Tribinal Konstitisyonèl (Itali)

Soti nan Wikipedia, ansiklopedi gratis.
Ale nan navigasyon Ale nan rechèch
Tribinal Konstitisyonèl
Tribinal Konstitisyonèl 2.svg
Palazzo della Consulta Rome 2006.jpg
Palazzo della Consulta , plas nan Tribinal la Konstitisyonèl.
Leta Itali Itali
Nèg Kò garanti konstitisyonèl
Etabli 1948
Operasyonèl depi 1955
Prezidan Giancarlo Kouraj
Vis Prezidan
Nonmen pa
Balans € 56.5 milyon (2020 prévision) [1]
Anplwaye yo 302 (31/12/2 019) [1]
Sit Lavil Wòm, Palazzo della Consulta
adrès Ri Quirinal Square, 41
00187 lavil Wòm
Sit wèb cortecostituzionale.it

Tribinal Konstitisyonèl la , nan sistèm legal Italyen an , se kò garanti konstitisyonèl ki pi enpòtan an [2] .

Devwa li yo se:

Tribinal la fèt ak kenz jij , ki gen eleksyon jiska plizyè kò: senk yo chwazi pa Palman an , senk pa Prezidan Repiblik la ak senk pa twa kolèj kote majistra ki pi enpòtan yo fè pati. Okòmansman manda yo te dire 12 ane, jodi a redwi a nèf. Jij yo nan Tribinal la chwazi youn nan yo kòm Prezidan nan Tribinal la Konstitisyonèl , ak fonksyon kowòdinasyon ak yon manda twa ane. Soti nan 18 Desanm 2020, Prezidan an se Giancarlo Coraggio .

Malgre ke Konstitisyon Italyen an te prevwa nan 1948, [2] Tribinal la te objè dout sou plizyè manm nan Asanble konstitiyan an , perplexed pa kapasite yon ti kolèj pou anile lwa ki deja pase nan Palman an; Konstitisyon an Se poutèt sa kite plas pou lwa siksesif òdinè ki detèmine fonksyone nan Tribinal la. [3] Sa yo te pibliye an 1953. [4] [5] Yon reta pi lwen nan inogirasyon li a te akòz kowòm nan segondè ki nesesè pou eleksyon an nan senk jij yo ke Palman an chwazi, se konsa ke Tribinal la Konstitisyonèl te sèlman aplike nan 1955 ak ki te fèt premye odyans li an 1956. [6] [7]

Li se tou li te ye nan non an enfòmèl nan Konsulta akòz plas li yo, Palazzo della Consulta a , nan lavil Wòm .

Ladrès

Sou baz Atik 134 nan Konstitisyon an, [2] amande pa Lwa Konstitisyonèl n.1 / 1989, Tribinal la:

  • jij sou diskisyon ki gen rapò ak lejitimite konstitisyonèl nan lwa ak zak ki gen fòs nan lwa, nan Eta a ak nan rejyon yo ;
  • rezoud konfli nan atribisyon ant pouvwa yo nan Eta a, sou sa ki ant Eta a ak rejyon yo ak ant rejyon yo;
  • eksprime tèt li sou akizasyon yo te pote kont Prezidan Repiblik la , an akò ak Konstitisyon an;
  • lwa konstitisyonèl la n. 1/1953 , nan atik 2, pwolonje jiridiksyon tribinal la tou nan jijman admisibilite nan referandòm abrogating ki deja egziste lwa òdinè.

Konpozisyon

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Jij nan Tribinal la Konstitisyonèl Repiblik Italyen an .

Atizay la. 135 paragraf 1 nan Konstitisyon an deklare ke Tribinal Konstitisyonèl la konpoze de kenz jij nonmen:

  • yon tyè pa Prezidan Repiblik la
  • yon tyè pa Palman an nan sesyon jwenti
  • yon tyè nan men majistra òdinè ak administratif sipwèm yo; nan sa yo (dapre atizay 2, paragraf 1, lèt a), b) ak c) nan lwa pa gen okenn. 87 nan 11 Mas 1953):
    • twa yo eli pa yon kolèj ki gen ladan prezidan an, avoka jeneral la, prezidan seksyon yo, avoka jeneral yo, konseye yo ak avoka jeneral adjwen yo nan Tribinal kasasyon an.
    • youn nan yon kolèj ki gen ladan prezidan an, prezidan yo nan seksyon ak konseye yo nan Konsèy la nan Eta a
    • youn pa yon kolèj ki gen ladan prezidan an, prezidan yo nan seksyon, konseye yo, avoka jeneral la ak depite avoka jeneral yo nan Tribinal la nan oditè .

Estrikti sa a melanje ki vize a bay balans nan Tribinal la Konstitisyonèl: yo nan lòd yo favorize balans sa a, asosye yo konstitiyan, nan konpozisyon sa a nan kò a, preparasyon an segondè teknik-legal ak sansiblite politik la ki nesesè yo.

Randevou a pa tèt la nan eta a se yon zak prezidansyèl nan sans strik pou ki se siyati a nan prezidan an nan Konsèy la Minis anvizaje, ki ka refize nan ka a nan mank de kondisyon yo ki nan kandida yo oswa pou rezon grav nan konvenyans. Se poutèt sa se kontni an nan dekrè a deside otonòm pa Prezidan an nan Repiblik la ak kontrasinati a gen bi pou sèl sètifye regilarite a nan pwosedi ki swiv la.

Eleksyon an pa Palman an nan sesyon jwenti pran plas pa bilten vòt sekrè ak yon majorite de tyè nan manm yo nan asanble a. Pou bilten vòt yo apre twazyèm lan, majorite nan twa senkyèm se ase. Kolèj segondè a souvan te mennen nan reta (pi lwen pase dat limit la yon mwa ki etabli pa nòmal la konstitisyonèl) nan eleksyon an nan jij, danjere paske Tribinal la bezwen omwen 11 jij yo fonksyone, tèlman bagay ke nan 2002, la pou premye fwa , Tribinal la li ranvwaye diskisyon an sou youn nan ka yo nan wòl la akòz echèk la yo rive jwenn kowòm nan nan 11 jij yo.

Eleksyon an pa sistèm jidisyè a pran plas ak yon majorite absoli nan manm yo nan kolèj la, epi, nan absans sa a, nan yon dezyèm vòt pa majorite relatif ak yon bilten vòt nan mitan kandida yo, de fwa plis pase sa yo ki dwe eli, ki pi vote .

Jij yo chwazi nan mitan majistra yo, menm pran retrèt yo, nan pi wo jiridiksyon òdinè ak administratif yo, pwofesè inivèsite plen nan lalwa ak avoka ki gen plis pase ven ane nan aktivite legal legal. Lè sijè a vin yon jij nan Tribinal la, li dwe entèwonp nenpòt aktivite kòm yon manm nan Palman an oswa yon konsèy rejyonal, kòm yon avoka ak nenpòt biwo ak biwo etabli pa lalwa. [8]

An relasyon ak eleman elektif sa a, pwoblèm lan te parèt pou etabli sa ki vle di pa sistèm siperyè jidisyè a: tèz dominan an se kwè sijè a dwe posede tou de fòmèl (sètadi ke yo te yon majistra) ak sibstansyèl (sa vle di egzèse aktyèlman fonksyon).

Jij la konsa nonmen rete nan biwo pou nèf ane, kòmanse nan sèman an, sou ekspirasyon nan ki li sispann nan biwo ak nan fè egzèsis la nan fonksyon l 'yo. Manda a pa ka renouvle. [9]
Prorogatio nan yon jij ki gen yon manda ekspire se pa posib, annatant randevou a ak antre nan fonksyon yo nan nouvo jij la. Sa ka lakòz kèk pwoblèm, akòz lefèt ke dat limit yon mwa pou randevou yon nouvo jij pa toujou respekte.

Manm Tribinal Konstitisyonèl la jwi iminite politik ak kriminèl menm jan ak sa yo prevwa nan Atik 68. Apati 18 desanm 2020 yo se: [10]

Premye non Wòl Deziyasyon Sèman Kalifikasyon Deziyen otorite
Giancarlo Kouraj Prezidan 29 novanm 2012 28 janvye 2013 Majistra administratif Konsèy Eta a
Giuliano Amato Vis Prezidan 12 septanm 2013 18 septanm 2013 Pwofesè konplè Prezidan Repiblik la ( Napolitano )
Daria de Pretis Konpozan 18 oktòb 2014 11 novanm 2014 Pwofesè konplè Prezidan Repiblik la (Napolitano)
Nicolò Zanon Konpozan 18 oktòb 2014 11 novanm 2014 Pwofesè konplè Prezidan Repiblik la (Napolitano)
Silvana Sciarra Konpozan 6 novanm 2014 11 novanm 2014 Pwofesè konplè Palman an nan sesyon jwenti ( lejislati 17yèm )
Franco Modugno Konpozan 16 desanm 2015 21 Desanm 2015 Pwofesè konplè Palman an nan sesyon jwenti ( lejislati 17yèm )
Augusto Barbera Konpozan 16 desanm 2015 21 Desanm 2015 Pwofesè konplè Palman an nan sesyon jwenti ( lejislati 17yèm )
Giulio Prosperetti Konpozan 16 desanm 2015 21 Desanm 2015 Pwofesè konplè Palman an nan sesyon jwenti ( lejislati 17yèm )
Giovanni Amoroso Konpozan 26 oktòb 2017 13 novanm 2017 Magistrdinè jij majistra Tribinal kasasyon
Francesco Viganò Konpozan 24 fevriye 2018 8 Mas 2018 Pwofesè konplè Prezidan Repiblik la ( Mattarella )
Luca Antonini Konpozan 19 jiyè 2018 26 jiyè 2018 Pwofesè konplè Palman an nan sesyon jwenti ( lejislati XVIII )
Stefano Petitti Konpozan 28 novanm 2019 10 desanm 2019 Magistrdinè jij majistra Tribinal kasasyon
Angelo Buscema Konpozan 12 jiyè 2020 15 septanm 2020 Majistra kontablite Tribinal oditè
Emanuela Navarretta Konpozan 9 septanm 2020 15 septanm 2020 Pwofesè konplè Prezidan Repiblik la (Mattarella)
Maria Rosaria San Giorgio Konpozan 16 desanm 2020 17 desanm 2020 Magistrdinè jij majistra Tribinal kasasyon

Ansanm ak konpozisyon òdinè a, Tribinal la gen yon konpozisyon entegre, ki rive chak fwa yo rele Tribinal la pou jije krim prezidansyèl nan gwo trayizon ak atak sou konstitisyon an, aprè chèf deta a te akize pa Palman an nan sesyon konjwen. Pa yon absoli majorite nan manm li yo. Nan ka sa a, Tribinal la entegre ak 16 manm tire osò nan yon lis 45 sitwayen ki kalifye pou senatè ke Palman an konpile chak nèf ane nan eleksyon an ak menm pwosedi ki etabli pou randevou jij òdinè yo. Nan ka sa a Tribinal la dwe konpoze de omwen 21 jij ak moun ki total dwe majorite a. [11]

Prezidan Tribinal Konstitisyonèl la

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Prezidan nan Tribinal la Konstitisyonèl Repiblik Italyen an .

Daprè dispozisyon konbine Atik 6 Lwa 87 11 Mas 1953 ak Atik 7 Règleman Jeneral Tribinal Konstitisyonèl la , "Tribinal la chwazi pa bilten vòt sekrè anba prezidans jij ki pi ansyen nan biwo a [ak] pa majorite nan manm li yo Prezidan an ». [12] [13] Nan evènman an ki pa gen yon sèl jwenn majorite a, se yon nouvo vòt ki te fèt, epi, apre sa, pètèt, yon vòt bilten vòt nan mitan kandida yo ki te jwenn pi gwo kantite vòt yo ak yon sèl la ki te jwenn pi plis la vòt yo deklare eli majorite a. Nan evènman an nan yon menm kantite vòt, se pi gran an nan biwo pwoklame prezidan, epi, li pap resevwa sa, pi gran an nan laj.

Aprè eleksyon an, Prezidan Tribinal la dwe kominike imedyatman nominasyon li bay Prezidan Repiblik la , Prezidan Chanm Depite a , Prezidan Sena Repiblik la ak Prezidan Konsèy Minis yo . [14]

Prezidan an, an konfòmite avèk dispozisyon ki nan atik 135 , paragraf 5, nan Konstitisyon an , "rete nan biwo pou twa ane, epi yo ka re-eli, nan nenpòt ka san yo pa prejije nan kondisyon ki nan ekspirasyon nan biwo a nan jij" .
Jiska modifikasyon nan atizay. 135, ki te pran plas an 1967, prezidan an te rete nan biwo pou kat ane e li te re-kalifye.

Yo chwazi Prezidan Tribinal la, ki se senkyèm biwo Leta a , pou yon pratik ki te etabli nan mitan jij yo ki ap fini manda yo, yo nan lòd yo garanti yon mobilite sèten nan biwo a. Pandan eleksyon an nan prezidan an, pou fè pou evite ke preferans yo eksprime pa jij yo li te ye nan deyò a, papye yo bilten vòt yo boule imedyatman apre vòt la nan chemine a nan chanm lan Konsèy. [15]

Prezidan an nan Tribinal la Konstitisyonèl fè divès fonksyon nan mitan ki sa ki annapre yo kanpe deyò:

  • randevou a nan yon jij pou ankèt la ak rapò nan jijman nan lejitimite konstitisyonèl ak Konvokasyon nan Tribinal la pou diskisyon nan ven jou sa yo, dapre Atik 26 nan Lwa 87/1953
  • dwa a diminye limit yo nan pwosedi a nan ka kote li jije li nesesè, dapre atik 9 nan lwa konstitisyonèl la n. 1/1953 [16]
  • fikse a pa dekrè nan jou a nan odyans piblik la nan Tribinal la, dapre atik 8 nan règleman yo siplemantè nan 2008 [17]
  • dwa a kontwole diskisyon an ak detèmine pwen ki pi enpòtan ki te sou li dwe pran plas, dapre atik 17, paragraf 2, nan règleman yo siplemantè nan 2008
  • dwa pou vote dènye nan deliberasyon yo nan òdonans yo ak fraz, epi, nan evènman an nan yon menm kantite vòt, prévalence de preferans li (eksepte nan jijman yo pouswit jidisyè nan ki - an konfòmite avèk Atik 28 nan Lwa 20/1962 - "Vanport la opinyon ki pi favorab akize a "), [18] dapre atik 17, paragraf 3, nan règleman siplemantè nan 2008

Pouvwa yo konfere pa lalwa ak règleman sou Prezidan an nan Tribinal la, si yo fòmèlman mete l 'tankou primus inter pares ki gen rapò ak lòt jij, esansyèlman mete l' nan yon pozisyon nan pre-eminans efikas, kwake pa absoli, men tankou yo ki pèmèt l 'fè yon fonksyon nan enpilsyon ak kowòdinasyon nan travay la nan Tribinal la, menm jan tou enfliyanse jijman yo nan lejitimite konstitisyonèl, pandan y ap obsève prensip la nan kolèjyalite ki aktivite a nan Konsèy la ki baze sou. [19]

Vis Prezidan Tribinal Konstitisyonèl la

Icône loup mgx2.svg Sijè a menm an detay: Vis-prezidan nan Tribinal la Konstitisyonèl Repiblik Italyen an .

Daprè atik 6, paragraf 4, l la. 87/1953, "Prezidan an, imedyatman apre yo fin pran biwo, deziyen yon jij ranplase l 'pou tan ki nesesè nan ka ta gen antrav". Depi 1971 jij sa a fòmèlman sipoze tit vis prezidan an.

Anplis de sa, depi 1996, Tribinal la ka konfere tit la bay jij la ansyen ki prezide sou Tribinal la nan evènman an nan absans la nan Prezidan an ak Vis-Prezidan an.

Eleman jijman konstitisyonèl la

Paramèt la

Nan yon fason konplètman abstrè, nenpòt ki nòmal ki te pwodwi pa yon sous konstitisyonèl (si genyen nan yo nan Konstitisyon an oswa nan lwa konstitisyonèl) se apwopriye fè fonksyon an nan "paramèt" nan yon jijman devan Tribinal la Konstitisyonèl. Plis konkrèman, ekstansyon paramèt la varye selon kalite jijman an, osi byen ke objè menm bagay la.

Kidonk, si pou jijman ensidan ak direktè lekòl la li konsiste de "dispozisyon Konstitisyon an oswa nan lwa konstitisyonèl yo ke yo sipoze vyole", nan evènman an nan konfli ant pouvwa yo nan Eta a oswa ant Eta a ak rejyon yo li se, respektivman, idantifye pa esfè nan "atribisyon detèmine ant pouvwa yo divès kalite pa nòm konstitisyonèl" ak pa "esfè a nan konpetans konstitisyonèl".

Anplis de sa, paramèt la ka konpoze tou de nan nòm yo ka jwenn nan dispozisyon eksprime, ak nan nòm enplisit, ki soti nan dispozisyon konbine, ki soti nan prensip konstitisyonèl oswa koutim, osi byen ke nan koutim entènasyonal (antre nan sistèm legal nou an pa kloz la adaptasyon ki genyen nan atizay. 10 nan Konstitisyon Italyen an).

Yon mansyone final merite sa yo rele "Elastisite la" nan paramèt la ki se premye nan tout konpoze pa sèlman nan eleman nan yon nati normatif, men tou, nan eleman nan yon nati reyèl (panse a kesyon yo nan reyalite ki enfliyans - akòz yo ouvèti estriktirèl - prensip konstitisyonèl; men panse tou sou jijman rezonab, ki gen ladann yon jijman sou kongruite règleman yo ki gen rapò ak reyalite yo), eleman nan yon nati reyèl ki ka efektivman rezime ak ekspresyon an, orijinal adopte pa doktrin konstitisyonèl franse a, nan "blòk konstitisyonalite". Men, li ta dwe tou mete aksan sou ki jan, an relasyon ak kèk objè patikilye, ak akòz nati a spesifik nan sous la oswa matyè a, paramèt la nan konstitisyonalite ka "sere boulon" oswa "lonje". Se konsa, an relasyon ak jijman yo konsènan lwa konstitisyonèl ak revizyon konstitisyonèl, règleman konkordat yo (ki nan Pak Lateran yo , kote Atik 7 Konstitisyon an ekspreseman refere) ak règleman kominote yo (prezante nan sistèm legal nasyonal la sou baz nan Atik 11 nan Konstitisyon an) li redwi sèlman nan "prensip fondamantal nan lòd konstitisyonèl la". Okontrè, an relasyon ak dekrè lejislatif yo , paramèt la ogmante, selon "konplo a nòmal entèdi", menm nan lwa a nan delegasyon an , ki (pandan y ap rete sous pleno iure prensipal ) se konsa yo mete, ki gen rapò ak lejislatif la dekrè, sou yon etap entèmedyè ant plan konstitisyonèl la ak plan lejislatif la, "degradan", nan relasyon an resipwòk, dekrè lejislatif la tèt li nan yon sous primè.

Konstitisyonèlman oryante entèpretasyon

Yon sèl vin ansent pa Tribinal la - lè li trase sou valè a manipilatif nan entèpretasyon an adaptasyon - se yon entèpretasyon ki "pa sòti nan rapò legis la tèt li, men soti nan rapò a constitutionis , ak gen entansyon reamenaje lalwa Moyiz la adapte li nan la paramèt konstitisyonèl " [20] : nan fason sa a, nan mitan lekti posib yo nan règ la sijè a revize pa Tribinal la, se youn nan sèlman ki sove konfòmite li yo ak paramèt la envoke pi pito.

Atik la

Objè a nan jijman konstitisyonèl la, ki baze sou yon entèpretasyon literal nan atizay. 23, paragraf 1, lèt a) nan lwa pa gen okenn. 87 nan 1953, yo ta dwe idantifye nan dispozisyon ki nan lwa a; an reyalite, akòz ineliminabilite a nan aktivite a entèpretasyon ak dominan karaktè a okazyonèl (sou ki wè anba a ), se jijman an "transfere" nan nòm yo. Objè a nan pwosesis konstitisyonèl la, Se poutèt sa, se nòmal la, men efè li tonbe sou dispozisyon an.

Pou estrikti a nan jijman an devan Tribinal la, lè sa a, li ka afime ke objè a pa redwi a nòmal la senp, men ale nan anbrase "sitiyasyon an normatif", konsa konprann interkoneksyon yo sistemik ak reyalite yo nan pwosedi prensipal la.

Nan moman sa a lè Tribinal la te kòmanse travay li yo, "te gen moun ki te diskite espesyalman nan gwo majistra a, ke jijman sa yo te kapab sèlman pibliye sou lwa yo apre antre nan fòs Konstitisyon an , pandan y ap egzamen an nan lwa anvan yo te travay pouvwa lejislatif la , ki ta dwe kontinye, lè yo jije l apwopriye, pou abrogasyon yo ": apre mobilizasyon doktrin ki pi avanse a [21] , premye fraz Tribinal Konstitisyonèl la rejte teyori sa a, etabli ke travay la nan revize konstitisyonalite nan lwa ak zak ki gen fòs la nan lwa ki dwe nan Tribinal la Konstitisyonèl tou sou lwa yo nan peryòd anvan an, se sa ki sou lwa yo nan peryòd yo Fachis ak pre-Fachis, menm jan tou sou dekrè-lwa yo ak dekrè lejislatif ki pibliye ant tonbe nan Fachis ak antre nan fòs Konstitisyon an .

Vis yo

Yon lwa oswa yon zak ki gen fòs nan lwa, lè li se kontrè ak Konstitisyon an, se viciated, sub espès nan "envalidite"; sa vle di, zak la, ki menm vyole yon sous sipwòdone, kontinye pwodui efè li jiskaske moman kote yon fraz deklare domaj la pa entèvni (sa yo rele prensip favè legis ).

Vis yo nan envalidite, nan vire, ka divize an fòmèl ak sibstansyèl. Se poutèt sa, pral gen yon "fòmal envalidite" lè zak la adopte an vyolasyon fòm preskri a (pou egzanp, yon lwa konstitisyonèl ki apwouve ak pwosedi òdinè lejislatif la, oswa yon lwa apwouve nan yon tèks diferan de de branch yo nan Palman an). Nan lòt men an, pral gen yon "konsiderab envalidite" lè, pandan y ap respekte règleman pwosedi yo, gen yon vyolasyon nòm solid (pou egzanp, yon lwa ki etabli diskriminasyon ki baze sou sèks, ras, konviksyon relijye, filozofik, politik) .

Nan dimanch maten byen bonè nan jistis konstitisyonèl, lekòl la Vyèn, ki Hans Kelsen te youn nan ekspozan yo ki mennen, teorize ki pa egzistans la nan domaj sibstansyèl. An reyalite, selon doktrin sa a, tout vis yo fòmèl: yon lwa, menm lè li vyole yon prensip konstitisyonèl, gen defo nan fòm, kòm domaj la ta sispann si li te apwouve, olye ke ak pwosedi òdinè a, ak agrave a pwosedi anvizaje pou revizyon konstitisyonèl la. Teyori sa a, sepandan, ap fè fas a de kalite kritik. Premye a tout, li diminye domaj la sibstansyèl nan yon domaj fòmèl. Men, diminye li, li dwe premye rekonèt li, ki se kontradiktwa. Anplis de sa, doktrin ki pi resan konstitisyonèl la - tou sipòte pa desizyon anpil nan Konsèy la - afime ke nan tèks konstitisyonèl la, ansanm ak dispozisyon ki ka modifye ak pwosedi revizyon an, gen lòt moun ("prensip sipwèm sistèm legal la") ki , yon fwa poze pa pouvwa a konstitiyan , yo ka sèlman modifye pa lèt la, yo pa te nan disponiblite a nan pouvwa yo konstitye, nan mitan ki, nesesèman, pouvwa a nan revizyon konstitisyonèl dwe ankadre tou.

Retounen nan domaj yo ki ka kesyone pa Tribinal la Konstitisyonèl, yo ka konpoze tou de nan yon vyolasyon dirèk nan yon nòmal nan Konstitisyon an, tankou nan vyolasyon an nan yon nòm enplisit, dedwi nan yon dispozisyon konbine, tankou nan vyolasyon an nan yon òdinè lalwa oswa nòmal andeyò sistèm legal la, nan evènman ke Konstitisyon an prevwa ke konstitisyonalite yon nòmal dwe klase menm jan ak nòm sa yo, oswa lespri jeneral konstitisyon an.

Rezonablite

Icône loup mgx2.svg Menm sijè a an detay: Prensip bon pèfòmans § Prensip rezonab .

Dènye vyolasyon sa a se sa ki, nan jirisprudans Konsèy la, ki endike ak tèm "rezonab". Malgre, an reyalite, ki baze sou atizay. 28 nan lwa a n. 87 nan 1953, kontwòl la nan lejitimite nan Tribinal la Konstitisyonèl sou yon lwa oswa yon zak ki gen fòs la nan lwa eskli nenpòt evalyasyon nan yon nati politik ak nenpòt revizyon nan itilize nan diskresyon Palman an la, prensip la nan egalite, ki genyen nan atizay . 3 nan Konstitisyon an, reprezante limit la ultim nan diskresyon lejislatè a, epi, an menm tan an, estanda a minimòm pou revize chwa li yo, enpoze sou lejislatè a tèt li yon chay doub: nan koerans (nan tèks oswa nivo sektè lejislatif: "intrinsèques sendika ") ak rezonab (nan nivo lòd konstitisyonèl an jeneral ak balans ant objektif konstitisyonèl ak valè:" sendika ekstèn ").

Rezonabilite Se poutèt sa reprezante karakteristik yonion ant konsèp meta- jiridik la jistis ak konsèp legal la nan lejitimite: "konsistans pa nesesè, ki pa kontradiksyon se ase; konfòmite pa obligatwa, konpatibilite se ase ".

Rezonabilite oswa rezonab manifeste poukont li nan divès fason: [22]

  • Rezonabilite (koerans / kongriyans) nan sistèm lan
  • Konsekans intrinsèques / enkonsistans nan sistèm lan oswa distoni nan sistèm lan
  • Pwopòsyonalite (congruity / ase) nan vle di yo ki gen rapò ak nan fen an
  • Rezonabilite (koerans / kongriyans / rasyonèl) intrinsèques / entim / ontolojik / entèn
  • Rezonablite (irasyonèl / enkonsistans / arbitrèr / kontradiksyon) manifeste / evidan / irefutabl / ictu oculi / makroskopik / evidan / stridan
  • San rezon akòz bliye lejislatè a
  • Rezonab (adekwa / rasyonèl / congrue / obeyi / kòrèk / jis) balans valè ak enterè ki nan poto

Li lye tou ak divès prensip: [22]

Desizyon yo nan Tribinal la

Desizyon Tribinal Konstitisyonèl pran fòm desizyon jidisyè tipik: "jijman" (desizyon solid), "òdonans" (desizyon pwosedi), "dekrè" (desizyon pwosedi). Etandone modès siyifikasyon ekstèn nan dekrè yo, li ka Se poutèt sa ka di ke desizyon Tribinal la ka divize an de kategori: konfime jijman ak desizyon rejè (si wi ou non sou merit oswa pwosedi).

Desizyon pwosedi yo

Osi lwen ke "desizyon pwosedi" yo konsène, yo baze sou konsiderasyon ki pa pèmèt pou yon egzamen nan baz byenfonde nan kesyon an nan lejitimite konstitisyonèl la. Nan jirispridans lan nan Konsèy la, li ka te note ke yo promiscuously pran fòm lan nan jijman oswa lòd, san yo pa konte anpil fòm nan tèt li, men rezon ki fè yo ki anba desizyon an pa pase nan baz byenfonde, ak nan kèk ka gen yon anpil desizyon.

Desizyon merit

Egzamen an nan "desizyon yo nan merit" se pi konplèks. Yo kapab, premye a tout moun, divize an "jijman akseptasyon", ak ki Tribinal la pwononse tou de sou kesyon an ak sou lalwa Moyiz la, ak "desizyon rejè" (nan fòm lan nan yon fraz oswa lòd), ki olye pou yo pwononse sèlman sou kesyon an, depi Tribinal la pa gen yon pouvwa jeneral nan ekstènalizasyon nan konstitisyonalite a oswa enkonstitisyonalite nan lwa yo, men se sèlman yon pouvwa represif nan enkonstitisyonalite.

Konsènan efè tipik sou tan, desizyon an nan rejè se konstititif, konsa gen efè ansyen , pandan y ap fraz la akseptasyon, deklaratif, gen siyifikatif, menm si se pa absoli, efè ansyen tunc , ki fè bak sèlman nan fè fas a relasyon legal fin itilize (ak eksepsyon remakab nan jijman penal la).

Yon kesyon de lejitimite senp, se sa ki, ki ka konkli ak erè a oswa antretyen nan yon pwovizyon, yo pral rezoud nan yon desizyon sou validite oswa fondamantal. Yon kesyon konplèks lejitimite konstitisyonèl, nan lòt men an, ki se yon kesyon pou ki yon operasyon piman ablationary pa Tribinal la se pa ase, yo pral rezoud ak youn nan enstriman mizik yo ke Jurisprudans lan nan Konsèy la te adopte nan aktivite li yo, sètadi avèk yon "desizyon entèpretatif" oswa avèk yon "fraz manipilatif".

Desizyon entèpretatif ak desizyon manipilatif

Nan "desizyon entèpretatif yo" Tribinal la te deside pa sou dispozisyon lalwa yo nan sans normatif detèmine pa tribinal nasyonal la, men sou yon diferan sans legal ke li konsidere nan dispozisyon ki konteste a. Se konsa, pa gen okenn korespondans ant "mande ak pwononse". [23]

Desizyon entèpretasyon rejè yo rele "korektif" lè Tribinal la "korije" entèpretasyon tribinal nasyonal la bay, ki pati de lwa vivan an ; si dicono invece "adeguatrici" (o decisioni interpretative di rigetto in senso stretto) quando la Corte individua nella disposizione impugnata dal giudice a quo un diverso significato, eventualmente anche contrario al diritto vivente, ma conforme al dettato costituzionale.

Le sentenze interpretative di accoglimento, invece, le quali sostanzialmente si basano sullo schema di una doppia pronuncia, vengono adottate soprattutto nelle ipotesi in cui si mantenga un diritto vivente difforme a una precedente decisione interpretativa di rigetto.

Per ciò che concerne gli effetti delle decisioni interpretative, mentre le sentenze di accoglimento hanno gli effetti ordinariamente collegati a questo tipo di pronuncia, maggiormente controversa è la questione riguardante le decisioni di rigetto, dovendosi distinguere tra le decisioni di rigetto in senso stretto, nelle quali l'interpretazione fornita dalla Corte è individuabile sia nella motivazione sia nel dispositivo, dalle decisioni di rigetto interpretative, nelle quali invece l'interpretazione fornita dalla Corte è presente nella sola motivazione. Si deve comunque notare come solitamente la giurisprudenza ordinaria si adegui alle interpretazioni operate dalla Corte, discostandosene soltanto in caso di invincibile opposto convincimento ermeneutico.

Le "decisioni manipolative", invece, comportano un'alterazione del parametro (che viene esteso nella sua interpretazione e applicazione) oppure del testo di legge. Queste ultime, a loro volta, possono essere:

  • riduttive: quando espungono, a seconda dei casi, parte della norma oppure parte della disposizione
  • additive: quando aggiungono un contenuto normativo assente nella disposizione. Possono essere "additive di garanzia" (o di prestazione) quando la pronuncia della corte introduce una norma (il che avviene quando la pronuncia è «a rime obbligate», ossia quando la norma aggiunta dalla Corte è direttamente ricavabile dal disposto costituzionale), oppure "additive di principio", quando cioè la Corte si limita a indicare un principio, il quale può orientare l'attività interpretativa del giudice ovvero l'azione del legislatore. Le additive di prestazione pongono un problema di copertura delle spese, pur non essendo le sentenze della Corte costituzionale, a differenza delle leggi, soggette all'obbligo costituzionale di copertura.
  • sostitutive: quando, con una duplice componente (ablatoria e additiva) una norma o una disposizione viene sostituita con altra norma o altra disposizione.

Come le decisioni della Corte possono avere effetti manipolativi nello «spazio», questi effetti si possono avere anche nel tempo, con decisioni manipolative per il passato ( pro praeterito : incostituzionalità sopravvenuta e incostituzionalità differita) oppure per il futuro ( pro futuro ), con le quali la Corte - pur riconoscendo nella motivazione l'illegittimità della disposizione impugnata - rinvia l'annullamento con un dispositivo di rigetto (sentenze-indirizzo o monitorie di rigetto, sentenze di incostituzionalità accertata ma non dichiarata; vengono adottate soprattutto per sollecitare l'intervento del legislatore, altrimenti inerte).

Per concludere questo rapido esame delle decisioni della Corte, si deve ricordare che esse, in base all'art. 18 della legge n. 87 del 1953, sono motivate (in fatto e in diritto le sentenze; «succintamente motivate» le ordinanze). La "motivazione" - non prevista da fonti costituzionali, e da alcuni Autori ritenuta anche non costituzionalmente obbligatoria - assume importanti funzioni, sia politiche sia giuridiche, essendo essa rivolta, innanzi tutto, al giudice a quo , ma anche al legislatore, per l'eventuale seguito legislativo, ea tutti gli operatori del diritto.

Ottemperanza costituzionale

L'elusione del giudicato costituzionale va, per ciò solo, a sua volta, incontro a declaratoria di illegittimità costituzionale per violazione dell'art. 136 Cost.: essa è ravvisabile allorché la norma scrutinata disciplina le stesse fattispecie già regolate da precedente disposizione dichiarata illegittima ovvero proroga surrettiziamente gli effetti di quest'ultima dopo la sua rimozione dall'ordinamento (v. la sentenza n. 245/2012 e la sentenza n. 169 del 2015 [24] .

Le attribuzioni

Come si accennava sopra, la Corte costituzionale, ex art. 134 della Costituzione italiana , è competente a giudicare:

  • delle controversie relative alla legittimità costituzionale delle leggi e degli atti aventi forza di legge dello Stato e delle Regioni
  • dei conflitti di attribuzione tra i poteri dello Stato e tra Stato e Regioni
  • delle accuse promosse contro il Presidente della Repubblica per i reati di alto tradimento e di attentato alla Costituzione
  • competenze cui si è aggiunto il sindacato sull'ammissibilità dei referendum, non direttamente previsto in Costituzione

Sono esentate dal controllo della Corte le fonti di diritto dell'Unione Europea nei limiti dei principi fondamentali ( controlimiti ).

Si può quindi affermare che essa svolga una funzione garantista (della legittimità e della legalità costituzionale) e una funzione arbitrale (per ciò che concerne i conflitti).

Il giudizio sulle leggi

Sono previste due sole vie di accesso al giudizio della Corte, col procedimento in via incidentale (indiretta o di eccezione) e col procedimento in via di azione (diretta o principale): nel primo la questione di legittimità può essere sollevata nel corso di un giudizio e davanti a un'autorità giurisdizionale; per l'altro la facoltà è data unicamente allo Stato e alle Regioni (e alle province autonome di Trento e Bolzano) di presentare direttamente un ricorso di incostituzionalità avverso le leggi rispettivamente della Regione e dello Stato (o di altra Regione). La giurisprudenza ha poi aggiunto l'ulteriore ipotesi del conflitto di attribuzione tra i poteri dello Stato determinato da una legge o atto avente forza di legge. In Italia, non è ammesso, invece, a differenza di altri sistemi (Spagna, Germania) alcuna ipotesi di accesso diretto del singolo individuo al sindacato costituzionale per tutelare diritti costituzionalmente garantiti che si ritengano essere stati lesi.

In via incidentale o di eccezione

Dispone infatti l'art. 1 della legge costituzionale n. 1 del 1948 che «la questione di legittimità costituzionale di una legge o di un atto avente forza di legge della Repubblica, rilevata d'ufficio o sollevata da una delle parti nel corso di un giudizio e non ritenuta dal giudice manifestamente infondata, è rimessa alla Corte costituzionale per la sua decisione». Il giudice della causa (o giudice a quo ) svolge quindi la funzione di introduttore del processo costituzionale, di «portiere» che apre le porte del giudizio di costituzionalità, e in questo immette gli elementi, sia normativi sia fattuali, che connotano il processo in seno al quale prende corpo la questione di legittimità costituzionale.

La legge individua due parametri per fondare la legittimazione a proporre una questione di legittimità costituzionale: un dato soggettivo (l'essere un giudice) e un dato oggettivo-funzionale (l'esserci un giudizio); parametri che nella giurisprudenza della Corte costituzionale sono comunque stati interpretati con una certa elasticità, avendo riguardo alle peculiari esigenze del caso (giungendosi, in alcune sentenze, ad affermare l'alternatività degli stessi). Alla luce di quanto affermato, si può quindi distinguere una legittimazione in astratto (sussistente in presenza dei dati soggettivo e oggettivo sopra richiamati) e una legittimazione in concreto (sussistente quando il giudice che sottopone la questione di legittimità costituzionale alla Corte è competente a giudicare la questione principale del processo; nonché quando egli debba fare applicazione della norma della cui legittimità costituzionale si dubita, profilo quest'ultimo che tende a sfumare nel diverso concetto di rilevanza). Il difetto di legittimazione determina l'inammissibilità della questione di legittimità costituzionale. La Corte Costituzionale ha riconosciuto la legittimazione degli arbitri a sollevare questioni di legittimità costituzionale, nella considerazione che l'arbitrato è disciplinato dal codice di procedura civile e dunque è un procedimento per l'applicazione obiettiva del diritto nel caso concreto, con le garanzie del contraddittorio e dell'imparzialità. Mentre è stata negata tale legittimazione al pubblico ministero il quale non può essere equiparato a un giudice in quanto non emette provvedimenti decisori. Anche la stessa Corte può sollevare questioni di legittimità costituzionale.

La Corte Costituzionale ha riconosciuto anche alla Corte dei Conti, in sede di controllo, la legittimazione a promuovere in via incidentale questioni di legittimità costituzionale ravvisando in essa i caratteri dell'autorità giurisdizionale. [25] La stessa Corte costituzionale può ritenersi giudice a quo , nei casi di autorimessione [26]

Oltre alla legittimazione del giudice, i requisiti di ammissibilità della questione di legittimità costituzionale sono dati dalla rilevanza e dalla non manifesta infondatezza (cui si aggiunge, ma solo quando non sussista sul punto un diritto vivente, il fallimento di ogni tentativo di interpretazione adeguatrice).

La rilevanza, presupposta dalla legge costituzionale n. 1 del 1948 («nel corso di un giudizio»), viene definita dalla legge n. 87 del 1953 («qualora il giudizio non possa essere definito indipendentemente dalla risoluzione della questione di legittimità costituzionale»), e rappresenta la trasposizione in termini processuali dell'incidentalità (e concretezza) del giudizio di legittimità costituzionale.

Ciò però non significa ancora che il giudice a quo possa emettere l'ordinanza con cui sospende il giudizio e rimette la questione alla Corte. Infatti perché ciò accada sono necessarie altre condizioni successive. Innanzitutto la questione deve apparire rilevante, deve essere per il magistrato non manifestamente infondata e infine il giudice deve esperire ogni tentativo di interpretazione adeguatrice, cioè interpretazione conforme alla Costituzione.

Dovendosi affermare, nonostante alcune incertezze sul punto da parte della giurisprudenza costituzionale, la non riducibilità della rilevanza (che è un dato oggettivo e necessario) all'interesse sostanziale della parte (che è, invece, un dato soggettivo ed eventuale), si deve brevemente accennare alle tesi dell'influenza e dell'applicabilità. Secondo la prima di esse, fedelmente alla lettera dell'art. 23 comma 2 della legge n. 87 del 1953, la questione di legittimità costituzionale è rilevante quando l'esito del giudizio a quo è condizionato dall'esito del giudizio costituzionale; secondo invece la tesi dell'applicabilità, la questione di legittimità costituzionale è rilevante quando, anche a prescindere da un'influenza della pronuncia del giudice delle leggi sul giudizio principale, la norma oggetto del giudizio costituzionale deve essere applicata nel giudizio a quo (al riguardo, si pensi alle norme penale di favore). Più correttamente, ribadendo in ogni caso l'autonomia del processo costituzionale (il quale, in base al disposto dell'art. 22 delle norme integrative, prosegue anche quando, «per qualsiasi causa, sia venuto a cessare il giudizio rimasto sospeso di fronte all'autorità giurisdizionale, che ha promosso il giudizio di legittimità costituzionale»), si deve ritenere che, in mancanza di applicabilità della norma indicata dall'ordinanza di rinvio, ci si trovi di fronte a una ipotesi di difetto assoluto di rilevanza, versandosi invece in ipotesi di difetto relativo quando, pur essendo applicabile la norma, non potrebbe avere influenza sul giudizio incidentato la pronuncia della Corte costituzionale.

La non manifesta infondatezza definisce invece la funzione di filtro del giudice a quo , il quale deve sottoporre all'attenzione della Corte costituzionale questioni di legittimità costituzionale «serie» e non meramente dilatorie. Sebbene con l'espressione «non manifesta infondatezza» il legislatore abbia indicato uno stato dubitativo, ossia una condizione psicologica minima, anche al fine di evitare eventuali conflitti tra giudici a quibus e Corte costituzionale, la giurisprudenza della Consulta ha sempre richiesto, sul punto, un esame approfondito e non semplicemente delibatorio, giungendo a non ritenere sufficiente - nelle sentenze additive - un semplice dubbio, ed esigendosi invece da parte del giudice a quo l'indicazione del verso dell'addizione. Vi deve essere identità tra l'istanza di parte e l'ordinanza di rimessione del giudice; cioè il giudice deve rimettere alla corte la stessa questione che è stata sollevata dalla parte mediante la sua istanza al giudice.

Entro venti giorni dalla notificazione dell'ordinanza di rimessione, le parti possono costituirsi di fronte alla Corte costituzionale, esaminare gli atti, e presentare deduzioni. Entro lo stesso termine, possono costituirsi il Presidente del Consiglio dei ministri (in caso di legge statale) o il Presidente della Giunta regionale (in caso di legge regionale). Mentre le parti del giudizio a quo , ove costituite, sono portatrici sia di un interesse personale e concreto (traendo un vantaggio dalla pronuncia della Corte costituzionale), sia dell'interesse generale alla legittimità delle leggi (potendo quindi, anche, la parte sostenere una posizione il cui accoglimento pregiudicherebbe la sua posizione sostanziale), il Presidente del Consiglio o il Presidente della Giunta regionale (i quali non possono essere qualificati, per ragioni formali e sostanziali, come parti, bensì come "interventori") [27] rappresentano, di fronte al giudice delle leggi, il punto di vista degli organi di indirizzo politico.

Anche la Corte costituzionale è sottoposta al principio generale « ne eat iudex extra petita partium » (cosiddetto principio della "corrispondenza tra chiesto e pronunciato"), così come si ricava dall'art. 27 della legge n. 87 del 1953: «la Corte costituzionale [...] dichiara, nei limiti dell'impugnazione, quali sono le disposizioni legislative illegittime». Se questo principio rappresenta, da un lato, la conferma implicita della rilevanza della questione di legittimità costituzionale e, dall'altro, la codeterminazione della questione di legittimità costituzionale stessa da parte del giudice a quo e della Corte costituzionale, esso presenta delle rilevanti deroghe. Innanzi tutto, nella sua giurisprudenza, la Consulta ha spesso ampliato o ridotto gli argomenti oi termini oi profili di una questione di legittimità costituzionale, giungendo anche a impugnare una legge di fronte a sé medesima (comportandosi, ossia, come giudice a quo ). Ma la deroga più evidente è quella prevista dallo stesso art. 27 della legge n. 87 del 1953: «[la Corte costituzionale] dichiara altresì quali sono le altre disposizioni legislative la cui illegittimità deriva come conseguenza della decisione adottata».

In via principale o d'azione

Il procedimento in via principale o di azione può essere attivato dallo Stato e dalle Regioni. L'art. 127 della Costituzione, così come modificato dalla legge costituzionale n. 3 del 2001, stabilisce infatti che «il Governo, quando ritenga che una legge regionale ecceda la competenza della Regione, può promuovere la questione di legittimità costituzionale dinanzi alla Corte costituzionale entro sessanta giorni dalla sua pubblicazione. La Regione, quando ritenga che una legge o un atto avente valore di legge dello Stato o di un'altra Regione leda la sua sfera di competenza, può promuovere la questione di legittimità costituzionale dinanzi alla Corte costituzionale entro sessanta giorni dalla pubblicazione della legge o dell'atto avente valore di legge».

Con la riforma del titolo V della Costituzione sono state parificate le armi processuali a disposizione dello Stato e delle Regioni, venendo meno la diversità di termini (trenta giorni per l'impugnazione regionale, sessanta per quella statale), il visto del Commissario del Governo e la relativa disciplina (con impugnazione successiva della legge statale, e preventiva di quella regionale). Per quanto riguarda invece il parametro costituzionale fatto valere, permane la differenza per cui lo Stato può impugnare la legge regionale per violazione di qualsiasi norma della Costituzione, mentre la Regione può impugnare la legge o un atto avente forza di legge dello Stato invocando unicamente la lesione delle proprie competenze costituzionalmente riconosciute (Corte costituzionale sent. n. 274/2003).

Estremamente rilevante, poi, è il disposto dell'art. 123 della Costituzione, il quale, dopo aver riconosciuto un'ampia autonomia statutaria alle Regioni, stabilisce che «il Governo della Repubblica può promuovere la questione di legittimità costituzionale sugli statuti regionali dinanzi alla Corte costituzionale entro trenta giorni dalla loro pubblicazione». In questo caso si tratta però di un ricorso preventivo - e non successivo come quello previsto per le leggi - in quanto il Governo è legittimato a impugnare gli Statuti entro trenta giorni dalla pubblicazione notiziale degli stessi (pubblicazione da cui decorrono i termini per la richiesta di referendum). Si è registrato, negli anni successivi alla riforma del titolo V della Costituzione, un ampio contenzioso vertente sulla legittimità costituzionale degli Statuti di numerose Regioni, contenzioso dalla cui soluzione dipende l'effettiva configurazione dell'autonomia regionale nel nostro ordinamento.

Per quanto riguarda l'organo competente a proporre l'impugnazione, esso va individuato - a livello statale - nel Consiglio dei ministri, e - a livello regionale - nella Giunta regionale. L'impugnazione, pur dovendo precisare puntualmente i termini positivi della questione e formulare sinteticamente i motivi, costituisce espressione di valutazioni sia giuridiche sia politiche. Per il carattere personale e concreto del conflitto, poi, non sono configurabili controinteressati o altri intervenienti.

I conflitti di attribuzione

Tra poteri dello Stato

Dispone l'art. 37 della legge n. 87 del 1953 che «il conflitto tra poteri dello Stato è risoluto dalla Corte costituzionale se insorge tra organi competenti a dichiarare definitivamente la volontà del potere cui appartengono e per la delimitazione della sfera di attribuzioni determinata per i vari poteri da norme costituzionali».

La legittimazione a sollevare conflitti di attribuzione spetta non necessariamente all'organo gerarchicamente superiore nell'ambito di un potere, ma a quello che può manifestare in via definitiva la volontà del potere cui appartiene. Così, ad esempio, spetta a ogni autorità giudiziaria la legittimazione a sollevare il conflitto di attribuzioni interorganico nell'ambito della propria competenza. Anche un singolo ministro, come accadde nel cosiddetto "caso Mancuso " può essere legittimato a sollevare conflitto tra i poteri.

Per quanto riguarda ancora i profili soggettivi, si deve chiarire la nozione di "potere dello Stato". Posto il carattere policentrico del nostro ordinamento costituzionale, e quindi la non corrispondenza tra funzione e potere, e considerando inoltre la differenza che si pone tra attribuzione (che si fonda su disposizioni costituzionali) e competenza (che, essendo la misura dell'attribuzione, trova la sua fonte in disposizioni legislative), si riduce l'importanza dell'organo-soggetto per aumentare quella dell'oggetto, ponendosi l'attenzione della Corte, più che sulle attribuzioni, sulla natura costituzionale degli interessi. La giurisprudenza della Corte costituzionale, comunque, per riconoscere un potere dello Stato, richiede: che esso sia almeno menzionato dalla Costituzione; che gli competa una sfera di attribuzioni costituzionali; che ponga in essere atti in posizione di autonomia e indipendenza; che questi atti siano imputabili allo Stato.

Per ciò che, invece, concerne i profili oggettivi, c'è da sottolineare come qualsiasi atto sia idoneo a essere impugnato in sede di conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato, e che il parametro può essere individuato in qualsiasi norma costituzionale (o anche in norme subcostituzionali concernenti la competenza).

Il conflitto, oltre alle ipotesi-limite di vindicatio potestatis , può più frequentemente assumere le forme di conflitto da menomazione (un potere invade l'ambito di un altro) o da interferenza (due poteri reclamano la stessa competenza).

Rimane infine da sottolineare come la pronuncia della Corte costituzionale riguardi sia l'atto impugnato sia, per il tramite di esso, la competenza e l'attribuzione. [28]

Tra Stato e Regione e tra Regioni

Perché si instauri un conflitto di attribuzione , cosiddetto intersoggettivo, tra Stato e Regione (o tra Regioni) si richiede la presenza di un atto che invada la sfera di competenza assegnata dalla Costituzione allo Stato e alle Regioni .

Pur notando una sostanziale decostituzionalizzazione del parametro (dovendosi quindi, più correttamente, parlare di atti illegittimi e non incostituzionali), risulta impugnabile qualsiasi atto, con l'eccezione delle leggi e delle altre fonti primarie, richiedendosi altresì che la lesione sia attuale, concreta e non meramente virtuale (la Corte costituzionale - ha infatti affermato in una sentenza - non è un consulente costituzionale).

La tipologia del conflitto è estremamente simile a quella presentata in sede di analisi di conflitto tra poteri dello Stato: esso potrà quindi consistere in una rivendicazione, ovvero in un conflitto da menomazione, interferenza od omissione.

Competente a sollevare il conflitto, come per il giudizio in via principale, è il Consiglio dei ministri o la giunta regionale, con una impugnazione sempre successiva, e caratterizzata da elementi politici oltre che giuridici. La Corte costituzionale, d'altronde, può sospendere il giudizio e rimettere di fronte a sé stessa questione di legittimità costituzionale della legge in base alla quale è stato adottato l'atto impugnato, così come potrà sospendere l'esecuzione del medesimo atto impugnato.

Anche nel giudizio che risolve un conflitto di attribuzione tra Stato e Regioni, così come quello tra poteri dello Stato, oggetto del giudizio, per il tramite dell'atto, è la competenza, sia in astratto sia in concreto.

Particolare rilevanza presenta, nel giudizio di cui si sta trattando, il problema del contraddittorio. Soprattutto dopo la riforma del titolo V della Costituzione, infatti, si è riconosciuta una sfera di competenze anche agli enti locali subregionali, i quali rimangono privi di strumenti di tutela attivabili presso la Corte costituzionale.

L'ammissibilità del referendum

Mentre, a norma dell'art. 32 della legge n. 352 del 1970 , l' Ufficio centrale per il referendum , istituito presso laCorte Suprema di Cassazione , è competente a pronunciarsi circa la legittimità del referendum, a norma del successivo art. 33 della stessa legge n. 352/1970, nonché dell'art. 2 della legge costituzionale n. 1 del 1953, la Corte costituzionale è competente a pronunciarsi circa l'ammissibilità del referendum.

La giurisprudenza della Consulta, sul punto, è stata notevolmente innovativa, rispetto alle scarne disposizioni costituzionali. L'unico limite espresso, infatti, riguarda l'oggetto del quesito referendario che, a norma dell'art. 75 della Costituzione, non può riguardare leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali. Accanto a queste limitazioni espresse, la Corte ne ha individuate altre, avendo riguardo a proprietà formali o sostanziali della legge oggetto di referendum (escludendo, in questo modo, le disposizioni di rango costituzionale, le leggi dotate di una forza passiva rinforzata, le norme a contenuto costituzionalmente vincolato). Per ciò che, inoltre, riguarda la domanda, la Corte ha precisato che essa, per corrispondere alla ratio stessa dell'istituto referendario, nonché al valore democratico del voto, deve rispondere a criteri di razionalità, omogeneità e coerenza. È infine da notarsi come, in alcune occasioni, si sia avuto un improprio esame della normativa di risulta, sub specie di sindacato anticipato di ragionevolezza.

Il presidente della Corte costituzionale, ricevuta comunicazione dell'ordinanza dell'Ufficio centrale per il referendum che dichiara la legittimità di una o più richieste di referendum, fissa il giorno della deliberazione in camera di consiglio non oltre il 20 gennaio dell'anno successivo a quello in cui la predetta ordinanza è stata pronunciata, e nomina il giudice relatore. Nella camera di consiglio sono ammessi al contraddittorio per essere sentiti i promotori e il Governo. Ma la Corte ha escluso la partecipazione di altri soggetti in quanto «la richiesta di estendere il contraddittorio ad altri cointeressati all'esito della vicenda referendaria trova insuperabili ostacoli nella stessa complessiva strutturazione del procedimento referendario, caratterizzato da precise scansioni temporali, e nella conseguente esigenza che pure la fase del controllo di ammissibilità si mantenga in stretta connessione cronologica con le fasi che la precedono e le fasi che la seguono, restando contenuta entro rigorosi limiti di tempo, che rischierebbero di venire superati per effetto di un diffuso e indiscriminato accesso di soggetti, i quali potrebbero poi chiedere di esporre anche oralmente le proprie ragioni». [29] Il giorno della deliberazione è comunicato ai delegati o presentatori e al Presidente del Consiglio dei ministri.

Entro tre giorni prima della deliberazione i delegati oi presentatori e il Governo possono depositare alla Corte memorie sulla legittimità costituzionale del referendum. La Corte deve decidere con sentenza da pubblicarsi entro il 10 febbraio, indicando le richieste ammesse e quelle respinte.

Della sentenza è data d'ufficio comunicazione al presidente della Repubblica, ai presidente delle Camere, al presidente del consiglio dei ministri, all'Ufficio centrale per il referendum e ai delegati e presentatori entro cinque giorni dalla pubblicazione della sentenza e il dispositivo della sentenza è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

I reati presidenziali

La Corte costituzionale, infine, è competente a giudicare del Presidente della Repubblica per i reati funzionali di alto tradimento e di attentato alla Costituzione (rimanendo la competenza dell'autorità giudiziaria ordinaria per i reati comuni, e l'irresponsabilità presidenziale – cui si affianca un obbligo morale di dimissioni, posto che, a norma dell'art. 54 secondo comma «i cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore [...]» – per i restanti reati commessi nell'esercizio delle sue funzioni).

In tale ipotesi, il Presidente della Repubblica è messo in stato di accusa dal Parlamento in seduta comune (richiedendosi la maggioranza assoluta dei membri), e giudicato dalla Corte costituzionale, integrata nella sua composizione da 16 membri estratti a sorte da un elenco di 45 eletti dal Parlamento ogni 9 anni fra i cittadini aventi i requisiti per l'eleggibilità a senatore.

Si ricorda che, inizialmente, sino alla riforma intervenuta con la legge costituzionale no 1 del 1989, la Corte era competente anche per i reati ministeriali . Oggi tale funzione, pur con procedure particolari, è assolta dalla giustizia ordinaria.

La pena inflitta non può superare la pena massima prevista per legge al momento della sentenza. L'esecuzione della sentenza è affidata alla Corte d'Assise d'Appello di Roma. [30]

Storia

Il dibattito sulla Corte costituzionale in Assemblea Costituente

Nella seduta di apertura della discussione sulla Suprema Corte costituzionale del 13 gennaio 1947 , il Presidente della Sezione speciale per l'elaborazione delle norme sul potere giudiziario – già vicepresidente dell' Assemblea Costituente –, Giovanni Conti , [31] esordì evidenziando la necessità di raggiungere «un'intesa sugli scopi e sulle funzioni di questo nuovo organo». Fece notare che, secondo il progetto di Piero Calamandrei , alla Corte dovevano essere deferiti i giudizi sull'incostituzionalità di leggi e atti aventi forza di legge, mentre altri Costituenti ritenevano che la funzione unica della Corte dovesse essere l'esame di singoli atti e provvedimenti e non il sindacato su leggi e decreti. Altre proposte discusse in Assemblea volevano che la Corte si occupasse anche dei conflitti fra lo Stato e le Regioni . [32]

L' on. Palmiro Togliatti , nella seduta dell'11 marzo 1947, definì la Corte costituzionale una «bizzarria» grazie alla quale «degli illustri cittadini verrebbero ad essere collocati al di sopra di tutte le Assemblee e di tutto il sistema del Parlamento e della democrazia, per esserne i giudici». [33] La riluttanza di molti Costituenti (fra i quali Vittorio Emanuele Orlando , Francesco Saverio Nitti e Luigi Einaudi ) [34] a riconoscere un organo in grado di stabilire la legittimità o l'illegittimità della volontà del Parlamento nasceva dalla convinzione dell'intangibilità della decisione sovrana.

Primo collegio

La Corte costituzionale si insedia ufficialmente il 15 dicembre 1955 con il giuramento dei 15 giudici [35] .

Il 23 gennaio 1956 la Corte elegge Enrico De Nicola presidente.

L'udienza inaugurale [36] si tenne il successivo 23 aprile alla presenza del Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi e delle più alte cariche dello Stato. [37]

Subito dopo, ebbe luogo la prima trattazione di una questione di legittimità costituzionale, sollevata dal Pretore di Prato Antonino Caponnetto , che era al suo primo incarico: nel successivo mese di giugno la sentenza caducò la norma del codice penale fascista che vietava di distribuire volantini sindacali. I sindacalisti Sergio Masi ed Enzo Catani erano stati infatti messi in carcere, ma nel dicembre del 1955 decisero di rivolgersi al pretore di Prato: la sua fu l'ordinanza n. 1 rimessa alla Consulta e nel giro di 4 mesi, grazie a un'azione concordata, 30 pretori seguirono la sua strada. Nell'udienza pubblica i due operai erano difesi tra l'altro da avvocati diventati giuristi di altissimo livello, come Vezio Crisafulli , Giuliano Vassalli e Massimo Severo Giannini . [38] .

Arretrato della Corte

In corrispondenza del biennio dedicato al processo Lockheed [39] , dalla fine degli anni '70 "l'arretrato della Corte assunse una preoccupante evidenza" [40] .

"Un primo passo nel senso della riduzione dell'arretrato si ebbe sotto la presidenza di Antonio La Pergola , allorché furono portate in decisione le questioni pervenute alla Corte prima degli anni '80 ed ancora pendenti. Ma ciò non bastava. Fu il Presidente Francesco Saja (...) ad imprimere una decisa accelerazione all'attività della Corte ea poter annunciare, a consuntivo dell'attività svolta nel 1988, il sostanziale azzeramento dell'arretrato" [41] . L'espansione vertiginosa negli anni ottanta delle decisioni d'inammissibilità fu però criticata, in quanto rese nella forma impropria della sentenza e giustificate solo in parte dall'esigenza di smaltire l'arretrato accumulato durante il processo Lockheed [42] .

Epidemia da COVID-19

A seguito dell'epidemia da COVID-19 , per la prima volta dalla sua fondazione, la Presidenza della Corte ha deciso di sospendere tutte le udienze pubbliche calendarizzate nel mese di marzo. [43] In via temporanea è stato introdotto l'invio in formato elettronico di atti e memorie mediante Posta Elettronica Certificata , con l'esclusione del deposito di nuovi ricorsi, mutuando tale nuova modalità organizzativa dal procedimento amministrativo telematico. [44]

Critiche

Autorizzazione a spese superiori alle entrate

Una delle critiche più frequenti fatte alla Corte Costituzionale [ senza fonte ] è quella d'aver autorizzato, con la sentenza del 1966 , il diritto da parte del Governo e del Parlamento di procedere a una spesa pubblica più elevata rispetto alle entrate dichiarate dal bilancio, producendo così un aumento sconsiderato del debito pubblico.

L'articolo 81 della Costituzione italiana recitava infatti, all'epoca della sentenza:

«Con la legge di approvazione del bilancio non si possono stabilire nuovi tributi e nuove spese.
Ogni altra legge che importi nuove o maggiori spese deve indicare i mezzi per farvi fronte.»

( Articolo 81 , commi III e IV, della Costituzione della Repubblica Italiana [45] )

Questa norma, introdotta dai costituenti, per evitare o arginare l'aumento del debito pubblico, viene definita da Luigi Einaudi :

«Un baluardo rigoroso ed efficace voluto dal legislatore costituente, allo scopo d'impedire che si facciano maggiori spese alla leggera, senza prima aver provveduto alle relative entrate.»

( Luigi Einaudi . [46] )

Nel 1966 però, la Corte Costituzionale pronuncia una sentenza che dichiara:

«È consentita la possibilità di ricorrere, nei confronti della copertura di spese future, oltre che ai mezzi consueti, quali nuovi tributi o l'inasprimento di tributi esistenti, la riduzione di spese già autorizzate, l'accertamento formale di nuove entrate, l'emissione di prestiti e via enumerando, anche alla previsione di maggiori entrate.»

( Corte Costituzionale, sentenza 10 gennaio 1966, n.1 [47] )

In questo modo viene autorizzato, seppur di soppiatto, lo scavalcamento del dettato costituzionale e viene consentito al governo di turno di spendere soldi anche in previsione d'entrate future, dando di fatto il via all'esplosione del debito pubblico italiano.

Questa decisione procurerà una denuncia d'incostituzionalità da parte della Corte dei Conti , che però rimarrà inascoltata. [46]

La legge costituzionale 20 aprile 2012, n.1 (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 23 aprile 2012) ha introdotto nella Costituzione il principio dell'equilibrio delle entrate e delle spese, cosiddetto "pareggio di bilancio"), che di fatto supera il contenuto della sentenza del 1966 .

Il nuovo testo dell'art. 81 Cost. prevede:

«Il ricorso all'indebitamento è consentito solo al fine di considerare gli effetti del ciclo economico e, previa autorizzazione delle Camere adottata a maggioranza assoluta dei rispettivi componenti, al verificarsi di eventi eccezionali. Ogni legge che importi nuovi o maggiori oneri provvede ai mezzi per farvi fronte.»

( Articolo 81 , commi II e III, della Costituzione della Repubblica Italiana )

Come conseguenza, la Corte ha avuto occasione di affermare che «il principio di analitica copertura finanziaria – espresso dall'art. 81, terzo comma, Cost., come formulato dalla legge costituzionale n. 1 del 2012 e previsto dall'art. 17 della legge n. 196 del 2009 – ha natura di precetto sostanziale, cosicché ogni disposizione che comporta conseguenze finanziarie di carattere positivo o negativo deve essere corredata da un'apposita istruttoria e successiva allegazione degli effetti previsti e della relativa compatibilità con le risorse disponibili» (sentenza n. 224 del 2014). Nella sentenza n. 133/2016, poi, la Corte costituzionale ha dichiarato infondata una questione di legittimità costituzionale, per violazione dell'art. 81, terzo comma, Cost., affermando che nell'approvazione della legge impugnata era stata operata «la realizzazione di tutti gli adempimenti necessari a garantire l'esatta quantificazione e la credibile copertura degli oneri finanziari da esse derivanti, in specie degli adempimenti prescritti dall'art. 17, comma 3, della legge 31 dicembre 2009, n. 196 (Legge di contabilità e finanza). (...) Poiché gli adempimenti prescritti dall'art. 17 della legge n. 196 del 2009 sono stati soddisfatti, i conteggi svolti in relazione alla spesa e le previsioni effettuate non appaiono implausibili (sentenza n. 214 del 2012), con conseguente esclusione della violazione dell'obbligo di copertura finanziaria».

Scelta dei quesiti referendari giudicati ammissibili

Molte critiche sono state rivolte, dagli anni sessanta a oggi, alla Corte Costituzionale da parte dei Radicali e dai liberali italiani in merito alle scelte fatte dalla corte in materia d'ammissibilità dei quesiti referendari.

Essendo infatti la Corte costituzionale l'ente atto a pronunciarsi circa l'ammissibilità del referendum, essa dovrebbe, secondo queste critiche, limitarsi a dichiarare inammissibili soltanto i quesiti referendari che, a norma dell'articolo 75 della Costituzione, riguardino leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali:

«Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali.»

( Articolo 75 , comma II, della Costituzione della Repubblica Italiana [48] )

La Corte costituzionale nel corso dei decenni ha frequentemente giudicato inammissibili quesiti referendari che nulla avevano a che fare con queste tematiche, e quindi, secondo i loro promotori, dovevano essere dichiarati ammissibili e sottoposti al vaglio degli elettori tramite referendum.

Particolarmente colpiti da queste decisioni della Corte sono i Radicali di Marco Pannella ed Emma Bonino , ai quali dal 1977 al 2004 vengono giudicati inammissibili dalla Corte Costituzionale ben 48 quesiti. [49] [50]

Referendum radicale del 1978

Tra i casi più eclatanti, vi è sicuramente quello dei referendum del 1978 .

Nel 1976 , il pacchetto referendario deciso dal 17º congresso [51] del Partito Radicale acquisiva il carattere di vero e proprio programma politico alternativo della sinistra libertaria di cui i Radicali si consideravano oramai gli unici interpreti. Il movimento così deliberava l'inizio d'una stagione per la raccolta di firme e la presentazione di 8 quesiti referendari che riguardassero le proposte: dell'abrogazione del Concordato ; abolizione della legge Reale ; abolizione di 78 articoli del Codice Rocco ; abolizione del finanziamento pubblico dei partiti; abolizione del codice penale militare di guerra (RD 303/1941) e della legge sull' ordinamento giudiziario militare (RD 1022/1941); abolizione della legge sui manicomi .

Con la sentenza n. 16 del 2 febbraio 1978 , s'inaugura però quella che i Radicali chiamano «la giurisprudenza anti-referendum ed anti-Costituzione della Corte costituzionale». [52]
La Corte costituzionale giudica infatti inammissibili quattro quesiti su otto, precisamente: quello sull'abolizione del Concordato tra Stato italiano e Vaticano , quello su parti del Codice Rocco , ei due per l'abolizione dei Tribunali Militari , sebbene nessuno di questi quattro quesiti riguardi "leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali".

Referendum radicale del 2000

Un altro caso significativo è sicuramente quello dei referendum abrogativi del 2000 .

Quell'anno i Radicali referendari avevano raccolto oltre 16 milioni di firme per la presentazione di 20 quesiti referendari, che però furono drasticamente ridotti a 7 da parte della Corte costituzionale.

Furono giudicati inammissibili i quesiti su: tempo determinato; eliminazione trattenute automatiche associative e sindacali; abolizione del monopolio statale sul collocamento al lavoro; part time ; lavoro a domicilio; abolizione sostituto d'imposta; smilitarizzazione della Guardia di Finanza ; aumento dell'età pensionabile; abolizione del Servizio Sanitario Nazionale ; abolizione del monopolio statale Inail ; introduzione della responsabilità civile dei magistrati; abolizione della carcerazione preventiva; termini ordinatori e perentori; abolizione dei patronati sindacali.

Questa decisione della Corte costituzionale fu così commentata dal politologo Angelo Panebianco :

«Avendo fatto strage dei referendum detti sociali, la Corte ha di fatto salvato i sindacati dal rischio di un pronunciamento popolare. Assai contento deve essere anche il centro-sinistra. L'incubo di passare per il partito della conservazione sociale, della difesa a oltranza dello status quo, è svanito. Il welfare state all'italiana, con le sue poco commendevoli peculiarità, è salvo. La maggioranza non avrà bisogno di andare dietro a Cofferati in una battaglia che le avrebbe ulteriormente alienato simpatie giovanili e consensi nel mondo imprenditoriale. E anche Berlusconi, sul fronte opposto, è stato salvato da imbarazzanti scelte.»

( Angelo Panebianco , Corriere della Sera , 4 febbraio 2000 [53] )

Cena a casa di Luigi Mazzella

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Luigi Mazzella § Controversie .

Nel 2009 ha suscitato polemiche il comportamento tenuto da due giudici della Corte, Luigi Mazzella e Paolo Maria Napolitano : secondo quanto riferito in un articolo del settimanale l'Espresso essi hanno avuto un incontro privato con l'allora presidente del Consiglio dei ministri Silvio Berlusconi , fatto accaduto a maggio 2009, alcuni mesi prima che la Corte fosse chiamata a esprimersi sulla costituzionalità del cosiddetto lodo Alfano , legge che riguardava lo stesso presidente del Consiglio. [54]

Busto di Azzariti

La presenza di un busto dedicato a Gaetano Azzariti nel corridoio nobile della Corte costituzionale ha dato luogo alla richiesta di sua rimozione, dovuta al fatto che Azzariti fu il presidente del Tribunale della razza (l'istituto aveva in realtà il compito di sottrarre alle leggi razziali fasciste chi si appellava, "arianizzandole"), tale richiesta appoggiata mediaticamente dal giornalista Gian Antonio Stella [55] dopo l'uscita del saggio Gaetano Azzariti: dal Tribunale della razza alla Corte costituzionale , scritto da Massimiliano Boni, consigliere della Corte costituzionale. Una lettera di richiesta di rimozione venne presentata nel 2012 da Paolo Maria Napolitano, nella quale chiedeva: "perché mai il suo busto deve avere l'onore di restare esposto nel corridoio nobile della Corte costituzionale? Non c'è neppure «un motivo di carattere generale» perché «non vi sono i busti di tutti i presidenti». La richiesta di rimozione del busto venne rigettata dalla Corte. [56]

Abito cerimoniale

Nelle occasioni cerimoniali, i giudici costituzionali indossano una toga nera con merletti dorati, su modello dei roboni senesi del Cinquecento, sulla quale portano un collare d'oro con un pendente raffigurante la Repubblica italiana impersonificata e portano con loro un tocco ricamato in oro [57] .

Riferimenti normativi

Note

  1. ^ a b https://www.cortecostituzionale.it/documenti/composizione/bilancio/Bilancio_2020_prev.pdf .
  2. ^ a b c Art. 134 cost. .
  3. ^ LEGGE COSTITUZIONALE 9 febbraio 1948, n. 1, art. 137 ( PDF ), su cortecostituzionale.it .
  4. ^ Legge 11 marzo 1953, n. 87 : Norme sulla Costituzione e sul funzionamento della corte costituzionale ( PDF ), su governo.it , Governo della Repubblica Italiana . URL consultato il 14 giugno 2014 .
  5. ^ L.cost. 11 marzo 1953, n. 1 - Norme integrative della Costituzione concernenti la Corte costituzionale - Wikisource , su it.wikisource.org . URL consultato il 25 luglio 2021 .
  6. ^ «Da ieri le leggi fasciste di PS al vaglio della Corte Costituzionale», L'Unità, 24 aprile 1956, pagina 1 ( PDF ), su archivio.unita.news .
  7. ^ Corte costituzionale - La corte costituzionale Italiana , su www.cortecostituzionale.it . URL consultato il 25 luglio 2021 .
  8. ^ Art. 135 comma 6 Cost.
  9. ^ Art. 135 comma 3 Cost.; vedi anche il testo originale dell'articolo .
  10. ^ Sito web della Corte costituzionale: il collegio attuale .
  11. ^ La Costituzione della Repubblica Italiana: Articolo 135 - governo.it .
  12. ^ Legge 11 marzo 1953, n. 87 - cortecostituzionale.it .
  13. ^ Regolamento Generale della Corte costituzionale 20 gennaio 1966 (aggiornato alla deliberazione del 14 luglio 2009 pubblicato in GU il 29/7/2009) - cortecostituzionale.it .
  14. ^ Ai sensi dell'articolo 6, comma 3, della ln 87/1953.
  15. ^ Cos'è la Corte Costituzionale : La Presidenza della Corte; capitolo 4, pagine 22-23. Libreria dello Stato - Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato .
  16. ^ Legge costituzionale 11 marzo 1953, n. 1 Norme integrative della Costituzione concernenti la Corte costituzionale - giurcost.org .
  17. ^ NORME INTEGRATIVE PER I GIUDIZI DAVANTI ALLA CORTE COSTITUZIONALE 7 ottobre 2008 - cortecostituzionale.it .
  18. ^ L. 25 gennaio 1962, n. 20. - Norme sui procedimenti e giudizi di accusa - giurcost.org .
  19. ^ Temistocle Martines, Diritto Costituzionale (a cura di Gaetano Silvestri): L'ordinamento dello Stato italiano - La Corte Costituzionale; 3. Il Presidente della Corte costituzionale, pp. 303-304, Giuffrè Editore 2007. ISBN 88-14-12872-3 .
  20. ^ CORTE COSTITUZIONALE Servizio Studi e massimario, L'INTERPRETAZIONE SECUNDUM CONSTITUTIONEM TRA CORTE COSTITUZIONALE E GIUDICI COMUNI BREVI NOTE SUL TEMA , Seminario del 6 novembre 2009 “Corte costituzionale, giudici comuni e interpretazioni adeguatrici” Roma, Palazzo della Consulta (a cura di LORIS IANNUCCILLI), pp. 10-11.
  21. ^ " Piero Calamandrei avvertì immediatamente il pericolo di una involuzione conservatrice e in ogni caso del tradimento dello spirito della Costituzione. E si dette con eccezionale impegno e vigoria di parola ad una campagna svolta in tutta Italia per svegliare la coscienza dei giuristi, e non solo dei giuristi (...) Il punto culminante di questa grande battaglia si ebbe in uno dei primi mesi del 1956 quando Calamandrei espose la sua tesi nella grande aula al piano terreno del Palazzo di Giustizia in Roma, presenti nelle prime file tutti i magistrati della Corte di Cassazione ei magistrati della Procura generale (...) Fatto si è che per il 23 aprile 1956 il presidente della Corte fissò le prime cause, che concernevano (ed erano molto numerose) tutte, la legge di ps del 1931, anteriori dunque alla Costituzione. Facevo parte del manipolo degli avvocati incaricati di sostenere le ragioni delle numerosissime ordinanze di remissione delle parti private costituite dinanzi alla Corte. (...) Si trattava di una difesa collegiale e vi dovette essere un comitato che scelse gli avvocati. L'impegno principale di tutti era quello di sostenere la competenza della Corte anche per le controversie relative alle leggi anteriori alla Costituzione, pur se ognuno si era ritagliato il proprio compito specifico. L'impegno principale era quello affidato preminentemente a Piero Calamandrei, che era il capofila di quel manipolo. Di esso facevano parte Achille Battaglia , Federico Comandini , Costantino Mortati , Vezio Crisafulli , Massimo Severo Giannini e l'avvocato Francesco Mazzei: Giuliano Vassalli , Testimonianza , Giornale di storia costituzionale, I semestre, 2006, p. 56-57.
  22. ^ a b Corte costituzionale della Repubblica Italiana, servizio studi, I principi di proporzionalità e ragionevolezza nella giurisprudenza costituzionale, anche in rapporto alla giurisprudenza delle corti europee: giurisprudenza costituzionale 1993-2013 ( PDF ), Roma, 25-26 ottobre 2013.
  23. ^ v. V.Crisafulli, Lezioni di diritto costituzionale, Cedam, Padova, 1984, 402 sgg.
  24. ^ Quest'ultima sanzionò il prolungamento dell'efficacia di norme che non potevano più avere applicazione ai sensi dell'art. 30 della legge 11 marzo 1953, n. 87 ( Norme sul funzionamento della Corte costituzionale ): fu censurata così una disposizione di proroga, che andava nel medesimo senso delle norme caducate dalla sentenza n. 50 del 2014, ossia “convalidando ex lege”, seppure temporaneamente, dei contratti di locazione nulli, dei quali conformava altresì la regolamentazione quanto a durata e corrispettivo.
  25. ^ sentenze n.165 del 1963, n.121 del 1966, n.226 del 1976.
  26. ^ Emma A. Imparato, La Consulta alla prova dell'Italicum: la via dell'autorimessione , Consulta on line, gennaio 2017 .
  27. ^ Si tratta di una categoria, che la Corte autorizza con molta parsimonia, tra i soggetti esterni al giudizio a quo : v. ( https://www.academia.edu/11435904/Intervento_nel_giudizio_di_costituzionalità ).
  28. ^ La peculiarità di questo metodo di determinazione dei confini, deferito ad un potere terzo rispetto ai contendenti, risalta nel diritto comparato: "Mentre in Inghilterra è la stessa magistratura ad assumere un potere decisionale in ordine al giudizio sulla connessione funzionale; in Italia spetta ad un terzo giudice, la Corte costituzionale come giudice dei conflitti, risolvere i casi dubbi di sussistenza della funzione. Ma il dato che fa riflettere maggiormente è la distinta logica alla base dei due percorsi: una cooperativa (Inghilterra), l'altra conflittuale (Italia)" (cfr. v. GURescigno, Corso di diritto pubblico, XVI ed., Bologna, 2017, 461sgg.).
  29. ^ Sentenza Corte costituzionale 47/1991.
  30. ^ Giuseppe Ugo Rescigno, Corso di diritto pubblico , Zanichelli, XVII ed. (2017); A.Barbera-C.Fusaro, Corso di diritto pubblico, X ed., Il Mulino, Bologna, 2018, 321 e 468.
  31. ^ Biografia di Giovanni Conti - comune.montegranaro.fm.it .
  32. ^ La nascita della Costituzione: discussione Assemblea Costituente dell'13 gennaio 1947 sull'articolo 134 - nascitacostituzione.it .
  33. ^ La nascita della Costituzione: discussione Assemblea Costituente dell'11 marzo 1947 sull'articolo 134 - nascitacostituzione.it .
  34. ^ Gaetano Silvestri, Le garanzie della Repubblica , Capitolo 5 - La Corte costituzionale nella svolta di fine secolo. 1. Il ruolo della Corte nel sistema costituzionale; 1.1. Le difficoltà originarie, Giappichelli Editore, 2009, pp. 89-95. ISBN 9788834887981 .
  35. ^ "Il 15 dicembre 1955 le prime nomine ed elezioni dei giudici costituzionali erano già state effettuate. Purtroppo due di essi non potettero prender parte alle sedute del 1956: Giuseppe Capograssi, venuto a morte la mattina stessa della prima udienza (23 aprile 1956) e Giuseppe Lampis , mancato ai vivi il 30 maggio dello stesso (...) Vorrei tornare un momento all'udienza del 23 aprile 1956. Essa cominciò, la mattina alle 9.30, con un annuncio doloroso e del tutto inatteso. Entrarono tredici giudici (Giuseppe Lampis era già gravemente ammalato) e il presidente De Nicola dette notizia della morte del giudice costituzionale Giuseppe Capograssi , avvenuta quella stessa mattina, e dichiarò la sospensione dell'udienza in segno di lutto rinviandone la ripresa alle ore sedici": Giuliano Vassalli , Testimonianza , Giornale di storia costituzionale, I semestre, 2006, p. 56 e p. 57.
  36. ^ La prima sentenza della Corte costituzionale: le memorie processuali (a cura di) Casini Lorenzo, in Rivista trimestrale di diritto pubblico, 2006 fasc. 1, pp. 13 - 76.
  37. ^ Sito web della Corte costituzionale: Discorso inaugurale .
  38. ^ A ricordare l'episodio, nel corso di un dibattito organizzato a palazzo della Consulta il 28 aprile 2016 per celebrare l'anniversario, è stato lo storico del diritto, Maurizio Fioravanti (ANSA).
  39. ^ "Il processo Lockheed, innanzi tutto, (...) ha non solo costretto a una riduzione drastica dell'attività "ordinaria" per l'anno 1978 e per i primi mesi dell'anno in corso, ma ha altresì impegnato un membro prestigioso della Corte, l'attuale vicepresidente, nella preparazione della elaboratissima sentenza sul caso sino a pochi mesi fa e ha nuovamente richiamato l'attenzione del Collegio giudicante nell'ultima parte del mese di luglio e nei primi giorni dell'agosto scorsi": Corte costituzionale, Incontro con la stampa del Presidente Leonetto Amadei , 18 dicembre 1979.
  40. ^ vVCrisafulli, Lezioni di diritto costituzionale, Cedam, Padova, 1984, II; A.Barbera-C.Fusaro, Corso di diritto pubblico, Il Mulino, Bologna, 2018, X ed., 441ss.
  41. ^ Quarantesimo anniversario della Corte costituzionale, Discorso celebrativo del Presidente Mauro Ferri .
  42. ^ Lorenza Carlassare, Le decisioni d'inammissibilità e di manifesta infondatezza della Corte costituzionale , in Strumenti e tecniche di giudizio della Corte costituzionale , Milano, 1988, 31; ID. Le questioni inammissibili e la loro riproposizione , 1984.
  43. ^ Emergenza COVId-19: la Consulta rinvia le udienze pubbliche, continuano le altre attività ( PDF ), su cortecostituzionale.it , Ufficio Stampa della Corte costituzionale, 9 marzo 2020, p. formato = pdf. URL consultato il 14 marzo 2020 ( archiviato il 14 marzo 2020) . Ospitato su archive.is .
  44. ^ Misure per lo svolgimento dei giudizi davanti alla Corte costituzionale durante l'emergenza epidemiologica da COVID-19 ( PDF ), su cortecostituzionale.it , Roma, 12 marzo 2020, p. 1. URL consultato il 14 marzo 2020 ( archiviato il 14 marzo 2020) . Ospitato su archive.is . e anche https://www.ildirittoamministrativo.it/ .
  45. ^ Senato.it - Articolo 81 della Costituzione .
  46. ^ a b Dallo Stato partitocratico alla società libera , a cura di Giuseppe Rippa , Quaderni Radicali no. 103, speciale luglio 2009, p. 24.
  47. ^ ConsultaOnLine |http://www.giurcost.org/decisioni/1966/0001s-66.html
  48. ^ Senato.it - Articolo 75 della Costituzione .
  49. ^ La peste italiana , p. 15 Archiviato il 24 agosto 2009 in Internet Archive ..
  50. ^ Dallo Stato partitocratico alla società libera (a cura di Giuseppe Rippa ), Quaderni Radicali no. 103, speciale luglio 2009, p. 28.
  51. ^ Mozione generale approvata dal XVII Congresso del Pr Archiviato il 26 settembre 2007 in Internet Archive ., Napoli 31 ottobre, 1, 2, 3 e 4 novembre 1976.
  52. ^ Dallo Stato partitocratico alla società libera (a cura di Giuseppe Rippa ), Quaderni Radicali no. 103, speciale luglio 2009.
  53. ^ Angelo Panebianco, La Consulta ci ripensa , "Corriere della Sera", 4 febbraio 2000.
  54. ^ Peter Gomez, Consulta, la cena segreta , su espresso.repubblica.it , L'Espresso, 26 giugno 2009. URL consultato il 30 novembre 2009 .
  55. ^ Un antisemita alla Suprema Corte L'incredibile caso di Gaetano Azzariti .
  56. ^ [ http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/15_marzo_29/corte-costituzionale-il-busto-presidente-antisemita-resta-qui-9ce777d8-d5d8-11e4-b0f7-93d578ddf348.shtml Gian Antonio Stella Corte costituzionale: «Il busto del presidente antisemita resta qui», Corriere della sera 29 marzo 2015.
  57. ^ Corte costituzionale italiana, Che cos'è la Corte costituzionale ( PDF ), 2016.
  58. ^ https://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:costituzione

Bibliografia

  • Gustavo Zagrebelsky, La giustizia costituzionale , Il Mulino, 1988, ISBN 978-88-15-01769-7 .
  • Gaetano Silvestri, Le garanzie della Repubblica , Giappichelli Editore, 2009, ISBN 978-88-348-8798-1 .
  • Paolo Caretti e Ugo De Siervo, Istituzioni di diritto pubblico , Giappichelli Editore, 2010. ISBN 978-88-348-1412-3
  • Temistocle Martines, Diritto costituzionale , Giuffrè, 2011, ISBN 978-88-14-15652-6 . (a cura di Gaetano Silvestri)
  • D'Atena Antonio, Vezio Crisafulli giudice e la giurisprudenza sulla giustizia costituzionale , in Diritto e società, 2011 fasc. 2-3, pp. 193 - 208

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF ( EN ) 257383162 · ISNI ( EN ) 0000 0004 1761 0710 · LCCN ( EN ) n79059095 · GND ( DE ) 36400-9 · WorldCat Identities ( EN ) lccn-n79059095