Ewòp

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Dekonbigasyon note.svg Disambiguation - Si ou ap chèche pou lòt siyifikasyon, gade Ewòp (disambiguation) .
Ewòp
Earthlights 2002.jpg
Imaj satelit nan Ewòp nan mitan lannwit , pran an 2002
Etazini 50 [1]
Sifas 10 180 000 km²
Moun ki rete 723,000,000 [2] (2019)
Dansite 73 abitan / km²
Lang gade Lang ak lang ki pale an Ewòp
Zòn Tan soti nan UTC-1 rive UTC + 6
Non moun ki rete Ewopeyen yo
Ewòp (òtografik pwojeksyon) .svg
Pozisyon nan Ewòp nan mond lan.

Ewòp ( / euˈrɔpa / [3] ) se yon rejyon jewografik nan mond lan , souvan konsidere kòm yon kontinan sou baz faktè istorik-kiltirèl ak jeopolitik, youn nan sèlman ki sitiye antyèman nan emisfè nò a . Li konstitye fen lwès la nan supèrkontinan Ewazi a , oswa menm youn nan twa pati yo (nò-lwès la) nan supèrkontinan Eurafrasia a , ki rele kontinan an ansyen .

Istwa Ewopeyen an ak kilti te enfliyanse anpil sa yo ki nan lòt kontinan, nan ki migrasyon yo te souvan ak masiv depi syèk la 16th , espesyalman nan Amerik ak Oceania , kote Ewopeyen yo kounye a se nan majorite a konpare ak popilasyon lokal yo.; divès fòm kolonyalis ak enperyalis Ewopeyen an te pwofondman enfliyanse istwa dènye syèk yo.

Etimoloji

Nan mitoloji grèk , Europa te pitit fi Agenore, wa lavil Tir , yon ansyen vil Fenisyen nan zòn Mediterane-Mwayen Oryan an. Zeyis , tonbe damou pou li, deside kidnape l ', li tounen yon bèl ti towo bèf blan. Pandan ke li tap ranmase flèlanmè a , Europa te wè ti towo bèf la kap apwoche li. Li te yon ti kras pè, men ti towo bèf la kouche nan pye l 'ak Europa kalme. Lè li wè ke yo te karese Europa, li moute sou do ti towo bèf la ki jete tèt li nan lanmè a epi mennen l 'nan Krèt . Zeyis tounen tounen Bondye epi devwale lanmou li ba li. Yo te gen twa pitit: Minos , Sarpedonte ak Radamanto . Minos te vin wa nan Krèt e li te fèt nan sivilizasyon kretan , bèso sivilizasyon Ewopeyen an . Non Ewòp, depi nan moman sa a, te endike peyi ki chita nan lanmè Mediterane a [4] .

Kòm yon tèm géographique, li endike, nan tan grèk , yon peyi nan nò Mediterane a ki gen fwontyè nò yo pa te egzakteman li te ye. Nan rekonstriksyon an nan jewograf la grèk Hecateus nan Miletus (d. 480 BC) Latè a enkli de kontinan divize pa Mediterane a, sant la nan mond lan: sou yon bò Ewòp nan prizon nan nò a pa rejyon yo iperboryen enkoni; sou lòt la, Azi, ki te gen ladan tou peyi Lejip ak Libi .

Filip Masedwan , papa Aleksann Legran te defini tèt li kòm premye wa nan Ewòp [5] , yon Ewòp ki te ale soti nan Adriyatik nan Danube a [6] . Si pou Theopompus [7] "[...] Filip [...] dwe gouvènen sou tout Ewòp", pou Alexander Ewòp vin tounen yon Apendis nan pwovens Lazi. Pou Strabo [8] Ewòp Theopompus 'se defini nan de lanmè yo Adriyatik ak Pont : "li sitiye nan sid Istro epi li se antoure pa lanmè a. Li kòmanse nan pati nan entim nan Adriyatik la ak pwolonje [...] jiska yon sèl la pontik ". Yon fwa ankò, Livio [9] di ke Filip "te sezi pa ankouraje a pou monte sou tèt mòn Emo, kwè rimè komen ki soti nan li panorama la elaji soti nan Pontus Adriyatik la, ki soti nan Danube a alp la": li se mòn lan menm ki Filip V ap monte yon santèn ane apre lanmò nan gwo Filip la, ki soti nan moun li obsève orizon an ideyal nan konkèt l 'yo.

Nan tan Women yo , tèm "Ewòp" ak "Ewopeyen" yo raman mansyone pa otè Latin: premye prèv ekri nan yon renesans nan tèm grèk la tounen nan fen sizyèm syèk la : Ilandè Abbot San Colombano , lavni fondatè Abbey la nan Bobbio , mansyone li ( tutius Europae ) nan youn nan lèt yo bay Pap Gregory Great a [10] . Menm mwàn Isidoro Pacensis la te itilize tèm nan pou endike sòlda ki anba lidèchip Carlo Martello te goumen nan Poitiers ( prospiciunt Europenses Arabum tentoria, nescientes cuncta esse pervacua ) [11] . Batay la te an reyalite sipoze yon gwo valè senbolik: West la kretyen te depreferans reprezante pa Ewòp, ki te sispann ekspansyon Arab la. Isidore te Se poutèt sa itilize adjektif "Ewopeyen an" nan atribi yon idantite kolektif vanyan sòlda yo ki te sispann anvayisè yo Mizilman yo.

Tèm Ewòp la endike yon reyalite politik konkrè ak nouvo ak anpi Charlemagne [12] , yon nouvo antite, ki te fèt nan kòmansman nevyèm syèk la, apre trant ane lagè kont lombar , avar , saks ak slav , kote yo konvèje. pouvwa a nan pèp yo jèrmen , sa ki siviv nan lavil Wòm , selt yo ak tout pèp anvan yo jiska paleolitik la plis otorite espirityèl la Siprèm pontif la . Charles, yon jèn lidè frank, fonde yon gwo Anpi ki gen ladan pi fò nan Ewòp oksidantal, adopte Laten kòm lang ofisyèl ekri, sèvi ak yon sèl lajan ak pwofese yon sèl relijyon.

Old Mondyal la

Aprè arive Kristòf Kolon nan Amerik la , Ewòp pafwa yo rele l tou Old Kontinan [13] , kontrèman ak nouvo kontinan an, sètadi Amerik . Tèm Old Kontinan an , sepandan, se tou synonyme ak ekspresyon " Ansyen Kontinan an ", ki gen ladan tou Azi ak Lafrik [14] . Se sèlman nan kontèks la li posib yo konprann ki zòn jewografik nou ap refere li a.

Istwa

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Istwa nan Ewòp .

Pre-istwa

Tranzisyon nan Neyolitik la ( Revolisyon Neyolitik) ta te fèt nan Ewòp soti nan 7000 BC Pwosesis la te kòmanse soti nan Mwayen Oryan an , Lè sa a, te rive nan Lagrès ak, moute Danube a , envesti Balkan yo ak Lè sa a, Ewòp santral. Chemen sa a sijere pa difizyon nan divès fòm seramik ( lineyè oswa kout pwen grave dekoratif, estanda ki gen fòm tabl oswa entwodiksyon de antonwa ki gen fòm tas ak tas ).

Imedyatman, soti nan 5000 BC envazyon an nan Indo - Ewopeyen yo ta te fèt, ki okòmansman afekte rejyon an nan nò lanmè Nwa a . Popilasyon sa yo te sitou konsakre nan elvaj bèf ak pastoralism, te konnen itilize nan kabwa a rale pa bèf ak pale lang nan proto-indo-Ewopeyen an , zansèt nan lang modèn Ewopeyen an. Popilasyon an te divize an twa klas sosyal: vanyan sòlda, prèt ak travayè; estrikti sosyal la te yerarchize ak patriyakal, ki te dirije pa figi wa a . Antèman moun ki mouri nan ti mòn yo te pratike, avèk objè fineray ki reflete pozisyon sosyal yo. Indo-Ewopeyen mitoloji te enfliyanse pa politeyism ak aktivite lagè, e li te transmèt pa mizisyen nan powèm sezon .

Entwodiksyon nan eleman Indo-Ewopeyen yo nan Ewòp santral obsève soti nan 3000 BC ak make pa antèman nan ti mòn, nan ki objè yo finerayyè enkli rach lagè ak potri te travay ak dekorasyon kòd . Ekspansyon Indo-Ewopeyen an nan Ewòp oksidantal te wè fizyon an ak popilasyon sedantè pre-egziste yo, ki te pwodwi potri globilè ki gen fòm (anfor) . Soti nan Ewòp lès, Indo-Ewopeyen yo ta tou te entwodwi metaliji an kwiv ak pita an kwiv , ak itilize nan chwal la. Aprè envazyon Indo-Ewopeyen an, Pwotokèl yo te devlope nan Ewòp oksidantal; an Ewòp Santral ak lès, nan lòt men an, pèp yo proto- Alman yo ak Balto-Slav te fèt.

Ansyen laj

Nan 1600 BC nan Lagrès yo te bay lavi nan eta-vil òganize alantou yon sant politik-relijye nan Acropolis a , sivilizasyon an Mycenaean , ki gen evènman yo chante pa powèm omerik . Apre envazyon an nan pèp yo nan lanmè a sou kòt Mediterane a nan 1200 BC te gen yon bès nan eta yo-vil yo. Nan peryòd sa a, pre-Indo-Ewopeyen relijyon tou re-parèt nan kontinantal Ewòp, ak pratik nan ensinere moun ki mouri yo ak kenbe yo nan urn , tankou nan kilti a Villanovan nan nò peyi Itali. Apre Mwayennaj yo Hellenic apre envazyon yo nan pèp yo Lanmè, te gen yon reouvè nan komès ant lavil yo nan Lagrès ak Anatoliya nan Aegean a, ak nesans la nan poleis la , pa gen okenn ankò ki baze sou monachi a ak akropoli a, men sou demokrasi ak agora a, ki gaye koloni yo tou nan Magna Grès nan konpetisyon ak Fenisyen yo , pandan ke yo nan sant Itali sivilizasyon yo etrusk ak Women devlope.

Inifikasyon politik ak kiltirèl nan kontinan Ewopeyen an te akòz ekspansyon an nan Anpi Women an sou tout Ewòp Mediterane a, ak gaye nan lang Latin lan ak lwa Women jiska lim yo Rhenish ak Danubian , ak gaye nan kilti grèk nan jaden an atistik ak filozofik . Kòmanse ak Anperè Constantine a , de sous sa yo te tou ansanm ak enfliyans nan relijyon kretyen an , epi, atravè li, nan tradisyon jwif yo.

Ewòp nan 814

Mwayennaj

Aprè envazyon pèp Indo-Ewopeyen yo tankou Alman , Slav ak Hun, Anpi Women an te fè eksperyans yon faz nan kriz, ki te mennen nan tonbe nan Anpi Women Lwès la ak redwi gwosè a nan yon sèl lès la , ki te redwi a sèlman Lagrès. ak Anatoliy. Peryòd sa a, karakterize pa entegrasyon difisil ant sivilizasyon klasik Ewopeyen an (grèk-Women ak Judeo-kretyen) ak itilizasyon "barbaric" nan nouvo anvayisè yo, te endike pa istoryen modèn yo kòm Mwayennaj yo .

Kominote relijyeu tankou sa yo Kolonbyen ak benediktin yo te fèt, ki mete tèt yo travay la pou pwoteje klasik ak kretyen kilti Ewopeyen an, menm jan tou reentèrprete li kreyativite nan evanjelizasyon nan wayòm Women-Barber yo bati sou kraze yo nan Anpi Women an. Mèsi a sa a, renesans la Carolingian te posib ak rekonstitisyon an nan Anpi Women Lwès la kòm Sentespri Anpi Women ak atribisyon nan evèk la ki nan lavil Wòm nan wòl nan primatial nan dirijan kretyen .

Anplis de sa, avèk sipò Pap la, kèk minisipalite gratis nan peyi Itali, repiblik maritim yo , te pote tounen nan Ewòp nan 11yèm syèk la wòl ejemoni nan komès nan Mediterane a, pèdi pa Anpi Women an nan 7yèm syèk la apre ekspansyon Arab la . Repiblik maritim yo te tou yon motè nan Rekonkèt Ewopeyen an nan kèk peyi yo vòlè li pa Arab yo nan ekspansyon yo, tou de nan Lwès la (Iberyen Peninsula) ak nan Lès la (soulajman soti nan Il Tirk yo nan Anpi Bizanten). Atravè relasyon yo ak Arab yo, te gen yon redekouvwi nan Aristotelianism ak yon pi gwo atansyon sou etid la nan mond lan nan lanati , tou te favorize pa nesans la nan yon klas boujwa nan komèsan ak atizan ki enterese nan akizisyon de yon konesans teknik-pratik ki se nan orijin nan pwogrè nan sivilizasyon Ewopeyen an. Kriz la nan katòzyèm syèk la , yon fenomèn byen lwen-rive, karakterize istwa Ewopeyen an pou plizyè dekad.

Laj modèn

Gaye vwayaj komèsan yo nan tout pati nan mond lan li te ye, ak nesans la nan komin gratis gide pa valè boujwa, ki te koze kesyone nan valè tradisyonèl relijye ak imanis, ki fè vwa yo pou yon refòm nan Legliz la ak pap la pi fò. ., epi tou sa ki lakòz fòmasyon nan monachi nasyonal an Frans, Espay ak Angletè, pa gen okenn ankò sijè a anperè a kòm sèl souveren Ewopeyen an.

Nan peyi Itali, nan lòt men an, komin yo gratis yo te bese pa yon sèten kantite chèf , ki gen konpetisyon tou pwofite pou kont li nan atis, ki moun ki nan travay yo manifeste pwosperite a nan chak chèf . Peryòd sa a te li te ye nan peyi Itali kòm Renesans la e li te episant li yo nan Florence nan Lorenzo Manyifik la, ki moun ki sepandan echwe pou pou etabli tèt li kòm yon inifye sant ejemoni .

Konpetisyon ki genyen ant nouvo monachi nasyonal yo pou ejemoni Ewopeyen yo ak nan komès ak rich Oryan an, ankò entravée pa entèrpozisyon nan Anpi Ottoman an sou Wout Swa a , te lakòz tou nan konmansman an nan yon peryòd de eksplorasyon jewografik, dekouvèt nouvo. wout komès. Nan 15zyèm syèk la Pòtigal ak Espay louvri wout Atlantik yo, byento imite pa Netherlands , Grann Bretay ak Lafrans . Nasyon sa yo te konstwi gwo anpi kolonyal sou tout kot tout kontinan yo. Rebelyon Pwotestan yo kont otorite wa a ak afimasyon demokrasi nan Angletè nan 1689 byento swiv rebelyon otorite papal refòmatè relijye imanis yo .

Laj kontanporen

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: inifikasyon Ewopeyen an ak Inyon Ewopeyen an .

Nan 18tyèm syèk la, nan koloni Britanik lan lòt bò dlo nan Etazini yo nan Amerik la , Revolisyon Ameriken an te eklate, byento ki te swiv pa Revolisyon an franse , ekspòte nan tout Ewòp ak lagè yo Napoleon ak sosyete sekrè . Sa a te mennen nan fini an nan pwosesis la nan nesans nan eta yo nasyon pa Prussia ki inifye Almay ak Savoy ki inifye Itali . Kiltirèlman nan peryòd sa a santiman nasyonal la rantre nan lafwa relijye ak ideoloji dominan an se Romantis , nan enspirasyon hegelyen .

Sepandan, se te yon peryòd de tansyon sosyal karakterize pa endistriyalizasyon , revolisyon revolisyonè yo nan 1848 ak politik ekspansyonis yo nan pi gwo eta yo Ewopeyen an, kenbe nan yon eta delika nan lapè pandan nan fen syèk la pa Chanselye Alman an Otto von Bismarck gras a alyans ki divize an de kontinan an. Nan dezyèm mwatye nan diznevyèm syèk la eta Ewopeyen yo te etabli yon dominasyon teknolojik, kiltirèl, politik ak ekonomik sou rès mond lan, viktwa oswa diminye etandi teritoryal menmen nan lòt kontinan yo nan koloni. Peryòd la nan jwèt la gwo te vin chonje nan Ewòp kòm yon Belle Époque pou klas la boujwa dominan, men sa a tou te pote nan limyè kontradiksyon ki nannan nan sistèm ekonomik kapitalis la, lisid analize pa Karl Marx ak Friedrich Engels, tap mete fondasyon yo nan sosyalis syantifik .

An 1914 tansyon sa yo te lakòz Premye Gè Mondyal la ki te fini an 1918 avèk defèt Alman ak Otrich-Ongwa Anpi kontinantal yo ak viktwa Antant lan, sètadi Wayòm Ini , Lafrans , Wayòm Itali ak Etazini nan Amerik yo. , osi byen ke nan ki fèk fòme Inyon Sovyetik Sosyalis la , ki siksede Anpi Ris la . Tansyon sosyal ak sa yo ki genyen ant eta Ewopeyen yo te grandi ankò, espesyalman nan Almay, yon peyi chay pa gwo sanksyon apre lagè enpoze pa alye yo nan demann eksprime nan Lafrans, ak lakòz Dezyèm Gè Mondyal la , ki te sitou ki te koze pa revanchis la agresif politik aplike pa Almay Nazi epi pita pa fachis Itali , sipòte nan pwovens Lazi pa Anpi Japonè a . De lagè yo te kraze ejemoni kontinan an sou rès planèt la, kite plas lidè mondyal yo Ozetazini ak Inyon Sovyetik .

Soti nan 1945 a 1991 Ewòp te jwenn tèt li janbe lòt pa sa yo rele rido a Iron , oswa fwontyè ant blòk yo lwès-kapitalis ak lès-kominis , yon sitiyasyon ki te fini ak yap divòse nan Inyon Sovyetik ak ki se kounye a toujou nan faz nan rezoud , avèk kreyasyon Inyon Ewopeyen an , pwoblèm nan relasyon ak mond lan Arab nan basen Mediterane a ak nan konfwontasyon a ak wòl prensipal la sipoze pa USA a nan nouvo echik entènasyonal la. Fenomèn nan globalizasyon se yon estimilis plis nan pwosesis la nan inifikasyon Ewopeyen an , jan Romano Prodi souliye: "Ewòp se nan yon kondisyon ki sanble ak sa yo ki an Renesans Itali , ki li te premye nan tout bagay: nan ekonomi an, nan atizay la, nan kilti , nan estrateji militè yo. Lè sa a, te vin premye globalizasyon an ( dekouvèt la nan Amerik ), li pa t 'konnen ki jan yo ini epi li disparèt nan kat la. Jodi a, te fè fas ak dezyèm globalizasyon an, Ewòp riske fè fas a menm fen an " [15] .

Jewografi

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Jewografi nan Ewòp .

Ewòp gen ladan yon pati kontinantal ak yon pati penensil , separe pa istik la Pontic-Baltik ( Lanmè Nwa - Lanmè Baltik ). Li se youn nan kontinan yo pi piti: sifas li fin pou sèlman 10 091 000 km² [16] , yon ekstansyon yon ti kras pi gran pase sa yo ki nan Oceania , kontinan ki pi piti a sou Latè; an menm tan an, kontinan Ewopeyen an se dezyèm lan pou dansite popilasyon [N 1] ; se reyalite a eksplike pa anyen ke a vas majorite de teritwa Ewopeyen an jwi yon klima tanpere; yon lòt faktè ki favorize popilasyon an se absans zòn inabitab tankou dezè oswa bouchon glas, yon karakteristik inik nan tout kontinan. Avèk 747 747 395 [17] moun li yo olye li nan katriyèm plas.

Se fwontyè natirèl la nan Ewòp lajman te fè leve nan lanmè a : li se bòne nan nò a pa Oseyan Arctic , nan lwès la pa Oseyan Atlantik la ak nan sid la pa lanmè Mediterane a ak Nwa . Nan lès, sepandan, konsèp nan Ewòp piti piti disparèt nan pwovens Lazi ak defini sèlman nan liy konvansyonèl yo, anpil nan yo ki tonbe nan teritwa Ris ak Kokas la .

Fwontyè natirèl

Kat posib liy divize ant Ewòp ak Azi.
Fwontyè lès

Sou bò solèy leve, Ewòp fontyè Azi . Fwontyè ki genyen ant de kontinan yo se konvansyonèl ak prèske antyèman tonbe nan Larisi .

Liy delimiter la kòmanse soti nan Oseyan Arctic [18] , Lè sa a, swiv kwen lès nan mòn yo Ural , kontinye sou kou a nan larivyè Lefrat la Ural , kòt nò-lwès la nan lanmè kaspyèn , Kuma-Manyč depresyon an epi finalman rive nan bouch larivyè Don , nan lanmè Azov [19] .

Nan prensip, liy sa a divize se youn nan ofisyèlman defini depi 1730 pa Tsarina nan Larisi Anna mwen , sou baz la nan travay yo jewografik nan Alman Filip Johan von Strahlenberg a , espesyalman an chaj nan pwoblèm nan. Opinyon li te pita valide pa géographes yo eminan Peter Simon Pallas ak Carl Ritter [20] , epi, ak kèk ajisteman, pa Sovyetik jewografik Sosyete a [21] .

Sèl diferans ki genyen ant liy konvansyonèl Filip Johan Von Strahlenberg ak yon sèl souvan swiv enkyetid seksyon ki genyen ant Urals yo ak lanmè a kaspyèn [22] : jewograf Alman an, nan zòn sa a, te fè fwontyè a Euro-Azyatik kowenside ak larivyè Lefrat la Emba. epi yo pa ak larivyè Lefrat la Ural kòm se jeneralman fè jodi a. [21]

Si sa a se konvansyon an sou ki pi otè dakò, li ta dwe kanmenm dwe te note ke anpil otè Anglo-Saxon epi yo pa sèlman [23] , nan detire ki genyen ant lanmè yo kaspyèn ak Nwa, konsidere fwontyè a Eurasian basen vèsan Kokas la [24] , epi yo pa depresyon an Kuma-Manyč .

Ansiklopedi Treccani a , diskite ke "pa gen okenn kritè ki baze sou eleman fizik ki satisfezan" , e ke Se poutèt sa "Ewòp ka sèlman idantifye kòm yon zòn kiltirèl" , itilize, kòm lès limit la jewografik, yon liy ki ale soti nan bouch la nan gwo larivyè Lefrat la. Don ak sa yo ki nan Northern Dvina a , ak yon liy apeprè delimite pa lavil yo Ris nan Rostov ak Arcangelo , konsa defini "rejyon Ewopeyen an" kòm pati a sèlman nan Eurasia ki se pi piman penensulèr. [25]

Fwontyè lès yo nan Ewòp Se poutèt sa reprezante yon eksepsyon nan jaden an nan fwontyè kontinantal yo, pa kowenside ak lanmè oswa oseyan ak Se poutèt sa manke ki definisyon egzak ki prèske toujou akonpaye fwontyè kontinantal yo. Limit ki genyen ant Ewòp ak pwovens Lazi yo se poutèt sa defini ak kritè politik ak kiltirèl, ki fè yo antoure pa konsiderasyon de jewografi fizik. Diferans nan opinyon sou pwen sa a endike ke, nan Larisi, karaktè Ewopeyen yo piti piti fennen nan direksyon pou sa yo Azyatik [19] .

Sid fwontyè

Lanmè Nwa a , Bosfò a , lanmè Marmara ak Dardanèl yo inivèsèl rekonèt kòm fwontyè sid ant Ewòp ak Azi. Lanmè Mediterane a separe Ewòp ak Lafrik . Lil Chip ak zile yo grèk sitiye tou pre kòt la Tik yo se teritwa tradisyonèlman konsidere kòm yon pati entegral nan Ewòp, menm si soti nan yon pwen de vi entèdi jewografik yo ta ka konsidere kòm Azyatik.

Fwontyè oksidantal yo

Nan lwès la se fwontyè a bay nan Oseyan Atlantik la , ki gen ladan Islann nan Ewòp.

Nò fwontyè

Oseyan Arktik la se limit nò kontinan Ewopeyen an, ki gen ladan tou tout zile Arktik yo ki sitiye ant kòt la ak Pòl Nò a.

Pwen ekstrèm
Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: pwen ekstrèm nan Ewòp .
Kadinal pwen Tradisyonèl Aktyèl
(mas kontinantal)
Aktyèl
(zile ak teritwa anekse)
Nòvèj Nò Cape Nòvèj Knivskjellodden [N 2] Larisi Capo Fligely , Tè Francesco Giuseppe [N 3]
Sid Espay Punta de Tarifa Espay Punta de Tarifa Lagrès Cape Tripiti , Gavdos [N 4]
East Larisi Mòn Ural Larisi Repiblik Komi Larisi Cape Želanija
Lwès Iland Chèf Slea [N 5] Pòtigal Cabo da Roca Islann Bjargtangar [N 6]

Karakteristik fizik

Ewòp se te fè leve nan yon seri penensil konekte. Pi gwo a se Scandinavia , nan nò kontinan an. Twa lòt penensil, Iberyen an , Italyen an ak Balkan an , kouche nan sid la, rive soti nan lanmè Mediterane a .

Sekou nan Ewòp montre gwo diferans nan wotè nan zòn relativman ti. Rejyon sid yo sitou mòn, pandan y ap, kontinye nan direksyon nò, tèren an desann soti nan alp la , pirene ak karpato , nan direksyon pou mòn aksidante ak Lè sa a, lajè ak ba plenn yo nan nò a, patikilyèman vas sou bò solèy leve a. Se zòn nan plat li te ye tankou Great Plain Ewopeyen an, e li gen sant li yo nan Lowlands yo jèrmen . Yon arc mòn tou egziste sou kòt nòdwès la, kòmanse nan lwès la ak Isles Britanik yo ak kontinye sou aks la montay, koupe pa fyord yo , nan Nòvèj .

Sa a se yon deskripsyon senplifye. Sub-rejyon tankou Iberia ak Itali gen pwòp karakteristik konplèks yo, tankou tè pwensipal Ewopeyen an tèt li, kote soulajman yo gen anpil plato, fon rivyè ak basen ki konplike estrikti an jeneral. Islann ak Isles Britanik yo se ka espesyal. Yo te kwè yo se peyi pwòp yo nan oseyan nò a ki konsidere kòm yon pati nan Ewòp, pandan y ap kounye a yo te panse yo dwe zòn mòn yon fwa rantre nan tè pwensipal la jiskaske monte nivo lanmè te koupe yo.

Akòz jeneralizasyon yo kèk ki ka fèt sou soulajman yo nan Ewòp, li pa etone ke anpil rejyon separe te anime kòm anpil nasyon endepandan nan tout istwa li yo. Distribisyon resous dlo nan Ewòp se inegal. Ewòp, apre Amerik yo ak Oceania, se sepandan kontinan an ak disponiblite a pi gran nan resous dlo an relasyon ak popilasyon an. Gen yon deba konsènan ki kote sant la nan Ewòp .

Flora ak fon

Debwazman an Ewòp

Èske w gen te viv kòt a kòt ak sivilizasyon agrikòl ak endistriyèl pou milenèr, bèt Ewopeyen yo ak plant yo pwofondman make pa prezans ak aktivite nan moun. Ak eksepsyon de Scandinavia , Larisi , ak alp yo Swis , kèk zòn intact ak sovaj ka jwenn nan Ewòp, eksepte pak lanati.

Vejetasyon prensipal natirèl ki kouvri Ewòp la se forè a . Kondisyon yo pou kwasans li yo trè favorab. Nan nò, kouran Gòlf la ak kouran Atlantik Nò a chofe kontinan an, nan sid klima a se Mediterane, e gen sechrès ete souvan nan rejyon sa a. Ridge yo nan mòn yo souvan gen yon anpil nan enfliyans sou kondisyon klimatik, kèk ( alp , pirene ), yo oryante soti nan bò solèy leve nan lwès ak pèmèt van an pote gwo mas dlo soti nan lanmè a enteryè a. Gen lòt ki oryante soti nan sid nan nò ( mòn Scandinavian , alp dinarik , karpato , Apenen ) e depi lapli a tonbe premye sou bò mòn yo ki fè fas a lanmè a, forè yo grandi pi byen sou bò sa a, pandan ke sou lòt bò a, kondisyon yo se anpil mwens favorab. Gen kèk kote sou kontinan an kote bèt yo pa gen patiraj sou milenèr yo ak sa a se te ajoute masiv debwazman an ki te lakòz incalculable domaj nan ekosistèm orijinal la.

Jaden eksperimantal, West Pomeranian University of Technology nan Szczecin , Polòy

Nan yon sèl fwa Ewòp te kouvri ant 80% ak 90% pa forè, ki lonje soti nan Mediterane a Arctic la . Malgre ke plis pase mwatye nan forè orijinal yo te disparèt sou syèk yo nan kolonizasyon , Ewòp toujou gen plis pase yon ka nan forè nan mond lan, pichpen nan forè yo nan Scandinavia, vas forè pen nan Larisi, chestnut nan Kokas, ak pye bwadchenn nan Mediterane. Dènyèman, debwazman te sispann ak anpil pyebwa yo te plante. Sepandan, konifè yo te souvan pi pito pase pyebwa orijinal kaduk yo akòz kwasans rapid yo. Plantasyon ak monokultur kounye a kouvri gwo zòn nan peyi ak sa a kite ti abita pou espès bèt natif natal nan forè Ewopeyen an. Ekstansyon an nan forè orijinal yo kounye a se redwi a 2-3% nan Ewòp oksidantal ak 5-10% nan Ewopeyen an Larisi . Il paese meno coperto da foreste è l'Irlanda (8%), quello più coperto è la Finlandia (72%).

Nella terraferma, prevalgono le foreste decidue . Le specie più importanti sono il faggio , la betulla e la quercia . Nel nord, dove cresce la taiga , la betulla è molto comune. Nell'area mediterranea sono stati piantati un gran numero di ulivi che si adattano molto bene all'arido clima estivo. Un'altra specie comune nell'Europa Meridionale sono i cipressi . Le foreste di conifere prevalgono ad altitudini elevate, sopra il confine delle foreste, mentre nel nord della Russia e in Scandinavia, all'avvicinarsi dell'Artico, predomina la tundra . Le regioni semi-aride del mediterraneo ospitano anche piante del sottobosco. Una stretta lingua della prateria euroasiatica, la steppa , si estende dalla Russia meridionale e dall'Ucraina verso l'Ungheria nonché, attraverso la taiga, nel nord.

Sono endemiche europee due specie di palme, la Chamaerops humilis , detta anche palma nana o di San Pietro del Mediterraneo meridionale, e la Phoenix theophrasti o dattero di Creta, dell'isola omonima.

La più recente glaciazione e la presenza dell'uomo, hanno influenzato la distribuzione della fauna europea. In molte parti dell'Europa, predatori e grandi animali sono stati cacciati fino all'estinzione. Il mammut e l' uro si sono estinti, e oggi, lupi ( carnivori ) e orsi ( onnivori ), un tempo diffusi ovunque nel continente, sono a rischio di estinzione anche a causa della deforestazione che li ha costretti a ritirarsi sempre di più. Già nel Medioevo l'habitat degli orsi era limitato a montagne più o meno inaccessibili con sufficiente copertura boschiva. Oggi l'orso bruno vive principalmente nella penisola balcanica, nel nord e in Russia; altre regioni (Austria, Pirenei ecc.) sono ancora abitate da un numero minore di esemplari ma in queste aree la presenza è frammentaria e gli esemplari vivono emarginati a causa della distruzione del loro habitat. Nell'estremo nord dell'Europa si può trovare l'orso polare. Il lupo, il secondo più grande predatore in Europa dopo l'orso bruno, si può trovare principalmente nell'Europa Orientale e nei Balcani.

Altri carnivori importanti sono la lince eurasiatica , il gatto selvatico , le volpi (specialmente la volpe rossa ), gli sciacalli , le martore . Diffusi sono anche ricci , serpenti ( vipere , bisce , ecc.), diversi uccelli e mammiferi , come roditori , cervi , caprioli e cinghiali . Le zone montuose sono popolate, tra gli altri, da marmotte , stambecchi e camosci . Anche le creature marine sono importanti per la flora e la fauna europee. La flora marina è principalmente costituita da fitoplancton mentre tra le specie animali che popolano i mari europei vanno ricordati lo zooplancton , i molluschi , gli echinodermi , i crostacei , i calamari , i polpi , i pesci , i delfini e le balene . Alcuni animali, come i protei ei pipistrelli , vivono in grotte.

Stati europei

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stati dell'Europa .

Le tabelle sottostanti riportano l'elenco alfabetico dei Paesi europei, che compaiono anche nella carta visibile sopra.

Questi sono, per la maggior parte, europei sia dal punto di vista geografico che storico-culturale; altri, invece, si trovano in una situazione particolare:

Superficie, popolazione e densità degli Stati europei

L'elenco seguente include tutti gli stati che rientrano anche parzialmente in una delle varie definizioni geografiche e politiche comuni di Europa.

Stato Membro dell'UE Superficie,
km² [31]
Popolazione,
abitanti
(2014) [32]
Densità,
abitanti
per km² [33]
Capitale
1 Albania Albania - 28 748 3 020 209 105,1 Tirana
2 Andorra Andorra - 468 85 458 182,6 Andorra la Vella
3 Armenia Armenia [34] - 29 800 2 974 693 101,5 Erevan
4 Austria Austria Unione europea 83 874 8 223 062 98,1 Vienna
5 Azerbaigian Azerbaigian [35] - 86 600 9 624 900 105,8 Baku
6 Belgio Belgio Unione europea 30 528 10 449 361 342,5 Bruxelles
7 Bielorussia Bielorussia - 207 600 9 608 058 46,3 Minsk
8 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina - 51 205 3 871 643 75,7 Sarajevo
9 Bulgaria Bulgaria Unione europea 110 927 6 924 716 62,4 Sofia
10 Rep. Ceca Rep. Ceca Unione europea 78 866 10 627 448 134,8 Praga
11 Cipro Cipro [36] Unione europea 9 250 1 179 551 108,4 Nicosia
12 Città del Vaticano Città del Vaticano - 0,44 842 1 914 Città del Vaticano
13 Croazia Croazia Unione europea 56 594 4 470 534 79,1 Zagabria
14 Danimarca Danimarca [37] Unione europea 44 424 5 621 177 126,5 Copenaghen
15 Estonia Estonia Unione europea 45 227 1 257 921 27,8 Tallinn
16 Finlandia Finlandia Unione europea 336 756 5 240 297 15,6 Helsinki
17 Francia Francia [38] Unione europea 551 500 62 814 233 115,5 Parigi
18 Georgia Georgia [39] - 69 700 4 352 244 66,0 Tbilisi
19 Germania Germania Unione europea 357 093 80 996 685 226,9 Berlino
20 Grecia Grecia [40] Unione europea 131 957 10 775 557 81,7 Atene
21 Irlanda Irlanda Unione europea 70 124 4 832 765 68,8 Dublino
22 Islanda Islanda - 103 000 317 351 3,1 Reykjavík
23 Italia Italia [41] Unione europea 301 340 61 680 122 204,7 Roma
24 Kazakistan Kazakistan (parte europea) [42] - 145 908 715 600 4,9
Kazakistan Kazakistan (totale) - 2 724 902 17 498 145 6,4 Nur-Sultan
25 Lettonia Lettonia Unione europea 64 571 2 165 165 33,5 Riga
26 Liechtenstein Liechtenstein - 160 37 313 233,2 Vaduz
27 Lituania Lituania Unione europea 65 300 3 505 738 53,8 Vilnius
28 Lussemburgo Lussemburgo Unione europea 2 586 520 672 201,3 Lussemburgo
29 Macedonia del Nord Macedonia del Nord - 25 713 2 091 719 82,6 Skopje
30 Malta Malta Unione europea 316 412 655 1 306 La Valletta
31 Moldavia Moldavia [43] - 33 850 3 583 288 105,9 Chișinău
32 Monaco Monaco - 2,0 30 508 15 645 Monaco
33 Montenegro Montenegro - 13 812 650 036 47,1 Podgorica
34 Norvegia Norvegia [44] - 323 792 5 147 792 15,9 Oslo
35 Paesi Bassi Paesi Bassi [45] Unione europea 41 540 16 877 351 420,4 Amsterdam
36 Polonia Polonia Unione europea 312 417 38 346 279 122,6 Varsavia
37 Portogallo Portogallo [46] Unione europea 91 370 10 545 959 118,1 Lisbona
38 Regno Unito Regno Unito [47] - 242 873 63 742 977 260,4 Londra
39 Romania Romania Unione europea 238 391 21 729 871 91,2 Bucarest
40 Russia Russia ( parte europea ) [48] [49] 3 711 747 90 472 563 24,3
Russia Russia (totale) [49] - 17 098 242 143 975 923 8,4 Mosca
41 San Marino San Marino - 61 32 742 537 San Marino
42 Serbia Serbia [50] [51] - 88 366 9 068 967 102,6 Belgrado
43 Slovacchia Slovacchia Unione europea 49 036 5 443 583 111,0 Bratislava
44 Slovenia Slovenia Unione europea 20 273 1 988 292 98,1 Lubiana
45 Spagna Spagna [52] Unione europea 498 284 45 474 261 94,6 Madrid
46 Svezia Svezia Unione europea 450 295 9 723 809 21,6 Stoccolma
47 Svizzera Svizzera - 41 282 8 061 516 195,2 Berna
48 Turchia Turchia (parte europea) [53] - 23 703 10 840 476 457,3
Turchia Turchia (totale) - 783 562 77 695 904 97,0 Ankara
49 Ucraina Ucraina [54] - 603 517 44 291 413 73,4 Kiev
50 Ungheria Ungheria Unione europea 93 027 9 919 128 106,6 Budapest
TOTALE
Esclusi i paesi del Caucaso; inclusi i paesi a riconoscimento limitato
(Transnistria, Kosovo e Cipro del Nord).
9 601 168,44 683 662 243 71,20
TOTALE
Esclusi gli stati del Caucaso; inclusi i territori europei di Turchia e Kazakistan.
9 770 779,44 695 218 319 71,15

Dipendenze o territori con status speciali

Stato di appartenenza Nome Status Superficie,
km² [55]
Popolazione,
abitanti
(2014) [32]
Densità,
abitanti
per km² [33]
Capoluogo
2 Norvegia Norvegia Svalbard e Jan Mayen Territorio non incorporato con trattato internazionale 62 081 1 872 0,03 Longyearbyen
3 Regno Unito Regno Unito Akrotiri e Dhekelia Territorio britannico d'oltremare 254 14 500 58,3 Episkopi Cantonment
4 Regno Unito Regno Unito Gibilterra Gibilterra Territorio britannico d'oltremare 6,5 29 185 4 490 Gibilterra
5 Regno Unito Regno Unito Guernsey Guernsey Dipendenza della Corona britannica 78,0 65 849 844 Saint Peter Port
6 Regno Unito Regno Unito Jersey Jersey Dipendenza della Corona britannica 116,0 96 513 832 Saint Helier
7 Regno Unito Regno Unito Isola di Man Isola di Man Dipendenza della Corona britannica 572 86 866 151,9 Douglas
TOTALE 63 107,5 294 785 4,6

Superficie, popolazione e densità dei principali Stati transcontinentali

Stato Superficie,
km² [56]
Popolazione,
abitanti
(2014) [32]
Densità,
abitanti
per km² [33]
Capitale
1 Kazakistan Kazakistan (parte europea) [57] 145 908 715 600 4,9 [58]
1/bis Kazakistan Kazakistan (territorio totale) [59] 2 724 902 17 498 145 6,4 Astana [60]
2 Russia Russia (parte europea) [49] 3 711 747 90 472 563 24,3
2/bis Russia Russia (territorio totale) [49] 17 098 242 143 975 923 8,4 Mosca
3 Turchia Turchia (parte europea) [61] 23 703 10 840 476 457,3 [62]
3/bis Turchia Turchia (territorio totale) [63] 783 562 77 695 904 97,0 Ankara [60]
TOTALE
Kazakistan europeo, Turchia europea e Russia europea
3 881 358 102 028 639 26,29
TOTALE
Interi stati
20 606 706 239 169 972 11,60

Superficie, popolazione e densità degli Stati del Caucaso

Stato Superficie,
km² [64]
Popolazione,
abitanti
(2014) [32]
Densità,
abitanti
per km² [33]
Capitale [65]
1 Armenia Armenia [66] 29 800 2 974 693 101,5 Erevan
2 Azerbaigian Azerbaigian [66] 86 600 9 624 900 105,8 Baku
3 Georgia Georgia [66] 69 700 4 352 244 66,0 Tbilisi
TOTALE 186 100 16 951 837 91

Superficie, popolazione e densità degli Stati a riconoscimento limitato

Stato Superficie,
km² [67]
Popolazione,
abitanti
(2014) [32]
Densità,
abitanti
per km² [33]
Capitale [65]
1 Abcasia Abcasia [68] 8 432 242 862 29,0 Sukhumi
2 Artsakh Artsakh [69] 11 458,38 143 000 12,5 Step'anakert
3 Cipro del Nord Cipro del Nord 3 355 264 172 78,0 Nicosia Nord
4 Kosovo Kosovo [51] 10 894 1 859 203 170,8 Pristina
5 Ossezia del Sud Ossezia del Sud [68] 3 900 55 000 18,0 Tskhinvali
6 Transnistria Transnistria [70] 4 163 505 153 121,3 Tiraspol
TOTALE ' ' '

Regioni dell'Europa

Le suddivisioni dell'Europa in regioni sono sempre convenzionali e dunque variano in base ai criteri adottati dai vari autori in base alla scelta di dare la prevalenza a fattori di geografia fisica, o economici, o storici o antropologici o politici. Le carte a fianco rappresentano quindi solo due esempi dei criteri in uso. La seconda e la terza carta dividono l'Europa in base ai punti cardinali in occidentale, orientale, settentrionale, meridionale, centrale. Esistono anche altri criteri, diversi anche nel numero e nella denominazione delle regioni.

L'Europa occidentale in senso ampio.
Uno dei criteri di suddivisione dell'Europa in regioni [71] (notare che nella carta sono considerati anche territori transcontinentali, come la Turchia e gli stati transcaucasici).
L'Europa secondo la suddivisione ONU (notare che nella carta sono considerati anche territori transcontinentali, come la Turchia e gli stati transcaucasici):

     Europa settentrionale

     Europa occidentale

     Europa orientale

     Europa meridionale

Europa occidentale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Europa occidentale .

In senso più ampio, il concetto di Europa occidentale si riferisce all'intera metà occidentale dell'Europa, includendo dunque in essa la penisola iberica (Spagna, Portogallo, Andorra), la penisola italiana (Italia, San Marino, Città del Vaticano), i paesi nordici (Norvegia, Svezia, Finlandia, Islanda, Danimarca), i paesi alpini (Svizzera, Liechtenstein, Austria), le isole Britanniche (Regno Unito e Irlanda), la Germania, la Francia, il principato di Monaco, i Paesi Bassi, il Belgio, il Lussemburgo.

Usato in senso storico o politico (riferendosi alle divisioni della Guerra fredda ), il termine può includere anche la Grecia e la Turchia europea.

Secondo il criterio più ristretto rappresentato nella prima carta [71] , l'Europa Occidentale (indicata con il colore rosso) include Gran Bretagna, Irlanda, Francia, Belgio, Paesi Bassi, Lussemburgo e Svizzera.

Secondo il criterio adottato dall'ONU, fanno parte dell'Europa occidentale Francia, Belgio, Paesi Bassi, Lussemburgo, Germania, Austria, Svizzera (in colore celeste nella seconda carta).

Europa orientale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Europa orientale .

Secondo il criterio più ampio, l'Europa orientale comprende le repubbliche europee dell'ex Unione Sovietica (Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Georgia, Moldavia, Russia, Ucraina, Estonia, Lettonia, Lituania, la parte europea del Kazakistan), i paesi i cui territori ricadevano dell'ex Patto di Varsavia (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria [72] , Bulgaria, Romania), i paesi dell' ex Jugoslavia ( Bosnia-Erzegovina , Croazia, Kosovo, Macedonia del Nord, Serbia, Montenegro) ei rimanenti paesi della penisola Balcanica (Albania, Grecia e la parte europea della Turchia).

Durante la Guerra fredda , l'espressione "Europa orientale" era molto usata ed era sinonimo di Blocco comunista .

Secondo il criterio più ristretto rappresentato nella prima carta [71] l'Europa orientale (indicata con il colore arancione) include Russia, Lituania, Lettonia, Bielorussia, Ucraina, Moldavia, Romania e la parte europea del Kazakistan.

Secondo il criterio adottato dall' ONU , nell'Europa orientale, (in colore rosa scuro nella seconda carta), sono compresi la Russia e tutti i paesi dell' ex patto di Varsavia tranne i Paesi Baltici .

Europa centrale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Europa centrale .

Il criterio di Europa centrale è uno dei più variabili, in base ai criteri adottati.

Secondo il criterio rappresentato nella prima carta [71] si includono nell'Europa centrale (indicata con il colore azzurro) Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Liechtenstein, Austria, Slovenia, Germania.

Il criterio adottato dall'ONU non prevede la regione dell'Europa centrale.

Europa settentrionale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Europa settentrionale .

L'Europa settentrionale comprende i paesi nordici , ossia la Scandinavia nel suo senso più ampio: Norvegia, Svezia, Finlandia, Islanda e Danimarca.

Secondo il criterio rappresentato nella prima carta (dove è indicata con il colore viola) [71] anche l'Estonia è considerata come un paese dell'Europa settentrionale, per la sua localizzazione e per i forti legami culturali con la Finlandia.

Secondo il criterio adottato dall'ONU, l'Europa settentrionale comprende, oltre ai paesi nordici, anche i paesi baltici (Estonia, Lettonia e Lituania), Irlanda e Regno Unito (in azzurro scuro nella seconda carta).

Europa meridionale

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Europa meridionale .

Secondo il senso più ampio, sono compresi nell'Europa meridionale tutti i territori del bacino mediterraneo ; essa include quindi la penisola iberica (Spagna, Portogallo, Gibilterra e Andorra), la penisola italiana (Italia, San Marino, Città del Vaticano), la penisola balcanica (Albania, Bosnia Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Grecia, Macedonia del Nord, Serbia, Montenegro e Kosovo), Malta , la Turchia europea e l' isola di Cipro . A volte sono inclusi nell'Europa meridionale anche la Romania, il sud della Francia (con la Corsica) e il principato di Monaco.

Secondo il criterio più restrittivo rappresentato nella prima carta [71] l'Europa meridionale (indicata con i colore verde) comprende solo gli stati delle penisole iberica, italiana e balcanica.

Secondo il criterio adottato dall'ONU, l'Europa meridionale include gli stati delle penisole iberica, italiana e balcanica, esclusa la Bulgaria e compresa la Turchia europea (nella seconda carta in colore verde intenso).

A cavallo tra Europa ed Asia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Paese transcontinentale § Europa e Asia .

Alcuni stati si estendono, oltre che in Europa, anche in Asia. I territori asiatici di questi paesi sono:

Popolazione

La popolazione dell'Europa è di circa 723 000 000 abitanti. Comprendendo le regioni del versante settentrionale del Caucaso, non unanimemente considerate europee, gli abitanti sono invece circa 740 000 000, distribuiti su 10 091 000 km² . La densità media è pari a circa 70,6 abitanti/km².

L'Europa, se da un lato è uno dei continenti più piccoli, dall'altro ha un'elevata densità di popolazione, seconda solo a quella dell'Asia. Le cause di tale concentrazione sono da ricercarsi in molteplici fattori, in primo luogo la posizione geografica: l'Europa è infatti quasi del tutto compresa nella fascia temperata e l'80% del territorio è utilizzabile per l' agricoltura e le attività umane.

Nel corso dei secoli, il continente ha subito forti incrementi e decrementi di popolazione, legati agli avvenimenti storici. I primi dati attendibili risalgono all'era cristiana, quando si ritiene che in Europa vivessero 40 milioni di persone, concentrate sulle sponde del mar Mediterraneo . In seguito alle invasioni barbariche provenienti da oriente ci fu un forte calo dovuto alle guerre continue, alle carestie e alle epidemie . Intorno all'anno 1000 , grazie alla rinascita dell' agricoltura e alla conseguente ripresa economica, la popolazione si era nuovamente assestata sulle cifre dei secoli precedenti. A partire dall' XI secolo e fino agli inizi del XIV ci fu un costante aumento: dai circa 35 milioni di abitanti nell'anno 1000, si arrivò a 80 milioni nel 1330 . Poco più tardi, però, questa crescita subì una battuta d'arresto a causa di diverse epidemie di peste , la più terribile quella del 1347 , che fecero 20 milioni di vittime.

Nel Quattrocento la popolazione tornò ad aumentare e tale tendenza continuò ininterrottamente con la sola eccezione di una fase di stagnazione nella prima metà del XVII secolo .

Agli inizi del Settecento la popolazione era salita a 110 [75] -125 milioni. A permettere tale incremento era stato il forte calo del tasso di mortalità infantile , conseguenza a sua volta del miglioramento delle condizioni igieniche e sanitarie di gran parte della popolazione e del progresso economico conseguente alla rivoluzione industriale e alla rivoluzione agricola .

Da quella data in poi l'incremento demografico fu continuo nonostante l'emigrazione in altri continenti [75] in seguito al quale, già nel 1800 , avevano lasciato l'Europa 180 milioni di persone che divennero 390 milioni nel 1900 , 500 milioni nel 1930 [75] , 540 milioni nel 1950 [75] e 700 milioni nel 2000 [ senza fonte ] .

Dopo una fase di crescita zero , dal 2000 in poi in Europa è iniziato un declino demografico causato dalla diminuzione della natalità, caso unico al mondo in quanto tutti gli altri continenti registrano ritmi di crescita decisamente elevati.

L'odierna distribuzione (approssimata) delle lingue indoeuropee all'interno delle zone originarie di Europa e Asia

     Albanese

     Armeno

     Lingue baltiche

     Celtiche

     Germaniche

     Greco

     Indo-Iraniche

     Romanze

     Lingue slave

     Lingue non indoeuropee

Lingue

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingue parlate in Europa ed Eurolinguistica .

I dialetti e le lingue romanze, parlate in Europa da quasi 300 milioni di persone, sono tutte scritte usando l' alfabeto latino e dovrebbero corrispondere a quello di tutte le varietà neolatine (dette dialetti romanzi) parlati all'interno della Romània . Alcune di queste lingue però hanno subito nel corso del tempo delle normalizzazioni (per il lungo uso, l'opera delle Accademie e dei grammatici nonché il peso della tradizione letteraria) e godono di uno status di ufficialità: il portoghese (con oltre 11 milioni di parlanti) [76] , lo spagnolo (con quasi 50 milioni di parlanti) [76] , il francese (con quasi 75 milioni di parlanti) [76] , l' italiano (con oltre 65 milioni di parlanti) [76] , il romeno (con quasi 25 milioni di parlanti) e il catalano (con quasi 10 milioni di parlanti).

A queste possiamo aggiungere le lingue alle quali è stato riconosciuto uno status di ufficialità in ambito locale, sebbene non abbiano ricevuto una normalizzazione o l'abbiano ricevuta incompleta o non unanimemente accettata dai locutori: il galiziano , il mirandese [77] , l' occitano , il francoprovenzale o arpitano , l' aromeno , il sardo , il corso , il friulano , il ladino dolomitico , il romancio , l' asturiano , l' aragonese , il leonese , il limosino , il piccardo , il vallone , il normanno , il gallo , il ligure , il piemontese , il veneto , il lombardo , l' emiliano , il romagnolo , il napoletano , il siciliano , l' istrioto , il morlacco, l' istroromeno , il meglenoromeno e il giudeo-spagnolo . Ci sono anche dialetti che non hanno avuto alcuna normalizzazione, perché sono parlate da un numero molto ristretto di persone, per esempio la lingua moesorumena .

Le lingue germaniche, parlate da oltre 300 milioni di persone, usano l' alfabeto latino , a volte leggermente modificato. L'unica lingua germanica scritta con un alfabeto diverso dal latino è lo yiddish , che impiega l' alfabeto ebraico . Le lingue germaniche più diffuse in Europa sono l' inglese (parlato da oltre 70 milioni di persone) e il tedesco (con quasi 100 milioni di locutori). Altre lingue di rilevante importanza sono il nederlandese (con oltre 23 milioni di locutori) e le lingue scandinave (soprattutto danese (con oltre 5 milioni di parlanti), norvegese (con quasi 5 milioni di parlanti) e svedese (con quasi 10 milioni di parlanti). Sono stimate, inoltre, altre 53 lingue germaniche.

Le lingue slave sono parlate da oltre 315 milioni di persone abitanti in Europa centro - orientale e balcanica [78] . Alcune lingue slave usano l' alfabeto latino con alcuni segni diacritici ( bosniaco , ceco , croato , polacco , slovacco , sloveno ), altre quello cirillico ( bielorusso , bulgaro , macedone , russo , serbo , ucraino ), con variazioni minime tra una lingua e l'altra.

Altre lingue indoeuropee al di fuori dei tre gruppi principali includono le lingue baltiche ( lettone e lituano ), le lingue celtiche ( irlandese , gaelico scozzese , mannese , gallese , cornico e bretone) greco , armeno e albanese .

Una distinta famiglia non indoeuropea di lingue uraliche ( estone , finlandese , ungherese , erza , komi , mari , mokša e udmurto ) è parlata principalmente in Estonia, Finlandia, Ungheria e parti della Russia. Le lingue turche includono l' azero , il kazako e il turco , oltre alle lingue più minoritarie nell'Europa orientale e sud-orientale ( gagauzo , turco, baschiro , ciuvascio , tataro di Crimea , caraciai-balcara , calmucco , nogai e tataro ). Le lingue cartveliche ( georgiano , mingrelio e svan ) sono parlate principalmente in Georgia. Altre due famiglie linguistiche risiedono nel Caucaso settentrionale (nel quale si parlano il ceceno , l' avaro e lesgo e l' adighé ). Il maltese è l'unica lingua semitica ufficiale all'interno dell'UE, mentre il basco è l'unica lingua europea isolata.

Città principali e aree urbane

Le quattro aree urbane più grandi d'Europa sono Istanbul , Mosca , Parigi e Londra , ciascuna con oltre 10 milioni di residenti, [79] e come tali sono state descritte come megalopoli . Istanbul ha la popolazione totale più alta ma trovandosi in parte in Asia rende Mosca la città più popolosa dell'intera Europa. In ordine di popolazione, seguono San Pietroburgo , Madrid , Berlino e Roma . [80]

Economia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Economia d'Europa .
Stati europei per Prodotto interno lordo nel 2006

L'economia d'Europa comprende più di 732 milioni di persone in 48 diversi Stati. Come in altri continenti la ricchezza degli stati in Europa varia, anche se gli stati più poveri sono ben al di sopra dei più poveri stati di altri continenti in termini di prodotto interno lordo e qualità di vita . La differenza di ricchezza in Europa può essere visto grossomodo durante la guerra fredda , dove si può notare il divario tra paesi come: Portogallo, Slovenia e Repubblica Ceca. Mentre gran parte degli Stati europei hanno un PIL pro capite superiore alla media del mondo e sono molto sviluppate (Liechtenstein, Lussemburgo, Principato di Monaco, Andorra, Norvegia, Svezia, Paesi Bassi, Svizzera), alcune economie europee, nonostante la loro posizione superiore alla media mondiale (tranne per la Turchia) hanno un Indice di sviluppo Umano (Armenia, Kosovo, Macedonia del Nord, Ucraina, Azerbaigian, Georgia, Bosnia-Erzegovina, Albania, Kazakistan) al di sotto dei paesi europei più ricchi.

L'Europa è una delle zone più ricche del globo: troviamo infatti grandi potenze dal punto di vista economico, quali Germania , Italia , Francia , Regno Unito , Russia e Spagna , che detengono un prodotto interno lordo nominale molto alto. L'economia europea può essere geograficamente divisa in due grandi zone: quella occidentale, caratterizzata da economie fortissime e valori di sviluppo alti, e quella orientale, in cui la ricchezza decresce verso Est, pur essendovi economie caratterizzate da un forte tasso di crescita. Grazie alla sua varietà di luoghi e di storia, l'Europa ha tutti i settori economici molto sviluppati: l'agricoltura, con il Bassopiano Sarmatico , il Bassopiano Francese, la Pianura Padana , il Bassopiano Germanico e le pianure spagnole, l'industria, con le aree di Parigi , Berlino , della Renania Settentrionale-Vestfalia , Londra , Mosca , Istanbul (in parte in territorio Asiatico), Barcellona , dell' Italia del centro-nord e molte altre, e il settore terziario, in cui, oltre alle attività finanziarie, assicurative e bancarie, spicca il turismo: infatti in Europa vi sono 3 delle nazioni più visitate al mondo: Italia , Spagna e Francia . Il turismo è uno dei settori più sviluppati dell' economia del continente . L'Europa è infatti il continente che concentra le più svariate e visitate attrazioni turistiche al mondo, potendo contare sui suoi millenni di storia che le hanno tramandato innumerevoli vestigia monumentali, città d'arte, ma vanta anche attrazioni paesaggistiche, naturalistiche, parchi di divertimento .

Trasporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti in Europa .
Strade europee rispetto ai confini europei del 1990

I trasporti dell'Europa sono un insieme di principali linee di mezzi di trasporto che prevedono per il movimento di oltre 700 milioni di persone e le relative merci. La geografia politica dell'Europa divide il continente in più di 50 Stati sovrani e territori. Questa frammentazione, con maggiore movimento di persone a partire dalla rivoluzione industriale, ha portato ad un elevato livello di cooperazione tra i paesi europei in via di sviluppo e manutenzione di reti di trasporto. Organizzazioni sovranazionali e intergovernative, come l' Unione europea (UE), il Consiglio d'Europa e l' Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa hanno portato allo sviluppo di norme internazionali e di accordi che permettono alle persone e alle merci di attraversare le frontiere d'Europa, in gran parte con livelli unici di libertà e semplicità.

Il continente europeo è ricco di importanti e trafficate vie di comunicazione stradali, ferroviarie e marittime. L'Europa è stata infatti il primo continente a fare dei progressi nel campo dei trasporti, in quanto le prime ferrovie e le prime autostrade sono nate proprio nei paesi dell'Europa Occidentale. Ad oggi inoltre nel vecchio continente si trovano molti tra i più importanti porti e aeroporti mondiali. Con l'istituzione dell' area Schengen , dal 1990 in 25 paesi europei oggi è possibile viaggiare liberamente senza controlli doganali. Il trasporto di merci ha un alto livello di compatibilità intermodale e lo Spazio economico europeo consente la libera circolazione delle merci in 30 stati.

Cultura

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cultura dell'Europa .

La cultura dell'Europa potrebbe essere meglio descritta come una serie di molteplici culture, spesso in competizione; regioni geografiche opposte l'un l'altro, ortodossia in contrapposizione al cattolicesimo al protestantesimo in contrapposizione rispetto al giudaismo al contrario di laicità in contrasto con l'Islam, molti hanno affermato di individuare le linee di faglie culturali in tutto il continente. Andreas Kaplan descrive Europa come un continente che "possiede una massima diversità culturale in distanze geografiche minime" [81] . Ci sono molte innovazioni culturali e movimenti, spesso in contrasto tra loro, come ad esempio proselitismo cristiano o Umanesimo. Così la questione della "cultura comune" o "valori comuni" è molto più complessa di quanto sembra essere.

Dopo le culture pagane di aborigeni in Europa, le fondamenta delle moderne culture europee sono state poste dai Greci, rafforzate in seguito dai Romani, stabilizzate dal cristianesimo, aggiunte dal resto d'Europa, rinnovate e modernizzate verso il XIV secolo da rinascimento, umanesimo e protestantesimo e in seguito, nel XVIII secolo, dall'illuminismo, e globalizzata dai successivi imperi europei tra il XVI e il XX secolo. Così la cultura europea trasformata in un fenomeno molto complesso di una più ampia gamma di filosofia, l'umanesimo giudaico-cristiana e laica, modi razionali di vita e di pensiero logico sviluppata attraverso una lunga età di cambiamento e di formazione con gli esperimenti di illuminismo, naturalismo, romanticismo; la scienza, la democrazia, il fascismo, il comunismo, e il socialismo. A causa della sua connessione globale, la cultura europea è cresciuta con un'urgenza di adottare, adattare e, in definitiva influenzare altre tendenze della cultura. È un dato di fatto, quindi, a partire dalla metà del XIX secolo con l'espansione dell'istruzione europea e la diffusione del colonialismo, la cultura europea e il modo di vita, in gran parte, si è trasformata in cultura globale , se così si può chiamare.

Religione

Dati riguardo alle fedi in Europa.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Religioni in Europa .

La religione in Europa è stata determinante per la grande influenza avuta su arte , cultura , filosofia e diritto . La più grande religione in Europa per almeno un millennio e mezzo è stato il cristianesimo . Una serie di paesi dell' Europa meridionale e orientale hanno maggioranze musulmane . Comunità minori includono l' ebraismo , il buddhismo , il sikhismo , l' induismo , soprattutto in Gran Bretagna e Francia .

Insieme ai 555 milioni di cristiani (di cui 269 cattolici, 170 ortodossi, 80 protestanti, 30 anglicani) vivono in Europa 32 milioni di musulmani; 3,4 milioni di ebrei; 1,6 milioni di induisti; 1,5 milioni di buddisti e 500 000 sikh.

Santo Patrono

Secondo la fede cattolica, il Santo Patrono dell'Europa e protettore degli europei è San Benedetto da Norcia .

Sport

Veduta di Stadio Giuseppe Meazza prima di una partita di calcio .

In Europa gli sport più praticati e seguiti sono diversi. Sicuramente fra i più popolari vi sono il calcio , la pallacanestro , l' automobilismo , il motociclismo , la pallavolo , il tennis .

Il calcio rappresenta sia a livello dilettantistico che a livello professionistico lo sport europeo per eccellenza. Sono infatti famose le competizioni nazionali ed internazionali per club, come la UEFA Champions League , e per nazione, come il Campionato europeo di calcio . Per la pallacanestro sono invece famose le competizioni internazionali come l' Euroleague Basketball .

Note

Annotazioni
  1. ^ VediConfronto tra popolazione e superficie dei continenti .
  2. ^ In realtà Knivskjellodden è situato su un'isola, anche se vicinissima e non considerata tale. Il punto sulla terraferma è il sempre norvegese Capo Nordkinn .
  3. ^ In realtà la Terra di Francesco Giuseppe , isola russa, è molto più settentrionale, ma non è considerata geograficamente parte dell'Europa
  4. ^ Se si considerassero le Isole Madeira o le Canarie come territori europei, dato che geograficamente associate all'Africa ma politicamente dipendenti da Portogallo e Spagna , sarebbero il punto più meridionale.
  5. ^ Da molti, specialmente irlandesi, questo punto viene considerato come il più occidentale d'Europa. Ciò è inesatto dato che l' Islanda è decisamente più ad ovest, anche se comprensibile data la lontananza dell'isola nordica dalla massa continentale europea rispetto all'Irlanda. La convinzione deriva dal fatto che anticamente l'Islanda non era del tutto considerata una terra europea quanto artica. Ma il fatto curioso è che non si considerino le Isole Blasket , situate proprio davanti al promontorio: a quel punto An Tiaracht dovrebbe essere il punto più ad ovest d'Europa, cosa che comunque non è.
  6. ^ Se si considerassero tutte le varie dipendenze politiche europee, le isole Azzorre dovrebbero essere il punto più occidentale, o addirittura le Isole Cayman . Sulle Azzorre c'è anche un rilievo geologico da fare, dato che sono disposte su due placche terrestri distinte: considerando l'interno arcipelago il primato spetterebbe a Flores , altrimenti considerando solo la placca eurasiatica sarebbe Faial la più occidentale
Fonti
  1. ^ Secondo il criterio geografico-statistico seguito nel geoschema della Commissione statistica delle Nazioni Unite , i Paesi europei sono 44, includendo tra essi la Russia , Stato transcontinentale che si estende anche in Asia.
    Considerando che il Kazakistan e la Turchia sono paesi anch'essi transcontinentali, con parte del loro territorio in Europa, il numero dei paesi con territori, almeno parzialmente, europei è 46.
    Considerando inoltre che Cipro , fisicamente asiatico, è spesso considerato dal punto di vista storico-culturale uno Stato europeo e che inoltre è un membro dell' Unione europea , il numero sale a 47.
    In base alle diverse convenzioni geografiche i tre stati del Caucaso, Armenia, Georgia e Azerbaigian rientrano pienamente o in parte nel continente asiatico o sulla linea di demarcazione Europa-Asia mentre da un punto di vista storico e socio-politico sono legati all'Europa.
    In questo computo non si includono gli Stati che hanno riconoscimento ufficiale limitato.
    Gli stati presenti in Europa quindi sono in tutto 50: 44 europei a tutti gli effetti + Turchia + Kazakistan + Cipro + Armenia + Georgia + Azerbaigian.
  2. ^ 740 000 0000 assumendo come confine lo spartiacque del Caucaso.
  3. ^ Luciano Canepari , Europa , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  4. ^ Per tutto il mito di Europa: Donatella Puliga e Silvia Panichi, Un'altra Grecia: le colonie d'Occidente tra mito, arte e memoria , Torino, Einaudi, 2005, p. 76, ISBN 978-88-06-17539-9 .
  5. ^ Diodoro (16, 95, 1)
  6. ^ Polibio (1, 2, 4)
  7. ^ Teopompo, Encomio di Filippo
  8. ^ Strabone (7,312-313)
  9. ^ LIvio (40, 21, 2)
  10. ^ Domino Sancto et in Christo Patri, Romanae pulcherrimo Ecclesiae Decori, totius Europae flaccentis augustissimo quasi cuidam Flori. Epistola I.1 – I.2, in: George Stuart Murdoch Walker (a cura di), Sancti Columbani Opera , in Scriptores Latini Hiberniae , Dublin Institute for Advanced Studies, 1957, ISBN 978-1855000506 .
  11. ^ Francesca Canale Cama, Daniela Casanova, Rosa M. Delli Quadri, Storia del Mediterraneo moderno e contemporaneo , Alfredo Guida Editore, p. 133, 134, ISBN 978-88-6042-623-9 .
  12. ^ Alessandro Barbero, Carlo Magno: Un padre dell'Europa , Gius.Laterza & Figli, 2011. ISBN 9788858101612 .
  13. ^ Franz Turchi, Lettere dall'Europa. Un futuro per il nostro vecchio continente , FrancoAngeli editore, 2012.
  14. ^ Bruno Migliorini, Giacomo Devoto, Lingua nostra , volumi 69-70, Sansoni, 2008 (pagina 8).
  15. ^ Romano Prodi, Discorso alla Fiera di Forlì , su forlitoday.it , 14 giugno 2012.
  16. ^ Fino allo spartiacque del Caucaso, linea F nella figura relativa al confine orientale, §4.1 in questa voce.
  17. ^ Population Pyramid , su populationpyramid.net . URL consultato il 3 novembre 2015 .
  18. ^ Precisamente dalla Baia della Bajdarata , comprendendo in Europa la Novaja Zemlja e la Penisola di Jugor
  19. ^ a b c d Questa linea di demarcazione è quella sulla quale si trovano d'accordo la maggior parte degli autori; vedasi:
    • AA.VV. Atlante Geografico Mondiale , edito da Istituto Geografico De Agostini, Novara nel 1995 (vece Europa ). In particolare, si precisa che gli Urali sono compresi tutti in Europa, sino al loro margine orientale;
    • AA.VV., Calendario Atlante De Agostini 2013 , De Agostini, 2012, p. 80, ISBN 978-88-511-1705-4 .
    • Europa , in Sapere.it , De Agostini . URL consultato il 19 aprile 2021 .
  20. ^ Per ciò che riguarda il Pallas e il Ritter: Enciclopedia Treccani, voce Europa .
  21. ^ a b c d La Società Geografica Sovietica segue integralmente la convenzione indicata da Philip Johan von Strahlenberg . La differenza tra essa e quella comunemente seguita in Occidente consiste nella scelta di far correre il confine euroasiatico lungo il corso del fiume Emba e non lungo il fiume Ural.
    Anche nei libri di testo russi, sin dal 1958, il confine tra Europa e Asia è disegnato secondo le raccomandazioni espresse formalmente dalla Società Geografica Sovietica; tale confine segue la linea che inizia dalla Baia della Bajdarata (nel Mar di Kara ), prosegue lungo il piede orientale dei Monti Urali, quindi sulle colline del Mugodzhar, sul corso del fiume Emba e sulla depressione del Kuma-Manyč e termina infine nel mar d'Azov , nei pressi di Rostov sul Don (passando pertanto a nord del Caucaso).
    Si veda: ( RU ) "Живём мы в Европе или Азии?" (Viviamo in Europa o in Asia?) .
  22. ^ Porre il confine Europa-Asia tra monti Urali e mar Caspio lungo il corso del fiume Emba e non lungo quello del fiume Ural è parte della proposta originaria di Philip Johan von Strahlenberg. Normalmente si preferisce il fiume Ural perché esso nasce direttamente dai monti Urali, mentre il fiume Emba nasce sulle colline Mugodzhar in Kazakistan; porre il confine sull'Emba è dunque problematico, perché rende necessario tracciare la linea di demarcazione continentale fra le ultimi pendici dei monti Urali e le colline Mugodzhar, fino alle sorgenti del fiume Emba. La questione non è sostanziale, in quanto le foci dei due fiumi distano poco più di cento chilometri.
  23. ^ Con l'importante eccezione dell'Enciclopedia Britannica Europe , su Enciclopedia Britannica .
  24. ^ a b Nella letteratura occidentale, il confine continentale è stato tracciato lungo lo spartiacque del Caucaso almeno dalla metà del XIX secolo. Vedi ad es. von Haxthausen , "Transcaucasia" (1854); recensione della rivista universitaria di Dublino, Douglas W. Freshfield, "Viaggio nel Caucaso", Atti della Royal Geographical Society, Volumi 13–14, 1869. "Transcaucasia" (1854); review Dublin university magazine - Douglas W. Freshfield, " Journey in the Caucasus , Proceedings of the Royal Geographical Society, Volumes 13–14, 1869.
    • L' Enciclopedia Treccani alla voce Europa pur citando le due convenzioni, pone nella sua mappa geografica lo spartiacque caucasico come confine tra i due continenti. Vedi mappa Europa . Il Caucaso è definito come "sistema montuoso dell'Eurasia".
    • Il National Geographic - Europe: Physical Geography
  25. ^ Europa , in Treccani.it – Enciclopedie on line , Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  26. ^ a b c d Gli stati del mondo suddivisi per continente - dal sito di statistica delle Nazioni Unite . In tale pagina aprire la scheda "Regioni geografiche".
  27. ^ Sebbene una parte del territorio turco si trovi geograficamente in Asia, il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione europea hanno confermato l'ammissibilità della richiesta di adesione della Turchia all'Unione Europea sostenendo che i termini "Stato europeo" non possono essere interpretati in senso strettamente geografico. https://www.europarl.europa.eu/enlargement/briefings/23a2_it.htm
  28. ^
  29. ^ L'articolo 4 dello Statuto del Consiglio d'Europa specifica che l'adesione è aperta a qualsiasi Stato "europeo". Questa affermazione è stata interpretata liberamente fin dall'inizio, quando è stata ammessa la Turchia, includendo stati transcontinentali (come la Georgia e l'Azerbaigian) e gli stati che sono geograficamente asiatici ma socio-politicamente europei (come Armenia e Cipro). Full list - Statute of the Council of Europe
  30. ^ ( EN ) European Union, Countries , su European Union , 5 luglio 2016. URL consultato il 13 dicembre 2020 .
  31. ^ media dei dati desunti da
    CIA The World Factbook , su cia.gov . URL consultato il 20 settembre 2014 .
    UN Demografic Yearbook 2013 ( PDF ), su unstats.un.org .
    Calendario Atlante De Agostini , 2014.
    salvo dove diversamente convenuto.
    In alcuni casi (es. Paesi Bassi e Francia) vi sono sensibili differenze tra le diverse fonti dovute al diverso criteri di valutazione delle acque interne (vedasi Brun Christophe, Comment l'usage de la mesure de la superficie de la France s'est-il imposé au XVIIIe siècle? Quelques remarques , in Histoire & Mesure , vol. 8, nº 3-4 " La mesure de la terre ", 1993, 417-440. URL consultato il 26 settembre 2014 .
  32. ^ a b c d e stima al 1º luglio 2014,
    fonte ( EN ) CIA, The World Factbook , su cia.gov . URL consultato l'8 settembre 2014 .
  33. ^ a b c d e risultati grezzi, la superficie include le acque interne e le terre polari.
  34. ^ L'Armenia è considerata geograficamente parte dell'Asia occidentale e da un punto di vista storico-culturale appartenente all'Europa orientale; presenta forti legami storici e sociopolitici con l'Europa. Le cifre della popolazione e dell'area includono l'intero stato.
  35. ^ L'Azerbaigian può essere considerato a seconda delle diverse convenzioni geografiche a cavallo tra Europa e Asia oppure parte dell'Asia occidentale. I dati relativi alla popolazione e all'area si riferiscono all'intero stato. Ciò include l'exclave della Repubblica Autonoma di Nakhchivan e la regione del Nagorno-Karabakh che ha dichiarato e de facto raggiunto l'indipendenza. Tuttavia, non è riconosciuto de jure dagli Stati sovrani.
  36. ^ Cipro è considerato geograficamente parte dell'Asia occidentale. Presenta forti legami storici e sociopolitici con l'Europa ed è un paese membro dell'Unione europea. I dati relativi alla popolazione e all'area si riferiscono all'intero stato, inclusa la parte de facto indipendente di Cipro del Nord , stato a riconoscimento limitato ; sono escluse Akrotiri e Dhekelia che sono basi militari sovrane del Regno Unito . Per i soli dati di Cipro del Nord si veda il capitolo #Superficie, popolazione e densità degli Stati europei o caucasici a riconoscimento limitato
  37. ^ Incluse le Isole Fær Øer , nazione costitutiva del Regno di Danimarca e ricadente su territorio europeo; esclusa la Groenlandia , anch'essa nazione costitutiva del Regno di Danimarca , ma ricadente sul continente americano
  38. ^ Dati riferiti alla Francia metropolitana , escludendo quindi i territori extraeuropei: i dipartimenti d'oltremare , le collettività d'oltremare e le "collettività sui generis" ( Nuova Caledonia e Terre australi e antartiche francesi ).
  39. ^ La Georgia può essere considerata a seconda delle diverse convenzioni a cavallo tra Europa e Asia oppure completamente compresa nell'Asia; ha forti legami storici e sociopolitici con l'Europa I dati relativi alla popolazione e all'area includono le stime georgiane per l'Abcasia e l'Ossezia meridionale, due regioni che hanno dichiarato e raggiunto de facto l'indipendenza. Il loro riconoscimento internazionale, tuttavia, è limitato.
  40. ^ Incluso il Dodecanneso e le isole dell'Egeo settentrionale più vicine alla penisola anatolica e geograficamente asiatiche tra le quali Rodi , Kos , Samos , Chio , Lesbo , Kastellòriso , Strongili (Megisti) e Ro .
  41. ^ Incluse due delle isole Pelagie , Lampedusa e Lampione , geograficamente appartenenti all'Africa.
  42. ^ Il Kazakistan è geograficamente considerato un paese transcontinentale estendendosi principalmente in Asia centrale e in parte nell'Europa orientale, nel territorio europeo a ovest dei monti Urali e del fiume Ural.
  43. ^ Inclusa la Transnistria , stato a riconoscimento limitato .
  44. ^ Escluse le isole Svalbard e Jan Mayen , che godono di un particolare status internazionale stabilito dal trattato delle Svalbard .
  45. ^ Esclusi i Paesi Bassi caraibici , ossia le isole di Bonaire , Sint Eustatius e Saba (isole BES), municipalità speciali appartenenti al continente americano.
  46. ^ Incluse le Azzorre , perché situate sulla Placca euroasiatica ; esclusa Madeira (801 km², 267875 ab., stima 2011), perché situata sulla Placca africana .
  47. ^ Escluse le dipendenze
  48. ^ * Computo dei distretti federali che compongono la Russia europea : centrale , nordoccidentale , del Volga e meridionale , escludendo da quest'ultimo l' Adighezia e il territorio di Krasnodar , situati a sud della depressione del Kuma-Manyč e perciò considerati asiatici secondo le più diffuse convenzioni.
  49. ^ a b c d Stima popolazione al 1/01/2014, fonte ( RU ) Popolazione 2014 ( XLS ), su gks.ru , Servizio di statistica dello Stato federale. URL consultato il 10 settembre 2014 .
  50. ^ Incluso il Kosovo , in quanto stato a riconoscimento limitato . Per i soli dati del Kosovo, si veda il capitolo #Superficie, popolazione e densità degli Stati europei o caucasici a riconoscimento limitato .
  51. ^ a b Il Kosovo, sebbene non sia membro o osservatore delle Nazioni Unite, da quando ha dichiarato l'indipendenza ha raggiunto un notevole grado di riconoscimento diplomatico. Inoltre, è stato accettato per l'adesione a diverse organizzazioni internazionali, tra cui due agenzie delle Nazioni Unite, e sta cercando l'adesione all'UE. Al 13 novembre 2019, 97 su 193 ( 50%) Stati membri delle Nazioni Unite (ONU), 22 su 27 ( 82%) Stati membri dell'Unione europea (UE), 25 su 29 ( 86%) Stati membri della NATO , e 34 su 57 ( 60%) Stati membri dell'Organizzazione per la cooperazione islamica (OIC) hanno riconosciuto il Kosovo. Il governo della Serbia non riconosce il Kosovo come uno stato sovrano, ma ha iniziato a normalizzare le relazioni con il governo del Kosovo conformemente all'accordo di Bruxelles. Per tutta la nota, si veda: (in Albanese ) sito beinkosovo.com , pagina Paesi che hanno riconosciuto il Kosovo come stato indipendente .
  52. ^ Esclusi i territori spagnoli che appartengono al continente africano: le Canarie (7447 km² 2.118.344 ab, stima al 1/01/2012), Ceuta e Melilla (33 km², ab. 145.336 al 1/01/2012).
  53. ^ La Turchia è geograficamente considerata un paese transcontinentale: si estende principalmente in Asia occidentale, ma il 3% del suo territorio, la Tracia turca, appartiene all'Europa sudorientale.
  54. ^ Incluse la Repubblica di Crimea e la città autonoma di Sebastopoli, de facto sotto l'amministrazione della Russia
  55. ^ media dei dati desunti da
    CIA The World Factbook , su cia.gov . URL consultato il 20 settembre 2014 .
    UN Demografic Yearbook 2013 ( PDF ), su unstats.un.org .
    Calendario Atlante De Agostini , 2014.
    salvo dove diversamente convenuto.
  56. ^ media dei dati desunti da
    CIA The World Factbook , su cia.gov . URL consultato il 20 settembre 2014 .
    UN Demografic Yearbook 2013 ( PDF ), su unstats.un.org .
    Calendario Atlante De Agostini , 2014.
    salvo dove diversamente convenuto.
    In alcuni casi (es. Paesi Bassi e Francia) vi sono sensibili differenze tra le diverse fonti dovute al diverso criteri di valutazione delle acque interne (vedasi Brun Christophe, Comment l'usage de la mesure de la superficie de la France s'est-il imposé au XVIIIe siècle? Quelques remarques , in Histoire & Mesure , vol. 8, nº 3-4 " La mesure de la terre ", 1993, 417-440. URL consultato il 26 settembre 2014 .
  57. ^ distretti delle province del Kazakistan Occidentale e di Atyrau a ovest del fiume Ural al 1/01/2014 - Computo del territorio in http://books.google.it "Calendario Atlante De Agostini 2014" (valore medio),
    dati da ( RU ) Popolazione all'inizio del periodo 2014
    [ collegamento interrotto ] , su taldau.stat.kz , Agenzia della Repubblica del Kazakistan sulle statistiche. URL consultato il 10 settembre 2014 .
  58. ^ Il Kazakistan europeo non costituisce entità amministrativa a sé stante, ma comprende i territori occidentali della Regione di Atyrau e della Regione del Kazakistan Occidentale ; le città più importanti sono Oral ed Atyrau , entrambe sul corso del fiume Ural
  59. ^ Dati da ( RU ) Popolazione all'inizio del periodo 2014 [ collegamento interrotto ] , su taldau.stat.kz , Agenzia della Repubblica del Kazakistan sulle statistiche. URL consultato il 10 settembre 2014 .
  60. ^ a b Capitale extraeuropea
  61. ^ regione di Marmara a Ovest del Bosforo, Mar di Marmara e Dardanelli (Tracia orientale) - Computo del territorio in Enciclopedia Treccani App. VI alla voce "Europa" e http://books.google.it "Calendario Atlante De Agostini 2014" (valore medio),
    dati da Population of provinces/districts/2013 , su tuikapp.tuik.gov.tr , Istituto turco per le statistiche, 2013. URL consultato il 10 settembre 2014 (archiviato dall' url originale il 10 ottobre 2012) .
  62. ^ La Turchia europea non costituisce un'unità amministrativa a sé stante, ma è parte della Regione di Marmara, che si estende anche in territori asiatici. La città più importante è Istanbul
  63. ^ Dati da Turkish Statistical Institute, www.tuik.gov.tr Archiviato il 10 ottobre 2012 in Internet Archive . "Population of provinces/districts/2013", consultati il 10 settembre 2014
  64. ^ media dei dati desunti da
    CIA The World Factbook , su cia.gov . URL consultato il 20 settembre 2014 .
    UN Demografic Yearbook 2013 ( PDF ), su unstats.un.org .
    Calendario Atlante De Agostini , 2014.
    salvo dove diversamente convenuto.
    In alcuni casi (es. Paesi Bassi e Francia) vi sono sensibili differenze tra le diverse fonti dovute al diverso criteri di valutazione delle acque interne (vedasi Brun Christophe, Comment l'usage de la mesure de la superficie de la France s'est-il imposé au XVIIIe siècle? Quelques remarques , in Histoire & Mesure , vol. 8, nº 3-4 " La mesure de la terre ", 1993, 417-440. URL consultato il 26 settembre 2014 .
  65. ^ a b capoluogo per i territori dipendenti, città principale (tra parentesi) per gli stati transcontinentali con capitale extraeuropea.
  66. ^ a b c Secondo la convenzione che pone il Caucaso nel continente asiatico si veda: Secondo la convenzione che pone il Caucaso come limite convenzionale tra Europa e Asia si veda:
  67. ^ media dei dati desunti da
    CIA The World Factbook , su cia.gov . URL consultato il 20 settembre 2014 .
    UN Demografic Yearbook 2013 ( PDF ), su unstats.un.org .
    Calendario Atlante De Agostini , 2014.
    salvo dove diversamente convenuto.
    In alcuni casi (es. Paesi Bassi e Francia) vi sono sensibili differenze tra le diverse fonti dovute al diverso criteri di valutazione delle acque interne (vedasi Brun Christophe, Comment l'usage de la mesure de la superficie de la France s'est-il imposé au XVIIIe siècle? Quelques remarques , in Histoire & Mesure , vol. 8, nº 3-4 " La mesure de la terre ", 1993, 417-440. URL consultato il 26 settembre 2014 .
  68. ^ a b L'Abcasia e l'Ossezia del Sud, in base alle diverse convenzioni, possono essere entrambe considerate parte dell'Europa orientale o dell'Asia occidentale. Hanno dichiarato unilateralmente la loro indipendenza dalla Georgia rispettivamente il 25 agosto 1990 e il 28 novembre 1991. Il loro status non è riconosciuto dall'ONU e dalla stragrande maggioranza delle nazioni sovrane.
  69. ^ L'Artsakh (o Nagorno-Karabakh), rientra geograficamente nel continente asiatico mentre da un punto di vista storico-politico è legato all'Europa. Ha dichiarato unilateralmente la sua indipendenza dall'Azerbaigian il 6 gennaio 1992 ma non è riconosciuto dall'ONU e da nessuna nazione sovrana.
  70. ^ Paese con riconoscimento minoritario, stima pop. 1/01/2014.
  71. ^ a b c d e f g Consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa (CCRE)
  72. ^ Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria hanno costituito nel 1991 il Gruppo di Visegrád
  73. ^ Europe: Physical Geography National Geographic - Education , su education.nationalgeographic.com .
  74. ^ Oppure, secondo un'altra convenzione, sono asiatici i territori kazaki ad est del fiume Emba
  75. ^ a b c d Il Milione , p. 10 .
  76. ^ a b c d CIA - The World Factbook - World
  77. ^ Mirandese riconosciuto ufficialmente nel Portogallo dal 29 gennaio 1999 , su mirandes.no.sapo.pt , 8 dicembre 2003. URL consultato il 22 febbraio 2009 (archiviato dall' url originale il 18 marzo 2002) .
  78. ^ ( EN ) Lingue slave , su Britannica.com .
  79. ^ ( EN ) The world's cities in 2016 ( PDF ), su un.org .
  80. ^ Major Agglomerations of the World - Population Statistics and Maps , su www.citypopulation.de . URL consultato il 13 dicembre 2020 .
  81. ^ Andreas Kaplan: European Management and European Business Schools: Insights from the History of Business Schools , in European Management Journal , 2014, DOI : 10.1016/j.emj.2014.03.006 .

Bibliografia

  • Stanislaw Grygiel, Dove nasce l'Europa? , ne Il Nuovo Areopago , n. 2/2004, pp. 10–18.
  • Achille e Adolfo Boroli (a cura di), Il Milione - Enciclopedia di tutti i Paesi del mondo , vol. 1, Novara, Istituto Geografico De Agostini, 1974.
  • Alan Siaroff, Comparative European Party Systems: An Analysis of Parliamentary Elections Since 1945 , 081532930X, 9780815329305, 9780203900307, Routledge, 2000

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 252680782 · LCCN ( EN ) sh85045631 · GND ( DE ) 4015701-5 · NDL ( EN , JA ) 00574313 · WorldCat Identities ( EN ) viaf-252680782
Europa Portale Europa : accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Europa