Fabrizio De André

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou albòm yo an menm non yo, gade Fabrizio De André (disambiguation) .
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - "De André" refere isit la. Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade De André (disambiguation) .
Fabrizio De André
Fabrizio De André 1977.jpg
Fabrizio De André nan 1977
Nasyonalite Itali Itali
Kalite Mizik otè [1] [2] [3]
Chansad [4]
Folk
Peryòd aktivite mizik 1961 - 1998
Enstriman vwa , gita , mandolin , bouzouki , banjo [5] , Harmonica [6]
Mete etikèt sou Karim
Dosye Bluebell
Libète
Pwodiktè ki asosye yo
Disk Mémwa
Pibliye albòm 41
Etid 14
Viv 7
Soundtracks 1
Koleksyon 19
Travay odyovizyèl 2
Logo ofisyèl
Sit ofisyèl
Siyati Fabrizio De André

Fabrizio Cristiano De André , ke yo rekonèt kòm Fabrizio De André ( Genoa , 18 fevriye 1940 - Milan , 11 janvye 1999 ), li te genyen yon Italyen chantè an-- .

Konsidere kòm youn nan pi enpòtan, enfliyan ak inovatè konpoziteur Italyen, [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] se tou li te ye nan non an li nan Faber ke zanmi l ' Paolo Villaggio ba l', ak referans a predileksyon l 'pou pastèl Faber-kastèl la ak kreyon, osi byen ke pou asonans la ak non l' yo. [18]

Nan prèske karant ane nan aktivite atistik, De André te anrejistre katòz albòm estidyo , plis kèk chante pibliye sèlman kòm selibatè ak Lè sa a, reedite nan antoloji. Anpil tèks nan chante l 'yo rakonte istwa sou majinalize , rebèl yo ak fanm movèz vi yo , epi yo konsidere pa kèk kritik yo dwe powèm vre, [19] tèlman yo ke yo te enkli nan divès kalite antoloji eskolè nan literati depi nan kòmansman ane swasant yo [20] [ 21] ak resevwa lwanj menm nan men gwo non nan pwezi tankou Mario Luzi . [22]

Pou rezon sa a, Fabrizio De André konsidere tou kòm youn nan pi gwo powèt Italyen nan ventyèm syèk la kòm byen ke yon figi referans nan panorama mizikal Italyen an, pafwa refere yo kòm "chantè-konpoziteur nan majinalize nan" oswa "powèt la nan bat ". [23] [24] [25] [26] [27] [28] [29] Li te vann 65 milyon dosye nan karyè li, touche yon plas nan klasman nan atis yo ki gen plis siksè Italyen [30] . Rolling Stone Italia magazin tou te gen ladan l ' Creuza de mä albòm nan katriyèm plas nan classement de pi bon albòm Italyen yo . [31]

Ansanm ak Bruno Lauzi , Gino Paoli , Umberto Bindi ak Luigi Tenco li se youn nan ekspozan yo nan sa yo rele lekòl la Genoese , yon gwoup atis ki pwofondman renouvle mizik pòp Italyen. [32] Li se atis la ki gen pi prim yo soti nan klib la Tenco , ak sis Plak ak yon prim Tenco . An 1997 li te akòde Prize la Lunezia pou valè a mizik-literè nan moso nan " lapriyè Smisurata" . [33] Popilarite a ak wo nivo atistik nan liv chante l 'te mennen kèk enstitisyon, apre lanmò li, dedye lari, kare, pak, teyat, bibliyotèk ak lekòl l'. [34]

Nan lide anarchist ak pasifis , [35] li te tou youn nan atis yo ki pi valè lang lig la. [36] [37] [38] Li te tou te fè fas ak, nan yon limit pi piti ak diferan, lòt lang, [39] tankou Gallura [40] ak napolitèn . [41] Pandan karyè li li te kolabore ak pèsonalite kiltirèl ak atis enpòtan nan sèn nan mizik Italyen ak kiltirèl, ki gen ladan Elvio Monti , Gian Piero Reverberi , New trol yo , Mina , Nicola Piovani , Giuseppe Bentivoglio , Premiata Forneria Marconi , Tazenda , Ivano Fossati , Mauro Pagani , Massimo Bubola , Álvaro Mutis , Fernanda Pivano ak Francesco De Gregori . [42]

Biyografi

Timoun ak jèn

Plak komemoratif sou lye nesans De André a nan Pegli nan via De Nicolay, 12

Fabrizio De André te fèt sou 18 fevriye, 1940 nan jenwaz distri a nan Pegli , nan atravè De Nicolay 12, kote, nan 2001 , minisipalite a nan Genoa mete yon plak komemoratif. [43]

Paran yo, marye depi 1935 , yo toulède yo Piedmontese ak demenaje ale rete nan ligurya apre nesans la nan premye pitit gason yo Mauro ( Turin , 26 Me, 1936 [44] - Bogota , 18 Out, 1989 [45] ). Papa l ' Giuseppe ( Torino , 15 septanm 1912 - Genoa , 19 jiyè 1985 ), byenke soti nan yon fanmi nan kondisyon modès, nan ki sepandan li vante orijin nòb Provençal , demenaje ale rete nan Genoa nan 1922 ak gradye nan filozofi ak Benedetto Croce [ 46] ; li jere fè fòtin li nan achte yon enstiti teknik nan Sampierdarena ; apre Dezyèm Gè Mondyal la li pral vin repibliken majistra depite nan Genoa , manadjè jeneral ak operasyonèl , Lè sa a, CEO ak finalman prezidan nan Eridania epi yo pral ankouraje konstriksyon an nan Fiera del Mare a nan Genoa , nan distri a Foce . [47] Manman an, Luigia "Luisa" Amerio ( Pocapaglia , Out 26, 1911 - Genoa , 3 janvye 1995 ) te nan ekstraksyon rich, pitit fi pwodiktè diven [48] .

Pandan Dezyèm Gè Mondyal la , Fabrizio okòmansman te viv kòm yon moun ki deplase nan peyi a Asti nan Revignano d'Asti kote papa l ', apre bonbadman yo nan 1941 , te achte "Cascina dell'Orto la". Isit la li rankontre zanmi l 'ak kanmarad Nina Manfieri, yon amitye pa janm bliye ak rakonte nan chante sa a, "Mwen te wè Nina Volare" ki genyen nan album lan "Anime Salve". [ sitasyon bezwen ] Giuseppe rete nan vil la yo swiv Enstiti a teknik, men an 1944 li rantre nan fanmi li kòm fachis yo te vle pou kouvri elèv jwif li yo [ sitasyon nesesè ] . Li Lè sa a, ap viv nan aprè lagè Genoa, souke ak patisipe nan opozisyon an ant Katolik ak Kominis. [49]

Aprè li te ale nan lekòl elemantè nan yon enstiti prive ki te dirije pa mè, li ale nan lekòl leta a, kote konpòtman li "soti nan bwat la" anpeche l 'viv ansanm ak moun li jwenn la, sitou ak pwofesè yo. [50] Pou rezon sa a li te transfere nan lekòl la Jesuit grav nan Enstiti a Arecco, yon lekòl segondè jinyò ale nan pitit pitit nan "Genova-bene la". Isit la Fabrizio se viktim nan, pandan premye ane a nan prezans, nan yon tantativ arasman seksyèl pa yon Jezuit nan enstiti a; malgre laj li, reyaksyon an nan direksyon pou "papa a espirityèl" se rapid ak, pi wo a tout moun, fè bwi, ireveransyeu ak pwolonje, anpil konsa tankou pwovoke jesyon an ranvwaye jenn De André a, nan yon tantativ apeze eskandal lan. Ekspeditif la toudenkou pwouve yo dwe pou gremesi paske, akòz mezi a ekspilsyon, epizòd la vini nan atansyon a nan papa Fabrizio a, ekspozan nan Rezistans lan ak majistra depite nan Genoa, ki moun ki enfòme Sipèentandan an nan Etid , mande yon ankèt imedyat ki fini ak retire elèv la nan lekòl la nan Jezuit la, epi yo pa nan Fabrizio [51] .

Nan ane sa yo apre lagè De André te rankontre Paolo Villaggio , lavni aktè komik ak ekriven imè, vin yon zanmi pwòch ak ki moun li te pataje pi fò nan atak jèn l 'yo. [52] De André li menm dekri premye reyinyon yo ki te fèt an 1948 nan yon vilaj Cortina d'Ampezzo : «Mwen te rankontre l 'pou premye fwa nan Pocol , anwo Cortina; Mwen te yon jenn ti kabrit bouche pale sal; li te renmen m 'paske mwen te toumante, M'enerve e li te menm jan move, se sèlman li te plis kontwole, petèt paske li te pi gran pase m' ak Lè sa a, imedyatman li envesti tèt li nan pati nan gran frè l ', li di m': "Gade, ou pa bezwen fè sèman, ou di move mo yo dwe sant lan nan atansyon, ou se yon s .... zo " [53] .

De André ven ane ( 1960 )

Pita, nan mwa Oktòb 1956, Fabrizio enskri nan premye ane a nanlekòl segondè klasik "Cristoforo Colombo" la . Asiyen nan seksyon A, youn nan ak pi bon ak pi grav pwofesè yo, li se imedyatman transgresif ak pwofesè yo, men zanmitay ak kamarad klas li yo. [54] "lènmi" li se pwofesè literati a, Decio Pierantozzi, ki pa janm ba li ase e ki diskite mank òganikite sijè yo. "Li te sortan - rapèl pwofesè a - pa san talan, men etranj; li te fè devwa l 'nan klas epi li kite li mwatye ..." [55] . De André pa janm te gen yon pwofi patikilyèman segondè, epi li te ale lwen ak devwa klas l 'yo pa pase yo sou kèk kondisip klas pi bon ak plis konfyans. [56]

Pita, apre li fin kite kay paran li nan dizwit, akòz relasyon difisil ak papa l ', De André, ki moun ki gradye, ale nan kèk kou nan literati ak lòt moun nan medikaman nan University of Genoa anvan yo chwazi fakilte a nan Dwa , enspire pa l' yo papa tèt li, pa zanmi anfans li Paolo Villaggio ak pi gran frè l 'Mauro, ki moun ki te deja kòmanse etidye dwa ak ki moun ki pral vin yon avoka byen koni. Nan peryòd sa a De André ap kòmanse gen pwoblèm ki gen rapò ak abi alkòl [57] . Sis egzamen soti nan gradyasyon, gras a kontra yo anrejistreman premye, Fabrizio kite etid li yo ak deside pran yon chemen diferan de sa yo ki an frè l ': mizik (Mauro ta vin youn nan fanatik ki pi rete fidèl ak kritik l' yo).

Apre yon apwòch premye ak pwoblèm, detèmine pa desizyon paran yo kòmanse l 'nan etid la nan violon an, rankont la desizif ak mizik pran plas ak koute Georges Brassens , ki moun De André pral tradwi kèk chante, mete yo nan premye l' yo albòm nan 45 vire. Pasyon an gen kò tou gras a "dekouvèt" li nan djaz ak frekantasyon asidous nan zanmi Luigi Tenco , Umberto Bindi , Gino Paoli , pyanis Mario De Sanctis la [58] ak lòt moun, ak ki moun li kòmanse jwe gita a ak chante nan lokal la " La Borsa di Arlecchino ".

Fabrizio De André ak zanmi l ' Paolo Villaggio , ak ki moun li pataje ane yo nan anfans ak jèn

Nan dènye ane yo, De André te mennen yon lavi dezobeyisan ak nan kontras ak abitid yo nan fanmi li, frekante zanmi ki soti nan tout orijin kiltirèl ak sosyal ak vwayaje; patnè li, nan peryòd 1960-61, se te yon jennès nan via Prè , Anna (a gwo desepsyon papa l) [59] [60] , pandan ke li te rete, pou kèk peryòd soti nan 1957, kòm yon envite nan kay la nan yon zanmi quadriplegic . [18] Souvan, ansanm ak Paolo Villaggio , li te eseye olye pou fè bout rankontre ak travay okazyonèl, menm pa anbakman, nan sezon lete, sou bato kwazyè kòm yon mizisyen pou pati sou tablo [61] . Dapre Villaggio, yo pafwa fè ansanm ak Silvio Berlusconi , tou yon chantè kwazyè nan jèn l 'yo. [62] Vilaj la te di ane jèn li yo, sitou aswè yo pase nan divès tavèrn jenwa yo oswa nan gwoup kay zanmi yo: "Fabrizio ak mwen te, mwen ta di san yo pa konnen li, de kreyativ reyèl ak nou Lè sa a, pwouve li nan lavi a [...] li konpòte li tankou m ', se sa ki, nou te mennen yon lavi fou, nou te ale lachas pou zanmi terib [...] paran nou yo te pè anpil nan sa a kalite lavi, nou pa fè anyen epi li te dòmi regilyèman jiskaske de nan apremidi " [63] .

Nan peryòd sa a, ant fen ane 1950 yo ak kòmansman ane 1960 yo, li te fè lekti enpòtan tou, ki ta enfliyanse vizyon mond li, ki gen ladan travay Michail Bakunin , Errico Malatesta ak lòt libèrtèr [64] : fondamantal pou li se dekouvèt la nan liv la Inik la ak pwopriyete li yo pa filozòf Alman an Max Stirner , ki frape l 'nan pwen a nan rele tèt li anarko-endividyalis . [65] Soti nan moman sa a sou li ap toujou senpatize ak lide anarchist , tou enfliyanse pa konpozitè pi renmen l 'yo, susmansyone Georges Brassens la , ki moun li te konsidere kòm yon maître à penser . Konnen nati a tanpèt nan chantè a franse ak powèt, li pa janm ap vle rankontre l 'nan moun pou yo pè pou yo pa wont, menm si Brassens tèt li fè lwanj bon jan kalite a nan tradiksyon yo nan chante l' pa De André. [66] Nan 1957 li te rantre nan Federasyon Anarchist Italyen an (FAI) nan Carrara . [18]

Nan ete 1960 la, Fabrizio, ansanm ak Clelia Petracchi , ki moun ki ekri tèks la avè l ', konpoze sa li te toujou konsidere kòm premye chante l' yo, La balata del Miché , nan ki enfliyans nan chan an egzistansyalis franse make. [67] Nan fen mwa jen 1961 Beppe Piroddi, youn nan playboys ki pi alamòd nan tan sa a, prezante bay De André Enrica Rignon, ke yo rekonèt kòm "Puny". [68] Enrica, yon gwo fanatik nan djaz, se yon ti fi ki se prèske sèt ane ki gen plis pase Fabrizio ak ki dwe nan youn nan fanmi ki pi rich nan Genoa. Aprè kèk mwa nan date, "Puny" (ki te mouri nan 2004 ) vin ansent, ak nan Recco [69] li vin premye madanm De André a. An 1962 , pitit gason l ' Cristiano te fèt. De la ap separe nan mitan- swasant yo . Pi bon nonm De André a se yon zanmi ak kolèg pati nan papa l ', Randolfo Pacciardi . [70] Kiryozite, maryaj la nan syon De André a te premye l 'jounalis quote [71] .

Apre maryaj la ak nesans la nan pitit gason l 'yo, Fabrizio a ven-de ane fin vye granmoun se bourade pa bezwen nan gen yon travay fiks pou bay pou antretyen an nan fanmi an, epi li jwenn yon travay kòm depite direktè lekòl nan yon lekòl prive ki posede pa l' papa [72] .

Premye a an 1961 ak peryòd Karim la

«Mwen li Croce , L'Estetica, kote li di ke tout Italyen jiska dizwit ka vin powèt, apre dizwit moun ki kontinye ekri pwezi se swa yon powèt reyèl oswa yon moun sòt. Mwen, yon powèt vre, pa t '. Pa menm yon moun sòt. Mwen te chwazi wout mwayen an: chantè. [73] "

( F. De André )
Fabrizio De André nan Rosa Fryer a (pita fèmen) nan Sottoripa nan 70s yo, ansanm ak pitit gason l ' Cristiano .

Nan mwa Oktòb 1961 [74] Karim la (etikèt ki wè nan mitan manm yo tou papa Jozèf [75] ) lage premye 45 tour li yo , ak yon kouvèti estanda pèse (réimpression nan 1971 Dosye Women an pral olye gen yon kouvèti ak yon desen anonim). Disk la gen de tren, Nuvole barocche ak E fu la notte .

2 Me 1963 pran plas premye televizyon chantè a, ki moun ki nan pwogram Rendez-Vous , ki te dirije pa Liy Renaud ki dirije pa Vito Molinari ak transmèt soti nan premye Chèn lan chante loafer [76] .

Selon sa chantè-konpozitè a te di nan yon entèvyou ak Corriere della Sera , nan lane 1964 li te pran egzamen antre kòm otè pati literè nan SIAE nan lavil Wòm pou kapab depoze chante yo nan pwòp non li (an reyalite dat la se sètènman sa ki mal, nan ki kantite De André deja siyen lyrics yo ak mizik nan chante l 'nan 1961 , depoze yo nan SIAE a [77] ); an 1997 , pandan livrezon an nan Pri a Lunezia , li te konfese ke li te itilize yon bon pati nan tèks la nan chan an fèy yo mouri pa Jacques Prévert nan egzamen an [78] .

Aprè li te kite inivèsite ak travay nan lekòl la, nan ane sa yo De André te vin pi plis ak plis etabli kòm yon karaktè rezève ak mizisyen kiltive, kalifye nan kondanse tandans divès kalite ak enspirasyon nan travay li yo: atmosfè yo nan konpozitè istorik franse a , pwoblèm sosyal te fè fas ak tou de ak brutalite tou de ak metafò powetik , tradisyon mizikal nan kèk rejyon Italyen ak Mediterane [79] , laj-sòti son entènasyonal [80] , itilize nan yon lang ékivok, epi, an menm tan an, prèske toujou senp yo dwe nan tout moun rive. [81]

Nan lane 1964 li anrejistre chante Marinella , ki pral ba li gwo siksè ak t'ap nonmen non nan nivo nasyonal twa ane pita, lè li pral entèprete pa Mina ; tèks la aparamman fe men enspire pa yon istwa nouvèl. [82] [83] An 1965 De André te ekri Souke men m pou Giuliana Milan. [84] An 1966 de selibatè La chante dell'amore perduto (avèk mizik Georg Philipp Telemann , epi ak Chansons lanmou avèg sou bò B) ak Amore che vieni, amore che vai (konbine avèk Geordie sou bò B) te lage). Epi li pral sa yo de dènye selibatè ki pral louvri pòt yo nan siksè pou l '. [85] Dosye Fabrizio a ka jwenn nan boutik yo nan prèske tout gwo vil yo. Ak konpayi dosye l 'yo deside kolekte yon seleksyon nan pwodiksyon Karim l' yo, nan premye 33 rpm l 'yo, Tutto Fabrizio De André (reedite de ane pita ak tit la nan La chan di Marinella anba yon lòt etikèt ak yon kouvèti diferan), ki li te lage nan fen 1966. [86] Swiv Vol. 1º ( 1967 ), konsidere (pa mal) kòm premye album reyèl li, Tutti morimmo a stento ( 1968 ), Volim III ( 1968 ), Nuvole barocche ( 1969 ); lèt la se koleksyon an nan 45 nap yo nan peryòd la Karim eskli nan Tutto Fabrizio De André .

Chante ouvèti Volim I se lapriyè nan mwa janvye , yon chante ekri nan yon sèl ale kèk èdtan apre lanmò Luigi Tenco [87] , zanmi jèn Fabrizio a ak chantè-konpoziteur, ki moun ki te entèprete chante Chansons nan ewo a nan fim nan La cuccagna , komèt swisid (byenke istwa a pa te konplètman klarifye) nan Sanremo ak yon bal, pandan Festival la janvye 1967 . Bon ant Luigi ak Fabrizio te fò, epi De André te ekri chante sa a sou vag emosyon an, aprè li te fin vizite kò zanmi li ak madanm li; nan li agnostik De André a, toujou sepandan kaptive pa sèten tèm relijye, chante yon priyè bay Bondye pou Tenco, akòde l 'yon plas nan syèl la ak lòt swisid yo, kondane olye pa dwa-panse a ak Legliz ofisyèl la. [88]

Ant egzistansyalis ak kontestasyon: soti nan 1968 1973

Ane ki genyen ant 1968 ak 1973 yo te nan mitan pwofitab ki pi pou otè a ki te kòmanse seri a nan albòm konsèp ak Tutti morimmo ak apèn . Pale de lèt la, De André te di: "Lide a nan fè dosye sa a te vin nan lide m 'apre koute' Jou nan lavni pase '... pa Moody Blues , te fè ansanm ak London Symphony Orchestra la ." [89] Mizik, kontribisyon nan Gian Piero Reverberi , aranjman, konpozitè nan Entwodiksyon an, osi byen ke ko-otè nan tout mizik la enpòtan [90] . Kòm pou mo sal yo ke, olye de sa, Tutti morimmo yon barro enspire pa poetik yo nan François Villon ak tèm egzistansyalis (lèt la pral retounen tou nan albòm ki vin apre), li se album lan konsèp katriyèm yo dwe lage nan peyi Itali [91] ; se tèks la nan premye chante a, Cantico dei drogati , yo te pran nan yon powèm pa Riccardo Mannerini , eroin . [katrevendis de]

«Riccardo Mannerini se te yon lòt gwo zanmi mwen. Li te prèske avèg paske lè li te navige sou yon bato Costa yon chodyè te eksploze nan figi l '. Li komèt swisid anpil ane pita san li pa janm resevwa okenn konpansasyon. Li te gen move istwa ak jistis paske li te yon libèrtèr vre, e konsa lè kèk moun te vle frape nan pòt li li kache l 'nan kay li. E petèt li ta geri blesi l 'ak ekstrè bal yo li te gen nan kò l' yo. Nou te ekri ansanm kantik dwòg la, ki pou mwen, ki te totalman dejwe alkòl, te gen yon libere, valè katarsik. Men, tèks la pa t 'pè m', sou kontrè a, mwen te kontan ak li. Li se yon reyaksyon souvan nan mitan dwogè yo pran plezi nan pran dwòg. Mwen te kontan bwè, tou paske, gras a alkòl, imajinasyon mwen vwayaje trè vit. Mannerini anseye m 'ke yo te entelijan pa vle di anpil akimile nosyon kòm chwazi yo yon fwa yo te akimile, ap eseye separe sa yo ki itil soti nan sa yo initil. Kapasite sa a pou analize, pou obsève, mwen pratikman te aprann nan men l '. Li te tou enfliyanse m 'politikman, ranfòse lide mwen te deja genyen. Li te sètènman youn nan figi ki pi enpòtan nan lavi mwen. "

( Fabrizio De André sou zanmi l 'Mannerini ak fè nan album lan [93] )

De André tou anrejistre yon vèsyon angle nan album lan, pa janm commercialisés ak ki deja egziste nan yon kopi sèl, ki te posede pa yon pèseptè Ameriken ak ki dwe nan yon pèseptè Apulian. [94]

Fabrizio De André ak powèt la Riccardo Mannerini, ki moun ki kolabore sou album lan 1968 san èdtan san drapo ak tèks la nan Cantico dei drogati .

Nan peryòd sa a De André tou dedye tèt li nan dekouvèt la nan nouvo talan: apre yon eksperyans premye ak Ricchi e Poveri a (ki li te eseye pote nan Bluebell , men Casetta pa te enterese [95] ) kontra ak Fonit Cetra , New trol yo. , pou ki li ekri pi fò nan mo sal yo ke nan album Senza titolo senza Bandiera kolabore ak Riccardo Mannerini .

Tout moun te mouri ak difikilte ki te swiv pa bon nouvèl la ; yon album enpòtan, ki entèprete panse kretyen nan limyè a nan kèk levanjil apokrif (an patikilye, jan yo rapòte nan nòt yo revètman, ki soti nan Protoevanjelium a nan Jak ak Arab Levanjil la nan anfans ), souliye aspè imen an nan figi a nan Jezi , nan kontras fò ak doktrin nan sakre ak verite absoli, ki chantè-konpozitè a reklamasyon yo dwe envante pa Legliz la nan bi pou sèl nan egzèse pouvwa [96] .

Kòm te di pa Roberto Dané [97] , lide a nan dosye a se pa Dané tèt li, ki moun ki panse a fè li ak Duilio Del Prete , Lè sa a, pwopoze li nan Antonio Casetta , ki moun ki dirije li nan De André.

"An 1969 mwen te retounen nan Casetta epi mwen te soumèt li yon lòt lide, ke mwen te gen entansyon reyalize ak Duilio Del Prete: yon dosye ki baze sou levanjil apokrif yo ... li menm, ki te yon gwo konpayi rekò, ak yon bon nen, te koute m 'ak anpil atansyon epi nan fen a li te di: "Eskize m', poukisa ou pa pwopoze ide sa a Fabrizio De André? Ou konnen, li nan yon peryòd ki se yon ti jan nan kriz, ou pa konnen ki sa fè .. . ". Kisa mwen te sipoze di? Avèk De André te gen sètènman pi gwo ekspoze "

( Roberto Dané [98] )

Dosye a jwe, nan mitan lòt moun, mwen Quelli , ki an 1971 , apre yo fin antre nan Mauro Pagani , chanje non yo Premiata Forneria Marconi .

Ane pita, De André ap kontinye konsidere dosye sa a kòm pi bon anrejistreman li:

"" Èske ou ta renmen di kilès nan dosye ou ki pi bon? " "San dout mwen reponn ou: Bon nouvèl la se pi byen ekri, ki gen plis siksè". "Ou konnen mwen te prèske asire ke olye ou ta reponn: Nou tout apèn mouri ? Poukisa chwa sa a?" "Non, sa se yon pousyè, disk barok, epi kite a pa bliye ke anba barok la te pwa a nan counter-refòm nan ..." [99] »

Nan 2010 disk la pral re-anrejistre pa Premiata Forneria Marconi , ak nouvo aranjman ak adisyon a nan kèk entèrmèl kout enstrimantal; album lan, ki gen tit AD 2010 - Bon nouvèl la , te lage nan mwa avril.

Li te nan peryòd sa a (1969) ke amitye De André a ak yon lòt kolèg ki souvan chante dènye a ak pòv yo, Gipo Farassino , dat tounen; ane pita De André ap di nan TorinoSette , insert la chak semèn nan La Stampa , yon Episode ki vin apre (ki te pran plas apre yon konsè nan Torino) konsènan amitye yo:

"" Li ranmase m 'apre yon konsè tankou bwè tankou yon wort, chaje m' nan machin nan, trennen m 'nan kay li, ofri m' yon twalèt fini boulvèsan vant mwen ak yon kabann fè m 'tèt vire nan dòmi. jou, pou evite m 'yon tren ale nan Genoa ak yon vomi T-shirt li te ban m' youn nan chemiz li yo [100] "."

Istwa Farassino a, ki te pibliye nan La Stampa , diferan nan fen a: "Nan denmen maten mwen prete l 'yon bèl chemiz mwen, ak rekòmandasyon pou retounen li ban mwen. Mwen pa janm wè l' ankò, men li te tankou sa a avè l '.. " [101] .

De André pandan vwayaj L'Indiano 1981 la

Albòm sa a, ki soti nan 1971 , se Non al soldi, non all'amore ni al cielo , yon adaptasyon gratis (fèt ak Giuseppe Bentivoglio ) nan kèk powèm ki soti nan Anthology Spoon River , yon travay powetik pa Edgar Lee Masters ; mizik la konpoze ansanm ak Nicola Piovani . Nan moman sa a De André te rankontre Fernanda Pivano , tradiktè ak ekriven ki te fè literati Ameriken li te ye nan peyi Itali e ki te tradui antoloji kavo ki soti nan album lan enspirasyon. Pou retire obstak la nan repiyans chantè a-a bay entèvyou, Pivano panse a kache yon kasèt nan De André ak Lè sa a transkri antyèman konvèsasyon an long li te gen sou Spoon River ak chante yo sou album lan. De André senpatik aksepte "desepsyon an" [102] .

Nan ka sa a, jan sa te di pa Roberto Dané [103] , lide nan dosye a se pa Sergio Bardotti , ki moun ki an reyalite swiv li ansanm ak Dané tèt li kòm pwodiktè. Gian Piero Reverberi rakonte [104] ke nan ka sa a pwojè a te fèt pou Michele , nan reveye nan San Orè san Drapo , Se poutèt sa ak tèks yo elabore pa De André ak mizik la nan Reverberi; men se pwojè a Lè sa a, detounen nan De André tèt li ak Se poutèt sa Reverberi (tou pou kèk nan diferansye li yo ak Roberto Dané ) pa patisipe ankò ak mizik la ak aranjman yo reskonsab Nicola Piovani .

Ko-otè a nan lyrics yo, Bentivoglio, prezante ak tèks ekri pa l ', ki li konsidere kòm enteresan [105] epi ki, apre yon kolaborasyon premye nan Tutti morimmo yon barento (nan ki li te ekri ak De André tèks la nan Chansons a nan pann an , yon chante lib enspire pa nan powèm nan an menm non yo pa Villon), mennen l 'nan travay ansanm ak De André pou lyrics yo nan LP sa a ak nan yon sèl sa a.

An 1972 , Produttori Associati , san li pa konsilte atis la nan pi piti a, enskri l 'nan Festivalbar a ak chan an yon magazen (pibliye sou 45 rpm): De André aprann nouvèl la nan jounal yo ak konvoke yon konferans pou laprès nan ki li te deklare ke « Konpayi an dosye li trete tankou yon legim " [106] . Dopo l'intervento del patron della manifestazione, Vittorio Salvetti , si raggiunge un compromesso: la canzone viene inserita nei juke-box, come vuole il regolamento, ma il cantautore non si esibirà durante la finale di Verona nemmeno in caso di vittoria (l'edizione vede vincitrice Mia Martini con Piccolo uomo ) [107] .

Nel 2005 il cantante Morgan ha pubblicato Non al denaro non all'amore né al cielo , un riadattamento dell'album con nuovi arrangiamenti e alcuni intervalli musicali.

Nell'autunno dello stesso anno De André pubblica un singolo con due canzoni tradotte di Leonard Cohen , Suzanne/Giovanna d'Arco (brani che verranno poi inseriti con un arrangiamento diverso nell'album Canzoni del 1974 ).

L'album successivo è, nel 1973 , Storia di un impiegato , un concept album in cui Giuseppe Bentivoglio , autore dei testi insieme a De André, racconta la vicenda di un impiegato durante il maggio del '68 ; il disco, a sfondo fortemente politico e che viene attaccato dalla stampa musicale militante e vicina al movimento studentesco viene recensito, ad esempio, da Simone Dessì (pseudonimo di Luigi Manconi ), allora membro di Lotta Continua :

«Storia di un impiegato è un disco tremendo: il tentativo, clamorosamente fallito, di dare un contenuto "politico" a un impianto musicale, culturale e linguistico assolutamente tradizionale, privo di qualunque sforzo di rinnovamento e di qualunque ripensamento autocritico: la canzone Il bombarolo è un esempio magistrale di insipienza culturale e politica [108] »

( Simone Dessì )

Fra le critiche più accese quella di Riccardo Bertoncelli , che definisce l'opera come un disco «verboso, alla fine datato» [109] e quella di Enrico Deregibus anch'essa sostanzialmente negativa:

«L'album è sempre stato considerato, anche dal suo autore, come uno dei più confusi. La vena anarchica di De André deve fondersi con quella marxista di Bentivoglio, e spesso i punti di sutura e di contraddizione sono fin troppo evidenti. Non a caso è l'ultimo episodio della collaborazione tra i due»

( Enrico Deregibus [110] )

Un'altra recensione negativa è quella di Fiorella Gentile , apparsa su Ciao 2001 :

«La musica presta il nome a qualcosa che a tratti sembra la colonna sonora di un film sulla mafia (con il sintetizzatore al posto dello scacciapensieri), a volte quella di un thrilling alla Dario Argento (con il basso che riproduce il battito cardiaco), altre recupera i toni alla Cohen e alla Guccini: ma rimane un prodotto scucito, che non ha più il vecchio incanto [111] »

( Fiorella Gentile )
De André ha spesso usato sonorità di strumenti mediterranei e medievali, come si vede in questa foto autografata del 1975

Le osservazioni di Gentile, del resto, trovano una conferma indiretta nel fatto che l'autore delle musiche (con De André), Nicola Piovani , componeva già all'epoca colonne sonore, e negli anni successivi è diventato uno dei maggiori autori italiani di musiche da film, fino a ottenere anche il Premio Oscar nel 1999 , per il film La vita è bella di Roberto Benigni .

Anche il pubblico accoglie l'album in maniera negativa [112] .

Proprio in occasione della pubblicazione del disco, Giorgio Gaber polemizza con De André, affermando che quest'ultimo usi "un linguaggio da liceale che si è fermato a Dante , che fa dei bei termini, ma non si riesce a capire se sia liberale o extraparlamentare "[113] ; De André risponderà a Gaber in occasione di un'intervista alla Domenica del Corriere del gennaio 1974 ("Mi spiace che lui, che si dichiara comunista , sia andato a raccontare queste cose al primo giornalista che ha incontrato. Poteva telefonarmi, farmi le sue osservazioni: ne avremmo discusso, ci saremmo confrontati. Così, invece, ha svilito ancora di più un mondo già tanto criticato"[113] ).

Delle canzoni del disco, solo Verranno a chiederti del nostro amore [114] rimane nel repertorio dell'autore dal vivo negli anni a seguire [115] . Gli altri brani vengono eseguiti in concerto solo per qualche anno, ne è un esempio la Canzone del maggio inserita nella scaletta del primo tour del 1975 o ancora La bomba in testa , Al ballo mascherato , Canzone del padre , Il bombarolo e Nella mia ora di libertà che sono riproposti solo in alcune date del tour del 1976 [116] .

Il valore musicale del disco verrà riconosciuto compiutamente, da gran parte della critica, solo negli anni '90. [117] [118] Talvolta verrà perfino indicato come il miglior album di De André. [119]

La crisi e le prime esibizioni dal vivo

La pubblicazione di Storia di un impiegato coincide con un periodo di crisi professionale e anche personale (nello stesso anno termina definitivamente il matrimonio con Puny e il cantautore comincia una relazione con una ragazza, Roberta, che si concluderà due anni dopo e per la quale scriverà la canzone Giugno '73 [120] ). La pubblicazione di un nuovo disco di ri-incisioni a opera di Reverberi di vecchie canzoni incise inizialmente per la Karim (con 2 nuove traduzioni dal repertorio di Brassens, le due canzoni di Cohen pubblicate nel 1972 e una traduzione di Bob Dylan opera di De Gregori ai tempi del Folkstudio [121] cofirmata da De André), intitolato Canzoni , darà inizio alla collaborazione con Francesco De Gregori .

Proprio durante le registrazioni di questo disco, nello studio a fianco sta registrando il suo nuovo disco da solista Dori Ghezzi (in una pausa della sua collaborazione con Wess ): è l'inizio di una nuova e duratura relazione (artefice del primo incontro sarà un comune amico, Cristiano Malgioglio [122] ), che sfocia nel matrimonio tra i due il 7 dicembre 1989 , dopo quindici anni di convivenza [110] .

Sono anche gli anni in cui De André fa le sue prime esperienze di spettacoli dal vivo: lavoratore instancabile e al limite del perfezionismo in studio di registrazione, il cantautore invece non riesce a trovare il coraggio ea vincere la timidezza per esibirsi in pubblico, verso il quale aveva più volte dichiarato di essere "allergico" e di patirne un "timore oscuro".

Fu l' impresario teatrale Sergio Bernardini a riuscire a portare Faber a esibirsi per la prima volta dal vivo, davanti al pubblico della Bussola . Bernardini, nel 1974, gli aveva fatto continue proposte, fino ad arrivare all'offerta di 60.000.000 di lire , davvero principesca per l'epoca. Dopo continui rifiuti, nel gennaio 1975 è lo stesso De André a contattare Bernardini, proponendogli un "pacchetto" di 100 serate alla cifra complessiva di 300 milioni di lire che, con sorpresa del proponente, venne accettata. La prima esibizione dal vivo avvenne alla Bussola di Marina di Pietrasanta , il 16 marzo 1975, per poi dare inizio ad un tour con due componenti dei New Trolls , con i quali aveva già collaborato nel 1968 per i testi del loro disco Senza orario senza bandiera (Belleno e D'Adamo), e due dei Nuova Idea (Belloni e Usai). Nella parte di tour svoltasi nel 1976 , ai quattro si aggiunge anche Alberto Mompellio al violino e alle tastiere. [123] [124] .

De André mette dunque da parte le sue paure da palcoscenico, paure che supererà solo con gli anni, suonando e cantando sempre nella penombra e con molto whisky in corpo (la sua timidezza fu tra le cause che gli provocarono la seria dipendenza da alcol di cui soffrì a lungo). [125]

De André con il primogenito Cristiano

Gli ambienti dell' Autonomia e della Sinistra extraparlamentare , che già avevano attaccato il cantautore per Storia di un impiegato lo contestano anche per le esibizioni dal vivo: ed ecco come viene descritto De André nel volume Libro bianco sul pop in Italia. Cronaca di una colonizzazione musicale in un paese mediterraneo , pubblicato da Arcana Editore (casa editrice vicina alla controcultura ) nel 1976 :

«Dall'aria triste e meditabonda, Fabrizio De André ha svolto negli anni passati il ruolo di cantautore impegnato ma non troppo, denunciando situazioni in cui difficilmente si è trovato se non a livello emotivo. Borghese di nascita, di adozione e di intenti, rifiutava di esibirsi in pubblico fino a quando le vendite dei suoi dischi hanno subito un tracollo: allora si è esibito alla Bussola prima di confrontarsi con tutti coloro che avevano sprecato tempo ad ascoltar le sue lagne. Le migliori esibizioni dei suoi pezzi si ascoltano sulle spiagge e sui monti, quando un chitarrista che conosce due accordi vuol consolare l'amico di una sbronza finita male [126] »

De André non è però dissuaso da queste contestazioni (come per un breve periodo capita a De Gregori, che medita di abbandonare la carriera), scendendo talvolta dal palco per discutere con gli stessi Autonomi, mentre parte del pubblico spesso si divide, come durante il concerto a Roma nel 1979. [127] Il rapporto degli extraparlamentari con l'anarchico De André non sarà mai facile, anche se ambivalente: già nel 1978 , De André racconta nella canzone Coda di lupo (dall'album Rimini ), proprio un episodio del movimento dell' Autonomia Operaia , quando nel 1977 gli autonomi e gli indiani metropolitani contestarono Luciano Lama a Roma; i fatti sono narrati dal punto di vista di uno dei contestatori. [127]

Nel 1975, poco dopo la vittoria dei no al referendum sul divorzio , tiene un concerto in una manifestazione del Partito Radicale a Piazza Navona (Roma), prima del comizio del leader Marco Pannella . [128]

De André all'attenzione dei servizi segreti

È in questo periodo (per circa 10 anni, dal 1969 al 1979) che De André viene sottoposto a una serie di controlli da parte delle forze di polizia e dai servizi segreti italiani . In base a quanto ricostruito quando questa informazione è stata resa nota negli anni novanta [129] , inizialmente i controlli sarebbero stati effettuati dopo che un suo conoscente, simpatizzante del marxismo-leninismo , era stato indagato durante le prime inchieste sulla strage di piazza Fontana (allora ritenuta dagli inquirenti di matrice rossa o anarchica). [130]

Negli anni successivi, pur non individuando prove di una sua partecipazione attiva a gruppi politici, extraparlamentari o meno, De André viene ritenuto dal SISDE un " simpatizzante delle BR ", mentre l'acquisto, insieme alla moglie Dori Ghezzi , di un appezzamento di terreno a Tempio Pausania , viene considerato un tentativo di creare un rifugio per appartenenti ai movimenti extraparlamentari di sinistra . [130]

A rafforzare queste ipotesi, dal punto di vista degli investigatori, vi erano il fatto che a Genova De André avesse contatti con persone appartenenti ai gruppi anarchici e filo-cinesi [130] [131] .

In realtà, l'attività politica di De André era limitata solo a sostenere economicamente, con l'abbonamento, ea finanziare talvolta, con donazioni, il periodico A/Rivista Anarchica , fondata nel 1971 , [132] mentre nell'album Storia di un impiegato (1973) si trovano accuse al terrorismo, ritenuto dal cantautore completamente dannoso perché tendente a fortificare il potere e non ad abbatterlo [130] .

Collaborazioni e sperimentazioni negli anni Settanta

Fabrizio De André al Club Tenco con l'amico Léo Ferré nel 1975

A partire dal 1974 , De André comincia nuove collaborazioni con altri musicisti e cantautori ea esplorare la produzione musicale degli autori americani, accanto a quelli francesi. Negli anni settanta De André traduce infatti canzoni di Bob Dylan ( Romance in Durango e Desolation Row ), Leonard Cohen ( It Seems So Long Ago, Nancy , Joan of Arc , Famous Blue Raincoat per Ornella Vanoni e Suzanne ) e, nuovamente, Georges Brassens . Tale lavoro porterà all'uscita dell'album Canzoni del 1974 .

Nel 1975 collabora con il giovane Francesco De Gregori nella scrittura della maggior parte dei brani dell'album Volume VIII , non privo di sperimentazione, [133] in cui sono affrontate tematiche esistenziali quali il disagio verso il mondo borghese ( Canzone per l'estate e l'autobiografica Amico fragile , in cui è affrontato il tema della difficoltà di comunicazione, una delle canzoni predilette dal cantautore e di cui è per l'ultima volta autore unico di musica e testo [134] ). Anche questo disco riscuote diverse critiche negative, come quella di Lello D'Argenzio , che sostiene che De André si sia adattato allo stile del collega De Gregori (presente soprattutto negli arrangiamenti musicali e in alcuni testi assai ricchi di metafore complesse, come Oceano e Dolce Luna ), anche nel modo di cantare, anziché il contrario [135] .

Rimini ( 1978 ) segna l'inizio della lunga collaborazione con il quasi esordiente cantautore veronese Massimo Bubola . Quest'album fa intravedere un De André esploratore di una musicalità più distesa, spesso di ispirazione ancora più marcatamente americana. [136] I brani trattano l'attualità e la politica (il naufragio di una nave a Genova di Parlando del Naufragio della London Valour , le contestazioni studentesche in Coda di Lupo ) così come tematiche sociali (l' aborto in Rimini e l' omosessualità in Andrea ) ed esistenziali ( Sally , contenente riferimenti letterari a Gabriel García Márquez e Alejandro Jodorowsky ). Nell'album sono presenti anche le prime sperimentazioni dei suoni della musica etnica , con la filastrocca Volta la carta e con Zirichiltaggia , quest'ultima cantata interamente in gallurese. Andrea , a sfondo antimilitarista , è uno dei brani più popolari dell'intera produzione di De André, e il suo coautore, Bubola, continua a proporlo dal vivo durante i suoi concerti. In più di un'occasione l'artista genovese – ad esempio nel 1992, al teatro Smeraldo di Milano – ha eseguito il brano a luci accese, proprio a simboleggiare come l'omosessualità non debba essere motivo di vergogna. [137] Il brano eponimo del disco, Rimini , è ispirato alle atmosfere de I Vitelloni di Federico Fellini , uno dei capolavori del celeberrimo regista, ma presenta anche alcune digressioni storiche e politiche. [138]

Nel 1978 la Premiata Forneria Marconi idea e realizza nuovi arrangiamenti di alcuni dei brani più significativi del cantautore genovese [139] , proponendo a De André, inizialmente restìo ad accettare, un tour insieme, che parte il 21 dicembre 1978 da Forlì e continua per tutto il mese di gennaio 1979 [140] . L'operazione si rivela positiva, tanto che il tour origina due album live (i primi album live del cantautore), tra il 1979 e il 1980, che conoscono entrambi un ottimo successo di vendite, anche se il secondo non riesce a bissare i risultati del primo [141] . Alcuni degli arrangiamenti realizzati dalla PFM saranno poi utilizzati dal cantautore fino alla fine della sua carriera, come nei casi di Bocca di Rosa , La canzone di Marinella , Amico fragile , Il pescatore . Nei casi di Volta la carta o Zirichiltaggia dei tour Anime Salve e M'innamoravo di tutto (gli ultimi due tour prima dell'ultimo in assoluto, interrotto) De André torna agli arrangiamenti dell'album in studio.

Il rapimento

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sequestro di Fabrizio De André e Dori Ghezzi .

Nella seconda metà degli anni settanta , in previsione della nascita della figlia Luisa Vittoria De André (detta Luvi) si stabilisce nella tenuta sarda dell'Agnata, a due passi da Tempio Pausania , insieme a Dori Ghezzi .

De André con Dori Ghezzi e la piccola Luvi

La sera del 27 agosto 1979 , la coppia è rapita dall' anonima sequestri sarda e tenuta prigioniera alle pendici del Monte Lerno presso Pattada , per essere liberata dopo quattro mesi (Dori fu liberata il 21 dicembre alle undici di sera, Fabrizio il 22 alle due di notte, tre ore dopo), dietro il versamento del riscatto, di circa 550 milioni di lire, in buona parte pagato dal padre Giuseppe. [142]

Prima, durante e dopo il sequestro, alcuni giornali fanno uscire illazioni e falsità, talune che legano il rapimento perfino alle Brigate Rosse , a motivi personali (come un allontanamento volontario, causa mancanza di notizie e testimoni nei primi tempi), a uno sfondo politico. [142] Proprio l'anno del sequestro, comunque, termina la citata sorveglianza dei servizi segreti ai danni di De André. [130]

Intervistato all'indomani della liberazione (il 23 dicembre in casa del fratello Mauro) da uno stuolo di giornalisti, De André traccia un racconto pacato dell'esperienza (« [...] ci consentivano, a volte, di rimanere a lungo slegati e senza bende») ed ha parole di pietà per i suoi carcerieri («Noi ne siamo venuti fuori, mentre loro non potranno farlo mai») [142] .

Pochi mesi dopo De André cede al settimanale Gente i diritti per la pubblicazione del memoriale del sequestro, pubblicato in cinque puntate a partire dal numero dell'8 febbraio 1980 e nei numeri successivi.

L'esperienza del sequestro si aggiunge al già consolidato contatto con la realtà e con la vita della gente sarda, e diventa ispirazione per la realizzazione di diverse canzoni, scritte ancora con Bubola e raccolte in un album senza titolo, pubblicato nel 1981, comunemente conosciuto come L'indiano dall'immagine di copertina che raffigura un nativo americano . Il filo che lega i vari brani è il parallelismo tra il popolo dei pellerossa e quello sardo . Oltre alla narrazione di questi due popoli sono presenti anche spunti all'attualità del periodo ( Se ti tagliassero a pezzetti - un inno alla libertà personificata, il cui verso "signora libertà signorina fantasia" spesso venne modificato dal vivo in "signora libertà signorina anarchia" - contiene un'allusione alla strage di Bologna del 1980 [143] ).

Sottili, ma non velate, sono le allusioni all'esperienza del sequestro: dalla stessa ripresa della locuzione " Hotel Supramonte " (nome in codice usato dai banditi, anche se in effetti non si trovavano sul Supramonte ), alla descrizione degli improvvisati banditi (presente in Franziska ) ai quali, comunque, non intende negare note di un certo romanticismo e una connotazione di proletariato periferico che meritava attenzione, coerentemente con le sue tematiche privilegiate. Al processo, De André conferma il perdono per i suoi carcerieri (circa dieci), ma non per i mandanti perché persone economicamente agiate [144] . Il cantautore e suo padre non si costituiscono nemmeno parte civile contro gli autori materiali del sequestro, ma solo, in primo grado, contro i soli capi della banda, tra cui erano un veterinario toscano e un assessore comunale sardo del PCI (che durante il sequestro a volte discuteva di politica con De André stesso), che però, avranno paradossalmente pene molto più basse di quelle degli esecutori grazie alla legge sulla " collaborazione di giustizia ". [145] Nel 1991 De André è anche tra i firmatari della domanda di grazia rivolta al Presidente della Repubblica, nei confronti di uno dei sequestratori, un pastore sardo condannato a 25 anni di prigione. [146]

Da Creuza de mä ad Anime salve : anni Ottanta - Novanta

De André in concerto nel 1980

Nel 1980 De André incide il 45 giri Una storia sbagliata/Titti , i cui brani (editi per la prima volta in CD solo nel 2005 ) sono entrambi scritti con Bubola. Fabrizio ricorderà in un'intervista a proposito di Una storia sbagliata :

«Nel testo di Una storia sbagliata rievoco la tragica vicenda di Pier Paolo Pasolini . È una canzone su commissione, forse l'unica che mi è stata commissionata. Mi fu chiesta come sigla per due documentari-inchiesta sulle morti di Pasolini e Wilma Montesi

Nel 1982 fonda una propria etichetta discografica (appoggiandosi alla Dischi Ricordi per la distribuzione): la Fado (Il nome deriva dalle iniziali del suo nome e da quelle di Dori Ghezzi), con cui pubblicherà dischi di Massimo Bubola , dei Tempi Duri (la band del figlio Cristiano) e della stessa Ghezzi.

Sant'Ilario (quartiere sulle alture di Genova ): una crêuza .

Nel 1984 esce Creuza de mä , disco dedicato alla realtà mediterranea e per questo cantato interamente in lingua genovese , con l'importante collaborazione di Mauro Pagani , curatore delle musiche e degli arrangiamenti. Questo disco segna uno spartiacque nella carriera del cantautore: dopo questo album, Fabrizio esprime la volontà di concentrarsi maggiormente sul genovese e su altri idiomi locali [147] . A partire da Creuza de mä De André si concentra in particolar modo sulle minoranze linguistiche (tema che aveva già iniziato ad affrontare con stesura di Zirichiltaggia , sei anni prima). Creuza de mä è considerato di fatto una pietra angolare dell'allora nascente world music , nonché un caposaldo della musica etnica tutta. Creuza de mä è anche l'album che libera De André dalle impostazioni vocali ereditate dalla tradizione degli chansonniers francesi, che gli garantisce la libertà di espressione tonale al di fuori di quei dettami stilistici che aveva assorbito da Brassens e da Brel [148] .

Nel 2004, ventennale dell'uscita di Creuza de mä , Mauro Pagani decide di rendere un sincero tributo all'amico scomparso cinque anni prima, reincidendo e cantando egli stesso l'album. Alle sette canzoni originarie del disco, Pagani aggiunge Mégu Megún , un brano composto insieme a Fabrizio e inserito nell'album Le Nuvole e due pezzi inediti, Quantas Sabedes , che non è inserita in Creuza de mä perché "bruciata" dopo l'inserimento nella colonna sonora di un film ("ammenda fatta", commenta Pagani nei crediti dell'album del 2004), e Nuette , tratto da un frammento di lirica greca, all'epoca mai sviluppato nella sua interezza da De André.

Nel 1985 scrive insieme a Roberto Ferri il testo di Faccia di cane per i New Trolls , con cui partecipa come autore al Festival di Sanremo 1985 , preferendo però non apparire ufficialmente come autore [149] . Lo stesso anno muore il padre Giuseppe e De André smette di bere alcolici – ma non di fumare – per una promessa fattagli poco prima. [150] [151]

Nel 1988 collabora con Ivano Fossati , cantando nella canzone Questi posti davanti al mare (contenuta nell'album La pianta del tè ) insieme a Francesco De Gregori e allo stesso Fossati.

Il matrimonio di Dori Ghezzi e Fabrizio De André a Tempio Pausania il 7 dicembre 1989

Nel 1989 sposa Dori Ghezzi a Tempio Pausania , con Beppe Grillo come testimone di nozze (De André ricambierà facendo da testimone al matrimonio di Grillo con Parvin Tadjk [152] ).

Comincia poi la lavorazione del suo album successivo, che viene pubblicato all'inizio del 1990 : Le nuvole , titolo che (come nella omonima commedia di Aristofane ) allude ai potenti che oscurano il sole [49] . Il disco vede nuovamente la collaborazione di Mauro Pagani per la scrittura delle musiche e di Ivano Fossati come coautore di due testi in genovese, Mégu Megún e ' Â çímma , oltre che di Massimo Bubola per il testo di Don Raffaè (canzone eseguita anche con Roberto Murolo al concerto del 1º maggio 1992) e Francesco Baccini per quello di Ottocento . Con questo album De André torna in parte al suo stile musicale più tipico, affiancandolo alle canzoni in dialetto e all'ispirazione etnica ( Monti di Mola , scritta in gallurese, e La nova gelosia in napoletano, così come Don Raffaè ). Torna anche la critica graffiante all'attualità e alla politica, in particolare ne La domenica delle salme e nello stesso Don Raffaè . L'album è anche una sorta di sfida culturale solitaria al mondo moderno, che l'artista può lanciare in quanto uomo libero [153] ; emblematica è quindi la citazione del pirata Samuel Bellamy posta a epigrafe del disco, nella quarta di copertina. [153] [154]

Fossati sarà presente, inoltre, nella realizzazione del concept album Anime salve , pubblicato nel 1996 , duettando con De André nel brano omonimo. Incentrato sul tema della solitudine, è anche l'ultimo album in studio del cantautore e viene considerato uno dei suoi capolavori, al pari dei suoi dischi più celebrati del passato, nonché come il testamento musicale ed etico di De André. [153] Luigi Manconi , che aveva criticato Storia di un impiegato , ha scritto che considera Anime salve , assieme ai primi album degli anni '60, come l'opera forse migliore di De André. [155]

Il disco rappresenta un viaggio ideale nella solitudine e nell'emarginazione, sia quella dei generici "ultimi", sia quella dei rom , del marinaio, della transessuale e dell'artista stesso; allo stesso tempo rappresenta un attacco alle "maggioranze" che opprimono le minoranze ( Smisurata preghiera ), al razzismo e all'indifferenza della società di fine millennio. Presente è anche l'ormai consueta sonorità etnica ( A cumba , in lingua ligure, Disamistade , ma anche Prinçesa e Dolcenera , quest'ultima tra le canzoni più amate e conosciute dal pubblico, tra quelle dell'ultimo periodo [156] ). [153]

Una delle ultime esibizioni pubbliche di De André (febbraio 1998), al teatro Brancaccio di Roma
De André con Francesco Guccini nel 1991 al Club Tenco

Fra il 1990 e il 1996 collabora con vari autori, sia come autore sia come co-interprete, nei rispettivi album: tra essi ricordiamo Francesco Baccini ( Genoa Blues , un brano per Genova dedicato sia alla città sia alla squadra del cuore dei due artisti, il Genoa , del quale De André fu accanito tifoso), i Tazenda ( Etta Abba Chelu ), Mauro Pagani , Max Manfredi ( La Fiera della Maddalena ), Teresa De Sio ( Un libero cercare ), Ricky Gianco ( Navigare ), i New Trolls (la citata Faccia di Cane ), Carlo Facchini dei Tempi Duri e il figlio Cristiano De André ( Cose che dimentico ). Da segnalare la collaborazione con "Li Troubaires de Coumboscuro" nell'album A toun souléi , dove De André partecipa all'incisione del brano in provenzale antico Mis amour , duettando insieme a Clara Arneodo, la cantante solista del gruppo, con accompagnamento del chitarrista Franco Mussida . Nel 1996 De André collabora con Alessandro Gennari alla scrittura del romanzo Un destino ridicolo , dal quale dodici anni dopo Daniele Costantini ha tratto il film Amore che vieni, amore che vai .

Il 26 luglio 1997, Fernanda Pivano , scrittrice e traduttrice, tra l'altro, dell' Antologia di Spoon River , consegna a Fabrizio De André il Premio Lunezia per il valore letterario del testo di Smisurata preghiera , mettendo in imbarazzo il cantante presentandolo come "il più grande poeta in assoluto degli ultimi cinquant'anni in Italia", "quel dolce menestrello che per primo ci ha fatto le sue proposte di pacifismo, di non violenza, di anticonformismo", aggiungendo che "sempre di più sarebbe necessario che, invece di dire che Fabrizio è il Bob Dylan italiano, si dicesse che Bob Dylan è il Fabrizio americano". [157]

Sempre nel 1997 esce Mi innamoravo di tutto , una raccolta di live e studio in cui duetta con Mina ne La canzone di Marinella , e che sarà l'ultima pubblicazione della sua vita: la copertina è una delle più celebri e riprodotte immagini artistiche di De André, una foto scattata dalla moglie Dori Ghezzi raffigurante il cantautore con la sigaretta in mano, ripreso quasi dall'alto. [158]

La morte

Funerali di Fabrizio De André alla basilica dell'Assunta di Carignano il 13 gennaio 1999.

Dopo un concerto a Roccella Ionica, il 13 agosto del 1998, il tour prevede un'altra tappa a Saint-Vincent, il 24 dello stesso mese. Tuttavia durante le prove De André sembra scoordinato ea disagio: non riesce a sedersi e imbracciare la chitarra come vorrebbe e lamenta un forte dolore al torace e alla schiena. Alla fine il cantautore getta via la chitarra e non tiene il concerto (i biglietti sono poi rimborsati). Qualche giorno dopo De André viene sottoposto ad esami medici ad Aosta e, in spiegazione a quanto accaduto, gli viene diagnosticato un carcinoma polmonare , che lo porta a interrompere definitivamente i concerti. [159] [160]

Nonostante la malattia, continua a lavorare con il poeta e cantante Oliviero Malaspina al disco di Notturni , progetto che però non vede mai la luce. [161] [162] Con lo stesso Malaspina, collaboratore anche del figlio Cristiano e che apre alcuni concerti dell'ultimo tour, ha anche il progetto di scrivere alcune opere letterarie: un libro intitolato Dizionario dell'ingiuria , e alcuni racconti. [163]

De André è ricoverato solo verso la fine del novembre 1998 , quando ormai la malattia è a uno stato avanzato: esce dall'ospedale solo il giorno di Natale , per poter trascorrere le festività a casa insieme alla famiglia, quando i medici ormai disperano di salvarlo. [159]

De André muore l'11 gennaio 1999 all' Istituto Nazionale dei Tumori di Milano , dove era ricoverato per l'aggravarsi della malattia, circa un mese prima di compiere 59 anni. [159]

I funerali si svolgono nella Basilica di Santa Maria Assunta di Carignano a Genova il 13 gennaio: vi partecipa una folla di oltre diecimila persone, tra cui estimatori, amici ed esponenti dello spettacolo, della politica e della cultura. [164]

«Io ho avuto per la prima volta il sospetto che quel funerale, di quel tipo, con quell'emozione, con quella partecipazione di tutti non l'avrei mai avuto ea lui l'avrei detto. Gli avrei detto: «Guarda che ho avuto invidia, per la prima volta, di un funerale.»

( Paolo Villaggio - La Storia siamo noi - 4 gennaio 2007 )

Nella bara sono stati messi un pacchetto di sigarette, una sciarpa del Genoa , sua squadra del cuore, alcuni biglietti, un naso da clown e un drappo blu. [165] Dopo la cremazione (testimone incaricato dalla famiglia fu l'amico Beppe Grillo [165] ), avvenuta il giorno seguente alla cerimonia funebre, le ceneri sono state disperse, per sua espressa volontà, al largo di Genova, nel Mar Ligure [166] , sebbene il suo nome compaia anche all'interno della tomba di famiglia al Cimitero di Staglieno , nello stesso loculo del fratello Mauro (poiché le ceneri vi furono inizialmente messe e l'urna custodita [167] ), posto fra quello della madre Luisa Amerio e quello del padre Giuseppe; sulla tomba sono messi anche alcuni sassi raccolti sulla spiaggia, una sigaretta e una conchiglia. [164] [165] [168] [169]

«Non doveva andarsene, non doveva. È stato il più grande poeta che abbiamo mai avuto.»

( Fernanda Pivano - 13 gennaio 1999 )

Stile musicale

Fabrizio De André è citato fra i più importanti e poetici cantautori italiani [170] . La sua canzone d'autore è musicalmente scarna nonché incentrata sulle melodie e sulla voce profonda. [171] [172] Sempre prediligendo il formato della ballata, [4] De André ha proposto inizialmente un repertorio di canzoni che fanno prevalentemente leva sulla sola chitarra e pochi contrappunti. Col passare del tempo, ha sempre più preso le distanze dalla canzone d'autore francese di Georges Brassens , suo artista di riferimento, dando vita "a un certo nuovo modo di far poesia in canzone". [171] Altri musicisti a cui si è ispirato sono Leonard Cohen , Bob Dylan e importanti figure letterarie quali Edgar Lee Masters [173] , preso a modello per l'album Non al denaro non all'amore né al cielo (1971). I suoi testi anticonvenzionali parlano di temi quali l'arroganza del potere , la marginalità e il sesso [174] non tralasciando elementi di cronaca e satira. [171] [172] Per la sua attitudine a cantare gli umili, i poveri , le vite di emarginati , ribelli , alcolizzati , tossicodipendenti , "diversi", suicidi e prostitute , e in generale coloro che vivono "in direzione ostinata e contraria" [175] (verso della canzone Smisurata preghiera dall'album Anime salve del 1996 e titolo di una raccolta antologica), nonché per le sue idee anarchiche , De André è spesso ricordato come "il cantautore degli emarginati" o il "poeta degli sconfitti". [23] [24] [176]

Targa intitolata a Fabrizio de André in Via del Campo a Genova, riproducente alcuni versi della canzone omonima e l'immagine di copertina dell'album Mi innamoravo di tutto

"Gli estimatori di Fabrizio De André ammirano il coraggio morale e la coerenza artistica con cui egli, nella società italiana del dopoguerra, scelse di sottolineare i tratti nobili e universali degli emarginati, affrancandoli dal "ghetto" degli indesiderabili e mettendo a confronto la loro dolorosa realtà umana con la cattiva coscienza dei loro accusatori." [ senza fonte ] «Il cammino artistico di Fabrizio De André ebbe inizio sulla pavimentazione sconnessa e umida del carruggio di Via del Campo , prolungamento della famosa Via Pré, strada tanto proibita di giorno quanto frequentata la notte. È in quel ghetto di umanità platealmente respinta e segretamente bramata che avrebbero preso corpo le sue ispirazioni; di ghetto in ghetto, dalle prostitute alle minoranze etniche, passando per diseredati, disertori, bombaroli e un'infinità d'altre figure. Nella sua antologia di "vinti", dove l'essenza delle persone conta più delle azioni e del loro passato, De André raggiunse risultati poetici che gli vengono ampiamente riconosciuti» [49] .

Secondo le parole di Massimo Cotto, il musicista sarebbe: [170]

«L'uomo che ha preso a picconate il muro bianco della canzone italiana e ha fatto vedere quello che c'era dietro: un mondo vero, un'umanità disparata ea volte anche disperata ma viva, vera. Non sempre onesta, ma che andava giudicata secondo metri diversi, perché se non sono gigli son pur sempre figli, vittime di questo mondo.»

Al repertorio asciutto di Volume 1 (1967) si contrappongono le sonorità orchestrali e drammatiche di Tutti morimmo a stento (1968) [177] riprese anche nel già citato Non al denaro non all'amore né al cielo . [178] Alla poeticità di La buona novella (1970) [172] seguono Storia di un impiegato (1973), che risente degli stimoli pop e rock dell'epoca, [172] [179] Canzoni (1974), che segna una transizione verso "un suono più variopinto e articolato" rispetto ai dischi precedenti [172] e Rimini (1978), debitore del folk-rock americano. [172] Molto diverso è Crêuza de mä (1984) che, ispirandosi alle culture etniche mediterranee, getta un ponte fra musica occidentale e orientale e fa un largo uso di strumenti etnici acustici. [172] [180]

Influenza culturale

Scritta comparsa nei quartieri vecchi di Genova , che riporta alcuni versi della canzone Nella mia ora di libertà , da Storia di un impiegato (1973)
Versi finali della Canzone del maggio (da Storia di un impiegato ) a Torino su un muro del quartiere Barriera di Milano

«De André non è stato mai di moda. E infatti la moda, effimera per definizione, passa. Le canzoni di Fabrizio restano.»

( Nicola Piovani )

De André è tuttora molto presente nella memoria collettiva . La discografia di De André è meno ampia di quella di altri cantautori del suo tempo, e nonostante ciò risulta memorabile per varietà e intensità. [181] Viene ora riassunta in postume ricostruzioni filologiche , curate dalla vedova e da esperti tecnici del suono che si sono riproposti l'obiettivo di mantenere, nei nuovi supporti, le sonorità dei vecchi LP. Sino a ora sono state realizzate due raccolte, entrambe in triplo CD, intitolate In direzione ostinata e contraria e In direzione ostinata e contraria 2 .

Monumento a De André situato a Manarola ( Cinque Terre )
  • Alcuni fra i maggiori cantanti e cantautori italiani, il 12 marzo del 2000 , hanno ricordato l'artista genovese con un concerto celebrativo, al teatro Carlo Felice di Genova, interpretando i suoi maggiori successi. Di quel concerto è stato realizzato un doppio CD, dal titolo Faber, amico fragile , pubblicato nel 2003 ; in origine era previsto che le registrazioni rimanessero ai soli artisti partecipanti, solo in seguito si decise di trarne un album da vendere al pubblico. I proventi del concerto sono stati devoluti in beneficenza.
  • La Premiata Forneria Marconi ha eseguito concerti nei quali reinterpreta le canzoni di De André, in cui si ricorda la proficua collaborazione tra il gruppo e il cantautore.
    Il negozio-museo Gianni Tassio, in via del Campo, all'epoca in cui vi era ancora un'attività commerciale
  • A Genova, in Via del Campo , nel negozio di dischi di Gianni Tassio, ora acquisito dal comune di Genova e trasformato in museo [182] , è stata esposta la chitarra con la quale, probabilmente, De André ha studiato i testi delle canzoni di Crêuza de mä sulle musiche composte da Mauro Pagani . Lo strumento, la " Chitarra Estudio " n. 097 costruita dall'artigiano spagnolo Francisco Esteve nel 1983, venne messo all'asta in favore di Emergency dalla famiglia poco tempo dopo la sua morte e acquistato dai negozianti del capoluogo ligure per 168.500.000 lire [183] . Il ricavato venne utilizzato da Emergency per la costruzione di un reparto dell'ospedale di Goderich, località alla periferia di Freetown , capitale della Sierra Leone , struttura sanitaria moderna e unica in tutto il Paese, dove i pazienti vengono curati gratuitamente e dove un reparto si chiama, appunto, " Via del Campo ".
  • Sempre il negozio Musica Gianni Tassio , presso i luoghi dove il cantautore avrebbe voluto trascorrere i suoi ultimi anni, si è trasformato negli anni in una sorta di museo, e chi vi passa davanti può ascoltare le note delle sue canzoni; inoltre vi si trovano esposte in vetrina le copertine originali di tutti i suoi dischi. Nel febbraio 2011 il negozio fu chiuso ed il comune di Genova, proprietario del locale dal 2010, lo ha trasformato nel museo Via del Campo 29 rosso , aperto dal 2012 e dedicato a De André e agli altri cantautori genovesi. [184] Nella stessa Via del Campo è stata apposta una targa con due versi della canzone omonima.
Piazza Fabrizio De Andrè - Tempio Pausania
  • Su iniziativa della vedova Dori Ghezzi e di Fernanda Pivano è nata, nel 1999, la Fondazione Fabrizio De André Onlus, che si occupa di mantenere viva la memoria del cantautore. Molte sono le iniziative promosse, e moltissimi i gesti di stima e di amore che tutta Italia porge ogni anno alla memoria di Fabrizio.

Omaggi

De André in concerto nel 1982

Premio Fabrizio De André

A due mesi dalla morte del cantautore, nel 1999, viene istituito il premio De Fabula in suo onore, in seguito rinominato in Premio Fabrizio De André , assegnato a chi, nei diversi rami della cultura, sia stato particolarmente capace di diffondere la cultura ligure e specialmente genovese al di fuori della regione stessa.

Il premio consiste nell'assegnazione al vincitore di un quartaro d'oro (moneta un tempo utilizzata a Genova ). [188] [189]

Tematiche religiose

Fabrizio De André sul palco nel 1984

Molti sono i brani attraverso i quali De André esprime la sua visione religiosa. Già nel suo primo album Vol. 1º , inserisce brani come Preghiera in Gennaio , dedicato al suicidio dell'amico Luigi Tenco , Spiritual , Si chiamava Gesù . Con il concept album La buona novella (1970) il cantautore dedica un'intera opera alla tematica del Nuovo Testamento , umanizzando i personaggi del Vangelo e dei vangeli apocrifi . Riferimenti alla fede, alla religione, sono presenti direttamente o indirettamente anche in altri brani ( Smisurata preghiera , Khorakhané , Il testamento , Il testamento di Tito ecc.), ma risulta difficile descrivere con certezza la visione (probabilmente in continua evoluzione) del cantautore su questi temi, se non attraverso sue esplicite dichiarazioni.

Nonostante molte volte si sia dichiarato non credente [190] , egli espresse spesso nei fatti una religiosità di tipo " panteistico " [191] [192] , pur ammirando alcune figure religiose concrete, nonché la religione dei nativi americani . Affermò:

«Quando parlo di Dio lo faccio perché è una parola comoda, da tutti comprensibile, ma in effetti mi rivolgo al Grande Spirito in cui si ricongiungono tutti i minuscoli frammenti di spiritualità dell'universo. [193] [194] »

Vidi l'angelo mutarsi in cometa , illustrazione su Fabrizio De André e la fede per la canzone Il sogno di Maria , in La buona novella , opera di Giovanni Guida (2019)

In ogni caso, l'atteggiamento tenuto da De André nei confronti dell'uso politico della religione, delle gerarchie ecclesiastiche e dell'ipocrisia della provincia ligure è spesso sarcastico e fortemente critico, fino all' anticlericalismo [195] , nel contestarne i comportamenti contraddittori, come, ad esempio, nelle canzoni Un blasfemo , Il testamento di Tito , La ballata del Miché e gli ultimi versi di Bocca di rosa [49] .

«Io mi ritengo religioso e la mia religiosità consiste nel sentirmi parte di un tutto, anello di una catena che comprende tutto il creato e quindi nel rispettare tutti gli elementi, piante e minerali compresi, perché, secondo me, l'equilibrio è dato proprio dal benessere diffuso in ciò che ci circonda. La mia religiosità non arriva a ricercare il principio, che tu voglia chiamarlo creatore, regolatore o caos non fa differenza. Però penso che tutto quello che abbiamo intorno abbia una sua logica e questo è un pensiero al quale mi rivolgo quando sono in difficoltà, magari dandogli i nomi che ho imparato da bambino, forse perché mi manca la fantasia per cercarne altri»

Si dichiarò anche vicino alla spiritualità animista e panpsichista :

«La spiritualità è qualcosa che ha a che fare con la religiosità. Ci sono molti modi di esprimerla. Io per esempio mi sono sempre sentito parte di un tutto, un piccolo tassello – certamente non quello centrale – di un progetto universale. Direi che in questo senso sono un immanentista , uno spinoziano [196] . Ma tutto sommato mi avvicino ancora di più all' animismo : vedo l'anima nei sassi, ancorché siano stati sfiorati da qualche elemento vivo. Questo è il mio modo di essere religioso. Ma sì, forse sono un pellerossa . [197] »

Dopo il rapimento, la visione religiosa di De André ebbe una nuova evoluzione: umanista nel suo prestare attenzione all'uomo – in contrapposizione con la fede in un Dio, creazione dell'uomo stesso –, De André è uscito da quell'esperienza con un rinnovato rispetto nella fede e la divinità [198] .

Qualche mese prima della sua scomparsa, nel concerto al teatro Brancaccio di Roma nel 1998, De André fece le seguenti dichiarazioni riguardo all'album La buona novella [199] :

«Quando scrissi La buona novella era il 1969. Si era quindi, in piena lotta studentesca e le persone meno attente consideravano quel disco come anacronistico [...] E non avevano capito che La buona novella voleva essere un'allegoria: un paragone fra le istanze della rivolta del '68 e le istanze, spiritualmente più elevate ma simili da un punto di vista etico-sociale, innalzate da un signore, ben millenovecentosessantanove anni prima, contro gli abusi del potere, contro i soprusi della autorità, in nome di un egualitarismo e di una fratellanza universale. Quel signore si chiamava Gesù di Nazareth . E secondo me è stato, ed è rimasto, il più grande rivoluzionario di tutti i tempi. Quando ho scritto l'album non ho voluto inoltrarmi in strade per me difficilmente percorribili, come la metafisica o addirittura la teologia . Poi ho pensato che se Dio non esistesse bisognerebbe inventarselo, il che è esattamente quello che ha fatto l'uomo da quando ha messo piede sulla terra»

«Probabilmente ne La buona novella i personaggi del Vangelo perdono un po' di sacralizzazione; ma io credo e spero soprattutto a vantaggio di una loro migliore e maggiore umanizzazione»

Infine, nelle note del diario che De André tenne negli ultimi mesi di vita è contenuta una sua poesia inedita dedicata a San Francesco .

Tra le passioni di De André, vi era anche quella per l' astrologia . [200] [201] Come afferma anche Mauro Pagani in una intervista «Fabrizio aveva una gran passione per l'astrologia. Anzi, se doveva intraprendere con qualcuno un lavoro appena più che saltuario, per prima cosa gli chiedeva la data di nascita e l'ora. Poi gli faceva l'oroscopo di base e il quadro astrale completo, con tanto di effemeridi . E, se buttava male, il lavoro non partiva nemmeno». [202]

Composizione, influenze e paternità delle canzoni

De André durante il tour del 1982

Lungo la propria carriera De André ha collaborato, sia per la parte musicale, sia per la parte testuale, con numerosi altri artisti, prediligendo la composizione dei testi a quella delle musiche. [203] Fatta eccezione per l'album La buona novella , di cui firma testo e musica di tutte quante le tracce a parte Il testamento di Tito , le canzoni in cui De André è autore unico sia del testo che della musica sono nove ( La ballata dell'eroe , Il testamento , La guerra di Piero , La canzone di Marinella , Per i tuoi larghi occhi , Amore che vieni, amore che vai , La ballata dell'amore cieco , Amico fragile e Giugno '73 ), i brani in cui è co-autore sia del testo che della musica sono 87, mentre quelli in assoluto in cui figura (come autore o co-autore della musica o del testo) sono 216. [204]

In casi come quello de La canzone dell'amore perduto , accreditata al solo De André, la musica è quella di un brano nel pubblico dominio del XVIII secolo di Georg Philipp Telemann . Vittorio Centanaro , collaboratore di De André non iscritto alla SIAE, ha dichiarato di aver anch'egli stesso collaborato alla stesura de La guerra di Piero e Si chiamava Gesù , accreditate al solo De André. [205] A Il fannullone e Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers (1962) ha collaborato ai testi Paolo Villaggio , affermando – per il secondo brano – d'essere unico autore del testo, ma smentito da De André stesso. [206] Geordie è un adattamento con traduzione di un brano tradizionale inglese, reso popolare negli stessi anni anche dall'interpretazione di Joan Baez . La canzone del maggio (la cui musica ritorna parzialmente anche nel brano Nella mia ora di libertà dello stesso album Storia di un impiegato ), accreditata come "canto del maggio francese", è una lontana rielaborazione di un pezzo della cantante Dominique Grange ( Chacun de vous est concerné ) che la donò a De André rinunciando ai diritti d'autore . Il re fa rullare i tamburi è accreditata a De André, è indicata in nota come rielaborazione di una canzone popolare francese del XIV secolo . Hotel Supramonte riprende per la parte musicale Hotel Miramonti del collaboratore Massimo Bubola . Fila la lana , indicata come "canzone popolare francese del quindicesimo secolo" che De André aveva conosciuto tramite Vittorio Centanaro, fu composta per la parte musicale da Robert Marcy nel 1948 e interpretata da Jacques Douai nel 1955, e tradotta da De André. Via del Campo , accreditata inizialmente anche per la parte musicale a De André, che la riteneva una melodia anonima del XV secolo , prende la musica dal brano di Enzo Jannacci La mia morosa la va alla fonte (scritto con Dario Fo ): Jannacci riconobbe la buona fede di De André, raccontando d'avergli teso uno scherzo presentandogli una musica medievale riarrangiata da lui, e nel 1990 concordò il doppio accredito Jannacci-De André. [207] Andrea , accreditata a De André e Bubola, nel bridge fra una strofa e la successiva, cita col violino il refrain del brano O' comme Histoire d'O composto da Pierre Bachelet , colonna sonora del film Histoire d'O . Fiume Sand Creek , accreditata a De André e Bubola, per metà della linea melodica della strofa è forse ispirata a Summer '68 dei Pink Floyd . [208]

De André durante le prove di un concerto nel 1977 circa

Oltre agli adattamenti, ufficialmente riconosciuti, di noti brani di cantautori stranieri (come Brassens , Dylan e Cohen ) e alle riprese di temi musicali e letterari esplicitamenti dichiarati (come il testo di Smisurata preghiera , tratto da Imprese e tribolazioni di Maqroll il Gabbiere di Álvaro Mutis oi brani ispirati all' Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters ), De André si ispirava anche alla tradizione della canzone popolare anarchica, che spesso riprendeva melodie adattandole al nuovo contesto (l'esempio più celebre sono i canti scritti da Pietro Gori , su musiche tratte dalla tradizione popolare o scritte da Rossini e Verdi ). [209]

De André, che non ha mai ricevuto contenziosi per questioni inerenti al diritto d'autore, regalò egli stesso un verso della sua canzone La domenica delle salme (1990) a Loredana Bertè , che lo usò come titolo del suo album Un pettirosso da combattimento (1997). [210]

Sulla paternità delle canzoni di De André, Francesco De Gregori , intervistato da Roberto Cotroneo , ha dichiarato al proposito:

«Fabrizio è stato un grande organizzatore del lavoro altrui, perché le cose che realmente ha inventato o scritto sono percentualmente molto poche rispetto a quelle che lui ha preso e rivisitato, firmandole o meno [211]

( Francesco De Gregori )

Sullo stesso tema De André ha dichiarato:

«Quella che era partita come un'attività spontanea è diventata nel frattempo un mestiere, con tutti i coinvolgimenti che comporta un mestiere. [...] Oggi non cerco neanche d'arrampicarmi sugli specchi, semplicemente quando noto delle carenze di creatività, delle carenze soprattutto per quanto riguarda proprio il mestiere in maniera specifica, delle carenze nella capacità di sintesi, mi faccio aiutare. Ti dico "oggi", per dire "ieri" o "l'altro ieri". Mi faccio aiutare da persone più giovani di me che hanno questa capacità di sintesi superiore alla mia. Non credo di essere l'unico, anche Dylan s'è fatto aiutare, [...] e gliene sono grato perché mi dà una giustificazione. Io credo di essere sempre riuscito a fare meglio i testi che non le musiche. Do più importanza sicuramente al testo.»

( Fabrizio De André [203] )

De André è accreditato come autore o co-autore di tutti i brani originali da lui registrati nel corso della sua intera carriera, con due sole eccezioni: Le storie di ieri , scritta da Francesco De Gregori (che incise anche lui, quasi contemporaneamente a De André, con piccole variazioni di testo); E fu la notte con testo di Franco Franchi e musica di Carlo Cesare Stanisci e Arrigo Amadesi. [204]

Discografia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Fabrizio De André .

Tournée

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Tour di Fabrizio De André .

I tour di Fabrizio De André, compiuti nel periodo compreso dal 1975 al 1998, sono in tutto 12, dei quali solamente uno europeo . Nel primo è stato accompagnato da due musicisti dei New Trolls e due dei Nuova Idea e nel secondo dalla Premiata Forneria Marconi (che curò tutti i nuovi arrangiamenti dei brani).

Opere

  • Testimonianza in Gianni Borgna , Luca Serianni (a cura di), La lingua cantata. L'italiano nella canzone dagli anni Trenta ad oggi , Roma , Garamond , 1994 .
  • Fabrizio De André, Alessandro Gennari , Un destino ridicolo , romanzo, Torino , Einaudi , 1996 .
  • Prefazione a François Villon , Poesie , Milano , Feltrinelli , 1996.
  • Fabrizio De André (cinque poesie da altrettanti testi), Maura Cantamessa (sei calcografie), Luce, luce lontana , Bergamo, El Bagatt, edizione a tiratura limitata, 1997. Con uno scritto di Alessandro Gennari.
  • Fabrizio De André, Oliviero Malaspina , I notturni , 1999, inedito; pubblicato in appendice (nell'edizione ampliata del 2012), con altri appunti, in Belin, sei sicuro? Storia e canzoni di Fabrizio De André di Riccardo Bertoncelli
  • Fabrizio De André, Come un'anomalia. Tutte le canzoni , Torino, Einaudi, 1999. ISBN 88-06-15306-4
  • Fabrizio De André. Tutte le canzoni . Con DVD. Libro con tutti i testi commentati + DVD-Rom, Pag. 336. Mondadori editore, 2006. ISBN 8804554266 .
  • Fabrizio De André, Una goccia di splendore. Un'autobiografia per parole e immagini , con testi inediti, a cura di Guido Harari, Milano, Rizzoli, 2007. ISBN 978-88-17-01166-2

Le canzoni di Fabrizio De André nei film

La musica di Fabrizio De André è presente nei film:

Nel teatro

Storie di personaggi dalle canzoni e reminiscenze musicali:

  • Faber est - Il mondo di Fabrizio De André, scritto e diretto da Giuseppe Curreli, 2009

Premi e riconoscimenti

«[...] Mi pare che sempre di più sarebbe necessario che invece di dire che Fabrizio è il Bob Dylan italiano, si dicesse che Bob Dylan è il Fabrizio americano.»

( Fernanda Pivano , consegnando il Premio Lunezia 1997 a Smisurata preghiera )
  • Premio Tenco
  • 1997 - Premio Lunezia per il brano Smisurata preghiera dall'album Anime salve
  • 2001 - Gli viene conferito (postumo) il Premio Librex Montale Poetry for music
  • 2009 - Premio Fionda di Legno (postumo)
  • A Piazza Armerina il 31 maggio 2011 la Giunta Municipale ha intitolato via Fabrizio De André la strada che da via B. Croce conduce all'ingresso del carcere mandamentale, con la motivazione che il cantautore era da sempre stato sensibile alle problematiche della vita dei carcerati.
  • A Tempio Pausania il 21 luglio 2016 viene inaugurata Piazza Fabrizio De André , uno spazio con un'installazione architettonica disegnata da Renzo Piano , in ricordo del forte legame che il cantautore aveva con la città, dove ha vissuto per molti anni. [212]
  • Tra le numerose intitolazioni (la prima fu poco dopo la morte, la via al mare Fabrizio De André a Genova), a Sarzana in provincia della Spezia è stata dedicata una piazza al cantautore, così come il piazzale antistante al nuovo polo universitario di Asti .

Filmografia

Documentari

  • Fabrizio De André e PFM. Il concerto ritrovato , Regia di Walter Veltroni , 17 Febbraio 2020
  • Faber in Sardegna & L'ultimo concerto di Fabrizio De André di Gianfranco Cabiddu , 2015, 119'
  • Emozioni - Fabrizio De André di Simona Ercolani, 2012
  • Che tempo che fa - Speciale Fabrizio De André , 2010, in occasione di quello che sarebbe stato il 70º compleanno
  • Che tempo che fa - Speciale Fabrizio De André , 2009, a dieci anni dalla scomparsa
  • Speciale TG1 - Raccontando De André di Vincenzo Mollica, 2008, 63'
  • Effedia - Sulla mia cattiva strada di Teresa Marchesi, 2008, 87'
  • Faber - di Bruno Bigoni e Romano Giuffrida, 1999, 45'
  • Rai Radio 3, rubrica Storyville (Da lunedì 12 a venerdì 16 gennaio 2009 dalle 16:00 alle 16:30)

Fumetti

Archivio e biblioteca personale

La Biblioteca di area umanistica dell'Università degli studi di Siena conserva il Fondo Fabrizio De André [218] , comprendente carte familiari, corrispondenza, scritti connessi all'elaborazione dei testi delle canzoni (con particolare riguardo agli album Le Nuvole e Anime salve) e materiali relativi all'organizzazione di tournée. È inoltre presente un nucleo di libri appartenuti al cantautore.

Note

  1. ^ La Stampa: De Andrè, la storia dietro ogni canzone , su lastampa.it . URL consultato il 10 luglio 2016 .
  2. ^ La Repubblica: E il Premio De André va a Piero Pelù, leader dei Litfiba , su roma.repubblica.it . URL consultato il 10 luglio 2016 .
  3. ^ La Repubblica: Lettera aperta a Grazia Letizia Veronese, vedova di Lucio Battisti , su repubblica.it . URL consultato il 10 luglio 2016 .
  4. ^ a b Monti, Di Pietro; pag. 168
  5. ^ Luigi Viva , Non per un dio ma nemmeno per gioco , Feltrinelli Editore , 2016, p. 50, ISBN 9788858834534 .
  6. ^ LA BUSSOLA E STORIA DI UN IMPIEGATO Il concerto 1975.76 , su fabriziodeandre.it . URL consultato il 9 maggio 2020 .
  7. ^ Le 10 canzoni più famose di Fabrizio De Andrè , su tg24.sky.it , 31 agosto 2018. URL consultato il 26 aprile 2021 .
  8. ^ Cinque cantautori che hanno fatto la storia della musica italiana , su R3M , 3 giugno 2019. URL consultato il 21 dicembre 2019 .
  9. ^ Fabrizio De André, un artista eterno in 10 canzoni , su Rolling Stone Italia , 11 gennaio 2019. URL consultato il 21 dicembre 2019 .
  10. ^ Fabrizio De André 20 anni dopo: Homo Faber (ma soprattutto poeta) , su Il Sole 24 ORE . URL consultato il 21 dicembre 2019 .
  11. ^ Fabrizio De André Archivi , su Il Dubbio . URL consultato il 21 dicembre 2019 .
  12. ^ A chi è dedicata Bocca di Rosa di Fabrizio De André? , su R3M , 21 aprile 2020. URL consultato il 12 maggio 2020 .
  13. ^ 80 anni fa nasceva Fabrizio De André, in sala il "concerto ritrovato" di Faber e PFM , su rainews.it . URL consultato il 12 maggio 2020 .
  14. ^ L'eredità di De André: da Fossati ai Pinguini tattici, 80 anni di storia , su primocanale.it . URL consultato il 12 maggio 2020 .
  15. ^ Fabrizio De Andrè, fra sacro e profano playlist , su canzoneitaliana.it . URL consultato il 12 maggio 2020 .
  16. ^ De André, Fabrizio in "Enciclopedia dei ragazzi" , su www.treccani.it . URL consultato il 13 agosto 2021 .
  17. ^ La storia di 'Folaghe', uno dei pochissimi brani strumentali di Fabrizio De André , su R3M , 15 dicembre 2020. URL consultato il 13 agosto 2021 .
  18. ^ a b c Riccardo Bertoncelli (a cura di), Belin, sei sicuro? , cit., p. 44
  19. ^ Riccardo Bertoncelli (a cura di), Belin, sei sicuro? Storia e canzoni di Fabrizio De André , Firenze, Giunti, 2003, pp. 16-18.
  20. ^ Arturo Cattaneo e Donatella del Flaviis, Literary maps. A modular history of English literatures , Milano, Carlo Signorelli, 2002.
  21. ^ Massimo Emanuelli, 50 anni di storia della televisione attraverso la stampa settimanale , Milano, Greco & Greco, 2004, Pag. 292
  22. ^ Mario Luzi, Introduzione ad Accordi eretici di Fabrizio De André
  23. ^ a b Fabrizio de André: il poeta cantautore dei perdenti e degli emarginati (di G.Aufiero) , in Stato Quotidiano , 11 ottobre 2009. URL consultato il 5 novembre 2018 .
  24. ^ a b Alfredo Franchini, Uomini e donne di Fabrizio De André. Conversazioni ai margini , Fratelli Frilli Editori, 2014, cap. VII
  25. ^ Fabrizio De André moriva 18 anni fa: la sua canzone divenne pura poesia , su fanpage.it . URL consultato l'11 gennaio 2020 .
  26. ^ Fabrizio De André 20 anni dopo: Homo Faber (ma soprattutto poeta) , su Il Sole 24 ORE . URL consultato l'11 gennaio 2020 .
  27. ^ 15 anni senza il genio di Fabrizio De Andrè , su Music Fanpage . URL consultato il 31 gennaio 2020 .
  28. ^ Fabrizio De Andrè: ispirato o ispiratore , su stonemusic.it , 9 gennaio 2019. URL consultato il 31 gennaio 2020 .
  29. ^ Il più grande poeta italiano degli ultimi cento anni? • Le parole e le cose² , su Le parole e le cose² , 2 gennaio 2014. URL consultato il 31 gennaio 2020 .
  30. ^ Daniele Magliuolo, Cantanti italiani ricchi e famosi, ecco chi ha venduto di più in carriera , su News - Investireoggi.it , 8 agosto 2020. URL consultato il 22 gennaio 2021 .
  31. ^ Raul Rizzardi RitZ'Ó, Lista dei 100 migliori album italiani secondo Rolling Stone , su Raul Rizzardi RitZ'Ó Communications , 15 marzo 2019. URL consultato il 22 gennaio 2021 .
  32. ^ Cinzia Comandé e Roberta Bellantuono, Genova per noi , Arcana, 2014, ISBN 978-88-6231-354-4
  33. ^ Albo d'oro del Premio Lunezia
  34. ^ Fabrizio De André – Sito ufficiale – Intitolazioni , su fabriziodeandre.it . URL consultato il 26 maggio 2016 .
  35. ^ L'altro Fabrizio , supplemento a A/Rivista Anarchica , anno 30, n. 262, marzo 2000
  36. ^ "Crêuza de mä” ricantata da Mina e Vasco per l'inaugurazione del Ponte San Giorgio. , su Il Fatto Quotidiano , 3 agosto 2020. URL consultato il 22 gennaio 2021 .
  37. ^ Canzoni in dialetto genovese: cinque successi da ricordare , su GenovaToday . URL consultato il 22 gennaio 2021 .
  38. ^ Genova e suoi cantautori. , su lamialiguria.it .
  39. ^ Ossia, provenzale , romanì , inglese , spagnolo e portoghese , oltre ad aver tradotto e reinterpretato canzoni in francese di George Brassens .
  40. ^ nei brani Zirichiltaggia e Monti di Mola .
  41. ^ Nei brani Don Raffaé e La nova gelosia
  42. ^ Lista delle collaborazioni di De André , su viadelcampo.com .
  43. ^ Una targa del Comune a Pegli sulla casa natale di De André , in Corriere della Sera , 15 luglio 2001 (archiviato dall' url originale il 1º gennaio 2016) .
  44. ^ http://www.andreapodesta.it/deandre.pdf
  45. ^ È Morto De Andre' L'Avvocato di Gardini - La Repubblica
  46. ^ https://iniziativarepubblicana.news/2020/06/15/giuseppe-de-andre-un-repubblicano-particolare/
  47. ^ È morto a Genova Giuseppe De André , su ricerca.repubblica.it .
  48. ^Paolo Somigli, Fabrizio Cristiano De André , in Dizionario biografico degli italiani , Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2014. URL consultato il 4 dicembre 2014 .
  49. ^ a b c d Livio Gatti Bottoglia, Non al denaro, non all'amore né al cielo , mensile Civetta , marzo 1999
  50. ^ Roberto Iovino, Fabrizio De André, l'ultimo trovatore
  51. ^ Cesare G. Romana, Amico Fragile , Sperling Paperback (2000)
  52. ^ Luigi Viva .
  53. ^ Viva 2000 , p. 25 .
  54. ^ Viva 2000 , p. 53 .
  55. ^ Viva 2000 , p. 54 .
  56. ^ Viva 2000 , pp. 54-55 .
  57. ^ Franchini, Alfredo. Uomini e donne di Fabrizio De André. Conversazioni ai margini. Fratelli Frilli Editori, 2014.
  58. ^ Fabrizio De André - BIOGRAFIA
  59. ^ Fabio Dalmasso, Le prostitute di De André: "anime salve" dei carruggi , giuseppecirigliano.it
  60. ^ Viva 2000 , pp. 65-66 .
  61. ^ De André nel ricordo di Paolo Villaggio Archiviato il 7 settembre 2012 in Archive.is . - Intervista a Paolo Villaggio
  62. ^ E' morto a Milano Fabrizio De André , su repubblica.it . URL consultato il 26 dicembre 2013 .
  63. ^ Luigi Viva , p. 71 .
  64. ^ Giuseppe Cirigliano, Biografia di De André
  65. ^ Viva 2000 , p. 66 e segg. consultabile su Google books
  66. ^ Su Brassens, De André dichiarò: "Fu grazie a Brassens, maestro di pensiero e di vita, che scoprii di essere un anarchico. Mi ha insegnato per esempio a lasciare correre i ladri di mele, come diceva lui. Mi ha insegnato che in fin dei conti la ragionevolezza e la convivenza sociale autentica si trovano di più in quella parte umiliata ed emarginata della nostra società che non tra i potenti." , fonte: Fondazione De André
  67. ^ Viva 2000 , p. 83 .
  68. ^ Viva 2000 , p. 86 .
  69. ^ Viva 2000 , p. 87 .
  70. ^ Viva 2000 , p. 93 .
  71. ^ Sassi, Claudio, Walter Pistarini, and Luciano Ceri. De André talk: le interviste e gli articoli della stampa d'epoca. Coniglio, 2008.
  72. ^ La radio Vaticana ha lanciato il professore , da TV Sorrisi e canzoni del 1º dicembre 1968
  73. ^ Intervista di Adriano Botta a Fabrizio De André, pubblicata su L'Europeo del 13 marzo 1969
  74. ^ Michele Ceri; Claudio Sassi; Franco Settimo. Fabrizio De André-Discografia illustrata . Roma, Coniglio editore, 2006, p. 11.
  75. ^ Vito Vita , La Karim, Storia della prima casa discografica di De André pubblicato in Walter Pistarini, Fabrizio De André canzoni nascoste, storie segrete , Giunti Editore , Firenze, 2013; pagg. 155-163
  76. ^ Vito Vita , La vera prima volta di De André in TV pubblicato in Walter Pistarini, Fabrizio De André canzoni nascoste, storie segrete , Giunti, Firenze, 2013; pagg. 207-208
  77. ^ Come confermano sia le etichette dei dischi sia gli spartiti
  78. ^ De André, quella volta ho copiato Prévert , il Corriere della Sera del 28 luglio 1997
  79. ^ ad esempio i brani in sardo, napoletano e ligure
  80. ^ Ad esempio i brani tradotti di Brassens, Cohen e Dylan, e le sonorità ispirate alle loro
  81. ^ Fabrizio De André (1940-1999) - Le smisurate preghiere laiche e politiche del più grande dei nostri cantautori Le smisurate preghiere laiche e politiche del più grande dei nostri cantautori
  82. ^ link ai dischi di Mina che contengono canzoni di De André
  83. ^ Luciano Lanza. Intervista a Fabrizio De André (1993)
  84. ^ a cura di Riccardo Bertoncelli 2012, p. 50.
  85. ^ Viva 2000 , p. 121 .
  86. ^ Viva 2000 , p. 122 .
  87. ^ Doriano Fasoli, Passaggi di tempo , Ed. Coniglio 2009
  88. ^ Fabrizio De Andre'
  89. ^ Viva 2000 , p. 134 .
  90. ^ Riccardo Bertoncelli (a cura di), Belin, sei sicuro? , cit., pp. 75-76
  91. ^ Allo stato attuale delle conoscenze, a meno che non venga scoperto un ulteriore disco registrato precedentemente, il primo concept album della storia della musica italiana potrebbe essere Diario di una sedicenne di Donatella Moretti , pubblicato nel 1964, seguito da Vi parlo dell'America di Giovanna Marini , pubblicato nel 1966, come Le canzoni del West di Bobby Solo , pubblicato invece qualche mese dopo. L'articolo pubblicato su Onda Rock da Claudio Fabbretti, che afferma che Tutti morimmo a stento sarebbe il primo concept album italiano, è, quindi, non attendibile
  92. ^ http://www.liosite.com/poesia/riccardo-mannerini-eroina/
  93. ^ In "Cantico per i diversi", intervista a cura di Roberto Cappelli, Il Mucchio Selvaggio ; Fabrizio De André, 1992
  94. ^ Scoperto inedito di De André in inglese
  95. ^ http://www.liberoquotidiano.it/news/sfoglio/11906984/-La-morte-di-mio-figlio-ei-Ricchi-e-Poveri---Franco-Gatti-vuota-il-sacco--tutta-la-verita-sull-addio-.html
  96. ^ Lo stesso autore, presentando alcuni brani de La buona novella durante il tour del 1997
  97. ^ Nell'intervista effettuata da Riccardo Bertoncelli contenuta in Belin, sei sicuro? Storia e canzoni di Fabrizio De André , 2003 , editore Giunti , pag. 85, ISBN 978-88-09-02853-1
  98. ^ Intervista effettuata da Riccardo Bertoncelli contenuta in Belin, sei sicuro? Storia e canzoni di Fabrizio De André , 2003, editore Giunti , pag. 85, ISBN 978-88-09-02853-1
  99. ^ Intervista effettuata da Doriano Fasoli e contenuta in Passaggi di tempo , 2009, Coniglio editore
  100. ^ Il racconto di De André è stato poi ripubblicato su La Stampa del 12 gennaio 1999, a pag. 23
  101. ^ Luca Indemini, Gli prestai una camicia, non l'ha mai restituita , intervista a Gipo Farassino pubblicata su La Stampa di sabato 5 settembre 2009 , pag. 72
  102. ^ Fernanda Pivano, I miei amici cantautori , Milano, Mondadori, 2005.
  103. ^ Intervista effettuata da Riccardo Bertoncelli contenuta in Belin, sei sicuro? Storia e canzoni di Fabrizio De André , 2003, editore Giunti , pag. 89, ISBN 978-88-09-02853-1
  104. ^ Nell'intervista effettuata da Riccardo Bertoncelli contenuta in Belin, sei sicuro? Storia e canzoni di Fabrizio De André , 2003 , editore Giunti , pag. 80, ISBN 978-88-09-02853-1
  105. ^ Intervista effettuata da Riccardo Bertoncelli contenuta in Belin, sei sicuro? Storia e canzoni di Fabrizio De André , 2003, editore Giunti , pag. 93, ISBN 978-88-09-02853-1
  106. ^ Questa è la frase che viene riportata dai quotidiani di mercoledì 26 aprile
  107. ^ La vicenda venne trattata dai quotidiani di aprile; a titolo di esempio citiamo gli articoli «De André è irremovibile» di Vincenzo Buonassisi , dal Corriere della Sera di mercoledì 26 aprile 1972, pag. 13 e «No a Fabrizio De André: la canzone resta in gara» di Vincenzo Buonassisi , dal Corriere della Sera di giovedì 27 aprile 1972, pag. 15
  108. ^ Recensione di Simone Dessì pubblicata su Muzak e ristampata poi nel volume C'era una volta una gatta , edizioni Savelli -Il pane e le rose, Roma, 1977, pag. 44
  109. ^ Riccardo Bertoncelli (a cura di), in Belin, sei sicuro? Storia e canzoni di Fabrizio De André , 2003, editore Giunti , pag. 94, ISBN 978-88-09-02853-1
  110. ^ a b Enrico Deregibus , Traccia biografica , pubblicata in Riccardo Bertoncelli (a cura di), Belin, sei sicuro? Storia e canzoni di Fabrizio De André , 2003, editore Giunti , pag. 55, ISBN 978-88-09-02853-1
  111. ^ Fiorella Gentile, Fabrizio De André: un disco da "leggere", pubblicato su Ciao 2001 del 2 dicembre 1973, pagg. 33-35
  112. ^ De André arriva al cinema. Dori Ghezzi: "Il suo paradiso era in terra" - Musica - Spettacoli - Repubblica.it
  113. ^ a b Copia archiviata , su viadelcampo.com . URL consultato il 19 marzo 2010 (archiviato dall' url originale l'8 maggio 2006) .
  114. ^ Inclusa anche nel doppio disco dal vivo con la PFM del biennio '79-'80
  115. ^ Come si può leggere nelle scalette dei concerti delle varie tournée riportate in Franco Zanetti e Claudio Sassi, Fabrizio De André in concerto , Giunti Editore
  116. ^ Franco Zanetti e Claudio Sassi, Fabrizio De André in concerto , Giunti Editore
  117. ^ Alessio Tommasoli, Recensione: Fabrizio De André - Storia di un Impiegato , su storiadellamusica.it . URL consultato l'11 maggio 2014 .
  118. ^ Storia di un impiegato , su bielle.org , La brigata Lolli. URL consultato l'11 maggio 2014 .
  119. ^ Piero Sansonetti, Era libertario e antigiustizialista: cosa c'entra De André con Saviano? , su glialtrionline.it .
  120. ^ Enrico Deregibus , Traccia biografica , pubblicata in Riccardo Bertoncelli (a cura di), Belin, sei sicuro? Storia e canzoni di Fabrizio De André , 2003, editore Giunti , pag. 54, ISBN 978-88-09-02853-1
  121. ^ Enrico Deregibus , Traccia biografica , pubblicata in Riccardo Bertoncelli (a cura di), Belin, sei sicuro? Storia e canzoni di Fabrizio De André , 2003, editore Giunti , pag. 56, ISBN 978-88-09-02853-1
  122. ^ De André: Malgioglio, "Quando gli presentai Dori Ghezzi"
  123. ^ Cesare G. Romana, Amico fragile. Fabrizio De André si racconta a Cesare G. Romana , Sperling & Kupfer , pag. 93
  124. ^ Franco Zanetti e Claudio Sassi, Fabrizio De André in concerto , Giunti Editore , pag. 27
  125. ^ De André: biografia , su fondazioneitaliani.it .
  126. ^ AA.VV., Libro bianco sul pop in Italia. Cronaca di una colonizzazione musicale in un paese mediterraneo , Arcana Editore , Roma , pag. 159
  127. ^ a b Faber, parole oltre la musica: «Così vinse la sua battaglia» , su archiviostorico.corriere.it .
  128. ^ Fabrizio De André a un comizio radicale del 1975: l'intervento di Faber e quello di Pannella; il ricordo di Dori Ghezzi , su radioradicale.it .
  129. ^ Secondo quanto riportato da "Il Secolo XIX" online del 12 gennaio 2009 ( Faber, una notte sulle note del suo "Inverno" ), Dori Ghezzi avrebbe affermato di essere venuta a conoscenza del fatto quando vennero ritrovati in una via romana alcuni archivi dei servizi segreti, probabile riferimento all'archivio dell'Ufficio Affari Riservati del Ministero dell'Interno , ritrovato nel 1996 durante un'inchiesta del giudice milanese Guido Salvini , in un deposito sulla via Appia .
  130. ^ a b c d e "Quel terrorista di De André" Così la polizia schedò il cantautore , in La Repubblica , 10 gennaio 2009.
  131. ^ Io e Fabrizio sorvegliati speciali perché la musica faceva paura , in La Repubblica , 11 gennaio 2009.
  132. ^ Fabrizio per A/A per Fabrizio , su arivista.org .
  133. ^ Viva 2000 , p. 161 .
  134. ^ Amico fragile - Antiwarsongs
  135. ^ Foto dell'articolo
  136. ^ La stessa canzone Avventura a Durango è, come detto, una traduzione del brano Romance in Durango di Bob Dylan
  137. ^ Presentazione del brano fatta da De André il 19 gennaio 1992
  138. ^ Nel successivo disco dal vivo inciso con la PFM, De Andrè incide una gaffe. Parlando della canzone Rimini con gli spettatori, fa riferimento ai "Vitellini" di "Felloni", divertendo il pubblico. Ma non è l'unico "errore" del disco. Mentre interpreta Sally , alla fine della canzone Fabrizio scambia il verso "mia madre mi disse: non devi giocare con gli zingari nel bosco", cantando "mia madre mi disse: non devi giocare con gli svizzeri nel bosco". cfr. FaberDeAndre.Com - Scritti su Fabrizio De André: Sally
  139. ^ Intervista alla PFM, pubblicata in Riccardo Piferi (a cura di), Premiata Forneria Marconi , Lato Side , 1981
  140. ^ 1978-79
  141. ^ Secondo Dario Salvatori, Storia dell'hit parade , rispettivamente sesto e quattordicesimo posto delle classifiche
  142. ^ a b c Dori e Fabrizio, storia di sequestro e dell'amore per l'anarchica Sardegna , su terranews.it (archiviato dall' url originale il 13 aprile 2013) .
  143. ^ Riccardo Bertoncelli, Belìn, sei sicuro? Storia e canzoni di Fabrizio De André: Con gli appunti inediti de "I Notturni" , Intervista al coautore Massimo Bubola, pag. 108; cfr. i versi «T'ho incrociata alla stazione / che inseguivi il tuo profumo / presa in trappola da un tailleur grigio fumo / i giornali in una mano e nell'altra il tuo destino / camminavi fianco a fianco al tuo assassino».
  144. ^ vedi l'articolo Articolo del Messaggero sulla sentenza per il sequestro di Fabrizio De André e Dori Ghezzi.
  145. ^ I De André non saranno parte civile in appello
  146. ^ De André perdona i rapitori e firma la domanda di grazia
  147. ^ Si veda, per esempio, l'intervista rilasciata da Mauro Pagani per il programma La Storia siamo noi ( vedi puntata ).
  148. ^ Come detto da Mauro Pagani durante questa puntata de La Storia siamo noi .
  149. ^ Vito Vita, New Trolls: l'Araba Fenice. Intervista a Vittorio De Scalzi , pubblicata su Musica Leggera , nº 10, aprile 2010 , pagg. 42-55
  150. ^ De André dichiarò: La mia droga è stata l'alcol, io ero proprio marcio fino al 1985. Bevevo due bottiglie di whisky al giorno, e questo praticamente da quando avevo diciotto anni, da quando ero andato via di casa. Ne sono uscito perché mio padre, con il quale avevo ricostruito un ottimo rapporto, sul letto di morte mi chiamò e mi disse: "Promettimi una cosa" e io: "Quello che vuoi papà". "Smetti di bere". E io, "Ma porca di una vacca maiala, proprio questo mi devi chiedere?". Io, praticamente, avevo il bicchiere in mano. Ma ho promesso. E ho smesso.
  151. ^ Giuseppe Cirigliano, Amico fragile
  152. ^ Il trucco della signora Grillo , su vanityfair.it .
  153. ^ a b c d «De André, Fabrizio», in: Enzo Gentile , Alberto Tronti, Dizionario del Pop-Rock 2014 , Zanichelli
  154. ^ "«Io sono un principe libero e ho altrettanta autorità di fare guerra al mondo intero quanto colui che ha cento navi in mare.» (Samuel Bellamy, pirata alle Antille)"
  155. ^ Luigi Manconi, Valentina Brinis, La musica è leggera. Racconto su mezzo secolo di canzoni , 2012, pagg. 255-256
  156. ^ La nuova siglia di Che tempo che fa: Rainbows di Raphael Gualazzi
  157. ^ De Andre' : quella volta ho copiato Prevert
  158. ^ Crediti dell'album e Immagine
  159. ^ a b c L'ultima battaglia del poeta De André
  160. ^ Enrico Marcoz, Non batté ciglio quando seppe del tumore
  161. ^ I "Notturni", inedito De André. L'opera che Faber non scrisse mai
  162. ^ L'ultimo album, ecco i testi inediti
  163. ^ Biografia di Oliviero Malaspina
  164. ^ a b Una folla silenziosa per Fabrizio De André , su repubblica.it .
  165. ^ a b c Grillo testimone alla cremazione di De André , su ricerca.repubblica.it . URL consultato il 22 dicembre 2017 .
  166. ^ La Repubblica del 20 maggio 2003 , su repubblica.it . URL consultato il 27 settembre 2017 .
  167. ^ Dopo la cremazione la cerimonia nella cappella di famiglia De Andrè, ultimo viaggio , su ricerca.gelocal.it . URL consultato il 22 dicembre 2017 .
  168. ^ Pietro Pecco, Fabrizio De André tomb, Staglieno Cemetery, Genoa, Liguria, Italy, Europe , 24 aprile 2013. URL consultato il 2 giugno 2017 .
  169. ^ bender444, La tomba di Fabrizio De Andrè , 4 settembre 2016. URL consultato il 2 giugno 2017 .
  170. ^ a b Massimo Cotto, Il grande libro del rock (e non solo) , BUR, 2011, p. 38.
  171. ^ a b c Gianfranco Baldazzi, Luisella Clarotti, Alessandra Rocco, I nostri cantautori , Thema Editore, 1990, p. 106, ISBN 9788871590691 .
  172. ^ a b c d e f g Enzo Gentile, Alberto Tonti, Il dizionario del pop-rock , Zanichelli, 2014, pp. 438-440.
  173. ^ Monti, Di Pietro; pag. 164
  174. ^ Monti, Di Pietro; pag. 165
  175. ^ Intervista a Mauro Pagani in Podestà, Fabrizio De André, in direzione ostinata e contraria , p. 23.
  176. ^ Fabrizio De Andrè, 20 anni senza il poeta della musica , in Quotidiano.net , 12 gennaio 2019. URL consultato il 16 gennaio 2019 .
  177. ^ Gianfranco Baldazzi, Luisella Clarotti, Alessandra Rocco, I nostri cantautori , Thema Editore, 1990, p. 110, ISBN 9788871590691 .
  178. ^ Gianfranco Baldazzi, Luisella Clarotti, Alessandra Rocco, I nostri cantautori , Thema Editore, 1990, p. 115, ISBN 9788871590691 .
  179. ^ Gianfranco Baldazzi, Luisella Clarotti e Alessandra Rocco, I nostri cantautori , Thema Editore, 1990, p. 116, ISBN 9788871590691 .
  180. ^ Monti, Di Pietro; pag. 167
  181. ^ Addio Fabrizio, poeta anarchico di fine millennio , Giacomo Pellicciotti, La Repubblica , 11 gennaio 1999
  182. ^ Acquisizione da parte del Comune di Genova del negozio di Gianni Tassio , su ricerca.repubblica.it .
  183. ^ Genova vince la chitarra di De André , in Archivio - la Repubblica.it . URL consultato il 24 febbraio 2018 .
  184. ^ Via del Campo 29rosso: riapre il negozio di musica di Gianni Tassio
  185. ^ √ Patti, stella internazionale al concerto per 'Faber' | News | Rockol
  186. ^ Tgcom - Patti Smith, omaggio a De André
  187. ^ Faber Nostrum, la musica italiana canta De André , su talassamagazine.com , Talassa Magazine, 11 aprile 2019. URL consultato l'11 aprile 2019 .
  188. ^ Premio Fabrizio De André - Homepage , su premiofabriziodeandre.it . URL consultato il 27 febbraio 2013 .
  189. ^ Premio Fabrizio De André sul sito dell'Associazione De Fabula
  190. ^ Paolo Ghezzi, Articolo su Il Vangelo secondo De André , Vita Pastorale, n. 7, luglio 2013
  191. ^ La poetica di Fabrizio De André
  192. ^ Recensione e risvolto di copertina a Il Vangelo secondo De André di Paolo Ghezzi
  193. ^ Riportato in diversi articoli, tra cui: Diapositive De André ; Roberto Beretta, De André, il ribelle che cantò il Vangelo , dal sito Jesus1.it, origin. in Avvenire , 9 novembre 2003, con intervista a Paolo Ghezzi.
  194. ^ Questa frase fu estrapolata da intervista, e citata principalmente nella fonte antologica: Paolo Ghezzi, Il Vangelo secondo De André. «Per chi viaggia in direzione ostinata e contraria» , Edizioni Ancora, 2003
  195. ^ Recensione a Sulla cattiva strada. La spiritualità di Fabrizio De André di Fabrizio Filiberti e Milena Simonetti
  196. ^ Sebbene in un'altra dichiarazione abbia detto che il suo immanentismo fosse diverso da quello di Baruch Spinoza
  197. ^ Fabrizio De André, a cura di Fondazione De André, Sotto le ciglia chissà , Mondadori, 2016, estratto
  198. ^ Citato in L'amore sacro, l'amor profano–omaggio a Fabrizio De André , a cura di Piero Ameli, BURsenzafiltro, Bergamo, 2006. Allegato al DVD Omaggio a Fabrizio De André , concerto tributo registrato il 10 luglio 2005 all'Anfiteatro Romano di Cagliari. ISBN 88-17-01296-3 .
  199. ^ Si possono ascoltare nel DVD tratto dalla tournée
  200. ^ Fabrizio de André in mostra a Roma
  201. ^ Ero più curioso di voi , «Astrologia», in Fondazione De André
  202. ^ Vedi: Pagani: il mio Faber tra canzoni e astrologia - la Repubblica.it
  203. ^ a b Intervista a Fabrizio De André, Dentro Faber Vol. 8 Poesia in Forma di Canzone , min. 40, 2011
  204. ^ a b Archivio Opere ed Archivio Associati e Mandanti SIAE
  205. ^ Come affermato da Centanaro in un'intervista di Franco Zanetti e Claudio Sassi riportata nel volume Fabrizio De André in concerto , 2008, Giunti Editore
  206. ^ Secondo quanto affermato da Paolo Villaggio: «La scelta dell'ambientazione medioevale fu tutta farina del mio sacco; Fabrizio ci mise solo la musica. Cioè avvenne il contrario, lui aveva già la musica e io ci misi le parole [...] In una settimana scrissi le parole di questa presa in giro del povero Carlo Martello.» Copia archiviata , su railibro.rai.it . URL consultato l'11 maggio 2014 (archiviato dall' url originale il 7 settembre 2012) . ; De André, tuttavia, in un'intervista del 12 gennaio 1969 ribadiva che le affermazioni di Villaggio erano infondate e che co-scrisse il testo lui stesso
  207. ^ Musica, dai Beach Boys a Baglioni: galleria dei (presunti) plagi
  208. ^ Confronto tra Summer '68 e Fiume Sand Creek
  209. ^ De André: anarchia e puttane , Girodivite - Antenati
  210. ^ Loredana Bertè, dalla fame al successo: “Sono una signora. E sono tornata”
  211. ^ Intervista di Roberto Cotroneo a Francesco De Gregori a La mezzanotte di Radio due del 30 marzo 2006
  212. ^ Tempio, Renzo Piano inaugura la nuova piazza dedicata a Fabrizio De André - Cronaca - L'Unione Sarda.it , in L'Unione Sarda.it , 22 luglio 2016. URL consultato il 22 ottobre 2016 .
  213. ^ FILM , su www.linopinna.it . URL consultato il 5 novembre 2018 .
  214. ^ Luca Marinelli sarà Fabrizio De André nel film Principe libero” , in Rockit.it . URL consultato l'11 marzo 2017 .
  215. ^ Via al film su Fabrizio De Andrè, interpretato da Luca Marinelli , in La Notizia giornale.it , 10 marzo 2017. URL consultato l'11 marzo 2017 .
  216. ^ Un film su De Andrè, casting e set: cinema in Liguria nel 2017 . URL consultato l'11 marzo 2017 .
  217. ^ A marzo le riprese sul film di De Andrè: cercasi comparse a Villa Bombrini , in GenovaToday . URL consultato l'11 marzo 2017 .
  218. ^ Archivio Fabrizio De André , su fabriziodeandre.it , Università degli Studi di Siena. URL consultato il 9 febbraio 2018 .

Bibliografia

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 133149196499874791881 · ISNI ( EN ) 0000 0001 1871 4288 · SBN IT\ICCU\RAVV\027419 · Europeana agent/base/51481 · LCCN ( EN ) n93032221 · GND ( DE ) 120541874 · BNF ( FR ) cb133406477 (data) · BNE ( ES ) XX1595785 (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n93032221