Emilia romay

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Emilia romay
rejyon ak lwa òdinè
( IT ) Emilia-romay Rejyon an
Emilia-romay - manto nan bra Emilia-romay - Drapo
( detay ) ( detay )
Emilia-romay - View
Katye jeneral rejyon an nan Bolòy
Kote
Leta Itali Itali
Administrasyon
Kapital Vil metwopoliten Bolòy - Stemma.svg Vil metwopoliten Bolòy [1]
Prezidan Stefano Bonaccini ( PD ) soti nan 22-12-2014 (2nd manda soti nan 28-02-2020 [2] )
Dat etablisman an 7 jen 1970
Teritwa
Kowòdone
nan kapital la
44 ° 30'38 "N 10 ° 57'25" E / 44.510556 ° N 10.956944 ° E 44.510556; 10.956944 (Emilia-romay) Kowòdone : 44 ° 30'38 "N 10 ° 57'25" E / 44.510556 ° N 10.956944 ° E 44.510556; 10.956944 ( Emilia-romay )
Altitid 211 [3] m asl
Sifas 22 509,67 km²
Moun ki rete 4 448 545 [4] (30-11-2020)
Dansite 197,63 abitan / km²
Pwovens Bolòy ( vil metwopoliten ), Ferrara , Forlì-Cesena , Modena , Parma , Piacenza , Ravenna , Reggio Emilia , Rimini
Komen 330
Rejyon vwazen Ligurya , Lombard , Marche , Piedmont , tuscany , Veneto , San Marino San Marino
Lòt enfòmasyon
Lag jè UTC + 1
ISO 3166-2 IT-45
ISTAT kòd 08
Non moun ki rete Emilia ak romay [5]
Emilia-romay [6]
Patwon Sant'Apollinare di Ravenna
Jou Konje 23 jiyè
GDP (nominal) 157 177 milyon dola
Pro-capite GDP (nominal) 35 300 [7] (2017)
( PPA ) 35 800 [7] (2017)
Reprezantasyon palmantè 45 depite
22 senatè
Kartografi
Emilia-romay - Kote
Emilia-romay - Map
Kat rejyon an ak pwovens li yo
Sit entènèt enstitisyonèl

Emilia-romay ( AFI : / eˈmilja roˈmaɲɲa / [8] ; Emilia [9] , Emélia oswa Emégglia nan Emilian ak Rumâgna nan romay ) se yon rejyon Italyen ak lwa òdinè nan nò-lès peyi Itali nan 4 448 545 moun [4] . Previzyon an 1948 , li te etabli ofisyèlman sou 7 jen 1970 ak premye eleksyon rejyonal yo [10] . Kapital la se vil metwopoliten Bolòy [1] . Li fontyè nan nò a ak Lombard ak Veneto , nan lwès la ankò ak Lombard ak Piedmont , nan sid la ak ligurya , tuscany , Marche ak Repiblik la nan San Marino . Sou bò solèy leve a li se lave pa Lanmè Adriyatik .

Emilia-romay se te fè leve nan sendika a nan de rejyon istorik ak géographique:

Jewografi fizik

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: zòn altimetrik nan peyi Itali ak jewografi nan Emilia-romay .
Sifas Emilia-romay pa altitid

Via Emilia a , ki te konstwi pa konsil Women Marco Emilio Lepido , ak chemen li yo ki apeprè swiv pye mòn yo nan yon direksyon nò-lwès / sid-bò solèy leve (ki soti nan Rimini Piacenza ) divize teritwa a nan rejyon an nan de pati (zòn) ki gen ekstansyon prèske ekivalan: yon nò-lès (47,8% nan sifas total la, tout plat ) ak yon sid-lwès ( aksidante pou 27,1% nan teritwa a ak montay pou 25,1%).

Orografi

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Lower Po Valley ak Northern Apennines .

Emilia-romay divize orografikman nan yon fason prèske simetrik ant fon an Po ak relyèf yo, ak pòsyon lès nan nò Apennines yo ( Tuscan-Emilian ak Tuscan-romay ) ki konstitye aryèr a nan tout pwovens eksepte Ferrara . Pati a plat nan rejyon an (zòn santral-sid nan Fon an Po ), ant pye mòn yo ak Po a , progresivman elaji soti nan lwès sou bò solèy leve, pandan y ap zòn nan montay-aksidante konsève yon lajè prèske konstan nan tout devlopman li yo. Pwojeksyon an nan Via Emilia a sou teritwa a konyenside prèske parfe ak liy lan tranzisyon egzak ant plenn lan ak premye ti mòn yo adjasan.

Altitid ki pi wo yo jwenn nan sektè santral Apennine a: mòn Cimone (2 165 m) se pik ki pi wo nan Emilia-romay ak nò Apennines yo , ki tonbe antyèman nan limit rejyonal administratif yo ( pwovens Modena ). Plenn lan se rezilta depo alluvions Po a ak lòt rivyè yo pote sou dè milye ane: materyèl yo pi gwosye tankou gravye, sab ak ti wòch yo te depoze nan anwo Emilia-romay Po Valley a, Se poutèt sa tè a trè pèmeyab ak gratis soti nan stagnation dlo; nan plenn ki pi ba a depo yo gen plis minit ( limon ak ajil ) ak Se poutèt sa mwens pèmeyab. Ant de zòn yo se senti a rezurjans. Nan pati lès nan rejyon an, fè fas a Adriyatik la , nou pase soti nan yon sektè entèn nan peyi ki te fè tèt di toujou ak kiltive pou kèk tan nan zòn yo vas nan dènye Kominte idwolik, tankou Shores yo ak fon nan Ferrara ak Ravenna .

Fon Po a don lanmè a ak yon kòt trè inifòm ki ba ak Sandy; plaj yo lajè ak lanmè a fon prete tèt yo trè byen nan aktivite a touris Seaside.

Idrografi

Rezo a idrografik se vaste ak devlope ak se te fè leve, nan mwatye lwès la nan rejyon an, pa yon seri de kou dlo ki gen yon kou plis oswa mwens paralèl ki kouri nan fon yo ak Lè sa a, moute desann nan plenn lan jiskaske yo koule nan rivyè a Po oswa kò prensipal yo dlo. Nan pati lès la, kòmanse nan Rhine a , rivyè yo olye pou yo koule dirèkteman nan Adriyatik nan estuaire ak ti kras oswa ki pa gen okenn soulajman sou pwofil kotyè a. Apa de Po a , tout rivyè yo nan rejyon an gen koule iregilye ak tandans toransyèl. Remakab tou se rezo a nan kanal derivasyon atifisyèl ki pran dlo pou itilizasyon sivil ak endistriyèl ak pou irigasyon an nan gwo zòn nan fon an Po , premye a tout Emiliano-Romagnolo Kanal la (youn nan travay ki pi enpòtan agrikòl idwolik nan rejyon an ak nan peyi Itali ) ak akweduk la nan romay (pi chè travay piblik la bati nan romay nan ventyèm syèk la). Se konsa, mèsi pi wo a tout CER a , yon irige " ba plenn " dedye a elvaj pou pwodiksyon an nan lèt ak fwomaj ( Parmigiano Reggiano ak Grana Padano ), Lè sa a, reklame "fon yo" (lajman envesti nan sereyal), Lè sa a, ki pa Peye- irige plenn kiltive ak fwi espesyalize ap grandi ( Cesenate [11] ) epi finalman ti mòn yo itilize kòm jaden rezen oswa rekòt melanje. Beyond sa yo (k ap monte nan altitid nan direksyon pou enteryè a nan rejyon an) nou gen Meadows yo, patiraj ak Woods nan ti mòn yo segondè yo ak Apennines yo, ki devlope sou tèt yo nan rezo a idrografik.

Po a nan pwovens Ferrara

Rivyè yo prezan nan teritwa a ka klase nan kat lòd:

Klima

Klima dominan nan Emilia-romay se sub-kontinantal tanpere , ak ete cho ak imid ki te swiv pa sezon fredi frèt ak piman bouk. Sa a pran sou karakteristik ansibleman oseyanik nan Apennines yo , pandan ke li gen tandans tanpèt la sublitoryal (pa yon klima reyèl Mediterane kòm yo te jwenn kòmanse soti nan mòn Conero nan direksyon pou sid la) sèlman sou teren an bò lanmè. An reyalite, Adriyatik la twò etwat yon lanmè pou siyifikativman afekte kondisyon tèmik nan rejyon an. Karakteristik debaz yo nan klima sa a se diferans lan tanperati fò ant ete ak sezon fredi , ak ete trè cho ak cho ak sezon fredi ak sezon ivè pwolonje. Autumn se imid, bwouya ak fre jouk nan mitan mwa novanm-. Kòm sezon an pwogrese, tanperati gout jiskaske yo ka rive jwenn, e souvan depase, valè a nan 0 ° C pandan Desanm ak mwa ivè yo. Prentan reprezante sezon tranzisyon an par ekselans, ak sou tout la li twò grav ak lapli.

Lak Ninfa nan Sestola ( MO ), ki te fòme gras a akimilasyon nan lapli a abondan nan Apennines yo

Presipitasyon nan plenn yo tipikman chenn nan 650 a Mwayèn 800 mm chak ane [12] . Kòm ou pase nan bann yo aksidante ak montay, yo ogmante rapidman yo epi yo vin Désidéman plis abondan: an reyalite, la 1 500 mm nan prèske tout sekou entèn ak tou mwen 2 000 mm nan zòn ki fèmen nan krèt santral-lwès Emilian Apennines yo [12] . Isit la nèj la abondan, ki tonbe sitou nan mwa ki genyen ant Novanm ak Mas , byenke pi piti nèj souvan rive tou nan mwa avril. Menm plenn lan souvan te vizite (pandan sezon livè an) pa nèj, nan kantite ki jeneralman ogmante k ap deplase nan direksyon pou pye mòn yo ak pwosedi soti nan lès sou lwès. Se rejim lapli jeneral karakterize pa de maksimòm, yon sèl nan sezon prentan ak yon sèl nan otòn, ki pa diverges anpil nan chak lòt pou chak milimèt tonbe, men make prévalence de dezyèm lan prèske tout kote. Sezon ki pi sèk la se ete e kòm yon konsekans tandans pluvyal sa a rejim kou dlo yo ansibleman toransyèl, ak inondasyon toudenkou fò altène ak peryòd de gwo dlo ki ba. Emilia-romay Se poutèt sa fondamantalman gen twa klima, ki ka yon ti tan divize an Po Valley a ( semi-kontinantal tanpere ), mòn lan Apennine ( oseyanik ) ak sublitoryal maritim lan tanpere .

Depi kòmansman nineties yo rejyon an, tankou tout peyi Itali ak Ewòp , te sibi yon chanjman olye radikal nan klima li yo, ak ogmantasyon siyifikatif nan tanperati mwayèn ( +1.1 ° C ) ak ekstrèm (sitou pandan sezon ete a, +2 ° C ) konbine avèk chanjman nan rejim sezon ak entansite lapli [13] , wè yon diminisyon rapid nan menm bagay la espesyalman nan Apennines yo . Sèvis idrometeorolojik nan arpa Emilia-romay se kò rejyonal ki responsab pou pote soti nan aktivite operasyonèl ki gen rapò ak idrolojik, meteyorolojik ak klimatoloji.

Anviwònman

Nan Emilia-romay gen de pak nasyonal , tou de an komen ak tuscany : pak nasyonal la nan forè yo Casentinesi, Monte Falterona ak Campigna ak pak nasyonal la nan tuscan -Emilian Apennen yo . Rejyon an gen ladan tou 14 pak rejyonal kòm byen ke anpil lòt pwoteje zòn natirèl . Pwoblèm prensipal yo nan anviwònman an rankontre tou de nan Emilia ak (nan yon limit pi piti) nan romay kouche nan libète a kite nan minisipalite nan jaden an nan ibanizasyon , ki se wè sa tankou kòz prensipal la nan konsomasyon peyi [14] , ak nan polisyon nan lè a nan gwo sant iben akòz machin ak aktivite endistriyèl.

Flora ak fon

Vejetasyon espontane te redwi sou tan pa entèvansyon imen, patikilyèman nan plenn yo. Gen kèk zòn ki gen rakbwa ki enpòtan siviv isit la tankou Bosco della Mesola , ki te vin tounen yon rezèv nati, ak forè a pen nan Ravenna (kwake ki gen orijin atifisyèl). Apennin yo byen diferan, kote Woods yo pi plis toupatou ak moun rich nan espès yo.

Fon a te tou anpil pòv pa modifikasyon yo nan anviwònman an fèt pa moun: nan jaden yo gen lapen , erison , fezan ak anpil lòt bèt, pandan ke yo nan marekaj yo bò lanmè (espesyalman nan Delta a Po ) nou jwenn fenomèn woz ( Phoenicopterus roseus ) aron , kanna , mwèt e menm lout . Pifò nan espès yo sondaj ap viv nan Woods yo nan Apennines yo , tankou zwazo anpil, rena , badgers , porcupines , sèf , sèf kabrit , sèf frich , mouflon , kochon sovaj , chen mawon ak ekirèy . Jodi a zòn forè rejyonal la ap ogmante [15] , akòz rebwazman ak abandon nan rekòt nan zòn mwens pwofitab ki ap mennen nan yon rekolonizasyon pa vejetasyon.

Flat senti

Plenn lan se yon pati nan tipik mwayèn Ewopeyen an klima ranje, yon faktè tou reflete pa flora prezan an: pyebwa ki pi komen isit la yo se kaduk tankou pye sikren an nwa , pye sikren an blan , aulne a , Willow a , pye bwadchenn lan , ' elm la ak kamyon blan . Tout moun sa yo se espès mesophilic, tipik nan anpil zòn nan Ewòp Santral ak lès. Fon an Po se an reyalite youn nan zòn ki pi sid nan kontinan an kote sa yo kalite forè yo jwenn, nan ki pye bwadchenn lan-karp ak Quercus robur ak Carpinus betulus se asosyasyon ki pi reprezantan ak dominan (tou nan Emilia-romay). Bann yo sèlman nan rezidans vejetasyon Mediterane yo sitiye sou kòt la Adriyatik nan Bosco della Mesola a ( pwovens nan Ferrara , kote nou jwenn debri nan plant pye bwadchenn Holm ) ak nan Pineta di Ravenna a (kote, sepandan, Pine domestik la te entwodwi pa la Etrusk ak Women yo).

Hills ak mòn

Se pòsyon an nan teritwa a rejyonal ki fin soti nan ti mòn yo nan premye neglijans plenn lan nan plenn nan mòn pi ba (700-800 mèt) karakterize pa nan prezans nan melanje kaduk feyu Woods. Gwo sektè sa a se sit natirèl la nan fòmasyon ki fòme ak pye bwadchenn , chatèy ak lòt espès pyebwa kaduk tankou erab, lacho, karb, Cherry, Rowan ak sann. Li se yon vejetasyon meso-tèrmofil ki byen adapte ak klima a tanpere-twò grav tipik nan zòn sa yo ki ba-Apennine. Zòn vaste rakbwa nan senti sa a yo jodi a prezante kòm Wood Chestnut ak pa tankou Woods pye bwadchenn: li te an reyalite nonm lan ki nan tan pase progresivman gaye chestnut la ( Castanea sativa ) ranplase li ak pye bwadchenn ak lòt espès pyebwa espontane. Anpil nan eleman floristik nan Chestnut ak pye bwadchenn yo nan Emilia-romay apatni a Flora nan forè yo kaduk fèy-laj nan Ewòp Santral (pou egzanp pye bwadchenn , erab erab ak Linden) pandan ke lòt moun se yon pati nan forè yo kaduk nan sid- lès Ewòp mesotèm ( pye bwadchenn , pye bwadchenn nwa , sann ).

Koulè otòn nan forè yo Casentinesi

Nan Apennines yo gen tou rebwazman anpil nan konifè ekzotik ak Ewopeyen an, espesyalman nan ansyen fèm abandone ak patiraj fin vye granmoun. Nan pati estrikteman aksidante nan rejyon an (pou fon yo ak zòn ki pi ba yo jiska apeprè 500 mèt anwo nivo lanmè a), kèk espès tèrmofil yo jwenn nan Woods yo ki absan nan pi wo altitid. Pami sid Ewopeyen yo, bale bouche a ak piracanta a kanpe deyò , pandan y ap nan mitan moun ki diferansye pati a anwo nan Woods yo pye bwadchenn (wo-aksidante plenn) sann lan mòn se vo mansyone. Sa a teren nan ti mòn karakterize pa mesophilic, tèrmofil ak xerophilous espès ki diferansye ak ranje sou baz ekspoze nan pant yo ak altitid la. Espès tipik Mediterane yo jwenn isit la trè raman, sèlman sou falèz byen ekspoze a solèy la sou pant sid yo ak nan kondisyon patikilye.

Nan Apenen Emilian yo, nan zòn ki gen anpil aksidante ak submontane, ap viv popilasyon yo nan pye pen Scots pi lwen nan sid peyi Itali: gwo espesimèn nan pyebwa sa a tipik nan zòn alpine ak boreal yo ka jwenn nan zòn Parma epi tou nan zòn Bolòy. ( Parko Storico di Monte Sole ). Fòmasyon sa yo se debri nan epòk pi frèt ki te konsève nan zòn kote klima a pi apwopriye pou yo. Depi senti aksidante a karakterize pa tèrmofil kaduk ki gen gwo fèy, plizyè diskisyon konsène ankadre vejetasyonèl nan zòn sa yo, kit yo mete yo nan orizon medsofil Mediterane a oswa nan yon sèl byen tanpere. Gen anpil tèz kontradiktwa men jeneralman, yo bay fondasyon kontinantal klimatik la ak kourtwazi yo diferan floristik konpare ak sa yo ki nan forè yo nan santral-sid peyi Itali, pi botanik jodi a yo gen tandans insert fòmasyon sa yo nan mitan tanpere yo santral-Ewopeyen an [16] . Ap monte nan altitid nan senti a piman montay nan Apennines yo, ant 800 ak 1 800 m , nou jwenn forè vaste ak toupatou Beech (plis pase 100 000 ekta nan tout Emilia-romay) pa Rahman ak konifè: an reyalite, pichpen an ajan rete diskrèman konsève, ki ka jwenn nan forè melanje oswa pye bwa tou pa 800 m ai 1 700 m ak jodi a pwoteje nan divès rezèv ak nan de pak nasyonal nan rejyon an. Epitou prezan Spruce a nan nwayo relict espontane sou fwontyè a ak tuscany . Pi wo pase 1 800 mèt pi wo pase nivo lanmè nou gen limit siperyè vejetasyon arboreal la, ak dominasyon blouberi , savann ak patiraj.

Kòt teren

Vejetasyon ki prezan nan anviwònman kotyè Emilia-romay karakterize pa espès plant psammofil ak alofil . Espès psammophilous yo kapab siviv sou tè Sandy ak retansyon dlo ki ba ak karakterize anviwònman yo nan plaj la ak mòn sab kòtplaj ki anjeneral gen valè Salinity ki ba gras a lave a ki opere pa dlo lapli. Espès yo alofil, nan lòt men an, yo toleran valè salinite segondè, epi yo Se poutèt sa tipik nan marekaj salmèr. Zòn nan delta nan Po a trè enpòtan, espesyalman konsènan Flora a ak avifauna a rich ak ra prezan isit la ( woz fenomèn ).

Zòn ki pwoteje

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Pwoteje zòn natirèl nan Emilia-romay .

Nan Emilia-romay nou jwenn de enpòtan pak nasyonal ki sitye nan Apennines yo , divès eta ak rezèv rejyonal kòm byen ke anpil lòt zòn ki pwoteje pa rezo a Natura 2000 ak pi lwen. Pwovens lan nan Ferrara se youn nan ki gen pousantaj ki pi wo nan sifas sijè a pwoteksyon. Zòn prensipal yo pwoteje yo se:

Istwa

Ansyen duche a nan Parma ak Piacenza apre aneksyon nan Peyi Wa ki nan peyi Itali
Ansyen duche Modena ak Reggio apre aneksyon Wayòm Itali a
Nan tout koulè vèt, delegasyon yo 4 (1816-60) nan Eta a Papal depi 1850 gwoupe nan legasyon an nan romay
Depatman estatistik la nan " Emilia " nan Peyi Wa ki nan peyi Itali

Emilia-romay gen ladan de distenk reyalite istorik-géographique: Emilia ak romay , ki koresponn respektivman nan ansyen Lombard zòn Ducal la ak ansyen Bizanten an ak Lè sa a, zòn Pontifikal . Nan tan lontan, tout Po Valley a te gen non Longobardia (oswa Lombard ) pou plis pase 1 200 ane, jan yo te rapòte nan egzanp lan nan vil la nan Reggio Emilia yo rele "Reggio di Lombardia" jiska Inifikasyon an nan peyi Itali oswa menm bagay la. lokalite nan Massa Lombarda ( RA ) ki toujou rapòte li jodi a nan toponim minisipal la. Teritwa yo nan rejyon an Po te gen peripesi mare ak desten kòmanse nan règleman an Gallic ( Gallia Cisalpina ) ak ki vin apre konkèt Women (kòm yon pwovens senatoryal ) jouk nan fen a nan Peyi Wa ki Lombard . Li te sèlman soti nan nevyèm syèk la ke bagay yo te kòmanse chanje: Romagna te vin sijè a règ teyokratik papal pandan ke Emilia bay otorite minisipal ak ducal. Soti nan peryòd sa a, de zòn yo, osi byen ke tout plenn lan, te sèn nan pou syèk nan lagè san ant faksyon pro-papal ( Guelphs ) ak pro-Imperial ( Gibelin ). Apre kout peryòd Napoleon Repiblik Cisalpine a, Duche yo te egziste jiskaske Inifikasyon Itali , lè otorite Ducal la te ranplase ak nouvo wa a . An menm tan an, teritwa papal Romagna te wete nan men Pap la .. Emilia ak Romagna finalman te vin fè pati nouvo eta Italyen an ansanm, sou lòd diktatè Carlo Farini ki te inifye yo nan Peyi Wa Sardinia , pita Wayòm. nan peyi Itali , sou 30 novanm 1859 [18] .

Istwa Emilia

Icône loup mgx2.svg Menm sijè an detay: Istwa Emilia .
Rete nan Via Emilia a nan Claterna

Popilasyon prensipal yo italik rete nan Emilia nan tan lontan yo te sa yo ki an etrusk yo , jan sa pwouve nan lavil anpil yo te fonde, ki gen ladan Felsina ( Bolòy ), Parma , Spina ak sa yo ki an selt yo , tou rete nan anpil lòt zòn nan Northern Itali. Kòmanse nan twazyèm syèk BC Women yo te pran posesyon teritwa a, enpoze tèt yo sou branch fanmi Celtic yo. Deja nan premye peryòd dominasyon Women an, Via Emilia (187 BC) te konstwi pa volonte konsil Marco Emilio Lepido , kote jodi a rejyon an pran non li. Tale arteria viaria fu importante per l'intensificarsi del commercio e sul suo tragitto sorsero fiorenti centri urbani come Mutina ( Modena , già di origine etrusca), Placentia ( Piacenza ), Fidentia ( Fidenza ) e Regium Lepidi ( Reggio Emilia ).

Con la caduta dell'impero romano d'Occidente nel 476 dC, l'intera penisola Italica fu in balia delle invasioni delle varie popolazioni barbare, provenienti dal nord Europa. Nel corso del VI secolo dC l'Emilia, come gran parte del territorio italiano venne assoggettata dai Longobardi , mentre la vicina Romagna rimase, invece, per lungo tempo sotto il controllo bizantino. Seguendo il modello amministrativo longobardo, anche nella regione vennero creati una serie di ducati, tra cui spiccavano quello di Parma, quello di Piacenza, quello di Modena, quello di Reggio Emilia e quello di Persiceto. Bologna, invece, entrerà sotto il controllo longobardo solo nel 728.

Ai Longobardi si susseguirono, successivamente, i Franchi , chiamati in Italia da papa Stefano II . In questo periodo l'Emilia entrò nell'orbita del Sacro Romano Impero e il suo territorio venne suddiviso in una serie di feudi.

Enrico IV davanti a Matilde di Canossa e Ugo di Cluny

Particolarmente estesi nella regione erano i possedimenti della famiglia dei Canossa , che dal 1076 divennero patrimonio della grancontessa Matilde . Durante la lotta per le investiture dell'XI secolo, che coinvolse papato e impero, il castello di Canossa fu sede di uno dei principali e più significativi eventi di tale fase storica: l' umiliazione di Enrico IV . L'imperatore, infatti, scomunicato nel 1076 dal pontefice Gregorio VII , nel gennaio del 1077 si recò da quest'ultimo, ospite di Matilde, per chiedere la revoca di quel provvedimento. La riconciliazione tra i due avvenne dopo numerose trattative (mediate da vari esponenti politici e del clero, tra cui la stessa contessa) e la permanenza davanti al castello per tre giorni, di Enrico, vestito in abiti da penitente.

Dal XII secolo in poi, numerose entità cittadine emiliane si costituiranno come comuni che, via via, si andranno a sostituire ai precedenti sistemi amministrativi di stampo feudale. Il comune che ebbe più prestigio e potere sul territorio fu Bologna, dove, nel 1088, venne fondata la celebre Università , la più antica in Europa. Molti comuni emiliani, sempre in questo periodo, furono annessi alla Lega Lombarda che si oppose al progetto dell'imperatore Federico Barbarossa di restaurare un forte potere centrale nell'Italia settentrionale.

Castello Estense, Ferrara

Nel corso dei secoli successivi molte città passarono da un governo di tipo comunale a forme di governo signorili. Un esempio ne è Ferrara che, sotto il governo degli Estensi , acquistò notevole prestigio, diventando anche uno dei centri culturali più importanti dell'Umanesimo e del Rinascimento italiano (presso la corte estense operarono infatti intellettuali del calibro di Matteo Maria Boiardo , Ludovico Ariosto e Torquato Tasso ).

Bandiera della Repubblica Cispadana

L'intera Emilia, nel corso dei secoli successivi, mantenne un assetto politico su cui spiccavano principalmente le potenze politiche dei Ducati di Ferrara, di Modena e Reggio e di Parma e Piacenza.

A partire dal 1796, con l'arrivo delle truppe francesi di Napoleone Bonaparte , vennero create nell'Italia settentrionale una serie di repubbliche, dipendenti da quella francese, che tra i vari territori annoveravano anche quello emiliano, compreso nella Repubblica Cispadana (formata dal Ducato di Modena con la città di Reggio Emilia e la Repubblica Bolognese). Successivamente essa venne unita a quella Transpadana (corrispondente con il precedente ducato di Milano), andando così a costituire la Repubblica Cisalpina che ebbe come bandiera il Tricolore , nato per l'appunto a Reggio nel 1796.

In seguito al Congresso di Vienna del 1815 nella regione viene ristabilito l'antico sistema amministrativo che cadrà solo nel 1860 con l'annessione al Regno di Sardegna a seguito di plebisciti.

Evento particolarmente rilevante della storia emiliana nella seconda guerra mondiale fu la strage di Marzabotto , in cui vennero uccisi 1 830 civili, da parte delle truppe tedesche, in repressione della guerriglia partigiana, nel 1944, quando ormai le truppe alleate si accingevano a liberare definitivamente l'Italia del Nord.

Nel 1947 l'Emilia divenne, assieme alla Romagna, la regione Emilia-Romagna.

Storia della Romagna

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della Romagna .

Fra le prime popolazioni che si insediarono nell'area compaiono Umbri ed Etruschi . In un secondo momento il territorio corrispondente all'attuale Romagna venne poi conquistato da alcune tribù celtiche provenienti dal nord Europa, tra cui i Lingoni , i Senoni ei Boi (IV secolo aC).

L'Arco di Augusto a Rimini

Nel III secolo aC, in seguito a una serie di scontri, le popolazioni celtiche che occupavano la regione vennero sconfitte dai Romani i quali incominciarono a esercitare il loro dominio sulla regione. Numerosi sono i segni della dominazione romana, tra cui la fondazione di diverse città, tra le quali si possono ricordare Ariminum, Faventia, Forum Livii, Forum Cornelii, Forum Popili, rispettivamente le odierne Rimini , Faenza , Forlì , Imola e Forlimpopoli .

Mosaico raffigurante l'imperatore Giustiniano e il suo seguito. Basilica di San Vitale ( Ravenna )

In epoca tardo-repubblicana il fiume Rubicone venne assunto come punto di riferimento per sancire il confine tra l'Italia e la provincia della Gallia Cisalpina. Importante avvenimento storico che consacrò tale corso d'acqua fu il suo attraversamento da parte di Giulio Cesare e il suo esercito il 10 gennaio del 49 aC, alla fine delle campagne galliche. Tale evento sancì l'inizio della seconda guerra civile romana . Si tramanda che proprio in quell'occasione il celebre condottiero romano pronunciò la frase, ormai divenuta proverbiale, “ Alea iacta est ”.

Nel I secolo aC, in età imperiale, Ottaviano Augusto pose presso Ravenna il principale presidio navale militare dell'Adriatico. Ciò andò ad accrescere il prestigio e la ricchezza della città. Proprio in virtù del fatto che il porto ravennate in età tardo-antica era divenuto il maggiore punto di contatto con la nuova capitale dell'impero d'Oriente, Costantinopoli , Ravenna, nel 402 dC, divenne capitale dell'impero Romano d'Occidente, per volontà dell'imperatore Onorio . La presenza di paludi attorno alla città rendeva, inoltre, il luogo più sicuro per difendersi dagli attacchi dei Visigoti di Alarico , rispetto alla precedente capitale Milano.

Nel 476, sempre a Ravenna, venne deposto da Odoacre , re degli Eruli, il giovane Romolo Augusto , considerato l'ultimo imperatore romano d'Occidente. A Odoacre, seguirono, poi gli Ostrogoti di Teodorico .

Nel corso del VI secolo l'imperatore d'Oriente Giustiniano avviò una serie di campagne militari, per riprendere possesso di numerosi territori dell'impero d'Occidente caduti in mano a varie popolazioni barbare ( Guerra gotica (535-553) ). Tra i vari territori che i Bizantini riuscirono a prendere figura anche parte della Romagna e delle Marche settentrionali. Tali domini vennero, così, riuniti in un protettorato denominato Esarcato , con capitale Ravenna. Fu proprio in questo periodo, inoltre, che la regione acquistò il nome di Romagna, dal latino (e greco) Romania (designazione allora informale dell'impero). Tale termine differenziava, infatti, i possedimenti dell'impero romano d'Oriente dai territori occupati dai Longobardi, i quali detenevano il controllo di gran parte della penisola italica. L'Esarcato cadrà, infine, nel 751, proprio per mano di quest'ultima popolazione.

Nello stesso periodo, il pontefice Stefano II, temendo che i Longobardi potessero impossessarsi di Roma, chiamò in suo aiuto i franchi di Pipino il Breve , i quali sconfissero i Longobardi e cedettero allo Stato Pontifico i territori appartenuti all'impero d'Oriente, tra cui, appunto la Romagna.

A partire dal XII secolo, analogamente a quanto accadeva in numerose realtà cittadine dell'Italia centro-settentrionale, anche in varie realtà della Romagna furono adottate istituzioni comunali, che in seguito, a distanza di pochi secoli, si muteranno in signorie o principati. Nel 1499, grazie a una serie di azioni militari, il figlio di papa Alessandro VI , Cesare Borgia , riuscì a prendere possesso della regione, sconfiggendo i signori locali, da tempo in lotta tra loro, diventando così duca di Romagna . Alla morte del padre, tuttavia, il Borgia non sarà più in grado di mantenere il controllo dei territori conquistati che nel 1507 saranno riannessi allo Stato Pontificio .

Il pontefice Pio VII entra a Cesena , sua città natale, dopo la caduta di Napoleone. Dipinto di Enea Peroni

Il territorio romagnolo rimarrà in mano al Pontefice fino al 1796, anno dell'invasione napoleonica. Caduto Napoleone e con il Congresso di Vienna del 1815, tuttavia, la regione ritornerà allo Stato della Chiesa.

Con i plebisciti dell'11 e del 12 marzo 1860 i territori della Romagna vennero ufficialmente annessi al Regno di Sardegna che l'anno successivo sarebbe divenuto Regno d'Italia .

Nel corso del secondo conflitto mondiale, nella primavera del 1944, l'esercito tedesco stabilì, in territorio romagnolo, una linea di difesa che costituiva la frontiera tra l'Italia ormai liberata dagli alleati e la Pianura Padana : la Linea Gotica , che da Rimini giungeva fino a La Spezia . Successivamente, sfondata la Linea Gotica, numerose città vennero liberate. Le ultime città a essere definitivamente liberate furono quelle ubicate a nord del fiume Senio, in cui gli alleati giunsero solo nella primavera del 1945.

Società

Evoluzione demografica

Al momento dell' Unità d'Italia l'Emilia-Romagna contava circa 2 100 000 abitanti. La popolazione è cresciuta costantemente fino alla metà del XX secolo, dopodiché si è registrato un lieve calo; negli ultimi tre decenni il numero di abitanti ha registrato nuovamente un deciso incremento (grazie anche all'immigrazione) e oggi il totale dei residenti ammonta a 4 459 477 persone ( dato 2019 ) [4] [19] .

Città principali

L'Emilia-Romagna è la seconda regione (dopo la Campania ) con il maggior numero di città ai primi posti in Italia per popolazione , con nove comuni che contano oltre 100 000 abitanti.

Segue un elenco dei dieci principali comuni ordinati per numero di abitanti:

Posizione Posizione

in Italia

Comune di Popolazione
(abitanti)
Superficie
( km² )
Densità
(ab./ km² )
Altitudine
( m slm )
Provincia
Bologna 394 503 140,86 2 800,67 54 BO
19º Parma 194 978 260,77 747,70 57 PR
20º Modena 184 973 183,23 1 014 34 MO
22º Reggio Emilia 171 192 231,56 746,39 58 RE
25º Ravenna 159 173 652,89 245 4 RA
28º Rimini 147 747 134,52 1 042 5 RN
30º Ferrara 133 398 404,36 333 9 FE
37º Forlì 118 208 228,19 509 34 FC
44º Piacenza 102 173 118,46 859 61 PC
10º 49º Cesena 96 716 249,47 383 44 FC

Elenco di altri comuni superiori ai 20 000 abitanti:

Posizione

Comune di Popolazione
(abitanti)
Superficie
( km² )
Densità
(ab./ km² )
Altitudine
(m slm )
Provincia
11º Carpi 70 726 131,14 527 26 MO
12º Imola 69 705 204,96 338 26 BO
13º Faenza 58 549 215,72 264 35 RA
14º Sassuolo 40 873 38,56 1 076 121 MO
15º Casalecchio di Reno 36 322 17,37 2 031 61 BO
16º Cento 35 706 64,80 534 15 FE
17º Riccione 35 024 17,11 2 059 12 RN
18º Formigine 34 256 46,82 707 82 MO
19º Castelfranco Emilia 32 707 101,31 301 42 MO
20º Lugo 32 403 116,92 280 12 RA
21º San Lazzaro di Savena 32 046 44,70 694 62 BO
22º

Valsamoggia

30 406 178,13 168,81 93 BO
23º Cervia 28 940 82,19 347 5 RA
24º San Giovanni in Persiceto 27 917 114,40 233 21 BO
25º Fidenza 26 689 95,15 266 75 PR
26º Correggio 25 978 77,79 327 31 RE
27º Cesenatico 25 891 45,13 553 2 FC
28º Scandiano 25 456 49,81 506 95 RE
29º Vignola 25 207 22,70 1 062 125 MO
30º Mirandola 23 946 137,00 176 18 MO
31º Comacchio 22 659 283,81 82 0 FE
32° Santarcangelo di Romagna 22 077 45,13 461 42 RN
33º Argenta 21 833 311,05 71 4 FE
34° Casalgrande 21 318 37,71 565 97 RE
35° Castel San Pietro Terme 20 837 148,48 137 75 BO

Fusioni di comuni

Di seguito è riportata la lista delle nuove entità comunali nate a seguito del riordino territoriale messo in atto dal governo regionale, primi esempi in Emilia-Romagna da quando è stato istituito il processo di fusione:

- Istituzione 1º gennaio 2014

- Istituzione 1º gennaio 2016

- Istituzione 1º gennaio 2017

- Istituzione 1º gennaio 2019

Etnie e minoranze straniere

Secondo i dati ISTAT Al 31 dicembre 2019 i cittadini stranieri residenti in regione erano 559 586, le nazionalità più rappresentate erano: [20]

  1. Romania : 97 392
  2. Marocco : 62 855
  3. Albania : 59 583
  4. Ucraina : 33 363
  5. Cina : 30 066
  6. Moldavia : 27 501

Lingue locali

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingua emiliana e Lingua romagnola .

In Emilia-Romagna sono diffuse due lingue regionali appartenenti alla famiglia gallo-italica : l' emiliano [21] [22] e il romagnolo [23] [24] . Entrambi gli idiomi si suddividono in numerose varietà linguistiche locali ( dialetti ) e si estendono oltre i confini regionali [25] e nazionali ( Repubblica di San Marino ) [26] formando il continuum emiliano-romagnolo . Nell'ambito accademico italiano, essendo classificati da alcuni autori e linguisti come dialetti romanzi primari , emiliano e romagnolo sono sovente indicati anche come dialetti , intendendo con questo termine l'accezione di lingua contrapposta a quella ufficiale dello Stato [27] [28] .

La Regione Emilia-Romagna, che non attribuisce alcuno status di ufficialità o forma di riconoscimento alle due lingue, tutela e valorizza i dialetti di detto continuum tramite apposita legge del 2014 [29] . Essi sono così ripartiti:

Politica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna , Giunta regionale dell'Emilia-Romagna e Presidenti dell'Emilia-Romagna .

Dal 1º gennaio 1948 , ex art. 131 della Costituzione italiana , l'Emilia-Romagna è una regione ad autonomia ordinaria della Repubblica , ma fu solo con la legge n. 281 del 1970 che vennero attuate le sue funzioni. L'attuale Presidente della regione , e quindi capo dellaGiunta (l' esecutivo regionale), è Stefano Bonaccini ( PD ), eletto a novembre 2014 e riconfermato per un secondo mandato nelle elezioni svolte il 26 gennaio 2020 . Il potere legislativo è detenuto dall' assemblea legislativa , la cui sede (come quella dell'amministrazione regionale) si trova nel capoluogo Bologna .

Suddivisione amministrativa

Le province emiliane e romagnole
Carta dei confini regionali, provinciali e comunali aggiornata all'annessione di nuovi Comuni sotto la provincia di Rimini
Il gonfalone della regione

L'Emilia-Romagna si divide in otto province e una città metropolitana , abitate complessivamente da 4 450 798 abitanti [4] . L'ultima provincia a essere istituita è stata quella di Rimini , una volta compresa in quella di Forlì (poi diventata Forlì-Cesena ), mentre dal gennaio 2015 la Città metropolitana di Bologna ha sostituito la ex provincia di Bologna . Le principali città e la maggior parte della popolazione residente si trovano in pianura. Di seguito l'attuale assetto amministrativo provinciale e comunale della regione:

  • Bologna Bologna (con 55 comuni, 1 015 108 abitanti)
  • Ferrara Ferrara (con 21 comuni, 345 691 abitanti)
  • Forlì-Cesena Forlì-Cesena (con 30 comuni, 394 627 abitanti)
  • Modena Modena (con 47 comuni, 705 422 abitanti)
  • Parma Parma (con 44 comuni, 452 022 abitanti)
  • Piacenza Piacenza (con 46 comuni, 287 780 abitanti)
  • Ravenna Ravenna (con 18 comuni, 389 235 abitanti)
  • Reggio Emilia Reggio Emilia (con 42 comuni, 531 891 abitanti)
  • Rimini Rimini (con 27 comuni, 339 437 abitanti)

Onorificenze

Attestato e medaglia di bronzo dorata di eccellenza di I classe di pubblica benemerenza del Dipartimento della Protezione civile - nastrino per uniforme ordinaria Attestato e medaglia di bronzo dorata di eccellenza di I classe di pubblica benemerenza del Dipartimento della Protezione civile
«Per la partecipazione all'evento sismico del 6 aprile 2009 in Abruzzo, in ragione dello straordinario contributo reso con l'impiego di risorse umane e strumentali per il superamento dell'emergenza.»
— DPCM 11 ottobre 2010, ai sensi dell'art.5, comma 5, del DPCM 19 dicembre 2008.

Economia

L'Emilia-Romagna è una delle regioni più ricche d' Italia , al quarto posto dopo Trentino-Alto Adige , Lombardia e Valle d'Aosta . [30] I tassi d'occupazione aggiornati al 2018 superano il 70% in due province: Bologna (72,4%) e Parma (70,2%), risultando rispettivamente la seconda e quinta provincia in Italia per tasso d'occupazione. [31] Il tasso di disoccupazione molto basso, quasi corrispondente a un regime di piena occupazione, ha favorito un forte arrivo di immigrati nelle città, che in quattro province ( Reggio Emilia , Piacenza , Parma e Modena ) ha portato i residenti e domiciliati stranieri a un'incidenza sulla popolazione totale del 10% circa [32] .

Da una statistica di giugno 2007 condotta da Unioncamere , Bologna e Modena sono risultate rispettivamente la terza e la quarta città più ricche d' Italia , dietro solo a Milano e Biella . Nella classifica de Il Sole 24 ore Bologna è risultata essere la città italiana col più alto tenore di vita [33] .

La regione, secondo un'altra indagine svolta da Eurostat nel 2002 , è risultata la 23ª in Europa per quanto riguarda il PIL pro capite e la terza in Italia dopo la provincia autonoma di Bolzano e la Lombardia [34] . Ancora nel 2005 il PIL pro capite era al terzo posto in Italia e su una media europea del 100% superava il 128%.

Disoccupazione

Il tasso di disoccupazione in Emilia-Romagna risultava al 5,7% per il 2020 ed era più basso di quello nazionale, corrispondente al 9,2% [35] . Di seguito la tabella con il tasso di disoccupazione , sia a livello regionale che provinciale .

Anno 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020
Emilia-Romagna
(in %)
3,4% 2,8% 3,2% 4,6% 5,6% 5,2% 7,0% 8,4% 8,3% 7,7% 6,9% 6,5% 5,9% 5,5% 5,7%
Piacenza
(in %)
2,6% 2,3% 1,9% 2,1% 2,8% 4,7% 7,1% 8,1% 9,4% 8,8% 7,5% 6,1% 5,6% 5,7% 5,5%
Parma
(in %)
2,8% 2,3% 2,3% 3,7% 3,9% 3,7% 6,3% 7,3% 7,1% 6,9% 6,5% 5,2% 4,8% 4,9% 5,8%
Reggio Emilia
(in %)
2,5% 2,0% 2,3% 4,9% 5,4% 4,9% 4,7% 5,9% 6,6% 5,4% 4,7% 4,9% 4,2% 4,0% 4,6%
Modena
(in %)
2,8% 3,5% 3,3% 5,0% 6,8% 5,1% 5,9% 7,5% 7,9% 7,4% 6,6% 7,1% 6,0% 6,5% 5,8%
Bologna
(in %)
2,9% 2,4% 2,2% 3,4% 4,9% 4,7% 6,8% 8,2% 7,0% 7,2% 5,4% 5,1% 5,6% 4,4% 4,4%
Ferrara
(in %)
5,8% 2,6% 4,8% 6,4% 7,3% 6,1% 10,6% 14,4% 13,3% 12,3% 10,6% 9,5% 9,1% 8,7% 6,9%
Ravenna
(in %)
3,4% 2,9% 3,4% 5,2% 5,9% 4,7% 6,9% 9,8% 9,2% 8,9% 9,0% 7,2% 5,8% 4,6% 6,9%
Forlì-Cesena
(in %)
5,2% 3,8% 5,1% 6,1% 6,0% 7,2% 7,8% 5,9% 7,7% 6,2% 7,5% 7,0% 4,8% 5,5% 5,2%
Rimini
(in %)
4,1% 4,5% 5,5% 7,4% 7,7% 7,7% 9,4% 11,4% 11,1% 9,5% 9,1% 10,2% 8,2% 8,0% 9,8%

Dati economici

Di seguito la tabella che riporta il PIL e il PIL pro capite prodotto nell'Emilia-Romagna dal 2000 al 2012 [36] :

2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012
Prodotto Interno Lordo
(milioni di Euro)
106 293,5 110 431,6 113 722,5 116 548,1 120 655,6 124 184,7 130 456,0 136 537,3 139 529,4 120 851,8 123 102 127 701,7 126 464,9
PIL ai prezzi di mercato per abitante
(Euro)
26 869,6 27 778,7 28 378,1 28 739,0 29 314,5 29 784,1 31 021,1 32 130,2 32 396,7 30 910,7 31 188,8 32 032,1 31 538,4

Di seguito la tabella che riporta il PIL [37] prodotto in Emilia-Romagna ai prezzi correnti di mercato nel 2006 espresso in milioni di euro e suddiviso tra le principali macro-attività economiche:

Macro-attività economica PIL prodotto % settore su PIL regionale % settore su PIL italiano
Agricoltura, silvicoltura, pesca 2 642 ,6 € 2,05% 1,84%
Industria in senso stretto 30 834 ,0 € 23,94% 18,30%
Costruzioni 6 867 ,6 € 5,33% 5,41%
Commercio, riparazioni, alberghi e ristoranti, trasporti e comunicazioni 24 444 ,8 € 18,98% 20,54%
Intermediazione monetaria e finanziaria; attività immobiliari ed imprenditoriali 30 830 ,4 € 23,94% 24,17%
Altre attività di servizi 18 915,3 14,69% 18,97%
Iva, imposte indirette nette sui prodotti e imposte sulle importazioni 14 260 ,6 € 11,07%% 10,76%
PIL Emilia-Romagna ai prezzi di mercato 128 795 ,3 €

Settori macro economici regionali

In Emilia-Romagna l'economia è molto sviluppata, similmente a tutto il nordest . Come nel resto d' Italia , vi sono numerose piccole-medie aziende a conduzione familiare con produzioni di vario tipo, anche se non mancano esempi di grandi realtà industriali. Molto diffuse sono inoltre le cooperative , specialmente nelle province di Reggio Emilia, Modena, Bologna e Forlì-Cesena [38] . Il confronto tra i dati regionali dei macro settori economici con quelli nazionali mette in evidenza come nella regione il peso del settore industriale sull'economia generale sia superiore al dato medio italiano, evidenziando la forte vocazione industriale dell'Emilia-Romagna. Peraltro, come accade per la regione Veneto , questa maggiore incidenza dell'industria si riflette su un minor peso che ha sull' economia regionale tutto quanto ricade nel settore " Altri Servizi " ( terziario ), dove essenzialmente sono raggruppati i servizi resi dalla pubblica amministrazione , sanità, servizi sociali e istruzione pubblica.

Settore primario

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Prodotti agroalimentari tradizionali emiliano-romagnoli .
Campi di pianura dopo la raccolta del frumento, Brescello ( RE )

Nel settore primario la regione può contare su un forte sviluppo in tutta la sua area pianeggiante. Sono molti i prodotti tipici DOP e IGP ed è diffuso l'allevamento a grande scala di bovini e suini . Poiché il suo territorio comprende ampi settori della Pianura Padana , l'Emilia-Romagna è una regione ad alta produttività (il rapporto tra raccolto e seminato è tra i più alti d'Italia) e questo è dovuto in parte anche ai numerosi lavori di bonifica effettuati in passato. La rete di irrigazione e canalizzazione è capillare ed efficiente e questo ha permesso lo sviluppo di una moderna agricoltura altamente meccanizzata e specializzata che ha portato alcune delle più grandi aziende di macchinari agricoli (come la Goldoni e la Landini ) ad avere sede qui. Le colture tipiche della pianura sono quelle orto-frutticole e cerealicole . L' Emilia è soprattutto vocata alla produzione di grano , mentre in Romagna si coltivano maggiormente frutteti e vite. Negli ultimi anni il variare del prezzo sul mercato internazionale del frumento ha spinto molti agricoltori e aziende a spostarsi sulla coltivazione del mais , ritenuto più redditizio. Tra le colture da frutto la regione è la prima produttrice italiana di pesche e pere , con anche ottimi valori di mele, albicocche, susine e ciliegie; è inoltre ai primi posti in Italia ed Europa per la produzione di insalate, finocchio, pomodori, lattuga, rapa, ravanello, carote , patate, zucchine, zucche , peperoni, cetrioli e molti altri. La viticoltura è sviluppata e produce vini di pregio conosciuti in Italia e all'estero come il Lambrusco e il Sangiovese di Romagna . Da ricordare il primato nazionale nella produzione di barbabietola da zucchero . Le maggiori aziende alimentari di trasformazione hanno sede in Emilia mentre quelle orto-frutticole nel cesenate e nel ferrarese. Interessante è la produzione di castagne e marroni, specie nell' Appennino romagnolo e modenese ( Zocca ).

Il Ministero delle Politiche agricole e alimentari , in collaborazione con la regione Emilia-Romagna, ha riconosciuto 184 prodotti emiliani e romagnoli come "tradizionali".

Settore secondario

Fabbrica della Ferrari , Maranello ( MO )

Anche il settore secondario è molto sviluppato e diversificato a seconda della provincia, poiché ognuna di esse ha proprie peculiarità: a Parma sono presenti numerose industrie alimentari di dimensioni mondiali come Barilla e Parmalat , a Modena , Reggio Emilia e Bologna sono diffuse (nella zona nota come " Terra dei Motori ") le industrie meccaniche , con nomi illustri come quali Dallara , Ducati , Ferrari , Italjet , Moto Morini , Malaguti , Maserati , Pagani Automobili , De Tomaso e Lamborghini . La regione si dimostra presente in ogni settore produttivo, dal chimico di Ravenna al meccanico dell'Emilia centrale e dal tessile all'elettronico passando per il ceramico, biomedicale ed editoriale ( Panini ) della zona modenese per arrivare al settore logistico di Piacenza e alle macchine per la lavorazione del legno di Rimini .

Settore terziario

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Riviera romagnola .
Le spiagge e il litorale di Rimini

Il settore terziario è anch'esso sviluppato: la Riviera romagnola è centro d'attrazione turistica sia d'estate, per la ricca e organizzata ricettività (oltre 5 000 alberghi), sia negli altri periodi di bassa stagione grazie ai numerosi locali d'intrattenimento giovanile. Si stima che durante l'arco di un singolo anno siano circa 10,5464 milioni i turisti che la visitano, italiani e moltissimi stranieri provenienti soprattutto da Germania e Paesi Bassi [39] . Discreto anche il turismo invernale sulle località sciistiche dell' Appennino , fra cui ricordiamo Sestola , il monte Cimone e il Corno alle Scale . Molto fiorente è il turismo artistico nelle città d'arte, specialmente dall'estero.

Complessivamente gli arrivi totali in regione sono stati, nel 2007, di 6 574 335 italiani e 2 090 979 stranieri [40] .

Infrastrutture e trasporti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti in Emilia-Romagna .

Il sistema infrastrutturale dei trasporti dell'Emilia-Romagna consiste in linee ferroviarie , aeroportuali , autostradali , stradali , marittime e fluviali . La regione è il punto strategico commerciale più importante del paese: Bologna è un nodo ferroviario di primaria importanza nel Nord e la sua stazione merci è la più grande d'Italia come volume di traffico. In Emilia confluiscono, poi, alcune tra le principali autostrade del paese ( A1 , A13 , A14 , A15 , A21 e A22 ). Il porto di Ravenna è il più grande del mare Adriatico .

Cultura

Istruzione

La regione , che dispone di uno tra i migliori sistemi scolastici d' Europa , vanta quattro università di antica tradizione:

A questi si aggiungono le seguenti istituzioni indipendenti, affiliate all' Alta Formazione Artistica e Musicale del MIUR :

Arte e monumenti

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musei dell'Emilia-Romagna .

Diverse sono le produzioni e le realtà artistiche che nel corso dei secoli hanno interessato la regione o parte di essa. Tra le principali, che più hanno segnato la storia e la cultura del territorio, ricordiamo:

Beni protetti dall'UNESCO

In Emilia-Romagna si trovano diversi importanti siti classificati come Patrimonio dell'umanità dall' UNESCO :

Sono inoltre comprese nel progetto città creativa :

Nel programma Memoria del mondo è inclusa la Biblioteca Malatestiana di Cesena , mentre il Museo internazionale delle ceramiche in Faenza è stato riconosciuto come "Monumento testimone di una cultura di pace".

Cucina

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina emiliana , Cucina romagnola e Prodotti agroalimentari tradizionali emiliani e romagnoli .

Amministrativamente unite, l' Emilia e la Romagna hanno tradizioni e usi alimentari differenti. La cucina emiliana , a causa di quasi otto secoli di autonomia di comuni e città, conta diverse tradizioni culinarie. Essa ha fama riconosciuta di cucina solida, saporita e generosamente condita. La cucina romagnola , legata alla tradizione contadina della regione, è in confronto più semplice e ruvida, come scrisse il forlivese Piero Camporesi «di gusto primitivo, quasi di fondo barbarico».

Nonostante le differenze di fondo, tuttavia, esistono anche punti di contatto tra le due tradizioni culinarie e diverse pietanze sono proprie di entrambe. Alcuni piatti tipici sono:

Tagliatelle al ragù bolognese
Lo zampone
Un bicchiere di Lambrusco

Primi

Secondi e insaccati

Dolci

Formaggi, salumi e altro

Sanità

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Servizio sanitario dell'Emilia-Romagna .

Il Servizio sanitario dell'Emilia-Romagna comprende otto Aziende USL , quattro Aziende ospedaliero-universitarie e quattro Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS). È considerato tra i migliori in Italia [54] e in Europa , grazie anche a una buona governance generale [55] e al notevole contributo dato dalle Università di Bologna , Ferrara , Modena e Reggio Emilia e Parma . L'aspettativa di vita della popolazione emiliano-romagnola è tra le più alte in Occidente e al mondo [56] , così come lo stato di salute generale.

Sport

Lo sport in Emilia-Romagna è praticato e diffuso in molti settori a livello agonistico e professionistico, sia per quanto riguarda le discipline più comuni sia quelle meno diffuse a livello nazionale.

Libri dedicati all'Emilia-Romagna

Galleria d'immagini

Città metropolitana di Bologna

Provincia di Ferrara

Provincia di Forlì-Cesena

Provincia di Modena

Provincia di Parma

Provincia di Piacenza

Provincia di Ravenna

Provincia di Reggio Emilia

Provincia di Rimini

Note

  1. ^ a b Art. 1, comma 3, dello Statuto della Regione Emilia-Romagna Archiviato il 14 novembre 2012 in Internet Archive .
  2. ^ Elezioni Regionali 2020 in Emilia-Romagna: da www.servizi.regione.emilia-romagna.it , su wwwservizi.regione.emilia-romagna.it . URL consultato il 3 febbraio 2020 ( archiviato il 3 febbraio 2020) .
  3. ^ Statistiche Emilia-Romagna , su DB City.com . URL consultato il 1º giugno 2020 ( archiviato il 15 dicembre 2019) .
    «Altitudine media 211 m (693 ft)» .
  4. ^ a b c d Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2020.
  5. ^ A seconda alla zona di nascita o residenza.
  6. ^ Domande e Risposte , su Treccani , 30 settembre 2020. URL consultato il 25 maggio 2021 .
  7. ^ a b [1]
  8. ^ Luciano Canepari , Emilia , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 . Luciano Canepari , Romagna , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana , Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0 .
  9. ^ Guido Tammi, Vocabolario Piacentino-Italiano, Ed. Banca di Piacenza, Piacenza, 1998
  10. ^ la Regione e la sua storia - Home Archiviato il 7 agosto 2010 in Internet Archive .
  11. ^ Copia archiviata , su efreshvideo.com . URL consultato il 3 giugno 2009 (archiviato dall' url originale il 12 gennaio 2008) .
  12. ^ a b Guida d'Italia - Emilia-Romagna , 6ª ed., Touring Club Italiano , 1991, p. 26, ISBN 88-365-0010-2 .
  13. ^ Clima regionale su Arpae , su arpa.emr.it ( archiviato il 25 maggio 2010) .
  14. ^ Antonio Saltini, Cap. 6 , in La fame del Pianeta - Crescita della popolazione e risorse alimentari , Nuova terra antica, 2010, ISBN 978-88-96459-02-7 .
  15. ^ Ambiente: +20% boschi e foreste in Emilia Romagna , su Federazione Regionale Coldiretti Emilia Romagna , 7 ottobre 2017. URL consultato il 1º giugno 2020 ( archiviato il 26 agosto 2018) .
  16. ^ Pignatti, Rivas-Martinez
  17. ^ unesco.org Archiviato l'11 luglio 2017 in Internet Archive ., Primeval Beech Forests of the Carpathians and Other Regions of Europe
  18. ^ Raccolta degli atti del Dittatore delle province modenesi e parmensi e Governatore delle Romagne.
  19. ^ Statistiche demografiche Emilia-Romagna , su tuttitalia.it . URL consultato il 9 agosto 2010 ( archiviato il 21 giugno 2012) .
  20. ^ Tabella ISTAT al 31-12-2019
  21. ^ ( EN ) Documentation for ISO 639 identifier: EGL , su iso639-3.sil.org , SIL. URL consultato il 24 dicembre 2019 ( archiviato il 12 dicembre 2019) .
    «Identifier: EGL - Name: Emilian - Status: Active - Code set: 639-3 - Scope: Individual - Type: Living» .
  22. ^ ( EN ) Emilian , su ethnologue.com , Ethnologue. URL consultato il 24 dicembre 2019 ( archiviato il 3 luglio 2019) .
  23. ^ ( EN ) Documentation for ISO 639 identifier: EGL , su iso639-3.sil.org , SIL. URL consultato il 24 dicembre 2019 ( archiviato il 12 dicembre 2019) .
    «Identifier: RGN - Name: Romagnolo - Status: Active - Code set: 639-3 - Scope: Individual - Type: Living» .
  24. ^ ( EN ) Romagnol , su ethnologue.com , Ethnologue. URL consultato il 24 dicembre 2019 .
  25. ^ ( IT ) Fabio Foresti, Dialetti emiliano romagnoli , su treccani.it , Treccani. URL consultato il 24 dicembre 2019 ( archiviato il 23 novembre 2019) .
  26. ^ ( EN ) Studio sulla posizione del dialetto sammarinese nel gruppo linguistico romagnolo
  27. ^ Loporcaro 2009 , p. 5
  28. ^ Michele Loporcaro, Profilo linguistico dei dialetti italiani , Laterza, 2009.
    «I dialetti italiani sono dunque varietà italo-romanze indipendenti o, in altre parole, dialetti romanzi primari, categoria che si oppone a quella di dialetti secondari. Sono dialetti primari dell'italiano quelle varietà che con esso stanno in rapporto di subordinazione sociolinguistica e condividono con esso una medesima origine (latina). Dialetti secondari di una data lingua si dicono invece quei dialetti insorti dalla differenziazione geografica di tale lingua anziché di una lingua madre comune.» .
  29. ^ Legge regionale 18 luglio 2014 - Salvaguardia e valorizzazione dei dialetti dell'Emilia-Romagna , su demetra.regione.emilia-romagna.it , Regione Emilia-Romagna. URL consultato il 24 dicembre 2019 .
  30. ^ Scopri le regioni europee più ricche (e più povere) , in Il Sole 24 ORE , 14 aprile 2017. URL consultato il 20 agosto 2019 .
  31. ^ Dati ISTAT sull'occupazione
  32. ^ L'Emilia-Romagna è la capitale degli immigrati , su espresso.repubblica.it . URL consultato il 19-09-2009 (archiviato dall' url originale il 17 novembre 2011) .
  33. ^ la Repubblica: È Bologna la città più vivibile del Belpaese , su repubblica.it . URL consultato il 19-09-2009 ( archiviato il 30 maggio 2010) .
  34. ^ Copia archiviata , su regione.emilia-romagna.it . URL consultato il 24 ottobre 2007 (archiviato dall' url originale il 22 dicembre 2008) .
  35. ^ dati.istat.it , http://dati.istat.it/index.aspx?queryid=25524 .
  36. ^ Valori pro capite - dati territoriali (euro) - edizioni precedenti ottobre 2014 , su dati.istat.it . URL consultato il 26 maggio 2015 ( archiviato il 9 ottobre 2015) .
  37. ^ Prodotto interno lordo lato produzione - dati territoriali (milioni di euro) - edizioni precedenti ottobre 2014 , su dati.istat.it . URL consultato il 26 maggio 2015 ( archiviato il 3 maggio 2015) .
  38. ^ Scheda regionale Eurostat Archiviato il 23 febbraio 2009 in Internet Archive .
  39. ^ Turismo Regione Emilia-Romagna: alberghi, agriturismo, affitto alloggi
  40. ^ Dati Istat 2007 ( PDF ), su istat.it ( archiviato il 13 novembre 2010) .
  41. ^ Anagrafe Miur , su anagrafe.miur.it .
  42. ^ Fonte Università di Bologna , su unibo.it .
  43. ^ Sedi e Strutture - Università di Bologna , su www.unibo.it . URL consultato il 21 gennaio 2019 .
  44. ^ La storia dell'Università di Parma | Università degli Studi di Parma , su www.unipr.it . URL consultato il 21 gennaio 2019 .
  45. ^ Gruppo di lavoro [email protected] it- http://www.unimore.it/gwa , UNIMORE - Cenni storici , su www.unimore.it . URL consultato il 21 gennaio 2019 .
  46. ^ La storia — Unife , su www.unife.it . URL consultato il 21 gennaio 2019 (archiviato dall' url originale il 12 novembre 2011) .
  47. ^ Storia - Accademia di Belle Arti Bologna , su ababo.it . URL consultato il 21 gennaio 2019 ( archiviato il 23 novembre 2015) .
  48. ^ Conservatorio di Musica Giovan Battista Martini Bologna, Conservatorio di Musica Giovan Battista Martini Bologna , su www.consbo.it . URL consultato il 21 gennaio 2019 .
  49. ^ Conservatorio Frescobaldi Ferrara - Storia , su www.conservatorioferrara.it . URL consultato il 21 gennaio 2019 .
  50. ^ Conservatorio di Musica Arrigo Boito » Storia , su conservatorio.pr.it . URL consultato il 21 gennaio 2019 ( archiviato l'8 novembre 2015) .
  51. ^ Ro , Comacchio , Berra , Copparo , Codigoro , Goro , Mesola , Formignana , Tresigallo , Voghiera , Masi Torello , Portomaggiore , Argenta , Ostellato , Lagosanto , Fiscaglia .
  52. ^ Il sito UNESCO comprende anche la canonica della Cattadrale, il Palazzo Arcivescovile e la Piazza della Torre
  53. ^ Il 7 luglio 2017 a Cracovia la Commissione UNESCO l'ha inserita nel Patrimonio Mondiale dell'Umanità tra le Foreste primordiali dei faggi dei Carpazi e di altre regioni d'Europa .
  54. ^ Rapporto Sanità CREA , su creasanita.it . URL consultato il 6 agosto 2018 (archiviato dall' url originale il 7 agosto 2018) .
  55. ^ Emilia-Romagna prima in Italia per efficienza sanitaria , su salute.regione.emilia-romagna.it . URL consultato il 6 agosto 2018 (archiviato dall' url originale il 16 settembre 2018) .
  56. ^ La speranza di vita nelle regioni italiane , su nextquotidiano.it .

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 136128383 · ISNI ( EN ) 0000 0001 0723 3489 · LCCN ( EN ) n79039782 · GND ( DE ) 4014571-2 · BNF ( FR ) cb11882884w (data) · BNE ( ES ) XX451100 (data) · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79039782