denonse Trèv la. Demann alye yo te fòse Frederick tounen nan aksyon, selon yon plan konbine. Federico Penetration nan sid, men san yo pa menase dirèkteman prensipal fòs yo Ostralyen ki te dirije pa Charles Alexander nan Lorraine . Inite ki pi avanse nan fòs yo Prussian te rive tou pre Vyèn, men Lè sa a, wete kò yo nan fè fas a menas la ke yo te koupe soti nan Silesia. Saxons yo, mekontantman ak demoralize, nan vire retrete nan domèn yo. [5]

Nan mwa me 1742, sepandan, Frederick vire fè fas a fòs yo Ostralyen ankouraje l ', fè batay ak Chotusitz sou 17 me. Apre yon seri de eklatman feròs ant kontenjan apeprè ekivalan ak pèt la nan yon ka nan 60,000 gason yo sou teren an, viktwa a rive nan Prussians yo. Frederick te reyisi nan enpoze akizisyon definitif la nan Silesia nan trete a nan Breslau nan mwa jen, ki konkli faz sa a nan lagè a, ak libere nan konfli a.

Jèn pòtrè Frederick II.

I rovesci franco-bavaresi dell'anno successivo, culminati nella sconfitta di Dettingen , lo preoccuparono grandemente. Temeva infatti che la cosiddetta "Armata Pragmatica" guidata da Giorgio II ei russi si sarebbero volti contro di lui. Tali timori svanirono in buona misura grazie all'"affare Lopukhina", in cui emerse un presunto coinvolgimento degli austriaci in quello che sarebbe stato un complotto per rovesciare Elisabetta di Russia : in realtà si trattava di una montatura organizzata da agenti francesi che mirava a screditare il cancelliere filoaustriaco Bestužev . Tali accadimenti allentarono però momentaneamente l'alleanza austro-russa.

Maria Teresa era preoccupata dalla minaccia potenziale costituita da Federico a nord, così grazie alla mediazione inglese e alla cessione di territori nell'Italia settentrionale si assicurò la stabilità sul fronte meridionale e l'alleanza dei Savoia col trattato di Worms . Questo portò Federico a riallearsi segretamente coi francesi nel giugno del 1744. Una volta che il principe di Lorena ebbe attraversato il Reno con il contingente austriaco principale, il 15 agosto 1744 Federico si mosse ad occupare la Boemia, con una rapidità che gli austriaci non avevano considerato, dando inizio alla seconda guerra di Slesia . Penetrando con tre colonne distinte che puntavano tutte verso Praga, la mise sotto assedio il 2 settembre. Occupatala in meno di una settimana, si mosse verso sud con il grosso delle forze. Tuttavia il principe Carlo poté ritirarsi con relativa tranquillità dal fronte occidentale per fare fronte alla minaccia, dato che le forze francesi rimasero paralizzate anziché approfittare della situazione, molto probabilmente a causa del vaiolo che aveva colpito Luigi XV. Le forze austriache di Lorena e Traun e gli irregolari ungheresi manovrarono contro i prussiani, che dovettero ritirarsi subendo gravi perdite in diversi scontri minori. Gli austriaci non riuscirono però a rimettere piede in Slesia, mentre Luigi XV si riprese e con lui l'esercito francese. [5]

A Varsavia nel gennaio 1745 Austria, Gran Bretagna, Repubblica delle Sette Province Unite e Sassonia rinnovarono l'alleanza. Seguì di pochi giorni la morte di Carlo VII. La Baviera era allo sbando e il 22 aprile abbandonò la guerra siglando la pace di Füssen .

Federico si trovò isolato, non potendo contare sull'intervento della Francia, concentrata sul fronte olandese, dove Maurizio di Sassonia coglieva una grande vittoria a Fontenoy . Si preparò così all'inevitabile invasione della Slesia.

Un esercito di austriaci e sassoni comandato dal principe di Lorena, di cui Federico aveva poca stima, si mosse a rioccupare la regione. Federico aveva previsto in buona misura le manovre avversarie e si mosse per attaccare di sorpresa il contingente sassone a Hohenfriedberg , dopo una marcia notturna, il 4 giugno. Benché non tutto andasse secondo i piani, una carica di dragoni prussiani, nello spirito aggressivo che Federico aveva instillato nelle sue truppe, travolse la fanteria austriaca, priva di copertura di cavalleria e abbandonata dai sassoni. La vittoria fu decisiva e contribuì grandemente alla fama di Federico, venendo celebrata dalla Hohenfriedberger Marsch .

Un ultimo scontro si ebbe a Soor il 30 settembre, dove Carlo di Lorena, pur avendo ben manovrato per cogliere di sorpresa e in superiorità numerica un contingente prussiano, venne sconfitto grazie all'aggressività della fanteria, con un assalto guidato dal principe Ferdinando di Brunswick-Wolfenbüttel .

Malgrado le sconfitte, Maria Teresa non intendeva accettare la perdita della Slesia e manovrava per isolare Federico da Francia e Russia. A tali manovre diplomatiche Federico rispose invadendo con due colonne la Sassonia, alleata degli Asburgo, e puntando verso la capitale Dresda. Poco lontano da essa, a Kesselsdorf , l'esperto principe Leopoldo I di Anhalt-Dessau inflisse una dura sconfitta alle forze alleate, malgrado una certa inferiorità numerica e di posizione iniziale. L'occupazione di Dresda portò alla pace tra Austria, Sassonia e Prussia, con il trattato di Dresda siglato nel Natale del 1745. In cambio della sovranità sulla Slesia, Federico riconobbe il consorte di Maria Teresa, Francesco I di Lorena , come Imperatore.

La guerra di successione austriaca si concluse definitivamente solo nel 1748 con il Trattato di Aquisgrana , con il quale l'Austria ottenne il riconoscimento della Prammatica Sanzione da parte delle monarchie coinvolte. Essa segnò anche l'inizio del declino della potenza coloniale francese, che fu costretta ad importanti concessioni in Nord America .

L'acquisizione della Slesia (ad eccezione della Slesia austriaca , che continuò ad essere un possedimento imperiale) ebbe un'importanza cruciale: questa regione non solo era grande quanto un quarto della Prussia del tempo, ma era ricca di terre fertili, differenti da quelle sabbiose del Brandeburgo , e di miniere, oltre ad avere una popolazione di un milione di abitanti (la metà di quella prussiana).

La guerra dei sette anni

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra dei sette anni .
Federico II di Prussia prima della battaglia di Torgau , 1760.

L'Austria non si era rassegnata alla perdita del territorio della Slesia e alleandosi con la Francia e la Russia mirò ad accerchiare la Prussia. La repentina alleanza di queste potenze fu anche causata dal fatto che la Prussia aveva firmato un'alleanza, soprattutto difensiva, con la Gran Bretagna, mediante la quale si riprometteva di difendere l' Hannover da attacchi esterni. Federico II, sentendosi circondato e aspettandosi un'invasione della Slesia, preferì agire di anticipo e diede inizio nella tarda estate del 1756 alla fase terrestre della cosiddetta Guerra dei sette anni , dopo una dichiarazione formale di guerra tra Gran Bretagna e Francia a maggio e la battaglia di Minorca .

Sul fronte prussiano la guerra ebbe uno svolgimento strategico ciclico: all'inizio di ogni anno la Prussia si ritrovava infatti ad avere a che fare con forze numericamente superiori, mentre al termine dell'anno la grande strategia federiciana riportava con una battaglia la situazione alla stabilità.

Federico invase la Sassonia, alleata dell'Austria benché formalmente neutrale, con lo scopo di metterla fuori gioco e utilizzarne le risorse. Intendeva inoltre penetrare nella ricca pianura boema con lo scopo di trovare quartiere per l'inverno e una posizione favorevole per marciare su Vienna nella bella stagione. Tuttavia il suo piano fu contrastato dagli austriaci guidati dal feldmaresciallo Browne , che si stava muovendo per portare soccorso alle forze sassoni. Intercettato a Lobositz , pur formalmente sconfitto nel primo scontro terrestre della guerra costrinse Federico a ritirarsi in Sassonia.

L'esercito prussiano riprese l'offensiva nell'estate seguente. Rischiosamente diviso in quattro colonne penetrò in Boemia, puntando verso Praga. Qui Federico vinse un sanguinoso scontro il 6 maggio, ponendo l'assedio alla città in mancanza delle forze necessarie ad un assalto diretto. L'armata austriaca guidata dal conte Von Daun , che era troppo in ritardo per partecipare allo scontro di maggio ma si era arricchita degli sbandati e minacciava le linee di rifornimento di Federico, lo costrinse dare battaglia a Kolín , attaccando in inferiorità numerica le forze austriache attestate in posizione superiore. Fu una grave sconfitta, che costrinse i prussiani alla ritirata.

Ad est i russi avevano intanto conquistato la fortezza di Memel, mentre con molto opportunismo la Svezia aveva dichiarato guerra e invaso la Pomerania.

La situazione era critica e Federico era ormai accerchiato. Egli tuttavia sfruttò una certa mancanza di iniziativa di russi ed austriaci (che pure in un'incursione erano arrivati a Berlino, rischiando di catturare la famiglia reale), manovrando per linee interne con marce forzate ed attaccando l'esercito franco-austriaco guidato da Soubise e da Giuseppe Federico di Sassonia-Hildburghausen , penetrato in Turingia. Colse così a novembre la grande vittoria di Roßbach , in seguito alla quale la Francia si disimpegnò in pratica dalla fase orientale del conflitto. Si volse quindi contro gli austriaci penetrati in Slesia, che batté un mese dopo a Leuthen con forze nettamente inferiori. Le due vittorie sono considerate storiche e contribuiscono alla sua fama di condottiero.

La guerra ebbe in seguito un andamento incerto. Nell'agosto del 1758 con un cruento scontro a Zorndorf Federico riuscì a far ripiegare i russi in Polonia, a prezzo di pesanti perdite. Nell'agosto del 1759 subì forse la sua più pesante sconfitta a Kunersdorf , che lo portò addirittura a pensare al suicidio. Gli austro-russi vincitori, a loro volta provati da pesanti perdite, non sfruttarono però la chiara vittoria.

Malgrado l'esercito prussiano fosse ridotto allo sfinimento, Federico l'anno successivo riuscì a ottenere due vittorie contro gli austriaci, poco assistiti dai russi, a Liegnitz/Legnica e soprattutto a Torgau in dicembre. In uno degli scontri più sanguinosi della guerra giocò un ruolo risolutivo, prima nel male e poi nel bene, il generale von Zieten .

Malgrado il sostegno economico inglese, la situazione appariva comunque compromessa per la Prussia, che aveva perso anche il suo ultimo porto, Kolberg , ed era ridotta a cercare di rallentare l'inesorabile avanzata russa razziandone i magazzini in Polonia. Agli inizi del 1762 la morte della zarina Elisabetta , acerrima avversaria, causò però l'ennesimo stravolgimento del conflitto. Infatti il suo successore Pietro III era un grande ammiratore di Federico e intendeva attaccare la Danimarca, essendo un discendente degli Holstein-Gottorp . Malgrado l'esercito russo si trovasse alle porte di Berlino, non esitò ad uscire dalla guerra e perfino ad allearsi col re prussiano tramite il trattato di San Pietroburgo del maggio 1762, fornendogli un contingente di truppe. Grazie alla mediazione di Pietro anche la Svezia abbandonò la lotta.

Ciò capovolse in pratica le sorti della guerra. Malgrado la congiura ordita da Caterina avesse posto fine al regno di Pietro pochi mesi dopo, ella si limitò a denunciare il trattato senza avere il tempo di riprendere le ostilità contro la Prussia. Grazie alla presenza delle truppe russe, che pure non presero parte alla battaglia, Federico riuscì infatti a costringere gli austriaci a un ultimo scontro il 21 luglio 1762 a Burkersdorf , dal quale uscì vittorioso. Viste anche le sconfitte decisive dei francesi ad opera degli inglesi, iniziarono quindi i negoziati di pace tra le potenze europee, oramai esaurite dall'aspro conflitto.

Il 10 febbraio 1763 fu firmata la pace di Parigi tra la Francia e la Gran Bretagna, con la quale quest'ultima si impadroniva di gran parte dell'impero coloniale della rivale. Il 15 febbraio nel Palazzo di Hubertusburg anche Prussia e Austria sottoscrissero un trattato di pace . In Europa a seguito della guerra non era cambiato pressoché nulla: la Slesia infatti rimase alla Prussia, che vedeva così riconosciuto il suo ruolo di potenza europea. Nel 1772 la Prussia stipulò con la Russia e l'Austria un accordo per la spartizione di una parte del territorio polacco .

Difesa delle conquiste e rafforzamento dello stato

Federico II nel 1763

Federico II passò il resto della sua vita a difendere quel territorio che in quasi trent'anni di guerre era riuscito a conquistare. La sua salute, già insidiata dalla gotta , ricevette un duro colpo nel 1785 quando, durante un'ispezione in Slesia, per dare un esempio ai suoi soldati rimase sei ore a cavallo sotto la pioggia. Fu colpito anche da un ictus , ma si riprese e continuò a lavorare nel suo castello di Sans-Souci a Potsdam. [5]

Agli occhi dei contemporanei Federico II apparve come il più tipico esempio di "sovrano illuminato". A dargli questa fama non furono solo il suo impegno personale come scrittore di opere storiche e politiche (scritte in francese ) e la sua amicizia e corrispondenza con Voltaire e altri philosophes , ma anche le riforme in campo giudiziario ed educativo che attuò durante il suo regno. Per primo in Europa infatti, nel 1763, il re di Prussia introdusse l'istruzione elementare obbligatoria che, anche se fu la sua unica vera riforma in merito, fu comunque molto innovativa per quei tempi. [5]

Altro grande successo in materia fu l'aver portato l' Accademia di Berlino da uno stato di decadimento totale ad uno di grande splendore, sia grazie all'introduzione di dotti illuministi francesi (anche se a scapito dei maestri tedeschi che, pur essendo in certi casi più preparati, non venivano comunque ammessi), sia attraverso la modernizzazione dei piani di studi, portata avanti grazie all'abolizione di materie antiquate e all'inserimento di nuove. Nell'Accademia, tra l'altro, vigeva una completa libertà di opinione, cosa, anche questa, rivoluzionaria per quell'epoca. Fu un grande appassionato di musica e un buon compositore di sinfonie e musiche da camera; fondò una cappella musicale a Berlino e la capitale divenne il principale centro musicale germanico. [5]

Semplificò anche il sistema giudiziario, approntando un codice di procedura e un codice civile (1754-51 - ma l'opera di uniformazione sarà completata solo nel 1781) che introdussero il moderno stato di diritto , promossero la formazione di una magistratura di carriera, snellirono i processi, abolirono la tortura e riconobbero maggiori diritti all'accusato. Intervenne anche in materia economica , favorendo lo sviluppo delle attività manifatturiere e l'incremento della colonizzazione contadina delle province orientali, riuscendo a far trasferire in Prussia circa 500 000 nuovi abitanti, corrispondenti a poco più di 57 000 famiglie. [5]

Grande successo ebbe la sua riforma agraria, che permise, grazie all'introduzione dei magazzini statali, di evitare le carestie, nutrire i soldati durante le campagne evitando i saccheggi, e di controllare il prezzo del grano, rendendolo così non più dipendente dal sistema monetario olandese. Fu Federico II di Prussia, tra l'altro, ad introdurre la patata nell'alimentazione tedesca, prima della guerra dei sette anni (1756). Incentivò la coltura del tubero in grazia del suo elevato rendimento: questo gli permise di poter nutrire tutti i suoi soldati nelle campagne belliche a venire. Inoltre migliorò le tecniche di coltivazione, bonificò e disboscò numerosi terreni, aumentando così notevolmente la produzione agricola. Per quanto riguarda il settore industriale, egli riuscì prima di tutto a portare le industrie già esistenti (come quelle della seta e della lana ) da livelli di scarsa produttività a un buono stato di prosperità; inoltre gettò le basi di nuovi rami industriali che ebbero grande sviluppo in seguito, come l' industria mineraria in Slesia . Portò inoltre il livello di produzione all'incirca a 29 milioni di talleri l'anno e trasformò il bilancio statale da passivo ad attivo, con un surplus di 3 milioni di talleri annuali.

Federico II in tarda età.

In campo commerciale, egli cercò di limitare al massimo l'importazione di prodotti da paesi stranieri, principalmente dalla Sassonia, ristabilendo antiquati sistemi di tariffe doganali sull'Elba, ma nel complesso ebbe uno scarso successo. Ne ebbe molto invece il suo tentativo di valorizzare l' Oder , unico fiume che scorreva interamente in Prussia per tutto il suo tratto navigabile: esso infatti fu liberato da antichi diritti di scalo e altri ostacoli al traffico, ne fu regolata la corrente e drenato l'estuario; a ciò si aggiunse anche la costruzione di numerosi canali che unirono tra di loro i fiumi. Tutto questo, senza dubbio, incoraggiò il commercio, quanto meno nella parte orientale del paese.

Infine, nell'ambito fiscale, riuscì a rendere la moneta prussiana indipendente dai mercati esteri (in particolare da quello olandese) grazie alla creazione di una Banca di Stato , ea creare una solida riserva nelle casse statali (più di 51 milioni di talleri, quando al momento della sua ascesa al trono non superava i 10 milioni). Federico fu anche un monarca illuminato e, oltre che in ambito giudiziario, questo si fece sentire anche in campo religioso, ove egli introdusse i principi di tolleranza, dandone prova in diverse occasioni, come quando diede asilo ai Gesuiti o quando donò ai cattolici la cattedrale di Sant'Edvige , e in ambito politico, dove allontanò i nobili dall'amministrazione pubblica e cercò di migliorare le condizioni di vita dei contadini, riuscendovi nei domini statali, ma meno nei feudi signorili.

Ma naturalmente, come i sovrani prussiani prima e dopo di lui, potenziò notevolmente l'esercito. Esso assorbiva l'80% delle finanze dello Stato. Immettendo nelle gerarchie più alte dell'apparato militare elementi appartenenti alla nobiltà, Federico riuscì nell'impresa di trasformare la nobiltà in un' aristocrazia militare profondamente legata al suo principe. [5] Federico II quindi si preoccupò di rafforzare la macchina bellica prussiana riuscendo a portarla alla fine del suo regno ad un totale di 195 000 soldati. Egli potenziò anche la struttura burocratica che manteneva l'esercito. Curò in modo particolare l' artiglieria a cavallo, un corpo militare da lui stesso costituito; tra i suoi ammiratori anche Napoleone Bonaparte che ne riconobbe le qualità di condottiero e ne apprezzò gli insegnamenti strategici [28] .

Secondo Federico il maggior segreto nella condotta di una guerra era di "affamare l'avversario", cioè di tagliarlo fuori dai rifornimenti e di scegliere un terreno particolarmente favorevole per annientarlo in una battaglia campale. Federico II è stato ricordato come un instancabile lavoratore, un grande condottiero militare e come un uomo colto e intelligente. Egli aspirò a essere un "sovrano illuminato" così come voleva Voltaire, ma il pensatore illuminista, dopo aver fatto visita a Federico in Prussia, si rese conto che il re non stava agendo come, secondo lui, avrebbe dovuto agire un vero sovrano illuminato (ad esempio l'eccessiva militarizzazione della Prussia voluta da Federico, era giudicata negativamente da Voltaire). Alla fine, anche per l'atteggiamento dispotico che Federico aveva assunto e per la guerra dei sette anni , Voltaire non ebbe rapporti col re per molti anni (nel Candido traccia un sarcastico e breve ritratto del sovrano), ma alla fine tornarono a scambiarsi numerose lettere, in cui spesso discutevano di filosofia e di politica. [29]

Gli ultimi anni

Anton Graff, Federico II a 68 anni
Il corpo di Federico II fu posto in una tomba presso quella del padre Federico Guglielmo I .
Napoleone volle rendere omaggio al sepolcro di Federico; dicendo ai Marescialli di Francia presenti : «Giù il cappello, signori: se fosse ancora vivo non saremmo qui».
Tomba di Federico II a Sanssouci .

Vicino alla fine della sua vita Federico divenne sempre più solitario. Il suo circolo di amici a Sans Souci si era gradualmente esaurito e Federico iniziò a divenire critico ed arbitrario. La popolazione di Berlino, del resto, continuava ad inviargli richieste perché egli facesse ritorno in città dalla campagna, ma il re preferiva rimanere da solo nella residenza che più di ogni altre prediligeva [30] . La sua salute, ormai malferma, peggiorò e, Federico morì sulla poltrona del suo studio il 17 agosto 1786, dopo 46 anni di regno, all'età di 74 anni. [5]

Federico era un grande appassionato di levrieri e ne possedeva due italiani di colore grigio. Alla sua morte egli lasciò per iscritto di essere sepolto vicino a loro, sul terreno comune, presso la loggia del castello di Sans Souci . Suo nipote e successore Federico Guglielmo II , invece, ordinò che il suo corpo venisse posto in una tomba presso quella del padre, nella chiesa della guarnigione e della corte di Potsdam . Vent'anni dopo, nell'ottobre 1806, Napoleone , che aveva invaso la Prussia, volle rendere omaggio al sepolcro di Federico; in tale occasione disse agli ufficiali che lo accompagnavano: «Giù il cappello, signori: se fosse ancora vivo non saremmo qui». [2]

Durante la seconda guerra mondiale i sepolcri di Federico II e del padre vennero trasferiti dapprima in un bunker sotterraneo, poi presso Bernrode per proteggerli dai bombardamenti. Nel 1945 l'armata americana trasportò i corpi dei re alla Elizabethkirche di Marburgo e quindi al Castello di Hohenzollern presso Hechingen . Dopo la riunificazione della Germania, il corpo di Federico Guglielmo venne sepolto nel mausoleo dell'Imperatore Federico presso la Chiesa della Pace di Sanssouci.

Vi fu quindi un dibattito sulla figura di Federico II, che pure da alcuni era considerato negativamente in quanto usato anche come simbolo di potenza e vittoria dal regime nazista , il quale aveva fatto largo uso della sua figura a scopo di propaganda politica ( Hitler aveva inoltre una copia del famoso ritratto di Federico eseguito da Graff nel suo ufficio), considerandolo il precursore del nazionalismo e del militarismo fatti propri del nazionalsocialismo , (ignorando il fatto che il nazionalismo viveva in molti altri Paesi da secoli) più che il sovrano illuminista .

Un primo segnale di rivalutazione, nell'ambito della riscoperta delle radici nazionali tedesche anche da parte della DDR , avvenne nel 1987 col ritorno della statua equestre di Federico sulla Unter den Linden , decisa da Honecker [31] nel 750° anniversazio della città di Berlino. Dopo la caduta del Muro, poi, malgrado numerose proteste, ebbe luogo un evento ancor più significativo: nel 205º anniversario della sua morte, il 17 agosto 1991, la bara di Federico venne posta al centro della corte d'onore del Palazzo di Sanssouci , coperta da bandiere prussiane e scortata dalla guardia d'onore della Bundeswehr [32] . Calata la notte, il corpo venne infine interrato secondo la sua volontà sul margine orientale della terrazza superiore di Sans Souci, senza celebrazioni particolari come egli stesso aveva voluto.

Scritti di Federico II

Federico II fu autore di diverse opere di saggistica filosofico-politica, tutte scritte in francese:

  • Considerazioni sullo stato presente dei corpi politici dell'Europa (1737)
  • L'Antimachiavelli (1739)
  • Storia dei miei tempi
  • Storia della guerra dei sette anni
  • Della letteratura tedesca
  • Testamento politico (1752)
  • Secondo testamento politico (1769)
  • Corrispondenza tra Voltaire e il Re di Prussia

Federico II nella cultura di massa

  • Der große König (1942), di Veit Harlan e tutta la serie di film a lui dedicata che vanno sotto la dizione popolarmente conosciuta come Fridericus-Rex-Filme .
  • Federico II è rappresentato come il "Re dei Bulgari" in Candido di Voltaire .
  • Federico è il soggetto di un sonetto critico di Vittorio Alfieri (che lo aveva conosciuto di persona come narra nella Vita scritta da esso ), Il gran Prusso tiranno, al qual dan fama , scritto in occasione della morte del re, in cui è descritto come un sovrano diviso tra Marte (la guerra) e Pallade (la sapienza).

Ascendenza

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Federico Guglielmo di Brandeburgo Giorgio Guglielmo di Brandeburgo
Elisabetta Carlotta di Wittelsbach-Simmern
Federico I di Prussia
Luisa Enrichetta d'Orange Federico Enrico d'Orange
Amalia di Solms-Braunfels
Federico Guglielmo I di Prussia
Ernesto Augusto di Brunswick-Lüneburg Giorgio di Brunswick-Lüneburg
Anna Eleonora di Assia-Darmstadt
Sofia Carlotta di Hannover
Sofia del Palatinato Federico V del Palatinato
Elisabetta Stuart
Federico II di Prussia
Ernesto Augusto di Brunswick-Lüneburg Giorgio di Brunswick-Lüneburg
Anna Eleonora di Assia-Darmstadt
Giorgio I del Regno Unito
Sofia del Palatinato Federico V del Palatinato
Elisabetta Stuart
Sofia Dorotea di Hannover
Giorgio Guglielmo di Brunswick-Lüneburg Giorgio di Brunswick-Lüneburg
Anna Eleonora di Assia-Darmstadt
Sofia Dorotea di Celle
Éléonore d'Esmier d'Olbreuse Alexandre II d'Esmier d'Olbreuse
Jacquette Poussard de Vandré

Onorificenze

Onorificenze prussiane

Gran Maestro dell'Ordine dell'Aquila Nera - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dell'Aquila Nera
Gran Maestro dell'Ordine Pour le Mérite - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Pour le Mérite
Gran Maestro dell'Ordre de la Générosité - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordre de la Générosité

Onorificenze straniere

Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia)
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 23 novembre 1752

Note

  1. ^ Citato in Alessandro Barbero , Federico il Grande , Sellerio, Palermo, 2011.
  2. ^ a b c Federico II il Grande di Prussia, “il Re filosofo”
  3. ^ G.Ritter, Federico il Grande , pp. 176-184.
  4. ^ Il soprannome diede il titolo a due film biografici su Federico diretti nel 1928 da Gerhard Lamprecht
  5. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s Voce Federico II il Grande sulla Treccani
  6. ^ a b Barbero , p. 42 .
  7. ^ a b Barbero , p. 44 .
  8. ^ a b Suo padre era considerato il ciccione , e Federico anelava alla sua morte. Una volta sembrò che stesse per succedere, ma il padre si riprese. Nello stesso periodo morì un altro principe tedesco e Federico scrisse: «Il Duca di Brunswick, essendo un uomo d'onore, ha avuto la decenza di crepare al contrario di qualcun altro». (in Federico il Grande , di Alessandro Barbero ).
  9. ^ Barbero , p. 45 .
  10. ^ Giles MacDonogh, Frederick the Great: A Life in Deed and Letters. , New York, 2001, St. Martin's Griffin, pag. 35, ISBN 0-312-27266-9
  11. ^ Reiners, p. 33
  12. ^ a b Crompton
  13. ^ L'episodio viene narrato nel film del 1935 I due re di Hans Steinhoff , film che fa parte del ciclo Fridericus-Rex-Filme dedicato alla figura del re prussiano
  14. ^ L'antimachiavelli , capitolo XX
  15. ^ Commento a L'antimachiavelli , pag. 150, di N. Carli, 1995
  16. ^ Federico il Grande, di Alessandro Barbero
  17. ^ L. Reiners, Frederick the Great , New York, 1960
  18. ^ JD Steakley, Sodomy in Enlightenment Prussia , Journal of Homosexuality, 16, 1/2 (1988): 163–175
  19. ^ a b SW Henderson, Frederick the Great of Prussia: a homophile perspective , Gai Saber; 1,1 (1977): 46–54.
  20. ^ Voltaire, Memorie per servire alla Vita del signor Voltaire, scritte da lui medesimo , pagg. 8-11; 31-35
  21. ^ Louis Leo Snyder, Frederick the Great , pp. 132–136
  22. ^ Arthur Edward Waite, A New Encyclopedia of Freemasonry, Volume I , Cosimo, Inc., 2013, pp. 287–8.
  23. ^ James Van Horn Melton, The Rise of the Public in Enlightenment Europe , Cambridge University Press, 2001, p. 267.
  24. ^ Lessing - Herder , Dialoghi per massoni , Milano, Bompiani, 2014, p. 346, nota 152.
  25. ^ il padre gli aveva lasciato otto milioni di talleri in oro, custoditi nel palazzo reale
  26. ^ a b c Showalter, 2012 , cap.II .
  27. ^ a b Clark, 2006 , cap.VII - Struggle for Mastery .
  28. ^ D.Chandler, Le campagne di Napoleone , vol.. 1, pp. 207-208.
  29. ^ Oeuvres complètes de Voltaire, Volume 7, Page 184
  30. ^ Ritter, p. 200
  31. ^ Sin dal 1985 il capo della SED aveva propiziato una "revisione storiografica" volta a cogliere elementi "di socialismo" in Martin Lutero e, appunto, in Federico di Prussia.
  32. ^ L'ultimo viaggio di Federico il Grande L'Unità, 17 agosto 1991 .

Bibliografia

  • Alessandro Barbero , Federico il Grande , Sellerio editore, Palermo, 2007, ISBN 88-389-2225-X .
  • Christopher Clark, Iron Kingdom, The Rise and Downfall of Prussia, 1600-1947 , Penguin, 2006, ISBN 978–0–141–90402–3 .
  • Dennis Showalter, Frederick the Great: A Military History , Casemate Publishers, 2012, ISBN 978-1-78303-479-6 .
  • Franz Kugler, Federico il Grande , Collana Figure e Avvenimenti, Edizioni Elettra, Milano, 1936
  • WF Reddaway, Federico il Grande , trad. Angiolina Alessio, Corbaccio, Milano, 1939; Dall'Oglio Editore, Milano, 1953-1968
  • Federico il Grande.Soldato, Statista, Pensatore. Brani scelti dai suoi scritti raccolti da Franz Riedweg , Tumminelli, Roma, 1941
  • Emilio Canevari, Federico il Grande , Mondadori, Milano, 1944
  • Emilio Franzina, Federico il Grande , Collana I Protagonisti della civiltà, Edizioni Futuro, 1965
  • Gerhard Ritter , Federico il Grande , trad. Flora Negri Tedeschi, Nuova collana storica, Il Mulino, Bologna, 1970; Collana Biblioteca Storica, Il Mulino, 2000
  • Nancy Mitford , Federico il Grande , Collana Fatti e Figure, CDE, Milano, 1973
  • Thomas Mann , Federico e la grande coalizione. Un saggio adatto al giorno e all'ora , Collezione Biblioteca, Studio Tesi, Pordenone, 1986; Treves Editore, 2006
  • Wolfgang Venohr , Federico il Grande, re di Prussia , trad. A. Sartirana, Collezione Storica, Garzanti, Milano, 1988, ISBN 978-88-116-9395-6
  • Theodor Schieder , Federico il Grande , Collana Biblioteca di cultura storica n.177, Einaudi, Torino, 1989
  • Federico il Grande, Elogio di Voltaire e altri scritti , Il Minotauro, 1995
  • Im Hof, L'Europa dell'Illuminismo , Laterza, Roma, 2005
  • Giuseppe Bardone, "Federico II <Il Grande> Concerti per flauto, archi e basso continuo flautista K. Redel Pro Arte di Monaco direttore Kurt Redel PHILIPS 9502 058" in RIVISTA MUSICA 1982

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Predecessore Re in Prussia Successore Flag of the Kingdom of Prussia (1701-1750).svg
Federico Guglielmo I 1740 - 1772 Titolo cambiato in Re di Prussia
Predecessore Re di Prussia Successore Flag of the Kingdom of Prussia (1701-1750).svg
Titolo cambiato da Re in Prussia 1772 - 1786 Federico Guglielmo II
Predecessore Principe elettore di Brandeburgo Successore Flag of Brandenburg.svg
Federico Guglielmo I 1740 - 1786
come Federico IV
Federico Guglielmo II
Predecessore Arci-ciambellano del Sacro Romano Impero Successore Banner of the Holy Roman Emperor (after 1400).svg
Federico Guglielmo I 1740 - 1786 Federico Guglielmo II
Predecessore Principe di Neuchâtel Successore Neuchatel-coat of arms.png
Federico Guglielmo I 1740 - 1786 Federico Guglielmo II
Predecessore Principe della Frisia orientale Successore Flag of East Frisia.svg
Carlo Edzardo 1744 - 1786 Unito ai domini della Corona di Prussia
Controllo di autorità VIAF ( EN ) 12303200 · ISNI ( EN ) 0000 0001 2120 7885 · SBN IT\ICCU\RAVV\013429 · LCCN ( EN ) n80056902 · GND ( DE ) 118535749 · BNF ( FR ) cb11886351h (data) · BNE ( ES ) XX1066275 (data) · ULAN ( EN ) 500214602 · NLA ( EN ) 35104552 · BAV ( EN ) 495/17921 · CERL cnp01261252 · NDL ( EN , JA ) 00532753 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n80056902